Sei sulla pagina 1di 202

REPUBBLICA ITALIANA

Bollettino Ufficiale
Regione del Veneto
Venezia, venerdì 20 dicembre 2019 Anno L - N. 147

DECRETI DEL
COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI
URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA
DEGLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI
CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO
DELLA REGIONE VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL
5 NOVEMBRE 2018

Direzione - Redazione
Dorsoduro 3901, 30123 Venezia - Tel. 041 279 2862 - 2900 - Fax. 041 279 2905
Sito internet: http://bur.regione.veneto.it e-mail: uff.bur@regione.veneto.it
Direttore Responsabile avv. Mario Caramel
SOMMARIO

PARTE QUARTA

ATTI DI ENTI VARI

Protezione civile e calamità naturali

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE


CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE
HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE VENETO, DAL 27
OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1246 del 3 dicembre 2019
O.C.D.P.C. n. 558 del 15 novembre 2018. Comune di PERAROLO DI CADORE -
Interventi di cui alla O.C. n. 2 del 20 dicembre 2018, Allegato A1 e B1. Importo totale
finanziato Euro 212.322,66. Determinazione del contributo definitivo Euro 199.352,21.
Acconto erogato Euro 191.090,39. Liquidazione quota definitiva Euro 8.261,82.
Economie totali a valere sulla Contabilità Speciale n° 6108 Euro 12.970,45. 1

Decreto n. 1247 del 3 dicembre 2019


O.C.D.P.C. n. 558 del 15 novembre 2018. Comune di TONEZZA DEL CIMONE -
Interventi di cui alla O.C. n. 2 del 20 dicembre 2018, Allegato B1. Importo totale
finanziato Euro 1.742,61. Determinazione del contributo definitivo Euro 1.742,61.
Acconto erogato Euro 1.568,35. Liquidazione quota definitiva Euro 174,26. 5

Decreto n. 1248 del 3 dicembre 2019


O.C.D.P.C. n. 558 del 15 novembre 2018. Comune di SALGAREDA - Interventi di cui
alla O.C. n. 2 del 20 dicembre 2018, Allegato A1 e B1. Importo totale finanziato Euro
39.447,80. Determinazione del contributo definitivo Euro 39.447,80. Acconto erogato
Euro 35.503,02. Liquidazione quota definitiva Euro 3.944,78. 9

Decreto n. 1249 del 3 dicembre 2019


OCDPC n. 558/2018 - Primi interventi urgenti di protezione civile in conseguenza degli
eccezionali eventi meteorologici che hanno interessato il territorio delle regioni Calabria,
Emilia Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Toscana, Sardegna,
Siciliana, Veneto e delle Province autonome di Trento e Bolzano, colpito dagli
eccezionali eventi meteorologici verificatisi a partire dal mese di ottobre 2018. Ordinanza
Commissariale n. 5 del 02/04/2019 - Allegato A) - Settore idrogeologico Cod. Int. CBBA
N01 - Lavori di ripristino e adeguamento delle arginature del nodo idraulico di
Montegrotto Terme (PD) - CUP F23H19000150002. Soggetto attuatore - Ing. Francesco
Veronese. Studio Ing. Muraro Fabio. Redazione delle relazioni specialistiche Quadro
Ambientale. CIG: Z8E28DB853. LIQUIDAZIONE DI Euro Euro 1.814,38 (IVA
compresa) RELATIVI AL SALDO DEL 10%. 13
Decreto n. 1250 del 5 dicembre 2019
OCDPC n. 558/2018 "Primi interventi urgenti di protezione civile in conseguenza degli
eccezionali eventi meteorologici che hanno interessato il territorio delle regioni Calabria,
Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Toscana, Sardegna,
Sicilia, Veneto e delle provincie autonome di Trento e Bolzano, colpito dagli eccezionali
eventi meteorologici verificatisi a partire dal mese di ottobre 2018". OC. 2/2018
"Approvazione elenchi degli interventi - Impegno di spesa di Euro 13.472.138,71 ed
erogazione di Euro 5.903.639,36". Cod. BIMGEST-106. "ACQUEDOTTO- messa in
sicurezza tratto rete di distribuzione, nei pressi della baita degli alpini, in via Val Piana" -
Comune di Limana. Importo complessivo finanziato Euro 5.000,00. Accertamento spesa
complessivamente sostenuta per l'intervento e liquidazione. 16

Decreto n. 1251 del 5 dicembre 2019


Liquidazione 2° ACCONTO. O.C.D.P.C. n. 558/2018 - O. C. n. 5 del 02/04/2019. Piano
degli interventi di cui al comma 1028 art. 1 L. 145/2018. Progetto UOFE_ 035 -
Realizzazione opere di mitigazione del trasporto solido e del fluitato tramite la
realizzazione di un'opera selettiva a monte della canalizzazione del Rio dei Molin, in
Comune di Rocca Pietore (BL). Versamento di Euro 10.603,53 a favore della Regione del
Veneto per il pagamento della prestazione professionale, soggetta a ritenuta d'acconto,
allo Studio Tecnico Associato Co-sprogetti Group, relativa all'incarico per rilievo,
progetto preliminare-definitivo-esecutivo, computi e capitolati, progetto strutture, studio
geologico, relazione paesaggistica, sondaggi, direzione lavori strutture. 2° ACCONTO.
CUP H53H19000030001. CIG Z802845C35. 19

Decreto n. 1252 del 5 dicembre 2019


O.C.D.P.C. n. 558 del 15.11.2018 - Ordinanza Commissariale n. 9 del 22 maggio 2019.
Cod. Int. CBAR_N03 - Ripristino di frane e scoscendimenti di sponda, rialzo arginale,
interventi di consolidamento e ripristino dei manufatti lungo il Fiume Dese ed il Rio
Draganziolo. - CUP I73H19000140001. Liquidazione di spesa a favore di QUATTRO
EMME SRL - S.A.L. n. 1. CIG 7981477B2C. 22

Decreto n. 1253 del 5 dicembre 2019


O.C.D.P.C. n. 558/2018 - O.C. n. 9 del 22.05.2019. S.U. n. 8/2018 "Lavori di somma
urgenza per ripristino capacità di invaso vasche di accumulo rio Corni stretti e
sghiaiamenti vari in comune di Ospitale di Cadore (BL)" UOFE 006. CIG Z9725D4AC3 -
CUP H52H18000400001. Importo Finanziamento: Euro. 24.800,00. LIQUIDAZIONE a
SALDO Euro 19.923,43 Iva esclusa. 24

Decreto n. 1254 del 5 dicembre 2019


OCDPC 558 del 15/11/2018. O.C. 9/2019: Assegnazione di risorse finanziarie di cui
all'Art. 24 quater del D.L. 23/10/2018 n. 119 convertito, con modificazioni, in Legge
17/12/2019 n. 136. Cod. Int.GCVI_N17, Progetto n. 1377: "Lavori di ripristino,
sistemazione e adeguamento del baci-no per la laminazione delle piene del fiume Guà e
delle opere idrauliche comprese tra la presa e gli scarichi nei comuni di Montecchio
Maggiore e Montebello Vicentino". CUP H33H18000210001. Importo complessivo
progetto : Euro 1.254.600,00. Versamento di Euro 26.644,80 a favore della Regione del
Veneto per il pagamento della presta-zione professionale, soggetta a ritenuta d'acconto, al
Geom. Michele Nicoli relativa all'incarico per la progettazione esecutiva, coordinamento
sicurezza in fase di progettazione e di esecuzione dei lavori nonché assistenza alla D.L.
per la parte relativa a misurazioni , rilievi e contabilizzazione. ACCONTO. CIG
792562617B. 27
Decreto n. 1255 del 5 dicembre 2019
APPALTO 36/2019 SAV - Int. 36 - CUP H93H19000200001 - CIG 8013452DC6.
Aggiudicazione efficace a favore dell'ATI GEOVERTICAL S.R.L. - I.CO.STRA S.R.L.,
da costituirsi in caso di aggiudicazione, per l'esecuzione di opere di difesa dalle valanghe
- sito "Livinallongo del Col di Lana/Livinè" (BL). Importo massimo dell'Accordo
Quadro: Euro 5.220.489,53 di cui Euro 4.853.138,19 soggetto a ribasso d'asta ed Euro
367.351,34 per oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso. Piano degli investimenti di
cui al comma 1028, art. 1, L. 145/2018 dell'Ordinanza n. 5 del 02 aprile 2019. 29

Decreto n. 1256 del 5 dicembre 2019


APPALTO 37/2019 SAV - LOTTO N°1 Int. 85 - CUP H93H19000160001 - CIG
80145117B2. Aggiudicazione efficace a favore della ditta ILESA COSTRUSZIONI
S.R.L. per l'esecuzione di opere di difesa dalle valanghe - sito "Alleghe/Col de Foia -
Colonia" (BL) - LOTTO N°1. Importo massimo dell'Accordo Quadro: Euro 2.214.240,27
di cui Euro 2.087.141,34 soggetto a ribasso d'asta ed Euro 127.098,93 per oneri per la
sicurezza non soggetti a ribasso. Piano degli investimenti di cui al comma 1028, art. 1, L.
145/2018 dell'Ordinanza n. 5 del 02 aprile 2019. 32

Decreto n.1257 del 5 dicembre 2019


APPALTO 37/2019 SAV - LOTTO N° 2 Int. 1 - CUP H93H19000150001 - CIG
8014513958. Aggiudicazione efficace a favore della ditta MORETTI QUINTILIO S.R.L.
per l'esecuzione di opere di difesa dalle valanghe - sito "Alleghe/Soprasac" (BL) -
LOTTO N° 2. Importo massimo dell'Accordo Quadro: Euro 2.163.712,93 di cui Euro
2.029.946,19 soggetto a ribasso d'asta ed Euro 133.766,74 per oneri per la sicurezza non
soggetti a ribasso. Piano degli investimenti di cui al comma 1028, art. 1, L. 145/2018
dell'Ordinanza n. 5 del 02 aprile 2019. 35

Decreto n. 1258 del 5 dicembre 2019


APPALTO 42/2019 SAS - Int. VENSTR-138 - CUP H57H19000460001 - CIG
8014805A4F Aggiudicazione efficace a favore della ditta VENETA21 S.R.L., per
l'esecuzione dei lavori di ripristino ed integrazione opere di protezione in versante e
fermaneve sito "Rocca Pietore" lungo la S.P. 641 "del Passo Fedaia" (BL). Importo
massimo dell'Accordo Quadro: Euro 896.507,53 di cui Euro 869.182,36 soggetto a
ribasso d'asta ed Euro 27.325,17 per oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso. Piano
degli investimenti di cui al comma 1028, art. 1, L. 145/2018 dell'Ordinanza n. 5 del 02
aprile 2019. 38

Decreto n. 1259 del 5 dicembre 2019


APPALTO 47/2019 SAS - Int. VENSTR-164 LOTTO 4 - CUP H37H19000450001 - CIG
80199586B4. Aggiudicazione efficace a favore della ditta LC LAVORI S.R.L., per
l'esecuzione di opere di difesa dalle valanghe sito "Livinallongo del Col di Lana", lungo
S.R. 203 dal km 60+250 al km 60+450 e lungo S.R. 48 dal km 94+800 al km 95+750
(BL). Importo massimo dell'Accordo Quadro: Euro 959.683,17 di cui Euro 901.278,63
soggetto a ribasso d'asta ed Euro 58.404,54 per oneri per la sicurezza non soggetti a
ribasso. Piano degli investimenti di cui al comma 1028, art. 1, L. 145/2018 dell'Ordinanza
n. 5 del 02 aprile 2019. 40
Decreto n. 1260 del 5 dicembre 2019
APPALTO 44/2019 SAS - Int. VENSTR-154b - CUP J97H19000810001 - CIG
8015374FDB. Aggiudicazione efficace a favore della ditta EDIL COSTRUZIONI S.R.L.,
per l'esecuzione dei lavori di consolidamento del ciglio di valle e ripristino profondo
solido stradale in tratti saltuari lungo la S.P. 29 "di Col Falcon" e la S.P. 40 "della Val
Senaiga" di competenza di Veneto Strade S.p.A. - zona A (BL). Importo complessivo
dell'appalto: Euro 817.137,26, di cui soggetto a ribasso d'asta Euro 796.362,81 e Euro
20.774,45 per oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso. Piano degli investimenti di cui
all'art. 24 quater L. 136/2018 dell'Ordinanza n. 9 del 22 maggio 2019. 42

Decreto n.1261 del 5 dicembre 2019


Liquidazione SALDO progettazione definitivo-esecutiva e ANTICIPO 30% direzione
lavo-ri. O.C.D.P.C. n. 558/2018 - O. C. n. 9 del 22/05/2019 Art. 24 quater D. L. 119/2018
- L. 17/12/2018, n. 136. Progetto UOFE_081 "Rimozione depositi alluvionali e
adeguamento opera di trattenuta sul Rio Orsina, in comune di Pieve di Cadore (BL), CUP
J93H19000350001 - CIG Z8D28EFAA1. Importo liquidabile Euro 5.616,47 compreso di
oneri. 45

Decreto n. 1262 del 5 dicembre 2019


OCDPC n. 558/2018 - DPCM 27 febbraio 2019 - Ordinanza n.9/2019 del Commissario
delegato per i primi interventi urgenti di protezione civile in conseguenza degli
eccezionali eventi meteorologici che hanno interessato il territorio della Regione Veneto,
a partire dal mese di ottobre 2018. Affidamento diretto ex art. 36, comma 2, lett- a) del
D.Lgs. n. 50/2016 , a favore della Ditta C.M.I. di Sedico (BL) per nolo a freddo di due
escavatori con tutte le attrezzature da utilizzare nell'ambito della "Prova di Soccorso exe
VAIA". C.U.P. J63H19000350001 C.I.G.Z642998C75. IMPORTO FORNITURA: Euro
4.011,85. LIQUIDAZIONE FATTURA ALL'OPERATORE ECONOMICO C.M.I. SRL. 48

Decreto n. 1263 del 5 dicembre 2019


O.C.D.P.C. n. 558 del 15 novembre 2018. Comune di Valle di Cadore - Interventi di cui
alla O.C. n. 2 del 20 dicembre 2018, Allegato B1. Importo totale finanziato Euro
15.000,00. Determinazione del contributo definitivo Euro 11.996,34. Acconto erogato
Euro 13.500,00. Economie totali quantificate Euro 3.003,66. Economie da restituire alla
C.S. n° 6108 Euro 1.503.66. 50

Decreto n. 1264 del 6 dicembre 2019


Piano degli investimenti di cui all'art.1, comma 1028 della L.145/2018. Ordinanza del
Capo del Dipartimento della Protezione Civile n.558 del 15/11/2018. Ordinanze
Commissariali n.8 del 16/5/2019. Int. CBAE_n.01 - Progettazione relativa
all'"Interconnessione idraulica tra i bacini di bonifica Cavariega e Gorzon Superiore
Frattesina ed il fiume Adige" - Nuovo canale scolmatore del Fiume Adige a servizio dei
bacini idraulici di bonifica Cavariega e Gorzon Superiore Frattesina CUP
B23H16000010001. Accertamento delle economie derivanti dal ribasso d'asta dell'appalto
di cui al proprio Decreto n. 691 del 16/09/2019. Accantonamento somma pari a Euro
10.400,00 quale rimborso dei costi diretti e indiretti riconducibili alle attività sostenute
per l'espletamento delle funzioni affidate di cui all'art.5 della Convenzione tra il
Commissario Delegato e il Soggetto Attuatore. 54
Decreto n. 1265 del 6 dicembre 2019
Liquidazione 1° ACCONTO. O.C.D.P.C. n. 558/2018. Progetto UOFE_059 "Svaso della
vasca di sedimentazione a tergo dell'opera di trattenuta e completamento delle
sistemazioni idrauliche di mitigazione di trasporto solido, Rio Deppo in comune di
Domegge di Cadore". Affidamento incarico per il rilievo topografico, progettazione
definitivo-esecutiva, direzione lavori, eventuale coordinamento sicurezza in fase di
progettazione e esecuzione e conta-bilizzazione. CUP J63H19000270001, CIG
Z7E28FF196. Importo liquidabile Euro 16.638,57 compreso di oneri. 57

Decreto n. 1266 del 6 dicembre 2019


OCDPC n. 558/2018 - DPCM 27 febbraio 2019 - Ordinanza n.9/2019 del Commissario
delegato per i primi interventi urgenti di protezione civile in conseguenza degli
eccezionali eventi meteorologici che hanno interessato il territorio della Regione Veneto,
a partire dal mese di ottobre 2018. Intervento Sostitutivo ai sensi dell'art. 4 comma 2 del
D.P.R. 207/2010 per inadempienze contributive della Ditta Bar Ristorante Pizzeria Iris di
Galvan Massimo (affidamento diretto ex art. 36, comma 2, lett- a) del D.Lgs. n. 50/2016
del servizio di ristorazione per colazioni e cene da erogare nell'ambito della "Prova di
Soccorso exe VAIA". C.U.P. J63H19000350001 C.I.G Z2B2904DEE). Liquidazione di
Euro 1.818,18 a favore dell'INPS di Vicenza e di Euro 181,82 a favore dell'Erario. 61

Decreto n. 1267 del 6 dicembre 2019


O.C.D.P.C. n. 558/2018 - "Emergenza derivante dalle eccezionali avversità atmosferiche
verificatisi nei giorni dal 27 ottobre al 5 novembre 2018, nel territorio della Regione del
Veneto". Progetto n. 1050: "Lavori di somma urgenza sul torrente Padola a seguito
dell'erosione della sponda destra in località Lacuna in comune di San Nicolò di Comelico
(BL)". Importo complessivo intervento Euro 350.000,00. - Liquidazione S.A.L. n. 1. CUP
H75B18002070002 - CUP (per lavori aggiuntivi) J76B18000500001. CIG 7694994DEB -
CIG (per lavori aggiuntivi) 7975701CAA. Ordinanza Commissariale n. 9 del 22/05/2019
- Allegato B - Intervento GCBL_022. 63

Decreto n. 1268 del 6 dicembre 2019


O.C.D.P.C. n. 558/2018 - O.C. n. 9 del 22.05.2019 - O.C. n. 13 del 16/09/2019. S.U. n.
14/2018 "Lavori di somma urgenza per ripristino della funzionalità idraulica del torrente
Petto-rina e suoi affluenti in comune di Rocca Pietore (BL)". UOFE 012. CIG
769513524A CUP H52H18000370001. IMPORTO FINANZIAMENTO Euro
348.000,00. LIQUIDAZIONE II^ SAL Euro 19.111,31 Iva esclusa. 65

Decreto n. 1269 del 6 dicembre 2019


O.C.D.P.C. n. 558/2018 - O.C. n. 13 del 16.09.2019. S.U. n. 14/2018 "Lavori di somma
urgenza per ripristino della funzionalità idraulica del torrente Petto-rina e suoi affluenti in
comune di Rocca Pietore (BL)". UOFE 012. CIG 769513524A CUP H52H18000370001
- PRINCIPALE. CIG. 7941503F94 CUP J53H18000220001 - AGGIUNTIVO.
IMPORTO FINANZIAMENTO Euro 348.000,00. LIQUIDAZIONE III^ SAL Euro
79.941,98 Iva esclusa. 68

Decreto n. 1270 del 6 dicembre 2019


O.C.D.P.C. n. 558/2018 - O.C. n. 9 del 22.05.2019. Somma Urgenza n. 1/19 - Lavori di
somma urgenza per ripristino e messa in sicurezza di difese spon-daliDdanneggiate lungo
il Ru Calchere in comune di San Tomaso Agordino (BL)". UOFE N86. CIG 79131455D4
- CUP J13H19000310001. Importo finanziamento Euro 372.000,00. Liquidazione II^
SAL Euro 41.324,19 Iva esclusa. 71
Decreto n. 1271 del 6 dicembre 2019
O.C.D.P.C. n. 558/2018 - O.C. n. 13 del 16.09.2019. S.U. n. 7/2019 "Lavori di somma
urgenza per la realizzazione di opere idrauliche lungo il Rif de Gares a salvaguardia delle
strutture e infrastrutture del nucleo abitativo di Gares in comune di Canale d'Agordo
(BL)". CIG 7969073F10 - CUP J23H19000330001. IMPORTO FINANZIAMENTO
Euro. 200.000,00. LIQUIDAZIONE I^ SAL Euro 68.319,00 Iva esclusa. 74

Decreto n. 1272 del 6 dicembre 2019


OCDPC n. 558/2018 "Primi interventi urgenti di protezione civile in conseguenza degli
eccezionali eventi meteorologici che hanno interessato il territorio delle regioni Calabria,
Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Toscana, Sardegna,
Sicilia, Veneto e delle provincie autonome di Trento e Bolzano, colpito dagli eccezionali
eventi meteorologici verificatisi a partire dal mese di ottobre 2018". OC. 2/2018
"Approvazione elenchi degli interventi - Impegno di spesa di Euro 13.472.138,71 ed
erogazione di Euro 5.903.639,36". Cod. BIMGEST-58 relativo a "FOGNATURA -pulizia
e ripristino pozzetto intasato da detriti causa frana in via Bastiani" - Comune di
Cencenighe. Importo complessivo finanziato Euro 2.000,00. Accertamento spesa
complessivamente sostenuta per l'intervento e liquidazione. 77

Decreto n. 1273 del 6 dicembre 2019


OCDPC n. 558/2018 "Primi interventi urgenti di protezione civile in conseguenza degli
eccezionali eventi meteorologici che hanno interessato il territorio delle regioni Calabria,
Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Toscana, Sardegna,
Sicilia, Veneto e delle provincie autonome di Trento e Bolzano, colpito dagli eccezionali
eventi meteorologici verificatisi a partire dal mese di ottobre 2018". OC. 2/2018
"Approvazione elenchi degli interventi - Impegno di spesa di Euro 13.472.138,71 ed
erogazione di Euro 5.903.639,36". Cod. BIMGEST-124/125 relativo a "FOGNATURA E
DEPURAZIONE - pulizia rete fognaria e vasca imhoff in località Davestra" - Comune di
Ospitale di Cadore. Importo complessivo finanziato Euro 3.000,00. Accertamento spesa
complessivamente sostenuta per l'intervento e liquidazione. 80

Decreto n. 1274 del 6 dicembre 2019


O.C.D.P.C. n. 558/2018 - O.C. n. 9 del 22.05.2019. Progetto 1328 "Ripristino e
allargamento della strada silvopastorale Saviner di Calloneghe in comune di Rocca
Pietore (BL) - UOFE_N17. CIG 79759309A5 CUP J53H19000460001. IMPORTO
FINANZIAMENTO Euro 70.000,00. LIQUIDAZIONE I^ SAL Euro 46.547,23 Iva
esclusa. 83

Decreto n. 1275 del 6 dicembre 2019


Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile n. 558 del 15/11/2018 -
Ordinanza Commissariale n. 5 del 2 aprile 2019. Lavori di sistemazione del torrente
Novare, Vaio del Ghetto, Arbizzano e Parona nei comuni di Negrar, San Pietro in Cariano
e Verona con realizzazione di uno scolmatore di piena del torrente Novare con recapito
nel torrente Negrar. P130. Appalto n. 1. Importo complessivo Euro 4.500.000,00. CUP:
C93H19000030001; CIG: 798594631E. LIQUIDAZIONE Fatture per quota anticipazione
20% ex art. 35, co. 18 D.lgs. 50/2016 n. 488F ITALBETON S.r.l. pari ad Euro
327.781,71 e n. 156 BELLESINI EDOARDO S.r.l. n. 140/19 pari ad Euro 218.521,14. 86
Decreto 1276 del 6 dicembre 2019
Cod. Intervento: 25003-63+64 Commessa Interna: VA-DFS-01-Intervento finanziato con
Legge 30/12/2018 n. 145 art. 1 comma 1028. Pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della
Repubblica Italiana dell'Avviso di appalto aggiudicato per i lavori di "Pulizia lago di
Alleghe e realizzazione di un sistema di sicurezza in caso di piene". CUP:
J53H19000140001 - CIG: ZF92A995A4. LIQUIDAZIONE pagamento 1.221,13 a favore
dell'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato Spa-Fattura elettronica N. documento
1219011637 del 19.11.2019. 89

Decreto 1277 del 6 dicembre 2019


Cod. Intervento: 87+88A - Commessa: VA-DFS-02- Interventi di cui all'art 24 quater -
D.L. n. 119/2018 - L. n. 136/2018. Svolgimento dell'incarico di componente della
Commissione giudicatrice per l'affidamento della progettazione dell'intervento "Opere di
ripristino e riqualifica generale dei Serrai di Sottoguda in Comune di Rocca Pietore
(BL)". CUP: J53H19000490001 - CIG Z54299AF6D7. LIQUIDAZIONE pagamento
Euro 2.070,00 a favore dell'Ing. A. Romanini. 91

Decreto n. 1278 del 6 dicembre 2019


O.C.D.P.C. n. 558/2018 - O.C. n. 5 del 02-04-2019. Pulizia lago di Alleghe e
realizzazione di un sistema di sicurezza in caso di piene. Codice Intervento 2500363+64 -
O.C. n. 5 del 02-04-2019 allegato D. Importo finanziamento Euro 8.000.000,00. CUP:
J53H1900014001. CIG: 80179773EF. LIQUIDAZIONE Contratto rep. 464 - prima
tranche dell'anticipo di cui all'art. 35 c. 18 del D.lgs 50/2016 e s.m.i.. Pagamento di Euro
93.888,06 a favore di S.I.C.I. srl, mandante. 93

Decreto n. 1279 del 6 dicembre 2019


O.C.D.P.C. n. 558/2018 - O.C. n. 9 del 22.05.2019 - O.C. n. 21 del 25/11/2019. S.U. n.
4/2019 "Lavori di somma urgenza per adeguamento e nuova realizzazione di opere di
sottomu-razione sul torrente Zunaia in comune di Alleghe (BL)". UOFE 038a. CIG
7916195AC3 - CUP J93H19000360001. IMPORTO FINANZIAMENTO Euro.
550.000,00. LIQUIDAZIONE II^ SAL Euro 68.217,69 Iva esclusa. 96

Decreto n. 1280 del 6 dicembre 2019


O.C.D.P.C. n. 558/2018 - O.C. n. 9 del 22.05.2019. S.U. N. 3/19 Ripristino alveo Ru da
Molin con rimozione vegetazione pericolante in località varie del Comune di Rocca
Pietore (BL). UOFE 187. CIG 7916100C5D - CUP J53H19000450001. IMPORTO
FINANZIAMENTO Euro. 188.650,00. LIQUIDAZIONE II^ SAL Euro 11.761,28 Iva
esclusa. 99

Decreto n. 1281 del 6 dicembre 2019


O.C.D.P.C. n.558/2018 - O.C. n. 9 del 22/05/2019. Lavori di ripristino coperture edifici
del complesso di Villa Zuppani in particolare la chiesetta in località Triva. Codice
PROVBL-113. Importo complessivo euro 150.000,00. CUP F59G19000170001 - CIG
80220916E9; autorizzazione subappalto alla Ditta Rova Lattonerie srl. 102
Decreto n. 1282 del 10 dicembre 2019
Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile nr. 558 del 15 novembre
2018. Ordinanza Commissariale n. 5 del 02/04/2019. CBPI_N02 - Elettrificazione
dell'idrovora di Fossabiuba - Comune di Gorgo al Monticano. Importo complessivo Euro
800.000,00. Liquidazione spesa per erogazione dell'anticipo contrattuale dei lavori di
"Elettrificazione dell'idrovora di Fossabiuba - Comune di Gorgo al Monticano" alla ditta
MISA Srl di Arzignano (VI). CUP H63H19000080002 - CIG 7992091222. Importo
liquidabile Euro 76.988,01 compreso oneri. 105

Decreto n. 1283 del 10 dicembre 2019


Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile nr. 558 del 15 novembre
2018. Ordinanza Commissariale n. 5 del 02/04/2019. CBPI_N02 - Elettrificazione
dell'idrovora di Fossabiuba - Comune di Gorgo al Monticano. Importo complessivo Euro
800.000,00. Liquidazione dei lavori di bonifica amianto e rifacimento copertura presso
l'idrovora Fossabiuba alla ditta Veneta Coperture Srl di Morgano (TV). CUP
H63H19000080002 - CIG Z7F295594C. Importo liquidabile Euro 27.723,79 compreso
oneri. 107

Decreto n. 1284 del 10 dicembre 2019


Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile nr. 558 del 15 novembre
2018. Ordinanza Commissariale n. 5 del 02/04/2019. CBPI_N03 - Lavori di ripristino
della funzionalità idraulica del torrente Ponticello - comune di Possagno, Cavaso del
Tomba e Pederobba. Importo complessivo Euro 1.000.000,00. Liquidazione acconto
relativo all'incarico per il servizio di coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione
e di esecuzione alla ditta geometra Mauro Dall'Armi di Crocetta del Montello (TV). CUP
H23H19000090002 - CIG ZC528DE87C. Importo liquidabile Euro 2.562,00 compreso
oneri. 109

Decreto n. 1285 del 10 dicembre 2019


Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile nr. 558 del 15 novembre
2018. Ordinanza Commissariale n. 9 del 22/05/2019. CBPI_N04 - Sistemazione idraulica
del torrente Ru Bianco - Comune di Cornuda - Importo complessivo Euro400.000,00.
Liquidazione acconto relativo all'incarico per il servizio di coordinatore per la sicurezza
in fase di progettazione e di esecuzione alla ditta geometra Mauro Dall'Armi di Crocetta
del Montello (TV). CUP J43H19000460001 - CIG ZD628DE052. Importo liquidabile
Euro 1.921,50 compreso oneri. 111

Decreto n. 1286 del 10 dicembre 2019


Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile nr. 558 del 15 novembre
2018. Ordinanza Commissariale n. 9 del 22/05/2019. CBPI_N04 - Sistemazione idraulica
del torrente Ru Bianco - Comune di Cornuda - Importo complessivo Euro400.000,00.
Liquidazione saldo relativo all'incarico per il servizio di riconfinamento su entrambi i lati
del ciglio del corso d'acqua Ru Bianco a Cornuda alla ditta geometra Massimo
Martignago di Pederobba (TV). CUP J43H19000460001 - CIG ZE8290EAC3. Importo
liquidabile Euro 9.530,00 compreso oneri. 113
Decreto n. 1287 del 10 dicembre 2019
OCDPC n. 558/2018 "Primi interventi urgenti di protezione civile in conseguenza degli
eccezionali eventi meteorologici che hanno interessato il territorio delle regioni Calabria,
Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Toscana, Sardegna,
Sicilia, Veneto e delle provincie autonome di Trento e Bolzano, colpito dagli eccezionali
eventi meteorologici verificatisi a partire dal mese di ottobre 2018". OC. 2/2018
"Approvazione elenchi degli interventi - Impegno di spesa di Euro 13.472.138,71 ed
erogazione di Euro 5.903.639,36". Cod. BIMGEST-164. "DEPURAZIONE - Pulizia n° 4
vasche Imhoff (Digonera, Pian di Sottoguda, Saviner di Calloneghe, Sorarù)" - Comune
di Rocca Pietore - CUP G52B19000040008 (CUP acquisito da BIM GSP) - CIG
ZA426EFD17. Importo complessivo finanziato Euro 10.000,00. Accertamento spesa
complessivamente sostenuta per l'intervento e liquidazione. 115

Decreto n. 1288 del 10 dicembre 2019


OCDPC n. 558/2018 - DPCM 27 febbraio 2019 - Ordinanza n.9/2019 del Commissario
delegato per i primi interventi urgenti di protezione civile in conseguenza degli
eccezionali eventi meteorologici che hanno interessato il territorio della Regione Veneto,
a partire dal mese di ottobre 2018. Affidamento diretto ex art. 36, comma 2, lett- a) del
D.Lgs. n. 50/2016 della fornitura di materiali e noli a caldo da erogare nell'ambito della
"Prova di Soccorso exe VAIA". C.U.P. J63H19000350001 C.I.G 79740065EA.
IMPORTO FORNITURA: Euro 8.751,06. LIQUIDAZIONE FATTURA
ALL'OPERATORE ECONOMICO COSTRUZIONI FONTANA SRL. 118

Decreto n. 1289 del 10 dicembre 2019


OCDPC n. 558/2018 - DPCM 27 febbraio 2019 - Ordinanza n.9/2019 del Commissario
delegato per i primi interventi urgenti di protezione civile in conseguenza degli
eccezionali eventi meteorologici che hanno interessato il territorio della Regione Veneto,
a partire dal mese di ottobre 2018. Intervento Sostitutivo ai sensi dell'art. 4 comma 2 del
D.P.R. 207/2010 per inadempienze contributive della Ditta Bar Ristorante Pizzeria Iris di
Galvan Massimo (affidamento diretto ex art. 36, comma 2, lett- a) del D.Lgs. n. 50/2016
del servizio di ristorazione per colazioni e cene da erogare nell'ambito della "Prova di
Soccorso exe VAIA". C.U.P. J63H19000350001 C.I.G Z56295F9D4. Liquidazione di
Euro 1.050,00 a favore dell'INPS di Vicenza e di Euro 105,00 a favore dell'Erario. 120

Decreto n. 1290 del 10 dicembre 2019


APPALTO 54/2019 SAS - LOTTO N°1 Int. VENSTR. RR1 - CUP J57H19001600001 -
CIG 8025277C13. Aggiudicazione efficace a favore della ditta F.LLI ROMOR S.R.L. per
la realizzazione di opere di protezione in alveo e ripristino solido stradale in località
Candaten nel Comune di Sedico (BL), 2° stralcio - LOTTO N°1. Importo complessivo del
presente lotto n° 1: Euro 738.935,42, di cui soggetto a ribasso d'asta Euro 725.056,98 e
Euro 13.878,44 per oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso. Piano degli investimenti
di cui al comma 1028, art. 1, L. 145/2018 dell'Ordinanza n. 21 del 25 novembre 2019. 122

Decreto n. 1291 del 10 dicembre 2019


APPALTO 54/2019 SAS - LOTTO N° 2 Int. VENSTR. 109 - CUP J57H19001210001 -
CIG 80252841DD. Aggiudicazione efficace a favore della ditta IMPRESA OLIVOTTO
S.R.L. per la realizzazione di opere di protezione in alveo e ripristino solido stradale in
località Candaten nel Comune di Sedico (BL), 1° stralcio - LOTTO N° 2. Importo
complessivo del presente lotto n° 2: Euro 522.071,09, di cui soggetto a ribasso d'asta Euro
511.932,19 e Euro 10.138,90 per oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso. Piano degli
investimenti di cui all'art. 24 quater, L. 136/2018 dell'Ordinanza n. 9 del 22 maggio 2019. 125
Decreto n. 1292 del 10 dicembre 2019
O.C.D.P.C. n. 558 del 15 novembre 2018. Ministero della Difesa - Stato Maggiore
dell'Esercito -Interventi di cui alla O.C. n. 2 del 20 dicembre 2018, Allegato A2. Importo
totale finanziato Euro 91.873,48. Determinazione del contributo definitivo Euro
78.416.60. Acconto erogato Euro 0. Liquidazione quota residua Euro 78.416.60.
Economie quantificate a valere sulla c.s. n° 6108 Euro 13.456,88. 128

Decreto n. 1293 del 10 dicembre 2019


OCDPC n. 558 del 15/11/2018 - O. C. n. 5 del 02/04/2019 - Piano degli investimenti di
cui al comma 1028, art. 1, L. 145/2018. Int. VENSTR-114. S.P. 347 "Passo Cereda e
Passo Duran" - Consolidamento opere di sostegno di valle e barriere di sicurezza laterali
in tratti saltuari dal km 44+250 al km 73+660. CUP H57H19000440001. CIG
7938758658. Importo Complessivo Euro 412.500,00. OCDPC n. 558/2018 - Ordinanza
n.1/2018 del Commissario delegato per i primi interventi urgenti di protezione civile in
conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici che hanno interessato il territorio
della Regione Veneto, a partire dal mese di ottobre 2018. APPROVAZIONE PERIZIA
SUPPLETIVA E DI VARIANTE Num. 1. 133

Decreto n. 1294 del 10 dicembre 2019


Piano degli investimenti di cui al comma 1028, art. 1, L. 145/2018. Int. VENSTR-134.
S.P. 49 "di Misurina" - Intervento di realizzazione opere di protezione al piede e in
versante in tratti saltuari. CUP H27H19000650001 - CIG 794556794E. IMPORTO
FINANZIAMENTO Euro 412.500,00. LIQUIDAZIONE I^ SAL Euro 189.313,18 Iva
esclusa. 137

Decreto n. 1295 del 10 dicembre 2019


Piano degli investimenti di cui al comma 1028, art. 1, L. 145/2018. Int. VENSTR-114
S.P. 347 "Passo Cereda e Passo Duran" - Intervento di consolidamento opere di so-stegno
di valle e barriere di sicurezza laterali in tratti saltuari dal km 44+250 al km 73+660. CUP
H57H19000440001 - CIG 7938758658. IMPORTO FINANZIAMENTO Euro
412.500,00. LIQUIDAZIONE I^ SAL Euro 181.428,38 Iva esclusa. 140

Decreto n. 1296 del 10 dicembre 2019


O.C.D.P.C. n. 558/2018 - OC 5/2019 -L. 145/2018-art 1 comma 1028. VENSTR-164
Riduzione rischio residuo a seguito degli eccezionali eventi meteorologici dell'ottobre
2018 - zona B e C - Integrazione barriere fermaneve in seguito a schianto alberi. CIG
Z082942F84 - CUP H37H19000450001. IMPORTO FINANZIAMENTO Euro.
7.562.500,00. Liquidazione fattura n. 21 del 22/10/2019 pari ad Euro 48.214,40. 143

Decreto n. 1297 del 10 dicembre 2019


Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile n. 558 del 15/11/2018 -
Ordinanza Commissariale n. 5 del 02/04/2019. Lavori per la realizzazione di un canale
scolmatore del torrente Rozzola in valle Albanigo e torrente Igna nei comuni di Carre' e
Zugliano (VI) - 12_IG_142 (Cod. Int. CBAPV_N04). Importo complessivo Euro
1.800.000,00 - CUP: B23H19000060001. Servizio DITTA MULTISERVICES SRL CIG
ZSA29E525E. DECRETO DI LIQUIDAZIONE fattura n. 20 del 25/11/2019. 145
Decreto n. 1298 del 10 dicembre 2019
RICONOSCIMENTO ANTICIPAZIONE 20% - CONTRATTO DI APPALTO:
O.C.D.P.C. n. 558/2018 O.C. n. 9 del 22.05.2019. UOFE_029 Progetto n. 1326 Cod.
GLP: FE-I0989.0 "Interventi di ripristino e consolidamento alveo torrente Campregana in
comune di Agordo (BL)". Importo finanziato Euro 500.000,00. CIG 7952738701 - CUP
J73H19000320001. LIQUIDAZIONE ANTICIPAZIONE Euro 67.750,77 Iva esclusa. 147

Decreto n. 1299 del 10 dicembre 2019


Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile n° 558 del 15/11/2018 -
Ordinanza Commissariale n° 9 del 22/05/2019. INNALZAMENTO DELLE QUOTE
SOMMITALI DELLE DIFESE SPONDALI ESISTENTI E REALIZZAZIONE DI
ARGINE IN TERRA VEGETALE PER DARE CONTINUITA' AL SISTEMA DI
DIFESA DEL NUCLEO ABITATIVO RIVIERASCO DEL FIUME ADIGE IN LOC.
GIAROL E MOLINI DEL COMUNE DI VRONA (VR). Progetto n° 1085 in data
02/05/2019 -- Importo complessivo di Euro 600.000,00. Codice DROP_054/2019 - CUP:
J33H19000530001 - CIG: 7978867158. LIQUIDAZIONE ANTICIPAZIONE
FATTURA. 149

Decreto n. 1300 del 10 dicembre 2019


O.C.D.P.C. n. 558 del 15 novembre 2018. Comune di VALLADA AGORDINA -
Interventi di cui alla O.C. n. 2 del 20 dicembre 2018, Allegato A1 e B1. Importo totale
finanziato Euro 34.753,25. Determinazione del contributo definitivo Euro 29.453,58.
Acconto erogato Euro 31.277,93. Economie totali quantificate Euro 5.299,67. Economie
da restituire alla C.S. n° 6108 Euro 1.824,35. 151

Decreto n. 1301 del 10 dicembre 2019


O.C.D.P.C. n. 558 del 15 novembre 2018. Comune di VODO DI CADORE - Interventi di
cui alla O.C. n. 2 del 20 dicembre 2018, Allegato A1 e B1. Importo totale finanziato Euro
11.838,14. Determinazione del contributo definitivo Euro 11.838,14. Acconto erogato
Euro 10.654,33. Liquidazione quota residua Euro 1.183,81. 155

Decreto n. 1302 del 10 dicembre 2019


O.C.D.P.C. n. 558 del 15 novembre 2018. COMUNE DI VOLTAGO AGORDINO -
Interventi di cui alla O.C. n. 2 del 20 dicembre 2018, Allegato A1 e B1. Importo totale
finanziato Euro 9.103.46. Determinazione del contributo definitivo Euro 8.360.94.
Acconto erogato Euro 8.193.11. Liquidazione quota residua Euro 167,83. Economie
quantificate a valere sulla c.s. n° 6108 Euro 742.52. 159

Decreto n. 1303 del 10 dicembre 2019


O.C.D.P.C. n. 558/2018 - D.P.C.M. 4/04/2019 Assegnazione di risorse finanziarie di cui
all'art. 24 - quater del D.L. 23/10/2018, n. 119 convertito con modificazioni dalla L.
17/12/2018, n. 136. Ordinanza Commissariale n.9 del 22/05/2019. DROP_ 024 Lavori di
ripristino delle arginature destra e sinistra del canale Brentella nel tratto a valle del ponte
ferroviario PD-VI. CUP: J33H19000540001. Importo complessivo Euro 500.000,00 -
Progetto PD-I0115. LIQUIDAZIONE pagamento Euro 76.608,90 per ANTICIPAZIONE.
CIG: 7960367EA5. 163
Decreto n. 1304 del 12 dicembre 2019
APPALTO 50/2019 SAS - INT. VENSTR-RR2- CUP J27H19001450001 - CIG
8020651297. Aggiudicazione efficace a favore della ditta: TRICHES ENRICO E DIEGO
S.R.L. per la messa in sicurezza della strada comunale in Valle di San Lucano, ripristino
del collegamento viabile e realizzazione delle opere di protezione dell'alveo -
realizzazione ponte metallico. Importo complessivo dell'appalto: Euro 106.409,44, di cui
soggetto a ribasso d'asta Euro 104.474,72 e Euro 1.934,72 per oneri per la sicurezza non
soggetti a ribasso. Piano degli investimenti di cui al comma 1028, art. 1, L. 145/2018
dell'Ordinanza n. 21 del 25 novembre 2019. 165

Decreto n. 1305 del 12 dicembre 2019


O.C.D.P.C. n. 558/2018 - O.C. n. 5 del 2.04.2019 allegato A. « Realizzazione di un'opera
di invaso sul fiume Bacchiglione a monte di Viale Diaz in Comune di Vicenza (VI) - ID
Piano 456 - Opere complementari Progetto n. VI-I1373.0.0 redatto nell'Agosto 2019.
Codice progetto GCVI_N21». Importo finanziamento Euro 3.230.000,00. CUP:
H73H18000080001. LIQUIDAZIONE pagamento Euro 502.640,00 IVA COMPRESA
per ANTICIPAZIONE 20% SULL'IMPORTO CONTRATTUALE DI Euro
2.060.000,00). CIG: 7925853CCB. RETTIFICA DDR N. 1241 DEL 03/12/2019. 167

Decreto n. 1306 del 12 dicembre 2019


O.C.D.P.C. n. 558/2018 - O.C. n. 5 del 2.04.2019 allegato A. « Realizzazione di un'opera
di invaso sul fiume Bacchiglione a monte di Viale Diaz in Comune di Vicenza (VI) - ID
Piano 456 - Opere complementari Progetto n. VI-I1373.0.0 redatto nell'Agosto 2019.
Codice progetto GCVI_N21». Importo finanziamento Euro 3.230.000,00. CUP:
H73H18000080001. LIQUIDAZIONE pagamento Euro 168.360,00 IVA COMPRESA
per spese tecniche. CIG: 7925853CCB. 169

Decreto n. 1307 del 12 dicembre 2019


O.C.D.P.C. n.558/2018 - O.C. n. 5 del 2/4/2019 Allegato "E". "Rimozione alberature
sradicate/schiantate aree - ex Forte in Comune di Rivamonte Agordino località Ai
Castei". CODICE PROVBL-114. Importo complessivo Euro 5.000,00. CUP
F43B190000200001 - CIG Z752936D59. Appalto alla ditta Canal Servizi S.A.S. per
lavori di sistemazioni ambientali aree - ex Forte, località Ai Castei - 32020 Rivamonte
Agordino (BL). LIQUIDAZIONE SALDO. 172

Decreto n. 1308 del 12 dicembre 2019


OCDPC 558 del 15/11/2018. O.C. 5/2019: Assegnazione di risorse finanziarie di cui
all'Art. 1, comma 1028, Legge 145/2018. Cod. Int.GCVI_21, Progetto n. 1373:
"Realizzazione di un'opera di invaso sul fiume Bacchiglione a monte di viale Diaz in
Comune di Vicenza (VI) - ID Piano 456 - Opere complementari". CUP
H73H18000080001 Importo complessivo progetto: Euro 3.000.000,00. Versamento di
Euro 9.262,24 a favore della Regione del Veneto per il pagamento della prestazione
professionale, soggetta a ritenuta d'acconto, alla ditta B&M Studio di Ingegneria dell'Ing.
Andrea Mori relativa all'incarico professionale di verifica e supporto alla validazione del
progetto esecuti-vo, ai sensi dell'art. 112 del D.Lgs. 163/2006 e degli articoli dal n. 44 al
n. 49 del DPR 207/2010. SALDO. CIG ZF82941FCE. 174
Decreto n. 1309 del 12 dicembre 2019
OCDPC n. 558 del 15-11-2018 - Ordinanza Commissariale n. 9 del 22-05-2019.
DROP_103 - M0022.B - INTERVENTI URGENTI PER IL RIPRISTINO E IL
CONSOLIDAMENTO DELLA DIFESA IN PALANCOLATO METALLICO IN FOCE
NICESOLO". CUP: H63H19000120001. Revoca, in autotutela, del Decreto n. 1102 del
08.11.2019 relativo all'affidamento dell'incarico professionale per Coordinamento della
sicurezza in fase di esecuzione. Smart CIG. ZE52A2C9CD. 176

Decreto n. 1310 del 12 dicembre 2019


O.C.D.P.C. n. 558/2018 - O.C. n. 9 del 22-05-2019. Opere di ripristino e riqualifica
generale dei Serrai di Sottoguda in Comune di Rocca Pietore (BL). Codice Intervento
87+88A - O.C. n. 9 del 22-05-2019 allegato E. Importo finanziamento Euro 8.000.000,00.
CUP: J53H19000490001. CIG: 7980740AFB. LIQUIDAZIONE Contratto rep. 465 -
Anticipo di cui all'art. 35 c. 18 del D.lgs 50/2016 e s.m.i.. Pagamento di Euro 83.580,30 a
favore dell'ATI E-farm engineering & consulting srl. 180

Decreto n. 1311 del 12 dicembre 2019


O.C.D.P.C. n.558/2018 - O.C. n. 9 del 22/05/2019. "Opere di consolidamento della
colata-Comune di Zoppè di Cadore Loc. PROVINCIA DI BELLUNO-Comune di Zoppè
di Cadore (dati catastali: Fg. 4 mapp.684) Opere di consolidamento della colata sulla
scarpata a monte dell'edificio censito catastalmente al FG. 4 mapp.684" - PROVBL-58.
Importo complessivo EURO 26.000,00. CUP F33H19000170001 - CIG Z1A29B5AE7;
Appalto alla ditta SCAVI MARTINI DI MARTINI BRUNO & C. S.N.C. per
dell'intervento di: "Opere di consolidamento della colata-Comune di Zoppè di Cadore
Loc.PROVINCIA DI BELLUNO-Comune di Zoppè di Cadore (dati catastali: Fg. 4
mapp.684) Opere di consolidamento della colata sulla scarpata a monte dell'edificio
censito catastalmente al FG. 4 mapp.684". LIQUIDAZIONE SALDO. 183

Decreto n. 1312 del 12 dicembre 2019


O.C.D.P.C. n.558/2018 - O.C. n. 9 del 22/05/2019. "Opere di consolidamento della frana-
Comune di Gosaldo Loc. Via Renon" - PROVBL-84. Importo complessivo EURO
13.000,00. CUP F43H19000050001 - CIG ZEB29AE3BB; Appalto alla ditta De Nardin
Fabio Via Colvignas,22 loc. Agordo (BL) PI 01109550259 per la sistemazione
dell'intervento di "Opere di consolidamento della frana-Comune di Gosaldo Loc. Via
Renon". LIQUIDAZIONE SALDO. 185

Decreto n. 1313 del 12 dicembre 2019


O.C.D.P.C. n.558/2018 - O.C. n. 9 del 22/05/2019. "-Opere di consolidamento della
colata-Comune di Zoppè di Cadore Loc.PROVINCIA DI BELLUNO-Comune di Zoppè
di Cadore (dati catastali: FG. 4 mapp. 247) Opere di consolidamento dello smottamento a
valle del Monumento ai Caduti" codice intervento - PROVBL-59. Importo complessivo
Euro 13.000,00. CUP F33H19000180001 - CIG ZEB29B5868; appalto alla ditta SCAVI
MARTINI DI MARTINI BRUNO & C. S.N.C. per lavori di:"-Opere di consolidamento
della colata-Comune di Zoppè di Cadore Loc.PROVINCIA DI BELLUNO-Comune di
Zoppè di Cadore (dati catastali: FG. 4 mapp. 247) Opere di consolidamento dello
smottamento a valle del Monumento ai Caduti". LIQUIDAZIONE SALDO. 187
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 1
_______________________________________________________________________________________________________

PARTE QUARTA

ATTI DI ENTI VARI

Protezione civile e calamità naturali

(Codice interno: 409375)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1246 del 3 dicembre 2019
O.C.D.P.C. n. 558 del 15 novembre 2018. Comune di PERAROLO DI CADORE - Interventi di cui alla O.C. n. 2 del 20
dicembre 2018, Allegato A1 e B1. Importo totale finanziato Euro 212.322,66. Determinazione del contributo definitivo
Euro 199.352,21. Acconto erogato Euro 191.090,39. Liquidazione quota definitiva Euro 8.261,82. Economie totali a
valere sulla Contabilità Speciale n° 6108 Euro 12.970,45.

IL COORDINATORE
DELL'UFFICIO DI SUPPORTO AL COMMISSARIO DELEGATO

PREMESSO CHE

• nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle
aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 135 del 27 ottobre 2018, pubblicato sul BUR n. 114 del 16
novembre 2018, è stata attivata e convocata l'Unità di Crisi Regionale ai sensi del "Protocollo operativo per la
gestione delle Emergenze" nell'ambito del Sistema Regionale di Protezione Civile (D.G.R. n. 103 dell'11 febbraio
2013);
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 136 del 28 ottobre 2018, integrato da successivo Decreto n.
139 del 29 ottobre 2018, pubblicati sul BUR n. 114 del 16 novembre 2018, a seguito delle criticità riscontrate è stato
dichiarato lo "stato di crisi" ai sensi dell'art. 106, comma 1 lett. a) della L.R. n. 11/2001;
• con Decreto del 29 ottobre 2018, pubblicato nella G.U. n. 253 del 30 ottobre 2018, il Presidente del Consiglio dei
Ministri, ai sensi dell'art. 23, comma 1 del D.Lgs. n. 1/2018, ha disposto la mobilitazione straordinaria del Servizio
Nazionale di Protezione Civile a supporto della Regione Veneto al fine di favorire le operazioni di soccorso nei
territori colpiti dagli eccezionali eventi;
• con Delibera del Consiglio dei Ministri (D.C.M.) dell'8 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 266 del 15 novembre
2018, in esito alle attività di cui al predetto decreto, ai sensi dell'art. 7, comma 1 lett. c) e dell'art. 24 del D. Lgs. n.
1/2018, è stato deliberato, per 12 mesi a far data dal provvedimento medesimo, lo "stato di emergenza" nei territori
colpiti dall'evento;
• la predetta Delibera al punto 4 dispone che, per l'attuazione dei primi interventi urgenti di cui all'art. 25, comma 2 lett.
a) e b) del D. Lgs. n. 1/2018, nelle more della valutazione dell'effettivo impatto degli eventi in argomento, si provveda
nel limite di complessivi Euro 53.500.000,00 a valere sul Fondo per le emergenze nazionali di cui all'art. 44, comma 1
del D. Lgs. n. 1/2018, dei quali Euro 15.000.000,00 spettanti alla Regione Veneto;
• la sopraccitata Delibera prevede che, per l'attuazione degli interventi da effettuare nella vigenza dello "stato di
emergenza", ai sensi dell'art. 25, del D. Lgs. n. 1/2018, si provveda con ordinanze, emanate dal Capo del Dipartimento
della Protezione Civile, acquisita l'intesa della Regione e delle Province Autonome interessate, in deroga a ogni
disposizione vigente e nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento giuridico;
• con successiva Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile (O.C.D.P.C.) n. 558 del 15 novembre
2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20 novembre 2018, d'intesa con la Regione del Veneto, è stato nominato il
Presidente della Regione quale Commissario delegato, per fronteggiare l'emergenza derivante dagli eventi calamitosi
di cui trattasi;
• con il medesimo provvedimento sono state dettate disposizioni per la realizzazione delle iniziative finalizzate al
superamento dell'emergenza, in particolare l'art. 1 comma 3, prevede che il Commissario delegato predisponga entro
venti giorni dalla pubblicazione dell'O.C.D.P.C., un Piano degli interventi da sottoporre all'approvazione del Capo del
Dipartimento della Protezione Civile;
• con nota prot. n. 249408 del 29 novembre 2018 il Ministero dell'Economia e delle Finanze - Dipartimento della
Ragioneria Generale dello Stato, ha comunicato l'apertura, presso la Tesoreria dello Stato di Venezia, della Contabilità
2 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

Speciale n. 6108 intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO - O.558-18", all'interno della quale, con quietanza in data 17
dicembre 2018, è stato disposto l'accreditamento delle risorse stanziate con la suddetta Delibera, di importo pari ad
Euro 15.000.000,00;
• con riferimento alla Contabilità Speciale, la provenienza dei fondi è così definita: trasferimenti da Amministrazioni
Autonome, Ragioneria codice 960, stato di previsione codice 19, appendice codice 6, capitolo 979;
• il Commissario delegato, con nota prot. n. 511689 del 14 dicembre 2018, ha trasmesso al Capo del Dipartimento della
Protezione Civile il Piano degli interventi di cui all'art. 1, comma 3 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• con nota prot. n. POST/0073648 del 20 dicembre 2018 nonché da ultimo con nota n. POST/0032469 del 21 giugno
2019 il Capo del Dipartimento di Protezione Civile ha approvato il Piano degli interventi per l'importo complessivo di
Euro 15.000.000,00, di cui:
♦ Euro 1.527.861,29 per accantonamenti relativi alle seguenti voci: contributi per l'autonoma sistemazione ai
sensi dell'art. 5 della O.C.D.P.C. n. 558/2018 (Euro 200.000,00), presidio anti sciacallaggio ai sensi dell'art. 8
della O.C.D.P.C. n. 558/2018 (Euro 298.000,00), rimborsi al volontariato ai sensi dell'art. 10 della
O.C.D.P.C. n. 558/2018 (Euro 100.000,00), spese funerarie ai sensi dell'art. 13 della O.C.D.P.C. n. 558/2018
(Euro 4.250,00), supporto dei Comuni agli Enti locali colpiti ai sensi dell'art. 1 della O.C.D.P.C. n. 559/2018
(Euro 100.000,00), oneri per prestazioni di lavoro straordinario ai sensi dell'art. 1 della O.C.D.P.C. n.
559/2018 (Euro 600.000,00), ulteriori rimborsi ai sensi dell'art. 10 della O.C.D.P.C. n. 558/2018
relativamente all'esercitazione VAIA (Euro 225.611,29);
♦ Euro 1.229.189,30 per interventi di tipo a) di cui all'art. 1, comma 3, lett. a) della O.C.D.P.C. n. 558/2018;
♦ Euro 11.992.949,41 per interventi di tipo b) di cui all'art. 1, comma 3, lett. b) della O.C.D.P.C. n. 558/2018;
♦ Euro 250.000,00 per interventi di particolare urgenza per la gestione del rischio valanghivo;
• in relazione al Piano autorizzato con le note dipartimentali sopra citate, il Commissario delegato, ad oggi, ha assunto
impegni di spesa, a valere sulle risorse stanziate con D.C.M. 8 novembre 2018 e trasferite alla Contabilità Speciale n.
6108, per un importo complessivo pari ad Euro 13.997.750,00, di cui Euro 13.472.138,71 ai sensi della O.C. n. 2 del
20 dicembre 2018, ed Euro 200.000,00 ai sensi della O.C. n. 3 del 14 febbraio 2019, Euro 225.611,29 con O.C. n.
12/2019 ed Euro 100.000,00 ai sensi della O.C. 17/2019;

RICHIAMATA l'O.C. n. 5 del 2 aprile 2019 che all'art. 9 definisce le nuove attribuzioni del Coordinatore della struttura di
supporto al commissario affidando allo stesso anche compiti accertativi in ordine alla verifica delle rendicontazioni dei
Soggetti Attuatori ai fini delle relative liquidazioni, qualora dovute, e il pagamento in avanzamento o a saldo;

VISTA l'O.C. n. 2/2018 con la quale, in particolare, sono state impegnate risorse di importo complessivo pari ad Euro
13.472.138,71 a favore di varie Amministrazioni/Enti per il finanziamento di attività/interventi nonché liquidati acconti di
importo complessivo pari ad Euro 5.903.639,36 a favore dei Comuni evidenziati nell'allegato D alla medesima Ordinanza, a
valere sulla Contabilità Speciale n° 6108;

DATO ATTO che con la sopraccitata O.C. n. 2/2018 Allegato A1 e B1, sono stati assegnati al Comune di PERAROLO DI
CADORE finanziamenti di importo complessivo pari ad Euro 212.322,66, per gli interventi nello specifico indicati in Tabella
A, nel seguito riportata;

VISTA la nota del Commissario delegato prot. n. 526520 del 27 dicembre 2018 con la quale sono stati comunicati, al Comune
di PERAROLO DI CADORE, i finanziamenti assegnati;

VISTA la nota del Coordinatore dell'Ufficio di supporto al Commissario delegato prot. n. 24727 del 21 gennaio 2019, con la
quale sono state comunicate, al Comune di PERAROLO DI CADORE, le modalità di rendicontazione;

VISTA la nota del 23 aprile 2019, assunta al protocollo del Commissario Delegato n. 161054 del 23 aprile 2019 e la nota
trasmessa alla Struttura del Commissario delegato il 29 novembre 2019, con cui il Comune di PERAROLO DI CADORE,
coerentemente con le modalità di rendicontazione, ha trasmesso la Determina n. 69 del 19 aprile 2019, di approvazione delle
spese sostenute per gli interventi di cui alla citata Tabella A, per la somma complessiva di Euro 212.322,66;

CONSIDERATO che, con riferimento ai sopraccitati interventi, il Comune di PERAROLO DI CADORE ha precisato che:

• non sono oggetto di finanziamento da parte di altri contributi pubblici o risarcimenti corrisposti sulla base di polizze
assicurative;
• sono causalmente connessi con le eccezionali avversità atmosferiche verificatesi nei giorni dal 27 ottobre al 5
novembre 2018;
• sono conformi a quanto indicato nel provvedimento di finanziamento e le opere realizzate sono state condotte secondo
la normativa vigente in materia di lavori pubblici e del relativo regolamento di attuazione;

DATO ATTO che, sulla base della documentazione prodotta dal Comune di PERAROLO DI CADORE e in riferimento a
quanto sopra indicato, per gli interventi in esame risulta il seguente quadro riepilogativo:
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 3
_______________________________________________________________________________________________________

Tabella A

Importo
gia' Contributo Importo
Provv. Di Importo Importo Tipo di ECONOMIE
Cod. int. Descrizione Località Erogato Definitivo da
Finanz. Finanziato Rendicontato Liquid. TOTALI
(OC n. ammissibile liquidare
2/2018)
Acquisto
025037-3 carburante PERAROLO 1.190,75 1.190,75 1.190,75 1.190,75 0,00 SALDO 0,00
benzina/gasolio
Acquisto teli,
bombole,
025037-4 picchetti, chiodi, PERAROLO 584,88 584,88 657,91 584,88 0,00 SALDO 0,00
nastri, thermos,
ecc
Alloggio delle
persone evacuate
025037-5 PERAROLO 4.929,50 4.549,48 4.549,48 4.549,48 0,00 SALDO 380,02
in alberghi, b&b,
e strutture idonee
Vitto per le
persone evacuate
025037-6 (solo per la parte PERAROLO 1.017,30 1.017,30 1.405,76 1.017,30 0,00 SALDO 0,00
non compresa già
nell'alloggio)
Vitto per la
025037-7 protezione civile PERAROLO 8.920,23 6.788,75 6.788,75 6.788,75 0,00 SALDO 2.131,48
(valore stimato)
Lavori di somma O.C. n. 2
uergenza: del 20
rimozione dicembre
materiale solido 2018,
alveo Ru Repar a Allegato
protezione A1 e B1
025037-1 dell'abitato di CARALTE 146.400,00 146.400,00 146.400,00 146.400,00 0,00 SALDO 0,00
Caralte con
trasferimento a
discarica dello
stesso.
Sistemazione
massi ciclopidi
Lavori di somma
urgenza:
riposizionamento
condotta e
verifica
condizioni tratto
025037-2 CARALTE-ANSOGNE 29.280,00 28.047,73 29.280,00 29.280,00 1.232,27 SALDO 0,00
acquedotto
pubblico dopo
completo
smottamento
strada silvo
pastorale
Taglio piante e
025037-8 rimozione PERAROLO 20.000,00 2.511,50 9.541,05 9.541,05 7.029,55 SALDO 10.458,95
materiale vegetale
TOTALI 212.322,66 191.090,39 199.813,70 199.352,21 8.261,82 SALDO 12.970,45

ACCERTATA la regolarità formale della sopraccitata documentazione presentata dal Comune di PERAROLO DI CADORE
che attesta in Euro 199.352,21 la spesa complessivamente sostenuta;

RITENUTO pertanto di procedere, per le motivazioni sopra esposte:

1. a confermare il finanziamento di Euro 212.322,66 complessivamente assegnato a favore del Comune di PERAROLO
DI CADORE con O.C. n. 2/2018 per gli interventi di cui alla Tabella A sopra riportata, con riferimento al quale è
stato erogato un acconto di Euro 191.090,39, ai sensi della medesima Ordinanza, con ordinativo n. 128 del 2018 a
valere sulla Contabilità Speciale n° 6108 di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018;
2. a determinare in Euro 199.352,21, sulla base della documentazione di rendicontazione trasmessa dal Comune di
PERAROLO DI CADORE, il contributo definitivo spettante per la realizzazione degli interventi in argomento;
4 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

3. a liquidare a saldo, a favore del Comune di PERAROLO DI CADORE, la somma di Euro 8.261,82, per gli interventi
di cui al punto 2, corrispondente alla differenza tra il contributo definitivo pari a Euro 199.352,21 e l'acconto già
erogato di Euro 191.090,39;
4. a disporre la predisposizione dell'ordinativo di pagamento di Euro 8.261,82, a valere sulle risorse impegnate ai sensi
della O.C. n. 2/2018 sulla Contabilità Speciale n° 6108 di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018;
5. ad accertare l'economia complessiva di Euro 12.970,45, già presenti nella Contabilità Speciale n° 6108, pari alla
differenza tra quanto impegnato con O.C. 2/2018 e quanto rendicontato e ammissibile a favore del Comune di
PERAROLO DI CADORE.

VISTI:

• il D. Lgs. n. 1/2018;
• la D.C.M. 8 novembre 2018;
• l'O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• le OO.CC. n. 2/2018, n. 3/2019 e n. 5/2019;

DECRETA

1. di dare atto che le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
2. di confermare il finanziamento di Euro 212.322,66 complessivamente assegnato a favore del Comune di PERAROLO
DI CADORE con O.C. n. 2/2018 per gli interventi di cui alla Tabella A sopra riportata, con riferimento al quale è
stato erogato un acconto di Euro 191.090,39, ai sensi della medesima Ordinanza, con ordinativo n. 128 del 2018 a
valere sulla Contabilità Speciale n° 6108 di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018;
3. di determinare in Euro 199.352,21, sulla base della documentazione di rendicontazione trasmessa dal Comune di
PERAROLO DI CADORE, il contributo definitivo spettante per la realizzazione degli interventi in argomento;
4. di liquidare a saldo, a favore del Comune di PERAROLO DI CADORE, la somma di Euro 8.261,82, per gli interventi
di cui al punto 3, corrispondente alla differenza tra il contributo definitivo pari a Euro 199.352,21 e l'acconto già
erogato di Euro 191.090,39;
5. di disporre la predisposizione dell'ordinativo di pagamento di Euro 8.261,82, a valere sulle risorse impegnate ai sensi
della O.C. n. 2/2018 sulla Contabilità Speciale n° 6108 di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018;
6. di accertare l'economia complessiva di Euro 12.970,45, già presente nella Contabilità Speciale n° 6108, pari alla
differenza tra quanto impegnato con O.C. 2/2018 e quanto rendicontato e ammissibile a favore del Comune di
PERAROLO DI CADORE;
7. di trasmettere il presente provvedimento al Comune di PERAROLO DI CADORE;
8. di pubblicare il presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet della Regione del
Veneto nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni Commissariali e Post Emergenziali.

Il Coordinatore dell'Ufficio di supporto al Commissario Delegato Ing. Alessandro De Sabbata


Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 5
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409376)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1247 del 3 dicembre 2019
O.C.D.P.C. n. 558 del 15 novembre 2018. Comune di TONEZZA DEL CIMONE - Interventi di cui alla O.C. n. 2 del 20
dicembre 2018, Allegato B1. Importo totale finanziato Euro 1.742,61. Determinazione del contributo definitivo Euro
1.742,61. Acconto erogato Euro 1.568,35. Liquidazione quota definitiva Euro 174,26.

IL COORDINATORE
DELL'UFFICIO DI SUPPORTO AL COMMISSARIO DELEGATO

PREMESSO CHE

• nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle
aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;

• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 135 del 27 ottobre 2018, pubblicato sul BUR n. 114 del 16
novembre 2018, è stata attivata e convocata l'Unità di Crisi Regionale ai sensi del "Protocollo operativo per la
gestione delle Emergenze" nell'ambito del Sistema Regionale di Protezione Civile (D.G.R. n. 103 dell'11 febbraio
2013);

• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 136 del 28 ottobre 2018, integrato da successivo Decreto n.
139 del 29 ottobre 2018, pubblicati sul BUR n. 114 del 16 novembre 2018, a seguito delle criticità riscontrate è stato
dichiarato lo "stato di crisi" ai sensi dell'art. 106, comma 1 lett. a) della L.R. n. 11/2001;

• con Decreto del 29 ottobre 2018, pubblicato nella G.U. n. 253 del 30 ottobre 2018, il Presidente del Consiglio dei
Ministri, ai sensi dell'art. 23, comma 1 del D.Lgs. n. 1/2018, ha disposto la mobilitazione straordinaria del Servizio
Nazionale di Protezione Civile a supporto della Regione Veneto al fine di favorire le operazioni di soccorso nei
territori colpiti dagli eccezionali eventi;

• con Delibera del Consiglio dei Ministri (D.C.M.) dell'8 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 266 del 15 novembre
2018, in esito alle attività di cui al predetto decreto, ai sensi dell'art. 7, comma 1 lett. c) e dell'art. 24 del D. Lgs. n.
1/2018, è stato deliberato, per 12 mesi a far data dal provvedimento medesimo, lo "stato di emergenza" nei territori
colpiti dall'evento;

• la predetta Delibera al punto 4 dispone che, per l'attuazione dei primi interventi urgenti di cui all'art. 25, comma 2 lett.
a) e b) del D. Lgs. n. 1/2018, nelle more della valutazione dell'effettivo impatto degli eventi in argomento, si provveda
nel limite di complessivi Euro 53.500.000,00 a valere sul Fondo per le emergenze nazionali di cui all'art. 44, comma 1
del D. Lgs. n. 1/2018, dei quali Euro 15.000.000,00 spettanti alla Regione Veneto;

• la sopraccitata Delibera prevede che, per l'attuazione degli interventi da effettuare nella vigenza dello "stato di
emergenza", ai sensi dell'art. 25, del D. Lgs. n. 1/2018, si provveda con ordinanze, emanate dal Capo del Dipartimento
della Protezione Civile, acquisita l'intesa della Regione e delle Province Autonome interessate, in deroga a ogni
disposizione vigente e nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento giuridico;

• con successiva Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile (O.C.D.P.C.) n. 558 del 15 novembre
2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20 novembre 2018, d'intesa con la Regione del Veneto, è stato nominato il
Presidente della Regione quale Commissario delegato, per fronteggiare l'emergenza derivante dagli eventi calamitosi
di cui trattasi;

• con il medesimo provvedimento sono state dettate disposizioni per la realizzazione delle iniziative finalizzate al
superamento dell'emergenza, in particolare l'art. 1 comma 3, prevede che il Commissario delegato predisponga entro
venti giorni dalla pubblicazione dell'O.C.D.P.C., un Piano degli interventi da sottoporre all'approvazione del Capo del
Dipartimento della Protezione Civile;

• con nota prot. n. 249408 del 29 novembre 2018 il Ministero dell'Economia e delle Finanze - Dipartimento della
Ragioneria Generale dello Stato, ha comunicato l'apertura, presso la Tesoreria dello Stato di Venezia, della Contabilità
6 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

Speciale n. 6108 intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO - O.558-18", all'interno della quale, con quietanza in data 17
dicembre 2018, è stato disposto l'accreditamento delle risorse stanziate con la suddetta Delibera, di importo pari ad
Euro 15.000.000,00;

• con riferimento alla Contabilità Speciale, la provenienza dei fondi è così definita: trasferimenti da Amministrazioni
Autonome, Ragioneria codice 960, stato di previsione codice 19, appendice codice 6, capitolo 979;

• il Commissario delegato, con nota prot. n. 511689 del 14 dicembre 2018, ha trasmesso al Capo del Dipartimento della
Protezione Civile il Piano degli interventi di cui all'art. 1, comma 3 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• con nota prot. n. POST/0073648 del 20 dicembre 2018 nonché da ultimo con nota n. POST/0032469 del 21 giugno
2019 il Capo del Dipartimento di Protezione Civile ha approvato il Piano degli interventi per l'importo complessivo di
Euro 15.000.000,00, di cui:

♦ Euro 1.527.861,29 per accantonamenti relativi alle seguenti voci: contributi per l'autonoma
sistemazione ai sensi dell'art. 5 della O.C.D.P.C. n. 558/2018 (Euro 200.000,00), presidio anti
sciacallaggio ai sensi dell'art. 8 della O.C.D.P.C. n. 558/2018 (Euro 298.000,00), rimborsi al
volontariato ai sensi dell'art. 10 della O.C.D.P.C. n. 558/2018 (Euro 100.000,00), spese funerarie ai
sensi dell'art. 13 della O.C.D.P.C. n. 558/2018 (Euro 4.250,00), supporto dei Comuni agli Enti locali
colpiti ai sensi dell'art. 1 della O.C.D.P.C. n. 559/2018 (Euro 100.000,00), oneri per prestazioni di
lavoro straordinario ai sensi dell'art. 1 della O.C.D.P.C. n. 559/2018 (Euro 600.000,00), ulteriori
rimborsi ai sensi dell'art. 10 della O.C.D.P.C. n. 558/2018 relativamente all'esercitazione VAIA
(Euro 225.611,29);
♦ Euro 1.229.189,30 per interventi di tipo a) di cui all'art. 1, comma 3, lett. a) della O.C.D.P.C. n.
558/2018;
♦ Euro 11.992.949,41 per interventi di tipo b) di cui all'art. 1, comma 3, lett. b) della O.C.D.P.C. n.
558/2018;
♦ Euro 250.000,00 per interventi di particolare urgenza per la gestione del rischio valanghivo;

• in relazione al Piano autorizzato con le note dipartimentali sopra citate, il Commissario delegato, ad oggi, ha assunto
impegni di spesa, a valere sulle risorse stanziate con D.C.M. 8 novembre 2018 e trasferite alla Contabilità Speciale n.
6108, per un importo complessivo pari ad Euro 13.997.750,00, di cui Euro 13.472.138,71 ai sensi della O.C. n. 2 del
20 dicembre 2018, ed Euro 200.000,00 ai sensi della O.C. n. 3 del 14 febbraio 2019, Euro 225.611,29 con O.C. n.
12/2019 ed Euro 100.000,00 ai sensi della O.C. 17/2019;

RICHIAMATA l'O.C. n. 5 del 2 aprile 2019 che all'art. 9 definisce le nuove attribuzioni del Coordinatore della struttura di
supporto al commissario affidando allo stesso anche compiti accertativi in ordine alla verifica delle rendicontazioni dei
Soggetti Attuatori ai fini delle relative liquidazioni, qualora dovute, e il pagamento in avanzamento o a saldo;

VISTA l'O.C. n. 2/2018 con la quale, in particolare, sono state impegnate risorse di importo complessivo pari ad Euro
13.472.138,71 a favore di varie Amministrazioni/Enti per il finanziamento di attività/interventi nonché liquidati acconti di
importo complessivo pari ad Euro 5.903.639,36 a favore dei Comuni evidenziati nell'allegato D alla medesima Ordinanza, a
valere sulla Contabilità Speciale n° 6108;

DATO ATTO che con la sopraccitata O.C. n. 2/2018 Allegato B1, sono stati assegnati al Comune di TONEZZA DEL
CIMONE finanziamenti di importo complessivo pari ad Euro 1.742,61, per l'intervento nello specifico indicato in Tabella A,
nel seguito riportata;

VISTA la nota del Commissario delegato prot. n. 526747 del 27 dicembre 2018 con la quale sono stati comunicati, al Comune
di TONEZZA DEL CIMONE, i finanziamenti assegnati;

VISTA la nota del Coordinatore dell'Ufficio di supporto al Commissario delegato prot. n. 24938 del 21 gennaio 2019, con la
quale sono state comunicate, al Comune di TONEZZA DEL CIMONE, le modalità di rendicontazione;

VISTA la nota n. 1478 del 26 marzo 2019, assunta al protocollo del Commissario Delegato n. 121926 del 26 marzo 2019 con
cui il Comune di TONEZZA DEL CIMONE, coerentemente con le modalità di rendicontazione, ha trasmesso la Determina n.
33 del 26 marzo 2019, di approvazione delle spese sostenute per gli interventi di cui alla citata Tabella A per la somma
complessiva ammissibile di Euro 1.742,61;

CONSIDERATO che, con riferimento ai sopraccitati interventi, il Comune di TONEZZA DEL CIMONE ha precisato che:

• non sono oggetto di finanziamento da parte di altri contributi pubblici o risarcimenti corrisposti sulla base di polizze
assicurative;
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 7
_______________________________________________________________________________________________________

• sono causalmente connessi con le eccezionali avversità atmosferiche verificatesi nei giorni dal 27 ottobre al 5
novembre 2018;
• sono conformi a quanto indicato nel provvedimento di finanziamento e le opere realizzate sono state condotte secondo
la normativa vigente in materia di lavori pubblici e del relativo regolamento di attuazione;

DATO ATTO che, sulla base della documentazione prodotta dal Comune di TONEZZA DEL CIMONE e in riferimento a
quanto sopra indicato, per gli interventi in esame risulta il seguente quadro riepilogativo:

Tabella A

Importo
gia' Contributo Importo
Provv. Di Importo Importo Tipo di ECONOMIE
Cod. int. Descrizione Località Erogato Definitivo da
Finanz. Finanziato Rendicontato Liquid. TOTALI
(OC n. ammissibile liquidare
2/2018)
Sostituzione
linee elettriche Contrà Via O.C. n. 2 del
aeree / Pettinà - 20 dicembre
024106-1 1.742,61 SALDO
danneggiate Via G. 2018, 1.742,61 1.568,35 1.742,61 174,26 -
dalla caduta di Rumor Allegato B1
alberi
TOTALI 1.742,61 SALDO
1.742,61 1.568,35 1.742,61 174,26 -

ACCERTATA la regolarità formale della sopraccitata documentazione presentata dal Comune di TONEZZA DEL CIMONE
che attesta in Euro 1.742,61 la spesa ammissibile complessivamente sostenuta;

RITENUTO pertanto di procedere, per le motivazioni sopra esposte:

1. a confermare il finanziamento di Euro 1.742,61 complessivamente assegnato a favore del Comune di TONEZZA DEL
CIMONE con O.C. n. 2/2018 per gli interventi di cui alla Tabella A sopra riportata, con riferimento al quale è stato
erogato un acconto di Euro 1.742,61, ai sensi della medesima Ordinanza, con ordinativo n. 181 del 2018 a valere sulla
Contabilità Speciale n° 6108 di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018;
2. a determinare in Euro 1.742,61, sulla base della documentazione di rendicontazione trasmessa dal Comune di
TONEZZA DEL CIMONE, il contributo definitivo ammissibile spettante per la realizzazione degli interventi in
argomento;
3. a liquidare a saldo, a favore del Comune di TONEZZA DEL CIMONE, la somma di Euro 174,26, per gli interventi di
cui al punto 2, corrispondente alla differenza tra il contributo definitivo pari a Euro 1.742,61 e l'acconto già erogato di
Euro 1.568,35;
4. a disporre la predisposizione dell'ordinativo di pagamento di Euro 174,26, a valere sulle risorse impegnate ai sensi
della O.C. n. 2/2018 sulla Contabilità Speciale n° 6108 di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018;

VISTI:

• il D. Lgs. n. 1/2018;
• la D.C.M. 8 novembre 2018;
• l'O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• le OO.CC. n. 2/2018, n. 3/2019 e n. 5/2019;

DECRETA

1. di dare atto che le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
2. di confermare il finanziamento di Euro 1.742,61 complessivamente assegnato a favore del Comune di TONEZZA
DEL CIMONE con O.C. n. 2/2018 per gli interventi di cui alla Tabella A sopra riportata, con riferimento al quale è
stato erogato un acconto di Euro 1.568,35, ai sensi della medesima Ordinanza, con ordinativo n. 181 del 2018 a valere
sulla Contabilità Speciale n° 6108 di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018;
3. di determinare in Euro 1.742,61, sulla base della documentazione di rendicontazione trasmessa dal Comune di
TONEZZA DEL CIMONE, il contributo definitivo spettante per la realizzazione degli interventi in argomento;
4. di liquidare a saldo, a favore del Comune di TONEZZA DEL CIMONE, la somma di Euro 174,61, per gli interventi
di cui al punto 3, corrispondente alla differenza tra il contributo definitivo pari a Euro 1.742,61 e l'acconto già erogato
di Euro 1.568,35;
5. di disporre la predisposizione dell'ordinativo di pagamento di Euro 174,26, a valere sulle risorse impegnate ai sensi
della O.C. n. 2/2018 sulla Contabilità Speciale n° 6108 di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018;
8 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

6. di trasmettere il presente provvedimento al Comune di TONEZZA DEL CIMONE;


7. di pubblicare il presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet della Regione del
Veneto nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni Commissariali e Post Emergenziali.

Il Coordinatore dell'Ufficio di supporto al Commissario Delegato Ing. Alessandro De Sabbata


Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 9
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409377)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1248 del 3 dicembre 2019
O.C.D.P.C. n. 558 del 15 novembre 2018. Comune di SALGAREDA - Interventi di cui alla O.C. n. 2 del 20 dicembre
2018, Allegato A1 e B1. Importo totale finanziato Euro 39.447,80. Determinazione del contributo definitivo Euro
39.447,80. Acconto erogato Euro 35.503,02. Liquidazione quota definitiva Euro 3.944,78.

IL COORDINATORE
DELL'UFFICIO DI SUPPORTO AL COMMISSARIO DELEGATO

PREMESSO CHE

• nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle
aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;

• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 135 del 27 ottobre 2018, pubblicato sul BUR n. 114 del 16
novembre 2018, è stata attivata e convocata l'Unità di Crisi Regionale ai sensi del "Protocollo operativo per la
gestione delle Emergenze" nell'ambito del Sistema Regionale di Protezione Civile (D.G.R. n. 103 dell'11 febbraio
2013);

• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 136 del 28 ottobre 2018, integrato da successivo Decreto n.
139 del 29 ottobre 2018, pubblicati sul BUR n. 114 del 16 novembre 2018, a seguito delle criticità riscontrate è stato
dichiarato lo "stato di crisi" ai sensi dell'art. 106, comma 1 lett. a) della L.R. n. 11/2001;

• con Decreto del 29 ottobre 2018, pubblicato nella G.U. n. 253 del 30 ottobre 2018, il Presidente del Consiglio dei
Ministri, ai sensi dell'art. 23, comma 1 del D.Lgs. n. 1/2018, ha disposto la mobilitazione straordinaria del Servizio
Nazionale di Protezione Civile a supporto della Regione Veneto al fine di favorire le operazioni di soccorso nei
territori colpiti dagli eccezionali eventi;

• con Delibera del Consiglio dei Ministri (D.C.M.) dell'8 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 266 del 15 novembre
2018, in esito alle attività di cui al predetto decreto, ai sensi dell'art. 7, comma 1 lett. c) e dell'art. 24 del D. Lgs. n.
1/2018, è stato deliberato, per 12 mesi a far data dal provvedimento medesimo, lo "stato di emergenza" nei territori
colpiti dall'evento;

• la predetta Delibera al punto 4 dispone che, per l'attuazione dei primi interventi urgenti di cui all'art. 25, comma 2 lett.
a) e b) del D. Lgs. n. 1/2018, nelle more della valutazione dell'effettivo impatto degli eventi in argomento, si provveda
nel limite di complessivi Euro 53.500.000,00 a valere sul Fondo per le emergenze nazionali di cui all'art. 44, comma 1
del D. Lgs. n. 1/2018, dei quali Euro 15.000.000,00 spettanti alla Regione Veneto;

• la sopraccitata Delibera prevede che, per l'attuazione degli interventi da effettuare nella vigenza dello "stato di
emergenza", ai sensi dell'art. 25, del D. Lgs. n. 1/2018, si provveda con ordinanze, emanate dal Capo del Dipartimento
della Protezione Civile, acquisita l'intesa della Regione e delle Province Autonome interessate, in deroga a ogni
disposizione vigente e nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento giuridico;

• con successiva Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile (O.C.D.P.C.) n. 558 del 15 novembre
2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20 novembre 2018, d'intesa con la Regione del Veneto, è stato nominato il
Presidente della Regione quale Commissario delegato, per fronteggiare l'emergenza derivante dagli eventi calamitosi
di cui trattasi;

• con il medesimo provvedimento sono state dettate disposizioni per la realizzazione delle iniziative finalizzate al
superamento dell'emergenza, in particolare l'art. 1 comma 3, prevede che il Commissario delegato predisponga entro
venti giorni dalla pubblicazione dell'O.C.D.P.C., un Piano degli interventi da sottoporre all'approvazione del Capo del
Dipartimento della Protezione Civile;

• con nota prot. n. 249408 del 29 novembre 2018 il Ministero dell'Economia e delle Finanze - Dipartimento della
Ragioneria Generale dello Stato, ha comunicato l'apertura, presso la Tesoreria dello Stato di Venezia, della Contabilità
10 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

Speciale n. 6108 intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO - O.558-18", all'interno della quale, con quietanza in data 17
dicembre 2018, è stato disposto l'accreditamento delle risorse stanziate con la suddetta Delibera, di importo pari ad
Euro 15.000.000,00;

• con riferimento alla Contabilità Speciale, la provenienza dei fondi è così definita: trasferimenti da Amministrazioni
Autonome, Ragioneria codice 960, stato di previsione codice 19, appendice codice 6, capitolo 979;

• il Commissario delegato, con nota prot. n. 511689 del 14 dicembre 2018, ha trasmesso al Capo del Dipartimento della
Protezione Civile il Piano degli interventi di cui all'art. 1, comma 3 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018;

• con nota prot. n. POST/0073648 del 20 dicembre 2018 nonché da ultimo con nota n. POST/0032469 del 21 giugno
2019 il Capo del Dipartimento di Protezione Civile ha approvato il Piano degli interventi per l'importo complessivo di
Euro 15.000.000,00, di cui:

♦ Euro 1.527.861,29 per accantonamenti relativi alle seguenti voci: contributi per l'autonoma
sistemazione ai sensi dell'art. 5 della O.C.D.P.C. n. 558/2018 (Euro 200.000,00), presidio anti
sciacallaggio ai sensi dell'art. 8 della O.C.D.P.C. n. 558/2018 (Euro 298.000,00), rimborsi al
volontariato ai sensi dell'art. 10 della O.C.D.P.C. n. 558/2018 (Euro 100.000,00), spese funerarie ai
sensi dell'art. 13 della O.C.D.P.C. n. 558/2018 (Euro 4.250,00), supporto dei Comuni agli Enti locali
colpiti ai sensi dell'art. 1 della O.C.D.P.C. n. 559/2018 (Euro 100.000,00), oneri per prestazioni di
lavoro straordinario ai sensi dell'art. 1 della O.C.D.P.C. n. 559/2018 (Euro 600.000,00), ulteriori
rimborsi ai sensi dell'art. 10 della O.C.D.P.C. n. 558/2018 relativamente all'esercitazione VAIA
(Euro 225.611,29);
♦ Euro 1.229.189,30 per interventi di tipo a) di cui all'art. 1, comma 3, lett. a) della O.C.D.P.C. n.
558/2018;
♦ Euro 11.992.949,41 per interventi di tipo b) di cui all'art. 1, comma 3, lett. b) della O.C.D.P.C. n.
558/2018;
♦ Euro 250.000,00 per interventi di particolare urgenza per la gestione del rischio valanghivo;

• in relazione al Piano autorizzato con le note dipartimentali sopra citate, il Commissario delegato, ad oggi, ha assunto
impegni di spesa, a valere sulle risorse stanziate con D.C.M. 8 novembre 2018 e trasferite alla Contabilità Speciale n.
6108, per un importo complessivo pari ad Euro 13.997.750,00, di cui Euro 13.472.138,71 ai sensi della O.C. n. 2 del
20 dicembre 2018, ed Euro 200.000,00 ai sensi della O.C. n. 3 del 14 febbraio 2019, Euro 225.611,29 con O.C. n.
12/2019 ed Euro 100.000,00 ai sensi della O.C. 17/2019;

RICHIAMATA l'O.C. n. 5 del 2 aprile 2019 che all'art. 9 definisce le nuove attribuzioni del Coordinatore della struttura di
supporto al commissario affidando allo stesso anche compiti accertativi in ordine alla verifica delle rendicontazioni dei
Soggetti Attuatori ai fini delle relative liquidazioni, qualora dovute, e il pagamento in avanzamento o a saldo;

VISTA l'O.C. n. 2/2018 con la quale, in particolare, sono state impegnate risorse di importo complessivo pari ad Euro
13.472.138,71 a favore di varie Amministrazioni/Enti per il finanziamento di attività/interventi nonché liquidati acconti di
importo complessivo pari ad Euro 5.903.639,36 a favore dei Comuni evidenziati nell'allegato D alla medesima Ordinanza, a
valere sulla Contabilità Speciale n° 6108;

DATO ATTO che con la sopraccitata O.C. n. 2/2018 Allegato A1 e B1, sono stati assegnati al Comune di SALGAREDA
finanziamenti di importo complessivo pari ad Euro 39.447,80, per gli interventi nello specifico indicati in Tabella A, nel
seguito riportata;

VISTA la nota del Commissario delegato prot. n. 526521 del 27 dicembre 2018 con la quale sono stati comunicati, al Comune
di SALGAREDA, i finanziamenti assegnati;

VISTA la nota del Coordinatore dell'Ufficio di supporto al Commissario delegato prot. n. 24859 del 21 gennaio 2019, con la
quale sono state comunicate, al Comune di SALGAREDA, le modalità di rendicontazione;

VISTA la nota n. 3858 del 27 marzo 2019, assunta al protocollo del Commissario Delegato n. 123945 del 27 marzo 2019 e la
successiva documentazione integrativa con cui il Comune di SALGAREDA, coerentemente con le modalità di
rendicontazione, ha trasmesso le Determine n. 118 del 22/03/2019 e 117 del 20/03/2019, di approvazione delle spese sostenute
per gli interventi di cui alla citata Tabella A ed i relativi mandati di pagamento per la somma complessiva ammissibile di Euro
39.447,80;

CONSIDERATO che, con riferimento ai sopraccitati interventi, il Comune di SALGAREDA ha precisato che:
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 11
_______________________________________________________________________________________________________

• non sono oggetto di finanziamento da parte di altri contributi pubblici o risarcimenti corrisposti sulla base di polizze
assicurative;
• sono causalmente connessi con le eccezionali avversità atmosferiche verificatesi nei giorni dal 27 ottobre al 5
novembre 2018;
• sono conformi a quanto indicato nel provvedimento di finanziamento e le opere realizzate sono state condotte secondo
la normativa vigente in materia di lavori pubblici e del relativo regolamento di attuazione;

DATO ATTO che, sulla base della documentazione prodotta dal Comune di SALGAREDA e in riferimento a quanto sopra
indicato, per gli interventi in esame risulta il seguente quadro riepilogativo:

Tabella A

Importo
gia' Contributo Importo
Provv. Di Importo Importo Tipo di ECONOMIE
Cod. int. Descrizione Località Erogato Definitivo da
Finanz. Finanziato Rendicontato Liquid. TOTALI
(OC n. ammissibile liquidare
2/2018)
alloggio
temporaneo per
026070-9 500,00 500,00 500,00 500,00 0,00 SALDO 0,00
due famiglie
alluvionate
pulizia e ripristini Via Argine
meccanici strade Piave, via
026070-1 1.781,20 1.781,20 1.781,20 1.781,20 0,00 SALDO 0,00
di accesso aree Passovecchio,
golenali via Gonfo
Via Argine
lavaggio strade Piave, via
026070-3 2.196,00 2.196,00 2.196,00 2.196,00 0,00 SALDO 0,00
comunali Passovecchio,
via Gonfo
ripristino
copertura
danneggiata:
applicazione
fascia di
membrana
plastomerica
Campo di O.C. n. 2
026070-4 armata in tessuto 414,80 414,80 414,80 414,80 0,00 SALDO 0,00
Pietra del 20
non tessuto di
dicembre
poliestere,
2018,
spessore 4 mm e
Allegato
copertina in
A1 e B1
lamiera
preverniciata coor
testa di moro
abbattimento
alberi pericolanti
Campo di
026070-6 presso la scuola 890,60 890,60 890,60 890,60 0,00 SALDO 0,00
Pietra
materna di Cmpo
di Pietra
raccolta e
Via Argine
smaltimento
Piave, via
026070-7 rifiuti, macerie e 32.860,00 29.720,42 32.860,00 32.860,00 3.139,58 SALDO 0,00
Passovecchio,
materiale
via Gonfo
alluvionale
bonifica residui
rifiuti e materiale
Via Argine
alluvionale non
Piave, via
026070-8 accettati dal 805,20 0,00 805,20 805,20 805,20 SALDO 0,00
Passovecchio,
gestore preposto
via Gonfo
alla raccolta dei
rifiuti
TOTALI 39.447,80 35.503,02 39.447,80 39.447,80 3.944,78 SALDO 0,00

ACCERTATA la regolarità formale della sopraccitata documentazione presentata dal Comune di SALGAREDA che attesta in
Euro 39.447,80 la spesa ammissibile complessivamente sostenuta;

RITENUTO pertanto di procedere, per le motivazioni sopra esposte:


12 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

1. a confermare il finanziamento di Euro 39.447,80 complessivamente assegnato a favore del Comune di SALGAREDA
con O.C. n. 2/2018 per gli interventi di cui alla Tabella A sopra riportata, con riferimento al quale è stato erogato un
acconto di Euro 35.503,02, ai sensi della medesima Ordinanza, con ordinativo n. 115 del 2018 a valere sulla
Contabilità Speciale n° 6108 di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018;
2. a determinare in Euro 39.447,80, sulla base della documentazione di rendicontazione trasmessa dal Comune di
SALGAREDA, il contributo definitivo ammissibile spettante per la realizzazione degli interventi in argomento;
3. a liquidare a saldo, a favore del Comune di SALGAREDA, la somma di Euro 3.944,78, per gli interventi di cui al
punto 2, corrispondente alla differenza tra il contributo definitivo pari a Euro 39.447,80 e l'acconto già erogato di Euro
35.503,02;
4. a disporre la predisposizione dell'ordinativo di pagamento di Euro 3.944,78, a valere sulle risorse impegnate ai sensi
della O.C. n. 2/2018 sulla Contabilità Speciale n° 6108 di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018;

VISTI:

• il D. Lgs. n. 1/2018;
• la D.C.M. 8 novembre 2018;
• l'O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• le OO.CC. n. 2/2018, n. 3/2019 e n. 5/2019;

DECRETA

1. di dare atto che le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
2. di confermare il finanziamento di Euro 39.447,80 complessivamente assegnato a favore del Comune di
SALGAREDA con O.C. n. 2/2018 per gli interventi di cui alla Tabella A sopra riportata, con riferimento al quale è
stato erogato un acconto di Euro 35.503,02, ai sensi della medesima Ordinanza, con ordinativo n. 115 del 2018 a
valere sulla Contabilità Speciale n° 6108 di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018;
3. di determinare in Euro 39.447,80, sulla base della documentazione di rendicontazione trasmessa dal Comune di
SALGAREDA, il contributo definitivo spettante per la realizzazione degli interventi in argomento;
4. di liquidare a saldo, a favore del Comune di SALGAREDA, la somma di Euro 3.944,78, per gli interventi di cui al
punto 3, corrispondente alla differenza tra il contributo definitivo pari a Euro 39.447,80 e l'acconto già erogato di Euro
35.503,02;
5. di disporre la predisposizione dell'ordinativo di pagamento di Euro 3.944,78, a valere sulle risorse impegnate ai sensi
della O.C. n. 2/2018 sulla Contabilità Speciale n° 6108 di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018;
6. di trasmettere il presente provvedimento al Comune di SALGAREDA;
7. di pubblicare il presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet della Regione del
Veneto nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni Commissariali e Post Emergenziali.

Il Coordinatore dell'Ufficio di supporto al Commissario Delegato Ing. Alessandro De Sabbata


Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 13
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409378)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1249 del 3 dicembre 2019
OCDPC n. 558/2018 - Primi interventi urgenti di protezione civile in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici
che hanno interessato il territorio delle regioni Calabria, Emilia Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria,
Lombardia, Toscana, Sardegna, Siciliana, Veneto e delle Province autonome di Trento e Bolzano, colpito dagli
eccezionali eventi meteorologici verificatisi a partire dal mese di ottobre 2018. Ordinanza Commissariale n. 5 del
02/04/2019 - Allegato A) - Settore idrogeologico Cod. Int. CBBA N01 - Lavori di ripristino e adeguamento delle
arginature del nodo idraulico di Montegrotto Terme (PD) - CUP F23H19000150002. Soggetto attuatore - Ing. Francesco
Veronese. Studio Ing. Muraro Fabio. Redazione delle relazioni specialistiche Quadro Ambientale. CIG: Z8E28DB853.
LIQUIDAZIONE DI Euro Euro 1.814,38 (IVA compresa) RELATIVI AL SALDO DEL 10%.

IL SOGGETTO ATTUATORE
SETTORE IDROGEOLOGICO

Premesso che

• con Delibera del Consiglio dei Ministri del 8/11/2018 è stato dichiarato lo stato di emergenza in conseguenza degli
eccezionali eventi meteorologici che hanno interessato il territorio del Veneto e di altre regioni verificatesi a partire
dal mese di ottobre 2018;
• con Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile n. 558 del 15/11/2018 recante "Primi interventi
urgenti di protezione civile in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici che hanno interessato il territorio
delle regioni Calabria, Emilia Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Toscana, Sardegna,
Siciliana, Veneto e delle Province autonome di Trento e Bolzano, colpito dagli eccezionali eventi meteorologici
verificatisi a partire dal mese di ottobre 2018.", che ha nominato il Presidente della Regione del Veneto Commissario
delegato per i primi interventi urgenti di protezione civile;
• con ordinanza n. 5 del 2 aprile 2019 il Commissario delegato ha individuato l'Ing. Francesco Veronese, Direttore del
Consorzio di Bonifica Bacchiglione, quale Soggetto Attuatore per il Settore Idrogeologico per tutti gli interventi
ricadenti nella competenza del Consorzio medesimo;

considerato che

• il Dipartimento della Protezione Civile con nota DIP/15877 del 23 marzo 2019 e successiva nota integrativa n.
POST/0016889 del 27/03/2019, ha approvato il Piano di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018 per la somma complessiva di
Euro 220.621.778,52, di cui Euro 195.621.778,52 per interventi ed Euro 25.000.000,00 quale accantonamento per i
contributi a favore di privati e attività produttive;
• con Ordinanza n. 5 del 2 aprile 2019 il Commissario delegato ha approvato, tra gli altri, l'intervento "Lavori di
ripristino e adeguamento delle arginature del nodo idraulico di Montegrotto Terme (PD)" per un importo complessivo
di Euro 2.500.000,00=, intervento codificato come CBBA_N01 nell'allegato A dell'ordinanza, confermando lo
scrivente quale soggetto attuatore;
• l'art. 1 comma 7 dell'Ordinanza n. 558/2018 stabilisce: "Gli interventi di cui alla presente ordinanza sono dichiarati
urgenti, indifferibili e di pubblica utilità ed, ove occorra, costituiscono variante agli strumenti urbanistici vigenti";
• il Soggetto Attuatore - Settore Idrogeologico ha provveduto con determina prot. n. 2019/0006708 del 11.06.2019 alla
nomina dell'Ing. Michele Marchiori, Capo Settore Tecnico Interventi Innovativi del Consorzio di bonifica
Bacchiglione quale Responsabile unico del procedimento per l'intervento Cod. Int. CBBA_N01 - Lavori di ripristino e
adeguamento delle arginature del nodo idraulico di Montegrotto Terme (PD) - CUP F23H19000150002,
attribuendogli tutte le funzioni, i poteri e le facoltà previste dall'art. 31 del D. Lgs. n.50/2016, tenuto anche conto delle
Linee guida n. 3 dell'A.N.A.C. approvate con deliberazione n. 1096/2016 e aggiornate al D. Lgs. n. 56/2017 con
deliberazione n. 1007/2017 e del Comunicato del Presidente della medesima Autorità in data 14 dicembre 2016;

dato che la citata Ordinanza n. 5/2019 prevede in capo ai Soggetti attuatori le deroghe previste dall'art. 4 dell' OCDPC n.
558/2018;

rilevato che in considerazione dell'urgenza di provvedere all'affidamento dei servizi di seguito indicati, nelle more della
definizione delle modalità di gestione del finanziamento di Euro 2.500.000,00= di cui all' Ordinanza n. 5/2019, il Soggetto
Attuatore ha formalizzato incarichi professionali a tecnici di comprovata esperienza e professionalità, esecutori con esito
positivo di analoghe attività professionali in pregresse iniziative, per lo svolgimento delle attività propedeutiche alla
14 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

definizione del progetto "Lavori di ripristino e adeguamento delle arginature del nodo idraulico di Montegrotto Terme (PD)"
quali:

• Attività tecnico topografiche propedeutiche alla progettazione del risezionamento e la sistemazione idraulica dello
scolo Rialto;
• Service di progettazione e coordinamento della sicurezza in fase di progettazione;
• Redazione delle relazioni specialistiche Quadro Ambientale;

visti

• l'incarico di "Redazione delle relazioni specialistiche Quadro Ambientale" affidato allo Studio Ing. Muraro Fabio, con
sede in Padova (PD), via Uruguay n. 20 P.IVA 03223240288, per l'importo complessivo di Euro 18.143,84, di cui
Euro 572,00 per contributo INARCASSA (4%),Euro 3.271,84 I.V.A. (22%) CIG Z8E28DB853, come da lettera di
affidamento prot. n. 7083 del 19.06.2019 conseguente al decreto di affidamento del 18 giugno 2019; repertoriato dalla
struttura commissariale in data 19.06.2019 al n. 93;
• l'atto di registrazione del contratto dell'Ufficiale Rogante della Regione Veneto in data 01.10.2019 n. 213;
• la documentazione necessaria per il pagamento del saldo:
♦ il completamento con esito positivo dell'iter di approvazione della documentazione del progetto come da
determinazione prot. n. 8438 del 24.07.2019 di chiusura della conferenza di servizi decisoria ed il decreto n.
276 del 26.07.2019 di approvazione del progetto definitivo-esecutivo tale da maturare il saldo pari al 10%
previsto dalle condizioni di pagamento di cui all'affidamento prot. n. 7083 del 19.06.2019
♦ la fattura n. 91 datata 07.11.2019 dello Studio Ing. Muraro Fabio di € 1.487,20 (comprensivi del contributo
INARCASSA del 4%) per l'importo complessivo di € 1.814,38 (IVA compresa);
♦ la tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi della L. 136/2010 e schede dati anagrafici,
♦ il D.U.R.C. in corso di validità;

vista la Convenzione tra Commissario delegato e Consorzio di bonifica Bacchiglione repertoriata dall'Ufficiale rogante
regionale al n. 279 in data 15.10.2019 che all'art. 8 stabilisce quanto segue:

"1.La liquidazione di service tecnici e/o degli incarichi professionale o di qualunque altra tipologia di costo afferenti alle
attività di cui al precedente art. 5 lett. a) affidati dall'Ing. Francesco Veronese, in qualità di Soggetto Attuatore, nell'ambito
degli interventi connessi al ripristino dei danni occorsi in relazione agli eventi di ottobre 2018, saranno erogate, agli avente
diritto, da parte del Commissario Delegato, cui dovranno essere intestate le fatture da parte dei professionisti/società
incaricate. 2.Le parti concordano che, per i soli professionisti che operano con ritenuta d'acconto, il Consorzio di bonifica
Bacchiglione provvederà a corrispondere quanto dovuto agli interessati, previa emissione di fattura elettronica allo stesso
intestata, e a richiedere l'integrale rimborso al Commissario mediante rendicontazione";

Ritenuto pertanto, per le motivazioni sopra esposte, di provvedere:

• alla liquidazione allo Studio Ing. Muraro Fabio con sede in Padova (PD), via Uruguay n. 20 dell'importo di € 1.487,20
pari all'imponibile IVA e al contributo INARCASSA, mediante pagamento sul c/c dedicato comunicato;
• di versare all'Erario l'IVA pari ad € 327,18, in applicazione delle disposizioni in materia di scissione di pagamenti.

Visti

• l' OCDPC n. 558 del 15 novembre 2018;


• l'Ordinanza n. 5/2019 del Commissario delegato per i primi interventi urgenti di protezione civile in conseguenza
degli eccezionali eventi meteorologici che hanno interessato il territorio della Regione Veneto, a partire dal mese di
ottobre 2018;
• il D.Lgs. n. 50 del 18 aprile 2016 e successive modifiche ed integrazioni;

DECRETA

1. di dare atto che le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
2. di quantificare in € 1.814,38 (IVA compresa) la somma necessaria per il pagamento allo Studio Ing. Muraro Fabio
con sede in Padova (PD), via Uruguay n. 20, codice fiscale MRRFBA60T05G224I e P.IVA 03223240288, del
SALDO del 10% relativo alle attività di "Redazione delle relazioni specialistiche Quadro Ambientale" condotte
nell'ambito della progettazione dei "Lavori di ripristino e adeguamento delle arginature del nodo idraulico di
Montegrotto Terme (PD)" di cui all'Ordinanza Commissariale n.5/2019;
3. di autorizzare il Consorzio di Bonifica Bacchiglione a provvedere al pagamento, in qualità di soggetto sostituto
d'imposta della struttura Commissariale, della la fattura dello Studio Ing. Muraro Fabio n.91 del 07.11.2019
dell'importo complessivo di € 1.814,38 mediante la predisposizione dei seguenti ordinativi di pagamento di:
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 15
_______________________________________________________________________________________________________

♦ € 1.487,20 a favore dello Studio Ing. Muraro Fabio con sede in Padova (PD), via Uruguay n. 20,
codice fiscale MRRFBA60T05G224I e P.IVA 03223240288, per la quota relativa all'imponibile e al
contributo INARCASSA;
♦ € 327,18 a favore dell'Erario, per la quota relativa all'IVA;

4. di disporre il rimborso al Consorzio di bonifica Bacchiglione della spesa sostenuta, previo inoltro di apposita
rendicontazione, attingendo ai fondi impegnati a carico della Contabilità Speciale n. 6108, intestata a
"C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18", come evidenziato con Ordinanza Commissariale n. 5 del 02.04.2019, che
presenta sufficiente disponibilità;
5. di trasmettere all'Ufficio di supporto al Commissario delegato, il presente provvedimento per gli adempimenti di
competenza;
6. di pubblicare il presente Decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet della Regione del Veneto
nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni Commissariali e Post Emergenziali

IL SOGGETTO ATTUATORE SETTORE IDROGEOLOGICO Ing. Francesco Veronese


16 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409382)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1250 del 5 dicembre 2019
OCDPC n. 558/2018 "Primi interventi urgenti di protezione civile in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici
che hanno interessato il territorio delle regioni Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria,
Lombardia, Toscana, Sardegna, Sicilia, Veneto e delle provincie autonome di Trento e Bolzano, colpito dagli eccezionali
eventi meteorologici verificatisi a partire dal mese di ottobre 2018". OC. 2/2018 "Approvazione elenchi degli interventi
- Impegno di spesa di Euro 13.472.138,71 ed erogazione di Euro 5.903.639,36". Cod. BIMGEST-106. "ACQUEDOTTO-
messa in sicurezza tratto rete di distribuzione, nei pressi della baita degli alpini, in via Val Piana" - Comune di Limana.
Importo complessivo finanziato Euro 5.000,00. Accertamento spesa complessivamente sostenuta per l'intervento e
liquidazione.

IL SOGGETTO ATTUATORE PER IL SETTORE RIPRISTINO SERVIZIO IDRICO

PREMESSO CHE:

• nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle
aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 135 del 27 ottobre 2018, pubblicato sul BUR n. 114 del 16
novembre 2018, è stata attivata e convocata l'Unità di Crisi Regionale U.C.R. ai sensi del "Protocollo operativo per la
gestione delle Emergenze" nell'ambito del Sistema Regionale di Protezione Civile (D.G.R. n. 103 dell'11 febbraio
2013);
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 136 del 28 ottobre 2018, integrato da successivo decreto n.
139 del 29 ottobre 2018, pubblicati sul BUR n. 114 del 16 novembre 2018, a seguito delle criticità riscontrate è stato
dichiarato lo "stato di crisi" ai sensi dell'art. 106, co. 1 lett. a), della L.R. n. 11/2001;
• con Decreto del 29 ottobre 2018, pubblicato nella G.U. n. 253 del 30 ottobre 2018, il Presidente del Consiglio dei
Ministri, ai sensi dell'art. 23, comma 1 del D.Lgs. n. 1/2018, ha disposto la mobilitazione straordinaria del Servizio
Nazionale di Protezione Civile a supporto della Regione Veneto al fine di favorire le operazioni di soccorso nei
territori colpiti dagli eccezionali eventi;
• con Delibera del Consiglio dei Ministri dell'8 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 266 del 15 novembre 2018, in
esito alle attività di cui al predetto decreto, ai sensi dell'art. 7, co. 1 lett. c) e dell'art. 24 del D.Lgs. 2 gennaio 2018 n.
1, è stato deliberato per 12 mesi a far data dal provvedimento medesimo, lo "stato di emergenza" nei territori colpiti
dall'evento;
• la predetta delibera al punto 4 dispone che, per l'attuazione dei primi interventi urgenti di cui all'art. 25, comma 2 lett.
a) e b) del D.Lgs. n. 1/2018, nelle more della valutazione dell'effettivo impatto degli eventi in argomento, si provveda
nel limite di complessivi Euro 53.500.000,00 a valere sul Fondo per le emergenze nazionali di cui all'art. 44, comma 1
del D.Lgs. n. 1/2018, dei quali Euro 15.000.000,00 spettanti alla Regione Veneto;
• il medesimo provvedimento prevede che, per l'attuazione degli interventi da effettuare nella vigenza dello "stato di
emergenza", ai sensi dell'art. 25, del D.Lgs. n. 1/2018, si provvede con ordinanze, emanate dal Capo del Dipartimento
della Protezione civile, acquisita l'intesa della regione e delle province autonome interessate, in deroga a ogni
disposizione vigente e nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento giuridico;
• con successiva Ordinanza n. 558 del 15 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20 novembre 2018, il Capo
del Dipartimento della Protezione Civile, d'intesa con la Regione del Veneto, ha nominato il Presidente della Regione,
Commissario delegato, per fronteggiare l'emergenza derivante dagli eventi calamitosi di cui trattasi;
• con il medesimo provvedimento sono state dettate disposizioni per la realizzazione delle iniziative finalizzate al
superamento dell'emergenza, in particolare l'art. 1 comma 3, prevede che il Commissario delegato predisponga entro
venti giorni dalla pubblicazione dell'O.C.D.P.C., un Piano degli interventi da sottoporre all'approvazione del Capo del
Dipartimento della Protezione Civile;
• il Commissario delegato, con nota prot. n. 511689 del 14 dicembre 2018, ha trasmesso al Capo del Dipartimento della
Protezione Civile il Piano degli interventi di cui all'art. 1, comma 3 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• per la definizione del Piano degli interventi si è fatto riferimento alla ricognizione avviata dal Commissario delegato
nonché alle segnalazioni dei Soggetti Attuatori di cui alla OC n. 1 del 23.11.2018;
• l'indicato piano degli interventi di cui all'art. 1 co. 3 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018 risulta ripartito secondo le
indicazioni di cui all'art. 1, comma 3 della O.C.D.P.C. n. 558/2018 in accantonamenti, interventi di cui alla lettera a)
dell'art. 25 comma 2 ed interventi di cui alla lettera b) dell'art. 25 comma 2, per ammontare complessivo di €
15.000.000,00;
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 17
_______________________________________________________________________________________________________

• con nota prot. n. POST/0073648 del 20 dicembre 2018 il Capo del Dipartimento di Protezione Civile ha approvato il
Piano degli interventi di cui alla OCDPC n. 558/2018 per l'importo complessivo di Euro 14.774.388,71;

VISTA l'Ordinanza del Commissario Delegato n. 1 del 23 novembre 2018 che ha individuato e nominato l'Ing. Sergio Dalvit,
Direttore Tecnico della Società BIM Gestione Servizi Pubblici S.p.A. quale Soggetto Attuatore per il Settore Ripristino
Servizio Idrico per gli interventi individuati con successiva ordinanza del Commissario;

VISTA l'Ordinanza del Commissario Delegato n. 2 del 20 dicembre 2018 di approvazione, nell'ambito del Piano degli
interventi O.C.D.P.C. N. 558/2018, con riferimento al piano autorizzato dal Capo del Dipartimenti di protezione Civile con
nota prot. 73648 del 20/12/2018, degli elenchi delle attività/interventi per un ammontare complessivo di € 13.222.138,71 come
dettagliato negli allegati da A1 a B4 dell'ordinanza stessa;

DATO ATTO che l'allegato all'O.C. 2/2018 denominato "B-3 - Aziende e Società di Servizi Pubblici essenziali e infrastrutture
interventi conclusi o avviati - lettera b) art. 25 comma 1 D.Lgs 1/2018, assegna le risorse finanziarie necessarie, determinate in
complessivi € 4.478.416,00 e comprende anche l'intervento progressivo BIMGEST-106. "ACQUEDOTTO- messa in sicurezza
tratto rete di distribuzione, nei pressi della baita degli alpini, in via Val Piana" - Comune di Limana. Importo complessivo
finanziato € 5.000,00;

PRESO ATTO CHE:

• la nota del Commissario delegato prot. 55586 del 08/02/2019, in ipotesi di intervento concluso e liquidato o
parzialmente liquidato dall'Ente richiedente, stabilisce che il Soggetto Attuatore provveda alla definizione di idoneo
provvedimento di accertamento della spesa complessiva e di liquidazione della spesa a favore dell'Ente richiedente
che ha avviato l'intervento;
• per l'intervento in oggetto sono stati eseguiti lavori a cura del Responsabile Unico del Procedimento, Dott. Ing. Sergio
Dalvit che ha sottoscritto gli atti della contabilità dei lavori in emergenza, opportunamente quantificati nella
contabilità relativa al II° SAL a tutto il 31.12.2018 e relativo al certificato di pagamento n. 2, a firma del direttore dei
lavori Dott. Ing. Alberto Bratti, relativa all'appalto principale denominato "Lavori di realizzazione di allacciamenti di
utenza, piccoli estendimenti di rete, interventi di riparazione e ripristino delle pavimentazioni stradali, afferenti il
servizio idrico integrato, nei comuni appartenenti all'A.T.O. ALTO VENETO - LOTTO ZONA 2/2018 AE - CUP
G16B18000000005 (CUP acquisito da BIM GSP) - CIG 739071314F - contratto prot. GSP 16750 del 23.05.2018",
agli atti dell'Ente Richiedente BIM Gestione Servizi Pubblici S.p.A. e qui integralmente richiamato per quanto di
necessità, dai quali risulta che gli stessi sono stati regolarmente eseguiti ed ammontano ad € 66.595,04 oltre ad IVA
per € 14.298,43 (in regime split payment).
• l'appalto principale sopra indicato è stato utilizzato da BIM Gestione Servizi Pubblici S.p.A. in quanto contratto in
essere, stipulato precedentemente, relativo anche a opere di manutenzione ordinaria e straordinaria che garantiva, in
quanto tale, l'immediata disponibilità della ditta appaltatrice per l'esecuzione dei lavori;
• attualmente, per tale contratto in essere, è disponibile il Certificato di Regolare Esecuzione, sottoscritto ed approvato
in data 13.08.2019, che riguarda anche interventi non inerenti all'emergenza in oggetto;

VISTI, pertanto, in ordine all'opera conclusa individuata al progressivo n. 106 relativo a "ACQUEDOTTO- messa in sicurezza
tratto rete di distribuzione, nei pressi della baita degli alpini, in via Val Piana" - Comune di Limana (BL)":

• la dichiarazione, rilasciata ai sensi del DPR 445/2000, del Responsabile del Procedimento inerente i lavori identificati
al progressivo BIMGEST-106 "ACQUEDOTTO- messa in sicurezza tratto rete di distribuzione, nei pressi della baita
degli alpini, in via Val Piana" che attesta la corrispondenza del lavoro svolto con quanto fatturato, la regolare
esecuzione dello stesso e la quantificazione nella contabilità per l'ammontare di € 965,94, al quale vanno sommati, in
quota parte € 18,92 per oneri per la sicurezza ed IVA per € 216,67 (in regime split payment), importo compreso nella
contabilità del II° SAL a tutto il 31.12.2018 relativo al contratto principale;
• la copia degli atti della contabilità dei soli lavori in emergenza e la copia del certificato di pagamento n. 2 e dello Stato
di avanzamento n. 2 a tutto il 31.12.2018;
• la copia del certificato di regolare esecuzione dei lavori datato 13.08.2019;
• la fattura n. 4 del 30.01.2019 della ditta FRANCO LAVINA COSTRUZIONI S.P.A., relativa all'importo dell'intera
rata n. 2, pari ad € 66.595,04 oltre IVA 14.298,43, comprensiva dell'importo contabilizzato per l'intervento oggetto di
rendicontazione;
• la distinta di avvenuto pagamento della fattura e l'estratto conto bancario;
• la Scheda di monitoraggio sottoscritta dal Soggetto Attuatore, comprensiva di tutte le attestazioni del quadro F;
• la Relazione finale dell'intervento, a firma del Direttore dei lavori, Dott. Ing. Alberto Bratti;

ACCERTATO che:
18 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

• i sopra elencati documenti rispettano le prescrizioni delle "Specifiche tecniche per la rendicontazione dei soggetti
attuatori nominati con ordinanze commissariali n. 1 e 2/2018", trasmesse dal Commissario Delegato con nota prot.
55586 dell'8/02/19;
• la spesa complessivamente sostenuta e documentata con fattura n. 4 del 30.01.2019 della ditta FRANCO LAVINA
COSTRUZIONI S.P.A. ammonta ad € 965,94, al quale vanno sommati, in quota parte € 18,92 per oneri per la
sicurezza ed IVA per € 216,67 (in regime split payment), che si allega, dichiarandone, nel contempo, la conformità
all'originale conservato e disponibile presso la sede dell'Ente Richiedente BIM Gestione Servizi Pubblici S.p.A.;
• la spesa sostenuta è inerente all'intervento finanziato ed è stata regolarmente pagata, come da contabile di pagamento
del 01.04.2019, che si allega, dichiarandone, nel contempo, la conformità all'originale conservato e disponibile presso
la sede dell'Ente Richiedente BIM Gestione Servizi Pubblici S.p.A.;
• l'Ente Richiedente BIM Gestione Servizi Pubblici S.p.A. ha provveduto all'esecuzione dei lavori in oggetto;
• il lavoro è stato eseguito nel rispetto delle prescrizioni tecniche impartite dalla direzione dei lavori;
• l'importo complessivamente sostenuto risulta congruo ed ammissibile;
• risultano economie pari ad € 4.015,14 rispetto all'importo finanziato dall'Ordinanza 2/2018, pari ad € 5.000,00;

VISTI:

• il D.Lgs. n. 1/2018;
• la D.C.M. 8 novembre 2018;
• l'O.C.D.P.C. n.558/2018;
• le OO.CC. n. 1 e n. 2/2018;

DECRETA

1. di dare atto che le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
2. di accertare che la spesa complessivamente sostenuta da BIM Gestione Servizi Pubblici S.p.A. per i lavori specificati
in oggetto ammonta ad € 965,94, al quale vanno sommati, in quota parte € 18,92 per oneri per la sicurezza ed IVA per
€ 216,67 (in regime split payment), come da allegata documentazione contabile in copia, conservata e disponibile in
originale presso la sede dell'Ente Richiedente BIM Gestione Servizi Pubblici S.p.A. (allegato A composto da n 28
facciate);
3. di certificare la funzionalità dell'opera in relazione agli obiettivi di finanziamento dell'intervento in oggetto indicato;
4. di liquidare l'importo di € 984,86, corrispondente al totale imponibile, in favore di B.I.M. Gestione Servizi Pubblici
S.p.A. per l'intervento individuato al progressivo n. 106 relativo a "ACQUEDOTTO - messa in sicurezza tratto rete di
distribuzione, nei pressi della baita degli alpini, in via Val Piana", di cui all'O.C.D.P.C. N. 558/2018 ed O.C. n.
2/2018, in Comune di Limana, a valere sulla contabilità speciale n. 6108 intestata a C.D.PRES.REG.VENETO -
O.558-18, fatto salvo l'esito delle verifiche di cui al successivo capoverso;
5. di demandare all'ufficio di supporto al Commissario Delegato, per la verifica in ordine all'assenza di debiti con
l'agenzia delle entrate, di cui all'art. 48 bis del DPR n. 602/1973, come modificato dall'art. 1 comma 986 della legge n.
505/2017, e la predisposizione dell'ordinativo di pagamento;
6. di pubblicare il presente decreto, ad eccezione dell'allegato A, sul Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto e sul
sito internet della Regione del Veneto nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni
Commissariali e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE Settore Ripristino Servizio Idrico dott. Ing. Sergio Dalvit
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 19
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409381)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1251 del 5 dicembre 2019
Liquidazione 2° ACCONTO. O.C.D.P.C. n. 558/2018 - O. C. n. 5 del 02/04/2019. Piano degli interventi di cui al comma
1028 art. 1 L. 145/2018. Progetto UOFE_ 035 - Realizzazione opere di mitigazione del trasporto solido e del fluitato
tramite la realizzazione di un'opera selettiva a monte della canalizzazione del Rio dei Molin, in Comune di Rocca
Pietore (BL). Versamento di Euro 10.603,53 a favore della Regione del Veneto per il pagamento della prestazione
professionale, soggetta a ritenuta d'acconto, allo Studio Tecnico Associato Co-sprogetti Group, relativa all'incarico per
rilievo, progetto preliminare-definitivo-esecutivo, computi e capitolati, progetto strutture, studio geologico, relazione
paesaggistica, sondaggi, direzione lavori strutture. 2° ACCONTO. CUP H53H19000030001. CIG Z802845C35.

SOGGETTO ATTUATORE DEL


SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE

PREMESSO CHE:

• nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle
aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 135 del 27 ottobre 2018, pubblicato sul BUR n. 114 del 16
novembre 2018, è stata attivata e convocata l'Unità di Crisi Regionale U.C.R. ai sensi del "Protocollo operativo per la
gestione delle Emergenze" nell'ambito del Sistema Regionale di Protezione Civile (D.G.R. n. 103 dell'11 febbraio
2013);
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 136 del 28 ottobre 2018, integrato da successivo decreto n.
139 del 29 ottobre 2018, pubblicati sul BUR n. 114 del 16 novembre 2018, a seguito delle criticità riscontrate è stato
dichiarato lo "stato di crisi" ai sensi dell'art. 106, co. 1 lett. a), della L.R. n. 11/2001;
• con Decreto del 29 ottobre 2018, pubblicato nella G.U. n. 253 del 30 ottobre 2018, il Presidente del Consiglio dei
Ministri, ai sensi dell'art. 23, co. 1 del D. Lgs 2 gennaio 2018 n. 1, ha disposto la mobilitazione straordinaria del
Servizio Nazionale di protezione civile a supporto della Regione del Veneto al fine di favorire le operazioni di
soccorso nei territori colpiti dagli eccezionali eventi;
• con Delibera del Consiglio dei Ministri dell'8 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 266 del 15 novembre 2018, in
esito alle attività di cui al predetto decreto, ai sensi dell'art. 7, co. 1 lett. c) e dell'art. 24 del D. Lgs 2 gennaio 2018 n.
1, è stato deliberato per 12 mesi a far data dal provvedimento medesimo, lo "stato di emergenza" nei territori colpiti
dall'evento;
• la predetta delibera al punto 4 dispone che, per l'attuazione dei primi interventi urgenti di cui all'art. 25, comma 2 lett.
a) e b) del D. Lgs. n. 1/2018, nelle more della valutazione dell'effettivo impatto degli eventi in argomento, si provveda
nel limite di complessivi Euro 53.500.000,00 a valere sul Fondo per le emergenze nazionali di cui all'art. 44, comma 1
del D. Lgs. n. 1/2018, dei quali Euro 15.000.000,00 spettanti alla Regione Veneto;
• il medesimo provvedimento prevede che, per l'attuazione degli interventi da effettuare nella vigenza dello "stato di
emergenza", ai sensi dell'art. 25, del D. Lgs. n. 1/2018, si provvede con ordinanze, emanate dal Capo del Dipartimento
della Protezione civile, acquisita l'intesa della regione e delle province autonome interessate, in deroga a ogni
disposizione vigente e nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento giuridico;
• con successiva Ordinanza n. 558 del 15 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20 novembre 2018, il Capo
del Dipartimento della Protezione Civile, d'intesa con la Regione del Veneto, ha nominato il Presidente della Regione,
Commissario delegato, per fronteggiare l'emergenza derivante dagli eventi calamitosi di cui trattasi;
• con il medesimo provvedimento sono state dettate disposizioni per la realizzazione delle iniziative finalizzate al
superamento dell'emergenza, in particolare l'art. 1 comma 3, prevede che il Commissario delegato predisponga entro
venti giorni dalla pubblicazione dell'O.C.D.P.C., un Piano degli interventi da sottoporre all'approvazione del Capo del
Dipartimento della Protezione Civile;
• il Commissario delegato, con nota prot. n. 511689 del 14 dicembre 2018, ha trasmesso al Capo del Dipartimento della
Protezione Civile il Piano degli interventi di cui all'art. 1, comma 3 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• per la definizione del Piano degli interventi si è fatto riferimento alla ricognizione avviata dal Commissario delegato
nonché alle segnalazioni dei Soggetti Attuatori di cui alla O.C. n. 1 del 23/11/2018;
• con nota prot. n. POST/0073648 del 20 dicembre 2018 il Capo del Dipartimento di Protezione Civile ha approvato il
Piano degli interventi di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018 per l'importo complessivo di Euro 14.774.388,71;
• con successivi provvedimenti del Consiglio dei Ministri del 21/02/2019 e del 27/02/2019, a valere sugli stanziamenti
di cui all'art. 44, co. 1, del D.Lgs. n. 1/2018, nonché della L. n. 145/2018 art. 1, comma 1028, sono state assegnate al
20 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

Veneto, ai sensi dell'art 1, comma 1, della O.C.D.P.C. n. 558, nonché, del comma 3 della medesima O.C.D.P.C., la
somma complessiva di 2,6 miliardi di Euro rispettivamente pari a 800 milioni di Euro per l'esercizio 2019 e 900
milioni di Euro per i successivi esercizi 2020 e 2021;
• in particolare, a fronte delle ricognizioni trasmesse al Dipartimento di Protezione Civile con note Commissariali
prot.n. 36681 del 28 gennaio 2019 e n. 49710 del 5 febbraio 2019, nonché con precedente nota del Presidente prot. n.
505589 del 13 dicembre 2018 relativa alle segnalazioni finalizzate alla richiesta di contributo FSUE, con Decreto del
Presidente del Consiglio dei Ministri (D.P.C.M.) del 27 febbraio 2019 è stata assegnata al Veneto la somma
complessiva di Euro 755.912.355,61 per il triennio 2019-2021 di cui Euro 232.588.417,11 per il 2019;
• con il medesimo Decreto è stato stabilito che per la realizzazione degli interventi si sarebbe operato con le modalità di
cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• sulla scorta del provvedimento del Consiglio dei Ministri adottato, il Commissario ha provveduto alla definizione,
entro 20 giorni dalla adozione del predetto D.P.C.M., dell'elenco degli interventi contrattualizzabili entro il 30
settembre 2019 con verifica entro il medesimo termine della effettiva contrattualizzazione;
• il Dipartimento della Protezione Civile con nota DIP/15877 del 23 marzo 2019 e successiva nota integrativa n.
POST/0016889 del 27/03/2019, come di seguito specificato, ha, tra l'altro, approvato il Piano di cui alla O.C.D.P.C. n.
558/2018 per la somma complessiva di Euro 220.621.778,52, di cui Euro 195.621.778,52 per interventi ed Euro
25.000.00,00 quale accantonamento per i contributi a favore di privati e attività produttive;

CONSIDERATO CHE nell'ambito dello Stato di mobilitazione come sopra rappresentato sono stati avviati numerosi interventi
volti a eliminare le situazioni di pericolo e a ripristinare i servizi essenziali interrotti dai gravi eventi meteo quali la viabilità
statale, regionale, provinciale e comunale, i servizi essenziali di acquedotto, fognatura, elettrici e delle telecomunicazioni.

DATO ATTO CHE a seguito della nomina del Commissario delegato di cui all'art. 1, comma 1 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018
risultava necessario dare continuità alle azioni intraprese dai diversi soggetti territorialmente e istituzionalmente coinvolti;

ATTESA in particolare l'urgenza di procedere alla nomina dei Soggetti attuatori ai sensi dell'art. 1 comma 2 dell'O.C.D.P.C. n.
558/2018, ai quali affidare i rispettivi ambiti d'azione e d'intervento, con l'ordinanza n. 1 del 23/11/2018 il Commissario
Delegato Dott. Luca Zaia ha individuato, tra i dirigenti e funzionari delle Amministrazioni Pubbliche coinvolte, i Soggetti
attuatori, di comprovata professionalità ed esperienza, ai quali vengono affidati i diversi settori di intervento;

APPURATO CHE con ordinanza n. 1 del 23/11/2018 è stato nominato Soggetto Attuatore e RUP il Dott. Gianmaria
Sommavilla Direttore U.O. Forestale Est per il SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE al fine di garantire il
ripristino in campo idrogeologico forestale e in campo ambientale, alla riduzione definitiva degli effetti dei fenomeni
alluvionali verificatosi e alla mappatura degli interventi già predisposti per la tutela e la salvaguardia del territorio e delle
risorse finanziare ad essi destinati;

DATO ATTO che:

• con Ordinanza Commissariale n. 5 in data 02/04/2019 sono stati, tra l'altro, approvati gli interventi afferenti al settore
Idrogeologico (Allegato A) relativi all'OCDPC n. 558/2018 per l'Emergenza eventi meteo eccezionali dal 27 ottobre al
5 novembre 2018;
• tra gli interventi di cui all'Ordinanza Commissariale n. 5/2019, Allegato A, è ricompreso anche l'intervento
denominato "Realizzazione opere di mitigazione del trasporto solido e del fluitato tramite la realizzazione di un'opera
selettiva a monte della canalizzazione del Rio dei Molin, in Comune di Rocca Pietore (BL)" per un importo di Euro.
400.000,00 cod. intervento UOFE_035;
• la suddetta somma è stata impegnata a carico della Contabilità speciale n. 6108 intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO
- O.558 - 18" a valere sulla disponibilità accertata di cui all'allegato F Quadro economico - come evidenziato con
Ordinanza Commissariale n. 5 del 02/04/2019;

PRESO ATTO che con decreto n. 18 del 17/05/2019 è stato affidato l'incarico per rilievo, progetto
preliminare-definitivo-esecutivo, computi e capitolati, progetto strutture, studio geologico, relazione paesaggistica, sondaggi,
direzione lavori strutture dell'intervento di "Realizzazione opere di mitigazione del trasporto solido e del fluitato tramite la
realizzazione di un'opera selettiva a monte della canalizzazione del Rio dei Molin, in Comune di Rocca Pietore (BL)" allo
Studio Tecnico Associato Cosprogetti Group di Cesiomaggiore (BL) C.F. - P.IVA 00931510259 per l'incarico in oggetto pari
ad Euro 35.500,00 per un Totale compensi e oneri fiscali Euro. 44.804,20; CIG Z802845C35;

RISULTATO che l'incarico di cui sopra è stato formalizzato con il contratto registrato al n. 11/2019 repertoriato al n. 3/2019
nel quale veniva pattuito all'Art. 7 le modalità di pagamento dell'incarico;

VISTO che con nota del 21/06/2019 prot. n. 270378 lo Studio Tecnico Associato Cosprogetti Group di Cesiomaggiore ha
trasmesso il progetto definito-esecutivo relativo al progetto UOFE_035;
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 21
_______________________________________________________________________________________________________

RILEVATO che con decreto n. 197 del 16/07/2019 è stato approvato il progetto di cui sopra;

APPURATO che l'incarico di rilievo e progettazione è stato formalizzato in tutte le sue parti e nei tempi previsti;

VISTA la seguente documentazione relativa al pagamento del 2°ACCONTO:

• fattura n. 100/19 in data 22/11/2019 dello Studio Tecnico Associato Cosprogetti Group con sede legale in via
Soranzen, 16 - 32030 Cesiomaggiore (BL) - C.F. P.IVA 00931510259 per l'importo complessivo di Euro 10.603,532
Iva compresa,
• tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi della L. 136/2010,
• scheda dati anagrafici datata 25/06/2019,
• D.U.R.C.

TENUTO CONTO che il suddetto pagamento è soggetto a ritenuta d'acconto e pertanto, come definito con nota del Direttore
dell'allora Sezione Ragioneria, prot. n. 131940 del 27/03/2015, al fine della corretta liquidazione dell'onorario spettante al
professionista, tramite la Regione quale sostituto di imposta, è necessario il preventivo versamento delle somme a favore della
Regione stessa da parte delle gestioni commissariali.

RITENUTO, pertanto, di procedere al preventivo versamento alla Regione del Veneto della somma di Euro Euro 22.701,72 per
il pagamento in acconto della prestazione professionale soggetta a ritenuta d'acconto in favore del beneficiario come sopra
individuato, nell'ambito dell'intervento in oggetto;

VISTO il D.Lgs 50/2016 e s.m.i.;

VISTA l'O.C.D.P.C. n. 558 del 15/11/2018;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 5/2019;

VISTO il Decreto del Soggetto Attuatore n. 450 del 14.8.2019

DECRETA

1. di dare atto che le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente provvedimento.
2. di versare alla Regione Veneto la somma complessiva di Euro 10.603,532, per il pagamento della fattura n. 100/19 in
data 22/11/2019 emessa dallo Studio Tecnico Associato Cosprogetti Group con sede legale in via Soranzen, 16 -
32030 Cesiomaggiore (BL) - C.F. P.IVA 00931510259, per l'importo complessivo di Euro 10.603,532 Iva compresa,
quale compenso per il 2° ACCONTO dell'incarico per rilievo, progetto preliminare-definitivo-esecutivo, computi e
capitolati, progetto strutture, studio geologico, relazione paesaggistica, sondaggi, direzione lavori strutture dei lavori
eseguito nell'ambito dell'intervento "Realizzazione opere di mitigazione del trasporto solido e del fluitato tramite la
realizzazione di un'opera selettiva a monte della canalizzazione del Rio dei Molin, in Comune di Rocca Pietore (BL)",
Codice UOFE_035 di cui all'Ordinanza Commissariale n. 5/2019, Allegato A);
3. di dare atto che alla spesa suindicata si fa fronte con i fondi impegnati a carico della Contabilità Speciale n. 6108,
intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO O.558-18" a valere sulla disponibilità accertata di cui all'Allegato F) Quadro
economico della Contabilità commissariale n. 6108 - come evidenziato con Ordinanza Commissariale n. 5 del
02/04/2019, che presenta sufficiente disponibilità.
4. di trasmettere all'Ufficio di supporto al Commissario delegato, il presente provvedimento per la predisposizione
dell'ordinativo di pagamento, per l'importo di cui al punto 2) pari ad Euro 10.603,532, a favore della Regione del
Veneto.
5. di pubblicare il presente Decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet della Regione del Veneto
nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni Commissariali e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE DEL SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE Dott. Gianmaria Sommavilla
22 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409380)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1252 del 5 dicembre 2019
O.C.D.P.C. n. 558 del 15.11.2018 - Ordinanza Commissariale n. 9 del 22 maggio 2019. Cod. Int. CBAR_N03 - Ripristino
di frane e scoscendimenti di sponda, rialzo arginale, interventi di consolidamento e ripristino dei manufatti lungo il
Fiume Dese ed il Rio Draganziolo. - CUP I73H19000140001. Liquidazione di spesa a favore di QUATTRO EMME SRL
- S.A.L. n. 1. CIG 7981477B2C.

IL SOGGETTO ATTUATORE
PER IL SETTORE RIPRISTINO IDRAULICO - IDROGEOLOGICO -
CONSORZIO DI BONIFICA ACQUE RISORGIVE

PREMESSO che nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle aree
montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;

VISTA l'Ordinanza del Capo Dipartimento Protezione Civile n. 558 del 15/11/2018 che ha nominato il Presidente della
Regione del Veneto Commissario Delegato per i primi interventi urgenti di protezione civile in conseguenza degli eccezionali
eventi meteorologici che hanno interessato il territorio della Regione Veneto dal 27 ottobre al 5 novembre 2018;

CONSIDERATO che con l'Ordinanza del Commissario Delegato n. 9 del 22 maggio2019 sono stati approvati gli elenchi del
Piano degli interventi di cui al D.P.C.M. del 4 aprile 2019 - a valere sull'assegnazione di cui all'art. 24 quater del Decreto
Legge 23 ottobre 2018, n. 119, convertito, con modificazioni, dalla Legge 17 dicembre 2018, n. 136 - ed è stato individuato e
nominato il Direttore del Consorzio di Bonifica Acque Risorgive, dott. Ing. Carlo Bendoricchio, quale Soggetto Attuatore per il
SETTORE RIPRISTINO IDRAULICO - IDROGEOLOGICO - CONSORZIO DI BONIFICA ACQUE RISORGIVE;

CONSIDERATO che negli elenchi di cui sopra nell'allegato B - Interventi per il Settore Idrogeologico - Forestale, sono inseriti
gli interventi urgenti ed indifferibili da realizzare ad alta ed altissima priorità tra i quali, con Cod. Int. CBAR_N03, il progetto
"Ripristino di frane e scoscendimenti di sponda, rialzo arginale, interventi di consolidamento e ripristino dei manufatti lungo il
Fiume Dese ed il Rio Draganziolo" (AR093P) - CUP I73H19000140001 dell'importo complessivo di € 520.000,00;

CONSIDERATO che con la stessa Ordinanza del Commissario Delegato n. 9 del 22 maggio 2019, per gli interventi di cui al
sopracitato allegato B, è stata impegnata la somma complessiva di Euro 71.643.071,96 sulla contabilità speciale n. 6108,
intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO - O.558-18";

ATTESO che il dott. agr. Vladi Vardiero, Dirigente dell'area Gestionale del Consorzio di Bonifica Acque Risorgive, è stato
nominato Responsabile Unico del Procedimento ai sensi dell'art. 31 del D.Lgs. 50/2016 e Responsabile dei Lavori di cui agli
artt. 89 e 90 del D.Lgs. 81/2008 per i lavori di cui all'oggetto, con delibera d'urgenza del Presidente del Consorzio di Bonifica
Acque Risorgive n. 5 del 02.04.2019;

CONSIDERATO che il Progetto Esecutivo datato 09 maggio 2019 dell'importo complessivo di € 520.000,00 Cod. Int.
CBAR_N03, il progetto "Ripristino di frane e scoscendimenti di sponda, rialzo arginale, interventi di consolidamento e
ripristino dei manufatti lungo il Fiume Dese ed il Rio Draganziolo" (AR093P) - CUP I73H19000140001 dell'importo
complessivo di € 520.000,00 è stato approvato con Decreto del Soggetto Attuatore, Direttore del Consorzio di Bonifica Acque
Risorgive n. 195 del 16.07.2019;

DATO ATTO che a seguito procedura negoziata, ex art. 63 c. 2 lett. c) del D.Lgs. 50/2016, i lavori in appalto sono stati affidati
all'impresa QUATTRO EMME SRL con sede in Porto Viro (RO), codice fiscale 00109660290, con contratto Prot. n. 106 del
13/09/2019 per l'importo complessivo di € 232.368,75, di cui € 5.000,00 per oneri per la sicurezza;

APPURATO che i lavori sono stati consegnati all'impresa QUATTRO EMME SRL in data 16/09/2019;

VISTA la seguente documentazione:

• Contratto d'appalto Prot. n. 106 del 13/09/2019 - CIG 7981477B2C;


• S.A.L. n. 1 a tutto 25/10/2019 emesso dal Direttore dei Lavori ing. Fabio Muraro in pari data;
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 23
_______________________________________________________________________________________________________

• Certificato di pagamento n. 1 in data 31/10/2019 a firma del R.U.P. dott. Vladi Vardiero che liquida alla ditta
QUATTRO EMME SRL l'importo di € 104.837,99;
• Fattura nr. TD01 del 27/11/2019 della ditta QUATTRO EMME SRL Porto Viro (RO), codice fiscale 00109660290,
per l'importo di € 104.837,99 ed IVA 22% € 23.064,36 per un totale compensi e oneri fiscali di € 127.902,35;
• Tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi della legge 136/2010;
• D.U.R.C. in corso di validità;

A SEGUITO della verifica del R.U.P. del rispetto del contratto da parte dell'operatore economico e della copertura finanziaria
della spesa di cui sopra all'interno del quadro economico del progetto;

PRESO ATTO che la spesa di cui all'oggetto trova copertura finanziaria con i fondi stanziati a valere sulla contabilità speciale
n. 6108 intestata a "C.D. PRES. REG. VENETO - O.558-18", Ordinanza Commissariale n. 9 del 22 maggio 2019;

VISTO il D.Lgs. 50/2016 e ss.mm.ii.;

VISTA l'O.C.D.P.C. n. 558/2018;

VISTA l'O.C.D.P.C. n. 601/2019;

VISTA l'Ordinanza del Commissario Delegato n. 9 del 22 maggio 2019;

DECRETA

1. Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente provvedimento in relazione ai lavori indicati in
oggetto.
2. Di ritenere ammissibile e liquidare la Fattura nr. TD01 del 27/11/2019 della ditta QUATTRO EMME SRL Porto Viro
(RO), codice fiscale 00109660290, per l'importo di € 104.837,99 ed IVA 22% € 23.064,36 per un totale compensi e
oneri fiscali di € 127.902,35.
3. Di procedere al pagamento della fattura di cui al punto precedente applicando le disposizioni di cui all'art. 17-ter DPR
633/1972 mediante scissione dei pagamenti.
4. Di dare atto che tale spesa, riferita ai lavori in oggetto, trova copertura finanziaria con i fondi stanziati a valere sulla
contabilità speciale n. 6108 intestata a "C.D. PRES. REG. VENETO - O.558-18", Ordinanza Commissariale n. 9 del
22 maggio 2019.
5. Di trasmettere all'Ufficio di supporto al Commissario Delegato il presente provvedimento per la predisposizione degli
ordinativi di pagamento, relativi alle somme di cui al punto 2), attraverso la procedura informatica del MEF
denominata GEOCOS, subordinatamente alle verifiche previste dalla normativa vigente.
6. Il presente decreto è pubblicato sul BUR della Regione del Veneto, sul sito internet della Regione del Veneto
nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alla Gestione Commissariali e Post Emergenziali e sul sito
internet del Consorzio di Bonifica Acque Risorgive.

IL SOGGETTO ATTUATORE PER IL SETTORE RIPRISTINO IDRAULICO - IDROGEOLOGICO - CONSORZIO DI


BONIFICA ACQUE RISORGIVE dott. Ing. Carlo Bendoricchio
24 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409392)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1253 del 5 dicembre 2019
O.C.D.P.C. n. 558/2018 - O.C. n. 9 del 22.05.2019. S.U. n. 8/2018 "Lavori di somma urgenza per ripristino capacità di
invaso vasche di accumulo rio Corni stretti e sghiaiamenti vari in comune di Ospitale di Cadore (BL)" UOFE 006. CIG
Z9725D4AC3 - CUP H52H18000400001. Importo Finanziamento: Euro. 24.800,00. LIQUIDAZIONE a SALDO Euro
19.923,43 Iva esclusa.

IL SOGGETTO ATTUATORE
PER IL SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE

PREMESSO CHE:

• nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle
aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 135 del 27 ottobre 2018, pubblicato sul BUR n. 114 del 16
novembre 2018, è stata attivata e convocata l'Unità di Crisi Regionale U.C.R. ai sensi del "Protocollo operativo per la
gestione delle Emergenze" nell'ambito del Sistema Regionale di Protezione Civile (D.G.R. n. 103 dell'11 febbraio
2013);
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 136 del 28 ottobre 2018, integrato da successivo decreto n.
139 del 29 ottobre 2018, pubblicati sul BUR n. 114 del 16 novembre 2018, a seguito delle criticità riscontrate è stato
dichiarato lo "stato di crisi" ai sensi dell'art. 106, co. 1 lett. a), della L.R. n. 11/2001;
• con Decreto del 29 ottobre 2018, pubblicato nella G.U. n. 253 del 30 ottobre 2018, il Presidente del Consiglio dei
Ministri, ai sensi dell'art. 23, co. 1 del D. Lgs 2 gennaio 2018 n. 1, ha disposto la mobilitazione straordinaria del
Servizio Nazionale di protezione civile a supporto della Regione del Veneto al fine di favorire le operazioni di
soccorso nei territori colpiti dagli eccezionali eventi;
• con Delibera del Consiglio dei Ministri dell'8 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 266 del 15 novembre 2018, in
esito alle attività di cui al predetto decreto, ai sensi dell'art. 7, co. 1 lett. c) e dell'art. 24 del D. Lgs 2 gennaio 2018 n.
1, è stato deliberato per 12 mesi a far data dal provvedimento medesimo, lo "stato di emergenza" nei territori colpiti
dall'evento;
• la predetta delibera al punto 4 dispone che, per l'attuazione dei primi interventi urgenti di cui all'art. 25, comma 2 lett.
a) e b) del D. Lgs. n. 1/2018, nelle more della valutazione dell'effettivo impatto degli eventi in argomento, si provveda
nel limite di complessivi Euro 53.500.000,00 a valere sul Fondo per le emergenze nazionali di cui all'art. 44, comma 1
del D. Lgs. n. 1/2018, dei quali Euro 15.000.000,00 spettanti alla Regione Veneto;
• il medesimo provvedimento prevede che, per l'attuazione degli interventi da effettuare nella vigenza dello "stato di
emergenza", ai sensi dell'art. 25, del D.Lgs. n. 1/2018, si provvede con ordinanze, emanate dal Capo del Dipartimento
della Protezione civile, acquisita l'intesa della regione e delle province autonome interessate, in deroga a ogni
disposizione vigente e nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento giuridico;
• con successiva Ordinanza n. 558 del 15 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20 novembre 2018, il Capo
del Dipartimento della Protezione Civile, d'intesa con la Regione del Veneto, ha nominato il Presidente della Regione,
Commissario delegato, per fronteggiare l'emergenza derivante dagli eventi calamitosi di cui trattasi;
• con il medesimo provvedimento sono state dettate disposizioni per la realizzazione delle iniziative finalizzate al
superamento dell'emergenza, in particolare l'art. 1 comma 3, prevede che il Commissario delegato predisponga entro
venti giorni dalla pubblicazione dell'O.C.D.P.C., un Piano degli interventi da sottoporre all'approvazione del Capo del
Dipartimento della Protezione Civile;
• il Commissario delegato, con nota prot. n. 511689 del 14 dicembre 2018, ha trasmesso al Capo del Dipartimento della
Protezione Civile il Piano degli interventi di cui all'art. 1, comma 3 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• per la definizione del Piano degli interventi si è fatto riferimento alla ricognizione avviata dal Commissario delegato
nonché alle segnalazioni dei Soggetti Attuatori di cui alla O.C. n. 1 del 23/11/2018;
• con nota prot. n. POST/0073648 del 20 dicembre 2018 il Capo del Dipartimento di Protezione Civile ha approvato il
Piano degli interventi di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018 per l'importo complessivo di Euro 14.774.388,71;
• con successivi provvedimenti del Consiglio dei Ministri del 21/02/2019 e del 27/02/2019, a valere sugli stanziamenti
di cui all'art. 44, co. 1, del D.Lgs. n. 1/2018, nonché della L. n. 145/2018 art. 1, comma 1028, sono state assegnate al
Veneto, ai sensi dell'art 1, comma 1, della O.C.D.P.C. n. 558, nonché, del comma 3 della medesima O.C.D.P.C., la
somma complessiva di 2,6 miliardi di Euro rispettivamente pari a 800 milioni di Euro per l'esercizio 2019 e 900
milioni di Euro per i successivi esercizi 2020 e 2021;
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 25
_______________________________________________________________________________________________________

• in particolare, a fronte delle ricognizioni trasmesse al Dipartimento di Protezione Civile con note Commissariali
prot.n. 36681 del 28 gennaio 2019 e n. 49710 del 5 febbraio 2019, nonché con precedente nota del Presidente prot. n.
505589 del 13 dicembre 2018 relativa alle segnalazioni finalizzate alla richiesta di contributo FSUE, con Decreto del
Presidente del Consiglio dei Ministri (D.P.C.M.) del 27 febbraio 2019 è stata assegnata al Veneto la somma
complessiva di Euro 755.912.355,61 per il triennio 2019-2021 di cui Euro 232.588.417,11 per il 2019;
• con il medesimo Decreto è stato stabilito che per la realizzazione degli interventi si sarebbe operato con le modalità di
cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• sulla scorta del provvedimento del Consiglio dei Ministri adottato, il Commissario ha provveduto alla definizione,
entro 20 giorni dalla adozione del predetto D.P.C.M., dell'elenco degli interventi contrattualizzabili entro il 30
settembre 2019 con verifica entro il medesimo termine della effettiva contrattualizzazione;
• il Dipartimento della Protezione Civile con nota DIP/15877 del 23 marzo 2019 e successiva nota integrativa n.
POST/0016889 del 27/03/2019, come di seguito specificato, ha, tra l'altro, approvato il Piano di cui alla O.C.D.P.C. n.
558/2018 per la somma complessiva di Euro 220.621.778,52, di cui Euro 195.621.778,52 per interventi ed Euro
25.000.00,00 quale accantonamento per i contributi a favore di privati e attività produttive;

CONSIDERATO CHE nell'ambito dello Stato di mobilitazione come sopra rappresentato sono stati avviati numerosi interventi
volti a eliminare le situazioni di pericolo e a ripristinare i servizi essenziali interrotti dai gravi eventi meteo quali la viabilità
statale, regionale, provinciale e comunale, i servizi essenziali di acquedotto, fognatura, elettrici e delle telecomunicazioni.

DATO ATTO CHE a seguito della nomina del Commissario delegato di cui all'art. 1, comma 1 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018
risultava necessario dare continuità alle azioni intraprese dai diversi soggetti territorialmente e istituzionalmente coinvolti;

ATTESA in particolare l'urgenza di procedere alla nomina dei Soggetti attuatori ai sensi dell'art. 1 comma 2 dell'O.C.D.P.C. n.
558/2018, ai quali affidare i rispettivi ambiti d'azione e d'intervento, con l'ordinanza n. 1 del 23/11/2018 il Commissario
Delegato Dott. Luca Zaia ha individuato, tra i dirigenti e funzionari delle Amministrazioni Pubbliche coinvolte, i Soggetti
attuatori, di comprovata professionalità ed esperienza, ai quali vengono affidati i diversi settori di intervento;

APPURATO CHE con ordinanza n. 1 del 23/11/2018 è stato nominato Soggetto Attuatore e RUP il Dott. Gianmaria
Sommavilla Direttore U.O. Forestale Est per il SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE al fine di garantire il
ripristino in campo idrogeologico forestale e in campo ambientale, alla riduzione definitiva degli effetti dei fenomeni
alluvionali verificatosi e alla mappatura degli interventi già predisposti per la tutela e la salvaguardia del territorio e delle
risorse finanziare ad essi destinati;

DATO ATTO che:

• con Ordinanza Commissariale n. O.C. n. 9 del 22.05.2019 sono stati, tra l'altro, approvati gli interventi afferenti al
settore Idrogeologico (Allegato B4) relativi all'OCDPC n. 558/2018 per l'Emergenza eventi meteo eccezionali dal 27
ottobre al 5 novembre 2018;
• tra gli interventi di cui all'Ordinanza Commissariale n O.C. n. 9 del 22.05.2019, Allegato B, è ricompreso anche
l'intervento denominato "Lavori di somma urgenza per ripristino capacità di invaso vasche di accumulo rio Corni
stretti e sghiaiamenti vari in comune di Ospitale di Cadore (BL)" per l'importo complessivo di €. 24.800,00;
• la suddetta somma è stata impegnata a carico della Contabilità Speciale n. 6108, intestata a
"C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18" a valere sulla disponibilità accertata pari a Euro 179.619.184,13 di cui
all'Allegato A - Quadro economico della Contabilità commissariale n. 6108 (riga 8, colonna 6) - come evidenziato con
Ordinanza Commissariale O.C. n. 9 del 22.05.2019;

PRESO ATTO che in precedenza, stante la situazione, ai sensi dell'art. 163 del D.Lgs 50/2016 e s.m.i. è stato redatto in data
04/11/2018 un verbale di somma urgenza, il conseguente affidamento e consegna lavori con concordamento prezzi unitari con
la Ditta "Impresa Costruzioni Tollot Srl", con sede legale in Ponte nelle Alpi (BL) Via Secca Vecia n. 3, codice fiscale e
partita IVA: 00263880254, la quale si è resa immediatamente disponibile a eseguire i lavori per l'importo di € 19.923,43 più
IVA 22% e quindi per complessivi € 24.306,58.

VISTA la seguente documentazione relativa al pagamento del SALDO:

• verbale di somma urgenza in data 04/11/2018,


• verbale di affidamento e consegna lavori con concordamento prezzi unitari in data 06/11/2018,
• Contratto d'Appalto n. 43 in data 19/07/2019
• Certificato di pagamento pari a finale del 05/11/2019;
• la fattura n. 106/PA in data 06/11/2019 della Ditta "Impresa Costruzioni Tollot Srl", con sede legale in Ponte nelle
Alpi (BL) Via Secca Vecia n. 3, codice fiscale e partita IVA: 00263880254 per l'importo complessivo di € 24.306,58
Iva compresa,
• la tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi della L. 136/2010 e scheda dati anagrafici,
26 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

• il D.U.R.C. in corso di validità,


• Certificato di Ultimazione dei Lavori in data 23/11/2018 dal quale si evince che l'attività è stata ultimata ed eseguita in
tempo utile;

RITENUTO pertanto, per le motivazioni sopra esposte, di provvedere:

• alla liquidazione alla Ditta "Impresa Costruzioni Tollot Srl", con sede legale in Ponte nelle Alpi (BL) Via Secca Vecia
n. 3, codice fiscale e partita IVA: 00263880254, dell'importo di € 19.923,43 pari all'imponibile Iva, mediante
pagamento sul c/c bancario indicato in fattura;
• di versare all'Erario l'IVA pari ad € 4.383,15, in applicazione delle disposizioni in materia di scissione dei pagamenti;

VISTO il D. Lgs 50/2016 e s.m.i.;

VISTA l'O.C.D.P.C. n. 558 del 15/11/2018;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 1 del 23/11/2018

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 2/2018;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 9/2019;

DECRETA

1. di dare atto che le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente provvedimento.
2. di quantificare € 19.923,43 la somma necessaria per il pagamento alla Ditta "Impresa Costruzioni Tollot Srl", con sede
legale in Ponte nelle Alpi (BL) Via Secca Vecia n. 3, codice fiscale e partita IVA: 00263880254 e partita IVA:
00190560268 per SALDO relativamente "Lavori di somma urgenza per ripristino capacità di invaso vasche di
accumulo Rio Corni stretti e sghiaiamenti vari in comune di Ospitale di Cadore (BL)" di cui all'Ordinanza
Commissariale n. 9/2019 Allegato B.
3. di liquidare la fattura n. 106/PA in data 06/11/2019 dell'importo complessivo di € 24.306,58 mediante la
predisposizione dei seguenti ordinativi di pagamento:

♦ di € 19.923,43 a favore della Ditta "Impresa Costruzioni Tollot Srl", con sede legale in Ponte nelle
Alpi (BL) Via Secca Vecia n. 3, codice fiscale e partita IVA: 00263880254 per la quota relativa
all'imponibile;
♦ di € 4.383,15 a favore dell'Erario, per la quota relativa all'IVA.

4. di dare atto che alla spesa suindicata si fa fronte con i fondi impegnati a carico della Contabilità Speciale n. 6108,
intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18", come evidenziato con Ordinanza Commissariale n. O.C. n. 9 del
22.05.2019, che presenta sufficiente disponibilità.
5. di trasmettere all'Ufficio di supporto al Commissario delegato, il presente provvedimento per la predisposizione degli
ordinativi di pagamento, relativi alle somme di cui al punto 3), attraverso la procedura informatica del MEF
denominata GEOCOS, subordinatamente alle verifiche previste dalla normativa vigente.
6. di pubblicare il presente Decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet della Regione del Veneto
nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni Commissariali e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE DEL SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE Dott. Gianmaria Sommavilla
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 27
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409391)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1254 del 5 dicembre 2019
OCDPC 558 del 15/11/2018. O.C. 9/2019: Assegnazione di risorse finanziarie di cui all'Art. 24 quater del D.L.
23/10/2018 n. 119 convertito, con modificazioni, in Legge 17/12/2019 n. 136. Cod. Int.GCVI_N17, Progetto n. 1377:
"Lavori di ripristino, sistemazione e adeguamento del baci-no per la laminazione delle piene del fiume Guà e delle
opere idrauliche comprese tra la presa e gli scarichi nei comuni di Montecchio Maggiore e Montebello Vicentino". CUP
H33H18000210001. Importo complessivo progetto : Euro 1.254.600,00. Versamento di Euro 26.644,80 a favore della
Regione del Veneto per il pagamento della presta-zione professionale, soggetta a ritenuta d'acconto, al Geom. Michele
Nicoli relativa all'incarico per la progettazione esecutiva, coordinamento sicurezza in fase di progettazione e di
esecuzione dei lavori nonché assistenza alla D.L. per la parte relativa a misurazioni , rilievi e contabilizzazione.
ACCONTO. CIG 792562617B.

IL SOGGETTO ATTUATORE
SETTORE RIPRISTINO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO
AREA DI VICENZA

PREMESSO CHE:

• nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle
aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 136 del 28 ottobre 2018, integrato da successivo Decreto n.
139 del 29 ottobre 2018, pubblicati sul BUR n. 114 del 16 novembre 2018, a seguito delle criticità riscontrate è stato
dichiarato lo "stato di crisi" ai sensi dell'art. 106, co. 1 lett. a), della L.R. n. 11/2001;
• con Ordinanza n. 558 del 15 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20 novembre 2018, il Capo del
Dipartimento della Protezione Civile, d'intesa con la Regione del Veneto, ha nominato il Presidente della Regione,
Commissario Delegato, per fronteggiare l'emergenza derivante dagli eventi calamitosi di cui trattasi;
• con l'Ordinanza n. 1 del 23 novembre 2018 il Commissario Delegato Dott. Luca Zaia ha nominato, tra i dirigenti e
funzionari delle Amministrazioni Pubbliche coinvolte, i Soggetti Attuatori, ai quali vengono affidati i diversi settori di
intervento;

APPURATO CHE il Soggetto Attuatore per il Settore Ripristino Idraulico e Idrogeologico area di Vicenza, già individuato
con precedente Ordinanza Commissariale n. 1/2018 nell'ing. Mauro Roncada - Direttore dell'Unità Organizzativa Genio Civile
Vicenza, con Ordinanza Commissariale n. 19 del 31/10/2019 è sostituito con l'ing. Giovanni Paolo Marchetti, Direttore
dell'U.O. Genio Civile Vicenza a partire dal 01/11/2019, che mantiene le medesime attribuzioni già formalizzate con la
precedente O.C. 1/2018;

VISTO che :

• con Ordinanza n. 5 del 02/04/2019 vengono approvati gli elenchi degli interventi del Piano degli Interventi di cui
all'art. 1 comma 1028 della L. n. 145/2018 e impegnata la spesa per l'effettuazione degli stessi;
• nell'elenco, di cui all'Allegato A, della medesima Ordinanza, è compreso l'intervento denominato "Lavori di
ripristino, sistemazione e adeguamento del bacino per la laminazione delle piene del fiume Guà e delle opere
idrauliche comprese tra la presa e gli scarichi nei comuni di Montecchio Maggiore e Montebello Vicentino" con Cod.
Int. GCVI_N17 per un importo complessivo di Euro 1.254.600,00. Tale intervento è stato altresì codificato come
Progetto n. 1377 dell'U.O. Genio Civile di Vicenza;
• la suddetta somma è stata impegnata a carico della Contabilità speciale n. 6108 intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO
- O.558 - 18" , come evidenziato con Ordinanza Commissariale n. 5 del 02/04/2019;

PRESO ATTO che :

• con decreto n. 238 del 22/07/2019 è stato affidato l'incarico per la progettazione esecutiva,il coordinamento per la
sicurezza in fase di progettazione e di esecuzione dei lavori nonché assistenza alla D.L. per la parte relativa a
misurazioni, rilievi e contabilizzazione inerente l'intervento "Lavori di ripristino, sistemazione e adeguamento del
bacino per la laminazione delle piene del fiume Guà e delle opere idrauliche comprese tra la presa e gli scarichi nei
comuni di Montecchio Maggiore e Montebello Vicentino" con Cod. Int. GCVI_N17 al Geom. Michele Nicoli con
28 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

studio professionale a Dueville Via De Gasperi 33, P. IVA: 02261970244 verso il corrispettivo di Euro 52.500,00
oltre oneri previdenziali ed IVA per un totale di Euro 66.612,00, CIG 792562617B;
• l'incarico di cui sopra è stato formalizzato in data 05/08/2019 con convenzione registrata al n. 129 di Repertorio VE,
nella quale viene pattuito - all'Art. 5 - le modalità di pagamento dell'incarico e precisamente viene citato: "acconto,
pari al 40% del corrispettivo pattuito alla consegna della documentazione relativa alla progettazione esecutiva
comprensiva dei piano di sicurezza e coordinamento";

VISTO che:

• in data 21/07/2019 il Geom. Michele Nicoli ha consegnato copia cartacea della documentazione relativa alla
progettazione esecutiva comprensiva dei piano di sicurezza e coordinamento inerente il Progetto 1377;
• con decreto n. 346 del 02/08/2019 è stato approvato il progetto di cui sopra;

APPURATO che l'incarico di progettazione è stato formalizzato in tutte le sue parti e nei tempi previsti;

VISTA la seguente documentazione relativa al pagamento dell'ACCONTO:

• Decreto n. 238 del 22/07/2019 di affidamento incarico professionale per la progettazione esecutiva, il
coordinamento per la sicurezza in fase di progettazione e di esecuzione dei lavori nonché assistenza alla D.L. per la
parte relativa a misurazioni, rilievi e contabilizzazione;
• Convenzione in data 05/08/2019 rep. Ufficiale Rogante VE n. 129,
• Certificato per acconto corrispettivo in data 02/10/2019,
• la fattura n. 57- FE in data 06/11/2019 del Geom. Michele Nicoli con studio professionale a Dueville Via De
Gasperi 33, dell'importo complessivo di € 26.644,80 Iva compresa,
• autocertificazione con la tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi della L. 136/2010 e scheda dati anagrafici,
• il Certificato regolarità contributiva rilasciato da Cassa Geometri il 24/09/2019;

TENUTO CONTO che il suddetto pagamento è soggetto a ritenuta d'acconto e pertanto, come definito con nota del Direttore
dell'allora Sezione Ragioneria, prot. n. 131940 del 27/03/2015, al fine della corretta liquidazione dell'onorario spettante al
professionista, tramite la Regione quale sostituto di imposta, è necessario il preventivo versamento delle somme a favore della
Regione stessa da parte delle gestioni commissariali.

RITENUTO, pertanto, di procedere al preventivo versamento alla Regione del Veneto della somma di Euro 26.644,80 per il
pagamento in acconto della prestazione professionale soggetta a ritenuta d'acconto in favore del beneficiario come sopra
individuato, nell'ambito dell'intervento in oggetto;

DECRETA

1. di dare atto che le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente provvedimento.
2. di versare alla Regione Veneto la somma complessiva di Euro 26.644,80 per il pagamento della fattura n. 57-FE in
data 06/11/2019 emessa dal Geom. Michele Nicoli con studio professionale a Dueville Via De Gasperi 33, P. IVA:
02261970244 per l'importo complessivo di Euro 26.644,80 oneri ed Iva compresi, quale compenso in ACCONTO
dell'incarico per la progettazione esecutiva, il coordinamento per la sicurezza in fase di progettazione e di esecuzione
dei lavori nonché assistenza alla D.L. per la parte relativa a misurazioni, rilievi e contabilizzazione nell'ambito
dell'intervento "Lavori di ripristino, sistemazione e adeguamento del bacino per la laminazione delle piene del fiume
Guà e delle opere idrauliche comprese tra la presa e gli scarichi nei comuni di Montecchio Maggiore e Montebello
Vicentino" con Cod. Int. GCVI_N17 di cui all'Ordinanza Commissariale n. 5/2019, Allegato A);
3. di dare atto che alla spesa suindicata si fa fronte con i fondi impegnati a carico della Contabilità Speciale n. 6108,
intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO O.558-18" - come evidenziato con Ordinanza Commissariale n. 5 del
02/04/2019, che presenta sufficiente disponibilità.
4. di trasmettere all'Ufficio di supporto al Commissario delegato, il presente provvedimento per la predisposizione
dell'ordinativo di pagamento, per l'importo di cui al punto 2) pari ad Euro 26.644,80 a favore della Regione del
Veneto.
5. di pubblicare il presente Decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet della Regione del Veneto
nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni Commissariali e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE SETTORE RIPRISTINO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO AREA DI VICENZA Ing.


Giovanni Paolo Marchetti
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 29
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409390)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1255 del 5 dicembre 2019
APPALTO 36/2019 SAV - Int. 36 - CUP H93H19000200001 - CIG 8013452DC6. Aggiudicazione efficace a favore
dell'ATI GEOVERTICAL S.R.L. - I.CO.STRA S.R.L., da costituirsi in caso di aggiudicazione, per l'esecuzione di opere
di difesa dalle valanghe - sito "Livinallongo del Col di Lana/Livinè" (BL). Importo massimo dell'Accordo Quadro:
Euro 5.220.489,53 di cui Euro 4.853.138,19 soggetto a ribasso d'asta ed Euro 367.351,34 per oneri per la sicurezza non
soggetti a ribasso. Piano degli investimenti di cui al comma 1028, art. 1, L. 145/2018 dell'Ordinanza n. 5 del 02 aprile
2019.

IL SOGGETTO ATTUATORE
SETTORE RIPRISTINO VIABILITÀ

Premesso:

• che con Ordinanza del Commissario Delegato n. 5 del 02 aprile 2019 sono stati approvati gli elenchi del Piano degli
interventi di cui all'art. 1, comma 1028, della L. n. 145/2018;
• che, con determinazione a contrarre prot. n. 517/2019 del 21/08/2019, il Soggetto Attuatore per l'Emergenza del
Settore Ripristino Viabilità - Attività Valanghe ha indetto, ai sensi del combinato disposto degli artt. 54 e 36, comma 2
lettera c-bis), del D. Lgs. 50/2016 così come modificato dalla L. 55 del 14/06/2019, derogando alla soglia ivi prevista
(in forza della deroga di cui all'art. 4 dell'OCDPC n. 558/2019), una procedura negoziata mediante accordo quadro, in
unico lotto, per l'esecuzione dei lavori in oggetto attraverso un sistema di gara telematica;
• che nel suddetto atto è stato stabilito di aggiudicare la gara con il criterio dell'offerta a minor prezzo (prezzo più
basso), inferiore all'importo posto a base di gara, mediante offerta sull'elenco prezzi, determinato ai sensi dell'art. 36,
comma 9-bis del D.Lgs. 50/2016 ss.mm.ii., con l'applicazione, nel caso in cui il numero di offerte ammesse fosse
uguale o superiore a cinque, dell'esclusione automatica prevista dall'art. 97, comma 8, dello stesso Decreto
Legislativo, in forza della deroga di cui all'art. 4 dell'OCDPC n. 558/2018;
• che, come previsto dall'art. 97 comma 3-bis del D. Lgs. 50/2016, qualora il numero delle offerte ammesse fosse
risultato inferiore a cinque, non si sarebbe proceduto alla determinazione della soglia dell'anomalia, fermo restando il
potere di valutare, ai sensi del comma 6, ultimo periodo dell'art. 97 del D.Lgs. 50/2016, la congruità delle offerte,
qualora, in base ad elementi specifici, fossero apparse anormalmente basse;
• che l'importo massimo dell'Accordo Quadro è di € 5.220.489,53 di cui € 4.853.138,19 soggetto a ribasso d'asta ed €
367.351,34 per oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso;
• che, in esecuzione alla predetta determinazione, è stata inviata contemporaneamente tramite piattaforma telematica la
lettera di invito/disciplinare di gara prot. n. 553/2019 del 26/08/2019 a n. 20 (venti) operatori economici tratti dall'albo
fornitori informatizzato istituito da Veneto Strade S.p.A. prot. 3805/17 del 17/02/2017;
• che sulla piattaforma telematica, entro le ore 12:00 del giorno 06/09/2019, termine ultimo previsto dal disciplinare di
gara, sono pervenute complessivamente n. 20 (venti) offerte dalle seguenti Ditte, elencate secondo l'ordine di
inserimento definitivo nel portale:

1. A.T.I. CONSORZIO STABILE AURORA S.C.A.R.L., rappresentata da Ciccotto Angelo, con sede
legale in Via San Leonardo n. 17, 43122 Parma (Parma) e LASER S.R.L., rappresentata da
Giovanni Riccobono, con sede legale in Terrassini (PA), Via V.Zo Madonia n. 50, da costituirsi in
caso di aggiudicazione;
2. A.T.I. F.LLI PERSIA S.R.L., rappresentata da Persia Ottavio, con sede legale in Fraz. Tottea di
Crognaleto, Via Gabriele D'Annunzio, 64043 Crognaleto (Teramo) e D'ORSINI S.R.L.,
rappresentata da Anna Persia, con sede in Crognaleto Fraz. Tottea (TE), Via Piane 10, da costituirsi
in caso di aggiudicazione;
3. VALORI S.C.A.R.L. CONSORZIO STABILE, rappresentata da Grosso Ciponte Vincenzo, con
sede legale in Via degli Scipioni 153, 00912 Roma Capitale (Roma);
4. A.T.I. GEOPROTECTION S.R.L., rappresentata da Orgnoni Pierluigi, con sede legale in Via
Renato Del Din 10/B, 33028 Tolmezzo (Udine) e la ditta STAZI LIVIO, in persona del titolare, il
Signor Livio Stazi, con sede in Bovegno (BS), Via Loc. Bassone n. 28, da costituirsi in caso di
aggiudicazione;
5. EUROROCK S.R.L., rappresentata da Postai Tamara, con sede legale in Via Brennero 322, 38121
Trento (Trento);
30 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

6. A.T.I. GEOVERTICAL S.R.L., rappresentata da Labanca Giuseppe, con sede legale in contrada
Galdo zona PIP snc, 85044 Lauria (Potenza) e I.CO.STRA S.R.L., rappresentata da Giorgio
Bertuccini, con sede legale in genova, Corso torino n. 4/13, da costituirsi in caso di aggiudicazione;
7. A.T.I. S.A.CO.S.E.M. S.R.L., rappresentata da Maurizio Michilli, con sede legale in Via I
Trav.M.L.Patria 43, 80078 Pozzuoli (Napoli) e GHELLER S.R.L., rappresentata da Attilio Gheller,
con sede legale in Solagna (VI), Via Montegrappa n. 7, da costituirsi in caso di aggiudicazione;
8. A.T.I. MORETTI QUINTILIO S.R.L., rappresentata da Moretti Carmine, con sede legale in
Frazione Tottea snc, 64043 Crognaleto (Teramo) e la ditta RUGGIERI FRANCESCO, in persona
del titolare, il Signor Francesco ruggieri, con sede in Roma, Via Novara n. 25/b, da costituirsi in
caso di aggiudicazione;
9. RESEARCH CONSORZIO STABILE, rappresentata da Bifulco Dario, con sede legale in Viale
della Costituzione Centro Direzionale Edificio G1, 80143 Napoli (Napoli);
10. CONSORZIO STABILE IMPREGEMI S.C.R.L., rappresentata da Geraci Vincenzo, con sede
legale in Via L. Russo, 93100 Caltanissetta (Caltanissetta);
11. CONSORZIO STABILE VITRUVIO S.C.AR.L., rappresentata da Caruana Vincenzo, con sede
legale in Località Licari n. 37, 98063 Gioiosa Marea (Messina);
12. A.T.I. GEOFOND S.R.L., rappresentata da Bitonte Giuseppe Garibaldi, con sede legale in Via
Giulio Cesare n. 28, 75025 Policoro (Matera) e la ditta IMPRESA EDILE E STRADALE
GENTILE VITTORINO, in persona del titolare, il Signor Vittorino Gentile, con sede in Rieti (RI),
Via del Borgo - frazione Casette n. 15, da costituirsi in caso di aggiudicazione;
13. A.T.I. PELLEGRINI CONSOLIDAMENTI S.R.L., rappresentata da Pellegrini Fabrizio, con sede
legale in Via del tiro a segno n. 2, 05035 Narni (Terni) e CONSORZIO BGP MOUNTAIN
S.C.A.R.L., rappresentata dal Signor Gabriele Giuseppe Guglielmini, con sede in Bergamo, Via
Ambiveri n. 25, da costituirsi in caso di aggiudicazione;
14. A.T.I. UNIROCK S.R.L., rappresentata da Miana Carlo, con sede legale in Via Degli Artigiani n.
16/A, 39100 Bolzano (Bolzano) e GEOROCK S.R.L., rappresentata da Carlo Miana, con sede
legale in Bolzano via degli Artigiani n. 16/A;
15. DOLOMITI ROCCE 4.0 S.P.A., rappresentata da Fenti Danny, con sede legale in Piazza Walther
Von Vogelweide n. 28, 39100 Bolzano (Bolzano), da costituirsi in caso di aggiudicazione;
16. CEC - CONSORZIO STABILE EUROPEO COSTRUTTORI SOC. CONS. A R.L., rappresentata
da Salvatore Virecci Fana, con sede legale in Via A. Manzoni 135, 06135 Perugia (Perugia);
17. ECOVAL S.R.L., rappresentata da Colombo Fabrizio, con sede legale in Localita' Amerique 19/19°,
11020 Quart (Aosta);
18. A.T.I. EUROBUILDING S.P.A., rappresentata da Antonelli Umberto, con sede legale in Via
dell'Artigianato, 63839 Servigliano (Fermo) e RO.GU COSTRUZIONI S.R.L., rappresentata da
Roberto Guzzo, con sede legale in Catanzaro, Via Francesco Crispi n. 8, da costituirsi in caso di
aggiudicazione;
19. ROCK AND RIVER S.R.L., rappresentata da Rosi Giancarlo, con sede legale in Via Roma -
Localita Il Piano snc, 62039 VISSO (Macerata);
20. DAPAM S.R.L. IMPRESA DI COSTRUZIONI, rappresentata da Da Pozzo Gian Marco, con sede
legale in Via Ponte d'Uscio 2/c, 25042 Borno (Brescia);

• che in data 09/09/2019 si è svolta la seduta pubblica, il cui verbale prot. n. 756/2019 del 09/09/2019 si richiama
integralmente, nel corso della quale si è proceduto - tra l'altro - alla lettura delle offerte economiche presentate dalle n.
19 (diciannove) ditte ammesse;
• che, essendo le ditte ammesse in numero superiore a cinque, è stata determinata la soglia di anomalia tramite
piattaforma telematica applicando la formula di cui all'art. 97, comma 2, D. Lgs. 50/2016, che è risultata essere del
25,98069%;
• che si è proceduto all'esclusione automatica di cui all'art. 97, comma 8, del D.Lgs. 50/2016;
• che ai sensi dell'art. 33 comma 1 del D.lgs. 50/2016 il Presidente di Gara ha proposto quale proponente aggiudicatario
il concorrente: A.T.I. GEOVERTICAL S.R.L., con sede legale in Lauria (PZ), contrada Galdo zona PIP snc, C.F. e
P.I. 01867380766, in persona del legale rappresentante, il Signor Giuseppe Labanca, e I.CO.STRA S.R.L., con sede
legale in Genova, C.so Torino n. 4/13, C.F. e P.I. 03498580103, in persona del legale rappresentante, il Signor
Giorgio Bertuccini, da costituirsi in caso di aggiudicazione, che ha presentato un ribasso pari al 25,611% su un
importo a base d'asta di € 4.853.138,19 oltre a oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso pari a € 367.351,34;
• che è stata verificata l'insussistenza dei motivi di esclusione di cui all'art. 80 del D.Lgs. n. 50/2016 e ss.mm.ii.;
• che è stata verificata la sussistenza dei requisiti di capacità economica e finanziaria e dei requisiti di capacità tecnica e
professionale di cui all'art. 83, comma 1, del D.Lgs. 50/2016 e ss.mm.ii.;
• che l'operatore economico ha presentato l'autocertificazione antimafia di cui all'art. 89 del D.Lgs. 159/2011 e inoltre la
ditta "Geovertical S.r.l." risulta iscritta all'elenco di cui all'art. 52 della L. 190/2012 (White List) della Prefettura di
Potenza con scadenza 13/12/2019, mentre la ditta "I.Co.Stra S.r.l." risulta iscritta all'elenco di cui all'art. 52 della L.
190/2012 (White List) della Prefettura di Genova con scadenza 04/12/2019;
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 31
_______________________________________________________________________________________________________

• che con disposizione prot. n. 1670/2019 del 05/11/2019 il Dirigente del Servizio Gare di Veneto Strade ha disposto
l'approvazione della proposta di aggiudicazione dei lavori in oggetto all'A.T.I. GEOVERTICAL S.R.L., con sede
legale in Lauria (PZ), contrada Galdo zona PIP snc, C.F. e P.I. 01867380766, in persona del legale rappresentante, il
Signor Giuseppe Labanca, e I.CO.STRA S.R.L., con sede legale in Genova, C.so Torino n. 4/13, C.F. e P.I.
03498580103, in persona del legale rappresentante, il Signor Giorgio Bertuccini, da costituirsi in caso di
aggiudicazione, che ha presentato un ribasso pari al 25,611% da applicare sull'elenco prezzi posto a base di gara,
attestandone, ai sensi dell'art. 32 comma 7 del D.Lgs. 50/2016, l'immediata efficacia visto l'esito positivo delle
verifiche dei requisiti prescritti in capo all'aggiudicatario di cui all'art. 80 del medesimo decreto.

Tutto ciò premesso:

DECRETA

• l'approvazione dell'aggiudicazione, di cui alla disposizione prot. n. 1670/2019 del 05/11/2019 del Dirigente
dell'Servizio Gare di Veneto Strade, dei lavori in oggetto all'A.T.I. GEOVERTICAL S.R.L., con sede legale in
Lauria (PZ), contrada Galdo zona PIP snc, C.F. e P.I. 01867380766, in persona del legale rappresentante, il Signor
Giuseppe Labanca, e I.CO.STRA S.R.L., con sede legale in Genova, C.so Torino n. 4/13, C.F. e P.I. 03498580103, in
persona del legale rappresentante, il Signor Giorgio Bertuccini, da costituirsi in caso di aggiudicazione, che ha
presentato un ribasso pari al 25,611% da applicare sull'elenco prezzi posto a base di gara;
• che i lavori trovano copertura finanziaria negli elenchi del Piano degli interventi dell'Ordinanza del Commissario
Delegato n. 5 del 02 aprile 2019, Piano degli interventi di cui al comma 1028, art. 1, L. 145/2018;
• che allo scopo di consentire la semplificazione della procedura di affidamento e l'adeguamento della relativa
tempistica al contesto emergenziale, e vista l'avvenuta consegna parziale e anticipata dei lavori in data 25/09/2019 ai
sensi dell'art. 32 c. 8, c. 13 del D.Lgs. 50/2016, e s.m.i. e art. 5 D.M. 49/2018, in applicazione della deroga prevista
dall'art. 4 comma 3 dell'OCDPC n.558/2018, si procederà alla stipula dell'atto di affidamento in deroga al termine
dilatorio di cui all'art. 32, comma 9, del Lgs. 50/2016;
• di dare atto, ai sensi dell'art. 29 del D.Lgs. 50/2016 che:
♦ il presente Decreto sarà pubblicato sul sito internet di Veneto Strade S.p.a. nell'apposita sezione Piattaforma
Gare e Albo Fornitori http://venetostrade.acquistitelematici.it, sul sito internet della Regione del Veneto
nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alla Gestione Commissariali e Post Emergenziali e sul
BUR della Regione del Veneto;
♦ gli atti relativi alla procedura in oggetto saranno pubblicati ed aggiornati sulla piattaforma telematica
http://venetostrade.acquistitelematici.it con l'applicazione delle disposizioni di cui al decreto legislativo
33/2013.

IL SOGGETTO ATTUATORE SETTORE RIPRISTINO VIABILITA' Ing. Silvano Vernizzi


32 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409388)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1256 del 5 dicembre 2019
APPALTO 37/2019 SAV - LOTTO N°1 Int. 85 - CUP H93H19000160001 - CIG 80145117B2. Aggiudicazione efficace a
favore della ditta ILESA COSTRUSZIONI S.R.L. per l'esecuzione di opere di difesa dalle valanghe - sito "Alleghe/Col
de Foia - Colonia" (BL) - LOTTO N°1. Importo massimo dell'Accordo Quadro: Euro 2.214.240,27 di cui Euro
2.087.141,34 soggetto a ribasso d'asta ed Euro 127.098,93 per oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso. Piano degli
investimenti di cui al comma 1028, art. 1, L. 145/2018 dell'Ordinanza n. 5 del 02 aprile 2019.

IL SOGGETTO ATTUATORE
SETTORE RIPRISTINO VIABILITÀ

Premesso:

• che con Ordinanza del Commissario Delegato n. 5 del 02 aprile 2019 sono stati approvati gli elenchi del Piano degli
interventi di cui all'art. 1, comma 1028, della L. n. 145/2018;
• che, con determinazione a contrarre prot. n. 513/2019 del 21/08/2019, il Soggetto Attuatore per l'Emergenza del
Settore Ripristino Viabilità - Attività Valanghe ha indetto una procedura negoziata mediante Accordo Quadro,
suddiviso in due lotti, ai sensi del combinato disposto degli artt. 54 e 36, comma 2, lettera c-bis), del D. Lgs. 50/2016
così come modificato dalla L. 55 del 14/06/2019, derogando alla soglia ivi prevista, in forza dell'O.C.D.P.C. n.
558/2018 per l'esecuzione dei lavori in oggetto attraverso un sistema di gara telematica;
• che nel suddetto atto è stato stabilito di aggiudicare la gara, lotto per lotto, con il criterio dell'offerta a minor prezzo
(prezzo più basso), inferiore all'importo posto a base di gara, mediante offerta sull'elenco prezzi, determinato ai sensi
dell'art. 36, comma 9-bis del D.Lgs. 50/2016 ss.mm.ii., con l'applicazione, nel caso in cui il numero di offerte
ammesse fosse uguale o superiore a cinque, dell'esclusione automatica prevista dall'art. 97, comma 8, dello stesso
Decreto Legislativo, in forza della deroga di cui all'art. 4 dell'OCDPC n. 558/2018;
• che, come previsto dall'art. 97 comma 3-bis del D. Lgs. 50/2016, qualora il numero delle offerte ammesse fosse
risultato inferiore a cinque, non si sarebbe proceduto alla determinazione della soglia dell'anomalia, fermo restando il
potere di valutare, ai sensi del comma 6, ultimo periodo dell'art. 97 del D.Lgs. 50/2016, la congruità delle offerte,
qualora, in base ad elementi specifici, fossero apparse anormalmente basse;
• che l'importo massimo dell'Accordo Quadro del presente lotto è di € 2.214.240,27 di cui € 2.087.141,34 soggetto a
ribasso d'asta ed € 127.098,93 per oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso;
• che, in esecuzione alla predetta determinazione, è stata inviata contemporaneamente tramite piattaforma telematica, la
lettera di invito prot. n. 554/2019 del 26/08/2019, a 20 (venti) operatori economici iscritti all'Albo Fornitori
informatizzato istituito da Veneto Strade S.p.A.;
• che sulla piattaforma telematica, entro le ore 12:00 del giorno 09/09/2019, termine ultimo previsto dal bando di gara,
sono pervenute complessivamente n. 34 (trentaquattro) offerte dalle seguenti Ditte, di seguito suddivise nei 2 lotti ed
elencate secondo l'ordine di inserimento definitivo nel portale:

LOTTO N° 1

1. GEO ALPI ITALIANA S.R.L. "Protezioni Civili", rappresentata da Zannin Franco, con sede legale
in Via XIV agosto n. 25, 32032 Feltre (Belluno);
2. BASILI ENRICO S.A.S., rappresentata da Basili Enrico, con sede legale in Viale Mazzini, 142,
00195 Roma (Roma);
3. A.T.I. S.A.CO.S.E.M. S.R.L., rappresentata da Maurizio Michilli, con sede legale in Via I
trav.m.l.patria 43, 80078 Pozzuoli (Napoli) e GHELLER S.R.L., rappresentata da Attilio Gheller,
con sede in Solagna (VI), Via Montegrappa n. 7, da costituirsi in caso di aggiudicazione;
4. VALORI SCARL CONSORZIO STABILE, rappresentata da Grosso Ciponte Vincenzo, con sede
legale in Via degli Scipioni 153, 00912 Roma Capitale (Roma);
5. SIRIANNI S.R.L., rappresentata da Felice Sirianni, con sede legale in Via G. Mazzini, 64, 88040
San Pietro Apostolo (Catanzaro);
6. SIBAR S.R.L., rappresentata da Cortina Sandro, con sede legale in Via Casilina Km. 93+400,
03027 Ripi (Frosinone);
7. MI.CO. S.R.L., rappresentata da Lanzalaco Luigina, con sede legale in Via Leonardo Da Vinci, n.
57, 93014 Mussomeli (Caltanissetta);
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 33
_______________________________________________________________________________________________________

8. CADORE ASFALTI S.R.L. A SOCIO UNICO, rappresentata da Olivotto Nicola, con sede legale in
Zona Artigianale Località Ansogne, 32010 Perarolo di Cadore (Belluno);
9. VENETA21 S.R.L., rappresentata da De Pra Rene', con sede legale in Via Dell'Industria 4, 32016
Alpago (Belluno);
10. M.S. COSTRUZIONI S.R.L., rappresentata da Mazzaferri Sauro, con sede legale in Via degli artisti
23, 00187 Roma (Roma);
11. MORETTI QUINTILIO S.R.L., rappresentata da Moretti Carmine, con sede legale in Frazione
Tottea snc, 64043 Crognaleto (Teramo);
12. LC LAVORI S.R.L., rappresentata da Miana Carlo, con sede legale in Via degli Agricoltori 11,
32100 Belluno (Belluno);
13. MASCI GIOVANNI & FIGLI SNC, rappresentata da Masci Severino, con sede legale in Frazione
Tottea snc, 64043 Crognaleto (Teramo);
14. TONET S.R.L., rappresentata da Tonet Barbara, con sede legale in Via Zona Industriale, n. 6, 32035
Santa Giustina (Belluno);
15. ILESA COSTRUZIONI S.R.L., rappresentata da Agostini Federico, con sede legale in Via
Ospedale Vecchio 3A, 33170 Pordenone (Pordenone);
16. Dolomiti Rocce 4.0 S.p.A., rappresentata da Fenti Danny con sede legale in Piazza Walther Von
Vogelweide 28, 39100 Bolzano (Bolzano);
17. STRADE E AMBIENTE S.R.L., rappresentata da Giancarlo Caccavale, con sede legale in Via
Erasmo Piaggio n. 65, 66100 Chieti (Chieti);

LOTTO N°2

1. GEO ALPI ITALIANA S.R.L."Protezioni Civili", rappresentata da Zannin Franco, con sede legale
in Via XIV agosto n. 25, 32032 Feltre (Belluno);
2. BASILI ENRICO S.A.S., rappresentata da Basili Enrico, con sede legale in Viale Mazzini 142,
00195 Roma (Roma);
3. A.T.I. S.A.CO.S.E.M. S.R.L., rappresentata da Maurizio Michilli, con sede legale in Via I
trav.m.l.patria 43, 80078 Pozzuoli (Napoli) e GHELLER S.R.L., rappresentata da Attilio Gheller,
con sede in Solagna (VI), Via Montegrappa n. 7, da costituirsi in caso di aggiudicazione;
4. VALORI S.C.A.R.L. CONSORZIO STABILE, rappresentata da Grosso Ciponte Vincenzo, con
sede legale Via degli Scipioni 153, 00912 Roma Capitale (Roma);
5. SIRIANNI S.R.L., rappresentata da Felice Sirianni, con sede legale in Via G. Mazzini 64, 88040
San Pietro Apostolo (Catanzaro);
6. SIBAR S.R.L., rappresentata da Cortina Sandro, con sede legale in Via Casilina Km. 93+400,
03027 Ripi (Frosinone);
7. MI.CO. S.R.L., rappresentata da Lanzalaco Luigina, con sede legale in Via Leonardo Da Vinci n.
57, 93014 Mussomeli (Caltanissetta);
8. CADORE ASFALTI S.R.L. A SOCIO UNICO, rappresentata da Olivotto Nicola, con sede legale in
Zona Artigianale Località Ansogne, 32010 Perarolo di Cadore (Belluno);
9. VENETA21 S.R.L., rappresentata da De Pra Rene', con sede legale in Via Dell'industria 4, 32016
Alpago (Belluno);
10. M.S. COSTRUZIONI S.R.L., rappresentata da Mazzaferri Sauro, con sede legale in Via Degli
Artisti 23, 00187 Roma (Roma);
11. MORETTI QUINTILIO S.R.L., rappresentata da Moretti Carmine, con sede legale in Frazione
Tottea snc, 64043 Crognaleto (Teramo);
12. MASCI GIOVANNI & FIGLI S.N.C., rappresentata da Masci Severino, con sede legale in
Frazione Tottea snc, 64043 Crognaleto (Teramo);
13. TONET S.R.L., rappresentata da Tonet Barbara, con sede legale in Via Zona Industriale n. 6, 32035
Santa Giustina (Belluno);
14. DOLOMITI ROCCE 4.0 S.P.A., rappresentata da Fenti Danny, con sede legale Piazza Walther Von
Vogelweide , 28 39100 Bolzano (Bolzano);
15. STRADE E AMBIENTE S.R.L. rappresentata da Giancarlo Caccavale con sede legale Via Erasmo
Piaggio n.65 66100 Chieti (Chieti);
16. ILESA COSTRUZIONI S.R.L., rappresentata da Agostini Federico, con sede legale in Via
Ospedale Vecchio n. 3A , 33170 Pordenone (Pordenone);
17. LC LAVORI S.R.L. rappresentata da Miana Carlo, con sede legale in Via Degli Agricoltori 11,
32100 Belluno (Belluno);

• che, in data 10/09/2019, si è svolta la seduta pubblica, il cui verbale prot. n. 787/2019 del 10/09/2019 si richiama
integralmente, nel corso della quale si è proceduto - tra l'altro - alla lettura delle offerte economiche presentate dalle n.
17 ditte ammesse del lotto 1;
34 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

• che, essendo le ditte ammesse al Lotto n. 1 in numero superiore a cinque, è stata calcolata la soglia di anomalia tramite
piattaforma telematica applicando la formula di cui all'art. 97, comma 2, D. Lgs. 50/2016, che è risultata essere del
27,01037%;
• che si è proceduto all'esclusione automatica di cui all'art. 97, comma 8, del D.Lgs. 50/2016;
• che ai sensi dell'art. 33, comma 1, del D.lgs. 50/2016 il Presidente di Gara ha proposto quale potenziale aggiudicatario
il concorrente ILESA COSTRUZIONI S.R.L., con sede legale in 33170 Pordenone, Via Ospedale Vecchio 3/A, C.F.
e P.I. 01738660933, in persona del legale rappresentante, il Signor Federico Agostini, che ha presentato un ribasso
pari al 26,89% su un importo a base d'asta di € 2.087.141,34, oltre a oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso pari
a € 127.098,93;
• che è stata verificata l'insussistenza dei motivi di esclusione di cui all'art. 80 del D.Lgs. n. 50/2016 e ss.mm.ii.;
• che è stata verificata la sussistenza dei requisiti di capacità economica e finanziaria e dei requisiti di capacità tecnica e
professionale di cui all'art. 83, comma 1, del D.Lgs. 50/2016 e ss.mm.ii.;
• che l'operatore economico ha presentato l'autocertificazione antimafia di cui all'art. 89 del D.Lgs. 159/2011;
• che con disposizione prot. n. 1655/2019 del 31/10/2019 il Dirigente del Servizio Gare di Veneto Strade ha disposto
l'approvazione della proposta di aggiudicazione dei lavori in oggetto all'Impresa ILESA COSTRUZIONI S.R.L.,
con sede legale in 33170 Pordenone, Via Ospedale Vecchio 3/A, C.F. e P.I. 01738660933, in persona del legale
rappresentante, il Signor Federico Agostini, che ha presentato un ribasso pari al 26,89% da applicare sull'elenco
prezzi posto a base di gara, attestandone, ai sensi dell'art. 32 comma 7 del D.Lgs. 50/2016, l'immediata efficacia visto
l'esito positivo delle verifiche dei requisiti prescritti in capo all'aggiudicatario di cui all'art. 80 del medesimo decreto.

Tutto ciò premesso:

DECRETA

• l'approvazione dell'aggiudicazione, di cui alla disposizione prot. n. 1655/2019 del 31/10/2019 del Dirigente
dell'Servizio Gare di Veneto Strade, dei lavori in oggetto all'Impresa ILESA COSTRUZIONI S.R.L., con sede
legale in 33170 Pordenone, Via Ospedale Vecchio 3/A, C.F. e P.I. 01738660933, in persona del legale rappresentante,
il Signor Federico Agostini, che ha presentato un ribasso pari al 26,89% da applicare sull'elenco prezzi posto a base di
gara;
• che i lavori trovano copertura finanziaria negli elenchi del Piano degli interventi dell'Ordinanza del Commissario
Delegato n. 5 del 02 aprile 2019, Piano degli interventi di cui al comma 1028, art. 1, L. 145/2018;
• che allo scopo di consentire la semplificazione della procedura di affidamento e l'adeguamento della relativa
tempistica al contesto emergenziale, e vista l'avvenuta consegna parziale e anticipata dei lavori in data 26/09/2019 ai
sensi dell'art. 32 c. 8, c. 13 del D.Lgs. 50/2016, e s.m.i. e art. 5 D.M. 49/2018, in applicazione della deroga prevista
dall'art. 4 comma 3 dell'OCDPC n.558/2018, si procederà alla stipula dell'atto di affidamento in deroga al termine
dilatorio di cui all'art. 32, comma 9, del Lgs. 50/2016;
• di dare atto, ai sensi dell'art. 29 del D.Lgs. 50/2016 che:
♦ il presente Decreto sarà pubblicato sul sito internet di Veneto Strade S.p.a. nell'apposita sezione Piattaforma
Gare e Albo Fornitori http://venetostrade.acquistitelematici.it, sul sito internet della Regione del Veneto
nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alla Gestione Commissariali e Post Emergenziali e sul
BUR della Regione del Veneto;
♦ gli atti relativi alla procedura in oggetto saranno pubblicati ed aggiornati sulla piattaforma telematica
http://venetostrade.acquistitelematici.it con l'applicazione delle disposizioni di cui al decreto legislativo
33/2013.

IL SOGGETTO ATTUATORE SETTORE RIPRISTINO VIABILITA' Ing. Silvano Vernizzi


Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 35
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409387)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n.1257 del 5 dicembre 2019
APPALTO 37/2019 SAV - LOTTO N° 2 Int. 1 - CUP H93H19000150001 - CIG 8014513958. Aggiudicazione efficace a
favore della ditta MORETTI QUINTILIO S.R.L. per l'esecuzione di opere di difesa dalle valanghe - sito
"Alleghe/Soprasac" (BL) - LOTTO N° 2. Importo massimo dell'Accordo Quadro: Euro 2.163.712,93 di cui Euro
2.029.946,19 soggetto a ribasso d'asta ed Euro 133.766,74 per oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso. Piano degli
investimenti di cui al comma 1028, art. 1, L. 145/2018 dell'Ordinanza n. 5 del 02 aprile 2019.

IL SOGGETTO ATTUATORE
SETTORE RIPRISTINO VIABILITÀ

Premesso:

• che con Ordinanza del Commissario Delegato n. 5 del 02 aprile 2019 sono stati approvati gli elenchi del Piano degli
interventi di cui all'art. 1, comma 1028, della L. n. 145/2018;
• che, con determinazione a contrarre prot. n. 513/2019 del 21/08/2019, il Soggetto Attuatore per l'Emergenza del
Settore Ripristino Viabilità - Attività Valanghe ha indetto una procedura negoziata mediante Accordo Quadro,
suddiviso in due lotti, ai sensi del combinato disposto degli artt. 54 e 36, comma 2, lettera c-bis), del D. Lgs. 50/2016
così come modificato dalla L. 55 del 14/06/2019, derogando alla soglia ivi prevista, in forza dell'O.C.D.P.C. n.
558/2018 per l'esecuzione dei lavori in oggetto attraverso un sistema di gara telematica;
• che nel suddetto atto è stato stabilito di aggiudicare la gara, lotto per lotto, con il criterio dell'offerta a minor prezzo
(prezzo più basso), inferiore all'importo posto a base di gara, mediante offerta sull'elenco prezzi, determinato ai sensi
dell'art. 36, comma 9-bis del D.Lgs. 50/2016 ss.mm.ii., con l'applicazione, nel caso in cui il numero di offerte
ammesse fosse uguale o superiore a cinque, dell'esclusione automatica prevista dall'art. 97, comma 8, dello stesso
Decreto Legislativo, in forza della deroga di cui all'art. 4 dell'OCDPC n. 558/2018;
• che, come previsto dall'art. 97 comma 3-bis del D. Lgs. 50/2016, qualora il numero delle offerte ammesse fosse
risultato inferiore a cinque, non si sarebbe proceduto alla determinazione della soglia dell'anomalia, fermo restando il
potere di valutare, ai sensi del comma 6, ultimo periodo dell'art. 97 del D.Lgs. 50/2016, la congruità delle offerte,
qualora, in base ad elementi specifici, fossero apparse anormalmente basse;
• che l'importo massimo dell'Accordo Quadro del presente lotto è di € 2.163.712,93 di cui € 2.029.946,19 soggetto a
ribasso d'asta ed € 133.766,74 per oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso;
• che, in esecuzione alla predetta determinazione, è stata inviata contemporaneamente tramite piattaforma telematica, la
lettera di invito prot. n. 554/2019 del 26/08/2019, a 20 (venti) operatori economici iscritti all'Albo Fornitori
informatizzato istituito da Veneto Strade S.p.A.;
• che sulla piattaforma telematica, entro le ore 12:00 del giorno 09/09/2019, termine ultimo previsto dal bando di gara,
sono pervenute complessivamente n. 34 (trentaquattro) offerte dalle seguenti Ditte, di seguito suddivise nei 2 lotti ed
elencate secondo l'ordine di inserimento definitivo nel portale:

LOTTO N° 1

1. GEO ALPI ITALIANA S.R.L. "Protezioni Civili", rappresentata da Zannin Franco, con sede legale
in Via XIV agosto n. 25, 32032 Feltre (Belluno);
2. BASILI ENRICO S.A.S., rappresentata da Basili Enrico, con sede legale in Viale Mazzini, 142,
00195 Roma (Roma);
3. A.T.I. S.A.CO.S.E.M. S.R.L., rappresentata da Maurizio Michilli, con sede legale in Via I
trav.m.l.patria 43, 80078 Pozzuoli (Napoli) e GHELLER S.R.L., rappresentata da Attilio Gheller,
con sede in Solagna (VI), Via Montegrappa n. 7, da costituirsi in caso di aggiudicazione;
4. VALORI SCARL CONSORZIO STABILE, rappresentata da Grosso Ciponte Vincenzo, con sede
legale in Via degli Scipioni 153, 00912 Roma Capitale (Roma);
5. SIRIANNI S.R.L., rappresentata da Felice Sirianni, con sede legale in Via G. Mazzini, 64, 88040
San Pietro Apostolo (Catanzaro);
6. SIBAR S.R.L., rappresentata da Cortina Sandro, con sede legale in Via Casilina Km. 93+400,
03027 Ripi (Frosinone);
7. MI.CO. S.R.L., rappresentata da Lanzalaco Luigina, con sede legale in Via Leonardo Da Vinci, n.
57, 93014 Mussomeli (Caltanissetta);
36 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

8. CADORE ASFALTI S.R.L. A SOCIO UNICO, rappresentata da Olivotto Nicola, con sede legale in
Zona Artigianale Località Ansogne, 32010 Perarolo di Cadore (Belluno);
9. VENETA21 S.R.L., rappresentata da De Pra Rene', con sede legale in Via Dell'Industria 4, 32016
Alpago (Belluno);
10. M.S. COSTRUZIONI S.R.L., rappresentata da Mazzaferri Sauro, con sede legale in Via degli artisti
23, 00187 Roma (Roma);
11. MORETTI QUINTILIO S.R.L., rappresentata da Moretti Carmine, con sede legale in Frazione
Tottea snc, 64043 Crognaleto (Teramo);
12. LC LAVORI S.R.L., rappresentata da Miana Carlo, con sede legale in Via degli Agricoltori 11,
32100 Belluno (Belluno);
13. MASCI GIOVANNI & FIGLI SNC, rappresentata da Masci Severino, con sede legale in Frazione
Tottea snc, 64043 Crognaleto (Teramo);
14. TONET S.R.L., rappresentata da Tonet Barbara, con sede legale in Via Zona Industriale, n. 6, 32035
Santa Giustina (Belluno);
15. ILESA COSTRUZIONI S.R.L., rappresentata da Agostini Federico, con sede legale in Via
Ospedale Vecchio 3A, 33170 Pordenone (Pordenone);
16. Dolomiti Rocce 4.0 S.p.A., rappresentata da Fenti Danny con sede legale in Piazza Walther Von
Vogelweide 28, 39100 Bolzano (Bolzano);
17. STRADE E AMBIENTE S.R.L., rappresentata da Giancarlo Caccavale, con sede legale in Via
Erasmo Piaggio n. 65, 66100 Chieti (Chieti);

LOTTO N°2

1. GEO ALPI ITALIANA S.R.L."Protezioni Civili", rappresentata da Zannin Franco, con sede legale
in Via XIV agosto n. 25, 32032 Feltre (Belluno);
2. BASILI ENRICO S.A.S., rappresentata da Basili Enrico, con sede legale in Viale Mazzini 142,
00195 Roma (Roma);
3. A.T.I. S.A.CO.S.E.M. S.R.L., rappresentata da Maurizio Michilli, con sede legale in Via I
trav.m.l.patria 43, 80078 Pozzuoli (Napoli) e GHELLER S.R.L., rappresentata da Attilio Gheller,
con sede in Solagna (VI), Via Montegrappa n. 7, da costituirsi in caso di aggiudicazione;
4. VALORI S.C.A.R.L. CONSORZIO STABILE, rappresentata da Grosso Ciponte Vincenzo, con
sede legale Via degli Scipioni 153, 00912 Roma Capitale (Roma);
5. SIRIANNI S.R.L., rappresentata da Felice Sirianni, con sede legale in Via G. Mazzini 64, 88040
San Pietro Apostolo (Catanzaro);
6. SIBAR S.R.L., rappresentata da Cortina Sandro, con sede legale in Via Casilina Km. 93+400,
03027 Ripi (Frosinone);
7. MI.CO. S.R.L., rappresentata da Lanzalaco Luigina, con sede legale in Via Leonardo Da Vinci n.
57, 93014 Mussomeli (Caltanissetta);
8. CADORE ASFALTI S.R.L. A SOCIO UNICO, rappresentata da Olivotto Nicola, con sede legale in
Zona Artigianale Località Ansogne, 32010 Perarolo di Cadore (Belluno);
9. VENETA21 S.R.L., rappresentata da De Pra Rene', con sede legale in Via Dell'industria 4, 32016
Alpago (Belluno);
10. M.S. COSTRUZIONI S.R.L., rappresentata da Mazzaferri Sauro, con sede legale in Via Degli
Artisti 23, 00187 Roma (Roma);
11. MORETTI QUINTILIO S.R.L., rappresentata da Moretti Carmine, con sede legale in Frazione
Tottea snc, 64043 Crognaleto (Teramo);
12. MASCI GIOVANNI & FIGLI S.N.C., rappresentata da Masci Severino, con sede legale in
Frazione Tottea snc, 64043 Crognaleto (Teramo);
13. TONET S.R.L., rappresentata da Tonet Barbara, con sede legale in Via Zona Industriale n. 6, 32035
Santa Giustina (Belluno);
14. DOLOMITI ROCCE 4.0 S.P.A., rappresentata da Fenti Danny, con sede legale Piazza Walther Von
Vogelweide , 28 39100 Bolzano (Bolzano);
15. STRADE E AMBIENTE S.R.L. rappresentata da Giancarlo Caccavale con sede legale Via Erasmo
Piaggio n.65 66100 Chieti (Chieti);
16. ILESA COSTRUZIONI S.R.L., rappresentata da Agostini Federico, con sede legale in Via
Ospedale Vecchio n. 3A , 33170 Pordenone (Pordenone);
17. LC LAVORI S.R.L. rappresentata da Miana Carlo, con sede legale in Via Degli Agricoltori 11,
32100 Belluno (Belluno);

• che, in data 10/09/2019, si è svolta la seduta pubblica, il cui verbale prot. n. 787/2019 del 10/09/2019 si richiama
integralmente, nel corso della quale si è proceduto - tra l'altro - alla lettura delle offerte economiche presentate dalle n.
17 ditte ammesse del lotto 2;
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 37
_______________________________________________________________________________________________________

• che, essendo le ditte ammesse al Lotto n. 2 in numero superiore a cinque, è stata calcolata la soglia di anomalia tramite
piattaforma telematica applicando la formula di cui all'art. 97, comma 2, D. Lgs. 50/2016, che è risultata essere del
26,40962%;
• che si è proceduto all'esclusione automatica di cui all'art. 97, comma 8, del D.Lgs. 50/2016;
• che ai sensi dell'art. 33, comma 1, del D.lgs. 50/2016 il Presidente di Gara ha proposto quale potenziale aggiudicatario
il concorrente MORETTI QUINTILIO S.R.L., con sede legale in 64043 Crognaleto - Frazione Tottea snc, C.F. e
P.I. 01726430679, in persona del legale rappresentante, il Signor Carmine Moretti, che ha presentato un ribasso pari al
26,326% su un importo a base d'asta di € 2.029.946,19, oltre a oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso pari a €
133.766,74;
• che è stata verificata l'insussistenza dei motivi di esclusione di cui all'art. 80 del D.Lgs. n. 50/2016 e ss.mm.ii.;
• che è stata verificata la sussistenza dei requisiti di capacità economica e finanziaria e dei requisiti di capacità tecnica e
professionale di cui all'art. 83, comma 1, del D.Lgs. 50/2016 e ss.mm.ii.;
• che l'operatore economico ha presentato l'autocertificazione antimafia di cui all'art. 89 del D.Lgs. 159/2011 e inoltre
risulta iscritto all'elenco di cui all'art. 52 della L. 190/2012 (White List) della Prefettura di Teramo con scadenza
11/01/2020;
• che con disposizione prot. n. 1656/2019 del 31/10/2019 il Dirigente del Servizio Gare di Veneto Strade ha disposto
l'approvazione della proposta di aggiudicazione dei lavori in oggetto all'Impresa MORETTI QUINTILIO S.R.L.,
con sede legale in 64043 Crognaleto - Frazione Tottea snc, C.F. e P.I. 01726430679, in persona del legale
rappresentante, il Signor Carmine Moretti, che ha presentato un ribasso pari al 26,326% da applicare sull'elenco
prezzi posto a base di gara, attestandone, ai sensi dell'art. 32 comma 7 del D.Lgs. 50/2016, l'immediata efficacia visto
l'esito positivo delle verifiche dei requisiti prescritti in capo all'aggiudicatario di cui all'art. 80 del medesimo decreto.

Tutto ciò premesso:

DECRETA

• l'approvazione dell'aggiudicazione, di cui alla disposizione prot. n. 1656/2019 del 31/10/2019 del Dirigente
dell'Servizio Gare di Veneto Strade, dei lavori in oggetto all'Impresa MORETTI QUINTILIO S.R.L., con sede
legale in 64043 Crognaleto - Frazione Tottea snc, C.F. e P.I. 01726430679, in persona del legale rappresentante, il
Signor Carmine Moretti, che ha presentato un ribasso pari al 26,326% da applicare sull'elenco prezzi posto a base di
gara;
• che i lavori trovano copertura finanziaria negli elenchi del Piano degli interventi dell'Ordinanza del Commissario
Delegato n. 5 del 02 aprile 2019, Piano degli interventi di cui al comma 1028, art. 1, L. 145/2018;
• che allo scopo di consentire la semplificazione della procedura di affidamento e l'adeguamento della relativa
tempistica al contesto emergenziale, e vista l'avvenuta consegna parziale e anticipata dei lavori in data 24/09/2019 ai
sensi dell'art. 32 c. 8, c. 13 del D.Lgs. 50/2016, e s.m.i. e art. 5 D.M. 49/2018, in applicazione della deroga prevista
dall'art. 4 comma 3 dell'OCDPC n.558/2018, si procederà alla stipula dell'atto di affidamento in deroga al termine
dilatorio di cui all'art. 32, comma 9, del Lgs. 50/2016;
• di dare atto, ai sensi dell'art. 29 del D.Lgs. 50/2016 che:
♦ il presente Decreto sarà pubblicato sul sito internet di Veneto Strade S.p.a. nell'apposita sezione Piattaforma
Gare e Albo Fornitori http://venetostrade.acquistitelematici.it, sul sito internet della Regione del Veneto
nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alla Gestione Commissariali e Post Emergenziali e sul
BUR della Regione del Veneto;
♦ gli atti relativi alla procedura in oggetto saranno pubblicati ed aggiornati sulla piattaforma telematica
http://venetostrade.acquistitelematici.it con l'applicazione delle disposizioni di cui al decreto legislativo
33/2013.

IL SOGGETTO ATTUATORE SETTORE RIPRISTINO VIABILITA' Ing. Silvano Vernizzi


38 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409386)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1258 del 5 dicembre 2019
APPALTO 42/2019 SAS - Int. VENSTR-138 - CUP H57H19000460001 - CIG 8014805A4F Aggiudicazione efficace a
favore della ditta VENETA21 S.R.L., per l'esecuzione dei lavori di ripristino ed integrazione opere di protezione in
versante e fermaneve sito "Rocca Pietore" lungo la S.P. 641 "del Passo Fedaia" (BL). Importo massimo dell'Accordo
Quadro: Euro 896.507,53 di cui Euro 869.182,36 soggetto a ribasso d'asta ed Euro 27.325,17 per oneri per la sicurezza
non soggetti a ribasso. Piano degli investimenti di cui al comma 1028, art. 1, L. 145/2018 dell'Ordinanza n. 5 del 02
aprile 2019.

IL SOGGETTO ATTUATORE
SETTORE RIPRISTINO VIABILITÀ

Premesso:

• che con Ordinanza del Commissario Delegato n. 5 del 02 aprile 2019 sono stati approvati gli elenchi del Piano degli
interventi di cui all'art. 1, comma 1028, della L. n. 145/2018;
• che, con determinazione a contrarre prot. n. 463/2019 del 12/08/2019, il Soggetto Attuatore per l'Emergenza del
Settore Ripristino Viabilità ha indetto, ai sensi del combinato disposto degli artt. 54 e 36, comma 2 lettera c-bis), del
D. Lgs. 50/2016 così come modificato dalla L. 55 del 14/06/2019, una procedura negoziata mediante accordo quadro,
in unico lotto, per l'esecuzione dei lavori in oggetto attraverso un sistema di gara telematica;
• che nel suddetto atto è stato stabilito di aggiudicare la gara con il criterio dell'offerta a minor prezzo (prezzo più
basso), inferiore all'importo posto a base di gara, mediante offerta sull'elenco prezzi, determinato ai sensi dell'art. 36,
comma 9-bis del D.Lgs. 50/2016 ss.mm.ii., con l'applicazione, nel caso in cui il numero di offerte ammesse fosse
uguale o superiore a cinque, dell'esclusione automatica prevista dall'art. 97, comma 8, dello stesso Decreto
Legislativo, in forza della deroga di cui all'art. 4 dell'OCDPC n. 558/2018;
• che, come previsto dall'art. 97 comma 3-bis del D. Lgs. 50/2016, qualora il numero delle offerte ammesse fosse
risultato inferiore a cinque, non si sarebbe proceduto alla determinazione della soglia dell'anomalia, fermo restando il
potere di valutare, ai sensi del comma 6, ultimo periodo dell'art. 97 del D.Lgs. 50/2016, la congruità delle offerte,
qualora, in base ad elementi specifici, fossero apparse anormalmente basse;
• che l'importo massimo dell'Accordo Quadro è di € 896.507,53 di cui € 869.182,36 soggetto a ribasso d'asta ed €
27.325,17 per oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso;
• che, in esecuzione alla predetta determinazione, è stata inviata contemporaneamente tramite piattaforma telematica la
lettera di invito/disciplinare di gara prot. n. 574/2019 del 28/08/2019 a n. 15 (quindici) operatori economici tratti
dall'albo fornitori informatizzato istituito da Veneto Strade S.p.A. prot. 3805/17 del 17/02/2017;
• che sulla piattaforma telematica, entro le ore 12:00 del giorno 10/09/2019, termine ultimo previsto dal disciplinare di
gara, sono pervenute complessivamente n. 10 (dieci) offerte dalle seguenti Ditte, elencate secondo l'ordine di
inserimento definitivo nel portale:

1. GHELLER S.R.L., rappresentata da Gheller Attilio, con sede legale in via Montegrappa 7, 36020
Solagna (Vicenza);
2. VENETA21 S.R.L., rappresentata da De Pra Renè, con sede legale in Via Dell'industria 4 32016
Alpago (Belluno);
3. BERTOLO S.R.L., rappresentata da Campagna Maria Paola, con sede legale in Via Piandipan n. 29,
33080 Fiume Veneto (Pordenone);
4. IMPRESA CIMENTI S.R.L., rappresentata da Cimenti Vittorugo, con sede legale in Via Carnia
Libera 42, 33025 Ovaro (Udine);
5. CONSORZIO TRIVENETO ROCCIATORI S.C.A.R.L., rappresentata da Dalla Rosa Diego, con
sede legale in Via Fenadora 14, 32030 Feltre (Belluno);
6. TONET S.R.L., rappresentata da Tonet Barbara, con sede legale in Via Zona Industriale n. 6, 32035
Santa Giustina (Belluno);
7. LC LAVORI S.R.L., rappresentata da Miana Carlo, con sede legale in Via Degli Agricoltori 11,
32100 Belluno (Belluno);
8. ILESA COSTRUZIONI S.R.L., rappresentata da Agostini Federico, con sede legale in Via
Ospedale Vecchio 3A, 33170 Pordenone (Pordenone);
9. CADORE ASFALTI S.R.L. A SOCIO UNICO, rappresentata da Olivotto Nicola, con sede legale in
Zona Artigianale Località Ansogne, 32010 Perarolo di Cadore (Belluno);
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 39
_______________________________________________________________________________________________________

10. DOLOMITI ROCCE 4.0 S.P.A., rappresentata da Fenti Danny, con sede legale in Piazza Walther
Von Vogelweide 28, 39100 Bolzano (Bolzano);

• che in data 11/09/2019 si è svolta la seduta pubblica, il cui verbale prot. n. 810/2019 del 11/09/2019 si richiama
integralmente, nel corso della quale si è proceduto - tra l'altro - alla lettura delle offerte economiche presentate dalle n.
10 (dieci) ditte ammesse;
• che, essendo le ditte ammesse in numero superiore a cinque, è stata determinata la soglia di anomalia tramite
piattaforma telematica applicando la formula di cui all'art. 97, comma 2-bis, D. Lgs. 50/2016, che è risultata essere del
31,47240%;
• che si è proceduto all'esclusione automatica di cui all'art. 97, comma 8, del D.Lgs. 50/2016;
• che ai sensi dell'art. 33 comma 1 del D.lgs. 50/2016 il Presidente di Gara ha proposto quale proponente aggiudicatario
il concorrente VENETA21 S.R.L., con sede legale in 32016 Alpago (BL), Via dell'Industria n. 4, C.F. 02533620270
e P.I. 00936900257, in persona del legale rappresentante, il Signor Renè De Pra, che ha presentato un ribasso pari al
28,567% su un importo a base d'asta di € 869.182,36 oltre a oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso pari a €
27.325,17;
• che è stata verificata l'insussistenza dei motivi di esclusione di cui all'art. 80 del D.Lgs. n. 50/2016 e ss.mm.ii.;
• che è stata verificata la sussistenza dei requisiti di capacità economica e finanziaria e dei requisiti di capacità tecnica e
professionale di cui all'art. 83, comma 1, del D.Lgs. 50/2016 e ss.mm.ii.;
• che l'operatore economico ha presentato l'autocertificazione antimafia di cui all'art. 89 del D.Lgs. 159/2011 e risulta
iscritto all'elenco di cui all'art. 52 della L. 190/2012 (White List) della Prefettura di Belluno con scadenza 29/01/2020;
• che con disposizione prot. n. 1671/2019 del 05/11/2019 il Dirigente del Servizio Gare di Veneto Strade ha disposto
l'approvazione della proposta di aggiudicazione dei lavori in oggetto all'Impresa VENETA21 S.R.L., con sede legale
in 32016 Alpago (BL), Via dell'Industria n. 4, C.F. 02533620270 e P.I. 00936900257, in persona del legale
rappresentante, il Signor Renè De Pra, che ha presentato un ribasso pari al 28,567% da applicare sull'elenco prezzi
posto a base di gara, attestandone, ai sensi dell'art. 32 comma 7 del D.Lgs. 50/2016, l'immediata efficacia visto l'esito
positivo delle verifiche dei requisiti prescritti in capo all'aggiudicatario di cui all'art. 80 del medesimo decreto.

Tutto ciò premesso:

DECRETA

• l'approvazione dell'aggiudicazione, di cui alla disposizione prot. n. 1671/2019 del 05/11/2019 del Dirigente
dell'Servizio Gare di Veneto Strade, dei lavori in oggetto all'Impresa VENETA21 S.R.L., con sede legale in 32016
Alpago (BL), Via dell'Industria n. 4, C.F. 02533620270 e P.I. 00936900257, in persona del legale rappresentante, il
Signor Renè De Pra, che ha presentato un ribasso pari al 28,567% da applicare sull'elenco prezzi posto a base di gara;
• che i lavori trovano copertura finanziaria negli elenchi del Piano degli interventi dell'Ordinanza del Commissario
Delegato n. 5 del 02 aprile 2019, Piano degli interventi di cui al comma 1028, art. 1, L. 145/2018;
• che allo scopo di consentire la semplificazione della procedura di affidamento e l'adeguamento della relativa
tempistica al contesto emergenziale, e vista l'avvenuta consegna parziale e anticipata dei lavori in data 24/09/2019 ai
sensi dell'art. 32 c. 8, c. 13 del D.Lgs. 50/2016, e s.m.i. e art. 5 D.M. 49/2018, in applicazione della deroga prevista
dall'art. 4 comma 3 dell'OCDPC n.558/2018, si procederà alla stipula dell'atto di affidamento in deroga al termine
dilatorio di cui all'art. 32, comma 9, del Lgs. 50/2016;
• di dare atto, ai sensi dell'art. 29 del D.Lgs. 50/2016 che:
♦ il presente Decreto sarà pubblicato sul sito internet di Veneto Strade S.p.a. nell'apposita sezione Piattaforma
Gare e Albo Fornitori http://venetostrade.acquistitelematici.it, sul sito internet della Regione del Veneto
nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alla Gestione Commissariali e Post Emergenziali e sul
BUR della Regione del Veneto;
♦ gli atti relativi alla procedura in oggetto saranno pubblicati ed aggiornati sulla piattaforma telematica
http://venetostrade.acquistitelematici.it con l'applicazione delle disposizioni di cui al decreto legislativo
33/2013.

IL SOGGETTO ATTUATORE SETTORE RIPRISTINO VIABILITA' Ing. Silvano Vernizzi


40 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409385)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1259 del 5 dicembre 2019
APPALTO 47/2019 SAS - Int. VENSTR-164 LOTTO 4 - CUP H37H19000450001 - CIG 80199586B4. Aggiudicazione
efficace a favore della ditta LC LAVORI S.R.L., per l'esecuzione di opere di difesa dalle valanghe sito "Livinallongo del
Col di Lana", lungo S.R. 203 dal km 60+250 al km 60+450 e lungo S.R. 48 dal km 94+800 al km 95+750 (BL). Importo
massimo dell'Accordo Quadro: Euro 959.683,17 di cui Euro 901.278,63 soggetto a ribasso d'asta ed Euro 58.404,54 per
oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso. Piano degli investimenti di cui al comma 1028, art. 1, L. 145/2018
dell'Ordinanza n. 5 del 02 aprile 2019.

IL SOGGETTO ATTUATORE
SETTORE RIPRISTINO VIABILITÀ

Premesso:

• che con Ordinanza del Commissario Delegato n. 5 del 02 aprile 2019 sono stati approvati gli elenchi del Piano degli
interventi di cui all'art. 1, comma 1028, della L. n. 145/2018;
• che, con determinazione a contrarre prot. n. 626/2019 del 02/09/2019, il Soggetto Attuatore per l'Emergenza del
Settore Ripristino Viabilità ha indetto, ai sensi del combinato disposto degli artt. 54 e 36, comma 2 lettera c-bis), del
D. Lgs. 50/2016 così come modificato dalla L. 55 del 14/06/2019, una procedura negoziata mediante accordo quadro,
in unico lotto, per l'esecuzione dei lavori in oggetto attraverso un sistema di gara telematica;
• che nel suddetto atto è stato stabilito di aggiudicare la gara con il criterio dell'offerta a minor prezzo (prezzo più
basso), inferiore all'importo posto a base di gara, mediante offerta sull'elenco prezzi, determinato ai sensi dell'art. 36,
comma 9-bis del D.Lgs. 50/2016 ss.mm.ii., con l'applicazione, nel caso in cui il numero di offerte ammesse fosse
uguale o superiore a cinque, dell'esclusione automatica prevista dall'art. 97, comma 8, dello stesso Decreto
Legislativo, in forza della deroga di cui all'art. 4 dell'OCDPC n. 558/2018;
• che, come previsto dall'art. 97 comma 3-bis del D. Lgs. 50/2016, qualora il numero delle offerte ammesse fosse
risultato inferiore a cinque, non si sarebbe proceduto alla determinazione della soglia dell'anomalia, fermo restando il
potere di valutare, ai sensi del comma 6, ultimo periodo dell'art. 97 del D.Lgs. 50/2016, la congruità delle offerte,
qualora, in base ad elementi specifici, fossero apparse anormalmente basse;
• che l'importo massimo dell'Accordo Quadro è di € 959.683,17 di cui € 901.278,63 soggetto a ribasso d'asta ed €
58.404,54 per oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso;
• che, in esecuzione alla predetta determinazione, è stata inviata contemporaneamente tramite piattaforma telematica la
lettera di invito/disciplinare di gara prot. n. 682/2019 del 04/09/2019 a n. 15 (quindici) operatori economici tratti
dall'albo fornitori informatizzato istituito da Veneto Strade S.p.A. prot. 3805/17 del 17/02/2017;
• che sulla piattaforma telematica, entro le ore 12:00 del giorno 16/09/2019, termine ultimo previsto dal disciplinare di
gara, sono pervenute complessivamente n. 10 (dieci) offerte dalle seguenti Ditte, elencate secondo l'ordine di
inserimento definitivo nel portale:

1. CO.VE.MA S.R.L., rappresentata da Franceschelli Andrea con sede legale in Via Guido Reni n. 45,
41013 Castelfranco Emilia (Modena);
2. CADORE ASFALTI S.R.L. A SOCIO UNICO, rappresentata da Olivotto Nicola con sede legale in
Zona Artigianale Località Ansogne, 32010 Perarolo di Cadore (Belluno);
3. CPR S.R.L., rappresentata da Domenighini Loredana con sede legale in Via A. De Gasperi n. 28,
25047 Darfo Boario Terme (Brescia);
4. CONSORZIO TRIVENETO ROCCIATORI SCARL, rappresentata da Dalla Rosa Diego con sede
legale in Via Fenadora n. 14, 32030 Feltre (Belluno);
5. VENETA21 S.R.L., rappresentata da De Pra Rene' con sede legale in Via Dell'industria n. 4, 32016
Alpago (Belluno);
6. STAZI LIVIO, rappresentata da Stazi Livio con sede legale in Via Loc. Bassone n. 28, 25061
Bovegno (Brescia);
7. ILESA COSTRUZIONI S.R.L., rappresentata da Agostini Federico con sede legale in Via Ospedale
Vecchio 3°, 33170 Pordenone (Pordenone);
8. LC LAVORI S.R.L., rappresentata da Miana Carlo con sede legale in Via Degli Agricoltori n. 11,
32100 Belluno (Belluno);
9. GHELLER S.R.L., rappresentata da Gheller Attilio con sede legale in Via Montegrappa n. 7, 36020
Solagna (Vicenza);
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 41
_______________________________________________________________________________________________________

10. DOLOMITI ROCCE 4.0 S.P.A., rappresentata da Fenti Danny con sede legale in Piazza Walther
Von Vogelweide 28, 39100 Bolzano (Bolzano);

• che in data 17/09/2019 si è svolta la seduta pubblica, il cui verbale prot. n. 913/2019 del 17/09/2019 si richiama
integralmente, nel corso della quale si è proceduto - tra l'altro - alla lettura delle offerte economiche presentate dalle n.
10 (dieci) ditte ammesse;
• che, essendo le ditte ammesse in numero superiore a cinque, è stata determinata la soglia di anomalia tramite
piattaforma telematica applicando la formula di cui all'art. 97, comma 2-bis, D. Lgs. 50/2016, che è risultata essere del
32,2998%;
• che nessuna delle offerte presentate è risultata superiore alla soglia di anomalia e, pertanto, non si è proceduto
all'esclusione automatica di cui all'art. 97, comma 8, del D.Lgs. 50/2016;
• che ai sensi dell'art. 33 comma 1 del D.lgs. 50/2016 il Presidente di Gara ha proposto quale proponente aggiudicatario
il concorrente LC LAVORI S.R.L., con sede legale in Via Degli Agricoltori n. 11, 32100 Belluno (Belluno), C.F. e
P.I. 02964030213, in persona del legale rappresentante, il Signor Carlo Miana, che ha presentato un ribasso pari al
29,893% su un importo a base d'asta di € 901.278,63 oltre a oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso pari a €
58.404,54;
• che è stata verificata l'insussistenza dei motivi di esclusione di cui all'art. 80 del D.Lgs. n. 50/2016 e ss.mm.ii.;
• che è stata verificata la sussistenza dei requisiti di capacità economica e finanziaria e dei requisiti di capacità tecnica e
professionale di cui all'art. 83, comma 1, del D.Lgs. 50/2016 e ss.mm.ii.;
• che l'operatore economico ha presentato l'autocertificazione antimafia di cui all'art. 89 del D.Lgs. 159/2011
• che con disposizione prot. n. 1673/2019 del 05/11/2019 il Dirigente del Servizio Gare di Veneto Strade ha disposto
l'approvazione della proposta di aggiudicazione dei lavori in oggetto all'Impresa LC LAVORI S.R.L., con sede legale
in Via Degli Agricoltori n. 11, 32100 Belluno (Belluno), C.F. e P.I. 02964030213, in persona del legale
rappresentante, il Signor Carlo Miana, che ha presentato un ribasso pari al 29,893% da applicare sull'elenco prezzi
posto a base di gara, attestandone, ai sensi dell'art. 32 comma 7 del D.Lgs. 50/2016, l'immediata efficacia visto l'esito
positivo delle verifiche dei requisiti prescritti in capo all'aggiudicatario di cui all'art. 80 del medesimo decreto.

Tutto ciò premesso:

DECRETA

• l'approvazione dell'aggiudicazione, di cui alla disposizione prot. n. 1673/2019 del 05/11/2019 del Dirigente
dell'Servizio Gare di Veneto Strade, dei lavori in oggetto all'Impresa LC LAVORI S.R.L., con sede legale in Via
Degli Agricoltori n. 11, 32100 Belluno (Belluno), C.F. e P.I. 02964030213, in persona del legale rappresentante, il
Signor Carlo Miana, che ha presentato un ribasso pari al 29,893% da applicare sull'elenco prezzi posto a base di gara;
• che i lavori trovano copertura finanziaria negli elenchi del Piano degli interventi dell'Ordinanza del Commissario
Delegato n. 5 del 02 aprile 2019, Piano degli interventi di cui al comma 1028, art. 1, L. 145/2018;
• che allo scopo di consentire la semplificazione della procedura di affidamento e l'adeguamento della relativa
tempistica al contesto emergenziale, e vista l'avvenuta consegna parziale e anticipata dei lavori in data 23/09/2019 ai
sensi dell'art. 32 c. 8, c. 13 del D.Lgs. 50/2016, e s.m.i. e art. 5 D.M. 49/2018, in applicazione della deroga prevista
dall'art. 4 comma 3 dell'OCDPC n.558/2018, si procederà alla stipula dell'atto di affidamento in deroga al termine
dilatorio di cui all'art. 32, comma 9, del Lgs. 50/2016;
• di dare atto, ai sensi dell'art. 29 del D.Lgs. 50/2016 che:
♦ il presente Decreto sarà pubblicato sul sito internet di Veneto Strade S.p.a. nell'apposita sezione Piattaforma
Gare e Albo Fornitori http://venetostrade.acquistitelematici.it, sul sito internet della Regione del Veneto
nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alla Gestione Commissariali e Post Emergenziali e sul
BUR della Regione del Veneto;
♦ gli atti relativi alla procedura in oggetto saranno pubblicati ed aggiornati sulla piattaforma telematica
http://venetostrade.acquistitelematici.it con l'applicazione delle disposizioni di cui al decreto legislativo
33/2013.

IL SOGGETTO ATTUATORE SETTORE RIPRISTINO VIABILITA' Ing. Silvano Vernizzi


42 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409384)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1260 del 5 dicembre 2019
APPALTO 44/2019 SAS - Int. VENSTR-154b - CUP J97H19000810001 - CIG 8015374FDB. Aggiudicazione efficace a
favore della ditta EDIL COSTRUZIONI S.R.L., per l'esecuzione dei lavori di consolidamento del ciglio di valle e
ripristino profondo solido stradale in tratti saltuari lungo la S.P. 29 "di Col Falcon" e la S.P. 40 "della Val Senaiga" di
competenza di Veneto Strade S.p.A. - zona A (BL). Importo complessivo dell'appalto: Euro 817.137,26, di cui soggetto a
ribasso d'asta Euro 796.362,81 e Euro 20.774,45 per oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso. Piano degli
investimenti di cui all'art. 24 quater L. 136/2018 dell'Ordinanza n. 9 del 22 maggio 2019.

IL SOGGETTO ATTUATORE
SETTORE RIPRISTINO VIABILITÀ

Premesso:

• che con Ordinanza del Commissario Delegato n. 9 del 22 maggio 2019 sono stati approvati gli elenchi del Piano degli
interventi di cui all'art. 24 quater L. 136/2018;
• che, con determinazione a contrarre prot. n. 524/2019 del 21/08/2019, il Soggetto Attuatore per l'Emergenza del
Settore Ripristino Viabilità ha indetto , ai sensi dell'art. 36, comma 2 lettera c-bis), del D. Lgs. 50/2016 così come
modificato dalla L. 55 del 14/06/2019, una procedura negoziata, in unico lotto, per l'esecuzione dei lavori in oggetto
attraverso un sistema di gara telematica;
• che nel suddetto atto è stato stabilito di aggiudicare la gara con il criterio dell'offerta a minor prezzo (prezzo più
basso), inferiore all'importo posto a base di gara, mediante offerta sull'elenco prezzi, determinato ai sensi dell'art. 36,
comma 9-bis del D.Lgs. 50/2016 ss.mm.ii., con l'applicazione, nel caso in cui il numero di offerte ammesse fosse
uguale o superiore a cinque, dell'esclusione automatica prevista dall'art. 97, comma 8, dello stesso Decreto
Legislativo, in forza della deroga di cui all'art. 4 dell'OCDPC n. 558/2018;
• che, come previsto dall'art. 97 comma 3-bis del D. Lgs. 50/2016, qualora il numero delle offerte ammesse fosse
risultato inferiore a cinque, non si sarebbe proceduto alla determinazione della soglia dell'anomalia, fermo restando il
potere di valutare, ai sensi del comma 6, ultimo periodo dell'art. 97 del D.Lgs. 50/2016, la congruità delle offerte,
qualora, in base ad elementi specifici, fossero apparse anormalmente basse;
• che l'importo complessivo dell'appalto è di € 817.137,26, di cui soggetto a ribasso d'asta € 796.362,81 e € 20.774,45
per oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso;
• che, in esecuzione alla predetta determinazione, è stata inviata contemporaneamente tramite piattaforma telematica la
lettera di invito/disciplinare di gara prot. n. 575/2019 del 28/08/2019 a n. 15 (quindici) operatori economici tratti
dall'albo fornitori informatizzato istituito da Veneto Strade S.p.A. prot. 3805/17 del 17/02/2017;
• che sulla piattaforma telematica, entro le ore 12:00 del giorno 12/09/2019, termine ultimo previsto dal disciplinare di
gara, sono pervenute complessivamente n. 13 (tredici) offerte dalle seguenti Ditte, elencate secondo l'ordine di
inserimento definitivo nel portale:

1. TONET S.R.L., rappresentata da Tonet Barbara, con sede legale in Via Zona Industriale n. 6, 32035
Santa Giustina (Belluno);

2. C.G.X. Costruzioni Generali Xodo S.r.l., rappresentata da Stoppa Chiara, con sede legale in Via
Cieco Grotto 18, 45014 Porto Viro (Rovigo);

3. ILESA COSTRUZIONI S.R.L., rappresentata da Agostini Federico, con sede legale in Via
Ospedale Vecchio 3°, 33170 Pordenone (Pordenone);

4. CADORE ASFALTI S.R.L. A SOCIO UNICO, rappresentata da Olivotto Nicola, con sede legale in
Zona Artigianale Località Ansogne, 32010 Perarolo di Cadore (Belluno);

5. ADRIATICA STRADE COSTRUZIONI GENERALI S.R.L., rappresentata da GUIDOLIN LORIS,


con sede legale in Via Circonvallazione Est 5, 31033 Castelfranco Veneto (Treviso);

6. IMPRESA COSTRUZIONI TOLLOT S.R.L., rappresentata da Tollot Elio, con sede legale in Via
Secca Vecia n. 3, 32014 Ponte Nelle Alpi (Belluno);
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 43
_______________________________________________________________________________________________________

7. PANZICA LUCIANO S.R.L., rappresentata da Panzica Luciano, con sede legale in Via Mozart n. 3,
90034, Corleone (Palermo);

8. LC LAVORI S.R.L., rappresentata da Miana Carlo, con sede legale in Via Degli Agricoltori 11,
32100 Belluno (Belluno);

9. EDIL COSTRUZIONI S.R.L., rappresentata da De Cian Paolo, con sede legale in Via G. Segusinii
n. 24, 32036 Sedico (Belluno);

10. IPOGEO S.R.L., rappresentata da Miglioranza Graziano, con sede legale in Via Industrie n. 9,
32030 Seren del Grappa (Belluno);

11. MG DISGAGGI S.A.S. DI MATTIA MARA & C., rappresentata da Mattia Mara, con sede legale in
Via Tempietto 44/A, MEL 32026 Borgo Valbelluna (Belluno);

12. ANESE S.R.L., rappresentata da Anese Milco con sede legale in Via Cavanella 771, 30023
Concordia Sagittaria (Venezia);

13. DOLOMITI ROCCE 4.0 S.P.A., rappresentata da Fenti Danny con sede legale in Piazza Walther
Von Vogelweide 28, 39100 Bolzano (Bolzano);

• che in data 12/09/2019 si è svolta la seduta pubblica, il cui verbale prot. n. 857/2019 del 12/09/2019 si richiama
integralmente, nel corso della quale si è proceduto - tra l'altro - alla lettura delle offerte economiche presentate dalle n.
13 (tredici) ditte ammesse;
• che, essendo le ditte ammesse in numero superiore a cinque, è stata determinata la soglia di anomalia tramite
piattaforma telematica applicando la formula di cui all'art. 97, comma 2-bis, D. Lgs. 50/2016, che è risultata essere del
20,57050%;
• che si è proceduto all'esclusione automatica di cui all'art. 97, comma 8, del D.Lgs. 50/2016;
• che ai sensi dell'art. 33 comma 1 del D.lgs. 50/2016 il Presidente di Gara ha proposto quale proponente aggiudicatario
il concorrente EDIL COSTRUZIONI S.R.L., con sede legale in 32036 Sedico (BL), Via G. Segusini n. 24, C.F. e
P.I. 00133250258, in persona del legale rappresentante, il Signor Paolo De Cian, che ha presentato un ribasso pari al
18,142% su un importo a base d'asta di € 796.362,81 oltre a oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso pari a €
20.774,45;
• che è stata verificata l'insussistenza dei motivi di esclusione di cui all'art. 80 del D.Lgs. n. 50/2016 e ss.mm.ii.;
• che è stata verificata la sussistenza dei requisiti di capacità economica e finanziaria e dei requisiti di capacità tecnica e
professionale di cui all'art. 83, comma 1, del D.Lgs. 50/2016 e ss.mm.ii.;
• che l'operatore economico ha presentato l'autocertificazione antimafia di cui all'art. 89 del D.Lgs. 159/2011 e risulta
iscritto all'elenco di cui all'art. 52 della L. 190/2012 (White List) della Prefettura di Belluno con scadenza 08/02/2019
in corso di rinnovo;
• che con disposizione prot. n. 1672/2019 del 05/11/2019 il Dirigente del Servizio Gare di Veneto Strade ha disposto
l'approvazione della proposta di aggiudicazione dei lavori in oggetto all'Impresa EDIL COSTRUZIONI S.R.L., con
sede legale in 32036 Sedico (BL), Via G. Segusini n. 24, C.F. e P.I. 00133250258, in persona del legale
rappresentante, il Signor Paolo De Cian, che ha presentato un ribasso pari al 18,142% su un importo a base d'asta di €
796.362,81 oltre a oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso pari a € 20.774,45, per un importo contrattuale di €
672.661,119, attestandone, ai sensi dell'art. 32 comma 7 del D.Lgs. 50/2016, l'immediata efficacia visto l'esito
positivo delle verifiche dei requisiti prescritti in capo all'aggiudicatario di cui all'art. 80 del medesimo decreto.

Tutto ciò premesso:

DECRETA

• l'approvazione dell'aggiudicazione, di cui alla disposizione prot. n. 1672/2019 del 05/11/2019 del Dirigente
dell'Servizio Gare di Veneto Strade, dei lavori in oggetto all'Impresa EDIL COSTRUZIONI S.R.L., con sede legale
in 32036 Sedico (BL), Via G. Segusini n. 24, C.F. e P.I. 00133250258, in persona del legale rappresentante, il Signor
Paolo De Cian, che ha presentato un ribasso pari al 18,142% su un importo a base d'asta di € 796.362,81 oltre a oneri
per la sicurezza non soggetti a ribasso pari a € 20.774,45, per un importo contrattuale di € 672.661,119;
• che i lavori trovano copertura finanziaria negli elenchi del Piano degli interventi dell'Ordinanza del Commissario
Delegato n. 9 del 22 maggio 2019, Piano degli interventi di cui all'art. 24 quater L. 136/2018;
• che allo scopo di consentire la semplificazione della procedura di affidamento e l'adeguamento della relativa
tempistica al contesto emergenziale, e vista l'avvenuta consegna parziale e anticipata dei lavori in data 25/09/2019 ai
sensi dell'art. 32 c. 8, c. 13 del D.Lgs. 50/2016, e s.m.i. e art. 5 D.M. 49/2018, in applicazione della deroga prevista
dall'art. 4 comma 3 dell'OCDPC n.558/2018, si procederà alla stipula dell'atto di affidamento in deroga al termine
44 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

dilatorio di cui all'art. 32, comma 9, del Lgs. 50/2016;


• di dare atto, ai sensi dell'art. 29 del D.Lgs. 50/2016 che:
♦ il presente Decreto sarà pubblicato sul sito internet di Veneto Strade S.p.a. nell'apposita sezione Piattaforma
Gare e Albo Fornitori http://venetostrade.acquistitelematici.it, sul sito internet della Regione del Veneto
nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alla Gestione Commissariali e Post Emergenziali e sul
BUR della Regione del Veneto;
♦ gli atti relativi alla procedura in oggetto saranno pubblicati ed aggiornati sulla piattaforma telematica
http://venetostrade.acquistitelematici.it con l'applicazione delle disposizioni di cui al decreto legislativo
33/2013.

IL SOGGETTO ATTUATORE SETTORE RIPRISTINO VIABILITA' Ing. Silvano Vernizzi


Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 45
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409396)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n.1261 del 5 dicembre 2019
Liquidazione SALDO progettazione definitivo-esecutiva e ANTICIPO 30% direzione lavo-ri. O.C.D.P.C. n. 558/2018 -
O. C. n. 9 del 22/05/2019 Art. 24 quater D. L. 119/2018 - L. 17/12/2018, n. 136. Progetto UOFE_081 "Rimozione depositi
alluvionali e adeguamento opera di trattenuta sul Rio Orsina, in comune di Pieve di Cadore (BL), CUP
J93H19000350001 - CIG Z8D28EFAA1. Importo liquidabile Euro 5.616,47 compreso di oneri.

IL SOGGETTO ATTUATORE
DEL SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE

PREMESSO CHE:

• nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle
aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 135 del 27 ottobre 2018, pubblicato sul BUR n. 114 del 16
novembre 2018, è stata attivata e convocata l'Unità di Crisi Regionale U.C.R. ai sensi del "Protocollo operativo per la
gestione delle Emergenze" nell'ambito del Sistema Regionale di Protezione Civile (D.G.R. n. 103 dell'11 febbraio
2013);
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 136 del 28 ottobre 2018, integrato da successivo decreto n.
139 del 29 ottobre 2018, pubblicati sul BUR n. 114 del 16 novembre 2018, a seguito delle criticità riscontrate è stato
dichiarato lo "stato di crisi" ai sensi dell'art. 106, co. 1 lett. a), della L.R. n. 11/2001;
• con Decreto del 29 ottobre 2018, pubblicato nella G.U. n. 253 del 30 ottobre 2018, il Presidente del Consiglio dei
Ministri, ai sensi dell'art. 23, co. 1 del D. Lgs 2 gennaio 2018 n. 1, ha disposto la mobilitazione straordinaria del
Servizio Nazionale di protezione civile a supporto della Regione del Veneto al fine di favorire le operazioni di
soccorso nei territori colpiti dagli eccezionali eventi;
• con Delibera del Consiglio dei Ministri dell'8 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 266 del 15 novembre 2018, in
esito alle attività di cui al predetto decreto, ai sensi dell'art. 7, co. 1 lett. c) e dell'art. 24 del D. Lgs 2 gennaio 2018 n.
1, è stato deliberato per 12 mesi a far data dal provvedimento medesimo, lo "stato di emergenza" nei territori colpiti
dall'evento;
• la predetta delibera al punto 4 dispone che, per l'attuazione dei primi interventi urgenti di cui all'art. 25, comma 2 lett.
a) e b) del D. Lgs. n. 1/2018, nelle more della valutazione dell'effettivo impatto degli eventi in argomento, si provveda
nel limite di complessivi Euro 53.500.000,00 a valere sul Fondo per le emergenze nazionali di cui all'art. 44, comma 1
del D. Lgs. n. 1/2018, dei quali Euro 15.000.000,00 spettanti alla Regione Veneto;
• il medesimo provvedimento prevede che, per l'attuazione degli interventi da effettuare nella vigenza dello "stato di
emergenza", ai sensi dell'art. 25, del D.Lgs. n. 1/2018, si provvede con ordinanze, emanate dal Capo del Dipartimento
della Protezione civile, acquisita l'intesa della regione e delle province autonome interessate, in deroga a ogni
disposizione vigente e nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento giuridico;
• con successiva Ordinanza n. 558 del 15 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20 novembre 2018, il Capo
del Dipartimento della Protezione Civile, d'intesa con la Regione del Veneto, ha nominato il Presidente della Regione,
Commissario delegato, per fronteggiare l'emergenza derivante dagli eventi calamitosi di cui trattasi;
• con il medesimo provvedimento sono state dettate disposizioni per la realizzazione delle iniziative finalizzate al
superamento dell'emergenza, in particolare l'art. 1 comma 3, prevede che il Commissario delegato predisponga entro
venti giorni dalla pubblicazione dell'O.C.D.P.C., un Piano degli interventi da sottoporre all'approvazione del Capo del
Dipartimento della Protezione Civile;
• il Commissario delegato, con nota prot. n. 511689 del 14 dicembre 2018, ha trasmesso al Capo del Dipartimento della
Protezione Civile il Piano degli interventi di cui all'art. 1, comma 3 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• per la definizione del Piano degli interventi si è fatto riferimento alla ricognizione avviata dal Commissario delegato
nonché alle segnalazioni dei Soggetti Attuatori di cui alla O.C. n. 1 del 23/11/2018;
• con nota prot. n. POST/0073648 del 20 dicembre 2018 il Capo del Dipartimento di Protezione Civile ha approvato il
Piano degli interventi di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018 per l'importo complessivo di Euro 14.774.388,71;
• con successivi provvedimenti del Consiglio dei Ministri del 21/02/2019 e del 27/02/2019, a valere sugli stanziamenti
di cui all'art. 44, co. 1, del D. Lgs. n. 1/2018, nonché della L. n. 145/2018 art. 1, comma 1028, sono state assegnate al
Veneto, ai sensi dell'art 1, comma 1, della O.C.D.P.C. n. 558, nonché, del comma 3 della medesima O.C.D.P.C., la
somma complessiva di 2,6 miliardi di Euro rispettivamente pari a 800 milioni di Euro per l'esercizio 2019 e 900
milioni di Euro per i successivi esercizi 2020 e 2021;
46 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

• in particolare, a fronte delle ricognizioni trasmesse al Dipartimento di Protezione Civile con note Commissariali
prot.n. 36681 del 28 gennaio 2019 e n. 49710 del 5 febbraio 2019, nonché con precedente nota del Presidente prot. n.
505589 del 13 dicembre 2018 relativa alle segnalazioni finalizzate alla richiesta di contributo FSUE, con Decreto del
Presidente del Consiglio dei Ministri (D.P.C.M.) del 27 febbraio 2019 è stata assegnata al Veneto la somma
complessiva di Euro 755.912.355,61 per il triennio 2019-2021 di cui Euro 232.588.417,11 per il 2019;
• con il medesimo Decreto è stato stabilito che per la realizzazione degli interventi si sarebbe operato con le modalità di
cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• sulla scorta del provvedimento del Consiglio dei Ministri adottato, il Commissario ha provveduto alla definizione,
entro 20 giorni dalla adozione del predetto D.P.C.M., dell'elenco degli interventi contrattualizzabili entro il 30
settembre 2019 con verifica entro il medesimo termine della effettiva contrattualizzazione;
• il Dipartimento della Protezione Civile con nota DIP/15877 del 23 marzo 2019 e successiva nota integrativa n.
POST/0016889 del 27/03/2019, come di seguito specificato, ha, tra l'altro, approvato il Piano di cui alla O.C.D.P.C. n.
558/2018 per la somma complessiva di Euro 220.621.778,52, di cui Euro 195.621.778,52 per interventi ed Euro
25.000.00,00 quale accantonamento per i contributi a favore di privati e attività produttive;

CONSIDERATO CHE nell'ambito dello Stato di mobilitazione come sopra rappresentato sono stati avviati numerosi interventi
volti a eliminare le situazioni di pericolo e a ripristinare i servizi essenziali interrotti dai gravi eventi meteo quali la viabilità
statale, regionale, provinciale e comunale, i servizi essenziali di acquedotto, fognatura, elettrici e delle telecomunicazioni.

DATO ATTO CHE a seguito della nomina del Commissario delegato di cui all'art. 1, comma 1 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018
risultava necessario dare continuità alle azioni intraprese dai diversi soggetti territorialmente e istituzionalmente coinvolti;

ATTESA in particolare l'urgenza di procedere alla nomina dei Soggetti attuatori ai sensi dell'art. 1 comma 2 dell'O.C.D.P.C. n.
558/2018, ai quali affidare i rispettivi ambiti d'azione e d'intervento, con l'ordinanza n. 1 del 23/11/2018 il Commissario
Delegato Dott. Luca Zaia ha individuato, tra i dirigenti e funzionari delle Amministrazioni Pubbliche coinvolte, i Soggetti
attuatori, di comprovata professionalità ed esperienza, ai quali vengono affidati i diversi settori di intervento;

APPURATO CHE con ordinanza n. 1 del 23/11/2018 è stato nominato Soggetto Attuatore e RUP il Dott. Gianmaria
Sommavilla Direttore U.O. Forestale Est per il SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE al fine di garantire il
ripristino in campo idrogeologico forestale e in campo ambientale, alla riduzione definitiva degli effetti dei fenomeni
alluvionali verificatosi e alla mappatura degli interventi già predisposti per la tutela e la salvaguardia del territorio e delle
risorse finanziare ad essi destinati;

DATO ATTO che:

con Ordinanza Commissariale n. 9 del 22/05/2019 sono stati approvati gli elenchi degli interventi e assegnate le risorse
finanziarie con il relativo impegno, al fine di avviare concretamente le procedure per la definizione dei contratti entro la data
del 30 settembre 2019 di cui all'art. 1, comma 7, del D.P.C.M. del 4 aprile 2019;

CHE con la medesima ordinanza viene impegnata la spesa per l'effettuazione degli interventi di cui sopra e che nella stessa
rientra nell'elenco, di cui all'Allegato B, l'intervento relativo ai lavori di Rimozione depositi alluvionali e adeguamento opera di
trattenuta sul Rio Orsina, in comune di Pieve di Cadore (BL) per un importo di €. 200.000,00 cod. intervento UOFE_081;

CHE la suddetta somma è stata impegnata a carico della Contabilità speciale n. 6108 intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO -
O.558 - 18" di cui all'ordinanza commissariale 9/2019;

PRESO ATTO che con decreto n. 128 del 27/06/2019 è stato affidato l'incarico per il rilievo topografico, progettazione
definitivo-esecutiva, direzione lavori, eventuale coordinamento sicurezza in fase di progettazione e esecuzione e
contabilizzazione dell'intervento di "Rimozione depositi alluvionali e adeguamento opera di trattenuta sul Rio Orsina, in
comune di Pieve di Cadore (BL)" alla Ditta Zollet Ingegneria S.r.l. Viale Stazione, 40 - 32035 Santa Giustina (BL), C.F. Partita
I.V.A. 01158730257 per l'incarico in oggetto pari ad €. 18.721,58 CIG Z8D28EFAA1;

RISULTATO che l'incarico di cui sopra è stato formalizzato con il contratto registrato al n. 51/2019 repertoriato al n. 29/2019
nel quale veniva pattuito all'art. 7 le modalità di pagamento dell'incarico e precisamente ai punti 2.3 viene citato: "- Saldo pari
al rimanente 30 % alla consegna dei lavori (per rilievo e progettazione): -Direzione lavori: 30% dell'importo relativo alla
consegna dei lavori";

VISTO che con nota del 19/07/2019 prot. n. 325268 la Ditta Zollet Ingegneria S.r.l. di Santa Giustina (BL) ha trasmesso il
progetto definito-esecutivo relativo al progetto UOFE_081;

RILEVATO che con decreto n. 305 del 31/07/2019 è stato approvato il progetto di cui sopra;
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 47
_______________________________________________________________________________________________________

APPURATO che l'incarico di rilievo e progettazione è stato formalizzato in tutte le sue parti e nei tempi previsti;

VISTA la seguente documentazione relativa al pagamento del SALDO per la progettazione e l'ANTICIPO per la direzione
lavori:

• fattura n. 70/FE in data 30/10/2019 della Ditta Zollet Ingegneria S.r.l. di Santa Giustina (BL) Viale Stazione, 40 -
32035 Santa Giustina (BL), C.F. Partita I.V.A.01158730257, relativa al SALDO per la progettazione
definitiva-esecutiva e per l'ANTICIPO 30% direzione lavori dell'incarico in oggetto pari ad €. 5.616,47 Iva compresa,
• tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi della L. 136/2010,
• scheda dati anagrafici datata 27/06/2019,
• D.U.R.C. allegati

RITENUTO pertanto, per le motivazioni sopra esposte, di provvedere:

• alla liquidazione, alla Ditta Zollet Ingegneria S.r.l. di Santa Giustina (BL) Viale Stazione, 40 - 32035 Santa Giustina
(BL), C.F. Partita I.V.A.01158730257, dell'importo di € 4.603,66 pari all'imponibile IVA, mediante pagamento sul c/c
bancario indicato in fattura;
• di versare all'Erario l'IVA pari ad € 1.012,81, in applicazione delle disposizioni in materia di scissione dei pagamenti;

VISTO il D.Lgs 50/2016 e s.m.i.;

VISTA l'O.C.D.P.C. n. 558 del 15/11/2018;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 2/2018;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 9/2019;

VISTO il Decreto del Soggetto Attuatore n. 330 del 1.8.2019

DECRETA

1. di dare atto che le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente provvedimento.
2. di quantificare in € 5.616,47 la somma necessaria per il pagamento del SALDO per la progettazione
definitiva-esecutiva e l'ANTICIPO 30% direzione lavori alla Ditta Zollet Ingegneria S.r.l. di Santa Giustina (BL)
Viale Stazione, 40 - 32035 Santa Giustina (BL), C.F. Partita I.V.A.01158730257, relativi all'incarico per rilievo
topografico, progettazione definitivo-esecutiva, direzione lavori, eventuale coordinamento sicurezza in fase di
progettazione e esecuzione e contabilizzazione dei lavori di "Rimozione depositi alluvionali e adeguamento opera di
trattenuta sul Rio Orsina, in comune di Pieve di Cadore (BL) Codice Progetto UOFE_081 di cui all'Ordinanza
Commissariale n. 9/2019 Allegato B);
3. di liquidare la fattura n. 70/FE in data 30/10/2019 dell'importo complessivo di € 5.616,47 mediante la predisposizione
dei seguenti ordinativi di pagamento:

♦ di € 4.603,66 a favore alla Ditta Zollet Ingegneria S.r.l. di Santa Giustina (BL) Viale Stazione, 40 -
32035 Santa Giustina (BL), C.F. Partita I.V.A.01158730257 per la quota relativa all'imponibile;
♦ di € 1.012,81a favore dell'Erario, per la quota relativa all'IVA.

4. di dare atto che alla spesa suindicata si fa fronte con i fondi impegnati a carico della Contabilità Speciale n. 6108,
intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO O.558-18" a valere sulla disponibilità accertata come evidenziato con
Ordinanza Commissariale n. 9 del 22/05/2019, che presenta sufficiente disponibilità.
5. di trasmettere all'Ufficio di supporto al Commissario delegato, il presente provvedimento per la predisposizione degli
ordinativi di pagamento, relativi alle somme di cui al punto 3), attraverso la procedura informatica del MEF
denominata GEOCOS, subordinatamente alle verifiche previste dalla normativa vigente.
6. di pubblicare il presente Decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet della Regione del Veneto
nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni Commissariali e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE DEL SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE Dott. Gianmaria Sommavilla
48 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409397)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1262 del 5 dicembre 2019
OCDPC n. 558/2018 - DPCM 27 febbraio 2019 - Ordinanza n.9/2019 del Commissario delegato per i primi interventi
urgenti di protezione civile in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici che hanno interessato il territorio della
Regione Veneto, a partire dal mese di ottobre 2018. Affidamento diretto ex art. 36, comma 2, lett- a) del D.Lgs. n.
50/2016 , a favore della Ditta C.M.I. di Sedico (BL) per nolo a freddo di due escavatori con tutte le attrezzature da
utilizzare nell'ambito della "Prova di Soccorso exe VAIA". C.U.P. J63H19000350001 C.I.G.Z642998C75. IMPORTO
FORNITURA: Euro 4.011,85. LIQUIDAZIONE FATTURA ALL'OPERATORE ECONOMICO C.M.I. SRL.

IL SOGGETTO ATTUATORE

PREMESSO che dal giorno 29 ottobre 2018 fino ai primi giorni di novembre 2018 il territorio regionale è stato più volte
colpito da intensi fenomeni meteorologici che hanno causato ingenti danni al patrimonio pubblico e privato, hanno messo in
pericolo l'incolumità delle popolazioni e generato un diffuso stato di emergenza, con conseguente emanazione di più avvisi di
criticità idrogeologica ed idraulica che hanno comportato la dichiarazione della fase operativa di allarme in tutto il territorio
regionale (nota anche come tempesta VAIA);

PREMESSO che il Presidente della Regione ha nell'immediatezza convocato l'Unità di crisi regionale secondo quanto
disposto dalla D.G.R. n. 103 dell'11 febbraio 2013 e con nota prot. n. 437313 del 28 ottobre 2018 ha provveduto a richiedere lo
stato di mobilitazione del Servizio nazionale della protezione civile. Sono sin da subito scattate le operazioni di primo
intervento e di assistenza alla popolazione, di messa in sicurezza delle aree, di controllo delle piene dei fiumi, di ripristino
dell'elettricità, di svuotamento dei locali e di rimozione delle macerie e detriti, con il concorso dei Vigili del Fuoco, del
personale Regionale, del Volontariato di Protezione Civile e delle Amministrazioni locali coinvolte;

PREMESSO che la gravità degli eventi ha determinato la costituzione dell'Unità di Crisi regionale con DPGR n. 135 del 27
ottobre 2018 e la declaratoria di stato di crisi regionale con Decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 136 del 28 ottobre
2018 e n. 139 del 29 ottobre 2018;

VISTA l'Ordinanza del Capo Dipartimento Protezione Civile n. 558 del 15 novembre 2018 che ha nominato il Presidente della
Regione del Veneto Commissario Delegato per i primi interventi urgenti di protezione civile in conseguenza degli eccezionali
eventi meteorologici che hanno interessato il territorio della Regione Veneto dal 27 ottobre al 5 novembre 2018;

VISTA l'Ordinanza del Commissario Delegato n. 9 del 22 maggio 2019 che ha individuato e nominato l'Ing. Luca Soppelsa,
Direttore della Direzione Protezione Civile e Polizia Locale, quale Soggetto Attuatore per la realizzazione dell'Esercitazione
Regionale di protezione civile denominata EXEVAIA 2019 a supporto dei comuni della provincia di Belluno, Verona e
Vicenza colpiti dall'evento meteo del 27 ottobre al 5 novembre 2018, di cui all'Allegato G alla medesima Ordinanza;

CONSIDERATO che con la medesima Ordinanza 9/2019, Allegato G, è stato finanziato l'intervento denominato
"Esercitazione Regionale di protezione civile denominata EXEVAIA 2019 a supporto dei comuni della provincia di Belluno,
Verona e Vicenza colpiti dall'evento meteo del 27 ottobre al 5 novembre 2018", nell'importo di euro 200.000,00, impegnando
le relative risorse sulla Contabilità Speciale 6108 intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18";

CONSIDERATO, che allo scopo è stato previsto l'impiego del Volontariato di Protezione Civile nelle zone colpite per attività
di riduzione del rischio residuo ancora presente nei territori colpiti;

ATTESO, quindi, che risultava necessario ridurre al minimo i disagi che potessero interessare i volontari impegnati nella
realizzazione delle opere previste, predisponendo alcune essenziali azioni di supporto;

RITENUTO che per taluni interventi è risultato necessario munire i volontari di protezione civile di appositi mezzi d'opera
quali: escavatore cingolato da 50 q.li con benna e pinza per tronchi e con accessorio per la fresatura delle ceppaie, escavatore
da 35 q.li con benna e pinza in modo da agevolare le Organizzazioni di Volontariato e permettere le attività previste da detta
Prova di Soccorso;

VISTO il Decreto n. 600 del 4 settembre 2019 del Soggetto Attuatore per la realizzazione dell'Esercitazione Regionale di
Protezione Civile denominata EXEVAIA 2019 con il quale si è proceduto all'affidamento diretto alla Ditta CMI S.r.l. Z.I.
Gresal, 2/B - 32036 Sedico (BL) C.F./P.I. 00828630251, la prestazione inerente la fornitura a titolo di "nolo a freddo" di mezzi
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 49
_______________________________________________________________________________________________________

d'opera, nell'ambito della "Prova di Soccorso exe VAIA 2019", per un importo massimo di € 4.013,80= IVA inclusa, a seguito
di richiesta di preventivo;

VISTA la fattura n. 97 del 30 settembre 2019 dell'Operatore Economico CMI S.r.l. Z.I. Gresal, 2/B - 32036 Sedico (BL)
C.F./P.I. 00828630251, dell'importo complessivo di € 4.011,85;

VERIFICATA la regolarità della fornitura indicata nella predetta fattura, anche tramite la documentazione della Ditta CMI
prot. n. 464046 del 29/10/2019 e dell'Associazione Nazionale Alpini prot. n. 450955 del 21/10/2019;

VISTA la tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi della L. 136/2010 e scheda dati anagrafici;

VISTO il D.U.R.C. Numero Protocollo INAIL 19405484 con scadenza validità 31/03/2020;

RITENUTO pertanto, per le motivazioni sopra esposte, di provvedere:

• alla liquidazione all'operatore economico CMI S.r.l. Z.I. Gresal, 2/B - 32036 Sedico (BL) C.F./P.I. 00828630251,
dell'importo di € 3.288,40, pari all'imponibile IVA, mediante pagamento sul c/c bancario precisato in fattura;
• di versare all'Erario l'IVA pari ad € 723,45 in applicazione delle disposizioni in materia di scissione dei pagamenti;

VISTO il D.Lgs. 18/04/2016 n. 50 e s.m.i.;

VISTA l'O.C.D.P.C. n. 558/2018;

VISTA l'Ordinanza n. 9 del 22 maggio 2019 del Commissario Delegato;

DECRETA

1. Di dare atto che quanto riportato in premessa costituisce parte integrante del presente provvedimento.
2. Di quantificare in € 4.011,85 l'importo per il nolo a freddo di due escavatori con tutte le attrezzature, erogato
nell'ambito della "Prova di Soccorso exe VAIA" di cui all'Ordinanza Commissariale n. 9/2019, effettuata dalla CMI
S.r.l. Z.I. Gresal, 2/B - 32036 Sedico (BL) C.F./P.I. 00828630251 - C.U.P. J63H19000350001- C.I.G. Z642998C75.
3. Di liquidare la fattura n. 97 del 30 settembre 2019 per l'importo complessivo di € 4.011,85= mediante ordinativo di
pagamento:

♦ di cui € 3.288,40= a favore dell'operatore economico CMI S.r.l. Z.I. Gresal, 2/B - 32036 Sedico
(BL) C.F./P.I. 00828630251, per la quota relativa all'imponibile;
♦ di cui € 723,45= a favore dell'Erario, per la quota relativa all'IVA.

4. Di dare atto che alla liquidazione di spesa di cui al punto 3 si fa fronte con i fondi impegnati a carico della Contabilità
Speciale n. 6108, intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18", come evidenziato con Ordinanza Commissariale
n. 9 del 22.5.2019, che presenta sufficiente disponibilità.
5. Di trasmettere all'Ufficio di supporto al Commissario delegato, il presente provvedimento per la predisposizione degli
ordinativi di pagamento, relativi agli importi di cui al punto 3), attraverso la procedura informatica del MEF
denominata GEOCOS, subordinatamente alle verifiche previste dalla normativa vigente.
6. Di pubblicare il presente Decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet della Regione del Veneto
nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni Commissariali e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE Ing. Luca Soppelsa


50 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409399)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1263 del 5 dicembre 2019
O.C.D.P.C. n. 558 del 15 novembre 2018. Comune di Valle di Cadore - Interventi di cui alla O.C. n. 2 del 20 dicembre
2018, Allegato B1. Importo totale finanziato Euro 15.000,00. Determinazione del contributo definitivo Euro 11.996,34.
Acconto erogato Euro 13.500,00. Economie totali quantificate Euro 3.003,66. Economie da restituire alla C.S. n° 6108
Euro 1.503.66.

IL COORDINATORE
DELL'UFFICIO DI SUPPORTO AL COMMISSARIO DELEGATO

PREMESSO CHE

• nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle
aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;

• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 135 del 27 ottobre 2018, pubblicato sul BUR n. 114 del 16
novembre 2018, è stata attivata e convocata l'Unità di Crisi Regionale ai sensi del "Protocollo operativo per la
gestione delle Emergenze" nell'ambito del Sistema Regionale di Protezione Civile (D.G.R. n. 103 dell'11 febbraio
2013);

• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 136 del 28 ottobre 2018, integrato da successivo Decreto n.
139 del 29 ottobre 2018, pubblicati sul BUR n. 114 del 16 novembre 2018, a seguito delle criticità riscontrate è stato
dichiarato lo "stato di crisi" ai sensi dell'art. 106, comma 1 lett. a) della L.R. n. 11/2001;

• con Decreto del 29 ottobre 2018, pubblicato nella G.U. n. 253 del 30 ottobre 2018, il Presidente del Consiglio dei
Ministri, ai sensi dell'art. 23, comma 1 del D.Lgs. n. 1/2018, ha disposto la mobilitazione straordinaria del Servizio
Nazionale di Protezione Civile a supporto della Regione Veneto al fine di favorire le operazioni di soccorso nei
territori colpiti dagli eccezionali eventi;

• con Delibera del Consiglio dei Ministri (D.C.M.) dell'8 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 266 del 15 novembre
2018, in esito alle attività di cui al predetto decreto, ai sensi dell'art. 7, comma 1 lett. c) e dell'art. 24 del D. Lgs. n.
1/2018, è stato deliberato, per 12 mesi a far data dal provvedimento medesimo, lo "stato di emergenza" nei territori
colpiti dall'evento;

• la predetta Delibera al punto 4 dispone che, per l'attuazione dei primi interventi urgenti di cui all'art. 25, comma 2 lett.
a) e b) del D. Lgs. n. 1/2018, nelle more della valutazione dell'effettivo impatto degli eventi in argomento, si provveda
nel limite di complessivi Euro 53.500.000,00 a valere sul Fondo per le emergenze nazionali di cui all'art. 44, comma 1
del D. Lgs. n. 1/2018, dei quali Euro 15.000.000,00 spettanti alla Regione Veneto;

• la sopraccitata Delibera prevede che, per l'attuazione degli interventi da effettuare nella vigenza dello "stato di
emergenza", ai sensi dell'art. 25, del D. Lgs. n. 1/2018, si provveda con ordinanze, emanate dal Capo del Dipartimento
della Protezione Civile, acquisita l'intesa della Regione e delle Province Autonome interessate, in deroga a ogni
disposizione vigente e nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento giuridico;

• con successiva Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile (O.C.D.P.C.) n. 558 del 15 novembre
2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20 novembre 2018, d'intesa con la Regione del Veneto, è stato nominato il
Presidente della Regione quale Commissario delegato, per fronteggiare l'emergenza derivante dagli eventi calamitosi
di cui trattasi;

• con il medesimo provvedimento sono state dettate disposizioni per la realizzazione delle iniziative finalizzate al
superamento dell'emergenza, in particolare l'art. 1 comma 3, prevede che il Commissario delegato predisponga entro
venti giorni dalla pubblicazione dell'O.C.D.P.C., un Piano degli interventi da sottoporre all'approvazione del Capo del
Dipartimento della Protezione Civile;
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 51
_______________________________________________________________________________________________________

• il Commissario delegato, con nota prot. n. 511689 del 14 dicembre 2018, ha trasmesso al Capo del Dipartimento della
Protezione Civile il Piano degli interventi di cui all'art. 1, comma 3 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018;

• con nota prot. n. POST/0073648 del 20 dicembre 2018 nonché da ultimo con nota n. n. POST/0032469 del 21 giugno
2019 il Capo del Dipartimento di Protezione Civile ha approvato il Piano degli interventi per l'importo complessivo di
Euro 15.000.000,00, di cui:

♦ Euro 1.527.861,29 per accantonamenti relativi alle seguenti voci: contributi per l'autonoma
sistemazione ai sensi dell'art. 5 della O.C.D.P.C. n. 558/2018 (Euro 200.000,00), presidio anti
sciacallaggio ai sensi dell'art. 8 della O.C.D.P.C. n. 558/2018 (Euro 298.000,00), rimborsi al
volontariato ai sensi dell'art. 10 della O.C.D.P.C. n. 558/2018 (Euro 100.000,00), spese funerarie ai
sensi dell'art. 13 della O.C.D.P.C. n. 558/2018 (Euro 4.250,00), supporto dei Comuni agli Enti locali
colpiti ai sensi dell'art. 1 della O.C.D.P.C. n. 559/2018 (Euro 100.000,00), oneri per prestazioni di
lavoro straordinario ai sensi dell'art. 1 della O.C.D.P.C. n. 559/2018 (Euro 600.000,00), ulteriori
rimborsi ai sensi dell'art. 10 della O.C.D.P.C. n. 558/2018 relativamente all'esercitazione VAIA
(Euro 225.611,29);
♦ Euro 1.229.189,30 per interventi di tipo a) di cui all'art. 1, comma 3, lett. a) della O.C.D.P.C. n.
558/2018;
♦ Euro 11.992.949,41 per interventi di tipo b) di cui all'art. 1, comma 3, lett. b) della O.C.D.P.C. n.
558/2018;
♦ Euro 250.000,00 per interventi di particolare urgenza per la gestione del rischio valanghivo;

• in relazione al Piano autorizzato con le note dipartimentali sopra citate, il Commissario delegato, ad oggi, ha assunto
impegni di spesa, a valere sulle risorse stanziate con D.C.M. 8 novembre 2018 e trasferite alla C.S. n. 6108, per un
importo complessivo pari ad Euro 13.897.750,00, di cui Euro 13.472.138,71 ai sensi della O.C. n. 2 del 20 dicembre
2018, ed Euro 200.000,00 ai sensi della O.C. n. 3 del 14 febbraio 2019 ed Euro 225.611,29 con O.C. n. 12/2019;

• con nota prot. n. 249408 del 29 novembre 2018 il Ministero dell'Economia e delle Finanze - Dipartimento della
Ragioneria Generale dello Stato, ha comunicato l'apertura, presso la Tesoreria dello Stato di Venezia, della Contabilità
Speciale n. 6108 intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO - O.558-18", all'interno della quale, con quietanza in data 17
dicembre 2018, è stato disposto l'accreditamento delle risorse stanziate con la suddetta Delibera, di importo pari ad
Euro 15.000.000,00;

• con riferimento alla Contabilità Speciale, la provenienza dei fondi è così definita: trasferimenti da Amministrazioni
Autonome, Ragioneria codice 960, stato di previsione codice 19, appendice codice 6, capitolo 979;

RICHIAMATA l'O.C. n. 5 del 2 aprile 2019 che all'art. 9 definisce le nuove attribuzioni del Coordinatore della struttura di
supporto al commissario affidando allo stesso anche compiti accertativi in ordine alla verifica delle rendicontazioni dei
Soggetti Attuatori ai fini delle relative liquidazioni, qualora dovute, e il pagamento in avanzamento o a saldo;

VISTA l'O.C. n. 2/2018 con la quale, in particolare, sono state impegnate risorse di importo complessivo pari ad Euro
13.472.138,71 a favore di varie Amministrazioni/Enti per il finanziamento di attività/interventi nonché liquidati acconti di
importo complessivo pari ad Euro 5.903.639,36 a favore dei Comuni evidenziati nell'allegato D alla medesima Ordinanza, a
valere sulla C.S. n. 6108;

DATO ATTO che con la sopraccitata O.C. n. 2/2018 Allegato B1, sono stati assegnati al Comune di Valle di Cadore
finanziamenti di importo complessivo pari ad Euro 15.000.00 per gli interventi nello specifico indicati in Tabella A, nel seguito
riportata;

VISTA la nota del Commissario delegato prot. n. 526726 del 27 dicembre 2018 con la quale sono stati comunicati, al Comune
di Valle di Cadore, i finanziamenti assegnati;

VISTA la nota del Coordinatore dell'Ufficio di supporto al Commissario delegato prot. n. 24712 del 21 gennaio 2019, con la
quale sono state comunicate, al Comune di Valle di Cadore, le modalità di rendicontazione;

VISTA la nota n. 2236 del 11 aprile 2019, assunta al protocollo del Commissario Delegato n. 148274 del 12 aprile 2019, con
cui il Comune di Valle di Cadore, coerentemente con le modalità di rendicontazione, ha trasmesso la Determina n. 94 dell'8
aprile 2019, di approvazione delle spese sostenute per gli interventi di cui alla citata Tabella A, per la somma complessiva di
Euro 11.996,34

CONSIDERATO che, con riferimento ai sopraccitati interventi, il Comune di Valle di Cadore ha precisato che:
52 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

• non sono oggetto di finanziamento da parte di altri contributi pubblici o risarcimenti corrisposti sulla base di polizze
assicurative;
• sono causalmente connessi con le eccezionali avversità atmosferiche verificatesi nei giorni dal 27 ottobre al 5
novembre 2018;
• sono conformi a quanto indicato nel provvedimento di finanziamento e le opere realizzate sono state condotte secondo
la normativa vigente in materia di lavori pubblici e del relativo regolamento di attuazione;

DATO ATTO che, sulla base della documentazione prodotta dal Comune Valle di Cadore e in riferimento a quanto sopra
indicato, per gli interventi in esame risulta il seguente quadro riepilogativo:

Tabella A

Importo DI CUI
DI CUI
gia' Importo Contributo Importo ECONOMIE
Provv. Di Importo Tipo di ECONOMIE ECONOMIE
Cod. int. Descrizione Località Erogato Rendicontato Definitivo da Già
Finanz. Finanziato Liquid. TOTALI DA
(OC n. AMMISSIBILE ammissibile liquidare PRESENTI
RESTITUIRE
2/2018) IN C.S.
Rimozione
piante cadute
sulla sede
stradale a causa
delle forti
raffiche di vento Venas- SS
025063-1 e abbattimento e 51 di 10.000,00 10.000,00 8.880,06 8.880.66 0,00 SALDO 1.119,94 1.119,94 0.00
rimozione delle Alemagna
rimanenti piante
pericolanti con
rischio di caduta
sylla sede
stradale
Rimozione
piante cadute O.C. n.
sulla sede 2/2018
stradale della
pista ciclabile
parallela e
affiancata alla
Pista
sede stradale a
ciclabile/SS
025063-2 causa delle forti 5.000,00 3.500.00 3.116,28 3.116,28 0,00 SALDO 1.883,72 383,72 1.500,00
51 di
raffivhe di vento
Alemagna
e abbattimento e
rimozione delle
rimanenti piante
pericolanti con
rischio di caduta
sulla sede
stradale

TOTALI 15.000,00 13.500,00 11.996,34 11.996,34 0.00 0.00 3.003,66 1.503,66 1.500,00

ACCERTATA la regolarità formale della sopraccitata documentazione presentata dal Comune di Valle di Cadore che attesta in
Euro 11.996.34 la spesa complessivamente sostenuta;

RITENUTO pertanto di procedere, per le motivazioni sopra esposte:

1. a confermare il finanziamento di Euro 15.000.00 complessivamente assegnato a favore del Comune di Valle di Cadore
con O.C. n. 2/2018 per gli interventi di cui alla Tabella A sopra riportata, con riferimento al quale è stato erogato un
acconto di Euro 13.500.00 ai sensi della medesima Ordinanza, con ordinativo n. 172 e 172 del 2018 a valere sulla C.S.
n. 6108 di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018;
2. a determinare in Euro 11.996,34 sulla base della documentazione di rendicontazione trasmessa dal Comune di Valle di
Cadore, il contributo definitivo spettante per la realizzazione degli interventi in argomento;
3. ad accertare l'economia complessiva di Euro 3.003.66 pari alla differenza tra quanto impegnato con O.C. 2/2018 e
quanto rendicontato e ammissibile a favore del Comune di AGORDO di cui:

a. Euro 1.500,00 già presenti sulla contabilità speciale n° 6108 di cui all'O.C.D.P.C. 558/2018;
b. Euro 1.503.66 presenti nel bilancio del Comune di Valle di Cadore quale differenza fra l'acconto già
liquidato al Comune di Valle di Cadore per gli interventi in argomento e la spesa effettivamente
sostenuta e documentata;

4. a confermare che le economie di cui al precedente punto 3, lettera b, pari a Euro 1.503,66 dovranno essere restituite
con le modalità che saranno rese note con specifica comunicazione;
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 53
_______________________________________________________________________________________________________

VISTI:

• il D. Lgs. n. 1/2018;
• la D.C.M. 8 novembre 2018;
• l'O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• le OO.CC. n. 2/2018, n. 3/2019 e n. 5/2019;

DECRETA

1. di dare atto che le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
2. di confermare il finanziamento di Euro 15.000.00 complessivamente assegnato a favore del Comune di Valle di
Cadore con O.C. n. 2/2018 per gli interventi di cui alla Tabella A su riportata, con riferimento al quale è stato erogato
un acconto di Euro 13.500,00 ai sensi della medesima Ordinanza, con ordinativo n. 172 del 20 dicembre 2018 a valere
sulla C.S. n. 6108 di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018;
3. di determinare in Euro 11.996,34 sulla base della documentazione di rendicontazione trasmessa dal Comune Valle di
Cadore, il contributo definitivo spettante per la realizzazione degli interventi in argomento;
4. di accertare l'economia complessiva di Euro 3.003,66 pari alla differenza tra quanto impegnato con O.C. 2/2018 e
quanto rendicontato e ammissibile a favore del Comune Valle di Cadore di cui:

a. Euro 1.503,00 già presenti sulla contabilità speciale n° 6108 di cui all'O.C.D.P.C. 558/2018;
b. Euro 1.503,66 presenti nel bilancio del Comune di Valle di Cadore quale differenza fra l'acconto già
liquidato al Comune di Valle di Cadore per gli interventi in argomento e la spesa effettivamente
sostenuta e documentata;

5. di disporre che le economie di cui al precedente punto 4, lettera b, pari a Euro 1.503,66 siano restituite alla
Contabilità Speciale con le modalità che saranno rese note con specifica comunicazione;
6. di trasmettere il presente provvedimento al Comune di Valle di Cadore;
7. di pubblicare il presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet della Regione del
Veneto nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni Commissariali e Post Emergenziali.

Il Coordinatore dell'Ufficio di supporto al Commissario Delegato Ing. Alessandro De Sabbata


54 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409698)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1264 del 6 dicembre 2019
Piano degli investimenti di cui all'art.1, comma 1028 della L.145/2018. Ordinanza del Capo del Dipartimento della
Protezione Civile n.558 del 15/11/2018. Ordinanze Commissariali n.8 del 16/5/2019. Int. CBAE_n.01 - Progettazione
relativa all'"Interconnessione idraulica tra i bacini di bonifica Cavariega e Gorzon Superiore Frattesina ed il fiume
Adige" - Nuovo canale scolmatore del Fiume Adige a servizio dei bacini idraulici di bonifica Cavariega e Gorzon
Superiore Frattesina CUP B23H16000010001. Accertamento delle economie derivanti dal ribasso d'asta dell'appalto di
cui al proprio Decreto n. 691 del 16/09/2019. Accantonamento somma pari a Euro 10.400,00 quale rimborso dei costi
diretti e indiretti riconducibili alle attività sostenute per l'espletamento delle funzioni affidate di cui all'art.5 della
Convenzione tra il Commissario Delegato e il Soggetto Attuatore.

IL SOGGETTO ATTUATORE
CONSORZIO DI BONIFICA ADIGE EUGANEO

PREMESSO che

• nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo, nonché al patrimonio pubblico e privato nelle
aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 135 del 27 ottobre 2018, pubblicato sul BUR n. 114 del 16
novembre 2018, è stata attivata e convocata l'Unità di Crisi Regionale U.C.R. ai sensi del "Protocollo operativo per la
gestione delle Emergenze" nell'ambito del Sistema Regionale di Protezione Civile (D.G.R. n. 103 dell'11 febbraio
2013);
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 136 del 28 ottobre 2018, integrato da successivo decreto n.
139 del 29 ottobre 2018, pubblicati sul BUR n. 114 del 16 novembre 2018, a seguito delle criticità riscontrate è stato
dichiarato lo "stato di crisi" ai sensi dell'art. 106, comma 1 lett. a) della L.R. n. 11/2001;
• con Decreto del 29 ottobre 2018, pubblicato nella G.U. n. 253 del 30 ottobre 2018, il Presidente del Consiglio dei
Ministri, ai sensi dell'art. 23, comma 1 del D.Lgs. n. 1/2018, ha disposto la mobilitazione straordinaria del Servizio
Nazionale di Protezione Civile a supporto della Regione Veneto al fine di favorire le operazioni di soccorso nei
territori colpiti dagli eccezionali eventi;
• con Delibera del Consiglio dei Ministri dell'8 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 266 del 15 novembre 2018, in
esito alle attività di cui al predetto decreto, ai sensi dell'art. 7, comma 1 lett. c) e dell'art.24 del D.Lgs.n.1/2018, è stato
deliberato, per 12 mesi a far data dal provvedimento medesimo, lo "stato di emergenza" nei territori colpiti
dall'evento;
• il medesimo provvedimento prevede che, per l'attuazione degli interventi da effettuare nella vigenza dello "stato di
emergenza", ai sensi dell'art.25, del D.Lgs.n.1/2018, si provvede con ordinanze, emanate dal Capo del Dipartimento
della Protezione civile, acquisita l'intesa della regione e delle province autonome interessate, in deroga a ogni
disposizione vigente e nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento giuridico;

RICORDATO che:

• con Ordinanza n.558 del 15 novembre 2018 il Capo Dipartimento Protezione Civile ha nominato il Presidente della
Regione del Veneto Commissario Delegato per i primi interventi urgenti di protezione civile in conseguenza degli
eccezionali eventi meteorologici che hanno interessato il territorio della Regione Veneto dal 27 ottobre al 5 novembre
2018;
• con Ordinanza n.8 del 16 maggio 2019 il Commissario Delegato ha approvato gli elenchi degli interventi per il
completamento del piano finalizzato alla riduzione del rischio idrogeologico, nonché all'aumento della resilienza delle
strutture e delle infrastrutture danneggiate dagli eventi metereologici sopracitati, per un ammontare complessivo di
euro 5.642.395,32 per l'annualità 2019, dettagliando specificatamente nell'Allegato B gli interventi afferenti al settore
Idrogeologico per un ammontare di euro 2.521.895,32;
• all'interno del suddetto Allegato B dell'Ordinanza Commissariale n.8/2019 risultano assegnate al Consorzio di
Bonifica Adige Euganeo le risorse per l'intervento di progettazione relativo all"Interconnessione idraulica tra i bacini
di bonifica Cavariega e Gorzon Superiore e Frattesina ed il fiume Adige" - Nuovo canale scolmatore del Fiume Adige
a servizio dei bacini idraulici di bonifica Cavariega e Gorzon Superiore e Frattesina per un importo di euro
520.000,00;
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 55
_______________________________________________________________________________________________________

• con Ordinanza n.9 del 22 maggio 2019 il Commissario Delegato ha individuato e nominato il dr.Stefano Vettorello,
Direttore del Consorzio di bonifica Adige Euganeo quale Soggetto Attuatore per il Settore Idrogeologico per gli
interventi ricadenti nella competenza del Consorzio medesimo;

TENUTO CONTO del contesto di urgenza che riveste l'intervento "Interconnessione idraulica tra i bacini di bonifica
Cavariega e Gorzon Superiore Frattesina ed il fiume Adige - Nuovo canale scolmatore del Fiume Adige a servizio dei bacini
idraulici di bonifica Cavariega e Gorzon Superiore Frattesina", per la cui copertura finanziaria si farà riferimento agli
stanziamenti per l'anno 2020 rispetto al complessivo piano di interventi in via di definizione e rispetto al quale è assolutamente
urgente disporre in tempi brevi della occorrente progettazione definitiva ed esecutiva, la cui approvazione, a normativa vigente,
è sottoposta ad un procedimento complesso che prevede l'intervento dei soggetti pubblici e privati interessati;

CONSIDERATO che

• con proprio decreto n.468 del 21/08/2019, in esito alla procedura ad evidenza pubblica indetta con proprio precedente
decreto n.121 del 27/6/2019, si è affidata all'Operatore Economico "RTP i4 Consulting Srl - Etatec Studio Paoletti Srl
- Studio Rinaldo Srl - E-Farma Engineering & Consulting Srl - Geol Devi Fincato" la progettazione definitiva ed
esecutiva dei lavori in oggetto per l'importo di € 325.561,81, oneri previdenziali, assistenziali ed IVA inclusi;
• con proprio decreto n. 690 del 16/09/2019, in esito alla procedura ad evidenza pubblica indetta con proprio precedente
decreto 469 del 21/08/2019 per l'affidamento in appalto del relativo Servizio di coordinamento della sicurezza in fase
di progettazione ai sensi del D.Lgs. n.81/2008, si è affidato all'Operatore Economico "RTP Ingegneria 2P & Associati
Srl in associazione con Nordest Ingegneria Srl" l'incarico del Coordinamento della sicurezza in fase di progettazione
dei lavori in oggetto per l'importo di € 37.167,13 oneri previdenziali, assistenziali ed IVA inclusi;
• con proprio decreto n.1204 del 28/11/2019, in esito alla procedura ad evidenza pubblica indetta con proprio
precedente decreto 691 del 16/09/2019 per l'affidamento in appalto del relativo Servizio di verifica del progetto
definitivo ed esecutivo, si è affidato all'Operatore Economico "Rina Check S.r.l." l'incarico per la verifica del progetto
definitivo ed esecutivo dei lavori in oggetto per l'importo di € 69.990,62 oneri previdenziali, assistenziali ed IVA
inclusi;
• le economie resesi complessivamente disponibili ammontano a € 87.280,44 rispetto alle risorse assegnate;

CONSIDERATO che

• l'art.4 dell'O.C.D.P.C.n.558/2018 autorizza i Commissari Delegati e/o i Soggetti Attuatori a provvedere in deroga a
leggi e specifiche disposizioni statali e regionali, sulla base di apposita motivazione, per la realizzazione delle attività
urgenti di protezione civile in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici che hanno interessato il territorio
della Regione del Veneto a partire dal mese di ottobre 2018;
• con deliberazione 99/2019 del 30/5/2019 il Consiglio di Amministrazione del Consorzio di bonifica ha autorizzato il
Direttore del Consorzio, in qualità di Soggetto Attuatore, ad avvalersi della Struttura Consorziale per l'espletamento
delle attività necessarie a contrattualizzare l'attività di progettazione in oggetto nei termini suddetti;
• con deliberazione n.144/2019 del 05/09/2019 il Consiglio di Amministrazione del Consorzio di Bonifica ha approvato
la sottoscrizione da parte del Direttore Generale del Consorzio Adige Euganeo, in qualità di Soggetto Attuatore, lo
schema di Convenzione tra il Commissario Delegato e il medesimo Direttore Generale;
• l'art.4 della suddetta Convenzione riconosce al Consorzio di Bonifica Adige Euganeo nella persona del suo Direttore
Generale un rimborso dei costi diretti ed indiretti riconducibili alle attività sostenute per l'espletamento delle attività di
RUP, indizione e gestione delle gare d'appalto con tutti gli oneri connessi (pubblicità legale, aggiudicazione definitiva,
contratto), Direzione Esecutiva, contabilità, servizi e Certificato Regolare Esecuzione;
• i costi di cui all'art.4 della Convenzione trovano copertura nel quadro economico nel limite del 2 (due) per cento, oneri
fiscali esclusi, del quadro economico medesimo;

TUTTO CIÒ PREMESSO,

DECRETA

1. di dare atto che quanto riportato in premessa costituisce parte integrante del presente provvedimento;
2. di accertare un'economia di complessivi € 87.280,44 derivante dalle risultanze degli affidamenti per il Servizio di
progettazione definitiva ed esecutiva, per il Servizio di Coordinamento alla Sicurezza in fase di Progettazione e per il
Servizio di verifica del progetto definitivo ed esecutivo, rispetto alle risorse assegnate al Consorzio, pari a
€520.000,00 di cui all'Ordinanza Commissariale n.8/2019;
3. di accantonare la somma di € 10.400,00 (pari al 2% dell'importo finanziato), per il rimborso dei costi diretti ed
indiretti riconducibili alle attività sostenute per l'espletamento delle funzioni affidate dal Soggetto Attuatore alla
Struttura Consorziale, che verranno liquidati a seguito di rendicontazione prodotta dal Soggetto Attuatore;
4. di dare atto che alla spesa suindicata si fa fronte con i fondi impegnati a carico della Contabilità Speciale n. 6108,
intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO-O.C.D.P.C 558/2018", come evidenziato con Ordinanza Commissariale n. 8
56 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

del 16/05/2019, che presenta sufficiente disponibilità;


5. di trasmettere all'Ufficio di supporto al Commissario delegato, il presente provvedimento per la predisposizione degli
ordinativi di pagamento, relativi alle somme di cui al punto 3), attraverso la procedura informatica del MEF
denominata GEOCOS, subordinatamente alle verifiche previste dalla normativa vigente;
6. di pubblicare il presente decreto sul BUR della Regione del Veneto ai sensi art. 42 del D.Lgs 33/2013, nonché sul sito
internet della Regione del Veneto nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alla Gestione Commissariali
e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE CONSORZIO DI BONIFICA ADIGE EUGANEO Dr. Stefano Vettorello


Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 57
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409699)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1265 del 6 dicembre 2019
Liquidazione 1° ACCONTO. O.C.D.P.C. n. 558/2018. Progetto UOFE_059 "Svaso della vasca di sedimentazione a tergo
dell'opera di trattenuta e completamento delle sistemazioni idrauliche di mitigazione di trasporto solido, Rio Deppo in
comune di Domegge di Cadore". Affidamento incarico per il rilievo topografico, progettazione definitivo-esecutiva,
direzio-ne lavori, eventuale coordinamento sicurezza in fase di progettazione e esecuzione e conta-bilizzazione. CUP
J63H19000270001, CIG Z7E28FF196. Importo liquidabile Euro 16.638,57 compreso di oneri.

SOGGETTO ATTUATORE DEL

SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE

PREMESSO CHE:

• nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle
aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 135 del 27 ottobre 2018, pubblicato sul BUR n. 114 del 16
novembre 2018, è stata attivata e convocata l'Unità di Crisi Regionale U.C.R. ai sensi del "Protocollo operativo per la
gestione delle Emergenze" nell'ambito del Sistema Regionale di Protezione Civile (D.G.R. n. 103 dell'11 febbraio
2013);
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 136 del 28 ottobre 2018, integrato da successivo decreto n.
139 del 29 ottobre 2018, pubblicati sul BUR n. 114 del 16 novembre 2018, a seguito delle criticità riscontrate è stato
dichiarato lo "stato di crisi" ai sensi dell'art. 106, co. 1 lett. a), della L.R. n. 11/2001;
• con Delibera del Consiglio dei Ministri dell'8 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 266 del 15 novembre 2018, in
esito alle attività di cui al predetto decreto, ai sensi dell'art. 7, co. 1 lett. c) e dell'art. 24 del D.Lgs 2 gennaio 2018 n. 1,
è stato deliberato per 12 mesi a far data dal provvedimento medesimo, lo "stato di emergenza" nei territori colpiti
dall'evento;
• la predetta delibera al punto 4 dispone che, per l'attuazione dei primi interventi urgenti di cui all'art. 25, comma 2 lett.
a) e b) del D.Lgs. n. 1/2018, nelle more della valutazione dell'effettivo impatto degli eventi in argomento, si provveda
nel limite di complessivi Euro 53.500.000,00 a valere sul Fondo per le emergenze nazionali di cui all'art. 44, comma 1
del D.Lgs. n. 1/2018, dei quali Euro 15.000.000,00 spettanti alla Regione Veneto;
• il medesimo provvedimento prevede che, per l'attuazione degli interventi da effettuare nella vigenza dello "stato di
emergenza", ai sensi dell'art. 25, del D.Lgs. n. 1/2018, si provvede con ordinanze, emanate dal Capo del Dipartimento
della Protezione civile, acquisita l'intesa della regione e delle province autonome interessate, in deroga a ogni
disposizione vigente e nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento giuridico;
• con successiva Ordinanza n. 558 del 15 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20 novembre 2018, il Capo
del Dipartimento della Protezione Civile, d'intesa con la Regione del Veneto, ha nominato il Presidente della Regione,
Commissario delegato, per fronteggiare l'emergenza derivante dagli eventi calamitosi di cui trattasi;
• con il medesimo provvedimento sono state dettate disposizioni per la realizzazione delle iniziative finalizzate al
superamento dell'emergenza, in particolare l'art. 1 comma 3, prevede che il Commissario delegato predisponga entro
venti giorni dalla pubblicazione dell'O.C.D.P.C., un Piano degli interventi da sottoporre all'approvazione del Capo del
Dipartimento della Protezione Civile;
• il Commissario delegato, con nota prot. n. 511689 del 14 dicembre 2018, ha trasmesso al Capo del Dipartimento della
Protezione Civile il Piano degli interventi di cui all'art. 1, comma 3 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• per la definizione del Piano degli interventi si è fatto riferimento alla ricognizione avviata dal Commissario delegato
nonché alle segnalazioni dei Soggetti Attuatori di cui alla OC n. 1 del 23.11.2018;
• con nota prot. n. POST/0073648 del 20 dicembre 2018 il Capo del Dipartimento di Protezione Civile ha approvato il
Piano degli interventi di cui alla OCDPC n. 558/2018 per l'importo complessivo di Euro 14.774.388,71;
• la Legge 30 dicembre 2018 n. 145, legge di stabilità 2019, al comma 1028 ha stabilito di assegnare alle regioni colpite
dagli eventi meteo dell'autunno del 2018, nonché dagli ulteriori stati di emergenza formalmente deliberati e conclusi
da non oltre sei mesi alla data del 31 dicembre 2018, la somma complessiva di 2,6 miliardi di Euro per il triennio
2019-2021. Di dette risorse, a fronte delle ricognizioni trasmesse al Dipartimento di Protezione Civile con note
Commissariali prot.n. 36681 del 28 gennaio 2019 e prot. n. 49710 del 5 febbraio 2019, nonché con nota del Direttore
58 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

dell'Area Tutela e Sviluppo del Territorio prot. n. 509559 del 13 dicembre 2018 relativa alle segnalazioni finalizzate
alla richiesta di contributo FSUE, con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (D.P.C.M.) del 27 febbraio
2019, è stata assegnata al Veneto la somma complessiva di Euro 755.912.355,61 per il triennio 2019-2021 di cui Euro
232.588.417,11 per il 2019;
• in particolare, a fronte delle ricognizioni trasmesse al Dipartimento di Protezione Civile con note Commissariali
prot.n. 36681 del 28 gennaio 2019 e n. 49710 del 5 febbraio 2019, nonché con precedente nota del Presidente prot. n.
505589 del 13 dicembre 2018 relativa alle segnalazioni finalizzate alla richiesta di contributo FSUE, con Decreto del
Presidente del Consiglio dei Ministri (D.P.C.M.) del 27 febbraio 2019 è stata assegnata al Veneto la somma
complessiva di Euro 755.912.355,61 per il triennio 2019-2021 di cui Euro 232.588.417,11 per il 2019;
• con il medesimo Decreto è stato stabilito che per la realizzazione degli interventi si sarebbe operato con le modalità di
cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• sulla scorta del provvedimento del Consiglio dei Ministri adottato, il Commissario ha provveduto alla definizione,
entro 20 giorni dalla adozione del predetto D.P.C.M., dell'elenco degli interventi contrattualizzabili entro il 30
settembre 2019 con verifica entro il medesimo termine della effettiva contrattualizzazione;
• il Dipartimento della Protezione Civile con nota DIP/15877 del 23 marzo 2019 e successiva nota integrativa n.
POST/0016889 del 27/03/2019, come di seguito specificato, ha, tra l'altro, approvato il Piano di cui alla O.C.D.P.C. n.
558/2018 per la somma complessiva di Euro 220.621.778,52, di cui Euro 195.621.778,52 per interventi ed Euro
25.000.00,00 quale accantonamento per i contributi a favore di privati e attività produttive;

CONSIDERATO CHE nell'ambito dello Stato di mobilitazione come sopra rappresentato sono stati avviati numerosi interventi
volti a eliminare le situazioni di pericolo e a ripristinare i servizi essenziali interrotti dai gravi eventi meteo quali la viabilità
statale, regionale, provinciale e comunale, i servizi es-essenziali di acquedotto, fognatura, elettrici e delle telecomunicazioni.

DATO ATTO CHE a seguito della nomina del Commissario delegato di cui all'art. 1, comma 1 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018
risultava necessario dare continuità alle azioni intraprese dai diversi sog-getti territorialmente e istituzionalmente coinvolti;

ATTESA in particolare l'urgenza di procedere alla nomina dei Soggetti attuatori ai sensi dell'art. 1 comma 2 dell'OCDPC n.
558/2018, ai quali affidare i rispettivi ambiti d'azione e d'intervento, con l'ordinanza n. 1 del 23/11/2018 il Commissario
Delegato Dott. Luca Zaia ha individuato, tra i dirigenti e funzionari delle Amministrazioni Pubbliche coinvolte, i Soggetti
attuatori, di comprovata professionalità ed esperienza, ai quali vengono affidati i diversi settori di intervento.

APPURATO CHE con ordinanza n. 1 del 23/11/2018 è stato nominato Soggetto Attuatore e RUP il Dott. Gianmaria
Sommavilla Direttore U.O. Forestale Est per il SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE al fine di garantire il
ripristino in campo idrogeologico forestale e in campo ambientale, alla riduzione definitiva degli effetti dei fenomeni
alluvionali verificatosi e alla mappatura degli inter-venti già predisposti per la tutela e la salvaguardia del territorio e delle
risorse finanziare ad essi destinati;

DATO ATTO che:

con Ordinanza Commissariale n. 9 del 22/05/2019 sono stati approvati gli elenchi degli interventi e assegnate le risorse
finanziarie con il relativo impegno, al fine di avviare concretamente le procedure per la definizione dei contratti entro la data
del 30 settembre 2019 di cui all'art. 1, comma 7, del D.P.C.M. del 4 aprile 2019;

CHE con la medesima ordinanza viene impegnata la spesa nella Contabilità speciale n. 6108 intestata a "C.D.
PRES.REG.VENETO O.558-18" a valere sulla disponibilità accertata di cui all'allegato A Quadro economico della Contabilità
commissariale n. 6108 dell'ordinanza commissariale 9/2019 per l'effettuazione degli interventi di cui sopra e che nella stessa
rientra nell'elenco, di cui all'Allegato B, l'intervento relativo ai lavori di "Svaso della vasca di sedimentazione a tergo dell'opera
di trattenuta e completamento delle sistemazioni idrauliche di mitigazione di trasporto solido, Rio Deppo in comune di
Domegge di Cadore", per un importo di €. 300.000,00 cod. intervento UOFE_059;

CHE la suddetta somma è stata impegnata a carico della Contabilità speciale n. 6108 intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO -
O.558 - 18" di cui all'ordinanza commissariale 9/2019;

PRESO ATTO che con decreto n. 129 del 28/06/2019 è stato affidato l'incarico, per il rilievo topografico, progettazione
definitivo-esecutiva, direzione lavori, eventuale coordinamento sicurezza in fase di progettazione e esecuzione e
contabilizzazione dell'intervento di "Svaso della vasca di sedimentazione a tergo dell'opera di trattenuta e completamento delle
sistemazioni idrauliche di mitigazione di trasporto solido, Rio Deppo in comune di Domegge di Cadore", alla Società DBA
Progetti s.p.a. con sede in Piazza Roma, 19 - 32045 Santo Stefano di Cadore (BL) C.F. 01673560304 - P.I. 00812680254, per
l'importo pari ad €. 24.083,75;

RISULTATO che l'incarico di cui sopra è stato formalizzato con il contratto registrato al n. 49 del 4.7.2019 nel quale veniva
pattuito all'art. 7 le modalità di pagamento dell'incarico e precisamente viene citato:
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 59
_______________________________________________________________________________________________________

"- Rilievo e progettazione: liquidazione acconto pari al 70% dell'importo previsto alla consegna degli elaborati progettuali;

- Saldo pari al rimanente 30% alla consegna dei lavori

- Direzione lavori: 30% dell'importo relativo alla consegna dei lavori e 70% all'approvazione del certificato di regolare
esecuzione.";

VISTO che con nota del 30/07/2019 prot. n. 339401 la Società DBA Progetti s.p.a Santo Stefano di Cadore (BL) ha trasmesso
il progetto definito-esecutivo relativo al progetto UOFE_059;

RILEVATO che con decreto n. 324 del 1/08/2019 è stato approvato il progetto di cui sopra;

APPURATO che l'incarico di rilievo e progettazione è stato formalizzato in tutte le sue parti e nei tempi previsti;

VISTA la seguente documentazione relativa al pagamento dell'ACCONTO e SALDO progettazione e rilievi nonché
ACCONTO direzione lavori:

• fattura n. 3219000027 in data 30/10/2019 della Società DBA Progetti s.p.a. con sede in Piazza Roma, 19 - 32045
Santo Stefano di Cadore (BL) C.F. 01673560304 - P.I. 00812680254 per acconto e saldo progettazione e rilievi
nonché acconto direzione lavori dell'incarico in oggetto pari ad €. 16.683,57 Iva compresa,
• tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi della L. 136/2010,
• scheda dati anagrafici datata 5/09/2019,
• D.U.R.C. allegati

RITENUTO pertanto, per le motivazioni sopra esposte, di provvedere:

• alla liquidazione, di quanto sopra, alla Società DBA Progetti s.p.a. con sede in Piazza Roma, 19 - 32045 Santo Stefano
di Cadore (BL) C.F. 01673560304 - P.I. 00812680254, dell'importo di € 13.675,06 pari all'imponibile IVA, mediante
pagamento sul c/c bancario indicato in fattura;
• di versare all'Erario l'IVA pari ad € 3.008,51, in applicazione delle disposizioni in materia di scissione dei pagamenti;

VISTO il D.Lgs 50/2016 e s.m.i.;

VISTA l'O.C.D.P.C. n. 558 del 15/11/2018;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 1/2018;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 9/2019;

DECRETA

1. di dare atto che le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente provvedimento.
2. di quantificare in € 13.675,06 la somma necessaria per il pagamento, come specificato in premessa, alla Società DBA
Progetti s.p.a. con sede in Piazza Roma, 19 - 32045 Santo Stefano di Cadore (BL) C.F. 01673560304 - P.I.
00812680254 relativamente all'incarico per il rilievo topografico, progettazione definitivo-esecutiva, direzione lavori,
eventuale coordinamento sicurezza in fase di progettazione e esecuzione e contabilizzazione dei lavori di "Svaso della
vasca di sedimentazione a tergo dell'opera di trattenuta e completamento delle sistemazioni idrauliche di mitigazione
di trasporto solido, Rio Deppo in comune di Domegge di Cadore", Codice Progetto UOFE_059, di cui all'Ordinanza
Commissariale n. 9/2019 Allegato B);
3. di liquidare la fattura n. 3219000027, datata 30/10/2019, dall'importo complessivo di € 16.683,57 mediante la
predisposizione dei seguenti ordinativi di pagamento riferiti a CUP J63H19000270001 - CIG Z7E28FF196:

- di € 13.675,06 a favore della Società DBA Progetti s.p.a. con sede in Piazza Roma, 19 - 32045 Santo
Stefano di Cadore (BL) C.F. 01673560304 - P.I. 00812680254 per la quota relativa all'imponibile;

- di € 3.008,51a favore dell'Erario, per la quota relativa all'IVA.

4. di dare atto che alla spesa suindicata si fa fronte con i fondi impegnati a carico della Contabilità Speciale n. 6108,
intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO O.558-18" a valere sulla disponibilità accertata come evidenziato con
Ordinanza Commissariale n. 9 del 22/05/2019, che presenta sufficiente disponibilità.
5. di trasmettere all'Ufficio di supporto al Commissario delegato, il presente provvedimento per la predisposizione degli
ordinativi di pagamento, relativi alle somme di cui al punto 3), attraverso la procedura informatica del MEF
60 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

denominata GEOCOS, subordinatamente alle verifiche previste dalla normativa vigente.


6. di pubblicare il presente Decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet della Regione del Veneto
nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni Commissariali e Post Emergenziali.

SOGGETTO ATTUATORE DEL SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE Dott. Gianmaria Sommavilla
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 61
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409700)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1266 del 6 dicembre 2019
OCDPC n. 558/2018 - DPCM 27 febbraio 2019 - Ordinanza n.9/2019 del Commissario delegato per i primi interventi
urgenti di protezione civile in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici che hanno interessato il territorio della
Regione Veneto, a partire dal mese di ottobre 2018. Intervento Sostitutivo ai sensi dell'art. 4 comma 2 del D.P.R.
207/2010 per inadempienze contributive della Ditta Bar Ristorante Pizzeria Iris di Galvan Massimo (affidamento
diretto ex art. 36, comma 2, lett- a) del D.Lgs. n. 50/2016 del servizio di ristorazione per colazioni e cene da erogare
nell'ambito della "Prova di Soccorso exe VAIA". C.U.P. J63H19000350001 C.I.G Z2B2904DEE). Liquidazione di Euro
1.818,18 a favore dell'INPS di Vicenza e di Euro 181,82 a favore dell'Erario.

IL SOGGETTO ATTUATORE
PER LA REALIZZAZIONE DELL'ESERCITAZIONE REGIONALE DI
PROTEZIONE CIVILE DENOMINATA EXEVAIA 2019

PREMESSO che con Decreto n. 200 del 17 luglio del Soggetto Attuatore per la realizzazione dell'Esercitazione Regionale di
Protezione Civile denominata "EXEVAIA 2019" si è proceduto all'affidamento diretto al Bar Ristorante Pizzeria Iris di Galvan
Massimo - Enego (VI), C.F.GLVMSM70D14A703A - P. IVA 03000280242, ex art. 36, comma 2, lett - a) del D.Lgs. n.
50/2016, per il servizio di erogazione di colazioni e cene per il Volontariato di Protezione Civile impiegato nell'ambito della
"Prova di Soccorso exe VAIA";

VISTA la fattura n. 19 del 21 agosto 2019 del Bar Ristorante Pizzeria Iris di Galvan Massimo - Enego (VI),
C.F.GLVMSM70D14A703A - P. IVA 03000280242, dell'importo complessivo di € 2.000,00 per il servizio suddetto;

VERIFICATA la regolarità della fornitura e della sopraindicata fattura;

VISTA la tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi della L.136/2010 e scheda dati anagrafici;

DATO ATTO che al fine di procedere alla liquidazione della citata fattura, è stato richiesto più volte per via telematica il
Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC);

RILEVATO che dall'ultimo DURC emesso in data 25.09.2019 risulta permanere una situazione di irregolarità contributiva nei
confronti dell'INPS per l'importo di Euro 18.019,17;

DATO ATTO che con posta elettronica certificata, prot. n. 504906 del 22/11/2019 la stazione appaltante ha comunicato
all'Inps di Vicenza la volontà di attivare l'intervento sostitutivo per l'importo di € 1.818,18, ai sensi dall'art. 4, comma 2 del
D.P.R. 207/2010 e sulla base dei criteri fissati dalle Circolari in materia;

CONSIDERATO che con nota del 26/11/2019, registrata al prot. reg.le in pari data con il n. 510124, l'INPS di Vicenza ha
confermato l'importo, segnalato con il Durc, della inadempienza contributiva nei confronti dell'operatore economico Galvan
Massimo e ha fornito indicazioni per procedere, tramite bonifico bancario, al versamento della somma oggetto dell'intervento
sostitutivo;

RITENUTO pertanto necessario, per le motivazioni sopra esposte, attivare il potere sostitutivo della stazione appaltante,
provvedendo alle liquidazioni:

• di € 1.818,18, pari all'imponibile IVA della fattura n. 19 del 21/08/2019, in favore dell'INPS di Vicenza mediante
bonifico bancario, come da nota prot. n. 510124 del 26/11/2019;

• di € 181,82 corrispondente all'IVA della fattura n. 19 del 21/08/2019, a favore dell'Erario, in applicazione delle
disposizioni in materia di scissione dei pagamenti;

VISTO l'art. 4, comma 2, del D.P.R. n. 207/2010;

VISTO il D.Lgs. 18/04/2016 n. 50 e s.m.i.;

VISTA l'O.C.D.P.C. n. 558/2018;


62 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

VISTA l'Ordinanza n. 9 del 22 maggio 2019 del Commissario Delegato;

DECRETA

1. Di dare atto che quanto riportato in premessa costituisce parte integrante del presente provvedimento.
2. Di prendere atto della regolarità della fattura n. 19 del 21/08/2019, per l'importo di € 2.000,00, emessa dall'Operatore
economico Bar Ristorante Pizzeria Iris di Galvan Massimo - Enego (VI), C.F.GLVMSM70D14A703A - P.Iva
03000280242, per il servizio di erogazione colazioni e cene per il Volontariato di Protezione Civile impiegato
nell'ambito della Prova di Soccorso EXEVAIA di cui all'Ordinanza Commissariale n. 9/2019.
3. Di procedere all'intervento sostitutivo della stazione appaltante nei confronti dell'operatore economico Ditta Bar
Ristorante Pizzeria Iris di Galvan Massimo - Enego (VI), C.F.GLVMSM70D14A703A - P.Iva 03000280242, ai sensi
dell'art.4 comma 2 del D.P.R. 207/2010.
4. Di liquidare pertanto, l'imponibile della fattura n.19 del 21/08/2019, pari ad € 1.818,18, all'INPS di Vicenza mediante
bonifico bancario, di cui alla nota prot. n. 510124/2019.
5. Di liquidare all'Erario l'importo di € 181,82, corrispondente all'IVA della fattura n. 19 del 21/08/2019, come previsto
dall'art. 17-ter del D.P.R. 633/1972 e dall'art. 1 c. 632 e c. 633 della Legge n. 190/2014.
6. Di dare atto che nulla è più dovuto alla Ditta Bar Ristorante Pizzeria Iris di Galvan Massimo per il servizio oggetto
della sopra citata fattura.
7. Di dare atto che alla spesa di cui ai punti 4 e 5 si farà fronte con i fondi impegnati a carico della Contabilità Speciale
n. 6108, intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18", come evidenziato con Ordinanza Commissariale n. 9 del
22.05.2019, che presenta sufficiente disponibilità.
8. Di trasmettere all'Ufficio di supporto al Commissario delegato, il presente provvedimento per gli adempimenti di
competenza relativi agli importi di cui ai punti 4 e 5 subordinatamente alle verifiche previste dalla normativa vigente.
9. Di pubblicare il presente Decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet della Regione del Veneto
nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alla Gestione Commissariali e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE PER LA REALIZZAZIONE DELL'ESERCITAZIONE REGIONALE DI PROTEZIONE


CIVILE DENOMINATA EXEVAIA 2019 Ing. Luca Soppelsa
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 63
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409702)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1267 del 6 dicembre 2019
O.C.D.P.C. n. 558/2018 - "Emergenza derivante dalle eccezionali avversità atmosferiche verificatisi nei giorni dal 27
ottobre al 5 novembre 2018, nel territorio della Regione del Veneto". Progetto n. 1050: "Lavori di somma urgenza sul
torrente Padola a seguito dell'erosione della sponda destra in località Lacuna in comune di San Nicolò di Comelico
(BL)". Importo complessivo intervento Euro 350.000,00. - Liquidazione S.A.L. n. 1. CUP H75B18002070002 - CUP (per
lavori aggiuntivi) J76B18000500001. CIG 7694994DEB - CIG (per lavori aggiuntivi) 7975701CAA. Ordinanza
Commissariale n. 9 del 22/05/2019 - Allegato B - Intervento GCBL_022.

IL SOGGETTO ATTUATORE
DIRETTORE DELL'U.O. GENIO CIVILE BELLUNO

PREMESSO CHE:

• con D.P.R. del Veneto n. 136 del 28.10.2018 è stato dichiarato lo stato di crisi a seguito delle criticità riscontrate sul
territorio delle provincie di Belluno, Treviso e Vicenza a seguito dell'evento alluvionale che ha colpito la Regione
Veneto a fine ottobre 2018;
• con D.P.C.M. n. 4654 del 29.10.2018 il Capo del Dipartimento della Protezione Civile ha decretato lo Stato di
mobilitazione Nazionale per il Veneto al fine di favorire le operazioni di soccorso nonché la mobilitazione del sistema
nazionale di protezione civile;
• con nota n. 446307 del 02.11.2018 il Direttore dell'Area Tutela e Sviluppo del Territorio-Direzione Protezione Civile
e Polizia Locale ha disposto di procedere con l'affidamento dei lavori di somma urgenza secondo le procedure
derogatorie previste dal D.Lgs. 50/2016 e ss.mm.ii. (artt. 63 e 163);
• con Delibera del Consiglio dei Ministri dell'08.11.2018 è stato deliberato lo stato di emergenza in conseguenza degli
eccezionali eventi meteorologici verificatisi dal 27.10.2018 al 05.11.2018 nei territori della Regione del Veneto;
• con Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile n. 558 del 15.11.2018 sono state definite le
procedure per il superamento dell'emergenza derivante dai suddetti eccezionali eventi meteorologici e sono stati
stanziati i fondi per i primi interventi urgenti. L'art. 1 prevede che per fronteggiare l'emergenza il Presidente della
Regione Veneto, in qualità di Commissario Delegato, provvede ad effettuare le attività previste per gli ambiti
territoriali di competenza, avvalendosi delle strutture e degli uffici regionali;
• con Ordinanza n. 1 in data 23.11.2018 il Commissario Delegato, in attuazione dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018, ha
individuato 12 Soggetti Attuatori tra i quali il Direttore dell'U.O. Genio Civile Belluno per il Settore Ripristino
Idraulico e Idrogeologico area di Belluno;
• con Ordinanza n. 9 in data 22.05.2019, il Commissario delegato ha approvato gli elenchi degli interventi di cui al
D.P.C.M. del 4 aprile 2019, a valere sull'assegnazione di cui all'articolo 24 quater, del D.L. n. 119/2018 convertito,
con modificazioni, in L. n. 136/2018;
• tra gli interventi di cui all'Ordinanza Commissariale n. 9 del 22/05/2019 - Allegato B è ricompreso l'intervento
denominato Cod. GCBL_022 -"Lavori di somma urgenza sul torrente Padola a seguito dell'erosione della sponda
destra in località Lacuna in comune di San Nicolò di Comelico (BL)" per un importo di € 350.000,00, impegnato a
carico della Contabilità Speciale n. 6108, intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO O.558-18";
• tra la Regione del Veneto - U.O. Genio Civile di Belluno e la Ditta VENETA21 S.R.L. con sede in Viale dell'Industria
n. 4 32016 Alpago (BL) è stato sottoscritto, in data 15.11.2018, il verbale di consegna del succitato intervento;
• tra la Regione Veneto - Soggetto Attuatore - U.O. Genio Civile di Belluno e la Ditta VENETA21 S.R.L. è stato
successivamente sottoscritto l'atto aggiuntivo n. di rep. 54 del 15.07.2019, con il quale si conviene il passaggio della
titolarità degli interventi dal Direttore dell'U.O. Genio Civile Belluno al Commissario Delegato;
• che è stato stipulato il contratto dei lavori in oggetto, rep. 200 del 17.09.2019, per l'importo lavori (compresi oneri per
la sicurezza, IVA esclusa) pari a € 282.000,00;
• con nota n. 55586 del 08 febbraio 2019 è attribuita al Soggetto Attuatore la formalizzazione del provvedimento di
liquidazione con cui si disporrà il pagamento a valere sulla contabilità Speciale n. 6108;

VISTI:

• Il verbale di consegna dei lavori sottoscritto in data 15.11.2018;


• l'atto aggiuntivo n. rep. 54 del 15.07.2019;
• il contratto stipulato rep. 200 del 17.09.2019;
• lo Stato Avanzamento Lavori n. 1, sottoscritto in data 22.10.2019;
64 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

• il certificato di pagamento n. 1 emesso in data 25.10.2019 per il pagamento della rata di € 280.300,00 IVA esclusa;
• il DURC della ditta VENETA21 S.R.L., INAIL_18618640 del 16.10.2019 con scadenza in data 13.02.2020;
• la fattura elettronica 257 del 30.10.2019 di € 341.966,00 (IVA compresa) emessa dalla ditta VENETA21 S.R.L. con
sede in Viale dell'Industria n. 4 32016 Alpago (BL) - C.F. 02533620270 e P.IVA 00936900257- intestata al
Commissario Delegato OCDPC 558/2018;

RISCONTRATA la corrispondenza dei dati presenti in fattura con la documentazione agli atti;

RITENUTO pertanto, per le motivazioni sopra esposte:

• di liquidare alla ditta VENETA21 S.R.L. con sede in Viale dell'Industria n. 4 32016 Alpago (BL) - C.F. 02533620270
e P.IVA 00936900257- l'importo di € 280.300,00 pari all'imponibile IVA, mediante pagamento sul c/c bancario
indicato in fattura;
• di versare all'Erario l'IVA pari ad € 61.666,00 in applicazione delle disposizioni in materia di scissione dei
pagamenti;

VISTO il D. Lgs 50/2016 e ss.mm.ii.;

VISTA l'O.C.D.P.C. n. 558 del 15/11/2018;

VISTE

• l'Ordinanza Commissariale n. 1/2018;


• l'Ordinanza Commissariale n. 9 del 22/05/2019 - Allegato B;

DECRETA

• di dare atto che le premesse fanno parte integrale e sostanziale del presente provvedimento;
• di autorizzare il pagamento a titolo di liquidazione del 1° Stato Avanzamento Lavori, corrispondente al finale, della
fattura n. 257 del 30.10.2019 dell'importo complessivo di € 341.966,00, emessa dalla Ditta VENETA21 S.R.L.,
mediante la predisposizione dei seguenti ordinativi di pagamento:
♦ di € 280.300,00= a favore della Ditta VENETA21 S.R.L. con sede in Viale dell'Industria n. 4 32016 Alpago
(BL) (C.F. 02533620270 e P.IVA 00936900257) per la quota relativa all'imponibile
♦ di € 61.666,00= a favore dell'Erario, per la quota relativa all'IVA;
• di liquidare la somma dovuta a valere sulla contabilità Speciale n. 6108 intestata a
"C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18";
• di trasmettere all'Ufficio di supporto al Commissario delegato, il presente provvedimento per la predisposizione degli
ordinativi di pagamento attraverso la procedura informatica del MEF denominata GEOCOS, subordinatamente alle
verifiche previste dalla normativa vigente;
• di pubblicare integralmente il presente decreto nel Bollettino Ufficiale delle Regione del Veneto e sul sito internet
della Regione del Veneto nell'apposita sezione sicurezza del Territorio dedicata alle gestioni Commissariali e
post-emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE DIRETTORE DELL'U.O. GENIO CIVILE BELLUNO Ing. Roberto Dall'Armi
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 65
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409737)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1268 del 6 dicembre 2019
O.C.D.P.C. n. 558/2018 - O.C. n. 9 del 22.05.2019 - O.C. n. 13 del 16/09/2019. S.U. n. 14/2018 "Lavori di somma urgenza
per ripristino della funzionalità idraulica del torrente Petto-rina e suoi affluenti in comune di Rocca Pietore (BL)".
UOFE 012. CIG 769513524A CUP H52H18000370001. IMPORTO FINANZIAMENTO Euro 348.000,00.
LIQUIDAZIONE II^ SAL Euro 19.111,31 Iva esclusa.

IL SOGGETTO ATTUATORE
PER IL SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE

PREMESSO CHE:

• nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle
aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 135 del 27 ottobre 2018, pubblicato sul BUR n. 114 del 16
novembre 2018, è stata attivata e convocata l'Unità di Crisi Regionale U.C.R. ai sensi del "Protocollo operativo per la
gestione delle Emergenze" nell'ambito del Sistema Regionale di Protezione Civile (D.G.R. n. 103 dell'11 febbraio
2013);
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 136 del 28 ottobre 2018, integrato da successivo decreto n.
139 del 29 ottobre 2018, pubblicati sul BUR n. 114 del 16 novembre 2018, a seguito delle criticità riscontrate è stato
dichiarato lo "stato di crisi" ai sensi dell'art. 106, co. 1 lett. a), della L.R. n. 11/2001;
• con Decreto del 29 ottobre 2018, pubblicato nella G.U. n. 253 del 30 ottobre 2018, il Presidente del Consiglio dei
Ministri, ai sensi dell'art. 23, co. 1 del D. Lgs 2 gennaio 2018 n. 1, ha disposto la mobilitazione straordinaria del
Servizio Nazionale di protezione civile a supporto della Regione del Veneto al fine di favorire le operazioni di
soccorso nei territori colpiti dagli eccezionali eventi;
• con Delibera del Consiglio dei Ministri dell'8 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 266 del 15 novembre 2018, in
esito alle attività di cui al predetto decreto, ai sensi dell'art. 7, co. 1 lett. c) e dell'art. 24 del D. Lgs 2 gennaio 2018 n.
1, è stato deliberato per 12 mesi a far data dal provvedimento medesimo, lo "stato di emergenza" nei territori colpiti
dall'evento;
• la predetta delibera al punto 4 dispone che, per l'attuazione dei primi interventi urgenti di cui all'art. 25, comma 2 lett.
a) e b) del D. Lgs. n. 1/2018, nelle more della valutazione dell'effettivo impatto degli eventi in argomento, si provveda
nel limite di complessivi Euro 53.500.000,00 a valere sul Fondo per le emergenze nazionali di cui all'art. 44, comma 1
del D. Lgs. n. 1/2018, dei quali Euro 15.000.000,00 spettanti alla Regione Veneto;
• il medesimo provvedimento prevede che, per l'attuazione degli interventi da effettuare nella vigenza dello "stato di
emergenza", ai sensi dell'art. 25, del D.Lgs. n. 1/2018, si provvede con ordinanze, emanate dal Capo del Dipartimento
della Protezione civile, acquisita l'intesa della regione e delle province autonome interessate, in deroga a ogni
disposizione vigente e nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento giuridico;
• con successiva Ordinanza n. 558 del 15 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20 novembre 2018, il Capo
del Dipartimento della Protezione Civile, d'intesa con la Regione del Veneto, ha nominato il Presidente della Regione,
Commissario delegato, per fronteggiare l'emergenza derivante dagli eventi calamitosi di cui trattasi;
• con il medesimo provvedimento sono state dettate disposizioni per la realizzazione delle iniziative finalizzate al
superamento dell'emergenza, in particolare l'art. 1 comma 3, prevede che il Commissario delegato predisponga entro
venti giorni dalla pubblicazione dell'O.C.D.P.C., un Piano degli interventi da sottoporre all'approvazione del Capo del
Dipartimento della Protezione Civile;
• il Commissario delegato, con nota prot. n. 511689 del 14 dicembre 2018, ha trasmesso al Capo del Dipartimento della
Protezione Civile il Piano degli interventi di cui all'art. 1, comma 3 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• per la definizione del Piano degli interventi si è fatto riferimento alla ricognizione avviata dal Commissario delegato
nonché alle segnalazioni dei Soggetti Attuatori di cui alla O.C. n. 1 del 23/11/2018;
• con nota prot. n. POST/0073648 del 20 dicembre 2018 il Capo del Dipartimento di Protezione Civile ha approvato il
Piano degli interventi di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018 per l'importo complessivo di Euro 14.774.388,71;
• con successivi provvedimenti del Consiglio dei Ministri del 21/02/2019 e del 27/02/2019, a valere sugli stanziamenti
di cui all'art. 44, co. 1, del D.Lgs. n. 1/2018, nonché della L. n. 145/2018 art. 1, comma 1028, sono state assegnate al
Veneto, ai sensi dell'art 1, comma 1, della O.C.D.P.C. n. 558, nonché, del comma 3 della medesima O.C.D.P.C., la
somma complessiva di 2,6 miliardi di Euro rispettivamente pari a 800 milioni di Euro per l'esercizio 2019 e 900
milioni di Euro per i successivi esercizi 2020 e 2021;
66 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

• in particolare, a fronte delle ricognizioni trasmesse al Dipartimento di Protezione Civile con note Commissariali
prot.n. 36681 del 28 gennaio 2019 e n. 49710 del 5 febbraio 2019, nonché con precedente nota del Presidente prot. n.
505589 del 13 dicembre 2018 relativa alle segnalazioni finalizzate alla richiesta di contributo FSUE, con Decreto del
Presidente del Consiglio dei Ministri (D.P.C.M.) del 27 febbraio 2019 è stata assegnata al Veneto la somma
complessiva di Euro 755.912.355,61 per il triennio 2019-2021 di cui Euro 232.588.417,11 per il 2019;
• con il medesimo Decreto è stato stabilito che per la realizzazione degli interventi si sarebbe operato con le modalità di
cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• sulla scorta del provvedimento del Consiglio dei Ministri adottato, il Commissario ha provveduto alla definizione,
entro 20 giorni dalla adozione del predetto D.P.C.M., dell'elenco degli interventi contrattualizzabili entro il 30
settembre 2019 con verifica entro il medesimo termine della effettiva contrattualizzazione;
• il Dipartimento della Protezione Civile con nota DIP/15877 del 23 marzo 2019 e successiva nota integrativa n.
POST/0016889 del 27/03/2019, come di seguito specificato, ha, tra l'altro, approvato il Piano di cui alla O.C.D.P.C. n.
558/2018 per la somma complessiva di Euro 220.621.778,52, di cui Euro 195.621.778,52 per interventi ed Euro
25.000.00,00 quale accantonamento per i contributi a favore di privati e attività produttive;

CONSIDERATO CHE nell'ambito dello Stato di mobilitazione come sopra rappresentato sono stati avviati numerosi interventi
volti a eliminare le situazioni di pericolo e a ripristinare i servizi essenziali interrotti dai gravi eventi meteo quali la viabilità
statale, regionale, provinciale e comunale, i servizi essenziali di acquedotto, fognatura, elettrici e delle telecomunicazioni.

DATO ATTO CHE a seguito della nomina del Commissario delegato di cui all'art. 1, comma 1 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018
risultava necessario dare continuità alle azioni intraprese dai diversi soggetti territorialmente e istituzionalmente coinvolti;

ATTESA in particolare l'urgenza di procedere alla nomina dei Soggetti attuatori ai sensi dell'art. 1 comma 2 dell'O.C.D.P.C. n.
558/2018, ai quali affidare i rispettivi ambiti d'azione e d'intervento, con l'ordinanza n. 1 del 23/11/2018 il Commissario
Delegato Dott. Luca Zaia ha individuato, tra i dirigenti e funzionari delle Amministrazioni Pubbliche coinvolte, i Soggetti
attuatori, di comprovata professionalità ed esperienza, ai quali vengono affidati i diversi settori di intervento;

APPURATO CHE con ordinanza n. 1 del 23/11/2018 è stato nominato Soggetto Attuatore e RUP il Dott. Gianmaria
Sommavilla Direttore U.O. Forestale Est per il SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE al fine di garantire il
ripristino in campo idrogeologico forestale e in campo ambientale, alla riduzione definitiva degli effetti dei fenomeni
alluvionali verificatosi e alla mappatura degli interventi già predisposti per la tutela e la salvaguardia del territorio e delle
risorse finanziare ad essi destinati;

DATO ATTO che:

• con Ordinanza Commissariale n. O.C. n. 9 del 22.05.2019 sono stati, tra l'altro, approvati gli interventi afferenti al
settore Idrogeologico (Allegato B) relativi all'OCDPC n. 558/2018 per l'Emergenza eventi meteo eccezionali dal 27
ottobre al 5 novembre 2018;
• tra gli interventi di cui alle O.C. n. 9 del 22.05.2019, Allegato B, è ricompreso anche l'intervento denominato "Lavori
di somma urgenza per ripristino della funzionalità idraulica del torrente Pettorina e suoi affluenti in comune di Rocca
Pietore (BL)";
• con O.C. n. 13 del 16/09/2019 allegato C, i lavori sopra richiamati sono stati ulteriormente finanziati per un importo
pari a €. 100.000,00, come da atto aggiuntivo del 26/09/2019, per l'importo complessivo, quindi, di € 348.000,00;
• la suddetta somma è stata impegnata a carico della Contabilità Speciale n. 6108, intestata a
"C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18" a valere sulla disponibilità accertata pari a Euro 278.274.498,70 di cui agli
Allegati A - Quadro economico della Contabilità commissariale n. 6108 come evidenziato dalle O.C. sopracitate;

PRESO ATTO che con Decreto del Soggetto Attuatore n. 377 del 06/08/2019 è stato liquidato il 1^ SAL, per un importo pari a
€. 218.948,52 IVA compresa;

DATO ATTO che in data 19/11/2019 è stato presentato, dal Soggetto Attuatore, un secondo certificato di pagamento di €
23.315,80 IVA compresa, che certifica l'ulteriore credito della ditta;

VISTA la seguente documentazione relativa al pagamento del II^ SAL:

• verbale di somma urgenza in data 02/11/2018,


• verbale di affidamento e consegna lavori con concordamento prezzi unitari in data 05/11/2018,
• Contratto d'Appalto n. 54 in data 16/07/2019 rep. Ufficiale Rogante VE n. 94,
• Atto aggiuntivo n.91 del 26/09/2019
• Certificato di pagamento II^ SAL del 19/11/2019;
• la fattura n. 83/VE in data 22/11/2019 della Ditta "Fratelli Romor Srl", con sede legale in Ponte nelle Alpi (BL) Via
Lizzona n.65, codice fiscale e partita IVA: 004588680266 per l'importo complessivo di € 23.315,80 Iva compresa,
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 67
_______________________________________________________________________________________________________

• la tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi della L. 136/2010 e scheda dati anagrafici,
• il D.U.R.C. in corso di validità.

RITENUTO pertanto, per le motivazioni sopra esposte, di provvedere:

• alla liquidazione alla Ditta "Fratelli Romor Srl", con sede legale in Ponte nelle Alpi (BL) Via Lizzona n.65, codice
fiscale e partita IVA: 004588680266, dell'importo di € 19.111,31 pari all'imponibile Iva, mediante pagamento sul c/c
bancario indicato in fattura;
• di versare all'Erario l'IVA pari ad € 4.204,49, in applicazione delle disposizioni in materia di scissione dei pagamenti;

VISTO il D. Lgs 50/2016 e s.m.i.;

VISTA l'O.C.D.P.C. n. 558 del 15/11/2018;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 1 del 23/11/2018

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 2/2018;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 9/2019;

DECRETA

1. di dare atto che le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente provvedimento.
2. di quantificare € 19.111,31 la somma necessaria per il pagamento alla Ditta "Fratelli Romor Srl", con sede legale in
Ponte nelle Alpi (BL) Via Lizzona n.65, codice fiscale e partita IVA: 004588680266 per II^ SAL relativamente a
"Lavori di somma urgenza per ripristino della funzionalità idraulica del torrente Pettorina e suoi affluenti in comune di
Rocca Pietore (BL)" che trova copertura di finanziamento di cui all'Ordinanza Commissariale n. 9/2019 Allegato B.
3. di liquidare la fattura 83/VE in data 22/11/2019 dell'importo complessivo di € 23.315,80 mediante la predisposizione
dei seguenti ordinativi di pagamento riferiti al CIG 769513524A CUP H52H18000370001:

♦ di € 19.111,31 a favore della Ditta "Fratelli Romor Srl", con sede legale in Ponte nelle Alpi (BL)
Via Lizzona n.65, codice fiscale e partita IVA: 004588680266 per la quota relativa all'imponibile;
♦ di € 4.204,49 a favore dell'Erario, per la quota relativa all'IVA.

4. di dare atto che alla spesa suindicata si fa fronte con i fondi impegnati a carico della Contabilità Speciale n. 6108,
intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18", come evidenziato con Ordinanza Commissariale n. O.C. n. 9 del
22.05.2019, che presenta sufficiente disponibilità.
5. di trasmettere all'Ufficio di supporto al Commissario delegato, il presente provvedimento per la predisposizione degli
ordinativi di pagamento, relativi alle somme di cui al punto 3), attraverso la procedura informatica del MEF
denominata GEOCOS, subordinatamente alle verifiche previste dalla normativa vigente.
6. di pubblicare il presente Decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet della Regione del Veneto
nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni Commissariali e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE DEL SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE Dott. Gianmaria Sommavilla
68 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409738)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1269 del 6 dicembre 2019
O.C.D.P.C. n. 558/2018 - O.C. n. 13 del 16.09.2019. S.U. n. 14/2018 "Lavori di somma urgenza per ripristino della
funzionalità idraulica del torrente Petto-rina e suoi affluenti in comune di Rocca Pietore (BL)". UOFE 012. CIG
769513524A CUP H52H18000370001 - PRINCIPALE. CIG. 7941503F94 CUP J53H18000220001 - AGGIUNTIVO.
IMPORTO FINANZIAMENTO Euro 348.000,00. LIQUIDAZIONE III^ SAL Euro 79.941,98 Iva esclusa.

IL SOGGETTO ATTUATORE
PER IL SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE

PREMESSO CHE:

• nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle
aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 135 del 27 ottobre 2018, pubblicato sul BUR n. 114 del 16
novembre 2018, è stata attivata e convocata l'Unità di Crisi Regionale U.C.R. ai sensi del "Protocollo operativo per la
gestione delle Emergenze" nell'ambito del Sistema Regionale di Protezione Civile (D.G.R. n. 103 dell'11 febbraio
2013);
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 136 del 28 ottobre 2018, integrato da successivo decreto n.
139 del 29 ottobre 2018, pubblicati sul BUR n. 114 del 16 novembre 2018, a seguito delle criticità riscontrate è stato
dichiarato lo "stato di crisi" ai sensi dell'art. 106, co. 1 lett. a), della L.R. n. 11/2001;
• con Decreto del 29 ottobre 2018, pubblicato nella G.U. n. 253 del 30 ottobre 2018, il Presidente del Consiglio dei
Ministri, ai sensi dell'art. 23, co. 1 del D. Lgs 2 gennaio 2018 n. 1, ha disposto la mobilitazione straordinaria del
Servizio Nazionale di protezione civile a supporto della Regione del Veneto al fine di favorire le operazioni di
soccorso nei territori colpiti dagli eccezionali eventi;
• con Delibera del Consiglio dei Ministri dell'8 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 266 del 15 novembre 2018, in
esito alle attività di cui al predetto decreto, ai sensi dell'art. 7, co. 1 lett. c) e dell'art. 24 del D. Lgs 2 gennaio 2018 n.
1, è stato deliberato per 12 mesi a far data dal provvedimento medesimo, lo "stato di emergenza" nei territori colpiti
dall'evento;
• la predetta delibera al punto 4 dispone che, per l'attuazione dei primi interventi urgenti di cui all'art. 25, comma 2 lett.
a) e b) del D. Lgs. n. 1/2018, nelle more della valutazione dell'effettivo impatto degli eventi in argomento, si provveda
nel limite di complessivi Euro 53.500.000,00 a valere sul Fondo per le emergenze nazionali di cui all'art. 44, comma 1
del D. Lgs. n. 1/2018, dei quali Euro 15.000.000,00 spettanti alla Regione Veneto;
• il medesimo provvedimento prevede che, per l'attuazione degli interventi da effettuare nella vigenza dello "stato di
emergenza", ai sensi dell'art. 25, del D.Lgs. n. 1/2018, si provvede con ordinanze, emanate dal Capo del Dipartimento
della Protezione civile, acquisita l'intesa della regione e delle province autonome interessate, in deroga a ogni
disposizione vigente e nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento giuridico;
• con successiva Ordinanza n. 558 del 15 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20 novembre 2018, il Capo
del Dipartimento della Protezione Civile, d'intesa con la Regione del Veneto, ha nominato il Presidente della Regione,
Commissario delegato, per fronteggiare l'emergenza derivante dagli eventi calamitosi di cui trattasi;
• con il medesimo provvedimento sono state dettate disposizioni per la realizzazione delle iniziative finalizzate al
superamento dell'emergenza, in particolare l'art. 1 comma 3, prevede che il Commissario delegato predisponga entro
venti giorni dalla pubblicazione dell'O.C.D.P.C., un Piano degli interventi da sottoporre all'approvazione del Capo del
Dipartimento della Protezione Civile;
• il Commissario delegato, con nota prot. n. 511689 del 14 dicembre 2018, ha trasmesso al Capo del Dipartimento della
Protezione Civile il Piano degli interventi di cui all'art. 1, comma 3 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• per la definizione del Piano degli interventi si è fatto riferimento alla ricognizione avviata dal Commissario delegato
nonché alle segnalazioni dei Soggetti Attuatori di cui alla O.C. n. 1 del 23/11/2018;
• con nota prot. n. POST/0073648 del 20 dicembre 2018 il Capo del Dipartimento di Protezione Civile ha approvato il
Piano degli interventi di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018 per l'importo complessivo di Euro 14.774.388,71;
• con successivi provvedimenti del Consiglio dei Ministri del 21/02/2019 e del 27/02/2019, a valere sugli stanziamenti
di cui all'art. 44, co. 1, del D.Lgs. n. 1/2018, nonché della L. n. 145/2018 art. 1, comma 1028, sono state assegnate al
Veneto, ai sensi dell'art 1, comma 1, della O.C.D.P.C. n. 558, nonché, del comma 3 della medesima O.C.D.P.C., la
somma complessiva di 2,6 miliardi di Euro rispettivamente pari a 800 milioni di Euro per l'esercizio 2019 e 900
milioni di Euro per i successivi esercizi 2020 e 2021;
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 69
_______________________________________________________________________________________________________

• in particolare, a fronte delle ricognizioni trasmesse al Dipartimento di Protezione Civile con note Commissariali
prot.n. 36681 del 28 gennaio 2019 e n. 49710 del 5 febbraio 2019, nonché con precedente nota del Presidente prot. n.
505589 del 13 dicembre 2018 relativa alle segnalazioni finalizzate alla richiesta di contributo FSUE, con Decreto del
Presidente del Consiglio dei Ministri (D.P.C.M.) del 27 febbraio 2019 è stata assegnata al Veneto la somma
complessiva di Euro 755.912.355,61 per il triennio 2019-2021 di cui Euro 232.588.417,11 per il 2019;
• con il medesimo Decreto è stato stabilito che per la realizzazione degli interventi si sarebbe operato con le modalità di
cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• sulla scorta del provvedimento del Consiglio dei Ministri adottato, il Commissario ha provveduto alla definizione,
entro 20 giorni dalla adozione del predetto D.P.C.M., dell'elenco degli interventi contrattualizzabili entro il 30
settembre 2019 con verifica entro il medesimo termine della effettiva contrattualizzazione;
• il Dipartimento della Protezione Civile con nota DIP/15877 del 23 marzo 2019 e successiva nota integrativa n.
POST/0016889 del 27/03/2019, come di seguito specificato, ha, tra l'altro, approvato il Piano di cui alla O.C.D.P.C. n.
558/2018 per la somma complessiva di Euro 220.621.778,52, di cui Euro 195.621.778,52 per interventi ed Euro
25.000.00,00 quale accantonamento per i contributi a favore di privati e attività produttive;

CONSIDERATO CHE nell'ambito dello Stato di mobilitazione come sopra rappresentato sono stati avviati numerosi interventi
volti a eliminare le situazioni di pericolo e a ripristinare i servizi essenziali interrotti dai gravi eventi meteo quali la viabilità
statale, regionale, provinciale e comunale, i servizi essenziali di acquedotto, fognatura, elettrici e delle telecomunicazioni.

DATO ATTO CHE a seguito della nomina del Commissario delegato di cui all'art. 1, comma 1 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018
risultava necessario dare continuità alle azioni intraprese dai diversi soggetti territorialmente e istituzionalmente coinvolti;

ATTESA in particolare l'urgenza di procedere alla nomina dei Soggetti attuatori ai sensi dell'art. 1 comma 2 dell'O.C.D.P.C. n.
558/2018, ai quali affidare i rispettivi ambiti d'azione e d'intervento, con l'ordinanza n. 1 del 23/11/2018 il Commissario
Delegato Dott. Luca Zaia ha individuato, tra i dirigenti e funzionari delle Amministrazioni Pubbliche coinvolte, i Soggetti
attuatori, di comprovata professionalità ed esperienza, ai quali vengono affidati i diversi settori di intervento;

APPURATO CHE con ordinanza n. 1 del 23/11/2018 è stato nominato Soggetto Attuatore e RUP il Dott. Gianmaria
Sommavilla Direttore U.O. Forestale Est per il SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE al fine di garantire il
ripristino in campo idrogeologico forestale e in campo ambientale, alla riduzione definitiva degli effetti dei fenomeni
alluvionali verificatosi e alla mappatura degli interventi già predisposti per la tutela e la salvaguardia del territorio e delle
risorse finanziare ad essi destinati;

DATO ATTO che:

• con Ordinanza Commissariale n. O.C. n. 9 del 22.05.2019 sono stati, tra l'altro, approvati gli interventi afferenti al
settore Idrogeologico (Allegato B) relativi all'OCDPC n. 558/2018 per l'Emergenza eventi meteo eccezionali dal 27
ottobre al 5 novembre 2018;
• tra gli interventi di cui alle O.C. n. 9 del 22.05.2019, Allegato B, è ricompreso anche l'intervento denominato "Lavori
di somma urgenza per ripristino della funzionalità idraulica del torrente Pettorina e suoi affluenti in comune di Rocca
Pietore (BL)";
• con O.C. n. 13 del 16/09/2019 allegato C, i lavori sopra richiamati sono stati ulteriormente finanziati per un importo
pari a €. 100.000,00, come da atto aggiuntivo del 26/09/2019, per l'importo complessivo, quindi, di € 348.000,00;
• la suddetta somma è stata impegnata a carico della Contabilità Speciale n. 6108, intestata a
"C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18" a valere sulla disponibilità accertata pari a Euro 278.274.498,70 di cui agli
Allegati A - Quadro economico della Contabilità commissariale n. 6108 come evidenziato dalle O.C. sopracitate;

PRESO ATTO che:

• con Decreto del Soggetto Attuatore n. 377 del 06.08.2019 è stato liquidato il 1^ SAL, per un importo pari a €.
280.645,15 IVA esclusa;

DATO ATTO che in data 19/11/2019 sono stati presentati, dal Soggetto Attuatore, due certificati di pagamento relativi al II^ e
III^ SAL rispettivamente di € 23.315,80 IVA compresa e di € 97.529,22 Iva compresa, che certificano gli ulteriori crediti della
ditta;

VISTA la seguente documentazione relativa al pagamento del III^SAL:

• verbale di somma urgenza in data 02/11/2018,


• verbale di affidamento e consegna lavori con concordamento prezzi unitari in data 05/11/2018,
• Contratto d'Appalto n. 54 in data 16/07/2019 rep. Ufficiale Rogante VE n. 94,
• Atto aggiuntivo n.91 del 26/09/2019,
70 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

• Certificato di pagamento III^ SAL del 19/11/2019;


• la fattura n. 84/VE in data 22/11/2019 della Ditta "Fratelli Romor Srl", con sede legale in Ponte nelle Alpi (BL) Via
Lizzona n.65, codice fiscale e partita IVA: 004588680266 per l'importo complessivo di € 97.529,22 Iva compresa,
• la tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi della L. 136/2010 e scheda dati anagrafici,
• il D.U.R.C. in corso di validità,

RITENUTO pertanto, per le motivazioni sopra esposte, di provvedere:

• alla liquidazione alla Ditta "Fratelli Romor Srl", con sede legale in Ponte nelle Alpi (BL) Via Lizzona n.65, codice
fiscale e partita IVA: 004588680266, dell'importo di € 79.941,98 pari all'imponibile Iva, mediante pagamento sul c/c
bancario indicato in fattura;
• di versare all'Erario l'IVA pari ad € 17.587,24 in applicazione delle disposizioni in materia di scissione dei pagamenti;

VISTO il D. Lgs 50/2016 e s.m.i.;

VISTA l'O.C.D.P.C. n. 558 del 15/11/2018;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 1 del 23/11/2018

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 9/2019;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 13/2019;

DECRETA

1. di dare atto che le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente provvedimento.
2. di quantificare € 79.941,98 la somma necessaria per il pagamento alla Ditta "Fratelli Romor Srl", con sede legale in
Ponte nelle Alpi (BL) Via Lizzona n.65, codice fiscale e partita IVA: 004588680266 per III^ SAL relativamente a
"Lavori di somma urgenza per ripristino della funzionalità idraulica del torrente Pettorina e suoi affluenti in comune di
Rocca Pietore (BL)" di cui all'Ordinanza Commissariale n. 9/2019 Allegato B,
3. di liquidare la fattura 84/VE in data 22/11/2019 dell'importo complessivo di € 97.529,22 mediante la predisposizione
dei seguenti ordinativi di pagamento riferiti al CIG N. 7941503F94 CUP N. J53H18000220001:

♦ di € 79.941,98 a favore della Ditta "Fratelli Romor Srl", con sede legale in Ponte nelle Alpi (BL)
Via Lizzona n.65, codice fiscale e partita IVA: 004588680266 per la quota relativa all'imponibile;
♦ di € 17.587,24 a favore dell'Erario, per la quota relativa all'IVA.

4. di dare atto che alla spesa suindicata si fa fronte con i fondi impegnati a carico della Contabilità Speciale n. 6108,
intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18", come evidenziato con Ordinanza Commissariale n. O.C. n. 13 del
16.09.2019, che presenta sufficiente disponibilità.
5. di trasmettere all'Ufficio di supporto al Commissario delegato, il presente provvedimento per la predisposizione degli
ordinativi di pagamento, relativi alle somme di cui al punto 3), attraverso la procedura informatica del MEF
denominata GEOCOS, subordinatamente alle verifiche previste dalla normativa vigente.
6. di pubblicare il presente Decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet della Regione del Veneto
nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni Commissariali e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE DEL SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE Dott. Gianmaria Sommavilla
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 71
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409739)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1270 del 6 dicembre 2019
O.C.D.P.C. n. 558/2018 - O.C. n. 9 del 22.05.2019. Somma Urgenza n. 1/19 - Lavori di somma urgenza per ripristino e
messa in sicurezza di difese spon-daliDdanneggiate lungo il Ru Calchere in comune di San Tomaso Agordino (BL)".
UOFE N86. CIG 79131455D4 - CUP J13H19000310001. Importo finanziamento Euro 372.000,00. Liquidazione II^ SAL
Euro 41.324,19 Iva esclusa.

IL SOGGETTO ATTUATORE
PER IL SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE

PREMESSO CHE:

• nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle
aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 135 del 27 ottobre 2018, pubblicato sul BUR n. 114 del 16
novembre 2018, è stata attivata e convocata l'Unità di Crisi Regionale U.C.R. ai sensi del "Protocollo operativo per la
gestione delle Emergenze" nell'ambito del Sistema Regionale di Protezione Civile (D.G.R. n. 103 dell'11 febbraio
2013);
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 136 del 28 ottobre 2018, integrato da successivo decreto n.
139 del 29 ottobre 2018, pubblicati sul BUR n. 114 del 16 novembre 2018, a seguito delle criticità riscontrate è stato
dichiarato lo "stato di crisi" ai sensi dell'art. 106, co. 1 lett. a), della L.R. n. 11/2001;
• con Decreto del 29 ottobre 2018, pubblicato nella G.U. n. 253 del 30 ottobre 2018, il Presidente del Consiglio dei
Ministri, ai sensi dell'art. 23, co. 1 del D. Lgs 2 gennaio 2018 n. 1, ha disposto la mobilitazione straordinaria del
Servizio Nazionale di protezione civile a supporto della Regione del Veneto al fine di favorire le operazioni di
soccorso nei territori colpiti dagli eccezionali eventi;
• con Delibera del Consiglio dei Ministri dell'8 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 266 del 15 novembre 2018, in
esito alle attività di cui al predetto decreto, ai sensi dell'art. 7, co. 1 lett. c) e dell'art. 24 del D. Lgs 2 gennaio 2018 n.
1, è stato deliberato per 12 mesi a far data dal provvedimento medesimo, lo "stato di emergenza" nei territori colpiti
dall'evento;
• la predetta delibera al punto 4 dispone che, per l'attuazione dei primi interventi urgenti di cui all'art. 25, comma 2 lett.
a) e b) del D. Lgs. n. 1/2018, nelle more della valutazione dell'effettivo impatto degli eventi in argomento, si provveda
nel limite di complessivi Euro 53.500.000,00 a valere sul Fondo per le emergenze nazionali di cui all'art. 44, comma 1
del D. Lgs. n. 1/2018, dei quali Euro 15.000.000,00 spettanti alla Regione Veneto;
• il medesimo provvedimento prevede che, per l'attuazione degli interventi da effettuare nella vigenza dello "stato di
emergenza", ai sensi dell'art. 25, del D.Lgs. n. 1/2018, si provvede con ordinanze, emanate dal Capo del Dipartimento
della Protezione civile, acquisita l'intesa della regione e delle province autonome interessate, in deroga a ogni
disposizione vigente e nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento giuridico;
• con successiva Ordinanza n. 558 del 15 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20 novembre 2018, il Capo
del Dipartimento della Protezione Civile, d'intesa con la Regione del Veneto, ha nominato il Presidente della Regione,
Commissario delegato, per fronteggiare l'emergenza derivante dagli eventi calamitosi di cui trattasi;
• con il medesimo provvedimento sono state dettate disposizioni per la realizzazione delle iniziative finalizzate al
superamento dell'emergenza, in particolare l'art. 1 comma 3, prevede che il Commissario delegato predisponga entro
venti giorni dalla pubblicazione dell'O.C.D.P.C., un Piano degli interventi da sottoporre all'approvazione del Capo del
Dipartimento della Protezione Civile;
• il Commissario delegato, con nota prot. n. 511689 del 14 dicembre 2018, ha trasmesso al Capo del Dipartimento della
Protezione Civile il Piano degli interventi di cui all'art. 1, comma 3 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• per la definizione del Piano degli interventi si è fatto riferimento alla ricognizione avviata dal Commissario delegato
nonché alle segnalazioni dei Soggetti Attuatori di cui alla O.C. n. 1 del 23/11/2018;
• con nota prot. n. POST/0073648 del 20 dicembre 2018 il Capo del Dipartimento di Protezione Civile ha approvato il
Piano degli interventi di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018 per l'importo complessivo di Euro 14.774.388,71;
• con successivi provvedimenti del Consiglio dei Ministri del 21/02/2019 e del 27/02/2019, a valere sugli stanziamenti
di cui all'art. 44, co. 1, del D.Lgs. n. 1/2018, nonché della L. n. 145/2018 art. 1, comma 1028, sono state assegnate al
Veneto, ai sensi dell'art 1, comma 1, della O.C.D.P.C. n. 558, nonché, del comma 3 della medesima O.C.D.P.C., la
somma complessiva di 2,6 miliardi di Euro rispettivamente pari a 800 milioni di Euro per l'esercizio 2019 e 900
milioni di Euro per i successivi esercizi 2020 e 2021;
72 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

• in particolare, a fronte delle ricognizioni trasmesse al Dipartimento di Protezione Civile con note Commissariali
prot.n. 36681 del 28 gennaio 2019 e n. 49710 del 5 febbraio 2019, nonché con precedente nota del Presidente prot. n.
505589 del 13 dicembre 2018 relativa alle segnalazioni finalizzate alla richiesta di contributo FSUE, con Decreto del
Presidente del Consiglio dei Ministri (D.P.C.M.) del 27 febbraio 2019 è stata assegnata al Veneto la somma
complessiva di Euro 755.912.355,61 per il triennio 2019-2021 di cui Euro 232.588.417,11 per il 2019;
• con il medesimo Decreto è stato stabilito che per la realizzazione degli interventi si sarebbe operato con le modalità di
cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• sulla scorta del provvedimento del Consiglio dei Ministri adottato, il Commissario ha provveduto alla definizione,
entro 20 giorni dalla adozione del predetto D.P.C.M., dell'elenco degli interventi contrattualizzabili entro il 30
settembre 2019 con verifica entro il medesimo termine della effettiva contrattualizzazione;
• il Dipartimento della Protezione Civile con nota DIP/15877 del 23 marzo 2019 e successiva nota integrativa n.
POST/0016889 del 27/03/2019, come di seguito specificato, ha, tra l'altro, approvato il Piano di cui alla O.C.D.P.C. n.
558/2018 per la somma complessiva di Euro 220.621.778,52, di cui Euro 195.621.778,52 per interventi ed Euro
25.000.00,00 quale accantonamento per i contributi a favore di privati e attività produttive;

CONSIDERATO CHE nell'ambito dello Stato di mobilitazione come sopra rappresentato sono stati avviati numerosi interventi
volti a eliminare le situazioni di pericolo e a ripristinare i servizi essenziali interrotti dai gravi eventi meteo quali la viabilità
statale, regionale, provinciale e comunale, i servizi essenziali di acquedotto, fognatura, elettrici e delle telecomunicazioni.

DATO ATTO CHE a seguito della nomina del Commissario delegato di cui all'art. 1, comma 1 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018
risultava necessario dare continuità alle azioni intraprese dai diversi soggetti territorialmente e istituzionalmente coinvolti;

ATTESA in particolare l'urgenza di procedere alla nomina dei Soggetti attuatori ai sensi dell'art. 1 comma 2 dell'O.C.D.P.C. n.
558/2018, ai quali affidare i rispettivi ambiti d'azione e d'intervento, con l'ordinanza n. 1 del 23/11/2018 il Commissario
Delegato Dott. Luca Zaia ha individuato, tra i dirigenti e funzionari delle Amministrazioni Pubbliche coinvolte, i Soggetti
attuatori, di comprovata professionalità ed esperienza, ai quali vengono affidati i diversi settori di intervento;

APPURATO CHE con ordinanza n. 1 del 23/11/2018 è stato nominato Soggetto Attuatore e RUP il Dott. Gianmaria
Sommavilla Direttore U.O. Forestale Est per il SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE al fine di garantire il
ripristino in campo idrogeologico forestale e in campo ambientale, alla riduzione definitiva degli effetti dei fenomeni
alluvionali verificatosi e alla mappatura degli interventi già predisposti per la tutela e la salvaguardia del territorio e delle
risorse finanziare ad essi destinati;

DATO ATTO che:

• con Ordinanza Commissariale n. 9 in data 22/05/2019 sono stati, tra l'altro, approvati gli interventi afferenti al settore
Idrogeologico (Allegato B) relativi all'OCDPC n. 558/2018 per l'Emergenza eventi meteo eccezionali dal 27 ottobre al
5 novembre 2018;
• tra gli interventi di cui all'Ordinanza Commissariale n. 9/2019, Allegato B, è ricompreso anche l'intervento
denominato "Somma Urgenza n. 1/19 - Lavori di somma urgenza per ripristino e messa in sicurezza di difese spondali
danneggiate lungo il Ru Calchere in comune di San Tomaso Agordino (BL), per l'importo complessivo di €
372.000,00;
• la suddetta somma è stata impegnata a carico della Contabilità Speciale n. 6108, intestata a
"C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18" a valere sulla disponibilità accertata pari a Euro 179.619.184,43 di cui
all'Allegato A - Quadro economico della Contabilità commissariale n. 6108 (riga 8, colonna 6) - come evidenziato con
Ordinanza Commissariale n. 9 in data 22/05/2019;

PRESO ATTO che con Decreto del Soggetto Attuatore n. 760 del 19.09.2019 è stato liquidato il 1^ SAL, per un importo pari a
€. 289.054,60 IVA compresa;

DATO ATTO che in data 26/11/2019 è stato presentato, dal Soggetto Attuatore, un secondo certificato di pagamento di €
50.415,51 Iva compresa, per cui è possibile liquidare alla Ditta Veneto 21 srl con sede legale in Alpago (BL) Via dell'Industria,
4 codice fiscale e partita IVA: 00936900257, la somma sopra indicata;

PRESO ATTO che in precedenza, stante la situazione, ai sensi dell'art. 163 del D.Lgs 50/2016 e s.m.i. è stato redatto in data
31/05/2019 un verbale di somma urgenza, il conseguente affidamento e consegna lavori concordamento prezzi unitari con
l'Impresa Veneta 21 Srl", con sede legale in Alpago (BL) Via dell'Industria n. 4, la quale si è resa immediatamente disponibile
a eseguire i lavori per l'importo di € 236.930,00 più IVA 22% e quindi per complessivi € 289.054,60;

VISTA la seguente documentazione relativa al pagamento del II^SAL:

• verbale di somma urgenza in data 31/05/2019,


Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 73
_______________________________________________________________________________________________________

• verbale di affidamento e consegna lavori con concordamento prezzi unitari in data 03/06/19,
• Contratto d'Appalto n. 58 in data 26/07/2019 rep. Ufficiale Rogante VE n. 111,
• Certificato di pagamento n. 2 del 26/11/2019,
• la fattura n.284 in data 29/11/19 della Ditta "Veneta 21 Srl", con sede legale in Alpago (BL) Via dell'Industria n. 4,
per l'importo complessivo di € 50.415,51 Iva compresa,
• la tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi della L. 136/2010 e scheda dati anagrafici,
• il D.U.R.C. con scadenza validità ,

RITENUTO pertanto, per le motivazioni sopra esposte, di provvedere:

• alla liquidazione alla Ditta "Veneta 21 Srl", con sede legale in Alpago (BL) Via dell'Industria n. 4, codice fiscale:
02533620270 e partita IVA: 00936900257 dell'importo di € 41.324,19 pari all'imponibile IVA, mediante pagamento
sul c/c bancario indicato in fattura;
• di versare all'Erario l'IVA pari ad € 9.091,32, in applicazione delle disposizioni in materia di scissione dei pagamenti;

VISTO il D. Lgs 50/2016 e s.m.i.;

VISTA l'O.C.D.P.C. n. 558 del 15/11/2018;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 2/2018;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 9/2019;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 1/2018;

DECRETA

1. di dare atto che le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente provvedimento.
2. di quantificare € 41.324,19 la somma necessaria per il pagamento alla Ditta "Veneta 21 Srl", con sede legale in
Alpago (BL) Via dell'Industria n. 4, codice fiscale: 02533620270 e partita IVA: 00936900257 per II^ SAL
relativamente ai lavori di ripristino e messa in sicurezza di difese spondali danneggiate lungo il Ru Calchere in
comune di San Tomaso Agordino (BL), di cui all'Ordinanza Commissariale n. 9/2019 Allegato B.
3. di liquidare la fattura n. 284 in data 29/11/2019 dell'importo complessivo di € 50.415,51 mediante la
predisposizione dei seguenti ordinativi di pagamento riferiti al CIG n. 79131455D4 e CUP n. J13H1900031000:

♦ di € 41.324,19 a favore della Ditta "Veneta 21 Srl", con sede legale in Alpago (BL) Via
dell'Industria n. 4, codice fiscale: 02533620270 e partita IVA: 00936900257 per la quota relativa
all'imponibile;
♦ di € 9.091,32 a favore dell'Erario , per la quota relativa all'IVA.

4. di dare atto che alla spesa suindicata si fa fronte con i fondi impegnati a carico della Contabilità Speciale n. 6108,
intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18", come evidenziato con Ordinanza Commissariale n. 9 del
22.05.2019, che presenta sufficiente disponibilità.
5. di trasmettere all'Ufficio di supporto al Commissario delegato, il presente provvedimento per la predisposizione degli
ordinativi di pagamento, relativi alle somme di cui al punto 3), attraverso la procedura informatica del MEF
denominata GEOCOS, subordinatamente alle verifiche previste dalla normativa vigente.
6. di pubblicare il presente Decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet della Regione del Veneto
nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni Commissariali e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE DEL SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE Dott. Gianmaria Sommavilla
74 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409740)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1271 del 6 dicembre 2019
O.C.D.P.C. n. 558/2018 - O.C. n. 13 del 16.09.2019. S.U. n. 7/2019 "Lavori di somma urgenza per la realizzazione di
opere idrauliche lungo il Rif de Gares a salvaguardia delle strutture e infrastrutture del nucleo abitativo di Gares in
comune di Canale d'Agordo (BL)". CIG 7969073F10 - CUP J23H19000330001. IMPORTO FINANZIAMENTO Euro.
200.000,00. LIQUIDAZIONE I^ SAL Euro 68.319,00 Iva esclusa.

IL SOGGETTO ATTUATORE
PER IL SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE

PREMESSO CHE:

• nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle
aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 135 del 27 ottobre 2018, pubblicato sul BUR n. 114 del 16
novembre 2018, è stata attivata e convocata l'Unità di Crisi Regionale U.C.R. ai sensi del "Protocollo operativo per la
gestione delle Emergenze" nell'ambito del Sistema Regionale di Protezione Civile (D.G.R. n. 103 dell'11 febbraio
2013);
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 136 del 28 ottobre 2018, integrato da successivo decreto n.
139 del 29 ottobre 2018, pubblicati sul BUR n. 114 del 16 novembre 2018, a seguito delle criticità riscontrate è stato
dichiarato lo "stato di crisi" ai sensi dell'art. 106, co. 1 lett. a), della L.R. n. 11/2001;
• con Decreto del 29 ottobre 2018, pubblicato nella G.U. n. 253 del 30 ottobre 2018, il Presidente del Consiglio dei
Ministri, ai sensi dell'art. 23, co. 1 del D. Lgs 2 gennaio 2018 n. 1, ha disposto la mobilitazione straordinaria del
Servizio Nazionale di protezione civile a supporto della Regione del Veneto al fine di favorire le operazioni di
soccorso nei territori colpiti dagli eccezionali eventi;
• con Delibera del Consiglio dei Ministri dell'8 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 266 del 15 novembre 2018, in
esito alle attività di cui al predetto decreto, ai sensi dell'art. 7, co. 1 lett. c) e dell'art. 24 del D. Lgs 2 gennaio 2018 n.
1, è stato deliberato per 12 mesi a far data dal provvedimento medesimo, lo "stato di emergenza" nei territori colpiti
dall'evento;
• la predetta delibera al punto 4 dispone che, per l'attuazione dei primi interventi urgenti di cui all'art. 25, comma 2 lett.
a) e b) del D. Lgs. n. 1/2018, nelle more della valutazione dell'effettivo impatto degli eventi in argomento, si provveda
nel limite di complessivi Euro 53.500.000,00 a valere sul Fondo per le emergenze nazionali di cui all'art. 44, comma 1
del D. Lgs. n. 1/2018, dei quali Euro 15.000.000,00 spettanti alla Regione Veneto;
• il medesimo provvedimento prevede che, per l'attuazione degli interventi da effettuare nella vigenza dello "stato di
emergenza", ai sensi dell'art. 25, del D.Lgs. n. 1/2018, si provvede con ordinanze, emanate dal Capo del Dipartimento
della Protezione civile, acquisita l'intesa della regione e delle province autonome interessate, in deroga a ogni
disposizione vigente e nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento giuridico;
• con successiva Ordinanza n. 558 del 15 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20 novembre 2018, il Capo
del Dipartimento della Protezione Civile, d'intesa con la Regione del Veneto, ha nominato il Presidente della Regione,
Commissario delegato, per fronteggiare l'emergenza derivante dagli eventi calamitosi di cui trattasi;
• con il medesimo provvedimento sono state dettate disposizioni per la realizzazione delle iniziative finalizzate al
superamento dell'emergenza, in particolare l'art. 1 comma 3, prevede che il Commissario delegato predisponga entro
venti giorni dalla pubblicazione dell'O.C.D.P.C., un Piano degli interventi da sottoporre all'approvazione del Capo del
Dipartimento della Protezione Civile;
• il Commissario delegato, con nota prot. n. 511689 del 14 dicembre 2018, ha trasmesso al Capo del Dipartimento della
Protezione Civile il Piano degli interventi di cui all'art. 1, comma 3 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• per la definizione del Piano degli interventi si è fatto riferimento alla ricognizione avviata dal Commissario delegato
nonché alle segnalazioni dei Soggetti Attuatori di cui alla O.C. n. 1 del 23/11/2018;
• con nota prot. n. POST/0073648 del 20 dicembre 2018 il Capo del Dipartimento di Protezione Civile ha approvato il
Piano degli interventi di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018 per l'importo complessivo di Euro 14.774.388,71;
• con successivi provvedimenti del Consiglio dei Ministri del 21/02/2019 e del 27/02/2019, a valere sugli stanziamenti
di cui all'art. 44, co. 1, del D.Lgs. n. 1/2018, nonché della L. n. 145/2018 art. 1, comma 1028, sono state assegnate al
Veneto, ai sensi dell'art 1, comma 1, della O.C.D.P.C. n. 558, nonché, del comma 3 della medesima O.C.D.P.C., la
somma complessiva di 2,6 miliardi di Euro rispettivamente pari a 800 milioni di Euro per l'esercizio 2019 e 900
milioni di Euro per i successivi esercizi 2020 e 2021;
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 75
_______________________________________________________________________________________________________

• in particolare, a fronte delle ricognizioni trasmesse al Dipartimento di Protezione Civile con note Commissariali
prot.n. 36681 del 28 gennaio 2019 e n. 49710 del 5 febbraio 2019, nonché con precedente nota del Presidente prot. n.
505589 del 13 dicembre 2018 relativa alle segnalazioni finalizzate alla richiesta di contributo FSUE, con Decreto del
Presidente del Consiglio dei Ministri (D.P.C.M.) del 27 febbraio 2019 è stata assegnata al Veneto la somma
complessiva di Euro 755.912.355,61 per il triennio 2019-2021 di cui Euro 232.588.417,11 per il 2019;
• con il medesimo Decreto è stato stabilito che per la realizzazione degli interventi si sarebbe operato con le modalità di
cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• sulla scorta del provvedimento del Consiglio dei Ministri adottato, il Commissario ha provveduto alla definizione,
entro 20 giorni dalla adozione del predetto D.P.C.M., dell'elenco degli interventi contrattualizzabili entro il 30
settembre 2019 con verifica entro il medesimo termine della effettiva contrattualizzazione;
• il Dipartimento della Protezione Civile con nota DIP/15877 del 23 marzo 2019 e successiva nota integrativa n.
POST/0016889 del 27/03/2019, come di seguito specificato, ha, tra l'altro, approvato il Piano di cui alla O.C.D.P.C. n.
558/2018 per la somma complessiva di Euro 220.621.778,52, di cui Euro 195.621.778,52 per interventi ed Euro
25.000.00,00 quale accantonamento per i contributi a favore di privati e attività produttive;

CONSIDERATO CHE nell'ambito dello Stato di mobilitazione come sopra rappresentato sono stati avviati numerosi interventi
volti a eliminare le situazioni di pericolo e a ripristinare i servizi essenziali interrotti dai gravi eventi meteo quali la viabilità
statale, regionale, provinciale e comunale, i servizi essenziali di acquedotto, fognatura, elettrici e delle telecomunicazioni.

DATO ATTO CHE a seguito della nomina del Commissario delegato di cui all'art. 1, comma 1 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018
risultava necessario dare continuità alle azioni intraprese dai diversi soggetti territorialmente e istituzionalmente coinvolti;

ATTESA in particolare l'urgenza di procedere alla nomina dei Soggetti attuatori ai sensi dell'art. 1 comma 2 dell'O.C.D.P.C. n.
558/2018, ai quali affidare i rispettivi ambiti d'azione e d'intervento, con l'ordinanza n. 1 del 23/11/2018 il Commissario
Delegato Dott. Luca Zaia ha individuato, tra i dirigenti e funzionari delle Amministrazioni Pubbliche coinvolte, i Soggetti
attuatori, di comprovata professionalità ed esperienza, ai quali vengono affidati i diversi settori di intervento;

APPURATO CHE con ordinanza n. 1 del 23/11/2018 è stato nominato Soggetto Attuatore e RUP il Dott. Gianmaria
Sommavilla Direttore U.O. Forestale Est per il SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE al fine di garantire il
ripristino in campo idrogeologico forestale e in campo ambientale, alla riduzione definitiva degli effetti dei fenomeni
alluvionali verificatosi e alla mappatura degli interventi già predisposti per la tutela e la salvaguardia del territorio e delle
risorse finanziare ad essi destinati;

DATO ATTO che:

• con Ordinanza Commissariale n. O.C. n. 13 del 16.09.2019 sono stati, tra l'altro, approvati gli interventi afferenti al
settore Idrogeologico (Allegato B) relativi all'OCDPC n. 558/2018 per l'Emergenza eventi meteo eccezionali dal 27
ottobre al 5 novembre 2018;
• tra gli interventi di cui alla O.C. n. 13 del 16/09/2019 Allegato B, è ricompreso anche l'intervento denominato "Lavori
di somma urgenza per la realizzazione di opere idrauliche lungo il Rif de Gares a salvaguardia delle strutture e
infrastrutture del nucleo abitativo di Gares in comune di Canale d'Agordo (BL)", per un importo complessivo di €
200.000,00.
• la suddetta somma è stata impegnata a carico della Contabilità Speciale n. 6108, intestata a
"C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18" a valere sulla disponibilità accertata pari a Euro 29.980.838,72 di cui
all'Allegato A - Quadro economico della Contabilità commissariale n. 6108 come evidenziato dalla O.C. sopracitata;

PRESO ATTO che in precedenza, stante la situazione, ai sensi dell'art. 163 del D.Lgs 50/2016 e s.m.i. è stato redatto in data
08/07/2019 un verbale di somma urgenza, il conseguente affidamento e consegna lavori con concordamento prezzi unitari con
la Ditta "F.lli De Prà s.p.a.", con sede legale in Ponte nelle Alpi (BL) Viale Cadore n.69, codice fiscale 00060010253 e partita
IVA 00060010253, la quale si è resa immediatamente disponibile a eseguire i lavori per l'importo di € 161.290,32 più IVA
22% e quindi per complessivi € 196.774,19;

VISTA la seguente documentazione relativa al pagamento del I^ SAL:

• verbale di somma urgenza in data 08/07/2019,


• verbale di affidamento e consegna lavori con concordamento prezzi unitari in data 09/07/2019,
• Contratto d'Appalto n. 68 in data 19/09/2019,
• Certificato di pagamento n. 1 del 25/07/2019,
• la fattura n. 581-FI in data 26/11/2019 della Ditta "F.lli De Prà s.p.a.", con sede legale in Ponte nelle Alpi (BL) Viale
Cadore n.69, codice fiscale 00060010253 e partita IVA 00060010253 per l'importo complessivo di € 83.349,18 Iva
compresa,
• la tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi della L. 136/2010 e scheda dati anagrafici,
76 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

• il D.U.R.C. in corso di validità,

RITENUTO pertanto, per le motivazioni sopra esposte, di provvedere:

• alla liquidazione alla Ditta "F.lli De Prà s.p.a.", con sede legale in Ponte nelle Alpi (BL) Viale Cadore n.69, codice
fiscale 00060010253 e partita IVA 00060010253, dell'importo di € 68.319,00 pari all'imponibile Iva, mediante
pagamento sul c/c bancario indicato in fattura;
• di versare all'Erario l'IVA pari ad € 15.030,18, in applicazione delle disposizioni in materia di scissione dei
pagamenti;

VISTO il D. Lgs 50/2016 e s.m.i.;

VISTA l'O.C.D.P.C. n. 558 del 15/11/2018;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 1 del 23/11/2018

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 9/2019;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 13/2019;

DECRETA

1. di dare atto che le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente provvedimento.
2. di quantificare € 68.319,00 la somma necessaria per il pagamento alla Ditta "F.lli De Prà s.p.a.", con sede legale in
Ponte nelle Alpi (BL) Viale Cadore n.69, codice fiscale: 00060010253 e partita IVA: 00060010253 per I^ SAL
relativamente a "Lavori di somma urgenza per la realizzazione di opere idrauliche lungo il Rif de Gares a salvaguardia
delle strutture e infrastrutture del nucleo abitativo di Gares in comune di Canale d'Agordo (BL)", di cui all'Ordinanza
Commissariale n. 13/2019 Allegato B.
3. di liquidare la fattura n. 581-FI in data 26/11/2019 dell'importo complessivo di € 83.349,18 mediante la
predisposizione dei seguenti ordinativi di pagamento relativi al CIG 7969073F10 - CUP J23H19000330001:

♦ di liquidare € 68.319,00 a favore della Ditta F.lli De Prà s.p.a., con sede legale in Ponte nelle Alpi
(BL) Viale Cadore n.69, codice fiscale: 00060010253 e partita IVA: 00060010253 per la quota
relativa all'imponibile;
♦ di liquidare € 15.030,18 a favore dell'Erario, per la quota relativa all'IVA.

4. di dare atto che alla spesa suindicata si fa fronte con i fondi impegnati a carico della Contabilità Speciale n. 6108,
intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18", come evidenziato con Ordinanza Commissariale n. O.C. n. 13 del
16.09.2019, che presenta sufficiente disponibilità.
5. di trasmettere all'Ufficio di supporto al Commissario delegato, il presente provvedimento per la predisposizione degli
ordinativi di pagamento, relativi alle somme di cui al punto 3), attraverso la procedura informatica del MEF
denominata GEOCOS, subordinatamente alle verifiche previste dalla normativa vigente.
6. di pubblicare il presente Decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet della Regione del Veneto
nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni Commissariali e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE DEL SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE Dott. Gianmaria Sommavilla
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 77
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409741)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1272 del 6 dicembre 2019
OCDPC n. 558/2018 "Primi interventi urgenti di protezione civile in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici
che hanno interessato il territorio delle regioni Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria,
Lombardia, Toscana, Sardegna, Sicilia, Veneto e delle provincie autonome di Trento e Bolzano, colpito dagli eccezionali
eventi meteorologici verificatisi a partire dal mese di ottobre 2018". OC. 2/2018 "Approvazione elenchi degli interventi
- Impegno di spesa di Euro 13.472.138,71 ed erogazione di Euro 5.903.639,36". Cod. BIMGEST-58 relativo a
"FOGNATURA -pulizia e ripristino pozzetto intasato da detriti causa frana in via Bastiani" - Comune di Cencenighe.
Importo complessivo finanziato Euro 2.000,00. Accertamento spesa complessivamente sostenuta per l'intervento e
liquidazione.

IL SOGGETTO ATTUATORE
PER IL SETTORE RIPRISTINO SERVIZIO IDRICO

PREMESSO CHE:

• nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle
aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 135 del 27 ottobre 2018, pubblicato sul BUR n. 114 del 16
novembre 2018, è stata attivata e convocata l'Unità di Crisi Regionale U.C.R. ai sensi del "Protocollo operativo per la
gestione delle Emergenze" nell'ambito del Sistema Regionale di Protezione Civile (D.G.R. n. 103 dell'11 febbraio
2013);
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 136 del 28 ottobre 2018, integrato da successivo decreto n.
139 del 29 ottobre 2018, pubblicati sul BUR n. 114 del 16 novembre 2018, a seguito delle criticità riscontrate è stato
dichiarato lo "stato di crisi" ai sensi dell'art. 106, co. 1 lett. a), della L.R. n. 11/2001;
• con Decreto del 29 ottobre 2018, pubblicato nella G.U. n. 253 del 30 ottobre 2018, il Presidente del Consiglio dei
Ministri, ai sensi dell'art. 23, comma 1 del D.Lgs. n. 1/2018, ha disposto la mobilitazione straordinaria del Servizio
Nazionale di Protezione Civile a supporto della Regione Veneto al fine di favorire le operazioni di soccorso nei
territori colpiti dagli eccezionali eventi;
• con Delibera del Consiglio dei Ministri dell'8 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 266 del 15 novembre 2018, in
esito alle attività di cui al predetto decreto, ai sensi dell'art. 7, co. 1 lett. c) e dell'art. 24 del D.Lgs. 2 gennaio 2018 n.
1, è stato deliberato per 12 mesi a far data dal provvedimento medesimo, lo "stato di emergenza" nei territori colpiti
dall'evento;
• la predetta delibera al punto 4 dispone che, per l'attuazione dei primi interventi urgenti di cui all'art. 25, comma 2 lett.
a) e b) del D.Lgs. n. 1/2018, nelle more della valutazione dell'effettivo impatto degli eventi in argomento, si provveda
nel limite di complessivi Euro 53.500.000,00 a valere sul Fondo per le emergenze nazionali di cui all'art. 44, comma 1
del D.Lgs. n. 1/2018, dei quali Euro 15.000.000,00 spettanti alla Regione Veneto;
• il medesimo provvedimento prevede che, per l'attuazione degli interventi da effettuare nella vigenza dello "stato di
emergenza", ai sensi dell'art. 25, del D.Lgs. n. 1/2018, si provvede con ordinanze, emanate dal Capo del Dipartimento
della Protezione civile, acquisita l'intesa della regione e delle province autonome interessate, in deroga a ogni
disposizione vigente e nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento giuridico;
• con successiva Ordinanza n. 558 del 15 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20 novembre 2018, il Capo
del Dipartimento della Protezione Civile, d'intesa con la Regione del Veneto, ha nominato il Presidente della Regione,
Commissario delegato, per fronteggiare l'emergenza derivante dagli eventi calamitosi di cui trattasi;
• con il medesimo provvedimento sono state dettate disposizioni per la realizzazione delle iniziative finalizzate al
superamento dell'emergenza, in particolare l'art. 1 comma 3, prevede che il Commissario delegato predisponga entro
venti giorni dalla pubblicazione dell'O.C.D.P.C., un Piano degli interventi da sottoporre all'approvazione del Capo del
Dipartimento della Protezione Civile;
• il Commissario delegato, con nota prot. n. 511689 del 14 dicembre 2018, ha trasmesso al Capo del Dipartimento della
Protezione Civile il Piano degli interventi di cui all'art. 1, comma 3 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• per la definizione del Piano degli interventi si è fatto riferimento alla ricognizione avviata dal Commissario delegato
nonché alle segnalazioni dei Soggetti Attuatori di cui alla OC n. 1 del 23.11.2018;
• l'indicato piano degli interventi di cui all'art. 1 co. 3 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018 risulta ripartito secondo le
indicazioni di cui all'art. 1, comma 3 della O.C.D.P.C. n. 558/2018 in accantonamenti, interventi di cui alla lettera a)
dell'art. 25 comma 2 ed interventi di cui alla lettera b) dell'art. 25 comma 2, per ammontare complessivo di €
78 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

15.000.000,00;
• con nota prot. n. POST/0073648 del 20 dicembre 2018 il Capo del Dipartimento di Protezione Civile ha approvato il
Piano degli interventi di cui alla OCDPC n. 558/2018 per l'importo complessivo di Euro 14.774.388,71;

VISTA l'Ordinanza del Commissario Delegato n. 1 del 23 novembre 2018 che ha individuato e nominato l'Ing. Sergio Dalvit,
Direttore Tecnico della Società BIM Gestione Servizi Pubblici S.p.A. quale Soggetto Attuatore per il Settore Ripristino
Servizio Idrico per gli interventi individuati con successiva ordinanza del Commissario;

VISTA la nota commissariale n. 55586 del 08 febbraio 2019 dalla quale si evince che il Soggetto Attuatore potrà espletare
anche le funzioni di Responsabile Unico del Procedimento o, come per il servizio in oggetto, individuarlo, in avvalimento
presso la propria struttura, nella persona del Dott. Ing. Alessandra Leonardi, in forza del provvedimento generale
dell'Amministratore Unico della società ausiliaria BIM Gestione Servizi Pubblici S.p.A. prot. n. 17260 del 30/05/2016;

VISTA l'Ordinanza del Commissario Delegato n. 2 del 20 dicembre 2018 di approvazione, nell'ambito del Piano degli
interventi O.C.D.P.C. N. 558/2018, con riferimento al piano autorizzato dal Capo del Dipartimenti di protezione Civile con
nota prot. 73648 del 20/12/2018, degli elenchi delle attività/interventi per un ammontare complessivo di € 13.222.138,71 come
dettagliato negli allegati da A1 a B4 dell'ordinanza stessa;

DATO ATTO che l'allegato all'O.C. 2/2018 denominato "B-3 - Aziende e Società di Servizi Pubblici essenziali e infrastrutture
interventi conclusi o avviati - lettera b) art. 25 comma 1 D.Lgs 1/2018, assegna le risorse finanziarie necessarie, determinate in
complessivi € 4.478.416,00 e comprende anche l'intervento progressivo BIMGEST - 58 relativo a "FOGNATURA - pulizia e
ripristino pozzetto intasato da detriti causa frana in via Bastiani" - Comune di Cencenighe. Importo complessivo finanziato €
2.000,00;

PRESO ATTO CHE:

• la nota del Commissario delegato prot. 55586 del 08/02/2019, in ipotesi di intervento concluso e liquidato o
parzialmente liquidato dall'Ente richiedente, stabilisce che il Soggetto Attuatore provveda alla definizione di idoneo
provvedimento di accertamento della spesa complessiva e di liquidazione della spesa a favore dell'Ente richiedente
che ha avviato l'intervento;
• per l'intervento in oggetto il Responsabile Unico del Procedimento, Dott. Ing. Alessandra Leonardi ha sottoscritto, in
data 31.12.2018 ed in data 31.01.2019, gli atti della contabilità delle prestazioni in emergenza, opportunamente
quantificate nella contabilità relativa al III° e al IV ° SAL relativa all'appalto principale denominato "Servizio di
espurgo di fognature e di impianti di trattamento delle acque reflue urbane nei Comuni appartenenti al Consiglio di
bacino "Dolomiti Bellunesi" - CIG 7614870583 - contratto prot. GSP 27431 del 23.08.2018, agli atti dell'Ente
Richiedente BIM Gestione Servizi Pubblici S.p.A. e qui integralmente per quanto di necessità, dai quali risulta che le
stesse sono state regolarmente eseguite ed ammontano ad € 24.903,53 oltre Iva € 3.400,73 (in regime split payment);
• l'appalto principale sopra indicato è stato utilizzato da BIM Gestione Servizi Pubblici S.p.A. in quanto contratto in
essere, stipulato precedentemente, relativo anche ad interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria che garantiva,
in quanto tale, l'immediata disponibilità della ditta appaltatrice per l'esecuzione del servizio;
• attualmente, per tale contratto in essere, non è ancora disponibile il Certificato di Regolare Esecuzione che, peraltro,
riguarderebbe anche interventi non inerenti all'emergenza in oggetto;

VISTI, pertanto, in ordine all'opera conclusa individuata al progressivo n. 58 relativo a "FOGNATURA - pulizia e ripristino
pozzetto intasato da detriti causa frana in via Bastiani - Comune di Cencenighe (BL)":

• la dichiarazione, rilasciata ai sensi del DPR 445/2000, del Responsabile del Procedimento inerente i servizi identificati
al progressivo BIMGEST-58 "FOGNATURA - pulizia e ripristino pozzetto intasato da detriti causa frana in via
Bastiani" che attesta la corrispondenza delle prestazioni svolte con quanto fatturato, la regolare esecuzione e la
quantificazione delle stesse per l'ammontare di € 790,50 ed IVA per € 173,91 (in regime split payment), importo
compreso nella contabilità del III° e del IV ° SAL relativo al contratto principale;
• la copia degli atti della contabilità delle sole prestazioni in emergenza e la copia delle attestazioni di pagamento n. III
e n. IV;
• la fattura n. 930 del 30.11.2018 e la fattura n. 1051 del 31/12/2018 della ditta FRATELLI MASSOLIN S.R.L. e Visto
di Conformità della prestazione eseguita rispetto all'importo fatturato, pari ad €790,50 oltre IVA di € 173,41 (in
regime split payment), del Responsabile Unico del Procedimento Alessandra Leonardi;
• la distinta di avvenuto pagamento della fattura e l'estratto conto bancario;
• la Scheda di monitoraggio sottoscritta dal Soggetto Attuatore, comprensiva di tutte le attestazioni del quadro F;
• la Relazione finale dell'intervento, a firma del Responsabile Unico del Procedimento Alessandra Leonardi;

ACCERTATO che:
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 79
_______________________________________________________________________________________________________

• i sopra elencati documenti rispettano le prescrizioni delle "Specifiche tecniche per la rendicontazione dei soggetti
attuatori nominati con ordinanze commissariali n. 1 e 2/2018", trasmesse dal Commissario Delegato con nota prot.
55586 dell'8/02/19;
• la spesa complessivamente sostenuta e documentata con fatture n. 930 del 30.11.2018 e n. 1051 del 31/12/2018 della
ditta FRATELLI MASSOLIN S.R.L. pari ad € 790,50 oltre IVA di € 173,41 (in regime split payment), che si
allegano, dichiarandone, nel contempo, la conformità agli originali conservati e disponibili presso la sede dell'Ente
Richiedente BIM Gestione Servizi Pubblici S.p.A.;
• la spesa sostenuta è inerente all'intervento finanziato ed è stata regolarmente pagata, come da contabili di pagamento
del 30.01.2019 e del 28.02.2019 che si allegano, dichiarandone, nel contempo, la conformità agli originali conservati e
disponibili presso la sede dell'Ente Richiedente BIM Gestione Servizi Pubblici S.p.A.;
• l'Ente Richiedente BIM Gestione Servizi Pubblici S.p.A. ha provveduto all'esecuzione della prestazione in oggetto;
• le prestazioni sono state eseguite nel rispetto delle prescrizioni tecniche impartite dalla direzione dei lavori;
• l'importo complessivamente sostenuto risulta congruo ed ammissibile;
• risultano economie pari ad € 1.209,50 rispetto all'importo finanziato dall'Ordinanza 2/2018, pari ad € 2.000,00;

VISTI:

• il D.Lgs. n. 1/2018;
• la D.C.M. 8 novembre 2018;
• l'O.C.D.P.C. n.558/2018;
• le OO.CC. n. 1 e n. 2/2018;

DECRETA

1. di dare atto che le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
2. di accertare che la spesa complessivamente sostenuta da BIM Gestione Servizi Pubblici S.p.A. per le prestazioni
specificate in oggetto ammontano ad € 790,50 oltre IVA di € 173,41 (in regime split payment), come da allegata
documentazione contabile in copia, conservata e disponibile in originale presso la sede dell'Ente Richiedente BIM
Gestione Servizi Pubblici S.p.A. (allegato A composto da n __ facciate);
3. di certificare la funzionalità dell'opera in relazione agli obiettivi di finanziamento dell'intervento in oggetto indicato;
4. di liquidare l'importo di € 790,50, corrispondente al totale imponibile, in favore di B.I.M. Gestione Servizi Pubblici
S.p.A. per l'intervento individuato al progressivo n. 58 relativo a "FOGNATURA - pulizia e ripristino pozzetto
intasato da detriti causa frana in via Bastiani", di cui all'O.C.D.P.C. N. 558/2018 ed O.C. n. 2/2018, in Comune di
Cencenighe, a valere sulla contabilità speciale n. 6108 intestata a C.D.PRES.REG.VENETO - O.558-18, fatto salvo
l'esito delle verifiche di cui al successivo capoverso;
5. di demandare all'ufficio di supporto al Commissario Delegato, per la verifica in ordine all'assenza di debiti con
l'agenzia delle entrate, di cui all'art. 48 bis del DPR n. 602/1973, come modificato dall'art. 1 comma 986 della legge n.
505/2017, e la predisposizione dell'ordinativo di pagamento;
6. di pubblicare il presente decreto, ad eccezione dell'allegato A, sul Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto e sul
sito internet della Regione del Veneto nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni
Commissariali e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE Settore Ripristino Servizio Idrico dott. Ing. Sergio Dalvit
80 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409742)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1273 del 6 dicembre 2019
OCDPC n. 558/2018 "Primi interventi urgenti di protezione civile in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici
che hanno interessato il territorio delle regioni Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria,
Lombardia, Toscana, Sardegna, Sicilia, Veneto e delle provincie autonome di Trento e Bolzano, colpito dagli eccezionali
eventi meteorologici verificatisi a partire dal mese di ottobre 2018". OC. 2/2018 "Approvazione elenchi degli interventi
- Impegno di spesa di Euro 13.472.138,71 ed erogazione di Euro 5.903.639,36". Cod. BIMGEST-124/125 relativo a
"FOGNATURA E DEPURAZIONE - pulizia rete fognaria e vasca imhoff in località Davestra" - Comune di Ospitale di
Cadore. Importo complessivo finanziato Euro 3.000,00. Accertamento spesa complessivamente sostenuta per
l'intervento e liquidazione.

IL SOGGETTO ATTUATORE
PER IL SETTORE RIPRISTINO SERVIZIO IDRICO

PREMESSO CHE:

• nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle
aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 135 del 27 ottobre 2018, pubblicato sul BUR n. 114 del 16
novembre 2018, è stata attivata e convocata l'Unità di Crisi Regionale U.C.R. ai sensi del "Protocollo operativo per la
gestione delle Emergenze" nell'ambito del Sistema Regionale di Protezione Civile (D.G.R. n. 103 dell'11 febbraio
2013);
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 136 del 28 ottobre 2018, integrato da successivo decreto n.
139 del 29 ottobre 2018, pubblicati sul BUR n. 114 del 16 novembre 2018, a seguito delle criticità riscontrate è stato
dichiarato lo "stato di crisi" ai sensi dell'art. 106, co. 1 lett. a), della L.R. n. 11/2001;
• con Decreto del 29 ottobre 2018, pubblicato nella G.U. n. 253 del 30 ottobre 2018, il Presidente del Consiglio dei
Ministri, ai sensi dell'art. 23, comma 1 del D.Lgs. n. 1/2018, ha disposto la mobilitazione straordinaria del Servizio
Nazionale di Protezione Civile a supporto della Regione Veneto al fine di favorire le operazioni di soccorso nei
territori colpiti dagli eccezionali eventi;
• con Delibera del Consiglio dei Ministri dell'8 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 266 del 15 novembre 2018, in
esito alle attività di cui al predetto decreto, ai sensi dell'art. 7, co. 1 lett. c) e dell'art. 24 del D.Lgs. 2 gennaio 2018 n.
1, è stato deliberato per 12 mesi a far data dal provvedimento medesimo, lo "stato di emergenza" nei territori colpiti
dall'evento;
• la predetta delibera al punto 4 dispone che, per l'attuazione dei primi interventi urgenti di cui all'art. 25, comma 2 lett.
a) e b) del D.Lgs. n. 1/2018, nelle more della valutazione dell'effettivo impatto degli eventi in argomento, si provveda
nel limite di complessivi Euro 53.500.000,00 a valere sul Fondo per le emergenze nazionali di cui all'art. 44, comma 1
del D.Lgs. n. 1/2018, dei quali Euro 15.000.000,00 spettanti alla Regione Veneto;
• il medesimo provvedimento prevede che, per l'attuazione degli interventi da effettuare nella vigenza dello "stato di
emergenza", ai sensi dell'art. 25, del D.Lgs. n. 1/2018, si provvede con ordinanze, emanate dal Capo del Dipartimento
della Protezione civile, acquisita l'intesa della regione e delle province autonome interessate, in deroga a ogni
disposizione vigente e nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento giuridico;
• con successiva Ordinanza n. 558 del 15 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20 novembre 2018, il Capo
del Dipartimento della Protezione Civile, d'intesa con la Regione del Veneto, ha nominato il Presidente della Regione,
Commissario delegato, per fronteggiare l'emergenza derivante dagli eventi calamitosi di cui trattasi;
• con il medesimo provvedimento sono state dettate disposizioni per la realizzazione delle iniziative finalizzate al
superamento dell'emergenza, in particolare l'art. 1 comma 3, prevede che il Commissario delegato predisponga entro
venti giorni dalla pubblicazione dell'O.C.D.P.C., un Piano degli interventi da sottoporre all'approvazione del Capo del
Dipartimento della Protezione Civile;
• il Commissario delegato, con nota prot. n. 511689 del 14 dicembre 2018, ha trasmesso al Capo del Dipartimento della
Protezione Civile il Piano degli interventi di cui all'art. 1, comma 3 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• per la definizione del Piano degli interventi si è fatto riferimento alla ricognizione avviata dal Commissario delegato
nonché alle segnalazioni dei Soggetti Attuatori di cui alla OC n. 1 del 23.11.2018;
• l'indicato piano degli interventi di cui all'art. 1 co. 3 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018 risulta ripartito secondo le
indicazioni di cui all'art. 1, comma 3 della O.C.D.P.C. n. 558/2018 in accantonamenti, interventi di cui alla lettera a)
dell'art. 25 comma 2 ed interventi di cui alla lettera b) dell'art. 25 comma 2, per ammontare complessivo di €
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 81
_______________________________________________________________________________________________________

15.000.000,00;
• con nota prot. n. POST/0073648 del 20 dicembre 2018 il Capo del Dipartimento di Protezione Civile ha approvato il
Piano degli interventi di cui alla OCDPC n. 558/2018 per l'importo complessivo di Euro 14.774.388,71;

VISTA l'Ordinanza del Commissario Delegato n. 1 del 23 novembre 2018 che ha individuato e nominato l'Ing. Sergio Dalvit,
Direttore Tecnico della Società BIM Gestione Servizi Pubblici S.p.A. quale Soggetto Attuatore per il Settore Ripristino
Servizio Idrico per gli interventi individuati con successiva ordinanza del Commissario;

VISTA la nota commissariale n. 55586 del 08 febbraio 2019 dalla quale si evince che il Soggetto Attuatore potrà espletare
anche le funzioni di Responsabile Unico del Procedimento o, come per il servizio in oggetto, individuarlo, in avvalimento
presso la propria struttura, nella persona del Dott. Ing. Alessandra Leonardi, in forza del provvedimento generale
dell'Amministratore Unico della società ausiliaria BIM Gestione Servizi Pubblici S.p.A. prot. n. 17260 del 30/05/2016;

VISTA l'Ordinanza del Commissario Delegato n. 2 del 20 dicembre 2018 di approvazione, nell'ambito del Piano degli
interventi O.C.D.P.C. N. 558/2018, con riferimento al piano autorizzato dal Capo del Dipartimenti di protezione Civile con
nota prot. 73648 del 20/12/2018, degli elenchi delle attività/interventi per un ammontare complessivo di € 13.222.138,71 come
dettagliato negli allegati da A1 a B4 dell'ordinanza stessa;

DATO ATTO che l'allegato all'O.C. 2/2018 denominato "B-3 - Aziende e Società di Servizi Pubblici essenziali e infrastrutture
interventi conclusi o avviati - lettera b) art. 25 comma 1 D.Lgs 1/2018, assegna le risorse finanziarie necessarie, determinate in
complessivi € 4.478.416,00 e comprende anche l'intervento progressivo BIMGEST - 124/125 relativo a "FOGNATURA E
DEPURAZIONE - pulizia rete fognaria e vasca imhoff in località Davestra" - Comune di Ospitale di Cadore - CIG
7614870583. Importo complessivo finanziato € 3.000,00;

PRESO ATTO CHE:

• la nota del Commissario delegato prot. 55586 del 08/02/2019, in ipotesi di intervento concluso e liquidato o
parzialmente liquidato dall'Ente richiedente, stabilisce che il Soggetto Attuatore provveda alla definizione di idoneo
provvedimento di accertamento della spesa complessiva e di liquidazione della spesa a favore dell'Ente richiedente
che ha avviato l'intervento;
• per l'intervento in oggetto il Responsabile Unico del Procedimento, Dott. Ing. Alessandra Leonardi ha sottoscritto, in
data 31.10.2018, in data 31.12.2018 ed in data 30.04.2019, gli atti, opportunamente quantificati, nella contabilità
relativa al II°, III° e VIII° SAL relativa all'appalto principale denominato "Servizio di espurgo di fognature e di
impianti di trattamento delle acque reflue urbane nei Comuni appartenenti al Consiglio di bacino "Dolomiti Bellunesi"
" - CIG 7614870583 - contratto prot. GSP 27431 del 23.08.2018, agli atti dell'Ente Richiedente BIM Gestione Servizi
Pubblici S.p.A. e qui integralmente per quanto di necessità, dai quali risulta che gli stessi sono stati regolarmente
eseguiti ed ammontano ad € 32.780,63 oltre Iva € 4.370,35 (in regime split payment);
• l'appalto principale sopra indicato è stato utilizzato da BIM Gestione Servizi Pubblici S.p.A. in quanto contratto in
essere, stipulato precedentemente, relativo anche ad interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria che garantiva,
in quanto tale, l'immediata disponibilità della ditta appaltatrice per l'esecuzione del servizio;
• attualmente, per tale contratto in essere, non è ancora disponibile il Certificato di Regolare Esecuzione che, peraltro,
riguarderebbe anche interventi non inerenti all'emergenza in oggetto;

VISTI, pertanto, in ordine all'opera conclusa individuata al progressivo n. 124/125 relativo a "FOGNATURA E
DEPURAZIONE - pulizia rete fognaria e vasca imhoff in località Davestra" - Comune di Ospitale di Cadore (BL)":

• la dichiarazione, rilasciata ai sensi del DPR 445/2000, del Responsabile del Procedimento inerente i servizi identificati
al progressivo BIMGEST-124/125 "FOGNATURA E DEPURAZIONE - pulizia rete fognaria e vasca imhoff in
località Davestra" che attesta la corrispondenza delle prestazioni svolte con quanto fatturato, la regolare esecuzione
delle stesse e la quantificazione nella contabilità per l'ammontare di € 1.251,78 ed IVA per € 275,39 (in regime split
payment), importo compreso nella contabilità del II°, III° e VIII° SAL relativo al contratto principale;
• la copia degli atti della contabilità delle sole prestazioni in emergenza e la copia delle attestazioni di pagamento n. II,
III e VIII;
• la fattura n. 822 del 31.10.2018, la fattura n. 930 del 30/11/2018 e la fattura n. 1/366 del 30.04.2019 della ditta
FRATELLI MASSOLIN S.R.L. e Visto di Conformità della prestazione eseguita rispetto all'importo fatturato, pari ad
€ 1.251,78 ed IVA per € 275,39 (in regime split payment), del Responsabile Unico del Procedimento Alessandra
Leonardi;
• la distinta di avvenuto pagamento delle fatture e gli estratti conto bancario;
• la Scheda di monitoraggio sottoscritta dal Soggetto Attuatore, comprensiva di tutte le attestazioni del quadro F;
• la Relazione finale dell'intervento, a firma del Responsabile Unico del Procedimento Alessandra Leonardi;

ACCERTATO che:
82 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

• i sopra elencati documenti rispettano le prescrizioni delle "Specifiche tecniche per la rendicontazione dei soggetti
attuatori nominati con ordinanze commissariali n. 1 e 2/2018", trasmesse dal Commissario Delegato con nota prot.
55586 dell'8/02/19;
• la spesa complessivamente sostenuta e documentata con fattura n. 822 del 31.10.2018, fattura n. 930 del 30/11/2018 e
fattura n. 1/366 del 30.04.2019 della ditta FRATELLI MASSOLIN S.R.L. pari ad € 1.251,78 ed IVA per € 275,39 (in
regime split payment), che si allega, dichiarandone, nel contempo, la conformità all'originale conservato e disponibile
presso la sede dell'Ente Richiedente BIM Gestione Servizi Pubblici S.p.A.;
• la spesa sostenuta è inerente all'intervento finanziato ed è stata regolarmente pagata, come da contabili di pagamento
del 03.01.2019, del 30.01.2019 e del 26.06.2019 che si allegano, dichiarandone, nel contempo, la conformità agli
originali conservati e disponibili presso la sede dell'Ente Richiedente BIM Gestione Servizi Pubblici S.p.A.;
• l'Ente Richiedente BIM Gestione Servizi Pubblici S.p.A. ha provveduto all'esecuzione della prestazione in oggetto;
• le prestazioni sono state eseguite nel rispetto delle prescrizioni tecniche impartite dalla direzione dei lavori;
• l'importo complessivamente sostenuto risulta congruo ed ammissibile;
• risultano economie pari ad € 1.748,22 rispetto all'importo finanziato dall'Ordinanza 2/2018, pari ad € 3.000,00;

VISTI:

• il D.Lgs. n. 1/2018;
• la D.C.M. 8 novembre 2018;
• l'O.C.D.P.C. n.558/2018;
• le OO.CC. n. 1 e n. 2/2018;

DECRETA

1. di dare atto che le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
2. di accertare che la spesa complessivamente sostenuta da BIM Gestione Servizi Pubblici S.p.A. per i servizi specificati
in oggetto ammonta ad € 1.251,78 ed IVA per € 275,39 (in regime split payment), come da allegata documentazione
contabile in copia, conservata e disponibile in originale presso la sede dell'Ente Richiedente BIM Gestione Servizi
Pubblici S.p.A. (allegato A composto da n. 36 facciate);
3. di certificare la funzionalità dell'opera in relazione agli obiettivi di finanziamento dell'intervento in oggetto indicato;
4. di liquidare l'importo di € 1.251,78, corrispondente al totale imponibile, in favore di B.I.M. Gestione Servizi Pubblici
S.p.A. per l'intervento individuato al progressivo n. 124/125 relativo a "FOGNATURA E DEPURAZIONE - pulizia
rete fognaria e vasca imhoff in località Davestra", di cui all'O.C.D.P.C. N. 558/2018 ed O.C. n. 2/2018, in Comune di
Ospitale di Cadore, a valere sulla contabilità speciale n. 6108 intestata a C.D.PRES.REG.VENETO - O.558-18, fatto
salvo l'esito delle verifiche di cui al successivo capoverso;
5. di demandare all'ufficio di supporto al Commissario Delegato, per la verifica in ordine all'assenza di debiti con
l'agenzia delle entrate, di cui all'art. 48 bis del DPR n. 602/1973, come modificato dall'art. 1 comma 986 della legge n.
505/2017, e la predisposizione dell'ordinativo di pagamento;
6. di pubblicare il presente decreto, ad eccezione dell'allegato A, sul Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto e sul
sito internet della Regione del Veneto nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni
Commissariali e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE Settore Ripristino Servizio Idrico dott. Ing. Sergio Dalvit
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 83
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409878)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1274 del 6 dicembre 2019
O.C.D.P.C. n. 558/2018 - O.C. n. 9 del 22.05.2019. Progetto 1328 "Ripristino e allargamento della strada silvopastorale
Saviner di Calloneghe in comune di Rocca Pietore (BL) - UOFE_N17. CIG 79759309A5 CUP J53H19000460001.
IMPORTO FINANZIAMENTO Euro 70.000,00. LIQUIDAZIONE I^ SAL Euro 46.547,23 Iva esclusa.

IL SOGGETTO ATTUATORE
PER IL SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE

PREMESSO CHE:

• nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle
aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 135 del 27 ottobre 2018, pubblicato sul BUR n. 114 del 16
novembre 2018, è stata attivata e convocata l'Unità di Crisi Regionale U.C.R. ai sensi del "Protocollo operativo per la
gestione delle Emergenze" nell'ambito del Sistema Regionale di Protezione Civile (D.G.R. n. 103 dell'11 febbraio
2013);
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 136 del 28 ottobre 2018, integrato da successivo decreto n.
139 del 29 ottobre 2018, pubblicati sul BUR n. 114 del 16 novembre 2018, a seguito delle criticità riscontrate è stato
dichiarato lo "stato di crisi" ai sensi dell'art. 106, co. 1 lett. a), della L.R. n. 11/2001;
• con Decreto del 29 ottobre 2018, pubblicato nella G.U. n. 253 del 30 ottobre 2018, il Presidente del Consiglio dei
Ministri, ai sensi dell'art. 23, co. 1 del D. Lgs 2 gennaio 2018 n. 1, ha disposto la mobilitazione straordinaria del
Servizio Nazionale di protezione civile a supporto della Regione del Veneto al fine di favorire le operazioni di
soccorso nei territori colpiti dagli eccezionali eventi;
• con Delibera del Consiglio dei Ministri dell'8 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 266 del 15 novembre 2018, in
esito alle attività di cui al predetto decreto, ai sensi dell'art. 7, co. 1 lett. c) e dell'art. 24 del D. Lgs 2 gennaio 2018 n.
1, è stato deliberato per 12 mesi a far data dal provvedimento medesimo, lo "stato di emergenza" nei territori colpiti
dall'evento;
• la predetta delibera al punto 4 dispone che, per l'attuazione dei primi interventi urgenti di cui all'art. 25, comma 2 lett.
a) e b) del D. Lgs. n. 1/2018, nelle more della valutazione dell'effettivo impatto degli eventi in argomento, si provveda
nel limite di complessivi Euro 53.500.000,00 a valere sul Fondo per le emergenze nazionali di cui all'art. 44, comma 1
del D. Lgs. n. 1/2018, dei quali Euro 15.000.000,00 spettanti alla Regione Veneto;
• il medesimo provvedimento prevede che, per l'attuazione degli interventi da effettuare nella vigenza dello "stato di
emergenza", ai sensi dell'art. 25, del D.Lgs. n. 1/2018, si provvede con ordinanze, emanate dal Capo del Dipartimento
della Protezione civile, acquisita l'intesa della regione e delle province autonome interessate, in deroga a ogni
disposizione vigente e nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento giuridico;
• con successiva Ordinanza n. 558 del 15 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20 novembre 2018, il Capo
del Dipartimento della Protezione Civile, d'intesa con la Regione del Veneto, ha nominato il Presidente della Regione,
Commissario delegato, per fronteggiare l'emergenza derivante dagli eventi calamitosi di cui trattasi;
• con il medesimo provvedimento sono state dettate disposizioni per la realizzazione delle iniziative finalizzate al
superamento dell'emergenza, in particolare l'art. 1 comma 3, prevede che il Commissario delegato predisponga entro
venti giorni dalla pubblicazione dell'O.C.D.P.C., un Piano degli interventi da sottoporre all'approvazione del Capo del
Dipartimento della Protezione Civile;
• il Commissario delegato, con nota prot. n. 511689 del 14 dicembre 2018, ha trasmesso al Capo del Dipartimento della
Protezione Civile il Piano degli interventi di cui all'art. 1, comma 3 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• per la definizione del Piano degli interventi si è fatto riferimento alla ricognizione avviata dal Commissario delegato
nonché alle segnalazioni dei Soggetti Attuatori di cui alla O.C. n. 1 del 23/11/2018;
• con nota prot. n. POST/0073648 del 20 dicembre 2018 il Capo del Dipartimento di Protezione Civile ha approvato il
Piano degli interventi di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018 per l'importo complessivo di Euro 14.774.388,71;
• con successivi provvedimenti del Consiglio dei Ministri del 21/02/2019 e del 27/02/2019, a valere sugli stanziamenti
di cui all'art. 44, co. 1, del D.Lgs. n. 1/2018, nonché della L. n. 145/2018 art. 1, comma 1028, sono state assegnate al
Veneto, ai sensi dell'art 1, comma 1, della O.C.D.P.C. n. 558, nonché, del comma 3 della medesima O.C.D.P.C., la
somma complessiva di 2,6 miliardi di Euro rispettivamente pari a 800 milioni di Euro per l'esercizio 2019 e 900
milioni di Euro per i successivi esercizi 2020 e 2021;
84 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

• in particolare, a fronte delle ricognizioni trasmesse al Dipartimento di Protezione Civile con note Commissariali
prot.n. 36681 del 28 gennaio 2019 e n. 49710 del 5 febbraio 2019, nonché con precedente nota del Presidente prot. n.
505589 del 13 dicembre 2018 relativa alle segnalazioni finalizzate alla richiesta di contributo FSUE, con Decreto del
Presidente del Consiglio dei Ministri (D.P.C.M.) del 27 febbraio 2019 è stata assegnata al Veneto la somma
complessiva di Euro 755.912.355,61 per il triennio 2019-2021 di cui Euro 232.588.417,11 per il 2019;
• con il medesimo Decreto è stato stabilito che per la realizzazione degli interventi si sarebbe operato con le modalità di
cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• sulla scorta del provvedimento del Consiglio dei Ministri adottato, il Commissario ha provveduto alla definizione,
entro 20 giorni dalla adozione del predetto D.P.C.M., dell'elenco degli interventi contrattualizzabili entro il 30
settembre 2019 con verifica entro il medesimo termine della effettiva contrattualizzazione;
• il Dipartimento della Protezione Civile con nota DIP/15877 del 23 marzo 2019 e successiva nota integrativa n.
POST/0016889 del 27/03/2019, come di seguito specificato, ha, tra l'altro, approvato il Piano di cui alla O.C.D.P.C. n.
558/2018 per la somma complessiva di Euro 220.621.778,52, di cui Euro 195.621.778,52 per interventi ed Euro
25.000.00,00 quale accantonamento per i contributi a favore di privati e attività produttive;

CONSIDERATO CHE nell'ambito dello Stato di mobilitazione come sopra rappresentato sono stati avviati numerosi interventi
volti a eliminare le situazioni di pericolo e a ripristinare i servizi essenziali interrotti dai gravi eventi meteo quali la viabilità
statale, regionale, provinciale e comunale, i servizi essenziali di acquedotto, fognatura, elettrici e delle telecomunicazioni.

DATO ATTO CHE a seguito della nomina del Commissario delegato di cui all'art. 1, comma 1 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018
risultava necessario dare continuità alle azioni intraprese dai diversi soggetti territorialmente e istituzionalmente coinvolti;

ATTESA in particolare l'urgenza di procedere alla nomina dei Soggetti attuatori ai sensi dell'art. 1 comma 2 dell'O.C.D.P.C. n.
558/2018, ai quali affidare i rispettivi ambiti d'azione e d'intervento, con l'ordinanza n. 1 del 23/11/2018 il Commissario
Delegato Dott. Luca Zaia ha individuato, tra i dirigenti e funzionari delle Amministrazioni Pubbliche coinvolte, i Soggetti
attuatori, di comprovata professionalità ed esperienza, ai quali vengono affidati i diversi settori di intervento;

APPURATO CHE con ordinanza n. 1 del 23/11/2018 è stato nominato Soggetto Attuatore e RUP il Dott. Gianmaria
Sommavilla Direttore U.O. Forestale Est per il SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE al fine di garantire il
ripristino in campo idrogeologico forestale e in campo ambientale, alla riduzione definitiva degli effetti dei fenomeni
alluvionali verificatosi e alla mappatura degli interventi già predisposti per la tutela e la salvaguardia del territorio e delle
risorse finanziare ad essi destinati;

DATO ATTO che:

• con Ordinanza Commissariale n. O.C. n. 9 del 22.05.2019 sono stati, tra l'altro, approvati gli interventi afferenti al
settore Idrogeologico (Allegato B) relativi all'OCDPC n. 558/2018 per l'Emergenza eventi meteo eccezionali dal 27
ottobre al 5 novembre 2018;
• tra gli interventi di cui all'Ordinanza Commissariale n O.C. n. 9 del 22.05.2019, Allegato B, è ricompreso anche
l'intervento "Ripristino e allargamento della strada silvopastorale Saviner di Calloneghe in comune di Rocca Pietore,
mediante la sistemazione del fondo stradale, il taglio di piante schiantate, e il consolidamento di tratti franati" per
l'importo complessivo di € 70.000,00;
• la suddetta somma è stata impegnata a carico della Contabilità Speciale n. 6108, intestata a
"C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18" a valere sulla disponibilità accertata pari a Euro 179.619.184,13 di cui
all'Allegato B - Quadro economico della Contabilità commissariale n. 6108 (riga 8, colonna 6) - come evidenziato con
Ordinanza Commissariale O.C. n. 9 del 22.05.2019;

PRESO ATTO che con Decreto n. 207 del 18.07.2019 il Soggetto Attuatore approvava in linea tecnica ed economica il
Progetto n. 1328 e con Decreto n. 716 del 17.9.2019 affidava i lavori di cui in oggetto, alla Ditta "Impresa Edile Lucchet
s.n.c.", Via A. Schiocchet, 17/a, Sois 32100 Belluno, P.I. 00763970258, la quale si è resa disponibile a eseguire i lavori per
l'importo di € 50.209,23 più IVA 22% e quindi per complessivi € 61.255,26;

VISTA la seguente documentazione relativa al pagamento del I^ SALDO:

• Decreto n. 207 del 18.07.2019 con il quale il Soggetto Attuatore approvava in linea tecnica ed economica l'intervento
"Ripristino e allargamento della strada silvopastorale Saviner di Calloneghe in comune di Rocca Pietore (BL);
• Decreto n. 716 del 17.09.2019 con il quale il Soggetto Attuatore, ovvero la Stazione Appaltante, affidava i lavori di
cui in oggetto, alla ditta Impresa Edile Lucchet s.n.c., Via A. Schiocchet, 17/a, Sois 32100 Belluno, P.I. 00763970258;
• Contratto d'Appalto n. 77 del 23/09/2019;
• Certificato di pagamento I^ SAL del 25/11/2019;
• la fattura n. 154 in data 27/11/2019 dell'Impresa Edile Lucchet s.n.c di € 56.787,62 Iva compresa;
• la tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi della L. 136/2010 e scheda dati anagrafici;
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 85
_______________________________________________________________________________________________________

• il D.U.R.C. in corso di validità;

RITENUTO pertanto, per le motivazioni sopra esposte, di provvedere:

• alla liquidazione alla Ditta "Impresa Edile Lucchet s.n.c.", Via A. Schiocchet, 17/a, Sois 32100 Belluno, P.I.
00763970258 dell'importo di € 46.547,23 pari all'imponibile Iva, mediante pagamento sul c/c bancario indicato in
fattura;
• di versare all'Erario l'IVA pari ad € 10.240,39 in applicazione delle disposizioni in materia di scissione dei pagamenti;

VISTO il D. Lgs 50/2016 e s.m.i.;

VISTA l'O.C.D.P.C. n. 558 del 15/11/2018;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 1 del 23/11/2018

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 2/2018;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 9/2019;

DECRETA

1. di dare atto che le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente provvedimento.
2. di quantificare in € 46.547,23 la somma necessaria per il pagamento alla Ditta "Impresa Edile Lucchet s.n.c.", Via A.
Schiocchet, 17/a, Sois 32100 Belluno, P.I. 00763970258 del I^ SAL relativamente all'intervento "Ripristino e
allargamento della strada silvopastorale Saviner di Calloneghe in comune di Rocca Pietore (BL) di cui all'Ordinanza
Commissariale n. 9/2019 Allegato B.
3. di liquidare la fattura n. 154 in data 27/11/2019 dell'importo complessivo di € 56.787,62, mediante la predisposizione
dei seguenti ordinativi di pagamento riferiti al CIG 79759309A5 - CUP J53H19000460001:

♦ di € 46.547,23 a favore della Ditta Impresa Edile Lucchet s.n.c., Via A. Schiocchet, 17/a, Sois
32100 Belluno, P.I. 00763970258 per la quota relativa all'imponibile;
♦ di € 10.240,39 a favore dell'Erario, per la quota relativa all'IVA.

4. di dare atto che alla spesa suindicata si fa fronte con i fondi impegnati a carico della Contabilità Speciale n. 6108,
intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18", come evidenziato con Ordinanza Commissariale n. O.C. n. 9 del
22.05.2019, che presenta sufficiente disponibilità.
5. di trasmettere all'Ufficio di supporto al Commissario delegato, il presente provvedimento per la predisposizione degli
ordinativi di pagamento, relativi alle somme di cui al punto 3), attraverso la procedura informatica del MEF
denominata GEOCOS, subordinatamente alle verifiche previste dalla normativa vigente.
6. di pubblicare il presente Decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet della Regione del Veneto
nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni Commissariali e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE PER IL SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE Dott. Gianmaria


Sommavilla
86 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409879)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1275 del 6 dicembre 2019
Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile n. 558 del 15/11/2018 - Ordinanza Commissariale n. 5 del
2 aprile 2019. Lavori di sistemazione del torrente Novare, Vaio del Ghetto, Arbizzano e Parona nei comuni di Negrar,
San Pietro in Cariano e Verona con realizzazione di uno scolmatore di piena del torrente Novare con recapito nel
torrente Negrar. P130. Appalto n. 1. Importo complessivo Euro 4.500.000,00. CUP: C93H19000030001; CIG:
798594631E. LIQUIDAZIONE Fatture per quota anticipazione 20% ex art. 35, co. 18 D.lgs. 50/2016 n. 488F
ITALBETON S.r.l. pari ad Euro 327.781,71 e n. 156 BELLESINI EDOARDO S.r.l. n. 140/19 pari ad Euro 218.521,14.

IL SOGGETTO ATTUATORE PER IL SETTORE IDROGEOLOGICO

PREMESSO

• che nei mesi di ottobre e novembre 2018, il territorio della Regione Veneto è stato interessato da eccezionali e
persistenti eventi meteorologici che hanno causato gravi ed ingenti danni, tra gli altri, al patrimonio pubblico e privato
in prossimità di corsi d'acqua, con grave pericolo per la sicurezza idraulica ed idrogeologica nonché l'incolumità degli
abitanti dei territori delle zone colpite;
• che, a seguito della deliberazione dello stato di emergenza da parte del Consiglio dei Ministri, con l'ordinanza del
Capo Dipartimento Protezione Civile n. 558 del 15/11/2018 il Presidente della Regione del Veneto è stato nominato
Commissario Delegato per i primi interventi urgenti di protezione civile in conseguenza degli eccezionali eventi
meteorologici in questione;
• che l'Ordinanza del Commissario Delegato n° 5 del 2 aprile 2019 ha individuato e nominato l'Ing. Roberto Bin,
Direttore Generale del Consorzio di Bonifica Veronese, quale Soggetto Attuatore per il Settore Idrogeologico per tutti
gli interventi ricadenti nella competenza del Consorzio di Bonifica Veronese e che con il medesimo provvedimento
sono stati approvati gli elenchi del Piano degli interventi di cui all'art 1, comma 1028, della L. n. 145/2018);
• altresì che la medesima ordinanza commissariale n. 5 del 2 aprile 2019 all'art. 5 attribuisce ai Soggetti Attuatori
nominati le funzioni relative alla progettazione, approvazione dei progetti, appalto, sottoscrizione del contratto,
esecuzione degli interventi, liquidazione precisando che devono far riferimento alle modalità di cui alla nota
commissariale prot. n. 55586 dell'8 febbraio 2019;
• che negli elenchi di all'allegato A dell'ordinanza in questione sono inseriti gli interventi urgenti ed indifferibili da
realizzare ad alta ed altissima priorità tra i quali quello con Cod. Int. CBVR_N01 denominato "Lavori di sistemazione
del torrente Novare, Vaio del Ghetto, Arbizzano e Parona nei comuni di Negrar, San Pietro in Cariano e Verona con
realizzazione di uno scolmatore di piena del torrente Novare con recapito nel torrente Negrar. P130" dell'importo
complessivo di € 4.500.000,00;
• che l'intervento di cui al presente contratto è legato ai danni subiti a causa degli eccezionali eventi meteorologici che
hanno interessato la Regione Veneto e, in particolare, l'area della Valpolicella in provincia di Verona ed ha la
fondamentale finalità di consentire non solo il ripristino dello status quo ante ma anche il miglioramento della
resilienza dei corsi d'acqua e delle relative opere idrauliche, per il contenimento del rischio di esondazioni e alluvioni;
• che, con il decreto del Soggetto attuatore n. 208 del 18/07/2019 è stato approvato il progetto esecutivo relativo ai
lavori in questione per un importo complessivo di € 4.500.000,00 ed è stato disposto l'avvio delle procedure di gara ai
sensi del D.lgs. 50/2016 e ss.mm.ii., tenuto conto della normativa emergenziale dell'O.C.D.P.C. n. 558 del
15/11/2018, e alle deroghe alla normativa vigente ivi previste;
• che, con Decreto del Soggetto attuatore n. 556 del 30/08/2019, i lavori di cui all'appalto principale (Appalto n. 1) a
seguito di procedura aperta ai sensi dell'art. 60 D.lgs. 50/2016 e art. 4 O.C.D.P.C. 558/2018, sono stati aggiudicati al
R.T.I. tra la società ITALBETON S.r.l. (mandataria) con sede legale in 38122 - Trento, via Doss Trento n. 45 e la
società Bellesini Edoardo S.r.l. (mandante), con sede legale in Villafranca di Verona, via Principe Amedeo n. 83, il
quale RTI ha offerto la somma di € 2.198.946,07 (oltre oneri di sicurezza per € 40.000,00), corrispondente ad un
ribasso pari a 9,90%, oltre IVA 22%
• che, la società ITALBETON S.r.l., capogruppo mandataria, partecipa al R.T.I. nella misura del 60% e, diversamente,
la società BELLESINI EDOARDO S.r.l., quale mandante, partecipa al R.T.I. nella misura del 40% e che, ai sensi di
quanto dichiarato nell'atto costitutivo di Associazione Temporanea di imprese con conferimento di mandato collettivo
speciale con rappresentanza del Notaio Vincenzo Scaduto, n. di rep. 9.812, n. di racc. 7.497 del 06/09/2019, "ciascun
associato emetterà fattura all'ente in base alla propria quota di partecipazione all'ATI.".

CONSIDERATO
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 87
_______________________________________________________________________________________________________

• che, in data 15 novembre 2019 la società mandataria ITALBETON S.r.l., anche in nome e per conto della società
mandante BELLESINI EDOARDO S.r.l., ha chiesto, ai sensi dell'art. 35, comma 18 del D.Lgs. 50/2016 e ss.mm.ii.,
un'anticipazione del 20% sull'importo di contratto;
• che, in pari data la medesima società ITALBETON S.r.l. ha presentato copia della polizza fideiussoria, garante ITAS
MUTUA, con sede in Piazza delle Donne Lavoratrici, n. 2, Trento, di importo pari a complessivi € 451.789,21;
• che l'importo della garanzia risulta corretto rispetto a quanto previsto dell'art. 35, comma 18 del D.Lgs. 50/2016 e
ss.mm.ii.
• che in data 30/11/2019 la società ITALBETON S.r.l. ha emesso la fattura per la quota di spettanza del 60%
dell'anticipazione dovuta, pari a € 327.781,71 (IVA compresa);
• che in data 29/11/2019, la società BELLESINI EDOARDO S.r.l. ha emesso la fattura per la quota di spettanza del
40% dell'anticipazione dovuta, pari a € 218.521,14 (IVA compresa);

VISTA la seguente documentazione:

• contratto di appalto Rep. 227/2019 sottoscritto in data 17.09.2019;


• verbale di consegna dei lavori in data 24.10.2019;
• richiesta di anticipazione in data 18.11.2019 del 20% sull'importo di contratto;
• copia della polizza fideiussoria n. M13493349 ai sensi dell'art. 35, co. 18 D.lgs. 50/2016, stipulata con ITAS MUTUA
da ITALBETON S.r.l. e da BELLESINI EDOARDO S.r.l.;
• fattura PA n. 488F del 30/11/2019 di ITALBETON S.r.l. per un importo complessivo di € 327.781,71, corrispondenti
alla quota di spettanza dell'anticipazione in questione;
• fattura PA n. 140/19 del 29/11/2019, per un importo complessivo di € 218.521,14, corrispondenti alla quota di
spettanza dell'anticipazione;
• la tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi della L. 136/2010 e scheda dati anagrafici sottoscritta da entrambe le
società riunite in ATI;
• il DURC in corso di validità di entrambe le società partecipanti in ATI.

RITENUTO pertanto, per le motivazioni sopra esposte, di provvedere:

• alla liquidazione alla società ITALBETON S.r.l. (c.f. 01589120235 e p.iva 01027900222), con sede legale in 38122 -
Trento, via Doss Trento n. 45, dell'importo di € 268.673,53 pari all'imponibile IVA, mediante il pagamento sul c/c
bancario indicato in fattura;
• alla liquidazione alla società BELLESINI EDOARDO S.r.l. (c.f. e p.iva 02477070235), con sede legale in 37069 -
Villafranca di Verona (VR), in via Principe Amedeo n. 83; dell'importo di € 179.115,69, pari all'imponibile mediante
il pagamento su c/c bancario indicato in fattura;
• di versare all'Erario l'IVA pari ad € 59.108,18, quanto alla fattura n. 488F del 30/11/2019 emessa da ITALBETON
S.r.l. ed € 39.405,45, quanto alla fattura n. 140/19 emessa da BELLESINI EDOARDO S.r.l., per un totale
complessivo pari ad € 98.513,63, in applicazione delle disposizioni in materia di scissione dei pagamenti.

VISTA l'O.C.D.P.C. n. 558 del 15/11/2018;

VISTA l'Ordinanza n. 1 del 23/11/2018 del Commissario Delegato;

VISTO il D.Lgs. 18/04/2016 n. 50 e ss.mm.ii.;

VISTA la L.R. 07/11/2003 n. 27;

VISTO il D.Lgs. 21/04/1998 n. 112.

ACCERTATA la regolarità degli atti presentati;

DECRETA

1. Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;

2. è quantificata in € 268.673,53

3. la somma necessaria per il pagamento alla società ITALBETON S.r.l. (c.f. 01589120235 e p.iva 01027900222), con
sede legale in 38122 - Trento, via Doss Trento n. 45, per la quota di spettanza del 60% dell'anticipazione ai sensi
dell'art. 35, comma 18 del D.Lgs. 50/2016 e ss.mm.ii. relativo ai "Lavori di sistemazione del torrente Novare, Vaio del
Ghetto, Arbizzano e Parona nei comuni di Negrar, San Pietro in Cariano e Verona con realizzazione di uno
scolmatore di piena del torrente Novare con recapito nel torrente Negrar. P130" - Appalto n. 1, Cod. Int.
88 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

CBVR_N01, CUP: C93H19000030001 - CIG: 798594631E;

4. È altresì quantificata in € 179.115,69 la somma necessaria per il pagamento alla società BELLESINI EDOARDO
S.r.l. (c.f. e p.iva 02477070235), con sede legale in 37069 - Villafranca di Verona (VR), in via Principe Amedeo n. 83,
per la quota di spettanza pari al 40% dell'anticipazione ai sensi dell'art. 35, comma 18 del D.Lgs. 50/2016 e ss.mm.ii,
relativa ai lavori di cui al punto precedente;

5. Si può liquidare la fattura n. 470F del 30/11/2019 dell'importo complessivo di € 327.781,71 mediante la
predisposizione dei seguenti ordinativi di pagamento:

♦ di € 268.673,53 a favore della società ITALBETON S.r.l. (c.f. 01589120235 e p.iva 01027900222),
con sede legale in 38122 - Trento, via Doss Trento n. 45 per la quota relativa all'imponibile;
♦ di € 58.052,18 a favore dell'Erario, per la quota relativa all'IVA.

6. Si può altresì liquidare la fattura n. 140/19 del 29/11/2019 dell'importo complessivo di € 218.521,14, mediante la
predisposizione dei seguenti ordinativi di pagamento:

♦ di € 179.115,69 a favore della società BELLESINI EDOARDO S.r.l. (c.f. e p.iva 02477070235),
con sede legale in 37069 - Villafranca di Verona (VR), in via Principe Amedeo n. 83, per la quota
relativa all'imponibile;
♦ di € 39.405,45 a favore dell'Erario per la quota relativa all'IVA.

7. Alla spesa suindicata si farà fronte con i fondi impegnati a carico della Contabilità Speciale n. 6108, intestata a "C.D.
PRES. REG. VENETO - O.558-18", come previsto dall'Ordinanza Commissariale n. 5/2019.

8. Il presente provvedimento dovrà essere trasmesso all'Ufficio di supporto al Commissario delegato, per la
predisposizione degli ordinativi di pagamento, relativi alle somme di cui al punto 3), attraverso la procedura
informatica del MEF denominata GEOCOS, subordinatamente alle verifiche previste dalla normativa vigente.

9. Il presente Decreto dovrà essere pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet della Regione del
Veneto nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni Commissariali e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE PER IL SETTORE IDROGEOLOGICO Ing. Roberto Bin


Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 89
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409880)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto 1276 del 6 dicembre 2019
Cod. Intervento: 25003-63+64 Commessa Interna: VA-DFS-01-Intervento finanziato con Legge 30/12/2018 n. 145 art. 1
comma 1028. Pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana dell'Avviso di appalto aggiudicato per i
lavori di "Pulizia lago di Alleghe e realizzazione di un sistema di sicurezza in caso di piene". CUP: J53H19000140001 -
CIG: ZF92A995A4. LIQUIDAZIONE pagamento 1.221,13 a favore dell'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato
Spa-Fattura elettronica N. documento 1219011637 del 19.11.2019.

Il SOGGETTO ATTUATORE
PER IL SETTORE RIPRISTINO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO-VENETO ACQUE S.p.A

Premesso che nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle aree
montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;

con successiva Ordinanza n. 558 del 15 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20 novembre 2018, il Capo del
Dipartimento della Protezione Civile, d'intesa con la Regione del Veneto, ha nominato il Presidente della Regione
Commissario delegato, per fronteggiare l'emergenza derivante dagli eventi calamitosi di cui trattasi;

con Ordinanza n. 5 del 2 aprile 2019, il Commissario ha provveduto ad individuare e nominare Ing. Gianvittore Vaccari, in
qualità di Amministratore Unico di Veneto Acque S.p.A., Soggetto Attuatore per la realizzazione dell'intervento Pulizia lago di
Alleghe e realizzazione di un sistema di sicurezza in caso di piene del lago stesso;

l'art. 5 comma 2 della predetta Ordinanza del Commissario n. 5 del 2 aprile 2019 attribuisce ai Soggetti Attuatori nominati le
funzioni relative alla progettazione, approvazione dei progetti, appalto, sottoscrizione del contratto, esecuzione degli interventi,
liquidazione e faranno riferimento alle modalità di cui alla nota commissariale prot. n. 55586 dell'8 febbraio 2019 che si
intende integralmente richiamata.

Considerato che questo soggetto attuatore, attraverso apposito modulo d'ordine, si è obbligato al pagamento delle spese
necessarie agli atti di gara di importo inferiore ad euro 5.000, quali a titolo esemplificativo e non esaustivo le pubblicazioni sul
GURI, le pubblicazioni sui giornali di bandi di gara e/o avvisi ed altro.

Visto il modulo d''ordine n. 11 del 14.11.2019 con cui è autorizzata la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della Repubblica
Italiana del Avviso di appalto aggiudicato per i lavori di "Pulizia lago di Alleghe e realizzazione di un sistema di sicurezza in
caso di piene";

la fattura identificata con il numero documento 1219011637 del 19.11.2019, dell'importo complessivo di € 1.221,13 Iva
compresa;

il modulo di tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi della L. 136/2010;

il D.U.R.C. con scadenza validità 09.03.2020.

Ritenuto pertanto, per le motivazioni sopra esposte, di provvedere:

al pagamento dell'importo di € 1.003,81, pari all'imponibile IVA, a favore Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.a. con
sede in Via Salaria 691, 00138 ROMA, (Id. fisc. IT00880711007 e Codice fiscale 00399810589), mediante liquidazione sul c/c
bancario indicato in fattura;

al pagamento dell'importo di € 217,32, , pari alla quota relativa all'IVA, a favore all'Erario in applicazione delle disposizioni in
materia di scissione dei pagamenti.

Visto il D. Lgs 50/2016 e s.m.i..

Vista l'O.C.D.P.C. n. 558 del 15/11/2018;


90 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

Vista l'Ordinanza Commissariale n. 5/2019.

DECRETA

1. di dare atto che le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
2. di liquidare fattura identificata con il numero documento 1219011637 del 19.11.2019, dell'importo complessivo di €
1.221,13 Iva compresa;
3. di attuare detta liquidazione mediante pagamento dell'importo € 1.003,81, pari all'imponibile IVA, a favore Istituto
Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.a. con sede in Via Salaria 691, 00138 ROMA, (Id. fisc. IT00880711007 e Codice
fiscale 00399810589) e mediante pagamento dell'importo di € 217,32, pari alla quota relativa all'IVA, a favore
all'Erario in applicazione delle disposizioni in materia di scissione dei pagamenti;
4. di dare atto che alla spesa suindicata si fa fronte con i fondi impegnati a carico della Contabilità Speciale n. 6108,
intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18", come evidenziato con Ordinanza Commissariale n. 5/2019, che
presenta sufficiente disponibilità;
5. che le spese per la pubblicazione obbligatoria degli avvisi e dei bandi di gara saranno rimborsate, al Commissario in
qualità di stazione appaltante, dall'aggiudicatario entro il termine di sessanta giorni dall'aggiudicazione.
6. di trasmettere all'Ufficio di supporto al Commissario delegato, il presente provvedimento per la predisposizione degli
ordinativi di pagamento, relativi alle somme di cui al punto 3), attraverso la procedura informatica del MEF
denominata GEOCOS, subordinatamente alle verifiche previste dalla normativa vigente;
7. di pubblicare il presente decreto sul sito internet della Regione del Veneto nell'apposita sezione Sicurezza del
Territorio dedicata alle Gestioni Commissariali e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE PER IL SETTORE RIPRISTINO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO-VENETO ACQUE


S.P.A Ing. Gianvittore Vaccari
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 91
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409881)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto 1277 del 6 dicembre 2019
Cod. Intervento: 87+88A - Commessa: VA-DFS-02- Interventi di cui all'art 24 quater - D.L. n. 119/2018 - L. n.
136/2018. Svolgimento dell'incarico di componente della Commissione giudicatrice per l'affidamento della
progettazione dell'intervento "Opere di ripristino e riqualifica generale dei Serrai di Sottoguda in Comune di Rocca
Pietore (BL)". CUP: J53H19000490001 - CIG Z54299AF6D7. LIQUIDAZIONE pagamento Euro 2.070,00 a favore
dell'Ing. A. Romanini.

Il SOGGETTO ATTUATORE
PER IL SETTORE RIPRISTINO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO-VENETO ACQUE S.p.A

Premesso che nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle aree
montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;

con successiva Ordinanza n. 558 del 15 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20 novembre 2018, il Capo del
Dipartimento della Protezione Civile, d'intesa con la Regione del Veneto, ha nominato il Presidente della Regione
Commissario delegato, per fronteggiare l'emergenza derivante dagli eventi calamitosi di cui trattasi;

con Ordinanza n. 9 del 22 maggio 2019, il Commissario ha provveduto ad individuare e nominare Ing. Gianvittore Vaccari, in
qualità di Amministratore Unico di Veneto Acque S.p.A., Soggetto Attuatore per la realizzazione dell'intervento "Sistemazioni
varie in località Serrai-Sottoguda in Comune di Rocca Pietore"-Cod. Int.: 87+88A;

l'art. 6 comma 1 lettera b) della già menzionata Ordinanza del Commissario n. 9 del 22 maggio 2019 attribuisce ai Soggetti
Attuatori nominati le funzioni relative alla progettazione, approvazione dei progetti, appalto, sottoscrizione del contratto,
esecuzione degli interventi, liquidazione, pagamento e rendicontazione che faranno riferimento alle modalità di cui alla nota
commissariale del 21 gennaio 2019, richiamata nell'allegato H dell'Ordinanza n. 9 del 22 maggio 2019.

Considerato che questo soggetto attuatore, attraverso apposito modulo d'ordine, si è obbligato al pagamento delle spese
necessarie agli atti di gara di importo inferiore ad euro 5.000, quali a titolo esemplificativo e non esaustivo le pubblicazioni sul
GURI, le pubblicazioni sui giornali di bandi di gara e/o avvisi ed altro.

Visto il modulo d''ordine n. 9 del 09.09.2019 con cui è autorizzata la spesa per l'affidamento dell'incarico per lo svolgimento
del ruolo di componente della Commissione per l'affidamento della progettazione dell'intervento "Opere di ripristino e
riqualifica generale dei Serrai di Sottoguda in Comune di Rocca Pietore (BL)";

la nota prot. 398146 del 16.09.2019 con cui questo soggetto attuatore affida il suddetto ruolo all'Ing. Alessandro Romanini,
dipendente della Società Veneto Strade Spa, disciplinandone la prestazione;

la notula per l'importo complessivo di € 2.070,00 dell'ing. Alessandro Romanini, pervenuta al protocollo di Veneto Acque Spa
n.0002747 del 02/12/2019;

la dichiarazione presente nella suddetta notula con cui l'ing. Romanini dichiara di non aver superato, per l'anno 2019, il limite
di euro 5.000 per prestazioni di lavoro autonomo occasionale;

il modulo di tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi della L. 136/2010.

Ritenuto pertanto, per le motivazioni sopra esposte, di provvedere:

al pagamento dell'importo di € 1.656,00, a favore dell'Ing. Alessandro Romanini con sede in Via Canova 8, Villanova del
Ghebbo (RO) (C.F. RMNLSN55L24H768C), mediante liquidazione sul c/c bancario indicato in notula;

al pagamento dell'importo di € 414,00, pari alla quota di ritenuta d'acconto, a favore all'Erario.

Visto il D. Lgs 50/2016 e s.m.i..


92 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

Vista l'O.C.D.P.C. n. 558 del 15/11/2018;

Vista l'Ordinanza Commissariale n. 9/2019.

DECRETA

1. di dare atto che le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
2. di liquidare la notula dell'ing. Alessandro Romanini, per l'importo complessivo di € 2.070,00, pervenuta al protocollo
di Veneto Acque Spa n.0002747 del 02/12/2019;
3. di attuare detta liquidazione mediante pagamento dell'importo di € 1.656,00, a favore dell'Ing. Alessandro Romanini
con sede in Via Canova 8, Villanova del Ghebbo (RO) (C.F. RMNLSN55L24H768C), mediante liquidazione sul c/c
bancario indicato in notula e mediante pagamento dell'importo di € 414,00, pari alla quota di ritenuta d'acconto, a
favore all'Erario;
4. di dare atto che alla spesa suindicata si fa fronte con i fondi impegnati a carico della Contabilità Speciale n. 6108,
intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18", come evidenziato con Ordinanza Commissariale n. 9/2019, che
presenta sufficiente disponibilità;
5. di trasmettere all'Ufficio di supporto al Commissario delegato, il presente provvedimento per la predisposizione degli
ordinativi di pagamento, relativi alle somme di cui al punto 3), attraverso la procedura informatica del MEF
denominata GEOCOS, subordinatamente alle verifiche previste dalla normativa vigente;
6. di pubblicare il presente decreto sul sito internet della Regione del Veneto nell'apposita sezione Sicurezza del
Territorio dedicata alle Gestioni Commissariali e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE PER IL SETTORE RIPRISTINO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO-VENETO ACQUE


S.P.A Ing. Gianvittore Vaccari
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 93
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409882)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1278 del 6 dicembre 2019
O.C.D.P.C. n. 558/2018 - O.C. n. 5 del 02-04-2019. Pulizia lago di Alleghe e realizzazione di un sistema di sicurezza in
caso di piene. Codice Intervento 2500363+64 - O.C. n. 5 del 02-04-2019 allegato D. Importo finanziamento Euro
8.000.000,00. CUP: J53H1900014001. CIG: 80179773EF. LIQUIDAZIONE Contratto rep. 464 - prima tranche
dell'anticipo di cui all'art. 35 c. 18 del D.lgs 50/2016 e s.m.i.. Pagamento di Euro 93.888,06 a favore di S.I.C.I. srl,
mandante.

IL SOGGETTO ATTUATORE
PER IL SETTORE RIPRISTINO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO-VENETO ACQUE S.p.A

PREMESSO CHE:

• nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle
aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 135 del 27 ottobre 2018, pubblicato sul BUR n. 114 del 16
novembre 2018, è stata attivata e convocata l'Unità di Crisi Regionale U.C.R. ai sensi del "Protocollo operativo per la
gestione delle Emergenze" nell'ambito del Sistema Regionale di Protezione Civile (D.G.R. n. 103 dell'11 febbraio
2013);
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 136 del 28 ottobre 2018, integrato da successivo decreto n.
139 del 29 ottobre 2018, pubblicati sul BUR n. 114 del 16 novembre 2018, a seguito delle criticità riscontrate è stato
dichiarato lo "stato di crisi" ai sensi dell'art. 106, co. 1 lett. a), della L.R. n. 11/2001;
• con Decreto del 29 ottobre 2018, pubblicato nella G.U. n. 253 del 30 ottobre 2018, il Presidente del Consiglio dei
Ministri, ai sensi dell'art. 23, co. 1 del D. Lgs 2 gennaio 2018 n. 1, ha disposto la mobilitazione straordinaria del
Servizio Nazionale di protezione civile a supporto della Regione del Veneto al fine di favorire le operazioni di
soccorso nei territori colpiti dagli eccezionali eventi;
• con Delibera del Consiglio dei Ministri dell'8 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 266 del 15 novembre 2018, in
esito alle attività di cui al predetto decreto, ai sensi dell'art. 7, co. 1 lett. c) e dell'art. 24 del D. Lgs 2 gennaio 2018 n.
1, è stato deliberato per 12 mesi a far data dal provvedimento medesimo, lo "stato di emergenza" nei territori colpiti
dall'evento;
• la predetta delibera al punto 4 dispone che, per l'attuazione dei primi interventi urgenti di cui all'art. 25, comma 2 lett.
a) e b) del D. Lgs. n. 1/2018, nelle more della valutazione dell'effettivo impatto degli eventi in argomento, si provveda
nel limite di complessivi Euro 53.500.000,00 a valere sul Fondo per le emergenze nazionali di cui all'art. 44, comma 1
del D. Lgs. n. 1/2018, dei quali Euro 15.000.000,00 spettanti alla Regione Veneto;
• il medesimo provvedimento prevede che, per l'attuazione degli interventi da effettuare nella vigenza dello "stato di
emergenza", ai sensi dell'art. 25, del D.Lgs. n. 1/2018, si provvede con ordinanze, emanate dal Capo del Dipartimento
della Protezione civile, acquisita l'intesa della regione e delle province autonome interessate, in deroga a ogni
disposizione vigente e nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento giuridico;
• con successiva Ordinanza n. 558 del 15 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20 novembre 2018, il Capo
del Dipartimento della Protezione Civile, d'intesa con la Regione del Veneto, ha nominato il Presidente della Regione,
Commissario delegato, per fronteggiare l'emergenza derivante dagli eventi calamitosi di cui trattasi;
• con il medesimo provvedimento sono state dettate disposizioni per la realizzazione delle iniziative finalizzate al
superamento dell'emergenza, in particolare l'art. 1 comma 3, prevede che il Commissario delegato predisponga entro
venti giorni dalla pubblicazione dell'O.C.D.P.C., un Piano degli interventi da sottoporre all'approvazione del Capo del
Dipartimento della Protezione Civile;
• il Commissario delegato, con nota prot. n. 511689 del 14 dicembre 2018, ha trasmesso al Capo del Dipartimento della
Protezione Civile il Piano degli interventi di cui all'art. 1, comma 3 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• per la definizione del Piano degli interventi si è fatto riferimento alla ricognizione avviata dal Commissario delegato
nonché alle segnalazioni dei Soggetti Attuatori di cui alla O.C. n. 1 del 23/11/2018;
• con nota prot. n. POST/0073648 del 20 dicembre 2018 il Capo del Dipartimento di Protezione Civile ha approvato il
Piano degli interventi di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018 per l'importo complessivo di Euro 14.774.388,71;
• con successivi provvedimenti del Consiglio dei Ministri del 21/02/2019 e del 27/02/2019, a valere sugli stanziamenti
di cui all'art. 44, co. 1, del D.Lgs. n. 1/2018, nonché della L. n. 145/2018 art. 1, comma 1028, sono state assegnate al
Veneto, ai sensi dell'art 1, comma 1, della O.C.D.P.C. n. 558, nonché, del comma 3 della medesima O.C.D.P.C., la
somma complessiva di 2,6 miliardi di Euro rispettivamente pari a 800 milioni di Euro per l'esercizio 2019 e 900
94 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

milioni di Euro per i successivi esercizi 2020 e 2021;


• in particolare, a fronte delle ricognizioni trasmesse al Dipartimento di Protezione Civile con note Commissariali
prot.n. 36681 del 28 gennaio 2019 e n. 49710 del 5 febbraio 2019, nonché con precedente nota del Presidente prot. n.
505589 del 13 dicembre 2018 relativa alle segnalazioni finalizzate alla richiesta di contributo FSUE, con Decreto del
Presidente del Consiglio dei Ministri (D.P.C.M.) del 27 febbraio 2019 è stata assegnata al Veneto la somma
complessiva di Euro 755.912.355,61 per il triennio 2019-2021 di cui Euro 232.588.417,11 per il 2019;
• con il medesimo Decreto è stato stabilito che per la realizzazione degli interventi si sarebbe operato con le modalità di
cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• sulla scorta del provvedimento del Consiglio dei Ministri adottato, il Commissario ha provveduto alla definizione,
entro 20 giorni dalla adozione del predetto D.P.C.M., dell'elenco degli interventi contrattualizzabili entro il 30
settembre 2019 con verifica entro il medesimo termine della effettiva contrattualizzazione;
• il Dipartimento della Protezione Civile con nota DIP/15877 del 23 marzo 2019 e successiva nota integrativa n.
POST/0016889 del 27/03/2019, come di seguito specificato, ha, tra l'altro, approvato il Piano di cui alla O.C.D.P.C. n.
558/2018 per la somma complessiva di Euro 220.621.778,52, di cui Euro 195.621.778,52 per interventi ed Euro
25.000.00,00 quale accantonamento per i contributi a favore di privati e attività produttive;

CONSIDERATO CHE nell'ambito dello Stato di mobilitazione come sopra rappresentato sono stati avviati numerosi interventi
volti a eliminare le situazioni di pericolo e a ripristinare i servizi essenziali interrotti dai gravi eventi meteo quali la viabilità
statale, regionale, provinciale e comunale, i servizi essenziali di acquedotto, fognatura, elettrici e delle telecomunicazioni.

DATO ATTO CHE a seguito della nomina del Commissario delegato di cui all'art. 1, comma 1 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018
risultava necessario dare continuità alle azioni intraprese dai diversi soggetti territorialmente e istituzionalmente coinvolti;

ATTESA in particolare l'urgenza di procedere alla nomina dei Soggetti attuatori ai sensi dell'art. 1 comma 2 dell'O.C.D.P.C. n.
558/2018, ai quali affidare i rispettivi ambiti d'azione e d'intervento, con l'ordinanza n. 1 del 23/11/2018 il Commissario
Delegato Dott. Luca Zaia ha individuato, tra i dirigenti e funzionari delle Amministrazioni Pubbliche coinvolte, i Soggetti
attuatori, di comprovata professionalità ed esperienza, ai quali vengono affidati i diversi settori di intervento;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 5 del 02-04-2019 con la quale viene disposta che, anche in relazione alle competenze
istituzionali proprie, la nomina di Soggetto Attuatore dell'Ing. Gianvittore Vaccari - Amministratore Unico di Veneto Acque
S.p.a;;

DATO ATTO che:

• con Ordinanza Commissariale n. 5 in data 02-04-2019 sono stati, tra l'altro, approvati gli interventi afferenti al settore
Idrogeologico-forestale (Allegato D) relativi all'OCDPC n. 558/2018 per l'Emergenza eventi meteo eccezionali dal 27
ottobre al 5 novembre 2018;
• tra gli interventi di cui all'Ordinanza Commissariale n. 5/2019, Allegato D, è ricompreso anche l'intervento
denominato "Pulizia lago di Alleghe e realizzazione di un sistema di sicurezza in caso di piene" - COD. Intervento:
25003-63+64 per l'importo complessivo di € 8.000.000,00;
• la suddetta somma è stata impegnata a carico della Contabilità Speciale n. 6108, intestata a
"C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18" a valere sulla disponibilità accertata pari a Euro 235.621.778,52.. di cui
all'Allegato F - Quadro economico della Contabilità commissariale n. 6108 (riga 7, colonna 2) - come evidenziato
nell'Ordinanza Commissariale n. 5/2019;
• che i lavori in argomento sono stati contrattualizzati in data 27-09-2019 e il contratto è stato assunto al repertorio
commissariale n. 464, a cui è seguito un Atto aggiuntivo in data in data 4-12-2019.

VISTA la seguente documentazione relativa al pagamento:

• la richiesta dell'Appaltatore, effettuata con nota 2439 del 31-10-2019, con la quale ha chiesto il benestare alla
fatturazione dell'anticipo previsto dall'art. 35 c. 18 del D.lgs 50/2016 e s.m.i.;
• il nulla osta alla fatturazione, nota prot. 479640 del 07-11-2019, per la somma pari al 20% dell'importo contrattuale ai
sensi dell'art. 35 comma 18 del D.Lgs. 50/2016;
• Fattura n 65/PA in data 08-11-2019 della ditta S.I.C.I. srl (mandante), con sede a Fonzaso (BL), via Fenadora 97, CF/
P.IVA 0137620258, per l'importo complessivo di € 187.776,13 Iva compresa,
• la tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi della L. 136/2010 e scheda dati anagrafici;
• il D.U.R.C. con scadenza validità 10-03-2020;
• l'emissione della garanzia fidejussoria per l'anticipazione pervenuta al prot. di Veneto Acque Spa n. 2439 del
31-10-2019.

CONSIDERATO:
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 95
_______________________________________________________________________________________________________

• che in data 23-10-2019 è stato avviato il cantiere a seguito del verbale consegna lavori redatto in pari data;
• che il cronoprogramma del suddetto cantiere prevede un'interruzione programmata per il periodo invernale fissata
indicativamente da dicembre 2019 a marzo 2020;
• che successivamente all'interruzione invernale il cantiere sarà nuovamente avviato per il proseguo dei lavori previsti
dal progetto;
• che la finalità dell'anticipazione è fornire alle imprese le somme necessarie per avviare i cantieri;
• che questo S.A., stante la durata del primo periodo di lavoro e il successivo riavvio del cantiere dopo l'interruzione
programmata, ritiene congruo e nell'interesse della S.A effettuare la liquidazione dell'anticipo richiesto ed autorizzato
in due tranche corrispondenti all'avvio del cantiere avvenuto ed accertato prima dell'interruzione invernale ed all'avvio
del cantiere che dovrà essere accertato successivamente l'interruzione invernale;
• che detta impostazione è stata condivisa dall'Appaltatore in relazione alla produzione di cantiere programmata.

RITENUTO pertanto, per le motivazioni sopra esposte

• di corrispondere in due tranche di pari importo l'anticipo di cui all'art. dall'art. 35 c. 18 del D.lgs 50/2016 e s.m.i.;
• di quantificare in € 93.888,06 la somma necessaria per la liquidazione della prima tranche, quale acconto della fattura
emessa sopra menzionata;
• di provvedere alla liquidazione alla ditta S.I.C.I. srl (mandante), con sede a Fonzaso (BL), via Fenadora 97, CF/
P.IVA 0137620258 dell'importo di € 76.957,43, pari all'imponibile IVA, mediante pagamento sul c/c bancario
indicato in fattura;
• di versare all'Erario l'IVA pari ad € 16.930,63, in applicazione delle disposizioni in materia di scissione dei
pagamenti;
• che la seconda tranche, a saldo della fattura di cui trattasi, sarà erogata in corrispondenza dell'avvio del cantiere
previsto dopo la pausa invernale come da cronoprogramma dei lavori.

VISTO il D. Lgs 50/2016 e s.m.i.;


VISTA l'O.C.D.P.C. n. 558 del 15/11/2018;
VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 5/2019;

DECRETA

1. di dare atto che le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
2. di corrispondere in due tranche di pari importo l'anticipo di cui all'art. dall'art. 35 c. 18 del D.lgs 50/2016 e s.m.i, di
cui alla fattura n . 65/PA in data 08-11-2019 presentata da S.I.C.I. srl, con sede a Fonzaso (BL), via Fenadora 97, CF/
P.IVA 0137620258;
3. di quantificare in € 93.888,06 la somma necessaria per la liquidazione della prima tranche dell'anticipo di cui all'art 35
c. 18 del D.lgs 50/2016 e smi relativamente ai lavori di "Pulizia lago di Alleghe e realizzazione di un sistema di
sicurezza in caso di piene" Codice Intervento 2500363+64 di cui all'Ordinanza Commissariale n. 5/2019 Allegato D,
quale acconto della fattura sopra menzionata;
4. 4. conseguentemente di liquidare la prima tranche in acconto della fattura 65/PA in data 08-11-2019, per l'importo
complessivo di € 93.888,06, mediante la predisposizione dei seguenti ordinativi di pagamento:
♦ di € 76.957,43 a favore della ditta S.I.C.I. srl (mandante), con sede a Fonzaso (BL), via Fenadora 97, CF/
P.IVA 0137620258, per la quota relativa all'imponibile,
♦ di € 16.930,63 a favore dell'Erario, per la quota relativa all'IVA;
5. che la seconda tranche, a saldo della fattura di cui trattasi, sarà erogata in corrispondenza dell'avvio del cantiere
previsto dopo la pausa invernale prevista dal cronoprogramma dei lavori;
6. di dare atto che alla spesa suindicata si fa fronte con i fondi impegnati a carico della Contabilità Speciale n. 6108,
intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO-O.C.D.P.C 558/2018", come evidenziato con Ordinanza Commissariale n.
5/2019, che presenta sufficiente disponibilità;
7. di trasmettere all'Ufficio di supporto al Commissario delegato, il presente provvedimento per la predisposizione degli
ordinativi di pagamento, relativi alle somme di cui al punto 3), attraverso la procedura informatica del MEF
denominata GEOCOS, subordinatamente alle verifiche previste dalla normativa vigente;
8. di pubblicare il presente Decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet della Regione del Veneto
nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni Commissariali e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE PER IL SETTORE RIPRISTINO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO-VENETO ACQUE


S.P.A Ing. Gianvittore Vaccari
96 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409884)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1279 del 6 dicembre 2019
O.C.D.P.C. n. 558/2018 - O.C. n. 9 del 22.05.2019 - O.C. n. 21 del 25/11/2019. S.U. n. 4/2019 "Lavori di somma urgenza
per adeguamento e nuova realizzazione di opere di sottomu-razione sul torrente Zunaia in comune di Alleghe (BL)".
UOFE 038a. CIG 7916195AC3 - CUP J93H19000360001. IMPORTO FINANZIAMENTO Euro. 550.000,00.
LIQUIDAZIONE II^ SAL Euro 68.217,69 Iva esclusa.

IL SOGGETTO ATTUATORE
PER IL SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE

PREMESSO CHE:

• nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle
aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 135 del 27 ottobre 2018, pubblicato sul BUR n. 114 del 16
novembre 2018, è stata attivata e convocata l'Unità di Crisi Regionale U.C.R. ai sensi del "Protocollo operativo per la
gestione delle Emergenze" nell'ambito del Sistema Regionale di Protezione Civile (D.G.R. n. 103 dell'11 febbraio
2013);
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 136 del 28 ottobre 2018, integrato da successivo decreto n.
139 del 29 ottobre 2018, pubblicati sul BUR n. 114 del 16 novembre 2018, a seguito delle criticità riscontrate è stato
dichiarato lo "stato di crisi" ai sensi dell'art. 106, co. 1 lett. a), della L.R. n. 11/2001;
• con Decreto del 29 ottobre 2018, pubblicato nella G.U. n. 253 del 30 ottobre 2018, il Presidente del Consiglio dei
Ministri, ai sensi dell'art. 23, co. 1 del D. Lgs 2 gennaio 2018 n. 1, ha disposto la mobilitazione straordinaria del
Servizio Nazionale di protezione civile a supporto della Regione del Veneto al fine di favorire le operazioni di
soccorso nei territori colpiti dagli eccezionali eventi;
• con Delibera del Consiglio dei Ministri dell'8 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 266 del 15 novembre 2018, in
esito alle attività di cui al predetto decreto, ai sensi dell'art. 7, co. 1 lett. c) e dell'art. 24 del D. Lgs 2 gennaio 2018 n.
1, è stato deliberato per 12 mesi a far data dal provvedimento medesimo, lo "stato di emergenza" nei territori colpiti
dall'evento;
• la predetta delibera al punto 4 dispone che, per l'attuazione dei primi interventi urgenti di cui all'art. 25, comma 2 lett.
a) e b) del D. Lgs. n. 1/2018, nelle more della valutazione dell'effettivo impatto degli eventi in argomento, si provveda
nel limite di complessivi Euro 53.500.000,00 a valere sul Fondo per le emergenze nazionali di cui all'art. 44, comma 1
del D. Lgs. n. 1/2018, dei quali Euro 15.000.000,00 spettanti alla Regione Veneto;
• il medesimo provvedimento prevede che, per l'attuazione degli interventi da effettuare nella vigenza dello "stato di
emergenza", ai sensi dell'art. 25, del D.Lgs. n. 1/2018, si provvede con ordinanze, emanate dal Capo del Dipartimento
della Protezione civile, acquisita l'intesa della regione e delle province autonome interessate, in deroga a ogni
disposizione vigente e nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento giuridico;
• con successiva Ordinanza n. 558 del 15 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20 novembre 2018, il Capo
del Dipartimento della Protezione Civile, d'intesa con la Regione del Veneto, ha nominato il Presidente della Regione,
Commissario delegato, per fronteggiare l'emergenza derivante dagli eventi calamitosi di cui trattasi;
• con il medesimo provvedimento sono state dettate disposizioni per la realizzazione delle iniziative finalizzate al
superamento dell'emergenza, in particolare l'art. 1 comma 3, prevede che il Commissario delegato predisponga entro
venti giorni dalla pubblicazione dell'O.C.D.P.C., un Piano degli interventi da sottoporre all'approvazione del Capo del
Dipartimento della Protezione Civile;
• il Commissario delegato, con nota prot. n. 511689 del 14 dicembre 2018, ha trasmesso al Capo del Dipartimento della
Protezione Civile il Piano degli interventi di cui all'art. 1, comma 3 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• per la definizione del Piano degli interventi si è fatto riferimento alla ricognizione avviata dal Commissario delegato
nonché alle segnalazioni dei Soggetti Attuatori di cui alla O.C. n. 1 del 23/11/2018;
• con nota prot. n. POST/0073648 del 20 dicembre 2018 il Capo del Dipartimento di Protezione Civile ha approvato il
Piano degli interventi di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018 per l'importo complessivo di Euro 14.774.388,71;
• con successivi provvedimenti del Consiglio dei Ministri del 21/02/2019 e del 27/02/2019, a valere sugli stanziamenti
di cui all'art. 44, co. 1, del D.Lgs. n. 1/2018, nonché della L. n. 145/2018 art. 1, comma 1028, sono state assegnate al
Veneto, ai sensi dell'art 1, comma 1, della O.C.D.P.C. n. 558, nonché, del comma 3 della medesima O.C.D.P.C., la
somma complessiva di 2,6 miliardi di Euro rispettivamente pari a 800 milioni di Euro per l'esercizio 2019 e 900
milioni di Euro per i successivi esercizi 2020 e 2021;
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 97
_______________________________________________________________________________________________________

• in particolare, a fronte delle ricognizioni trasmesse al Dipartimento di Protezione Civile con note Commissariali
prot.n. 36681 del 28 gennaio 2019 e n. 49710 del 5 febbraio 2019, nonché con precedente nota del Presidente prot. n.
505589 del 13 dicembre 2018 relativa alle segnalazioni finalizzate alla richiesta di contributo FSUE, con Decreto del
Presidente del Consiglio dei Ministri (D.P.C.M.) del 27 febbraio 2019 è stata assegnata al Veneto la somma
complessiva di Euro 755.912.355,61 per il triennio 2019-2021 di cui Euro 232.588.417,11 per il 2019;
• con il medesimo Decreto è stato stabilito che per la realizzazione degli interventi si sarebbe operato con le modalità di
cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• sulla scorta del provvedimento del Consiglio dei Ministri adottato, il Commissario ha provveduto alla definizione,
entro 20 giorni dalla adozione del predetto D.P.C.M., dell'elenco degli interventi contrattualizzabili entro il 30
settembre 2019 con verifica entro il medesimo termine della effettiva contrattualizzazione;
• il Dipartimento della Protezione Civile con nota DIP/15877 del 23 marzo 2019 e successiva nota integrativa n.
POST/0016889 del 27/03/2019, come di seguito specificato, ha, tra l'altro, approvato il Piano di cui alla O.C.D.P.C. n.
558/2018 per la somma complessiva di Euro 220.621.778,52, di cui Euro 195.621.778,52 per interventi ed Euro
25.000.00,00 quale accantonamento per i contributi a favore di privati e attività produttive;

CONSIDERATO CHE nell'ambito dello Stato di mobilitazione come sopra rappresentato sono stati avviati numerosi interventi
volti a eliminare le situazioni di pericolo e a ripristinare i servizi essenziali interrotti dai gravi eventi meteo quali la viabilità
statale, regionale, provinciale e comunale, i servizi essenziali di acquedotto, fognatura, elettrici e delle telecomunicazioni.

DATO ATTO CHE a seguito della nomina del Commissario delegato di cui all'art. 1, comma 1 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018
risultava necessario dare continuità alle azioni intraprese dai diversi soggetti territorialmente e istituzionalmente coinvolti;

ATTESA in particolare l'urgenza di procedere alla nomina dei Soggetti attuatori ai sensi dell'art. 1 comma 2 dell'O.C.D.P.C. n.
558/2018, ai quali affidare i rispettivi ambiti d'azione e d'intervento, con l'ordinanza n. 1 del 23/11/2018 il Commissario
Delegato Dott. Luca Zaia ha individuato, tra i dirigenti e funzionari delle Amministrazioni Pubbliche coinvolte, i Soggetti
attuatori, di comprovata professionalità ed esperienza, ai quali vengono affidati i diversi settori di intervento;

APPURATO CHE con ordinanza n. 1 del 23/11/2018 è stato nominato Soggetto Attuatore e RUP il Dott. Gianmaria
Sommavilla Direttore U.O. Forestale Est per il SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE al fine di garantire il
ripristino in campo idrogeologico forestale e in campo ambientale, alla riduzione definitiva degli effetti dei fenomeni
alluvionali verificatosi e alla mappatura degli interventi già predisposti per la tutela e la salvaguardia del territorio e delle
risorse finanziare ad essi destinati;

DATO ATTO che:

• con Ordinanza Commissariale n. O.C. n. 9 del 22.05.2019 sono stati, tra l'altro, approvati gli interventi afferenti al
settore Idrogeologico (Allegato B) relativi all'OCDPC n. 558/2018 per l'Emergenza eventi meteo eccezionali dal 27
ottobre al 5 novembre 2018;
• tra gli interventi di cui all'Ordinanza Commissariale n O.C. n. 9 del 22.05.2019, Allegato B, è ricompreso anche
l'intervento denominato "Lavori di somma urgenza per adeguamento e nuova realizzazione di opere di sottomurazione
sul torrente Zunaia in comune di Alleghe (BL);
• con O.C. n. 21 del 25/11/2019 allegato B, i lavori sopra richiamati sono stati ulteriormente finanziati per un importo
pari a €. 250.000,00, per l'importo complessivo di finanziamento, quindi, di € 550.000,00;
• la suddetta somma è stata impegnata a carico della Contabilità Speciale n. 6108, intestata a
"C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18" a valere sulla disponibilità accertata pari a Euro 179.619.184,13 di cui
all'Allegato A - Quadro economico della Contabilità commissariale n. 6108 (riga 8, colonna 6) - come evidenziato con
Ordinanza Commissariale O.C. n. 9 del 22.05.2019;

PRESO ATTO che in precedenza, stante la situazione, ai sensi dell'art. 163 del D.Lgs 50/2016 e s.m.i. è stato redatto in data
06/05/2019 un verbale di somma urgenza, il conseguente affidamento e consegna lavori con concordamento prezzi unitari con
la Ditta Fontana Srl", con sede legale in Belluno (BL) Piazza Mazzini n. 21, codice fiscale: 00709610257 e partita IVA:
00872530258, la quale si è resa immediatamente disponibile a eseguire i lavori per l'importo di € 173.708,15 più IVA 22% e
quindi per complessivi € 211.923,76;

VISTA la seguente documentazione relativa al pagamento del II^ SAL:

• verbale di somma urgenza in data 06/05/2019,


• verbale di affidamento e consegna lavori con concordamento prezzi unitari in data 06/05/2019,
• Contratto d'Appalto N. 61 in data 22/07/2019 rep. Ufficiale Rogante VE n. 106,
• Certificato di pagamento n. 2 del 25/11/2019;
• la fattura n. 12PA del 27/11/2019 della Ditta Fontana Srl", con sede legale in Belluno (BL) Piazza Mazzini n. 21,
codice fiscale: 00709610257 e partita IVA: 00872530258 per l'importo complessivo di € 83.225,58 Iva compresa,
98 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

• la tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi della L. 136/2010 e scheda dati anagrafici,
• il D.U.R.C. in corso di validità,

RITENUTO pertanto, per le motivazioni sopra esposte, di provvedere:

• alla liquidazione alla della Ditta Fontana Srl", con sede legale in Belluno (BL) Piazza Mazzini n. 21, codice fiscale:
00709610257 e partita IVA: 00872530258, dell'importo di € 68.217,69 pari all'imponibile Iva, mediante pagamento
sul c/c bancario indicato in fattura;
• di versare all'Erario l'IVA pari ad € 15.007,89, in applicazione delle disposizioni in materia di scissione dei
pagamenti;

VISTO il D. Lgs 50/2016 e s.m.i.;

VISTA l'O.C.D.P.C. n. 558 del 15/11/2018;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 1 del 23/11/2018

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 2/2018;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 9/2019;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 21/2019

DECRETA

1. di dare atto che le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente provvedimento.
2. di quantificare € 68.217,69 la somma necessaria per il pagamento alla della Ditta Fontana Srl", con sede legale in
Belluno (BL) Piazza Mazzini n. 21, codice fiscale: 00709610257 e partita IVA: 00872530258 per II^ SAL
relativamente ai lavori di somma urgenza per adeguamento e nuova realizzazione di opere di sottomurazione sul
torrente Zunaia in comune di Alleghe (BL)" di cui all'Ordinanza Commissariale n. 9/2019 Allegato B.
3. di liquidare la fattura n. 12PA del 27/11/2019 dell'importo complessivo di € 83.225,58 mediante la predisposizione dei
seguenti ordinativi di pagamento riferiti al CIG 7916195AC3 - CUP J93H19000360001:

♦ di liquidare € 68.217,69 a favore della Ditta Fontana Srl", con sede legale in Belluno (BL) Piazza
Mazzini n. 21, codice fiscale: 00709610257 e partita IVA: 00872530258 per la quota relativa
all'imponibile;
♦ di liquidare € 15.007,89 a favore dell'Erario, per la quota relativa all'IVA.

4. di dare atto che alla spesa suindicata si fa fronte con i fondi impegnati a carico della Contabilità Speciale n. 6108,
intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18", come evidenziato con Ordinanza Commissariale n. O.C. n. 9 del
22.05.2019, che presenta sufficiente disponibilità.
5. di trasmettere all'Ufficio di supporto al Commissario delegato, il presente provvedimento per la predisposizione degli
ordinativi di pagamento, relativi alle somme di cui al punto 3), attraverso la procedura informatica del MEF
denominata GEOCOS, subordinatamente alle verifiche previste dalla normativa vigente.
6. di pubblicare il presente Decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet della Regione del Veneto
nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni Commissariali e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE PER IL SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE Dott. Gianmaria


Sommavilla
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 99
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409885)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1280 del 6 dicembre 2019
O.C.D.P.C. n. 558/2018 - O.C. n. 9 del 22.05.2019. S.U. N. 3/19 Ripristino alveo Ru da Molin con rimozione vegetazione
pericolante in località varie del Comune di Rocca Pietore (BL). UOFE 187. CIG 7916100C5D - CUP J53H19000450001.
IMPORTO FINANZIAMENTO Euro. 188.650,00. LIQUIDAZIONE II^ SAL Euro 11.761,28 Iva esclusa.

IL SOGGETTO ATTUATORE
PER IL SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE

PREMESSO CHE:

• nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle
aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 135 del 27 ottobre 2018, pubblicato sul BUR n. 114 del 16
novembre 2018, è stata attivata e convocata l'Unità di Crisi Regionale U.C.R. ai sensi del "Protocollo operativo per la
gestione delle Emergenze" nell'ambito del Sistema Regionale di Protezione Civile (D.G.R. n. 103 dell'11 febbraio
2013);
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 136 del 28 ottobre 2018, integrato da successivo decreto n.
139 del 29 ottobre 2018, pubblicati sul BUR n. 114 del 16 novembre 2018, a seguito delle criticità riscontrate è stato
dichiarato lo "stato di crisi" ai sensi dell'art. 106, co. 1 lett. a), della L.R. n. 11/2001;
• con Decreto del 29 ottobre 2018, pubblicato nella G.U. n. 253 del 30 ottobre 2018, il Presidente del Consiglio dei
Ministri, ai sensi dell'art. 23, co. 1 del D. Lgs 2 gennaio 2018 n. 1, ha disposto la mobilitazione straordinaria del
Servizio Nazionale di protezione civile a supporto della Regione del Veneto al fine di favorire le operazioni di
soccorso nei territori colpiti dagli eccezionali eventi;
• con Delibera del Consiglio dei Ministri dell'8 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 266 del 15 novembre 2018, in
esito alle attività di cui al predetto decreto, ai sensi dell'art. 7, co. 1 lett. c) e dell'art. 24 del D. Lgs 2 gennaio 2018 n.
1, è stato deliberato per 12 mesi a far data dal provvedimento medesimo, lo "stato di emergenza" nei territori colpiti
dall'evento;
• la predetta delibera al punto 4 dispone che, per l'attuazione dei primi interventi urgenti di cui all'art. 25, comma 2 lett.
a) e b) del D. Lgs. n. 1/2018, nelle more della valutazione dell'effettivo impatto degli eventi in argomento, si provveda
nel limite di complessivi Euro 53.500.000,00 a valere sul Fondo per le emergenze nazionali di cui all'art. 44, comma 1
del D. Lgs. n. 1/2018, dei quali Euro 15.000.000,00 spettanti alla Regione Veneto;
• il medesimo provvedimento prevede che, per l'attuazione degli interventi da effettuare nella vigenza dello "stato di
emergenza", ai sensi dell'art. 25, del D.Lgs. n. 1/2018, si provvede con ordinanze, emanate dal Capo del Dipartimento
della Protezione civile, acquisita l'intesa della regione e delle province autonome interessate, in deroga a ogni
disposizione vigente e nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento giuridico;
• con successiva Ordinanza n. 558 del 15 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20 novembre 2018, il Capo
del Dipartimento della Protezione Civile, d'intesa con la Regione del Veneto, ha nominato il Presidente della Regione,
Commissario delegato, per fronteggiare l'emergenza derivante dagli eventi calamitosi di cui trattasi;
• con il medesimo provvedimento sono state dettate disposizioni per la realizzazione delle iniziative finalizzate al
superamento dell'emergenza, in particolare l'art. 1 comma 3, prevede che il Commissario delegato predisponga entro
venti giorni dalla pubblicazione dell'O.C.D.P.C., un Piano degli interventi da sottoporre all'approvazione del Capo del
Dipartimento della Protezione Civile;
• il Commissario delegato, con nota prot. n. 511689 del 14 dicembre 2018, ha trasmesso al Capo del Dipartimento della
Protezione Civile il Piano degli interventi di cui all'art. 1, comma 3 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• per la definizione del Piano degli interventi si è fatto riferimento alla ricognizione avviata dal Commissario delegato
nonché alle segnalazioni dei Soggetti Attuatori di cui alla O.C. n. 1 del 23/11/2018;
• con nota prot. n. POST/0073648 del 20 dicembre 2018 il Capo del Dipartimento di Protezione Civile ha approvato il
Piano degli interventi di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018 per l'importo complessivo di Euro 14.774.388,71;
• con successivi provvedimenti del Consiglio dei Ministri del 21/02/2019 e del 27/02/2019, a valere sugli stanziamenti
di cui all'art. 44, co. 1, del D.Lgs. n. 1/2018, nonché della L. n. 145/2018 art. 1, comma 1028, sono state assegnate al
Veneto, ai sensi dell'art 1, comma 1, della O.C.D.P.C. n. 558, nonché, del comma 3 della medesima O.C.D.P.C., la
somma complessiva di 2,6 miliardi di Euro rispettivamente pari a 800 milioni di Euro per l'esercizio 2019 e 900
milioni di Euro per i successivi esercizi 2020 e 2021;
100 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

• in particolare, a fronte delle ricognizioni trasmesse al Dipartimento di Protezione Civile con note Commissariali
prot.n. 36681 del 28 gennaio 2019 e n. 49710 del 5 febbraio 2019, nonché con precedente nota del Presidente prot. n.
505589 del 13 dicembre 2018 relativa alle segnalazioni finalizzate alla richiesta di contributo FSUE, con Decreto del
Presidente del Consiglio dei Ministri (D.P.C.M.) del 27 febbraio 2019 è stata assegnata al Veneto la somma
complessiva di Euro 755.912.355,61 per il triennio 2019-2021 di cui Euro 232.588.417,11 per il 2019;
• con il medesimo Decreto è stato stabilito che per la realizzazione degli interventi si sarebbe operato con le modalità di
cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• sulla scorta del provvedimento del Consiglio dei Ministri adottato, il Commissario ha provveduto alla definizione,
entro 20 giorni dalla adozione del predetto D.P.C.M., dell'elenco degli interventi contrattualizzabili entro il 30
settembre 2019 con verifica entro il medesimo termine della effettiva contrattualizzazione;
• il Dipartimento della Protezione Civile con nota DIP/15877 del 23 marzo 2019 e successiva nota integrativa n.
POST/0016889 del 27/03/2019, come di seguito specificato, ha, tra l'altro, approvato il Piano di cui alla O.C.D.P.C. n.
558/2018 per la somma complessiva di Euro 220.621.778,52, di cui Euro 195.621.778,52 per interventi ed Euro
25.000.00,00 quale accantonamento per i contributi a favore di privati e attività produttive;

CONSIDERATO CHE nell'ambito dello Stato di mobilitazione come sopra rappresentato sono stati avviati numerosi interventi
volti a eliminare le situazioni di pericolo e a ripristinare i servizi essenziali interrotti dai gravi eventi meteo quali la viabilità
statale, regionale, provinciale e comunale, i servizi essenziali di acquedotto, fognatura, elettrici e delle telecomunicazioni.

DATO ATTO CHE a seguito della nomina del Commissario delegato di cui all'art. 1, comma 1 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018
risultava necessario dare continuità alle azioni intraprese dai diversi soggetti territorialmente e istituzionalmente coinvolti;

ATTESA in particolare l'urgenza di procedere alla nomina dei Soggetti attuatori ai sensi dell'art. 1 comma 2 dell'O.C.D.P.C. n.
558/2018, ai quali affidare i rispettivi ambiti d'azione e d'intervento, con l'ordinanza n. 1 del 23/11/2018 il Commissario
Delegato Dott. Luca Zaia ha individuato, tra i dirigenti e funzionari delle Amministrazioni Pubbliche coinvolte, i Soggetti
attuatori, di comprovata professionalità ed esperienza, ai quali vengono affidati i diversi settori di intervento;

APPURATO CHE con ordinanza n. 1 del 23/11/2018 è stato nominato Soggetto Attuatore e RUP il Dott. Gianmaria
Sommavilla Direttore U.O. Forestale Est per il SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE al fine di garantire il
ripristino in campo idrogeologico forestale e in campo ambientale, alla riduzione definitiva degli effetti dei fenomeni
alluvionali verificatosi e alla mappatura degli interventi già predisposti per la tutela e la salvaguardia del territorio e delle
risorse finanziare ad essi destinati;

DATO ATTO che:

• con Ordinanza Commissariale n. O.C. n. 9 del 22.05.2019 sono stati, tra l'altro, approvati gli interventi afferenti al
settore Idrogeologico (Allegato B) relativi all'OCDPC n. 558/2018 per l'Emergenza eventi meteo eccezionali dal 27
ottobre al 5 novembre 2018;
• tra gli interventi di cui all'Ordinanza Commissariale n O.C. n. 9 del 22.05.2019, Allegato B, è ricompreso anche
l'intervento denominato "Ripristino alveo Ru da Molin con rimozione vegetazione pericolante in località varie del
Comune di Rocca Pietore (BL) per l'importo complessivo di € 188.650,00;
• la suddetta somma è stata impegnata a carico della Contabilità Speciale n. 6108, intestata a
"C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18" a valere sulla disponibilità accertata pari a Euro 179.619.184,13 di cui
all'Allegato A - Quadro economico della Contabilità commissariale n. 6108 (riga 8, colonna 6) - come evidenziato con
Ordinanza Commissariale O.C. n. 9 del 22.05.2019;

PRESO ATTO che con Decreto del Soggetto Attuatore n. 761 del 19.09.2019 è stato liquidato il 1^ SAL, per un importo pari a
€. 170.420,29 IVA compresa;

DATO ATTO che in data 25/11/2019 è stato presentato, dal Soggetto Attuatore, un secondo certificato di pagamento pari al
finale di € 14.348,76 Iva compresa, per cui è possibile liquidare alla Ditta Dal Farra Flavio, con sede legale in Belluno Via
Madeago 211/B, codice fiscale e partita IVA: 00220850259, la somma sopra indicata;

VISTA la seguente documentazione relativa al I^ SAL:

• verbale di somma urgenza in data 06/05/2019,


• verbale di affidamento e consegna lavori con concordamento prezzi unitari in data 06/05/2019,
• Contratto d'Appalto n. 60 in data 22/07/2019,
• Certificato di pagamento n. 2 del 25/11/2019 ; ,
• la fattura n. 211/001 in data 29/11/2019 della Ditta Dal Farra Flavio, con sede legale in Belluno Via Madeago n.211,
codice fiscale: DLFFLV56E21A757A e partita IVA: 00220850259, per l'importo complessivo di € 14.348,76 Iva
compresa,
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 101
_______________________________________________________________________________________________________

• stato finale dei lavori in data 25/11/2019,


• la tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi della L. 136/2010 e scheda dati anagrafici,
• il D.U.R.C. in corso di validità,
• Certificato di Ultimazione dei Lavori in data 28/10/2019 dal quale si evince che l'attività è stata ultimata ed eseguita in
tempo utile;

RITENUTO pertanto, per le motivazioni sopra esposte, di provvedere:

alla liquidazione alla Ditta Dal Farra Flavio, con sede legale in Belluno Via Madeago n.211, codice fiscale:
DLFFLV56E21A757A e partita IVA: 00220850259, dell'importo di € 11.761,28 pari all'imponibile Iva, mediante pagamento
sul c/c bancario indicato in fattura;

di versare all'Erario l'IVA pari ad € 2.857,48, in applicazione delle disposizioni in materia di scissione dei pagamenti;

VISTO il D. Lgs 50/2016 e s.m.i.;

VISTA l'O.C.D.P.C. n. 558 del 15/11/2018;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 1 del 23/11/2018

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 2/2018;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 9/2019;

DECRETA

1. di dare atto che le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente provvedimento.
2. di quantificare € 11.761,28 la somma necessaria per il pagamento alla Ditta Dal Farra Flavio, con sede legale in
Belluno Via Madeago n.211, codice fiscale: DLFFLV56E21A757A_e partita IVA: 00220850259 per II^ SAL pari al
Finale relativamente a "Ripristino alveo Ru da Molin con rimozione vegetazione pericolante in località varie del
Comune di Rocca Pietore (BL)", di cui all'Ordinanza Commissariale n. 9/2019 Allegato B.
3. di liquidare la fattura 211/001 in data 29/11/2019 dell'importo complessivo di € 14.348,76 mediante la predisposizione
dei seguenti ordinativi di pagamento riferiti al CIG: 7916100C5D e CUP: J53H19000450001

♦ di € 11.761,28 a favore della Ditta Dal Farra Flavio, con sede legale in Belluno Via Madeago
n.211, codice fiscale: DLFFLV56E21A757A_e partita IVA: 00220850259 per la quota relativa
all'imponibile;
♦ di € 2.587,48 a favore dell'Erario, per la quota relativa all'IVA.

4. di dare atto che alla spesa suindicata si fa fronte con i fondi impegnati a carico della Contabilità Speciale n. 6108,
intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18", come evidenziato con Ordinanza Commissariale n. O.C. n. 9 del
22.05.2019, che presenta sufficiente disponibilità.
5. di trasmettere all'Ufficio di supporto al Commissario delegato, il presente provvedimento per la predisposizione degli
ordinativi di pagamento, relativi alle somme di cui al punto 3), attraverso la procedura informatica del MEF
denominata GEOCOS, subordinatamente alle verifiche previste dalla normativa vigente.
6. di pubblicare il presente Decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet della Regione del Veneto
nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni Commissariali e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE DEL SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE Dott. Gianmaria Sommavilla
102 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409886)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1281 del 6 dicembre 2019
O.C.D.P.C. n.558/2018 - O.C. n. 9 del 22/05/2019. Lavori di ripristino coperture edifici del complesso di Villa Zuppani
in particolare la chiesetta in località Triva. Codice PROVBL-113. Importo complessivo euro 150.000,00. CUP
F59G19000170001 - CIG 80220916E9; autorizzazione subappalto alla Ditta Rova Lattonerie srl.

IL SOGGETTO ATTUATORE
SETTORE PATRIMONIO E VIABILITÀ - PROVINCIA DI BELLUNO

PREMESSO CHE:

• nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle
aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 135 del 27 ottobre 2018, pubblicato sul BUR n. 114 del 16
novembre 2018, è stata attivata e convocata l'Unità di Crisi Regionale U.C.R. ai sensi del "Protocollo operativo per la
gestione delle Emergenze" nell'ambito del Sistema Regionale di Protezione Civile (D.G.R. n. 103 dell'11 febbraio
2013);
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 136 del 28 ottobre 2018, integrato da successivo decreto n.
139 del 29 ottobre 2018, pubblicati sul BUR n. 114 del 16 novembre 2018, a seguito delle criticità riscontrate è stato
dichiarato lo "stato di crisi" ai sensi dell'art. 106, co. 1 lett. a), della L.R. n.11/2001;
• con successiva Ordinanza n. 558 del 15 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20 novembre 2018, il Capo
del Dipartimento della Protezione Civile, d'intesa con la Regione del Veneto, ha nominato il Presidente della Regione,
Commissario delegato, per fronteggiare l'emergenza derivante dagli eventi calamitosi di cui trattasi;
• con l'Ordinanza Commissariale n. 5 del 02.04.2019 del Commissario delegato ai primi interventi urgenti di Protezione
Civile per la Regione Veneto, sono stati nominati i Dirigenti tecnici delle Amministrazioni Provinciali di Belluno,
Treviso, Vicenza e Verona soggetti attuatori, attribuendo le funzioni relative alla progettazione, approvazione dei
progetti, appalto, sottoscrizione del contratto, esecuzione degli interventi, liquidazione;
• che con il Decreto del Presidente della Provincia di Belluno n. 34 del 20/6/2019 viene designato l'Ing. Luigino Tonus
quale Soggetto Attuatore per tutti gli interventi approvati nelle ordinanze del Commissario Delegato relativi
all'Edilizia Scolastica e al Patrimonio di proprietà della Provincia di Belluno;
• con O.C. n. 9 del 22/5/2019 Allegato "G" vengono approvati gli elenchi degli interventi del Piano degli Interventi di
cui all'art. 24 quater della L. n. 136/2018 e impegnata la spesa per l'effettuazione degli stessi a carico della contabilità
Speciale n. 6108, intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18", e in particolare viene approvato l'intervento
denominato "ripristino coperture edifici del complesso di Villa Zuppani in particolare la chiesetta in località Triva".
Importo complessivo Euro 150.000,00, codice intervento PROVBL-113.

PRESO ATTO che con decreto n. 707 del 17/9/2019 sono stati aggiudicati i lavori di ripristino coperture edifici del complesso
di Villa Zuppani in particolare la chiesetta in località Triva alla ditta Restaurarte srl con sede a Belluno (BL) in via Sigi
Lechner 33, C.F. e P.I. 01154450256, per un importo pari ad € 106.933,51 di cui per lavori € 96.033,51 e per oneri per la
sicurezza non soggetti a ribasso € 10.900,00, oltre a iva 10% di € 10.693,35, per un importo complessivo di € 117.626,86;

RISULTATO che il lavoro di cui sopra è stato formalizzato in tutte le sue parti e nei tempi previsti come peraltro risulta dal
suddetto decreto n. 707 del 17/9/2019 e dal contratto sottoscritto dalle parti in data 26/9/2019 registrato dall'ufficio rogante
competente con n. 434;

DATO ATTO che i lavori sono stati formalmente consegnati come da verbale redatto in data 17/10/2019;

VISTA la richiesta di subappalto presentata in data 30.10.2019 prot. 33499, e successivamente integrata in data 2/12/2019 con
prot. 37385 del 6/12/2019, dall'affidataria delle opere Restaurarte srl con sede a Belluno (BL) in via Sigi Lechner 33, C.F. e
P.I. 01154450256 in favore della ditta ROVA DAMIANO, C.F. RVODMN87H27M089W con sede in via Palù 35 31026
Sarmede (TV), corredate dalla seguente documentazione:

• richiesta di subappalto per opere da lattoniere, per l'importo presunto di € 10.000,00, comprensivi di € 100,00 per
oneri della sicurezza, IVA di legge esclusa;
• contratto di subappalto stipulato in data 16/10/2019;
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 103
_______________________________________________________________________________________________________

• Dichiarazione di tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi legge;


• Dichiarazione di assenza di situazione di controllo ai sensi dell'articolo 2359 del Codice Civile;
• Dichiarazione dell'appaltatore circa il possesso dei requisiti speciali e generali del subappaltatore;
• autodichiarazioni del subappaltatore attestanti l'insussistenza delle cause di esclusione di cui all'art. 80 del D.Lgs.
18.4.2016, n. 50 e dei divieti previsti dall'art. 67 del D.Lgs. 159/2011 ss.mm.ii.;
• documentazione relativa alla ditta subappaltatrice prevista dal D.Lgs. 9.4.2008, n.81 e ss.mm.ii.;

VISTO il parere con esito positivo del Direttore dei Lavori pervenuto con prot. 36507 del 28/11/2019;

ATTESO di esprimere, sentito il R.U.P., parere favorevole, in ordine all'adozione del provvedimento di autorizzazione;

DATO ATTO che la verifica della documentazione relativa al subappalto e alla sicurezza di cui al D.lgs 81/08 e s.m.i. ha dato
esito positivo da parte del Direttore dei Lavori, come da dichiarazione di idoneità agli atti del Soggetto Attuatore, prot. 36507
del 28/11/2019;

VERIFICATO che:

• l'appaltatore ha allegato all'offerta la preventiva dichiarazione di voler ricorrere al subappalto delle opere oggetto di
richiesta di autorizzazione;
• i suddetti lavori sono riconducibili, in base alle disposizioni del D.P.R. 207/2010, alla seguente categoria OG2
"restauro e manutenzione dei beni immobili sottoposti a tutela ai sensi delle disposizioni in materia di beni culturali e
ambientali";
• che la quota percentuale dei lavori da subappaltare è contenuta entro il limite massimo ed alle condizioni di cui all'art.
1, comma 18, del D.L. n. 32/2019, convertito con modificazioni dalla Legge n. 55/2019, in coordinamento con quanto
previsto dall'art. 105 del D.lgs 50/16 e s.m.i.;
• la verifica del possesso dei requisiti del subappaltatore si è conclusa in data 6/12/2019 e ha dato esito positivo;

DATO ATTO inoltre che:

1. la ditta aggiudicataria è responsabile in solido con il subappaltatore, in relazione agli obblighi previsti dall'art. 105 del
D.Lgs n. 50/2016 rispettivamente ai commi 8, secondo periodo, 9, secondo periodo, 14, ultimo periodo;
2. la ditta aggiudicataria deve trasmettere a questa amministrazione, anche per conto delle imprese subappaltatrici, prima
dell'inizio dei lavori, la documentazione di avvenuta denuncia agli enti previdenziali, inclusa la Cassa Edile,
assicurativi ed antifortunistici;
3. ai sensi dell'art. 105, c. 13 del D.Lgs 5072016, i pagamenti saranno effettuati direttamente al subappaltatore Rova
Lattonerie, in quanto rientrante nella definizione di micro/piccola impresa;
4. la ditta principale ha l'obbligo di trasmettere, anche ai fini del pagamento degli stati di avanzamento dei lavori o dello
stato finale copia dei versamenti agli organismi paritetici previsti dalla contrattazione collettiva, ove dovuti;
5. il momento della maturazione del credito da parte del subappaltatore si intende il momento della stesura da parte della
D.L. della contabilità nella quale saranno inserite le opere in subappalto (nel caso specifico liquidando in un' unica
soluzione, escluso le ritenute, le somme dovute verranno liquidate a seguito della presentazione della contabilità
finale, previo accertamenti consueti della regolarità della ditta);
6. al fine della liquidazione, l'appaltatore dovrà proporre formalmente al committente il pagamento della parte delle
prestazioni eseguite dal subappaltatore, per permettere alla stazione appaltante la corresponsione diretta al
subappaltatore (se micro/piccola impresa) dell'importo per le prestazioni eseguite dallo stesso;

RITENUTO di poter procedere all'approvazione del subappalto richiesto;

VISTI:

• il Decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50 e s.m.i.;


• il Decreto legislativo 81/08 e s.m.i.;
• O.C.D.P.C. n° 558/2018;
• l'Ordinanza Commissariale n. 1/2018;
• l'Ordinanza Commissariale n. 5/2019;
• l'Ordinanza Commissariale n. 9/2019;

ACCERTATA la regolarità degli atti presentati;

DECRETA

DI DARE ATTO che quanto riportato in premessa costituisce parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
104 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

DI AUTORIZZARE la ditta Restaurarte srl, aggiudicataria dei lavori denominati "ripristino coperture edifici del complesso di
Villa Zuppani in particolare la chiesetta in località Triva" PROVBL-113, a subappaltare alla ditta ROVA DAMIANO, C.F.
RVODMN87H27M089W con sede in via Palù 35 31026 Sarmede (TV) parte dei lavori, ricadenti nella categoria scorporabile
OG2 "restauro e manutenzione dei beni immobili sottoposti a tutela ai sensi delle disposizioni in materia di beni culturali e
ambientali", fermo restando che l'unica responsabile dell'esecuzione dei lavori resta la ditta Restaurarte srl;

DI DARE ATTO che la spesa prevista in € 10.000,00 trova copertura finanziaria con i fondi stanziati a valere sulla contabilità
speciale n. 6108 intestata a "C.D. PRES. REG. VENETO - O.558-18;

DI DARE ATTO inoltre che:

1. la ditta aggiudicataria è responsabile in solido con il subappaltatore, in relazione agli obblighi previsti dall' art. 105 del
D.Lgs n. 50/2016 rispettivamente ai commi 8, secondo periodo, 9, secondo periodo, 14, ultimo periodo;
2. la ditta aggiudicataria deve trasmettere a questa amministrazione, anche per conto delle imprese subappaltatrici, prima
dell'inizio dei lavori, la documentazione di avvenuta denuncia agli enti previdenziali, inclusa la Cassa Edile,
assicurativi ed antifortunistici;
3. ai sensi dell' art. 105, c. 13 del D.Lgs 5072016, i pagamenti saranno effettuati direttamente al subappaltatore Rova
Lattonerie, in quanto rientrante nella definizione di micro/piccola impresa;
4. la ditta principale ha l'obbligo di trasmettere, anche ai fini del pagamento degli stati di avanzamento dei lavori o dello
stato finale copia dei versamenti agli organismi paritetici previsti dalla contrattazione collettiva, ove dovuti;
5. il momento della maturazione del credito da parte del subappaltatore si intende il momento della stesura da parte della
D.L. della contabilità nella quale saranno inserite le opere in subappalto (nel caso specifico liquidando in un' unica
soluzione, escluso le ritenute, le somme dovute verranno liquidate a seguito della presentazione della contabilità
finale, previo accertamenti consueti della regolarità della ditta);
6. al fine della liquidazione, l'appaltatore dovrà proporre formalmente al committente il pagamento della parte delle
prestazioni eseguite dal subappaltatore, per permettere alla stazione appaltante la corresponsione diretta al
subappaltatore (se micro/piccola impresa) dell'importo per le prestazioni eseguite dallo stesso.

DI PUBBLICARE integralmente il presente decreto sul B.U. della Regione del Veneto, ai sensi art. 42 del D.Lgs 33/2013,
nonché sul sito internet della Regione del Veneto nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni
Commissariali e Post Emergenziali;

IL SOGGETTO ATTUATORE SETTORE PATRIMONIO E VIABILITÀ - PROVINCIA DI BELLUNO Ing. Luigino Tonus
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 105
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409887)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1282 del 10 dicembre 2019
Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile nr. 558 del 15 novembre 2018. Ordinanza Commissariale
n. 5 del 02/04/2019. CBPI_N02 - Elettrificazione dell'idrovora di Fossabiuba - Comune di Gorgo al Monticano. Importo
complessivo Euro 800.000,00. Liquidazione spesa per erogazione dell'anticipo contrattuale dei lavori di
"Elettrificazione dell'idrovora di Fossabiuba - Comune di Gorgo al Monticano" alla ditta MISA Srl di Arzignano (VI).
CUP H63H19000080002 - CIG 7992091222. Importo liquidabile Euro 76.988,01 compreso oneri.

IL SOGGETTO ATTUATORE
CONSORZIO DI BONIFICA PIAVE

PREMESSO CHE:

• tra gli interventi finanziati nell'ordinanza n. 5, Allegato A, è ricompreso l'intervento denominato


"ELETTRIFICAZIONE DELL'IDROVORA DI FOSSABIUBA - COMUNE DI GORGO AL MONTICANO -
Codice intervento CBPI_N02" per l'importo complessivo di Euro 800.000,00;
• la suddetta somma è stata impegnata a carico della Contabilità Speciale n. 6108, intestata a
"C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18" a valere sulla disponibilità accertata pari a Euro 221.949.639,81 di cui
all'Allegato F - Quadro economico della Contabilità commissariale n. 6108 (riga 7, colonna 6) - come evidenziato con
Ordinanza Commissariale n. 5 del 02.04.2019;
• che con decreto n. 713 del 17.09.2019 sono stati affidati i lavori di "Elettrificazione dell'idrovora di Fossabiuba -
Comune di Gorgo al Monticano" alla ditta MISA Srl, con sede in via Decima Strada 11/13 - 36071 Arzignano (VI),
C.F. e P. IVA 02293180242 per l'importo di Euro 384.940,10;
• che in data 19.09.2019 è stato stipulato il contratto d'appalto relativo al progetto di cui all'oggetto;

VISTA la seguente documentazione relativa alla liquidazione della spesa per l'erogazione dell'anticipo contrattuale, previsto ai
sensi dell'articolo 35, comma 18 del D. Lgs. n. 50/2016:

• Nulla Osta del Rup sulla corretta esecuzione della prestazione e registrazione della fattura in data 15/11/2019;
• contratto d'appalto stipulato in data 19.09.2019 rep. Ufficiale Rogante VE N. 269;
• la garanzia fidejussoria costituita mediante polizza fidejussoria n. 2271846 del 19.11.2019 rilasciata dalla COFACE
S.A. per l'importo pari all'anticipazione, maggiorato del tasso di interesse legale applicato al periodo necessario al
recupero dell'anticipazione stessa secondo il cronoprogramma, di € 63.713,55;
• fattura n. 253 in data 31.10.2019 della ditta MISA Srl, con sede in via Decima Strada 11/13 - 36071 Arzignano (VI),
C.F. e P. IVA 02293180242 per un totale pari ad Euro 76.988,01 IVA compresa;
• tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi della L. 136/2010;
• D.U.R.C. allegato in corso di validità;

RITENUTO pertanto, per le motivazioni sopra esposte, di provvedere:

• alla liquidazione alla ditta MISA Srl, con sede in via Decima Strada 11/13 - 36071 Arzignano (VI), C.F. e P. IVA
02293180242 dell'importo di € 63.104,93 pari all'imponibile IVA, mediante pagamento sul c/c bancario indicato in
fattura;
• di versare all'Erario l'IVA pari ad € 13.883,08, in applicazione delle disposizioni in materia di scissione dei
pagamenti;

VISTI:

• il Decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50 e s.m.i.;


• O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• l'Ordinanza Commissariale n. 5/2019

DECRETA

1. di dare atto che le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
106 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

2. di quantificare in Euro 76.988,01 la somma necessaria per il pagamento a saldo alla ditta MISA Srl, con sede in via
Decima Strada 11/13 - 36071 Arzignano (VI), C.F. e P. IVA 02293180242 relativamente ai lavori di
"ELETTRIFICAZIONE DELL'IDROVORA DI FOSSABIUBA - COMUNE DI GORGO AL MONTICANO -
Codice intervento CBPI_N02 " di cui all'ordinanza n.5/2019 Allegato A);
3. di liquidare la fattura n. 253 in data 31.10.2019 dell'importo complessivo di € 76.988,01 mediante la predisposizione
dei seguenti ordinativi di pagamento:

♦ di € 63.104,93 a favore della ditta MISA Srl, con sede in via Decima Strada 11/13 - 36071
Arzignano (VI), C.F. e P. IVA 02293180242per la quota relativa all'imponibile;
♦ di € 13.883,08 a favore dell'Erario, per la quota relativa all'IVA;

1. di dare atto che alla spesa suindicata si fa fronte con i fondi impegnati a carico della Contabilità Speciale n. 6108,
intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO-O.C.D.P.C 558/2018", come evidenziato con Ordinanza Commissariale n. 5
del 02.04.2019, che presenta sufficiente disponibilità;
2. di trasmettere all'Ufficio di supporto al Commissario delegato, il presente provvedimento per la predisposizione degli
ordinativi di pagamento, relativi alle somme di cui al punto 3), attraverso la procedura informatica del MEF
denominata GEOCOS, subordinatamente alle verifiche previste dalla normativa vigente;
3. di pubblicare il presente decreto sul BUR della Regione del Veneto ai sensi art. 42 del D.Lgs 33/2013, nonché sul sito
internet della Regione del Veneto nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alla Gestione Commissariali
e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE CONSORZIO DI BONIFICA PIAVE Ing. Paolo Battagion


Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 107
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409888)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1283 del 10 dicembre 2019
Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile nr. 558 del 15 novembre 2018. Ordinanza Commissariale
n. 5 del 02/04/2019. CBPI_N02 - Elettrificazione dell'idrovora di Fossabiuba - Comune di Gorgo al Monticano. Importo
complessivo Euro 800.000,00. Liquidazione dei lavori di bonifica amianto e rifacimento copertura presso l'idrovora
Fossabiuba alla ditta Veneta Coperture Srl di Morgano (TV). CUP H63H19000080002 - CIG Z7F295594C. Importo
liquidabile Euro 27.723,79 compreso oneri.

IL SOGGETTO ATTUATORE
CONSORZIO DI BONIFICA PIAVE

PREMESSO CHE:

• tra gli interventi finanziati nell'ordinanza n. 5, Allegato A, è ricompreso l'intervento denominato


"ELETTRIFICAZIONE DELL'IDROVORA DI FOSSABIUBA - COMUNE DI GORGO AL MONTICANO -
Codice intervento CBPI_N02" per l'importo complessivo di Euro 800.000,00;
• la suddetta somma è stata impegnata a carico della Contabilità Speciale n. 6108, intestata a
"C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18" a valere sulla disponibilità accertata pari a Euro 221.949.639,81 di cui
all'Allegato F - Quadro economico della Contabilità commissariale n. 6108 (riga 7, colonna 6) - come evidenziato con
Ordinanza Commissariale n. 5 del 02.04.2019;
• che con decreto n. 624 del 05.09.2019 sono stati affidati i lavori di bonifica amianto e rifacimento copertura del
progetto di cui all'oggetto alla ditta Veneta Coperture Srl, con sede in via Alcide De Gasperi 35 - 31050 Morgano
(TV), C.F. e P. IVA 03160420265 per l'importo di Euro 26.381,79;
• che con successivo decreto n. 1006 del 16.10.2019, a seguito dell'autorizzazione paesaggistica del Comune di Gorgo
al Monticano la quale prescriveva che "i pannelli dovranno avere la colorazione verde o rossa", l'incarico affidato con
decreto n. 624/2019 alla ditta Veneta Coperture Srl, è stato integrato per l'importo di Euro 1.342,00;

VISTA la seguente documentazione relativa al pagamento del saldo:

• Nulla Osta del Rup sulla corretta esecuzione della prestazione e registrazione della fattura in data 20/11/2019.
• fattura n. 247 in data 15.11.2019 della ditta Veneta Coperture Srl, con sede in via Alcide De Gasperi 35 - 31050
Morgano (TV), C.F. e P. IVA 03160420265 per il saldo dell'incarico in oggetto pari ad Euro 27.723,79 IVA
compresa;
• tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi della L. 136/2010;
• D.U.R.C. allegato;

RITENUTO pertanto, per le motivazioni sopra esposte, di provvedere:

• alla liquidazione alla ditta Veneta Coperture Srl, con sede in via Alcide De Gasperi 35 - 31050 Morgano (TV), C.F. e
P. IVA 03160420265 dell'importo di € 22.724,42 pari all'imponibile IVA, mediante pagamento sul c/c bancario
indicato in fattura;
• di versare all'Erario l'IVA pari ad € 4.999,37, in applicazione delle disposizioni in materia di scissione dei pagamenti;

VISTI:

• il Decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50 e s.m.i.;


• O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• l'Ordinanza Commissariale n. 5/2019

DECRETA

1. di dare atto che le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
2. di dare atto della corretta esecuzione della prestazione come da nota del RUP del 20.11.2019;
108 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

3. di quantificare in Euro 27.723,79 la somma necessaria per il pagamento a saldo alla ditta Veneta Coperture Srl, con
sede in via Alcide De Gasperi 35 - 31050 Morgano (TV), C.F. e P. IVA 03160420265 relativamente ai lavori di
bonifica amianto e rifacimento copertura nell'ambito dei lavori di "ELETTRIFICAZIONE DELL'IDROVORA DI
FOSSABIUBA - COMUNE DI GORGO AL MONTICANO - Codice intervento CBPI_N02 " di cui all'ordinanza
n.5/2019 Allegato A);
4. di liquidare la fattura n. 247 in data 15.11.2019 dell'importo complessivo di € 27.723,79 mediante la predisposizione
dei seguenti ordinativi di pagamento:
♦ di € 22.724,42 a favore della ditta Veneta Coperture Srl, con sede in via Alcide De Gasperi 35 - 31050
Morgano (TV), C.F. e P. IVA 03160420265 per la quota relativa all'imponibile;
♦ di € 4.999,37 a favore dell'Erario, per la quota relativa all'IVA;
5. di dare atto che alla spesa suindicata si fa fronte con i fondi impegnati a carico della Contabilità Speciale n. 6108,
intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO-O.C.D.P.C 558/2018", come evidenziato con Ordinanza Commissariale n. 5
del 02.04.2019, che presenta sufficiente disponibilità;
6. di trasmettere all'Ufficio di supporto al Commissario delegato, il presente provvedimento per la predisposizione degli
ordinativi di pagamento, relativi alle somme di cui al punto 3), attraverso la procedura informatica del MEF
denominata GEOCOS, subordinatamente alle verifiche previste dalla normativa vigente;
7. di pubblicare il presente decreto sul BUR della Regione del Veneto ai sensi art. 42 del D.Lgs 33/2013, nonché sul sito
internet della Regione del Veneto nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alla Gestione Commissariali
e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE CONSORZIO DI BONIFICA PIAVE Ing. Paolo Battagion


Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 109
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409889)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1284 del 10 dicembre 2019
Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile nr. 558 del 15 novembre 2018. Ordinanza Commissariale
n. 5 del 02/04/2019. CBPI_N03 - Lavori di ripristino della funzionalità idraulica del torrente Ponticello - comune di
Possagno, Cavaso del Tomba e Pederobba. Importo complessivo Euro 1.000.000,00. Liquidazione acconto relativo
all'incarico per il servizio di coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione e di esecuzione alla ditta geometra
Mauro Dall'Armi di Crocetta del Montello (TV). CUP H23H19000090002 - CIG ZC528DE87C. Importo liquidabile
Euro 2.562,00 compreso oneri.

IL SOGGETTO ATTUATORE
CONSORZIO DI BONIFICA PIAVE

PREMESSO CHE:

• tra gli interventi finanziati nell'ordinanza n. 5, Allegato A, è ricompreso l'intervento denominato "LAVORI DI
RIPRISTINO DELLA FUNZIONALITÀ IDRAULICA DEL TORRENTE PONTICELLO - COMUNE DI
POSSAGNO, CAVASO DEL TOMBA E PEDEROBBA - Codice intervento CBPI_N03" per l'importo complessivo
di Euro 1.000.000,00;
• la suddetta somma è stata impegnata a carico della Contabilità Speciale n. 6108, intestata a
"C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18" a valere sulla disponibilità accertata pari a Euro 221.949.639,81 di cui
all'Allegato F - Quadro economico della Contabilità commissariale n. 6108 (riga 7, colonna 6) - come evidenziato con
Ordinanza Commissariale n. 5 del 02.04.2019;
• che con decreto n. 100 del 19.06.2019 è stato affidato l'incarico per il servizio di coordinatore per la sicurezza in fase
di progettazione e di esecuzione del progetto di cui all'oggetto alla ditta geometra Mauro Dall'Armi, con sede in via
dei Martiri, 105/D - 31035 Crocetta del Montello (TV), C.F. DLLMRA66E28C670O e P. IVA 02135970263 per
l'importo di Euro 7.396,76;

VISTA la seguente documentazione relativa al pagamento dell'acconto:

• Nulla Osta del Rup sulla corretta esecuzione della prestazione e registrazione della fattura in data 20/11/2019.
• fattura n. 3 in data 24.10.2019 della ditta geometra Mauro Dall'Armi, con sede in via dei Martiri, 105/D - 31035
Crocetta del Montello (TV), C.F. DLLMRA66E28C670O e P. IVA 02135970263 per l'acconto dell'incarico in
oggetto pari ad Euro 2.562,00, oneri previdenziali ed IVA compresa;
• tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi della L. 136/2010;
• Copia attestazione regolatirà contributiva CIPAG;

RITENUTO pertanto, per le motivazioni sopra esposte, di provvedere:

• alla liquidazione alla ditta geometra Mauro Dall'Armi, con sede in via dei Martiri, 105/D - 31035 Crocetta del
Montello (TV), C.F. DLLMRA66E28C670O e P. IVA 02135970263 dell'importo di € 2.100,00 pari all'imponibile
IVA e al contributo previdenziale del 5% Cassa Previdenza e Assistenza Geometri, mediante pagamento sul c/c
bancario indicato in fattura;
• di versare all'Erario l'IVA pari ad € 462,00, in applicazione delle disposizioni in materia di scissione dei pagamenti;

VISTI:

• il Decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50 e s.m.i.;


• O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• l'Ordinanza Commissariale n. 5/2019

DECRETA

1. di dare atto che le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
2. di quantificare in Euro 2.562,00 la somma necessaria per il pagamento in acconto alla ditta geometra Mauro
Dall'Armi, con sede in via dei Martiri, 105/D - 31035 Crocetta del Montello (TV), C.F. DLLMRA66E28C670O e P.
IVA 02135970263 relativamente all'incarico per il servizio di coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione e
110 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

di esecuzione nell'ambito dei "LAVORI DI RIPRISTINO DELLA FUNZIONALITÀ IDRAULICA DEL


TORRENTE PONTICELLO - COMUNE DI POSSAGNO, CAVASO DEL TOMBA E PEDEROBBA - Codice
intervento CBPI_N03 " di cui all'ordinanza n.5/2019 Allegato A);
3. di liquidare la fattura n. 3 in data 24.10.2019 dell'importo complessivo di € 2.562,00 mediante la predisposizione dei
seguenti ordinativi di pagamento:

♦ di € 2.100,00 a favore della ditta geometra Mauro Dall'Armi, con sede in via dei Martiri, 105/D -
31035 Crocetta del Montello (TV), C.F. DLLMRA66E28C670O e P. IVA 02135970263 per la
quota relativa all'imponibile ed al contributo previdenziale del 5% Cassa Previdenza e Assistenza
Geometri;
♦ di € 462,00 a favore dell'Erario, per la quota relativa all'IVA;

1. di dare atto che alla spesa suindicata si fa fronte con i fondi impegnati a carico della Contabilità Speciale n. 6108,
intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO-O.C.D.P.C 558/2018", come evidenziato con Ordinanza Commissariale n. 5
del 02.04.2019, che presenta sufficiente disponibilità;
2. di trasmettere all'Ufficio di supporto al Commissario delegato, il presente provvedimento per la predisposizione degli
ordinativi di pagamento, relativi alle somme di cui al punto 3), attraverso la procedura informatica del MEF
denominata GEOCOS, subordinatamente alle verifiche previste dalla normativa vigente;
3. di pubblicare il presente decreto sul BUR della Regione del Veneto ai sensi art. 42 del D.Lgs 33/2013, nonché sul sito
internet della Regione del Veneto nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alla Gestione Commissariali
e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE CONSORZIO DI BONIFICA PIAVE Ing. Paolo Battagion


Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 111
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409890)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1285 del 10 dicembre 2019
Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile nr. 558 del 15 novembre 2018. Ordinanza Commissariale
n. 9 del 22/05/2019. CBPI_N04 - Sistemazione idraulica del torrente Ru Bianco - Comune di Cornuda - Importo
complessivo Euro400.000,00. Liquidazione acconto relativo all'incarico per il servizio di coordinatore per la sicurezza in
fase di progettazione e di esecuzione alla ditta geometra Mauro Dall'Armi di Crocetta del Montello (TV). CUP
J43H19000460001 - CIG ZD628DE052. Importo liquidabile Euro 1.921,50 compreso oneri.

IL SOGGETTO ATTUATORE
CONSORZIO DI BONIFICA PIAVE

PREMESSO CHE:

• tra gli interventi finanziati nell'ordinanza n. 9, Allegato B, è ricompreso l'intervento denominato "SISTEMAZIONE
IDRAULICA DEL TORRENTE RU BIANCO - COMUNE DI CORNUDA" - Codice intervento CBPI_N04 per
l'importo complessivo di Euro 400.000,00;
• la suddetta somma è stata impegnata a carico della Contabilità Speciale n. 6108, intestata a
"C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18" a valere sulla disponibilità accertata pari a Euro 179.619.184,43 di cui
all'Allegato A - Quadro economico della Contabilità commissariale n. 6108 (riga 8, colonna 6) - come evidenziato con
Ordinanza Commissariale n. 9 del 22.5.2019;
• che con decreto n. 99 del 19.06.2019 è stato affidato l'incarico per il servizio di coordinatore per la sicurezza in fase di
progettazione e di esecuzione del progetto di cui all'oggetto alla ditta geometra Mauro Dall'Armi, con sede in via dei
Martiri, 105/D - 31035 Crocetta del Montello (TV), C.F. DLLMRA66E28C670O e P. IVA 02135970263 per
l'importo di Euro 7.396,76;

VISTA la seguente documentazione relativa al pagamento dell'acconto:

• Nulla Osta del Rup sulla corretta esecuzione della prestazione e registrazione della fattura in data 20/11/2019;
• fattura n. 4 in data 24.10.2019 della ditta geometra Mauro Dall'Armi, con sede in via dei Martiri, 105/D - 31035
Crocetta del Montello (TV), C.F. DLLMRA66E28C670O e P. IVA 02135970263 per l'acconto dell'incarico in
oggetto pari ad Euro 1.921,50, oneri previdenziali ed IVA compresa;
• tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi della L. 136/2010;
• Copia attestazione regolatirà contributiva CIPAG;

RITENUTO pertanto, per le motivazioni sopra esposte, di provvedere:

• alla liquidazione alla ditta geometra Mauro Dall'Armi, con sede in via dei Martiri, 105/D - 31035 Crocetta del
Montello (TV), C.F. DLLMRA66E28C670O e P. IVA 02135970263 dell'importo di € 1.575,00 pari all'imponibile
IVA e al contributo previdenziale del 5% Cassa Previdenza e Assistenza Geometri, mediante pagamento sul c/c
bancario indicato in fattura;
• di versare all'Erario l'IVA pari ad € 346,50, in applicazione delle disposizioni in materia di scissione dei pagamenti;

VISTI:

• il Decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50 e s.m.i.;


• O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• l'Ordinanza Commissariale n. 9/2019

DECRETA

1. di dare atto che le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
2. di quantificare in Euro 1.921,50 la somma necessaria per il pagamento in acconto alla ditta geometra Mauro
Dall'Armi, con sede in via dei Martiri, 105/D - 31035 Crocetta del Montello (TV), C.F. DLLMRA66E28C670O e P.
IVA 02135970263 relativamente all'incarico per il servizio di coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione e
112 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

di esecuzione nell'ambito dei lavori di "SISTEMAZIONE IDRAULICA DEL TORRENTE RU BIANCO - COMUNE
DI CORNUDA - Codice intervento CBPI_N04" di cui all'ordinanza n.9/2019 Allegato B);
3. di liquidare la fattura n. 4 in data 24.10.2019 dell'importo complessivo di € 1.921,50 mediante la predisposizione dei
seguenti ordinativi di pagamento:

♦ di € 1.575,00 a favore della ditta geometra Mauro Dall'Armi, con sede in via dei Martiri, 105/D -
31035 Crocetta del Montello (TV), C.F. DLLMRA66E28C670O e P. IVA 02135970263 per la
quota relativa all'imponibile ed al contributo previdenziale del 5% Cassa Previdenza e Assistenza
Geometri;
♦ di € 346,50 a favore dell'Erario, per la quota relativa all'IVA;

1. di dare atto che alla spesa suindicata si fa fronte con i fondi impegnati a carico della Contabilità Speciale n. 6108,
intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO-O.C.D.P.C 558/2018", come evidenziato con Ordinanza Commissariale n. 9
del 22.05.2019, che presenta sufficiente disponibilità;
2. di trasmettere all'Ufficio di supporto al Commissario delegato, il presente provvedimento per la predisposizione degli
ordinativi di pagamento, relativi alle somme di cui al punto 3), attraverso la procedura informatica del MEF
denominata GEOCOS, subordinatamente alle verifiche previste dalla normativa vigente;
3. di pubblicare il presente decreto sul BUR della Regione del Veneto ai sensi art. 42 del D.Lgs 33/2013, nonché sul sito
internet della Regione del Veneto nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alla Gestione Commissariali
e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE CONSORZIO DI BONIFICA PIAVE Ing. Paolo Battagion


Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 113
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409891)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1286 del 10 dicembre 2019
Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile nr. 558 del 15 novembre 2018. Ordinanza Commissariale
n. 9 del 22/05/2019. CBPI_N04 - Sistemazione idraulica del torrente Ru Bianco - Comune di Cornuda - Importo
complessivo Euro400.000,00. Liquidazione saldo relativo all'incarico per il servizio di riconfinamento su entrambi i lati
del ciglio del corso d'acqua Ru Bianco a Cornuda alla ditta geometra Massimo Martignago di Pederobba (TV). CUP
J43H19000460001 - CIG ZE8290EAC3. Importo liquidabile Euro 9.530,00 compreso oneri.

IL SOGGETTO ATTUATORE
CONSORZIO DI BONIFICA PIAVE

PREMESSO CHE:

• tra gli interventi finanziati nell'ordinanza n. 9, Allegato B, è ricompreso l'intervento denominato "SISTEMAZIONE
IDRAULICA DEL TORRENTE RU BIANCO - COMUNE DI CORNUDA" - Codice intervento CBPI_N04 per
l'importo complessivo di Euro 400.000,00;
• la suddetta somma è stata impegnata a carico della Contabilità Speciale n. 6108, intestata a
"C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18" a valere sulla disponibilità accertata pari a Euro 179.619.184,43 di cui
all'Allegato A - Quadro economico della Contabilità commissariale n. 6108 (riga 8, colonna 6) - come evidenziato con
Ordinanza Commissariale n. 9 del 22.5.2019;
• con decreto n. 158 del 04.07.2019 è stato affidato l'incarico per il servizio di riconfinamento su entrambi i lati del
ciglio del corso d'acqua Ru Bianco del progetto di cui all'oggetto alla ditta geometra Massimo Martignago, con sede in
Via Barche, 38/B - 31040 Pederobba (TV), C.F. MRTMSM76L30F443L e P. IVA 03873760262 per l'importo di Euro
8.967,00;
• con successivo decreto n. 838 del 24.09.2019 è stato integrato l'incarico di cui al punto precedente per le spese
impreviste sostenute dal geom. Martignago per l'importo di Euro 563,00;

VISTA la seguente documentazione relativa al pagamento dell'acconto:

• Nulla Osta del Rup sulla corretta esecuzione della prestazione e registrazione della fattura in data 11/11/2019.
• fattura n. 47 in data 30.10.2019 della ditta geometra Massimo Martignago, con sede in Via Barche, 38/B - 31040
Pederobba (TV), C.F. MRTMSM76L30F443L e P. IVA 03873760262 per il saldo dell'incarico in oggetto pari ad
Euro 9.530,00, oneri previdenziali ed IVA compresa;
• tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi della L. 136/2010;
• Copia attestazione regolatirà contributiva CIPAG;

RITENUTO pertanto, per le motivazioni sopra esposte, di provvedere:

• alla liquidazione alla ditta geometra Massimo Martignago, con sede in Via Barche, 38/B - 31040 Pederobba (TV),
C.F. MRTMSM76L30F443L e P. IVA 03873760262 dell'importo di € 7.913,00 pari all'imponibile IVA (€ 7.000,00),
al contributo previdenziale del 5% Cassa Previdenza e Assistenza Geometri (€ 350,00); ed al recupero spese (€
563,00), mediante pagamento sul c/c bancario indicato in fattura;
• di versare all'Erario l'IVA pari ad € 1.617,00, in applicazione delle disposizioni in materia di scissione dei pagamenti;

VISTI:

• il Decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50 e s.m.i.;


• O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• l'Ordinanza Commissariale n. 9/2019

DECRETA

1. di dare atto che le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
2. di dare atto della corretta esecuzione della prestazione come da nota del RUP dell'11.11.2019
3. di quantificare in Euro 9.530,00 la somma necessaria per il pagamento in acconto alla ditta geometra Massimo
Martignago, con sede in Via Barche, 38/B - 31040 Pederobba (TV), C.F. MRTMSM76L30F443L e P. IVA
114 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

03873760262 relativamente all'incarico per il servizio di riconfinamento su entrambi i lati del ciglio del corso d'acqua
Ru Bianco nell'ambito dei lavori di "SISTEMAZIONE IDRAULICA DEL TORRENTE RU BIANCO - COMUNE
DI CORNUDA - Codice intervento CBPI_N04" di cui all'ordinanza n.9/2019 Allegato B);
4. di liquidare la fattura n. 47 in data 30.10.2019 dell'importo complessivo di € 9.530,00 mediante la predisposizione dei
seguenti ordinativi di pagamento:

♦ di € 7.913,00 a favore della ditta geometra Massimo Martignago, con sede in Via Barche, 38/B -
31040 Pederobba (TV), C.F. MRTMSM76L30F443L e P. IVA 03873760262 per la quota relativa
all'imponibile (€ 7.000,00), al contributo previdenziale del 5% Cassa Previdenza e Assistenza
Geometri (€ 350,00); ed al recupero spese (€ 563,00);
♦ di € 1.617,00 a favore dell'Erario, per la quota relativa all'IVA;

1. di dare atto che alla spesa suindicata si fa fronte con i fondi impegnati a carico della Contabilità Speciale n. 6108,
intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO-O.C.D.P.C 558/2018", come evidenziato con Ordinanza Commissariale n. 9
del 22.05.2019, che presenta sufficiente disponibilità;
2. di trasmettere all'Ufficio di supporto al Commissario delegato, il presente provvedimento per la predisposizione degli
ordinativi di pagamento, relativi alle somme di cui al punto 3), attraverso la procedura informatica del MEF
denominata GEOCOS, subordinatamente alle verifiche previste dalla normativa vigente;
3. di pubblicare il presente decreto sul BUR della Regione del Veneto ai sensi art. 42 del D.Lgs 33/2013, nonché sul sito
internet della Regione del Veneto nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alla Gestione Commissariali
e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE CONSORZIO DI BONIFICA PIAVE Ing. Paolo Battagion


Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 115
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409892)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1287 del 10 dicembre 2019
OCDPC n. 558/2018 "Primi interventi urgenti di protezione civile in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici
che hanno interessato il territorio delle regioni Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria,
Lombardia, Toscana, Sardegna, Sicilia, Veneto e delle provincie autonome di Trento e Bolzano, colpito dagli eccezionali
eventi meteorologici verificatisi a partire dal mese di ottobre 2018". OC. 2/2018 "Approvazione elenchi degli interventi
- Impegno di spesa di Euro 13.472.138,71 ed erogazione di Euro 5.903.639,36". Cod. BIMGEST-164. "DEPURAZIONE
- Pulizia n° 4 vasche Imhoff (Digonera, Pian di Sottoguda, Saviner di Calloneghe, Sorarù)" - Comune di Rocca Pietore -
CUP G52B19000040008 (CUP acquisito da BIM GSP) - CIG ZA426EFD17. Importo complessivo finanziato Euro
10.000,00. Accertamento spesa complessivamente sostenuta per l'intervento e liquidazione.

IL SOGGETTO ATTUATORE
PER IL SETTORE RIPRISTINO SERVIZIO IDRICO

PREMESSO CHE:

• nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle
aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 135 del 27 ottobre 2018, pubblicato sul BUR n. 114 del 16
novembre 2018, è stata attivata e convocata l'Unità di Crisi Regionale U.C.R. ai sensi del "Protocollo operativo per la
gestione delle Emergenze" nell'ambito del Sistema Regionale di Protezione Civile (D.G.R. n. 103 dell'11 febbraio
2013);
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 136 del 28 ottobre 2018, integrato da successivo decreto n.
139 del 29 ottobre 2018, pubblicati sul BUR n. 114 del 16 novembre 2018, a seguito delle criticità riscontrate è stato
dichiarato lo "stato di crisi" ai sensi dell'art. 106, co. 1 lett. a), della L.R. n. 11/2001;
• con Decreto del 29 ottobre 2018, pubblicato nella G.U. n. 253 del 30 ottobre 2018, il Presidente del Consiglio dei
Ministri, ai sensi dell'art. 23, comma 1 del D.Lgs. n. 1/2018, ha disposto la mobilitazione straordinaria del Servizio
Nazionale di Protezione Civile a supporto della Regione Veneto al fine di favorire le operazioni di soccorso nei
territori colpiti dagli eccezionali eventi;
• con Delibera del Consiglio dei Ministri dell'8 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 266 del 15 novembre 2018, in
esito alle attività di cui al predetto decreto, ai sensi dell'art. 7, co. 1 lett. c) e dell'art. 24 del D.Lgs. 2 gennaio 2018 n.
1, è stato deliberato per 12 mesi a far data dal provvedimento medesimo, lo "stato di emergenza" nei territori colpiti
dall'evento;
• la predetta delibera al punto 4 dispone che, per l'attuazione dei primi interventi urgenti di cui all'art. 25, comma 2 lett.
a) e b) del D.Lgs. n. 1/2018, nelle more della valutazione dell'effettivo impatto degli eventi in argomento, si provveda
nel limite di complessivi Euro 53.500.000,00 a valere sul Fondo per le emergenze nazionali di cui all'art. 44, comma 1
del D.Lgs. n. 1/2018, dei quali Euro 15.000.000,00 spettanti alla Regione Veneto;
• il medesimo provvedimento prevede che, per l'attuazione degli interventi da effettuare nella vigenza dello "stato di
emergenza", ai sensi dell'art. 25, del D.Lgs. n. 1/2018, si provvede con ordinanze, emanate dal Capo del Dipartimento
della Protezione civile, acquisita l'intesa della regione e delle province autonome interessate, in deroga a ogni
disposizione vigente e nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento giuridico;
• con successiva Ordinanza n. 558 del 15 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20 novembre 2018, il Capo
del Dipartimento della Protezione Civile, d'intesa con la Regione del Veneto, ha nominato il Presidente della Regione,
Commissario delegato, per fronteggiare l'emergenza derivante dagli eventi calamitosi di cui trattasi;
• con il medesimo provvedimento sono state dettate disposizioni per la realizzazione delle iniziative finalizzate al
superamento dell'emergenza, in particolare l'art. 1 comma 3, prevede che il Commissario delegato predisponga entro
venti giorni dalla pubblicazione dell'O.C.D.P.C., un Piano degli interventi da sottoporre all'approvazione del Capo del
Dipartimento della Protezione Civile;
• il Commissario delegato, con nota prot. n. 511689 del 14 dicembre 2018, ha trasmesso al Capo del Dipartimento della
Protezione Civile il Piano degli interventi di cui all'art. 1, comma 3 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• per la definizione del Piano degli interventi si è fatto riferimento alla ricognizione avviata dal Commissario delegato
nonché alle segnalazioni dei Soggetti Attuatori di cui alla OC n. 1 del 23.11.2018;
• l'indicato piano degli interventi di cui all'art. 1 co. 3 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018 risulta ripartito secondo le
indicazioni di cui all'art. 1, comma 3 della O.C.D.P.C. n. 558/2018 in accantonamenti, interventi di cui alla lettera a)
dell'art. 25 comma 2 ed interventi di cui alla lettera b) dell'art. 25 comma 2, per ammontare complessivo di €
116 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

15.000.000,00;
• con nota prot. n. POST/0073648 del 20 dicembre 2018 il Capo del Dipartimento di Protezione Civile ha approvato il
Piano degli interventi di cui alla OCDPC n. 558/2018 per l'importo complessivo di Euro 14.774.388,71;

VISTA l'Ordinanza del Commissario Delegato n. 1 del 23 novembre 2018 che ha individuato e nominato l'Ing. Sergio Dalvit,
Direttore Tecnico della Società BIM Gestione Servizi Pubblici S.p.A. quale Soggetto Attuatore per il Settore Ripristino
Servizio Idrico per gli interventi individuati con successiva ordinanza del Commissario;

VISTA la nota commissariale n. 55586 del 08 febbraio 2019 dalla quale si evince che il Soggetto Attuatore potrà espletare
anche le funzioni di Responsabile Unico del Procedimento o, come per i lavori di somma urgenza in oggetto, individuarlo, in
avvalimento presso la propria struttura, nella persona del Dott. Ing. Alessandra Leonardi, in forza del provvedimento generale
dell'Amministratore Unico della società ausiliaria BIM Gestione Servizi Pubblici S.p.A. prot. n. 17260 del 30/05/2016;

VISTA l'Ordinanza del Commissario Delegato n. 2 del 20 dicembre 2018 di approvazione, nell'ambito del Piano degli
interventi O.C.D.P.C. N. 558/2018, con riferimento al piano autorizzato dal Capo del Dipartimenti di protezione Civile con
nota prot. 73648 del 20/12/2018, degli elenchi delle attività/interventi per un ammontare complessivo di € 13.222.138,71 come
dettagliato negli allegati da A1 a B4 dell'ordinanza stessa;

DATO ATTO che l'allegato all'O.C. 2/2018 denominato "B-3 - Aziende e Società di Servizi Pubblici essenziali e infrastrutture
interventi conclusi o avviati - lettera b) art. 25 comma 1 D.Lgs 1/2018, assegna le risorse finanziarie necessarie, determinate in
complessivi € 4.478.416,00 e comprende anche l'intervento progressivo BIMGEST - 164 relativo a "DEPURAZIONE - Pulizia
n° 4 vasche Imhoff (Digonera, Pian di Sottoguda, Saviner di Calloneghe, Sorarù)" - Comune di Rocca Pietore, per l'importo
finanziato di € 10.000,00;

RICHIAMATI:

• il verbale di Somma Urgenza del 26 novembre 2018, agli atti dell'Ente Richiedente BIM Gestione Servizi Pubblici
S.p.A. e qui integralmente richiamato per quanto di necessità con cui il Responsabile del Procedimento, Dott. Ing.
Alessandra Leonardi ha ordinato l'immediato avvio lavori di somma urgenza per "la rimozione dei detriti e alberi ad
alto fusto, a seguito degli eventi alluvionali che hanno colpito l'Alto Veneto, alle vasche Imhoff di Sorarù e Piani di
Sottoguda in Comune di Rocca Pietore";
• la nota del Commissario delegato prot. 55586 del 08/02/2019 che, in ipotesi di intervento concluso e liquidato o
parzialmente liquidato dall'Ente richiedente, stabilisce che il Soggetto Attuatore provveda alla definizione di idoneo
provvedimento di accertamento della spesa complessiva e di liquidazione della spesa a favore dell'Ente richiedente
che ha avviato l'intervento;

VISTI, pertanto, in ordine all'opera conclusa individuata al progressivo n. 164 relativo a "DEPURAZIONE - Pulizia n° 4
vasche Imhoff (Digonera, Pian di Sottoguda, Saviner di Calloneghe, Sorarù), di cui all'O.C.D.P.C. N. 558/2018 ed O.C. n.
2/2018, in Comune di Rocca Pietore (BL)":

• il provvedimento dell'Amministratore Unico di BIM Gestione Servizi Pubblici S.p.A del 30.01.2019 prot. 2541 di
approvazione del verbale di somma urgenza e della perizia giustificativa relativa ai lavori di somma urgenza
Intervento COD. BMGEST - 164 relativo a "DEPURAZIONE - Pulizia n° 4 vasche Imhoff (Digonera, Pian di
Sottoguda, Saviner di Calloneghe, Sorarù)"in Comune di Rocca Pietore - CUP G52B19000040008 (CUP acquisito da
BIM GSP), redatta in data 25.01.2018 dal responsabile del procedimento, Dott. Ing. Alessandra Leonardi, dal quale
risulta che gli stessi sono stati regolarmente eseguiti ed ammontano ad € 9.665,00 oltre Iva per € 2.126,30 (in regime
split payment);
• l'apposizione del Visto del Direttore dei lavori, Dott. Ing. Alessandra Leonardi, sulla fattura n. 220 del 31.07.2019
della ditta IMPRESA COSTRUZIONI TOLLOT S.R.L. che sostituisce il certificato di regolare esecuzione dei lavori,
ai sensi del comma 3 art. 15 del Decreto 7/03/18, n. 49 e la corrispondenza del lavoro svolto con quanto fatturato;
• la distinta di avvenuto pagamento della fattura e l'estratto conto bancario;
• la Scheda di monitoraggio sottoscritta dal Soggetto Attuatore, comprensiva di tutte le attestazioni del quadro F;
• la Relazione finale dell'intervento, a firma del Direttore dei lavori, Dott. Ing. Alessandra Leonardi;

ACCERTATO che:

• i sopra elencati documenti rispettano le prescrizioni delle "Specifiche tecniche per la rendicontazione dei soggetti
attuatori nominati con ordinanze commissariali n. 1 e 2/2018", trasmesse dal Commissario Delegato con nota prot.
55586 dell'8/02/19;
• la spesa complessivamente sostenuta e documentata con fattura n. 220 del 31/07/2019 della ditta IMPRESA
COSTRUZIONI TOLLOT S.R.L. ammonta ad € 9.665,00 oltre Iva per € 2.126,30 (in regime split payment), che si
allega, dichiarandone, nel contempo, la conformità all'originale conservato e disponibile presso la sede dell'Ente
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 117
_______________________________________________________________________________________________________

Richiedente BIM Gestione Servizi Pubblici S.p.A.;


• la spesa sostenuta è inerente all'intervento finanziato ed è stata regolarmente pagata, come da contabile di pagamento
del 24.09.2019, che si allega, dichiarandone, nel contempo, la conformità all'originale conservato e disponibile presso
la sede dell'Ente Richiedente BIM Gestione Servizi Pubblici S.p.A.;
• l'Ente Richiedente BIM Gestione Servizi Pubblici S.p.A. ha provveduto all'esecuzione dei lavori in oggetto;
• il lavoro è stato eseguito nel rispetto delle prescrizioni tecniche impartite dalla direzione dei lavori e del computo
allegato alla perizia giustificativa redatta ed approvata ai sensi dell'art. 163 del D.lgs 50/16, come derogato da
Ordinanza 558 del 15/11/18;
• l'importo complessivamente sostenuto risulta congruo ed ammissibile;
• rispetto all'importo finanziato dall'Ordinanza 2/2018, pari ad € 10.000,00, risultano economie per € 335,00;

VISTI:

• il D.Lgs. n. 1/2018;
• la D.C.M. 8 novembre 2018;
• l'O.C.D.P.C. n.558/2018;
• le OO.CC. n. 1 e n. 2/2018;

DECRETA

1. di dare atto che le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
2. di accertare che la spesa complessivamente sostenuta da BIM Gestione Servizi Pubblici S.p.A. per i lavori specificati
in oggetto ammonta ad € 9.665,00 oltre Iva per € 2.126,30 (in regime split payment), come da allegata
documentazione contabile in copia, conservata e disponibile in originale presso la sede dell'Ente Richiedente BIM
Gestione Servizi Pubblici S.p.A. (allegato A composto da n. 28 facciate);
3. di certificare la funzionalità dell'opera in relazione agli obiettivi di finanziamento dell'intervento in oggetto indicato;
4. di liquidare l'importo di € 9.665,00, corrispondente al totale imponibile, in favore di B.I.M. Gestione Servizi Pubblici
S.p.A. per l'intervento individuato al progressivo n. 164 relativo a "DEPURAZIONE - Pulizia n° 4 vasche Imhoff
(Digonera, Pian di Sottoguda, Saviner di Calloneghe, Sorarù)", di cui all'O.C.D.P.C. N. 558/2018 ed O.C. n. 2/2018,
in Comune di Rocca Pietore, a valere sulla contabilità speciale n. 6108 intestata a C.D.PRES.REG.VENETO -
O.558-18, fatto salvo l'esito delle verifiche di cui al successivo capoverso;
5. di demandare all'ufficio di supporto al Commissario Delegato, per la verifica in ordine all'assenza di debiti con
l'agenzia delle entrate, di cui all'art. 48 bis del DPR n. 602/1973, come modificato dall'art. 1 comma 986 della legge n.
505/2017, e la predisposizione dell'ordinativo di pagamento;
6. di pubblicare il presente decreto, ad eccezione dell'allegato A, sul Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto e sul
sito internet della Regione del Veneto nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni
Commissariali e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE PER IL SETTORE RIPRISTINO SERVIZIO IDRICO dott. ing. Sergio Dalvit
118 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409895)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1288 del 10 dicembre 2019
OCDPC n. 558/2018 - DPCM 27 febbraio 2019 - Ordinanza n.9/2019 del Commissario delegato per i primi interventi
urgenti di protezione civile in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici che hanno interessato il territorio della
Regione Veneto, a partire dal mese di ottobre 2018. Affidamento diretto ex art. 36, comma 2, lett- a) del D.Lgs. n.
50/2016 della fornitura di materiali e noli a caldo da erogare nell'ambito della "Prova di Soccorso exe VAIA". C.U.P.
J63H19000350001 C.I.G 79740065EA. IMPORTO FORNITURA: Euro 8.751,06. LIQUIDAZIONE FATTURA
ALL'OPERATORE ECONOMICO COSTRUZIONI FONTANA SRL.

IL SOGGETTO ATTUATORE

PREMESSO che dal giorno 29 ottobre 2018 fino ai primi giorni di novembre 2018 il territorio regionale è stato più volte
colpito da intensi fenomeni meteorologici che hanno causato ingenti danni al patrimonio pubblico e privato, hanno messo in
pericolo l'incolumità delle popolazioni e generato un diffuso stato di emergenza, con conseguente emanazione di più avvisi di
criticità idrogeologica ed idraulica che hanno comportato la dichiarazione della fase operativa di allarme in tutto il territorio
regionale (nota anche come tempesta VAIA);

PREMESSO che il Presidente della Regione ha nell'immediatezza convocato l'Unità di crisi regionale secondo quanto
disposto dalla D.G.R. n. 103 dell'11 febbraio 2013 e con nota prot. n. 437313 del 28 ottobre 2018 ha provveduto a richiedere lo
stato di mobilitazione del Servizio nazionale della protezione civile. Sono sin da subito scattate le operazioni di primo
intervento e di assistenza alla popolazione, di messa in sicurezza delle aree, di controllo delle piene dei fiumi, di ripristino
dell'elettricità, di svuotamento dei locali e di rimozione delle macerie e detriti, con il concorso dei Vigili del Fuoco, del
personale Regionale, del Volontariato di Protezione Civile e delle Amministrazioni locali coinvolte;

PREMESSO che la gravità degli eventi ha determinato la costituzione dell'Unità di Crisi regionale con DPGR n. 135 del 27
ottobre 2018 e la declaratoria di stato di crisi regionale con Decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 136 del 28 ottobre
2018 e n. 139 del 29 ottobre 2018;

VISTA l'Ordinanza del Capo Dipartimento Protezione Civile n. 558 del 15 novembre 2018 che ha nominato il Presidente della
Regione del Veneto Commissario Delegato per i primi interventi urgenti di protezione civile in conseguenza degli eccezionali
eventi meteorologici che hanno interessato il territorio della Regione Veneto dal 27 ottobre al 5 novembre 2018;

VISTA l'Ordinanza del Commissario Delegato n. 9 del 22 maggio 2019 che ha individuato e nominato l'Ing. Luca Soppelsa,
Direttore della Direzione Protezione Civile e Polizia Locale, quale Soggetto Attuatore per la realizzazione dell'Esercitazione
Regionale di protezione civile denominata EXEVAIA 2019 a supporto dei comuni della provincia di Belluno, Verona e
Vicenza colpiti dall'evento meteo del 27 ottobre al 5 novembre 2018, di cui all'Allegato G alla medesima Ordinanza;

CONSIDERATO che con la medesima Ordinanza 9/2019, Allegato G, è stato finanziato l'intervento denominato
"Esercitazione Regionale di protezione civile denominata EXEVAIA 2019 a supporto dei comuni della provincia di Belluno,
Verona e Vicenza colpiti dall'evento meteo del 27 ottobre al 5 novembre 2018", nell'importo di euro 200.000,00, impegnando
le relative risorse sulla Contabilità Speciale 6108 intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18";

CONSIDERATO, che allo scopo è stato previsto l'impiego del Volontariato di Protezione Civile nelle zone colpite per attività
di riduzione del rischio residuo ancora presente nei territori colpiti;

ATTESO, quindi, che risultava necessario ridurre al minimo i disagi che potessero interessare i volontari impegnati nella
realizzazione delle opere previste, predisponendo alcune essenziali azioni di supporto;

RITENUTO opportuno, pertanto, in particolare, appoggiarsi ad una Ditta che fornisca materiali da costruzione e macchine
operatrici a noleggio, in modo da agevolare le Organizzazioni di Volontariato e permettere di iniziare le attività previste da
detta Prova di Soccorso il prima possibile;

DATO ATTO che, in seguito alle riunioni intercorse con le strutture regionali e provinciali di Protezione Civile, oltre che con
i Comuni dell'Unione Montana Alto Astico, si è pervenuto alla definizione di n°18 interventi, da realizzarsi nell'ambito della
suddetta esercitazione, ricadenti nei comuni di Arsiero, Laghi, Lastebasse, Pedemonte, Tonezza del Cimone, Valdastico e Velo
d'Astico;
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 119
_______________________________________________________________________________________________________

VISTO il Decreto n. 170 dell'11 luglio 2019 del Soggetto Attuatore per la realizzazione dell'Esercitazione Regionale di
Protezione Civile denominata EXEVAIA 2019 con il quale si è proceduto all'affidamento diretto, ex art. 36, comma 2, lett- a)
del D.Lgs. n. 50/2016, alla Ditta Costruzioni Fontana Srl con sede in Via G. Marconi, 37 - 36040 Tonezza del Cimone (VI) -
C.F. & P.I. 02902610241, della fornitura di materiali da costruzione e macchine operatrici a noleggio;

RICHIAMATO il Decreto n. 539 del 29 agosto 2019 del Soggetto Attuatore per la realizzazione dell'Esercitazione Regionale
di Protezione Civile denominata EXEVAIA 2019 con il quale si è proceduto alla liquidazione di un primo stralcio delle
prestazioni effettuate;

VISTA la fattura n. 105 del 25.11.2019 dell'Operatore Economico Costruzioni Fontana Srl, con sede in Via G. Marconi, 37 -
36040 Tonezza del Cimone (VI) - C.F. & P.I. 02902610241, dell'importo complessivo di € 8.751,06=IVA Inclusa;

VERIFICATA la regolarità della fornitura e della suddetta fattura, anche tramite la documentazione inviata dall'Unione
Montana Alto Astico con prot. n. 500591 del 20.11.2019;

VISTA la tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi della L. 136/2010 e scheda dati anagrafici;

VISTO il D.U.R.C. Numero Protocollo INAIL 18287508 con scadenza validità 25/03/2020;

RITENUTO pertanto, per le motivazioni sopra esposte, di provvedere:

• alla liquidazione all'operatore economico Costruzioni Fontana Srl, con sede in Via G. Marconi, 37 - 36040 Tonezza
del Cimone (VI) - C.F. & P.I. 02902610241, dell'importo di € 7.173,00, pari all'imponibile IVA, mediante pagamento
sul c/c bancario indicato in fattura;
• di versare all'Erario l'IVA pari ad € 1.578,06 in applicazione delle disposizioni in materia di scissione dei pagamenti;

VISTO il D.Lgs. 18/04/2016 n. 50 e s.m.i.;

VISTA l'O.C.D.P.C. n. 558/2018;

VISTA l'Ordinanza n. 9 del 22 maggio 2019 del Commissario Delegato;

DECRETA

1. Di dare atto che quanto riportato in premessa costituisce parte integrante del presente provvedimento.
2. Di quantificare in € 8.751,06 l'importo per la fornitura materiali da costruzione e macchine operatrici a noleggio,
erogato nell'ambito della "Prova di Soccorso exe VAIA" di cui all'Ordinanza Commissariale n. 9/2019, effettuata dalla
Ditta Costruzioni Fontana Srl, con sede in Via G. Marconi, 37 - 36040 Tonezza del Cimone (VI) - C.F. & P.I.
02902610241 - C.U.P. J63H19000350001 - C.I.G. 79740065EA.
3. Di liquidare la fattura n. 105 del 25 novembre 2019 per l'importo complessivo di € 8.751,06= mediante ordinativo di
pagamento:

♦ di cui € 7.173,00= a favore dell'operatore economico Ditta Costruzioni Fontana Srl, con sede in Via
G. Marconi, 37 - 36040 Tonezza del Cimone (VI) - C.F. & P.I. 02902610241 per la quota relativa
all'imponibile;
♦ di cui € 1.578,06= a favore dell'Erario, per la quota relativa all'IVA.

4. di dare atto che alla liquidazione di spesa di cui al punto 3 si fa fronte con i fondi impegnati a carico della Contabilità
Speciale n. 6108, intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18", come evidenziato con Ordinanza Commissariale
n. 9 del 22.5.2019, che presenta sufficiente disponibilità.
5. di trasmettere all'Ufficio di supporto al Commissario delegato, il presente provvedimento per la predisposizione degli
ordinativi di pagamento, relativi agli importi di cui al punto 3), attraverso la procedura informatica del MEF
denominata GEOCOS, subordinatamente alle verifiche previste dalla normativa vigente.
6. di pubblicare il presente Decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet della Regione del Veneto
nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni Commissariali e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE Ing. Luca Soppelsa


120 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409896)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1289 del 10 dicembre 2019
OCDPC n. 558/2018 - DPCM 27 febbraio 2019 - Ordinanza n.9/2019 del Commissario delegato per i primi interventi
urgenti di protezione civile in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici che hanno interessato il territorio della
Regione Veneto, a partire dal mese di ottobre 2018. Intervento Sostitutivo ai sensi dell'art. 4 comma 2 del D.P.R.
207/2010 per inadempienze contributive della Ditta Bar Ristorante Pizzeria Iris di Galvan Massimo (affidamento
diretto ex art. 36, comma 2, lett- a) del D.Lgs. n. 50/2016 del servizio di ristorazione per colazioni e cene da erogare
nell'ambito della "Prova di Soccorso exe VAIA". C.U.P. J63H19000350001 C.I.G Z56295F9D4. Liquidazione di Euro
1.050,00 a favore dell'INPS di Vicenza e di Euro 105,00 a favore dell'Erario.

IL SOGGETTO ATTUATORE
PER LA REALIZZAZIONE DELL'ESERCITAZIONE REGIONALE
DI PROTEZIONE CIVILE DENOMINATA EXEVAIA 2019

PREMESSO che con Decreto n. 200 del 17 luglio del Soggetto Attuatore per la realizzazione dell'Esercitazione Regionale di
Protezione Civile denominata "EXEVAIA 2019" si è proceduto all'affidamento diretto al Bar Ristorante Pizzeria Iris di Galvan
Massimo - Enego (VI), C.F.GLVMSM70D14A703A - P. IVA 03000280242, ex art. 36, comma 2, lett - a) del D.Lgs. n.
50/2016, per il servizio di erogazione di colazioni e cene per il Volontariato di Protezione Civile impiegato nell'ambito della
"Prova di Soccorso exe VAIA";

VISTA la fattura n. 26 del 22 ottobre 2019 del Bar Ristorante Pizzeria Iris di Galvan Massimo - Enego (VI),
C.F.GLVMSM70D14A703A - P. IVA 03000280242, dell'importo complessivo di € 1.155,00 per il servizio suddetto;

VERIFICATA la regolarità della fornitura e della sopraindicata fattura;

VISTA la tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi della L.136/2010 e scheda dati anagrafici;

DATO ATTO che al fine di procedere alla liquidazione della citata fattura, è stato richiesto più volte per via telematica il
Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC);

RILEVATO che dall'ultimo DURC emesso in data 25.09.2019 risulta permanere una situazione di irregolarità contributiva nei
confronti dell'INPS per l'importo di Euro 18.019,17;

DATO ATTO che con posta elettronica certificata, prot. n. 504906 del 22/11/2019 la stazione appaltante ha comunicato
all'Inps di Vicenza la volontà di attivare l'intervento sostitutivo per l'importo di € 1.050,00, ai sensi dall'art. 4, comma 2 del
D.P.R. 207/2010 e sulla base dei criteri fissati dalle Circolari in materia;

CONSIDERATO che con nota del 26/11/2019, registrata al prot. reg.le in pari data con il n. 510171, l'INPS di Vicenza ha
confermato l'importo, segnalato con il Durc, della inadempienza contributiva nei confronti dell'operatore economico Galvan
Massimo e ha fornito indicazioni per procedere, tramite bonifico bancario, al versamento della somma oggetto dell'intervento
sostitutivo;

RITENUTO pertanto necessario, per le motivazioni sopra esposte, attivare il potere sostitutivo della stazione appaltante,
provvedendo alle liquidazioni:

• di € 1.050,00 pari all'imponibile IVA della fattura n. 26 del 22/10/2019, in favore dell'INPS di Vicenza mediante
bonifico bancario, come da nota prot. n. 510171 del 26/11/2019;
• di € 105,00 corrispondente all'IVA della fattura n. 26 del 22/10/2019, a favore dell'Erario, in applicazione delle
disposizioni in materia di scissione dei pagamenti;

VISTO l'art. 4, comma 2, del D.P.R. n. 207/2010;

VISTO il D.Lgs. 18/04/2016 n. 50 e s.m.i.;

VISTA l'O.C.D.P.C. n. 558/2018;


Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 121
_______________________________________________________________________________________________________

VISTA l'Ordinanza n. 9 del 22 maggio 2019 del Commissario Delegato;

DECRETA

1. Di dare atto che quanto riportato in premessa costituisce parte integrante del presente provvedimento.
2. Di prendere atto della regolarità della fattura n. 26 del 22/10/2019, per l'importo di € 1.155,00, emessa dall'Operatore
economico Bar Ristorante Pizzeria Iris di Galvan Massimo - Enego (VI), C.F.GLVMSM70D14A703A - P.Iva
03000280242, per il servizio di erogazione colazioni e cene per il Volontariato di Protezione Civile impiegato
nell'ambito della Prova di Soccorso EXEVAIA di cui all'Ordinanza Commissariale n. 9/2019.
3. Di procedere all'intervento sostitutivo della stazione appaltante nei confronti dell'operatore economico Ditta Bar
Ristorante Pizzeria Iris di Galvan Massimo - Enego (VI), C.F.GLVMSM70D14A703A - P.Iva 03000280242, ai sensi
dell'art.4 comma 2 del D.P.R. 207/2010.
4. Di liquidare pertanto, l'imponibile della fattura n.26 del 22/10/2019, pari ad € 1.050,00 all'INPS di Vicenza mediante
bonifico bancario, di cui alla nota prot. n. 510171/2019.
5. Di liquidare all'Erario l'importo di € 105,00 corrispondente all'IVA della fattura n. 26 del 22/10/2019, come previsto
dall'art. 17-ter del D.P.R. 633/1972 e dall'art. 1 c. 632 e c. 633 della Legge n. 190/2014.
6. Di dare atto che nulla è più dovuto alla Ditta Bar Ristorante Pizzeria Iris di Galvan Massimo per il servizio oggetto
della sopra citata fattura.
7. Di dare atto che alla spesa di cui ai punti 4 e 5 si farà fronte con i fondi impegnati a carico della Contabilità Speciale
n. 6108, intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18", come evidenziato con Ordinanza Commissariale n. 9 del
22.05.2019, che presenta sufficiente disponibilità.
8. Di trasmettere all'Ufficio di supporto al Commissario delegato, il presente provvedimento per gli adempimenti di
competenza relativi agli importi di cui ai punti 4 e 5 subordinatamente alle verifiche previste dalla normativa vigente.
9. Di pubblicare il presente Decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet della Regione del Veneto
nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alla Gestione Commissariali e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE PER LA REALIZZAZIONE DELL'ESERCITAZIONE REGIONALE DI PROTEZIONE


CIVILE DENOMINATA EXEVAIA 2019 Ing. Luca Soppelsa
122 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409905)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1290 del 10 dicembre 2019
APPALTO 54/2019 SAS - LOTTO N°1 Int. VENSTR. RR1 - CUP J57H19001600001 - CIG 8025277C13.
Aggiudicazione efficace a favore della ditta F.LLI ROMOR S.R.L. per la realizzazione di opere di protezione in alveo e
ripristino solido stradale in località Candaten nel Comune di Sedico (BL), 2° stralcio - LOTTO N°1. Importo
complessivo del presente lotto n° 1: Euro 738.935,42, di cui soggetto a ribasso d'asta Euro 725.056,98 e Euro 13.878,44
per oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso. Piano degli investimenti di cui al comma 1028, art. 1, L. 145/2018
dell'Ordinanza n. 21 del 25 novembre 2019.

IL SOGGETTO ATTUATORE
SETTORE RIPRISTINO VIABILITÀ

Premesso:

• che con Ordinanza del Commissario Delegato n. 21 del 25 novembre 2019 sono stati approvati gli elenchi del Piano
degli interventi di cui all'art. 1, comma 1028, della L. n. 145/2018;
• che, con determinazione a contrarre prot. n. 779/2019 del 09/09/2019, il Soggetto Attuatore per l'Emergenza del
Settore Ripristino Viabilità ha indetto una procedura negoziata, suddivisa in due lotti, ai sensi dell'art. 36, comma 2,
lettera c-bis), del D. Lgs. 50/2016 così come modificato dalla L. 55 del 14/06/2019, derogando alla soglia ivi prevista
in forza dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018, per l'esecuzione dei lavori in oggetto attraverso un sistema di gara telematica;
• che nel suddetto atto è stato stabilito di aggiudicare la gara, lotto per lotto, con il criterio dell'offerta a minor prezzo
(prezzo più basso), inferiore all'importo posto a base di gara, mediante offerta sull'elenco prezzi, determinato ai sensi
dell'art. 36, comma 9-bis del D.Lgs. 50/2016 ss.mm.ii., con l'applicazione, nel caso in cui il numero di offerte
ammesse fosse uguale o superiore a cinque, dell'esclusione automatica prevista dall'art. 97, comma 8, dello stesso
Decreto Legislativo, in forza della deroga di cui all'art. 4 dell'OCDPC n. 558/2018;
• che, come previsto dall'art. 97 comma 3-bis del D. Lgs. 50/2016, qualora il numero delle offerte ammesse fosse
risultato inferiore a cinque, non si sarebbe proceduto alla determinazione della soglia dell'anomalia, fermo restando il
potere di valutare, ai sensi del comma 6, ultimo periodo dell'art. 97 del D.Lgs. 50/2016, la congruità delle offerte,
qualora, in base ad elementi specifici, fossero apparse anormalmente basse;
• che l'importo complessivo del presente lotto n° 1 è di € 738.935,42, di cui soggetto a ribasso d'asta € 725.056,98 e €
13.878,44 per oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso;
• che, in esecuzione alla predetta determinazione, è stata inviata contemporaneamente tramite piattaforma telematica, la
lettera di invito prot. n. 784/2019 del 09/09/2019, a 20 (venti) operatori economici iscritti all'Albo Fornitori
informatizzato istituito da Veneto Strade S.p.A.;
• che sulla piattaforma telematica, entro le ore 20:00 del giorno 25/09/2019, termine così differito con comunicazione
prot. n. 1099/2019 del 21/09/2019, sono pervenute complessivamente n. 27 (ventisette) offerte dalle seguenti Ditte, di
seguito suddivise nei 2 lotti ed elencate secondo l'ordine di inserimento definitivo nel portale:

LOTTO N° 1

1. IPOGEO S.R.L., rappresentata da Miglioranza Graziano con sede legale in Via Industrie n. 9, 32030
Seren del Grappa (Belluno);
2. LC LAVORI S.R.L., rappresentata da Miana Carlo, con sede legale in Via degli Agricoltori 11,
32100 Belluno;
3. CADORE ASFALTI S.R.L. A SOCIO UNICO, rappresentata da Olivotto Nicola, con sede legale in
Zona Artigianale Località Ansogne, 32010 Perarolo di Cadore (Belluno);
4. BORTOLUZZI CELESTE S.R.L., rappresentata da Bortoluzzi Marco con sede legale in Via Feltre
n. 101, 32100 Belluno;
5. TONET S.R.L., rappresentata da Tonet Barbara, con sede legale in Via Zona Industriale n. 6, 32035
Santa Giustina (Belluno);
6. F.LLI DE PRA S.P.A., rappresentata da De Pra Ezio con sede legale in Viale Cadore n. 69, 32014
Ponte nelle Alpi (Belluno);
7. IMPRESA OLIVOTTO S.R.L., rappresentata da Olivotto Antonio con sede legale in Via Nazionale
- Loc. Rivalgo, 32010 Ospitale di Cadore (Belluno);
8. D M S.N.C. di DALLE MULLE MARINO e C., rappresentata da Dalle Mulle Marino con sede
legale in Via Caneval n. 13, 32030 Arsiè (Belluno);
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 123
_______________________________________________________________________________________________________

9. IMPRESA SILVIO PIEROBON S.R.L., rappresentata da Pierobon Silvio Rodolfo con sede legale
in Via Ippolito Caffi n. 130, 32100 Belluno;
10. VENETA21 S.R.L., rappresentata da De Pra Rene', con sede legale in Via Dell'Industria 4, 32016
Alpago (Belluno);
11. DOLOMITI STRADE S.R.L., rappresentata da Bona Francesca con sede legale in Viale del lavoro
n. 38/A, 32016 Alpago (Belluno);
12. F.LLI ROMOR S.R.L., rappresentata da Romor Gino con sede legale in Via Lizzona n. 65, 32014
Ponte Nelle Alpi (Belluno);
13. DEON S.P.A., rappresentata da Schillkowski Klaus con sede legale in Via degli Agricoltori n. 13,
32100 Belluno;

LOTTO N°2

1. GEO+BAU S.R.L., rappresentata da Bortoluzzi Francesco con sede legale in Via Vittorio Emanuele
II n. 25, 33097 Spilimbergo (Pordenone);
2. IPOGEO S.R.L., rappresentata da Miglioranza Graziano con sede legale in Via Industrie n. 9, 32030
Seren del Grappa (Belluno);
3. LC LAVORI S.R.L., rappresentata da Miana Carlo, con sede legale in Via degli Agricoltori 11,
32100 Belluno (Belluno);
4. CADORE ASFALTI S.R.L. A SOCIO UNICO, rappresentata da Olivotto Nicola, con sede legale in
Zona Artigianale Località Ansogne, 32010 Perarolo di Cadore (Belluno);
5. BORTOLUZZI CELESTE S.R.L., rappresentata da Bortoluzzi Marco con sede legale in Via Feltre
n. 101, 32100 Belluno;
6. TONET S.R.L., rappresentata da Tonet Barbara, con sede legale in Via Zona Industriale n. 6, 32035
Santa Giustina (Belluno);
7. F.LLI DE PRA S.P.A., rappresentata da De Pra Ezio con sede legale in Viale Cadore n. 69, 32014
Ponte nelle Alpi (Belluno);
8. IMPRESA OLIVOTTO S.R.L., rappresentata da Olivotto Antonio con sede legale in Via Nazionale
- Loc. Rivalgo, 32010 Ospitale di Cadore (Belluno);
9. D M S.N.C. di DALLE MULLE MARINO e C., rappresentata da Dalle Mulle Marino con sede
legale in Via Caneval n. 13, 32030 Arsiè (Belluno);
10. IMPRESA SILVIO PIEROBON S.R.L., rappresentata da Pierobon Silvio Rodolfo con sede legale
in Via Ippolito Caffi n. 130, 32100 Belluno;
11. DOLOMITI STRADE S.R.L., rappresentata da Bona Francesca con sede legale in Viale del lavoro
n. 38/A, 32016 Alpago (belluno);
12. VENETA21 S.R.L., rappresentata da De Pra Rene', con sede legale in Via Dell'Industria 4, 32016
Alpago (Belluno);
13. F.LLI ROMOR S.R.L., rappresentata da Romor Gino con sede legale in Via Lizzona n. 65, 32014
Ponte Nelle Alpi (Belluno);
14. DEON S.P.A., rappresentata da Schillkowski Klaus con sede legale in Via degli Agricoltori n. 13,
32100 Belluno;

• che, in data 26/09/2019, si è svolta la seduta pubblica, il cui verbale prot. n. 1269/2019 del 26/09/2019 si richiama
integralmente, nel corso della quale si è proceduto - tra l'altro - alla lettura delle offerte economiche presentate dalle n.
13 (tredici) ditte ammesse del lotto 1;
• che, essendo le ditte ammesse al Lotto n. 1 in numero superiore a cinque, è stata calcolata la soglia di anomalia tramite
piattaforma telematica applicando la formula di cui all'art. 97, comma 2-bis, D. Lgs. 50/2016, che è risultata essere del
20,91453%;
• che si è proceduto all'esclusione automatica di cui all'art. 97, comma 8, del D.Lgs. 50/2016;
• che ai sensi dell'art. 33, comma 1, del D.lgs. 50/2016 il Presidente di Gara ha proposto quale potenziale aggiudicatario
il concorrente F.LLI ROMOR S.R.L., con sede legale in Via Lizzona n. 65, 32014 Ponte Nelle Alpi (Belluno), C.F.
e P.I. 04588680266, in persona del legale rappresentante, il Signor Gino Romor, che ha presentato un ribasso pari al
18,500 % su un importo a base d'asta di € 725.056,98, oltre a oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso pari a €
13.878,44;
• che è stata verificata l'insussistenza dei motivi di esclusione di cui all'art. 80 del D.Lgs. n. 50/2016 e ss.mm.ii.;
• che è stata verificata la sussistenza dei requisiti di capacità economica e finanziaria e dei requisiti di capacità tecnica e
professionale di cui all'art. 83, comma 1, del D.Lgs. 50/2016 e ss.mm.ii.;
• che l'operatore economico ha presentato l'autocertificazione antimafia di cui all'art. 89 del D.Lgs. 159/2011 e risulta
iscritto all'elenco di cui all'art. 52 della L. 190/2012 (White List) della Prefettura di Belluno con scadenza 19/10/2018
in corso di rinnovo;
• che con disposizione prot. n. 1689/2019 del 07/11/2019 il Dirigente del Servizio Gare di Veneto Strade ha disposto
l'approvazione della proposta di aggiudicazione dei lavori in oggetto alla ditta F.LLI ROMOR S.R.L., con sede
124 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

legale in Via Lizzona n. 65, 32014 Ponte Nelle Alpi (Belluno), C.F. e P.I. 04588680266, in persona del legale
rappresentante, il Signor Gino Romor, che ha presentato un ribasso pari al 18,500 % su un importo a base d'asta di €
725.056,98, oltre a oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso pari a € 13.878,44, attestandone, ai sensi dell'art. 32
comma 7 del D.Lgs. 50/2016, l'immediata efficacia visto l'esito positivo delle verifiche dei requisiti prescritti in capo
all'aggiudicatario di cui all'art. 80 del medesimo decreto;

tutto ciò premesso:

DECRETA

• l'approvazione dell'aggiudicazione, di cui alla disposizione prot. n. 1689/2019 del 07/11/2019 del Dirigente
dell'Servizio Gare di Veneto Strade, dei lavori in oggetto alla ditta F.LLI ROMOR S.R.L., con sede legale in Via
Lizzona n. 65, 32014 Ponte Nelle Alpi (Belluno), C.F. e P.I. 04588680266, in persona del legale rappresentante, il
Signor Gino Romor, che ha presentato un ribasso pari al 18,500 % su un importo a base d'asta di € 725.056,98, oltre a
oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso pari a € 13.878,44, per un importo contrattuale pari a € 604.799,89;
• che i lavori trovano copertura finanziaria negli elenchi del Piano degli interventi dell'Ordinanza del Commissario
Delegato n. 21 del 25 novembre 2019, Piano degli interventi di cui all'art 1, comma 1028, della L. n. 145/2018;
• che allo scopo di consentire la semplificazione della procedura di affidamento e l'adeguamento della relativa
tempistica al contesto emergenziale, e vista l'avvenuta consegna parziale e anticipata dei lavori in data 27/09/2019 ai
sensi dell'art. 32 c. 8, c. 13 del D.Lgs. 50/2016, e s.m.i. e art. 5 D.M. 49/2018, in applicazione della deroga prevista
dall'art. 4 comma 3 dell'OCDPC n.558/2018, si procederà alla stipula dell'atto di affidamento in deroga al termine
dilatorio di cui all'art. 32, comma 9, del Lgs. 50/2016;
• di dare atto, ai sensi dell'art. 29 del D.Lgs. 50/2016 che:
♦ il presente Decreto sarà pubblicato sul sito internet di Veneto Strade S.p.a. nell'apposita sezione Piattaforma
Gare e Albo Fornitori http://venetostrade.acquistitelematici.it, sul sito internet della Regione del Veneto
nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alla Gestione Commissariali e Post Emergenziali e sul
BUR della Regione del Veneto;
♦ gli atti relativi alla procedura in oggetto saranno pubblicati ed aggiornati sulla piattaforma telematica
http://venetostrade.acquistitelematici.it con l'applicazione delle disposizioni di cui al decreto legislativo
33/2013.

IL SOGGETTO ATTUATORE SETTORE RIPRISTINO VIABILITA' Ing. Silvano Vernizzi


Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 125
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409906)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1291 del 10 dicembre 2019
APPALTO 54/2019 SAS - LOTTO N° 2 Int. VENSTR. 109 - CUP J57H19001210001 - CIG 80252841DD.
Aggiudicazione efficace a favore della ditta IMPRESA OLIVOTTO S.R.L. per la realizzazione di opere di protezione in
alveo e ripristino solido stradale in località Candaten nel Comune di Sedico (BL), 1° stralcio - LOTTO N° 2. Importo
complessivo del presente lotto n° 2: Euro 522.071,09, di cui soggetto a ribasso d'asta Euro 511.932,19 e Euro 10.138,90
per oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso. Piano degli investimenti di cui all'art. 24 quater, L. 136/2018
dell'Ordinanza n. 9 del 22 maggio 2019.

IL SOGGETTO ATTUATORE
SETTORE RIPRISTINO VIABILITÀ

Premesso:

• che con Ordinanza del Commissario Delegato n. 9 del 22 maggio 2019 sono stati approvati gli elenchi del Piano degli
interventi di cui all'art. 24 quater, L. 136/2018;
• che, con determinazione a contrarre prot. n. 779/2019 del 09/09/2019, il Soggetto Attuatore per l'Emergenza del
Settore Ripristino Viabilità ha indetto una procedura negoziata, suddivisa in due lotti, ai sensi dell'art. 36, comma 2,
lettera c-bis), del D. Lgs. 50/2016 così come modificato dalla L. 55 del 14/06/2019, derogando alla soglia ivi prevista
in forza dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018, per l'esecuzione dei lavori in oggetto attraverso un sistema di gara telematica;
• che nel suddetto atto è stato stabilito di aggiudicare la gara, lotto per lotto, con il criterio dell'offerta a minor prezzo
(prezzo più basso), inferiore all'importo posto a base di gara, mediante offerta sull'elenco prezzi, determinato ai sensi
dell'art. 36, comma 9-bis del D.Lgs. 50/2016 ss.mm.ii., con l'applicazione, nel caso in cui il numero di offerte
ammesse fosse uguale o superiore a cinque, dell'esclusione automatica prevista dall'art. 97, comma 8, dello stesso
Decreto Legislativo, in forza della deroga di cui all'art. 4 dell'OCDPC n. 558/2018;
• che, come previsto dall'art. 97 comma 3-bis del D. Lgs. 50/2016, qualora il numero delle offerte ammesse fosse
risultato inferiore a cinque, non si sarebbe proceduto alla determinazione della soglia dell'anomalia, fermo restando il
potere di valutare, ai sensi del comma 6, ultimo periodo dell'art. 97 del D.Lgs. 50/2016, la congruità delle offerte,
qualora, in base ad elementi specifici, fossero apparse anormalmente basse;
• che l'importo complessivo del presente lotto n° 2 è di € 522.071,09, di cui soggetto a ribasso d'asta € 511.932,19 e €
10.138,90 per oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso;
• che, in esecuzione alla predetta determinazione, è stata inviata contemporaneamente tramite piattaforma telematica, la
lettera di invito prot. n. 784/2019 del 09/09/2019, a 20 (venti) operatori economici iscritti all'Albo Fornitori
informatizzato istituito da Veneto Strade S.p.A.;
• che sulla piattaforma telematica, entro le ore 20:00 del giorno 25/09/2019, termine così differito con comunicazione
prot. n. 1099/2019 del 21/09/2019, sono pervenute complessivamente n. 27 (ventisette) offerte dalle seguenti Ditte, di
seguito suddivise nei 2 lotti ed elencate secondo l'ordine di inserimento definitivo nel portale:

LOTTO N° 1

1. IPOGEO S.R.L., rappresentata da Miglioranza Graziano con sede legale in Via Industrie n. 9, 32030
Seren del Grappa (Belluno);
2. LC LAVORI S.R.L., rappresentata da Miana Carlo, con sede legale in Via degli Agricoltori 11,
32100 Belluno;
3. CADORE ASFALTI S.R.L. A SOCIO UNICO, rappresentata da Olivotto Nicola, con sede legale in
Zona Artigianale Località Ansogne, 32010 Perarolo di Cadore (Belluno);
4. BORTOLUZZI CELESTE S.R.L., rappresentata da Bortoluzzi Marco con sede legale in Via Feltre
n. 101, 32100 Belluno;
5. TONET S.R.L., rappresentata da Tonet Barbara, con sede legale in Via Zona Industriale n. 6, 32035
Santa Giustina (Belluno);
6. F.LLI DE PRA S.P.A., rappresentata da De Pra Ezio con sede legale in Viale Cadore n. 69, 32014
Ponte nelle Alpi (Belluno);
7. IMPRESA OLIVOTTO S.R.L., rappresentata da Olivotto Antonio con sede legale in Via Nazionale
- Loc. Rivalgo, 32010 Ospitale di Cadore (Belluno);
8. D M S.N.C. di DALLE MULLE MARINO e C., rappresentata da Dalle Mulle Marino con sede
legale in Via Caneval n. 13, 32030 Arsiè (Belluno);
126 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

9. IMPRESA SILVIO PIEROBON S.R.L., rappresentata da Pierobon Silvio Rodolfo con sede legale
in Via Ippolito Caffi n. 130, 32100 Belluno;
10. VENETA21 S.R.L., rappresentata da De Pra Rene', con sede legale in Via Dell'Industria 4, 32016
Alpago (Belluno);
11. DOLOMITI STRADE S.R.L., rappresentata da Bona Francesca con sede legale in Viale del lavoro
n. 38/A, 32016 Alpago (Belluno);
12. F.LLI ROMOR S.R.L., rappresentata da Romor Gino con sede legale in Via Lizzona n. 65, 32014
Ponte Nelle Alpi (Belluno);
13. DEON S.P.A., rappresentata da Schillkowski Klaus con sede legale in Via degli Agricoltori n. 13,
32100 Belluno;

LOTTO N°2

1. GEO+BAU S.R.L., rappresentata da Bortoluzzi Francesco con sede legale in Via Vittorio Emanuele
II n. 25, 33097 Spilimbergo (Pordenone);
2. IPOGEO S.R.L., rappresentata da Miglioranza Graziano con sede legale in Via Industrie n. 9, 32030
Seren del Grappa (Belluno);
3. LC LAVORI S.R.L., rappresentata da Miana Carlo, con sede legale in Via degli Agricoltori 11,
32100 Belluno (Belluno);
4. CADORE ASFALTI S.R.L. A SOCIO UNICO, rappresentata da Olivotto Nicola, con sede legale in
Zona Artigianale Località Ansogne, 32010 Perarolo di Cadore (Belluno);
5. BORTOLUZZI CELESTE S.R.L., rappresentata da Bortoluzzi Marco con sede legale in Via Feltre
n. 101, 32100 Belluno;
6. TONET S.R.L., rappresentata da Tonet Barbara, con sede legale in Via Zona Industriale n. 6, 32035
Santa Giustina (Belluno);
7. F.LLI DE PRA S.P.A., rappresentata da De Pra Ezio con sede legale in Viale Cadore n. 69, 32014
Ponte nelle Alpi (Belluno);
8. IMPRESA OLIVOTTO S.R.L., rappresentata da Olivotto Antonio con sede legale in Via Nazionale
- Loc. Rivalgo, 32010 Ospitale di Cadore (Belluno);
9. D M S.N.C. di DALLE MULLE MARINO e C., rappresentata da Dalle Mulle Marino con sede
legale in Via Caneval n. 13, 32030 Arsiè (Belluno);
10. IMPRESA SILVIO PIEROBON S.R.L., rappresentata da Pierobon Silvio Rodolfo con sede legale
in Via Ippolito Caffi n. 130, 32100 Belluno;
11. DOLOMITI STRADE S.R.L., rappresentata da Bona Francesca con sede legale in Viale del lavoro
n. 38/A, 32016 Alpago (belluno);
12. VENETA21 S.R.L., rappresentata da De Pra Rene', con sede legale in Via Dell'Industria 4, 32016
Alpago (Belluno);
13. F.LLI ROMOR S.R.L., rappresentata da Romor Gino con sede legale in Via Lizzona n. 65, 32014
Ponte Nelle Alpi (Belluno);
14. DEON S.P.A., rappresentata da Schillkowski Klaus con sede legale in Via degli Agricoltori n. 13,
32100 Belluno;

• che, in data 26/09/2019, si è svolta la seduta pubblica, il cui verbale prot. n. 1269/2019 del 26/09/2019 si richiama
integralmente, nel corso della quale si è proceduto - tra l'altro - alla lettura delle offerte economiche presentate dalle n.
14 (quattordici) ditte ammesse del lotto 2;
• che, essendo le ditte ammesse al Lotto n. 2 in numero superiore a cinque, è stata calcolata la soglia di anomalia tramite
piattaforma telematica applicando la formula di cui all'art. 97, comma 2-bis, D. Lgs. 50/2016, che è risultata essere del
22,16484%;
• che si è proceduto all'esclusione automatica di cui all'art. 97, comma 8, del D.Lgs. 50/2016;
• che ai sensi dell'art. 33, comma 1, del D.lgs. 50/2016 il Presidente di Gara ha proposto quale potenziale aggiudicatario
il concorrente IMPRESA OLIVOTTO S.R.L., con sede legale in Via Nazionale - Loc. Rivalgo, 32010 Ospitale di
Cadore (Belluno), C.F. e P.I. 00078440252, in persona del legale rappresentante, il Signor Antonio Olivotto, che ha
presentato un ribasso pari al 21,647 % su un importo a base d'asta di € 511.932,19, oltre a oneri per la sicurezza non
soggetti a ribasso pari a € 10.138,90;
• che è stata verificata l'insussistenza dei motivi di esclusione di cui all'art. 80 del D.Lgs. n. 50/2016 e ss.mm.ii.;
• che è stata verificata la sussistenza dei requisiti di capacità economica e finanziaria e dei requisiti di capacità tecnica e
professionale di cui all'art. 83, comma 1, del D.Lgs. 50/2016 e ss.mm.ii.;
• che l'operatore economico ha presentato l'autocertificazione antimafia di cui all'art. 89 del D.Lgs. 159/2011 e risulta
iscritto all'elenco di cui all'art. 52 della L. 190/2012 (White List) della Prefettura di Belluno con scadenza 20/12/2018
in corso di rinnovo;
• che con disposizione prot. n. 1690/2019 del 07/11/2019 il Dirigente del Servizio Gare di Veneto Strade ha disposto
l'approvazione della proposta di aggiudicazione dei lavori in oggetto alla ditta IMPRESA OLIVOTTO S.R.L., con
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 127
_______________________________________________________________________________________________________

sede legale in Via Nazionale - Loc. Rivalgo, 32010 Ospitale di Cadore (Belluno), C.F. e P.I. 00078440252, in
persona del legale rappresentante, il Signor Antonio Olivotto, che ha presentato un ribasso pari al 21,647 % su un
importo a base d'asta di € 511.932,19, oltre a oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso pari a € 10.138,90,
attestandone, ai sensi dell'art. 32 comma 7 del D.Lgs. 50/2016, l'immediata efficacia visto l'esito positivo delle
verifiche dei requisiti prescritti in capo all'aggiudicatario di cui all'art. 80 del medesimo decreto;

tutto ciò premesso:

DECRETA

• l'approvazione dell'aggiudicazione, di cui alla disposizione prot. n. 1690/2019 del 07/11/2019 del Dirigente
dell'Servizio Gare di Veneto Strade, dei lavori in oggetto alla ditta IMPRESA OLIVOTTO S.R.L., con sede legale
in Via Nazionale - Loc. Rivalgo, 32010 Ospitale di Cadore (Belluno), C.F. e P.I. 00078440252, in persona del
legale rappresentante, il Signor Antonio Olivotto, che ha presentato un ribasso pari al 21,647 % su un importo a base
d'asta di € 511.932,19, oltre a oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso pari a € 10.138,90, per un importo
contrattuale pari a € 411.253,13;
• che i lavori trovano copertura finanziaria negli elenchi del Piano degli interventi dell'Ordinanza del Commissario
Delegato n. 9 del 22 maggio 2019, Piano degli interventi di cui all'art 24 quater, L. 136/2018;
• che allo scopo di consentire la semplificazione della procedura di affidamento e l'adeguamento della relativa
tempistica al contesto emergenziale, e vista l'avvenuta consegna parziale e anticipata dei lavori in data 27/09/2019 ai
sensi dell'art. 32 c. 8, c. 13 del D.Lgs. 50/2016, e s.m.i. e art. 5 D.M. 49/2018, in applicazione della deroga prevista
dall'art. 4 comma 3 dell'OCDPC n.558/2018, si procederà alla stipula dell'atto di affidamento in deroga al termine
dilatorio di cui all'art. 32, comma 9, del Lgs. 50/2016;
• di dare atto, ai sensi dell'art. 29 del D.Lgs. 50/2016 che:
♦ il presente Decreto sarà pubblicato sul sito internet di Veneto Strade S.p.a. nell'apposita sezione Piattaforma
Gare e Albo Fornitori http://venetostrade.acquistitelematici.it, sul sito internet della Regione del Veneto
nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alla Gestione Commissariali e Post Emergenziali e sul
BUR della Regione del Veneto;
♦ gli atti relativi alla procedura in oggetto saranno pubblicati ed aggiornati sulla piattaforma telematica
http://venetostrade.acquistitelematici.it con l'applicazione delle disposizioni di cui al decreto legislativo
33/2013.

IL SOGGETTO ATTUATORE SETTORE RIPRISTINO VIABILITA' Ing. Silvano Vernizzi


128 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409907)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1292 del 10 dicembre 2019
O.C.D.P.C. n. 558 del 15 novembre 2018. Ministero della Difesa - Stato Maggiore dell'Esercito -Interventi di cui alla
O.C. n. 2 del 20 dicembre 2018, Allegato A2. Importo totale finanziato Euro 91.873,48. Determinazione del contributo
definitivo Euro 78.416.60. Acconto erogato Euro 0. Liquidazione quota residua Euro 78.416.60. Economie quantificate a
valere sulla c.s. n° 6108 Euro 13.456,88.

IL COORDINATORE
DELL'UFFICIO DI SUPPORTO AL COMMISSARIO DELEGATO

PREMESSO CHE

• nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle
aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;

• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 135 del 27 ottobre 2018, pubblicato sul BUR n. 114 del 16
novembre 2018, è stata attivata e convocata l'Unità di Crisi Regionale ai sensi del "Protocollo operativo per la
gestione delle Emergenze" nell'ambito del Sistema Regionale di Protezione Civile (D.G.R. n. 103 dell'11 febbraio
2013);

• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 136 del 28 ottobre 2018, integrato da successivo Decreto n.
139 del 29 ottobre 2018, pubblicati sul BUR n. 114 del 16 novembre 2018, a seguito delle criticità riscontrate è stato
dichiarato lo "stato di crisi" ai sensi dell'art. 106, comma 1 lett. a) della L.R. n. 11/2001;

• con Decreto del 29 ottobre 2018, pubblicato nella G.U. n. 253 del 30 ottobre 2018, il Presidente del Consiglio dei
Ministri, ai sensi dell'art. 23, comma 1 del D.Lgs. n. 1/2018, ha disposto la mobilitazione straordinaria del Servizio
Nazionale di Protezione Civile a supporto della Regione Veneto al fine di favorire le operazioni di soccorso nei
territori colpiti dagli eccezionali eventi;

• con Delibera del Consiglio dei Ministri (D.C.M.) dell'8 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 266 del 15 novembre
2018, in esito alle attività di cui al predetto decreto, ai sensi dell'art. 7, comma 1 lett. c) e dell'art. 24 del D. Lgs. n.
1/2018, è stato deliberato, per 12 mesi a far data dal provvedimento medesimo, lo "stato di emergenza" nei territori
colpiti dall'evento;

• la predetta Delibera al punto 4 dispone che, per l'attuazione dei primi interventi urgenti di cui all'art. 25, comma 2 lett.
a) e b) del D. Lgs. n. 1/2018, nelle more della valutazione dell'effettivo impatto degli eventi in argomento, si provveda
nel limite di complessivi Euro 53.500.000,00 a valere sul Fondo per le emergenze nazionali di cui all'art. 44, comma 1
del D. Lgs. n. 1/2018, dei quali Euro 15.000.000,00 spettanti alla Regione Veneto;

• la sopraccitata Delibera prevede che, per l'attuazione degli interventi da effettuare nella vigenza dello "stato di
emergenza", ai sensi dell'art. 25, del D. Lgs. n. 1/2018, si provveda con ordinanze, emanate dal Capo del Dipartimento
della Protezione Civile, acquisita l'intesa della Regione e delle Province Autonome interessate, in deroga a ogni
disposizione vigente e nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento giuridico;

• con successiva Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile (O.C.D.P.C.) n. 558 del 15 novembre
2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20 novembre 2018, d'intesa con la Regione del Veneto, è stato nominato il
Presidente della Regione quale Commissario delegato, per fronteggiare l'emergenza derivante dagli eventi calamitosi
di cui trattasi;

• con il medesimo provvedimento sono state dettate disposizioni per la realizzazione delle iniziative finalizzate al
superamento dell'emergenza, in particolare l'art. 1 comma 3, prevede che il Commissario delegato predisponga entro
venti giorni dalla pubblicazione dell'O.C.D.P.C., un Piano degli interventi da sottoporre all'approvazione del Capo del
Dipartimento della Protezione Civile;
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 129
_______________________________________________________________________________________________________

• il Commissario delegato, con nota prot. n. 511689 del 14 dicembre 2018, ha trasmesso al Capo del Dipartimento della
Protezione Civile il Piano degli interventi di cui all'art. 1, comma 3 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018;

• con nota prot. n. POST/0073648 del 20 dicembre 2018 nonché da ultimo con nota n. n. POST/0032469 del 21 giugno
2019 il Capo del Dipartimento di Protezione Civile ha approvato il Piano degli interventi per l'importo complessivo di
Euro 15.000.000,00, di cui:

♦ Euro 1.527.861,29 per accantonamenti relativi alle seguenti voci: contributi per l'autonoma
sistemazione ai sensi dell'art. 5 della O.C.D.P.C. n. 558/2018 (Euro 200.000,00), presidio anti
sciacallaggio ai sensi dell'art. 8 della O.C.D.P.C. n. 558/2018 (Euro 298.000,00), rimborsi al
volontariato ai sensi dell'art. 10 della O.C.D.P.C. n. 558/2018 (Euro 100.000,00), spese funerarie ai
sensi dell'art. 13 della O.C.D.P.C. n. 558/2018 (Euro 4.250,00), supporto dei Comuni agli Enti locali
colpiti ai sensi dell'art. 1 della O.C.D.P.C. n. 559/2018 (Euro 100.000,00), oneri per prestazioni di
lavoro straordinario ai sensi dell'art. 1 della O.C.D.P.C. n. 559/2018 (Euro 600.000,00), ulteriori
rimborsi ai sensi dell'art. 10 della O.C.D.P.C. n. 558/2018 relativamente all'esercitazione VAIA
(Euro 225.611,29);
♦ Euro 1.229.189,30 per interventi di tipo a) di cui all'art. 1, comma 3, lett. a) della O.C.D.P.C. n.
558/2018;
♦ Euro 11.992.949,41 per interventi di tipo b) di cui all'art. 1, comma 3, lett. b) della O.C.D.P.C. n.
558/2018;
♦ Euro 250.000,00 per interventi di particolare urgenza per la gestione del rischio valanghivo;

• in relazione al Piano autorizzato con le note dipartimentali sopra citate, il Commissario delegato, ad oggi, ha assunto
impegni di spesa, a valere sulle risorse stanziate con D.C.M. 8 novembre 2018 e trasferite alla C.S. n. 6108, per un
importo complessivo pari ad Euro 13.897.750,00, di cui Euro 13.472.138,71 ai sensi della O.C. n. 2 del 20 dicembre
2018, ed Euro 200.000,00 ai sensi della O.C. n. 3 del 14 febbraio 2019 ed Euro 225.611,29 con O.C. n. 12/2019;

• con nota prot. n. 249408 del 29 novembre 2018 il Ministero dell'Economia e delle Finanze - Dipartimento della
Ragioneria Generale dello Stato, ha comunicato l'apertura, presso la Tesoreria dello Stato di Venezia, della Contabilità
Speciale n. 6108 intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO - O.558-18", all'interno della quale, con quietanza in data 17
dicembre 2018, è stato disposto l'accreditamento delle risorse stanziate con la suddetta Delibera, di importo pari ad
Euro 15.000.000,00;

• con riferimento alla Contabilità Speciale, la provenienza dei fondi è così definita: trasferimenti da Amministrazioni
Autonome, Ragioneria codice 960, stato di previsione codice 19, appendice codice 6, capitolo 979;

RICHIAMATA l'O.C. n. 5 del 2 aprile 2019 che all'art. 9 definisce le nuove attribuzioni del Coordinatore della struttura di
supporto al commissario affidando allo stesso anche compiti accertativi in ordine alla verifica delle rendicontazioni dei
Soggetti Attuatori ai fini delle relative liquidazioni, qualora dovute, e il pagamento in avanzamento o a saldo;

VISTA l'O.C. n. 2/2018 con la quale, in particolare, sono state impegnate risorse di importo complessivo pari ad Euro
13.472.138,71 a favore di varie Amministrazioni/Enti per il finanziamento di attività/interventi nonché liquidati acconti di
importo complessivo pari ad Euro 5.903.639,36 a favore dei Comuni evidenziati nell'allegato D alla medesima Ordinanza, a
valere sulla C.S. n. 6108;

DATO ATTO che con la sopraccitata O.C. n. 2/2018 Allegati A2, sono stati assegnati all'Esercito Italiano finanziamenti di
importo complessivo pari ad Euro 91.873,48, per gli interventi nello specifico indicati in Tabella A, nel seguito riportata;

VISTA la nota del Coordinatore dell'Ufficio di supporto al Commissario delegato prot. n. 25068 del 21 gennaio 2019, con la
quale sono state comunicate, alle Prefetture di Rovigo, Verona, Belluno e Treviso le modalità di rendicontazione dei
finanziamenti assegnati, invitando le medesime amministrazioni a coordinare anche la raccolta dei documenti di
rendicontazione delle Forze Armate, Guardia di Finanza, Vigili del Fuoco ed Esercito;

VISTA la nota n. 53915 del 14 marzo 2019, assunta al protocollo del Commissario Delegato n. 111145 del 19 marzo 2019, con
cui l'Esercito Italiano, coerentemente con le modalità di rendicontazione, ha trasmesso gli oneri finali sostenuti per gli
interventi di cui alla Tabella A per un importo complessivo ammissibile di Euro 86.086,27 di cui, tenuto conto dei
finanziamenti assegnati ai sensi della OC n. 2/2018, risulta ammissibile l'importo di Euro 78.416,60, (con una differenza fra i
sopracitati importi pari a Euro 7.669,67);

CONSIDERATO che, con riferimento ai sopraccitati interventi, l'Esercito Italiano ha precisato che:
130 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

• non sono oggetto di finanziamento da parte di altri contributi pubblici o risarcimenti corrisposti sulla base di polizze
assicurative;

• sono causalmente connessi con le eccezionali avversità atmosferiche verificatesi nei giorni dal 27 ottobre al 5
novembre 2018;

• sono conformi a quanto indicato nel provvedimento di finanziamento e le opere realizzate sono state condotte secondo
la normativa vigente in materia di lavori pubblici e del relativo regolamento di attuazione;

DATO ATTO che, sulla base della documentazione prodotta dall'Esercito Italiano e in riferimento a quanto sopra indicato, per
gli interventi in esame risulta il seguente quadro riepilogativo:

Tabella A

Di cui
Importo
Contributo Economie
gia'
Cod. Provv. Di Importo Importo Definitivo Tipo di ECONOMIE già
Descrizione Località Erogato
int. Finanz. Finanziato Rendicontato ammissibile Liquid. TOTALI presenti
(OC n.
e liquidabile nella C.S.
2/2018)
6108
Intervento nella prima
fase emergenziale volto
ad assicurare soccorso,
assistenza e ricovero
della popolazione
EI-1 colpita. Impiego di Feltre (BL) 4.556,18 0,00 3.456,38 3.456,38 SALDO 1.099,80 1.099,80
personale, mezzi ed
attrezzature tecnico
specialistiche del genio
per taglio alberature e
messa in sicurezza tetti.
Intervento nella prima
fase emergenziale volto
ad assicurare soccorso,
assistenza e ricovero
della popolazione
colpita. Impiego di
Provincia di
personale, mezzi ed
Belluno
attrezzature tecnico
EI-2 Feltre (BL) 25.604,48 0,00 24.545,08 24.545,08 SALDO 1.059,40 1.059,40
specialistiche del genio e
Monfalcone
trasporto blocchi di
(GO)
cemento per rinforzo
argini corso d'acqua.
Rimozione detriti alveo
corsi d'acqua,
capitozzatura alberi
pericolosi.
Intervento nella prima
fase emergenziale volto
ad assicurare soccorso,
assistenza e ricovero
della popolazione
Auronzo di
EI-3 colpita. Impiego di 1.869,25 0,00 1.417,00 1.417,00 SALDO 452,25 452,25
Cadore (BL)
personale, mezzi ed
attrezzature tecnico
specialistiche del genio
per taglio alberature e O.C. n. 2
messa in sicurezza tetti. del 20
Intervento nella prima dicembre
fase emergenziale volto 2018,
ad assicurare soccorso, Allegato
assistenza e ricovero Zone varie A2
EI-4 della popolazione nei pressi di 1.300,00 0,00 1.300,00 1.300,00 SALDO 0,00 0,00
colpita. Impiego di Agordo (BL)
personale, mezzi ed
attrezzature tecnico
specialistiche.
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 131
_______________________________________________________________________________________________________

EI-5 Intervento nella prima Portogruaro 43.761,66 0,00 34.782,17 34.782,17 SALDO 8.979,49 8.979,49
fase emergenziale volto (VE)
ad assicurare soccorso, Fagarè della
assistenza e ricovero battaglia
della popolazione (TV)
colpita. Impiego di Auronzo di
personale, mezzi ed Cadore (BL)
attrezzature tecnico
specialistiche del genio
per ripristino viabilità e
rimozione detriti.
Intervento nella prima
fase emergenziale volto
ad assicurare soccorso,
assistenza e ricovero
della popolazione
EI-6 Agordo (BL) 1.660,60 0,00 480,48 480,48 SALDO 1.180,12 1.180,12
colpita. Impiego di
personale, mezzi ed
attrezzature tecnico
specialistiche del genio
per taglio alberature.
Intervento nella prima
fase emergenziale volto
ad assicurare soccorso,
San Donà di
assistenza e ricovero
Piave (VE)
della popolazione
Ponte di
EI-7 colpita. Impiego di mezzi 2.054,58 0,00 1.368,76 1.368,76 SALDO 685,82 685,82
Piave (TV)
anfibi per
Provincia di
trasporto/recupero
Belluno
personale civile e
successivamente di una
autogrù C400.
Intervento nella prima
fase emergenziale volto
ad assicurare soccorso,
assistenza e ricovero
della popolazione
Provincia di
EI-8 colpita. Impiego di 11.066,73 0,00 18.736,40 11.066,73 SALDO 0,00 0,00
Belluno
personale, mezzi ed
attrezzature tecnico
specialistiche del genio
per ripristino viabilità e
rimozione detriti.
TOTALI 91.873,48 0,00 86.086,27 78.416,60 13.456,88 13.456,88

ACCERTATA la regolarità formale della documentazione di rendicontazione presentata dall'Esercito Italiano per l'importo
ammissibile di Euro 78.416,60;

RITENUTO pertanto di procedere, per le motivazioni sopra esposte:

1. a confermare il finanziamento di Euro 91.873,48 complessivamente assegnato a favore dall'Esercito Italiano con O.C.
n. 2/2018 per gli interventi di cui alla Tabella A sopra riportata;
2. a determinare in Euro 78.416,60, sulla base della documentazione di rendicontazione trasmessa dall'Esercito Italiano,
il contributo definitivo spettante per la realizzazione degli interventi in argomento;
3. a liquidare a saldo, a favore dell'Esercito Italiano, la somma di Euro 78.416,60, per gli interventi di cui al punto 1;
4. a disporre la predisposizione dell'ordinativo di pagamento di Euro 78.416,60, a valere sulle risorse impegnate ai sensi
della O.C. n. 2/2018 sulla contabilità speciale n. 6108 di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018, che presenta sufficiente
disponibilità;
5. ad accertare l'economia complessiva di Euro 13.456,88 presente sulla contabilità speciale n° 6108 pari alla differenza
fra quanto assegnato all'Esercito Italiano con O.C. 2/2018 e quanto determinato in via definitiva quale contributo
ammissibile;

VISTI:

• il D. Lgs. n. 1/2018;
• la D.C.M. 8 novembre 2018;
• l'O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• le OO.CC. n. 2/2018, n. 3/2019 e n. 5/2019;
132 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

DECRETA

1. di dare atto che le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
2. di confermare il finanziamento di Euro 91.873,48 complessivamente assegnato a favore dall'Esercito Italiano con O.C.
n. 2/2018 per gli interventi di cui alla Tabella A sopra riportata;
3. di determinare in Euro 78.416,60, sulla base della documentazione di rendicontazione trasmessa dall'Esercito Italiano,
il contributo definitivo spettante per la realizzazione degli interventi in argomento;
4. di liquidare a saldo, a favore dell'Esercito Italiano, la somma di Euro 78.416,60, per gli interventi di cui al punto 1;
5. di disporre la predisposizione dell'ordinativo di pagamento di Euro 78.416,60, a valere sulle risorse impegnate ai sensi
della O.C. n. 2/2018 sulla contabilità speciale n. 6108 di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018, che presenta sufficiente
disponibilità;
6. di accertare l'economia complessiva di Euro 13.456,88 presente sulla contabilità speciale n°6108 pari alla differenza
fra quanto assegnato all'Esercito Italiano con O.C. 2/2018 e quanto determinato in via definitiva quale contributo
ammissibile;
7. di trasmettere il presente provvedimento all'Esercito Italiano ;
8. di pubblicare il presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet della Regione del
Veneto nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni Commissariali e Post Emergenziali.

Il Coordinatore dell'Ufficio di supporto al Commissario Delegato Ing. Alessandro De Sabbata


Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 133
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409908)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1293 del 10 dicembre 2019
OCDPC n. 558 del 15/11/2018 - O. C. n. 5 del 02/04/2019 - Piano degli investimenti di cui al comma 1028, art. 1, L.
145/2018. Int. VENSTR-114. S.P. 347 "Passo Cereda e Passo Duran" - Consolidamento opere di sostegno di valle e
barriere di sicurezza laterali in tratti saltuari dal km 44+250 al km 73+660. CUP H57H19000440001. CIG 7938758658.
Importo Complessivo Euro 412.500,00. OCDPC n. 558/2018 - Ordinanza n.1/2018 del Commissario delegato per i primi
interventi urgenti di protezione civile in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici che hanno interessato il
territorio della Regione Veneto, a partire dal mese di ottobre 2018. APPROVAZIONE PERIZIA SUPPLETIVA E DI
VARIANTE Num. 1.

IL SOGGETTO ATTUATORE PER IL SETTORE VIABILITA'

PREMESSO che nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle aree
montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;

PREMESSO che con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 135 del 27 ottobre 2018, pubblicato sul BUR n. 114
del 16 novembre 2018, è stata attivata e convocata l'Unità di Crisi Regionale U.C.R. ai sensi del "Protocollo operativo per la
gestione delle Emergenze" nell'ambito del Sistema Regionale di Protezione Civile (D.G.R. n. 103 dell'11 febbraio 2013);

PREMESSO che con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 136 del 28 ottobre 2018, integrato da successivo
decreto n. 139 del 29 ottobre 2018, pubblicati sul BUR n. 114 del 16 novembre 2018, a seguito delle criticità riscontrate è stato
dichiarato lo "stato di crisi" ai sensi dell'art. 106, comma 1 lett. a) della L.R. n. 11/2001;

PREMESSO che con Decreto del 29 ottobre 2018, pubblicato nella G.U. n. 253 del 30 ottobre 2018, il Presidente del Consiglio
dei Ministri, ai sensi dell'art. 23, comma 1 del D.Lgs. n. 1/2018, ha disposto la mobilitazione straordinaria del Servizio
Nazionale di Protezione Civile a supporto della Regione Veneto al fine di favorire le operazioni di soccorso nei territori colpiti
dagli eccezionali eventi;

PREMESSO che con Delibera del Consiglio dei Ministri dell'8 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 266 del 15 novembre
2018, in esito alle attività di cui al predetto decreto, ai sensi dell'art. 7, comma 1 lett. c) e dell'art. 24 del D.Lgs. n. 1/2018, è
stato deliberato, per 12 mesi a far data dal provvedimento medesimo, lo "stato di emergenza" nei territori colpiti dall'evento;

PREMESSO che il medesimo provvedimento prevede che, per l'attuazione degli interventi da effettuare nella vigenza dello
"stato di emergenza", ai sensi dell'art. 25, del D.Lgs. n. 1/2018, si provvede con ordinanze, emanate dal Capo del Dipartimento
della Protezione civile, acquisita l'intesa della regione e delle province autonome interessate, in deroga a ogni disposizione
vigente e nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento giuridico;

VISTA l'Ordinanza del Capo Dipartimento Protezione Civile n. 558 del 15 novembre 2018 che ha nominato il Presidente della
Regione del Veneto Commissario Delegato per i primi interventi urgenti di protezione civile in conseguenza degli eccezionali
eventi meteorologici che hanno interessato il territorio della Regione Veneto dal 27 ottobre al 5 novembre 2018;

VISTA l'Ordinanza del Commissario Delegato n. 1 del 23 novembre 2018 che ha individuato e nominato l'Ing. Silvano
Vernizzi, Direttore Generale della Società Veneto Strade S.p.A. quale Soggetto Attuatore per il Settore Viabilità per tutti gli
interventi ricadenti nella competenza della Società Veneto Strade S.p.A.;

VISTA la nota commissariale n. 55586 del 08 febbraio 2019 dalla quale si evince che il Soggetto Attuatore potrà espletare
anche le funzioni di Responsabile Unico del Procedimento o individuare, in avvalimento presso la propria struttura il R.U.P.;

VISTO l'art. 4 dell'O.C.D.P.C. 558/2018 comma 1 che autorizza i Commissari Delegati e/o i soggetti attuatori a provvedere in
deroga a leggi e specifiche disposizioni statali e regionali, sulla base di apposita motivazione, per la realizzazione delle attività
urgenti di protezione civile in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici che hanno interessato il territorio della
Regione del Veneto a partire dal mese di ottobre 2018;

VISTA la ricognizione degli interventi volti a garantire i soccorsi e per salvaguardare la pubblica e privata incolumità della
popolazione, nonché di riduzione del rischio residuo ai sensi degli art 1, comma 3 e art 3, comma, 1 della O.C.D.P.C. n.
134 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

558/2018 con specifico riferimento all'art 25, comma 2, lettere a) e b) d) del D. Lgs. n. 1/2018;

CONSIDERATO che la Società Veneto Strade S.p.A. a seguito degli atti di concessione stipulati con la Regione Veneto e le
Province del Veneto è altresì concessionaria della strada oggetto di intervento;

CONSIDERATO che con Ordinanza del Commissario Delegato n. 5 del 02 aprile 2019 sono stati approvati gli elenchi del
Piano degli interventi di cui all'art 1, comma 1028, della L. n. 145/2018;

CONSIDERATO che negli elenchi di cui sopra, nell'allegato C - Interventi per il Settore Viabilità, sono inseriti gli interventi
urgenti ed indifferibili da realizzare ad alta ed altissima priorità tra i quali con Cod. Int. VENSTR-114. "S.P. 347 "Passo
Cereda e Passo Duran" - Consolidamento opere di sostegno di valle e barriere di sicurezza laterali in tratti saltuari dal km
44+250 al km 73+660, dell'importo complessivo di € 412.500,00.*;

CHE con Decreto n. 35 del 31 maggio 2019 il Soggetto Attuatore per il Settore Viabilità ha approvato il progetto esecutivo
dell'intervento in oggetto per un importo complessivo di € 412.500,00.*, di cui € 268.500,95.* per lavori al lordo di oneri di
sicurezza ed € 143.999,05.* per Somme a disposizione dell'Amministrazione, così distinto:

A LAVORI
A1 Lavori soggetti a ribasso d'asta 256.568,84
A2 Oneri di sicurezza 11.932,11
TOTALE LAVORI A.Q. 268.500,95
B SOMME A DISPOSIZIONE DELL'AMMINISTRAZIONE
B1 Lavori in economia esclusi dall'Appalto 33.288,70
B7 Spese tecniche
a) progettazione, validazione, attività preliminari, CSP, CSE, Direzione lavori,
26.850,10
assistenza giornaliera, contabilità, collaudo
b) altro (2% di A+B) 8.250,00
B10 Spese per versamento contributo ANAC 225,00
B11 Spese per accertamenti di laboratorio e collaudi 1.000,00
B12 IVA 22% (su A+B) 74.385,25
TOTALE SOMME A DISPOSIZIONE 143.999,05
TOTALE PROGETTO 412.500,00

CHE con Decreto n. 340 del 2 agosto 2019 del Soggetto Attuatore per il Settore Viabilità sono stati aggiudicati definitivamente
i lavori in oggetto alla Ditta ICT s.r.l. di Trento per un importo netto contrattuale di € 242.402,77 comprensivi di oneri per la
sicurezza;

CHE con Decreto n. 786 del 20 settembre 2019 il Soggetto Attuatore per il Settore Viabilità ha approvato l'assestamento del
Quadro Economico per l'intervento in oggetto per un importo complessivo di € 412.500,00.*, di cui € 242.402,77.* per lavori
al lordo di oneri di sicurezza ed € 170.097,23.* per Somme a disposizione dell'Amministrazione, così distinto:

A LAVORI
A1 Lavori 230.740,66
A2 Oneri di sicurezza 11.932,11
TOTALE LAVORI 242.402,77
B SOMME A DISPOSIZIONE DELL'AMMINISTRAZIONE
B1 Lavori in economia esclusi dall'Appalto 59.386,88
B7 Spese tecniche
a) progettazione, validazione, attività preliminari, CSP, CSE, Direzione lavori,
26.850,10
assistenza giornaliera, contabilità, collaudo
b) altro (2% di A+B) 8.250,00
B10 Spese per versamento contributo ANAC 225,00
B11 Spese per accertamenti di laboratorio e collaudi 1.000,00
B12 IVA 22% (su A+B) 74.385,25
TOTALE SOMME A DISPOSIZIONE 170.097,23
TOTALE ASSESTAMENTO Q.E. 412.500,00

CHE i lavori di cui trattasi sono stati consegnati in data 19/09/2019;


Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 135
_______________________________________________________________________________________________________

CHE in data 23/10/2019 è stato sottoscritto il contratto per la realizzazione dei lavori in oggetto per l'importo al netto di oneri
fiscali ed al lordo di oneri di sicurezza pari ad € 242.402,77*; il ribasso percentuale di offerta risulta pari a 10,172%;

CHE il Direttore dei Lavori ha segnalato l'esigenza di introdurre variazioni alle opere, come analiticamente descritto nella
relazione esplicativa della perizia, determinata dal verificarsi di eventi imprevisti e imprevedibili per l'ente aggiudicatore
ricorrendo e che tali variazioni non alterano la natura generale del contratto, ricorrendo i presupposti di cui 1 lett. c) dell'art.
106 del D. Lgs. 50/2016 e successive modificazioni ed integrazioni;

CHE su autorizzazione del Responsabile Unico del Procedimento, il Direttore dei Lavori ha pertanto proceduto alla
predisposizione della perizia suppletiva e di variante nella quale lo stesso ha illustrato le motivazioni che hanno rese necessarie
la sua redazione e le modifiche delle parti dell'opera in relazione alle sopravvenute esigenze;

CHE le variazioni introdotte trovano copertura finanziaria nella somma stanziata per l'opera;

CHE l'introduzione delle variazioni come sopra individuate comporta la ridefinizione del quadro economico di progetto con un
importo complessivo di € 412.500,00.*, invariato rispetto all'importo originario, e così distinto:

A LAVORI
A1 Lavori 258.005,94
A2 Oneri di sicurezza 12.470,19
TOTALE LAVORI 270.476,13
B SOMME A DISPOSIZIONE DELL'AMMINISTRAZIONE
B1 Lavori in economia esclusi dall'Appalto 31.313,52
B7 Spese tecniche
a) progettazione, validazione, attività preliminari, CSP, CSE, Direzione lavori,
26.850,10
assistenza giornaliera, contabilità, collaudo
b) altro (2% di A+B) 8.250,00
B10 Spese per versamento contributo ANAC 225,00
B11 Spese per accertamenti di laboratorio e collaudi 1.000,00
B12 IVA 22% (su A+B) 74.385,25
TOTALE SOMME A DISPOSIZIONE 142.023,87
TOTALE PERIZIA NUM. 1 412.500,00

CHE dal quadro economico che precede non emerge la necessità di integrare l'importo globale di spesa per la realizzazione
dell'intervento;

CONSIDERATO che la determinazione del nuovo importo contrattuale risulta di € 270.476,13.* con un incremento di €
28.073,36.* pari al 11,581% dell'importo originario del contratto, pari ad € 242.402,77.*, comprensivi degli oneri di sicurezza;

CHE, quindi, ricorrono appieno le condizioni previste cui 1 lett. c) dell'art. 106 del D. Lgs. 50/2016 e successive modificazioni
ed integrazioni per rendere possibili le varianti in corso d'opera;

CHE le modifiche di cui alla citata perizia suppletiva e di variante hanno comportato anche la necessità di concordare num. 9
nuovi prezzi (N.P.) da N.P.01 a N.P.09, riportati nello specifico allegato VA.01.2 ("ELENCO NUOVI PREZZI";

CHE i lavori descritti nella citata perizia suppletiva e di variante comportano un aumento del tempo contrattuale pari a 20
giorni;

VISTA la perizia suppletiva e di variante in argomento;

VISTO l'atto aggiuntivo sottoscritto senza riserve dall'impresa esecutrice, con il quale sono regolamentate le modalità di
esecuzione delle nuove lavorazioni;

RITENUTO potersi procedere all'approvazione della perizia suppletiva e di variante innanzi indicata costituita dai seguenti
elaborati:

VA.01.1 Relazione descrittiva

VA.01.2 Elenco nuovi prezzi

VA.01.3 Computo metrico estimativo


136 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

VA.01.4 Stima lavori

VA.01.5 Quadro di raffronto

VA.01.6 Schema atto aggiuntivo

VA.01.7 Elaborato grafico

VISTO il D.Lgs. 18/04/2016 n. 50 e s.m.i.;

VISTA l'O.C.D.P.C. n. 558/2018;

VISTA l'Ordinanza n. 1 del 23/11/2018 del Commissario Delegato;

VISTA l'Ordinanza n. 5 del 02/04/2019 del Commissario Delegato;

ACCERTATA la regolarità degli atti presentati;

DECRETA

1. di dare atto che quanto riportato in premessa costituisce parte integrante del presente provvedimento;
2. di approvare la perizia suppletiva e di variante num. 1 in premessa individuata, redatta dal Direttore dei Lavori,
relativa a "S.P. 347 "Passo Cereda e Passo Duran" - Consolidamento opere di sostegno di valle e barriere di sicurezza
laterali in tratti saltuari dal km 44+250 al km 73+660";
3. di approvare altresì lo schema di atto di sottomissione sottoscritto dall'impresa esecutrice;
4. di affidare all'impresa ICT s.r.l. di Trento i nuovi lavori previsti dalla perizia innanzi citata nell'importo complessivo
pari ad € 270.476,13.*, comprensivi degli oneri di sicurezza, così come dettagliatamente precisato nell'atto aggiuntivo;
5. di prendere atto che la perizia innanzi citata non comporta alcun incremento di spesa rispetto al finanziamento
approvato e che trova copertura finanziaria con i fondi stanziati a valere sulla contabilità speciale n. 6108 intestata a
"C.D.PRES.REG.VENETO - O.558-18" e sulla disponibilità accertata di cui all'allegato C dell'Ordinanza del
Commissario Delegato n. 5/2019;
6. Il presente Decreto sia pubblicato sul sito internet di Veneto Strade Spa nell'apposita sezione Piattaforma Gare e Albo
Fornitori e sul sito internet della Regione del Veneto nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alla
Gestione Commissariali e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE PER IL SETTORE VIABILITA' Ing. Silvano VERNIZZI


Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 137
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409909)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1294 del 10 dicembre 2019
Piano degli investimenti di cui al comma 1028, art. 1, L. 145/2018. Int. VENSTR-134. S.P. 49 "di Misurina" - Intervento
di realizzazione opere di protezione al piede e in versante in tratti saltuari. CUP H27H19000650001 - CIG 794556794E.
IMPORTO FINANZIAMENTO Euro 412.500,00. LIQUIDAZIONE I^ SAL Euro 189.313,18 Iva esclusa.

IL SOGGETTO ATTUATORE
PER IL SETTORE RIPRISTINO VIABILITA'

PREMESSO CHE:

• nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle
aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 135 del 27 ottobre 2018, pubblicato sul BUR n. 114 del 16
novembre 2018, è stata attivata e convocata l'Unità di Crisi Regionale U.C.R. ai sensi del "Protocollo operativo per la
gestione delle Emergenze" nell'ambito del Sistema Regionale di Protezione Civile (D.G.R. n. 103 dell'11 febbraio
2013);
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 136 del 28 ottobre 2018, integrato da successivo decreto n.
139 del 29 ottobre 2018, pubblicati sul BUR n. 114 del 16 novembre 2018, a seguito delle criticità riscontrate è stato
dichiarato lo "stato di crisi" ai sensi dell'art. 106, co. 1 lett. a), della L.R. n. 11/2001;
• con Decreto del 29 ottobre 2018, pubblicato nella G.U. n. 253 del 30 ottobre 2018, il Presidente del Consiglio dei
Ministri, ai sensi dell'art. 23, co. 1 del D. Lgs 2 gennaio 2018 n. 1, ha disposto la mobilitazione straordinaria del
Servizio Nazionale di protezione civile a supporto della Regione del Veneto al fine di favorire le operazioni di
soccorso nei territori colpiti dagli eccezionali eventi;
• con Delibera del Consiglio dei Ministri dell'8 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 266 del 15 novembre 2018, in
esito alle attività di cui al predetto decreto, ai sensi dell'art. 7, co. 1 lett. c) e dell'art. 24 del D. Lgs 2 gennaio 2018 n.
1, è stato deliberato per 12 mesi a far data dal provvedimento medesimo, lo "stato di emergenza" nei territori colpiti
dall'evento;
• la predetta delibera al punto 4 dispone che, per l'attuazione dei primi interventi urgenti di cui all'art. 25, comma 2 lett.
a) e b) del D. Lgs. n. 1/2018, nelle more della valutazione dell'effettivo impatto degli eventi in argomento, si provveda
nel limite di complessivi Euro 53.500.000,00 a valere sul Fondo per le emergenze nazionali di cui all'art. 44, comma 1
del D. Lgs. n. 1/2018, dei quali Euro 15.000.000,00 spettanti alla Regione Veneto;
• il medesimo provvedimento prevede che, per l'attuazione degli interventi da effettuare nella vigenza dello "stato di
emergenza", ai sensi dell'art. 25, del D.Lgs. n. 1/2018, si provvede con ordinanze, emanate dal Capo del Dipartimento
della Protezione civile, acquisita l'intesa della regione e delle province autonome interessate, in deroga a ogni
disposizione vigente e nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento giuridico;
• con successiva Ordinanza n. 558 del 15 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20 novembre 2018, il Capo
del Dipartimento della Protezione Civile, d'intesa con la Regione del Veneto, ha nominato il Presidente della Regione,
Commissario delegato, per fronteggiare l'emergenza derivante dagli eventi calamitosi di cui trattasi;
• con il medesimo provvedimento sono state dettate disposizioni per la realizzazione delle iniziative finalizzate al
superamento dell'emergenza, in particolare l'art. 1 comma 3, prevede che il Commissario delegato predisponga entro
venti giorni dalla pubblicazione dell'O.C.D.P.C., un Piano degli interventi da sottoporre all'approvazione del Capo del
Dipartimento della Protezione Civile;
• il Commissario delegato, con nota prot. n. 511689 del 14 dicembre 2018, ha trasmesso al Capo del Dipartimento della
Protezione Civile il Piano degli interventi di cui all'art. 1, comma 3 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• per la definizione del Piano degli interventi si è fatto riferimento alla ricognizione avviata dal Commissario delegato
nonché alle segnalazioni dei Soggetti Attuatori di cui alla O.C. n. 1 del 23/11/2018;
• con nota prot. n. POST/0073648 del 20 dicembre 2018 il Capo del Dipartimento di Protezione Civile ha approvato il
Piano degli interventi di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018 per l'importo complessivo di Euro 14.774.388,71;
• con successivi provvedimenti del Consiglio dei Ministri del 21/02/2019 e del 27/02/2019, a valere sugli stanziamenti
di cui all'art. 44, co. 1, del D.Lgs. n. 1/2018, nonché della L. n. 145/2018 art. 1, comma 1028, sono state assegnate al
Veneto, ai sensi dell'art 1, comma 1, della O.C.D.P.C. n. 558, nonché, del comma 3 della medesima O.C.D.P.C., la
somma complessiva di 2,6 miliardi di Euro rispettivamente pari a 800 milioni di Euro per l'esercizio 2019 e 900
milioni di Euro per i successivi esercizi 2020 e 2021;
138 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

• in particolare, a fronte delle ricognizioni trasmesse al Dipartimento di Protezione Civile con note Commissariali
prot.n. 36681 del 28 gennaio 2019 e n. 49710 del 5 febbraio 2019, nonché con precedente nota del Presidente prot. n.
505589 del 13 dicembre 2018 relativa alle segnalazioni finalizzate alla richiesta di contributo FSUE, con Decreto del
Presidente del Consiglio dei Ministri (D.P.C.M.) del 27 febbraio 2019 è stata assegnata al Veneto la somma
complessiva di Euro 755.912.355,61 per il triennio 2019-2021 di cui Euro 232.588.417,11 per il 2019;
• con il medesimo Decreto è stato stabilito che per la realizzazione degli interventi si sarebbe operato con le modalità di
cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• sulla scorta del provvedimento del Consiglio dei Ministri adottato, il Commissario ha provveduto alla definizione,
entro 20 giorni dalla adozione del predetto D.P.C.M., dell'elenco degli interventi contrattualizzabili entro il 30
settembre 2019 con verifica entro il medesimo termine della effettiva contrattualizzazione;
• il Dipartimento della Protezione Civile con nota DIP/15877 del 23 marzo 2019 e successiva nota integrativa n.
POST/0016889 del 27/03/2019, come di seguito specificato, ha, tra l'altro, approvato il Piano di cui alla O.C.D.P.C. n.
558/2018 per la somma complessiva di Euro 220.621.778,52, di cui Euro 195.621.778,52 per interventi ed Euro
25.000.00,00 quale accantonamento per i contributi a favore di privati e attività produttive;

CONSIDERATO CHE nell'ambito dello Stato di mobilitazione come sopra rappresentato sono stati avviati numerosi interventi
volti a eliminare le situazioni di pericolo e a ripristinare i servizi essenziali interrotti dai gravi eventi meteo quali la viabilità
statale, regionale, provinciale e comunale, i servizi essenziali di acquedotto, fognatura, elettrici e delle telecomunicazioni.

DATO ATTO CHE a seguito della nomina del Commissario delegato di cui all'art. 1, comma 1 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018
risultava necessario dare continuità alle azioni intraprese dai diversi soggetti territorialmente e istituzionalmente coinvolti;

ATTESA in particolare l'urgenza di procedere alla nomina dei Soggetti attuatori ai sensi dell'art. 1 comma 2 dell'O.C.D.P.C. n.
558/2018, ai quali affidare i rispettivi ambiti d'azione e d'intervento, con l'ordinanza n. 1 del 23/11/2018 il Commissario
Delegato Dott. Luca Zaia ha individuato, tra i dirigenti e funzionari delle Amministrazioni Pubbliche coinvolte, i Soggetti
attuatori, di comprovata professionalità ed esperienza, ai quali vengono affidati i diversi settori di intervento;

APPURATO CHE con ordinanza del Commissario Delegato n. 1 del 23 novembre 2018 che ha individuato e nominato l'Ing.
Silvano Vernizzi, Direttore Generale della Società Veneto Strade S.p.A. quale Soggetto Attuatore per il Settore Ripristino
Viabilità per tutti gli interventi ricadenti nella competenza della Società Veneto Strade S.p.A.;

DATO ATTO che:

• con Ordinanza Commissariale n. 5 del 2 aprile 2019 sono stati, tra l'altro, approvati gli interventi afferenti al settore
Viabilità (Allegato C) relativi all'OCDPC n. 558/2018 per l'Emergenza eventi meteo eccezionali dal 27 ottobre al 5
novembre 2018;
• tra gli interventi di cui all'Ordinanza Commissariale n 5 del 2 aprile 2019, Allegato C, è ricompreso anche l'intervento
denominato "Int. VENSTR-134. S.P. 49 "di Misurina" - Intervento di realizzazione opere di protezione al piede e in
versante in tratti saltuari" per l'importo complessivo di € 412.500,00 (importo del finanziamento);
• la suddetta somma è stata impegnata a carico della Contabilità Speciale n. 6108, intestata a
"C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18";

VISTA la seguente documentazione relativa al pagamento del 1°SAL:

• verbale di consegna lavori anticipata, art. 32 c. 8 D. lgs 50/2016, in data 18/09/2019,


• Contratto d'Appalto stipulato in data 30/10/2019;
• Certificato di pagamento n. 1 del 15/11/2019,
• la fattura n. 27/PA del 31/10/2019 della Ditta GEO+BAU Srl per l'importo complessivo di € 230.962,08 Iva
compresa,
• la tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi della L. 136/2010 e scheda dati anagrafici,
• il D.U.R.C. in corso di validità,

RITENUTO pertanto, per le motivazioni sopra esposte, di provvedere:

• alla liquidazione della Ditta GEO+BAU Srl, con sede legale in via Vittorio Emanuele II, 25 - 33097 Spilimbergo
(PN), codice fiscale: 01738310935 e partita IVA: 01738310935 dell'importo di € 189.313,18 pari all'imponibile Iva,
mediante pagamento sul c/c bancario indicato in fattura;
• di versare all'Erario l'IVA pari ad € 41.648,90, in applicazione delle disposizioni in materia di scissione dei
pagamenti;

VISTO il D. Lgs 50/2016 e s.m.i.;


Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 139
_______________________________________________________________________________________________________

VISTA l'O.C.D.P.C. n. 558 del 15/11/2018;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 1 del 23/11/2018

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 2/2018;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 9/2019;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 5/2019

DECRETA

1. di dare atto che le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente provvedimento.
2. di quantificare € 230.962,08 la somma necessaria per il pagamento alla Ditta GEO+BAU Srl, con sede legale in via
Vittorio Emanuele II, 25 - 33097 Spilimbergo (PN), codice fiscale: 01738310935 e partita IVA: 01738310935 per I^
SAL relativamente ai lavori "Int. VENSTR-134. S.P. 49 "di Misurina" - Intervento di realizzazione opere di protezione
al piede e in versante in tratti saltuari" di cui all'Ordinanza Commissariale n. 5 del 2 aprile 2019 Allegato C.
3. di liquidare la fattura n. 27/PA del 31/10/2019 dell'importo complessivo di € 230.962,08 (importo con IVA) mediante
la predisposizione dei seguenti ordinativi di pagamento:

♦ di € 189.313,18 (imponibile) a favore della Ditta GEO+BAU Srl, con sede legale in via Vittorio
Emanuele II, 25 - 33097 Spilimbergo (PN), codice fiscale: 01738310935 e partita IVA:
01738310935 per la quota relativa all'imponibile;
♦ di € 41.648,90 a favore dell'Erario, per la quota relativa all'IVA.

4. di dare atto che alla spesa suindicata si fa fronte con i fondi impegnati a carico della Contabilità Speciale n. 6108,
intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18";
5. di trasmettere all'Ufficio di supporto al Commissario delegato, il presente provvedimento per la predisposizione degli
ordinativi di pagamento, relativi alle somme di cui al punto 3), attraverso la procedura informatica del MEF
denominata GEOCOS, subordinatamente alle verifiche previste dalla normativa vigente.
6. di pubblicare il presente Decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet della Regione del Veneto
nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni Commissariali e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE PER IL SETTORE RIPRISTINO VIABILITA' Ing. Silvano VERNIZZI


140 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409910)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1295 del 10 dicembre 2019
Piano degli investimenti di cui al comma 1028, art. 1, L. 145/2018. Int. VENSTR-114 S.P. 347 "Passo Cereda e Passo
Duran" - Intervento di consolidamento opere di so-stegno di valle e barriere di sicurezza laterali in tratti saltuari dal
km 44+250 al km 73+660. CUP H57H19000440001 - CIG 7938758658. IMPORTO FINANZIAMENTO Euro
412.500,00. LIQUIDAZIONE I^ SAL Euro 181.428,38 Iva esclusa.

IL SOGGETTO ATTUATORE
PER IL SETTORE RIPRISTINO VIABILITA'

PREMESSO CHE:

• nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle
aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 135 del 27 ottobre 2018, pubblicato sul BUR n. 114 del 16
novembre 2018, è stata attivata e convocata l'Unità di Crisi Regionale U.C.R. ai sensi del "Protocollo operativo per la
gestione delle Emergenze" nell'ambito del Sistema Regionale di Protezione Civile (D.G.R. n. 103 dell'11 febbraio
2013);
• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 136 del 28 ottobre 2018, integrato da successivo decreto n.
139 del 29 ottobre 2018, pubblicati sul BUR n. 114 del 16 novembre 2018, a seguito delle criticità riscontrate è stato
dichiarato lo "stato di crisi" ai sensi dell'art. 106, co. 1 lett. a), della L.R. n. 11/2001;
• con Decreto del 29 ottobre 2018, pubblicato nella G.U. n. 253 del 30 ottobre 2018, il Presidente del Consiglio dei
Ministri, ai sensi dell'art. 23, co. 1 del D. Lgs 2 gennaio 2018 n. 1, ha disposto la mobilitazione straordinaria del
Servizio Nazionale di protezione civile a supporto della Regione del Veneto al fine di favorire le operazioni di
soccorso nei territori colpiti dagli eccezionali eventi;
• con Delibera del Consiglio dei Ministri dell'8 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 266 del 15 novembre 2018, in
esito alle attività di cui al predetto decreto, ai sensi dell'art. 7, co. 1 lett. c) e dell'art. 24 del D. Lgs 2 gennaio 2018 n.
1, è stato deliberato per 12 mesi a far data dal provvedimento medesimo, lo "stato di emergenza" nei territori colpiti
dall'evento;
• la predetta delibera al punto 4 dispone che, per l'attuazione dei primi interventi urgenti di cui all'art. 25, comma 2 lett.
a) e b) del D. Lgs. n. 1/2018, nelle more della valutazione dell'effettivo impatto degli eventi in argomento, si provveda
nel limite di complessivi Euro 53.500.000,00 a valere sul Fondo per le emergenze nazionali di cui all'art. 44, comma 1
del D. Lgs. n. 1/2018, dei quali Euro 15.000.000,00 spettanti alla Regione Veneto;
• il medesimo provvedimento prevede che, per l'attuazione degli interventi da effettuare nella vigenza dello "stato di
emergenza", ai sensi dell'art. 25, del D.Lgs. n. 1/2018, si provvede con ordinanze, emanate dal Capo del Dipartimento
della Protezione civile, acquisita l'intesa della regione e delle province autonome interessate, in deroga a ogni
disposizione vigente e nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento giuridico;
• con successiva Ordinanza n. 558 del 15 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20 novembre 2018, il Capo
del Dipartimento della Protezione Civile, d'intesa con la Regione del Veneto, ha nominato il Presidente della Regione,
Commissario delegato, per fronteggiare l'emergenza derivante dagli eventi calamitosi di cui trattasi;
• con il medesimo provvedimento sono state dettate disposizioni per la realizzazione delle iniziative finalizzate al
superamento dell'emergenza, in particolare l'art. 1 comma 3, prevede che il Commissario delegato predisponga entro
venti giorni dalla pubblicazione dell'O.C.D.P.C., un Piano degli interventi da sottoporre all'approvazione del Capo del
Dipartimento della Protezione Civile;
• il Commissario delegato, con nota prot. n. 511689 del 14 dicembre 2018, ha trasmesso al Capo del Dipartimento della
Protezione Civile il Piano degli interventi di cui all'art. 1, comma 3 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• per la definizione del Piano degli interventi si è fatto riferimento alla ricognizione avviata dal Commissario delegato
nonché alle segnalazioni dei Soggetti Attuatori di cui alla O.C. n. 1 del 23/11/2018;
• con nota prot. n. POST/0073648 del 20 dicembre 2018 il Capo del Dipartimento di Protezione Civile ha approvato il
Piano degli interventi di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018 per l'importo complessivo di Euro 14.774.388,71;
• con successivi provvedimenti del Consiglio dei Ministri del 21/02/2019 e del 27/02/2019, a valere sugli stanziamenti
di cui all'art. 44, co. 1, del D.Lgs. n. 1/2018, nonché della L. n. 145/2018 art. 1, comma 1028, sono state assegnate al
Veneto, ai sensi dell'art 1, comma 1, della O.C.D.P.C. n. 558, nonché, del comma 3 della medesima O.C.D.P.C., la
somma complessiva di 2,6 miliardi di Euro rispettivamente pari a 800 milioni di Euro per l'esercizio 2019 e 900
milioni di Euro per i successivi esercizi 2020 e 2021;
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 141
_______________________________________________________________________________________________________

• in particolare, a fronte delle ricognizioni trasmesse al Dipartimento di Protezione Civile con note Commissariali
prot.n. 36681 del 28 gennaio 2019 e n. 49710 del 5 febbraio 2019, nonché con precedente nota del Presidente prot. n.
505589 del 13 dicembre 2018 relativa alle segnalazioni finalizzate alla richiesta di contributo FSUE, con Decreto del
Presidente del Consiglio dei Ministri (D.P.C.M.) del 27 febbraio 2019 è stata assegnata al Veneto la somma
complessiva di Euro 755.912.355,61 per il triennio 2019-2021 di cui Euro 232.588.417,11 per il 2019;
• con il medesimo Decreto è stato stabilito che per la realizzazione degli interventi si sarebbe operato con le modalità di
cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• sulla scorta del provvedimento del Consiglio dei Ministri adottato, il Commissario ha provveduto alla definizione,
entro 20 giorni dalla adozione del predetto D.P.C.M., dell'elenco degli interventi contrattualizzabili entro il 30
settembre 2019 con verifica entro il medesimo termine della effettiva contrattualizzazione;
• il Dipartimento della Protezione Civile con nota DIP/15877 del 23 marzo 2019 e successiva nota integrativa n.
POST/0016889 del 27/03/2019, come di seguito specificato, ha, tra l'altro, approvato il Piano di cui alla O.C.D.P.C. n.
558/2018 per la somma complessiva di Euro 220.621.778,52, di cui Euro 195.621.778,52 per interventi ed Euro
25.000.00,00 quale accantonamento per i contributi a favore di privati e attività produttive;

CONSIDERATO CHE nell'ambito dello Stato di mobilitazione come sopra rappresentato sono stati avviati numerosi interventi
volti a eliminare le situazioni di pericolo e a ripristinare i servizi essenziali interrotti dai gravi eventi meteo quali la viabilità
statale, regionale, provinciale e comunale, i servizi essenziali di acquedotto, fognatura, elettrici e delle telecomunicazioni.

DATO ATTO CHE a seguito della nomina del Commissario delegato di cui all'art. 1, comma 1 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018
risultava necessario dare continuità alle azioni intraprese dai diversi soggetti territorialmente e istituzionalmente coinvolti;

ATTESA in particolare l'urgenza di procedere alla nomina dei Soggetti attuatori ai sensi dell'art. 1 comma 2 dell'O.C.D.P.C. n.
558/2018, ai quali affidare i rispettivi ambiti d'azione e d'intervento, con l'ordinanza n. 1 del 23/11/2018 il Commissario
Delegato Dott. Luca Zaia ha individuato, tra i dirigenti e funzionari delle Amministrazioni Pubbliche coinvolte, i Soggetti
attuatori, di comprovata professionalità ed esperienza, ai quali vengono affidati i diversi settori di intervento;

APPURATO CHE con ordinanza del Commissario Delegato n. 1 del 23 novembre 2018 che ha individuato e nominato l'Ing.
Silvano Vernizzi, Direttore Generale della Società Veneto Strade S.p.A. quale Soggetto Attuatore per il Settore Ripristino
Viabilità per tutti gli interventi ricadenti nella competenza della Società Veneto Strade S.p.A.;

DATO ATTO che:

• con Ordinanza Commissariale n. 5 del 2 aprile 2019 sono stati, tra l'altro, approvati gli interventi afferenti al settore
Viabilità (Allegato C) relativi all'OCDPC n. 558/2018 per l'Emergenza eventi meteo eccezionali dal 27 ottobre al 5
novembre 2018;
• tra gli interventi di cui all'Ordinanza Commissariale n 5 del 2 aprile 2019, Allegato C, è ricompreso anche l'intervento
denominato "Int. VENSTR-114 - S.P. 347 "Passo Cereda e Passo Duran" - Intervento di consolidamento opere di
sostegno di valle e barriere di sicurezza laterali in tratti saltuari dal km 44+250 al km 73+660" per l'importo
complessivo di € 412.500,00 (importo del finanziamento);
• la suddetta somma è stata impegnata a carico della Contabilità Speciale n. 6108, intestata a
"C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18";

VISTA la seguente documentazione relativa al pagamento del 1°SAL:

• verbale di consegna lavori anticipata, art. 32 c. 8 D. lgs 50/2016, in data 19/09/2019,


• Contratto d'Appalto stipulato in data 23/10/2019;
• Certificato di pagamento n. 1 del 18/11/2019,
• la fattura n. 33 del 07/11/2019 della Ditta ICT Srl per l'importo complessivo di € 221.342,62 Iva compresa,
• la tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi della L. 136/2010 e scheda dati anagrafici,
• il D.U.R.C. in corso di validità,

RITENUTO pertanto, per le motivazioni sopra esposte, di provvedere:

• alla liquidazione della Ditta ICT Srl, con sede legale in via Renato Lunelli, 48 - 38121 Trento (TN), codice fiscale:
02405420221 e partita IVA: 02405420221 dell'importo di € 181.428,38 pari all'imponibile Iva, mediante pagamento
sul c/c bancario indicato in fattura;
• di versare all'Erario l'IVA pari ad € 39.914,24, in applicazione delle disposizioni in materia di scissione dei
pagamenti;

VISTO il D. Lgs 50/2016 e s.m.i.;


142 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

VISTA l'O.C.D.P.C. n. 558 del 15/11/2018;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 1 del 23/11/2018

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 2/2018;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 9/2019;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 5/2019

DECRETA

1. di dare atto che le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente provvedimento.
2. di quantificare € 221.342,62 la somma necessaria per il pagamento alla Ditta ICT Srl, con sede legale in via Renato
Lunelli, 48 - 38121 Trento (TN), codice fiscale: 02405420221 e partita IVA: 02405420221 per I^ SAL relativamente
ai lavori "Int. VENSTR-114. S.P. 347 "Passo Cereda e Passo Duran" - Intervento di consolidamento opere di
sostegno di valle e barriere di sicurezza laterali in tratti saltuari dal km 44+250 al km 73+660" di cui all'Ordinanza
Commissariale n. 5 del 2 aprile 2019 Allegato C.
3. di liquidare la fattura n. 33 del 07/11/2019 dell'importo complessivo di € 221.342,62 (importo con IVA) mediante la
predisposizione dei seguenti ordinativi di pagamento:

♦ di € 181.428,38 (imponibile) a favore della Ditta ICT Srl, con sede legale in via Renato Lunelli, 48 -
38121 Trento (TN), codice fiscale: 02405420221 e partita IVA: 02405420221 per la quota relativa
all'imponibile;
♦ di € 39.914,24 a favore dell'Erario, per la quota relativa all'IVA.

4. di dare atto che alla spesa suindicata si fa fronte con i fondi impegnati a carico della Contabilità Speciale n. 6108,
intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18";
5. di trasmettere all'Ufficio di supporto al Commissario delegato, il presente provvedimento per la predisposizione degli
ordinativi di pagamento, relativi alle somme di cui al punto 3), attraverso la procedura informatica del MEF
denominata GEOCOS, subordinatamente alle verifiche previste dalla normativa vigente.
6. di pubblicare il presente Decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet della Regione del Veneto
nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni Commissariali e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE PER IL SETTORE RIPRISTINO VIABILITA' Ing. Silvano VERNIZZI


Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 143
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409911)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1296 del 10 dicembre 2019
O.C.D.P.C. n. 558/2018 - OC 5/2019 -L. 145/2018-art 1 comma 1028. VENSTR-164 Riduzione rischio residuo a seguito
degli eccezionali eventi meteorologici dell'ottobre 2018 - zona B e C - Integrazione barriere fermaneve in seguito a
schianto alberi. CIG Z082942F84 - CUP H37H19000450001. IMPORTO FINANZIAMENTO Euro. 7.562.500,00.
Liquidazione fattura n. 21 del 22/10/2019 pari ad Euro 48.214,40.

IL SOGGETTO ATTUATORE
PER IL SETTORE RIPRISTINO VIABILITA'

PREMESSO CHE:

• nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle
aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;
• con Decreto del 29 ottobre 2018, pubblicato nella G.U. n. 253 del 30 ottobre 2018, il Presidente del Consiglio dei
Ministri, ai sensi dell'art. 23, co. 1 del D. Lgs 2 gennaio 2018 n. 1, ha disposto la mobilitazione straordinaria del
Servizio Nazionale di protezione civile a supporto della Regione del Veneto al fine di favorire le operazioni di
soccorso nei territori colpiti dagli eccezionali eventi;
• con successiva Ordinanza n. 558 del 15 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20 novembre 2018, il Capo
del Dipartimento della Protezione Civile, d'intesa con la Regione del Veneto, ha nominato il Presidente della Regione,
Commissario delegato, per fronteggiare l'emergenza derivante dagli eventi calamitosi di cui trattasi;
• con il medesimo provvedimento sono state dettate disposizioni per la realizzazione delle iniziative finalizzate al
superamento dell'emergenza, in particolare l'art. 1 comma 3, prevede che il Commissario delegato predisponga entro
venti giorni dalla pubblicazione dell'O.C.D.P.C., un Piano degli interventi da sottoporre all'approvazione del Capo del
Dipartimento della Protezione Civile;
• il Commissario delegato, con nota prot. n. 511689 del 14 dicembre 2018, ha trasmesso al Capo del Dipartimento della
Protezione Civile il Piano degli interventi di cui all'art. 1, comma 3 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018, successivamente
approvato;

ATTESA in particolare l'urgenza di procedere alla nomina dei Soggetti attuatori ai sensi dell'art. 1 comma 2 dell'O.C.D.P.C. n.
558/2018, ai quali affidare i rispettivi ambiti d'azione e d'intervento, con l'ordinanza n. 1 del 23/11/2018 il Commissario
Delegato Dott. Luca Zaia ha individuato, tra i dirigenti e funzionari delle Amministrazioni Pubbliche coinvolte, i Soggetti
attuatori, di comprovata professionalità ed esperienza, ai quali vengono affidati i diversi settori di intervento;

VISTA l'ordinanza del Commissario Delegato n. 1 del 23 novembre 2018con la quale è stato individuato e nominato l'Ing.
Silvano Vernizzi, Direttore Generale della Società Veneto Strade S.p.A. quale Soggetto Attuatore per il Settore Ripristino
Viabilità per tutti gli interventi ricadenti nella competenza della Società Veneto Strade S.p.A.;

DATO ATTO che:

• con Ordinanza Commissariale n. 5 in data 02.04.2019 sono stati impegnati i fondi necessari a dare esecuzione
all'OCDPC n. 558/2018 per l'Emergenza eventi meteo eccezionali dal 27 ottobre al 5 novembre 2018;

che con O.C. n. 5 del 02/04/2019, Allegato C, vengono approvati gli elenchi degli interventi del Piano degli Interventi di cui
all'art. art 1 comma 1028 della L. n. 145/2018 e in particolare viene approvato l'intervento denominato "_VENSTR-164
Riduzione rischio residuo a seguito degli eccezionali eventi meteorologici dell'ottobre 2018 - zona B e C - Integrazione barriere
fermaneve in seguito a schianto alberi ". per l'importo complessivo di € 7.562.500,00;

• la suddetta somma è stata impegnata a carico della Contabilità Speciale n. 6108, intestata a
"C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18" a valere sulla disponibilità accertata di cui alla sopra citata Ordinanza
Commissariale n. 12;
• che in regime d'urgenza i lavori sono stati affidati alla Ditta GEODATA Engineering Srl con lettera prot. 331/2019
del 31/07/2019 per l'importo di €39.520,00 più IVA 22% e quindi per complessivi € 48.214,40;

RITENUTO, pertanto, di provvedere:


144 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

• alla liquidazione della fattura n.21 del 22/10/2019 alla GEODATA Engineering Srl dell'importo di € _39.520,00_ pari
all'imponibile Iva, mediante pagamento sul c/c bancario indicato in fattura;.
• di versare all'Erario l'IVA pari ad € __8.694,40____, in applicazione delle disposizioni in materia di scissione dei
pagamenti;

VISTO il D. Lgs 50/2016 e s.m.i.;

VISTA l'O.C.D.P.C. n. 558 del 15/11/2018;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 1/2019;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 2/2018;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 5/2019;

VISTO l'art. 1, commi 65 e 67 della Legge 23 dicembre 2005, n. 266;

DECRETA

1. di dare atto che le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente provvedimento.
2. che il servizio è stato regolarmente svolto dalla Ditta GEODATA Engineering Srl;
3. di quantificare € 48.214,40 la somma necessaria per il pagamento alla Ditta GEODATA Engineering Srl
relativamente ai lavori indicati nelle premesse e di cui all'Ordinanza Commissariale n.5/2019 Allegato C.
4. di liquidare la fattura n.219 del 22/10/2019 dell'importo complessivo di € _48.214,40_( importo con IVA) mediante la
predisposizione dei seguenti ordinativi di pagamento:

♦ di € 39.520,00_( imponibile) a favore della Ditta GEODATA Engineering Srl per la quota relativa
all'imponibile;
♦ di € 8.694,40 a favore dell'Erario, per la quota relativa all'IVA.

5. di dare atto che alla spesa suindicata si fa fronte con i fondi impegnati a carico della Contabilità Speciale n. 6108,
intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18";
6. di trasmettere all'Ufficio di supporto al Commissario delegato, il presente provvedimento per la predisposizione degli
ordinativi di pagamento, relativi alle somme di cui al punto 3), attraverso la procedura informatica del MEF
denominata GEOCOS, subordinatamente alle verifiche previste dalla normativa vigente;
7. di pubblicare il presente Decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet della Regione del Veneto
nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni Commissariali e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE PER IL SETTORE RIPRISTINO VIABILITA' Ing. Silvano VERNIZZI


Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 145
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409934)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1297 del 10 dicembre 2019
Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile n. 558 del 15/11/2018 - Ordinanza Commissariale n. 5 del
02/04/2019. Lavori per la realizzazione di un canale scolmatore del torrente Rozzola in valle Albanigo e torrente Igna
nei comuni di Carre' e Zugliano (VI) - 12_IG_142 (Cod. Int. CBAPV_N04). Importo complessivo Euro 1.800.000,00 -
CUP: B23H19000060001. Servizio DITTA MULTISERVICES SRL CIG ZSA29E525E. DECRETO DI
LIQUIDAZIONE fattura n. 20 del 25/11/2019.

IL SOGGETTO ATTUATORE PER IL SETTORE IDROGEOLOGICO

PREMESSO

• che con l'Ordinanza del Commissario Delegato n. 5 del 02/04/2019 sono stati approvati gli elenchi del Piano degli
interventi di cui all'art 1, comma 1028, della L. n. 145/2018 e negli elenchi di cui sopra nell'allegato A - Interventi per
il Settore Idrogeologico, sono inseriti gli interventi urgenti ed indifferibili da realizzare ad alta ed altissima priorità, tra
i quali rientrano con Cod. Int. CBAPVN_04 i "Lavori per la realizzazione di un canale scolmatore del torrente
Rozzola in valle Albanigo e torrente Igna nei comuni di Carre' e Zugliano (VI) - 12_IG_142" dell'importo
complessivo di € 1.800.000,00;
• che la somma necessaria alla realizzazione delle opere sopra menzionate viene impegnata con Ordinanza del
Commissario Delegato n. 5/2019 allegato A), a valere sulla contabilità speciale n. 6108, intestata a
"C.D.PRES.REG.VENETO - 0.558-18", e che le modalità di pagamento vengono disposte come da nota del
Commissario Delegato n. 55586 del 08/02/2019 copertura economica;
• che con Decreto n. 860 del 26.09.2019 è stato affidato alla ditta Multiservices SRL Via Sesta Strada 8, 35129
PADOVA , P.IVA 04415910282- il servizio di valutazione del rischio bellico nell'ambito dei lavori di Protezione
Civile finanziati con Ordinanza n. 5 del 02/04/2019 sopra menzionati al fine di adempiere alle disposizioni del D.Lgs
81/2008 e smi Legge n. 177 - 1/10/2012 per l'esecuzione dell'indagine documentale e ed eventualmente strumentale
per la spesa complessiva di € 3.780,00+IVA al 22 % = 4.611,60;
• che il contratto è stato sottoscritto in data 30.09.2019 n. prot. 382/SA e successivamente repertoriato dall'Ufficiale
Rogante per conto del Commissario Delegato al n. rep. 390 per l'importo complessivo di € 3.780,00,00 al netto di
IVA al 22 %;

CONSIDERATO

che l'esito dell'analisi documentale pervenuta in data 06.11.2019 e assunta agli atti al n. prot. 423/Sa ha dato esito: RISCHIO
BASSO non è stato necessario provvedere alla successiva analisi strumentale , pertanto la liquidazione sarà relativa alla sola
quota pari a € 900,00 + IVA al 22 % e quindi per complessivi € 1.098,00;

VISTA

la seguente documentazione relativa al pagamento del servizio valutazione preliminare del rischio bellico eseguito:

1. Nulla osta del RUP sulla corretta esecuzione della prestazione;


2. fattura n. 20 del 25/11/2019 con visto si liquida dell'importo di € 900,00+IVA al 22 %= € 1.098,00;
3. scheda dati anagrafici e posizione fiscale;
4. tracciabilità flussi finanziari ai sensi della L. 136/2010;
5. DURC n. prot. 19068167 regolare con scadenza il 10.03.2020;

ACCERTATA la regolarità degli atti presentati;

RITENUTO pertanto , per le motivazioni sopra esposte, di provvedere:

• alla liquidazione alla ditta Multiservices SRL Via Sesta Strada 8, 35129 PADOVA , P.IVA 04415910282 dell'importo
di € 900,00 pari all'imponibile IVA, mediante pagamento sul c/c indicato in fattura;
• di versare all'Erario l'IVA pari a € 198,00 in applicazione delle disposizioni in materia di scissione dei pagamenti ;

VISTO il D.Lgs. n. 50 del18/04/2016 e ss.mm.ii.;


146 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

VISTA l'O.C.D.P.C. n. 558 del 15/11/2018;

VISTA l'Ordinanza n. 8 del 16/05/2019 del Commissario Delegato

DECRETA

1.di dare atto della corretta esecuzione della prestazione come da nota del RUP n. prot. 470/SA del 09.12.2019;

2.di quantificare in € 1.098,00 la somma necessaria per il pagamento alla ditta Multiservices SRL Via Sesta Strada 8, 35129
PADOVA , P.IVA 04415910282 relativamente all'incarico per il servizio di valutazione preliminare rischio bellico nell'ambito
dei "Lavori per la realizzazione di un canale scolmatore del torrente Rozzola in valle Albanigo e torrente Igna nei comuni di
Carre' e Zugliano (VI) - 12_IG_142 (Cod. Int. CBAPVN_04) di cui all' Ordinanza Commissariale n. 5 del 02/04/2019;

3.di liquidare la fattura n. 20 del 25.11.2019 dell'importo complessivo di € 1.098,00 mediante la predisposizione dei seguenti
ordinativi di pagamento:

• € 900,00 a favore della ditta Multiservices SRL Via Sesta Strada 8, 35129 PADOVA , P.IVA 04415910282 per la
quota relativa all'imponibile;
• € 198,00 a favore dell'Erario per la quota relativa all'IVA;

4.di dare atto che alla spesa suindicata si fa fronte con i fondi impegnati a carico della Contabilità Speciale n. 6108 intestata a
"C.D.PRES.REG.VENETO - 0.558-18" come evidenziato con Ordinanza commissariale n. 5 del 02/04/2019 che presenta
sufficiente disponibilità;

5.di trasmettere all'Ufficio di Supporto al Commissario Delegato, il presente provvedimento per la predisposizione degli
ordinativi di pagamento relativi alle somme di cui al punto 3. subordinatamente alle verifiche previste dalla normativa vigente;

6. di pubblicare il presente Decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet della Regione del Veneto
nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alla Gestioni Commissariali e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE PER IL SETTORE IDROGEOLOGICO Ing. Gianfranco Battistello


Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 147
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409935)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1298 del 10 dicembre 2019
RICONOSCIMENTO ANTICIPAZIONE 20% - CONTRATTO DI APPALTO: O.C.D.P.C. n. 558/2018 O.C. n. 9 del
22.05.2019. UOFE_029 Progetto n. 1326 Cod. GLP: FE-I0989.0 "Interventi di ripristino e consolidamento alveo
torrente Campregana in comune di Agordo (BL)". Importo finanziato Euro 500.000,00. CIG 7952738701 - CUP
J73H19000320001. LIQUIDAZIONE ANTICIPAZIONE Euro 67.750,77 Iva esclusa.

IL SOGGETTO ATTUATORE DEL


SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE

PREMESSO che:

• nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle
aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;
• con Ordinanza n. 558 del 15 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20 novembre 2018, il Capo del
Dipartimento della Protezione Civile, d'intesa con la Regione del Veneto, ha nominato il Presidente della Regione,
Commissario delegato, per fronteggiare l'emergenza derivante dagli eventi calamitosi di cui trattasi;
• con propria Ordinanza n. 1 del 23 novembre 2018 il Commissario delegato per i primi interventi urgenti di protezione
civile in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici che hanno interessato il territorio della Regione Veneto a
partire dal mese di ottobre 2018, ha provveduto alla nomina di Soggetti Attuatori, individuati tra i dirigenti e
funzionari delle Amministrazioni pubbliche coinvolte, di comprovata professionalità ed esperienza a cui affidare
specifici settori di intervento;
• la sopraccitata Ordinanza Commissariale n. 1/2018 ha individuato il dott. Gianmaria Sommavilla, direttore
dell'U.O.Forestale Est, quale Soggetto Attuatore per il Settore Ripristino Ambientale e Forestale;

VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 9 in data 22.05.2019 che ha approvato il Piano degli interventi di cui al D.P.C.M. del 4
aprile 2019, a valere sulle assegnazione relative all'art. 24 quater del D.L. n. 119/2018, convertito, con modificazioni, in Legge
n. 136/2018 - annualità 2019, attribuendo ai Soggetti Attuatori le funzioni relative alla progettazione, approvazione dei
progetti, appalto, sottoscrizione del contratto, esecuzione degli interventi e liquidazione con riferimento alle modalità di cui alla
nota commissariale n. 55586 dell' 8 febbraio 2019;

VISTO, in particolare, l'Allegato B alla predetta O.C. n. 9 del 22.05.2019 che dispone l'assegnazione di € 500.000,00 per
l'attuazione dell'intervento in oggetto;

VISTO l'art. 4, comma 1, dell'l'O.C.D.P.C. 558/2018 e l'art. 11 dell'O. C. n. 5/2019 che autorizzano i Soggetti Attuatori a
provvedere, in deroga a leggi e specifiche disposizioni statali e regionali sulla base di apposita motivazione, per le attività
urgenti di protezione civile in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici che hanno interessato il territorio della
Regione del Veneto a partire dal mese di ottobre 2018;

RITENUTO di dover applicare tutte le deroghe sopra richiamate perdurando l'esigenza di tutela della pubblica e privata
incolumità mediante la messa in sicurezza di situazioni di rischio elevato;

VISTO che con Decreto n. 184 del 15.7.2019 il Soggetto Attuatore del settore ripristino ambientale e forestale che approva il
progetto esecutivo n. 1326 in data 16/05/2019 redatto dall'U. O. Forestale Est per "Interventi di ripristino e consolidamento
alveo torrente Campregana in Comune di Agordo (BL)" per l'importo di euro 500.000,00 di cui lavori a base d'asta pari a €
364.353,79, oneri della sicurezza pari a € 15.000,00 non soggetti a ribasso d'asta e somme a disposizione pari a € 120.646,21;

VISTO il Decreto a contrarre n. 196 del 16/07/2019 e la successiva integrazione n. 521 del 29/08/2019;

VISTO il decreto del Commissario Delegato n. 109 del 25/06/2019 con il quale è stata approvata la Convenzione tra il
Commissario Delegato stesso e Veneto Strade S.p.A. nella qualità di Soggetto Attuatore, tra l'altro, anche per l'indizione e
gestione delle procedure di aggiudicazione diverse da quelle stradali;

CONSIDERATO che lo scrivente si è avvalsa di Veneto Strade S.p.A. come stazione appaltante ai sensi della convenzione
sopra citata;
148 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

PRESO ATTO della comunicazione di aggiudicazione ai sensi dell'art. 33 comma 1 D.Lgs 50/2016 da parte di Veneto Strade,
stazione appaltante prot. 966/2019 del 18/09/2019, alla Ditta Gecoma s.r.l., Via Verdi n. 21, 31010 Farra di Soligo (TV) P.IVA
04754810267, la quale ha offerto un ribasso del 11,143% su un importo a base di gara di € 364.353,79 oltre a oneri per la
sicurezza pari a € 15.000,00, per un importo contrattuale di € 338.753,85 compresi gli oneri di sicurezza, più IVA e quindi per
complessivi € 413.279,70;

CHE con Decreto n. 861 del 26.9.2019 il Soggetto Attuatore, ovvero la "Committente", affidava i lavori di cui in oggetto;

CONSIDERATO che la spesa per i lavori in oggetto è coperta con i fondi impegnati con O. C. n. 9 del 22.05.2019 sulla
contabilità speciale n. 6108 intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO - O.558 - 18";

CHE con nota del 19.11.2019 l'Appaltatore ha chiesto l'anticipazione del prezzo contrattuale, ai sensi dell'art. 35, c. 18, del D.
Lgs. n. 50/2016, pari a €. 82.655,94 IVA compresa;

RILEVATO che l'art. 35, c. 18, del D. Lgs. n. 50/2016 stabilisce che sul valore del contratto di appalto viene calcolato
l'importo dell'anticipazione del prezzo pari al 20 per cento da corrispondere alla Ditta e che l'erogazione è subordinata alla
costituzione di garanzia fideiussoria bancaria o assicurativa di importo pari all'anticipazione;

PRESO ATTO che l'Appaltatore ha trasmesso la Polizza Fideiussoria, n. IM000016456 del 21.08.2019, emessa da City
Insurance S.A., Bucarest (Romania), cod. impresa IVASS 40153, a garanzia dell'anticipazione;

VISTO il Certificato di Pagamento, del 28.12.2019, sottoscritto dal Direttore dei Lavori e dal Responsabile Unico del
Procedimento;

DATO ATTO che l'importo dell'anticipazione verrà recuperato progressivamente sugli stati di avanzamento lavori ai sensi del
già citato art. 35, c. 18, del D. Lgs. n. 50/2016 e ss.mm.ii.;

VISTI:

VISTO il D. Lgs 50/2016 e s.m.i.;


VISTA l'O.C.D.P.C. n. 558 del 15/11/2018;
VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 1 del 23/11/2018
VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 2/2018;
VISTA l'Ordinanza Commissariale n. 9/2019;

DECRETA

1. di dare atto che le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
2. di riconoscere a titolo di anticipazione del 20% dell'importo contrattuale, previsto dall'art. 35, c. 18, del D. Lgs. n.
50/2016, l'importo di €. 82.655,94 IVA compresa, a favore della ditta "Gecoma s.r.l.", con sede legale in Farra di
Soligo (TV) Via Verdi, n. 21, codice fiscale e partita IVA: 4754810267;
3. di liquidare la fattura n. PA16_19 in data 03/12/2019 dell'importo complessivo di € 82.655,94 mediante la
predisposizione dei seguenti ordinativi di pagamento riferiti ai CIG 7952738701 - CUP J73H19000320001:
♦ di € 67.750,77 a favore della Ditta Gecoma s.r.l.", con sede legale in Farra di Soligo (TV) Via Verdi, n. 21,
codice fiscale e partita IVA: 4754810267, per la quota relativa all'imponibile;
♦ di € 14.905,17 a favore dell'Erario, per la quota relativa all'IVA.
4. di dar atto che la somma dell'anticipazione del 20% verrà recuperata progressivamente sugli stati di avanzamento
lavori ai sensi dell'art. 35, c. 18, del D. Lgs. n. 50/2016 e ss.mm.ii.;
5. di dare atto che alla spesa suindicata si fa fronte con i fondi impegnati a carico della Contabilità Speciale n. 6108,
intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18", come evidenziato con Ordinanza Commissariale n. O.C. n. 9 del
22.05.2019, che presenta sufficiente disponibilità.
6. di trasmettere all'Ufficio di Supporto al Commissario delegato, il presente provvedimento per la predisposizione degli
ordinativi di pagamento, relativi alle somme di cui al punto 3), attraverso la procedura informatica del MEF
denominata GEOCOS, subordinatamente alle verifiche previste dalla normativa vigente.
7. di pubblicare il presente Decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet della Regione del Veneto
nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni Commissariali e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE DEL SETTORE RIPRISTINO AMBIENTALE E FORESTALE Dott. Gianmaria Sommavilla
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 149
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409936)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1299 del 10 dicembre 2019
Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile n° 558 del 15/11/2018 - Ordinanza Commissariale n° 9 del
22/05/2019. INNALZAMENTO DELLE QUOTE SOMMITALI DELLE DIFESE SPONDALI ESISTENTI E
REALIZZAZIONE DI ARGINE IN TERRA VEGETALE PER DARE CONTINUITA' AL SISTEMA DI DIFESA
DEL NUCLEO ABITATIVO RIVIERASCO DEL FIUME ADIGE IN LOC. GIAROL E MOLINI DEL COMUNE DI
VRONA (VR). Progetto n° 1085 in data 02/05/2019 -- Importo complessivo di Euro 600.000,00. Codice DROP_054/2019
- CUP: J33H19000530001 - CIG: 7978867158. LIQUIDAZIONE ANTICIPAZIONE FATTURA.

IL SOGGETTO ATTUATORE PER IL SETTORE IDROGEOLOGICO


AREA DI VERONA

PREMESSO:

CHE con l'Ordinanza del Commissario Delegato n° 5 del 02/04/2019 è stato nominato il Dr. Ing. Marco Dorigo, Direttore
dell'U.O. Genio Civile di Verona quale Soggetto Attuatore per il Settore Idrogeologico con funzioni relative alla progettazione,
approvazione dei progetti appalto, sottoscrizione del contratto, esecuzione degli interventi e liquidazione degli stati di
avanzamento per tutti gli interventi ricadenti nella competenza del Genio Civile di Verona al fine di garantire la sicurezza
idraulica e idrogeologica e la mappatura degli interventi già predisposti per la tutela e la salvaguardia del territorio e delle
risorse finanziarie ad essi destinati;

CHE con decreto n° 84/2019 del Soggetto Attuatore è stato approvato il progetto n° 1085/2019 riguardante i lavori di
"innalzamento delle quote sommitali delle difese spondali esistenti e realizzazione di argine in terra vegetale per dare
continuità al sistema di difesa del nucleo abitativo rivierasco del fiume Adige in loc. Giarol e Molini del Comune di Verona
(VR)", dell'importo complessivo di € 600.000,00;

CHE detto importo di € 600.000,00 risulta a carico della Contabilità Speciale n° 6108, intestata a
"C.D.PRES.REG.VENETO-O.558-18" a valere sulla disponibilità accertata pari ad € 179.619.184,43 di cui all'Allegato A
all'Ordinanza Commissariale n° 9/2019 (Quadro economico della contabilità commissariale n° 6108 - riga 8, colonna 6);

CHE a seguito di esperimento di gara d'appalto, avvenuta in data 12/09/2019 dalla Stazione Appaltante Veneto Strade, i lavori
sono stati aggiudicati all'Impresa Caramori S.r.l. con sede a Verona in via Leoncino n° 32 (VR), che ha offerto un ribasso del
18,64% su un importo a base d'asta di € 483.870,07, comprensivi degli oneri per la sicurezza, ed affidati per un importo netto
contrattuale di € 394.161,735, di cui 391.559,555 per lavori e di € 2.602,18 per oneri per la sicurezza;

CHE in data 26/09/2019 è stato registrato al n° 404 il contratto d'appalto (importo contrattuale di € 394.161,735 comprensivo
di € 2.602,18 per oneri delle sicurezza);

CHE in data 30/09/2019 sono stati consegnati i lavori mediante "verbale di consegna lavori con riserva di legge" all'Impresa
Caramori S.r.l.;

VISTA la richiesta dell'Impresa assuntrice dei lavori Caramori S.r.l. in data 11/10/2019 Prot. n° 438713 con la quale chiede
l'erogazione dell'anticipo pari al 20% dell'importo contrattuale, giusto art. 354, comma 18 del d.lgs. n° 50/2016;

VISTA la sotto elencata documentazione propedeutica alla liquidazione della spesa per l'erogazione dell'anticipo contrattuale,
prevista ai sensi dell'art. 35, comma 18 del d.lgs. n° 50/2016, riguardante i lavori in oggetto indicati ovvero:

• Garanzia costituita mediante polizza fidejussoria n° 1674.00.27.2799772620 del 09/10/2019 rilasciata da SACE BT
S.p.a. con sede legale a Roma, dell'importo di € 96.947,01 (valore capitale dell'anticipazione concessa);
• Fattura Elettronica n° 91/P;
• Scheda dati anagrafici;
• Tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi della L. 136/2010;
• DURC scadenza validità in data 21/02/2020.

RITENUTO di poter provvedere alla liquidazione dell'anticipo contrattuale del 20% all'Impresa Caramori S.r.l. con sede a
Verona in via Leoncino n° 32 (VR), - C.F./P. I.V.A. n° 01443040298 determinato in € 78.832,35 quale imponibile I.V.A., e di
150 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

versare all'Erario l'importo per I.V.A. pari a € 17.343,12, in applicazione delle disposizioni in materia di scissione dei
pagamenti;

VISTI:

• il d. lgs n° 50/2016 e s.m.i.;


• l'O.C.D.P.C. n° 558 del 15/11/2018;
• l'Ordinanza Commissariale n° 5/2018;
• l'Ordinanza Commissariale n° 9/2019.

DECRETA

1. CHE quanto riportato in premessa costituisce parte integrante del presente provvedimento;

2. DI liquidare:

♦ la fattura dell'importo di € 78.832,35 all'impresa Caramori S.r.l. con sede a Verona in via Leoncino
n° 32 (VR), C.F./P. I.V.A. n° 01443040298, quale erogazione dell'anticipo contrattuale per
l'esecuzione dei lavori in oggetto indicati;
♦ l'importo di € 17.343,12.a favore dell'Erario quale importo dovuto per I.V.A. al 22%.

3. Di trasmettere all'Ufficio di supporto al Commissario delegato il presente provvedimento per la predisposizione degli
ordinativi di pagamento relativi alle somme di cui al precedente punto 3, attraverso la procedura informatica del MEF
denominata GEOCOS, subordinatamente alle verifiche previste dalla normativa vigente;

4. DI pubblicare il presente decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet della Regione del Veneto
nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni Commissariali e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE PER IL SETTORE IDROGEOLOGICO AREA DI VERONA Dott. Ing. Marco Dorigo
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 151
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409939)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1300 del 10 dicembre 2019
O.C.D.P.C. n. 558 del 15 novembre 2018. Comune di VALLADA AGORDINA - Interventi di cui alla O.C. n. 2 del 20
dicembre 2018, Allegato A1 e B1. Importo totale finanziato Euro 34.753,25. Determinazione del contributo definitivo
Euro 29.453,58. Acconto erogato Euro 31.277,93. Economie totali quantificate Euro 5.299,67. Economie da restituire
alla C.S. n° 6108 Euro 1.824,35.

IL COORDINATORE
DELL'UFFICIO DI SUPPORTO AL COMMISSARIO DELEGATO

PREMESSO CHE

• nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle
aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;

• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 135 del 27 ottobre 2018, pubblicato sul BUR n. 114 del 16
novembre 2018, è stata attivata e convocata l'Unità di Crisi Regionale ai sensi del "Protocollo operativo per la
gestione delle Emergenze" nell'ambito del Sistema Regionale di Protezione Civile (D.G.R. n. 103 dell'11 febbraio
2013);

• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 136 del 28 ottobre 2018, integrato da successivo Decreto n.
139 del 29 ottobre 2018, pubblicati sul BUR n. 114 del 16 novembre 2018, a seguito delle criticità riscontrate è stato
dichiarato lo "stato di crisi" ai sensi dell'art. 106, comma 1 lett. a) della L.R. n. 11/2001;

• con Decreto del 29 ottobre 2018, pubblicato nella G.U. n. 253 del 30 ottobre 2018, il Presidente del Consiglio dei
Ministri, ai sensi dell'art. 23, comma 1 del D.Lgs. n. 1/2018, ha disposto la mobilitazione straordinaria del Servizio
Nazionale di Protezione Civile a supporto della Regione Veneto al fine di favorire le operazioni di soccorso nei
territori colpiti dagli eccezionali eventi;

• con Delibera del Consiglio dei Ministri (D.C.M.) dell'8 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 266 del 15 novembre
2018, in esito alle attività di cui al predetto decreto, ai sensi dell'art. 7, comma 1 lett. c) e dell'art. 24 del D. Lgs. n.
1/2018, è stato deliberato, per 12 mesi a far data dal provvedimento medesimo, lo "stato di emergenza" nei territori
colpiti dall'evento;

• la predetta Delibera al punto 4 dispone che, per l'attuazione dei primi interventi urgenti di cui all'art. 25, comma 2 lett.
a) e b) del D. Lgs. n. 1/2018, nelle more della valutazione dell'effettivo impatto degli eventi in argomento, si provveda
nel limite di complessivi Euro 53.500.000,00 a valere sul Fondo per le emergenze nazionali di cui all'art. 44, comma 1
del D. Lgs. n. 1/2018, dei quali Euro 15.000.000,00 spettanti alla Regione Veneto;

• la sopraccitata Delibera prevede che, per l'attuazione degli interventi da effettuare nella vigenza dello "stato di
emergenza", ai sensi dell'art. 25, del D. Lgs. n. 1/2018, si provveda con ordinanze, emanate dal Capo del Dipartimento
della Protezione Civile, acquisita l'intesa della Regione e delle Province Autonome interessate, in deroga a ogni
disposizione vigente e nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento giuridico;

• con successiva Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile (O.C.D.P.C.) n. 558 del 15 novembre
2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20 novembre 2018, d'intesa con la Regione del Veneto, è stato nominato il
Presidente della Regione quale Commissario delegato, per fronteggiare l'emergenza derivante dagli eventi calamitosi
di cui trattasi;

• con il medesimo provvedimento sono state dettate disposizioni per la realizzazione delle iniziative finalizzate al
superamento dell'emergenza, in particolare l'art. 1 comma 3, prevede che il Commissario delegato predisponga entro
venti giorni dalla pubblicazione dell'O.C.D.P.C., un Piano degli interventi da sottoporre all'approvazione del Capo del
Dipartimento della Protezione Civile;
152 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

• il Commissario delegato, con nota prot. n. 511689 del 14 dicembre 2018, ha trasmesso al Capo del Dipartimento della
Protezione Civile il Piano degli interventi di cui all'art. 1, comma 3 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018;

• con nota prot. n. POST/0073648 del 20 dicembre 2018 nonché da ultimo con nota n. n. POST/0032469 del 21 giugno
2019 il Capo del Dipartimento di Protezione Civile ha approvato il Piano degli interventi per l'importo complessivo di
Euro 15.000.000,00, di cui:

♦ Euro 1.527.861,29 per accantonamenti relativi alle seguenti voci: contributi per l'autonoma
sistemazione ai sensi dell'art. 5 della O.C.D.P.C. n. 558/2018 (Euro 200.000,00), presidio anti
sciacallaggio ai sensi dell'art. 8 della O.C.D.P.C. n. 558/2018 (Euro 298.000,00), rimborsi al
volontariato ai sensi dell'art. 10 della O.C.D.P.C. n. 558/2018 (Euro 100.000,00), spese funerarie ai
sensi dell'art. 13 della O.C.D.P.C. n. 558/2018 (Euro 4.250,00), supporto dei Comuni agli Enti locali
colpiti ai sensi dell'art. 1 della O.C.D.P.C. n. 559/2018 (Euro 100.000,00), oneri per prestazioni di
lavoro straordinario ai sensi dell'art. 1 della O.C.D.P.C. n. 559/2018 (Euro 600.000,00), ulteriori
rimborsi ai sensi dell'art. 10 della O.C.D.P.C. n. 558/2018 relativamente all'esercitazione VAIA
(Euro 225.611,29);
♦ Euro 1.229.189,30 per interventi di tipo a) di cui all'art. 1, comma 3, lett. a) della O.C.D.P.C. n.
558/2018;
♦ Euro 11.992.949,41 per interventi di tipo b) di cui all'art. 1, comma 3, lett. b) della O.C.D.P.C. n.
558/2018;
♦ Euro 250.000,00 per interventi di particolare urgenza per la gestione del rischio valanghivo;

• in relazione al Piano autorizzato con le note dipartimentali sopra citate, il Commissario delegato, ad oggi, ha assunto
impegni di spesa, a valere sulle risorse stanziate con D.C.M. 8 novembre 2018 e trasferite alla C.S. n. 6108, per un
importo complessivo pari ad Euro 13.897.750,00, di cui Euro 13.472.138,71 ai sensi della O.C. n. 2 del 20 dicembre
2018, ed Euro 200.000,00 ai sensi della O.C. n. 3 del 14 febbraio 2019 ed Euro 225.611,29 con O.C. n. 12/2019;

• con nota prot. n. 249408 del 29 novembre 2018 il Ministero dell'Economia e delle Finanze - Dipartimento della
Ragioneria Generale dello Stato, ha comunicato l'apertura, presso la Tesoreria dello Stato di Venezia, della Contabilità
Speciale n. 6108 intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO - O.558-18", all'interno della quale, con quietanza in data 17
dicembre 2018, è stato disposto l'accreditamento delle risorse stanziate con la suddetta Delibera, di importo pari ad
Euro 15.000.000,00;

• con riferimento alla Contabilità Speciale, la provenienza dei fondi è così definita: trasferimenti da Amministrazioni
Autonome, Ragioneria codice 960, stato di previsione codice 19, appendice codice 6, capitolo 979;

RICHIAMATA l'O.C. n. 5 del 2 aprile 2019 che all'art. 9 definisce le nuove attribuzioni del Coordinatore della struttura di
supporto al commissario affidando allo stesso anche compiti accertativi in ordine alla verifica delle rendicontazioni dei
Soggetti Attuatori ai fini delle relative liquidazioni, qualora dovute, e il pagamento in avanzamento o a saldo;

VISTA l'O.C. n. 2/2018 con la quale, in particolare, sono state impegnate risorse di importo complessivo pari ad Euro
13.472.138,71 a favore di varie Amministrazioni/Enti per il finanziamento di attività/interventi nonché liquidati acconti di
importo complessivo pari ad Euro 5.903.639,36 a favore dei Comuni evidenziati nell'allegato D alla medesima Ordinanza, a
valere sulla C.S. n. 6108;

DATO ATTO che con la sopraccitata O.C. n. 2/2018 Allegati A1 e B1, sono stati assegnati al Comune di VALLADA
AGORDINA finanziamenti di importo complessivo pari ad Euro 34.753,25, per gli interventi nello specifico indicati in Tabella
A, nel seguito riportata;

VISTA la nota del Commissario delegato prot. n. 526578 del 27 dicembre 2018 con la quale sono stati comunicati, al Comune
di VALLADA AGORDINA, i finanziamenti assegnati;

VISTA la nota del Coordinatore dell'Ufficio di supporto al Commissario delegato prot. n. 24984 del 21 gennaio 2019, con la
quale sono state comunicate, al Comune di VALLADA AGORDINA, le modalità di rendicontazione;

VISTA la nota n. 1199 del 16 aprile 2019, assunta al protocollo del Commissario Delegato n. 153730 del 16 aprile 2019, con
cui il Comune di VALLADA AGORDINA, coerentemente con le modalità di rendicontazione, ha trasmesso le Determine n.
13 del 18 gennaio 2019, n. 394, n. 395, n. 396 e n. 397 del 19 dicembre 2018, di approvazione delle spese sostenute per gli
interventi di cui alla citata Tabella A, per la somma complessiva di Euro 29.453,58;

CONSIDERATO che, con riferimento ai sopraccitati interventi, il Comune di VALLADA AGORDINA ha precisato che:
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 153
_______________________________________________________________________________________________________

• non sono oggetto di finanziamento da parte di altri contributi pubblici o risarcimenti corrisposti sulla base di polizze
assicurative;
• sono causalmente connessi con le eccezionali avversità atmosferiche verificatesi nei giorni dal 27 ottobre al 5
novembre 2018;
• sono conformi a quanto indicato nel provvedimento di finanziamento e le opere realizzate sono state condotte secondo
la normativa vigente in materia di lavori pubblici e del relativo regolamento di attuazione;

DATO ATTO che, sulla base della documentazione prodotta dal Comune di VALLADA AGORDINA e in riferimento a
quanto sopra indicato, per gli interventi in esame risulta il seguente quadro riepilogativo:

Tabella A

Importo
gia' Contributo Importo ECONOMIE
Provv.. Di Importo Importo ECONOMIE
Cod. int. Descrizione Località Erogato Definitivo da PRESENTI
Finanz. Finanziato Rendicontato TOTALI
(OC n. ammissibile riscuotere IN CS
2/82018)
fornitura pasti Frazione
025062-2 740,00 696,63 696,63 696,63 43,37 0,00 43,37
ai volontari Sachet
acquisto
gasolio da
intero
autotrazione e
025062-3 territorio 2.513,25 2.513,25 2.513,25 2.513,25 0,00 0,00 0,00
benzina per
comunale
mezzi utilizzati
dai volontari
acquisto
gasolio da OC 2/2018
riscaldamento ALLEGATO
Frazione A1 E B1
025062-4 per sede COC 11.500,00 11.500,00 11.500,00 11.500,00 0,00 0,00 0,00
Sachet
e Scuola per
sgombero
sfollati
Rimozione
materiale in
alveo per Frazione
025062-1 20.000,00 16.568,05 14.743,70 14.743,70 5.256,30 1.824,35 3.431,95
ripristino Andrich
scarico
torrente
TOTALI 34.753,25 31.277,93 29.453,58 29.453,58 5.299,67 1.824,35 3.475,32

ACCERTATA la regolarità formale della sopraccitata documentazione presentata dal Comune di VALLADA AGORDINA
che attesta in Euro 29.453,58 la spesa complessivamente sostenuta;

RITENUTO pertanto di procedere, per le motivazioni sopra esposte:

1. a confermare il finanziamento di Euro 34.753,25 complessivamente assegnato a favore del Comune di VALLADA
AGORDINA con O.C. n. 2/2018 per gli interventi di cui alla Tabella A sopra riportata, con riferimento al quale è stato
erogato un acconto di Euro 31.277,93, ai sensi della medesima Ordinanza, con ordinativo n. 137 del 2018 a valere
sulla C.S. n. 6108 di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018;
2. a determinare in Euro 29.453,58, sulla base della documentazione di rendicontazione trasmessa dal Comune di
VALLADA AGORDINA, il contributo definitivo spettante per la realizzazione degli interventi in argomento;
3. ad accertare l'economia complessiva di Euro 5.299,67, pari alla differenza tra quanto impegnato con O.C. 2/2018 e
quanto rendicontato e ammissibile a favore del Comune di VALLADA AGORDINA di cui:

a. Euro 3.475,32 già presenti sulla contabilità speciale n° 6108 di cui all'O.C.D.P.C. 558/2018;
b. Euro 1.824,35 presenti nel bilancio del Comune di VALLADA AGORDINA quale differenza fra
l'acconto già liquidato al Comune di VALLADA AGORDINA per gli interventi in argomento e la
spesa effettivamente sostenuta e documentata;

4. a disporre che le economie di cui al precedente punto 3, lettera b, pari a Euro 1.824,35 siano restituite alla Contabilità
Speciale con le modalità che saranno rese note con specifica comunicazione;

VISTI:

• il D. Lgs. n. 1/2018;
154 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

• la D.C.M. 8 novembre 2018;


• l'O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• le OO.CC. n. 2/2018, n. 3/2019 e n. 5/2019;

DECRETA

1. di dare atto che le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
2. di confermare il finanziamento di Euro 34.753,25 complessivamente assegnato a favore del Comune di VALLADA
AGORDINA con O.C. n. 2/2018 per gli interventi di cui alla Tabella A su riportata, con riferimento al quale è stato
erogato un acconto di Euro 31.277,93, ai sensi della medesima Ordinanza, con ordinativo n. 137 del 2018 a valere
sulla C.S. n. 6108 di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018;
3. di determinare in Euro 29.453,58, sulla base della documentazione di rendicontazione trasmessa dal Comune di
VALLADA AGORDINA, il contributo definitivo spettante per la realizzazione degli interventi in argomento;
4. di accertare l'economia complessiva di Euro 5.299,67, pari alla differenza tra quanto impegnato con O.C. 2/2018 e
quanto rendicontato e ammissibile a favore del Comune di VALLADA AGORDINA di cui:

a. Euro 3.475,32 già presenti sulla contabilità speciale n° 6108 di cui all'O.C.D.P.C. 558/2018;
b. Euro 1.824,35 presenti nel bilancio del Comune di VALLADA AGORDINA quale differenza fra
l'acconto già liquidato al Comune di VALLADA AGORDINA per gli interventi in argomento e la
spesa effettivamente sostenuta e documentata;

5. di disporre che le economie di cui al precedente punto 4, lettera b, pari a Euro 1.824,35 siano restituite alla Contabilità
Speciale con le modalità che saranno rese note con specifica comunicazione;
6. di trasmettere il presente provvedimento al Comune di VALLADA AGORDINA;
7. di pubblicare il presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet della Regione del
Veneto nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni Commissariali e Post Emergenziali.

Il Coordinatore dell'Ufficio di supporto al Commissario Delegato Ing. Alessandro De Sabbata


Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 155
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409950)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1301 del 10 dicembre 2019
O.C.D.P.C. n. 558 del 15 novembre 2018. Comune di VODO DI CADORE - Interventi di cui alla O.C. n. 2 del 20
dicembre 2018, Allegato A1 e B1. Importo totale finanziato Euro 11.838,14. Determinazione del contributo definitivo
Euro 11.838,14. Acconto erogato Euro 10.654,33. Liquidazione quota residua Euro 1.183,81.

IL COORDINATORE
DELL'UFFICIO DI SUPPORTO AL COMMISSARIO DELEGATO

PREMESSO CHE

• nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle
aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;

• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 135 del 27 ottobre 2018, pubblicato sul BUR n. 114 del 16
novembre 2018, è stata attivata e convocata l'Unità di Crisi Regionale ai sensi del "Protocollo operativo per la
gestione delle Emergenze" nell'ambito del Sistema Regionale di Protezione Civile (D.G.R. n. 103 dell'11 febbraio
2013);

• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 136 del 28 ottobre 2018, integrato da successivo Decreto n.
139 del 29 ottobre 2018, pubblicati sul BUR n. 114 del 16 novembre 2018, a seguito delle criticità riscontrate è stato
dichiarato lo "stato di crisi" ai sensi dell'art. 106, comma 1 lett. a) della L.R. n. 11/2001;

• con Decreto del 29 ottobre 2018, pubblicato nella G.U. n. 253 del 30 ottobre 2018, il Presidente del Consiglio dei
Ministri, ai sensi dell'art. 23, comma 1 del D.Lgs. n. 1/2018, ha disposto la mobilitazione straordinaria del Servizio
Nazionale di Protezione Civile a supporto della Regione Veneto al fine di favorire le operazioni di soccorso nei
territori colpiti dagli eccezionali eventi;

• con Delibera del Consiglio dei Ministri (D.C.M.) dell'8 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 266 del 15 novembre
2018, in esito alle attività di cui al predetto decreto, ai sensi dell'art. 7, comma 1 lett. c) e dell'art. 24 del D. Lgs. n.
1/2018, è stato deliberato, per 12 mesi a far data dal provvedimento medesimo, lo "stato di emergenza" nei territori
colpiti dall'evento;

• la predetta Delibera al punto 4 dispone che, per l'attuazione dei primi interventi urgenti di cui all'art. 25, comma 2 lett.
a) e b) del D. Lgs. n. 1/2018, nelle more della valutazione dell'effettivo impatto degli eventi in argomento, si provveda
nel limite di complessivi Euro 53.500.000,00 a valere sul Fondo per le emergenze nazionali di cui all'art. 44, comma 1
del D. Lgs. n. 1/2018, dei quali Euro 15.000.000,00 spettanti alla Regione Veneto;

• la sopraccitata Delibera prevede che, per l'attuazione degli interventi da effettuare nella vigenza dello "stato di
emergenza", ai sensi dell'art. 25, del D. Lgs. n. 1/2018, si provveda con ordinanze, emanate dal Capo del Dipartimento
della Protezione Civile, acquisita l'intesa della Regione e delle Province Autonome interessate, in deroga a ogni
disposizione vigente e nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento giuridico;

• con successiva Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile (O.C.D.P.C.) n. 558 del 15 novembre
2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20 novembre 2018, d'intesa con la Regione del Veneto, è stato nominato il
Presidente della Regione quale Commissario delegato, per fronteggiare l'emergenza derivante dagli eventi calamitosi
di cui trattasi;

• con il medesimo provvedimento sono state dettate disposizioni per la realizzazione delle iniziative finalizzate al
superamento dell'emergenza, in particolare l'art. 1 comma 3, prevede che il Commissario delegato predisponga entro
venti giorni dalla pubblicazione dell'O.C.D.P.C., un Piano degli interventi da sottoporre all'approvazione del Capo del
Dipartimento della Protezione Civile;

• il Commissario delegato, con nota prot. n. 511689 del 14 dicembre 2018, ha trasmesso al Capo del Dipartimento della
Protezione Civile il Piano degli interventi di cui all'art. 1, comma 3 dell'O.C.D.P.C. n. 558/2018;
156 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

• con nota prot. n. POST/0073648 del 20 dicembre 2018 nonché da ultimo con nota n. n. POST/0032469 del 21 giugno
2019 il Capo del Dipartimento di Protezione Civile ha approvato il Piano degli interventi per l'importo complessivo di
Euro 15.000.000,00, di cui:

• Euro 1.527.861,29 per accantonamenti relativi alle seguenti voci: contributi per l'autonoma sistemazione ai sensi
dell'art. 5 della O.C.D.P.C. n. 558/2018 (Euro 200.000,00), presidio anti sciacallaggio ai sensi dell'art. 8 della
O.C.D.P.C. n. 558/2018 (Euro 298.000,00), rimborsi al volontariato ai sensi dell'art. 10 della O.C.D.P.C. n. 558/2018
(Euro 100.000,00), spese funerarie ai sensi dell'art. 13 della O.C.D.P.C. n. 558/2018 (Euro 4.250,00), supporto dei
Comuni agli Enti locali colpiti ai sensi dell'art. 1 della O.C.D.P.C. n. 559/2018 (Euro 100.000,00), oneri per
prestazioni di lavoro straordinario ai sensi dell'art. 1 della O.C.D.P.C. n. 559/2018 (Euro 600.000,00), ulteriori
rimborsi ai sensi dell'art. 10 della O.C.D.P.C. n. 558/2018 relativamente all'esercitazione VAIA (Euro 225.611,29);
• Euro 1.229.189,30 per interventi di tipo a) di cui all'art. 1, comma 3, lett. a) della O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• Euro 11.992.949,41 per interventi di tipo b) di cui all'art. 1, comma 3, lett. b) della O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• Euro 250.000,00 per interventi di particolare urgenza per la gestione del rischio valanghivo;

• in relazione al Piano autorizzato con le note dipartimentali sopra citate, il Commissario delegato, ad oggi, ha assunto
impegni di spesa, a valere sulle risorse stanziate con D.C.M. 8 novembre 2018 e trasferite alla C.S. n. 6108, per un
importo complessivo pari ad Euro 13.897.750,00, di cui Euro 13.472.138,71 ai sensi della O.C. n. 2 del 20 dicembre
2018, ed Euro 200.000,00 ai sensi della O.C. n. 3 del 14 febbraio 2019 ed Euro 225.611,29 con O.C. n. 12/2019;

• con nota prot. n. 249408 del 29 novembre 2018 il Ministero dell'Economia e delle Finanze - Dipartimento della
Ragioneria Generale dello Stato, ha comunicato l'apertura, presso la Tesoreria dello Stato di Venezia, della Contabilità
Speciale n. 6108 intestata a "C.D.PRES.REG.VENETO - O.558-18", all'interno della quale, con quietanza in data 17
dicembre 2018, è stato disposto l'accreditamento delle risorse stanziate con la suddetta Delibera, di importo pari ad
Euro 15.000.000,00;

• con riferimento alla Contabilità Speciale, la provenienza dei fondi è così definita: trasferimenti da Amministrazioni
Autonome, Ragioneria codice 960, stato di previsione codice 19, appendice codice 6, capitolo 979;

RICHIAMATA l'O.C. n. 5 del 2 aprile 2019 che all'art. 9 definisce le nuove attribuzioni del Coordinatore della struttura di
supporto al commissario affidando allo stesso anche compiti accertativi in ordine alla verifica delle rendicontazioni dei
Soggetti Attuatori ai fini delle relative liquidazioni, qualora dovute, e il pagamento in avanzamento o a saldo;

VISTA l'O.C. n. 2/2018 con la quale, in particolare, sono state impegnate risorse di importo complessivo pari ad Euro
13.472.138,71 a favore di varie Amministrazioni/Enti per il finanziamento di attività/interventi nonché liquidati acconti di
importo complessivo pari ad Euro 5.903.639,36 a favore dei Comuni evidenziati nell'allegato D alla medesima Ordinanza, a
valere sulla C.S. n. 6108;

DATO ATTO che con la sopraccitata O.C. n. 2/2018 Allegati A1 e B1, sono stati assegnati al Comune di VODO DI CADORE
finanziamenti di importo complessivo pari ad € 11.838,14, per gli interventi nello specifico indicati in Tabella A, nel seguito
riportata;

VISTA la nota del Commissario delegato prot. n. 526743 del 27 dicembre 2018 con la quale sono stati comunicati, al Comune
di VODO DI CADORE, i finanziamenti assegnati.

VISTA la nota del Coordinatore dell'Ufficio di supporto al Commissario delegato prot. n. 24695 del 21 gennaio 2019, con la
quale sono state comunicate, al Comune di VODO DI CADORE, le modalità di rendicontazione nonché l'elenco degli
interventi finanziati;

VISTA la nota del 29 aprile 2019, assunta al protocollo del Commissario Delegato n. 166948 del 29 aprile 2019, con la quale il
Comune di VODO DI CADORE, coerentemente con le modalità di rendicontazione, ha trasmesso la DETERMINA di
rendicontazione finale n. 61 del 2019 con approvazione delle spese sostenute per gli interventi di cui alla citata Tabella A, per
la somma complessiva di € 11.838,14, copia delle fatture e dei conseguenti mandati emessi e liquidati.

CONSIDERATO che, con riferimento ai sopraccitati interventi, il Comune di VODO DI CADORE ha precisato che:

• non sono oggetto di finanziamento da parte di altri contributi pubblici o risarcimenti corrisposti sulla base di polizze
assicurative;
• sono causalmente connessi con le eccezionali avversità atmosferiche verificatesi nei giorni dal 27 ottobre al 5
novembre 2018;
• sono conformi a quanto indicato nel provvedimento di finanziamento e le opere realizzate sono state condotte secondo
la normativa vigente in materia di lavori pubblici e del relativo regolamento di attuazione;
Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 157
_______________________________________________________________________________________________________

DATO ATTO che, sulla base della documentazione prodotta dal Comune di VODO DI CADORE e in riferimento a quanto
sopra indicato, per gli interventi in esame risulta il seguente quadro riepilogativo:

Tabella A

Importo
gia' Importo Contributo Importo
rif OC di Importo Tipo di ECONOMIE
Cod. int. Descrizione Località Erogato Rendicontato Definitivo da
finanziamento Finanziato Liquid. TOTALI
(OC n. AMMISSIBILE ammissibile liquidare
2/2018)
Acquisto cucina
economica Scuola
OC 2/2018
025066-8 elettrica e cappa materna S. 580,00 580,00 580,00 580,00 0,00 Saldo 0,00
Allegato A1
per consentire Lucia
fattura pasti
Posizionamento
tubazione
collettamento Strada
acqua Peaio -
OC 2/2018
025066-1 superficiale p.o. Vinigo 971,61 971,61 971,61 971,61 0,00 Saldo 0,00
Allegato B1
New Jersey per messa in
limitazione sicurezza
traffico in zona
frana .
Strada
Acquisto telo
Peaio -
per protezione OC 2/2018
025066-2 Vinigo 297,68 297,68 297,68 297,68 0,00 Saldo 0,00
zona franosa da Allegato B1
messa in
intemperie
sicurezza
Ripristino
Torrente
sezione alveo
Giatol -
torrente Giatol
ripristino OC 2/2018
025066-3 e puylizia di 2.277,50 2.277,50 2.277,50 2.277,50 0,00 Saldo 0,00
sezione e Allegato B1
detriti e fanghi
pulizia
trasportati dalla
detriti
corrente
P.O. New
Jersey per
limitazione
traffico in zona
frana - Strada
Posizionamento Vodo -
OC 2/2018
025066-4 telo protezione Zoppe' 2.200,00 2.200,00 2.200,00 2.200,00 0,00 Saldo 0,00
Allegato B1
zona franosa, messa in
riprofilazione sicurezza
scarpata di
monte e
sistemazione
fondo.
Riattivazione
linea scarico
idraulico Fognatura
OC 2/2018
025066-5 intasata da Peaio - 314,15 314,15 314,15 314,15 0,00 Saldo 0,00
Allegato B1
materiale Vinigo
trasportato dal
corso d'acqua
Strada
Ripristino alla Vodo -
OC 2/2018
025066-6 viabilità sezione Borca dx 5.197,20 4.013,39 5.197,20 5.197,20 1.183,81 Saldo 0,00
Allegato B1
stradale orografica
Boite
TOTALI 11.838,14 10.654,33 11.838,14 11.838,14 1.183,81 0,00 0,00

ACCERTATA la regolarità formale della sopraccitata documentazione presentata dal Comune di VODO DI CADORE che
attesta in € 11.838,14 la spesa complessivamente sostenuta;

RITENUTO pertanto di procedere, per le motivazioni sopra esposte:


158 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019
_______________________________________________________________________________________________________

1. a confermare il finanziamento di € 11.838,14 complessivamente assegnato a favore del Comune di VODO DI


CADORE con O.C. n. 2/2018 per gli interventi di cui alla Tabella A sopra riportata, con riferimento al quale è stato
erogato un acconto di € 10.654,33, ai sensi della medesima Ordinanza, con ordinativo n. 180 del 20 dicembre 2018 a
valere sulla C.S. n. 6108 di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018;
2. a determinare in € 11.838,14, sulla base della documentazione di rendicontazione trasmessa dal Comune di VODO DI
CADORE, il contributo definitivo spettante per la realizzazione degli interventi in argomento;
3. a liquidare a saldo, a favore del Comune di VODO DI CADORE, la somma di Euro 1.183,81, per gli interventi di cui
al punto 1, corrispondente alla differenza tra il contributo definitivo sopra determinato pari a Euro 11.838.14 e
l'acconto già erogato di Euro 10.654,33;
4. a disporre la predisposizione dell'ordinativo di pagamento di Euro 1.183,81, a valere sulle risorse impegnate ai sensi
della O.C. n. 2/2018 sulla contabilità speciale n. 6108 di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018, che presenta sufficiente
disponibilità;

VISTI:

• il D. Lgs. n. 1/2018;
• la D.C.M. 8 novembre 2018;
• l'O.C.D.P.C. n. 558/2018;
• le OO.CC. n. 2/2018, n. 3/2019 e n. 5/2019;

DECRETA

1. di dare atto che le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
2. di confermare il finanziamento di Euro 11.838,14 complessivamente assegnato a favore del Comune di VODO DI
CADORE con O.C. n. 2/2018 per gli interventi di cui alla Tabella A su riportata, con riferimento al quale è stato
erogato un acconto di Euro 10.654,33, ai sensi della medesima Ordinanza, con ordinativo n. 180 del 20 dicembre 2018
a valere sulla C.S. n. 6108 di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018;
3. di determinare in Euro 11.838.14, sulla base della documentazione di rendicontazione trasmessa dal Comune di
VODO DI CADORE, il contributo definitivo spettante per la realizzazione degli interventi in argomento;
4. di liquidare a saldo, a favore del Comune di VODO DI CADORE, la somma di Euro 1.183,81, per gli interventi di cui
al punto 2, corrispondente alla differenza tra il contributo definitivo sopra determinato pari a € 11.838,14 e l'acconto
già erogato di € 10.654.33;
5. di disporre la predisposizione dell'ordinativo di pagamento di € 1.183,81, a valere sulle risorse impegnate ai sensi
della O.C. n. 2/2018 sulla contabilità speciale n. 6108 di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018, che presenta sufficiente
disponibilità;
6. di trasmettere il presente provvedimento al Comune di VODO DI CADORE;
7. di pubblicare il presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet della Regione del
Veneto nell'apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni Commissariali e Post Emergenziali

Il Coordinatore dell'Ufficio di supporto al Commissario Delegato Ing. Alessandro De Sabbata


Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 147 del 20 dicembre 2019 159
_______________________________________________________________________________________________________

(Codice interno: 409954)

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI


ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE
VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018
Decreto n. 1302 del 10 dicembre 2019
O.C.D.P.C. n. 558 del 15 novembre 2018. COMUNE DI VOLTAGO AGORDINO - Interventi di cui alla O.C. n. 2 del
20 dicembre 2018, Allegato A1 e B1. Importo totale finanziato Euro 9.103.46. Determinazione del contributo definitivo
Euro 8.360.94. Acconto erogato Euro 8.193.11. Liquidazione quota residua Euro 167,83. Economie quantificate a valere
sulla c.s. n° 6108 Euro 742.52.

IL COORDINATORE
DELL'UFFICIO DI SUPPORTO AL COMMISSARIO DELEGATO

PREMESSO CHE

• nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi
meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle
aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;

• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 135 del 27 ottobre 2018, pubblicato sul BUR n. 114 del 16
novembre 2018, è stata attivata e convocata l'Unità di Crisi Regionale ai sensi del "Protocollo operativo per la
gestione delle Emergenze" nell'ambito del Sistema Regionale di Protezione Civile (D.G.R. n. 103 dell'11 febbraio
2013);

• con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 136 del 28 ottobre 2018, integrato da successivo Decreto n.
139 del 29 ottobre 2018, pubblicati sul BUR n. 114 del 16 novembre 2018, a seguito delle criticità riscontrate è stato
dichiarato lo "stato di crisi" ai sensi dell'art. 106, comma 1 lett. a) della L.R. n. 11/2001;

• con Decreto del 29 ottobre 2018, pubblicato nella G.U. n. 253 del 30 ottobre 2018, il Presidente del Consiglio dei
Ministri, ai sensi dell'art. 23, comma 1 del D.Lgs. n. 1/2018, ha disposto la mobilitazione straordinaria del Servizio
Nazionale di Protezione Civile a supporto della Regione Veneto al fine di favorire le operazioni di soccorso nei
territori colpiti dagli eccezionali eventi;

• con Delibera del Consiglio dei Ministri (D.C.M.) dell'8 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 266 del 15 novembre
2018, in esito alle attività di cui al predetto decreto, ai sensi dell'art. 7, comma 1 lett. c) e dell'art. 24 del D. Lgs. n.
1/2018, è stato deliberato, per 12 mesi a far data dal provvedimento medesimo, lo "stato di emergenza" nei territori
colpiti dall'evento;

• la predetta Delibera al punto 4 dispone che, per l'attuazione dei primi interventi urgenti di cui all'art. 25, comma 2 lett.
a) e b) del D. Lgs. n. 1/2018, nelle more della valutazione dell'effettivo impatto degli eventi in argomento, si provveda
nel limite di complessivi Euro 53.500.000,00 a valere sul Fondo per le emerge