Sei sulla pagina 1di 1

perfetta da morire

| testo | ilaria romano | foto | antonella di girolamo

TUMORI E INQUINAMENTO: È IL le previste dalla legge”, come sintetizza un opu-


PREZZO PAGATO DA COLLEFERRO, scolo informativo per la popolazione. È scattata
NATA PER ESSERE LA CITTà IDEALE. l’emergenza ambientale, poi la bonifica.
Tra il 2005 e il 2006 i medici del Dipartimen-

L ’ albero di Natale si faceva il 4 dicembre, to di Epidemiologia della Asl Roma E hanno


per santa Barbara. Poi la festa patronale: misurato il veleno nel sangue della gente: i più
agli impiegati il padrone offriva il pranzo, contaminati sono gli anziani e chi vive lungo
agli operai biscottini e vermut. C’era la lotteria. il fiume. A suscitare preoccupazione, i dati che
Il premio? “Un cesto coi prodotti aziendali: ddt, riguardano i tumori: fra il ’97 e il 2000 nei Co-
detersivo”. Mario Sinibaldi era un bambino muni più vicini al vecchio polo industriale gli
quando le tradizioni di questa città adolescente uomini deceduti sono stati il 21 per cento in più
ruotavano tutte intorno alla fabbrica. Colleferro che nel Lazio. In particolare il cancro alla pleura ria. In altri casi, invece, “i fattori di rischio sono
ha compiuto 75 anni lo scorso giugno. Oggi ha ha colpito 6 volte più che nel resto della regione. molteplici”. I dati finora raccolti non dicono
22mila abitanti e solo 2mila operai. Ma senza Diffusi anche il cancro alla vescica e le patologie con certezza se le malattie derivino da fattori
l’industria questo posto non esisterebbe. cardiovascolari e respiratorie. lavorativi o ambientali, né se ci sia correlazione
Siamo a 51 chilometri da Roma, lungo la via Retuvasa si è costituita parte civile nel pro- tra i tumori e il beta-esaclorocicloesano. Indagi-
Casilina e la valle del fiume Sacco. Un luogo ide- cesso contro le società e i consorzi che doveva- ni e analisi continuano. Il cancro, intanto, entra
ale per viverci, se decenni di produzioni chimi- no vigilare sulla tenuta dei fusti interrati e sulla nei discorsi della gente. La paura di ammalarsi
che non avessero lasciato il segno. Perché oggi qualità delle acque. Alberto Valleriani vive lon- fa a pugni con l’immagine di luogo ideale che
Colleferro fa i conti con il prezzo pagato per lo tano dal Sacco ma si è sottoposto lo stesso ai questo comune ha ereditato dalla sua storia.
sviluppo. “Si parla di inquinamento da vent’an- controlli: “Se risulto contaminato, sapremo che Alla nascita, infatti, Colleferro è un’ordinata
ni -spiega Alberto Valleriani, presidente di Retu- il fenomeno è più ampio”. e accogliente città per i lavoratori. La progetta
vasa, la Rete per la tutela della valle del Sacco-. In fabbrica si usavano sostanze chimiche e nei primi anni Trenta Riccardo Morandi, per
Nel 2004 sono morte delle mucche. La causa amianto, ed è accertato che la causa di alcuni accogliere i dipendenti della Bpd, la fabbrica di
era il cianuro, ma dalle analisi è venuto fuori il tumori “sia l’esposizione lavorativa, e non am- esplosivi avviata nel 1912 dai senatori-impren-
resto”. I fusti di rifiuti tossici interrati nel com- bientale, alle sostanze tossiche”, scrive nel 2009 ditori Giovanni Bombrini e Leopoldo Parodi
prensorio industriale hanno rilasciato per anni Francesco Blasetti, direttore del servizio Igiene Delfino. L’Italia intende potenziare la produ-
un antiparassitario, il beta-esaclorocicloesano, degli alimenti e della nutrizione della Asl locale, zione bellica e loro si mettono all’opera. Parodi
in concentrazioni “molte volte superiori a quel- sul bimestrale informativo dell’azienda sanita- Delfino chiama maestranze da tutta la Penisola:

14 | 018 | novembre 10