Sei sulla pagina 1di 1
Kiko Argiello VIENI DAL LIBANO 78 Mie Re Do Re Min Gee = SSS = ES Vie= m6 dal mia sporsa, Meni da Us ea = m0, went Ae Re Do Re om Se wai per co-ro-na le vat-te Je alt cieme del i Eemon Re be Re Me = : SSS = Tu mn e-n-t | fe det 0.80 - rel-la mia spose Re Do Re . Min . = 5 = = See te Vieni dal Li- ba = no, ma sporsa Vieni dal U-ba no, ween! = Carecai fa ~ sot Re Min = Cee z mmo-r@ eal f= ma mia var Tro-vai ta sat Re bo Re Mie — = Get Se z SSS SS =] mo-re del-ta-ni - mama, —fho.ab- brac = iat, non lo l-sce = 1 mal Vieni dal Liban, mia sposa, Alzoti in fretto mia diletta, vieni colomba, vieni. vieni dal Libano, vieni Vestote ormai & gid pessato, il tempo dell’uwva @ venuto. ‘Avrai per corona le vette dei monti,, | fiori se ne vanno dalla terra, il grande sole & cessato. le abe cime dell Emon. ‘Alzat in frat, mia diet, ven colombo, ven. Rit. ‘Tu m’hai forito, ferto il cuore, 0 serall, mia spose. Come siglo sul wo cuore, come sii sul broccio, ‘Vieni dal Libano, mia sposa, che amore @ forte come la morte e le ccque non lo spegneran- vieni dal Libano, vieni! ‘no. Dare per esso tutti i beni della casa sorebbe disprezzarlo, ‘CERCA! L’AMORE DELL’ANIMA MIA, Come sigilo sul wo cuore, come sigilo sul braccio. LO CERCAI SENZA TROVARLO. TROVA! L’AMORE DELL’ANIMA MIA, PHO ABBRACCIATO, NON LO LASCERO MAI lo appartengo ol mio dileto ed egh & tuto per me. ‘Vieni usciamo alla campagna, dimoriamo nei villoggi. Andremo all‘alba nelle vigne, vi raccoglieremo i frutt. lo oppartenge al mio dete ed eg 8 ito perme. Rit. © Kiko Argiello, Neo-cotecumencle, Madrid 16, Spagna.