Sei sulla pagina 1di 5

il mio primo amore fu quando avevo

15 anni. Lui è andato dove ero. Ad


essempio, ho lasciato la scuola alle
7 sera e ho camminato attraverso
un parco per arrivare a casa mia.
Le prime vote non concidevamo,
poi corsi dietro di me per
raggiungermi, in 5 minuti siamo
arrivati a casa mia. Non ho sempre
avuto intennzione di incontrare la
scuola. L’intenzione era
incontrarmi in mensa per
comprarmi da bere, ma non andai
mai in mensa.
Nei fine de settimana era abitudine
in quella città andare al cinema
dalle 4 alle 7 di sera, due film. Mi
stava cercando tra la bancarelle e
io ero con mia sorella e mio cugino
entrambi con i loro fidanzati,
mentre mi sedevo tra le due
coppie, all’arrivo, ci ha cambiati e
sono andato a finire sedermi
accanto a me.
Quindi è succeso qualche
settimana e poi me ha chiesto se
volevo essere la sua ragazza, gli ho
detto che dovevo pensarci.
Passarono alcuni giorni e mi chiese
chi cosa avevo pensato, gli dissi
che non avevo ancora deciso, fino
a quando un giorno stanco di
essere chiesto, gli ho detto che se.
Ed è così che è iniziato il mio primo
amore.
Non erano passati 4 mesi quando
mi disse che Araceli lo aveva
invitato a diventare il suo
quindicenne Chamberlain. Cosa
potrei dire,si. Non sono stato
invitato a quella festa, cosi ha
chiesto niente di più che non
ballare con lei tutta la notte, mi ha
detto che lo avrebbe fatto.
La festa era un sabato sera e il
giorno dopo, di domenica non
appariva al cinema.
Pensavo che dopo la festa fino
all’alba si era alzato in tempo per
andare al cinema.
Appena fuori dal cinema i cugini da
Araceli mi hanno chiesto un
passaggio e già dentro de la mia
auto mi hanno chiesto se non ero la
ragazza di Julio perchè ha ballato
tutta la notte con Araceli a la sua
festa di compleanno, ho riso e ho
detto loro che se fossi la sua
ragazza.
Il lunedì sera era per me andare a
scuola e ho camminato molto
velocemente per non
ranggiungermi nel parco, ma prima
di tornare a casa ho ragentato in
modo che potesse raggiungermi.
Gli ho chiesto perchè non è andato
a cinema domenica mi ha detto
che non si è svegliato in tempo,
como aveva immaginato.
Non c’era più tempo per parlare
perche siamo arrivati a casa mia.
Cosi abbiamo continuato mi
cercava a la scuola e la domenica
al cinema.
Quando c’è stata una volta gli ho
chiesto come fosse stata la festa
di Araceli cercando di dirmi con chi
aveva ballato, mi ha assicuratto
che con Araceli ha ballato solo il
suo waltz e non ho toccato di
nuovo l’argomento sapendo che mi
aveva mentito. Mentre andava a
scuola e mi cercava al cinema,
pensavo che potessimo essere
ancora dei ragazzi.

Potrebbero piacerti anche