Sei sulla pagina 1di 10

ACCOGLIERE

UN AMICO 

A CASA

ACCOGLIERE UN 

AMICO A CASA
C ONV E RSA ZI ONI R EA LI I N I TA LIREALI
CONVERSAZIONI A N OIN2ITALIANO 2 ! ACCOGLIERE UN AMICO A CASA ⏐ 1
© ITALIANO AUTOMATICO 2019 ⏐ ALBERTO ARRIGHINI
CONVERSAZIONI REALI 

IN ITALIANO 2
ACCOGLIERE UN AMICO A CASA

Copyright © 2019 Italiano Automatico

Titolo: Conversazioni Reali in Italiano 2—Accogliere un amico a casa

Autore: Alberto Arrighini

Tutti i diritti riservati.

Progetto grafico: Giosetta Stocovaz

Fotografia: Adobe Stock

CONVERSAZIONI REALI IN ITALIANO 2 ! ACCOGLIERE UN AMICO A CASA ⏐ 2


CONVERSAZIONI REALI 

IN ITALIANO 2
ACCOGLIERE UN AMICO A CASA

Alberto: Buongiorno Ale, finalmente sei arrivato.

Alessio: Ciao Albi, sì, sì, sono arrivato.

Alberto: Ottimo, ottimo, andiamo qui che c’è l’ascensore così so che sei
stanco tu non hai voglia di fare le scale. Giusto?

Alessio: Non darmi del pigrone.

Alberto: Eh… esatto! Ma niente volevo dirti che i miei sono fuori casa, sai che
di solito sono sempre a casa ma oggi sono fuori casa quindi ho pensato di farti
venire qui il pomeriggio per passare un po’ di tempo assieme.

Alessio: Certo, volentieri. Grazie.

Alberto: Grandissimo. E indovina chi c’è a casa? L’unico essere vivente in


casa?

Alessio: Signor Chimbaly!

Alberto: Bravissimo! C’è qua il cagnolino che io lo chiamo il signor Chimbaly.


Lo sai che è uno Shiba Inu molto carino, molto carino, quindi so che piace
anche a te quindi…

Alessio: Sì tantissimo.

CONVERSAZIONI REALI IN ITALIANO 2 ! ACCOGLIERE UN AMICO A CASA ⏐ 3


Alberto: C’è anche… c’è anche lui qui a casa, ma niente come, come al solito
faccio il bravo come si dice il bravo, non l’ospite l’altro, quello che accoglie gli
ospiti…

Alessio: L’oste?

Alberto: Non so in italiano, in italiano non mi ricordo come dire.

Alessio: Padrone di casa.

Alberto: Il bravo padrone di casa, bravo! Quindi faccio il bravo padrone di


casa e ti chiedo se vuoi un bicchiere d’acqua?

Alessio: Certo.

Alberto: Lo vuoi?

Alessio: Molto volentieri! Grazie.

Alberto: Buono dai allora ce l’ho già qua pronto quindi tieni che andiamo un
attimo, andiamo un attimo, in camera. Però aspetta, aspetta un attimo che ho
visto che hai su le scarpe, se vuoi lasciarle all’entrata, puoi lasciarle.

Alessio: Va bene, certo, certo.

Alberto: Va bene. Buono buono perché sai che qui in Italia le nostre mamme
rompono un po’ le palle quando si entra in casa con le scarpe sporche.
Quindi…

Alessio: È giusto così!

CONVERSAZIONI REALI IN ITALIANO 2 ! ACCOGLIERE UN AMICO A CASA ⏐ 4


Alberto: Le lasci lì all’entrata così poi andiamo tranquilli. Sai che molte volte
quando viene tipo un mio amico brasiliano o di altri paesi, magari rumeno
così… non hanno sempre questa abitudine di lasciare le scarpe in casa. Mentre
qui è proprio una cosa che succede spesso.

Alessio: Dipende molto da… dalle regole che ci sono in ogni casa.

Alberto: Esatto. Esatto.

Alessio: Fa molto, fa molto a sé questa cosa, ecco.

Alberto: Tipo a casa tua?

Alessio: No, a casa mia di solito gli ospiti…

Alberto: Si può lasciare…

Alessio: …sì, li lascio con le scarpe.

Alberto: Eh ma sai cosa? Anche anche mia mamma dice… se vieni in casa
dice “lascia, tieni, tieni pure le scarpe” però comunque c’è sempre quel
sentimento di dire “dai le tolgo”. Poi dipende anche tanto dai pavimenti, dai
pavimenti. Noi tipo abbiamo il parquet (pavimentazione in legno) che…

Alessio: È molto delicato.

Alberto: Eh… il legno, qualsiasi diciamo scarpa lascia subito la polvere, si


vede tantissimo.

Alessio: Certo.

CONVERSAZIONI REALI IN ITALIANO 2 ! ACCOGLIERE UN AMICO A CASA ⏐ 5


Alberto: Ci sono pavimenti in marmo o in pietra è più facile. Comunque detto
ciò non ti ho invitato qua per parlare di questo, ma andiamo in cameretta
perché so che mi chiedevi negli ultimi mesi di alcuni libri che ho, quindi non so
se vuoi dare un’occhiata?

Alessio: Sì, mi affascina molto la tua cameretta perché sembra quasi… sembra
più una biblioteca che una camera.

Alberto: Esatto! Ma in particolare quali argomenti ti interessavano da vedere


oggi?

Alessio: Eh… un po’ sull’apprendimento delle lingue.

Alberto: Ok.

Alessio: Mi interessava magari qualche libro sull’apprendimento del francese.

Alberto: Ok.

Alessio: Oppure qualcosa… qualche libro sul…

Alberto: Inglese anche, no?

Alessio: Inglese, anche inglese.

CONVERSAZIONI REALI IN ITALIANO 2 ! ACCOGLIERE UN AMICO A CASA ⏐ 6


Alberto: Ti interessava. Poi mi sembra che mi avevi parlato anche di alcuni libri
in italiano che mi piacevano tipo… non so se te lo avevo menzionato ma c’ho
un bel libro su Michelangelo che si chiama “Io sono fuoco”.

Molto, molto bello. È tipo un’autobiografia, ma non scritta da Michelangelo.


Quindi è una biografia ma l’autore si immedesima dentro a… diciamo come se
lui fosse Michelangelo. È uscita una bella bella storia. Quindi se vuoi ti passo
anche quello. Ti passo anche quello.

Alessio: Interessante. Certo certo, molto volentieri.

Alberto: Alla grande! Alla grande! E nulla… volevo chiederti anche quanto
puoi stare oggi? Qui a casa?

Alessio: Due orette.

Alberto: Ah cavolaccio… non riesci a rimanere per cena?

Alessio: Devo fare… devo chiamare mia mamma, devo chiamare a casa e dire
che non, che non… che starò qua a cena. Va bene!

Alberto: Perfetto, dai, buono!

Alessio: È andata!

CONVERSAZIONI REALI IN ITALIANO 2 ! ACCOGLIERE UN AMICO A CASA ⏐ 7


Alberto: Fantastico! Anche perché se avessi detto di no ti avrei convinto a
rimanere perché… dai è da tanto che non ci vediamo, non c’è qua nessuno,
possiamo fare due chiacchiere. E nulla… io ho qui due cotolette appena fatte
nel frigo, quindi lo so che hai paura quando io cucino. Non hai mai mangiato
cose cucinate da me ma fidati che le cotolette io le so fare molto bene.

Alessio: Le proverò! Vediamo, dopo ti darò un giudizio.

Alberto: Fantastico, però guarda che se non ti piacciono o se non hai voglia di
cotolette non c’è problema che ordiniamo una pizza rapida.

Alessio: No, no, no, voglio vedere come cucini. Sono curioso!

Alberto: Perfetto, dai! Allora niente dai faccio le cotolette però è un po’ poco
perché non ce ne sono tantissime. Magari facciamo due uova assieme.

Alessio: Certo! Va benissimo!

Alberto: Va bene? Perfetto! Anche perché so che stai cominciando a… cioè stai
continuando a fare allenamento, palestra, e quindi…

Alessio: Sì, sì, sì.

Alberto: Quindi ti interessa rimanere in forma, no?

Alessio: Esatto.

Alberto: Eh magari parlami un attimo di quella tua situazione con la palestra,


sei costante o no?

Alessio: Sì, faccio due volte a settimana.

CONVERSAZIONI REALI IN ITALIANO 2 ! ACCOGLIERE UN AMICO A CASA ⏐ 8


Alberto: Ok.

Alessio: Faccio un corso in palestra e poi chiaramente cerco anche di


mantenermi con un’alimentazione… cerco di mantenere un’alimentazione…
un’alimentazione in linea, ecco.

Alberto: Ok. Fantastico. Ma a che ora vai che io sono lì tutte le mattine però
non ti vedo. Tu vai ad un orario diverso, no?

Alessio: Vado all’orario del corso che è dalle 6:00 alle 7:00 di sera.

Alberto: Ah ok, proprio l’opposto. Io in questo periodo sto andando alle sei e
mezza di mattina. Quindi è difficile incontrarci. Ma… ma dai non c’è problema
nel senso che abiti qua vicino, una volta ogni due o tre mesi ci si può vedere
anche così, no?

Alessio: Per mangiare le cotolette.

Alberto: Esatto! Esatto! Ma nulla dai visto che puoi stare a cena che non lo
sapevo, dovevo chiedertelo, facciamo così: chiamo anche la mia ragazza che
poi si unisce a noi e mangiamo tutti insieme. Non so se vuoi chiamare anche la
tua, se ci…

Alessio: Sì, certo, certo!

Alberto: Così si unisce, così…

Alessio: Va benissimo!

CONVERSAZIONI REALI IN ITALIANO 2 ! ACCOGLIERE UN AMICO A CASA ⏐ 9


Alberto: Mangiamo tutti insieme, passiamo una serata tranquilla e parliamo un
po’ anche delle cose di lavoro, eccetera, progetti vari… eccetera.

Alessio: Certo, certo, certo.

Alberto: Nulla…

Alessio: Aspetta un attimo, ma hai acceso i fornelli?

Alberto: No! Non ho ancora acceso.

Alessio: Eh allora cosa fai?

Alberto: Hai ragione perché io mi metto a parlare poi la cena arriva alle 8:00
invece che alle 7:00. Dato che comunque siamo già verso le 7:00 è meglio se
comincio anche a… mettere… tirare fuori il burro, preparare la padella, robe
varie perché così mangiamo. E allora niente facciamo così, io vado un attimo a
fare uno squillo alla mia ragazza. Tu chiami la tua un attimo e mi aspetti qui,
poi inizio a cucinare e niente mangiamo. Ok?

Alessio: Perfetto!

Alberto: A posto, dai! Ci sentiamo tra un attimo Ale.

Alessio: Ok.

CONVERSAZIONI REALI IN ITALIANO 2 ! ACCOGLIERE UN AMICO A CASA ⏐ 10