Sei sulla pagina 1di 436

GIANNI MI

STO
ET
TO

PROG
LIBRO
ARDUINO

SETTORI PRODUTTIVI
UNICO
GIANNI
ARDUINO

SETTORI
P PRODUTTIVI
RODUTTIVI
UNICO
Redazione: Cristina Mancini I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adatta-
mento totale o parziale con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm e le copie foto-
Progetto grafico e copertina: Arnaldo Tranti Design statiche) sono riservati per tutti i paesi.
Impaginazione: Edit 3000
Le fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del
Coordinamento prestampa: Gianni Dusio 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del
compenso previsto dall’art. 68, commi 4 e 5, della legge 22 aprile 1941 n. 633.
Disegni: Gianni Arduino, Francesco Caviglia,
Tiziano Perotto, Gianfranco Spione Le riproduzioni effettuate per finalità di carattere professionale, economico o
commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere
effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da:
AIDRO - Corso di Porta Romana,108 - Milano 20122
e-mail: segreteria@aidro.org
sito web: www.aidro.org
Per i casi in cui non è stato possibile ottenere il permesso di riproduzione, a cau-
sa della difficoltà di rintracciare chi potesse darlo, si è notificato all’Ufficio della
proprietà letteraria, artistica e scientifica che l’importo del compenso è a disposi-
zione degli aventi diritto.
Le immagini del testo (disegni e/o fotografie) che rappresentano marchi o prodot-
ti presenti sul mercato hanno un valore puramente didattico di esemplificazione.
Questo volume è stato realizzato tenendo conto di quanto stabilito dal D.M. n. 547
www.latteseditori.it del 07/12/1999 (“Gazzetta Ufficiale” - Serie speciale n. 51 del 02/03/2000) circa
e-mail: info@latteseditori.it le norme avvertenze tecniche per la compilazione dei libri di testo per la scuola
dell’obbligo.
Nomi e marchi citati sono generalmente depositati o registrati dalle rispettive ca-
se produttrici.

Proprietà letteraria riservata


© 2010 S. Lattes & C. Editori SpA - Torino
Prima edizione 2010
Stampato in Italia - Printed in Italy
ristampa anno
per conto della casa editrice da
Vincenzo Bona SpA - Torino 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 10 11 12 13 14 15
Indice

9.12 Gli oli lubrificanti ................................................ 88 AREA 4 Tecnologie alimentari


9.13 Le apparecchiature elettriche Educazione alimentare
ed elettroniche ...................................................... 88
1 Tecnologie alimentari ...................................... 124
1.1 I derivati dal frumento ................................ 124
AREA 3 Tecnologia agraria
1.2 La lavorazione del riso ................................ 126
1 L’agricoltura...................................................................... 92 1.3 L’estrazione dello zucchero
di barbabietola ...................................................... 126
1.1 L’origine dell’agricoltura .......................... 92
1.4 L’industria olearia .............................................. 127
1.2 Influenza del clima
sulla vegetazione ............................................ 93 1.5 L’industria del latte
e dei suoi derivati .............................................. 128
1.3 Le regioni climatiche italiane 94
1.6 La carne e i suoi derivati .......................... 131
............

1.4 Il terreno agrario 95


1.7 La produzione di uova .................................. 134
..............................................

2 Tecniche agronomiche .................................... 96 2 La pesca ..................................................................................135


2.1 Le lavorazioni del terreno ........................ 96 2.1 Classificazione dei prodotti
2.2 Le macchine agricole .................................... 99 della pesca ................................................................ 135
2.3 La bonifica e la sistemazione 2.2 I metodi di pesca ................................................ 136
dei terreni .................................................................... 100 2.3 L’acquacoltura ...................................................... 138
2.4 L’irrigazione .............................................................. 101 2.4 I pesci industriali ................................................ 140
2.5 La concimazione .................................................. 102 2.5 La conservazione del pesce .................. 140
2.6 L’avvicendamento e la rotazione........ 103
2.7 La riproduzione delle piante ................ 104
3 Le bevande ..........................................................................141
3.1 L’acqua ............................................................................ 141
2.8 Il controllo delle piante infestanti .... 106
3.2 Il vino ................................................................................ 143
2.9 La lotta ai parassiti .......................................... 106
3.3 La birra ............................................................................ 144
2.10 Le colture protette .......................................... 107
3.4 Le bevande nervine .......................................... 145
3 La produzione agricola .................................. 108 3.5 Bibite e succhi di frutta .............................. 145

3.1 I cereali .......................................................................... 108 4 La conservazione degli alimenti ..........146


3.2 Gli ortaggi .................................................................... 110 4.1 I metodi di conservazione ........................ 146
3.3 Gli alberi da frutto ............................................ 111 4.2 La conservazione con il freddo.......... 146
3.4 La floricoltura ........................................................ 112 4.3 La conservazione per mezzo
del calore .................................................................... 148
4 La selvicoltura .............................................................. 114 4.4 La conservazione per rimozione
4.1 Il bosco .......................................................................... 114 dell’acqua .................................................................... 148
4.2 La selvicoltura industriale ...................... 115 4.5 Metodi chimici naturali ................................ 149
4.6 Conservanti chimici artificiali ............ 150
5 L’allevamento del bestiame.................. 117 4.7 Conservazione domestica
5.1 Tipi di allevamento .......................................... 117 dei cibi ............................................................................ 151
5.2 Foraggi e mangimi ............................................ 117
5 Gli imballaggi e le etichette ................152
5.3 Cenni sugli allevamenti .............................. 118
5.1 La lettura delle etichette .......................... 152
6 L’agricoltura biologica .................................... 119 5.2 La sicurezza alimentare ............................ 153

6.1 I princìpi dell’agricoltura biologica .... 119 6 Gli OGM e gli alimenti biologici ..........154
6.2 Le norme dell’Unione Europea .......... 119
6.1 Gli Organismi Geneticamente
6.3 Le produzioni animali .................................... 120 Modificati (OGM) ................................................ 154
6.4 Gli ingredienti e le etichette ................ 120 6.2 Gli alimenti biologici ...................................... 156

IV
Indice

7 L’educazione alimentare ............................159 3 Macchine semplici ................................................ 215


7.1 La funzione degli alimenti ...................... 159 3.1 La leva ............................................................................ 215

7.2 I princìpi alimentari o nutrienti .......... 159 3.2 Le macchine e le forze ................................ 216
7.3 Il fabbisogno energetico............................ 162 3.3 La ruota .......................................................................... 217
7.4 La piramide degli alimenti ...................... 163
7.5 La dieta mediterranea .................................. 164 4 Classificazione delle macchine .......... 218
7.6 L’alimentazione dell’adolescente .... 166 4.1 Tipi di macchine.................................................... 218
7.7 L’obesità........................................................................ 167
5 Energia alle macchine .................................... 219
AREA 5 Territorio, città, abitazione 5.1 Energia che si trasferisce
e si trasforma ........................................................ 219
1 Il territorio .......................................................................... 174
1.1 La struttura del territorio ........................ 174 6 Macchine motrici ...................................................... 221
1.2 La gestione del territorio .......................... 174 6.1 Mulini ad acqua e mulini
1.3 I Piani Territoriali ................................................ 175 a vento ............................................................................ 221
1.4 Le risorse del territorio .............................. 177 6.2 La macchina a vapore .................................. 222

1.5 Borghi, paesi, città .......................................... 178 6.3 I motori a scoppio .............................................. 223
6.4 Il motore a reazione ........................................ 224
2 La città ...................................................................................... 179 6.5 La turbina a vapore .......................................... 225
2.1 L’aspetto della città ........................................ 179 6.6 Le turbine idrauliche ...................................... 226
2.2 Il Piano Regolatore .......................................... 181
2.3 Servizi e strutture ............................................ 182 7 Organi di trasmissione .................................. 227
2.4 La città nascosta ................................................ 183 7.1 Ruote di frizione .................................................. 227
2.5 Una città a misura d’uomo ...................... 184 7.2 Ruote dentate ........................................................ 228
7.3 Cinghie e catene.................................................. 229
3 Le strutture nell’edilizia .............................. 186 7.4 Biella-manovella; camma .......................... 229
3.1 La resistenza delle strutture .............. 186

8 Forza di attrito .............................................................. 230


4 L’abitazione ...................................................................... 188 8.1 Attrito radente e attrito
4.1 Tipi di abitazioni .................................................. 188 volvente ........................................................................ 230
4.2 La progettazione di un edificio .......... 189
4.3 La costruzione di un’abitazione ........ 190 9 Controllo e automazione ............................ 231
4.4 Costruzioni in zone sismiche .............. 193 9.1 Impieghi dell’automazione ...................... 231
4.5 Gli impianti dell’abitazione .................... 196 9.2 Funzionamento dei controlli
4.6 L’ambiente interno e l’arredo .............. 199 automatici .................................................................. 232
4.7 Le barriere architettoniche 9.3 Automazione industriale ............................ 234
nell’abitazione........................................................ 200 9.4 Automazione negli edifici ........................ 235
4.8 La bioarchitettura .............................................. 202 9.5 Automazione nei mezzi
di trasporto ................................................................ 235
AREA 6 Meccanica e macchine
AREA 7 Tecnologia dei trasporti
1 Introduzione alle macchine.................... 212
1.1 Cosa fanno le macchine ............................ 212 1 Il sistema trasporti .............................................. 240
1.2 Le macchine e le forze ................................ 212 1.1 Che cosa si intende per
sistema trasporti ................................................ 240
2 Meccanica ............................................................................ 213 1.2 La globalizzazione dei trasporti............ 241
2.1 Statica, Cinematica, Dinamica .......... 213 1.3 La situazione in Italia .................................... 243
2.2 Le forze .......................................................................... 214 1.4 Le aree urbane ...................................................... 244

V
Indice

2 Il trasporto stradale............................................ 245 4 L’energia idroelettrica .................................... 288


2.1 La rete viaria ............................................................ 245 4.1 Le centrali idroelettriche .......................... 288
2.2 Gallerie e metropolitane............................ 246 4.2 Le centrali idroelettriche
2.3 Ponti e viadotti...................................................... 247 di pompaggio............................................................ 289

2.4 Veicoli su gomma................................................ 248 5 L’energia geotermica ........................................ 290


5.1 Le centrali geotermoelettriche.......... 290
3 Il trasporto ferroviario .................................. 252
3.1 Caratteristiche del trasporto 6 L’energia solare ........................................................ 291
ferroviario .................................................................. 252 6.1 Le caratteristiche
3.2 Le linee ferroviarie .......................................... 253 dell’energia solare ............................................ 291
3.3 Le stazioni .................................................................. 253 6.2 Produzione di calore
a basse temperature ...................................... 292
4 Il trasporto navale ................................................ 255 6.3 Produzione di calore
4.1 Caratteristiche del ad alta temperatura ........................................ 292
trasporto navale .................................................. 255 6.4 Conversione fotovoltaica ........................ 294
4.2 I porti ................................................................................ 255
4.3 Tipi di navi .................................................................. 256
7 L’energia del vento .............................................. 295
7.1 I generatori eolici .............................................. 295
5 Il trasporto aereo .................................................... 259
8 Energia dall’oceano ............................................ 297
5.1 Caratteristiche del
8.1 Energia dalle onde ............................................ 297
trasporto aereo .................................................... 259
8.2 Energia dalle maree ........................................ 298
5.2 Le aerovie .................................................................... 259
8.3 Energia termica dall’oceano
5.3 Gli aeroporti.............................................................. 260
(OTEC) .............................................................................. 300
5.4 Gli aeroplani ............................................................ 261

5.5 L’elicottero ................................................................ 264 9 Biomasse, biogas,


biocombustibili ............................................................ 301
9.1 Energia dalle biomasse .............................. 301
AREA 8 Energia 9.2 Biogas .............................................................................. 301
1 Le fonti di energia .................................................. 268 9.3 Biocarburanti .......................................................... 302
1.1 Che cos’è l’energia? ...................................... 268
10 Energia dai rifiuti .................................................... 304
1.2 Risorse energetiche esauribili 10.1 Utilizzo dei rifiuti ................................................ 304
e rinnovabili .............................................................. 269
10.2 I termovalorizzatori.......................................... 304
2 I combustibili .................................................................. 270
11 L’idrogeno ............................................................................ 306
2.1 Classificazione dei combustibili ...... 270
11.1 L’idrogeno come vettore
2.2 La legna da ardere ............................................ 271 di energia .................................................................... 306
2.3 I carboni fossili .................................................... 272 11.2 La cella a combustibile
2.4 Il petrolio ...................................................................... 274 (fuel cell) ...................................................................... 307
2.5 Il gas naturale o metano............................ 280
12 Energia: che fare? .................................................. 308
2.6 Le centrali termoelettriche
12.1 Fonti d’energia: pro e contro................ 308
e a turbogas .............................................................. 282
12.2 Il risparmio dell’energia ............................ 309
3 L’energia nucleare ................................................ 284
3.1 Cos’è l’energia nucleare ............................ 284 AREA 9 Energia elettrica
3.2 La fissione nucleare ...................................... 285
1 L’elettricità ........................................................................ 316
3.3 Le centrali elettronucleari ...................... 285 1.1 Le caratteristiche dell’energia
3.4 La fusione nucleare ........................................ 286 elettrica.......................................................................... 316

VI
Indice

1.2 Che cos’è l’elettricità.................................... 316 4 Rete Internet .................................................................. 365


1.3 Tensione e corrente elettrica .............. 318 4.1 Cos’è la rete Internet .................................... 365
1.4 Le leggi fondamentali 4.2 Il Web ................................................................................ 366
dell’elettrotecnica ............................................ 318
4.3 Altri servizi Internet ........................................ 370
1.5 Collegamento in parallelo
e in serie ...................................................................... 320 5 Registrazione di suoni
1.6 Pile e accumulatori .......................................... 321 e immagini............................................................................ 372
2 Magnetismo 5.1 Registrazione su nastro
magnetico .................................................................... 372
e macchine elettriche ...................................... 323
5.2 Registrazione su dischi ottici .............. 372
2.1 Le proprietà delle calamite .................... 323
5.3 Registrazione su altri dispositivi
2.2 Elettrocalamite e induzione
di memoria .................................................................. 374
elettromagnetica ................................................ 324
2.3 La corrente alternata
e il trasformatore .............................................. 325 AREA 11 Tecnologie per la salute
2.4 L’alternatore, la dinamo
e i motori elettrici.............................................. 326 1 Tecnologie per la salute .............................. 378
1.1 La bioingegneria .................................................. 378
3 L’impianto elettrico domestico ...... 327 1.2 Gli esami grafici .................................................. 378
3.1 Struttura e componenti .............................. 327 1.3 La diagnosi per immagini .......................... 379
3.2 Gli apparecchi di illuminazione .......... 329 1.4 Endoscopia ................................................................ 381
3.3 Gli elettrodomestici ........................................ 330 1.5 Ingegneria dei tessuti .................................. 382
3.4 Sicurezza degli impianti elettrici .... 334 1.6 Trattamenti chirurgici.................................... 382
1.7 Organi artificiali e protesi ...................... 382
4 Il risparmio dell’energia elettrica 337
1.8 Sistemi di riconoscimento
4.1 Il risparmio negli apparecchi biometrici .................................................................... 383
elettrodomestici .................................................. 337
4.2 L’etichetta energetica .................................. 339 2 Le biotecnologie nella medicina 384
2.1 Biotecnologie tradizionali
5 Elementi di elettronica .................................. 340 e innovative .............................................................. 384
5.1 Le applicazioni dell’elettronica ........ 340
2.2 Le basi dell’ingegneria
5.2 I componenti elettronici ............................ 340 genetica .................................................................... 385
5.3 I trasduttori .............................................................. 344 2.3 Le biotecnologie nella medicina ........ 386

AREA 10 Telecomunicazioni
AREA 12 Economia e Lavoro
1 Mezzi di trasmissione ...................................... 350
1.1 Cavi metallici e con fibre ottiche 350
1 Le basi dell’economia ...................................... 388
1.2 Onde radio .................................................................. 352 1.1 I bisogni umani ...................................................... 388
1.2 I beni economici e i servizi .................... 388
2 La rete telefonica .................................................. 353 1.3 Il patrimonio e il reddito ............................ 389
2.1 Il telefono .................................................................... 353 1.4 I soggetti economici
2.2 La telefonia mobile .......................................... 356 e le loro relazioni .............................................. 389
1.5 I fattori della produzione .......................... 390
3 Radio e televisione .............................................. 358 1.6 I soggetti della produzione:
3.1 La radio .......................................................................... 358 le imprese.................................................................... 391
3.2 La televisione ........................................................ 359 1.7 Prodotto e reddito nazionale .............. 392
3.3 La televisione via satellite 1.8 Consumo, risparmio,
e via cavo .................................................................... 362 investimento ............................................................ 392
3.4 Radioaiuti alla navigazione .................... 364 1.9 Il mercato .................................................................... 393

VII
Indice

2 La moneta e la Banca ......................................394 5.3 Il Contratto di lavoro ...................................... 410


2.1 Dal baratto alla moneta .............................. 394 5.4 Il mercato del lavoro ...................................... 410
2.2 Le caratteristiche della moneta ...... 394 5.5 La disoccupazione ............................................ 411
2.3 La Banca ........................................................................ 395 5.6 Il lavoro degli immigrati ............................ 411
5.7 L’organizzazione
3 La Borsa valori .............................................................. 397 del lavoro ................................................................ 412
3.1 La funzione della Borsa .............................. 397
3.2 I titoli trattati in Borsa ................................ 397
6 Il rapporto di lavoro ............................................ 413
6.1 I Servizi per l’impiego .................................. 413
3.3 Il mercato dei cambi ...................................... 399
6.2 Il lavoro dei giovani ........................................ 414
4 L’economia globale .............................................. 400 6.3 Il contratto di inserimento ...................... 415
4.1 Il commercio senza barriere ................ 400 6.4 Il contratto di lavoro a tempo
4.2 Organizzazioni internazionali .............. 400 determinato .............................................................. 415
4.3 La globalizzazione ............................................ 402 6.5 La somministrazione di lavoro .......... 415
4.4 Sviluppo economico e ambiente ...... 403 6.6 Le altre forme di lavoro
flessibile .................................................................. 415
4.5 Sviluppo improprio e sviluppo
sostenibile .................................................................. 404 6.7 L’orario di lavoro ................................................ 417
6.8 La retribuzione ...................................................... 417
5 Il mondo del lavoro .............................................. 408 6.9 Licenziamenti e dimissioni .................... 418
5.1 Il lavoro come risorsa .................................. 408 6.10 La perdita del lavoro ...................................... 418
5.2 Lavoratori dipendenti 6.11 La previdenza
e autonomi.................................................................. 409 e l’assistenza .................................................... 419

VIII
Bibliografia
Malara, Malara - Disegno tecnico - Zanichelli I vantaggi della corretta alimentazione - McGraw-Hill
Bertoldo - Tecnica grafica - Atlas Rodato, Gola - Nuova Educazione alimentare - CLITT
Malaguti - Disegno - De Agostini Parisi, Castelli - Scienza dell’alimentazione - Le Monnier
Ricci, Bersi - Disegno geometrico - Zanichelli Vezzosi - Tecniche agroalimentari - Edagricole
Valeri - Corso di disegno - La Nuova Italia Ziegler - La fame nel mondo spiegata a mio figlio - Net
AA. VV. - Tecnologia & Disegno - Zanichelli
Formisani - Spazio Immagini - Thema AA. VV. - La guida dei lavoratori 2009 - Edizioni Lavoro
Kuwayama - Trademarks and Symbols of the world - Kashiwashobo A. Gilibert - Manuale di Economia Politica - Lattes
Wong - Design del colore - Ikon
Murphy, Rowe - Marchi e Logotipi - Ikon Inventing the modern world – Hulton Getty Picture Collection
Big book of graphic designs and devices - Dover L’uomo e la scienza – La Biblioteca
Takahashi - Modern monograms - Dover How things work – Dorling Kindersley
Ouchi - Japanese optical and geometrical art - Dover Il Visuale- Istituto della Enciclopedia Treccani
Gillon - Geometric Design and ornament - Dover Calendario Atlante De Agostini - IGDA
Winter Mills - Traditional Patchwork Handbook - Dover Le Garzantine - Scienze - Garzanti
Baer Capitman - American Trademark Designs - Dover
Modley - Handbook of pictorial symbols - Dover
Allen - Colors - Chronicle Books http://it.wikipedia.org/
Chijiiwa - Color harmony - Columbus Books http://www.acre.murdoch.edu.au/
Visual elements - Columbus Books http://www.eniscuola.net/
Ibou - Logobook - Groep Interecho http://www.enea.it/
Rampazzo - Creattività - La linea Ed. http://www.cea.fr/fr/pedagogie/Energie/index.html
Booth, Clibborn - Il linguaggio della grafica - Mondadori http://www.exxonmobil.com/
Horemis - Patterns and designs - Dover http://www.hibernia.ca/index2.html
Hornung - Geometrix - Dover http://www.enel.it/
Jenkins, Wild - Mathematical curiosities - Tarquin http://www.world-nuclear.org/
Jenkins, Wild - Make shapes - Tarquin http://www.oceanpd.com/
Mollerup - Marks of Excellence - Phaidon http://www.aei.it/ita/museo/mpp_pres.htm
The Building Site - Moolight Publishing Ltd http://www.prosiel.it
Musée des Arts et métiers - L’Album http://www.dab.it
http://www.hitel.it
Where things come from - Usborne http://www.robertsradio.co.uk
Ardley - How things work - Dorling Kindersley http://www.eere.energy.gov/
Brown - Vital signs - Editoriale verde ambiente http://www.globalbioenergy.org/
http://www.speakerfactory.net/TURBINES/
Clarke, King - Atlante dell’acqua - Legenda
http://jeunes.edf.com/#
Massarutto - L’acqua - il Mulino
http://www.unh.edu/p2/biodiesel/article_alge.html
Lanza - Lo sviluppo sostenibile - il Mulino
http://www1.eere.energy.gov/geothermal/powerplants.html
Bianchi - Il riciclo ecoefficiente - Edizioni Ambiente
http://www.naturalgas.org/naturalgas/extraction_offshore.asp
AA. VV. - State of the world 2008 - Edizioni Ambiente
http://www.civl.port.ac.uk/comp_prog/offshore_platforms/
Meadows, Randers - I nuovi limiti dello sviluppo - Oscar Saggi
http://greenoptions.com/tag/tidal-energy
Mondadori
http://www.eia.doe.gov/kids/energyfacts/sources/renewable/ocean.html
Carnazzi - Le energie rinnovabili - Xenia
http://www.seewec.org/wp6.html
Ligabò - L’ambiente e le energie da fonti rinnovabili - Diabasis
http://www.biodieselbr.net/biodiesel/production-process/how-to-make/
AA. VV. - Progettare l’energia - Sperling & Kupfer
http://www.propelbiofuels.com/site/aboutbiodiesel.html
Hunter - Energy - Raintree
http://www.energymanagertraining.com/petrochemical/Petroleum.htm
Goodman - Energy - Hodder Children’s Books
http://outburst.uow.edu.au/html/rank.html
Menegon, Pivotti, Xiccato - Fondamenti di Tecnologia Agraria - Marietti http://fossil.energy.gov/education/energylessons/coal/gen_howformed.
Scuola htmls
Bosso - Cos'è l'agricoltura? - Calderini http://kids.discovery.com/
Spigarolo - Agronomia - Zanichelli http://www.si.edu/
AA. VV. - L’agricoltura spiegata ai giovani - Edagricole http://www.howstuffworks.com/
Baccicchetto, Turrin - Principi di agricoltura ed elementi di botanica -
Edagricole
Bianchini, Corbetta, Pistoia - I frutti della terra - Mondadori

Hooper - I for invention - Piccolo


Grassani - Sicurezza negli ambienti di lavoro - Editoriale Delfino
Grosso - Corso di Tecnologia Meccanica - Ed. Giorgio Mondadori
De Felice, Glielmo - Tecnologia Meccanica - Calderini
Straneo, Consorti - Tecnologia meccanica - Lattes
AA. VV. - Corso di Tecnologia Meccanica - Hoepli Referenze iconografiche
Gordon - La scienza dei materiali resistenti - Mondadori
Ormea - Corso di costruzioni - Hoepli http://commons.wikipedia.org
Roversi - Disegno edile - Hoepli Archivio Lattes
Neufert - Progettare e costruire - Hoepli www.istockphoto.com
AA. VV. - Tecnologia delle costruzioni - Le Monnier www.papeldoprado.com
Dubois Petroff - Une maison plus saine - Massin www.voestalpine.com
Gauzin, Muller - 25 Maisons ècologiques - amc Le Moniteur www.thyssenkrupp.com

IX
AREA 1

Risorse
della Terra

1 Materiali e risorse PREREQUISITI


pagina 2 ● Possedere conoscenze scientifiche elementari
relative al mondo che ci circonda
2 L’acqua e l’aria ● Conoscere i princìpi fondamentali dell’ecologia
pagina 6 ● Saper leggere tabelle e schemi grafici

3 I minerali
OBIETTIVI
pagina 15
● Conoscere e classificare le risorse

4 Un nuovo modello di sviluppo ● Conoscere il ciclo vitale dei materiali


● Conoscere le caratteristiche dell’acqua e dell’aria
pagina 17
● Conoscere le cause dell’inquinamento dei fiumi,
dei laghi e dei mari
● Conoscere le cause dell’effetto serra e del buco
dell’ozono e le conseguenze sull’ambiente
● Conoscere le caratteristiche dello sviluppo
sostenibile
Area 1

La Terra è simile a un’astronave che viaggia


nello spazio.
La nostra astronave è molto affollata: miliardi di
persone ci vivono, producono e consumano.
Inoltre ospita altri compagni di viaggio, apparte-
nenti al regno vegetale e animale, e anch’essi
hanno il diritto di viverci e di non scomparire.
Sul pianeta esistono abbondanti risorse di ci-
bo, di acqua, di aria, di materiali e di energia.

1
Ma... per quanto abbondanti possano sembra-
re le risorse a disposizione sulla Terra, queste
non sono infinite e dobbiamo imparare a uti-
lizzarle senza sprechi.

Materiali e risorse
1.1 I materiali
Provate a guardarvi intorno in casa: noterete i differenti ma-
teriali di cui sono fatti gli oggetti.
● I radiatori, le pentole, le posate, le maniglie delle porte, le
serrature... sono fatti di diversi metalli;
● le tende, le coperte, i vestiti... sono fatti di fibre tessili;
● i secchi, i contenitori, la pellicola per cucina, i sacchetti...
sono fatti di plastica;
● le sedie, i tavoli, gli armadi... sono fatti di legno;
● le finestre, gli specchi, i bicchieri, le lampadine... sono
fatti di vetro;
● le piastrelle, i pavimenti, gli apparecchi sanitari, le stovi-
glie... sono fatti di ceramica;
● i muri, i solai, i pilastri, le travi... sono fatti di mattoni e di
cemento;
● le scarpe, le borse e le valigie sono fatte di pelle.
Possiamo quindi definire i materiali gli elementi necessari
per costruire gli oggetti che soddisfano i bisogni dell’uomo.

Tutti questi materiali, e molti altri ancora, vengono ricavati


dalle risorse naturali che la nostra Terra ci offre.

1.2 Le risorse naturali


Il nostro pianeta è ricco di risorse naturali, come l’acqua e l’aria, il legno e i minerali, il
carbone e il petrolio... Alcune risorse possono essere utilizzate così come sono (si pen-
si all’acqua e all’aria, o alla legna che si può bruciare), altre devono essere trasformate
(l’acciaio non si trova in natura, ma si ricava dai minerali che contengono il ferro).
Dobbiamo poi considerare che alcune risorse si possono riprodurre, mentre altre, una
volta consumate, non si riproducono più.
● Le risorse rinnovabili sono quelle che si possono riprodurre, ad esempio le risorse
del regno vegetale e animale come i prodotti forestali (legname), quelli agricoli (cereali,
cotone...), quelli di origine animale (carni, pesci, lana, seta...).
Ma per questi materiali esiste pur sempre un limite che deriva dalla superficie di terreno
disponibile e dal ciclo naturale di crescita. Anche alcune forme di energia sono rinnova-
bili: ad esempio l’energia solare, quella del vento, quella idroelettrica.

2
Risorse della Terra

● Le risorse non rinnovabili sono quelle che, una volta consumate, non si possono più
riprodurre, ad esempio i minerali da cui si ricavano i metalli e le fonti energetiche come
il carbone, il petrolio, il metano.
Tutte queste risorse naturali diventano materie prime nel momento in cui vi sia la pos-
sibilità tecnica e la convenienza economica ad utilizzarle.

1 4
6
2

8
5

6
2
7

Le risorse rinnovabili 5. Legname Le risorse non rinnovabili


1. Energia idroelettrica 6. Allevamento del bestiame 1. Petrolio 4. Carbone
2. Energia solare 7. Coltivazioni 2. Miniera di minerali 5. Metano
3. Energia del vento 8. Fibre tessili naturali 3. Cava d’estrazione 6. Uranio
4. Pesca

MATERIE PRIME RINNOVABILI

USO INDUSTRIALE USO ALIMENTARE

origine animale origine vegetale origine vegetale origine animale

• legname • lana • cereali • carni


• cotone • seta • tuberi e radici • pesci
• lino, canapa • cuoio • legumi • latte
• gomma • frutta, ortaggi • uova
• grassi animali

rispondi
1. Quali sono le risorse rinnova- MATERIE PRIME NON RINNOVABILI
bili?
2. Cosa sono le risorse esauri- MINERALI METALLIFERI MINERALI NON METALLIFERI FONTI ENERGETICHE
bili?
3. Quando le risorse diventano • minerali del ferro • calcari, marne • petrolio
materie prime? • minerali del rame • argille • metano
4. Quali limiti esistono per le ri- • minerali dell’alluminio • sabbie • carbone
sorse rinnovabili? • minerali del piombo • pietre e marmi • uranio

3
Area 1

DISTRIBUZIONE E DURATA DELLE RISORSE In ogni caso, qualunque sia l’opinione sulla loro durata, rimane
La distribuzione delle risorse sulla Terra non è omogenea. I Paesi fermo un punto: le risorse sono limitate. Perciò è preciso dovere
più ricchi hanno a loro disposizione molte più risorse di quelli pove- delle generazioni attuali fare buon uso di queste risorse per non
ri, e questo non perché siano stati più favoriti dalla natura, ma per- compromettere l’avvenire delle generazioni future.
ché hanno il denaro necessario per comprare quelle risorse che a
loro mancano. Pensiamo, ad esempio, al petrolio e al metano: il
nostro Paese li importa quasi tutti dall’estero.
Da quanto detto, risulta anche chiaramente che le risorse naturali di-
sponibili sulla Terra non sono infinite, ma sono certamente limitate.
Ci possiamo chiedere quando incominceremo a sentire la loro
mancanza. La risposta è molto difficile.
Il consumo delle risorse non è prevedibile con esattezza perché
dipende dallo sviluppo economico dei vari Paesi, dalla loro capa-
cità industriale, dai consumi privati.
In questi ultimi anni abbiamo assistito alla grande crescita eco-
nomica di Paesi come la Cina, l’India o il Brasile: nel futuro, altri
Paesi oggi ancora molto poveri inizieranno a produrre di più, e
quindi anche a consumare di più. Per quanto riguarda il futuro, le
opinioni degli esperti sono molto discordi.
• I pessimisti pensano che a breve termine (alcune decine di anni)
vi sarà una gravissima crisi mondiale per l’esaurimento delle prin-
cipali materie prime, soprattutto energetiche (come il petrolio).
• Gli ottimisti pensano che la durata delle risorse sarà molto più
lunga, perché si troveranno nuovi giacimenti e perché il progres- I Paesi ricchi consumano molte più risorse dei Paesi poveri: oggi,
circa il 25% della popolazione della Terra (quella che vive nei Paesi
so tecnologico renderà possibile lo sfruttamento di risorse che, sviluppati) consuma più dell’80% delle risorse, mentre la restante
oggi, non possono essere sfruttate (come l’energia ottenuta dal- parte, pari al 75% della popolazione (quella che vive nei Paesi
la fusione nucleare controllata). poveri), ha a disposizione soltanto il restante 20% delle risorse.

1.3 Il ciclo vitale dei materiali


Le materie prime che si trovano in natura, tranne pochissime eccezioni, non sono im-
mediatamente utilizzabili per la costruzione degli oggetti, ma devono subire una prima
serie di trasformazioni per diventare materiali semilavorati.
Dai materiali semilavorati, con una successiva serie di lavorazioni, si ottengono gli og-
getti finiti. Ad esempio, dal legno si ottengono le tavole che serviranno per costruire un
armadio; dal minerale di ferro, attraverso complessi processi metallurgici, si ottiene l’ac-
ciaio che servirà per costruire la carrozzeria di un’automobile, e così via.
L’oggetto finito viene utilizzato per un certo tempo, più o meno lungo. Ad esempio, un
giornale quotidiano avrà una vita brevissima (un giorno o poco più), mentre un’automo-
bile può rimanere in circolazione per diversi anni.
Ma, in ogni caso, presto o tardi, ogni prodotto industriale è destinato a diventare un ri-
Il simbolo internazionale del fiuto. In una società come la nostra, dove il consumo è una norma, lo smaltimento dei
riciclaggio. rifiuti è diventato uno dei più gravi problemi da risolvere, e non solo perché è causa di
inquinamento ambientale, ma anche per lo spreco di nuovi materiali e di energia neces-
saria per produrli.
Vedremo come da un certo tipo di rifiuti sia possibile ricavare nuova energia. Per altri
glossario prodotti di scarto è possibile un riutilizzo attraverso il riciclaggio.
riciclaggio Recupero di sostan-
ze o materiali di scarto o di rifiu- ■ La società dei consumi
to riutilizzabili in un nuovo ciclo
produttivo. La struttura economica delle società più ricche, come la nostra, tende ad aumentare i
consumi individuali delle famiglie.
La definizione società dei consumi illustra molto bene questo atteggiamento. Le fami-
glie, convinte dalla pubblicità che fa loro apparire fuori moda o tecnicamente sorpassa-
ti i beni che già posseggono, sono spinte ad acquistare nuove auto, o elettrodomestici,
o vestiti, o qualsiasi altra cosa. Le industrie aumentano la loro produzione, ottengono
maggiori profitti e, almeno una parte di essi, va anche a vantaggio delle persone che la-
vorano nelle fabbriche, le quali quindi otterranno più denaro da spendere; questo dena-
ro servirà ad acquistare nuovi prodotti, e così il ciclo ricomincia.

4
Risorse della Terra

Il ciclo vitale dei materiali.


Qualunque materiale dopo essere
stato utilizzato per la fabbricazione
di oggetti è destinato a diventare un
rifiuto. Molti di essi possono essere
riciclati e riutilizzati.

1. estrazione mineraria 7. rifiuti da riciclare

2. raffinazione 6. oggetti vecchi

3. produzione semilavorati 5. funzionamento degli oggetti

4. oggetti finiti

1.4 Le tecnologie e l’ambiente


Il termine tecnologia deriva dal greco “tekhnologhia”, che significa letteralmente “di-
scorso sull’arte”, dove con arte si intende il saper fare.
La tecnologia si occupa dello studio dei materiali, dei procedimenti, delle macchine e
delle attrezzature necessarie per la trasformazione di una data materia prima in un pro-
dotto industriale, partendo dai principi della scienza, per arrivare alla tecnica, che inve-
ce si occupa in modo specifico delle modalità pratiche della lavorazione.
Avremo quindi molte tecnologie: meccanica, tessile, chimica, alimentare, dei trasporti,
delle costruzioni… Vengono poi definite nuove tecnologie le applicazioni dell'informa-
tica e della telematica alle diverse attività umane.
La trasformazione tecnologica delle materie prime in prodotti industriali, come ogni at-
rispondi tività umana, si svolge all’interno dell’ambiente naturale.
1. Cosa sono i materiali semila- La società si trova spesso di fronte ad un conflitto tra la necessità di sfruttare l’ambiente
vorati? per motivi economici e il desiderio di conservare l’ambiente per migliorare la qualità
2. Cosa è possibile fare con i ri- della vita. Questo conflitto fra interessi puramente economici e individualistici e la ne-
fiuti? cessità collettiva di conservazione dell’ambiente provoca spesso danni ambientali tanto
3. Che cosa s’intende con “so- facili da produrre e, allo stesso tempo, molto difficili da riparare.
cietà dei consumi”?
La tecnologia, oggi, deve allearsi alla scienza e contribuire a prevenire i reati contro
4. Di che cosa si occupa la Tec-
nologia?
l’ambiente, perché continuando a sfruttare indiscriminatamente le risorse naturali, un
giorno potrebbe non esserci più niente da risanare.

5
Area 1

L’acqua e l’aria sono risorse naturali ritenute,


fino a pochi anni fa, inesauribili. In effetti, le
quantità di acqua e di aria presenti sulla Terra

2
sembrano molto grandi.
Ma se consideriamo la qualità di queste risorse
indispensabili alla vita, vengono in evidenza i
gravi problemi legati alla loro conservazione.

L’acqua e l’aria
2.1 L’acqua: una risorsa limitata
La quantità di acqua dolce sulla superficie della Terra è una risorsa fissa e limitata: ne de-
acqua salata 97,5% riva che, con la crescita della popolazione mondiale e delle esigenze delle persone, sarà
disponibile sempre meno acqua per ciascun individuo (procapite). Si prevede che entro
il 2050 più di 4 miliardi di persone (quasi la metà della popolazione mondiale) vivran-
no in Paesi con una mancanza cronica di acqua.
3 La mancanza di acqua comporta una serie di gravi problemi:
6 km ● non c’è acqua a sufficienza per far crescere i raccolti e per allevare il bestiame;
E : 13 8
A C Q U A T O TA L ● occorrono faticosi viaggi per trasportare l’acqua da pompe e sorgenti verso le abitazioni;
● per lavarsi e persino per bere si utilizza acqua non pulita;
● persone molto povere devono spendere una parte del loro misero reddito per acqui-
acqua dolce 2,5% stare l’acqua;
● la scarsità d’acqua e l’utilizzo di acqua sporca sono una delle ragioni per le quali tan-
te persone si ammalano e muoiono, soprattutto bambini.
disponibile 30,5%

Il volume d’acqua è costante


Il volume d’acqua presente sul pianeta non cambia.
● la quasi totalità (97,5%) è acqua salata, contenuta negli oceani, nei mari, nei laghi

non disponibile 69,5%


salati;
● il restante (2,5%) è acqua dolce ma, di questa, più dei due terzi non sono disponibili
L’acqua sulla Terra. per l’utilizzo perché sono contenuti all’interno di ghiacciai, nevai e permafrost;
● dell’acqua dolce tecnicamente disponibile per le persone, solo una piccola parte si
trova in superficie, in laghi, fiumi, paludi, nel suolo e nell’umidità dell’aria; il resto è
sottoterra, in falde acquifere freatiche.

glossario Le acque freatiche


Le acque freatiche sotterranee contengono quasi tutta l’acqua dolce che non si trova
permafrost Suolo dei climi
freddi, sempre gelato anche in sotto forma di ghiaccio. L’acqua di alcune falde è vecchia di millenni e giace al di sotto
profondità. di alcune delle regioni più aride della Terra, come il deserto del Sahara in Africa. Fin dal-
l’inizio della civiltà l’uomo ha prelevato acqua dalle sorgenti e dai pozzi, ma oggi stia-
mo prelevando acqua dalle falde acquifere sotterranee a un ritmo superiore alla loro ca-
pacità di rigenerazione. E se in alcuni Paesi questa acqua è utilizzata per irrigare i cam-
glossario pi per nutrire popolazioni affamate, in altri Paesi è utilizzata per le strutture turistiche,
falde acquifere freatiche L’in- per riempire le piscine e innaffiare i campi da golf, costruiti ai margini del deserto!
sieme delle acque che imbevo- Alcune falde sotterranee si rigenerano perché vengono riempite nuovamente dall’acqua
no uno strato di roccia per- piovana che si infiltra nel terreno, ma in altri casi il processo potrebbe richiedere centi-
meabile.
naia di anni, rendendo tale acqua una risorsa effettivamente non rinnovabile.

6
Risorse della Terra

condensazione

precipitazioni
sulla terra

evapotraspirazione
dal terreno e dalla
percolazione vegetazione
tra le rocce precipitazioni
deflusso in
sull’acqua salata
superficie

FALDA evaporazione
FREAT dell’acqua salata
ICA
lago

flusso delle acque


freatiche flusso di acqua dolce oceano
in acqua salata

Il ciclo dell’acqua.
Il ciclo dell’acqua
L’acqua in superficie è in costante movimento: evapora dalla Terra e dagli oceani con il
calore del sole, che trasforma l’acqua in vapore acqueo, poi nell’atmosfera si condensa
formando le nuvole.
Una parte dell’acqua che evapora cade sulla Terra sotto forma di pioggia o neve, alimen-
tando i fiumi, bagnando il suolo e rifornendo le falde acquifere sotterranee.

Utilizzo dell’acqua
La maggior parte dell’acqua viene prelevata per un utilizzo in agricoltura, specialmente
nelle zone più aride del mondo, mentre in Europa e in Nord America il consumo prin-
cipale è quello industriale e per le centrali idroelettriche.
L’acqua utilizzata per uso domestico (per bere, per lavarsi, per i servizi igienici, per man-
tenere puliti i vestiti e la casa) è relativamente poca.
Le falde acquifere sotterranee rappresentano l’unica fonte di acqua potabile per circa
1/4 della popolazione mondiale, ma questa risorsa in molti luoghi viene prelevata più
velocemente di quanto venga sostituita. La maggior parte dell’agricoltura nel mondo
utilizza sistemi di irrigazione che traggono l’acqua dalle falde acquifere.

Acqua per uso domestico


Quando migliora lo stile di vita delle persone che vengono a disporre di
un reddito maggiore, aumenta il consumo di acqua tra le pareti domesti-
che. La quantità d’acqua utilizzata in casa o per rifornire le aree residen-
ziali varia in maniera drammatica tra Paesi ricchi e Paesi poveri: ad esem-
pio, si passa dagli 800 litri al giorno per persona in Canada a solo 1 litro
in Etiopia.
10% per Bisogna poi anche considerare che nei Paesi in via di sviluppo la rete di
cucinare e bere 30% scarico distribuzione è talmente inefficiente che, in media, si perde circa il 40%
del wc
dell’acqua durante il passaggio nelle tubazioni.
5% pulizia In alcuni Paesi la disponibilità di 20 litri d’acqua al giorno a testa sono
considerati un lusso, mentre in altri Paesi economicamente sviluppati ne
viene usata molta di più soltanto per innaffiare il prato di casa.

Acqua in agricoltura
Per produrre cibo è necessaria una grande quantità di acqua. Il riso, un
cereale che è alla base dell’alimentazione di molte popolazioni asiati-
20% lavaggio che, richiede il consumo di circa 1900 litri di acqua per farne crescere
dei vestiti 35% bagni e un solo chilogrammo. Ma è la produzione di carne, soprattutto quella
docce
bovina, che richiede più acqua, data la quantità necessaria per far cre-
scere le piante di cui si alimentano gli animali da aggiungersi a quella
Il consumo di acqua per uso domestico. che bevono.

7
Area 1

15.000
litri

3.500
litri
1.900
litri
1.650
litri
1.100
900 litri
500
litri
litri

1 Kg 1 Kg 1 Kg 1 Kg 1 Kg 1 Kg 1 Kg
di patate di grano di sorgo di sola di riso di pollame di manzo

Quantità minima di acqua necessaria per produrre 1 kg di cibo.

L’irrigazione è essenziale per produrre più cibo: viene irrigato solo il 17% dei terreni
agricoli, che però producono circa il 35% del cibo del pianeta.
I Paesi più sviluppati hanno circa il 25% dei terreni agricoli irrigati, mentre i Paesi meno
sviluppati utilizzano fino al 40% dell’acqua dolce per l’irrigazione dei campi, ma più
L’irrigazione delle risaie a Bali della metà non raggiunge le piante a causa delle perdite durante la distribuzione. Inol-
(Indonesia). tre bisogna considerare che se i campi irrigati non sono ben drenati, la quantità di sale
aumenta nel suolo e rende il terreno meno fertile.

Acqua per l’industria


Circa il 20% di tutta l’acqua dolce prelevata viene utilizzata dalle industrie, ma bisogna
considerare che più della metà è utilizzata dalle centrali idroelettriche o per il raffredda-
mento delle centrali termoelettriche, e viene restituita quasi integralmente alla fonte.
Le industrie che consumano più acqua sono quelle chimiche, le industrie per la lavora-
zione dei metalli, della carta e il settore alimentare. Nei Paesi industrializzati la percen-
tuale di acqua utilizzata dalle industrie può arrivare fino al 60%.
Nei Paesi in via di sviluppo il 70% dei rifiuti industriali viene scaricato nell’acqua, inqui-
nando sia le riserve di superficie sia quelle sotterranee.

Acqua e salute
Più di un miliardo di persone al mondo non ha facile accesso a una riserva sicura di ac-
qua dolce, e moltissime altre persone non possiedono un rubinetto per l’acqua in casa.
Per costoro, procurarsi acqua dolce significa dover compiere tragitti più o meno lunghi,
muniti di secchi, per raggiungere una pompa pubblica, un pozzo ben scavato, una fon-
Una bambina manovra una te protetta.
pompa per l’acqua in un villaggio Molto spesso sono le donne e i bambini che hanno l’incarico molto pesante di procurar-
della Cambogia. si l’acqua in questo modo, effettuando il viaggio anche più volte al giorno. Per questo
motivo l’acqua è utilizzata con molta moderazione, soprattutto per bere e per cucinare,
324
mentre non è abbastanza per lavarsi, per pulire i vestiti e lavare i piatti.
litri Pur essendo aumentato in questi anni il numero di persone che hanno accesso all’acqua
dolce, l’aumento della popolazione ha fatto sì che il numero di persone senza questo
accesso sia ancora enorme: la maggior parte vive in Africa e in Asia, soprattutto nelle zo-
ne rurali.
Dalla mancanza di acqua dipendono anche strutture igieniche insufficienti. Lo smalti-
mento sicuro delle feci umane è essenziale per combattere le malattie infettive, ma più
95 litri di un terzo della popolazione mondiale non ha strutture igieniche adatte allo scopo.
Nei Paesi in via di sviluppo, anche nelle grandi città dove esistono delle fognature pub-
bliche, le acque luride raccolte vengono scaricate senza alcun trattamento nei fiumi, la-
10 litri ghi o nel mare. L’acqua contaminata da feci umane o animali è causa di gravi infezioni
come la dissenteria, il colera, il tifo e la poliomielite.
La diarrea grave cronica è presente in continuità nei Paesi che hanno scarsità d’acqua:
1 litro di 1 Kg di 1 Kg di
gasolio acciaio carta soprattutto i bambini si infettano sovente e, se non curati adeguatamente, muoiono per
disidratazione.
Quantità minima di acqua
necessaria per produrre 1 kg di Ancora oggi, più di un milione di persone muore ogni anno a causa della malaria, ma-
prodotti industriali. lattia diffusa dalle zanzare che depongono le uova nelle acque stagnanti.

8
Risorse della Terra

Bonifica delle paludi


Le zone paludose (pantani, acquitrini, paludi) sono simili alle spugne: filtrano le impu-
rità dell’acqua, assorbono il limo, regolano il flusso dell’acqua e aggiungono umidità al-
l’atmosfera. Senza di loro i fiumi scorrono troppo veloci, i laghi diventano troppo pieni
di materia organica e le coste vengono erose.
La metà delle coste paludose nel mondo è andata perduta nel secolo scorso, quando so-
no state classificate come terreno improduttivo da bonificare per ricavare spazi più am-
pi da destinare alle coltivazioni.
La paura della malaria, diffusa dalle zanzare che si riproducono con facilità nelle acque
stagnanti, ha giustificato spesso la distruzione delle paludi. Ma si è visto che la loro
scomparsa ha avuto un effetto negativo sull’ambiente, con l’estinzione di pesci di acqua
dolce e di altri animali e piante, e la conseguente perdita di risorse alimentari per gli abi-
tanti del luogo.
È stata firmata da molti Paesi una Convenzione sulle Paludi che ha creato un elenco di
quasi 1400 zone paludose nel mondo da preservare.

Acqua dolce non convenzionale


Se non è reperibile acqua dolce a livello locale due sono le soluzioni possibili, entram-
be molto costose:
● trasformare l’acqua salata in acqua dolce per mezzo di dissalatori;
● trasportare l’acqua dolce dai luoghi in cui abbonda a quelli dove manca.

La laguna di Orbetello.
La desalinizzazione copre soltanto l’1% del consumo d’acqua nel mondo, soprattutto
perché richiede una tecnologia costosa e grandi quantità di energia. Ma nei Paesi dove
c’è una grande disponibilità di petrolio, come il Kuwait e il Bahrain, viene utilizzata.
In altri luoghi la tecnologia è utilizzata dove l’acqua è scarsa, come, nel nostro Paese,
sulle isole minori come le Eolie e l’Isola del Giglio. I Paesi più poveri, però, non posso-
no permettersi una soluzione così costosa.
Altri Paesi si affidano a navi petroliere per portare l’acqua su tutto il territorio: si tratta di
un mezzo in cui le riserve si possono contaminare facilmente.
In Grecia sono stati costruiti enormi contenitori galleggianti in materiale plastico, riem-
piti fino a 2 milioni di litri di acqua potabile, che vengono trainati sulle isole.

Inondazioni
Le inondazioni interessano milioni di persone ogni anno. Spesso considerate come disa-
stri “naturali” molte di esse sono rese più devastanti dalla deforestazione, dalla bonifica
delle paludi e dal tentativo di imbrigliare o bloccare il flusso dei fiumi.
Il cambiamento climatico, probabilmente causato dall’effetto serra, sta portando a con-
dizioni metereologiche di estrema gravità: piogge monsoniche più forti, cicloni e uraga-
ni più frequenti. La pioggia che cade sui terreni disboscati trascina con sé il terreno che
prima l’avrebbe trattenuta, provocando frane e smottamenti.
Sono milioni le persone che vivono in zone a rischio di inondazioni a causa del sempre
più elevato prosciugamento della terra vicino ai fiumi.

Siccità
La siccità non arriva improvvisamente: ci vogliono anni perché si sviluppi. Inoltre, in
Alluvione del 2005 in Friuli. una zona potrebbe voler dire un mese senza pioggia, in un’altra, un anno intero.
Il miliardo di persone che vivono nei territori più aridi del mondo ha adattato il ritmo
della propria vita a lunghi periodi di siccità, anche se si affida sempre alle piogge stagio-
nali per irrigare i campi: se queste non arrivano, si rischia la morte per fame.
rispondi La siccità nelle zone aride, insieme a un cattivo uso della terra, come la deforestazione
o l’estensione eccessiva dei pascoli, rinforza il processo di desertificazione.
1. Cosa sono le falde freatiche?
Il suolo superficiale viene portato via dal vento e la terra diventa sterile.
2. Cos’è il “ciclo dell’acqua”?
3. Quali sono gli utilizzi dell’ac-
qua? Condivisione delle riserve d’acqua
4. Qual è l’impor tanza delle I Paesi che prelevano l’acqua dai tratti inferiori dei fiumi o da falde acquifere condivise
paludi?
dipendono dai Paesi vicini per assicurarsi una riseva d’acqua di buona qualità. Le con-
5. Perché è aumentato il rischio troversie nascono sulla quantità d’acqua che ogni Paese preleva e sul grave problema
di inondazioni?
delle dighe che sbarrano il naturale corso di un fiume.

9
Area 1

2.2 L’inquinamento dell’acqua


Le sostanze maggiormente inquinanti sono i composti organici, i batteri, i
detergenti sintetici degli scarichi domestici; gli insetticidi e i diserbanti de-
gli scarichi agricoli; i metalli, le sostanze tossiche o nocive, gli idrocarburi
degli scarichi industriali.
● Gli scarichi fognari sono causa della diffusione di molte malattie infettive
Centrale
termica (colera, tifo, epatite virale, ecc.), quando le capacità di autodepurazione
delle acque vengono superate dalla quantità eccessiva di rifiuti organici.
● I detergenti sintetici fecero la loro prima apparizione sul mercato nel
1940 ed in breve tempo si imposero all’attenzione dei consumatori per al-
cune loro proprietà tali da farli preferire al sapone. Essi infatti, a differenza
Paese del sapone, non formano composti insolubili con il calcio ed il magnesio
(contenuti normalmente nell’acqua), emulsionano grassi ed oli, distaccano
in modo duraturo il sudiciume dalle superfici con le quali vengono a con-
tatto e sono relativamente a buon mercato.
Le leggi attuali prescrivono che i detergenti sintetici debbano essere biode-
gradabili in misura almeno del 90%, ed è stata ridotta al 2,5% la massima
Industria percentuale di fosforo ammessa.
● L’ inquinamento agricolo , particolarmente evidente nelle zone ad
agricoltura intensiva, è dovuto all’uso dei concimi chimici e dei diser-
banti e insetticidi che vengono dilavati dalla pioggia e convogliati nei
corsi d’acqua.
● Gli inquinanti provenienti dalle industrie sono molti e possono variare
Raffineria in relazione alle diverse lavorazioni: comprendono i metalli tossici come
piombo, cromo, rame, zinco, mercurio, ecc., oppure il cianuro, il cloro,
composti dello zolfo e dell’azoto, ammoniaca, oli e solventi.
Tra le sostanze più inquinanti ricordiamo l’olio minerale (un kg di olio se
arriva ad una falda può rendere inutilizzabile mille metri cubi di acqua di
buona qualità) e il cromo (bastano 50 microgrammi di cromo per litro per-
ché l’acqua non sia più potabile).
Contro l’inquinamento di tipo organico il corpo d’acqua si difende me-
Azienda agricola
diante l’azione batterica, ma esso non ha alcuna possibilità di difesa attiva
contro le sostanze tossiche e non può che opporre una difesa passiva, con-
sistente nel potere di diluizione del liquame contaminato.
● Il corpo d’acqua nulla può contro l’inquinamento termico determina-
Città
to dalla necessità di usare le acque per il raffreddamento di processi in-
dustriali e nelle centrali termoelettriche e nucleari. L’innalzamento del-
la temperatura dell’acqua riduce l’ossigeno disciolto e causa la morte
dei pesci.
Impianto
di depurazione Come combattere l’inquinamento dell’acqua
Bisogna innanzitutto prevenire l’inquinamento:
Le principali fonti di inquinamento dell’acqua. ● occorre alimentare i laghi con acque pulite, al fine di contrastare l’eu-
trofizzazione (vedi Scheda verde);
● proteggere le zone che alimentano le falde acquifere, su cui non devo-
no esserci industrie, allevamenti o scarichi di depuratori;
● proteggere le zone di alta montagna dove abbondano le acque potabili.
rispondi
1. Quali pericoli possono deriva- I rimedi per combattere l’inquinamento dell’acqua consistono nell’installa-
re dagli scarichi fognari?
zione di efficaci impianti di depurazione, sia da parte dei comuni per ciò
2. A cosa è dovuto l’inquina-
mento agricolo?
che riguarda gli scarichi fognari delle città, sia da parte delle singole indu-
strie, subito a valle dei propri processi di lavorazione, e prima dell’immis-
3. Quali sono gli inquinanti più
pericolosi provenienti dalle indu- sione nelle fognature o nei corsi d’acqua.
strie? Questi impianti sono ormai obbligatori per legge e le varie industrie e le
4. Cosa s’intende per inquina- città ne stanno completando la costruzione e la messa in funzione.
mento termico? Nel nostro Paese, in alcuni fiumi e mari, la situazione sta migliorando,
5. Cos’è l’eutrofizzazione delle ma occorre che i provvedimenti vengano estesi in tutte le regioni ed in
acque?
tutte le acque.

10
Risorse della Terra

L’INQUINAMENTO DEI FIUMI, Queste sostanze vengono aggredite dai microrganismi decompo-
DEI LAGHI E DEI MARI sitori, detti aerobici perché per la loro attività hanno bisogno del-
I fiumi l’ossigeno disciolto nell’acqua. Moltiplicandosi rapidamente, es-
Quando si scaricano in un corso d’acqua acque fognarie che con- si mettono a disposizione delle alghe che vivono nell’acqua del-
tengono sostanze organiche, queste vengono aggredite da micror- le sostanze nutritive (azoto, fosforo, zolfo).
ganismi che le trasformano attraverso complessi processi chimici. Le alghe crescono rapidamente, consumano a loro volta tutto
Se l’inquinamento è di tale entità da consumare tutto l’ossigeno, l’ossigeno e quindi muoiono dando luogo al fenomeno detto eu-
si formano sostanze nocive (metano, ammoniaca ...). trofizzazione.
Quando in un punto del corso d’acqua avviene l’immissione del- Quando l’ossigeno finisce, al posto dei microrganismi aerobici
lo scarico inquinante, l’ossigeno disciolto diminuisce rapidamen- subentrano quelli anaerobici che crescono in assenza di ossige-
te consumato dai batteri. no: questi sviluppano sostanze tossiche e maleodoranti.
Contemporaneamente l’acqua, per effetto delle onde, dei muli- Si può affermare che i laghi vanno soggetti ad un inquinamento
nelli e delle cascate, riassorbe l’ossigeno dall’aria e, a distanza di cronico, determinato dall’immissione continuata nel tempo di so-
alcuni chilometri dal punto di scarico, la situazione torna normale. stanze contaminanti, anche in quantità modesta.
Se gli scarichi, però, sono in numero eccessivo l’acqua non ha la
possibilità di autodepurarsi ed il fiume subisce un inquinamento I mari
stabile. I mari sono soggetti sia all’inquinamento provocato dai fiumi che
vi riversano le sostanze inquinanti che hanno accumulato duran-
I laghi te il loro percorso, sia a quello causato dagli oli minerali.
La situazione è radicalmente diversa nei laghi e nelle acque Il petrolio fuoriesce dalle navi per incidente o, più spesso, duran-
stagnanti perché, in questo caso, non c’è rimescolamento del- te il lavaggio delle cisterne delle grandi petroliere.
l’acqua. Le macchie oleose che ricoprono la superficie dell’acqua bloc-
Gli scarichi che contengono sostanze organiche formano sul fon- cano lo scambio di ossigeno danneggiando la vita marina.
do uno strato che consuma l’ossigeno disciolto. Gli scarichi sia Un gravissimo disastro ecologico è stato provocato durante la
domestici che agricoli contengono grandi quantità di fosforo e di guerra del Kuwait nel 1991, quando un milione e mezzo di tonnel-
azoto che provengono dai detersivi e dai concimi chimici. late di petrolio ha raggiunto le coste dell’Arabia e del Bahrein.

Eutrofizzazione delle acque. Ripulitura delle coste dopo l’incidente della


petroliera Exxon Valdez in Alaska (1989).
TRATTAMENTO DELLE ACQUE INDUSTRIALI
L’industria è spesso responsabile dell’inquinamento delle ac- • Per le acque industriali inquinate da sostanze biodegradabili
que, dell’aria e anche del suolo. (come, ad esempio, quelle delle cartiere), si utilizza la tecnologia
Ma le conoscenze scientifiche e tecniche hanno anche consentito di degradazione biologica, facendo decomporre la materia orga-
la nascita di un particolare tipo di industrie, le ecoindustrie, che si nica da speciali microorganismi che se ne nutrono. Come sotto-
occupano del risanamento ambientale e del disinquinamento. prodotti finali si ottengono dei fanghi e composti elementari, in
Esistono ormai tecnologie specializzate nei settori del trattamento parte tossici, come piombo, cromo o mercurio. Il loro smaltimen-
delle acque e dei fumi, e nello smaltimento dei rifiuti solidi. to costituisce ancora un problema.
Per il disinquinamento delle acque sono stati progettati impianti di • Per le acque industriali inquinate da sostanze non biodegrada-
trattamento o depurazione capaci di trasformare gli agenti inquinan- bili, si utilizzano impianti di trattamento diversi, facendo agire su-
ti disciolti nelle acque in sostanze non pericolose, e poi di separar- gli inquinanti particolari sostanze chimiche che si combinano con
li. Si ottengono così acque di scarico, da immettere nelle fognature essi, formano dei nuovi composti che decantano e precipitano, e
o nei corsi d’acqua, con quantità “accettabili” di inquinanti. poi si possono separare mediante filtri.
La legge prevede per ogni inquinante il limite massimo di con- I residui, sotto forma di fanghi, devono essere neutralizzati e
centrazione ammesso. smaltiti in impianti speciali.

11
Area 1

2.3 L’aria
L’atmosfera che circonda la terra è occupata dall’aria, che è composta principalmente
da azoto per il 78% e da ossigeno per il 21% circa; la parte rimanente è occupata da
argo, da altri gas nobili (neon, cripto, elio) e da anidride carbonica.
Nell’aria si realizza il ciclo del carbonio-ossigeno.
Il carbonio è l’elemento più importante per la vita perché con esso si formano le mole-
cole essenziali di ogni organismo vivente.
L’approvvigionamento del carbonio è fatto tramite l’anidride carbonica dell’atmosfera
con il fenomeno della fotosintesi clorofilliana: nella parte verde delle piante, con l’aiu-
to dell’energia solare, avviene la reazione tra l’anidride carbonica e l’acqua con forma-
zione di glucosio e liberazione dell’ossigeno.
Nella respirazione animale si ha l’inversione di questo processo, con consumo di ossi-
geno e restituzione di anidride carbonica.

Anidride carbonica

Fotosintesi Combustioni varie


Respirazione
del suolo Ossigeno

Respirazione
animale

Resti Microorganismi Carbone


organici del suolo
Petrolio
Metano

Un cielo pulito. Il ciclo carbonio-ossigeno.

2.4 L’inquinamento dell’aria


I problemi legati alla risorsa aria non riguardano la sua disponibilità, che è grande, ma
la sua qualità.
Infatti vengono immessi nell’atmosfera enormi quantità di inquinanti gassosi e di anidri-
de carbonica in seguito ai processi di combustione dei combustibili tradizionali (carbo-
ne e derivati dal petrolio soprattutto).
I maggiori responsabili sono gli scarichi delle industrie, gli impianti termici per il riscal-
damento e i gas di scarico degli autoveicoli.
Le sostanze maggiormente inquinanti dell’atmosfera sono: l’ossido di carbonio, l’anidri-
de carbonica, l’anidride solforosa, gli ossidi di azoto.
● L’ossido di carbonio, dovuto alla non perfetta combustione, è molto velenoso; ha un
effetto tossico, in quanto si produce una reazione con l’emoglobina del sangue che im-
pedisce la normale capacità circolatoria nei confronti del trasporto di ossigeno.
● Molto dannosi sono anche gli ossidi di azoto che si formano nella combustione dei
motori a scoppio ed in alcuni processi industriali.
● L’anidride solforosa, che si forma a causa della presenza di zolfo nei combustibili, è
Questa immagine da satellite
mostra la foschia presente sulla responsabile di danni alle vie respiratorie e all’ambiente.
Valle Padana causata anche da A contatto con l’aria si trasforma in anidride solforica e, in presenza di nebbia, in acido
inquinamento. solforico dando origine alle cosiddette piogge acide, con corrosione dei metalli e delle
pietre da costruzione, con danni a palazzi, monumenti, alle strutture metalliche, ed an-
che alla vegetazione e al bestiame.
Molte foreste in Germania, Svezia, Norvegia ed anche in Italia sono state colpite da que-
ste piogge acide. Sono stati colpiti soprattutto gli abeti, i larici ed i pini: gli aghi sono in-
gialliti e le piante hanno assunto rapidamente un colore rosso bruno dai rami più spor-
genti fino alla chioma.

12
Risorse della Terra

L’effetto serra
L’aumento della concentrazione dell’anidride carbonica nell’atmosfera è il principale
responsabile di quel fenomeno conosciuto come effetto serra.
Il gas intercetta l’energia calorifica emessa dalla superficie terrestre scaldando l’atmosfe-
ra e quindi la Terra, come avviene nelle comuni serre dove i vetri, attraversati dai raggi
solari, intrappolano parte del calore e fanno innalzare la temperatura interna. La con-
centrazione di anidride carbonica è aumentata nell’atmosfera da quando l’umanità ha
iniziato ad utilizzare in modo massiccio i combustibili fossili, quindi soprattutto nell’ul-
timo secolo.
Rispetto a 100 anni fa la media delle temperature è aumentata di circa mezzo grado
centigrado, ma specialisti prevedono che nel prossimo secolo potrebbe verificarsi un
aumento di 2,5 ÷ 5 °C.
Le conseguenze dell’aumento di temperatura dovuto all’effetto serra porterebbero muta-
menti nella distribuzione delle piogge e nella direzione dei venti, con gravi ripercussio-
ni sull’agricoltura: Paesi con aree fertili potrebbero diventare aridi.
Si sta già verificando un parziale scioglimento dei ghiacci delle zone polari e, nel futu-
ro, si potrebbe avere un conseguente innalzamento dei livelli dei mari. Alcuni studi in-
dicano questo aumento nell’ordine di 1 o 2 metri e, in questo caso, molte zone costie-
re e intere città verrebbero sommerse.
Per diminuire l’emissione di anidride carbonica e quindi l’effetto serra, nel futuro biso-
gnerà cambiare il nostro modo di produrre energia, incrementando l’uso di fonti energe-
Queste due immagini prese da un tiche rinnovabili e non inquinanti (sole, vento, acqua...) e dovremo diminuire i consumi.
satellite della NASA mostrano la
diminuzione della quantità di neve
Tra i combustibili fossili, che sono i maggiori responsabili del fenomeno, bisognerà pre-
alla sommità del monte ferire il metano che è ritenuto il combustibile meno inquinante.
Kilimangiaro (Africa) tra il 1993 Bisogna cessare nella distruzione delle attuali foreste e procedere, al contrario, ad una
(sopra) e il 2000 (sotto).
grande opera di riforestazione.

I CA
BO N
ANIDRIDE CAR

Questa immagine elaborata da


fotografie satellitari della NASA
mostra la contrazione del ghiaccio
sull’Artico con un minimo raggiunto
nel 2007.
CA
LO
RE
DE
LS
EFFETTO SERRA OL
E

rispondi CALORE
IN ECCESSO
1. Che cos’è il ciclo carbonio-os-
sigeno?
2. Cos’è la fotosintesi clorofil- SCIOGLIMENTO URAGANI
liana? DEI GHIACCI
3. Quali sono le sostanze mag-
giormente responsabili dell’in-
quinamento dell’aria? CRESCITA DEL
4. Cos’è l’effetto serra? LIVELLO DEI MARI
5. Quali conseguenze possono
derivare dall’effetto serra?
L’effetto serra e le sue conseguenze.

13
Area 1

I grandi rischi e le catastrofi


Accanto ai fenomeni ed alle sostanze inquinanti già elencate e che si sviluppano costan-
temente e in maniera più o meno intensa a seconda delle stagioni, esiste anche il peri-
colo di grandi rischi e catastrofi, sia per le industrie chimiche che per le centrali nuclea-
ri, quando, a causa di incidente, le sostanze tossiche o radioattive fuoriescono dall’im-
pianto in maniera incontrollata e si disperdono nell’atmosfera.
A questo proposito possiamo ricordare gli incidenti ad industrie chimiche a Seveso (Mi-
lano) nel 1976, a Bhopal (India) nel 1984, alla centrale nucleare di Chernobyl (Ucraina)
nel 1986.

Il buco dell’ozono
Le molecole di ozono, costituite da 3 atomi di ossigeno, formano nella stratosfera tra i
25 e i 30 km di altezza, una fascia di piccolissimo spessore ma di grandissimo valore
La centrale di Chernobyl (Ucraina)
dopo l’incidente. perché protegge la superficie terrestre dai raggi ultravioletti provenienti dal Sole e che
sono pericolosi per la vita.
Molti scienziati sostengono che vi è un rapporto tra la diminuzione della fascia di ozono
e l’aumento dei tumori della pelle. Nel 1985 gli scienziati scoprirono che si erano crea-
te larghe perdite nella fascia di ozono nella zona stratosferica sopra l’Antartide. Subito il
fenomeno venne chiamato “il buco dell’ozono” e si cercò di individuarne le cause.
Dagli studi condotti emersero i principali responsabili: i gas chiamati CFC o clorofluoro-
carburi.
Il nome è piuttosto difficile, ma il loro uso è molto comune: si tratta di sostanze utilizza-
te per le bombolette spray, nei circuiti refrigeranti dei frigoriferi e dei condizionatori d’a-
ria e come schiumogeni per la fabbricazione di materiali come il polistirolo espanso.
Il cloro contenuto nei CFC sale fino alla stratosfera, strappa un atomo dalla molecola
dell’ozono e lo trasforma nel più comune ossigeno, lasciando via libera alle radiazioni
dannose per l’uomo. E ciò avviene con una reazione a catena, in cui ogni atomo di clo-
Monumento in ricordo delle ro può distruggere fino a centomila molecole di ozono.
vittime del disastro di Chernobyl nel I rimedi per combattere il fenomeno del buco dell’ozono sono, apparentemente, semplici:
cimitero di Mosca.
● utilizzare altri sistemi per nebulizzare i prodotti contenuti nelle bombolette, e altre so-
stanze per la refrigerazione dei frigoriferi e dei condizionatori;
● le tecnologie esistono già e basterebbe applicarle, ma motivi di interesse economico
ritardano l’applicazione delle norme internazionali per la messa al bando dei CFC.

Ormai da diversi anni nei Paesi industrializzati è vietato produrre CFC, ma la produzio-
ne avviene ancora in altri Paesi. Si assiste oggi a una specie di contrabbando, di impor-
tazione illegale di CFC, dovuta al fatto che esistono ancora moltissimi frigoriferi e im-
pianti di condizionamento che utilizzano questi gas, e che costa meno ricaricare un
vecchio impianto con i CFC proibiti piuttosto che acquistarne uno nuovo.

Come combattere l’inquinamento dell’aria


● I rimedi per combattere l’inquinamento dell’aria consistono nell’installazione di im-
Immagine dello strato di ozono
che avvolge la terra, che mostra il pianti di depurazione da parte delle industrie, capaci di neutralizzare i fumi velenosi, e di
profondo diradamento sull'Antartide alte ciminiere affinché i venti possano disperdere e diluire le immissioni nell’atmosfera.
(2001) (NASA). ● Negli impianti di riscaldamento la combustione deve essere la più regolare possibile
ed è opportuno usare il metano, privo di zolfo, anziché nafta, gasolio o carbone.
● Per quanto riguarda l’inquinamento dell’aria causato dagli autoveicoli (auto, autobus
e autocarri soprattutto), il problema è stato affrontato costruendo motori più “puliti” che
consumano meno carburante e, dunque, sono anche meno inquinanti, e dotando le au-
rispondi to di particolari filtri all’impianto dei gas di scarico che consentono di abbattere le emis-
1. Cos’è l’ozono? sioni nocive. Si dovrà incoraggiare, anche con incentivi economici, la sostituzione del-
2. Che cosa si intende con “bu- le auto più vecchie con le auto nuove molto meno inquinanti (rottamazione).
co dell’ozono”? Bisognerà dare un maggiore impulso all’utilizzo di motori che funzionano a gas GPL
3. Come si formano gli anelli di (meno inquinanti), ai veicoli a trazione elettrica e, per il futuro, considerare l’impiego
accrescimento? dell’idrogeno come combustibile.
4. Cosa si può fare per ridurre Infine si dovrà scoraggiare nelle città l’uso dei veicoli individuali a favore dei mezzi pub-
l’inquinamento dell’aria causato
dagli autoveicoli?
blici, costruire nuove linee di ferrovie metropolitane sotterranee, diminuire il traffico de-
gli autocarri a favore del trasporto su rotaia.

14
Risorse della Terra

Il termine minerali comprende tre gruppi di so-


stanze che si estraggono dal sottosuolo:
– minerali metalliferi da cui si estraggono i
metalli (ferro, alluminio, rame, ecc.);

3
– materiali da costruzione (sabbia, ghiaia, cal-
ce, argilla, ecc.);
– minerali per la produzione di energia (petro-
lio, carbone, uranio, ecc.).

I minerali
3.1 Classificazione dei minerali
● I minerali metalliferi costituiscono la classe più importante e pregiata.
Gli acciai e le ghise, che sono le leghe del ferro, dominano il mercato mondiale dei me-
talli. Altri 4 metalli molto importanti, e cioè il cromo, il manganese, il nichel e il molib-
deno, sono utilizzati per la produzione di acciai speciali.
L’alluminio occupa ormai da alcuni anni il secondo posto nel mercato ed è molto ap-
prezzato per le sue caratteristiche di leggerezza e resistenza.
Il rame è al terzo posto, impiegato soprattutto nella produzione di cavi elettrici perché è
un ottimo conduttore di elettricità.
Nella tabella sotto sono indicate le percentuali delle produzioni dei più importanti me-
talli dei principali Paesi produttori: generalmente sono i Paesi più estesi ad avere la mag-
giore produzione di minerali metalliferi.
● I materiali da costruzione sono quelli prodotti in maggiore quantità in tutto il mondo.
Ematite, un minerale del ferro.
Essendo diffusi un po’ ovunque sulla superficie terrestre, generalmente questi materiali
sono utilizzati vicino alle cave di estrazione.
● I minerali per la produzione di energia saranno trattati in un’Area a parte (Area 8).
Possiamo già dire che le grandi compagnie petrolifere che un tempo dominavano il mer-
cato, come, ad esempio, la Exxon Mobil (USA), la BP (Gran Bretagna), la Shell (Paesi
Bassi-Gran Bretagna), hanno perso gran parte del loro potere e attualmente controllano
soltanto il 10% delle riserve accertate di petrolio e metano. Tutto il resto è gestito dalle
grandi compagnie di proprietà dello Stato che operano nei grandi Paesi produttori del
Medio Oriente, America latina, Russia e Cina.
Gran parte dei Paesi sviluppati, l’Italia compresa, e quasi tutti quelli in via di sviluppo di-
pendono dalle importazioni di idrocarburi dai Paesi produttori.
Calcopirite, un minerale di rame,
ferro e zolfo.
Acciaio Alluminio Rame Nichel

Cina 31 Cina 21 Cile 37 Russia 24


Giappone 10 USA 13 USA 8 Australia 16
USA 9 Russia 12 Perù 7 USA 16

Piombo Stagno Zinco Molibdeno

Cina 30 Cina 34 Cina 22 USA 29


Australia 21 Perù 25 Perù 25 Cile 24
USA 14 Indonesia 23 Australia 14 Cina 22

Industria siderurgica (acciaio) e produzione mineraria dei


Galena, un minerale del piombo. principali metalli (in percentuale).

15
Area 1

3.2 Disponibilità dei minerali


La disponibilità di minerali a basso costo ha da sempre costituito la base dello sviluppo
economico di ogni nazione progredita, fin dalla Rivoluzione industriale del XVIII secolo.
È importante quindi conoscere se le riserve dei minerali sono in via di esaurimento.
Appositi gruppi di studio, analizzando e confrontando i dati di questi ultimi decenni, so-
no giunti a concludere che, almeno per il momento, non vi è questo pericolo.
Anche se i giacimenti più ricchi sono stati esauriti, i miglioramenti delle tecnologie di
estrazione hanno consentito di produrre sempre più minerali e a prezzi più bassi.
Per molti minerali, poi, una gran parte del globo deve ancora essere esplorata a fondo.
Ma queste conclusioni non devono rassicurarci affatto. Il problema più importante è in
realtà un altro e riguarda il prezzo che si paga con la distruzione di risorse umane e am-
bientali.

Limitare la produzione di minerali vergini


Lo sfruttamento intensivo delle risorse minerarie ha condotto alle devastazioni del pae-
saggio, alla distruzione delle foreste, all’erosione del suolo e, talvolta, allo spostamento
forzato e persino alla decimazione di intere popolazioni indigene che avevano la sfortu-
na di vivere sulla superficie di importanti depositi minerari.
I problemi maggiori legati ai minerali metalliferi derivano dall’estrazione e dalla lavora-
zione, non dai loro impieghi.
Bisogna perciò limitare la produzione di minerali “vergini”, intendendo con questo ag-
gettivo quelli di nuova estrazione.
Una cava di sabbia. La tecnologia attuale offre già oggi molte possibilità per un impiego più efficiente dei
metalli: ne citiamo alcuni.
● Riciclare i materiali usati: è il sistema più conosciuto e di cui parleremo in modo più
specifico trattando i diversi materiali.
● Costruire prodotti che contengano materiali che durino più a lungo e che siano più fa-
rispondi cilmente riparabili.
1. Come possiamo classificare i ● Imporre ai consumatori il pagamento di un deposito o di una cauzione per invogliar-
minerali? li a restituire i prodotti per il riciclaggio anziché buttarli via.
2. Perché è opportuno limitare la ● Sostituire i materiali la cui produzione è più dannosa per l’ambiente con altri che in-
produzione di minerali vergini? cidono meno. Ad esempio, la produzione del rame è particolarmente dannosa; la sosti-
3. Cosa sono le miniere “a cielo tuzione dei cavi di rame con le fibre ottiche ottenute dal vetro è un passo avanti in que-
aperto”?
sto senso.

LE MINIERE E I DANNI AMBIENTALI


Lo sfruttamento delle miniere comporta gravi danni ambientali, che dipendono
dal minerale che viene estratto.
• La pietra, la sabbia e la ghiaia, che sono ai primi posti per le quantità scava-
te, provocano gravi danni ambientali legati alla presenza di cave, ma la produzio-
ne di materiali di scarto è relativamente limitata.
• I metalli, invece, devono subire una lunga serie di lavorazioni per essere pro-
dotti, e ciascuna di esse provoca inquinamento e genera grandi quantità di ma-
teriali di scarto.
Attualmente la maggior parte delle miniere sono lavorate “a cielo aperto” anzi-
ché con gallerie sotterranee. L’apertura di una nuova miniera comporta la di-
struzione di tutto quanto si trovi sopra il giacimento minerario, sia che si tratti di
una montagna, una foresta o un terreno agricolo.
• I materiali di scarico delle miniere, a loro volta, provocano gravi danni ambientali.
A questo proposito viene spesso citata una miniera di rame che si trova su un’i-
sola della Papua Nuova Guinea e che ha scaricato 700 milioni di tonnellate di
materiali di scarto in un fiume dell’isola, distruggendo la vita acquatica e spin-
gendo alla rivolta le popolazioni locali.
Ricordiamo anche l’estrazione dell’oro in Brasile, nell’area amazzonica, condot-
ta con una tecnica che utilizza acqua sotto pressione per demolire le colline au-
rifere. L’estrazione idraulica ha reso limacciosi fiumi e laghi, mentre l’utilizzo del
mercurio per recuperare l’oro ha contaminato vaste aree. Un torrente inquinato dal drenaggio di una miniera.

16
Risorse della Terra

Lo sfruttamento intensivo delle risorse della


Terra è stato, fino a pochi anni or sono, un mo-
dello di sviluppo per tutte le economie più
“progredite”. Ciò ha permesso a una piccola
parte della popolazione del pianeta di miglio-
rare notevolmente il suo tenore di vita, solle-
vandola dalle fatiche del lavoro più pesante,
garantendole cibo in grande quantità, case,
automobili, scuole, energia a buon mercato,
assistenza sanitaria, sicurezza sociale, vacan-
ze, divertimento...
Questo sviluppo è però avvenuto a spese del-

4
l’ambiente naturale, che è stato spesso violenta-
to e distrutto, e a carico della maggior parte del-
la popolazione del Pianeta che vive ancor oggi
in tragiche condizioni di sottosviluppo.

Un nuovo modello di sviluppo


4.1 Lo sviluppo improprio
La Terra è stata considerata per secoli come un deposito di risorse naturali cui la specie
umana poteva attingere senza problemi. La maggior parte delle risorse sono state ritenu-
te illimitate mentre, per le altre, si è pensato che la tecnologia sarebbe stata in grado di
creare nuove possibilità, in un ciclo senza fine. Possiamo riassumere i concetti fonda-
mentali di questo modello di sviluppo improprio nei punti che seguono.
● La specie umana ha il diritto di dominare tutte le altre specie viventi sulla Terra.
● Tutte le forme di vita, dalle più semplici alle più complesse, sono al servizio della spe-
cie umana; insieme alle componenti non viventi (minerali, acqua, aria...) rappresentano
le risorse che la specie umana ha il diritto di utilizzare per raggiungere i propri obiettivi.
● Il progresso ha sempre caratterizzato la storia dell’umanità e la specie umana è sem-
pre stata capace di trovare una soluzione ad ogni problema.
● La Terra è grande e ha possibilità illimitate.

4.2 Lo sviluppo sostenibile


Il vecchio modello di sviluppo, quello che abbiamo definito sviluppo improprio, ha cau-
sato gravissimi danni all’ambiente, ha distrutto preziose risorse naturali, ha fatto scom-
parire dalla faccia della Terra molte specie viventi, vegetali e animali.
Fin dalla Conferenza Mondiale sull’Ambiente tenuta a Stoccolma nel 1972, è nato un
movimento di pensiero per offrire un nuovo modello di sviluppo che tenesse conto de-
La siccità è spesso una delle gli errori fatti in passato. Si iniziò ad usare due parole-chiave, ecosviluppo e sviluppo so-
conseguenze che lo sviluppo stenibile, che volevano sottolineare l’impostazione del nuovo modello, basato sul ri-
improprio causa all’ambiente.
spetto della natura e sulle effettive capacità del Pianeta in fatto di risorse.
Possiamo riassumere i concetti fondamentali di questo nuovo modello in alcuni punti.
● Lo sviluppo sostenibile ha l’obiettivo di soddisfare i bisogni e le aspirazioni delle at-
tuali generazioni senza compromettere le possibilità delle generazioni future.
● Non bisogna arrestare la crescita economica, ma questa crescita dovrà andare in lar-
ga parte a vantaggio dei Paesi più poveri.
rispondi ● Il soddisfacimento dei bisogni dovrà riguardare innanzitutto i bisogni essenziali dei

1. Quali sono i concetti fonda-


poveri della Terra: cibo, acqua, salute, istruzione.
mentali che hanno caratterizza- ● Lo sviluppo dovrà tener conto della conservazione dell’ambiente.
to lo sviluppo improprio? Passare dalla teoria alla pratica, però, è tutt’altro che facile e la strada da percorrere è an-
2. Quali sono i concetti fonda- cora molto lunga. I Paesi più poveri spesso vedono nello sfruttamento intensivo delle lo-
mentali che sono alla base dello
sviluppo sostenibile?
ro risorse naturali (legname, minerali, ...) l’unica possibilità per migliorare le loro mise-
re condizioni di vita, spinti anche dai Paesi ricchi, che di queste risorse hanno bisogno.

17
Area 1

L’UE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE


In occasione del vertice di Bruxelles tenutosi a giugno del 2008, il Con-
siglio europeo ha approvato la versione riveduta e corretta della Strate-
gia europea per lo Sviluppo Sostenibile (SSS) tesa ad assicurare un
miglior accordo tra crescita economica ed elevati standard di vita da una
parte e tutela ambientale dall'altra.
La nuova Strategia dell’UE in materia di Sviluppo Sostenibile indica la
strada da imboccare per conseguire una migliore gestione delle risorse
naturali, garantendo modelli di produzione e consumo in grado di salva-
guardare i limiti ambientali della Terra. Essa mira ad apportare continui
miglioramenti al benessere umano e fissa quattro obiettivi principali da
raggiungere subito e in futuro:
• la tutela ambientale: obiettivo realizzabile spezzando il legame esi-
stente fra la crescita economica e i danni all'ambiente;
• l'equità e l'unione sociale: obiettivo raggiungibile creando una società Energia rinnovabile: motori eolici.
democratica che garantisca pari opportunità per tutti;
• la prosperità economica: obiettivo raggiungibile mediante la piena oc-
cupazione e l’offerta di impieghi adeguati;
• il rispetto degli impegni internazionali per giungere a una crescita so-
stenibile in tutto il mondo: traguardo realizzabile mediante la collabora-
zione con tutti i Paesi e, in particolare, con i Paesi in via di sviluppo.
La SSS definisce lo “sviluppo sostenibile” come la necessità di soddi-
sfare i bisogni dell'attuale generazione senza compromettere la capa-
cità delle generazioni future di soddisfare i loro.

Proposte di intervento
I leader dell'UE adottarono la SSS originale nel 2001 a Göteborg. Nel di-
cembre del 2005, la Commissione europea ha valutato se gli obiettivi di
miglioramento proposti erano stati raggiunti da parte degli Stati membri.
Il riesame ha invece messo in evidenza i peggioramenti che si sono re-
gistrati in alcuni settori, tra cui il cambiamento climatico e il consumo di Trasporti sostenibili: autobus a idrogeno.
energia, la sanità pubblica, la povertà e l’esclusione sociale, l’invecchia-
mento, le risorse naturali, la perdita della biodiversità, l’utilizzo del terri-
torio e i trasporti.
La scarsità dei progressi registrati negli ultimi cinque anni fa capire la
necessità di interventi urgenti.
La nuova strategia sostiene che l’obiettivo principale deve essere quel-
lo di cambiare i comportamenti dei cittadini assicurando che tutti gli in-
terventi tendano al conseguimento dello stesso scopo.

La SSS delinea sette sfide principali, definendone anche gli obiettivi, i


traguardi e le proposte di intervento:
1. Cambiamento climatico ed energia pulita: conseguimento dei traguar-
di delle energie rinnovabili e riduzione delle emissioni di gas a effetto
serra.
2. Trasporto sostenibile: riduzione dell'inquinamento e delle vittime de-
gli incidenti stradali. Gestione delle risorse naturali: foresta.
3. Consumo e produzione sostenibili: attuazione del Piano d'azione per
le tecnologie ambientali e compatibilità ecologica di prodotti e processi.
4. Conservazione e gestione delle risorse naturali: arresto della perdita
della biodiversità entro il 2010 e migliore gestione delle risorse atmosfe-
riche, idriche, terriere, forestali e ittiche.
5. Sanità pubblica (con particolare attenzione ai bambini).
6. Inclusione sociale, demografia e immigrazione: fornitura di assisten-
za ai gruppi più vulnerabili come, ad esempio, gli anziani.
7. Povertà globale e sviluppo sostenibile: assunzione di un ruolo di pri-
mo piano in tutte le politiche esterne dell’UE.

La nuova SSS sottolinea anche l'importanza delle azioni di sensibilizza-


zione e di divulgazione verso le persone: queste azioni sono infatti in
grado di fornire ai cittadini le informazioni e le competenze necessarie
ad agire in modo responsabile, ma devono essere affiancate dalla ricer-
ca e dallo sviluppo di nuove tecnologie. Sanità pubblica: visita medica in un villaggio indiano.

18
Risorse della Terra

✓ 1
Esercizi e Verifiche
L’ACQUA E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI 2 L’ACQUA DI CASA
Le Organizzazioni Internazionali che si occupano del proble- Vi proponiamo una ricerca sull’acqua di casa: le domande
ma dell’acqua sono molto numerose. Una rapida ricerca su che seguono vi aiuteranno a formulare una relazione.
Internet vi farà trovare gli indirizzi dei loro siti: ve ne proponia- a • Qual è la provenienza dell’acqua che avete a disposizio-
mo alcuni: ne in casa?
b • L’acqua che esce dai rubinetti di casa vostra ha un buon
http://www.unesco.org/water/wwap/wwdr/wwdr3/ sapore? Viene consumata regolarmente come bevanda o, di
http://www.worldwatercouncil.org/ preferenza, bevete acqua minerale?
http://www.un.org/millenniumgoals/ c • La quantità d’acqua che avete a disposizione in casa è
http://www.unwater.org/flashindex.html sempre sufficiente ai bisogni?
Se non lo è, quali sono le cause?
Questi siti sono ricchi di notizie, dati, grafici, statistiche, spes- d • Conoscete il consumo d’acqua della vostra famiglia? Po-
so scaricabili in formato pdf, facilmente consultabile. Dobbia- tete trovare i dati leggendo le bollette di pagamento.
mo, però, avvertirvi che sono quasi sempre in lingua inglese: Se dividete il consumo d’acqua complessivo per il numero
ve ne sono però anche molti in italiano. dei componenti della vostra famiglia, potete calcolare il con-
Le ricerche sull’argomento “acqua” possono essere molto va- sumo medio annuo per persona.
ste, quindi vi consigliamo di dividere il lavoro tra diversi gruppi. Raccogliete i dati di tutta la classe e tracciate un grafico di
Seguendo in parte il percorso suggerito dal testo, vi sugge- confronto.
riamo alcuni argomenti: e • Siete a conoscenza di episodi accaduti nella vostra città
• L’acqua come risorsa preziosa o nella vostra zona che hanno reso l’acqua del rubinetto non
• I consumi domestici potabile per un certo tempo?
• L’acqua in agricoltura Quali furono le cause?
• Irrigazione e inquinamento agricolo f • Conoscete città o zone del nostro Paese dove vi è scar-
• L’acqua per l’industria sità d’acqua?
• Inquinamento industriale Ne conoscete le ragioni? Vi possono essere dei rimedi?
• Accesso all’acqua g • Qual è la situazione dei corsi d’acqua della vostra
• Igiene, malattie, contaminazioni Regione?
• Bonifica delle paludi Qual è il loro stato di inquinamento?
• Progetti di deviazione dei corsi d’acqua Siete a conoscenza di alcune circostanze particolari che de-
• Estrazione delle acque freatiche terminano questo inquinamento?
• I conflitti per l’acqua Siete a conoscenza di iniziative, prese dalla Regione, che
• L’acqua e le imprese multinazionali hanno lo scopo di diminuire l’inquinamento?

19
Area 1

✓ 3
Esercizi e Verifiche
Classifica le seguenti materie prime. 6 Vero oppure Falso?
Rinnovabile Non Rinnovabile a • Nell’aria si realizza il ciclo carbonio-azoto. V F
gomma naturale b • Con la fotosintesi clorofilliana avviene una
cartone reazione tra l’anidride carbonica e l’acqua. V F

lana c • La fotosintesi clorofilliana assorbe l’ossigeno


dall’aria. V F
minerali del ferro
d • I maggiori responsabili dell’inquinamento
petrolio dell’aria sono i gas di scarico delle automobili. V F
cuoio e • L’effetto serra causa una diminuzione della
pesci temperatura media del pianeta. V F

legumi f • L’effetto serra può causare l’aumento dei


tumori alla pelle. V F
marmo
g • Il combustibile fossile meno inquinante
legname è il metano. V F
sabbie h • Per diminuire l’effetto serra deve cessare la
distruzione delle foreste. V F
cereali
i • Il “buco” dell’ozono causa un aumento della
seta V F
temperatura della superficie terrestre.
minerali di uranio
l • I principali responsabili del “buco” dell’ozono
carni sono i combustibili fossili. V F
m • I moderni frigoriferi non usano più i gas refrigeranti
responsabili della distruzione dell’ozono. V F
4 Vero oppure Falso?
a • Le risorse della Terra sono illimitate. V F
b • I Paesi poveri sono privi di risorse. V F 7 Vero oppure Falso?
c • Le risorse rinnovabili sono quelle che a • Lo sfruttamento delle miniere con gallerie
possono essere riciclate. V F sotterranee non danneggia l’ambiente. V F
d • Le risorse esauribili sono quelle che non b • Le cave di pietra, sabbia o argilla, producono
si possono più riprodurre. V F materiali di scarto limitati. V F
e • Dalle materie prime si ricavano c • Attualmente la maggior parte delle miniere
i materiali semilavorati. V F sono lavorate “a cielo aperto”. V F
f • Dai rifiuti è possibile ricavare energia. d • I Paesi poveri hanno ricavato grandi benefici
g • Molti prodotti di scarto possono essere riciclati. V F dall’estrazione dei minerali. V F

h • Esiste una sola Tecnologia. V F e • I Paesi ricchi tutelano molto l’ambiente. V F

i • Le nuove tecnologie sono quelle legate f • Lo sviluppo improprio è avvenuto a spese


all’esplorazione dello spazio. V F dell’ambiente naturale. V F
g • Lo sviluppo improprio ha consentito
a tutta la popolazione del Pianeta di progredire
5 Vero oppure Falso? economicamente. V F
a • La quantità d’acqua dolce sulla Terra è una h • Lo sviluppo sostenibile si deve basare
risorsa illimitata. V F sul rispetto della natura. V F
b • Il volume d’acqua presente sulla Terra i • L’Unione Europea ha già raggiunto tutti gli
non cambia. V F obiettivi fissati per uno sviluppo sostenibile
c • La maggioranza dell’acqua presente sulla Terra della sua economia. V F
è contenuta nei ghiacciai perenni. V F
d • Le acque freatiche possono essere vecchie
di alcuni millenni. V F
8 Collega ogni espressione alla sua definizione.
e • Non è possibile estrarre l’acqua dalle falde
freatiche sotterranee. V F ESPRESSIONI
f • La maggior parte dell’acqua è destinata 1) Risorsa; 2) risorsa naturale; 3) risorse accertate; 4) risorse
al consumo privato in casa. V F sfruttate; 5) materiali; 6) materiali finiti
g • Gli scarichi fognari sono la causa della diffusione
di molte malattie infettive. V F DEFINIZIONI
h • L’uso dei concimi chimici, dei diserbanti A) elementi necessari per costruire oggetti utili all’uomo; B) risorse
e degli insetticidi causa l’inquinamento dell’acqua che si utilizzano o si sono utilizzate; C) mezzo che si utilizza per
e dell’aria. V F affrontare un bisogno materiale o un’altra difficoltà della vita; D)
i • L’eutrofizzazione delle acque è un fenomeno risorse che offre la natura; E) risorse di cui si conosce l’esistenza,
causato dai metalli inquinanti che provengono anche se ancora non si utilizzano; F) elementi che per essere
dalle lavorazioni industriali. V F utilizzati dall’uomo hanno subito una prima serie di trasformazioni.
l • Le centrali termoelettriche causano l’inquinamento
chimico delle acque di raffreddamento. V F 1 2 3 4 5 6

20
AREA 2

Tecnologia
dei materiali

1 Il legno
pagina 22

2 La carta
pagina 27

3 I metalli PREREQUISITI
pagina 34 ● Possedere conoscenze scientifiche elementari
relative al mondo che ci circonda
4 I materiali da costruzione ● Conoscere i princìpi fondamentali dell’ecologia
pagina 49 ● Saper riconoscere i materiali più importanti
● Saper riconoscere le caratteristiche principali
5 Le materie plastiche dei materiali
● Saper leggere diagrammi, disegni e schemi
pagina 56
di funzionamento

6 Le fibre tessili
pagina 63 OBIETTIVI
● Conoscere la classificazione dei materiali
7 Le pelli ● Conoscere le principali proprietà fisiche,
pagina 74 meccaniche e tecnologiche dei materiali
● Conoscere i cicli di lavorazione dei materiali
8 I nuovi materiali ● Conoscere i problemi legati all’ambiente relativi
alla lavorazione e all’utilizzo dei diversi materiali
pagina 76
● Conoscere i problemi legati allo smaltimento dei
rifiuti e al loro riutilizzo
9 Il riciclo dei materiali
● Comprendere e saper utilizzare i termini specifici
pagina 79 di quest’Area
Area 2

Fin dai tempi più antichi l’uomo ha utilizzato il


legno per costruire le proprie abitazioni, i re-
cinti per gli animali, gli attrezzi e gli utensili, gli
arredi della casa, le imbarcazioni e i carri da
trasporto. È stato il suo primo combustibile, e
quindi la prima fonte di energia da cui ricavava

1
il calore necessario per riscaldarsi, per cuocere
il cibo e, più tardi, per fondere i metalli.
Sono passati millenni, e il legno è ancora una
delle più importanti materie prime della Terra.

Il legno
1.1 Legno, legna, legname
Il legno è il materiale che si ricava dal tronco e dai rami degli alberi.
A seconda dell’uso a cui è destinato, riceve più esattamente il nome di:
● legna se fornisce combustibile;
● legname da lavoro, da opera, da costruzione, da industrie, se indirizzato verso tali
impieghi.
Abbattimento
In una pianta si possono individuare tre parti ben distinte:
● le radici, per mezzo delle quali l’albero trae il nutrimento dal terreno sotto forma di
soluzioni, e ad esso si àncora;
● il fusto, che trasporta il nutrimento verso la chioma;
● i rami, che sorreggono la chioma, e la espongono all’aria e alla luce.
Le radici e i rami servono, in linea generale, soltanto a dar legna da ardere; il fusto, in-
vece, è utilizzato per ricavare il legname da costruzione.
Sramatura, scortecciatura,
depezzatura
■ Dalla foresta alla segheria
Le operazioni necessarie per trasformare le piante in legname da lavoro sono le seguenti:
● Abbattimento. L’abbattimento delle piante avviene, generalmente, nella stagione in-
vernale, quando l’attività vegetativa è minima. Il tronco viene tagliato alla base, sce-
gliendo la direzione di caduta più opportuna. Spesso è necessario far precedere al taglio
una sramatura, per non danneggiare le piante vicine a quella da abbattere.
Trasporto L’operazione si effettua generalmente per mezzo di motoseghe.
● Sramatura. È l’operazione che consiste nel taglio dei rami della pianta appena abbattuta.
Talvolta, come abbiamo già detto, la sramatura viene effettuata prima dell’abbattimento.
Se si vuol far perdere al legno quanta più umidità è possibile, si lasciano i rami attacca-
ti al tronco fin quando la chioma non sia avvizzita: la traspirazione delle foglie accele-
ra il fenomeno.
I rami, specie quelli di piccolo diametro, sono usati come legna da ardere.
● Scortecciatura. La scortecciatura del fusto avviene generalmente subito dopo l’abbat-
Taglio
timento, per facilitare l’essiccazione e anche il trasporto.
● Depezzatura o troncatura. I tronchi possono essere trasportati interi o dopo essere
stati tagliati in pezzi più corti.
● Trasporto. Il trasporto dei tronchi può avvenire in diversi modi.
– Trasporto per via terrestre. Può avvenire per rotolamento dei tronchi, quando il suolo
è libero da ostacoli; per trascinamento diretto sul suolo, con o senza l’intervento della
forza animale o di mezzi meccanici; per gravità, facendo scivolare i tronchi lungo ripi-
Essiccazione di pendii, naturali o artificiali, sino a valle.

22
Tecnologia dei materiali

Successivamente vi è il trasporto su veicoli (trattrici o autocarri) o per ferrovia.


– Trasporto per via d’acqua (fluitazione). Questo tipo di trasporto assume grande impor-
tanza nelle regioni ricche di fiumi, canali, laghi.
– Trasporto per via aerea. Con questo sistema i tronchi, per mezzo di funi o teleferiche,
possono essere trasportati rapidamente dal bosco a valle, in prossimità di una strada o di
una ferrovia.
● Lisciviazione. È un procedimento diretto ad eliminare dal legno tutte le sostanze che
possano imputridire e quindi costituire nutrimento per organismi parassiti. Si effettua
normalmente con un lavaggio in acqua corrente. Attualmente si preferisce ricorrere ad
un procedimento di vaporizzazione.
● Taglio e stagionatura. I tronchi sono tagliati con seghe meccaniche in tavole o travi.
Le tavole sono poi sottoposte ad una stagionatura naturale o artificiale.
– Nella stagionatura naturale, le tavole vengono messe in cataste, lasciando che l’acqua
contenuta nel legno si perda per evaporazione spontanea.
Per i legni più teneri come l’abete, il pioppo, il salice, la stagionatura può durare un an-
no, mentre per i legni più compatti e duri come il castagno, il faggio, il rovere, il noce,
Taglio degli alberi.
può superare anche diversi anni.
– La stagionatura artificiale è effettuata con fumi o con aria calda.
Le cataste, sistemate in un apposito locale, sono investite da fumi caldi o da aria calda
che le essicca rapidamente: l’operazione dura soltanto pochi giorni.
Impieghi del legno.

carta strutture arredamento prodotti derivati energia

LA STRUTTURA DEL LEGNO Osservando il disegno che rappresenta la sezione trasversale


Se si seziona trasversalmente un tronco, si possono osservare del tronco, si può notare una serie di anelli concentrici.
5 zone diverse. Procedendo dall’esterno verso l’interno si ha: Essi derivano dall’accrescimento annuale del fusto, e sono costitui-
ti da tessuto meno compatto formatosi durante la primavera, e da
• La corteccia, il rivestimento esterno più o meno spesso che tessuto più compatto formatosi nella stagione estivo-autunnale.
ha la funzione di proteggere il tronco dagli agenti atmosferici e Nell’inverno si verifica un arresto della vegetazione: questo con-
dagli attacchi degli insetti. cetto è valido per quelle regioni dove vi è un’alternanza di stagio-
• Il libro o floema, uno strato sottile, formato da fibre lunghe e ni, come la nostra. Quindi, per le zone temperate ad ogni anello
flessibili, attraverso il quale scorre la linfa. corrisponde, generalmente, un anno: contando il numero degli
• Il cambio, uno strato elastico da cui si formano ogni anno gli anelli avremo perciò l’età della pianta.
anelli di accrescimento.
• La parte legnosa, uno strato molto ampio che giunge quasi si- raggio midollare
no al centro della pianta. In questo strato si ha:
– verso l’esterno, una zona comprendente sia cellule viventi sia cerchia annuale midollo
morte, nella quale si verifica il passaggio della linfa (alburno);
– nell’interno, una zona di sole cellule morte e nelle quali non si cambio
ha più scorrimento della linfa (durame). Il durame o cuore ha, in
genere, un colore più scuro dell’alburno. floema
Il durame è più compatto, più duro, più pesante e più resistente alburno durame
dell’alburno.
• Il midollo, la parte centrale del tronco, costituito di un insieme
di cellule molto spugnose, che tendono a seccarsi ed a scompa-
rire nelle piante vecchie.
corteccia
Industrialmente, la parte del tronco che viene presa in conside-
razione è la parte legnosa. Vi sono però alcuni alberi dei quali si
utilizza la corteccia per la produzione di particolari sostanze (co-
loranti, tannino, sughero, resine).

23
Area 2

1.2 Caratteristiche dei legnami


I legnami si distinguono tra loro per le diverse proprietà fisiche, meccaniche e tecnolo-
giche che ne indirizzano gli impieghi: vediamo quelle più importanti.
assiale
● La massa volumica, che viene comunemente misurata in kg/dm3, varia a secondo il ti-
po di legno e del grado di umidità: l’abete rosso ha una massa volumica di 0,45 kg/dm3,
il castagno di 0,58 kg/dm3, il noce di 0,72 kg/dm3, la quercia rovere di 0,76 kg/dm3.
● Un legname si distingue per il colore, per la tessitura (cioè per la grandezza delle
cellule che costituiscono i tessuti), per la venatura, causata dall’alternanza delle zone di
accrescimento primaverili e autunnali.
Questi elementi, insieme al numero e alla disposizione dei nodi, concorrono alla forma-
zione del disegno del legno.
● Il legno è sempre soggetto ad un ritiro o contrazione per perdita di umidità e, vicever-
sa, ad una dilatazione per assorbimento di umidità.
● In base alla durezza, i legnami si classificano in legni duri o forti (ad esempio: rove-
re, noce, olmo) e legni dolci o teneri (ad esempio: abete, betulla, pioppo).
● A causa della loro struttura non uniforme, la resistenza dei legnami alle diverse solle-
citazioni (trazione, compressione, flessione) varia secondo la direzione degli sforzi: è
maggiore nella direzione assiale, nel senso delle fibre.
● Alcuni legnami sono molto flessibili, cioè si lasciano incurvare. La flessibilità è mag-
tangenziale radiale
giore se il legno è verde o bagnato.
● I nodi derivano dall’intersezione dei rami nel tronco. Gli artigiani, talvolta, ne sfrutta-
Resistenza alla compressione
Sottoponendo dei provini di legno no il disegno per ottenere effetti decorativi. I nodi diminuiscono la resistenza dei legna-
ad una prova di compressione mi e rendono più difficile la lavorazione.
secondo le tre diverse direzioni, fino ● Le piante possono presentare dei difetti nella forma e nella costituzione del fusto,
a provocarne la rottura, si può
notare come il provino sollecitato in causati dall’azione della neve, del vento e del gelo. Altri difetti sono dovuti alla cipolla-
direzione assiale resista ad un tura (quando si ha un distacco tra due anelli annuali) o a causa di nodi marci o cadenti.
carico molto superiore a quello degli ● Anche gli organismi viventi, come funghi, batteri e insetti, possono alterare la compo-
altri due (circa 5 volte più grande).
sizione del legno fino a farlo marcire, o scavano delle gallerie per depositarvi le larve e
per procurarsi il nutrimento.

LEGNI LEGNI LEGNI FORTI


DOLCI FORTI TROPICALI
1.3 I pannelli di legno trasformato
abete acero palissandro

betulla castagno ebano I pannelli di legno trasformato hanno ormai sostituito, quasi completamente, il legno
pioppo faggio teak massiccio nella costruzione dei mobili. Fanno eccezione i mobili rustici (in pino, abete,
castagno) e i mobili in stile di gran pregio (in noce o mogano).
cedro noce iroko
I pannelli hanno ottime caratteristiche di leggerezza, resistenza e durata, e un costo mol-
sequoia olmo mansonia to più basso del legno massiccio. Le parti in vista dei pannelli vengono spesso rivestite
larice platano mogano con fogli di legname pregiato (impiallacciature).
cipresso quercia

tiglio ■ Legno compensato


Per compensato si intende un pannello di legno formato da più fogli sottili incollati tra
Classificazione dei legnami
in base alla durezza.
loro, disposti con le fibre incrociate.
Il nome compensato deriva proprio dalla principale caratteristica di questo legno, quel-
la di compensare le tendenze di deformazione di due fogli vicini, che hanno le fibre
rispondi perpendicolari l’uno all’altro. Il compensato presenta perciò ottima resistenza in tutte le
direzioni.
1. Quali sono le operazioni ne- In commercio vengono definiti compensati veri e propri quelli composti da soli 3 strati,
cessarie per trasformare le pian-
te in legname da lavoro? con uno spessore compreso tra i 3 e i 6 mm.
2. Da cosa è formata la parte le-
I pannelli che hanno più di 3 strati, con spessore superiore a 8 mm, prendono i nome di
gnosa di un tronco? multistrati.
3. Come si formano gli anelli di Gli impieghi sono molto numerosi: costruzione di mobili, porte, pannelli divisori, rive-
accrescimento? stimenti, imballaggi, ecc.
4. Quali sono le principali pro- I legnami più usati per la fabbricazione dei compensati sono il pioppo, il faggio, la be-
prietà fisiche, meccaniche e tec- tulla, fra quelli comuni; il mogano, il noce, il rovere, il palissandro, l’obeche per le tran-
nologiche dei legnami?
ce pregiate.

24
Tecnologia dei materiali

■ Paniforti
I paniforti sono pannelli di legno costituiti da un’anima di listelli incollati tra loro, rive-
compensato stiti su ciascuna faccia da un foglio di tranciato o sfogliato, che ha le fibre disposte nel-
lo stesso senso, ma perpendicolari a quelle dei listelli.
I paniforti permettono l’utilizzo di alcuni materiali di recupero delle falegnamerie, come
listelli che possono essere usati per formare l’anima. Sono resistenti e indeformabili, tro-
vano impiego nella costruzione di piani per mobili, porte, pareti divisorie, ecc.

multistrato ■ Tamburati
I tamburati sono pannelli di legno formati da un’anima di listelli incrociati tra loro o di-
sposti a nido d’ape, rivestiti da due strati esterni di compensato. Sono più leggeri dei pa-
niforti e possono avere uno spessore maggiore. Hanno gli stessi impieghi dei paniforti.

paniforte ■ Pannelli di fibre di legno


Questi pannelli sono comunemente conosciuti con il nome di masonite.
Per la loro fabbricazione, che presenta stretta analogia con quella della carta, si impie-
gano i prodotti di scarto di altre lavorazioni. Il materiale è ridotto in piccoli frammenti e
sfibrato in bollitori per mezzo del vapore ad alta pressione: si ottiene una poltiglia di fi-
tamburato bre di legno che viene ulteriormente raffinata.
La poltiglia è versata, con spessore costante, su un nastro continuo di rete metallica, do-
ve perde gran parte dell’acqua di sospensione, quindi passa attraverso una serie di rulli
che asciugano il feltro. La lunga striscia che si è formata è poi tagliata in pannelli.
Si ottengono pannelli di tipo soffice (senza collanti), che hanno ottime proprietà d’iso-
masonite lamento termico e acustico e pannelli compressi, che sono molto resistenti e imper-
meabili.

■ Pannelli truciolari
Per fabbricare i pannelli truciolari s’impiegano legni comuni (pioppo, conifere) e scarti
truciolato di segheria, rami e radici, ridotti in trucioli (chips) che vengono mescolati con resine
sintetiche e pressati ad alta temperatura. Si possono ottenere spessori da 3 a 25 mm.
Pannelli di legno trasformato. I pannelli truciolari, rivestiti esternamente con legni di pregio, o anche con laminati pla-
stici, sono utilizzati nella fabbricazione di mobili e di serramenti interni.
Il pannello di Fibra a Media Densità MDF è composto da fibre di legno legate da collan-
ti a base di resine sintetiche, opportunamente pressate.
Le superfici levigate sono facili da rifinire con impiallacciature, rivestimenti, verniciatu-
re trasparenti.

■ Legno lamellare
Il legno lamellare è formato da tavole ottenute dal taglio del tronco, unite tra loro con
colle sintetiche ad alta resistenza. Con il legno lamellare si fabbricano le travi di diverse
dimensioni, utilizzate nell’architettura industriale e nelle realizzazioni pubbliche (im-
pianti sportivi, chiese). Il sempre più diffuso utilizzo di questo materiale nelle nuove co-
struzioni è dovuto sia alle sue caratteristiche che consentono soluzioni architettoniche
originali, sia alle sue doti di isolante acustico e termico.

Impiallacciature.

rispondi
1. Che cos’è il legno compen-
sato?
2. Cos’è la masonite?
3. Cosa sono i pannelli trucio-
lari?
4. Cos’è il legno lamellare?
Pannelli di fibra MDF. Copertura di legno lamellare.

25
Area 2

PRODUZIONE DEL COMPENSATO Foglio tranciato


1. Preparazione dei fogli
I fogli si possono ottenere per tranciatura o per sfogliatura.
I legni sfogliati sono generalmente quelli di minor pregio, destina-
ti a formare la struttura interna del pannello; i legni tranciati, in-
vece, sono quelli di pregio, e servono per produrre i fogli esterni
del pacchetto di compensato, o quelli per le impiallacciature.
• Nella tranciatrice, il tronco è tenuto fermo e una lama affilata, do-
tata di moto rettilineo alternativo, taglia un sottile foglio di legno.
• Nella sfogliatrice il tronco è imperniato sul proprio asse e vie-
Staffa di pressione
ne fatto ruotare lentamente contro una lama affilata, che taglia in scorrimento
Coltello
un foglio sottile, largo quanto il tronco e lungo molti metri.

2. Essiccamento e taglio a misura Schema di macchina tranciatrice.


I fogli sono inviati all’essiccatoio, dove perdono buona parte del-
l’umidità contenuta.
All’uscita dell’essiccatoio, i fogli sono tagliati con apposite mac- Sfogliato
chine, dette taglierine, in pezzi di identica lunghezza, in relazione
alla misura dei pannelli che si vogliono costruire.

3. Formatura dei pannelli


Pressa
I fogli preparati sono incollati tra loro con colle speciali, in modo che
le fibre del secondo foglio siano perpendicolari a quelle del primo, e
così via. Il numero dei fogli del pannello è sempre dispari (3, 5, 7).
Subito dopo l’incollaggio, il pannello è serrato tra le piastre di una Coltello
pressa: le piastre sono riscaldate per facilitare l’adesione dei fogli.
Tronco
4. Finitura
All’uscita dalle presse i pannelli di compensato sono rifilati sui
bordi, levigati, suddivisi per qualità e immagazzinati. Schema di macchina sfogliatrice.

LA DEFORESTAZIONE Conseguenze della deforestazione


La deforestazione è uno dei problemi più gravi del nostro Piane- • A livello locale, la distruzione delle foreste comporta gravi ri-
ta. Lo sfruttamento eccessivo delle foreste provoca la riduzione schi idrogeologici, con conseguenti fenomeni di frane, smotta-
di vaste aree di verde, con incalcolabili danni all’ambiente. menti, alluvioni.
Con il termine deforestazione s’intende in generale un taglio di In questi ultimi anni, l’Italia è stata sovente vittima di questi di-
alberi che superi il loro tasso di ricrescita. sastri, causati da una cattiva gestione del territorio.
La foresta svolge da sempre un’insostituibile funzione protettiva • Un’altra conseguenza negativa, forse meno conosciuta, è quel-
per il suolo, per l’acqua, per l’aria. Frena, filtra, trattiene le acque, la dell’impoverimento genetico, cioè la perdita di molte specie
aumenta l’umidità, riduce gli effetti del vento, combatte l’erosione. vegetali ed animali.
Con il processo della fotosintesi arricchisce d’ossigeno l’aria, sot- Il fenomeno è particolarmente sentito nelle aree tropicali, molto
traendo l’anidride carbonica, responsabile dell’effetto serra. ricche e complesse da un punto di vista biologico.
In questi ultimi anni, mentre l’estensione dei boschi nei Paesi più in- • A livello globale, gli effetti della deforestazione causano l’au-
dustrializzati non è cambiata molto, il fenomeno della deforestazio- mento dell’anidride carbonica nell’atmosfera e il conseguente in-
ne ha assunto dimensioni preoccupanti nei Paesi in via di sviluppo. nalzamento della temperatura media del pianeta (effetto serra).
I Paesi maggiormente interessati da questo fenomeno (spesso an-
che connesso con attività illegali) sono Brasile, Indonesia, Thailan-
dia, Myanmar, Malesia, Messico, Colombia, Congo, Nigeria.

• Una prima causa del fenomeno va ricercata nella crescente do-


manda di legname pregiato da parte dei Paesi ricchi, legname
che cresce nelle zone tropicali ed equatoriali.
• Un altro elemento riguarda l’allargamento delle terre coltivabili,
sia per l’impianto di monocolture (come, ad esempio, la palma
da olio o l’albero della gomma), sia per la coltivazione di prodotti
alimentari richiesti da una popolazione in aumento.
• Infine, non bisogna dimenticare che al mondo vivono due mi-
liardi di persone che utilizzano come combustibile sia per cucina-
re, sia per riscaldarsi, quasi esclusivamente legna da ardere.

Deforestazione.

26
Tecnologia dei materiali

La carta è un materiale di grande importanza,


utilizzato nel campo dell’informazione e della
comunicazione (libri, giornali, riviste), in quel-
lo dell’imballaggio, e in molti altri settori.
La carta ha avuto, e ha tuttora, un grande ruo-
lo nella trasmissione della cultura. La diffusio-
ne delle idee e delle notizie sarebbe stata im-
pensabile senza il supporto fisico del foglio di
carta.

2
Anche oggi, nonostante l’utilizzo sempre più
vasto di supporti elettronici (il computer, i DVD,
le reti di Internet), la carta mantiene il suo ruolo
e si affianca a questi mezzi più moderni.

La carta
2.1 La storia della carta
a b Il nome italiano carta deriva dal latino charta che indica il
foglio di papiro. Fu infatti il papiro il vero antenato della
carta: se ne conosceva già l’uso nel 3000 a.C.
La pianta di papiro cresceva spontanea lungo le rive dei
fiumi come il Nilo e l’Eufrate e, in genere, in tutte le regio-
ni mediterranee. Dal suo nome greco papuros è derivata la
parola carta in diverse lingue: papier (francese), paper (in-
glese), papier (tedesco), papel (spagnolo).
I fogli di papiro si ottenevano unendo una sull’altra, per mez-
zo di succhi vegetali e di altre sostanze collanti, delle sottilissi-
me striscioline ricavate dallo stelo triangolare di questa pianta.
Pochi papiri sono giunti fino a noi, sia per la loro natura fra-
gile e deteriorabile, sia per le distruzioni causate dall’uomo
stesso: la famosa Biblioteca di Alessandria, che conservava
migliaia di papiri, andò distrutta da un incendio nel 48 a.C.
Il papiro fu sostituito poco per volta dalla pergamena, che
c d
era fabbricata trattando opportunamente la pelle di alcuni
animali. Il suo nome deriva dalla città di Pergamo in Asia
Minore (l’attuale Turchia), sede di una famosa Biblioteca
che rivaleggiava con quella di Alessandria.
La pergamena era un materiale più resistente e manegge-
vole del papiro e si prestò alla formazione dei primi libri
scritti a mano (codici). La qualità dipendeva dal tipo di pel-
le usata (vitello, pecora, agnello, capra) e dalla concia. L’u-
so della pergamena animale continuò in Europa fino al se-
colo XIV, ma già a partire dall’anno 1000 si affermò gra-
dualmente l’impiego della carta che, prima di arrivare nel-
le regioni del Mediterraneo, aveva compiuto un lungo
cammino attraverso il mondo conosciuto.
Fu infatti la Cina la culla di questo nuovo materiale, e la
tradizione attribuisce al ministro Ts’ai Lun l’invenzione del-
la carta nell’anno 105 d.C. Fino ad allora in Cina si era
scritto su assicelle di bambù, legate insieme a formare una
Antica fabbricazione della carta in Cina.
a) Taglio dei bambù e loro macerazione in acqua. b) Cottura dei bambù
stuoia, sulla quale le lettere venivano incise con un ferro
in acqua e calce. c) Immersione della forma nel tino di formatura, per rovente. Presso le classi più ricche era utilizzata, come sup-
trarre il foglio di carta. d) Asciugatura del foglio su un muro riscaldato. porto della scrittura, la seta, un materiale molto pregiato
ma anche molto costoso.

27
Area 2

Il primo procedimento per la produzione della carta usava la corteccia del gelso, poi so-
stituita dal bambù: la materia prima, raschiata e lavata, veniva cotta con acqua e calce
per molte ore: si otteneva una pasta che era lavata ancora in acqua e poi battuta per se-
pararne bene le fibre. La pasta veniva quindi diluita in un tino, dove si immergeva un se-
taccio con cui si cercava di trarre un foglio dallo spessore uniforme. Il foglio era succes-
sivamente pressato, staccato dalla forma e fatto asciugare.
In seguito, come materia prima furono usati il lino, la canapa e gli stracci.
In Italia, dove gli Arabi avevano introdotto la nuova arte, si sviluppò presto un artigiana-
to che tendeva a migliorare e a meccanizzare molte operazioni: comparvero i primi pe-
stelli per la sfibratura degli stracci mossi da ruote a pale.
Da Fabriano, i cui primi documenti di certa fabbricazione sono del 1283, i maestri car-
tai diffusero quest’arte in tutta Europa.
Verso la fine del XVII secolo comparvero in Olanda le prime macchine, dette appunto
olandesi, che sostituirono l’antico metodo di battitura con i magli, con il metodo di mo-
litura per mezzo di un cilindro munito di lame metalliche.
Con le olandesi si produsse una maggiore quantità di pasta lavorata, pronta per essere
trasformata in un foglio di carta: allora, il metodo manuale di formatura si dimostrò trop-
po lento. Già nel 1799 il francese Nicolas Louis Robert realizzò una prima rudimentale
Antica macchina olandese. macchina continua, che permetteva di ottenere un foglio interrotto di carta.

2.2 Le materie prime per fare la carta

glossario La carta è un materiale formato da milioni di fibre di cellulosa, saldate insieme tra loro
e ad altri materiali (collanti, coloranti e sostanze minerali).
cellulosa Sostanza organica La principale materia prima utilizzata per fare la carta è il legno, ricavato, in genere, da
solida, costituita da molte mole-
cole di glucosio, che entra nella
alberi coltivati apposta per produrre cellulosa. Sono foreste composte di alberi a rapida
composizione delle membrane crescita che si trovano nelle regioni settentrionali del Canada, degli Stati Uniti, dell’Eu-
cellulari vegetali. ropa e della Russia. In queste foreste gli alberi tagliati ogni anno sono sostituiti da un nu-
mero uguale di nuove piante, che saranno pronte per il taglio entro 10 o 20 anni: così il
patrimonio forestale non si impoverisce mai.
La distruzione delle foreste vergini dell’Amazzonia, dell’Africa o dell’Asia non è quindi
da imputare al consumo di carta, ma piuttosto ad altre cause, come la ricerca di legna-
mi di pregio per l’industria del legno, l’estensione di nuove aree per la coltivazione, la
costruzione di strade, e così via.

I legnami utilizzati si distinguono in:


● legnami a fibra lunga, provenienti da piante resinose (pino, abete, larice);
● legnami a fibra corta, provenienti da latifoglie (faggio, betulla, eucalipto, pioppo).

Oltre al legname proveniente da piantagioni a rapida crescita (come i pioppi nella valle
Padana), vengono anche impiegati:
● scarti di segherie, fabbriche di imballaggi o mobili;
● tronchi di piccola pezzatura, comunque non utilizzabili per altre lavorazioni;
● sottoprodotti della foresta, vale a dire alberi non adatti ad essere segati in tavole, cime
di piante, rami, ecc.;
● in via sperimentale si utilizzano anche la paglia, le alghe marine, alcune piante an-
nuali (sorgo, manioca, cotone, lino).

■ Materie prime ausiliarie


Le fibre vegetali, per essere trasformate in carta, devono essere opportunamente lavora-
te e mescolate con le sostanze denominate ausiliarie.
I prodotti ausiliari si distinguono in sostanze di carica e sostanze collanti.
● Le sostanze di carica sono sostanze chimiche che, riempiendo gli spazi compresi tra
le fibre, consentono di ottenere una carta più liscia e più bianca.
● Le principali sostanze collanti sono la resina, l’amido, la caseina, le cere, le resine
sintetiche. L’impiego di questi prodotti conferisce alla carta un’impermeabilità ai liquidi
ed agli inchiostri, rendendola così scrivibile. Infatti un foglio di carta non collato è gene-
Pioppeto. ralmente assorbente.

28
Tecnologia dei materiali

■ Carta da macero
L’industria cartaria utilizza, in misura sempre maggiore, fibre di recupero derivate dal ri-
ciclo di carte e cartoni usati (carta da macero).
Il consumo di carta da macero ha ormai superato, in Italia, il 50% sulla produzione to-
tale delle cartiere. Bisogna però ricordare che il riciclaggio delle fibre può avvenire per
un numero limitato di volte, da 5 a 7, a causa del loro deterioramento.
A seconda delle fonti di raccolta, le carte da macero si distinguono in:
● macero industriale e commerciale, costituito dagli scarti di industrie cartotecniche ed
Codice universale di riciclaggio editoriali, cartone ondulato, imballaggi di cartone, rese di giornali e di quotidiani, ecc.;
per la carta. questo macero, di ottima qualità, viene raccolto da recuperatori professionali presso le
industrie specifiche, gli uffici, i supermercati, quindi è selezionato, imballato e fornito al-
le cartiere per rientrare nel ciclo produttivo;
● macero domestico, costituito dalla raccolta di carte e cartoni provenienti dalle abita-
zioni, piccoli negozi e uffici; questo macero non deve essere mescolato con altri rifiuti
che lo inquinano e lo rendono inutilizzabile: ciò presuppone l’organizzazione, da par-
te dei Comuni, della raccolta differenziata dei rifiuti.

2.3 La preparazione delle paste


Il processo produttivo inizia con la preparazione delle diverse paste.

● La pasta chimica o di cellulosa. Il legno, privato della corteccia, viene ridotto in pezzet-
ti (detti chips) e quindi trattato con opportuni sali dentro speciali bollitori (autoclavi). Du-
rante la cottura, dal legno si separano la lignina e le altre sostanze incrostanti: rimane la
cellulosa quasi pura. Da 100 kg di legno secco si ha una resa di circa 40 kg di cellulosa.
La cellulosa viene raffinata, lavata e sbiancata ed è pronta per essere utilizzata subito,
quando allo stesso stabilimento è unita la cartiera. Se, invece, deve essere immagazzinata
o spedita, bisogna toglierle la maggior parte dell’acqua, poi viene confezionata in balle.
Le carte prodotte con la cellulosa pura sono di ottima qualità, molto resistenti, durano
nel tempo e non ingialliscono.

● Le paste semichimiche hanno un ciclo produttivo simile a quello descritto per la pa-
sta chimica. La differenza sta nel fatto che la lignina e le sostanze incrostanti non vengo-
no completamente sciolte, perché la cottura è solo parziale. Da 100 kg di legno secco si
Pasta meccanica. I tondelli di ha una resa di 60 kg di pasta semichimica. La qualità di queste paste è inferiore rispetto
legno vengono portati verso la alla cellulosa pura. Le paste semichimiche trovano impiego nella produzione di carta da
sfibratrice.
giornale e da stampa, nel cartone ondulato, ecc.

● Le paste ad alta resa sono prodotte ammorbidendo semplicemente la lignina, senza


separarla, per mezzo di sostanze chimiche e, in certi casi, con l’uso del vapore. Da 100
kg di legno secco si ha una resa di quasi 90 kg di queste paste. Anche questo processo
produttivo parte dai chips che, ammorbiditi e sbiancati, vengono inviati nei raffinatori.
Qui vengono disintegrati e raffinati. Dopo un lavaggio finale, le paste sono pronte per
essere utilizzate.
Le paste ad alta resa sono impiegate per la produzione di quasi tutti i tipi di carte e
Marchio che indica una carta cartoni.
sbiancata senza cloro.
● La pasta meccanica. Si tratta, anche in questo caso, di una pasta ad alta resa, ottenuta
sfibrando il legno esclusivamente per via meccanica. I tronchetti di legno (pioppo o abe-
rispondi te) vengono scortecciati e pressati contro una mola rotante e abrasiva. La pasta ottenuta,
1. Quali sono le materie prime simile alla segatura, viene raffinata per ridurre le dimensioni delle fibre, e sbiancata.
utilizzate per fare la carta?
2. Che cos’è la car ta da mace- Imbianchimento
ro? L’imbianchimento delle paste viene fatto tradizionalmente con il cloro, che è un ele-
3. Quali sono i tipi di pasta utiliz- mento inquinante. Attualmente in Europa la maggior parte di produttori di paste e di
zati per fare la carta?
carta utilizzano sostanze di imbianchimento alternative, meno inquinanti.
4. Cosa sono le paste dette
ECF?
Le paste dette ECF (Elemental Chlorine Free = prive di cloro elementare) hanno sostituito
largamente quelle prodotte con il cloro, soprattutto nelle carte da scrivere e da stampa.

29
Area 2

2.4 La fabbricazione della carta


● Nelle cartiere i diversi materiali fibrosi (pasta chimica, paste meccaniche, carta da
macero) sono spappolati in acqua e mescolati insieme in un’apposita macchina (pulper)
in diverse percentuali, a seconda del tipo di carta che si vuole ottenere.
● I materiali fibrosi vengono poi sottoposti ad una raffinazione, allo scopo di ricavare
una poltiglia fine ed uniforme. Nei raffinatori la pasta è costretta a passare attraverso
delle lame che sminuzzano sempre più finemente le fibre di cellulosa.
● L’impasto viene inviato nel tino miscelatore, dove vengono aggiunte:
– sostanze chimiche che hanno la funzione di appesantirlo e di renderlo bianco ed opa-
co, adatto a ricevere la stampa;
– sostanze collanti, senza le quali il foglio sarebbe assorbente e quindi non adatto a ri-
cevere la scrittura;
– eventuali sostanze coloranti, quando si voglia ottenere della carta colorata.
● La trasformazione dell’impasto in carta avviene nella macchina continua.
L’impasto, molto diluito (in una percentuale che va dall’1,5 al 5% di fibre rispetto al-
l’acqua), esce dalla cassa d’afflusso e cade sul telo di formazione, costituito da una re-
te metallica o di fibra sintetica, che è simile ad un nastro trasportatore sempre in mo-
vimento.
La poltiglia si distribuisce uniformemente sul telo, l’acqua scola attraverso le maglie della
rete, le fibre si avvicinano e si intrecciano e cominciano a formare un nastro compatto.
La macchina continua. Al di sotto del telo, appositi cassoni aspirano altra acqua.
Alla fine di questa prima parte della macchina, il telo metallico torna indietro, il foglio
di carta si stacca e comincia a passare attraverso una lunga serie di cilindri rotanti che
hanno lo scopo di formare il foglio, sgocciolarlo, pressarlo, tenderlo, seccarlo, lisciarlo,
e finalmente arrotolarlo in grandi bobine.
I rotoli di carta che escono dalla macchina continua, ad una velocità di produzione di
100 km/h, possono essere lunghi anche parecchi chilometri, con una larghezza fino a
10 metri.
Secondo l’impiego, i rotoli possono essere sottoposti ad ulteriori operazioni, come la
patinatura e la calandratura, che rendono la superficie del foglio perfettamente livellata,
lucida e, talvolta, brillante. In molti casi la carta viene tagliata in fogli del formato volu-
Schema di funzionamento di una to e impacchettata in risme (una risma comprende 500 fogli).
macchina continua.

Procedimento chimico Colla


Colore
1 Sminuzzatura Caolino
2 Bollitura
3 Filtrazione
4 Sbiancatura
Procedimento meccanico Pasta di cellulosa

1 Sfibratura
2 Raffinazione
3 Filtrazione
4 Sbiancatura
Carta da macero Pasta legno

1 Disinchiostrazione Raffinatore
2 Spappolamento
3 Sbiancatura

Pasta

Miscelatore

Macchina continua

30
Tecnologia dei materiali

LA PRODUZIONE DELLA CARTA RICICLATA Da cellulosa 1 tonnellata di carta


La carta riciclata è quella prodotta utilizzando la carta da macero.
Le fasi del processo produttivo delle carte riciclate sono simili a
quelle delle altre per le quali si impiegano materie primi vergini, fat-
ta eccezione per la parte iniziale della preparazione dell’impasto.
In questa fase è fondamentale togliere dai maceri i materiali
estranei come plastica, vetro, colle, ferro, ecc., la cui presenza è
negativa per la qualità del prodotto.
La pasta, dopo essere spappolata, passa attraverso una serie di
epuratori studiati appositamente per carte da macero. Per pro-
durre carte con un sufficiente grado di bianco si ricorre alla di- 15 alberi; 440.000 litri d’acqua; 7.600 Kwh di energia elettrica
sinchiostrazione, con la quale è possibile togliere l’inchiostro Da carta da macero 1 tonnellata di carta
presente nella carta da macero. Una volta terminato il processo
di epurazione, la pasta viene immessa nella macchina continua
e prodotta con la stessa tecnica delle altre carte.
La produzione di carta riciclata non inquina purché le cartiere
siano dotate di attrezzature, previste dalla legge, per il tratta-
mento delle carte da macero, delle acque discarico e dei residui
di lavorazione (fanghi).
I fanghi possono essere utilizzati nell’industria dei laterizi, come
0 alberi; 1.880 litri d’acqua; 2.700 Kwh di energia elettrica
sottofondi per i lavori stradali, nella copertura delle discariche.

IMPIEGHI DELLA CARTA E DEL CARTONE • Tra le carte per uso industriale ricordiamo: carta vetrata; carta
• La carta per uso grafico è quella che ha una più ampia gamma per cavi elettrici e condensatori; carta per laminato plastico (tipo
di articoli. Tra le più importanti ricordiamo: fòrmica); carta fotografica; carta da filtro; carta adesiva.
– La carta da giornale per quotidiani, flessibile e resistente, leg- • In edilizia la carta viene utilizzata per:
gera e porosa (per assorbire rapidamente l’inchiostro, dato che – Il cartongesso, che si presenta sotto forma di mattonelle di
le macchine rotative che stampano i giornali sono molto veloci). carta e gesso e viene impiegato nella costruzione di pareti inter-
– La carta patinata, più resistente di quella per giornali, resa lu- ne divisorie e di controsoffittature (pannelli che coprono i soffit-
cida o semi-lucida da particolari additivi chimici depositati sulla ti). Ha il pregio di essere molto leggero.
superficie del foglio durante il processo di fabbricazione. – La carta catramata è un foglio di carta ricoperto da una pellico-
– La carta extra-strong, utilizzata nelle stampanti per i computer, la di catrame, che si usa per impermeabilizzare tettoie e solai.
per fare le fotocopie. È molto bianca, opaca e resistente. – La car ta da parati, utilizzata per tappezzare le pareti delle
– La carta dei libri si presenta in diverse varianti, più o meno camere.
spessa, più o meno lucida. Deve consentire una buona riprodu-
zione delle illustrazioni (soprattutto quelle a colori), non deve es-
sere trasparente, deve avere una buona resistenza allo strappo,
non deve ingiallire nel tempo.
– La carta da scrivere a mano è quella dei quaderni e della car-
ta da lettere, e si presenta in una grande varietà di prodotti.
– La carta da disegno è piuttosto spessa, molto bianca, può es-
sere liscia o ruvida.
• Negli imballaggi la carta viene utilizzata nelle seguenti forme:
– Come cartone ondulato, un materiale composto da almeno tre
fogli di carta sovrapposti, di cui quello al centro è, appunto, on-
dulato, in modo da conferire rigidità e spessore, mantenendo il
pregio della leggerezza. Il cartone ondulato è utilizzato per gli im-
ballaggi di grandi dimensioni.
– Come cartoncino, un materiale più o meno spesso, rigido o
flessibile, facilmente piegabile, utilizzato per la fabbricazione di
scatole, astucci, copertine di quaderni, libri e raccoglitori, ecc.
– Come sacchetti per la spesa e carta da pacchi. Si tratta, in ge-
nere, di car ta kraft molto robusta (dal tedesco kraft = forte).
– Come carta velina, leggera e abbastanza trasparente, con cui
vengono avvolti alcuni articoli (scarpe, abbigliamento...) prima di
essere inseriti nella scatola principale.
• Tra le carte per usi domestici e igienici ricordiamo innanzitut-
to la carta igienica; carte con caratteristiche simili, dette tissue,
sono anche quelle per fazzoletti, tovaglie e tovaglioli, asciugama-
ni, pannolini, per uso medico, ecc.

31
Tecnologia dei materiali

✓ 7
Esercizi e Verifiche
Scrivi negli spazi bianchi le parole mancanti. 11 Scrivi negli spazi bianchi le parole mancanti.
Il legno è il materiale che si ricava dal ........................ e dai ..................... La carta è un materiale formato da milioni di fibre di ...............................,
degli alberi. A seconda dell’uso, prende il nome di ................................... saldate insieme tra loro e ad altri materiali (............................................... ,
se fornisce combustibile, ........................................ se è da lavoro. coloranti, ............................................................ ).
In una pianta possiamo individuare: La principale materia ..................... per fare la carta è il .............................
le ................................. per mezzo delle quali l’albero trae nutrimento dal I legnami utilizzati si distinguono in:
.................................. sotto forma di ................................... ; - legnami a ................................. , provenienti da piante ............................ ,
il .................................. che trasporta il ................................................................... - legnami a ................................. , provenienti da piante .............................
verso la chioma; Vengono anche impiegati:
i ............................................... che sorreggono la chioma e la espongono - scarti di ............................................................. ,
all’aria e alla ....................... - tronchi di piccola ................................................... ;
Le radici e i ................................ servono, generalmente, soltanto a dare - sottoprodotti della .................................................
........................................................ ; il .................................................. è utilizzato per Le fibre vegetali, per essere trasformate in .................................. , devono
ricavare ............................................ da lavoro o da costruzione. essere mescolate con delle sostanze denominate ...................................
Le sostanze di ..................................... riempiono gli spazi tra le fibre, e
consentono di ottenere una carta più ........................ e più ......................
8 Completa lo schema delle operazioni necessarie Le sostanze collanti conferiscono alla carta un’.........................................
per trasformare le piante in legname da lavoro. ai liquidi e agli ...................................
1. Abbattimento
2. ........................................................................................................................................
12 Vero oppure Falso?
3. ........................................................................................................................................
a • La carta è formata da milioni di fibre
4. ........................................................................................................................................
di celluloide. V F
5. ........................................................................................................................................
b • La principale materia prima per fare
6. ........................................................................................................................................ la carta è il legno. V F
7. ........................................................................................................................................ c • Il crescente consumo di carta è la principale
causa di distruzione delle foreste dell’Amazzonia. V F

d • Vengono fatte apposite coltivazioni di alberi


9 Vero oppure Falso? a rapida crescita per produrre legno e cellulosa. V F
a • La corteccia ha la funzione di portare
nutrimento alla pianta. V F e • Nelle regioni alpine vengono coltivati pioppi
per uso industriale. V F
b • Il libro è uno strato sottile attraverso il
quale scorre la linfa. V F f • Per preparare le paste necessarie per fare
la carta si utilizzano sempre sostanze chimiche. V F
c • Il cambio è lo strato da cui si formano ogni anno
gli anelli di accrescimento. V F g • Per riciclare la carta bisogna prima procedere
alla raccolta differenziata dei rifiuti. V F
d • L’alburno si trova soltanto nelle radici
della pianta. V F h • La carta da macero industriale e commerciale
e • Il durame è più compatto e resistente è di qualità inferiore rispetto alla carta da macero
dell’alburno. V F di uso domestico. V F

f • Il midollo è la parte più esterna del tronco. V F i • La pasta di cellulosa è anche detta pasta
“ad alta resa”. V F
g • Contando gli anelli di accrescimento si può
conoscere il numero di rami della pianta. V F l • La carta prodotta con la pasta meccanica
h • In alcune piante si utilizza la corteccia per è quella di migliore qualità. V F
la produzione di resine. V F m • Le cartiere utilizzano una grandissima quantità
d’acqua. V F

n • Il cloro viene utilizzato per imbianchire la carta. V F


10 Vero oppure Falso?
o • Le paste ECF sono quelle prodotte con il cloro. V F
a • La massa volumica è il rapporto tra la massa
espressa in kg e il volume espresso in dm3. V F p • La carta da mecero è prodotta utilizzando la
b • Il ritiro e la dilatazione del legname dipendono carta riciclata. V F
dagli sbalzi di temperatura. V F
q • Il riciclaggio delle fibre per fare la carta può
c • Il ritiro e la dilatazione del legname dipendono avvenire per un numero illimitato di volte. V F
dal senso in cui avviene il ritiro (assiale, radiale,
V F r • La carta riciclata viene prodotta nella macchina
tangenziale). V F
continua come per le altre carte.
d • La resistenza alla compressione, nel legno,
è identica in qualunque direzione venga esercitata. V F s • La carta per i giornali quotidiani è di qualità
più scadente rispetto a quella per le riviste. V F
e • Il legno resiste bene alla trazione quando è
sollecitato in direzione delle fibre (assiale). V F t • La carta kraft è quella usata per i pacchi e
gli imballaggi. V F
f • Il legno bagnato non si può curvare. V F
u • Il cartongesso viene utilizzato in edilizia. V F
g • I nodi causano una maggiore difficoltà di
lavorazione ma non influiscono sulla resistenza v • Le carte dette “tissue” sono utilizzate come
del legname. V F carte da parati. V F

33
Area 2

I metalli sono utilizzati nella fabbricazione di


un grande numero di strutture, motori, mezzi
di trasporto, macchine utensili, elettrodomesti-
ci, utensili.
Le ragioni che fanno preferire i metalli ad altri
materiali sono dovute alle loro caratteristiche

3
specifiche: la buona resistenza agli sforzi, la
durezza, la possibilità di fondersi e di defor-
marsi, la facilità di lavorazione, la durata, le
proprietà di condurre calore ed elettricità.

I metalli
3.1 Classificazione degli elementi
MASSA Temp. di Gli elementi che si trovano in natura si dividono in metalli, non metalli, semimetalli (o
METALLO VOLUM. FUSIONE semiconduttori) e gas nobili o rari.
kg/dm3 °C ● I metalli sono solidi a temperatura ordinaria, eccetto il mercurio che è liquido; han-
Ferro Fe 7,86 1535 no un aspetto lucente; sono buoni conduttori di calore e di elettricità; sono duttili e mal-
Alluminio Al 2,70 658 leabili (possono essere ridotti in fili e lamine).
Gli elementi metallici sono molto numerosi, più di 80: fra i più importanti ricordiamo
Rame Cu 8,91 1083
il ferro, l’alluminio, il rame, lo zinco, il piombo, lo stagno, l’argento, l’oro.
Magnesio Mg 1,74 650 ● I non metalli sono cattivi conduttori di calore e di elettricità; possono essere gassosi
Stagno Sn 7,30 232 (idrogeno, fluoro, cloro, ossigeno, azoto), liquidi (bromo), solidi (carbonio, zolfo, fosfo-
Zinco Zn 7,20 420 ro); non sono né malleabili né duttili.
● I semimetalli sono un gruppo limitato di elementi che hanno un comportamento me-
Piombo Pb 11,34 327
tallico e non metallico insieme.
Nichel Ni 8,80 1455 Il silicio, il germanio, l’arsenico, l’antimonio e altri semimetalli sono anche detti semi-
Cromo Cr 7,20 1880 conduttori per le loro proprietà intermedie tra i metalli, che sono buoni conduttori di
Titanio Ti 4,50 1870
elettricità, e i non metalli che sono isolanti.
Entrano a far parte di componenti base dell’industria elettronica e dei calcolatori, come
Mercurio Hg 13,60 -38
transistor e circuiti integrati.
Oro Au 19,30 1063 ● I gas rari o nobili (argo, neon, cripto, xeno, elio, rado) sono presenti in piccolissima

Argento Ag 10,70 960 quantità nell’atmosfera, e sono chimicamente inerti.

Caratteristiche dei principali ■ Leghe metalliche


metalli di interesse industriale.
Possiamo definire una lega metallica come una particolare intima unione tra due o più
metalli, o tra metalli e non metalli.
● Un esempio di lega composta da un metallo con un altro metallo è il bronzo (rame +
stagno).
● Un esempio di lega composta da un metallo e da un non metallo è l’acciaio (ferro +
carbonio).

■ Minerali e metallurgia
rispondi
I metalli sono distribuiti in modo molto disuguale sulla Terra e raramente si trovano allo
1. Quali sono le proprietà carat- stato libero o stato nativo, ma quasi sempre sono in combinazione con altri elementi a
teristiche dei metalli?
formare i minerali: ad esempio, la magnetite è un minerale del ferro, la bauxite dell’al-
2. Quali sono le proprietà carat-
teristiche dei non metalli? luminio, la calcopirite del rame.
3. Cos’è una lega metallica? L’insieme delle tecniche e dei procedimenti per l’estrazione dei metalli dai loro minera-
4. Cos’è la siderurgia?
li costituisce la metallurgia. La metallurgia del ferro, che è il metallo industrialmente
più importante, prende il nome di siderurgia.

34
Tecnologia dei materiali

PROPRIETÀ DEI MATERIALI METALLICI • Resistenza alla trazione. Un corpo è sollecitato a trazione
■ Le proprietà dei materiali metallici si suddividono in proprietà quando una forza applicata tende ad allungarlo; il pezzo, prima di
fisiche e chimiche, meccaniche e tecnologiche. rompersi, si allunga in misura tanto più notevole quanto più il
materiale è plastico.
• Resistenza alla compressione. Un corpo è sollecitato a com-
Proprietà fisiche e chimiche
pressione quando la forza applicata tende ad accorciarlo; il pez-
Si riferiscono alle caratteristiche generali dei materiali in relazio-
zo si accorcia invece di allungarsi.
ne al peso, al calore, all’elettricità e all’ambiente esterno.
• Resistenza alla flessione. Un corpo è sollecitato a flessione
• Massa volumica. Si definisce massa volumica il rapporto tra
quando le forze applicate perpendicolarmente al suo asse tendo-
la massa di un corpo, misurata in kg, ed il suo volume, misurato
no a curvarlo.
in dm3. Sono detti metalli leggeri quelli che hanno una massa
volumica inferiore a 4 kg/dm3: alluminio, magnesio, ecc.; metal- • Resistenza alla torsione. Un corpo è sollecitato a torsione
li pesanti tutti gli altri. quando le forze applicate tendono a torcere le sue fibre.
• Dilatazione termica. I materiali metallici subiscono un aumen- • Resistenza al taglio. Un corpo è sollecitato al taglio quando le
to di volume quando vengono riscaldati. forze applicate tendono a far scorrere uno sull’altro due piani vicini.
Lo zinco ed il piombo hanno i maggiori coefficienti di dilatazione, • Durezza. È la resistenza che il materiale oppone alla penetra-
il platino il minore. zione di una punta.
• Temperatura di fusione. La fusione è il passaggio dallo stato • Resistenza alla fatica. È la resistenza dei materiali a sforzi
solido a quello liquido. variabili e ripetuti (ad esempio, I’accorciamento e l’allungamento
Ogni materiale metallico ha un suo caratteristico punto di fusio- di una molla, ripetuto per migliaia di volte).
ne: il ferro, ad esempio, fonde a 1535 °C, lo stagno a 232 °C, il
tungsteno a 3380 °C. Proprietà tecnologiche
• Conduttività termica. È la proprietà dei materiali di trasmette- Si riferiscono all’attitudine dei materiali a subire le diverse lavo-
re il calore; I’argento, il rame, I’oro e l’alluminio sono i migliori razioni.
conduttori di calore. • Fusibilità. È la proprietà di dare dei pezzi (getti) sani, compat-
• Conduttività elettrica. È la proprietà dei materiali metallici di ti senza difetti e alterazioni. Ad esempio, sono facilmente fusibi-
trasmettere la corrente elettrica. li la ghisa ed il bronzo, difficilmente fusibili l’acciaio ed il rame.
I migliori conduttori sono l’argento, il rame e l’alluminio. • Malleabilità. È l’attitudine di un materiale a ridursi in lamine
• Resistenza alla corrosione. È la proprietà di resistere al dete- sottili; normalmente i materiali sono più malleabili a caldo che a
rioramento superficiale causato da reazioni chimiche (come, ad freddo.
esempio, la ruggine del ferro). • Duttilità. È l’attitudine di un materiale a ridursi in fili sottili.
• Saldabilità. È la proprietà che ha un materiale di unirsi in un
Proprietà meccaniche solo pezzo con un altro, uguale o diverso.
Si riferiscono alla capacità dei materiali di resistere all’azione di • Temprabilità. È l’attitudine ad aumentare la propria durezza
forze esterne. per mezzo di particolari trattamenti termici.

PROPRIETÀ FISICHE
Massa volumica Dilatazione Temperatura Conduttività elettrica Conduttività termica Resistenza
termica di fusione alla corrosione

PROPRIETÀ MECCANICHE
Trazione Compressione Flessione Torsione Taglio Durezza Fatica

PROPRIETÀ TECNOLOGICHE
Fusibilità Malleabilità Duttilità Saldabilità Temprabilità

35
Area 2

3.2 Il ferro e le sue leghe


Il ferro è uno dei metalli più diffusi e abbondanti in natura ed è il più importante nell’in-
dustria. Si trova raramente allo stato libero, e soltanto come ferro meteoritico in quei
frammenti di materia cosmica che cadono sulla Terra (meteoriti): il ferro viene perciò
estratto dai suoi minerali con processi metallurgici.
I minerali più ricchi e che quindi sono sfruttati per l’estrazione del metallo sono: la ma-
gnetite, l’ematite, la limonite, la siderite e la pirite.
Allo stato puro il ferro non è praticamente utilizzato, mentre sono largamente impiega-
te le sue leghe di ferro e carbonio:
● le ghise, con contenuto di carbonio che varia dal 2 al 4%;
● gli acciai, con contenuto di carbonio inferiore al 2%.
Quello che nel linguaggio comune è definito ferro è, in realtà, un acciaio a basso teno-
re di carbonio (acciaio dolce).

Materie prime

Carbone Calcaree Minerale

Colata della ghisa.

Cokeria Altoforno Preparazione minerale

Produzione ghisa
glossario Carro siluro

litantrace Carbone fossile nero Rottame


lucente, ad alto contenuto di
carbonio.
Acciaieria

Convertitore Forno
a ossigeno elettrico

Colata continua Laminatoio sbozzatore Produzione lingotti

Semilavorati
rispondi Bramme Bilette Blumi

1. Quali sono i metalli industria- Laminazione


li più leggeri?
2. Cosa si intende per dilatazio-
ne termica?
Laminatoio Tubificio
3. Quali sono i metalli che han-
no la migliore conduttività elet- Prodotti finiti
trica?
4. Quando un corpo è sollecita-
to a trazione?
Tubi saldati
5. Che cosa si intende per du- Barre e tondini Travi e profilati Vergelle Lamiere Rotoli e lamierini e senza saldatura
rezza?
6. Che cos’è la malleabilità? e Lo stabilimento siderurgico a ciclo integrale. Uno stabilimento siderurgico viene definito a ciclo integrale
la duttilità? quando, partendo dal minerale di ferro, si arriva a produrre laminati di acciaio (lamiere, tubi, profilati, rotaie,
7. Qual è la differenza sostan- ecc.). La produzione dell’acciaio è ottenuta quasi esclusivamente in modo indiretto attraverso l’altoforno
ziale tra ghisa e acciaio? (vedi Scheda): in un primo momento si produce la ghisa madre, successivamente la ghisa madre viene
convertita in acciaio.

36
Tecnologia dei materiali

L’ALTOFORNO lizzato per riscaldare l’aria necessaria all’altoforno per mezzo dei
L’estrazione del ferro dai suoi minerali viene fatta nell’altoforno: recuperatori Cowper.
poiché tutti i minerali del ferro (ad eccezione della pirite) sono I Cowper sono grandi torri riempite di mattoni refrattari che fun-
degli ossidi (ferro + ossigeno), il processo di riduzione consiste zionano come scambiatori di calore. Il gas prodotto dalla combu-
nel “togliere” I’ossigeno dal minerale facendolo combinare chimi- stione va in parte al recuperatore, lo percorre cedendo calore ed
camente sia con il carbonio, sia con l’ossido di carbonio. esce dal camino. L’aria proveniente dalla macchina soffiante
Il primo prodotto che si ottiene nella trasformazione dei minerali percorre la struttura a nido d’ape del recuperatore, si riscalda e
del ferro è la ghisa madre o ghisa greggia, che viene poi utilizza- prosegue poi agli ugelli del forno.
ta per produrre le leghe siderurgiche (ghise e acciai).
Funzionamento dell’altoforno
L’altoforno è così chiamato per le sue dimensioni: può raggiun- L’altoforno viene attivato e alimentato dal basso con l’aria calda,
gere con tutte le apparecchiature un’altezza di 100 m e un dia- dall’alto con la carica.
metro superiore ai 10 m. Gli impianti di grandi dimensioni posso- Una volta avviato (messo a regime), il suo funzionamento è conti-
no produrre fino a 10.000 tonnellate di ghisa al giorno. nuo e dura diversi anni giorno e notte (campagna dell’altoforno),
È costruito in muratura refrattaria, con armatura e rivestimenti fino a quando non si determinino rotture nel rivestimento refratta-
esterni metallici. Accanto ad esso si trovano apparecchiature di rio che viene rifatto. Una “campagna” può durare diversi anni.
grandi dimensioni, come gli impianti di depurazione dei gas e i Le reazioni termiche e chimiche che avvengono durante il funzio-
recuperatori Cowper. namento sono molto complesse.
Basti sapere che nel ventre avviene la fusione di tutti i materiali
Nella parte superiore dell’altoforno vi è la bocca di carico, attra- (a 1350°-1550°C) ed è qui che il ferro, precedentemente libera-
verso cui si introducono, a strati alterni, il minerale di ferro, il to dal minerale, assorbe carbonio e si trasforma in ghisa. Nel
combustibile e il fondente. crogiolo si raccolgono i prodotti fusi, ghisa e loppe, che si sepa-
• Il minerale deve subire, prima di essere introdotto nelI’altoforno, rano secondo la loro densità: la loppa, più leggera, in alto e la
alcune operazioni preliminari. È introdotto nella forma di ossido. ghisa in basso. A intervalli regolari avviene la colata della ghisa,
• Il combustibile impiegato è il coke metallurgico, ottenuto dal- attraverso il foro situato sul fondo del crogiolo.
la distillazione del litantrace. È un coke molto duro e compatto, Le loppe escono invece dal foro situato ad un livello superiore.
che deve resistere alle grandi pressioni a cui è sottoposto nell’al-
toforno. Prodotti dell’altoforno
• Il fondente ha il compito di combinarsi con la ganga (cioè con • La ghisa greggia prodotta con l’altoforno si suddivide in ghisa
le sostanze estranee presenti nel minerale) e le ceneri, e di for- da fonderia e ghisa d’affinazione:
mare le scorie o loppe. Queste, essendo più leggere della ghisa, – La ghisa da fonderia è colata in lingotti e fatta solidificare; è desti-
possono essere separate con facilità. nata ad essere rifusa per ottenere la ghisa di seconda fusione.
– La ghisa d’affinazione è inviata all’acciaieria per l’affinazione
Nella parte più bassa dell’altoforno si trova il crogiolo, dove si che la trasformerà in acciaio.
raccoglie la ghisa fusa. • Le loppe sono utilizzate nella produzione del cemento siderurgico.
Sopra il crogiolo vi è una serie di fori (ugelli) attraverso i quali • Il gas d’altoforno è un gas combustibile a basso potere calorifi-
viene soffiata l’aria calda necessaria per la combustione. co. Una volta veniva disperso nell’atmosfera. Oggi, soprattutto per
Il gas prodotto dall’altoforno viene raccolto con appositi condot- motivi legati alla protezione dell’ambiente, è utilizzato per produrre
ti e inviato in grandi depuratori per eliminare le polveri, poi è uti- vapore che aziona una turbina di una centrale termoelettrica.
Altoforno.

Gas
Bocca Depuratori gas
di carico

Deposito di minerale
Deposito di fondente Cowper

Cowper

Sacca
Vento caldo

ke
Co

Crogiolo
Caricamento

Verso l’acciaieria
Cokeria Loppa Ghisa

Soffianti Vento freddo

37
Area 2

3.3 La ghisa
La ghisa è una lega di ferro e carbonio, in cui la percentuale di carbonio è circa del
2÷4%, più piccole percentuali di altri elementi come silicio, manganese, zolfo, fosforo.
Si ottiene rifondendo la ghisa greggia proveniente dall’altoforno, insieme a rottami di
acciaio e di ghisa, con l’aggiunta di altri elementi.

Proprietà della ghisa


● La ghisa è dura e fragile.
rispondi ● Resiste poco alla trazione e alla flessione, mentre ha una buona resistenza alla com-
1. Cosa si introduce nell’al- pressione.
toforno? ● Ha una buona resistenza alla corrosione.
2. Cosa si produce con l’al- ● Non può subire lavorazioni plastiche, perché non è malleabile né a caldo né a freddo.
toforno? ● La sua più importante proprietà è l’ottima fusibilità: fonde a temperatura non molto ele-
3. Cos’è la ghisa? vata (1100÷1200 °C), è fluida, dà getti sani e compatti e consente una facile realizzazione
4. Quali sono le proprietà della di pezzi anche complicati. È quindi una lega destinata alla produzione di pezzi fusi.
ghisa?

3.4 L’acciaio
L’acciaio è una lega di ferro e carbonio che contiene una percentuale di carbonio inferio-
re al 2%, più piccole quantità di altri elementi come silicio, manganese, zolfo e fosforo.
Viene prodotto affinando la ghisa greggia.
La materia prima per la produzione dell’acciaio è costituita da:
– ghisa greggia, proveniente dall’altoforno, che è la materia principale;
– rottame di ferro, derivato da recuperi civili e industriali;
– ferroleghe, contenenti silicio, manganese, cromo, nichel, cobalto, ecc., che sono ag-
giunte agli acciai per migliorarne le caratteristiche.
La trasformazione della ghisa greggia in acciaio (detta affinazione) consiste nella ridu-
zione del carbonio e delle impurità, mentre vengono aggiunte le ferroleghe.
I moderni procedimenti di produzione sono:
● il processo al convertitore ad ossigeno (LD): in questo caso l’acciaieria fa parte dello
stesso stabilimento in cui vi è l’altoforno (impianto siderurgico a ciclo integrale);
● il processo ai forni elettrici (ad arco): in questo caso l’acciaieria ha dimensioni ridotte.

CONVERTITORE LD
Il convertitore LD (dalle iniziali delle città austria-
che di Linz e Donawitz dove avvennero le prime co-
late) è un recipiente quasi cilindrico formato da un
involucro metallico rivestito internamente di mate-
riale refrattario, che può ruotare su 2 perni. Nel
convertitore viene messa della ghisa fusa e una
certa quantità di rottame di ferro, poi viene soffiato
dall’alto, attraverso una lancia, dell’ossigeno puro.
L’ossigeno viene inviato a forte pressione, in modo
da rimescolare il metallo liquido.
L’ossigeno brucia il carbonio e gli altri elementi a b
presenti nella ghisa e la trasforma in acciaio.
La reazione è molto violenta e sviluppa un grande
calore che fonde la carica solida e innalza la tem-
peratura dell’acciaio fino a 1600 °C.
Attualmente, la maggior par te della produzione
mondiale di acciaio avviene con il processo LD.
Ciclo di colata in un convertitore LD.
a. Carica di rottame e fondente
b. Carica della ghisa liquida
c. Invio dell’ossigeno c d
d. Colata dell’acciaio

38
Tecnologia dei materiali

FORNO ELETTRICO
I forni elettrici si usano essenzialmente per produr-
re acciaio a partire dal rottame di ferro, anche se
possono essere alimentati con ghisa fusa: i più dif-
fusi sono i forni ad arco.
Nei forni elettrici ad arco la corrente elettrica pas-
sa da un elettrodo al bagno, lo attraversa e ritorna
all’altro elettrodo.
L’energia elettrica si trasforma in calore e fonde la
carica metallica solida. Si possono raggiungere
temperature molto elevate, sino a 2800 °C.
a b
I forni elettrici hanno consentito il diffondersi di pic-
cole acciaierie, che sono sorte in prossimità di zo-
ne altamente industrializzate, là dove sono disponi-
bili rottami di ferro in abbondanza. Attualmente, più
della metà dell’acciaio italiano è prodotto con i for-
ni elettrici, il restante con il convertitore LD.

Ciclo di colata in un forno elettrico ad arco.


a. Carica del rottame
b. Fusione e affinazione
c. Colata dell’acciaio
d. Colata delle scorie c d

■ Colata dell’acciaio
Le ultime fasi del processo siderurgico sono la colata e la laminazione.
L’acciaio liquido, ottenuto con i convertitori LD o con i forni elettrici, viene colato in un
grosso recipiente chiamato siviera. Dalla siviera può essere colato in lingottiere, per otte-
nere i lingotti, oppure in colata continua.
● Le lingottiere sono recipienti a forma troncoconica. Il lingotto ha una forma svasata per
facilitare l’estrazione dalla lingottiera. Può essere completamente raffreddato oppure con-
servato caldo in speciali forni a pozzo per le successive operazioni di laminazione.
● La colata continua consiste nel colare l’acciaio liquido, ad una temperatura di circa
1600 °C, dalla siviera, attraverso un distributore, alla lingottiera di rame che ha il fondo
mobile. Quando l’acciaio incomincia a solidificarsi, si sfila il fondo della lingottiera ed il
semilavorato inizia a scendere, mentre forti getti d’acqua lo investono raffreddandolo.
Il semilavorato, guidato da una serie di rulli, discende percorrendo un tratto curvo e poi
continua in senso orizzontale.
Ormai completamente solidificato, all’uscita della macchina viene tagliato alla lunghez-
za voluta: gli spezzoni vengono poi inviati ai laminatoi.

■ Laminazione
Con la colata continua si ottengono direttamente dei prodotti semilavorati, a sezione qua-
drata o rettangolare.
I lingotti invece devono subire una laminazione primaria per diventare dei semilavorati
Cavi di acciaio utilizzati nella
struttura di un ponte. come quelli che si ottengono con la colata continua.
La laminazione si effettua facendo passare il lingotto tra due rulli, che ruotano in senso
contrario l’uno rispetto all’altro, e sono disposti tra loro ad una distanza inferiore allo
spessore del lingotto stesso.
Sfruttando la proprietà tecnologica della malleabilità, il lingotto viene deformato e schiac-
ciato e raggiunge, dopo passate successive, la forma voluta.
Dai prodotti semilavorati, attraverso la laminazione secondaria, si ottengono i prodotti
finiti laminati: barre, tondi, tubi, profilati, rotaie, lamiere di diverso spessore.
I prodotti finiti laminati sono poi inviati in altri stabilimenti per successive lavorazioni,
condotte:
● per deformazione plastica (ad esempio, lo stampaggio e la trafilatura);
● con le macchine utensili (ad esempio, la tornitura, la fresatura, ecc.).

39
Area 2

3.6 Il rame
Il rame è stato il primo metallo usato dall’uomo; nell’industria moderna è, dopo le leghe
RAME NATIVO +
CARBONE COKE + ferrose e l’alluminio, il metallo di maggior importanza.
FONDENTE + La metallurgia del rame è piuttosto complessa:
ROTTAMI DI RAME ● il primo prodotto che si ottiene dai forni prende il nome di metallina nera, che con-
tiene rame in una percentuale del 30-50%;
● la metallina nera viene affinata in forni convertitori simili a quelli usati per gli acciai

FORNO e trasformata in rame grezzo o nero, che ha un contenuto di rame pari al 98-99%;
● il rame grezzo viene ulteriormente raffinato per via elettrolitica fino ad ottenere un
prodotto puro fino al 99,95% (rame elettrolitico).
METALLINA NERA
Il rame può venire recuperato dai rottami provenienti da demolizioni di vecchie linee
elettriche o di vecchi impianti: rifondendolo si ottiene rame secondario.
CONVERTITORE
Proprietà del rame
● Il rame è un ottimo conduttore di calore e di elettricità.
RAME NERO
● È assai malleabile e duttile.
● È difficilmente fusibile.
● Ha buone caratteristiche di resistenza alla corrosione: forma una patina superficiale

ELETTROLISI che protegge gli strati sottostanti.

Utilizzo del rame


RAME ELETTROLITICO Gli impieghi del rame sono soprattutto nelle industrie elettriche ed elettroniche: circa la
metà di tutto il rame prodotto viene impiegato nella produzione, nel trasporto e utilizzo
Schema di produzione del rame. dell’energia elettrica.
Viene inoltre usato per tubazioni, condutture, coperture di tetti e nell’industria chimica.
Il rame entra in composizione con numerose leghe.

Leghe del rame


● Il bronzo è una lega rame-stagno. I bronzi più diffusi hanno una percentuale di stagno
che varia dal 2 al 12% determinando diverse caratteristiche. Il bronzo è più duro e resi-
stente del rame, ma meno duttile; a differenza del rame, è facilmente fusibile. Tra i nu-
merosi impieghi, ricordiamo getti fusi di macchine, ingranaggi, cuscinetti, apparecchi
idraulici, campane.
I bronzi per statue contengono anche zinco e piombo.
● Gli ottoni sono una lega rame-zinco: la percentuale di zinco varia dal 5 al 45%.
L’aggiunta di zinco abbassa il punto di fusione, la massa volumica, la conducibilità elet-
trica; aumenta la durezza e la resistenza meccanica. Gli ottoni sono impiegati nella co-
struzione di lamiere, tubi, bossoli, rubinetti, strumenti di precisione, cerniere lampo; ap-
plicazioni chimiche, elettriche, navali e meccaniche.
● Gli ottoni al piombo sono leghe rame-zinco-piombo. L’aggiunta del piombo rende gli
ottoni più malleabili e duttili, facilmente lavorabili con le macchine utensili.
Miniera di rame a cielo aperto nel Sono impiegati per viti, dadi, parti di sveglie e orologi, matrici tipografiche, valvole per
New Mexico (USA). pneumatici, cerniere, lucchetti, ecc.
● I cuproallumini sono leghe rame-alluminio, con una percentuale di alluminio che va-

rispondi ria dal 4 al 14%. Presentano una buona resistenza alla corrosione, all’ossidazione e al-
l’usura; hanno buone proprietà meccaniche e sono facilmente saldabili.
1. Che cos’è l’alluminio secon- Sono impiegati nell’industria chimica, per tubazioni marine, parti di pompe, valvole,
dario?
bulloni, stampi per materie plastiche, ecc.
2. Quali sono le proprietà del- ● I cupronichel sono leghe rame-nichel, con una percentuale di nichel variabile dal 5 al
l’alluminio?
45%.
3. Cos’è il duralluminio?
La principale caratteristica di queste leghe è la loro buona resistenza alla corrosione del-
4. Cos’è il rame elettrolitico?
l’acqua. Sono impiegati per tubazioni marine, recinzioni sottomarine, scaldabagni do-
5. Quali sono le proprietà del
rame? mestici, impianti chimici, applicazioni elettriche.
● Le alpacche sono leghe rame-zinco-nichel, in cui vi è almeno il 50% di rame. Sono
6. Cos’è il bronzo?
7. Cos’è l’ottone? conosciute anche con altri nomi: argentana, costantana, nichel-silver. Presentano una
8. Cosa sono le alpacche?
buona resistenza alla corrosione e buone proprietà meccaniche. Sono impiegate per
vasellame, posaterie, attrezzi sanitari, monete, resistenze elettriche, ecc.

42
Tecnologia dei materiali

ALTRI METALLI Piombo


Magnesio Fra i metalli comuni è il più pesante (massa volumica 11,34
kg/dm3), è tenero, ha una bassa resistenza meccanica; è mal-
È il più leggero fra tutti i metalli impiegati nell’industria (massa
leabile ma poco duttile; conduce poco il calore e l’elettricità.
volumica 1,74 kg/dm3 ); è duttile e malleabile.
Il piombo è impiegato per la costruzione di tubi e lamiere, verni-
Ha una grande importanza perché entra nella composizione di mol-
ci, vetri e cristalli. Un’importante applicazione si ha nell’industria
te leghe leggere, ed è l’elemento base delle leghe ultra-leggere.
elettrica, per la fabbricazione degli accumulatori a piombo.
• L’elektron è una lega che contiene circa il 90% di magnesio, al-
Entra nella composizione di diverse leghe: è un componente del
luminio e piccole percentuali di zinco, manganese e silicio. È im-
peltro e di leghe usate per la saldatura.
piegato per pezzi della massima leggerezza, come ruote ed ele-
menti di struttura di auto da competizione ed aeroplani.
Nichel
Il nichel si trova insieme col ferro allo stato nativo nelle meteori-
Stagno
ti. È inalterabile all’aria; è molto duttile e malleabile.
Ha un’elevata resistenza alla corrosione, è molto duttile e mal- Allo stato puro è usato per rivestimenti protettivi (nichelatura).
leabile: in fogli sottili forma la cosiddetta stagnola. Ha una bas- Entra in lega con numerosi metalli: ferro, cromo, rame, titanio,
sa resistenza meccanica e una durezza mediocre. È presente in ecc.
molte leghe: • Agli acciai speciali attribuisce elevate caratteristiche meccani-
• nei bronzi, insieme al rame; che e di resistenza alla corrosione (acciai inossidabili).
• nelle leghe antifrizione, con antimonio e rame; queste leghe • Con il cromo forma una lega impiegata nelle resistenze elettriche.
sono impiegate nell’industria automobilistica: servono per la co- • Con il cadmio è usato per la fabbricazione di batterie elettriche.
struzione di cuscinetti degli alberi motore.
Un notevole impiego dello stagno puro si ha nel rivestimento di Zinco
altri metalli (stagnatura) e nella fabbricazione della latta. Lo zinco all’aria si ricopre di una patina di carbonato (per azio-
La latta è costituita di un sottile foglio di acciaio laminato, molto ne dell’anidride carbonica) che protegge gli strati sottostanti.
malleabile, rivestito con un sottile strato di stagno. La resistenza meccanica è bassa, la durezza inferiore a quella
del rame.
Cromo Lo zinco puro è impiegato per coperture di tetti, per grondaie, tu-
Il cromo è durissimo, ha largo impiego nella siderurgia perché è bi, vasche da bagno. Inoltre si rivestono di zinco lamiere e fili di
presente nelle leghe di acciai inossidabili. ferro per preservarli dalla ruggine (ferro zincato).
Partecipa anche alla formazione di leghe d’alluminio, rame e nichel. Entra nella costituzione di molte leghe:
È impiegato come rivestimento protettivo delle superfici metalliche • gli ottoni (con il rame);
(cromatura), che acquistano splendore e resistenza alla corrosione. • l’elektron (con il magnesio).

Lattine in banda stagnata pronte per il riciclaggio. Parti cromate di una motocicletta.

Campana in bronzo. Componenti di ottone.

43
Area 2

Titanio
È leggero, con buone caratteristiche meccaniche, resistente alla
corrosione e alle temperature molto elevate, ha un’ottima resi-
stenza alla fatica.
• Le leghe di titanio sono usate nell’industria aerospaziale, sia
per le strutture sia per i motori (turbine a gas).
• La lega titanio-tungsteno è adoperata per i filamenti delle lam-
padine elettriche a incandescenza.

Oro
L’oro si trova libero dentro a rocce quarzifere, oppure in deposi-
ti alluvionali. Si può presentare sotto forma di pagliuzze o pepite;
è presente nelle sabbie di molti fiumi e torrenti.
È un metallo molto duttile e malleabile: si può ridurre in lamine
dello spessore di appena 1/10.000 di mm.
Non si ossida all’aria. Ha un’ottima conducibilità elettrica. Nel- Molte parti di questo jet F22 sono fatte in titanio.
l’industria, per questa proprietà, è impiegato nel campo dell’elet-
tronica, per circuiti stampati, terminali, contatti.
L’oro puro è usato per ricoprire altri metalli (doratura).
Titolo. In lega con l’argento e con il rame, che gli conferiscono du-
rezza e resistenza, è impiegato in oreficeria. La proporzione di oro
nella lega (titolo) si esprime in carati o in millesimi. Si indica con:
– 24 carati l’oro puro, corrispondente a 1000/1000;
– 18 carati l’oro a 750/1000;
– 12 carati l’oro a 500/1000.

Argento
È molto duttile e malleabile; è il miglior conduttore di calore e di
elettricità. Per aumentarne la durezza e la resistenza, l’argento è
spesso in lega col rame. È usato per rivestire altri metalli o leghe
(argentatura) e per la fabbricazione di posate, vasellame, meda-
glie, oggetti ornamentali. Questi oggetti, di solito, contengono il
75% d’argento: hanno cioè un titolo di 750/1000. Lingotti d’oro.

3.7 La lavorazione dei metalli

1- modello 2- formatura ■ Fonderia


Le operazioni di fonderia permettono di ottenere pezzi
metallici rifondendo le leghe in speciali forni e colando il
materiale fuso in apposite forme, lasciandolo poi solidifica-
re. Le leghe più usate in fonderia sono le ghise, i bronzi, gli
ottoni, le leghe leggere e ultraleggere. Le principali opera-
zioni sono:
● Costruzione del modello. Il modello è una fedele ripro-
duzione del pezzo da eseguire. È costruito in legno o an-
che in metallo, gesso, resina.
3- colata 4- getto
● Formatura. La formatura è l’operazione con la quale si
ottiene l’impronta in negativo del modello: in questa im-
pronta sarà poi colato il metallo liquido. Generalmente la
formatura è fatta con terre speciali, costituite da sabbia e
argilla.
● Fusione e colata. I materiali metallici vengono fatti fon-
dere dentro forni, poi il metallo liquido è versato nella for-
ma in terra.
● Solidificazione ed estrazione del getto. I pezzi fusi ven-
gono lasciati solidificare e raffreddare molto lentamente,
quindi le forme in terra vengono rotte e i getti estratti. I get-
Costruzione di un getto con fusione in terra. ti sono poi sottoposti a operazioni di finitura.

44
Tecnologia dei materiali

laminazione trafilatura ■ Lavorazioni per


deformazione plastica
Le lavorazioni plastiche sono basate sulla pro-
prietà dei materiali metallici di deformarsi perma-
nentemente, acquistando una forma determinata,
sotto l’azione di forze esterne.
Questa proprietà tecnologica, che comprende la
malleabilità e la duttilità, prende il nome di pla-
estrusione fucinatura
sticità.

Le principali lavorazioni plastiche sono:


● Laminazione. È l’operazione con la quale il
materiale metallico, costretto a passare tra due ci-
lindri rotanti in senso inverso l’uno rispetto all’al-
tro, subisce una deformazione plastica.
● Trafilatura. È un processo di lavorazione che
stampaggio imbutitura
consiste nel far passare una barra di data sezione
attraverso un foro di sezione più piccola. La barra
è sottoposta a uno sforzo di trazione, per questo si
deforma e si allunga.
● Estrusione. È un processo di lavorazione che
consiste nel forzare il materiale metallico attraver-
so un’apertura (matrice) di forma determinata. Il
materiale è sottoposto ad un grande sforzo di
compressione e assume la forma e le dimensioni
Lavorazioni per deformazione plastica.
della matrice.
● Fucinatura, stampaggio, imbutitura. Sono pro-
cessi che consistono nel deformare i materiali me-
tallici per mezzo di urti o pressioni con magli o
presse.
I materiali assumono la forma dello stampo e del
controstampo tra cui sono posti.

■ Saldatura
La saldatura è l’operazione con la quale si unisco-
no saldamente tra loro due pezzi metallici me-
saldatura saldatura diante l’azione del calore, con o senza l’aggiunta
a gas ad arco
di un altro materiale (materiale d’apporto). I pro-
cedimenti di saldatura sono molto numerosi: ac-
cenniamo solo ai principali.

● Saldatura per fusione a gas. Viene fatta con


l’impiego di speciali cannelli che producono una
fiamma caldissima, dovuta alla combustione del-
l’acetilene con l’ossigeno. Sui pezzi da collegare
si fa colare il metallo di una bacchetta d’apporto.
● Saldatura elettrica ad arco. In questo tipo di
saldatura il calore necessario per portare a fusione
saldatura saldatura
le parti è fornito dall’energia termica posseduta da
a punti a punti un arco elettrico.
● Saldatura elettrica per pressione e resistenza
Saldature.
elettrica. Il riscaldamento è dovuto al passaggio
di una corrente elettrica: nel punto di contatto le
parti diventano pastose e per la pressione esercita-
rispondi
ta si uniscono saldamente.
1. Quali sono le principali operazioni di fonderia? Questo tipo di saldatura è molto usato per unire
2. Quali sono le principali lavorazioni per deformazione plastica? per punti le lamiere.
3. Quali sono i principali tipi di saldatura?

45
Area 2

■ Lavorazioni con le macchine utensili


rispondi Le macchine utensili trasformano un pezzo grezzo o semilavorato in un prodotto finito,
1. Quali sono le principali lavora- asportando il metallo, sotto forma di truciolo, per mezzo di un utensile.
zioni con le macchine utensili? Ogni macchina utensile è messa in funzione da un motore elettrico il quale, mediante
2. Che cos’è la trafilatura? cinghie, catene e ruote dentate, trasmette i movimenti al pezzo e all’utensile.
3. Che cos’è l’estrusione? Le macchine utensili sono molto numerose e in continua evoluzione: quelle più moder-
4. Come viene fatta la saldatura ne sono veri e propri robot industriali.
a gas? Le macchine utensili più importanti sono: tornio; trapano; fresatrice; limatrice; piallatri-
5. Come viene fatta la saldatura ce; alesatrice; rettificatrice; dentatrice; macchine a trasferimento.
elettrica ad arco?
Negli schemi del testo sono indicati alcune lavorazioni di queste macchine, con i movi-
menti del pezzo e quelli dell’utensile.
tornitura
piallatura

foratura

alesatura

fresatura

Lavorazioni con le macchine utensili.

METALLI PERICOLOSI Il rame


Il mercurio Il rame è un elemento necessario alla vita, ma se la quantità
Il mercurio è tossico per chi ne respira i vapori e per chi entra in assorbita è troppo elevata il rame diventa tossico.
contatto con certi suoi composti. Il mercurio sciolto in acqua, Gli organismi che vivono nell’acqua necessitano di una bassissi-
che deriva da scarichi industriali, è estremamente pericoloso. ma concentrazione di rame e non tollerano dosi maggiori.
Attraverso la catena alimentare, dal plancton ai pesci che se ne Per capire quanto prossime possano esser la concentrazione
nutrono, arriva fino all’uomo, con conseguenze gravissime. non mortale e quella mortale, si può immaginare una vasca con-
tenente un milione di litri di acqua in cui venga disciolta una zol-
letta di zucchero; questa concentrazione, riferita al rame, sareb-
Uccelli
be quella non mortale; cinque grammi in più, cioè due zollette di
Mercato
Insetti zucchero, e il liquido diventerebbe mortale.

Il cromo
Scarichi industriali Il cromo e il nichel sono impiegati nelle operazioni di cromatura e
di nichelatura che hanno lo scopo di proteggere i metalli dalla
Pesce
minuto corrosione, specialmente dalla ruggine del ferro.
Mercurio Gli oggetti da ricoprire sono immersi in speciali bagni a base di sali
disciolto di cromo e di nichel: il passaggio della corrente elettrica in questi ba-
in acqua gni provoca la deposizione di un sottile strato di metallo protettivo
sugli oggetti stessi. La deposizione elettrolitica prende il nome di
Plancton galvanotecnica: le industrie maggiormente interessate sono l’indu-
Pesci stria automobilistica e quelle per la produzione di cicli, motocicli e di
predatori
elettrodomestici, l’industria elettrica, telefonica e aeronautica.
Scarichi abusivi I prodotti che vengono disciolti nei bagni galvanici, quali i cianuri
e l’acido cromico, sono altamente tossici e sono presenti sia nei
bagni esauriti sia nelle acque di lavaggio che segue le operazio-
Il disegno rappresenta il meccanismo di accumulo del mercurio
attraverso la catena alimentare. ni di cromatura.
Il mercurio proveniente dagli scarichi industriali si scoglie nell’acqua,
viene assorbito dal plancton e dal pesce minuto, quindi dai pesci
predatori che vengono poi pescati e venduti per il consumo.

46
Area 2

✓ 6
Esercizi e Verifiche
Classifica i seguenti elementi. 9 Vero oppure Falso?
Elemento Metallo Non metallo Semimetallo a • La ghisa è un metallo. V F
ferro V F
b • La ghisa si ricava dall’acciaio.
ossigeno V F
c • La ghisa è più dura dell’acciaio.
rame V F
d • La ghisa è duttile e malleabile.
idrogeno
e • Con la ghisa si producono pezzi di fusione. V F
alluminio
f • L’acciaio è una lega della ghisa. V F
cloro
g • L’acciaio può essere ridotto in lamine e in fili. V F
carbonio
h • L’acciaio resiste bene alla corrosione. V F
titanio
i • L’acciaio non è saldabile. V F
nichel
magnesio
silicio 10 Vero oppure Falso?
stagno a • L’alluminio è un metallo molto raro. V F
germanio b • L’alluminio è più leggero del rame. V F
zolfo c • L’alluminio è difficilmente fusibile. V F
mercurio d • L’alluminio secondario è prodotto rifondendo
il rottame. V F

7 Vero oppure Falso? e • Il rame secondario è prodotto rifondendo


il rottame. V F
a • Tutti i metalli sono solidi a temperatura ordinaria. V F
f • Il rame è un ottimo conduttore di elettricità. V F
b • I metalli sono buoni conduttori di elettricità. V F
g • Il rame è facilmente fusibile. V F
c • I metalli presenti in natura sono più di 100. V F
h • Il rame è molto duttile ma poco malleabile. V F
d • I non metalli sono molto duttili e malleabili. V F
i • Il rame non resiste alla corrosione. V F
e • Tutti i non metalli sono liquidi o gassosi. V F
l • Il bronzo è una lega rame-alluminio. V F
f • I non metalli sono cattivi conduttori di elettricità. V F
m • Il bronzo è facilmente fusibile. V F
g • L’acciaio è un metallo. V F
n • L’ottone è una lega rame-zinco. V F
h • Il bronzo è una lega metallica. V F
o • Il magnesio è un metallo molto pesante. V F

8 Scrivi negli spazi bianchi le parole mancanti. p • L’elektron è una lega del ferro. V F

a • L’estrazione del ferro dai suoi minerali prende il nome di q • Lo stagno è usato per fabbricare la latta. V F
............................................................................... I minerali di ferro più importanti sono r • Il nichel e il cromo sono leghe inossidabili. V F
.............................................................................................................................................................................
s • L’oro è molto malleabile ma non duttile. V F
Le leghe di ferro e carbonio sono: .....................................................................................
t • L’oro puro è indicato con 100 carati. V F
La ghisa ha una percentuale di carbonio .....................................................................
rispetto all’acciaio. u • L’argento è un migliore conduttore di elettricità
rispetto al rame. V F
b • Uno stabilimento .................................................................................... viene definito
a ciclo ................................................. quando, partendo dal ............................................., v • Il titanio è un metallo leggero. V F
si arriva a produrre ............................................................................................................................ w • L’ oro è più pesante del piombo. V F
La produzione dell’acciaio è ottenuta in modo .......................................................: x • Gli accumulatori elettrici sono fabbricati
prima si produce la ............................................................ nell’.................................................., con il piombo. V F
poi successivamente la ............................................................... viene convertita in
............................................................................................

c • La carica dell’altoforno viene fatta con .................................................................., 10 Scrivi negli spazi bianchi le parole mancanti
.................................................................................... , .....................................................................................
a • Con la trafilatura una barra di data ................................................................
Il combustibile impiegato è il .................................................................................................... è costretta a passare attraverso un ............................................................................ di
d • L’acciaio viene prodotto per ............................................................................................. sezione più ...................................................... La barra si .......................................
della ghisa, riducendo la percentuale del ..................................................................... e si ..........................................................................
I processi di produzione sono quello al .......................................................................... b • Con l’estrusione il materiale metallico è forzato a passare
e il processo al forno ............................................................. attraverso un’apertura (detta ...........................................................................) di forma
e • La laminazione si effettua facendo passare il ................................................. determinata. Il materiale assume la ...................................................................... e le
tra ................................................ che ruotano in senso ................................................ ......................................................................... della ............................................................................

Il lingotto viene ............................................................................ sfruttando la proprietà c • La fucinatura, lo stampaggio e l’imbutitura sono processi che
tecnologica della ....................................................................... consistono nel ....................................................................................... i materiali metallici
f • La caratteristica più importante degli acciai inossidabili è ........................ per mezzo di .................................................................. o ...................................................................
.
.................................................................................................................. con ......................................................................... o .........................................................................

48
Tecnologia dei materiali

I materiali da costruzione sono quei materiali,


naturali e artificiali, più usati nell’edilizia e
nelle grandi opere d’ingegneria civile (strade,
ponti, canali, dighe, gallerie).
Alcuni sono impiegati da moltissimo tempo,
come le pietre, i laterizi, il legno, il vetro, il ra-
me. Altri, come il cemento e l’acciaio, sono

4
stati introdotti nell’ultimo secolo, mentre più
recente è l’introduzione di materiali sintetici.
In questo capitolo tratteremo dei materiali che
derivano dalle pietre o rocce.

I materiali da costruzione
4.1 Le pietre naturali
Le pietre naturali sono rappresentate da vari tipi di rocce. Per millenni, queste pietre
hanno costituito il materiale fondamentale nelle costruzioni, usate a seconda delle di-
sponibilità locali: pensiamo, ad esempio, al tufo e al travertino di Roma.
Oggi, invece, le pietre sono state sostituite da materiali artificiali, più leggeri, disponibi-
li in grande quantità e sempre con le stesse caratteristiche; l’uso delle pietre naturali è
ormai limitato ai rivestimenti e alle pavimentazioni.
Altre rocce vengono usate come materiale di partenza per la preparazione dei laterizi e
dei leganti.
Infine, le sabbie, le ghiaie e il pietrisco sono importanti materiali per la fabbricazione di
conglomerati artificiali.
Le rocce naturali si estraggono dalle cave per mezzo di cariche esplosive, o tagliandole
con il filo elicoidale. La presenza di queste cave comporta spesso problemi di carattere
ambientale perché deturpano il paesaggio.
Il loro valore dipende, oltre che dall’aspetto, dalla lavorabilità, cioè l’attitudine a lasciar-
si tagliare e lucidare; dalla resistenza meccanica, soprattutto a compressione; dalla resi-
Cava di marmo. 1 stenza agli agenti atmosferici (pioggia, gelo).

Classificazione delle rocce


Le rocce possono essere classificate secondo la loro origine in:
● Rocce eruttive o ignee. Derivano dalla solidificazione dei magmi vulcanici, avvenu-
ta sia all’interno che all’esterno della crosta terrestre.
Ricordiamo i graniti, i porfidi e i basalti.
● Rocce sedimentarie. Si sono formate in seguito al lento deposito (sedimento) di sab-
bie, ciottoli, resti organici cementati tra loro.
Ricordiamo le argille, i calcari, le arenarie, i travertini, le pozzolane, le ghiaie, il pietri-
sco, la sabbia.
● Rocce metamorfiche. Si sono formate in seguito a profonde trasformazioni sia delle
rocce eruttive sia di quelle sedimentarie. Ricordiamo i marmi, le ardesie, gli gneiss.

PIETRE NATURALI MATERIALI ARTIFICIALI MATERIALI LEGANTI ALTRI MATERIALI

• rocce eruttive • laterizi AEREI: IDRAULICI: • legno


• rocce metamorfiche • prodotti ceramici • calce • calce idraulica • metalli
• rocce sedimentarie • vetri • gesso • cementi • materiali sintetici
Granito. 1

49
Area 2

4.2 I materiali artificiali


■ Laterizi
Con il termine laterizi s’intendono essenzialmente i mattoni (in latino later significa mat-
tone) e le tegole.
Sono materiali artificiali ottenuti per cottura dell’argilla comune, un prodotto assai ab-
bondante in natura, che deriva dal disfacimento delle rocce.

Classificazione dei laterizi


In base all’uso, i laterizi si possono classificare in:
● laterizi per strutture verticali (muri): mattoni pieni, semipieni, forati;
● laterizi per coperture (tetti): tegole piane o marsigliesi, embrici, coppi, ecc.;
● laterizi per pavimentazione e rivestimenti: piastrelle;

Una pila di mattoni pieni. ● laterizi speciali: ornamentali, per cornici e recinzioni, ecc.

■ Prodotti ceramici
I prodotti ceramici sono ottenuti per foggiatura di materie plastiche naturali (argilla, cao-
lino), con l’aggiunta di materiali sgrassanti, di materiali fondenti, di coloranti minerali:
tutte queste materie vengono impastate con acqua e successivamente cotte.
Lo schema di fabbricazione dei prodotti ceramici è riportato nella Scheda di approfon-
dimento. Ricordiamo che sono prodotti ceramici anche i laterizi.

Classificazione dei prodotti ceramici


I prodotti ceramici sono molto numerosi, generalmente si suddividono in:
● ceramiche a pasta porosa;
● ceramiche a pasta compatta.
La tabella del testo indica le principali denominazioni, il colore, la durezza, gli impieghi.
Tra i molti prodotti ceramici descriveremo brevemente le piastrelle e gli articoli sanitari,
largamente utilizzati nelle tecnologie edili.

Piastrelle
Sono ottenute per pressatura della pasta in forme metalliche.
Vasi di terracotta.
Dopo l’essiccamento, passano in un forno a tunnel per la prima cottura: il prodotto che
si ottiene è chiamato biscotto. Il biscotto, ricoperto con una soluzione di smalto che lo
rende opaco è sottoposto a ricottura.

CERAMICHE A PASTA POROSA

denominazione colore durezza impieghi

oggetti casalinghi, vasellame,


Terrecotte rosso o giallastro o grigio pasta tenera
piastrelle, tubi
pentole, tegami in coccio, orci
Stoviglie rosso o giallastro pasta tenera
da olio, ecc.
Una maiolica di Faenza. rosso o giallastro o grigio pasta tenera piatti, vasellame
Maioliche o faenze

Terraglie tenere biancastro pasta tenera piastrelle, lavabi, ecc.

vasellame, servizi da tavola,


Terraglie forti bianco pasta più compatta
ecc.

CERAMICHE A PASTA COMPATTA

rispondi denominazione colore durezza impieghi

1. Cosa sono i laterizi? tubi, apparecchi sanitari e per


Gres bianco grigiastro pasta dura e compatta
l’ind. chimica, piastrelle
2. Come si ottengono i prodotti
ceramici? oggetti d’ornamento, apparecchi
Porcellane dure bianco pasta durissima
per l’industria chimica
3. Come si classificano i prodot-
ti ceramici? Porcellane tenere bianco pasta tenera oggetti artistici e di lusso

50
Area 2

4.3 I materiali leganti da costruzione


I leganti da costruzione sono quei materiali che, impastati con acqua e sabbia, formano
delle masse semifluide (malte), impiegate per legare tra loro i vari materiali da costruzio-
ne (pietre naturali o artificiali) tra i quali vengono interposti.
Le malte hanno la caratteristica di indurire lentamente (di far presa), formando una so-
stanza dura e resistente come una pietra.
I materiali leganti sono il gesso, le calci e i cementi.

■ Gesso
La materia prima è la pietra da gesso che, sottoposta a cottura a 120 °C, si trasforma in
gesso da presa.
● Lo stucco è gesso mescolato a colle: è usato per rivestimenti, per decorazioni orna-
mentali, per fare modelli.
● La scagliola, simile allo stucco, è una miscela di gesso e colla forte in scagliette.
● Il gesso serve per preparare intonaci, pannelli, lastre per rivestimenti murali.

■ Calce aerea
La calce deriva dalla cottura a 900 °C della pietra da calce: si ottiene la calce viva (os-
sido di calcio). La calce viva è trattata con acqua: si ottiene così la calce spenta che, me-
scolata con altra acqua e sabbia, forma la malta usata come legante di mattoni e pietre.

■ Calce idraulica
La calce idraulica è un legante capace di resistere dopo l’indurimento anche all’azione
dell’acqua; si ottiene mediante la cottura di una miscela di calcari e di argilla ad una
temperatura di circa 1000 °C.
La malta di calce idraulica si ottiene impastando la calce con sabbia e acqua, per mez-
zo di impastatrici meccaniche: trova impiego negli intonaci e nelle fondazioni, per inter-
ni ed esterni, in sostituzione delle malte di calce aerea.

■ Cemento
Clinker all’uscita del forno Deriva dalla cottura di pietre calcaree miste ad argilla; lo schema di fabbricazione del
di cottura. cemento è riportato nella Scheda di approfondimento.

FABBRICAZIONE DEL CEMENTO


• Frantumazione e macinazione. Il calcare e l’argilla sono frantumati e poi ridotti in polvere.
• Dosaggio e miscelazione. Si prelevano le esatte quantità delle materie prime che ven-
gono mescolate tra di loro. FRANTUMAZIONE E MACINAZIONE
• Cottura. Si effettua in un forno rotante a forma di cilindro lungo fino a 200 m e con un
diametro fino a 6 m. Il cilindro ruota sul proprio asse ad una velocità di un giro al minu-
to. All’estremità inferiore del tubo vi è un bruciatore che può essere alimentato con pol- DOSAGGIO E MISCELAZIONE
vere di carbone, nafta o metano.
Il materiale percorre lentamente il tubo, si cuoce alla temperatura massima di 1300-
1500 °C ed esce sotto forma di piccoli ciottoli di 1÷3 cm di diametro, chiamati clinker. COTTURA
• Macinazione. Il clinker viene macinato in polvere finissima, che prende il nome di cemento.
• Stagionatura e insaccamento. Il cemento è immagazzinato in silos dove resta a stagiona-
re; viene poi confezionato in sacchi di carta kraft del peso di 50 kg e messo in commercio. MACINAZIONE DEI CLINKER

STAGIONATURA E INSACCAMENTO

calcare e argilla
forno rotante bruciatore

Schema del forno rotativo per cemento.

52
Tecnologia dei materiali

Classificazione dei cementi


In commercio si trovano diversi tipi di cemento:
● Cemento Portland. È ottenuto per macinazione del clinker con aggiunta di gesso.
ferro ● Cemento pozzolanico. È ottenuto per macinazione di clinker e pozzolana. La pozzolana è
una roccia vulcanica trasformata: le pozzolane si trovano soprattutto in Lazio e Campania.
● Cemento d’altoforno. È ottenuto per macinazione di clinker e loppe (scorie) dell’al-
toforno.

Impieghi dei cementi


Il cemento non è mai utilizzato da solo, ma viene aggregato con altri materiali.
● Il cemento impastato con acqua e sabbia forma la malta cementizia. Per una malta di
muratura si impiegano da 300 a 400 kg di cemento per 1 m3 di sabbia; per una malta
per intonaci si usa in proporzione più cemento: da 1000 a 1500 kg per 1 m3 di sabbia.
Le malte si preparano nelle impastatrici meccaniche chiamate betoniere.
● Il cemento impastato con acqua, sabbia, ghiaia e pietrisco forma il calcestruzzo o béton.
● Il cemento armato o calcestruzzo armato è un conglomerato formato da un impasto
di cemento, sabbia e acqua, che incorpora e avvolge un’armatura metallica costituita,
di norma, da tondini di acciaio dolce. Il cemento armato si prepara facendo una cola-
ta di calcestruzzo dentro una cassaforma (uno stampo) dopo aver predisposto l’armatu-
staffa ra di ferro.
L’acciaio presente nel cemento armato assicura un’elevata resistenza alla trazione, men-
Pilastro in cemento armato. tre il cemento di per sé ha un’elevata resistenza alla compressione. La perfetta aderen-
za tra acciaio e cemento è assicurata, perché hanno praticamente lo stesso coefficiente
di dilatazione termica.
Il cemento armato è impiegato nella costruzione di edifici, ponti, viadotti, dighe, ecc.
● Il cemento armato precompresso viene fabbricato includendo nel calcestruzzo tondi-
ni di acciaio in tensione. Il calcestruzzo è così sottoposto ad una compressione preven-
tiva che compenserà gli sforzi di trazione durante il funzionamento della struttura.
I manufatti di cemento armato precompresso vengono prodotti negli stabilimenti e poi
trasportati direttamente in cantiere dove saranno posti in opera.
rispondi
1. Cosa sono i materiali leganti
da costruzione?
2. Cos’è lo stucco?
3. Cos’è la calce?
4. Cos’è la malta?
5. Quali sono le materie prime
per fabbricare il cemento?
6. Cos’è il clinker?
7. Cos’è il cemento armato?
8. Cos’è il cemento armato pre- Il calcestruzzo, che ha una bassa resistenza II tondini in acciaio sono collocati nella parte
compresso? alla trazione, sotto sforzo, si spezza nella parte inferiore della trave, resistono bene alla trazione
inferiore. e rinforzano il calcestruzzo.

Armatura cilindrica per cemento armato. Cassaforma per cemento armato.

53
Area 2

4.4 Il vetro
Il vetro è una massa amorfa, omogenea, trasparente, impermeabile, resistente alla mag-
gior parte delle sostanze chimiche, dura, fragile, elettricamente isolante.
Le proprietà più importanti sono:
● la trasparenza, cioè la capacità di lasciarsi attraversare dai raggi luminosi;
● la facilità con cui può essere sagomato: a causa della sua particolare struttura, il ve-
tro non passa direttamente dallo stato solido a quello liquido, ma con il calore diventa
pastoso, lasciandosi così foggiare molto facilmente.
Lo schema di fabbricazione del vetro è riportato nella Scheda di approfondimento.
Negli ultimi anni hanno acquistato sempre più importanza i rottami di vetro che, raccol-
ti in maniera differenziata entro appositi contenitori, sono riciclati per produrre vetri
nuovi, con un notevole risparmio energetico.

Classificazione dei vetri


Possiamo classificare i vetri secondo il loro impiego.
● Vetro comune. È usato per finestre, specchi e servizi da tavola. Il vetro per bottiglie ha
Parete di vetrocemento.
una colorazione naturale dai toni verdi, gialli o bruni. Il vetro mezzo cristallo e il vetro
cristallo sono vetri comuni, ma di particolare purezza e limpidezza.
● Vetro potassico o cristallo di Boemia. È più duro del vetro comune, incolore e lucen-
rispondi
te; è impiegato per servizi da tavola di pregio.
1. Quali sono le materie prime ● Cristallo o vetro al piombo. È il vetro di maggior pregio, per le sue proprietà di purez-
per la fabbricazione del vetro?
za e trasparenza.
2. Quali sono le proprietà più im-
● Vetro pyrex. È resistente al calore; è usato anche per cuocere i cibi.
portanti del vetro?
● Vetro di sicurezza. Formato da due lastre di vetro comune incollato su un foglio di re-
3. Come si fabbrica il vetro piano?
sina trasparente: in caso di rottura i pezzetti di vetro non si distaccano pericolosamente.

FABBRICAZIONE DEL VETRO


• Miscela delle materie prime. Le materie prime (silice, soda, Immissione e miscelazione
materie prime
calce, ossidi, rottami, ecc.) sono macinate e mescolate.
• Fusione. Il materiale è portato a fusione entro i forni.
• Formatura. La formatura dipende dai prodotti che si vogliono Forno
ottenere: vetro piano o in lastre (ad es. per finestre) e vetro ca-
vo (ad es. per bottiglie).
– Il metodo attualmente più usato per ottenere il vetro piano è quel- Vetro
fuso
lo detto float glass (vetro galleggiante). Dopo la fusione, il materia-
Stagno fuso
le viene versato su un bagno di stagno fuso. Il vetro si allarga sulla
superficie del metallo e forma una lastra perfettamente piana ed Camera
uniforme. La lastra, poi, è fatta passare in un forno di ricottura, di raffreddamento
quindi è raffreddata e, infine, viene tagliata automaticamente. Taglio Bruciatore
– Per ottenere il vetro cavo si utilizzano macchine automatiche.
Nel disegno sono schematizzate le fasi principali del processo Ricottura
di soffiatura.
– La soffiatura a mano è ormai rara: ricordiamo che viene anco-
ra praticata a Murano per i vetri artistici.

Metodo float glass per ottenere vetro piano.

Immissione di aria
Pistone

Vetro fuso Modello Prodotto


finale

Lavorazione di vetri artistici. Soffiatura per ottenere vetro cavo.

54
Tecnologia dei materiali

● Vetro temperato o vetro infrangibile. È vetro sottoposto a tempra, cioè viene raffred-
dato rapidamente sulle due facce. Diventa molto duro ma anche molto fragile: in caso di
rottura si rompe in pezzi piccolissimi, meno pericolosi di quelli che si producono con la
rottura di un vetro normale.
● Vetro smerigliato. Si ottiene con getti di prodotti abrasivi sulla superficie del vetro.
● Vetri d’ottica. Possiedono un’assoluta limpidezza, perfetta trasparenza, totale man-
canza di difetti; con questi vetri si fabbricano lenti per occhiali.
● Vetri stampati. Sono vetri trasparenti ottenuti per laminazione attraverso cilindri che
imprimono su una o entrambe le superfici disegni o decorazioni. Sono prodotti in mol-
ti colori, e sono anche utilizzati per la fabbricazione delle vetrate legate al piombo che
imitano quelle antiche.
● Vetri retinati. Sono vetri nei quali è incorporata una rete metallica a maglia quadra-
Un parabrezza costruito con un ta, che ha il compito di trattenere i frammenti in caso di rottura.
vetro di sicurezza. ● Cristalli riflettenti. Sono lastre di vetro su una faccia delle quali sono stati deposti os-
sidi metallici. I vetri, comportandosi da specchi, respingono una buona parte dell’irrag-
giamento solare.
rispondi ● Vetri isolanti. Sono formati da due lastre di vetro, unite da un telaietto in acciaio o al-

1. Com’è fatto il vetro di sicu- luminio, in modo da creare tra loro un’intercapedine riempita con aria o gas. Hanno
rezza? un’ottima capacità d’isolamento termico e acustico
2. Come soni fatti i vetri iso- ● Specchi. Per fabbricare gli specchi si parte da lastre di vetro perfettamente parallele,
lanti? senza difetti. Per ottenere la superficie riflettente si fa depositare sul vetro uno strato sot-
3. Come si fabbricano gli spec- tile di argento per gli specchi pregiati, di stagno e alluminio per gli specchi comuni, di
chi?
piombo per gli specchi scuri. Gli strati metallici vengono poi protetti con vernici.

LE PIETRE E L’AMBIENTE
Pietre e marmi
Il danno ambientale provocato dall’estrazione di pietre e marmi è
dovuto in primo luogo alle cave, con perdita di vegetazione e del
suolo, che vengono distrutti per mettere a nudo la pietra.
Nel momento dello scavo e, successivamente, in tutte le lavora-
zioni del materiale, si produce una grande quantità di polvere, dan-
nosa alla salute.

Sabbia e ghiaia
Il prelievo di sabbia e ghiaia, materiali utilizzati nella fabbricazione
delle malte e dei calcestruzzi, viene sovente fatto sulle rive dei fiu-
mi, con gravi problemi ambientali.
Il corso stesso del fiume può venire alterato.
Non bisogna poi sottovalutare i guasti causati al paesaggio naturale.

L’argilla Cava di porfido.


L’argilla, come sappiamo, è utilizzata per la fabbricazione dei mat-
toni e di molti altri prodotti ceramici. Cemento-amianto
Le cave di argilla sono generalmente molto profonde e vi è il peri- Il cemento-amianto (eternit) è stato utilizzato per molti anni come
colo che l’acqua che si raccoglie nello scavo entri in comunicazio- materiale da costruzione e di copertura, per pannelli di rivestimen-
ne con le falde sotterranee, inquinandole. to interni ed esterni, per la fabbricazione di grossi tubi e di serbatoi.
Le acque stagnanti dello scavo sono spesso pericolose a causa È un materiale facilmente modellabile, isolante sia per quanto ri-
dei rifiuti che vi vengono gettati abusivamente. guarda il calore che il rumore.
Dal 1992 il suo impiego è stato abbandonato perché si è dimostra-
Cemento to che l’amianto provoca il cancro. Sono state chiuse le cave e le
L’Italia è fra i più importanti produttori di cemento. Come sappia- fabbriche, ma l’amianto è ancora presente negli edifici che sono
mo, per fare il cemento sono necessarie le pietre calcaree e argil- stati costruiti in anni precedenti.
lose e per ottenerle sono state scavate le pendici di molte colline. Pannelli di amianto sono stati utilizzati per rivestire le pareti di scuo-
Il recupero di questi ambienti degradati sarà possibile solo in tem- le, palestre, stazioni, centri commerciali. Oggi si procede alla loro bo-
pi molto lunghi, perché ci vogliono diversi anni perché la vegetazio- nifica, o alla demolizione vera e propria, facendo molta attenzione
ne possa ricoprire le ferite inferte al terreno. alle pericolosissime polveri che si liberano da questo materiale.
Durante il processo di produzione del cemento si produce una pol- L’area da bonificare viene delimitata e sigillata a tenuta stagna.
vere finissima di materiali calcarei e argillosi, che causa un grave Gli operatori, opportunamente attrezzati, procedono alla rimozio-
inquinamento atmosferico nelle zone che stanno vicino al cemen- ne dell’amianto che viene aspirato, raccolto in sacchi e trasferito
tificio. nelle discariche autorizzate.

55
Area 2

L’industria petrolchimica utilizza i prodotti in-


termedi ottenuti dalla lavorazione del carbone,
del metano e, soprattutto, del petrolio per ottene-
re numerosi prodotti finali: materie plastiche,
coloranti, vernici, detergenti, medicinali, adesivi.
Il petrolio greggio viene suddiviso nei suoi
componenti liquidi e gassosi nelle raffinerie.
La quantità di petrolio e di metano destinata al

5
settore petrolchimico è molto limitata e non
supera in media il 4%, mentre la maggior par-
te è destinata alla produzione di benzina, ga-
solio, kerosene, oli combustibili.

Le materie plastiche
5.1 Le resine sintetiche
Nel linguaggio comune, il nome di materie plastiche viene dato alle resine sintetiche.
glossario Le resine sintetiche derivano dalla lavorazione di prodotti intermedi, forniti dalle indu-
strie petrolchimiche, ottenuti dal carbone, dal metano e, soprattutto, dal petrolio.
molecola La più piccola unità
chimica di una sostanza, forma- Durante la lavorazione le molecole semplici dei prodotti di base si legano tra loro per
ta da uno o più atomi della stes- mezzo di reazioni fisico-chimiche a formare delle molecole giganti o macromolecole,
sa specie (corpi semplici) o di formate da centinaia, migliaia e anche milioni di atomi.
specie diversa (corpi composti).
Le sostanze che forniscono le singole molecole sono chiamate monomeri, le resine ot-
tenute per sintesi e formate da macromolecole sono dette polimeri.

glossario
Schema di polimerizzazione.
atomo La particella più piccola Le molecole di etilene, formate carbonio
di un elemento che conserva le da carbonio e idrogeno, per
idrogeno
proprietà chimiche dell’elemen- mezzo di reazioni fisico-chimiche,
si riuniscono a formare delle Molecole di Etilene Macromolecole di Polietilene
to stesso.
macromolecole di polietilene.

LAVORAZIONE MATERIE PLASTICHE


• Dalle materie prime (petrolio, metano, carbone,
minerali, sale ...) si ottengono i prodotti chimici di
MATERIE PRIME
base (benzolo, fenoli, etilene, propilene ...).
• Per mezzo di complessi processi chimici, i mono-
PRODOTTI DI BASE
meri si trasformano in polimeri (resine sintetiche).
• Alle resine si aggiungono altre sostanze: riempi-
POLIMERI
tivi, plastificanti, coloranti, lubrificanti ...
• I polimeri con gli additivi sono trasformati in pol-
+ Sostanze secondarie
veri, granuli, paste.
• Le polveri o i granuli vengono sottoposti a diver-
POLVERI DA STAMPAGGIO
se lavorazioni plastiche:
– stampaggio;
– estrusione, LAVORAZIONI PLASTICHE
– soffiatura;
– laminazione e calandratura; OGGETTI
– termoformatura.
Bottiglie in PET.

56
Tecnologia dei materiali

Classificazione delle resine sintetiche


Le resine sintetiche si suddividono in:
● Resine termoplastiche che, per azione del calore, rammolliscono e possono essere
formate sotto pressione negli stampi; raffreddandosi riprendono lo stato solido.
Questa operazione si può ripetere numerose volte.
● Resine termoindurenti, che possono essere formate una sola volta, dopo un breve ri-
scaldamento che le porta a fusione. Non riacquistano la plasticità anche con successivi
riscaldamenti.
● Elastomeri, che possono essere facilmente deformati e sono molto elastici; possono
essere sia termoplastici sia termoindurenti (vedi pag.60 Gomme sintetiche).
Nella Scheda di approfondimento sono riportate le resine più importanti.

RESINE TERMOPLASTICHE RESINE TERMOINDURENTI


ABS – Acrilonitrile, Butadiene, Stirene UP – Poliesteri insaturi
Utilizzato per la produzione di manufatti par ticolarmente resi- Le resine poliestere insature vengono prodotte mediante diverse
stenti all’urto quali valige, piccoli e grandi elettrodomestici, ac- tecnologie. Mediante colata si producono bottoni, fibbie, parti elet-
cessori nel settore automobilistico. triche, mattonelle, lastre in finto marmo. Mediante stampaggio con
cariche e fibra di vetro si ottengono manufatti per l’industria elettri-
PA – Poliammidi ca, elettronica e chimica. Sono inoltre fabbricate lastre piane on-
Utilizzati per la produzione di fibre sintetiche (nylon), per masse dulate utilizzate in edilizia. Nella nautica le resine poliestere sono
da stampaggio nell’industria meccanica, nella produzione di film utilizzate nella fabbricazione di scafi e di intere imbarcazioni.
per l’imballaggio flessibile di prodotti alimentari.
PU – Poliuretani
PC – Policarbonato Utilizzati nella fabbricazione di finte pelli, suole e tacchi da scar-
Utilizzato per manufatti trasparenti, caschi protettivi, componen- pe, film per isolamento elettrico, articoli per lo sport, per uso
ti per auto. tecnico e nel settore medicale.

PE – Polietilene EP – Resine epossidiche


Differenziando il processo di polimerizzazione si può ottenere: Utilizzate nella produzione di vernici, adesivi, laminati, isolatori
LDPE (PE a bassa densità) per la produzione di pellicola, casalin- elettronici. Si usano anche rinforzate con fibre di vetro, di carbo-
ghi, giocattoli, tubazioni; HDPE (PE ad alta densità) per la produ- nio e altre resine.
zione di cassette e cassoni industriali, flaconi, serbatoi per car-
buranti e tubazioni per il trasporto di gas ed acqua a pressione. PF – Resine fenoliche
Utilizzate nella produzione di laminati, adesivi, componenti elet-
PET – Polietilentereftalato trici e motoristici.
Utilizzato per la produzione di contenitori per liquidi, tappeti, bu-
ste multistrato per cibi precotti. MF – Resine melaminiche
Per la loro buona resistenza meccanica sono utilizzate per la pro-
PP – Polipropilene duzione di laminati, di stoviglie e negli isolanti elettrici.
Utilizzato per la produzione di componenti per auto, tubazioni, ar-
redamento, casalinghi, film per imballaggi, tubi per impianti di ri- UR – Resine ureiche
scaldamento. Utilizzate per la produzione di pannelli truciolari.

PS – Polistirene o polistirolo PTFE (teflon)


Nelle versioni cristallo o antiurto viene largamente usato nella Utilizzato per rivestimenti antiaderenti resistenti ad alte tempera-
produzione di imballaggi, articoli per uso domestico, grandi e pic- ture, per isolamento elettrico, per protezione dagli agenti acidi.
coli elettrodomestici, giocattoli, elettronica di consumo.

EPS – Polistirene espanso


Si presenta come materiale molto leggero, utilizzato prevalente-
mente nell’imballaggio, nell’isolamento e alleggerimento di strut-
ture nell’edilizia.

PVC – Polivinilcloruro
Il PVC, grazie alla sua resistenza all’usura, agli agenti chimici ed
atmosferici e al fuoco, si presta alle più svariate applicazioni nei
settori edilizia e costruzioni (tubi, profili per finestre), imballaggio
alimentare e farmaceutico, cavi, arredamento, casalinghi.

CA – Acetato di cellulosa
Caratterizzato da aspetto lucente ed elevata trasparenza. Viene
utilizzato per molti manufatti: dai pettini alle montature per oc-
chiali, dai facciali per caschi agli spazzolini da denti. Pellicola plastica per pacciamatura.

57
Area 2

5.2 Lavorazioni dei polimeri


Punzone I polimeri plastici (polveri, granuli, paste, liquidi) sono sottoposti a diverse lavorazioni
dove, sotto l’azione della pressione e del calore, assumono la forma definitiva.
Solco
di sbavatura
● Stampaggio per compressione
Il polimero, allo stato pastoso, è posato tra lo stampo ed il controstampo, quindi si avvi-
cinano le due parti premendo la resina nel volume vuoto che costituisce la forma.

Matrice
● Stampaggio per iniezione
Le polveri del polimero sono caricate in un iniettore cilindrico riscaldato, all’interno del
quale si trova una vite senza fine che fa avanzare il polimero verso il foro d’uscita. La re-
sina, rammollita, è compressa tra la parte fissa e quella mobile di uno stampo e assume
la forma del volume vuoto. Poi lo stampo si apre e si estrae l’oggetto formato.

● Estrusione
Con l’estrusione si realizzano profilati di sezione e lunghezze diverse: tubazioni, profi-
lati per finestre, guarnizioni, ecc. Il procedimento è simile a quello dello stampaggio
per iniezione. La vite senza fine che si trova dentro il cilindro riscaldato fa avanzare la
resina fusa dal calore e la costringe ad uscire attraverso la matrice, dove si realizza la se-
zione desiderata. Quando la matrice è costituita da un disco munito di fori piccolissimi
(filiera) si ha il processo di filatura, utilizzato per ottenere le fibre tessili sintetiche.

● Soffiatura
Estrattore Per la produzione di bottiglie o contenitori di piccoli spessori si ricorre al processo di
Stampaggio per compressione.
estrusione - soffiatura, che ricorda il procedimento per ottenere il vetro soffiato.
La resina, all’uscita della macchina di estrusione, è immessa nello stampo e viene fatta
aderire alle pareti dello stesso con un getto di aria compressa.
rispondi
1. Cosa sono le resine sinteti-
● Laminazione e calandratura
che? Con questi processi si ottengono fogli dello spessore voluto. La resina pastosa è costret-
2. Cosa sono i polimeri? ta ad attraversare una serie di cilindri rotanti che ne diminuiscono progressivamente lo
3. Cosa sono le resine termo- spessore.
plastiche?
4. Cosa sono le resine termoin- ● Termoformatura
durenti? Si parte da un foglio di materiale termoplastico opportunamente riscaldato che è co-
5. Cosa sono gli elastomeri? stretto ad assumere la forma interna di uno stampo. La termoformatura si ottiene:
6. Come avviene lo stampaggio – Sotto vuoto. La lastra di materiale plastico si adagia sullo stampo per aspirazione, co-
per iniezione?
piando tutta la forma dello stampo.
7. Cos’è la termoformatura?
– Sotto pressione. La pellicola viene spinta sullo stampo grazie alla pressione esercitata
dall’aria.
Elemento riscaldante Tramoggia

Stampo
Motore

Vite senza fine Plastica


Foro iniezione rammollita

Stampaggio per iniezione. Cilindri


riscaldanti
Stampo Plastica fusa Aria compressa Oggetto stampato

Pellicola
di plastica

Soffiatura. Laminazione e calandratura. Termoformatura.

58
Tecnologia dei materiali

IMPIEGHI DELLA PLASTICA • Agricoltura


• Edilizia Il settore agricolo assorbe in Italia oltre il 3% delle materie plasti-
L’edilizia assorbe in Italia oltre l’11% della produzione di materie che prodotte in Italia.
plastiche, soprattutto per serramenti, impiantistica, rivestimenti, La possibilità, ad esempio, di avere primizie fresche tutto l’anno
tubature, isolamento termico ed acustico. si deve proprio alla plastica: sono infatti di questo materiale i te-
I principali impieghi in edilizia riguardano tubi, profili per finestre, loni che ricoprono le piantagioni, le proteggono, le stimolano, fi-
pavimenti, rivestimenti murali, membrane per impermeabilizza- no ad anticipare la maturazione e raddoppiare i raccolti.
zione di coperture, cavi elettrici e guaine per isolamento. Le serre con coperture di plastica rendono di più e hanno biso-
gno di meno energia per venire riscaldate.
• Arredamento Anche nell’irrigazione dei campi, le strutture e i tubi in plastica
L’arredamento assorbe in Italia quasi il 6% della domanda com- hanno dimostrato versatilità ed efficacia.
plessiva di materie plastiche.
Le caratteristiche che rendono la plastica preferibile sono robu- • Imballaggi
stezza, leggerezza, durata, isolamento, economia, facilità d’uso. Assorbono in Italia oltre il 45% di tutta la produzione di materie
plastiche (43,5% nel mondo).
• Trasporti In Europa, circa il 50% di tutto l’imballaggio alimentare è in plasti-
L’industria dei trasporti assorbe in Italia oltre il 4% della produ- ca: il 60% di questo tipo di confezioni pesa meno di 10 grammi.
zione di materie plastiche, utilizzate in numerosissimi componen- In 20 anni, l’imballaggio si è alleggerito dell’80%, migliorando le
ti, molti dei quali resi possibili proprio dalla plastica, come gli air- prestazioni. Le caratteristiche che rendono la plastica preferibile
bag e le cinture di sicurezza. sono versatilità, leggerezza, robustezza, inerzia chimica, affidabi-
Il contenuto medio di materie plastiche in un’auto europea è pas- lità, economicità.
sato da circa 20 chili negli anni 60 (2% del peso) ai circa 105
chili di oggi (in media circa il 10% del peso totale dell’auto), rag- • Salute
giunti utilizzando 14 differenti tipi di polimeri. Il solo abitacolo è Anche nel settore medico viene utilizzata la plastica. Basti pen-
formato per il 60% di materiale plastico. sare ai farmaci protetti da speciali imballaggi alveolati (blister
pack) termoformati; oppure ai numerosissimi oggetti e attrezza-
• Comunicazioni ture impiegate in medicina e chirurgia: dalle tende ad ossigeno,
Fibre ottiche, microchip, computer, compact disk, telefonia cellu- ai guanti sterili, fino ai presidi salvavita, come il cuore artificiale
lare e tutti i protagonisti della comunicazione attuale e del suo o le sacche per il trasporto di sangue e plasma, le sacche per la
futuro sono fatti prevalentemente di plastica. dialisi, i tubicini per le trasfusioni.

Piatti, bicchieri e posate in materiale plastico. Uno speciale imballaggio per medicinali (blister).

LA BIOPLASTICA La bioplastica, dopo l’uso, consente di ricavare concime fertiliz-


Un’accusa fatta sovente ai materiali plastici è quella di non esse- zante dai prodotti realizzati come piatti, bicchieri, posate e di im-
re biodegradabili, cioè di non decomporsi naturalmente ad opera piegarlo per l'agricoltura.
di batteri: quindi i rifiuti di plastica sono destinati a durare per mol- Oggi tali prodotti sono prevalentemente fatti di materiali esclusi-
to tempo, inquinando l’ambiente. vamente sintetici ricavati dal petrolio, difficilmente riciclabili. La
La bioplastica è un tipo di plastica biodegradabile che deriva da Bioplastica in agricoltura, utilizzata per per la pacciamatura, risol-
materie prime vegetali rinnovabili annualmente. Il tempo di decom- ve il problema dello smaltimento in quanto la pellicola è lasciata a
posizione è di qualche mese contro i 40 anni richiesti dalle mate- decomporsi naturalmente sul terreno.
rie plastiche sintetiche derivate dal petrolio. I vantaggi di un materiale "biologico" sono numerosi:
Le plastiche biodegradabili attualmente sul mercato sono compo- • la biodegradabilità e decomposizione naturale in un tempo breve;
ste principalmente da farina o amido di mais, grano o altri cereali. • la possibilità di produrre concime perché la sostanza è fertiliz-
Oltre ad essere organiche col vantaggio della biodegradabiità han- zante; la parte umida dei rifiuti casalinghi può essere raccolta in
no il pregio di non rendere sterile il terreno sul quale vengono de- sacchetti di bioplastica e utilizzata per produrre il compost;
positate. • minori emissioni di fumi tossici nel caso di incenerimento.

59
Area 2

5.3 Le gomme
Le gomme sono formate da lunghissime catene di molecole di idrocarburi (polimeri)
flessibili ed increspate; quando vengono tirate, le catene di molecole si allungano per-
ché passano da increspate a distese, per tornare poi allo stato primitivo quando cessa lo
sforzo di trazione. Le gomme si suddividono in 2 categorie:
● la gomma naturale o caucciù;
● le gomme sintetiche.

La gomma naturale o caucciù


Il caucciù si ricava dal succo o lattice di alcune piante tropicali del genere Hevea o Fi-
cus, che crescono in Amazzonia, Asia e Africa. Attualmente quasi tutta la gomma pro-
viene da piante coltivate. Lo sfruttamento inizia verso il settimo anno di vita delle pian-
te e dura fino al trentacinquesimo.
● Il tronco della pianta viene inciso con un coltello: il lattice cola dalla ferita e si racco-
glie in piccoli recipienti. Da una pianta si ricavano, in media, circa 3 kg di gomma es-
siccata all’anno.
● La maggior parte della gomma prodotta viene essiccata. Il lattice, trattato con sostan-
ze acide, coagula: si formano dei fogli dello spessore di alcuni centimetri.
● Questi fogli sono costretti a passare attraverso coppie di cilindri rotanti e si ottengono
fogli molto più sottili, dello spessore di 2-3 mm. A seconda del tipo di lavorazione si
producono fogli smoked (affumicati) o crèpes (increspati).
● I fogli di gomma naturale vengono poi imballati e inviati agli stabilimenti di produzione.
L’albero della gomma.

Le gomme sintetiche
La gomma naturale è formata da un idrocarburo molto complesso: la sua molecola a ca-
tena è una macromolecola composta da 26.000 atomi.
Le gomme sintetiche sono prodotte partendo da idrocarburi più semplici che, per poli-
merizzazione, si uniscono a formare delle lunghe catene molecolari.
Le più importanti gomme sintetiche sono definite con sigle particolari, dalle iniziali dei
componenti impiegati nella loro fabbricazione:
● la gomma SBR (Stirene-Butadiene-Rubber);
● la gomma NBR (Nitrile-Butadiene-Rubber);
● la gomma IR (Isoprene-Rubber);
● la gomma EPR (Etil-Propilene-Rubber).
Le gomme sintetiche hanno sostituito la gomma naturale in molti settori: il 70% della
produzione è destinata all’industria dei pneumatici (copertoni e camere d’aria).

Un pneumatico da automobile di
grosse dimensioni.

LAVORAZIONE DELLE GOMME


• Masticazione. Il materiale grezzo viene sminuzzato.
• Preparazione della mescola.
Alla gomma vengono aggiunti numerosi additivi:
– Vulcanizzanti. Sono le sostanze che consentono la successiva fase di vulcanizzazione; si usa
lo zolfo, in percentuali variabili dal 2 al 5%.
– Cariche rinforzanti. Hanno lo scopo di migliorare le caratteristiche meccaniche del prodotto e
di aumentare la resistenza all’abrasione. Le cariche hanno un’importanza particolare per le
gomme destinate alla produzione di pneumatici.
– Antiossidanti. Vengono aggiunti per ritardare il fenomeno dell’invecchiamento delle gomme
vulcanizzate.
• Formatura. Secondo il prodotto che si vuole ottenere, il materiale può essere ridotto in fogli
sottili con l’operazione di calandratura, oppure può essere trafilato o estruso per produrre tubi,
cavi, camere d’aria, o ancora può essere stampato per i pezzi di forma più complicata.
rispondi • Vulcanizzazione. È l’operazione più importante perché modifica profondamente le caratteristi-
1. Cos’è il caucciù? che della gomma, migliorandole. La gomma vulcanizzata diventa elastica, impermeabile, resi-
stente alle diverse temperature e agli agenti atmosferici.
2. Cosa sono le gomme sinteti-
che? L’operazione si effettua a caldo, durante la formatura dell’oggetto dentro stampi metallici riscal-
dati. Lo zolfo si combina chimicamente con la gomma naturale, modificandone la struttura.
3. Cos’è la gomma vulcanizzata?

60
Tecnologia dei materiali

L’impiego delle fibre tessili naturali ha origini


antichissime e si è sviluppato presso le civiltà
più diverse e più lontane. Il lino, la lana, il
cotone e la seta sono state, nell’ordine, le fi-
bre tessili che per prime sono state filate e poi
tessute.
Soltanto verso la fine dell’Ottocento nacque la
prima fibra artificiale, il raion, e sono passati
più di settant’anni dalla comparsa della prima
fibra sintetica, il nylon, capostipite di una lun-
ga serie di fibre chimiche.

6
Le fibre tessili sono la materia prima della ca-
tena tessile, che comprende la lavorazione
delle fibre per ottenere i filati, quindi i tessuti
e, infine, i prodotti confezionati.

Le fibre tessili
6.1 Classificazione
Si chiamano fibre tessili quei prodotti di origine naturale o artificiale dai quali è possi-
bile ricavare un filato.
Il filato è un insieme di fibre tessili unite e ritorte in modo da formare un filo continuo,
che può poi essere usato per confezionare i tessuti con i quali si produrranno i prodotti
confezionati, come, ad esempio, i vestiti.
Le fibre tessili possono essere classificate secondo la loro origine.

FIBRE NATURALI FIBRE CHIMICHE

VEGETALI ANIMALI MINERALI ARTIFICIALI SINTETICHE

• cotone • lana • amianto • rayon • poliammide


• lino • seta • fibre di vetro • acetato • acrilico
• canapa • altre • poliestere
• altre • altre

6.2 Il cotone
Il cotone è la fibra tessile più importante; è costituita dai peli che rivestono i semi con-
tenuti nel frutto della pianta del cotone.
La pianta è coltivata in una vasta zona del globo dove esistano condizioni di clima caldo
temperato e tropicale e ci sia sufficiente quantità d’acqua durante il periodo della crescita.
Il frutto del cotone ha la forma di una capsula che contiene i semi ricoperti da peli:
quando giunge a maturazione, si apre lasciando uscire il bioccolo del cotone.
Con i peli più lunghi si confezionano filati, quelli più corti (linters) sono impiegati nella
fabbricazione del raion, della celluloide e di alcuni tipi di carta.
La catena tessile. 1 Dai semi si ricavano olio, mangimi per bestiame, fertilizzanti.
La fibra del cotone è costituita da cellulosa quasi pura (95%). Il valore di un cotone è
tanto maggiore quanto più lunghe sono le fibre (fino a 4 cm): ad una maggiore lunghez-
za si accompagnano altre proprietà come la lucentezza, la finezza, la resistenza.
I tessuti di cotone sono largamente utilizzati nel campo dell’abbigliamento e dell’arreda-
mento. Tra i tanti impieghi ricordiamo:
● il denim, utilizzato per i jeans;
● il fustagno, adatto per indumenti da lavoro;
Marchio del cotone. ● la spugna, utilizzata per gli asciugamani.

63
Area 2

LA RACCOLTA DEL COTONE


• La raccolta del cotone si compie quando le capsule si aprono, e può esse-
re fatta a mano o a macchina.
La raccolta manuale è il metodo migliore, anche se il più faticoso e costoso,
perché è possibile scegliere solo le capsule mature, scartando quelle imma-
ture e le materie estranee (foglie, steli, terriccio). La maturazione dei frutti
avviene gradualmente iniziando dalla parte più bassa della pianta, pertanto
la raccolta si effettua in più riprese.
La raccolta meccanica è un metodo introdotto nei Paesi nei quali si ha un
grande sviluppo della cotonicoltura e un alto costo della manodopera.
L’epoca di raccolta varia a seconda dei diversi Paesi, in relazione, natural-
mente, alla loro posizione geografica e alle condizioni climatiche.
• Il cotone in seme, dopo la raccolta, è sottoposto alla sgranatura o ginna-
tura, ossia al processo di separazione della fibra dal seme.
• Il cotone sgranato viene compresso e imballato, pronto per la spedizione:
è genericamente chiamato cotone sodo.
In alcune specie i semi, dopo la sgranatura, si presentano ancora ricoperti
da una corta peluria che viene tolta con una seconda sgranatura: questi cor-
ti peli costituiscono i linters impiegati nella fabbricazione del raion, della cel-
luloide e di alcuni tipi di carta. Raccolta meccanica del cotone.

6.3 Il lino
Il lino è la fibra del fusto di una pianta annuale, alta fino a un metro, con fiore azzurro
o bianco, foglie strette e appuntite. La coltura può essere fatta per ottenere la filaccia (va-
rietà da tiglio) o il seme (varietà da olio).
Il lino da tiglio ha uno stelo alto e poco ramificato e si raccoglie quando il fusto ingial-
lisce e il seme non è ancora maturo; il lino da seme è più basso e la raccolta avviene sol-
tanto quando il seme è completamente maturo.
Il lino non è formato, come il cotone, quasi esclusivamente da cellulosa, ma contiene
anche lignina, grassi, cere. I filamenti sono lunghi in media 50-60 cm e sono formati da
fibre elementari lunghe 2 ÷ 4 cm, saldate tra loro da sostanze collose.
I filati di lino vengono impiegati per la confezione di tessuti fini, per biancheria da let-
Marchio internazionale del lino.
La composizione appare sul fondo.
to, tovaglie, abbigliamento e arredamento, per tele pregiate e resistenti (tela batista).
100% indica puro lino, 85% quasi Il lino è un migliore conduttore di calore rispetto al cotone e dà una sensazione di fre-
tutto lino, mistolino significa ordito sco: per questo motivo è impiegato per l’abbigliamento estivo sia maschile che femmi-
in cotone e trama in lino.
nile. I capi di lino assumono un caratteristico aspetto stropicciato.

LA RACCOLTA DEL LINO


• La raccolta del lino per fibra viene fatta estirpando le pianticelle, che ven-
gono poi fatte essiccare al sole.
• Segue la battitura o sgranellatura degli steli per separarne le capsule e le
foglie.
• Con la macerazione e con l’operazione successiva di maciullatura si proce-
de a liberare le fibre dalle sostanze gommose che le tengono riunite in fasci,
e unite alla parte legnosa della pianta.
La macerazione può essere naturale per esposizione sul prato all’azione del-
la rugiada e del sole, oppure per immersione in acqua corrente o stagnante;
la macerazione artificiale o biologica viene condotta con bagni di acqua cal-
da nei quali sono collocati i covoni di lino e in cui vengono innestati partico-
lari bacilli di coltura adatti a provocare la macerazione.
• Dopo essere stati lavati ed essiccati, gli steli vengono sottoposti alla ma-
ciullatura, che serve a ridurre in piccoli frammenti la parte legnosa che non
si è ancora staccata dalla filaccia.
• Con la scotolatura la filaccia è finalmente liberata da ogni frammento legnoso.
• Con la pettinatura si separano le fibre corte (stoppe) e si dispongono pa-
rallelamente quelle lunghe. Pianta e prodotti di lino.

64
Tecnologia dei materiali

6.4 La canapa
La canapa è la fibra di un fusto di una pianta erbacea annuale, alta 3-4 metri e anche
più, con fusto eretto e poco ramificato. Vi sono piante maschili e femminili: dalle prime
si ricava solo la fibra, dalle seconde la fibra e il seme.
Le fibre della canapa (filaccia o tiglio) sono riunite in fasci e cementate tra loro da par-
ticolari sostanze. Per poterle separare devono quindi subire numerose operazioni simili
a quelle descritte per il lino.
La filaccia di canapa è lunga in media 2-3 metri e, come il lino, è costituita di un insie-
me di fibre elementari lunghe da 1 a 5 cm, saldate tra loro dalle sostanze cementanti re-
sidue. È più grossolana della filaccia di lino, ma più resistente.
La canapa si usa per tele e tessuti, per abbigliamento e arredamento, tovaglieria, asciu-
gamani, ecc.
Con le qualità più resistenti si fabbricavano un tempo cordami e reti. Le stoppe si usano
per imbottiture, i cascami per la fabbricazione di carta pregiata.

6.5 La lana
La lana è la fibra che si ottiene dal vello degli ovini. Con questo termine s’intendono
Pianta di canapa tessile però anche i peli di altri animali: cammello, capra Cashmere, capra d’Angora o Mohair,
(cannabis sativa). vigogna, alpaca, lama ed altri ancora.
La qualità della lana dipende dalla razza dell’animale di provenienza: le migliori lane
sono quelle delle pecore Merinos, Rambouillet e delle razze inglesi; tra le nostrane, pre-
giata è la lana della Gentile di Puglia.
Le caratteristiche della lana sono molto variabili e dipendono, oltre che dalla razza del-
l’ovino, dalle condizioni d’allevamento e d’alimentazione, dall’età dell’animale, dalla
zona del vello (spalle, fianchi, cosce, ecc.).
● La finezza è la caratteristica più importante perché influisce sulla grossezza del filato,
e in base ad essa si classificano le lane in fini, medie e grosse.
● L’arricciatura è la caratteristica che rende la lana soffice, morbida e leggera; inoltre le
conferisce un ottimo potere isolante dato dagli strati d’aria trattenuti dalle fibre, e l’aria
è un cattivo conduttore di calore.
● Il colore della lana sudicia è giallastro, dopo il lavaggio è bianco avorio.
● La resistenza alla trazione è scarsa, ma l’elasticità è la più elevata fra tutte le fibre na-
turali.
● La lana è igroscopica, assorbe cioè facilmente l’umidità.
Per effetto del calore, dell’umidità e della compressione, la lana si trasforma in una mas-
sa compatta chiamata feltro, nella quale le fibre s’intrecciano così saldamente tra loro
che non è più possibile separarle.

Le lane sono destinate alla tessitura e alla maglieria. Quelle di migliori qualità sono
adatte alla produzione di pettinati, le altre di cardati o di tappeti.
Una piccola parte è rivolta alla produzione di feltri per cappelli, di materassi o di mate-
riali isolanti.
Un gregge di pecore nell’Idaho Ricordiamo le caratteristiche di alcuni tessuti particolari.
(USA). ● Tweed. Tessuto di lana dall’aspetto rustico, d’origine scozzese, con la superficie rico-
perta da piccoli nodi. Ha una consistenza molto solida che ne garantisce una durata per
molti anni.
● Flanella. Tessuto di lana con la superficie resa leggermente pelosa con il processo di
garzatura. Particolarmente caldo, anche se leggero, perché la peluria trattiene dell’aria
che agisce da isolante termico.
● Spigato. Tessuto di lana con un disegno che ricorda le lische di pesce o le spighe di grano.
● Loden. Tessuto di lana con la superficie a pelo lungo, appiattito, utilizzato per confe-
zionare cappotti, mantelli, gonne e pantaloni.
Viene infeltrito per renderlo impermeabile e lavorato in modo da avere un lato peloso.
Nella confezione di un capo in loden bisogna tener conto dell’orientamento del pelo
Marchio della pura lana vergine. che deve andare verso il basso.

65
Area 2

LANE SPECIALI
• Il cashmere è la fibra prodotta da una capra che vive sulle montagne del-
l’Himalaya e del Tibet e sugli altopiani della Mongolia.
Il vello di questa capra, costituito di peli lunghi e ruvidi, si completa d’inver-
no con un manto di lanugine corta e soffice ed è appunto questa lanugine,
raccolta con un pettine in primavera, che costituisce la fibra tessile.
• Il mohair è la fibra prodotta dalla capra d’angora originaria della Turchia,
oggi allevata anche negli Stati Uniti e in Sud Africa.
Ha caratteristiche simili a quelle della lana, i tessuti più fini sono fatti con la
lana dei capretti.
• Il cammello ha un manto setoloso, lungo e folto, e un sottopelo più mor-
bido e lanoso. In primavera questo sottomanto comincia a cadere e viene
raccolto, ed è questa la fibra comunemente utilizzata nel settore dell’abbi-
gliamento, lasciandone il colore naturale.
• La vigogna appartiene alla famiglia dei camelidi, vive sugli altopiani delle
Ande ai confini tra il Cile e il Perù. L’animale è ricoperto di un lungo vello,
completato da un sottopelo molto soffice, che fornisce una fibra molto fine.
• L’alpaca, un camelide, viene allevato in greggi sugli altopiani delle Ande,
sia per le carni sia per la lana. La tosatura viene fatta ogni due anni e il vel-
lo è simile a quello del mohair.
• Il lama, un altro camelide, ha una grande importanza per le popolazioni
che vivono sulle Ande perché viene impiegato come animale da soma e per
la produzione di carne e di lana. La lana è molto lucida, calda, più grossola-
na di quella dell’alpaca. Vigogna (sopra) e alpaca (sotto).

6.6 La seta
La seta è un filamento tessile che si ricava dai bozzoli di un insetto chiamato baco da se-
ta o filugello o bombice del gelso (vedi la Scheda di approfondimento).
Le particolari qualità della seta ne hanno sempre fatto un prodotto di grande pregio.
È molto resistente, il suo carico di rottura è pari a quello di un acciaio ordinario; è tenace
ed elastica, ha un’ottima resistenza alla piegatura; ha un buon potere termico isolante.
La seta è utilizzata per biancheria e abbigliamento femminile di gran pregio, per cami-
ceria, cravatte e foulard.

Bachi da seta. 6.7 Le fibre minerali


Fibre di vetro
rispondi
Dal vetro si possono tirare delle fibre tessili mediante fusione e colatura attraverso i pic-
1. Che cosa si intende con “ca- colissimi fori di una filiera. I filamenti vengono accoppiati e avvolti su un tamburo.
tena tessile”?
I principali impieghi delle fibre di vetro tessile si hanno nell’industria delle materie pla-
2. Quali sono le più impor tanti
fibre vegetali?
stiche rinforzate, per parti di imbarcazioni, aerei e automobili, elettrodomestici, piscine:
3. Quali sono le più impor tanti
le fibre di vetro conferiscono notevole tenacità alla struttura.
fibre animali? Le fibre feltrate servono per la fabbricazione di feltri e pannelli di isolamento acustico e
4. Di cosa è formata la fibra termico.
del cotone?
5. Di cosa è formata la fibra Fibre di amianto
del lino?
L’amianto è un minerale costituito principalmente da silicati di magnesio. Le fibre sono
6. Quali sono le caratteristiche
della lana? ottenute per sfibratura meccanica del minerale.
7. Quali sono le lane speciali? Le fibre di amianto sono leggere, resistenti al calore e alla fiamma; resistono bene agli
8. Quali sono le caratteristiche acidi e all’usura. Sono state impiegate nel passato nella fabbricazione di materiali iso-
della seta? lanti e refrattari, tute e indumenti antincendio, manufatti di cemento e amianto (eternit).
9. Come si ottiene il filato di La sua resistenza al calore e la sua struttura fibrosa lo rendono adatto come materiale
seta?
per indumenti e tessuti da arredamento a prova di fuoco, ma la sua ormai accertata no-
10. Perché non si utilizzano più
le fibre di amianto?
cività per la salute (provoca l’asbestosi e tumori all’apparato respiratorio) ne ha vietato
l’uso in molti Paesi: in Italia è fuori legge dal 1992.

66
Tecnologia dei materiali

L’ALLEVAMENTO DEL BACO DA SETA Il baco tesse il suo bozzolo in 3 o 4 giorni: i bozzoli hanno carat-
Il baco da seta è un insetto che si completa attraverso gli stadi teristiche assai diverse a seconda delle razze ma, in media, la
di uovo o seme, larva o baco, crisalide e farfalla. lunghezza del filo è compresa tra i 500 e 1500 metri.
• I semi, piccolissimi e a forma di lente, sono attualmente rac-
colti, conservati e quindi distribuiti agli allevatori dalle ditte pro- • Racchiuso nel bozzolo il baco si trasforma in crisalide di forma
duttrici di seme-bachi. In appositi centri si studiano gli incroci e tozza e di consistenza coriacea. Dopo 15 giorni circa la crisalide
si selezionano le razze per ottenere i migliori risultati. si trasforma in farfalla e, dopo averlo forato, esce dal bozzolo.
I semi, che nella stagione invernale sono stati conservati in ap- Negli allevamenti, però, i bozzoli vengono raccolti dopo una sola
positi refrigeratori, in primavera vengono messi in incubazione in settimana, per impedire che la crisalide trasformata in farfalla
locali che hanno la temperatura, I'umidità e la quantità di luce fori il bozzolo.
adatte per la schiusa. I bozzoli raccolti vengono messi in una stufa a 70°C, e in questo
Poiché il baco si nutre della foglia del gelso, si fa coincidere il pe- modo le crisalidi muoiono.
riodo dello sviluppo larvale con quello della crescita delle foglie. Dopo viene fatta una scelta in base alla grandezza, la forma e il
colore, e si separano gli scarti. A questo punto i bozzoli sono
• L’incubazione dura circa 20 giorni, alla schiusa le larve sono pronti per la trattura.
lunghe 3 millimetri e pesano mezzo milligrammo. Le larve inizia-
no a cibarsi di foglie e in un mese circa, passando attraverso 4
periodi di muta o dormite, durante i quali cambiano la pelle, rag- DAL BOZZOLO AL FILATO
giungono la maturità. Il loro sviluppo è enorme: la larva è lunga • La trattura della seta consiste nell’immergere i bozzoli in acqua
7-9 cm e ha aumentato il suo peso di circa 8000 volte!. calda: la sericina si rammollisce e si separano le prime bave di se-
Le 4 mute dividono il periodo larvale in cinque età; la muta è ne- ta che vengono riunite in un certo numero e attaccate ad un aspo.
cessaria alla larva per poter crescere perché la sua epidermide Così il bozzolo è dipanato e si ottengono delle matasse di seta
non è elastica: deve quindi abbandonare la vecchia pelle dopo cruda o greggia.
che si è formata quella nuova, più grande. Da 100 kg di bozzoli si ottengono circa 25 kg di seta greggia.
La seta greggia non è adatta ad essere tessuta. Prima deve su-
• Dopo circa 30 giorni dalla schiusa, il baco, completamente svi- bire altre operazioni che rendono il filo più resistente ed elastico.
luppato, cerca un posto adatto per la costruzione del bozzolo do-
ve si completerà la sua trasformazione, prima in crisalide e poi in • Con la torcitura si riuniscono due o più fili tra loro. Dai fili di
farfalla. Negli allevamenti questa fase viene detta salita al bo- maggior pregio si ottiene l’organzino, destinato a formare l’ordi-
sco. Il bosco viene formato con rametti di erica, quercia, olmo, to dei tessuti; da quelli di minor pregio si ottiene la trama, desti-
steli di paglia: il baco, attaccate alcune bave ai ramoscelli, inizia nata appunto a formare la trama dei tessuti.
a filare il bozzolo. Nei moderni allevamenti il bosco viene prepa-
rato con ricci di plastica che simulano la forma dei ramoscelli e • Con la sgommatura la seta è sottoposta ad un lavaggio in ac-
che permettono un notevole risparmio. qua calda con soluzioni saponose per eliminare la sericina che la
rende ruvida e poco adatta ad essere tinta.
• Le due ghiandole della seta contengono una materia pastosa Si ottiene la seta cotta o sgommata, che è morbida, liscia e di
(seta liquida) composta principalmente di due sostanze: la fibroi- colore bianco brillante.
na e la sericina; quest’ultima è gommosa e tiene uniti i filamenti.
Le ghiandole confluiscono in un unico canaletto escretore che • La sgommatura causa un notevole calo in peso della seta greg-
comunica all’esterno. gia, circa il 25-30%. Per compensare questa perdita la seta vie-
Il baco, con il movimento ondulatorio della testa, provoca l’usci- ne sottoposta alla carica, trattandola con sali minerali che hanno
ta della sostanza serica che, a contatto dell’aria, solidifica: la la proprietà di aderire alle fibre.
bava è formata di due fili saldamente uniti tra loro. Si ottiene la seta caricata: la carica non può superare il 30%.

Bachi da seta all’età di 21 giorni. Trattura della seta.

67
Area 2

6.8 Le fibre chimiche artificiali


Il rayon è una fibra prodotta utilizzando cellulosa naturale. Come abbiamo già visto stu-
diando la carta, la cellulosa è l'elemento costitutivo principale delle piante, delle quali
forma le pareti cellulari.
La cellulosa per uso tessile viene estratta dal legno delle conifere (pino, abete) e di alcu-
ne latifoglie (betulla, eucaliptus) con un procedimento simile a quello impiegato nel-
l'industria cartaria, condotto in modo da avere però un prodotto più puro. Molto indica-
ti sono i linters di cotone.

PRODUZIONE DEL RAYON


• La cellulosa, estratta da legno, è trattata con
prodotti chimici diversi, secondo il tipo di rayon
MODIFICAZIONE DELLA CELLULOSA
che si vuole ottenere
• La cellulosa viene sciolta con solventi speciali.
SOLUZIONE
• La massa fluida viene costretta a passare attra-
verso i sottili fori di una filiera e si trasforma in filo.
FILATURA
• Il filo fluido che esce dalla filiera viene fatto coa-
gulare e reso solido.
COAGULAZIONE
• Il filo viene avvolto in bobine oppure tagliato per
formare il fiocco.
Tessuti di rayon. AVVOLGIMENTO O TAGLIO

6.9 Le fibre chimiche sintetiche


Le fibre sintetiche sono ottenute partendo da molecole elementari (monomeri) che, per
mezzo di complessi processi chimici di sintesi (polimerizzazione), vengono riunite a
formare delle unità molto più grandi, dette macromolecole, riunite tra loro a fasci e di-
sposte secondo un asse a formare una fibra.
La chimica organica ha raggiunto in questo campo brillanti risultati e, partendo da ma-
terie prime chimicamente semplici e relativamente poco costose come il petrolio, il car-
bone e i sottoprodotti di altre lavorazioni, ha prodotto numerose fibre che sono classifi-
cate secondo la loro composizione chimica.
Le principali fibre sintetiche appartengono alle seguenti categorie: poliammidiche, po-
liesteri, poliacriliche, poliviniliche, polipropileniche.
Come le fibre artificiali, anche quelle sintetiche si ottengono per estrusione dei polime-
Filati di nylon. ri attraverso filiere, piastre metalliche provviste di piccolissimi fori di dimensioni varia-
bili secondo il tipo di fibra.

PRODUZIONE DI FIBRE SINTETICHE


• Partendo da materie prime come petrolio, carbo-
ne, aria, acqua, si preparano le molecole semplici.
PREPARAZIONE DEI MONOMERI
glossario • Mediante complesse reazioni chimiche, i mono-
estrusione Lavorazione per meri si riuniscono a formare i polimeri che costitui-
POLIMERIZZAZIONE
deformazione plastica con la scono la resina sintetica.
quale si costringe il materiale • La resina viene filata attraverso i sottili fori di
compresso a passare attraver- FILATURA
una filiera e fatta solidificare.
so un’apertura sagomata (trafi-
la) o i fori praticati in una piastra • I fili vengono “stirati” per renderli più sottili e tenaci.
(filiera). STIRO
• I fili vengono arricciati con la testurizzazione, allo
scopo di rendere la fibra più soffice e voluminosa,
simile alle fibre naturali. TESTURIZZAZIONE

• Il filo stirato viene avvolto in bobine oppure ta-


gliato per formare il fiocco. AVVOLGIMENTO O TAGLIO

68
Tecnologia dei materiali

Caratteristiche generali
rispondi Le fibre chimiche hanno molti aspetti positivi.
● La resistenza meccanica all’uso e allo strappo, la leggerezza, l’elasticità, la resistenza
1. Quali differenze vi sono tra le
fibre chimiche artificiali e le fi- alla luce, agli acidi e agli alcali sono superiori a quelle delle fibre naturali. Ad esempio,
bre chimiche sintetiche? il nylon ha un carico di rottura doppio di quello della seta.
2. Cos’è il raion? Come si pro- ● Sono indeformabili e irrestringibili, inattaccabili dalle tarme e dalle muffe.
duce? ● È possibile ottenere un prodotto tessile iniziale già colorato, unendo il colore duran-
3. Come si producono le fibre te la prima fase della preparazione. Le fibre tinte in massa hanno colori stabili e inalte-
sintetiche?
rabili alla luce ed evitano successive operazioni di tintura e finitura.
4. Quali sono le caratteristiche
● È possibile fabbricare grandi quantità di fibre in tempi brevi e a costi contenuti.
generali delle fibre chimiche?

Le fibre chimiche hanno, però, anche alcuni aspetti negativi.


● Sono fibre impermeabili e non lasciano traspirare il corpo: non sono quindi adatte al-
la confezione d’indumenti intimi. Negli ultimi anni il problema è stato parzialmente ri-
solto con la creazione delle microfibre, filamenti molto fini e porosi, che consentono la
traspirazione.
● I tessuti sintetici causano l’accumulo d’energia elettrostatica sulla pelle, che può cau-
sare disturbi e allergie alle persone che li indossano.

ALCUNE FIBRE SINTETICHE Fibre poliviniliche (sigla PV)


Fibre poliesteri (sigla PL) La caratteristica più importante di queste fibre è quella di non
Le fibre poliesteri sono dotate di una grande resistenza alla tra- essere infiammabili, che ne favorisce l’impiego nella confezione
zione e all’abrasione; sono ingualcibili e indeformabili; si posso- di articoli di abbigliamento intimo, tendaggi, coperte, tappeti,
no facilmente colorare e non ingialliscono; sono antimuffe e an- tessuti industriali.
titarme. Possono essere prodotte come:
Elastan (sigla EA)
– filo continuo: impiegate per tendaggi, camicerie, maglierie, abiti;
L’elastan è una fibra artificiale assai elastica, che viene impiega-
– fiocco (fibra tagliata in diverse lunghezze): impiegato per mi-
ta con il nylon per la produzione di calze e collant.
schie con fibre naturali;
Ha la proprietà di aumentare da 5 a 7 volte la lunghezza originale,
– fiocco fiberfill (fiocco con una speciale arricciatura): impiegato
per ritornare alla posizione originaria senza grosse deformazioni.
come materiale da imbottitura per materassi, cuscini, coperte
imbottite, sacchiletto, giacche a vento; Microfibre
Il pile è un tessuto a maglia, prodotto con fili continui o fiocco in Sono fibre “hi-tech”, cioè ad alta tecnologia. Composte di polie-
poliestere, felpato di solito da entrambi i lati. La felpatura au- stere o di poliammide, hanno la particolarità di essere sottilissi-
menta il volume d’aria trattenuto all’interno del tessuto e ne mi- me, con un diametro pari a un terzo di quello della lana e metà di
gliora l’isolamento termico. quello della seta. Queste dimensioni si ottengono colando la ma-
teria prima allo stato liquido attraverso un foro microscopico fatto
Fibre poliammidiche (sigla PA)
con il laser. In questo modo, si possono realizzare anche fili di
Il nylon è stata la prima fibra sintetica prodotta commercialmente.
sezione diversa da quella circolare, che riflettono la luce in manie-
Il nylon ha un’elevatissima resistenza alla rottura, superiore a
ra particolare, dando ad esempio effetti cromatici cangianti.
quella di un acciaio dolce (50-60 kg/mm2).
Le microfibre sono superleggere: 10 chilometri pesano meno di 1
Resiste bene all’usura, alle sollecitazioni ripetute, all’azione degli
grammo. Mantengono all’asciutto e garantiscono il comfort totale.
agenti chimici; asciuga molto rapidamente, non s’incendia a con-
Alla funzione protettiva da pioggia e vento uniscono infatti quella di
tatto della fiamma ma fonde, non imputridisce e non ammuffisce.
termoregolazione. Grazie a una membrana microporosa (1,4 mi-
– Il crêpe di nylon viene impiegato per la confezione di calze, ma-
liardi di micropori per 2 centimetri) i capi in microfibra favoriscono
glie, costumi da bagno, ecc.
la traspirazione evitando fenomeni di condensazione del sudore.
– Il nylon in fiocco è impiegato, oltre che per la preparazione di fi-
lati puri, anche come rinforzo in filati misti con lana e cotone.

Fibre poliacriliche (sigla PC)


Le fibre acriliche sono fra le fibre tessili più leggere e si adatta-
no perciò in modo eccellente ad articoli di maglieria.
La loro bassa massa volumica permette di produrre tessuti leg-
geri e soffici, sia puri sia in mischia con la lana, che, racchiuden-
do una certa quantità di particelle d’aria, consentono una buona
climatizzazione.

Fibre polipropileniche (sigla PP)


Sono tra le fibre chimiche più recenti. Queste fibre sono caratte-
rizzate da un’estrema leggerezza e da una notevole resistenza
all’usura, non assorbono umidità, hanno proprietà antimacchia,
sono inattaccabili dalle muffe e dalle tarme.
Per queste caratteristiche sono impiegate soprattutto nel settore
dei tappeti, moquettes e tessuti d’arredamento. Poncho in nylon e maglione in pile.

69
Area 2

6.10 La filatura
Per filato s’intende un insieme di fibre tessili unite, disposte parallelamente e ritorte in
modo da formare un filo continuo, che sarà poi adoperato per la confezione dei tessuti
o per altre applicazioni tessili.
Vengono sottoposte alla filatura le fibre che sono troppo corte per essere direttamente
tessute, come il cotone, la lana, la canapa, il lino, e il fiocco, mentre la seta e le fibre ar-
tificiali e sintetiche, per le loro caratteristiche o per il metodo di fabbricazione, sono già
sotto forma di filato.
La filatura, che anticamente veniva fatta a mano, è oggi compiuta con i filatoi.
Prima di essere filate le fibre tessili devono subire una serie di operazioni che variano se-
condo la loro natura.
Riportiamo nella Scheda di approfondimento, come esempio, il ciclo di lavorazione per
ottenere il filato di cotone pettinato.

COME SI OTTIENE IL FILATO DI COTONE • Banco a fusi. Questa macchina riceve il nastro di stiratoio, lo
• Apertura. I fiocchi di cotone sono scomposti per liberarli dalle allunga, gli conferisce poca torsione e lo avvolge su una spola; il
impurità. semilavorato che esce dal banco a fusi viene chiamato stoppino
• Battitura. I battitoi hanno la funzione di liberare il cotone dallo o lucignolo.
sporco e dalla polvere. Inoltre, con la battitura si sciolgono le fibre • Filatoio ad anello. Qui avviene la filatura vera e propria: il fila-
e si raccolgono in uno strato sottile detto ovatta; I’ovatta viene quin- toio riceve lo stoppino, lo stira per mezzo di rulli e poi, mediante
di avvolta in un grosso rotolo con il quale è alimentata la carda. il fuso, I’anello e il cursore (o anellino) gli impartisce la torsione,
• Cardatura. È un’operazione che si esegue per sciogliere e sepa- trasformandolo in filato.
rare bene le fibre l’una dall’altra, per liberarle dalle residue impurità L’anello possiede un movimento verticale che favorisce l'avvolgi-
e per disporle a formare uno strato sottile chiamato nastro di carda. mento del filato intorno al fuso. Il cursore scorre ad altissima ve-
• Pettinatura. Con la pettunatura vengono rimosse le fibre che so- locità sull’anello: ad ogni suo giro inserisce un giro di torsione sul
no al di sotto di una data lunghezza; le altre sono disposte paralle- filato che passa attraverso di esso, richiamato dal fuso rotante.
le e in maniera uniforme, vengono cioè pettinate. La pettinatura Nel filatoio a rotore la macchina viene alimentata direttamente
rende il filato più liscio e resistente; vi è una grande percentuale di dal nastro di stiratoio, anziché dallo stoppino. Le fibre sono se-
scarto, perciò viene eseguita solo per i filati di alta qualità. parate tra loro da un pettine circolare, un getto d’aria le immette
• Stiro. I nastri che escono dalle pettinatrici vengono riuniti stret- in un anello (rotore) che ruota velocissimo, le riunisce e le torce:
tamente a fianco l’uno all’altro, in numero di 6 o 8, e contempo- il filato esce poi dal condotto di uscita e va ad avvolgersi su una
raneamente stirati (allungati). grande rocca.

Balla di cotone Apertura Battitura Cardatura Pettine circolare

Stoppino
Rulli di stiro Condotto
Fibra di uscita
Cursore

Anello Rotore

Fuso
Filatoio Stoppino Stiro Pettinatura

Schema di filatura. Filatoio ad anello. Filatoio a rotore.

FILATI RITORTI E TORSIONE DEI FILATI


Dai filati semplici si possono ottenere i filati ritorti, unendo e torcendo insieme due o più filati.
Il filato ritorto è molto più tenace dei filati unici che lo compongono.
Ai filati viene impressa una torsione che dispone le fibre inclinate ad elica rispetto all’asse. Sco-
po della torsione è di rendere i filati più tenaci e più adatti alle successive operazioni di tessitura.
La torsione può essere destra, e in tal caso è detta torsione Z, oppure sinistra, e viene det-
ta torsione S.
La denominazione s’ispira alla direzione delle fibre disposte come le parti centrali delle due
lettere Z e S.
Generalmente, nei filati unici di cotone la torsione è Z e può essere osservata con una lente
d’ingrandimento; nei filati ritorti, la torsione di ritorcitura è normalmente S. Schema di torsione.

70
Tecnologia dei materiali

6.11 La tessitura
I tessuti sono dei manufatti prodotti con l’operazione di tessitura, ossia mediante l’in-
treccio di due sistemi di fili: quelli di ordito, disposti nella direzione della lunghezza
della pezza, e quelli di trama, disposti nel senso della larghezza.
Il modo con cui s’intrecciano i fili che costituiscono un tessuto si chiama armatura.
Molto numerosi sono i modi con cui i fili si possono intrecciare, i fondamentali sono: ar-
armatura tela
matura tela; armatura saia o spina; armatura raso o satin.
L’armatura viene rappresentata graficamente mediante un disegno che si traccia sopra
carta speciale quadrettata (messa in carta). Nella messa in carta si rappresenta con una
casella nera il punto preso, che corrisponde al passaggio di un filo di ordito su un filo di
trama, e di lasciare in bianco i quadretti corrispondenti ai punti lasciati, che corrispon-
dono al passaggio dei fili di trama sui fili di ordito.

armatura saia o
spina
Le armature fondamentali
● L’armatura tela è la più semplice: con questo intreccio il diritto del tessuto è uguale al
rovescio.
● L’armatura saia o spina è caratterizzata da linee diagonali. I tessuti che hanno questo
intreccio presentano il diritto diverso dal rovescio: su una faccia prevalgono i fili di or-
dito, sull’altra i fili di trama.
● L’armatura raso o satin è caratterizzata da punti di legatura, tra loro distanziati e rego-
armatura raso o larmente distribuiti. Le due facce del tessuto risultano costituite quasi esclusivamente
satin
l’una da fili di ordito, l’altra da fili di trama.
Le armature fodamentali. Combinando e ampliando le armature fondamentali se ne ottengono innumerevoli altre.

I telai
L’operazione di tessitura si esegue con i telai, che possono essere a mano, come quelli an-
cor oggi usati nell’artigianato, oppure meccanici, impiegati negli stabilimenti industriali.
Per lungo tempo nel passato sono stati utilizzati telai a navetta, cioè telai il cui organo di
inserimento della trama era, appunto una navetta (vedi Scheda di approfondimento).
Oggi questi telai sono sostituiti da più moderni telai a pinze, a proiettile, ad acqua e ad
aria, nei quali la trama che si svolge direttamente dai rocchetti fissi viene lanciata da un
piccolo proiettile, oppure da acqua o aria sotto pressione.

Schema di un tessuto a maglia.


Le caratteristiche dei tessuti
Il tessuto fabbricato al telaio ha una lunghezza indefinita, mentre la larghezza o altezza
dipende dal numero di fili di ordito.
I margini laterali del tessuto sono detti cimose, e differiscono dal tessuto stesso per ave-
re un ordito più fitto, allo scopo di conferire loro una maggiore resistenza. Sulla cimosa
s’imprimono i marchi di fabbrica e di garanzia.
I tessuti che escono dal telaio subiscono ancora numerose operazioni, diverse secondo
il genere dei tessuti stessi, allo scopo di ottenere le caratteristiche desiderate: l’insieme
dei trattamenti prende il nome di finissaggio.

I tessuti a maglia
Un tipo particolare di tessuto è il tessuto a maglia: mentre nel tessuto a navetta i fili di
trama e di ordito s’incrociano ad angolo retto, nel tessuto a maglia l’intreccio dei fili è
curvilineo. Uno o più fili s’intrecciano in una serie di anelli. Rispetto ai tessuti a telaio,
questi tessuti hanno una notevole elasticità trasversale.
Prodotti ottenuti con questo tipo di lavorazione sono i maglioni, le t-shirt, le calze, i col-
lant, gli indumenti intimi.

I tessuti misti
I tessuti possono essere formati da una sola fibra o da una combinazione di fibre diver-
se (tessuti misti). Un tessuto misto può avere l’ordito di una fibra e la trama di un’altra,
oppure essere composto da filati ottenuti mescolando tra loro fibre diverse, siano esse
naturali o artificiali o sintetiche.

71
Tecnologia dei materiali

6.12 Il finissaggio
Con il termine finissaggio s’intendono tutte quelle operazioni effettuate sulle fibre, sui fi-
lati o sui tessuti, tali da migliorarne l’aspetto o da conferire loro particolari qualità tecni-
che. Le operazioni di finissaggio sono molto numerose: ne citiamo solo alcune.
● La tintura è l’azione con cui si tinge un filato o un tessuto. Nel caso in cui si tinga il
glossario
filato si otterrà un tinto in filo. Se la tintura viene eseguita sul tessuto già formato, avre-
serigrafia Procedimento di mo una tinta unita.
stampa a colori in cui si fa pas- ● La stampa consente di applicare disegni più o meno elaborati su qualunque tipo di
sare l’inchiostro attraverso un
tessuto a trama larga; consente tessuto. La serigrafia è un particolare tipo di stampa.
di stampare materiali diversi ● Tra i finissaggi che conferiscono qualità tecniche vi sono i trattamenti antimacchia,
dalla carta. antifiamma e antipiega.
● La garzatura (o felpatura) è una lavorazione meccanica che consente il sollevamento
uniforme di peluria sul tessuto, conferendogli così una pelosità che lo rende più morbi-
do e ne aumenta la sensazione di calore (un tipico esempio sono le felpe).

6.13 La confezione dei vestiti


Fino agli anni Cinquanta del secolo scorso, la confezione dei vestiti rimase un’attività
rispondi prevalentemente artigianale, affidata ai sarti. Poi iniziò lo sviluppo di aziende di confe-
zioni per la produzione di abiti di ogni tipo (per uomo, per donna e per bambino), di ca-
1. Cos’è la garzatura?
micie e biancheria intima, di capi sportivi e di quelli da lavoro.
2. Quali sono le operazioni di sar-
toria tradizionale? Ancora oggi, comunque, vengono prodotti capi di sartoria, fatti su misura per una clien-
3. Quali sono le operazioni della tela esigente e disposta a spendere di più.
confezione industriale? Semplificando, le operazioni di sartoria sono:
● Presa delle misure. Il sarto, secondo il capo da confezionare, misura la circonferenza
del petto, della vita, dei fianchi, la lunghezza del braccio piegato, e così via.
● Preparazione del modello. Il sarto prepara il modello in carta delle diverse parti che
costituiscono l’abito.
● Taglio del tessuto. Il modello viene appoggiato sulla stoffa e il sarto esegue con le
forbici il taglio delle pezze.
● Imbastitura. È una cucitura provvisoria, fatta con punti molto radi, in modo che il ve-
stito possa essere facilmente smontato. Dopo l’imbastitura il vestito è provato dal
cliente: in caso di necessità, si effettuano le opportune correzioni.
● Cucitura. Le diverse parti del vestito vengono unite insieme con la macchina da cucire.
● Finitura. Si applicano le fodere, si eseguono gli occhielli e si attaccano i bottoni.
Infine il vestito viene stirato e consegnato al cliente.

Nella confezione industriale dei vestiti molte operazioni sono effettuate a macchina.
● I modelli sono sviluppati con l’uso del computer, che elabora le dimensioni delle di-
verse taglie in cui verrà prodotto quel capo.
● Il taglio del tessuto è eseguito da macchine guidate da programmi computerizzati
che seguono automaticamente le indicazioni del modello.
● La cucitura è effettuata con macchine speciali, molto più veloci delle normali mac-
chine per cucire.
● La stiratura viene fatta a macchina.
● Il collaudo finale ha lo scopo di verificare che i capi confezionati non abbiano difetti.

A sinistra: operazioni
di sartoria.
A destra: Tessuto
stampato in serigrafia.

73
Area 2

La pelle di molti animali è impiegata per con-

7
fezionare calzature, articoli d’abbigliamento,
borse, valigie ... ma, per essere utilizzata, deve
subire particolari lavorazioni che vanno sotto
il nome generico di concia.

Le pelli
7.1 La materia prima
La maggior parte delle pelli proviene da animali bovini (bue, vacca, vitello, bufalo) che,
da soli, forniscono circa i 3/4 della produzione mondiale.
Altre pelli provengono da ovini e caprini (pecora, montone, capretto), suini, equini, al-
ABBATTIMENTO tri mammiferi (daino, cervo, antilope, renna, camoscio), serpenti e altri rettili.
Il valore della pelle dipende innanzitutto dalla specie di animale da cui proviene, dalla
razza e dal sesso; poi dalla grandezza e dallo spessore della pelle stessa; infine, alcune
SCUOIATURA parti sono più pregiate (la groppa e la schiena), altre meno (collo, spalle, fianchi).

Le pelli grezze sono messe in commercio dopo aver subito una serie di operazioni.
ESSICCAMENTO L’animale viene abbattuto e scuoiato. Subito dopo la scuoiatura, la pelle appare coper-
ta di peli o rugosa dal lato esterno, mentre all’interno è molle e viscida: questa pelle, che
in genere proviene direttamente dai macelli, si chiama pelle fresca o verde.
RINVERDIMENTO
La pelle fresca deve essere sottoposta immediatamente a trattamenti di conservazione
che ne impediscano il deterioramento, prima di arrivare agli stabilimenti di concia.
Si utilizzano tre sistemi per la conservazione delle pelli:
CALCINAZIONE
● Essiccamento. Le pelli fresche, scarnite e pulite, sono fatte seccare all’aria.
● Salatura. La parte interna delle pelli è cosparsa di sale che blocca la putrefazione.
Immergendo le pelli in un bagno di salamoia (acqua e sale) si aumenta il periodo di
SCARNATURA
conservazione.
● Picklaggio. La parola deriva dall’inglese pickle = bagno acido. Le pelli fresche sono

SPACCATURA
trattate con acidi che eliminano le cause della putrefazione.
Dopo queste operazioni le pelli grezze arrivano agli stabilimenti di concia.

MACERAZIONE
7.2 La concia
La lavorazione delle pelli assume genericamente il nome di concia.
La concia vera e propria è preceduta da una serie di operazioni dette di riviera. Il nome
deriva dalla necessità di avere a disposizione una grande quantità d’acqua, ed è stata
RIFINITURA
proprio questa esigenza che ha determinato l’insediamento delle imprese conciarie vi-
cino ai corsi d’acqua.
Le principali operazioni da fare prima della concia sono le seguenti.
CUOI E PELLI
● Rinverdimento. Le pelli sono sottoposte ad un lavaggio prolungato, che asporta la
sporcizia e il sale usato per la conservazione: durante l’operazione le pelli riprendono
CONFEZIONE
l’acqua che avevano perso e ridiventano morbide ed elastiche. La lavorazione avviene
dentro grossi recipienti cilindrici chiamati bottali.

74
Tecnologia dei materiali

● Calcinazione o depilazione. Si utilizzano prodotti chimici (calce) o biologici (enzimi)


per asportare dalla pelle i peli e l’epidermide (lo strato superficiale della pelle).
● Scarnatura. Un cilindro munito di lame taglia la carne e i tessuti che sono rimasti nel-
la parte interna della pelle.
● Spaccatura. È l’operazione più delicata: la pelle viene tagliata orizzontalmente in due
strati. La parte superiore, il fiore, è la parte più pregiata; la parte inferiore, la crosta, è di
minor pregio.
● Macerazione. È fatta per togliere i residui di calce che erano rimasti dopo la depila-
zione. Si lascia la pelle in un bagno con particolari batteri che la ammorbidiscono. A
questo punto la pelle è pronta per la concia vera e propria.

Bottale per la concia. Dalla pelle al cuoio


La concia è il trattamento che trasforma la pelle in cuoio, non la fa imputridire, la rende
morbida, elastica e resistente. La concia consiste nel trattare la pelle con particolari so-
stanze che hanno la proprietà di reagire con le proteine che formano la pelle stessa,
mantenendola morbida e flessibile.
I materiali concianti sono numerosi e provengono da:
● sostanze vegetali che contengono i tannini (la corteccia di quercia, di leccio, di aca-
cia; il legno di castagno; le noci di galla);
● sostanze minerali a base di composti di cromo o di alluminio: sono le più utilizzate;
● sostanze animali, rappresentate da oli animali marini (olio di foca, olio di fegato di
merluzzo).

Dopo la concia le pelli sono sottoposte ad una serie di trattamenti di rifinitura, che com-
Borsa in pelle. prendono la pressatura, la rasatura, la tintura, l’ingrasso, la lucidatura e altre ancora.
Come abbiamo già detto, dalla concia si ottiene il cuoio.
Il cuoio è un materiale elastico e flessibile, permeabile all’aria e al vapor d’acqua, iso-
lante termico, capace di assorbire la traspirazione; può facilmente modellarsi secondo
rispondi una forma data. Per tutte queste ragioni è usato, fin dai tempi più antichi, per fabbricare
le calzature.
1. Cos’è la pelle fresca o verde? ● Nel linguaggio comune, si definiscono cuoi le pelli conciate di spessore notevole,
2. Cos’è il picklaggio? usate per suole, cinghie, finimenti (cuoio forte).
3. Cos’è la concia? ● Con il termine di pelle si indicano pelli sottili e sottilissime (cuoio molle), usate per
4. Quali sono i materiali con- guanti, capi di abbigliamento, tomaie (la parte superiore delle scarpe), borse, valigie,
cianti?
portafogli, ecc.

LE CONCERIE E L’INQUINAMENTO
Le concerie sono da collocare tra le industrie più inquinanti in quanto tratta-
no materie organiche (le pelli degli animali macellati).
Inoltre le lavorazioni utilizzano reagenti chimici vegetali o minerali, quali il tan-
nino e i sali di cromo, che vengono disciolti nel bagno di concia e che la pel-
le è in grado di assorbire e fissare trasformandosi in cuoio.
Bisogna anche considerare che la pelle, quando viene immersa nel bagno di
concia, fissa solamente una parte molto piccola delle sostanze chimiche im-
pegnate. Il resto rimane come inquinante nel bagno esaurito che deve venire
scaricato.
La contemporanea presenza di un rifiuto di tipo organico e di inquinanti chi-
mici rende difficoltosa anche la depurazione degli scarichi, perché i microor-
ganismi che vivono nell’acqua, e che potrebbero depurarla, risentono della
presenza del cromo e non riescono ad intervenire.
Per potere riciclare l’acqua usata in grande quantità e contemporaneamente re-
cuperare i prodotti chimici impiegati nei processi, vengono costruiti impianti
di riciclo e recupero dopo ciascuna fase del ciclo di concia.
Con impianti adeguati le acque residue di una conceria hanno un volume mol-
to ridotto e sono in gran parte già depurate e possono pertanto venire facil-
mente trattate prima di immettersi in corsi d’acqua o nelle fognature urbane.
Le acque delle varie concerie possono anche essere condotte ad un impian-
to di depurazione centralizzato; questo è reso possibile dal fatto che in Italia
le concerie sono localizzate in alcune province e zone ristrette. Una conceria tradizionale in Marocco.

75
Tecnologia dei materiali

8.3 Materiali ceramici avanzati


Definiamo materiali ceramici avanzati quelli che possiedono resistenza alle temperatu-
re elevate (oltre i 1400 °C), o agli sbalzi termici, e quelli che presentano proprietà mec-
caniche, elettriche od ottiche molto particolari.
● Con le nuove superceramiche si rivestono i veicoli spaziali per resistere all’altissimo
calore prodotto dall’attrito durante il loro rientro nell’atmosfera.
● Si costruiscono parti di automobile, come le condotte per i gas di scarico che devono
resistere alle alte temperature.
● Altre ceramiche speciali, dette piezoelettriche, emettono una scarica elettrica quando
sono sottoposte a pressione o sfregamenti. Una nuova applicazione potrebbe essere
quella degli ammortizzatori per auto, dotati di un sensore piezoelettrico che rileva gli
scossoni provocati dalle buche o irregolarità stradali: il segnale elettrico regola l’ammor-
tizzatore e lo fa lavorare al meglio.
● Tra i materiali ceramici avanzati ricordiamo i superconduttori, che alla temperatura di
-160 °C non presentano alcuna resistenza al flusso di corrente elettrica.
A Tokio è attiva una linea elettrica realizzata con un superconduttore e raffreddata con
azoto liquido: elimina la perdita di corrente che, di norma, arriva al 50%.
Un’altra proprietà dei semiconduttori è che non possono essere attraversati da un cam-
po magnetico: su questa proprietà si basa il principio di funzionamento del treno galleg-
giante. La rotaia è un magnete; la base del treno è un superconduttore in ceramica. Il tre-
no, respinto dal campo magnetico, “galleggia” sulla rotaia: viaggia senza toccare terra
con meno attrito e molto più velocemente.
● Ricordiamo ancora le fibre ottiche, a base di vetro al quarzo, che stanno rivoluzionan-
do i sistemi di telecomunicazione.
Lo Space Shuttle Discovery è
● Negli ultimi anni si è sviluppata una nuova tecnologia, chiamata nanoceramica, che
rivestito di superceramiche per
resistere al calore dell’attrito ha aperto nuovissimi campi di applicazione per questo materiale.
durante il rientro nell’atmosfera. La differenza tra le ceramiche tradizionali e le nanoceramiche può essere così esemplifica-
ta: nelle ceramiche normali le particelle sono fuse in un forno per creare un materiale omo-
geneo; nella produzione delle nanoceramiche, dei microscopici cristalli (nanoparticelle)
sono incorporati chimicamente nelle strutture molecolari complesse.
Sono chiamate nanoparticelle perché la loro dimensione è misurata in milionesimi di
millimetro, o nanometri.

NANOCERAMICHE
• Fra le applicazioni delle nanoceramiche ricordiamo il rivestimento antigraf-
fio per le lenti in plastica per occhiali.
Sono già in commercio delle lenti fatte di plastica, leggera e infrangibile, che
hanno una resistenza ai graffi superiore a quella del pesante e fragile vetro.
Un’applicazione futura di questo materiale potrà essere quella della sostitu-
zione degli attuali pesanti cristalli delle automobili.
Con le nanoceramiche si potranno avere “vetri” molto più leggeri e sicuri,
mentre la facilità di lavorazione della plastica consentirà una maggior crea-
tività ai progettisti.
• Con l’aiuto delle nanoceramiche è anche possibile produrre vetri per fine-
stre che reagiscono alla luce e al calore.
I vetri sono rivestiti di un sottile strato di nanoceramica, invisibile e trasparente.
Agendo sul bottone di un interruttore la finestra diventa scura e opaca. La
superficie può essere regolata, per mezzo di impulsi elettrici, per trasmette- Questo lavello in plastica è rivestito con una pellicola di
re più o meno luce (o calore) secondo le situazioni. nanoceramica per renderlo più resistente ai graffi.

• Un’altra curiosa applicazione delle nanoceramiche è quella di creare delle


superfici che respingono lo sporco. Un treno delle ferrovie tedesche è stato
rivestito di un sottile strato di nanoceramica e circola sperimentalmente sul-
la rete ferroviaria.
• Si stanno progettando nuovi utensili per la lavorazione dei metalli, prodot-
ti con le nanoceramiche, capaci di lavorare ad alta velocità, ad alte tempera-
ture e senza bisogno di oli di raffreddamento, con un evidente beneficio per
l’ambiente. Lenti anti-graffio rivestite con particelle di nanoceramica.

77
Area 2

8.4 Materiali compositi


L’uso delle materie plastiche al posto dei metalli può essere conveniente per le seguen-
ti ragioni:
● il costo della materia prima è inferiore;
● le materie plastiche possono essere lavorate a temperature molto più basse di quelle
necessarie per fondere i metalli e generano pochi scarti;
● con le plastiche è possibile ottenere forme molto complesse con una sola operazio-
ne, mentre, per ottenere la stessa forma in metallo, bisogna prima lavorare le diverse
parti e poi procedere al loro assemblaggio.
Uno svantaggio delle plastiche è che, generalmente, sono meno rigide e meno resisten-
ti dei metalli. Ma sono stati prodotti nuovi materiali, conosciuti con il nome di compo-
siti, formati da una combinazione di materie plastiche e fibre, che hanno notevolmente
migliorato queste caratteristiche.
Un materiale composito è un materiale artificiale caratterizzato da una struttura costitui-
ta da due o più sostanze diverse. I compositi sono formati da due materiali:
● la matrice, che forma la struttura;
● il rinforzo, che è più rigido della matrice, e le conferisce una maggiore resistenza.
La combinazione dei due materiali migliora notevolmente le proprietà dei componenti
Fibre di vetro. presi singolarmente.

Fibre di vetro
Le fibre di vetro si ottengono dal vetro fuso costretto a passare attraverso i sottilissimi fo-
ri di una filiera. La plastica rinforzata con fibre di vetro è usata per costruire le carrozze-
rispondi rie delle auto da corsa, scafi di barche e per altre applicazioni industriali.
1. Cosa sono i materiali semi-
conduttori? Fibre di carbonio
2. Come si ottengono i polimeri Le fibre di carbonio sono caratterizzate da una elevata resistenza meccanica e rigidità. So-
avanzati? no spesso impiegate come fibre di rinforzo di materie plastiche ad alte prestazioni. Al prin-
3. Cosa sono le nanocerami- cipio, per il loro costo elevato, sono state utilizzate soprattutto nelle industrie aeronautiche
che?
e aerospaziali; successivamente il loro impiego si è esteso al rinforzo di strutture in legno,
4. Cosa sono i materiali compo-
siti? muratura e cemento armato. Un materiale formato da fibre di carbonio e Kevlar© (una fibra
poliammidica), è impiegato nella costruzione dei componenti strutturali degli elicotteri.

IMPIEGHI DEI MATERIALI AVANZATI


I materiali avanzati, prodotti con tecnologie molto so-
fisticate, hanno ancora costi elevati che ne limitano
l’impiego ad alcuni settori.
• L’industria aeronautica e spaziale utilizza leghe
speciali leggere e ultraleggere, con ottime caratteri-
stiche meccaniche, resistenti alla corrosione e alle al-
te temperature.
• I settori dell’informatica e delle telecomunicazioni
rivolgono il loro interesse ai materiali semiconduttori
e alle fibre ottiche.
• Nel settore dei trasporti i materiali avanzati sono
utilizzati nei treni superveloci e anche in alcune parti
delle automobili.
• Il settore energetico utilizza leghe resistenti alla
corrosione e alle alte temperature e materiali cerami-
ci nella costruzione delle turbine.
• Nell’edilizia si impiegano polimeri avanzati con la
funzione di isolamento o riempimento; i composti
rinforzati entrano nella fabbricazione di pannelli e pa-
reti divisorie.
• Un settore di recente sviluppo è quello delle tecno-
logie biomediche, nel quale i materiali avanzati sono
impiegati per prodotti monouso, quali siringhe e son- Il treno giapponese MLX01 a levitazione magnetica utilizza materiali
de, ma anche per produrre protesi e organi artificiali. superconduttori. Ha raggiunto la velocità di 581 km/h.

78
Tecnologia dei materiali

Ogni oggetto che l’uomo costruisce e poi uti-


lizza è destinato, prima o poi, a diventare un
rifiuto.
I rifiuti sono i residui delle attività industriali,
artigianali, agricole e dei consumi dei cittadini.
Negli ultimi anni i rifiuti hanno acquisito una
loro dignità di merce: vengono anche chiama-
ti materie prime seconde, hanno un loro prez-
zo e un loro mercato.

9
Considerare i rifiuti come risorsa non è soltan-
to positivo dal punto di vista economico, ma è
anche una visione più corretta dello sviluppo
compatibile con l’ambiente.

Il riciclo dei materiali


9.1 I rifiuti come risorsa
Abbiamo già affermato che ogni oggetto, ogni prodotto industriale, è destinato, presto o
tardi, a diventare un rifiuto. In una società come la nostra, detta anche “società dei con-
sumi”, lo smaltimento dei rifiuti è diventato uno dei più gravi problemi da risolvere, e
non solo perché è causa di inquinamento ambientale, ma anche per lo spreco di nuovi
materiali e di energia necessaria per produrli.
Per molti anni, il riciclaggio dei rifiuti, cioè il loro reinserimento nel ciclo produttivo, è
stato considerato un’attività di scarso valore economico e di basso livello tecnologico.
I rifiuti erano soprattutto un problema: il loro smaltimento veniva fatto soprattutto nelle
discariche, con le conseguenze ambientali che ben conosciamo.
100% Finalmente, negli ultimi anni, ha iniziato a svilupparsi nell’opinione pubblica una co-
scienza ecologica di rispetto per l’ambiente che ha convinto i cittadini della necessità di
90% raccogliere i rifiuti con criterio, suddividendoli secondo la loro natura: la raccolta diffe-
renziata è il primo passo indispensabile per il loro riciclaggio. L’organizzazione di un’ef-
80% ficiente raccolta differenziata dei rifiuti è compito delle Amministrazioni Comunali: è un
dovere civico dei cittadini tutti contribuire personalmente affinchè questa raccolta abbia
70% successo. Nelle pagine che seguono si trovano utili indicazioni per effettuarla nel modo
più corretto.
60% I rifiuti, opportunamente trattati, possono essere riciclati e rientrare nel ciclo produttivo
dei materiali, con notevoli vantaggi economici oltre che ambientali.
50% Oggi l’industria del riciclaggio occupa un settore importante nell’economia nazionale
ed è caratterizzata da una forte innovazione tecnologica, soprattutto sotto l’aspetto del-
40% le tecnologie che trattano i rifiuti e la creazione di nuovi prodotti.

30% Gli effetti del recupero e del riciclo dei rifiuti


Come abbiamo detto, il recupero e il riciclo dei rifiuti svolgono un’importante azione
20% sull’ambiente: ma questo non è il solo effetto positivo. Riducendo la quantità dei rifiuti
destinati alle discariche e aumentando il reimpiego industriale dei materiali attraverso il
10% riciclo, si hanno altri numerosi vantaggi:
● la riduzione dell’estrazione di risorse non rinnovabili, come i metalli e le fonti fossili
0%
di energia (carbone, petrolio, metano);
plastica
oli lubrificanti
vetro
rame
carta
acciaio
piombo
alluminio

● la riduzione dello sfruttamento di risorse rinnovabili, come il legname per fare la carta;
● la riduzione dei consumi di energia: l’energia necessaria per il riciclaggio di un metal-
lo è molto inferiore a quella necessaria per estrarre lo stesso metallo dai suoi minerali;
● la riduzione delle emissioni atmosferiche delle sostanze responsabili dell’effetto ser-

Percentuale di riciclo dei materiali ra, come l’anidride carbonica CO2;


in alcuni settori industriali. ● la riduzione dei consumi di acqua collegati ai processi produttivi.

79
Area 2

IL DANNO AMBIENTALE EVITATO


Il recupero e il riciclo dei rifiuti rispondono in primo luogo a una esi-
genza di tutela ambientale e sanitaria. I rifiuti, di consumo o di pro-
duzione, se abbandonati o smaltiti in maniera impropria possono
essere spesso fonte di gravi danni per gli ecosistemi e per la stes-
sa salute umana. Ciò vale per l’insieme dei rifiuti urbani e specia-
li. La stessa raccolta e trattamento dei rifiuti urbani risponde a una
primaria esigenza di tutela sanitaria e ambientale. Il beneficio de-
rivante da queste attività è proprio il danno ambientale evitato.
Alcuni rifiuti sono pericolosi e tossici. Gli oli minerali usati, ad
esempio, oltre all’idrocarburo, contengono residui di combustione
e vari metalli. Se vengono rilasciati nell’ambiente si possono tra-
sformare in un potente inquinante: sul terreno si creano accumu-
li di metalli che vengono assorbiti dalle piante ed entrano nel ciclo
alimentare di cui l’uomo è l’ultimo anello. Il recupero e la rigene-
razione degli oli usati non solo consente un risparmio di risorse e
di energia, ma evita forme di smaltimento molto pericolose.
Un altro caso è quello delle batterie: il piombo e le altre sostanze
contenute nelle batterie, se rilasciati nell’ambiente in forma non
controllata, sono estremamente tossici. Il piombo, ad esempio, è
una sostanza che può provocare il cancro. Il recupero delle batte-
rie usate, oltre ai benefici ambientali ed energetici legati all’impie- Una discarica.
go del piombo secondario, risponde in primo luogo a una esigen-
za di tutela ambientale. Anche il recupero e il riciclo degli imballaggi associa ai benefici
Un ragionamento simile vale per il recupero dei rifiuti elettrici ed energetici e di riduzione del consumo di risorse quello di un corret-
elettronici, dai frigoriferi ai computer, il cui riciclo consente di evi- to smaltimento. Anche questi materiali, oltre a un danno estetico,
tare il rilascio nell’ambiente di fluidi refrigeranti molto dannosi per possono determinare inquinamenti: è il caso della combustione in-
l’ozono (e anche per il clima) o di metalli pesanti molto tossici. controllata di plastica, cavi elettrici, cartone o legno trattato.
Tratto e ridotto da “Il riciclo ecoefficiente” - Ambiente Italia

9.2 Utilizzo dei rifiuti


I rifiuti prodotti possono avere diverse destinazioni:
● finire nelle discariche;
● essere bruciati (con o senza recupero di energia utile);
● essere raccolti in maniera differenziata (separatamente), per subire i necessari tratta-
menti che consentano il loro reinserimento nel ciclo produttivo (riciclaggio).

Le discariche
La destinazione in discarica è la scelta peggiore, anche se oggi è la fine che spetta anco-
ra a molti rifiuti solidi urbani (RSU) prodotti nel nostro Paese.
È la soluzione peggiore perché rappresenta, innanzitutto, un grande spreco di materiali
e di energia e poi perché le discariche occupano grossi spazi, ed è sempre più difficile
trovare luoghi adatti nei quali collocarle.
Un tempo, le discariche erano solo degli accumuli di materiali, realizzati nelle buche
scavate nel terreno, e questo discorso vale, purtroppo, ancora per le discariche abusive.
Oggi le discariche sono impianti controllati, dotati di sistemi di impermeabilizzazione
che proteggono il suolo e le acque sotterranee dall’inquinamento, e di sistemi che recu-
perano il gas prodotto dalla fermentazione dei rifiuti.

L’incenerimento
I rifiuti possono anche essere inceneriti in forni speciali, recuperando il calore per pro-
Un impianto di incenerimento con durre il vapore che farà funzionare una turbina, o per scopi di riscaldamento.
recupero di calore a Vienna Questi impianti, detti termovalorizzatori, per funzionare bene, devono trattare i rifiuti
(Austria).
con un elevato potere calorifico, cioè quelli che producono molto calore quando bru-
ciano, come la carta, il legno e la plastica, ma non i rifiuti organici (ad esempio, i rifiu-
ti alimentari). Inoltre devono avere degli adeguati sistemi di depurazione dei fumi.
I termovalorizzatori sono trattati nell’Area 8.

80
Tecnologia dei materiali

Raccolta differenziata
La raccolta differenziata
di carta e cartone La raccolta differenziata dei rifiuti consiste nel dividerli, al momento della loro produ-
zione, nelle varie componenti ricuperabili e in quelle pericolose per l’ambiente.
Le varie tipologie dei rifiuti già divisi (carta, vetro, plastica...) possono essere raccolte se-
paratamente dal servizio di nettezza urbana, trattate ed inviate:
SI ● alle industrie che le recuperano: è il caso della carta, del vetro, della plastica, del fer-
• giornali e riviste ro, dell’alluminio...;
• tabulati e fotocopie ● agli impianti di riciclaggio per la trasformazione in concime per l’agricoltura (compo-
• carta da pacchi st): è il caso dei residui alimentari di cucina, dell’erba tagliata dei giardini...;
• imballaggi di carta e cartoncino ● ai forni inceneritori con recupero di energia (termovalorizzatori).
• sacchetti di carta I rifiuti pericolosi (pile, farmaci...) sono destinati a speciali trattamenti di recupero, dove
• scatole e scatoloni di cartone possibile, o sono resi inerti in modo da non inquinare l’ambiente.
(anche ondulato)
• cartone per bevande (quali latte,
succhi di frutta, vino) 9.3 La carta
• carta per usi grafici e disegno
• libri, quaderni e opuscoli Carta e cartoni sono presenti in una percentuale in peso del 25% nei rifiuti solidi urba-
ni (RSU). Il recupero di questa carta da macero è conveniente sia dal punto di vista am-
bientale, perché si riduce il ricorso al legno vergine, sia dal punto di vista economico,
NO perché si riduce notevolmente la quantità di materiali da inviare alle discariche.
La prima cosa da fare è tenere separata la carta riciclabile, che deve essere pulita e asciut-
• carta sporca
ta, dagli altri rifiuti. Tutte le confezioni che riportano il simbolo CA sono riciclabili.
• carta oleata o plastificata
La raccolta deve essere ben organizzata. Bisogna che ci sia qualcuno (un privato o
• piatti e bicchieri di carta
un’organizzazione) che abbia l’incarico di ritirare la carta da macero per portarla ai ri-
• carta con residui di colla
cuperatori, che ricevono la carta, la selezionano, la immagazzinano, la confezionano in
• carta o cartone accoppiati ad
balle, per poi portarla alle cartiere, dove sarà utilizzata.
altri materiali
I metodi di raccolta sono sostanzialmente due:
• carta chimica dei fax
● il cassonetto messo vicino ai bordi delle strade o nei cortili condominiali;
• carta autocopiante
● la raccolta porta a porta.
• sacchetti di plastica
Nel primo caso gli utenti devono portare i loro scarti ai cassonetti, nel secondo caso c’è
• polistirolo
qualcuno che, in genere a giorni fissi, viene a raccogliere la carta fino a casa nostra in
• cellophane
un punto stabilito (in cortile, nell’androne di casa, davanti al portone...).

1. Scatole, contenitori per bevande, 3. Vengono poi prelevati e portati


cartoni, sacchetti di carta, giornali, 2. Gli imballaggi e l’altra carta in piattaforme di selezione dove
riviste, libri, quaderni, opuscoli. possono essere raccolti in bidoncini vengono separati dalle frazioni
condominiali o in cassonetti. estranee.

4. Il materiale selezionato viene


pressato e spedito alla cartiera…

8. Le bobine arrivano alle cartotecniche


dove si preparano i fogli per ottenere i
nuovi imballaggi e altri prodotti finiti. 6... e messo in uno
spappolatore con
acqua fino ad ottenere
un impasto fluido e
9. Il 100% delle scatole è omogeneo.
in cartone riciclato.

7. L’impasto alimenta
la macchina continua 5... dove viene sminuzzato...
da cui si ricavano le
bobine di carta.

81
Area 2

9.4 Il vetro
Fabbricare una bottiglia partendo dai rottami di vetro invece che dalle materie prime
Raccolta differenziata
(sabbia, soda e calcare) comporta diversi vantaggi.
del vetro
● Innanzi tutto si risparmia sul consumo delle materie prime: le attuali tecnologie con-
sentono, partendo dal rottame di vetro, di sostituire oltre il 75% di materie prime.
● Si risparmia energia per la fusione: un impiego del 75% di rottame di vetro porta ad
SI un risparmio energetico del 20%.
• barattoli, bottiglie e vasetti di vetro ● Si determina una minore deturpazione del paesaggio presso le cave delle materie prime.
● Il costo della raccolta differenziata del rottame di vetro è inferiore al costo comples-
sivo per lo smaltimento in discarica.
● I cocci di vetro possono danneggiare i teloni di protezione delle discariche, favoren-
NO
do l’inquinamento del terreno e delle falde acquifere.
• oggetti di ceramica e porcellana ● Negli inceneritori il vetro non fonde ma resta nelle ceneri e può danneggiare gli im-
• lampadine pianti.
• tubi al neon La raccolta differenziata avviene attraverso l’utilizzo di campane stradali e condominia-
li e la raccolta diretta presso commercianti, vetrai, bar e ristoranti.
Vetro, alluminio e acciaio vengono Quasi tutto il rottame di vetro è utilizzato per la produzione di vetro cavo (per bottiglie)
spesso raccolti insieme perché
di colore verde, il più comune. Non è utilizzato per la produzione di vetro piano, quel-
sono facilmente separabili e
perché in tal modo si risparmiano lo per finestre.
ulteriori cassonetti sulle strade. Per ottenere un prodotto riciclabile di buona qualità bisogna:
● evitare di introdurre nei punti di raccolta del vetro i metalli, le ceramiche e le porcel-
lane;
● ricordare che non tutti i tipi di vetro sono riciclabili: ad esempio, non lo sono gli spec-
chi, i bulbi delle lampadine, i cristalli, i vetri pirex.

Il vuoto a rendere
Esiste naturalmente un altro tipo di raccolta differenziata del vetro: il sistema del vuoto
a rendere, per il successivo riutilizzo dello stesso contenitore. Questo sistema, pur aven-
do subito una flessione per l’introduzione del vuoto a perdere per il vetro, delle bottiglie
di plastica e del Tetra Pak®, riveste ancora una notevole importanza.

• contenitori
• bottiglie Il vetro, raccolto
• bicchieri nelle campane,
• vasi e vasetti viene prelevato e
• flaconi portato negli Qui il vetro viene separato da
• barattoli appositi centri ogni corpo estraneo.
di selezione.

Il vetro recuperato,
ridotto in piccole
pezzature omogenee,
diventa il cosidetto
“pronto al forno”.

Qui il vetro viene fuso in


• Il 60% delle bottiglie immesse al appositi forni alla temperatura
consumo sono tutte con vetro di 1500 °C ottenendo una
riciclato. pasta di vetro plasmabile.
Il vetro fuso prende la forma
di nuovi contenitori che poi Succesivamente il materiale entra
vengono raffreddati. in vetreria.

• I contenitori usati e
recuperati con la
raccolta differenziata
possono essere
riciclati più volte,
dando vita, ogni
volta, a nuove
bottiglie, vasetti
o flaconi.

82
Tecnologia dei materiali

9.5 La plastica
Le materie plastiche si trovano nei rifiuti solidi urbani (RSU) in una percentuale di circa
Raccolta differenziata
il 10%. Il 50% delle materie plastiche nei RSU è costituito dagli imballaggi.
della plastica
È obbligatorio per legge il riciclaggio dei contenitori di plastica per liquidi (in pratica, le
bottiglie).
SI Le plastiche riciclabili sono quelle termoplastiche, che sono quelle poi d’uso più comune.
La composizione dei materiali plastici provenienti dalla raccolta differenziata di questi
• bottiglie per bevande
contenitori è costituita principalmente da bottiglie e contenitori di PET (1/3), PVC (1/3)
• flaconi per prodotti per la pulizia
e PE (1/3).
della casa e igiene personale
● Il PET è usato per acque minerali e bevande gassate, in quanto offre una buona imper-
• vaschette per l’asporto di cibi
meabilità nei confronti del gas.
• confezioni per alimenti
● Il PVC è utilizzato per acque minerali e bevande non gassate.
• polistirolo espanso degli
● Il PE è utilizzato per altri impieghi quali contenitori per detersivi, olio, ecc.
imballaggi
I simboli di riciclaggio PET, PVC, PE sono impressi o direttamente sulla plastica oppure
• borse e sacchetti per la spesa
sull’etichetta che viene applicata o stampata sul contenitore.
• plastica in pellicola
Le operazioni di recupero della plastica comprendono le fasi di frantumazione, misce-
lazione, fluidificazione, omogeneizzazione ed infine la formatura per compressione.
NO
● Con l’utilizzo della miscela non suddivisa delle materie plastiche si possono realizza-
• giocattoli re manufatti in sostituzione di prodotti in legno o cemento, in applicazioni per uso ester-
• custodie per CD no, là dove è richiesta una buona resistenza agli agenti atmosferici, ad esempio panchi-
• piatti, bicchieri e posate di plastica ne, scivoli per bambini, windsurf, ecc.
• bacinelle ● La miscela delle materie plastiche proveniente dalla raccolta differenziata può, inve-
• tutti i rifiuti con residui di materiali ce, venire suddivisa nei polimeri componenti (PET, PVC, PE). La selezione avviene ma-
organici (ad es. cibo) o di sostanze nualmente oppure con processi automatici: la separazione dei polimeri è fatta dopo la
pericolose (vernici, colle) macinazione delle bottiglie e l’introduzione in acqua. Il PE, che ha una densità di 0,95,
galleggia e può venire facilmente recuperato; il PET ed il PVC hanno entrambi una den-
Bisogna svuotare, sciacquare e
schiacciare i contenitori per
sità di 1,4 e quindi non galleggiano. I polimeri separati possono venire trasformati in
ridurne il volume. granuli ed essere commercializzati per ottenere nuovi manufatti.
La plastica recuperata può anche essere bruciata per produrre energia.

• bottiglie
• flaconi per
detersivi Poi viene prelevata e
e detergenti portata in impianti di
• flaconi per È importante schiacciare selezione dove avviene
shampoo la separazione dalle
• contenitori per orizzontalmente gli imballaggi prima
di buttarli per ridurne il volume. altre frazioni e dalle
cosmetici impurità.
• sacchetti, La plastica può essere raccolta in
pellicole
sacchi, in bidoncini condominiali
• vaschette o in cassonetti.
• Con 20 bottiglie
si confeziona
un pile.

• Con 45 vaschette
di plastica si fa La plastica viene poi suddivisa per tipologia
una panchina. di polimero (PE, PET, ALTRE PLASTICHE),
e viene compressa in balle per facilitarne il
• Dalla plastica riciclata si ottengono trasporto.
imbottiture, maglioni, pile,
moquette, flaconi, shoppers, tappi,
sacchi per spazzatura, vasi per La prima fase del processo serve
fiori, parchi giochi, panchine, ecc. Il materiale viene lavorato per ottenere per eliminare quelle parti che
scaglie e granuli con i quali si ottengono potrebbero essere dannose alle
nuovi oggetti di plastica. successive trasformazioni.

83
Area 2

9.6 Contenitori di alluminio e di acciaio


Per la fabbricazione dei contenitori metallici per liquidi sono comunemente usati sia
Raccolta differenziata
l’alluminio che la banda stagnata, un foglio di acciaio ricoperto su entrambe le facce di
dell’alluminio e dell’acciaio
un sottile strato di stagno, conosciuta come latta.
Ogni anno in Italia si consumano 1,5 miliardi di lattine, di cui il 30% di banda stagnata
SI ed il 70% di alluminio. Su di esse vengono stampati i simboli di riciclaggio AL e ACC.
L’impiego dei barattoli di alluminio è cresciuto continuamente perché mediante imbuti-
• lattine per bevande e per l’olio
tura e stiratura è possibile realizzare un contenitore della capacità di 1/3 di litro (come
• tappi a corona
quello di una lattina di aranciata) in un solo pezzo che è più leggero e ha un aspetto mi-
• chiusure metalliche per vasetti
gliore di quello tradizionale in banda stagnata, costruito in 3 pezzi con vistosa saldatu-
di conserve
ra sulla quale si deve anche interrompere la decorazione.
• tubetti vuoti in alluminio per
Anche nell’imballaggio l’alluminio è diffusamente utilizzato in forma di fogli o conteni-
conserve e cosmetici
tori molto sottili (rotoli con cui avvolgere le vivande, vaschette per forno, ecc.).
• contenitori, vaschette e
Le lattine di alluminio sono il rifiuto più prezioso sul mercato del recupero.
scatolette per la conservazione
Sono direttamente riciclabili ed interamente recuperabili, consentendo un risparmio del
e il congelamento dei cibi
95% dell’energia necessaria per produrle partendo dalla materia prima.
• scatole in acciaio di biscotti,
Il riciclaggio dell’alluminio in Italia è un’attività molto importante per l’economia perché
cioccolatini, caramelle, dolci e
non abbiamo grandi miniere di bauxite (minerale dell’alluminio) e l’energia elettrica è
liquori
molto cara. I motivi sono:
• foglio di alluminio da cucina
● minori costi di produzione rispetto all’alluminio primario;
● la produzione nazionale è insufficiente;
● la pressofusione, che è una tecnica di fusione in una “conchiglia” metallica che ripro-
NO duce la forma del pezzo, utilizza l’alluminio secondario.
Prima di procedere al riciclaggio dell’alluminio occorre provvedere alla separazione
• bombole e bombolette mediante estrattore elettromagnetico delle lattine in banda stagnata: queste lattine non
• barattoli con testi di colori e vernici sono utilizzate in genere per la produzione diretta di nuovi contenitori, ma vengono in-
serite nel processo generale di recupero dei materiali ferrosi.
Le lattine devono essere schiacciate Le scatole di alluminio vengono fatte fondere in un forno e dopo l’eliminazione di even-
per essere ridotte di volume. tuali impurezze il metallo viene laminato e raccolto in rotoli che possono venire usati
per costruire altre scatole di alluminio.

Qui, infatti, grazie ad un


particolare metodo “a correnti
• lattine per bibite L’alluminio può indotte”, l’alluminio è separato
• spray deodoranti o essere raccolto dagli altri materiali.
panna con altri materiali
• scatolette per carne, in sacchi, in
pesce, legumi e bidoncini
creme condominiali o in
cassonetti.
• tubetti • tappi • foglio sottile Viene quindi
• involucri per cioccolato portato in appositi
• coperchi per vasetti di yogurt centri di selezione.
• vaschette

• L’alluminio riciclato ha le stesse proprietà


e qualità dell’alluminio originario.
Viene impiegato nell’industria
automobilistica, nell’edilizia, nei
casalinghi e per nuovi imballaggi.
Il 20% dell’alluminio prodotto in Italia A questo punto il materiale
proviene dal riciclo. selezionato è pressato in balle
per facilitarne il trasporto.
… e poi fuso a 800 °C per ottenere
• Occorrono 150 lattine per realizzare una alluminio liquido, da cui si ottengono
bicicletta da competizione. lingotti e placche.
In fonderia l’alluminio viene
• Con 130 lattine si pre-trattato a 500 °C…
costruisce un
monopattino.

84
Tecnologia dei materiali

… poi vengono
portati in appostiti
centri di selezione
dove sono separati
dalle altre frazioni.

• barattoli e scatolette per alimenti Gli imballaggi in acciaio possono essere La separazione dell’acciaio è effettuata tramite
• bombolette areosol raccolti insieme ad altri materiali in sacchi, l’utilizzo di magneti che attraendo il materiale
• chiusure e coperchi in bidoncini condominiali o in cassonetti… ferroso lo separano dal resto.
• tappi a corona L’acciaio è
frantumato e
pressato per
• Con 2.600.000 scatole da facilitarne il
50 g si realizza 1 km di trasporto.
binario ferroviario.

• 7 scatole da 50 g potrebbero Il materiale quindi viene


diventare un vassoio. portato in acciaieria…

… dove viene rifuso


… dai quali è possibile produrre parti di e trasformato in barre o nastri…
veicoli, elettrodomestici, rotaie, tondini
per l’edilizia, travi per ponti, imballaggi.

9.7 Rifiuti organici


Nei rifiuti urbani le sostanze organiche provengono principalmente da:
Raccolta differenziata
● prodotti delle famiglie, come gli scarti di cucina, gli alimentari avanzati sulla tavola e
dei rifiuti organici
quelli scaduti;
● prodotti che provengono dai mercati e negozi alimentari, ristoranti, mense, ecc.;
SI ● materiale vegetale (erba tagliata, foglie...) che deriva dalla manutenzione di parchi e
giardini, pubblici e privati (frazione verde dei rifiuti);
• avanzi alimentari
● fanghi provenienti dagli impianti di depurazione delle fognature.
• carne e ossi
Queste sostanze organiche, inviate in discarica, contribuiscono in modo notevole alla
• pesce e lische
formazione di biogas (metano soprattutto), che deve essere bruciato per non provocare
• fondi di caffè
odori spiacevoli.
• bustine di tè e tisane
Produce inoltre acque sporche molto inquinanti, che si formano al fondo delle discariche:
• fiori, foglie, erba
è per questo motivo che le discariche devono essere rivestite con materiale impermeabile.
Se viene inviato agli inceneritori, il materiale organico, che è molto umido, brucia ma-
NO le e fa aumentare la quantità di energia richiesta per la combustione.
La soluzione migliore per le sostanze organiche consiste in una raccolta differenziata
• avanzi di cibi caldi per produrre un concime organico chiamato compost.
• liquidi I rifiuti organici sono inviati agli impianti di compostaggio, vengono triturati, miscelati e
• lettiere per animali disposti in cumuli alti 2 o 3 metri, che vengono poi rivoltati e aerati con regolarità.
• prodotti chimici e medicinali Durante il processo di compostaggio, i microorganismi (batteri e funghi) decompongo-
carta, metalli, vetro, ceramica, no i rifiuti, come avviene in natura. Dopo un periodo di 3-5 mesi si ottiene un prodotto,
plastica, tessuti e pannolini di il compost, che può essere utilizzato nella preparazione dei terricci per le culture in va-
carta so o in vivaio, oppure sparso come concime sui terreni.
La raccolta differenziata di sostanze organiche è appena agli inizi, perché di difficile at-
tuazione, soprattutto per quanto riguarda le frazioni prodotte dalle famiglie.
Le cose vanno meglio per i rifiuti organici provenienti dalla frazione verde, dai mercati
e dalle mense.
Per organizzare un’efficace raccolta di questi rifiuti presso le famiglie, è necessario ave-
re un contenitore solo per i rifiuti alimentari. In strada, poi, ci dovrebbe essere un casso-
netto apposito solo per i rifiuti organici.

85
Area 2

9.8 Il legno
Il legno recuperato e riciclato è utilizzato per:
● usi industriali;
● usi energetici.
In Europa, circa il 40% del legno recuperato è destinato al riciclo e il 35% al recupero
energetico. In Italia il legno recuperato è soprattutto utilizzato dall’industria dei mobili.
Principali applicazioni del legno da riciclo sono i pannelli truciolari che servono per la
realizzazione di mobili ed elementi di arredo.
Altri utilizzi si hanno nella fabbricazione della pasta da cellulosa e di blocchi di legno-
cemento per l’edilizia.

Al centro di raccolta
gli imballaggi e gli altri
• cassette per frutta prodotti in legno,
e verdura vengono ridotti di
• pallet o bancali per volume attraverso
il trasporto operazioni di
• casse industriali pressatura o
• imballaggi di triturazione.
elettrodomestici,
cristalli, sculture,
vini, formaggi I cittadini e le aziende consegnano gli
imballaggi in legno ai centri di raccolta.

• Con 4 pallets si fa
una scrivania.

• I pannelli di truciolato
prodotti ogni anno con
il legno riciclato
sarebbero sufficienti a
coprire la superficie di
tutta l’area edificata
della città di Roma.
Il materiale viene portato nelle
aziende per la lavorazione…

I “chips” ulteriormente lavorati,


vengono amalgamati con apposite
• I pannelli di truciolato sono resine e pressati per ottenere i
…dove subisce le
materia prima per produzione operazioni di pulizia e
pannelli truciolari.
di mobili e componenti d’arredo. successivamente è
I “chips” possono essere anche ridotto in scaglie,
usati come ingrediente ossia frantumato in
fondamentale della pasta piccoli pezzi detti
cellulosica da cui si ricava “chips”.
carta di prima qualità.

rispondi 9.9 I rottami ferrosi


1. Quali destinazioni possono
avere i rifiuti?
La raccolta del ferro è molto diffusa. Infatti è molto più economico lavorare il rottame
2. In cosa consiste la raccolta
differenziata? ferroso, fondendolo direttamente nei forni, piuttosto che estrarre il metallo dai suoi mi-
3. Cos’è la carta da macero? Co- nerali con le complesse operazioni siderurgiche.
me viene utilizzata? I rottami ferrosi sono merce di scambio a livello mondiale. In Italia si utilizzano ogni
4. Quali sono i vantaggi che deri- anno circa 24 milioni di rottami ferrosi, di cui 6 milioni di importazione.
vano dal riciclaggio del vetro? I rottami provengono:
5. Come viene utilizzata la plasti- ● da demolizioni industriali, civili, ferroviarie e navali, da cui deriva circa il 30% dei
ca raccolta nei RSU?
rottami,
6. Come viene prodotto l’allumi-
● da cascami di lavorazioni provenienti da industrie e officine meccaniche, che rap-
nio secondario? Come viene uti-
lizzato? presentano circa il 30% dei rottami,
7. Come sono utilizzati i rifiuti or- ● dalla raccolta pubblica, la cui parte prevalente è costituita da rottami di automobili,
ganici? elettrodomestici e imballaggi.
8. Come viene utilizzato il legno Il rottame viene generalmente compresso fino ad ottenere dei cubi che ne facilitano il
recuperato?
trasporto, oppure dei pezzi di opportune dimensioni per essere caricati direttamente nel
9. Come viene utilizzato il rotta-
me ferroso? forno.

86
Tecnologia dei materiali

9.10 I pneumatici
Il recupero dei pneumatici usati può avvenire con diverse modalità.
● Come ricostruzione del battistrada delle gomme lisce (rigenerazione).
Un pneumatico è costituito da una carcassa formata da una tela (e, talvolta, da una rete
metallica) ricoperta di gomma. Su questa struttura si ricostruisce il battistrada, che con-
tiene gomme molto resistenti all’usura.
Ma la ricostruzione del battistrada può essere effettuata una sola volta, in quanto la strut-
tura del pneumatico non è in grado di sopportare più di due cicli di attività.
In Europa, la quota di pneumatici rigenerati utilizzati sui mezzi pesanti è del 38%.
● Riciclando la materia prima attraverso la triturazione, da effettuarsi con mezzi mecca-
nici e con lo sfruttamento del freddo.
Alla temperatura di 60-100 °C sotto zero, raggiunta tramite l’impiego di azoto liquido,
Pneumatici da riciclare. diventa molto facile la triturazione meccanica e la successiva separazione automatica
dei vari componenti, con un riciclo pressoché totale dei vari materiali.
Le vecchie gomme riciclate, con opportuni trattamenti, possono diventare sottostrati an-
tirumore per strade e autostrade, pavimentazioni per locali pubblici, piste da corsa e
campi sportivi, ecc.
● Come utilizzo energetico. I vecchi pneumatici, con un potere calorifico equivalente a
quello del carbone, trovano principalmente impiego negli impianti industriali, in parti-
colare nei cementifici, dove le alte temperature che si raggiungono garantiscono il buon
esito della combustione.

9.11 Le batterie per auto


La produzione mondiale di piombo deriva per circa il 49% da fonte primaria (minerali
del piombo) e per il 51% da fonte secondaria (rottami). La principale fonte di rottami di
piombo è costituita dalle batterie per auto, oltre che da scarti e residui di produzione e
dal recupero di materiali delle attività edili.
Le batterie o accumulatori sono apparecchiature elettriche in grado di accumulare ener-
gia elettrica (fase di carica) per poi restituirla quando è necessario (fase di scarica). Que-
sto processo è ripetibile un certo numero di volte, sino ad esaurimento delle batterie.
Le batterie più diffuse sono quelle al piombo, utilizzate sulle automobili e autocarri.
Una batteria al piombo contiene circa il 65% in peso di piombo, sotto forma metallica, di
sali e di ossidi. Risulta perciò conveniente recuperare il piombo dalle batterie esaurite.
Una batteria per auto ha un ciclo di vita media di circa 3 anni e la sua sostituzione av-
viene principalmente presso il rivenditore, l’elettrauto o il meccanico: diventa così faci-
le attuarela raccolta delle batterie esauste.
Una volta raccolte, le batterie vengono sottoposte a diversi trattamenti per il recupero
Batterie per auto da riciclare. del piombo e degli altri componenti: la plastica (polipropilene, inviato alle aziende pro-
duttrici di materiale plastico), l’acido solforico (riutilizzato nel ciclo produttivo), il solfa-
to di piombo (ceduto agli impianti di produzione di piombo primario).
Il piombo finisce in fonderia dove avviene la fusione. Il piombo ottenuto, denominato
piombo d’opera, contiene una certa quantità di inquinanti.
Il piombo d’opera viene sottoposto a raffinazione per ottenere piombo o leghe di piombo
commerciabili. Il piombo così ottenuto ha gli stessi utilizzi di quello ricavato dal minerale.
Il piombo secondario, prodotto dalle batterie esauste e da altri rottami, copre più
dell’80% del consumo di piombo nel nostro Paese.

Le pile
rispondi Il consumo delle pile è in continuo aumento: radioregistratori, lettori di CD e MP3, gio-
1. Come si recuperano i pneuma- cattoli, torce, telefoni cellulari, computer portatili, macchine fotografiche, orologi, ... fun-
tici usati? zionano a pile.
2. Cosa è la rigenerazione dei Le pile più comuni sono quelle alcaline e zinco/carbone; le pile per usi speciali, di di-
pneumatici usati? mensioni ridotte, dette “a bottone”, sono alcaline, zinco/ossido di mercurio, zinco/ossi-
3. Da dove si recupera il piombo? do d’argento, litio. Le pile sono considerate rifiuti urbani pericolosi.
4. Dove avviene la raccolta delle
pile?
La loro raccolta avviene principalmente presso i negozi che vendono pile, come elettri-
cisti e fotografi, oppure mediante l’utilizzo di contenitori stradali.

87
Area 2

9.12 Gli oli lubrificanti


Gli oli lubrificanti sono prodotti per distillazione del petrolio grezzo (vedi Area 8).
La funzione di questi oli è quella di lubrificare, cioè ridurre l’attrito tra le superfici in mo-
vimento. Sono impiegati nei motori delle automobili e degli autocarri, e nelle macchine
dell’industria.
Dopo un certo periodo di tempo, l’olio lubrificante “invecchia” e diventa inadatto all’u-
so. A questo punto deve essere sostituito e si apre il problema legato allo smaltimento
degli oli usati. Se lo smaltimento avviene in modo incontrollato, causa gravissimi proble-
mi al suolo e alle acque. Ad esempio, un solo kg di olio versato in un fiume è in grado
di inquinare una superficie di un km2 di acqua, con drammatiche conseguenze per la
flora e la fauna acquatica. Se l’olio viene versato direttamente nelle fognature crea pro-
blemi agli impianti di depurazione, uccidendo i microorganismi utili.
L’olio usato deve, invece, essere considerato un’importante risorsa: in Italia esiste un
Consorzio che si occupa di raccogliere gli oli generati dall’industria e dalle automobili.
L’olio usato ha queste destinazioni:
● può essere rigenerato, cioè può diventare nuovamente un olio lubrificante; questa è la
via più seguita: da 100 kg di olio usato si ottengono circa 70 kg di olio nuovo; in Italia
l’82% dell’olio raccolto viene inviato in uno stabilimento per la rigenerazione;
● può essere bruciato, perché l’olio ha un alto contenuto energetico; l’uso come com-
bustibile è limitato ai cementifici;
● se l’olio usato è molto inquinato, cioè mischiato con altre sostanze, viene distrutto de-
Un manifesto a cura del Consorzio finitivamente (termodistruzione); gli impianti che effettuano questo processo sono sotto-
Obbligatorio degli oli usati. posti a seri controlli che ne certificano il corretto funzionamento.
La quantità di olio destinata a questo processo ammonta a meno dello 0,5% del totale
raccolto.

9.13 Le apparecchiature elettriche ed elettroniche


I rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) rappresentano un tipo di ri-
fiuto in crescita, e meritano una particolare attenzione perché contengono sostanze pe-
ricolose. La normativa europea responsabilizza i produttori per quanto riguarda i siste-
mi di raccolta e il riciclaggio. Le classi di apparecchiature contemplate sono:
● grandi elettrodomestici;
● piccoli elettrodomestici;
● apparecchiature informatiche e per telecomunicazioni;
● apparecchiature di consumo;
● apparecchiature di illuminazione;
● strumenti elettrici ed elettronici;
● giocattoli e apparecchiature per lo sport e per il tempo libero;
● dispositivi medici;
● strumenti di monitoraggio e controllo;
● distributori automatici.
L’aumento dei RAEE è determinato dal crescente consumo di apparecchiature elettriche
ed elettroniche e dall’accorciamento della “vita” dei prodotti, che diventano tecnica-
mente obsoleti molto in fretta.
La principale fonte di rifiuti RAEE è quella dei grandi elettrodomestici (lavatrici, lavasto-
Rifiuti RAEE. viglie, frigoriferi e condizionatori), che incide per circa il 50% dei RAEE prodotti. Seguo-
no i computer e le altre apparecchiature informatiche ed elettroniche, con in primo luo-
go i televisori, per la sostituzione dei vecchi schermi CRT con quelli LCD e al plasma.
L’importanza del recupero dei RAEE, oltre che dal punto di vista economico, è dovuta
anche al fatto che possono contenere sostanze (come i metalli pesanti) che rappresenta-
no un pericolo per l’ambiente.
rispondi
Prima di procedere con lo smontaggio, la frantumazione, il taglio e la compressione del-
1. Come possono essere riciclati le apparecchiature, e quindi prima del riciclaggio delle parti metalliche, plastiche e ve-
gli oli lubrificanti? trose, è necessario rimuovere tutte le componenti e le parti nocive per l’ambiente o per
2. Cosa sono i RAEE? Come ven-
gono trattati?
la salute, quali: i condensatori, i tubi catodici (CRT), le batterie, il mercurio, i gas CFC e
i nuovi fluidi refrigeranti dei frigoriferi, ecc.

88
AREA 3

Tecnologia
agraria

1 L’agricoltura PREREQUISITI
pagina 92 ● Possedere conoscenze scientifiche elementari
relative al mondo che ci circonda
2 Tecniche agronomiche ● Conoscere i princìpi fondamentali dell’ecologia
pagina 96 ● Saper leggere e interpretare disegni, tabelle
e schemi grafici
3 La produzione agricola
pagina 108 OBIETTIVI
● Conoscere l’influenza del clima sulla vita delle
4 La selvicoltura piante
pagina 114 ● Conoscere le caratteristiche dei terreni
● Conoscere le principali lavorazioni dei terreni,
5 L’allevamento del bestiame le tecniche di sistemazione e di irrigazione
pagina 117 ● Conoscere i sistemi di riproduzione delle piante
● Conoscere i sistemi di lotta contro le piante
6 L’agricoltura biologica infestanti e i parassiti
● Conoscere le produzioni agricole più importanti
pagina 119
● Conoscere gli elementi della floricoltura
● Conoscere i princìpi fondamentali della selvicoltura
● Conoscere i principali tipi di allevamento
● Conoscere i problemi ambientali legati
all’agricoltura e all’allevamento
● Conoscere i princìpi dell’agricoltura biologica
● Comprendere e saper utilizzare i termini specifici
di quest’Area
Area 3

L’agricoltura è l’insieme delle attività rivolte al-


la coltivazione del terreno e all’allevamento

1
degli animali, dirette soprattutto a produrre gli
alimenti necessari per l’uomo.
L’agricoltura fa parte del settore primario delle
attività economiche, insieme alla pesca.

L’agricoltura
1.1 L’origine dell’agricoltura
Gli uomini dei tempi più antichi, quelli che vivevano nell’epoca paleolitica, si nutriva-
no con le risorse alimentari che la terra offriva loro spontaneamente: sopravvivevano
cacciando gli animali e raccogliendo i frutti selvatici.
Quando incominciarono a coltivare la terra?
All’incirca verso il 10.000 a.C., data che segna l’inizio dell’epoca neolitica. In quel pe-
riodo qualche gruppo umano incominciò ad organizzarsi per produrre il cibo che prima
si limitava a cercare.
Nacque così l’agricoltura, un evento straordinario che rivoluzionò il destino dell’umanità.
Dove nacque l’agricoltura? Le prime ad essere coltivate furono le terre ricche d’acqua
dei bacini fluviali: quelle che si trovavano attorno al delta del Gange in India, fra il Tigri
e l’Eufrate in Mesopotamia, lungo le rive del Nilo in Africa…, terre in cui germogliava-
no spontaneamente i semi dei cereali selvatici come l’orzo, il miglio e il grano.
Scena della vendemmia
Là i primi contadini impararono a conservare i semi per gettarli poi nel fango che l’ac-
nell’antico Egitto. qua dei fiumi depositava durante le inondazioni: non lavoravano ancora il terreno ma si
limitavano a seminare e ad aspettare che le piante crescessero.
L’esperimento si spostò quindi su altri territori, come quelli europei ad esempio, non
soggetti ad inondazioni: allora i contadini verificarono con l’esperienza che sui terreni
asciutti non era sufficiente spargere i semi, ma era necessario rivoltare la terra e prepa-
rare dei buchi o dei solchi in cui interrarli.
All’inizio compivano queste operazioni solo con le mani, poi impararono a servirsi di
qualche strumento che trovavano nel loro ambiente: per esempio facevano i buchi con
un bastone e tracciavano i solchi con le corna di un cervo o con un tronco da cui spor-
geva un ramo che incideva la terra.
Poco per volta i contadini trasformarono quei primi strumenti in veri e propri attrezzi:
costruirono le prime zappe inserendo delle lame di legno o di pietra nei bastoni e poi,
per arare la terra, presero l’abitudine di trascinare queste zappe lungo i campi; infine le
fecero trascinare da un animale più forte dell’uomo, per esempio il bue.
Inventarono così l’aratro e poi l’allevamento degli animali destinati ai lavori nei campi.
Quei primi aratri erano molto rudimentali e non riuscivano a rivoltare profondamente il
terreno e per questo motivo i contadini lavoravano solo le terre più leggere, quelle più
povere di humus; queste però rendevano poco e, dopo qualche anno, non rendevano più
nulla perché le loro sostanze nutritive, già scarse, venivano tutte assorbite dalle piante.
Allora gli antichi agricoltori le abbandonavano e incominciavano a coltivare nuovi
appezzamenti.
Su questa anfora greca è
A causa di questo bisogno crescente di nuove terre da coltivare, disboscarono nel tem-
rappresentata la bacchiatura e la po delle intere regioni europee ed aprirono delle radure più ampie nella fitta foresta che
raccolta delle olive. allora ricopriva tutta l’Italia.

92
Tecnologia agraria

1.2 Influenza del clima sulla vegetazione


Il clima ha una grande influenza sulla vita delle piante: ciascuna pianta riesce a cresce-
re e a riprodursi soltanto se dispone di una certa quantità di calore, di luce e di acqua.
Queste esigenze variano moltissimo da specie a specie e ciò spiega il grande numero di
colture che si incontrano nelle diverse zone climatiche.

La temperatura
Ogni pianta ha bisogno per vivere di una certa temperatura.
Vi sono piante che hanno bisogno di temperature elevate per tutto l’arco dell’anno (ba-
nane, ananas, caffè), altre si accontentano di temperature più modeste (melo, pero, ca-
stagno). La stessa pianta ha diverse esigenze di temperatura durante le diverse fasi di
crescita: il frumento, ad esempio, ha bisogno di una temperatura elevata durante la fase
di maturazione delle spighe.

La luce
Un altro elemento climatico di primaria importanza è la luce, indispensabile perché av-
venga il processo chimico della fotosintesi clorofilliana.
La luce, come il calore, è un effetto della radiazione solare e varia di intensità e di du-
rata in relazione alla latitudine (distanza dall’equatore) e alla stagione.

L’acqua
La palma da cocco cresce
soltanto nelle regioni tropicali ed L’acqua è il terzo fattore indispensabile alla vita delle piante: al di sotto di una certa
equatoriali. quantità minima di acqua vi è il deserto.
L’acqua provvede alla nutrizione delle piante con i sali minerali che contiene in soluzio-
ne, fornisce l’idrogeno e l’ossigeno necessari alle reazioni chimiche di sintesi, regola la
circolazione dei succhi vegetali nei tessuti.
glossario
L’acqua utilizzata dalle piante proviene dal terreno o è presente nel vapore atmosferico.
fotosintesi clorofilliana Pro-
cesso che ha luogo nelle piante
verdi, grazie alla presenza della Il vento
clorofilla e permette la trasfor- Il vento è causato dallo spostamento di masse d’aria dovuto alla variazione della pres-
mazione dell’energia luminosa
in energia chimica: sotto l’azio-
sione atmosferica, a sua volta causata da una modificazione della temperatura.
ne della luce l’acqua e l’anidride I venti influiscono sulla vegetazione perché accelerano i fenomeni di traspirazione, pos-
carbonica sono trasformate in sono spezzare rami, frutti e foglie.
composti organici.

Le precipitazioni atmosferiche
Quando l’aria si satura di umidità avvengono delle precipitazioni atmosferiche. Ciascun
tipo di precipitazione provoca effetti diversi sull’agricoltura.
● La nebbia. È formata da goccioline che rimangono sospese nell’aria. Per le piante ha
effetti utili e dannosi insieme: è utile perché trattiene il calore del terreno, limitandone la
dispersione nell’atmosfera; è dannosa perché assorbe una gran parte della luce solare,
attenuando la funzione clorofilliana.
● La rugiada. È costituita da goccioline che si formano a contatto della pianta e del ter-
reno; per l’agricoltura ha, nel complesso, una scarsa importanza.
● La brina. È costituita da cristalli di ghiaccio che si formano a contatto della pianta e
del terreno. La brina è sempre dannosa.
La formazione di brina è più probabile nelle notti serene rispetto a quelle nebbiose o nu-
rispondi volose.
● La pioggia. È formata da goccioline d’acqua che precipitano al suolo. La pioggia por-
1. Dove ha avuto origine l’agri-
coltura?
ta al terreno una grande quantità di acqua e quindi svolge una funzione utilissima per
l’agricoltura.
2. Quali furono i primi cereali
coltivati? ● La neve. È formata da cristalli di ghiaccio molto leggeri che si depositano sul terreno;

3. Cos’è la fotosintesi clorofil- la neve si scioglie lentamente e perciò l’acqua viene assorbita in grande quantità. La ne-
liana? ve svolge un’utile funzione anche perché, coprendo i terreni, difende le giovani piante
4. Quali precipitazioni atmosfe- dal freddo eccessivo.
riche sono utili alle piante e qua- ● La grandine. È formata da ghiaccio che cade con violenza sul terreno. La grandine è
li quelle dannose?
sempre dannosa perché può arrecare gravi danni alle piante.

93
Area 3

1.3 Le regioni climatiche italiane


In Italia le condizioni climatiche variano notevolmente a causa soprattutto:
● della notevole differenza di latitudine tra Nord e Sud;
● della presenza di due grandi catene montuose, le Alpi e gli Appennini;
● dell’influenza dei mari che circondano la penisola.
Le differenti condizioni climatiche influenzano in maniera determinante la scelta delle
coltivazioni.
Possiamo suddividere il nostro Paese in nove regioni climatiche, secondo lo schema che
segue.

Regione Clima Area Precipitazioni Temperature


climatica geografica (mm/anno)

1 Alpina Alpino e Zona alpina e > 1200 ben distribuite Medie da 6° a 15 °C


prealpino prealpina Estreme da -25° a + 38 °C

2 Padana Continentale Pianura padana 800-1000; Medie annue 12 °C;


settentrionale padano a Nord del Po > di 1000 in zona media giornaliera: mesi caldi
pedemontana 20°C, mesi freddi da –1° a
e orientale +1 °C; minime fino –15 °C

3 Padana Continentale Pianura padana 600-800 in prevalenza Come sopra, con temperature
meridionale padano a Sud del Po in autunno e primavera medie leggermente superiori.

Paesaggio toscano. 4 Ligure Ligure: più Riviera ligure > 1000 con minimi Medie annue di 14°-16 °C
mite rispetto estivi nelle zone più basse.
alle zone
della stessa
latitudine

5 Peninsulare Appenninico Appennino 1100, distribuiti a Media annua 13 °C


interna centrale dalla decrescere nelle
Liguria alla stagioni autunno,
Calabria primavera, inverno,
estate; siccità estiva

6 Peninsulare Adriatico e Dalla Romagna 600-700, massimi in Media annua 13°-14 °C


adriatica Mediterraneo al Gargano autunno, siccità estiva

7 Peninsulare Mediterraneo Dalla Toscana 600-1000, massimi in Poco superiori alla regione
tirrenica fino al golfo di autunno, siccità estiva precedente
Salerno
8 Peninsulare Mediterraneo Sud della 500-900, concentrate Poco superiori alla regione
ionica e Puglia, soprattutto nel periodo precedente
Appenninico Basilicata e invernale
Calabria
9 Insulare Mediterraneo Sicilia e 550-600, concentrate Media annua 15°-17 °C
e Sardegna soprattutto nel periodo
Appenninico invernale

Prealpi lombarde. Padania meridionale. Paesaggio siciliano.

94
Tecnologia agraria

1.4 Il terreno agrario


Il terreno è lo strato superficiale della crosta terrestre, capace di ospitare la vita delle
piante: è costituito da sostanze minerali ed elementi organici.
Lo strato di terreno direttamente utilizzato dall’agricoltura prende il nome di suolo: a
questo terreno agrario è affidato il compito di sostenere ed alimentare le piante.
Le tre sostanze principali che si trovano nel terreno sono: l’argilla, il calcare e la sabbia.
I terreni composti da una sola di queste sostanze o, comunque, dove una di esse è pre-
dominante, sono chiamati quindi argillosi, calcarei, sabbiosi.
● L’argilla dà al terreno una buona compattezza e conserva l’umidità necessaria allo
sviluppo delle piante;
● il calcare è utile perché contribuisce alla decomposizione delle sostanze organiche;
● la sabbia rende il terreno molto permeabile, perché l’acqua lo attraversa rapidamen-
te passando nel sottosuolo.
Nel terreno si trovano ancora, mescolate in varia misura:
Terreno agrario. Tagliando ● sostanze organiche animali e vegetali in decomposizione che formano il cosiddetto
verticalmente un terreno, possiamo
individuare la presenza di due strati: humus;
il suolo, dove si trovano le radici ● sali minerali, in particolare composti di azoto, fosforo e potassio;
delle piante e il sottosuolo. ● aria e acqua.
Il suolo può ancora essere diviso
nello strato attivo, ricco di humus,
e da uno strato inerte, dove vi è Un terreno fertile:
una scarsa vita microbica. ● deve essere composto da una proporzionata miscela delle sostanze prima elencate;
● deve essere soffice per permettere una sufficiente aerazione e una buona circolazio-
ne dell’acqua;
rispondi
● non deve essere né troppo compatto né eccessivamente permeabile;
1. Quali strati si trovano in un ● deve contenere una giusta proporzione di sostanze organiche.
terreno?
Ogni specie di pianta predilige un certo tipo di terreno, ma può adattarsi anche a terre-
2. Quali sostanze si trovano in
un terreno?
ni di diversa natura quando interviene l’opera dell’uomo a correggerne la composizio-
ne chimica per mezzo di fertilizzanti, con appropriate rotazioni nelle coltivazioni, con
3. Cos’è l’humus?
opere di bonifica e di irrigazione.

L’EROSIONE DEL SUOLO AGRICOLO • l’aumento dell’impiego dei diserbanti che riducono la copertu-
L’erosione del suolo agricolo ha gravi conseguenze ambientali ra erbacea del terreno.
ed economiche: Le cause ora descritte sono par ticolarmente gravi per l'Italia
• la scomparsa degli strati più superficiali del terreno, che sono dove l’ambiente naturale è caratterizzato da:
quelli più ricchi di sostanze nutritive e anche quelli più adatti per • un clima con periodi prolungati di siccità e piogge irregolari ed
attenuare l’energia di caduta della pioggia; intense;
• la riduzione della capacità del suolo di immagazzinare acqua; • una forma del terreno molto accidentata, ricca di colline e di
• l’aumento del rischio di inondazioni. montagne;
• suoli che, per le loro stesse caratteristiche, sono facilmente
Le principali cause che fanno aumentare l’erosione del suolo sono: soggetti ad erosione.
• il taglio della vegetazione;
• gli incendi dei boschi;
• la coltura intensiva dei prodotti agricoli e lo sfruttamento in-
tensivo dei pascoli, che lasciano il suolo privo di protezione dal-
l’energia della pioggia e del vento;
• la diffusione delle monocolture.
A queste cause, di carattere generale e a livello mondiale, se ne
aggiungono altre proprie del nostro Paese, che hanno aggravato
la situazione negli ultimi trent’anni:
• la diffusione della monocoltura nelle aree collinari dove, un
tempo, si effettuavano rotazioni e avvicendamenti colturali;
• la concentrazione degli allevamenti zootecnici in pianura, con
conseguente riduzione in collina e in montagna dei pascoli e del-
le colture foraggiere;
• l’intensificazione della meccanizzazione che ha modificato le
caratteristiche dei campi: maggiore lunghezza, maggiore penden-
za, scomparsa dei fossi, dei muretti e dei filari d’alberi tra un
campo e l’altro; Erosione del suolo in Malawi (Africa).

95
Area 3

L’agronomia è la scienza che studia la coltiva-


zione razionale delle piante, la sistemazione e
lo sfruttamento più redditizio del terreno.
Le tecniche agronomiche hanno lo scopo di
modificare il terreno agricolo per renderlo più
adatto alle esigenze delle piante che sono col-
tivate.

2
I principali interventi colturali riguardano la la-
vorazione e la sistemazione del terreno, l’irri-
gazione, la concimazione, l’utilizzo dei fitofar-
maci.

Tecniche agronomiche
2.1 Le lavorazioni del terreno
Le lavorazioni del terreno hanno lo scopo di renderlo adatto ad essere seminato e sta-
biliscono quelle condizioni necessarie alle piante durante il loro sviluppo e sino alla
raccolta del prodotto. Dopo una coltivazione il terreno si presenta duro e compatto,
poco aerato, poco adatto a ricevere l’acqua. Le lavorazioni tendono:
● a rendere il terreno soffice e aerato;
● a favorire la penetrazione dell’acqua;
● ad aumentare lo spessore del terreno a disposizione delle radici delle piante;
● a regolare la superficie del terreno;
● a distruggere le erbe infestanti;
● a interrare le sementi e i concimi.
Le lavorazioni possono essere eseguite con semplici attrezzi manuali o con macchine
complesse.
La vanga, la zappa, l’aratro a mano, sono strumenti molto antichi e ancora oggi in uso là
dove si pratica un’agricoltura poco sviluppata. Le macchine hanno ormai sostituito que-
sti attrezzi e hanno cambiato il concetto stesso del lavoro dell’agricoltore, sollevandolo
dalle fatiche fisiche più pesanti, e facendone un tecnico del settore.
Lavorazione manuale del terreno. Le lavorazioni si susseguono sul terreno a partire dalla messa a coltura sino alla raccol-
ta del prodotto.

irroratrice
a spalla

rastrelli
vanghe
falce
per foraggi forca

zappe scure
roncola
falce per cereali
rullo manuale seminatrice
aratro a righe
forbici

Attrezzi di uso manuale per l’agricoltura.

96
Tecnologia agraria

■ Lavori di messa a coltura


Vengono eseguiti su un terreno mai coltivato o che non lo sia stato da lungo tempo.
Generalmente il terreno incolto è ricoperto da una vegetazione spontanea di vario tipo,
composta da erbe, arbusti e alberi. Bisogna perciò procedere alla rimozione dei cespu-
gli e degli alberi con le relative radici, si devono poi togliere eventuali pietre e pareggia-
re la superficie del suolo con ruspe o bulldozer. Finalmente si procede al dissodamento.

Dissodamento
Si tratta di un’aratura molto profonda (fino a 60-80 cm) e costituisce la prima lavorazio-
ne vera e propria. Il dissodamento tende a rimuovere il terreno compatto, ad aerarlo, a
migliorarne le condizioni generali per le successive operazioni colturali.

■ Lavori preparatori principali


Sono quelli che si praticano su un terreno quando si vuole impiantare una coltura erba-
cea (ad esempio, un cereale). Il lavoro principale è l’aratura, seguono altre lavorazioni
complementari.
Un campo arato.
Aratura
L’aratura è la lavorazione più conosciuta ed importante della pratica colturale: ha la fun-
zione di smuovere e di rivoltare la parte superiore del suolo, generalmente indurita in se-
guito alle precedenti coltivazioni, in modo da preparare un buon letto di semina.
Si compie con l’aratro a vomere e versoio, trainato da una macchina trattrice.
L’aratro è formato dal coltro che taglia verticalmente il terreno; dal vomere che esegue
il taglio orizzontale della fetta di terra; dal versoio che solleva e ribalta la zolla.
Il ribaltamento della zolla ha diversi obiettivi:
● la soppressione della vegetazione preesistente;
● l’interramento di paglia, stoppie, piante da sovescio (come il trifoglio) per arricchire il
terreno di sostanze organiche;
● l’aumento della sofficità del terreno;
● l’interramento dei concimi.
L’aratro può essere preceduto dall’avanvomere che stacca lo strato più superficiale del
terreno, rovesciandolo nel solco dell’aratura.
Oltre all’aratro “classico” ve ne sono altri tipi:
● l’aratro a due o più vomeri, che consente di arare più fette di terreno ad ogni passaggio;
● l’aratro voltaorecchio, che permette l’aratura nelle due direzioni;
● l’aratro a dischi, in cui coltro, vomere e versoio sono sostituiti da uno o più dischi.

avanvomere
versoio

coltello
o coltro
vomere

Aratro.

Aratura a scolmare. I primi due


solchi si tracciano lungo i lati
maggiori del campo; i solchi
successivi si tracciano accanto ai
precedenti, avvicinandosi verso il Trattore con aratro
centro del campo. a più vomeri.

97
Area 3

Scarificatura o ripuntatura
La scarificatura o ripuntatura viene effettuata con organi composti da coltelli o denti ro-
busti, collegati a un telaio, che rompono il terreno arrivando anche a una profondità di
100 cm. Rispetto all’aratura, la ripuntatura non rivolta il terreno, ma ha una maggiore
capacità di lavoro.
Come lavoro di coltivazione è fatta con ripuntatori leggeri, allo scopo di arieggiare il
terreno.

Fresatura
La fresatura è effettuata con uno strumento rotativo che rimuove, sminuzza e rimescola
il terreno. La profondità di lavorazione è di circa 20 cm. La fresatura è un’operazione
che può essere alternativa all’aratura.
Come lavoro di coltivazione si può eseguire una fresatura leggera in alternativa alla sar-
Erpicatura.
chiatura.

Vangatura
La vangatura è un’operazione fatta con una macchina che imita il lavoro della vanga
manuale. È una lavorazione che si esegue in alternativa all’aratura.

■ Lavori preparatori secondari


Si tratta di una serie di lavorazioni che hanno lo scopo di completare la preparazione del
letto di semina: interessano lo strato più superficiale del terreno e rompono più fine-
mente le zolle in modo da favorire la successiva semina.

Erpicatura
L’erpicatura è l’operazione secondaria più importante e più frequente, serve per sminuz-
zare superficialmente il terreno dopo l’aratura. Si effettua con uno strumento chiamato
erpice, munito di numerosi denti metallici agganciati ad un telaio.

Estirpatura
L’estirpatura segue l’aratura e ha lo scopo di eliminare le erbe infestanti a radice profon-
da. Si effettua con l’estirpatore, una macchina dotata di denti ricurvi muniti di vanghette.
rispondi
1. Cos’è il dissodamento? Fresatura
2. Quali sono le parti principali La fresatura, utilizzata come lavoro secondario, ha lo scopo di sminuzzare le zolle e pa-
di un aratro? reggiare la superficie del terreno. Può essere effettuata con delle frese rotanti.
3. Perché nell’aratura si ribalta
la zolla? Rullatura
4. Quali sono i più importanti la- La rullatura ha lo scopo di frantumare le zolle più grosse. Si effettua con dei rulli cilin-
vori preparatori secondari?
drici imperniati su un telaio.

Fresatrice. Estirpatore. Rullo compattatore.

98
Tecnologia agraria

■ Lavori di coltivazione
Sono interventi che vengono compiuti sul terreno nel periodo che va dalla semina alla
raccolta del prodotto. Hanno lo scopo di mantenere nel terreno le migliori condizioni di
vita per la pianta coltivata.

Sarchiatura
La sarchiatura è una lavorazione colturale molto importante: consiste in una lavorazio-
ne superficiale del terreno tra le file delle coltivazioni erbacee e arboree.
Conserva l’umidità del terreno, distrugge le erbe infestanti, stimola l’attività microbica.

Rincalzatura
Questo lavoro, che viene compiuto con l’aratro rincalzatore (o, a mano, con la zappa),
consiste nell’addossare una certa quantità di terra al piede della pianta per favorirne il
radicamento, per proteggerla in inverno dai danni del gelo e per altri scopi ancora.
Sarchiatura.

■ Nuove tecniche
Negli ultimi anni si sono diffuse nuove tecniche colturali che tendono a limitare il nume-
ro degli interventi sul terreno.

Non lavorazione (no-tillage)


Consiste nel seminare con una speciale seminatrice direttamente sul terreno che non ha
subito alcuna lavorazione. Le erbacce vengono distrutte preventivamente con prodotti
diserbanti privi di effetti residui.
Quando questa tecnica è applicata su un prato o pascolo disseccato con prodotti chimi-
ci si parla di semina sul terreno sodo, o sod-seeding.

Lavorazione minima (minimum tillage)


In questo caso il terreno è lavorato meccanicamente solo per pochi centimetri di profon-
Sorgo coltivato con la tecnica dità, in modo che possa essere seminato con le normali seminatrici.
no-tillage in una zona semiarida. Queste due lavorazioni sono applicate con successo per la semina di colture sulle stop-
pie dei cereali, oppure di cereali dopo colture che lasciano residui poco voluminosi do-
po la raccolta (come la barbabietola, il girasole, la soia).
Queste tecniche hanno diminuito notevolmente il fenomeno dell’erosione del suolo
agricolo.

2.2 Le macchine agricole


Le macchine agricole possono essere classificate in:
● Trattrici o macchine motrici, che hanno la funzione di generare l’energia necessaria
per la trazione o il funzionamento delle macchine operatrici.
A loro volta, le trattrici si dividono in:
– trattori, provvisti di 4 ruote o di cingoli;
– motocoltivatori, provvisti di 2 ruote.
● Macchine operatrici, che hanno la funzione di eseguire i diversi lavori (ad esempio,
Mietitura del grano. l’aratro, la fresatrice).
● Macchine operatrici semoventi, che sono dotate di autonomi mezzi di propulsione.
In questo caso la macchina operatrice è incorporata nella trattrice (ad esempio, la falcia-
trice, la mietitrebbiatrice).

rispondi Secondo le funzioni che svolgono, possiamo classificare le macchine agricole in:
● Macchine per la lavorazione del terreno: aratri, motocoltivatori, erpici, motozappe,
1. Qual è la dif ferenza tra le
macchine motrici, quelle opera- frese, frangizolle, vangatrici, rulli, ecc.
trici e le semoventi? ● Macchine per la semina e il trapianto: seminatrici, piantatrici, trapiantatrici, ecc.
2. Come si classificano le mac- ● Macchine per lavorazioni colturali: sarchiatrici, estirpatori, diradatrici, ecc.
chine agricole secondo le funzio- ● Macchine per la concimazione: spandiletame, spandiconcime, ecc.
ni che svolgono?
● Macchine per trattamenti fitosanitari: atomizzatrici, irroratrici, fumigatori, ecc.
3. In cosa consiste la tecnica ● Macchine per la raccolta: falciatrici, estirpatrici, cavatuberi, mietitrebbiatrici, racco-
detta “no-tillage”?
glimballatrici, raccogliuva, raccoglibietole, raccogliolive, ecc.

99
Area 3

2.3 La bonifica e la sistemazione dei terreni


La particolare conformazione del territorio italiano spiega l’impor-
tanza che hanno assunto le operazioni di bonifica e di sistemazio-
ne dei terreni, condotte allo scopo di difendere il suolo dal rista-
gno dell’acqua e dall’erosione.
Il territorio del nostro Paese è prevalentemente collinare per il
43%, montuoso per il 35%, mentre le pianure occupano soltanto
il 22%; le precipitazioni sono generalmente irregolari, concentra-
te in brevi periodi dell’anno, con frequenti acquazzoni.
La distruzione dei boschi, avvenuta nel passato, contribuisce infi-
ne, in maniera determinante, al dissesto del territorio italiano.
Grandi aree di collina e di montagna sono soggette a fenomeni di
erosione che provocano frane e smottamenti.

■ La bonifica
La bonifica è il complesso di opere necessarie per il recupero di
grandi aree improduttive, generalmente paludose e disabitate, per
renderle adatte alle coltivazioni agricole.
La piana del Fucino.
In Italia le opere di bonifica, iniziate già ai tempi dei Romani, sono
proseguite nei secoli; un grande impulso si è avuto nella seconda
metà dell’Ottocento fino alla metà del Novecento. Le regioni italia-
ne che hanno la maggior estensione di superfici bonificate sono
l’Emilia-Romagna, il Veneto, la Toscana, il Lazio e l’Abruzzo.
Oggi, però, ci si è resi conto dell’esigenza di lasciare inalterate al-
cune aree boschive e paludose che resterebbero poco produttive
anche dopo le operazioni di bonifica, ma che hanno una grande
importanza per la protezione dell’ambiente naturale.

■ La sistemazione della superficie dei terreni


La sistemazione della superficie dei terreni ha due scopi:
– evitare il ristagno dell’acqua quando lo smaltimento naturale è
troppo lento: è tipico dei terreni di pianura;
– evitare anche l’allontanamento troppo veloce dell’acqua, con
scarsa penetrazione nel terreno e pericolo di erosione del suolo: è
il caso dei terreni di collina.
● In pianura è indispensabile tracciare lungo i campi una rete di
canali di scolo (fossati o scoline) che consentano un regolare de-
Posa di tubi per il drenaggio del terreno.
flusso dell’acqua, sopraelevando leggermente la linea mediana
dei campi per favorire questo deflusso (baulatura).
Il drenaggio è un’altra tecnica di sistemazione: consiste nella po-
sa ad una profondità di 70÷80 cm di tubazioni di diverso materia-
le (terracotta, cemento, plastica rigida o flessibile) che hanno lo
scopo di raccogliere l’acqua in eccesso e di allontanarla dal terre-
no coltivato.
Un altro tipo di drenaggio, meno costoso, si esegue con l’aratro
talpa che scava nel terreno una galleria di sezione circolare a una
profondità di circa 60 cm; i canali di drenaggio distano general-
mente tra loro 2 metri.
● In collina il problema dei terreni è opposto a quello di pianura,
perché l’acqua tende a scorrere troppo velocemente lungo la linea
di massima pendenza, penetrando scarsamente nel terreno con fe-
nomeni di erosione del suolo. In questo caso, la sistemazione del
terreno ha quindi lo scopo di rallentare il flusso dell’acqua.
● Quando la pendenza del suolo è molto forte si esegue il terraz-
zamento. Per consentire il passaggio delle macchine agricole da
un piano all’altro, le terrazze più ampie vengono collegate con
Terrazzamenti coltivati a vite nelle Cinque Terre (Liguria). delle rampe.

100
Tecnologia agraria

2.4 L’irrigazione

rispondi L’irrigazione è la tecnica che si occupa della distribuzione dell’acqua al terreno agrario.
L’irrigazione offre la possibilità di aumentare notevolmente la produzione di molte zone
1. Cos’è la bonifica? agricole, e consente di mettere a coltura aree semidesertiche. Anche l’irrigazione, però,
2. Perché si effettua la sistema- può comportare rischi per l’ambiente, dovuti ad un eccessivo accumulo di sali sul terre-
zione della superficie dei terreni
in pianura? e in collina? no (salinizzazione) che ne diminuiscono la fertilità.
5. In cosa consiste l’irrigazione
In Italia l’acqua per irrigazione è derivata per il 67% da fiumi, per il 27% da pozzi e fon-
per sommersione? tanili, e per il restante 6% da serbatoi. La superficie irrigua italiana è di quasi 5 milioni
6. Quali sono i vantaggi dell’irri- di ettari, rispetto ad una superficie agricola utilizzata di circa 16 milioni di ettari.
gazione a goccia? Per irrigare i terreni si possono applicare diverse tecniche, che dipendono dalle condi-
zioni del suolo, dal tipo di coltura, dalla disponibilità d’acqua, dal costo.

TECNICHE DI IRRIGAZIONE Irrigazione a pioggia


Irrigazione per sommersione Questo metodo differisce dai precedenti perché l’acqua giunge
Con questo sistema il terreno viene ricoperto con uno strato di al terreno dall’alto, sotto forma di goccioline come la pioggia na-
acqua per un certo tempo. È il metodo tipico delle risaie e richie- turale. Il risparmio d’acqua è notevole, non c’è bisogno di una
de un terreno sufficientemente impermeabile e superfici pianeg- par ticolare sistemazione del terreno, l’acqua si distribuisce
gianti; per mezzo di arginelli, il terreno viene suddiviso in appez- uniformemente. L’impianto necessita di una fonte di alimenta-
zamenti dall’ampiezza variabile da 2000 a 4000 m2. zione d’acqua (pozzo, canale, ecc.), una pompa, un complesso di
L’acqua che proviene dal canale scorre nella caldana e si riscal- tubature fisse e mobili, irrigatori e spruzzatori.
da, quindi passa da uno scomparto all’altro attraverso piccole
aperture negli arginelli, ricoprendo il terreno per un’altezza di 10-
30 cm; le perdite d’acqua sono molto elevate.

Irrigazione per scorrimento


Questo sistema richiede una particolare sistemazione del terre-
no, che deve avere una certa pendenza.
L’acqua riempie un apposito canale e trabocca dal ciglio, spar-
gendosi sul terreno sul quale scorre lentamente. È la tipica for-
ma di irrigazione dei prati marcitoi in Lombardia.

Irrigazione per infiltrazione


L’acqua scorre in piccoli canali (solchi) e da questi si infiltra nei
rialzi di terreno laterali che sostengono le piante.

Irrigazione localizzata (a goccia)


L’irrigazione a goccia è una delle proposte più moderne della tec-
nica irrigua. Essa consente l’arrivo dell’acqua sul terreno attra-
verso piccole aperture distribuite su tubazioni di materia plasti-
ca, generalmente appoggiate al suolo accanto alle file delle pian-
Irrigazione a goccia: l’acqua esce dal tubo di plastica nero.
te da irrigare o, talvolta, sospese ad una certa altezza. L’acqua
esce con una portata molto modesta (da 2 a 7 litri ogni ora), con
conseguente risparmio perché le perdite sono ridotte al minimo.
È una tecnica adatta sia a colture di fiori ed ortaggi, sia a coltu-
re arboree specializzate (frutteti e vigneti).

Arginelli

Caldana

Irrigazione per sommersione. Irrigazione a pioggia.

101
Area 3

2.5 La concimazione
I terreni, pur ricchi di minerali e materiale organico, restano impoveriti delle sostanze
che le piante coltivate hanno loro sottratto: dopo diverse colture, i terreni diventerebbe-
ro quasi del tutto sterili. Di qui l’esigenza di rimettere nel terreno queste sostanze attra-
verso la concimazione. Con una corretta concimazione si ha anche una maggior resa
produttiva, e quindi un vantaggio economico.
Gli elementi principali che le piante devono trovare nel terreno sono l’azoto, il fosforo
e il potassio, che sono fondamentali per il loro sviluppo. Occorrono anche piccolissime
quantità di altri elementi, come calcio, ferro, magnesio, boro, normalmente presenti nei
terreni o nei concimi stessi.
I concimi possono essere organici o minerali.
● Il concime organico più conosciuto è il letame, costituito dagli escrementi di anima-

Concimi chimici.
li bovini (prevalentemente) ed equini, mescolati alla paglia della lettiera.
Il letame non è subito adatto per l’uso, ma deve “maturare” per circa 6 mesi in concimaia.
In media, si può calcolare che un bovino del peso di 6÷7 quintali produca, in un anno,
110÷120 quintali di letame maturo.
● I concimi minerali o chimici contengono, in un piccolo volume, quantità notevoli
degli elementi più importanti e necessari alla nutrizione delle piante.
I concimi semplici si dividono in azotati, fosfatici e potassici, e contengono un solo ele-
mento fertilizzante. Vi sono poi i concimi binari, che contengono due elementi, e i ter-
nari, che li contengono tutti.
La scelta del concime deve essere fatta tenendo presente quali azioni esercitano sulla
pianta i diversi fertilizzanti:
– l’azoto stimola l’accrescimento e favorisce lo sviluppo delle foglie;
– il fosforo è un elemento equilibratore, irrobustisce i tessuti, migliora la resistenza alle
avversità ambientali e all’attacco dei parassiti;
– il potassio favorisce l’accumulo delle sostanze di riserva nel fusto, nelle radici e nei
Concimi organici. frutti.

■ Il sovescio
rispondi
Il sovescio è un’antica pratica agricola, che consiste nell’interramento mediante aratura
1. Cosa contengono i concimi di piante erbacee, spontanee oppure appositamente coltivate, allo scopo di mantenere o
chimici?
aumentare la fertilità del terreno.
2. Da cosa è composto il leta- Le leguminose sono le piante più adatte perché arricchiscono il terreno di azoto: utilis-
me?
simi per i campi sono il sovescio di trifoglio, di pisello, di favetta, di lupino, ecc.
3. Cos’è il sovescio?
Il sovescio è una pratica molto usata nell’agricoltura biologica (vedi pag. 119).

CONCIMI CHIMICI E DANNI AMBIENTALI


I concimi chimici usati per fornire alle piante composti azotati e
gli altri elementi come fosforo, potassio, zolfo, magnesio, ecc.,
vengono molte volte impiegati in modo scorretto ed in quantità
eccessiva, causando danni ambientali.

• Il principale effetto negativo è costituito dall’apporto di ele-


menti nutritivi alla pianta in maniera squilibrata. Questo accade
quando si esagera nella somministrazione di un elemento in rap-
porto agli altri, come avviene in particolare con la concimazione
azotata attuata per forzare la crescita delle piante.
Viene danneggiato l’equilibrio dei microrganismi viventi nel terre-
no e si provoca la riduzione dell’attività naturale.
• In secondo luogo, i composti nutritivi che non sono trattenuti
dal potere assorbente del terreno causano l’inquinamento delle
falde acquifere superficiali e profonde.
Le sostanze chimiche in eccesso raggiungono le falde sotterranee
o direttamente i corsi d’acqua; questo fenomeno risulta molto gra-
ve quando le acque in questione siano destinate all’uso domestico.
• Un grave problema è causato dall’eutrofizzazione ( vedi pag. 11). Macchina spandiconcime.

102
Tecnologia agraria

● La moltiplicazione delle piante arboree da frutto e ornamentali avviene per talea, pro-
paggine, margotta, innesto e micropropagazione.
– La riproduzione per talea avviene recidendo e interrando delle parti vegetali staccate
dalla pianta madre, in modo che si sviluppino delle radici. La talea è generalmente una
parte di fusto o di ramo, talvolta di foglia: deve possedere almeno una gemma. Si propa-
gano per talea, ad esempio, la vite e l’olivo.
– Anche con la margotta si vogliono produrre delle radici in certi parti del fusto o dei ra-
mi di una pianta.
In questo caso, però, la parte interessata rimane attaccata alla pianta madre fino a che
non si producono nuove radici. Si pratica un’incisione nel punto voluto e si mette il ra-
mo da margottare in un recipiente contenente terriccio inumidito. Quando il ramo ha
messo le radici, viene separato dalla pianta madre e interrato.
– La propaggine è un tipo particolare di margotta, usato per le piante con rami flessibili
Talea di geranio.
e non lontani da terra. Il ramo dove è stata praticata l’incisione viene incurvato fino al
suolo e interrato, tenendolo fermo con apposite forcelle. Si sviluppano delle radici nel-
la parte interrata, che viene successivamente staccata dalla pianta madre.
Per propaggine si moltiplicano, ad esempio, le viti.
– L’innesto consiste nell’immettere su una pianta una parte di un’altra, in modo che si
saldino perfettamente. Può essere effettuato tra piante della stessa specie, o anche di ge-
neri differenti, purché abbiano le stesse caratteristiche.
Vengono praticati innesti per coltivare piante in terreni non adatti a quella specie, oppu-
re quando si vuole ottenere una nuova varietà, o per riprodurre rapidamente individui
che presentino particolari differenze rispetto alla pianta madre.
La tecnica dell’innesto è molto frequente nelle colture degli alberi da frutto.
– La micropropagazione in vitro è la tecnica più moderna per la propagazione delle
piante. Si prelevano alcune parti dei germogli, che vengono poi messi in provette di ve-
tro insieme a sostanze nutritive: nascono nuove piantine che vengono trasferite in vivaio.
Innesto su ciliegio.

rispondi 2

1. Come si riproducono i ce-


reali? 1
2. Come può essere fatta la se-
mina?
3. Come si chiama l’albero otte-
nuto per seme?
4. Cos’è il tubero?
5. Cos’è lo stolone?
6. Come avviene la riproduzione
per talea?
7. Come avviene la riproduzione 4
per margotta?
8. Come si pratica l’innesto? 5

Metodi di riproduzione delle piante.


1. Talea fogliare
2. Margotta
3. Propaggine
4. Innesto
5. Colture in vitro

105
Area 3

2.8 Il controllo delle piante infestanti


Le piante infestanti crescono insieme a quelle utili, mescolandosi ad esse, e ne indebo-
liscono gravemente lo sviluppo: per combatterle si possono usare mezzi fisici, chimici e
biologici.
● Fra i mezzi fisici, ricordiamo alcune lavorazioni del terreno, come la sarchiatura, l’e-
stirpatura e la rincalzatura, che le distruggono fisicamente.
La pacciamatura, che è una copertura del terreno fatta con pellicole di plastica non tra-
sparente, impedisce il passaggio della luce e crea condizioni non adatte allo sviluppo
delle erbe infestanti.
● Nei Paesi dove si pratica un’agricoltura molto avanzata si utilizzano in grande quan-
tità i diserbanti chimici o erbicidi.
Gli erbicidi possono essere diffusi sul terreno allo stato granulare, o irrorati sulla pianta
o sul terreno: hanno un’azione “selettiva”, in quanto distruggono soltanto le piante infe-
stanti e lasciano intatte quelle da proteggere. Un uso scorretto o eccessivo di queste so-
stanze chimiche può causare gravi danni alle colture, alle persone e all’ambiente.
Afide nero delle leguminose.
Possiamo citare il caso dell’Atrazina, principio attivo erbicida in uso in Italia dai primi
anni sessanta, quando si verificò un vertiginoso aumento delle rese agricole. In partico-
lare l’Atrazina costituiva il principale principio attivo diserbante sul mais e sul sorgo.
L’Atrazina è da diversi anni proibita in Italia e in altri paesi europei per la sua tendenza
ad essere trasportata dalle acque, a causa anche delle elevate dosi d’impiego, andando
così a inquinare le falde acquifere per molti anni.
● Oggi la ricerca mira a ridurre l’uso dei composti più pericolosi, producendone di
nuovi più rispettosi dell’ambiente.
Si sperimentano bioerbicidi (come ad esempio l’aceto di vino o alcuni funghi parassiti
delle malerbe); si promuovono pratiche agricole che mirano ad un uso corretto dei com-
posti erbicidi ammessi, a prevenirne il più possibile l’uso o a sostituirli con pratiche al-
ternative come, ad esempio, il pirodiserbo.
ll pirodiserbo è una pratica agronomica usata per eliminare piante infestanti dai terreni
agricoli facendo ricorso al fuoco. Si effettua con calore secco o umido, prodotto con di-
versi metodi tra cui onde elettromagnetiche, elettricità, vapore acqueo o energia termi-
Effetti della peronospera della ca, nelle varie forme di fiamma libera e raggi infrarossi.
vite. ● Le grandi aziende multinazionali, impegnate nella ricerca e produzione di Organismi
Geneticamente Modificati (OGM), hanno messo sul mercato nuove specie di piante mo-
dificate che resistono ai diserbanti totali e consentono quindi l’impiego di questi anche
sulla coltura in atto. Ma, come vedremo nell’Area 4, l’utilizzo degli OGM incontra una
fortissima resistenza nel nostro Paese.

2.9 La lotta ai parassiti


I parassiti delle piante possono essere suddivisi in: organismi animali (insetti, acari,
ecc.); virus e organismi vegetali (batteri, funghi).
● Gli insetti danneggiano le piante sottraendo la linfa (come gli afidi), o distruggendo i
tessuti (come le larve e gli adulti di lepidotteri, coleotteri, ecc.).
Le loro capacità di riproduzione sono molto elevate e ciò rende difficile e complessa la
lotta contro gli insetti.
● Gli acari sono dei piccoli ragni che pungono le parti più tenere della pianta e sottrag-
Ticchiolatura del melo.
gono la linfa. La loro diffusione è in continuo aumento, anche perché le sostanze chimi-
che utilizzate nell’agricoltura hanno eliminato i loro naturali predatori.
● I virus sono in posizione intermedia tra la materia organica vivente e quella non vi-
rispondi
vente; si moltiplicano solo dopo essere penetrati nelle cellule viventi di cui poi causano
1. Quali lavorazioni del terreno la morte. Molto spesso si trasmettono a causa di organismi animali come, ad esempio,
possono essere fatte per com- gli afidi.
battere le piante infestanti?
● I batteri possono provocare marciumi e tumori delle piante.
2. Come agiscono gli erbicidi?
● I funghi assorbono le sostanze nutritive dalla pianta che li ospita e provocano nume-
3. Cos’è il pirodiserbo?
rose malattie: ingiallimento e caduta delle foglie, muffe dei frutti, marciumi delle radici,
4. Quali sono i principali paras-
siti delle piante?
infezioni delle sementi. Tra i più noti ricordiamo la peronospora della vite, la ticchiola-
tura del melo, la carie e i carboni dei cereali.

106
Tecnologia agraria

GLI INTERVENTI DI DIFESA DAI PARASSITI


• Gli interventi indiretti tendono a prevenire le malattie causate dai parassiti: le
lavorazioni e le sistemazioni del terreno, ad esempio, possono evitare il ristagno
dell’acqua che causa il marciume delle radici; inoltre portano in superficie le lar-
ve degli insetti che possono essere catturate dai predatori. Forme di lotta molto
efficaci sono la rotazione delle colture e la coltivazione di specie resistenti.
Nelle piante arboree si utilizza la tecnica dell’innesto su piante resistenti: ricor-
diamo la vite americana che resiste alla fillossera.

• Gli interventi diretti si basano soprattutto sulla lotta chimica condotta con
sostanze naturali o di sintesi (antiparassitari).
Gli antiparassitari sono numerosissimi e in questi ultimi anni il loro uso è au-
mentato notevolmente, come conseguenza di un’agricoltura sempre più inten-
siva e specializzata. Fra gli insetticidi di origine vegetale ricordiamo quelli che
derivano dal piretro, scarsamente tossici per l’uomo.
Molto più numerosi sono quelli di sintesi, tra i quali ricordiamo il DDT, oggi vieta-
to. L’uso corretto degli antiparassitari è un preciso dovere da parte degli agricolto- Spargimento di un insetticida in un campo di soia .
ri, che hanno gravi responsabilità nei confronti dei consumatori e dell’ambiente.
I trattamenti sanitari devono essere sospesi per un periodo stabilito prima del-
la raccolta, onde evitare che pericolose tracce di antiparassitari si trovino sui
prodotti messi in vendita.

• I gravi problemi legati all’uso degli antiparassitari chimici di sintesi, hanno


spinto i ricercatori a sperimentare forme di lotta biologica. Le forme di lotta
biologica sono di diversa natura:
– il mantenimento di aree non coltivate dove i naturali predatori degli insetti
dannosi possano nidificare e riprodursi (uccelli e mammiferi);
– la diffusione controllata di insetti predatori o parassiti di altri insetti;
– l’uso di feromoni sessuali, sostanze emesse da particolari ghiandole che ser-
vono agli insetti per comunicare tra loro. I feromoni emessi dalle femmine so-
no utilizzati per catturare i maschi per mezzo di apposite trappole, e quindi im-
pedire gli accoppiamenti. Una trappola a feromoni sessuali in un meleto.

2.10 Le colture protette


Normalmente la coltivazione delle piante avviene all’a-
perto, e quindi dipende dalle condizioni fisiche dell’am-
biente (clima e terreno).
Potendo disporre di un ambiente protetto si possono for-
zare le colture, fornendo loro l’ambiente più favorevole
per la vegetazione, anticipandone o ritardandone la pro-
duzione. La protezione si effettua per mezzo di serre,
spazi chiusi ricoperti da vetro o materiali plastici traspa-
renti, di diverse dimensioni, dove temperatura, umidità e
illuminazione sono controllabili e regolabili secondo le
diverse esigenze.
La serra è definita fredda quando l’aumento della tempe-
L’effetto serra.
ratura deriva semplicemente dal fenomeno fisico detto ef-
fetto serra: le radiazioni solari attraversano la copertura
trasparente, riscaldano il terreno, in parte vengono rifles-
se e, non potendo sfuggire attraverso la copertura, riscal-
dano l’ambiente. Altri tipi di serre hanno, invece, sistemi
di riscaldamento autonomi, e, per l’estate, sistemi di raf-
freddamento.
Molte colture orticole sono protette in campo per mezzo
di tunnel di plastica, mentre il terreno viene a sua volta
protetto con pellicole di polietilene, forate in modo op-
portuno per il passaggio delle piante coltivate: questa
Pacciamatura. operazione è detta pacciamatura.

107
Area 3

3
I prodotti agricoli sono numerosissimi: in que-
sto capitolo faremo cenno a quelli più impor-
tanti legati all’alimentazione e che sono colti-
vati nel nostro Paese.

La produzione agricola
3.1 I cereali
I cereali sono piante erbacee che appartengono alla famiglia delle graminacee, coltiva-
te per i loro frutti, detti cariossidi, destinati all’alimentazione umana e animale.
Quelli più importanti sono:
● il frumento o grano;
● il riso;
● il mais o granturco.
Di minore importanza sono la segale, l’orzo, l’avena, il miglio e il sorgo.

Il frumento o grano
Il frumento o grano è il più importante e il più diffuso tra tutti i cereali.
La pianta si adatta a diversi tipi di terreno e a diverse condizioni climatiche: in Europa è
coltivata dalla Norvegia alla Sicilia. Le specie più comuni sono:
● il grano tenero, che ha la cariosside opaca, ricca di amido, adatta per fare il pane;
● il grano duro, che ha la cariosside dura e lucida, ricca di glutine (una sostanza protei-
ca), adatta per la preparazione di paste alimentari.
Nell’Italia Settentrionale la semina avviene tra la metà e la fine di ottobre; nelle pianure
dell’Italia Centrale nella prima quindicina di novembre; in quelle dell’Italia Meridiona-
le fra il 15 novembre e il 15 dicembre.
La raccolta avviene tra giugno e luglio, con l’operazione della mietitura.
Le mietitrebbiatrici sono macchine complesse che mietono il grano, lo trebbiano (libe-
rano i semi dagli involucri), insaccano i semi e imballano la paglia.
● Dal grano tenero si ricavano le farine adatte alla panificazione e ai prodotti da forno.
● Dal grano duro si ricavano le semole utilizzate per la fabbricazione delle paste alimentari.

Il riso
Il riso è il cereale più consumato nel mondo: costituisce l’alimento base di circa 1/3
della popolazione terrestre.
La coltivazione di varietà diverse dipende dai fattori climatici. La pianta del riso ama
l’acqua: l’acqua immagazzina il calore solare durante il giorno per cederlo durante le
ore della notte. È la pianta tipica dei climi monsonici dell’Asia, ma anche in Italia è pos-
sibile coltivare riso nella Pianura Padana.
Alcune varietà di riso possono essere coltivate anche in terreni asciutti.
Il riso nasce e cresce nell’acqua: si semina in aprile in vivai, da dove le pianticelle svi-
luppate vengono estirpate e trapiantate nelle risaie vere e proprie.
La fioritura e la formazione delle granelle avviene in estate; a settembre il riso è maturo
Riso. e pronto per la mietitura che si prolunga sino ad ottobre.

108
Tecnologia agraria

Il mais o granturco
Il mais o granturco è una pianta originaria dell’America, portata in Europa da Cristofo-
ro Colombo. Ha un fusto robusto ed eretto, che può raggiungere anche alcuni metri di
altezza. In corrispondenza dei nodi si hanno le infiorescenze femminili da cui si svilup-
pano i frutti, collocati a formare una spiga o pannocchia, intorno ad un asse legnoso det-
to tutolo.
Il granturco ha bisogno di un clima caldo e umido durante il periodo della maturazione:
ciò spiega perché in Italia sia coltivato prevalentemente nelle regioni settentrionali, men-
tre in quelle meridionali non vi è una sufficiente quantità d’acqua durante l’estate.
La semina avviene in primavera, la raccolta nell’autunno.

L’orzo, la segale, l’avena, il sorgo, il miglio


Sono tutti cereali minori utilizzati prevalentemente come foraggio per il bestiame, men-
tre hanno una scarsa importanza per l’alimentazione umana.
● L’orzo è anche utilizzato per la produzione di bevande sostitutive del caffè e della
cioccolata (orzo tostato solubile) e, soprattutto, per la produzione della birra e di altre
bevande alcoliche.
● La segale viene anche utilizzata, soprattutto in Europa centrale e orientale, per pro-
durre un particolare tipo di pane (pane di segale). Con la segale si produce del bioeta-
nolo, un combustibile alternativo per i motori (vedi Area 8), e anche alcool.
● L’avena è anche impiegata per produrre bevande alcoliche.
Varietà di mais. ● Il sorgo è un cereale utilizzato soprattutto in Africa, destinato all’alimentazione uma-
na e del bestiame.
● Il miglio è un cereale coltivato nelle aree semidesertiche dell’Asia (Medio Oriente, In-
dia, Cina) e dell’Africa subsahariana, destinato all’alimentazione umana e del bestiame.
In Europa è utilizzato come componente di mangimi e di becchime per uccelli.

Segale. Avena.

Orzo. Sorgo. Miglio.

109
Area 3

3.2 Gli ortaggi


La produzione orticola si suddivide in:
● leguminose da granella: fagioli, piselli, ceci, ecc.;
● piante da tubero: patata;
● coltivazioni ortive diverse: pomodoro, carciofo, peperone, melanzana, insalata, ecc.

I terreni coltivati ad orti devono essere leggeri, fertili e profondi, con possibilità di irriga-
zione e concimazione. Per avere raccolti precoci o fuori stagione si utilizzano le serre e
le coperture a pieno campo.
La semina può essere fatta direttamente nel terreno, oppure in semenzai. La prima è
adatta per quegli ortaggi che rimangono nello stesso terreno della semina sino alla rac-
colta, come la carota, la barbabietola, ecc.
La seconda, invece, è adatta per quelle piante che dovranno essere trapiantate, come i
cavoli, la lattuga, ecc.

Anche nelle coltivazioni orticole si pratica l’avvicendamento, che consiste nell’alterna-


re sullo stesso appezzamento di terreno varie colture.
I principi generali di questo avvicendamento sono:
● non coltivare successivamente sullo stesso appezzamento due ortaggi appartenenti
alla stessa famiglia;
● alternare le piante miglioratrici, che lasciano il terreno in condizioni migliori di quel-
le esistenti all’inizio della coltura, alle piante sfruttatrici, che lasciano un terreno meno
fertile di quello che hanno trovato;
Coltivazione di insalata. ● alternare le piante che hanno radici profonde a quelle che hanno radici più superficiali.

Piselli. Fagiolini. Patate.

Pomodori. Peperoni. Cipolle.

110
Tecnologia agraria

3.3 Gli alberi da frutto


Gli alberi da frutto si trovano un po’ dovunque, in ogni clima e su diversi tipi di terreno.
Specialmente nei piccoli appezzamenti famigliari vengono spesso coltivati negli orti, o in
pieno campo tra le varie colture.
La concimazione è indispensabile durante la lavorazione del terreno e la preparazione
delle buche che dovranno ricevere le nuove piante.
La piantagione può essere fatta nell’autunno per i climi più caldi, mentre per i climi più
freddi e umidi si fa in primavera. Nei primi anni le piante hanno bisogno di un sostegno
e di frequenti innaffiature durante l’estate.
La potatura è un’operazione molto delicata ma, allo stesso tempo, indispensabile per
avere buoni frutti. La potatura invernale è la più importante: nei climi freddi deve esse-
re però ritardata all’inizio della primavera. Serve per dare all’albero giovane la forma
più opportuna (per “educarlo”) e per concentrare lo sviluppo su un minore numero di
rami per le piante già formate. La potatura estiva viene fatta allo scopo di ottenere un
prodotto di migliore qualità.
Le forme che possono essere date alle piante con la potatura possono essere libere o ap-
poggiate. Tra le forme libere ricordiamo quella a colonna, a vaso, ad alberetto; tra le for-
me appoggiate, che hanno bisogno di un sostegno per la pianta (muro, traliccio, spallie-
ra), quelle a cordone e a palmetta.
La frutticoltura italiana ha raggiunto dimensioni industriali in diverse regioni, dove ven-
gono impiegate le tecniche più avanzate sia per l’impianto del frutteto, sia per la raccol-
ta, la conservazione e la commercializzazione. Tra le specie più coltivate nel nostro Pae-
se vi sono le mele, le pere, le pesche e gli agrumi.
Piante potate a vaso. La vite e l’ulivo sono le più importanti colture arboree italiane.

Melo. Ulivo. Vite.

LA VITE L’ULIVO
La vite è un arbusto i cui rami tendono ad arrampicarsi per mez- L’ulivo è una pianta tipica dei Paesi mediterranei, perché richie-
zo di viticci; il fusto è tortuoso; i rami di un anno (tralci) sono i de un clima mite lungo tutto l’anno. È un albero molto vigoroso,
soli che portano i germogli che daranno i frutti. Il grappolo è com- che produce dei rigonfiamenti alla base del fusto (ovuli) capaci di
posto da un graspo sul quale si inseriscono gli acini. La propaga- emettere germogli e radici.
zione della vite avviene per talea. La propagazione avviene per talea, per ovulo o per innesto.
La vite ha bisogno di molte cure e poiché la maggioranza delle L’olivo fruttifica normalmente sui rami di due anni; il frutto è una
coltivazioni si trova in zone collinari, il lavoro viene condotto an- drupa che, quando è matura, è di colore rossiccio o nero-violaceo.
cora quasi tutto a mano. La raccolta delle olive comincia alla fine di ottobre e può prolun-
La potatura può essere di formazione, con la quale si dà una parti- garsi di qualche mese perché la maturazione dei frutti non è con-
colare forma alla pianta (ad alberello, a cordone, a spalliera, a per- temporanea. Può essere fatta a mano sulla pianta, o per scuoti-
golato...), o di produzione, che si compie sulle viti già formate. Mol- tura, facendo cadere le olive su teli posti sotto la chioma: si sta
to importanti sono i trattamenti contro i parassiti vegetali e animali. sviluppando l’impiego di scuotitrici meccaniche.
La raccolta varia da zona a zona, ma di solito è fatta nei mesi di Quasi tutte le olive sono destinate alla produzione dell’olio, solo
settembre-ottobre. una piccola parte al consumo diretto.

111
Area 3

3.4 La floricoltura
La floricoltura è un settore dell’agricoltura che ha lo scopo di produrre, per il giardinag-
gio o per il commercio, fiori recisi, piante fiorite in vaso o cassetta, materiale per la pro-
pagazione come semi, bulbi, tuberi, rizomi, ecc.
Le coltivazioni possono avvenire in vaso, in piena terra, in serra oppure in giardini all’a-
perto.
È un’attività agricola molto specializzata che richiede particolari condizioni di clima e
molte cure. Nel nostro Paese è nata in Liguria, dove ha trovato l’ambiente ideale sulle
colline a terrazze che digradano verso il mare, ma adesso è estesa in Toscana, nel Lazio,
in Campania, in Puglia e in Sicilia.
I fiori più diffusi sono il garofano, la rosa, il crisantemo, il gladiolo, ecc. Molta parte del-
la produzione floreale è diretta all’esportazione verso i Paesi del Nord Europa.
Il terreno deve essere appositamente preparato, impiegando materiali composti di so-
stanze speciali che vanno sotto il nome generico di terricci.
● Il terriccio di bosco è uno degli ingredienti più usati dai floricoltori, per le sue pro-
prietà di porosità, leggerezza, freschezza, e per l’alto contenuto di sostanze organiche.
Si riconosce facilmente per la presenza di foglie e rametti non completamente decom-
posti; il colore è molto scuro.
● La terra di scope o d’erica o di brughiera, proviene dalle zone dove crescono in gran-

Rosa. de quantità le eriche; è indispensabile per la coltivazione delle piante che debbono vi-
vere in terreni privi di calcare.
● Il terriccio di castagno è una specie di segatura naturale che si forma nei tronchi e nei
ceppi di castagni. Il suo pregio principale è quello di trattenere grandi quantità d’acqua
senza dare origine a fenomeni di ristagno; per poter mantenere le sue caratteristiche non
deve mai essiccare completamente.
● Il terriccio di letame è ottenuto dalla macerazione di strame bovino ed equino, strati-
ficato con terra da giardino; dopo la maturazione si ricava un prodotto molto soffice, po-
roso, capace di assorbire un’elevata quantità d’acqua, ricco di sostanze organiche.
● Il terriccio di foglie è prodotto dalla lenta e incompleta decomposizione delle foglie
secche che in autunno cadono al suolo; le foglie, ammucchiate al coperto, frequente-
mente bagnate e rivoltate, si macerano e forniscono un materiale fibroso, molto ricco di
sostanze organiche.
Nella preparazione dei terricci vengono impiegate anche altre sostanze, come la sabbia,
la torba, il tufo, la terra di svasatura, ecc.
Anche la concimazione, fatta con prodotti organici o chimici, e le annaffiature debbo-
no essere condotte con molta cura.
L’estendersi delle colture protette, in serre o tunnel, la specializzazione aziendale diret-
ta esclusivamente alla produzione di fiori e piante ornamentali, lo studio genetico per
ottenere nuove varietà e nuovi incroci, fanno della floricoltura un’attività agraria all’a-
Garofano. vanguardia.

rispondi
1. Quali sono le specie più co-
muni di grano?
2. Cosa si utilizza per fare il pa-
ne? E la pasta?
3. Dove si coltiva il riso nel mon-
do? E in Italia?
4. Quali sono i cereali minori?
5. Come possiamo suddividere
la produzione orticola?
6. Quali sono le regole da se-
guire per l’avvicendamento de-
gli ortaggi?
7. Perché gli alberi da frutto de-
vono essere potati?
8. Cosa sono i terricci?
Coltivazione di tulipani in pieno campo. Una serra.

112
Tecnologia agraria

COLTIVARE FIORI IN CASA La rinvasatura


I recipienti La rinvasatura si rende necessaria quando si procede all’acqui-
Le piante ornamentali da appartamento e da terrazza sono alle- sto di piante già cresciute e di pronta fioritura e, in ogni caso,
vate in recipienti di diverse forme e materiali, che prendono il no- quando ogni pianta invasata, sviluppando le radici, invade tutta
me di vasi, casse, catini, mastelli, fioriere, ecc. la terra del vaso.
I vasi di terracotta sono quelli di uso più comune, grazie alla loro Le piante costrette a rimanere in uno spazio troppo ristretto, in
funzionalità e al costo piuttosto modesto. È preferibile che non rapporto alle loro necessità di nutrimento e di umidità, non pos-
siano verniciati, affinchè le pareti possano conservare una certa sono svilupparsi completamente. Per molte piante la rinvasatura
porosità. Hanno varia forma, ma sempre con le pareti inclinate si fa ogni anno; per altre, invece, ogni 2 o 3 anni, o per periodi
per facilitare l’estrazione del pane di terra durante le rinvasature. ancora più lunghi; altre ancora, devono essere rinvasate più di
Nel fondo vi sono uno o più fori dai quali scola l’acqua superflua una volta all'anno.
al bisogno della pianta, e che non deve ristagnare nel vaso. Preparato il nuovo vaso più grande, si capovolge la pianta da rin-
Le dimensioni variano da pochi centimetri a più di un metro. È vasare, tenendo delicatamente il fusto tra le dita, e si batte leg-
sempre opportuno avere un certo assortimento di vasi di diverse germente il vaso in modo da staccare il pane di terra. Finalmente,
dimensioni, perché ogni pianta possa avere un volume di terra la pianta con il suo pane viene messa nel centro del nuovo vaso,
adatto alle sue esigenze. e si riempie con terriccio lo spazio che resta libero. Terminata la
Le casse e le cassette di legno sono molto usate per la decora- rinvasatura, la pianta deve essere annaffiata abbondantemente.
zione di davanzali e di balconi. Hanno il difetto che, con il tempo,
il legno tende a marcire. Influenza della luce e dell'aria
I mastelli sono in genere costruiti con un legno resistente all'u- Per ottenere i migliori risultati con le piante da appartamento o
midità (come il castagno e il rovere). Alcune volte si utilizzano da terrazza, è importante collocarle nelle condizioni più favorevo-
grandi recipienti di cemento, ma sono freddi e poco porosi. li di aria e di luce.
Esistono poi recipienti per coltivazioni particolari, come l’idrocol- Alcune piante amano le posizioni molto soleggiate (petunie, garo-
tura o coltivazione senza terra. In conclusione, quindi, i semplici fani, bougainvillee ...), altre le posizioni poco soleggiate (primule,
vasi di terracotta sono la soluzione migliore per la coltivazione ortensie, begonie ...), altre ancora si accontentano di qualche
delle piante ornamentali. Indispensabile accessorio del vaso te- ora di sole (glicini, giacinti, viole del pensiero ...). Alcune piante
nuto in casa o su balconi e finestre, è il sottovaso, destinato a che crescono nei giardini in pieno sole, sui balconi fioriscono me-
raccogliere l’acqua che scola attraverso gli appositi fori. glio in posizioni non troppo soleggiate. In ogni caso, tutti i fiori
esposti ad una eccessiva insolazione possono essere danneg-
L'invasatura delle piantine giati e appassire rapidamente.
L’invasatura è l’operazione con la quale si mettono nei vasi le In casa, bisogna evitare di porre le piante negli angoli più scuri:
piantine ottenute con i diversi sistemi di riproduzione. al buio le piante prima ingialliscono e poi muoiono. Si sisteme-
Bisogna innanzitutto lavare i vasi già usati, per distruggere germi ranno accanto alle finestre le piante più bisognose di luce, ma
e muffe che potrebbero danneggiare la pianta. Si esegue quindi occorre tener presente che molte piante ornamentali temono la
la fognatura, che consiste nel disporre sopra i fori che si trovano luce diretta del sole.
sul fondo del vaso dei pezzetti di coccio, sassolini o altri materia- Anche l’aria deve essere controllata, specialmente d’inverno,
li grossolani che assicurino il drenaggio dell’acqua, badando di quando il riscaldamento con i termosifoni provoca negli apparta-
non otturarli. menti un’anormale secchezza, che deve essere corretta appli-
Quando i vasi sono stati preparati, si procede alla piantagione. cando ai radiatori delle vaschette piene d’acqua. Le piante pos-
Questa va effettuata nel periodo più favorevole per ogni singola sono essere danneggiate dalle correnti d’aria, che devono quin-
specie. Si mette il terriccio nel vaso, riempiendolo fino a lascia- di essere evitate, specie nella stagione invernale.
re circa 2 o 3 cm dal bordo; si fa un buco nel centro dove si col- Nelle grandi città, infine, la polvere, carica di sostanze nocive co-
loca la piantina. Si comprime poi leggermente tutto intorno alle me i residui della combustione (il cosiddetto smog), si deposita
radici, facendo attenzione a non interrare eccessivamente le sulle foglie, riducendone la permeabilità alla luce, all'aria e al-
piantine, quindi si annaffia. Per i primi giorni il terreno deve rima- l'acqua. È necessario allora ricorrere alla loro pulizia, strofinan-
nere umido, per evitare l’avvizzimento. dole leggermente con un panno umido.

Sansevieria. Geranio. Begonia.

113
Area 3

4 La selvicoltura è l’insieme delle tecniche ap-


plicate alla cura e allo sfruttamento dei boschi.

La selvicoltura
4.1 Il bosco
Il bosco è un ecosistema formato da alberi di alto fusto, arbusti ed erbe, e dagli animali
glossario che vivono su quel territorio; svolge un’importante funzione di equilibrio e di difesa del-
ecosistema L’insieme di tutti la natura:
gli orgnismi di una comunità e ● produce una grande quantità di ossigeno e assorbe anidride carbonica attraverso la
dei fattori ambientali con i quali funzione clorofilliana;
interagiscono. Un ecosistema è
definito dall’ambiente, dal cli- ● difende il suolo dal degrado e dall’erosione causati dall’azione dell’acqua e del vento;
ma, dalle condizioni alimentari e ● evita la formazione di frane, slavine, smottamenti e valanghe;
dalla diffusione degli organismi ● trattiene con la sua chioma, le radici e il sottobosco, grande parte dell’acqua piovana,
vegetali e animali.
rallentandone la discesa verso valle;
● infine offre rifugio a un grande numero di specie animali.

Il governo di un bosco
Per governo di un bosco si intendono quelle cure che si prestano al bosco per determi-
narne la crescita.
Sappiamo che le piante possono riprodursi per seme o per via vegetativa. Vi sono piante,
come le latifoglie (querce, faggi, betulle, castagni, aceri, salici, …) che possono riprodur-
si in entrambi i modi; altre, come le conifere (pini, abeti, larici, …) che si riproducono so-
lo per seme. Di conseguenza il governo del bosco può essere condotto in due modi:
● Un bosco è governato a ceduo quando le piante sono sottoposte a tagli periodici.
Dalla parte della pianta che rimane in superficie (ceppo o ceppaia) vengono emessi dei
getti o polloni che, sviluppandosi, portano in breve tempo alla ricostruzione del bosco.
Questa operazione può essere fatta per un certo numero di volte, poi bisogna procede-
re al rinnovo del bosco.
● Un bosco è governato a fustaia quando le piante vengono lasciate crescere libera-
mente fino a raggiungere il loro massimo sviluppo, quindi si effettua il taglio e si proce-
rispondi
de al rinnovo del bosco con nuove piante nate da seme. Il taglio completo di un bosco
1. Come il bosco svolge la sua lascia il suolo esposto all’erosione, perciò si procede, generalmente, con un taglio par-
funzione di equilibrio e di difesa
della natura?
ziale, che consiste nel tagliare le piante più vecchie e quelle giovani più deboli.
I boschi di latifoglie possono essere governati sia a ceduo che a fustaia; le conifere solo
2. Quando un bosco è governa-
to a ceduo? E quando a fu- a fustaia perché non possono emettere polloni.
staia? Nei boschi cedui i tagli sono abbastanza ravvicinati nel tempo, ogni 10–20 anni, ma il
3. Cosa forniscono soprattutto i prodotto ha scarso valore perché i tronchi sono di diametro piuttosto piccolo: si ottiene
boschi cedui? soprattutto legna da ardere.
4. Perché le conifere possono Le fustaie danno un prodotto di pregio, ma il loro taglio è molto diluito nel tempo: se-
essere governate solo a fu-
staia? condo le specie delle piante si va dagli 80÷100 anni per il pino, ai 100÷150 anni per il
castagno.

114
Tecnologia agraria

4.2 La selvicoltura industriale


La selvicoltura industriale ha lo scopo di coltivare piante a rapido sviluppo, da utilizza-
re sia nella produzione di legname da opera, sia in quella di legname da cellulosa.
● Per quanto riguarda i legnami da opera, le piante che danno i migliori risultati sono le
conifere come il pino strobo, il larice e l’abete americano, che forniscono legname di
buona qualità dopo 25 - 40 anni.
● Nella produzione di legname da cellulosa, utilizzato soprattutto dall’industria della
carta, vengono coltivati l’eucalipto e il pioppo.
L’eucalipto, governato a ceduo, viene tagliato ogni 8÷15 anni. Il pioppo, governato a fu-
staia, viene tagliato dopo un ciclo di 10÷15 anni.

LE PIANTE FORESTALI E I LORO IMPIEGHI


Conifere
Abete bianco Pino cembro
Strutture per costruzioni, Mobili e serramenti interni,
segati, mobili comuni, fale- arredamenti, modelli da
gnameria, imballaggi, pali, fonderia, sculture e intagli,
serramenti, stecche per av- lavori di artigianato.
volgibili, fiammiferi, pannel-
li di legno, pasta meccani-
ca per carta, cellulosa.

Abete rosso Pino domestico


Strutture per costruzioni, Strutture per costruzioni,
segati, mobili tradizionali, segati, falegnameria, im-
falegnameria, imballaggi, ballaggi, imbarcazioni, pan-
pali, serramenti, stecche nelli di fibre.
per avvolgibili, pannelli di fi- I frutti (pinoli) sono molto
bre, pasta meccanica per apprezzati.
carta e cellulosa.

Larice Pino nero


Strutture per costruzioni, Strutture per costruzioni,
pali di fondazione, serra- falegnameria comune, pali,
menti, liste da pavimenti, imballaggi, pannelli di fibre,
pali e paletti agricoli, mobi- pasta meccanica per carta
li, arredamenti, botti, ma- e cellulosa.
stelli, imballaggi.

115
Area 3

Latifoglie
Betulla Noce
Oggetti casalinghi e di arti- Falegnameria fine, arreda-
gianato, fabbricazione di mento di interni, mobili, scul-
compensati, cellulosa da ture, liste da pavimento, tran-
car ta. La linfa è utilizzata ciati e sfogliati per impiallac-
nei paesi nordici per la pro- ciature.
duzione di bevande alcoli- Il frutto è pregiato e contiene
che. un’elevata percentuale di olio.
L’olio estratto dalla cortec- È utilizzato nell’alimentazione,
cia è usato per la concia in farmacia e nell’industria.
delle pelli. La corteccia e il mallo (l’invo-
lucro che ricopre le noci) con-
tengono il tannino, una so-
stanza utilizzata nella concia
delle pelli.

Castagno Olmo
Pali, paletti per recinzioni, Mobili, liste per pavimenti,
mobili, infissi, tranciati per oggetti da tornio e da inta-
impiallacciature, pannelli di glio, tranciati e sfogliati per
fibre. impiallacciature.
È molto apprezzato il frutto
(castagne).

Faggio Pioppo
Falegnameria in genere, li- Cellulosa per carta, tavole,
ste da pavimento, lavori di imballaggi, mobili comuni,
artigianato, imballaggi, tra- compensato, fiammiferi.
versine ferroviarie, com-
pensati, tranciati, pannelli
di fibre.

Frassino Rovere
Falegnameria in genere, Travature, costruzioni edili e
mobili ar tigianali, sfogliati navali, liste da pavimento,
e tranciati, pali per vigne. mobili in stile, traversine fer-
roviarie, botti.

116
Tecnologia agraria

L’allevamento del bestiame è un’attività eco-


nomica che trasforma i foraggi e i mangimi in
prodotti alimentari: carne, soprattutto, e poi

5
latte e uova.
Dall’allevamento si ottengono anche prodotti
per l’industria (lana e pelli) e dei fertilizzanti
naturali (letame).

L’allevamento del bestiame


5.1 Tipi di allevamento
I tipi di allevamento possono essere distinti in:
● Allevamento pastorale, dove gli animali sono tenuti in libertà a pascolare; si tratta di
un allevamento di tipo primitivo diffuso soprattutto nei Paesi in via di sviluppo.
In Italia una forma di allevamento pastorale è ancora viva nelle zone montane, soprattut-
to per gli ovini.
● Allevamento legato all’azienda agraria, dove gli animali trovano ricovero fisso e sono
alimentati direttamente e prevalentemente con i foraggi prodotti dall’azienda stessa. È
un tipo di allevamento diffuso in molte piccole aziende agricole della Pianura Padana.
● Allevamento intensivo, spesso indipendente dall’azienda agraria, dove gli animali
vengono allevati razionalmente in stalle modello, per ottenere soggetti specializzati per
la produzione di carne (vitelli e suini da macello o da salumificio), di latte, di polli da
carne, di uova.

5.2 Foraggi e mangimi


Strettamente legata alla zootecnia è la produzione di foraggi, cioè di quelle piante desti-
nate all’alimentazione del bestiame. Le colture foraggiere si dividono in:
● erbai, piante annuali a rapido sviluppo, come favetta, trifoglio, fieno greco; tra le gra-
minacee l’avena, l’orzo, la segale, il mais, la soia;
● prati pluriennali, che entrano normalmente nella rotazione agraria, e perciò sono an-
Allevamento intensivo di tacchini. che detti prati da vicenda: erba medica, trifoglio pratense, lupinella;
● prati permanenti o stabili, costituiti da varie specie arboree, che possono essere ordi-
nari (asciutti o irrigui) o prati marcitoi (o marcite);
● pascoli, terreni dove crescono piante foraggiere che non vengono falciate.
I foraggi vengono raccolti con la falciatura, sono essiccati naturalmente con la fienagio-
ne o forzatamente con la ventilazione, sono conservati in sili.

Nei moderni allevamenti zootecnici intensivi l’alimentazione foraggiera si accompagna


alla distribuzione di mangimi. I mangimi concentrati comprendono:
● semi (avena, orzo, mais, fave, lino, ecc.);
glossario ● residui della lavorazione dei cereali (crusca di frumento, di mais, di segale, ecc.);

mucca pazza Gravissima ma- ● pannelli residui della spremitura di semi oleosi (arachidi, mais, ecc.);
lattia cronica causata dall’im- ● residui dell’industria saccarifera, dei birrifici e delle distillerie;
piego di farine animali nell’ali- ● mangimi di origine animale: alcuni di questi mangimi in questi anni hanno causato
mentazione dei bovini.
gravi problemi: si pensi alla malattia della mucca pazza.

117
Area 3

5.3 Cenni sugli allevamenti


Bovini
L’allevamento dei bovini richiede pascoli grassi e abbondante fienagione, per questo
motivo nel nostro Paese è concentrato nella Pianura Padana.
Le razze italiane più rappresentative sono la brunoalpina, la chianina, la piemontese, la
7 kg di cereali 1 kg carne
maremmana.
Il numero di capi bovini in Italia è di circa 6 milioni, ma è un numero insufficiente per
soddisfare la domanda interna di carne: per questo vengono importati dall’estero anima-
li vivi, carni fresche e congelate.
4 kg di cereali 1 kg carne Suini
L’allevamento dei suini ha avuto un costante progressivo aumento in questi anni ed og-
gi, nel nostro Paese, vi sono circa 9 milioni di capi.
L’incrocio delle razze indigene con quelle estere più redditizie ha consentito di ottene-
2 kg di cereali 1 kg carne re animali con un’altissima resa di carni pregiate.
L’allevamento suino, oltre alla produzione di carne fresca da macello, alimenta la fioren-
Quantità di granaglie utilizzata tissima industria delle carni insaccate (salami, prosciutti, ecc.).
per produrre 1kg di carne.

Ovini e caprini
L’allevamento degli ovini e dei caprini ha caratteristiche opposte a quello bovino. Tipi-
co delle zone montuose o pianeggianti aride, è diffuso in Italia, nel Meridione e nelle
Isole, e ha una consistenza di 8 milioni di capi. Questo allevamento, se ha perduto im-
portanza per la produzione della lana, ne sta acquistando sempre di più per quella del
latte, da cui si ricavano pregiati formaggi, e per quella della carne.

Pollicoltura
Gli allevamenti intensivi di razze avicole da carne e da uova si sono notevolmente am-
rispondi pliati in questi ultimi decenni.
1. Come possiamo classificare
Le aziende zootecniche per l’allevamento dei polli possiedono macchine incubatrici
gli allevamenti? dove avviene la schiusa delle uova; attrezzature chiamate allevatrici per l’allevamento
2. Quali sono le principali coltu- dei pulcini; gabbie a batteria; grandi capannoni per l’allevamento a terra; impianti di
re foraggiere? alimentazione automatica e di raccolta delle uova.
3. Quali sono i principali man-
gimi? Allevamenti minori
4. Quali sono i problemi causati A causa della sempre maggiore richiesta di carni, in Italia si stanno diffondendo altri ti-
all’ambiente dagli allevamenti
intensivi? pi di allevamento intensivo di volatili da cortile, come oche, anatre, tacchini e faraone,
e quello del coniglio.

GLI ALLEVAMENTI E L’AMBIENTE Smaltimento dei rifiuti


■ L’enorme sviluppo che l’allevamento del bestiame ha avuto I problemi ambientali legati all’allevamento intensivo sono dovu-
in questi ultimi 50 anni ha provocato gravi danni all’ambiente. ti soprattutto allo smaltimento dei rifiuti.
I milioni di tonnellate di sterco animale che si accumulano vicino
I consumi di carne alle grandi aziende zootecniche possono inquinare i fiumi e le fal-
I consumi di carne sono notevolmente aumentati, ma quasi de acquifere.
esclusivamente a vantaggio dei Paesi ricchi. Mentre però il letame dei bovini è un concime e, quindi, è molto
L’attuale richiesta di carne non può più essere soddisfatta dai si- richiesto dagli agricoltori, il liquame proveniente dagli allevamen-
stemi di allevamento tradizionali. ti dei suini è piuttosto povero e scarsamente richiesto, ed è pro-
Un tempo, i bovini e gli ovini si nutrivano d’erba, mentre i suini e prio questo liquame che inquina.
i polli vivevano con gli scarti del raccolto e delle cucine. In prati-
ca gli animali trasformavano in cibo commestibile ciò che l’uomo Allevamento e desertificazione
non poteva mangiare. Oggi i produttori di carne nutrono i loro ani- Anche nei Paesi poveri l’incremento degli allevamenti di bestia-
mali con grandi quantità di cereali e di legumi. Ormai quasi il me ha causato danni all’ambiente.
40% dei cereali prodotti nel mondo serve per nutrire il bestiame. Le terre adibite un tempo al pascolo vengono coltivate per far
fronte all’aumento di popolazione. Gli animali sono condotti ver-
Danni all’ambiente so pascoli più poveri, dove brucano tutto quello che trovano,
I bovini e gli altri ruminanti brucano la metà dei terreni del Piane- comprese le piante perenni.
ta; insieme ai suini e ai polli, si nutrono anche di foraggi e di Il terreno si degrada e si trasforma in deserto: questo fenomeno
mangimi che occupano 1/4 delle aree coltivabili. ha colpito soprattutto l’Africa subsahariana.

118
Tecnologia agraria

L’agricoltura biologica, “organic agriculture”


in inglese, è un metodo di produzione agrico-
la che ha come obiettivo il rispetto dell’am-

6
biente e degli equilibri naturali e la tutela del-
la salute degli operatori e dei consumatori.
Esclude quindi l’impiego di concimi chimici e
di farmaci sintetici.

L’agricoltura biologica
6.1 I princìpi dell’agricoltura biologica
L’agricoltura biologica deve conservare la fertilità del terreno e rispettare le caratteristi-
TURA BIOL che dell’ambiente per mezzo di pratiche naturali come le consociazioni, le rotazioni, i
C OL O sovesci, l’utilizzo di sostanze organiche per la fertilizzazione, la reintroduzione e la sal-
GI
RI

vaguardia di siepi e boschetti.


•AG

CA

Anche l’allevamento deve essere in equilibrio con i terreni, rispettando un adeguato nu-

mero di animali per ogni ettaro di superficie, e deve garantire una sana alimentazione e
il benessere degli animali.
Le norme di legge relative all’agricoltura biologica sono piuttosto severe e prevedono,
per garantire al consumatore le caratteristiche proprie di queste produzioni, il controllo
in tutte le fasi di produzione, di trasformazione e di commercializzazione.
L’Italia è uno dei primi Paesi in Europa per le coltivazioni biologiche: è impegnato circa
Il marchio che distingue i prodotti il 6,9% della superficie agricola, di cui più del 50% è rappresentato da pascoli e coltu-
dell’agricoltura biologica. re di foraggi.

6.2 Le norme dell’Unione Europea


Le norme dell’Unione Europea sulla produzione biologica prevedono che la fertilità e
l’attività biologica del suolo debbano essere conservate ed aumentate con:
● la reintroduzione di una adeguata rotazione pluriennale;
● la coltivazione di leguminose e di altre colture da sovescio;
● la concimazione con materiale organico aziendale (residui colturali, letame, compost).

La lotta contro i parassiti, le malattie e le piante infestanti, deve essere basata su:
● la scelta di specie e varietà adeguate;
● un programma di rotazione appropriato;
● il diserbo meccanico e il pirodiserbo (impiego del calore contro le infestanti);
● la protezione dei nemici naturali dei parassiti grazie a provvedimenti ad essi favorevo-
li (ad esempio, con la cura o l’impianto di siepi).

Nel caso che questi provvedimenti non siano sufficienti a garantire un’adeguata produ-
zione delle colture, è possibile utilizzare alcuni prodotti commerciali come il letame,
concimi azotati (pollina e guano), fosfatici (fosforiti e scorie Thomas), potassici (sali grez-
zi di potassio), insetticidi naturali (piretro ed altri).

Nell’agricoltura biologica è vietato In ogni fase dell’agricoltura biologica è vietato l’impiego di Organismi Geneticamente
l’impiego di OGM. Modificati (OGM).

119
Area 3

6.3 Le produzioni animali


Le caratteristiche delle produzioni animali secondo il metodo dell’agricoltura biologica
si possono riassumere nei seguenti punti:
● gli animali devono essere allevati in condizioni idonee e nel massimo rispetto possi-
bile delle loro esigenze naturali;
● gli animali devono potersi muovere liberamente anche se sono all’interno di box; l’al-
levamento in gabbia non è ammesso; è vietato l’allevamento intensivo ed in batteria; l’a-
nimale deve poter accedere ad un’area esterna di superficie variabile a seconda della
specie allevata;
● gli animali devono disporre di un’area di pascolo; il numero di capi per unità di su-
perficie sarà limitato in misura tale da ridurre al minimo ogni forma di inquinamento, in
particolare del suolo e delle acque superficiali e sotterranee;
● la riproduzione dell’animale deve essere naturale; sono vietate tutte le pratiche di ma-
nipolazione embrionale e genetica;
● è vietato l’impiego di qualsiasi sostanza di origine sintetica che favorisca la crescita e
la produzione, che stimoli l’appetito e che alteri il normale sviluppo dell’animale;
● è vietata qualunque mutilazione;
● l’alimentazione del bestiame deve essere costituita da foraggi e mangimi ottenuti da
Allevamento biologico di bovini al coltivazioni biologiche, di cui almeno il 50% di origine aziendale; per la restante parte
Circeo. è ammesso l’acquisto all’esterno purché certificato biologico;
● sono vietate le somministrazioni preventive o sistematiche di farmaci di sintesi chimi-
ca; nell’allevamento zootecnico, si dovrà dimostrare di aver attuato tutte le misure ne-
cessarie a svolgere un’azione preventiva contro l’insorgere di malattie;
● sono autorizzate le vaccinazioni obbligatorie per legge.

6.4 Gli ingredienti e le etichette


Per poter mettere l’etichetta “proveniente da Agricoltura Biologica” su di un prodotto
alimentare, devono essere rispettate numerose regole:
● quando almeno il 95% degli ingredienti in peso (escludendo acqua e sale) è di origi-
ne biologica certificata e la parte restante è composta da ingredienti autorizzati, i pro-
dotti possono essere etichettati come provenienti “da Agricoltura Biologica” e possono
riportare il marchio di garanzia;
● quando almeno il 70% degli ingredienti in peso (escludendo acqua e sale) è di origi-
ne biologica certificata e la parte restante è composta da ingredienti autorizzati, i pro-
dotti possono riportare la frase “XX % da Agricoltura Biologica” e il marchio di garanzia;
● gli altri ingredienti di origine agricola, non biologici, devono essere autorizzati;
● gli ingredienti di origine non agricola devono essere autorizzati: additivi, aromi, so-
stanze minerali, vitamine, ecc;
Allevamento biologico di ovini in ● il prodotto è stato ottenuto senza l’impiego di organismi geneticamente modificati
Scozia.
(OGM) o prodotti derivati da tali organismi;
● per i prodotti di origine animale restano valide le indicazioni date per i prodotti vegetali.

INDICAZIONI OBBLIGATORIE INDICAZIONI OBBLIGATORIE PER I PRODOTTI


PER TUTTE LE TIPOLOGIE DI PRODOTTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA

1) NOME RAGIONE SOCIALE, MARCHIO 1) DICITURA (che accompagna il nome del produttore)
DEL PRODUTTORE O CONFEZIONATORE “DA AGRICOLTURA BIOLOGICA” oppure “OTTENUTO
O VENDITORE CON METODO DI PRODUZIONE BIOLOGICA”
da consumarsi preferibilmente entro (mese/anno)

2) DENOMINAZIONE xxxx 2) LOGO


rispondi DI VENDITA “Prodotto” COMUNITARIO
da agricoltura biologica FACOLTATIVO
3) ELENCO INGREDIENTI
ingredienti: xxxx, xxxxxxx, xxxxx
1. Quali sono i princìpi dell’agri- 3) NOME O LOGO
conservare in/

4) MODALITÀ DI
coltura biologica? CONSERVAZIONE DELL’ORGANISMO DI
CONTROLLO E GLI
2. Quali caratteristiche devono 5) SEDE DEL PRODUTTORE
Prodotto e confezionato da XXXXX ESTREMI DEL SUO
avere gli allevamenti animali se- O CONFEZIONATORE RICONOSCIMENTO
via xxxxxxxxxx Città xxxxxxxxx
6) TERMINE MINIMO DI MINISTERIALE
condo il metodo dell’agricoltura Agricoltura biologica - Regime di controllo CEE
CONSERVAZIONE Controllata da ORGANISMO DI CONTROLLO
biologica? 4) CODICE
7) QUANTITÀ NETTA Aut. MIPAF n. xxxxxxx del gg/mm/aa
IDENTIFICATIVO
3. Quali caratteristiche devono Peso: xxxx IT OdC OBIO T (oF) xxxxxx DEL LOTTO
8) LOTTO DEL PRODOTTO Lotto n. xxx
avere gli alimenti per essere eti- non disperdere il contenitore nell’ambiente (16 CARATTERI)
chettati come “provenienti da 9) RACCOMANDAZIONI
agricoltura biologica”?
Etichetta di alimenti biologici.

120
Area 3

✓ 6
Esercizi e Verifiche
Vero oppure Falso? m • I concimi ternari contengono:
ferro, rame, calcio
a • Tutte le piante hanno le stesse esigenze colturali. V F
azoto, fosforo, potassio
b • Tutte le piante amano il clima molto caldo. V F
argilla, calcare, sabbia
c • Le esigenze di una stessa pianta variano n • Le piante che arricchiscono il terreno di azoto sono:
durante le diverse fasi della crescita. V F
i cereali
d • l processo della fotosintesi clorofilliana non
V F
le piante da frutto
può svolgersi nelle giornate nuvolose.
le leguminose
e • La luce varia di intensità e di durata
in relazione alla longitudine. V F o • La rotazione delle colture ha lo scopo di:
migliorare la resa di un terreno
f • La luce varia di intensità e di durata
in relazione alle stagioni. V F variare la produzione
facilitare l’impiego delle macchine agricole
g • Le piante non possono vivere senza
una quantità minima di acqua. V F
h • La nebbia è sempre dannosa per le piante. V F
i • La grandine è sempre dannosa per le piante. V F 8 Vero oppure Falso?
l • La neve è sempre dannosa per le piante. V F a • La riproduzione delle piante può avvenire
solo per seme. V F
7 Indica con una crocetta la risposta esatta. b • Per alcune colture la semina non avviene
a • L’aratura è una lavorazione che: direttamente in pieno campo. V F
prepara il letto di semina c • Una pianta arborea non può essere ottenuta
sparge i semi sul terreno per seme. V F
interra i semi sparsi sul terreno
d • Il rizoma è un fusto sotterraneo munito di gemme. V F
b • Il trattore è:
e • Il tubero è un fusto sotterraneo munito di gemme. V F
una macchina motrice
una macchina operatrice f • Le erbe infestanti possono essere combattute
una macchina semovente solo con gli erbicidi chimici. V F
c • L’aratro meccanico è: g • Gli antiparassitari sono utili per la concimazione. V F
una macchina motrice
h • La pacciamatura è una copertura del terreno
una macchina operatrice V F
fatta con pellicole di plastica.
una macchina semovente
i • I concimi a base di azoto favoriscono
d • La parte dell’aratro che taglia verticalmente il terreno è:
l’accrescimento delle piante. V F
il coltro
il vomere l • Più concimi si adoperano, maggiore sarà la
il versoio resa produttiva. V F

e • La mietitrebbiatrice è: m • Un uso eccessivo dei concimi può causare


una macchina motrice l’inquinamento delle falde acquifere. V F
una macchina operatrice n • Il fenomeno dell’eutrofizzazione è dovuto a una
una macchina semovente mancanza di sostanze fertilizzanti. V F
f • La bonifica ha lo scopo di:
o • Vi sono piante che arricchiscono naturalmente il
migliorare la qualità del terreno V F
terreno di azoto.
recuperare grandi aree improduttive
p • Gli antiparassitari hanno tutti un origine chimica
concimare i campi
di sintesi. V F
g • la baulatura dei terreni ha lo scopo di:
favorire le operazioni di aratura q • Nei moderni allevamenti bovini e suini si utilizzano
grandi quantità di cereali. V F
evitare il ristagno di acqua nei terreni
favorire l’irrigazione a pioggia r • Il liquame proveniente dagli allevamenti dei suini
h • Nei terreni di collina: è un ottimo concime naturale, migliore del letame
l’acqua tende a ristagnare bovino. V F
l’acqua tende a scorrere troppo velocemente s • L’agricoltura intensiva è divenata causa di gravi
l’acqua tende a evaporare danni ambientali. V F
i • Il tipico sistema di irrigazione delle risaie è: t • L’agricoltura biologica deve utilizzare pratiche naturali. V F
per infiltrazione
u • Nell’agricoltura biologica è consentito l’utilizzo
per scorrimento
di Organismi Geneticamente Modificati. V F
per sommersione
l • Il letame è: v • Per poter utilizzare l’etichetta ”proveniente da
un concime naturale agricoltura biologica” su un prodotto alimentare,
un concime chimico è sufficiente che contenga il 50% di ingredienti
un concime artificiale provenienti da agricoltura biologica certificata. V F

122
AREA 4

Tecnologie alimentari
Educazione alimentare

1 Tecnologie alimentari PREREQUISITI


pagina 124 ● Possedere conoscenze scientifiche elementari
relative al mondo che ci circonda
2 La pesca ● Conoscere il processo di digestione degli alimenti
pagina 135 ● Comprendere l’esigenza di un’educazione
alimentare
3 Le bevande ● Saper leggere e interpretare diagrammi, tabelle
e schemi grafici
pagina 141

4 La conservazione degli alimenti OBIETTIVI


pagina 146 ● Conoscere le tecnologie di lavorazione dei
principali alimenti di origine vegetale e animale
5 Gli imballaggi e le etichette ● Conoscere i prodotti della pesca
pagina 152 ● Conoscere le caratteristiche delle bevande
● Conoscere i diversi metodi di conservazione degli
6 Gli OGM e gli alimenti biologici alimenti

pagina 154 ● Conoscere le caratteristiche degli additivi chimici


● Conoscere le cause dell’inquinamento alimentare
7 L’educazione alimentare ● Saper leggere e interpretare le etichette alimentari

pagina 159 ● Conoscere gli OGM e gli alimenti biologici


● Conoscere la funzione degli alimenti
● Conoscere le caratteristiche dei princìpi alimentari
● Conoscere le caratteristiche di un’alimentazione
sana ed equilibrata
● Comprendere e saper utilizzare i termini specifici
di quest’Area
Area 4

I prodotti agricoli subiscono spesso delle tra-


sformazioni che ne modificano l’aspetto e le

1
proprietà fisiche e chimiche, allo scopo di ren-
derli degli alimenti veri e propri, o per consen-
tirne la conservazione nel tempo o per facili-
tarne la commercializzazione.

Tecnologie alimentari
1.1 I derivati dal frumento
Il frumento o grano è il più importante e il più diffuso tra tutti i cereali. Le specie più co-
Foto: Informazione svizzera sul pane

muni di frumento si classificano in 2 gruppi fondamentali:


● frumenti teneri (Triticum vulgare);
● frumenti duri (Triticum durum).
Il seme o chicco del frumento e degli altri cereali è chiamato cariosside.
I chicchi del frumento si raccolgono nel nostro Paese tra giugno e luglio con l’operazio-
ne della mietitrebbiatura, quindi sono immagazzinati in attesa delle lavorazioni che li
trasformeranno in farina.

Le farine
● Il cereale viene pulito dalle sostanze estranee come paglia, terra, pietruzze... e poi
conservato nei silos annessi ai mulini. I silos hanno una forma cilindrica e possono es-
sere fatti di cemento armato, di acciao o di vetroresina. Generalmente sono dotati di
impianti di ventilazione ed essiccatoi che creano un flusso d’aria all’interno della torre
e tolgono l’umidità in eccesso ai semi.
I silos più moderni sono refrigerati per bloccare lo sviluppo di insetti (i maggiori respon-
sabili dei danni che i semi subiscono durante la conservazione), batteri e muffe. Un’al-
tra tecnica utilizza un’atmosfera controllata, formata da una miscela di azoto-ossigeno o
anidride carbonica-ossigeno, sempre per lo stesso scopo.
● Il cereale viene quindi prelevato dai silos e sottoposto a una seconda pulitura, neces-
saria per ottenere farine di buona qualità.
● I chicchi di grano sono trasformati in farina mediante la macinazione praticata con i
Controllo di qualità sulle farine. mulini a cilindri, che frantumano il grano per gradi: si ottengono diverse qualità di fari-
ne, a seconda degli elementi che formano la cariosside. La macinazione è seguita dal-
l’abburattamento o setacciatura, che consiste nel separare le frazioni di diversa grossez-
za mediante setacci.
Dal grano tenero si ricavano le farine adatte alla panificazione e ai prodotti da forno.
Dal grano duro si ricavano le semole utilizzate per la fabbricazione delle paste alimentari.
● Il livello di abburattamento definisce il tipo di farina. Le farine di grano tenero sono
classificate in 5 classi: farina integrale, farina tipo 1, farina tipo 2, farina tipo 0, farina ti-
glossario po 00. La farina integrale è quella che non è stata sottoposta ad alcuna setacciatura, per
abburattamento Operazione cui contiene tutti i componenti del grano: è di colore scuro.
che consiste nel separare la fa- Al contrario, le farine 00 e 0 sono bianchissime e sono ottenute eliminando quasi com-
rina dalla crusca con il buratto, pletamente la crusca e il cruschello (parte cellulosica).
un apparecchio munito di setac-
● Dal grano duro si ricava la semola integrale di grano duro, poco lavorata, e la farina
ci a tamburo.
di grano duro.

124
Tecnologie alimentari - Educazione alimentare

Il pane
Il pane si ottiene dalla cottura di una pasta lievitata, com-
FARINA ACQUA LIEVITO SALE posta di farina di frumento, acqua, lievito, con o senza ag-
giunta di sale.
La panificazione comprende le seguenti fasi:
IMPASTO ● Impasto della farina con acqua, lievito e sale.
Il lievito usato per la panificazione è il lievito di birra: è co-
FOGGIATURA
stituito da microrganismi (saccaromiceti) che producono
enzimi capaci di trasformare chimicamente l'impasto nel
processo di fermentazione.
ALCOOL LIEVITAZIONE ANIDRIDE ● La foggiatura consiste nella trasformazione dei pani di
CARBONICA
grandezza e forma voluta; può essere fatta a mano o a
macchina.
ACQUA COTTURA
● La lievitazione si ottiene mantenendo per un certo tem-
po i pani già preparati ad una temperatura intorno ai 30 °C,
RAFFREDDAMENTO per cui avviene la fermentazione ad opera dei lieviti ag-
giunti. Durante questo processo l’amido, in presenza di ac-
qua, si decompone, in stadi successivi, in glucosio che, a
PANE
sua volta, fermenta trasformandosi in alcool e anidride car-
bonica. Questo gas fa aumentare il volume della massa e la
rende leggera e spugnosa.
● Durante la cottura avvengono complesse trasformazioni
fisiche e chimiche che rendono il pane gustoso e digeribile.
La temperatura del forno è tenuta intorno ai 220÷270 °C.
L’alcool e l’anidride carbonica che si erano formati durante
la lievitazione vengono allontanati; evapora parte dell’ac-
qua dell’impasto; il glutine coagula, all’esterno si forma la
crosta, infine il glucosio caramellizza.
● Dopo la cottura il pane viene fatto raffreddare in locali
asciutti e ventilati: il peso diminuisce per perdita di vapore
acqueo e il pane diviene più friabile e digeribile.

La pasta
La pasta alimentare è confezionata con semola di grano
duro, impastata con circa il 25% di acqua più altri even-
tuali ingredienti per le paste speciali.
La pastificazione industriale, condotta per mezzo di grosse
Diversi tipi di pasta. macchine a ciclo continuo, comprende le seguenti fasi:
● L’acqua e la semola vengono impastate sotto vuoto.
● L’impasto viene pressato, per mezzo di una grossa vite
elicoidale, nel cilindro di pressatura, sempre sotto vuoto.
● L’impasto viene trafilato attraverso dischi o feritoie da cui
SEMOLA ACQUA ALTRI INGREDIENTI
PER PASTE SPECIALI si ottengono le forme volute.
Nella produzione di pasta lunga (ad es. spaghetti), si otten-
gono due cortine di pasta che, scese dalle trafile, entrano in
IMPASTO una macchina stenditrice che provvede a tagliarle via via
su misura ed a stenderle in modo regolare su apposite can-
ne metalliche.
PRESSATURA
Nella produzione di pasta corta, I’impasto è estruso attra-
verso trafile circolari e tagliato su misura da un taglierino ;
TRAFILATURA la pasta corta passa quindi attraverso i telai oscillanti di un
trabatto dove, sottoposta ad una energica ventilazione cal-
da, inizia ad essiccarsi senza deformarsi.
ESSICCAMENTO
● La pasta entra in un essiccatoio ad aria calda dove viene
essiccata completamente.
STAGIONATURA ● La pasta viene messa a stagionare per un certo tempo
nei magazzini condizionati.
● Infine, la pasta viene confezionata nei pacchi o nelle
CONFEZIONAMENTO scatole.

125
Area 4

1.2 La lavorazione del riso


Il riso grezzo o risone che viene raccolto con la trebbiatrice ha
la cariosside ancora rivestita dalle glumelle, e non è adatto per
l’alimentazione umana: è quindi inviato alle riserie.
RISONE
Nelle riserie vengono effettuate numerose operazioni.
● La pulitura, per eliminare dal risone le materie estranee.
● La sbramatura, con la quale si libera la cariosside dalle glumelle.
PULITURA
● La sbiancatura, per privare il riso dalla sottile pellicola che
ancora la ricopre (pula) e dal germe.
SBRAMATURA Si ottiene così il primo prodotto commerciale, o riso mercantile.
● Aumentando il grado di sbiancatura si ottiene il riso raffinato

SBIANCATURA
di 2a o 1a qualità.
● Il riso raffinato, sottoposto a spazzolatura e cosparso di olio
di lino e vaselina, viene detto riso oleato o camolino.
SPAZZOLATURA Quello che è stato trattato con talco e glucosio costituisce il ri-
so brillato.
Tutte queste operazioni migliorano l’aspetto del riso e ne au-
LUCIDATURA BRILLATURA
mentano la conservabilità: lo privano, però, di sostanze nutriti-
ve di alto valore, soprattutto vitamine e sali minerali che si tro-
RISO CAMOLINO RISO BRILLATO vano negli strati più esterni del chicco di riso.
Per ovviare a questo inconveniente, il riso è sottoposto a specia-
li trattamenti: il risone viene tenuto in acqua per due giorni,
quindi subisce l’azione del vapore per 30 minuti. In questo riso,
detto avorio o ambra o parboiled, si ha un passaggio delle vita-
mine dagli strati più esterni all’interno della cariosside: così non
vengono eliminate con le successive operazioni di sbramatura e
sbiancatura.

1.3 L’estrazione dello zucchero di barbabietola


Lo zucchero comune, usato per rendere dolci cibi e bevande, è,
dal punto di vista chimico, saccarosio. Industrialmente viene
LAVAGGIO DELLE BARBABIETOLE estratto dalla canna da zucchero, coltivata nelle regioni tropica-
li e subtropicali, e dalla radice della barbabietola da zucchero,
AFFETTATURA
coltivata nelle zone temperate.
L’estrazione dello zucchero dalle barbabietole avviene negli
zuccherifici.
DIFFUSORI FETTUCCE ESAURITE
L’afflusso del prodotto agli zuccherifici è regolato secondo una
suddivisione prestabilita in zone di raccolta, in modo che si abbia
SUGO LEGGERO FORAGGIO BESTIAME un flusso regolare e costante di barbabietole allo stabilimento.
● Le barbabietole, dopo essere state ben lavate, vengono taglia-

PURIFICAZIONE E FILTRAZIONE
te a macchina in fettucce sottili.
● Le fettucce passano entro grandi recipienti cilindrici (diffuso-
ri) dove incontrano una corrente di acqua calda che, in stadi
SUGO DENSO successivi, si arricchisce sempre più di zucchero.
Le fettucce, ormai esaurite, vengono scaricate e sono utilizzate
DECOLORAZIONE E CONCENTRAZIONE come ottimo foraggio per il bestiame.
● Il sugo leggero è purificato per mezzo di calce e anidride car-
bonica, quindi viene filtrato.
CENTRIFUGAZIONE DELLA MASSA COTTA
● Il sugo denso che si ricava viene decolorato e concentrato.
● La massa cotta viene centrifugata e si ottiene lo zucchero
ZUCCHERO GREZZO grezzo.
● Lo zucchero grezzo così prodotto sarà successivamente raffinato.

RAFFINAZIONE Lo zucchero raffinato e puro è di colore bianco, inodore, com-


pletamente solubile in acqua. Riscaldato a 220 °C circa si tra-
sforma in caramello, sostanza scura, dal caratteristico odore e
ZUCCHERO RAFFINATO
sapore, impiegata come colorante.

126
Tecnologie alimentari - Educazione alimentare

1.4 L’industria olearia


L’olio di oliva è un grasso vegetale che si ottiene per spremitura delle olive. Le olive han-
no una buccia verde prima della maturazione, che diventa poi bruno-violacea; la polpa
è ripiena di goccioline d’olio quando il frutto è maturo.
Le olive contengono dal 18 al 35% di olio.
● La raccolta delle olive è fatta, preferibilmente, a mano, o staccandole direttamente
dall’albero, o raccogliendo le olive cadute su appositi teli dopo averle scrollate.
Dopo la raccolta le olive vengono trasportate il più presto possibile al frantoio, l’edificio
dove avvengono le operazioni principali dell’industria olearia.
● Le olive sono lavate e asciugate; si scartano quelle che presentano difetti.
● Le olive sono messe in un frantoio con mole di pietra che, ruotando, schiacciano e ri-
ducono in pasta le olive.
Frantoio con mole di pietra. ● La pasta che si ottiene dal frantoio è messa in una pressa e subisce una prima spremi-
tura: si ottiene un mosto formato da olio e acqua di vegetazione.
● Il mosto è sottoposto a centrifugazione per separare l’olio dall’acqua.
● L’olio è filtrato e così si ottiene l’olio extra vergine d’oliva.
● La pasta che rimane dopo la prima spremitura viene rimacinata e subisce una secon-
da spremitura, quindi è centrifugata e filtrata: si ottiene un olio un po’ più acido del pre-
cedente, chiamato olio vergine d’oliva.
● Se l’olio che si ottiene con la seconda spremitura è troppo acido, prende il nome di
olio lampante e deve essere sottoposto a rettificazione con sostanze chimiche, per to-
glierne l’eccessiva acidità. L’olio che si ottiene è detto olio d’oliva rettificato.
● Il residuo della seconda spremitura, costituito di polpa e noccioli intimamente mi-
scelati, prende il nome di sansa e contiene ancora il 5-10% di olio.
Quest’ultima percentuale non può più essere recuperata per pressione, ma l’estrazione
si effettua con solventi (trielina, benzina, esano): si ottiene l’olio di sansa.

Moderno oleificio. Le varietà commerciali dell’olio di oliva si dividono in 2 categorie:


● gli oli ottenuti solo per spremitura (olio extra vergine; olio sopraffino vergine; olio fi-
no vergine; olio vergine);
● il comune olio di oliva che è il prodotto ottenuto dalla miscela di olio rettificato con
mezzi chimici e l’olio di spremitura.

RACCOLTA OLIVE OLIO DI SANSA

LAVAGGIO ESTRAZIONE
E CERNITA CON SOLVENTI

rispondi
1. Qual è la differenza tra le fari- FRANTUMAZIONE SANSA
ne e le semole?
2. Cos’è la farina integrale?
3. Perché si usa il lievito per fa- SPREMITURA 2a SPREMITURA OLIO LAMPANTE
re il pane?
4. Con che cosa viene prodotta
la pasta alimentare? MOSTO
MOSTO RETTIFICAZIONE
DI 2a SPREMITURA
5. Perché il riso grezzo non è adat-
to all’alimentazione umana?
6. Quali caratteristiche ha il ri- OLIO D’OLIVA
CENTRIFUGAZIONE CENTRIFUGAZIONE
so parboiled? RETTIFICATO

7. Da quali piante si estrae lo


zucchero? MISCELAZIONE
FILTRAZIONE FILTRAZIONE
8. Che cos’è il caramello? CON OLIO VERGINE

9. Qual è la differenza di produ-


zione tra l’olio extra vergine e il OLIO EXTRA OLIO VERGINE
comune olio d’oliva? OLIO D’OLIVA
VERGINE D’OLIVA D’OLIVA

127
Area 4

GLI OLI DI SEMI


Gli oli per uso alimentare, oltre che dalle olive, possono essere
estratti da:
• Frutti oleosi: frutti della palma da olio, noci di cocco, avocado,
piante che crescono nelle zone equatoriali e tropicali.
• Semi oleosi: arachide, mais, girasole, soia, colza e altri ancora.
In Europa e in Italia le industrie estraggono l’olio dai semi oleosi.
Dopo la raccolta e la conservazione nei silos, la fasi di lavorazio-
ne sono:
• Depurazione dei semi: vengono tolte le impurità.
• Sbucciatura: si separano gli involucri dei semi dalla mandorla,
che è la parte da cui si ricava l’olio.
• Essiccazione: per diminuire l’umidità presente nei semi.
• Molitura: si frantumano i semi in piccole scaglie.
• Estrazione dell’olio: avviene per pressione o per mezzo di solventi.
• Depurazione: per eliminare tutte le impurità residue.
• Raffinazione: consiste nell’eliminazione dei colori e degli odo-
ri sgradevoli.
I sottoprodotti della lavorazione degli oli di semi (farine e pannel-
li solidi) sono destinati all’alimentazione animale.
Gli oli di semi in commercio possono essere preparati con una
sola qualità di semi (ad es. olio di semi di arachide), oppure me-
scolando diverse qualità di oli di semi (oli di semi vari). Piantagione di arachidi.

1.5 L’industria del latte e dei suoi derivati


Il latte
Con il semplice nome di latte si intende quello di mucca,
MUNGITURA mentre per indicarne altri tipi bisogna aggiungere il nome
dell’animale da cui proviene (latte di capra, di pecora, di
bufala).
FILTRAZIONE GROSSOLANA Il latte non deve essere consumato crudo perché, essendo
prodotto da un organismo vivente, è facilmente esposto a
inquinamenti da germi patogeni (che provocano malattie).
REFRIGERAZIONE Il latte che si trova in commercio, nelle bottiglie sigillate o
nei contenitori di cartone, è stato sottoposto al processo
termico di risanamento che provoca l’uccisione di questi
TRASPORTO REFRIGERATO
germi.
La lavorazione del latte comprende le seguenti fasi:
● Il latte viene tolto alla mucca con la mungitura.
PULITURA CENTRIFUGA
● Il prodotto di numerose stalle viene portato ai centri di
raccolta, dove è filtrato per liberarlo dalle impurità maggio-
EVENTUALE SCREMATURA ri; viene poi raffreddato per arrestare lo sviluppo di micror-
ganismi.
● Il latte viene trasportato con cisterne refrigerate allo sta-
bilimento di produzione.
PASTORIZZAZIONE STERILIZZAZIONE ● Qui viene controllato e ulteriormente pulito mediante
macchine centrifughe.
● Segue l’eventuale scrematura parziale o totale, per to-
OMOGENEIZZAZIONE
gliere i grassi.
● A questo punto le linee di produzione si differenziano

DEGASSATURA in base al processo di risanamento: la pastorizzazione o la


sterilizzazione.
– Pastorizzazione. Il latte viene portato ad una temperatu-
CONFEZIONAMENTO ra di 75÷85°C per circa 20-30 secondi e raffreddato poi ra-
pidamente a 3÷4°C; con questa operazione sono uccisi tut-
ti i germi portatori di malattie e si conserva il valore nutriti-
LATTE PASTORIZZATO LATTE STERILIZZATO vo dell’alimento.

128
Tecnologie alimentari - Educazione alimentare

Il latte fresco pastorizzato deve essere conservato in frigori-


fero, e solo per pochi giorni.
– Sterilizzazione. È un processo di risanamento molto spin-
to, che provoca la totale distruzione della flora batterica.
Viene fatto sottoponendo il latte ad una temperatura molto
elevata (130÷140 °C) per pochissimi secondi.
Questo latte, detto UHT (Ultra High Temperature), è di lun-
ga conservazione e può anche essere tenuto fuori dal frigo-
rifero fino a quando il pacco non viene aperto.
A causa dell’alta temperatura vengono distrutte le vitamine
e si modificano le proteine, perciò, quando è possibile, bi-
sogna preferire il latte fresco pastorizzato a quello steriliz-
zato, perché è più nutriente.
● Entrambi i tipi di latte vengono degassati, per togliere
l’ossigeno che può causare alterazioni.
Impianto di pastorizzazione.
● Con l’operazione di omogeneizzazione, i globuli di
grasso presenti nel latte sono frantumati in particelle molto
piccole che si disperdono uniformemente nel liquido: in
questo modo il latte è più digeribile.
● Infine si procede al confezionamento in bottiglie o in con-
tenitori di cartone rivestiti di polietilene, riempiti da macchi-
ne automatiche in un ambiente rigorosamente sterile.

Il burro
Il burro è la materia grassa ricavata dalla crema di latte
mediante sbattimento.
● Nella produzione industriale del burro, il latte viene cen-
trifugato per separarne la crema, che è formata di un’emul-
sione di particelle di grasso, acqua, proteine e sali minerali.
● La crema viene poi sottoposta alla pastorizzazione per
migliorare la conservabilità del prodotto.
Fabbricazione del burro. ● Segue la maturazione, mediante l’aggiunta di fermenti,
acidificanti e produttori d’aromi.
● Si passa quindi alla burrificazione per sbattimento della
crema in recipienti detti zangole, alla temperatura di circa
12 °C. In seguito allo sbattimento, i globuli di grasso soli-
CENTRIFUGAZIONE DEL LATTE
dificano e si riuniscono in grumi, separandosi dal latticel-
lo (liquido residuo).
CREMA ● Dopo che il grasso si è separato sotto forma di burro,
viene lavato, impastato per ottenere una massa più com-
PASTORIZZAZIONE
patta, e modellato nei pani messi in commercio, che ven-
gono poi avvolti in carta da burro, impermeabilizzata.

MATURAZIONE
Lo yogurt
Lo yogurt è un latte fermentato con microrganismi acidi-
SBATTIMENTO ficanti.
LATTICELLO La tecnologia di produzione dello yogurt prevede due fasi:
● Preparazione del latte
BURRO
– Scrematura: il latte è centrifugato per eliminare il conte-
nuto di grasso in eccesso.
LAVAGGIO – Aggiunta eventuale di zucchero e di altri ingredienti.
– Omogeneizzazione e pastorizzazione.
● Formazione dello yogurt
IMPASTO
– Insemenzamento: vengono introdotti nel latte i batteri
della fermentazione.
MODELLATURA – Fermentazione.
– Rottura del coagulo, per ottenere una struttura omogenea.
BURRO CONFEZIONATO – Aggiunta eventuale di frutta.
– Confezione.

129
Area 4

Il formaggio
Il formaggio è il prodotto principale della lavorazione del lat-
te: si ottiene facendo coagulare la più importante proteina del
LATTE
latte (caseina) ad opera di un fermento (presame o caglio).
La tecnologia casearia comprende le tecniche e le attrez-
EVENTUALE SCREMATURA zaure necessarie alla trasformazione del latte (materia pri-
ma) in formaggio (prodotto finito).
● Il latte, proveniente dalle stalle o dai centri di raccolta, è
COAGULAZIONE trasportato al caseificio con autocisterne refrigerate.
ELIMINAZIONE ● Nel caseificio il latte è sottoposto a una serie di analisi
DEL SIERO
per valutarne la qualità.
CAGLIATA ● Il latte è degassato, per eliminare odori e gas estranei, e
filtrato, per eliminare la sporcizia presente nel latte.
● In attesa di essere lavorato, il latte viene conservato in
FORMAGGI
STAGIONATURA cisterne refrigerate.
MOLLI FRESCHI

FORMAGGI
A questo punto inizia la lavorazione per ottenere il formaggio.
COTTURA ● Sul latte intero o scremato si fa agire un fermento, detto
MOLLI STAGIONATI
presame o caglio, che si ricava dallo stomaco dei vitelli o
agnelli da latte.
(breve) FORMAGGI (prolungata) Il caglio provoca la coagulazione della caseina in una mas-
SEMIDURI FORMAGGI DURI sa granulosa, la cagliata, che contiene anche gran parte del
grasso, delle vitamine e dei sali minerali del latte di partenza.
SALATURA ● La cagliata viene spezzettata e separata dal siero.
A questo punto, le successive fasi di lavorazione differisco-
STAGIONATURA
no a seconda che si vogliano produrre formaggi a pasta
molle o formaggi semiduri e duri.
Se non si procede ad ulteriori trattamenti, si ottiene un for-
maggio molle fresco, da destinare subito al consumo (ad
es. mozzarella, fior di latte, scamorza, robiola).
La salatura dei for