Sei sulla pagina 1di 31

B2BGenius di Ivan Brignoli

Via Emilio Segrè 4/N


27012, Certosa di Pavia (PV), Italia

Introduzione al

Social Media Marketing

Trovi la versione online di questa guida su https://www.b2bgenius.it/introduzione-al-social-media-marketing/


B2BGenius di Ivan Brignoli
Via Emilio Segrè 4/N
27012, Certosa di Pavia (PV), Italia

Indice
Introduzione al Social Media Marketing ................................................................................................. 4
Perché scegliere i social come mezzo di marketing ............................................................................ 4
Quale social scegliere per promuovere te stesso, la tua azienda, la tua professione ........................ 6
Fare pubblicità su Facebook ................................................................................................................... 8
Argomenti e temi di successo ............................................................................................................. 8
Il target di utenza ................................................................................................................................ 9
A chi è adatto ...................................................................................................................................... 9
Quanto costa fare advertising su Facebook........................................................................................ 9
Consigli per una promozione efficace............................................................................................... 10
Casi di successo ................................................................................................................................. 10
Sponsorizzarsi su Instagram .................................................................................................................. 11
Argomenti e temi di successo ........................................................................................................... 12
Il target di utenza .............................................................................................................................. 12
A chi è adatto .................................................................................................................................... 12
Quanto costa fare advertising su Instagram ..................................................................................... 13
Consigli per una promozione efficace ............................................................................................... 13
Casi di successo ................................................................................................................................. 13
Il marketing con Twitter ........................................................................................................................ 14
Argomenti e temi di successo ........................................................................................................... 14
Il target di utenza .............................................................................................................................. 15
A chi è adatto .................................................................................................................................... 15
Quanto costa la pubblicità su Twitter ............................................................................................... 15
Consigli per una promozione efficace............................................................................................... 16
Casi di successo ................................................................................................................................. 16
Remarketing, upsell e fidelizzazione con WhatsApp ............................................................................ 17
Argomenti e temi di successo ........................................................................................................... 18
Il target di utenza .............................................................................................................................. 18
A chi è adatto .................................................................................................................................... 18
Quanto costa fare advertising su WhatsApp .................................................................................... 19
Consigli per una promozione efficace ............................................................................................... 19
Casi di successo ................................................................................................................................. 19
Remarketing, upsell e fidelizzazione con Telegram .............................................................................. 20

Trovi la versione online di questa guida su https://www.b2bgenius.it/introduzione-al-social-media-marketing/


B2BGenius di Ivan Brignoli
Via Emilio Segrè 4/N
27012, Certosa di Pavia (PV), Italia

Argomenti e temi di successo ........................................................................................................... 21


Il target di utenza .............................................................................................................................. 21
A chi è adatto .................................................................................................................................... 21
Quanto costa fare advertising su Telegram ...................................................................................... 22
Consigli per una promozione efficace ............................................................................................... 22
La pubblicità Business to Business con LinkedIn................................................................................... 23
Argomenti e temi di successo ........................................................................................................... 24
Il target di utenza .............................................................................................................................. 24
A chi è adatto .................................................................................................................................... 24
Quanto costa fare advertising su LinkedIn ....................................................................................... 25
Consigli per una promozione efficace ............................................................................................... 25
Casi di successo ................................................................................................................................. 25
La pubblicità su YouTube ...................................................................................................................... 26
Argomenti e temi di successo ........................................................................................................... 26
Il target di utenza .............................................................................................................................. 27
A chi è adatto .................................................................................................................................... 27
Quanto costa fare advertising su YouTube ....................................................................................... 28
Consigli per una promozione efficace............................................................................................... 28
Casi di successo ................................................................................................................................. 28
Sviluppare una social media strategy efficace ...................................................................................... 29
Assolutamente da evitare ................................................................................................................. 31
Conclusioni ............................................................................................................................................ 31

Trovi la versione online di questa guida su https://www.b2bgenius.it/introduzione-al-social-media-marketing/


B2BGenius di Ivan Brignoli
Via Emilio Segrè 4/N
27012, Certosa di Pavia (PV), Italia

Introduzione al Social Media Marketing


Breve guida alla promozione sui social per aziende, professionisti e influencer
Di cosa discutiamo in questa breve guida, che trovi anche online qui:

• Perché scegliere i social come mezzo di marketing


• Quale social scegliere per promuovere te stesso, la tua azienda, la tua professione:
o Facebook
o Instagram
o Twitter
o WhatsApp
o Telegram
o LinkedIn
o YouTube
• Quali sono adatti a pubblicizzare prodotti, quali servizi
• Quanto costa l’advertising (Pubblicità a pagamento)
• Quali sono i social migliori per il Business to Business, quali per il Business to Consumer
• Argomenti e temi di successo, pubblico di riferimento
• Consigli per sviluppare una strategia di marketing efficace sui social
• Cose da evitare

Ogni azienda che si rispetti ha bisogno di una buona dose di visibilità per affermarsi sul mercato.
Accade soprattutto in tempi come questi, in cui l’offerta quasi arriva a superare la domanda, e
diventa quindi difficile farsi largo all’interno di un mercato sempre più popolato e coperto in lungo e
in largo da competitor preparati e pronti a mettersi in gioco.

Il web 2.0, e con lui dunque anche i social network e l’avvento dello shopping online, ha esteso il
bacino di utenza di ogni azienda, che adesso riesce a raggiungere possibili acquirenti anche a
distanza di migliaia di chilometri e soltanto con pochi click. Una benedizione da un lato,
quest’apertura ulteriore del mercato, ma anche un’arma a doppio taglio: imporsi come azienda
leader in un settore risulta adesso molto più complicato di quanto era un tempo.

Per questo motivo la visibilità si è trasformata in un mezzo indispensabile, e così anche la


comunicazione. Una strategia di marketing efficace non può non tenere conto di una buona
comunicazione mirata alla promozione di prodotti o servizi attraverso i diversi canali che internet è
in grado di offrire.

Perché scegliere i social come mezzo di marketing


I social media sono ormai parte integrante delle nostre vite. Essere presenti su almeno una delle
piattaforme più conosciute è uno step fondamentale nell'era della comunicazione 2.0. Praticamente
tutti hanno un account su Facebook, molti di voi avranno scritto almeno un tweet negli ultimi mesi,
per non parlare di Instagram che è al momento uno dei social più utilizzati sul web. Per quanto possa

Trovi la versione online di questa guida su https://www.b2bgenius.it/introduzione-al-social-media-marketing/


B2BGenius di Ivan Brignoli
Via Emilio Segrè 4/N
27012, Certosa di Pavia (PV), Italia

far storcere il naso una simile affermazione, all'alba degli anni Venti del ventunesimo secolo non
suona strano dire che esserci (sui social) equivale più o meno ad esistere (nella vita reale).

Non solo. I social offrono infatti moltissime funzionalità che ci permettono, è vero, di attestare la
nostra presenza sul campo, ma anche di promuoverci, di individuare un target specifico e quindi più
efficace, e di ottenere un livello di fidelizzazione con il cliente che offline può essere difficile da
raggiungere.

Lo si può fare per esempio attraverso la creazione di community specializzate, oppure interagendo in
modo diretto con gli utenti: tutte strategie che ci danno la possibilità di avere un pubblico attivo al
seguito, che si sente partecipe e quindi disposto ad avere con noi un legame più forte e duraturo.

Ed è questa la vera grande forza dei social network, ciò che li rende indispensabili ormai.
Nessun'altra forma di promozione infatti, né quella tradizionale né quella che risale al web 1.0, con i
suoi banner e le newsletter, offre un tale legame con i propri seguaci (E spesso, possibili acquirenti).

Certo comunque non tutto è rose e fiori: quella dei social non è una strada facile, lavorarci richiede
conoscenze e competenze da non sottovalutare. La lista di social network esistenti è inoltre
piuttosto lunga e in costante crescita, ognuno di essi ha un target di riferimento che bisogna tenere
in considerazione, nonché un modo di comunicare che è proprio della piattaforma e che è
necessario rispettare. In poche parole, se usiamo il mezzo di comunicazione sbagliato o se lo
utilizziamo male, il rischio è di mandare in fumo tutti i nostri sforzi.

In questa guida ti illustreremo la punta dell’iceberg: una piccola parte dei social network disponibili
sul web tra i più diffusi e più utili, e ti offriremo alcune dritte per trarne efficacemente un vantaggio
dal punto di vista promozionale.

Trovi la versione online di questa guida su https://www.b2bgenius.it/introduzione-al-social-media-marketing/


B2BGenius di Ivan Brignoli
Via Emilio Segrè 4/N
27012, Certosa di Pavia (PV), Italia

Quale social scegliere per promuovere te stesso, la tua


azienda, la tua professione
Il mondo dei social network è vasto ed in costante cambiamento. In più, ogni social ha il suo
…marketing. Non tutti i social sono adatti al marketing diretto, i segmenti di utenza di riferimento
sono anche molto diversi tra loro, alcuni sono più adatti alla promozione “per immagini” e così via.

Figura 1 - Non tutti i social network sono adatti a tutto. Ogni social ha peculiarità e scopi precisi, che è necessario
interpretare. Con l'aiuto di questa piccola guida puoi scegliere il social che meglio si adatta alle tue esigenze promozionali.

In questo piccolo corso, analizzeremo solo le piattaforme principali. Per riassumere:

• Facebook è il social perfetto per pubblicizzare prodotti e servizi per il consumatore finale,
inadatto invece per il settore B2B
• Instagram è il regno del bello, ideale a chiunque possa comunicare per immagini (Fotografi e
grafici, agenzie viaggi, prodotti di lusso...)
• Twitter è il migliore per i professionisti della parola, per l'informazione, per la
comunicazione di idee concrete
• WhatsApp è consigliato per professionisti, negozi e piccole/medie imprese locali per fare
remarketing, upsell e fidelizzazione del cliente
• Telegram, analogamente a WhatsApp, è efficace nel consolidamento delle relazioni con il
cliente, soprattutto in campo tecnologico
• Linkedin è ottimo per promuovere tecnologia e innovazione, lavoro, industrie ed è
eccezionale per il Business to Business

Trovi la versione online di questa guida su https://www.b2bgenius.it/introduzione-al-social-media-marketing/


B2BGenius di Ivan Brignoli
Via Emilio Segrè 4/N
27012, Certosa di Pavia (PV), Italia

• YouTube è il gigante dello streaming, in assoluto il migliore per pubblicizzare prodotti e


servizi in qualsiasi area Business e Consumer

Al termine, trovi anche una sezione di consigli su come sviluppare una strategia efficace sui social
media, più alcune cose … assolutamente da evitare.

Buona lettura

Trovi la versione online di questa guida su https://www.b2bgenius.it/introduzione-al-social-media-marketing/


B2BGenius di Ivan Brignoli
Via Emilio Segrè 4/N
27012, Certosa di Pavia (PV), Italia

In questa pagina:

• Fare pubblicità su Facebook


• Argomenti e temi di successo
• Pubblico di riferimento
• A chi è adatto
• Quanto costa l’advertising di Facebook
• Consigli per una promozione efficace
• Casi di successo

Fare pubblicità su Facebook


Facebook si è evoluto molto nel corso degli anni ma la sua struttura di base è rimasta invariata. La
metafora più adatta è quella di una piazza digitale, in cui tutti sono liberi di dire la propria opinione,
senza filtri, se non quelli imposti dallo stesso social e che rispecchiano più o meno la morale
pubblica, sebbene a volte la travalichino un po’. Il bacino di utenti è molto ampio, se non altro
perché Facebook è stato il primo vero social network arrivato in Italia, per cui comprende persone
di qualsiasi età, sesso, religione, provenienza.

È anche vero però che negli ultimi anni si è visto un calo di utenti più giovani, quelli che
appartengono alla Generazione Z, i nati ovvero dal 1995 in poi. Nonostante ciò comunque, su
Facebook è praticamente sempre possibile trovare target di riferimento molto specifici, il che ci
garantisce una certa efficacia quando mettiamo in pratica la nostra strategia di comunicazione.
Questo social network infatti è una sorta di enorme database che racchiude informazioni personali,
gusti e opinioni degli iscritti e così via, e pertanto riesce ad individuare con estrema precisione quali
possono essere gli eventuali possibili interessati a rendere virali i contenuti che pubblichiamo, o
quali siano gli acquirenti dei prodotti o dei servizi che vendiamo.

Inoltre, grazie alla funzione dei gruppi è possibile coltivare delle community floride, e lavorare
dunque anche sulla fidelizzazione del visitatore. Oppure, si possono sfruttare community già
affermate per dare maggiore visibilità ad un marchio, a un prodotto e così via.

Argomenti e temi di successo


In linea di massima, Facebook è un posto dove esprimere quotidianamente idee, passioni e
sentimenti. Facebook è adatto principalmente a chiunque sia in grado di proporre contenuti
interessanti in queste aree tematiche:

Trovi la versione online di questa guida su https://www.b2bgenius.it/introduzione-al-social-media-marketing/


B2BGenius di Ivan Brignoli
Via Emilio Segrè 4/N
27012, Certosa di Pavia (PV), Italia

• Lo svago ed il divertimento in genere, le relazioni personali


• Il gossip, la politica, le novità e le curiosità di tutti i tipi, le informazioni d'attualità
• Animali e natura, ecologia e green-style
• Alimenti e temi correlati all’alimentazione (Ricette, nutrizionisti, ristoranti e pizzerie ...)
• Arte, cultura e mentoring
• Le passioni personali (sport, giochi, musica, tecnologia …)
• I bisogni individuali fondamentali (Abbigliamento, medicina e benessere, estetica, immobili,
lavoro ...)
• Personaggi pubblici (Politici, cantanti, attori, influencer, blogger …)
• Professionisti a contatto con il cliente (avvocati, dentisti, medici, fotografi, agenti ...)
• Prodotti e servizi per il mercato consumer, sia B2C (Business to Consumer) che C2C

In linea generale, Facebook è inadatto a tutto il resto. Ad esempio, spesso non è un buon terreno di
promozione per le industrie e le aziende di servizi se non nei settori elencati, e per lo più non è
particolarmente consigliato per l’area del Business to Business per la quale sono
preferibili LinkedIn e YouTube.

Il target di utenza
Età – A livello globale, Facebook è utilizzato principalmente nella fascia 18-54 anni ma viene
utilizzato, in modo minore, anche dalle altre fasce d’età.

Sesso – Ambosessi.

A chi è adatto
Premettendo che la mera presenza su Facebook sia assolutamente indispensabile, in quanto mossa
necessaria a costruirsi una reputazione sul web, chiunque sia interessato a raggiungere un vasto
bacino di utenti attivi non può escluderlo dalla sua strategia di comunicazione.

Influencer, professionisti e aziende che vogliono far parlare di sé, farsi conoscere dal pubblico o
spargere la voce sui prodotti e servizi offerti, non possono esimersi dal presentarsi su Facebook
attraverso la creazione di un personaggio pubblico, una community o una pagina business, e
utilizzando se è il caso la sponsorizzazione a pagamento delle pagine o soltanto di alcuni post per
iniziare a far crescere il profilo e al contempo perfezionare progressivamente i segmenti di utenza
interessati.

Quanto costa fare advertising su Facebook


I costi degli annunci variano in base a molti fattori. Approssimativamente, possiamo dire che il costo
per la sponsorizzazione di un singolo post è tra i 5 € ed i 10 € per 1000 impressioni (CPM), con un
costo medio per ogni interazione (Like, commenti, condivisioni, click sul post …) di 0,1€ - 0,2€. Gli
stessi costi si applicano se vogliamo promuovere una pagina. I risultati migliori si ottengono quando
il segmento di pubblico a cui il post si rivolge è scelto accuratamente, e il post è particolarmente
interessante per il segmento di pubblico scelto.

Trovi la versione online di questa guida su https://www.b2bgenius.it/introduzione-al-social-media-marketing/


B2BGenius di Ivan Brignoli
Via Emilio Segrè 4/N
27012, Certosa di Pavia (PV), Italia

Consigli per una promozione efficace


• Per far sì che la tua pagina business abbia successo sui social, è importante che il target di
riferimento sia ben settorializzato. Non puoi rivolgerti a tutti. Scegli una nicchia, una
community d'interesse a cui indirizzare il tuo messaggio. Facebook ha un pubblico così vasto,
che è alto il rischio di far disperdere la tua pagina nell'oceano di contenuti che il social offre.
Sii attivo, persuasivo e ben indirizzato.

• Da non sottovalutare l'uso dei gruppi. Creare una community intorno ad un brand o ad un
prodotto può giovare su più fronti. Da un lato fungerai da catalizzatore per tutti gli utenti
interessati che useranno il tuo gruppo per scambiarsi dritte e consigli, dall'altro potrai dare
un notevole risalto al tuo prodotto in una cornice più informale. Inoltre, se il gruppo sarà in
grado di produrre valore, cioè informazioni utili e pratiche, anche il tuo prodotto acquisterà
valore agli occhi di chi cerca consigli, perché associato ad una community valida.

• Creare un gruppo e aspettare che cresca da solo non è una mossa furba. Per permettere alla
tua community di crescere devi impegnarti a postare contenuti di qualità regolarmente,
contenuti che spingano le persone ad unirsi al gruppo e a partecipare.

• Essere presente senza però interagire con i tuoi follower non ti farà fare tanta strada. In
particolare, quando parliamo di community e quindi di gruppi su Facebook, è fondamentale
rispondere attivamente ai post pubblicati dagli utenti, mostrarsi disponibile e fornire dettagli
e consigli.

Casi di successo
Alcuni famosi casi di successo su Facebook da cui prendere esempio:

● Taffo Funeral Services: Una nota impresa di pompe funebri, che ha saputo brillantemente
rileggere in chiave ironica un tema molto delicato!
● Zalando: Utilizza efficacemente la promozione sul social per guidare gli acquirenti verso il
suo store online.
● Giallozafferano: Indirizza verso il proprio sito milioni di lettori interessati tramite la
condivisione di video, immagini ed in genere contenuti molto “golosi”

Trovi la versione online di questa guida su https://www.b2bgenius.it/introduzione-al-social-media-marketing/


B2BGenius di Ivan Brignoli
Via Emilio Segrè 4/N
27012, Certosa di Pavia (PV), Italia

In questa pagina:

• Sponsorizzarsi su Instagram
• Argomenti e temi di successo
• Pubblico di riferimento
• A chi è adatto
• Quanto costa l’advertising di Instagram
• Consigli per una promozione efficace
• Casi di successo

Sponsorizzarsi su Instagram
Instagram è attualmente uno dei social più utilizzato dai giovani, insieme a Snapchat che al
momento in Italia non ha ancora avuto molta presa. Instagram è il social dell'impatto visivo per
eccellenza: si parla per immagini, foto e grafiche, e non c'è molto spazio per il testo, sebbene sia
possibile utilizzare anche questa forma di comunicazione.

Instagram nasce come piattaforma per condividere momenti catturati in una foto, da lì il nome:
INSTA-GRAM, da instant, istante. Nel corso degli anni però gli stessi utenti ne hanno cambiato la
struttura. Le foto pubblicate si sono perfezionate sempre di più, tanto che ad aver sempre maggior
risalto sono stati i fotografi professionisti, i grafici o chi era disposto ad investire in tal senso per
avere una galleria di alta qualità. È per questo motivo che sono state introdotte, nel 2016, le storie.

Prendendo ispirazione da Snapchat, Mark Zuckerberg ha adottato lo stesso meccanismo


permettendo agli utenti di condividere i propri istanti fotografici in un formato diverso, che sparisce
dopo ventiquattro ore. Una mossa indovinata, che ha dato la possibilità a chi usufruisce del social
senza troppe pretese, di creare attivamente contenuti.

Inoltre, Instagram include anche una versione business gratuita che permette agli utenti di tenere
sotto controllo gli insight, ovvero i dati statistici che ci informano sull'andamento del successo dei
nostri post, permette di creare shoppable posts per sponsorizzare la vendita di prodotti e molto
altro.

Detto questo, Instagram è il posto perfetto per creare "Awareness" - Farsi conoscere, far conoscere
un brand o una serie di prodotti – forse un po’ meno adatto per quanto riguarda la vendita diretta e
l'interattività con l'utente, per le quali è necessario comunque avere un sito web, un e-commerce o
un negozio virtuale altrove.

Dal 2012, Instagram è stato acquistato da Facebook.

Trovi la versione online di questa guida su https://www.b2bgenius.it/introduzione-al-social-media-marketing/


B2BGenius di Ivan Brignoli
Via Emilio Segrè 4/N
27012, Certosa di Pavia (PV), Italia

Argomenti e temi di successo


Instagram è il social per eccellenza per chiunque sia in grado di "parlare" per immagini, tutto sta nel
trovare la strategia più adatta per aggredire il pubblico. Gli argomenti più indicati per questo social
sono:

• Moda e abbigliamento, prodotti di lusso e temi correlati (Agenzie di modelle/i, fashion &
luxury bloggers, etc.)
• Professionisti dell’immagine (fotografi, grafici, videomaker ...)
• Salute, benessere, estetica e in genere il tema del Wellness
• Lo svago ed il divertimento, le relazioni personali
• Animali e natura, ecologia e green-style
• Viaggi e travel
• Altre passioni personali (sport, giochi, musica, tecnologia, cibo …) ed i personaggi pubblici
ad esse correlati (Cantanti, attori, influencer …)
• Arte, cultura e mentoring
• La bellezza (per lo più la bellezza visiva, ma non solo). Tutto ciò che è “bello” può trovare
terreno fertile su Instagram.
• Prodotti e servizi per il consumatore, in area B2C, se correlati ai temi precedenti.

Come nel caso di Facebook, Instagram non è un buon terreno per pubblicizzare imprese di servizi se
non nei settori elencati, e non è consigliato né per l’area del B2B né per le vendite tra privati (C2C).

Il target di utenza
Età – Instagram è utilizzato maggiormente nella fascia 18-34 anni.

Sesso – Ambosessi.

A chi è adatto
Vista la sua essenza, incentrata tutta sull'immagine visiva, Instagram è principalmente rivolto ai
professionisti ed alle aziende che vogliono/possono puntare su questo aspetto. Fotografi, grafici e in
genere professionisti dell'immagine/video, agenzie di comunicazione o comunque chiunque sia in
grado di pubblicare video o immagini interessanti per gli utenti può puntare su Instagram per farsi
pubblicità.

Del resto, sono molteplici le nicchie che hanno trovato terreno fertile su Instagram. Non solo quelle
più scontate, come quelle che trattano di salute, viaggi, cibo e fitness: su questo social troverete
anche community più piccole e che con la fotografia c'entrano ben poco, ma lo stesso sono riuscite a
ricavarsi uno spazio. Basti pensare per esempio, alla categoria legata ai libri e alla letteratura, che
conta numerosi influencer (Per la quale però, Twitter può essere più indicato), ma anche al
mentoring con i suoi life e spiritual coach che si fanno conoscere a colpi di infografiche e citazioni.

Trovi la versione online di questa guida su https://www.b2bgenius.it/introduzione-al-social-media-marketing/


B2BGenius di Ivan Brignoli
Via Emilio Segrè 4/N
27012, Certosa di Pavia (PV), Italia

Quanto costa fare advertising su Instagram


Anche nel caso di Instagram è difficile stabilire dei costi precisi. Il costo per la sponsorizzazione di un
unico post varia normalmente tra i 5 € ed i 10 € per 1000 impressioni (CPM), con un costo medio per
ogni interazione (Like, commenti, condivisioni …) di 0,05€ - 0,1€. I risultati migliori si ottengono
quando la grafica utilizzata (fotografia, video, carosello etc.) è di ottima qualità e il segmento di
pubblico di destinazione è scelto accuratamente.

Consigli per una promozione efficace


• Evitare di pubblicare foto di bassa qualità. Nonostante Instagram dia la possibilità di farsi
conoscere da un pubblico più vasto grazie ai post sponsorizzati che raggiungono target
specifici, emergere può risultare un'impresa complicata. È necessario investire su una
fotografia di un certo livello, nonché sull'impatto visivo dell'intero profilo, che deve essere
coerente e caratterizzato da un segno distintivo: meglio scegliere dall'inizio quali stili e
palette di colori utilizzare ed individuare un pattern distintivo e specifico per il proprio
profilo.

• Utilizzare bot per far crescere il numero di seguaci, acquistare follower e like finti. Questo è
in genere vero per tutti i social. Instagram conosce bene questi meccanismi che vanno
contro le regole della piattaforma, e questo è valido per la stragrande maggioranza dei
social. Per questo molti utenti, soprattutto influencer esordienti, hanno visto ridursi in modo
drastico il numero di follower, cosa che non ha giovato alla loro reputazione sul web. Inoltre,
Instagram fa ricorso al shadowban sugli utenti che sembrano non aver imparato la lezione: si
tratta di una forma più leggera di ban, che sebbene permetta di continuare a pubblicare,
rende i post invisibili sulle pagine degli hashtag di riferimento. Un bel problema, se si pensa
che gli hashtag sono fondamentali per avere visibilità.

• È fondamentale interagire con i seguaci. Ciò che determina il successo di un profilo non è il
numero di follower, ma l'engagement rate: un dato che si ottiene sommando tutte le
interazioni di un profilo (per esempio i like e i commenti) e dividendo il risultato prima per il
numero di seguaci e poi per il numero di post. Ci sono tool online che permettono di scoprire
qual è l'engagement rate di un profilo qualsiasi su Instagram. Una percentuale degna di nota
non deve mai scendere sotto il 3%.

Casi di successo
Alcuni esempi cardine associati a questo social sono:

● Dolce & Gabbana, Gucci: La maggior parte dei brand legati al mondo fashion utilizza la
natura visiva del social a proprio vantaggio per promuovere abiti, scarpe e abbigliamento di
lusso

● Chiara Ferragni: Notissima influencer, attraverso Instagram racconta la propria vita a milioni
di persone ogni giorno, sponsorizzando contemporaneamente abiti, cosmetici e altri
prodotti per lo più femminili

Trovi la versione online di questa guida su https://www.b2bgenius.it/introduzione-al-social-media-marketing/


B2BGenius di Ivan Brignoli
Via Emilio Segrè 4/N
27012, Certosa di Pavia (PV), Italia

In questa pagina:

• Il marketing con Twitter


• Argomenti e temi di successo
• Pubblico di riferimento
• A chi è adatto
• Quanto costa la pubblicità su Twitter
• Consigli per una promozione efficace
• Casi di successo

Il marketing con Twitter


Twitter è il social dell’informazione e delle idee concise e condivisibili. A differenza di Instagram,
tutta la comunicazione su Twitter è testuale. Certo è possibile pubblicare anche foto e grafiche, ed è
consigliabile corredare i propri tweet con un'immagine inerente, ma di fatto tutto si concentra sui
280 caratteri entro i quali è necessario comunicare il proprio messaggio. Dopo aver scritto il
messaggio, basta selezionare un hashtag di riferimento appropriato per essere letti da un pubblico
più ampio, mentre la funzione retweet (e cioè la condivisione) dà la possibilità al nostro contenuto di
diventare virale.

Ciò che ha reso famosa questa piattaforma social è proprio questo meccanismo, che si è rivelato
utilissimo nei casi in cui era necessario diffondere una notizia in brevissimo tempo. Molti momenti
di crisi che abbiamo vissuto negli ultimi anni, come attentati, colpi di stato, calamità naturali, sono
stati tutti resi noti tramite Twitter, che è diventato così un’efficace finestra comunicativa su ciò che
succede nel mondo.

Ma non solo questo. È su Twitter infatti che si formano gruppi di ascolto attorno a certi programmi
televisivi, e sempre su Twitter si discute di temi di politica e di attualità, visto che sono in molti
(giornalisti e politici in primis) ad utilizzare questo social regolarmente, così da interagire con i
seguaci in modo diretto e meno invasivo rispetto a quanto accade su altre piattaforme social.

Argomenti e temi di successo


A differenza di Facebook e Instagram, su Twitter funzionano meglio le idee concrete che l'apparenza.
Twitter è il social perfetto per tutto il settore informativo:

• La politica, le novità, il gossip e le informazioni d'attualità


• Il settore dei media e dell'intrattenimento in genere
• I personaggi pubblici (Politici, cantanti, attori, influencer, youtuber …)
• Svago, divertimento e passioni personali (sport, giochi, musica, tecnologia …)

Trovi la versione online di questa guida su https://www.b2bgenius.it/introduzione-al-social-media-marketing/


B2BGenius di Ivan Brignoli
Via Emilio Segrè 4/N
27012, Certosa di Pavia (PV), Italia

• Arte e cultura e scienza


• Professionisti della parola (scrittori, giornalisti, avvocati, poeti ...)
• Professionisti, imprese o qualsiasi altro tipo di business che preferisca la “sostanza” alla
“forma”, attraverso una comunicazione più concreta e senza fronzoli, più per idee che per
immagini.

Tendenzialmente, Twitter è inadeguato per tutto il resto. Ad esempio, non è un social network
indicato per pubblicizzare prodotti o servizi che non siano specificatamente legati ai temi elencati.

Il target di utenza
Età – La maggior parte del pubblico di Twitter è concentrata nella fascia compresa tra i 18 ed i 50
anni. Twitter è comunque un social con un target di pubblico più vecchio rispetto a Facebook e
Instagram, con più del 50% degli utenti con età superiore ai 30 anni.

Sesso – Ambosessi.

A chi è adatto
Twitter in Italia non è molto diffuso, rispetto al resto del mondo. Ci sono diverse nicchie attorno alle
quali si creano gruppi di discussione, ma stiamo parlando comunque di bacini di utenza spesso molto
ristretti. In termini di quantità e raggiungibilità, siamo ben lontani dai numeri di Facebook e
Instagram.

Ad ogni modo, ci sono situazioni in cui diventa quasi impossibile farne a meno. È il caso dei
personaggi pubblici che lavorano nel mondo della politica a livello nazionale. Una buona strategia di
comunicazione politica, non a caso, deve anche passare da lì. Ci sono poi i giornalisti, e tutti coloro
che lavorano nell'editoria. E ovviamente le redazioni, che siano giornalistiche o televisive.

Twitter è utilizzato a mo' di ufficio stampa in un certo senso, soprattutto nel caso di eventi
importanti, come congressi e convegni che hanno una certa rilevanza nazionale, oppure durante
manifestazioni e cortei. Ritagliarsi uno spazio all'interno del flusso di contenuti non è poi così
difficile, a patto al solito di condividere contenuti interessanti.

Twitter viene anche spesso utilizzato dalle aziende per l'assistenza clienti (Telecomunicazioni, mezzi
pubblici, grandi brand, etc.), e può quindi essere un buon mezzo per aumentare la fidelizzazione e
fare remarketing diretto verso i propri clienti assieme a WhatsApp ed in modo minore, Telegram.

Quanto costa la pubblicità su Twitter


La pubblicità su Twitter è piuttosto costosa, diversamente dalle altre piattaforme si ragiona in
termini di costo per azione (CPE). Il costo si aggira tra 0,5 € e 2 € per ogni interazione con il post
sponsorizzato (click, retweet, aggiunta tra i favoriti…). Tuttavia, se da un lato la piattaforma è molto
cara, dall’altro le funzioni di advertising consentono di raggiungere target di pubblico molto più
specifici rispetto agli altri social, ed è proprio utilizzando accuratamente queste funzioni che si
ottengono i risultati migliori.

Trovi la versione online di questa guida su https://www.b2bgenius.it/introduzione-al-social-media-marketing/


B2BGenius di Ivan Brignoli
Via Emilio Segrè 4/N
27012, Certosa di Pavia (PV), Italia

Twitter è diverso dalla maggior parte dei social network: risulta molto difficile utilizzare Twitter per
incrementare le vendite di un prodotto o un servizio, mentre si presenta come un ottimo modo per
far crescere una community intorno a delle idee precise e concrete.

Consigli per una promozione efficace


• Mai utilizzare gli hashtag di tendenza in modo scorretto. Spesso capita che brand o aziende
condividano contenuti che con gli argomenti in tendenza c'entrano ben poco, approfittando
in modo poco ponderato della visibilità che l'hashtag potrebbe rendergli. Una simile scelta
può risultare in una gaffe oppure, nei casi più gravi, sfociare in un vero e proprio danno
all'immagine, com'è successo in passato nei casi in cui hashtag riguardanti tragedie e
calamità naturali sono stati associati a tweet di promozione turistica.

• Scrivere le proprie opinioni personali, specie se riguardano scelte politiche, associandovi


così il nome dell’azienda o del brand. La tentazione su Twitter è forte, visto che gli argomenti
trattati riguardano proprio l'attualità e la politica. Ma ciò che scrivi, rimane indelebile: gli
utenti di Twitter sono molto attenti quando si tratta di scovare profili che hanno messo il
piede in fallo e difficilmente perdonano gaffe di questo tipo. Ogni parola deve essere pesata
per bene.

Casi di successo
Alcuni colossi che utilizzano Twitter a proprio vantaggio sono:

● Le testate giornalistiche: Twitter è il social perfetto per chiunque faccia leva sull’attualità e
sull’informazione
● Netflix: Colosso dei media online, crea engagement e discussione attraverso questo social

Trovi la versione online di questa guida su https://www.b2bgenius.it/introduzione-al-social-media-marketing/


B2BGenius di Ivan Brignoli
Via Emilio Segrè 4/N
27012, Certosa di Pavia (PV), Italia

In questa pagina:

• Remarketing, upsell e fidelizzazione con


WhatsApp
• Argomenti e temi di successo
• Pubblico di riferimento
• A chi è adatto
• Quanto costa l’advertising di WhatsApp
• Consigli per una promozione efficace
• Casi di successo

Remarketing, upsell e fidelizzazione con


WhatsApp
È possibile fare pubblicità su WhatsApp? Certamente. Prima di tutto però, bisogna considerare che
più che un social network WhatsApp è un sistema di messaggistica istantanea. Anzi, il re indiscusso
della messaggistica istantanea, almeno in Italia. Si tratta di un app scaricabile gratuitamente e
compatibile con pressoché qualsiasi smartphone, che permette lo scambio di messaggi con
l'aggiunta di emoji (le cosiddette faccine), gif e da qualche tempo a questa parte anche stickers.
Insieme ad Instagram e Facebook, fa parte delle piattaforme di proprietà di Mark Zuckerberg,
l'ideatore di Facebook e dei social network come li conosciamo noi. Per questo motivo, con
Instagram e Facebook condivide alcune funzionalità, in particolare quella delle storie. Anche su
WhatsApp infatti è possibile pubblicare contenuti visibili soltanto ventiquattro ore, per lo più per
una questione di privacy.

Questi contenuti sono gli stati: messaggi di testo, immagini o video che rimangono visibili per un
periodo limitato, durante il quale gli utenti possono interagire con una “risposta” (un messaggio
privato al proprietario del post). Essendo di durata temporale limitata, i cambiamenti di stato
possono indurre quella sensazione di urgenza nell’utente ideale per stimolare un feedback o un
acquisto impulsivo, soprattutto se legati ad una qualche offerta speciale.

Nell'ultimo periodo, sono sempre di più coloro che decidono di includere WhatsApp all'interno della
strategia comunicativa rivolta per lo più ai clienti già acquisiti, allo scopo di fornire un sistema di
interazione diretta e veloce con il pubblico. Funziona po' come una newsletter, con tempi tuttavia
molto più veloci.

WhatsApp permette di raggiungere utenti interessati attraverso funzioni come i gruppi, con la
possibilità di creare community più ristrette ed intime che scambiano attivamente opinioni e
consigli, oppure con messaggi broadcast, attraverso i quali è possibile inviare un messaggio ad una
lista estesa di contatti, ottenendo risposte private da parte dei singoli.

Trovi la versione online di questa guida su https://www.b2bgenius.it/introduzione-al-social-media-marketing/


B2BGenius di Ivan Brignoli
Via Emilio Segrè 4/N
27012, Certosa di Pavia (PV), Italia

Spesso i sistemi di messaggistica istantanea come questo, analogamente ad altri simili come Skype
Business e Hangouts, o ancora come i più classici sms, vengono utilizzati per gestire la
comunicazione interna di un'azienda. A livello di business, WhatsApp viene efficacemente utilizzato
come mezzo di remarketing, più che per il marketing diretto: Per esempio, per fare upselling di
offerte e promozioni, per offrire codici sconto e coupon o per diffondere informazioni ad una cerchia
ristretta di clienti affezionati che sappiamo già essere interessati a ciò che proponiamo (E quindi con
probabilità molto maggiore che l’informazione sia discussa, condivisa etc. etc. e quindi che diventi
virale).

Argomenti e temi di successo


Qualsiasi tema sia adatto all’interazione con l’utente.

Il target di utenza
Età – Tutte le età, anche se gli utenti più numerosi sono nella fascia 15-54 anni.

Sesso – Ambosessi.

A chi è adatto
Il contatto diretto è il punto forte di questa piattaforma. Attività come palestre e club, pubbliche
amministrazioni e così via, possono sfruttare al meglio le capacità di WhatsApp agevolando la
comunicazione verso i clienti e soprattutto aumentando il senso di comunità dei partecipanti.

In generale i negozi, i professionisti e le piccole/medie aziende che lavorano su un territorio


ristretto, possono trarre grosso vantaggio da questo sistema di messaggistica istantanea. Gommisti,
parrucchieri, piscine, carrozzieri… praticamente la maggior parte delle piccole e medie partite IVA
può ottenere giovamento dall’uso di WhatsApp come mezzo per tenere vivo l’interesse, a patto di
avere tempo e risorse da dedicare al mantenimento di una comunicazione attiva, che su un sistema
di messaggistica può essere anche molto intensa e ripetitiva.

La comunicazione con il cliente che avviene tramite WhatsApp non è impersonale come sugli altri
social, anzi rimane intima e conserva le caratteristiche dei rapporti di confidenza che si creano offline
tra clienti e commerciante.

Anche l'idea di offrire sconti e offerte tramite messaggi si basa su questo concetto: Essendo
WhatsApp un canale fondamentalmente privato, offrire un coupon via messaggio WhatsApp dà
l'idea di qualcosa di esclusivo, per pochi intimi, e dunque aumenta spesso l'efficacia commerciale.

Negli ultimi anni non sono mancati i grandi marchi che hanno usufruito di WhatsApp integrandolo
nella loro strategia di marketing diretto, come Absolut Vodka. Si è trattato però di operazioni
particolarmente originali e creative, difficili da replicare e forse anche poco efficaci sul piano pratico.

Trovi la versione online di questa guida su https://www.b2bgenius.it/introduzione-al-social-media-marketing/


B2BGenius di Ivan Brignoli
Via Emilio Segrè 4/N
27012, Certosa di Pavia (PV), Italia

Quanto costa fare advertising su WhatsApp


Al momento ancora non è possibile fare pubblicità a pagamento su WhatsApp, ma presto potrebbe
arrivare anche su questa piattaforma.

Consigli per una promozione efficace


• Bombardare clienti e follower di messaggi mirati a vendere può suscitare l'effetto opposto.
Non quindi un interessamento spontaneo al prodotto, ma un rifiuto totale per un'azienda
che quasi prova a farci il lavaggio del cervello. Meglio pochi messaggi, con un contenuto
interessante, specie se nativo: è bene porsi come un contatto qualsiasi e non solo a scopo
promozionale. Quindi sì all'uso di emoji, gif e grafiche simpatiche.

• Se la tua strategia implica la creazione di un gruppo, meglio essere gli unici amministratori,
per evitare di incorrere in spiacevoli incidenti. Nel virtuale è facile che si sfiorino risse,
pertanto è preferibile tenere sempre la situazione sotto controllo (e possibilmente non
essere nemmeno il fattore scatenante).

Casi di successo
• Absolut Vodka: Nel 2013 ha utilizzato WhatsApp in modo decisamente originale per
promuovere il party di lancio di una nuova serie di prodotti

Trovi la versione online di questa guida su https://www.b2bgenius.it/introduzione-al-social-media-marketing/


B2BGenius di Ivan Brignoli
Via Emilio Segrè 4/N
27012, Certosa di Pavia (PV), Italia

In questa pagina:

• Remarketing, upsell e fidelizzazione con Telegram


• Argomenti e temi di successo
• Pubblico di riferimento
• A chi è adatto
• Quanto costa l’advertising di Telegram
• Consigli per una promozione efficace

Remarketing, upsell e fidelizzazione con


Telegram
Telegram, insieme a WhatsApp, rappresenta uno dei giganti della messaggistica ed è di fatto il suo
rivale più importante. Meno utilizzato in Italia, fornisce invece tantissime funzionalità utili sia per i
privati che per le aziende, nonché molteplici strumenti per gestire il rapporto con i propri clienti.

Tra le peculiarità che la rendono una app da tenere in seria considerazione, ci sono soprattutto i
livelli di sicurezza, ben lontani dai prodotti di casa Zuckerberg. Telegram infatti ha puntato molto
sulla privacy dei suoi utenti, che protegge in diversi modi.

Innanzitutto, permette lo scambio di messaggi senza la necessità che la controparte metta a


disposizione il proprio numero di telefono, ma usando solamente il nome utente. Inoltre, i messaggi
inviati e ricevuti sono protetti da due livelli di crittografia: quella server-client, disponibile anche su
WhatsApp, che impedisce all'azienda Telegram di leggere il contenuto dei messaggi dei suoi utenti;
quella client-client, che si attiva aprendo chat segrete che non si possono screenshottare o inoltrare
in altre conversazioni.

Il vero game-changer dell'app però, ciò che la fa spiccare nel panorama delle applicazioni di
messaggistica, è la presenza dei bot, più efficienti ed avanzati di quelli dei competitor. I bot possono
essere aggiunti all'interno dei gruppi oppure aperti in una conversazione a sé, e possono rivelarsi
veramente utili, in quanto compiono azioni sulla base delle risposte degli utenti: possono per
esempio fungere da avvisi/reminder, rispondere automaticamente alle domande dei clienti, aiutare
nella ricerca di determinati elementi, divulgare contenuti ad utenti specifici e così via. Inoltre, la
piattaforma è open-source e chiunque può programmare un bot per rispondere alle proprie
esigenze.

È inoltre possibile creare sia channels, ovvero canali di comunicazione analoghi ai broadcast di
WhatsApp ma senza la possibilità di replica da parte degli utenti, sia gruppi per favorire la
discussione diretta.

Trovi la versione online di questa guida su https://www.b2bgenius.it/introduzione-al-social-media-marketing/


B2BGenius di Ivan Brignoli
Via Emilio Segrè 4/N
27012, Certosa di Pavia (PV), Italia

Anche su Telegram è possibile fare pubblicità, con qualche accortezza. Per quanto riguarda l’utilizzo
come strumento pubblicitario infatti, valgono esattamente le stesse considerazioni fatte per
WhatsApp. In particolare, Telegram è più utile per fare remarketing, upselling e fidelizzazione del
cliente che per sponsorizzare direttamente un'attività o un prodotto in sé (Marketing diretto).

Argomenti e temi di successo


Visto il livello di privacy mantenuto dal social, è difficile ottenere statistiche realistiche. Al momento,
per lo più è utilizzato da utenti che hanno in qualche modo a che fare con la tecnologia, la cultura, la
scienza e lo svago, ma i segmenti di utilizzo presto potrebbero espandersi a 360°. Alcuni esempi:

• Scienza e tecnologia (Computer, internet, telefonia, criptovalute, spazio …)


• Divulgazione, cultura, educazione e apprendimento (Libri/e-book, corsi, mostre, eventi …)
• Arte e fotografia
• Economia, politica
• Svago e divertimento, mass media e intrattenimento
• Le passioni personali (sport, giochi, musica, fitness …)
• Materiale per adulti

Il target di utenza
Età – Non esistono statistiche affidabili, attualmente il pubblico è piuttosto giovane ma è possibile
che si espanda nel corso del tempo come è successo per altri social.

Sesso – Ambosessi.

A chi è adatto
Così come abbiamo detto per WhatsApp, anche Telegram può agevolare il rapporto diretto con
l’utente o il cliente, mantenendo il contatto intimo ma lavorando allo stesso tempo su larga scala.
Vero è però che sono davvero in pochi ad utilizzare Telegram in Italia, motivo per cui diventa difficile
elaborare una vera e propria strategia che ne implichi l'uso. Ad ogni modo, l’uso di questa app di
messaggistica cresce sempre di più, specialmente tra i giovani interessati alla tecnologia, ed
i professionisti di medio/alto livello in genere. Pertanto, può essere un valido mezzo per interagire
con i propri seguaci più fedeli, a maggior ragione se utilizzato come mezzo di comunicazione
integrativo di strategie social di più ampio respiro (su LinkedIn ad esempio, social particolarmente
adatto alla promozione professionale).

Inoltre, Telegram può essere una buona alternativa a WhatsApp come mezzo di comunicazione per i
negozi, i professionisti ed in genere le attività locali: Utilizzandolo da subito come mezzo di
comunicazione, chiunque potrebbe garantirsi in un futuro prossimo qualche vantaggio competitivo
rispetto a chi invece ancora non lo utilizza.

Trovi la versione online di questa guida su https://www.b2bgenius.it/introduzione-al-social-media-marketing/


B2BGenius di Ivan Brignoli
Via Emilio Segrè 4/N
27012, Certosa di Pavia (PV), Italia

Quanto costa fare advertising su Telegram


Al momento non è possibile fare pubblicità a pagamento su Telegram.

Consigli per una promozione efficace


• Sbagliare target è molto facile. Considerando il bacino ristretto di utenti che usano
Telegram, si corre il rischio di recapitare il messaggio a un bacino di utenza che non è per
niente interessato a quello che abbiamo da dire. È bene Valutare quindi a monte di tutto se
il tuo target di riferimento è presente su Telegram e se ne fa un uso attivo.

• Lo scopo principale delle app di messaggistica usate a scopi commerciali è l'interazione


diretta. Se decidi di creare un gruppo per promuovere un prodotto o un servizio, ricorda che
gli utenti entreranno a farne parte per avere un contatto diretto con l'azienda o il brand. Se
questa interazione viene a mancare, se il gruppo in questione rimane inattivo, l'interesse
svanirà in poco tempo. Per questo l'uso di app come Telegram può rivelarsi un'arma a
doppio taglio.

Trovi la versione online di questa guida su https://www.b2bgenius.it/introduzione-al-social-media-marketing/


B2BGenius di Ivan Brignoli
Via Emilio Segrè 4/N
27012, Certosa di Pavia (PV), Italia

In questa pagina:

• La pubblicità Business to Business con


LinkedIn
• Argomenti e temi di successo
• Pubblico di riferimento
• A chi è adatto
• Quanto costa l’advertising su LinkedIn
• Consigli per una promozione efficace
• Casi di successo

La pubblicità Business to Business con


LinkedIn
LinkedIn è il social dei professionisti e della comunicazione B2B, ovvero Business to Business. La
piattaforma, nata intorno al 2002, si pone come obiettivo primario quello di fornire un luogo idoneo
per fare rete tra imprese e professionisti. Se si è in cerca di lavoro, LinkedIn quindi è il posto perfetto
per farsi conoscere dalle aziende e dai recruiters. LinkedIn è anche il social adatto ad ottenere nuovi
clienti interessati ai servizi ed ai prodotti che abbiamo da offrire, a patto che siano inerenti temi
molto specifici. In un certo senso, lo si può paragonare ad una sorta di Facebook del mondo del
lavoro.

Attraverso un profilo privato, sulla piattaforma possiamo rendere note le nostre esperienze
lavorative e le competenze che abbiamo acquisito grazie ad esse, e allo stesso tempo abbiamo la
possibilità di ottenere feedback e raccomandazioni da parte di chi ha collaborato con noi, così da
aumentare la visibilità all’interno della rete professionale del settore di riferimento di cui facciamo
parte. Inoltre, possiamo creare una pagina business per pubblicare eventi, offerte, prodotti e servizi
che la nostra impresa offre.

Fare marketing con LinkedIn richiede perspicacia e abilità nel comunicare: il target di riferimento è
medio/alto in termini di educazione e spesso le tecniche di marketing che funzionano bene per le
masse, non funzionano altrettanto bene su LinkedIn. Gli utenti di LinkedIn inoltre, sono molto
meno reattivi rispetto agli altri social. Si tratta di segmenti di pubblico tendenzialmente molto più
“prudenti”, che dedicano poco tempo al social e solo a scopo professionale, quindi le interazioni
(Like, commenti, etc.) sono molto poche.

Per questi motivi, LinkedIn è spesso controindicato per gli influencer e gli opinionisti (Se non in
categorie molto specifiche) per i quali sono più consigliati social “di massa” come YouTube ad
esempio.

Trovi la versione online di questa guida su https://www.b2bgenius.it/introduzione-al-social-media-marketing/


B2BGenius di Ivan Brignoli
Via Emilio Segrè 4/N
27012, Certosa di Pavia (PV), Italia

Argomenti e temi di successo


LinkedIn è il social perfetto per la comunicazione industriale, interaziendale e tra professionisti. Le
aree tematiche più comuni:

• Tecnologia e innovazione
• Lavoro, recruiting e temi annessi
• Commercio, marketing e grandi imprese
• Divulgazione, cultura, educazione di alto livello (Libri/e-book, corsi, mostre, eventi …)
• Economia e finanza
• Personaggi pubblici (In campo imprenditoriale e industriale, motivatori o figure tecniche di
spicco)
• Professionisti a contatto con imprese e industrie
• Principalmente servizi e prodotti per il mercato business to business (B2B)

Al contrario degli altri social, LinkedIn è assolutamente inadatto alla promozione di prodotti e servizi
legati alle esigenze del singolo consumatore. Quindi, non è consigliato a professionisti e imprese che
operino nell’area del Business to Consumer (B2C), per i quali invece è preferibile utilizzare social più
adatti come Instagram o Facebook.

Il target di utenza
Età – Qualsiasi età > 18 anni. In particolare, LinkedIn è l’unico social con una corposa fetta di utenti
oltre i 65 anni.

Sesso – Ambosessi, con una leggera prevalenza maschile.

A chi è adatto
LinkedIn de facto è un social incentrato sul lavoro, nato quindi con l’obiettivo di facilitare il contatto
fra chi cerca e chi offre posizioni lavorative. Su LinkedIn sono numerose le offerte di lavoro che è
possibile consultare. I recruiter delle grandi aziende trovano nuovi possibili candidati proprio grazie a
LinkedIn. Quindi il social rappresenta in primis un ottimo trampolino di lancio per chi sta entrando
per la prima volta nel mondo del lavoro e vuole mostrare di cosa è capace.

Premesso questo, chiunque può ritagliarsi il proprio spazio su LinkedIn. I professionisti e le aziende
ovviamente, sono gli utenti di riferimento di questo social network. Grazie alla piattaforma infatti,
entrambi i soggetti hanno l’opportunità di farsi conoscere in settori specifici, aumentare il numero
di contatti/follower e quindi creare nuovi canali di comunicazione e funnel di vendita.

In particolare, le aziende che più traggono beneficio dalla presenza su LinkedIn sono i big brand che
portano costantemente innovazione, novità, eventi. Più difficile invece è il percorso per le piccole e
medie imprese, per le quali spesso è necessario “fare rete” sinergicamente con professionisti di altre
imprese.

Trovi la versione online di questa guida su https://www.b2bgenius.it/introduzione-al-social-media-marketing/


B2BGenius di Ivan Brignoli
Via Emilio Segrè 4/N
27012, Certosa di Pavia (PV), Italia

Quanto costa fare advertising su LinkedIn


La promozione su LinkedIn è probabilmente la più costosa , seconda probabilmente solo alla
pubblicità a pagamento di Twitter. È possibile fare pubblicità a pagamento sia tramite post
sponsorizzati, sia tramite i messaggi inMail che recentemente sono stati introdotti anche in Italia.
Per quanto riguarda i post sponsorizzati, si arriva normalmente a spendere 3 € / 5 € per ogni click
(CPC), corrispondenti a circa 500/1000 visualizzazioni del post. Più o meno la stessa cifra viene spesa
per inviare un singolo messaggio inMail.

Consigli per una promozione efficace


• No a profili vuoti e incompleti. Il tuo account su LinkedIn funge da biglietto da visita per ogni
persona che lo visita, che sia un cliente o un recruiter. Per questo curarlo e renderlo
appetibile è essenziale. Pensa ad una headline accattivante, completa ogni sezione e
aggiungi immagini e link come se fosse il tuo portfolio online. Vuoi dimostrare di essere
davvero uno dei migliori in quello che fai? Una buona strategia comunicativa su LinkedIn non
deve limitarsi ad affermarlo:

Show, don't tell

Su LinkedIn “dirlo” non è sufficiente ed è anzi necessario dimostrarlo in modo tangibile,


cosa molto difficile per chi è alle prime armi. Per ottenere migliori risultati dunque, meglio
un profilo ricco di report, slide, dati, casi di successo e tutto ciò che possa dimostrare a chi
viene a dare un'occhiata quanto davvero vali nel tuo campo.

• LinkedIn offre anche la possibilità di condividere contenuti su una timeline, come Facebook.
Ma tieni a mente che NON è Facebook: evita quindi di condividere post su argomenti
personali, a meno che questi non abbiano una chiave di lettura interessante da un punto di
vista professionale.

• La chat è utile, ma a scopi lavorativi. Per qualche motivo negli ultimi anni si è diffuso il trend
di usare LinkedIn come un sito di incontri. Niente di più sbagliato. Il rischio è di danneggiare
la tua reputazione o peggio ancora quella dell’azienda di cui fai parte.

• Anche i messaggi inMail possono essere molto efficaci, se utilizzati con parsimonia (Visto
anche il costo!) e se contenenti messaggi studiati appositamente per il destinatario.

Casi di successo
• Deloitte: La più grande impresa al mondo per quanto riguarda i servizi di consulenza, utilizza
LinkedIn sia come mezzo pubblicitario sia per attirare e assumere nuovi candidati.
• Richard Branson: A capo del gruppo Virgin Interactive, Richard condivide su LinkedIn sia
momenti della sua vita che lavorativi, aggiungendo sempre interessanti spunti di riflessione.

Trovi la versione online di questa guida su https://www.b2bgenius.it/introduzione-al-social-media-marketing/


B2BGenius di Ivan Brignoli
Via Emilio Segrè 4/N
27012, Certosa di Pavia (PV), Italia

In questa pagina:

• La pubblicità su YouTube
• Argomenti e temi di successo
• Pubblico di riferimento
• A chi è adatto
• Quanto costa l’advertising su YouTube
• Consigli per una promozione efficace
• Casi di successo

La pubblicità su YouTube
YouTube è il gigante dello streaming video sul web, e quindi del video marketing. Non è l'unico, e i
suoi competitor (Dailymotion e Vimeo, fra tutti) non sono da meno, ma nessuno di loro raggiunge i
numeri che YouTube ha ottenuto nel corso degli anni.

Il bacino di utenti è molto vasto, data anche la diversità dei contenuti che la piattaforma offre. Su
YouTube infatti è possibile trovare qualsiasi tipo di video e si spazia dai video tutorial di make-up o
cucina, ai video di intrattenimento, divulgativi, per bambini fino alle serie web di alta qualità.

Da non sottovalutare il fatto che i contenuti siano fruibili e pubblicabili gratuitamente. Insomma,
chiunque abbia una videocamera, può diventare una star di YouTube. YouTube dà anche la
possibilità di monetizzare dai video, così da permettere un guadagno in base al numero di
visualizzazioni, grazie alla pubblicazione di brevi spot pubblicitari all'inizio o durante la riproduzione
dei video, tramite la pubblicazione di banner etc.

Argomenti e temi di successo


Tutti. Al pari della televisione e a patto di trovare la chiave di lettura corretta, YouTube può essere
utilizzato per sponsorizzare attività commerciali, prodotti e servizi di qualsiasi tipo sia in area
Business to Consumer (B2C) che nel Business to Business (B2B). Si spazia dai recenti video di
unboxing di nuovi giochi, alla recensione di strumenti e libri, ai video motivazionali e divulgativi, ai
racconti di viaggi avventurosi e molto altro. YouTube è adatto a qualsiasi mercato e a qualsiasi
target:

• Lo svago ed il divertimento, le relazioni personali


• Il gossip, la politica, le novità e le curiosità di tutti i tipi, le informazioni d'attualità
• Animali e natura, ecologia e green-style
• Alimenti e temi correlati all’alimentazione (Ricette, nutrizionisti, ristoranti e pizzerie ...)
• Arte, musica

Trovi la versione online di questa guida su https://www.b2bgenius.it/introduzione-al-social-media-marketing/


B2BGenius di Ivan Brignoli
Via Emilio Segrè 4/N
27012, Certosa di Pavia (PV), Italia

• Divulgazione, cultura, educazione e apprendimento (Libri/e-book, corsi, mostre, mentoring,


eventi …)
• Viaggi e tempo libero
• Commercio, marketing e grandi imprese
• Le passioni personali (sport, giochi, musica, tecnologia …)
• I bisogni individuali (Abbigliamento e fashion, immobili, lavoro ...)
• Salute, benessere, estetica e in genere il tema del Wellness
• Scienza e tecnologia (Computer, internet, telefonia, criptovalute, spazio …)
• Cinema e mass media, professionisti dell’immagine (fotografi, grafici, videomaker ...)
• Personaggi pubblici e professionisti in tutte le aree (youtuber, influencer, politici, cantanti,
attori, blogger, specialisti tecnici, avvocati … chiunque può raccontare qualcosa)

Chiunque sia in grado di realizzare dei video interessanti può creare un video, pubblicarlo e
sponsorizzarlo su YouTube per aumentare visibilità e clienti.

Il target di utenza
Età – Qualsiasi età. YouTube è utilizzato dai 3 anni di età in su, fino ad oltre i 75 anni.

Sesso – Ambosessi.

A chi è adatto
Il marketing su YouTube è alla portata di tutti: Chiunque sia a proprio agio di fronte alla telecamera
può tentare la strada della promozione tramite YouTube. La piattaforma ospita contenuti di vario
genere, pertanto le possibilità di ritagliarsi uno spazio sono pressoché infinite. Puoi utilizzarlo per
dare consigli utili e “tips”, per raccontare la tua esperienza personale, oppure puoi inserire video con
una strategia di storytelling progettata per raccontare in cosa eccelle la tua azienda o i fantastici
vantaggi dei tuoi prodotti.

Siamo nell'era dell'immagine, e le piattaforme che si basano sul visuale, come Instagram di cui
abbiamo parlato prima, sono quelle che con molta probabilità rimarranno più a lungo. D’altronde
sullo stesso concetto si basa la Televisione, che dopo oltre 70 anni di onorata carriera rimane ancora
oggi il mezzo divulgativo e promozionale per eccellenza, con la più ampia platea di utilizzatori.

La prima chiave per il successo su YouTube è senza dubbio la capacità di produrre contenuti
spettacolari, che catturano l'attenzione e veicolano messaggi che vanno dritti al punto in poco
tempo. La seconda chiave di successo è servire il contenuto giusto allo spettatore giusto, la terza di
servirlo al momento giusto.

Se hai esperienza nella produzione video ed hai i mezzi necessari per creare contenuti video di
qualità, sei già a metà strada. Ricorda però che crescere su una piattaforma così densa di contenuti
non è facile; per questo motivo una buona dose di storytelling, condita con pazienza, originalità e un
pizzico di sperimentazione, sono assolutamente fondamentale per imporsi nel panorama degli
youtubers, in qualsiasi settore.

Trovi la versione online di questa guida su https://www.b2bgenius.it/introduzione-al-social-media-marketing/


B2BGenius di Ivan Brignoli
Via Emilio Segrè 4/N
27012, Certosa di Pavia (PV), Italia

Quanto costa fare advertising su YouTube


I costi della sponsorizzazione video su YouTube cambiano molto in base al formato del video
pubblicato ed al settore di riferimento, a grandi linee il costo si aggira tra i 10 € ed i 40 € per 1000
visualizzazioni del video (Normalmente 1 visualizzazione corrisponde ad 1 utente che guarda il video
per almeno 30 secondi).

Consigli per una promozione efficace


• La qualità dei video è uno degli aspetti più importanti, ma anche la qualità dei contenuti. Se
a livello visivo il video risulta scarso e studiato male, con un editing poco creativo, è difficile
che venga visto. Se quello che si racconta non ha una narrazione ideata appositamente per
ciò che si vuole comunicare, il risultato sarà quello di avere uno spettatore annoiato, pronto
a cambiare video dopo pochi secondi.

• Contenuti video copiati da altri canali e dunque poco originali danno allo spettatore
un'impressione pessima. Tieni a mente che gli utenti dei social, soprattutto quelli che fanno
parte delle nuove generazioni, sono bravissimi a scovare tentativi di plagio, anche quando
sono camuffati benissimo. Cerca di essere più creativo possibile.

• Il contatto con il pubblico è un elemento da non sottovalutare. Anche nel caso in cui tu
abbia deciso di aprire un canale divulgativo su YouTube, ricorda che la vera rivoluzione
consiste nel contatto diretto che chi ti ascolta ha con te. Per cui non dimenticare di
rispondere ai commenti, meglio se all'interno di un video stesso, dedicandone per esempio
uno ad una sessione di Q&A: domande e risposte.

• Per massimizzare l’efficacia, i video prodotti possono essere condivisi sulle pagine del tuo
sito web, tramite altri profili social pubblici, via mail, o ancora utilizzando canali di
comunicazione più intimi e molto efficaci come WhatsApp o Telegram.

Casi di successo
• Reti televisive e mass media: Per ovvi motivi, Rai, Mediaset, La7 e molte altre reti televisive
sono presenti su YouTube.
• McDonald’s: Utilizza efficacemente YouTube per reclamizzare nuovi prodotti, offerte e
novità.

Trovi la versione online di questa guida su https://www.b2bgenius.it/introduzione-al-social-media-marketing/


B2BGenius di Ivan Brignoli
Via Emilio Segrè 4/N
27012, Certosa di Pavia (PV), Italia

Sviluppare una social media strategy efficace


Ecco alcuni consigli validi per tutti i social, che possono fare la differenza tra una strategia di
marketing di successo ed una totalmente inefficace:

• Non è necessario essere presenti su tutti i social. Per capire se un certo social ci è utile a
livello promozionale, dobbiamo prima di tutto interpretare bene a quale scopo viene
utilizzato dagli utenti e per quali temi. Alcuni social funzionano meglio di altri per certi
argomenti e per certi settori, ed ogni profilo social richiede tempi e costi per essere
mantenuto. Meglio scegliere bene fin da subito i social che si adattano meglio alle nostre
esigenze.
• Essere attivi è fondamentale per tutti i social. Postare/pubblicare regolarmente contenuti
interessanti per la nicchia di pubblico di riferimento a cui ci rivolgiamo. Se non c'è valore
aggiunto, se non c'è "sostanza" nel contenuto, il contenuto stesso è inutile.
• La chiave del successo sui social è essere proattivi nello stimolare una discussione. Le pagine
più seguite ed i contenuti più virali, spesso lo sono perché molte persone hanno sentito
l’esigenza di interagire con essi. Stimola i tuoi seguaci a porre domande e ad esprimere la
loro opinione, sii reattivo nelle risposte, fornisci consigli e dritte e così via. Non è solo il
numero di follower a fare l’autorità di una pagina, così come non è il numero di like ad un
post l’unico metro di giudizio per stabilire se un contenuto sia virale o meno. La quantità e
l’attinenza dei commenti, le condivisioni, il numero di utenti che ritorna sono metriche ben
più importanti e difficilmente “falsabili” per definire se un contenuto sia interessante.
• Partecipare attivamente alle discussioni di altre pagine, ad esempio aggiungendo commenti
utili, consigliando e offrendo aiuto agli utenti, citando la tua pagina o i prodotti che vendi,
comunicando offerte speciali etc. può essere un buon modo per fare awareness, attirare
nuovi visitatori e costruire un'opinione di sé stessi, di un brand o della tua pagina personale
in modo sano e organico. Soprattutto se la pagina o il contenuto su cui si discute sono molto
seguiti, e soprattutto se si riesce a commentare ai primi posti (I primi commenti sono
sempre i più letti, per ovvi motivi). La tempestività è fondamentale!
• Allo stesso modo, può essere utile condividere post e informazioni altrui se attinenti. Sulla
maggior parte dei social network esistono gruppi dedicati alla ricerca di collaborazioni, dove
si possono trovare social media manager di business affini o correlati disposti a collaborare
per far crescere sinergicamente entrambi i profili. Non solo banalmente discutendo e
condividendo reciprocamente i post, ma anche creando contenuti congiunti come offerte e
sconti ad esempio, o comunque qualcosa che rappresenti un vantaggio per i clienti.
• Utilizzare foto e grafica di qualità ove possibile. Meglio ancora, video. La bellezza, la
"forma", è parte fondamentale di qualsiasi interazione sociale. L’abito fa il monaco!
• Titoli accattivanti e testi brevi e incisivi fanno la differenza. La maggior parte della platea
ama per lo più guardare le immagini, seguire i video e leggere i titoli, ed è meno disposta a
leggere lunghe descrizioni. La lettura è appannaggio solo di chi è particolarmente
interessato all'argomento.
• Nei titoli, nelle descrizioni ed in genere nei testi è sempre buona cosa inserire in modo
naturale qualche parola chiave attinente, per renderne semplice la ricerca da parte degli

Trovi la versione online di questa guida su https://www.b2bgenius.it/introduzione-al-social-media-marketing/


B2BGenius di Ivan Brignoli
Via Emilio Segrè 4/N
27012, Certosa di Pavia (PV), Italia

utenti. Un contenuto può essere molto interessante, ma se non viene trovato da nessuno
non è di alcuna utilità.
• In molti social è possibile impostare tag o #hashtag nel testo, ad esempio Twitter, Facebook,
Instagram, YouTube e Tumblr. Pochi hashtag, ma selezionati molto accuratamente, possono
migliorare sensibilmente la visibilità di qualsiasi contenuto. Gli hashtag molto brevi
tendenzialmente sottintendono bacini di utenza più ampi, ma sono meno mirati in termini di
significato. Viceversa, gli hashtag lunghi sono più specifici e mirati, ma tendenzialmente
fanno riferimento ad un pubblico di dimensione inferiore. Ad esempio #casa sarà visibile ad
un pubblico sicuramente superiore a #casainaffitto, #arredamentocasa o #casadiriposo, che
invece sottintendono concetti molto più specifici.
• Citare altri brand o persone/personaggi pubblici può essere un buon modo per iniziare una
discussione su molti social... Se fatto in modo appropriato e senza cadere nella banalità o,
peggio ancora, in una gaffe o in un'offesa.
• È importante utilizzare tutte le funzioni disponibili dal social per rendere il profilo il più
possibile completo e gradevole alla vista, con le informazioni più utili agli utenti in primo
piano. Ad esempio, orari di apertura, promozioni e offerte con foto e prezzi, prodotti o
servizi più utilizzati con foto, descrizione e prezzi, indicazioni su come raggiungere l'attività
se appropriate, e soprattutto su come contattare l'attività (Su alcuni social è possibile anche
inserire un pulsante) per ottenere rapidamente informazioni e creare nuove relazioni e
fidelizzazione del cliente.
• In che ore/giorni pubblicare per raggiungere il massimo del rendimento? Nei momenti in cui
le persone hanno tempo da dedicare al social. Indicativamente:

Dal lunedì al venerdì - Principalmente durante la pausa pranzo (12.00-14.00), nel


dopocena o prima serata (20.00-22.00).

Sabato, domenica e festività – Sempre, soprattutto nelle fasce già indicate dal lunedì
al venerdì.

Le fasce orarie riportate sono molto indicative e possono cambiare molto in base alle regioni
di destinazione, ai segmenti di destinazione, al tipo di post, al social etc. I giovani ad esempio
tendono ad essere sempre online, i più adulti invece di giorno lavorano, fanno la spesa etc.

• Sviluppare un piano di marketing con un orizzonte temporale di almeno qualche mese e con
qualche particolare attenzione agli eventi importanti (festività, fiere, etc.) ci può aiutare a
mantenere sempre vivo l’account ed a proporre offerte agli utenti nei momenti più efficaci.
• È sempre consigliabile utilizzare un po’ di advertising a pagamento per circoscrivere meglio
le tendenze del proprio pubblico di riferimento ed iniziare a far crescere il profilo, se la
piattaforma lo consente.
• Per i business piccoli, la crescita in termini di visibilità sui social è sempre progressiva.
All'inizio può essere difficoltoso, ma con l'acquisizione di followers cresce di conseguenza il
bacino di utenti interessati ai contenuti e disposti a condividerli e a parlarne.
• Chi porta novità interessanti e innovazione di tutti i tipi è molto avvantaggiato: le novità
piacciono e vengono spesso condivise e discusse!

Trovi la versione online di questa guida su https://www.b2bgenius.it/introduzione-al-social-media-marketing/


B2BGenius di Ivan Brignoli
Via Emilio Segrè 4/N
27012, Certosa di Pavia (PV), Italia

Assolutamente da evitare
• Acquistare like, follower, commenti finti. Per lo più si tratta di profili falsi, hackerati o
comunque INATTIVI. In tutti i casi l'effetto che si ottiene è nullo o peggio, esattamente
L'OPPOSTO di quello desiderato: Gli algoritmi sono in genere in grado di rilevare questo tipo
di attività ed abbassare di conseguenza la reputazione e visibilità del relativo profilo.
• Lasciare il social inattivo o, al contrario, bersagliare continuamente gli utenti con messaggi e
post, a maggior ragione se puramente a scopi pubblicitari. È necessario raggiungere un buon
compromesso fra questi due estremi. Fare pubblicità va bene, ma è necessario dare
prevalenza ad altro per non annoiare l’utente.
• Creare profili incompleti o con informazioni fasulle.

Conclusioni
Quello che ti abbiamo appena descritto non è che una parte di ciò che il mondo dei social network
ha da offrire, e se è la prima volta che ti cimenti nel social media marketing, devi armarti di pazienza
e voglia di sperimentare per avere successo. Non ti resta che scegliere il social che ritieni più adatto,
ed iniziare il viaggio.

buona fortuna!

Ringraziamenti

Per la realizzazione dei contenuti di questa guida, si ringraziano, in ordine alfabetico:

▪ Ivan Brignoli
▪ Daria Costanzo
▪ Simone Fiorentini

Trovi la versione online di questa guida su https://www.b2bgenius.it/introduzione-al-social-media-marketing/