Sei sulla pagina 1di 3

SCHOPENHAUER

Radici del suo pensiero filosofico

EREDITA’ KANTIANA ASPRA CRITICA DEL RAPPORTO CON IL


MATERIALISMO E ROMANTICISMO
DELL’IDEALISMO

Distinzione Rapporto fra Materialismo Idealismo Ne riprende alcuni temi:


fra noumeno soggetto e • L’irrazionalismo
e fenomeno oggetto • L’importanza
dell’arte e della
musica
• Il tema dell’infinito
Fenomeno: Il soggetto Nega il Nega e il tema del dolore
non esiste conosce soggetto l’oggetto
fuori dalla l’oggetto riducendo riducendo
coscienza tramite le sue tutto tutto al
(Kant), ma forme a all’oggetto soggetto e fa
dentro la priori derivare il
coscienza. mondo da un
Noumeno: unico
non è un Il mondo principio
concetto- appare al soggettivo
limite e sogg. come
inconoscibile egli è capace
(Kant), ma di vederlo
l’essenza
delle cose
che si
Solo 3
nasconde SPAZIO
forme a
dietro il
priori
fenomeno
ingannevole
TEMPO
ed è
conoscibile. Spiegano il mondo solo in quanto
CAUSALITA’ 4 FORME rappresentazione ma non giungono
alla cosa in sè

Principio del divenire Principio del conoscere Principio d’essere Principio dell’agire

Regola la causalità fra gli Regola i rapporti fra le Regola i rapporti fra gli Regola il nesso
oggetti naturali nello premesse e le conclusioni enti matematici nello fra motivi
spazio e nel tempo spazio e nel tempo (stimoli) e azioni
OPERA “Il mondo come volontà
PRINCIPALE ORIGINE PRATICO-
e rappresentazione” MORALE

TEMA
FONDAMENTALE “Stupore
filosofico” di S. di
fronte al male e al
Perché ogni vivere è dolore presenti nel
per essenza un soffrire? mondo

STRUTTURA 4 LIBRI

I libro II libro III libro IV libro

Il mondo come Il mondo come S. individua il Via che conduce alla


rappresentazione volontà modello che è in liberazione dalla
grado di svelarci volontà
la presenza della
Il sogg. conferisce Il sogg., rivolgendo lo volontà nel
validità al mondo sguardo all’interno di mondo
oggettivo sé, si rende conto della
applicandogli le dimensione vera del Arte
forme a priori mondo Morale
Il genio coglie Ascesi
nell’arte
l’oggettività
Il mondo che gli INTROSPEZIONE: immediata della
appare però non è Io esisto perché volontà
altro che voglio, quindi io
un’immagine sono la mia volontà
ingannevole,
un’illusione
L’arte esprime
l’aspetto
profondo della
realtà, oltre il
fenomeno
Velo di Essenza
Maya che oscura e
copre il irrazionale
volto delle che si rivela
cose dietro il
mondo
fenomenico
Eterna
IMPULSO,
VOLONTA’ ENERGIA, FORZA
CIECA e Universale
IRRAZIONALE
Incausata e
senza scopo
Unica vera realtà,
si manifesta in due fasi

Si oggettiva Si oggettiva nella


nelle idee natura

Idee: archetipi Secondo • Forze generali della natura


su cui ci determinati gradi • Natura inorganica
modella la di oggettivazione • Natura organica
realtà prima di • Uomo
manifestarsi
nel mondo

La volontà è il volto vero e In ogni livello la natura


demoniaco del mondo che per mostra uno spettacolo
La volontà
affermarsi si nutre della stessa desolante di lotta,
domina il realtà sopraffazione e dolore
pensiero e
l’intelletto
dell’uomo
rendendolo INSODDIFAZIONE
solo un DOLORE BISOGNO
burattino NOIA: subentra alla
momentanea soddisfazione del
bisogno

“La vita è come un pendolo che oscilla fra la noia e il


dolore passando dall’attimo fugace che è il piacere”
Liberarsi dalla
subordinazione
alla volontà:
Unico modo per sfuggire a tutto questo: Ultimo passo: ASCESI Castità
LIBERAZIONE DALLA VOLONTA’ Povertà volontaria
Autoabnegazione
Sacrificio eroico
Primo passo: Secondo passo:
ARTE MORALE NOLUNTAS

L’uomo annulla la volontà Supera l’eccezionalità dell’esperienza Abolire ogni distinzione fra l’io
andando oltre il fenomeno e artistica e instaura nel soggetto uno e l’altro respingendo l’egoismo
immergendosi in idee eterne stabile habitus morale e agendo nella compassione