Sei sulla pagina 1di 52

TRONCO

CEREBRALE
LOCALIZZAZIONEN
E

cervelletto

V D

Tronco cerebrale
• è sede dei riflessi e del controllo di molti visceri

• è sede dei centri che regolano il respiro: partono i segnali che


garantiscono gli automatismi respiratori

• è sede dei centri che regolano la temperatura corporea:


partono i segnali che mantengono costante la temperatura in
modo da permettere tutti i processi biologici e chimici
indispensabili per la vita.

• regola la circolazione sanguigna


mesencefalo

ponte

Peduncoli
bulbo
cerebellari

Faccia ventrale Faccia dorsale


Acquedotto di
Silvio

IV° ventricolo
Tela corioidea
DISPOSIZIONE DELLA
SOSTANZA BIANCA E
GRIGIA
posteriore

m.s. m.v.
m s.v. l
s.s. e s.s. a
d t
s.v. e
i
a r
m.v. a
l
e l
m.s.
e

anteriore
anteriore
Tronco encefalico:

• Scompaginamento della S.G. ad opera di fasci di


fibre mieliniche
• Spostamento in posizione dorsale del canale
dell’ependima
• Nuclei di sostanza grigia associati ai nervi cranici
disposti medio-lateralemte
• Comparsa di Nuclei Propri di S.G. aventi funzione
di stazione lungo le vie ascendenti o discendenti o
di collegamento tra diverse parti del SNC.
• Comparsa della Sostanza Reticolare
Sezione caudale Bulbo

• Pressoché conservato l’aspetto della costanza grigia


del MS ( si continua a riconoscere il corno grigio
ventrale mentre la testa del corno posteriore del MS
corrisponde al NUCLEO DEL NERVO TRIGEMINO.

• Ventralmente al corno grigio decorrono:


a. il fascio piramidale
b. il fascio tetto-spinale (esecuzione di riflessi in
risposta a stimoli acustici e visivi)
c. Il fascio vestibolo-spinale (controllo del tono
muscolare antigravitario)
• Dorso-medialmente compaiono il NUCLEO
CUNEATO (di Burdach) e il NUCLEO
GRACILE (di Goll) ai quali arrivano impulsi
della sensibilità epicritica somatica e dai
quali origina il LEMNISCO MEDIALE che
giunge al TALAMO
TALAMO (DIENCEFALO)

Lemnisco mediale (bulbo)

nucleao gracile e cuneato (bulbo)

Fascicolo gracile e cuneato (MS)

Neuriti dei neuroni sensitivi (sens. Epicritica somatica)


Sezione craniale Bulbo

• Perso l’aspetto tipico del MS: scompaiono le


corna grigie

• Compaiono altre formazioni di S.G. come i nuclei


olivari inferiori che ricevono fibre da vari distretti del
SNC e le inviano al cervelletto attraverso i peduncoli
cerebellari inferiori (fibre rampicanti)

• I nuclei associati ai nervi cranici sono disposti


dorsalmente
Vari distretti SNC

NUCLEI OLIVARI (coordinazione movimenti)

Peduncoli cerebellari inferiori

CERVELLETTO

FIBRE RAMPICANTI

CELLULE DEL PURKINJIE (coordinazioni dei movimenti)


La formazione reticolare è costituita da un aggregato diffuso di
neuroni e fibre nervose, che spesso non consente di identificare
aggregati nucleari discreti, ed ove possibile, dal ruolo funzionale
in parte ancora incerto.

Attualmente, sullo studio delle sue efferenze ed afferenze, sulla


base di dati elettrofisiologici e di dati emersi dallo studio di casi
clinici di interesse neurologico, si ritiene che la formazione
reticolare sia coinvolta nel controllo dei molte funzioni del
sistema nervoso vegetativo, tra cui quelle cardiocircolatorie,
respiratorie e gastrointestinali, nella modulazione di riflessi
muscolari mediati dai nervi cranici, nella modulazione della
nocicezione, nella regolazione degli stati di coscienza e dei
ritmi sonno-veglia.
PONTE
Faccia ventrale rilevata e convessa che
continua posteriormente con i
peduncoli cerebellari medi

Presenta una depressione mediana che


accoglie l’arteria basilare (SOLCO
BASILARE)

Lateralmente presenta l’emergenza


delle radici del n.trigemino
La Faccia POSTERIORE è costituita
dalla metà cefalica della fossa
romboidale
PONTE (STRUTTURA):

• Suddiviso in due parti: un piede


(ventrale) e una callotta o tegmento
(dorsale)
PIEDE:

• CONTIENE PICCOLI GRUPPI DI NEURONI


(nuclei basilari del ponte) che ricevono
connessioni con la corteccia cerebrale (f.cortico-
pontine) e che inviano fibre (f.ponto cerebellari)
attraverso il peduncolo cerebellare medio alla
corteccia cerebellare (fibre muscoidi).

In questo modo giungono al cervelletto


informazioni sulla programmazione dei movimenti
volontari
PIEDE:

• Decorrono fibre CORTICO-SPINALI che,


assieme alle fibre CORTICO-NUCLEARI
(dirette ai nuclei somatomotori T.E.)
costituiscono la VIA PIRAMIDALE
CALLOTTA:

• Sono presenti i NUCLEI COCLEARI


VENTRALI (ricevono impulsi uditivi dal
n.acustico)

Inviano fibre ascendenti al collicolo inferiore

Corpo genicolato mediale (diencefalo)

LEMNISCO LATERALE

TALAMO (diencefalo)
CALLOTTA:

• Sono presenti:

• Il nucleo motore del nervo facciale


• Il nucleo motore e il nucleo pontino sensitivo del
n.trigemino
• Nucleo del nervo abducente
mesencefalo
MESENCEFALO
• Superficie ventro-laterale:
peduncoli cerebrali separati dalla fossa
interpeduncolare (in cui si trova la sostanza perforata)

• Superficie laterale:
Delimitata dal decorso del tratto ottico
• Superficie dorsale:
4 protuberanze rotondeggianti dette COLLICOLI O
TUBERCOLI QUADRIGEMINI (due inferiori e due
superiori) che formano nel complesso la LAMINA
QUADRIGEMINA o TETTO OTTICO

• Inferiormente ai collicoli inferiori è presente


l’origine apparente del nervo trocleare (IV paio NC)
superiore
Bracci congiuntivi superiori (impulsi ottici)

inferiore Corpi quadrigemini


inferiori (Impulsi acustici)
• Nei PEDUNCOLI CEREBRALI, è presente la SOSTANZA NERA di Sommering,
organizzata a formare due nuclei costituiti da neuroni pigmentati (melanina) e
coinvolta nella regolazione della motilità.

• Dorsalmente alla S. Nera è presente il NUCLEO ROSSO che riceve impulsi


provenienti dal cervelletto (ped.cerebellare sup) e che è collegato sia al Talamo, sia
al MS cervicale (corna anteriori).
Interviene nella regolazione degli automatismi motori.

TALAMO
Nucleo rosso

cervelletto

M.S.
• Lateralmente al nucleo rosso è presente
il lemnisco mediale che trasporta la
sensibilità esterocettiva e propriocettiva
epicritica con origine dai nuclei Gracile
e Cuneato (BULBO)
I nuclei di sostanza grigi sono:

Nuclei propri di relè

Nuclei di origine o terminazione di nervi cranici


NUCLEI PROPRI

Nuclei rossi
MESENCEFALO Sostanza reticolare
Sostanza nera

Sostanza reticolare

PONTE Nuclei basilari

Sostanza reticolare
BULBO Nucleo dentato
(oliva)
Nuclei annessi a
nervi cranici
I nervi cranici originano da singoli nuclei

Possono essere:

Motori somatici

Motori viscerali

Sensitivi somatici

Sensitivi viscerali
Misti