Sei sulla pagina 1di 12

Reato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


Il reato, in diritto, è ciò che la legge dice che è reato (principio di tassatività). Tecnicamente, il reato è un
fatto giuridico umano (commissivo od omissivo) vietato dall'ordinamento giuridico di uno Stato, cui si
ricollega una sanzione penale. Rientra nella più ampia categoria dell'illecito. Secondo alcuni autori il
reato si scompone in un elemento oggettivo e in uno soggettivo (teoria della bipartizione)[1], secondo altri
in fatto tipico, antigiuridico, colpevole (teoria della tripartizione)[2]; una dottrina minoritaria lo considera
invece formato da quattro elementi: fatto umano, antigiuridico, colpevole, punibile.[3]

Nella maggior parte degli ordinamenti, i reati vengono classificati, generalmente in due o tre categorie, a
seconda della gravità. Il codice penale italiano attualmente in vigore (codice Rocco), all'art. 17 distingue
due diversi tipi di reato: il delitto (la cui pena può essere ergastolo, reclusione, multa[4]) e la
contravvenzione (la cui pena può essere arresto e ammenda).

Tra le varie classificazioni elaborate dalla dottrina, i reati possono essere considerati comuni o propri a
seconda che possano essere compiuti, rispettivamente, da chiunque o da chi riveste particolari qualifiche
o posizioni. Inoltre si distinguono reati colposi, dolosi o preterintenzionali, tentati o consumati.

Indice
Definizioni di reato
Definizione formale
Definizione sostanziale
Definizione formale-sostanziale
Classificazione
Reato nell'ordinamento italiano
Classificazione dei reati nel diritto italiano
Delitti e contravvenzioni
Reato proprio e reato comune
Reato istantaneo, permanente e abituale
Reato di mera condotta e di evento
Reato a forma vincolata e a forma libera
Reato di danno e reato di pericolo
Struttura del reato
Teoria bipartita
Elemento oggettivo
Elemento soggettivo
Teoria tripartita
Teoria finalistica o Teoria tripartita del reato secondo il criterio finalistico dell'azione
Causalità naturale del reato
Presupposti
Teoria quadripartita
Forme di manifestazione del reato
Reato circostanziato
Delitto tentato
Concorso di reati
Concorso di persone nel reato
Note
Bibliografia
Voci correlate
Altri progetti
Collegamenti esterni

Definizioni di reato

Definizione formale
Dal punto di vista formale (o giuridico) il reato è quel fatto giuridico, infrattivo della legge penale
(principio di legalità), espressamente previsto dal legislatore ed al quale l'ordinamento giuridico ricollega
come conseguenza, una sanzione (pena).[5]

Dal punto di vista strutturale, pertanto, il reato è quel fatto umano attribuibile al soggetto (principio di
materialità) offensivo di un bene giuridicamente tutelato (da una lesione o, in certi casi, anche solo da
una minaccia) sanzionato con una pena ritenuta proporzionale alla rilevanza del bene tutelato, in cui la
sanzione svolge la funzione di rieducazione del condannato. Il reato, previsto, disciplinato e sanzionato
dall'ordinamento giuridico si distingue dall'illecito amministrativo e dall'illecito civile per la diversa
natura della sanzione prevista.[6]

Definizione sostanziale
Alla concezione formale si contrappone la concezione sostanziale del reato in base alla quale è tale il
fatto socialmente pericoloso anche se non espressamente previsto dalla legge; ne deriva che sono punibili
le condotte socialmente pericolose anche se non sono criminalizzate dalla legge. Tale concezione tuttavia
elide la certezza del diritto e le garanzie per i cittadini e per tale motivo tutti i paesi democratici e liberali
hanno adottato una nozione formale del reato.[7]

Definizione formale-sostanziale
Fatto umano che aggredisce un bene giuridico ritenuto meritevole di tutela da un legislatore che si muove
nel quadro dei valori costituzionali; sempre che la misura dell'aggressione sia tale da far apparire
inevitabile il ricorso alla pena e le sanzioni di tipo non penale non siano sufficienti a garantire un'efficace
tutela.[8]

Classificazione
La maggior parte degli ordinamenti giuridici classifica i reati in base alla loro gravità. A livello globale,
alcuni paesi hanno un sistema "binario", altri un sistema "ternario"; tuttavia quella binaria è mitigata da
considerazioni più complesse.[9] Ad esempio, nella legge penale francese, i reati sono classificati in tre
categorie, secondo la loro gravità: contravvenzioni, reati e crimini. La Germania, che nel suo codice
penale del 1871 aveva adottato la stessa divisione ternaria della Francia, vi ha rinunciato dal 1945 a
favore di un sistema binario che riconosce solo crimini (Verbrechen) e reati (Vergehen). Tuttavia, vennero
introdotti i "reati regolamentari" (Ordnungswidrigkeiten) che sono correlati al diritto amministrativo ma
hanno alcune somiglianze con il diritto penale.[10]

Il sistema binario è presente anche in Italia e in Spagna, ma in quest'ultimo paese vi è una distinzione tra
delitos gravi e meno gravi.[11] Nel Regno Unito, la legge inglese è passata da un sistema ternario a un
sistema binario. La distinzione principale è tra i reati incriminabili e i reati non incriminabili, solo i primi
richiedono un processo con giuria. Ma ci sono anche i cosiddetti reati "either-way offenses" per i quali
viene riunita una giuria tenendo conto di diversi parametri, ma principalmente il plea bargaining
(l'equivalente italiano del patteggiamento) dell'accusa.[12]

Reato nell'ordinamento italiano

Classificazione dei reati nel diritto italiano


Nel diritto italiano il reato è distinto in dottrina secondo classificazioni di ampia portata, alcune delle
quali sono di generale condivisione, mentre di altre non è sufficientemente riconosciuta la validità (o
l'opportunità) teoretica e restano pertanto nell'analisi più che altro come tracce convenzionali. Comunque
la classificazione dei reati (come molti altri argomenti del diritto) non si presenta esente dalle insidie di
interpretazioni potenzialmente viziate da visioni filosofiche o ideologiche e - anche per questo - è
peraltro suscettibile di variazioni nel tempo; conviene dunque considerare la preminenza dell'aspetto di
convenzionalità attuale nell'elencazione di alcuni fra i principali tipi classificabili.

Delitti e contravvenzioni
La divisione principale all'interno della categoria del reato è quella che distingue i delitti dalle
contravvenzioni. Tale divisione risale al codice toscano del 1853 ed è stata accettata senza modifiche dal
Codice Zanardelli del 1889 e dal Codice Rocco del 1930. Il criterio distintivo delle due categorie accolto
dal codice penale attualmente vigente è di natura formale. Stabilisce infatti l'art. 17 del codice che:

Sono delitti i reati al cui verificarsi l'ordinamento penale ricollega come pene l'ergastolo, la
reclusione e la multa. Fino al 1994 era prevista la pena di morte per taluni gravissimi delitti,
poi sostituita con l'ergastolo e definitivamente esclusa anche in caso di legge penale di
guerra con la modificazione del quarto comma dell'articolo 27 della Costituzione avvenuta
con la legge costituzionale 2 ottobre 2007, n. 1.[13]

Sono contravvenzioni i reati al cui verificarsi l'ordinamento penale ricollega come pene
l'arresto e l'ammenda.[13]
La distinzione ha notevole rilievo pratico sotto diversi aspetti: principalmente, mentre per i delitti si
risponde a titolo di dolo, e solo se espressamente previsto dalla legge penale a titolo di colpa
(rappresentando l'eccezione), per le contravvenzioni si risponde indifferentemente per dolo o per colpa a
meno che non si versi in casi eccezionali in cui è la struttura del fatto contravvenzionale a richiedere o
uno o l'altro. Inoltre, il tentativo è configurabile esclusivamente per i delitti (delitto tentato). Infine, per i
delitti la reclusione può estendersi da quindici giorni a 24 anni, mentre l'arresto da cinque giorni a tre
anni; solo le contravvenzioni possono estinguersi per oblazione; la non menzione della pena viene
revocata se successivamente il condannato commette un delitto e non una contravvenzione; alcune
circostanze comuni aggravanti ed attenuanti sono attribuibili solo ai delitti.[14]

La dottrina si è sforzata di rinvenire un criterio sostanziale di differenziazione tra delitti e


contravvenzioni, una ricerca questa influenzata da concezioni politico criminali di volta in volta
dominanti. Oggi la differenza poggia su un criterio quantitativo, ossia una distinzione che opera sulla
base di maggiore e minore gravità.

La Circolare del Presidente del Consiglio dei ministri del 5 febbraio 1986 stabilisce criteri orientativi per
la scelta tra delitti e contravvenzioni. Le contravvenzioni dovrebbero circoscriversi a due categorie di
illeciti: 1) fattispecie di carattere preventivo cautelare finalizzate a tutela di beni primari; 2) fattispecie
concernenti le discipline di attività sottoposte a potere amministrativo per pubblico interesse.[15]

Sul piano del diritto positivo vigente, la distinzione più sicura è quella di natura formale che fa leva sul
diverso tipo di sanzioni comminate. Infatti stabilisce l'art. 39 del codice penale: "I reati si distinguono in
delitti e contravvenzioni secondo la diversa specie delle pene per essi rispettivamente stabilite da questo
codice" e l'art. 17 stabilisce: "Pene principali per i delitti: ergastolo, reclusione, multa; Pene principali
per le contravvenzioni: arresto e ammenda".[13]

Reato proprio e reato comune


A seconda della figura soggettiva di chi lo commette, il reato può essere distinto in proprio o comune:

il reato comune può essere commesso da chiunque (ad esempio omicidio, furto,
danneggiamento).[16]
il reato proprio può invece essere commesso soltanto da colui che rivesta una determinata
qualifica o abbia uno status precisato dalla norma, o possieda un requisito necessario per la
commissione dell'illecito; il peculato e la concussione, ad esempio, possono essere
commessi solo da un pubblico ufficiale o da un incaricato di pubblico servizio (i.p.s.) poiché
la ratio specifica della norma consiste evidentemente proprio nell'evitare che il pubblico
ufficiale o l'i.p.s. commettano azioni illecite profittando della loro posizione, mentre la ratio
generale intende preservare il buon andamento e l'imparzialità della pubblica
amministrazione. Altrettanto, il delitto di falsa perizia può essere commesso solo dal
perito.[16][17]
I reati propri, a loro volta, si distinguono in due categorie:

I reati propri esclusivi, in cui il fatto costituisce reato solo se commesso dall'intraneus,
mentre è penalmente irrilevante se commesso da chi non possiede tale qualifica. Si pensi
alla falsa testimonianza (art. 372 c.p.) il cui autore può essere solo il testimone (l'intraneus,
appunto) o all'incesto o alla bigamia.[18]
I reati propri non esclusivi, in cui il fatto è penalmente illecito indipendentemente dal suo
autore; tuttavia, quando a commetterli è un soggetto che riveste una data qualifica, il reato
"muta titolo", acquistando un nomen iuris e una gravità diversi dall'ipotesi comune.[18]
La qualità personale necessaria per il reato proprio può essere permanente oppure temporanea (o
episodica), come nel caso del testimone in un procedimento giudiziario il quale, pur non trovandosi
evidentemente stabilmente nella condizione di teste (non dovrebbe infatti trattarsi di una condizione
frequente, si spera), può commettere il reato proprio di falsa testimonianza solo durante quel breve tempo
in cui rivesta tale funzione. Anche la situazione nella quale si commette l'illecito può essere permanente o
temporanea: l'elettore che entri armato in un seggio elettorale può commettere quel reato proprio solo
quando un seggio è presente ed esiste per i soli pochi giorni di voto e di spoglio.[19]

La situazione soggettiva dell'autore del reato proprio può essere assoluta o relativa: è assoluta quella
condizione che una volta acquisita ha valore generale agli effetti dell'ordinamento, come per il caso del
detto pubblico ufficiale, che tale è per l'universalità dei componenti la comunità che ne riconosce la
carica e la funzione. È relativa invece quella condizione che ha valore solo per alcuni altri appartenenti
alla medesima comunità, ma non per altri, come accade nell'infanticidio per la madre che cagiona la
morte del proprio neonato (essa è l'unica madre di quel neonato, può essere madre di altri soggetti, ma
non è ovviamente madre di chiunque - la condizione dell'autore è dunque relativa al solo soggetto
passivo del reato).[19]

Da taluni si cita anche l'esempio dell'incesto, che consiste in una congiunzione carnale compiuta fra
soggetti legati da vincoli di sangue o di affinità, sebbene questo reato sia più spesso e più a proposito
citato per esemplificare quelle azioni umane normalmente lecite che divengono reato solo in presenza di
particolari qualità dell'autore, e in questo caso divengono reato proprio. Vi sono bensì azioni umane che
costituiscono sempre reato, ma che a particolari condizioni divengono reato proprio: l'uccisione di un
neonato è generalmente un omicidio, salvo che sia commessa dalla madre del neonato, nel qual caso
diviene il già ricordato reato proprio di infanticidio.[18]

Reato istantaneo, permanente e abituale


A seconda della natura e del momento consumativo del reato, in pratica della durata dell'illecito, e sotto
l'aspetto degli effetti dell'azione delittuosa, il reato può essere istantaneo, permanente, continuato,
abituale o professionale.

il reato istantaneo si ha quando la condotta con la quale si viola la norma (e quindi si


produce l'offesa al bene o valore tutelato dalla norma penale incriminatrice) si compie in un
solo momento, in una sola frazione di tempo, come accade ad esempio per il reato
contravvenzionale di spari in luogo pubblico. Anche l'omicidio, seppur possa essere
eseguito in più momenti diversi, si perfezione solo nell'esatto momento in cui si realizza la
morte clinica del soggetto passivo.[20][21]
il reato permanente: il reato in cui l'evento lesivo e la sua consumazione perdurino per un
certo lasso di tempo, come accade per il sequestro di persona.[22][23]
il reato abituale (o professionale) è caratterizzato da pluralità di condotte, che il legislatore
considera in modo unitario come una condotta unica e omogenea. Un esempio di questo
tipo è il reato di maltrattamenti in famiglia o la relazione incestuosa. Ciò non toglie però che
ogni singolo atto possa rilevare penalmente autonomamente (per esempio le eventuali
percosse o ingiurie subite in famiglia o la singola unione carnale tra parenti al fine di
determinazione dell'incesto).[24][25]

Reato di mera condotta e di evento


Nei reati di mera condotta la fattispecie punisce il fatto di aver tenuto una determinata condotta. L'evento
in questa tipologia di reato è conseguenza possibile, ma non necessaria per la configurazione del reato
(non è dunque necessaria l'analisi del nesso di causalità da parte del giudice). Ne è un esempio
l'omissione di soccorso: viene punita la condotta, al di là delle conseguenze della stessa. Anche la
maggior parte delle contravvenzioni appartengono a questa categoria.[26]
Diversamente, nei reati di evento, è necessario il verificarsi di un determinato effetto estrinsecato
esteriormente a seguito di una azione o di un'omissione. Sono reati di evento, ad esempio, l'omicidio, le
lesioni, il sequestro di persona, la truffa,...[26]

Reato a forma vincolata e a forma libera


Il legislatore differenzia i reati anche dal punto di vista dei mezzi utilizzati, si distinguono quindi i reati a
forma vincolata e i reati a forma libera.

I reati a forma vincolata sono quei reati per i quali la norma penale descrive un'azione
connotata da specifiche modalità. In questo caso il bene protetto dalla norma penale è
tutelato penalmente solo contro determinate modalità di azione e non altre. (esempio ad
esempio: la truffa per essere tale, richiede artifizi o raggiri per essere puniti).[27]
I reati a forma libera sono i reati in cui la fattispecie è descritta facendo riferimento
all'evento, potendo essere le più varie le modalità della azione (ad es. la norma penale che
punisce l'omicidio tutela il bene della vita indipendentemente dalle modalità di
aggressione).[27]

Reato di danno e reato di pericolo


Con riguardo alla offesa arrecata al bene giuridico protetto dalla norma penale distinguiamo i reati di
danno e i reati di pericolo.

I reati di danno si configurano quando l'evento giuridico si sostanzia nella effettiva lesione
del bene giuridico tutelato dalla norma penale incriminatrice.[28]
I reati di pericolo che si hanno, invece, nell'ipotesi in cui l'evento giuridico si sostanzi nella
mera messa in pericolo del bene o valore tutelato dalla norma penale. In tal caso dunque la
tutela offerta dal diritto penale ai beni giuridici è anticipata in quanto viene anticipata la
stessa soglia di tutela del bene.[29]
Si suole distinguere ulteriormente in reati di pericolo concreto, di pericolo astratto e reati di pericolo
presunto:

I reati di pericolo concreto sono quelli nei quali il giudice valuta in base a un giudizio ex ante
la concreta pericolosità della condotta incriminata verso il bene giuridico tutelato. Il pericolo
è dunque per questi reati un elemento costitutivo della fattispecie. Il pericolo deve
effettivamente esistere e di volta in volta essere accertato dal giudice.[30]
I reati di pericolo astratto sono quelli in cui il pericolo è implicito nella stessa condotta e non
fa parte della struttura della fattispecie di reato, ma non è inibito all'accusato fornire la prova
contraria.[30]
I reati di pericolo presunto sono quelli in cui la condotta viene sanzionata senza la necessità
di verificarne in concreto la pericolosità, in quanto questa è già presunta dal legislatore nella
norma incriminatrice. Sebbene il pericolo non sia implicito nella condotta, viene comunque
presunto "iuris et de iure" senza ammissione di prova contraria circa la sua concreta
esistenza. I reati di pericolo presunto continuano ad apparire non esenti da obiezioni
costituzionali. Essi rischiano di reprimere la mera disobbedienza dell'agente, ossia la
semplice inottemperanza di un precetto penale senza che a questa si accompagni
un'effettiva esposizione o pericolo del bene protetto.[30]

Struttura del reato


La struttura del reato, negli anni, è stata oggetto di numerosi studi e approfondimenti, volti a unificare,
dal punto di vista teorico-sistematico, le varie fattispecie criminose che il nostro ordinamento penalistico
raccoglie. La dottrina, sia in passato sia ai giorni nostri, utilizza due principali teorie per l'analisi della
struttura del reato:

Teoria bipartita (maggiormente sostenuta in giurisprudenza)[2]


Teoria tripartita (accolta da larga dottrina)[2]
Teoria finalistica (di recente introduzione accolta dai cosiddetti "finalisti")
Teoria quadripartista

Teoria bipartita
La teoria bipartita è stata introdotta in Italia da Francesco Carrara.

Il reato, essendo un atto giuridico, è composto da due elementi: quello soggettivo, che concerne l'autore
del reato, e quello oggettivo, che si concentra sulla sua condotta.

Elemento oggettivo
L'elemento oggettivo è costituito da una condotta, ovvero una modificazione del mondo esteriore, che
consiste in un'azione od omissione (diritto) descritta dalla legge penale, da cui scaturisce un risultato,
detto evento, collegato alla prima da un nesso causale.

La condotta
La condotta è l'elemento dinamico della fattispecie oggettivo-materiale del fatto tipico.
Essa può essere commissiva (o positiva) e si sostanzia quindi in un'azione, in un fare; o
può essere omissiva (o negativa) e si sostanzia quindi in un'omissione, in un non fare.
L'omissione, a sua volta, può essere propria e impropria. Si parla di "omissione propria"
quando ai fini della configurabilità dell'illecito rileva la mera omissione o ritardo
nell'azione, mentre si parla di "omissione impropria" nelle ipotesi di reati commissivi
mediante omissione (ad esempio l'omicidio del neonato da parte della madre che omette
di allattarlo).[31]

L'evento
Sussistono due concezioni dell'evento: concezione giuridica e concezione naturalistica.
Secondo la concezione naturalistica l'evento consiste nella modificazione della realtà
esteriore suscettibile di percezione sensoria. Tale concezione ritiene che possano
esistere dei reati senza evento come ad esempio nell'ipotesi dei reati di mera condotta in
cui si ha la consumazione del reato con il semplice porre in essere la condotta tipica (ad
esempio omissione di referto). Secondo la concezione giuridica, invece, l'evento si
sostanzia nell'offesa del bene o valore tutelato dalla norma penale incriminatrice; offesa
che può manifestarsi nelle due forme della lesione o messa in pericolo. Tale teoria
sostiene, per converso, che non possono esistere dei reati senza evento perché lo stesso
reato si sostanzia nell'aggressione di un bene giuridico. Quanto al reato di omissione di
referto sostiene che il bene aggredito è quello dell'interesse dell'Amministrazione della
giustizia di venire a conoscenza di quei fatti che possono costituire i presupposti per la
perseguibilità d'ufficio di dati reati. Per semplificare, l'evento non è altro che la
conseguenza dannosa dell'azione od omissione.[32]

Il nesso causale
il nesso causale è il passaggio logico che rende l'evento una conseguenza della condotta
del reo e, quindi, imputabile a quest'ultimo, in quanto nessuno può essere considerato
autore di un reato se l'evento non è a lui imputabile. Si può pertanto affermare che il
"nesso causale", anche detto "nesso di causalità" è il rapporto che deve intercorrere tra
azione ed evento, dal quale deve risultare che quest'ultimo è la diretta conseguenza del
fare (l'azione) o non fare (l'omissione) in esame. L'esigenza del rapporto di causalità è
espressa dall'art. 40 c.p dal quale si ricava che nessuno può essere considerato autore
del reato se l'evento dannoso o pericoloso che lo caratterizza non è in relazione causale
con il suo comportamento. Il principio è affermato anche dall'art. 27 Cost., il quale
statuendo che " la responsabilità penale è personale", consente di configurare la
responsabilità penale esclusivamente per fatto proprio.[33]

Elemento soggettivo
L'elemento soggettivo consiste nella coscienza e volontà dell'azione od omissione e può assumere tre
forme fondamentali: il dolo (secondo intenzione), la colpa (negligenza, imperizia o imprudenza) e la
preterintenzione (oltre l'intenzione, ossia dolo misto a responsabilità obiettiva). Mentre il dolo prefigura
la volontà nella realizzazione dell'evento naturale, o, secondo alcune teorie, del cosiddetto evento
significativo, la preterintenzione consiste in un elemento soggettivo, di carattere misto. L'art. 43 del
codice penale riconduce l'evento dannoso o pericoloso alla volontà o alla previsione del soggetto agente,
come conseguenza dell'azione o dell'omissione di quest'ultimo. Viceversa, la preterintenzione presuppone
che dall'azione od omissione dell'agente derivi un evento dannoso o pericoloso più grave rispetto a quello
voluto o preveduto dall'agente.[34]

Teoria tripartita
La teoria tripartita suole suddividere la struttura del reato in tipicità, antigiuridicità e colpevolezza e suole
definire il reato come: fatto umano tipico, antigiuridico e colpevole.

Tipicità
Per tipicità si intende la corrispondenza del fatto umano, posto in essere dal soggetto
agente, a una delle fattispecie criminose configurate dal nostro ordinamento. Il fatto, nel
caso sussista tale corrispondenza, diverrà un fatto tipico. Il fatto tipico, quindi, sarà
un'espressione di tutti quegli elementi costituenti la fattispecie criminosa tipizzata
dall'ordinamento. La tipicità è, di conseguenza, espressione sia del principio di
materialità, sia del principio di tassatività, poiché configura un fatto umano (nella teoria
bipartita corrisponderebbe alla condotta e, quindi, all'elemento oggettivo) che, rileva ai fini
del nostro ordinamento penalistico, solo se posto materialmente in essere dall'agente e
solo se aderente a quelle ipotesi tassative, espressioni anche del principio di legalità, che
lo stesso enuncia.[35]

Antigiuridicità
Qualora il fatto umano si configura come fatto tipico, perché possa sussistere un illecito
penale, lo stesso deve essere anche antigiuridico, ossia, deve essere realmente "contra
ius" e portatore di una lesione del bene giuridico protetto dall'ordinamento giuridico. Tale
requisito risulta l'effettivo elemento di differenziazione tra la teoria bipartita e quella
tripartita. Si ricorre a questo terzo requisito per introdurre accanto al fatto umano e alla
colpevolezza un elemento negativo: l'assenza di scriminanti. Inammissibile per chi ritenga
che il concetto proprio di "fatto" comprenda già di per sé la mancanza di scriminanti. La
costituzione sancisce all'art. 27 «La responsabilità penale è personale. L'imputato non è
considerato colpevole sino alla condanna definitiva. Le pene non possono consistere in
trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del
condannato. Non è ammessa la pena di morte». Con questo articolo la Costituzione
sancisce il principio di colpevolezza, il 1° comma deve essere interpretato per considerare
l'agente del reato non come semplice fattore causuale "cieco", ma come un essere
capace di orientare le proprie scelte secondo criteri di valore e di governare
razionalmente i propri atteggiamenti esteriori. Questa interpretazione è sancita dalla
sentenza n. 364/1988, la quale dichiarava l'incostituzionalità dell'allora art. 5 c.p.[36][37]

Colpevolezza
è l'elemento soggettivo del reato, cioè il livello di partecipazione interiore alla
realizzazione del fatto; per essere responsabili di un fatto, questo deve essere voluto
dall'agente (dolo) oppure il soggetto deve avere agito con colpa, cioè essere stato
negligente, imprudente, ecc.[38]

Teoria finalistica o Teoria tripartita del reato secondo il criterio finalistico dell'azione
Accanto alla teoria tripartita, si affianca quella cosiddetta "finalistica", che prevede che gli elementi
soggettivi (dolo, colpa), rientranti in quella che è la "colpevolezza psicologica" della teoria tripartita,
vengano trasfusi nel fatto tipico del reato (quindi nel fatto tipico rientrano sia elementi oggettivi come il
nesso di causalità, luogo, tempo, ecc. sia elementi soggettivi come la colpa e il dolo); mentre per
colpevolezza, ora "normativa" per i finalisti, s'intende la volontà ribelle di un soggetto a cui
l'ordinamento può avanzare un giudizio di riprovevolezza, la quale volontà ribelle presuppone
l'imputabilità ed è eliminata o attenuata dalle situazioni scusanti.

Causalità naturale del reato


Nell'analisi ex post delle cause di reato, ci si ritrova a dover far fronte al problema logico del regressus in
infinitum dato dal fatto che ogni evento è condizione di un evento successivo tanto che, per assurdo, si
potrebbe ricondurre l'evento "omicidio" alla causa "nascita dell'assassino" o ad eventi ancora più lontani
nel tempo.

Presupposti
Nel valutare quali cause siano rilevanti ai fini dell'evento occorre tenere conto di due presupposti:

offensività della condotta (causa) rispetto all'interesse finale tutelato;


interesse oggettivo del soggetto che pone in essere la condotta alla realizzazione del
reato.

Teoria quadripartita
Marinucci-Dolcini espongono una teoria quadripartita, perché aggiungono agli elementi della teoria
tripartita anche l'elemento della punibilità, tuttavia la punizione è la conseguenza del reato, cioè
rappresenta un qualcosa di esterno e che segue il concetto di reato stesso, pertanto tale teoria è
minoritaria e fortemente criticata.

Forme di manifestazione del reato

Reato circostanziato

Delitto tentato
Il delitto tentato, contrapposto al delitto consumato, indica in diritto penale un delitto che non è giunto
alla sua consumazione perché non si è verificato l'evento voluto dal reo o perché, per ragioni indipendenti
dalla sua volontà, l'azione non è comunque giunta a compimento.[39]

Sono due i criteri di configurabilità del tentativo previsti dal codice penale italiano:

l'idoneità degli atti a commettere un delitto;


l'univocità degli atti diretti a commettere un delitto.
L'idoneità va valutata dal giudice con il criterio della "prognosi postuma", ovvero in concreto ed ex ante
cioè che il giudizio va ricondotto al momento della commissione dell'ultimo atto che ha caratterizzato la
sua condotta: infatti, giudicando "ex post", a fatto compiuto cioè, qualsiasi tentativo risulterebbe
inidoneo, poiché il reato non è stato realizzato.[40] Per quanto concerne l'univocità, invece, si deve avere
riguardo per l'intenzione del soggetto sotto il profilo dell'oggettività: non è ad esempio atto diretto in
maniera univoca a commettere un omicidio l'acquisto di una pistola da parte di un individuo, il quale
potrebbe ben usare l'arma al poligono di tiro.[41]

Concorso di reati
Con l'espressione concorso di reati si riferisce all'ipotesi in cui un unico soggetto è al contempo
responsabile di più reati. In Italia il fenomeno è disciplinato dagli articoli 71 e seguenti del codice penale,
nei quali si distingue tra concorso materiale di reati e concorso formale di reati.[42]

Secondo l'ordinamento italiano si ha concorso materiale nell'ipotesi che uno stesso soggetto con più
azioni od omissioni commette una pluralità di reati (ad esempio quando tizio con diversi colpi di pistola
uccide più persone). Tale comportamento si punisce adottando il cumulo materiale delle pene,
rispondente al principio tot crimina tot poenae secondo cui il reo risponderà della somma delle pene
previste per i singoli reati; tale asprezza di trattamento è però temperata dalla previsione di alcuni limiti,
la pena non può superare i 30 anni se si tratta di reclusione, i 5 anni se si tratta di arresto e comunque il
quintuplo della pena più grave.[42] Si ha concorso formale (o ideale) di reati quando un medesimo
soggetto con una sola azione od omissione commette più reati (ad esempio quando Caio ingiuria una
platea). Come pena si applica il cumulo giuridico secondo cui va applicata la pena prevista per il reato
più grave, aumentata fino al triplo.[43]

Concorso di persone nel reato

Note
1. ^ Brocardi - dizionario giuridico, Reato, su brocardi.it. URL consultato il 21 febbraio 2017.
2. Mantovani, 2007, p. 40.
3. ^ Marinucci & Dolcini, 2004, p. 99.
4. ^ Fino al 1994 era prevista la pena di morte per taluni gravissimi delitti, poi sostituita con
l'ergastolo e definitivamente esclusa anche in caso di legge penale di guerra con la
modificazione del quarto comma dell'articolo 27 della Costituzione avvenuta con la legge
costituzionale 2 ottobre 2007, n. 1.
5. ^ Mantovani, 2007, p. 6.
6. ^ Mantovani, 2007, pp. 6-7.
7. ^ Mantovani, 2007, pp. 7-8.
8. ^ Mantovani, 2007, p. 9.
9. ^ Langeais, 2008, p. 386.
10. ^ Langeais, 2008, p. 387.
11. ^ Langeais, 2008, p. 388.
12. ^ Langeais, 2008, p. 389.
13. Marinucci & Dolcini, 2004, p. 93.
14. ^ Marinucci & Dolcini, 2004, p. 94.
15. ^ Mantovani, 2007, pp. 8-9.
16. Mantovani, 2007, p. 43.
17. ^ Marinucci & Dolcini, 2004, p. 125.
18. Mantovani, 2007, p. 44.
19. Mantovani, 2007, pp. 43-44.
20. ^ Mantovani, 2007, p. 219.
21. ^ Marinucci & Dolcini, 2004, p. 142.
22. ^ Mantovani, 2007, pp. 219-220.
23. ^ Marinucci & Dolcini, 2004, pp. 142-143.
24. ^ Mantovani, 2007, p. 253.
25. ^ Marinucci & Dolcini, 2004, p. 143.
26. Mantovani, 2007, p. 58.
27. Mantovani, 2007, p. 53.
28. ^ Mantovani, 2007, p. 90.
29. ^ Mantovani, 2007, p. 91.
30. Mantovani, 2007, pp. 91-92.
31. ^ Mantovani, 2007, pp. 51-57.
32. ^ Mantovani, 2007, pp. 57-58.
33. ^ Mantovani, 2007, pp. 59-70.
34. ^ Mantovani, 2007, p. 144-147, 157-159.
35. ^ Marinucci & Dolcini, 2004, pp. 99-103.
36. ^ Mantovani, 2007, pp. 41-43.
37. ^ Marinucci & Dolcini, 2004, pp. 102-103.
38. ^ Marinucci & Dolcini, 2004, pp. 103-105.
39. ^ Mantovani, 2007, pp. 218-236.
40. ^ Mantovani, 2007, pp. 226-228.
41. ^ Mantovani, 2007, pp. 228-230.
42. Mantovani, 2007, pp. 237-238.
43. ^ Mantovani, 2007, p. 238.

Bibliografia
Antonio Pagliaro, Il reato: parte generale, vol. 2, Milano, Giuffrè Editore, 2007, ISBN 978-
88-14-12781-6.
Ferrando Mantovani, Principi di diritto penale, 2ª ed., CEDAM, 2007, ISBN 978-88-13-
27334-7.
Giovanni Fiandaca e Enzo Musco, Diritto penale. Parte Generale, settima edizione,
Bologna, Zanichelli, 2014, ISBN 978-88-08-42125-8.
Roberto Garofoli, Manuale di Diritto Penale - Parte generale, Milano, 2003, ISBN 978-88-
6657-850-5.
(FR) Raymond Langeais, Grands systèmes de droit contemporains : approche comparative,
2ª ed., Litec, 2008, ISBN 978-2-7110-1034-9.
Francesco Antolisei, Manuale di Diritto Penale - Parte Generale, sedicesima edizione,
Giuffrè Editore, 2003, ISBN 978-88-14-00726-2.
Nicola Bartone, Diritto penale Italiano: Giurisprudenza e ottica europea. Attuale e nuova
codificazione, Padova, Cedam, 2007, ISBN 978-88-13-27931-8.
Giorgio Marinucci e Emilio Dolcini, Manuale di Diritto Penale - Parte Generale, Giuffrè
Editore, 2004, ISBN 88-14-10668-1.

Voci correlate
Aberratio causae
Apologia di reato
Causa di giustificazione
Condotta (diritto)
Circostanze aggravanti
Circostanze attenuanti
Fattispecie
Diritto penale
Imputabilità
Reato omissivo improprio
Vittime del Dovere
Reato militare

Altri progetti
Wikiquote contiene citazioni di o su reato
Wikizionario contiene il lemma di dizionario «reato»
Wikinotizie contiene notizie di attualità su reato

Collegamenti esterni

Reato, su thes.bncf.firenze.sbn.it, Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze.


Controllo di
GND (DE) 4057799-5 (https://d-nb.info/gnd/4057799-5)
autorità

Estratto da "https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Reato&oldid=109019687"

Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 21 nov 2019 alle 19:24.

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo; possono
applicarsi condizioni ulteriori. Vedi le condizioni d'uso per i dettagli.