Sei sulla pagina 1di 142

Storia Moderna, Carlo Capra

Storia Moderna
Università degli Studi di Firenze
141 pag.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Storia moderna, Carlo Capra (Virginia Salerno)

Monarchie e imperi tra il XV e il XVI secolo......................................................................................2


I nuovi orizzonti geografici................................................................................................................ 11
I nuovi orizzonti spirituali: Rinascimento e Roma............................................................................ 17
La Controriforma e l’Italia del pieno e tardo Cinquecento................................................................26
L’Europa nell’età di Filippo II........................................................................................................... 33
L’Europa nella guerra dei Trent’anni................................................................................................. 42
Rivoluzioni e rivolte...........................................................................................................................51
L’Italia del Seicento........................................................................................................................... 58
L’apogeo dell’assolutismo: la Francia di Luigi XIV..........................................................................65
I nuovi equilibri europei tra Sei e Settecento.....................................................................................71
Una nuova epoca di espansione......................................................................................................... 78
La civiltà dei Lumi.............................................................................................................................86
Francia e Inghilterra nel Settecento: un duello secolare.................................................................... 92
Assolutismo illuminato e riforme.......................................................................................................98
L’Italia del Settecento.......................................................................................................................105
Nascita di una nazione: gli Stati Uniti d'America............................................................................ 111
La Rivoluzione Francese dall'antico Regime alla monarchia costituzionale................................... 115
Dalla Repubblica giacobina al Direttorio.........................................................................................124
La Francia e l’Europa nell’età napoleonica..................................................................................... 133
L'età della Restaurazione................................................................................................................. 143

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Monarchie e imperi tra il XV e il XVI secolo

I Regni di Francia, Spagna, Inghilterra e l’Impero germanico (73-77)

Sotto Carlo VII (1483-1498), Luigi XII e Francesco I (1515-1547) la monarchia francese continuò
la tendenza all’accentramento del potere nelle mani del re e dei collaboratori da lui scelti, che già si
era affermata sotto Carlo VIII e Luigi XII.

Si rafforzò l’amministrazione finanziaria, crebbe l’autorità del Consiglio del re mentre si riunirono
con sempre minore frequenza gli Stati generali. Si affermarono in ambito giudiziario il Gran
Consiglio e i Parlamenti, tribunali d’appello eretti Parigi e nei principali centri provinciali, formati
da giuristi di origine borghese. I funzionari e i magistrati regi vennero reclutati in misura crescente
attraverso il meccanismo della vendita delle cariche pubbliche, che venne riconosciuto
ufficialmente nel 1522. Con queste, da un lato lo Stato acquistava introiti supplementari mentre
dall’altro si costituiva un ceto di funzionari numeroso e potente, al quale la proprietà degli uffici
ricoperti garantiva una certa autonomia. Le cariche più elevate conferivano nobiltà ai loro titolari –
che col tempo riuscirono a farle diventare ereditarie – che andarono a costituire una nobiltà detta
“di toga”, rivale della più antica, ma più rozza, detta “di spada”.

Nei confronti del papato furono fatti valere i privilegi della Chiesa gallicana già sanciti dalla
Prammatica sanzione del 1438. Nel 1516 Francesco I stipulò col papa Leone X un concordato a
Bologna: veniva lasciata cadere l’affermazione della superiorità del Concilio sul pontefice, ma in
cambio il re di Francia si vedeva riconoscere il diritto di nomina a tutti vescovati e gli arcivescovati,
alle abbazie e ai priorati.

Non dobbiamo pensare che la monarchia francese cosi come quella di alcun altro “Stato”
esercitasse già intorno al 1500 un’autorità assoluta e uniforme su tutto il territorio nazionale.

In Francia i grandi feudatari mantenevano potere locale, accresciuto talora dal titolo di governatore.
Le province di recente annessione: Linguadoca, Borgogna, Provenza e Bretagna (Pays d’ètats),
avevano le loro assemblee che contrattavano direttamente con la corona, e anche le città
conservavano in gran parte le proprie forme di autogoverno. La legislazione regia regolava solo
alcune materie mentre per il resto vigeva un diritto consuetudinario o ci si appellava a quello
romano.

In Spagna il matrimonio di Isabella di Castiglia con Ferdinando d’Aragona nel 1469 preparò, senza
che i due regni venissero uniti, il regno congiunto dei due sovrani, che ebbe inizio nel 1479 dopo un
periodo di difficoltà e guerre civili.

Fu soprattutto la Castiglia, la regione più ricca e popolosa, a costituire oggetto delle cure di governo
dei due monarchi. Qui l’anarchia feudale e il banditismo furono repressi con la riorganizzazione
della “Santa Fratellanza”, una confederazione di città che svolgeva compiti di polizia. Furono
nominati funzionari regi e le Cortes, ridotte alla fine alla sola partecipazione delle rappresentanze
del Terzo Stato, furono convocate di rado e indotte ad approvare la volontà sovrana. La
sottomissione della nobiltà fu d’altronde agevolata dalla politica di concessioni fatta da Ferdinando
che, oltre a farsi proclamare gran maestro di diversi potenti ordini militari, ottenne dal papa la
facoltà di conferire i seggi episcopali e gli altri benefici ecclesiastici.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Le tre province del Regno d’Aragona, Aragona, Catalogna e Valenza, mantennero invece inalterati
i propri privilegi e le proprie autonomie, custodite da Cortes assai più efficienti di quelle
castigliane. Venne comunque nominato un viceré e nel 1494 venne istituito anche un Consiglio
d’Aragona.

I principali elementi in comune fra i due regni erano la tradizione della Reconquista e
l’intransigente difesa dell’ortodossia religiosa che ne era il riflesso. L’Inquisizione spagnola, creata
nel 1478, e sottoposta all’autorità regia era l’unico organo la cui giurisdizione si estendesse
uniformante in Castiglia e Aragona. Il forte sostegno militante alla fede cattolica fu confermato nel
1492 con la conquista del Regno di Granada e l’espulsione degli ebrei e musulmani non
convertitesi. La nascente monarchia spagnola cementava così la propria unità religiosa, ma si
privava di forze economicamente attive.

La morte di Isabella nel 1504 aprì una crisi dinastica. Il trono sarebbe dovuto andare alla figlia
Giovanna che aveva sposato Filippo D’Asburgo, morto però precocemente. Data la pazzia di
Giovanna Ferdinando riuscì a riprendere in mano le redini del potere che tenne fino alla sua morte
nel 1516. Oltre alle conquiste italiane tra i successi di questo principe c’è l’annessione del Regno di
Navarra, nel 1512, che estendeva il dominio spagnolo ai suoi confini naturali.

In Inghilterra Enrico VII Tudor, uscito vincitore dalla guerra delle Due Rose tra le case di Lancaster
e di York (1455-1485), consolidò gradualmente il proprio potere stroncando varie congiure e
ribellioni nobiliari, amministrando oculatamente le finanze e rafforzando gli organi centrali del
governo regio.

Questi erano il Consiglio della corona, i Consigli del nord e del Galles e il Tribunale della camera
stellata, la cui giurisdizione si estendeva a tutti i casi non contemplati dal diritto consuetudinario e
in particolare ai reati di natura politica. In sede locale furono rafforzate le funzioni amministrative
e giudiziarie dei giudici di pace, nominati dal re ma non retribuiti e tratti dalla piccola nobiltà
provinciale. Il Parlamento fu invece convocato sempre più di rado.

Proseguì nel senso assolutistico anche il figlio di Enrico VII, Enrico VIII. Nel primo ventennio del
regno questi pose in primo piano la politica estera lasciando quella interna al suo cancelliere, il
cardinale Thomas Wolsey. L’intervento nelle guerre continentali non fruttò vantaggi degni di nota
all’Inghilterra.

Il distacco da Roma della Chiesa d’Inghilterra e l’Atto di supremazia del 1534 coincideranno invece
con un rafforzamento ulteriore delle strutture di governo, ma anche con una riaffermazione del
ruolo del Parlamento quale interprete della volontà del Regno.

Alla morte di Filippo III d’Asburgo, nel 1493, l’Impero germanico rimaneva un coacervo
ingovernabile di Stati territoriali, principati ecclesiastici, libere città, feudi “immediati” (= soggetti
solo all’autorità dell’imperatore), di popoli e lingue diverse.

Molto forti erano i contrasti tra le aree più urbanizzate e più sviluppate economicamente e
culturalmente – le regioni meridionali, la fascia renana e le città anseatiche – e le zone interne,
rurali e legate a un modo di vita medievale.

A complicare la situazione si aggiungeva la duplice qualità del sovrano, che reggeva a titolo
ereditario gli Stati della casa d’Asburgo – Austria, Stiria, Carinzia, Carniola, Tirolo e Gorizia –

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
mentre doveva la dignità imperiale alla designazione della Dieta ristretta, composta dai 7 grandi
elettori – re di Boemia, principi di Sassonia, di Brandeburgo e del Palatinato e tre arcivescovi di
Magonza, Treviri e di Colonia –. A questo nucleo ristretto si contrapponeva la Dieta allargata a tutti
gli “ordini” dell’Impero.

Il regno di Massimiliano I, 1493-1519, si aprì con un notevole successo diplomatico: la pace di


Senlis con la Francia riconosceva, infatti, agli Asburgo il possesso dei Paesi Bassi, dell’Artois della
Francia Contea. A Massimiliano mancavano tutta via i mezzi per sostenere i suoi grandi progetti
che prevedevano una crociata contro i turchi e la riaffermazione della potenza imperiale in Italia. Il
tentativo della Dieta di Worms, nel 1495, di dare maggiore compattezza all’Impero germanico e di
estrarne regolari risorse finanziarie ebbe infatti un successo parziale. Un certo accentramento del
potere fu conseguito solo negli Stati ereditari asburgici.

Con queste premesse la volontà di Massimiliano di opporsi alle mire italiane dei re di Francia
rimase puramente velleitaria così come il tentativo di riduzione all’obbedienza dei cantoni elvetici.
Nel 1499 con la disfatta di Dornach, presso Basilea, iniziò l’indipendenza della Svizzera
dall’Impero.

Guerre ed eserciti tra Medioevo ed età moderna (77-79)

Il periodo a cavallo tra il ‘400 e il ‘500, nel quale si svolsero le guerre d’Italia, è stato un’epoca di
grandi cambiamenti nel campo dell’arte della guerra e della tecnologia militare europea
(“rivoluzione militare”).

Questo termine si deve soprattutto a Geoffrey Parker il quale ha ipotizzato che lo sviluppo
dell’artiglieria, delle nuove tecniche costruttive, delle fortificazioni cosiddette “all’italiana” e un
generale aumento degli effettivi degli eserciti, rendendo molto più dispendiose le operazioni
belliche, avrebbe provocato un circolo vizioso capace di favorire a sua volta una rivoluzione
finanziaria e l’affermazione delle grandi monarchie europee, le sole in grado di sostenere i costi di
guerre prolungate e di eserciti permanenti, non più alla portata di signori feudali e di piccole entità
statali.

• declino dell’elemento centrale della guerra in età feudale: la cavalleria pesante – che
conservò, attraverso armature sempre più leggere, la sua importanza come arma
ausiliaria, per le scorrerie in campo nemico e l’inseguimento – e ascesa delle fanterie,
già iniziata durante la guerra dei Cent’anni. Grazie alla loro tecnica i fanti svizzeri –
molto usati da Carlo VIII – ebbero per lungo tempo la fama d’invincibilità (1512,
conquista di Milano) finche non furono sconfitti da mercenari tedeschi e lanzichenecchi
che adottarono lo stesso ordine di battaglia: 6000 ca. uomini protetti sul fronte e ai
fianchi attraverso picche lunghissime a mo’ di istrice – che rendevano la cavalleria
inefficace. Piano piano i vari schieramenti furono resi più flessibili (Gonzalo Ferdinando
de Córdoba) e dominarono le guerre terrestri in Europa fino al 1643.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
• Nuovi tipi di fortificazioni dotate di mura basse e molto larghe, capaci di resistere al
cannoneggiamento, e di bastioni per rispondere al fuoco degli assedianti.

Questa evoluzione dell’arte militare si può considerare insieme causa ed effetto di più profondi
mutamenti nella società e nello Stato.

Il guerriero medievale era espressione di un ordine sociale che riservava la professione della guerra
a una classe di milites in grado di trarre dai propri possedimenti feudali le risorse e gli uomini
necessari. Ed era legato a un ethos aristocratico e cavalleresco che fece a lungo apparire come
riprovevole e vile colpire da lontano un nemico.

L’ascesa della fanteria e dell’artiglieria ad armi decisive manifestava la nuova potenza finanziaria e
accentrata dello Stato rinascimentale che relegava a un ruolo accessorio l’apporto della nobiltà, sia
per l’attacco che per la difesa, ed era l’unico a potersi permettere certe spese di guerra, come nuove
e imponenti mura. Così come nella cavalleria medievale anche nelle fanterie dell’età moderna si
sviluppò uno spirito di corpo e orgoglio professionale delle truppe mercenarie (hidalgos).

La prima fase delle guerre d’Italia, 1494-1516 (79-82)

In Italia l’equilibrio sancito dalla Pace di Lodi, nel 1454, durò fino all’ultimo decennio del secolo.

Nel 1492 scomparvero due protagonisti di quella fase politica: papa Innocenzo VIII, cui succedette
Rodrigo Borgia col nome di Alessandro VI e Lorenzo dei Medici. La stabilità era inoltre minacciata
dalle mire espansionistiche della Repubblica di Venezia e dalle ambizioni del signore di Milano,
Ludovico Sforza detto il Moro, che puntava a consolidare il proprio potere usurpato al nipote Gian
Galeazzo.

Pur di raggiungere i propri fini Venezia, Milano e il nuovo pontefice furono pronti a invocare
l’aiuto di potenze straniere, come d’altronde era spesso successo in passato. L’errore che si può
imputare loro, più che quello di avere anteposto il proprio particolare tornaconto a un interesse
nazionale, allora sentito da pochi letterati come Machiavelli e Guicciardini, è quello di non aver
tenuto sufficiente conto della propria fragilità interna e di aver sottovalutato le nuove dimensioni
politico-militari delle monarchie di Francia e Spagna.

Il re di Francia Carlo VIII intendeva far valere sul regno di Napoli i diritti angioini, e per preparare
le condizioni internazionali favorevoli alla sua discesa aveva firmato la pace di Senlis con l’Impero
e aveva ceduto alla Spagna alcune province di confine. Incoraggiato da Venezia e Milano –
desiderosi di veder umiliato il re di Napoli Ferrante d’Aragona – nel 1495, quasi senza incontrare
resistenza, Carlo entrò a Napoli, accolto come un liberatore dai nobili che pochi anni prima si erano
sollevati contro il re. Solo allora gli italiani si resero conto del pericolo alleandosi in una Lega
antifrancese comprendente Milano, Venezia, Firenze, lo Stato pontificio, la Spagna e l’Impero.
Pochi mesi più tardi mentre Carlo ritornava in Francia il Mezzogiorno fu riconquistato da
Ferdinando II d’Aragona appoggiato da spagnoli e veneziani. L’impresa di Carlo si chiuse con un
nulla di fatto, ma mise comunque in mostra la fragilità dell’assetto politico italiano e aprì la via alle
successive invasioni.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
I contraccolpi di ciò furono sensibili soprattutto in Toscana, dove Piero de’ Medici, l’inetto
successore e figlio del Magnifico, fu cacciato dai fiorentini sdegnati per la sua condiscenda alle
richieste di Carlo VIII. Pisa e altre città suddite si rifiutarono di tornare sotto il dominio fiorentino
fino al 1509 e nella stessa Firenze, la lotta politica tra le varie fazioni minacciava di degenerare in
guerra civile. In questa situazione grande successo ebbe Savonarola la cui guida al governo della
neo Repubblica fiorentina durò fino al 1498.

Venezia nel frattempo non desisteva dai suoi disegni di espansione. Non contenta di aver sobillato
la rivolta di Pisa e di aver occupato alcuni porti delle Puglie, nell’aprile del 1498, concluse con
Luigi XII, appena succeduto a Carlo VIII, un trattato di alleanza che le garantiva Cremona e la
Ghiara d’Adda in cambio del suo appoggio alla conquista francese del Ducato di Milano che si
concluse nel 1499 con l’incarcerazione di Ludovico il Moro.

Dopo un fallito tentativo di spartizione del Regno di Napoli fra Francia e Spagna questa vi rimase
unica padrona nel 1503, soprattutto grazie all’opera del comandante Gonzalo Fernández de
Cordoba. Negli stessi anni Cesare Borgia, detto il Valentino, un figlio naturale di Alessandro VI,
grazie al sostegno del padre e del re di Francia giunse a ritagliarsi un dominio personale nella
Romagna e nelle Marche eliminando i vari signori delle zone solo nominalmente soggette al papa.
La morte di Alessandro VI, nel 1503, fece però abortire l’impresa.

Giulio II non più sensibile del predecessore alle questioni religiose era, però, animato da un più
generale proposito di restaurare il dominio temporale della Chiesa. Dopo varie spedizioni contro
vari signori, intimò Venezia di ritirarsi da Rimini e Faenza, dove si era insediata alla caduta di
Cesare Borgia. Di conseguenza al rifiuto il papa si fece promotore di un’alleanza antiveneziana, la
Lega di Cambrai, stipulata nel 1508 dai rappresentati dell’imperatore Massimiliano, del re di
Francia e della Spagna. Nel 1509 l’esercito veneziano fu duramente sconfitto dai francesi ad
Agnadello, Cremona e la terraferma veneziana furono poi facile preda dell’Impero grazie allo
scontento delle aristocrazie locali, escluse da ogni partecipazione al governo.

Ben presto però gli alleati si trovarono in disaccordo. Il papa soddisfatto sia da un punto di vista
temporale (restituzione terre e navigazione libera nell’Adriatico) che spirituale (rinuncia di Venezia
all’appello al Concilio e tassazione ecclesiastici) tolse la scomunica a Serenissima Repubblica e
promosse la Lega Santa, contro la Francia di cui ora temeva la strapotenza, a cui presero parte nel
1511 Spagna, Inghilterra e svizzeri.

La Francia si riappacificò allora con Venezia che promise proprio aiuto per gli Svizzeri. Venezia a
sua volta fu sostenuta da contadini e popolani stanchi degli abusi degli invasori e dello strapotere
delle aristocrazie locali. Negli anni seguenti si rimpadronì cosi delle città venete ancora in mano
all’imperatore. La Repubblica di San Marco riuscì a conservare l’essenziale dei suoi domini in
terraferma, rinunciano ai più recenti acquisti in Lombardia, Puglie e Romagna. Ma la sconfitta di
Agnadello segnò indubbiamente una svolta nella sua politica italiana, che sarà d’ora in poi rivolta a
conservare l’esistente e non più alla ricerca d’ingrandimenti.

Salito al trono Francesco I si preparò subito per un’altra discesa in Italia che si verificò nel 1515, a
Melegnano, quando riuscì a strappare Milano agli svizzeri che ormai la controllavano dal 1512.
Agli svizzeri fu lasciata solo la contea di Bellinzona e altri territori oggi compresi nel Canton
Ticino. La pace di Noyon, 1516, tra Francia e Spagna consolidava per il momento l’equilibrio
raggiunto: alla Francia Milano e alla Spagna Napoli.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Carlo V: il sogno di una monarchia universale (82-73)

Alla morte di Ferdinando il Cattolico, nel 1516, il nipote Carlo d’Asburgo, nato da Giovanna la
Pazza e da Filippo d’Asburgo, figlio di Massimiliano I, ereditò di fatto la corona di Spagna. Dopo la
morte di Massimiliano I alla candidatura di Carlo per la dignità imperiale si contrappose quella del
re di Francia Francesco I, appoggiata anche dal pontefice Leone X dei Medici. Grazie all’ostilità
degli elettori tedeschi per la Francia e all’oro prestato da dei banchieri per comprare i voti degli
elettori Carlo fu eletto all’unanimità dalla Dieta riunita a Francoforte nel 1519.

Cresciuto a Bruxelles, alla corte della zia reggente Margherita e circondato da nobili, Carlo aveva
assorbito un orgoglioso senso dinastico e una cultura aristocratica e cavalleresca francoborgognona.
Dal suo precettore, futuro papa Adriano VI, aveva preso poi una religiosità sincera e profonda
vicina ai moduli della Devotio moderna e non priva d’influssi erasmiani. A completare la
personalità si aggiungeva poi l’idea imperiale, intesa come dovere di guidare la cristianità, di
mantenerla unita nella giustizia e nella fede. Ma questo cammino si presentò sin dall’inizio pieno di
ostacoli.

Nel suo primo soggiorno in Spagna Carlo scontentò subito la nobiltà locale, distribuendo molte
cariche religiose e laiche a uomini del suo seguito, e irritò le città della Castiglia con la richiesta di
nuove tasse. Nel 1520 scoppiò la cosiddetta rivolta dei comuneros, nata come una coalizione delle
città che rivendicavano le proprie autonomie ma divenuta di carattere popolare e antifeudale, cosa
che spiega l’allontanarsene delle aristocrazie. La lezione servì però all’imperatore che imparò ad
avere maggior rispetto per l’orgoglio dei suoi sudditi spagnoli: tra loro soggiorno per un totale di 16
anni sui 40 del suo regno. Spagnoli furono in misura crescente suoi capitani e consiglieri e il
matrimonio con Isabella d’Aviz, infanta del Portogallo e reggente durante le assenze del monarca,
va inquadrata in questa prospettiva. Furono i castigliani a sopportare il maggior peso durante le
guerre di Carlo ma sempre loro a trarne i maggiori benefici, in termini non solo di impieghi civili e
militari ma di gloria e onore, sia dai possedimenti europei di Carlo V sia da quelli del Nuovo
Mondo. L’aumento della popolazione e la prosperità dei commerci e traffici indica che sotto Carlo
V l’onere della politica imperiale non era sproporzionato alle risorse del paese, come avverrà con
Filippo II.

Asburgo contro Valois: la ripresa della guerra in Italia (84-86)

In Germania Carlo V si trovò a fare i conti col problema luterano. Ma dopo il 1520 la sua attenzione
fu assorbita soprattutto dalle questioni italiane. Nella nuova situazione l’equilibrio era impensabile.

La Francia doveva cercare di rompere l’accerchiamento dei domini asburgici, mentre da parte
imperiale si riteneva giunto il momento di strappare all’avversario il Milanese e la Borgogna,
territori situati entro i confini dell’Impero e di grande importanza strategica. Milano dovette esser
evacuata dai francesi fin dalla primavera del 1521, e la situazione si fece ancora più difficile con
l’elezione al soglio di pontefice di Adriano VI e col passaggio a favore imperiale di Enrico VIII
d’Inghilterra e Venezia. Il tentativo di assediare Pavia e Milano di Francesco I nel 1524 fu tanto
fallimentare che questo stesso venne fatto prigioniero e costretto a firmare il Trattato di Madrid con
cui s’impegnava a rinunciare per sempre al Milanese e a dare all’imperatore la Borgogna.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Ma già nel 1526, con la Lega di Cognac, Francia, il papa Clemente VII dei Medici, Firenze e
Venezia si univano con scopi difensivi mentre i turchi alleati di Francesco I avanzavano in
Ungheria. I francesi però si attardarono a intervenire in Italia permettendo ai lanzichenecchi di
Carlo V di farsi strada. Questi rimasti senza capo e luterani entrarono a Roma e costrinsero il papa
a rifugiarsi a Castel Sant’Angelo nel 1527. Immenso fu l’eco che ciò ebbe nella cristianità,
interpretato e presentato, dalla stessa propaganda imperiale, come il giudizio divino di Dio sulla
Chiesa corrotta. I fiorentini approfittarono della disgrazia del pontefice per sollevarsi contro la
signoria dei Medici e ristabilire un governo repubblicano nel 1527 e le cose peggiorarono
ulteriormente per la Lega per via del voltafaccia di Andrea Doria, armatore di Genova.

Maturarono così le condizioni per la sospensione delle ostilità, desiderata anche da Carlo V a causa
delle difficoltà finanziarie e del riacutizzarsi del pericolo ottomano. Nel 1529 egli firmò col
pontefice la Pace di Barcellona e poco dopo si riconciliò anche con Francesco I che, rinunciava ai
domini italiani ma manteneva la Borgogna.

Carlo V poi s’incontrò con Clemente VII a Bologna per regolare le questioni italiane in sospeso: a
Milano fu insediato Francesco II Sforza, col patto che alla sua morte il dominio sarebbe tornato
all’Impero. Fu riappoggiato il ritorno dei Medici a Firenze, che resistette fino all’agosto del 1530.
Carlo V venne incoronato imperatore a San Petronio – fu l’ultima volta che avvenne in Italia questa
cerimonia medievale – e ottenne dal pontefice un vago impegno per la convocazione di un Concilio
che avrebbe dovuto sanare lo scisma religioso e procedere a una riforma ecclesiastica.

Ci furono dei tentativi di Francesco I di riaccendere la guerra in Italia e nei Paesi Bassi, dopo la
morte di Francesco II Sforza nel 1535-1537 e poi nel 1542-1544 ma entrambi infruttuosi.

L’espansione della potenza ottomana (86-88)

(1453 Caduta di Costantinopoli, la quale prende il nome di Istanbul + estensione dell’Impero fino
a comprendere Serbia e Bosnia per opera di Maometto II).

Se nella penisola balcanica e nel Mediterraneo l’espansione ottomana parve non incontrare ostacoli,
a oriente essa venne contrastata fin dagli inizi del XVI secolo dalla ricostruzione dell’Impero
persiano a opera della dinastia safawide, che aveva abbracciato la fede sciita, e che già nel 1499
aveva esteso il suo dominio fino al Golfo Persico a sud e fino al Khorasan a est.

Preoccupato da questi successi Selim I, 1512-1520, dopo aver fatto massacrare migliaia di suoi
sudditi sciiti si mosse contro Ismail con un grande esercito. Nel 1514 annesse Armenia e Kurdistan
e poi, assicuratesi le spalle a oriente, volse la sua attenzione al Mediterraneo e nel giro di poco
annesse Siria ed Egitto, importanti sia da un punto di vista religioso – dall’Egitto dipendevano La
Mecca e Medina – che da quello economico-politico. Il sultano di Costantinopoli diveniva così il
capo riconosciuto di tutto l’Islam sunnita, cui guardavano come a un protettore anche gli Stati
barbareschi della costa nordafricana.

L’avanzata dei turchi nei Balcani riprese nel 1526, quando Solimano il Magnifico conquistò Buda e
fece dell’Ungheria uno Stato vassallo, sotto la sovranità del principe di Transilvania Giovanni
Szapolyai. Ma la successione era in realtà rivendicata dall’arciduca Ferdinando cognato del defunto
sovrano ungherese e fratello di Carlo V. Seguì un conflitto in cui i turchi arrivano fin sotto le mura

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
di Vienna. Ma i ducati austriaci erano troppo lontani dalle basi ottomane: il fallimento nel 1532
convinse Solimano a concludere una pace con Ferdinando a cui venne riconosciuto il possesso di
un’ampia striscia di territorio ungherese a nord-ovest mentre sul trono di Buda riveniva confermato
Szapolyai.

La minaccia ottomana nel Mediterraneo costrinse Carlo V a intervenire contro i pirati che erano
riusciti a conquistare Tunisi nel 1543. Ma il trionfo cristiano fu di breve durata.

Solimano estese i propri domini a sud fino allo Yemen e ad Aden. L’impero ottomano contava
intorno al 1530 oltre 30milioni di abitanti gran parte dei quali erano cristiani. La convivenza fra
religioni era pacifica, e l’unica discriminazione a danno dei non musulmani era il pagamento di una
tassa. Fondamentale fu il contributo dei cristiani per esempio attraverso lo devshirme: leva forzata
di bambini che venivano addestrati nella fede musulmana per servizi di corte o militari.

L’esercito ottomano era formidabile. In questo Impero tutta la terra, tranne quella adibita al servizio
religioso, apparteneva teoricamente al sultano che esercitava un’autorità assoluta. Gli aspetti
arbitrari e dispotici di questo sistema di governo, spesso ingigantiti dalle fonti occidentali, non
incidevano però sulla vita della massa dei sudditi, le cui condizioni erano per certi aspetti migliori
di quelle dei loro omologhi europei: non esisteva la servitù della gleba e il prelievo sulle masse
rurali non era eccessivamente gravoso, i giudici che applicavano la legge islamica (nel mondo
musulmano la religione aveva una forte valenza giuridica) amministravano una giustizia pronta e
imparziale, e la protezione dello Stato era assicurata ai mercanti e agli artigiani, riuniti in
corporazioni anch’esse a sfondo religioso.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
I nuovi orizzonti geografici
Alla fine del Medioevo, i rapporti diretti degli europei con gli altri continenti erano sostanzialmente
limitati agli scambi economici e culturali tra le varie sponde del Mediterraneo. I viaggi “alla Marco
Polo”, 1200-1300, si erano fatti molto più difficili dall’arrivo della dinastia Ming in Cina e con
l’espansione ottomana.

I mercanti veneziani, che avevano il monopolio della fornitura di spezie e sete orientali in Europa,
dovevano ormai approvvigionarsi dagli intermediari arabi nei porti di Alessandria e Beirut, mentre
oro, avorio, e schiavi dell’Africa nera giungevano passando per l’Egitto dei mamelucchi e per gli
Stati nordafricani affacciati sul Mediterraneo.

Le nozioni geografiche del primo Rinascimento erano, per quanto riguardava gli altri continenti,
assai vaghe e imprecise e risalenti in molti casi all’età classica ancor più che ai resoconti di
viaggiatori. Si era ormai impostata la concezione sferica della terra (Tolomeo, II secolo d.C.) ma il
continente africano era creduto molto più corto di quello che è e la sua costa occidentale era
raffigurata come una linea obliqua tendente verso sud-est. Il blocco formato dai tre continenti noti
era collocato nell’emisfero settentrionale e dell’esistenza delle Americhe o dell’Oceania non si
aveva nessuna idea.

Paradossalmente furono proprio questi errori a incoraggiare i viaggi di esplorazione dei portoghesi
e di Colombo. E un effetto analogo ebbero le idee fantasiose ed esagerate circa la ricchezza delle
Indie o l’esistenza del regno mitico di Prete Gianni.

I viaggi di esplorazione e di scoperta (96-100)

Il primo paese a intraprendere nel XV secolo l’esplorazione di nuovi mondi fu il Portogallo, questo
grazie alla favorevole posizione geografica, all’alleanza stabilita dalla dinastia Aviz con il ceto
mercantile e marinaresco e, infine, all’interesse del tutto personale e particolare che un principe,
Enrico il Navigatore (1394-1460), ebbe per l’esplorazione delle coste occidentali dell’Africa.

I grandi successi portoghesi, e non solo, si devono inoltre a una moltitudine di fattori: la caravella,
piccola ma veloce e facilmente manovrabile, utilizzata come strumento ideale per la navigazione
oceanica, i progressi generali compiuti nella costruzione di navi e nella tecnica della navigazione
mediante l’uso di vari strumenti – come quelli per misurare la latitudine o la bussola ad ago
magnetico – l’”occhio” e la capacità, dovuta all’esperienza, sempre in crescita dei capitani nel
calcolare le distanze percorse e nello sfruttare il regime dei venti…

L’espansione marittima portoghese ebbe inizio con la presa di Ceuta, a sud dello stretto di
Gibilterra, nel 1415, proseguì con l’occupazione dell’isola di Madera e delle Azzorre, la scoperta di
Capo Verde e del Golfo di Guinea.

Ovviamente non era solo la curiosità scientifica a spingere i navigatori sempre più a sud, fin dagli
anni ‘40 le loro caravelle cominciarono a tornare cariche di schiavi e oro.

Il re del Portogallo Giovanni II, 1481-1495, si pose come chiari obbiettivi quelli di riuscire a
circumnavigare l’Africa e scoprire di più sui porti e la navigazione nell’oceano Indiano. Nel 1487
Bartolomeo Diaz doppiò per la prima volta l’estremità meridionale del continente nero.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
A Giovanni II si era, nel frattempo, rivolto un navigatore genovese, Cristoforo Colombo
(1451-1506), che aveva viaggiato molto per gli affari paterni, prima, e al servizio di grandi case
mercantili della sua città, dopo. In Portogallo, dove si era sposato e dove viveva suo fratello, era
maturato il suo progetto di raggiungere l’Oriente circumnavigando la Terra verso occidente,
convinto che la distanza tra il Giappone e l’Europa occidentale fosse di appena una 60ina di gradi
di longitudine, circa un terzo della realtà.

Poiché la corte portoghese si mostrò scettica ad appoggiare Colombo fu la Spagna. Questa appena
conclusasi la Reconquista era in un pieno clima di esaltazione che convinse i “re cattolici” a firmare
le capitolazioni di Santa Fé: oltre a una parte della somma necessaria a finanziare l’impresa (il resto
fu sottoscritto da banchieri italiani) a Colombo veniva concesso il titolo di “ammiraglio del mare
Oceano”, la carica di viceré e governatore delle terre eventualmente scoperte, una
compartecipazione agli utili che ne sarebbero derivati e privilegi di nobiltà trasmissibili agli eredi.

Il 12 ottobre 1494 dopo una pausa alle Canarie Colombo arrivò all’attuale isola di Watling, nelle
Bahamas. L’ammiraglio era convinto, e non si ricrederà mai, di essere giunto in Asia e di avere così
dimostrato la validità della propria teoria. Le isole esplorate di Cuba e Haiti furono scambiate di
conseguenza per isole del Giappone.

Da qui iniziarono una serie innumerevole di spedizioni, tra cui:

• Una seconda spedizione di Colombo, che non portando le ricchezze sperate - ma solo
schiavi neri e accuse di mal governo – rischiò di mettere a rischio le altre due con cui
furono scoperte le foci dell’Orinoco e perlustrata l’America centrale.

• Giovanni Caboto a Terranova, verso il Labrador e le coste nord-occidentali degli attuali


Stati Uniti per conto della corona inglese.

• Amerigo Vespucci, al servizio prima di Spagna poi del Portogallo, su tutta la costa
atlantica dell’America.

Un’altra importante conseguenza fu sicuramente la disputa insorta tra Spagna e Portogallo circa
l’appartenenza dei territori scoperti. Fallito un tentativo di mediazione di papa Alessandro VI,
Giovanni II stipulò con la corte spagnola il Trattato di Tordesillas nel 1494. Questo stabilì che la
linea divisoria tra l’area portoghese e quella spagnola era fissata 370 leghe a ovest delle isole di
Capo Verde, il che renderà possibile al Portogallo la rivendicazione del Brasile, scoperto da
Cabral nel 1500.

La rivalità con la Spagna affrettò i preparativi portoghesi per la decisiva spedizione alle Indie
orientali:

• 1490, Vasco da Gama gettò le ancore nei pressi di Calicut, nonostante la fredda
accoglienza del sovrano locale.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
• Dopo aver scoperto e “preso” il Brasile, nel 1500, la squadra di Pedro Álvares Cabral,
raggiunse l’India ripetendo il viaggio di Vasco da Gama, e manifestandosi molto meno
disponibile col sovrano locale di Calicut.

Nei primi anni del nuovo secolo l’obbiettivo principale dei navigatori fu quello di trovare un
passaggio, a sud o a nord, che permettesse di andare oltre l’America e di trovare finalmente la rotta
marittima per l’Asia.

Nel 1520 Francesco Magellano trovò in fondo alla Patagonia lo stretto destinato a prendere il suo
nome. A questo punto con tre sole navi (una tornò indietro e un’altra era naufragata) affrontò la
traversata del Pacifico, e dopo oltre tre mesi di navigazione sbarcò nelle Filippine e ne prese
possesso in nome del re di Spagna. Dopo aver circumnavigato l’Africa a tornare sulle coste
spagnole nel 1522 furono solo meno di venti uomini, Magellano stesso era morto in uno scontro
con gli indigeni.

Ma con la prima circumnavigazione del globo si avverava il sogno di Colombo e si ampliavano in


misura incalcolabile le conoscenze geografiche mostrando però quanto lunga e pericolosa fosse
questa via per giungere all’Oriente. D’ora in poi spagnoli e portoghesi avrebbero badato soprattutto
a rafforzare le proprie posizioni nelle rispettive aree d’influenza e a trarne più vantaggi possibili sul
piano economico.

Spezie e cannoni: l’impero marittimo dei portoghesi (100-101)

Tra le conquiste portoghesi il Brasile rimase in un primo tempo priva di risultati economici. Tutti
gli sforzi del Portogallo si concentrarono nello sfruttamento della carreira de India. Il tragitto di
andata e ritorno dall’oceano Indiano, che richiedeva circa un anno e mezzo, assunse una cadenza
pressoché annuale.

Ma il numero di portoghesi in Oriente non fu mai sufficiente per la conquista o colonizzazione di


vasti territori.

Anche nell’Africa orientale e nell’Asia meridionale fu dunque ripetuto il modello già sperimentato
con successo nel golfo di Guinea: la costruzione di fortezze e empori commerciali in luoghi
strategici, gli accordi coi sovrani locali, preceduti o accompagnati se necessario da prove di forza,
per la fornitura di spezie, tessuti o altri prodotti a condizioni di monopolio o di favore, la lotta senza
quartiere contro i concorrenti, arabi, indiani o malesi che fossero.

Nei decenni successivi ai territori controllati attraverso i propri viceré – lungo le coste africane e
asiatiche, all’imboccatura del mar Rosso e del golfo Persico – si aggiunsero altre conquiste: isola di
Ceylon, nelle Molucche, emporio a Macao concesso da Cina, visite in Giappone per un certo
periodo…

Tranne che nell’Estremo Oriente, il commercio era strettamente controllato dalla Casa de India di
Lisbona che prelevava il 30% elle importazioni mentre il resto finiva nelle mani dei finanziatori
delle spedizioni: italiani, tedeschi e fiamminghi.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Dunque solo in parte questi traffici arricchivano il Portogallo a cui per altro spettavano molte spese
di difesa. Inoltre i portoghesi non riuscirono a impadronirsi di Aden e far chiudere il mar Rosso, la
tradizionale via marittima di approvvigionamento delle spezie per il Levante e l’Europa, cosicché
grazie anche alla conquista della Siria e dell’Egitto da parte degli ottomani, nel 1516-1517, le
spezie e gli altri prodotti cominciarono ad affluire nel Mediterraneo. Si arrivò per tanto a una sorta
di spartizione del mercato europeo tra Venezia da un lato e i portoghesi più alleati dall’altro. Infine
a differenza degli eredi inglesi e olandesi i portoghesi non cercarono di monopolizzare il lucroso
commercio interasiatico.

Le imprese dei conquistadores spagnoli (101-103)

Nei primi venticinque anni dopo la scoperta di Colombo, la presenza europea nel Nuovo Mondo si
limitò sostanzialmente alle isole caraibiche e puntò soprattutto alla ricerca dell’oro. Spietato fu lo
sfruttamento della popolazione indigena, in poco tempo ridotta ai minimi termini dagli stenti e dalle
malattie introdotte dagli europei. Solo nel 1517 ebbe inizio seriamente l’esplorazione della
terraferma, dove correva voce che esistessero potenti regni e inestimabili tesori.

Protagonisti ne furono i conquistadores, quei soldati spagnoli che, di origini nobili ma povere,
ispirati dalla lettura dei romanzi cavallereschi e infiammati dal miraggio dell’oro e della gloria,
attraversarono l’oceano e mossero alla conquista di grandi regni come quello Azteco (distruzione
della sua capitale, México-Tenochtitlán, nel 1521) e Inca (nascita al suo posto del vicereame
spagnolo detto Perù, 1544).

Numerosi fattori sono stati invocati per spiegare il crollo di questi grandi e popolosi regni di fronte
all’attacco di un pugno di uomini: il terrore che incutevano le armi da fuoco e le cavalcature degli
spagnoli, la loro stessa furia omicida, i contrasti etnici e dinastici che indebolivano gli indigeni, gli
aiuti recati agli spagnoli da popolazioni indie insofferenti del giogo…

Ma in più il trauma della sensazione di esser stati abbandonati dagli dei, la percezione della fine
della loro civiltà e lo sfacelo del loro universo religioso e culturale, simboleggiato dall’uccisione
del sovrano che ne era il supremo garante, dovette perpetuarsi a lungo fra gli indios sopravvissuti
alla tragedia. Questo stato d’animo – dimostrato anche dall’aumento dei suicidi – fu indubbiamente
tra le cause del rapido e catastrofico declino della popolazione indigena nell’America latina, a cui
si unì lo sfruttamento intensivo a cui questa fu sottoposta dai nuovi padroni, le nuove malattie
introdotte contro le quali gli indigeni non avevano difese immunitarie e la degradazione
dell’ambiente provocata dalla la preferenza data dagli spagnoli all’allevamento a danno
dell’agricoltura e delle opere irrigatorie.

La colonizzazione spagnola del Nuovo Mondo (103-104)

Nel corso del 1500 la colonizzazione spagnola si estese sia verso nord, fino a comprendere la
California e la Florida, sia nel continente sudamericano, dove il limite all’espansione fu costituito
dalle foreste amazzoniche, dalle pampas argentine e dalla bellicosità delle tribù indie del Cile
meridionale.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Allorché: immigrazione dall’Europa (principalmente Castiglia, uomini e schiavi africani, 220.000
mila nei primi ¾ del 1500) / meticciato / fondazione di città e encomendias (circoscrizioni
territoriali – all’interno della quale il “signore” aveva il diritto di riscuotere determinati tributi e
prestazioni in cambio di protezione e conversione alla fede cristiana – divennero lo strumento
indiscriminato del lavoro indigeno) / divisione in due vicereami: Nuova Spagna e Perù, divisi a loro
volta in province variamente denominate e circoscrizioni giudiziarie / viceré, funzionari, giudici e
vescovi nominati dal re su proposta a partire dal 1524 del Consiglio delle Indie (organo creato
appositamente per sovrintendere al governo dei territori d’oltreoceano) / nuove leggi promulgate da
Carlo V nel 1542 per una certa azione di controllo della società coloniale e di moderazione dei
molteplici soprusi che la caratterizzavano (tra cui divieto di ridurre in schiavitù gli indios, azione di
ordini regolari francescani, domenicani e poi anche gesuiti per controllo ed evangelizzazione) / per
gli aspetti economici differenza fra varie zone e fasi di sviluppo: estrazione oro, coltivazione canna
da zucchero, importazione di nuove specie di animali e vegetali, esportazione cocciniglia,
coltivazione di mais, frumento, olivo e vite, creazione di locale industria laniera, costruzione di
grandi ranchos… (tenute dedite soprattutto all’allevamento), estrazione del minerale, scavo gallerie
e pozzi…

Le ripercussioni in Europa (104-106)

L’afflusso di metalli preziosi dalle Americhe è stato considerato la causa fondamentale della
cosiddetta “rivoluzione dei prezzi”, cioè della tendenza inflazionistica che portò nel corso del 1500
a una moltiplicazione dei prezzi dei cereali e altre derrate. Oggi si ritiene però che il fattore
determinante di questo fenomeno sia stato per lo più l’incremento demografico, anche perché in
buona parte questi metalli preziosi furono utilizzati per pagare merci e spezie nell’Oriente,
arricchendo soprattutto i Paesi asiatici.

Si delineavano comunque i contorni di un’economia mondiale, in cui alle nazioni più progredite
dell’Europa sarebbe stato riservato il ruolo di produttrici di manufatti e di centri propulsori del
commercio e della finanza, mentre ai territori colonizzati sarebbe toccato quello di fornitori di
materie prime, di derrate agricole e di forza lavoro servile e semiservile.

Ma non fu solo la vita economica ad essere influenzata dalle scoperte geografiche e dall’avvio della
colonizzazione, anche le abitudini alimentari e la vita sociale furono trasformate (mais, patata,
pomodoro e zucchero prima diffusi in piccolissime quantità, caffè tè, tabacco, cacao…)

Ci fu un importate ampliamento delle conoscenze geografiche e scientifiche – che andarono a


confermare la sfericità della Terra, la percezione esatta delle sue dimensioni, la rivelazione della
falsità di molte leggende antiche… – e una sempre maggiore definizione dell’identità europea.

Da un lato l’orgoglio suscitato da imprese che non avevano eguali nell’età classica e la rivelazione
degli errori contenuti nella vecchia cosmografia contribuirono a determinare quel tramonto del mito
degli antichi che segna il trapasso dal Rinascimento alla Controriforma e l’avvio alla nascita del
moderno concetto di progresso. Dall’altro, iniziarono una serie d’interessanti discussioni sulla
natura dei “selvaggi”, sullo stato di natura, il “buon selvaggio” e la religione naturale (…) che
portarono a una sorta di evoluzione della cultura europea (Montaigne, Dei cannibali).

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Document shared on www.docsity.com
Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
I nuovi orizzonti spirituali: Rinascimento e Roma

La civiltà del Rinascimento italiano (109-111)

I decenni delle guerre d’Italia sono quelli in cui giunge alla sua massima fioritura la civiltà del
Rinascimento italiano. La cronologia più diffusa abbraccia i due secoli da Francesco Petrarca
(1304-1374) a Erasmo da Rotterdam (1469-1536).

Il termine “Rinascimento” fu coniato per significare il ritorno ai valori e ai modelli dell’età classica
nella filosofia, nella politica, nella letteratura e nell’arte, in consapevole polemica con le credenze e
gli atteggiamenti dei secoli di mezzo, e al tempo stesso l’adozione di un nuovo e più positivo
atteggiamento verso la natura e verso l’uomo, posto al centro dell’universo.

Il concetto di Rinascimento si può considerare inclusivo di quello di Umanesimo, che si applica in


prevalenza all’ambito filosofico e letterario. Gli umanisti erano coloro che si dedicavano alla
riscoperta e allo studio delle opere dell’antichità, dapprima latina ma poi anche greca, soprattutto in
seguito all’afflusso in Italia di dotti bizantini dovuto alla caduta di Costantinopoli nel 1453
(Marsilio Ficino e l’Accademia Platonica a Firenze, Lorenzo Valla e la falsità ella donazione di
Costantino, Angelo Poliziano e le Stanze per la giostra scritte in volgare…). Per quanto riguarda le
arti figurative invece, nonostante la ricerca e l’imitazione, i modelli antichi erano più rari e questo
favorì una maggiore originalità nella produzione degli oggetti, del paesaggio e della figura umana
in cui spesso si faceva un’analisi attenta della realtà elaborando migliorie tecniche come quella
della prospettiva (Michelangelo, Piero della Francesca, Filippo Brunelleschi, Leonardo da Vinci…).

Al passaggio tra Quattrocento e Cinquecento il primato a lungo mantenuto da Firenze in campo


intellettuale e artistico si attenuò a favore di una più larga partecipazione di altri centri
all’elaborazione della nuova cultura e del nuovo gusto. In parte questi sviluppi sono legati al ruolo
sempre più importante giocato dalle corti principesche. La corte papale esercitò spesso
un’attrazione quasi irresistibile ma un mecenatismo importante investì anche la Milano degli
Sforza, Mantova dei Gonzaga, Ferrara degli Este e Urbino dei Montefeltro, per non parlare di
Venezia centro sia di una scuola di pittura che esaltava il paesaggio e il colore, sia di una ricca e
variegata cultura legata a una fiorente industria editoriale.

La brutale rottura di equilibrio tra gli Stati rinascimentali italiani a opera delle potenze straniere
segnò a lungo termine la crisi anche di questo momento magico della vita culturale. Ma in un primo
tempo quelle vicende diplomatiche e militari agirono di stimolo alla riflessione politica e
storiografica: Principe e Discorsi di Machiavelli o Storia d’Italia e Ricordi di Guicciardini.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Aspettative e tensione religiosa alla fine del Medioevo (111-112)

Nel suo complesso, questa cultura rinascimentale era fortemente imperniata di valori laici e terreni,
piuttosto indifferente alle dispute dottrinali e teologiche. Il suo atteggiamento verso la Chiesa
oscillava tra un ossequio formale e un anticlericalismo connotato più da una reazione morale, civile
e politica che da un anelito religioso, anche se in alcuni paesi, dove più forte era l’eredità medievale
e l’esigenza di conciliare l’ammirazione per i classici e l’impronta cristiana dell’esistenza, avvenne
una sorta compenetrazione tra umanesimo ed evangelismo.

L’attesa di una riforma della Chiesa, che la riportasse alla purezza e alla povertà delle origini, da
tempo presente alla coscienza dei fedeli, si era acuita davanti al grande scisma d’Occidente
(1378-1415), alle contese per il primato tra papato e i concili di Costanza e Basilea, al prevalere
sempre più netto degli interessi politici e mondani della curia di Roma rispetto a quelli pastorali.

Ma alle origini del movimento che verrà detto “protestante” stava anche la volontà, che possiamo
dire umanistica, di ristabilire l’autenticità del messaggio cristiano attraverso lo studio diretto dei
testi sacri, senza tener conto delle elucubrazioni teologiche. Vi era il bisogno di una religiosità più
intensa, di una vita più conforme alle massime evangeliche, un bisogno diffuso in tutta Europa e
testimoniato dal successo di movimenti come la Devotio moderna nei Paesi Bassi.

Tra gli esponenti più significativi di questi indirizzi si può ricordare Thomas More, autore di Utopia
e Erasmo da Rotterdam, uno dei rappresentati più autorevoli dell’umanesimo cristiano.

Erasmo – che con le sue opere satiriche bersagliava la pedanteria, l’intolleranza, il fanatismo, le
astrusità teologiche, gli eccessi di devozione, le superstizioni – delineò un quadro di una morale che
conciliava le influenze del mondo classico con l’insegnamento di Cristo, rivissuto nel suo spirito
interiore e liberato dalle credenze superstiziose e dai riti fini a sé stessi. Uno dei suoi contributi più
importanti fu l’edizione critica del testo greco e latino del Nuovo Testamento, nel 1515, che servirà
a Lutero per la sua traduzione. Il cristianesimo di Erasmo era un ideale di vita pratica piuttosto che
un insieme di dogmi, e per questo egli non si volle mai sperare dalla Chiesa cattolica, che tuttavia
non si preoccupò di mettere sull’Indice le opere di quest’ultimo. Nel clima della Controriforma,
infatti, non ci sarà più posto per la proposta di un cristianesimo ragionevole, di una forma religiosa
e morale ispirata al Vangelo. L’eredità erasmiana rivivrà semmai nella cultura europea del tardo
1600-1700 quando i conflitti religiosi avranno perso la loro asprezza e la voce della ragione tornerà
a farsi sentire più forte di quella della fede.

La Riforma luterana (112-114)

Secondo Lutero – nato nel 1483 in un’interna regione della Germania dove dominava una
religiosità ancora medievale con toni cupi e terrori del diavolo e peccato…, poi Mansfeld,
Magdeburgo e infine Università di Giurisprudenza di Erfurt… ( biografia, 112) – la giustizia divina,
in sostanza, andava intesa non come giudizio e punizione, ma come giustificazione, come il dono
della grazia offerto, mediante sacrificio di Cristo, al peccatore che riconosca la propria indegnità e
si affidi alla sua misericordia.

Anche secondo la tradizione visione della Chiesa la grazia era indispensabile, ma l’uomo poteva
meritarsela con le buone opere che contribuivano alla propria salvezza. Invece per Lutero la natura

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
umana è malvagia, corrotta dal peccato originale e nulla può fare da sé. Il giustificato farà
naturalmente il bene, per amore di Dio e del prossimo, ma ciò sarà una semplice conseguenza e non
una causa del suo stato di grazia.

Tutta la Sacra Scrittura acquistava un nuovo significato. Doveva esser letta e spiegata senza tenere
alcun conto delle interpretazioni ufficiali. L’autorità esclusiva attribuita alla Rivelazione contenuta
nei testi sacri cancellava di colpo il magistero della Chiesa in materia teologica, così come la
dottrina della giustificazione per fede ne annullava la funzione intermediaria fra l’uomo di Dio. Era
negata su tale base la possibilità di scorciatoie mistiche, di ogni illuminazione diretta dei credenti da
parte dello Spirito Santo, cosa che sarà uno dei motivi fondamentali di contrasto tra Lutero e le
correnti più radicali della Riforma.

Solo due sui sette sacramenti erano realmente fondati sui testi sacri: il battesimo e l’eucarestia. Di
particolare rilievo era la soppressione del sacramento dell’ordine: ne conseguiva il cosiddetto
sacerdozio universale dei credenti. Tanto meno giustificabili erano i voti monastici: Lutero stesso
alla metà degli anni Venti abbandonerà la vita claustrale e si sposerà con una ex monaca. Il ruolo
della Chiesa come corpo separato dalla società cristiana e come istituzione divina distinta era
completamente negato.

La vicenda che indusse Lutero a venir per la prima volta allo scoperto è assai indicativa del tipo di
preoccupazioni che all’inizio del 1500 dominavano le istituzioni ecclesiastiche.

Alberto di Hohenzollern già titolare di due vescovati aspirava a diventare arcivescovo di Magonza.
Papa Leone X accettò di conferirgli la carica dietro pagamento, per la dispensa dalle norme del
diritto canonico che vietava il cumulo di cariche. Per fare in modo che riuscisse a raccogliere
l’ingente somma, il pontefice, gli concesse l’appalto di una vendita d’indulgenze, da cui ricavato
poi spartirsi, bandita in tutta la Germania allo scopo di finanziare la costruzione della basilica di
San Pietro.

La teoria delle indulgenze era basata sul presupposto dell’esistenza di un tesoro di meriti
accumulati dalla Vergine e dai santi, al quale la Chiesa poteva attingere per rimettere le pene ai
peccatori pentiti e anche, secondo alcuni, per abbreviare le pene del Purgatorio o addirittura
assicurarsi un posto in Paradiso.

Nel 1517 Lutero inviò a Hohenzollern 95 tesi, che secondo la tradizione affisse anche alla porta
della chiesa del castello di Wittenberg in Sassonia, luogo in cui assunse a partire dal 1513
l’insegnamento teologico. Non solo vi era stigmatizzato il traffico delle indulgenze, ma vi era
negata la facoltà del pontefice di rimettere le pene, al di fuori di quelle da lui stesso inflitte.
All’insaputa di Lutero, che aveva solo inteso avviare un dibattito accademico, le tesi furono
stampate e riscossero grande successo in tutta la Germania, segno dell’esasperazione ormai
suscitata dalla rapacità della Chiesa.

A Roma si tardò a prendere coscienza del pericolo. Solo nel 1520 fu emanata da Leone X la celebre
bolla, poi bruciata da Lutero, che lasciava a questo sessanta giorni per ritrattare prima che contro di
lui fosse scagliata la scomunica.

Sempre nel 1520 apparvero alcuni dei suoi scritti più importanti: un appello Alla nobiltà cristiana
della nazione tedesca perché prendesse nelle sue mani la riforma della Chiesa, la Cattività
babilonese, una veemente requisitoria contro le falsità propagate dalla Chiesa di Roma in

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
particolare quella dei sacramenti, La libertà del cristiano, un’appassionata esposizione della teoria
della giustificazione per fede.

La scomunica giunse nei primi giorni del 1521. Ma il nuovo imperatore Carlo V, eletto nel 1519
aveva promesso a Federico il Saggio, elettore di Sassonia e protettore di Lutero, che avrebbe
consentito a quest’ultimo di giustificarsi alla sua presenza. Il memorabile incontro avvenne alla
Dieta imperiale di Worms del 1521 ma delineò solo due prese di posizione abbastanza nette:
l’Editto di Worms dichiarò Lutero al bado dall’Impero, il che significava che chiunque avrebbe
potuto ucciderlo impunemente. Lutero fu salvato e protetto dall’elettore di Sassonia che lo fece
soggiornare a Wartburg in Turingia, dove lavorò per circa un anno alla traduzione in tedesco della
Bibbia.

Frattanto il pensiero e gli scritti di Lutero si diffondevano in tutta la Germania a una velocità
strabiliante attraverso moltissimi mezzi tra cui la predicazione dei numerosi ecclesiastici convertiti
che dipingevano il papa come l’Anticristo, la Chiesa di Roma come una meretrice, Lutero come il
santo profeta inviato da Dio per suscitare un grande cambiamento e introdurre l’”età dello spirito
santo” che avrebbe preceduto la fine del mondo.

Certo non tutti erano in grado di apprezzare le sottigliezze teologiche di Lutero, ma il suo
messaggio toccava una corda profonda, faceva appello a un anticlericalismo diffuso in tutti i ceti e
a un nascente protonazionalismo germanico. Vasti successi suscitava il richiamo al Vangelo come
unica norma di vita, modello supremo di perfezione cristiana. Naturalmente il messaggio luterano si
colorava diversamente a seconda dei ceti e degli ambienti sociali nei quali penetrava.

Molti principi per esempio colsero l’occasione per mettere le mani sugli estesi beni della Chiesa e
per rafforzare la propria posizione nei confronti dell’autorità imperiale. I cosiddetti “cavalieri”
vedevano al contrario nella Riforma luterana la leva per una generale rivolta contro Roma mentre
nelle città, soprattutto imperiali, l’iniziativa di riforme liturgiche, dall’abolizione di conventi e
monasteri alla nomina di ministri del culto di fede luterana, fu per lo più assunta dai consigli
municipali e dalle corporazioni artigiane e contribuì al rafforzamento di uno spirito di indipendenza
e di una tradizione di autogoverno tipici di questi centri.

Le correnti radicali della Riforma. La “guerra dei Contadini” (115-117)

Nelle campagne furono soprattutto i motivi evangelici dell’uguaglianza tra gli uomini e della
polemica contro i ricchi e i grandi della terra a fare colpo e a rafforzare il movimento, che era già da
tempo in atto, di resistenza contro i soprusi feudali e di difesa dell’autonomia delle comunità di
villaggio.

Fin dal 1520 alcuni seguaci di Lutero cominciarono ad aizzare le folle non solo contro il clero e le
istituzioni romane, ma anche contro tutte le ingiustizie e tutte le forme di oppressione. Unendo
riforma religiosa e riforma sociale questi si proponevano di instaurare sulla terra il regno di Dio,
basato sulla fratellanza e sui principi del Vangelo. Molti di loro erano convinti inoltre che Dio
continuasse quotidianamente a rivolgersi a spiriti eletti attraverso l’illuminazione interiore (Thomas
Müntzer).

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Già da parecchi mesi infuriava in varie regioni della Germania uno stato di ribellione noto come
guerra dei Contadini. Dai focolai iniziali, accesi nel 1524 in Svevia, la rivolta dilagò rapidamente.
Gli insorti, tra cui anche gli strati inferiori di molte città, non erano spinti tanto dalla miseria – era
diffusa in quelle regioni la piccola e media proprietà contadina – quanto dalla volontà di ristabilire
“gli antichi diritti” contro le recenti usurpazioni dei signori, in molti casi ecclesiastici – che
tendevano ad accrescere i prelievi feudali e a impadronirsi dei beni e delle risorse comuni – di
difendere l’autonomia della comunità di villaggio, di realizzare la morale evangelica.

Le violenze e i saccheggi dei rivoltosi e il pericolo di un sovvertimento delle gerarchie sociali


indussero i principi, i prelati, la nobiltà e i ceti urbani superiori a reprimere duramente il
movimento, indebolito dalla mancanza di unità delle bande contadine, che operavano ciascuna nel
proprio territorio.

Lo stesso Lutero condannò molto duramente la rivolta, che contò almeno 100.000 vittime. Ciò era
coerente con la visione ancora medievale che Lutero aveva dell’autorità di principi e magistrati,
istituti da Dio per mantenere l’ordine e reprimere i malvagi, e con la netta distinzione che egli
operava tra libertà interiore del cristiano e il suo dovere esteriore di obbedienza ai superiori e alle
leggi. Ma la violenza del tono non si spiega se non si tiene conto dell’asprezza delle polemiche che
negli ultimi tempi lo avevano opposto ai cosiddetti “esaltati” e del timore che la causa della riforma
religiosa potesse essere compromessa dall’identificazione con lo spirito di rivolta e anarchia. Anche
se agli inizi Lutero e il suo braccio destro Filippo Melantone disapprovavano ogni costrizione in
materia di fede e confidavano nell’intrinseca virtù della parola di Dio, in un secondo momento
furono indotti ad appoggiarsi sempre più all’azione dei principi e ad approvare la costituzione di
Chiese evangeliche da questi ordinate e controllate.

La corrente più radicale della Riforma sopravvisse alla disfatta dei contadini e di Müntzer
soprattutto grazie all’azione dei gruppi anabattisti. I cosiddetti “ribattezzatori” nonostante la dura
persecuzione sopravvissero e si svilupparono in più parti dell’Europa.

La conclusione dei conflitti in Germania (117-119)

Sebbene avesse messo al bando Lutero mediante il già richiamato editto di Worms, l’imperatore
Carlo V si dimostrò piuttosto restio ad impiegare la forza nella risoluzione del conflitto coi
protestanti. Egli rimase a lungo fiducioso nella possibilità che un Concilio universale appianasse le
divergenze in materia di fede.

Nel 1530 a tale scopo fu convocata la Dieta di Augusta dove Melantone redasse una professione di
fede, la prima esposizione ufficiale dei principi del protestantesimo luterano, nota come la
Confessio Augustana, a cui aderì la maggior parte dei riformati. La risposta dei teologi cattolici fu
intransigente. Carlo V intimò ai protestanti di sottomettersi ma questi in risposta si unirono in
un’alleanza difensiva, la Lega di Smalcalda.

Dopo un altro tentativo di conciliazione a Ratisbona, nel 1542, Carlo V sconfisse la Lega ma questo
non portò a termine il conflitto. Anzi, il nuovo re di Francia Enrico II (1547-1559) allacciò subito

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
contatti con i protestanti tedeschi e il sultano turco per mettere in difficolta l’Asburgo. Ancora una
volta la pace sognata si allontanava facendo posto a nemici interni ed esterni.

Nel 1551 fu stipulato un accordo segreto secondo cui Enrico II avrebbe garantito il suo appoggio ai
principi protestanti in cambio dei vescovati di Metz, Toul e Verdun. Carlo V fu preso alla sprovvista
tanto da esser costretto a un’imbarazzante fuga da Innsbruck all’avanzata dell’esercito protestante.
In realtà la “guerra” non ebbe tanto rilievo, anche perché ai principi tedeschi stava a cuore, più che
la vittoria della Francia, un’intesa con l’imperatore che salvaguardasse la loro autonomia politica e
religiosa.

Le trattative in merito furono condotte dal fratello di Carlo, Ferdinando e sfociarono nella pace di
Augusta, 1555. Con essa si riconobbero in Germania due fedi religiose e mentre nelle città imperiali
era ammessa la loro convivenza, i principi territoriali dovevano imporre il proprio credo ai sudditi,
i quali o si convertivano o emigravano. Le secolarizzazioni di beni ecclesiastici erano confermate
fino al 1552, da quell’anno i prelati che si fossero convertiti al luteranesimo avrebbero dovuto
rinunciare ai loro possedimenti. L’applicazione di tutto sarebbe stata garantita dai principi stessi e
non dai rappresentati imperiali.

La pace di Augusta sanciva così sia la scissione religiosa tedesca sia un grave indebolimento
dell’autorità imperiale. I veri vincitori erano i principi, non solo luterani ma anche cattolici che
consolidarono il proprio potere all’interno dei loro territori conferendo gradualmente ai propri Stati
quel volto insieme paternalistico e poliziesco che avrebbe a lungo caratterizzato la vita della
Germania e che saranno poi rafforzati ancora dalla Controriforma. Il consolidamento delle strutture
istituzionali interessò anche gli Stati ereditari asburgici, il cui governo fu affidato sin dal 1521 a
Ferdinando e che acquistarono col tempo una prima forma di unità politica con la creazione di
organi amministrativi comuni ai vari regni e ducati.

La decisione di Carlo V di spartire il suo immenso impero tra il fratello e il figlio divenne effettiva
tra il 1555 e il 1556 con la sua abdicazione a tutti i titoli. Mentre Ferdinando diveniva imperatore
del Sacro Romano Impero col titolo di Ferdinando I ed ereditava le corone di Boemia, Ungheria e i
ducati austriaci, a Filippo II toccava la Spagna, i Paesi Bassi, la Franca Contea e in Italia i Regni di
Napoli, Sicilia e Sardegna, oltre che il Ducato di Milano e gli immessi possedimenti spagnoli del
Nuovo Mondo.

Da Zwingli a Calvino: “il governo dei santi” (119-122)

L’esperienza di Ulrich Zwingli, 1484-1531, fu parallela a quella di Lutero, ma ebbe caratteri


diversi, legati alla sua formazione umanistica e al vivace clima politico-intellettuale dei liberi
cantoni della Svizzera tedesca, resisi dipendenti alla fine del 1400. Zwingli si staccò
progressivamente dalla fede tradizionale e riuscì a convincere il Consiglio cittadino di Zurigo ad
abolire la messa, a riformare la liturgia e a imporre la Bibbia come unica fonte di autorità in campo
religioso. Anche le immagini sacre vennero distrutte come veicoli di idolatria. Nonostante i tentativi
gli zwingliani – estesesi in altre zone della Svizzera ma non in quelle dei cantoni che ritenevano
impensabile la cessazione del servizio mercenario militare – non riuscirono ad accordarsi ed essere
appoggiati dai luterani soprattutto per un disaccordo sul problema teologico dell’eucarestia, che per
Zwingli era una semplice cerimonia commemorativa mentre per Lutero la presenza reale di Cristo

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
nel pane e nel vino offerti ai fedeli. Con la battaglia di Kappel nel 1531 il movimento ebbe la
peggio contro un esercito cattolico, lo stesso Zwingli morì in battaglia.

L’eredità di Zwingli e in più generale del movimento di riforma delle città svizzere e alto-tedesche,
con il suo carattere militante e la sua tipica compenetrazione tra potere religioso e potere civile, fu
raccolta dal calvinismo.

Molti punti essenziali della dottrina luterana sono condivisi da questo, a cominciare dall’autorità
esclusiva della Sacra Scrittura e della giustificazione per la fede. Il Dio di Calvino, tuttavia, è più il
Dio del Vecchio che del Nuovo testamento: un Dio maestoso, inaccessibile, tremendo, che fin dal
principio ha predestinato ogni singolo uomo alla salvezza o alla dannazione eterna, secondo criteri
di giustizia a noi incomprensibili. La dottrina della predestinazione, già presente il Lutero ma in
modo meno rilevante, non elimina le responsabilità del peccatore: “L’uomo incespica se l’ha
ordinato Dio, ma incespica a causa del suo vizio”, è il paradosso di Calvino.

Dovere primario del cristiano è la glorificazione di Dio, che si compie eseguendo al meglio le
funzioni alle quali Egli ci ha destinato. Il concetto di “vocazione”, anch’esso già presente in Lutero,
è applicato a qualunque professione e mestiere, e non come nel cattolicesimo alle sole carriere
ecclesiastiche. Ciò viene fortemente sottolineato da Calvino, che a differenza di Lutero non crede
all’imminente fine del mondo e attribuisce quindi molta importanza alla graduale attuazione dei
disegni della Provvidenza.

Il calvinismo ha una forte impronta anche attivistica, che è accresciuta dall’insondabilità della
mente divina e dal bisogno psicologico del fedele di uscire dall’angoscioso dubbio circa il proprio
destino ultraterreno. Se, infatti, la certezza di appartenere al novero degli eletti non si può mai
raggiungere, vi sono indizi sui quali si può fondare una ragionevole speranza: e questi sono la fede,
che ci è data da Dio come frutto della grazia, la partecipazione ai sacramenti del battesimo e
dell’eucarestia, e la rettitudine nella condotta di vita, inutile per ottenere la salvezza ma valida come
“frutto della vocazione” e doverosa per onorare Dio.

Un’altra importante differenza tra luteranesimo e calvinismo sta nella concezione del rapporto tra la
Chiesa e lo Stato. Rispetto alla “Chiesa invisibile”, composta dall’insieme degli eletti di tutta
l’umanità, assume importanza crescente nel pensiero di Calvino la “Chiesa visibile”, la
congregazione dei fedeli legati dalla comune pratica del culto e della comune appartenenza a uno
Stato o a una città. Secondo Calvino, l’autorità civile non deve limitarsi a mantenere l’ordine in un
mondo sottoposto al peccato, ma deve promuovere il bene spirituale dei sudditi in accordo con la
Chiesa visibile. Più che di una teocrazia “tradizionale”, si tratta di un trasferimento integrale alle
autorità civili di quei compiti di controllo e sanzione dei comportamenti privati che nei Paesi
cattolici erano svolti dalla Chiesa. Proprio per questo Calvino, a differenza di Lutero, ritiene
legittima la resistenza contro un sovrano malvagio, purché essa sia guidata dai magistrati e non
assuma un carattere anarchico.

A Ginevra fu forgiata quella che sempre più appariva come la “Repubblica dei santi”. Sulla base
delle ordinanze del 1541, la Chiesa ginevrina venne riorganizzata con una suddivisione dei compiti
tra i pastori – addetti all’esercizio del culto e alla predicazione della parola di Dio – i dottori –
incaricati dell’insegnamento – i diaconi – per l’assistenza a poveri e infermi – e gli anziani o
presbiteri – che dovevano vigilare sulla disciplina e i costumi nei dodici distretti della città.
L’organo supremo della Chiesa era il Concistoro la cui autorità si estendeva anche sulla censura dei

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
magistrati civili. Nella città riformata venne introdotta una disciplina ferrea che prevedeva serie
pene per ogni infrazione alla dottrina e alla morale. I dissidenti vennero espulsi così come furono
avvicinati i profughi dalla religione fervente di Spagna, Francia e Italia, anche se la loro ortodossia
era strettamente sorvegliata.

La diffusione in Europea e la Riforma in Inghilterra (122-124)

L’istituzione di un’Accademia per la formazione di pastori contribuì a fare di Ginevra il centro


d’irradiazione di una fede intransigente ed eroica, pronta al martirio e alla ribellione per affermare
la gloria del Dio sovrano e instaurare il “governo dei santi”.

Le principali aree europee di diffusione del calvinismo furono la Francia, la Scozia e l’Europa
orientale: Polonia, Boemia e Ungheria. Non a caso in molti di questi Paesi esso avrà parte
importante nello scoppio di moti rivoluzionari. Il calvinismo penetrò anche largamente in aree
caratterizzate nel 1600-1700 da un precoce e intenso sviluppo economico come i Paesi Bassi,
l’Inghilterra e le colonie nord-americane (Max Weber: L’etica protestante e lo spirito del
capitalismo), in modo ovviamente differente da Paese a Paese.

Sia in Inghilterra sia nei paesi Scandinavi, dove però a prevalere fu il luteranesimo, i mutamenti in
campo religioso furono legati al processo di costruzione di un’identità nazionale intorno a un forte
potere monarchico.

Nel 1528 il re d’Inghilterra Enrico VIII Tudor (1509-1547), alleato della Francia nella Lega di
Cognac contro l’imperatore, chiese al pontefice l’annullamento del matrimonio con Caterina
d’Aragona, zia di Carlo V che ancora non gli aveva dato il sospirato erede maschio.

Clemente VII non si sentì di accogliere la domanda e allora Enrico decise di fare da sé. Nel 1529
convocò un Parlamento da cui ottenne non solo l’annullamento del matrimonio, ma anche la rottura
di tutti i vincoli di dipendenza da Roma e l’approvazione nel 1534 dell’Atto di supremazia, che lo
dichiarava “supremo capo” della Chiesa d’Inghilterra. La dottrina e la struttura gerarchica della
nuova Chiesa anglicana non furono in primo momento modificate, ma gli ordini regolari furono
sciolti a partire dal 1536 e i loro ingenti beni fondiari incrementati dalla corona, che li mise in
vendita favorendo così la formazione di una nuova classe di medi e grandi proprietari terrieri
(gentry).

Accanto a Enrico VIII, c’era stato il potente primo segretario Thomas Cromwell, a cui si dovettero
anche il riordinamento del Consiglio privato della corona e il rafforzamento dell’apparato
amministrativo. Cromwell caduto in disgrazia fu accusato di tradimento e ucciso, così come Anna
Bolena, nel 1540. Enrico VIII tornò comunque a sperperare enormi cifre in inutili e costose
avventure militari sul continente europeo, compromettendo lo sforzo della dinastia Tudor di
rafforzare il potere regio.

Dal punto di vista religioso la vera riforma ebbe luogo durante il breve regno di Edoardo VI
(1547-1553), nato dalla terza moglie di Enrico. La dottrina calvinista si diffuse allora largamente in
Inghilterra. Invano Maria Tudor, detta la Sanguinaria e figlia del primo matrimonio, si sforzò anche
violentemente di riportare l’Inghilterra alla fede cattolica. Dopo la sua morte assumerà una forma
definitiva la Chiesa anglicana, separata da Roma e soggetta all’autorità del sovrano.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
La Controriforma e l’Italia del pieno e tardo
Cinquecento
Con il termine “Controriforma” si disegna un complesso insieme di movimenti, istituzioni e
iniziative messe in atto tra 1500-1600 nella Chiesa cattolica romana, sia in risposta al dilagare della
Riforma protestante – al fine di arginarne la diffusione e riconquistare territori – sia come
conseguenza delle esigenze di riforma interna e rinnovamento religioso emerse già a partire dai
concili del XV secolo.

Sia che col concetto molto dibattuto di Controriforma ci si rifaccia al lato di “Riforma cattolica”
intesa come “l’esame di coscienza della Chiesa cattolica alla luce dell’ideale di vita cattolico,
mediante il rinnovamento interno” sia al lato di “Controriforma” come “affermazione di sé
compiuta dalla Chiesa in lotta contro il protestantesimo” – che costituirebbe anche una una fase
cronologicamente successiva, segnata dalla prevalenza dell’aspetto dogmatico e repressivo – quello
che è certo è che sia la Riforma protestante sia la Controriforma si verificarono in un periodo in cui,
in tutta l’Europa, i fedeli avvertirono un’acuta necessità di rinnovamento religioso, al di là di quelle
frontiere confessionali che si sarebbero solidificate solo a partire dalla metà del 1500.

Speranze e propositi di rinnovamento religioso nell’Italia del ‘500 (129-130)

Le istanze di rinnovamento religioso diffuse in Europa già prima della Riforma luterana furono
avvertite anche in Italia, dove in particolare circolarono ampiamente le idee e le opere di Erasmo da
Rotterdam, al di là delle intenzioni dell’autore, spesso lette in chiave “luterana” dunque come
alternativa.

Ad agire furono anche altri stimoli, tra cui: l’ondata di profezie anche apocalittiche suscitate dalla
predicazione di spiriti infervorati come G. Savonarola, la sofferenza e le rovine portate dalle guerre
d’Italia, l’anticlericalismo diffuso da tanto tempo nei ceti colti quanto negli strati popolari, alcune
figure come Gasparo Contarini (1483-1542), Gian Matteo Giberti (1495-1543) e Reginald Pole.
Comune a tutti questi uomini era un diverso modo di vivere la religione. Spesso si dedicavano alla
preghiera e alle opere di carità, avevano un atteggiamento critico nei confronti delle preoccupazioni
mondane della Chiesa, svalutavano le pratiche esteriori come quella del culto dei santi e delle
reliquie, e ponevano l’accento sulle massime evangeliche, sulla fede e sull’amore per Dio e per il
prossimo (Del Beneficio di Gesù Cristo crocifisso, di Benedetto da Mantova, 1543)

Anche Carlo V sollecitò un’iniziativa dall’alto che parve arrivare con Paolo III Farnese
(1534-1549). Questo oltre a nominare diversi esponenti delle correnti riformatrici, manifestò
l’intenzione di convocare al più presto un nuovo Concilio ecumenico e costituì nel 1536 una
commissione con il compito di studiare e proporre rimedi ai mali della Chiesa.

I nuovi ordini religiosi (130-131)

Questo clima di fervore e rinnovamento si espresse nella creazione di nuovi ordini regolari o nella
riforma dei vecchi.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Nel 1528, nacque l’ordine dei cappuccini, un nuovo ramo della famiglia francescana, che aggiunse
allo spirito originario di San Francesco quello di assistenza spirituale e materiale alla gente umile,
attività che gli rese molto popolari ma che fu anche caratteristica di altre congregazioni, quelle per
esempio formate da chierici “regolari”, cioè da preti che decidevano di vivere secondo una regola,
come i teatini e barnabiti (donne, congregazione delle orsoline).

Ma l’ordine che più di ogni altro era destinato a incarnare lo spirito della Controriforma fu la
Compagnia di Gesù, 1540. Il suo fondatore, lo spagnolo Ignazio di Loyola, era un tipico esponente
di quel ceto di hidalgos, caratterizzati dalla vocazione delle armi e dello spirito di crociata, da cui
uscirono anche i conquistadores.

Ai tre voti tradizionali di povertà, castità e obbedienza essi ne aggiunsero un quarto, di fedeltà
assoluta alle direttive del pontefice. Il lungo tirocinio previsto prima della professione dei voti e la
tecnica di autocontrollo e di ascesi interiore messa a punto da Ignazio contribuivano a munire i
membri dell’ordine di quelle doti di disciplina, energia, tenacia e di abnegazione che ne facevano
uno strumento ideale per la difesa e la propagazione della fede cattolica. Mentre le case professe,
dove vivevano i gesuiti dediti ad attività diverse dall’insegnamento, non potevano secondo la regola
possedere beni, i collegi si configuravano invece come istituzioni fondate e dotate da benefattori;
essi erano dedicati non solo alla formazione del clero ma anche in generale a quella dei giovani di
nascita aristocratica o alto-borghese. La formazione delle classi dirigenti divenne col tempo,
accanto alla presenza nelle corti come consiglieri o confessori, una prerogativa dei gesuiti, che
elaborarono una propria efficace pedagogia.

In questo periodo vediamo infine una notevole attività missionaria – di cui i gesuiti e in generale gli
ordini regolari furono primi esponenti – in zone come l’America spagnola, l’Asia e addirittura il
Giappone e la Cina.

Il Concilio di Trento (131-133)

Nel frattempo una serie di avvenimenti aveva portato un profondo mutamento nel clima, il
tramonto delle speranze di riunificazione della cristianità e l’adozione da parte della Chiesa di
Roma di un atteggiamento più duro contro la l’”eresia”.

Nel 1541 fallì a Ratisbona l’ultimo tentativo di accordo tra protestanti e cattolici nonostante la
buona volontà dei rispettivi legati, Melantone e Contarini. Nel 1542 venne creata la Congregazione
del Sant’Uffizio o dell’Inquisizione, per dirigere e coordinare la repressione dell’eresia di cui fece
parte il cardinale Gian Pietro Carafa futuro Paolo IV. Nello stesso anno Bernardino Ochino,
generale dei cappuccini e predicatore molto famoso, fuggì clamorosamente a Ginevra rendendo
pubblica la propria adesione al calvinismo.

Ormai non vi era più posto in Italia per tentennamenti e posizioni intermedie. L’unica alternativa
alla pratica del “nicodemismo” (= chi professa nell’intimo una fede diversa da quella che
“esteriora”) era l’esilio volontario, strada seguita da molti “eretici” italiani che emigrarono verso
l’Inghilterra o l’Europa orientale, considerando troppo opprimente l’atmosfera svizzera o tedesca.

La convocazione di un Concilio esteso a tutto il mondo cristiano, sollecitata dall’imperatore, fu


procrastinata per ragioni politiche da Paolo III, che voleva assicurarsene lo stretto controllo. La

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
convocazione nel 1542 a Trento fu motivata dal fatto che la città era sede di un principato vescovile
ma d’altra parte soggetta all’Impero. A causa di una riapertura di conflitti tra Francia e Carlo V il
Concilio poté riunirsi effettivamente solo nel 1545. Alla cerimonia d’apertura l’affluenza non fu poi
così ecumenica.

Il Concilio fu trasferito nel 1547 a Bologna, a causa del timore per la peste, e riconvocato a Trento
nel 1551 dal nuovo papa Giulio III (1550-1555), per poi riessere interrotto a causa delle riprese
ostilità tra Francia e Impero. I lavori furono sospesi per dieci anni anche in seguito all’avvento di
Paolo IV (1555-1559). Questo politicamente avvero all’imperatore e da sempre ostile al Concilio –
in cui vedeva una limitazione dell’assoluta autorità della Santa Sede – estese i poteri
dell’Inquisizione e sottopose a processo alcuni dei maggiori esponenti del partito riformatore. Nel
1559 promulgò il primo Indice dei libri proibiti. Toccò al nuovo papa Pio IV (1559-1565) l’incarico
di rilanciare il Concilio e condurlo a termine, dopo altri due anni in cui finalmente la partecipazione
di vescovi e cardinali divenne più numerosa e le discussioni furono molto intense, gennaio 1562 –
dicembre 1563.

Nonostante le intenzioni dell’imperatore, che avrebbe preferito fossero affrontate le questioni


disciplinari, ebbero la priorità la definizione dei punti dogmatici più controversi tra cui: gli effetti
del peccato originale – che il decreto dichiarò cancellati al battesimo – e il principio della
giustificazione per sola fede, che venne condannato come eretico. Fu riaffermato il valore delle
opere ai fini della salvezza, la collocazione della tradizione della Chiesa accanto alla Sacra Scrittura
come fonte della verità, la natura dei sacramenti tra i quali particolare rilievo fu dato all’eucarestia
– sacrificio propiziatorio che implica la trasformazione delle specie nel corpo e nel sangue di Cristo
– e all’ordine – che conferisce al sacerdote un’aureola sacrale sollevandolo al di sopra della masse
dei fedeli –, furono ribadite l’esistenza del Purgatorio e la validità delle indulgenze nonché del culto
prestato ai santi e alla Vergine.

Dal Concilio ne uscì rafforzato e riaffermato il carattere monarchico della Chiesa: non era ancora
riconosciuta l’infallibilità del pontefice in materia di fede, ma era stata stabilita la sua superiorità
sul Concilio e la sua discrezionalità nell’applicarne le deliberazioni.

Per quanto riguarda la formazione e i doveri del clero, furono istituiti dei seminari, collegi appositi
per la preparazione dei futuri sacerdoti (che tardarono ad arrivare), il divieto del cumulo di benefici,
l’obbligo fatto ai vescovi di risiedere nella propria diocesi, di visitarla tutta ogni due anni e di farne
periodiche relazioni alla curia di Roma, le norme impartite ai parroci per il decoro del culto,
l’insegnamento religioso ai fedeli e la scrupolosa tenuta dei registri di battesimi, matrimoni e
sepolture, l’imposizione del celibato ecclesiastico e dell’abito sacerdotale…

La Chiesa e lo Stato pontificio nella seconda metà del ‘500 (133-135)

L’applicazione dei decreti tridentini non fu immediata e soprattutto fuori dall’Italia dovette fare i
conti con la volontà dei sovrani cattolici di mantenere il controllo sulle rispettive Chiese.
Indubbiamente però il Concilio di Trento segna la ripresa in grande stile della Chiesa cattolica, la
conquista di una nuova compattezza e durezza nella lotta contro il protestantesimo e le tendenze
eterodosse, l’affermazione di una volontà di dominio non solo in campo spirituale, ma anche nella
sfera politica e sociale.

Gli effetti di questo spirito militante furono subito evidenti nel pontificato di Pio V Ghislieri,
1566-1572, che era stato l’ispiratore dello spietato massacro di circa duemila valdesi in Calabria nel

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
1561. Oltre a dare un gran contributo alla vittoria cristiana di Lepanto contro i turchi nel 1571, Pio
V non esitò a ripubblicare la medievale bolla In Coena Domini, affermazione in termini oltranzisti
della supremazia del papa sui sovrani temporali, e a scomunicare nel 1570 la regina di Inghilterra
Elisabetta I, sciogliendo i suoi sudditi da dovere di obbedienza. Questi indirizzi furono seguiti da
Gregorio XIII, 1572-1585, noto per la riforma del calendario.

Ma il papato della Controriforma raggiunse il suo apogeo con il combattivo ed energico Sisto V,
1585-1590. Non solo egli diede nuovo impulso all’attività missionaria e alla controffensiva
cattolica nell’Europa centro-settentrionale ma attuò una profonda riorganizzazione della curia
romana riuscendo a far perdere il carattere di contrappeso e limite all’autorità pontifica del collegio
cardinalizio, che divenne uno strumento in suo potere.

Con spietata energia venne condotta con Sisto V e poi Clemente VIII (1592-1605) la lotta contro il
brigantaggio che infestava le province; furono ulteriormente ridotte le autonomie delle città suddite
e delle residue signorie feudali, alla fine degli Este, nel 1598, anche Ferrara venne annessa allo
Stato della Chiesa. E, infine, speciali cure furono dedicate all’abbellimento di Roma che diverrà la
degna splendida capitale del cattolicesimo postridentino.

Ma il significato della Controriforma non si esaurisce nell’accentramento dei poteri a Roma e nella
persona del pontefice.

In molte diocesi si registrò nella seconda metà del 1500 l’avvento di vescovi e arcivescovi animati
da grande zelo pastorale e da una forte carica riformatrice, il cui modello apparve nella figura di
Carlo Borromeo.

Lo sforzo di penetrazione capillare in ogni settore della popolazione vide impegnati in prima fila
anche i nuovi ordini regolari, che organizzarono vere e proprie missioni nelle campagne e nelle
borgate, con prediche, penitenze e devozioni collettive, per indottrinare e convertire plebi spesso
assai superficialmente cristianizzate. Escluse dalla conoscenza diretta dei testi sacri e dalla
comprensione di una liturgia imperniata su una lingua sconosciuta, spettatrici più che partecipi, le
masse popolari italiane si avviavano a fare propria una religiosità spesso intensa e sincera, ma
povera di sostanza morale, intrisa di superstizione e di fede ingenua nell’irruzione del
soprannaturale in questo mondo.

L’egemonia spagnola in Italia (135-139)

La pace di Cateau-Cambrésis, stipulata tra la Spagna di Filippo II e la Francia di Enrico II,


successore di Francesco I – dopo la battaglia di San Quintino dovuta all’ennesima volontà del
sovrano francese di tentare la sorte delle armi – nel 1559, sancì una egemonia spagnola destinata a
durare fino agli inizi del XVIII secolo. La Spagna – a cui fu confermato il possesso della Franca
Contea e dei Paesi Bassi – controllava direttamente quasi metà del territorio italiano, e cioè i Regni
di Napoli, Sicilia e Sardegna, il Ducato di Milano oltre al piccolo ma strategicamente importante
Sato dei Presidi: Talamone, Orbetello e l’Argentario.

Degli altri Stati solo Venezia poteva considerarsi veramente indipendente, i sovrani di Savoia e
Toscana dovevano a Carlo V e a Filippo II i loro titoli e il loro ingrandimento mentre Genova era
legata a un filo doppio a Madrid per via dei suoi interessi finanziari. I Ducati padani, quello dei

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Farnese a Parma e Piacenza, quello dei Gonzaga a Mantova e quello degli Este a Modena, Reggio
e Ferrara – poi sottrattagli dal papa – erano troppo piccoli per contare sulla scena politica. Quanto
allo Stato Pontificio, la sua subordinazione, anche finanziaria, alla funzione universale della Chiesa
ne rendeva inevitabile l’alleanza con la monarchia spagnola, rappresentante il maggior baluardo del
cattolicesimo.

È troppo semplicistico però ridurre la storia italiana del pieno e tardo ‘500 all’egemonia culturale
della Chiesa e all’egemonia politica della Spagna.

Alle difficoltà e alle crisi dei primi decenni del XVI secolo seguì un periodo abbastanza lungo di
ripresa demografica ed economica. La stabilizzazione dell’assetto politico-territoriale conseguente
alla vittoria della Spagna sulla Francia favorì all’interno dei singoli Stati, o almeno in alcuni di essi,
un’opera di rafforzamento e ammodernamento delle strutture istituzionali e di ricomposizione delle
classi dirigenti sulla quale, più che in passato, si concentra oggi l’attenzione degli storici.

Ciò vale, in una certa misura, anche per i possedimenti diretti della Spagna. L’autorità sovrana era
rappresentata a Napoli da un viceré o a Milano da un governatore e dai comandanti dell’esercito,
generalmente provenienti dall’alta nobiltà spagnola. Ma le magistrature giudiziarie e finanziare
erano in misura maggiore formate dagli elementi indigeni, conoscitori migliori dei territori e con
lunghe permanenze in carica, che facevano a contraltare al potere dei rappresentati del sovrano, con
cariche generalmente triennali, e da mediatori tra la corte madrilena e i territori italiani, gestendo
quel delicato intreccio di interessi tra élites autoctone e monarchia che garantiva la tenuta del
sistema.

Al monarca si riconoscevano la suprema autorità legislativa e giurisdizionale e il diritto-dovere


della difesa e quindi del prelievo delle risorse necessarie. Ma la facoltà di applicare e interpretare le
leggi e di ripartire e riscuotere le imposte era considerata prerogativa degli organi di governo locali.
A Napoli per esempio ad avere questo ruolo era il Consiglio collaterale mentre a Milano il Senato,
entrambi, insieme alle minori magistrature, erano composti da ”togati”, cioè laureati in
giurisprudenza che provenivano a Milano da il patriziato urbano mentre al Sud costituivano un ceto
distinto e rivale del baronaggio. Questo aveva invece i suoi punti di forza nel Parlamento che spesso
si riuniva per approvare i donativi richiesti dal monarca e amministrare la città di Napoli, terzo
centro europeo con i suoi 250.000 abitanti dopo Istanbul e Parigi.

Il governo spagnolo riuscì poi a spezzare la forza politica e a limitare i peggiori abusi della
feudalità che nel Mezzogiorno aveva ancora un forte peso economico e sociale attraverso gli
interventi se pur lenti e macchinosi della giustizia regia. A Milano il predominio delle città fu
attenuato dall’attuazione del catasto ordinato nel 1545 da Carlo V, e in campo istituzionale con la
formazione di un organo rappresentativo, la Congregazione dello Stato, in cui sedevano i
rappresentati dei contadini accanto a quelli delle città.

Più accentuata fu l’evoluzione verso un governo assolutistico in Toscana e Piemonte, dove il


principe risiedeva in loco e agiva direttamente e non attraverso rappresentati.

Ai Medici, riportati a Firenze dalle armi spagnole, venne riconosciuto nel 1530 il titolo ducale e nel
1569 quello di granduchi di Toscana. Già nel 1532 fu attuata una riforma costituzionale che, pur
mantenendo in vita le antiche magistrature repubblicane, sovrapponeva ad esse due Consigli, quello
dei duecento e quello dei quarantotto o Senato. Cosimo I, 1537-1574, svuotò poi questi due organi
di ogni potere effettivo governando attraverso i propri segretari, di origine sociale spesso modesta,

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
e dal 1545, attraverso la “Pratica segreta”, un nuovo consiglio di carattere informale. Fra i successi
del principato dei Medici ci fu l’annessione di Siena nel 1557, che mantenne tutta via le proprie
leggi e le proprie istituzioni. Gli indirizzi di Cosimo I furono proseguiti dai due figli Francesco I,
1574-1587, e Ferdinando I, 1587-1609, a cui si devono la nascita e lo sviluppo del porto di Livorno.

Lo Stato sabaudo, occupato da francesi e spagnoli durante le guerre d’Italia venne ricostruito sotto
il duca Emanuele Filiberto (1553-1580) che trasferì la capitale da Chambéry a Torino e soppresse o
limitò molte autonomie locali centralizzando il controllo finanziario in una Camera dei conti.
L’aumento delle imposte e l’impulso alle attività economiche resero possibile la costituzione di un
piccolo, ma disciplinato esercito permanente. Il successore Carlo Emanuele (1580-1630) cercò di
sfruttare la nuova compattezza del Ducato per una serie di iniziative espansionistiche che raramente
andarono a buon fine. Riuscì a ottenere il Marchesato di Saluzzo in cambio di alcuni territori dalla
Francia.

Perfino nelle repubbliche oligarchiche, per loro natura più conservatrici sul piano politico-
istituzionale, non mancarono alcune importanti novità all’interno delle quali gli scontri fra “fazioni
aristocratiche” non mancarono.

Dovunque gli interlocutori principali del potere sovrano – quando non lo detenevano essi stessi,
come nelle Repubbliche di Venezia, Genova e Lucca – erano i ceti nobiliari, che proprio in questo
periodo venivano riqualificandosi e serrando le file grazie a una trattatistica che insisteva
soprattutto sui caratteri ereditari, sul sangue e sull’onore. Mentre nel Sud Italia e nelle isole – e in
parte anche nel Piemonte, Friuli e lungo la dorsale appenninica –spadroneggiava un’aristocrazia di
tipo feudale, nelle aree centro-settentrionali, dove più si era sviluppata la civiltà comunale, erano
invece i patriziati a dare tono alla vita sociale: si trattava di ceti urbani, per lo più d’origine
mercantile, il cui status privilegiato si indentifica con l’accesso esclusivo ai seggi dei consigli
cittadini.

Tra ‘500 e ‘600, tuttavia, anche questi gruppi si allontanarono sempre più dai traffici e dalle attività
produttive acquisendo una mentalità aristocratica di stampo spagnolo che li accomunava alla più
antica nobiltà.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
L’Europa nell’età di Filippo II

Filippo II e i regni iberici (143-147)

Il potenziale demografico e militare della Castiglia, il controllo delle aree più ricche e urbanizzate
d’Europa, l’appoggio dei banchieri di Anversa e Genova e il flusso crescente di metalli preziosi
dalle Americhe mettevano a disposizione di Filippo II un complesso di risorse a cui nessun altro
governo europeo poteva nemmeno aspirare.

Se il disegno di ricondurre l’Inghilterra all’obbedienza cattolica e di farne una componente del


sistema asburgico fu bloccato dalla morte di Maria Tudor nel 1558, seconda moglie di Filippo, in
compenso la monarchia francese, la sua peggiore rivale, venne duramente indebolita dalle divisioni
religiose interne e da una successione di re minori o incapaci dopo la morte accidentale di Enrico II,
ne 1559.

Filippo II (1556-1598) aveva ereditato dal padre la totale dedizione al mestiere di re, la
preoccupazione di rendere ai sudditi una giustizia imparziale e il senso di una missione da compiere
della quale bisognava dare conto a Dio. Ma a differenza di Carlo V, cresciuto nella capitale
Valladolid, si sentiva intimamente spagnolo, più precisamente castigliano.

Le prime misure di rilievo nel suo regno furono rivolte a imporre l’ortodossia religiosa attraverso il
rafforzamento dell’Inquisizione spagnola, la proibizione dei viaggi all’estero degli studenti e il
divieto d’introduzione di libri stranieri. Con forza in un secondo momento furono perseguitati i
moriscos che nonostante la conversione al cattolicesimo avevano mantenuto la loro lingua e usanze,
la loro disperazione sfociò nel 1568 in una rivolta, duramente repressa che portò alla loro definitiva
espulsione nel 1609.

È sbagliato credere però che Filippo sia stato un fanatico e cieco strumento della Controriforma.
Era, infatti, una convinzione corrente quella che l’unità religiosa fosse la condizione e il
presupposto dell’unità politica e la miglior salvaguardia contro le discordie civili. Inoltre Filippo II
si mostrò in più occasioni tutt’altro che docile verso la Santa Sede, gli stessi decreti di Trento
furono pubblicati in Spagna con due anni di ritardo e con la riserva che la loro applicazione non
dovesse ledere in nulla le prerogative regie. Infine l’intransigenza in materia religiosa non faceva
che rispondere a un’aspirazione profonda del popolo castigliano, eredità della Reconquista: una
tendenza non priva di risvolti molto razzisti.

Le restrizioni alla libertà di pensiero e di espressione non ebbero in Spagna gli effetti soffocanti
sulla vita intellettuale che si registrarono in Italia (“Secolo d’oro”, dalla metà del ‘500 alla metà del
‘600).

Tornato dai Paesi Bassi nel 1559, Filippo II non si mosse quasi più dalla Castiglia, la sede della
corte e del governo fu trasferita a Madrid, fino ad allora cittadina senza importanza che aveva però
la caratteristica di trovarsi esattamente al centro della Spagna.

L’accentramento che si verificò del potere decisionale nella persona del monarca non deve essere
confuso con il centralismo politico e istituzionale al quale tenderanno le monarchie assolute nei
secoli XVII e XVIII. Filippo II rimase sempre fedele alla concezione imperiale di Carlo V secondo

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
cui ogni singolo Paese doveva mantenere la propria individualità e i propri ordinamenti ed essere
unito agli altri solo nella persona del sovrano.

Venne esteso e perfezionato il sistema dei Consigli, composti in prevalenza – ad eccezione di quello
detto di “di Stato” – da giuristi ed ecclesiastici spesso di famiglia modesta. Nei vari territori, poi,
l’autorità dei rappresentati diretti del sovrano, viceré o governatori, era controbilanciata da quella
delle magistrature locali, che godevano di larga autonomia. In seguito all’estinzione della dinastia
regnante del Portogallo, Filippo II – che era tra i maggiori pretendenti al trono, essendo il fratello
della madre di Sebastiano I d’Aviz morto nel 1578 a cui successe Enrico I morto anch’esso nel
1580 e avendo sposato una principessa portoghese – anche grazie alla forza delle armi riuscì a
essere riconosciuto come erede della corona lusitana e di tutti i suoi possedimenti coloniali.

L’amministrazione portoghese rimase però separata così come lo era stata quella d’Aragona, dove
nel 1591 Filippo II fu costretto a sedare una rivolta fomentata dai signori feudali. Il separatismo
aragonese e catalano, pericoloso per i possibili appoggi francesi, rimarrà sempre una spina nel
fianco della potenza spagnola. Ma anche nella stessa Castiglia, l’indubbia popolarità della corona
spagnola fu messa a dura prova dai sacrifici sempre più gravosi richiesi al Paese in termini di
uomini e di denaro. La quota di metalli preziosi americani spettante alla corona non superò mai
quella del 20/25%, nonostante l’aumento delle importazioni. Il resto delle entrate proveniva da
imposte dirette – di cui la nobiltà era esentata – e indirette, dai contributi del clero e dai prestiti a
cui la monarchia era continuamente costretta a ricorrere. Il sistema tributario era congegnato in
modo da penalizzare i ceti produttivi e da privilegiare le rendite parassitarie. A ciò si aggiungeva
che i denari prelevati erano spesi in gran parte altrove, a causa degli impegni militari della
monarchia, e andavano così ad arricchire altri Paesi. Infine, la stessa mentalità imperiale rafforzava
la tendenza a importare manufatti e persino derrate agricole dall’estero. Già in quest’epoca alcune
attività industriali prima fiorenti, come le sete andaluse e i pannilana di Segovia e di Burgos,
cominciarono a decadere. Il commercio internazionale era quasi tutto nelle mani di stranieri. La
stessa agricoltura, già poco favorita dalle condizioni geologiche e climatiche, cedeva enormi spazi
all’allevamento trasumanate delle pecore, di cui beneficiavano poche grandi famiglie. A partire dal
1570 la Spagna divenne un Paese importatore di cereali e l’ultimo decennio del 1500 fu segnato da
terribili carestie e pestilenze, che avviarono un secolare declino della popolazione e dell’economia
iberica e in particolare castigliana.

La battaglia di Lepanto e i conflitti del Mediterraneo (147-148)

Dopo un fallito tentativo di prendere Malta nel 1565, la flotta ottomana al comando del successore
di Solimano il Magnifico, Selim III (1566-1574), conquistò nel 1570 Cipro, avamposto orientale di
Venezia e dalla cristianità, mentre Tunisi, espugnata da Carlo V nel 1535, cadeva nelle mani del
sovrano di Algeri, vassallo del sultano.

Per iniziativa dell’energico Pio V (1566-1572) si costituì una nuova “Lega Santa” a cui aderirono
Venezia, Spagna, la Repubblica di Genova, il duca di Savoia e l’ordine di Malta. La battaglia di
Lepanto nel 1571 fu l’ultima grande battaglia della storia che vide protagoniste le navi a remi e che
fu combattuta con la tecnica dell’abbordaggio. Spaventosa fu la carneficina che vide la vittoria
delle forze cristiane.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
La vittoria apparve come una sanzione divina degli ideali della Controriforma e fu esaltata da
letterati, poeti e artisti. Ma assai più modesti furono gli esiti sul piano politico-militare. Venezia,
preoccupata per i suoi possedimenti nel Mediterraneo orientale al fine di salvaguardare gli scambi
commerciali, preferì firmare una pace separata, rinunciando a Cipro e tornando alla sua tradizione
politica di buon vicinato con Istanbul. Negli anni successivi i due maggiori antagonisti, il re di
Spagna – i cui territori gli garantivano una posizione dominante nel Mediterraneo occidentale ma lo
rendevano al tempo stesso più esposto agli attacchi dei corsari barbareschi e della potenza ottomana
– e il sultano dovettero rivolgere la loro attenzione uno alle vicende nord-europee e l’altro al
rinnovato conflitto con la Persia. La tregua che fu stipulata nel 1578 doveva durare fino al termine
del secolo.

Il Mediterraneo rimase per tutto il 1500 un crocevia di scambi e traffici. Non soltanto di spezie e
sete orientali ma anche di derrate di prima necessità come il grano e il sale, che riempivano le navi
col favore dell’alto livello dei prezzi e della larga disponibilità di buone monete spagnole. Proprio
questa perdurante prosperità, tuttavia, rendeva più aggressiva e più intensa l’attività piratesca. La
guerra di corsa “legalizzata” era esercitata oltre che dagli Stati barbareschi, dai pirati di etnia slava
e dai navigli maltesi, genovesi e toscani, e non faceva molta distinzione all’ideologia religiosa.

Nell’ultimo ventennio del ‘500, infine, si registrò la penetrazione nel Mediterraneo degli olandesi e
soprattutto degli inglesi: al tradizionale scontro fra protestanti e cattolici si sovrapponeva quindi la
rivalità cristiana-protestante. I velieri nordici fecero apparire ben presto sorpassate le galere
veneziane e si assicurarono una larga fetta dei profitti del commercio mediterraneo, riuscendo a
violare anche il considerato “Golfo di Venezia”, ovvero mar Adriatico. Una terza forza veniva così
a inserirsi tra i grandi Imperi ottomano e spagnolo, e anche le sorti del Mediterraneo sarebbero
dipese in larga misura dai conflitti in corso sulle sponde della Manica e del mare del Nord.

La rivolta dei Paesi Bassi (148-150)

L’impegno militare più importante che caratterizzò il regno di Filippo II fu quello di sedare la
rivolta nei Paesi Bassi che, iniziata alla fine degli anni ’60 del 1500 si trascinò fino alla pace di
Vestfalia, tanto da essere nota come la guerra degli Ottant’anni. Alle origini dell’insurrezione
olandese contro la Spagna, che è stata definita la prima rivoluzione borghese dell’età moderna, vi
furono essenzialmente tre fattori.

Il primo è quello religioso. I Paesi Bassi furono terra fertile per la diffusione delle dottrine
riformate, soprattutto calviniste e dunque facili vittime della repressione di Filippo II, strenuo
difensore dell’ortodossia religiosa.

Il secondo, strettamente intrecciato col primo, è il fattore politico. Il monarca spagnolo aveva
affidato il governo alla sorellastra Margherita, moglie del duca di Parma Ottavio Farnese, e a il
cardinale di Granvelle. Questo diresse una dura lotta contro l’”eresia” rafforzando l’Inquisizione e
mostrando scarso rispetto per le tradizionali autonomie cittadine e per le prerogative degli Stati
provinciali. Ciò suscito ovviamente l’irritazione e l’opposizione dei patriziati urbani e dell’alta
nobiltà, pur fedeli nella grande maggioranza al culto cattolico. Il governo degli Asburgo veniva ora
avvertito, diversamente che con Carlo V, come straniero e oppressivo.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Il terzo fattore, infine, che contribuì in modo definitivo a trasformare il malcontento in rivolta fu la
crisi economica che verso la metà degli anni ’60 colpì i centri urbani e soprattutto Anversa, a causa
del trasferimento ad Amburgo, in Germania, del fondaco inglese e della temporanea chiusura del
Baltico legata a una guerra in corso tra Svezia e Danimarca.

Quanto tutto ciò sfociò in ribellione aperta, con la distruzione delle immagini sacre e di alcune
chiese, Filippo II decise di ricorrere alla forza inviando nelle Fiandre un forte esercito al comando
di quello che sarà definito “duca di ferro”, duca d’Alba. In un primo momento questo e le sue
maniere forti parvero avere successo ma dopo un’altra ondata di malcontento, dovuta
all’imposizione di tasse per mantenere l’esercito spagnolo e a un’imposta del 10% su tutte le
transazioni commerciali, nel 1572 l’aristocratico fuggito Guglielmo d’Orange-Nassau riuscì ad
allestire una flotta e a invadere le province settentrionali del mare, facendosi proclamare
governatore militare e convertendosi un anno dopo al calvinismo.

In quelle zone dotate di naturale difesa i rivoltosi riuscirono a resistere all’esercito spagnolo e
grazie anche all’aiuto degli ugonotti francesi e dei protestanti inglesi e tedeschi resero ben presto le
coste della Manica impraticabili per le navi nemiche. Per la Spagna dovette rifornire l’esercito
attraverso la lunga e costosa via di terra. Nel 1575 Filippo II fece bancarotta, e ai primi dell’anno
dopo i soldati rimasi senza paga si ammutinarono e saccheggiarono orribilmente Anversa, ponendo
fine per sempre alla sua prosperità.

Proprio in quei giorni veniva stipulato tra gli olandesi cattolici e protestanti un accordo contro il
comune oppressore. Tuttavia il comportamento prepotente dei calvinisti – che s’impadronivano di
governo in governo cacciando i patrizi cattolici – e il figlio di Margherita, Alessandro Farnese,
misero rapidamente fine all’accordo.

Nel 1579 si giunse alla definitiva scissione del Paese. Mentre le dieci province meridionali,
corrispondenti circa all’attuale Belgio, tornavano all’obbedienza, le sette province settentrionali, di
cui l’Olanda era la più importante, continuarono la lotta, rafforzate dal flusso di profughi calvanisti
provenienti dalle Fiandre e dal Barbante. Neppure l’assassinio nel 1584 di Guglielmo d’Orange
modificò la situazione che evolveva ormai verso la piena indipendenza dell’Olanda e delle altre
province settentrionali. Del resto ogni residua possibilità della Spagna di risolvere e proprio favore
la lotta venne frustata dall’apertura di nuovi fronti in Inghilterra e in Francia.

L’Inghilterra nell’età elisabettiana (150-152)

Figlia di Anna Bolena e Enrico VIII, Elisabetta salì al trono dopo la morte di Maria Tudor, alla fine
del 1558. Dichiarata figlia illegittima alla nascita aveva conosciuto nella prima giovinezza la
prigione e l’esilio ed era già divenuta maestra nell’arte della dissimulazione e del calcolo politico.

Il suo governo si caratterizzò per un notevole equilibrio tra l’esigenza di tenere buoni rapporti con il
Parlamento, che comunque fu convocato poco, e la tendenza a concentrare i poteri decisionali nel
Consiglio privato della corona.

Il problema più urgente era quello della religione. Per dare pace e stabilità al Pese la regina adottò
una soluzione di compromesso che fissò in maniera definitiva i tratti della Chiesa anglicana.
Riaffermò la supremazia del sovrano in materia religiosa e mantenne l’episcopato poi con l’Atto di

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
uniformità, del 1559, impose il Libro delle preghiere comuni, largamente rispettoso della liturgia
tradizionale mentre attraverso i Trentanove articoli della fede, poco dopo, venivano accolti i motivi
fondamentali della teologia calvinista. Il dissenso religioso fu ampiamente tollerato fino alla
ribellione dei “conti del nord” del 1568-1569, ultimo soprassalto dell’Inghilterra cattolica e feudale,
e dopo la scomunica di Pio V, nel 1570. Questo compromesso lasciò insoddisfatti i calvinisti più
intransigenti, detti puritani – che reclamavano l’abolizione dei vescovi e l’eliminazione dal culto di
ogni residuo di “papismo” – ma solo più avanti il puritanesimo si trasformerà in una forza di
opposizione alla monarchia.

Per quanto riguarda il problema della successione – che faceva temere una ripresa delle discordie
civili una volta scomparsa la regina – dovuto al rifiuto di Elisabetta di sposarsi, si risolse con la
figura di Giacomo I, figlio di Maria Stuart. Questa, regina di Scozia e cattolicissima, tramò a lungo
per usurpare il trono a Elisabetta anche dopo la fuga dalla Scozia, dovuta alla nobiltà scozzese
calvinista, e il riparo, benché sorvegliato, in Inghilterra. Ciò condusse Elisabetta a firmare la
condanna a morte, nel 1587. In ogni caso il figlio, Giacomo I, cresciuto con un’educazione
protestante sembrava garantire una successione indolore al trono d’Inghilterra.

In campo finanziario al governo elisabettiano si devono la stabilizzazione della moneta e la


moderazione dei tributi attraverso la vendita dei residui beni della corona, la compartecipazione ai
profitti del commercio e la guerra di corsa. In generale la politica interna di Elisabetta fu tale da
secondare il grande moto di espansione dell’economia e della società inglese. I nuovi proprietari
fondiari, sia mercanti arricchiti che acquirenti dei beni della corona, accorpavano spesso gli
apprezzamenti sparsi in aziende compatte, accrescevano la produzione e la destinavano a mercati
distanti anziché al consumo locale. Veniva eliminato l’uso collettivo della terra a favore delle
recinzioni. I contadini che non sopravvivevano cercavano un altro lavoro o si davano al
vagabondaggio, da qui le prime leggi sui poveri di Elisabetta. Un’integrazione al lavoro agricolo
era offerta nelle campagne di alcune regioni dall’industria laniera (3/4 delle esportazioni) e
dall’estrazione del carbone sempre più utilizzato in Inghilterra.

Al raddoppio della popolazione in poco più di un secolo (da 2,3 a 4,5 milioni verso il 1620) si
accompagnarono una forte mobilità sociale e il rafforzamento dei ceti intermedi: medi e grandi
proprietari terrieri che formavano la gentry – nobiltà rurale non titolata – gruppi mercantili e uomini
di legge. La nobiltà titolata perse molti dei suoi poteri, fu penalizzata dall’inflazione e costretta o
indotta a trasferirsi a corte, col doppio risultato di rovinarsi a causa delle spese eccessive e di
allentare i propri legami con le regioni d’origine.

Più che nell’industria comunque, l’età elisabettiana segna l’inizio di una nuova era del commercio
e della navigazione. La Compagnia di Moscovia, istituita nel 1553, fu la prima di una serie di
compagnie privilegiate. Non si trattava più di semplici corporazioni di mercanti, bensì di vere e
proprie società per azioni che ottenevano dalla corona il “privilegio” esclusivo di commerciare con
una certa area del globo, in cambio di prestiti e compartecipazioni agli utili. Assai numerosi erano
anche i mercanti che agivano a titolo individuale e spesso si dedicavano al contrabbando con le
colonie spagnole ed esercitavano la pirateria sia nell’Adriatico sia nel Mediterraneo (Francis Drake,
circumnavigazione del globo e Walter Raleigh, fallito tentativo di impiantare colonie inglesi in
territori del Nord America battezzati: Virginia).

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
I rapporti con la Spagna, già tesi a causa dei continui attacchi dei marinai inglesi contro le navi e i
possessi di Filippo II, giunsero al punto di rottura quando Elisabetta, nel 1585, decise di appoggiare
in modo aperto la rivolta dei Paesi Bassi e quando, poi, avvenne l’esecuzione di Maria Stuart.

Nel 1588 attraverso l’invencible armada, Filippo II tentò di sbarcare sulle coste britanniche.
L’armata però, composta da 130 navi e più di 30mila uomini, fu scompaginata dalle tempeste e
aggredita nelle acque della Manica dalla piccola, ma ben armata flotta da guerra di Elisabetta e da
una moltitudine di legni mercantili e corsari inglesi e olandesi, ben più agili e veloci i delle fortezze
galleggianti spagnole. Gli spagnoli decisero allora di rinunciare allo sbarco e di circumnavigare con
le forze residue le isole britanniche. Meno della metà della flotta, ulteriormente falcidiata dalle
intemperie, riuscì a tornare. La guerra con la Spagna doveva trascinarsi innanzi, con alterne
vicende, fino al 1604. Ma era ormai evidente che il tentativo di Filippo II di stroncare sul nascere la
potenza navale e commerciale britannica era fallito.

Un’ondata di esaltazione e orgoglio patriottico percorse l’Inghilterra, più che mai stretta intorno alla
sua regina. Fu questa una componente non secondaria di quella fioritura intellettuale e artistica che
fa dell’età elisabettiana un periodo di ineguagliato splendore nella storia della civiltà inglese
(William Shakespeare, Christopher Marlowe, Francesco Bacone…)

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Le guerre di religione in Francia (152-155)

Anche in Francia, come nei Paesi Bassi e in Gran Bretagna, troviamo in primo piano tra le cause
dei conflitti interni il fattore religioso, intrecciato a movimenti di ordine politico-sociale e aggravato
dai problemi dinastici tipici dei periodi di reggenza.

In seguito alla morte di Enrico II nel 1559 e a quella ancora più inaspettata del suo primogenito
Francesco II nel 1560 toccò alla vedova Caterina de’ Medici il compito di reggere il timone dello
Stato, dato che al primogenito succedettero altri due figli minori e incapaci, Carlo IX (1560-1574)
e Enrico III (1574-1589).

Nel frattempo il calvinismo faceva successo soprattutto nelle regioni a sud e dell’ovest – meno
integrate nel Regno di Francia e più restie a accogliere le novità giuridiche, amministrative e fiscali
portate dalla monarchia dei Valois (Valois, dinastia cadetta della casa dei Capetingi che regnò sul
trono di Francia dal 1328 al 1589 con tredici re) – e tra la nobiltà – non più occupata dalle guerre
esterne e stretta come in una morsa tra l’inflazione e l’ascesa dei ceti borghesi.

Alla testa delle fazioni nobiliari in lotta troviamo tre grandi casate: quella dei Guisa, intransigenti
cattolici, e quelle dei Borbone e dei Montmorency-Châtillon, calviniste.

Per reagire allo strapotere dei Guisa Caterina de’ Medici fu indotta a fare concessioni agli ugonotti
con l’editto di San Germano. Ma nel 1562 i partecipanti a una riunione protestante a Vassy furono
massacrati dai seguaci del duca di Guisa. Fu questo l’inizio della prima fase di guerre civili,
conclusa nel 1570 dalla seconda pace di San Germano, che ribadiva e allargava le precedenti
concessioni agli ugonotti.

Negli anni che seguirono divenne dominante a corte l’autorità dell’ammiraglio Coligny, che riuscì
a conquistare la fiducia di Carlo IX e a ottenere per Enrico di Borbone, divenuto re di Navarra nel
1572, di fede calvinista, la mano della sorella del re, Margherita di Valois. Durante i festeggiamenti
per le nozze però Caterina – temendo l’influenza di Coligny sul figlio – diede mano libera ai Guisa
che nella cosiddetta “Notte di San Bartolomeo” fecero massacrare più di duemila calvinisti tra cui
lo stesso Coligny. Il massacro si estese in seguito nelle province ma, nonostante la fuga di molti
ugonotti all’estero, la salda organizzazione protestante delle regioni sud-occidentali tenne duro e
prese anzi a funzionare come una confederazione di Stati indipendenti che trovò un capo in Enrico
di Borbone, fuggito da Parigi.

All’organizzazione protestante si oppose allora la Lega santa, capeggiata dai Guisa e sostenuta dalla
nobiltà cattolica e dalla città di Parigi. Il precario equilibrio tra i due schieramenti si ruppe quando
morì, nel 1584, Francesco duca d’Alençon e Angiò, il quarto e ultimo figlio maschio di Enrico II. A
diventare erede presuntivo al trono fu allora Enrico di Borbone.

Iniziò così un ulteriore fase del conflitto, la cosiddetta “guerra dei tre Enrichi”: il re Enrico III,
Enrico di Borbone e il giovane duca Enrico di Guisa, capo della Lega cattolica. Appoggiata dalla
Spagna la Lega sostituì di fatto la propria autorità a quella del monarca che fu costretto – dopo aver
fatto assassinare il duca di Guisa e il cardinale di Lorena – ad allearsi con il Borbone. Insieme
assediarono Parigi nel 1589, ma un mese dopo Enrico III moriva per mano di un frate fanatico e
designava suo successore Enrico di Borbone, che divenne così Enrico IV.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Non ancora quarantenne, il nuovo sovrano (1589-1610) era una personalità diversa dai suoi
predecessori, temprato alla vita delle armi, affabile e cavalleresco, aveva tutte le qualità che si
richiedevano per ridare smalto e prestigio alla figura del monarca. Naturalmente egli non venne
riconosciuto dai leghisti, che premevano per avere al trono una figlia di Filippo II di Spagna,
Isabella. Truppe spagnole penetrarono in Francia facendo in modo che Enrico IV riuscisse a
presentarsi come il campione dell’unità e dell’indipendenza del Regno e trasformasse la guerra
civile in guerra contro lo straniero e contro i suoi alleati interni.

Enrico IV si affiancò così ai politiques, cattolici moderati che ponevano l’interesse dello Stato al di
sopra di quello delle fazioni religiose e che appartenevano in larga parte alla magistratura e alla
borghesia degli uffici. A suo vantaggio c’era anche la stanchezza per le guerre e le stragi e
l’apprensione suscitata dagli eccessi della plebe parigina e dai movimenti insurrezionali a carattere
anarchico esplosi in varie province come reazione spontanea contro le esazioni e le prepotenze dei
nobili e delle soldatesche. Tra il 1593 e il 1594 Enrico IV si convertì pubblicamente, fece un
ingresso trionfale a Parigi e venne assolto dal papa Clemente VIII. Filippo II, ormai vecchio e
infermo, riconobbe la propria sconfitta nel 1598 firmando la pace di Vervins. Poco dopo l’editto di
Nantes sancì la pace religiosa mantenendo il cattolicesimo come religione di Stato ma riconoscendo
agli ugonotti il diritto di praticare il loro culto (tranne che a Parigi e in pochi altri luoghi) e la
facoltà di presidiare militarmente un centinaio di piazzeforti a garanzia della libertà religiosa.

L’Europa orientale: Polonia e Russia (155-158)

L’immenso territorio europeo che si estendeva al di là di una linea ideale tesa tra il Baltico
occidentale e il mar Nero era quasi tutto diviso, nella seconda metà del Cinquecento, tra due sole
formazioni statali: il Regno polacco-lituano e la Russia moscovita.

Oltre che un crogiolo di popoli – polacchi, lituani, lettoni, ucraini, teschi, bielorussi… - la Polonia
era un crogiolo di fedi religiose – cattolica, greco-ortodossa, calvinista, luterana, anabattista,
antitrinitaria… Nonostante la vigorosa controffensiva cattolica, diretta dai gesuiti, nella seconda
metà del 1500, il principio della libertà religiosa venne ribadito ancora nel 1537, facendo della
Polonia una sorta di oasi in un’Europa dominata dall’intolleranza. La complessità etnico-religiosa
rendeva difficile l’affermazione di una forte autorità statale così come la presenza di una nobiltà
eccezionalmente numerosa (1700, 7/8% della popolazione) e fieramente attaccata ai propri privilegi
e tradizioni militari. Questo ceto fu protagonista di una notevole fioritura intellettuale e artistica
durante l’età rinascimentale (Niccolò Copernico, Università di Cracovia) e del forte aumento della
produzione cerealicola, a scapito ovviamente delle libertà dei contadini, costretti a lavorare
gratuitamente 6 giorni su 7. Nel 1572 – morto senza eredi l’ultimo Jagellone, Sigismondo II – la
nobiltà riuscì a dare alla corona un carattere elettivo che ci induce più a parlare di repubblica
aristocratica che di monarchia. Una realtà che a lungo andare si mostrerà incapace di reggere
all’urto delle nuove monarchie assolute.

Nella Russia moscovita le condizioni economico-sociali erano per molti versi simili a quelle del
Regno polacco-lituano: un territorio sconfinato e poco popolato, uno scarsissimo sviluppo della vita
cittadina e dei traffici, quasi tutti in mano a stranieri, un’economia agricola imperniata sulle grandi
aziende signorili che sfruttavano il lavoro coatto dei contadini, servi della gleba. L’evoluzione
politica, tuttavia, fu opposta a quella seguita dalla Polonia e andò verso la concentrazione di tutti i

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
poteri nelle mani del monarca, ne cui confronti gli stessi nobili erano in uno stato di soggezione
servile inconcepibile nel resto d’Europa. Tra i motivi di questo diverso destino dobbiamo
considerare la minore forza numerica e compattezza della nobiltà russa, rispetto a quella polacca, e
il ruolo cruciale della Chiesa ortodossa, legata alla tradizione bizantina, nel rendere sacra la figura
dello zar e nell’inculcare ai sudditi l’obbedienza incondizionata. La Moscovia scosse
definitivamente il giogo mongolo e fu protagonista di un’espansione territoriale con Ivan III il
Grande (1462-1505) e Basilio III (1505-1533). Questi sovrani posero le basi per uno stretto
rapporto fra Stato e Chiesa e per la creazione di una nuova nobiltà, che in cambio di terre
assicurava alla corona servizio militare e civile. Tale processo raggiunse il culmine con Ivan IV
(1533-1584), fattosi incoronare zar nel 1547, che diede inizio a una forte politica di rafforzamento
del potere monarchico e di alleanza con i ceti inferiori in funzione antinobiliare (riordino
dell’amministrazione, creazione di un esercito professionale, guerra alla corruzione…). Ivan IV
intrecciò rapporti commerciali con l’Inghilterra e condusse vittoriose campagne che fecero in modo
che tutto il bacino del Volga, fino al mar Caspio, risultasse in mani russe. Ma a partire dal 1560,
anche in conseguenza alla morte della prima moglie che aveva esercitato un influsso moderatore sul
carattere dello zar, iniziò un periodo di stragi e confische indiscriminate che culminò con il
massacro della popolazione di Novgorod, città un tempo assai fiorente per i traffici. A Ivan IV
succedette il figlio, debole e infermo, su cui esercitò influenza il cognato Boris Godunov, poi fattosi
nominare zar nonostante l’accusa di aver assassinato il nipote Dimitri. Alla sua morte, dopo anche
un periodo di gravi carestie ed epidemie, la Russia sprofondò in uno stato di anarchia totale, la
cosiddetta “epoca dei torbidi”, che ebbe fine solo nel 1613, quando venne eletto zar Michele
Romanov, la cui dinastia era destinata a regnare fino al 1917.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
L’Europa nella guerra dei Trent’anni
Nei trenta anni dopo la Seconda Guerra Mondiale si iniziò a parlare di una “crisi generale del
Seicento” che prendeva le mosse dalla simultaneità di una serie di movimenti rivoluzionari e di
crisi politiche che si manifestarono in diverse parti dell’Europa nei decenni centrali del secolo.
Alcuni storici hanno visto in queste scosse il riflesso di una fase acuta della transizione dal
feudalesimo al capitalismo, anche se in alcuni Paesi si sarebbe in realtà risolta con la riaffermazione
delle vecchie strutture economiche-sociali e del regime monarchico-feudale, mentre altri hanno
negato la possibilità di assegnare cause comuni a fenomeni cosi eterogenei o ancora hanno messo in
campo spiegazioni di varia natura come le diffuse reazioni all’accentramento burocratico e agli
inasprimenti fiscali, o lo squilibrio tra crescita della popolazione e risorse alimentari, ridotte anche
dal ciclo climatico avverso (“piccola glaciazione”)… Negl’anni più recenti questa idea di crisi è
stata però in qualche modo rilanciata.

In Europa l’incremento demografico del “lungo Cinquecento” si arrestò tra il 1620 e il 1650 e
alcune aree, come la Germania devastata dalla guerra e i Paesi mediterranei colpiti da disastrose
pestilenze, registrarono gravi perdite di popolazione. In realtà però i vuoti furono colmati
abbastanza velocemente e altrove si registrò un rallentamento della crescita piuttosto che un calo
demografico.

Tra il 1620 e il 1650 si arrestò inoltre la tendenza all’aumento dei prezzi in rapporto sia
all’attenuarsi della pressione della domanda sia alla drastica diminuzione dei quantitativi d’argento
importati dalle Americhe.

Per quanto riguarda l’industria e il commercio non mancarono i segnali di difficoltà e recessione –
crisi delle manifatture tessili fiamminghe e diminuzione navi che transitavano tra il mare del Nord
e il Baltico – ma a essi è possibile contrapporre indicatori di diverso segno, come la prosperità del
centro laniero in Olanda e il successo delle new draperies inglesi. Più che di una crisi dunque si può
parlare di una ridistribuzione delle risorse a vantaggi dei Paesi affacciati sull’Atlantico e a danno
dell’Europa mediterranea e dell’area germanica. Dal punto di vista agricolo non si registrarono
novità se si eccettua l’avvio della “rivoluzione agricola” in Inghilterra.

Proseguì la tendenza, già affermatasi nel 1500, all’esproprio dei coltivatori diretti da parte dei ceti
urbani e si aggravò ulteriormente il peso della rendita fondiaria sui fittavoli e sui mezzadri. In
alcune zone si ebbe anche un aumento dei gravami feudali. Alla rendita feudale e al prelievo
signorile si aggiungeva poi il crescente peso delle imposte statali, che ad esempio in Francia triplicò
in termini reali tra gli anni ’80 del 1500 e gli ’80 del 1600. È da ritenere che l’aggravamento
complessivo degli oneri che pesavano sulle campagne e sulle classi lavoratrici annullasse gli
indubbi benefici della diminuzione del prezzo del pane. Solo nei Paesi più favoriti, l’Olanda e
l’Inghilterra, poté costituirsi almeno un embrione di mercato di massa, mentre altrove il potere
d’acquisto delle classi popolari rimase limitatissimo.

Tutto ciò che si è detto non basta per porre tutto il 1600 europeo sotto il segno della crisi o del
declino. Se l’area mediterranea e quella centroeuropea furono gravemente colpite dalle guerre, dalle
carestie e dalle pestilenze, la crescita economica dell’Europa nord-occidentale – Scandinavia, Paesi
Bassi, Olanda, Inghilterra e Francia settentrionale – conobbe fasi di rallentamento ma anche di
ripresa ed accelerazione.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Sotto un profilo culturale mentre in Spagna tramontava il siglo de oro, la Francia entrava nel
proprio grand siècle e, più in generale, si verificava quella che si può chiamare senza dubbio una
rivoluzione scientifica e filosofica. Può sembrare paradossale una simile svolta nel campo delle idee
all’interno di una così grande fase di generale oscurantismo e intolleranza, ma in realtà a questo
clima si sottrassero Paesi come l’Inghilterra e l’Olanda e inoltre la storia intellettuale ha una
dinamica sua propria, che prescinde dal modo di pensare della “gente comune” e anzi non di rado
reagisce deliberatamente ai pregiudizi.

La prosperità dell’Olanda (163-166)

Il ruolo in primo piano degli olandesi nella rivoluzione scientifica e filosofica riflette il carattere
avanzato dell’economia e della società delle Province Unite nel 1600. Quando nel 1609, la Spagna
riconobbe di fatto la loro indipendenza con la tregua dei Dodici anni, già da alcuni decenni le
Province Unite erano protagoniste di uno spettacolare sviluppo economico, che ne face la potenza
marittima e commerciale più importante d’Europa.

Di questa rapida ascesa si possono fornire diverse spiegazioni, tra le quali è difficile stabilire una
graduatoria:

• Fattori geografici. I Paesi Bassi erano sempre stati una delle aree nevralgiche d’Europa per
i traffici e gli scambi. L’Olanda ereditò i vantaggi di cui già avevano goduto le Fiandre e il
Brabante, rimasti sotto il soffocante dominio spagnolo: il ruolo di grande emporio e di
centro finanziario internazionale esercitato nel 1550 da Anversa passò ad Amsterdam, la cui
popolazione dai 30.000 abitanti arrivò ai quasi 200.000 a fine 1600, mentre Leida si sostituì
a Hondschoote come maggiore produttrice europea di pannilani. Anche la fioritura e tintura
dei panni inglesi si spostò al Nord insieme a capitali, energie imprenditoriali e maestranze.

• La pesca delle arringhe e lo sviluppo dell’industria cantieristica.


• Commercio. Con la flotta mercantile più grande d’Europa gli olandesi divennero i
“carrettieri del mare”, i padroni dei trasporti per via d’acqua. Una delle rotte più frequentate
era quella del Baltico, dove i velieri olandesi portavano le spezie orientali, i vini, i manufatti
dell’Europa occidentale per tornare carichi di prodotti polacchi e russi come, cereali, pece,
pellicce o di ferro e rame svedese.

• La penetrazione nei continenti extraeuropei. Approfittandosi dello stato di guerra con la


Spagna: Ceylon, isola di Giava e delle Molucche in Asia, territorio del Capo all’estremo sud
del continente africano e per quasi 30 anni, fino al 1654, coste del Brasile. Sulle coste
dell’Atlantico: fino al 1664, Nuova Amsterdam, poi ribattezzata dagli inglesi New York,
dopo il 1664 solo Suriname e isola di Curaçao nelle Antille. Protagoniste di questa
espansione coloniale furono due compagnie privilegiate: la Compagnia delle Indie orientali,
fondata nel 1602, e la Compagnia delle Indie occidentali, creata nel 1621. Entrambe
avevano la forma delle società per azioni.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
• Rispetto ai portoghesi, ai quali in larga misura si sostituirono nell’importazione di spezie e
di altri prodotti orientali – come cotonate indiane, sete, porcellane cinesi –gli olandesi
compirono due importanti passi avanti: da un lato estesero il loro controllo alla produzione
di alcune spezie, riducendo in schiavitù e costringendo a lavorare nelle piantagioni nativi,
dall’altro praticarono su larga scala il commercio d’intermediazione tra le diverse aree
dell’oceano Indiano, aggiungendo così questi profitti a quelli dello smercio in Europa. Nel
corso di questi viaggi i viaggiatori olandesi scoprirono l’Australia, 1606, e la Nuova
Zelanda, 1642.

• Agricoltura e ingegneria idraulica. La facilità dei rifornimenti di cereali via mare indusse
alla specializzazione e sviluppo nell’orticultura, nella produzione di latticini, nella
coltivazione di piante tintorie e nell’utilizzo di rotazioni e tecniche sofisticate, anche
idrauliche…
• Manifattura. Anche questa rappresentò un importante fattore della prosperità olandese. Non
meno importante del primato nel settore tesile dei pannilani e delle tele d’Olanda fu la
lavorazione dei prodotti coloniali, le maioliche, la distillazione della birra, la produzione di
lenti molate, carta, armi, editoria…
• Istituzioni finanziarie senza rivali in Europa. Banca dei cambi e Borsa. Le Province Unite
furono il primo Paese europeo in cui il numero degli addetti all’agricoltura scese al disotto
della metà degli abitanti.

• Regime di relativa libertà religiosa e civile. Sebbene ufficialmente calviniste il ceto


mercantile riuscì quasi sempre a imporre il rispetto delle varie opinioni religiose. Le
Province Unite ospitavano forti minoranze cattoliche, anabattiste e ebree, necessarie per lo
sviluppo dei traffici e per l’afflusso di capitali e di uomini da ogni parte d’Europa.

• Struttura confederale della Repubblica e autonomie cittadine dominate da un patriziato


mercantile che solo nel tardo Seicento perderà il suo carattere di ceto aperto all’emergere di
nuove forze sociali. Gli Stati generali che si riunivano all’Aja e che comprendevano i
deputati delle sette province, avevano poteri limitati e dovevano prendere la loro decisione
all’unanimità. Il sistema avrebbe potuto portare alla paralisi, se non fosse stato per il peso
preponderante della provincia d’Olanda, che da sola pagava più della metà delle imposte
federali e il cui statolder – quasi sempre membro della famiglia d’Orange- rappresentava la
massima autorità militare.

In un’Europa dominata nel 1600 dalle monarchie assolute e dalle aristocrazie, le Province Unite
rappresentavano una felice eccezione con la loro prosperità – ben presto oggetto degli attacchi
d’Inghilterra e Francia – con la loro civiltà essenzialmente cittadina e borghese e con la loro
adesione ai valori della libertà e della tolleranza. In tale contesto si colloca l’eccezionale sviluppo
della vita intellettuale e artistica (pittura realista di Jan Vermeer, Rembrandt Harmenszoon van
Rijn).

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
La monarchia francese da Enrico IV a Richelieu (166-168)

Dopo il travagliato periodo delle guerre di religione, la Francia di Enrico IV di Borbone


(1589-1610) riguadagnò rapidamente quella posizione dominante sulla scena europea che le
assegnavano la sua popolazione – circa 18 milioni di abitanti, dieci volte quelli delle Province Unite
– le sue tradizioni e la sua vitalità economica.

Al rifiorire delle attività economiche, prima fra tutti l’agricoltura, contribuirono gli sgravi fiscali, la
soppressione di molti dazi e il programma di costruzioni stradali. La grande nobiltà fu blandita con
una politica di favori e di elargizioni finanziarie ma anche intimidita con alcune condanne
esemplari. Ai governatori delle province, esponenti delle grandi casate aristocratiche, cominciarono
ad affiancarsi “commissari” straordinari. I detentori di uffici venali, un ceto molto numeroso e
potente in Francia, si videro riconoscere, nel 1604, dietro il pagamento di una rata, il diritto di
trasmettere la loro carica che a sua volta già da tempo poteva trasmettere la nobiltà. Con il trattato
di Lione, nel 1601, dopo una breve guerra col Piemonte sabaudo, Enrico IV, ottenne la Bresse il
Bugey e altri territori Transalpini in cambio del Marchesato di Saluzzo. Negl’anni seguenti evitò
ogni intervento militare diretto ma non rinunciò all’influenza in Germania e Italia. Si accingeva a
muovere guerra agli Asburgo d’Austria e di Spagna quanto cadde vittima di un frate fanatico nel
1610.

L’erede al trono Luigi XIII, aveva solo nove anni. La reggenza fu assunta in suo nome dalla madre
Maria de’ Medici, che inaugurò una politica filospagnola e si appoggiò ad alcuni favoriti venuti con
lei dalla Toscana, principalmente Concino Concini.

La sudditanza spagnola e la presenza di stranieri a corte suscitarono il risentimento dei principi


francesi e delle grandi casate aristocratiche – che come sempre nei periodi di reggenza, rialzarono
la testa per riguadagnare potere politico – che si tradusse nella convocazione degli Stati generali, tra
il 1614 e il 1615, per l’ultima volta nella storia della Francia prima del 1789. Gli scarsi risultati
fecero in modo che a prendere il potere fosse Concini, poi fatto assassinare dal giovane re. Nel
confuso periodo che seguì, a imporsi come mediatore tra Luigi XIII e la madre, fu un giovane
vescovo che già si era messo in luce come rappresentate del clero negli Stati generali: Armand-Jean
du Plessis duca di Richelieu. Questo nominate cardinale nel 1624 venne poi inserito nel Consiglio
della corona e velocemente assunse una posizione dominante accentrando nelle proprie mani la
direzione della politica francese interna ed esterna.

A questo punto Richelieu aveva due possibilità: appoggiarsi alla politica di restaurazione degli
Asburgo di Spagna e d’Austria per evitare gravosi impegni militari e consentire di concentrarsi sul
risanamento delle finanze e sulle riforme che tutti invocavano, o, al contrario, contrapporsi al
disegno egemonico degli Asburgo subordinando a questo obbiettivo ogni esigenza di politica
interna. Fu quest’ultima la linea scelta e perseguita con inflessibile coerenza.

Il ritorno della Francia a una politica estera aggressiva presupponeva innanzi tutto il rafforzamento
dell’autorità monarchica all’interno del Paese e l’eliminazione di ogni potenziale focolaio
d’opposizione. In questa ottica si colloca la guerra agli ugonotti terminata con una pace di
garanzia,1628, che manteneva la libertà di culto nei limiti sanciti dall’editto di Nantes, ma faceva
piazza pulita delle garanzie politiche e militari – compreso il possesso di piazzeforti – da questo
previste. Questa campagna e il progressivo coinvolgimento della Francia nei teatri di guerra tedesco

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
e italiano ebbero come conseguenza un rapido aumento della pressione fiscale e in particolare della
taglia, che gravava quasi esclusivamente sulle campagne. Fu questa la causa principale di un’ondata
di rivolte popolari che scosse la Francia a partire dal 1625 circa. Più che contro il re queste,
inquadrate e guidate da elementi della nobiltà, si scagliavano contro gli agenti del fisco.

A questo gigantesco sforzo di accentramento e rafforzamento del potere monarchico, visibile anche
con l’estensione del ruolo degli intendenti di giustizia, polizia e finanza – quei commissari istituiti
per il bisogno di mantenere l’ordine, di garantire la riscossione di tasse, di amministrare una pronta
e severa giustizia… che diventarono le principali cinghie di trasmissione della volontà sovrana
nelle province del Paese – che per tanti aspetti anticipa l’opera di Luigi XIV, si possono ricondurre
anche le benemerenze di Richelieu in campo culturale, con per esempio l’Accademia di Francia per
fissare i caratteri della lingua nazionale, commerciale e coloniale, con l’intervento francese in
Senegal, nelle Antille e nel Canada. Ma tutto nella sua mente era subordinato al grande confronto
con la potenza asburgica.

La Spagna da Filippo III al duca di Olivares (169)

Con l’inetto e incolore Filippo III (1598-1621), figlio e successore di Filippo II, si inaugurò in
Spagna l’era dei favoriti onnipotenti, coloro a cui sovrani, incapaci di governare, delegavano tutti i
poteri di decisione e di comando.

Filippo III Il duca di Lerma pose fine alle guerre in corso, stipulando la pace con l’Inghilterra
(1604) e la tregua dei Dodici anni con le Province Unite. Ma sempre nel 1609 prese la drammatica
decisione di espellere dalla penisola iberica tutti i moriscos, cosa che aggravò ulteriormente il
declino economico e demografico, quasi in 300.000 emigrarono. In vent’anni riuscì ad arricchire
famiglia e amici a scapito delle casse regie.

Filippo IV Conte di Olivares, uomo energico e, a differenza di Lerma, pieno di zelo per il bene
pubblico. Era persuaso dalla necessità di introdurre profondi mutamenti nelle strutture economiche
e politiche della monarchia ma al tempo stesso non poteva assistere indifferente al saccheggio del
dominio coloniale iberico né restare neutrale di fronte al conflitto acceso nel centro d’Europa tra
cattolici e protestanti. Appoggiò dunque militarmente la controffensiva degli Asburgo di Vienna
contro gli insorti boemi e decise, a Madrid, di non rinnovare la tregua dei Dodici anni con le
Province Unite, che scadeva nel 1621. Per un momento le iniziative di Olivares, che avevano
smesso di gravare sull’economia castigliana con l’Unión de las armas, parvero avere successo. Ma
nel 1627 con l’apertura di un altro fronte in Italia e la cattura da parte degli olandesi della flotta che
trasportava l’argento americano portarono al tracollo delle finanze spagnole mentre l’Unione delle
armate incontrava soprattutto in Portogallo e nelle province aragonesi una crescente opposizione.

Negli anni seguenti l’affannosa ricerca di denaro a tutti i costi, il peggioramento della situazione
militare e il crescente malcontento delle province porteranno a una serie di rivolte e avvieranno il
declino della monarchia spagnola.

L’Impero germanico e l’ascesa della Svezia (170-171)

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Alla morte di Ferdinando I nel 1564 la dignità imperiale e le corone di Ungheria e Boemia
passarono, insieme coi ducati austriaci, al figlio Massimiliano II cui succedette Rodolfo II.

Quest’ultimo, rigido cattolico, dovette far fronte a una larghissima diffusione delle fedi protestanti,
infatti già a partire dal 1580 la grande maggioranza della nobiltà dei domini asburgici aveva
abbandonato la Chiesa Cattolica. Rodolfo II pose la sua residenza a Praga, dove, dopo essersi
circondato di scienziati e artisti, iniziò a dar segni di squilibrio mentale. Nel 1609 i nobili della
Boemia lo costrinsero a firmare la Lettera di maestà, che concedeva loro piena libertà religiosa. Nel
1611, quando ormai conduceva una vita da recluso nel suo palazzo, fu deposto dal fratello Mattia
che l’anno dopo fu eletto imperatore.

La debolezza alla suprema autorità politica aveva frattanto acuito in tutta la Germania i contrasti tra
cattolici e protestanti; accanto al luteranesimo ora era presente il calvinismo – non contemplato
dalla clausola religiosa del 1555 – soprattutto in Ungheria e Boemia. Nel 1608 i principi protestanti,
preoccupati dai progressi della Controriforma, conclusero un’alleanza difensiva, l’Unione
evangelica, a cui in seguito si aggregarono molte città imperiali e a cui presto si contrappose una
Lega cattolica.

L’uno e a l’altro schieramento cercavano protettori e alleati fuori dai confini dell’Impero, creando
una situazione sempre più tesa.

Tra i Paesi affacciati sul Baltico, nessuno alla fine del Cinquecento poteva competere per estensione
e popolazione con la Polonia-Lituania, che contava oltre 10 milioni di abitanti su una superfice di
815.000 km 2.

Un’aggregazione di territori ancora più vasta iniziò a delinearsi con l’arrivo di Carlo IX sul trono
svedese nel 1604. Questo manifestò subito mire espansionistiche in direzione sia della Polonia, sia
della Danimarca di Cristiano IV (1588-1648). Per quanto sfortunati, questi conflitti aprirono la via
alle imprese del figlio e successore Gustavo Adolfo (1611-1632) che in soli vent’anni riuscirà a
imporre la supremazia svedese su tutto il Baltico.

Le prime fasi della guerra dei Trent’anni, 1618-1629 (171-173)

Sul trono imperiale a Mattia (1612-1629), vecchio e privo d’eredi, era candidato a succedere il
nipote Ferdinando, duca di Stiria, educato dai gesuiti e intransigente campione della Controriforma.

Nonostante questo nel 1617 riuscì a ottenere la disegnazione a re di Boemia e Ungheria nelle
rispettive Diete, ma le misure prese a favore del cattolicesimo dai reggenti che rappresentavano il
potere imperiale a Praga indignarono subito i ceti boemi, che videro messa in discussione la loro
autonomia e si autoconvocarono nuovamente nella primavera del 1618. Poco dopo una folla di
delegati invase il palazzo reale e getto dalla finestra due reggenti e il loro segretario. Fu poi formato
un governo e un esercito provvisorio, in previsione dell’inevitabile scontro con gli Asburgo.

Questo comportamento fu imitato da altre province del regno come la Moravia, Slesia e Lusazia e
anche dai ceti dell’Alta e Bassa Austria. Nel frattempo nel 1619 la Dieta imperiale elesse
imperatore quello che divenne Ferdinando II (1619-1637) mentre poco prima i ceti boemi, dopo

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
aver dichiarato deposto Ferdinando, avevano offerto la corona all’elettore del Palatinato, il
calvinista Federico V, con la speranza di favorire la costituzione intorno a Federico, che era anche
genero del re d’Inghilterra Giacomo I.

Ciò spinse l’imperatore a chiedere l’aiuto della Spagna e della Lega cattolica tedesca. Così nella
primavera-estate del 1620 gli eserciti bavarese e imperiale sottomisero l’Alta e la Bassa Austria e
penetrarono in Boemia.

Dopo la vittoria della battaglia della Montagna Bianca iniziò una dura repressione. Mentre Federico
del Palatinato veniva cacciato, in Austria e Boemia i pastori luterani e calvinisti furono espulsi, i
capi della ribellione giustiziati e la nobiltà protestante dovette decidere se convertirsi oppure
emigrare. Le terre confiscate ai molti che emigrarono furono assegnate a elementi di sicura fede
cattolica e spesso stranieri. Alla ricattolicizzazione forzata si accompagnò in Boemia l’imposizione
di una nuova costituzione che sanciva l’eredità della corona nella casa d’Asburgo e limitava i poteri
dei ceti.

Nel 1621 si riaprirono le ostilità fra la Spagna e le Province Unite, ma per alcuni anni le operazioni
ristagnarono. Fra il 1624 e il 1625 lo spostamento della Francia, che aveva finora mantenuto una
neutralità benevola verso gli Asburgo, su posizioni di sostegno alla causa protestante e l’intervento
armato del re di Danimarca Cristiano IV movimentarono la situazione.

Sia la spedizione inviata da Richelieu in Valtellina i cui passi erano occupati dagli spagnoli –
conclusasi con una ritirata francese a causa della guerra interna contro gli ugonotti – sia l’iniziativa
del re danese, direttamente interessato agli affari imperiali a causa del suo ducato di Holstein –
troncato da Albrecht von Wallenstein che lo costrinse alla pace di Lubecca, nel 1629, secondo cui
Cristiano IV riotteneva i territori perduti ma si impegnava a non intervenire più negli affari
dell’Impero - saranno però destinate all’insuccesso.

Poco prima di Lubecca l’imperatore Ferdinando II aveva sostenuto la pubblicazione dell’editto di


Restituzione, col quale si ordinava la restituzione di tutti i beni ecclesiastici secolarizzati dopo il
1522 – l’anno normale della Pace di Augusta. La causa cattolica sembrava ormai avviata a una
completa vittoria sia in Germania sia nei Paesi Bassi, dove la presa della fortezza di Breda, nel
1625, aveva dato alle forze spagnole un considerevole vantaggio nella guerra contro gli olandesi.

Ma le potenze protestanti e la Francia di Richelieu non potevano assistere indifferenti al trionfo


degli Asburgo.

Dalla guerra di Mantova alla pace di Vestfalia (173-175)

Per alcuni anni, tra il 1628 e il 1630, il centro nevralgico della politica europea si spostò dalla
Germania all’Italia settentrionale. Il duca di Mantova Vincenzo II Gonzaga era morto senza eredi e
il successore designato era il francese Carlo duca di Nevers. Gli Asburgo rivendicarono la
dipendenza all’Impero sia di Mantova sia del Marchesato del Monferrato, che era ad essa unita, e
da ciò ne nacque un conflitto.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Nel 1629 un esercito imperiale s’impadronì di Mantova mentre le forze spagnole tentavano di
assediare la fortezza di Casale Monferrato, dove una guarnigione francese, che vi era penetrata,
resisteva all’assedio.

I problemi interni di Richelieu – che parve per un momento caduto in disgrazia – e di Olivares – più
che mai a corto di denaro – e la gravissima epidemia di peste scoppiata in nord Italia portarono i
contendenti all’accordo di Cherasco, nel 1631. Mantova e il Monferrato restavano al Gonzaga
Narves, che si riconosceva suddito dell’Impero, e la Francia manteneva il possesso del Pinerolo.

Sempre nel 1631 entrò in guerra il re di Svezia Gustavo Adolfo, appoggiato finanziariamente dalla
Francia. Egli intendeva non solo difendere la causa protestante ma anche affermare definitivamente
l’egemonia svedese sul Baltico. Gustavo Adolfo vinse nel 1631 a Breitenfeld, invase l’anno
seguente la Boemia impadronendosi di Praga e poi la Baviera. Durante la battaglia di Lützen nel
1632, si trovò contro il ritornato Wallenstein – fatto assassinare poco dopo da Ferdinando con
l’accusa di tradimento – e perse la vita nonostante la vittoria della Svezia.

A questo punto Ferdinando si servì di un esercito spagnolo, inviato con enorme sacrificio, e nel
1634 sconfisse gli svedesi ormai esausti. I principi protestanti si affrettarono a concludere una pace
mentre la Svezia si preparava ad abbandonare la lotta quando la Francia rianimò l’incendio col suo
intervento. Scopo di Richelieu era chiaramente quello di impedire il consolidamento della potenza
imperiale in Germania e il riformarsi di quella tenaglia asburgica contro la quale avevano già
combattuto i re di Francia all’epoca di Carlo V.

L’intervento francese rafforzò la determinazione della Svezia e delle Province Unite, che puntavano
non solo al riconoscimento della propria indipendenza ma anche delle conquiste fatte in campo
coloniale. Di fronte a questo schieramento di forze, la possibilità di resistere degli Asburgo
d’Austria e Spagna – alle prese con rivolte interne a partire dal 1640 – erano limitate.

La flotta spagnola venne distrutta dagli olandesi con la battaglia delle Dune nel 1639. Gli svedesi
continuarono le loro devastazioni in Germania, mentre l’esercito francese ottenne una grande
vittoria su quello spagnolo, ritenuto finora invincibile, nella battaglia di Rocroi, 1643. I negoziati di
pace, avviati si dal 1641, sfociarono nel 1648 in una serie di trattati collettivamente noti come pace
di Vestfalia:

fu riconosciuta l’indipendenza delle Province Unite che dopo la secessione del Portogallo erano
libere di perseguire la loro penetrazione nell’oceano Indiano e nel Brasile, alla Francia furono
confermati definitivamente i vescovati di Metz, Toul e Verdun, gran parte dell’Alsazia e piazzeforti
sul Reno e in Piemonte. La Svezia perfezionò il proprio dominio sul Baltico mentre si ponevano le
basi dell’ascesa del Brandeburgo-Prussia al rango di grande potenza. La situazione religiosa
dell’Impero fu modificata, rispetto alla pace di Augusta, nel senso di ammettere anche il calvinismo
e di spostare al 1624 l’anno “normale” per la secolarizzazione dei beni ecclesiastici. Dal punto di
vista politico, invece, i principi ottenevano il diritto di stringere alleanze e fare guerre per proprio
conto, purché non contro l’imperatore e ne usciva sconfitta l’ambizione degli Asburgo di Vienna di
trasformare la dignità imperiale in qualcosa di ereditario.

Restava accesa la guerra tra Francia e Spagna, conclusasi nel 1659 con la pace dei Pirenei, e
restavano soprattutto le conseguenze economico-sociali del conflitto. La Germania perse quasi il
30% della sua popolazione. Molti villaggi rimasero disabitati, molte terre incolte, molte città in
rovina. In quantificabili furono le miserie e le sofferenze provocate dalla ferocia e dalla avidità

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
delle soldatesche, dalla diffusione delle epidemie, dalle requisizioni e dalle tasse. Le devastazioni si
estesero anche alla Boemia, Danimarca, Borgogna e nell’Italia settentrionale.

La guerra dei Trent’anni rimase nella memoria dell’Europa come un’epoca di violenza e di orrore
che solo le tragedie del XX secolo riusciranno a superare.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Rivoluzioni e rivolte

L’Inghilterra sotto la dinastia Stuart (179-181)

Giacomo I Stuart (1603-1625) era già re di Scozia, con il nome di Giacomo VI, quando succedette
nel 1603, sul trono alla regina Elisabetta ma l’unione nella stessa persona delle due corone non
comportò la fusione dei due Paesi sotto il profilo politico e amministrativo (“monarchia
composita”), che avverrà solo nel 1707.

Fin dai primi anni del regno, all’impopolare sovrano, si ripresentarono le due questioni che già
negli ultimi tempi di Elisabetta avevano reso difficili i rapporti tra corona e Parlamento: la
questione religiosa e quella finanziaria. La legislazione contro i cattolici venne inasprita dopo la
tentata congiura delle polveri del 1605 ma in realtà le richieste dei puritani per una più radicale
riforma della Chiesa di Inghilterra non ebbero soddisfazione. Al contrario questi constatarono che la
nuova dinastia, in cerca di legittimazione dalle grandi casate europee, voleva un’alleanza
matrimoniale con le grandi corone cattoliche. Il futuro Carlo I nel 1625 sposò la sorella di Luigi
XIII, frustrando le speranze di coloro che avrebbero voluto un Inghilterra paladina della causa
protestante.

Il puritanesimo all’inizio del XVII secolo si venne diffondendo sempre più largamente tra la gentry
e tra i ceti mercantili e artigiani delle città, accrescendo un senso di estraneità e di ostilità nei
confronti di una corte corrotta e sfarzosa. Non pochi furono coloro che decisero di emigrare
nell’America settentrionale (“padri pellegrini” colonia del Massachusetts).

I costi della guerra contro la Spagna avevano creato una difficile situazione finanziaria che neppure
la pace stipulata da Giacomo I nel 1604 riuscì ad alleviare. Al centro del problema era
l’insufficienza delle entrate a fronte di spese in continuo aumento. In questa situazione sarebbe stato
necessario tassare la rendita fondiaria, che in questi anni aveva conosciuto un rapido incremento ma
ogni forma stabile di imposta trovava un ostacolo insuperabile nel Parlamento.

Ai problemi di natura religiosa e finanziaria si aggiunsero le ripercussioni di una congiuntura


economica negativa. Se da un lato, infatti, la popolazione inglese continuò ad aumentare fino al
1650, quando raggiunse la cifra di cinque milioni, dall’altro non si verificò un parallelo sviluppo
delle attività produttive, anzi l’esportazione di pannilani, pilastro del commercio inglese, si dimezzò
soprattutto a causa dello sconvolgimento delle tradizionali correnti di traffico determinato dalla
guerra dei Trent’anni.

Sotto Carlo I, inoltre, si aggiunsero gli effetti di una serie di cattive annate agricole che accrebbero
la miseria dei ceti inferiori. Non riuscendo a ottenere l’approvazione legale da parte del Parlamento
il monarca e i suoi ministri erano indotti a fare continuo ricorso a espedienti straordinari che
gettavano maggior discredito sulla corte: prestiti, concessioni di privilegi economici in cambio di
sovvenzioni, vendite di uffici e titoli nobiliari, “baronetto”, multe… Il problema finanziario era
divenuto un problema politico, mancavano gli strumenti necessari per imporre ai sudditi un
aumento della pressione fiscale – un esercito permanente, una burocrazia docile – e vi era
un’impossibilità di munirsi di tali strumenti a causa della mancanza di denaro

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Il regno di Carlo I e lo scontro tra corona e Parlamento (181-184)

In Inghilterra il generale malcontento fu accresciuto dall’arrivo corte del favorito duca di


Buckingham e da una politica estera ritenuta troppo permissiva nei confronti della Spagna, con la
quale era stata addirittura tentata un’alleanza dinastica.

Carlo I, uomo colto e intelligente ma di carattere debole e anch’egli dominato dai favoriti, si vide
durante l’ascesa al trono negare dal Parlamento la facoltà di riscuotere i tradizionali e vitalizi dazi
doganali sulle importazioni di vino e altri articoli. Nel tentativo allora di guadagnare il sostegno dei
puritani Carlo dichiarò guerra alla Spagna e inviò aiuti agli ugonotti di Francia. Il fallimento di
queste operazioni militari convinse però i più che del nuovo re e dei suoi consiglieri non c’era da
fidarsi.

Il Parlamento fece nel 1628 firmare al re un documento, la Petizione di diritto, che dichiarava
illegali gli arresti arbitrari, il ricorso alla legge marziale, l’acquartieramento forzoso di soldati in
case private e le tasse imposte senza il consenso del Parlamento stesso.

Carlo I inizialmente si piegò ma nello stesso anno – in seguito anche all’assassinio del duca di
Buckingham celebrato da manifestazioni popolari – decise di sciogliere definitivamente il
Parlamento sempre così a lui ostile. Da allora, per undici anni Carlo governò da solo,
appoggiandosi solo al Consiglio privato della corona e a due consiglieri: il conte Strafford e
l’arcivescovo di Canterbury, William Laud.

Negli anni del governo personale di Carlo non mancarono utili riforme grazie alle quali le spese
poterono finalmente essere contenute e le entrate beneficiare di una più oculata amministrazione,
attraverso anche nuovi cespiti come l’estensione a tutto il Paese della ship money.

Parallelamente Laud riorganizzò la Chiesa di Inghilterra preferendo sui seggi vescovili i seguaci
della dottrina arminiana – contraria alla teoria calvinista della predestinazione – e rimettendo in
onore pratiche di devozione e forme liturgiche proprie della Chiesa cattolica mentre i puritani
venivano perseguitati. A infondere ulteriormente il timore di una ripresa del cattolicesimo era anche
la moglie del re, cattolica francese.

Alla fine degli anni Trenta poteva sembrare che anche l’Inghilterra degli Stuart, come la Francia di
Richelieu e la Spagna di Olivares si avviasse verso un regime di tipo assolutistico. Ma si opponeva
a questo disegno la fragilità dell’apparato militare, burocratico e finanziario sui cui la monarchia
poteva contare.

Non esisteva infatti un esercito permanente e non si reclutavano milizie mercenarie se non in caso
di spedizioni oltremare. La burocrazia stipendiata della corona era numericamente insufficiente e le
mansioni giudiziarie-amministrative nelle contee erano affidate a volontari come i giudici di pace.
Questi provenivano in gran parte della gentry, un ceto di proprietari terrieri benestanti in rapida
ascesa numerica ed economica, mentre i lord luogotenenti appartenevano in genere all’alta nobiltà.
Sempre più ridotto era il potere della grande aristocrazia feudale.

Senza il consenso di queste categorie sociali era difficile per la corona esercitare quel potere
assoluto cui aspirava. Laud cercò inoltre di imporre il modello anglicano alla Chiesa presbiteriana
di Scozia suscitando nel 1638 una rivolta, che sfociò in una guerra. L’esercito messo insieme da
Carlo, dopo l’esperienza del “Breve Parlamento”, fu velocemente allontanato dagli scozzesi, ed egli

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
fu costretto – visto il rifiuto della City di Londra di fare nuovi prestiti alla corona – a convocare
nuovamente il Parlamento, “Lungo Parlamento”. La Camera dei Comuni, dove erano in
maggioranza gli avversari del sovrano, abili uomini politici, seppe trascinare la Camera dei Lord
con la quale procedette a smantellare tutti i capisaldi del potere regio: Strafford e Laud furono
imprigionati, venne dichiarata l’inamovibilità dei giudici, furono dichiarate illegali le imposte
introdotte nell’ultimo decennio, allontanati i vescovi dalla Camera dei Lord e il re venne privato del
diritto di sciogliere il Parlamento senza il consenso di quest’ultimo.

Nel 1641 scoppiò un’insurrezione cattolica in Irlanda e si pose allora la questione del controllo
dell’esercito, che il Parlamento volva togliere al re. Nel 1642 Carlo si presentò dunque in
Parlamento con degli armati per arrestare i capi dell’opposizione, ma questi furono avvertiti per
tempo. Il parlamento si trasferì quindi a Londra, tra grandi manifestazioni popolari di sostegno,
mentre il re lasciava la capitale, deciso ad usare la forza.

La guerra civile. Cromwell e la vittoria del Parlamento (184-186)

La guerra civile vera e propria ebbe inizio nell’estate del 1642 e sembrò in un primo tempo volgere
a favore del re, che poteva contare su una cavalleria nobiliare valorosa. Ma il protrarsi delle ostilità
doveva inevitabilmente favorire il Parlamento, che poteva contare sul sostegno finanziario di
Londra e sulla maggior capacità contributiva delle contee sud-orientali, oltreché sull’alleanza con
gli scozzesi.

L’esercito del Parlamento grazie alla guida di Thomas Cromwell – un gentiluomo di campagna,
dotato di grande talento militare, organizzativo e di una profonda fede calvinista – sconfisse
ripetutamente quello, “realista”, del re. Carlo I s’arrese agli scozzesi nel 1645 che lo consegnarono
al Parlamento di Londra dove non smise però di tramare sia con gli scozzesi sia col Parlamento sia
coi generali dell’esercito. Questo nel frattempo era stato sostituito con un nuovo modello,
caratterizzato da una disciplina ferrea, dalla precedenza al merito piuttosto che alla nascita e dal
sostegno morale dei soldati alla causa.

In realtà erano ancora in pochi a ritenere di poter fare a meno della monarchia, i più, tra cui lo
stesso Cromwell, erano favorevoli a un accordo con il re sconfitto, che però salvaguardasse le
conquiste della rivoluzione.

Nel Paese non vi era unanimità di vedute sul nuovo assetto politico e soprattutto religioso da dare al
Paese. In Parlamento era predominante la corrente presbiteriana che intendeva, dopo l’abolizione
dell’episcopato avvenuta nel 1646, riorganizzare la Chiesa con un sistema di consigli e con
l’imposizione del credo calvinista. A costoro si opponevano gli indipendenti, che avevano nei
quadri dell’esercito la loro roccaforte ed erano sostenitori di una tolleranza delle opinioni religiose
e dell’indipendenza delle singole congregazioni di fedeli, che nel frattempo, approfittando della
relativa libertà, si erano create con opinioni a volte radicali, che mettevano in discussione l’ordine
sociale o che avevano legami con il radicalismo politico dei livellatori.

Quest’ultimi, che in realtà chiedevano l’oppressione di tutti i privilegi, la semplificazione delle


leggi e il suffragio universale maschile, venivano accusati di voler cancellare completamente le
distinzioni sociali e abolire la proprietà privata. I livellatori trovarono terreno fertile nell’esercito

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
che, insoddisfatto per le condizioni impostegli dal Parlamento, s’impadronì nel 1647 sia di Londra
che del re.

Le discussioni nei dibattiti di Putney, rese difficili per la questione del suffragio, furono interrotte
dal re, che riuscì a fuggire con l’appoggio degli scozzesi e cercò di riaccendere la guerra civile.
Questa volta Cromwell decise di agire con mano ferma: epurò il Parlamento degli elementi più
moderati e condannò, con un processo, Carlo I a morte.

Era la prima volta nella storia d’Europa che un monarca veniva giudicato e condannato in nome
della sovranità di popolo. Ma la sua esecuzione, giudicata un gesto troppo rivoluzionario, non
venne approvata dalla maggioranza della popolazione, che fece di Carlo I un martire e il decennio
successivo dimostrò la difficoltà di governare con istituzioni repubblicane un paese saldamente
attaccato alla tradizione monarchica e a una concezione gerarchica della società.

Il decennio repubblicano: Cromwell al potere (186-187)

Successivamente all’esecuzione del re fu creato un Consiglio di Stato, che prendeva il posto del
Consiglio privato della corona, soppressa la Camera dei Lord e proclamata la Repubblica unita di
Inghilterra, Scozia e Irlanda, la Commonwealth. Non erano però risolti i contrasti tra i moderati, i
capi dell’esercito e i livellatori.

Nel frattempo il figlio di Carlo I si era rifugiato nei Paesi Bassi e aveva assunto il titolo di Carlo II,
riconosciutogli da scozzesi e irlandesi. Cromwell per sottomettere i due territori e scongiurare la
minaccia realista aveva bisogno di un esercito compatto e fedele ai suoi generali. Dopo aver
arrestato i capi del movimento dei livellatori furono dunque repressi i reparti dell’esercito che
avevano ammutinato e poi massacrati sistematicamente i cattolici irlandesi attraverso un genocidio
che contò 600.000 morti e/o deportati, a cui furono confiscati beni e terreni a beneficio dei
protestanti inglesi. Ugualmente rapida e distruttiva fu la campagna in Scozia che aprì la strada a
un’unificazione politica e non solo dinastica delle isole britanniche.

La nuova potenza militare inglese, che agli imperativi religiosi congiungeva quelli economici, non
tardò a rivolgersi verso un’espansione marittima e commerciale, iniziata con Elisabetta I, che
inaugurò l’era dell’imperialismo britannico. Nel 1651 venne promulgato l’Atto di navigazione, che
riservava alla madrepatria il commercio con le colonie nordamericane e che ammetteva nei porti
inglesi solo navi britanniche o dei Paesi da cui provenivano le merci. Era un colpo diretto agli
olandesi, che esercitavano in larga scala il commercio di intermediazione. Scoppiò, infatti, nel
1652, la prima delle tre guerre navali anglo-olandesi che finiranno per sancire la superiorità
marittima britannica. Nel 1655 poi, l’Inghilterra entrò in guerra con la Spagna a cui strappò l’isola
di Giamaica, destinata a divenire il fulcro della tratta di schiavi, e trattò col Portogallo e i Paesi
Baltici.

Meno soddisfacente fu la politica interna: dopo aver sciolto quanto restava del “Lungo Parlamento”
e di quello barebone una carta costituzionale proclamò Cromwell protettore del Commonwealth di
Inghilterra, Scozia e Irlanda. Con il protettorato ebbe fine la relativa libertà di cui aveva fino ad
allora goduto la stampa e il dissenso religioso cominciò ad essere perseguitato. L’esercito venne
epurato degli elementi più radicali e il territorio inglese venne suddiviso in 11 distretti, ciascuno dei
quali sottoposti a un generale. La dittatura militare non rispondeva però ai desideri della gentry, che

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
voleva per sé il potere ed era ostile al mantenimento di una forte pressione fiscale data dalle spese
dell’esercito e per la marina a cui non bastavano i proventi delle confische.

Alla morte di Cromwell gli successe il figlio Richard che tuttavia la mancanza di autorità e capacità
abdicò. L’unica soluzione possibile per evitare l’anarchia parve allora il richiamo di Carlo II Stuart,
che, con la dichiarazione di Breda del 1660, si impegnò a governare con il Parlamento, a concedere
una larga amnistia e a tollerare una certa libertà religiosa.

La Francia a metà Seicento: il governo di Mazzarino e la Fronda (188-190)

Un carattere in parte diverso dalle rivolte popolari, estese ma circoscritte e spontanee, dovute alla
pressione fiscale durante il governo Richelieu ebbero i disordini della “Fronda”, che videro
protagoniste le classi dirigenti e interessarono contemporaneamente la capitale e la maggior parte
del Paese.

Alla morte di Luigi XIII, la reggenza fu presa da Anna d’Austria, sorella di Filippo IV d’Asburgo e
madre di Luigi XIV, che si affidò al cardinale Giulio Mazzarino (1602-1661), creatura abruzzese di
Richelieu che si mantenne nel complesso fedele agli indirizzi politici di questo, pur sostituendo alla
durezza la diplomazia e l’arte del compromesso e che ne ereditò così l’impopolarità, accresciuta
dalla provenienza straniera e dalla modesta estrazione sociale.

Come già avvenuto sotto la reggenza di Maria de’ Medici nel periodo di reggenza, i principi e
nobili alzarono la testa mentre i detentori di uffici venali protestavano contro l’autorità concessa
agli intendenti e contro la continua creazione di nuove cariche, e i possessori di cartelle del debito
pubblico lamentavano gli enormi ritardi con cui erano pagati gli interessi e denunciavano, come
tutti, gli scandalosi arricchimenti dei finanzieri e degli appaltatori, di cui la corte non poteva pero
fare a meno.

Nel 1648, di fronte a un nuovo pacchetto di misure fiscali, il Parlamento di Parigi si mise a capo del
movimento d’opposizione e concertò con le altre corti sovrani risiedenti nella capitale un comune
programma di riforme, contenute in 27 articoli, che presentavano non poche analogie con quelle
avanzate dal Parlamento inglese nonostante la loro natura diversa, i Parlamenti francesi erano,
infatti, tribunali d’appello e non assemblee rappresentative. Si trattava della soppressione degli
intendenti, della diminuzione delle imposte e del rifiuto del sistema degli appalti, dell’invalidità di
ogni tassa richiesta senza l’assenso dei Parlamenti, dell’illegalità degli arresti arbitrari…

Dopo il tentato arresto di Broussel Parigi si ribellò e la corte fu costretta a lasciare la capitale e
piegarsi al Parlamento. La pace a Saint-Germain, nel 1649, concludeva la “Fronda parlamentare”
ma non bloccava le ambizioni rivali del Gran Condè e degli altri grandi nobili e il comune odio
verso il favorito Mazzarino, che sfociarono nella “Fronda dei principi”, 1650-1653.

Fu impossibile distinguere nelle mutevoli alleanze dei clan aristocratici, negli intrighi delle
nobildonne, nelle fughe all’estero, negli spostamenti della corte, nelle marce e contromarce degli
eserciti regi e privati un qualsiasi disegno politico. A pagare tutto ciò furono naturalmente le
campagne vittime anche di disastrose carestie fra il 1651-1652. Fu alla fine l’esaurimento generale
a riportare la pace nel Paese e a consentire a Mazzarino e alla reggente di rientrare trionfanti.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Tutto ciò aveva dimostrato ai francesi che l’autorità monarchica era l’unica forza in grado di
scongiurare l’anarchia e di tenere a freno la prepotenza dei “Grandi”. Su questa diffusa convinzione
potrà far leva il programma di Luigi XIV.

Grazie all’intervento militare di Cromwell poi Mazzarino fu in grado di imporre alla corte esausta
di Madrid la pace dei Pirenei, nel 1659, con la quale la Francia si prese l’Artois, il Rossiglione e
parte della Cerdagna. Veniva inoltre stipulato il matrimonio di Luigi XIV con la figlia di Filippo IV,
Maria Teresa, che però doveva rinunciare a qualunque parte dell’eredità spagnola.

Le rivolte nella penisola iberica (190-191)

La situazione della guerra contro le Province Unite nel quadro della guerra dei Trent’anni, si era
svolta a sfavore della Spagna tra il 1637-1643. Effetto e causa furono le rivolte scoppiate quasi
simultaneamente in Catalogna e in Portogallo.

Non meno del Portogallo la Catalogna si considerava una nazione distinta dalla Castiglia, diversa
per lingua e cultura oltre che per le istituzioni giuridiche e amministrative. Nel 1640 insorse e
chiese l’appoggio della Francia, l’anno successivo venne proclamata la sua unione alla monarchia
dei Borbone, pur con il mantenimento delle sue istituzioni e delle sue leggi.

Nel frattempo anche il Portogallo aveva approfittato della situazione. Quando Madrid ordinò alla
nobiltà portoghese di prendere le armi, un’organizzata insurrezione portò alla proclamazione
d’indipendenza e pose sul trono, col nome di Giovanni IV, il duca di Braganza.

La situazione peggiorò a causa di altre rivolte, tra gli anni ’30 e ’40, in Andalusia, Napoli, Sicilia e
Messico e di una pestilenza che colpì gravemente la Castiglia. Filippo IV, mancante di uomini e di
denaro, fu costretto a licenziare Olivares e dichiarare la bancarotta.

La priorità per la corte madrilena era la riconquista della Catalogna che fu possibile nel 1652 grazie
ai disordini interni della rivolta stessa, sfociata da una ribellione separatista a una guerra dei
contadini contro i signori. Del tutto vani furono invece gli sforzi di Madrid per ricondurre
all’obbedienza il Portogallo, la cui indipendenza fu sancita ufficialmente nel 1688.

La Castiglia, fulcro della potenza spagnola, usciva da quasi cinquant’anni di guerre ininterrotte, in
preda a una profonda crisi economica, sociale e demografica – ben rappresentabile col quadro
convenzionale di una Spagna tragica e immobile, popolata solo di grandes e hidalgos, di frati e
straccioni – al contrario della Catalogna che già dalla seconda metà del 1600 cominciò a
riprendersi. Per i domini italiani della Spagna il quadro deve essere più sfumato di quanto non
dicano le tradizionali accuse di malgoverno spagnolo.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Document shared on www.docsity.com
Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
L’Italia del Seicento

La popolazione e le attività economiche (195-197)

Demografia e vita economica sono i settori in cui più evidenti appaiono le tendenze involutive che
investirono la penisola italiana nel 1600. Furono soprattutto le attività di produzione di articoli di
lusso e la loro esportazione verso mercanti lontani in Europa e nel Levante, su cui si era basata la
prosperità dell’Italia centro-settentrionale nei secoli precedenti, a essere duramente colpite.

Il declino fu particolarmente grave nel settore laniero mentre più contrastata era la situazione
dell’industria serica, in cui, in alcune città come Firenze o per alcuni rami specializzati, la
produzione continuò ad aumentare. Altri elementi potrebbero attenuare l’impressione di un crollo
totale delle economie urbane: tra questi il mantenimento di un alto livello artigianale nella
fabbricazione di alcuni articoli di lusso, come le carrozze, i vetri o i mobili.

Ma sono fatti incontestabili tuttavia la fortissima contrazione complessiva delle lavorazioni


industriali rivolte all’esportazione e con essa la perdita delle attività commerciali, assicurative e
bancarie legate al movimento delle merci. L’Italia “da paese prevalentemente importatore di
materie prime ed esportatore di manufatti e servizi, era divenuto un paese prevalentemente
importatore di manufatti e servizi ed esportatore di materie prime”.

Se confrontata con la fine del 1500 l’economia italiana, a fine ‘600, nel suo complesso aveva
recuperato in termini assoluti le perdite dei decenni centrali del secolo, ma quello che era
irrimediabilmente cambiato era il rango dell’Italia rispetto alle altre aree europee.

E le cause di questo mutamento furono innanzitutto la vittoriosa concorrenza dei produttori


dell’Europa nord-occidentale, dove era avvenuta la conversione verso prodotti meno costosi e più
richiesti dal mercato internazionale, come le new draperies inglesi, e le attività lavorative si erano
in gran parte decentrate nelle campagne, dove non vi erano i vincoli imposti dalle corporazioni e
dove la manodopera contadina si accontentava di compensi più bassi, in poche parole: la
manodopera costava meno.

Quella seicentesca, quindi, andrebbe interpretata in gran parte come una crisi di competitività dei
produttori italiani a causa dei costi del lavoro relativamente alti e, in alcuni casi, a causa della loro
resistenza al mutamento tecnologico o all’innovazione qualitativa.

Minore peso sembrano avere le esigenze fiscali dei governi, anche se in taluni casi nuove tasse
ripercossero negativamente sull’industria.

Non si può, infine, prescindere dagli effetti devastanti della guerra dei Trent’anni nell’Italia
settentrionale e in Germania – uno dei mercati più importanti per l’esportazione dei prodotti italiani
– e dalle gravissime pestilenze del 1630-1631”Nord”/1656-1657 “Sud”.

I vuoti aperti dalla peste – Milano perse quasi la metà dei propri abitanti mentre Verona di più –
furono però colmati abbastanza rapidamente, tanto che a fine ‘600 la popolazione era tornata ai
livelli di inizio secolo, 13 milioni nei confini attuali.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
A questo aumento contribuirono soprattutto le campagne in misura superiore alle città. Nel
complesso l’agricoltura resse molto meglio dell’industria e del commercio alle avversità,
nonostante le carestie. La diminuzione della richiesta di grano, dovuta al calo demografico, permise
la proliferazione di colture specializzate, come quella del riso, della vite e soprattutto del gelso. Dal
Veneto cominciò a propagarsi il mais, futuro nutrimento principale dei contadini del centro-nord.
La seta grezza e la seta filata divennero rapidamente la principale voce di esportazione degli Stati
del nord d’Italia.

Ma non furono le uniche presenze di attività industriali nelle campagne: filatura e tessitura del lino
e della canapa, lana e cotone destinati a un mercato regionale, fabbricazione di chiodi e attrezzi di
ferro…

In queste umili e rozze lavorazioni rurali, più che nella gloriosa tradizione delle città, è possibile
vedere i lontani inizi della futura industrializzazione delle regioni settentrionali. Rimase largamente
estraneo a tutto ciò il Mezzogiorno, che oltre al fiscalismo spagnolo dovette sopportare
l’accresciuta pressione baronale.

La vita sociale e la cultura (198-200)

Con l’involuzione economica si approfondì il distacco tra i detentori della ricchezza fondiaria,
identificabili con la nobiltà e il clero, e le classi subalterne, dedite al lavoro manuale.

Anche in Italia gran parte dei capitali accumulati con l’industria e il commercio venivano investiti
nell’acquisto dei beni terrieri. La preferenza per gli investimenti fondiari o di tipo usuraio
rispondeva a una logica economica, in un’epoca caratterizzata, fin dal 1620, da una forte ascesa dei
prezzi agricoli, e dopo di allora, da crescenti difficoltà nei settori mercantili e manifatturieri ma
rifletteva anche una mentalità aristocratica, in parte legata all’influenza spagnola ma comune a tutta
la società europea della prima età moderna.

La stessa concezione gerarchica e conservatrice era inculcata, con anche maggior forza ed efficacia,
dai rappresentati della Chiesa, che aveva un posto centrale nella vita italiana del Seicento.

Oltre a essere sovrana di uno dei maggiori Stati della penisola, il pontefice esercitava anche fuori
dai suoi confini poteri che nelle altre nazioni spettavano ai monarchi, dalla nomina dei vescovi al
controllo giurisdizionale sul clero secolare e regolare, che era dovunque una componente non
trascurabile della popolazione. Il clero deteneva una parte importante della ricchezza fondiaria,
spesso inalienabile. Preti, frati e monache si consideravano sudditi del papa e non delle autorità
secolari e per gli uomini di chiesa oltre che l’immunità reale – esclusione dalle imposte – c’era
quella personale. Anche i luoghi godevano di un’immunità locale a cui si rifaceva il diritto d’asilo.
Ma anche nei confronti del laicato la Chiesa aveva un ruolo di primo piano in settori quali la tenuta
dei registri anagrafici, il controllo della moralità, l’istruzione, l’assistenza.

Tutto ciò non era frutto solo di un’imposizione dall’alto, ma anche di un’adesione massiccia degli
italiani di ogni categoria sociale all’ortodossia cattolica, ridefinita dal Concilio di Trento (comunità
valdesi ed ebrei, forme di devozione e associazione post Trento) e, e al magistero religioso e morale
della Chiesa.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Le classi dirigenti vedevano la Chiesa non soltanto come una garante dell’ordine sociale e della
docilità dei poveri, ma anche un conveniente sbocco per i cadetti e per le figlie non destinate al
matrimonio.

Alla marginalizzazione economica e politica e alla soffocante vigilanza della Chiesa su ogni
manifestazione del pensiero e dell’arte è certamente legato anche l’impoverimento culturale che
tradizionalmente si osserva in questo periodo in confronto alla grande stagione umanistica e
rinascimentale. Per non subire la sorte di Giordano Bruno, di Campanella e Galilei la grande
maggioranza degli intellettuali e degli studiosi piegò la testa e si conformo ai dettami dell’autorità
ecclesiastica. Le Università versavano in decadenza e le numerosissime Accademie erano per lo più
palestre di vacue esercitazioni poetiche e di sterile erudizione. Non mancarono tutta via le eccezioni
come la Accademie dei Licei a Roma, del Cimento a Firenze e degli Investiganti a Napoli:
l’istituzione di quest’ultima, nel 1663, si può considerare il prologo di una reazione della cultura
italiana al clima della Controriforma e di un ricongiungimento alle correnti più avanzate del
pensiero europeo. Ovviamente si possono anche citare numerosissimi discepoli galileiani e uno
sviluppo notevole del pensiero politico-sociale da parte dei teorici della ragion di Stato. Anche
nelle arti figurative e nell’architettura non di può considerare decadente un secolo che si apri con
Caravaggio e continuò con i Carracci a Bologna e Salvator Rosa a Napoli, o che vide personaggi
come Gian Lorenzo Bernini e Francesco Borromini.

I domini spagnoli: Milano, Napoli e le isole (200-203)

Gli inizi del governo spagnolo in Italia non erano stati privi di aspetti positivi ma a partire dal 1620
circa l’impegno della Spagna nella guerra dei Trent’anni portò a un forte aggravamento della
pressione tributaria, proprio mentre l’oscurarsi della congiuntura economica e le crisi demografiche
la rendevano sempre meno tollerabile. Le classi dominanti ne approfittarono per riaffermare il
proprio controllo sulle istituzioni locali, spesso con il benestare della corte madrilena interessata al
mantenimento dello status quo, e per rafforzare la propria egemonia sull’insieme della società.

Tra il 1628 e il 1658, gli stessi anni in cui la peste fece sentire i suoi tragici effetti, lo Stato di
Milano fu più volte trasformato in campo di battaglia. Tuttavia la sua importanza strategica – come
“antemurale d’Italia” e come snodo centrale della “via spagnola” che dalla Liguria portava fino
all’Europa centrale – indusse Madrid a trattare questi suoi sudditi con un certo riguardo. E anche se
è indubbio il peso della fiscalità spagnola nei decenni centrali del secolo, va dunque considerato che
ingenti somme furono fatte affluire a più riprese dalla Spagna e dal Mezzogiorno per il
mantenimento delle truppe, che spesso consumavano beni e prodotti in loco. Questo contribuisce a
spiegare sia la notevole ripresa demografica del Paese post pace dei Pirenei sia come nel territorio
lombardo, tranne in alcuni casi che comunque non esprimevano una volontà eversiva nei confronti
dell’autorità spagnola ma una concezione tradizionale del rapporto tra governanti e governati, vi sia
una mancanza di rivolte e sommosse paragonabili a quelle esplose in Italia meridionale e insulare.

Le conseguenze della crisi economica e politica che colpì la monarchia spagnola nel suo insieme
furono, infatti, assai più gravi nel Mezzogiorno. Napoli era una delle più grandi metropoli
d’Europa, e l’unico centro importante del Regno dove però mancava quel tradizionale rapporto di
subordinazione della campagna alla città, tipico dell’Italia centro-settentrionale. Si può dire che
tutto il Regno era un unico gigantesco contado della capitale, verso la quale convergevano i flussi

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
migratori e commerciali dalle province, il ricavato delle imposte statali e le rendite dei baroni, che
risiedevano a Napoli con le loro clientele. All’interno delle dodici province in cui il Regno era
suddiviso solo una settantina erano le comunità soggette alla giurisdizione regia, tutte le altre erano
infeudate e assai scarso era il controllo esercitato su di esse.

In questa situazione l’indebolimento dell’autorità centrale ovviamente portò a un’estensione a


macchia d’olio del potere feudale. I baroni ottennero oltre che l’ampliamento delle loro attribuzioni
di giustizia e polizia e l’infeudazione di comunità che erano sempre state demaniali anche una
sostanziale impunità per le estorsioni e le prepotenze commesse a danno dei vassalli. Il banditismo
si trasformò in una forma di terrore baronale.

L’unica forza a contrastare quella dei baroni era, nella capitale del Regno, il “ceto civile”, composto
principalmente da laureati in giurisprudenza di origine borghese, di cui alcuni membri non
esitavano a fomentare il malcontento del popolo minuto, colpito dalla crisi delle manifatture e dagli
inasprimenti fiscali, al fine di spostare a proprio favore gli equilibri politici.

Anche nel Regno di Sicilia – in cui Palermo era centro di raccolta della nobiltà feudale – come nel
Regno di Napoli, la popolazione crebbe notevolmente a metà del Seicento e anche qui la
congiuntura politica instauratasi nel 1620 condusse a un rafforzamento del baronaggio – che con
l’incremento dei consumi interni e la crisi agricola ridusse i notevoli benefici ottenuti finora
dall’esportazione dei cereali – a spese delle masse contadine, sottoposte a un duro sfruttamento, e
degli strati artigiani, vittime degli inasprimenti fiscali e della crisi economica.

Molte analogie con l’evoluzione siciliana presentava infine la Sardegna, che era tuttavia assai più
povera e meno popolata e caratterizzata dalla prevalenza della pastorizia sull’agricoltura. Il governo
spagnolo favorì lo sviluppo di un piccolo ceto togato, ma a metà del Seicento, le leve di uomini, il
prelievo fiscale e le carestie e pestilenze cancellarono i timidi progressi compiuti e determinarono
l’inizio di una fase di stagnazione secolare.

Le rivolte nell’Italia meridionale e insulare (203-204)

Gli studi recenti hanno posto luce sulla complessità e la portata dei moti insurrezionali che scossero
il Mezzogiorno nei decenni centrali del 1600, in parallelo con le rivolte e le guerre civili della
penisola iberica, dell’Inghilterra e della Francia.

Una grave carestia e il malcontento creato dal fiscalismo spagnolo a Palermo furono all’origine del
fermento popolare che si espresse nel 1647 con saccheggi e incendi di case. Le concessioni ottenute
dalla rivolta furono però gradualmente ritirate e i capi della rivolta eliminati.

Più profonda e prolungata fu la crisi del dominio spagnolo nel Mezzogiorno continentale. Anche a
Napoli la causa scatenante della rivolta del 1647 fu una nuova gabella che colpiva la vendita della
frutta. La direzione del movimento fu assunta da un popolano, Masaniello, dietro al quale si
muovevano elementi borghesi che puntavano a una modifica degli ordinamenti politici della città e
del Regno. Anche se il “capo” della rivolta venne subito ucciso, l’organizzazione politico-militare
creatasi sopravvisse e riuscì per parecchi mesi a tenere in scacco il viceré e le poche forze che
aveva. Nel frattempo estesi moti scoppiavano nelle province contro i baroni e contro i loro sgherri.
Gli insorti proclamarono la repubblica e invocarono la protezione del re di Francia. Tuttavia

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Mazzarino – restio a impegnarsi a fondo in un’area così lontana – si limitò ad appoggiare Enrico il
duca di Guisa che contava sulla nobiltà meridionale. Ma i suoi contrasti con il partito popolare,
uniti all’arrivo di una flotta spagnola, segnarono il destino della repubblica, che capitolò nel 1648.
Nelle province, frattanto, la forza militare del baronaggio, tornato alla tradizionale politica di
alleanza col governo spagnolo, aveva ragione sulle truppe contadine, mal armate e disperse.

Il fallimento della rivolta, una grave pestilenza nel 1656 e il conseguente aggravamento della crisi
economica e sociale chiuse per sempre la prospettiva della formazione di un fronte antifeudale
comprendente i ceti medi insieme a quelli popolari urbani e le masse rurali. La situazione
comunque migliorò: i viceré spagnoli che si succedettero dopo il 1647 condussero a un’azione di
contenimento della prepotenza baronale, di repressione del banditismo e di promozione del cito
civile e ministeriale, che farà propria la rinascita culturale di Napoli, che tra ‘600 e ‘700 diverrà il
più vivace e aperto ai contatti con l’Europa centro intellettuale della penisola.

Anche la Sardegna non rimase immune da alterazioni politiche e congiure. Lo scontro tra la nobiltà
isolana e il potere viceregio culminò nell’episodio dell’omicidio del viceré marchese di Camarassa,
nel 1668. Un altro tentativo rivoluzionario ebbe luogo a Messina, nel 1674, dove un vasto fronte
sociale antispagnolo riuscì a istaurare la repubblica, che però, non appoggiata dal resto dell’isola e
nonostante l’invio di aiuti da parte della Francia di Luigi XIV, allora in guerra con la Spagna, venne
repressa successivamente.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
I principati indigeni: Ducato di Savoia e Granducato di Toscana (204-205)

Il lungo regno di Carlo Emanuele I, 1580-1630, fu contraddistinto da iniziative espansionistiche che


contribuirono non poco al rafforzamento interno dello Stato e alla costruzione di un apparato
militare e fiscale tale da permettere al Piemonte di giocare una parte importante sulla scena
internazionale tra 1600-1700.

Col trattato di Lione del 1601 si andò confermando la tendenza al progressivo radicamento in Italia
del Ducato sabaudo. Negli anni che seguirono Carlo Emanuele rivolse le sue attenzioni verso il
Monferrato ancora soggetto ai Gonzaga di Mantova e verso alcuni territori del Ducato di Milano.
Con la seconda guerra del Monferrato, 1628-1630, i piemontesi si allearono con gli spagnoli contro
i francesi e riuscirono ad acquisire un certo numero di terre al prezzo pesante della fortezza di
Pinerolo, che dovette essere ceduta alla Francia.

Dopo un periodo di crisi economico-dinastica alla morte di Carlo Emanuele I, con l’ascesa di Carlo
Emanuele II, 1663-1675, si ebbe un risollevamento del controllo del governo centrale e
dell’economia, con diverse iniziative di carattere mercantile.

Nel Granducato di Toscana invece i progressi compiuti in direzione del rafforzamento dello Stato
sotto Cosimo I e i suoi due figli, Francesco e Ferdinando I, si arrestarono sotto i successori che si
appoggiarono alla vecchia nobiltà fiorentina e ai tradizionali legami con la Santa Sede. Mentre le
arti cittadine subivano un lento declino, nelle campagne rimase dominante il rapporto mezzadrile,
che ostacolava le innovazioni e le specializzazioni colturali e perpetuava una soggezione
semifeudale delle famiglie coloniche ai proprietari al suolo. Abbandonata al pascolo brado e
banditismo era la Maremma senese. Al clima conformista e bigotto che dominava nella corte
medicea e nell’aristocrazia fiorentina si sottraevano in parte l’Università di Pisa, dove rimase viva
la tradizione galileiana e dove penetrarono nel tardo ‘600 le correnti giusnaturalistiche e cartesiane,
e il porto franco di Livorno, sede di una fiorente comunità mercantile in buona parte composta da
ebrei.

Venezia e lo Stato della Chiesa (205-207)

Gli indirizzi di politica estera e interna adottati alla fine del ‘500 dalla Repubblica di Venezia sotto
l’influenza del partito dei “giovani” determinarono una tensione crescente con la Santa Sede, che –
oltre che contestare il dominio veneziano sull’Adriatico – considerava lesive delle “libertà”
ecclesiastiche alcune nuove leggi, come il divieto di costruire chiese senza il consenso del governo
veneto.

Dopo l’arresto di due religiosi colpevoli di reati comuni Paolo V Borghese, 1605-1621, scagliò la
scomunica e l’interdetto che consentì un intervento da parte delle maggiori potenze cattoliche,
Spagna e Francia, che permise però a Venezia di uscirne a testa alta.

Per il resto la politica dei “giovani” non conseguì risultati di rilievo eccetto la guerra di Gradisca,
1615-1617, che incitò gli Asburgo d’Austria a togliere il loro appoggio ai pirati slavi. D’altronde
era lo stesso declino dei traffici e delle manifatture, la perdita di concorrenzialità e la fuga di
capitali verso la terra a indurre ormai la classe dirigente veneziana a una politica di cauta neutralità

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
e di conservazione dell’esistente. Ne è esempio la guerra di Candia/Creta, 1645-1669, combattuta
contro l’attacco dell’Impero Ottomano, che alla fine costrinse i veneziani all’evacuazione.

Ridotta alla dimensione di un porto regionale, insediato nello stesso Adriatico in cui ormai
navigavano forti anche Ancona e Ragusa, colpita dalle crisi di mortalità e dal declino delle sue
maggiori attività manifatturiere – industria laniera, costruzioni navali – Venezia conservava tuttavia
un tessuto artigianale ricco e variegato e sempre più attirava visitatori da ogni parte d’Europa con il
prestigio delle sue istituzioni, con lo splendore delle sue feste e cerimonie civiche, con le sue
bellezze naturali e artistiche.

La perdita di peso demografico ed economico di Venezia rispetto all’ampio retroterra alimentò le


tendenze centrifughe che si manifestarono nel XVIII.

Per quanto riguarda lo Stato Pontificio anche qui si venne esaurendo nel corso del secolo la
precedente spinta a un maggiore accentramento e a un più saldo controllo delle province.
All’annessione di Ferrara nel 1598 seguì quella di Urbino nel 1563 in seguito all’estinzione dei
Della Rovere. Ma il versante adriatico dello Stato, le Marche e la Romagna, e le legazioni di
Bologna e Ferrara rimasero amministrativamente ed economicamente separati dalle regioni sud-
occidentali. Mentre a nord dominava il sistema mezzadrile, nel Lazio si estendevano enormi
latifondi appartenenti alle grandi casate romane, coltivati in maniera irregolare. Con questa
desolazione faceva contrasto lo splendore architettonico e artistico della capitale, una metropoli di
oltre centomila abitanti verso la quale affluivano pellegrini e visitatori da tutta Europa.

Nella seconda metà del Seicento, con la fine delle guerre di religione e l’attenuarsi progressivo del
rigore controriformistico, il prestigio internazionale del papato cominciò a declinare e apparvero
sempre più evidenti i difetti di un governo temporale caratterizzato al tempo stesso
dall’accentramento del potere nel sovrano e dalla mancanza di continuità dinastica.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
L’apogeo dell’assolutismo: la Francia di Luigi XIV

Luigi XIV: il “mestiere del re” (224-228)

Il lungo regno di Luigi XIV iniziò realmente soltanto alla morte di Mazzarino nel 1661, e durò fino
al 1715. Questo lungo governo rappresentò l’apogeo dell’assolutismo monarchico e fu anche il
periodo in cui la Francia giunse più vicina a esercitare una supremazia sul resto dell’Europa. Anche
se questo disegno venne sconfitto ebbe invece durata molto prolungata il ruolo di nazione guida che
la Francia assunse allora in fatto di cultura, gusto, cucina e moda.

L’educazione del Re Sole non era stata molto curata, ma ne aveva fatto parte la lettura dei teorici
del diritto divino del re e soprattutto le lezioni pratiche dell’arte di governo ricevute da Mazzarino
e quando questo spirò Luigi manifestò subito la volontà di governare da solo, senza più delegare a
nessuno il suo potere.

Il nuovo sovrano preferì servirsi di ministri di origine modesta, che a lui solo dovessero la propria
elevazione e fossero quindi più docili ai suoi voleri. Accanto a quello degli uomini importante era il
ruolo del Consiglio, o piuttosto dei consigli in cui questo, teoricamente unitario, si articolava. Gli
intendenti, preposti alle généralités nelle quali era divisa la Francia a fini amministrativi, durarono
in carica più a lungo e rafforzarono il loro potere sotto il regno di Luigi. La loro autorità si estese ai
settori più svariati e iniziarono ad avvalersi di uomini di fiducia, sottodelegati. Gli intendenti
venivano nominati dal re ed erano revocabili a suo piacimento, rappresentavano per eccellenza la
cinghia di trasmissione della volontà regale, gli occhi e le mani dell’amministrazione centrale nelle
province, ma anche i portavoce degli interessi locali.

Diversi da questi funzionari e più numerosi erano gli officiers, i detentori di uffici venali ereditati o
acquistati per denaro. Rientrano in questa categoria i consiglieri e i presidenti dei tribunali superiori
e innanzi tutto dei Parlamenti, a cui Luigi XIV impose di registrare le leggi prima di eventuali
rimostranze. In Francia la venalità delle cariche raggiunse numeri mai raggiunti in nessun altro
luogo con i Borbone, tant’è che gli officiers rappresentavano quasi una forza intermedia tra la
società e lo Stato, un ceto che doveva alla monarchia la sua legittimazione, ma che il possesso
ereditario delle cariche e dei privilegi connessi dava una certa autonomia dallo stesso potere
monarchico oltre che prestigio. Essenziale era dunque la fedeltà degli officiers.

L’affermazione di Luigi XIV: “lo Stato sono io” può essere interpretata non solo come
un’orgogliosa manifestazione di potenza, ma anche come un riconoscimento di un limite: nel senso
che il controllo e l’uniformità che si era riusciti a imporre alla società – caratterizzata da una
molteplicità per noi inconcepibile di privilegi, “libertà” medievali, di ordinamenti particolari – era
affidata non tanto alle istituzioni quanto alla presenza al vertice dello Stato di una personalità
carismatica capace e forte e al ruolo di mediazione esercitato al centro e alla periferia da notabili
del clero, della nobiltà o al ceto degli officiers.

L’esempio che meglio mostra i limiti dell’assolutismo francese riguarda la giustizia: nelle
campagne la giustizia era gestita da giudici nominati dai signori feudali, i giudici regi – presenti a
livello di baliaggio e siniscalcato o membri delle corti sovrane, le principali: i Parlamenti – erano
proprietari del posto che occupavano e dunque godevano di larga autonomia. Inoltre le norme che
dovevano applicare variavano di luogo in luogo, la legislazione regia lasciava scoperte molte aree,

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
specialmente del diritto privato e familiare, che ancora si rifacevano o alle consuetudini o al diritto
romano o ancora al diritto canonico, sempre onnipresente. Analogamente i cosiddetti Pays d’ètas
conservavano importati privilegi.

La corte e il Paese (228-230)

A partire dagli anni Ottanta la corte si trasferì da Parigi Versailles. Nel palazzo e negli edifici
annessi giunsero ad abitare circa 10mila persone. La vita della corte era regolata da una rigida
etichetta, che ruotava intorno alla persona del re. La corte divenne un luogo di prestigio e anche
centro ispiratore delle arti ma è chiaro che il soggiorno a Versailles si trasformava in realtà per la
nobiltà francese in una prigionia dorata, che costringendola a vivere sotto gli occhi del re e
allentando i suoi legami con le clientele e i territori d’origine ne riduceva l’indipendenza e le
possibilità di azione politica. Gli stessi governatori delle province – in genere esponenti delle grandi
casate – furono per lo più trattenuti a corte lasciando mano libera agli intendenti. Durante il regno
di Luigi XIV non si avranno, infatti, più episodi di anarchia nobiliare come la Fronda.

Al di fuori della corte vivevano circa 20 milioni di francesi, quasi 1/5 della popolazione europea, di
cui oltre l’80% viveva sulla terra e della terra. Le tecniche agricole non erano molto variate,
soprattutto a sud, dai secoli bassi del Medioevo, quando si erano diffusi l’aratro pesante e la
rotazione triennale. Quasi ovunque il concime scarseggiava e praticamente solo nelle aree
contingenti i Paesi Bassi vi erano consistenti scorte animali e tecniche più avanzate Vi era una
diffusa proprietà contadina, forse pari alla metà della superficie coltivata e il “contadino tipo”
dedicava le cure maggiori al suo pezzo di terra ma aveva comunque bisogno di integrare il lavoro
agricolo con un lavoro a domicilio per l’industria, per lo più filatura e tessitura. A parte la rendita
riscossa in denaro o natura il frutto complessivo delle sue attività era soggetto a una serie di prelievi
che ne sottraevano tra il 20 e il 60%: diritti signorili, decime e fisco regio.

Non stupisce quindi che la grande maggioranza degli abitanti delle campagne vivesse ai limiti della
pura sussistenza, alla mercé di carestie e cattive annate, che si verificarono anche durante il lungo
regno di Luigi XIV. Se a questo si unisce gli effetti negativi delle guerre, lo scarso dinamismo delle
attività industriali e la sfavorevole congiuntura internazionale, caratterizzata da un regime di bassi
prezzi, si comprenderà come assai tenui furono gli sforzi compiuti nei primi decenni del regno per
migliorare le sorti della popolazione e come inutile per questa fu lo sfarzo e la gloria da cui era
circondato il Re sole.

La direzione dell’economia (230-231)

Assumendo il controllo delle finanze, Jean-Baptiste Colbert si propose due obiettivi essenziali:
rimediare al grave dissesto dei conti pubblici e rilanciare la stagnante economia francese.

Grazie all’istituzione di una Camera di giustizia straordinaria fu possibile, a forza di multe e


confische, recuperare varie decine di milioni di lire, frutto della corruzione di funzionari pubblici,
appaltatori e ricevitori che avevano sfruttato le guerre dei decenni centrali del 1600. Il debito
pubblico riuscì a diminuire già nei primi anni di governo.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
L’incremento delle entrate, ottenuto anche grazie alla lotta contro gli sprechi e le malversazioni,
permise di ridurre in modo significativo il peso della taglia e di raggiungere un sostanziale pareggio
fra entrate e uscite nel decennio 1662-1671, prima che le spese militari riportassero nuovamente i
conti in rosso.

Nella visione di Colbert, tipicamente mercantilista, il risanamento finanziario doveva non solo
liberare l’erario dai debiti, ma anche fornire i mezzi per un deciso intervento dello Stato a sostegno
dell’economia, non di tipo agricolo – che aveva il ruolo subalterno: produrre prodotti a basso costo
in modo da mantenere bassi i salari, e rimanere competitivi sul mercato – ma di tipo industriale e
commerciale, al fine di accrescere la massa di denaro circolante del Paese, attraverso l’esportazione
e gli scambi internazionali.

Per raggiungere questi obiettivi Colbert operò secondo questi principi:

• Controllo sulla qualità dei prodotti: marchi di fabbrica, ispezioni, regolamenti.


• Controllo della manodopera: rigorosa disciplina.
• Concessione di sovvenzioni e privilegi agli imprenditori disposti a investire in nuovi settori
d’industria e creazione di imprese con capitale pubblico.
• Protezionismo doganale, in modo da scoraggiare le importazioni.
• Costituzione di compagnie privilegiate per il commercio con le varie aree del globo,
Compagnie delle Indie e del Levante
• Sviluppo della marina mercantile e da guerra e potenziamento delle infrastrutture atte ad
agevolare la circolazione degli uomini e delle merci: strade, canali.
L’attività di Colbert non registrò nell’immediato successi apprezzabili, anche a causa della sua
morte, della congiuntura economica avversa e delle interminabili guerre che poi intraprese Luigi
XIV, ma li avrebbe fruttati a distanza di tempo, nel più favorevole clima politico ed economico, nel
regno di Luigi XV.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
La direzione delle coscienze (231-233)

Il regno di Luigi XIV fu caratterizzato in ogni campo dallo sforzo, spesso vano, di dettare regole
valide per tutti, di imporre l’ordine e l’uniformità non solo nei comportamenti, ma anche nei gusti
e nelle idee, a tale scopo: fondazione di innumerevoli accademie reali, precetti e divieti riguardanti
la stampa e l’insegnamento.

A questa tendenza non poteva certo sottrarsi la vita religiosa. In questo settore Luigi si trovò ad
affrontare tre ordini di problemi: la diffusione in alcuni ambienti ecclesiastici e laici della corrente
giansenista, i contrasti con Roma e la questione ugonotta.

I giansenisti ponevano l’accento sull’interiorità della fede e svalutavano l’apparato delle devozioni
esteriori, seguivano Sant’Agostino e sostenevano l’importanza fondamentale della grazia, un dono
dato da Dio a pochi, per la salvezza ultraterrena. Roccaforte giansenista era convento di Port-Royal
di Parigi.

La condanna da parte della Santa Sede, a cui seguì la distruzione del convento, fu pronunciata solo
nel 1711, quando ormai il giansenismo si era già largamente diffuso, soprattutto tra medio ed alto
clero e tra la nobiltà e borghesia di toga, trasformandosi in movimento di opposizione al
centralismo papale e di rivendicazione dell’autonomia dei vescovi e parroci, pericoloso dunque per
lo stesso potere monarchico. Nel 1700 si rivelerà uno dei terreni di scontro principali tra i
Parlamenti e la monarchia.

Tuttavia il giansenismo si trovò schierato dalla parte della monarchia nel conflitto che oppose
quest’ultima con la Santa Sede a proposito della regale, il diritto regio, sancito nel concordato di
Bologna, 1516, di percepire le rendite dei seggi vescovili vacanti e di conferire i benefici
ecclesiastici da essi dipendenti fino alla nomina del successore. Nel 1673 Luigi XIV aveva esteso
questo diritto a tutte le diocesi di nuovo acquisto. Inoltre, poco dopo, un’assemblea del clero
francese aveva ribadito i privilegi della Chiesa gallicana, affermando la superiorità del Concilio sul
pontefice e negando l’infallibilità di quest’ultimo. Ne nacque una controversia che si concluse 10
anni dopo con il riconoscimento della regale ma non dei quattro punti della dichiarazione
dell’assemblea del clero.

Una questione ben più grave, agli occhi del partito “devoto”, era quella della forte minoranza
calvinista. Nel 1685 venne approvato l’editto di Fontainebleau che, annullava l’editto di Nantes e,
obbligava tutti i francesi a praticare il cattolicesimo. In più di 200mila ugonotti – mercanti, artigiani
e professionisti – esiliarono, andando così ad arricchire con le loro conoscenze Paesi come
l’Olanda, l’Inghilterra e la Prussia.

La gloria militare: le guerre di Luigi XIV (233-234)

Nel pensiero di Luigi XIV la coesione interna, la prosperità e il rafforzamento del Regno non erano
che la necessaria premessa per l’attuazione di un disegno egemonico che aveva i suoi principali
strumenti nella diplomazia e nella guerra.

Ingenti somme furono spese per assicurarsi l’alleanza di principi tedeschi, degli Stati baltici e dello
stesso re d’Inghilterra, Carlo II, per corrompere e ricattare ministri e diplomatici stranieri, per
suscitare rivolte nei Paesi nemici… Ma assai più massicce furono le spese militari: l’esercito fu

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
sistematicamente riorganizzato e alle forme tradizionali di reclutamento si aggiunse una sorta di
coscrizione obbligatoria, basata sul sorteggio, che diede vita a una milizia locale efficiente e a dei
soldati che potevano contare su servizi logistici di una certa efficienza, molto lontani dagli
straccioni dell’epoca della guerra dei Trent’anni.

Le linee direttrici della politica di espansione militare nei decenni finali del 1600 furono
concentrate contro le Fiandre e l’Olanda, in direzione della Germania e dell’Italia del nord.

• Guerra di Devoluzione contro la Spagna. Così chiamata per la rivendicazione di parte


dell’eredità spagnola da parte di Luigi XIV in nome della moglie Maria Teresa, figlia di
Filippo IV. La Francia occupò la parte meridionale dei Paesi Bassi nel 1667 e con la pace di
Aquisgrana, dopo le pressioni di Olanda, Inghilterra e dell’imperatore Leopoldo Il, le furono
riconosciute le conquiste territoriali nelle Fiandre.
• La guerra d’Olanda. Nel 1672 la Francia insieme all’Inghilterra e la Svezia dichiarò guerra
alle Province Unite. Queste in risposta aprirono le dighe trasformando l’Olanda in un’isola
difficilmente raggiungibile. Luigi, dopo la resistenza di Guglielmo III d’Orange sostenuto
dalle masse popolari, l’intervento di Spagna e Impero, la pace separata dell’Inghilterra, e la
sconfitta dell’alleato svedese, fu costretto a firmare la pace di Nimega nel 1678. A farne le
spese fu la Spagna, che dovette cedere alla Francia la Franca Contea oltre ad altri lembi
delle Fiandre.
• Luigi XIV riprese quasi subito la politica di espansione nei confronti dell’Impero e della
Spagna, occupando alcuni territori tra cui Strasburgo e Casale nel Monferrato. Nel 1683
bombardò la città di Genova.

Di fronte alla rinnovata aggressione del re francese, e all’eco internazionale suscitato dalla
persecuzione degli ugonotti, fu inevitabile il ricostruirsi di una nuova coalizione europea che portò
nel 1686 al costituirsi della Lega difensiva tra Spagna, Impero, Svezia e Olanda. Il fattore
scatenante il nuovo conflitto fu l’invasione militare del Palatinato da parte della Francia nel 1688.
A quel punto alla Lega di Augusta aderì anche l’Inghilterra e il Duca di Savoia, desideroso di
sottrarsi alla tutela francese. Il conflitto si concluse nel 1697, con la pace di Ryswick e ristabilì la
situazione antecedente le invasioni francesi in Olanda, senza quindi grandi novità.

Il tramonto del Re Sole (235)

Il peso diretto e indiretto della guerra divenne per i sudditi sempre più intollerabile. Non bastando i
vecchi e i nuovi espedienti per far denaro, tra i quali la vendita massiccia di cariche e titoli nobiliari
e la manipolazione della moneta, si ricorse a nuove imposte.

Al malessere generale determinato dalla miseria, dalla guerra, dalle tasse e dalle carestie, terribile
quella del 1709, fa riscontro un incupirsi della vita di corte a Versailles, dove, morta Maria Tresa
d’Asburgo il re subiva l’influenza negativa della seconda moglie, sposata morganaticamente, nel
1684.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
L’opposizione sorda, ma diffusa, contro l’assolutismo di Luigi XIV si manifestava nelle sommosse
popolari spontanee, nella contestazione da parte degli operatori economici di una politica che
sacrificava l’agricoltura al commercio e imprigionava ogni attività in una gabbia di regolamenti e di
divieti, nella rivendicazione di maggiori poteri da parte di esponenti dell’alta aristocrazia …

Gli ultimi anni di Luigi XIV furono contristati, oltre che dai rovesci subiti nella guerra di
Successione spagnola, da lutti familiari e alla sua morte, nel 1715, vi furono manifestazioni
spontanee di gioia nelle strade. Si apriva comunque la strada di una nuova reggenza, la terza in
poco più di 100 anni, dato che il successore, Luigi d’Angiò, era ancora un bambino.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
I nuovi equilibri europei tra Sei e Settecento

La gloriosa rivoluzione e l’ascesa della potenza inglese (239-241)

La monarchia Stuart era stata restaurata nel 1660 sulla base di un compromesso con il Parlamento,
dal quale dipendeva economicamente. Carlo II, 1660-1685, poté tuttavia godere di una certa libertà
di manovra sia grazie all’aumento dell’entrate ordinarie – sviluppo consumi e traffici – sia al
trattato di Dover stipulato con la Francia, che in cambio della promessa d’aiuto contro l’Olanda e di
restaurazione del cattolicesimo, si impegnava a versargli un consistente sussidio annuo.

Benché l’accordo fosse segreto ben presto le evidenti inclinazioni filocattoliche del monarca
suscitarono comunque i sospetti e l’ostilità di un’opinione pubblica sensibile al pericolo del
papismo e in allarme per l’unico erede, il fratello Giacomo, fervente cattolico. Nel 1673 venne
dunque approvato il Test Act, che subordinava l’assunzione di cariche civili o militari ad anglicani.

Di fronte ai problemi religiosi e dinastici si crearono in questi anni due schieramenti politici: i
tories, rappresentati degli interessi agrari della gentry, erano i fautori della monarchia di diritto
divino, del legittimismo dinastico e della Chiesa anglicana, e i whigs, che si indentificavano con gli
interessi dei ceti commerciali e urbani ed erano invece i sostenitori del Parlamento e di un più vasto
fronte protestante comprendente i dissenzienti dalla Chiesa d’Inghilterra.

Dopo il 1680 la politica regia, sotto la crescente influenza del futuro Giacomo II (1685-1688) si
sviluppò in senso assolutistico: il Parlamento venne ripetutamente sciolto, l’esercito rafforzato e il
Test Act abolito. Nel 1688, inoltre, nacque al re un figlio maschio, che diede corpo alle
preoccupazioni di quanti temevano un radicamento di una dinastia cattolica.

A questo punto i whig e i tory si accordarono per appellarsi allo statolder d’Olanda, Guglielmo III,
che aveva sposato la figlia di Giacomo II, Maria Stuart. Guglielmo organizzò una spedizione
militare che costrinse nel 1689 Giacomo II a fuggire in Francia, atto che il Parlamento equiparò
come rinuncia al trono. Questo venne offerto allora a Guglielmo e Maria, i quali si impegnarono a
osservare una Dichiarazione dei diritti da esso votata attraverso cui venivano riaffermate le
prerogative parlamentari, il carattere libero delle elezioni e delle sue discussioni e l’indipedenza dei
giudici. Vennero inoltre abolite le pene in materia di dissenso religioso degli anni ‘60 – non quelle
che colpivano i cattolici – e l’edificio costituzionale venne completato dal Triennal Act, che
imponeva l’elezione di un Parlamento almeno ogni 3 anni, l’abolizione di fatto della censura della
stampa e l’approvazione di un atto che impediva la successione al trono ai cattolici.

Benché la Gloriosa rivoluzione del 1688-1689 si presentasse come restaurazione della legalità
violata dal re, si trattò in realtà di una svolta decisiva nella storia politica dell’Inghilterra, che sbarrò
per sempre la strada all’assolutismo e aprì la via verso la monarchia costituzionale e a un governo
di tipo parlamentare.

Il mutamento al vertice della monarchia inglese ebbe come conseguenza immediata il suo ingresso
nella coalizione europea che nel 1689 aprì i contrasti contro la Francia, con cui conflitti durarono
quasi ininterrottamente fino al 1713.

L’espansione senza precedenti delle spese militari contribuì a sua volta a determinare una serie di
importanti novità in campo fiscale e amministrativo. L’amministrazione delle finanze, della flotta e

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
dell’esercito richiese a sua volta la costituzione di una burocrazia statale centrale e periferica che
l’Inghilterra non aveva mai conosciuto, benché molti compiti continuassero ad essere svolti dalla
gentry. Il fatto che l’onere delle imposte gravasse in larga misura sui proprietari terrieri spiega
l’ostilità della gentry di campagna contro la politica estera aggressiva voluta dai whigs, sui quali la
monarchia si appoggiò constante dal 1690 al 1710.

Le guerre prolungate e l’incremento della spesa pubblica non incisero peraltro in maniera sensibile
sull’economia inglese, che continuò a svilupparsi a ritmi sostenuti. La stasi della popolazione – 5
milioni e mezzo tra 1660-1740 – e l’incremento della produttività agricola permisero all’Inghilterra
di diventare un Paese esportatore di cereali. Il ribasso dei prezzi connesso agli stessi fenomeni
significò un incremento del potere d’acquisto dei ceti inferiori e un allargamento del mercato per i
generi non di prima necessità, come la birra. Le manifatture e i traffici in genere continuarono a
espandersi, ponendo in tal modo le basi per la Rivoluzione industriale del tardo Settecento.

L’espansione della monarchia austriaca (241-243)

Nel corso della guerra dei Trent’anni era stato sconfitto il disegno di restaurazione cattolica e
imperiale coltivato dagli Asburgo d’Austria.

Tuttavia la sottomissione dei “ceti” nei ducati austriaci e nel Regno di Boemia e l’opera di
ricattolicizzazione forzata, avevano dato all’interno degli Stati ereditari una nuova compattezza,
basata sulla fedeltà dinastica e sul sentimento religioso tipico della Controriforma. Il nuovo senso di
unità era percepibile, oltre che nel sentimento religioso e nelle nuove costruzioni architettoniche,
anche nel rafforzamento degli organi centrali di governo e nella costituzione di un forte esercito
permanente.

Da questa comunità politico-culturale rimaneva esclusa l’Ungheria, che era soggetta per oltre 2/3 al
dominio ottomano o al principe di Transilvania, tributario di Istanbul. Ma anche l’Ungheria
imperiale rivendicava in realtà, attraverso la sua nobiltà fiera e numerosa, non solo libertà religiosa
ma anche il diritto di sollevarsi contro il proprio sovrano qualora avesse violato le leggi
fondamentali del Paese, come avvenne nel 1678, quando Leopoldo I, 1658-1705, cercò di stroncare
l’opposizione della nobiltà sospendendo le libertà costituzionali e avviando una persecuzione
contro i protestanti.

I rivoltosi chiesero allora aiuto all’Imperatore ottomano, il quale inviò un esercito che velocemente
assediò Vienna. La città fu però quasi subito liberata dalla collaborazione degli eserciti polacco – il
re del quale era stato l’unico ad aver accolto l’appello del papa in difesa della cristianità – e
austriaco.

Nel frattempo, occasione creatasi, i veneziani e gli Asburgo erano riusciti a scacciare i turchi anche
dal Peloponneso. La pace di Carlowitz, del 1699, sancì su entrambi i fronti il grave arretramento
dell’Impero ottomano, che dovette cedere agli Asburgo l’Ungheria e la Transilvania e a Venezia il
Peloponneso.

Dietro questa rinnovata facciata di potenza e splendore, tuttavia persisteva l’arretratezza


complessiva di un’economia ancora per larga parte legata un’agricoltura di sussistenza e al
servaggio contadino, e rimaneva la fragilità di una compagine politica in cui al potere del sovrano si

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
contrapponeva quello dei “ceti” riuniti nelle Diete dei vari territori. A queste Carlo VI, 1711-1740,
dovette rivolgersi per ottenere il riconoscimento della Prammatica Sanzione del 1713, che sanciva
l’indivisibilità dei domini asburgici e stabiliva l’ordine di successione al trono. Nonostante la
superfice maggiore e la popolazione di poco inferiore, Carlo VI, introno al 1720 traeva dai suoi
domini appena un quinto delle entrate della corona di Francia.

La guerra di Successione spagnola e i regni iberici (243-245)


Nel 1700 si spengeva senza lasciare eredi l’ultimo Asburgo di Spagna, il rachitico e malaticcio,
Carlo II. L’eventualità era da tempo attesa dalle corti europee, che cercarono di scongiurare un
conflitto per la successione. Un accordo stipulato tra le maggiori potenze assegnava la Spagna, con
i Paesi Bassi e le colonie americane, a Carlo, il secondogenito dell’imperatore Leopoldo I, mentre
a Filippo d’Angiò, nipote di Luigi XIV sarebbero andati dai domini italiani.

Tuttavia Carlo II prima di morire si lasciò convincere a redigere un testamento che proclamava
erede universale di Spagna il duca d’Angiò, che assunse il titolo di Filippo V, con la condizione di
rinunciare ai diritti di successione in Francia. Luigi XIV però lasciò subito intendere che non
avrebbe rispettato la separazione delle due corone, una prospettiva che non poteva essere accettata
dalle altre potenze, che avevano già combattuto contro le mire egemoniche della monarchia
francese.

Leopoldo I spedì sin dal 1701 un forte esercito in Italia – dove già Luigi si preparava a inviare le
sue truppe – e stipulò con Olanda e Inghilterra una nuova Grande alleanza. Lo stato di guerra venne
dichiarato ufficialmente nel 1702. Alla coalizione antifrancese aderirono anche Danimarca e
l’elettore del Brandeburgo Federico I, guadagnato dall’imperatore con la concessione del titolo di re
di Prussia, mentre con Luigi XIV e Filippo V Borbone erano schiarati il Duca di Savoia e il re del
Portogallo, i quali però cambiarono schieramento nel corso del 1703.

Le cose sembravano volgere al peggio per la Francia quando due fatti nuovi intervennero ad
attenuare l’intransigenza delle potenze marittime: la caduta del ministero whig, in Inghilterra, al
quale si sostituì un governo tory, molto più sensibile alle lamentanze dei proprietari terrieri per il
peso delle tasse di guerra, e la morte dell’l’imperatore Giuseppe I nel 1711, che lasciò come
possibile erede l’arciduca Carlo, che si era già insediato a Barcellona dove era stato proclamato
Carlo III re di Spagna. In questo modo si ripeteva l’eventualità di una concentrazione di potere
nelle mani degli Asburgo simile a quella che era avvenuta con Carlo V, il che significava
sconvolgere l’equilibrio europeo che gli stessi alleati cercavano di salvaguardare.

Ciò spinse gli anglo-olandesi ad abbandonare il supporto alla causa asburgica e a intavolare
trattative con la Francia, che si conclusero nel 1713 con la pace di Utrecht. La monarchia austriaca
tenne duro per un altro anno, ma fu costretta a firmare a sua volta la pace di Rastatt nel 1714.

Nel loro insieme i trattati di Utrecht e Rastatt sancivano la fine dell’epoca apertasi alla metà del
‘500 e l’inizio di un nuovo ordine politico che sarebbe rimasto a lungo alla base dell’equilibrio
europeo.

Filippo d’Angiò rimaneva a Madrid con il titolo di Filippo V, ma era ribadita l’incompatibilità di
questa corona con quella di Francia. A Carlo d’Asburgo, divenuto l’imperatore Carlo VI, passavano
come indennizzo i possedimenti spagnoli nei Paesi Bassi e in Italia, a eccezione della Sicilia, che

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
andava, con il titolo regio, a Vittorio Amedeo II, duca di Savoia. Quest’ultimo riceva inoltre il
Monferrato e le province milanesi di Alessandria, Valenza e Lomellina. L’Olanda dovette
accontentarsi del possesso di piazzeforti lungo la frontiera tra i Paesi Bassi belgi e la Francia. A
guadagnare molto fu l’Inghilterra, che si vide riconoscere il possesso di Minorca e Gibilterra,
chiave del Mediterraneo, e ottenne dalla Francia Terranova e la Nuova Scozia nel Nord America e
dalla Spagna diversi privilegi commerciali come l’asiento – il monopolio dell’importazione degli
schiavi neri nelle sue colonie – e il diritto di inviare ogni anno una grossa nave carica di mercanzie
nel Nuovo Mondo.

La sostituzione dell’egemonia austriaca all’egemonia spagnola in Italia e l’affermazione definitiva


della supremazia marittima e commerciale inglese furono dunque i due risultati più importanti della
guerra di Successione spagnola.

Si affermò un concetto politico, già emerso alla fine del secolo precedente, di un equilibrio europeo
da difendere contro ogni progetto egemonico, con gli strumenti della diplomazia e delle alleanze
militari.

Il regno di Filippo V, che inaugurò la dinastia dei Borbone di Spagna, fu contrassegnato da una
notevole attività riformatrice e da una ripresa dell’iniziativa in campo internazionale.

Fu avviato il risanamento delle finanze – con l’eliminazione di molti uffici e assegni vitalizi – e una
più rigorosa percezione delle imposte. L’esercito e l’amministrazione furono riformati secondo il
modello francese e vennero aboliti i secolari privilegi di cui godevano i regni aragonesi.
All’autorità dei consigli si sostituì quella dei ministri.

Di fronte alle iniziative spagnole in Italia, si formò una Quadruplice alleanza composta da
Inghilterra, Olanda, Austria e Francia. Con la pace dell’Aja, del 1720, le cose tornavano come
prima, con l’unica eccezione dello scambio imposto a Vittorio Amedeo II della Sicilia, che passava
all’Austria, con la Sardegna, alla quale resterà appoggiato il titolo regio dei sovrani sabaudi.

Col rinnovamento della Spagna fa contrasto l’immobilismo del Portogallo sotto Giovanni V di
Braganza, 1707-1750, il cui regno beneficiò tuttavia del crescente afflusso dell’oro brasiliano e del
grande consumo di vino di Porto da parte degli inglesi.

L’ascesa della Russia di Pietro il Grande e il declino della Svezia (246-250)

La Russia di fine Seicento era un immenso territorio scarsamente popolato. I Romanov ripresero
con Michele, 1613-1645, la tradizione assolutistica già affermatasi con Ivan IV e portarono a
compimento con Alessio, 1645-1676, una notevole espansione territoriale, consolidando il dominio
in Siberia, conquistando il territorio di Smolensk e l’aggregazione dell’Ucraina, ribellatasi da poco
al regime polacco-lituano.

Gli inasprimenti fiscali e il progressivo peggioramento delle condizioni di vita dei contadini servi
della gleba determinarono tuttavia un profondo stato di malessere e fermento nella popolazione. La
situazione fu aggravata da una pestilenza nel 1654 e dal grande scisma religioso, che negli anni ’60
seguì alle innovazioni liturgiche introdotte dal patriarca di Mosca Nikon. I vecchi credenti si
spararono dalla Chiesa ufficiale, il cui tradizionalismo religioso contribuì insieme al malessere a
moti insurrezionali che imperversarono alla fine del 1600.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Nel 1689, dopo una lunga crisi dinastica, si impose come unico zar Pietro, il figlio di secondo letto
di Alessio. Deciso di modernizzare il suo Paese sull’esempio dell’Occidente europeo, Pietro compì
un lungo viaggio d’istruzione, tuttavia da alcune manifestazioni di barbarica violenza che si
ripeterono durante il corso del suo regno, si comprese come l’ammirazione di Pietro per l’Europa
occidentale fosse limitata agli aspetti tecnico-pratici e ispirata dalla volontà di emularne la potenza
militare piuttosto che da una comprensione della nascente civiltà dei Lumi.

La campagna di modernizzazione a ogni modo continuò: furono abbandonate le tradizionali


cerimonie religiose, molti giovani aristocratici furono spediti all’estero per impadronirsi delle
scienze e maniere occidentali, e molti tecnici occidentali furono impiegati nelle costruzioni navali,
nelle manifatture, nella riorganizzazione dell’esercito.

In pochi decenni la mentalità e i costumi della nobiltà russa subirono una profonda evoluzione, che
aprì un solco incolmabile tra la minoranza colta e le masse contadine, rimaste fedeli alle mentalità
e alla religiosità tradizionali.

La trasformazione della società era finalizzata per Pietro innanzitutto al rafforzamento militare ai
fini di una nuova espansione. In cima agli obiettivi vi era la conquista di uno sbocco sul Baltico, ma
le regioni estese lungo le coste orientali di questo erano soggette alla corona di Svezia, che aveva
ottenuto la supremazia in quest’area con le vittoriose campagne militari di Carlo X, 1654-1660, e
Carlo XI, 1660-1697.

Nel 1700 Pietro il Grande decise di entrare in guerra a fianco della Danimarca e della Polonia
contro il nuovo re di Svezia Carlo XII,1697-1718. Nonostante le iniziali vittorie di Carlo, Pietro
riuscì a impadronirsi di una striscia di territorio alla foce del fiume Neva, all’estremità orientale del
Baltico, dove diede inizio alla costruzione di una nuova capitale, Pietroburgo. Riuscì poi a
sconfiggere l’esercito svedese, che avanzava verso Mosca, attraverso la tattica della terra bruciata.

Con la pace di Nystadt del 1721 vennero confermate le conquiste di Pietro: Livonia, Estonia, Ingria
e di parte della Carelia, mentre la Prussia e la Danimarca annetterono la Pomerania e altri territori.

Il predominio della Svezia sul Baltico era finito e la sconfitta esterna trascinò con sé anche quella
dell’assolutismo all’interno del Paese, permettendo l’inizio di un’era basata su un equilibrio
costituzionale tra la monarchia, il Parlamento e il Consiglio di Stato.

Lo sforzo di Pietro di potenziare il settore militare fece sì che il servizio militare venne esteso a
tutta la popolazione obbligatoriamente. A sua volta la necessità di armare ed equipaggiare queste
moltitudini di soldati senza dipendere dall’estero fu la principale molla dell’impulso dato alla
siderurgia e alla metallurgia, alle manifatture tessili e alle costruzioni navali. Si trattò per lo più di
imprese statali che impiegavano manodopera servile, accanto a maestranze tecniche straniere.
Anche il commercio con i Paesi occidentali ebbe un certo sviluppo, ma l’economia russa rimase
fondamentalmente agricola e caratterizzata dall’autoconsumo.

Le maggiori innovazioni furono introdotte negli organi di governo centrali. Alla vecchia Duma dei
boiari si sostituì un Consiglio privato dello zar mentre in campo religioso venne rimosso il patriarca
di Mosca. creato il collegio del Santo Sinodo e alcuni beni ecclesiastici vennero incamerati, Pietro
così voleva spezzare la sorda opposizione del clero alla sua politica di modernizzazione e
occidentalizzazione della Russia.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
L’amministrazione locale fu riordinata e il territorio fu diviso in governatorati, province e distretti.
In mancanza di una borghesia colta si ricorse alla nobiltà per i quadri dell’amministrazione civile
come per l’esercito. Questa veniva inquadrata attraverso un sistema gerarchico che al livello più
alto forniva automaticamente il titolo ereditario, accentuando così la dipendenza dell’aristocrazia
fondiaria dal favore e dalla volontà personale del monarca. Tuttavia caratteristica della nobiltà
rimase la mancanza di un’organizzazione corporativa di privilegi e libertà come quelli che
nell’Occidente europeo facevano contrappeso all’autorità monarchica. Infine Pietro promosse
l’istruzione e l’attività editoriale. L’ultima delle sue creazioni fu l’Accademia delle scienze.

La trasformazione della società russa, che Pietro col suo carattere impulsivo e violento avrebbe
voluto realizzare in pochi anni, doveva in realtà attuarsi in tempi molto più lunghi. Un risultato
immediato del suo tempestoso regno fu invece l’ascesa della Russia al rango di grande potenza
militare e il suo ingresso a pieno titolo nei giochi delle alleanze e nei calcoli delle diplomazie
europee.

La nascita dello Stato prussiano (250-251)

Il Brandeburgo, ingrandito dai territori acquisiti con la pace di Vestfalia, era costituito da territori
discontinui ed eterogeni, ciascuno dei quali aveva i suoi “ceti” che votavano le imposte e
provvedevano alla propria amministrazione. Solo dopo molti sforzi, e in cambio della riconferma
dei loro privilegi e del rafforzamento della loro giurisdizione sui contadini, il “Grande Elettore”
Federico Guglielmo di Hohenzollern ottenne dai nobili i mezzi per poter costituire un piccolo
esercito permanente e nel 1660, approfittando delle sconfitte della Polonia inflitte dalla Svezia, egli
acquisì, con la pace di Oliva, la piena sovranità sulla Prussia.

In cambio di accettare un maggior accentramento dei poteri nella persona del sovrano, gli Junker –
grandi proprietari fondiari che esercitavano un dominio assoluto sui contadini – videro
salvaguardati e rafforzati i loro privilegi e ottennero di essere impiegati al servizio del re,
soprattutto nell’esercito, che venne notevolmente accresciuto, come generali.

Il successore di Guglielmo, ottenne poi il titolo di re di Prussia come Federico I, ma fu soprattutto


Federico Guglielmo I, 1713-1740, a creare le premesse per la spettacolare ascesa della potenza
prussiana. Questo si occupò soprattutto di ridurre le spese della corte e potenziare ulteriormente
l’esercito, introducendo un sistema di coscrizione obbligatoria mediante la divisione del regno in
distretti militari, ciascuno dei quali doveva fornire i soldati per un reggimento. I mezzi finanziari
per il mantenimento dell’esercito – che raddoppiò in termini di uomini, reclutati non più soltanto fra
i mercenari – furono forniti dal demanio regio, e la truppa, inquadrata e addestrata da ufficiali
provenienti dalla classe degli Junker, era sottoposta a una ferrea disciplina, che dall’organizzazione
militare tendeva a estendersi anche all’amministrazione civile e alla società tutta.

La burocrazia era invece reclutata per lo più tra la borghesia colta ed era sottoposta alla volontà
dispotica del sovrano. Nuovi commissari regi furono introdotti nelle città mentre nelle campagne
l’amministrazione rimase affidata a commissari rurali scelti tra le file degli Junker. Queste due
figure, insieme agli affittuari della corona nelle terre demaniali, furono sottoposte alle Camere
provinciale della guerra e del demanio, sopra cui stava un Direttorio generale della guerra, delle
finanze e del demanio. Al fine supremo della potenza dello Stato fu subordinata anche l’azione del
governo per promuovere le manifatture e gli scambi e per attirare nel Paese i profughi per motivi

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
religiosi. Questo assolutismo d’impronta burocratico-militare rimarrà caratteristico dello Stato
Prussiano quasi oltre il 1870.

Alla sua morte Federico Guglielmo I lasciava al figlio, oltre a un potente esercito e a
un’amministrazione efficiente, un Paese in via di sviluppo, ingrandito nel 1721 dall’annessione
della Pomerania svedese.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Una nuova epoca di espansione
I fenomeni di ristagno e di regresso della popolazione e dell'economia europea ebbero termine, a
seconda delle aree, tra la fine del 1600 e gli anni 40 del 1700. A metà del Settecento tutto il vecchio
continente fu trascinato in un moto espansivo che si manifestò in ogni settore, dalla demografia alla
produzione agricola, dalle manifatture al commercio, in modo particolare quello coloniale e
transoceanico, che delineava ormai i tratti di un'economia mondiale.

L'espansione settecentesca si differenziò rispetto a quella del “lungo Cinquecento” per il suo
carattere irreversibile, ovvero essa non sarà seguita da una fase di arresto o assestamento, ma da
un'ulteriore accelerazione dello sviluppo…

L’aumento della popolazione europea (255-257)

… ciò riguarda innanzitutto la crescita della popolazione.

L'aumento in Europa, e non solo – Asia e Americhe – sarà di circa il 63,5%. Non devono essere
dunque scartate a priori le spiegazioni globali come quella dell’influsso positivo di un generale
miglioramento del clima, seguito alla “piccola glaciazione” del 1600.

Tabella 3: se da un lato non sembra esservi un nesso sicuro tra sviluppo economico e andamento
demografico – l'Inghilterra – dall'altro l'aumento della popolazione appare in relazione inversa con
la densità della stessa, come se la tendenza fosse quella di riempire i vuoti – Russia e Ungheria.

L’aspettativa di vita media in Europa intorno al 1700 era di 30 anni circa. Fino a non molto tempo
fa gli studiosi spiegavano la crescita demografica con un calo della mortalità, attribuito a una
migliore alimentazione, a condizioni igienico-sanitarie meno disastrose, a una minore incidenza dei
tre flagelli tradizionali: peste, fame e guerra.

Effettivamente benché rimanessero altre malattie di carattere epidemico – come la tubercolosi e il


vaiolo – la peste fece le sue ultime apparizioni di rilievo nella prima metà del ‘700 a causa
molteplici fattori – come la progressiva immunizzazione degli organismi, l’efficacia dei cordoni
sanitari e la rarefazione del ratto nero. La diminuita gravità delle carestie può essere spiegata,
invece, con la maggiore rapidità dei trasporti e con l'accresciuta efficacia degli interventi
governativi nelle aree colpite. Infine le guerre combattute dopo il 1720 fecero realmente, a causa
del carattere più localizzato dei conflitti e della maggiore disciplina degli eserciti, meno danni e
vittime tra la popolazione civile.

Di recente tuttavia altri studiosi hanno posto l'accento sull'aumento della natalità come causa
prevalente dell'incremento demografico – Inghilterra. L'aumento delle nascite trova spiegazione
principale nel calo dell'età del matrimonio della donna, che scese a 24 anni circa, e nella
diminuzione della percentuale del celibato. A loro volta questi fenomeni sono legati alla diffusione
del lavoro salariato, che faceva saltare i precedenti vincoli di carattere economico, che ritardavano
o impedivano le nozze. Per chiarire però i primati demografici raggiunti da Paesi come l’Ungheria
e la Russia, dove le attività manifatturiere avevano un ruolo marginale, può essere esemplificativo il
caso dell’Irlanda, “quasi colonia” inglese e della sua diffusione della coltivazione della patata.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
L’evoluzione dell’agricoltura (258-260)

Ancor prima della patata furono il mais o granturco, cereale dagli alti rendimenti adottato in tutta
Europa meridionale, e il grano saraceno, più adatto ai climi freddi, a integrare l'alimentazione delle
classi popolari e a consentire un balzo in avanti della popolazione.

Per il resto l'aumento della produzione agricola fu ottenuto con gli stessi metodi del passato, cioè
l'estensione della superficie coltivata e l'intensificazione del lavoro contadino.

I rendimenti rimasero per lo più modesti e generale era la scarsità del concime animale, cui si
cercava di supplire con i materiali più vari e con la ripetizione delle arature e delle vangature.
Rimase ancora largamente predominante la rotazione triennale e il sistema dei campi aperti, sui
quali dopo il raccolto pascolavano le bestie di tutta la comunità.

Rispetto ai secoli precedenti tuttavia si allargarono le aree in cui si praticava un'agricoltura più
intensiva e produttiva, come nella bassa pianura lombarda, che presupponeva la costituzione di
aziende compatte e di ragguardevoli dimensioni con un affitto a media o lunga scadenza e veri e
propri imprenditori agricoli, muniti di capitali per l’acquisto di bestiame, anticipazioni a proprietari
e remunerazione della manodopera, oltre che la presenza di una rete commerciale e di sbocchi per
la produzione di cereali, fieno, latticini e formaggi. Tutti requisiti che mancavano in gran parte
dell’Europa, il che spiega la lentezza nei processi di modernizzazione.

Il quadro della rivoluzione agricola inglese non fu diverso da quello di altre zone europee ma merita
particolare attenzione solo in grazia della sua maggiore estensione territoriale e dei suoi legami col
processo di industrializzazione.

Il fenomeno delle recinzioni, iniziato nell'Inghilterra dei Tudor e proseguito lungo tutto il XVII
secolo, conobbe il momento di maggiore intensità tra la metà del ‘700 e il 1815, quando la
superficie agricola coltivata col sistema dei campi aperti si ridusse a ¼ circa del totale. Ma la
chiusura della proprietà mediante palizzate era sol l'ultimo atto di un processo di trasformazione che
aveva il suo momento centrale nella redistribuzione e nell'accorpamento delle terre, fenomeni che
procedevano a una complessa ricomposizione fondiaria, per la quale era necessario l'accordo tra
tutti i proprietari del villaggio.

Se prima i grandi si mettevano d’accordo fra loro ora, invece, presentavano una domanda al
Parlamento, che emetteva un enclosure act e nominava un perito agrimensore per effettuare la
redistribuzione.

I piccoli proprietari erano spesso indotti a vendere e trovare lavoro come salariati nelle grandi
aziende. La piccola proprietà tuttavia non scomparve da un giorno all'altro, ma certo i benefici delle
recinzioni furono raccolti soprattutto dai grandi proprietari, nella forma di aumento del canone di
affitto, e in misura minore dai loro affittuari che potevano ora introdurre migliorie e innovazioni
prima impensabili.

In queste grandi aziende compatte trovavano facile applicazione nuove rotazioni, ma anche nuove
tecniche di incrocio tra le razze animali, la selezione delle sementi e il perfezionamento degli
attrezzi agricoli, dove il ferro tendeva a sostituirsi al legno.

Gli incrementi di produttività ottenuti per queste vie consentirono di mantenere una proporzione
crescente di non addetti all'agricoltura, che a fine secolo in Inghilterra superò la metà della

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
popolazione. Fu questo forse il più rilevante contributo della rivoluzione agricola alla Rivoluzione
industriale, anche se non sono da trascurare la produzione di materie prime – lana, luppolo per la
distillazione della birra, cuoio… - e l'aumento della domanda di manufatti dovuto alla formazione
di uno strato di fittavoli e coltivatori benestanti.

Prezzi e salari, moneta, trasporti (260-261)

L'universale interesse per l'agricoltura che si manifestò nella seconda metà del 1700 si spiega in
parte con la tendenza all'ascesa dei prezzi e quindi con l'aumento dei profitti e dei redditi legati alla
commercializzazione delle derrate e al possesso della terra. I prezzi dei cereali subirono rincari tali
che soltanto quelli della legna, che era sempre più scarsa, riuscì a battere.

Nella rincorsa tra prezzi e salari questi ultimi rimasero nettamente indietro, come già nel XIV
secolo. Il costo della vita era superiore di una circa 25% rispetto all'aumento dei salari.

All'origine del rialzo dei prezzi agricoli vi è chiaramente l'aumento della domanda legato
all'incremento demografico. Ad accentuare il fenomeno contribuì però il grande processo di
inurbamento e la crescita esponenziale della città, il cui raggio di approvvigionamento dovette
estendersi in proporzione, facendo così salire le spese di trasporto.

L'incremento della popolazione si risolse in molte aree in un processo di impoverimento e di


proletarizzazione di vasti strati sociali – piccoli coltivatori, braccianti, salariati…

Ma un altro fattore di inflazione fu rappresentato, di nuovo, dall'aumento della massa di metalli


preziosi in circolazione – Messico e Brasile.

La massa dei mezzi di pagamento a disposizione degli operatori economici fu, inoltre, accresciuta
dal ricorso ormai universale alle cambiali e, in Inghilterra, alle banconote. La diffusione
dell'economia monetaria e la maggiore disponibilità di capitali sono attestate dalla discesa dei saggi
di interesse che abbassarono il costo del denaro fino al 3-4% annuo.

A ciò contribuì anche la stabilizzazione della moneta nei maggiori Paesi europei, che si effettuò nei
decenni intorno al 1700, e fornì finalmente un quadro stabile di riferimento agli operatori
economici.

Un altro fattore che portò alla più rapida e intensa circolazione del denaro, delle merci, e degli
uomini nell'Europa del 1700 fu il miglioramento dei trasporti e dei regolari servizi di posta, che
permettevano il cambio dei cavalli a ogni stazione. Alla fine del 1700 era possibile recarsi da Parigi
a Bordeaux in 5 giorni e mezzo anziché nei 15 del 1660.

Il boom del commercio e lo sviluppo dell’America latina (261-264)

Tutti questi fattori economici contribuirono a fare del XVIII secolo un'età aurea per il commercio
internazionale.

Il volume del commercio con l'estero crebbe di due volte e mezzo in Inghilterra e tre volte in
Francia. Ormai distanziata da queste due nazioni era l'Olanda, che restava un grande centro della

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
finanza internazionale ma che lasciava la sua funzione di emporio mercantile in eredità a Londra e
Amburgo, il più importante snodo degli scambi tra Europa centrale e occidentale. Anche il
Mediterraneo conobbe una ripresa dei traffici, che fece fiorire alcuni grandi porti come quello di
Marsiglia, Livorno e Triste, dichiarato porto franco dagli Asburgo e per tanto dotato di vantaggi
fiscali per i mercanti. Il contributo maggiore allo sviluppo del commercio venne tuttavia dall'oceano
Indiano e dall'Atlantico, grazie all'espansione del commercio inglese e francese con le colonie.

La colonizzazione e lo sfruttamento del continente americano conobbero nel 1700 una grande
accelerazione. L'aumento della popolazione del Nuovo Mondo – da 13 a 24 milioni – fu dovuto sia
all'immigrazione di europei e alla tratta di neri africani, sia ad un alto tasso di riproduzione. La
parte centro-meridionale del continente rimase divisa tra la Spagna e il Portogallo.

Tra 1600-1700 la colonizzazione spagnola si estese dal Messico verso nord, fino a comprendere
Texas e California. In questa immensa estensione di terra si sviluppò un’economia diversificata a
seconda della latitudine e della configurazione geologica. La concentrazione della proprietà terriera
in poche mani favorì la formazione di enormi latifondi dove si praticava un'agricoltura di estensione
e un allevamento brado. Sia in queste grandi aziende sia nelle industrie cittadine la manodopera era
costituita dagli indios sopravvissuti e dai meticci, non più schiavi, ma vincolati ai datori di lavoro
da contratti iniqui e dall'indebitamento.

La presenza portoghese in Brasile gravitò a lungo nell'estremità delle coste Atlantiche, dove si
sviluppò la produzione dello zucchero con l'impiego di manodopera proveniente dall'Africa. Più a
sud dove questa non era disponibile i coloni organizzarono spedizioni verso l’interno, per catturare
indios, che permisero di scoprire diverse quantità d’oro e poi diamanti. Alla fine del 1700 tuttavia,
quando il ciclo dell’oro era in via di esaurimento, il Brasile rimaneva un immenso Paese ancora
inesplorato e poco popolato.

La coltivazione della canna da zucchero trovò il suo terreno di elezione anche nelle Grandi – per lo
più spagnole – e Piccole Antille, invece divise tra Inghilterra, Francia e Province Unite. Furono
soprattutto i francesi e gli inglesi a sviluppare nel 1700 la produzione dello zucchero in un vero e
proprio sistema di monocoltura che richiedeva continue importazioni di schiavi neri, data
l’altissima mortalità determinata dal clima e dallo sfruttamento.

I caratteri originali della Rivoluzione industriale (264-265)

Il termine “Rivoluzione industriale” designa un complesso di trasformazioni nel modo di produrre i


manufatti in cui sono compresi la diffusione su larga scala di macchine azionate da energia
inanimata – la forza idraulica, il vapore –, la conseguente concentrazione del lavoro nelle fabbriche,
il rapido e vistoso aumento della produttività – cioè della quantità di prodotto per unità lavorativa in
un tempo determinato – un corrispondente allargamento del mercato, infine i mutamenti nei
consumi, negli stili di vita, nei rapporti e nelle strutture sociali connessi a tali innovazioni.

La maggior parte degli studiosi concorda nel collocare in Gran Bretagna tra il 1780 e il 1830 circa
la fase del decollo vero e proprio della Rivoluzione industriale, le cui premesse stanno però nel
peculiare sviluppo dell’economia inglese nei due secoli precedenti.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Secondo Edward. A. Wrigley è da far notare come in nessun Paese dell’Europa occidentale si
verificò tra la metà del ‘500 e la fine del 1700 una crescita demografica paragonabile a quella
inglese, all’interno della quale il numero degli addetti all’agricoltura crebbe di poco. E poiché
l’Inghilterra era autosufficiente dal punto di vista alimentare, e poiché l’area coltivata poté crescere
solo di poco, è “logico dedurre che la prodizione agricola pro capite doveva essere approssimamene
raddoppiata”.

I progressi dell'agricoltura furono tra 1500 e 1600 il motore dello sviluppo economico complessivo,
dato che dalla terra provenivano quasi tutte le materie prime utilizzate dalle manifatture e data
l'importanza cruciale dell'energia animale per i trasporti e le attività industriali. Eppure già nel
1600-1700 erano presenti alcuni elementi di quella svolta nell’organizzazione produttiva che era
destinata a far saltare questi vincoli.

Il principale di tali fattori era il ruolo crescente del carbone fossile non solo per il riscaldamento
domestico ma anche per le lavorazioni industriali, soprattutto da quando poté essere utilizzato come
combustibile negli altiforni per la produzione del ferro, in sostituzione della legna.

Sempre secondo Wrigley “l’essenza della Rivoluzione industriale sta proprio nella transizione da
un’economia organica avanzata a un’economia a base minerale” di cui una tappa cruciale fu la
trasformazione dell’energia termica in energia meccanica ottenuta con la macchina a vapore. La
stessa agricoltura finirà per essere rivoluzionata una seconda volta da questo processo, con
l’introduzione delle macchine, dei fertilizzanti e dei pesticidi. Gli incrementi di produttività ottenuti
con questi mezzi furono tali da consentire per la prima vota nell’Ottocento inoltrato, un aumento
demografico autosostenuto e un progressivo miglioramento nei salari e nel tenore di vita.

Per il passaggio dalle antiche manifatture, organizzate per lo più con lo svantaggioso sistema del
lavoro a domicilio – se le vendite aumentavano difficile controllo su qualità, furti e sottrazioni,
difficolta accelerale ritmi produttivi –, al sistema di fabbrica si richiedevano anche altre condizioni
oltre alla disponibilità illimitata di giacimenti di carbone e ferro. Requisiti che in nessun altro luogo
si trovavano riuniti come in Inghilterra: una domanda in continua espansione, l’accesso a un
mercato interno e internazionale molto vasto, l’esistenza di strozzature in certe fasi del processo
produttivo a causa della scarsità della manodopera, la capacità tecnica e l’inventiva per la
costruzione di congegni meccanici atti a risparmiare lavoro, la disponibilità di capitali e di energie
imprenditoriali disposte a rischiosi investimenti, la fiducia nella stabilità del quadro politico e
legislativo e in particolare la tutela dei diritti di proprietà sia sulle merci che sulle innovazioni
tecnologiche, brevetti.

Dall’età del cotone all’età del ferro (266-269)

Nei primi decenni del Settecento, la manifattura di gran lunga più importante in Inghilterra
rimaneva quella della lana. Ancora nel 1750-1759, questa voce rappresentava da sola circa metà del
valore totale delle esportazioni. Solo dopo gli anni 80, e non pochi ostacoli come leggi e divieti, si
ebbe un vero decollo della produzione inglese di cotone, e solo dopo il 1810 la sua esportazione
superò quella dei tessuti di lana.

La materia prima del cotone, infatti, costava pochissimo e poteva essere importata in quantità
illimitate grazie al dominio de mari di cui godeva l’Inghilterra e alla produzione del sud degli Stati

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Uniti, che dopo l’invenzione della sgranatrice meccanica divenne, la fonte di approvvigionamento
più importante. Inoltre, il cotone si prestava assai meglio della lana alla lavorazione a macchina,
causa maggiore resistenza alla trazione, e i suoi tessuti, leggeri ed economici, resistenti all’usura e
facilmente lavabili, avevano un mercato potenzialmente molto più vasto della lana e della seta.

Il risultato di tutto ciò fu che il cotone divenne il settore di punta della prima fase della Rivoluzione
industriale, fin verso il 1830, e creò il modello del sistema di fabbrica che si estese via via alle altre
lavorazioni.

Le innovazioni che consentirono un forte aumento della produzione furono per lo più un’opera di
artigiani che corrispose a precisi bisogni, come la spoletta volante che rispose alla pressante
esigenza di rendere più produttiva l’attività della filatura. Tra il 1769 e la fine del secolo una serie
di altre innovazioni portò alla diffusione del filatoio meccanico – con cui un solo operaio arrivò a
produrre a inizio ‘800 quanto filo prima fornivano 200 abili filatori e di migliore qualità – azionato
prima dall’energia idraulica poi dalla forza vapore.

Le esigenze del settore tessile concorsero a determinare i decisivi passi avanti compiuti in altri
campi della tecnologia, in primo luogo della chimica. Due serie di innovazioni saranno al centro
della Rivoluzione industriale nella sua seconda fase, in modo particolare.

Il carbone fossile, di cui il sottosuolo inglese era ricchissimo, usato per una serie di attività
industriali, dalla distillazione della birra alla vetreria, non si prestava tuttavia alla fusione dei
minerali di ferro. Il legno era sempre più scarso e costoso e l’impiego del coke in luogo del carbone
di legna stentò a diffondersi per varie cause. Il processo brevettato dunque fu il seguente: utilizzo di
un forno a riverbero per l’eliminazione delle scorie che faceva passare successivamente il metallo
in un laminatoio meccanico. Grazie a questo l’industria siderurgica crebbe rapidamente e da Paese
importatore l’Inghilterra ne divenne esportatrice. Ormai era, infatti, divenuta in grado di produrne
tutte le quantità necessarie non soltanto per l’utensileria e per le macchine, ma anche per gli
innumerevoli impieghi civili e militari.

Né l’industria tessile né quella siderurgica avrebbero potuto svilupparsi come fecero senza il ricorso
sempre più massiccio a forze motrici diverse dall’energia umana o animale. Durante il 1700 venne
largamente impiegata l’energia idraulica fino a quando nel 1779 James Watt brevettò una macchina
munita di un condensatore del vapore separato dal cilindro che poteva così essere manutenuto a una
temperatura costante con grande risparmio di energia. Dopo diversi perfezionamenti la forza del
vapore era ormai pronta per essere utilizzata nell’industria tessile e, più tardi, nella rivoluzione dei
trasporti rappresentata dalla ferrovia e dal piroscafo.

Le ripercussioni sociali dell’industrializzazione

Bisogna fare attenzione a non esagerare la rapidità dei mutamenti sociali provocati dalla
Rivoluzione industriale e la coscienza che ne ebbero i contemporanei.

In primo luogo va tenuta presente la geografia degli insediamenti industriali, che riguardarono
fondamentalmente le regioni centro-settentrionali e occidentali dell’Inghilterra. Le ragioni di questa
localizzazione furono diverse: la maggiore presenza di fiumi e di cadute d’acqua, la vicinanza dei
giacimenti di carbone e ferro, i facili collegamenti con i porti di Liverpool, Hull e Bristol, ma anche

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
la minore fertilità delle campagne e quindi maggiore disponibilità di manodopera a basso costo
disposta a trasferirsi nelle fabbriche.

Furono proprio queste regioni a registrare i maggiori tassi di incremento demografico che spinsero
verso uno dei risultati della Rivoluzione industriale: un forte impulso all’urbanesimo, dalle sole
Londra e Edimburgo a 17 città con più di 20.000 abitanti. Le nuove città erano per lo più
agglomerati informi, cresciuti troppo in fretta, con pochi servizi e pochissime amenità in cui intorno
alle fabbriche si allineavano le abitazioni degli operai. La manodopera proveniva in parte dalle
campagne circostanti in parte dalla Scozia e dall’Irlanda.

Gli imprenditori non reclutavano soltanto gli uomini, ma anche donne e bambini, che si
accontentavano di salari più bassi ed erano più docili e remissivi. L’adozione delle macchine infatti
aveva l’effetto di semplificare i gesti del lavoratore, cui non si richiedeva più un alto livello di
abilità artigianale. La forza lavoro infantile era in parte reclutata negli orfanotrofi o in parte dai
poveri a carico delle parrocchie, che se ne sbarazzavano stipulando con gli industriali dei contratti
di apprendistato. Solo molto più tardi, dopo il 1820 vennero introdotte leggi a tutela del lavoro
femminile e minorile.

Il nascente proletariato inglese reagì gradualmente ai soprusi e alle condizioni di vita precarie della
fabbrica – all’interno della quale l’operaio doveva lavorare in piena “disciplina” 13/14 ore al
giorno, per sei giorni. La creazione di organizzazioni sindacali fu lenta e difficile a causa delle leggi
proibitive, inasprite negli anni della Rivoluzione francese. Non mancarono forme di agitazione
spontanee come lo sciopero, il boicottaggio, le proteste e le petizioni indirizzate alle autorità. Una
forma estrema di protesta che prese piede fra 1810 e 1820 fu il luddismo. I luddisti distruggevano o
mettevano fuori uso le macchine, accusate di produrre disoccupazione e peggiorare le condizioni
dei lavoratori. Colpito da una dura repressione il movimento si disgregò rapidamente lasciando il
posto negli anni seguenti al cartismo.

Si discute ancora su quali furono gli effetti della Rivoluzione industriale sul tenore di vita della
popolazione. Le paghe degli operai di fabbrica erano più elevate di quelle percepite dalla
manodopera non qualificata nell’agricoltura e nell’edilizia e a questo divario va aggiunta la
possibilità di cumulare al salario del capofamiglia quelli della moglie e dei figli. Il periodo
1790-1820 tuttavia non vide significativi incrementi salariali a fronte di un costo della vita in rapida
crescita per effetto dell’inflazione. Inoltre va tenuto conto di molti altri aspetti come quelli che
determinano la qualità della vita: le condizioni abitative, la perdita di dignità personale e la
precarietà dell’occupazione

Le ripercussioni sociali della Rivoluzione industriale non si limitarono alla formazione di un


proletariato di fabbrica. Si formò anche il ceto degli imprenditori, uomini di origine modesta, saliti
a grande ricchezza grazie al lavoro, al fiuto per gli affari e alle capacità organizzative. Intorno al
1800 tuttavia essi non si contrapponevano ancora come classe all’aristocrazia fondiaria ed erano
guardati con una certa sufficienza non solo da questa, ma anche dai grandi mercanti e finanzieri.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
La civiltà dei Lumi

Fede e ragione

“...L’Illuminismo è l’uscita dell'uomo dallo stato di minorità che egli deve imputare a sé stesso.
Minorità è l'incapacità di servirsi del proprio intelletto senza la guida di un altro […] Da imputare a
sé stesso se non dipende dal difetto di intelligenza ma dalla mancanza di decisione e di coraggio di
far uso del proprio intelletto […] Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza! È questo
il motto dell’Illuminismo” I. Kant (1724-1804).

Nell’Illuminismo l'accento cade sul rifiuto del principio di autorità, sull'uso sistematico dello spirito
critico. L'unica verità per il philosophe – spregiudicato indagatore del vero – è quella che deriva da
un'osservazione diretta dei fatti o da testimonianze superiori ad ogni dubbio, da vagliare, gli uni e
gli altri, al “lume” della ragione.

Questi criteri vennero anche applicati all'ambito religioso e dunque allo studio delle Sacre Scritture
e della storia della Chiesa, per demolire legende e credenze. Soprattutto in Olanda e in Inghilterra,
e in misura minore anche in Francia con i “maurini e Richard Simon, si sviluppò una generale
critica della religione tradizionale, dei miracoli, dei dogmi e dei misteri della fede incomprensibili
per la ragione umana, a opera di scrittori come Spinoza, Bayle e Locke.

Mentre Locke (1632-1704) si sforzò di conciliare fede e ragione, rendendo quest'ultima arbitraria
dei problemi posti dalla Rivelazione e mettendo al primo posto l'osservanza dei precetti morali altri
si spinsero oltre, nel rifiuto di ogni affermazione non spiegabile razionalmente e come i deisti di
ogni verità rivelata dai testi sacri. Questi anche se non negavano l'esistenza di Dio, né l'immortalità
dell'anima, sostenevano che a tali conclusioni si poteva arrivare con la sola ragione e che esse
costituivano l'elemento comune di tutte le religioni rivelate, i cui dogmi e misteri andavano respinti
come imposture.

Più problematica era la questione nei Paesi ufficialmente cattolici dove persistevano la tradizione
aristotelico-scolastica, forme di devozione vicine alla superstizione e la pretesa del clero di dirigere
le coscienze con una radicata intolleranza verso ogni deviazione dall’ortodossia. Pure qui un
compromesso tra fede e ragione venne tentato nella prima metà del 1700 da ecclesiastici dotti e
“illuminati”.

Il venir meno delle antiche certezze, la critica del principio di autorità e l'affermazione delle nuove
teorie scientifiche e filosofiche furono, tra il 1600 e il 1700, al centro di una crisi della coscienza
europea, che porterà alla recente definizione di Illuminismo radicale, che avrebbe nel panteismo e
materialismo di Spinoza e nello scetticismo di Bayle i suoi principali fondamenti filosofici e nel
“libero pensiero” britannico i suoi più incisivi sviluppi sul piano religioso e politico.

Meno agevole appare distinguere una corrente radicale da una più moderata all’interno
dell’Illuminismo maturo, anche se alla prima sembrano più facili da collegarsi scrittori come
Diderot, Helvétius e d’Holbach.

Chi più brillantemente si scagliò contro lo spirito di intolleranza della Chiesa di Roma fu
probabilmente Voltaire (1694-1778), autore di Candido, Dizionario filosofico e Lettere inglesi, che
sosteneva l'idea di un Dio architetto che si regola secondo leggi non sempre comprensibili o

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
favorevoli agli interessi umani. Voltaire non si stancava, inoltre, di sottolineare che l’esistenza del
male deve spingere l'uomo ad affratellarsi e smetterla di perseguitarsi per futili motivi politici e
religiosi, mettendo realmente in pratica la morale evangelica.

Se Voltaire – strenuo difensore di Jean Calas, nel “caso Calas” – distingueva tra religione naturale
e religioni positive e non metteva in discussione l'esistenza di Dio altri filosofi si spingevano fino
all'ateismo dichiarato e proclamavano la natura irrazionale di tutti i culti.

Denis Diderot, collaboratore dell’Enciclopedia, partì da posizioni deistiche per approdare a una
suggestiva visione della natura come creazione e modificazione continua di organismi e forme di
vita, anticipando la teoria evoluzionistica che verrà per la prima volta formulata da Jean-Baptiste
Lamark (1744-1829).

L'uomo e la natura (276-277)

Secondo J.B Le Rond d'Alembert (1717-1783) nel Discorso preliminare alla Enciclopedia, spesso
considerato un vero e proprio manifesto dell’Illuminismo, che si ispira alla teoria della conoscenza
di Locke “tutte le nostre conoscenze dirette si riducono a quelle che riceviamo attraverso i sensi,
tutte le nostre idee quindi provengono dalle sensazioni”.

Secondo Locke, infatti, l’intelletto umano è all’origine come un foglio bianco che solo le
impressioni sensoriali sono in grado di riempire. La riflessione interviene in un secondo tempo per
combinare e confrontare tra loro le sensazioni e ricavare così dalle idee semplici le idee complesse.
Ne deriva il rifiuto di ogni metafisica, di ogni supposizione non suffragata dall'osservazione dei fatti

Chi più compitamente elaborò l’empirismo di Locke nel sensismo fu Condillac. Procedendo per
questa via, alcuni filosofi si spinsero fino a un materialismo integrale, cioè alla riduzione di tutto
ciò che esiste, compreso l’uomo e le sue facoltà mentali, a pura materia mentre altri come David
Hume (1711-1776) svilupparono l’empirismo lockiano in direzioni differenti.

In stretta correlazione con l'empirismo e il sensismo è un altro filone centrale del pensiero
illuministico, l'utilitarismo. Il bene, secondo questo orientamento, non può essere qualcosa di
oggettivo e astratto, ma deve coincidere con ciò che colpisce gradevolmente i sensi, con il piacere
soggettivo o con la cessazione del dolore, con l'appagamento del bisogno.

Il perseguimento anarchico del piacere distruggerebbe i presupposti stessi del vivere sociale e
risulterebbe comunque, anche egoisticamente parlando, controproducente, perciò molti si
sforzarono di costruire una morale individuale e sociale basata sull'utile rettamente inteso. Alcuni,
tra cui Hume, presupponevano l'esistenza nell'uomo di un innato “senso morale” che induce alla
“simpatia”, alla compassione per le altrui sofferenze e all'aspirazione verso il comune benessere
mentre altri riducevano invece la morale a un calcolo matematico dei piacere e dei dolori,
affermando che tutto l'edificio della società deve essere costituito in modo da garantire “la massima
felicità per il maggior numero”. Una formula che adottò anche Cesare Beccaria.

Questo insieme di idee e di atteggiamenti doveva inevitabilmente sfociare in un'esaltazione della


scienza e della sua capacità di svelare le leggi che governano la natura inanimata e i meccanismi
della vita.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
La figura dominante fu dunque Isaac Newton, che con le sue opere impose un metodo scientifico
basato sul rifiuto delle ipotesi astratte e sulla sintesi tra indagine sperimentale e procedimento
matematico. Le sue teorie divennero il simbolo stesso dei Lumi, assursero all’autorità di un nuovo
vangelo per tutte le persone colte, dettarono il paradigma da seguire nella ricerca della verità in
ogni settore. Se Newton stesso rimase fortemente ancorato alla religione rivelata, le sue scoperte
incoraggiarono quanti limitavano l’intervento divino nel cosmo all’atto della creazione. Alla
costruzione di un perfetto orologio i cui meccanismi e le cui leggi di funzione l’uomo era in grado
di scoprire da solo.

L’autorità di Newton rimase indiscussa per tutto il 1700 ma gli sforzi degli scienziati si vennero
sempre più rivolgendo a settori diversi dalla meccanica e dalla fisica, in cui egli aveva compiuto le
maggiori scoperte, come la botanica, la zoologia – in cui de Buffon arrivò ad anticipare per certi
aspetti la celebre teoria di Darwin –, la biologia i fenomeni elettrici che furono per la prima volta
studiati scientificamente da studiosi come Benjamin Franklin (1706-1790) e Alessandro Volta
(1745-1827).

Gli scienziati e le scoperte furono innumerevoli, ma ciò che più importa è osservare che nel 1700 la
scienza godette di un prestigio senza precedenti sia all’interno delle istituzioni, in primo luogo nelle
grandi accademie erette a imitazioni di quelle di Parigi e Londra, sia agli occhi di un pubblico colto,
pronto a entusiasmarsi di fronte alle nuove scoperte, ai risultati dei viaggi di esplorazione, a
invenzioni sorprendenti, come il pallone aerostatico, e perfino di fronte a visionari e ciarlatani
come Franz Anton Mesmer, che a Parigi divenne famoso “curando” ogni sorta di malattia con un
presunto fluido magico.

La “pubblica felicità” (279-280)

Così come in campo filosofico, anche in campo politico, non si può parlare di Illuminismo come di
un movimento unitario, pur se talune sue premesse sono generalmente condivise: il tramonto della
ragion di Stato e della teoria del diritto divino dei re, l’idea che il potere deve essere esercitato
nell’interesse comune dei sudditi, al fine di realizzarne la “pubblica felicità”, la delimitazione di
una sfera più o meno ampia di libertà privata, in cui l’autorità sovrana non ha il diritto di
intromettersi… Gli orientamenti fondamentali possono essere rappresentati dai tre grandi nomi di
Montesquieu, Voltaire e Rousseau.

Per Montesquieu (1689-1755), autore del Lo spirito delle leggi, “le leggi sono i rapporti necessari
che derivano dalla natura delle cose”. All’autore non interessava fornire precetti universalmente
validi per il governo dei popoli, ma scoprire i principi e i meccanismi che regolano i vari
ordinamenti politici. Questi sistemi si riducono a tre tipi fondamentali: la monarchia – che poggia
sul senso dell’onore – la democrazia – che si regge sulla virtù dei cittadini – e il dispotismo – il cui
principio ispiratore è la paura. Ciascuna delle tre forme di governo si adatta meglio a un
determinato clima e un determinato territorio. La preferenza di Montesquieu è per le monarchie
temperate, il cui modello è l’Inghilterra. Qui la garanzia maggiore per le libertà individuali sta nella
divisione dei poteri, e in particolare nella separazione del potere giudiziario, affidato a magistrati
indipendenti, dal potere esecutivo e dal potere legislativo. Se nel dispotismo tutti sono schiavi e
nella democrazia eguali, nella monarchia esistono dei corpi intermedi – come la nobiltà e la
magistratura – che fanno argine al potere del sovrano e dei suoi ministri.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Voltaire invece era sostenitore della corrente del dispotismo “illuminato”, che aveva il pregio di
combattere i particolarismi e i privilegi locali e di ceto. Solo chi è al di sopra di tutti può avere una
chiara visione degli interessi generali e agire senza essere condizionato da egoismi e da ostacoli di
varia natura. Questa teoria ebbe i suoi principali centri di elaborazione nell’Europa centrale e
mediterranea, piuttosto che in Inghilterra e in Francia. Voltaire scrisse ammirato sulla Cina, sul
secolo di Luigi XIV e su Pietro il Grande di Russia.

Infine Rousseau (1712-1778) autore dei Discorsi, del Contratto Sociale e dell’Emilio, è il maggiore
esponente di un terzo orientamento, democratico. Secondo Rousseau, infatti, il passaggio dell’uomo
dallo “stato di natura” allo “stato sociale”, accompagnandosi con l’istituzione della proprietà
privata, aveva dato inizio a un processo di degenerazione morale i cui sintomi erano le enormi
diseguaglianze sociali, il lusso sfacciato dei ricchi, la corruzione imperante e la stessa raffinatezza
delle arti e delle tecniche. Per uscire da questa situazione l’unica via era quella di una rifondazione
della società, di un patto che trasformasse i sudditi in cittadini, gli schiavi in uomini liberi,
attraverso la cessione totale di tutti i propri diritti, da parte di ciascun membro del corpo sociale,
alla comunità. L’unione delle volontà particolari in una volontà generale, cui tutti saranno
sottoposti, non limita secondo Rousseau la libertà dell’individuo, anzi la potenzia rendendo
impossibile ogni sopraffazione e proteggendo la persona e i beni di ognuno con la forza concentrata
di tutta la comunità. La sovranità, che risiede nel popolo, è per sua natura inalienabile e
indivisibile, non può neanche essere delegata. Rousseau ammette che ci debbano essere un governo
e dei magistrati, e che possa questo anche essere monarchico e aristocratico, ma l’essenziale è che
si limiti a eseguire la volontà generale – espressa idealmente in un’assemblea cittadina – e che i
governati e magistrati siano revocabili in qualsiasi momento. Al fondo di questa visione vi è l’idea
della necessaria coincidenza, una volta che l’uomo si sia spogliato dei suoi pregiudizi e delle sue
passioni egoistiche, tra il bene comune e l’interesse individuale: il collante indispensabile è
insomma la virtù, intesa secondo i moduli classici di Sparta e della Roma repubblicana.

Correnti europee dell’Illuminismo (281-282)

Non sembra aver avuto successo il tentativo recente di scomporre l’Illuminismo in movimenti
diversi a seconda dei contesti e dei caratteri nazionali, nato in parte come reazione a una indubbia
tendenza franco-centrica degli studi.

Gli illuministi italiani si occuparono per lo più non di problemi filosofici o politici generali, ma
delle riforme da operare nei vari settori per ridurre i privilegi e i poteri della Chiesa, promuovere il
progresso agricolo ed economico, razionalizzare e rendere più equo il prelievo fiscale,
ammodernare il diritto e l’amministrazione della giustizia. Cesare Beccaria nei Dei delitti e delle
pene (1764) denuncia le assurdità e l’inumanità delle procedure giudiziarie in uso, tra cui la tortura,
distingue tra peccati e delitti, i soli reati che le leggi e i tribunali dovevano sanzionare, e critica la
pena di morte sulla base del ricorso al contratto sociale e a un rigoroso utilitarismo – sono
giustificabili solo le pene proporzionali al danno inflitto alla società e capaci di esercitare un effetto
deterrente sui potenziali criminali.

Dovunque nella seconda meta del 1700, al linguaggio dei doveri – verso Dio, verso il sovrano e
verso i superiori – tese ad affiancarsi e a sostituirsi il linguaggio dei diritti, ben presto rilanciato
dall’insurrezione delle tredici colonie nord-americane e dalla Rivoluzione francese: diritti di libertà
e di sicurezza della persona e dei beni che sono il patrimonio innato di ogni uomo e alla cui
protezione nessun tipo governo può impunemente sottrarsi.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Una nuova scienza: l’economia (282-283)

Fino alla metà del 1700, le idee economiche prevalenti si possono ricondurre generalmente al
mercantilismo. Si continuava a pensare, cioè, che spettasse ai governi operare per lo sviluppo della
popolazione e dell’economia nazionale, al fine di trarne le risorse necessarie a una politica di
potenza. Nella seconda metà del secolo prese invece forma, soprattutto in Francia e in Inghilterra,
una nuova concezione della vita economica come un sistema di rapporti tra gli uomini e le classi
sociali regolato da “leggi naturali” che i governi non possono impunemente violare.

Tali idee furono affermate in Francia dalla scuola fisiocratica fondata nel 1767 dal medico di corte
François Quesnay. La tendenza liberista propria dei fisiocratici fu poi rielaborata in una visione più
ampia dei fatti economici dallo scozzese Adam Smith (1723-1790) nella sua grande opera Indagine
sopra la natura e le cause della ricchezza delle nazioni.

La circolazione delle idee (284-286)

Due fenomeni tipici dell’età dei Lumi furono la circolazione delle idee e delle conoscenze in strati
sociali molto più ampi che non in passato e la formazione di un’opinione pubblica permeata dalla
fede nella ragione e nel progresso, che nella seconda metà del 1700 sempre più si atteggia, a partire
dalla Francia e dall’Inghilterra, come una sorta di infallibile tribunale della verità, autorizzato a
emettere sentenze non soltanto su questioni estetiche o morali, ma anche in campo filosofico e
politico. L’opinione così intesa esprimeva il consenso delle persone colte e illuminate e si formava
attraverso la lettura di libri e di giornali, la conversazione, gli scambi epistolari, le manifestazioni di
socialità di cui il 1700 è particolarmente ricco.

Largamente dominate dalla tradizione rimasero le istituzioni scolastiche e in particolare le


università, dove si mantenne la vecchia tripartizione delle facoltà di Teologia, Giurisprudenza e
Medicina; tuttavia qua e là si fondarono nuove cattedre e si ammodernarono i contenuti e i metodi
dell’insegnamento. L’alfabetizzazione fece notevoli progressi nel 1700, naturalmente non bisogna
confondere il numero degli alfabetizzati con il numero, molto più esiguo, dei lettori di libri. Ma
anche quest’ultimo si deve essere molto accresciuto nel XVIII secolo, a giudicare dal forte aumento
delle pubblicazioni.

Un posto di rilievo nell’editoria settecentesca spetta alla stampa periodica: accanto alle gazzette –
bollettini di notizie politiche, diplomatiche, militari – si moltiplicarono i giornali letterari, che
informavano i lettori sulle novità librarie e facevano posto a memorie scientifiche e annunci, e la
stampa di opinione, che trattava temi di interesse politico, economico o aspetti di costume.

Ma l’espressione più caratteristica della civiltà dei Lumi sono i nuovi centri di aggregazione
sociale: i salotti – che soprattutto a Parigi ruotavano per lo più intorno a gentildonne colte e
raffinate – le accademie – che si propagavano nelle città di provincia e orientavano i propri interessi
sempre più verso oggetti di pubblica utilità, come l’agricoltura, le manifatture, l’assistenza – le
logge massoniche, infine, che univano al gusto del mistero e dei riti iniziatici ideali più o meno
vaghi di rigenerazione morale, di fratellanza e filantropia. Proprio queste, in cui si mescolavano

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
nobili, borghesi ed ecclesiastici, sono la migliore confutazione di una rigida definizione
dell’Illuminismo come cultura borghese.

Come si è già avuto modo di osservare, dall’aristocrazia e dalle corti vengono i modelli di gusto e
di comportamento che, nel Settecento e anche in seguito, conquistarono le altre classi. Attacchi
contro i privilegi legati alla nascita e contro l’ozio e l’alterigia dei nobili certo non mancarono nel
1700 e si fecero più frequenti nella seconda parte del secolo, ma furono in pochi ad esser animati da
un conseguente egualitarismo – come Rousseau. Per lo più si mirò alla costituzione di una nuova
élite sociale, un’aristocrazia del denaro e dei Lumi, in cui potevano confluire la parte più ricca e più
colta della nobiltà e gli strati superiori del ceto medio. Sarà un tale programma a fare le sue prove e
a fallire nei primi anni della Rivoluzione francese.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Francia e Inghilterra nel Settecento: un duello secolare

La Francia dalla Reggenza al ministero Fleury (289-291)

Alcuni storici hanno parlato di “seconda guerra dei Cento anni” a proposito della serie di conflitti
che opposero la monarchia francese quella britannica tra il 1689 – inizio della guerra della Lega
d'Augusta – e il 1815. In realtà gli anni di guerra vera e propria furono circa la metà e lunghe
parantesi di pace contrassegnarono i trentenni 1713-1744 e 1763-1793. Tuttavia anche nel corso di
questi periodi non venne meno la tradizionale rivalità tra i due Paesi, la lotta per la supremazia
marittima e coloniale e la contrapposizione tra i due diversi modelli di governo e di distribuzione
del potere.

La linea seguita dall'Inghilterra fu quella di cercare alleati sul continente per tenere impegnata
militarmente la Francia e allo stesso tempo rafforzare e ampliare il proprio dominio dei mari e
coloniale. I Borbone invece non seppero contrapporre a questo disegno una politica estera
altrettanto efficace e coerente, finendo per avere la peggio nel confronto con la rivale, fino a cadere
essa stessa vittima della crisi rivoluzionaria di fine secolo, provocata a sua volta dalla sua incapacità
di riformarsi.

Alla morte di Luigi XIV venne istituita la reggenza del nipote, il duca Filippo d'Orleans, che
nonostante l’iniziale accordo col Parlamento e con l’aristocrazia fondiaria – che si sentiva sempre
più mortificata – a partire dal 1718, fece ritorno al sistema dei ministri segretari di Stato costruito
negli anni del Re Sole.

Rispetto al clima tetro e bigotto che aveva caratterizzato gli ultimi anni di Luigi XIV, nel periodo
della reggenza si vissero anni di relativa libertà di opinione e critica – Lettere persiane,
Montesquieu. Fu questo il periodò che segnò l’inizio dell’Illuminismo vero e proprio in Francia.
Filippo s’impegnò molto nel problema forse più importante della sua reggenza: quello di risanare le
finanze pubbliche. Dato che debito pubblico era salito a dismisura e che le entrate della corona
francese risultavano già impegnate per diversi anni ci si affidò alle intuizioni di John Law. In realtà
dopo l’intervento di Law molti rimasero rovinati, ma il Tesoro, tuttavia, liberatosi attraverso la carta
moneta di gran parte dei propri debiti, ne ricavò notevoli vantaggi.

Nel 1726 Luigi XV accordò la sua fiducia al suo anziano precettore, Hercule De Fleury, senza che
però ricevesse alcuna carica ufficiale. Il suo governo, fermo e prudente, assicurò un lungo periodo
di pace, interrotto solo dalla breve e vittoriosa guerra di Successione polacca, che fruttò alla Francia
la Lorena. La moneta venne stabilizzata e il percorso di risanamento delle finanze completato.
Grazie a queste favorevoli condizioni, a cui si aggiunsero una serie di raccolti positivi e il boom
delle importazioni zucchero e di altri generi coloniali, l'economia del Paese entrò in una fase di
netta espansione.

Tuttavia, già negli anni di Fleury, quando la bolla Unigenitus, contro i giansenisti, fu proclamata
legge dello Stato francese, si delineò quel contrasto tra Parlamenti e corona che trovò nelle
questioni religiose un meccanismo di innesto e che avrebbe caratterizzato la vita politica del regno
dalla metà del secolo in poi.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
La Gran Bretagna nell'età di Walpole (291-293)

Alla morte della regina Anna salì sul trono l'elettore di Hannover Giorgio I, 1714-1727, come era
stato previsto nell'Atto di successione del 1701. I seguaci di Giacomo II Stuart, i giacobiti, tentarono
senza successo di ricondurre al potere la dinastia Stuart in esilio, ma persero gli appoggi importanti
degli scozzesi, unitisi amministrativamente e politicamente all'Inghilterra nel 1707, Gran Bretagna.

Giorgio I e il figlio Giorgio II, 1727-1760, di lingua e cultura tedesca, lasciarono le redini del
governo in mano a uomini capaci di manovrare il Parlamento, interessandosi di più alle faccende
del loro Paese di origine. Su queste basi nacque il cosiddetto governo di gabinetto in cui a un primo
ministro, e ai suoi principali collaboratori, si assegnava il compito di governare in nome e in luogo
del re.

Il governo in carica, dovendo assicurarsi una maggioranza in Parlamento, faceva il possibile per
influenzare le elezioni dei deputati alla Camera dei Comuni e per le stesse ragioni, il governo non
esitava a elargire concessioni e favori. Sotto gli Hannover, l'attenuarsi delle differenze ideologiche
fra i due partiti in lotta per il potere, i whig e i tory, finì con il favorire il ricorso alla corruzione.

Tuttavia sarebbe un errore descrivere la politica inglese del XVIII secolo come un quadro a tinte
fosche. I deputati eletti nelle contee mantennero sempre un atteggiamento di notevole indipendenza
mentre la pubblica amministrazione venne gradualmente epurata dalle influenze politiche e resa
efficiente e relativamente onesta. L'opinione pubblica era attenta e vigile e costrinse i governi a non
perdere di vista gli interessi nazionali.

Tra il 1721 e il 1742 il ruolo di primo ministro fu di fatto ricoperto ininterrottamente da Robert
Walpole, gentiluomo di campagna e abile uomo “politico-economico”, il quale si distinse in politica
estera per le buone relazioni con la Francia e in politica interna per la riduzione del debito pubblico
e per la protezione del commercio e l'industria.

La stabilità politica e sociale dell'Inghilterra nel 1700 si fondava sulla indiscussa egemonia dei
grandi proprietari terrieri, che controllavano la politica nazionale attraverso i due rami del
Parlamento e la vita locale attraverso l'ufficio dei giudici di pace, che prestavano la loro opera
gratuitamente ed esercitavano una vasta gamma di poteri di giustizia e polizia. Intorno alla gentry
ruotavano e ne provenivano gli esponenti dei ceti professionali, gli ufficiali dell'esercito e della
marina e la parte benestante del clero anglicano. Nel 1700 la Chiesa anglicana, aliena a ogni slancio
mistico e preoccupata soprattutto di inculcare il rispetto della proprietà e delle gerarchie, divenne
quasi un’appendice della gentry. Tuttavia era lecito appartenere ad altre Chiese protestanti, e
perfino le minoranze cattoliche furono tollerate, a patto di non predicare in pubblico. I mercanti più
ricchi, i finanzieri e i banchieri attivi a Londra e nei porti aspiravano a integrarsi nella gentry,
attraverso l'acquisto di proprietà fondiarie.

Lo sviluppo economico e il ristagno della popolazione e dei prezzi, di inizio secolo, favorirono un
certo miglioramento della vita delle masse popolari – queste poterono permettersi un maggior
consumo di generi un tempo considerati di lusso – ma la durezza della loro esistenza e la loro
subalternità non furono alterate. Le sommosse e le agitazioni popolari furono frequenti, ma non
misero mai in discussione l'ordine politico e sociale, puntavano a difendere diritti tradizionalmente
riconosciuti o le usanze messe in pericolo dal mutamento dei tempi.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
La società britannica fino al tardo 1700, alla vigilia della Rivoluzione industriale, appariva come un
peculiare miscuglio di libertà e di dipendenza, di mobilità sociale e individuale e di solidità nelle
gerarchie, di tradizionalismo e progresso, di raffinatezza e brutalità, prosperità e miseria. Eppure nel
confronto col resto di Europa risaltavano gli aspetti positivi: il modello politico e costituzionale
inglese – garantendo contro gli arresti e i castighi arbitrari, col radicamento delle istituzioni
parlamentari, con la snellezza e la relativa efficienza della burocrazia statale, e la relativa libertà di
opinione e religione – attirò l'attenzione dei ceti colti europei, contrapponendosi ai regimi
assolutistici del continente e soprattutto al modello francese.

I conflitti dei decenni centrali del Settecento (293-295)

Alla morte del re di Polonia nel 1733 la Dieta polacca scelse come suo successore il nobile
Stanislao Leszczynski, padre della consorte del re di Francia Luigi XV. L'Austria e la Russia
reagirono imponendo l'elezione del principe di Sassonia Federico Augusto come Augusto III re di
Polonia (1733-1738). Il governo francese decise di vendicare l'oltraggio subito dando vita a una
coalizione antiaustriaca con il re di Sardegna, Carlo Emanuele III, cui venne promesso l'intero Stato
di Milano, e la monarchia spagnola, desiderosa di espandersi in Italia.

Dopo l’occupazione di Milano nel 1733 dei franco-piemontesi e la conquista dei Regni di Napoli e
Sicilia, da parte di un esercito spagnolo guidato da Carlo Borbone, grazie all'opera mediatrice
dell'Inghilterra si arrivò nel 1738 alla pace di Vienna, che sancì il recupero del milanese da parte
dell’Austria che però doveva cedere Novara e Tortona ai Savoia e a Carlo Borbone Napoli e Sicilia.
Inoltre l'estinzione in Toscana della dinastia Medici favorì un altro scambio di territori: il duca di
Lorena, marito di Maria Teresa d'Asburgo, figlia dell'imperatore Carlo VI, divenne granduca di
Toscana e la Lorena fu assegnata a Stanislao Leszczynski, col patto, mantenuto in seguito, che alla
sua morte, questa sarebbe tornata alla Francia.

Forti delle concessioni ottenuti con il trattato di Utrecht i mercanti inglesi dominavano ormai le
coste dell'America Latina, praticando spesso il contrabbando. Quando però le autorità coloniali
intensificarono la vigilanza, ispezionando le navi britanniche e sequestrando la merce illegale, la
pressione dell'opinione pubblica costrinse Walpole a muovere guerra alla Spagna. Le vicende di
questa guerra confluirono in quelle della guerra dei Successione austriaca,1740-1748.

La guerra fu scatenata dall'aggressione lanciata dal nuovo re di Prussia Federico II,1740-1786,


contro la Slesia, la parte più settentrionale del Regno di Boemia, soggetta agli Asburgo, i quali
erano alle prese con la loro successione al trono. L'Austria era guidata da qualche tempo da Maria
Teresa, ma anche gli elettori di Baviera e Sassonia erano interessati al titolo, come lo erano i
Borbone di Spagna e Francia, che volevano cogliere l'occasione per infliggere un colpo decisivo
agli acerrimi nemici.

Maria Teresa, 1740-1780, contro questa coalizione poteva però contare soltanto sugli aiuti
finanziari dell'Inghilterra. In seguito, però, il ritiro dalla guerra da parte di Federico II, pago della
conquista della Slesia, l'appoggio dei Savoia e un più concreto impregno dell'Inghilterra – derivante
dalla caduta di Walpole – contribuirono a raddrizzare le sorti del conflitto, che si combatté in
Germania, Italia settentrionale e Fiandre.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Con la Pace di Aquisgrana, 1748, che non portò alla Francia nessun vantaggio territoriale, la
popolarità di Luigi XV – che aveva dichiarato guerra all’Inghilterra nel 1744 senza però riuscire a
superarne la potenza marittima – venne fortemente minacciata, ma non quanto lo sarà
successivamente a causa dell'influenza di Madame Pompadour. La situazione rimase quella
preesistente se non che alla Prussia venne confermata la Slesia mentre Maria Teresa cedeva i Ducati
di Parma e Piacenza a Filippo di Borbone – secondo figlio di Filippo V e Elisabetta Farnese.

La rivalità marittima coloniale tra Francia e Inghilterra crebbe notevolmente nella prima metà del
1700, sia in Nord America che in India. Tuttavia la Francia preferì intervenire nelle questioni
dell’Europa centro-orientale, lasciandosi lusingare dalle mire del cancelliere austriaco Kaunitz che,
deciso strappare a Federico II la Slesia, riuscì a contrapporre all'alleanza tra Prussia e Inghilterra del
1756 uno schieramento composto da Austria, Francia, Russia, Svezia e Polonia.

Questo cosiddetto “rovesciamento delle alleanze”, che pose fine alla tradizionale inimicizia tra
Asburgo e Borbone, fu alla base dell'inizio della guerra dei Sette anni.

Le operazioni si svolsero favorevolmente alla coalizione finché il richiamo a Londra di William Pitt
non favorì un cambio di rotta nella conduzione della guerra da parte inglese: il nuovo ministro degli
Affari esteri decise di concentrare le proprie forze nella difesa degli interessi commerciali e
marittimi, e quindi disinteressarsi delle questioni continentali.

Lasciate prive di rinforzi dalla madrepatria le guarnigioni francesi dovettero soccombere sia in
America settentrionale sia in India e neanche l'entrata in guerra della Spagna, nel 1761, a fianco
della Francia, mutò le sorti del conflitto. Gli inglesi si impadronirono della Martinica, di Cuba e
inviarono spedizioni nelle Filippine.

Con il trattato di Parigi del 1763 la Francia ottenne la restituzione della Martinica e Guadalupa ma
doveva definitivamente abbandonare l'India e si vedeva completamente estromessa dall'America
settentrionale. La Spagna a sua volta doveva cedere la Florida ricevendo in compenso o territori
sulla destra del Mississippi. Il dominio di Federico II in Slesia veniva, infine, riconfermato.

Il fallimento delle riforme in Francia (295-296)

Le riforme di cui la Francia necessitava, più volte messe in cantiere dai ministri di Luigi XV e dallo
stesso re – sovrano intelligente e sensibile che però non aveva molta energia di carattere, aveva
preso le redini del governo alla morte di Fleury nel 1743 –, fallirono quasi sempre sotto il fuoco
incrociato di ordini e corpi legati ai loro privilegi, mentre un'opinione pubblica illuminata metteva
in discussione le basi stesse dell'assolutismo.

La Francia, uscita umiliata dalla guerra dei Sette anni e in condizioni finanziarie disastrose, non
poté sanare le ferite inferte all’orgoglio nazionale con la sola annessione della Lorena e nemmeno
con l’acquisto della Corsica da Genova. Inoltre, l'opposizione dei Parlamenti alle politiche del
governo assunse un carattere cronico a partire dagli anni 70, polarizzandosi prima intorno alle
questioni religiose e fiscali – fu decretata l'espulsione dal regno dei gesuiti e bloccato ogni disegno
di riforma economica elaborato fin dagli anni di guerra – poi investendo sulle fondamenta stesse
dell'assolutismo monarchico.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Il re decise di sciogliere il Parlamento di Parigi e altri Parlamenti indocili, e di smembrarne la
giurisdizione, il governo venne assunto da un triumvirato composto da Aiguillon, Maupeou e
Terray, “colpo di Stato”.

A Luigi XV succedette nel 1774 il nipote Luigi XVI – ben intenzionato ma timido e non di grande
capacità – il quale, per ingraziarsi l'opinione pubblica, decise il richiamo dei vecchi Parlamenti che
però pregiudicò l'opera di risanamento delle finanze e dell'amministrazione intrapresa dal
triumvirato. Nominò poi controllore delle finanze l’illuminista Turgot, ispirato dalle tesi
fisiocratiche. Tuttavia il suo esperimento, non compreso e fallito a causa della pressione di chi
perdeva determinati privilegi, coincise con una congiuntura economica negativa. In Francia a un
periodo di espansione e di crescita era ormai subentrata una fase di ristagno, di cattive annate
agricole, di fluttuazione dei prezzi, di difficoltà nel commercio internazionale.

Le sconfitte militari subite dall’Inghilterra furono seguite da difficolta economiche e conflittualità


politica, preludio della crisi finale della monarchia assoluta.

L'Inghilterra nell'età di Giorgio III (297-298)

L'Inghilterra era uscita molto rafforzata dalla guerra dei Sette anni: padrona dei mari, non aveva più
rivali nell'America settentrionale e nel subcontinente indiano. Una grave battuta di arresto fu però
rappresentata dall'insurrezione delle tredici colonie nordamericane, 1776-1783. La vittoriosa lotta
per l'indipendenza dei coloni stimolò tra l'altro le rivendicazioni autonomistiche degli irlandesi, che
si agitavano per ottenere l'indipendenza del loro Parlamento e la concessione del voto ai cattolici.

A queste cause di malessere altre se ne aggiungevano altre per quanto riguarda la politica interna. Il
nuovo re Giorgio III, nato ed educato in Inghilterra, manifestò fin da subito l'intenzione di esercitare
un ruolo più attivo nella politica nazionale, suscitando l'opposizione del Parlamento e della pubblica
opinione.

Inoltre, accanto all'opposizione whig nacque una corrente più radicale che lo stesso ordine politico
uscito dalla Gloriosa rivoluzione del 1688-1689. Questa, guidata da John Wilkes, si agitava per una
redistribuzione dei seggi parlamentari, un allargamento del suffragio e un'estensione delle libertà
religiose e civili.

Nel 1780 Giorgio – sollecitato dalla sua impopolarità e dai disordini scoppiati a Londra nel 1780 –
affidò la formazione di un nuovo governo a William Pitt il Giovane, 1783-1801 e ancora
1804-1806, che profuse una notevole attività riformatrice: in politica interna – accogliendo in gran
parte le richieste dell'Irlanda, combattendo corruzione e sprechi e introducendo un’imposta più equa
e proporzionale ai redditi – e in politica estera conducendo una campagna tenace contro la Francia
Rivoluzionaria. Il timore di un contagio delle idee francesi lo spinsero, inoltre, ad adottare un
atteggiamento rigido nei confronti delle agitazioni operaie e dei movimenti di opposizione, che
agitavano la vita politica inglese tra la fine del ‘700 e l’inizio del 1800.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Document shared on www.docsity.com
Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Assolutismo illuminato e riforme

La Prussia di Federico II

Fin dagli ultimi decenni del 1700 con “despoti illuminati” s’intende quei sovrani europei che
dichiaravano di volersi servire del potere per il bene dei loro sudditi e che si professavano amici e
discepoli dei philosophes. Con “assolutismo illuminato” intendiamo invece la stagione del
riformismo che coinvolse buona parte dei governanti dell’Europa del Settecento. I philosophes, o
almeno alcuni di loro, furono i primi a riconoscere che la concentrazione del potere nelle mani del
monarca si giustificava come l'unica arma capace di superare gli ostacoli che si frapponevano alle
riforme, di combattere particolarismi e privilegi di comunità, ordini e ceti.

Uno dei maggiori despoti illuminati fu il re di Prussia Federico II il Grande, 1740-1786, il quale
oltre ad ispirarsi direttamente al Contratto sociale ed essere personalmente amico di Voltaire, si
dichiarava come “il primo servitore dello Stato, obbligato a operare con onestà, saggezza e totale
abnegazione […]”. Tali convinzioni non gli impedirono, comunque, di proseguire la politica
paterna di rafforzamento militare e burocratico, di mantenere la servitù della gleba – anche se le
condizioni dei contadini migliorarono notevolmente – e di ricorrere ai nobili per le cariche militari
e civili.

Dopo la guerra di Successione austriaca e quella dei Sette anni – in cui nonostante qualche sconfitta
la Prussia era riuscita a mantenere la Slesia, territorio strategico ricco di minerali – il genio militare,
rivelato, di Federico non fu più impegnato in operazioni di vasta scala ma continuò a incrementare
l'esercito e ottenere nuovi ingrandimenti territoriali: grazie all'annessione della Prussia occidentale,
in occasione della prima spartizione della Polonia, si assicurò la saldatura tra le due parti principali
dei suoi possedimenti. Alla sua morte i domini di Federico erano raddoppiati rispetto a quelli che
aveva ereditato così come la popolazione era quasi triplicata.

L'incremento demografico che si era verificato era sia frutto delle annessioni sia di un'intelligente
politica di popolamento delle terre orientali, dove furono insediati molti tedeschi, che ne mutarono
definitivamente il carattere etnico. L'immigrazione fu favorita dalla grande tolleranza religiosa,
sotto il quale profilo la Prussia divenne il Paese più avanzato d’Europa.

In campo amministrativo Federico II realizzò un'efficace politica di preparazione dei funzionari


burocratici, per l’ingresso nei quali divenne obbligatorio un titolo di studio e un esame. La
burocrazia prussiana acquisto la fame di essere la più efficiente e onesta in tutta Europa. Anche in
campo giudiziario vennero attuate riforme di grande rilievo come la l'abolizione della tortura, la
limitazione della pena di morte e vennero gettate le basi per un Codice civile. Infine, oltre a molta
libertà di stampa l’istruzione elementare venne resa obbligatoria per tutti.

La monarchia austriaca sotto Maria Teresa e Giuseppe II (302-306)

Nonostante la grave crisi monarchica subita dagli Asburgo dopo le guerre di Successione austriaca
e polacca, la figlia di Carlo VI, Maria Teresa, 1740-1780, si convinse che per mantenere l’Austria
come una grande potenza europea erano necessari un potenziamento dell’apparato militare e delle
trasformazioni incisive nelle strutture amministrative e finanziarie dell’Impero.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Maria Teresa non era certo una sovrana “illuminata” come Federico II, ma sapeva coniugare buon
senso e determinazione, aveva un’istintiva capacità di sollecitare gli uomini giusti e una
sollecitudine quasi materna per il bene dei suoi popoli.

Nel 1748 impose ai “ceti” di ciascun Land, cioè alle rappresentanze dell’alta e piccola nobiltà, di
votare le imposte non più ogni anno ma ogni dieci, lasciando a organi regi di nuova creazione il
compito di effettuare il riparto e l’esazione dei tributi.

Nel 1749 le due cancellerie, boema e austriaca, vennero sostituite da un unico Direttorio – ispirato
all’esempio prussiano – che assommava funzioni amministrative e finanziarie. La nobiltà, costretta
anche a pagare l’imposta fondiaria da cui era prima esente, fu compensata con la preferenza
accordatale nel conferimento delle cariche civili e militari, per la cui educazione vennero fondati un
collegio e un Accademia militare.

I risultati finanziari delle riforme furono ben presto evidenti – in 15 anni il gettito delle imposte
dirette aumentò del 60% - ma soprattutto si affermò una nuova concezione unitaria dello Stato, sia
pure limitata al complesso territoriale austro-boemo dato che l’Ungheria e i possedimenti italiani e
belgi non furono compresi nella ristrutturazione.

Se nella prima parte del regno teresiano furono determinanti le esigenze di accentramento
amministrativo e finanziario, nella seconda metà venne in primo piano il motivo della “pubblica
felicità”, del benessere dei sudditi al quale doveva essere finalizzata l’organizzazione dello Stato.

Nel 1765, alla morte improvvisa di Francesco Stefano, marito di Maria Teresa e imperatore del
Sacro Romano Impero come Francesco I, il figlio primogenito Giuseppe II salì al trono imperiale
come “coreggente” degli Stati ereditari asburgici. Da allora alla testa degli affari vi fu un trio
composto dalla sovrana, Kaunitz cancelliere di corte e Stato cioè ministro degli Esteri e Giuseppe
II. Quest’ultimo, dedicò tutte le sue energie, austere e infaticabili, a un solo scopo: rafforzare
l’autorità e la compattezza dello Stato, del quale, al pari di Federico II il Grande, si considerava
primo servitore.

Tra il 1780 e 1790 quando Giuseppe II resse da solo le sorti della monarchia a mutare non furono
tanto gli indirizzi politici di fondo, quanto piuttosto lo stile di governo, ora più dispotico e
intransigente, e il ritmo degli interventi, che si fece incalzante. La sua politica religiosa, nota come
“giuseppinismo” aveva un orientamento in cui confluivano sia le istanze di riforma interne alla
Chiesa cattolica sia la volontà di affermare l’autorità dello Stato sul clero nazionale. Quest’ultimo
fu, inoltre, chiamato a contribuire ai bisogni dello Stato quanto al progresso morale e civile della
società.

Nel 1781 Giuseppe emanò la patente di tolleranza che rendeva legittimo il culto per le confessioni
protestanti e greco-ortodossa, furono inoltre eliminate quasi tutte le discriminazioni di cui
soffrivano gli ebrei. Vennero irrigidite le condizioni per pronunciare i voti monastici e molti
conventi furono soppressi, i loro beni incamerati dallo Stato e destinati a finanziarie scuole e attività
assistenziali. Anche le pratiche di culto vennero disciplinate, seguendo i canoni della “regolata
devozione” di Ludovico Muratori. I provvedimenti più importanti tuttavia riguardarono l’istruzione,
per cui venne istituito l’obbligo scolastico, e una legge obbligò l’apertura di una scuola elementare
per ogni parrocchia e la riorganizzazione degli studi superiori. Da un punto di vista economico si
tentò di unificare il mercato interno, sopprimendo i vari dazi e pedaggi, sostenendo le manifatture
nascenti e smantellando le corporazioni di arti e mestieri. Si eliminò i residui di servitù della gleba

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
e si intervenne direttamente nei rapporti fra signori feudali e contadini, anche se non tutti gli
obbiettivi postisi furono raggiungibili a causa della violenta opposizione della nobiltà e della
prematura morte dell’imperatore. Anche la giustizia, grazie alla promulgazione del Codice penale
giuseppino, che accoglieva i principi della legalità della pena e della parità di tutti i sudditi di
fronte alla legge, ebbe notevoli sviluppi pur mantenendo in vigore pene detentive di impressionante
durezza.

Dell’intensa attività riformatrice svolta in campo civile nella seconda parte del regno di Maria
Teresa e nel decennio giuseppino, i provvedimenti più importanti riguardarono dunque l’istruzione,
l’economia e la giustizia.

Molte di queste riforme suscitarono malcontento e resistenze, soprattutto in Belgio e Ungheria, che
in precedenza erano stati risparmiati dalle iniziative accentratrici e livellatrici di Maria Teresa. Si
aggiunga a tutto ciò l’enorme costo finanziario e umano della guerra a fianco delle Russia contro la
Turchia.

I Paesi Bassi belgi insorsero nel 1787 e due anni dopo, cacciando i rappresentanti austriaci e
proclamando l’indipendenza. Anche l’Ungheria era sull’orlo della rivolta quando Giuseppe morì nel
1790.

Gli succedette il fratello Pietro Leopoldo come Leopoldo II, granduca di Toscana, che fu costretto
dalla gravità della situazione a fare concessioni ai ceti privilegiati e morì prima di poter riprendere
il cammino delle riforme. Con il regno di Francesco II, figlio di Leopoldo, si chiuderà per sempre il
periodo dell’assolutismo illuminato in Austria, lasciando il posto a un clima di immobilismo e
controllo poliziesco sulla popolazione, “prigione dei popoli”.

Il bilancio di mezzo secolo di attività riformatrice era tuttavia largamente positivo per la monarchia
asburgica, le cui riforme avevano rinnovato le strutture portanti dell’esercito e della burocrazia,
avviato verso una buona amministrazione e attenzione per le classi subalterne, reso possibile un
considerevole sviluppo della popolazione, delle manifatture e dei traffici. Tale sviluppo interessò
soprattutto Vienna divenuta grande capitale e sede di una raffinata civiltà intellettuale.

La Russia di Caterina II (306-308)

Fu Elisabetta, 1741-1762, figlia di Pietro il Grande, a raccogliere l’eredità paterna con l’intento di
perseguire i medesimi indirizzi di modernizzazione culturale, di rafforzamento militare e di una più
incisiva presenza nella politica europea. Il successore Pietro III venne deposto nel 1762 in seguito a
un colpo di Stato organizzato dalla giovane moglie Caterina, colta e brillante principessa tedesca
che si fece subito proclamare zarina.

Il lungo regno di Caterina II, amica e corrispondente dei philosophes, fu una tappa fondamentale
nella storia russa tanto per l’evoluzione interna del Paese, in cui regnò una libertà di espressione e
critica raramente conosciuta in seguito, quanto per l’espansione verso l’esterno.

Il primo bersaglio della politica riformatrice di Caterina fu la Chiesa ortodossa, bastione del
tradizionalismo. Nel 1764 fu decretata la confisca di tutte le proprietà ecclesiastiche, le cui rendite
servirono a risanare le finanze e promuovere l’istruzione. Circa un milione di contadini servi
passarono, per effetto di questa riforma, nel demanio regio e poterono così beneficiare di un
miglioramento delle loro condizioni di vita.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
L’iniziativa più clamorosa realizzata della zarina fu senz’altro la convocazione di una commissione
legislativa composta da rappresentanti dei nobili, dei cittadini, dei contadini liberi e anche delle
nazionalità non russe, con il compito di elaborare un nuovo codice di leggi. Questi generosi progetti
di “pubblica felicità”, tolleranza, libertà, umanizzazione delle pene …. tuttavia erano destinati a
rimanere in gran parte sulla carta. All’interno della commissione insorsero aspre dispute che ne
costrinsero lo scioglimento.

Gli inasprimenti fiscali provocati dalla guerra contro l’Impero ottomano, la penuria di viveri dovuta
a un cattivo raccolto e una pestilenza che imperversò a Mosca e nel sud del Paese, nel 1771,
acuirono il malcontento nelle campagne. Dopo l’insurrezione il timore dell’anarchia indusse la
zarina e i suoi consiglieri ad abbandonare qualsiasi velleità di intervento a favore delle masse rurali
e anzi le condizioni dei contadini servi furono rese più dure. Venne comunque realizzata una
meritoria riforma delle amministrazioni locali e dell’istruzione pubblica.

In politica estera Caterina II ottenne considerevoli successi. Nel 1768 iniziò una guerra contro
l’Impero ottomano che si concluse con il trattato del 1774 che consentì alla Russia di ottenere
condizioni vantaggio quali l’accesso al Mar nero e il libero passaggio per il canale del Bosforo. Nel
frattempo la prima spartizione della Polonia aveva fruttato l’annessione della Bielorussia, mentre
con le successive spartizioni la Russia acquisì tutta la metà orientale del territorio rimasto alla
Polonia. Infine venne proclamata l’annessione della Crimea nel 1783, divenuta definitiva dopo una
seconda guerra russo-turca (1787-1792), nella quale la zarina ebbe come alleata l’Austria. Anche
grazie alle annessioni la Russia divenne il Paese più popoloso d’Europa – da 23 a 37.5, milioni di
abitanti – superando la Francia.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Le spartizioni della Polonia e le riforme in Scandinavia

La grande guerra del Nord, 1700-1721, aveva sconvolto le sorti della Polonia, determinando un
ulteriore regresso economico e demografico e segnando il rafforzamento delle grandi famiglie
magnatizie, che avevano largo seguito dalla minore nobiltà e si appoggiavano alle potenze straniere.

Alla morte di Augusto III di Sassonia, re di Polonia, la Russia appoggiò inizialmente l’elezione di
Stanislao Poniatowski, aderente al movimento dei lumi. Egli lanciò un programma di riforme che
prevedeva anche la soppressione del liberum veto, iniziativa che provocò l’intervento armata di
Caterina II. Ai russi si contrappose uno schieramento di nobili polacchi ostili sia all’influenza russa
che alle riforme.

Nel 1722, al termine di un confuso periodo di lotte, le grandi potenze confinanti con la Polonia si
accordarono per smembrarne il territorio a proprio vantaggio: alla Russia la Bielorussia, la
monarchia austriaca si impadronì della Galizia e della Lodomiria e Federico il Grande ottenne con
la Prussia occidentale la saldatura tra i suoi principali domini.

Tuttavia nel 1791 Stanislao, non avendo abbandonato la sua politica di riforme che mirava a
stimolare la coscienza nazionale polacca, tentò di approvare una Costituzione che trasformava la
monarchia della Polonia da elettiva ad ereditaria e sopprimeva il liberum veto. I soldati di Caterina
II allora invasero di nuovo il Paese, provocandone una seconda spartizione, questa volta a
vantaggio esclusivo di Russia e Prussia. Ciò che restava della Polonia scomparve nella terza
spartizione del 1795.

La brutale cancellazione di un grande Stato dalla carta politica dell’Europa a opera delle tre
monarchie che con più insistenza si erano richiamate al primato della ragione e alla filosofia dei
Lumi è il più chiaro indice dei limiti entro i quali va inquadrata l’esperienza dell’assolutismo
illuminato, dalla contraddizione tra ideali umanitari e una politica estera ispirata a calcoli di pura
potenza.

Nel frattempo la Svezia, dopo Carlo XII, visse la sua “era della libertà”. L’erede di Carlo, il tedesco
Federico I d’Assia-Kassel, 1720-1751, dovette, infatti, impegnarsi a rispettare una Costituzione che
attribuiva alla Dieta, composta dai quattro “ceti” dei nobili, clero, borghesi e contadini molti dei
poteri in precedenza esercitati dal sovrano e dal suo consiglio.

Le guerre contro Russia e Prussia nel tentativo di riconquistare l’impero baltico, non portarono
alcun vantaggio territoriale, ma allo stesso tempo non compromisero il notevole progresso
economico e sociale del Paese, che riguardò anche le masse contadine e alla fine del secolo – caso
unico in Europa – l’analfabetismo in Svezia si poteva dire già quasi scomparso. Nel 1772 re
Gustavo III, 1771-1792, restaurò l’assolutismo monarchico attraverso un colpo di Stato che portò
all’abrogazione della Costituzione e a una serie di riforme amministrative-giudiziarie e livellatrici,
ispirate agli ideali dell’Illuminismo.

In Danimarca l’assolutismo si era affermato quale legge fondamentale dello Stato fin dal 1665,
tuttavia la nobiltà aveva ricevuto in compenso il libero sfruttamento dei contadini, soggetti in
misura maggiore della Svezia alla servitù della gleba. A partire dalla metà del 1700 e soprattutto
sotto Cristiano VII, 1766-1808, si manifestarono tendenze riformatrici che portarono all’abolizione
del servaggio e alla trasformazione dei coloni in liberi proprietari grazie a un programma
governativo che permetteva il riscatto dei poderi da loro coltivati. L’agricoltura e l’allevamento

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
ebbero dunque grande impulso, settori nei quali la Danimarca si avviava ad assumere una posizione
d’avanguardia in Europa.

La crisi del papato e i regni iberici (310-311)

Come nella monarchia austriaca anche negli altri Paesi cattolici il rafforzamento dei poteri statali e
l’attuazione di una politica riformatrice comportavano uno scontro con la Chiesa di Roma e la
volontà di affermare l’autorità dello Stato sul clero nazionale, “giurisdizionalismo”.

A differenza delle confessioni protestanti il cattolicesimo si presentava come una struttura


sovranazionale sottoposta all’autorità del pontefice e della sua curia, a cui dovevano obbedire non
solo i “sudditi esterni” ma anche i laici, compresi sovrani, per tutto quanto rientrava nella sfera
spirituale, allargata fino a comprendere materie come la legislazione matrimoniale, la stampa e la
pubblica assistenza. La giustizia civile ad esempio trovava un grave limite nell’immunità personale
del clero e nel diritto di asilo. I beni ecclesiastici costituivano spesso dal 10 al 30 % del territorio
agricolo ed erano in linea di principio esenti dalla tassazione. Inoltre questi beni, chiamati
manomorta, non potevano essere rivenduti senza permesso papale ed erano così sottoposti alla
compravendita.

In tale contesto il clero regolare divenne il principale bersaglio degli attacchi sempre più violenti
degli scrittori illuministi: sia perché soggetto direttamente a Roma sia perché accusato di condurre
una vita oziosa e parassitaria.

Tuttavia anche la Chiesa cattolica e le stesse gerarchie furono percorse da correnti rinnovatrici
come il giansenismo, oppure idee che contestavano l’autorità assoluta del pontefice e rivendicavano
la dignità e l’autonomia dei vescovi e dei parroci. Nel 1763 il vescovo di Treviri pubblicò delle tesi
che riconoscevano al pontefice romano solo un primato onorifico.

I pontefici Clemente XII,1730-1740, e Benedetto XIV,1740-1758, si mostrarono disponibili a un


compromesso con le nuove correnti politiche e culturali, all’insegna di un cristianesimo ragionevole
purgato dalle superstizioni e sollecito del bene pubblico. Ma con il rigido pontificato di Clemente
XIII, 1758-1769, i rapporti tra Roma e le potenze cattoliche peggiorarono nuovamente, anche a
causa dello scarso contributo finanziario del clero alla guerra dei Sette anni contro gli Stati
protestanti.

Negli stessi anni la campagna di Voltaire e degli altri philosophes contro la Chiesa cattolica
converse con quella dei giansenisti e dei sovrani riformatori: il bersaglio divenne l’ordine gesuita,
che venne espulso tra gli anni 60 e 70 da Portogallo, Francia, Spagna, Regno di Napoli e Ducato di
Parma. La pressione congiunta dei Borbone indusse alla fine papa Clemente XIV a decretare lo
scioglimento della Compagnia del Gesù nel 1773.

All’attacco contro i gesuiti si accompagnarono in quasi tutti Paesi cattolici una serie di misure
dirette a ridimensionare la potenza economica e le posizioni di privilegio della Chiesa: imposizione
dell’autorizzazione regia sulle nomine e le disposizioni provenienti da Roma, abrogazione o
limitazione del foro ecclesiastico, dell’Inquisizione, del diritto di asilo, dell’immunità fiscale del
clero, divieti di ulteriori acuisti da parte delle manimorte e soppressione dei conventi e monasteri
ritenuti superflui con l’incameramento dei loro beni.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Il Portogallo, caratterizzato all’arretratezza economica e dall’immobilismo in campo culturale, sotto
il regno di Giuseppe I, 1750-1777 e del marchese di Pombal, mutò radicalmente la situazione.

In Spagna, invece, l’avvento della dinastia Borbone con Filippo V aveva segnato una netta svolta in
senso assolutistico. I tentativi di riforma già avviati da Ferdinando VI, 1746-1759, si fecero più
organici sotto Carlo III, 1759-1788, che aveva fatto il suo apprendistato come re di Napoli e si era
circondato di ministri illuministi. Le riforme furono moltissime e nel corso del secolo, la
popolazione spagnola passò da 8 milioni a 11.5, e si manifestarono notevoli segni di risveglio
economico, specialmente alla periferia del Regno come in Catalogna e nelle Asturie. Alla fine del
1700 anche l’agricoltura riebbe un notevole slancio.

Uno sviluppo anche più rapido conobbero le colonie ispano-americane, dove peraltro gli sforzi
della madrepatria per riordinare l’amministrazione e combattere la corruzione si scontrarono con la
volontà d’autonomia dei creoli, la classe dirigente locale di origine spagnola. Da questo conflitto
nasceranno i moti indipendentistici dei primi decenni del 1800.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
L’Italia del Settecento

Mutamenti politici e culturali nella prima metà del secolo. Le riforme in Piemonte (316-318)

Il quadro politico italiano, che era rimasto pressoché invariato per oltre un secolo e mezzo, fu
profondamente trasformato dalle guerre di Successione. Gli unici Stati che non subirono
contraccolpi di rilievo furono le Repubbliche oligarchiche di Venezia, Genova e Lucca e lo Stato
pontificio.

Fin dal 1706 i domini spagnoli – Milano, Napoli, e le isole – erano passati agli Asburgo di Vienna,
che con la pace di Rastatt, 1714, dovette però cedere la Sicilia, col titolo regio, ai Savoia, con cui
però successivamente scambiò la Sardegna, più povera e meno popolosa.

• La guerra di Successione polacca portò alla temporanea occupazione di Milano da parte di


Carlo Emanuele III di Savoia che alla fine dovette accontentarsi delle province di Novara e
Tortona. La monarchia austriaca perse, inoltre, il Regno di Napoli e la Sicilia, conquistati
nel 1734 da Carlo Borbone, figlio di Filippo V di Spagna. In compenso Carlo VI d'Asburgo
ebbe Parma e Piacenza – causa estinzione Farnese – e Francesco Stefano di Lorena ottenne
il Granducato di Toscana – causa estinzione medici.
• La guerra di Successione austriaca spostò ulteriormente a est il confine tra Stato sabaudo e
Lombardia austriaca. Parma e Piacenza tornarono a formare un ducato indipendente sotto
Filippo Borbone, fratello minore del re di Napoli.
Insieme al declino della potenza spagnola si registrò in Italia l'indebolimento dell'influenza della
Chiesa, Ludovico Antonio Muratori. L’anticurialismo divenne il terreno privilegiato di incontro tra
la monarchia austriaca e il ceto intellettuale del Mezzogiorno, di gran lunga il più moderno e
avanzato della penisola, Gianbattista Vico e Paolo Mattia Doria. Più in generale però i decenni tra
Sei e Settecento segnarono una ripresa e un rafforzamento degli scambi culturali tra Italia ed
Europa e una presa di coscienza dell'arretratezza nei confronti di altre nazioni Europee, come
Francia, Inghilterra e Olanda.

L’espansione territoriale e il rafforzamento politico-militare del Piemonte furono accompagnati da


una serie di riforme promosse da Vittorio Amedeo II, 1682-1730: realizzazione di un nuovo catasto
e censimento della proprietà fondiaria, riduzione delle immunità dei beni feudali ed ecclesiastici,
restrizione dei privilegi della Chiesa anche in campo giurisdizionale, riorganizzazione Università di
Torino al fine di assicurare una burocrazia efficiente di origine in prevalenza borghese, sistema
statale di scuole secondarie per la prima volta in Italia…

All'accentramento del potere nelle mani del monarca, che si espresse soprattutto nella riduzione
delle autonomie locali e nell'estensione a tutte le province degli “intendenti”, fecero riscontro il
riordinamento degli organi centrali di governo e l'unificazione legislativa attuata con le Costituzioni
del 1723-1729. Sotto il successore Carlo Emanuele III, 1730-1773, proseguì il rafforzamento delle
tendenze assolutistiche che portò all’abolizione della feudalità e in Sardegna alla riduzione del
potere baronale.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
I Regni di Napoli e di Sicilia sotto i Borbone (318-320)

Nel regno di Napoli il riacquisto dell'indipendenza sotto un “re proprio”, grazie all'insediamento di
Carlo Borbone nel 1734, favorì una spinta rinnovatrice che in pochi anni portò alla limitazione delle
giurisdizioni baronali, alla ripresa della politica giurisdizionalistica, alla riforma degli studi
nell'Università di Napoli, all'avvio di una catastazione delle terre e dei beni, anche se questi si
trascinarono a lungo senza portare effettivi miglioramenti nei metodi di riparto e di esazione dei
tributi.

Molto vivace e ricca rimase la vita intellettuale che ora poneva particolare attenzione alla realtà
delle province, alla necessità dei ceti produttivi e commerciali, alle condizioni di vita dei contadini.
Era sempre più chiara la percezione che nella feudalità stava il nodo cruciale che bisognava
sciogliere per aprire nuove prospettive di sviluppo alla società meridionale.

Quando Carlo di Borbone divenne re di Spagna come Carlo III, il toscano Bernardo Tanucci
divenne la figura più autorevole del “Consiglio di reggenza”, data la minore età di Ferdinando IV.
Anch'egli, intransigente difensore dei diritti dello Stato nei confronti della Chiesa apportò alcune
riforme, sebbene limitate sul piano economico-sociale. Il giovane Ferdinando IV, 1759-1806 (+ re
delle Due Sicilie come Ferdinando I, 1816-1825) sposò Maria Carolina, figlia di Maria Teresa
d'Austria, la quale diede un orientamento filoaustriaco al governo, riprendendo in un primo tempo
l'azione riformatrice, che si avvalse della collaborazione di intellettuali.

Anche in Sicilia il viceregno di Domenico Caracciolo, 1781-1785, fu contrassegnato da importanti


iniziative.

Tuttavia né in Sicilia né nel Mezzogiorno continentale le riforme giunsero a mettere in discussione


il permanere delle strutture feudali nelle campagne e a liberare lo Stato dal groviglio di interessi
privati – di appaltatori, finanzieri, detentori di uffici e di entrate fiscali alienate – che ne limitava e
condizionava l'autorità

Illuminismo e riforme nella Lombardia austriaca (320-322)

Dopo la pace di Aquisgrana del 1748, la monarchia austriaca rimaneva in possesso dello Stato di
Milano, sia pur amputato in favore del Piemonte. Sotto l’influenza asburgica rientrava però anche il
Granducato di Toscana e anche i Ducati di Modena e Reggio, in seguito a un accordo stipulato nel
1753 con Francesco III d’Este, la quale nipote avrebbe sposato un arciduca della dinastia imperiale.

Una prima ondata di riforme investì lo Stato di Milano tra gli anni 40 e 50: fu riordinata
l’amministrazione delle finanze e abolita la vendita delle cariche, conferite d’ora in poi solo in base
al merito. Al risanamento finanziario contribuirono la concentrazione degli appalti dei dazi in
un’unica “Ferma generale” e l’istituzione di un banco per la gestione del debito pubblico e dei
rimborsi ai creditori.

Il risultato più importante fu sicuramente il catasto – già iniziato con Carlo V, 1718 – a opera di una
Giunta regia presieduta dal giurista Pompeo Neri. Un decennio di duro lavoro e aspri conflitti col
patriziato milanese, portò alla redistribuzione dell’imposta fondiaria, resa rigorosamente

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
proporzionale al valore d’estimo attribuito alle terre e ai fabbricanti, e la riduzione dell’imposta
personale dovuta dai contadini a una somma moderata e fissa. La riforma ebbe anche importanti
risvolti amministrativi: al governo delle comunità furono preposti dei rappresentati dei possessori di
fondi sotto il controllo di funzionari regi che dipendevano da un dicastero centrale.

Un contributo notevole alla diffusione dei Lumi venne negli anni seguenti dalla cosiddetta
Accademia dei Pugni, un gruppo di giovani nobili, in polemica col sapere e il costume dei padri,
che a partire dal 1761 si raccolse in torno a Pietro Verri. Nel clima di calda amicizia e entusiasmo
per le nuove idee nacque l’esperienza giornalistica del “Caffè” e apparve, nel 1764, Dei delitti e
delle pene. È innegabile però che l’impulso al cambiamento venne soprattutto da Vienna, da dove
vennero inviati diversi intellettuali dalle idee avanzate, Carlo Firmian.

La ristrutturazione delle magistrature avviata nei decenni centrali del secolo culminò nel 1771 e
permise anche di porre fine al sistema degli appalti. Ciò consentì di portare anche nel settore delle
imposte indirette quell’ordine e quell’equità che il sistema censuario aveva realizzato
nell’imposizione diretta: vennero tolti o semplificati dazi ceduti sotto il governo spagnolo a privati
in cambio di anticipazione di denaro, venne unificato il mercato interno, fu smantellato il regime
“annonario”, cioè il sistema di proibizioni e di vincoli che riguardavano la circolazione e la vendita
dei cereali e del pane, furono sciolte le corporazioni…

Sotto Giuseppe II il Senato venne soppresso e il sistema giudiziario riorganizzato, si insediarono gli
intendenti politici e ci fu un maggiore controllo sulla vita religiosa, con rimozione di benefici e
seminari. Le scuole superiore di Milano e l’Università di Pavia furono restaurate mentre più tardiva
fu la diffusione di “scuole normali”, elementari. L’economia della regione trasse vantaggio, oltre
che dalle riforme finanziarie anche dal miglioramento delle vie di comunicazione e dall’accesso
privilegiato al mercato austriaco.

La Toscana dalla Reggenza a Pietro Leopoldo (322-323)

Il nuovo granduca di Toscana Francesco Stefano, 1737-1765, marito di Maria Teresa e dal 1745
imperatore del Sacro Romano Impero, risiedeva a Vienna e si faceva rappresentare a Firenze da un
Consiglio di reggenza, composto in parte da funzionari lorenesi.

Al sovrano premeva soprattutto assicurarsi un consistente flusso di entrate perciò gli interventi di
maggiore rilievo riguardarono il settore finanziario. Una linea di fermezza venne seguita nei
rapporti con la Chiesa, contro cui rivendicò il diritto di censura e promulgò una legge sulle
manimorte.

Gli ultimi anni della Reggenza furono caratterizzati da una forte carestia, come in quasi tutta l’Italia
centro-meridionale. Pompeo Neri, richiamato a Firenze, fece intuire che il vero rimedio contro la
scarsità dei raccolti stava nel favorire la libera circolazione delle derrate, in modo da incentivare la
produzione e il commercio dei grani. Questo orientamento liberista – condiviso da gran parte della
classe possidente toscana, che a partire dal 1753 aveva nell’Accademia dei Georgofili un proprio
autorevole organo d’opinione – si affermò pienamente sotto il governo di Pietro Leopoldo,
1765-1790, terzogenito di F. Stefano.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Giunto a Firenze appena 18enne, il nuovo Granduca, approvò una legge che dichiarò libera la
compravendita dei cereali all'interno dello Stato e successivamente anche l'esportazione. La
Toscana divenne così il primo Paese europeo ad adottare integralmente questa parte del programma
fisiocratico. E in questo stesso indirizzo vennero anche soppresse le corporazioni di arti e mestieri
ed eliminate tutte le dogane interne.

Con Leopoldo, tentando un miglioramento delle condizioni di vita delle classi subalterne, furono
poi bonificate la Valdichiana e la Maremma senese, le cui terre furono divise in piccoli lotti,
appartenenti alla corona, da assegnare in godimento a coltivatori diretti, i quali potevano
trasmetterli in eredità o anche venderli, in cambio del pagamento di canone annuo, moderato e
fisso. L'operazione però non diede i risultati sperati, giacché la maggior parte dei poderi finì per
essere acquistata da grossi proprietari, che vi estesero perlopiù la conduzione a mezzadria

Tuttavia il documento più celebre della tendenza riformatrice leopoldina è il Codice penale del
1786, che, oltre ad umanizzare e razionalizzare le procedure, eliminava del tutto la tortura e
cancellava, per la prima volta in Europa, la pena di morte.

Il progetto di una Carta costituzionale, che limitava i poteri del sovrano mediante l’istituzione di
un’assemblea rappresentativa, venne invece messo da parte nel 1790 quado Pietro Leopoldo dovette
lasciare Firenze per succedere al fratello Giuseppe II nella direzione della monarchia austriaca e
nella dignità imperiale.

Anche per quanto riguarda i rapporti tra Stato e Chiesa i propositi più radicali non poterono essere
realizzati – a causa della riluttanza stessa di molti vescovi toscani e di disordini popolari – ma se
questi fossero stati attuati, secondo i precetti del vescovo giansenista Scipione de' Ricci, avrebbero
portato sicuramente a uno scisma. Il programma prevedeva la superiorità del Concilio rispetto al
pontefice, l’uso della lingua volgare nelle funzioni religiose, l’indipendenza dei vescovi da Roma…

Nonostante questi insuccessi, nel suo complesso la legislazione leopoldina rappresenta uno dei più
coerenti e organici programmi di riforma posti in atto nell'Europa settecentesca e si differenzia da
quella giuseppina per l'enfasi posta sulle libertà e i diritti dei sudditi piuttosto che sull'autorità e la
forza dello Stato.

La società italiana alla fine del Settecento (326-326)

Solo marginalmente furono toccati dal movimento delle riforme lo Stato pontificio e le Repubbliche
oligarchiche. L’immobilismo della vita pubblica non significò però mancanza o povertà di stimoli
intellettuali. Roma rimaneva una grande capitale, piena di visitatori, in cui con Pio VI, 1775-1799,
si affermarono nuovi indirizzi di politica economica. Venezia fu per tutto il secolo il maggiore
centro editoriale italiano e la sede di una raffinata vita letteraria e artistica, Carlo Goldoni.

L’azione riformatrice dei governi e l'ampia diffusione delle nuove correnti di pensiero e dei nuovi
modelli di gusto e comportamento modificarono sensibilmente la cultura e lo stile di vita dei ceti
medio-alti della società italiana.

Il generale moto di laicizzazione della seconda metà del secolo si tradusse da un lato in una
contrazione numerica del clero e in particolare del clero regolare, il più bersagliato dalle riforme,
dall'altro nel diminuito ossequio per l'autorità della Chiesa e per le prescrizioni della morale

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
cattolica. Alla tradizione e al principio di autorità tesero a sostituirsi, come criteri di giudizio, la
ragione, l’esperienza, l’utilità sociale. Di qui il grande prestigio delle scienze pure e applicate e la
critica all’irrazionalità e superstizioni.

La nobiltà si pose il problema di giustificare i propri privilegi con una vita operosa, al pubblico
servizio o negli studi, e si mescolò con il “ceto civile” nei ritrovi e nella vita culturale. Andò in
declino l'uso di destinare al chiostro le figlie nubili e di sacrificare i cadetti al primogenito nella
trasmissione dell'eredità. Il culto per lo splendore del casato perse terreno di fronte alla ricerca della
felicità e del benessere individuale. Se la nobiltà in un certo senso si “imborghesii” il “ceto medio”
composto da avvocati, medici, sacerdoti, pubblici funzionari… venne acquistando una maggiore
coscienza di sé e contribuì all'affermazione dei nuovi valori dell'operosità, della competenza e del
merito individuale.

Il tessuto gerarchico e corporativo della società italiana tese ad allentarsi ancor prima di subire i
decisivi contraccolpi della Rivoluzione francese. Da questa evoluzione della cultura e del costume
rimasero quasi del tutto escluse però le masse popolari, urbane e soprattutto rurali, analfabete e
ancora immerse in un universo magico-religioso tenacemente legate alla fede degli avi e ai suoi riti
propiziatori e consolatori. I modelli postigli dai sovrani riformatori o dai prelati giansenisti spesso
suscitarono sommosse o irritazione.

Anche in Italia si registrò un cospicuo aumento della popolazione, più forte al sud e nelle
campagne. Il nesso causale va dunque rovesciato e non può essere considerato l’effetto di un
progresso economico generalizzato, fu probabilmente l’accresciuta domanda di cereali a provocare
l’espansione delle superfici coltivabili e l’intensificazione del lavoro contadino in aree già
densamente popolate.

Tipica di questi “Progressi della miseria” è la grande diffusione del mais, cereale dagli alti
rendimenti ma dal potere nutritivo inferiore al frumento o alla segale, alternato a questi ultimi con
effetti spossanti per la terra. Non mancarono in Italia comunque isole di specializzazione e di
elevata produttività, come la pianura lombarda, né sono da trascurare i prodotti di piante non
alimentari, gelso lino o canapa. Tuttavia il quadro generale è contrassegnato da un'arretratezza
tecnica e dall'accresciuto sfruttamento del lavoro contadino. Dal precario equilibrio tra popolazione
e risorse sono testimonianza le gravi carestie, 1763-1765 e dei primi anni 70.

La forte ascesa dei prezzi che in Italia come altrove si verificò a partire dalla metà del secolo andò
tutta a beneficio dei proprietari terrieri e di quei pochi fittavoli o “massari” che avevano eccedenze
da vendere. I contadini poveri ne furono colpiti sia perché i salari restavano fermi, mentre i prezzi
salivano, sia perché il desiderio di sfruttare la congiuntura economica favorevole spinse i padroni a
inasprire i patti agrari e ad esigere una quota maggiore del prodotto commerciabile.

Se si aggiungono a questi, altri fattori negativi – attacco contro demani comunali e contro gli usi
collettivi sulle terre incolte, spesso favoriti dai governi nell’intento di promuovere la produttività
dell’agricoltura e usura – si avrà un quadro competo della situazione disperata delle popolazioni
rurali alla fine del Settecento.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Document shared on www.docsity.com
Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Nascita di una nazione: gli Stati Uniti d'America

Gli inizi della colonizzazione inglese e francese nel Nord America (329-332)

Le colonie inglesi del Nord America, nate in circostanze e periodi diversi nel corso del 1600-1700
non rappresentavano una realtà uniforme, sia per le condizioni geografiche ed ambientali, sa per
caratteristiche sociali ed economiche.

• Le colonie del Nord, dette New England, furono caratterizzate da un'iniziale immigrazione
di minoranze religiose puritane. La loro economia era fortemente legata ai circuiti
commerciali atlantici e si basava su una produzione agricola non solo di autoconsumo e su
attività di tipo artigianale, navale e mercantile. Sebbene l'ampia diffusione della piccola e
media proprietà avesse impedito la formazione di vere e proprie aristocrazie sul modello del
Vecchio Mondo, nel XVIII secolo in queste colonie si assistette ala formazione di élites
sociali e politiche. Tuttavia la società nel complesso era caratterizzata da un'elevata mobilità
interna e da una certa coesione culturale.

• Le colonie centrali di più recente formazione erano invece maggiormente urbanizzate e


diversificate sotto il profilo linguistico e culturale. Esse economicamente simili a quelle del
Nord mostravano maggior sviluppo delle attività finanziarie e commerciali.

• Le colonie meridionali – Maryland, Virginia, Delaware, le Caroline e la Georgia –


rappresentavano al contrario una realtà profondamente diversa. Dal punto di vista religioso
erano profondamente variegate – anche cattolici e protestanti – mentre da quello economico
erano soprattutto votate a una produzione agricola di tipo latifondistico, tabacco e cotone
…, e basata sull'istituzione della schiavitù. I grandi proprietari terrieri costituivano una sorta
di aristocrazia simile alla gentry inglese.
L'economia delle colonie meridionali era quella che meglio si integrava con le esigenze della
madrepatria, alla quale forniva prodotti della sua agricoltura in cambio di manufatti e generi di
lusso. Le colonie del centro e del nord, invece, erano abitate da coltivatori diretti che
commerciavano soprattutto con le Antille e meno sviluppato era il commercio con la Gran
Bretagna, a cui tuttavia inviavano pellicce, legname e anche navi in cambio di manufatti.

La popolazione già nel 1775 era arrivata a due milioni e mezzo a causa della forte eccedenza delle
nascite sui decessi e soprattutto per il costante flusso immigratorio. Non solo inglesi, ma anche
scozzesi, irlandesi, olandesi e tedeschi si trasferivano oltreoceano nella la speranza di un
miglioramento delle condizioni vita, ma anche per motivi religiosi o per scappare dalla giustizia.
Spesso per pagare la traversata si obbligavano a lavorare per determinati periodi sotto un padrone,
che poi gli lasciava un pezzo di terra. Gli schiavi neri, invece, erano quasi tutti concentrati nelle
colonie meridionali, dove costituivano il 40% della popolazione.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Dal punto di vista istituzionale-giudiziario le colonie avevano istituzioni politico-giuridiche
abbastanza simili: in quasi tutte c’era un governatore, nominato dal re, che con un consiglio da lui
scelto nominava giudici e aveva il diritto di veto sulle decisioni prese dal potere legislativo.
Quest'ultimo era esercitato da un'assemblea eletta con un suffragio del circa il 50-70% dei maschi
adulti. Ampie autonomie erano concesse alle città e le comunità di villaggio, com’era inevitabile
date le grandi distanze e i problemi concreti.

Di gran lunga inferiore era la popolazione della Nuova Francia, parte dell'odierno Canada. Questa,
con 65.000 uomini ca. nel 1775, aveva istituzioni simili a quelle di una provincia francese, con un
governatorato e un intendente. Era ammesso solo il culto cattolico e godevano di grande autorità i
gesuiti. La popolazione viveva di agricoltura, di caccia e pesca e del commercio di pellicce.

I francesi si spinsero fino a giungere alle foci del gran fiume. La presenza francese in questi
immensi territori, chiamati Louisiana, era limitata a una catena di forti in posizioni strategiche che
erano però sufficienti a bloccare l'espansione delle colonie britanniche verso occidente. Appariva
minacciosa in quanto i francesi potevano contare sull’alleanza di alcune “nazioni” indiane.

I contrasti tra le tredici colonie e la madrepatria (332-333)

Durante la guerra dei Sette anni gli abitanti delle tredici colonie britanniche che parteciparono a
fianco delle truppe inviate dell'Europa alle operazioni militari contro i francesi presero coscienza
della propria forza in quella tra loro nota come la guerra franco-indiana, 1754-1763. La vittoria
britannica, che portò all'eliminazione della presenza francese nel Nord America, fece apparire meno
indispensabile il sostegno politico-militare della madrepatria.

Altri motivi di malcontento erano la pretesa del Parlamento inglese di vietare il commercio diretto
tra le colonie e Paesi terzi, di imporre dazi molto elevati sull'importazione di alcuni prodotti, di
proibire la produzione e l'esportazione di manufatti che potessero entrare in concorrenza con quelli
della Gran Bretagna e anche la legislazione restrittiva in materia di moneta e di credito penalizzava
le colonie che nel frattempo facevano un ampio ricorso al contrabbando e alla corruzione delle
autorità portuali. Le assemblee legislative, inoltre, a base largamente democratica e dunque
difficilmente controllabile, sentivano come oppressivi i poteri di veto e di intervento esercitati dai
governatori e dai loro consigli, soprattutto sui rapporti con gli indiani, che questi volevano tutelare
contro la politica di sterminio dei coloni.

L'elemento più importante tuttavia stava nel fatto che gli americani avevano acquisito gradualmente
la coscienza di sé stessi come popolo distinto, non solo per la legge, la politica o per costituzione,
ma soprattutto per carattere e cultura. La diffusione dell’istruzione, l’effetto “crogiuolo”
determinato dall’immigrazione di genti di varia provenienza e dal loro adattamento a un ambiente
naturale e sociale diverso, le tendenze all’individualismo, al “fare da sé”, al pragmatismo,
all’egualitarismo e alla democrazia stimolate dalle nuove condizioni di esistenza andavano ad
allentare i vincoli di fedeltà che legavano le tredici colonie alla madrepatria.

Alla fine della guerra dei Sette anni era convinzione del governo inglese che l'enorme
indebitamento dello Stato, la riorganizzazione e la difesa dell'impero richiedessero un maggiore
contributo da parte di quanti ne traevano i vantaggi, in primo luogo i coloni nordamericani.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Appariva inoltre urgente pacificare i rapporti con gli indiani – che erano diventati sempre più
violenti e a cui fu garantita una riserva al di là dei monti Appalachi, dove divenne vietato acquistare
terre – e fermare il contrabbando. Proprio per arginare questo fenomeno vennero emanate norme
più stringenti e introdotti nuovi dazi. I coloni reagirono con sdegno crescente a queste imposizioni.
A seguito di una crisi dovuta alla sovrapproduzione di tabacco nove delle tredici colonie
dichiararono incostituzionale una nuova tassa di bollo che venne ritirata nel 1766. Ciò nonostante le
tasse e i dazi continuarono ad aumentare fino a quando i coloni decisero di boicottare le merci
inglesi. A seguito di vari episodi come quello nel 1770 a Boston, dove i soldati inglesi aprirono il
fuoco sulla folla uccidendo cinque persone, la tensione crebbe. Con il “Boston tea party” si può dire
abbia inizio la fase delle ostilità tra le 13 colonie e la madrepatria.

La guerra di indipendenza (333-334)

La durissima reazione del governo inglese provocò nelle colonie uno stato generale di
insubordinazione, dovunque sorsero comitati e organismi che esautorarono di fatto le autorità
britanniche. A Filadelfia si riunì nel 1774 il “primo Congresso continentale” nel corso del quale fu
deciso il boicottaggio delle merci inglesi e fu riaffermato il principio che gli americani
riconoscevano valide solo le leggi e le imposte votate dalle loro assemblee e non quelle del
Parlamento britannico.

Dopo un “secondo Congresso continentale” coincidente col verificarsi di scontri sanguinosi tra
l’esercito britannico e i coloni, il l4 luglio 1776, in un clima di esaltazione collettiva, venne
approvata la Dichiarazione di indipendenza, che rivendicava il diritto degli americani di darsi un
nuovo governo sulla base dell’uguaglianza naturale tra tutti gli uomini e del diritto inalienabile di
ognuno alla vita, alla libertà e felicità.

Questi principi, benché in contraddizione con la schiavitù in cui vivevano i neri, coniugavano
felicemente i valori elaborati nel vivo dell’esperienza americana con le idee più avanzate
dell’Illuminismo europeo e agirono come un potente stimolo alla lotta ormai ingaggiata dai coloni
per la liberazione dal dominio inglese.

Il comando delle forze armate fu affidato a George Washington, 1732.1799, un ricco possidente
della Virginia che si era distinto nella guerra franco-indiana. L’esercito inglese, più disciplinato e
addestrato, riportò alcuni successi iniziali, ma la tenacia degli insorti e soprattutto il ricorso alla
tattica della guerriglia, fatta di imboscate e attacchi a sorpresa, finirono per logorare il morale delle
truppe d’occupazione. Una svolta importante fu segnata dalla battaglia di Saratoga, nel 1777.
L’episodio convinse i francesi ad appoggiare militarmente i ribelli, che già da tempo erano sostenuti
dall’opinione pubblica idolatrica dell’americano Benjamin Franklin, delegato del Congresso di
Filadelfia a Versailles.

L’intervento a fianco delle colonie della Francia e poi anche della Spagna valse soprattutto a
contenderne alla flotta britannica il dominio dei mari e impedire l’approvvigionamento dell’esercito
d’occupazione. Con il trattato di Versailles del 1783 la Gran Bretagna riconosceva l’indipendenza
delle tredici colonie nordamericane e restituiva alla Francia alcuni territori occupati nei Caraibi e
nel Senegal, e alla Spagna la Florida e Minorca.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Una costituzione per gli Stati Uniti d’America (334-336)

Le conseguenze della guerra prolungata – la distruzione, il deprezzamento, la rivalità tra Stati per la
parte occidentale del paese, la fuga di decine di migliaia di lealisti, il prevalere degli interessi locali
e particolaristici nelle assemblee legislative elette in ogni Stato – rappresentarono per il Congresso
continentale problemi di difficile soluzione.

Solo nel 1787 la Convenzione si riunì a Filadelfia. Prevalse la proposta della delegazione virginiana
di una Costituzione federale interamente nuova, che doveva sostituire e non solo integrare gli
Articoli di Confederazione votati nel 1777 – che lasciavano in pratica al governo degli Stati Uniti
solo la politica estera e la difesa. Questi avevano bisogno di un governo centrale forte, capace di
arbitrare tra le singole ex colonie, di regolare il commercio e la moneta e di difendere gli interessi
comuni all’esterno, andando quindi al di là della forma di Stato Confederale.

La Costituzione degli Stati Uniti d’America fu approvata ed entrò in vigore nell’estate 1788, dopo
essere stata sottoposta alla ratifica di particolari “convenzioni” indette nei singoli Stati. Alla sua
base vi era un difficile equilibrio tra l’esigenza di rafforzare il governo centrale e quelle opposta, di
salvaguardare l’autonomia dei singoli Stati, tra la volontà egemonica degli Stati più prosperi e
popolosi e i timori di quelli più piccoli e deboli.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
La Rivoluzione Francese dall'antico Regime alla
monarchia costituzionale

Economia e società in Francia alla fine dell'Antico Regime (341-344)

L'avvento di Luigi XVI coincise con l'inizio di un periodo di difficoltà e malessere per l'economia
del Paese che interrompeva di fatto una lunga fase di crescita durata circa mezzo secolo.

Nonostante la base più arretrata, i settori industriale e commerciale conobbero ritmi di sviluppo
paragonabili a quelli inglesi e a volte anche più significativi, siderurgia e riesportazione di generi
coloniali. I punti più deboli di questo sviluppo erano la scarsità di produzione del carbone, il ritardo
della meccanizzazione dell'industria tessile, la mancanza di un'organizzazione creditizia efficiente
e moderna e soprattutto il carattere arretrato dell'agricoltura: la bassa produttività di questo settore
primario significava l'impossibilità di nutrire un'alta percentuale di addetti al commercio o
all'industria, e il basso tenore di vita delle campagna, dove c’erano ampie aree di autoconsumo,
rendeva asfittico il mercato (produzione appena sufficiente per equilibrio risorse-popolazione).

Alla vigilia della Rivoluzione francese si calcola che la percentuale del suolo posseduta dai
coltivatori diretti era molto più elevata in Francia che in Inghilterra. Tuttavia il suo estremo
frazionamento – accresciuto da incremento demografico e divisioni ereditarie – e gli oneri delle
decime, dei diritti feudali e delle imposte allo Stato, erano tali che alla fine solo una piccola
minoranza di contadini poteva vivere del ricavato dei propri campi.

L'aumento dei prezzi agricoli andò a danno delle masse lavoratrici. Tra il 1726 e il 1741 i generi di
prima necessità aumentarono del 66% la rendita fondiaria, mentre i salari crebbero soltanto del
17%. Ciò significò per chi viveva in parte o per tutto di un salario vide ridursi il proprio potere di
acquisto; chi invece aveva grani da vendere o affitti da riscuotere poté beneficiare della congiuntura
favorevole. Tutti gli altri, piccolissimi proprietari o nullatenenti, dovevano coltivare come mezzadri
o lavorare come braccianti.

È molto probabile che il livello di vita delle classi popolari, in campagna e anche in città, sia
peggiorato negli ultimi decenni dell’”Antico Regime”. Deterioramento che faceva contrasto con la
prosperità senza precedenti di cui godevano le classi agiati.

A tutto ciò vanno aggiunte le reazioni soggettive dovute alla tendenza di molti signori e dei loro
agenti a ripristinare diritti feudali caduti in desuetudine, all'aumento delle imposte e alla parziale
attuazione di misure invocate dalla dottrina fisiocratica, come la privatizzazione dei beni comunali,
l'abolizione degli usi collettivi e l'accorpamento degli appezzamenti in grandi aziende. Tutte
situazioni che andavano a minacciare il tenore di vita o addirittura la stessa sopravvivenza delle
masse rurali, sommosse a Parigi 1775.

A queste tendenze “tradizionalistiche” si mescolarono poi la diffusione di echi, confusi e distorti, di


idee Illuministiche, come l'eguaglianza dei diritti e la sovranità popolare, un incremento notevole
dell'alfabetizzazione e la “scristianizzazione strisciante” anche nelle masse popolari – nascite
illegittime, concepimenti prenunziali, controllo delle nascite, crollo delle vocazioni ecclesiastiche…
- che andarono a indebolire il rispetto per le gerarchie sociali e la rassegnazione alle ingiustizie di
questo mondo.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Per quanto riguarda invece gli strati superiori, se è vero che non esisteva nella Francia del 1700 una
contrapposizione di classe tra nobiltà e borghesia – in quest’ultima rimaneva l'aspirazione a uscire
dalla “propria condizione”, i due gruppi si mescolavano e incontravano nei luoghi culturali e
politici ed era una categoria troppo eterogenea per poter essere considerata una classe sociale,
troppo differenti erano le fonti di reddito e gli atteggiamenti mentali di un mercante, di un
finanziere, di un avvocato, di un officier o proprietario terriero… – è anche vero che l’incremento
numerico degli strati definibili come “borghesi” rese più arduo il passaggio nelle file della nobiltà,
e il senso di frustrazione che ne derivò predispose molti ad accogliere i suggerimenti più radicali
dell’Illuminismo. Né va scordata l’esistenza di una maggioranza nobiliare relativamente povera ed
esclusa dal mondo dorato della corte dei Lumi, tanto più attaccata ai privilegi di nascita in quanto
unica fonte per distinguerla dal resto della popolazione.

La società francese appariva alla vigilia del 1789 attraversata da molteplici linee di tensione che la
crisi politica era destinata ad aggravare e far esplodere.

La crisi finanziaria e la politica della monarchia (344-346)

In soli 35 anni, 1754-1789, si succedettero 19 controllori delle finanze, instabilità che può essere
letta come un sintomo della gravità dei problemi e fallimento dei tentativi di risolverli. I problemi
principali erano: l’insufficienza cronica delle entrate, l’impossibilità di accrescere il carico fiscale
senza modificarne la destinazione a sfavore dei ceti privilegiati che avrebbero dovuto contribuire
proporzionalmente alle loro ricchezze, l’inefficienza del sistema tributario, che lasciava molto
spazio agli sprechi di funzionari e appaltatori corrotti.

• Strategia Turgot: spostare il peso maggiore delle imposte sulla proprietà


fondiaria e puntare sull'incremento delle entrate che sarebbe stato il naturale
effetto dello sviluppo economico.
• Strategia J. Necker: riduzione di sprechi e spese. Il suo licenziamento, deciso
dal re nel 1781, fu conseguenza dell’ardita iniziativa del ministro di rendere
pubblico il bilancio della monarchia, che sempre stato considerato un segreto
di Stato, attraverso cui furono però rese note le pensioni e le grazie concesse
dal re.

• Strategia Charles- Alexandre de Calonne. Questo, dopo alcuni anni di


sostanziale immobilismo e di fronte all’aggravarsi del dissesto e della crisi nel
settore agricolo, decise per radicali riforme: l'imposizione di una nuova
imposta fondiaria, proporzionale alla rendita e gravante senza eccezioni su tutti
i proprietari, la liberalizzazione del commercio dei cereali, l'eliminazione delle
dogane interne… Per arginare le opposizioni dei ceti privilegiati e dei
Parlamenti il ministro suggerì di convocare un'assemblea di notabili,

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
un’istituzione da tempo in disuso, un'adunanza dei più alti strati di clero,
nobiltà, consiglieri di Stato... L’assemblea però manifestò subito la sua
opposizione, che perdurò anche con Loménie de Brienne.

L’intransigenza dei notabili – che vedeva negli Stati generali l'unica istanza pubblica dove la
riforma dell'economia e della costituzione dello Stato doveva essere discussa – trova una
spiegazione non tanto legata alla volontà di conservazione quanto all'evoluzione della pubblica
opinione, divenuta ormai una forza con cui lo stesso governo monarchico doveva fare i conti. Nei
ritrovi pubblici ormai si parlava di tutto e di tutti, si criticava il dispotismo monarchico, si
prendevano di mira lo stesso re e la stessa Maria Antonietta, bersaglio di una pubblicistica scurrile
che la vigilanza poliziesca non riusciva a stroncare. Benché quasi nessuno pensasse a una
rivoluzione, molti invocavano una qualche forma di rappresentanza della nazione, accanto al
modello inglese un’eco potente ebbe la lotta delle 13 colonie americane per l’indipendenza. Per
quanto ragionevoli le riforme proposte apparivano mezzi per rafforzare il potere arbitrario e i vari
governi crollarono.

Nel 1788 il responsabile delle finanze dichiarò che gli Stati generali si sarebbero riuniti, ma il
problema ora si poneva sulle modalità di svolgimento. Venne deciso che si sarebbero rispettate
quelle dell'ultima convocazione del 1614: i tre ordini avrebbero dovuto deliberare separatamente,
andando così a dare maggior peso alle rivendicazioni dei primi due ordini, clero e nobiltà. Questa
presa di posizione, appoggiata dalla nobiltà più conservatrice, provocò la spaccatura del fronte
antiassolutistico, fino a quel momento solidale.

Un'efficace campagna di stampa denunciò l'egoismo de ceti privilegiati e richiese la riunione dei tre
ordini in un'unica assemblea, in cui le votazioni sarebbero avvenute per maggioranza,

Che cos’è il Terzo Stato? “Tutto. Che cosa è stato finora nell’ordinamento politico? Nulla. Che cosa
Chiede? Divenirvi qualche cosa” E.J Sieyès.

La Rivoluzione in marcia: il 1789 (346-350)

Molti affermavano ormai che gli Stati generali dovevano assumersi il compito di dare alla Francia
una nuova Costituzione e non limitarsi a porgere al re i voti dei tre ordini.

Il regolamento elettorale che venne elaborato in seguito alle proteste disponeva il raddoppio della
rappresentanza del Terzo Stato, ma non stabiliva nulla riguardo alle modalità del voto, per ordine o
per testa. Tutti i francesi potevano però presentare le loro richieste e doglianze al trono attraverso
elenchi da affidare ai deputati dei rispettivi ordini, nel corso delle assemblee elettorali. Questa
capillare consultazione popolare ebbe un grande effetto di mobilitazione psicologica, tanto più che
essa venne a coincidere con una grave carestia, in un clima di disagio economico, che portò i prezzi
dei cereali a un aumento del 50% nel 1788-1789. Mendicanti e disoccupati migrarono nelle città e
nella stessa Parigi.

In questo clima di attesa di cambiamenti epocali gli Stati generali si riunirono il 5 maggio 1789 a
Versailles. I deputati erano divisi quasi a metà tra il Terzo Stato – 1165 tra professioni legali, uffici

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
pubblici, ambienti intellettuali, meno di un centinaio gli imprenditori e uomini d’affari, assente il
lavoro manuale – e gli altri due ordini sommati insieme, ma tra i rappresentati del clero erano
numerosi i parroci in buona parte solidali con le rivendicazioni del Terzo Stato. Anche nella nobiltà
vi era un consistente numero di “nobili liberali”, capeggiati da La Fayette.

I rappresentanti del Terzo Stato proposero di votare in una sola assemblea, cosa che venne
inizialmente rifiutata dalla nobiltà e dal clero, il quale però successivamente cedette. Ma il re,
solidale con la nobiltà, ordinò allora la chiusura della sala dove si tenevano le adunanze. I deputati
del Terzo Stato, che avevano assunto il nome di Assemblea nazionale, si radunarono allora in un
altro locale, il salone della pallacorda, dove il 20 giugno giurarono “di non separarsi più e di riunirsi
dovunque fosse stato necessario finché la Costituzione non fosse stata stabilita e posta su salde
fondamenta”.

L'Assemblea nazionale, a cui si era ufficialmente unita anche la frazione più illuminata della
nobiltà, il 9 luglio si intitolò anche costituente. Il re allora, che si preparava ad agire con la forza,
fece affluire dei mercenari a Parigi e sostituì il richiamato Necker con il barone di Breteuil.

Di fronte al pericolo, la municipalità semiclandestina, che si era costituita a Parigi dal corpo degli
elettori, deliberò la formazione di una milizia borghese. Ma il popolo minuto si mosse per proprio
conto, esasperato dal carovita ed eccitato dalle voci di un “complotto aristocratico”.

Il 12-13 luglio si cercarono armi dappertutto e poi si attaccarono i caselli del dazio, simbolo
dell’odiata Ferma generale delle imposte indirette.

Il 14 luglio una folla di artigiani e bottegai si presentò di fronte alla fortezza della Bastiglia,
prigione per i rei di Stato. Dopo tentate trattative il governatore della fortezza de Launay aprì il
fuoco, ma nel pomeriggio giunsero i rinforzi armati e anche alcuni cannoni che lo costrinsero alla
resa. Venne massacrato insieme ai suoi ufficiali e ad alcuni soldati.

Luigi XVI, intimorito, ordinò la ritirata dei reggimenti stranieri e il 16 luglio ri-richiamò Necker.
Nella seconda metà di luglio in tutta la Francia si costituirono spontaneamente nuovi organismi
municipali fedeli all'Assemblea nazionale e si armarono milizie che presero il nome di “Guardia
nazionale”.

A questa “rivoluzione municipale” si aggiunsero una serie di disordini nelle campagne, detti
“Grande Paura”. Ondate di effettivo panico, originate da voci incontrollate di invasioni dall'estero
o di briganti assoldati dagli aristocratici. I contadini finirono a dirigersi verso i castelli,
saccheggiare e bruciare gli archivi. L'agitazione delle campagne assumeva quindi un chiaro
significato antifeudale che costrinse l'Assemblea nazionale ad affrontare il problema dei diritti
signorili.

I deputati – nonostante la larga presenza borghese – decisero la distruzione di quanto rimaneva del
regime feudale e l'abolizione di ogni privilegio che si opponeva all'eguaglianza dei diritti. Tuttavia
venne precisato che se le servitù personali erano abolite i diritti “reali”, cioè i prelievi di natura
pecuniaria, erano soggetti a riscatto e sarebbero quindi stati aboliti dietro il pagamento di un
rimborso ai titolari. I piccoli coltivatori reagirono col rifiuto in massa di pagare decime e censi e le
agitazioni continuarono fino all'abolizione totale dei diritti signorili, decretata nel 1792-1793.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Nel 4 agosto fu elaborata una Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino, che è rimasta nel
tempo come la più solenne affermazione delle libertà fondamentali, dell'eguaglianza dei cittadini di
fronte alla legge e degli altri principi costitutivi dei moderni ordinamenti liberali e democratici,
quali la divisione dei poteri e la sovranità popolare. Ovviamente tali diritti vennero per il momento
applicati solo ai cittadini maschi, Olympe de Gouges.

A ogni modo per acquistare vigore di legge i decreti di agosto avevano bisogno della sanzione del
re. L'atteggiamento evasivo di Luigi XVI – al quale era assegnato un veto puramente sospensivo
sulla legislazione – alcuni movimenti di truppe da lui ordinati e l’emigrazione di molti nobili, anche
membri della famiglia reale, finirono per convincere i patrioti che era inevitabile un'altra prova di
forza e che era necessario che la corte si trasferisse a Parigi, anche per rendere gli
approvvigionamenti della capitale più agili.

Venuto a conoscenza del banchetto reale del 1 ottobre il fermento crebbe. Fra il 5-6 ottobre una
folla – con un misto di organizzazione e spontaneità – composta in prevalenza di donne, che
chiedevano pane a gran voce, si mise in marcia per Versailles, seguita dalla Guardia nazionale
parigina. Luigi XVI decise allora di dare la sua approvazione ai decreti di agosto, ma dato che
ancora esitava di fronte alla prospettiva di un trasferimento a Parigi il 6 ottobre gli appartamenti
reali furono invasi dai manifestanti e Luigi XVI fu costretto a prendere la via della capitale.

La ricostruzione dell'unità nazionale (350-353)

Il primo responsabile del fallimento del nuovo ordine monarchico-costituzionale che si andava
profilando fu il re stesso. Debole di carattere ma profondamente attaccato alle gerarchie sociali,
premuto dall’intransigenza di moglie e fratelli, Luigi XVI teneva fronte alle richieste
dell'Assemblea teneva un comportamento ambiguo che sempre più confidava nell'intervento delle
potenze straniere per ristabilire la propria autorità.

Di conseguenza nell'Assemblea assai scarsa era l’influenza degli “aristocratici” sostenitori


dell’assolutismo e in ribasso anche quella del compromesso all’”inglese”, prevalse invece per il
tutto il 1790 l'influenza dei nobili “liberali” e del cosiddetto “triumvirato” composto da Alexandre
Lameth, Adrien Duport e Antoine Barnave. A sinistra di questo schieramento si collocavano alcuni
elementi più radicali e sensibili alle rivendicazioni popolari come l’avvocato di Arras, Maximilien
Robespierre.

L'Assemblea si riuniva oltre che nella sala del Maneggio anche in alcuni circoli o club sorti con la
Rivoluzione, tra questi ebbe un ruolo di rilievo il “club dei giacobini” – che giungerà a esercitare
una sorta di tutela sulla rappresentanza nazionale e un’azione di guida e di raccordo della vita
politica in tutta la Francia – mentre più popolare nel reclutamento e più radicale nelle opinioni era il
“club dei cordiglieri”, Danton e Desmoulins.

Un ruolo fondamentale nello scontro politico ebbe la stampa periodica, che insieme
all'effervescenza della vita pubblica, ai problemi della sussistenza, alla proliferazione di società di
quartiere, dei circoli, dei gabinetti, alle mille occasioni di incontro nelle piazze e nelle osterie,
portarono a una rapida politicizzazione delle masse parigine. La capitale venne addirittura divisa in
48 sezioni che costituirono il quadro naturale per la formazione di club, adunate dei militanti,
preparazione per grandi manifestazioni… Prese così forma, con l'aggravarsi dei contrasti sociali tra

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
1791-1792, la figura del “sanculotto”: il popolano di Parigi, appartenente al mondo dell'artigianato
e del piccolo commercio, ferocemente attaccato all'eguaglianza dei diritti e alla solidarietà tra
lavoratori, ostile ai nobili e ai ricchi, pronto all'insurrezione e alla violenza rivoluzionaria.

Per combattere l’antico groviglio di circoscrizioni fiscali e giudiziarie nel 1790 anche il territorio
nazionale fu diviso 83 dipartimenti che comprendevano vari distretti, a loro volta divisi in cantoni
e comuni, in cui a ogni livello vi erano consigli elettivi, autorità esecutive più ristrette e la Guardia
nazionale.

Da rinnovamento delle municipalità prese l'avvio in molte regioni il movimento della


“federazione”, una sorta di proclamazione dal basso di un'unità nazionale che cancellava gli antichi
particolarismi. Da qui la festa della federazione, 14 luglio 1790.

Dopo la soppressione degli aspetti più inumani e irrazionali della procedura penale d'Antico
Regime e lo scioglimento dei Parlamenti, le nuove regole per l’amministrazione della giustizia
vennero dettate dalla legge organica dell’agosto 1790. Il popolo doveva eleggere un giudice di pace
in ogni cantone e un tribunale civile e criminale in ogni distretto. Il giudizio di appello sarebbe stato
pronunciato da un altro tribunale distrettuale mentre nei processi penali il verdetto di colpevolezza
era affidato ad una giuria di dodici cittadini tirati a sorte su speciali liste. Una Corte di cassazione
sarebbe intervenuta solo in caso di vizio di forma.

L’elezione popolare di tutti i giudici realizzava dunque la completa separazione del potere
giudiziario dal potere legislativo ed esecutivo e segnava la fine del sistema della venalità delle
cariche.

Rimaneva irrisolto il problema finanziario, reso più serio dalla convinzione diffusa che la fine
dell’Antico Regime comportasse la fine delle imposte. L’Assemblea aveva decretato la confisca dei
beni della Chiesa e deciso l’amissione di buoni del tesoro fruttiferi utilizzabili per il loro acquisto.
Ma questi mutarono la loro natura fino a essere considerati in tutto e per tutto una carta moneta, che
andò rapidamente deprezzando nei confronti della moneta metallica. L’inflazione che ne derivò
andò a danno soprattutto delle classi lavoratrici, costrette ad accettare gli “assegnati” in pagamento,
e a vantaggio degli speculatori.

Alle vecchie imposte furono sostituite una contribuzione fondiaria proporzionale al valore delle
proprietà, un’imposta sulla ricchezza mobile e una patente per l’esercizio di professioni, arti e
mestieri. Ma il loro gettito rimase molto basso. Gli orientamenti prevalenti liberisti, proclamata la
libertà di iniziativa, soppressero le corporazioni di mestiere e le associazioni operaie. Non si ebbe
tuttavia il coraggio di abolire gli usi collettivi del suolo né di togliere il divieto di esportazione dei
cereali.

Per quanto riguarda la sfera religiosa vennero proibiti i voti perpetui e approvata la Costituzione
civile del clero, che portava ad una radicale riorganizzazione della Chiesa di Francia. Le diocesi
episcopali vennero fatte corrispondere agli 83 dipartimenti, i vescovi dovevano essere eletti dai
cittadini come le altre autorità dipartimentali, mentre i parroci erano designati dalle assemblee
elettorali dei distretti. Entrambi avevano stipendi statali, che in pratica ne facevano pubblici
funzionari. A tutto il clero venne imposto, nel 1790, un giuramento di fedeltà alla Rivoluzione,
quasi tutti i vescovi e una metà dei parroci rifiutarono di prestarlo, anche in seguito alla condanna
da Roma, e vennero sostituiti. La presenza in molte località di un prete “costituzionale” e di un

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
prete “refrattario” e la perdurante fedeltà dei parrocchiani a quest’ultimo saranno un importante
fattore di inquietudine e di spinte controrivoluzionarie, soprattutto a sud ed ovest.

La caduta della monarchia (353-355)

La famiglia reale aveva preso da tempo contatti segreti con le corti straniere in vista di un espatrio,
nella speranza di far precipitare il Paese nel marasma che avrebbe giustificato un colpo di forza.

Tra il 20- 21 giugno 1791 Luigi XVI con i suoi familiari lasciò le Tuileries, ma la comitiva fu
bloccata a Varennes e obbligata a tornare indietro sotto scorta. Il mito della regalità aveva ricevuto
un colpo mortale nell’animo dei francesi. Ma la fuga di Varennes introdusse nuove divisioni anche
tra le forze rivoluzionarie. Mentre Robespierre, Marat e altri chiedevano la deposizione del re, la
maggioranza dell’Assemblea non era ancora pronta per un simile cambiamento, e finse di credere a
un rapimento.

Una grande manifestazione popolare che chiedeva la repubblica fu dispersa con il fuoco della
Guardia nazionale, strage del Campo di Marte 1791, mentre dal club dei giacobini si era staccata
l’ala moderata, maggioritaria, che prese il nome dei “foglianti” guidata dal “triumvirato” e La
Fayette.

La Carta Costituzionale fu nel frattempo terminata e approvata il 4 settembre 1791. Alla base
dell’edificio politico era la distinzione tra cittadini attivi – coloro che pagavano un minimo di
imposte – che avevano diritto di voto per l’elezione di giudici, amministratori e rappresentanti
nazionali, e cittadini passivi. La soglia fissata era tuttavia molto bassa, tanto da concedere il
suffragio a quasi 2/3 dei maschi adulti. Il carattere “censitario” della Costituzione però si esprimeva
meglio nel doppio grado delle elezioni per l’Assemblea legislativa, composta da un’unica camera:
le assemblee primarie dei cittadini attivi dovevano designare degli elettori, scegliendogli tra coloro
pagavano un minimo di imposte molto più alto, e a questi ultimi sarebbe spettata l’elezione dei
deputati.

La Costituzione del 1791 manteneva alla monarchia il potere esecutivo, che però consisteva quasi
esclusivamente nel nominare ministri, diplomatici e generali. In politica estera il re era sottoposto
all’obbligo di sottoporre trattati, dichiarazioni di pace e guerra al voto dell’Assemblea.

Prima di sciogliersi l’Assemblea costituente votò una legge in base alla quale i suoi membri non
potevano essere eletti a far parte della nuova rappresentanza nazionale detta “Assemblea
legislativa”. Questa accanto a un centro maggioritario e oscillante conteneva più di 250 foglianti,
destra moderata e 136 giacobini, sinistra, su un totale di 145 deputati. La sinistra riuscì
gradualmente a imporre la sua egemonia per tre ragioni:

• era meglio organizzata, disponeva di individui abili e prestigiosi, come Brissot e l’ex
marchese di Condorcet, ed era spalleggiata all’esterno dal club dei giacobini dove trionfava
l’oratoria di Robespierre,
• dopo il buon raccolto del 1790, che aveva determinato la discesa dei prezzi, quello del 1791
era stato di nuovo mediocre. Crebbe dunque il malcontento della popolazione e vi furono
disordini ovunque, anche a Parigi, dove si distinsero degli agitatori detti “arrabbiati”,

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
• i seguaci di Brissot avevano un atteggiamento intransigente che faceva appello all’orgoglio
nazionale e alla fierezza rivoluzionaria contro le potenze straniere che minacciavano un
intervento.
Quest’ultima politica aveva l’appoggio della corte, che sperava in una disfatta della Francia. A tal
proposito Luigi XVI fece sostituire i ministri foglianti con quelli brissottini che acconsentirono, il
20 aprile 1792, a dichiarare guerra al nuovo re di Boemia e Ungheria, l’imperatore Francesco II. Il
fallimento dell’offensiva in direzione dei Paesi Bassi, decisa dal ministro della Guerra, non fece che
accrescere i contrasti nell’Assemblea e le accuse di tradimento rivolte alla corte e agli aristocratici.

Il 20 giugno le Tuileries furono invase dai manifestanti che obbligarono il re a indossare il berretto
frigio, simbolo della Rivoluzione. La proclamazione l’11 luglio della “patria in pericolo”, l’arrivo a
Parigi di “federati” da varie parti della Francia e il manifesto del duca di Brunswick, comandante
delle truppe nemiche, in cui si minacciava Parigi se si fosse ancora oltraggiata la corona, portarono
al colmo la tensione.

Il 10 agosto venne creata una nuova municipalità, preparata congiuntamente dalle sezioni parigine
e dai gruppi di federati, detta la “Comune insurrezionale”, e assaltato il palazzo regio. L’Assemblea
legislativa votò la deposizione del monarca, il riconoscimento della Comune e la creazione di un
Consiglio esecutivo provvisorio.

Per la prima volta, dal 1789, la rappresentanza nazionale si era vista soverchiata ed esautorata da
una sollevazione popolare. La caduta della monarchia coincideva con una nuova fase della
Rivoluzione, caratterizzata dal confronto-scontro tra il potere legale e il potere di fatto esercitato in
prima persona dalle masse di sanculotti.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Document shared on www.docsity.com
Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Dalla Repubblica giacobina al Direttorio

La lotta politica all’interno della Convenzione (358-361)

La giornata del 10 agosto del 1792 e le sue conseguenze segnarono una svolta profonda della
Rivoluzione: non solo la monarchia era stata abbattuta, ma la stessa rappresentanza nazionale era
stata esautorata dalla piazza e la Costituzione promulgata era di fatto abrogata.

La pressione popolare, l’ossessione del complotto aristocratico e il panico suscitato dall’avanzata


dell’esercito prussiano furono all’origine delle misure di rigore adottate dall’Assemblea legislativa
e dalla Comune di Parigi nei 40 giorni successivi: arresto degli elementi “sospetti”, espulsione dei
preti “refrattari”, sequestro dei beni degli emigrati, requisizione dei grani per l’approvvigionamento
delle città, leve di soldati…

In questo clima di paura e sovreccitazione tra il 2-6 settembre 1792 folle di sanculotti invasero le
carceri parigine e trucidarono impuniti un migliaio di detenuti “sospetti”, gran parte in realtà
colpevoli di reati comuni.

Vennero poi svolte le elezioni dei deputati per la nuova Convenzione nazionale che avrebbe dovuto
fra l’altro redigere una nuova Costituzione. La partecipazione al voto fu molto limitata nonostante il
suffragio universale maschile, non più del 10%. Ai “sospetti” gli fu impedito di votare oppure si
astennero.

Il 20 settembre avvenne la prima riunione della Convenzione, che abolì formalmente la monarchia,
mentre l’avanzata prussiana veniva fermata a Valmy, fatto che restituì fiducia all’esercito
rivoluzionario che sarebbe riuscito nel 1792 ad occupare la riva sinistra del Reno, invadere il Belgio
e impadronirsi di Nizza e della Savoia.

Sotto il profilo dell’estrazione sociale anche la nuova assemblea era in maggioranza costituita da
uomini di legge, amministratori locali e intellettuali, ma politicamente parlando si era nettamente
spostata a sinistra. La contrapposizione tra girondini, ex brissottini, e montagnardi, molto sensibili
alle rivendicazioni sanculotte, si andò approfondendo a proposito dell’atteggiamento da tenere nei
confronti del re. Le carte trovate dimostravano chiaramente le trame del monarca con le potenze
straniere, ma non si sapeva come giudicarlo. Anche se Robespierre e Louis-Antoine de Saint-Just,
sostenevano che il re andava trattato come un qualsiasi nemico di stato, prevalse la proposta di
processarlo di fronte alla stessa Convenzione. La Gironda spremette per l’appello al popolo, ma
questo venne rigettato e il re condannato alla ghigliottina, il 21 gennaio1793.

Questi fatti, uniti alle annessioni territoriali, soprattutto del Belgio, portarono ad un rapido
allargamento della coalizione antifrancese. Sempre nel 1793 la Convenzione dichiarò guerra a
Inghilterra, Olanda e Spagna, a cui coalizione si unirono poi, la maggior parte degli Stati tedeschi e
italiani.

Nonostante il massiccio arruolamento la defezione di molti dei vecchi ufficiali e la


disorganizzazione portarono ad una serie di gravi sconfitte delle forze rivoluzionarie: gli inglesi
occuparono le Antille francesi, utili per il commercio, e i territori occupati dai rivoluzionari furono
velocemente evacuati.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Ai rovesci militari si aggiunse nella primavera del 1793 la ripresa dell’agitazione per il carovita e la
penuria dei generi coloniali, fomentata dagli “arrabbiati” mentre una rivolta esplodeva nella Vandea
in occasione delle operazioni di leva. Gli insorti, contadini ben organizzati, erano mossi dall’odio
verso le città e verso i “patrioti” e dalla difesa della religione tradizionale, strage a Machecoul.

La Convenzione reagì varando una serie di misure eccezionali, venne istituito un Tribunale
rivoluzionario per il processo sommario ai sospetti, promossa la creazione di Comitati di
sorveglianza su tutti i Comuni. Fu formato un Comitato di salute pubblica incaricato di vigilare
sull’opera del Consiglio esecutivo, di cui facevano parte i ministri e di cui poteva sospendere le
decisioni, tra le sue file Danton – massacri di settembre.

Ma è sulle questioni economiche che lo scontro fu più aspro. L’assemblea era nell’insieme ostile a
ogni restrizione della libertà di commercio ed iniziativa, ma i montagnardi, a differenza dei
girondini, erano disposti a venire incontro alle esigenze dei sanculotti per conquistarne l’appoggio.
Ma dopo alcuni provvedimenti – come il calmiere dei grani e delle farine – i girondini, che non
avevano rinunciato alla lotta ed erano forti del sostegno di alcune città come Marsiglia e Lione si
fecero sentire. I sanculotti allora in questo clima di tensione si fecero nuovamente sentire: sotto
minaccia disposero per l’arresto di 29 deputati girondini e di due ministri. Per tutta risposta nei
dipartimenti occidentali e meridionali, l’insofferenza verso il radicalismo politico delle folle
rivoluzionare parigine si espresse nell’“insurrezione federalista” contro la pretesa della capitale di
dettare gli indirizzi della politica nazionale.

La Montagna aveva vinto, ma al prezzo di una nuova mortificazione della sovranità parlamentare e
di un’aspra contrapposizione tra la capitale e le province.

Il governo rivoluzionario e il Terrore (361-364)

Nell’estate del 1793 Parigi assomigliava sempre più a una città assediata. In poco tempo capitolò
Magonza, la Francia venne invasa a nord dagli austriaci, a sud dai piemontesi, mentre la “Grande
armata cattolica e reale” dei vandeani cingeva d’assedio Nantes e l’“insurrezione federalista” si
diffondeva. I sanculotti parigini, guidati da J.R Hèbert, chiedevano misure sempre più spietate
contro gli aristocratici, i ricchi, gli affamatori del popolo.

In questo momento critico, la classe politica formatasi dimostrò la sua tempra superando
gradualmente tutte le difficoltà e imponendo la propria guida in un Paese in piena anarchia.

Da un lato si decise di dare soddisfazione alle richieste di maggiore democrazia elaborando una
nuova Costituzione preceduta da una Dichiarazione dei diritti che a quella precedente aggiungeva il
diritto alla sussistenza, al lavoro, all’istruzione e all’insurrezione. Anche se la Costituzione – in cui
tutti i poteri legislativi erano in mano a un’assemblea legislativa eletta a suffragio universale e in
cui era previsto l’istituto del referendum – fu approvata da un plebiscito votatissimo, venne rinviata
a tempi più tranquilli e mai messa in vigore. Dall’altro lato la Convezione operò per un
rafforzamento del governo e dei suoi poteri di intervento. Il Comitato di salute pubblica venne
ampliato e rinnovato con l’immissione di esponenti montagnardi tra cui Saint-Just e Robespierre e
della sinistra estrema: quest’organo eserciterà di fatto fino al luglio 1794 una sorta di dittatura,
sostituendosi di fatto ai ministri e dominando la Convenzione.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
L’esigenza dell’accentramento del potere, che serviva per compiere riforme e riorganizzazioni,
entrava però in contraddizione con le rivendicazioni di democrazia diretta delle masse popolari.
Mentre l’appoggio dei ceti borghesi era destinato a liquefarsi col venir meno dello stato di
emergenza, il ricorso alla ghigliottina contro gli avversari politici non sarebbe alla fine bastato.

Nel corso dell’estate del 1793 vennero aboliti senza indennizzo tutti i diritti signorili, venduti i beni
nazionali confiscati agli emigrati, approvata la pena di morte per gli speculatori. Ma i sanculotti di
Parigi protestavano per il cattivo funzionamento del calmiere che non impediva ai contadini di
riversarsi sul mercato nero e quindi affamare i mercati legali. Nei primi di settembre la
Convenzione fu nuovamente invasa ma Robespierre e gli altri leader montagnardi riuscirono a
canalizzare il movimento facendo votare alcune leggi tra cui quella del maximum generale, esteso
ora sia a tutti i prezzi dei generi di prima necessità che ai salari, e quella della creazione di un
“esercito rivoluzionario” di sanculotti per la requisizione dei grani nelle campagne…

Il Tribunale rivoluzionario prese a funzionare a pieno ritmo, facendo ghigliottinare moltissime


persone, tra cui anche la ex regina Maria Antonietta. E importanti iniziative furono prese per la
riorganizzazione dell’esercito, la direzione dell’economia di guerra, la lotta senza quartiere per
nemici interni ed esterni. Il Comitato di salute pubblica e in sottordine il Comitato di sicurezza
generale divennero i coordinatori di tutta la politica nazionale.

Iniziò una profonda campagna di scristianizzazione e il calendario venne riformato, la nuova era si
faceva cominciare dalla proclamazione della Repubblica, a significare una volontà radicale di
rifondazione e di rigenerazione, che dalle istituzioni si estendeva alla religione, alla vita sociale e al
costume. In molti dipartimenti però il radicato sentimento religioso delle popolazioni ne fu offeso e
si ridusse l’area del consenso per il governo rivoluzionario. D’altronde Robespierre stesso era
profondamento ostile all’ateismo e intervenne per porre un freno alla scristianizzazione.

Nell’autunno 1793 si ebbe un miglioramento della situazione militare sia all’esterno che all’interno:
Marsiglia fu conquistata e Lione cadde, Tolone fu ripresa anche grazie al giovanissimo capitano
Napoleone Bonaparte, i resti dell’Armata della Vandea furono massacrati, gli austriaci furono
respinti lungo il Reno così come i piemontesi e gli spagnoli. Continuò comunque lungo le coste
ovest una sorta di guerriglia controrivoluzionaria detta chouannerie.

Nel frattempo Maximilien Robespierre diveniva sempre più una figura dominante che si
contrapponeva a quella altrettanto carismatica di Georges Danton, caratteristiche.

Nei primi mesi del 1794 Robespierre, appoggiato da Saint-Just e Couthon, si sentì abbastanza forte
per lanciare un attacco in due direzioni: contro la sinistra di Hébert e contro gli “indulgenti” di
Danton, a cui, temuta l’eloquenza, venne addirittura impedito di difendersi di fronte al Tribunale
rivoluzionario. Entrambi furono processati e giustiziati insieme ai più noti seguaci.

Questo taglio alle ali rafforzò nell’immediato il Comitato di salute pubblica e il potere di
Robespierre, ormai senza apparenti rivali, ma portò ad un’erosione del consenso sia tra le
sconcertate masse popolari, sia nella stessa Convenzione, dove ormai erano in tanti a temere di fare
una brutta fine. Né di certo accrebbe la popolarità di Robespierre la proclamazione, per sua volontà,
del culto dell’“Ente Supremo”.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Tra giugno e luglio mentre la situazione militare registrava un deciso miglioramento si ebbe
un’incredibile intensificazione del Terrore, in un mese e mezzo 1376 vittime solo a Parigi,
1793-1794, 50.000 in totale.

L’opposizione di alcuni degli stessi membri del Comitato di salute pubblica sfociò tra 26-27 luglio
in un complotto contro Robespierre, che coinvolse lo stesso presidente della Convenzione, J.M
Collot D’Herbois e, che fu arrestato insieme Saint-Just e Couthon e giustiziato.

Da termidoro a fruttidoro (364-367)

La caduta di Robespierre fu accolta da molti come una liberazione. Le prigioni si vuotarono, tornò
fra i ceti borghesi la gioia di vivere, il lusso e l’ostentazione della ricchezza, nelle strade di Parigi
dove si fece largo la “gioventù bruciata”. I responsabili del Terrore e i sanculotti divennero a loro
volta bersaglio di un odio a lungo represso. Soprattutto a sud vi fu un’ondata di “Terrore bianco”
che colpì i giacobini locali.

Si cercò di frenare queste tendenze limitandole a mutamenti in campo istituzionale.

Il Tribunale rivoluzionario venne soppresso, i poteri del Comitato di salute pubblica furono ridotti
e vennero riammessi nella Convezione i girondini superstiti. Il club dei giacobini fu chiuso.

In campo economico fu smantellato il sistema di vincoli e di controlli creato nel 1793 e abolito il
maximum. Di conseguenza i prezzi salirono vertiginosamente, cosa che aggravò la situazione dei
ceti popolari. Nel 1795 i sanculotti e le donne dei sobborghi invasero la Convenzione, invocando
pane e la Costituzione del ’93. Venne però effettuata una sistematica epurazione, sia dei
montagnardi sia dei militanti delle sezioni, che decapitò il movimento popolare.

Sempre nel 1795 venne insediata una commissione incaricata di elaborare una nuova Costituzione
che venne approvata, insieme ad una nuova Dichiarazione dei diritti più restrittiva, con l’aggiunta
di una Dichiarazione dei doveri, tra i quali la sottomissione alle leggi e il rispetto delle autorità. Il
diritto di voto era concesso a tutti i contribuenti, ma le elezioni della rappresentanza nazionale
erano a doppio grado e vi era uno sbarramento di censo molto elevato per la qualifica di elettore.

In luogo di una sola assemblea erano previste due camere: il Consiglio dei cinquecento, che
presentava e discuteva le leggi, e il Consiglio degli Anziani, che doveva approvarle o respingerle. Il
potere esecutivo spettava a un Direttorio di 5 membri eletti dagli Anziani su nomi indicati dal
Consiglio dei cinquecento.

L’evoluzione in senso moderato della pubblica opinione era tale da far temere una vittoria dei
monarchici. Fu quindi approvato un decreto in base al quale 2/3 dei componenti delle nuove camere
dovevano essere eletti tra i membri della Convenzione. Venne allora organizzata una giornata di
insurrezione, soppressa tra l’altro da Bonaparte.

Anche se le elezioni furono favorevoli ai monarchici i convenzionali riuscirono grazie a questo


escamotage ad avere la maggioranza nel Direttorio. Questo doveva affrontare problemi importanti
– crisi finanziaria, conduzione della guerra, divisione religiosa del Paese – senza avere nessun tipo
di consenso. Alla corrente filomonarchica si contrapponeva infatti una ripresa giacobina, stimolata

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
dal malessere sociale, esso non riusciva però a far presa sul malcontento delle masse popolari,
tornate in uno stato di inerzia e rassegnazione.

Un episodio circoscritto rimase quello della “congiura degli eguali” organizzata nel 1795 da F.N.
Babeuf e l’emigrato toscano Filippo Buonarroti.

Si andava facendo catastrofico, nel frattempo, il deprezzamento dell’assegnato. Nel 1797 si tornò
alla moneta metallica, approfittando delle rimesse di buone monete dai territori conquistati.
L’avventura finanziaria della Rivoluzione francese si chiudeva con una gigantesca bancarotta, di cui
fecero le spese soprattutto le masse popolari. All’inflazione seguì una brutale deflazione che mise in
ginocchio le casse dello stato, ormai impossibilitato a stampare denaro.

Il marasma finanziario accrebbe la dipendenza del Direttorio dai banchieri, fornitori, appaltatori e
dai generali vittoriosi. La corruzione dilagava e contribuiva al discredito del sistema politico.

Le elezioni del 1797 per il rinnovo di 1/3 delle assemblee legislative si risolsero in un trionfo per la
destra monarchica. Il Direttorio poteva soltanto reagire con la forza o capitolare, i quadri
dell’esercito, fedeli agli ideali repubblicani, lo spinsero ad occupare Parigi, destituire due dei
direttori e annullare le elezioni. Seguirono arresti, deportazioni e censure che salvarono la
Repubblica ma al prezzo della fine della legalità restaurata dalla Costituzione dell’anno III e della
soggezione del potere politico al potere militare.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
La Rivoluzione francese e l’Europa (367-369)

Tra le classi colte europee, nobile e borghesi, la convocazione degli Stati generali e il preannuncio
di un nuovo ordine monarchico costituzionale furono accolti in un primo tempo con simpatia ed
entusiasmo. Le prime perplessità sorsero con l’abolizione dei diritti feudali e con le giornate
rivoluzionarie del 5-6 ottobre 1789. Molti allora si trasformarono da sostenitori a denigratori della
rivoluzione e delle sue idee. Ben presto divenne addirittura consuetudine negli ambienti
conservatori attribuire il cataclisma francese a un complotto ordito da philosophes atei, massoni e
giansenisti.

I governi assoluti furono tanto più sensibili a queste argomentazioni in quanto temevano il contagio
di idee rivoluzionarie, soprattutto in quelle aree che erano già in fermento per altri motivi: il Belgio
e l’Ungheria all’interno della monarchia asburgica, l’Irlanda, la Polonia, e la Sardegna, teatro di
forti moti antifeudali esplosi dopo la cacciata dei governanti piemontesi. D’ovunque si strinsero le
maglie della censura e furono perseguitati i gruppi filofrancesi, soprattutto dopo l’appello lanciato
dalla Convenzione alla liberazione di tutti i popoli oppressi, 1792. Congiure giacobine furono
sventate in Ungheria, Tirolo, Piemonte, Napoli e Bologna.

La capacità di resistenza della Francia rivoluzionaria e la svolta moderata di luglio indussero alcune
delle maggiori potenze a cessare le ostilità: Prussia, Province Unite e Spagna, con riconoscimento
di territori. Rimanevano però in armi Inghilterra, Austria, Piemonte e altri stati minori. Ma per la
Francia le frontiere naturali erano ormai diventate un dogma irrinunciabile e la guerra appariva non
solo come uno strumento per rinsaldare l’unità nazionale, ma una via quasi obbligata per supplire al
dissesto finanziario con le contribuzioni dei territori invasi.

Il Direttorio pensò quindi di attaccare a fondo la monarchia asburgica passando attraverso l’Europa
centrale e affidare alle truppe italiane, meno numerose e mal organizzate, il compito di creare un
diversivo e tenere occupate truppe nemiche. Tuttavia le vittorie conseguite da Napoleone Bonaparte
posto a capo dell’armata italiana e il fallimento degli eserciti, nell’Europa centrale, che furono
costretti a ripassare per il Reno, fecero dell’Italia il centro nevralgico della guerra.

Valicato il passo di Cadibona e battuti piemontesi ed austriaci, il giovane generale stipulò


l’armistizio di Cherasco con Vittorio Amedeo III e attuò nei confronti degli austriaci un’ampia
manovra avvolgente che aprì la via per Milano, dove fu accolto trionfalmente da parte della
popolazione.

Tra il luglio 1796 e il gennaio 1797 l’avanzata proseguì verso sud: Parma, Napoli, Roma furono
costretti a onerose tregue. Mantova capitolò e a febbraio 1797 Pio VI, che aveva riaperto le ostilità
fu costretto a firmare la pace di Tolentino, cedendo Bologna, Ferrara, e la Romagna.

Napoleone allora attraversò le Alpi e puntò Vienna. A Leoben gli austriaci furono costretti a
garantire le conquiste francesi in Italia. Contro il parere del Direttorio, deciso a utilizzare le
province italiane come moneta di scambio per ottenere dall’Austria il riconoscimento delle
“frontiere naturali”, Napoleone decise di dar vita in Italia settentrionale a una repubblica
formalmente indipendente.

Il triennio repubblicano in Italia 1796-1799 (369-373)

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Nei primi mesi della conquista Napoleone aveva incoraggiato o almeno tollerato l’azione dei
“patrioti”, che usciti allo scoperto si diedero a pubblicare giornali e opuscoli, a formare club e
società popolari e a diffondere tra il popolo i grandi principi del 1789.

Milano divenne, nell’estate del 1796, il luogo di elaborazione di un programma democratico che
prevedeva l’unità nazionale come sbocco di un profondo rinnovamento delle strutture politiche e
sociali. Una parte dei patrioti, per lo più giovani entusiasti della borghesia colta, aderivano ai
programmi più radicali di Robespierre e Saint-Just, anche se ripudiavano i mezzi violenti del
Terrore, quali: l’imposta progressiva, la limitazione delle successioni, la distribuzione ai meno
abbienti dei beni confiscati, il controllo dei prezzi e del commercio, parità di culti, istruzione per
tutti, lotta contro il privilegio, la rigenerazione piscologica e morale dell’uomo… Altri, invece,
simpatizzanti delle idee francesi, di estrazione aristocratica o borghese, erano invece propensi a un
progetto moderato di Costituzione repubblicana che limitasse la portata delle trasformazioni
all’ambito degli ordinamenti politici e giuridici, lasciando inalterata la distribuzione delle ricchezze,
e rifiutando ogni vincolo all’attività economica.

A questi moderati andavano le simpatie non solo del Direttorio, ma dello stesso Bonaparte, che
prese a favorirli quando si trattò di porre un termine ai governi provvisori e di far funzionare le
repubbliche da lui istituite.

Venne inizialmente creata la Repubblica Cispadana dai deputati di Bologna, Ferrara, Modena e
Reggio, ma l’organismo ebbe vita breve perché i territori vennero annessi quasi subito alla
Repubblica Cisalpina, creata a Milano nel 1797 e ingrandita successivamente con le ex province
venete di Bergamo, Brescia, Crema e la Valtellina. Anche gli ordinamenti della Repubblica di
Genova, neo Repubblica Ligure, vennero trasformati in senso democratico. Nelle province venete al
di là del Mincio si insediarono municipalità democratiche che dichiararono la loro indipendenza da
Venezia ma anche in questa il patriziato pose fine volontariamente al proprio plurisecolare dominio
con la deposizione dell’ultimo doge nel 1797.

Senza tenere conto della volontà di queste popolazioni Napoleone firmò però la pace di
Campoformio con l’Austria, che in cambio del riconoscimento della Repubblica Cisalpina otteneva
il Veneto, l’Istria e la Dalmazia. Questo commercio di popoli amareggiò e deluse profondamente
quegli italiani che avevano creduto alla volontà dei francesi di liberare l’Italia e avviò un
ripensamento di tutta l’esperienza rivoluzionaria, Ugo Foscolo.

Di lì a poco, dopo aver insediato dei consiglieri legislativi nella Cisalpina, Napoleone abbandonò
l’Italia. Nel 1798, in seguito ad un incidente diplomatico, le truppe francesi occuparono lo Stato
pontificio, espulsero il Pio VI e proclamarono la Repubblica Romana. Nel frattempo venne invasa
anche la Svizzera neutrale e costituita la Repubblica Elvetica, sotto protettorato francese.

Nel 1799, dopo un tentativo fallito di attacco da parte dei regnanti borbonici, Ferdinando IV e
Maria Carolina istigati dall’Inghilterra, Napoleone entrò a Napoli e proclamò anche qui la
Repubblica Napoletana. Con l’annessione alla Francia del Piemonte e con l’occupazione militare
della Toscana, tutta la penisola si trovò ad essere sotto il controllo diretto o indiretto delle armi
francesi, a eccezione del Veneto, ceduto agli austriaci, e di Parma e Piacenza, lasciato ai Borbone.
La Sicilia e la Sardegna erano, invece, divenute rifugio dei Borbone di Napoli e dei Savoia, sotto la
protezione della flotta inglese.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
A Milano, Genova, Roma, Napoli e Lucca furono promulgate costituzioni simili a quella francese
del 1795. Il potere esecutivo era affidato a un simil Direttorio e quello legislativo a un’assemblea
bicamerale quasi sempre nominata dai francesi. Dovunque furono aboliti i titoli nobiliari e i
privilegi feudali, incamerati i beni della Chiesa, proclamate l’eguaglianza di tutti i cittadini di fronte
alla legge, la libertà di parola, stampa e associazione.

Tali principi furono però spesso contraddetti da un sistematico sfruttamento finanziario, da una
serie di interventi autoritari e di colpi di Stato, intesi a favorire le forze più docili ai voleri del
governo di Parigi, da arresti arbitrari… Inoltre mancò una coerente politica volta a migliorare le
dure condizioni di vita delle masse popolari, che anzi furono duramente colpite da requisizioni,
estorsioni militari e dalla soppressione del clero in ambito assistenziale.

Se a questo si aggiungono la fedeltà agli antichi sovrani, ancora radicata in molte regioni,
l’attaccamento alle autonomie locali e soprattutto le offese vere o presunte al sentimento religioso,
in Italia ancora più forte che in Francia sulle masse, sarà agevole comprendere come mai le plebi
rurali e urbane si sollevarono nel triennio rivoluzionario contro i francesi e contro i loro alleati, gli
odiati giacobini.

Nel 1799 in coincidenza con le vittorie militari dell’esercito austro-russo che occupò Milano e
Torino scoppiarono molte insurrezioni, Piemonte, Marche, Lazio, Umbria e Toscana.

Delle varie repubbliche giacobine che caddero facilmente nel 1799 quella di Napoli ebbe il destino
più tragico. Un’”Armata cristiana e reale” comandata dal cardinale Fabrizio Ruffo si mosse dalla
Calabria e dopo diverse resistenze penetro nella città. Nonostante l’onorevole capitolazione offerta
ai patrioti meridionali da Ruffo il contrammiraglio Horatio Nelson impedì loro la partenza e li
consegnò ai Borbone, che procedettero a una sistematica repressione. Questa colpì gravemente il
fior fiore della classe colta napoletana, cosa che scavò un solco incolmabile tra la monarchia
borbonica e l’opinione progressista.

La seconda coalizione antifrancese e il colpo di Stato di brumaio (373)

La pace di Campoformio lasciava in lizza contro la Francia rivoluzionaria solo l’Inghilterra, sempre
padrona dei mari e guidata da Pitt il giovane. Napoleone, data la difficoltà di un attracco sulla
Manica, propose come diversivo una spedizione in Egitto, da dove sarebbe stato possibile
minacciare gli interessi britannici in India. Dopo essersi impadronito di Malta, la flotta francese
sconfisse i mamelucchi, nella battaglia delle Piramidi, ma venne distrutta dalla flotta inglese di
Horatio Nelson.

Nel frattempo il nuovo zar di Russia, Paolo I, 1796-1801, accettava l’alleanza inglese contro la
Francia, dando vita a una “seconda coalizione” a cui aderirono anche l’Austria, e la Turchia.

L’andamento della guerra fu disastroso per i francesi in Italia, dove conservarono solo Genova. Ma
le cose andarono meglio in Svizzera e in Belgio.

Nel frattempo il regime direttoriale, con i suoi scandali e illegalità, era sempre più screditato e le
elezioni per il rinnovamento parziale delle camere dovettero essere annullate, in quanto favorevoli
ai “neogaiacobini”. La destra monarchica rialzava la testa mentre il banditismo imperversava nelle
campagne.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
In questa situazione giunse improvvisa la notizia che Napoleone era sbarcato a Frejus, Sieyès si
accordò rapidamente col generale. Il 9 novembre 1799, col pretesto di una congiura giacobina, i
Consigli furono allontanati da Parigi mentre tre dei direttori si dimettevano. Bonaparte fu accolto
con grida ostili dalle due camere, ma il grosso dei deputati venne disperso dai soldati e i pochi
rimasti votarono la consegna dei poteri a tre consoli: Bonaparte – che ben presto assumerà le redini
del comando – Sieyes e Roger Ducos.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
La Francia e l’Europa nell’età napoleonica

Napoleone primo console. Le basi del regime (377-379)

La nuova Costituzione entrò in vigore nel 1799, senza essere sottoposta al plebiscito popolare,
senza contenere una Dichiarazione dei diritti e menzionando solo vagamente le libertà
fondamentali. Veniva ristabilito il suffragio universale maschile, ma svuotato di contenuto giacché
si limitava a designare componenti di “liste di confidenza”, via via più ristrette. All'interno di queste
liste era poi il governo a scegliere gli amministratori locali e i membri delle due assemblee
legislative, che potevano solo discutere, approvare o respingere le leggi del governo.

La Costituzione, oltre che a vanificare la sovranità popolare, limitava fortemente i poteri degli
organi legislativi a vantaggio dell'esecutivo. A capo del governo era posto un primo console, da cui
dipendevano la nomina dei ministri, ambasciatori e giudici, e vi erano poi altri due consoli in
posizione subordinata e un Consiglio di Stato, nell'ambito del quale venivano discusse ed elaborate
le leggi.

Instaurando un potere sostanzialmente monarchico la svolta di brumaio veniva incontro a un


desiderio d'ordine e autorità assai diffuso nella società francese. Ma tale restaurazione avveniva nel
segno di un consolidamento delle conquiste fondamentali della Rivoluzione sul piano giuridico ed
economico: la soppressione della feudalità, l'eguaglianza dei cittadini di fronte alla legge e al fisco,
le carriere aperte ai talenti, la sostituzione della ricchezza alla nascita come requisito della classe
dirigente, la libertà di impresa, il riconoscimento della proprietà terriera costituitasi mediante
l'acquisto di beni nazionali.

Questi elementi, uniti alla gloria militare del primo console, assicurarono al regime un larghissimo
consenso. Ma comunque l'opposizione al governo non fu più tollerata: stampa strettamente
sorvegliata e forte apparato poliziesco per le strade.

A un disegno di accentramento del potere e di pacificazione sociale risposero le grandi misure


adottate negli anni del consolato. Alla testa dei dipartimenti furono posti dei prefetti, da cui
dipendevano sottoprefetti e sindaci, tutti di nomina governativa. Venne riordinato il sistema
giudiziario: a giudici di pace e tribunali dipartimentali vennero sovrapposti Corti d'appello e la
Corte di cassazione. I giudici furono dichiarati inamovibili, ma la loro nomina dipendeva dal
governo.

Nel 1804 fu promulgato il Codice civile che per la prima volta disciplinava in maniera organica
tutti i settori del diritto, facendo propri i valori fondamentali della Rivoluzione. La chiarezza e il
vigore del linguaggio ne faranno uno dei veicoli principali dell’influenza francese e della
modernizzazione delle strutture giuridiche in Europa e nel mondo. Le stesse caratteristiche si
ritroveranno nei successivi codici napoleonici.

La riscossione dei tributi fu affidata ad agenti dello Stato e non più ad organi elettivi e divenne così
più efficiente e inesorabile. L'onere maggiore venne trasferito alle imposte indirette, con il
ristabilimento dei monopoli del sale e del tabacco, e con l'istituzione di tasse sugli alcolici e di
diritti di registro e di bollo. Con questi mezzi nel 1802 fu raggiunto il pareggio di bilancio. Fu
creata la Banca di Francia e il debito pubblico fu fissato al 5% di interesse. Fu, infine, creata una

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
nuova moneta, il franco germinale, dal peso di 5 grammi d'argento, destinato a rimanere stabile fino
al 1914.

Anche la situazione militare si presentava favorevole dopo il ritiro della Russia dalla “seconda
coalizione” antifrancese. Il progetto di Napoleone era quello di battere gli austriaci per poi
costringere l'ormai isolata Inghilterra alla pace. Così fu e con la pace di Luneville del 1801 veniva
riconosciuta in Italia la situazione precedente al trattato di Campoformio, portando però all'Adige la
frontiera della Repubblica Cisalpina e riconoscendo definitivamente alla Francia i territori sula riva
sinistra del Reno.

L'anno successivo, ad Amiens, venne raggiunta una pace con l'Inghilterra che sanciva la
restituzione alla Francia delle sue colonie, ai cavalieri di San Giovanni Malta e alla Turchia l'Egitto.
Per la prima volta dopo dieci anni la Francia non aveva più nemici

Nel concordato stipulato con il pontefice Pio VII il cattolicesimo era riconosciuto come la religione
della maggioranza dei francesi, ed erano assicurati la libertà di culto e il mantenimento degli
ecclesiastici a spese dello Stato. In cambio il pontefice si impegnava ad ottenere la dimissione dei
vescovi in carica, a non rivendicare i beni ecclesiastici alienati e a consacrare i prelati nominati dal
primo console.

Dal consolato all’Impero. Terza e quarta coalizione antifrancese (379-381)

I successi ottenuti in politica estera e all'interno servirono a giustificare un'accentuazione degli


aspetti autoritari del governo di Napoleone. Con il plebiscito del 1802 Napoleone fu dichiarato
console a vita e gli vennero conferiti ulteriori poteri. Il Senato nel 1804 lo dichiarò imperatore dei
francesi, decisione anch'essa sottoposta al plebiscito. La trasformazione in senso monarchico era
completata dal carattere ereditario della dignità imperiale e dalla creazione di una corte simile a
quella borbonica.

Il 2 dicembre del 1804 la corona imperiale fu offerta dal pontefice a Napoleone, che se ne cinse il
capo con le proprie mani prima di giurare che avrebbe rispettato i diritti fondamentali. Un nuovo
dispotismo illuminato era sorto, erede sia dell'Antico Regime, sia dello spirito modernizzatore della
Rivoluzione.

La Gran Bretagna, preoccupata soprattutto per la situazione italiana, nel frattempo aveva ripreso le
ostilità. Nel 1805 prese forma la terza coalizione antifrancese, composta da Inghilterra, Austria,
Russia, Svezia e Regno di Napoli. Al fianco della Francia si schierò la Spagna. Nonostante la
distruzione della flotta franco-spagnola da parte di Nelson, i successi riportati sul campo terrestre da
Napoleone misero a terra l'esercito austriaco e quello russa. Vienna, priva di difese, fu costretta a
chiedere la pace a dure condizioni: cedere al Regno di Italia il Veneto, l'Istria e la Dalmazia,
l’aggregazione del Tirolo alla Baviera e il pagamento di una forte indennità.

Nel 1806 poi un esercito francese discese nel regno di Napoli e se ne impadronì, ricacciando la
famiglia borbonica in Sicilia. Sul trono napoletano fu posto il fratello di Napoleone, Giuseppe.

Sempre nel 1806 fu creata la Confederazione del Reno, una confederazione di Stati tedeschi alleati
della Francia. Ciò intimorì la Prussia di Federico Guglielmo III che si fece promotore di una quarta
coalizione tra Inghilterra, Prussia e Russia. Ma sul fronte terrestre l'armata napoleonica appariva

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
imbattibile. Alle vittorie contro l'esercito prussiano, che avevano portato allo smembramento dello
Stato di Federico Guglielm, fece seguito la campagna contro la Russia del 1807, risoltasi con
l'accordo di Tislit.

Con questo accordo i possedimenti della Prussia, nella Germania occidentale, andarono a formare
– insieme a una parte dello Hannover – il Regno di Vestfalia, mentre le province polacche occupate
tra il 1772-1795 formarono il Granducato di Varsavia, sotto la sovranità del re di Sassonia. Sia la
Sassonia, sia la Vestfalia entrarono a far parte della Confederazione del Reno, che comprendeva
ormai tutto il territorio tedesco a eccezione di quanto rimaneva della Prussia e dell'Impero
Austriaco. La Russia di Alessandro I oltre a cedere dei territori prometteva alla Francia di prestarle
aiuto contro l'Inghilterra.

La strategia della Grande Armata, che puntava sul movimento e sulla sorpresa, era un portato, più
che del genio militare di Napoleone – comunque importante – della Rivoluzione. La leva di massa
decreta nel 1793, il rinnovamento dei quadri e l'amalgama dei vecchi con i nuovi reggimenti
avevano, infatti, reso impraticabile lo schieramento di linea, che presupponeva un lungo
addestramento e una ferrea disciplina. Mentre l'entusiasmo rivoluzionario e la mentalità offensiva
dei giovani ufficiali e soldati aveva riportato in auge la formazione in colonna, che correva addosso
al nemico e cercava il combattimento all'arma bianca. Un altro elemento di cui tener conto è il
grande potenziale demografico della Francia, accresciuto dalle conquiste. Accanto ai reggimenti di
fanteria e di cavalleria vi erano i corpi d'élite e le armi tecniche.

Il blocco continentale, la guerra di Spagna e la quinta coalizione (381-382)

Dopo la pace di Tislit l'unica potenza ancora in guerra con l'Impero francese era la Gran Bretagna.
Napoleone aveva deciso di piegarne la resistenza con l'arma economica dichiarando nel 1806 lo
“stato di blocco”: era proibito ai sudditi dell'Impero ogni commercio con isole britanniche. Al
blocco aderirono anche Russia, Prussia, Spagna e Danimarca. Ma per essere veramente efficacie
sarebbe stato necessario applicare il blocco a tutte le coste europee e soprattutto alle colonie
oltreoceano, cosa che era impossibile da fare. Oltre contrabbando lo stesso Napoleone fu costretto
a concedere licenze di importazione per alcuni generi, come il cotone, essenziale per le industrie
francesi.

L'economia britannica resistette e venne soltanto in parte danneggiata. Poté nuovamente respirare
quando la penisola iberica insorse contro la Francia e quando i porti russi ritirarono il blocco.

Nel 1806 William Pitt era morto, ma si era subito ritrovato un nuovo campione per la guerra a
oltranza contro la Francia, Robert Stewart. Fallito nel 1807 il tentativo di invadere il Portogallo,
tradizionale alleato inglese, Napoleone riuscì ad impadronirsi della Spagna, spodestando Carlo IV
e proclamando re nel 1808 il fratello Giuseppe. Lo stesso mese però Madrid si sollevò contro la
presenza francese e l'insurrezione dilagò anche nelle province. Iniziò una spietata guerriglia
organizzata dalla nobiltà e dal clero, che faceva leva sul nazionalismo e sul sentimento religioso
degli spagnoli, offeso anche dal trattamento inflitto al pontefice. Nello stesso anno, infatti, truppe
francesi si erano impadronite dello Stato Pontificio, annesso successivamente all'Impero francese, e
Pio VII, che aveva osato scomunicare Napoleone, era stato imprigionato a Savona.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Nonostante gli sforzi francesi la guerriglia spagnola, sostenuta dall’Inghilterra, non si disarmò e
l'insorgenza iberica continuò a costituire una spina nel fianco del sistema continentale napoleonico.

L'Austria, ansiosa di vendicare l'oltraggio del trattato di Presburgo, nel 1809, forte di una nuova
alleanza con l'Inghilterra, invase la Baviera, alleata francese. Napoleone allora entrò nuovamente a
Vienna e impose una pace, pace di Vienna, molto dura secondo cui la Galizia settentrionale, la
Carinzia, la Carniola, Fiume e Trieste, insieme all'Istria e alla Dalmazia, separate del Regno di
Italia, sarebbero entrate a far parte dell'Impero francese come Province Illiriche.

Nel tentativo di ammorbidire il vincitore il nuovo cancelliere austriaco decise di offrire a


Napoleone la mano di Maria Luigia, figlia di Francesco I, dato il già deciso divorzio da Giuseppina.
Dal matrimonio nacque il tanto desiderato erede, Napoleone Francesco Carlo Giuseppe, che ebbe il
titolo di “re di Roma”.

Anche se a questo punto la potenza di Napoleone sembrava incontrastabile e destina più che mai a
proiettarsi nel futuro. In realtà le sue basi avevano già cominciato a sgretolarsi. La situazione
instabile in Spagna, l’implacabile ostilità inglese e la crescente freddezza della Russia si unirono
alla fine della pacificazione religiosa. Un po' dovunque si risvegliò il sentimento nazionale contro la
pretesa francese di dominare l'Europa e anche la stessa Francia cominciava ad essere stanca e
disaffezionata alla causa.

La società francese all’apogeo dell’Impero (382-384)

Con le annessioni del 1809-10 l'Impero francese raggiunse il suo massimo sviluppo. Esso
comprendeva 44 milioni di abitanti, senza contare gli Stati vassalli mentre la Francia propriamente
detta alla fine del periodo napoleonico ne contava circa 30.

Al vertice della società c’era la corte imperiale. Dopo la Legion d’onore venne creata una nuova
nobiltà imperiale nella quale entrarono di diritto ministri, senatori e vescovi accanto a non pochi
degli antichi nobili, alcuni individui di estrazione popolare e a una maggioranza borghese. Questi
elementi dovevano la loro ascesa sociale alla carriera militare. Al conferimento della nobiltà venne
strettamente legato il censo, cioè il possesso rendita. La proprietà fondiaria unità alla funzione
pubblica era il requisito fondamentale per far parte dell’èlite sociale, sia a livello nazionale che
locale.

Forte del consenso di questi notabili Napoleone continuò ad esercitare personalmente il potere. Il
Tribunato fu soppresso, il Corpo legislativo e il Senato divennero una cassa di risonanza della
volontà di Napoleone, che diede prova di una prodigiosa capacità di lavoro e di un’attenzione per
ogni dettaglio dell’amministrazione. I ministri divennero docili esecutori degli ordini
dell'imperatore e le personalità più forti vennero allontanate. Dai ministeri le direttevi del regime si
diramavano attraverso i prefetti e i sindaci.

Anche l'istruzione, la religione e la stampa divennero uno strumento asservito alla propaganda
imperiale, controllate direttamente da dipendenti dalla volontà napoleonica.

La popolarità di Napoleone, nonostante questi vari strumenti di controllo si stava comunque


incrinando, non solo per l'umiliazione religiosa percepita da molti cristiani, le cui coscienze

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
venivano turbate dal rifiuto di Pio VII di consacrare i vescovi di nuova nomina, ma anche dalla crisi
economica che attanagliò la Francia tra il 1810-1812.

Una depressione dell'industria tessile, legata alle difficoltà nel reperimento di materie prime, unita
e un cattivo raccolto fecero aumentare i prezzi agricoli, dunque dei generi di prima necessità e
portarono ad un aumento della disoccupazione e al deterioramento delle condizioni di vita delle
masse lavoratrici. Anche le finanze pubbliche versavano in una situazione critica, soprattutto al
venir meno delle indennità di guerra a carico dei nemici sconfitti, e il reclutamento continuò di
militari da inviare nella fornace spagnola e poi in quella Russa, del 1812, aumentavano
l'inquietudine

La riorganizzazione politico-territoriale della penisola italiana (384-387)

I Paesi Bassi, l'Italia, la Spagna, la Germania e la Polonia entrarono a far parte di un “sistema
continentale” che al tempo della sua massima espansione, 1810-1815, presentava: territori
direttamente annessi all'Impero francese, Stati separati della Francia ma sotto la sovranità di
Napoleone, e Stati vassalli affidati a membri della sua famiglia o sovrani amici.

Ovunque gli strumenti della conquista furono l’imposizione dei codici e delle strutture
amministrative centralizzate francesi, la subordinazione alla politica estera e agli interessi
economici della Francia, la coscrizione militare e i contributi finanziari.

In Italia erano presenti tutte e tre le situazioni:

• Il Regno d'Italia – nato dalle ceneri della Repubblica Italiana, a sua volta una trasformazione
della Repubblica Cisalpina, che oltre ad est era stata ampliata a ovest fino al Sesia – era
sotto la sovranità diretta di Napoleone, che ne cinse la corona nel 1805. Nonostante la
riduzione degli spazi di libertà ed autonomia, il Regno si distinse dalla Repubblica per una
più decisa opera di ammodernamento e razionalizzazione nei vari settori. Vennero creati
nuovi organi di governo e dato impulso all’istruzione elementare, fu ristrutturato il sistema
giudiziario e legislativo, con l’adozione del Codice Napoleonico e degli altri Codici francesi
e furono portate a compimenti grandi opere pubbliche. Milano venne assumendo il volto di
una grande capitale, sede di una burocrazia numerosa ed efficiente e di prestigiose
istituzioni culturali. Nel 1806 il Regno d'Italia venne ingrandito con l'aggregazione del
Veneto, dell'Istria e della Dalmazia e successivamente anche delle Marche. Ma nel 1809,
come compensazione alla perdita di territori ora facenti parte delle nuove Province Illiriche
– Istria e Dalmazia – gli venne aggiunto anche il Trentino e l'Alto Adige. L'agricoltura soffrì
in alcune regioni per la tassazione eccessiva e per la perdita degli sbocchi tradizionali, ma fu
stimolata dalla richiesta di viveri per l'esercito e vestiario per la Francia, che fece nascere un
certo spirito imprenditoriale. Gli altri settori produttivi presentarono invece ombre e luci.
Le condizioni di vita delle classi popolari non conobbero particolari mutamenti, leva. Nei
ceti medio-superiori l'età napoleonica accelerò da un lato l'integrazione delle vecchie
famiglie nobili e dei nuovi ricchi in un'unica classe di proprietari terrieri mentre dall’altro la
promozione di funzionari, professionisti e tecnici.
• Il Regno di Napoli era invece uno Stato vassallo della Francia, governato prima da Giuseppe
Bonaparte poi da un cognato, Gioacchino Murat. Qui l'incidenza della dominazione

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
napoleonica fu più forte a causa delle particolari condizioni di arretratezza di cui per molti
aspetti soffriva il Mezzogiorno italiano. Entrambi i sovrani, nonostante si fossero circondati
di ministri francesi, lasciarono ampio spazio agli esponenti della nobiltà napoletana più
illuminati. Venne mantenuta la tradizionale divisione del regno in dodici province, in
ognuna delle quali fu insediato un intendente. Nelle comunità il controllo
sull’amministrazione venne affidato a consigli formati da proprietari. Il nuovo sistema
favorì lo sviluppo dei centri provinciali, come Salerno e Bari. Anche nel Mezzogiorno
vennero introdotti gli ordinamenti giudiziari e finanziari francesi, furono messi in vendita i
beni nazionali, fu dato l’avvio a un nuovo catasto e soprattutto fu decretata la soppressione
della feudalità. A esse seguì l'opera di divisione dei demani feudali, che però non favorì
nella distribuzione dei terreni i contadini poveri bensì i benestanti locali, “galantuomini”. La
“questione demaniale” continuerà così ancora per lungo tempo ad avvelenare la vita delle
campagne meridionali. Alle tensioni sociali presenti nel mondo rurale e al persistere di
sentimenti legittimisti e sanfedisti era legato il fenomeno del brigantaggio, soprattutto in
Calabria, dove era incoraggiato dagli inglesi. Anche nel Mezzogiorno, come nel Regno
d'Italia, venne costituito un forte esercito nazionale. Proprio tra gli ufficiali dell'esercito e tra
i membri dell'amministrazione pubblica venne assumendo coscienza di sé una borghesia
provinciale che sarà spesso protagonista delle lotte risorgimentali insieme all'aristocrazia
illuminata.
• Tutte le altre province – Piemonte, ex Ducato di Parma, Piacenza, Liguria, Toscana e Stato
Pontificio, smembrato di Umbria e Lazio – entrarono in momenti diversi come “aggregati”
a far parte dell'Impero francese. Al di fuori del sistema napoleonico rimasero la Sicilia,
rifugio dei Borbone, e la Sardegna, dei Savoia.

L’Europa centro-settentrionale (387-390)

Le regioni dell'area tedesca che più avevano subito l'influenza francese erano quelle poste sulla riva
sinistra del Reno, già invase negli anni del Terrore. Sotto Napoleone tale influenza si andò
rapidamente estendendo anche ai territori della Germania centro-occidentale, producendo notevoli
cambiamenti.

Nel 1803 venne riorganizzato radicalmente l'assetto politico-territoriale dell'Impero germanico: i


principati ecclesiastici, le città libere, i piccoli feudi e molti piccoli Stati venero sottoposti alla
sovranità degli Stati territoriali più grandi. Il Sacro Romano Impero dopo 1000 anni di vita venne
disciolto nel 1806 e al uso posto venne istituita la Confederazione del Reno, un'associazione di 16
stati sotto la protezione di Napoleone, che ne dirigeva la politica estera e vi reclutava un esercito. In
seguito alla sconfitta della Prussia entrarono a far parte della Confederazione anche il nuovo Regno
di Sassonia e quello di Vestfalia.

In questa esperienza si può vedere un’origine del movimento liberale ottocentesco tedesco e un
contrappeso alle tendenze autoritarie prussiane.

Dopo il 1807 nell’area tedesca conservarono la propria indipendenza soltanto l'Impero Austriaco,
dove Francesco II aveva assunto il titolo di imperatore d'Austria come Francesco I e la Prussia.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Il primo si mantenne apparentemente fedele all’alleanza con la Francia, inviando persino un piccolo
corpo di spedizione in Russia con la Grande Armata. All’interno non vi furono sviluppi di rilievo in
senso riformatore.

La Prussia di Federico Guglielmo III dopo il disastro di Jena, 1806, fu, invece profondamente
riformata in senso “democratico”. Alla caduta di Napoleone, questa, si accingeva a porsi come
guida politica e morale dell'intera Germania.

Più effimera doveva rivelarsi la rinascita della Polonia nel nome di Granducato di Varsavia, anche
se l'impulso dato al sentimento nazionale polacco fu talmente potente, che ispirerà, nel 1831, la
rivolta contro il dominio russo.

L’enumerazione degli Stati vassalli della Francia deve essere completo con la ristabilita
Confederazione elvetica. Meno fortunata fu la Repubblica Batava, l'Olanda, la cui corona fu assunta
da un altro fratello di Napoleone, Luigi, rientrò nell'Impero francese, subendo gravi danni
economici marittimi dal “blocco continentale”.

Anche Danimarca e Svezia gravitavano, infine, nell'orbita politica della Francia.

Ma il “sistema continentale”, appena indebolito sul fianco occidentale dall’insorgenza spagnola,


dimostrerà tutta la sua fragilità non appena il mito dell'invincibilità del suo artefice e dominatore
s’infranse nella campagna russa.

Gli effetti che il dominio napoleonico al di fuori della Francia – dove venne riportato ordine e
stabilità – furono lo sconvolgimento delle gerarchie sociali, delle strutture politico-amministrative,
della mentalità e dei valori dominanti di una portata mai vista fino a quel momento. I principi di
uguaglianza giuridica, di riforma fiscale, di uniformità e razionalità delle leggi e degli ordinamenti
si affermarono pienamente, in alcuni Paesi, solo come conseguenza dell’invasione napoleonica,
anche se il terreno era stato in varia misura preparato dalle riforme settecentesche.

D’altra parte le violenze e le ingiustizie subite dai conquistatori, il pesante tributo di denaro e di
uomini da loro imposto, le conseguenze economiche dell’occupazione stimolarono la nascita di un
sentimento nazionale e di un bisogno di indipendenza che sono all'origine dei movimenti di
liberazione e di unificazione del XIX secolo.

Dalla campagna di Russia al crollo del “Grande Impero” (390-394)

Il giovane zar Alessandro I, 1801-1825, dimostrò nei primi anni del suo regno forti tendenze
riformatrici, che si manifestarono ancora più forti dopo il contatto con la Francia, in seguito alla
pace di Tilsit, e che rimasero però inattuate. Si ebbe invece, a partire dal 1809, una ripresa della
politica di espansione con prima, la conquista della Finlandia, strappata agli svedesi, e poi
l’annessione di Bessarabia, Georgia e Azerbaigian, strappate alla Turchia e alla Persia.

L'espansionismo russo, accanto alla ripresa dei contatti commerciali con l'Inghilterra, fu all'origine
del raffreddamento dei rapporti con Napoleone. L'episodio che tuttavia fece scoppiare le
controversie fu la firma, di Alessandro I, di un trattato di alleanza con la Svezia. Di fronte al
“tradimento”, che comprometteva il “blocco continentale” Napoleone ricorse alla guerra, 1812.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Venne preparato il più grande esercito mai reclutato, 700mila uomini da una 20ina di Paesi diversi,
ma ciò non fu sufficiente per fermare la strategia russa. Man mano che i francesi penetravano nel
territorio russo, le armate nemiche si ritiravano senza dare battaglia ma distruggendo i raccolti che
si lasciavano alle spalle, in modo da lasciare il nemico privo di rifornimenti. Gli eserciti si
incontrarono solo il 7 settembre e Napoleone nonostante le gravi perdite ebbe la meglio e riuscì ad
arrivare a Mosca, che però venne colpita da un grosso incendio. Qui i francesi persero molto tempo
aspettando messaggi da Alessandro.

Napoleone diede allora l'ordine di ritirata, cercando di piegare verso sud. Tuttavia la strada gli fu
sbarrata e fu costretto a ripercorrere quella dell'andata, devastata dai russi. Gli stenti ed i continui
attacchi trasformarono la ritirata in un calvario, mezzo milione di morti.

Napoleone tornato a Parigi ritrovò un'Europa in subbuglio. A inizio 1813 la Prussia strinse
un'alleanza con la Russia, sesta coalizione, a cui segretamente aderì anche l'Austria di Metternich,
e proclamò la “guerra di liberazione”.

Nella penisola iberica nel frattempo gli inglesi avevano ripreso l'offensiva occupando l'Andalusia,
Costituzione di Cadice. In Sicilia, sempre su iniziativa britannica, era stata esautorata la corte
borbonica e approvata una Carta costituzionale, che sanciva tra l’altro l'indipendenza dell'isola dal
Regno di Napoli.

L'arma ideologica usata in precedenza dalla Francia nei confronti delle monarchie d’Antico Regime
fu utilizzata questa volta dagli inglesi, che promettevano libertà e indipendenza ai popoli.

La battaglia decisiva contro la nuova coalizione, “la battaglia delle nazioni” si svolse a Lipsia nel
1813 e vide una pesante sconfitta di Napoleone, abbandonato anche dalla Germania, dalla Svizzera
e dall'Olanda che si sollevarono contro il suo dominio.

I francesi dovettero evacuare la Spagna, sotto gli attacchi inglesi, dove venne ristabilito il trono
borbonico mentre Gioacchino Murat trattava con l'Austria per mantenere il Regno di Napoli nelle
sue mani.

Alla fine del 1813 i tre eserciti alleati entrarono in Francia. Napoleone tentò invano di galvanizzare
l'esercito e la popolazione, che ormai esausta vedeva con favore la restaurazione dei Borbone. Nel
1814 Napoleone subì una decisiva sconfitta ad Arcis-sur-Aube e Parigi fu invasa. Il 3 aprile 1814 il
Senato proclamò la decadenza dell'imperatore e pochi giorni dopo Napoleone abdicò senza
condizioni a patto di avere la sovranità dell'isola d'Elba insieme a un lauto appannaggio.

Il senato invitò allora Luigi XVIII, fratello minore di Luigi XVI, a occupare il trono sulla base di
una Costituzione ispirata al modello inglese e al principio della sovranità popolare, ma Luigi ne
fece approvare una diversa e molto meno concessiva. I confini della Francia vennero riportati alla
situazione del 1789, con l'aggiunta della Savoia e di Avignone, mentre la stabilizzazione del nuovo
assetto europeo si rinviava a un Congresso internazionale da tenersi a Vienna.

In Italia il territorio del Regno di Italia, dopo il tentativo fallito del viceré Eugenio Beauharnais,
tornò in mano agli austriaci, mentre il Papa, i Savoia e il granduca di Toscana ripresero possesso dei
loro Stati. Per quanto riguarda il Regno di Napoli, la situazione rimaneva incerta.

Tuttavia l'avventura napoleonica non si era ancora conclusa: informato del diffuso malcontento in
Francia – causato dalla preferenza data negli impieghi e nei gradi militari ai nobili e ai

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
filoborbonici, della disoccupazione provocata fra gli operai dall’inondazione delle merci inglesi, de
timori di una restaurazione dei diritti feudali e di una rivendicazione da parte degli emigrati dei beni
alienati – Napoleone decise di abbandonare l'Elba e tornare in Francia. Accolto con entusiasmo egli
si preparò subito ad un nuovo scontro con le forze unite d'Europa, la settima coalizione. Il grosso
delle forze alleate si concentrò in Belgio, dove Napoleone sferrò il suo attacco, prima che
arrivassero i rinforzi russi e austriaci. Tuttavia a Waterloo il 18 giugno 1815 egli non riuscì ad
impedire la congiunzione degli eserciti inglese e prussiano e subì quindi una rovinosa disfatta.
Dopo cento giorni Luigi XVIII rientrò a Parigi e Napoleone abdicò nuovamente per essere poi
deportato dagli inglesi nell'isola di Sant'Elena.

Rimase soltanto Gioacchino Murat, timoroso di essere spodestato. Egli decise quindi di dichiarare
guerra all'Austria, esortando gli italiani a unirsi per conquistare l'unità nazionale, ma l'appello cadde
nel vuoto e con la convezione di Casalanza fu ristabilito nel Mezzogiorno il trono borbonico. Murat
venne catturato e ucciso.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
L'età della Restaurazione

Il Congresso di Vienna e la riorganizzazione dell'Europa (398-401)

Le potenze che avevano sconfitto Napoleone e abbattuto il suo Impero si trovarono di fronte al
gravoso compito di costruire, sulle macerie dell'Antico Regime, un ordine europeo che scoraggiasse
nuovi tentativi egemonici e nuove spinte rivoluzionarie e garantisse l'equilibrio e la conservazione.

I governi di Russia, Prussia, Austria e Inghilterra ebbero la saggezza di associare a questa impresa
la Francia, considerata essa stessa vittima dell'avventura napoleonica, grazie soprattutto all'abilità
diplomatica del ministro degli Esteri francese Tayllerand, re del camaleontismo, che era stato sia
protagonista dell'esperienza rivoluzionaria sia uomo chiave del regime napoleonico sia, ora,
negoziatore delle condizioni post-belliche. Egli riuscì a raggiungere un'ottima intesa con il ministro
austriaco e inglese, a riservare una sorte dignitosa alla Francia sconfitta e addirittura a influenzare le
decisioni che riguardavano l'equilibrio dell'Europa.

Le deliberazioni del Congresso di Vienna, che si aprì nel novembre del 1814, continuò nei “cento
giorni” e si concluse a ridosso della battaglia di Waterloo, furono il risultato degli accordi fra le
cinque potenze.

Il principio generale di legittimità, cioè del ritorno alla situazione anteriore alla Rivoluzione
francese, ebbe un'applicazione soltanto parziale e rispettosa degli interessi delle nazioni dominanti:

• La Francia venne riconsegnata alla monarchia borbonica e riportata alle frontiere del 1792,
conservando parte della Savoia e Avignone. Gli Stati posti ai suoi confini orientali furono
rafforzati in modo da costruire una barriera contro eventuali tendenze espansionistiche.
• Il Belgio ed Olanda vennero uniti nel il Regno dei Paesi Bassi, sotto gli Orange.
• Al Regno di Sardegna, dei Savoia, venne annesso il territorio della Repubblica di Genova.
• La Prussia ebbe il territorio del Regno di Vestfalia e quello della Baviera, ingrandita del
Palatinato, oltre il compito di difesa della riva sinistra del Reno.
• I 300 piccoli Stati della Germania vennero riorganizzati in 39 formazioni politiche, associate
nella Confederazione germanica, la cui presidenza fu assunta dall'imperatore d'Austria.
• La Norvegia venne unita alla Svezia e staccata dalla Danimarca.
• Il Regno di Polonia venne ricostituito e posto sotto la sovranità dello zar, che si annetteva la
Lituania, Bielorussia, Ucraina, e conservava la Bessarabia e la Finlandia.
• All'Austria, in compenso alla rinuncia del Belgio, veniva confermato il possesso di
Lombardia, Veneto, Istria, Dalmazia e Province Illiriche, oltre alle parentele con il
Granducato di Toscana, i Ducati di Modena e Parma e il diritto di tenere una guarnigione
militare a Ferrara, nello Stato pontificio.
• Una relativa indipendenza in Italia l’avevano solo lo Stato sabaudo e il Regno di Napoli che
venne unito alla Sicilia, nel Regno delle due Sicilie, Ferdinando I.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
• La Gran Bretagna ottenne i maggiori vantaggi in campo marittimo e coloniale: Gibilterra,
Minorca, Malta, le isole Ionie, Tobago, Santa Lucia, Colonia del Capo, Ceylon, Singapore e
l'India…
Per garantire l'ordine instaurato a Vienna e per dare alla politica una legittimazione morale e
religiosa lo zar Alessandro I si fece promotore di una Santa Alleanza, di cui entrarono a far parte la
Prussia, l'Austria e poi Francia, ma non la Gran Bretagna, che invece stipulò con la Russia, la
Prussia e l'Austria una Quadruplice Alleanza, il cui intento dichiarato era quello di vigilare contro
ogni attentato al nuovo assetto europeo.

Questo sistema, che effettivamente riuscì a dare all'Europa qualche decennio di pace, sacrificava
però le aspirazioni dei popoli alla libertà e all'indipendenza, ed entrava così in conflitto con le
potenti forze storiche suscitate dalle trasformazioni rivoluzionarie, come il liberalismo, il
socialismo e il nazionalismo.

Il clima ideologico e culturale della Restaurazione (401-403)

Gli anni della Restaurazione coincisero, sul piano intellettuale, con il trionfo e la diffusione europea
del romanticismo, sorte già alla fine del 1700, particolarmente in Germania e Inghilterra.

Sul terreno filosofico ed etico esse si contrappongono agli orientamenti sensistici, razionalistici e
utilitaristici propri dell’Illuminismo mentre in campo estetico hanno il loro avversario principale nel
classicismo.

Ovviamente le due correnti non possono essere intese nei termini di un’incompatibilità assoluta e
come nello stesso Illuminismo anche il Romanticismo è ben lungi da essere un movimento unitario
e coeso, e presenta anzi aspetti e tendenze divergenti non solo nazionalmente ma anche all’interno
di uno stesso Paese e di una stessa congiuntura storica.

Tra gli scrittori tedeschi troviamo sia corifei della Santa Alleanza, apologeti del principio di autorità
e del Medioevo cristiano, sia indagatori della cultura popolare e delle tradizioni nazionali come i
fratelli Grimm, sia infine spiriti rivoluzionari e democratici come il poeta Heinrich Heine.

D’altra parte in Inghilterra, con Byron e Shelley, e in Italia col gruppo “Conciliatore” il
Romanticismo assunse una predominante cultura liberale, e spesso col liberalismo era strettamente
connesso il costituzionalismo.

Sviluppo economico e questione sociale (403-406)

La crescita della popolazione europea, frenata negli anni successivi dal crollo del sistema
napoleonico e da una grave carestia, riprese a ritmo sostenuto a partire dal 1820. A metà secolo la
popolazione era quasi raddoppiata rispetto a un secolo prima nonostante la comparsa di nuovi
terribili virus, come il colera.

Il saldo positivo era dovuto nella maggior parte dei Paesi alla divaricazione tra gli indici di natalità
e quelli di mortalità, che invece cominciavano a scendere, a causa dei progressi nell'igiene e di un
limitato miglioramento del tenore di vita.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
L'aumento demografico fu accompagnato e sostenuto dall'espansione delle attività produttive. I
progressi furono più lenti e contrastati nell'agricoltura. Infatti solo a metà del secolo cominciarono
a diffondersi i fertilizzanti chimici, macchine agricole e altre tecniche per migliorare la produttività
dei terreni. Tuttavia vanno considerati gli effetti positivi che ebbero la soppressione dei diritti
feudali in tutti i Paesi entrati nella sfera napoleonica e l'emancipazione dalla servitù della gleba dei
contadini dell'Europa orientale.

In Gran Bretagna la Rivoluzione industriale entrò in una nuova fase con l'applicazione su larga
scala delle nuove tecniche di produzione del ferro. Anche la produzione di ghisa aumentò, mettendo
a disposizione il materiale per la costruzione di macchine, rotaie, ponti… Inoltre si diffusero
rapidamente le macchine a vapore. Nei trasporti si ebbero decisive innovazioni, i primi piroscafi e
l'espansione della rete ferroviaria.

Alla fine delle guerre napoleoniche la Gran Bretagna era veramente “l'officina del mondo” e il suo
primato rimase indiscusso fino al 1870 ca. Tra le nazioni europee che cercarono di recuperare il
tempo perduto nell'industrializzazione vi furono il Belgio, la Germania e la Francia. Anche questi
paesi cominciarono a conoscere, infatti, i fenomeni sociali che si accompagnavano alla crescita del
settore industriale: la migrazione di masse di lavoratori dalle campagne alle città, la formazione di
una classe operaia ridotta in condizioni di vita disumane, l'impiego massiccio di manodopera
minorile e femminile e il sorgere di tensioni e conflitti tra imprenditori e lavoratori. Le leghe
operaie, società di mutuo soccorso e cooperative di produzione e consumo, cominciarono a sorgere
anche al di qua della Manica.

L'accresciuto peso del settore industriale si riflette anche nell'evoluzione del pensiero economico,
dominato in Inghilterra dalle tendenze liberiste – David Ricardo e la “legge bronzea dei salari” – e
in Francia, dove la preoccupazione per la questione sociale era molto forte, “socialismo utopistico”.

La questione nazionale e i primi moti per la libertà e l'indipendenza (406-408)

Già nel Medioevo erano più o meno diffuse l'idea di popolo e nazione e in alcuni Paesi, come
Francia e Inghilterra, l'unità politica precocemente raggiunta aveva contribuito alla creazione di
questi concetti, con la sua lenta opera di uniformazione linguistica, giuridica e amministrativa.

Tuttavia anche in aree frazionate politicamente, come Italia e Germania, si può dire che esistesse
una nazione culturale, percepita soltanto dai ceti intellettuali. Perché lo sbocco unitario apparisse
uno scopo per cui lottare anche agli altri strati della popolazione era necessario che agissero in
profondità quelle forze storiche, quali l’idea della sovranità del popolo e l’aspirazione a una libertà
garantita dalla partecipazione dei cittadini al potere legislativo, portate della rivoluzione americana
e francese, ma anche le reazioni all’egemonia imposta dalla Grande Nazione napoleonica. Questi
fattori dovevano essere uniti alla valorizzazione delle tradizioni storiche dei popoli, allo lo studio
della lingua e dei monumenti letterari, del movimento romantico, e infine alla fine dell’isolamento
delle comunità locali.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)
Document shared on www.docsity.com
Downloaded by: nicho- (nicholas-loru@outlook.it)