Sei sulla pagina 1di 2

Concordanze

La concordanza è una raccolta un repertorio delle parole che poi vengono date nel loro contesto del libro del
capitolo e del versetto. Questa si chiama concordanza verbale. È il primo tipo di concordanza. Esistono
tuttavia anche le concordanze reali, che a differenza delle parole presentano i concetti. È come se avessi un
indice analitico di un libro, una specie di concordanza reale ma non finita è la Bibbia di Gerusalemme, alla
fine troverete parole con dei riferimenti, naturalmente non è completo. Questo tipo che può servire quando
presentiamo dei concetti. Sono apparse nel medioevo, quando la mente umana cominciava a immagazzinare
meno cose in memoria. La prima concordanza è quella di Gerard Lisosky, è scritta a mano. A che cosa ci serve?
È esaustiva per quanto riguarda il vocabolario ebraico e aramaico, questa viene poi per ogni singola voce
propone una traduzione in tre lingue, non c’è bisogno di avere un vocabolario, un dizionario, in tedesco,
inglese, per l’inglese è stata usato il vocabolario di Brown Driver Drigs, e poi c’è in latino classico. Presenta i
verbi secondo le coniugazioni, qal niphal piel. C’è un primo orientamente nella presentazione dei termini in
relazione alla funzione che hanno i termini. Dà il numero dei passi ma non dà il contesto. Questa è la prima
concordanza che vale utilizzare.

La seconda concordanza è quella di Salomo Van der ker, del 1939. Questa viene molto apprezzata perché
presenta il vocabolario dell’AT Eb e Ar in maniera esaustiva. Lo presenta non secondo le radici, ma secondo
le forme come appaiono nel dizionario. Da questa concordanza c’è la forma base e le forme suffissali e anche
con le preposione. Già ti dà una sistemazione dei vocaboli. Le voci tradotte in latino. La concordanza Di Eve
Shoshan per vari tipi di utenza. Quando fate un lavoro statistico è importante riportare sempre la fonte. Bible
Works è un’applicazione elettronica. Bisogna sempre controllare. Per quanto riguarda Shoshan, si trovano
anche alcune proposte dei sintagmi, delle espressioni sintagmatiche, sono frasi fisse e se voi guardate alcune
voci all’inizio, hanno delle espressioni ebraiche hiha le cioè diventare. Per quanto riguarda l’antico
testamento greco c’è la versione di Hatch, E. – Redpath, H. A. cerca di essere una concordanza completa con
i libri deuterocanonici, gli apocrifi e altre versioni degli esapla, completa ma si basa solo su quattro
manoscritti. Si basa solo su 4 codici ABSR c’è una voce greca e tra parentesi graffe, numeri 1-2 e qui si danno
le corrispondenze ebraiche EBR e poi quando ci sono le voci i singoli versetti, accanto ai versetti trovate questi
numeri, gli editori di questa concordanza volevano stabilire il rapporto tra la parole greca e quella eraica,
sono proposte, perché uno potrebbe anche non essere d’accordo su qualcosa. Ma ti dà un orientmaneto, per
come muoversi, modo di risalire dal greco all’ebraico o all’aramaico. Per quanto riguarda il nuovo testamento
greco è senzaltro importante la concordanza di K. Aland. È uscita in tre volume, lemmario, le statistiche anche
gli apax legomena ed è stata fatta con l’aiuto del computer. Qui entriamo nel sistema computeristico, il testo
base è il Nestle Aland della 26 edizione. Nello stesso tempo per i studenti i tedeschi hanno inventato una
versione “tascabile”. Gl’inglesi hanno fatto un’altra versione di Howard Marshall questa è una concordanza
da 4 edizioni critiche del NT. Eccole: GNT4 ed. TIS, WH, SOUTER. Prima il testo base era WH adesso è GNT4,
si parte da questo e si indicano le differenze significative. Per chi si occupi dei sinottici è importante il volume
di Hoffmann Synoptic Concordance. Ti mette i riferimenti ai testi, le statistiche, questa concordanza nota DT
e TT cioè duplice tradizione e triplice tradizione. Le fonti sono MC e Q. Questa concordanza è utile ed è fatta
in quattro volumi, è utile per lo studio del vocabolario e dello stile del sinottico ti fornisce materiale su cui
noi come utenti noi riflettiamo, possiamo fare le nostre deduzioni i nostri ragionamenti. Questa si basa si
basa sul testo Nestle Aland 27 ed. Si sono ispirati alla sinossi di Aland, queste sono le fonti della concordanza.

Adesso sono di moda gli studi siriaci e quindi è stata fatta una concordanza del NT in siriaco da Georg Kiraz,
il compilatore della concordanza, è un ottimo informatico e conoscente del siriaco. Non c’è l’edizione critica
dell’AT in copto. Kiras ha creato un database elettronico utilizzando varie edizioni. Due parole su Accordance
12 (programma) è stato pubblicato da circa 2 anni è un programma che esiste dal 1994 e poi adesso non è
solo indirizzato agli utenti makintosh ma anche a quelli windows. Accordance 12 è una concordanza e una
biblioteca digitale. Questo ramo digitale viene sviluppato. AccordanceBible.com, si trovano sempre le novità.
Come si procede? Offrono vari tipi di collezioni, c’è quella LD fino alla ALL IN ALL costa 37499 dollari.
Naturalemtne uno può fare gli acquisti in varie maniere. Bisogna comprare il programma base. Il Light non lo
comprate, perché non fa girare tutte le opzioni. Bisogna partire dallo Standard. E poi si possono comprare 2
volumi interi Greek master collection, ed Hebrew master collection e poi i moduli che l’interessano. Oppure
uno se vuole fare un investimento graduale, compra il programma standard e poi compra i vari moduli e poi
costruire il proprio software. Una volta comprato il modulo, questo non è legato alla versione del programma.
Logos è come Accordance è concocordanza e Biblioteca digitale la logica è la stessa. Bisogna vedere in
dettaglio come si presenta l’offerta. Sul fatto testuale ci sono differenze tra i diversi programmi e ci sono
differenze tra i diversi programmi, bisogna orientarsi, per uso standard potrebbe essere bene quello che è
più economico. Nell’Accordance c’è l’edizione di Goetinge poi c’è il testo siriaco di Ben Sirac, poi ci sono i
papiri poi ci sono diagrammi dell’AT e NT non solo elementi della sintassi. Ad esempio si può sapere quanti
discorsi diretti abbia la Bibbia.

Ecco il compito: scegliere 3 lessemi, 3 parole, una parola dal testo masoretico TM una dai LXX e una parola
dal testo greco GNT. Minimo 3 volte deve ricorrere

1) Indicare il significato, (1, 2 – a… b..)


2) Frequenza globale (ad esempio amar 3000 volte.. la frequenza globale di questa parola scelta in tutta
la bibbia o nel TM o nei LXX o nel NT
3) Frequenza parziale. Es. Gen (500) Es (200) Frequenza locale (chi sceglie tanto deve mettere tutto)
4) Lezioni dubbie
5) Indicare la concordanza cartacea, pp.