Sei sulla pagina 1di 3

LA COSCIENZA DI CORPO CORRELATO E LA

DEMOCRAZIA

Nella vita sociale, ogni uomo è un corpo correlato; ognuno è allo stesso tempo

soggetto e oggetto: in altre parole, gli uomini sono esseri che hanno una duplice

posizione. Questo concetto può essere spiegato ricordando che gli esseri umani sono

corpi correlati.

Ad esempio, in una ditta, una persona può essere il soggetto nei confronti dei suoi

subordinati e, nello stesso tempo, in quella di oggetto verso i superiori. Anche chi si

trovasse nel ruolo più elevato possibile, rimane comunque nella posizione di oggetto

davanti a Dio. Perciò, gli uomini sono sempre nella posizione di corpo correlato. Il

contegno spirituale appropriato a un corpo correlato consiste nel mantenere sia la

coscienza d'oggetto che quella di soggetto: questa è appunto la coscienza di corpo

correlato.

Come abbiamo già chiarito, l'uomo sta dapprima nella posizione di oggetto e solo

successivamente in quella di soggetto: perciò, nella coscienza di corpo correlato, occorre

dare la precedenza alla coscienza d'oggetto, ed è su quest'ultima che deve fondarsi la

coscienza di soggetto.

D'altra parte, è tipico dell'uomo caduto, quando si trova ad essere soggetto,

dimenticare la coscienza d'oggetto e mettere davanti la coscienza di soggetto. I dittatori

sono il tipico esempio di questa situazione squilibrata: si considerano al di sopra di tutti e

agiscono senza prendere in considerazione altro che la propria volontà. All'opposto, nella

società originale, i capi devono essere sempre consapevoli della loro posizione di oggetto

di fronte a Dio - anche quando siano nella posizione più alta, immaginabile per un uomo -

e non devono mai dimenticare l'umiltà.

Consideriamo ora la posizione di corpo correlato nella democrazia. I principi

fondamentali della democrazia sono la libertà e l'eguaglianza, che si estrinseca nella

parità dei diritti.

Si tratta di principi basati sulla teoria della legge naturale, proposta da John Locke

(1632-1704). In contrasto con Thomas Hobbes (1588-1679), nella cui visione lo stato

naturale dell'umanità è bellum omnium contra omnes (guerra di tutti contro tutti), Locke

affermò che gli uomini sono liberi e uguali tra loro, poiché la legge naturale esiste nello

stato naturale. In quello stato, gli uomini hanno diritti naturali, quali i diritti alla vita, alla
libertà e alla proprietà. (10)

La teoria della parità dei diritti, basati sulla legge naturale, deriva dall'idea cristiana

dell'eguaglianza davanti a Dio, (11) cioè l'equiparazione di tutti come oggetti rispetto a Dio,

il soggetto. Così, la teoria dell'eguaglianza di tutti gli uomini è fondata originalmente sulla

coscienza d'oggetto e anche la democrazia ha il suo punto di partenza nella coscienza

d'oggetto.

Nell'era moderna, tuttavia, religione e politica hanno preso strade divergenti. Il

concetto di Dio è scomparso dal lessico politico e la nozione di eguaglianza, rimasta fine a

sé stessa, è stata trasformata da "eguaglianza di fronte a Dio" a "eguaglianza di fronte alla

legge". Dio, il soggetto, è stato escluso dalla vita politica e il popolo è stato elevato alla

posizione di soggetto. Il concetto di eguaglianza è stato inteso come parità tra gli uomini

Fondamenti del Pensiero dell’Unificazione 888

La Teoria della Natura Originale dell’Uomo

come soggetti e la coscienza d'oggetto è stata espunta dalla coscienza di corpo correlato,

nella quale ha invece prevalso la coscienza di soggetto.

Nella critica situazione della società odierna, la coscienza di soggetto si è fatta

troppo forte. Le persone tengono in minimo conto i diritti degli altri e, tutte intente ad

affermare in toni estremi i propri diritti, sono inevitabilmente in costante lotta tra loro. La

critica aperta, polemica e distruttiva dell'azione del governo è una pratica quotidiana, e la

società democratica è diventata molto confusa. Per ricondurre all'ordine la situazione,

spesso emergono dittatori che stabiliscono regimi oppressivi, specialmente nelle nazioni in

via di sviluppo. Come si può rimediare a questi problemi?

La democrazia, prima di dare adito a questo genere di confusione, aveva raggiunto

un apprezzabile sviluppo, almeno fin quando gli uomini, grazie allo spirito cristiano,

avevano mantenuto la loro coscienza d'oggetto verso Dio. Ma oggi la Cristianità ha

perduto il suo vigore. La gente ha smarrito la fede in Dio e, allo stesso tempo, ha perduto il

rispetto verso i superiori. È esplosa la contraddizione inerente alla democrazia, cioè il

conflitto tra soggetti, e si è prodotta una diffusa confusione sociale. Ad esempio, negli Stati

Uniti, una tipica nazione di democrazia avanzata, la società ha seri problemi, quali l'alto

tasso di criminalità, il degrado delle abitudini sessuali, l'aumento dei divorzi, la crisi della

famiglia, il traffico di sostanze stupefacenti e la loro assunzione, la diffusione del contagio

dell'AIDS, e così via. Da questo punto di vista, il mondo contemporaneo può essere
considerato un deserto spirituale.

La chiave per la soluzione di questi problemi sta nel recupero della coscienza

d'oggetto. Dobbiamo invitare Dio a ritornare in mezzo a noi e ritrovare lo spirito originale

da cui è nata la democrazia moderna, vale a dire l'idea che tutte le persone sono uguali

davanti a Dio. Il primo e più importante passo consiste nell'offrire prove razionali

dell'esistenza di Dio, che siano in grado di soddisfare l'uomo moderno. Dopo essere

tornate a rispettare Dio, le persone rispetteranno anche i propri superiori nella società.

Inoltre, coloro che ricoprono ruoli di responsabilità, devono imparare a guidare i loro

sottoposti con amore. I governanti devono amare il popolo e quest'ultimo deve essere

leale al governo. Quando l'attuale democrazia, che ha perduto Dio, tornerà ad essere una

democrazia centrata su Dio, i mali della società democratica del nostro tempo saranno

fondamentalmente risolti. Il Pensiero dell'Unificazione vede nella democrazia centrata su

Dio l'espressione della fratellanza umana, poiché in essa tutti gli esseri umani saranno

fratelli e sorelle amorevoli centrati sull'amore di Dio.