Sei sulla pagina 1di 7

Confronto tra il pensiero di

Platone ed Aristotele
A cura della prof.ssa Maria Elena Auxilia
PLATONE ARISTOTELE
Fine della Fondazione dello stato Vivere secondo ragione
Filosofia giusto (essenza dell’uomo) e quindi
raggiungere la felicità
Metafisica Andare oltre il sensibile
Studio dell’essere in
quanto tale
Non può cadere sotto i
sensi
Spiega l’azione di
eventi fisici
[METAFISICA] Sviluppa la teoria Le idee non possono
L’essenza delle idee essere esterne alla
(Ciò che dice di Le idee (Essere al realtà sensibile di cui
qualcosa ciò che livello più alto), poste sono l’essenza e non si
è) in un mondo a se trovano in un mondo a
stante, sono realtà se stante, ma
immateriali, all’”interno” di ciò di cui
universali, immutabili sono essenza
ed eterne Le idee, essendo
Esistono idee di immobili e separate
forme geometriche e dalle cose, non
di valori morali (etica) possono essere causa
Le idee riconducono il del movimento delle
molteplice al singolo cose stesse
Sono la causa e il Unica realtà è
fine di ciò che è l’individuo concreto, e
L’idea suprema è il suo essere reale è la
quella del Bene, causa sostanza (il “che cosa
di conoscenza e di è” di ogni individuo)
verità L’essenza esiste
Le idee sono innate indipendentemente
nell’uomo e possono dall’uomo, che deve
essere recuperate “estrarla” da ciò che lo

1
circonda
La sostanza prima è il
sinolo (materia +
forma), soggetto del
mutamento
La sostanza seconda è
la forma in sé
(l’essenza)
[METAFISICA] Non fa riferimenti E’ motore immobile
Dio particolari al Dio. dell’universo (ciò a cui
Volendo intendere tutto tende
quest’ultimo come (Concezione
fine di ciò che esiste finalistica))
(concezione E’ atto puro
Aristotelica), questo E’ pura forma
potrebbe coincidere E’ perfezione assoluta
nella visione Platonica E’ pensiero di pensiero
con le Idee, perfette e Non ha passaggio da
assolute a cui tendono potenza ad atto
gli elementi naturali
imperfetti del mondo
sensibile
Fisica Riguarda la natura e
ciò che è soggetto a
cambiamenti
Riguarda il mutamento
e, in particolare, il
movimento
[FISICA] Ci sono quattro tipi di
Movimento movimento:
sostanziale, qualitativo,
quantitativo, locale.
Il movimento può
essere violento
(artificiale) o naturale
(rettilineo o circolare),
verso il “luogo
naturale”
Gli elementi si
muovono verso il loro
luogo naturale,
determinato dal loro
peso
Lasciate a se stesse le
cose tendono a
raggiungere la quiete e
l’immobilità (imitazione
del perfetto: Dio)

2
[FISICA] Tutto si muovo Tutto si muove
Natura secondo un fine secondo un fine
(Fanno parte particolare che per particolare che è la
della natura le Platone coincide con realizzazione della
cose che hanno le idee, contenute in propria essenza
in sé principio di un mondo separato, a
movimento e di cui tutte le cose
stasi) naturali imperfette
tendono
[FISICA] E’ mutabile tutto ciò Muta tutto ciò che
Mutamento che appartiene al imperfetto, è composto
mondo del sensibile dai quattro elementi,
E’ immutabile tutto aria, acqua, fuoco,
ciò che appartiene al terra
mondo delle idee Le quattro cause della
realtà sono: la forma
(essenza), la materia,
la causa efficiente (chi
produce il mutamento),
la causa finale
Mutamento è il
passaggio dalla
potenza all’atto
[FISICA] Individua un cosmo
Mondo e gerarchicamente
Cosmo organizzato in cui sono
distinguibili due
regioni: il mondo
celeste e quello
sublunare
L’universo unico, finito
e geocentrico ha forma
sferica ed è costituito
da sfere omocentriche
immutabili ed eterne,
che ruotano con moto
uniforme, grazie a Dio
che trasmette il moto
alla sfera più esterna
La Terra, che ha
raggiunto il suo luogo
naturale, si trova
immobile al centro
dell’universo
Il mondo terrestre
(sublunare) è
composto dai quattro

3
elementi (che si
muovono di moto
rettilineo), è imperfetto
e soggetto a
generazione e
corruzione
Il mondo celeste è
immutabile, composto
interamente dal quinto
elemento: l’etere (puro
e perfetto che,
pertanto, si muove di
moto circolare)
[FISICA] Assenza di ogni cosa.
Vuoto Aristotele nega la sua
esistenza in quanto:
Il vuoto esclude
l’esistenza di un luogo
naturale e quindi della
causa di moto
Se qualcosa si
muovesse, senza
attrito, lo farebbe di
moto istantaneo e
infinito
Il moto violento non
esisterebbe in quanto
niente potrebbe
provocarlo
Anima L’anima è immortale, Atto primo ed
sia perché principio di essenziale di un corpo
vita e movimento, sia naturale e vivo
perché conoscitrice L’anima (mortale) non
delle idee può esistere senza
E’ divisa in tre parti: corpo e viceversa
L’anima razionale L’anima ha tre gradi:
(che domina gli la funzione vegetativa
impulsi), l’anima (nutrizione e
irascibile (la rabbia), riproduzione, è
l’anima concupiscibile presente in uomini,
(principio degli animali e piante)
impulsi corporei). la funzione sensitiva
La ragione deve (sensibilità e
guidare verso movimento, è presente
l’equilibrio tra le parti solo in uomini e animali
dell’anima la funzione razionale
(principio della
conoscenza, è presente

4
solo negli uomini)
Gnoseologia Dato che le idee sono L’attività razionale
innate nell’uomo egli dell’uomo permette di
non deve far altro che raggiungere la
ricordarle sapienza, estrema virtù
La conoscenza dianoetica, con
sensibile riguarda le l’esercizio dello studio
cose mutevoli e in della conoscenza
trasformazione. Dà Virtù dianoetica e virtù
solo risultati etica sono le virtù
approssimativi e necessarie per il
provvisori raggiungimento della
La conoscenza felicità (vivere secondo
massima e assoluta ragione)
relativa al mondo
delle idee è
raggiungibile
attraverso un
percorso conoscitivo
(teoria della linea)
I due gradi inferiori
che riguardano la
conoscenza sensibile
comprendono: il
sensibile (ciò che è
ricavabile dai sensi),
le percezioni (il
giudizio esprimibile su
un oggetto del mondo
sensibile)
I due gradi superiori
che riguardano la
conoscenza razionale
comprendono: la
matematica (gli
oggetti nei loro
rapporti matematici),
la filosofia
(conoscenza delle
idee)
Etica La rivelazione più Il sommo bene si
(Studio del evidente del Bene identifica con la felicità,
significato di (verità assoluta) è la che consiste nella virtù
Bene, bellezza in se, eterna e nel vivere secondo
Felicità, e perfetta ragione
Giustizia) Il bene, per l’uomo è Le virtù etiche
un misto di ragione e consistono nella
piacere, che devono realizzazione del giusto

5
mescolarsi in qualcosa mezzo tra i due
di armonico, con estremi opposti. Sono
l’intervento della virtù di carattere
razionalità pratico, riguardanti la
La giustizia assoluta, parte affettiva
conoscibile solo da chi dell’anima, come la
esercita la filosofia ed giustizia, la generosità,
è in grado di astrarsi il coraggio…
dal sensibile è
indispensabile per la
costruzione dello stato
perfetto
Politica Platone condanna . La felicità non è
tutte le forme statali realizzabile sul piano
esistenti definite individuale ma solo nel
imperfette, e propone contesto sociale
una visione di stato La politica è ricerca dei
perfetto principi per i quali è
Lo stato ideale è nata e si è sviluppata
un’unità armonica una concreta comunità
organizzata secondo umana
una gerarchia in classi Distingue tre forme di
sociali: governo: la monarchia,
I filosofi (che devono l’aristocrazia, la
governare lo stato) democrazia; che
I guerrieri (che possono essere
devono difendere lo applicate a seconda dei
stato) casi e delle esigenze
I contadini (Che dei cittadini
devono lavorare e L’educazione dei
produrre beni di prima cittadini deve essere
necessità) unica e identica per
I facenti parte delle tutti, quindi affidata
prime due classi allo stato
devono essere educati
al più completo
disinteresse per i beni
materiali
Logica Le categorie sono i
termini che definiscono
il soggetto (sostanza,
quantità, qualità,
relazione, dove,
quando, stare,
possedere, agire,
patire) fornendone un
attributo
Gli attributi possono

6
essere rispetto al
soggetto: genere,
specie, differenza,
accidente, proprio
Un soggetto a cui è
applicato un attributo
ci danno una
proposizione
Le proposizioni
possono essere
affermative o negative
e, inoltre, particolari o
universali
Il sillogismo è la
composizione di due
proposizioni in modo
da ottenerne una terza
attraverso un
procedimento logico
valido