Sei sulla pagina 1di 2

Origene, De principiis IV,2,2

Αἰτία δὲ πᾶσι τοῖς Il motivo per cui Horum autem


προειρημένοις tutto costoro che omnium falsae
ψευδοδοξιῶν καὶ abbiamo ricordato intellegentiae causa
ἀσεβειῶν ἢ hanno concezioni his quibus supra
ἰδιωτικῶν περὶ θεοῦ sbagliate empie e diximus non alia
λόγων οὐκ ἄλλη τις volgari della divinità extitit, nisi quod
εἶναι δοκεῖ ἢ ἡ non deriva da altro sancta scriptura ah
γραφὴ κατὰ τὰ che da incapacità di his non secundum
πνευματικὰ μὴ interpretare spiritalem sensum,
νενοημένη, ἀλλ' ὡς spiritualmente la sed secundum
πρὸς τὸ ψιλὸν Scrittura che viene litterae sonum
γράμμα accolta soltanto intellegitur. Propter
ἐξειλημμένη. διόπερ secondo il senso quod conabimur pro
τοῖς πειθομένοις μὴ letterale. Perciò a mediocritate sensus
ἀνθρώπων εἶναι quanti sono convinti nostri his, qui
συγγράμματα τὰς che i libri sacri non credunt scripturas
ἱερὰς βίβλους, ἀλλ' sono stati scritti da sanctas non per
ἐξ ἐπιπνοίας τοῦ uomini ma sono stati humana verba aliqua
ἁγίου πνεύματος composti e sono esse compositas, sed
βουλήματι τοῦ giunti a noi per spiritus sancti
πατρὸς τῶν ὅλων διὰ ispirazione dello inspiratione
Ἰησοῦ Χριστοῦ Spirito santo per conscriptas et
ταύτας volere del Padre di voluntate dei patris
ἀναγεγράφθαι καὶ tutti e per opera di per unigenitum
εἰς ἡμᾶς ἐληλυθέναι, Gesù Cristo noi filium suum Iesum
τὰς φαινομένας dobbiamo esporre Christum nobis
ὁδοὺς ὑποδεικτέον, quel che ci paiono i quoque esse traditas
ἐχομένοις τοῦ metodi, attenendoci e commissas, quae
κανόνος τῆς Ἰησοῦ al canone di Gesù nobis videtur recta
Χριστοῦ κατὰ Cristo secondo la esse via
διαδοχὴν τῶν successione degli intellegentiae
ἀποστόλων apostoli della chiesa demonstrare
οὐρανίου ἐκκλησίας. celeste observantibus illam
regulam
disciplinamque,
quam ad Iesu
Christo traditam
apostoli per
successionem
posteris quoque suis
caelestem ecclesiam
docentibus
tradiderunt.