Sei sulla pagina 1di 3

PAESE :Italia DIFFUSIONE :(400000)

PAGINE :11 AUTORE :Lorena Loiacono


SUPERFICIE :35 %
PERIODICITÀ :Quotidiano

11 gennaio 2020

ha atenei competitivi
«L’Italia

dobbiamo portarli all’estero»


`
Il neoministro dell’università: «Subito
al lavoro con Conte per reperire risorse»

`
«Troppo pochi i giovani che si laureano
vannogarantiteborsedi studioe no tax area»

ettore della Federico II di

R
Napoli e presidente Crui,
la Conferenza dei rettori
delle università italiane, ie-
ri Gaetano Manfredi ha
giurato al Quirinale come
ministro della Repubblica italia-
na. Ministro dell’università, an-
dando così a guidare un dicaste-
ro che mancava dal 2008, essen-
do poi stato accorpato con quel-
lo alla scuola. Lui che degli studi
universitari ne ha fatto la sua vi-
ta e la sua carriera, ieri era visi-
bilmente commosso.
«È stata una grandissima emozio-
ne giurare davanti al Presidente
Mattarella. Adesso però c’èdavve-
ro tanto da fare, è il momento di
mettersi a lavorare per sistemare
quelchenonva».
Sul suo ministero incombe pe-
rò la mancanza di fondi, l’ex
ministro Fioramonti si è di-
messo proprio per questo. Co-
me farà?
«Sicuramente il tema dei fondi è
importante, ci metteremo subito
al lavoro con il premier Conte e in
Consiglio dei ministri per reperire
le risorse e per dare progressiva-
mente le risposte che il mondo ac-
cademicoaspettadatempo».
Quali sono le priorità?
«I giovani innanzitutto. Con il pre-
sidente Conte abbiamo intenzione
diavviareuna seriediincontricon
i protagonisti del mondo dell’uni-

Tutti i diritti riservati


PAESE :Italia DIFFUSIONE :(400000)
PAGINE :11 AUTORE :Lorena Loiacono
SUPERFICIE :35 %
PERIODICITÀ :Quotidiano

11 gennaio 2020

lestrutture.Servonoaulee labora-
tori, proprio per ammodernare la
ricerca.Finora siamo andati avan-
versità e della ricerca per racco-
ticonl’autofinanziamento».
gliere i suggerimenti su quelle che
Ha già un’idea di quanti fondi
devono essere le politiche da im-
serviranno?
plementare. Partiremo dai giova-
ni». «Una delle prime attività che met-
Da dieci anni assistiamo a un terò in moto è fare ricognizione
calo delle matricole, come si at- con la Conferenza dei Rettori per
traggono gli studenti? individuare i progetti cantierabili.
«Ne abbiamo persi tanti, troppi, Abbiamodue problemi importan-
Dove una lieve ripresa siamo tor- ti sull’università: poche risorse da
nati al numero di iscrizioni del un lato e la mancanza di una pro-
grammazionecerta».
Anche didattica?
2008. Ma non basta, non ci possia- «Perpoter lavorare bene e avere la
moaccontentare:ilnumerodeino- speranza di continuare a farlo,
stristudentièancoratraipiùbassi ogni anno serve la certezza che ci
d’Europacondivariterritorialiim- sia un numero di posti disponibili
portanti.Dobbiamodaremassima per entrare all’università. Con un
attenzionealdirittoallostudio». pianopluriennalediimmissionidi
In che modo? ricercatori si tranquillizza il siste-
«Nelle aree dove il reddito medio è ma e si dà una vera opportunità ai
più basso, inevitabilmente ci sono giovaniriducendoilprecariatosto-
le maggiori difficoltà nel mandare rico. Mi muoverò per garantire
i figli all’università. Voglio trovare continuità ai bandi dei ricercato-
ri».
una risposta insieme alla Confe- Nell’immediato?

renza delle Regioni per affrontare «Saràpossibileassumere10milari-


l’importante tema delle borse di cercatorineiprossimi5anni».
studio: vanno garantite a tutti gli L’università ha bisogno di in-
aventi diritto. La no tax area ad novarsi?
esempio, che comporta l’esenzio- «Sì. Sull’innovazione credo sia uti-
ne dalle tasse di iscrizione per red- lefarripartireilpercorsogiàavvia-
dito e per merito, ha aiutato molto to dal Cun, il Consiglio universita-
le famigliecon i redditi bassi. Dob- rio, per il riordino dei saperi nei
settori scientifico-disciplinari. E’
biamo rafforzare ed estendere le
facilitazioniall’accessouniversita-
un tema importante per affronta-
re i temi dell’interdisciplinarietà.
riomanonfacendoricaderelespe-
E’ questa la sfida del futuro. E poi
se sull’università. Il mancato getti-
dobbiamo farci conoscere e ap-
to delle tasse per le casse universi-
prezzareall’estero».
tarievacompensatodalloStato». Con gli scambi culturali?
Oggi non è così?
«Da un lato dobbiamo attrarre gli
«No.Finorapurtroppola compen-
stranieriinItalia,dall’altrodobbia-
sazione da parte dello Stato non è moraggiungerlineiloroPaesi».
stata sufficiente e i piccoli atenei In che modo?
hanno sofferto per questo. È im- «Portando l’università italiana
portantefareundiscorsocomples- all’estero. Abbiamo una grande
sivo a tutto tondo sugli atenei e le tradizione formativa e questo per
iscrizioni. Altrimenti non funzio- l’Italiarappresentaunagrandeop-
na». portunità. Esistono poche iniziati-
Sta curando altri aspetti del si- ve in questo senso, serve infatti un
stema universitario? piano complessivo per favorire le
«Se davvero vogliamo aumentare aperture di nuove sedi dei nostri
gli iscritti credo sia fondamentale ateneiall’estero:nessunauniversi-
pensare alle strutture dove acco- tà ha la forza economica per af-
glierli per farli studiare: va affron- frontare una simile impresa. Dob-
tatoquindiilproblemadell’ammo- biamo dargli invece la possibilità
dernamentoe dell’espansionedel- difarlo».
Lorena Loiacono
lestrutture.Servonoaulee labora-
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Tutti i diritti riservati


PAESE :Italia DIFFUSIONE :(400000)
PAGINE :11 AUTORE :Lorena Loiacono
SUPERFICIE :35 %
PERIODICITÀ :Quotidiano

11 gennaio 2020

L’intervista Gaetano Manfredi

HA
DETTO

L’ABBANDONO
SCOLASTICO

Perdiamo
troppi studenti
dobbiamo dare
la priorità al
diritto allo studio

ALQUIRINALE Gaetano Manfredi saluta il presidente Mattarella dopo


il giuramento (Fotodi Paolo Giandotti- Stampae comunicazionePresidenzadella Repubblica)

LADELOCALIZZAZIONE

Piano complessivo
per le sedi
in altri Paesi
nessuna università
può farlo da sola

ILCORPO
DOCENTE

Ripartiremo
dai giovani
e nei prossimi
5 anni assumeremo
10mila ricercatori

Tutti i diritti riservati