Sei sulla pagina 1di 5

 

 www.aracne-­‐rivista.it   Jean  Baudrillard  


 #  1  –  2011    La  camera  ibrida                                                                                                        Vanishing  point
   
 
 

VANISHING  POINT     Certe   immagini   non   provengono   né   dalla   tecnica   né   dalla  

  storia  della  fotografia.  Provengono  dalla  sola  immaginazione  

Jean  Baudrillard   dell’oggetto.   Cioè   dall’idea   che   è   l’oggetto   che   ci   guarda,  

  l’oggetto  che  ci  pensa.  Esse  cercano  di  ritrovare,  di  fronte  ad  

  una  realtà  sempre  più  ambigua,  il  solo  momento  fantastico:  

  quello   del   primo   contatto   e   della   sorpresa,   quando   le   cose  


Jean   Baudrillard   ha   letto   questo   testo   durante   i   Rencontres   d'Arles   del   non   si   sono   ancora   accorte   che   noi   c’eravamo,   quando   noi  
2000   come   accompagnamento   a   un   film   realizzato   sulle   sue   foto.   Tra   un   non   avevamo   ancora   imposto   loro   la   nostra   presenza   e  
paragrafo   e   l’altro,   dove   appare   un’interlinea,   erano   previsti   intermezzi  
quando  il  loro  silenzio  era  ancora  intatto.  Ma  questo  istante  
musicali.  
è   fugace,   immediatamente   trascorso.   Vedere   il   mondo   come  
Grazie  a  Marine  Baudrillard  per  aver  gentilmente  concesso  il  testo  per  la  
pubblicazione  su  ARACNE#1  
sarebbe   in   nostra   assenza,   solo   i   fantasmi   godono   forse   di  

  questa   gioia   eccezionale,   e   qualche   volta   il   fotografo,  

«Il   desiderio   di   fotografare   nasce   forse   da   questa   nascosto  dietro  il  suo  obiettivo.  

constatazione:   visto   da   una   prospettiva   d’insieme,   dal   punto   L’immagine   va   incontro   alla   luce   venuta   dall’oggetto   e   a  

di  vista  del  senso,  il  mondo  è  molto  deludente.  Osservato  nel   quella  venuta  dallo  sguardo.  

particolare,  e  di  sorpresa,  è  sempre  di  un’evidenza  perfetta.»   ______________  

_____________      

  Il   fotografo   sogna   una   luce   iperborea,   un’atmosfera  


rarefatta,  dove  le  cose  assumono  l’esattezza  che  avrebbero  

  1
     
 
 www.aracne-­‐rivista.it   Jean  Baudrillard  
 #  1  –  2011    La  camera  ibrida                                                                                                        Vanishing  point
   
 
 

nel   vuoto.   Luce   bianca,   oceanica,   luce   irreale,   sotto   vuoto,   È  il  linguaggio  che  ci  parla  
venuta   da   un   altro   litorale,   luce   che   conserva,   anche   nel    
colore,  la  potenza  del  bianco  e  nero.  Luce  fluida  che  fa  una   E  sempre  sempre  
distinzione   crudele,   luce   assoluta,   fotografica   nel   senso    
letterale   di   una   scrittura   di   luce,   e   che   domanda,   piuttosto   È  il  tempo  che  ci  perde  
che   di   essere   guardata,   che   si   chiudano   gli   occhi   su   di   lei   e   È  il  denaro  che  ci  guadagna  
sulla   notte   interiore   che   essa   racchiude.   I   paesaggi,   i   visi,   i   È  la  morte  che  ci  spia  
personaggi,  proiettati  in  una  luce  che  non  è  la  loro,  illuminati   ___________________  
violentemente   dall’esterno   come   oggetti   insoliti   dalla   luce    
che  impone  l’imminenza  di  un  avvenimento  strano.   È  il  fotografo  colui  che  più  ci  avvicina  ad  un  universo  senza  
________________   immagine:  cioè  della  pura  apparenza.  
  L’essenziale   è   liberare   lo   spazio   mentale;   quello   che   succede  
Non  è  l’uomo  che  beve  il  thé,  è  il  thé  che  beve  l’uomo   in   questo   vuoto,   non   dipende   più   da   voi.   È   una   domanda  
Non  sei  tu  che  fumi  la  pipa,  è  la  pipa  che  ti  fuma   rivolta  al  mondo  e  non  più  alla  filosofia.  
È  il  libro  che  ti  legge   Nella  fotografia,  non  si  vede  niente.  Solo  l’obiettivo  vede,  ma  
È  la  televisione  che  ti  guarda   è  nascosto.  
È  il  mondo  che  ci  pensa   Noi  non  siamo  mai  realmente  alla  presenza  dell’oggetto.  
È  l’obiettivo  che  ci  fissa   Fra  la  realtà  e  la  sua  immagine,  lo  scambio  è  impossibile.  La  
È  l’effetto  che  ci  causa   realtà  pura,  se  esiste,  resta  una  domanda  senza  risposta.  E  la  

  2
     
 
 www.aracne-­‐rivista.it   Jean  Baudrillard  
 #  1  –  2011    La  camera  ibrida                                                                                                        Vanishing  point
   
 
 

fotografia  è,  anch’essa,  una  domanda  rivolta  alla  realtà  pura   Di  ciò  di  cui  non  si  può  parlare,  occorre  tacere.  Ma  non  si  può  
che  non  aspetta  risposta.   tacere  se  si  tratta  di  immagini.  
Gli   oggetti   sono   tali   solo   in   sé   stessi,   la   sparizione   li   L’immagine   è   la   più   bella   delle   metamorfosi   silenziose   del  
cambia…?   È   in   questo   senso   che   noi   dobbiamo   essere   loro   discorso.  Ne  conserva  tutte  le  apparenze,  ma  sottilmente,  è  
fedeli,   in   ogni   più   minuzioso   dettaglio,   nella   loro   esatta   passata   dall’altra   parte.   Dalla   parte   dell’intuizione  
configurazione,   nell’illusione   sensuale   della   loro   apparenza   e   fenomenica  di  ciò  di  cui  non  c’è  più  niente  da  dire.  
nel  loro  susseguirsi.     ___________________  
Perché   l’illusione   non   si   oppone   alla   realtà.   Ne   rappresenta    
un  altro  aspetto  più  sottile  che  l’avvolge  del  segno  della  sua   Si   dice   che   il   reale   è   scomparso   sotto   la   profusione   delle  
sparizione.   immagini.   Ma   si   dimentica   che   anche   l’immagine   scompare  
____________________   sotto  i  colpi  della  realtà.  
  La   violenza   dell’immagine   è   largamente   compensata   dalla  
La  fotografia  ha  un  carattere  ossessivo,  caratteriale,  estatico   violenza   fatta   all’immagine:   il   suo   sfruttamento   a   scopo   di  
e  narcisistico.  È  un’attività  solitaria.  L’immagine  fotografica  è   documento,  testimonianza,  messaggio,  il  suo  sfruttamento  a  
discontinua,   puntuale,   imprevedibile   e   irreparabile,   come   lo   fini   morali,   pedagogici,   politici,   pubblicitari…   Questo,   lo   si  
stato   delle   cose   in   un   momento   dato.   La   solitudine   del   dimentica   sempre   ed   ecco   che   si   perde   di   vista   il   destino  
soggetto  che  fotografa,  nello  spazio  e  nel  tempo,  è  correlata   proprio   dell’immagine.   La   maggior   parte   delle   fotografie  
alla  solitudine  e  al  suo  silenzio  caratteriale.   attuali   non   riflettono   più   che   una   miseria   obiettiva   della  
____________________   violenza   della   condizione   umana.   Ora,   questa   miseria   e  

  3
     
 
 www.aracne-­‐rivista.it   Jean  Baudrillard  
 #  1  –  2011    La  camera  ibrida                                                                                                        Vanishing  point
   
 
 

questa   violenza   ci   toccano   tanto   meno   quanto   più   ci   È  qui  che  interviene  la  fotografia  a  titolo  d’immagine  che  non  
vengono  manifestate  apertamente.  Occorre  invece,  perché  il   significa  niente,  che  non  vuole  significare  niente,  che  resiste  
loro   contenuto   ci   colpisca,   che   sia   l’immagine   stessa   a   alla   violenza   dell’informazione,   della   comunicazione,  
colpirci,  che  essa  ci  imponga  la  sua  lingua  originale.   dell’estetica,   e   ritrova   l’evento   puro   dell’immagine   come  
__________________   forma   di   resistenza.   Resistere   al   rumore,   alla   parola,   al  
  brusio,  con  il  silenzio  della  fotografia.  
Ma   la   peggiore   delle   violenze   fatte   all’immagine   è   senza   Resistere   al   movimento,   al   flusso,   all’accelerazione,   con  
dubbio  la  violenza  estetica.   l’immobilità  della  fotografia.  
Quello  che  rimpiango  è  l’estetizzazione  della  fotografia,  che   Resistere   allo   scatenarsi   della   comunicazione   e  
essa   sia   diventata   una   delle   Belle   Arti   e   sia   entrata   nel   dell’informazione  con  il  segreto  della  fotografia.  
grembo  della  cultura.   Resistere   all’imperativo   del   senso   e   del   messaggio   con   il  
L’immagine   fotografica   costituisce   una   rivoluzione   silenzio  del  significato.  
considerevole   nelle   nostre   modalità   di   rappresentazione.   Il   Resistere   soprattutto   all’invasione   automatica   delle  
suo   arrivo   ha   rimesso   in   discussione   l’arte   stessa   nel   suo   immagini,  alla  loro  perpetua  successione.  
monopolio  estetico.   ___________________  
Ora,   al   giorno   d’oggi,   il   movimento   ha   invertito   la   sua    
direzione.   È   l’arte   a   divorare   la   fotografia,   piuttosto   che   il   Il  silenzio  della  fotografia.  Una  delle  sue  qualità  più  preziose.  
contrario.  Ed  è  finito  quel  nulla  nel  cuore  dell’immagine  che   A   differenza   del   cinema   e   della   televisione   cui   occorre  
crea  la  sua  magia  e  la  sua  potenza.   imporre  sempre  imporre  il  silenzio  senza  mai  riuscirci.  

  4
     
 
 www.aracne-­‐rivista.it   Jean  Baudrillard  
 #  1  –  2011    La  camera  ibrida                                                                                                        Vanishing  point
   
 
 

Silenzio  dell’immagine  cui  non  serve  o  non  dovrebbe  servire  


alcun  commento.  
Ma  anche  silenzio  dell’oggetto  che  essa  strappa  al  contesto  
assordante  del  mondo  reale.  
Qualsiasi   siano   il   rumore   e   la   violenza   che   lo   circondano,   la  
fotografia  restituisce  l’oggetto  all’immobilità  e  al  silenzio.  In  
piena   confusione   urbana,   essa   ricrea   l’equivalente   del  
deserto,  un  isolamento  fenomenico.  Essa  costituisce  l’unico  
modo  di  percorrere  le  città,  di  traversare  il  mondo  in  silenzio.  
(La  traduzione  è  a  cura  di  Simonetta  Tabboni)  
         
 
 

  5