Sei sulla pagina 1di 59

Distinguere, stupire, ispirare e valorizzare.

Comunicare attraverso le espressioni culturali e artistiche


contemporanee e l’interazione.

Utilizzare l’arte e la cultura contemporanea per amplificare


un messaggio.

Suscitare l’interesse delle persone, assuefatte dall’appiattimento


dei media mainstream, proponendo nuovi stimoli culturali.

Risvegliare la creatività e ampliare il bagaglio culturale del


pubblico comunicando in modo più profondo, attraente ed efficace.
IDEAZIONE E PROGETTAZIONE EVENTI DIREZIONE ARTISTICA ALLESTIMENTI

Per cogliere da subito l’interesse


Per scegliere i protagonisti e i contenuti di dell’osservatore e suscitarne il desiderio
Per interagire con il pubblico e conoscerlo, un evento in modo da stupire ed educare, di approfondimento.
contestualizzare al massimo il proprio comunicando in modo innovativo, Per esprimere coerenza, riflettendo i
messaggio, arricchirlo di contenuti, propriamente contestualizzato e valori e la qualità del proprio messaggio
significati e sentimento. artisticamente valorizzato. attraverso i contenuti e mezzi utilizzati.

DOCUMENTAZIONE FUND RAISING, SEGRETERIA COMUNICAZIONE, GRAFICA E WEBDESIGN


ORGANIZZATIVA, UFFICIO STAMPA

Per cogliere da subito l’interesse


Perché ciò che é stato realizzato, le dell’osservatore e suscitarne il desiderio
atmosfere create, gli obiettivi raggiunti di approfondimento.
possano essere ricordati adeguatamente Per esprimere coerenza, riflettendo i
e testimoniare le esperienze passate valori e la qualità del proprio messaggio
Perché l’idea diventi possibile, cresca e
consentendo di viverne di nuove. attraverso i contenuti e mezzi utilizzati.
arrivi al più vasto pubblico.
Comune di Verona
*Conservatorio di Verona
*Elogico
* Acque Veronesi *Interzona
*Agsm Spa *Joy
*Alcantara S.p.A. *Legambiente
*Amia Spa *Provincia di Verona
*Assiteca *Regione Veneto
*Bosca *Resign
*ecOkay *Roots
*Ecor *Società Letteraria
*Electrolux *Unione Europea
*Falmec
*Foscarini
*Ineco Auto
*Isap Packaging
*MCZ
*Moroso
*Morelato
*Museo Africano di
Verona
*NaturaSi
*Okinawa
*Plust
*Rilegno
*Transeco Srl
*Trend
exhibition design
La Sustainable Design Week è un
progetto culturale e di comunicazione Per promuovere e divulgare prodotti e
ideato e realizzato da Amplificatore servizi ecosostenibili attraverso una
Culturale ed Elogico, che ha come piattaforma e un format di comunicazione
obiettivo la valorizzazione e la appositamente sviluppato.
divulgazione del design ecosostenibile.

Un meta-contenitore che raggruppa una


serie di iniziative volte a coinvolgere e Per ampliare la domanda
sensibilizzare consumatori e operatori di prodotti e servizi ecosostenibili
del settore verso le tematiche del design sensibilizzando il pubblico attraverso
e della sostenibilità ambientale lo stimolo culturale e
il coinvolgimento attivo.

La prima edizione ha avuto inizio


a Venezia per l’inaugurazione
della Biennale di Architettura e si è
conclusa a Verona, durante il 25°
Per valorizzare e comunicare anniversario della Fiera di “Abitare
efficacemente la scelta ecologica. il Tempo” e “Marmomacc”.
exhibition design
Progetto di ricerca e comunicazione,
sviluppato all’interno della Sustainable
Sesign Week, mette in mostra l'avanguardia
del design ecosostenibile attraverso una
esibizione itinerante che nel 2010 è stata esposta a
Venezia durante la Biennale di Architettura e a
Verona all’interno della fiera di Abitare
il Tempo.

Per stimolare
le aziende alla
ricerca e avvicinarle
ai nuovi talenti del
Per riunire aziende del settore e giovani
design italiano,
designer al fine di ripensare e riprogettare
guidandole verso le nuove
alcuni pezzi storici o crearne di nuovi, in
frontiere della produzione
chiave ecosostenibile, testimoniando lo
ecosostenibile attraverso l’
stato dell'arte e le prospettive future
ideazione e realizzazione di nuove
dell’eco-design made in Italy.
soluzioni di prodotti.
le aziende partecipanti sono state i designer che hanno aderito alla prima dare una visibilit unica, fortemente
Alcantara S.p.A., Bosca, Falmec, Foscarini, edizione di newcode sono: Joe Velluto, caratterizzata e di elevato spessore
Electrolux, MCZ, Moroso, Morelato, Emo Design, Salvatore Indriolo, Lucidi culturale e sociale
Okinawa, Trend Pevere, Alessandra Pasetti
ex
hib
iti
on
de
sig
n
Promosso dall’Ass. Fuoriscala
in collaborazione con il
Comune di Verona e l’Amia Un evento originale e
Spa e con il coordinamento multidisciplinare che si pone
organizzativo di Amplificatore come obiettivo il rinnovamento
Culturale. Il festival, alla sua della tradizionale
seconda edizione, ha comunicazione sociale
partecipato alla sdw 2010, esprimendo la cultura della
con l’intento di promuovere sostenibilità attraverso un
all’interno della stessa la approccio vivace, ricco e allo
sensibilizzazione del pubblico stesso tempo fortemente
sulle tematiche concreto.
dell’ecosostenibilità illustrate
a 360° attraverso design, arte, Ogni aspetto dell’evento, sia
musica e intrattenimento. culturale sia funzionale, è
stato pensato per suscitare
L’interazione e il l’attenzione dei visitatori
coinvolgimento del visitatore, offrendo loro diversi spunti di
che diventa parte attiva della riflessione e apprendimento,
produzione e diffusione stimolandone la creatività e
dell’intera esperienza la curiosità .
ambientale, .
“What’s the matter?” ha
riunito importanti opere di artisti italiani e
internazionali tra cui: Eva Cenghiaro & Elisa Strinna, Andrea Nacciarriti , Bright
Eke, Peter Flemming, Vadim Fishkin, Michele Bazzana, Michelangelo Consani, Ettore Favini,
Giovanni Morbin, Christiane Löhr, Roberto Mascella, Michael Sailstofer, Nikola Uzunovski.

Sculture ed interventi scarni e sottili, definiscono gli spazi e gli ambienti che ospitano la mostra
tramite strutture semplici ed essenziali, simboli di un nulla, di un vuoto che non si contrappone al
pieno, ma che lasciando spazio alla riflessione, all’intuizione e allo stupore, educano ed allenano
l’anima a sottrarsi alla dittatura di un mondo che ci ammobilia e che si riversa nello spreco.
Nei lavori presenti in mostra l’utilizzo dei materiali è ridotto all’essenziale, come se il gesto scultoreo
procedesse per sottrazione anziché per accumulo, come una sintesi.
Eva Cenghiaro e Elisa Strinna Wood Songs,2007
Courtesy delle artiste

Wood Songs è un’installazione composta da alcune


sezioni di tronchi d’alberi di diversa specie. I “dischi”
così ottenuti vengono assottigliati sino a raggiungere
all’incirca lo spessore di un vinile. Inseriti nel giradischi
gli anelli, che segnano i cicli vitali dell’albero, sono
tradotti in suono. Le sonorità estratte diventano la
manifestazione tangibile della possibilità di tradurre
culturalmente la storia dell’ambiente naturale che ci
circonda.
Vadim Fišhkin Tour en l’air, 2009 Collezione privata

Palloncini riempiti di elio a forma di stella fluttuano nell’ aria


guidati da un valzer di Tchaikovsky, connazionale dell'artista.
L'opera di Vadim Fiškin sempre attenta alla relazione tra metafisica
e pragmatismo,artificiale e reale è una suggestione poetica che ha
la forza di metterci in relazione con lo spazio allenando la nostra
mente a seguire il ritmo e ad abbracciare lo spazio, come fosse il
compagno di un valzer.
Bright Ugochukwu Eke Acid Rain, 2009

Migliaia di piccoli sacchetti di plastica riempiti con acqua e carbone


formano una grande nuvola carica di pioggia sospesa nel vuoto
quasi come un fermo immagine. Le goccioline trattenute a mezz’aria
non toccano il suolo, sono come bloccate, inibite all’azione dal gesto
scultoreo dell’artista, che catturando la forma liquida dell’acqua
induce lo spettatore a riflettere sull’ importanza cruciale di questo
elemento, componente essenziale della materia vivente.
Ogni mattina diverse scuole
elementari del territorio hanno
visitato la mostra “what’s the
matter” e partecipato ai
workshop di Joy e Legambiente
Cea. Le visite guidate alla mostra
hanno costituito per molti bambini il
primo passo verso l’arte contemporanea.
Onirica ha ospitato una fitta programmazione di laboratori
didattici, artigianali e creativi per bambini, ragazzi e adulti con il fine di insegnare e far
scoprire, attraverso la sperimentazione diretta, soluzioni, processi, pratiche e tecniche in
grado di ridurre l'impatto ambientale della società.
Resign

Resign, collettivo di designer di Faenza, ha tenuto due workshop legati ai temi


della progettazione, del riutilizzo e della creatività:
- “Creativity kit” un pacco chiuso contenente una serie di suggestioni pronte
a essere trasformate in un concept di progetto.
- “Progettazione Estrema” un indagine sui limiti della progettazione,
un laboratorio che è allo stesso tempo un reality show e fa luce sulle
radici della creatività

Legambiente CEA

La prestigiosa associazione ambientalista


ha organizzato durante Onirica laboratori Joy
di educazione ambientale e ludico
didattici rivolti alle scuole e alla famiglie Associazione culturale che ha tenuto corsi
per avvicinare i piccoli visitatori ai valori e incontri giornalieri rivolti sia ai bambini
ambientali e stimolare la loro creatività. che agli adulti. Minilaboratori di poche ore
per sperimentare il riutilizzo con fantasia.
Gli oggetti che i designer pensano e
realizzano sono il vero e proprio
prolungamento del nostro corpo, strumenti
indispensabili per la vita, nonchè portatori di valori
e significati che hanno un riscontro continuo con i
loro utenti; attraverso un prodotto adeguatamente
e responsabilmente progettato si possono
trasmettere messaggi importanti e modificare
abitudini di vita anche consolidate.
Onirica è stata teatro di esposizioni di
“prodotti progettati” proprio per
mostrare ed enfatizzare i valori ambientali.
Resign

Resign è "riuso dei segni", una ricombinazione creativa dei segni di cui sono
permeati gli oggetti dismessi e scartati dal processo produttivo al fine di
generare, attraverso il riuso, nuovo significato ad alto valore identitario
e interpersonale. Ad Onirica sono stati esposti alcuni nuovi
pezzi progettati e realizzati dal collettivo Faentino.

Rilegno - legno d’ingegno

Concorso di idee per oggetti fatti di legno riciclato o


recuperato, promosso dal consorzio Rilegno, che stimola
l’incontro della sostenibilità ambientale con l’industria
e con il mondo del design. La terza edizione del
concorso è stata presentata ufficialmente ad Onirica 2010.
this object
will change the world

Un oggetto é sostenibile finché non


decidi di buttarlo via.
Undici designer internazionali e del made
in Italy hanno presentato in questa
esposizione gli oggetti per i quali hanno
sviluppato un legame affettivo particolare
prolungandone il normale di ciclo vita. Cosa c’è di
più sostenibile di un oggetto che dura per sempre?

Relighthink

Esposizione dei risultati del workshop in cui studenti


dell’Accademia di Belle Arti Cignaroli di Verona hanno realizzato
prototipi di corpi illuminanti da materiali dismessi e/o scartati
attraverso l’interazione di tecnica, ispirazione e pratica.
Musica, interventi teatrali, proiezioni e visual sono gli ingredienti
più efficaci per attirare il pubblico e farlo immergere in un
atmosfera culturalmente ricettiva e creativa.

Artisti d’avanguardia, commistioni di stili e generi


performativi risvegliano le menti e le aprono a nuove
idee e valori.
Addictive TV

Il duo londinese di artisti


video di fama mondiale, ha
inaugurato Onirica con una
performance audiovisiva
totalizzante.
Riutilizzando immagini e
suoni dei film e degli eventi
storici contemporanei gli
Addictive Tv hanno allietato gli
spettatori con remix, visual
design, mash-up e ritmi break-
beat.
Steffen Kirkhhoff (Germania) + live painting di BURP

Musica elettronica sperimentale e pittura digitale dal vivo,


nell’atmosfera suggestiva e prestigiosa delle scalinate della
Gran Guardia, hanno rappresentato con suoni e colori il Christian Löffler (Germania) + VJ HASH
sogno verde di Onirica.
L’ astro nascente della tecno minimal sperimen-
tale, accompagnato dai visual di vj hash ha
immerso i visitatori di Onirica in un viaggio
emotivo al di fuori delle barriere
materiali.
Hold Your
Horses (Francia)

Freschezza e fantasia per il quintetto


indie/pop francese famoso in tutto il
mondo per aver impersonato e dato vita a
celebri quadri del passato nel video clip del
loro primo singolo.
Coerentemente con l’obiettivo di parlare di
ecosostenibilità a 360° e di farlo nel modo più sostenibile possibile durante la Sustainable
Design Week e in particolare ad Onirica era possibile gustare cibi e bevande biologici. Tutti i prodotti, dalla
birra al cous cous sono stati accuratamente selezionati per la loro origine e qualità in modo da comunicare con
semplicità e immediatezza i vantaggi e la bontà dell’alimentazione bio.Ai fornitori dei cibi e bevande biologici è stata,
inoltre, riservata una visibilità specifica, al fine di comunicare al pubblico in modo facile ed efficace l’origine dei prodotti
e i benefici degli stessi sulla salute della persona e del pianeta.
Una serie di
conferenze sulla
sostenibilità e la
produzione
industriale
sostenibile dal taglio
moderno e diretto.
Rappresentanti
delle Pubbliche
Amministrazioni,
della progettazione
e della produzione
industriale si sono
incontrati per
parlare del
proprio lavoro
e delle possibili
soluzioni e novità
ci potrebbe riser-
vare il futuro.
Viral marketing

"Sta tornando" è stato lo slogan della campagna che ha percorso le vie di


Verona. Col fine di pubblicizzare la seconda edizione di Onirica, la città
è stata “marchiata” da “graffiti verdi”. Impronte di acqua o gesso
hanno annunciato Onirica pulendo le strade della città invece che
imbrattarle.
Il mezzo più sostenibile
scelto per amplificare
la voce della SDW è
stato il web. Il portale
costituisce un punto di
riferimento per vivere
a pieno la Sustainable
Design Week,
approfondirne i
contenuti, conoscerne i
protagonisti e
orientarsi nella sua
variegata
programmazione.
Al sito ufficiale
dell’evento sono stati
collegati i più noti
servizi di Social
Network (Facebook,
Twitter, Youtube, Flickr)
per meglio interagire
con i visitatori e gli
interessati all'evento.
Nel loggiato della Gran
Guardia il pubblico ha potuto visitare i punti
informativi organizzati dall’Ecosportello, Amia e
Agsm per scoprire quali comportamenti quotidiani
sono necessari per diminuire il proprio
impatto ambientale nella città.
workshop web venezia
e
conferenze 25.000 300 contatti
visite press
400 partecipanti

Onirica Abitare il
tempo
15.300 visitatori
36.105
visitatori
esign
io n d
bit
exhi
Una mostra itinerante per illustrare, attraverso le foto scattate in ogni angolo del
mondo dai collaboratori di Ctm Altromercato, la vita e il lavoro dei produttori della
famosa rete di commercio equo e solidale.

Un viaggio virtuale e multisensoriale attraverso i continenti da cui provengono i


prodotti di Ctm Altromercato, dando al visitatore la possibilità di annusare, toccare,
osservare e asseggiare prodotti e atmosfere di questi mondi lontani.
Al fine di realizzare una mostra facile da trasportare, montare e
smontare, adattabile alle più diverse location e coerente, sia
nell’ immagine sia nella scelta dei materiali con i valori di
Altromercato, l’allestimento è stato disegnato in pannelli
di cartone alveolare, componibili e modulari.
Il database fotografico di Ctm Altromercato
ha raccolto in 20 anni di storia quasi 10.000
immagini di terre lontane e realtà per lo più sconosciute
all’occidente. La selezione delle fotografie ha voluto
illustrare le diversità e similitudini di questi luoghi e di queste
persone, far conoscere l’origine dei prodotti che acquistiamo ogni
giorno, pur non tralasciando il valore artistico della fotografia esposta.
Le persone, le esperienze
e i valori che muovono
amplificatore culturale
sono cresciuti e hanno
presso forma dalle attività
dell’Associazione Culturale
Fuoriscala.
L’associazione dal 2007 si
dedica alla promozione della
cultura e della socializzazione
nel territorio veronese.
Fuoriscala si costituisce
Associazione nel febbraio 2007
per ideare e realizzare eventi
che hanno come filo conduttore
la valorizzazione dello spazio
pubblico e la centralità della
persona, con particolare
attenzione verso la fruizione
partecipativa.

L’Associazione concepisce
l’intrattenimento non come fine, ma
come strumento per l’arricchimento
personale, attraverso lo stimolo della
creatività e della curiosità culturale.

La socializzazione, lo scambio culturale, la


responsabilità sociale, la partecipazione
allargata sono i valori di ogni progetto. Nel
corso degli anni l’Associazione ha realizzato
numerosi eventi sul territorio veronese
collaborando con diverse realtà associative e
istituzionali locali.
ign
n des
i t io
h i b
ex
La prima edizione del festival
dedicato alla creatività
ecosostenibile si è svolto dall’11 al
19 settembre 2009 presso il Palazzo
della Ragione a Verona.

L’evento, ideato dall’ass. Fuoriscala,


mira a trattare di ecosostenibilità
attraverso un approccio marcatamente
multidisciplinare e interattivo, unendo
cultura, design, arte e intrattenimento con
contenuti più didattici e di
approfondimento.
L’arte è il
modo più
originale e creativo per
esprimere un messaggio.
Per tale motivo, in Onirica, il
concetto di eco-sostenibilità non
poteva trovare miglior strumento
di diffusione delle opere di cinque
artisti che si sono distinti per
l’utilizzo di materiali di recupero
e la loro sensibilità verso le
tematiche ambientali.
In particolare ad Onirica 2009 è
stata esposta per la prima volta la
collezione completa delle opere di
Maria Luisa Squarcialupi; artista
padovana che da decenni confeziona
mantelli che sono veri e propri
capolavori artistici prodotti
con materiali recuperati.
Il Cortile del Mercato Vecchio diventa il palcoscenico sia per musicisti e cantautori affermati, che per originali e inedite
band della scena italiana e internazionale.
La musica è l’espressione artistica più efficace per parlare alle coscienze delle persone. Lo scopo divulgativo di Onirica
trova nella musica dal vivo un imprescindibile strumento di risonanza.
Appuntamento clou della rassegna è stato lo spettacolo dei Tre Allegri Ragazzi Morti che hanno messo in scena
“Pasolini - Diario di un incontro”, dove Toffolo proietta su uno schermo cinematografico i disegni che realizza dal vivo,
mentre gli altri due Allegri Ragazzi Morti creano loop e suggestivi paesaggi sonori, intervallandoli con stralci, poesie e
dichiarazioni dello stesso Pasolini.
L’insieme di immagini, parole e note arriva allo spettatore attraverso le sue diverse forme d’arte coinvolgendolo nella
sua multidisciplinarietà, in linea con il filo conduttore di Onirica.
Nel mese precedente ad Onirica 2009 Resign, in collaborazione con l’ass. Fuoriscala ha realizzato il Reuse Design
Workshop: laboratorio didattico riservato a 15 giovani designer che aveva come obiettivo la progettazione e
realizzazione dell’allestimento del bar biologico di onirica partendo da pezzi trovati nella discarica Amia.
mostra mercato

Sotto il portico, lungo il


perimetro del cortile, è stato
allestito un mercatino.
Ad animarlo alcune piccole
realtà semi-artigianali,
associazioni, aziende, artigiani
e designer che lavorano sulle
tematiche del recupero, riciclo e
riutilizzo. Durante Onirica 2009
hanno avuto la possibilità di
esporre i propri progetti e
creazioni legati ai principi
dell’ecosostenibilità, del risparmio
energetico, del recupero e della
riqualificazione dei materiali di
scarto.
Gli espositori:
Anna Pinotti • Vicolo Paglia Corta •
Officina delle mille cose •
Altrosguardo • UseDesign •
Giovanni Scafuro •
CicloOfficina la Scatenata
tion design
e x h i b i
Evento Promosso dal
Conservatorio Dall’Abaco e dall’Accademia
Cignaroli di Verona in collaborazione con
l’Università di Göteborg e l’ass. Fuoriscala.
Un percorso sonoro che dal 2007 invade
annualmente di note il centro storico con
concerti per strumenti insoliti, installazioni
interattive, performance di musicisti, ballerini
e semplici passanti.
Verona Risuona 2008

10 Ottobre 2008 - Cortile di Castelvecchio, Verona

Concerto/installazione sonora presso la fontana di Castelvecchio con acqua, vetri sonanti,


ghiaia e componenti della "Verona Risuona Impro Orchestra" diretta dal sound artist Staffan Mossenmark.
Verona Risuona 2009

16 Maggio 2009 - Lungadige San Giorgio, Verona

GOOD VIBRATIONS - concerto per costipatori Dynapac e


quartetto di archi diretto e ideato da Staffan Mossenmark
Verona Risuona 2010

17 Aprile 2010 - Via XX Settembre, Verona

BEN SPESA – concerto al supermercato,


clavicembalo Michela Poli, coreografia di Franca Bosella.
S.A.C.S.

Partendo da Verona Risuona è stato


ideato e realizzato il progetto finan-
ziato dall’UE, S.A.C.S.: “SOUND ART IN
CITY SPACES”, laboratorio artistico che
coinvolge studenti e professori dei
migliori conservatori e
accademie in Europa. La cui prima
tappa è stata a Verona nel 2009.
ion design
hi bit
ex
Fuoriscala ha sviluppato per la Società Letteraria di Verona un progetto per il rilancio dell’istituzione culturale tra le nuove generazioni.
Dies Irae è stata una due giorni di arte, musica e dibattiti durante la quale i giovani hanno riscoperto questo prestigioso polo culturale e
goduto dei suoi magnifici spazi.
Dies Irae è stata la prima di una serie di attività e appuntamenti che prevedono corsi di scrittura creativa e giornalismo,
concerti, reading, book crossing, cineforum ed eventi periodici capaci di riavvicinare la Società Letteraria ai cittadini e ai giovani.
ign
d e s
ion
ibit
exh
L’Ass. Amici di Pio ONLUS ha incaricato
Fuoriscala di organizzare un evento di fundraising per
finanziare il Centro Infantil de Pambamarca in Ecuador. Fuoriscala ha voluto
innovare i tradizionali strumenti di raccolta fondi per il mondo non profit perseguendo la
sensibilizzazione sociale attraverso il coinvolgimento creativo del visitatore e l’utilizzo dei più moderni
mezzi di comunicazione, intrattenimento ed espressione artistica. Artsenale, svoltosi nell’ex-Arsenale di
Verona dal 7 al 15 luglio 2007, prevedeva numerosi spazi di interazione, in cui il visitatore aveva la
possibilità di conoscere nuove forme d’arte, di esprimersi liberamente e di divulgare il proprio
messaggio e la propria creatività.
Performance dal vivo su 16 frigoriferi con i writers di Veronaflava; spazi adibiti alla condivisione ed
esposizione pubblica di disegni, dipinti e fotografia; esposizione di arte contemporanea con giovani artisti
dell’Accademia Cignaroli; reportage fotografico realizzato da Tommaso Cinti nell’Asilo nido in Ecuador
finanziato da Artsenale.
Dibattiti e tavole rotonde sul tema del reportage e
della solidarietà a cura del portale di informazione ilveronese.it.
Concerti, jam session e dj set con artisti di spicco
nella musica contemporanea e d’avanguardia.
AMPLIFICATORE CULTURALE
Via Carlo Cattaneo n. 8
37121 Verona
Fax (+39) 045 8001965
info@amplificatoreculturale.it
Matteo Zamboni tel 340 9320403

FUORISCALA associazione di promozione sociale senza fini di lucro


sede legale:
via Carlo Cattaneo n. 8
37121 Verona
Fax (+39) 045 8001965
mail: info@fuoriscala.it
Tommaso Cinti tel 3403977130