Sei sulla pagina 1di 147

pagina n.1 429963_LAVORATO.

pdf

Francesco Mazzocca

Note di Geometria Combinatoria


pagina n.2 429963_LAVORATO.pdf
pagina n.3 429963_LAVORATO.pdf

Indice

1 Richiami e argomenti preliminari 3


1.1 Corpi e campi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3

1.2 Anelli di polinomi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4

1.3 Campi Finiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6

1.4 Automorsmi di un campo nito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10

1.5 Gruppi lineari e semilineari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12

1.6 Spazi proiettivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16

1.7 Dualità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21

1.8 Spazi ani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23

1.9 Geometria su un corpo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26

1.10 Piani proiettivi e ani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28

1.11 Un esempio di piano non desarguesiano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33

2 Spazi e piani niti 35


2.1 Spazi proiettivi e ani su campi niti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35

2.2 Forme sesquilineari e polarità in P G(n, q) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38

2.3 Piani niti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45

2.4 Il piano proiettivo d'ordine 4 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47

2.5 Fibrazioni di P G(n, q) e piani di traslazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50

3 Polinomi e varietà algebriche su campi niti 53


3.1 Radici dell'unità e potenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53

3.2 Le funzioni traccia e norma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56

3.3 L'anello dei polinomi in più variabili su un campo nito . . . . . . . . . . . . . . . 57

3.4 Il problema di Kakeya sui campi niti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62

3.5 Funzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64

1
pagina n.4 429963_LAVORATO.pdf

3.6 Ideali di polinomi e varietà algebriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65

4 Sottopiani, archi e calotte di ordine massimo 75


4.1 Caratteri di un insieme di punti in un piano proiettivo nito . . . . . . . . . . . . . 75

4.2 Sottopiani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76

4.3 Archi e curve hermitiani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77

4.4 Archi in un piano proiettivo nito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81

4.5 Ovali in P G(2, q), q dispari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84

4.6 Iperovali in P G(2, q) ed o−polinomi, q pari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88

4.7 Ovoidi in P G(3, q) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93

4.8 (k, d)−calotte in P G(n, q) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97

5 Blocking set 99
5.1 Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99

5.2 Blocking set nei piani proiettivi niti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 100

5.3 Blocking set in P G(2, q) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102

5.4 Blocking set e nuclei in AG(2, q) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109

6 Disegni 113
6.1 Prime denizioni ed esempi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113

6.2 Prime relazioni tra i parametri di un disegno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116

6.3 Matrici d'incidenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118

6.4 Costruzioni di disegni da altri disegni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120

6.5 Disegni simmetrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 121

6.6 Il teorema di Bruck-Ryser-Chowla . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122

6.7 Restrizioni sui parametri di un disegno simmetrico . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126

6.8 Quadrati latini e piani niti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127

6.9 Matrici e 2−disegni di Hadamard . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129

Bibliograa 138
pagina n.5 429963_LAVORATO.pdf

Capitolo 1

Richiami e argomenti preliminari


Nel corso di queste note supporremo che il Lettore conosca i fondamenti dell'algebra lineare, della

geometria ane e proiettiva su un campo e che abbia familiarità con i primi elementi delle teorie

dei gruppi, degli anelli e dei campi. In ogni caso cercheremo di fare il maggior numero di richiami

allo scopo rendere gli appunti il più autosucienti possibile.

1.1 Corpi e campi


Una struttura algebrica con due operazioni interne ( addizione e moltiplicazione) F = (F, +, ·)
prende il nome di corpo se sono vericate le seguenti proprietà:

(1) F è un gruppo abeliano rispetto all'addizione;

(2) ∗
F = F \ {0} è un gruppo rispetto alla moltiplicazione;

(3) la moltiplicazione in F è distributiva rispetto all'addizione, cioè

(a + b)c = ac + bc , per ogni a, b, c ∈ F .

I gruppi (F, +) e (F ∗ , ·) si chiamano, rispettivamente, gruppo additivo e gruppo moltiplica-


tivo F. Come al solito, 0 (zero) e 1 (unità) denotano rispettivamente gli elementi neutri di
di

(F, +) e (F ∗ , ·). Il corpo F prende il nome di campo se la moltiplicazione è commutativa, cioè se


il suo gruppo moltiplicativo è abeliano. In modo usuale si deniscono le nozioni di sottocorpo e

sottocampo di un assegnato corpo.


Assegnato un corpo F = (F, +, ·), se ne può costruire un altro, con gli stessi elementi e la
stessa addizione di F, denendo su F una nuova moltiplicazione ◦ nel seguente modo: a ◦ b = ba,
per ogni a, b ∈ K, ove ab indica il prodotto di a e b in F. Tale corpo si chiama corpo opposto a F.

RISULTATO 1.1.1. (Teorema di Wedderburn) Ogni corpo nito è un campo.


DEFINIZIONE 1.1.2. Si dice che un corpo F ha caratteristica zero se vale la seguente proprietà:
c ∈ N , ca = 0 per ogni a ∈ F ⇒ c = 0.

3
pagina n.6 429963_LAVORATO.pdf

4 1.2 ANELLI DI POLINOMI

Nel caso contrario, si dice che F ha caratteristica positiva e il più piccolo intero positivo p per cui
pa = 0 , per ogni a∈F
risulta un primo e si chiama caratteristica di F. La caratteristica di F si denota con char(F ).
DEFINIZIONE 1.1.3. L'intersezione di tutti i sottocampi di un corpo F si chiama sottocampo

fondamentale o sottocampo primo di F. Esso coincide col sottocampo generato da 1 ed è, rispetto


all'inclusione, il minimo sottocampo di F.
RISULTATO 1.1.4. Il sottocampo fondamentale di un corpo F è isomorfo al campo raziona-
le Q o al campo Zp dei resti modulo un primo p a seconda che char(F ) = 0 o char(F ) = p,
rispettivamente.
OSSERVAZIONE 1.1.5. Dal risultato precedente segue subito che ogni campo nito, non potendo

contenere il campo razionale, ha caratteristica positiva p, con p intero primo.

Una funzione biunivoca tra due corpi σ : K → F prende il nome di isomorsmo se sono

vericate le seguenti due condizioni:

• σ(a + b) = σ(a) + σ(b),


• σ(ab) = σ(a)σ(b),

per ogni a, b ∈ F. Un isomorsmo di un corpo F su se stesso σ : F → F prende il nome di

automorsmo di F.
A volte, nel seguito, per un isomorsmo tra due corpi σ : K → F useremo la notazione

esponenziale; scriveremo cioè aσ al posto di σ(a), a ∈ K.


ESERCIZIO 1.1.6. Provare che l'insieme Aut(F ) di tutti gli automorsmi di un corpo F , rispetto
all'operazione di composizione tra funzioni, è un gruppo (il gruppo degli automorsmi di F ).

1.2 Anelli di polinomi


Denotiamo con F [x] l'anello dei polinomi nell'indeterminata x a coecienti in un campo F. Un

elemento f ∈ F [x] è del tipo


f (x) = ao + a1 x + a2 x2 + · · · + an xn , ao , a1 , . . . , an ∈ F
e, se è non nullo, il suo grado si denota con deg(f ) o con deg f. Ricordiamo esplicitamente che

F [x] è commutativo e unitario, che al polinomio nullo non si attribuisce grado e che gli elementi

invertibili di F [x] sono tutti e soli quelli non nulli del campo F (costanti non nulle).

RISULTATO 1.2.1. (Divisione euclidea) Se f, g ∈ F [x], con g ̸= 0, esiste un'unica coppia di


polinomi (q, r) tali che
f = qg + r , con r = 0 o deg r < deg g (1.1)

I polinomi q ed r nella (1.1) si chiamano, rispettivamente, quoziente e resto della divisione

fra f e g e si calcolano col ben noto algoritmo di Euclide. Se f, g sono due polinomi, la notazione

g | f indica che g divide f, cioè che esiste un polinomio c tale che f = cg. In queste ipotesi la

divisione euclidea tra f e g ha resto nullo.


pagina n.7 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 5

RISULTATO 1.2.2. F [x] è un anello principale; ogni suo ideale J, quindi, è principale, cioè contiene
qualche polinomio c(x) che lo genera1 :
J = (c(x)) = {f (x)c(x) : f (x) ∈ F [x]} .

I generatori di un ideale J di F [x] sono tutti e soli i polinomi di grado minimo in J; questi
dieriscono tra loro per una costante moltiplicativa non nulla e, tra essi, ve ne è uno solo monico
m (il polinomio minimo di J ). Risulta, quindi,

J = (m) = {hm : h ∈ F [x]}

e i generatori di J sono tutti e soli i polinomi del tipo am, con a ∈ F ∗ . Se J1 = (c1 (x)) e J2 = (c2 (x))
sono ideali di F [x], risulta
J1 ⊆ J2 ⇔ c2 (x) | c1 (x) .

Sia J un ideale di F [x]. La relazione

f (x) ∼ g(x) ⇔ f (x) − g(x) ∈ J

è di equivalenza in F [x] e le sue classi di equivalenza sono i laterali di J in F [x]. Il laterale [f ]J di

J individuato dal polinomio f (x) è dato da

[f ]J = f (x) + J = {f (x) + h(x) : h(x) ∈ J}

e risulta

f (x) + J = J ⇔ f (x) ∈ J.
Inoltre, sull'insieme dei laterali di J in F [x], che si denota con F [x]/J, sono ben denite le seguenti
operazioni di addizione e moltiplicazione:
[f ]J + [g]J = [f + g]J , [f ]J [g]J = [f g]J .

RISULTATO 1.2.3. Sia J un ideale di F [x]. La struttura algebrica


F [x]/J = (F [x]/J, +, ·)

è un dominio d'integrità (l'anello quoziente di F [x] rispetto all'ideale J ). Inoltre, in F [x]/J si ha:
0 = [0]J = 0 + J = J , 1 = [1]J = 1 + J , −[f ]J = [−f ]J .

OSSERVAZIONE 1.2.4. Risulta F [x]/F [x] = {0} e F [x]/(0) = F [x].


RISULTATO 1.2.5. Se J è un ideale di F [x], gli ideali H dell'anello quoziente F [x]/J sono tutti
e soli quelli del tipo I/J, ove I è un ideale di F [x] contenente J.
DEFINIZIONE 1.2.6. Un'equazione del tipo f (x) = 0, f ∈ F [x] e deg f = n, si chiama equazione
algebrica di grado n e un elemento c di un campo K contenente F si dice radice o zero di f se
risulta f (c) = 0.
PROPOSIZIONE 1.2.7. Siano f ∈ F [x] un polinomio di grado n e c un elemento di F. Allora
esiste un unico polinomio q ∈ F [x] tale che f = (x − c)q + f (c) (teorema del resto). Ne segue
che c è una radice di f se, e solo se, (x − c) divide f (teorema di Runi). Inoltre, f possiede al
più n radici in F.
1 In un anello commutativo, l'ideale generato da un elemento a si denota con (a).
pagina n.8 429963_LAVORATO.pdf

6 1.3 CAMPI FINITI

DIMOSTRAZIONE. Segue subito dalla (1.1).

DEFINIZIONE 1.2.8. Un polinomio f ∈ F [x] di grado positivo si dice irriducibile in F [x], o

irriducibile su F se

f = gh , g, h ∈ F [x] , deg h > 0 ⇒ g costante .


Se f non è irriducibile, si dice riducibile.
RISULTATO 1.2.9. Un polinomio f ∈ F [x] di grado positivo è irriducibile su F se, e solo se,

f | gh con g, h ∈ F [x] ⇒ f | g o f | h.

RISULTATO 1.2.10. Ogni polinomio di grado positivo a coecienti in F è irriducibile o prodotto


di polinomi irriducibili su F.
OSSERVAZIONE 1.2.11. Il polinomio x è irriducibile in F [x]. Ogni polinomio di primo grado a

coecienti in F ha una radice in F ed è ivi irriducibile.

RISULTATO 1.2.12. Sia f ∈ F [x] un polinomio irriducibile su F di grado maggiore di 1. Allora


F non contiene radici di f.
RISULTATO 1.2.13. Sia f ∈ K[x] un polinomio di grado 2 o 3 e si supponga che f non abbia
radici in F. Allora f è irriducibile su F.
RISULTATO 1.2.14. L'ideale (f ) generato da f ∈ F [x] è massimale in F [x] se, e soltanto se,
f è irriducibile su F. Ne segue che l'anello quoziente F [x]/(f ) è un campo se, e soltanto se, f è
irriducibile2 .
ESERCIZIO 1.2.15. Provare che un polinomio f ∈ F [x] di grado 2 o 3 è riducibile su F se, e solo
se, f ha una radice in F.

1.3 Campi Finiti


Siano F K un suo sottocampo. In queste ipotesi, si dice anche che F è un'estensione
un campo e

di K F/K. Ovviamente si ha che ogni campo (diverso da Q e Zp . p primo) è estensione


e si scrive

del proprio sottocampo fondamentale ed è facile rendersi conto che F è uno spazio vettoriale su K.

La dimensione di tale spazio vettoriale si chiama anche grado di F su K e si denota con dimK F o

[F : K].
DEFINIZIONE 1.3.1. Sia F/K un'estensione. Si dice che F è un' estensione di grado nito di K,
o che F/K è di grado nito, se la dimensione di F su K è nita.

ESEMPIO 1.3.2. Il campo R dei numeri reali non è un'estensione di grado nito del campo Q dei

razionali. Nel campo

C = {a + ib : a, b ∈ R , i2 = −1}
dei numeri complessi, considerato come spazio vettoriale sui reali, l'insieme {1, i} è una base. Ne

segue che C è un'estensione nita di R di grado 2.


RISULTATO 1.3.3. Sia f ∈ K[x] un polinomio irriducibile su K. Allora esiste un'estensione F di
K contenente una radice a di f.
2 Ricordiamo che se A è un anello commutativo unitario e J un suo ideale, l'anello quoziente A/J è un campo se,
e solo se, J è un ideale massimale di A.
pagina n.9 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 7

DEFINIZIONE 1.3.4. Sia f un polinomio di grado n > 0 a coecienti in un campo K. Un'esten-


sione F di K si chiama campo di spezzamento di f suK se contiene n elementi a1 , a2 , . . . , an ∈ F
(non necessariamente distinti) tali che:

(1) f (x) = a(x − a1 )(x − a2 ) · · · (x − an ) con a ∈ K;


(2) il sottocampo di F generato da K e a1 , a2 , . . . , an coincide con F.

RISULTATO 1.3.5. Per ogni polinomio di grado n > 0 a coecienti in un campo K esiste, unico
a meno di isomorsmi, un campo di spezzamento su K.
ESEMPIO 1.3.6. Il polinomio x2 + 1 è irriducibile sul campo reale. Il suo campo di spezzamento

è il campo complesso, ove risulta x2 + 1 = (x − i)(x + i).

Nel seguito denoteremo con Fq un campo nito d'ordine q e caratteristica p (cfr. Oss.

1.1.5). In queste ipotesi il sottocampo fondamentale di Fq è isomorfo a Zp , il campo dei resti

modulo l'intero primo p.

PROPOSIZIONE 1.3.7. Siano Fq un campo nito e Fq un suo sottocampo d'ordine q′ . Allora


(i) esiste un intero positivo h tale che |Fq | = q = ph ;



(ii) se |Fq′ | = ph , h′ divide h;
(iii) se h è primo, Zp è l'unico sottocampo proprio di Fq .
DIMOSTRAZIONE. Fq ha grado nito h su Zp e, quindi, come spazio vettoriale su Zp è

isomorfo a Zph , che contiene esattamente ph elementi. Con analogo ragionamento si prova il resto

del teorema.

RISULTATO 1.3.8. Siano p un primo, h un intero positivo e q = ph . Il campo di spezzamento del


polinomio xq − x su Zp è nito d'ordine q (un tale campo prende il nome di campo di Galois e si

denota con GF (q)).

PROPOSIZIONE 1.3.9. Denotati con a1 , a2 , ..., aq−1 gli elementi non nulli di Fq , risulta:
aq−1 = 1 , per ogni a ∈ Fq∗ ; (1.2)

aq = a , per ogni a ∈ Fq ; (1.3)

a1 a2 · · · aq−1 = −1. (1.4)

DIMOSTRAZIONE. La (1.2) è vera perchè il gruppo



moltiplicativo Fq è nito e ha ordine

q − 1. La (1.3) è ovvia conseguenza della (1.2) e assicura che il polinomio


q
x −x può essere scritto

nella forma

xq − x = x(x − a1 )(x − a2 ) · · · (x − aq−1 ); (1.5)

così uguagliando i coecienti dei termini di primo grado, si ha

(−1)q−1 a1 a2 · · · aq−1 = a1 a2 · · · aq−1 = −1

e resta provata anche la (1.4).

ESERCIZIO 1.3.10. Usando la (1.5), provare che la somma di tutti gli elementi di un campo nito
d'ordine maggiore di due è uguale a zero.
ESERCIZIO 1.3.11. Provare che un polinomio del tipo (x − α1 )(x − α2 ) · · · (x − αt ) ∈ Fq , con
α1 , α2 , ..., αt elementi a due a due distinti di Fq , divide xq − x.
pagina n.10 429963_LAVORATO.pdf

8 1.3 CAMPI FINITI

OSSERVAZIONE 1.3.12. In un campo nito non vale il principio di identità dei polinomi .
3 La

(1.3), infatti, mostra che il polinomio non nullo xq − x ∈ Fq [x] ha funzione polinomiale nulla.

PROPOSIZIONE 1.3.13. Ogni campo nito d'ordine q = ph è campo di spezzamento del polinomio
xq − x su Zp . Di conseguenza campi niti dello stesso ordine sono isomor.
DIMOSTRAZIONE. La prima parte segue dalla (1.5) e dalla denizione di campo di

spezzamento. La seconda parte segue dall'unicità del campo di spezzamento.

CONCLUSIONE 1.3.14. Per ogni primo p e per ogni intero positivo h, esiste un unico campo
nito d'ordine q = ph , a meno di isomorsmi.
RISULTATO 1.3.15. Per ogni divisore k di h esiste un unico sottocampo di Fq d'ordine pk .
RISULTATO 1.3.16. Siano g(x) ∈ Zp [x] un polinomio irriducibile su Zp di grado h > 1 e a una
radice di g(x) nel suo campo di spezzamento su Zp . Allora
Zp (a) = {m0 + m1 a + m2 a2 + · · · + mh−1 ah−1 : mj ∈ Zp }

è un campo nito d'ordine ph (estensione algebrica di Zp mediante l'aggiunta di una radice a di


g(x)). Ne segue che Zp (a) è isomorfo al campo di Galois GF (ph ) = Zp [x]/(g) d'ordine q = ph .
Ogni campo di Galois può ottenersi con questa costruzione.
ESEMPIO 1.3.17. Usando il polinomio x2 + x + 1 ∈ Z2 [x] irriducibile su Z2 = {0, 1}, possiamo

costruire un modello del campo di Galois d'ordine 4:

GF (4) = {0, 1, a, 1 + a},


2
ove a ha la proprietà a + a + 1 = 0.
ESEMPIO 1.3.18. Usando il polinomio g1 (x) = x2 − x − 1 ∈ Z3 [x] irriducibile su Z3 = {0, 1, −1},
possiamo costruire un modello del campo di Galois d'ordine 9:

GF (9) = {0, 1, −1, a, −a, 1 + a, 1 − a, −1 + a, −1 − a},

ove a ha la proprietà a2 − a − 1 = 0.
ESEMPIO 1.3.19. Usando il polinomio g2 (x) = x2 + 1 ∈ Z3 [x] irriducibile su Z3 = {0, 1, −1},
possiamo costruire un altro modello del campo di Galois d'ordine 9. Avremo:

GF (9) = {0, 1, −1, b, −b, 1 + b, 1 − b, −1 + b, −1 − b},

ove b ha la proprietà b2 = −1.

Nel seguito supporremo costantemente q = ph e denoteremo con Fq∗ l'insieme degli elementi

non nulli di Fq , gruppo moltiplicativo di Fq .


cioè il

Ricordiamo che l'ordine, o periodo, o(a) di un elemento a ∈ Fq



è l'ordine che ha a come elemento
del gruppo moltiplicativo Fq∗ , cioè è il più piccolo intero positivo m tale che am = 1. Inoltre, se
an = 1 per un intero n, allora m deve dividere n.
RISULTATO 1.3.20. (Teorema dell'elemento primitivo) Il gruppo moltiplicativo Fq∗ di Fq è
ciclico, esiste cioè un elemento α ∈ Fq∗ di periodo q − 1 (elemento primitivo o radice primitiva
di Fq ).
3 Si dice che in un campo F vale il principio di identità dei polinomi quando accade che due polinomi su F sono
uguali se, e solo se, hanno la stessa funzione polinomiale. Questo equivale a dire che un polinomio su F è nullo se,
e solo se, ha funzione polinomiale nulla. Sui campi inniti vale il principio d'identità dei polinomi.
pagina n.11 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 9

ESEMPIO 1.3.21. Relativamente alla rappresentazione di GF (9) descritta nell'Esempio 1.3.18,

l'elemento a, radice di g1 (x), risulta primitivo. Si ha, infatti,

a0 = 1 , a1 = a , a2 = 1 + a , a3 = 1 − a , a4 = −1 ,

a5 = −a , a6 = −1 − a , a7 = −1 + a , a8 = 1 .
Nella rappresentazione di GF (9) descritta nell'Esempio 1.3.19, invece, l'elemento b, radice di g2 (x),
non risulta primitivo. Si ha, infatti,

b0 = 1 , b1 = b , b2 = −1 , b3 = 1 .

In questa rappresentazione di GF (9), un elemento primitivo è 1 + b. Si ha, infatti,

(1 + b) = 1 , (1 + b) = 1 + b , (1 + b) = −b , (1 + b) = 1 − b , (1 + b)4 = −1 ,
0 1 2 3

(1 + b)5 = −1 − b , (1 + b)6 = b , (1 + b)7 = −1 + b , (1 + b)8 = 1 .


OSSERVAZIONE 1.3.22. h
L'Esempio 1.3.21 mostra che se è GF (p ) = Zp (a), con a radice di un

polinomio g(x) ∈ Zp [x] irriducibile su Zp e di grado h, l'elemento a ∈ GF (ph ) non è necessariamente


h
una radice primitiva di GF (p ).

ESERCIZIO 1.3.23. Trovare tutti gli elementi primitivi del campo GF (9) nella rappresentazione
dell'Esempio 1.3.18 e in quella dell'Esempio 1.3.19.
OSSERVAZIONE 1.3.24. Quando si rappresentano gli elementi non nulli del campo di Galois

GF (q) mediante potenze di un suo elemento primitivo α è molto semplice eseguire la moltiplicazione
i j (i+j) mod (q−1)
di due elementi: α α = α .

DEFINIZIONE 1.3.25. Sia GF (q) il campo di Galois d'ordine q = ph , p primo. Detto a un

elemento non nullo di GF (q), l'ideale di Zp [x]

Ia = {f ∈ Zp [x] : f (a) = 0}

è non nullo perchè x −x si annulla su a. Il polinomio minimo ma (x) di Ia si chiama anche polinomio
q

minimo di a su Zp . In altre parole ma (x) è l'unico polinomio monico tra tutti i polinomi in Zp [x]
di grado minimo che si annullano su a.
PROPOSIZIONE 1.3.26. Sia a ∈ GF (q). Il polinomio minimo ma (x) di a su Zp è irriducibile. Ne
segue che l'ideale Ia è massimale in Zp [x].
DIMOSTRAZIONE. ma = f g, con f, g ∈ Zp [x], abbiamo ma (a) = f (a)g(a) = 0
Se poniamo

e, quindi, deve essere f (a) = 0 g(a) = 0. Nel primo caso, avendosi deg(f ) ≤ deg(ma ) ed
oppure

essendo ma di grado minimo tra i polinomi di Zp [x] che si annullano su a, risulta deg(f ) = deg(ma )

e quindi g è una costante. Nel secondo caso si ragiona allo stesso modo e si ottiene così l'asserto.

RISULTATO 1.3.27. Sia a ∈ GF (q) e si ponga Zp [a] = {f (a) : f ∈ Zp [x] }. Allora, la funzione

φa : f (x) ∈ Zp [x] → f (a) ∈ Zp [a]

risulta un morsmo di anelli con nucleo l'ideale Ia dei polinomi a coecienti in Zp [x] che si
annullano su a e immagine Zp [a]. Ne segue che Zp [x]/Ia è isomorfo a Zp [a] e, di conseguenza, Zp [a]
è un campo, sottocampo di GF (q). Inoltre, Zp [a] coincide col sottocampo di GF (q) generato da
Zp ∪ {a} e l'estensione Zp [a]/Zp ha grado nito n pari al grado del polinomio minimo ma di a. Ne
segue che l'estensione Zp [a] è isomorfo a GF (pn ).
pagina n.12 429963_LAVORATO.pdf

10 1.4 AUTOMORFISMI DI UN CAMPO FINITO

PROPOSIZIONE 1.3.28. Se a ∈ GF (q) e se n è il grado del suo polinomio minimo ma su Zq ,


allora
{1, a, a2 , . . . , an−1 }
è una base di Zp [a] = GF (p ) su Zp . Ne segue che ma divide xp − x.
n
n

DIMOSTRAZIONE. Se così non fosse, esisterebbe un polinomio in Zp [x] di grado minore

di n avente a per radice; un assurdo.

1.4 Automorsmi di un campo nito


PROPOSIZIONE 1.4.1. Sia g(x) ∈ Fq [x] un polinomio irriducibile su Fq e a una sua radice in una
estensione di Fq . Allora, se h(x) ∈ Fq [x], risulta h(a) = 0 se, e soltanto se, g(x) divide h(x).
DIMOSTRAZIONE. Detti n il grado di g(x) e a0 il suo coeciente direttore, il polinomio
m(x) = a−10 g(x) è il polinomio minimo di a su Fq . Ne segue che h(a) = 0 se, e soltanto se, m(x),
e quindi g(x), divide h(x).

PROPOSIZIONE 1.4.2. Un polinomio g(x) ∈ Fq [x] irriducibile su Fq divide xq k − x, con k intero


positivo, se, e soltanto se, il grado n di g(x) divide k.
DIMOSTRAZIONE. Nell'ipotesi che g(x) divida xq − x, denotiamo con a una
k
radice di
k
g(x) in qualche estensione di Fq e osserviamo che, essendo aq = a, risulta a ∈ Fqk . Si ha allora

che Fq (a) è un sottocampo di Fq k e

dimFq Fqk = k , dimFq Fq (a) = n


onde, tenendo conto della Proposizione.1.3.7, abbiamo che n divide k.
Viceversa, nell'ipotesi che n divida k, Fqn è sotto-
abbiamo ancora per la Proposizione1.3.7 che

campo di Fqk e, detta a una radice di g(x) in una estensione di Fq , risulta Fq (a) = Fqn . Ne segue
qk k
che, essendo a ∈ Fq n ⊆ Fq k , a è una radice di x − x e quindi g(x) divide xq − x, come volevamo
dimostrare.

PROPOSIZIONE 1.4.3. Sia g(x) ∈ Fq [x] un polinomio di grado n irriducibile su Fq . Se a è una


radice di g(x) in una estensione di Fq , risulta:
(i) tutte le radici di g(x) sono semplici;
(ii) gli elementi a, aq , aq , . . . , aq sono tutte e sole le radici di g(x);
2 n−1

(iii) Fqn è il campo di spezzamento di g(x) su Fq .


DIMOSTRAZIONE. Posto g(x) = a0 xn + a1 xn−1 + · · · + an−1 x + an e tenendo presente

che tutti gli aj appartengono ad Fq , per ogni intero positivo t, risulta


t t t t
g(aq ) = a0 anq + a1 a(n−1)q + · · · + an−1 aq + an
t t t t t t t
= aq0 anq + aq1 a(n−1)q + · · · + aqn−1 aq + aqn
qt
= g(a) = 0.
t
Resta così provato che aq g(x), per ogni intero positivo t. Allora, per ottenere
è una radice di
s t
(i) e (ii), basta provare che, se 0 < s < t < n, risulta aq ̸= aq . In queste ipotesi, se assumiamo
s t
aq = aq , essendo a ∈ Fq (a) = Fqn , abbiamo
s n−t t n−t n−t+s n
(aq )q = (aq )q ⇒ aq = aq = a.
pagina n.13 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 11

n−t+s
Quindi g(x) divide xq − x in forza della Proposizione1.4.1 e ciò, per la Proposizione1.4.2,

accade solo se n divide n + s − t, il che è evidentemente assurdo.

Inne, da Fq (a) = Fqn e dalle (i) e (ii), abbiamo

n−1
Fq (a) = Fq (a, aq , ..., aq ) = Fq n ,

cioè la (iii).

DEFINIZIONE 1.4.4.
2 n−1
Per ogni elemento a ∈ Fqn , gli elementi a, aq , aq , .., aq prendono il nome

di coniugati di a rispetto ad Fq , o q−coniugati di a.

ESERCIZIO 1.4.5. Tenendo presente l'ultima proposizione, provare che i q−coniugati di un ele-
mento a ∈ Fqn sono fra loro distinti se, e soltanto se, il polinomio minimo di a su Fq ha grado
n.

DEFINIZIONE 1.4.6. Un campo F si dice perfetto F ed ivi


se ogni polinomio a coecienti in

F. Inoltre, un'estensione F ′
irriducibile ha tutte le radici semplici nel suo campo di spezzamento su

di F si dice normale se contiene il campo di spezzamento di ogni polinomio f (x) ∈ F [x] irriducibile

su F e avente almeno una radice in F .

La Proposizione1.4.3 assicura che vale il seguente teorema.

PROPOSIZIONE 1.4.7. Ogni campo nito Fq è perfetto. Inoltre, Fq è estensione normale di Fq . n

Se Fqn è l'estensione di n, un q−automorsmo di Fqn è un automorsmo f di


Fq di grado

Fqn tale che f (a) = a, a ∈ Fq . I q−automorsmi di Fqn formano un gruppo,


per ogni elemento

che si chiama gruppo di Galois di Fq n su Fq e si denota con G(Fq n : Fq ). Inoltre, una funzione

f : Fqn → Fq si dice q−lineare se è lineare quando si riguarda Fqn come spazio vettoriale su Fq .

PROPOSIZIONE 1.4.8. Per ogni intero positivo r, l'applicazione


r
fr = fr(q,n) : a ∈ Fqn → aq ∈ Fqn (1.6)

è un q−automorsmo. Inoltre, per 0 < r < s < n, risulta fr ̸= fs .


DIMOSTRAZIONE. È chiaro che fr è un endomorsmo di Fqn , avendosi

r r r
fr (ab) = fr (a)fr (b) , (a + b)q = aq + bq ,
r r
per ogni a, b ∈ Fqn . Ora, nell'ipotesi aq = bq , abbiamo

r r r
0 = aq − bq = (a − b)q ,

quindi a=b e fr è iniettivo. Inoltre, essendo Fq n nito, fr risulta anche suriettivo e così è un

automorsmo. Inne, risultando

r
a ∈ Fq ⇒ aq = a ⇒ aq = a ⇒ fr (a) = a,

si ha la prima parte dell'asserto. La seconda parte è di facile verica.

DEFINIZIONE 1.4.9. L'automorsmo fr denito dalla (1.6) prende il nome di r−esimo automor-
smo di Frobenius di Fqn su Fq .
pagina n.14 429963_LAVORATO.pdf

12 1.5 GRUPPI LINEARI E SEMILINEARI

PROPOSIZIONE 1.4.10. Il gruppo dei q−automorsmi di Fqn è ciclico d'ordine n ed è generato


da f1 . Inoltre, Fqn è estensione di Galois di Fq 4 .
DIMOSTRAZIONE. Per ottenere la prima parte dell'asserto, tenendo presente la propo-

sizione precedente e il fatto che fr = (f1 )r , per ogni intero r tale che 0 < r < n, dobbiamo soltanto
provare che, se f è un q−automorsmo, allora esso è di Frobenius. In queste ipotesi, se

m(x) = xn + a1 xn−1 + · · · + an−1 x + an ∈ Fq [x]

è il polinomio minimo su Fq di un elemento primitivo g di Fqn , essendo

m(f (g)) = f (g)n + a1 f (g)n−1 + · · · + an−1 f (g) + an


= f (g)n + f (a1 )f (g)n−1 + · · · + f (an−1 )f (g) + f (an )
= f (g n + a1 g n−1 + · · · + an−1 g + an )
= f (0) = 0,

abbiamo che f (g) è a sua volta una radice di m(x). Allora, dalla (ii) di 1.4.3 segue che esiste un

intero r, 0 < r < n, tale che


r
f (g) = g q ,
da cui si ha subito
r
f (a) = aq , per ogni a ∈ Fq n ,
cioè f = fr . La seconda parte segue dal fatto che f1 (a) ̸= a, per ogni elemento a ∈ Fqn \ Fq .

COROLLARIO 1.4.11. Il gruppo Aut(Fq ) di tutti gli automorsmi di Fq è ciclico d'ordine h ed


è generato dal primo automorsmo di Frobenius di Fq sul proprio sottocampo fondamentale Zp ,
cioè Aut(Fq ) = G(Fq : Zp ). Inoltre, Fq è estensione di Galois di ogni suo sottocampo.
DIMOSTRAZIONE. Segue dalla proposizione precedente e dal fatto che ogni automorsmo

di un campo ssa tutti gli elementi del sottocampo fondamentale.

ESERCIZIO 1.4.12. Un automorsmo σ di Fq si dice involutorio se è a quadrato identico, cioè


σ 2 = 1. Provare che Fq ammette un automorsmo involutorio se, e solo se, q è una potenza pari
p2t della sua caratteristica p; in questo caso σ è denito da
t
σ : a ∈ Fq → ap ∈ Fq

ed è univocamente determinato.

Avvertiamo il lettore che a volte, se σ è un automorsmo di Fq e a un elemento di Fq ,


useremo la notazione esponenziale aσ per denotare l'immagine σ(a) di a in σ.

1.5 Gruppi lineari e semilineari


Sia V uno spazio vettoriale di dimensione nita n su un campo K. Quasi sempre i vettori di V,
tranne esplicito avviso, saranno denotati con lettere latine minuscole in grassetto.

4 Questo signica che per ogni a ∈ F n \ F, esiste un q−automorsmo f ∈ G(F n : F ) tale che f (a) ̸= a. In altre
q q q
parole, dire che Fqn è estensione di Galois di Fq signica che il sottocampo di Fqn costituito da tutti gli elementi
di Fqn uniti in ogni q−automorsmo è esattamente Fq .
pagina n.15 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 13

DEFINIZIONE 1.5.1. Un isomorsmo di V su uno spazio vettoriale V′ su K è una funzione lineare

e biunivoca di V su V ′, cioè una biiezione L : V →V′ tale che

L(αx + β y ) = αL(x) + βL(y ),

per ogni α, β ∈ K e x, y ∈ V. Un automorsmo di V è un isomorsmo di V su se stesso. Gli

automorsmi di V formano un gruppo di permutazioni5 sui vettori di V che si denota con GL(V )
e si chiama gruppo generale lineare di V.

È ben noto che un automorsmo L ∈ GL(V ), rispetto ad una base ordinata B = (e1 , e2 , ..., en )
di V, si rappresenta con un'equazione del tipo

   
x′1 x1
 x′2   x2 
   
 ..  = AL  ..  ,
 .   . 
x′n xn

ove (xi ) e (x′i ) sono le componenti in B rispettivamente di un generico vettore v e della sua

immagine L(v ), e AL è la matrice quadrata invertibile le cui colonne sono ordinatamente uguali

alle componenti dei vettori L(e1 ), L(e2 ), ..., L(en ). AL si chiama matrice di L nella base ordinata
B.
Se denotiamo con GL(n, K) il gruppo delle matrici quadrate invertibili di ordine n su K e

ssiamo una base ordinata B in V, l'applicazione

L ∈ GL(V ) → AL ∈ GL(n, K) (1.7)

è un isomorsmo di gruppi. GL(n, K) si chiama gruppo generale lineare di grado n su K.


OSSERVAZIONE 1.5.2. L'isomorsmo (1.7) non è canonico in quanto dipende dalla scelta di una
base in V. Saranno, quindi, non canonici tutti gli isomorsmi costruiti a partire da questo.

Ricordiamo che, ssato L ∈ GL(V ), al variare della base ordinata B, la matrice AL in (1.7)

descrive in GL(n, K) una classe completa di matrici simili. Per tale motivo, una proprietà di AL
è anche una proprietà di L se, e solo se, è invariante per similitudine. Per esempio, sono invarianti

per similitudini il determinante e la traccia di AL e quindi, questi numeri sono degli invarianti di

L; essi si chiamano rispettivamente determinante e traccia di L.


ESERCIZIO 1.5.3. Provare che gli automorsmi di V con determinante uguale ad 1 formano un
sottogruppo di GL(V ).
DEFINIZIONE 1.5.4. GL(V ) costituito dagli automorsmi di V con determi-
Il sottogruppo di

nante uguale ad 1 SL(V ) e si chiama gruppo lineare speciale di V. È chiaro che


si denota con

SL(V ) è isomorfo al sottogruppo SL(n, K) di GL(n, K) formato dalle matrici a determinante 1


(matrici speciali). SL(n, K) si chiama gruppo lineare speciale di grado n su K.

ESERCIZIO 1.5.5. Provare che ogni automorsmo di V trasforma sottospazi vettoriali di V in


sottospazi vettoriali della stessa dimensione.
5 Un gruppo di permutazioni su un insieme X è, per denizione, un sottogruppo del gruppo Sym(X) di tutte le
permutazioni su X (gruppo simmetrico su X ).
pagina n.16 429963_LAVORATO.pdf

14 1.5 GRUPPI LINEARI E SEMILINEARI

ESERCIZIO 1.5.6. Provare che GL(V ), e quindi GL(n, K), hanno un'azione regolare6 sull' insieme
delle basi ordinate di V.
ESERCIZIO 1.5.7. Provare che il centro di GL(V ) è isomorfo al gruppo delle matrici scalari e non
nulle d'ordine n su K e, quindi, al gruppo moltiplicativo K ∗ di K. Dedurne che il centro di SL(V )
è isomorfo al gruppo delle radici n−esime dell'unità di K.
PROPOSIZIONE 1.5.8. SL(V ) è un sottogruppo normale di GL(V ) e il gruppo quoziente
GL(V )/SL(V )
è isomorfo al gruppo moltiplicativo K di K. ∗

DIMOSTRAZIONE. L'applicazione determinante

det : L ∈ GL(V ) → det(L) ∈ K ∗


è un epimorsmo di gruppi il cui nucleo è SL(V ). Allora l'asserto segue dal teorema di omomorsmo
dei gruppi.

DEFINIZIONE 1.5.9. Siano V e V



due spazi vettoriali di dimensione nita sul campo K. Una

funzione T : V → V ′ prende il nome di funzione semilineare, relativa ad un automorsmo σ del


campo K, se verica la seguente proprietà:
T (αx + β y ) = ασ T (x) + β σ T (y ),
per ogni α, β ∈ K e x, y ∈ V. L'automosmo σ di K si dice associato a T. Una funzione semilineare
e biunivoca si chiama isomorsmo semilineare.
Un isomorsmo semilineare T di V su se stesso prende il nome di automorsmo semilineare di
V. Gli automorsmi semilineari di V formano un gruppo di permutazioni sui vettori di V che si
denota con ΓL(V ) e si chiama gruppo semilineare di V.
OSSERVAZIONE 1.5.10. Un automorsmo semilineare di V, il cui automorsmo associato è l'i-

dentità di K, è evidentemente un automorsmo di V e, quindi, risulta GL(V ) ≤ ΓL(V ). Ne segue


che i gruppi GL(V ) e ΓL(V ) coincidono se, e solo se, l'identità è l'unico automorsmo del campo

K; come, ad esempio, nel caso dei campi razionale, reale e dei resti modulo un primo.

Per evitare confusione fra gli elementi di ΓL(V ) e quelli di GL(V ), gli elementi di GL(V )
vengono anche chiamati automorsmi lineari.
Fissati un automorsmo σ di K e una base ordinata B di V, per ogni vettore v ∈ V di

componenti (x1 , x2 , . . . , xn ), si denoti con vσ il vettore di componenti (xσ1 , xσ2 , . . . , xσn ). Allora,

detto L un automorsmo di V, l'applicazione

TL,σ : v∈V → L(v σ ) ∈ V (1.8)

è un automorsmo semilineare di V che si dice associato ad L e σ nella base B. Risulta, infatti,

TL,σ (αx + β y ) = L((αx + β y )σ ) = L(ασ xσ + β σ y σ )

= ασ L(xσ ) + β σ L(y σ )

= ασ TL,σ (x) + β σ TL,σ (y )


6 Un gruppo G si dice regolare su un insieme X se è isomorfo ad un gruppo di permutazioni G′ su X tale che,
per ogni coppia (a, b) di elementi di X, esiste un unico elemento σ ∈ G′ tale che σ(a) = b. In queste ipotesi G può
identicarsi con G′ ed i suoi elementi possono pensarsi come permutazioni su X. Quando G è regolare su X, risulta
|G| = |X|.
pagina n.17 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 15

per ogni α, β ∈ K e x, y ∈ V. L'automorsmo semilineare TL,σ , nella base ordinata B, si

rappresenta con l'equazione


   σ
x′1 x1
 x′2  xσ2 
   
 ..  = A  ..  , (1.9)
 .   . 
x′n xσn
ove A è la matrice di L nella base scelta.

ESERCIZIO 1.5.11. Siano B = (e1 , e2 , .., en ) una base ordinata dello spazio vettoriale V e σ un
automorsmo del campo K. Provare che la funzione

n ∑
n
λi ei → λσi ei ,
i=1 i=1

con λi ∈ K, è un automorsmo semilineare.


ESERCIZIO 1.5.12. Fissata una base ordinata B di V, provare che l'applicazione
(L, σ) ∈ GL(V ) × Aut(K) → TL,σ ∈ ΓL(V )

è un isomorsmo di gruppi.
PROPOSIZIONE 1.5.13. Il gruppo GL(V ) è un sottogruppo normale di ΓL(V ) e il gruppo
quoziente ΓL(V )/GL(V ) è isomorfo al gruppo Aut(K) degli automorsmi del campo K.
DIMOSTRAZIONE. Fissata una base ordinata B = (e1 , e2 , .., en ) in V, in forza dell'eser-

cizio precedente, l'applicazione

φ : TL,σ ∈ ΓL(V ) → σ ∈ Aut(K)

è un omomorsmo di ΓL(V ) in Aut(K) il cui nucleo è GL(V ). Tale omomorsmo è suriettivo

perchè, ssato un automorsmo σ di K, la funzione



n ∑
n
λi ei → λσi ei ,
i=1 i=1

con λi ∈ K, è un automorsmo semilineare ( cfr. Eserc.1.5.11). Dal teorema di omomorsmo dei

gruppi segue, allora, l'asserto.

ESERCIZIO 1.5.14. Provare che ogni automorsmo semilineare di V trasforma sottospazi vetto-
riali di V in sottospazi vettoriali della stessa dimensione.

Riportiamo senza dimostrazione il seguente risultato fondamentale.

RISULTATO 1.5.15. Siano V e V ′ spazi vettoriali sul campo K di dimensione maggiore di due.
Allora una biiezione tra V e V ′ è un isomorsmo semilineare se, e solo se, insieme all'inversa,
trasforma sottospazi vettoriali in sottospazi vettoriali della stessa dimensione.
COROLLARIO 1.5.16. Sia K un campo privo di automorsmi non banali. Siano V e V ′ spazi
vettoriali su K di dimensione maggiore di due. Allora una biiezione tra V e V ′ è un isomorsmo
(lineare) se, e solo se, insieme all'inversa, trasforma sottospazi vettoriali in sottospazi vettoriali
della stessa dimensione.
pagina n.18 429963_LAVORATO.pdf

16 1.6 SPAZI PROIETTIVI

1.6 Spazi proiettivi


Sia V uno spazio vettoriale di dimensione nita n+1 su un campo K e denotiamo con P G(V )
l'insieme dei sottospazi 1−dimensionali di V, che chiameremo punti di P G(V ).
Se W V di dimensione h + 1, 0 ≤ h ≤ n, denotiamo con [W ] il
è un sottospazio vettoriale di

sottoinsieme di P G(V ) costituito dai sottospazi 1−dimensionali di V contenuti in W, poniamo cioè


[W ] = P G(W ); un insieme di questo tipo prende il nome di sottospazio proiettivo, o sottospazio
lineare, o più semplicemente sottospazio, di P G(V ), di dimensione h. Il sottospazio proiettivo [W ]
si dice associato al sottospazio vettoriale W, o proiezione di W. Osserviamo che il sottoinsieme

vuoto di P G(V ), in quanto proiezione del sottospazio nullo di V è l'unico sottospazio proiettivo

di P G(V ) di dimensione −1. I sottospazi di P G(V ) di dimensione 0 sono ovviamente i punti di

P G(V ), quelli di dimensione 1, 2, n − 1 prendono rispettivamente il nome di rette, piani, iperpiani.

OSSERVAZIONE 1.6.1. Una delle dierenze strutturali importanti tra uno spazio vettoriale V e

lo spazio proiettivo associato P G(V ) è che gli elementi (i vettori) di V non sono sottospazi mentre

quelli (i punti) di P G(V ) lo sono.

Se {Uj }j∈J è una famiglia di sottospazi vettoriali di V, risulta

[∩ ] ∩
Uj = [Uj ].
j∈J j∈J

Ne segue che l'intersezione di sottospazi di P G(V ) è ancora un sottospazio e quindi, per ogni

sottoinsieme X di P G(V ), si può denire il sottospazio < X > generato da X come l'intersezione

HeT
di tutti i sottospazi che lo contengono. Il sottospazio generato dall'unione di due sottospazi

si denota conH + T e si chiama somma di H e T ; nel caso H ∩ T = ∅, H e T si dicono sghembi


e la somma H + T si dice diretta e si denota con H ⊕ T. Due sottospazi la cui somma diretta è

uguale a P G(V ) si dicono supplementari. Le dimensioni di due sottospazi H e T sono legate fra

loro dalla formula di Grassmann


dim(H) + dim(T ) = dim(H ∩ T ) + dim(H + T ).

Le proprietà descritte negli Esercizi da 1.6.2 a 1.6.5 si provano senza molte dicoltà usando le

proprietà vettoriali di V.

ESERCIZIO 1.6.2. Provare che in P G(V ) valgono le seguenti proprietà:


• se X è un insieme di punti, risulta < X >= X se, e solo se, X è un sottospazio;
• due punti distinti appartengono ad un'unica retta;
• se H è un sottospazio e P un punto non appartenente ad H, risulta

dim(H + P ) = dim(H) + 1;

• un iperpiano ed un sottospazio di dimensione h + 1 non contenuto nell' iperpiano si intersecano


in un sottospazio di dimensione h;
• se H e T sono due sottospazi supplementari, risulta dim(H) = n − dim(T ) − 1.

Nel seguito, se A, B sono punti distinti di P G(V ), denoteremo con AB la retta contenente

A e B.
pagina n.19 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 17

ESERCIZIO 1.6.3. Provare che due rette distinte di un piano di P G(V ) si intersecano in esatta-
mente un punto.
ESERCIZIO 1.6.4. Siano X un sottospazio di P G(V ) e P, P ′ due punti distinti di X. Provare che
la retta passante per P e P ′ è contenuta in X.
ESERCIZIO 1.6.5. Siano A, B, C, D quattro punti di P G(V ), con A ̸= B, C ̸= D, tali che le
rette AB e CD abbiano un punto in comune. Provare che le rette AC e BD hanno un punto in
comune.
ESERCIZIO 1.6.6. Se X è un insieme non vuoto di punti di P G(V ) e P un punto non appartenente
ad X, l'unione delle rette passanti per P e incidenti X si chiama cono di vertice P e base X.
Provare che, se X è un sottospazio di dimensione h, il cono di base X e vertice un punto P ̸∈ X è
un sottospazio di dimensione h + 1.
ESERCIZIO 1.6.7. Provare che un insieme X di punti di P G(V ) è un sottospazio proiettivo se, e
soltanto se, per ogni due punti distinti di X, la retta che li congiunge è contenuta in X.
DEFINIZIONE 1.6.8. Denotata con Sj la famiglia di tutti i sottospazi proiettivi di P G(V ) di

dimensione j, con j = −1, 0, 1, 2, ..., n, la coppia

(P G(V ), (S−1 , S0 , S1 , S2 , ..., Sn−1 , Sn ))

prende il nome di spazio proiettivo associato a V, o anche spazio proiettivo sul campo K. Tale

spazio, con abuso di notazione, sarà denotato semplicemente con P G(V ). L'intero n = dim(V ) − 1
si chiama dimensione di P G(V ). In modo del tutto equivalente al precedente, P G(V ) può denirsi
anche come il reticolo dei sottospazi vettoriali di V.
OSSERVAZIONE 1.6.9. Si noti che, in forza dell'Esercizio 1.6.7, la conoscenza delle rette di P G(V )
permette di costruire tutti i suoi sottospazi proiettivi. In altre parole, le famiglie S2 , ..., Sn−1
possono costruirsi a partire da S1 : un insieme di punti di P G(V ) è un sottospazio proiettivo se,

e solo se, contiene la retta congiungente due suoi arbitrari punti distinti. Per tale motivo, si può
anche denire lo spazio proiettivo associato a V come la coppia (P G(V ), S1 ).
OSSERVAZIONE 1.6.10. Ogni sottospazio proiettivo di dimensione h di P G(V ) può essere con-

siderato spazio proiettivo di dimensione h sul campo K.


ESEMPIO 1.6.11. Lo spazio proiettivo associato allo spazio vettoriale numerico K n+1 si denota

con P G(n, K) e si chiama spazio proiettivo numerico di dimensione n su K.

v è un vettore non nullo di V, denoteremo con < v > il sottospazio vettoriale generato
Se

da v [v ] il corrispondente punto [< v >] di P G(V ). Il punto [v ] di P G(V ) è anche detto


e con

proiezione del vettore v .


DEFINIZIONE 1.6.12. Diciamo che m punti

P1 = [v1 ], P2 = [v2 ], ..., Pm = [vm ]

di P G(V ) sono (linearmente)dipendenti o indipendenti se tali risultano i vettori v1 , v2 , ..., vm 7 .


Diciamo, inoltre, che un punto P = [v ] dipende (linearmente) da P1 , P2 , ..., Pm se il vettore v
dipende da v1 , v2 , ..., vm . Un insieme X di punti di P G(V ) si chiama generatore se risulta <

X >= P G(V ). Un generatore formato da punti indipendenti si chiama base.


7 La denizione è ben posta in quanto la dipendenza o indipendenza lineare di P , P , ..., P non dipende dalla
scelta di vj nel sottospazio < vj > .
1 2 m
pagina n.20 429963_LAVORATO.pdf

18 1.6 SPAZI PROIETTIVI

È immediato rendersi conto che un insieme di punti indipendenti

{P1 = [v1 ], P2 = [v2 ], ..., Pm = [vm ]}


è una base se, e soltanto se, {v1 , v2 , ..., vm } è una base di V e di conseguenza è m = n + 1.
ESERCIZIO 1.6.13. Provare che due basi
{v0 , v1 , .., vn } e {w0 , w1 , .., wn }
dello spazio vettoriale V individuano una stessa base di P G(V ) se, e soltanto se, ogni vi è
proporzionale ad un wj .
DEFINIZIONE 1.6.14. Una (n + 2)−pla
ℜ = (A0 , A1 , ..., An , A)
di punti di P G(V ) a n + 1 a n + 1 indipendenti prende il nome di riferimento proiettivo di P G(V ).
I punti A0 , A1 , . . . , An si chiamano punti fondamentali e A punto unità del riferimento. Un sot-
tospazio h−dimensionale di P G(V ) contenente h + 1 punti di ℜ diversi da A si chiama sottospazio

fondamentale del riferimento ℜ.


ESERCIZIO 1.6.15. Provare che, se B = (e0 , e1 , ..., en ) è una base ordinata di V, allora
∑n
ℜ(B) = (E0 = [e0 ], E1 = [e1 ], ..., En = [en ], E = [ ej ]) (1.10)

j= 0

è un riferimento proiettivo di P G(V ) (il riferimento associato a B ). Provare, inoltre, che ogni
riferimento proiettivo ℜ di P G(V ) è del tipo (1.10).
DEFINIZIONE 1.6.16. Fissato un riferimento proiettivo ℜ = ℜ(B), ad ogni punto


n
P = [v = xj ej ]
j=0

resta associata la (n + 1)-pla (x0 , x1 , ..., xn ) ∈ K n+1 \{0} delle componenti di v nella base B. Gli
elementi di tale (n + 1)-pla si chiamano coordinate proiettive di P nel riferimento ℜ e sono deniti
a meno di un fattore comune non nullo di proporzionalità in quanto dipendono dalla scelta di un

vettore non nullo nel sottospazio vettoriale < v > di V. La funzione biunivoca
 
∑n
γℜ : P =  xj ej  ∈ P G(V ) → [(x0 , x1 , ..., xn )] ∈ P G(n, K), (1.11)

j=0

con la quale si possono identicare i punti di P G(V ) con quelli dello spazio proiettivo numerico

P G(n, K), è detta coordinazione,


Quando, ssato un riferimento proiettivo in P G(V ), scriveremo P = (x0 , x1 , ..., xn ), in-

tenderemo che x0 , x1 , ..., xn sono coordinate proiettive del punto P. Ovviamente, per i punti

fondamentali del riferimento si ha

E0 = (1, 0, 0, ..., 0, 0)
E1 = (0, 1, 0, ..., 0, 0)
.
.
.

En = (0, 0, 0, ..., 0, 1)
E = (1, 1, 1, ..., 1, 1)
pagina n.21 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 19

OSSERVAZIONE 1.6.17. Ricordiamo che ogni sottospazio vettoriale W di dimensione h + 1 di V,


rispetto ad una base ordinata B = (ei ), si rappresenta mediante un sistema di k = n − h equazioni
omogenee indipendenti del tipo


 a10 x0 + a11 x1 + · · · + a1n xn = 0

 a20 x0 + a21 x1 + · · · + a2n xn = 0
. . (1.12)

 .


.

ak0 x0 + ak1 x1 + · · · + akn xn = 0


Si ha allora facilmente che ogni sottospazio h−dimensionale di P G(V ), nel riferimento ℜ(B), si

rappresenta con un sistema del tipo (1.12). In particolare, un iperpiano di P G(V ) si rappresenta
mediante un'equazione lineare omogenea. Notiamo che il sottospazio fondamentale di dimensione

h contenente i punti fondamentali del riferimento Ei0 , Ei1 , ..., Eih è rappresentato dal sistema

{xj = 0 : j ̸= i0 , i1 , ..., ih }.

ESERCIZIO 1.6.18. Siano B = (ei ) e B ′ = (e′i ) due basi ordinate di V. Provare che B e B ′
individuano lo stesso riferimento proiettivo di P G(V ) se, e soltanto se, sono basi proporzionali,
cioè se esiste λ ∈ K tale che ei = λe′i , per ogni i = 0, 2, ..., n.

Se L è un isomorsmo tra due spazi vettoriali V e V ′, possiamo considerare la biiezione σL


di P G(V ) su P G(V ′ ) denita da
σL : P = [v ] ∈ P G(V ) → P ′ = [L(v )] ∈ P G(V ′ ). (1.13)

DEFINIZIONE 1.6.19. Una funzione del tipo (1.13) prende il nome di proiettività, o omograa,
diP G(V ) in P G(V ′ ). Per proiettività dello spazio proiettivo P G(V ) si intende una proiettività di
P G(V ) su se stesso.

Le proiettività di P G(V ) formano un gruppo, che si denota con P GL(V ), e si chiama

gruppo (lineare generale) proiettivo di V. Lo studio delle proprietà di P G(V ) invarianti rispetto a
tale gruppo si chiama geometria proiettiva di P G(V ). L'applicazione

L ∈ GL(V ) → σL ∈ P GL(V )
è un epimorsmo di gruppi il cui nucleo è il centro di GL(V ) e quindi

GL(V ) GL(n + 1, K)
P GL(V ) ∼ ∼ . (1.14)
Z(GL(V )) Z(GL(n + 1, K))
In modo analogo si denisce il gruppo

SL(V ) SL(n + 1, K)
P SL(V ) ∼ ∼ , (1.15)
Z(SL(V )) Z(SL(n + 1, K))
che si chiama gruppo (lineare) speciale proiettivo.
DEFINIZIONE 1.6.20. V, V ′ due spazi vettoriali su K di dimensione maggiore di due. Una
Siano

biiezione f P G(V ) e quelli di P G(V ′ ) prende il nome di collineazione se f, insieme


fra i punti di

alla sua inversa, trasforma rette in rette. Nel caso V e V hanno dimensione due, una collineazione


fra P G(V ) e P G(V ) è una funzione del tipo

P = [v ] → P ′ = [T (v )] ,
ove T è una funzione semilineare fra V e V ′.
pagina n.22 429963_LAVORATO.pdf

20 1.7 DUALITÀ

Dalla denizione segue subito che l'applicazione inversa di una collineazione è ancora una

collineazione e che le collineazioni di P G(V ) in se stesso formano un gruppo, il gruppo delle


collineazioni di P G(V ), che si denota con P ΓL(V ). Lo studio delle proprietà di P G(V ) invarianti
rispetto a tale gruppo prende il nome di geometria di incidenza di P G(V ).

Si prova senza dicoltà che la funzione (1.11) è una collineazione fra P G(V ) e P G(n, K).
Da ciò segue che, se V e V ′ sono spazi vettoriali isomor, allora esiste una collineazione fra P G(V )
e P G(V ′ ). Infatti,
′ ′
se ℜ è un riferimento proiettivo di P G(V ), l'applicazione

−1 ′
γℜ γℜ ′ : P G(V ) → P G(V ) (1.16)

è una collineazione fra P G(V ) e P G(V ′ ).

ESEMPIO 1.6.21. Se T è un isomorsmo semilineare di V in V ′ , possiamo considerare la funzione


σT di P G(V ) in P G(V ′ ) denita da

P = [v ] → P ′ = [T (v )].

È facile vericare che σT è una collineazione di P G(V ) in P G(V ′ ).

ESERCIZIO 1.6.22. Siano P G(V ) e P G(V ′ ) due spazi proiettivi. Provare che una biiezione f fra
P G(V ) e P G(V ′ ) è una collineazione se e soltanto se trasforma, insieme alla sua inversa, sottospazi
proiettivi in sottospazi proiettivi della stessa dimensione. Ne segue che esiste una collineazione fra
P G(V ) e P G(V ′ ) se, e soltanto se, dim(V ) = dim(V ′ ).

ESERCIZIO 1.6.23. Siano V, V ′ due spazi vettoriali della stessa dimensione nita su K. Provare
che P GL(V ) ∼ P GL(V ′ ) e P ΓL(V ) ∼ P ΓL(V ′ ).
ESERCIZIO 1.6.24. Siano P G(V ) e P G(V ′ ) due spazi proiettivi e d un intero tale che 0 ≤ d < n.
Provare che una biiezione f fra P G(V ) e P G(V ′ ) è una collineazione se, e solo se, trasforma,
insieme alla sua inversa, sottospazi proiettivi di dimensione d in sottospazi proiettivi di dimensione
d.

Nel seguito supporremo sempre che V sia uno spazio vettoriale numerico e ciò, in forza

delle precedenti considerazioni, non è restrittivo ai ni dello studio delle proprietà proiettive e di

incidenza di P G(V ).
Il seguente teorema, diretta conseguenza del Risultato 1.5.15, è uno dei risultati fondamentali

della geometria d'incidenza di P G(V ).

RISULTATO 1.6.25. (Teorema fondamentale) Siano V e V ′ due spazi vettoriali di dimensione


maggiore di due. Allora ogni collineazione σ di P G(V ) in P G(V ′ ) è del tipo σT (cfr. Es.1.6.21),
con T opportuno isomorsmo semilineare di V in V ′ . In particolare, nel caso V = V ′ , risulta
ΓL(V )
P ΓL(V ) ∼ .
Z(GL(V ))

COROLLARIO 1.6.26. Sia K un campo privo di automorsmi non banali. Siano V e V ′ due
spazi vettoriali su K di dimensione maggiore di due. Allora le collineazioni di P G(V ) in P G(V ′ )
sono tutte e sole le omograe di P G(V ) in P G(V ′ ). In particolare, risulta
P ΓL(V ) = P GL(V ).
pagina n.23 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 21

1.7 Dualità
Sia V uno spazio vettoriale di dimensione nita n + 1 su un campo K e sia V ∗ il duale di V, cioè
lo spazio vettoriale delle funzioni lineari di V K, che chiamiamo funzionali lineari su V. Detta
in

B = (e0 , e1 , ..., en ) una base ordinata di V, denotiamo con B ∗ = (e∗0 , e∗1 , ..., e∗n ) la base duale di B.
Ricordiamo che gli elementi di B∗ sono deniti da


 1 se i=j
e e ∗
i ( j) = δij =

0 se i ̸= j

e quindi, per ogni a = (a1 , a2 , ..., an ) ∈ V, risulta


 

n ∑
n
e a) = e

i(

i
 aj ej  = aj e∗i (ej ) = ai = i-esima componente di a in B.
j=1 j=1

DEFINIZIONE 1.7.1. Lo spazio proiettivo P G(V ∗ ) si chiama duale di P G(V ) e si denota anche
con P G(V )∗ . Se
 

n
ℜ = Ei =< ei > , E =< ei >
j=0

è un riferimento proiettivo di P G(V ), allora

 

n
ℜ = Ei∗ =< e∗i > , E ∗ =<

e ∗
i >
j=0

è un riferimento di P G(V )∗ che si dice duale di ℜ.

Nel seguito, quando è ssata una base ordinata in V, (risp. un riferimento in P G(V )),
riterremo contemporaneamente ssata la base duale in V∗ (risp. il riferimento duale in P G(V )∗ ).

Fissato un riferimento proiettivo in P G(V ), ogni iperpiano πa di P G(V ) di equazione

a0 x0 + a1 x1 + · · · + an xn = 0

individua il punto πa∗ = (a0 , a1 , ..., an ) di P G(V )∗ e l'applicazione

πa → πa∗ (1.17)


porta biunivocamente gli iperpiani di P G(V ) nei punti di P G(V ) . In altre parole, ssato un
riferimento inP G(V ), è possibile identicare mediante la (1.17), gli iperpiani di P G(V ) con i

punti di P G(V ) . L'insieme degli iperpiani di P G(V ) corrispondente ai punti di un sottospazio

h−dimensionale di P G(V )∗ prende il nome di sistema lineare di iperpiani di dimensione h. Le


nozioni di dipendenza e indipendenza lineare tra punti possono dunque interpretarsi, mediante la

(1.17), sull'insieme degli iperpiani. In particolare, diremo che gli iperpiani di P G(V )

πa1 , πa2 , ..., πah

sono indipendenti se sono tali i punti


πa∗ 1 , πa∗ 2 , ..., πa∗ h
pagina n.24 429963_LAVORATO.pdf

22 1.7 DUALITÀ

di P G(V )∗ . h + 1 iperpiani indipendenti di P G(V ) si intersecano in un sot-


Ora, osservando che

n−h−1, si ha che la (1.17) induce un'applicazione biunivoca fra i sottospazi


tospazio di dimensione

di dimensione n−h−1 di P G(V ) e quelli di dimensione h di P G(V ) ; vale cioè il seguente teorema.

RISULTATO 1.7.2. (Teorema della stella) Nello spazio proiettivo P G(V ), un insieme Σh di
iperpiani è un sistema lineare di dimensione h se, e soltanto se, è l'insieme di tutti gli iperpiani
contenenti un ssato sottospazio Sn−h−1 di dimensione n − h − 1 (stella di iperpiani di centro
Sn−h−1 ).

Due sottospazi di P G(V ) di dimensioni rispettivamente h e n − h − 1 si dicono di dimensioni


duali.

Se, usando la Proposizione 1.7.2, identichiamo i sottospazi di P G(V )∗ con le stelle di

iperpiani di P G(V ) e se denotiamo con Sh∗ la stella di iperpiani di P (V ) di centro Sh , abbiamo le

seguenti proprietà:

(1) dim(X ∗ ) = n − dim(X) − 1,

(2) X ⊆ Y ⇔ Y ∗ ⊆ X ∗,

(3) (X ∪ Y )∗ = Y ∗ ∩ X ∗ ,

(3) (X ∩ Y )∗ = Y ∗ ∪ X ∗ ,

per ogni X, Y sottospazi di P G(V ).


DEFINIZIONE 1.7.3. Una collineazione

γ : P G(V ) → P G(V )∗

prende il nome di correlazione di P G(V ).


DEFINIZIONE 1.7.4. Una correlazione γ di P G(V ) si chiama polarità se verica la seguente

prorietà di reciprocità:
P ∈ γ(T ) ⇔ T ∈ γ(P ),
con P e T punti di P G(V ).
Un punto P ∈ P G(V ) si dice autoconiugato, o assoluto, rispetto a γ se accade che P ∈ γ(P ).
L'insieme dei punti autoconiugati rispetto a γ si chiama assoluto di γ e, quando tale assoluto
coincide con tutti i punti di P G(V ), la polarità si dice nulla, o simplettica.

ESERCIZIO 1.7.5. Nell'ipotesi che K abbia caratteristica diversa da 2, sia A = (aij ) una matrice
simmetrica non degenere su K d'ordine n + 1. Fissato un riferimento proiettivo di P G(V ), provare
che l'applicazione che ad ogni punto di coordinate (a0 , a1 , ..., an ) associa l'iperpiano di equazione
 
x0
 x1 
 
(a0 , a1 , ..., an )A  .  = 0
 .. 
xn

è una polarità di P G(V.)


pagina n.25 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 23

Usando la (1.17) è possibile dimostrare il seguente teorema.

PROPOSIZIONE 1.7.6. (Principio di dualità) Sia


Π = Π(j1 , j2 , ..., js , +, ∩, ⊆)

una proprietà della geometria d'incidenza di P G(V ) nell'enunciato della quale intervengano sot-
tospazi di dimensioni j1 , j2 , ..., js , le operazioni di somma e intersezione di sottospazi e la relazione
di inclusione fra sottospazi. Sia
Π∗ = Π(n − j1 − 1, n − j2 − 1, ..., n − js − 1, ∩, +, ⊇)

la proprietà di P G(V ) ottenuta dall'enunciato della Π sostituendo ad ogni dimensione jt quella


duale n−jt −1, scambiando fra loro le operazioni di somma e intersezione di sottospazi e invertendo
le relazioni di inclusione fra sottospazi. Allora Π e Π∗ sono o entrambe vere o entrambe false.

Due proprietà Π e Π∗ , come nell'enunciato del precedente teorema, si dicono l'una duale
dell'altra.

ESEMPIO 1.7.7. In P G(2, K), la proprietà due punti distinti appartengono ad un' unica retta ha

per duale due rette distinte hanno esattamente un punto in comune.


ESERCIZIO 1.7.8. Provare che in P G(V ) vale la seguente proprietà: Se X, Y sono sottospazi
supplementari, ogni punto P ̸∈ X ∪ Y appartiene ad un' unica retta incidente sia X che Y. Trovare
la proprietà duale della precedente.

1.8 Spazi ani


In P G(n, K) π∞ e, per ogni sottospazio proiettivo Sh ̸⊆ π∞ di dimensione h,
si ssi un iperpiano

(h − 1)−dimensionale Sh∞ = Sh ∩ π∞ . I punti dell'insieme AG(n, K) =


si consideri il sottospazio

P G(n, K)\π∞ si dicono punti ani di P G(n, K), rispetto a π∞ , e gli insiemi del tipo Ah = Sh \Sh∞
si chiamano sottospazi ani di dimensione h di AG(n, K). Come nel caso proiettivo, i sottospazi

ani di dimensione 1,2,n-1, si dicono rispettivamente rette, piani, iperpiani. Per convenzione

assumiamo che l'insieme vuoto sia un sottospazio ane di dimensione −1. π∞ si dicono
I punti di

punti impropri, o punti ideali o direzioni, di AG(n, K). Ogni retta ane A1 = S1 \ π∞ ha un
S1∞ . h di π∞ si chiama sottospazio improprio ,

unico punto improprio Per h > 1, Il sottospazio S

o giacitura, di Ah = Sh \ π∞ .
È chiaro che l'intersezione di sottospazi di AG(n, K) è ancora un sottospazio e quindi, per

ogni sottoinsieme X di AG(n, K), si può denire il sottospazio ane < X > generato da X come

l'intersezione di tutti i sottospazi ani che lo contengono. Il sottospazio ane generato dall'unione

di due sottospazi ani H e T si denota con H +T e si chiamasomma di H e T. Le dimensioni di


due sottospazi ani H e T sono legate fra loro dalla formula di Grassmann ane
dim(H) + dim(T ) ≥ dim(H ∩ T ) + dim(H + T ).

Due sottospazi ani di dimensione maggiore di zero si dicono paralleli se il sottospazio improprio
di uno dei due è contenuto in quello dell'altro. Si prova subito che, se due sottospazi ani sono

paralleli, allora o sono ad intersezione vuota o uno dei due è contenuto nell'altro.
pagina n.26 429963_LAVORATO.pdf

24 1.8 SPAZI AFFINI

ESERCIZIO 1.8.1. Provare che in AG(n, K) valgono le seguenti proprietà:


• se X è un insieme di punti, risulta < X >= X se, e solo se, X è un sottospazio ane;
• due punti distinti appartengono ad un'unica retta;
• se H è un sottospazio ane e P un punto non appartenente ad H, risulta

dim(H + P ) = dim(H) + 1;

• un iperpiano ed un sottospazio ane di dimensione h + 1 non contenuto nell'iperpiano si


intersecano in un sottospazio di dimensione h o sono paralleli.
• la relazione di parallelismo fra sottospazi ani della stessa dimensione è di equivalenza.

ESERCIZIO 1.8.2. Siano X un sottospazio di AG(n, K) e P, P ′ due punti distinti di X. Provare


che la retta passante per P e P ′ è contenuta in X.
ESERCIZIO 1.8.3. Provare che due rette ad intersezione vuota e contenute in un piano di AG(n, K)
sono parallele.
DEFINIZIONE 1.8.4. Per ogni j = −1, 0, 1, 2, .., n, denotata con Aj la famiglia di tutti i sottospazi

ani di AG(n, K), la coppia

(AG(n, K), (A−1 , A0 , A1 , A2 , .., An−1 , An ))

prende il nome di spazio ane su K. Tale spazio, con abuso di notazione, sarà denotato semplice-
mente con AG(n, K). L'intero n si chiama dimensione di AG(n, K).

OSSERVAZIONE 1.8.5. Ogni sottospazio ane di dimensione h di AG(n, K) può essere consid-

erato spazio ane di dimensione h sul campo K.

Se ℜ = {E0 , E1 , ..., En , E} è un riferimento proiettivo di P G(n, K) nel quale π∞ ha equazione

xn = 0, ogni punto ane P = (x0 , x1 , ..., xn ) ha l'ultima coordinata xn diversa da zero. Gli elementi
di K deniti da
x0 x1 xn−1
y1 = , y2 = , ... , yn =
xn xn xn
si chiamano coordinate ani del punto P nel riferimento ℜ e l'applicazione

P ∈ AG(n, K) → (y1 , y2 , ..., yn ) ∈ K n (1.18)

è biunivoca.

OSSERVAZIONE 1.8.6. Usando l'Osservazione 1.6.17 si prova senza dicoltà che, in coordinate

ani, ogni sottospazio ane h−dimensionale di AG(n, K) si rappresenta mediante un sistema di

k =n−h equazioni lineari indipendenti del tipo



 a11 y1 + a12 y2 + · · · + a1n yn + b1 = 0

 a21 y1 + a22 y2 + · · · + a2n yn + b2 = 0
. . (1.19)

 .


.

ak1 y1 + ak2 y2 + · · · + akn yn + bk = 0

In particolare, un iperpiano si rappresenta con un'equazione lineare.


pagina n.27 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 25

ESERCIZIO 1.8.7. Provare che in AG(n, K) le immagini nell'applicazione (1.18) dei sottospazi
ani di dimensione maggiore di zero e contenenti il punto di coordinate ani (0, 0, ..., 0) sono tutti
e soli i sottospazi vettoriali di K n .
ESERCIZIO 1.8.8. Provare che le immagini dei sottospazi ani di dimensione maggiore di zero
di AG(n, K) nell'applicazione (1.18) sono tutti e soli i laterali dei sottospazi vettoriali di K n .
OSSERVAZIONE 1.8.9. L'Esercizio 1.8.8 mostra come lo spazio ane AG(n, K) possa denirsi
anche in modo diretto usando i laterali dei sottospazi vettoriali di K n . Più precisamente: i punti
di AG(n, K) sono i vettori di K n , i sottospazi ani di dimensione h sono i laterali dei sottospazi

vettoriali h−dimensionali di K n , 1 ≤ h ≤ n.
DEFINIZIONE 1.8.10. Si chiama anità di AG(n, K) ogni permutazione L sui suoi punti rapp-
resentata da una equazione del tipo

   
y1′ y1
 y2 
′  y2 
   
 ..  = A  ..  + b,
. .
yn′ yn

ove (yi ) e (yi ) sono le coordinate ani rispettivamente di un generico punto P e di L(P ), A ∈

GL(n, K) e b ∈ K n . Le anità di AG(n, K) formano un gruppo, il gruppo delle anità, che


si denota con AGL(n, K). Si verica facilmente che ogni anità trasforma sottospazi ani in

sottospazi ani della stessa dimensione. Lo studio delle proprietà di AG(n, K) invarianti rispetto

al gruppo AGL(n, K) prende il nome di geometria ane di AG(n, K).

ESERCIZIO 1.8.11. Provare che AGL(n, K) è isomorfo allo stabilizzatore dell'iperpiano π∞ in


P GL(n + 1, K).

Un'anità di AG(n, K) che conserva le direzioni, cioè che trasforma ogni retta in una ad

essa parallela, prende il nome di traslazione.


T è una traslazione e P, P ′ = T (P ) sono due punti
Se

che si corrispondono in T, le rette ℓ


T, cioè T (ℓ) = ℓ, sono tutte e sole quelle parallele
unite in

alla retta per P e P ; la direzione di questa retta si chiama direzione di T e si denota con δ(T ).

È immediato provare che le traslazioni di AG(n, K) formano un sottogruppo T (n, K) (il gruppo

delle traslazioni) di AGL(n, K).


ESERCIZIO 1.8.12. Provare che il gruppo T (n, K) è isomorfo allo stabilizzatore puntuale dell'i-
perpiano π∞ in P GL(n + 1, K).

Vale il seguente teorema.

PROPOSIZIONE 1.8.13. Il gruppo T (n, K) è transitivo sui punti di AG(n, K).


DEFINIZIONE 1.8.14. Per n > 1, una permutazione sui punti di AG(n, K), che insieme all'inversa
trasformi rette in rette, si chiama collineazione di AG(n, K). Una collineazione di AG(1, K) è,

invece, una permutazione sui suoi punti del tipo

x → axσ + b ,
ove a ∈ K ∗, b ∈ K e σ è un automorsmo di K. Le collineazioni di AG(n, K) formano un gruppo,
il gruppo delle collineazioni, che si denota con AΓL(n, K) e evidentemente risulta AGL(n, K) ≤
AΓL(n, K).
Lo studio delle proprietà di AG(n, K) invarianti rispetto al gruppo AΓL(n, K) prende il

nome di geometria di incidenza di AG(n, K).


pagina n.28 429963_LAVORATO.pdf

26 1.9 GEOMETRIA SU UN CORPO

ESERCIZIO 1.8.15. Provare che AΓL(n, K) è isomorfo allo stabilizzatore di π∞ in P ΓL(n +


1, K).

Analogamente al caso proiettivo, vale il seguente teorema fondamentale.

PROPOSIZIONE 1.8.16. Sia n un intero maggiore di 1. Allora una permutazione sui punti di
AG(n, K) è una collineazione di AG(n, K) se, e soltanto se, è rappresentata da una equazione del
tipo    σ
y1′ y1
 y2′  y2σ 
   
 ..  = A  ..  + b,
. .
yn′ ynσ
ove A ∈ GL(n, K), σ ∈ Aut(K) e b ∈ K n .
ESERCIZIO 1.8.17. Provare che una permutazione sui punti di AG(n, K) è una collineazione di
AG(n, K) se, e soltanto se, insieme all'inversa, trasforma sottospazi ani in sottospazi ani della
stessa dimensione.
ESERCIZIO 1.8.18. Sia d un intero tale che 0 ≤ d < n. Provare che una permutazione sui punti di
AG(n, K) è una collineazione di AG(n, K) se, e soltanto se, insieme all'inversa, trasforma sottospazi
ani di dimensione d in sottospazi ani di dimensione d.

1.9 Geometria su un corpo


Tra gli assiomi che deniscono uno spazio vettoriale V sopra un campo F vi è la proprietà

distributiva della moltiplicazione per uno scalare rispetto alla moltiplicazione fra scalari:

(αβ)a = α(β a) e (αβ)a = β(αa), per ogni α, β ∈ F e per ogni a ∈ V. (1.20)

È da notare che le due uguaglianze nella (1.20), a causa della commutatività della moltiplicazione

in F, sono equivalenti e di solito, per questo motivo, quando si elencano gli assiomi di spazio

vettoriale su un campo si usa soltanto la prima.

Analogamente a quanto si fa per i campi, è possibile sviluppare una teoria degli spazi vet-

toriali sui corpi, a patto di tener conto del fatto che, in questo caso, la moltiplicazione fra scalari

non è commutativa e, di conseguenza, le due uguaglianze (1.20) non sono equivalenti.

Siano, dunque, V vettori ), K un corpo (insieme degli


un insieme non vuoto (insieme dei

scalari ) e 0 e 1 zero e l'unitá del corpo K. Siano, inoltre, + un'operazione


rispettivamente lo

binaria denita in V (addizione fra vettori ) e ◦ un'operazione esterna tra K e V a valori in V

(moltiplicazione di uno scalare per un vettore ). Se α ∈ K è uno scalare e b ∈ V un vettore, il

vettore α◦ b è denotato semplicemente con αb. Notiamo esplicitamente che, con abuso di notazione,
useremo lo stesso simbolo + per la somma di vettori e quella di scalari.
DEFINIZIONE 1.9.1. (Spazi vettoriali su corpi) La quaterna V = (V, K, +, ◦) prende il nome di
spazio vettoriale sinistro sul corpo K se, fatta eccezione per la (1.20), V verica tutti gli assiomi
di spazio vettoriale su un campo e la proprietà distributiva sinistra della moltiplicazione per uno
scalare rispetto alla moltiplicazione fra scalari

(s) (αβ)a = α(β a), per ogni αβ ∈ K e per ogni a ∈ V.


pagina n.29 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 27

Se, invece della (s) è vericata laproprietà distributiva destra della moltiplicazione per uno scalare
rispetto alla moltiplicazione fra scalari, cioè

(d) (αβ)a = β(αa), per ogni αβ ∈ K e per ogni a ∈ V,


la quaterna V = (V, K, +, ◦) prende il nome di spazio vettoriale destro sul corpo K.
ESEMPIO 1.9.2. (Spazi vettoriali numerici su corpi) Sia K un corpo. Nell'insieme Kn si

deniscono un'operazione interna di addizione fra n−ple ed una esterna di moltiplicazione di uno
scalare per un' n−pla, nel seguente modo:

- addizione di due n-ple: per ogni a, b ∈ K n ,


a + b = (a1 + b1 , a2 + b2 , . . . , an + bn ); (1.21)

- moltiplicazione sinistra di uno scalare per una n−pla: per ogni a ∈ K n e α ∈ K,


α ◦ a = αa = (αa1 , αa2 , . . . , αan ). (1.22)

È immediato provare che la quaterna (K n , K, +, ◦) è uno spazio vettoriale sinistro di dimensione


n K. Tale spazio si chiama spazio vettoriale numerico sinistro di dimensione n su K e si denota
su

con Ks . Se, invece, si denisce una moltiplicazione destra • di uno scalare per una n−pla mediante
n

la regola

α • a = αa = (a1 α, a2 α, . . . , an α), (1.23)

allora, la quaterna(K n , K, +, •) è uno spazio vettoriale destro di dimensione n su K, che si chiama


spazio vettoriale numerico destro di dimensione n su K e si denota con Kdn .

Nel seguito useremo, senza ulteriori approfondimenti, la teoria degli spazi vettoriali su corpi

dal momento che, come già detto, essa è del tutto simile a quella analoga sui campi, a patto di

tener conto della non commutatività della moltiplicazione scalare. Per esempio si deniscono, e

per essi valgono i classici teoremi dell'algebra lineare su campi, la dipendenza lineare, le basi, la

dimensione, le funzioni lineari, gli isomorsmi. In particolare vale il seguente risultato.

PROPOSIZIONE 1.9.3. (Teorema di rappresentazione) Ogni spazio vettoriale sinistro (risp.

destro) di dimensione nita n su un corpo K è isomorfo allo spazio vettoriale numerico sinistro

Ksn (risp. destro Kdn ).


DEFINIZIONE 1.9.4. (Spazi proiettivi su corpi) Siano K un corpo e V uno spazio vettoriale

sinistro di dimensione nita su K. Con procedimento analogo a quello usato per gli spazi vettoriali
sui campi, è possibile associare a V uno spazio proiettivo sinistro P G (V ) : i punti e i sottospazi
s

proiettivi h−dimensionali sono i sottospazi vettoriali di dimensione rispettivamente 1 e h + 1 di


V. Quando V è lo spazio vettoriale numerico sinistro Ksn+1 , il corrispondente spazio proiettivo
si chiama spazio proiettivo numerico sinistro di dimensione n su K e si denota con P G
(s)
(n, K).
Analoga costruzione può ovviamente farsi a partire da uno spazio vettoriale destro ottenendo, così,

uno spazio proiettivo destro su K, che si denota con P Gd (V ). Ovviamente P G(d) (n, K) denoterà

lo spazio proiettivo numerico destro di dimensione n su K.

Naturalmente è possibile denire il duale di uno spazio vettoriale o proiettivo sinistro (risp.
destro) su K; questo, come facilmente si vede, è uno spazio vettoriale o proiettivo destro (risp.

sinistro) su K. Anche qui, il duale del duale è isomorfo allo spazio di partenza.
pagina n.30 429963_LAVORATO.pdf

28 1.10 PIANI PROIETTIVI E AFFINI

OSSERVAZIONE 1.9.5. Uno spazio vettoriale sinistro (risp. destro ) su K risulta spazio vettoriale
destro (risp. sinistro) sul corpo opposto a K, cioè sul corpo che si ottiene denendo su K una nuova
moltiplicazione ⋆ nel seguente modo: a ⋆ b = ba , per ogni a, b ∈ K, ove ab indica il prodotto di a e
b in K. Ne segue che le teorie degli spazi vettoriali sinistri e destri sui corpi sono equivalenti.

Tenendo conto dell'osservazione precedente, non è restrittivo riferirsi esclusivamente a spazi

vettoriali sinistri.

1.10 Piani proiettivi e ani


Siaπ = (P, L) una coppia costituita da un insieme non vuoto P e da una famiglia L di sottoinsiemi
diP . Gli elementi di P e L si chiamano rispettivamente punti e rette. L'insieme di tutte le rette
contenenti un ssato punto P si dice fascio di rette di centro P. Un punto e una retta che si

appartengono si dicono anche incidenti.


DEFINIZIONE 1.10.1. La coppia π = (P, L) prende il nome di piano proiettivo se sono vericate
le seguenti proprietà:

(P P )1 due punti distinti appartengono ad un'unica retta;


(P P )2 due rette distinte hanno esattamente un punto in comune;
(P P )3 esistono quattro punti a tre a tre non appartenenti ad una stessa retta.

Punti appartenenti ad una stessa retta si dicono allineati. L'unica retta contenente due ssati

punti P e T sarà denotata con P T.

Un isomorsmo, o collineazione, fra due piani proiettivi π = (P, L) e π ′ = (P ′ , L′ ) è una

biiezione tra P e P′ che trasforma rette in rette insieme all'inversa.

PROPOSIZIONE 1.10.2. In un piano proiettivo π = (P, L) valgono le seguenti proprietà:


(i) due rette sono equipotenti;
(ii) una retta e un fascio di rette sono equipotenti;
(iii) due fasci di rette sono equipotenti;
(iv) ogni retta contiene almeno tre punti.
DIMOSTRAZIONE. ℓ, m due rette distinte, B il loro punto d'intersezione e comin-
Siano

ciamo col provare che non può essere P = ℓ ∪ m. Nell'ipotesi contraria, ogni retta passante per un
punto di ℓ \ {B} e uno di m \ {B}, conterrebbe soltanto questi due punti e quindi, in forza della

(P P )2 , esisterebbe un punto su ℓ ∪ m per cui passano soltanto rette con due punti; ciò è assurdo
perché contro la (P P )3 .

Detto A un punto non appartenente ad ℓ ∪ m, l'applicazione

X ∈ ℓ → X ′ = AX ∩ m

è biiettiva e si ha così la (i). Le (ii), (iii), (iv) sono facile conseguenza della (i).
DEFINIZIONE 1.10.3. Sia π = (P, L) un piano proiettivo e denotiamo con P

l'insieme dei fasci

di rette di π. La coppia π ∗ = (L, P ∗ ) è ancora un piano proiettivo, che si chiama il duale di π.


pagina n.31 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 29

ESERCIZIO 1.10.4. Provare che il duale del duale di un piano proiettivo π è isomorfo a π.
ESEMPIO 1.10.5. (Piani proiettivi su campi) Se K è un campo, i punti e le rette di P G(2, K)
deniscono un piano proiettivo ( cfr. Eserc.1.6.3,) che si chiama piano proiettivo su K. In altre

parole, in P G(2, K) i punti possono identicarsi con le terne non nulle (x, y, t) di elementi di K
denite a meno di un fattore non nullo di proporzionalità, le rette con le terne non nulle [a, b, c]
di elementi di K denite a meno di un fattore non nullo di proporzionalità e un punto (x, y, t)
appartiene ad una retta [a, b, c] se, e solo se, ax + by + ct = 0.
ESEMPIO 1.10.6. (Piani proiettivi su corpi) Ricordiamo che, se K è un corpo, abbiamo denotato
con Ks3 lo spazio vettoriale numerico sinistro di dimensione tre su K. Allora, con procedimento

analogo a quello usato per gli spazi vettoriali sui campi, è possibile associare a Ks3 un piano
proiettivo che si chiama piano proiettivo numerico sinistro suP G(s) (2, K) : i
K e si denota con

punti e le rette sono i sottospazi vettoriali di dimensione rispettivamente 1 e 2 di Ks3 . In altre


(s)
parole, in P G (2, K) i punti possono identicarsi con le terne non nulle (x, y, t) di elementi di K
denite a meno di un fattore non nullo di proporzionalità sinistro, le rette con le terne non nulle

[a, b, c] di elementi di K denite a meno di un fattore non nullo di proporzionalità destro e un

punto (x, y, t) appartiene ad una retta [a, b, c] se, e solo se, ax + by + ct = 0.


Analoga costruzione può ovviamente farsi a partire dallo spazio vettoriale numerico destro Kd3 su

K; si ottiene così il piano proiettivo numerico destro su K, che si denota con P G(d) (2, K).
Se K è un campo, un piano proiettivo isomorfo a P G(2, K) si dice coordinabile su K. I piani
di questo tipo sono isomor al proprio duale.

Se K è un corpo, un piano proiettivo isomorfo a PG (s)


(2, K) o a P G(d) (2, K) si dice coordinabile a
sinistra o a destra sul corpo K, rispettivamente. Il duale di un piano coordinabile a sinistra (risp.

a destra) su K è coordinabile a destra (risp. a sinistra) su K. Si osservi che un piano proiettivo

coordinabile a sinistra (risp. a destra) su K risulta coordinabile a destra (risp. a sinistra) sul corpo

opposto a K.

Figura 1.1: La congurazione di Desargues

In un piano proiettivo coordinabile su un corpo o su un campo valgono i seguenti teoremi,

rispettivamente.

RISULTATO 1.10.7. (Teorema di Desargues) Sia π un piano proiettivo coordinabile a sinistra


su un corpo e siano A1 , B1 , C1 , A2 , B2 , C2 due triangoli senza vertici in comune tali che le rette
A1 A2 , B1 B2 , C1 C2 concorrano in un punto U. Allora i punti
A = B1 C1 ∩ B2 C2 , B = C1 A1 ∩ C2 A2 , C = A1 B1 ∩ A2 B2
pagina n.32 429963_LAVORATO.pdf

30 1.10 PIANI PROIETTIVI E AFFINI

sono allineati.
RISULTATO 1.10.8. (Teorema di Pappo) Sia π un piano proiettivo coordinabile su un campo e
siano A1 , B1 , C1 e A2 , B2 , C2 due terne di punti distinti e allineati su due rette distinte. Allora i
punti
A = B1 C2 ∩ B2 C1 , B = C1 A2 ∩ C2 A1 , C = A1 B2 ∩ A2 B1
sono allineati.

Un piano proiettivo si dice desarguesiano se per esso vale il teorema di Desargues; si dice

pappiano se per esso vale il teorema di Pappo. I piani desarguesiani e pappiani ammettono le

seguenti caratterizzazioni.

RISULTATO 1.10.9. Un piano proiettivo è desarguesiano se, e soltanto se, è coordinabile a sinistra
( o a destra) su un corpo.
RISULTATO 1.10.10. Un piano proiettivo è pappiano se, e soltanto se, è coordinabile su un
campo.

Figura 1.2: La congurazione di Pappo

Come conseguenza degli ultimi due teoremi abbiamo che la validità del teorema di Pappo in

un piano proiettivo implica quella del teorema di Desargues ma, in generale, non è vero il viceversa.

Nel caso K sia un corpo nito, il teorema di Weddeburn ( cfr. Risultato 1.1.1) assicura che K è

un campo e, di conseguenza, otteniamo la seguente versione geometrica dello stesso teorema.

PROPOSIZIONE 1.10.11. Un piano proiettivo con un numero nito di punti è desarguesiano se,
e solo se, è pappiano.

Sia A un insieme non vuoto e R una famiglia di sottoinsiemi non vuoti di A. Come prima,

gli elementi di A e R saranno rispettivamente chiamati punti e rette.


DEFINIZIONE 1.10.12. La coppia α = (A, R) prende il nome di piano ane se sono vericare le
seguenti proprietà:

(P A)1 due punti distinti appartengono ad un'unica retta;


(P A)2 (assioma delle parallele) se P è un punto ed ℓ una retta non contenente P, esiste un'unica
retta contenente P ad intersezione vuota con ℓ;
pagina n.33 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 31

(P A)3 esistono tre punti non appartenenti ad una stessa retta.

Punti appartenenti ad una stessa retta si dicono allineati. L'unica retta contenente due

ssati punti P e T sarà denotata con P T. Due rette si dicono parallele se coincidono o sono ad

intersezione vuota. La relazione di parallelismo fra rette è di equivalenza in R e ogni classe completa
di parallelismo si chiama direzione, o punto improprio di α. L'unica direzione cui appartiene una

retta ℓ si dice direzione di ℓ e sarà denotata con δ(ℓ).

Un isomorsmo, o collineazione, fra due piani ani α = (A, R) e α′ = (A′ , R′ ) è una

biiezione tra α e α′ che trasforma rette in rette insieme all'inversa.

PROPOSIZIONE 1.10.13. In un piano ane α = (A, R) valgono le seguenti proprietà:


(i) ogni retta contiene almeno due punti;
(ii) una direzione e una retta sono equipotenti;
(iii) due rette sono equipotenti;
(iv) due direzioni sono equipotenti;
(v) due fasci di rette sono equipotenti.
DIMOSTRAZIONE. E' lasciata per esercizio al Lettore.

ESEMPIO 1.10.14. Se K è un campo, i punti e le rette di AG(2, K) deniscono un piano ane,

che si chiama piano ane su K. Ricordiamo che i punti di AG(2, K) sono le coppie (x, y) di elementi
2
di K e le rette sono gli insiemi di punti soluzioni di un'equazione lineare ax + by + c = 0 , con

a, b ∈ K. Un piano ane isomorfo ad AG(2, K) si dice coordinabile su K.


ESEMPIO 1.10.15. Se K è un corpo, analogamente a quanto fatto nel caso dei campi, è possibile

associare un piano ane a Ks2 . Tale piano si denota con AG(s) (2, K) e si chiama piano ane
numerico sinistro K. In
su modo simile si denisce il piano ane numerico destro su K, che si
denota con AG(d) (2, K).

Un piano ane isomorfo a AG(s) (2, K) o a AG(d) (2, K) si dice coordinabile a sinistra o a
destra sul corpo K, rispettivamente.
ESEMPIO 1.10.16. Siano π = (P, L) un piano proiettivo ed ℓ una sua retta e poniamo

Pℓ = P \ ℓ , Lℓ = {m \ ℓ : m ∈ L \ {ℓ}}.

Allora πℓ = (Pℓ , Lℓ ) è un piano ane, che si dice associato a π ed ℓ. Il piano πℓ si denota anche

con αℓ (π).

La costruzione descritta nell'esempio precedente può invertirsi nel seguente modo. Siano

α = (A, R) un piano ane e ℓ l'insieme delle sue direzioni. Posto

m′ = m ∪ {δ(m)} , per ogni retta m ∈ R,

poniamo

P(α) = A ∪ ℓ , L(α) = {m′ : m ∈ R} ∪ {ℓ}.


Allora π(α) = (P(α), L(α)) è un piano proiettivo, che si dice associato ad α, o anche ampliamento
proiettivo di α.
pagina n.34 429963_LAVORATO.pdf

32 1.10 PIANI PROIETTIVI E AFFINI

ESERCIZIO 1.10.17. Siano π = (P, L) un piano proiettivo ed ℓ una sua retta. Provare che
l'ampliamento proiettivo di πℓ è isomorfo a π.
Siano α = (A, R) un piano ane e ℓ l'insieme delle sue direzioni. Provare che il piano ane
associato a π(α) ed ℓ è isomorfo ad α.

Una collineazione di un piano ane α = (A, R) in se stesso che conserva le direzioni, cioè che
trasforma ogni retta in una ad essa parallela, prende il nome di traslazione. Se T è una traslazione

e P, P = T (P ) sono due punti che si corrispondono in T, le rette ℓ unite in T, cioè T (ℓ) = ℓ, sono

tutte e sole quelle parallele alla retta per P e P ; la direzione di questa retta si chiama direzione di

T e si denota con δ(T ). È immediato provare che le traslazioni di α formano un sottogruppo T (α)

(il gruppo delle traslazioni) del gruppo delle collineazioni di α. Osserviamo esplicitamente che tale

gruppo può ridursi all'identità.

DEFINIZIONE 1.10.18. Un piano ane α = (A, R) si dice di traslazione se il gruppo delle

traslazioni T (α) è transitivo sui punti, cioè se

P, P ′ ∈ A ⇒ esiste T ∈ T (α) : T (P ) = P ′ .

In un piano proiettivo π, una retta ℓ si dice di traslazione se il piano ane πℓ è di traslazione. Il

piano π si dice di traslazione se contiene almeno una retta di traslazione.

Esempi di piani di traslazione sono quelli coordinabili sui corpi. Infatti, presi due punti

(a, b), (a′ , b′ ) ∈ AG(s) (2, q) e posto e = a′ − a, f = b′ − b, è immediato provare che la permutazione
(s)
di AG (2, q)
(x, y) → (x + e, y + f )
è una traslazione che trasforma (a, b) in (a′ , b′ ).

Figura 1.3: Operazioni sui punti di una retta in un piano ane

Un piano ane si dice desarguesiano o pappiano se tale è il piano proiettivo ad esso associato.
Per tali piani valgono teoremi analoghi ai Risultati 1.10.9 e 1.10.10.

RISULTATO 1.10.19. Un piano ane è desarguesiano se, e solo se, è coordinabile a sinistra (o a
destra) su un corpo.
RISULTATO 1.10.20. Un piano ane è pappiano se, e solo se, è coordinabile su un campo.
pagina n.35 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 33

α è un piano ane e X una sua retta, è possibile costruire una struttura algebrica (X, +, ·)
Se

sui punti di X facendo uso soltanto delle proprietà di incidenza e del parallelismo di α. A tale scopo
si consideri una retta Y ̸= X con un punto 0 su X, si scelgano un punto, che denoteremo con 1,

su X \ Y e uno u su Y \ X.

Assegnati due punti a, b di X, come in Figura 1.3, il punto a + b si denisce nel seguente modo: sia
b′ Y con la retta per b parallela a 1u, sia c il punto di intersezione della
il punto di intersezione di

retta per a parallela a Y con la retta per b parallela ad X, allora a + b è il punto di intersezione di

X con la retta per c parallela ad 1u. Il punto ab si denisce come l' intersezione di X con la retta
′ ′′ ′′
per b parallela alla retta au. E' facile rendersi conto che 0 è neutro rispetto all' operazione + e 1
′′ ′′
è neutro rispetto all' operazione · . Quando α è coordinabile su un corpo K, è possibile provare
che (X, +, ·) è isomorfo a K; nel caso contrario si ottengono strutture algebriche piú generali dei

corpi. Lo studio di tali strutture è intimamente collegato alle proprietà geometriche del piano e

costituisce una parte fondamentale della teoria dei piani ani e proiettivi. Il Lettore che voglia

approfondire tale argomento può, per esempio, consultare [34],[57],[95].

1.11 Un esempio di piano non desarguesiano


Descriveremo ora un esempio di piano non desarguesiano, noto come piano di rifrazione o piano

di Multon, dal nome dell'astronomo statunitense F.R.Moulton che lo scoprì nel 1902 [70]. Esso si
ottiene modicando le rette con coeciente angolare positivo nel piano euclideo. È da notare che la

costruzione di Moulton semplica quella del primo modello di piano non desarguesiano, descritto da

D.Hilbert nei famosi Grundlagen der Geometrie del 1899 [52]. La stesso Hilbert riporterà l'esempio

di Moulton nelle edizioni successive della sua opera.

Figura 1.4: Rette euclidee e retta di Moulton

Sia A l'insieme dei punti del piano euclideo R2 . Deniamo retta in A un insieme di punti di
uno dei seguenti tipi:

1. ( rette euclidee) rette euclidee ortogonali e parallele all'asse x e rette euclidee con coeciente
algolare negativo, cioè di equazione y = mx + n, con m < 0;

2. ( rette di Moulton) unione di due semirette euclidee del tipo


{(x, y) ∈ R2 : y = mx + n, x ≥ 0} e {(x, y) ∈ R2 : y = 2mx + n, x < 0},

con m > 0.
pagina n.36 429963_LAVORATO.pdf

34 1.11 UN ESEMPIO DI PIANO NON DESARGUESIANO

Detta R la famiglia di tutte le rette di A denite come sopra, non è dicile provare che α = (A, R)
è un piano ane. L'unica proprietà non evidente è l'unicità della retta (di Moulton) per due punti

A = (a1 , a2 ), B = (b1 , b2 )) le cui ordinate sono non nulle e di segno opposto, per esempio a2 > 0 e

b2 < 0. In questo caso, considerate l'equazione

Figura 1.5: Congurazione non di Desargues nel piano di Moulton

y − a2 = m(x − a1 )

del fascio di rette con centro in A e quella

y − b2 = 2m(x − b1 )

del fascio di rette con centro in B, se imponiamo che, in corrispondenza di uno stesso m, una retta
del primo e una del secondo fascio hanno lo stesso punto di intersezione con l'asse x, abbiamo
l'equazione in m
−a2 + ma1 −b2 + 2mb1
=
m 2m
con unica soluzione
2a2 − b2
m= .
2(a1 − b1 )
Ne segue che è unica la retta di α per i punti A e B.
A questo punto, se si osserva la Figura 1.5, si vede che nell'ampliamento proiettivo di α:

• sono vericate le ipotesi del teorema di Desargues per i triangoli A1 B1 C1 e A2 B2 C2 : le rette


A1 A2 , B1 , B2 , C1 , C2 sono parallele e, quindi, concorrenti in un punto improprio;

• i punti

A = B1 C1 ∩ B2 C2 , B = C1 A1 ∩ C2 A2 , C = A1 B1 ∩ A2 B2
non sono allineati: i punti A e B sono impropri mentre C non lo è.

Abbiamo così che nel nostro piano non vale il teorema di Desargues.
pagina n.37 429963_LAVORATO.pdf

Capitolo 2

Spazi e piani niti

2.1 Spazi proiettivi e ani su campi niti


Sia V = Fqn lo spazio vettoriale numerico di dimensione nita n sul campo di Galois Fq , q = pr e

p primo e poniamo ( cfr. Paragr. 1.5)

GL(n, Fq ) = GL(n, q), SL(n, Fq ) = SL(n, q), ΓL(V ) = ΓL(n, q).

Nel seguito riterremo sempre ssata una base ordinata B = (e1 , e2 , ..., en ) di V e iden-
ticheremo un automorsmo L di V con la matrice AL che lo rappresenta in B, porremo cioè
GL(V ) = GL(n, q) e SL(V ) = SL(n, q). Ricordiamo, inoltre, che risulta

|Fqn | = q n .

PROPOSIZIONE 2.1.1. Detto h un intero tale che 1 ≤ h ≤ n, il numero delle h−ple di vettori
indipendenti di Fqn è
(q n − 1)(q n − q)(q n − q 2 ) · · · (q n − q h−1 ) (2.1)

e il numero dei sottospazi vettoriali h−dimensionali di Fqn è dato da

(q n − 1)(q n−1 − 1) · · · (q n−h+1 − 1)


. (2.2)
(q h − 1)(q h−1 − 1) · · · (q − 1)

In particolare, numero delle basi ordinate di Fqn è

(q n − 1)(q n − q)(q n − q 2 ) · · · (q n − q n−1 ). (2.3)

DIMOSTRAZIONE. Per costruire una h−pla ordinata di vettori indipendenti (e1 , e2 , ..., eh ),
il vettore e1 deve essere non nullo e quindi può essere scelto in (qn − 1) modi. Il vettore e2 deve
essere scelto tra quelli che non appartengono al sottospazio di dimensione 1 generato da e1 e abbi-
amo esattamente (q −q) possibilità per tale scelta.
n
Allora, per induzione su h, si ha la prima parte
dell'asserto. D'altra parte, il numero dei sottospazi Vh di dimensione h Fqn si ottiene dividendo
di

il numero delle h−ple di vettori indipendenti di Fqn per il numero delle basi ordinate di un Vh e da

ciò segue la (2.2). La (2.3) si ottiene ovviamente dalla (2.1) per h = n.

35
pagina n.38 429963_LAVORATO.pdf

36 2.1 SPAZI PROIETTIVI E AFFINI SU CAMPI FINITI

DEFINIZIONE 2.1.2. Il numero dei sottospazi vettoriali h−dimensionali di Fqn si chiama coe-
ciente gaussiano o numero gaussiano e si denota con

[ ]
n
.
h q

In forza della (2.2) risulta


[ ]  1
 se h=0
n
= . (2.4)
h q  (qn −1)(qn−1 −1)···(qn−h+1 −1)
h h−1(q −1)(q −1)···(q−1)
se 1≤h≤n

A volte può essere conveniente considerare i coecienti gaussiani anche per valori di h negativi o

maggiori di n; in questo caso tali coecienti si pongono uguali a zero.

ESERCIZIO 2.1.3. Provare che i coecienti gaussiani vericano le seguenti identità


[ ] [ ]
n n
= (2.5)
h q n−h q

[ ] [ ] [ ]
n n−1 n−1
= + q n−h (2.6)
h q h q h−1 q
[ ] [ ] [ ]
n+1 n n
= + qh (2.7)
h q h−1 q h q

ESERCIZIO 2.1.4. Tenendo presente la Proposizione 1.5.8, provare che SL(n, q) ha indice q − 1
in GL(n, q) e quindi
|GL(n, q)| = (q − 1)|SL(n, q)|.

Sappiamo che, ssate due basi ordinate B e B′ di Fqn , esiste un unico automorsmo L ∈
GL(n, q) che trasforma B in B′ . Questo signica che l'ordine di GL(n, q) è pari al numero delle

basi ordinate di Fqn e quindi ( cfr. Prop.2.1.1, 2.1.4)

|GL(n, q)| = (q n − 1)(q n − q) · · · (q n − q n−2 )(q n − q n−1 )

n(n−1) ∏
n (2.8)
= q 2 (q j − 1)
j=1

e
n(n−1) ∏
n
|SL(n, q)| = q 2 (q j − 1). (2.9)

j=2

ESERCIZIO 2.1.5. Provare che GL(n, q) non è 2−transitivo1 sull'insieme delle coppie di elementi
di Fqn .
1 Un gruppo G si dice (strettamente) h−transitivo su un insieme X se è isomorfo ad un gruppo di permutazioni G′
su X tale che, per ogni due h−ple (a1 , a2 , . . . , ah ), (b1 , b2 , . . . , bh ) di elementi distinti di X, esiste un (unico) elemento
σ ∈ G′ tale che σ(aj ) = bj , j = 1, 2, . . . , h. In queste ipotesi G può identicarsi con G′ ed i suoi elementi possono
pensarsi come permutazioni su X. Un gruppo 1−transitivo si dice semplicemente transitivo e se è strettamente
transitivo si dice anche regolare.
pagina n.39 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 37

ESERCIZIO 2.1.6. Provare che il centro di SL(n, q) è isomorfo al gruppo delle radici n−esime
dell'unità in Fq .
ESERCIZIO 2.1.7. Ricordando che abbiamo posto q = pr , provare che
|ΓL(n, q)| = r|GL(n, q)|.

Sia P = P G(n, q) lo spazio proiettivo numerico di dimensione nita n su Fq . Sia, inoltre,

AG(n, Fq ) = AG(n, q) lo spazio ane di dimensione n su Fq . Poniamo ( cfr. Paragr.1.6,1.8)

P GL(P) = P GL(n + 1, q), P SL(P) = P SL(n + 1, q), P ΓL(P) = P ΓL(n + 1, q)


e

AGL(n, Fq ) = AGL(n, q), AΓL(n, Fq ) = AΓL(n, q).


OSSERVAZIONE 2.1.8. H.S.M.Coxeter in [37], gli spazi proiettivi su
Secondo quanto riportato da

un campo nito Fq Gino Fano nel caso q primo. È questo il motivo per
furono introdotti nel 1892 da

cui P G(2, 2), il piano proiettivo sul campo d'ordine 2, è noto come piano di Fano. Successivamente

nel 1906, O.Veblen e W.H.Bussey estesero la costruzione di Fano al caso di arbitrarie potenze di

primi e introdussero la notazione P G(n, q).


PROPOSIZIONE 2.1.9. Sia h un intero tale che 0 ≤ h ≤ n. Il numero dei sottospazi proiettivi
h−dimensionali di P G(n, q) è dato da
[ ]
n+1 (q n+1 − 1)(q n − 1) · · · (q n+1−h − 1)
= . (2.10)
h+1 q (q h+1 − 1)(q h − 1) · · · (q − 1)
In particolare il numero dei punti e il numero degli iperpiani di P G(n, q) è dato da
q n+1 − 1
= q n + q n−1 + · · · + q + 1. (2.11)
q−1
Inoltre AG(n, q) contiene esattamente q punti e n

q n + q n−1 + · · · + q (2.12)

iperpiani.
DIMOSTRAZIONE. E' una conseguenza della Proposizione 2.1.1.
PROPOSIZIONE 2.1.10. Siano h, n, k interi tali che 0 ≤ h, n − h − 1 ≤ n − 1 e h < k ≤ n − 1.
Siano Sh e Sn−h−1 due ssati sottospazi proiettivi supplementari di P G(n, q). Allora in P G(n, q)
il numero di sottospazi proiettivi k−dimensionali contenenti Sh è uguale al numero dei sottospazi
proiettivi (k − h − 1)−dimensionali contenuti in Sn−h−1 . Inoltre, il numero dei sottospazi proiettivi
k−dimensionali di P G(n, q) contenenti un ssato sottospazio di dimensione h è dato da
[ ]
n−h (q n−h − 1)(q n−h−1 − 1) · · · (q n−k+1 − 1)
= . (2.13)
k−h q (q k−h − 1)(q k−h−1 − 1) · · · (q − 1)

DIMOSTRAZIONE. Se Sh e Sn−h−1 sono sottospazi supplementari di P G(n, q), la formula


di Grassmann assicura che ogni sottospazio Sk di dimensione k contenente Sh interseca Sn−h−1 in

un sottospazio Sk−h−1 di dimensione k − h − 1. L'applicazione


Sk ⊃ Sh → Sk−h−1 = Sk ∩ Sn−h−1 ⊂ Sn−h−1
è una biiezione fra i sottospazi di dimensione k contenenti Sh e quelli di dimensione k−h−1
contenuti in Sn−h−1 e abbiamo così la prima parte dell'asserto. La seconda parte segue dalla

(2.10).
pagina n.40 429963_LAVORATO.pdf

38 2.2 FORME SESQUILINEARI

ESERCIZIO 2.1.11. Siano h, n, k interi tali che 0 ≤ h < k ≤ n − 1. Provare che il numero dei
sottospazi ani k−dimensionali di AG(n, q) contenenti un ssato sottospazio di dimensione h è
dato da [ ]
n−h n−h n−h−1
(q − 1)(qn−k+1
− 1) · · · (q − 1)
= . (2.14)
k−h q (q k−h − 1)(q k−h−1 − 1) · · · (q − 1)

ESERCIZIO 2.1.12. Ricordando che abbiamo posto q = pr , provare che


n(n−1) ∏
n
|P GL(n, q)| = q 2 (q j − 1),
j=2

|P GL(n,q)|
|P SL(n, q)| = M CD(q−1,n) ,

|P ΓL(n, q)| = r|P GL(n, q)|,

|AGL(n, q)| = q n |GL(n, q)|,

|AΓL(n, q)| = q n |ΓL(n, q)|.


PROPOSIZIONE 2.1.13. I gruppi P GL(n + 1, q) e P SL(n + 1, q) sono 2−transitivi sui punti di
P G(n, q).
DIMOSTRAZIONE. ([x], [y ]) e ([x′ ], [y ′ ]) due coppie di punti distinti di P G(n, q) e
Siano

siano (ei ), (e′i ) Fqn+1 tali che e0 = x, e1 = y , e′0 = x′ e e′1 = y ′ . Allora, se L


due basi ordinate di

che porta (ei ) in (ei ), la proiettività σL associata ad L porta [x]


n+1 ′
è l'unico automorsmo di Fq

in [x ] e [y ] in [y ]. Ora, se il determinante d di L è diverso da 1, possiamo ragionare come prima


′ ′

sostituendo il vettore e1 = y nella base ei con il vettore d y . In questo modo otteniamo un


′ ′ ′ −1 ′
′ n
automorsmo L di Fq con determinante 1 la cui proiettività associata appartiene a P SL(n + 1, q)

e porta ancora [x] in [x ] e [y ] in [y ].


′ ′

ESERCIZIO 2.1.14. Provare che P GL(n + 1, q) è regolare sui riferimenti proiettivi di P G(n, q),
cioè sulle (n+2)−ple di punti di P G(n, q) a n+1 a n+1 indipendenti. Se ne deduca che P GL(2, q)
è strettamente 3−transitivo sui punti di P G(1, q).
ESERCIZIO 2.1.15. Provare che una proiettività di P G(n, q) che ssa tutti i punti fondamentali
e il punto unità di un riferimento proiettivo è necessariamente l'identità. Provare inoltre che una
proiettività di P G(1, q) che ha tre punti uniti è necessariamente l'identità.

2.2 Forme sesquilineari e polarità in P G(n, q)


Siano V, W due spazi vettoriali su Fq . Un'applicazione

L : V → W
si dice semilineare, o σ−lineare, se esiste un automorsmo σ di Fq tale che

(1) L(a + b) = L(a) + L(b),

(2) L(αa) = ασ L(a),


pagina n.41 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 39

per ogni a, b ∈ V e α ∈ Fq . L' automorsmo σ si dice associato alla funzione semilineare L e,

quando σ è l'identità, L è una funzione lineare.


ESERCIZIO 2.2.1. Sia V uno spazio vettoriale su Fq e σ un automorsmo di Fq . Si denisca su
V un nuovo prodotto ′′ ·′′ fra scalari e vettori nel seguente modo
α · a = ασ a, per ogni α ∈ Fq , a ∈ V.
Provare che V = (V, +, ·) è uno spazio vettoriale su Fq della stessa dimensione di V. Provare
σ

inoltre che una funzione L fra V e W è σ−lineare se, e solo se, L è lineare fra V e W σ .
OSSERVAZIONE 2.2.2. L'Esercizio 2.2.1 prova che lo studio delle funzioni semilineari fra due

spazi vettoriali è equivalente a quello delle funzioni lineari.

Sia ora V uno spazio vettoriale di dimensione nita n su Fq .


DEFINIZIONE 2.2.3. Una funzione

< , > : (x, y ) ∈ V × V → < x, y >∈ Fq


si chiama forma sesquilineare, o semibilineare, su V se è lineare nel primo argomento e σ−lineare
nel secondo, cioè se verica le seguenti proprietà:

(F1) < x1 + x2 , y >=< x1 , y > + < x2 , y > e

< x, y1 + y2 >=< x, y1 > + < x, y2 >,

(F2) < αx, y >= α < x, y >,

(F3) < x, αy >= ασ < x, y >,

per ogni x 1 , x 2 , x , y1 , y2 , y ∈ V e α ∈ Fq , ove σ è un automorsmo di Fq .


L'automorsmo σ si dice associato alla forma sesquilineare. Quando σ è l'identità, la forma

sesquilineare si dice bilineare.


In tutto il paragrafo la parola forma senza alcun aggettivo sarà sinonimo di forma sesquili-
neare e ne riterremo ssata una <, > con automorsmo associato σ.

Sia B = (e1 , e2 , ..., en ) una base ordinata di V e, come al solito, scriviamo a = (a1 , a2 , ..., an )
per indicare che a1 , a2 , ..., an sono le componenti del vettore a ∈ V nella base B.
Se x, y ∈ V, risulta

n ∑
n ∑
n ∑
n
< x, y > = < xi ei , yj ej >= xi < ei , yj ej >
i=1 j=1 i=1 j=1

n
= xi yjσ < ei , ej >,
i,j=1

e , se poniamo aij =< ei , ej > e A = (aij ), è

 σ
y1
y2σ 
 
< x, y >= (x1 , x2 , ..., xn )A  .  = xA(y σ )t . (2.15)
 .. 
ynσ
pagina n.42 429963_LAVORATO.pdf

40 2.2 FORME SESQUILINEARI

La matrice A = (aij =< ei , ej >) si dice associata alla forma nella base B ed è chiaro che ogni
matrice A ad elementi in Fq , mediante la (2.15), denisce una forma su V. Due forme su V si
dicono equivalenti se, in basi diverse, possono essere rappresentate da una stessa matrice.
ESERCIZIO 2.2.4. Sia Fq di caratteristica p e q = pr . Provare che il numero delle forme sesquilin-
eari su uno spazio vettoriale di dimensione n su Fq è rq n .
2

Per ogni sottospazio vettoriale X ⊆ V, poniamo

Xd = {y ∈ V : < x, y >= 0, x ∈ X},



per ogni

Xs = {y ∈ V : < y , x >= 0, x ∈ X}.



per ogni

⊥ ⊥
Si ha che Xd e Xs sono sottospazi vettoriali di V e risulta

⊥ ⊥ ⊥ ⊥
X ⊆ (Xd )s , X ⊆ (Xs )d (2.16)

⊥ ⊥ ⊥ ⊥
Y ⊆ X ⇒ Xd ⊆ Yd , Xs ⊆ Ys . (2.17)

⊥ ⊥
I sottospazi Vd e Vs si chiamano radicale destro e sinistro della forma, rispettivamente.
PROPOSIZIONE 2.2.5. I radicali sinistro e destro di una forma su Fq hanno la stessa dimensione,
in simboli
dim(Vd⊥ ) = dim(Vs⊥ ). (2.18)

DIMOSTRAZIONE. Fissata una base ordinata B = (e1 , e2 , ..., en ) di V , sia A = (ai,j ) la


matrice associata alla forma e si scriva y = y1 e1 +y2 e2 +. . .+yn en per y ∈ V . Ora, < ei , y >= 0
se e solo se

ai1 y1σ + ai2 y2σ + . . . + ain ynσ = 0.


Poiché σ ∈ Aut(Fq ), esistono bij ∈ Fq tali che bσij = ai,j per ogni 1 ≤ i, j ≤ n. Pertanto, i vettori

y ∈ Vd⊥ sono le soluzioni del sistema lineare



 b11 y1 + b12 y2 + . . . + b1n yn = 0


b21 y1 + b22 y2 + . . . + b2n yn = 0
. .

 .


.

bn1 y1 + bn2 y2 + . . . + bnn yn = 0

dim(Vd⊥ ) è uguale a n meno il rango della matrice B = (bij ). Conviene osservare


Ne segue che che

le matrici A
B hanno lo stesso rango.
e

Analogamente, i vettori y ∈ Vs

sono le soluzioni (y1 , y2 , . . . , yn ) del sistema lineare



a11 y1 + a12 y2 + . . . + a1n yn = 0


a21 y1 + a22 y2 + . . . + a2n yn = 0
. ,

.


.

an1 y1 + an2 y2 + . . . + ann yn = 0
pagina n.43 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 41

la cui matrice è At . Pertanto, n meno il rango di At è uguale alla dim(Vs⊥ ). Poiché A ed At hanno

lo stesso rango, l'asserto segue.

Una forma si dice non degenere se uno dei suoi radicali, e di conseguenza l'altro, è nullo. E'

facile rendersi conto che, nel caso Fq abbia caratteristica dispari, una forma è non degenere se, e

solo se, una qualunque matrice associata A ha determinante non nullo, cioè A ∈ GL(n, q).
Consideriamo ora lo spazio proiettivo P G(V ) e supponiamo che la nostra forma sia non

degenere, allora le applicazioni



D⊥ : [U ] → [Ud ]
e

S ⊥ : [U ] → [Us ]
sono permutazioni sull'insieme dei sottospazi di P G(V ). Se

S0 ⊂ S1 ⊂ · · · ⊂ Sn−2

è una catena di sottospazi di P G(V ), con dim(Sj ) = j, in forza della (2.17) abbiamo

⊥ ⊥
⊥ ⊥
(S0 )d ⊃ (S1 ) d
⊃ · · · ⊃ (Sn−2 ) d
, (S0 )s ⊃ (S1 )⊥ s ⊃ · · · ⊃ (Sn−2 )⊥ s ,

cioè D⊥ e S⊥ trasformano ogni sottospazio di P G(V ) in uno di dimensione duale. Ne segue che le

funzioni

∆ : < x >∈ P G(V ) → < x >d ∈ P G(V )∗


Σ : < x >∈ P G(V ) → < x >s ∈ P G(V )∗


sono correlazioni di P G(V ) (cfr. Def.1.7.3). Tali correlazioni si dicono associate alla forma e

quando sono uguali danno luogo ad una polarità ( cfr. Def.1.7.4), come specicato nel seguente

teorema.

PROPOSIZIONE 2.2.6. Sia < , > una forma non degenere su Fq . Allora le seguenti aermazioni
sono equivalenti:

(1) < x, y >= 0 ⇔ < y , x >= 0,


(2) ∆ è una polarità;
(3) Σ è una polarità;
(4) ∆ = Σ.

Negli esempi che seguono, descriviamo tre classi di forme che ammettono una polarità

associata.

ESEMPIO 2.2.7. Una forma bilineare <, > su V si dice simmetrica se


< x, y >=< y , x >, per ogni x, y ∈ V
e antisimmetrica se
< x, y >= − < y , x >, per ogni x, y ∈ V.
Si noti che le due denizioni coincidono nel caso q sia pari.

Una forma bilineare simmetrica non singolare su V prende il nome di forma ortogonale e,
vericando la (1) della Proposizione 2.2.6, denisce una polarità su P (V ). Una forma ortogonale si
pagina n.44 429963_LAVORATO.pdf

42 2.2 FORME SESQUILINEARI

chiama anche prodotto scalare e, in questo caso, l'elemento < x, y > di Fq si dice prodotto scalare
di x e y.
Se A = (aij =< ei , ej >) è la matrice di una forma ortogonale in una base B = (e1 , e2 , ..., en ),
deve aversi

aij =< ei , ej >=< ej , ei >= aji ,


per ogni i, j = 1, 2, ..., n, e quindi A è simmetrica. La forma ortogonale corrispondente alla matrice

identità si chiama prodotto scalare standard nella base B e per essa risulta

< x, y >= x1 y1 + x2 y2 + · · · + xn yn .

ESEMPIO 2.2.8. Una forma bilineare <, > su V si dice alternante se


< x, x >= 0, ∀x ∈ V.

Si noti che una forma bilineare alternante è anche antisimmetrica; infatti, per ogni x, y ∈ V, risulta
0 =< x + y , x + y > = < x, x > + < x, y > + < y , x > + < y , y >
= < x, y > + < y , x >

e quindi

< x, y >= − < y , x > .

Una forma bilineare alternante non degenere si dice simplettica e, vericando la (1) della

Proposizione 2.2.6, denisce una polarità su P G(V ).


Se A = (aij =< ei , ej >) è la matrice di una forma simplettica in una base B = (e1 , e2 , ..., en ),
deve aversi

aij =< ei , ej >= − < ej , ei >= −aji ,


per ogni i, j = 1, 2, ..., n, e quindi A è antisimmetrica.

ESEMPIO 2.2.9. Siaq = p2t una potenza pari della caratteristica p di Fq e consideriamo l'unico

automorsmo involutorio di Fq (cfr. Eserc.1.4.12) denito da

t
α ∈ Fq → α = α p .

Una forma sesquilineare non singolare su V si dice unitaria o hermitiana se


< x, y >= < y , x >.

Ogni forma unitaria, vericando la (1) della Proposizione 2.2.6 induce una polarità su P G(V ).
Se A = (aij =< ei , ej >) è la matrice di una forma unitaria in una base B = (e1 , e2 , ..., en ),
deve aversi

aij =< ei , ej >= < ej , ei > = aji ,


per ogni i, j = 1, 2, ..., n. Le matrici i cui elementi vericano le relazioni precedenti si dicono

hermitiane.

Vale il seguente teorema fondamentale che riportiamo senza dimostrazione.


pagina n.45 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 43

PROPOSIZIONE 2.2.10. Sia < , > una forma sesquilineare e non degenere su uno spazio vettoriale
V di dimensione n su Fq e supponiamo che < , > induca una polarità su P G(V ). Allora si ha una
delle seguenti possibilità:
(1) < , > è una forma ortogonale,
(2) n è pari e < , > è una forma simplettica,
(3) q è una potenza pari di p e < , > è una forma unitaria.

Consideriamo una forma sesquilineare e non degenere su V che induca una polarità su

P G(V ). Poiché è D⊥ = S ⊥ (cfr. Prop.2.2.6),



conviene porre

⊥ ⊥ ⊥
X = Xd = Xs ,

per ogni sottospazio X di V. Il sottospazio X prende il nome di sottospazio ortogonale, o

coniugato, a X e risulta

⊥ ⊥ ⊥
(X ) = X , dim(X ) = dim(V ) − dim(X). (2.19)

Il sottospazio X si dice autoconiugato se risulta contenuto nel proprio sottospazio ortogonale.


Le forme simplettiche e quelle unitarie possono scriversi in forma canonica, nel senso pre-

cisato dai seguenti due teoremi.

PROPOSIZIONE 2.2.11. Per ogni forma simplettica sullo spazio vettoriale V di dimensione pari
n = 2h, esiste una base di V rispetto alla quale la matrice della forma è
 
0 1 1 ··· 1
−1 0 1 ··· 1
 
 .. .. .. ..  , (2.20)
 . . . .
−1 −1 −1 ··· 0

cioè
< x, y >= x1 y2 − x2 y1 + x1 y3 − x3 y1 + · · · xn−1 yn − xn yn−1 . (2.21)

PROPOSIZIONE 2.2.12. Sia q un quadrato. Per ogni forma unitaria sullo spazio vettoriale V di
dimensione n, esiste una base di V rispetto alla quale risulta
< x, y >= x1 y 1 + x2 y 2 + · · · + xn y n , (2.22)

ove α → α è l'unico automorsmo involutorio di Fq .


DEFINIZIONE 2.2.13. Se abbiamo una forma unitaria su V, possiamo considerare il luogo H(n, q)
dei punti di P G(V ) autoconiugati rispetto alla forma, cioè

{< x >∈ P G(V ) : < x >∈< x > } = {< x >∈ P G(V ) : < x, x >= 0}.

L'insieme dei punti così denito prende il nome di varietà hermitiana ed esiste un riferimento

proiettivo di P G(V ) nel quale ha equazione ( cfr. (2.22))


√ √ √
q+1 q+1 q+1
x1 x1 + x2 x2 + · · · + xn xn = x1 + x2 + · · · + xn = 0. (2.23)

Le varietà hermitiane di P G(2, q) si chiamano più propriamente curve hermitiane.


pagina n.46 429963_LAVORATO.pdf

44 2.2 FORME SESQUILINEARI

ESERCIZIO 2.2.14. Siano q un quadrato e H(2, q) la curva hermitiana del piano P G(2, q) indi-
viduata da una forma unitaria < , > di V (3, q). Provare che
(1) se < a >, < b > sono punti distinti di H(2, q), risulta < a, b ≯= 0.
(2) la retta A⊥ coniugata ad un punto A di H(2, q) interseca H(2, q) nel solo punto A.

Lo studio delle forme canoniche nel caso ortogonale è più complesso rispetto ai casi unitario

e simplettico, in modo particolare per la caratteristica 2. Esso può ridursi allo studio delle forme

quadratiche ( cfr. (3.39)), delle quali riportiamo di seguito la classicazione.

Consideriamo una forma ortogonale su V e sia A = (aij ) la matrice associata in una ssata

base ordinata B di V, cioè



n
< x, y >= aij xi yj .
i,j

La forma quadratica nelle variabili x1 , x2 , ..., xn (cfr. Def.3.6.10) denita da


n
< x, x >= aij xi xj (2.24)

i,j

si dice associata alla forma ortogonale nella base B e risulta non degenere. Le forme quadratiche

non degeneri sono classicate dal seguente teorema.

PROPOSIZIONE 2.2.15. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione n su Fq e consideriamo le


seguenti forme quadratiche nelle variabili x1 , x2 , ..., xn :
Q(x) = x1 x2 + x3 x4 + · · · + xn−2 xn−1 + x2n , (2.25)

Q (x) = x1 x2 + x3 x4 + · · · + xn−1 xn
+
(2.26)

Q− (x) = x1 x2 + x3 x4 + · · · + αx2n−1 + βxn−1 xn + γx2n , (2.27)

ove αx2n−1 + βxn−1 xn + γx2n è un polinomio irriducibile su Fq . Allora, ogni forma quadratica non
degenere su V è equivalente a Q(x), se n è dispari, è equivalente a Q+ (x) o a Q− (x), se n è pari.
DEFINIZIONE 2.2.16. P G(V ) con un ssato riferimento proi-
Consideriamo lo spazio proiettivo

ettivo. Il luogo dei punti di P G(V ) le cui coordinate annullano una forma quadratica F su V
prende il nome di quadrica di P G(V ) di equazione F (x) = 0. Tale equazione, scritta in forma
esplicita, è del tipo

n
aij xi xj = 0.
i,j=1

E' facile vericare che la denizione data è ben posta, nel senso che non dipende dal riferimento

scelto in P G(V ). Una quadrica si dice non degenere se la forma quadratica che la denisce è non
degenere (cfr. (3.39)). Nel caso P G(V ) sia un piano proiettivo, le sue quadriche prendono il nome

di coniche.

Osserviamo esplicitamente che, nel caso q dispari, la teoria delle quadriche negli spazi

proiettivi su Fq è del tutto simile a quella negli spazi proiettivi sul campo reale.

ESERCIZIO 2.2.17. Provare che una conica non degenere Q(2, q) di P G(2, q) contiene esattamente
q + 1 punti. Provare inoltre che tali punti risultano a tre a tre non allineati.
pagina n.47 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 45

La Proposizione 2.2.15 fornisce una classicazione delle quadriche non degeneri di uno spazio

proiettivo su Fq , nel senso precisato dal seguente teorema.

PROPOSIZIONE 2.2.18. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione n su Fq e Ω una quadrica non
degenere di P G(V ). Allora è vericata una soltanto delle seguenti possibilità:
(1) n è pari ed esiste un riferimento proiettivo di P G(V ) nel quale Ω ha equazione
Q(x) = x1 x2 + x3 x4 + · · · + xn−2 xn−1 + x2n = 0; (2.28)

(2) n è dispari ed esiste un riferimento proiettivo di P G(V ) nel quale Ω ha equazione


Q+ (x) = x1 x2 + x3 x4 + · · · + xn−1 xn = 0, (2.29)

oppure
Q− (x) = x1 x2 + x3 x4 + · · · + αx2n−1 + βxn−1 xn + γx2n = 0, (2.30)

ove αx2n−1 + βxn−1 xn + γx2n e un polinomio irriducibile su Fq .

Il teorema precedente stabilisce che in uno spazio proiettivo su Fq di dimensione pari tutte

le quadriche non degeneri sono proiettivamente equivalenti, mentre nel caso della dimensione dis-

pari esistono esattamente due tipi di quadriche non degeneri non equivalenti proiettivamente. Le

quadriche non degeneri di P G(n, q) con n pari si dicono di tipo parabolico e si denotano con Q(n, q).
Nel caso n dispari le quadriche non degeneri si dicono di tipo iperboliche o ellittiche secondo che

appartengano alla classe individuata dalla (2.29) o (2.30); esse si denotano rispettivamente con
+ −
Q (n, q) e Q (n, q).
ESERCIZIO 2.2.19. Provare che una quadrica ellittica Q− (3, q) di P G(3, q) contiene esattamente
q 2 + 1 punti. Provare inoltre che tali punti risultano a tre a tre non allineati.

2.3 Piani niti


Un piano proiettivo si dice nito se è nito l'insieme dei suoi punti. In questo caso, tutte le sue

rette hanno lo stesso numero di punti ( cfr. Prop.1.10.2(i)) e, se tale numero è n + 1, l'intero n si

dice ordine del piano. Analogamente, un piano ane si dice nito se è nito l'insieme dei suoi

punti. In questo caso, se n è il numero dei punti di una retta, l'intero n si dice ordine del piano.
ESERCIZIO 2.3.1. Provare che l'esistenza di un piano ane nito d'ordine n equivale all'esistenza
di un piano proiettivo nito dello stesso ordine.
PROPOSIZIONE 2.3.2. Se π = (P, L) è un piano proiettivo nito d'ordine n, risulta
|P| = |L| = n2 + n + 1.
DIMOSTRAZIONE. Le n + 1 rette per un ssato punto P, private di P, formano una

partizione di P \ {P } e da ciò segue che |P| − 1 = n(n + 1) = n2 + n. La (iii) della Prop.1.10.2


assicura che |P| = |L| e l'asserto è provato.
ESERCIZIO 2.3.3. Provare che, se α = (A, R) è un piano ane nito d'ordine n, risulta
|A| = n2 , |R| = n2 + n.
pagina n.48 429963_LAVORATO.pdf

46 2.3 PIANI FINITI

Figura 2.1: Il piano di Fano

OSSERVAZIONE 2.3.4. Il piano proiettivo P G(2, q) sul campo di Galois Fq è un piano proiettivo

nito il cui ordine è evidentemente q. Per provarlo basta osservare che, denotate con (x1 , x2 , x3 )
le coordinate dei punti di P G(2, q) in un suo riferimento proiettivo, la retta di equazione x3 = 0 è
costituita dai q+1 punti di coordinate (0, 1, 0) e (1, a, 0) al variare di a ∈ Fq . Ne segue che esiste
almeno un piano proiettivo d'ordine una qualunque potenza di un numero primo. Nelle Figure 2.1,

2.3 e 2.6 sono riportate una rappresentazione graca del piano di Fano P G(2, 2), una di P G(2, 3)
e una di P G(2, 4), rispettivamente.

ESERCIZIO 2.3.5. Provare che ogni piano proiettivo nito d'ordine 2 o 3 è isomorfo al piano di
Fano P G(2, 2) o al piano P G(2, 3), rispettivamente.

È possibile provare che, per q = 4, 5, 7, 8, il piano P G(2, q), a meno di isomorsmi, è l'unico

piano proiettivo d'ordine q. Nel prossimo paragrafo proveremo l'unicità di P G(2, 4). Alquanto più
complicato è provare l'unicità di P G(2, 5) e P G(2, 7). Per l'unicità di P G(2, 8) si conosce soltanto
una dimostrazione che fa uso di una ricerca esaustiva mediante strumenti di calcolo. Per l'ordine

q = 9, invece, è noto che esistono esattamente quattro piani, a meno di isomorsmi e tra questi,

ovviamente, vi è P G(2, 9).

Figura 2.2: Il piano ane d'ordine 3


pagina n.49 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 47

q = ph , p primo e h > 1,
Al momento sono note molte classi di piani proiettivi d'ordine

e non isomor a P G(2, q). Non è ancora noto se esistano o meno piani proiettivi niti d'ordine
primo p non isomor a P G(2, p). Inoltre, non si conoscono esempi di piani proiettivi niti il cui
ordine non sia la potenza di un primo. Il problema dell'esistenza di tali piani è uno dei più

dicili e aascinanti della geometria combinatoria. Al riguardo, nonostante l'enorme sviluppo

della matematica del discreto negli ultimi sessanta anni, il risultato più profondo rimane ancora

quello pubblicato nel 1949 da R.H.Bruck e H.J.Ryser [23], i quali provarono che, se esiste un piano
proiettivo d'ordine n ≡ 1, 2(mod 4), allora n deve necessariamente essere la somma di due quadrati
interi. Per una dimostrazione del teorema si veda la Proposizione 6.6.4. Esistono quindi inniti

interi che, in conseguenza del precedente teorema, non possono essere ordini di piani proiettivi.

Per esempio, il numero di tali interi minori di 2000 è 558 e quelli minori di cento sono: 6, 14, 21,
22, 30, 33, 38, 42, 46, 54, 57, 62, 66, 69, 70, 77, 78, 86, 93, 94. I primi interi non esclusi dal teorema
di Bruck e Ryser sono n = 10 e n = 12. Nel primo caso il problema è stato risolto in senso negativo

[64]. Il risultato, ottenuto grazie alla possibilità di utilizzare potenti elaboratori per una ricerca

esaustiva, è stato pubblicato nel 1989 e si deve a C.W.Lam, S.Swiercz e L.Thiel. Naturalmente,

sarebbe molto interessante trovare una dimostrazione della non esistenza di un piano proiettivo

d'ordine dieci senza l'uso di strumenti di calcolo. Per n = 12 il problema è ancora completamente

aperto e non siamo a conoscenza di risultati che facciano prevedere una sua soluzione in tempi

brevi.

Figura 2.3: Il piano proiettivo d'ordine 3

2.4 Il piano proiettivo d'ordine 4


In questo paragrafo proveremo che, a meno di isomorsmi, esiste un unico piano proiettivo d'ordine

4 e, quindi, ogni piano proiettivo di questo tipo è isomorfo a P G(2, 4). A tale scopo introduciamo

le seguenti tre famiglie di sottoinsiemi di punti del piano P G(2, 4) :


• i quadrangoli, cioè gli insiemi di 4 punti a 3 a 3 non allineati;

• le iperovali, cioè gli insiemi di 6 punti a 3 a 3 non allineati;


• i sottopiani di Baer, cioè gli insiemi di 7 punti su cui P G(2, 4) induce una struttura di piano

proiettivo d'ordine 2, necessariamente isomorfa a P G(2, 2) (cfr. 2.3.5).


pagina n.50 429963_LAVORATO.pdf

48 2.4 IL PIANO PROIETTIVO D'ORDINE 4

Esporremo successivamente le proprietà delle iperovali e dei sottopiani di Baer nel caso

generale di un piano proiettivo nito arbitrario.

LEMMA 2.4.1. Sia Q = {p1 , p2 , p3 , p4 } un quadrangolo di un piano proiettivo π d'ordine 4 e


denotiamo con ℓij la retta per due punti distinti pi e pj . Allora esistono solo due punti p5 e p6
di π non appartenenti ad alcuna delle ℓij e di conseguenza l'insieme Ω = {p1 , p2 , p3 , p4 , p5 , p6 } è
un'iperovale.
DIMOSTRAZIONE. Ognuna delle sei rette ℓij contiene esattamente due punti di Q, cias-

cuna di esse interseca una sola delle rimanenti in un punto non appartenente a Q e i due punti

restanti di quest'ultima non appartengono ad alcun altra ℓij .

Figura 2.4:

Si ha allora che i punti del piano appartenenti a qualche ℓij sono esattamente diciannove e i due

rimanenti punti p5 , p6 possono aggregarsi a Q per ottenere un'iperovale ( cfr. Figura 2.4).
LEMMA 2.4.2. Sia π = (P, L) un piano proiettivo d'ordine 4 e sia Ω una sua iperovale. Per ogni
punto p ∈ P \ Ω, le rette per p incidenti Ω individuano una partizione di Ω in tre sottoinsiemi
di ordine 2. Viceversa, ogni partizione di Ω in tre sottoinsiemi di ordine 2 è del tipo precedente e
corrisponde ad un unico punto di P \ Ω.
DIMOSTRAZIONE. Non esistono rette che intersecano Ω in esattamente un punto, al-

trimenti questo punto apparterrebbe a sei rette; da qui la prima parte dell'asserto. Supponiamo

dunque che {p1 , p4 }, {p2 , p5 }, {p3 , p6 } sia una partizione di Ω. Se per assurdo il punto q intersezione
di p1 p4 e p2 , p5 non appartenesse a p3 p6 , le rette qp3 e qp6 avrebbero un sol punto in comune con
Ω e ciò non è possibile (si veda il primo disegno della Figura 2.5).

Siamo ora in grado di provare l'unicità del piano proiettivo di ordine 4.


PROPOSIZIONE 2.4.3. Due piani proiettivi π1 = (P1 , L1 ) e π2 = (P2 , L2 ) di ordine 4 sono
isomor.
DIMOSTRAZIONE. Il Lemma 2.4.1 assicura l'esistenza di un'iperovale Ω1 di π1 e di una Ω2
di π2 . Stabiliamo dunque una corrispondenza biunivoca φ tra Ω1 e Ω2 e osserviamo che questa può
estendersi ad una biiezione fra P1 e P2 nel seguente modo: ad ogni punto p di P1 \ Ω1 corrisponde

una partizione di Ω1 in tre sottoinsiemi di due punti e φ trasforma questa partizione in una analoga

di Ω2 ; quest'ultima partizione individua un punto p di P2 \ Ω2 (cfr. Lemma 2.4.2) che chiamiamo


φ(p).
pagina n.51 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 49

Figura 2.5:

Sia ora ℓ una retta di π1 che intersechi Ω1 nei punti t e s. Se p è un punto di ℓ \ Ω1 , φ(p) appartiene
alla retta ℓ′ per φ(t) e φ(s) e quindi è φ(ℓ) = ℓ′ . Sia invece ℓ una retta di π1 ad intersezione vuota

con Ω1 e siano t1 , t2 , t3 , t4 , t5 i suoi punti. Indichiamo con ℓ la retta passante per φ(t1 ) e φ(t2 ) e

osserviamo che questa per costruzione non può contenere alcun punto di Ω2 . Consideriamo inoltre

le tre rette passanti per φ(t1 ) incidenti Ω2 e le tre rette passanti per φ(t2 ) incidenti Ω2 . I punti

di queste rette e i punti di ℓ costituiscono un insieme di 20 punti del piano. Poiché φ(t3 ) non

può appartenere alle rette per φ(t1 ) e per φ(t2 ) incidenti Ω2 , deve appartenere ad ℓ oppure deve

coincidere con l'unico punto a del piano non appartenente ad alcuna delle rette considerate (si veda

il primo disegno della Figura 2.5). Considerazioni analoghe valgono per φ(t4 ) e φ(t5 ). In ogni caso,

quindi, almeno due punti tra φ(t3 ), φ(t4 ) e φ(t5 ) appartengono ad ℓ . Abbiamo così che scelti due

punti in φ(ℓ), la retta per essi contiene altri due punti di φ(ℓ). Questo implica che φ(ℓ) è una retta

e così φ è un isomorsmo.

Figura 2.6: Il piano proiettivo d'ordine 4


pagina n.52 429963_LAVORATO.pdf

50 2.5 FIBRAZIONI DI P G(n, q) E PIANI DI TRASLAZIONE

2.5 Fibrazioni di P G(n, q) e piani di traslazione.


Questo numero è dedicato a due costruzioni, ormai classiche, che permettono di rappresentare i

piani di traslazione, in particolare quelli desarguesiani, mediante partizioni di P G(n, q) in sottospazi


della stessa dimensione.

DEFINIZIONE 2.5.1. Sia r un intero positivo.Una r -brazione di P G(n, q) (risp. di Fq ) è


n

una partizione di P G(n, q) (risp. Fqn \ {0}) in sottospazi proiettivi (risp. sottospazi vettoriali
di

privati del vettore nullo) di dimensione r . Una r−brazione si dice anche brazione in sottospazi

r−dimensionali.

OSSERVAZIONE 2.5.2. Ricordiamo che P G(n, q) P G(V ) associato allo


è lo spazio proiettivo

spazio vettoriale V = Fqn+1 r-dimensionale Sr di P (V ) è


e, quindi, ogni sottospazio proiettivo

associato ad un sottospazio vettoriale Vr+1 di V di dimensione r +1, cioè Sr = P G(Vr+1 ). Ne segue


n+1
che una r−brazione di P G(n, q) è associata ad una (r + 1)−brazione di Fq e viceversa.

PROPOSIZIONE 2.5.3. Se n, m e a sono interi positivi, allora risulta


M CD(an − 1, am − 1) = aM CD(n,m) − 1. (2.31)

In particolare, a − 1 divide a − 1 se, e solo se, m divide n.


m n

DIMOSTRAZIONE. Cominciamo con l'osservare che se c, d sono interi positivi con c che

divide d, allora posto d = ec, risulta

ad − 1 = (ac )e − 1 = (ac − 1)(ac(e−1) + ac(e−2) + · · · + ac + 1)

e, quindi, ac − 1 divide ad − 1. Ne segue che aM CD(n,m) − 1 divide sia an − 1 che am − 1.


D'altra parte, detto h un intero divisore di a −1
m
e di a − 1,
n
sia

hs = a − 1 , ht = a − 1
m n
e M CD(m, n) = um + vn , con u, v ∈ Z .

Ciò posto, abbiamo

aM CD(n,m) − 1 = (am )u (an )v − 1 = (hs + 1)u (ht + 1)v − 1


u ∑
v ∑
u ∑
v ∑
u ∑
v
= (hs)j (ht)i − 1 = (hs)j (ht)i + (hs)j + (ht)i + 1 − 1
j=0 i=0 j=1 i=1 j=1 i=1


u ∑
v ∑
u ∑
v
= (hs)j (ht)i + (hs)j + (ht)i
j=1 i=1 j=1 i=1

e, così, h divide aM CD(n,m) − 1.

PROPOSIZIONE 2.5.4. Una r-brazione di P G(n, q) contiene esattamente


q n+1 − 1
q r+1 − 1

elementi. Ne segue che, se esiste una tale brazione, q r+1 − 1 divide q n+1 − 1, ovvero r + 1 divide
n+1
pagina n.53 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 51

DIMOSTRAZIONE. Una r−brazione di P G(n, q) è una partizione dei punti di P G(n, q)

r−dimensionali contenenti ciascuno q q−1−1 punti. Ne segue che


r+1
in sottospazi proiettivi

q n+1 −1
q−1 q n+1 − 1
=
q r+1 −1 q r+1 − 1
q−1

è il numero di elementi della brazione e, quindi, è un intero. Dalla Proposizione 2.5.3 segue poi

che r+1 divide n + 1.


COSTRUZIONE 2.5.5. (Fibrazioni lineari) Supponiamo n + 1 = (r + 1)(s + 1)) e ricordiamo che,
se α è una radice di un polinomio irriducibile su Fq di grado r + 1, ogni elemento x del campo

Fqr+1 è del tipo

a = a0 + a1 α + a2 α2 + · · · + ar αr .
Ora, se per un vettore (x0 , x1 , . . . , xs ) ∈ Fqs+1
r+1 , poniamo

xj = xj0 + xj1 α + xj2 α + · · · + xjr αr ,


2
per ogni j = 0, 1, . . . , s ,

possiamo mettere in corrispondenza biunivoca i vettori di Fqs+1


r+1 con quelli di Fqn+1 mediante la

funzione φ denita da

(x0 , x1 , . . . , xs ) → (x00 , x01 , . . . , x0r , x10 , x11 , . . . , x1r , . . . , xs0 , xs1 , . . . , xsr ).

È immediato provare che la funzione φ è Fq −lineare, verica cioè le seguenti proprietà:

1. φ((x0 , x1 , . . . , xs ) + (y0 , y1 , . . . , ys )) = φ(x0 , x1 , . . . , xs ) + φ(y0 , y1 , . . . , ys ) , per ogni

(x0 , x1 , . . . , xs ), (y0 , y1 , . . . , ys ) ∈ Fqs+1


r+1

2. φ(a(x0 , x1 , . . . , xs )) = aφ(x0 , x1 , . . . , xs ) , per ogni a ∈ Fq e (x0 , x1 , . . . , xs ) ∈ Fqs+1


r+1 .

Ne segue che, mediante φ, un sottospazio vettoriale H di dimensione h di Fqs+1


r+1 si trasforma nel

sottospazio vettoriale φ(H) di Fqn+1 che, essendo d'ordine q h(r+1) , ha dimensione h(r + 1). In
s+1
particolare i sottospazi vettoriali 1−dimensionali di F r+1 si trasformano in sottospazi vettoriali
q
(r + 1)−dimensionali di Fq . Ora, tutti i sottospazi vettoriali 1−dimensionali di Fqs+1
n+1
r+1 formano
s+1 n+1
una 1−brazione di F r+1 alla quale corrisponde evidentemente una (r + 1)−brazione di Fq .
q
si dice lineare.
n+1
Una tale (r + 1)−brazione di Fq

Notiamo che, in forza della precedente costruzione, possiamo enunciare il seguente risultato.

PROPOSIZIONE 2.5.6. Siano r, n due interi positivi. Se r + 1 divide n + 1, ovvero qr+1 − 1 divide
q n+1 − 1, allora esiste una r-brazione F di P G(n, q).
COSTRUZIONE 2.5.7. (André, Bruck-Bose) Sia assegnata una (t − 1)-brazione F di P G(2t −
1, q), t > 1. Identichiamo P G(2t − 1, q) con un ssato iperpiano H di P G(2t, q) e consideriamo

l'insieme P = P(F) costituito dai seguenti due tipi di elementi:

• gli elementi della brazione F (punti impropri),


• i punti dello spazio ane AG(2t, q) = P G(2t, q) \ H (punti propri).
Deniamo rette di P i sottoinsiemi d'ordine qt + 1 dei seguenti due tipi:
pagina n.54 429963_LAVORATO.pdf

52 2.5 FIBRAZIONI DI P G(n, q) E PIANI DI TRASLAZIONE

• la brazione F (retta impropria);


• per ogni sottospazio t−dimensionale St di P G(2t, q) non contenuto in H e tale che St−1 =
H ∩ St appartiene alla brazione F , l'insieme l(St ) denito da

l(St ) = (St \ H) ∪ {St−1 } (rette proprie) .

Denotato con L = L(F) l'insieme delle rette di P, πF = (P, L) è un


è facile provare che la coppia

piano proiettivo d'ordine qt , che si dice associato alla (t − 1)−brazione F


P G(2t − 1, q). Si può di

anche provare che il gruppo T (2n, q) delle traslazioni di AG(2n, q) = P G(2n, q) \ H è un gruppo di

traslazioni del piano ane αF = πF \ H transitivo sui suoi punti e, quindi, αF è di traslazione. Se

π è un piano proiettivo d'ordine q t isomorfo a πF , si dice che πF è la rappresentazione di André,


Bruck-Bose di π.

La costruzione precedente prova il seguente risultato.

PROPOSIZIONE 2.5.8. Ad ogni (t − 1)-brazione F di P G(2t − 1, q), t > 1, corrisponde un piano


proiettivo di traslazione πF di ordine q t .

A questo punto non possiamo non ricordare che uno dei risultati più importanti della teoria

dei piani di traslazione consiste nel fatto che vale l'inversa della Proposizione 2.5.8.

RISULTATO 2.5.9. (André [1], Bruck-Bose [22]) Sia π un piano proiettivo di traslazione nito
d'ordine m. Allora m è la potenza di un numero primo p. Inoltre, se è m = q t , con t > 1 e q
potenza di p, esiste una brazione F di P G(2t − 1, q) per cui πF è isomorfo a π.

Sia F una (t − 1)-brazione di P G(2t − 1, q), t > 1. Se il piano di traslazione πF associato


ad F è desarguesiano, cioè isomorfo a P G(2, q t ), si dice che F è una brazione desarguesiana.
Una (t − 1)-brazione N diP G(3t − 1, q), t > 1, si dice normale se induce una (t − 1)-
brazione su ogni sottospazio proiettivo S2t−1 che contiene due elementi di N ; cioè se, per ogni
due elementi A, B di N, ogni elemento di N o è contenuto nel sottospazio < A, B > o è disgiunto

da esso.

ESEMPIO 2.5.10. La (t − 1)−brazione lineare ( cfr. Costr. 2.5.5) di P G(3t − 1, q), t > 1, è, per

costruzione, normale.

COSTRUZIONE 2.5.11. (B.Segre) Sia assegnata una (t−1)-brazione normale N di P G(3t−1, q),
t > 1. Posto P = P(N ) = N , Deniamo rette di P i suoi sottoinsiemi costituiti dagli gli elementi
contenuti nei sottospazi S2t−1 di P G(3t − 1, q) che ammettono una brazione indotta. Si verica
N
facilmente che che la coppia π = (P(N ), R(N )) è un piano proiettivo e si può provare (Segre
[90]) che esso, a dierenza di quelli che si ottengono dalla Costruzione 2.5.7, è desarguesiano, cioè

isomorfo aP G(2, q t ). Il piano π N si chiama rappresentazione di P G(2, q t ) mediante la brazione


normale N o, anche, rappresentazione lineare di P G(2, q t ).
ESERCIZIO 2.5.12. Siano t > 1 un intero e N una (t − 1)−brazione normale di P G(3t − 1).
Allora esiste una (t − 1)−brazione F di P G(2t − 1) per cui i piani π N e πF sono isomor. (aiuto:
si prenda come P G(2t − 1) un S2t−1 in P G(3t − 1) che ammetta una (t − 1)−brazione F indotta
da N, si costruisca πF con un S2t di P G(3t − 1) contenente S2t−1 e, a questo punto, si cerchi un
N
isomorsmo tra π e πF .)
pagina n.55 429963_LAVORATO.pdf

Capitolo 3

Polinomi e varietà algebriche su


campi niti

3.1 Radici dell'unità e potenze


Sia Fq un campo nito d'ordine q = ph e caratteristica p. Per ogni intero positivo m, denotiamo
con Fq∗m l'insieme degli elementi di Fq∗ che sono potenze m−esime di elementi non nulli di Fq .
Inoltre, denotiamo con Gq (m) l'insieme delle radici m−esime dell'unità di Fq . Poniamo cioè

Fq∗m = {a ∈ Fq∗ : a = bm con b ∈ Fq∗ }


e

Gq (m) = {a ∈ Fq∗ : am = 1}.


PROPOSIZIONE 3.1.1. Siano g un elemento primitivo di Fq , m un intero positivo e d = M CD(q−
1, m). Allora Fq∗m è un sottogruppo ciclico di Fq∗ d'ordine q−1
d e generato da g , inoltre risulta
d

Fq∗m = Fq∗d . Analogamente, Gq (m) è un sottogruppo ciclico di Fq∗ d'ordine d e generato da g


q−1
d ,
inoltre risulta Gq (m) = Gq (d).
DIMOSTRAZIONE. Ricordiamo che in un gruppo ciclico G =< a > d'ordine nito n, per
n
ogni divisore t di n, l'unico sottogruppo d'ordine t è quello generato da a t . Ora, se d è un divisore
q−1
di q − 1, Fq∗d coincide col sottogruppo di Fq∗ generato da gd e Gq (d) con quello generato da g d ,
cioè
{ q−1
} { q−1 q−1 q−1
}
Fq∗d = 1, g d , g 2d , . . . , g ( d −1)d e Gq (d) = 1, g d , g 2 d , . . . , g (d−1) d . (3.1)

Adesso, nell'ipotesi d = M CD(q − 1, m), esistono due interi relativi k e t e un intero b tali che

d = k(q − 1) + tm e m = db; quindi,


c = am ⇒ c = adb = (ab )d
c = ad ⇒ c = ak(q−1)+tm = (aq−1 )k atm = (at )m ,

cioè Fq∗d = Fq∗m e

am = 1 ⇒ ad = ak(q−1)+tm = ak(q−1) atm = (aq−1 )k (am )t = 1 ,


ad = 1 ⇒ am = adb = (ad )b = 1,

53
pagina n.56 429963_LAVORATO.pdf

54 3.1 RADICI DELL'UNITÀ E POTENZE

cioè Gq (m) = Gq (d).


ESERCIZIO 3.1.2. Sia d un divisore positivo di q − 1. Provare che
q−1 ∗ q−1
Fq∗d = Gq ( ) e Gq (d) = Fq d (3.2)
d

ESERCIZIO 3.1.3. Provare che, se q è pari, ogni elemento di Fq∗ è il quadrato di un unico elemento
di Fq∗ . Provare inoltre che, se q è dispari, ogni elemento quadrato di Fq∗ è il quadrato di esattamente
due elementi di Fq∗ e, quindi, il numero dei quadrati non nulli è q−1 2 .

ESERCIZIO 3.1.4. Sia q dispari. Provare che in Fq l'inverso di un quadrato non nullo è un
quadrato, il prodotto di due quadrati o di due non quadrati è un quadrato, il prodotto di un
quadrato non nullo e di un non quadrato è un non quadrato.
ESERCIZIO 3.1.5. Provare che un qualsiasi elemento di Fq ammette una, ed una sola, radice
p − esima.
ESERCIZIO 3.1.6. Sia m > 1 un intero che divide q − 1. Provare che Fq contiene esattamente m
radici m−esime dell'unità. Dette a1 , a2 , ..., am tali radici, provare che
(−1)m a1 a2 · · · am = −1 e a1 + a2 + · · · + am = 0. (3.3)

PROPOSIZIONE 3.1.7. Sia q dispari. Allora −1 è un quadrato in Fq se, e soltanto se, risulta
q ≡ 1(mod 4).
DIMOSTRAZIONE. Sia g un elemento primitivo di Fq . Se q ≡ 1(mod 4), cioè q = 4n + 1,
risulta
q−1 4n
1=g =g ,
cioè

(g 2n − 1)(g 2n + 1) = 0
e, avendo g periodo q − 1 = 4n in Fq∗ , deve essere

g 2n = (g n )2 = −1,
il che signica che −1 è un quadrato in Fq .
Se q ̸≡ 1(mod 4), allora è q ≡ 3(mod 4), cioè q = 4n + 3 e abbiamo

q−1 4n+2 2n+1 2


1=g =g = (g ) .
Essendo g 2n+1 ̸= 1, dall'Esercizio 3.1.3 ricaviamo g 2n+1 = −1, cioè −1 non è un quadrato in Fq e

l'asserto è provato.

PROPOSIZIONE 3.1.8. Se m è un intero positivo e poniamo



Sm = bm ,
b∈Fq

risulta 
 −1 se m è divisibile per q − 1
Sm = . (3.4)

0 altrimenti
pagina n.57 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 55

DIMOSTRAZIONE. m è divisibile per q −1, risulta Sm = Sq−1 = q −1 = −1 (cfr. (1.2)).


Se

Possiamo, quindi, supporre che m non sia divisibile per q−1. In queste ipotesi, posto d = M CD(q−
1, m), se ad è una potenza d−esima in Fq∗d , gli elementi Fq∗d le cui potenze d−esime risultano uguali
d
ad a sono esattamente d e sono dati da:

ac , con c ∈ Gd (q) .

Allora, in forza della Proposizione 3.1.1 e delle (3.2),(3.3), abbiamo

q−1

d ∑
Sm = Sd = d g hd = d a = 0.
h=1 a∈Gq ( q−1
d )
OSSERVAZIONE 3.1.9. Notiamo che, se per convenzione si pone 00 = 0, la (3.4) continua a valere
anche nel caso m = 0.
(m)
Se m è un intero positivo, denotiamo con Fq l'insieme degli elementi di Fq che risultano

somma di potenze m−esime; poniamo cioè

Fq(m) = {am
1 + a2 + · · · + an
m m
: ai ∈ Fq , n ∈ N + }.

PROPOSIZIONE 3.1.10. Per ogni intero positivo m, Fq(m) è un sottocampo di Fq .


DIMOSTRAZIONE. È chiaro che Fq
(m)
è chiuso rispetto alla somma e al prodotto e che
(m)
contiene 0 e 1. Inoltre, per ogni a∈ Fq con a ̸= 0, risulta

−1
a =a m−1
(a−1 )m

am−1 e (a−1 )m appartengono a Fq , si ha che a−1 è un elemento di Fq


(m) (m)
e, poiché . Inne, avendosi
(m)
anche −1 = (p − 1)1m ∈ Fq , si ha l'asserto.
PROPOSIZIONE 3.1.11. Sia G un sottogruppo di Fq∗ . Condizione necessaria e suciente afnchè
G sia il gruppo moltiplicativo di un sottocampo di Fq è che l'ordine di G sia del tipo pl − 1, con l
divisore di h.
DIMOSTRAZIONE. È chiaro che, se G è il gruppo moltiplicativo di un sottocampo di Fq ,

l'ordine di G deve essere del tipo pl − 1, con l divisore di h. D'altra parte, poiché Fq∗ è ciclico
d'ordine q − 1, i suoi sottogruppi sono in corrispondenza biunivoca con i divisori positivi di q − 1.

Ne segue che, se |G| = p − 1 e l divide h, allora G deve necessariamente coincidere col gruppo
l

moltiplicativo del sottocampo Fpl di Fq .

RISULTATO 3.1.12. Siano m un intero positivo e d = M CD(q − 1, m). Sia inoltre q∗ = pl la più
piccola potenza di p tale che
(i) l divide h;
ph −1
(ii) pl −1
divide m.
Allora valgono le seguenti proprietà:
(j) (m)
Fq coincide con l'unico sottocampo Fq∗ di Fq d'ordine q ∗ ;
(jj) ogni elemento di Fq(m) può essre scritto come somma di al più d potenze m−esime di elementi
di Fq .
pagina n.58 429963_LAVORATO.pdf

56 3.2 LE FUNZIONI TRACCIA E NORMA

3.2 Le funzioni traccia e norma


Sia Fq m un'estensione di Fq di grado m e, per ogni a ∈ Fqm , poniamo

2 m−1
Tr (a) = a + aq + aq + · · · + aq ,
2 m−1 m
−1)/(q−1)
N (a) = aaq aq · · · aq = a(q .
q q
Poichè risulta (Tr (a)) = Tr (a) e (N (a)) = N (a), si ha che Tr (a) e N (a) sono elementi di Fq .
DEFINIZIONE 3.2.1. Le funzioni

Tr : a ∈ Fqm → Tr (a) ∈ Fq

N : a ∈ Fqm → N (a) ∈ Fq
prendono rispettivamente il nome di traccia e norma di Fq m su Fq . La traccia e la norma di un

campo nito F sul proprio sottocampo fondamentale si chiamano rispettivamente traccia assoluta
e norma assoluta di F.
PROPOSIZIONE 3.2.2. L'applicazione traccia è q−lineare e suriettiva. Inoltre, se a ∈ Fq , risulta m

Tr (a) = 0 se, e soltanto se, esiste un elemento b ∈ Fqm tale che a = bq − b, cioè

Ker(Tr ) = {bq − b : b ∈ Fqm }.

DIMOSTRAZIONE. Riguardiamo Fq m come spazio vettoriale su Fq .


Si vede facilmente che Tr risulta una forma lineare il cui nucleo Ker(Tr ) coincide con le radici in

Fq m del polinomio
2 m−1
x + xq + xq + · · · + xq .
Poichè tale polinomio ha al più q m−1 radici in Fqm , il funzionale Tr è non nullo, quindi è suriettivo

e il suo nucleo ha dimensione m − 1.


Osserviamo, ora, che l'insieme

S = {bq − b : b ∈ Fqm }
è un sottospazio vettoriale di F qm e che, essendo Tr (bq ) = Tr (b) per ogni b ∈ Fq m , risulta S ⊆
Ker(Tr ). D'altra parte, l'applicazione

b ∈ Fqm → bq − b ∈ Fqm

è q−lineare, ha per immagine S e per nucleo Fq . Ne segue che S ha dimensione m − 1, cioè la stessa
dimensione di Ker(Tr ); quindi S = Ker(Tr ) e l'asserto è completamente provato.
PROPOSIZIONE 3.2.3. L'applicazione norma è suriettiva. Inoltre, se a ∈ Fqm , risulta N (a) = 1
se, e soltanto se, esiste un elemento b ∈ Fqm tale che a = bq−1 .
DIMOSTRAZIONE. Osserviamo che la restrizione N∗ di N a Fq∗m è un omomorsmo fra i

gruppi Fq∗m e Fq∗ e, in forza della Proposizione 3.1.1, si ha

qm − 1 qm − 1
|Ker(N ∗ )| = M CD(q m − 1, )= ,
q−1 q−1
qm − 1
|Im(N ∗ )| = = q − 1 = |Fq∗ |,
(q m − 1)/(q − 1)
pagina n.59 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 57

−1)
= 1 per ogni b ∈ Fq∗m , per completare
m
così N è suriettiva. D'altra parte, essendo N (bq−1 ) = b(q
l'asserto basta provare che il sottogruppo di Fq∗m

S ′ = {bq−1 : b ∈ Fq∗m }

q m −1
coincide con Ker(N ∗ ), cioè che ha ordine
q−1 . A tale scopo osserviamo che l'applicazione

b ∈ Fq∗m → bq−1 ∈ Fq∗m

q m −1
è un endomorsmo di Fq∗m che ha per immagine S′ e nucleo Fq∗ . Ne segue che S′ ha ordine
q−1
e cioè l'asserto.

3.3 L'anello dei polinomi in più variabili su un campo nito


Sia Fq un campo nito d'ordine q = ph e caratteristica p. Denoteremo indierentemente con V (n, q)
o Fqn lo spazio vettoriale numerico di dimensione nita n su Fq e, se le componenti di una n−pla di
elementi di Fq sono assegnate usando una lettera con indici da 1 ad n, useremo la corrispondente

lettera in grassetto per denotare l'n−pla in questione; questo signica che porremo

a = (a1 , a2 , . . . , an ) , b = (b1 , b2 , . . . , bn ) , ... e così via .

Quando l'intero n è chiaro dal contesto, useremo anche la notazione a = (aj ) invece di a =
(a1 , a2 , . . . , an ). Ricordiamo che risulta |V (n, q)| = q n .
Posto x = (x1 , x2 , ..., xn ), denotiamo con Fq [x] l'anello Fq [x1 , x2 , ..., xn ] dei polinomi su Fq
nelle variabili x1 , x2 , ..., xn . Un polinomio f ∈ Fq [x] è, dunque, una combinazione lineare nita di
monomi del tipo xi11 xi22 · · · xinn a coecienti in Fq , cioè


f (x) = ai1 i2 ...in xi11 xi22 · · · xinn , (3.5)

con ai1 i2 ...in elementi di Fq e i1 , i2 , ..., in interi non negativi. Il grado di un monomio del tipo

xi11 xi22 · · · xinn è l'intero i1 + i2 + · · · + in . Il polinomio che ha tutti i coecienti uguali a zero si

chiama poliomio nullo. Il massimo dei gradi dei monomi che compaiono nell'espressione (3.5) di un

polinomio non nullo f (x) si chiama grado di f (x). Al polinomio nullo non si assegna alcun grado, i
polinomi di grado zero sono gli elementi non nulli di Fq . Se è n > 1, il grado di f (x) nella variabile

xj è il grado di f (x) considerato come polinomio nella variabile xj a coecienti nell'anello dei
polinomi nelle n − 1 variabili diverse da xj .

PROPOSIZIONE 3.3.1. Il numero dei monomi del tipo xi11 xi22 · · · xinn di grado un ssato intero
d ≥ 0 nelle variabili x1 , x2 , . . . , xn è
( ) ( )
n+d−1 n+d−1
= . (3.6)
n−1 d

DIMOSTRAZIONE. Il numero che cerchiamo è quello delle n − ple di interi non negativi
(i1 , i2 , . . . , in ) tali che i1 + i2 + · · · + in = d e queste, come proveremo, sono in corrispondenza biuni-
voca con i sottoinsiemi con n−1 elementi dell'insieme X = {1, 2, . . . , n+d−1}. Se {j1 , j2 , . . . , jn−1 }

è un tale sottoinsieme, con j1 < j2 < · · · < jn−1 , gli interi

i1 = j1 − 1, i2 = j2 − j1 − 1, ..., is = js − js−1 − 1, ..., in−1 = jn−1 − jn−2 − 1, in = n + d − 1 − jn−1


pagina n.60 429963_LAVORATO.pdf

58 3.3 L'ANELLO DEI POLINOMI IN PIÙ VARIABILI SU UN CAMPO FINITO

hanno per somma d ed è facile vericare che la funzione

{j1 , j2 , . . . , jn−1 } → (i1 , i2 , . . . , in )

così denita è biunivoca. Ne segue l'asserto.

PROPOSIZIONE 3.3.2. Il numero dei monomi del tipo xi11 xi22 · · · xinn di grado non superiore ad
un ssato intero d ≥ 0 nelle variabili x1 , x2 , . . . , xn è
( ) ( )
n+d n+d
= . (3.7)
n d

DIMOSTRAZIONE. I monomi del tipo xi11 xi22 · · · xinn di grado non superiore a d sono in

corrispondenza biunivoca con i monomi

d−(i +i2 +···+in )


xi11 xi22 · · · xinn xn+1 1

di grado d nelle variabili x1 , x2 , . . . , xn , xn+1 . L'asserto segue, allora, dalla proposizione precedente.

Ricordiamo che Fq [x], rispetto all'addizione tra polinomi e al prodotto di uno scalare per un
polinomio, risulta uno spazio vettoriale su Fq di dimensione innita, una sua base (base naturale)
essendo

{xi11 xi22 · · · xinn , ih ≥ 0 , h = 1, 2, ..., n} . (3.8)

Dalle (3.6) e (3.7) segue subito la seguente proposizione.

PROPOSIZIONE 3.3.3. In Fq [x] l'insieme dei polinomi omogenei 1 di grado un ssato intero d ≥ 0
è un sottospazio vettoriale di dimensione
( ) ( )
n+d−1 n+d−1
= .
n−1 d

In Fq [x] l'insieme dei polinomi di grado non superiore ad un ssato intero d ≥ 0 è un sottospazio
vettoriale di dimensione ( ) ( )
n+d n+d
= .
n d

Spesso considereremo Fq [x] come spazio vettoriale su Fq , senza notarlo esplicitamente.

Per ogni polinomio f ∈ Fq [x], la funzione

a ∈ Fqn → f (a) ∈ Fq
prende il nome di funzione polinomiale associata ad f. Quando una funzione polinomiale è nulla,

si dice che il polinomio corrispondente è identicamente nullo.


OSSERVAZIONE 3.3.4. L'insieme dei polinomi Fq [x] è innito, mentre esiste solo un numero nito
di funzioni di Fqn in Fq . Così, contrariamente a quanto accade per i campi inniti, un polinomio

f ∈ Fq [x] può essere non nullo e identicamente nullo, come, ad esempio, accade per il polinomio

polinomio f (x) si dice omogeneo se i monomi che compaiono nella sua espressione (3.5) sono tutti dello stesso
1 Il
grado.
pagina n.61 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 59

xq − x nella sola variabile x. Questo signica che due polinomi distinti f, g ∈ Fq [x] possono avere
la stessa funzione polinomiale e, se questo è il caso, le due equazioni f = 0 e g = 0, a meno delle
molteplicità, hanno esattamente le stesse soluzioni in Fqn . Per esempio i due polinomi su F2

1 + x1 + x1 x2 + xq1 e 1 + x1 x2

sono distinti e hanno la stessa funzione polinomiale: (0, 0) → 1, (0, 1) → 1, (1, 0) → 1, (1, 1) → 0.
È naturale, quindi, porsi il problema di trovare, dato f ∈ Fq [x], un polinomio di grado minimo
con la stessa funzione polinomiale di f.

L'insieme dei polinomi identicamente nulli di Fq [x] è un ideale, che denoteremo con Ω=
Ω(q, n). I polinomi del tipo xqi − xi , i = 1, 2, ..., n , sono identicamente nulli e, quindi, tali sono

anche tutti i polinomi dell'ideale


2

J = J(n, q) = (xq1 − x1 , xq2 − x2 , ..., xqn − xn ) (3.9)

da essi generato. Ne segue che


3
J ≤ Ω. (3.10)

DEFINIZIONE 3.3.5. Un polinomio f (x) ∈ Fq [x] si dice ridotto se è il polinomio nullo o ha grado
minore di q rispetto ad ognuna delle variabili x1 , x2 , ..., xn . L'insieme dei polinomi ridotti di Fq [x]
si denota con ℜ = ℜ(n, q).

Osserviamo che ℜ, che non è un ideale di Fq [x], è un sottospazio vettoriale di Fq [x] e una

sua base, detta naturale, è data dai monomi


xi11 xi22 · · · xinn , 0 ≤ ih ≤ q − 1 , h = 1, 2, ..., n. (3.11)

Ne segue che

dimFq ℜ = q n . (3.12)

PROPOSIZIONE 3.3.6. Se f ∈ Fq [x] è identicamente nullo e ridotto, allora f è il polinomio nullo,


cioè
ℜ ∩ Ω = (0).
DIMOSTRAZIONE. L'asserto è vero per polinomi in una sola variabile x. Infatti, un

polinomio in x non nullo, ridotto e identicamente nullo avrebbe un numero di radici maggiore del

proprio grado, un assurdo ( cfr. Prop.1.2.7). Possiamo, quindi, supporre n > 1 e procedere per

induzione su n.
Sia f un elemento di ℜ scritto secondo le potenze decrescenti di x1 , cioè

f (x) = f1 (x2 , ..., xn )xq−1


1 + f2 (x2 , ..., xn )xq−2
1 + ···

· · · + fq−1 (x2 , ..., xn )x1 + fq (x2 , ..., xn ),

ove f1 , f2 , ..., fq sono polinomi ridotti nelle n−1 variabili x2 , ..., xn . Se supponiamo f identicamente

nullo, per ogni (a2 , ..., an ) ∈ Fqn−1 , abbiamo che il polinomio ridotto nell'unica variabile x1

f1 (a2 , ..., an )xq−1


1 + · · · + fq−1 (a2 , ..., an )x1 + fq (a2 , ..., an )
2 Il simbolo (f , f , ..., f ) indica l'ideale generato da f , f , ..., f .
1 2 s 1 2 s
3 Se A, B sono ideali, la notazione A ≤ B indica che A è contenuto in B e, quindi, che A è un ideale di B
considerato come anello.
pagina n.62 429963_LAVORATO.pdf

60 3.3 L'ANELLO DEI POLINOMI IN PIÙ VARIABILI SU UN CAMPO FINITO

è identicamente nullo. Si ha allora

f1 (a2 , ..., an ) = · · · = fq−1 (a2 , ..., an ) = fq (a2 , ..., an ) = 0,

per ogni (a2 , ..., an ) ∈ Fqn−1 , e quindi i polinomi f1 , f2 , ..., fq sono identicamente nulli e, per ipotesi

di induzione, nulli. Ne segue che f è il polinomio nullo.

PROPOSIZIONE 3.3.7. Per ogni polinomio f ∈ Fq [x] esiste un polinomio ridotto f˜ tale che 4

f ≡ f˜ (mod J).

In altre parole,
Fq [x] = ℜ + J, (3.13)

cioè ogni polinomio f ∈ Fq [x] si scrive nella forma

f = f˜ + g , con f˜ ∈ ℜ e g ∈ J.

DIMOSTRAZIONE. Supponiamo n = 1 e cominciamo col provare l'asserto per il polinomio


f (x1 ) = xd11 , d1 > 0. Se d1 ≤ q − 1, essendo f (x1 ) già ridotto, basta scegliere f˜(x1 ) = f (x1 ). Se è
d1 > q − 1, si ha
d −(q−1) (d1 −q)
xd11 − x11 = x1 (xq1 − x1 )
e, essendo d1 − (q − 1) > 0, risulta

d −(q−1)
xd11 ≡ x11 (mod J).

Ne segue la catena di congruenze

d −(q−1) d −2(q−1) d −k(q−1)


xd11 ≡ x11 ≡ x11 ≡ · · · ≡ x1 1 (mod J)

ove k è il più grande intero tale che d1 − k(q − 1) > 0. Ora, se d1 = h(q − 1) è un multiplo di
q − 1, allora k = h − 1, d1 − k(q − 1) = q − 1 e xd11 ≡ xq−1 1 (mod J). Se, invece, d1 non è un
multiplo di q − 1, e r è il resto della divisione tra d1 e q − 1, allora 0 < d1 − k(q − 1) = r < q − 1
d1
e x1 ≡ xr1 (mod J). Così l'asserto è vero per n = 1 e f (x1 ) = xd11 e, di conseguenza, per tutti i
monomi del tipo x1 x2 · · · xnn . D'altra parte, ogni polinomio f ∈ Fq [x] è combinazione lineare di
d1 d2 d

monomi del tipo x1 x2 · · · xnn e quindi, per linearità, abbiamo l'asserto.


d1 d2 d

PROPOSIZIONE 3.3.8. Risulta


Fq [x] = ℜ ⊕ J,
cioè Fq [x] è somma diretta di ℜ e J. Ne segue che ogni polinomio f ∈ Fq [x] si scrive in unico modo
nella forma
f = f˜ + g , con f˜ ∈ ℜ e g ∈ J. (3.14)

DIMOSTRAZIONE. Segue dalla (3.13), osservando che risulta ℜ ∩ J = (0).

L'unico polinomio ridotto f˜ individuato nella (3.14) da f si dice polinomio ridotto associato
ad f ed è chiaro che

deg f˜ ≤ deg f , per ogni f ∈ Fq [x]. (3.15)

4 la scrittura f ≡ g (mod I) indica che f e g appartengono ad uno stesso laterale dell'ideale I, cioè che f − g ∈ I.
pagina n.63 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 61

OSSERVAZIONE 3.3.9. Notiamo esplicitamente che la dimostrazione della Proposizione 3.3.7

fornisce un metodo costruttivo per il calcolo di f˜ a partire da f : basta sostituire ogni monomio

xd11 xd22 · · · xdnn che compare nell'espressione di f col monomio xr11 xr22 · · · xrnn , ove, per ogni j =
1, 2, ..., n, risulta


 dj , se dj ≤ q − 2





q − 1, se dj è multiplo di q−1
rj = .





 resto della divisione negli altri casi

tra dj e q − 1 ,
Per esempio, per il polinomio ridotto associato a

f (x) = x21 x82 x13


3 x4 + 3x2 ∈ F5 [x1 , x2 , x3 , x4 ]
26

risulta

f˜(x) = x21 x42 x3 x24 + 3x2 .

PROPOSIZIONE 3.3.10. In Fq [x] risulta Ω = J.


DIMOSTRAZIONE. f un elemento di Ω e sia f = f˜ + g, con f˜ ∈ ℜ e g ∈ J (cfr. 3.14).
Sia

Poichè è J ⊆ Ω, il polinomio f˜ = f − g appartiene ancora ad Ω e, essendo ridotto, deve essere


nullo. Abbiamo così che il polinomio f = g appartiene a J, cioè Ω ⊆ J. Ne segue l'asserto.

PROPOSIZIONE 3.3.11. Se f ∈ Fq [x], x = (x1 , x2 , ..., xn ), è un polinomio di grado d < n(q − 1),
allora risulta ∑
f (b) = 0. (3.16)

b∈Fqn

DIMOSTRAZIONE. Il polinomio f è combinazione lineare di monomi del tipo

xi11 xi22 · · · xinn ,

con i1 + i2 + · · · + in < n(q − 1), e quindi basta provare l'asserto per tali monomi. Se in un monomio
xi11 xi22 · · · xinn un intero ij è uguale a zero, per ssare le idee supponiamo i1 = 0, allora risulta
∑ ∑
bi22 bi33 · · · binn = q bi22 bi33 · · · binn = 0,
b∈Fqn (b2 ,b3 ,...,bn )∈Fqn−1

essendo q un multiplo di p. ij ̸= 0, per ogni j = 1, 2, ..., n, abbiamo


Se invece è

    
∑ ∑ ∑ ∑
bi11 bi22 · · · binn =  i1  
b1 i2 
b2 · · ·  in 
bn = Si1 Si2 · · · Sin
b∈Fqn b1 ∈Fq b2 ∈Fq bn ∈Fq

e, essendo i1 +i2 +· · ·+in < n(q−1), deve esistere un indice j tale che ij < q−1. Dalla Proposizione
3.1.8 segue allora che Sij = 0 e quindi

bi11 bi22 · · · binn = 0.
b∈Fqn

Ne segue l'asserto.
pagina n.64 429963_LAVORATO.pdf

62 3.4 IL PROBLEMA DI KAKEYA SUI CAMPI FINITI

3.4 Il problema di Kakeya sui campi niti


Iniziamo il paragrafo con un risultato utile per la soluzione del problema che ci apprestiamo ad

introdurre.

( )
PROPOSIZIONE 3.4.1. Sia E ⊆ Fqn un insieme d'ordine minore di n+d n , per qualche intero
positivo d. Allora esiste almeno un polinomio non nullo f (x) ∈ Fq [x] di grado non superiore a d
che si annulla su E, cioè deg f ≤ d e f (u) = 0 , per ogni u ∈ E .
DIMOSTRAZIONE. In forza della Proposizione 3.3.3, i polinomi di grado non superiore a
( )
d
formano un sottospazio vettoriale di Fq [x] di dimensione n+d n e, quindi, sono in numero di q
(n+d
n ).
n+d
Le funzioni di E in Fq sono in numero di q
|E|
< q ( n ) . Ne segue che la funzione, che ad ogni
polinomio di grado non superiore a d associa la restrizione ad E della sua funzione polinomiale,

non è iniettiva. Esistono, allora, due polinomi distinti di grado al più d le cui funzioni polinomiali

coincidono su E e, quindi, la loro dierenza è un polinomio non nullo, di grado al più d e si annulla
su E.
Il seguente corollario è di immediata dimostrazione.

COROLLARIO 3.4.2. Sia E un insieme di vettori di Fqn per il quale non esistono polinomi ridotti
di grado minore di q che si annullano su E. Allora risulta
( )
q+n−1
|E| ≥ . (3.17)
n

DIMOSTRAZIONE. Se non valesse la (3.17), in forza della Proposizione 3.4.1, esisterebbe

un polinomio ridotto non nullo di grado non superiore a q−1 che si annulla su E e ciò è assurdo.

DEFINIZIONE 3.4.3. (Insiemi di Kakeya) Un insieme di punti E dello spazio ane AG(n, q) si
dice insieme di Kakeya se contiene rette in tutte le direzioni. In modo equivalente, E può essere

denito come un insieme di vettori di Fqn tale che, per ogni a ∈ Fqn , esistono un vettore xa e una
retta ane
5

ℓa = {xa + ta : t ∈ Fq }
di Fqn avente la direzione di a e contenuta in E.
ESEMPIO 3.4.4. Se denotiamo con π l'insieme delle direzioni di AG(n, q) e, per ogni α ∈ π
scegliamo una retta ℓα di direzione α, allora l'insieme


E= ℓα
α∈π

è evidentemente un insieme di Kakeya. È chiaro che, nel caso n = 1, abbiamo un unico insieme di

Kakeya che coincide con AG(1, q).

In analogia col classico problema di Kakeya negli spazi euclidei (cfr. [98],Cap.1,Par.1.3), il

problema di Kakeya sui campi niti consiste nel calcolare l'ordine minimo di un insieme di Kakeya
in Fq . Esso fu posto per la prima volta da T.Wol nel 1999 in [106] ed è stato completamente
n

risolto in [15] nel caso n = 2; negli altri casi si conoscono soltanto delle maggiorazioni per |E|.
5 Ricordiamo che una retta ane di Fqn è, per denizione, un laterale di un sottospazio vettoriale di Fqn di
dimensione 1.
pagina n.65 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 63

Nello stesso articolo prima citato, Wol congetturò anche l'esistenza di una costante positiva cn ,
dipendente solo da n e non da q, tale che

|E| ≥ cn q n . (3.18)

Questa congettura è stata sorprendentemente ed elegantemente provata nel 2008 da Z.Dvir in [41]
mediante l'uso di semplici tecniche polinomiali: egli dimostra che non vi sono polinomi di grado mi-
nore di q che si annullano su un insieme di Kakeya e applica il Corollario 3.4.2. Di seguito riportiamo
l'argomento di Dvir con una piccola semplicazione dovuta a T.Tao (cfr. [98],Cap.1,Par.1.3).

PROPOSIZIONE 3.4.5. (Z.Dvir, [41]) Non esistono polinomi ridotti f ∈ Fq [x] di grado minore
di q che si annullano su un insieme di Kakeya E.
DIMOSTRAZIONE. Supponiamo, per assurdo, che f ∈ Fq [x] sia un polinomio ridotto non
nullo di grado d minore di q che si annulla su E. Scriviamo f come somma delle sue componenti
omogenee,


d
f= fj , d = deg f < q , fj omogeneo di grado j,
j=0

e osserviamo che il polinomio fd è non nullo, ridotto e di grado d. Per ogni vettore a ∈ Fqn , esistono
un vettore xa = (xa1 , xa2 , . . . , xan ) e una retta
ℓa = {xa + ta : t ∈ Fq }

di AG(n, q) avente la direzione di a e contenuta in E. Allora f (xa +ta) è un polinomio ridotto nel-
l'unica variabilet che si annulla sui q elementi di ℓa e, quindi, è il polinomio nullo (cfr. Prop.1.2.7).
In particolare è nullo il coeciente di t e tale coeciente è fd (a); infatti, posto
d


fd (x) = ai1 i2 ...in xi11 xi22 · · · xinn ,
i1 +i2 +···+in =d

risulta

fd (xa + ta) = ai1 i2 ...in (xa1 + ta1 )i1 (xa2 + ta2 )i2 · · · (xan + tan )in
i1 +i2 +···+in =d


= td ai1 i2 ...in ai11 ai22 · · · ainn
i1 +i2 +···+in =d
+ un polinomio in t di grado minore di d

= fd (a) td + un polinomio in t di grado minore di d.

Ne segue che fd (a) = 0, per ogni a ∈ Fqn e, quindi, essendo ridotto, fd è il polinomio nullo.

Ciò è assurdo perché sappiamo che fd è non nullo.

COROLLARIO 3.4.6. (Teorema di Dvir) Sia E un insieme di Kakeya in Fqn . Allora


( )
q+n−1
|E| ≥ (3.19)
n

e la congettura di Wol (3.18) è vera per cn = 1


n! , cioé
1 n
|E| ≥ q . (3.20)
n!
pagina n.66 429963_LAVORATO.pdf

64 3.5 FUNZIONI

DIMOSTRAZIONE. La (3.19) segue subito dalla Proposizione 3.4.5 e dal Corollario 3.4.2.

Inoltre, risulta

( )
q+n−1 (q + n − 1)(q + n − 2) · · · (q + 1)q 1 n 1 n
= = q + ··· ≥ q
n n! n! n!
1
e la (3.18) resta provata con cn = n! .

OSSERVAZIONE 3.4.7. La disuguaglianza (3.19) è la migliore possibile solo nel caso n = 2 e q

n > 2, è aperto il problema di migliorarla. Per n = 2 e q pari, infatti, non è dicile


pari e, nel caso
q(q+1) q(q+1)
provare che risulta |E| ≥ e sono classicati gli insiemi di Kakeya d'ordine . Il caso
2 2
q(q+1) q(q−1)
n = 2 e q dispari è più complicato: la (3.19) si migliora con |E| ≥ 2 + 2 e, anche qui, si
(cfr. [15]).
q(q+1)
possono classicare gli esempi d'ordine
2 + q(q−1)
2

3.5 Funzioni
Se φ, ψ sono due funzioni di Fqn in Fq e se a ∈ Fq , possiamo denire tre nuove funzioni φ + ψ, aφ,
n
φψ di Fq in Fq ponendo



 (φ + ψ)(a) = φ(a) + ψ(a)



(aφ)(a) = φ(aa) per ogni a ∈ Fqn .





(φψ)(a) = φ(a)ψ(a)

È facile vericare che le operazioni sopra denite determinano una struttura di Fq −algebra6 sul-

l'insieme F(n, q) di tutte le funzioni di Fqn in Fq . Nel seguito denoteremo con F = F(n, q) tale

algebra. In particolare, F(n, q) è uno spazio vettoriale su Fq e risulta

|Fqn | n
|F(n, q)| = q = qq e dimFq F(n, q) = q n . (3.21)

DEFINIZIONE 3.5.1. Se S è un sottoinsieme di Fqn , si chiama funzione caratteristica di S la

funzione φS ∈ F denita da


 1 se a∈S
φS (a) =

per ogni a ∈ Fqn .
0 se a ̸∈ S

PROPOSIZIONE 3.5.2. L'insieme delle funzioni caratteristiche φa dei singoli elementi a di Fqn
risulta una base di F.
6 Questo signica che F (n, q), rispetto all'addizione tra funzioni e alla moltiplicazione di uno scalare per una
funzione, è uno spazio vettoriale su Fq e che valgono, inoltre, le seguenti proprietà:
(f + g)h = f h + gh , f (g + h) = f g + f h , (αf )g = α(f g) , f (αg) = α(f g) ,

per ogni f, g, h ∈ F (n, q) e α ∈ Fq .


pagina n.67 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 65

DIMOSTRAZIONE. Per ogni φ ∈ F, risulta


φ= φ(a)φa , (3.22)

a∈Fqn

cioè ogni φ ∈ F è combinazione lineare delle φa . L'asserto segue, allora, dalla seconda delle

(3.21).

PROPOSIZIONE 3.5.3. Per ogni funzione φ ∈ F esiste un polinomio f ∈ Fq [x] la cui funzione
polinomiale coincide con φ, cioè
f (a) = φ(a) , per ogni a ∈ Fqn .
DIMOSTRAZIONE. Se a = (a1 , a2 , ..., an ) è un elemento di Fqn , la funzione caratteristica
φa di a coincide con la funzione polinomiale associata al polinomio fa (x) denito da
[ ][ ] [ ]
fa (x) = 1 − (x1 − a1 )q−1 1 − (x2 − a2 )q−1 · · · 1 − (xn − an )q−1 .

Allora, in forza della (3.22), il polinomio


f (x ) = φ(a)fa (x)
a∈Fqn

ha funzione polinomiale coincidente con φ e l'asserto è provato.

Se denotiamo con Φ l'applicazione che ad ogni polinomio f ∈ Fq [x] associa la propria

funzione polinomiale Φ(f ), si ha subito che Φ è un omomorsmo di Fq −algebre e risulta

ker Φ = Ω = J.

Dall'ultima osservazione e dalla prop.3.5.3 si ha subito la seguente proposizione.

PROPOSIZIONE 3.5.4. L'omomorsmo Φ : Fq [x] → F è suriettivo e l'algebra quoziente Fq [x]/J


è isomorfa ad F. Inoltre la restrizione Φℜ di Φ ad ℜ è un isomorsmo di spazi vettoriali tra ℜ ed
F e risulta
ℜ [Φ(f )] = f , per ogni f ∈ Fq [x].
Φ−1 ˜

OSSERVAZIONE 3.5.5. Osserviamo esplicitamente che la precedente proposizione aerma, tra

l'altro, che ogni funzione di Fqn in Fq è di tipo polinomiale ed esiste un unico polinomio ridotto cui

è associata.

3.6 Ideali di polinomi e varietà algebriche


Nel seguito chiameremo indierentemente punti o vettori gli elementi di Fqn . Assegnati i polinomi
f1 , f2 , ..., fs ∈ Fq [x], x = (x1 , x2 , ..., xn ), consideriamo il sistema di equazioni algebriche
Σ = {f1 = 0, f2 = 0, ..., fs = 0}. (3.23)

Ricordiamo che un vettore a∈ Fqn è una soluzione di Σ se


f1 (a) = f2 (a) = · · · = fs (a) = 0
pagina n.68 429963_LAVORATO.pdf

66 3.6 IDEALI DI POLINOMI E VARIETÀ ALGEBRICHE

e poniamo

V = V(f1 , f2 , ..., fs ) = {a ∈ Fqn : a è soluzione di Σ}. (3.24)

Un insieme del tipo (3.24) prende il nome di varietà algebrica, o insieme algebrico, di Fqn . L'in-

tersezione di una famiglia di varietà algebriche e l'unione di due varietà algebriche sono ancora

varietà algebriche. Così, poiché il singleton di ogni elemento a ∈ Fqn può pensarsi come la varietà
algebrica

V(x1 − a1 , x2 − a2 , ..., xn − an ),
si ha subito che ogni sottoinsieme di Fqn , essendo nito e unione dei suoi singleton, è una varietà

algebrica.

Nel seguito useremo il termine varietà come sinonimo di varietà algebrica, riterremo ssati

una volta per tutte s polinomi f1 , f2 , ..., fs ∈ Fq [x] e manterremo le notazioni (3.23) e (3.24).

Ciò premesso, posto

I(V) = {f ∈ Fq [x] : f (a) = 0, per ogni a ∈ V} (3.25)

(f1 , f2 , ..., fs ) = ideale di Fq [x] generato da f1 , f2 , ..., fs , (3.26)

risulta

a ∈ V ⇔ f (a) = 0 , per ogni f ∈ (f1 , f2 , ..., fs ) (3.27)

(f1 , f2 , ..., fs ) ⊆ I(V). (3.28)

PROPOSIZIONE 3.6.1. Risulta:


I(V) = (f1 , f2 , ..., fs ) + J. (3.29)

DIMOSTRAZIONE. Poichè J ⊆ I(V) è chiaro che, essendo (f1 , f2 , ..., fs ) ⊆ I(V), risulta

(f1 , f2 , ..., fs ) + J ⊆ I(V) e quindi dobbiamo solo provare che I(V) ⊆ (f1 , f2 , ..., fs ) + J. A tale

scopo consideriamo il polinomio

f = 1 − (1 − f1q−1 )(1 − f2q−1 ) · · · (1 − fsq−1 )


e notiamo che risulta 
 0 se a∈V
f (a) = . (3.30)

1 se a ∈ Fqn \ V
Inoltre, se consideriamo f come polinomio nelle variabili f1 , f2 , ..., fs , esso risulta privo di termine

noto e quindi appartiene all'ideale (f1 , f2 , ..., fs ).


Sia ora g(x) un elemento di I(V) e osserviamo che il polinomio

h = g − gf,
in forza di (3.30), è identicamente nullo, cioè h appartiene a J e il polinomio gf appartiene
a (f1 , f2 , ..., fs ). Ne segue che g = gf + h appartiene a (f1 , f2 , ..., fs ) + J e quindi I(V) ⊆
(f1 , f2 , ..., fs ) + J; cioè l'asserto.

Un problema di fondamentale importanza per le geometrie su campi di Galois è quello di

valutare il numero dei punti di una varietà algebrica V. Tale problema, di dicile soluzione nella

sua generalità, è al momento risolto solo in casi molto particolari. In questo paragrafo riportiamo

alcuni risultati, ottenibili per via elementare, che forniscono delle limitazioni per il numero di punti

della varietà V(f1 , f2 , ..., fs ), sotto opportune ipotesi sui polinomi f1 , f2 , ..., fs .
pagina n.69 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 67

PROPOSIZIONE 3.6.2. (Teorema di Schwartz-Zippel) Sia f = f (x1 , x2 , . . . , xn ) ∈ Fq [x] un


polinomio non identicamente nullo il cui polinomio ridotto associato abbia grado non superiore a
d ≤ q. Allora, se a è un generico vettore di Fqn , risulta

d
P r[f (a) = 0] ≤ , (3.31)
q
ove P r[f (a) = 0] indica la probabilità che il polinomio f si annulli su a.
DIMOSTRAZIONE. Dal momento che è V(f ) = V(f˜) , possiamo supporre senza ledere le
generalità che f sia ridotto e osserviamo che P r[f (a) = 0] è uguale al numero delle radici di f in
Fqn diviso il numero degli elementi di Fqn , cioè

| V(f ) |
P r[f (a) = 0] = . (3.32)
qn
Dalla precedente uguaglianza e ricordando che per n=1 il polinomio f ha al più d cfr.
radici (

Proposizione 1.2.7), si ha subito che la (3.31) vale per polinomi in una sola variabile. Possiamo,

dunque, procedere per induzione su n.


A tale scopo, nell'ipotesi n > 1, scriviamo f come polinomio nella variabile x1 a coecienti

nell'anello Fq [x2 , x3 , . . . , xn ]


d
f (x1 , x2 , . . . , xn ) = fi (x2 , x3 , . . . , xn )xi1
i=0

e, se j è il più grande intero per cui fj (x2 , x3 , . . . , xn ) non è identicamente nullo, risulta

deg fj (x2 , x3 , . . . , xn )xj1 ≤ d , deg fj (x2 , x3 , . . . , xn ) ≤ d − j

fj (a2 , a3 , . . . , an ) ̸= 0 ⇒ deg f (x1 , a2 , a3 , . . . , an ) = j .


Allora in questo caso, per ipotesi di induzione, abbiamo
7

d−j j
P r[fj (a2 , a3 , . . . , an ) = 0] ≤ e P r[f (a) = 0 | fj (a2 , a3 , . . . , an ) ̸= 0] ≤ .
q q

Se ora denotiamo con A l'evento f (a) = 0 e con B e Bc rispettivamente gli eventi

fj (a2 , a3 , . . . , an ) = 0 e fj (a2 , a3 , . . . , an ) ̸= 0, abbiamo

P r[f (a) = 0] = P r[A ∩ B] + P r[A ∩ B c ]

= P r[B]P r[A|B] + P r[B c ]P r[A|B c ]

≤ P r[B] + P r[A|B c ]

≤ d−j
q + j
q = d
q

e così la (3.31) è provata.

7 Se E è un evento, denotiamo con P r(E) la sua probabillità. Siano A e B due eventi con P r(B) > 0. La
notazione P r[A|B] indica la probabilità che si verichi l'evento A dato il vericarsi dell'evento B (probabilità di A
condizionata da B) e risulta P r[B]P r[A|B] = P r[A ∩ B].
pagina n.70 429963_LAVORATO.pdf

68 3.6 IDEALI DI POLINOMI E VARIETÀ ALGEBRICHE

COROLLARIO 3.6.3. Sia f = f (x1 , x2 , . . . , xn ) ∈ Fq [x] un polinomio non identicamente nullo il


cui polinomio ridotto associato abbia grado non superiore a d. Allora,
|V(f )| = |{a ∈ Fqn : f (a) = 0}| ≤ dq n−1 . (3.33)

DIMOSTRAZIONE. La (3.33), banale per d > q, segue dalle (3.31) e (3.32) per d ≤ q.
OSSERVAZIONE 3.6.4. Supponiamo che f (x) ∈ Fq [x] sia un polinomio prodotto di d ≤ q fattori
lineari f1 , f2 , . . . , fd , a due a due privi di radici comuni, cioè a due a due proporzionali. Allora,

risulta V(f ) = V(f1 ) ∪ V(f2 ) · · · ∪ V(fd ) e, quindi,

|V(f )| = |V(f1 )| + |V(f2 )| + · · · + |V(fd )| = dq n−1 .

Questo prova che la disuguaglianza (3.33) non è migliorabile. Di più, faremo vedere che l'uguaglian-

za nella (3.33) si ottiene, sostanzialmente, solo nel caso dell'esempio appena fatto. Osservi-

amo esplicitamente che, nelle nostre ipotesi, V(f1 ), V(f2 ), . . . , V(fd ) sono d iperpiani paralleli in

AG(n, q).
PROPOSIZIONE 3.6.5. Sia f = f (x1 , x2 , . . . , xn ) ∈ Fq [x] un polinomio non identicamente nullo
il cui polinomio ridotto associato f˜ abbia grado non superiore a d. Allora, se
|V(f )| = |{a ∈ Fqn : f (a) = 0}| = dq n−1 (3.34)

il polinomio f˜ o è lineare e d = 1 o è riducibile.


DIMOSTRAZIONE. Osserviamo che dalla (3.34) segue d < q, altrimenti f sarebbe iden-

ticamente nullo, contro le ipotesi. Dal momento che è V(f ) = V(f˜) , non è restrittivo supporre

che f sia ridotto e, osservato che per n=1 l'asserto è vero, supponiamo n>1 e procediamo per

induzione su n. Se f non è lineare, per ogni a ∈ Fq , posto

fa = f (a, x2 , x3 , . . . , xn ) ∈ Fq [x2 , x3 , . . . , xn ] ,

in forza della (3.33) applicata ad ognuno degli fa , risulta

∑ ∑
dq n−1
= |V(f )| = |V(fa )| ≤ dq n−2 = q(dq n−2 ) = dq n−1 (3.35)

a∈Fq a∈Fq

e, quindi,

|V(fa )| = dq n−2 , per ogni a ∈ Fq .


Osserviamo che tutti gli fa hanno lo stesso grado e non possono essere lineari, cioè |V(fa )| = q n−2 ,
altrimenti dalla (3.35) avremmo d = 1, cosa che abbiamo escluso. Ora, per ipotesi di induzione,

f (a, x2 , x3 , . . . , xn ) risulta riducibile e possiamo scrivere

f (a, x2 , x3 , . . . , xn ) = ha (x2 , x3 , . . . , xn )ta (x2 , x3 , . . . , xn ) ,

con ∑ ∑
ha = hj2 j3 ...jn (a)xj22 xj33 ...xjnn , ta = tj2 j3 ...js (a)xj22 xj33 ...xjnn
polinomi non nulli e di grado positivo. I coecienti

hj2 j3 ...jn (a) , tj2 j3 ...jn (a)

di ha e ta sono funzioni di Fq in Fq , e quindi funzioni polinomiali in a. (cfr. Prop.3.5.3) Ne segue

che

h(x1 , x2 , x3 , . . . , xn ) = hx1 (x2 , x3 , . . . , xn ) e t(x1 , x2 , x3 , . . . , xn ) = tx1 (x2 , x3 , . . . , xn )


pagina n.71 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 69

sono polinomi non nulli e di grado positivo, per cui risulta

f (x1 , x2 , . . . , xn ) = h(x1 , x2 , . . . , xn )t(x1 , x2 , . . . , xn )


Resta così provato che f (x1 , x2 , . . . , xn ) è riducibile.

COROLLARIO 3.6.6. Sia f = f (x1 , x2 , . . . , xn ) ∈ Fq [x] un polinomio non identicamente nullo il


cui polinomio ridotto associato f˜ abbia grado non superiore a d < q. Allora, vale la (3.34) se, e
soltanto se, f˜ è lineare o è prodotto di d fattori lineari a due a due privi di radici comuni.
DIMOSTRAZIONE. Se f˜ è lineare o è prodotto di d fattori lineari f1 , f2 , . . . , fd , a due

a due privi di radici comuni la (3.34) è vericata in forza dell'Osservazione 3.6.4. Supponiamo,

dunque, che valga la (3.34). Anche qui non è restrittivo supporre f = f˜ e possiamo assumere che

f non sia lineare, altrimenti l'asserto è vero con d = 1. Così, nelle nostre ipotesi, possiamo scrivere

f (x1 , x2 , . . . , xn ) = h(x1 , x2 , . . . , xn )t(x1 , x2 , . . . , xn ) ,


con h e t polinomi non nulli e di rispettivi gradi positivi dh e dt . Allora, in forza della (3.33), risulta
dq n−1
= |V(f )| ≤ |V(h)| + |V(t)| ≤ dh q n−1
+ dt q n−1 = dq n−1 ,
da cui ricaviamo

|V(h)| = dh q n−1 , |V(t)| = dt q n−1 , V(h) ∩ V(t) = ∅.


Ne segue che, se h e t non sono lineari, sono riducibili e, iterando il precedente ragionamento si

ottiene l'asserto.

PROPOSIZIONE 3.6.7. (Teorema di Chevally-Warning) Siano d1 , d2 , ..., ds i gradi rispettivamente


di f1 , f2 , ..., fs e siano m = |V| e d = d1 + d2 + · · · + ds . Allora, se è d < n, l'intero m è divisibile
per la caratteristica p di Fq .
DIMOSTRAZIONE. Supponiamo V=
̸ ∅, altrimenti l'asserto è vero. In questa ipotesi siano

f e fV i polinomi deniti nel seguente modo:

f = (1 − f1q−1 )(1 − f2q−1 ) · · · (1 − fsq−1 ) (3.36)

∑[ ][ ] [ ]
fV = 1 − (x1 − a1 )q−1 1 − (x2 − a2 )q−1 · · · 1 − (xn − an )q−1 (3.37)

a∈V
e osserviamo che risulta 
 1 se b∈V
f (b) = fV (b) = .

0 se b ∈ Fqn \ V
Ne segue che il polinomio g = f − fV è identicamente nullo. Ancora, essendo f = fV + g e fV
ridotto, si ha che fV è proprio il polinomio ridotto associato ad f e quindi

deg fV ≤ deg f = (d1 + d2 + · · · + ds )(q − 1) = d(q − 1) < n(q − 1). (3.38)

D'altra parte, nel polinomio fV gura il monomio xq−1


1 xq−1
2 · · · xq−1
n di grado n(q − 1) e quindi il

relativo coeciente (−1)n |V| = (−1)n m deve essere zero in Fq . Ne segue che m è un multiplo di p
e l'asserto è provato.

Notiamo che, ai ni della validità del precedente teorema, l'ipotesi d < n non può essere
migliorata. Infatti, la proposizione che segue mostra che, per s = 1, esiste un polinomio f di grado
n e con l'unica soluzione (0, 0, ..., 0).
pagina n.72 429963_LAVORATO.pdf

70 3.6 IDEALI DI POLINOMI E VARIETÀ ALGEBRICHE

PROPOSIZIONE 3.6.8. Per ogni intero positivo n, esiste almeno un polinomio f ∈ Fq [x], x=
(x1 , x2 , ..., xn ), tale che

(i) deg f = n;
(ii) f (b) = 0 se, e solo se, b = 0.
DIMOSTRAZIONE. Consideriamo il campo Fqn e sia {a1 , a2 , ..., an } una sua base su Fq .
Consideriamo poi il polinomio di grado n in n variabili denito da


n−1
f (x) =
s s s
(aq1 x1 + aq2 x2 + · · · + aqn xn )
s=0

e osserviamo che risulta


n−1
f (x)q
s s s
= (aq1 x1 + aq2 x2 + · · · + aqn xn )q
s=0


n−1 s+1 s+1 s+1
= (aq1 xq1 + aq2 xq2 + · · · + anq xqn )
s=0


n−1 s s s
= (aq1 xq1 + aq2 xq2 + · · · + aqn xqn )
s=0

= f (xq1 , xq2 , ..., xqn ) .

Ne segue che i coecienti di f sono invarianti rispetto all'operazione di elevamento alla

potenza q−esima e quindi appartengono a Fq , cioè f ∈ Fq [x].


Sia ora b ∈ Fqn e posto β = b1 a1 + b2 a2 + · · · + bn an , si ha che f (b) non è altro che la norma
(Denizione 3.2.1) dell'elemento β ∈ Fq n rispetto ad Fq :


n−1
f (b) =
s s s
(aq1 b1 + aq2 b2 + · · · + aqn bn )
s=0


n−1 s s s s s s
= (aq1 bq1 + aq2 bq2 + · · · + aqn bqn )
s=0


n−1 s
= (a1 b1 + a2 b2 + · · · + an bn )q
s=0


n−1 s
= β q = N (β) .
s=0

Ne segue che f (b) = N (β) = 0 se, e soltanto se, b = 0 e l'asserto è provato.


PROPOSIZIONE 3.6.9. (Teorema di Chevalley) Nelle stesse ipotesi della Proposizione 3.6.7, se
i polinomi f1 , f2 , ..., fs hanno il termine costante nullo, allora m è un multiplo non nullo di p. In
particolare, V contiene almeno un elemento a ̸= 0.
DIMOSTRAZIONE. Nelle nostre ipotesi risulta 0∈V e quindi è m > 0. Allora, in forza

della Proposizione 3.6.7, è m = hp, h > 0, e l'asserto è provato.


pagina n.73 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 71

DEFINIZIONE 3.6.10. Un polinomio omogeneo di secondo grado


n
F (x) = aij xi xj (3.39)

i,j

si chiama forma quadratica su Fq nelle n variabili x1 , x2 , ..., xn . Due forme quadratiche F (x), G(x)
su Fq equivalenti se esiste una matrice non degenere d'ordine n su Fq tale che
si dicono

F (xB) = G(x).

Una forma quadratica in n variabili si dice non degenere se non è equivalente ad una forma

quadratica in un numero di variabili inferiore ad n.

Come corollario immediato della Proposizione 3.6.9 si ha la seguente importante proprietà

delle forme quadratiche su Fq .


COROLLARIO 3.6.11. Ogni forma quadratica su Fq in tre o più variabili ammette almeno una
soluzione non banale su Fq .

Ricordiamo che, se v e W sono rispettivamente un vettore e un sottospazio vettoriale

h−dimensionale di Fqn , il laterale

v+W = {v + w : w ∈ W}
prende il nome di sottospazio ane di Fqn di dimensione h e W si dice spazio direttore di v + W.
Due sottospazi ani della stessa dimensione si dicono paralleli se hanno lo stesso spazio direttore
e si ha subito che, se sono distinti, hanno intersezione vuota.

PROPOSIZIONE 3.6.12. Nelle stesse ipotesi della Proposizione 3.6.7, se A1d e A2d denotano due
sottospazi ani paralleli d−dimensionali di Fqn , allora si ha

|A1d ∩ V| ≡ |A2d ∩ V| (mod p).

DIMOSTRAZIONE. Possiamo senz'altro supporre m ̸= 0 e A1d ̸= A2d , altrimenti l'asserto è


banale. In queste ipotesi, poiché un cambiamento di riferimento ane in Fqn non altera i gradi dei
polinomi in ipotesi, possiamo supporre che A1d e A2d abbiano rispettivamente equazioni

{x1 = x2 = · · · = xn−d = 0} e {x1 = 1, x2 = x3 = · · · = xn−d = 0}.

Ciò premesso, consideriamo i seguenti tre polinomi:


t(x) = xq−1 − 1 = (x − a),
a∈Fq∗


g(x) = (−1)n−d t(x2 )t(x3 ) · · · t(xn−d ) (x1 − a),
a∈Fq ,a̸=0,1
( )( ) ( )
f (x) = 1 − f1q−1 1 − f2q−1 · · · 1 − fsq−1 .

Si osservi che le variabili eettive del polinomio g sono soltanto x1 , x 2 , ... xn−d e che

deg g = (n − d − 1)(q − 1) + q − 2 = (q − 1)(n − d) − 1.


pagina n.74 429963_LAVORATO.pdf

72 3.6 IDEALI DI POLINOMI E VARIETÀ ALGEBRICHE

Inoltre, in forza della (1.4), si ha:

 
 0 se b ∈ Fq∗  1 se b∈V
t(b) = ; f (b) = ;
 
−1 se b=0 0 se b ∈ Fqn \ V

 ∏


(−1)n−d (−1)n−d−1 (−a) = −1 se b ∈ A1d

 a̸=0,1


 ∏
g(b) =

(−1)n−d (−1)n−d−1 (1 − a) = 1 se b ∈ A2d .

 a̸=0,1




0 se b ∈ Fqn \ {A1d ∪ A2d }

Ne segue che, per il polinomio h = gf di grado

deg h = (n − d)(q − 1) − 1 + d(q − 1) = n(q − 1) − 1 < n(q − 1),

si ha:





−1 se b ∈ V ∩ A1d


h(b) =

1 se b ∈ V ∩ A2d




0 altrimenti

da cui ∑
h(b) = |V ∩ A2d | − |V ∩ A1d |. (3.40)

b∈Fqn

Allora, osservato che il polinomio h verica le ipotesi della Proposizione 3.3.11, si ha che l'intero

(3.40) deve essere zero in Fq , cioè

|A1d ∩ V| ≡ |A2d ∩ V|(mod p),

come volevamo dimostrare.

PROPOSIZIONE 3.6.13. (Teorema di Warning) Nelle stesse ipotesi della Proposizione 3.6.7, se
è m > 0, allora risulta m ≥ q n−d .
DIMOSTRAZIONE. Cominciamo col supporre che in Fqn esista almeno un sottospazio ane
d−dimensionale A1d |V ∩A1d | ̸≡ 0(mod p). In tale ipotesi, in forza della Proposizione 3.6.12,
per cui è

ogni sottospazio ane d−dimensionale Ad parallelo a A1d verica la relazione |V ∩ Ad | ̸≡ 0(mod p)


e quindi risulta

|V ∩ Ad | ≥ 1.
D'altra parte, la classe dei sottospazi ani d−dimensionali paralleli a A1d contiene esattamente

q n /q d = q n−d elementi e quindi deve essere m = |V| ≥ q n−d .


Supponiamo ora |V ∩ Ad | ≡ 0(mod p), per ogni sottospazio ane Ad di dimensione d in Fqn
e denotiamo con t il più grande intero minore o uguale di d per cui esiste almeno un sottospazio
pagina n.75 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 73

ane (t − 1)−dimensionale At−1 con la proprietà |V ∩ At−1 | ̸≡ 0(mod p). Chiaramente è t ≥ 1.


Ora, per ogni sottospazio ane t−dimensionale At contenente At−1 , essendo |V ∩ At | ≡ 0(mod p),
risulta |(At \ At−1 ) ∩ V| ≥ 1. D'altra parte si ha che gli insiemi del tipo At \ At−1 formano una

partizione di Fq \ At−1 e il numero degli At contenenti il nostro At−1 è


n

|Fqn | − |Vt−1 | q n − q t−1 q n−t+1 − 1


= t = = q n−t + q n−t−1 + · · · + q + 1.
|Vt | − |Vt−1 | q −q t−1 q−1
Ne segue che

m = |V| ≥ q n−t + q n−t−1 + · · · + q + 1 + |V ∩ At−1 | > q n−d


e l'asserto è completamente provato.

Notiamo che il precedente teorema resta valido anche nell' ipotesi n≤d ma, in questo caso,

esso dice soltanto che, se è m > 0, allora è anche m ≥ 1/q d−n , cosa del tutto ovvia e priva di

signicato geometrico.

PROPOSIZIONE 3.6.14. (Teorema di Terjanian) Sia f ∈ Fq [x] un polinomio di grado n con


termine costante uguale a zero e tale che ammetta la sola soluzione banale. Se g ∈ Fq [x] è un
polinomio di grado minore di n, allora l'equazione
f (x) = g(x)

ammette almeno una soluzione in Fqn .


DIMOSTRAZIONE. Siano yij , con 1 ≤ i ≤ n e 1 ≤ j ≤ q, nq variabili e, per ogni i,
denotiamo con

gi ∈ Fq [yi1 , yi2 , ..., yiq ]


un polinomio di grado q con termine costante uguale a zero che ammetta la sola soluzione banale

cfr. Proposizione 3.6.8).


( Consideriamo il polinomio h, nelle nq + 1 variabili date dalle yij e da una

nuova variabile y, denito da

h = f (g1 , g2 , ..., gn ) − g(g1 , g2 , ..., gn )y q−1

e osserviamo che risulta

deg h ≤ nq < nq + 1.
Inoltre, si ha che h è un polinomio con termine costante uguale a zero; infatti i gj sono tali e

g(g1 , g2 , ..., gn ) è moltiplicato per y q−1 . Allora, vericando h le ipotesi della Proposizione 3.6.9,
nq+1
esiste in Fq uno zero non banale di h; cioè esiste un vettore

a = (a11 , a12 , .., a1q , a21 , a22 , .., a2q , ..., anq , a) ̸= 0
di Fqnq+1 tale che h(a) = 0.
Ciò premesso, se per ogni i = 1, 2, ..., n poniamo

ai = gi (ai1 , ai2 , ..., aiq ),

risulta

h(a) = f (a1 , a2 , ..., an ) − g(a1 , a2 , ..., an )aq−1 = 0.


Osserviamo che certamente è a ̸= 0. Infatti, se fosse a = 0, avremmo

f (a1 , a2 , ..., an ) = 0
pagina n.76 429963_LAVORATO.pdf

74 3.6 IDEALI DI POLINOMI E VARIETÀ ALGEBRICHE

e, per le ipotesi fatte su f, ai sarebbe uguale a zero per ogni i = 1, 2, ..., n. Allora si avrebbe anche

(ai1 , ai2 , ..., aiq ) = 0 per ogni i = 1, 2, ..., n e in denitiva otterremmo a = 0, il che è assurdo. Ne
q−1
segue che, essendo a = 1, è

f (a1 , a2 , ..., an ) = g(a1 , a2 , ..., an )

e cioè l'asserto.

Concludiamo osservando che, come immediato corollario della precedente proposizione, si

ha il seguente risultato.

COROLLARIO 3.6.15. Sia f ∈ Fq [x] un polinomio di grado n con termine costante uguale a zero
e tale che ammetta la sola soluzione banale. Allora, per ogni a ∈ Fq , l'equazione
f (x) = a

ammette almeno una soluzione in Fqn ; cioè la funzione polinomiale associata ad f è suriettiva.
pagina n.77 429963_LAVORATO.pdf

Capitolo 4

Sottopiani, archi e calotte di ordine


massimo

4.1 Caratteri di un insieme di punti in un piano proiettivo


nito
Siano πn = (P, L) un piano proiettivo nito d'ordine n e X un insieme di punti di πn con m
elementi.

DEFINIZIONE 4.1.1. Per ogni j = 1, 2, . . . , n + 1, si chiama carattere j−esimo, o numero d'in-


tersezione j−esimo, di X il numero tj = tj (X) delle rette di πn che intersecano X in esattamente

j punti.

DEFINIZIONE 4.1.2. Siano j0 < j1 < · · · < js interi non negativi. L'insieme X si dice di

tipo, o di classe, (j0 , j1 , ..., js ) se ogni retta di π interseca X in esattamente jh punti, per qualche
h = 0, 1, ..., s. Si dice invece che X è di tipo [j0 , j1 , ..., js ] se è di tipo (j0 , j1 , ..., js ) e risulta tjh ̸= 0,
per ogni h = 0, 1, ..., s.

Una retta di πn con un unico punto P in comune con X si dice tangente ad X in P, o


unisecante. Una retta di π che interseca X in esattamente j > 1 punti si dice secante, o j−secante.

ESEMPIO 4.1.3. Gli insiemi di tipo [0, 1], [1, n + 1], [n + 1] sono rispettivamente i singleton dei

punti, le rette e l'insieme di tutti i punti di πn .

Uno dei problemi più dicili e molto studiati relativi ai piani proiettivi niti è quello di

classicare gli insiemi di punti aventi un ssato tipo. Il primo risultato signicativo in quest'ambito

e anche il più famoso è certamente un teorema di B.Segre del 1954 che caratterizza le coniche non
degeneri di P G(2, q), q dispari, come insiemi di q + 1 punti di tipo [0, 1, 2] (cfr. Prop.4.5.3, pag.86).

La proposizione che segue fornisce le relazioni fondamentali che intercorrono tra i caratteri

di un insieme di punti di πn .

PROPOSIZIONE 4.1.4. Sia X un insieme di m punti di πn . Allora i caratteri di X vericano le


seguenti relazioni:

75
pagina n.78 429963_LAVORATO.pdf

76 4.2 SOTTOPIANI



 ∑
n+1

 tj = n2 + n + 1,




j=0



 ∑
n+1
jtj = m(n + 1), (4.1)




j=1





 ∑
n+1

 (j − 1)jtj = m(m − 1).
j=2

DIMOSTRAZIONE. La prima delle (4.1) è di immediata verica; essa dice semplicemente

che le rette di πn sono in numero di n2 + n + 1.


La seconda si ottiene facendo il doppio conteggio delle coppie (P, ℓ), ove P è un punto di X ed ℓ
una retta contenente P.
Se ora facciamo il doppio conteggio delle coppie (ℓ, {P, Q}), ove P, Q sono punti distinti di X e ℓ
la retta che li contiene, abbiamo

∑(
n+1
j
) ( )
m
tj = ,
j=2
2 2

da cui segue subito la terza delle (4.1).

Le relazioni (4.1) si chiamano equazioni dei caratteri di X.

4.2 Sottopiani
Un insieme X di punti di un piano proiettivo nito πn d'ordine n si chiama sottopiano d'ordine m
se è di tipo (0, 1, m+1) e le intersezioni di X con le rette aventi m+1 punti in comune X deniscono

una struttura di piano proiettivo su X. Se n è un quadrato, un sottopiano di πn d'ordine n si
chiama sottopiano di Baer.
ESEMPIO 4.2.1. n
Sia P G(2, q ) il piano proiettivo sul campo di Galois Fq n . Allora Fq è un sotto-

campo di Fqn e l'insieme X dei punti di P G(2, q n ) a coordinate in Fq è un sottopiano di P G(2, q n )


d'ordine q isomorfo a P G(2, q). Nel caso n = 2, X e un sottopiano di Baer.

PROPOSIZIONE 4.2.2. Siano A, B, C, D quattro punti a 3 a 3 non allineati di P G(2, qn ). Allora


esiste un sottopiano πq di P G(2, q n ), isomorfo a P G(2, q), contenente i punti A, B, C, D.
DIMOSTRAZIONE. Si consideri il riferimento R di P G(2, q n ) avente nell'ordine A, B, C
come punti fondamentali e D come punto unitario. Allora l'insieme dei punti che rispetto ad R
hanno coordinate in Fq è il sottopiano cercato.

ESEMPIO 4.2.3. Nella Costruzione 2.5.7, se è t = 2 e F una brazione in rette di P G(3, q), il
piano πF ha ordine q 2 . Un piano di P G(4, q), che interseca P G(3, q) in una retta non appartenente
2
alla brazione, individua un insieme di q + q + 1 punti in πF che è un sottopiano di Baer di πF .

Abbiamo, così, esempi di sottopiani di Baer in piani non desarguesiani.


PROPOSIZIONE 4.2.4. Siano n un quadrato e X √un insieme di n + n + 1 punti di un piano
proiettivo πn d'ordine n. Allora, se X è di tipo [1, n + 1], allora X è un sottopiano di Baer di
πn .
pagina n.79 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 77


DIMOSTRAZIONE. √( n + 1)−secanti X si intersecano su
Dobbiamo provare che due rette

X. ℓ, m ( n + 1)−secanti X la√cui intersezione


Supponiamo, per assurdo, che esistano due rette

non appartiene a X. Allora per un punto P ∈ ℓ ∩ X, oltre ad ℓ, passerebbero le ( n + 1)−secanti



X date dalle ( n + 1) rette per P e i punti di m ∩ X. Come conseguenza, X avrebbe un numero
di punti non inferiore a
√ √ √
( n + 2) n + 1 = n + 2 n + 1
e ciò è assurdo.

PROPOSIZIONE 4.2.5. (Teorema di R.H.Bruck) Sia X un sottopiano d'ordine m di πn con


m < n. Allora, se esiste una retta di πn disgiunta da X, risulta

n ≥ m2 + m.

Se ogni retta di πn è ad intersezione non vuota con X, allora n è un quadrato e X un sottopiano


di Baer.
DIMOSTRAZIONE. Cominciamo con l'osservare che esistono esattamente m2 + m + 1 rette
di πn che intersecano X in esattamente m + 1 punti e tali rette si intersecano a due a due in punti
di X. Ne segue che un punto di πn \ X appartiene ad al più una retta con m + 1 punti su X.

Nell'ipotesi che esista una retta ℓ di πn disgiunta da X, le rette che intersecano X in m + 1 punti

hanno ciascuna un punto su ℓ e tali punti sono a due a due distinti. Ne segue che n+1 ≥ m +m+1,
2

cioè la prima parte dell'asserto.

Se ogni retta di πn non è disgiunta da X, diciamo ℓ una retta avente esattamente m + 1 punti su X
e P un punto ℓ \ X. Allora, ogni retta per P diversa da ℓ interseca X \ ℓ in esattamente un punto.
tali punti coincide con X \ ℓ e quindi è n = m
2
L'insieme di e l'asserto risulta completamente

provato.

4.3 Archi e curve hermitiani



Sia n un quadrato e
√ πn un piano proiettivo nito d'ordine n. Un insieme X di n n+1 punti di

πn e di tipo [1, n + 1] prende il nome di arco hermitiano o unital.


PROPOSIZIONE 4.3.1. Sia X un arco hermitiano di πn . Allora ogni punto P ∈ X appartiene ad
un'unica retta tangente X e di conseguenza i caratteri di X sono
√ √
t1 = n n + 1 , t√n+1 = n2 − n( n − 1). (4.2)


Inoltre, il numero delle rette tangenti a X passanti per un punto P ̸∈ X è n + 1.
DIMOSTRAZIONE. Se P ∈X e h denota il numero delle tangenti a X per P, risulta

√ √
1 + (n + 1 − h) n = n n + 1 ,

da cui si ha h = 1. Se P ̸∈ X e k denota il numero delle tangenti a X per P, risulta

√ √
k + (n + 1 − k)( n + 1) = n n + 1 ,

da cui si ha k= n + 1. Da t1 + t√n+1 = n2 + n + 1 seguono le relazioni (4.2).


Se P è un punto di πn non appartenente ad un arco hermitiano X, ciascuno dei n + 1 punti
che si ottengono intersecando X con le tangenti a X per P prende il nome di piede di P rispetto
a X.
pagina n.80 429963_LAVORATO.pdf

78 4.3 ARCHI E CURVE HERMITIANI

Ci proponiamo di provare che tra gli archi hermitiani di P G(2, q), q quadrato, vi sono le

curve hermitiane, denite nel Paragrafo 2.2 del Capitolo 2, come il luogo dei punti di P G(2, q)
autoconiugati rispetto ad una forma hermitiana di Fq3 .
Per rendere di più facile lettura i risultati che stiamo per esporre, riproporremo per il caso

delle curve hermitiane alcuni argomenti già trattati nel contesto più generale del Paragrafo 2.2 del

Capitolo 2.

In tutto il paragrafo supporremo sempre cheq sia una potenza di un numero primo con espo-
nente pari e denoteremo con H(2, q) una curva hermitiana di P G(2, q). Ricordiamo (cfr. Def. 2.2.13)
che H(2, q) può denirsi come un insieme di punti di P G(2, q) proiettivamente equivalente alla curva

di equazione
√ √ √
q+1 q+1 q+1
x0 + x1 + x2 = 0. (4.3)

Riterremo, inoltre, ssato un riferimento di P G(2, q) nel quale H(2, q) abbia proprio equazione

(4.3). Una curva hermitiana si chiama anche unital classico.


Osserviamo che, per semplicare le notazioni, per ogni A = [a = (ao , a1 , a2 )], B = [b =
(bo , b1 , b2 )] punti di P G(2, q), conviene porre

√ √ √
< a, b >= a0 b0 + a1 b1 + a2 b2 .
q q q
(4.4)

Con questa notazione l'equazione (4.3) diventa

< x, x >= 0 , x = (x0 , x1 , x2 ) ,


e risulta √

< a, b >=< b, a >


q
, (4.5)

infatti: √ √ √
< a, b > = a0 b0 + a1 b1 + a2 b2
q q q

√ √ √
q q q
= (a0 b0 + a1 b1 + a2 b2 )q
√ √ √
q q q √q
= (aq0 b0 + aq1 b1 + aq2 b2 )
√ √ √ √
q q q q
= (b0 a0 + b1 a1 + b2 a2 )

= < b, a >
q

Per ogni punto A = [a] ∈ P G(2, q), la retta ℓ(A) di equazione

√ √ √
< a, x >=
q q q
a0 x0 + a1 x1 + a2 x2 = 0 (4.6)

si chiama retta polare, o semplicemente polare, del punto A rispetto ad H(2, q). La funzione

A → ℓ(A) si chiama polarità associata a H(2, q) ed è biunivoca in quanto funzione iniettiva tra

due insiemi niti delle stesso ordine, quello dei punti e quello delle rette di P G(2, q). È immediato

vericare che

A ∈ ℓ(A) ⇔ A ∈ H(2, q) . (4.7)

PROPOSIZIONE 4.3.2. La polarità associata ad una curva hermitiana H(2, q) verica la proprietà
di reciprocità, cioè
B ∈ ℓ(A) ⇔ A ∈ ℓ(B) , (4.8)
pagina n.81 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 79

con A, B punti di P G(2, q). Inoltre, per ogni A ∈ H(2, q) risulta


ℓ(A) ∩ H(2, q) = {A}. (4.9)

DIMOSTRAZIONE. Per la (4.8) si ha:

√ √ √
q q q
B ∈ ℓ(A) ⇔ a0 b0 + a1 b1 + a2 b2 = 0
√ √ √ √
q q q q
⇔ (a0 b0 + a1 b1 + a2 b2 ) =0
√ √ √
q q q
⇔ aq0 b0 + aq1 b1 + aq2 b2 =0
√ √ √
q q q
⇔ b0 a0 + b1 a1 + b2 a2 = 0

⇔ A ∈ ℓ(B) .
Se per due punti distinti A, B di H(2, q) si avesse B ∈ ℓ(A), in forza delle (4.7) e (4.8), sarebbe

ℓ(A) = ℓ(B) e ciò è assurdo essendo la polarità biunivoca. Dalla (4.7) segue allora la (4.9).

PROPOSIZIONE 4.3.3. Sia q una potenza di un numero primo con esponente pari. Allora
l'equazione √

= λ , con λ ∈ Fq∗
q+1
x (4.10)
√ √
ha esattamente q + 1 radici distinte se λ è una potenza ( q + 1)-esima in Fq , in particolare se
λ = −1, e non ha radici nel caso contrario. Inoltre, l'equazione

= λ , con λ ∈ Fq∗
q−1
x (4.11)

√ √
ha esattamente q − 1 radici distinte se λ è una potenza ( q − 1)-esima in Fq , in particolare se
λ = −1, e non ha radici nel caso contrario.
√ √
DIMOSTRAZIONE

. √Ricordiamo che, essendo q √− 1 = ( q + 1)( q − 1), esistono in Fq

esattamente q + 1 radici ( q + 1)-esime dell'unità e q − 1 radici ( q − 1)-esime dell' unità
cfr. Prop.3.1.1).
( Inoltre, essendo

√ √
(a q+1
)q−1
= aq−1 = 1 , per ogni a ∈ Fq∗ ,
√ √
le potenze ( q + 1)-esime degli elementi di Fq , che sono in numero di q (cfr. Prop.3.1.1), cos-


tituiscono il sottocampo F q di Fq con q elementi. Ne segue che −1, appartenendo a F√q ,

è una potenza ( q + 1)-esima di qualche elemento di Fq . D'altra parte, essendo −1 una radice

( q + 1)-esima dell' unità, detto g un elemento primitivo di Fq , esiste un intero m tale che

√ √
m( q−1) q−1
−1 = g = (g m )

e quindi −1 è anche una potenza ( q − 1)-esima in Fq .

Osserviamo ora che, se l'equazione (4.10) ha una radice a in Fq , allora ha anche le radici

ϵ1 a, ϵ2 a, ..., ϵ√q a,
√ √
ove gli ϵj q radici ( q + 1)-esime dell' unità diverse da 1. Ne segue che l'equazione (4.10)
sono le
√ √
ha esattamente q + 1 radici distinte se λ è una potenza ( q +1)-esima in Fq e non ha radici nel

caso contrario. Con lo stesso ragionamento si prova che l'equazione (4.11) ha esattamente q−1

radici distinte se λ è una potenza ( q -1)-esima in Fq e non ha radici nel caso contrario.
pagina n.82 429963_LAVORATO.pdf

80 4.3 ARCHI E CURVE HERMITIANI

PROPOSIZIONE 4.3.4. Sia q una potenza di un√numero primo con esponente √


pari. Allora una
curva hermitiana H(2, q) di P G(2, q) ha ordine q q + 1 ed è di classe [1, q + 1]; cioè è un arco
hermitiano.
DIMOSTRAZIONE. Consideriamo una retta ℓ con due punti A =< a >, B =< b > su
H(2, q) e osserviamo che i punti di ℓ \ {A, B} sono del tipo < a + λb >, con λ ∈ Fq∗ . Così i punti
di ℓ ∩ H(2, q) diversi da A, B si ottengono in corrispondenza dei valori non nulli di λ per cui risulta

√ √ √
q q q
(a0 + λb0 ) (a0 + λb0 ) + (a1 + λb1 ) (a1 + λb1 ) + (a2 + λb2 ) (a2 + λb2 ) = 0 , (4.12)

cioè

< a + λb, a + λb >= 0. (4.13)

D'altra parte, essendo

< a + λb, a + λb > = < a, a > + < a, λb > + < λb, a > + < λb, λb >

< λb, a > + < λb, a >
q
=
√ √
< b, a > +λ < b, a >
q q
= λ
√ √
λ < b, a > (λ < b, a >
q−1 q−1
= +1) ,

le radici non nulle della (4.13) sono quelle dell' equazione

(< b, a > λ)
q−1
= −1,

che, in forza della proposizione precedente, sono esattamente in numero di q − 1. Ne segue che ℓ
√ √
interseca H(2, q) in esattamente q+1 punti e così ogni retta secante H(2, q) è ( q + 1)-secante.
A questo punto andiamo a calcolare il numero dei punti di H(2, q) contando le sue intersezioni con
le rette passanti per il punto fondamentale E2 = (0, 0, 1), H(2, q). A tale
il quale non appartiene a

scopo, cominciamo con l'osservare che la retta di equazione x0 = 0 contiene esattamente q+1

q+1
punti di H(2, q) e precisamente quelli di coordinate (0, 1, t), con t = −1. Le rimanenti q rette
per E2 hanno equazione del tipo x1 = λx0 , con λ ∈ Fq , e quindi i punti comuni ad una di esse e a

H(2, q) si trovano in corrispondenza delle radici dell' equazione



q+1
√ √
q+1 q+1
(1 + λ )x0 + x2 = 0,

che è equivalente a
( )√q+1 √
x2 q+1
= −1 − λ . (4.14)
x0

q+1 √ √
q+1
Osserviamo che, essendo −1 e −λ elementi di GF ( q) per ogni λ ∈ Fq , l'elemento −1 − λ
√ √
appartiene a GF ( q) e quindi è una potenza ( q + 1)-esima in Fq . Ne segue che l'equazione (4.14)

q+1 √
ha l'unica radice
x2
x0 = 0 se λ = −1 ed esattamente q + 1 radici distinte nel caso contrario.
√ √ √
Abbiamo così che il punto E2 appartiene a q + 1 rette tangenti e q − q rette ( q + 1)-secanti
H(2, q). Ne segue allora che
√ √ √ √
|H(2, q)| = q + 1 + (q − q )( q + 1) = q q + 1

e dalla terza equazione dei caratteri (4.1) di H(2, q) si ha che il numero delle rette ( q + 1)-secanti

H(2, q) è
√ √
q 2 − q( q − 1) = (q 2 + q + 1) − (q q + 1).
pagina n.83 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 81

Allora, poichè ogni punto di H(2, q) appartiene ad almeno una retta tangente, segue subito che

H(2, q) non ammette rette esterne. L'asserto è così provato.

Dalla proprietà di reciprocità (4.8) segue che i piedi di un punto P ̸∈ H(2, q) rispetto a

H(2, q) sono contenuti nella retta polare di P e, quindi, sono allineati. È da osservare che questa

è una proprietà caratteristica di H(2, q) nel senso del seguente teorema.

RISULTATO 4.3.5. (Teorema di J.A.Thas, [103]) Sia q una potenza di un numero primo con
esponente pari. Un arco hermitiano X di P G(2, q) è una curva hermitiana se, e solo se, per ogni
punto P ̸∈ X, i suoi piedi rispetto a X sono allineati.
Nell'esempio che segue esporremo una famosa costruzione di F.Buekenhout [29] mediante la
quale si possono ottenere archi hermitiani di P G(2, q) che non sono curve hermitiane.

ESEMPIO 4.3.6. (Unital di Buekenhout-Metz) Si denisce ovoide in P G(3, q) un insieme di q2 +1


punti a tre a tre non allineati; esempi classici di ovoidi sono le quadriche ellittiche ( cfr. Eserc.2.2.19).
Gli ovoidi di P G(3, q) saranno studiati nel Paragrafo 4.7 a pag.93. F una
Ciò premesso, siano

brazione (in rette) desarguesiana di Σ = P G(3, q), πF = (P, L) la rappresentazione di André,


Bruck-Bose di P G(2, q 2 ) e Σ′ = P G(4, q) lo spazio proiettivo di dimensione 4 in cui Σ è immerso
come iperpiano (cfr. Costr.2.5.7).

Siano S3 ̸= Σ un sottospazio proiettivo tridimensionale di P G(4, q) e K un ovoide in S3 con le

seguenti proprietà:

- K Σ in un solo punto B,
interseca

- la retta ℓ della brazione F passante per B non è contenuta nel piano S3 ∩ Σ.


Sia, ora, A un punto di ℓ diverso da B e denotiamo con Γ = Γ(A, K) il cono di vertice A e base

K , cioè l'unione delle rette per A incidenti K :



Γ = Γ(A, K) = AP.
P ∈K

Allora l'insieme U = U(A, K) di punti di πF denito da

U = U(A, K) = (Γ(A, K) \ Σ) ∪ {ℓ}


è d'ordine q3 + 1 ed è possibile provare che è un arco hermitiano di πF = P G(2, q 2 ), detto unital
di Buekenhout-Metz. R.Metz ha provato in [68] che esistono quadriche ellittiche K per cui l'arco
hermitiano U(A, K) è una curva hermitiana e altre per cui non lo è.

Osserviamo che la stessa costruzione si può fare a partire da una qualsiasi brazione F di P G(3, q),
anche non desarguesiana. In questo caso si ottengono unital del piano di traslazione d'ordine q
associato ad F (cfr. Costr.2.5.7).

Al momento non sono noti archi hermitiani di P G(2, q), q quadrato, che non siano unital di

Buekenhout-Metz e una congettura, abbastanza accreditata, vuole che questi siano gli unici archi

hermitiani di P G(2, q). La veridicità della congettura è stata provata per q =9 da T.Penttila e

G.F.Royle in [77].
Chiudiamo il paragrafo osservando che non si conoscono piani d'ordine quadrato che non

contengano archi hermitiani. Il Lettore interessato alla teoria degli archi hermitiani può consultare

la monograa [6] di S. Barwick e G.Ebert.

4.4 Archi in un piano proiettivo nito


Sia πn = (P, L) un piano proiettivo nito d'ordine n.
pagina n.84 429963_LAVORATO.pdf

82 4.4 ARCHI IN UN PIANO PROIETTIVO FINITO

DEFINIZIONE 4.4.1. Un insieme di k punti di πn a tre a tre non allineati prende il nome di arco
di ordine k, o k−arco.
PROPOSIZIONE 4.4.2. Per un k−arco K di πn , risulta
k ≤ n + 2. (4.15)

DIMOSTRAZIONE. Posto K = {A1 , A2 , . . . , Ak }, le rette A1 Aj , j = 2, 3, . . . , k, sono k − 1

rette distinte per A1 . Poichè le rette per un punto di πn sono in numero di n+1, risulta k−1 ≤ n+1,
cioè l'asserto.

ESEMPIO 4.4.3. Ricordiamo che una conica non degenere Ω di P G(2, q) è l'insieme dei punti

di P G(2, q) che sono zeri di una forma quadratica non degenere in tre variabili. Se f (x, y, t) è la

forma quadratica in questione, l'equazione f (x, y, t) = 0 si chiama equazione di Ω. È ben noto che,
ogni punto P di Ω appartiene ad un'unica retta tangente, che interseca Ω solo in P ; tutte le altre
rette per P (rette secanti ) intersecano Ω in esattamente due punti. Dal Corollario 3.6.11 segue,
allora, che Ω contiene esattamente q + 1 punti: ognuna delle q rette secanti Ω in un suo punto P

contiene esattamente un punto di Ω diverso da P. D'altra parte, è anche ben noto che tre punti

distinti di Ω non sono allineati e, quindi, possiamo aermare che l'insieme dei q + 1 punti di una

conica non singolare di P G(2, q) è un (q + 1)−arco.


DEFINIZIONE 4.4.4. Un k−arco si dice completo se non è contenuto in un (k + 1)−arco; nel caso

contrario si dice incompleto.

Sia K un k−arco di πn . Una retta ℓ di πn interseca K in 0, 1, o 2 punti; in corrispondenza

di queste tre possibilita, ℓ si dirà esterna, tangente o secante a K. Detti A un punto di K e B un

punto non appartenente a K, introduciamo i seguenti parametri relativi a K:




 t = numero di tangenti a K nel punto A,



 t0 = numero delle rette di πn esterne a K,


 t1 = numero delle rette di πn tangenti a K,
t2 = numero delle rette di πn secanti K, (4.16)



 u0 (B) = numero delle rette per B esterne a K,



 u1 (B) = numero delle rette per B tangenti a K,

u2 (B) = numero delle rette per B secanti K.

E' un semplice esercizio provare la seguente proposizione.

PROPOSIZIONE 4.4.5. L'intero t non dipende dal punto A e risulta




 t = n + 2 − k,



t0 = n(n−1) + t(t−1)
2 , t1 = kt, t2 = k(k−1)
, (4.17)


2 2



u1 (B) + 2u2 (B) = k.

In particolare, nel caso k = n + 1, risulta


n(n − 1) n(n + 1)
t = 1, t0 = , t1 = n + 1, t2 = . (4.18)
2 2
PROPOSIZIONE 4.4.6. Se n è dispari, il massimo numero di punti di un arco di πn è n + 1.
pagina n.85 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 83

DIMOSTRAZIONE. Supponiamo l'esistenza di un (n + 2)−arco K in πn e sia B un punto


non appartenente a K. Dalle (4.17) ricaviamo che t = 0, onde u1 (B) = 0, e 2u2 (B) = n + 2.
L'ultima uguaglianza è assurda, essendo n+2 dispari.

PROPOSIZIONE 4.4.7. Se n è pari, le tangenti ad un (n + 1)−arco K di πn passano tutte per


uno stesso punto.
DIMOSTRAZIONE. Detto B un punto non appartenente a K, risulta

u1 (B) + 2u2 (B) = n + 1


e, essendo n + 1 dispari, deve essere u1 (B) > 0. Dalla terza delle (4.18) segue allora che ogni punto
di una bisecante appartiene ad esattamente una retta tangente a K e, di conseguenza, per un punto
appartenente a due rette tangenti a K non possono passare rette secanti. Ne segue l'asserto.

Nell'ipotesi che n sia pari e che K sia un (n + 1)−arco di πn , il punto C per cui passano

tutte le tangenti a K prende il nome di nucleo di K. Inoltre, K ∪ {C} è un (n + 2)−arco.


OSSERVAZIONE 4.4.8. Quando n è pari, ogni (n + 1)−arco di πn è incompleto e può completarsi

in unico modo in un (n + 2)−arco. In particolare, una conica non singolare di P G(2, q) è un


(q + 1)−arco completo se, e soltanto se, q è dispari.

DEFINIZIONE 4.4.9. Gli (n + 1)−archi di πn si chiamano ovali e gli (n + 2)−archi si dicono

iperovali.
OSSERVAZIONE 4.4.10. Quando n è pari e Ω è un'iperovale, per ogni punto P ∈ Ω, l'insieme

Ω \ {P } è un'ovale il cui nucleo è P.


PROPOSIZIONE 4.4.11. Se n è dispari e Ω è un'ovale di πn , risulta u1 (B) = 0 o u1 (B) = 2, per
ogni punto B ̸∈ Ω.
DIMOSTRAZIONE. u1 (B) + 2u2 (B) = n + 1 e, essendo n + 1
Dalla terza delle (4.17) si ha

pari, u1 (B) è pari. Ne segue che ogni punto non appartenenete aΩ appartiene ad un numero pari
di rette tangenti Ω. Ora, per ogni intero positivo j, denotiamo con x2j il numero di punti di πn \ Ω

per cui passano esattamente 2j rette tangenti ad Ω e contiamo in due modi diversi le coppie (P, ℓ),

con ℓ tangente ad Ω e P ∈ ℓ \ Ω, e le coppie (P, {ℓ, m}), con ℓ, m tangenti ad Ω e P = ℓ ∩ m.

Analogamente a quanto fatto nel corso della dimostrazione della Proposizione 4.1.4, si ha subito

che ∑ ∑
2jx2j = n(n + 1) e 2j(2j − 1)x2j = n(n + 1)
e, quindi,

2j(2j − 2)x2j = 0.
Ne segue x2j = 0, per ogni j > 1, e cioè l'asserto.

Nel caso n dispari, i punti B non appartenenti ad un'ovale Ω di πn restano divisi in due

classi, quelli per cui u1 (B) = 0, che si dicono interni a Ω, e quelli per cui u1 (B) = 2, che si dicono
esterni ad Ω.
ESERCIZIO 4.4.12. Sia Ω un'ovale di πn , con n dispari. Provare che i punti esterni e quelli interni
ad Ω sono rispettivamente in numero di n(n+1)
2 e n(n−1)
2 .
ESERCIZIO 4.4.13. Sia Ω un'ovale di πn , con n dispari. Provare che l'unione di Ω e dei suoi punti
esterni forma un insieme di classe [ n+1 n+3
2 , 2 , n + 1].
pagina n.86 429963_LAVORATO.pdf

84 4.5 OVALI IN P G(2, q), q DISPARI

4.5 Ovali in P G(2, q), q dispari


In questo paragrafo e nel successivo riterremo ssato un riferimento proiettivo ℜ = (E0 , E1 , E2 , E)
di P G(2, q). Denotate con (x0 , x1 , x2 ) le coordinate proiettive di un generico punto di P G(2, q),
osserviamo che le rette distinte dagli assi coordinati e contenenti E0 , E1 , E2 hanno rispettivamente

equazione del tipo

x1 − λ0 x2 = 0, x2 − λ1 x0 = 0, x0 − λ2 x1 = 0,
con λj ∈ Fq∗ .

Ognuno di tali λj sarà detto coordinata in ℜ della retta nell'equazione della quale compare.
Osserviamo ancora che, se consideriamo una retta ℓi per Ei di coordinata λi , per i = 0, 1, 2,
allora ℓ0 , ℓ1 , ℓ2 formano fascio se, e soltanto se,
 
0 1 −λ0
det  −λ1 0 1  = 1 − λ0 λ1 λ2 = 0,
1 −λ2 0
cioè se, e soltanto se,

λ0 λ1 λ2 = 1. (4.19)

Ne segue che, se un punto M non appartiene agli assi coordinati, le coordinate µ0 , µ1 , µ2 delle rette

passanti rispettivamente per M e E 0 , E1 , E2 vericano la relazione

µ0 µ1 µ2 = 1. (4.20)

Nel seguito, se K è un k−arco di P G(2, q), supporremo sempre che E0 , E1 , E2 appartengano


a K e che le rette tangenti a K nei punti E0 , E1 , E2 abbiano rispettivamente coordinate αj , βj ,
γj , j = 1, 2, ..., t.
PROPOSIZIONE 4.5.1. (Lemma delle tangenti) Sia K un k−arco di P G(2, q) contenente i punti
E0 , E1 , E2 e siano αj , βj , γj , j = 1, 2, ..., t, rispettivamente le coordinate delle rette tangenti a K
in E0 , E1 , E2 . Allora risulta
∏ t
αj βj γj = −1.
j=1

In particolare, se Ω è un'ovale di P G(2, q) e le tre rette tangenti nei punti E0 , E1 , E2 hanno


rispettivamente coordinate α, β, γ, risulta
αβγ = −1. (4.21)
pagina n.87 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 85

DIMOSTRAZIONE. Denotiamo con Pi , i = 1, 2, ..., k −3, i punti di K diversi da E0 , E1 , E2 ,


e con αi′ , βi′ , γi′ rispettivamente le coordinate delle rette per Pi e E0 , E1 , E2 .

Poichè ogni retta per il punto Ei è tangente o secante K, abbiamo che

Fq∗ = ′
{α1 , ..., αt , α1′ , ..., αk−3 }


= {β1 , ..., βt , β1′ , ..., βk−3 }

= {γ1 , ..., γt , γ1′ , ..., γk−3



}.

Allora dalla (1.4) segue che

∏ ∏ ∏ ∏
t ∏
k−3
−1 = α β γ= αj βj γj αi′ βi′ γi′
α∈Fq∗ β∈Fq∗ γ∈Fq∗ j=1 i=1

e, essendo ( cfr. (4.20))


αi′ βi′ γi′ = 1 , per ogni i,
risulta

t
αj βj γj = −1,
j=1

come volevamo dimostrare.

PROPOSIZIONE 4.5.2. Siano Ω un'ovale di P G(2, q) con q dispari, P0 , P1 , P2 tre punti di Ω e


ℓ0 , ℓ1 , ℓ2 rispettivamente le tangenti ad Ω nei tre punti assegnati. Allora, posto

T0 = ℓ1 ∩ ℓ2 , T1 = ℓ2 ∩ ℓ0 , T2 = ℓ0 ∩ ℓ1 ,

le rette P0 T0 , P1 T1 , P2 T2 formano fascio.


DIMOSTRAZIONE. Non è restrittivo supporre che P 0 , P1 , P 2 siano rispettivamente uguali

ai punti fondamentali del riferimento E0 , E1 , E2 . In queste ipotesi, dette α, β, γ le coordinate

rispettivamente di ℓ0 , ℓ1 , ℓ2 , abbiamo

T0 = (γ, 1, βγ), T1 = (γα, α, 1), T2 = (1, αβ, β)


pagina n.88 429963_LAVORATO.pdf

86 4.5 OVALI IN P G(2, q), q DISPARI

e le rette E0 T0 , E1 T1 , E2 T2 hanno rispettivamente equazione

x2 − βγx1 = 0, x0 − γαx2 = 0, x1 − αβx0 = 0.

Allora l'asserto segue dalle (4.19) e (4.21).

PROPOSIZIONE 4.5.3. (Teorema di B.Segre, [83]) Ogni ovale Ω di P G(2, q), con q dispari, è
una conica.
DIMOSTRAZIONE. Mantenendo le notazioni usate per la precedente proposizione, possia-

mo supporre che il punto unitario E del riferimento ℜ coincida con il punto di intersezione delle
rette E0 T0 , E1 T1 , E2 T2 . Così, ricordando che αβγ = −1 per la (4.21), abbiamo α = β = γ = −1 e
le rette ℓ0 , ℓ1 , ℓ2 hanno tutte coordinata uguale a −1, cioè hanno rispettivamente equazione

x1 + x2 = 0, x2 + x0 = 0, x0 + x1 = 0.

Inoltre, le rette E 0 T0 , E 1 T1 , E 2 T2 hanno rispettivamente equazione

x1 − x2 = 0, x2 − x0 = 0, x0 − x1 = 0

e risulta

T0 = (−1, 1, 1), T1 = (1, −1, 1), T2 = (1, 1, −1) .


Sia ora M = (m0 , m1 , m2 ) un punto di Ω diverso da E 0 , E1 , E2 e sia

µ0 x0 + µ1 x1 + µ2 x2 = 0

l'equazione dell'unica retta ℓ tangente ad Ω in M; osserviamo che ogni µi è diverso da zero perchè

nessuno dei punti Ei appartiene ad ℓ. In forza della 4.5.2 relativamente al triangolo M E1 E2 ,


abbiamo che le rette congiungenti i punti M, E1 , E2 rispettivamente con i punti T0 = ℓ1 ∩ ℓ2 ,
A2 = ℓ2 ∩ ℓ, A1 = ℓ ∩ ℓ1 sono concorrenti in un punto W.
I punti A1 , A2 hanno coordinate

A1 = (−µ1 , µ0 − µ2 , µ1 ) , A2 = (−µ2 , µ2 , µ0 − µ1 ),

le rette E1 A2 , E2 A1 hanno rispettivamente equazione

(µ0 − µ1 )x0 + µ2 x2 = 0 , (µ0 − µ2 )x0 + µ1 x1 = 0


pagina n.89 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 87

e quindi W ha coordinate

W = (µ1 µ2 , (µ2 − µ0 )µ2 , µ1 (µ1 − µ0 )).

Allora, essendo W allineato con M e T0 , abbiamo


 
µ1 µ2 (µ2 − µ0 )µ2 µ1 (µ1 − µ0 )
 
 
det 
 m0 m1 m2  = 0,

 
−1 1 1

cioè

(µ0 − µ1 − µ2 )[µ1 (m0 + m1 ) − µ2 (m0 + m2 )] = 0.


Osserviamo che è µ0 − µ1 − µ2 ̸= 0, altrimenti il punto T0 = (−1, 1, 1) apparterrebbe ad ℓ e per

esso passerebbero tre tangenti ad Ω, contro la 4.4.11. Deve dunque essere

µ1 (m0 + m1 ) = µ2 (m0 + m2 )

e, ragionando allo stesso modo con riferimento ai triangoli M, E0 , E2 e M, E0 , E1 ,

µ2 (m1 + m2 ) = µ0 (m1 + m0 ), µ0 (m0 + m2 ) = µ1 (m1 + m2 ).

Ora, posto
µ2
δ= ,
m0 + m1
abbiamo

µ0 = δ(m1 + m2 ) , µ1 = δ(m2 + m0 ) , µ2 = δ(m0 + m1 )


e, sostituendo tali valori nella relazione

µ0 m0 + µ1 m1 + µ2 m2 = 0,

che esprime l'appartenenza del punto M alla retta ℓ, otteniamo

m0 (m1 + m2 ) + m1 (m2 + m0 ) + m2 (m0 + m1 ) = 0,


pagina n.90 429963_LAVORATO.pdf

88 4.6 IPEROVALI IN P G(2, q) ED O−POLINOMI, q PARI

cioè

2(m1 m2 + m2 m0 + m0 m1 ) = 0.
Dividendo per 2 l'ultima uguaglianza, cosa possibile perchè q è dispari, otteniamo

m1 m2 + m2 m0 + m0 m1 = 0

e da ciò segue subito che Ω coincide con la conica di equazione

x1 x2 + x2 x0 + x0 x1 = 0,

come volevamo dimostrare.

OSSERVAZIONE 4.5.4. Che, nel caso q dispari, ogni ovale di P G(2, q) fosse una conica fu conget-
turato nel 1949 dagli astronomi nlandesi G.Järnefelt
P.Kustaanheimo in [60]. Molti geometri
e

dell'epoca ritennero la congettura azzardata, tant'è che Marshall Hall Jr, nella sua recensione

dell'articolo per il Mathematical Review (14,1008d), scrisse: The reviewer nds the conjecture

implausible. Fu questo, forse, il motivo per cui Beniamino Segre prese a studiare il problema,
provando la veridicità della congettura di Jarnefelt-Kustaanheimo. Quando lo stesso Marshall Hall

Jr recensì il risultato di Segre [84], ancora per il Mathematical Review (17,72g), scrisse: The fact
that this conjecture seemed implausible to the reviewer seems to have been at least a partial in-
centive to the author to undertake this work. It would be very gratifying if further expressions of
doubt were as fruitful.

4.6 Iperovali in P G(2, q) ed o−polinomi, q pari


Il teorema di Segre (prop.4.5.3) non vale nel caso cheq sia pari. In tale ipotesi, infatti, possiamo
considerare un'iperovaleΩ = Γ ∪ {C}, ove Γ è una conica non degenere e C il suo nucleo. Allora,
detto M un punto di Γ, l'insieme Ω \ {M } è un'ovale avente q punti in comune con Γ e quindi non

può essere una conica non appena è q > 5; infatti, due coniche distinte e non degeneri hanno al

più quattro punti in comune.

Quando q è pari, le iperovali che si ottengono aggregando ad una conica non degenere il

proprio nucleo si dicono regolari. Il primo esempio di iperovale non regolare fu trovato in P G(2, 16)
nel 1958 da L.Lunelli e M.Sce [65] mediante l'uso di un calcolatore.
ESERCIZIO 4.6.1. Provare che tutte le iperovali di P G(2, 2) sono regolari.
Nel caso q pari, le iperovali di P G(2, q) si caratterizzano mediante opportuni polinomi di

permutazione, cioè polinomi f ∈ Fq [x] le cui funzioni polinomiali sono permutazioni di Fq .


PROPOSIZIONE 4.6.2. (Teorema di B.Segre,[85][89]) Siano q > 2 pari e f ∈ Fq [x] un polinomio
vericante le seguenti proprietà:
(i) f è di permutazione, ridotto e f (0) = 0, f (1) = 1;
(ii) per ogni α ∈ Fq , gα (x) = [f (x + α) + f (α)]/x è un polinomio 1
di permutazione con gα (0) = 0.
Allora l'insieme
Ω(f ) = {(f (t), t, 1) : t ∈ Fq } ∪ {(1, 0, 0), (0, 1, 0)} (4.22)

1 Poichè Fha caratteristica pari, per ogni a ∈ Fq , il polinomio f (x + a) + f (a) ha termine noto 2f (a) = 0. Da
q
ciò segue che ga (x) = f (x+a)+f
x
(a)
è ancora un polinomio di Fq [x].
pagina n.91 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 89

è un'iperovale di P G(2, q). Viceversa, se Ω è un'iperovale di P G(2, q), esistono un riferimento di


P G(2, q) e un polinomio f ∈ Fq [x] con le proprieta (i),(ii) tali che Ω = Ω(f ).

DIMOSTRAZIONE. Sia Ω un'iperovale di P G(2, q), scegliamo un riferimento ℜ in modo

che i punti fondamentali E0 , E1 , E2 e il punto unitario E appartengano ad Ω e sia

Ω = A ∪ {Eo , E1 } ,

avendo posto

A = {Pj = (cj , dj , 1) : j = 1, 2, . . . , q} .
La retta per E1 e un punto Pj ha equazione x0 = cj x2 e non contiene ulteriori punti dell'iperovale.
Ne segue che, al variare di Pj in A, si ottengono q rette distinte per E1 e i relativi cj sono a due a
due distinti, cioè

Fq = {c1 , c2 , . . . , cq }.
Analogo discorso vale per le rette passanti per E0 e Pj e, avendo ciascuna di queste equazione

x1 = dj x2 , risulta anche

Fq = {d1 , d2 , . . . , dq } .
Ne segue che l'applicazione

φ : dj ∈ Fq → cj ∈ Fq
è una permutazione di Fq e l'unico polinomio ridotto

∑ [ ]
f (x) = φ(c) 1 − (x − c)q−1
c∈Fq

avente φ come funzione polinomiale è di permutazione e risulta

Ω(f ) = {(f (c), c, 1) : c ∈ Fq } ∪ {(1, 0, 0), (0, 1, 0)} .

Il puntoE appartiene ad A e le rette E1 E ed E0 E hanno rispettivamente equazione x0 + x2 = 0


ex1 + x2 = 0, dunque è f (1) = 1. Analogamente, poichè E2 appartiene ad A e le rette E1 E2 ed
E0 E2 hanno rispettivamente equazione x0 = 0 e x1 = 0, si ha f (0) = 0.
Consideriamo, ora, i punti (f (a), a, 1), (f (b), b, 1) e (f (c), c, 1) di Ω, ove a, b, c sono elementi

distinti di Fq . Tali punti non sono allineati e, quindi, il determinante

 
f (a) a 1
det  f (b) b 1 = f (c)(a + b) + c(f (b) + f (a)) + bf (a) + af (b)
f (c) c 1

è diverso da zero e, sommando ad esso 2af (a) = 0, assume la forma

(a + b)(f (c) + f (a)) + (c + a)(f (a) + f (b)).

Risulta, dunque,

f (a) + f (c) f (a) + f (b)


̸=
a+c a+b
e, di conseguenza,
{ }
f (a) + f (t)
Fq∗ = : t ∈ Fq \ {a} ,
a+t
pagina n.92 429963_LAVORATO.pdf

90 4.6 IPEROVALI IN P G(2, q) ED O−POLINOMI, q PARI

per ogni ssato a ∈ Fq . Allora, posto t = x + a, si ottiene

{ }
f (x + a) + f (a)
Fq∗ = : x ∈ Fq \ {a}
x

e da ciò segue che l'applicazione polinomiale associata al polinomio ridotto

f (x + a) + f (a)
ga (x) = ,
x
ristretta a Fq∗ , è una permutazione di Fq∗ e, quindi,

Fq∗ = {ga (c) : c ∈ Fq∗ } .

A questo punto osserviamo che i polinomi ridotti ga (x) e

∑ [ ]
G(x) = ga (c) 1 − (x − c)q−1 ,
c∈Fq

avendo la stessa funzione polinomiale, coincidono e, in particolare, hanno lo stesso grado. Tale

grado, per come è stato denito ga (x), risulta minore di q−1 e, di conseguenza, è nullo il coeciente
q−1
di x in G(x), cioè

ga (c) = 0.
c∈Fq

Ne segue che
∑ ∑
0= ga (c) = ga (0) + ga (c) = ga (0) + 0
c∈Fq c∈Fq∗

e così abbiamo che ga (0) = 0 e che ga (x) è un polinomio di permutazione, il che prova la prima

parte dell'asserto. La seconda parte si prova in maniera del tutto analoga.

I polinomi che vericano le condizioni (i), (ii) del precedente teorema vengono chiamati

o−polinomi. La classicazione delle iperovali di P G(2, q) è dunque ricondotta alla ricerca degli
o−polinomi e questo problema è estremamente dicile e tuttora aperto. Per una interessante
panoramica sull'argomento si consiglia [36]. La proposizione che segue mette in luce una proprietà

importante, e semplice da provare, degli o−polinomi.

P

ROPOSIZIONE 4.6.3. I coecienti dei termini di grado dispari di un o−polinomio f (x) =
q−1
sono nulli, cioè b2h+1 = 0, per ogni h. In particolare si ha che il grado di un o−polinomio
i=1 bi x
i

è minore di q − 1.
DIMOSTRAZIONE. Se a ∈ Fq , risulta

(q−1 )
1
∑ ∑
q−1
ga (x) = x bi (x + a)i + bi ai
i=1 i=1
[ ( ) ]

q−1 i ( )
∑ ∑
q−1
1 i j i−j i
= x bi j x a + bi a
i=1 j=0 i=1

( ) ( )

q−1 i ( )
∑ ∑
q−1 i ( )

1 i j i−j i j−1 i−j
= x bi j x a = bi j x a
i=1 j=1 i=1 j=1
pagina n.93 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 91

da cui ricaviamo

q−1 ( )
∑ ∑
q−1 ∑
(q−2)/2
i
0 = ga (0) = bi ai−1 = ibi ai−1 = b2h+1 a2h .
i=1
1 i=1 h=0

L'uguaglianza trovata mostra che il polinomio ridotto


(q−2)/2
h(x) = b2h+1 x2h
h=0

si annulla su tutti gli elementi del campo Fq e, quindi, è nullo. Così tutti i coecienti di h(x) sono
nulli, cioè l'asserto.

ESERCIZIO 4.6.4. Provare che tutte le iperovali di P G(2, 4) sono regolari.


Un'iperovale associata ad un o−polinomio del tipo xk , con 1 < k < q, si dice monomiale e,
in forza della prop.4.6.3, l'intero k deve necessariamente essere pari.

PROPOSIZIONE 4.6.5. Sia q pari e maggiore di 2. Il polinomio f (x) = xk , con k pari e 1 < k < q
è un o−polinomio se, e solo se, valgono le seguenti condizioni:
(j) M CD(k, q − 1) = M CD(k − 1, q − 1) = 1;
(jj) il polinomio g1 (x) = [(x + 1)k + 1]/x è di permutazione su Fq .
DIMOSTRAZIONE. In forza della prop.3.1.1 la (j) è equivalente al fatto che f (x) e g0 (x)
sono polinomi di permutazione; inoltre, per ogni a ∈ Fq∗ risulta

1[ ] 1 [ ]
ga (x) = (x + a)k + ak = ak−1 −1 (a−1 x + 1)k + 1 = ak−1 g1 (a−1 x) .
x a x
La precedente uguaglianza mostra che ga (x) è di permutazione su Fq se, e solo se, anche g1 (x) lo

è e che ga (0) = 0 se, e solo se, g1 (0) = 0. D'altra parte, essendo k pari, risulta
k ( ) k ( ) k ( )
1[ ] ∑ k j−1 ∑ k j−1 ∑ k j−1
g1 (x) = (x + 1)k + 1 = x =k+ x = x
x j=1
j j=2
j j=2
j

e, quindi, g1 (0) = 0. A questo punto l'asserto segue subito dalla prop.4.6.2.

PROPOSIZIONE 4.6.6. Posto q = 2r , r > 1, il polinomio x2 ∈ Fq , 1 < n < r, è un o−polinomio


n

se, e solo se, M CD(n, r) = 1.


DIMOSTRAZIONE. Per ogni a ∈ Fq , risulta

1
[(x + a)2 + a2 ] = x2 −1 ,
n n n
ga (x) =
x
n
quindi, dalle prop.4.6.2 e 3.1.1 si ha subito che x2 è un o−polinomio se, e solo se,

M CD(2 , 2 − 1) = 1
n r
e M CD(2 − 1, 2 − 1) = 1 .
n r

La prima delle precedenti uguaglianze è vera, la seconda, essendo M CD(2n −1, 2r −1) = 2M CD(n,r) −
1, equivale al fatto che M CD(n, r) = 1, da cui l'asserto.
pagina n.94 429963_LAVORATO.pdf

92 4.6 IPEROVALI IN P G(2, q) ED O−POLINOMI, q PARI

Le iperovali corrispondenti agli o−polinmi di cui alla precedente proposizione prendono il nome

di iperovali di traslazione. Al momento, oltre ad alcuni esempi sporadici, sono note sette classi

innite di iperovali in P G(2, 2r ); riportiamo di seguito gli o−polinomi f (x) che le individuano:

• Iperovali regolari: f (x) = x ; 2

• Iperovali di traslazione: f (x) = x2 , n > 1


n
con M CD(n, r) = 1;
• Iperovali di B.Segre: f (x) = x , 6
nel caso r dispari;

• Iperovali di Glynn I: f (x) = x3σ+4 , nel caso r dispari e σ = 2(r+1)/2 ;


• Iperovali di Glynn II: f (x) = x σ+λ
, nel caso r dispari, σ = 2(h+1)/2 , λ = 2m se r = 4m − 1
e λ = 23m+1 se r = 4m + 1;
• Iperovali di Payne: f (x) = x1/6 + x3/6 + x5/6 , nel caso r dispari;

d2 (x4 +x))+d2 (1+d+d2 )(x3 +x2 )


• Iperovali di Subiaco: f (x) = (x2 +dx+1)2 + x1/2 , con

Tr ( 1/d) = 1 e d2 + d + 1 ̸= 0.
pagina n.95 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 93

4.7 Ovoidi in P G(3, q)


Sia P G(3, q) lo spazio proiettivo tridimensionale sul campo di Galois GF (q).
DEFINIZIONE 4.7.1. Un insieme di k punti di P G(3, q) prende il nome di calotta di ordine k, o
k−calotta, se i suoi punti sono a tre a tre non allineati. Una k−calotta si dice completa se non è
contenuta in una (k + 1)−calotta; nel caso contrario si dice incompleta.
Poichè le rette per un punto di P G(3, q) sono in numero di q 2 + q + 1, si ha subito che per

ogni k−calotta risulta

k ≤ q + q + 2.
2
(4.23)

ESEMPIO 4.7.2. Ricordiamo che una quadrica non degenere Q di P G(3, q) è l'insieme dei punti
di P G(3, q) che sono zeri di una forma quadratica non degenere in quattro variabili. Se f (x, y, z, t)
è la forma quadratica in questione, l'equazione f (x, y, z, t) = 0 si chiama equazione di Q. È ben
noto che una retta con più di due punti su Q è contenuta in Q; le rette che contengono un unico

punto di Q e quelle contenute in Q si dicono tangenti a Q. Le rette tangenti a Q in un suo punto

P costituiscono un fascio di un piano πP , che si chiama piano tangente a Q nel punto P ; tutte
le altre rette per P (rette secanti) intersecano Q in esattamente due punti. Il piano tangente πP

interseca Q o nel solo punto P , o in due rette distinte; nel primo caso il punto P si dice ellittico e

nel secondo iperbolico. Si prova che se Q ha un punto ellittico (risp. iperbolico) tutti gli altri punti

di Q sono ellittici (risp. iperbolici) e la quadrica non contiene (risp. contiene) rette. La quadrica

Q si dice ellittica o iperbolica a seconda che i suoi punti siano ellittici o iperbolici. Come per le
coniche, dal Corollario 3.6.11 segue che una quadrica ellittica Q contiene esattamente q + 1 punti:
2

ognuna delle q rette secanti Q in un suo punto P contiene esattamente un punto di Q diverso da
2

P. Possiamo così concludere che l'insieme dei q 2 + 1 punti di una quadrica ellittica di P G(3, q) è
una (q 2 + 1)−calotta.
ESEMPIO 4.7.3. L'insieme dei punti di P G(3, 2) non appartenenti ad un piano ssato è una

8−calotta massimale. Da notare che, in questo caso, l'ordine della calotta è il massimo consentito

dalla (4.23).

Sia K una k−calotta di P G(3, q). Una retta ℓ di P G(3, q)


0, 1, o 2 punti;
interseca K in in

corrispondenza di queste tre possibilita, ℓ si dira esterna, tangente o secante


K. Un piano π a di

P G(3, q) interseca K in 0, 1, o s > 1 punti; in quest'ultimo caso gli s punti formano un s−arco di

π. In corrispondenza dei tre casi descritti il piano π si dira esterno, tangente o secante K.
PROPOSIZIONE 4.7.4. Siano q dispari e K una k−calotta di P G(3, q). Allora risulta
k ≤ q 2 + 1.
Nel caso k = q + 1, ogni piano secante K interseca K in un (q + 1)−arco e ogni punto P ∈ K
2

appartiene ad un unico piano tangente K, il quale risulta l'unione delle q + 1 rette per P tangenti
a K.
DIMOSTRAZIONE. Detti ℓ una retta secante K e πj , j = 1, 2, ..., q + 1, i piani per ℓ,
denotiamo con nj il numero dei punti di πj ∩ K non appartenenti ad ℓ. Poiché πj ∩ K è un
(nj + 2)-arco di πj , risulta

nj ≤ q − 1
e, tenendo presente che gli insiemi πj \ ℓ formano una partizione di P G(3, q) \ ℓ,

q+1
k−2= nj ≤ (q + 1)(q − 1) = q 2 − 1, (4.24)

j=1
pagina n.96 429963_LAVORATO.pdf

94 4.7 OVOIDI IN P G(3, q)

cioè k ≤ q 2 + 1.
Se k = q2 + 1 e π è un piano con due punti distinti A, B su K, diciamo ℓ la retta per A e B.
Allora, ragionando come nella prima parte della dimostrazione, dalla 4.24 otteniamo nj = q − 1,
per ogni j = 1, 2, ..., q + 1, e cioè

|K ∩ π| = q + 1.
Ora, sempre nell'ipotesi k = q + 1, se π è un piano contenente due rette ℓ, m tangenti a K in un
2

punto P, esso deve essere tangente a K; altrimenti K ∩ π sarebbe un (q + 1) − arco di π con le rette
ℓ, m entrambi tangenti in P e cio è assurdo. L'asserto è così completamente provato.

PROPOSIZIONE 4.7.5. Sia q pari. Allora una k−calotta K di P G(3, q) è priva di rette tangenti
se, e soltanto se, q = 2, k = 8 e K è il complementare di un piano (cfr.4.7.3).
DIMOSTRAZIONE. Supponiamo K priva di rette tangenti. Allora K contiene esattamente

q2 + q + 2 punti e il numero delle rette secanti K è

( 2 )
q +q+2 1
= (q 2 + q + 2)(q 2 + q + 1).
2 2

Poichè tale numero è minore di quello delle rette di P G(3, q), abbiamo che esiste una retta ℓ esterna
a K e ogni piano π per ℓ o è esterno a K o interseca la nostra calotta in un (q + 2)−arco; infatti,
se un punto P appartiene a π ∩ K, ogni retta di π per P interseca K in esattamente due punti. Ne
segue che k = q 2 + q + 2 è un multiplo di q + 2, cioè e del tipo

k = q 2 + q + 2 = (q − 2)(q + 2) + 4 + (q + 2) = h(q + 2),

con h intero positivo, e


4
(q − 2) + + 1 = h.
q+2
4
Allora
q+2 è un intero e, di conseguenza, è q=2 e k = 8.
A questo punto osserviamo che P G(3, 2) \ K è un insieme di sette punti contenente la retta

congiungente due suoi punti distinti arbitrari e, quindi, è un piano (cfr.1.6.7). L'asserto è così

completamente provato.

PROPOSIZIONE 4.7.6. Siano q pari e K una k−calotta di P G(3, q) con k ≥ q2 + 1. Allora ogni
retta tangente a K è contenuta in almeno un piano che interseca K in un (q + 1)−arco.
DIMOSTRAZIONE. Sia ℓ una retta tangente a K in un suo punto P e osserviamo che ogni
piano per ℓ interseca K in al più q + 1 punti. Se nessuno di tali piani incontrasse K in q + 1 punti,
avremmo

q 2 ≤ k − 1 ≤ (q − 1)(q + 1) = q 2 − 1,
il che è assurdo.

PROPOSIZIONE 4.7.7. Siano q > 2 pari e K una k−calotta di P G(3, q). Allora risulta
k ≤ q 2 + 1.

Nel caso k = q 2 + 1, ogni piano secante K interseca K in un (q + 1)−arco e ogni punto P ∈ K


appartiene ad un unico piano tangente K, il quale risulta l'unione delle q + 1 rette per P tangenti
a K.
pagina n.97 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 95

Figura 4.1:

DIMOSTRAZIONE. Supponiamo che K sia massimale e (cfr.(4.23) e prop.4.7.5)

q 2 + 1 ≤ k < q 2 + q + 2.

Scelto un punto P ∈ K (Figura 4.23), siano ℓ una retta tangente a K in P e π un piano per ℓ che
intersechi K (q + 1)−arco Ω (cfr.prop.4.7.6). Detto N il nucleo di Ω, osserviamo che esiste
in un

almeno una retta m per N secante K, altrimenti K ∪ {N } sarebbe una (k + 1)−calotta, contro

la massimalita di K. Ora, la retta m non è contenuta in π e ogni piano per m contiene una retta

tangente ad Ω e quindi a K. Ne segue che ognuno di tali piani interseca K in al più q + 1 punti e

quindi è

q 2 − 1 ≤ k − 2 ≤ (q − 1)(q + 1) = q 2 − 1, (4.25)

2 2
da cui ricaviamo k = q + 1. Ne segue che ogni calotta di P G(3, q) contiene al più q +1 punti.

Se k = q 2 + 1, ogni punto di K q + 1 rette tangenti. Inoltre dalla


appartiene ad esattamente

4.25 ricaviamo che ogni piano α per m interseca K in un (q + 1)−arco Ωα e l'unica retta per N

tangente ad Ωα è contenuta in π. Ne segue che N appartiene ad esattamente q + 1 rette tangenti

K e queste sono le rette per N contenute in π.


Osserviamo esplicitamente che la (4.25) è stata provata nella sola ipotesi che m sia una retta
per N secante K e quindi, ragionando in modo analogo, si ha che ogni piano contenente una retta

per N secante K interseca K in un (q + 1)−arco.


Sia ora ℓ′ K ′
in P diversa da ℓ e sia β il piano di ℓ e ℓ (Figura 4.2).
una retta tangente a

Tale piano non può contenere un punto T ∈ K diverso da P, altrimenti la retta N T, non essendo

contenuta in π, sarebbe secante K e K ∩ β sarebbe un (q + 1)−arco di β per P con ℓ e ℓ tangenti

distinte in P, un assurdo. Ne segue che le q + 1 rette tangenti a K in P appartengono tutte al piano

β. Per completare la dimostrazione, rimanendo nell'ipotesi k = q 2 + 1, consideriamo un piano τ


contenente due punti distinti A, B di K e osserviamo che, poiché le q + 1 rette tangenti a K in A

giacciono sullo stesso piano, ogni piano per la retta AB deve contenere esattamente q + 1 punti di

K.

Mettendo insieme i risultati delle Proposizioni 4.7.4 e 4.7.7, abbiamo il seguente teorema.

PROPOSIZIONE 4.7.8. Se è q > 2 e K una k−calotta di P G(3, q), allora risulta


k ≤ q 2 + 1.
pagina n.98 429963_LAVORATO.pdf

96 4.7 OVOIDI IN P G(3, q)

Figura 4.2:

Nel caso k = q 2 + 1, ogni piano secante K interseca K in un (q + 1)−arco e ogni punto P ∈ K


appartiene ad un unico piano tangente K, il quale risulta l'unione delle q + 1 rette per P tangenti
a K.
DEFINIZIONE 4.7.9. Una (q 2 + 1)−calotta di P G(3, q), q > 2, prende il nome di ovoide, o

ovaloide.
PROPOSIZIONE 4.7.10. Sia K un ovoide di P G(3, q). Allora in P G(3, q) non esistono piani esterni
a K.
DIMOSTRAZIONE. Detto ν il numero dei piani π secanti K in q + 1 punti, facciamo il
doppio conteggio delle possibili coppie (π, {A, B, C}), ove {A, B, C} è un insieme di tre punti scelti
in π ∩ K. Abbiamo così ( ) ( 2 )
q+1 q +1
ν = ,
3 3
da cui ricaviamo

ν = q 3 + q.
L'asserto segue, allora, tenendo presente che dei q3 + q2 + q + 1 piani di P G(3, q) ve ne sono

esattamente q2 + 1 tangenti a K.

Nel caso q dispari, usando il teorema di Segre 4.5.3, è possibile ottenere la seguente classi-

cazione degli ovoidi, trovata indipendentemente da A.Barlotti [4] e G.Panella [73].


RISULTATO 4.7.11. Se q è dispari, ogni ovoide di P G(3, q) è una quadrica ellittica.
ESERCIZIO 4.7.12. Provare che, se q è dispari, ogni ovoide K di P G(3, q) individua una polarita
πΩ di P G(3, q) i cui punti assoluti sono esattamente quelli di Ω.
OSSERVAZIONE 4.7.13. Nel caso q pari la prop.4.7.11 è falsa. Il primo esempio di ovoide diverso

da una quadrica ellittica fu trovato in P G(3, 8) da B.Segre nel 1959 [86]. Nel 1962 J.Tits ha trovato
un esempio per ogni q potenza dispari di 2 [104]. Nel caso q = 8 l'esempio di Tits coincide con
quello di Segre [45].

Fissato un ovoide K di P G(3, q), sempre nell'ipotesi q pari, possiamo considerare la funzione
biunivoca ψ che ad ogni piano π di P G(3, q) associa il punto Pπ di P G(3, q) denito da

 P, se |π ∩ K| = 1
Pπ = .

nucleo di π ∩ K, se |π ∩ K| = q + 1
pagina n.99 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 97

La funzione φ inversa della ψ è una polarita di P G(3, q) che, risultando P ∈ φ(P ), per ogni
P ∈ P G(3, q), è nulla. Ne segue che, pur potendo associare a K la polarita φ, questa non individua
univocamente l'ovoide K, a dierenza di quanto accade nel caso q dispari (cfr. Eserc.4.7.12).

ESERCIZIO 4.7.14. Siano K un ovoide di P G(3, q) e P un punto su K. Siano P l'insieme dei


punti di K diversi da P e L l'insieme dei (q + 1)−archi per P contenuti in K e privati del punto P.
Provare che (P, L) è un piano ane d'ordine q isomorfo ad AG(2, q).

4.8 (k, d)−calotte in P G(n, q)


Questo paragrafo è dedicato alla generalizzazione dei concetti esposti nei due precedenti.

DEFINIZIONE 4.8.1. Un insieme K di k punti di P G(n, q), n > 1, si chiama (k, d)−calotta, o

calotta di specie d, di P G(n, q) se verica le seguenti proprieta:


(i) K P G(n, q),
è un generatore di

(ii) K sono a d + 1 a d + 1 indipendenti,


i punti di

(iii) K contiene d + 2 punti dipendenti.

Le (k, n)−calotte di P G(n, q) prendono più propriamente il nome di archi, o k−archi, ed è


chiaro che sono una generalizzazione degli archi piani. Le (k, n − 1)−calotte generalizzano invece

le calotte di P G(3, q).

DEFINIZIONE 4.8.2. Una (k, d)−calotta K si dice completa se non è contenuta in una (k +
1, d)−calotta e il massimo numero di punti di una calotta di specie d si denota con Md (n, q).

Uno dei problemi fondamentali nello studio delle (k, d)−calotte di P G(n, q) è quello di

valutare l'intero Md (n, q). Esso fu esplicitamente introdotto per la prima volta da R.C.Bose e

J.N.Srivastava [20] in relazione a certe questioni di statistica studiate da R.A.Fisher ([46], [47]);

successivamente lo stesso Bose ([17], [18], [20]) intuì le sue possibili applicazioni e connessioni con
le teorie dei disegni di esperimenti e dei codici e gli diede il nome di packing problem.

Il calcolo di Md (n, q) è ancora oggi uno dei più studiati e dicili problemi combinatori della
geometria su campi di Galois; al momento si conoscono risultati denitivi solo per valori particolari

di d, n e q. Nel caso più semplice, d = 1, si richiede soltanto di trovare il massimo numero di punti

di P G(n, q) a due a due distinti e quindi è

M1 (n, q) = |P G(n, q)| = q n + q n−1 + · · · + q + 1.

Nel caso d = 2, q = 2, si può provare che i punti non appartenenti ad un ssato iperpiano di

P G(n, q) formano una calotta di specie 2 col massimo numero possibile di punti ([17], [87]), così è

M2 (n, 2) = 2n .

Il caso d = 2, q > 2 è stato trattato nei paragra precedenti per le dimensioni n = 2, 3 e non sono

noti altri risultati in dimensioni superiori se non per (n, q) = (4, 3), (5, 3); più precisamente si ha

G.Pellegrino [76], R.Hill [53])


(

M2 (4, 3) = 20 , M2 (5, 3) = 56.


pagina n.100 429963_LAVORATO.pdf

98 4.8 (k, d)−CALOTTE IN P G(2, q)

Per comodità del Lettore riportiamo la tabella dei valori di Md (n, q) nora trovati.

n q d Md (n, q)
q n+1 −1
>1 1 q−1
n
>1 2 2 2
2 pari 2 q+2
2 dispari 2 q+1
3 >2 2 q2 + 1
4 3 2 20
5 3 2 56

Passiamo ora allo studio di Mn (n, q), cioè del massimo numero di punti che può contenere

un arco di P G(n, q). Osserviamo che i punti fondamentali di un riferimento di P G(n, q) formano

un arco, quindi è

Mn (n, q) ≥ n + 2.
Proveremo in seguito che tale disuguaglianza è in eetti una uguaglianza nel caso n ≥ q−1. Quando
è 2 < n < q − 1, risulta

Mn (n, q) ≥ q + 1,
come mostra il seguente esempio.

ESEMPIO 4.8.3. Un insieme X di q + 1 punti di P G(n, q) si chiama curva razionale normale se

esiste un riferimento ℜ = (E0 , E1 , ..., En , E) nel quale risulta


{ }
X = (1, t, t2 , ..., tn ) : t ∈ GF (q) ∪ {En }.

Si verica che i punti di ogni curva razionale normale X di P G(n, q) sono a n+1 a n+1 indipendenti
e quindi X è un arco. Nel caso della dimensione n = 2, tali archi sono esattamente le coniche non
degeneri di P G(2, q).

Quando è 2 < n < q − 1 non si conoscono esempi di k − archi con k > q+1 ad eccezione

del caso n = q − 2 con q pari; in tal caso risulta(J.A.Thas [102])

Mq−2 (q − 2, q) = q + 2.

Concludiamo questo paragrafo riportando una vecchia congettura che, sebbene molto ac-

creditata e studiata, non è stata ancora provata.

CONGETTURA 4.8.4. Siano n > 2 e q > 2. Allora risulta




 n + 2, se n ≥ q − 1;



Mn (n, q) = q + 2, se n = q − 2, q pari;





q + 1, negli altri casi.
pagina n.101 429963_LAVORATO.pdf

Capitolo 5

Blocking set

5.1 Generalità
Siano X un insieme nito non vuoto ed F una famiglia di sottoinsiemi di X.

DEFINIZIONE 5.1.1. Un insieme B di elementi di X prende il nome di blocking set rispetto ad

F, F -blocking set,
o se B non contiene elementi di F e ogni elemento di F ha intersezione non

vuota con B.

Un F -blocking set B si dice minimale se B \ {b} non è un blocking set, per ogni elemento

b ∈ B. In altre parole, B è minimale se, e soltanto se, ogni elemento b ∈ B appartiene ad almeno
un elemento di F che interseca B nel solo punto b. Si dice, invece, che B è di ordine minimo se X
non contiene F -blocking set con un numero di punti minore di quello di B. Si vede subito che ogni

F -blocking set di ordine minimo è anche minimale.

Fissati X e la famiglia F, uno dei problemi fondamentali della teoria dei blocking set è quello
di calcolare il minimo ordine di un F -blocking set e descrivere la struttura degli F -blocking set di
minima cardinalità. Tale problema, e la stessa nozione di blocking set, trovano le loro motivazioni
iniziali in una serie di conferenze tenute a Princeton agli inizi degli anni '50 da L.S. Shapley allo

scopo di generalizzare le teorie di J. von Neumann e O. Morgenstern contenute nel loro famoso libro

del 1947 dal titolo Theory of games and economic behavior [71]. Le idee sviluppate da Shapley

si rivelarono particolarmente utili ed interessanti nel caso in cui la famiglia F era l'insieme di

tutti i sottospazi di ssata dimensione in uno spazio proiettivo su un campo di Galois. Nacque

così l'esigenza di studiare i blocking set rispetto a ssate famiglie di sottospazi negli spazi ani

e proiettivi e il primo articolo sull'argomento, che si deve a M. Richardson [80], risale al 1956.

In questo lavoro viene per la prima volta posto esplicitamente il problema di calcolare la minima

cardinalita di un blocking set rispetto alla famiglia dei sottospazi di una ssata dimensione in

P G(n, q) e, per quanto riguarda i piani, viene provato che 6 è il minimo numero di punti di un
blocking set rispetto alle rette di P G(2, 3). Più di dieci anni dopo queste tematiche vennero riprese
da J. di Paola, che in [74],[75] determinò gli ordini minimi dei blocking set rispetto alle rette nei

piani proiettivi d'ordine 4, 5, 7, 8, 9 e, nei casi 3, 4, 5, 9 descrisse anche la struttura dei blocking set

corrispondenti. Lo studio dei blocking set ha poi assunto l'aspetto di una vera e propria teoria con

i primi lavori e risultati di A.A. Bruen [24],[25].


Per il Lettore interessato a maggiori informazioni sui legami tra la teoria dei giochi e quella

99
pagina n.102 429963_LAVORATO.pdf

100 5.2 BLOCKING SET NEI PIANI PROIETTIVI FINITI

dei blocking set si consiglia l'articolo [6].

DEFINIZIONE 5.1.2. Se X è l'insieme dei punti di un piano ane o proiettivo nito, un blocking

set rispetto alla famiglia di tutte le rette del piano si chiama blocking set.

Nei paragra che seguono esporremo alcuni tra i principali risultati relativi ai blocking set

dei piani ani e proiettivi su un campo di Galois.

ESERCIZIO 5.1.3. Sia αn un piano ane nito d'ordine n. Provare che l'unione X di due rette
distinte e incidenti di αn ha ordine 2n − 1 ed è ad intersezione non vuota con ogni retta.
ESERCIZIO 5.1.4. Sia αn un piano ane nito d'ordine n > 3. Siano ℓ, m due rette distinte e
incidenti di αn e a un punto non appartenente ad ℓ ∪ m. Siano am la proiezione di a su ℓ nella
direzione di m e aℓ la proiezione di a su m nella direzione di ℓ. Detto b un punto della retta am aℓ
diverso da am e aℓ , provare che
B = (ℓ \ {am }) ∪ (m \ {aℓ }) ∪ {a, b}

è un blocking set minimale di αn con 2n − 1 punti.


ESEMPIO 5.1.5. Sia πn un piano proiettivo nito d'ordine n > 2. Provare che l'unione di 3 rette

non formanti fascio meno i tre punti in cui a due a due s'intersecano le rette date è un blocking

set minimale di πn .
ESERCIZIO 5.1.6. Provare che P G(2, 2) è l'unico piano proiettivo nito che non contiene blocking
set.
ESEMPIO 5.1.7. (Sottopiani di Baer) Sia πn n. Se n è un
un piano proiettivo nito d'ordine

quadrato, i sottopiani di Baer di πn n + n + 1 (cfr.4.2.5). In
sono blocking set minimali d'ordine

particolare, P G(2, q) è un blocking set minimale di P G(2, q ) d'ordine q +q+1 (cfr. Prop.4.2.1).
2 2

ESEMPIO 5.1.8. (Unital) Sia πn un piano proiettivo nito d'ordine n.√Se n e un quadrato, gli
archi hermitiani, o unital, di πn sono blocking set minimali d'ordine n n + 1 (cfr. Par.4.3). In

particolare una curva hermitiana H(2, q) di P G(2, q) è un blocking set minimale d'ordine q q+1
( cfr. Prop.4.3.4).

5.2 Blocking set nei piani proiettivi niti


Sia πn un piano proiettivo nito d'ordine n.
PROPOSIZIONE 5.2.1. Se B è un blocking set in πn e ℓ una retta, risulta
|B ∩ ℓ| ≤ |B| − n.

In particolare, se e |B| = n + k, allora ogni retta di πn interseca B in al più k punti.


DIMOSTRAZIONE. Sia P un punto di ℓ non appartenente a B. Poichè ogni retta per P
contiene almeno un punto di B, abbiamo n + |B ∩ ℓ| ≤ |B|, da cui segue l'asserto.
DEFINIZIONE 5.2.2. Sia B un blocking set di πn d'ordine n + k. Una retta ℓ che intersechi B
in k retta di Rédei. Un blocking set per il quale esista almeno una retta di Rédei
punti si chiama

prende il nome di blocking set di Rédei.


pagina n.103 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 101

ESERCIZIO 5.2.3. Provare che ogni retta secante un sottopiano di Baer è di Rédei. Provare,
inoltre, che un arco hermitiano non ammette rette di Rédei.
ESERCIZIO 5.2.4. Sia K un k−arco massimale di πn con k < n + 1. Provare che l' insieme delle
rette secanti K è un blocking set minimale nel piano duale di πn .
ESERCIZIO 5.2.5. Siano ℓ una retta di πn , α = πn \ {ℓ} e X un insieme di n punti non allineati
di α. Si denoti con D(X) l'insieme dei punti di ℓ appartenenti ad almeno una retta secante X e si
supponga D(X) ̸= ℓ. Provare che l'insieme
B(X) = X ∪ D(X)

è un blocking set minimale di πn e che ℓ è una sua retta di Rédei. Il blocking set B(X) si chiama
blocking set di Rédei associato ad X. Provare, inoltre, che ogni blocking set di Rédei minimale di
πn e del tipo precedentemente descritto.
PROPOSIZIONE 5.2.6. (Teorema di A.A.Bruen, [24],[25]) Se B e un blocking set di πn , risulta

|B| ≥ n + n + 1,

l'uguaglianza avendosi se, e soltanto se, n è un quadrato e B un sottopiano di Baer.


DIMOSTRAZIONE. Posto |B| = n + k e detto s il massimo numero di punti comuni a B
e ad una retta, risulta s ≤ k (cfr. Prop.5.2.1). Dunque, le equazioni dei caratteri ( cfr. (4.1)) di B
sono

s
tj = n2 + n + 1,
j=1


s
jtj = (n + k)(n + 1),
j=1


s
j(j − 1)tj = (n + k)(n + k − 1).
j=2

Moltiplicando la prima equazione per −k, la seconda per k, la terza per −1 e sommando, abbiamo


s
(j − 1)(k − j)tj = n(k 2 − 2k − n + 1) (5.1)

j=2

e, essendo il primo membro della (5.1) non negativo, deve essere

k 2 − 2k − n + 1 ≥ 0.

Poiché l'equazione in k
k 2 − 2k − n + 1 = 0
√ √
ha una radice negativa ed una positiva, data da k = n + 1, ne segue che e k≥ n + 1, cioè la

prima parte dell'asserto.



Supponiamo, ora, che n sia un quadrato e |B| = n + n + 1. In queste ipotesi, la (5.1) diventa


s

(j − 1)( n + 1 − j)tj = 0
j=2

e, essendo ts > 0 e

(j − 1)( n + 1 − j)tj ≥ 0
pagina n.104 429963_LAVORATO.pdf

102 5.3 BLOCKING SET IN P G(2, q)

per ogni j = 2, 3, ..., s − 1, deve per forza essere


s= n+1 et2 = t3 = · · · = t√n = 0.

Ne segue che ogni retta di πn interseca B in 1 o n + 1 punti e da ciò si ha facilmente che B e un

sottopiano di Baer ( cfr. Prop.4.2.4).

Di seguito riportiamo una limitazione superiore per il numero di punti di un blocking set

minimale.

PROPOSIZIONE 5.2.7. (Teorema di A.A.Bruen-J.A.Thas, [28]) Se B è un blocking set mini-


male di πn , risulta √
|B| ≤ n n + 1,
l'uguaglianza avendosi se, e soltanto se, n è un quadrato e B un arco hermitiano.
DIMOSTRAZIONE. Siano

|B| = bn + 1,
tj i caratteri di B e

s= (i − b − 1)2 ti .
i≥1

Osserviamo che
∑ ∑ ∑
s= i2 ti + (b + 1)2 ti − 2(b + 1) iti ,
i≥1 i≥1 i≥1

per cui dalle equazioni dei caratteri di B ricaviamo

s = |B|(|B| + n) + (b + 1)2 (n2 + n + 1) − 2(b + 1)|B|(n + 1).


Poiché B è un blocking set minimale, si ha t1 ≥ |B| e quindi s ≥ |B|b2 , cioè

0 ≤ s − |B|b = n(b + 1)(n − b ),


2 2

√ √
da cui si ricava b ≤ n. Inoltre |B| = n n√+ 1 se, e soltanto se, s = |B|b2 e ciò accade se, e

soltanto se, ogni retta interseca B in 1 o 1 + n punti, cioè se, e soltanto se, B è un unital.

5.3 Blocking set in P G(2, q)


Il teorema di Bruen (Proposizione 5.2.6) fornisce la migliore limitazione inferiore per il numero dei
punti di un blocking set in un piano proiettivo nito d'ordine quadrato. Se il piano è coordinabile su

un campo nito e il suo ordine non è un quadrato, la disuguaglianza di Bruen può essere migliorata

ed è appunto di questo problema che ci occuperemo nel presente paragrafo.

Ricordiamo che un polinomio f ∈ Fq [x] si dice completamente riducibile se può scomporsi

nel prodotto di fattori lineari su Fq .


LEMMA 5.3.1. Sia f (x) un polinomio completamente riducibile a coecienti in Fq , q = ph , e del
tipo
f (x) = xq g(x) + h(x),
ove g(x), h(x) ∈ Fq [x]. Sia inoltre k il massimo fra i gradi dis g(x) e h(x) e si supponga k < q. Allora
esiste uns intero positivo s tale che f (x) appartiene a Fq [xp ] se, e solo se, g(x) e h(x) appartengono
a Fq [xp ].
pagina n.105 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 103

DIMOSTRAZIONE.
s
È chiaro che, se g(x), h(x) ∈ Fq [xp ], cioè

ps ps
g(x) = (g1 (x)) e h(x) = (h1 (x)) ,

risulta
( h−s )ps s
f (x) = xp g1 (x) + h1 (x) ∈ Fq [xp ].
s
Mettiamoci dunque nell'ipotesi che f (x) ∈ Fq [xp ] e osserviamo che la derivata

(ps ) q (ps ) s
f (x) = x g (x) + h(p ) (x)

d'ordine ps di f (x) è il polinomio nullo, onde

s s
xq g (p ) (x) = −h(p ) (x).

Dal confronto dei gradi dei polinomi che compaiono nella precedente uguaglianza ricaviamo che i
s s s
polinomi g (p ) (x) e h(p ) (x) sono nulli e, di conseguenza, appartengono a Fq [xp ].
PROPOSIZIONE 5.3.2. (Teorema di A.Blokhuis) Sia f (x) un polinomio completamente riducibile
a coecienti in Fq , q = ph , e del tipo
f (x) = xq g(x) + h(x),

ove g(x), h(x) sono coprimi. Sia inoltre k il massimo fra i gradi di g(x) e h(x). Allora si ha una
delle seguenti possibilita:
(i) k = 0,
(ii) k = 1 e f (x) = a(xq − x), con a ∈ Fq∗ ,
(iii) q = p è primo e k ≥ p+1
2 ,

(iv) q è un quadrato, cioè h = 2e e k ≥ pe ,


(v) q non è un quadrato, cioè h = 2e + 1 e k ≥ pe+1 .
DIMOSTRAZIONE. Se l'intero k è maggiore di q − 1, l'asserto è banalmente vericato;
t
supponiamo quindi k < q. In questa ipotesi, il più grande intero t per cui f (x) ∈ Fq [xp ] è anche il
pt
più grande intero tale che g(x), h(x) ∈ Fq [x ] (cfr.5.3.1) e abbiamo

t
( h−t )pt
f (x) = (f1 (x))p = xp g1 (x) + h1 (x) ,

con
t t
g(x) = (g1 (x))p , h(x) = (h1 (x))p
e i polinomi derivati f1′ (x), g1′ (x), h′1 (x) sono non nulli.

Nel caso t = h, i gradi di g(x) e h(x) devono essere multipli di ph = q e, avendo supposto

k < q, non può che essere k = 0, cioè la (i).


Supponiamo dunque
h
≤t<h
2
e osserviamo che non può essere k < pt . In tale ipotesi, infatti, i polinomi g(x) e h(x) risulterebbero
costanti e avremmo

f (x) = xq a + b = (xa + b)q ,


pagina n.106 429963_LAVORATO.pdf

104 5.3 BLOCKING SET IN P G(2, q)

con a, b ∈ Fq e t = h, il che è escluso. Allora abbiamo k ≥ pt , da cui segue k ≥ pe , nel caso q = p2e
sia potenza pari di p, e k ≥ pe+1 , nel caso q = p2e+1 sia potenza dispari di p; cioè le (iv) e (v).
Supponiamo ora
h
0≤t<
2
e poniamo

F1 (x) = (x − α1 )(x − α2 ) · · · (x − αc ),
ove α1 , α2 , ..., αc sono le radici distinte di f1 (x) in Fq . Il polinomio F1 (x), dividendo xq − x e f1 (x),
divide
t
(f1 (x))p − (xq − x)g(x) = f (x) − (xq − x)g(x) = xg(x) + h(x),
mentre f1 (x)/F1 (x), dividendo f1′ (x) e f1 (x), divide

f1′ (x)g1 (x) − f1 (x)g1′ (x) = h′1 (x)g1 (x) − h1 (x)g1′ (x).

Da queste due relazioni di divisibilità segue che

f1 (x) divide (xg(x) + h(x))(h′1 (x)g1 (x) − h1 (x)g1′ (x)). (5.2)

Nel caso xg(x) + h(x) è il polinomio nullo, essendo g(x) e h(x) coprimi, si ottiene che g(x) = a è

una costante non nulla, h(x) = −ax e

f (x) = a(xq − x),

da cui t = 0, k = 1, cioè la (ii).


Sia allora xg(x) + h(x) non nullo. Poiché h′1 (x)g1 (x) − h1 (x)g1′ (x) è non nullo, essendo g1 (x)
′ ′
e h1 (x) coprimi e g1 (x) e h1 (x) diversi da zero, dalla (5.2) otteniamo

deg(f1 ) ≤ deg(xg + h) + deg(h′1 g1 − h1 g1′ ) (5.3)

e possiamo distinguere i seguenti tre casi:

(1) k = deg(h) > deg(g),

(2) k = deg(g) > deg(h),

(3) k = deg(g) = deg(h).

Nel primo caso, dalla (5.3) abbiamo

q k
+ deg(g1 ) ≤ deg(f1 ) ≤ k + t − 1 + deg(g1 ),
pt p

da cui segue
⌈ h−t ⌉
k p +1
≥ . (5.4)
pt pt + 1

Nel secondo caso, dalla (5.3) abbiamo

( )
q k k
deg(f1 ) = + t ≤k+1+2 − 1 ,
pt p pt
pagina n.107 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 105

da cui segue ancora la (5.4).

Nel terzo caso, osserviamo che i polinomi h′1 (x)g1 (x) e h1 (x)g1′ (x) hanno lo stesso coeciente di
grado 2 pkt − 1 e, di conseguenza, il polinomio h′1 (x)g1 (x) − h1 (x)g1′ (x) ha grado non superiore a
2( pkt − 1). Allora, ragionando come nei casi precedenti, si ottiene di nuovo la (5.4).
Ciò premesso, se q=p è primo, risulta t=0 e dalla 5.4 si ottiene subito

p+1
k≥ ,
2
cioè la (iii).
Se poi q = p2e è un quadrato, la (5.4) assicura che

p2e + pt p2e + pt pt
k≥ t
> e
> pe + e > pe ,
p +1 p p

cioè la (iv).
Se, inne, q = p2e+1 è potenza dispari di p, essendo t< h
2 = e + 12 , risulta t ≤ e. Allora, se

è t = e, dalla (5.4) ricaviamo

⌈ e+1 ⌉ ⌈ ⌉
k p +1 p−1
e
≥ e
= p− e ≥ p,
p p +1 p +1

da cui segue k ≥ pe+1 , cioè la (v). Se invece è t < e, abbiamo

p2e+1 + pt
− pe+1 ≥ 0 ⇔
pt + 1

p2e+1 − pe+1 pe − 1
pt ≤ = pe − 1 + e+1 ⇔
pe+1 − 1 p −1
pt ≤ pe − 1 ⇔ t < e.
Allora, dalla (5.4) ricaviamo

⌈ ⌉
ph−t + 1 p2e+1 + pt
k ≥ pt ≥ ≥ pe+1 ,
pt + 1 pt + 1

cioè ancora la (v). L'asserto è così completamente provato.

PROPOSIZIONE 5.3.3. (Teorema di A.Blokhuis) Siano q > 2 e B un blocking set di P G(2, q).
Allora risulta 

 p + p+3 se q=p


2

|B| ≥ p + pe + 1
2e
se q = p2e , e > 0 .




 2e+1
p + pe+1 + 1 se q = p2e+1 , e > 0
DIMOSTRAZIONE. Senza ledere le generalità del problema, supponiamo che B sia mini-

male, che contenga q + n + 1 punti e assumiamo n < q, altrimenti l'asserto è banale. Allora esiste
almeno un punto P ∈ B per cui passa una retta tangente ℓ∞ a B; supponiamo che sia P = (1, 0, 0)

e ℓ∞ la retta di equazione x2 = 0. In queste ipotesi, l'insieme X = B \ {(1, 0, 0)} può essere


pagina n.108 429963_LAVORATO.pdf

106 5.3 BLOCKING SET IN P G(2, q)

considerato come un insieme di q+n punti del piano ane AG(2, q) = P G(2, q) \ {ℓ∞ }. Poniamo

dunque

X = {Pi = (ai , bi ) : i = 1, 2, ..., q + n},


ove (ai , bi ) sono le coordinate ani di Pi in AG(2, q).
Poichè ogni retta non orizzontale di AG(2, q) (i.e. non parallela all'asse coordinato y = 0)
ha almeno un punto in comune con X, ogni equazione

x + uy + t = 0,

con u, t ∈ Fq , ha qualche soluzione in X, cioè ai + ubi + t = 0 per un opportuno indice i. Ne segue

che il polinomio F (t, u) denito da


q+n
F (t, u) = (ai + ubi + t) (5.5)

i=1

è identicamente nullo su Fq .
Osserviamo esplicitamente che il coeciente in F (t, u) di tq+n è 1, mentre quello di uq+n è


q+n
bi ,
i=1

che è zero se tale è almeno un bi . Ne segue che F (t, u) ha grado q + n, che il grado di F (t, u) nella

variabile t è ancora q + n, mentre quello nella variabile u è al più q + n.


Osserviamo ancora che, in forza della Proposizione 3.3.10, F (t, u) e del tipo

F (t, u) = (tq − t)G(t, u) + (uq − u)H(t, u),

ove G(t, u) e H(t, u) sono polinomi di grado al più n. Il polinomio G(t, u), per quanto osservato

precedentemente, deve avere grado n rispetto alla variabile t.


Consideriamo ora la parte F0 (t, u) di F (t, u) che e omogenea di grado q + n, cioè


q+n
F0 (t, u) = (t + ubi ),
i=1

e notiamo che risulta

F0 (t, u) = tq G0 (t, u) + uq H0 (t, u),


ove G0 (t, u) e H0 (t, u) sono le parti omogenee di grado n rispettivamente di G(t, u) e H(t, u). Per
quanto detto prima, il grado di H0 (t, u) rispetto alla variabile t non può superare quello di G0 (t, u)
rispetto alla stessa variabile.

A questo punto, posto

f (t) = F0 (t, 1), g(t) = G0 (t, 1), h(t) = H0 (t, 1),

abbiamo

q+n
f (t) = tq g(t) + h(t) = (t + bi )
i=1
pagina n.109 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 107

f ∗ (t) = tq g ∗ (t) + h∗ (t),


ove si è posto
f g h
f∗ = , g∗ = , h∗ = .
M CD(g, h) M CD(g, h) M CD(g, h)
Osserviamo esplicitamente che il grado di h∗ (t) non supera quello di g ∗ (t). Se denotiamo con q + k
f ∗ (t), cioè diciamo k il grado di g ∗ (t), ricordando la forma di f (t), abbiamo che esistono
il grado di

q + k punti in X, per esempio (a1 , b1 ), (a2 , b2 ),..., (aq+k , bq+k ), tali che


q+k
f ∗ (t) = tq g ∗ (t) + h∗ (t) = (t + bj ).
j=1

Il polinomio f ∗ (t), il cui grado non supera quello di f (t), verica evidentemente le ipotesi della

Proposizione 5.3.2 e di conseguenza, poiché k è il massimo dei gradi fra g ∗ (t) e h∗ (t), abbiamo una
delle seguenti possibilità:

(1) k = 0,
(2) k = 1 e f ∗ (t) = a(tq − t),
(3) q = p e k≥ p+1
2 ,

(4) q = p2e , e > 0 e k ≥ pe ,


(5) q = p2e+1 , e > 0 e k ≥ pe+1 .

Il primo caso non può vericarsi, altrimenti g∗ e h∗ sarebbero due costanti a, b e avremmo

f ∗ (t) = tq a + b = (at + b)q

e, avendo f∗ coeciente direttore uguale ad 1, dovrebbe essere a=1 e quindi

∗ q
f (t) = (t + b) .

L'ultima uguaglianza signica che nel secondo membro della (5.5) esistono q fattori distinti del

tipo(ai + ub + t) e cioè che ogni punto della retta ane y = b appartiene ad X, così la retta di

P G(2, q) di equazione x1 = bx2 dovrebbe essere tutta contenuta in B, il che non è possibile.

Neanche il secondo caso può essere vericato, altrimenti avremmo g ∗ (t) = a e h∗ (t) = −at,
contro il fatto che il grado di h(t) non supera quello di g(t).
Dai rimanenti tre possibili casi, tenendo presente che è

q + n = |B| − 1 = deg(F ) ≥ deg(f ) ≥ deg(f ∗ ) = q + k,

segue subito l'asserto.

Descriviamo ora alcuni metodi per costruire blocking set minimali.

ESEMPIO 5.3.4. In Fq , con q dispari, denotiamo con Q l'insieme dei suoi quadrati non nulli.

Consideriamo in P G(2, q) l'insieme

B = {(0, 1, −s), (−s, 0, 1), (1, −s, 0) : s ∈ Q} ∪ {(1, 0, 0), (0, 1, 0), (0, 0, 1)}
pagina n.110 429963_LAVORATO.pdf

108 5.3 BLOCKING SET IN P G(2, q)

e osserviamo che, se una retta interseca i lati del triangolo fondamentale nei punti (0, 1, −a),
(−b, 0, 1), (1, −c, 0), allora abc = 1 ∈ Q. Ne segue che almeno uno fra a, b, c è un quadrato in Fq
( cfr. Prop.3.1.4) e quindi B e un blocking set. Dalla Proposizione 3.1.3 si ha subito che

q+3
|B| = q + . (5.6)
2
Il blocking set appena costruito risulta di Rédei e prende il nome di triangolo proiettivo.
ESEMPIO 5.3.5. Siano x0 , x1 , x2 coordinate proiettive di P G(2, q), ℓ∞ la retta di equazione x2 = 0

e AG(2, q) = P G(2, q) \ ℓ∞ . Per ogni funzione

f : Fq → Fq ,

si consideri il graco Xf di f in AG(2, q), si ponga cioè

Xf = {(a, f (a)) : a ∈ Fq }.

Poiche D(Xf ) è in corrispondenza biunivoca con l'insieme dei coecienti angolari delle rette di

AG(2, q) secanti Xf , il suo ordine è pari al numero di elementi dell'insieme


{ }
f (a) − f (b)
: a, b ∈ Fq , a ̸= b .
a−b

Ora, nell'ipotesi D(Xf ) ̸= ℓ∞ , poiché |Xf | = q, si può considerare il blocking set di Rédei

B(Xf ) associato a Xf e risulta

|B(Xf )| = q + |D(Xf )|. (5.7)

Ne segue che i blocking set di Rédei minimali di P G(2, q) aventi ℓ∞ come retta di Rédei e non

contenenti il punto (0, 1, 0) sono tutti del tipo B(Xf ).

PROPOSIZIONE 5.3.6. Sia q = q1m e denotiamo con T = Tq 1 la traccia di Fq su Fq1 , cioè

2
q1m−1
T : a ∈ Fq → a + aq1 + aq1 + · · · a ∈ GF (q1 )(⊂ Fq ).

In AG(2, q) sia X il graco della funzione y = T (x) e sia B(X) il blocking set di Rédei di P G(2, q)
associato a X. Allora risulta
q
|B(X)| = q + + 1. (5.8)
q1
DIMOSTRAZIONE. Ricordiamo che la funzione traccia è lineare su Fq1 e osserviamo che,

in forza dell'Esercizio 5.3.5 e della (5.7), dobbiamo calcolare l'ordine t(q1 ) dell'insieme

{ } { }
T (a) − T (b) T (a − b) T (a)
= : a, b ∈ Fq , a ̸= b = : a ∈ Fq∗ .
a−b a−b a

Osserviamo ancora che, se a, b ̸∈ Ker(T ), si ha

T (a) T (b) T (a) a


= ⇒ = ∈ Fq1
a b T (b) b
e
a ab a b T (a) T (b)
∈ GF (q1 ) ⇒ bT (a) = b T (a) = b T ( a) = aT (b) ⇒ = ;
b ba b a a b
pagina n.111 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 109

cioè
T (a) T (b) a
= ⇔ ∈ Fq∗1 .
a b b
Dalla relazione trovata, ricordando che

Ker(T ) = {cq1 − c : c ∈ Fq }

cfr.
( dimostrazione Prop.3.2.2) contiene esattamente q1m−1 elementi e che la funzione traccia è

suriettiva, segue che

(q − 1) − (q1 m−1 − 1) q − q1 m−1


t(q1 ) = 1 + =1+ = 1 + q1 m−1 ,
q1 − 1 q1 − 1
cioè l'asserto.

Le Proposizioni 5.3.4 e 5.3.6 mostrano che le limitazioni per il numero di punti di un blocking

set trovate con la Proposizione 5.3.3 sono le migliori possibili nei casi q = p e q = p3 , p primo. Nel
caso q = p2e+1 , con e > 1, non è noto se esistano o meno in P G(2, q) blocking set con p2e+1 +pe+1 +1
punti. Il Lettore interessato ad altri risultati sull'argomento può consultare [11].

5.4 Blocking set e nuclei in AG(2, q)


Siano (x0 , x1 , x2 ) coordinate di punto nel piano proiettivo P G(2, q) rispetto ad un riferimento
proiettivo R = {E0 , E1 , E2 , E}. Sia AG(2, q) il piano ane ottenuto da P G(2, q) eliminando i
x0 x1
punti della retta ℓ∞ di equazione x2 = 0 e denotiamo con (x =
x2 , y = x2 ) le coordinate ani di
un generico punto di AG(2, q) indotte dal riferimento R.

Sia Fq2 = Fq [j] il campo di Galois ottenuto aggiungendo a Fq una radice j di un polinomio
di secondo grado f (x) ∈ Fq [x] irriducibile su Fq e ricordiamo che, in queste ipotesi, risulta

Fq2 = {a + jb : a, b ∈ Fq e f (j) = 0}.

Nel seguito spesso, con abuso di notazione e di linguaggio, identicheremo i punti di AG(2, q) con

gli elementi di Fq 2 mediante la seguente funzione biunivoca

P = (x, y) ∈ AG(2, q) → x + jy ∈ Fq2 .

PROPOSIZIONE 5.4.1. Tre punti di a, b, c ∈ AG(2, q) sono allineati se, e soltanto se, in Fq risulta 2

(b − a) q−1
= (c − a) q−1
.

DIMOSTRAZIONE. Se consideriamo F q2 come spazio vettoriale di dimensione 2 su Fq ,


abbiamo la seguente catena di equivalenze

a, b, c allineati ⇔ (b − a) = λ(c − a) con λ ∈ Fq

⇔ b−a
c−a = λ ∈ Fq
( )q−1
(b−a)q−1
⇔ b−a
c−a = (c−a)q−1 = 1,

da cui segue l'asserto.


pagina n.112 429963_LAVORATO.pdf

110 5.4 BLOCKING SET E NUCLEI IN AG(2, q)

DEFINIZIONE 5.4.2. Sia X un insieme non vuoto di punti di AG(2, q). Un punto a ̸∈ X prende
il nome di nucleo di X se ogni retta passante per a è ad intersezione non vuota con X. L'insieme
dei nuclei di X si denota con N (X).

ESERCIZIO 5.4.3. Sia X un insieme non vuoto di punti di AG(2, q). Provare che risulta N (X) =
AG(2, q) \ X se, e soltanto se, X e un blocking set di AG(2, q).

ESERCIZIO 5.4.4. Sia a un nucleo di un insieme X di punti di AG(2, q). Provare che ogni retta
per a interseca X in esattamente un punto se, e soltanto se, |X| = q + 1.

Se a1 , a2 , . . . , am sono elementi di un campo e sviluppiamo il prodotto

(x − a1 )(x − a2 ) · · · (x − am )

ottieniamo

m ∑
m
(x − aj ) = (−1)j σj (a1 , a2 , . . . , am )xm−j ,
j=1 j=0

ove si è posto

σj (a1 , a2 , . . . , am ) = ai1 ai2 · · · aij . (5.9)

0<i1 <i2 <···<ij

Allo scopo di valutare il massimo numero di nuclei che può avere un insieme di punti X
premettiamo due lemma.

LEMMA 5.4.5. (Lemma di A.Blokhuis) Sia x = (x1 , x2 , ..., xq+n ), 0 < n ≤ q, una successione di
q + n elementi di Fq2 contenente tutte le q + 1 radici (q + 1)−esime dell'unità di Fq2 . Allora risulta

σn (x) = xj1 xj2 · · · xjn = 0.
0<j1 <j2 <···<jn

DIMOSTRAZIONE. Non è restrittivo supporre che x1 , x2 , ..., xq+1 siano radici (q +1)-esime
dell'unità fra loro distinte e, in queste ipotesi, abbiamo


q+1
tq+1 − 1 = (t − xj ).
j=1

Ora, consideriamo il polinomio F (t) ∈ Fq2 [t] denito da


q+n ∑
q+n
F (t) = (t − xj ) = (−1)j σj (x)tq+n−j
j=1 j=0

e osserviamo che, a meno del segno, σn (x) è il coeciente di tq in F (t). D'altra parte possiamo

scrivere
F (t) = [(t − x1 )(t − x2 ) · · · (t − xq+1 )](t − xq+2 ) · · · (t − xq+n )

= (tq+1 − 1)(tn−1 + G(t)),


ove G(t) è un polinomio di grado minore di n − 1, e da ciò segue che è nullo il coeciente di tq in

F (t), cioè l'asserto.


pagina n.113 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 111

LEMMA 5.4.6. Siano q = pr una potenza di un primo p ed n un intero positivo minore o uguale
a q. Allora il coeciente binomiale ( )
q+n
n
non è divisibile per p.
DIMOSTRAZIONE. Per ogni j = 1, 2, ..., n, poniamo j = tj psj , con sj ≥ 0 e tj non è

divisibile per p. Allora risulta

(q+n) (q+1)(q+2)···(q+n) ∏
n
pr +j
n = n! = j
j=1


n
pr +tj psj ∏
n
pr−sj +tj
= tj psj
= tj .
j=1 j=1

A questo punto osserviamo che l'ultimo prodotto non può essere divisibile per p, altrimenti es-

isterebbe un indice k per cui p divide pr−sk + tk e ciò è assurdo. Ne segue l'asserto.

PROPOSIZIONE 5.4.7. (Teorema di A.Blokhuis) Sia X un insieme di q + n punti di AG(2, q)


con n > 0. Allora risulta
|N (X)| ≤ n(q − 1).

DIMOSTRAZIONE. Sia X = {x1 , x2 , ..., xq+n } e assumiamo n ≤ q, altrimenti l'asserto è

banale. Consideriamo il polinomio FX (t) ∈ Fq2 [t] denito da


( )
FX (t) = σn (t − x1 )q−1 , (t − x2 )q−1 , ..., (t − xq+n )q−1

= (t − xj1 )q−1 (t − xj2 )q−1 · · · (t − xjn )q−1
0<j1 <j2 <···<jn

e osserviamo che il coeciente di tn(q−1) in FX (t) è


( )
q+n
,
n

che per il Lemma 5.4.6 non è un multiplo di p. Pertanto FX (t) ha grado n(q − 1).
Sia ora a un nucleo di X e osserviamo che (x − a)q−1 è una radice (q + 1)−esima dell'unità in Fq2
cfr. (1.2)).
( Allora, poiché ogni retta per a ha almeno un punto su X, in forza della Proposizione
5.4.1 abbiamo che la successione

( )
(a − x1 )q−1 , (a − x2 )q−1 , ..., (a − xq+n )q−1

contiene tutte le radici (q + 1)−esime dell'unità di Fq2 e la Proposizione 5.4.5 assicura che è

FX (a) = 0. Resta così provato che ogni nucleo di X è una radice del polinomio FX (t) e quindi il

numero di tali punti non può superare il grado di FX (t), cioè n(q − 1).

Come corollari della Proposizione 5.4.7 si hanno subito i due seguenti teoremi.

COROLLARIO 5.4.8. (Teorema di Blokhuis-Wilbrink) Se X e un insieme di q + 1 punti di


AG(2, q) risulta
|N (X)| ≤ q − 1.
pagina n.114 429963_LAVORATO.pdf

112 5.4 BLOCKING SET E NUCLEI IN AG(2, q)

COROLLARIO 5.4.9. (Teorema di R.Jamison [59], A.E.Brouwer-A.Schrijver [21]) Se B e un


blocking set di AG(2, q) risulta
|B| ≥ 2q − 1.
DIMOSTRAZIONE. Posto |B| = q + n, la Proposizione 5.4.7 assicura che

|N (B)| = q 2 − q − n ≤ n(q − 1),

da cui si ricava subito la disuguaglianza cercata.

OSSERVAZIONE 5.4.10. Il Corollario 5.4.8 stabilisce che il massimo numero di nuclei di un

insieme X di q+1 AG(2, q) è q − 1. Un esempio di insieme X tale che |N (X)| = q − 1


punti di

si ottiene prendendo X = ℓ ∪ {a}, ove ℓ è una retta e a un punto non appartenente ad ℓ. Tale
insieme, infatti, ha per nuclei tutti e soli i q − 1 punti della retta per a parallela ad ℓ e diversi da

a. A parte quelli appena descritti, si conosce soltanto un altro esempio in AG(2, 5) di insieme con
q + 1 punti dotato di q − 1 nuclei e una congettura tuttora aperta vuole che questi siano gli unici
possibili ([12],[13],[14],[67]).

ESERCIZIO 5.4.11. In P G(2, q) siano X un insieme di punti d'ordine maggiore di q − 1 ed L un


insieme di punti disgiunto da X. Provare che L è una retta esterna ad X se, e solo se, ogni retta
incidente X interseca L in esattamente un punto.
OSSERVAZIONE 5.4.12. Il Corollario 5.4.9 dice che un blocking set di ordine minimo in AG(2, q)
deve avere 2q − 1 punti e l'Esercizio 5.1.4 prova che tali blocking set esistono. Il problema di

descrivere tutti i blocking set di ordine minimo in AG(2, q) è tuttora aperto.

La limitazione di cui al Corollario 5.4.9 per il numero di punti di un blocking set di AG(2, q)
non vale in generale in un piano non desarguesiano. Per esempio, A.A. Bruen e M.J. de Resmini
hanno costruito in [27] un blocking set d'ordine 16 per un piano ane non desarguesiano d'ordine

9. Al momento, per quanto riguarda i piani ani non desarguesiani, non è nota alcuna limitazione

signicativa per il minimo numero di punti di un blocking set.


pagina n.115 429963_LAVORATO.pdf

Capitolo 6

Disegni

6.1 Prime denizioni ed esempi


Una delle dicoltà comune a quasi tutti i campi della combinatoria è che, variando anche di poco

i parametri numerici di uno stesso problema, spesso bisogna cambiare completamente tecnica per

trovare una soluzione. Ciò rende particolarmente stimolante la ricerca di metodi per superare

questa sorta di sporadicità in modo da sintetizzare in teorie generali i risultati già noti e quelli

nuovi che si spera di ottenere. Uno di tali metodi si basa sullo studio di famiglie di insiemi niti

con qualche proprietà di regolarità come, ad esempio, le rette di un piano ane o proiettivo.

È appunto in quest'ambito che si inquadra la teoria dei disegni, della quale esporremo i primi

elementi, cercando di evidenziare le sue interazioni con altri tipi di strutture quali i gruppi, le

geometrie su campi di Galois, i codici.

Siano P un insieme nito con v elementi e B = {B1 , B2 , . . . , Bb } una famiglia propria, cioè
Bi ̸= Bj per i≠ j, di b sottoinsiemi non vuoti di P di cardinalità k. Gli elementi di P e di B si
dicono rispettivamente punti e blocchi. Un punto e un blocco che si appartengano e due blocchi

ad intersezione non vuota si dicono incidenti.


DEFINIZIONE 6.1.1. La coppia D = (P, B) prende il nome di t−disegno con parametri (v, k, λ),

o di t−(v, k, λ) disegno, se ogni sottoinsieme di P con t punti è contenuto in esattamente λ blocchi,


λ e t essendo interi positivi tali che
v ≥ k ≥ t ≥ 1.
Talvolta un t−disegno è anche chiamato semplicemente disegno. Diversi autori usano il simbolo

Sλ (t, v; k) per denotare un t − (v, k, λ) disegno.

Un t − (v, k, λ) disegno si dice banale o completo se ogni sottoinsieme di P d'ordine k è un

blocco. Un t−disegno per cui v = b si dice simmetrico.

Nel seguito, tranne esplicito avviso, ci riferiremo esclusivamente a disegni non banali e quindi

supporremo costantemente
( )
v
v>k>t e > b.
k
OSSERVAZIONE 6.1.2. La nozione di t−disegno si estende a quella di t−disegno con blocchi
ripetuti rimuovendo la condizione che la famiglia B dei blocchi sia propria. In questo contesto,

113
pagina n.116 429963_LAVORATO.pdf

114 6.1 PRIME DEFINIZIONI ED ESEMPI

evidentemente molto più generale, i disegni per cui B è propria sono detti semplici. Comunque, tale

generalizzazione, essendo inessenziale per i nostri scopi, non sarà quasi mai presa in considerazione.

DEFINIZIONE 6.1.3. Un isomorsmo tra due t−disegni è una biiezione tra i punti del primo e

quelli del secondo che trasformi, insieme alla propria inversa, blocchi in blocchi. Un automorsmo
di un t−disegno D è un isomorsmo del t−disegno in se stesso.

Ovviamente, disegni isomor hanno gli stessi parametri. La relazione di isomorsmo fra

t−disegni è di equivalenza e quindi essi vengono studiati a meno di isomorsmi. Per due disegni
′ ′
isomor D e D usiamo la notazione D ∼ D .

Gli automorsmi di un disegno D formano un gruppo, il gruppo degli automorsmi di D che


denotiamo con Aut(D). Chiaramente Aut(D) è un gruppo di permutazioni sull'insieme dei punti
di D che opera anche sull'insieme dei blocchi ed è facile rendersi conto che disegni isomor hanno

i rispettivi gruppi degli automorsmi a loro volta isomor. I sottogruppi di Aut(D) si chiamano

gruppi di automorsmi di D.
Iniziamo col riportare alcuni esempi classici di disegni.

ESEMPIO 6.1.4. Sia P G(n, q) lo spazio proiettivo n−dimensionale su un campo di Galois di

ordine q n > 1, allora i punti e i sottospazi d−dimensionali di P G(n, q), con 1 ≤ d < n,
con

costituiscono un 2−disegno. Denotiamo questo disegno con P Gd (n, q), se è d > 1, e con P G(n, q),

se è d = 1. I parametri v, k, λ di P Gd (n, q) sono i seguenti (cfr.(2.11),( 2.13)):

q n+1 − 1
v = q n + q n−1 + · · · + q + 1 =
q−1

q d+1 − 1
k = q d + q d−1 + · · · + q + 1 =
q−1


 (q n−1 −1)(q n−2 −1)···(q n−d+1 −1)
se d>1
(q d−1 −1)(q d−2 −1)···(q−1)
λ= .

 1 se d=1
Si osservi che, per ogni d, il gruppo degli automorsmi di P Gd (n, q) non è altro che il gruppo
P ΓL(n + 1, q) delle collineazioni dello spazio proiettivo P G(n, q) (cfr.1.6.24). Inoltre, P Gd (n, q) è
un disegno simmetrico se, e solo se, risulta d = n − 1.

ESEMPIO 6.1.5. Sia AG(n, q) lo spazio ane n−dimensionale su un campo di Galois di ordine q

con n > 1, allora i punti e i sottospazi d−dimensionali di AG(n, q), con 1 ≤ d < n, costituiscono
un 2−disegno. Denotiamo questo disegno con AGd (n, q), se è d > 1, e con AG(n, q), se è d = 1. I

parametri v, k, λ di AGd (n, q) sono i seguenti (cfr.(2.14)):

v = qn , k = qd ,


 (q n−1 −1)(q n−2 −1)···(q n−d+1 −1)
se d>1
(q d−1 −1)(q d−2 −1)···(q−1)
λ= .

 1 se d=1

Si osservi che, per ogni d, il gruppo degli automorsmi di AGd (n, q) non è altro che il gruppo
AΓL(n, q) delle collineazioni dello spazio ane AG(n, q) (cfr.1.8.18).
pagina n.117 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 115

ESEMPIO 6.1.6. Il 2−disegno AG2 (n, 2) è anche un 3 − (2n , 4, 1) disegno. Una retta di AG(n, 2),
infatti, contiene solo due punti e conseguentemente tre punti di AG(n, 2), non essendo allineati,

sono sempre contenuti in un unico piano dello spazio.

OSSERVAZIONE 6.1.7. Una parte molto interessante della teoria dei disegni, di cui non ci occu-

peremo in queste note, riguarda la classicazione (ancora aperta) dei disegni con gli stessi parametri

di P Gd (n, q) o AGd (n, q). Esistono infatti molti disegni di questo tipo non isomor a P Gd (n, q) o
AGd (n, q). Per esempio, si conoscono 80 disegni non isomor con gli stessi parametri di P G(3, 2),
5 con quelli di P G2 (3, 2), 4 con quelli di AG2 (3, 2).
ESEMPIO 6.1.8. Sia P un insieme d'ordine 8 e, ssato un suo elemento P, si costruisca un piano

di Fano π2 sui rimanenti 7 elementi. Sia, inoltre, B P costituita dai


la famiglia di sottoinsiemi di

complementari delle rette di π2 e dai sottoinsiemi ottenuti aggiungendo P ad ogni retta di π2 . La


coppia (P, B) è un 3 − (8, 4, 1) disegno che si chiama estensione del piano di Fano.
ESEMPIO 6.1.9. Siano P l'insieme dei punti di una(q 2 + 1)−calotta di P G(3, q) e B l'insieme dei
(q + 1)−archi piani contenuti in P. Allora D = (P, B) è un 3 − (q 2 + 1, q + 1, 1) disegno. È facile
un 2 − (q + 1, q + 1, q + 1) disegno e un 1 − (q + 1, q + 1, q + q)
2 2 2
rendersi conto che D è anche

disegno.

I disegni con parametri del tipo t = 3, v = n2 +1, k = n+1, λ = 1 prendono il nome di piani inversivi
di ordine n. Chiaramente il 3−disegno che abbiamo costruito a partire da una (q 2 + 1)−calotta di
P G(3, q) è un piano inversivo d'ordine q; un piano inversivo ad esso isomorfo si dice immergibile.

Osserviamo che al momento non si conoscono esempi di piani inversivi non immergibili e una

congettura abbastanza accreditata vuole che tali piani non esistano. Un importante risultato al

riguardo, dovuto a P.Dembowski, ([39], cap.V I ) stabilisce che ogni piano inversivo d'ordine pari è
immergibile.
ESEMPIO 6.1.10. Siano Ω un'iperovale di un piano proiettivo π d'ordine pari n e π ∗ il piano
∗ n(n−1)
duale di π. Denotiamo con P
l'insieme dei punti di π corrispondenti alle rette di π esterne
2
ad Ω e con B l'insieme delle rette di π ∗ corrispondenti agli n2 − 1 punti di π non appartenenti ad
Ω. Allora D = (P, B) è un 2 − ( 2 , 2 , 1) disegno che si chiama disegno delle rette esterne ad
n(n−1) n

Ω.
ESEMPIO 6.1.11. Siano P l'insieme dei punti di un arco hermitiano H di un piano proiettivo

nito πn d'ordine
√ n e B l'insieme delle intersezioni di H con le rette secanti. Allora D = (P, B) è

un 2 − (n n + 1, n + 1, 1) disegno. √ √
Un disegno U con parametri del tipo t = 2, v = n n + 1, k = n + 1, λ = 1 prende il nome di

unital d'ordine n. Chiaramente il disegno che abbiamo costruito a partire da un arco hermitiano
è un unital.

Un unital U = (P, B) si dice immergibile se esiste una applicazione iniettiva f fra i suoi punti e quelli
di un piano proiettivo nito π che trasformi i blocchi di U nell' intersezione delle rette di π secanti
f (P). Ogni arco hermitiano di πn è dunque un unital immergibile, ma un unital immergibile in un
piano πn non è necessariamente isomorfo ad un suo arco hermitiano; per esempio, il 2 − (28, 4, 1)

disegno delle rette esterne ad un' iperovale di P G(2, 8) è un unital d'ordine 3 immergibile in

P G(2, 8) e non è un arco hermitiano di questo piano.


La ricerca e la classicazione degli unital di un ssato ordine m è un problema molto interessante

ma altrettanto dicile. Per avere una idea della sua complessità basti pensare che solo nel caso

m=4 sono noti più di 138 unital tra loro non isomor.

ESERCIZIO 6.1.12. Dare esempi di disegni non isomor aventi gruppi di isomorsmi isomor.
ESERCIZIO 6.1.13. Vericare che i punti e le rette di un piano proiettivo nito d'ordine n
deniscono un 2−disegno simmetrico con parametri
v = b = n2 + n + 1 , k = n + 1 , λ = 1.
pagina n.118 429963_LAVORATO.pdf

116 6.2 PRIME RELAZIONI TRA I PARAMETRI DI UN DISEGNO

Provare poi che ogni 2−disegno avente gli stessi parametri di un piano proiettivo nito d'ordine n
è un piano proiettivo.
ESERCIZIO 6.1.14. Vericare che i punti e le rette di un piano ane nito d'ordine n deniscono
un 2−disegno con parametri
v = n2 , b = n2 + n , k = n , λ = 1.
Provare poi che ogni 2−disegno avente gli stessi parametri di un piano ane nito d'ordine n è un
piano ane.
Il problema di costruire t−disegni con parametri assegnati, e più in generale di descriverli

tutti a meno di isomorsmi, è uno dei più interessanti e dicili di tutta la teoria. Basti pensare

che no al 1983 è stata in dubbio l'esistenza di t−disegni non banali con t > 5. Il primo esempio

di 6−disegno non banale, scoperto appunto nel 1983, si deve a S.S. Magliveras e D.W. Leavitt
[66]. Solo nel 1987 L. Teirlink t, esiste un
provò sorprendentemente che, per ogni intero positivo

t−disegno non banale [100],[101]. Osserviamo che nel caso deit−disegni con blocchi ripetuti non
è dicile provare che, comunque assegnati gli interi positivi k e t, con t < k < v − t, esiste un

t − (v, k, λ) disegno con blocchi ripetuti, per un opportuno valore di λ (si veda ad esempio (1.2) di
[32]).

Dal punto di vista storico, la teoria dei disegni si può far risalire ai lavori [61](1847),

[62](1850) di T.P.Kirkman e [93](1853) di J.Steiner, nei quali vengono descritti e studiati alcuni

problemi relativi ai 2 − (v, 3, 1) disegni. Di questi il più famoso è il Kirkman School Girl Problem:
Trovare un modo per far passeggiare ogni giorno di una settimana 15 studentesse disposte
in la per 3 in modo che alla ne della settimana ogni due studentesse siano capitate una, ed una
sola volta, nella stessa la.
Il problema, col nostro linguaggio, consiste nel trovare un 2 − (15, 3, 1) disegno (i cui punti

sono le studentesse) con la seguente proprietà: k la famiglia dei blocchi si può ripartire in 7
( )

sottoinsiemi (corrispondenti ai giorni della settimana) composti ciascuno da cinque blocchi (le le
di un giorno) in modo tale che i blocchi di ciascun sottoinsieme siano una partizione dei punti.

Kirkman riuscí a provare solo l'esistenza di un tale disegno; in eetti provò molto di più e cioè che

la condizione v ≡ 1, 3(mod 6) è necessaria e suciente per l'esistenza di un 3−disegno con λ = 1 su


v > 1 punti. Si è dovuto attendere più di un secolo per avere la soluzione completa del problema,

che si deve a D.K.Ray-Chaudhuri e R.M.Wilson [79](1971). Tali autori, infatti, in un contesto

molto più generale, hanno provato il 2 − (15, 3, 1) disegno P G(3, 2) ha la proprietà ( ). k


In onore di Steiner, i 2 − (v, 3, 1) disegni vengono anche chiamati sistemi di terne di Steiner
e, più in generale, si chiamano sistemi di Steiner i disegni con λ = 1.

6.2 Prime relazioni tra i parametri di un disegno


Iniziamo col provare alcune relazioni elementari tra i parametri di un disegno, che costituiscono

anche delle condizioni necessarie di esistenza.

PROPOSIZIONE 6.2.1. Sia D = (P, B) un t − (v, k, λ) disegno. Se i è un intero tale che 1 ≤ i ≤ t,


allora D è anche un i − (v, k, λi ) disegno con
(v−i)
t−i (v − t + 1)(v − t + 2) · · · (v − i)
λi = (k−i )λ = λ. (6.1)

t−i
(k − t + 1)(k − t + 2) · · · (k − i)
pagina n.119 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 117

DIMOSTRAZIONE. Sia X⊆P |X| = i e sia λ(X) il numero di blocchi contenenti X.


con

Contiamo il numero ν delle coppie ordinate (B, C), dove è C ⊆ P \ X, |C| = t − i e B è un blocco
contenente X ∪ C. Sia B′ un blocco di B contenente X. Il numero di coppie del tipo (B, C), con

B′ (k−i)
come primo elemento, è dato dal

numero dei sottoinsiemi di B \ X costituiti da t − i punti e

quindi è pari a
t−i . Da ciò discende che è

( )
k−i
ν = λ(X) .
t−i

Sia ora C ′ un sottoinsieme di P \ X costituito da t − i punti. Il numero delle coppie del tipo
(B, C), con C ′ come secondo elemento, è dato dal numero di blocchi contenenti X ∪ C ′ ma, poiché
( )
X ∪ C ′ ha ordine t, questo numero è pari a λ. Il sottoinsieme C ′ può essere poi scelto in v−i
t−i
modi. Possiamo quindi scrivere
( )
v−i
ν=λ .
t−i
Uguagliando le due relazioni trovate si ottiene

(v−i)
t−i
λ(X) = λi = (k−i ) λ,
t−i

ove l'intero λ(X) dipende solo dall'ordine i di X.

OSSERVAZIONE 6.2.2. La (6.1) vale anche quando è i = 0 e ovviamente risulta λo = b. Si osservi


anche che è λt = λ.

PROPOSIZIONE 6.2.3. Assegnato un t − (v, k, λ) disegno e posto r = λ1 , se i è un intero tale che


1 ≤ i < t, risulta: ( ) ( )
k−i v−i
è un divisore di λ (6.2)
t−i t−i
(v − i)λi+1 = (k − i)λi , per ogni i < t (6.3)

vr = bk. (6.4)

Nel caso t = 2 si ha anche


r(k − 1) = λ(v − 1) (6.5)

DIMOSTRAZIONE. La (6.2) è conseguenza immediata della prop.6.2.1. Inoltre, sempre

per la prop.6.2.1, si ha
(v − t + 1)(v − t) · · · (v − i)
λi = λ ⇒
(k − t + 1)(k − t) · · · (k − i)
v−i
λi = λi+1 ⇒ (k − i)λi = (v − i)λi+1 .
k−i
In particolare per i = 0 si ottiene λ0 k = vλ1 e cioè bk = vr. Se inne è t = 2, per i=1 la (6.3)

diventa r(k − 1) = λ(v − 1).

Osserviamo esplicitamente che le relazioni di cui alle precedenti proposizioni sono necessarie

per l'esistenza di t−disegni con parametri v, k, λ assegnati; per esempio, si ha subito che non può

esistere un 3 − (11, 4, 1) disegno. Tali condizioni però, pur escludendo molte possibilità, sono ben

lungi dall'essere sucienti. Per esempio, è noto che non esiste un 2 − (22, 7, 2) disegno anche se

questi parametri vericano tutte le relazioni precedenti.


pagina n.120 429963_LAVORATO.pdf

118 6.3 MATRICI D'INCIDENZA

6.3 Matrici d'incidenza


Se si ordinano linearmente gli insiemi dei punti e dei blocchi di un t − (v, k, λ) disegno D, P =
{p1 , p2 , ..., pv } e B = {B1 , B2 , ..., Bb }, si può considerare la matrice sul campo razionale A = (aij )
di tipo v × b denita da

 1, se pi ∈ Bj
aij = . (6.6)

0, se pi ̸∈ Bj
Una tale matrice, che ovviamente dipende dagli ordinamenti scelti su P e B, prende il nome di

matrice d'incidenza di D. È evidente che ogni disegno è completamente individuato da una sua

matrice d'incidenza ed è facile rendersi conto che, se A è una matrice d'incidenza di D, allora una

matrice C è di incidenza per D (o, più in generale, per un disegno isomorfo a D) se, e soltanto

se, si ottiene da A mediante opportune permutazioni delle righe e delle colonne. Talvolta conviene

considerare A come matrice su un campo diverso da quello dei razionali. Quando ciò si renderà

necessario, verrà posto opportunamente in evidenza.

ESEMPIO 6.3.1. Consideriamo il piano di Fano P G(2, 2), cioè il 2−disegno simmetrico dei punti
e delle rette del piano proiettivo sul campo di Galois d'ordine 2. Tale disegno ha parametri (7, 3, 1)
e sappiamo che, a meno di isomorsmi, è l'unico 2 − (7, 3, 1) disegno. Se numeriamo i punti e le

rette come in Figura 6.1,

Figura 6.1: P G(2, 2)

la relativa matrice d'incidenza è

 
1 0 0 0 0 1 1
1 1 0 0 1 0 0
 
1 0 1 1 0 0 0
 
0 1 0 1 0 0 1
  .
0 0 0 1 1 1 0
 
0 1 1 0 0 1 0
0 0 1 0 1 0 1

Nel seguito denoteremo con I e J una matrice identità e una matrice con tutti gli elementi

uguali ad 1, rispettivamente. L'ordine di tali matrici risulterà quasi sempre chiaro dal contesto;

nel caso contrario scriveremo Im e Jm per indicare il loro ordine m.


pagina n.121 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 119

PROPOSIZIONE 6.3.2. Se A è una matrice d'incidenza di un 2 − (v, k, λ) disegno, allora risulta:


AJ = rJ, (6.7)

JA = kJ, (6.8)
 
r λ λ ··· λ
λ r λ · · · λ
 
 λ r · · · λ
AAt = λ  = (r − λ)I + λJ, (6.9)
 .. .. .. .. 
. . . .
λ λ λ ··· r
det(AAt ) = rk(r − λ)v−1 . (6.10)

DIMOSTRAZIONE. La (6.7) e la (6.8) seguono rispettivamente dal fatto che il numero dei

blocchi incidenti un punto è pari a λ1 = r e il numero dei punti incidenti un blocco è pari a k.
Assegnate due righe distinte di A, esistono esattamente λ colonne che presentano 1 nelle

posizioni corrispondenti a tali righe e da ciò segue la (6.9).

Ora, sottraiamo la prima colonna di AAt a tutte le rimanenti e in questa nuova matrice

addizioniamo alla prima riga tutte le altre. La matrice C così ottenuta ha lo stesso determinante

di AAt e ha la seguente espressione:

 
r + (v − 1)λ 0 ··· 0
 λ r−λ ··· 0 
 
 λ 0 0 
C= .
 . . . 
 .
.
.
.
.
. 
λ 0 ··· r−λ

Allora, tenuto conto della (6.5), possiamo scrivere

det(AAt ) = det(C) = [r + (v − 1)λ](r − λ)v−1 =

[r + (k − 1)r](r − λ)v−1 = rk(r − λ)v−1 .

PROPOSIZIONE 6.3.3. (Disuguaglianza di Fisher) Se D è un t − (v, k, λ) disegno con v > k ed


è t > 1, allora risulta b ≥ v.
DIMOSTRAZIONE. Poiché t è maggiore di 1, D può essere riguardato come un 2−(v, k, λ2 )
disegno e quindi, se A è una sua matrice di incidenza, dalla (6.10) segue che è

det(AAt ) = rk(r − λ2 )v−1 .

La (6.3) per i=1 diventa

λ2 (v − 1) = r(k − 1)
e quindi, essendo v > k, r è maggiore di λ2 . Allora AAt ha determinante non nullo, cioè è una

matrice non singolare di rango v. Da questo segue che è

v =rango(AAt ) ≤rango(A) ≤numero di colonne di A=b

e l'asserto è provato.
pagina n.122 429963_LAVORATO.pdf

120 6.4 COSTRUZIONI DI DISEGNI DA ALTRI DISEGNI

PROPOSIZIONE 6.3.4. Una matrice di incidenza A di un 2−disegno simmetrico non banale è


non singolare.
DIMOSTRAZIONE. Nella dimostrazione della proposizione precedente abbiamo visto che

il rango di AAt è b = v, quindi abbiamo


b =rango(AAt ) ≤rango(A) ≤ b ⇒rango(A) = b ⇒ det(A) ̸= 0.

6.4 Costruzioni di disegni da altri disegni


Facciamo vedere come è possibile denire dei nuovi disegni a partire da uno assegnato D = (P, B)
con parametri t, v, k, λ.

Iniziamo col provare che la coppia D = (P, B), dove B è l'insieme dei complementari dei

blocchi di D, è ancora un t−disegno. Sia T un sottoinsieme di P costituito da t elementi e contiamo


il numero ν di blocchi di D incidenti T in qualche punto. Col principio di inclusione-esclusione si

ottiene facilmente che è


( ) ( ) ()
t t t
ν= λ1 − λ2 + · · · + (−1)t+1 λ.
1 2 t

Allora il numero λ B contenenti T è pari a


di elementi di

( ) ( ) ( ) () ∑t ()
t t t t t
λ=b−ν = λ0 − λ1 + λ2 − · · · + (−1)t+1 λ= (−1)t λi .
0 1 2 t i=0
i

Poiché è evidente che λ non dipende dall'insieme T ma solo dal suo ordine t, D è un t − (v, v − k, λ)
disegno. Esso prende il nome di disegno complementare di D.

Fissato un punto x di P chiamiamo stella di blocchi di centro x l'insieme x∗ dei blocchi di D


passanti per x e indichiamo con P∗ l'insieme delle stelle di blocchi ottenibili dai punti del disegno.

La coppia D∗ =(B, P ∗ ), come si verica facilmente, è un 1 − (b, r, k) disegno, detto il duale di D.


Il duale del duale di D, cioè D∗∗ , è isomorfo a D; infatti si vede subito che l'applicazione
x ∈ P → x∗ ∈ P ∗
è un isomorsmo tra D e D∗∗ .
ESERCIZIO 6.4.1. Provare che il duale di un disegno D è un s−disegno con s > 1 se, e solo se, s
blocchi di D, comunque scelti, hanno un numero costante di punti in comune.

Sia ora x un elemento di P e poniamo

Px = P \ {x} , Bx = {B \ {x} : x ∈ B ∈ B}.


La coppia Dx = (Px , Bx ) è un (t − 1) − (v − 1, k − 1, λ) disegno che si chiama derivato di D rispetto
ad x. Analogamente, posto

B x = {B ∈ B : x ̸∈ B},
la coppia D = (Px , B )
x x
è un (t − 1) − (v − 1, k, λt−1 − λ) disegno che si chiama residuo di D
rispetto ad x.
pagina n.123 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 121

ESERCIZIO 6.4.2. Provare che il derivato Dx rispetto ad un punto x di un piano inversivo D


d'ordine n (cfr. Esempio 6.1.9) è un piano ane d'ordine n (cfr. Esempio 6.1.5). Provare inoltre
che, se D è immergibile, allora il piano ane Dx è coordinabile su un campo nito.
ESERCIZIO 6.4.3. Provare che il derivato rispetto ad un punto dell'estensione del piano di Fano
cfr. Esempio 6.1.8) è un piano di Fano.
(

6.5 Disegni simmetrici


Questo paragrafo è dedicato allo studio di alcune proprietà generali dei disegni simmetrici, cioè i

disegni per cui è v = b.


PROPOSIZIONE 6.5.1. Se D è un t − (v, k, λ) disegno simmetrico non banale con t > 1, allora è
t = 2.
DIMOSTRAZIONE. Supponiamo che D sia un t − (v, k, λ) disegno simmetrico non banale.

Se, per assurdo, t fosse diverso da 2, ssato un punto x ∈ P, il disegno derivato Dx , sarebbe un
(t − 1) − (v − 1, k − 1, λ) disegno non banale con t − 1 > 1. Allora, per la diseguaglianza di Fisher,
il numero r di blocchi di Dx dovrebbe essere maggiore o uguale di v − 1. D'altra parte, dalla (6.4)

e da b = v ricaviamo r = k, quindi

k ≥ v − 1 ⇒ v − k ≤ 1.

Allora deve essere k=v o k = v − 1 e nel primo caso si ottiene un disegno banale, il che è assurdo.
Nel secondo caso, i blocchi di D hanno ordine v − 1 e sono in numero di b = v, cioè il numero di
tutti i sottoinsiemi con v − 1 punti. Ne segue che B è la famiglia di tutti i sottoinsiemi con v − 1
punti; dunque D è banale e abbiamo ancora un assurdo.

Diamo ora delle caratterizzazioni dei 2−disegni simmetrici.

PROPOSIZIONE 6.5.2. Un 2 − (v, k, λ) disegno D, con v > k, è simmetrico se, e soltanto se, vale
una delle seguenti condizioni:
(1) r = k;
(2) due blocchi distinti si intersecano esattamente in λ punti;
(3) due blocchi distinti si intersecano in un numero costante di punti.
DIMOSTRAZIONE. In forza della (6.4), l'essere D simmetrico equivale alla (1). Se r = k
e A è una matrice d'incidenza di D, abbiamo AJ = rJ = kJ = JA. Allora, tenendo presente che
A è non singolare e la (6.9), abbiamo

At = A−1 [(r − λ)I + λJ] ⇒ At A = A−1 (r − λ)A + λA−1 JA ⇒

At A = (r − λ)I + λA−1 AJ ⇒ At A = (r − λ)I + λJ


e ciò signica che due blocchi distinti hanno λ punti in comune. Così la (1) implica la (2) che, a

sua volta, implica banalmente la (3).


Se vale la (3), il duale di D è un 2−disegno con b punti e v blocchi e quindi, applicando la

disuguaglianza di Fisher a D e D∗ , si ottiene b = v, cioè D è simmetrico e la nostra proposizione

è completamente provata.
pagina n.124 429963_LAVORATO.pdf

122 6.6 IL TEOREMA DI BRUCK-RYSER-CHOWLA

6.6 Il teorema di Bruck-Ryser-Chowla


PROPOSIZIONE 6.6.1. In un 2 − (v, k, λ) disegno simmetrico non banale D risulta k > λ.
DIMOSTRAZIONE. Avendosi r = k, risulta ovviamente k ≥ λ. D'altra parte, una matrice

d'incidenza A = (aij ) di D è non singolare (cfr. Prop.6.3.4) e quindi, in forza della (6.10), non può
essere r = k, altrimenti avremmo det(A) = 0.
DEFINIZIONE 6.6.2. Assegnato un 2 − (v, k, λ) disegno simmetrico non banale, l'intero positivo

n=k−λ prende il nome di ordine del disegno.

La proposizione che segue, nel caso dei 2−disegni simmetrici, fornisce condizioni necessarie

di esistenza molto più profonde di quelle nora trovate.

PROPOSIZIONE 6.6.3. (Teorema di Bruck-Ryser-Chowla) Supponiamo che esista un 2−


(v, k, λ) disegno simmetrico non banale e sia n = k − λ il suo ordine. Allora, se v è pari, n è
un quadrato. Se v è dispari, l'equazione
v−1
z 2 = nx2 + (−1) 2 λy 2 (6.11)

ammette almeno una soluzione intera non banale.


DIMOSTRAZIONE. Siano v pari e A una matrice d'incidenza del nostro disegno. Per la

(6.10), avendosi k = r, risulta

det(A)2 = det(AAt ) = k 2 (k − λ)v−1

e quindi (k − λ)v−1 è un quadrato. Allora, essendo v − 1 dispari, n = k − λ deve essere un quadrato.


Supponiamo ora v dispari, sia A = (aij ) una matrice di incidenza del 2−disegno e ricordiamo

che è k > λ (cfr. Prop.6.6.1) . Denotato con Q il campo razionale, consideriamo la trasformazione
v
lineare invertibile di Q in sè denita da

y = xA, (6.12)

ove x = (x1 , x2 , ..., xv ) e y = (y1 , y1 , ..., yv ). Tenendo presente la (6.9) e che è r = k, abbiamo

v
yi2 = yy t = xAAt xt = x[(k − λ)I + λJ]xt = (k − λ)xxt + λxJ xt . (6.13)

i=1

D'altra parte, posto j = (1, 1, ..., 1), risulta


( v )2

xJ xt = x(j t j )xt = (xj t )(jxt ) = xi
i=1

e così posto

v
T = xi , (6.14)

i=1

dalla (6.13) ricaviamo



v ∑
v
yi2 = (k − λ) x2i + λT 2 . (6.15)

i=1 i=1
pagina n.125 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 123

A questo punto, ricordando che ogni intero positivo può scriversi come somma di quattro quadrati

interi ( Lagrange, 1770 ); sia


k − λ = a2 + b2 + c2 + d2 ; a, b, c, d ∈ N. (6.16)

Posto  
a b c d
 −b a d −c 
H=
 −c −d

b 
(6.17)
a
−d c −b a
osserviamo che risulta

HH t = (a2 + b2 + c2 + d2 )I = (k − λ)I, (6.18)

det(HH t ) = (det(H))2 = (k − λ)4 , (6.19)

così, la matrice H è non degenere sui razionali.

Torniamo ora alla (6.15) e mettiamoci nell'ipotesi che sia

v ≡ 1(mod 4). (6.20)

Poiché v−1 è multiplo di 4, possiamo suddividere le variabili

x1 , x2 , .., xv−1

in gruppi di quattro

x1 , x2 , x3 , x4 ; x5 , x6 , x7 , x8 ; · · · ; xv−4 , xv−3 , xv−2 , xv−1


| {z } | {z } | {z }

e, per ognuno di questi, introdurre le trasformazioni lineari invertibili di Q4 in sè denite da

(z4s+1 , z4s+2 , z4s+3 , z4s+4 ) = (x4s+1 , x4s+2 , x4s+3 , x4s+4 )H, (6.21)

con s = 0, 1, ..., (v − 5)/4. Notiamo che, in forza della (6.18), abbiamo

2 2 2 2
z4s+1 + z4s+2 + z4s+3 + z4s+4 =

(z4s+1 , z4s+2 , z4s+3 , z4s+4 )(z4s+1 , z4s+2 , z4s+3 , z4s+4 )t =


(6.22)

(x4s+1 , x4s+2 , x4s+3 , x4s+4 )HH t (x4s+1 , x4s+2 , x4s+3 , x4s+4 )t =

(k − λ)(x24s+1 + x24s+2 + x24s+3 + x24s+4 )


e quindi


v−1 ∑ ∑
(v−5)/4 4
zi2 = 2
z(4s+j) =
i=1 s=0 j=1

(6.23)


(v−5)/4 ∑
4 ∑
v−1
(k − λ) x24s+j = (k − λ) x2i .
s=0 j=1 i=1

Inoltre, dalle (6.15) e (6.23), abbiamo

y12 + y22 + · · · + yv2 = z12 + z22 + · · · + zv−1


2
+ (k − λ)x2v + λT 2 . (6.24)
pagina n.126 429963_LAVORATO.pdf

124 6.6 IL TEOREMA DI BRUCK-RYSER-CHOWLA

Notiamo che, essendo le trasformazioni (6.12) e (6.21) invertibili, x1 , x2 , ..., xv−1 possono espri-
mersi come combinazioni lineari a coecienti razionali di z1 , z2 , ..., zv−1 e quindi y1 , y2 , ...yv e T
risultano combinazioni lineari a coecienti razionali di z1 , z2 , ..., zv−1 e xv . In altre parole, la (6.24)

può interpretarsi come una identità tra le forme lineari razionali y1 , y2 , ..., yv e T nelle variabili

z1 , z2 , ..., zv−1 e xv .
A questo punto facciamo vedere che è possibile specializzare le variabili (indipendenti)

z1 , z2 , ..., zv−1 , in modo che la (6.24) si riduca ad una uguaglianza del tipo

yv2 = (k − λ)x2v + λT 2 , (6.25)

con
p m
yv = xv , T = xv , (6.26)
q s
ove p, q, m, s sono interi. A tale scopo, se è

y1 = c11 z1 + c12 z2 + · · · + c1v xv , cij ∈ Q,

poniamo

 (c12 z2 + c13 z3 + · · · c1v xv )/(1 − c11 ) se c11 ̸= 1
z1 = (6.27)

− (c12 z2 + c13 z3 + · · · c1v xv )/2 se c11 = 1
e osserviamo che con tale posizione risulta y12 = z12 e quindi la 6.24 diventa

y22 + ··· + yv2 = z22 + ··· + 2


zv−1 + (k − λ)x2v + λT 2 . (6.28)

z2 , z3 , ..., zv−1
La (6.28), in forza della (6.27), è una identità tra forme lineari razionali nelle variabili

e xv . A questo punto è chiaro che, iterando il procedimento precedente per le variabili z2 , z3 , ..., zv−1 ,
si giunge ad una relazione del tipo (6.25), ove yv e T sono del tipo (6.26). Allora, sostituendo le

(6.26) nella (6.25), abbiamo

p2 m2
= (k − λ) + 2 λ.
q2 s
o, equivalentemente,

(ps)2 = (k − λ)(qs)2 + λ(qm)2 .


Ne segue che, essendo (v − 1)/2 pari, x = ps, y = qs e z = qm danno una soluzione intera non

banale della (6.11).

Se v ≡ 3(mod 4), detta xv+1 una nuova variabile, indipendente dalle xi e yi , e sommando

(k − λ)x2v+1 ai due membri della (6.15), otteniamo

y12 + · · · + yv2 + (k − λ)x2v+1 = (k − λ)(x21 + · · · + x2v + x2v+1 ) + λT 2 . (6.29)

Allora, poiché v+1 è un multiplo di 4, possiamo suddividere le variabili

x1 , x2 , ..., xv , xv+1

in gruppi di quattro e introdurre le trasformazioni (6.21) per s = 0, 1, ..., (v − 3)/4. Operando poi

come nel caso precedente, giungiamo ad una identità del tipo

(k − λ)x2v+1 = yv+1
2
+ λT 2 , (6.30)

con
p m
yv+1 = xv+1 , T = xv+1 , (6.31)
q s
pagina n.127 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 125

ove p, q, m, s sono interi. Sostituendo le (6.31) nella (6.30), abbiamo

p2 m2
= (k − λ) − 2 λ
q2 s
o, equivalentemente,

(ps)2 = (k − λ)(qs)2 − λ(qm)2 .


Ne segue che, essendo (v − 1)/2 dispari, x = ps, y = qs e z = qm danno una soluzione intera non

banale della (6.11) e l'asserto è completamente provato.

COROLLARIO 6.6.4. (Teorema di Bruck-Ryser) Se esiste un piano proiettivo d'ordine n e


n ≡ 1, 2(mod 4), allora n ammette una rappresentazione come somma di due quadrati interi.
DIMOSTRAZIONE. Nelle nostre ipotesi abbiamo che

v = n2 + n + 1 ≡ 3(mod 4)
e quindi v−1 è del tipo 4t + 2, con t intero positivo. Allora
v−1
2 è un intero dispari e il teorema

di Bruck-Ryser-Chowla assicura che l'equazione

z 2 = nx2 − y 2
ammette una soluzione intera non banale (x, y, z) = (a, b, c). Ne segue che

na2 = b2 + c2 ,
o equivalentemente
( )2 ( )
b c 2
n= +
a a
cioè, n è somma di due quadrati razionali. A questo punto l'asserto segue da un noto risultato di

teoria dei numeri, il quale stabilisce che un intero è somma di due quadrati razionali se, e soltanto

se, è somma di due quadrati interi.

ESEMPIO 6.6.5. Il teorema di Bruck-Ryser-Chowla permette di escludere la esistenza di 2−dise-


gni simmetrici per molti valori dei paramentri. Per esempio, poiché 22 è pari e 5 non è un quadrato,
non esiste un 2 − (22, 7, 2) disegno simmetrico.

Facciamo vedere che non esiste un 2 − (29, 8, 2) disegno simmetrico. Infatti, se per assurdo

esistesse un tale disegno, l'equazione

x2 = 6y 2 + 2z 2
ammetterebbe una soluzione intera non banale (m, n, s), con m, n, s primi fra loro. Poiché deve

essere m2 = 6n2 + 2s2 , m = 2t è un numero pari e abbiamo

4t2 = 6n2 + 2s2 ⇒ 2t2 = 3n2 + s2 .


Da questa uguaglianza segue

2t2 ≡ s2 (mod 3).


A questo punto, se fosset ̸≡ 0(mod 3), dovrebbe essere t ≡ 1(mod 3) oppure t ≡ 2(mod 3) e, in
entrambi i casi, si avrebbe2t2 ≡ 2(mod 3) e quindi s2 ≡ 2(mod 3). Ma un quadrato di un intero
non può essere congruente a 2 modulo 3, perciò necessariamente è t ≡ 0(mod 3). Da questo segue

che è anche s ≡ 0(mod 3) e posto t = 3d e s = 3f, si ha

18d2 = 3n2 + 9f 2 ⇒ 6d2 − 3f 2 = n2 ⇒ 3|n.


Allora 3 è un divisore di n, m e s, il che è assurdo, essendo questi primi tra loro.

ESERCIZIO 6.6.6. Provare che non esiste un piano proiettivo nito d'ordine 6.
pagina n.128 429963_LAVORATO.pdf

126 6.8 QUADRATI LATINI E PIANI FINITI

6.7 Restrizioni sui parametri di un disegno simmetrico


Dimostriamo un teorema che fornisce una limitazione per il numero di punti di un disegno sim-

metrico in funzione del suo ordine.

PROPOSIZIONE 6.7.1. Se Dè un 2 − (v, k, λ) disegno simmetrico non banale, allora risulta


4n − 1 ≤ v ≤ n2 + n + 1.

DIMOSTRAZIONE. dalla (6.5) per r=k si ricava

k n+λ λ2 + 2λn − λ + n(n − 1)


v−1= (k − 1) = (n + λ − 1) = ,
λ λ λ
da cui segue

λ2 + (2n − v)λ + n(n − 1) = 0.


Dunque λ è soluzione della seguente equazione di secondo grado:

x2 + (2n − v)x + n(n − 1) = 0.

Un'altra soluzione della precedente equazione è il parametro λ del disegno complementare di D.


Infatti, D è un 2 − (v, v − k, v − 2k + λ) disegno simmetrico e il suo ordine è

n = (v − k) − (v − 2k + λ) = k − λ = n.

Poiché D è non banale, λ e λ sono distinti, altrimenti avremmo v = 2k e dalla relazione λ(v − 1) =

k(k − 1) avremmo che k divide λ, contro la prop.6.6.1. Il discriminante della nostra equazione è,
quindi, maggiore di zero, cioè è

(2n − v)2 − 4n(n − 1) > 0 ⇒ (v − 2n)2 > 4n(n − 1) = (2n − 1)2 − 1 ⇒

(2n − 1)2 ≤ (v − 2n)2 .


Da questo, osservando che 2n − 1 e v − 2n sono interi non negativi, si ricava

2n − 1 ≤ v − 2n ⇒ 4n − 1 ≤ v.

Ora, poiché λ e λ 1, possiamo scrivere


sono entrambi maggiori o uguali ad


v − 2n ± (v − 2n)2 − 4n(n − 1)
≥1⇒
2

v − 2n − 2 ≥ ∓ (v − 2n)2 − 4n(n − 1) ⇒ 4 − 4v + 8n ≥ −4n2 + 4n ⇒

4v ≤ 4n2 + 4n + 4 ⇒ v ≤ n2 + n + 1.
Questo prova completamente l'asserto.

Concludiamo il paragrafo osservando che i valori estremali di v di cui alla proposizione


precedente individuano rispettivamente due importanti classi di 2−disegni simmetrici: i piani
proiettivi, che abbiamo già introdotto e i 2−disegni di Hadamard, che studieremo nel seguito.
pagina n.129 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 127

6.8 Quadrati latini e piani niti


Nel 1782 L.Euler [42], [43] pose il seguente problema:

Supponiamo di avere 36 uciali appartenenti a 6 diversi reggimenti, ognuno dei quali sia
rappresentato da 6 uciali di diverso grado. È possibile disporre i 36 uciali in la per 6 in modo
che su ogni riga e ogni colonna non si trovino due uciali dello stesso reggimento e dello stesso
grado?
Il problema, diventato famoso col come di problema dei 36 uciali, sembra apparentemente
un quesito da giornale di enigmistica, ma in realtà è molto profondo e basta provare a risolverlo per

accorgersi che ciò non può essere fatto senza l'uso di appropriati strumenti matematici: la teoria

dei quadrati latini. Questa, come vedremo, è utile per lo studio di problemi di esistenza di certe

strutture geometriche nite, tra cui i piani ani e proiettivi.

Sia X un insieme nito con n>1 elementi.

DEFINIZIONE 6.8.1. Una matrice A = (aij ) di tipo n × n ad elementi in X prende il nome di


quadrato latino su X se ogni riga e ogni colonna di A è una permutazione di X. L'intero n si
chiama ordine del quadrato latino.

Due quadrati latini A = (aij ) e B = (bij ) si dicono ortogonali se risulta


X × X = {(aij , bij ) : i, j = 1, 2, .., n},
cioè se, per ogni coppia (x, y) di elementi di X, esiste un' unica coppia di indici (i, j) tale che

aij = x e bij = y.
ESEMPIO 6.8.2. La matrice [ ]
1 2
2 1
è un quadrato latino su X = {1, 2} e
     
1 2 3 4 1 2 3 4 1 2 3 4
4 3 2 
1 2 1 4 
3 3 4 1 2

A1 =  ,A =  ,A =  
3 2 3 2 3 4 1
(6.32)
2 1 4 4 1 3 2
3 4 1 2 4 3 2 1 2 1 4 3
sono tre quadrati latini su X = {1, 2, 3, 4} a due a due ortogonali.

Basta fare qualche prova per convincersi che costruire quadrati latini a due a due ortogonali

non è facile, nemmeno per ordini piccoli. Per esempio, il problema dei 36 uciali equivale a

chiedersi se esistono due quadrati latini ortogonali d'ordine 6. L.Euler non riuscí a risolverlo e,

intuendo che forse non aveva soluzione, formulò una famosa congettura secondo la quale non
esistono due quadrati latini ortogonali di ordine n, per ogni n ≡ 2(mod 4). Solo nel 1900 G.Tarry
[99] provò che il problema dei36 uciali non aveva soluzione. La congettura, invece, si è rivelata
1960 R.C.Bose, E.T.Parker e E.T.Shrikhande [19] provarono che gli unici interi
falsa; infatti nel

n > 1 per cui non esistono due quadrati latini ortogonali d'ordine n sono 2 e 6.

Se si sostituisce ogni elemento di un quadrato latino con il suo corrispondente in una ssata

permutazione σ su X, si ottiene un nuovo quadrato latino, che si dice simile al primo. Per esempio,
[ ] [ ]
1 2 2 1
e
2 1 1 2
pagina n.130 429963_LAVORATO.pdf

128 6.8 QUADRATI LATINI E PIANI FINITI

Figura 6.2: Una rappresentazione di un CM OLS d'ordine 5

sono due quadrati latini simili. Si verica facilmente che la relazione di similitudine fra quadrati

latini è di equivalenza e che due quadrati latini rispettivamente simili a due quadrati latini ortogo-

nali sono ancora ortogonali. Pertanto, lo studio dei quadrati latini può farsi a meno della relazione

di similitudine. Questo signica che, quando abbiamo un insieme di quadrati latini mutuamente

ortogonali, non è restrittivo supporre che abbiano le prime righe uguali.

PROPOSIZIONE 6.8.3. Per ogni intero n > 1, esistono al più n − 1 quadrati latini d'ordine n
mutuamente ortogonali.
DIMOSTRAZIONE. Se abbiamo m quadrati latini d'ordine n mutualmente ortogonali,

possiamo supporre che essi abbiano tutti lo stesso elemento a di posto (1, 1). Allora, in forza

dell'ortogonalità, gli elementi di posto (2, 1) devono essere fra loro a due a due distinti e diversi da

a. Ne segue che è m ≤ n − 1, cioè l'asserto.

DEFINIZIONE 6.8.4. Un insieme di n−1 quadrati latini d'ordine n e mutuamente ortogonali si

chiama sistema completo di quadrati latini mutuamente ortogonali, in breve CM OLS .

Nel caso n = 4, un esempio di sistema completo di quadrati latini mutuamente ortogonali è

dato da 6.32.

Deniamo ora una nuova classe di strutture geometriche che, come vedremo, sono stretta-

mente collegate agli insiemi di quadrati latini mutuamente ortogonali.

DEFINIZIONE 6.8.5. Sia P un insieme nito con n2 > 1 elementi e, per j = 1, 2, .., m, sia Lj una

partizione di P in n sottoinsiemi d'ordine n. Posto

L = L1 ∪ L2 ∪ ... ∪ Lm ,

la coppia (P, L) prende il nome di (n, m)−rete se ogni due elementi distinti di P appartengono ad al
più un elemento di L. Una (n, m)−rete si dice completa se non è contenuta in una (n, m + 1)−rete.
Di solito gli elementi di P e L si dicono rispettivamente punti e rette e due rette appartenenti ad

uno stesso Lj si dicono parallele.

ESEMPIO 6.8.6. Un piano ane αn d'ordine n, rispetto alle sue classi complete di parallelismo,

è una (n, n + 1)−rete completa. Inoltre, un insieme di m < n classi complete di parallelismo di αn
denisce una (n, m)−rete non completa.
pagina n.131 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 129

ESERCIZIO 6.8.7. Provare che, per ogni intero n > 1, esiste una (n, 3)−rete.
ESERCIZIO 6.8.8. Provare che, per ogni (n, m)−rete, risulta m ≤ n + 1 e che nel caso m = n + 1
si ha un piano ane.
PROPOSIZIONE 6.8.9. Esiste una (n, m + 2)−rete se, e soltanto se, esistono m quadrati latini
d'ordine n mutuamente ortogonali.
DIMOSTRAZIONE. Sia (P, L) una (n, m + 2)−rete con classi di parallelismo L0 , L1 ,...,

Lm+1 e numeriamo da 1 n le rette di ciascuna di tali classi. Possiamo allora identicare ogni
ad

punto P ∈ P con la coppia (s, t), ove s è l'intero corrispondente all'unica retta di L0 per P e

t quello corrispondente all'unica retta di Lm+1 per P. A questo punto, per ogni j = 1, 2, .., m,
j
consideriamo la matrice Aj = (ast ) d'ordine n ad elementi in X = {1, 2, .., n} denita da

ajst = h ⇔ h è l'intero corrispondente all'unica retta

di Lj passante per il punto (s, t).

Ogni Aj è un quadrato latino, altrimenti a due rette di L0 o Lm+1 dovrebbe corrispondere lo

stesso numero. Inoltre, A1 , A2 ,..,Am sono mutualmente ortogonali perché due punti distinti di P
appartengono al più ad una retta.

Supponiamo ora che {Aj = (ajst ) : j = 1, .., m} sia un insieme di m quadrati latini d'ordine
n mutualmente ortogonali e poniamo P = {(x, y) : x, y = 1, 2, .., n}. Deniamo L0 e Lm+1
come le famiglie dei sottoinsiemi rispettivamente del tipo {(x, y) : x = h} e {(x, y) : y = h},

h = 1, 2, .., n. Inoltre, per ogni j = 1, 2, .., m, deniamo Lj come la famiglia dei sottoinsiemi del
tipo {(x, y) : axy = h}, h = 1, 2, .., n. Si ha facilmente che ogni Li è una partizione di P e che in
j

questo modo si ottiene una (n, m + 2)−rete.

Dalle 6.8.6 , 6.8.8 e 2.3.1 si ha il seguente corollario.

COROLLARIO 6.8.10. Esiste un piano proiettivo d'ordine n se, e solo se, esistono n − 1 quadrati
latini d'ordine n mutualmente ortogonali.

6.9 Matrici e 2−disegni di Hadamard


Ci proponiamo di introdurre una classe di 2−disegni simmetrici la cui esistenza equivale, come
vedremo, a quella di particolari matrici a valori 1 e −1 dette matrici di Hadamard. A tale scopo,
cominciamo col riportare il teorema che ha dato origine al loro studio, avvertendo che, se a è un

numero reale e a = (a1 , a2 , .., an ) un vettore di R , denoteremo con |a| il valore assoluto di a e con
n


∥ a ∥= a21 + a22 + · · · + a2n

la norma di a, R essendo il campo reale.


PROPOSIZIONE 6.9.1. (Teorema di Hadamard, 1893) Sia A = (aij ) una matrice quadrata
d'ordine n sul campo reale R tale che |aij | ≤ 1, per ogni i, j = 1, 2, .., n. Allora, risulta
n
|det(A)| ≤ n 2 (6.33)
pagina n.132 429963_LAVORATO.pdf

130 6.9 MATRICI E 2−DISEGNI DI HADAMARD

DIMOSTRAZIONE. A sia diverso da zero, essendo in


Supponiamo che il determinante di

A sono vettori indipendenti di Rn , il valore assoluto di


questo caso l'asserto vero. Allora le righe di

det(A) rappresenta il volume v(A) del parallelepipedo generato dalle righe di A e questo è massimo
quando i suoi spigoli sono a due a due ortogonali. Ne segue che, avendosi

√ √ 1
∥ (ai1 , ai2 , ..., ain ) ∥= a2i1 + a2i2 + · · · + a2in ≤ 1 + 1 + · · · + 1 = n 2 ,

risulta

n
n
|det(A)| = v(A) ≤ ∥ (ai1 , ai2 , ..., ain ) ∥≤ n 2 .
i=1

come volevamo dimostrare.

DEFINIZIONE 6.9.2. Una matrice quadrata H = (hij ) d'ordine n sul campo reale prende il nome
di matrice di Hadamard, o H−matrice, d'ordine n se è
n
|hij | ≤ 1 e |det(A)| = n 2 .

Diamo ora una caratterizzazione delle matrici di Hadamard che, tra l'altro, mette bene in

luce la loro natura combinatoria.

PROPOSIZIONE 6.9.3. Una matrice H = (hij ) d'ordine n con |hij | ≤ 1 è di Hadamard se, e
soltanto se,
HH t = nI (6.34)

e, di conseguenza, hij = ±1, per ogni i, j = 1, 2, .., n. Inoltre, se H è di Hadamard, lo è anche la


sua trasposta.
DIMOSTRAZIONE. Se H è di Hadamard, risulta


n
n
|det(H)| = v(H) = ∥ (hi1 , hi2 , .., hin ) ∥= n 2
i=1

e quindi deve essere

h2i1 + h2i2 + · · · + h2in = n, per ogni i = 1, 2, .., n,


cioè,

hij = ±1 , per ogni i = 1, 2, .., n.


Inoltre, dovendo le righe di H essere a due a due ortogonali, abbiamo che HH t = nI. Viceversa,

se H verica le condizioni 6.34, allora

det(HH t ) = det(H)det(H t ) = det(H)2 = nn

e cioè la prima parte dell'asserto. Inne, se H è una matrice di Hadamard, H è non singolare e

risulta
t −1 t −1 t −1
H H = (H H)(H H) = H (HH )H = H (nI)H = nI,
cioè, la seconda parte dell'asserto.

Osserviamo che, se una matrice di Hadamard si trasforma mediante operazioni del tipo
pagina n.133 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 131

(i) permutazioni di righe e di colonne,


(ii) moltiplicazione di righe e di colonne per −1,

si ottiene ancora una matrice di Hadamard. Tali operazioni, infatti, non alterano il valore assoluto

del determinante. Pertanto, diremo che due matrici di Hadamard dello stesso ordine sono equiv-
alenti se si ottengono l'una dall'altra mediante operazioni del tipo (i) e (ii). Ne segue che, a meno

di equivalenze, non è restrittivo supporre che gli elementi della prima riga e della prima colonna

di una matrice di Hadamard siano tutti uguali ad 1. Tali matrici prendono il nome di matrici di
Hadamard normalizzate.
Nel seguito spesso, adottando una notazione abbastanza usata in letteratura, gli elementi

uguali a −1 di una matrice con elementi 1 e −1 saranno denotati semplicemente col simbolo −.
Inoltre, il simbolo Hn denoterà sempre una matrice di Hadamard d'ordine n. Riportiamo alcuni

esempi di matrici di Hadamard osservando che H = [±1] è banalmente di Hadamard.

ESEMPIO 6.9.4. [ ]
1 1
H2 =
1 −

ESEMPIO 6.9.5.  
1 1 1 1
1 1 − −

H4 =  
1 − 1 −
1 − − 1

ESEMPIO 6.9.6.  
1 1 1 1 1 1 1 1
1 1 − − 1 1 − −
 
1 − 1 − 1 − 1 −
 
1 − − 1 1 − − 1
H8 = 
1

 1 1 1 − − − −
1 1 − − − − 1 1
 
1 − 1 − − 1 − 1
1 − − 1 − 1 1 −

PROPOSIZIONE 6.9.7. Se H è una matrice di Hadamard d'ordine n maggiore di due, allora n è


un multiplo di 4.
DIMOSTRAZIONE. Assumiamo che H sia data in forma normalizzata e osserviamo che in

ogni riga diversa dalla prima il numero di elementi uguali ad 1 e il numero di elementi uguali a −1
deve essere lo stesso perché ognuna di tali righe, moltiplicata scalarmente per la prima, deve dare

zero. Ne segue che n è pari e, a meno di equivalenze, possiamo suppore che gli n/2 elementi uguali
ad 1 della seconda riga occupino i primi n/2 posti. Ora, denotiamo con α il numero di elementi

uguali ad 1 nella terza riga di H che gurano nei primi n/2 posti e osserviamo che, é la seconda

e la terza riga moltiplicate tra loro scalarmente devono dare zero, troviamo esattamente n/2 − α
elementi uguali a −1 nei primi n/2 posti della terza riga, mentre, nei rimanenti posti della terza
pagina n.134 429963_LAVORATO.pdf

132 6.9 MATRICI E 2−DISEGNI DI HADAMARD

riga, troviamo n/2 − α elementi uguali a 1 e α elementi uguali a −1. Allora, il prodotto scalare

della seconda e terza riga di H è dato da

α − (n/2 − α) − (n/2 − α) + α = 4α − n = 0

cioè, n = 4α, come volevamo dimostrare.

OSSERVAZIONE 6.9.8. L'essere n multiplo di 4 è una condizione necessaria ma non suciente

per l'esistenza di una matrice di Hadamard d'ordine n, sebbene una vecchia congettura, dovuta allo
stesso Hadamard, asserisca che esiste una matrice di Hadamard d'ordine un qualunque multiplo

di quattro. Il più piccolo multiplo di quattro per cui non si conosce una matrice di Hadamard di

quell'ordine, per quanto ci risulta, dovrebbe essere 428.


ESERCIZIO 6.9.9. Sia H = (hij ) una matrice di Hadamard d'ordine n > 2 e siano (hsj ) e (htj )
due righe distinte di H. Tenendo presente l' ultima parte della dimistrazione della 6.9.7, provare
che il numero delle colonne di H per cui risulta hsj = htj = 1 è α = n4 .

Proviamo ora un teorema che mostra l'equivalenza tra l'esistenza di matrici di Hadamard e

una speciale classe di 2−disegni simmetrici.

PROPOSIZIONE 6.9.10. Esiste una matrice di Hadamard d'ordine 4n se, e solo se, esiste un
2 − (4n − 1, 2n − 1, n − 1) disegno simmetrico. Più precisamente, se H è una matrice di Hadamard
normalizzata d'ordine 4n, allora la matrice A = A(H), ottenuta da H cancellando la prima riga,
la prima colonna e sostituendo tutti gli elementi uguali a −1 con 0, è la matrice d'incidenza di un
2 − (4n − 1, 2n − 1, n − 1) disegno simmetrico. Viceversa, se A è una matrice d'incidenza di un
2 − (4n − 1, 2n − 1, n − 1) disegno simmetrico, allora la matrice H = H(A), ottenuta orlando A con
una prima riga e una prima colonna di elementi uguali ad 1 e sostituendo tutti gli elementi uguali
a 0 con −1, è una matrice di Hadamard normalizzata d'ordine 4n.
DIMOSTRAZIONE. Supponiamo che H sia una matrice di Hadamard normalizzata d'or-

dine 4n. Sia P l'insieme delle righe di H diverse dalla prima e, per ogni colonna diversa dalla

prima, deniamo blocco l'insieme degli elementi di P che presentano 1 nella colonna ssata. Sia B
l'insieme dei blocchi così deniti e osserviamo che ogni blocco contiene esattamente 2n−1 elementi,
come si desume dalla dimostrazione della 6.9.7. Inoltre, P e B hanno lo stesso numero di elementi.
Dati due elementi distinti di P, per esempio la riga i−esima hi e quella j−esima hj di H, in forza
di 6.9.9, esistono esattamente n posti, compreso il primo, in cui hi e hj presentano l'elemento 1 e

ciò signica che due punti distinti di P appartengono ad esattamente n − 1 blocchi. Abbiamo così

provato che D = (P, B) è un 2 − (4n − 1, 2n − 1, n − 1) disegno simmetrico con matrice d'incidenza

A(H).
Viceversa, se D = (P, B) è un 2 − (4n − 1, 2n − 1, n − 1) disegno simmetrico con matrice
d'incidenza A, osserviamo che la trasposta At di A è una matrice d'incidenza del duale di D e che
D∗ è un 2−disegno simmetrico con gli stessi parametri di D. Risulta, dunque

 
1 ··· 1
1 
 
H = H(A) =  . ,
 .. 2A − J 

e, in forza delle 6.3.2 e 6.5.2, abbiamo

J + (2A − J)(2A − J)t = J + (2A − J)(2At − J) =


pagina n.135 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 133

J + 4AAt − 2JAt − 2AJ + J 2 =


J + 4nI + 4(n − 1)J − 4(2n − 1)J + (4n − 1)J = 4nI,
da cui ricaviamo  
4n 0 ··· 0
0 
 
HH t =  .  = 4nI.
 .. J + (2A − J)(2A − J)t 
0
Allora, in forza della 6.9.3, H è una matrice di Hadamard normalizzata d'ordine 4n e l'asserto è

completamente provato.

DEFINIZIONE 6.9.11. I 2−(4n−1, 2n−1, n−1) disegni simmetrici prendono il nome di 2−disegni
di Hadamard.
OSSERVAZIONE 6.9.12. In forza della 6.7.1, i 2-disegni di Hadamard godono della proprietà

di possedere il minimo numero possibile di punti e blocchi rispetto ai parametri k = 2n − 1 e

λ = n − 1.
ESEMPIO 6.9.13. Il2−(2n+1 −1, 2n −1, 2n−1 −1) disegno P Gn−1 (n, 2) dei punti e degli iperpiani
dello spazio proiettivo P G(n, 2) è un 2−disegno di Hadamard. La corrispondente matrice di
Hadamard prende il nome di H−matrice di Sylvester.

OSSERVAZIONE 6.9.14. Riguardo l'esistenza di un 2−disegno di Hadamard con parametri v=


4n − 1, k = 2n − 1, λ = n − 1, il teorema di Bruck-Ryser-Chowla impone che l'equazione

x2 = ny 2 − (n − 1)z 2

ammetta almeno una soluzione intera non banale. Di fatto, l'equazione precedente ha la soluzione

(x, y, z) = (1, 1, 1) e ciò avvalora la congettura secondo la quale esistono matrici di Hadamard per

ogni ordine multiplo di quattro.

Passiamo ora a descrivere alcuni metodi che permettono di costruire matrici, e quindi

2−disegni, di Hadamard. A tale scopo ricordiamo che, se A = (aij ) e B = (bij ) sono matrici

quadrate d'ordine rispettivamente n e m, il prodotto tensoriale, o di Kronecker, di A e B è una

matrice quadrata d'ordine nm, si denota con A⊗B ed è denito da

 
a11 B a12 B ··· a1n B
 a21 B a22 B ··· a2n B 
 
A⊗B = . . . .
 .. .
.
.
. 
an1 B an2 B ··· ann B

Inoltre, per A, B, C e D matrici quadrate di ordini opportuni e, per ogni scalare h, valgono le

seguenti proprietà:

A ⊗ (B ⊗ C) = (A ⊗ B) ⊗ C,
h(A ⊗ B) = (hA) ⊗ B = A ⊗ (hB),
(A + B) ⊗ C = A ⊗ C + B ⊗ C,
A ⊗ (B + C) = A ⊗ B + A ⊗ C,
(A ⊗ B)(C ⊗ D) = AC ⊗ BD,
(A ⊗ B)t = At ⊗ B t .
pagina n.136 429963_LAVORATO.pdf

134 6.9 MATRICI E 2−DISEGNI DI HADAMARD

PROPOSIZIONE 6.9.15. Se Hn e Hm sono matrici di Hadamard d'ordine rispettivamente n e m,


allora Hnm = Hn ⊗ Hm è una matrice di Hadamard d'ordine nm.
DIMOSTRAZIONE. Abbiamo

(Hn ⊗ Hm )(Hn ⊗ Hm )t = (Hn ⊗ Hm )(Hnt ⊗ Hm


t
)=

Hn Hnt ⊗ Hm Hm
t
= (nI) ⊗ (mI) = nmI
e quindi, in forza della 6.34, l'asserto.

ESEMPIO 6.9.16. Se Hn è una matrice di Hadamard d'ordine n, allora

[ ] [ ]
Hn Hn 1 1
H2n = H2 ⊗ Hn = , con H2 = ,
Hn −Hn 1 −1

è una matrice di Hadamard d'ordine 2n e risulta chiaro che, iterando h volte questo procedimento,
si ottengono matrici di Hadamard d'ordine 2h n.

Se A = (aij ) è una matrice quadrata d'ordine n e B1 , B2 ,..,Bn sono matrici quadrate d'ordine
m, poniamo
 
a11 B1 a12 B1 ··· a1n B1
 a21 B2 a22 B2 ··· a2n B2 
 
A ⊗ (B1 , B2 , .., Bn ) =  . . . .
 .. .
.
.
. 
an1 Bn an2 Bn ··· ann Bn
Non è dicile provare che, se A, B1 , B2 , .., Bn sono di Hadamard, anche A ⊗ (B1 , B2 , .., Bn ) è di

Hadamard, ottenendo così una generalizzazione della precedente proposizione.

Prima di passare ad un altro metodo che permette di costruire matrici di Hadamard abbiamo

bisogno di alcune premesse. Sia q una potenza di un primo p diverso da 2 e usiamo la seguente

notazione per gli elementi del campo di Galois GF (q) :

GF (q) = {a0 = 0, a1 = 1, a2 , ..., aq−1 }.

Ricordiamo che, essendo q dispari, in GF (q) esistono esattamente (q − 1)/2 elementi non nulli

che sono quadrati e altrettanti elementi non quadrati (cfr.3.1.3). Ora, per ogni intero n, con

0 ≤ n ≤ q − 1, poniamo


 0 se n = 0,
χ(an ) = 1 se an è un quadrato in GF (q), (6.35)

−1 se an non è un quadrato in GF (q).

La funzione χ prende il nome di funzione di Legendre.


PROPOSIZIONE 6.9.17. Per ogni due elementi an e am di GF (q), risulta
χ(an am ) = χ(an )χ(am ), (6.36)

e

q−1
χ(ai )χ(ai + an ) = −1, 0 < n ≤ q − 1. (6.37)

i=0
pagina n.137 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 135

DIMOSTRAZIONE. La 6.36 segue dal fatto che, in GF (q)∗ = GF (q) \ {0}, il prodotto di

due quadrati o di due non quadrati è un quadrato mentre il prodotto di un quadrato per un non

quadrato è un non quadrato (cfr.3.1.4). Ora osserviamo che, é il numero dei quadrati in GF (q)∗ è

uguale a quello dei non quadrati, abbiamo


q−1
χ(ai ) = 0. (6.38)

i=0

Se ssiamo n diverso da zero, per ogni ai non nullo, esiste un unico elemento aσ(i) ∈ GF (q) tale

che

aσ(i) ai = ai + an , con aσ(i) ̸= 1



e quindi risulta aσ(i) ̸= aσ(i′ ) quando è i ̸= i . Ne segue che, quando ai varia in GF (q)∗ , aσ(i)
descrive l'insieme {0, 2, 3, ..., q − 1}. Allora, in forza della 6.38, abbiamo


q−1 ∑
q−1 ∑
q−1
χ(ai )χ(ai + an ) = χ(ai )χ(ai + an ) = χ(ai )χ(aσ(i) ai ) =
i=0 i=1 i=1


q−1 ∑
q−1 ∑
χ(ai )2 χ(aσ(i) ) = χ(aσ(i) ) = χ(ai ) = −1,
i=1 i=1 i̸=1

cioè la 6.37.

PROPOSIZIONE 6.9.18. Sia q ≡ 3(mod 4) la potenza di un primo p e P = (pij ), 0 ≤ i, j ≤ q − 1,


la matrice quadrata d'ordine q denita da
pij = χ(aj − ai ).

Allora, P è antisimmetrica, cioè pij = −pji , e risulta


P P t = qI − J, (6.39)

P J = JP = O. (6.40)

DIMOSTRAZIONE. Nelle nostre ipotesi, −1 non è un quadrato in GF (q) (cfr.3.1.7),

abbiamo

pij = χ(aj − ai ) = χ((−1)(ai − aj )) = χ(−1)χ(ai − aj ) = −pji


cioè, P è antisimmetrica. Posto T = (tij ) = P P t , risulta


q−1
tii = p2is = q − 1
s=0

e, quando i è diverso da j, posto an = ai − aj , in forza della 6.37, risulta


q−1 ∑
q−1
tij = pis pjs = χ(as − ai )χ(as − aj ) =
s=0 s=0


q−1 ∑
q−1
χ(as − ai )χ((as − ai ) + (ai − aj )) = χ(as )χ(as + an ) = −1
s=0 s=0
pagina n.138 429963_LAVORATO.pdf

136 6.9 MATRICI E 2−DISEGNI DI HADAMARD

e abbiamo così la 6.39. La 6.40 segue dal fatto che in ogni riga di P troviamo (q − 1)/2 elementi

uguali ad 1 e (q − 1)/2 elementi uguali a −1 e sulla diagonale principale di P vi sono tutti 0.

Una matrice del tipo denito nella precedente proposizione prende il nome di matrice di
Paley d'ordine q e, come subito vedremo, ad essa si può associare una matrice di Hadamard

d'ordine q + 1.
ESEMPIO 6.9.19. Nel caso q = 7, GF (7) = {0, 1, 2, 3, 4, 5, 6} è il campo dei resti modulo 7 e i suoi
elementi quadrati non nulli sono 1, 2 = 32 e 4 = 22 . Ne segue che una matrice di Paley d'ordine 7
è data da  
0 1 1 −1 1 −1 −1
 −1 0 1 1 −1 1 −1 
 
 −1 −1 0 1 1 −1 1 
 
 1 −1 −1 0 1 1 −1 
 .
 −1 1 −1 −1 0 1 1 
 
 1 −1 1 −1 −1 0 1 
1 1 −1 1 −1 −1 0

PROPOSIZIONE 6.9.20. Se P è una matrice di Paley d'ordine q, allora la matrice


 
1 1 ··· 1
1 
 
H = . 
 .. P −I 
1
è una matrice di Hadamard d'ordine q + 1.
DIMOSTRAZIONE. Basta osservare che risulta

J + (P − I)(P − I)t = J + (P − I)(P t − I) = J + P P t − P I − P t I + I =

J + qI − J − P + P + I = (q + 1)I
e quindi
 
q+1 0 ··· 0
 0 
 
HH =  .
t
 = (q + 1)I,
 .. J + (P − I)(P − I)t 
0
il che signica che H è di Hadamard.

ESEMPIO 6.9.21. Tenendo presente l'ultimo esempio, la matrice di Hadamard associata alla

matrice di Paley d'ordine 7 ha ordine 8 ed è data da

 
1 1 1 1 1 1 1 1
1 − 1 1 − 1 − −
 
1 − − 1 1 − 1 −
 
1 − − − 1 1 − 1
H8 = 
1
.
 1 − − − 1 1 −
1 − 1 − − − 1 1
 
1 1 − 1 − − − 1
1 1 1 − 1 − − −
pagina n.139 429963_LAVORATO.pdf

F.MAZZOCCA: APPUNTI DI GEOMETRIA COMBINATORIA 137

Non è dicile rendersi conto che il 2-disegno di Hadamard associato ad H8 è il piano di Fano

P G(2, 2).

ESEMPIO 6.9.22. Una classe speciale di 2−disegni di Hadamard è data dai cosiddetti 2−disegni
di Paley, cioè quelli costruiti a partire dalla matrice di Hadamard associata ad una matrice di

Paley. Le matrici di incidenza dei 2−disegni di Paley prendono il nome di H−matrici di Paley. Se

P è una matrice di Paley d'ordine q, allora, denotato con Q l'insieme degli elementi quadrati di
GF (q), il 2−disegno di Paley D(P ) = (P, B) associato a P può rappresentarsi nel seguente modo:

P = GF (q),
B = {a − Q : a ∈ GF (q)}.

Ne segue facilmente che il sottogruppo

G(Q) = {x′ = ax + b : a ∈ Q, b ∈ GF (q)}

del gruppo AGL(2, q) delle trasformazioni ani di GF (q) è un gruppo di automorsmi del 2−disegno
in questione.
pagina n.140 429963_LAVORATO.pdf

138 BIBLIOGRAFIA
pagina n.141 429963_LAVORATO.pdf

Bibliograa

[1] J. André J. Über nicht-Desarguesche Ebenen mit transitiver Translationsgruppe, Math. Z.

60, 156–186, 1954.

[2] Artin E., Geometric Algebra, Interscience, 1957.

[3] Assmus E.F. & Key J.D., Designs and their Codes, Cambridge Tracts in Mathematics, 103,

Cambridge University Press, 1992.

[4] Barlotti A., Un'estensione del teorema di Segre-Kustaanheimo, Boll. U.M.I., 10, Serie III,

498-506, 1955.

[5] Barwick S. & Ebert G., Unitals in projective planes, Springer Monographs in Mathematics,

Springer, 2008.

[6] Berardi L., Eugeni F., Blocking sets e teoria dei giochi: origini e problematiche, Atti Sem.

Fis., Univ. Modena, 34, 165-196, 1988.

[7] Beutelspacher A., Einfurung in die endliche geometrie,vol.I,II, Wiessensnaftsverlag, 1983.


[8] Beutelspacher A., Berardi L. Crittologia, Collana dei quaderni di informatica, Franco Angeli,
1996.

[9] Beutelspacher A., Rosenbaum U., Projective Geometry,Cambridge University Press, 1998.
[10] Biggs N.L., White A.T., Permutation Groups and Combinatorial Structures, London

Methematical Society, Lecture Note Series, 33, Cambridge University Press, 1979.

[11] Blokhuis A., Blocking sets in Desarguesian planes, Combinatorics, Paul Erdos is Eighty

(vol.2), Bolyai Society Mathematical Studies, Keszthely (Ungheria), 1-20, 1993.

[12] Blokhuis A., Mazzocca F., On maximal sets of nuclei in P G(2, q) and quasi-odd sets in
AG(2, q), Advances in nite geometries and designs, Oxford University Press, 35-46, 1991.

[13] Blokhuis A., Mazzocca F.,Special point sets in P G(n, q) and the structure of sets with the
maximal number of nuclei, J. Geom., 41, 33-41, 1991.
[14] Blokhuis A., Mazzocca F., Lifts of nuclei in nite projective spaces, L.M.S. Lecture Note

Series, 191, 31-36, 1993.

[15] Blokhuis A., Mazzocca F., The nite eld Kakeya problem, Building Bridges Between Mathe-
matics and Computer Science, Bolyai Society Mathematical Studies, M.Grötschel, G.Katona

Editors, 19, Springer, 2008.

139
pagina n.142 429963_LAVORATO.pdf

140 BIBLIOGRAFIA

[16] Blokhuis A., Wilbrink H.A., A characterization of exterior lines of certain sets of points in
P G(2, q), Geom. Dedicata, 23, 253-254, 1987.

[17] Bose R.C., Mathematical Theory of the Symmetrical Factorial Design, Sankhya 8, 107-166,

1947.

[18] Bose R.C., On some connections between the design of experiments and information theory,
Bull. Inst. Internat. Statist., 38, 257-271, 1964.

[19] Bose R.C., Parker E.T., Shrikhande S.S., On the construction of sets of mutually orthogonal
Latin squares and the falsity of a conjecture of Euler, Trans. Amer. Math. Soc., 95, 191-209,
1960.

[20] Bose R.C., Srivastava J.N., On a bound useful in the theory of factorial designs and error
correcting codes, Ann. Math. Statist., 35, 408-414, 1964.
[21] Brouwer A.E., Schrijver A., The blocking number of an ane space, J. of Combin. Theory

(A), 24, 251-253, 1978.

[22] Bruck R.H. , Bose R.C. The Construction of Translation Planes from Projective Spaces, J.

Algebra, 85–102, 1964.

[23] Bruck R.H. , Ryser H.J., The nonexistence of certain nite projective planes, Canadian Journal
of Mathematics, 1, 317-320, 1949.

[24] Bruen A.A., Baer subplanes and blocking sets, Bull. Amer. Math. Soc., 76, 342-344, 1970.

[25] Bruen A.A., Blocking sets in nite projective planes, SIAM J. of Appl. Math., 21, 380-392,

1971.

[26] Bruen A.A., Nuclei of sets of q + 1 points in P G(2, q) and blocking sets of Rédei type, J. of

Combin. Theory (A), 55, 130-132, 1990.

[27] Bruen A.A., de Resmini M.J., Blocking sets in ane planes, Annals of Discrete Math., 18,

169-176, 1983.

[28] Bruen A.A., Thas J.A., Blocking sets, Geom. Ded., 6, 193-203, 1977.

[29] Buekenhout F., Existence of unitals in nite translation planes of order q 2 with a kernel of
order q, Geom. Dedicata, 5, 189–194, 1976
[30] Cameron P.J., Extending symmetric designs, Journal of Combinatorial Theory (A), 14, 215-

220, 1973.

[31] Cameron P.J., Four lectures on projective geometry, in Finite Geometries, Lecture Notes in

Pure and Applied Mathematics, 103, 27-65, 1985.

[32] Cameron P.J., van Lint J.H., Designs, Graphs, Codes and their Links, London Mathematical
Society, Student Texts 22, 1991.

[33] Cameron P.J., Mazzocca F., Bijections which preserve blocking sets, Geom. Dedicata, 21,

219-229, 1986.

[34] Casse R., Projective Geometry, Oxford University Press, 2006.

[35] Cerasoli M., Eugeni F., Protasi M., Elementi di matematica discreta, Zanichelli, 1988.
pagina n.143 429963_LAVORATO.pdf

BIBLIOGRAFIA 141

[36] Cherowitzo W., Hyperovals in Desarguesian planes of even order, Ann. Discrete Math., 37,

87-94, 1988.

[37] Coxeter H.S.M., Projective geometry, Springer, Second Edition, 1987.


[38] Chowla S., Ryser H.J., Combinatorial problems, Canadian Journal of Mathematics, 2, 93-99,
1950.

[39] Dembowski P., Finite geometries, Springer-Verlag, 1968.

[40] Dickson L.E., On Finite Algebras, Nachr. Gesell. Wissen. Göttingen (1905), 358–393; The

Collected Mathematical Papers of Leonard Eugene Dickson, III (A. Albert, ed.), 1975, pp.

539–574

L. E. Dickson, On Finite Algebras, Nachr. Gesell. Wissen. Göttingen (1905), 358–393; The

Collected Mathematical Papers of Leonard Eugene Dickson, III (A. Albert, ed.), 1975, pp.

539–574

[41] Dvir Z., On the size of Kakeya sets in nite elds, J. Amer. Math. Soc., 22, 1093–1097, 2009
[42] Euler L., Recherches sur une nouvelle espece des quarres magiques, Verh. Zeeuwsch.

Genootsch. Wetensch. Vlissingen, 9, 85-239, 1782.

[43] Euler L., Le probleme des 36 ociers, Rend. Soc. Sc. Flessing, vol.IX, 1782.

[44] Fano G., Sui postulati fondamentali della geometria proiettiva in uno spazio a un numero
qualunque di dimensioni, Giorn. Mat. Battaglini, 30, 106-132, 1892.
[45] Fellegara G., Gli ovaloidi di uno spazio tridimensionale di Galois di ordine 8, Atti Acc. Naz.

Lincei, Rend. Cl. Sci. Mat., Fis., Nat., 32, 170-176, 1962.

[46] Fisher R.A.,The theory of confounding in factorial experiments in relation to the theory of
groups, Ann. Eugen. London, 11, 341-352, 1942.
[47] Fisher R.A., A system confounding for factors with more than two alternatives giving

completely orthogonal cubes and higher powers, Ann. Eugen. London, 12, 283-290, 1945.
[48] Galois E., Sur la théorie des nombres, J. Math. Pures Appl., 11, 398-407, 1846; Oeuvres math.,
15-23, Gauthier-Villars , Paris, 1897.

[49] Golay M.J.E, Notes on digital coding, Proceedings of IEEE, 37, 657, 1949.
[50] Hadamard J., Résolution d'une question aux déterminants, Bull. Sci. Math., (2) 17, 240-248,

1893.

[51] Hall M., Projective planes, Trans. Amer. Math. Soc., 54, 229-277, 1943.

[52] Hilbert D., Grundlagen der Geometrie, (English translation 1902), Teubner, Berlin, 1899.
[53] Hill R., On the larget size of cap in S5,3 , Atti Accad. Naz. Lincei, Rend. Cl. Sc. Mat., Fis.,

Nat., 54, 378-384, 1973.

[54] Hirschfeld J.W.P., Projecttive geometries over nite elds, Oxford University Press, Oxford,

1979.

[55] Hirschfeld J.W.P., Finite projective spaces of three dimensions, Clarendon Press, Oxford,

1985.
pagina n.144 429963_LAVORATO.pdf

142 BIBLIOGRAFIA

[56] Hughes D.R., On t−designs and groups, Amer. J. Math., 87, 761-768, 1965.

[57] Hughes D.R., Piper F.C., Projective planes, Springer Verlag, 1973.

[58] Hughes D.R., Piper F.C., Design Theory, Cambridge University Press, 1988.

[59] Jamison R., Covering nite elds with cosets of subspaces, J. of Combin. Theory (A), 22,

253-266, 1977.

[60] Järnefelt G., Kustaanheimo P., An observation on nite geometries, Comptes Rendus XI

Congr. Math. Scand., Trodheim, 166-182, 1949.

[61] Kirkman T.P., On a problem in combinatorics, Cambridge and Dublin Math. J., 2, 191-204,

1847.

[62] Kirkman T.P., Note on an unanswered prize question, Cambridge and Dublin Math. J., 5,

255-262, 1850.

[63] Lam C.W.H., Thiel L., Swiercz S., McKay J., The non-existence of ovals in a projective plane
of order 10, Discrete Math., 45, 319-321, 1983.
[64] Lam C.W.H., Thiel L., Swiercz S., The non-existence of nite projective planes of order 10,
Canad. J. Math., 41, 1117-1123, 1989.

[65] L.Lunelli, M.Sce, k−Archi completi nei piani proiettivi desarguesiani di rango 8 e 16. Centro

di Calcoli numerici, Politecnico di Milano, 1958.

[66] Magliveras S.S., Leavitt D.W., Simple six designs exist, Proceedings of the 14th Southheastern
Conference on Combinatorics, Graph Theory, Computing, Congr. Num. 40, Utilitas Math.,

Winnipeg, 195-205, 1983.

[67] Mazzocca F., Blocking sets with respect to special families of lines and nuclei of θn −sets in
nite n−dimensional projective and ane spaces, Mitt. Math. Sem. Giessen, 201, 109-117,
1991.

[68] Metz R., On a class of unitals, Geom. Dedicata, 8, 125–126, 1979.


[69] Moufang R., Alternativkörper und der Satz vom vollständigen Vierseit. Abh.Math. Sem.

Hamburg, 9, 207–222, 1933.

[70] Moulton F.R., A simple non-Desarguesian plane Geometry, Trans. Amer. Math. Soc., 3,

192-195, 1902.

[71] von Neumann J., Morgenstern O., Theory of games and economic behavior, Princeton, 1947.
[72] Paley R.E.A.C., On orthogonal matrices, J. Math. and Phis., 12, 314-320, 1933.

[73] Panella G., Caratterizzazione delle quadriche di uno spazio (tridimensionale) lineare sopra un
corpo nito, Boll. U.M.I., 10, Serie III, 507-513, 1955.
[74] di Paola J., On a restricted class of block design games, Canadian J. Math., 18, 225-236,

1966.

[75] di Paola J., On minimum blocking coalitions in small projective games, SIAM J. of Appl.

Math., 17, 378-392, 1969.

[76] Pellegrino G., Sul massimo ordine delle calotte in S4,3 , Matematiche (Catania), 25, 1-9, 1970.
pagina n.145 429963_LAVORATO.pdf

BIBLIOGRAFIA 143

[77] Penttila T., Royle G.F. Sets of type (m, n) in ane and projective planes or order nine, Des.
Codes Cryptogr, 6, 229-245, 1995.

[78] Qvist B., Some remarks concerning curves of the second degree in a nite plane, Ann. Acad.

Sci. Fenn., Ser.A, 134, 1952.

[79] Ray-Chauduri D.K., Wilson D.K, Solution of Kirkman's school girl problem, Proc. Symp. in

Pure Math., Combinatorics, Amer. Math. Soc., 19, 187-204, 1971.

[80] Richardson M., On nite projective games, Proc. Amer. Math. Soc, 7, 458-465, 1956.

[81] Scafati M., Tallini G. Geometria di Galois e teoria dei codici, CISU, Roma, 1995.
[82] Segre B., Lezioni di geometria moderna, vol.I, Zanichelli, Bologna, 1948.

[83] Segre B., Sulle ovali dei piani lineari niti, Atti Acc. Naz. Lincei, Rend. Cl. Sci. Mat., Fis.,

Nat., 17, 141-142, 1954.

[84] Segre B., Ovals in nite projective planes, Canad. J. Math., 7, 414-416, 1955.

[85] Segre B., Sui k−archi nei piani di caratteristica due, Rev. Math. Pures Appl., 2, 289-300,

1957.

[86] Segre B., On complete caps and ovaloids in three dimensional Galois spaces of characteristic
two, Acta Arith., 5, 315-332, 1959.

[87] Segre B., Le geometrie di Galois, Ann. Mat. Pura e Appl., 48, 1-97, 1959.
[88] Segre B., Lectures on modern geometry, Ed. Cremonese, Roma, 1961.

[89] Segre B., Ovali e curve σ nei piani di Galois di caratteristica due, Atti Acc. Naz. Lincei,

Rend. Cl. Sci. Mat., Fis., Nat., 33, 785-790, 1962.

[90] Segre B., Teoria di Galois, brazioni proiettive e geometrie non desarguesiane , Annali di

Matematica Pura ed Applicata,64-1, 1-76, 1964.

[91] Shapley J., Simple Games - An outline of the Theory, Rand Corporation P-series Report,

1962.

[92] Singer J., A theorem in nite projective geometry and some applications to number theory,
Trans. Amer. Math. Soc., 43, 377-385, 1938.

[93] Steiner J., Combinatorische Aufgabe, Crelle's Journal, vol.XLV, 181-182, 1853.

[94] Tallini G., Sulle k−calotte di uno spazio lineare nito, Ann. Mat., 42, 119-164, 1956.
[95] Tallini G., Strutture grache proiettive, Liguori, Napoli, 1973.
[96] Tallini G., Teoria dei k−insiemi in uno spazio di Galois. Teoria dei codici correttori, Quaderno
n.64, Sem. Geom. Comb. Dip. Mat. Univ. Roma La Sapienza, 1985.
[97] Tallini G., Lezioni di geometria combinatoria, Quaderni dell'Unione Matematica Italiana, 48,
Pitagora Editrice, Bologna, 2005.

[98] Tao T., Poincaré’s legacies: pages from year two of a mathematical blog, Vol. I, American

Mathematical Society, 2009


pagina n.146 429963_LAVORATO.pdf

144 BIBLIOGRAFIA

[99] Tarry G., Le probleme des 36 ociers, C.R. Assoc. Fr. Av. Sci., 1, 122-123, 1900; 2, 170-203,

1901.

[100] Teirlinck L., Nontrivial t-designs without repetead blocks exist for all t, Discrete

Mathematics, 65, 301-311, 1987.

[101] Teirlinck L., Locally trivial t-designs and t-designs without repeated blocks, Discrete

Mathematics, 77, 345-356, 1989.

[102] Thas J.A., Connection between the Grassmannian Gk−1;n and the set of the k−arcs of the
Galois space Sn,q , Rend. Mat., 2, 121-134, 1969.
[103] Thas J.A., A combinatorial characterization of Hermitian curves, J. Algebraic Combin., 1,

97-102, 1992.

[104] Tits J., Ovoides et groupes du Suzuki, Arch. Math., 13, 187-198, 1962.
[105] Tonchev V.D., Combinatorial Congurations, Longman Scientic & Technical, 1988.

[106] Wol T., Recent work connected with the Kakeya problem, Prospects in Mathematics,

Princeton, NJ, 1996, Amer. Math. Soc., Providence, RI, pp. 129–162, 1999

[107] Zassenhaus H., Über endliche fastkörper, Math. Sem. Univ. Hamburg, 11, 187-220, 1936.
pagina n.147 429963_LAVORATO.pdf