Sei sulla pagina 1di 348

Collana di Lingue antiche

del Vicino Oriente e del Mediterraneo


diretta da Franco D'Agostino

Franco D'Agostino, Maria Stella Cingolo,


Gabriella Spada, Salvatore Monaco
La lingua di Babilonia

Emanuele M. Ciampini
La lingua dell'antico Egitto

Franco D'Agostino, Gabriella Spada,


Angela Greco, Armando Bramanti
La lingua dei Sumeri

Rita Francia, Valerio Pisaniello


La lingua degli !ttiti
Franco D'Agostino Gabriella Spada
Angela Greco Armando Bramanti

La lingua
dei Sumeri
Collana di Lingue antiche
del Vicino Oriente e del Mediterraneo
diretta da Franco D'Agostino

EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO


Copyright© Ulrico Hoepli Editore S.p.A. 2019
via Hoepli 5, 20121 Milano (ltaly)
teL +39 02 864871 - fax +39 02· 8052886
email hoepli@hoepli.it

www.boepli.it

Tutti i diritti sono riservati a norma di legge


e a norma di convenzioni internazionali

Le fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/
fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall'art. 68, commi 4 e 5, della
legge 22 aprile 1941 n. 633.
Le fotocopie effettuate per finalità di carattere professionale, economico o commerciale, o comunque per
uso diverso da quello personale, possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata
da CLEARedi, Centro Licenze e Autorizzazioni per le Riproduzioni Editoriali,
Corso di Porta Romana 108, 20122 Milano, e-mail autorizzazioni@clearedi.org,
sito web www.clearedi.org.

ISBN 978-88-203-8073-1

Ristampa:
4 3 2 l o 2019 2020 2021 2022 2023

Realizzazione editoriale: Bold, Milano

Copertina: mncg S.r.L, Milano

Stampa: LegoDigit S.r.L, Lavis (Trento)

Printed in ltaly
Indice

Premessa

Il sume.dco: storia, lingua e fonetica


Abbreviazioni .......................................................................................................................................................................................................... 2

l I Sumeri: popolo, lingua e storia ................................................................................................................................. 3


1.1 La riscoperta dei Sumeri e della loro lingua nella cultura occidentale ....... 3
1.2 La denominazione autoctona di Sumer e della sua lingua ......................................... 5
1.3 La "Questione sumerica" ........................................................................................................................................... 6
1.4 Una crociata contro il sumerico ...................................................................................................................... 7
1.5 L elemento semitico della Mesopotamia antica e l'area linguistica
sumero-accadica ................................................................................................................................................................. 9
1.6 La morte della lingua sumerica ......................................................................................................................... 12
l. 7 Documentazione e periodizzazione della lingua sumerica
del III millennio a.C ................................................................................................................................................... 13
1.8 Muore il sumerico, viva il sumerico! ......................................................................................................... 18
1.9 Un misterioso dialetto letterario, l'eme-sal (ES) ................................................................. 20
1.1 O Caratteristiche tipo logiche della lingua sumerica ................................................................... 21

2 Grafia del sumerico .......................................................................................................................................................................... 26


2.1 Storia ed evoluzione della grafia cuneiforme sumerica .................................................... 26
2.2 Aspetti strutturali della scrittura cuneiforme sumerica: pitto-ideografia 27
2.3 Amplificazione semantica dei segni: i segni composti ...................................................... 28
2.4 Amplificazione grafica dei segni ...................................................................................................................... 29
2.5 La numerazione dei segni cuneiformi: omofoni non omografi .......................... 30
2.6 I segni determinativi o classificatori ........................................................................................................... 31
2.7 La complementazione fonetica e i fonogrammi ........................................................................ 33
2.8 Amplificazione fonetica dei segni .................................................................................................................. 34
2.9 Letture 'lunghe' o 'corte' dei segni e caduta della consonante
in fine di sillaba .................................................................................................................................................................. 35
2.10 Ortografia sumerica .......................................................................................................................................................... 37
2.11 La direzione della scrittura cuneiforme ................................................................................................. 38
2.12 Traslitterazione e trascrizione .............................................................................................................................. 38
Indice

3 Cenni sulla fonetica del sumerico .............................................................................................................................. 40


3.1 Aspetti generali ........................................................................................................................................................................ 40
3.2 I suoni consonantici del sumerico ................................................................................................................ 42
3.2.1 Le glottidali ................................................................................................................................................................ 44
3.2.2 L'alveolare affricata sorda aspirata (fltl) .............................................................................. 44
3.2.3 La semi-consonante (j) ................................................................................................................................. 45
3.2.4 La velare nasalizzata (g) ........................................................................................................................... 45
3.3 I suoni vocalici del sumerico ................................................................................................................................ 46
3.3.1 L'armonia vocalica nei testi arcaici ................................................................................................ 48
3.4 [accento ........................................................................................................................................................................................... 49

Grammatica

4 Morfologia del sostantivo ....................................................................................................................................................... 53


4.1 La divisione in due classi dei sostantivi sumerici ..................................................................... 53
4.2 Sostantivi primari e secondari ............................................................................................................................ 55
4.2.1 I sostantivi secondari ...................................................................................................................................... 55
4.3 Afformanti nominali ....................................................................................................................................................... 58
4.4 Formazioni nominali derivate ............................................................................................................................ 60
4.5 Formazioni nominali complesse ..................................................................................................................... 62
4.6 I nomi propri ............................................................................................................................................................................. 63
4. 7 La struttura della frase nominale .................................................................................................................... 64
4.8 Il suffisso *-ene e il plurale in sumerico ................................................................................................ 65
4.9 Il genitivo ........................................................................................................................................................................................ 68
4.10 La qualificazione ................................................................................................................................................................... 74
4.11 I casi ........................................................................................................................................................................................................ 79
4.11.1 Lèrgativo *-e e l'assolutivo *-f:J ..................................................................................................... 80
4.11.2 Il dativo *-ra ......................................................................................................................................................... 82
4.11.3 Il comitativo *-da ........................................................................................................................................... 84
4.11.4 Il terminativo *-ie3 .............. ............................................. _ ---------------·---------- 87
4.11.5 L'ablativo *-ta ..................................................................................................................................................... 90
4.11. 6 Illocativo *-a ....................................................................................................................................................... 92
4.11. 7 Il direttivo *-e ...................................................................................................................................................... 95
4.11. 8 Gli avverbi e il caso avverbiativo ............................................................................................... 97
4.12 La copula (frasi non verbali) ................................................................................................................................. 98
4.13 I pronomi ........................................................................................................................................................................................ 102
4.13.1 Pronomi indipendenti .............................................................................................................................. 102
4.13.2 Pronomi suffissi ................................................................................................................................................. 104
4.13.3 Pronomi e avverbi interrogativi ................................................................................................... 106
4.13. 4 Pronomi indefiniti ........................................................................................................................................ 107
4.13.5 Pronomi e aggettivi dimostrativi ................................................................................................. 108
4.13.6 Pronomi riflessivi ............................................................................................................................................ 109
Indice

4.14 I numerali ...................................................................................................................................................................................... 110


4.14.1 I numeri cardinali ......................................................................................................................................... 111
4.14.2 I numerali ordinali ...................................................................................................................................... 113
4.14.3 Misure di capacità e peso .................................................................................................................... 114

5 n verbo ................................................................................................................................................................................................................. 116


5 .l La struttura del verbo finito .................................................................................................................................. 116
5.2 Il verbo e la sua semantica ...................................................................................................................................... 118
5.2.1 La temporalità l aspettualità del verbo ................................................................................... 119
5.2.2 La pluralità verbale ....................................................................................................................................... 121
5.2.3 I verbi composti ..................................................................................................................................................... 123
5.3 I pronomi sintattici e la diatesi del verbo ...........................................................................................124
5.4 I prefissi dimensionali .................................................................................................................................................... 130
5.4.1 Il prefisso dimensionale del dativo (pos. 7.1} ................................................................ 132
5.4.2 Il prefisso dimensionale del comitativo (pos. 7.2) .................................................133
5.4.3 I prefissi dimensionali del terminativo e dell'ablativo (pos. 7.3) .......... 134
5.4.4 I prefissi dimensionali dellocativo (pos. 7.4) ............................................................... 136
5.4.5 La semantica dei prefissi dimensionali .................................................................................... 139
5.5 [oggetto obliquo e la frase causativa ........................................................................................................ 141
5.6 Il prefisso ba- e il passivo ........................................................................................................................................ 145
5.7 Il ventivo (cislocazione) ............................................................................................................................................... 148
5.8 I prefissi del verbo finito /i/, /al e /al/ ....................................................................................................150
5.9 La negazione e i prefissi modali (pos. l e 2) ..................................................................................153
5.9.1 Il prefisso di negazione lnul (pos. l} .......................................................................................... 154
5.9.2 Il prefisso prospettivo lui (pos. l) .................................................................................................... 156
5.9.3 Il prefisso /ha/ (pos. l) ................................................................................................................................... 157
5.9.4 Il prefisso /bara/ (pos. 2} ............................................................................................................................. 159
5.9.5 Il prefisso lna(n)l (pos. 2) ........................................................................................................................ 159
5.9. 6 Il prefisso !gal (pos. 2} ................................................................................................................................. 160
5.9. 7 I prefissi lna/, lnui/ e /si/ (pos. 2) ................................................................................................ 161
5.9.8 L'elemento coordinante *-nga (pos. 3) ...................................................................................... 163
5.10 [imperativo ................................................................................................................................................................................. 164
5.11 Le forme impersonali ..................................................................................................................................................... 165
5.11.1 Forma impersonale con suffisso *-f2J ........................................................................................ 166
5.11.2 Forma impersonale con suffisso *-a ......................................................................................... 167
5.11.3 Forma impersonale con suffisso *-ed .................................................................................... 168
5.11. 4 Le frasi relative con forme non finite ..................................................................................... 169
5.11.5 Forme impersonali con valore temporale (coniugazione
pronominale) ....................................................................................................................................................... 170

6 La sintassi e l'ordine del discorso ............................................................................................................................... 172


6.1 Sintassi della frase ................................................................................................................................................................ 172
6.2 Coordinazione e subordinazione .................................................................................................................... 172
Indice

6.3 La subordinazione mediante morfema verbale ........................................................................... 174


6.4 La subordinazione mediante congiunzioni ...................................................................................... 174
6.4.1 La congiunzione en-na ........................................................................................................................... 175
6.4.2 uq-da, tukum-bi elefrasi ipotetiche ................................................................................ 175
6.5 La subordinazione mediante nominalizzazione (pos. 12) .......................................... .177
6.5.1 Valori semantici della nominalizzazione con antecedente .............................. 178
6.5.2 Valori semantici della nominalizzazione senza antecedente .................... 178
6.6 Le frasi relative ......................................................................................................................................................................... 179
6.7 Le frasi temporali ................................................................................................................................................................. 180
6.8 Le frasi completive ............................................................................................................................................................. 181
6.9 Le frasi causali ........................................................................................................................................................................... 182
6.10 La frase complessa ............................................................................................................................................................... 183

Crestomazia

Abbreviazioni bibliografiche e convenzioni adottate nella ttaslitterazione ........... 187


Cr l Traduzione guidata di iscrizioni storiche .......................................................................................... 189
Cr la Iscrizione di Ur-Namma (UET l, 40) ········································-······································.189
Cr lb Iscrizione di Ur-Namma (UET l, 34) ................................................................................. 192
Cr le Iscrizione di Sulgi (UET l, 287) .................................................................................................. 193
Cr ld Iscrizione di Su-Sin (YOS l, 20) .................................................................................................. 195
Cr le Iscrizione di Gudea, Cartiglio Statua A .............................................................................. 198
Cr l f Iscrizione di Gudea, Statua H ..........................................................................................................200
Cr lg Iscrizione di Gudea, Statua B col. i. ·············································································-········.203
Cr lh La vittoria di Utu-hegal (11. 1-16) ............................................................................................... 206

Cr 2-3 Testi legali ...........................................................................................................................................................................................209

Cr 2 Le "Leggi di Ur-Namma'' ........................................................................................................................................... 21 O

Cr 3 Di-til-la ............................................................................................................................................................................................215
Cr 3a Contestazione per la vendita di una schiava .................................................................216
Cr 3b Lo schiavo fuggitivo è avvisato ........................................................................................................ 218
Cr 3c La casa è stata davvero venduta! .................................................................................................... 220
Cr 3d La schiava venduta due volte ............................................................................................................. 221
Cr 3e Schiavitù per la famiglia di un assassino ............................................................................ 223

Cr 4 Le letter-ortl.ers ........................................................................................................................................................................... 226


Cr 4a ..........................................................................................................................................................................................................227
Cr4b ..........................................................................................................................................................................................................228
Cr 4c ..........................................................................................................................................................................................................230
Cr 4d ..........................................................................................................................................................................................................231
Cr 4e .......................................................................................................................................................................................................... 232
Indice

Cr 5 Iscrizioni reali ............................................................................................................................................................................... 234


Cr 5a Enmetena: la disputa per il Gu'edena ................................................................................... 235
Cr 5b Amar-Suena: la costruzione del Dublamah ................................................................... 239

Cr 6-8 Testi Amministrativi ........................................................................................................................................................... 243

Cr 6 Prestiti ...................................................................................................................................................................................................... 246


Cr 6a Prestito con interesse ................................................................................................................................... 246
Cr 6b Promessa di pagamento di un prestito ...............................................................................249

Cr 7 Compravendita ........................................................................................................................................................................... 251


Cr 7a Compravendita di lavoratori ............................................................................................................ 252
Cr 7b Approvvigionamento .................................................................................................................................. 253
Cr 7c Compravendita di metallo .................................................................................................................. 255

Cr 8 Gestione di beni e lavoratori ............................................................................................................................... 256


Cr 8a Giuro che l'ho fatto .................................................................................................................................... 256
Cr 8b Lavoratori per il campo devastato dal temporale ................................................ 258
Cr 8c Lavoratori per il trasporto fluviale ..............................................................................................260
Cr 8d Lavoratori per l'approvvigionamento e il trasporto di canne ............. 262

Indice dei nomi .................................................................................................................................................................................................... 264


Immagini di testi presentati nella Crestomazia ..................................................................................................... 266

Sillabario e lista dei segni

Introduzione al sillabario e alla lista di segni ....................................................................................................... 276


Sillabario ...............................................................................................................................................:........................................................................ 278
Composti di tipo dir i ..................................................................................................................................................................... 289
Elenco alfabetico delle letture dei segni ...................................................................................................................291
Concordanze tra i nomi dei segni e la lista dei segni ............................................................................ 294
Lista dei segni .........................................................................................................................................................................................................299
Tabella riassuntiva delle forme base dei segni .................................................................................................316
Excursus. Come si studiava il su.merico nelle scuole di Babilonia? ..................................... 320
BibliograSa .................................................................................................................................................................................................................335
Glossario ......................................................................................................................................................................................................................... 336
Premessa

Descrivere in modo coerente la grammatica della lingua sumerica non è impresa da pi-
gliare a gabbo, per dirla con Dante, dal momento a tutt'oggi non esiste una descrizione
grammaticale del sumerico che sia unanimemente accettata dalla comunità scientifica,
e questo non solamente per quanto riguarda questioni di dettaglio (come è la norma in
ambito scientifico), ma anche su aspetti assolutamente sostanziali quali, per esempio,
la fonetica e la morfologia verbale.
Questo dato di fatto deriva da una serie di ragioni storiche, filologiche e linguistiche
peculiari legate alla specifica tradizione di questa lingua. In prima istanza, si tratta di
una tradizione linguistica che, rispetto al presente, ha il più lungo iato cronologico a
tutt'oggi noto tra le lingue tramandate storicamente (ancora parlate o meno): attestato
per la prima volta alla fine del N millennio a.C., prima fra tutte le lingue dell'uomo
a essere messa per iscritto, il sumerico scompare con ogni probabilità, come lingua
vernacolare, alla fine del III millennio a.C., se non addirittura prima; dalla sua morte,
quindi, ci separano oltre quattromila anni.
In seconda istanza, la nostra competenza sulla lingua sumerica deriva in modo essen-
ziale dal mondo babilonese che l'ha veicolata a noi, studiandola e rramandandola dopo
la sua morte, compilando vocabolari e copiandone testi letterari e religiosi e usandola,
almeno fino alla metà del II millennio a.C., nelle scuole e accademie, oltre che nei
rituali templari e nell'esorcistica; è spesso complesso, quindi, distinguere da un punto
di vista linguistico ciò che è genuinamente sumerico e quanto invece non sia dovuto
all'incomprensione o reinterpretazione semitica (ciò vale anche, e forse soprattutto, per
gli aspetti fonetici). Se si aggiunge che la grafia cuneiforme rende in modo assai im-
perfetto le peculiarità fonetiche e morfologiche della lingua, si comprende bene perché
offrire una descrizione fondata e coerente del sumerico risulti assai difficile.
Come abbiamo detto, non esiste a tutt'oggi una ricostruzione grammaticale su cui
tutti i sumerologi siano d'accordo, ed è stato affermato con ragione che esistono tante
grammatiche quanti sono i sumerologi (in altre parole, non esiste un testo di riferimen-
to che rappresenti un paradigma). Insomma, è evidente che la sfida di mettere ordine
nella complessa, articolata e lunghissima storia del sumerico necessita di scelte draco-
niane su cosa e come presentare, su quali periodi della lingua utilizzare per la ricostru-
zione grammaticale, e soprattutto impone al compilatore di trovare una linea condivisa
in un settore dove non esiste consenso. Va poi aggiunto che questa grammatica è la
prima a essere scritta in lingua italiana per un pubblico culturalmente interessato.
Da queste considerazioni derivano le linee-guida su cui questa grammatica è fondata.
Ai fini della ricostruzione grammaticale, innanzitutto, si è scelto di utilizzare essen-
zialmente la documentazione prodotta tra i periodi cosiddetti della Seconda Dinastia di
Lagaf e della Terza Dinastia di Ur (grosso modo 2140-2000 a.C.): la scelta è dovuta alla
grande varietà e quantità di testi noti per questo periodo (si contano circa 120.000 do-
cumenti di ogni natura editi a tutt'oggi per i circa centocinquant'anni coinvolti) e alla
stabilità formale che essi rappresentano (il minor grado di variabilità morfologica aiuta
a trovare una interpretazione dei fatti linguistici più lineare e coerente). Ovviamente,
quando necessario, si è attinto anche alla documentazione dei periodi precedenti o
seguenti per meglio chiarire qualche aspetto grammaticale.
In secondo luogo, per rendere ragione della differenza di opinioni su molti punti
della grammatica, si è cercato di presentare, per quanto possibile, ipotesi interpretative
e ricostruzioni morfo-sintattiche differenti rispetto a quelle introdotte in questa descri-
zione, al fine di rendere evidente quali siano gli aspetti su cui maggiormente si discute;
ciò ha comportato di dover citare di quando in quando bibliografia specialistica o ap-
profondimenti specifici in note dedicate, che a nostro modo di vedere possono rappre-
sentare un valido aiuto al lettore interessato per approfondire aspetti e interpretazioni
differenti dei fatti linguistici (questo approfondimento si trova anche nell'analisi ai testi
della crestomazia come ulteriore aiuto interpretativo). Alla fine del volume si raccolgo-
no in una bibliografia dedicata tutti i contributi utilizzati. Ovviamente, la bibliografia e
le note sono da considerare sempre solamente un'aggiunta alfilo logico del testo, che quindi
può essere fruito senza bisogno dell'informazione in nota o della conoscenza specifica
di un contributo citato. Le due grammatiche da cui abbiamo attinto maggiormente, e
che rappresentano, pur nelle loro molte differenze, un punto di riferimento, sono B.
Jagersma, A Descriptive Grammar of Sumerian, Leiden 20 l O, che è una sintesi molto
particolareggiata delle problematiche filologiche e linguistiche della tradizione sume-
rica, e G. Z6lyomi, An /ntroduction to the Grammar ofSumerian, Budapest 2017, un
punto di vista personale ma intelligente del funzionamento linguistico del sumerico.
Seguendo la linea ormai consolidata di questa serie dedicata alla descrizione delle
lingue antiche dell'area orientale e mediterranea, dopo una ampia introduzione storica
in cui si presenta la tradizione culturale e linguistica sumerica all'interno della tradizio-
ne orientale di cui fa parte e si descrive l'ambiente culturale europeo in cui la sua sco-
perta ha avuto luogo, si fa seguire la descrizione grammaticale vera e propria, corredata
di molti esempi; a questa sezione segue una lettura guidata di alcuni testi sumerici, a
difficoltà crescente, per mostrare al lettore come si "legge" grammaticalmente un testo
sumerico; questa crestomazia, ricca ed esaustiva, è corredata da una lista di segni nella
forma (ductus) relativa al periodo scelto per la descrizione grammaticale ed è accompa-
gnata da un glossario che traduce tutte le parole sumeriche utilizzate nella crestomazia
stessa.
Si è deciso di aggiungere un approfondimento sul modo in cui i Babilonesi studiava-
no il sumerico, perché proprio sul loro studio si basa, come abbiamo detto, gran parte
della nostra conoscenza della lingua; infine si trovano le copie cuneiformi di alcuni
testi presentati in crestomazia. È necessario sottolineare che la crestomazia è elemento
essenziale della descrizione grammaticale, poiché le lingue non più parlate possono
essere descritte solamente sulla base della documentazione scritta, e quindi la raccolta
dei testi commentati sia dal punto di vista del contenuto che da quello della lingua e
della grammatica intende mostrare il fondamento documentario su cui la descrizione
morfo-sintattica si poggia, sottolineandone nel caso, come si è accennato, anche gli
aspetti ancora poco chiari o non risolti.
[introduzione e la descrizione grammaticale sono opera di Franco D'Agostino, le parti
1-4 della Crestomazia, il Glossario e l'Excursus sullo studio del sumerico da parte dei
Babilonesi sono stati compilati da Gabriella Spada, che ha anche rivisto l'intero ma-
noscritto e ha partecipato a ogni fase della sua stesura; le parti 5-8 della Crestomazia e
l'indice dei nomi sono stati compilati da Angela Greco; la Lista dei segni alla fìne del
volume è stata composta da Armando Bramanti, così come il Sillabario e le immagini
per la Crestomazia. I segni all'interno della grammatica sono invece tratti da ORACC
(The Open Richly Annotated Cuneiform Corpus} al seguente indirizzo http://oracc.
org/doc/help/visitingoracc/fonts/index.html; si ringrazia per questo Stephen J. Tinney
(Deputy Director and Chief Curator, University of Pennsylvania Museum of Archae-
ology and Anthropology).
Il sumerico:
storia, lingua e fonetica
Abbreviazioni

ab l (caso) ablativo
. ass (caso) assolutivo

;
com (caso) comitativo
--- - ---- -

• cong. • congiunzione
.--- - ---- -- -- - - -

dat (caso) dativo


dir (caso) direttivo
_ equ · equativo
. erg (caso) ergativo
,-- - ----

' loc i (caso) locativo


·+----- --- ·- --
no m nominalizzazione
num . numerale
• pers. _ persona
-- - ----

. plur. plurale
, pr. -pronome
s. sostantivo
. sing. • singolare
ter (caso) terminativo
v. verbo
v. comp. · verbo composto
l I Sumeri: popolo, lingua e storia

1.1 La riscoperta dei Sumeri e della loro lingua nella


cultura occidentale
Nel libro della Genesi, cap. XI, l e sgg., là dove si narra della costruzione della Torre
di Babele e se ne fa il simbolo per la tradizione giudaica e poi cristiana della tracotanza
degli uomini, si legge:
Tutta la terra parlava la stessa lingua e utilizzava le stesse parole. Ed ecco che, viaggiando da est, gli
uomini giunsero a una terra nel paese di Shin'ar e vi si stabilirono. Poi si dissero tra di loro: «Suvvia,
cuociamo dei mattoni con il fuoco!», essi usavano infatti mattoni al posto delle pietre e bitume invece
di calce. Quindi dissero ancora: <<Suvvia, costruiamo una città e una rorre la cui cima possa giungere
sino al cielo e diamogli un nome per non essere dispersi sulla faccia di tutta la terra!»

È noto come la storia andò a finire: adirato per la loro superbia, Yahvè decise di confon-
dere le loro lingue e di disperderli per il mondo, facendo sl che la città da loro voluta
fosse detta Babel, nome maliziosamente interpretato dalla tradizione biblica come de-
rivante dalla radice *blbl, "confusione", e che in accadico, come era senza dubbio noto
al compilatore ebraico, significa invece "la Porta degli Dèi" (D'Agostino- Cingolo-
Spada 2016, pp. l sgg.).
La piana di Shin'ar, dove gli uomini si insediano e pongono le basi per la vita civile
organizzata, è stata giustamente interpretata come una corruzione del nome Sumerl
Sumer, denominazione con cui la Mesopotamia meridionale era chiamata all'inizio del
II millennio a.C. Si trattava appunto della terra dove argilla e bitume prendevano il
posto di pietra e calce, introvabili nella Terra tra i due Fiumi. Ma se anche è vero che
Shin'ar si può interpretare come una lettura corrotta ebraica di Sumer, e lo stesso può
dirsi dei termini egiziano Sngr e ittica Sanhar(a), indicanti appunto la Mesopotamia
meridionale, sicuramente gli scrittori biblici avevano perduto ogni cognizione di quello
che il termine significava storicamente e culturalmente: nessun accenno al popolo, alla
lingua o alla cultura dei Sumeri si trova nella tradizione giudaica e greco-romana, che
vedevano la Mesopotamia del sud solamente come la terra dei Babilonesi e dei Caldei:
il mondo sumerico era scomparso assai prima che queste due tradizioni iniziassero la
loro parabola nella storia del mondo.
Della popolazione dei Sumeri e della sua straordinaria fioritura storica, artistica,
religiosa e letteraria, durata oltre tre millenni, la cultura occidentale aveva perso ogni
conoscenza o ricordo fino alla sua riscoperta tra le vestigia scritte della civiltà assiro-
babilonese, alla metà del XIX secolo, grazie ai ritrovamenti negli scavi delle città meso-
l I Sumeri: popolo, lingua e storia

potamiche quali Assur, Ninive, Babilonia, Sippar, e soprattutto al lavoro entusiastico


dei filologi, che decifrarono la lingua babilonese e la scrittura cuneiforme che veico-
lava quella cultura e memoria. Tra quelle vestigia della tradizione semitica babilonese
e assira si nascondeva, infatti, la presenza oscura di un mondo più arcaico che ne era
alle fondamenta storiche e culturali, e prima ancora che si identificasse un nome per
definirli, l'esistenza di una lingua e di un popolo diversi dal babilonese, che fossero alla
base del sistema grafìco usato da questi ultimi, era stata presupposta dai decifratori della
lingua di Babilonia.
Il ragionamento per ipotizzare la realtà storica di questa lingua e cultura fu piutto-
sto semplice, in verità. Tra i segni cuneiformi con cui veniva scritto l' accadico, infatti,
una gran parte era rappresentata da ideogrammi, cioè da segni che indicavano da soli
una parola, come ka (4f::D, "bocca", o lugal ~),"re", e così via (per il valore ideo-
sillabico dei segni v. 2.2 e sgg.). In altre parole, il segno ka poteva essere utilizzato per
esprimere il lemma "bocca", in accadico pum, accanto alla grafia sillabica pu-u2 -um
(e lo scriba poteva utiliz~are indistintamente una delle due grafìe, anche nello stesso
testo). Il ragionamento dei decifratori era questo: chi aveva inventato il sistema grafìco
cuneiforme diceva ka per dire "bocca", quindi si poteva dedurre che non fossero stati
certo i Babilonesi, perché, se così fosse stato, essi avrebbero certamente dato al segno
un valore fonetico diverso, simile o vicino a quello con cui quella parola si esprimeva
nella loro lingua (in ogni caso, assai difficilmente avrebbero scelto la lettura ka, che in
accadico non ha alcun significato).
La conferma di questa supposizione si ebbe assai presto, grazie alla scoperta di testi
bilingui sumero-accadici nella Biblioteca di Assurbanipal e soprattutto perché inizia-
rono gli scavi delle più antiche città del meridione mesopotamico (v. anche 1.4). Tra
il 1880 e i primi due decenni del secolo XX, infatti, vennero scoperte le città della
Mesopotamia del sud dove la cultura sumerica si era andata formando, aveva scritto le
sue prime attestazioni alla fine del N millennio a.C., e dove aveva dato i suoi frutti let-
terari più maturi. Dagli scavi francesi, tedeschi, inglesi e americani effettuati in queste
città incominciarono ad arrivare, più o meno copiosamente, testi redatti nella nuova
lingua. Essenzialmente fu la città di Girsu (Telloh) che produsse un eccezionale numero
di testi scritti nella nuova e ignota lingua presupposta dalle iscrizioni babilonesi, cui se-
guirono le scoperte da altri centri sumerici (Ur, Adab, Umma ecc.), che confermarono
l'esistenza di un popolo e di una lingua più arcaica di quella babilonese e sulla quale i
Babilonesi (e gli Assiri poi) avevano fondato ed elaborato la propria tradizione scritta.
Purtroppo sin da subito i locali, che si erano resi conto della frenesia con cui gli occi-
dentali cercavano di appropriarsi degli oggetti antichi, prime fra tutti le tavolette incise
in caratteri cuneiformi, avevano iniziato a scavare clandestinamente i siti, depredandoli
dei manufatti più preziosi per venderli al mercato antiquario, fiorente allora come oggi.
Il caso più eclatante è forse rappresentato dalla città di Puzris-Dagan (oggi Drehem),
voluta dal sovrano Sulgi attorno alla metà del XXI secolo a.C. per amministrare gli
animali necessari al culto quotidiano e il tesoro reale, che fu depredata da scavatori
clandestini. Gli oltre 15.000 testi che ci sono pervenuti da questa città provengono
tutti dal mercato nero delle antichità. Questa attività, come è noto, oltre a privare ogni
oggetto del suo fondamentale contesto storico e archeologico, ha disperso in centinaia

4
1.2 La denominazione autoctona di Sumer e della sua lingua

di collezioni mondiali testi provenienti da una stessa città o addirittura da uno stesso
archivio, impedendo o rendendo assai complessa la ricostruzione storica, letteraria e
amministrativa del mondo antico vicino-orientale, sumerico in prima istanza.

1.2 La denominazione autoctona di Sumer


e della sua lingua
I termini "sumeri" e "sumerico" derivano da una denominazione geografica di origine
oscura che si ritrova nelle iscrizioni babilonesi del II millennio a.C., dove i sovrani della
cosiddetta Prima Dinastia babilonese (1750-1500 ca., Hammurapi in testa) definivano
se stessi tra l'altro come far Jumerim u akkadim, "re di Sumer e di Akkad". Questi ter-
mini babilonesi indicano i territori rispettivamente a sud e a nord della città di Nippur
la più sacra della tradizione sumero-accadica in quanto sede del tempio Ekur dove
risiedeva il dio Enlil, il capo del pantheon sumero-accadico. Il termine sumerico autoc-
tono per definire la propria lingua è eme-gir 15 1 (!lM,IU, anche traslitterato eme-gi 7 ;
nei testi si ritrova anche la grafia eme-gi), probabilmente da interpretare come "lingua
nobile", o "autoctonà', tradotta spesso toutcourtcome "lingua sumericà', mentre l'area
geografica è identificata nei testi dalla sequenza ki-en-gi/ gi 4 {v. anche 3.2.2), che si
contrappone a quella settentrionale chiamata ki-uri in sumerico e, come ricordato,
Akkad in babilonese. Va detto subito che il toponimo ki-en-gi, se di questo si tratta,
non è traducibile in modo affidabile e sono state offerte molte diverse ipotesi interpre-
tative dei segni coinvolti (v. Cooper 2011-2013, pp. 298-299).
Altro termine che si ritrova nei testi per indicare il paese di Sumer è kalam {~),
che si traduce in genere come "paese" ma che indica l'area della Mesopotamia meri-
dionale dove erano insediati i Sumeri, che indicavano così quindi il proprio paese. Ad
esso era contrapposto il termine k u r, con cui si indicava il "paese straniero" e che era
espresso mediante un segno cuneiforme composto da tre montagne stilizzate{~), realtà
ambientale assolutamente introvabile nel piatto alluvio sud-mesopotamico.
Quindi:
In sumerico In accadico
(terra di) Sumer , ki-en-gi< 4J Sumer{u) (Sumer)
kalam (.. kur) mdt fumeri (paese di Sumer)

(lingua di) Sumer eme ki-en-gi( 4 J-ra lifdn fumeri (lingua di Sumer)
, eme-gir 15 . fumern (sumerico)
--- 1--- ·---

(terra di) Akkad ki-uri (mdt) Akkad ([paese di] Akkad)

(lingua di) Akkad eme-uri (solo lessicale) akkadù (accadico, lingua o persona)
--- --------- -·---- -- ---'----
Schema ripreso, con modificazioni, da Rubio 2016, p. 237, fig. 2.

l Per il significato della numerazione in pedice dei segni cuneiformi si veda 2.5; gi r 15 si legge semplice-
mente: "gir quindici" (con lettura non palatale della/~, come nell'italiano stanga, per cui v. 3.2).

5
l I Sumeri: popolo, lingua e storia

1.3 La "Questione sumericà'


Una volta confermata l'esistenza della lingua, sorse il problema di determinare filiazio-
ne linguistica del sumerico e l'origine dei Sumeri come popolo, problema noto nella
storiografìa antico-orientale come "Questione sumericà'. La prima proposta per dare
un background storico ai Sumeri fu quella di considerarli "Turanici", e "turanicà' fu
definita la lingua: si tratta di un etnonimo di origine iranica, attestato nella tradizione
dell'Avesta e nello Shahndme (Il Libro dei Re) di Ferdousi (940-1020 d.C.), con cui ve-
niva indicata un'area, e le relative lingue e popolazioni, che si trovava orientativamente
a est del Mar Caspio e in Asia Centrale, area da cui si pensava provenissero i Sumeri.
I..:idea che essi appartenessero al gruppo di popolazioni e lingue turanico (detto anche
sciitico) era dovuto al fatto che la struttura linguistica del sumerico è in parte simile a
quella delle lingue turche dei popoli che in epoca storica abitarono questa area (v. 1.1 O),
anche se certamente non imparentato con queste; in realtà la denominazione di Turdn
è più arcaica e sembra non avere nulla a che fare con le popolazioni turche di epoca
seguente (per di più esso è stato usato in periodi differenti per indicare popoli assai
diversi tra loro). Per la cronaca, l'assiriologo franco-tedesco Jules Oppert, che nel1855
aveva proposto la denominazione di "turanica" per la lingua pre-babilonese, nel 1869
fu il primo a denominarla correttamente "sumericà' (basandosi proprio sulle iscrizioni
bilingui e sull'opposizione geografica, che in esse si ritrova, tra Sumer e Akkad).
Nel tempo il sumerico è stato messo in relazione con una serie molto ampia di lingue
e famiglie linguistiche senza che si sia mai riusciti a dimostrare scientificamente una
filiazione, o anche solo relazione indiretta, tra sumerico e lingue di riferimento. L un-
gherese e il ramo ugro-finnico, il basco, le lingue turco-mongoliche e la famiglia uralo-
altaica, le lingue dravidiche dell'India meridionale, le lingue kartveliche del Caucaso,
addirittura il cinese e la lingua navajo e altre ancora sono state chiamate in causa per
essere in vario modo affini al sumerico, ma nessuna comparazione ha retto al vaglio del-
la rigorosa analisi scientifica: il sumerico resta, salvo nuove scoperte future, una lingua
"isolatà', cioè una lingua che figura da sola come l'ultima rappresentante dell'intera fa-
miglia linguistica cui apparteneva e che con essa si è estinta. A questo proposito, è bene
sottolineare che altre lingue dell'Asia sud-occidentale si trovano nella stessa situazio-
ne storico-documentaria del sumerico e rappresentano quindi da sole l'intero gruppo
cui dovevano appartenere originariamente, benché nessuna di esse possieda nemmeno
lontanamente la profondità cronologica e la ricchezza documentaria del sumerico; tra
queste l' elamita (Iran}, il hurrita e l'urarteo (Iraq settentrionale, Siria, Anatolia fino
all'Armenia}, il (proto)-hattico (Anatolia) e altre ancora.
Bisogna sottolineare, però, come la lontananza della lingua sumerica dalla realtà
linguistica attuale di quell'area, dalla quale la separa l'alternarsi di almeno tre gradi
linguistici (sumerico ----. l. accadico ----. 2. aramaico ----. 3. arabo, senza mettere in
conto le lingue minoritarie parlate nell'area quali, per esempio, il persiano), rende mol-
to improbabile che si sarà mai in grado di identificare relazioni di parentela certe con
altre lingue.
Ancora più complessa, e a tutt'oggi allo stesso modo irrisolvibile, è ovviamente la
questione del luogo di provenienza e della eventuale etnia di afferenza dei Sumeri. La

6
l. 4 Una crociata contro il sumerico

mancanza completa di qualsiasi appiglio documentario e archeologico rende assoluta-


mente evanescente qualunque ipotesi proposta sino ad oggi (come per esempio l'India
meridionale o l'Asia Centrale), ipotesi fondate essenzialmente sugli aspetti linguistici
o su ambigui accenni geografici presenti nei testi della tradizione letteraria (essenzial-
mente mitologica e cosmogonica). Nella attuale storiografia sul mondo mesopotamico
arcaico, la questione sumerica non è più considerata condizione storica significativa,
essendo oggi chiaro che la civiltà che si è espressa in cuneiforme a partire dalla fine del
N millennio ci si presenta come un'unità culturale, religiosa e linguistica alla cui defi-
nizione hanno contribuito diversi elementi etnico-linguistici (sumeri e semiti in prima
istanza, v. 1.5; sulla questione v. anche Cooper 2011-2013, pp. 299 sgg.).

1.4 Una crociata contro il sumerico


Ma, in modo del tutto inaspettato, l'esistenza dei Sumeri e del sumerico non fu accet-
tata da tutta la comunità scientifica che durante il XIX secolo sempre più numerosa si
andava occupando dei reperti epigrafici provenienti dalla Mesopotamia. Lidentifica-
zione di un nuovo popolo e di una nuova lingua furono osteggiate e negate da uno dei
più colti orientalisti della sua epoca. Joseph Halévy (1827-1917), ebreo francese di ori-
gini ottomane, negò per tutta la vita l'esistenza del sumerico, affermando che in realtà
i testi che si ritenevano scritti in questa lingua, altro non erano che un modo diverso
(allografia) di scrivere la lingua accadica, con valenza religiosa ed esoterica (ierografica o
criptografica). Lidea, per stramba che possa apparire sulla base delle nostre conoscenze
attuali, si fondava sulla constatazione che in realtà i segni pitto-logografici mesopotami-
ci, oltre ad avere valori "sumerici" (v. 2.1 e sgg.), possedevano allo stesso tempo anche
valori "comprensibili" all'interno del lessico accadico; per esempio, il segno l ugal, "re",
aveva anche il valore lsarl, la cui lettura si poteva giustificare facilmente con il termine
farru, appunto "re" in accadico; ancora, il segno ka, "bocca" in sumerico, aveva anche il
valore lpii, che richiamava il termine pu, che è appunto la parola accadica per "bocca",
e così per molti altri segni. Quindi, ciò che appariva come sumerico, altro non era che
una modo ieratico di scrivere lo stesso testo, benché fosse certo strano che i Babilonesi
prima scrivessero un testo perché fosse comprensibile, e poi lo criptassero, per così dire,
per gli iniziati o per motivi religiosi, come succedeva per esempio con le iscrizioni bi-
lingui in cui lo stesso testo veniva scritto su due colonne parallele o in sequenza prima
in babilonese e poi, nell'ottica dell'Halévy, in modo "cifrato".
In realtà, la caratteristica che aveva fuorviato il giudizio dell'Halévy non ha a che fare
con l'esistenza o meno del sumerico, come aveva ritenuto lo studioso franco-turco, ma
con il modo di appropriazione della scrittura sumerica da parte dei Babilonesi stessi.
Il sillabario accadico, sulla base della modalità che ha portato all'invenzione sumerica
della scrittura (v. 2.1 e sgg.), è costituito infatti da valori fonetici che possiamo distin-
guere in tre gruppi:
l. il primo deriva da parole sumeriche monosillabiche, i cui simboli vengono svuotati
del loro valore ideografico per mantenere il semplice valore fonetico (per es. il segno

7
l I Sumeri: popolo, lingua e storia

an, "cielo", in accadico è usato per esprimere la sillaba an in parole come an-nu-u2 ,
annu, "questo") - questo accorgimento è utilizzato già nella grafia dei testi sumerici;
2. il secondo gruppo è composto da valori di origine accadica, rappresentati mediante
i corrispondenti segni grafici sumerici attraverso il processo di "fonetizzazione" (per
es. il segno bad, accadico petU "aprire", dà origine al valore sillabico pit del segno
bad, derivato dal termine sumerico); di converso, ed è la caratteristica su cui si
basava essenzialmente il ragionamento di Halévy, ai segni sumerici può essere ag-
giunta una lettura a questi originariamente ignota, che deriva dalla parola accadica
corrispettiva, per cui per esempio il segno sag, "testa", ha valore anche reflrif, deri-
vato dalla parola accadica corrispondente per esprimere lo stesso significato, nel caso
specifico refu;
3. infine, dai primi due gruppi si costituisce il terzo, molto numeroso, che raggruppa
valori sillabici con variazioni fonetiche (per es. da bad derivano bat, pad, pat, ecc.,
mentre dal suo valore pit derivano bit, mid, mit, ecc.).
Insomma, per dirla in altre parole, i valori accadici dei segni sumerici erano secondari e
derivati dall'utilizzo presso la cultura babilonese della grafia inventata dai Sumeri (pun-
to 2), e non certo l'indizio di una derivazione di quest'ultima dall'ambito linguistico
babilonese.
In realtà, c'è una ragione politica, se non certo scientifica, per comprendere la pervi-
cacia con cui Joseph Halévy, studioso di eccezionale valore, si accanì contro l'esistenza
del sumerico, e la si può apprezzare valutando il clima culturale e politico dell'Europa
franco-tedesca nella seconda metà del XIX secolo: affermare l'esistenza del sumerico,
infatti, significava affermare, da parte di molti intellettuali, che la Babilonia e l'Assiria,
straordinarie culture semitiche, non erano padrone della propria grandezza, ma dipen-
devano da una realtà altra (che alcuni avevano addirittura presupposto ariana) che le
aveva ispirate e guidate. Dello stesso periodo, solo per fare un ulteriore esempio, è la
concezione di un "Gesù ariano", in cui si sviluppa, proprio da parte dell'Orientalistica
germanica, l'idea di un antigiudaismo teologico, dove si utilizza la tradizione mitolo-
gica babilonese, che chiaramente è alla base dell'elaborazione teologico-ideologica dei
capitoli l-XI della Genesi, contro la Bibbia stessa, così come l'idea di un Panbabiloni-
smo, che sottolinea la dipendenza di tutta la tradizione ebraica da Babilonia e Assiria
(sul rapporto tra cultura europea e scoperta, o invenzione, del mondo orientale pre-
classico si veda D'Agostino 2017, pp. 27 sgg.). Per meglio comprendere quale fosse il
clima ideologico in cui si dibatteva la Francia, o meglio l'Europa continentale nel suo
complesso, nella seconda metà del XIX secolo, si può richiamare il famosissimo Affaire
Dreyfus, che si dipanò tra il 1894 e il 1906, radicalizzando la società francese attorno
alle accuse di tradimento, rivelatesi poi assolutamente infondate, contro il capitano
di origine ebrea Alfred Dreyfus, e dividendo l'opinione pubblica francese ed europea
dell'epoca tra innocentisti (rappresentati tra gli altri da É. Zola, che il 13 gennaio del
1898 nella prima pagina del giornale L'Aurore pubblicò il suo famosissimo ]'accuse... ) e
colpevolisti, questi ultimi in larga maggioranza ultra-cattolici e antisemiti.

8
1.5 L'elemento semitico della Mesopotamia antica e l'area linguistica sumero-accadica

La crociata di Joseph Halévy contro il sumerico, insomma, si inserisce in questo con-


testo storico e culturale, nel quale, dietro l'esaltazione di Babilonia e la difesa dell'esi-
stenza del sumerico, si intravede la follia dell'antisemitismo, l'ombra funesta dei campi
di concentramento e la tragedia epocale della Seconda guerra mondiale.

1.5 L elemento semitico della Mesopotamia antica


e l'area linguistica sumero-accadica
La ricerca di un'origine del popolo sumerico, della sua lingua così come della sua spe-
cifica tradizione e precisa identificazione geografica originaria, rispondeva, come si è
visto, a una esigenza ideologica della cultura europea alla seconda metà del XIX secolo.
Il concetto di "Volk" (''popolo" in tedesco), come si era andato sviluppando nella tra-
dizione filosofica romantica dell'Europa centrale dove l'Assiriologia aveva trovato il più
largo seguito, prevedeva che esso fosse identificato da una lingua, una tradizione cultu-
rale e religiosa e un ambito geografico preciso (in modo più diretto, da chiari confini};
il corollario a questa considerazione era che due popoli a contatto, nel caso specifico i
Sumeri e i Semiti, dovessero necessariamente scontrarsi per proteggere la propria tradi-
zione identitaria e determinare l'inevitabile {nell'ottica romantica) supremazia dell'uno
sull'altro nei tre ambiti considerati, avendo in mente che ogni Volk tende a perpetuare
e difendere le sue specificità contro quelle di tutti gli altri popoli con cui interagisce, da
cui sente sempre minacciata la propria identità. Oggi è chiaro che questo assioma non
risponde affatto alla situazione dei rapporti imer-etnici del mondo antico {sia orientali
che occidentali}, mentre identifica perfettamente il clima culturale dell'Europa durante
la formazione degli stati nazionali {Germania e Italia in prima istanza) e, purtroppo,
largamente ancora oggi: il concetto di "razzà', e ancora meno quello di "superiorità et-
nica", non è mai stato parte del bagaglio ideologico e culturale dell'antichità, a maggior
ragione nella tradizione mesopotamica già multietnica alle sue origini, essendo queste
concezioni, ribadiamo, nate dalla spinta della nascita delle nazioni europee e della loro
fondazione necessariamente identitaria in epoca romantica.
In realtà, da un punto di vista storico si può affermare che sia successo esattamente
il contrario: la documentazione mesopotamica, archeologica ed epigrafica, ci mostra
una tradizione comune che si è andata formando, sia dal punto di vista del sincretismo
religioso che dell'ideologia politica, per non parlare della cultura materiale, su una in-
terazione tra (almeno) due popoli che è possibile far risalire a un'epoca molto arcaica.
Sulla base delle risultanze archeologiche, infatti, non è possibile determinare un perio-
do preciso in cui i Sumeri siano entrati in Mesopotamia; è stato proposto, a ragione,
come questa situazione possa indicare che il sumerico, oltre a essere una lingua isolata
{v. 1.2}, sia una lingua che si trovasse già nell'area al momento della diffusione dell'ele-
mento semitico, e che sia quindi da considerarsi autoctona {come il basco e l'ungherese
in Europa prima dell'arrivo degli Indo-Europei). Aggiungiamo che a sua volta l'ele-
mento semitico, definito accadico nella Mesopotamia meridionale del III millennio

9
l I Sumeri: popolo, lingua e storia

a.C., doveva essere rappresentato da più lingue differenti, come dimostra per esempio
la scoperta dell'archivio di Ebla in Siria.
Per tornare alla situazione culturale della Mesopotamia, le concezioni mitologiche e
le figure divine possono essere espresse sia in sumerico che in assiro-babilonese, ma la
visione religiosa che le permea è fondamentalmente la stessa, nonostante la lunga tradi-
zione scritta e benché gli Assiri nel I millennio a.C. abbiano sviluppato un peculiare e
specifico intendimento religioso. Fu proprio la scrittura a determinare l'unità di questa
tradizione, racchiudendo in sé lo scibile scientifico, religioso e culturale di un flusso
storico arricchito da continue interazioni, che ebbero nel connubio Sumeri/Semiti il
loro punto focale, mantenuto, riprodotto e talvolta incrementato da tutti i popoli che
ebbero il potere sulla Mesopotamia. Da queste considerazioni si evince l'importanza
che, a partire almeno dalla metà del III millennio a.C., la tradizione mesopotamica ha
attribuito alla figura dello scriba, che è il consapevole guardiano di quella tradizione,
come si legge all'inizio del Poema di Gilgamef, tav. I, 24-28:
[Prendi] la scatola di legno di cedro,
[dissigilla] il suo chiavistello di bronro,
[apri] il coperchio dei suoi segreti,
[solleva] la tavoletta di lapislazzuli e leggi
[tut] te le tribolazioni che Gilgame5 ha dovuto subire!

Lo scriba detiene la chiave dello scrigno che nasconde i segreti della tradizione mesopo-
tamica e rappresenta colui che la incarna e la tramanda. Ma un aiuto per tramandare la
sua cultura è rappresentato proprio dal materiale scrittorio da lui usato: l'argilla con cui
vengono confezionate le tavolette, una volta cotta nel forno o al sole della Babilonia,
diviene pressoché indistruttibile e una gran parte del lavoro degli scribi mesopotamici
è così giunto sino a noi. In effetti, abbiamo più informazioni sulla Mesopotamia me-
ridionale del III millennio a.C. che su molti periodi del medioevo europeo! Non solo,
in lingua sumerica (ma anche babilonese, assira, elamita, ittita, hurrita, urartea, caldea
ecc.) e in grafia cuneiforme si sono mantenute su tavolette di argilla informazioni di cui
la società stessa che le aveva prodotte non intendeva tramandare la memoria, proprio
perché, una volta incise, solo lo scioglimento nell'acqua avrebbe potuto distruggerle.
Dire questo, significa dire che un assiriologo, cioè il filologo esperto della tradizione
mesopotamica che si espresse in cuneiforme, ha la possibilità di descrivere la storia anti-
ca avendo a disposizione una quantità enorme di informazioni e potendo, per così dire,
guardare a quegli eventi e situazioni come da dietro le quinte, sollevando il velo della
storia a osservare situazioni quotidiane e contingenti, private e a volte intime e casuali,
riducendo lo iato temporale e culturale che ci separa da quel mondo.
Il connubio linguistico tra sumerico e lingua semitica, infine, è talmente stretto
sin dalle prime attestazioni della cultura scritta della Mesopotamia, da essere spesso
definito col termine tecnico tedesco di Sprachbund (''legame linguistico"), che indica
un'unità linguistica in cui è spesso difficile identificare gli apporti e le influenze recipro-
che delle singole lingue coinvolte. La scoperta alla fine degli anni '60 del secolo scorso
nel sito di Abu Salabikh (il cui nome antico non è ancora certo) di qualche centinaio
di testi letterari e lessicali in sumerico risalenti al 2600 a.C., nei quali oltre il 60% dei
nomi degli scribi era di origine semitica, ha dato la prova della compresenza ai più alti

lO
1.5 L'elemento semitico della Mesopotamia antica e l'area linguistica sumero-accadica

livelli culturali della società mesopotamica meridionale più arcaica di una popolazione
etnicamente differenziata, che si identificava però unitariamente nella tradizione cu-
neiforme in lingua sumerica (vale ricordare che i primi testi mesopotamici in accadico
sono di circa 150 anni più tardi).
Da un punto di vista lessicale, sembra possibile identificare una serie di imprestiti
accadici in sumerico, da distribuire cronologicamente secondo il seguente schema sem-
plificato, sulla base della forma che acquisiscono:
l. la parola è introdotta nel lessico sumerico privata di ogni terminazione; es. har-ra-
an (ace. harrdnu), "strada, viaggio commerciale"; silim (ace. sdlimu), "intatto, sano"
- si tratta del livello più arcaico di imprestito;
2. la parola entra in surnerico con la terminazione *-a, che riflette una forma morfolo-
gica tipica della lingua sumèrica (v. 4.5); es. dam-ha-ra (ace. tamhdru), "battaglia,
guerrà'; ugula (ace. wdkilu, waklu), "controllore"- tipologia attestata dalla seconda
metà del III millennio a. C.;
3. la parola entra in sumerico nella forma morfologica del nominativo; es. z i- k u-
um/ -kum (ace. sikku), "stazione di sosta per i messaggeri"; ni-is-ku-um/ -kum
(ace. nisqu), "tipo di equide"- tipo di imprestito attestato dalla fine del III millennio
a.C.
Infine, per mostrare quanto sia profonda cronologicamente l'interconnessione tra su-
meri e semiti in Mesopotamia, si può citare il termine accadico bim:tru (*birl$itru),
"organo genitale femminile", entrato in sumerico con il medesimo significato come
*penzer (pe-en-ze 2 -er), ma poi re-introdotto in accadico come blpunzirru, ma sta-
volta con il senso di "ragnatela, luogo di caccià' (il termine è usato in testi specialistici
di medicina). In altre parole, gli stessi creatori e fruitori della cultura mesopotamica
non avevano più la capacità di distinguere, all'interno della tradizione comune, cosa
appartenesse culturalmente e linguisticamente a chi. Né sembra un tale problema abbia
mai destato il loro interesse.
In conclusione, sembra di poter affermare che la compagine etnica della Mesopota-
mia meridionale fosse assai più complessa e variegata di come appare dalla documenta-
zione, visto che il lessico sumerico- apparentemente- presenta influenze che possono
essere riportate a differenti tradizioni linguistiche, non solo semitiche.
Purtroppo la nostra conoscenza della lingua sumerica, specialmente dei periodi più
arcaici, è troppo imperfetta per poter proporre con sicurezza qualsiasi ipotesi (per cui si
veda in generale Rubio 1999, dove si sottolinea giustamente la molteplicità di influssi
linguistici che non possono essere chiaramente ricollegati a una sola lingua o tradizione).

11
l I Sumeri: popolo, lingua e storia

1.6 La morte della lingua sumerica


Le realtà culturali, a differenza degli organismi biologici, raramente scompaiono all'im-
provviso, e la morte della lingua sumerica non fa ovviamente eccezione a questa rego-
la; quindi è impossibile determinare con assoluta certezza una data, o anche solo un
periodo, che abbia visto la scomparsa della lingua sumerica come lingua parlata. Sulla
base del passo seguente (e di altri paralleli) è stato proposto che il sumerico come lingua
viva fosse già fortemente ridimensionato, quanto a numero di parlanti madrelingua,
durante l'ultimo secolo del III millennio a.C., il periodo della cosiddetta Terza Dinastia
di Ur (2110-2003 a.C.); il sovrano Sulgi (2092-2045 a.C.), in un suo inno di autoesal-
tazione, scrive infatti (Inno B, Il. 206-220):
"Se io, come la piena dal rumore assordante di una grande tem[pesta], l mi a[bbattd] sull'Elam (=
Iran) per catturare le sue fortezze, l so come rispondere alle parole dei suoi valorosi! l lo sono il seme
degli abitanti di Sumer (= Mesopotamia meridionale), l sono l'eroe, l'eroe di Sumer! l Terzo: per
quanto riguarda gli [uomini] delle Montagne Nere (= India) l io [posso parla] re con loro! Quarto:
[con i Martu (=Siria occidentale)], gli uomini della montagna[ ... ], l io posso fungere da traduttore:
l io posso correggergli, nella loro (stessa) lingua, tutte le parole! l Quinto: se qualcuno si mette ad
urlare a Subir(= Siria nord-orientale), l io, benché non sia un cittadino di quella città, distinguo bene
le sue parole! l Quando io amministro la giustizia a Sumer, l posso rispondere in tutte queste cinque
lingue! l Nel mio Palazzo, nessuno è in grado di passare da una lingua ad un'altra tanto velocemente
(come faccio io)!" (si veda Rubio 2006)

Come si può notare, il sovrano sumerico, mentre sottolinea la sua capacità di auto-
rappresentarsi come eroe della sumericità, non elenca affatto, tra le lingue che dichiara
di conoscere, l' accadico, con ciò dimostrando implicitamente che quella era la sua
madre-lingua: nella sua autocelebrazione non avrebbe infatti avuto alcun significato
vantarsi di parlare la propria lingua ... Se si aggiunge che gli ultimi due sovrani della
dinastia portano nomi accadici (Su-Sin e Ibbi-Sin) e che la stragrande maggioranza dei
rappresentanti femminili della dinastia al potere ha nomi semitici, appare abbastanza
chiaramente una lenta ma inesorabile decadenza dell'elemento sumerico nella Mesopo-
tamia a partire già dalla seconda metà del III millennio a.C. (si veda Cr 1d per un testo
in cui si può notare una forte influenza non sumerica).
Nel seguente periodo paleo-babilonese il sumerico è una lingua usata nella scuola e
in ambito religioso, ma sicuramente non rappresenta più un idioma vivo: per i primi
due secoli circa del II millennio a.C. esso continua a essere adoperato nelle cancel-
lerie regali e nelle accademie (in sumerico si chiamano e 2 -dub-ba-a, e in accadico
bit puppi, lett. "casa delle tavolette", v. Excursus) delle varie città della Mesopotamia
(Nippur soprattutto, in quanto centro del potere religioso e sede dell'Ekur, tempio abi-
tazione del dio Enlil, capo del pantheon), oltre che nell'amministrazione quotidiana.
A partire dalla seconda metà del II millennio il sumerico scompare del tutto dalla vita
quotidiana e viene relegato alla sfera dell'esorcistica e delle lamentazioni ufficiali, dive-
nuto ormai una lingua esoterica, limitata alla cerchia sempre più ristretta della classe
scribale babilonese (v. anche 1.8).

12
l. 7 Documentazione e periodizzazione della lingua sumerica del III millennio a. C.

l. 7 Documentazione e periodizzazione della lingua


sumerica del III millennio a. C.
Per quanto attiene alla suddivisione cronologica della Mesopotamia sulla base delle
attestazioni scritte, al fine di descrivere il materiale su cui si fonda la nostra conoscenza
dello sviluppo della lingua sumerica, si possono indicare le seguenti evidenze docu-
mentarie, legate alla presenza più o meno ricca di archivi significativi. Dal punto di
vista della nomendatura dei periodi storici, va osservato che il III millennio è anche
definito come periodo del Bronzo Antico (3200-2100 a.C.), e relative sottodivisioni,
e del Bronzo Intermedio (2100-2000 a.C.) - questa terminologia è eminentemente
archeologica e non viene in genere usata nelle ricostruzioni storico-fìlologiche.
l. Tardo Uruk. Le prime attestazioni di tavolette di argilla incise risalgono alla fine
del IV millennio a.C., grosso modo attorno al 3200 a.C., e provengono dalla città
di Uruk. Sono state ritrovate nel riempimento dell'area sacra del tempio della città
e sono attribuite, arbitrariamente, ai livelli archeologici che a quell'edificio si riferi-
scono, cioè allo strato definito IVa dello scavo del tempio principale Eana dedicato
al dio An e alla dea !nana (!Star). Per questo l'epoca coperta da queste tavolette, ca.
3300-3100 a.C., è definita fìlologicamente Uruk IY, cui seguono cronologicamen-
te tavolette dello strato III della stessa città e del sito di Jemdet-Nasr, nell'area più
settentrionale di Hillah (Babilonia), datate assai approssimativamente tra il 3000 e
il 2900 a.C. Si tratta in tutto di circa 6000 testi il cui contenuto è essenzialmente
amministrativo (razioni a lavoratori e gestione di ovicaprini e prodotti della pastori-
zia e agricoli), mentre pochissimi sono i testi lessicali, sotto forma di liste di parole
a fini didattici, e del tutto assenti documenti di altra natura {letteraria, esorcistica
ecc.). Benché sia possibile determinare quale sia l'argomento generale del testo e la
sua struttura generale utilizzando il sistema di pesi e misure e i segni riconducibili a
segni noti dalle epoche successive, tuttavia non si può in alcun modo parlare di com-
prensione chiara dei contenuti né, a maggior ragione, di una vera e propria tradu-
zione: la rappresentazione della grammatica risulta del tutto assente e nessun segno
sembra essere utilizzato come morfema. In altre parole, in questa fase i documenti
sono formalizzati in modo da non veicolare un "racconto", ma una "situazione" am-
ministrativa, caratteristica del resto che resterà tipica nei millenni successivi per la
maggior parte della documentazione di tipo economico (v. Cr 6). Aggiungiamo che
la mancanza di ogni espressione grammaticale non permette, in teoria, una chiara
identificazione della lingua in cui questi testi sono composti, cosa che in passato ha
portato alcuni studiosi a ipotizzare che tali documenti non siano scritti in sumerico,
aspetto che invece oggi risulta assodato. Una prova per dimostrare la "sumericità" di
questa documentazione è la seguente. Il segno AMA ~), che significa "madre",
è composto graficamente già in questa epoca dall'inserzione all'interno del segno
GA 2 Gfj, "recinto, contenitore") del segno DIGIR ('*,"dio"), che ha anche una
lettura /am6/ (sulle letture dei segni composti e la numerazione in pedice si veda 2.3
e 2.5); quest'ultimo rappresenta quindi una glossa, cioè un espediente grafico per la
corretta lettura e interpretazione semantica del segno stesso (GA 2 xAM 6 = AMA,

13
l I Sumeri: popolo, lingua e storia

su questo tipo di grafia composta e la sua traslitterazione si veda 2.8}; questo induce
a pensare che il testo sia scritto in sumerico, la sola lingua in cui appunto il termine
per "madre" suom. ama.
2. Protodinastico 1-111. Il lungo periodo detto Protodinastico (Early Dynastic), 2800-
2350 a.C., diviso in vari sottoperiodi identificati sia su base archeologica che epigra-
fica, vede l'emergere di una serie di città-stato che si svilupparono nella Mesopota-
mia meridionale divenendo importanti realtà politiche, economiche e militari: oltre
a Uruk, i centri di Ur, Adab, Larsa, Umma, Laga.S e altri ancora crearono una rete di
relazioni, ora pacifiche ora ostili, senza che nessuno di essi, a quanto è dato di sapere,
riuscisse mai a riunire sotto il proprio comando l'intera regione. Il termine con cui è
noto il periodo deriva dalla constatazione che esso precede l'avvento, attorno al 2350
a.C., della prima dinastia a vocazione sovracittadina e imperiale, fondata dal sovrano
semitico Sargon di Akkad, la sua capitale originaria (la cui localizzazione è a tutt'oggi
ignota), da cui la denom:inazione di "sargonico" o "accadico" per questo segmento
della storia della Mesopotamia del terzo millennio a.C., e di "protodinastico" per
quello che lo precede.
Da un punto di vista testuale e linguistico, va notato che non tutto il periodo ci
presenta la stessa ricchezza documentaria; possiamo distinguere i seguenti gruppi di
testi (in tutto, circa 9000}:
a. Ur arcaico. Dalla Ur protodinastica possediamo circa 400 testi databili assai ap-
prossimativamente, su base paleografica (forma dei segni), al 2800 a.C., ritrovati
dalla missione inglese diretta da Sir L. Wolley tra il 1923 e il 1931; essi sono di ar-
gomento essenzialmente amministrativo, anche se appaiono i primi rudimentali
testi a carattere storico (iscrizioni reali} ed è attestata la presenza di testi scolastici
(liste di parole) e probabilmente di un unico documento di natura letterario-
mitologica. Nonostante la laconicità e formalizzazione di queste tavolette, che ne
impediscono una chiara interpretazione, la presenza di alcuni elementi morfo-
logici nel nome e nel verbo e l'utilizzo di glosse fonetiche rendono ormai chiara
la loro origine sumerica, pur non permettendo una ricostruzione grammaticale
affidabile. Da un punto di vista della storia linguistica, il sumerico attestato dai
testi di Uruk IVa fino al Protodinastico II viene definito Sumerico arcaico.
b. Fara, Abu Salabi.kh, Laga.S I. Il secondo gruppo di testi, attribuibili ai periodi
Protodinastico IIIa, ca. 2700-2600 a.C., e Illb, 2500-2350 a.C., proviene per la
prima fase essenzialmente da due siti: Fara (antica Suruppak), a 60 km circa a
sud di Nippur, e Abu Salabikh, 20 km a nord-ovest della stessa città, il cui nome
antico non è noto (forse Erci); a questi si aggiungono testi coevi da Nippur e
da Adab (Tell Bismaya), e per la fase più recente di nuovo da Laga.S, a est della
Mesopotamia meridionale. Due aspetti risultano di fondamentale importanza in
questa fase dello sviluppo della cultura scritta cuneiforme:
l. l'esistenza, accanto alla sovrabbondante presenza di documentazione ammini-
strativa, di un gran numero di testi scolastici e soprattutto letterari di ogni natura,

14
l. 7 Documentazione e periodizzazione della lingua sumerica del III millennio a. C

che indica la grande ricchezza della tradizione scolastica e poetica mesopotamica


già in epoca arcaica, oltre alla maturità espressiva e alla profondità tematica;
2. la constatazione che il cuneiforme sumerico si era già decisamente adattato a
esprimere lingue diverse, quella accadica in primo luogo, come ci dimostrano
i nomi semitici degli scribi di queste città, benché le prime tavolette scritte in
lingua semitica appaiano in Mesopotamia solamente un paio di secoli più tardi
(v. 1.5).
Per quanto riguarda il primo aspetto, bisogna sottolineare che si assiste in questa
fase a una straordinaria unitarietà della tradizione lessicale e letteraria: gli stessi
testi, con la stessa divisione in colonne e numero di registri per colonna, com-
paiono in tutte le città in cui è attestata questa tradizione, al sud e al nord della
Mesopotamia, dimostrando che, nonostante la frammentazione politica, l'idea di
un'unità culturale esisteva e già a quel tempo era espressa e rappresentata coscien-
temente nella tradizione cuneiforme. Il cuneiforme stesso, diffusosi anche nelle
aree circonvicine, veniva veicolato, cioè imparato, mediante la tradizione scolasti-
ca della Mesopotamia, come ci dimostra la scoperta in Siria - Ebla soprattutto,
ma anche Tell Brak e Tell Beydar- di documenti redatti sulla base della formaliz-
zazione e struttura grafica creata in Mesopotamia. A dimostrazione della vivacità
dei rapporti siro-mesopotamici del III millennio a.C. e della ricchezza di scambio
e interrelazione che esisteva tra le due aree, bisogna sottolineare che il cuneiforme,
una volta introdotto in Siria, inizia a interagire molto presto con le realtà locali e
la loro tradizione, producendo testi ignoti alla cultura mesopotamica stessa: nella
città di Ebla sono attestati i primi vocabolari di sumerico con la traduzione nella
lingua locale (detta eblaita).
Una peculiarità della documentazione letteraria del periodo protodinastico IIIa è
rappresentata dai cosiddetti testi UD.GAL.NUN, i quali, nonostante l'enorme dif-
ficoltà della loro interpretazione, ci mostrano una specifica scrittura "cifrata", nella
quale a un segno cuneiforme ne corrisponde uno diverso, sulla base di un rapporto
arbitrario a noi del tutto ignoto; la denominazione di questa tipologia testuale deriva
dalla frequente attestazione in questa documentazione della sequenza UD. GAL.
NUN, che si è scoperto corrispondere al nome del dio supremo del pantheon su-
mero-accadico, Enlil, cioè dEn-lil 2 - quindi: UD = digir; GAL = en; NUN =
lil 2 • Questa caratteristica grafia scompare nelle epoche successive e non abbiamo
alcuna informazione sul suo utilizzo e ragione di esistere, oltre alla ovvia constata-
zione che si tratta di un impiego letterario con valenze probabilmente religiose o di
"dialetto letterario".
Per quanto riguarda il periodo Protodinastico IIIb, l'archivio più importante è rap-
presentato senza dubbio dal grande numero di tavolette provenienti dalla "Casa del-
le donne" o tempio della dea Bàu, nella città di Girsu (oggi Telloh). Si tratta di circa
1750 documenti di contenuto amministrativo che rappresentano una fonte stra-
ordinaria per la ricostruzione sia della società sumerica alla metà del III millennio
a.C. che della sua lingua (bisogna però osservare che le tavolette ci sono pervenute
da scavi illegali effettuati all'inizio del XX secolo e non sempre è chiaro se l'archivio

15
l I Sumeri: popolo, lingua e storia

di appartenenza sia effettivamente quello della "Casa delle donne"). Altri 1600 testi
provengono dalle regioni di Umma e Adab, e altri ancora, in misura minore, da
città quali Nippur, Isin e Ur, portando il numero dei testi di questo periodo a più
di 3500.
Sempre da Lagas proviene un gruppo di oltre un centinaio di iscrizioni reali (v. Cr
Sa), dei vari sovrani della città, che coprono il periodo 2450-2330 a.C. circa, a metà
quindi tra Protodinastico IIIa e IIIb: l'argomento principale è la narrazione di una
guerra con la città confinante di Umma per il possesso del Gu 2 -eden-na, "(terreno
al) margine della steppa", un terreno assai fertile conteso tra le due città rivali. I testi,
iscritti su oggetti assai diversificati (dall'argilla alla pietra), furono tradotti già nel
1907 da F. Thureau-Dangin e rappresentano i primi documenti che possiedono una
rappresentazione affidabile, benché imperfetta, della grammatica del sumerico e ne
permettono una prima descrizione.
3. Il periodo sargonico. Lintervento di una dinastia settentrionale, incentrata sulla
capitale Akkad e fondata da Sargon {lettura antico-testamentaria e greca del nome
fanum-kin, "il re è legittimo"), e perciò definita accadica o sargonica, riesce a uni-
ficare un vastissimo territorio, comprendente molte città del nord e del sud della
Mesopotamia, sotto il comando di un unico centro - per la prima volta nella sto-
ria dell'area, per quanto sappiamo oggi. Il periodo è caratterizzato linguisticamente
dall'uso massiccio della lingua semitica di cui la dinastia era portatrice, che è rappre-
sentata dal dialetto detto appunto accadico: larghissima parte delle iscrizioni reali e
dell'amministrazione è redatta in questa lingua, mentre la lingua sumerica è attestata
essenzialmente nei centri meridionali storicamente legati alla tradizione sumerica
(Nippur, Laga5, Umma, Adab e altri archivi minori). Si tratta di circa 6000 docu-
menti, che ci dimostrano la continuità, sia pure con un peso politico minore, del
mondo sumerico delle antiche città-stato dell'epoca precedente. La lingua del perio-
do degli archivi del Prorodinastico IIIa/b e Sargonico viene definita Sumerico antico.
4. Le dinastie di LagaS II ed Ur III. Verso la seconda metà del XXII secolo a.C. si
assiste a una nuova fioritura letteraria della lingua sumerica (chiamata anche a vol-
te Rinascimento sumerico), dopo la lunga parentesi accadica. Questa rinascita vede
ancora una volta come protagonista la città di Lagas, dove Gudea, il governatore, e
la sua famiglia (2130-2110 a.C.) riuscirono a creare un centro che ebbe potere su
una porzione ampia della Mesopotamia centro-meridionale e dove fiorirono arte
e letteratura (v. Cr le-g e Cr 5b). Alla dinastia di Gudea succederà la cosiddetta
Terza Dinastia di Ur (anche chiamata più semplicemente Ur III, 2110-2003 a.C.),
fondata da Ur-Namma, che per circa 100 anni creò e mantenne in Mesopotamia
sud-occidentale, un regno che aveva potere diretto o indiretto su una vasta area che
inglobava la Mesopotamia meridionale e settentrionale e una serie di regioni limi-
trofe. Questo regono aveva appunto come capitale la città di Ur.
Da quest'ultimo periodo del III millennio a.C. proviene il numero maggiore di do-
cumenti scritti in sumerico quando, con ogni probabilità, esso rappresentava ancora
una lingua parlata (soprattutto in Mesopotamia meridionale, ma v. 1.6 e Cr le):
si tratta di un ricchissimo insieme di testimonianze che supera le 120.000 unità e

16
l. 7 Documentazione e periodizzazione della lingua sumerica del III millennio a. C.

comprende documenti amministrativi di tutte le nature (v. Cr 6-8) e testi letterari e


scolastici. tra cui spiccano i due cilindri dedicati alla costruzione del tempio Eninnu
di Laga.S da parte di Gudea, contenenti oltre 1300 linee di testo. I principali archivi
provengono dalle città di Umma (oltre 29.000 documenti), Girsu (la città capitale
durante Ur III dell'area di Lagas, 27.000 testi ca.), Puzris-Dagan (oltre 15.000 ta-
volette), Ur (oltre 4.000 testi), Nippur (circa 3.500 tavolette), Garsana (circa 1.500
documenti), Irisagrig (circa 1.100 testi). Proprio la lingua espressa dalla tradizione
scritta di questa ultima parte della storia sumerica, come si è detto, formerà il cuore
documentario su cui sarà fondata la presentazione grammaticale che segue: la grande
ricchezza di situazioni linguistiche espressa nei testi del periodo, assieme alla stabi-
lità grafica che li contraddistingue, permette infatti una descrizione che, pur nelle
difficoltà dovute al sistema grafico e alla lontananza nel tempo di questa documenta-
zione, risulta più affidabile che in ogni altro periodo della storia della Mesopotamia
sumerica.
La lingua di questo periodo viene detta Neo-sumerica, e ad essa, per ductus (incisione
dei segni), lingua e struttura, si fa afferire anche un archivio di circa 900 testi pro-
venienti dalla città di Isin che trattano dell'amministrazione del settore artigianale e
manifatturiero, definito perciò "CraftArchive", datati tra il2015 e il1980 a.C. ca.
.. ·- .• ·-- _l ____ -

i
Periodo storico Sottoperiodo Date (a.C.) Principali : Aspetti linguistici
archivi
. Tardo Uruk Uruk IV , 3200 . Eana IV Sumerico arcaico
(Bronzo antico I) - --------- ----- -----~-- --- ---~ - ------ - ----- --: (ArchaicSumerian);
, Uruk. III l Jemdet i, 3000-2900 i, Eana III, Jemdet- P"tt
1 o-1"deo grafì a
Nasr · : Nasr · senza indicazioni
, grammaticali
· Protodinastico Protodinastico I : Ur arcaico
(Bronzo antico
-------- -----. _________ , 2800 Primi elementi
grammaticali; primi
Protodinastico II '
II e III) : testi storici
Protodinastico Illa ' 2700-2600 Fara/Abu . Sumerico antico
Salabih (O/d Sumerian);
--- -·· ··--- j_ ---
--; dal Pd IIIb
Protodinastico lllb : 2500-2350 LagaS I rappresentazione
· più consequenziale
della grammatica
-···------··---- ·---·-···-·- ·--·-·· ---
Sargonico Accadico {antico, 2350-2200 Utilizzo
· (Bronzo antico III) classico, recente) · massiccio della
: lingua accadica,
soprattutto nelle
: città del nord
mesopotamico

17
l I Sumeri: popolo, lingua e storia

T~~-~-~~--

Seconda Dinastia . Seconda Dinastia 1 2130-2003 Gudea; province Neo-sumerico


' di LagaS diLagaS ! del regno di Ur (Neo-Sumerian}
, Terza Dinastia di : Terza Dinastia di l III
Ur Ur
l
(Bronzo medio I) _ _ _ __j

• nonostante questa denominazione restrittiva, documenti dello stesso periodo sono stati reperiti
· sia al sud (es. Larsa) che al nord (oltre a Jemdet Nasr, per esempio Tell Asmar, Uqair) della
Mesopotamia, indizio che la grafia cuneiforme stava rapidamente conquistando la Mesopotamia
intera.
Tabella sintetica riepilogativa della documentazione e della storia linguistica del sume-
rico nel terzo millennio a.C. (tra parentesi la nomenclatura della divisione archeologica
dello stesso periodo, che, come si nota, non sempre coincide con quella filologica).

1.8 Muore il sumerico, viva il sumerico!


Come abbiamo già accennato (v. 1.6), il sumerico scompare, come lingua parlata, alla
fine del III millennio, ma continua a essere utilizzato nelle epoche successive prati-
camente sino alla fine del mondo culturale babilonese, forse nei primi secoli dell'era
cristiana.
La prima motivazione, di natura eminentemente pratica, per comprendere la ra-
gione di questa lunghissima tradizione scritta è da ricercarsi nel sistema grafico cunei-
forme. Quest'ultimo, infatti, inventato dai Sumeri, era stato impiegato già in epoca
protodinastica per esprimere nomi di persona semitici (v. 1.6) e poi era stato adattato in
epoca sargonica per scrivere testi in dialetto accadico, divenendo all'inizio del II millen-
nio l'unico sistema grafico in cui le tradizioni babilonese e assira si sarebbero espresse
durante tutto il corso della loro storia. Lo studio del sumerico e della sua grafia, quindi,
rappresentava un necessità tecnica fondamentale per gli scribi di Babilonia per pren-
dere possesso della loro stessa grafia (su questi aspetti si veda in dettaglio 2.1 e sgg.).
In lingua sumerica, inoltre, si era espressa la propaganda politica per oltre seicento
anni e, nell'ottica babilonese, il sumerico era il veicolo naturale dell'espressione della
regalità e del potere temporale: si spiega così l'utilizzo del sumerico nelle iscrizioni rega-
li dei sovrani di Babilonia, a volte tradotte in accadico in una colonna dedicata (come
quelle celeberrime di Hammurapi).
Ma, da un punto di vista culturale, la lunga e ricca tradizione della lingua e della
storia letteraria, religiosa e politica dei Sumeri ha rappresentato per i Babilonesi un
modello fondante per ogni aspetto essenziale della loro stessa civiltà: la regalità, il mon-
do degli dèi, le istituzioni civili, l'esorcistica e altro ancora avevano la loro origine e
traevano la loro forza proprio dall'antica e gloriosa tradizione sumerica. La ragione di
questo atteggiamento dei Babilonesi nei confronti del passato sumerico si comprende
bene se si considera che, secondo la visione religiosa antico-mesopotamica, all'origine
della storia gli dèi donarono all'uomo tutto ciò di cui aveva bisogno per assolvere il suo
compito principale, cioè quello di servire gli dèi: non solamente il mondo naturale che

18
l. 8 Muore il sumerico, viva il sumerico!

lo circondava era stato forgiato dalla volontà degli dèi, che attraverso di esso "informa-
vano" del loro volere l'uomo stesso (dal movimento degli astri alla forma della goccia
lasciata cadere nell'acqua), ma anche le arti, le scienze e i mestieri avevano un loro ar-
chetipo nel mondo divino. I testi mantici cui si fa riferimento qui, non sono in realtà
ancora attestati nella letteratura in lingua sumerica, ma la visione del mondo che essi
veicolano e cui si accenna trae senza dubbio le sue origini dalla più antica tradizione re-
ligiosa mesopotamica, quindi sumero-accadica. In sumerico queste "essenze" di natura
divina sono espresse dal segno me (f-), che fondamentalmente indica il verbo "essere"
(v. 4.10), e vengono tradotte con "potere divino", cioè una sorta di paradigma teorico
creato dalla volontà degli dèi che guida e permette la realizzazione di un'attività cultu-
rale sulla terra (per esempio la pastorizia, l'agricoltura, l'artigianato, la scrittura ecc.).
Tutto questo discorso ha come corollario che la Storia, perfetta al suo inizio, potesse
soltanto corrompersi nel corso del tempo; le origini sumeriche erano quindi conside-
rate, dal punto di vista religioso, una sorta di realtà perfetta da cui trarre ispirazione e
modelli comportamentali. D'altronde la dipendenza dalla tradizione religiosa sumerica
presso i Babilonesi è evidenziata anche, e soprattutto, dalla nomenclatura sincretica
delle principali divinità mesopotamiche, che sono chiamate in modo diverso nelle due
tradizioni pur avendo prerogative religiose assolutamente identiche, per esempio su-
merico Enki - accadico Ea, dio della saggezza; sumerico Utu - accadico SamaJ, il dio
Sole; sumerico Nanna - accadico Stn, il dio Luna; sumerico Inana - accadico Iftar,
dea dell'amore e della guerra (nei testi babilonesi assai spesso si ritrova il nome divino
sumerico che va letto nel corrispondente semitico). Si può affermare che proprio il sin-
eretismo religioso, che presuppone una visione del divino condivisa, e l'uso del sistema
grafico cuneiforme sono le caratteristiche che rendono la tradizione mesopotamica uni-
taria, nonostante il variegato dispiegarsi e alternarsi di popoli e tradizioni linguistiche
nella Terra tra i due Fiumi.
Il lungo periodo che va dall'inizio del II millennio a.C. sino ai primi secoli dell'èra
cristiana è chiamato post-sumerico: la lingua sumerica, benché utilizzata in ambito
religioso e liturgico, smette di essere una lingua parlata. All'interno di questo periodo è
l'epoca paleo-babilonese (2003-1595 a.C.) quella in cui sono attestati gli ultimi docu-
menti monolingui in lingua sumerica. Si tratta di documentazione di natura ammini-
strativa e, soprattutto, di alcune centinaia di testi letterari di ogni natura che formano
un corpus dei più importanti testi della tradizione letteraria sumerica: mitologia, cosmo-
gonie e antropogonie; inni a divinità, templi, sovrani; testi epici e storici, e altro ancora.
[utilizzo di questa documentazione, dal punto di vista meramente grammaticale della
ricostruzione della lingua sumerica, sottostà però a due considerazioni negative generali
che riguardano gli scribi babilonesi e il loro prodotto scritto in sumerico. Da un lato,
infatti, in quest'epoca gli scribi non sono certamente più di madre-lingua sumerica (v.
1.4), ma soltanto intellettuali che usano il sumerico come lingua dell'accademia e per
motivi religiosi, e questo dato di fatto, dall'altro lato, si riflette in modo diretto sui testi
da loro prodotti, che presentano varianti morfologiche che non riusciamo a ricondurre
a un'unità grammaticale. Questa documentazione, per quanto fondamentale per la
ricostruzione letteraria e religiosa dei Sumeri, verrà utilizzata solamente per compara-
zione e non come base per la descrizione grammaticale.

19
l I Sumeri: popolo, lingua e storia

Dalla fine del periodo paleo-babilonese il sumerico sarà utilizzato solamente in am-
bito cultuale e accademico, spesso con una traduzione in accadico.

1.9 Un misterioso dialetto letterario, l'eme-sal (ES)


In alcune tipologie testuali, a cominciare dal periodo paleo-babilonese, la lingua sume-
rica compare a volte in una forma differente da quella nota dalla tradizione del sumeri-
co standard o eme-gir 15 (EG, v. 1.2).
Nelle litanie eseguite da uno specifico prete-lamentatore, chiamato in sumerico gala
e in babilonese kalu, e in taluni documenti letterari quando parlano personaggi fem-
minili, la lingua utilizzata è definita dai testi come eme-sal (ES), variamente tradotta
con "lingua fine, elegante" o, meno bene, "lingua delle donne, femminile" (in realtà,
si tratta di testi scritti in sU:merico standard con una presenza più o meno massiccia di
termini e forme in ES). Il significato di "femmina, donnà', in surnerico m un u s, in
cuneiforme viene espresso dal disegno dell'organo sessuale femminile ~) e possiede
anche, tra le altre, la lettura sal, "fine, elegante"; che il segno vada letto così nell'e-
spressione eme-sal (~ ~) è chiarito dalla resa in babilonese emesallum, "elegante, di
prima sceltà'. Né l'origine, né la ragione dell'esistenza di una tale variante linguistica, di
ambito eminentemente letterario, è chiara: il dialetto si considera spesso un "socioletto"
(genderlect}, cioè la forma espressiva di una lingua legata a una specifica e peculiare real-
tà sociale (nel caso particolare le donne e una categoria sacerdotale dall'ambigua valenza
sessuale), venendo spesso richiamati esempi e paralleli, presupposti sociologicamente
simili, ma in ambiti geografici e culturali molto lontani, quale quello dei Cukci nell'o-
riente russo (Mare di Okhotsk} e alcune lingue delle isole caraibiche. Altri vi vedono
invece una sorta di genrelect, cioè di una variante linguistica legata a specifici generi
letterari e non a specifiche figure sociali o religiose.
La differenza maggiore tra le due forme linguistiche riguarda l'aspetto fonetico, cioè
la differente pronuncia di una stessa parola oppure, più raramente, l'uso in ES di una
parola completamente differente dalla forma in sumerico EG standard, come si vede
dal seguente schema.

eme-sal significato
· dagal da-ma-al "aiTipio"
· digir dim-me-er "dio"
"dolce"
--------··---·---- --· -·-- --- ·------!·--·
' enim (inim) . e-ne-eg 2 "parolà'

· gal 2 ma-al "esserci, trovarsi"

. gar mar "porre, mettere"


:------------ --- -------------- ---------------- -- ------------------- -------------i

l ge5 mu "legno, albero"

20
1.1 O Caratteristiche tipologiche della lingua sumerica

igi "occhio"

udu : e-ze 2 "pecora"

lu 2 mu-lu "uomo"

"signore"

nin . ga-5a-an "signora''

Come si vede dagli esempi, la grafia ES è sempre sillabica, cioè a dire è sempre veicolata
da segni usati per il loro valore fonetico (sillabogrammi, v. 2.7}; ciò non impedisce
comunque di ipotizzare che i segni scritti in sumerico ortografico, cioè mediante ideo-
grammi, non potessero essere letti, in talune circostanze, nella corrispondente pronun-
zia eme-sal.
Si possono osservare alcune corrispondenze tra i due dialetti: d> z (du 10 > zeb;
udu > eze}; g > b (du 10 /dug 3 > zeb; igi >i bi}; g >m (dagal > damal; digir >
dimer; gal 2 >mal; gar > mar; forse anche gd > mu; da notare però sum. standard:
nig 2 , ES: ag 2 , "oggetto, cosà', dove il passaggio non avviene); m> g (enim > eneg)
-quindi si può ipotizzare che EG /g/ >ES Imi in inizio e in mezzo alla parola, mentre
EG /m/> ES /g/ in fine di parola; u >e (du 10 > zeb; udu > eze; forse en > umun},
e altre se ne possono trovare nelle circa 50 parole e forme note. Tuttavia non siamo in
grado assolutamente di prevedere come potrebbe comparire una parola in eme-sal
partendo dalla sua forma in eme-gir 15 , a dimostrazione che non riusciamo a capire i
meccanismi fonetici che regolano i rapporti tra le due forme. A complicare la situazio-
ne, l'esistenza di termini assolutamente non correlati tra le due parlate (EG n i n > ES
gahn; EG l u 2 >ES m ul u, e altre come EG a-na, ES t a, "che cosa?") ci fanno capire
che deve essere esistita una tradizione linguistica pregressa o geograficamente localizza-
ta che ci è completamente ignota.
A proposito dell'eventuale preistoria nel III millennio sumerico dell'eme-sal, pe-
riodo in cui il dialetto non appare comunque attestato come tale, la vicinanza con
alcuni aspetti fonetici dell'area di Lagas in epoca protodinastica ha fatto ritenere che si
possa trattare di una variante geografica meridionale del sumerico standard (anche se
del dialetto di Laga5 attorno alla metà del III millennio a.C. sappiamo forse meno di
quanto sappiamo dell'eme-sal). Da ultimo, è stato proposto che vi siano prove indi-
ziarie per cui appare possibile che l'eme-sal sia stato un dialetto vivo, e non solamente
letterario, come dimostrerebbero rarissimi imprestiti, di epoca antica, di termini sume-
rici entrati in accadico dalla variante ES (es. akkullu, "martello", noto in sum. standard
come nig 2 -gul, ma chiaramente desunto dalla forma eme-sal *ag 2 -gul, termine già
attestato in epoca sargonica in pieno III millennio).

1.10 Caratteristiche tipologiche della lingua sumerica


Da un punto di vista della teoria linguistica, il sumerico può essere descritto in generale
come una lingua con A sttuttura morfologica agglutinante e B. sttuttura sintattica
ergativa.

21
l I Sumeri: popolo, lingua e storia

A. Struttura morfologica agglutinante (agglutinazione)


Nella suddivisione scientifica delle lingue, rispetto al modo in cui costruiscono la loro
morfologia, la lingua sumerica viene definita "agglutinante" (si veda una sintetica ma
precisa presentazione in inglese di questa caratteristica tipologica al seguente indirizzo
web: https://en.wikipedia.org/wiki/Agglutinative_language). Questa tipologia lingui-
stica è caratterizzata dalla formazione di sequenze di morfemi, prefissi o suffissi a un
lemma (cioè a una parola, da taluni definita anche 'morfema semantico') in un ordine
fisso e immutabile, che sommano i loro significati grammaticali generando enunciati
comprensibili e giustificati sintatticamente.
Nota 1: un morfema, qui inteso nella sua accezione minimale in cui si includono solo gli affissi morfolo-
gici, è l'unità più piccola dotata di significato di una lingua, e non è quindi ulteriormente scomponibile
(per esempio il suffisso *-in[o] in italiano usato per formare i diminutivi, come in Paolino, o il suffisso
con valore semantico vezzeggiativo *-ett[o], come in scopetta); detto in termini più diretti, è un elemento
che si ritrova nella formazione grammaticale, ma non nel lessico di una lingua. Bisogna osservare che
nelle lingue a struttura agglutinante, sumerico compreso, quest'ultima distinzione può non essere sem-
pre evidente. Nella nostra presentazione della lingua sumerica si preferisce distinguere tra 'morfemi' e
'lemmi' o 'parole' (quindi non 'morfemi semantici') -sul concetto di parola in sumerico v. 4.2 e sgg.

La struttura agglutinante è analitica e non sintetica: da un punto di vista semantico,


cioè del significato di ciascun elemento aggiunto, ogni singolo morfema, oltre a pos-
sedere una posizione fissa rispetto agli altri, contribuisce con un solo significato alla
forma che lo contiene, in altre parole "incollà' analiticamente il suo significato a quello
degli altri nella posizione che gli compete per veicolare il risultato semantico finale (il
termine "agglutinare" deriva appunto dal lemma latino glus, gluten, "collà').
Per rendere più evidente il concetto, possiamo fare un esempio da una lingua con
struttura completamente differente (detta tecnicamente "flessiva") come l'italiano. Nella
forma vidi, possiamo distinguere una radice *vid-, indicante il passato, e un morfema
suffisso *-i, che sinteticamenteveicola a chi ascolta i tre significati di l. passato (remoto), 2.
prima persona e 3. singolare; inoltre, lo stesso suffisso può indicare moltissime altre realtà
morfologiche (seconda persona singolare di varie forme verbali [mangi], plurale maschile
[lupi] e raramente femminile [le mani], ecc.). Ancora, se consideriamo la forma latina
filiis, possiamo facilmente distinguere una radice *fili- e un morfema suffisso *-is; ora, in
questo morfema distinguiamo di nuovo una serie di significati differenti, sinteticamente
inclusi nella forma -is: si tratta di l. un maschile, di 2. un plurale e di 3. un dativo, quindi
"ai figli". Possiamo aggiungere che il morfema *-is può ancora sinteticamente indicare in
questa forma il caso ablativo, a dimostrazione di nuovo della assai differente struttura del
latino, flessivo e sintetico, rispetto a una lingua agglutinante e analitica.
Quindi, in sumerico, per ciascuno di questi significati avremo un elemento diffe-
rente che lo veicola, distinto chiaramente dagli altri, e che avrà, rispetto agli altri, una
posizione fissa all'interno della forma finale in cui comparirà:
*dum u-ni ta 2 -ene-ra
dove dumu significa "figlio", nita 2 significa "maschio", e si contrappone a munus,
"femminà', -ene è il morfema del plurale e-ra il caso dativo (l'asterisco iniziale indica
che la forma non compare così nella grafia, per cui v. 4.8, A e 4.11.2).

22
1.1 O Caratteristiche tipo logiche della lingua sumerica

In sintesi, le caratteristiche generali di una lingua agglutinante, e quindi del sumerico,


possono essere descritte nel modo seguente:
l. ogni morfema affisso (in qualunque posizione si trovi) mantiene la sua individua-
lità e signi&cato (mano-funzionalità dei morfemi), quindi
2. non esiste polisemia (significati multipli di uno stesso morfema), né fusione se-
mantica (sovrapposizione di significato tra morfemi diversi) degli elementi affissi,
che risultano dunque sempre evidenti sia sul piano del significato che del valore
grammaticale che veicolano (ovviamente la fonetica o le caratteristiche grafiche di
una lingua possono "mascherare" il morfema, ma questo conserverà sempre la sua
individualità semantica e funzionale, a differenza dei morfemi delle lingue flessive
che accorpano sinteticamente in un'unica forma valori semantici differenti, come
abbiamo già sottolineato); ciò conduce alla
3. indipendenza sillabica dei morfemi affissi stessi (in pratica, ogni morfema possiede
una, o più raramente due sillabe che lo identificano in modo univoco); tutto questo
significa che
4. si costruiscono in questa tipologia morfologica delle più o meno lunghe concate-
nazioni di affissi (chiamate in questa grammatica "strutture" o "catene" nominali o
verbali, v. 4.2 e 5.1), che sottostanno spesso a una forma di "armonia vocalica" (su
questo aspetto v. 3.3.1); quindi
5. la radice si identifica con la parola, che si ritrova sempre identica a se stessa nel
vocabolario, ed è caratterizzata dalla mancanza di ogni affisso (o per meglio dire,
possiede un suffisso -0 [zero], per cui v. il paragrafo B che segue).
B. struttura sintattica ergativa (ergatività)
Da un punto di vista sintattico, cioè per quanto riguarda il modo in cui costruisce la
frase e la morfologia che da questa struttura deriva, la lingua sumerica possiede una
costruzione ergativa. Lergatività può essere definita generalmente come una struttura
sintattica in cui l'argomento principale di un enunciato (cioè il "soggetto" di una frase)
è trattato differentemente a seconda che sia utilizzato in frasi con verbo intransitivo o
in quelle con verbo transitivo.
Per meglio capire il concetto, possiamo prendere di nuovo le mosse da una lingua
con una costruzione completamente differente dal sumerico, come il latino, dove la
struttura viene detta "nominativo-accusativa". Si vedano le due frasi seguenti:
l. rex intravit (in templum) Il re entrò (nel tempio)

2. lx aedificavit templum Il re costruì il tempio


Come si può vedere, in entrambe le frasi, la prima con verbo intransitivo e la seconda
con verbo transitivo, l'argomento principale (soggetto) della frase rimane identico a
se stesso (rex), identificato da una forma che viene detta nella grammatica latina "no-
minativo"; nella prima frase il complemento (detto nell'analisi logica complemento di
moto a luogo) è introdotto dalla preposizione in, richiesta dalla struttura intransitiva

23
l I Sumeri: popolo, lingua e storia

del verbo, mentre nella seconda il complemento diretto (così chiamato perché si collega
direttamente al verbo senza bisogno di alcuna preposizione, detto anche complemento
oggetto), è rappresentato da una forma che viene chiamata "accusativo" (templum)- è
solo un caso che in questo esempio la preposizione in latino richieda anch'essa il caso
accusativo: quest'ultimo è "retto" dalla preposizione stessa, che è quindi il vero legame
tra il verbo e il suo complemento. In sintesi, in questa struttura esiste un'opposizione
logica e morfologica tra il soggetto di una frase, espresso sempre dal caso nominativo
sia che si tratti di frase con verbo transitivo che intransitivo, e l'oggetto di una frase con
verbo transitivo, sempre rappresentato dal caso accusativo.
Nota 2: in italiano si assiste a una struttura definita "neutrale", in cui cioè a tutti gli elementi viene as-
segnata un'unica forma (caso); Carlo gioca con un bambino, un bambino vede Carlo (è questa la struttura
della lingue romanze e dell'inglese); in questi casi la lingua possiede in genere altri mezzi per chiarire la
situazione reale, per esempio l'ordine delle parole, la concordanza verbale, l'intonazione ecc.

Per evidenziare invece la struttura ergativa del sumerico, si vedano le seguenti traduzio-
ni delle due frasi in sumerico (negli esempi i verbi sumerici non sono coniugati, ma ne
viene offerta solamente la parte semantica):
l.lugal-0 (e 2 -a) *ku 4 "Il re entrò (nel tempio)"

'
2.lugal-e e 2 -0 *du 3 "Il re costruì il tempio"
In sumerico, come si vede, da un punto di vista morfologico (sulla base del caso che
presentano) sono identici il soggetto della frase intransitiva e l'oggetto di quella tran-
sitiva (lugal, "re", in l e e 2 , "tempio", in 2) entrambi rappresentati da un caso *-0
(zero); quindi il termine lugal, "re" viene accompagnato nei due enunciati da due casi
diversi, laddove nella frase transitiva questo viene rappresentato dalla vocale *-e.
Nota 3: nella frase l. la posposizione *-a aggiunta al termine e 2 , "tempio", indica il caso locativo richiesto
dal verbo ku 4 , "entrare", per cui v. 4.11.6.

Questa situazione è palesemente differente da quella del latino, dove invece il termine
rex, "re", come abbiamo visto, è trattato morfologicamente alla stessa maniera ed è
espresso in entrambe le situazioni dal caso nominativo; in altre parole, è chiaro che
in sumerico non esiste un caso nominativo e, di contro, non esiste nemmeno un caso
accusativo.
I due enunciati, astraendo dalla terminologia corrente nelle lingue indo-europee, dal
punto di vista del rapporto logico che lega i sostantivi con il verbo possono essere
descritti rispetto al verbo che li accompagna come aventi un solo partecipante all'a-
zione nella frase intransitiva, e due partecipanti all'azione nella frase transitiva; questi
elementi vengono detti rispettivamente soggetto, paziente e agente, indicando quindi
chi fa l'azione in una frase a un partecipante, e chi subisce l'azione e chi la produce in
una frase a due partecipanti. Queste due realtà logiche sono rappresentate morfologica-
mente da due casi denominati assolutivo il primo, con terminazione *-0, ed ergativo
il secondo, con terminazione *-e; poiché hanno attinenza diretta con il verbo e la sua
sintassi vengono definiti casi sintattici (v. 4.11.1).

24
1.1 O Caratteristiche tipologiche della lingua sumerica

Nota 4: il termine 'assolutivo' deriva dalla considerazione che, nella maggior parte delle lingue con strut-
tura ergativa, la parola che esprime il soggetto di un verbo intransitivo o l'oggetto di un verbo transitivo
compare senza alcuna terminazione morfologica visibile, nella sua forma "assolutà' -l'assenza di ogni
morfema apparente è ovviamente significativa, in quanto si contrappone alla presenza della *-e nel caso
di una frase con verbo transitivo, e si indica mediante il suffisso *-0, che è appunto il morfema del caso
assolutivo.

Il termine 'ergativo' deriva da un verbo greco che significa "lavorare, operare, fare", e
indica che il morfema *-e, aggiunto alla parola, indica chi agisce nei confronti di colui
che subisce, espresso a sua volta dal morfema *-0.
In sintesi, le funzioni dei due casi ergativo e assolutivo e le differenze con la struttura
nominativo-accusativa possono essere evidenziate nella tabella seguente:

Struttura Agente Soggetto Paziente

l
Ergativa Ergativo Assolutivo
rl --- - -· ----- ,_ ----
t

Nom.-Acc. l
Nominativo Accusativo

Quindi le lingue in cui il morfema del soggetto e del paziente è diverso da quello dell'a-
gente sono da considerarsi ergative.
Nota 5: in realtà, come è comune in moltissime lingue a struttura ergativa, anche in sumerico l'erga-
tività è consequenziale a livello morfologico nominale (distinzione chiara tra i casi sintattici descritti,
v. 4.11.1), ma non a livello della morfologia dei pronomi, del verbo e della sintassi (v. 5.3, Nota 5),
secondo una struttura detta Ergative Split (si veda Michalowski 1980); così si esprime C. Bertoncin:
"La maggior parte delle lingue ergative sono ergative solo a livello morfologico, e possiedono invece una
sintassi organizzata su base nominativo-accusativa: in esse si riscontra spesso un fenomeno, conosciuto
nella letteratura linguistica con il termine di Ergative Split 'scissione dell' ergativirà', in base al quale la
morfologia casuale (e in sumerico soprattutto verbale, n.d.r.) di una lingua ergativa mostra un'organizza-
zione in parte di tipo ergativo-assolutivo e in parte nominativo-accusativo" (Bertoncin 2006, p. 6). Su
questo aspetto si veda anche 4.13.1, Nota l.

25
2 Grafia del sumerico

2.1 Storia ed evoluzione della grafia cuneiforme


.
sumenca
Inventata alla fìne del IV millennio a.C. per essere elemento focale della gestione am-
ministrativa della nuova compagine statale che si era andata formando in Mesopotamia
meridionale, piuttosto velocemente, a partire dal V millennio a.C., la scrittura cunei-
forme accompagna l'espansione della cultura sumerica, incentrata nella città di Uruk,
verso le aree circonvicine dell'Elam (Iran) e della Siria. A poco a poco, per tramite del
babilonese, conquisterà anche l'Anatolia e il Levante, giungendo sino in Armenia e nel
Caucaso. Per quanto riguarda l'Iran, inoltre, è interessante sottolineare che in Elam si
era andata sviluppando nell'ultimo quarto del IV millennio a.C. una scrittura auto-
noma di tipo cuneiforme, detta Proto-Elamita, che fu poi abbandonata per accettare
quella della Mesopotamia. 2
La più arcaica forma della grafìa cuneiforme, così detta per l'aspetto 'a chiodo' (lat.
cuneus) dei segni che la compongono, è stata ritrovata all'inizio del secolo scorso su
tavolette portate alla luce da una missione tedesca durante lo scavo del tempio Eana di
Uruk (Iraq meridionale), più precisamente nello strato archeologicamente defìnito !Va
(v. 1.7}. Questi primi documenti, circa duemila, che risalgono alla seconda metà del
IV millennio a.C., approssimativamente tra il 3350 e il 3200 a.C., in realtà vengono
giustamente defìniti "proto-cuneiformi" in quanto riproducono ancora l'oggetto come
un disegno, senza presentare la caratteristica forma a cuneo che darà poi il nome alla
scrittura. Ad un'epoca poco più tarda, tra il3000 e il2900 a.C., sono datate circa 4000
tavolette denominate Uruk III e Jemdet-Nasr, dai due luoghi dove sono state ritrovate,
che possiedono le stesse caratteristiche grafìche del periodo precedente.
In queste prime iscrizioni la grafìa sembra già possedere, in nuce, tutte le caratteri-
stiche costitutive che la identificheranno poi nei periodi seguenti, dimostrando che, da
un punto di vista strutturale, il sistema grafico rappresenta una creazione unitaria e co-
sciente del mondo culturale che l'ha prodotta e non il risultato di una lenta evoluzione.

2 Su questo aspetto, e quelli dei paragrafi che seguono, si veda anche D'Agostino- Cingolo- Spada
2016, pp. 19-23. Un'introduzione alla grafia cuneiforme e al suo sviluppo grafico deve essere l'argo-
mento di un volume specifico; gli elementi essenziali della grafia qui introdotti servono al lettore per
orientarsi nelle traslitterazioni che saranno utilizzate nel libro. Per una presentazione generale e piana del
sistema grafico cuneiforme si può consultare Walker 2008.
2.2 Aspetti strutturali della scrittura cuneiforme sumerica: pitto-ideografia

2.2 Aspetti strutturali della scrittura cuneiforme


sumerica: p itto-ideografia
La peculiarità del sistema grafico cuneiforme sumerico è quella di essere fondamental-
mente una pittografia, cioè una scrittura in cui la realtà viene rappresentata mediante
segni che riproducono, già in origine in modo stilizzato, l'oggetto da descrivere; con-
temporaneamente, al disegno dell'oggetto vengono riferite le realtà che in vario modo
hanno attinenza con l'oggetto descritto, producendo la vera e propria ideografia. Quin-
di, i {di)segni cuneiformi sono da considerarsi pitto-logografìci {o pitto-ideografici). Va
sottolineato che la scelta del disegno appare originariamente del tutto arbitraria ed è
completamente svincolata da ogni legame con la pronuncia del suo significato di base
{ma v. anche 2.8).
Essenzialmente, le procedure attraverso cui il sumerico si è arricchito della possibili-
tà di descrivere la realtà mediante un numero relativamente ristretto di segni sono due:
l. lncorporazione semantica, cioè ampliamento della sfera dei significati dei segni
mediante metonimia {per esempio, un segno che indica una parte di una realtà
incorpora anche l'insieme che lo contiene, o viceversa) o per richiamo metaforico
{affinità di utilizzo, comportamento, azione ecc.).
Nota 1: la metonìmia (o metonimìa, dal greco "scambio di nome, [nome] al posto di un [altro] nome")
è una figura della retorica classica che si esprime nell'utilizzo di un termine con un valore semantico
ampliato rispetto a quello usuale, come il nome del contenitore per indicarne il contenuto (bere
una bottiglia), l'autore per l'opera (studiare Beethoven), il simbolo per la realtà che indica (difendere
la bandiera), la parte per il tutto (vele sul mare), l'effetto per la causa (vivere del proprio sudore) ecc.
Questa è la procedura per l'incorporazione semantica più utilizzata e produttiva nella tradizione
grafica sumerica.

Per esempio, il segno sumerico 4=f indica una testa nella quale si sottolinea, median-
te una serie di cunei paralleli, la parte anteriore dove si trova la bocca {v. anche 2.4,
l); si legge in sumerico /kal e indica, appunto, la "bocca". Allo stesso tempo, però,
il segno indica anche una serie di realtà e azioni (con valori, quindi, sia nominali
che verbali) che sono in qualche modo, metonimicamente, correlate con la "boccà',
generando i veri e propri ideogrammi; così lo stesso segno KA può essere letto anche
/zu2/ {si legge "zu due") e significa "dente", o /du 11 / (da leggersi "du undici") e indica
"parlare", /inim/ e significa "parola", e altri significati correlati con le realtà o attività
connesse alla "boccà' {per la numerazione in pedice dei segni v. 2.5).
Allo stesso modo, il segno ~),che rappresenta il disegno stilizzato della parte in-
feriore della gamba e del piede, indica tutte le attività connesse all'utilizw dell'arto
{gen, "andare"; gub, "stare in piedi"; tum 2 , "portare" ecc.), e così via.
2. Associazione fonetica, cioè utilizzo di un determinato segno cuneiforme per espri-
mere un oggetto o una attività che aveva in sumerico una pronuncia identica o simi-
le. Per esempio, il termine TI {>-f-<), che disegna e indica una "freccià', è utilizzato
anche per "vità', termine omofono in sumerico; lo stesso vale per D U H ~), "cru-
scà', il cui segno rappresenta due spighe di questo tipo di cereale, omofono del verbo
"aprire, chiarire". Anche i segni che esprimono morfemi grammaticali hanno questa

27
2 Grafia del sumerico

origine: per esempio il prefisso verbale bi 2 -, origina dal valore b il 2 , "bruciare", del
segno IZI ~'"fuoco"; -e, vocale molto usata nella morfologia sia nominale che
verbale, dal segno EG, "argine (di un canale)" (l!f), ecc.
Nota 2: il procedimento equivale a quello di utilizzare in italiano il disegno di un'"àncora" per in-
dicare l'avverbio "ancora", di pronuncia assai simile (l'esempio è tratto dalla grafia degli sms tra i
giovanissimi). A questo proposito, il collega F. Masini, sinologo, mi informa che in Cina i giovani
terminano gli sms spesso con due numeri "8", la cui pronuncia cinese è /ba/, quindi "ba-ba", che
approssima l'inglese "bye bye".

In sintesi, la caratteristica dei segni cuneiformi sumerici è quella di essere al contempo


polisemici, di avere cioè più di un significato, e ovviamente polifonetici, cioè permet-
tere letture diverse dello stesso disegno (in altre parole, tanti suoni quanti sono i valori,
semantici, morfologici o fonetici, che il segno stesso può veicolare).

2.3 Amplificazione semantica dei segni:


i segni composti
Nella grafia cuneiforme è possibile creare nuovi lessemi unendo due o più segni il cui
valore semantico si somma per dare vita a un significato diverso e quindi a una nuova
lettura; i segni, da un punto di vista grafico, possono essere giustapposti, oppure uno o
più di essi possono essere iscritti all'interno del primo; si tratta della forma più comune
di ampliamento semantico della scrittura cuneiforme. Per esempio, i due segni UD
(Q.), "giorno, sole", e DU ~),"andare, muoversi", se giustapposti, indicano il signi-
ficato di "uscire" (cioè "muoversi detto del sole"), letto e 3 e scritto~; se al segno
D U si giustappone il segno D U 6 (lfl), "collinà', si avrà il significato di "salire", che
si legge e 11 ed è graficamente rappresentato nel modo seguente: lfl,e;q', lett. "andare su
verso una collina". Differentemente, i due segni KA (~,"bocca" e NINDA (~),
"pane", si uniscono generando il significato di "mangiare", che si legge gu 7 (anche
ku 2 ) e si scrive .r, con il secondo segno iscritto nel primo; allo stesso modo, lo stesso
segno KA, insieme al segno A (lf) "acquà' iscritto al suo interno, genera il significato di
"bere": si legge nag e si scrive~; ancora, il termine a2 , "forza, lavoro, salario", è rap-
presentato dal segno DA (1:1), "braccio", con al suo interno il segno SE <=>,"orzo":
~ (''usare il braccio per produrre orzo", con tutte le varianti semantiche dell'azione
così espressa). Ulteriori esempi di segni composti, tra i più comuni nei testi, sono i
seguenti: ensi 2 , scritto PA.TE.SI (~"n), "governatore"; maskim, PA.KAS 4 ~
~),"commissario"; sipa, PA. UDU (~),"pastore"; sagina, GIR 3 .NITA 2 ~
1>-f}, "generale"; udul 2 (anche unud), AB 2 .KU <<:>S), "bovaro".
Nota: esiste una lista di segni composti redatta in epoca paleo-babilonese (prima metà del II millennio
a.C.), detta Proto-Diri, e una più tarda lista lessicale, chiamata Diri, in cui sono elencati oltre 2000 segni
composti (di cui solo una minima parte è utilizzata nella pratica scribale quotidiana). Il lemma diri si
scrive mediante la giustapposizione del segno A, "acquà' (ff), e il segno SI (;!J), "riempire",~. che
veicola il significato di "eccedere" (probabilmente da interpretare lett. "riempire d'acqua [fino a superare
il bordo]"). Il nome della lista è dovuto al fatto che il segno D I RI è posto all'inizio (incipit) della raccol-
ta, per cui questa tipologia di segni è anche definita "diri" (segni-diri); v. anche Excursus.

28
2. 4 Amplificazione grafica dei segni

In traslitterazione, cioè nell'atto di trasporre in lettere latine il segno cuneiforme della


tavoletta, quando si vuole indicare che un segno è iscritto nell'altro si usa il simbolo
'x', quindi nag si può descrivere come KAxA; gu 7 sarà KAxNINDA e così via (sul
concetto di traslitterazione e la differenza con la trascrizione si veda 2.12). Se due segni
sono giustapposti, allora si usa il simbolo'.', quindi: e 3 è UD.DU; e 11 sarà DU 6 •
D U; come si vede, i segni, quando non indicano la lettura che veicolano, sono scritti
in maiuscolo; quindi, se in una traslitterazione si è in grado di riconoscere il segno che
si vede, ma non si sa identificarne la lettura nel contesto, sarà traslitterato in maiuscolo.
Da ultimo, se due segni sono scritti con un cuneo in comune si usa il simbolo'+', es.
su-nigin2, "totale" (lett. "far ruotare il dito [sulla tavoletta per effettuare il computo
finale]"), scritto spesso SU+niginz, dove cioè i due segni su un e NIGIN2 (!:J)
sono scritti con il cuneo verticale finale del primo segno che è al contempo anche il
primo cuneo del secondo; lo stesso accorgimento si usa se due segni sono sempre scritti
assieme, per esempio lugal = GAL+LU 2, ft- +~,scritto sempre:~ (v. 3.2, b).
Infine, bisogna sottolineare che alcuni toponimi sono scritti mediante segni o grup-
pi di segni specifici che non sono, per noi, in genere ulteriormente analizzabili; per
esempio GES. UH/; ~~), Umma (mod. Tell Jokha, ma v. Cr Sa, l. 15); SIR.
BUR. LA ki (~~), Laga.S (mod. Tell al-Hiba); NUNki ('iii!Ì~), Eridu(g)
(mod. Tell Abu Shahrain); UD. UNUGki (~~), Larsa (mod. Tell es-Senkereh);
SES. UNUGki (~~), Urim2 (Ur, mod. Tell al-Muqayyar), ecc. (per l'uso del
segno Kl, che indica il nome di luogo, si veda 2.6).

2.4 Amplificazione grafica dei segni


Un modo ulteriore per creare la rappresentazione di valori semantici nuovi nella scrit-
tura cuneiforme è rappresentato dalla modificazione grafica di segni di base. Questa
modificazione, che noi vediamo in opera fin dai periodi più arcaici della scrittura, si
presenta secondo schemi che sono stati definiti dalla trattatistica babilonese sull'argo-
mento e la cui terminologia noi utilizziamo per la descrizione. Vale la pena di sottoli-
neare che questa sistematizzazione è molto tarda e non rispecchia necessariamente le
vie di sviluppo della grafia stessa, ma solo una sua descrizione a posteriori; essa è qui
utilizzata per la sua utilità didattica. Le modificazioni grafiche più comuni ed evidenti
sono le seguenti (si segue la terminologia babilonese):
l. gunu, "abbellimento1, riempimento1" (forse dal surnerico gun 3 , 11iJ, "essere multico-
lore, screziato"): si tratta dell'aggiunta di alcuni segni paralleli (orizzontali o verticali)
a un segno di base, e rappresenta la più utilizzata e più arcaica forma di ampliamento
grafico dei segni; esempi:
igi (+-),"occhio"--+ sig 7 (l!f-; IGigunu), "(essere) verde";
sag (lfl:::D, "testà'--+ ka (lft:::f; SAGgunu), "bocca";
ku 6 (~),"pesce"--+ gir (~; HAgunu), "pesce-GIR (un tipo specifico di pesce)";
pd (1cl), "fico"--+ hashur ('fd; MAgunu), "melà'.

29
2 Grafia del sumerico

2. sdsig, la cui etimologia è a tutt'oggi ignota, indica l'inserimento di segni incisi con
la testa dello stilo (Winkelhaken) su un segno di base; esempi:
du (:;!f), "andare"--+ kas 4 {~; DUsdsig), "correre, corriere";
e 2 (lfi), "casa, tempio"--+ ka 2 (JIII1lrr; E 2 sdsig), "porta (del palazzo)";
non sempre l'aggiunta dell'ampliamento JeSSig amplifica il significato di base, in
taluni casi ne crea uno completamente nuovo, come è il caso di
ur (JH), "cane"--+ dul 9 {U:J; URsdsig), "coprire".
3. minabi, "reduplicazione" {lett. in sumerico min 2 -a-bi: "i rispettivi due, doppio",
sui numerali v. 4.14): indica che lo stesso segno è scritto due volte, uno sull'altro
oppure uno accanto all'altro; esempi:
du {t;q), "andare"--+ lah 4 <Sf; DUminabi), "portare (con soggetto plurale)"
- se letto s u 8 / su h 2 lo stesso segno indica il plurale del verbo "venire" {v. 2.9 e
5.2.3); in questo caso i segni possono essere scritti anche uno di seguito all'altro,
es. ::;!f::;!f, con lettura lah 5 e lo stesso significato di lah 4 , ma questo non avviene
per gli altri esempi che seguono;
mu {~,"nome, anno"--+ dah {anche tah; t:f;
MUminabi), "aggiungere";
nun {>flli), "principe"--+ nir {lf; NUNminabi), "supremazia, importanzà'.
Nota: nella traslitterazione, per descrivere graficamente questo tipo di grafemi, è uso scrivere i due
segni, in maiuscolo, separati dai due punti(:), quindi: DU:DU; MU:MU; NUN:NUN. Ag-
giungiamo che nel traslitterare un testo arcaico (tra 3000 e 2500 ca. a.C., v. 1.7. 1-2), e più raramente
nei periodi seguenti, i due punti si usano per indicare che i segni non sono scritti nella seq__uenza di
lettura, es. ur:d=nanse, che evidenzia che nella casella i segni sono scritti così: AN fd NAN SE UR.

Esiste anche la possibilità, più rara, di giustapporre tre volte lo stesso segno, come
per esempio il segno MUL, "stellà', che è rappresentato dalla triplice giustapposi-
zione del segno AN (*),"cielo", cioè: f*. Nella trattatistica babilonese questa tipo-
logia di amplificazione grafica è detta 'dsabi', o 'eJJaku', dal sum e5 5 (v. 4.14), "3 di
esso (=il segno)", quindi: AN eJJaku.

2.5 La numerazione dei segni cuneiformi:


omofoni non omografì
I numeri in pedice, che si sono usati per esprimere per esempio i valori z u 2 e d u 11 del
segno KA e che vengono usati nelle traslitterazioni assiriologiche, si fondano sull'esi-
stenza in sumerico di un numero assai alto di omofoni non omografi, cioè di segni che
sono graficamente diversi ma che possiedono la stessa lettura; per esempio, KA (che si
può leggere "ka" o, più scolasticamente, "ka uno") significa, come detto, "bocca"; KA 2 ,
- · {leggi "ka due"), significa "porta {di palazzo o tempio)"; KA 5, ~. {leggi "ka cin-
que") significa "volpe, gatto", ecc. Al fine di distinguere nella traslitterazione di quale
segno si tratti, è invalso dai primordi dell'assiriologia l'uso di aggiungere ai segni dei
pedici numerici, basati sulla maggiore frequenza percentuale di attestazione del segno

30
2. 6 I segni determinativi o classificatori

con quel valore; quindi KA ha valore "uno" perché è il segno più frequentemente usato
con questo valore fonetico, KA 2 ha pedice "due" poiché, in percentuale, è attestato con
il valore (suono) /hl al secondo posto nella documentazione, e così via.
Nota: il sistema è stato introdono dall'assiriologo francese F. Thureau-Dangin (1872-1944) nel 1929
(Les homophones sumériens)- notiamo come le percentuali del valore dei segni, con l'aumentare vertigi-
noso dei testi a disposizione, si sono modificate in modo sostanziale; runavia, al fine di evirare che ogni
generazione debba rimettere mano alla numerazione, e così facendo non sia più in grado di interpretare
facilmente le rraslinerazioni delle generazioni precedenti, si continua in genere a usare la numerazione
tradizionale (anche se ogni generazione di assiriologi ha raffinato e modificato il sistema, ovviamente).

Nell'uso assiriologico si ritrova ancora oggi, benché sempre più raramente, la possibilità
di indicare il valore "2" con l'accento acuto e il "3" con quello grave; es. ka 2 o ka; du 3
o d ù. Nei segni bisillabi, come per esempio N I GIN, seguendo questa consuetudine,
in talune traslitterazioni più antiche era utilizzata la procedura di indicare il numero
mediante accento dalla seconda sillaba risalendo alla prima, quindi nigin = nigin 2 ,
nigìn = nigin 3 , nigin = nigin 4 e nìgin = nigin 5 , mentre in altre dal valore "4" in
poi si utilizzava il numero in pedice. A causa della possibile ambiguità di questo siste-
ma, ora si ha la tendenza a scrivere sempre il valore numerico del segno in pedice, cosa
che aiuta anche nell'editoria, in quanto i numeri sono riconosciuti da tutti i programmi
di editing, mentre non tutti i segni diacritici lo sono.

2.6 I segni determinativi o classificatori


Sintetizzando la struttura grafica, i Sumeri hanno quindi creato un sistema di base che
prevede un numero relativamente ristretto di pitto-ideogrammi, e la possibilità di di-
minuire la quantità dei segni è dovuta appunto all'idea di riunire sotto uno stesso dise-
gno una serie di significati correlati col segno già inventato (differentemente dal sistema
cinese, anch'esso ideografico, in cui invece storicamente si assiste alla moltiplicazione
straordinaria del numero dei disegni). Va da sé che, se da. un lato in questo modo si
semplifica la memorizzazione dei segni (che non superano le seicento unità in totale
e che non sono utilizzati tutti insieme in tutte le tipologie documentarie), dall'altro si
genera la difficoltà di sapere come attribuire il valore semantico (e fonetico) corretto al
segno che si incontra in un determinato contesto. Insomma, si genera la difficoltà di
capire che cosa il segno indichi nel testo specifico e quindi come interpretarlo /leggerlo
correttamente.
Bisogna osservare innanzitutto che la grafia surnerica, e in genere le grafie della tra-
dizione orientale antica, presuppongono una relazione assai stretta tra chi scrive il testo
e chi lo legge. In altre parole, lo scriba tende a offrire il minimo di informazioni al let-
tore, sufficienti a suo avviso - sulla base di regole non sempre codificate e che possono
cambiare di periodo in periodo- a permettere a quest'ultimo di recepire il messaggio e
aggiungere al testo tutte le informazioni linguistiche, grammaticali e lessicali giudicate
non necessarie dallo scrivente (questo atto da parte del lettore si può definire 'ospita-
lizzazione' del testo). Ciò non vale solamente per gli aspetti semantici (del significato

31
2 Grafia del sumerico

delle parole), ma anche per quelli grammaticali, cosa che rende ragione della difficoltà
di ricostruire le grammatiche delle lingue antiche orientali (sumerica in prima istanza,
come vedremo).
Al fine di aiutare il lettore nella comprensione di un testo, una parte dei segni pino-
grafici è usata per restringere il campo semantico dei segni cui è giustapposta, cioè sia
anteposta che posposta al segno o ai segni stessi di cui vuole indicare la sfera di appar-
tenenza semantica. Nella traslitterazione i segni determinativi, o classificatori, vengono
scritti in carattere minore in apice, a indicare che si trovano nella grafia ma non han-
no una lettura propria nel contesto, in quanto utilizzati solo per restringere il campo
semantico del segno cui si uniscono (e aiutare così il lettore a leggere e interpretare
correttamente il testo in questione). In traslitterazioni più recenti, si può anche trovare
il determinativo scritto accanto al segno, in maiuscolo o minuscolo e separato con un
punto (.). I due determinativi più utilizzati sono senz'altro digir, "dio", anteposto a
tutti i nomi di dèi, demonie oggetti di culto, e ki, "terra, luogo", posposto a tutti i to-
ponimi (paesi, città, villaggi); es. dEn-lil 2 (Enlil, il dio principale e capo del pantheon
sumero-accadico), dJnana (lnana, la dea della guerra e dell'amore), Urim 2 ki, "Ur",
Unugki, "Uruk".
Sottolineiamo ancora una volta che questi classificatori sono segni normalmente uti-
lizzati nella scrittura e non sono stati creati apposta per essere dei supporti alla lettura;
in altre parole, i segni GES, Kl, DIGIR e gli altri possono essere impiegati dallo
scriba per esprimere rispettivamente le parole per "albero", "luogo", "dio" ecc. Di segui-
to una lista dei classificatori più frequentemente usati nella grafia sumerica (osserviamo
che essi non sono tutti attestati in tutti i periodi e che diventano in pratica obbligatori
solo dall'epoca post-sumerica).
a) determinativi preposti al nome:
------------------------------------------------------------
• digir (*) · dio (davanti ai nomi di divinità, di esseri divini e di qualsiasi oggetto legato
' al culto; viene traslitterato "<~")

dug (~) ' vaso (davanti ai nomi di vasi e di recipienti realizzati in argilla)
----~---- ------ --- -· -- -- ... -------------------
gi cM>
------ ------------- -
. canna Cdavanti agli oggetti realizzati con canne intrecciate)
----- ---- ---- ---- -------------- ·--- -- -------·-------
• gd ~) legno, albero (davanti ai nomi di albero e agli oggetti realizzati in legno)
·i~-ms> - --·- ------ ----
corso d'acqua (davanti ai nomi di fiumi e di canali, letto anche id 2 , per cui
--- ------- -----------· -- --

' v. 2.9)

kur (14) paese, montagna (davanti ai nomi di paese e montagna)


. -,-- -- --· ----- -. --·- -- -- ---. ---- -- ----- -- ----

lu 2 ~) uomo (davanti ai nomi di professione, etnici ecc. - raro in ambito


: sumerico, molto comune in quello babilonese e assiro)
l --
mul~) , stella (davanti ai nomi di stelle, costellazioni e pianeti)
- _..__ ---- ---- - --- - --- --- ··------- .... -- --------·--------- -----------------------------.
r ~~~~~-c~)-- donna (davanti ai nomi propri o comuni di donna, si traslittera "f» ed è
usato solo in epoca post-sumerica)
.... ------ ------------------------··- ---- -----------------·---- -- - ---·----· -----· ------------------- -·-------------- ·--------- ------
. na 4 ~(t) ' pietra (davanti ai nomi di pietra e agli oggetti realizzati in pietra)
: erba (davanti ai nomi di piante ed erbe)

32
2. 7 La complementazione fonetica e i fonogrammi

. j -·

uru liri (tfj) città (davanti ai nomi di città, raro nel III mill. a.C.)

uruda ~) rame (davanti alle differenti tipologie di rame e agli oggetti realizzati in
lega di rame; talvolta con il signifìcato generico di metallo)
--- ----- ------ ..... --·

· uzu(~ carne (davanti a parti del corpo e agli alimenti di macelleria, raramente
' usato)

b) determinativi posposti al nome:


ki è~)-- - - -- - -j -Ìuogo {segue i;~p~~-in:i) -- - -~

, pesce (segue i nomi di pesci)


musen (~) : uccello {segue i nomi di volatili)
-- -- . ... ... -j

sar (ltJ) : giardino, verdura (segue i nomi di piante leguminose)

2. 7 La complementazione fonetica e i fonogrammi


Ma l'espediente di gran lunga più produttivo per risolvere le problematiche insite
nell'ambiguità strutturale della grafia cuneiforme è la cosiddetta "complementazione
foneticà'. In sumerico, essa consiste nello scrivere le vocali, unite alle parole per espri-
mere la grammatica, utilizzando un segno, tra quelli pitto-logografìci, che riprenda il
valore fonetico finale del segno cui la vocale viene aggiunta. Per esempio, il segno*'
DIGIR, "dio", può anche essere letto an, e significa "cielo"; per aggiungere la vocale
A a queste due parole lo scriba sumerico utilizza il segno RA o NA, a seconda che
intenda aiutare il lettore a leggere il segno come digir o come an rispettivamente. Si
tratta, in fìn dei conti, di una sorta di piccolo rebus: in pratica si chiede al fruitore del
messaggio di scegliere, o indovinare, la lettura corretta sulla base di questa informazio-
ne; quindi:

** -na + an-na('**)
-ra = digir-ra (*ffiD
+
Un altro esempio, con un segno assai usato, è il seguente:
~ + ba gub-ba ~1:!3')
~ + ma = tum 2 -ma ~
dove l'uso della sillaba ba o ma aiuta a leggere correttamente il segno DU ~)come
g u b (''stare, porre") o come tu m 2 (''portare") - vale la pena di sottolineare che la redu-
plicazione della consonante è solamente grafica, e non fonetica, quindi /gubal, ltumal,
lana/ ecc., per cui si veda anche 2.9.
La tabella che segue riporta i segni maggiormente utilizzati per i diversi suoni con-
sonantici per rendere le due vocali che in sumerico sono impiegate per esprimere la
morfologia, cioè /al ed /e/ (per gli aspetti fonetici si veda 3.2):

33
2 Grafia del sumerico

/bi ____. -ba (.z::g); -be ~)/-be 2 (~


/d/ ____. -da (1::1); -de 3 ~
/g/ ____. -ga (.); -ge (M)/-ge4 (sM)
/q/ ____. -ga2 {;:1); -ge26 <;:1)
/h/ ____. -ha ~); -he (Q)
/kl ____. -ka (~; -ke 4 (1!Pi, più arcaico: lllllf)
/l/ ____. -la (.fii)/-la 2 (j); -le(~
/m/ ____. -ma ('1d); -me (f-) /-me 2 (<(f€)
/n/ ____. -na (*); -ne 2 <H>>
/r/ ____. -ra (Jfi]')/-ra 2 (~;-re (.:fhl)/-re 2 (~-per la possibilità che que-
sto segno, con il valore l rl indichi l'alveolare affricata sorda aspirata (f)
si veda 3.2.2
/si ----. -sa (p); -se (iJ)
/f/ ____. -sa (lt>1)/-sa 4 (~; -se 3 <Jll)
lzl ----. -za {ff); -ze (-/-ze 2 ~)
Osservazioni: in genere con le sibilanti (s, s, z) e più raramente con le liquide (1, r) è pos-
sibile trovare grafie in cui compare la sola vocale, quindi: gaz-za/-a, "ucciso"; us2-sal-a,
"adiacente {lett. che si appoggia)", ecc., per cui v. 3.2.
Sono attestate sporadicamente anche grafie solo vocaliche per consonanti che general-
mente mostrano la complementazione fonetica (es. gar-ral-a); in genere nel periodo
post-sumerico (dal II millennio a.C. in poi) si stabilizza la grafia mediante la comple-
mentazione, più consona alla scrittura della lingua accadica ormai imperante.
Appare chiaro che con questo escamotage la scrittura, oltre a restringere l'ambiguità
della lettura del testo e a permettere la descrizione della morfologia della lingua (per
quanto in modo imperfetto, v. 2.6), ha anche aperto la strada per utilizzare i pitto-
logogrammi per il loro solo valore fonetico, rendendoli praticamente dei fonogrammi.
In altre parole, i segni si sono affrancati dalla loro origine pitto-logografìca e sono dive-
nuti dei simboli sonori (utilizzabili cioè per esprimere un suono). Ciò spiega la grande
duttilità di questo sistema, che nonostante la sua complessa struttura è stato usato per
veicolare, oltre al sumerico, lingue differenti quali il babilonese, l'assiro, l' elamita, l'it-
tita, il hurrita e molte altre ancora.
Nota: per indicare un segno quando è utilizzato per il proprio valore fonetico e non semantico, in lette-
ratura viene talvolta usato il termine "sillabogrammà'; ma nel sumerico i segni di cui abbiamo parlato
veicolano più le sequenze dei suoni (fonemi) che non le sillabe in cui è divisa la parola (v. Jagersma 2010
p. 15, nota l), per cui qui si preferisce il termine "fonogramma" (segno indicante un suono}.

2.8 Amplificazione fonetica dei segni


Sulla base di quanto esposto al paragrafo precedente sull'uso di segni per il loro solo
valore fonetico, bisogna poi notare l'esistenza di segni per i quali, contrariamente al-
l'"arbitrarietà" formale del disegno di base rispetto alla sua pronuncia (v. 2.2), viene for-

34
2.9 Letture 'lunghe' o 'corte' dei segni e caduta della consonante in fine di sillaba

nita un'indicazione di lettura mediante segni che vengono aggiunti al (di)segno come
mero supporto fonetico (i segni utilizzati per rendere il suono vengono detti "glosse").
Anche in questo caso si tratta di una sorta di procedimento a rebus la cui soluzione è de-
mandata al lettore; si veda per esempio il segno eme, "linguà', scritto~ (KAxME;
4=f x}-), che possiamo descrivere come una sorta di rebus: "qual è quella realtà legata
alla 'bocca' nella cui pronuncia è presente la sillaba ME? Risposta: eme, lingua".
Allo stesso modo vanno interpretati i seguenti segni composti: bad 3 , "muro, for-
tezzà', scritto@ (EZENxBAD; t[J:l x~; ezen ="area cinta da murà'); buruw
"raccolto", scritto~ (ENxKAR 2 ; ..l{ x~; KAR2, letto gana 2 , significa "campo col-
tivato", mentre EN, che ha valore anche u r u 16 , dà la lettura corretta dell'insieme: come
si vede, contrariamente agli altri esempi, qui è il segno che contiene a dare la lettura,
mentre il valore semantico da cui partire è dato dal segno contenuto); n undum, "lab-
bro", scritto .r (KAx NUN; llt=f xill!1), e altri.
Nota: è stato notato che il numero dei segni che appartengono a questa ripologia "fonetica'' è più nume-
roso di quanto appaia superficialmente, quindi già in epoca arcaica era avvertita la necessità di esprimere
nella grafia anche il suono dei segni. Si osservi, ancora, la differenza rra la ripologia di grafemi presentata
in 2.3, in cui il rapporto rra i segni è solamente semanrico e cioè i due o più segni "aggiungono" i propri
significati per generarne uno ulteriore, e questa, in cui il rapporto tra i due segni è meramenre fonetico.

Un tipo particolare di glossa è rappresentato dal termine gd tug, "orecchio, intelligen-


zà', che può essere scritto nei seguenti modi, cui vengono attribuiti numeri differenti
per la stessa lettura (v. 2.5):
l. gdtug = f-
2. gdtug 2 = ~[gf-, gd-tugzgdtug
3. gdtug 3 =~f-[g, gesgdtug'ugz
Si tratta di una grafia tradizionale, in cui il segno viene frequentemente scritto con le
glosse che ne identificano la lettura (dette frozen glosses, cioè glosse fossilizzate). Ciò è
dovuto, probabilmente, al fatto che il segno f-, letto wa, è molto utilizzato in ambito
semitico per indicare la congiunzione "e", cosa che non rende immediatamente eviden-
te il valore gehug dellogogramma.

2.9 Letture 'lunghe' o 'corte' dei segni e caduta della


consonante in fìne di sillaba
Sappiamo dai testi lessicali accadici (essenzialmente le liste di segni con relative letture)
che esiste spesso la possibilità di leggere un segno in due modi, con una forma lunga, in
cui si evidenzia la consonante finale, o con una lettura abbreviata, in cui non compare
la consonante finale; per esempio:
du 8 ---+ duh ~'"aprire"
du 10 ---+ dug 3 (Q), "buono, dolce"
du 11 ---+ dug 4 (~,"parlare"

35
2 Grafia del sumerico

gu 4 ----+ gud (::t>), "bue"


ni 3 ----+ nig 2 ~), "cosa, oggetto"
pa 3 ----+ pad 3 (f-;1}), "trovare, dichiarare"
sa 6 ----+ sag 9 (-.:~{), "(essere) bello, positivo"
(il segno rappresenta una palma da dattero)
Sa3 ----+ sag4 (~),"cuore, interno"
ti ----+ til 3 (~),"vita, vivere"
zi ----+ zid (-mi), "(essere) fedele, affidabile"
zi ----+ zig ( . , "alzare, prelevare"
zi ----+ zir (-mi), "rompere, distruggere"
In questi casi, come si è visto in 2.7, la vocale che si aggiunge ai segni sarà scritta me-
diante un fonogramma che riprende il suono finale (complemento fonetico), quindi:
dul0/dug3-ga; du1Jdug4-ga; sa6/sag9-ga; pa3/pad3-da; sa3/sag4-ga; zi-da;
zi-ra ecc. Osserviamo che sono soprattutto le consonanti 'd'e 'g/g' a presentare la ca-
ratteristica di non comparire in fine di parola. Oggi si tende a preferire la lettura corta
dei segni, che sembra più vicina a quella originaria, e soprattutto evita di far considerare
la reduplicazione della consonante come fonetica, laddove invece si tratta solo di un
fenomeno grafico; cosl si spiegano, per esempio, la resa reduplicata di lnanna, < (n) i n-
an-na, da *nin an=ak, la dea della guerra e dell'amore sumerica, e del tempio di
Uruk dove ella vive, Eanna, <e 2 -an-na, *ej an=ak, che erano correnti tra le gene-
razioni di assiriologi precedenti (per la morfologia di queste forme si veda ai paragrafi
specifici), lette oggi generalmente lnana ed Eana- va da sé che anche le rese Eanna e
lnanna sono giustificate, almeno sul piano grafico (v. 2.10, 2). Nella presente descrizio-
ne grammaticale le consonanti finali dei lemmi verranno indicate quando necessario e
nel glossario finale si riportano entrambe le letture. Per quanto riguarda l'uso dei segni
nella trascrizione si veda 2.12.
Il fenomeno della non evidenza della consonante finale di sillaba ha una ricaduta
importante per quello che concerne la morfologia; per esempio, la forma su ba-ti,
"egli ha ricevuto", può comparire anche nella forma su ba-an-ti, che dal punto di
vista grammaticale è la forma corretta (più precisamente *su=0.,, ba. n. ti.0), dove
la /n/ rappresenta il pronome di III pers. sing. all'interno della struttura (/banti/, v. 5.3,
A): qui la consonante cade nella scrittura, lasciando al fruitore del testo il compito di
aggiungerla in sede di lettura. Come si vedrà, nel descrivere la grammatica del sumerico
si è nella necessità di ricostruire molta parte della morfologia partendo da situazioni
grafiche come quella appena descritta.
La ragione della non evidenza della consonante finale di sillaba è una conseguenza
del sistema grafico cuneiforme e dalla sua struttura: come si è visto (2.7), i valori fone-
tici derivano direttamente dai valori semantici dei segni (quindi, valore semantico n a,
"pietrà' ----+valore fonetico /nal) e non sono stati creati appositamente per esprimere
il suono che rappresentano; i segni CVC (quali /han/, /dab/ ecc.) della grafia sumerica
non erano sufficienti per poter esprimere tutte le consonanti finali di sillaba (ne sareb-
bero servite alcune centinaia), aspetto che è quindi rimasto uno dei problemi più evi-
denti della grafia (e della fonetica, v. cap. 3) sumerica- v. anche il paragrafo seguente.

36
2.1 O Ortografia sumerica

2.10 Ortografia sumerica


Prima di passare a parlare dei suoni della lingua, è bene sottolineare un ultimo punto
sulla grafia sumerica: all'interno della documentazione nota, si può parlare di un modo
giusto e uno sbagliato di scrivere la lingua sumerica? In altre parole, esiste un"'ortografìa
sumerica"?
In realtà, è possibile affermare che diverse "ortografie" sono attestate a partire dalla
metà del III millennio a.C. in poi, con differenti riforme che in vari periodi si sono im-
poste. Tra queste la più arcaica è quella che si ritrova nelle iscrizioni del re Eanatum di
Lagas attorno al 2400 a.C., quando assistiamo, per esempio, ad una maggiore eviden-
ziazione dei morfemi grammaticali (essenzialmente nella morfologia verbale) e all'uso
più consistente di taluni determinativi (v. 1.7, 2, B). Indipendentemente, però, dall'u-
so di determinati valori sillabid, identificativi di una tradizione geografica rispetto a
un'altra, e dalla presenza più o meno cospicua di evidenziazione della morfologia (più
sviluppata in testi letterari, meno nella tipologia amministrativa), è possibile enucleare
le seguenti caratteristiche che valgono per tutti i periodi della storia linguistica sumerica
(a partire dalla metà del III millennio a.C.).
l. I segni o le sillabe con struttura CVC possono essere scissi in due segni semplici
che condividono la vocale finale e iniziale; es. kak (~)-----+ ka-ak (~~); dug
(~)-----+ du-ug ~)-qui ovviamente la reduplicazione della vocale è solo
grafica (v. anche il punto 2); ciò vale soprattutto per la resa delle forme gramma-
ticali, es. su ba-an-ti, "egli ha ricevuto", da *su=0 ba.n.ti.0. È interessante
notare che in questi casi, pur esistendo, non viene mai utilizzato il segno han (\IV,
"arco"), e lo stesso vale per la sequenza verbale mu-un (/munti/), mai scritta m un
(#, "sale"), a dimostrazione che solo un determinato numero di segni è riservato
all'espressione di valori grammaticali (v. 2.9).
Nota 1: bisogna notare, però, in epoca arcaica (2600-2350 a.C.) l'uso di alcuni segni come dab 5 <EJ,
lett. "catturare, prendere [in affitto, in consegna]") o i ri(tfr,lett. "città'') per esprimere la morfolo-
gia; questi non vengono più utilizzati a partire già dall'ultimo quarto del III millennio a.C., sostituiti
dalle sequenze da-ab e i/i 3 -ri, a dimostrazione delle sperimentazìoni che gli scribi sumerici segui-
rono per descrivere grammaticalmente la propria lingua.

2. La reduplicazione delle consonanti nella scrittura delle vocali morfologiche non è


fonetica, ma è da considerarsi un espediente meramente grafico (v. anche 2.7 e 3.1,
C), quindi, per esempio, l'espressione e 2 -gal lugal-la, *ejgal lugal=ak, "il pa-
lazzo del re" (v. 4.9, A), era pronunciato /ejgallugala/ (geminazione non fonetica).
3. Di converso, nella grafia la reduplicazione fonetica di una consonante può non es-
sere espressa; per esempio mu-na-du 3 , "egli costruì per lui(= il dio)" è ricostruito,
sulla base di forme parallele, come *m u. n n a. n. d u. 0 (geminazione non espressa).
Nota 2: ribadiamo qui che la grafia cuneiforme, come le grafie orientali in genere, instaura una relazione
tra chi scrive e chi legge, e il lettore deve integrare spesso quello che lo scrittore ha indicato solo per
accenni (ospitalizzazione, v. 2.6).

37
2 Grafia del sumerico

2.11 La direzione della scrittura cuneiforme


Da ultimo, è necessario accennare a una caratteristica della scrittura cuneiforme che
riguarda la sua direzione. Nei testi conservati su oggetti orientabili, come per esempio
le statue o le steli, che possiedono un alto e un basso chiaramente riconoscibili, dalle
origini fino alla prima metà del II millennio a.C. i segni vengono scritti dall'alto in bas-
so in caselle verticali che vanno da destra a sinistra all'interno di colonne orizzontali che
procedono dall'alto verso il basso. In un momento imprecisato attorno alla metà del II
millennio la grafia subisce una modifica nella direzione della scrittura: i segni vengono
scritti "coricati" di 90° a sinistra e di conseguenza incisi orizzontalmente da destra a
sinistra in caselle all'interno di colonne che procedono verticalmente. Per ese~,.Pio, il
segno KA, inciso originariamente come 1t, viene scritto ora~; il segno DU ~viene
scritto ~ - come si può notare, la forma arcaica è quella che rappresenta il disegno
originario.
La ragione per questa modifica così evidente dell'ordine e della direzione di scrittura
non è chiara. Si può ipotizzare che la caratteristica fisica della vista umana detta "visione
saccadica" (l'estensione del campo visivo di soli cinque gradi in verticale e invece di più
di venti gradi in orizzontale rispetto al punto focale) abbia spinto alla modifica dell'o-
rientamento grafìco nel momento in cui si passava da una scrittura sostanzialmente
ideografìca a una fortemente sillabica, in cui assumeva maggiore importanza la necessi-
tà di "unire" i segni in sequenza, scorrendo con l'occhio velocemente dall'uno all'altro,
per giungere a comprendere il senso completo. Ribadiamo che si tratta solamente di
una ipotesi.

2.12 Traslitterazione e trascrizione


Si intende per traslitterazione la trasposizione in caratteri latini di tutti i segni del testo
cuneiforme. La trascrizione, invece, ricostruisce in maniera trasparente lemmi e mor-
femi sumerici, sciogliendo le omissioni, le convenzioni e le idiosincrasie della lingua
scritta che abbiamo visto nei paragrafì precedenti. Contrariamente a quanto avviene per
l'accadico (D'Agostino- Cingolo- Spada 2016, pp. 25-26), per i motivi che si sono
spiegati nella parte introduttiva, non esiste un sistema ufficiale di trascrizione del sume-
rico e ogni sumerologo segue le procedure che gli sembrano più utili scientificamente e
dal punto di vista didattico; es. e 2 digir-ra-ka, "nel tempio del dio", *ej digir=ak=a1oc;
Gu 3 -de 2 -a dNin-gir 2-su-ra e 2 -a-ni mu-na-du 3 , "Gudea al dio Ningirsu co-
struì il suo tempio", *gudea=eerg (ningirsu=ak)=rada, ej=ani=0... mu.nna.n.du.0 (per la
morfologia di queste espressioni e la spiegazione della nomendatura utilizzata si veda
ai paragrafi relativi).
La differenza fra traslitterazione e trascrizione, dunque, è la seguente: la traslittera-
zione ha l'obiettivo di riprodurre il testo cuneiforme così come esso compare nella ta-
voletta, con tutte le osservazioni epigrafiche e filologiche (eventualmente aggiungendo
o espungendo segni, variandone l'ordine, correggendoli ecc.); la trascrizione, invece,

38
2.12 Traslitterazione e trascrizione

rappresenta l'ipotesi di ricostruzione grammaticale della lingua, chiarendo gli aspetti


che la grafia cuneiforme, per la sua struttura, non evidenzia. A quest'ultimo proposito
si osservi che nella trascrizione, sempre preceduta dal segno * (asterisco), le parole e i
nomi (v. 4.1 e sgg.) vengono resi in modo unitario (enlil, egal, gudea ecc.), mentre i
suffissi morfologici (morfemi) sono separati mediante il segno = (uguale) e la funzio-
ne del morfema (pronomi, casi ecc.) è indicata con un'abbreviazione in pedice; nella
trascrizione delle forme verbali, invece, i morfemi sono separati con un . (punto}- v.
anche 4.7, Nota 2. Aggiungiamo che nella traslitterazione la numerazione in pedice
dei segni non viene ripresa, in quanto recuperabile dalla traslitterazione, e l'eventuale
reduplicazione di nome e verbo viene indicata mediante il segno l (slash) (quindi l ugal
gal-gal-le-ne, "i grandi re", *lugal gal/gal=ene).

39
3 Cenni sulla fonetica del sumerico

3.l Aspetti generali


La ricostruzione della fonetica del sumerico è impresa assai complessa, e questo per una
serie di problematiche strutturali e storiche che rendono molto ardua la definizione dei
suoni con cui il sumerico era espresso.
A Da un lato, come si è visto nel capitolo precedente, la grafia cuneiforme non è un
tipo di scrittura che tenda a evidenziare il suono, ma si fonda essenzialmente sull'a-
spetto semantico dei segni (è tesa cioè a veicolare essenzialmente il significato e non
il modo in cui pronunciare il segno specifico), quindi non esistono all'interno della
grafia, se non in modo sporadico, indizi che aiutino a capire come venisse pronun-
ciato un lemma sumerico (v. 2.7 e 2.8}.
A questo proposito, conviene sottolineare ancora che, come si è visto, la grafia cu-
neiforme sumerica è un misto di segni "semantici" (indicanti le parole} e segni "fo-
netici" (che esprimono il suono): soltanto i secondi hanno il fine di indicare un
suono, mentre i primi esprimono un concetto (la parola, su cui v. 4.1 e sgg.) la cui
modificazione fonetica (allungamento o scomparsa di vocali, reduplicazione con-
sonantica ecc.), qualora presente, era lasciata alla competenza del lettore e per noi
risulta graficamente invisibile. Sulla base di questa considerazione, è stato proposto
di traslitterare in tondo i segni indicanti parole e in corsivo quelli fonetici, gli unici
che ci danno degli indizi sulla fonetica della lingua, per esempio: lugal-e urim2ki_
ma e2 mu-ni-in-du3 , "il re ha costruito un tempio ad Ur"; in questa grammatica si
preferisce semplificare la traslitterazione esprimendola tutta in tondo ed esplicitare,
qualora necessario, l'interpretazione della struttura specifica.
Ma l'aspetto che più di ogni altro inibisce una ricostruzione affidabile dei suoni del
sumerico dipende direttamente dalla tradizione storica e fìlologica con cui questa
lingua è stata tramandata.
B La grafia cuneiforme, inventata dai Sumeri e poi applicata alla lingua accadica, è
stata infatti decifrata a partire da quest'ultima; in altre parole, il valore ka del se-
gno indicante la "bocca" in sumerico in realtà è stato ricavato da parole accadiche
(semitiche) quali kalbu, "cane" (ka-al-bu), o kakkabu, "stella (ka-ak-ka-bu) in cui
quel segno era utilizzato, quindi il valore fonetico di velare (o gutturale) sorda (lkf,
v. 3.2 per una proposta di pronuncia in sumerico) per la consonante di questo segno
3.1 Aspetti generali

è ricavato dalla comparazione con altre lingue semitiche quali l'arabo (~, kalbun,
"cane") o l'ebraico (::J.:;l~~. kawkab, "stellà'), e lo stesso discorso, con un grado anco-
ra maggiore di incertezza, vale per la pronuncia della vocale l al dello stesso segno
(v. 3.3 per le vocali in sumerico). In realtà, la fonologia del sumerico differisce da
quella dell'accadico quanto l'italiano differisce dal cinese, quindi, quando si cerca
di ricostruire i suoni del sumerico utilizzando il valore fonetico ricavato dall'uso
che ne fanno i Babilonesi, si è nella condizione di chi volesse descrivere la fonetica
del cinese partendo dalle trascrizioni di parole cinesi in lingua latina dei Gesuiti del
XVII secolo; è molto probabile che i nomi di Confucio (trascrizione fonetica: Kong
Fii.zi) e di Mao-tse-tung (trascrizione fonetica: Mao Zédong), se pronunciati da un
italiano, saranno difficilmente riconosciuti da un cinese come il famoso filosofo del
VI sec. a.C. o il leader politico della prima metà del XX sec. d.C.
C Un motivo più strutturale, legato alla tipologia grafica della scrittura cuneiforme, è
rappresentato dall'impossibilità, a causa della natura sillabica della grafia, di espri-
mere i cluster, per cui due, o più, consonanti adiacenti non possono essere espresse
in inizio o fine di parola e nemmeno tre consonanti all'interno di una parola (come
per esempio nella parole italiane glicine, astro, alt): è molto probabile che queste
conformazioni fonetiche esistessero nella lingua sumerica, ma la natura della grafia
le nasconde inevitabilmente alla nostra conoscenza.
Nota: in fonologia si definisce "cluster" (ammasso, grappolo) l'incontro di consonanti (es. le conso-
nanti dell'ital. strambo).

D Da ultimo, oltre allo studio della fonetica accadica, e al modo in cui essa è stata uti-
lizzata per esprimere i suoni sumerici, altrettanto importanti sono le caratteristiche
grafiche che i testi sumerici stessi ci mostrano, e la peculiarità più rivelatrice per noi
è rappresentata dalle varianti e dalle costanti grafiche. È stato proprio lo studio di
queste due caratteristiche che ha permesso l' evidenziazione di suoni che altrimenti,
essendo assenti nella lingua accadica, sarebbero rimasti assolutamente ignoti a noi
- nei paragrafi che seguono si sottolineerà il modo in cui questo procedimento è
stato impiegato per la definizione della fonetica sumerica. A questo proposito va
però aggiunto che la grafia sumerica è spesso tradizionale e conservativa: mostra cioè
tratti fonetici arcaici non più esistenti nella lingua parlata (come accade, per esem-
pio, anche in inglese, dove la parola night riporta un suono gutturale che non è più
pronunciato nella lingua moderna- cfr. tedesco Nacht-; per questo il lemma viene
scritto nite nell'inglese americano).
Va sottolineato ancora una volta che, nonostante l'esistenza di una caratteristica
fonologica (cioè di un tratto distintivo all'interno del sistema fonatorio sumerico)
possa apparire da una variante o da una costante formale, tuttavia è sempre difficile
dire in che modo, sul piano meramente fonetico (cioè della realizzazione fisica di
quel suono), quell'evidenza vada effettivamente spiegata.
Per tutti questi motivi, le informazioni che seguono vanno considerate come minimali
per poter leggere un testo sumerico e comprendere le realtà e le problematiche foneti-
che su cui più si discute.

41
3 Cenni sulla fonetica del sumerico

3.2 I suoni consonantici del sumerico


Stanti le considerazioni generali del paragrafo precedente, è possibile ricostruire i se-
guenti fonemi consonantici sumerici Qagersma 20 l O, p. 33) - nella fonetica il fonema
(dal grecofone, "voce wnanà') si definisce come l'unità linguistica minima portatrice
di un tratto distintivo, tale che, se scambiato con un altro, genera significati diversi {per
esempio, in italiano, i suoni (fonemi) /dJ e !t/ che distinguono le parole 'dopo' e 'topo'):

Consonanti labiali Alveolari Palatali i


l
Velari Glottidali
·--------------- ·-- ---· ···--- -.--- - - - - · ------ . -- --- ---;
-- -------~--~-~--- --- --·----- --- __ ,___ - - - --·- -

Occlusive sorde b [p] . d [t] . !g [k]* 1 - [ 7]


- - - - - - - - ·--------·-- -•---------~-~----------~--·---~---,-----------,----------<

Occlusive sorde p [ph] . t [~] • ik [kh]


l
aspirate l
- - - - -- - . --- ~
1
--

l
' Affricate sorde z [ts] !
------- -------------"-------~-----t- ··--·- -· --ì -----------·--·-- -- ---
1
Affricate sorde f/d' [ts'>] l
l
aspirate l
--------- ---L_- ---- -- -- ---- -
l
Fricative sorde s [s] s Ul*2 i h (b) [x]*3 - [h]
------------.1----
Nasali m [m] n [n]
l--------------,---·-·-
i g [1)]*4
Laterali l [l] '
'
l
l
. -- -------------------t-
l
Uvulari r [r] i
-:---------------------1---
1

Semi-consonanti - __ [j] -- -- i
*1, g: il suono è sempre gutturale, quindi si pronuncia come nell'italiano gatto, ghiro, mai palatale
come in raggio;
*2, 5: si pronuncia come nell'italiano scia, sciame;
*3, hlb: la velare fricativa sorda [x] è traslitterata in genere con il segno b; in questa grammatica,
essendo l'unico segno che utilizza la 'h' nella traslitterazione del sumerico, per semplificazione grafica
si usa la forma senza mezzaluna in basso, quindi: ha, he, hi (che si pronunciano come in tedesco
Naeht o /eh);
*4, g: si pronuncia come nell'italiano rango, spengo.

Nella tabella sono segnate in grassetto le consonanti così come vengono espresse nelle
traslitterazioni dei segni cuneiformi, mentre tra parentesi quadre si trova una probabile
ricostruzione fonetica del suono reale in sumerico. Si può notare, inizialmente, come
non esistano, se non sporadicamente, segni specifici nella traslitterazione del sumerico
che la differenzino da quella dell' accadico; come detto, questo è un fatto solo apparen-
te, dovuto alla dipendenza della lettura dei segni sumerici da quella accadica, oltre che
alla poca competenza che ancora abbiamo sui fonemi sumerici.
Come si può anche vedere, l'opposizione consonantica non riguarda, come in italia-
no, la differenza tra sonorità e sordità, ma tra sordità e aspirazione.
Nota: ogni consonante possiede, all'interno dell'apparato fonatorio, un punto di articolazione specifico
in cui viene prodotta, per cui, per esempio, in italiano il suono /t/ rappresenta una alveolare (anche
detta dentale), in cui nel produrre il fonema la punta della lingua tocca le parte superiore dei denti (al-
veoli), e allo stesso identico modo si produce il suono /d/; la differenza tra i due deriva dalla mancanza
di vibrazione del diaframma e delle corde vocali nel primo (/t/, sorda), che invece vibrano se si produce
il secondo (/d/, sonora). In molte lingue, incluse inglese e tedesco, esiste la possibilità di emettere una

42
3.2 I suoni consonantici del sumerico

aspirazione, più o meno forte, che accompagna il suono prodotto, che viene indicata mediante una /h/
in apice accanto al suono di base (IC', c" ecc.).

[ipotesi che sia questo il tratto distintivo dei fonemi sumerici, per quanto riguarda le
ocdusive, aspirate o meno, /b/ e /p/ (labiali), /d/ e !t/ (alveolari) e /g/ e /kl (velari), de-
riva principalmente dall'analisi degli imprestiti sumerici in accadico e viceversa. Innan-
zitutto, le consonanti aspirate /b/, /d/ e /g/ dei lemmi sumerici, quando importate in
accadico, vengono realizzate come sorde; es. barag---+ parakku, "baldacchino, trono";
e 2-gal ---+ ekallu, "palazzo"; gada ---+ kitU, "lino"; u 2-dug 4 ---+ utukku, "demone
malefico", e allo stesso modo, negli impresti ti sumerici in accadico, vengono trattate le
consonanti sorde sumeriche non aspirate /p/, !t/ e /kl, realizzate sempre come sorde; es.
kar---+ kdru, "porto, molo"; pisan (o pisag)---+ pis/Jannu, "contenitore"; temen
----+ temennu, "perimetro, area di fondazione".
Al contrario, negli imprestiti accadici in sumerico sia le sorde /p/, /ti e /kl che le
sonore /b/, /d/ e /g/, cui vanno aggiunte le due enfatiche /q/ e /ç/ (su questi suoni
occlusivi specifici della fonetica semitica, definiti appunto "enfatici" o "ostruenti", v.
D'Agostino- Cingolo- Spada 2016, p. 28), vengono realizzate come sonore, quindi:
aplu---+ i3-bi2-la, "primogenito"; labiru---+ libir, "vecchio"; ma1kdnu---+ mas(2)-
gan2, "insediamento"; ndqidu---+ na-gada, "mandriano"; tamkdru---+ dam-gar 3,
"mercante"; Jdkinu---+ sagina, "generale"; temu---+ dim4-ma, "comprensione".
Quindi si può ricostruire la seguente correlazione tra le due lingue:
occlusive sorde e aspirate in sumerico ---+ sorde in accadico;
occlusive ed enfatiche sorde e sonore in accadico---+ sonore in sumerico.
Sembra quindi di poter concludere che i Babilonesi, nel trascrivere il sumerico, ab-
biano utilizzato i suoni sordi per esprimere i fonemi occlusivi sumerici, poiché alloro
orecchio la distinzione 'sorda : sorda aspiratà (o simile) appariva estranea alla fonetica
e non veniva recepita; al contrario, nel trascrivere in sumerico i suoni occlusivi accadici
essi utilizzavano i suoni sonori per evitare che questi fossero pronunciati come sordi o
aspirati, cioè con una pronuncia assai lontana da quella originaria.
Il fenomeno è piuttosto complesso, in quanto non è ancora del tutto chiaro quale
fosse l'esatta pronuncia delle consonanti (soprattutto le occlusive) in semitico arcaico
(o proto-semitico) e quella qui presentata è solo una delle possibili ipotesi sulla realiz-
zazione effettiva dei suoni in sumerico. Da sottolineare che, nella prassi assiriologica
corrente, ogni sumerologo legge i suoni sulla base delle idiosincrasie della sua lingua
madre, senza cioè cercare di riprodurre in alcun modo la ricostruzione ipotetica che
pure accetta come corretta.
Di seguito si sviluppano alcune considerazioni su aspetti specifici relativi dapprima
ai suoni che, come si vede dalla tabella, non hanno un corrispettivo nell'inventario
dei segni sumerici e in genere non vengono utilizzati nella traslitterazione scientifi-
ca: le glottidali (7 , h, 3.2.1), l'alveolare affricata sorda aspirata (f/dr, 3.2.2) e la semi-
consonante (j, 3.2.3); quindi si introdurrà la velare nasalizzata (g, 3.2.4), unico suono
espresso da un simbolo diverso da quelli utilizzati per l' accadico che verrà utilizzato

43
3 Cenni sulla fonetica del sumerico

nella presente grammatica. Alcune caratteristiche fonetiche minori e peculiari, infine,


verranno presentate durante la descrizione della morfologia del nome e del verbo.

3.2.1 Le glottidali
[esistenza di due possibili suoni glottidali, entrambi sordi, l'occlusiva N e la fricativa
/h/, è stata ipotizzata sulla base di tal une evidenze grafiche nella scrittura dei morfemi
che accompagnano alcune parole.
Nota: in italiano entrambi i suoni non sono fonologicamente distintivi e quindi non possiedono un
tratto grafico che li evidenzi; la glottidale sorda ocdusiva corrisponde all'interruzione del suono che si
ha in italiano tra le due parti dell'espressione "verrà Alberto", mentre la glottidale fricativa sorda è nota
solo in taluni dialetti (es. in toscano la caratteristica definita "gorgia toscana", per cui il suono /kl viene
pronunciato aspirato, es. nella parola "amico" [ami:ho]).

Per esempio, nell'aggiunta del suffisso *-ene (v. 4.8), che indica il plurale dei sostantivi
della cosiddetta classe A (v. 4.1 e 4.8, A), nei lemmi che seguono si notano due diffe-
renti comportamenti grafici:
a. gu d u -ne, "sacerd ott.,
4
b. gala-e-ne, "preti lamentatori"
Nel primo esempio la /e/ del suffisso *-ene scompare nella grafia, assorbita dalla vocale
finale della parola cui è stata aggiunta, mentre nel secondo caso essa si mantiene. Dato
che la vocale del suffisso si mantiene se la parola termina in consonante (es. digir-
re-ne, "gli dèi", v. 4.8, A), bisogna presupporre un suono consonantico alla fine del
lemma gala, che si ipotizza essere una delle due glottidali ricostruite (gala 7 /h-e-ne).
[incertezza nella definizione fonetica di questi due suoni, però, fa sì che essi non ven-
gano rappresentati da alcun segno specifico nella traslitterazione della lingua sumerica.
La glottidale occlusiva sorda (7) è stata presupposta come iniziale per i lemmi e i
morfemi inizianti per vocale, come il caso ergativo *-e (v. 4.11.1) e l' omofono direttivo
*-e (v. 4.11.7), oppure per illocativo *-a (v. 4.11.6), o l'omofona nominalizzazione *-a
(v. 6.5), cioè /7 e/ e / 7 a/ rispettivamente; si tratta di un tratto arcaico che si sarebbe per-
duto già durante l'epoca della Terza Dinastia di Ur nell'ultimo secolo del III millennio
a.C.

3.2.2 L'alveolare affricata sorda aspirata (f!Jr)


La scrittura delle vocali /al o /e/, quando aggiunte ad alcune parole che terminano in
l rl o l d/, avviene regolarmente fino alla Terza Dinastia di Ur mediante il segno D U,
che esprime in questo caso i valori ra 2 e re 6 rispettivamente; quindi: gu 4 (gud),
"b ue" , gu d -ra 2 ; d u 7 , "penetro,
r eonel uso" , d u 7 -ra 2 ; k't-en-gt,
· "S wner" , k'I-en-gt-
·
re6, ecc. (da contrapporre, per esempio, alle grafie gid 2 -da, "lungo"; kur-rao>• "[sul-
la] montagna" ecc.).
Si è ipotizzato, sulla base dei valori fonetici del segno DU (5a 4 , oltre ai già noti ra 2
e re 6) che il suono approssimi un fonema sumerico, ignoto in accadico, tra la alveolare

44
3.2 I suoni consonantici del sumerico

{dentale) /d/ e la fricativa palatale /SI, ipoteticamente simile a /f/ {alveolare affricata).
Va sottolineato che l'interpretazione del suono come alveolare affricato è solo ipotetico
{approssimato nel suono russo )l{ o, appunto, ceco R) e si può anche congetturare una
resa fonetica come cluster fdrlft o come ltshf, l'equivalente aspirato della alveolare sor-
da /ts/ {come proposto nella tabella in 3.2). Nella trattazione questo segno non verrà
utilizzato, da un lato per la difficoltà di determinarne il reale valore fonetico, dall'altro
perché, già nell'ultimo quarto del III millennio a.C., la cui documentazione forma la
base di questa grammatica, il suono scompare e di fronte a vocale viene normalizzato in
Idi (nei documenti delle città di Nippur, Isin ed Ur) o /r/ (a Laga.S ed Umma), mentre
scompare se seguito da consonante (v. anche 4.11.3, A).

3.2.3 La semi-comonante (j)


[esistenza della semi-consonante /j/, che si va progressivamente affievolendo fino a
scomparire del tutto già nella documentazione della Terza Dinastia di Ur, è stata pre-
supposta nella fonetica sumerica per rendere ragione di una serie di caratteristiche della
grafia cuneiforme così come è stata applicata alla lingua accadica nel III millennio a.C.
Per esempio, l'aggiunta alla parola a, "acqua", dell'ergativo -e (ilf, v. 4.11.1) ha una rara
variante a-e 3 (Q.~), es. a-e/e 3 de 6 -a, "(campo) che l'acqua ha inondato"; siccome
nella scrittura dei testi accadici è stato riscontrato l'uso del segno E 3 per esprimere la
sillaba /je/, è stato proposto che il termine sumerico a sia in realtà /aj/ (cioè la grafia
a-e 3 indicherebbe in realtà *aje) -la glottidale sorda fricativa /h/ è stata molto ipote-
ticamente proposta come prima consonante dei due lemmi i 7 /id 2 , "fiume", e e 2 , "casa,
tempio", quindi: *hid > /id/ e *haj > *he > /e/ (in questa grammatica il secondo
lemma è traslitterato come *ej).
Nel corso della trattazione la traslitterazione di questo segno non verrà mai utiliz-
zata a causa della difficoltà di accertarne l'esistenza nei casi specifici (nelle trascrizioni
correnti, sulla base di consuetudini grafiche accadiche, il termine a-a, "padre", è quello
più comune che può ritrovarsi a volte traslitterato come *aja).

3.2.4 La velare nasalizzata (g)


resistenza di questo suono, inesistente in accadico e quindi non presente originaria-
mente nella traslitterazione del sumerico, è stata ipotizzata sulla base sia di evidenza
interna alla lingua sumerica stessa che degli imprestiti di parole sumeriche in accadico.
Per esempio, la vocale /a/ che segue la parola sag, "testà', è scritta sempre con il se-
gno GA 2 <;:1), quindi: sag-ga 2 , "sulla testà', mentre in Unugki, "la città di Uruk",
essa è rappresentata sempre dal segno GA, Ji$>, quindi: Unugki_ga, "in/ad Uruk"; il
fenomeno è spiegabile solamente se si ipotizza l'esistenza di un suono velare differente
per i due segni- presupponendo /g/ (IPA: lJ• come nell'italiano stringa) per il primo.
Nonostante non sia possibile accertare l'esatto valore fonetico di questo suono, l'ipotesi
che si tratti di una velare nasalizzata deriva, oltre che dalla resa sillabica delle parole su-
meriche in accadico (es. sagga, "amministratore templare", in ace. !a-an-gu-u, !angit),

45
3 Cenni sulla fonetica del sumerico

anche dagli altri valori fonetici del segno GA 2 , cioè ma 3 e ba 4 , che sembrano indicare
una pronuncia in cui sono coinvolti gola e naso.
Infine, si è già notata la regolarità della relazione fonetica tra eme-gir 15 ed eme-
sal per quanto riguarda l'opposizione g > m (v. 1.9), per cui EG dagal >ES damal,
"ampio"; EG digir > ES dimer, "dio"; EG gal 2 > ES mal, "essere presente"; EG
gar > ES mar, "porre, stabilire", e tra m > gin direzione contraria: EG inim > ES
e-ne-eg 2 , regolarità che è una prova ulteriore dell'esistenza di un suono specifico, assai
probabilmente nasalizzato.

3.3 I suoni vocalici del sumerico


La ricostruzione della pronuncia reale delle vocali in sumerico risulta molto complessa,
anche a causa della difficoltà di ricostruirne l'esatta valenza sulla base dei suoni voca-
lici accadici: nella traslitterazione delle vocali del sumerico si usano infatti, così come
abbiamo già visto per le consonanti, le vocali che sono in uso nella resa della lingua
accadica, cioè /al, /i/, lui ed /e/ (da notare che in accadico il suono /e/ non è primario
e deriva da contrazione o dalla presenza di suoni gutturali adiacenti, per cui v. D'A-
gostino- Cingolo- Spada 2016, pp. 25-27); benché non si possa dire nulla di certo
sulla loro effettiva pronuncia in sumerico (v. oltre), l'esistenza, almeno fino fine del
III millennio a.C., di segni sillabici chiaramente differenziati che rispondono a que-
sta serie vocalica permette di ipotizzare un loro status foneticamente distintivo: es. ga
(Jii$> ), ge (M), gi 4 ~), gu (~);la (•tFHJ), le (~, li 2 (R>), l u <E); ma (1d), me
(l-), mi (~, mu (~ecc. Da notare però che, nei testi della Terza Dinastia di Ur,
alcuni segni vocalici contenenti la vocale /i/ possono essere usati anche per indicare la
vocale /e/, es. nilne 2 ; li/le; ri/re ecc.: questo è dovuto al fatto che la /e/ in accadico
è secondaria e gli scribi, ormai largamente di madrelingua accadica, non erano più in
grado di distinguere chiaramente i due suoni.
È stata proposta un'opposizione 'breve:lungà per i fonemi vocalici del sumerico,
basata essenzialmente sugli imprestiti sumerici nella lingua accadica (si noti che in
accadico l'opposizione tra vocali brevi e lunghe è semanticamente discriminante, per
es. farratu [far:atu], "reginà', farrdtu [far:a:tu], "regine", quindi le grafie accadiche degli
imprestiti dal sumerico possono essere considerate significative se evidenziano l' oppo-
sizione brevità vs. lunghezza.); per esempio:
a Il a: kar ..._...... kiiru, "molo, porto"; nar ..._...... ndru, "cantante" Il al ..._...... allu, "zap-
pà'; gag..._...... kakku, "chiodo" (in accadico la vocale in sillaba chiusa, al-lu, kak-ku,
è lunga per natura, ma pronunciata come una breve, quindi la reduplicazione della
consonante adiacente è utilizzata nella grafia proprio per indicare la natura, e il suo-
no, breve della vocale)
e Il e:en ..._...... enu, "sommo sacerdote" Il ezen ..._...... isinnu, "festa religiosa" (in
genere, però, la /e/ o /e/ sumerica vengono realizzate in accadico mediante /i/ o /i/,

46
3.3 I suoni vocalici del sumerico

segno che i Babilonesi non avvertivano il suono in modo univoco; es. e g ----+ iku,
"argine")
i Il i: ki d ---+ kitu, "stuoia di cannà' Il a p i n ---+ epinnu, "aratro"

ii Il ii: bansur ___. pa!furu."tavolo" Il dub ___. ruppu, "tavoletta cuneiforme"


È molto difficile riscontrare fenomeni di allungamento condizionato per compensa-
zione o contrazione di vocali brevi, a causa della grafia che impedisce l' evidenziazione
di questi elementi {v. 3.1, A), che vengono lasciati, come già sottolineato {v. 2.6), alla
lettura del fruitore del testo. Per questi motivi, come è uso nella trattazione della gram-
matica sumerica, non verrà qui evidenziata, nella traslitterazione, l'eventuale opposi-
zione 'breve:lungà delle vocali dei lemmi sumerici {si evidenzierà, però, la possibilità
dell'esistenza di suoni lunghi nella morfologia nominale o verbale, v. oltre).
Sulla base di queste premesse è possibile ricostruire il seguente sistema vocalico mi-
nimo in sumerico:
anteriori centrali posteriori
ahe (palatali) ili u./u.
medie (palato-velari) é/e
. r- -------------------- _, ____ _
basse (velari) ala

In realtà, sono stati ipotizzati anche altri sistemi vocali ci, in cui l'opposizione non è tra
brevità e lunghezza, ma tra apertura e chiusura (come nell'italiano "pésca" e "pèscà',
"vénti" e "vènti") delle vocali, con la proposta di un sistema vocalico a sette fonemi
distinti, secondo il seguente schema:
----- - --- --· ----- ----- ----------·--------------------------. -------·--·----·--··--------
Fonema sumerico ricosttuito . Grafia sillabica accadica

e
e
e (e aperta)
a a

:> (o aperta)*
o* u

*L'esistenza di un fonema vocalico /o/ (e relativa aperta/:>/) è stata


proposta già all'inizio del XX secolo per rendere ragione di varianti
che coinvolgono i segni con vocale /u/ (u 2 , u3 , u 4, quando usati
per il loro valore fonetico), ma la difficoltà di determinare in quali
situazioni e lemmi essa compaia fa sì che nella traslitterazione essa
non sia mai utilizzata.

47
3 Cenni sulla fonetica del sumerico

I.:ipoteticità di questa e altre simili ricostruzioni non permette, a tutt'oggi, di poter


meglio raffinare la nostra competenza sulla valenza fonetica delle vocali sumeriche, la
cui lunghezza qui non verrà evidenziata.
Nota: notiamo, però, che nella morfologia sia nominale che verbale esistono delle peculiarità grafiche
che indicano delle realtà fonetiche spiegabili mediante l'opposizione 'brevità vs. lunghezza' delle vocali.
Queste peculiarità verranno richiamate di volta in volta nella descrizione della morfologia nominale e
verbale relativa.

3.3.1 L'armonia vocalica nei testi arcaici


Nei testi sumerici precedenti il periodo accadico (grosso modo fino al 2350 a.C.) siri-
scontra nella documentazione un fenomeno di "armonia vocalica".
Nota 1: si defìnisce "armonia vocalica" un fenomeno fonetico assimilatorio per cui le vocali mobili dei
morfemi grammaticali si modificano sulla base di quelle fisse dei lessemi; per esempio in turco il suffisso
-im indica il pronome suffisso possessivo di prima persona singolare, "mio", e subisce una modificazione
a quattro livelli a seconda della vocale con cui termina la parola a cui si aggiunge: evim, "la mia casa";
hayatJm ("i" gutturale), "la mia vità'; yolum, "la mia strada"; goziim, "il mio occhio".
In realtà, si tratta di un'isoglossa fonetica (demarcazione geografica tra due differenti
pronunce) che divide il sud della Mesopotamia meridionale (Uruk, Ur, Umma, Laga5),
dove è attestata l'armonia vocalica, dal nord (Nippur, lsin, Suruppak e Adab), nella cui
documentazione il fenomeno non è attestato. Nella documentazione di questo periodo
si nota infatti che le vocali dei prefissi verbali (scritti sempre con segni fonetici conte-
nenti la vocale /i/ o /e/) subiscono modifìcazioni condizionate dalla vocale del morfema
o del lemma che la segue, per cui la vocale /e/ è utilizzata di fronte alle vocali palatali
/a/ ed /e/, mentre la vocale /i/ di fronte alle vocali velari /i/ e /u/:
e____.. a, e
i ____.. i, u
Per esempio (per gli aspetti della morfologia del verbo si rimanda ai capitoli relativi):
e-gar, "egli lo ha posto"; e-ma-ta-bala, "egli è passato da lì"; e-ne-sum2, "egli lo ha dato
a loro"; e-me-sar-sar, "egli le(= le steli) iscrisse lì"; rispetto a i 3-tu-da-a, "quando ella
lo generò" (si noti che questo prefisso è sempre scritto mediante il segno 13, $t>); i3-mi-
s i, "egli lo ha riempito".
Nota 2: si noti che, contrariamente alla regola appena presentata, il prefìsso dimensionale dell'obliquo
*-ne- (v. 5.4.1), plurale, non si modifica mai: e-ne-gar, "egli stabilì perloro", m u-ne-d u 3 , "egli costruì
per loro".

Questo fenomeno fonetico, sintetizzando, rappresenta la tendenza, nella Mesopotamia


settentrionale, a pronunciare come /i/ le vocali originariamente pronunciate /e/, carat-
teristica dovuta molto probabilmente all'influenza della lingua accadica, in cui la vocale
/e/ non ha uno status primario ma è condizionata dalla presenza di suoni adiacenti (v.
3.3) e quindi viene riconosciuta con difficoltà, o ignorata, dai parlanti di quella lingua.
A corollario di questo fenomeno, e a dimostrazione della sua importanza per la fone-
tica sumerica, va poi ricordato che spesso i lemmi polisillabi sumerici ci presentano la
stessa vocale nelle due sillabe, caratteristica che si riscontra sia nei lemmi schiettamente

48
3.4 L'accento

sumerici (per esempio gibil, "nuovo"; udu, "pecorà'; suhus, "radice"; zalag, "essere
splendente"; tukul, "armà'; ma vedi per esempio musen, "uccello"), che negli impre-
stiti dall'accadico (per esempio na-gada, "mandriano"- da ndqidu; libir, "vecchio"
-da labiru; nigir, "araldo"- da ndgiru, ecc.).

3.4 Laccento
Nella grafìa cuneiforme, caratterizzata dalla sua struttura essenzialmente semantica,
l'accento non viene espresso in alcun modo e quindi non è possibile evidenziare con
certezza questo aspetto, che deve essere ricavato da una serie di fenomeni correlati
alla scrittura, soprattutto la caduta di sillabe dovuta, ipoteticamente, allo spostamento
dell'accento stesso. Mentre è chiaro, su questa base, che il sumerico possiede un accento
tonico, come in italiano, più complessa risulta la definizione precisa delle regole che lo
governano.
Nota 1: in ogni caso l'accento in sumerico non sembra essere mai fonemico, cioè non è tale da distingue-
re due parole differenti, come per esempio nell'italiano àncora e ancora, spòstati e spostàti ecc. A maggior
ragione è impossibile determinare se esistesse e come funzionasse un eventuale accento prosodico, legato
cioè alle differenti tipologie di frase {dichiarativa, interrogativa, esclamativa ecc.).

Per provare a definire le caratteristiche dell'accento nella lingua sumerica si può ricor-
rere, di nuovo, alle parole sumeriche attestate nel lessico accadico (vale la pena di sot-
tolineare che la discussione che segue è solo un tentativo di soluzione della questione e
che i dati possono offrire anche soluzione differenti).
Gli imprestiti in accadico di parole sumeriche possono essere divisi nelle seguenti
tipologie:
A parola terminante in consonante preceduta da vocale breve, che presenta in accadico
la reduplicazione della consonante finale prima dell'aggiunta della terminazione del
nominativo -u; es. tuppu~ "tavolettà' (< dub); ufsu, "fondamenta"(< us 2 ); makurru,
"barca rotonda, chiattà' (< ma 2 -gur 8 ); tupsennu, "contenitore"(< dub-sen);
B parola terminante in consonante preceduta da vocale lunga, che presenta in accadico
l'allungamento della vocale senza reduplicazione; es. kdru, "porto" (< kar); ndru,
"cantante"(< nar); kalamdhu, "prete lamentatore capo"(< gala-mah);
C parola terminante in vocale, che si contrae in accadico con il morfema del nominati-
vo; es. asu, "medico, erboristà' (< a-zu); kalu, "prete lamentatore" (<gala); laputtit,
"sovrintendente"(< nu-banda 3 ).
Nota 2: in sumerico, a partire dal periodo accadico (2400 a.C. ca.), si assiste alla trasformazione del
suono /n/ in /1/, per cui, per esempio, il prefisso di negazione nu- diventa la- di fronte al prefisso ba- e
li- di fronte al prefisso bi- (v. 5.9.1); la parola laputtU, dal sumerico nu-banda 3 , mostra la stessa tra-
sformazione, così come la resa eme-sal del termine kalam, "paese {di Sumer)", che è ka-na-ag 2 {ma
questi due esempi risalgono entrambi al periodo paleo-babilonese). Si veda anche 4.3, C, Nota 5 per
ulteriori esempi di n > l.

49
3 Cenni sulla fonetica del sumerico

Come si è visto in 3.3, notiamo che la differenza tra queste tipologie dipende, molto
probabilmente, dalla brevità o lunghezza delle vocali coinvolte.
In accadico le regole sull'accento permettono di identificare le parole delle tipologie
A e B come piane, cioè accentate sulla penultima, mentre quelle della tipologia C come
tronche, accentate quindi sull'ultima; in questa lingua si accenta la vocale lunga più
vicina alla fìne della parola, sia per natura che per posizione (cioè in sillaba chiusa da
consonante) e si accenta l'ultima sillaba solo se questa è il risultato di una contrazione;
quindi (in grassetto la vocale accentata): epinnu, kalamahu, asU (D'Agostino- Cingo-
lo- Spada 2016, p. 32). Ciò sembra indicare che i lemmi sumerici originari fossero
tutti accentati sulla loro ultima sillaba, che gli accadi hanno reso secondo le regole della
propria fonetica nel momento in cui, acquisendoli, hanno aggiunto i casi della propria
morfologia (negli esempi citati, la -u del nominativo); infatti, esplicitando alcuni esem-
pi (la vocale accentata è in grassetto):
a) tupsennu-. dub-sen; makurru-. ma 2 -gur 8 (la reduplicazione della con-
sonante fìnale è l'indice che l'accento cade sull'ultima sillaba del termine sumerico,
che in questo modo resta accentato sulla sua sillaba originaria; l'eventuale *makuru
sarebbe accentato sulla prima vocale)
b) kalamiihu __. gala-mah (*m:ih)
c) kalu-. gala; laputttt-. nu-banda 3
È stato proposto Oagersma 2010, pp. 66-67) che gli elementi clitici, cioè i morfemi
aggiunti al lemma, attraessero su di sé l'accento, sulla base di varianti grafìche quali
quelle presentate di seguito: gu 2 eden-na, "margine della steppà' (nome di un canale,
*gu eden=ak) vs. gu 2 de 3-na(*edén > dena[k]); lugal-iti-da (nome di persona,
*l ugal i t.fd=ak) vs. l ugal-ti-da (*i dd > t ida [k]).
Ribadiamo che tutti i fenomeni esposti in questo paragrafo possono essere interpretati
anche in modi differenti e quella presentata è solo una delle ipotesi possibili per spiega-
re la documentazione in nostro possesso.

50
Grammatica
4 Morfologia del sostantivo

4.1 La divisione in due classi dei sostantivi sumerici


In sumerico i sostantivi non possiedono un genere espresso morfologicarnente, ma affe-
riscono a due classi logiche, che sono di seguito definite rispettivamente "A" e "B": alla
prima appartengono realtà che riguardano gli dèi e gli uomini (teonimi, antroponimi,
nomi di professione e parentela), alla seconda tutto il resto (animali, piante, oggetti,
concetti astratti). In altre parole, afferiscono alla classe A i sostantivi che possono essere
identificati come una unità specifica, appunto dèi e uomini, mentre alla classe B quelli
che non possono essere identificati univocarnente, e rappresentano quindi la propria
categoria semantica ma non la loro singolarità.
Ciò significa che l'appartenenza di un sostantivo sumerico a una delle due classi
è fondata su considerazioni assolutamente semantiche, cioè basate sul significato del
lemma, che formalmente - morfologicamente - non possiede alcun tratto che ne di-
stingua l'afferenza a una delle due classi (v. 4.2); per esempio, appartengono alla classe
A lessemi quali ama, "madre"; dumu, "figlio, figlià' (v. oltre); en, "signore"; lugal,
"re"; n in, "signora, reginà'; simug, "fabbro"; ugula, "sorvegliante", mentre alla classe
B afferiscono i lemmi quali ab 2 , "vacca"; an, "cielo" (invece il dio del cielo An affe-
. alla classe A) ; g'e! guza, " trono" ; gu 4 , "b ue" ; k'1, "terra;
nsce " u 5 mu!en , " oca;
" U nm
. 2k'',
"la città di Ur" - come si è detto in 2.6, i determinativi sono classificatori logici e non
fonetici (non vengono pronunciati dal parlante). Nessun tratto formale ci permette di
mettere in relazione queste parole con una delle due classi, se non il suo significato.
Nota l: in italiano, a differenza del sumerico, la desinenza morfologica *-o indica per esempio il maschile
e la *-a quella del femminile (tranne eccezioni dovute alla storia della lingua, es. il magma, la mano},
quindi la base di afferenza di una parola a un genere ha a che fare con la sua morfologia, non con il
suo significato; il termine "lonfo", inventato da F. Maraini nella poesia omonima di Gnòsi delle Fànfoie,
appare indubitabilmente come un maschile, quindi "illonfo", anche se il termine non esiste in italiano
e nessuno sa cosa significhi precisamente (nemmeno l'Autore} ...

Va aggiunto che i sostantivi che indicano gruppi di persone, quali eren 2 , "truppa,
gruppo di lavoratori", ugnim, "esercito", lu 2 -inim-ma, "testimone {lett.l'uomo del-
la parola)" (sul genitivo v. 4.9), come anche gruppi di lavoratori presi nel loro insieme,
sono considerati come afferenti alla classe B proprio perché "indistinguibili".
Nota 2: le due classi sono variamente denominate anche classe animata, o delle persone, ted. Perso-
nenklasse (A), e classe inanimata, o delle non-persone, ted. Sachklasse (lett. 'classe delle cose') (B); nessuna
4 Morfologia del sostantivo

di queste denominazioni riesce a sintetizzare la complessità della divisione bipolare del lessico sumerico
che abbiamo descriuo, per cui in questa grammatica si preferisce la denominazione mediante leuere
dell'alfabeto.

Il sistema delle due classi è rappresentato in una morfologia nominale specifica per
l'una o l'altra di esse, che si evidenzia nelle seguenti caratteristiche:
l. il suffisso del plurale *-ene si usa solo con sostantivi della classe A (v. 4.8);
2. la posposizione del dativo *-rasi usa solo con sostantivi della classe A (v. 4.11.2);
3. la posposizione dell'ablativo *-ta si può utilizzare solo con sostantivi della classe B
(v. 4.11.5);
4. il pronome a-ne, "egli", è usato solo per sostantivi della classe A, poiché esprime il
riferimento specifico a una realtà identificata univocamente (v. 4.13.1);
5. il suffisso possessivo di III pers. sing. è *-ani per la classe A e *-bi per la classe B (v.
4.13.2);
6. esistono pronomi interrogativi differenti per la classe A, a-b a, "chi?", e per la classe
B, a-n a, "che cosa?" (v. 4.13.3; la forma di questi pronomi presenta inaspettatamen-
te la /b/ per la classe A e la /n/ per la classe B, contrariamente alla restante morfologia
sia nominale, punti 4 e 5, che verbale, v. oltre).
Per gli aspetti della morfologia verbale legati alla divisione in due classi dei sostantivi,
le caratteristiche riguardano essenzialmente:
7. il plurale morfologico, che è riservato ai sostantivi della classe A (v. 5.3);
8. il pronome di III pers. sing., che è *-n- per la classe A e *-b- per la classe B (v. 5.3, A).
Nota 3: questa distinzione logica in due classi ha un corrisperrivo nella visione religiosa dei Sumeri, in
base alla quale gli uomini sono stati creati per operare nel mondo seguendo la volontà degli dèi e per
servirli, quindi sono equiparati a questi nel loro operare nel microcosmo, mentre turro il resto della realtà
sorrostà all'uomo e di conseguenza è avvertito come qualitarivamente (e semanticamente) diverso. A di-
mostrazione della valenza concettuale e ideologica di questa distinzione, vale la pena di sottolineare come
in talune composizioni letterarie, soprattutto in quelle dette 'adaman-du 11 -ga', "scontro verbale", in
cui un animale, un oggetto o un'entità astratta vengono "personifìcati" e agiscono come esseri identifica-
bili singolarmente, questi vengono narrati morfologicamente come afferenti alla classe A. Per questo si è
souolineata qui l'importanza del grado di identificazione del soggetto coinvolto.

Va osservato come i termini nita< 2> (segni nita :.Hf o nita 2 ~), "maschio", e
munus, "femminà', siano utilizzati per identificare il genere naturale in lemmi con va-
lore neutro, es. d um u-n i ta 2 , "figlio maschio" (lo stesso composto, letto i bila, signifi-
ca "erede [maschio]"- si tratta di un imprestito dall'accadico aplu, "primogenito", per
cm• v. 3 .2) ; d umu-munus, "fitgl"ta; )) sag-ntta 2 , «seh"tavo)) ; sag-munus, «seh"tava.
A • A ))
Da ultimo, esistono sostantivi differenti per indicare esseri maschili o femminili per
natura, es. a b - b a, "pad re (anche anztano
. )" e ama, "madre, ; ses, «C.rratello, e ntn
y y . , "so-
9
rella"; anse, "asino" ed eme 3 , "asinà' (scritto MUNUS .ANSE,~~); gu 4 , "bue" e
ab 2 , "vacca"; ur, "cane" e nig, "cagnà' (scritto MUNUS. UR, ~!8); la grafia con il
segno MUNUS preposto è più arcaica, già alla fine del III millennio a.C. si ritrovano

54
4.2 Sostantivi primari e secondari

le grafie normalizzate ANSE.MUNUS, traslitterata eme 6 , e UR.MUNUS, con


identica traslitterazione -v. anche 4.2.1, B, Nota 3, ecc.
Nota 4: i sostantivi sag- (n i ta 2 / m un us), lett. "testa" poi anche "schiavo/à', arad 2 , "schiavo", e geme 2 ,
"schiava", nella documentazione possono essere trattati morfologicamente sia come appartenenti alla
classe A che alla classe B.

4.2 Sostantivi primari e secondari


In sumerico i sostantivi possono essere primari o secondari (questi ultimi detti anche
composti nominali), a seconda che siano espressi da un solo segno (fatto salvo l'even-
tuale determinativo} oppure da più segni in una relazione semantica e grammaticale
specifica e immutabile.
Per esempio, sono da considerarsi nomi primari, oltre a quelli già presentati nei pa-
ragrafi precedenti, i seguenti lemmi (tra parentesi la classe di afferenza, v. 4.1): arad 2
(A}, "schiavo"; ensi 2 (A}, "governatore"; geme 2 (A), "schiava"; gdgigir (B), "carro";
mas 2 (B), "capretto"; muhaldim (A}, "cuoco"; sagga (A), "amministratore tempia-
re"; 5abra (A), "prefetto"; tum 12 mu!en (B), "piccione"; udu (B), "pecora"; iri/uru (B),
". ,,
cttta ecc.

4.2.1 I sostantivi secondari


I nomi composti sono invece formati da due o più parti, in un rapporto grammaticale
e semantico molto variegato e in ogni caso immutabile. Per talune di queste forma-
zioni nominali, come si evidenzia di seguito nei casi specifici, non è sempre possibile
decidere se si tratti di una "parola", se cioè essa abbia una unità morfologica, semantica
e fonetica e quindi appartenga al lessico, oppure rappresenti una costruzione gramma-
ticale libera.
Nota 1: in generale, una parola composta può essere identificata da una grafia che ne indichi inizio e fine
(es. nontiscordardimé, in cui la grafia indica che non si tratta di una frase), da un'accentazione unitaria
(tritacàrne, fonologicamente unitario e differente rispetto a trita carne), e dal fatto di possedere caratte-
ristiche tipiche della "parola", come la declinazione (es. pomodoro, plur. pomidoro o, più comunemente,
pomodori, dove l'etimologia da *pomo d'oro si perde completamente). In sumerico, la grafia cuneiforme
nasconde la prima caratteristica in quanto nella scrittura non ci sono spazi tra le "parole" (sulla grafia
v. cap. 2), e rende impossibile da utilizzare la seconda caratteristica, in quanto non identifica l'accento
e non si interessa, se non sporadicamente, dell'aspetto fonetico dei lemmi (sulla fonetica v. cap. 3);
inoltre, come si vedrà, molte caratteristiche dei composti sumerici appartengono anche a strutture che
non necessariamente rappresentano "parole". Per queste ragioni nei paragrafi seguenti sarà necessario
soffermarci in modo dettagliato sulla struttura di questi composti.

Le formazioni nominali più comuni sono descritte nei paragrafi seguenti.


A Giustapposizione semantica di sostantivi; si tratta di composti asindetici, cioè uniti
direttamente uno all'altro, i cui significati si sommano per formarne uno nuovo,
creato dalla somma di quelli di base, es.: a 2 -ur 2 , "arti", lett. 'braccio-grembo'; an-
ki, "universo", lett. 'cielo-terrà; a n- p a, "zenit", lett. 'cielo-fronda (parte superiore}';

55
4 Morfologia del sostantivo

an-8a 3 , "interno del cielo", lett. 'cielo-interno' (a causa della frequente attestazio-
ne di questo composto nella letteratura mitologica, queste strutture nominali sono
spesso note come "forme a n- Sa/'; l'espressione indica il luogo oltre le porte del
cielo in cui passava il sole nel suo viaggio notturno per poi riapparire al mattino
seguente sulla terra); an-ur 2 , "orizzonte", lett. 'cielo-grembo'; dumu-sag, "pri-
mogenito", lett. 'figlio-testa/ principale'; e 2 -m uh al d i m, "cucinà', lett. 'casa-cuoco'
(non si tratta di una espressione genitivale!); i ri- bar, "suburbio", lett. 'città-esterno';
mas 2 -anse, "bestiame (grosso e minuto)", lett. 'capretto-asino'; mun-gazi, "spe-
. " , lett. 'sale-mostarda·;
zte " su-s1,
v • "d'tto" , lett. ' mano-corno (protu beranza)' ; u -s1m,
2
v.

"verdurà', lett. 'erba-aromi'; raramente si hanno anche tre elementi nominali: an-
ub-da, "quarto del mondo (termine cosmografìco)", lett. 'cielo-angolo-lato'.
Nota 2: osserviamo come in realtà questi composti non siano del tutto identici dal punto di vista del-
la formazione nominale: mentre infatti alcuni di essi esprimono l'afferenza alla categoria semantica
mediante il termine a destra del composto (an-Ia3 , "interno del cielo"; an-pa, "la chioma del cielo, lo
zenit"), che risulta quindi priÒritario semanticamente, altri la esprimono mediante il lemma di sini-
stra (dumu-sag, ''figlio primogenito"; e.z-muhaldim, "la stanza per il cuoco"), che è quindi prioritario
per il valore semantico finale; nel lessico sumerico esiste un numero assai ristretto di composti del
primo tipo e quel tipo di formazione nominale non risulta produttivo {cioè a dire, non lo ritroviamo
nei vari stadi di sviluppo storico del sumerico per formare parole nuove), mentre conosciamo molte
formazioni nominali create sulla base della seconda tipologia di composti, che quindi risulta molto
produttiva (in dettaglio Jagersma 2010, pp. 117-118). Inoltre, nei composti quali a 2-ur 2, "arti",
mas2-anse, "bestiame (grosso e minuto)" e u2-sim, "verdurà', i due termini giustapposti appaiono
del tutto paritari semanticamente (cfr. il turco alq-verij, "acquisti, shopping", lett. 'prendere-dare'): in
questi casi, come si è accennato, non è chiaro se l'espressione vada intesa come una parola unica (cfr.
italiano andirivieni, maleppeggio), oppure rappresenti una semplice giustapposizione asindetica (senza
congiunzione) di lemmi.

B Composti attributivi; si tratta di una struttura semplice in cui un sostantivo è segui-


to da una qualificazione (v. 4.10) assieme alla quale forma un valore semantico spe-
cifico, es. e 2 -gal, "palazzo" {lett. 'casa grande'), termine che è entrato con lo stesso
significato in accadico (ekallu), ebraico (hekal) e arabo (haykal); ki-mah, "tomba,
cimitero" (lett. 'luogo eccelso'); ku 3-bar 6 -bar 6 l babbar "argento" {lett. 'la pura
cosa biancà)- sulla reduplicazione dell'aggettivo v. 4.10, B; ku 3 -sig 17 , "oro" {lett.
'la pura cosa gialla')- su questi due ultimi lemmi si veda anche il 4.4, A, Nota 2;
ur-mah, "leone" {lett. 'cane eccelso').
Nota 3: Si tratta di formazioni simili al già citato italiano pomodoro(< pomo d'oro) o alle espressioni
inglesi greenhouse, "serra", o blackbird, "merlo"; da notare che sia in italiano che in inglese l'unione di
sostantivo e aggettivo produce una accentazione unica del composto, che lo identifica quindi come
"parola", per cui pomodOro, non pòmo d'oro, bldckbird, non blàck bird, che significherebbe "uccello
nero", e gréenhouse, non grten house, "casa verde"; è impossibile sapere, a causa della struttura della
grafia cuneiforme, che non tende a evidenziare il suono (v. 2.10), se tali fenomeni fonetici esistessero
anche in sumerico, benché sia assai probabile.

La traduzione accadica, spesso, permette di capire se una di queste formazioni è ef-


fettivamente un lemma; per esempio, oltre al già citato e 2-gal tradotto con ekallu,
si può notare come ki-mah sia reso in accadico come kimiihu, e quindi come il so-
stantivo e l'aggettivo che lo accompagna formino una unità logica non scomponibile

56
4.2 Sostantivi primari e secondari

(in altre parole, nell'ottica babilonese, non si tratta di un qualsiasi "luogo eccelso",
ma di quello specificamente rappresentato da una "tomba").
Nota 4: nel periodo più antico della lingua, grosso modo fino al 2300 a.C., si ritrovano molti esem-
pi di composti in cui l'aggettivo gal, "grande", precede il nome cui si riferisce, come per esempio
gal-bahar 2 , "capo dei vasai"; gal-sukkal, "capo dei messaggeri", ecc.; questa struttura, che tende
a scomparire negli ultimi due secoli del III millennio a.C. per essere sostituita dalla più usuale so-
stantivo-aggettivo (es. bahar 2 -gal), si ritrova ancora in ogni epoca della lingua sia nel comunissimo
lemma lugal, "re", lett. "l'uomo (lu 2 ) grande (gal)", scritto sempre GAL.LU 2 Cl}-+~=~),
che ~el più. raro sostantivo usumgal, "drago", lett. "il serpente (usum) grande (gal)", scritto sem-
pre~. cioè GAL. USUM (v. anche 4.10).

C Composti sintattici; mediante la giustapposizione di uno o più sostantivi con una


forma verbale non finita (v. 5.11.1), in sumerico vengono costruiti moltissimi signi-
ficati che, nonostante la loro struttura sintattica (la caratteristica, cioè, di rappresen-
tare una 'frase' a tutti gli effetti}, noi consideriamo di fatto "parole" (v. anche 4.5).
Si possono riscontrare diverse composizioni nominali differenti con differenti gradi
di rapporti sintattici.
l. In tal uni casi il verbo specifica l'ambito semantico del sostantivo cui si accom-
pagna, per esempio: ki-gub, "posizione", lett. 'luogo-stare, luogo (in cui) si sta';
ki-nu 2, "carnera da letto", lett. 'luogo-dormire, luogo (in cui) si dorme'; ki-tus,
"residenza", lett. 'luogo-risiedere, luogo (in cui) si risiede'; se-ba, "razione di
orzo", lett. 'orzo-distribuire, orzo (che viene) distribuito'; questo tipo di struttura
può risultare anche più complesso: bur-sum 2-gaz, "schiaccia-aglio", lett. 'con-
tenitore-aglio-schiacciare, il contenitore (in cui) si schiaccia l'aglio'; gir 2-udu-
us2, "coltello per la iugulazione", lett. 'coltello-pecora-uccidere, il coltello (con
cui) si uccide la pecorà; ki-a-nag, "cappella votiva (per le offerte ai morti)", lett.
'luogo-acqua-bere, luogo (in cui) si fa bere l'acqua (ai morti)'.
2. In altri casi il verbo regge il sostantivo come suo argomento, per esempio: a 2-
dah, "aiutante", lett. 'braccio/forza-aggiungere'; a 2-tuku, "potente", lett. 'forza-
avere, colui che ha forzà; dub-sar, "scribà', lett. 'tavoletta-incidere, colui che
incide la tavolettà; d i- k u 5 , "giudice", lett. 'processo-decidere, colui che decide
il processo'; ku 3-dim 2, "orafo", lett. '[metallo] puro-forgiare, colui che lavora
il metallo prezioso'; m a 2-l a h 5 , "alatore, marinaio", lett. 'barca-trasportare, co-
lui che trasporta la barcà (in Mesopotamia le barche venivano tirate dalla riva
mediante funi); za-dim 2, "tagliatore di pietre", lett. 'pietra-lavorare, colui che
taglia la pietra' (questo lemma si scrive sia fft:;:l, za-dim 2, che., zadim, grafia
unitaria che dimostra che l'espressione è di fatto avvertita come una "parola",
come nell'italianospaccapietre); zabar-dab 5 , "coppiere", lett. 'bronzo-tenere, co-
lui che tiene [la coppa di] bronzo'; anche in questo caso la struttura può risultare
più complessa: mas 2-su-gid 2-gid 2, "indovino", lett. 'capretto-mano-stendere,
colui che mette mano ai capretti (per analizzarne le viscere e trarre auspici- per
la reduplicazione del verbo gid 2 con lo scopo di indicare la pluralità dei capretti
si veda 5.2.2, B)'; gaba-su-gar, "avversario", lett. 'petto-mano-porre, colui che
mette la mano contro il mio petto'; ama-ar-gi 4 , "libertà", da *ama-ra gi 4 , lett.

57
4 Morfo/ogia del sostantivo

'tornare alla madre, allo stato in cui si era quando si è stati generati', qui si ha
l'aggiunta del dativo *-ra (v. 4.11.2, A) che fa parte a tutti gli effetti del lemma.
Nota 5: come si può notare, il sumerico possiede la possibilità di creare significati giustapponendo (ag-
glutinando) valori semantici nominali e/o verbali in modo anche complesso; questo procedimento rende
a volte difficile definire che cosa sia una "parolà' e chiarisce perché, a tutt'oggi, non esista un vocabolario
generale della lingua sumerica (v. anche 4.5). In questa grammatica, per quanto possibile, si definiscono
"parola" uno o più lemmi uniti in modo da formare un'unità trattata come tale morfologicamente, in cui
l'ordine dei membri non può essere modificato e che è in grado di poter prendere suffissi grammaticali;
per esempio, mas 2-su-gid 2-gid 2, "indovino", dove i trattini che uniscono i segni ne indicano l'unità
come lemma, rispetto a mas2 su-gid2, "capretto per l'estispicio" (sulle questioni relative alla identifica-
zione della "parola" in sumerico si veda Black 2002, Jagersma 2010, pp. 71 sgg; v. anche 4.5).

4.3 Afformanti nominali


In sumerico sono attestati alcuni affissi, che in realtà rappresentano lemmi a sé stanti,
che preposti a valori nominali, aggettivali o verbali creano significati nuovi; essi si tro-
vano sempre di fronte al lemma cui si riferiscono, sono cioè prefissi.
Nota 1: in sumerico non sono noti suffissi nominali (cioè morfemi che si aggiungano alla fine del lemma
per specifìcarne il valore semantico, tipo l'italiano *-tore, trat-tore, esposi-tore, agricol-tore ecc.). Per com-
pletezza notiamo come sia stata proposta l'esistenza di un antico suffisso *-u, non più produttivo, che si
ritroverebbe come fossile soltanto in tre parole: sar- ru (*sar'u), "documento" (sar = scrivere); d ah- h u,
dah-u 3 (*dah'u), "aggiunta" (dah =aggiungere) e la 2-u,(NI) (*la'u), "resto da restituire, ammanco"
(ia 2 = mancare, sottrarre); la proposta è comunque del tutto ipotetica.

A Il prefisso del nome astratto nam-; mediante questo afformante, posto dinanzi al
lemma, si creano i nomi astratti (nomina abstracta), che indicano l'ambito seman-
tico generale di afferenza del termine coinvolto, che può essere sia semplice che
variamente composto; es. nam-a 2 -gal 2 , "potenza, forza" (a 2 -gal 2 ='che ha forzà);
nam-digir, "divinità" (digir = 'dio'); nam-dub-sar, "professione di scriba, la
capacità di scrivere, l'arte di incidere una tavoletta" (dub-sar = 'scribà, v. 4.2, C, 2);
nam-ensi 2 , "ufficio, status di governatore" (ensi 2 ='governatore'; non 'governato-
rato', cioè il territorio su cui si è governatore!); nam-erim 2 , "giuramento" (erim 2
= 'nemico, cattivo') -questo lemma si ritrova spesso nella formula nam-erim 2 -
ku 5 , "giurare (assertivamente)", lett.: 'tagliare, allontanare il male (che deriverebbe
dal non ottemperare al giuramento stesso)'; nam-gala, "funzione/professione di
lamentatore" (gala= 'prete lamentatore'); nam-lu 2 -inim-ma, "funzione di testi-
mone" (v. 4.9, C); nam-lugal, "regalità'' (lugal ='re'); nam-munus, "femmi-
"1" \)) (munus = (Lremmma ; nam-n1r-ga l 2 , ((autonta
ntlta
0
')
0
A • "' (n1r-ga
• l 2 = (autorevo le,
A

che possiede il nir [simbolo di autorevolezza]'); nam-nu-banda 3 , "funzione di


sovrintendente" (nu-banda 3 ='sovrintendente'; sull'afformante nu- v. il punto C
in basso).
Questo prefisso può essere giustapposto anche ad aggettivi, es. nam-gallgu-la,
"grandezza, (ga l , var. gu- l a = 'grande') ; nam-ma h , "eccez10n . al"lta"' (ma h = 'ec-
celso'); nam-sikil, "purezzà' (sikil ='puro'); a forme verbali (da interpretare forse

58
4.3 Ajformanti nominali

come participiali), es. nam-tar, "destino" {tar= 'decidere, colui che decide'); nam-
. "v1ta
tl, . , (t1. l t1'l 3 = 'vivente
. ') , nam-usv 2 , " morte, ( usv 2 = ' morente') ; a numeral'1, es.
nam-gesA V <( • d'
2 , sessantma, gruppo 1sessanta persone
(Ages = '60') , nam-u, "decma,
IJ
2
V
0

gruppo di dieci persone" {u = '10', sui numerali v. 4.14); addirittura a particelle


della morfologia verbale, nam-he 2 , "abbondanza" {he 2 = particella asseverativa, v.
5.9.3), a dimostrazione della sua grande produttività.
Nota 2: in sumerico il termine nam significa "destino, fato", quindi probabilmente "status, situazione
in cui si è (per volere degli dèi) ": se è così, allora i composti con n a m- possono essere considerati alla
stregua dei composti asindetici, per cui v. 4.2, A (ma altre ipotesi sono possibili, v. Attinger 1993, p.
157, con bibliografia). Bisogna, però, notare che una categoria di nomi astratti esiste anche in accadi-
co, dove il suffisso *-iitu svolge la stessa funzione di nam-, es. nam-en-+ belutu (da belu, "signore");
nam-lugal-+ fa77'iltu (da farru, "re")- quindi i babilonesi avvertivano i composti con nam- come
lemmi a sé stanti a tutti gli effetti (Tanos 2019).
Da notare, infìne, l'espressione letteraria nam-gu 10 , "che importa a me? che me ne
viene a me?", lett. 'il mio stato (come cambia?)', cfr. italiano 'e a me (cosa importa?)',
legata forse alla valenza di nam- come afformante di nomi astratti, es. lugal-za
du 11 -ga-ni nam-gu 10 , "che importa a me di ciò che dice il tuo re?", lett. 'del tuo
re il suo detto .. .',genitivo anteposto, per cui v. 4.9, D.
B Il prefìsso del nome concreto ni 3 -; allo spettro semantico opposto al prefìsso nam-
si riferisce l'afformante ni 3 - (ni&-), lett. "cosa, oggetto", che si usa preposto a ag-
gettivi e verbi, sia semplici che composti, e forma nomi concreti (nomina concreta).
Si tratta anche in questo caso di una formazione molto produttiva; es. ni 3 -a 2 -gar,
"{atto) ingannevole" (a 2 - gar = 'trattare male, ingannare'; sui verbi composti v.
5.2.3); n i 3 -a 2 -zig, "{atto) violento" (a2 - zig ='alzare le mani'); ni 3 - ba, "dono" (ba
='donare, distribuire'); ni 3-dagal, "{cosa) vasta" (daga l ='essere vasto'); ni 3-du 7 ,
"{cosa) appropriatà' {du 7 ='essere perfetto'); ni 3 -duiO> "(cosa) buona" {du 10 ='es-
sere buono'); ni 3 -erim 2 , "{atto) cattivo" {erim 2 ='nemico, ostile' -v. nam-erim 2
4.3, A; in epoca post-sumerica è attestato il termine nam-ni 3 -erim 2 , "malevolen-
za, cattiveria", che è una formazione astratta da ni 3-erim 2 , dove i due afforman-
ti nam- e ni 3 - sono usati insieme e sommano i loro valori semantici); ni 3-gig,
"(cosa) sacrilega" (gig = 'essere malato'); ni 3 -gu 7 , "pietanzà' {gu 7 = 'mangiare');
ni 3-gur 1 p "proprietà'' {gur 11 ='accumulare'); ni 3 -ki-luh, "scopà' ('l'atto di spaz-
zare per terrà); ni 3 -lul, "(atto) falso" (lul ='essere falso'); ni 3 -sam 2 , "prezzo" (sa 10
= 'comprare') .
Nota 3: il verbo sa 10 , "comprare", è scritto:@::, NINDA 2 xSE, che indica un contenitore dove si
versa orzo da barattare con qualcos'altro, mentre il sostantivo derivante (ni 3 )-5am 2 , "prezw", è sem-
pre scritto~, cioè NINDA 2 xSE.AM 3 (si vedano i segni 93 e 94 nella Lista dei segni); AM 3
(scritto A.AN) rappresenta qui la glossa che ci aiuta a leggere correttamente il segno come sam 2 (da
traslitterarsi quindi più correttamente come sam 2am>); è probabile che il lemma sam 2 abbia a che fare
con il verbo accadico famu, "comprare", e con il lemma fimu, "prezzo", ma non è a tutt'oggi chiaro
quale sia la connessione (v. anche 5.4).

Come si vede, anche i composti con ni 3 - possono essere considerati alla stregua
dei composti asindetici, proprio come abbiamo visto con nam-; non stupisce che
l'agglutinazione semantica risulti una procedura molto produttiva per arricchire il
lessico, considerando la sua struttura linguistica di base {v. 1.10, A).

59
4 Morfologia del sostantivo

Bisogna, però, tenere separati i lemmi "asindetici" creati con l'afformante ni 3 -, pre-
sentati nei paragrafi precedenti, da quelli in cui il verbo che segue sia seguito dalla
vocale *-a, che forma un participio (v. 5.11.2), che rappresenta un attributo a tutti
gli effetti: ni 3 -ar 3-ra < *ni 3-ar 3-a, "grano frantumato, semole", dal verbo ar 3 ,
"macinare", quindi lett. 'cosa macinatà; ni 3 -gi-na < *ni 3 -gin-a, "legge", da gi-
i n, "essere fisso, stabile", quindi 'la cosa stabile (per eccellenza)'.
Nota 4: quest'ultimo verbo è anche scritto con il segno EN, quindi ge-en; sulla base di questo al
segno IN è stato dato un valore fonetico /en/, quindi ge-en 6 , lettura che si può ritrovare nelle tra-
slitterazioni correnti.

C Il prefisso nu-; entra nella formazione di una serie di lemmi, indicanti spesso pro-
fessione, per esempio nu-banda 3 , "sovrintendente, capitano"; nu-gig, "ierodula
(sacerdotessa del culto di !nana)"; n u-sag, "un tipo di sacerdote/ssà'; non è chiaro
se appartengano a questo tipo di formazione nominale i sostantivi n u- m u- su, "ve-
dovà' e nu-s i k i, "orfano", e i due epiteti letterari, il cui significato non è chiaro,
dnu-dim 2 -mud e dnu-nam-nir, rispettivamente del dio Enki e del dio Enlil.
Nota 5: è chiaro dalla documentazione come nu- sia una lettura variante (dialettale?) di lu 2-,
"uomo", se si osservano talune rese sillabiche quali lugal = nu-gal (ma esistono altre ipotesi, per
cui v. Thomsen 1984, p. 55 §50); un passaggio n> l è noto anche nella morfologia del verbo, dove il
prefisso negativo nu-, "non", di fronte ai prefissi verbali ba- e bi 2 - viene scritto rispettivamente la-
e l i- (v. 3.4, Nota 2, e 5.9.1 per la morfologia verbale); lo stesso passaggio n > l è presupposto nella
letturalum e num 2 del segno~- I composti con l'afformante nu- sono in genere asindetici, cioè
si comportano come i composti con nam- e ni 3 -, ma almeno due di loro, nu-A<Ikiri 6 , "giardiniere
(l'uomo del giardino)" e nu-e5 3 , "tipo di sacerdote (l'uomo del santuario)" rappresentano delle an-
nessioni genitivali (sul genitivo v. 4.9).

4.4 Formazioni nominali derivate


Ogni lingua nota, viva o scomparsa, possiede la possibilità di arricchire il proprio voca-
bolario mediante l'uso traslato di strutture che derivino da differenti parti della gram-
matica, che così diventano, di fatto, parole. Il meccanismo linguistico che permette
questo arricchimento, in modo più o meno diretto a seconda della lingua, è noto come
" . ,,
conversione .
Nota 1: in linguistica si definisce 'conversione' (più tecnicamente, transcategorizzazione) il meccanismo
che permette di arricchire il lessico utilizzando parole derivate da altre categorie grammaticali, senza però
che queste, in genere, modifichino la propria forma; in italiano si possono creare parole dagli aggettivi
(aggettivi sostantivati, appunto), per esempio il bello, l'impermeabile, il vuoto ecc.; oppure si ritrova il
passaggio di talune forme verbali (essenzialmente infinito e panicipio attivo e passivo) verso un utilizzo
come nome o aggettivo: il dovere, il potere, l'udito, la vista; il/ la conconmte, l'insegnante; avvincente, edi-
ficante ecc.; i numerali possono essere utilizzati come sostantivi, es. (ha preso) un dieci; anche locuzioni
più complesse possono entrare nel lessico come forma di conversione: andirivieni, corrimano, nullaosta,
i già citati nontiscordardimé, pomodoro, ecc.

In sumerico il popolamento del lessico mediante "conversione" non è, ovviamente,


produtrivo, e i lemmi che presentano questa caratteristica sono pochi (cfr. Jagersma
2010, pp. 128 sgg.).

60
4.4 Formazioni nominali derivate

A Lemmi di derivazione aggettivale; la forma più diretta di conversione si ha con alcu-


ni rari aggettivi, che vengono utilizzati come sostantivi senza alcuna modificazione
formale (sulla struttura del già citato italiano impermeabile) e indicano una realtà
astratta, es. d aga l , amp1o e amptezza ; su k u d , pro fiond o e pro fiond"1ta , ch e
0 0
A U JJ U JJ U JJ U \JJ

si ritrovano entrambi usati nelle descrizioni delle planimetrie di case e campi - vale
osservare che in tutte le altre istanze, come abbiamo visto (v. 4.3, A), l'astrazione è
espressa invece mediante l'afformante nam-, es. nam-gal, "grandezzà', o nam-
mah, "eccezionalità"; ma si veda anche 4.10 sulla qualificazione.
Nota 2; l'aggettivo ku 3 , "puro", sembra presentare un valore semantico reale e non astratto nelle
espressioni ku 3 -babbar, "argento" (lett. 'la pura cosa bianca') e ku 3 -sig 17 , "oro" (lett. 'la pura cosa
gialla').

B Espressioni verbali lemmatizzate; la caratteristica di utilizzare espressioni verbali fi-


nite come sostantivi a tutti gli effetti (cfr. in italiano il ritardo, che è originariamente
la I pers. sing. del presente indicativo; evviva, interiezione che deriva da 'e viva!',
usato anche come sostantivo: gli lanciarono un evviva) è rappresentata in sumerico
da un certo numero di strutture storicamente fossilizzate (per i morfemi verbali che
seguono si rimanda di volta in volta ai paragrafi riguardanti la morfologia del verbo);
es. b a-us 2 , morto , lett. 'egl"/
y " ,
1 esso e' morto, (us 2 , monre ; ga-a b -sa 10 , "acqui-
y " • ") .
rente", lett. 'lo voglio davvero comprare' (sa 10 = "comprare"); ga-ab-sig 3 , "bovaro,
pastore", lett. 'lo voglio davvero battere' (sig 3 , "battere, percuotere, fustigare"); ga-
an-tus (scritto in periodo antico anche gan-tus; v. anche oltre, he 2 -dab 5 e le
forme conga-ab-/ gab 2 - qui citate), "inquilino, affittuario", lett. 'ci voglio davvero
abitare' (tus, "risiedere"); (gilgab 2 -il 2 , "contenitore; stanga portante del carro", lett.
'lo voglio davvero portare' (a volte scritto con il determinativo 'gi' indicante "oggetto
di canna", v. 2.6; il 2 , "portare, sopportare"); ga b 2 - kas 4 , "cocchiere (di carro tirato
da buoi)", lett. 'ci voglio andare di corsà (scritto anche ga-ab-kas 4 ; kas 4 , "corre-
re"; per altre interpretazioni dei composti nominali conga-ab-/ gab 2 - si veda però
Jagersma 2010, pp. 129-130);3 he 2 -dab 5 , "(lavoratore) coscritto", lett. 'invero egli
è catturato' (dab 5 , "prendere in consegna, afferrare"-. in realtà la grafia,~ S.
permetterebbe anche una lettura gan-tus, che indica l'affittuario, v. ga-an-tus);
he 2 -du 7 , "perfezione, ornamento", lett. 'invero è tutto concluso' (du 7 , "completa-
re"); he 2 -gal 2 , "abbondanza", lett. 'invero c'è ogni cosà (gal 2 , "esserci, esistere");
i 3 -du 8 , "portiere", lett. 'egli ha aperto' (du 8 , "aprire"); i 3 -dub, "granaio", lett. 'egli
lo ha riempito, esso è stato riempito' (dub, "accumulare"); ib 2-tak 4 , "resto, rima-
nente", lett. 'egli lo ha lasciato' (tak 4 , "lasciare, abbandonare"); (gilma-an-sim,
"setaccio", lett. 'esso lo ha fìltrato per me' (si m, "filtrare"); mu-kux(D U), "apporto
(verso l'ufficio che emette la ricevuta), entrata", lett. 'egli lo ha fatto entrare (qui)"
(kux, "entrare, apportare"; la lettura kuJkurx del segno DU, che indica una serie
di verbi di moto, è fondata sulla supposta uguaglianza semantica, in questo caso,
con il verbo ku 4 /kur 9 , ~."entrare"); uçna-a-du 1 p "lettera, missivà', lett. 'devi

3 È stato notato che le forme ga-ab-/gab 2 -VERBO e ga-an-/gan-VERBO vengono utilizzate ri-
spettivamente con verbi transitivi e intransitivi (Thomsen 1984, p. 58 §63)- sul concetto di transitività
in sumerico v. però 5.5, A, Nota.

61
4 Morfologia del sostantivo

dire a lui' (du 11 /dug 4 , "dire, parlare"), entrato in accadico come unedukku, avente
lo stesso significato.

4.5 Formazioni nominali complesse


Per 'formazione complessà si intende qui una struttura, con valore semantico unitario,
che rappresenta una vera e propria frase che 'descrive' delle realtà, tangibili o meno.
Rispetto alle situazioni presentate nei paragrafi precedenti, questi casi sono quelli in cui
è più difficile capire se si sia di fronte a una struttura unitaria anche fonologicamente,
oltre che semanticamente, come è il caso dell'italiano pomodoro o dell'inglese blackbird,
o se l'espressione non vada interpretata piuttosto come pomo d'oro e black bird, in cui
cioè i vari elementi che la compongono mantengono la loro identità fonetica (pur
indicando un significato unitario), facendo sì che non si possa interpretare il costrut-
to come una "parola", che per definizione deve possedere un'unità anche fonologica.
Come già sottolineato (4.2.1, C), la grafia sumerica non permette di chiarire questo
aspetto. Queste locuzioni complesse vengono usate nella documentazione, a tutti gli
effetti, come vere e proprie "parole".
Nota 1: per fare un esempio della complessità della questione, possiamo citare un lessema composito
complesso che fa parte del lessico della lingua dei Navajo, lingua che possiede caratteristiche strutturali
na
simili al sumerico, chidi naa 'i bee 'elri9ehtsoh bikdd 'dah naazniligii, cioè "carro armato", che si ricostru-
na
isce così: chidi naa 'i "trattore a cingoli" (a sua volta un nome composto dal termine chidi, "carro", e
dal verbo naana: "esso si muove da sé", con l'aggiunta del nominalizzame =t); dal nome bee'e~ehtsoh,
"cannone" (a sua volta composto dal verbo bee'e~eh "esplosione", lett. "con lui si fa 'Boom!'" e dall'ag-
gettivo enclitico =tsoh "grande"); dalla posposizione bikdd: "su di esso"; dal verbo dah naaznil, "ci si
siedono sopra" e dal nominalizzante =igii, quindi lett.: "il carro che si muove da sé su cui si trova un
cannone che fa un grande 'Boom!' e su cui si siedono sopra'' (si veda https://en.wikipedia.org/wiki/Na-
vajo_grarnmar#Nouns, agosto 2018); il sumerico non possiede questo tipo complesso di strutture, ma
la problematica è la stessa.

La differenza morfologica più evidente tra queste formazioni complesse e quelle presen-
tate nei paragrafi precedenti consiste nel fatto che in questo caso le forme possiedono
una terminazione unitaria che le identifica morfologicamente, cioè una *-a, definita di
"nominalizzazione"- su questo morfema, che ha una grande importanza anche nella
sintassi, v. 5.11.2 e 6.5. Osserviamo, a margine, che la presenza del morfema *-a impe-
disce di considerare queste espressioni come forme di conversione, in quanto in quel
caso i lemmi presi in prestito dalle altri parti della grammatica diventano nomi senza
modificazioni formali (come per esempio ama-ar-gi 4 , ba-us 2 , i 3-dub, ib 2-tak 4 ,
mu-kux ecc.; v. 4.4, Nota 1). Esempi: kas-de 2 -a, "banchetto", lett. '(l'atto di) versare
birrà; lu 2-kin-gi 4 -a, "messo, inviato", lett. 'l'uomo (= colui) che porta indietro il
messaggio'; mas 2 -da-re 6 /ri-a, "doni cerimoniali (per il sovrano)", lett. '(colui/ciò)
che va (a corte) con il capretto'- sul caso comitativo *-da v. 4.11.3; (ni 3 )-gd-tag-
ga, "offena", lett. '(la cosa) che tocca la tavola [di legno per il sacrificio]'; ni 3 -mussa•• 2
(< *ni 3 munus us 2 -a), "dono alimentare [per la futura sposa] (da parte dello sposo
per le nozze)", lett. 'le cose che seguono il futuro sposo'. Si veda anche 4.1 O, E.

62
4. 6 I nomi propri

Nota 2: nella traslitterazione, i lemmi presentati in questo paragrafo possono essere rappresentati gra-
ficamente in maniera differente, es. kas de 2 -a, mas 2 -da re 6 -a, (ni 3 } gd tag 4 -ga, in cui cioè si
mantengono separate le varie parti sintattiche dell'espressione per sottolineare la difficoltà di considerare
i costrutti a tutti gli effetti "parole" a causa, come detto, dell'impossibilità di sapere se fossero pronunciati
in una emissione unica di suono.

4.6 I nomi propri


In sumerico, il nome proprio (antroponimo), può essere formato, morfologicamente,
mediante una qualunque delle formazioni nominali che abbiamo visto nei paragrafì
precedenti. Bisogna sottolineare che in genere il nome possiede un significato traspa-
rente e un'etimologia identificabile - questo a meno che l'antroponimo non sia di
origine straniera (es. l'elamita Tab-ba-da-ra-ah, Ab-Je-la-ah, che sarebbe risultato in-
comprensibile agli stessi Sumeri). In ogni caso, sia i nomi stranieri che quelli semitici, la
cui etimologia è in genere anch'essa evidente, vengono trattati grammaticalmente alla
stessa stregua di quelli sumerici e sono da considerarsi unità (es. Mi-il-ku-um, milkum,
"consiglio"; 1-din-a-bu-um, iddin-abum, "me lo ha dato il padre"); sono attestati altresì
nomi con elementi sumerici e semitici, es. dAmar-dEN.ZU-ga-mi-i/, "il re Amar-
Suena è favorevole" (il nome sumerico significa "il torello del dio Nannà' e appartiene
al terzo sovrano della Terza Dinastia di Ur, 2044-2036 a.C.).
Di seguito alcune delle strutture più utilizzate.
A Sostantivo con eventuale elemento modificante; la struttura più semplice prevede
un sostantivo che può essere spesso seguito da un elemento che lo modifica (in ge-
nere un aggettivo o un pronome possessivo - per la morfologia di questi elementi
si rimanda ai paragrafì specifici), es. Az-gu 10 , "il mio ors(ett)o"; Igi-siçsi 4 , "oc-
chi marroni" (per la reduplicazione dell'aggettivo v. 4.10, B); Ka 5 -(a)-gu 10 , "la
mia volpinà'; Kas 4 , "il messaggero"; Mas-gu-la, "il grosso capretto"; Masda, "la
gazzellà'; Sd-a-ni, "suo fratello"; Sd-tur, "fratello minore"; Sul-gi, "il giovane
affidabile".
B Sostantivo seguito da un genitivo; molto comune nella formazione dei nomi propri
è la struttura che prevede alcuni sostantivi seguiti in genere da un nome divino o
un suo epiteto oppure da un nome geografico o topografìco al genitivo (sulla cui
formazione v. 4.9); si tratta essenzialmente delle parole arad 2 , "schiavo", geme 2 ,
"seh.tava", l u 2 , "uomo" e ur, "devoto·' (lett. 'cane')" , seguue
. da un teommo,
. .
o epiteto
divino, o toponimo in genitivo, es. Arad 2 -dNanna, "schiavo del dio luna Nanna";
Geme 2 -dEn-lil 2 -la 2 , "schiava del dio Enlil (capo del pantheon)"; Lu 2 -Gir 2 -suki,
"l'uomo (della città) di Girsu"; Lu 2 -dlnana, "l'uomo della dea Inana (dell'amore
e della guerra)"; Ur-dUtu, "devoto1 del dio sole Utu"; Ur-e 2 -nun-na, "devoto1
del tempio del Principe (epiteto di Enki)"; anche altri antroponimi, più raramente,
possono avere questa struttura, es. Lugal-he 2 -gal 2 -(la), "il re dell'abbondanzà'
(epiteto divino; nome probabilmente abbreviato, da intendere con l'aggiunta "mi ha
dato questo bambino").

63
4 Morfologia del sostantivo

C Frase nominale o verbale; molti nomi presentano una struttura complessa che è di
fatto una frase completa, nominale o verbale {per gli aspetti morfologici si rimanda
ai paragrafi specifici), es. A-ba-sd-gu 10 -gin 7 , "chi {è) come mio fratello?"; Az-
am 3 , '"e un ors (ett)o" ; H e 2-tl,
. "che vtva
. (a lungo)'"
. ; P u 2 -ta-pa 3- d a, "trovato nel
pozzo" {cioè un orfano trovatello), lett. 'dal pozzo recuperato' {pa 3 /pad 3 = "trova-
re"); dSara 2 -ma-an-sum 2 , "me lo ha dato il dio Sarà'; Sul-dEn-lil 2 -le-i 3 -su,
"il giovane con cui il dio Enlil mi ha compensato" {forse per la morte del figlio
precedente).
Ribadiamo che le strutture di formazione dei nomi propri qui presentate, sia semplici
che complesse, sono da considerare come dei sostantivi a tutti gli effetti.

4.7 La struttura della frase nominale


Ogni sostantivo rappresenta una realtà semantica alla quale possono essere accorpati
dei modificatori {morfemi semantici o grammaticali); questi modificatori, in un or-
dine fisso rispetto al nome e tra di loro {v. 1.10, A), costruiscono col sostantivo cui si
aggiungono {agglutinano) delle strutture nominali che vengono anche dette 'catene
nominali'. Le cinque posizioni che possono modificare il nome sono le seguenti {la
prima posizione è occupata dal sostantivo):
- -~- -- .. ----

Pos. l Pos. 2 Pos. 3 Pos. 4 Pos. 5 Pos. 6


Sostantivo Qualificazione · Genitivo Pronome p l ur. * -ene :' Caso
*-ak Possessivo classe A
4.1-4.6 4.10 4.9 4.13.2 4.8 4.11 e sgg.

In una catena nominale, oltre ovviamente alla prima, l'unica posizione che non può
mancare è la sesta, tutto il resto rappresenta una modificazione non obbligatoria.
Nota 1: recentemente il concetto di 'catena {nominale o verbale)' è stato messo in discussione sulla base
della difficoltà di identificare la 'parolà in sumerico e le sue caratteristiche linguistiche e fonologiche
(si veda la discussione ai paragrafi da 4.2.1 a 4.6 e Jagersma 2010, pp. 69 sgg.); qui, semplicemente,
per 'catena' si intende una sequenza di morfemi semantici e grammaticali che si riferiscono a un tema
iniziale (nel nome) o centrale (nel verbo), nella quale i vari elementi, a parte quelli essenziali, possono
o meno essere presenti: in un'espressione quale e 2 -gal lugal-Urim 2 k;_ma-ke 4 -ne-ta, "dal palazzo
dei re di Ur", comunque noi si voglia unire o meno con trattini tutta l'espressione considerandola una
'parola fonologicà oppure no, l'ablativo *-ta si riferirà sempre al termine e 2 -gal, "palazzo", facendo sì
che l'espressione abbia sicuramente una sua unità sintattica e un'evidente 'concatenazione'. In epoche
precedenti l'espressione sarebbe stata traslitterata e 2-gal-l ugal- U rim/;-ma-kerne-ta, sottolinean-
do la relazione sintattica ma penalizzando quella semantica.

In prima posizione si può trovare una qualunque delle strutture nominali semplici o
composte che abbiamo visto nei paragrafi da 4.2 a 4.6, qui sinteticamente definita
'sostantivo', ma che si può anche esprimere come 'parolà, 'lemmà o 'stemmà. Il so-
stantivo, come detto in 4 .l, a seconda della classe semantica cui afferisce (A o B), avrà
una morfologia specifica che coinvolgerà le posizioni 5 e 6 {la quinta posizione vale solo

64
4. 8 Il suffisso *-ene e il plurale in sumerico

se il sostantivo in prima appartiene alla classe A, mentre alcuni casi, come vedremo in
dettaglio in 4.11.1 e sgg., possono essere utilizzati solo con una delle due classi).
Le posizioni 3 e 4 non possono trovarsi insieme, ovviamente, e si escludono mu-
tuamente (o si ha la casa di Carlo o la mia casa, ma non *la mia casa di Carlo- v. però
4.9, C per casi di lessicalizzazione del genitivo), motivo per cui alcuni preferiscono ac-
corparle in un'unica posizione, indicante il possesso; in questa grammatica sono tenute
separate per maggiore chiarezza della struttura (distinguendo, cioè, la morfologia del
caso genitivo da quella dei pronomi suffissi).
Nota 2: nella morfologia delle lingue si può distinguere in genere tra 'affissi' (prefissi e suffissi} veri e pro-
pri e 'clitici' (proclitici ed enclitici): mentre gli affissi formano con lo stemma cui si aggiungono un'unica
parola grammaticale (es. nel lemma italiano invisibile, in- e -bile sono rispettivamente un pre- e un suf-
fiSSo}, i clitici si appoggiano alla parola per l'accento, ma mantengono una loro autonomia grammaticale
(es. in italiano i pronomi mi e gli nelle espressioni mi disse, gli diede}. In sumerico è possibile ricostruire
la stessa distinzione sulla base del comportamento dei morfemi (v. Black 2002, pp. 62-66}; per esempio,
alla categoria dei clitici, nella catena nominale qui presentata, appartengono i morfemi delle posizioni 3
(*-ak), 4, 5 e 6 (enclitici}, che si sommano alla fine del lemma, mentre per esempio sono affissi i mor-
femi n a m-, n i 3 - e n u- introdotti in 4.3. In questa grammatica si distinguerà tra affissi e clitici nella
descrizione della morfologia e nella trascrizione: i primi vengono traslitterati come lemma unico, mentre
i secondi sono separati mediante il segno'=' (v. 2.12).

4.8 Il suffisso *-ene e il plurale in sumerico


In sumerico l'idea di 'plurale', tanto nel sostantivo che nell'aggettivo e nel verbo, ri-
sponde a caratteristiche peculiari, in cui l'opposizione 'singolarità vs. pluralità' appare
morfologicamente e semanticamente sfumata rispetto, per esempio, all'italiano. Qui si
tratterà del plurale nel sostantivo, mentre si rimanda a 5.2.2 per il concetto di pluralità
semantica e per il rapporto 'sostantivo - verbo' in presenza di soggetti plurali.
A Grafìa. Il suffisso *-ene, se preceduto da un sostantivo che termina in consonante,
è scritto in genere -(C)e-ne, cioè la vocale /e/ iniziale del morfema si mantiene e
viene scritta riprendendo il suono fìnale del lemma cui si unisce (complementazio-
ne fonetica, v. 2.7), es. bara 2 -bara 2 -ge 2 -ne, "i governanti" (v. oltre); digir-re-
ne, "gli dèi"; en-en-ne 2 -ne, "i signori" (sulla reduplicazione del sostantivo v. C);
sipa-de 3 -ne, "i pastori" (barag e sipad sono le letture 'lunghe' rispettivamente
di bara 2 e sipa, v. 2.9). Si possono però trovare anche grafìe quali digir-e-ne, o
ancora aga 3 -us 2 -e-ne, "i soldati (di scorta)"; engar-e-ne, "i contadini"; dub-
sar-e-ne, "gli scribi"; iSib-e-ne, "i preti" ecc., che indicano quanto la scelta della
complementazione dipenda dallo scriba e non rappresenti una regola assoluta (si
veda quanto detto in 2.6 sul rapporto tra scrittore e lettore in ambito mesopotamico
e l'idea di 'ospitalizzazione' del testo).
Nota 1: è stata avanzata la possibilità che la forma preveda una /e/ (lunga) alla fìne del morfema,
quindi *-ene, sulla base di grafie quali en-en-ne 2 -ne vista~_erecc:denza: se la grafia,_ infatti, di~
stingue con due segni diversi il suono /ne/ (ne2 = $y>; ne= ;:a'fl}, o deve essere una differenza d1
realizzazione tra i due suoni che la quantità vocalica potrebbe spiegare (si veda Jagersma 20 l O, pp.
\06 sgg.). Asupporto d.ell'ipotesi d.i una vocale lunga in fme di morfema, espressa dal segno lnél,
65
4 Morfologia del sostantivo

si può citare ancora, per esempio, l'espressione dumu-ne-ne, "i suoi figli", < *dumu=ani=ene, dove
la vocale finale del morfema *-ani, il pronome possessivo suffisso di III pers. sing. della classe A (v.
4.13.2), si contrae con la /e/ iniziale del morfema *-ene generando una possibile vocale /e/, scritta
quindi, conseguentemente, con il segno ne ~).quindi *dumunene. A sottolineare la complessità
del problema, si osservi che esistono forme quali digir-re-e-ne, con una sorta di scriptio piena della
prima vocale, che gettano dubbi sul fatto che la /e/ iniziale del morfema sia effettivamente breve.
Avendo optato qui di non evidenziare la lunghezza delle vocali (v. 3.3), anche in questo caso non in-
dichiamo la lunghezza di /e/, notando come la quantità della vocale non sia comunque l'unica ipotesi
per spiegare le grafie del morfema in questione (un'altra spiegazione potrebbe essere l'opposizione tra
vocali chiuse e aperte}.

Se è preceduto da una parola terminante in vocale, il comportamento del morfema


appare duplice: con taluni sostantivi la /e/ iniziale scompare, assimilata dalla voca-
le finale del lemma che precede (es. guduçne, "sacerdoti"), mentre altre volte la
vocale iniziale si mantiene (es. gala-e-ne, "preti lamentatori"). Poiché la vocale
iniziale del morfema *-ene si mantiene solo se la parola inizia per consonante, questo
comportamento ha fatto presupporre l'esistenza di un suono glottidale (/7 / oppure
/h/) che non viene espresso nella grafìa (v. 3.2.1}.
B Per quanto riguarda il significato, come messo in evidenza in 4.1, un sostantivo può
indicare una realtà semantica individuabile e definita (classe A}, o può indicare la
sola classe di appartenenza semantica (classe B); soltanto i sostantivi appartenenti
alla classe A possiedono il morfema specifico *-ene, che occupa la quinta posizione
della catena (4.7) e ne indica la pluralità, mentre i sostantivi appartenenti alla classe
B possono assumere un significato singolare o plurale a seconda del contesto, es.
digir, "dio"--+- digir-re-ne (*digir=ene), "gli dèi"; lugal, "re"--+- lugal-e-ne
(*l ugal =ene) , «•1 re" ; u d u, "pecora o pecore" ; mas• 2 , "capretto o capretti., .
Nota 2: la ragione di questa differente morfologia consiste ovviamente nella individualità che caratte-
rizza semanticamente gli enti della classe A, dove l'opposizione singolarità vs. pluralità non è a scapito
della precisa individuazione della realtà coinvolta. Bisogna, comunque, osservare come in sumerico
l'espressione della pluralità non sia obbligatoria, ma possa essere tralasciata quando la frase permette
di chiarire senza dubbi che si tratta di plurale; es. di-ku 5 ib-du 2 -ru-ne 2 -e5, *dikud=0..,. i.b{i).
durun.eS, "i giudici si sono assisi (in tribunale}", dove al soggetto singolare corrisponde un verbo plu-
rale, rendendo superflua l'indicazione morfologica di *-ene al sostantivo; così si spiega la mancanza
di indicazione di pluralità nel sostantivo accompagnato da numerali, v. 4.14.

C Sia i sostantivi della classe A che quelli della classe B possono indicare il plurale re-
duplicando il valore di base, es. digir--+- digir-digir, "gli dèi"; l ugal --+-l ugal-
1uga l , «•1 re" ; u d u--+- u d u-u d u, "pecore" ; mas• 2 --+- mas• 2 -mas• 2 , "capretti•» . o s-
serviamo che questa è l'unica forma di evidenza di plurale riservata ai sostantivi della
classe B e che solamente alcuni sostantivi della classe A appaiono reduplicati -verso
la fine del III millennio a.C. questo numero sembra decrescere, a dimostrazione,
forse, della non produttività in sumerico di questo tipo di plurale.
Nota 3: è stato proposto che la reduplicazione si riferisca a volte a entità multiple che tuttavia man-
tengono la loro singolarità, es. gi 6 -gi 6 , "notti", cioè a dire, "ogni singola notte"; infine ci sono esempi
in cui la reduplicazione indica un duale, cioè un composto di due entità, es. ib 2 -ib 2 , "le {due} cosce",
che è tratto sicuramente di influenza accadica {v. D'Agostino- Cingolo- Spada 2016, p. 38).

66
4. 8 Il suffisso *-ene e il plurale in sumerico

D Se il sostantivo è seguito da un aggettivo che esprime quantità o età (soprattutto


gal, "grande", gibil, "nuovo", sumun, "vecchio" tur, "piccolo") la reduplicazione
dell'aggettivo indica la pluralità del sostantivo di riferimento, es. digir gal, "il
grande dio"---+ digir gal-gal, "i grandi dèi"; dub-sar tur, "giovane scriba"---+
dub-sar tur-tur, "giovani scribi"; lugal gal, "il grande re"---+ lugal gal-gal,
"i grandi re"; udu gal, "pecora grande"---+ udu gal-gal, "pecore grandi"; ur-gi 7
gal, "un molosso grande"---+ ur-gi 7 gal-gal, "grandi molossi". È stato proposto
che la forma indichi un superlativo, es. "gli dèi più grandi" (Thomsen: 65 §82-83),
ma questa interpretazione non sembra essere confermata da tutte le attestazioni (si
veda anche 4.10, B). Da ultimo, osserviamo come queste forme possano anche es-
sere interpretate come ellittiche, rappresentando cioè una semplificazione di una
forma intera, per esempio *digir gal digir gal > digir gal-gal.
Nota 4: questa possibilità non è attestata per i sostantivi indicanti colore o intensità di luce, la cui re-
duplicazione non indica pluralità, es. ku 3 -bar 6 -bar 6 /babbar, "argento", lett. 'la pura cosa bianca';
5a 3 zalag-zalag, "cuore splendido" (v. 4.10, B per la reduplicazione dell'aggettivo). È impottante
sottolineare che la reduplicazione dell'aggettivo non si ritrova mai assieme a quella del sostantivo,
come si vede nel seguente esempio: ensi 2 gal-gal ma-da-ma-da Za-ab-5a-Jiki u 3 ensi 2-
ensi2 uruki_uruki, "(il re Su-Sin prese prigionieri) i grandi governatori dei paesi di ZabSali (Iran) e
i governatori di (tutte le) loro città", dove il termine ensi 2 è reduplicato solo in assenza di attributo.

E Nell'ultima parte del III millennio a.C. sono attestati, essenzialmente nei testi di
natura amministrativa, i due suffissi di plurale *-md per i sostantivi afferenti alla
classe A e *-hi-a per quelli della classe B. Il primo è in realtà la terza persona plurale
della copula, lett. 'essi sono' (v. 4.12, A), es. digir-md, "gli dèi", lett. 'essi sono
dèi'; lugal-md, "i re", lett. 'essi sono re', mentre il secondo rappresenta il partici-
pio del verbo h i, "mescolare", quindi "assortiti, vari", es. u d u- h i- a, "varie (sorte
di) pecore, pecore assortite" (in questo caso si intende che le pecore sono di tipologia
diversa o mischiate ad altro bestiame minuto: come detto, non' ci sarebbe bisogno
di sottolineare la pluralità di un sostantivo della classe B). In epoca post-sumerica
-md e-hi-a, contratto nella forma -ha 2 , sono utilizzati come semi-classificatori
per indicare il plurale rispettivamente della classe A e B. ·
Infine, a partire dalla seconda metà del III millennio a. C. è noto il suffisso -d i d l i,
dalla reduplicazione con contrazione del numerale dili, "uno, singolo"(.,__, quindi
,.......,......), < *di(li)-d(i)li, con il valore di "alcuni (agg.), ciascuno (di essi), vari", riferito
sia alla classe A che alla classe B, es. l u 2 d i d l i, "vari (= con varie funzioni o profes-
sioni) uomini"; d 3 didli, "vari (= dedicati a differenti divinità) santuari"; zi-ga
d i d l i, "alcune (= di diversa natura) uscite" ecc. Anche questo suffisso è utilizzato
soprattutto nella tipologia documentaria amministrativa.
Si veda la tabella riassuntiva che segue:
________T___________: -----~---------~-------------·--:----: ---:---r
: morfema : redupl. : redupl. -mes . -h1-a : didli
*-ene ' sost. 1
agg. · ·
·----- ---- ---..:.---------- ·-----· +---- ------- _______ ..______ ------ ----- ------ ----- --t-----------
Classe A + + + + +

Classe B + + + +

67
4 Morfologia del sostantivo

F Un fenomeno molto peculiare della lingua sumerica è la ridondanza di indicazioni


di pluralità che si ritrova in alcune espressioni, es. digir gal-gal-e-ne, *digir gal/
gal=ene, "i grandi dèi"; ur-sag-ur-sag-e-ne, "gli eroi", in cui si hanno due indi-
cazioni di plurale: la reduplicazione dell'aggettivo e del sostantivo rispettivamente
e l'indicazione morfologica *-ene della classe A. Dal punto di vista semantico, non
sembra che questo raro tipo di espressioni abbia valore differente da quello semplice
(es. digir gal-e-ne, ur-sag-e-ne) e può forse rappresentare un esempio di ridon-
danza grafica più che di amplificazione del significato (v. C).

4.9 Il genitivo
In sumerico il genitivo si esprime mediante il suffisso *-ak che segue al secondo termi-
ne di annessione; esso occupa una posizione diversa dai restanti casi (la terza, v. 4.7) e
rappresenta un rapporto tra sostantivi, senza alcuna relazione con le altre frasi nominali
o il verbo della frase (caso adnominale). Il genitivo può avere valore oggettivo, es. e 2
digir-ra (*ej digir=ak, sulle grafie del genitivo vedi A), "il tempio del dio", o sogget-
tivo, es. siskur 2 digir-ra (*siskur digir=ak), "l'offerta per il dio", lett. 'del dio'; allo
stesso modo esso ha funzione di denominazione, es. e 2 Gir 2 -suki (*ej girsu=ak), "il
tempio (della città) di Girsu". Litaliano presenta le stesse valenze semantiche, per cui,
per esempio, si ha la casa di Giovanni, genitivo oggettivo, ma il timore di Dio, genitivo
soggettivo, così come la città di Roma, che rappresenta una specificazione.
A Grafia del morfema *-ak. La vocale iniziale del suffisso, se preceduta da un sostanti-
vo che termina in consonante, compare in genere nella scrittura come - (C) a, cioè
la vocale /a/ del morfema si mantiene e viene rappresentata mediante un segno che
riprende il suono finale del lemma cui si unisce (complementazione fonetica, v.
2.7), es. e 2 -gal lugal-la (*ejgallugal=ak), "il palazzo del re"; lugal Urim 2 ki_ma
(*lugal urim=ak), "il re di Ur"; pisan club-ba (*pisag dub=ak), "contenitore delle
tavolette" (etichetta di testi che contenevano la lista degli argomenti trattati sulle
tavolette che si trovavano in uno specifico contenitore) - sulla realizzazione della /k/
finale del morfema si veda oltre.
Nota 1: la complementazione avviene assai raramente con le fricative sibilanti e gutturali (h, s, s),
es. digir Lagask; (*digir lagaS=ak), "il dio di Lagas". Bisogna inoltre osservare che la /al del mor-
fema *-ak viene scritta mediante il segno a (l'f) nei lemmi che terminano con una delle consonanti
glottidali che non vengono espresse nella grafia (v. 3.2.1 per i dettagli: /7 / e /h/), es. a-h 3 gala-a
(*aSag gala7 /h=ak), "il campo del prete larnentatore"; l u 2 Ummaki_a (*lu umma7 /h=ak), "l'uomo di
Umma"; e lo stesso sembra valere per la semi-consonante /j/, lugal e 2 -a (*lugal ej=ak), "il padrone
(lett. re) della casà'.

Se il termine che precede termina in vocale, allora la *-a(k) si assimila e non compa-
re nella grafia, es. lugal iri (*lugal iri=ak), "il re della città"; sa 3 -gal udu (*sagal
udu=ak), "foraggio delle pecore".
Nota 2: va notato, però, che taluni morfemi uscenti in vocale, se seguiti dal suffisso *-ak, perdono la
propria vocale per assimilarla a quella del morfema del genitivo; ciò avviene con i pronomi possessivi

68
4.9 Il genitivo

singolari (quana posizione), es. el digir-gal {*ej digir=gu=ak, *-gu 10 -ak >-gal), "il tempio del
mio dio"- si vedano maggiori dettagli in 4.13.2. Al contrario, se il morfema *-ak segue il suffisso
del plurale *-ene, è regolarmente la 'a' iniziale del morfema a scomparire, es. el digir-re-ne {*ej
digir=ene=ak) - è stato proposto che questo comportamento dipenda dalla quantità lunga della vo-
cale finale del morfema *-ene (v. 4.8, A, Nota 1).

La /k/ finale del morfema *-ak, se non seguita da vocale, non compare in alcun
modo nella grafia, come abbiamo visto negli esempi citati, e 2 -gal lugal-la, sa 3-
gal udu, ecc.; allo stesso modo essa non compare se è seguita da un morfema ini-
ziante per consonante, es. e 2 -gal lugal-la-ta (*ejgallugal=ak=ta,b1), "dal palazzo
del re" (caratteristica che riguarda la caduta delle consonanti in fine di sillaba, per
cui v. 2.9; sulla morfologia dei casi qui utilizzati v. 4.11.1 e sgg.). Ma se segue un
suffisso vocalico, che nella morfologia sumerica può contenere solo le vocali /al o
/e/, allora la consonante /k/ si mantiene e viene regolarmente scritta mediante i
due segni -ka (4=f) e -ke 4 (f!i, arcaico: IIIT, v. 2.7}; es. lugal Urim 2 ki_ma-ke 4
(*lugal urim=ak=eerg), dove il segno finale esprime al contempo la /k/ finale del
morfema genitivale e la *-e dell'ergativo: "il re di Ur"; e 2 -gal lugal-la-ka (*ejgal
lugal=ak=a1.J, "nel palazzo del re", in cui il segno -ka indica sia la fine del genitivo
che la posposizione *-a che rappresenta illocativo.
Nota 3: La scomparsa della /kl finale è comunque soltanto grafica, come possiamo dimostrare sulla
base del comportamento del suffisso *-ra del dativo {v. 4.11.3, A). Questo caso, se aggiunto a un
lemma che termina in consonante, compare come -ra, mentre se segue una vocale si riduce a /r/,
es. lugal-ra, "al re"; ama-ar, "alla madre"; dopo un genitivo il suffisso compare nella forma -ra,
dimostrando che la /k/, benché non scritta, è senz'altro presente, es.lugal Urimlki_ma-ra < *lugal
urim=ak=rada,, "al re di Ur" {lo stesso vale probabilmente per il comitativo *-da, v. 4.11.4, A). È di-
mostrato, comunque, che durante il corso del III millennio a.C. il suono /kl in fine di parola subisce
un affievolimento fino a scomparire del tutto durante la III Dinastia di Ur, come succede anche all'al-
veolare affricata lf/, per cui v. 3.2.2 e ancora Jagersma 2010, p. 51. Negli imprestiti in accadico di
parole sumeriche che contengono un genitivo, però, sembra che il suono /kl finale fosse pronunciato,
per cui si veda per esempio iJii'akkum, "governatore", dal sumerico ensil, che in realtà rappresenta
un'annessione genitivale (genitivo lessicalizzato, v. C), probabilmente *en si=ak, "il signore del corno
(simbolo del comando)?" (v. anche Cr le, l. 2), con l'ergativo: ensil-ke 4 •

Sintetizziamo le possibili grafie del genitivo nella tabella che segue:


--- ---- --··---··-·-- ··--- ·- --···--·-··-· ---·· - --·--·-·--------
grafie del morfema del genitivo *-ak

. ~~ ~---~~ --~ -._-


grafia della vocale /al

grafia della consonante /kl


--~~ _---~ ~=~~~!-
, C+a(k) -+ C-Ca{k)
_-.
~-(~) ----(~a-~. N~~a 2) .. ·---=-~ _-·__ j
l

k+C--.C . . . . .·

B Le espressioni genitivali. La terza posizione della catena nominale è l'unica in cui sia
rappresentato un sostantivo, il quale quindi può essere esso stesso modificato con
tutti i modificatori possibili di una struttura nominale, ovviamente tranne la sesta
posizione, il caso, che si riferirà sempre e soltanto alla prima posizione. Questo fa
sì che le strutture genitivali possano risultare anche piuttosto complesse, benché in
genere non siano attestati più di due genitivi in una catena (v. anche D).

69
4 Moifologia del sostantivo

La caratteristica più importante dell'annessione genitivale è che il sostantivo reg-


gente e il sostantivo retto (detti anche morfemi semantici) si trovano all'inizio della
struttura e tutti i morfemi grammaticali che si riferiscono a entrambi compaiono
alla fine dell'espressione (per le posposizioni indicanti il caso usate negli esempi
che seguono si rimanda ai paragrafi relativi); es.lugal-Urim 2 k;_ma-ke 4 < *lugal
urim=ak=eerg> "il re di Ur"; dumu lugal Urim 2 k;_ma-ka-ke 4 < *dumu (lugal
urim=ak)=ak=e•rg' "il figlio del re di Ur"; dumu lugal Urim 2 k;_ma-ka-ke 4 -ne <
*dumu (lugal urim=ak)=ak=ene=e•rs' "i figli del re di Ur"; e 2 -gal lugal Urim/;-
ma-keçne-ka < *ejgal (lugal urim=ak=ene)=ak=~oc• "nel palazzo dei re di Ur".
Si può schematicamente ricostruire la struttura della frase e 2 -gal lugal Urim 2 k;_
ma-ka-ka < *ejgal lugal urim=ak=ak=a1oc, "nel palazzo del re di Ur", nel modo
seguente, evidenziando le relazioni tra le parti del composto genitivale (ricordiamo
che la fine del composto è sempre rappresentata dal caso, che rappresenta il limite
della parola):
[e 2 -gal [lugal Urim 2 ki ak] ak] a
Come si nota, si tratta di una sorta di incastro di valori semantici con i relativi mor-
femi: l'espressione di base è rappresentata dalla parola e 2 -gal con il caso locativo
*-a in ultima posizione (''nel palazzo"); in mezzo ci sono due espressioni genitivali,
la prima rappresentata dal termine lugal in relazione genitivale con la 'testà della
catena, il lemma e 2 -gal, la seconda dal toponimo Urim 2 ki, che è in relazione ge-
nitivale con il termine lugal; ogni relazione genitivale è rappresentata dall'aggiunta
di un morfema *-ak.
Nota 4: nella documentazione non è attestata la sequenza di più di due morfemi genitivali, anche
quando la struttura lo richiederebbe, es. mas-da-ri-a dam sagga e2-babbar-ka-kam, "(una
pecora matricina) è un dono cerimoniale della moglie dell'amministratore del (tempio) Ebabbar" <
*maSdaria dam sagga ejbabbar=ak=ak=ak=0=am, ma nel testo manca un morfema genitivale (sulla
copula -am 3 v. 4.12)- si è proposto che la ragione sia grafica (scriptio defectiva) oppure eufonica (v.
Edzard 2003, p. 41).

Quando il genitivo è rappresentato da due entità correlate (per asindeto, senza con-
giunzione), il morfema *-ak si troverà alla fine di queste, es. lugal an-ki < *lugal an
ki=ak, "il re del cielo e della terrà'. Se il termine al genitivo possiede delle apposizio-
ni, il morfema *-ak comparirà solo alla fine di queste, es.
dNin-ge.S-zi-da "(Il dio) Ninge5zida *(ninge5zida=ak)=0.,.
digir Gu 3 -de 2-a è il dio personale di Gudea, *di~ gudea
ensi 2 Lagaski il governatore (della città) di *(ensi=ak) laga5=ak
LagaS.
lu 2 E 2-an-na colui che l'Eana *lu (ejan=ak)=0.,.
in-du 3-a-kam ha costruito" *i.n.du.0=a=ak=0=am

Qui il termine digir è seguito dal nome del governatore di Laga5, Gudea, cui se-
guono due sue apposizioni, alla fine delle quali soltanto si ritrova il genitivo che si
riferisce a Gudea stesso (per gli aspetti morfologici e sintattici ancora non presentati
si rimanda ai paragrafi relativi); a quest'ultimo segue infine la copula che si riferisce

70
4.9 Il genitivo

alla testa della catena, quindi al dio Ningdzida (per l'uso delle parentesi utilizzate
nella trascrizione si veda C).
C Il genitivo lessicalizzato. Nella lingua sumerica è possibile trovare espressioni geniti-
vali che rappresentano strutture semantiche unitarie, si comportano a tutti gli effetti
come un sostantivo e vengono trattate morfologicamente come tali; vale osservare che
questa tipologia di formazione lessicale si aggiunge a quelle viste nei paragrafi 4.2.1-
4.6; es. sag-apin dBa-u 2 -ke 4 -ne, "i capi aratori della dea Bàu", dove l'espressione
sag-apin-(na) rappresenta in realtà una relazione genitivale, *sag apin=ak, lett. 'la
testa/schiavo dell'aratro', che però è lessicalizzata e viene trattata come un sostantivo
unitario, quindi *(sagapin=ak) ba'u=ak=ene (e non *sag apin bàu=ak=ak=ene). Lo
stesso vale per gli esempi che seguono: ki-sum 2 -ma a-sa 3 ugur 2 -tur, "i campi di
aglio del campo (chiamato) Ugur-tur", < *(kisum=ak) a5ag ugurtur=ak; usan 3-mar
g i h i l, "una nuova frusta del (= per il) carro", < *(usanmar=ak) gibil, dove l' espres-
sione usan 3 -mar-(ra) è trattata come un lemma unico e possiede un attributo
(gibil ='nuovo') che occupa regolarmente la seconda posizione.
In sumerico, inoltre, sono noti altri sostantivi che possiedono un genitivo 'inter-
no', come per esempio il già citato ensi 2 , che al caso ergativo risulta ensi 2 -ke 4 (v.
4.9, A, Nota 3): anche questo lemma è lessicalizzato, per cui ensi 2 Lagaski_ke 4 <
*(ensi=ak) lagas=ak=eerg' "il governatore di Laga5"; lo stesso vale, ad esempio, per i
teonimi dEn-ki, dlnana e dNin-gir 2 -su, rispettivamente *en ki=ak, "il Signore
della Terra", *nin an=ak, "la Signora del Cielo" (altre ipotesi interpretative sono state
offerte) e *nin girsu=ak, "il Signore (della città) di Girsu" (v. Cr le, 11. 4-6), che al
caso ergativo sono scritti dEn-ki-ke 4 , dlnana-ke 4 e dNin-gir 2 -su-ke 4 • Nella
presente grammatica, questi composti verranno trascritti fra parentesi, in modo da
evidenziare la loro etimologia.
Sottolineiamo che questa struttura è usata anche per arricchire il lessico, es. l u 2 -
inim-ma < *lu inim=ak, "testimone", lett. 'l'uomo della causà; lu 2 -ki-inim-ma
< *lu ki inim=ak=ak, con lo stesso significato, lett. 'l'uomo del luogo della causà;
lu 2 -d 2 -gid 2 < *lu e5gid=ak, "agrimensore", lett. 'l'uomo della corda mensorià ecc.
D Il genitivo anteposto. In sumerico esiste la possibilità di costruire annessioni geniti-
vali estrapolando dalla terza posizione il lemma al genitivo, con il relativo morfema
*-ak, e anteponendolo alla catena cui apparteneva; all'interno della catena, la po-
sizione che avrebbe avuto il genitivo sarà occupata in questo caso da un pronome
possessivo di terza persona singolare o plurale, a seconda dei casi, che richiama in
genere, persona e numero il sostantivo estrapolato- questo fenomeno si definisce
'genitivo anteposto' o 'dislocato a sinistra' (left-dislocated genitive construction). Que-
sta caratteristica, che è assai comune in moltissime lingue agglutinanti, in sumerico
ha il duplice scopo di semplificare le strutture genitivali complesse e, soprattutto, di
mettere in evidenza il sostantivo in genitivo anteponendolo alla struttura nominale
stessa; vedremo, inoltre, che questa struttura è molto usata nella formazione della
sintassi (v. cap. 6).

71
4 Morfologia del sostantivo

Si vedano i seguenti esempi (per la morfologia dei pronomi possessivi suffissi e le


loro modificazioni si veda 4.13.2): Ur-ge!tukul-ka gu 4 -a-ni < *(Urtukul=ak)=ak
gud=ani, "il bue di Ur-tukul", lett. 'di Ur-tukul il suo bue' (-ani, pron. poss. suff.
III pers. sing. classe A, riferito a Ur-geitukul; l'antroponimo è esso stesso una an-
nessione genitivale, come si vede dalla traslitterazione, e come esprime la presenza di
un doppio suffisso del genitivo *ak=ak), rispetto al possibile *gu 4 Ur-ge!tukul-ka,
*gud (urtukul=ak)=ak; e 2 -a lugal-bi < *ej=aklugal=bi, "il proprietario del tempio
(= il dio Ningirsu)", lett. 'del tempio il suo proprietario' (-bi, pro n. poss. suff. III
pers. sing. classe B, riferito a e 2 -per la grafia del genitivo v. A, Nota l), rispetto al
possibile *lugal e 2 -a (*lugal ej=ak).
Nota 5: in questo tipo di costruzioni genitivali tra il sostantivo anteposto e la catena cui appartene-
va possono essere immesse altre strutture nominali, es. e 2 -a dEn-ki-ke 4 ge5-hur-bi, < *ej=ak
(enki=ak)=eerg gdhur=hi=0.,. "Enki (tracciò per lui [= Gudea]) il disegno del tempio", lett. 'del tem-
pio Enki il suo disegno (tracciò per lui)' ecc.

Si veda la seguente forma complessa di sequenza di genitivi anteposti: e 2 -a du 3 -


ba mul ku 3-ba < *[ej=ak du=bi]=ak mul kug=bi=atoc• "(la divinità ti annuncerà)
la stella pura (mul ku 3 = auspicio) della costruzione (du 3 ) del tempio (e 2 )", dove
l'espressione *ej=ak du=bi possiede un genitivo finale *=bi=ak (> -ba, v. 4.13.2), in
quanto a sua volta rappresenta il genitivo anteposto dell'espressione *mul kug, 'stella
purà, ripreso dal suffisso *-bi cui segue il caso locativo *-a (*-bi-a > -ba, v. 4.11.6),
retto dal verbo gu 3 - de 2 , "annunciare", lett. 'versare la voce su', che è usato nella
frase.
Infine, si possono trovare strutture complesse in cui si hanno sia forme di genitivo
anteposto che di genitivo all'interno della stessa frase nominale, es. lugal an-ub-
da li m m u 2 - ba < *lugal (anubda=ak limmu=bi)=ak, "il re dei quattro settori del
cielo", dove l'espressione *anubda=ak limmu=bi, "i quattro settori del cielo", che
rappresenta una forma di genitivo anteposto {lett. 'del quadrante del cielo le sue
quattro [parti]', v. 4.2.1, A), diventa tutta insieme il genitivo del termine *lugal e
possiede conseguentemente il morfema *-ak.
E Usi specifici del genitivo. Nella documentazione a volte si ritrovano espressioni geni-
tivali in strutture in cui manca la prima posizione e risultano senza antecedente (in
inglese headless, 'senza testa'): si tratta di forme ellittiche in cui la prima posizione
è sottintesa e in cui appare molto spesso la copula; per esempio gli antroponimi
dSara 2 -kam < *sara=ak=0=am, "(questo bambino) è del dio Sara!"; e 2 -a-kam
< *ej=ak=0=am, "(questo bambino) è della casa!"; le espressioni mu-a-kam <
*mu=ak=0=am, "(gruppo di transazioni) annuale (lett. 'è dell'anno', mu)"; ga 2 -a-
kam < *ge=ak=0=am, "(questo) è mio (lett. è di me')" (v. 4.13.1); a-ma-ru-kam
< *amaru=ak=0=am, "(la questione) è urgente! {lett. 'è del diluvio', a-ma-ru)";
gehu dagal-a-kam < *gdtug dagal=ak=0=am, "(egli) è di ampia (dagal) intel-
ligenza (gdtu, lett. 'orecchio')"; esir 2 e 2 -gal-e ba-de 6 -a-kam < *esir ejgal=eerg
ba.b.de.0.a=ak=0=am, "è (assegnazione) del bitume (esir 2 ) che il palazzo (del go-
vernatore, e 2 -gal, ergativo) ha portato (de 6 ) " - per la copula si veda 4.12 e per la
forma verbale si vedano i relativi paragrafi.

72
4.9 Il genitivo

Infine, bisogna ricordare un uso dell'annessione genitivale molto peculiare e assai


utilizzato nelle iscrizioni storiche e nei testi letterari, che consiste nel far seguire, a
un epiteto complesso, un sostantivo al genitivo con funzione di soggetto logico; si
veda la struttura nominale seguente, che rappresenta un epiteto di Gudea di Laga5:
zi-h 3 -gal 2 -la su dagal duwga "fornito ampiamente di vita
dSul-5a 3 -ga- n a- ka- ke 4 (da parte) del dio Sul5agana"

da analizzarsi come *zisagal=atoc su dagal=0... dug=a (Sulsagani=ak)=ak=eerg· Qui,


il termine zi-5a 3-gal 2 , "vita, afflato vitale", lett. 'il respiro che si trova all'interno
(del corpo)', è al caso locativo, *-a, dipendente dall'espressione verbale composta (v.
5.2.3) su dagal - du 1 " "fornire ampiamente (di, *-a)", lett. 'dire, attribuire una
mano ampià: tutta l'espressione diventa un sostantivo mediante l'uso della nomi-
nalizzazione, consistente in una *-a posta alla fine della struttura, che rende nome il
costrutto e quindi ha funzione di prima posizione della catena (v. 6.5). Ad esso segue
il genitivo in terza posizione rappresentato qui dal dio dSul-5a 3-ga-na, al caso
ergativo *-e; dSul-5a 3 -ga-na < *sul sag=ani=ak il cui nome significa "il giovane
del suo cuore", è uno dei figli del dio Ningirsu di Laga5, cui si riferisce il pronome
suffisso del nome. Si veda ancora:
sag zi ukkin-na pa e3-a "la cui testa (sag) legittima (zi) è stata fatta emergere
(pa - e 3 ) nell'assemblea (ukkin)
dNin-gd-zi-da (da parte) del dio Ninge5zida,
digir-ra-na-ke4 il suo dio (personale)"

da analizzare così: *sag zid=0... ukkin=a1oc (pa=0... ed)=a ([Ningclzida=ak]


digir=ani)=ak=eerg· In questa espressione il verbo composto p a - e 3 (v. 5.2.3), nomi-
nalizzato, ha come argomento interno le due espressioni sag zi e ukkin (quest'ul-
tima seguita dalla posposizione dellocativo *-a), ed è seguito dal teonimo dNin-
gd-zi-da (esso stesso un'annessione genitivale, v. C) che possiede un'apposizione
rappresentata dall'espressione digir-ra-ni: come già detto, il morfema *-ak si pone
solo alla fine di tutti gli epiteti che si riferiscono al sostantivo al genitivo, quindi
*=ani=ak (che diventa -a-na, v. 4.13).
Nota 6: la struttura qui presentata ha un corrispettivo semantico in quella denominata Mesanepada,
da m es An-ne 2 pa 3 -da < *mes=0..,. an=e.rg pad=a, "il giovane uomo che il dio An ha scelto", nome
di un sovrano di Ur che regnò nel XXV sec. a.C., in cui il verbo pa 3 ("scegliere"), nominalizzato con
*-a, è preceduto da due argomenti di cui uno, m es ("giovane uomo, eroe") è al caso assolutivo (*-0)
e indica colui che subisce l'azione, mentre an ("il dio An [del cielo]") è in caso ergativo ed è quindi
colui che agisce (v. 1.10, B, e 4.11.1); teoricamente questa frase potrebbe essere espressa così: *mes
pa 3 -da An-na < *mes pad=a an=ak, dove si ha la nominalizzazione dell'espressione in assolutivo
(*mes pad=a) e il soggetto in ergativo espresso mediante il genitivo (*an=ak), ricalcando quindi quel-
le viste in precedenza- sulla struttura Mesanepada v. più diffusamente in 5.11.4. Per una disamina
dettagliata della procedura della nominalizzazione, che gioca un ruolo fondamentale sia nel lessico (v.
4.5) che ancor più nella sintassi, si veda 6.5.

73
4 Morfologia del sostantivo

4.10 La qualificazione
In posizione immediatamente adiacente al sostantivo con cui inizia la catena nominale,
e prima di ogni altra aggiunta morfo-semantica, si può ritrovare una espressione che
qualifica il sostantivo stesso in funzione attributiva (v. 4.7), es. dub-sar tur, "il gio-
vane scribà'; gu 4 gal digir-re-ne-ke 4 , "i grandi buoi degli dèi", con ergativo, *gud
gal digir=ene=ak=eerg; e n m ah, "il signore eccelso" (titolo religioso); sd gal, "fratello
maggiore" (lett. 'grande'), ecc. Questa qualifica può anche avere una forma più com-
plessa, es. pirig hus a 2 -tuku, "leone furioso e potente" (epiteto del dio Ningirsu)
- a 2 -tuku, 'che ha forza (lett. braccio)'.
Probabilmente con intento enfatico e in formule fisse, in testi di natura letteraria o
ufficiale l'aggettivo ku 3 , "puro", può precedere il nome di alcune divinità o oggetti di
culto, es. ku 3 dJnana, "la pura lnanà'; ku 3 dLugal-ban 3 -da, "il puro Lugalbandà';
ku 3 gdguza, "il puro trono"; sull'uso di gal, "grande", in posizione antecedente un
sostantivo si veda 4.2.1, B, Nota 3 (per ulteriori esempi si veda anche Cr 1f, l. 19).
La qualificazione può comparire sia in forma scempia (cioè da sola, come negli
esempi presentati sopra; v. A) che in forma reduplicata, es. lugal gal-gal, dub-sar
tur-tur (v. B).
A In realtà in sumerico non è possibile identificare una categoria morfologica 'agget-
tivale', poiché tutti gli aggettivi noti sono in ultima istanza di derivazione verbale,
quindi dagal, "essere/diventare ampio"; gibil, "essere/diventare nuovo"; sumun,
"essere/diventare vecchio" ecc. Da questa considerazione la scelta di non usare il ter-
mine di 'aggettivo' per la seconda posizione- il termine 'aggettivo', quando usato, va
inteso nella presente descrizione grammaticale sempre sulla base delle considerazioni
limitative che abbiamo sottolineato qui.
Nota 1: è stato però proposto che in sumerico possa essere identificata una categoria grammaticale
specifica di 'aggettivi', sulla base delle seguenti considerazioni: a) il termine gal, "grande", non funge
mai da verbo, mentre viene usato con quel significato il verbo g u- u l, "essere, diventare grande",
quindi è possibile che fosse avvertita nella lingua una distinzione tra le due funzioni semantiche di ag-
gettivo e verbo, es.lugal gal, "il grande re", ma ba-na-gu-ul-gu-ul, "(Gudea per il dio Ningirsu
ogni cosa) rese grande"; p) taluni aggettivi si presentano nella forma di base (con suffisso *-0), men-
tre altri con un suffisso *-a participiale, cosa che dimostrerebbe l'esistenza di aggettivi di derivazione
non verbale (in altre parole si tratterebbe di un'opposizione tra 'veri' aggettivi e forme participiali), v.
oltre nel testo; y) quest'ultimo aspetto sembra essere confermato dal fatto che l'aggettivo che presenta
la forma di base (*-0) non può essere negato con il prefisso di negazione nu- (v. 5.9.1), mentre quelli
formati mediante la *-a participiale sì (essendo avvertiti come forme verbali a tutti gli effetti) -v.
Black 2002, pp. 4 sgg. Nonostante queste considerazioni, appare però più probabile che la forma
assunta dal verbo usato in funzione aggettivale (con o senza suffisso *-a) dipenda da aspetti legati alla
semantica dell'espressione specifica più che all'evidenza di categorie grammaticali distinte (v. Black
2002, p. 6 e ZOlyomi 2017, pp. 92-93).

Gli attributi possono riguardare i colori: bar 6 -bar 6 /babbar (v. B), "bianco" (il ter-
mine è scritto sino alla Terza Dinastia di Ur con la reduplicazione del segno, ~
~' letto bar 6 -bar 6 , mentre dalla fine del III millennio a.C. è attestata la forma
scempia, q, letta babbar); dara 4 , "rosso"; gi 6 , "nero"; gun 3 , "multicolore, scre-
ziato"; si 4 , "marrone"; si g 7 (Ef-) l si g 17 (M), "giallo-verde, pallido"; la dimensione:

74
4.1 O La qualificazione

b a d , "lontano» ; d aga l , « ampw


A • » ; ga l , « gran d e» ; gt• d , "l ungo ; gur , « grosso, gras-
2
>J
4
so, ; l ugu d 2 , "corto, ; ma h , "eccelso, ; stg, . "h asso, d eh ole, secco, stretto, ; su k u d ,
"alto"; le proprietà fisiche ed età: ban 3 -da, "giovane"; da-ri 2 , "durevole, eterno";
dugud, "pesante"; du 10 / dug 3 , "dolce"; gibil, "nuovo"; kalag-ga (v. oltre), "for-
te, ; k u 3 , "puro, ; k u 7 , "do lce, ; k um 2 , "caldo, ; sa 6 l sag 9 , "bello, ; st"k"l
1 , ...mtatto,
. ,, ·t· " ,, " , . , d "fi
pul tto ; st tm, sano ; sumun, vece to ; se 4 , re o ; ses, amaro, ; u l , "an-
h" dd ,, v v "

tico"; gli aspetti morali e psicologici: hul, "cattivo, brutto"; lul, "falso, immorale";
zi(d), "giusto, morale" (v. una lista in Black 2002, pp. 12 sgg.).
Nota 2: in mancanza di una formazione morfologica aggettivale (v. Nota l), l'annessione genitivale
può essere usata in funzione di attributo (genitivo di specificazione}, per es. aga3-us2 lugal < *agaus
lugal=ak, "scorta regale", lett. 'scorta del re'; tug 2 nam-lugal-la < * tug namlugal=ak, "veste rega-
le", lett. 'veste della regalità'. Per fare un esempio da lingue moderne, si consideri l'espressione agget-
tivale letteraria russa 3JiaTOrna.BWI (zlatoglàvaja}, riferito alla città di Mosca MocKBa (Moskvà}, che in
italiano si deve rendere con "Mosca dalle cupole dorate", lett. 'dalla testa d'oro', mancando in italiano
la possibilità di costruire aggettivi con la stessa tipologia di formazione del russo.

Ricordiamo che se il sostantivo rappresenta un'annessione genitivale lessicalizzata


(cioè entrata come tale nel lessico, v. 4.9, C) l'attributo seguirà il genitivo, es. tug 2
gu 2 -anse-ka sumun-sumun, "vecchi panni per il collo degli asini", < *[tug
(guanse=ak)=ak] sumun/sumun, lett. '[panni del (collo degli asini)] vecchi' (v. B per
la reduplicazione dell'attributo); usan 3 -mar gibil, "la nuova frusta del carro" (per
i dettagli v. 4.9, C).
Gli aggettivi possono presentarsi in due forme morfologiche distinte, con il suffisso
*-0 (zero) o con il suffisso *-a (v. Nota 1): mentre alcuni di essi possono avere en-
trambe le forme, altri si presentano solamente in una delle due; es. lugal kalag-
ga, "il re forte", *kalag=a (è attestato sempre con il suffisso). È stato ipotizzato che
la forma con *-a abbia un valore restrittivo, mentre la forma con il suffisso *-0
caratterizzi solamente il sostantivo che qualifica; per esempio e 2 li bir-ra, "la casa
vecchià', si contrapporrebbe a un'ipotetica "casa nuovà' (e 2 gibil-la), mentre e 2
l i h i r caratterizzerebbe "la casà' come "vecchià' senza alcuna restrizione semantica.
In realtà, come si vede, si tratta piuttosto di una questione interpretativa del testo
che non grammaticale e morfologica - si possono ritrovare nello stesso testo per
esempio le due espressioni sag-su 4 gibil e sag-su 4 libir, cioè "elmi nuovi" ed
"elmi vecchi", in cui l'espressione possiede chiaramente un valore restrittivo, senza
presenza del morfema *-a.
Nota 3: in un unico caso il suffisso modifica sostanzialmente il significato del lemma di base: zi (d),
"giusto", con la *-a, zi-da, significa "(lato} destro". Da ultimo, l'aggiunta del suffisso *-a di nomi-
nalizzazione fa sì che l'espressione possa essere utilizzata allo stesso tempo in forma attributiva o so-
stantivata (in italiano sarebbe un 'participio sostantivato'), es. i nomi propri A-kal-la, "(mio} padre
prezioso" rispetto a Kal-la-gu 10 , "la mia cosa preziosa'' (kal =essere prezioso}.

B La reduplicazione dell'attributo. Benché più raramente che nella forma scempia,


alcuni aggettivi possono comparire in forma reduplicata e, come si è visto al 4.8,
D, questa reduplicazione può assumere in alcuni di essi un valore semantico di plu-
ralità, es. digir gal-gal, "i grandi dèi"; dub-sar tur-tur, "i piccoli(= giovani)
scribi" (v. la Nota 4 che segue); ni 3 gibil-gibil, "novità", lett. 'cose nuove'; g.sur 3

75
4 Morfologia del sostantivo

sumun-sumun, "vecchie assi di legno": in questi casi, l'aggettivo è scempio (sin-


golo) se è aggiunto a nome al singolare, e reduplicato se aggiunto a nome al plurale.
È possibile che la reduplicazione dell'attributo abbia un valore semantico individua-
lizzante, quindi es. digir gal-gal, "i singoli grandi dèi, i grandi dèi uno per uno"
(si ricordi che, se è reduplicato l'attributo, il sostantivo non si reduplica, v. 4.8, D,
Nota 4).
Nota 4: il participio indicante il plurale del verbo/aggettivo tur non è *tur-tur-ra, ma dirdi 4 -la 2
(-la a partire dal II millennio a.C.), es. lu 2 dirdirla 2 -ne, "bambini (lett. uomini piccoli)"; se-
ba geme 2 dumu di 4 -di 4 -la 2 -ne, "razioni delle schiave e dei (loro) figli (che sono) piccoli", *seba
geme dumu didila=ene=ak; usato anche come sostantivo, es. di 4 -dirla 2 dub-sar-e-ne, "i (figli)
piccoli degli scribi", *didila dubsar=ene=ak (v. anche Nota 3).

Questo, però, non è l'unico valore semantico della reduplicazione dell'attributo: con
la qualificazione indicante colore, infatti, la forma reduplicata è più comune, senza
avere valore di plurale e per uno di essi, bar 6-bar 6 "bianco", questa è l'unica forma
in cui esso può comparire; es. e 2 -bar 6 -bar 6 , "il tempio bianco (nome del tempio
del dio sole Utu a Larsa)"; gir 2 -tab sig 7 -sig 7 , "scorpione giallo". È possibile che
anche il lemma gi 6 , "nero", nonostante la grafia singola del segno, possa essere con-
siderato in realtà reduplicato, come sembra dimostrare un testo lessicale di Ebla (Si-
ria, 2400 a.C.), dove si ritrova la variante non ortografica dell'espressione ab 2 gi 6 ,
"vacca nerà', che suona ab ki-ki, che sembra indicare la reduplicazione dell'aggettivo
nella pronuncia nonostante la forma scempia.
Inoltre, anche le forme reduplicate possono presentare l'aggiunta del suffisso *-a:
geibansur ki kal-kal-la, "il tavolo, luogo prezios(issim)o (per le offerte ai morti)"
- in questi rari casi il valore semantico è probabilmente di maggiorazione. Si noti,
infine, che a volte la reduplicazione dell'aggettivo di colore può indicare il plurale,
es. a-gar 3 sig 7 -sig 7 -ga, "campi verdi".
Nota 5: è interessante osservare che in turco esiste una particolare forma di intensifìcazione del colore
che prevede la reduplicazione parziale del lemma di base, es. beyaz, "bianco", bembeyaz, "bianchis-
simo; kara, "nero", kapkara, "nerissimo"; kzrmzzz, "rosso", kzpkzrmzzz, "rossissimo": è possibile che la
reduplicazione dei colori in sumerico abbia la stessa origine, e che il valore semantico originario si sia
andato perdendo nel tempo.

Da queste considerazioni appare chiaramente che il valore semantico della redupli-


cazione della qualificazione andrà interpretato di volta in volta sulla base del conte-
sto e della semantica.
Nota 6: non è chiaro quale sia la struttura fonetica di un aggettivo reduplicato; grafie fonetiche
esplicative quali ba-ab-ba-ar per bar 6 -bar 6 sembrano indicare l'assimilazione progressiva della con-
sonante finale del primo lemma (C 1VC2-C 1VC2 > C 1VC 1C 1VCJ; ma esistono sia forme quali tu-ur-
tu-urper l'ortografico tur-tur, che anche tu-tu-ur, che indica forse una pronuncia *tuttur Qagersma
2010, p. 270).

C Frasi con valore attributivo. Mediante l'aggiunta di un sostantivo o un attributo a


una radice verbale, è possibile formare delle strutture che hanno valore aggettivale;
le radici coinvolte in questo tipo di costruzioni linguistiche sono in genere d i, "par-
Iare, dt•ch•t arare, ; g a l 2 , "esserci,• avere)) ; tu k u, ((avere, e z u, "sapere, conoscere, ; es.
A

mah-di, "illustre", lett. 'di cui si dicono cose eccelse'; a 2 -gal 2 , "forte", lett. 'avente

76
4.1 O La qualificazione

il braccio, la forza'; igi-gal 2 , "saggio", lett. 'avente occhio'; nir-gal 2 , "autorevole",


lett. 'che possiede la fiducia (nir)'; ni 2 -ruku, "riverente", lett. 'che possiede il ter-
rore reverenziale {ni 2 )'; gal-zu, "intelligente", lett. 'che conosce [ciò che è] impor-
tante'; ku 3-zu, "saggio", lett. 'che conosce il puro'; si veda però anche hul-du< 3l,
"catt1vo
· " , lett. 'ch e rra cose cattive
· ' dal verh o d u «r
3 rare .
"

Nota 7: è stato notato che questo tipo di costruzioni supplisce alla mancanza in sumerico di attributi
con valore semantico che riguardi la sfera delle attitudini umane (human propensity), v. Black 2002,
pp. 17-18. In ogni caso, per questo tipo di costruzioni si veda anche 4.2.1, C, 2.

D Gradi di comparazione e caso equativo *-gin 7. In sumerico non esiste una forma
morfologica per esprimere i gradi dell'aggettivo, come l'avverbio più e il suffisso
*-issimo dell'italiano (bello> più bello > il più bello, bellissimo) o i suffissi *-ere *-est
dell'inglese (hot, "caldo" > hotter, "più caldo" > hottest, "caldissimo"); per indicare il
grado di comparazione viene invece utilizzata una perifrasi; es. udu-ba udu-sa 6 -
ga-bi, "le migliori pecore {qualcuno dovrà portare)", lett. 'di quelle pecore le pecore
(più) belle', *udu=hi=ak udu sag=a=hi {gen. anteposto, v. 4.9, D; v. Jagersma 2010,
p. 283, 10.7 es.76)- questo aspetto appare assai raramente nella documentazione.
Con lo stesso significato i testi essenzialmente letterari ci presentano il ver-
bo dici (g), "eccedere", utilizzato in formule che esprimono maggiorazione; es.
g.stukul galam-ma ma.b gal diri-ga me 3 nir-gal 2 gaba-ri nu-tuku, "(il
dio guerriero Ninurta dice: Io porto) l'arma artisticamente elaborata, la più grande
ed eccelsa {lett. 'che eccede per magnificenza e grandezzà), affidabile in battaglia,
che non ha eguali"; la realtà rispetto alla quale si descrive il grado di maggiorazione
è espressa al caso locativo *-a, es. me-bi me gal-gal me-me-a diri-ga, "le sue
(del tempio) caratteristiche sono caratteristiche grandi, le più grandi di ogni altra
caratteristica {lett. 'eccedenti tra le caratteristiche')", *me/me=a1oc dirig=a; e 2 -gu 10
E 2 -ninnu mex{GA 2 )-en kur-ra ab-dici, "il mio tempio, l'Eninnu, la corona
più alta di una montagna {lett. eccede la montagna)", *ej=gu ejninnu=0355 kur=atoc
a.b(i).dirig.0.
Nota 8: anche nella documentazione scolastica scritta dai Babilonesi riguardo alla grammatica sume-
rica è attestato lo stesso verbo dir i (g), "eccedere", usato per esprimere la formula 'più di', come per
esempio dirig lu 2 -ne-a, "più di questo (uomo)", *dirig lu=ne=ak, tradotte entrambe in accadico
con eli annim, "più di ciò": si tratta però di formulazioni fonemente influenzate dalla grammatica
accadica (sul pronome *-ne si veda 4.13.5 e 5.11.5).

In sumerico esiste un caso adnominale (che cioè ha relazione con il sostantivo ma


non con il verbo), detto equativo, che esprime la comparazione tra due realtà; esso
compare come -gin 7 e occupa, come gli altri casi, l'ultima posizione della struttura
(v. 4.7); es. A-ba-se5-gu 10 -gin 7, "chi {è) come mio fratello?" (nome proprio); il
caso può anche dipendere da un verbo, es. 5a 3 an-gin 7 su 3 -ra 2 -zu, *sag an=gin
sur=a=zu, "il tuo cuore, profondo come il cielo" (epiteto del dio Ningirsu); 17-pirig-
gin7-du, "il canale che scorre come un leone" (nome di canale); E 2 -u 4 -gin 7-e 3 ,
"il tempio che fuoriesce come un sole" (nome proprio). Il significato del caso equa-
rivo può anche includere valori semantici di altri casi dimensionali {v. 4.12), es.
e 2 dNin-gir 2 -su-ka Eriduki_gin 7 ki sikil-la, "{Gudea costruì) il tempio del

77
4 Morfologia del sostantivo

dio Ningirsu in un luogo puro come (se fosse in) Eridu", *ej (nigirsu=ak)=ak=0...
eridug=ginequ ki sikil=~oc; Eden-dAmar-dSuena-gin 7 -du 10 , "la piana buona
come (se fosse per il sovrano) Amar-Suena (terzo sovrano della Terza Dinastia di
Ur)" (nome di campo).
Nota 9: il suffisso equativo *-gin7 è da mettere in relazione probabilmente con la preposizione accadi-
ca kima, "come, a guisa di", e rappresenta forse uno degli esempi della Sprachbund tra le due lingue di
cui si è parlato in 1.5. Sull'uso dell'equativo nella sintassi si veda 6.7, Nota; si veda inoltre, per esempi
e ipotesi differenti su questo caso, Sovegjart6 2011.

E Locuzioni con valore attributivo. Esistono alcune espressioni che rappresentano una
frase nominale a tutti gli effetti, ma che sono state lessicalizzate (cioè sono entrate
nel lessico) come veri e propri sostantivi, che possiedono però un evidente valore
semantico di attributo (per cui vengono presentate qui; su questo tipo di formazione
nominale v. 4.5); si vedano i seguenti lemmi (si rimanda ai paragrafi specifici per gli
aspetti verbali degli esempi):
a. ki-ta, *ki=taabl• "sotto, di sotto, da sotto"; es. ki-su 7 za 3-bi a ki-ta-kam, "è
il lato dell'aia (con) l'acqua da sotto", *kisur=ak zag=bi=0... a kita=ak=0=am; a
ki-ta mi-ri-in-de 2 , "(il dio ISkur, l'ispettore dei canali, sia il tuo fornitore), ti
faccia fuoriuscire (lett. versare) acqua da sotto (il suolo)".
b. u 4 -bi-ta, *ud=bi=ta,bl• "da quel giorno (passato), d'un tempo (passato), di quel
tempo"; es. su uçbi-ta e-ra-an-gi 4 , "(Gilgamd dice ad Aga, re di Kis: di
fronte al dio Sole) la cortesia di un tempo ti è ripagata (lett. la mano di un tem-
po è resa)", *su udbita=ak i.ra.n(i).gi.0 - si ha qui un verbo composto, su -
gi 4 , "far tornare indietro la mano, rendere, ripagare", v. 5.2.3 (per la morfologia
verbale si veda ai paragrafi relativi); munus uçbi-ta-ke 4-ne, "le donne d'un
tempo", *munus udbita=ak=ene=eerg (la presenza del genitivo rende chiaro che
u 4 -bi-ta deve essere considerato un sostantivo).
Da notare che in realtà la forma può anche rappresentare un avverbio di tempo,
"allora, in quel tempo", es. uçbi-ta inim im-ma gub-bu nu-ub-ta-gal 2 -
la, "a quel tempo non esisteva ancora di porre parole sull'argilla (= scrivere ta-
volette)", ud=bi=ta,b1 inim im=a1oc gub=a=0... nu.i.bta.gal.0=a; cfr. anche u 4-
da, "oggi", lett. 'nel giorno (di adesso)', *ud=~oc; lessicalizzato si ritrova nelle
espressioni uçda-ta, "da oggi (in poi)", *uda=ta,b1; uçda-se 3, "fìno a oggi",
*uda=se,e...
c. za 3 -ta, *za=ta,bl• "tutto (lett. da ogm. lato )" ; es. za 3 -ta-ne-ne- k am, '"e d"1 tutti.
loro", *zata=anene=ak=0=am; en-en za 3 -ta-bi, "tutti i signori (lett. dei signori
la loro totalità)", *en/en=ak zata=bi (sul suffisso ablativo *-ta v. 4.11.5 e sul pro-
nome suffisso *-bi v. 4.13.2).

78
4.11 I casi

4.11 I casi
I casi, detti anche posposizioni segna-caso, occupano l'ultima posizione in una frase
nominale (v. 4.7) e possono essere divisi in tre categorie semantiche:
a. casi sintattici (si tratta dell'ergativo e dell' assolutivo, cosl chiamati perché hanno
rapporto diretto con il verbo e indicano la funzione sintattica principale);
b. casi dimensionali (dativo, comitativo, terminativo, ablativo, locativo, direttivo,
che indicano il rapporto fisico o etico dell'uomo con la realtà che lo circonda), e
c. casi adnominali (genitivo ed equativo, che mettono in relazione i nomi tra di
loro).
Nota 1: il sostantivo cui i casi possono essere aggiunti può essere rappresentato da una qualsiasi delle
strutture nominali, semplici o complesse, che abbiamo visto in 4.2-4.6. Inoltre, il fano che i casi si tro-
vino alla fine della struttura fa sì che possiedano una importante funzione di demarcazione, legata alla
struttura agglutinante del sumerico, quella cioè di indicare chiaramente i confini - quindi i rapporti -
semantici e sintattici tra i partecipanti all'interno di ogni frase.

I.:uso dei casi dipende dall'appartenenza semantica del nome di riferimento: alcune
posposizioni possono essere utilizzate indistintamente con sostantivi della classe A o B,
mentre altre sono riferibili solo a una delle due classi (v. 4.1). Si veda la seguente tabella:
- - - - - - - ~ - - • - - - - l

Casi Posposizioni : Par. di riferimento :


Sintattici Cl. A Cl. B
l. Ergativo *-e + + 1.10; 4.11.1
2. Assolutivo *-0 + + > 1.1 O; 4.11.1
Dimensionali
-- -- ·- .. !. -- -- --

3. Dativo *-ra + 4.11.2


4. Comitativo *-da ' +
···--·-····-~--------------~---...;_ ______ -i---·----·_;. ____________________ ,
4.11.3
. ' '
5. Terminativo v *-se + + 4.11.4
3
-· - -~ -:------
6. Ablativo *-ta + 4.11.5
l. ___ ---------
7. Locativo , __ *-a + 4.11.6
8. Direttivo* *-e l + 4.11.7
---- ----- .. J ------- -----
Adnominali
9. Genitivo *-ak + + 4.9
10. Equativo + + 4.10, D
*Il direttivo è anche denominato caso Locativo-Terminativo; per la sua relazione
con il suo omofono ergativo si veda 4 .11. 7.

Tranne i casi adnominali genitivo ed equativo, i casi dimensionali sono facoltativamen-


te ripresi da morfemi specifici all'interno della struttura verbale, detti 'prefissi dimen-
sionali'; esiste infatti un rapporto diretto tra le posposizioni segna-caso e i morfemi che

79
4 Morfologia del sostantivo

le richiamano all'interno della catena verbale (questa caratteristica si definisce incorpo-


razione verbale) - l'ordine con cui presentiamo i casi nei paragrafi seguenti è lo stesso
dei relativi morfemi nel verbo- per cui si rimanda a 5.4 e sgg. per il rapporto morfolo-
gico e semantico tra posposizioni nominali e prefissi dimensionali.
Ovviamente anche i casi sintattici sono ripresi da pronomi specifici, per cui si veda 5.3.
Da ultimo, è stata ipotizzata l'esistenza di un ulteriore caso adnominale, chiamato
avverbiativo, su cui si veda 4.11.8.
Nota 2: è stata ipotizzata l'esistenza di un caso eccettuativo o concessivo (''senza, tranne, a parte di,
benché"), che compare come -na-(an)-na, attestato solamente in pochissimi casi nella tradizione
scritta in sumerico (negli esempi che seguono, per gli aspetti grammaticali ancora non trattati si ri-
manda ai paragrafi relativi); es. da un testo legale: Ur-balag-ku 3 -ga-na-an-na, "(Damkala ha di-
chiarato sotto giuramento che) tranne Urbalagkuga (nessuno ha giaciuto con lei)", ricostruito come
*(urbalagkuga=ak)=nanna; Dub-la 2-mah u 4 ul-li 2 -a-ta ki-su-tag suku u 4 sub-ba i 3 -me-a-
na-an-na, "(Al dio Nanna il sovrano Amar-Suena ha ricostruito) il Dublamah, che, pur essendo da
tempo immemorabile una cappella (dove) provvigioni giornaliere erano presentate, (il cui edificio non
era stato più ricostruito)", *dublamah=0.,. ud ulli=a=t~l kisutag suku ud sub=a=0... i.me.0=a=nanna
(v. Cr Sb, Il. 3-8). In un altro testo legale si afferma che (tot) gin 2 ku 3 -babbar i 3 -me-a-na-na
sam 2 •m3 Ur-dSara 2 -ka nu-me-a, "oltre a totsicli di argento non c'è stato (altro) prezzo dello schiavo
Ur-Sara", *gin kugbabbar=ak=0.,. i.me.0.a=nanna sam (urSa.ra=ak)=ak nu.i.me.0=a (v. 4.12. D, b);
infine, si veda l'esempio seguente: kab 2-ku 5 ••• Ku 5 -da birin-d-a-na-na kab 2-ku 5 ••• n u-bir
in-d-a, "(Ur-gigir ha giurato) che (5 lavoratori}, a parte aver fatto la trincea (per il campo) di Kuda,
non hanno fatto le trincee (dei campi) ... ", kabku ... kuda=ak=0... bi.n.e.d.a=nanna kabku=0.., ...
nu.bi.n.e.d=a. Come si vede, la documentazione appare però insufficiente e ambigua e non permette di
ipotizzare con certezza un caso specifico.

Come è accaduto già in parte nei paragrafi precedenti, al fine di comprendere la funzio-
ne sintattica dei casi è necessario talvolta riportare, negli esempi dei paragrafi seguenti,
forme verbali la cui morfologia non è stata ancora presentata; queste ultime vengono
sempre trascritte e per la loro spiegazione si rimanda sin d'ora ai paragrafi relativi della
grammatica (5.1 e sgg.).

4.11.1 L'ergativo *-e e l'assolutivo *-0


La presenza dei due casi ergativo e assolutivo dipende dalla caratteristica sintattica er-
gativa della lingua sumerica. Come abbiamo visto in 1.1 O, essi svolgono tre funzioni
sintattiche: l'ergativo *-e quella di soggetto in un verbo a due partecipanti (agente),
l' assolutivo *-0 quella di soggetto in un verbo a un solo partecipante e di paziente in
un verbo a due partecipanti (v. B).
A La grafia. In assolutivo il lemma non subisce modifiche, poiché il suffisso che lo
identifica non possiede alcuna evidenza fonetica (è questa la forma che prendono le
parole nelle liste dei testi lessicali). Invece l'ergativo *-e {Df), da ricostruire come *-7 e
in epoca arcaica (v. 3.2.1), può essere rappresentato da una serie di differenti grafie.
Se il suffisso dell'ergativo è unito a una parola che termina in consonante, in genere
la grafia prevede la ripetizione della consonante finale (complementazione fonetica,
v. 2.7) e il caso sarà espresso da un segno (C 1)-C 1e. A cominciare dall'ultimo secolo

80
4.11 I casi

del III millennio a.C. si assiste, accanto alla grafia con la complementazione, anche
all'uso della sola vocale /e/ dopo lemmi terminanti in consonante.
Se la parola cui si unisce l'ergativo termina in vocale, ci sono tre differenti soluzioni
che lo scriba può seguire, apparentemente non condizionate da fattori linguistici, le
quali rispecchiano quindi una libera scelta dello scrivente: l) la totale ellissi (caduta)
della posposizione, che non compare e va ricostruita nell'analisi testuale {come detto
in 2.6, lo scriba cerca di utilizzare il minor numero di informazioni per veicolare il
suo testo, sulla base della considerazione che il lettore dovrà aggiungere la sua com-
petenza grammaticale per 'ospitalizzare' il testo stesso), 2) una grafia in cui si assiste
all'assimilazione della vocale del suffisso *-e alla vocale finale del lemma, e infine,
più raramente, 3) una grafia mediante la vocale /e/ (morfofonematica o analitica). Si
veda la seguente tabella sintetica con le grafie dell'ergativo (per una tabella analitica
delle grafie dell'ergativo e dell'omofono e omografo direttivo v. 4.11.7, A):
-- ------------- ------------- ----·---- ---- . ---------- ---- ----------·-------------
, lemma terminante in ! con ergativo *-e
vocale : l) V (grafia ellittica)
; 2) V 1-V 1 (assimilazione)
3) V-e (grafia analitica)

: consonante i l) C 1-C 1e (grafia fonetica)


l 2) C-e (grafia analitica)
,_________ ------------------------------. ----- -· ---------- --~-- ---

Si vedano i seguenti esempi:


l) V: es. ki se gu-nu, "la terra orzo maculato per lui (farà germogliare)", *ki=eerg
segunu=0...;
2) V,-V 1: es. ama-a, "la madre", *ama=e; lu 2-u 3 , "l'uomo", *lu=e; nu-banda 3-a,
"il capitano", *nubanda=e;
3) V-e: es. Lu 2-e-ba-an-sa 6 , "l'uomo lo ha reso migliore" (nome proprio), *lu=e
ba.n.sag.0;
4) C 1-C 1e: es. agrig-ge, "il fattore", *agrig=e; an-ne 2, "il dio del Cielo", *an=e;
asgab-be2, "il cuoiaio", *a8gab=e; digir-re, "il dio", *digir=e; sipa-de3, "il pa-
store", *sipad=e, ecc.- il caso più comune si ritrova dopo il genitivo *-ak, es.lugal
Urim 2k;_ma-ke 4 , "il re di Ur", *lugal urim=ak=e (v. 4.9, A);
5) C-e: es. a8gab-e; digir-e; sipa-e ecc.
B Valori semantici. Come già ricordato, i valori semantici rappresentati dai due casi
ergativo e assolutivo sono tre:
l. l'ergativo indica l'agente in una frase a due partecipanti, es. Gu 3 -de 2-a ensi 2
Lagaski_ke 4 e 2 ;,;Gir 2-suki_ka-ni mu-na-du 3 , "Gudea, il governatore di
Laga8, il suo tempio (della città) di Girsu costrul per lei (= la dea Ninhursag)",
*gudea (ensi=ak) laga8=ak=eerg ej girsu=ak=ani=0... mu.nna.n.du.0 (si noti il raro
esempio, risalente al III millennio a.C., del termine i ri, "città", utilizzato come
determinativo preposto);
2. l' assolutivo indica sia il paziente nella frasi a due partecipanti, es. l'espressione
;,;Gir 2-suki_ka-ni nella frase che precede;

81
4 Morfologia del sostantivo

3. l'assolutivo indica anche il soggetto in quelle a un partecipante, es. ku 3 e 2 -gal-la


ba-an-ku 4 , "l'argento è entrato nel palazzo", *kug=0... ejgal=a1oc ba.n(i).kur.0
(ku 3 per il completo ku 3 -babbar).
Sul rapporto tra l'ergativo e il caso omofono del direttivo si veda oltre, 4.11.7.
4. Lassolutivo è anche il caso utilizzato nelle invocazioni (valorevocativo), es. ur-sag
ma-a-du 11 , "o eroe(= Ningirsu), tu mi hai parlato", *ursag=0... ma.e.dug.0.
Nota: l'assolutivo è utilizzato altresì nelle frasi predicative con la copula e indica sia il soggetto che
il predicato (v. 4.12)- non sono noti casi in cui l'assolutivo sia utilizzato assieme al morfema del
plurale *-ene.

4.11.2 Il dativo *-ra


Il caso dativo è riservato alla classe A e indica la realtà in favore della quale una azione
è svolta (nella grammatica làtina questo aspetto si indica come 'dativo etico'); altro uso
importante è quello di oggetto indiretto nella frasi a tre partecipanti (v. B). I suoi usi
sono in larga parte paralleli a quelli del direttivo *-e per quanto riguarda la classe B, per
cui v. 4.11.7.
A La grafia. Il dativo *-ra (#fil) si trova espresso nei testi sumerici del periodo qui trat-
tato (2500-2000 a.C. ca.) in differenti grafie, dipendenti essenzialmente dal modo
in cui termina foneticamente il lemma cui si aggiunge. Se si unisce a una parola o
struttura terminante in vocale i testi ci presentano tre comportamenti differenti: l) il
suffisso non viene evidenziato (ellissi); 2) il suffisso viene scritto mediante un segno
che riprende la vocale finale del lemma precedente (V1-V1r, grafia fonetica), oppure
3) il suffisso viene scritto mediante il segno -ra (grafia morfofonematica). Se il da-
tivo si unisce a un lemma terminante in consonante, si hanno due comportamenti
attestati nei testi, l) il suffisso non compare (ellissi) oppure 2) viene scritto come
- r a. Si veda la seguente tabella riepilogati va:
lemma terminante in con dativo *-ra
; vocale l) V (grafia ellittica}
2} v.-v.r (grafia fonetica)
3) V-ra (grafia analitica)
· consonante l) C (grafia ellittica)
2) C-ra (grafia analitica)

I seguenti esempi di utilizzo del dativo -ra sono tratti per la maggior parte dai nomi
propri dei destinatari di lettere di epoca neo-sumerica (ovvero della Terza Dinastia
di Ur, 2110-2003 a.C.) che fanno parte del corpus di testi definito letter-orders (nel-
la trascrizione che segue gli antroponimi sono messi tra parentesi per evidenziarne
l'unitarietà come sostantivi; per la formazione degli antroponimi v. 4.6).
Nota 1: le letter-orders sono una tipologia testuale in cui il mittente si rivolge direttamente all'e-
missario che porterà la missiva dichiarandogli quello che dovrà riferire al destinatario; i testi sono
caratterizzati dall'espressione u 3 -na-a-du 1 ., "dopo che tu(= il messaggero} avrai detto a lui(= il
destinatario}", cui può o meno essere premessa, o a volte seguire, la formula 'Nome Proprio (a)-

82
4.11 I casi

na-ab-be 2 -a', "ciò che sta per dire NP (=il mittente)" (v. anche 5.9.7, A); a questa introduzione
segue un ordine che il destinatario deve eseguire (su queste formule si veda Cr 4 per gli esempi). Il
destinatario di queste lettere (defìnite appunto letter-orders per il loro contenuto breve e perentorio)
è sempre espresso al caso dativo, permettendoci di esemplificare gli aspetti fonetici e grafìci di cui
abbiamo detto in precedenza. Il termine u 3 -na-a-du 11 è utilizzato in sumerico anche come sostan-
tivo con il signifìcato di "lettera" (transcategorizzazione, v. 4.4, B), entrato in accadico con lo stesso
signifìcato come unedukku.

l) V: Sa 3-ku 3-ge, "lett. (scelto) nel puro cuore (del dio)", *(sag kug=ed;,)=radar; Sd-
gu10, "lett. mio fratello" (v. 4.11.7, B, 2), *(sd=gu)=rada,; geme 2 a-kal-la, "(dopo
che lui ha giurato) la schiava (è stata confermata) ad Akala'', *geme=0..,. akala=rada,;
2) V 1-V1r: 13-kal-la-ar, "lett. egli (è) uno che (mi) è prezioso", *(i.kal.0=a)=radar;
Lugal-sa 6 -ga-ar, "lett. il re buono", *(lugal sag=a)=radar; ancora digir-ra-ni-ir,
"al suo dio", *digir=ani=radar; ama-zu-ur 2 , "a tua madre", *ama=zu=r~, (sui pro-
nomi possessivi v. 4.13.2); si veda anche il lemma ama-ar-gi 4 , "libertà", per cui v.
4.2.1, c, 2;
3) V-ra: A-a-kal-la-ra, "lett. padre prezioso", *(aja kal=a)=rada,; Lu 2 -gi-na-ra,
"lett. l'uomo stabile", *(lu gin=a)=radar;
4) C: Za-ti-ru-um, nome di origine accadica, *zatirum=radar (ricordiamo che nella
documentazione i nomi propri accadici sono trattati morfologicamente alla stes-
sa stregua di quelli sumerici, v. 4.6); Lu 2 -nimgir-ra, "lett. l'uomo dell'araldo",
*(lu nimgir=ak)=rada, (il segno -ra rappresenta qui la complementazione fonetica
di nimgir con la vocale /al del suffisso del genitivo *-ak, non la posposizione del
dativo);
5) C-ra: dSara 2 -kam-ra, "lett. (questo bambino) è del dio Sarà', *(sara=
ak=0=am)=rad.,; Ur-dlg-alim-ra, "lett. il devoto? del dio Igalim", *(ur
igalim=ak)=radar·
Nota 2: in sintesi, nei testi più antichi, fìno ca. al2150 a.C., gli scribi hanno tendenza a scrivere il
dativo dopo una consonante e a tralasciarlo dopo una vocale; la grafìa (V1)-V1r compare a partire dal
2150 a.C. ca., nei testi da Laga.S di Gudea (Seconda Dinastia di Laga.S), senza mai soppiantare quella
morfofonematica *-ra; in periodo post-sumerico la grafìa (V1)-V1r diventa la più comune.

B Valori semantici. I..:uso più frequentemente attestato del dativo è quello di


l. indicare l'oggetto indiretto, spesso il beneficiario dell'azione (dativo etico), come
avviene nelle iscrizioni dedicatorie, in cui un sovrano dedica a un dio, o un alto
funzionario al sovrano, un oggetto (statua, vaso, stipite di porta ecc., v. Cr la),
a volte per la buona salute sua e dei suoi familiari: in questi casi il nome del dio
compare al primo posto nell'iscrizione ed è sempre al caso dativo; es. dBa-u 2
munus sa 6 -ga dumu An-na-ra Gu 3-de 2 -a ensi 2 Lagaski_ke 4 e 2 Iri-
ku3-ga-ka-ni mu-na-du 3, "alla dea Ba'u, la donna bella, la figlia del dio del
cielo An, Gudea, governatore di Laga5, il suo tempio della 'Città Pura' (nome del
quartiere sacro della città di Girsu) ha costruito per lei", *ba' u munus sag=a dumu
an=ak=rada, gudea (ensi=ak) laga5=ak=e.rg ej irikuga=ak=ani=0..,. mu.nna.n.du.0.
Il dativo è quindi utilizzato con verbi quali ba, "donare", sum 2 , "dare" e simili.
2. Come visto in precedenza (A), con i verbi che esprimono l'idea di 'dire' il dativo
indica la persona cui ci si rivolge, es. E-la-la-a Lugal-ti-da-ra ... in-na-

83
4 Morfologia del sostantivo

d u 11 , "Elala ha dichiarato a Lugaltida (che suo figlio avrebbe sposato sua figlia)",
*elala=eerg (lugalitid=ak)=radar ... i.nna.n.dug.0.
3. Infine, il dativo esprime il terzo componente divino o umano di una frase causa-
tiva (per i dettagli morfologici e sintattici v. 5.4.4), es. An-ra dEn-lil 2 im-ma-
ni-us2 dEn-lil 2-ra dNin-mah mu-ni-us 2, "(Gudea fece sedere il dio del
cielo An a capo-tavola), accanto ad An mise Enlil (e) fece sedere accanto ad Enlil
la dea Ninmah", *an=radar enlil=0ass i.m.ba.nni.n.us.0 enlil=radar ninmah=0ass
mu.nni.n.us.0.
Nota 3: con il verbo composto ki - ag 2 , "amare (lett. misurare il terreno)" l'oggetto umano amato è
espresso in dativo, es. urba dNin-gir 2 -su-ke 4 E 2 -an-na-tum 2 ki mu-na-ag 2 , "(allorché egli gli
costruì nella corte del tempio un pozw in mattoni cotti) in quel giorno il dio Ningirsu amò Eanatum",
*u=bi=a1oc (ningirsu=ak)=eerg ejanatum=ra.ur ki=0,... mu.nna.n.ag.0 (sui verbi composti v. 5.2.3).

Da ultimo, osserviamo come a volte il dativo indichi il movimento fisico, e non solo
etico, verso un partecipante della classe A; es.lugal-ra us 2-sa, "(categoria di lavora-
tori) che segue il sovrano", *lugal=radar us=a - si veda per comparazione l'espressione
udu gu 4 -e us 2-sa, "pecora che segue il bue (tipo di pecora)", *udu gud=erur us=a (sul
caso direttivo v. 4.11. 7); questo uso può trovarsi in connessione con verbi di movimen-
to quali gen, "andare"; ku 4 /kur 9 , "entrare"; te, "avvicinarsi" ecc.

4.11.3 Il comitativo *-da


La posposizione *-da {Jf1) del comitativo si unisce indistintamente a sostantivi del-
la classe A e B e indica fondamentalmente il partecipante assieme al quale si svolge
l'azione espressa dal verbo; il partecipante al caso comitativo a sua volta può essere
rappresentato da ogni realtà che può occupare la prima posizione in una catena verbale
(v. 4.2-4.6).
Nota 1: il termine da in sumerico significa "lato", cosa che permette forse di ipotizzare il modo in cui
si sono andati sviluppando i morfemi delle posposizioni: dal concetto di "lato" si è passati a quello di
"accanto a, al lato di, con" (grammaticalizzazione, come per es. nell'italiano durante, in origine il part.
pres. del verbo durare, poi divenuto una preposizione temporale; o il francese avec, "con", dal lat. apud
hoc, lett. 'presso, accanto a questo'). Vale osservare, però, che solamente per questo suffisso è possibile
ricostruire un'origine semantica dei morfemi indicanti il caso.

A La grafia. La posposizione *-da del comitativo viene scritta come tale dopo lemma
terminante in consonante per tutto il periodo preso in esame in questa grammatica,
tranne rari casi in cui il suffisso non compare (ellissi). Viceversa, se aggiunto a una
parola che termina in vocale, la posposizione in genere scompare nella grafia. Si veda
la tabella seguente:
lemma terminante in : con comitativo *-da
: vocale l) V (grafia ellittica)
2) V-da (grafia analitica, molto rara)
••4•- --- - ------

consonante l) C-da (grafia analitica)


2) C (grafia ellittica, più rara)

84
4.11 I casi

Nota 2: è stato proposto che dopo una vocale il suffisso *-da si riducesse a *-d, come avviene per
il dativo *-ra (v. 4.11.2, A), ma non sono mai attestate nella documentazione scritture con i segni
/ad/, /ed/, /id/ e /ud/ (come è il caso per il dativo con i valori -ar(2), -er, -ir, -ur(2)), valori uscenti
in dentale che pure esistono tra i segni cuneiformi. Sulla base di questa considerazione è stato inoltre
ipotizzato che talune rare grafie con /r/, nella forma V 1-V1r, identiche a quelle per il dativo, attestate
nel periodo finale del III millennio a.C., rispecchino in realtà una grafia per il comitativo *-da, do-
vuta alla confusione tra i suoni /d/ e /r/ che è attestata per lo stesso periodo nella documentazione,
per cui v. 3.2.2 (v. Jagersma 2010, pp. 197 sgg.). In realtà, è più probabile che in questi casi si tratti
di una sovrapposizione semantica tra le funzioni logiche del comitativo e del dativo e non di un reale
fenomeno fonetico; per esempi in tal senso si veda oltre (in questi casi bisogna sottolineare che il
morfema di ripresa nel verbo è sempre comitativo, a causa della maggiore stabilità della morfologia
verbale, pur in presenza di un dativo nel nome). In conclusione, sulla base dei dati a disposizione è
difficile affermare che il suffisso del comitativo *-da dopo vocale si riducesse alla sola consonante *-d.

Si vedano i seguenti esempi:


l) V: es. Gu 3-de 2-a an-ki im-da-mu 2, "Gudea fece crescere (il tempio Eninnu)
con (= grande come) il cielo e la terrà', *gudea=e~rg an ki=dacom i.m.bda.n.mu.0;
Elam dab 5 -ba-da mu-da-gen-na-me, "essi sono coloro che sono giunti as-
sieme ai prigionieri elamiti (= iranici)", *elam dab=a=dacom mu.nda.gen.0=a=meS
-sulla copula di III pers. plur. *-md v. 4.12; Ummaki_da dam-ha-ra e-da-ak,
"(il dio Ningirsu) fece guerra con la città di Ummà', *umma=dacom damhara=0...
i.bda.n.ak.0 (sul lemma dam-ha-ra, imprestito dall'accadico, v. 1.5);
2) V-da: es. ama-a dumu-da gu 3 nu-ma-da-de 2, "(durante la costruzione del
tempio Eninnu) la madre con il figlio non urla più", *ama=e~rg dumu=dacom gu=0...
nu.i.m.ba.nda.n.de.0 (gu 3 ~ de 2 = "urlare, chiamare", verbo composto, lett. 'ver-
sare la voce, l'urlo');
3) C-da: ensi 2 Ummaki_da, "con il governatore della città di Ummà', *(ensi=ak)
umma=ak=da; aga 3-us 2-da e-da-gal 2 , "(il grano) si trova presso (= con) il gen-
darme", *agaus=dacom i.nda.gal.0;
4) C: ensi 2 Erdki in-da-gal 2, "(l'orzo, resto del saldo del bilancio a pareggio)
si trova presso (= con) il governatore della città di Erd", *(ensi=ak) erd=ak=dacom
i.nda.gal.0 (questa grafia è molto rara in periodo arcaico, 2500-2250 a.C.).
B Valori semantici. Il comitativo indica il partecipante che accompagna l'azione in
un'ampia gamma semantica, sia fisica che psicologica; es. ama dBa-u 2 en dNin-
gir2-su-da ki-nu 2 mu-da-ab-du 10 -ge, "la madre Ba'u con il Signore Ningirsu
si diverte sul letto {lett. rende dolce il letto)", *ama bàu=e~rg en (ningirsu=ak)=dacom
kina=0... mu.nda.b.dug.e; E 2-ku 4 nu-kiri 6 -da e-da-sel2> "(8 persone vivono)
con Eku, il giardiniere", *ejku (nukiri=ak)=dacom i.nda.se.0; e 2-ga 2 us ki gar-ra-
bi-da he-gal 2, "(che giunga) l'abbondanza assieme alla fondazione del mio tem-
pio (Eninnu)!", *(ej=gu=ak u5 ki gar=a=bi)=dacom hegal=0... -l'espressione iniziale
rappresenta un genitivo anteposto (ki ~ gar, verbo composto, "fondare, stabilire");
dSuen-da dEn-lil 2 mu-da-hul 2, "Enlil gioì con (=per la presenza di) Suen",
*suen=dacom enlil=0... mu.nda.hul.0- si consideri anche la frase lugal-ra dNanna
mu-da-hul 2 , "Nanna gioì per il sovrano", *lugal=rada, nanna=0... mu.nda.hul.0,
con l'uso del dativo al posto del comitativo- v. A, Nota 2; Sd-da-gal-di, "famoso
con il fratello" (nome proprio), gal-di = 'dire grandi (cose)'; A-na-zu-mu-da-

85
4 Morfologia del sostantivo

gal 2 , "che hai con te?" (nome proprio), *ana=zu=0... mu.eda.gal.0, lett. 'il tuo che
cosa è con te?'; v. anche l'espressione mas 2 -da-re 6 / ri-a, "doni cerimoniali (per il
sovrano)", lett. 'andare (a corte) con il capretto' (v. 4.5).
Con il verbo tuku, "avere", il comitativo veicola il senso di "essere in debito, do-
vere (qualcosa a qualcuno)", dove la persona cui si deve è al caso comitativo, es.
Ur-tur dumu Na-sa 6 -ke 4 Ur-dNanse kurusda-da in-da-an-tuku, "Ur-
tur, figlio di Nasag, ha un debito (di argento) con Ur-Nanse, l'ingrassatore (di ani-
mali)", *urtur dumu nasag=ak=eerg (urnanse=ak) kurusda=dacom i.nda.n.tuku.0- si
noti che anche in questa espressione il dativo può prendere il posto del comitativo
per motivi semantici (v. A), es. Ur- Tum-al-ke 4 Lugal-ma 2 -gur 8-re u 3 Bu-
lu5-lu5 dam-ni-ir an-da-tuku, "Ur-Tummal deve (argento) a Lugal-magure
e a Bululu, sua moglie", *(urtummal=ak)=eerg lugalmagure u bululu dam=ani=rac~a,
i.nda.n.tuku.0.
C Locuzioni contenenti il comitativo. In sumerico la congiunzione "e" non esiste e le
parole e le frasi sono unite asindeticarnente (cioè senza congiunzione), es. an-ki,
"cielo e terra (cosmo)", v. 4.2.1, A; esiste però la possibilità di sottolineare il rapporto
tra due parole mediante l'uso del pronome possessivo di III pers. sing. della classe
B, *-bi (v. 4.13.2), che può o meno essere accompagnato dalla posposizione del
comitativo, nella forma *-bi-da; es. con *-bi: dEn-lil 2 ••• dNin-gir 2 -su dSara 2 -
bi ki e-ne-sur, "Enlil ... stabilì il confine agli dèi Ningirsu (di Laga5) e Sara (di
Umma)", enlil=e.rg (ningirsu=ak) sara=hi=rac~a, ki=0... i.nne.n.sur.0- si noti che la
posposizione si aggiunge solamente alla fine del secondo (o ultimo) termine dell'e-
spressione, es. an-ki-da mu 2 -a, "(tempio) cresciuto con il cielo e con la terrà'; es.
con *-bi-da: i7 1digna i7 Buranun-bi-da, "i fiumi Tigri ed Eufrate".
Per influenza dell' accadico, in cui esiste la congiunzione "e", wal u<3>, attestata spora-
dicamente in epoca antica e più frequentemente a partire dall'ultimo secolo del III
millennio a.C., nella documentazione in sumerico è attestato l'uso della congiunzio-
ne u 3 per unire due lemmi, es. Ki-maski u 3 Hu-ur5-tf<i, "i paesi di Kima5 e Hurti",
ma anche più raramente due frasi, es. alan-e u 3 ku 3 n u za-gin 3 n u-ga-am 3 u 3
uru d a nu u 3 an-na nu za h ar nu k tg-ga · • • 2 1 u 2 nu- b a-ga• 2 -ga
• 2 na4 est-am

3,
"per questa statua nessuno, per la (sua) realizzazione, ha utilizzato argento e nemme-
no lapislazuli, non rame, né stagno o bronzo: è la diorite (che è stata utilizzata)!" (v.
anche 4.12, D, a e 5.9.1).
Nota 3: si noti che la presenza del suffisso *-bi-(da) sembra unire due termini distinti semanticamente
e concettualmente, tipo "oltre a X anche Y", anche se la differenza con l'espressione asindetica (senza
suffisso) non è chiara; es. ma5-da-ri-a ki-a-nag En-en 3 -tar-zi Du-du sagga-bi-da-kam,
"l'offerta è della cappella votiva di Enentarzi e Dudu, l'amministratore (templare)", *ma5daria=0,..
kianag enentarzi dudu sagga=bida=ak=ak=0=am. Infine, è interessante notare che in turco, lingua
più volte richiamata per le sue caratteristiche strutturali simili al sumerico, esiste la congiunzione ve,
di derivazione dall'arabo wa (J), ignota in questa lingua prima dell'islamizzazione.

Lespressione seguente, costruita con il comitativo, *lemma-da nu-me-a, da ana-


lizzare come *lemma-dacom nu.i.me.0=a, significa "senzà', lett. 'che non è con, assie-
me', e si ritrova essenzialmente negli antroponimi: es. A-ne-da-nu-me-a, "senza
di lui" (nome proprio); dNanse-da-nu-me-a, "senza la dea Nanse" (nome pro-

86
4.11 I casi

prio); Nin-gu 10 -da-nu-me-a, senza la mia Signorà' (nome proprio). Come si


nota, in questo tipo di costruzioni la posposizione si mantiene sempre anche dopo
vocale (v. A, Nota 2).

4.11.4 Il terminativo *-1e3


Il suffisso del terminativo *-se3 (1'), che può essere aggiunto indistintamente a sostanti-
vi della classe A o B (è più comune con questi ultimi per ragioni di uso, v. B), in genere
veicola semanticamente il punto di arrivo dell'azione, sia nello spazio e nel tempo, che
rnetaforicamente come scopo (punto di arrivo etico) dell'azione stessa (in ogni caso,
il terminativo indica sempre l'idea di movimento fisico, a differenza del dativo, che
richiama sempre un movimento etico, anche se è attestata una certa sovrapposizione
logica tra i due casi in talune situazioni specifiche, v. B). In quanto tale, esprime il moto
inverso a quello rappresentato dall'ablativo *-ta (v. 4.11.5).
A La grafia. Il terminativo è scritto come *-se3 se segue una consonante, mentre dopo
vocale la grafia segue la formula V 1-V1s; l'ellissi della posposizione è attestata sia
dopo consonante che dopo vocale. Si veda la tabella seguente:
---- ----------- ------------- ---- -- ----·--·----·----------------- ------·

lemma terminante in con terminativo *-5~


. - J
t

vocale l) V (grafia ellittica}


2) V 1-V1s (grafia fonetica)
3) V-se3 (grafia analitica, molto rara}
: consonante · l) C-se3 (grafia analitica)
' 2} C (grafia ellittica, più rara}

Nota 1: sulla base di rare grafie paleo-babilonesi, quali gal-le-d-e per l'ortografico gal-le-d 2 ,
es. munus mul-an n un-e abzu-ta gal-le-d-e sig 7 -ga, "(alla} donna (la dea della scrittura e
della cultura Nisaba}, la stella del cielo, che il Principe (= Enki) ha reso enormemente bella", è stato
proposto che la forma originaria, o completa, del suffisso terminativo sia da ricostruire come *-de,
ma v. 4.11.8 per differenti interpretazioni.

Si vedano i seguenti esempi:


l) V: es. Gu 3-de 2 -a, "(il Signore Ningirsu rivolse fedelmente lo sguardo) verso
Gudeà', *gudea=se,.,;
2) V 1-V 1s: es. Gu 3 -de 2 -a-as 2 , "(il Signore Ningirsu accolse l'offerta e la preghiera)
da parte di Gudea", *gudea=serc,; si veda anche il passo seguente: en du 11 -ga-ni
sag-biS e 3-a, "il Signore il cui detto supera ogni cosa!", lett. 'fuoriesce verso la testa
(di ogni cosa)', *en dug=a=ani=0..,. sag=bi=se,er ed=a, dove si ha la grafia -biS per
l'usuale *-bi-se3;
3) V-se3 : es. digir-re-ne-se 3 , "(tot mine di lana, razioni di lana) per gli dèi"; gu 4
niga bala-a-se 3 , "(6 buoi dall'aratro) fatti passare a buoi da ingrasso", *gud niga
bala=a=se,.,; iri-ne-ne-se 3 d u-ni, "(ovini per due personaggi amorrei [siriani]) che
vanno alle loro città'', *iri=anene=se,er du=0=ani; nam-ti-la-ni-se 3 nam-ti dam
dumu-ne-ne-se 3 , "(Ur-Ningirim ha dedicato una testa di mazza al dio Gilgamd)

87
4 Moifologia del sostantivo

per la sua vita (e) per la vita di (sua) moglie (e) dei loro figli", *namtil=ani=se,.,
namtil dam dumu=anene=ak=se,.,;
4) C-se3: es. e 2 -muhaldim-se 3, "(animali morti) per la cucina", sul termine e 2 -
muhaldim si veda 4.2.1, A; e 2 -se 3, "(egli ha pagato argento) per la casà', *ej=se,.,
(v. 4.9, A, Nota l); Lagaski_e me-gal-la sag an-se 3, "(dopo che in cielo e in
terra si decisero i destini) la città di Laga5, con un grande potere, la testa al cielo
(sollevò)", *laga5=eerg me gal=atoc sag=0... an=se,.,; su-ku6 ab- ba ab-se3, "pescatori
del mare verso il mare (si sono recati)", suku abba=ak=0... ab=se,.,;
5) C: es. kisib Al-la-na su ha-ba-si-ib 2 -ti, "egli(= Sakuge, il destinatario della
lettera) deve prendere la tavoletta sigillata di Allanà'' *kisib allana=ak=se,., su=0ass
ha.ba.si.b.ti.0 - il verbo composto su - ti, "ricevere, prendere (lett. allungare la
mano)", si costruisce con il caso terminativo o direttivo (4. 7) della cosa che si prende
o riceve.
B Valori semantici. Il terrilinativo possiede una serie di significati differenti, tutti in-
dicanti in qualche modo il movimento, fisico o astratto (etico), verso il punto finale
di un processo.
l. Il primo dei valori semantici del terminativo è quello del movimento fisico verso
una meta, es. digir Nibruki_se 3, "(2 pecore andate) al dio di Nippur", *digir
nibru=ak=se,.,; 2 ma 2 60 gur ... A-pi 4 -sal/i-ta Nibruki_se 3 siki ba-a-si,
"2 barche da 60 gur l'una(= 18000 kg ca.) ... sono state riempite di lana (per na-
vigare) da Apisal a Nippur", *min(2) ma 60 gur=ak=atoc ... apisal=taabt nibru=se,.,
siki=0.., ba.e.si.0; bala-a gub-ba bala-se 3 gen-na u 3 bala-ta gur-ra,
"(lavoratori) stanziati in servizio, che vanno al servizio, che tornano dal servizio",
*bala=a1oc gub=a bala=se,., gen=a u bala=taabt gur=a.
2. Il movimento verso un fine presupposto dal terminativo ha anche la sua contro-
parte come valore temporale, es. u 4 ul-la-se 3, "in futuro, verso i giorni distanti"
(più recente la forma u 4 ul-li 2 -a-se 3); u 4 kur 2 -se 3, "in futuro, in un giorno
diverso (da oggi)"; u 4 l O-am 3 ba-ra-zal-la-se 3, "fino a che sia trascorso il
decimo giorno (del mese)", ud(10)=0=arn ba.ra.zal.0=a=se,.,..
3. Altro valore del terminativo è rappresentato dal fine verso il quale tende l'azione
ed esprime la ragione ultima per cui un evento ha luogo (si veda l'italiano è venuto
per lo zucchero, cioè 'a chiedere in prestito, acquistare ecc. lo zucchero'), es. I-ti-a
sukkal se zuh-a-as im-si-gen-na, "(provvigioni per il viaggio per) Iti'a, il
messo, che è venuto per l'orzo rubato"' cioè 'per indagare su ... '' *iti' a sukkal se
zuh=a=se,., i.m.bsi.gen.0.a; lu 2 -kin-gi 4 -a i 3 -nun-se 3 im-si-gen-a, "(prov-
vigioni per il viaggio per) il messaggero che è venuto per il burro", cioè proba-
bilmente per acquistare il burro, *lukingia inun=se,., i.m.bsi.gen.0=a; mu-se 3
m u-n a-se 21> " ( Gudea) ha dato per nome (alla statua il titolo che precede)", lett.
'ha dichiarato per nome', mu=se,., mu.nna.n.Se.0; Zu-la-lum udu sum2-ma-a5
ba-gi-in, "è stato provato che Zuldlum è colui che ha portato le pecore", *zulalum
udu=0... sum=a=se,., ba.gin.0 (si noti che il verbo gi-in, "provare, confermare",

88
4.11 I casi

si costruisce sempre con il terminativo di ciò che si prova, indicante il fine ultimo
delle procedure legali).
4. A causa dei differenti significati del terminativo è possibile che in una frase ne
compaiano due con valori semantici diversi, es. a-bi 2 -DU 10 tot gin 2 ku 3 -se 3
Zu-ge-se 3 Ur-dSakkan-ke 4 in-Si-sa 10 , "Ur-Sakkan (ha comprato) Abi-pab
per tot sidi d'argento da Zuge", *abitab=0.... tot gin kugbabbar=ak=seter zuge=setcr
(ur5akkan=ak)=e.rg i.nsi.n.sa.0: qui il primo suffisso *-se3 è aggiunto alla cifra
finale dell'acquisto e indica il punto di arrivo delle discussioni sul prezzo avve-
nute durante la transazione, mentre il secondo, apposto al venditore, evidenzia il
partecipante ultimo al quale il prezzo è stato concretamente pagato.
Nota 2: nella documentazione è attestato a volte l'uso del dativo al posto del terminativo, come
abbiamo visto per il caso comitativo (v. 4.11.3, A e B), proprio perché può esserci sovrapposizione se-
mantica tra destinatario (*-se3) e beneficiario (*-ra) dell'azione, es. (geme 2 ) Ur-ni 3 lu 2 -azlag 2 -ra
ba-si-sa 10 -a, "(il testimone ha giurato) che egli aveva comprato (la schiava) da Ur-nig, il feltraio",
*urnig luazlag=rac~ar ba.n.5i.n.sa.0=a- qui il venditore è al dativo, al posto dell'usuale terminativo,
perché è considerato il beneficiario del prezw pagato; si noti che nel verbo si ha sempre il richiamo
del terminativo (v. 5.4.3, B).

C Locuzioni contenenti il terminativo. Una serie di locuzioni sono formate con il


terminativo; la più importante è senza dubbio mu ~ -ak-se 3 , "per, al fine di,
poiché, affinché", lett. 'per il nome di', che sottolinea il fine o indica la causa per
cui qualcosa avviene, es. mu-bi-se 3 , "per questo, perciò"; mu ugula-e-ne-se 3 ,
*mu ugula=ene=ak=setcr' "per i sorveglianti"; ni 3 -ka 9-ak mu siki-se 3 , "bilancio
a pareggio per (= finalizzato al)la lanà', *mu siki=ak=setcr; l anse su-su engar
mu u 2-gu de 2-a-se 3 , "l asino da rimpiazzare da parte del fattore per uno che è
andato perduto", *l anse su/su=0.... engar=ak mu (ugu=0.... de=a)=ak=setcr (u2-gu
~ de 2 ="perdere, scomparire"); mu kiSib Ur-e 11 -e-ka tum 3 -da-se 3 , "poiché
deve essere portato il sigillo di Ur-e'e (è stato apposto il sigillo di Sakuge)", *mu
kisib (ure'e=ak)=ak=0.... tum.ed=a=ak=set•r; mu Ur-diSkur ba-gaz-se 3 dam-ni
e 2-us-bar ba-an-ku 4 -ra-se 3 zi-ga, "(ca. 3 kg di lana) prelevati perché Ur-ISkur
è stato ucciso (e) sua moglie è entrata nell'opificio della lana (al suo posto)", *mu
uriskur=0.... ba.gaz.0=a=ak=setcr dam=ani=0.... ejusbar=a1oc ba.n(i).kur.0=a=ak=setcr
zig=a; si noti come nell'ultimo esempio il termine mu regga due frasi collegate asin-
deticamente, cioè senza congiunzione, entrambe con il suffisso terminativo *-se3; ma
si veda anche per esempio mu Lu 2 -gi-gun 4 -na sd Ku-li gudu 4 ba-us 2 i 3 -
bi2-la nu-u 3-tuku-a-se 3 , "poiché Lu-giguna, fratello di Kuli, il prete, era morto
(e) non aveva eredi", *mu (lugiguna=ak) sd kuli gudug=ak=0... ba.us.0 ibila=0....
nu.i.n.tuku.0=a=ak=setcr> dove si ha un solo suffisso terminativo.
Con lo stesso significato si trova anche la locuzione nam ~ -ak-se 3 , attestata ra-
ramente già in epoca antica, es. nam inim-ma diri-diri-se 3 , "(US, il gover-
natore di Umma agì) in modo arrogante (lett. agì a causa di parole eccessive)",
*nam inim=a1oc dirig/dirig=a=ak=setcr- la traduzione non è certa (v. Cr Sa); nam
e 2 du 3-da lugal-la-na-se 3 , "a causa della costruzione (lett. il costruire) del
tempio del suo signore (lett. re) (Gudea non dormiva mai)", *nam (ej=0.... du.ed=a)
lugal=ani=ak=setcr; e nei testi letterari del periodo paleo-babilonese, es. nam E 2-

89
4 Morfologia del sostantivo

kur ki ag 2 -ga 2 -ni ba-hul-a-se 3 , "(Enlil rifletteva su cosa fare) poiché il suo
amato tempio Ekur era stato distrutto", *nam ejkur (ki=0... ag=a)=ani=0... ba.hul.
0=a=ak=se,.,.
Le seguenti espressioni con il terminativo sono tipiche dei testi legali e amministra-
tivi: igi ~ -ak-se 3 , "di fronte à', lett. 'per gli occhi di', usata molto frequentemente
nei contratti e nei processi per introdurre i testimoni, lu 2 -(ki)-inim-ma (v. 4.9,
C e Cr 6, commento), ma non solo, es. igi-zu-se 3 dusu-ku 3 gub-ba, "il cesto
puro posto di fronte a te", *igi=zu=se,., dusu kug gub=a; sag ~ -ak-se 3 , "al posto di,
invece di", lett. 'per la testa di', es. l sila 4 ba-ur 4 sag u 8 -se 3 , "l capretto tosato
al posto di una pecora matricinà', *a5(1) sila ba=ur=0... sag u=ak=se,.,.

4.11.5 L'ablativo *-ta


La posposizione *-ta dell'ablativo~), che è unita solamente a sostantivi della classe B,
indica l'origine di un'azione, sia nello spazio e nel tempo che come origine 'eticà, acqui-
sendo quindi un valore strumentale, che rappresenta cioè l'oggetto grazie alla cui presenza
un'azione accade (per questo il caso è anche denominato ablativo-strumentale).
Nota 1: sulla base di alcune rare attestazioni è stato ipotizzato che l'ablativo potesse essere usato anche
con sostantivi della classe A; in esse però sembra possibile ravvisare piuttosto una scrittura difettiva per il
comitativo *-da; es. (LagaS I) Ur-dUtu dam dumu-ni-ta ki gu 2 -se 3 e-ne-de 6 , "(l'insieme dei beni
elencati) è stato portato ad Ur-Utu, a (lett. con) sua moglie e suo figlio, al luogo della riva (luogo di culto
per i morti)", (urutu=ak)=rac~a~ darn dumu=ani=d~m ki gu=ak=se,., i.nne.de.0 (nella forma verbale si ha
la ripresa di un dativo plurale, per cui v. 5.4.1); si veda anche il testo del Lamento per la distruzione di
Sumered Ur, Il. 95-96: (paleo-babilonese) ad-da dam-a-ni-ta ba-da-gur dam-gu 10 nu im-me
ama dumu-ni-ta ba-da-gur dumu-gu 10 nu im-me, "il padre si allontana da sua moglie e dice:
'Non sei mia moglie!', la madre si allontana da suo figlio e dice: 'Non sei mio figlio!'", in cui l'ablativo
nel nome (-ta) è ripreso nel verbo come comitativo (-da-), per cui v. 4.11.3 e 5.4.2.

A La grafia. Nella documentazione della seconda metà del III millennio a.C. che è alla
base di questa grammatica, la posposizione dell'ablativo è sempre scritta *-ta, e rari
sono i casi di ellissi del suffisso- si vedano gli esempi in B che segue.
Nota 2: la diversa situazione fonetica dell'ablativo, in cui la vocale /al non cade mai, rispetto a quelle
del dativo (4.11.2, A) e forse del comitativo (4.11.3, A), che tendono a scomparire, dipende proba-
bilmente dalla qualità della vocale coinvolta, cioè breve nei primi due: *-r(ii), *d(ii), lunga nel terzo:
*-ta, come possono forse dimostrare rarissime grafie piene: gu-nigin 2 -ba 2 niginrta-a, "(199
fasci di erba colorante) in ogni balla relativa (ci sono) 2 fasci", *gunigin=bi=a1oc min(2) nigin=ta.bl-
sul valore distributivo dell'ablativo v. B.

8 Valori semantici. Tutti i valori dell'ablativo derivano dal significato principale di


l. indicare l'origine dell'azione, in prima istanza nello spazio e nel tempo; in questo
senso, esso si contrappone direttamente al terminativo in entrambi i valori se-
mantici (v. 4.11.4, B), es. Ummaki_ta Nibruki_S"e 3 , "da Umma a Nippur"; u 4
e 3-ta u 4 su-us, "dall'alba al tramonto" (lett. 'dal sole che esce al sole che calà,
espr. letteraria), *ud e=0=taw1 ud su=0=se,., - in questo tipo di espressioni, sia
spaziali che temporali, l'ablativo precede sempre il terminativo, come in italiano;
eren babbar kur-ta, "(quando Ningirsu lo scelse nel suo cuore, Eannatum

90
4.11 I casi

fece venire per lui) dalla montagna(= Libano) cedri bianchi", *eren babbar=0...
kur=taab1; iti se-sag-ku 5 -ta iti nesag-se 3 iti-bi iti 4-am 3 , "dal mese del
raccolto dell'orzo al mese delle primizie, i relativi mesi sono quattro"; (Sulgi)
lugal-me-en 5a 3-ta ur-sag-me-en, "io sono il re, io sono l'eroe (già) dall'u-
tero (materno, lett. interno)"' *lugal=0=me.en sag=ta..bl ursag=0=me.en (per la
copula si veda 4.12); E 2 -an-na-ta, "(colui che farà uscire la statua) dall'Eanà',
*(ejan=ak)=taab1;
2. a volte le espressioni temporali all'ablativo si accompagnano a lemmi quali egir,
"d'tetro, dopo, lett. seh'Iena, , u 4 , "gtorno
. , ecc.: es. egtr L agasv l<i h a- h u l -a-ta,
A •

"(l'uomo di Umma) dopo che aveva distrutto Lagas (commise un peccato contro
Ningirsu)", *egir laga5=0... ba.n.hul.0=a=taab1; u 4 ul-la-ta numun e 3-a-ta,
"da tempo immemorabile, dopo che il (primo) seme (dell'uomo) fuoriuscì", *ud
ul=a=ta..b1 numun e=a=ta..b1;
3. il valore strumentale dell'ablativo deriva anch'esso dall'idea di origine dell'azione
che veicola, es. l udu niga lugal-e gir 2 -ta in-gaz, "il re ha ucciso una pe-
cora ingrassata con un coltello", *dis(l) udu niga=0... lugal=e.rg gir=t~1 i.n.gaz.0
(l'azione è possibile perché in origine esiste un coltello); l ma-na uruda ku 3-
ta sa 10 -a, "l mina (ca. 500 g) di rame acquistato con argento", *dis(l) mana
uruda=ak=0... kugbabbar=ta_.b1 sa=a; a 2 dN a n se- t a, "grazie alla forza (lett. brac-
cio) della dea Nanse", a nanse=ak=ta..b1; inim ensi 2-ka-ta, "per ordine (lett.
parola) del governatore", *inim (ensi=ak)=ak=ta_.b1; tukum-bi lu 2 -u 3 sag gd
bi 2-in-ra, "(Leggi di Ur-Namma, v. Cr 2 §l) se un uomo avrà ucciso (un altro
uomo, sarà ucciso)", *tukum=hi lu=e.rg sag=0... gd=taabl bi.n.ra.0- nel verbo
composto sag gd - ra (lett. 'colpire la testa di qualcuno con un bastone') il
suffisso ablativo non compare;
4. infine, un valore comunemente attribuito all'ablativo nella documentazione am-
ministrativa è quello distributivo, es. tot sar sahar gurus-e l O gin 2-ta, "tot
superficie di terra (da asportare), (al criterio di) 10 sicli per ciascun lavoratore",
*sar sahar=ak=0... gurus=e.rg u(lO) gin=taab1; lu 2 l-se 3 kin gi 5-ta, "per ogni
uomo lavoro di canne a 5 (fasci) ciascuno", *lu dis(l)=se,., kin=0... gi=ja(5)=ta_.b1;
2 har ku 3 -babbar 8 gin 2 -ta-ta, "2 anelli d'argento ciascuno (a Sulgi-niiri
e Balalum) (del peso) di 8 sicli ciascuno", *min(2) har kugbabbar=ak=0 ussu(8)
gin=ta=ta - qui si ha un doppio ablativo: il primo si riferisce ai due anelli, cia-
scuno del peso di 8 sicli, e il secondo ai due personaggi, che ricevono due anelli
ciascuno.
C Locuzioni contenenti l'ablativo. [espressione ki - -ak-ta, seguita dalla formula
su ba-(an)-ti, "egli ha ricevuto" è comunissima nei testi amministrativi, e indica
la persona da cui proviene un bene o un servizio, "da, da parte di": poiché l'abla-
tivo non è utilizzato con i sostantivi della classe A (v. 4.11.5, Nota l), questo è il
modo in cui si indica l'origine umana di un'azione, es. 2 2;3 ma-na zabar ... ki
Ur-dSara 2 -ta Ha-lu 5 -lu 5 simug su ba-ti, "Halulu, il fabbro, ha ricevuto da
(parte di) Ur-Sara 2 2;3 mine (ca. 1340 g) di bronzo", * min sanabi(2. 2h) mana=edir

91
4 Morfologia del sostantivo

ki (udara=ak)=ta,.bl halulu simug=eerg su=0ass ba.n.ti.0; se l'origine è espressa da un


sostantivo appartenente alla classe B, allora è utilizzato il solo ablativo: tot se se-ba
za 3 -mu A-ba-ki-ni ... e 2 -kikken-ta su ba-ti, "tot orzo, razione per la fine
dell'anno, Aba-kini ... ha ricevuto dal mulino", *se seba zagmu=ak=edir abakini=e.rg
(ejkikken=ak)=ta,.bl su=0ass ba.n.ti.0.

4.11.6 Illocativo *-a


Il suffisso dellocativo *-a (ffl veicola il significato di stato in luogo, con traduzione "in,
su" e simili, sia nello spazio che nel tempo ed è utilizzato solamente con la classe B (v.
B, Nota 2).
A La grafia. Il suffisso locativo *-a in epoca arcaica sembra sia da ricostruire come *-7 a,
cioè la vocale sarebbe preceduta da una glottidale (v. 3.2.1), come sembrano mostrare
grafie essenzialmente piÒ antiche di fronte alla vocale /al, quali ma 2 lugud 2 -da-a,
"nella barca cortà', *ma lugud=a=7 :itoc; u 4 ••• ba-pa 3-da-a, "quando (Ningirsu nel
cuore) lo(= Eanatum) scelse", *ud ... ba.n.pad.0=a=7 a1oc; u 4 ••• mu-Si-bar-ra-a,
"quando (Inana il suo occhio fedele) a lui (= Gudea) rivolse", *ud ... mu.nsi.n.bar.
0=a=7 a1oc: in questi casi la mancata assimilazione sembra indicare la presenza di una
consonante iniziale del suffisso, ricostruita come glottidale.
Tali grafie si ritrovano però, benché più raramente, anche nella documentazione di
Ur III, quando la glottidale dovrebbe essere ormai scomparsa nella pronuncia (v.
3.2.1 per dettagli), es. u 4 nam-gala-se 3 i-in-kuçra-a, "quando (Iziz-mifar) è
entrato nella carica di prete lamentatore", *ud namgala=se,.r i.n(i).kur.0=a=a1oc: è
possibile, quindi, che le grafie 'piene' siano semplicemente analitiche, esprimano,
cioè, non il suono, ma la morfologia.
Se preceduto da consonante, il suffisso viene scritto in tutti i periodi abbastanza
regolarmente mediante la complementazione fonetica, quindi *-C-a ---+- -C-Ca; es.
an-na, "nel cielo"; dub-ba, "sulla tavoletta"; e 2 -a, "nel tempio", *ej=a; e 2 -gal-la,
"nel palazzo"; i 7 -da, "nel fiume" {lettura lunga id 2 ); sag-ga 2 , "sulla testà'; u 3 -sub-
ba, "nello stampo (del mattone)"; Unugki_ga, "ad Uruk"; Urim/i-ma, "ad Ur"
ecc.; sono note però anche grafie analitiche quali e 2 -gal-a, e 2 -mah-a, sag-a ecc.
- per il dettaglio su quali consonanti possano non essere complementate (si osservi
che la /s/ non viene mai ripresa) si veda 2. 7 e Jagersma 20 l O, pp. 175 sgg.
Nota 1: come si è detto riguardo alla fonetica (v. 3.1, A), se una parola è scritta mediante un segno
semantico, per noi è assolutamente impossibile ricostruire i fenomeni fonetici cui essa sottostava nel
parlato (perdita, allungamento o assimilazione di vocali, reduplicazione di consonanti ecc.); a partire
dal II millennio a.C. si assiste sempre più spesso al tentativo da parte degli scribi, la cui madrelingua
era ormai l' accadico, di rendere in grafia fonetica la lingua sumerica e, per quanto riguarda illocativo,
si hanno attestazioni quali ab-za-a, per l'ortografico abzu-a, "nell'Apsu (la dimora sotterranea del
dio Enki)"; ki-ri-a per <tcl>kiri 6 -a, "nel giardino"; me/me2-(e)-a per me 3 -a, "in battaglia"; zi-a per
izi-a, "nel fuoco" (v. Jagersma 2010, pp. 174-175), dove il suffisso *-a sembra assimilarsi ad alcune
consonanti ma non ad altre. Come detto in 3.1, B, però, queste attestazioni testimoniano solamente
le idiosincrasie con cui i Babilonesi leggevano la lingua sumerica e non dicono nulla, o poco e con-
fusamente, della reale pronuncia di queste espressioni in sumerico - osserviamo, per esempio, che
l'assimilazione tra le vocali /u/ ed /al, come in ab-za-a, è fenomeno noto e usuale in accadico, mentre

92
4.11 I casi

la vocale /i/ non si assimila mai con la seguente /al, come è il caso delle pronunce del sumerico pre-
sentate in precedenza (che quindi potrebbero rappresentare consuetudini fonetiche semitiche e non
sumeriche}.

Se illocativo viene aggiunto ai pronomi possessivi suffissi si assiste all'assimilazione


delle vocali finali del possessivo alla *-a dellocativo (si veda 4.9, A, Nota 2 per lo
stesso fenomeno con la /al del suffisso *-ak del genitivo), es. *-gu 10 , "mio"---+- e 2 -
• 2 , "nel l a mta
ga . casa, (-gu • 2 ) ; *-zu, "tuo, ---+- e 2 -za, ".m casa tua, (-zu-a
• 10 -a > -ga
> -za); *-a-ni, "suo (cl. A)"----.. e 2 -a-na, "in casa suà' (-ni-a > -na); *-bi, "suo
(cl. B)"---+- gu-nigin 2 -ba, "nelle loro (dei fasci) balle" (*-bi-a >-ba); non c'è
invece assimilazione per i suffissi plurali, es. iri-me-a, "nella nostra città" (*-me,
"nostro"); su-ne-ne-a, "nelle loro mani" (*-a-ne-ne, "di essi, loro")- si veda 4.13.2
per dettagli e ulteriori esempi.
Da sottolineare infine che nella grafia del genitivo di fronte a un locativo il segno uti-
lizzato è sempre *-ka: e 2 -gal lugal-la-ka, "nel palazzo del re", *ejgallugal=ak=a.
B Valori semantici. I significati dellocativo sono essenzialmente relativi al luogo o al
momento in cui una determinata azione si svolge, per cui illocativo può avere:
l. valore spaziale; ma 2 lugud 2 -da-a, "(è legname che si trova) sulla barca corta",
*ma lugud=a=a1oc; Niginli-na e 2-gal-la, "(per la festività di Nanse del malto è
entrato) a Nigin nel palazzo", *nigin=a1oc ejgal=aloc (si noti la presenza di due loca-
tivi nella stessa frase); esso indica anche il luogo che si raggiunge dopo un movi-
mento, es. e 2 -a-na, "(Gudea fece entrare la statua) nel suo tempio", *ej=ani=~oc;
2. valore temporale; il suffisso del locativo può essere legato a un antecedente,
quale soprattutto u 4 , "giorno", ma anche egir, "dopo (lett. schiena)" ecc., per
veicolare espressioni temporali, semplici o complesse, es. u 4 -bi-a (anche u 4 -
ba, con contrazione, v. 4.13.2), "a quel tempo {lett. giorno)"; u 4 E 2 -ninnu
dNin-gir 2 -su-ra mu-na-du 3 , "quando (Gudea) costruì per Ningirsu l'Enin-
nu", *ud ejninnu=0ass (ningirsu=ak)=rada, mu.nna.n.du.0=a=a1oc; egir-ra (anche
egir-a), "più tardi, dopo, in seguito"; u 4 dumu in-tu-da-a, "(provvigioni a
Ninlile-manag) quando ha partorito un figlio", *ud dumu=0... i.n.tud.0=a=a1oc;
si può trovare la stessa espressione anche senza antecedente, es. Nin 9 -tur-tur-e
dumu in-tu-da-a, "(l capretto al marito) quando Ninturtur ha partorito un
figlio";
3. illocativo può indicare anche il materiale, fisico o astratto, utilizzato per realizzare
qualcosa, es. temen-be 2 i 3 -ir-nun-ka su-tag ba-ni-du 1 p "egli (Gudea)
strofinò sulle sue (= del tempio Eninnu) fondamenta olio ed essenze principe-
sche", *temen=bi=edir i ir nun=ak=~oc (su=0ass tag.0)=0ass ba.ni.n.dug.0- lett.
'fece toccare le mani (immergendole) in olio ed essenze del principe verso le fon-
damentà (sul verbo composto su-tag - du,p "strofinare, adornare", v. 5.2.3);
Gu 3 -de 2 -a se-er-zi an-na-ka su-tag ba-ni-du 1 p "Gudea adornò (il tem-
pio Eninnu) con lo splendore del cielo!", *gudea=e•rs serzi an=ak=a1oc (su=0ass
tag.0)=0ass ba.ni.n.dug.0; naça mu-na-ni-du 3 , "(Enmetena le fondamen-

93
4 Morfologia del sostantivo

ta del tempio Narnnundakigara) ha costruito con la pietra!", *na=a1oc mu.nna.


ni.n.du.0;
4. con i verbi che esprimono il concetto di 'dire' e simili illocativo indica l' argomen-
to, es. sa 2 -du 11 -na e 2 dNin-gir 2 -su-ka-ta inim he 2 -eb 2 -gi 4 , "(se un go-
vernatore revocherà l'ordine riguardo all'offerta per la statua di Gudea) sia revo-
cato l'ordine riguardo alla sua offerta dal tempio di Ningirsu", *sadug=ani=aloc ej
(ningirsu=ak)=ak=ta..b1 inim=0... ha.i.b(i).gi.0 (v. Cr lg, ll.17-19): inim - gi 4 ,
lett. 'far tornare indietro l'ordine riguardo (*-a1oJ'; e 2-a du 3-ba mul ku 3-ba
gu 3 ma-ra-a-de 2 , "(la dea Nisaba) ti annuncerà la pura stella della costruzione
del tempio", *(ej=ak du=bi)=ak mul kug=bi=aloc mu.ra.e.de.e (sulla espressione
nominale v. 4.9, D);
5. infine, nei testi dell'ultimo secolo del III millennio a.C. sono attestati casi in cui il
locativo rimpiazza il dativo, venendo quindi usato con sostantivi della classe A (v.
anche la Nota seguente), es. Amar-subur sd-ga 2 u 3-na-a-du 1 " "Dopo che
avrai detto ad Arnar-subur, mio fratello, (ciò che dice il mittente)", *arnadubur
sd=gu=a1oc u.nna.e.dug.0- rispetto all'usuale dativo utilizzato per il destinatario
di un messaggio, per cui v. 4.11.2, A, Nota l.
Nota 2: il suffisso dellocativo viene usato con sostantivi della classe A anche in strutture semantiche
che indicano l'entrata in uno stato (amministrativo}, es. e 2 ensi 2-ka asag ensi 2 -ka-ka dNin-
gir2-su l ugal- ba i 3 -ku.(D U), "delle proprietà del governatore e dei campi del governatore suben-
trò Ningirsu come loro padrone (lett. re}", *ej (ensi=ak)=ak aSag (ensi=ak)=ak=ak (ningirsu=ak)=0...
lugal=bi=a1oc i.kur.0- si noti che a5ag (ensi=ak)=ak=ak ... lugal=bi rappresenta un genitivo anteposto
(sulla lettura ku, del segno DU si veda 4.4, B); e 2 dumu-nita 2 nu-tuku dumu-munus-bi
i 3 -bi 2-la-ba mi-ni-ku 4 , "della casa che non aveva un figlio maschio io (Irikagina) ho fatto sl che
diventasse (iett. entrasse in) suo erede la sua figlia femmina!", *ej (dumunita=0... nu.tuku.0}=ak
dumumunus=bi=0... ibila=bi=:ljoc mu.ni.'.kur.0- ej (dumunita=0 nu.tuku.0)=ak ... ibila=bi rap-
presenta un genitivo anteposto. In questo caso probabilmente il lemma della classe A è inteso logica-
mente come un astratto, come si verifica per esempio nella seguente espressione: u 4 nam-gala-se 3
in-kurra, "(beni assegnati} quando egli entrò nella funzione di prete lamentatore" (v. 4.3, A). I
primi due esempi sono del periodo 2350-2150 a.C., mentre l'ultimo è dell'epoca della Terza Dinastia
di Ur: è possibile che al caso locativo, che sottolineava lo stato in una condizione amministrativa, nel
corso del tempo sia subentrato il terminativo, a indicare il punto di arrivo del passaggio da uno stato
a uno differente.

C Locuzioni contenenti il locativo. La più produttiva espressione in cui è utilizzato


il suffisso locativo è bar - -ak-a, che significa "poiché, a causa di/del fatto che"
(bar, lett. 'lato esterno, fuori'; v. anche 4.11.4, C e 6.9) es. bar zu 2 -lum-ma-ka,
"a causa dei datteri", *bar zulum=ak=a; bar sila 4 gaba-ka-ka, "(a quel tempo
i sorveglianti stabilivano) per un vitello da latte (il valore in argento)", *bar (sila
gaba=ak)=ak=a1oc; bar se-bi nu-da-su 3-su 3-da-ka, "poiché (Ur-Larna, gover-
natore di Umma) non era in grado di restituire quell'orzo (invase il territorio di
Lagas)", *bar se=bi=0... nu.i.nda.sug/sug.ed.0=a=ak=a1oc (lett. 'quell'orzo non sarà
ripagato con lui'; sul valore abilitativo del prefisso comitativo *-da- v. 5.4.5, B).
Nei testi si può trovare anche l'espressione 5a 3 - -ak-a, "all'interno di, dentro, in"
(sa3, lett. 'interno, cuore'), con valore sia spaziale che temporale, es. sa3-ba, "al suo
(del tempio) interno", *sag=bi=a; 5a 3 Gu 2 -ab-baki_ka, "a Gu'aba" (città costiera

94
4.11 I casi

del regno di Laga.S, lett. 'la riva del mare'), *sag (guab=ak)=ak=a; sa 3 mu-ba-ka,
"in quell'anno". *sag mu=bi=ak=a.

4.11.7 Il direttivo *-e


Il suffisso del direttivo *-e {)Jf), omofono e omografo del suffisso dell'ergativo, è spesso
considerato in qualche correlazione con questo, anche se gli aspetti morfo-sintattici di
questa eventuale relazione non risultano chiari. Chiara appare invece la sua connessio-
ne con il dativo, del quale rappresenta in larga misura la controparte semantica per i
sostantivi della classe B (v. punto B); i suoi valori sono "verso, a, per, su ecc.".
A La grafìa. Il suffisso del direttivo *-e, in epoca arcaica da ricostruire come *-•e (v.
3.2.1), nei testi è trattato graficamente come il suffisso, identico dal punto di vista
fonetico dell'ergativo (4.11.1, A), benché compaia meno frequentemente di quello;
si veda lo schema seguente:
lemma terminante in con direttivo *-e

vocale : l) V (grafia ellittica)


. 2) V 1-V1 (assimilazione)
i 3) V-e (grafia analitica)
-- ----------- ----- ---------------------------------------------- -- .. --'

consonante : l) C 1-C 1e (grafia fonetica)


· 2) C-e (grafia analitica)

Si riprendono qui, sotto forma di tabella, le grafìe del direttivo e dell'ergativo segui-
to da consonante da Jagersma 2010, pp. 166-168 (v. anche 2.7) -le grafìe dopo il
segno'/' sono più recenti:
·--------- ---- -------------------------...,.----------------------,------- ---
'
Consonanti Labiali ' Aheolari Palatali Velari Glottidali ·
---· -------------- ------------------------ __ __..!_ ______________________ ,_______ ---------+-----------------·----_l_ ____________ ------;

Occlusive sorde [ 2] .... -e

Occlusive sorde
aspirate
....__ _______________ ,
i ;
------------~--------------~----------:--------------------~
'

Affricate sorde
aspirate

Fricative sorde :s-+-e :S-+-e

Nasali m .... -e (-me) ; n .... -ne2 g... -e


- -- -- -- ------- --- -
Laterali ; 1.... -le
_________________ l_- ------ -·---- ---t-------------- ----
Uvulari ' r .... -rei-re
----------,-----
Semi-consonanti [j] .... -e
- . ___ L_·--- -----_i_-.·-

*: in questa grammatica questo suono non viene distinto in traslitterazione (v. 3.2.2);
**:si veda però es. i ti ezem-mah-e dah-he, "(ovini) da aggiungere al mese della 'Festa eccelsa"',
*itid ezem mah=ed;, dah.ed=0, in cui il comportamento grafico deUa vocale /e/ del direttivo e del
suffisso del presente-futuro *-ed di fronte alla fricativa velare sorda h (b) non sembrano rispondere
a una struttura definita.

95
4 Morfologia del sostantivo

Nota l: non esistono attestazioni note del suffisso *-e di ergativo o direttivo dopo l'alveolare affricata
sorda z [ts], ma si veda la forma verbale i 3 -gaz-e in Cr 2 §1, "sarà messo a morte", che sembra
indicare che il comportamento grafico è quello delle altre fricative (v. tabella) (per la morfologia del
suffisso pronominale *-e nel verbo si veda 5.3).

8 Valori semantici. Luso più frequentemente attestato per il direttivo è quello di in-
dicare un movimento, sia fisico che etico, o a volte anche lo stato (come risultato
finale di un movimento), limitatamente ai sostantivi della classe B, per cui si vedano
i seguenti esempi:
l) udu i 7-de 3 bala-e-de 3, "per trasportare le pecore oltre il fiume", *udu=0...
id=edir bala.ed=edir- v. oltre al punto 3; e 2 -e, "(la dea Nanse parlò) al tempio (Enin-
nu)", *ej=edi,; e 2 me-lamçbi an-ne 2 us 2 -sa, "il tempio il cui splendore giunge
sino al cielo", *ej melam=bi=0... an=edi, us=a; dNisaba-ke 4 e 2 gdtu 2 -ke 4 gal 2
mu-na-tak 4 , "la dea Nisaba aprl a lui (Gudea) il tempio dell'intelligenza(= orec-
chio)", cioè 'lo mise in grado di capire', *(nisaba=ak)=e~g ej gdtug=ak=edir gal=0...
mu.nna.n.tak.0- il verbo composto gal 2 - tak 4 vuol dire "aprire"; mu-be 2 -e
an-za 3-ta kur-kur-re gu 2 im-ma-si-si, "tutti i paesi stranieri dai confini del
cielo si riunirono per (glorificare) il suo (del tempio) nome", *mu=bi=edir anzag=taab1
kur/kur=eerg gu=0... i.m.ba.b.si/si.0 (gu 2 -si ="riunirsi"); lu 2 Ummaki_ke 4 ...
an-ta-sur-ra izi ba-sum 2 , "l'uomo di Umma ... dette fuoco all'Antasurà', *lu
umma=ak=eerg ... antasura=edir izi=0... ba.n.Sum.0; ki-a-nag-e," (che la statua sia
portata) alla cappella votiva!", *kianag=edir;
2) il direttivo indica l'oggetto indiretto o obliquo della frase per quanto riguarda i
sostantivi della classe B, es. Gu 3-de 2 -a en dNin-gir 2 -su-ke 4 sa 3 ku 3-ge bi 2 -
pa3, "il Signore Ningirsu scelse Gudea nel suo puro cuore", lett. 'fece trovare al suo
puro cuore Gudeà, *gudea=0... en (ningirsu=ak)=eerg sag kug=edi, bi.n.pad.0 (v.
5.5);
3) infine, nelle proposizioni con forme impersonali, il direttivo esprime il fine
dell'azione stessa, es. sig 4 nam-tar-ra ... e 2 -ku 3 du 3-de 3 gu 2 -bi mu-si-
i b 2 -zi, "il mattone predestinato ... per costruire il puro tempio sollevò verso di lui
(Gudea) il suo collo", *sig namtar=a=ak=eerg ... (ej kug=0... du.ed)=edir gu=bi=0...
mu.nsi.b.zig.0 (v. anche 5.11.3).
Nota 2: è stato proposto di interpretare i valori e il rapporto semantico tra i due casi locativo e di-
rettivo sulla base della qualità del movimento che essi rappresentano, secondo lo schema seguente:

caso stato movimento


-- ·---
' -----------------

; *-a, loc . inessivo ("in, all'interno di"); . illativo ("dentro, verso l'interno di");
: superessivo ("sopra") ' sublativo ("verso sopra")

*-e, dir
l ______ .
' adessivo ("presso") allativo ("verso")
Lo schema è ripreso da Z6lyomi 2017, p. 203, con modifiche; si osservi che l'Autore è di madre-
lingua ungherese, lingua in cui la morfologia dei casi relativa a stato e movimento è molto sofisticata;
la proposta di interpretare alla stessa maniera i valori semantici dei due casi sumerici, qui accettata
in via di ipotesi, come si vede è fondata sulla traduzione dei testi più che sulla ricchezza morfologica
della lingua sumerica stessa.

96
4.11 I casi

4.11. 8 Gli avverbi e il caso avverbiativo


A In sumerico non esiste l'avverbio come classe di parole (parte del discorso) e cate-
goria morfologica a sé (ma v. B), come è invece il caso dell'italiano, in cui il suffisso
*-mente serve a formare avverbi dagli aggettivi (utile---. utilmente), o dell'inglese,
che utilizza, con la stessa funzione, il suffisso *-ly (usejùl---. usefolly). Come vedre-
mo (5.4 e sgg., prefìssi dimensionali), alcuni morfemi che fanno parte della catena
verbale possono a volte essere tradotti con avverbi di luogo, "lì, da lì, lassù ecc.",
ma espressioni con valore avverbiale sono in genere di derivazione nominale o più
raramente verbale; si tratta quindi di forme che rappresentano una struttura con il
suffisso di un caso fìnale.
Si vedano i seguenti esempi con differenti posposizioni: egir-a, "in seguito (lett.
'alla schienà)", *egir=a1oc; egir-bi-ta, "in seguito (lett. 'dalla sua schienà)",
*egir=bi=ta..t,1; h u 12- a/ -l a, "gioiosamente (lett. 'nel [suo] gioire')", *hul=0=a1oc;
iti-da, "mensilmente (lett. 'al, nel mese')", *itid=a1oc; ki-ba, "ll (lett. 'in quel luo-
go')", *ki=bi=a1oc; min(2)-kam-ma-se 3 , "secondariamente (lett. 'per la seconda
[volta]')", *min(2)=kamma=ser.. - v. 4.14, b; uçba, "allora (lett. 'in quel giorno,
tempo'), *ud=bi=:ltoc; ur 5-gin 7 , "così (lett. 'come questo')", *ur=gin (v. 4.10, D, e
4.13.5) ecc.
In tal une situazioni, l'aggettivo che accompagna un sostantivo può avere una fun-
zione avverbiale ed essere tradotto conseguentemente come tale, come per esem-
pio nelle espressioni seguenti: dEn-lil 2-e en dNin-gir 2-su-se 3 igi zi mu-si-
bar, "Enlil rivolse fedelmente lo sguardo (lett. uno sguardo fedele) verso il Signore
Ningirsu", *enlil=e..g en (ningirsu=ak)=ser.. igi zid=0... mu.nsi.n.bar.0; zi-sa 3 -
gal2-la su da gal d u1I-ga dSul-h 3 -ga-na-ka-ke 4 , "fornito ampiamente di vita
da Sulsaganà', lett. 'dotato con ampia mano relativamente alla vità (si veda 4.9, E).
Questo uso di verbi stativi con funzione avverbiale si ritrova anche nelle seguenti
strutture:
l. verbo senza suffisso (0), es. si p a zi Gu 3 -de 2-a gal mu-zu gal i 3-ga-tum 2-
m u, "Gudea, il pastore fedele, sa molto e molto, invéro, fa!", *sipa zi gudea=e.rg
gal=0... mu.n.zu.e gal=0... i.nga.tum.e (alcuni ritengono che in questo caso gal
rappresenti un sostantivo per un fenomeno di conversione, v. Jagersma 2010, pp.
210-211; v. anche 4.4 per il concetto di conversione; sull'ipotesi che gal rappre-
senti però un aggettivo v. 4.10, Nota l);
2. il verbo seguito dal pronome suffisso di III pers. sing. classe B, *-bi, e dal caso
direttivo *-e; es. gibil-be 2, "nuovamente, ex novo", *gibil=bi=edir; mah-be 2, "in
modo eccelso", *mah=bi=edir ecc.
8 È stata anche proposta l'esistenza di un caso specifìco con valore avverbiale, chia-
mato avverbiativo (adverbiative). Il suffisso, che esprime il modo o la maniera in cui
una azione si svolge ed è quindi da equiparare ai casi che hanno relazione con il ver-
bo, occupa anch'esso l'ultima posizione: suona *-d2 (jf) e, come si vede, esso risulta
omografo del suffisso del terminativo (v. 4.11.4). Lesistenza di questo caso è stata

97
4 Morfologia del sostantivo

presupposta sulla base del differente comportamento grafico del suffisso, si vedano i
due esempi che seguono (v. Attinger 1993, pp. 253 sgg.):
l. si p a zi-se 3 , "al pastore fedele", *sipa zid=se,.,
2. zi-de 3 -d 2 , "fedelmente", *zid=d.vv
Come si vede, nei due casi il suffisso si comporta graficamente e foneticamente in
modo differente, portando alla conclusione che ci sia una differenziazione semantica
tra *-se3 ed *-d2 , il primo un terminativo, il secondo, sulla base del suo significato,
definito avverbiativo. Mentre la funzione semantica del secondo è chiara, risulta
però ancora difficile distinguere il rapporto morfologico tra il terminativo e l'e-
ventuale avverbiativo, che potrebbe a sua volta avere una relazione con il suffisso
accadico *-if che ha in larga parte la stessa funzione (ma v. Meyer-Laurin 2012; sullo
stretto rapporto tra sumerico e semitico in Mesopotamia si veda 1.5).
È inoltre attestato nella. documentazione un suffisso *-ke4-d2 che, sulla base delle
regole fonetiche e grafiche presentate in precedenza, può essere interpretato come un
genitivo più avverbiativo o più terminativo e che si unisce al verbo finale di una fra-
se col significato di "poiché", es. in-da-tuku-a-ke 4 -d 2 , "poiché (Ur-saga) aveva
un debito (d'argento con Nammah)", *i.nda.n.tuku.0=a=ak=ci.vJse,..; dNin-lil 2
kalam-ma gu 3 hul 2 -la ma-ni-de 2 -a-keçd 2 , "poiché la dea Ninlil nel paese
aveva gioiosamente chiamato me (a essere re)", *ninlil=e..g kalam=:lJ.oc gu hul=a=0..,.
ma.ni.n.de.0=a=ak=ci.vJse,er (sulla forma participiale hul 2 -la, "contento, felice", con
traduzione avverbiale, lett. 'ha versato per me un gioioso richiamo'; v. anche 6.9).

4.12 La copula (frasi non verbali)


Una frase con la copula (lett. 'legame') rappresenta una struttura in cui si ha un sog-
getto e un predicato non verbale, che a sua volta è identificato da un referente e una
copula vera e propria, che lo precede o lo segue (in italiano, il verbo essere); la funzione
di queste espressioni può essere di identificazione (Giovanni è mio zio), di attribuzione
(Giovanni è bello, il tavolo è di legno), di possesso (la casa è di Giovanni), di indicazione
del beneficiario (il quaderno è per Giovanni). Osserviamo che mentre tutte queste fun-
zioni semantiche sono note anche in sumerico, l'altra funzione espressa dalla copula
in italiano, quello della localizzazione (la carne è in frigorifero) in sumerico si esprime
mediante il verbo gal 2 , "esserci, esistere, trovarsi".
A Grafia. In sumerico la funzione di copula è rappresentata dal verbo me, "essere",
che può comparire in forma indipendente e in forma suffissa, in quest'ultimo caso
si unisce all'ultima parola della frase; sia il soggetto che il predicato nominale sono
in caso assolutivo.
Nota l: osserviamo che il termine m e in sumerico indica anche il potere divino che si manifesta nei
vari aspetti della civiltà (attività rituali, scrittura, commercio ecc.), che gli dèi hanno pensato e poi
regalato all'uomo affinché li utilizzasse per servirli; il termine è ovviamente legato etimologicamente
al verbo "essere" (v. anche Cr le, Il. 4-6).

98
4.12 La copula (frasi non verbali)

La forma indipendente rappresenta a tutti gli effetti una struttura verbale completa,
con il verbo accompagnato da un prefisso verbale e dal soggetto, mentre la forma
suffissa si unisce direttamente al referente nominale o pronominale cui si aggiunge
come forma enclitica; in questo caso, il referente della copula può essere accompa-
gnato anche dal suffisso *-ak del genitivo o da alcuni suffissi dei casi (v. esempi in
basso). Si veda per le forme la tabella seguente:

Indipendente
_[_ ---- - -- ~~-
l pers. sing. . pref.-me-en 1 sost.-me-en
- ·--i-- ·------------------- ------ - -- -··--
~ 2 pers. sing. pref.-me-en ! sost.-me-en
--· -+---- -------- --·· ------------- -- . - -·- ----- -.
3 pers. sing. · pref.-me-0 ! sost.-am 6 /-am/ '
------ --- ----· + -- --- ---
l pers. plur. ; p ref.-me-en- d e 3-en ** . sost.-me-en-de 3 -en

2 pers. plur. ' pref.-me-en-ze 2 -en sost.- me-en-ze 2 -e n


3 pers. plur. . pref.-me-e'S(2) sost.-mes***

*:si tratta di una forma contratta per l'atteso *-me; la forma -am 6 ('*)è più arcaica
(flno a circa il2400 a.C.), mentre quella -am 3 (scritta: A.AN, ~,forse •am 6 , ma si
veda Jagersma 20 l O, pp. 681-682) è più recente;
**: questa forma non è a tutt'oggi attestata nella documentazione, ma la sua
ricostruzione morfologica è cena;
***: varie sono le grane utilizzate per esprimere la III pers. plur. della copula: durante
l'epoca più antica si ha *-me-e52 (l-l\ mentre a panire dalla 6.ne del III millennio a.C.
si ritrova la forma *-me-d(}-<(<(~, poi ridotta a *-md (T<(<(~ in epoca post-sumerica e
usata per formare il plurale dei nomi della classe A (v. 4.8, E).

Nota 2: i suffissi pronominali della copula sono quelli che riprendono il caso assolutivo nei verbi
intransitivi (frasi a un solo partecipante), v. 5.3. È possibile che i suffissi inizianti con la vocale /e/
si contraessero con la vocale finale del verbo me producendo una vocale lunga, quindi: -mèn ecc.

8 La copula suffissa. La vocale /al della copula suffissa alla III pers. sing. si assimila
in genere alla vocale finale del lemma che precede, se questo rappresenta un fono-
gramma (v. 2.7, Nota), quindi a-na-am 3 ni 3 -ba-gu 10 -um, "qual è il mio dono?",
*ana=0=am nigba=gu=0=am (testo letterario paleo-babilonese); mu-bi-im,
"(questo) è il suo (dello schiavo) nome", *mu=bi=0=am. Nel caso in cui la copula
si unisca a un segno indicante un valore semantico (parola), si ha invece una grafia
analitica in cui l'assimilazione non compare, es. na 4esi-am 3 , "(per questa statua) è
la diorite (che è stata utilizzata)!", *esi=0=am (v. D); ur-sag kur-ra tus-a-zu
he 2-zu-am 3 , "o eroe, vorrei proprio sapere {lett. si vuole sapere) dov'è che tu abiti
nella montagna", *ursag=0... kur=3.joc tuS=a=zu=0... ha.i.'.zu.0=am (si ricorda che
il vocativo è espresso con 1' assolutivo in sumerico, v. 4.11.1, B, 4; la copula alla fine
della forma verbale finita ha valore enfatico, v. oltre).
Si vedano i seguenti esempi di copula suffissa: ga 2-kam, "è mio", *ge=ak=0=am (v.
4.13.1); mas-da-ri-a dam sagga e2-babbar-ka-kam, "(una pecora matrici-
na) è un dono cerimoniale della moglie dell'amministratore del (tempio) Ebabbar"
< *ma5daria dam sagga ejbabbar=ak=ak=ak=0=am, v. 4.9, B, Nota 4; in i m ensi 2-

99
4 Morfologia del sostantivo

ka-ta-am 3, "è per ordine del governatore", *inim (ensi=ak)=ak=taab1=am; l O gin 2


ku3-babbar mas2 l ma-na 12 ginz-ta-am3, "10 sicli d'argento, l'interesse è
di 12 sicli per ogni mina(= 20o/o)", *u(lO) gin kugbabbar=ak=0... dis(l) mana=edir
12 gin=ta..b1=am (sugli interessi nei prestiti di argento e orzo si veda Cr 2 §§010-
011); digir Gu 3-de 2-a ... lu 2 E 2-an-na in-du 3-a-kam, "(Ningclzida) è il
dio di Gudea, ... colui che l'Eana ha costruito", v. 4.9, B; sipa-me-en, "io sono
il pastore", *sipa=0=me.en; a-ba-me-en za-e-me-en, "chi sei?", lett. 'chi sei tu
sei?', *aba=0=me.en ze=0=me.en (testo letterario paleo-babilonese).
La copula suffìssa ha un chiaro valore enfatico, nel senso che si ritrova utilizza-
ta per sottolineare {focalizzare) il partecipante della frase considerato più impor-
tante, es. udu-gu 10 -um Zu-la-lum-ra in-na-sum 2, "è la mia pecora che ho
dato a Zuliilum!", *udu=gu=0=am zulalum=radar i.nna.'.sum.0 (v. anche E, c);
lugal-ezem-am 3 ma-an-sum 2, "Lugal-ezem me le (= le pecore) ha date!",
*lugalezem=0=am ma.n.sum.0. Questa costruzione è obbligatoria quando si en-
fatizza un pronome indipendente (v. 4.13.1), es. Ab-ba-kal-la Ur-mes-ra zi
lugal ge 26 -e-me ha-na-sum 2, "(giuro sulla) vita del re, sono stato proprio io
(che) ho dato Abba-kala a Ur-mes!", *abbakala=0... urmes=rada, ge=0=me.en zi
lugal=ak=0ass ha.a.nna., .Sum. 0.
Qu~to stesso valore di enfasi si ritrova negli incisi, cioè espressioni aggiunte al testo
con valenza di sottolineatura o focalizzazione, es. sa-du 11 -ba gal 2-la-am 3, "(alla
fine di un elenco di attribuzioni alimentari alla statua di Gudea) si tratta di {lett. è)
ciò che si trova (già, davvero) sulla sua (= della statua) offerta regolare!", v. Cr l g, 11.
8-12.
Come si nota dagli esempi, la copula suffìssa si trova in frasi non subordinate e po-
sitive (cioè senza negazione).
Nota 3: è stato ipotizzato che la copula suffissa derivi dalla caduta del prefisso i 3 - del verbo me nelle
frasi principali, prefisso che invece si è mantenuto in quelle subordinate, che risultano in genere più
conservative.

Nella documentazione, per la sola terza persona singolare, è attestata anche la pos-
sibilità di omettere la copula enclitica *-am316 in tal une situazioni specifiche, come
i nomi di persona (es. Nin-he 2-du 7 , "la signora [è] un ornamento, *nin=0...
hedu=0...) e soprattutto nelle frasi interrogative, es. a-ba-am 3 mu-zu Nam-zi-
tar-ra mu-gu 10 -um, "quale {lett. chi) (è) il tuo nome? Il mio nome è Namzitarà'
(per l'uso della copula con il pronome si veda 4.13.2).
C La copula indipendente. La forma con prefisso della copula è utilizzata a) nelle &asi
principali nei casi in cui la forma verbale con il verbo me sia preceduta da un pre-
fisso modale (v. 5.9) o dall'elemento coordinante *-nga- (v. 5.9.8), oppure b) nelle
frasi subordinate {v. 6.3 e sgg.). Si vedano gli esempi seguenti:
a. frasi principali; es. lu 2-bi ku-li-gu 10 he 2-am 3, "quell'uomo sia mio amico!",
*lu=bi=0... kuli=gu=0... ha.i.me.0 (il verbo me, con il prefisso modale ha-,
perde la vocale finale /e/) -si noti anche nei testi più arcaici la formula ensi 2-
bi ku-li-gu 10 he 2, "quel governatore sia mio amico!", con l'ellissi della copu-
la; ku 1ummu a sed ni 3 eden-na he 2-me-en, "(dice Inana:) possa tu esse-

100
4.12 La copula (frasi non verbali)

re l'otre dell'acqua fredda, l'oggetto della steppa!", *ummud a sed=ak=0... nig


eden=ak=0... ha.i.me.en; ni 3-erim 2-ma usan bar-us-bi ge 26 in-ga-me-
e n, "io sono inoltre la frusta e il bastone del male (= con cui si punisce il male)",
nigerim=ak usan barus=hi=0... ge=0... i.nga.me.en (per il genitivo anteposto v.
4.9, D).
b. frasi subordinate; es. 5 udu 5 mas2 Su-dEn-lil2 dub-sar u4 tu-ra i3-me-a
Arad2-gul0 maskim ba-zi, "5 pecore e 5 capretti per Su-Enlil, lo scriba,
quando egli era malato, Arad-gu, il commissario ha prelevato", *ja(5) udu ja(5)
ffiaS=0 .... suenlil dubsar=radat ud tur=a=0... i.me.0=a=atoc aradgu maSkim=e.rg
ba.n.zig.0; Nigarg•r-ki-du 10 ••• Digir-ga 2-hi 2-du 11 arad 2 Ur-dLi 9 -si 4-
na-ka i 3-me-a-as in-gi-in, "Nigar-kidu ... ha confermato che Digirga-bidu
era lo schiavo di Ur-Lisin (suo padre)", *nigarkidug=e.rg ... digirgabidug=0...
arad (urlisin=ak)=ak=0... i.me.0=a=se,er i.n.gin.0 (sull'uso del terminativo con il
verbo gin nel significato di "confermare, provare" si veda 4.11.4, B, 3).
D Negazione della copula. La copula viene negata con il prefisso di negazione nu- (v.
5.9.1), che si comporta differentemente a seconda che si neghi a) la forma suffissa
*-am3 della III pers. sing. oppure b) tutte le altre forme suffisse o indipendenti.
a. Nel caso della forma suffissa di III pers. sing. la negazione è espressa con il prefisso
nu- senza l'aggiunta della copula; es. m u-bi lu 2-a n u, "il suo (della stele) nome
non è (quello) di un uomo", *mu=hi=0.... lu=ak=0.... nu; alan-e u 3 ku 3 nu za-
gin3 nu-ga-am 3, "questa statua non è d'argento e nemmeno è di lapislazzuli (è
la diorite che è stata utilizzata)!", *alan=edir u kug nu zagin=0... nu.i.nga.me.0).
b. Se viene negata una forma introdotta da un prefisso, sia in frasi principali che
subordinate, il prefisso n u- si unisce alla forma stessa; es. (tot) gin 2 ku 3- bah bar
i 3-me-a-na-na sam 2"m 3 Ur-dSara 2-ka n u-rne-a, "(Girini-isag dichiara che)
oltre a tot sidi di argento non c'è stato (altro) prezzo dello schiavo Ur-Sarà', *gin
kugbabbar=ak=0.... i.me.0.a=nanna sam (udara=ak)=ak nu.i.me.0=a (v. anche
4.11, Nota 2); um-ma lu 2 nu-me-en dam digir-ra-me-en, "(dice Dumu-
zi alla dea Belili) o vecchia signora, io non sono un uomo, io sono lo sposo di una
dea (!nana)!", *umma=0.... lu nu.i.me.en dam digir=ak=0=me.en (testo letterario
paleo-babilonese); murub 4-ba a 12 -ra 2-bumu!en nu-me-en-na, "(dice il dio
Enki: o dea !nana) alloro (= della battaglie) interno, benché tu non sia un cor-
vo (segno di sventura), (ti lascerò decretare il destino funesto)", *murub=hi=a1oc
arabu=0... nu.i.me.en.0=a (testo letterario paleo-babilonese).
Nota 4: si richiama qui l'espressione -da-nu-me-a, "senza", *sost=d~m nu.i.me.0=a, per cui v.
4.11.3, c.

E Usi particolari della copula. La copula è utilizzata in alcune costruzioni peculiari,


che rappresentano essenzialmente a) frasi non verbali relative, b) espressioni di com-
parazione o similitudine e c) enfasi.
a. In sumerico non esiste la possibilità di formare una frase subordinata relativa non
verbale in cui il soggetto sia lo stesso della frase principale, come per esempio

101
4 Morfologia del sostantivo

nell'italiano lo, che sono alto, sistemo il libro sullo scaffale; in questi casi, in sume-
rico si divide la frase in due parti: lo sono alto; (io) sistemo il libro sullo scaffale; es.
sipa-me e 2 mu-du 3 , "io, (che sono) un pastore, ho costruito il tempio", lett.
'io sono il pastore; io ho costruito il tempio', *sipad=0=me.en ej=0.... mu.'.du.0
(v. 6.3 per gli aspetti sintattici).
Nota 5: si osservi, però, l'espressione seguente, unica nella documentazione: ge 26 dNin-gir 2 -su
... e 2 -gu 10 E 2 -ninnu me,-en kur-ra ab-diri, "lo, Ningirsu ... il mio tempio Eninnu, una
tiara, è più grande di una montagnà', *ge=0... (ningirsu=ak)=0.., ej=gu ejninnu=0.., men=0.,.
kur=a1oc a.b(i}.dirig.0, dove ci saremmo aspettati *ge 26 -me-en dNin-gir 2 -su-me-en ... ,o
simili.

b. Nella documentazione è attestato l'uso, raro, della copula con una chiara fun-
zione di similitudine, del tutto equiparabile semanticarnente al suffisso *-gin7 (v.
4.9, D); es. sa 3 dEn-lil 2 -la 2 -ke 4 i 7 Idigna-am 3 , "la piena (lett. cuore) di Enlil,
(come fosse) il fiume Tigri, (portò acqua dolce)", *sag enlil=ak=eerg idigna=0=am
(si può, ovviamente, anche tradurre con un inciso: "la piena di Enlil - essa è il
fiume Tigri!- ecc.").
c. La copula può essere utilizzata per sottolineare il partecipante di una frase non
verbale che si vuole focalizzare (evidenziare), anche modificando eventualmen-
te l'ordine delle parole, es. ama nu-tuku-me ama-gu 10 ze 2 -me, "io non
ho madre, mia madre sei (davvero) tu!", *ama nu.tuku=0=me.en ama=gu=0
ze=0=me.en (su questo aspetto si veda Z6lyomi 2017, pp. 117-118 e 4.13.3).
Nota 6: esiste una forma *-(na}nam della copula, sorta forse dall'espressione *na.na.i.me.0, con il pre-
fisso modale asseverativo na-, che ha un generico valore deontico (di obbligatorietà; v. 5.9.7, A}; si
trova essenzialmente nei nomi di persona del III millennio a.C. e soprattutto nei testi letterari del pe-
riodo paleo-babilonese, afferendo quindi a un registro stilistico elevato; es. Lu 2 -na-nam, "è davvero
un uomo", *lu=0=nanam (nome di persona}; lu 2 tu-na-nam, "(4 persone) sono uomini malati1"
(incerto}, *lu=0..., tur=a=nanam; pu 2 a ses-a-ni pu 2 a du 10 -ga na-nam, "i suoi (dell'isola di Dil-
mun/Bahrein} pozzi di acqua salata divennero invero pozzi di acqua dolce", *pu a ses=ani=ak=0..,. pu a
dug=a=ak=0=nanam (testo letterario paleo-babilonese).

4.13 I pronomi
In sumerico i pronomi possono essere indipendenti, suffissi (con valore possessivo),
interrogativi, indefiniti, dimostrativi o riflessivi.

4.13.1 Pronomi indipendenti


Nella lingua sumerica, come nell'italiano, non è necessario utilizzare il pronome as-
sieme alla forma verbale, a differenza per esempio dell'inglese, ma la ripresa mediante
morfemi pronominali, -all'interno della frase verbale, dei partecipanti identificabili dal
contesto, espressi da ergativo e assolutivo, è sufficiente a chiarire i rapporti sintattici
(come nell'italiano mangi-o, mang-i, mangi-a ecc.; sulla morfologia dei pronomi nel

102
4.13 I pronomi

verbo si veda 5.3). Luso dei pronomi indipendenti, conseguentemente, è di fatto ri-
stretto alla focalizzazione e all'enfasi (v. oltre, Nota 1). Per le forme, si veda la tabella
che segue (si osservi che la morfologia dei pronomi indipendenti non è del tutto nota,
essendo alcuni di loro attestati assai raramente, come è il caso della prima e seconda
persona plurale):
Pronomi indipendenti
----- --------- -------1i
Pers. Sing. i Plur.
---·-i
!
(non attestato)

II (non attestato)

III a-ne l e-ne* a-ne-ne l e-ne-ne*


·----------- ------ ------. ------ -· -------------- .. J
*: le forme con asterisco sono attestate in periodo post-sumerico.

Nota 1: si osservi che la /e/ finale che accompagna sempre i pronomi è quella dell'ergativo, a dimostrazio-
ne che in questo caso la forma non segue la struttura ergativa, in quanto viene neutralizzata l'opposizione
tra il pronome soggetto di una frase a due partecipanti e quello utilizzato in una frase a un solo parte-
cipante (è il fenomeno noto come Split Ergativity, v. 1.10, B, Nota 5). In altre parole, i pronomi, senza
alcuna modificazione morfologica, possono essere utilizzati come soggetto di una frase intransitiva op-
pure come soggetto o oggetto di una frase transitiva (quest'ultimo uso è più raro nella documentazione).

I pronomi di III pers. sing./plur. sono riferiti solamente a sostantivi della classe A, a
causa dell'evidente individualizzazione che veicolano (a maggior ragione quello plu-
rale); per indicare a un referente di classe B è utilizzato un pronome dimostrativo,
v. 4.13.5. Sottolineiamo che i pronomi indipendenti sono trattati morfologicamente
come dei veri e propri sostantivi, e possono essere accompagnati dai suffissi dei casi visti
in 4.11.1 e sgg. Si vedano i seguenti esempi e si noti l'uso sempre enfatico del pronome
indipendente:
I pers. sing: ge 26 -e ga-na-ab-su, "(sarò proprio) io (che) glieli (= 30 talen-
ti di bitume secco) restituirò!", *ge=eerg ga.nna.b.sug.0; A-ba-sd-gu 10 -gin 7
u 3 ge 2 çe inim-ma-ne 2 gd ba-ab-tuku, '~ba-sdgugin e io (stesso) abbia-
mo udito la sua questione (lett. parola)!", aba5dgugin=eerg u ge=eerg inim=ani=edir
gd=0...., ba.b.tuku.0- gd - tuku verbo composto che significa "ascoltare, udire"
; ga2-a-kam, "'e m10.
A ' l" ,• ge=ak=0 =am; ga 2 -ra h a-mu-u 3 -su b , "(o mia
*A A ' S'Ignora,
y

o Gatumdug,) hai riversato (proprio) su me favorevolmente (la mano eccelsa)",


*ga=rada, ha.mu.e.sub.0; iri ga 2 -da, "(perché Inana sminuisce) la città (di Uruk)
per causa mia (lett. con me)?", *iri=0.,.. ga=dacom (testo letterario paleo-babilonese).
II pers. sing.: ze 2 inim ku 3 -ba, "(proprio) tu (=An) (starai accanto a me) in
questa santa attività!", *ze=eerg inim kug=bi=a1oc; d 3 e 2 -ninnu-na du 3 -ba za-ra,
"(spiega la dea Nanse a Gudea: egli [Ningirsu] ha detto) (proprio) a te di costruire il
santuario del suo Eninnu", *d ejninnu=ani=ak du=0=bi=a1oc za=rada,; Za-da-nu-
me-a, "senza di te", nome di persona (v. 4.11.3, C).
Come si può notare, i pronomi ge 26 -(e), ;:1{Jif), e ze 2 -(e), ~ (i'lf), diventano
ga 2 ~)e za (ffi di fronte ai suffissi dei casi (per quanto riguarda la prima persona,
il pronome viene scritto sempre con lo stesso segno GA 2 , letto in modo differente

103
4 Morfologia del sostantivo

sulla base del comportamento fonetico del pronome di seconda persona: /ze/ > /za/,
quindi: /ge/ >/gal).
III pers. sing: a-ne sag-a-ni-se 3 digir-ra-am 3 , "egli (il personaggio visto in so-
gno) per quanto riguarda la sua testa era un dio!", *ane=0... sag=ani=serer digir=0=arn;
A-ne-da-nu-me-a, "senza di lui", nome di persona (v. 4.11.3, C).
Nota 2: come deno in precedenza, l'uso del pronome si ha anche in situazioni di contrasto (io ...
e/ma tu ... ), es. ni 3 i 3 -zu-a a-ne in-ga-an-zu, "ciò che so io, sa anche lui", *nig=0.,. i.'.zu.
0=a=0.,. ane=ecrg i.nga.n.zu.0; ge 26 -e ga-na ga-mu-ra-ab-dim 2 za-e u 3 -tu-be 2 nam-bi
tar-ra-ab, "(dice Enki a Ninmah) suvvia, io creerò per te (un essere), ma tu decidi il destino a que-
sto (nuovo) nato!", *ge=ecrg gana=0.,. ga.mu.ra.dim ze=ecrg utud=bi=edir nam=bi=0,.. tar=a.b (testo
letterario paleo-babilonese).

III pers. plur.: a-ne-ne dumu Enegi 3 ki dumu Urim/i-ma-me-d 2 , "(pro-


prio) loro, i cittadini di Enegi e i cittadini di Ur (remano gioiosamente assieme al
loro Signore)", *anene=0... dumu enegi=ak dumu urim=ak=0=me.d.

4.13.2 Pronomi suffissi


Il pronome suffisso, con valore di possesso, occupa la quarta posizione nella struttura
nominale (v. 4.7); le forme sono elencate nella seguente tabella:

Pronomi suffissi
>----·-------------------- ·------·------·- --
' '

.-~~~s: __ ---~-~~~--- . ------ ·---·-


Plur.
. -.....-··--·- ------------- ·-------- ------------·
'

, i -gu 10 (MU) ! -me


~~ ···------+---------------- -- ·- -- ----..--- . -- ·-------- --------- ----·------
'
II -zu -zu-ne-ne*

III -a-ni (cl. A) , -a-ne-ne


-bi (cl. B) ' '
'-- _ _ _ _ _ _ _ _ ___J. _ _ _ - - - - - - - - - - - - --- ---- ---- - ----- ·------- ---- - - - . - - - - --------- --

*: la forma della II pers. plur. è arrestata solamente in epoca


post-sumerica.

Es.lugal-gu 10 , "il mio re"; e 2 -zu, "il tuo tempio"; digir-ra-ni, "il suo dio"; dumu-
ni, "suo figlio"; lugal-bi, "il suo (del tempio) padrone"; iri-me, "la nostra città'';
i bila-a-ne-ne, "i loro eredi", ecc.- come si vede, il suffisso di III pers. sing. è diffe-
renziato sulla base della classe semantica di appartenenza del sostantivo che rappresenta
il possessore (come nell'inglese his, her, its). Si noti che la grafia della vocale /al del
suffisso *-ani segue in genere le regole note della complementazione dopo consonante
(digir-ra-ni) e dell'eventuale ellissi dopo vocale (dumu-ni)- per la forma plurale
v. oltre.
Nota 1: è stato proposto, sulla base di alcune grafie quali mu-be 2 -e, "per il suo nome (fama)",
*mu=bi=edir; lugal ki ag 2 -ne 2 -e, "il suo amato padrone (lett. re)", *lugal (ki=0.,. ag=a)=ani=ecrg' che
i suffissi di III pers. sing. delle classi A e B contengano una /e/ come vocale finale Oagersma 2010, pp.
214 sgg.) e in alcune grammatiche recenti questa ipotesi è stata accettata (Z6lyomi 2017). Nella presente
descrizione si mantiene la vocale /i/ fìnale perché il suono /e/ ipotizzato potrebbe risultare da influenza
dei casi ergativo e direttivo, come negli esempi riportati (v. oltre). Si noti, però, che la vocale /i/ non è
nota, nella morfologia del nome, come componente di altri morfemi.

104
4.13 I pronomi

Tutti i suffissi singolari, se uniti a un suffisso iniziante con la vocale /al (genitivo *-ak,
locativo *-a, copula *-am3), assimilano la propria vocale a quella che segue, secondo le
seguenti forme: *-gu 10 +a= -ga 2; *-zu +a= -za; *-a-ni+ a= -a-na; *-bi+ a= -ba;
es. e 2-ga 2, "nel mio tempio", *ej=gu=a1oc; kisal ... lugal-ga 2-ka, "nel cortile ... del
mio padrone (lett. re, Ningirsu)", *kisal ... lugal=gu=ak=a1oc; e 2-ni 3-gur 11 -za, "nel
tuo magazzino", *ejniggur=zu=a10c; kisal dagal-la-na, "nel suo (di Ningirsu) ampio
cortile", *kisal dagal=ani=a1oc; e 2-a- n a, "(Gudea fece entrare la statua} nel suo (del dio)
tempiO . " , *eJ=am=~oc;
. . v
sa b . sa dB . k e si. b a-nt-sa
.
3- a n1 3-mussa ' a-u 2 ntn-a-na- 4 2-
sa2, "(Gudea} mise in ordine al suo (del tempio) interno i doni nuziali di Bàu, la sua
signorà', *sag=bi=a1oc nigmussa bàu nin=ani=ak=edir si=0... ba.ni.n.salsa.0 (il verbo
composto si - sa 2, "mettere in ordine", regge il direttivo della cosa che si mette in or-
dine}; uçba, "in quel giorno allora", *ud=bi=a1oc. Esistono però rare forme analitiche
in cui la contrazione non avviene, es. bar-gu 10 -a, "a causa mià'; bar-zu-a, "sulla tua
(della pietra Elel} parte esternà'; e 2-a-ni-a, "nel suo tempio"; u 4 -bi-a, "allorà' ecc.
Nota 2: si noti l'espressione seguente, attestata solamente due volte nella documentazione: alan-na-e
mu-tu, "(Gudea plasmò) una sua statua", *alan=ani=0,.. mu.n.tud.0, ricostruita così sulla base della
formula più usuale alan-na-ni m u-tu: è ignota la ragione dell'eventuale caduta della /n/ che si verifica
in questo caso.

I suffissi di III pers. sing. A e B si contraggono altresì di fronte al suffisso omofono


dell'ergativo e del direttivo *-e, es. a-a-ne 2 me ba-a, "(Inana} cui suo padre ha do-
nato i 'poteri"', *aja=ani=e.rg me=0... ba=a; e 2-e lugal-be 2, "alla casa il suo padrone
(lett. re, Ningirsu} (si rivolse)", *ej=edir lugal=bi=eerg· Si notino ancora le espressioni ka
dumu-ne-ne-ka, "nella bocca dei suoi figli", *kag dumu=ani=ene=ak=a1oc; en-ne-ne,
"i suoi signori", *en=ani=ene, dove si ha la contrazione di /i/ finale del suffisso *-ani
con la /e/ iniziale del suffisso purale *-ene (la vocale contratta risultante potrebbe essere
lunga: *-anene; v. 4.8, Nota l).
Nota 3: si osservi che i nomi propri, che rappresentano un'unità a sé, non seguono la regola dell'assimila-
zione, es. Ur-telgigir dumu Lugal-1 u 2 -ni-ke 4 , *urgigir dumu lugalluni=ak=ecrg- quest'ultimo non
diviene *Lugal-lu2-na-ke4 •

La forma del suffisso di III pers. plur. *-anene è più raramente attestata ed è referente
solo di sostantivi della classe A (come tutti i pronomi plurali), es. iri-ne-ne-se 3, "ver-
so la loro (dei viaggiatori) città'', *iri=anene=se,.,; lu 2-ne-ne, "i loro uomini"; come si
nota, la vocale iniziale /al del suffisso si perde di fronte a lemma terminante in vocale,
anche se esistono esempi di grafia analitica, es. ibila-a-ne-ne, "i loro eredi"; si ve-
dano anche le forme luz-gar3-ne-ne, "i loro soldati di scortà'; sd-ne-ne, "i loro
fratelli" ecc., nei quali si riscontra una grafia ellittica (v. oltre).
Il suffisso di I pers. plur. è molto raro, es. Hu-ru ama-ar-gi 4 -me in-gar-ra,
"(5 persone hanno affermato di produrre testimoni del fatto) che Huru aveva stabi-
lito la nostra libertà", *huru=eerg amargi=me=0... i.n.gar.0. Sottolineiamo che questo
suffisso non si contrae con le vocali dei suffissi che lo seguono, es. iri-me-a, "nella
nostra città'', *iri=me=a1oc; egir dub-me-ka, "a seguito della nostra tavolettà', *egir
dub=me=ak=a1oc, e lo stesso vale per il suffisso di III pers. plur., es. u 8 ••• ud u n i ta 2 •••
sipa-de 3-ne gu 2-ne-ne-a, "pecore matricine ... montoni ... i pastori (hanno mes-

105
4 Morfologia del sostantivo

so) sul loro(= degli assegnatari) conto {lett. collo)", *u ... udu nita=0... sipad=ene=e.rg
gu=anene=a1oc {è stato proposto che la ragione della mancanza di contrazione dipenda
dalla lunghezza delle vocali dei due suffissi, quindi /me/ e /anene/). Sull'uso dei prono-
mi suffissi plurali con i numerali v. 4.14 e per quello con i pronomi riflessivi v. 4.13.6.
Nota 4: si noti che la grafia - (a)- n e- n e può essere interpretata in due modi differenti: come suffisso
della III pers. plur. cl. A, "di essi, loro" (in trascrizione: *=anene), oppure come grafia indicante l'unione
del suffisso *-ani con il suffisso del plurale *-ene (in trascrizione: *=ani=ene}.

Come abbiamo visto in 4.8, i sostantivi di classe B non possiedono un plurale mor-
fologico come quelli della classe A, ma il sostantivo stesso possiede la caratteristica
di indicare anche la propria classe di appartenenza (senza individualizzazione); questa
proprietà vale anche per il suffisso pro nominale *-bi, che quindi può riferirsi a un solo
referente di classe B, ma anche a una pluralità di essi; es. 9 ad 6 udu su du 7 -a sa 3-
ba sag-du 4 i 3-in-gal 2, "9 carcasse di pecore intere, all'interno delle quali ci sono 4
teste", *ilimmu{9)=0... ad udu {su=0... du=a)=ak=0... sa=bi=aloc sagdu limmu{4)=0...
i.n{i).gal.0- su - d u 7 verbo composto che significa "completare, perfezionare".

4.13.3 Pronomi e avverbi interrogativi


I pronomi interrogativi sono trattati a tutti gli effetti come sostantivi, potendo essere
quindi accompagnati dalle posposizioni segnacaso; le forme attestate in tutti i periodi
sono a-ba, "chi", per i sostantivi della classe A, e a-na, "che cosa", per quelli della
classe B, mentre altre forme sono note solo nella documentazione postsumerica {v.
oltre). In questi pronomi l'opposizione tra le classi A e B è opposta a quella usuale: la
/b/ indica qui la classe animata mentre la /n/ quella inanimata. Essi possono trovarsi in
posizione neutra, cioè senza enfasi, oppure in posizione enfatica, con valore di focaliz-
zazione: nel primo caso sono posti in genere davanti al verbo fìnale della frase {a meno
che questo non sia composto, per cui v. 5.2.3), mentre se sono usati enfaticamente essi
si trovano all'inizio della frase, accompagnati dalla copula di terza persona singolare
con funzione appunto enfatica {v. 4.12, E, c).
Si vedano i seguenti esempi: ge 26 a-na mu-u 3-da-zu, "Io che cosa posso capire
di te (o Ningirsu)?", *ge=eerg ana=0... mu.eda.'.zu.0; a-na-gin 7 i 3-gal 2, "come è la
sua condizione?", lett. 'simile a che cosa egli si trova lì?', *ana=ginequ i.gal.0; A-ba-
an-da-sa2, "chi può paragonarsi a lui?" (nome proprio), *aba=0... i.nda.sa.0; a-ba-
am3 ge!ma 2 bi 2-in-du 8 , "chi {è che) ha calafatato la barca?", *aba=0=am ma=0...
bi.n.duh.0 {paleo-babilonese); a-na ib 2-ak-na-bi nu-zu, "non so che fare",
*{ana=0... i.b.ak.en=a)=bi=0... nu.i.' .zu.0 {sugli aspetti sin tattici v. 6.6), lett. "il suo
'che cosa io farò' non ho capito".
Si noti la forma a-na-as- {am 3), "perché {lett. a che cosa)?", a-na-as 3-am 3 n u-
u3-na-sum2, "perché non glielo ha dato {l'orzo)?", *ana=sere.=am nu.i.nna.n.sum.0
- si noti che gli avverbi interrogativi sono sempre espressioni nominali e la presenza
della copula {v. 4.12, E).
I pronomi a-na e a-ba possono anche essere usati nelle frasi interrogative indiret-
te e nelle frasi relative, es. munus-diS{l)-am 3 a-ba-me-a nu a-ba-me-a-ni,

106
4.13 I pronomi

"(nel mio sogno) c'era una donna, chiunque potesse essere (lett. chi essa non era, chi
essa era)", *munus dis(1)=0=am aba=0 i.me.0=a nu aba=0 i.me.0=a=ani=0...; a-na
gal 2-la, "per quanto ce riè", *ana=0... gal=a; ni 3 a-na bi 2-du 11 -ga, "qualunque
cosa egli abbia ordinato", *nig ana=0... bi.n.dug.0=a.
Nota 1: è attestata una sola volta, in epoca accadica, la forma a-gin 7 , interpretata come pronome, o
avverbio, interrogativo, per cui si veda la frase Gu-ti-umki a-gin 7 i 3 -da-gub, "come può un guteo
stare assieme a me?", *gutium=035 a=gin i.'da.gub.0, di cui risulta però incetta sia la traduzione che
l'analisi della forma stessa (gi n 7 è certamente il suffisso equativo, ma la funzione della 'à non è chiara).

Il pronome me e il raro en< 3 > si trovano solamente nella documentazione post-sumeri-


ca e hanno valore generalmente avverbiale: me-a, "dove? (lett. in che cosa)", *me=~oc;
me-esv 2l se
v d ~, *
3 , verso ove. , me=se,.r; me-ta,
" v "da d ove.~, , *me=taabi·
Nota 2: si osservi che le frasi che rappresentano domande a risposta semplice 'si/no', quindi prive di
un pronome o avverbio interrogativo, non possiedono alcun tratto formale che le distingua da quelle
assertive; di conseguenza risulta spesso difficile capire quale valore attribuire loro. È stato però proposto
che l'accentazione posta sull'ultima sillaba fosse il tratto prosodico indicante la domanda, sulla base del
seguente esempio paleo-babilonese: arad 2 lu 2 -se lugal-zu-u 3 , "o servo, quell'uomo è forse il tuo re?"
(si veda anche 4.13.4); qui la grafia -zu-u 3 con vocale finale reiterata indica probabilmente la presenza
di una forte accentazione (e anche la mancanza della copula finale), per cui si vedaJagersma 2010, pp.
230-231. Si noti che oltre all'intonazione, esistono altresì morfemi all'interno della frase verbale (prefissi
modali, v. 5.9) che hanno valore illocutorio (indicano cioè il modo in cui il parlante esprime la sua vo-
lontà di affermare, chiedere, ordinare, offrire, promettere, rifiutare, ecc.).

4.13. 4 Pronomi indefiniti


In sumerico esiste un solo pronome indefinito, na-me, "qualunque, qualsiasi, qual-
sivoglia", che si comporta come un aggettivo e può accompagnare indistintamente i
sostantivi delle due classi. Se il verbo possiede il prefisso di negazione n u-, il valore è
quello di "nessuno, alcuno".
Nota: è stato proposto che la forma derivi dalla contrazione dell'espressione a-na i 3 -me, "qualunque
cosa sia", benché a-na (v. 4.13.3) si riferisca solo ai sostantivi della classe B.

Si vedano i seguenti esempi: ni 3 na-me nu-zu, "(l'orafo ha dichiarato:) '(io) non


so nulla (dell'anello d'oro)", *nig name=0ass nu.i.'.zu.0; kiSib Ba-sa 6 -ga na-me
ki-na nu-gal 2-la ni 3 na-me nu-u 3-da-an-tuku-a, "(Ur-sagamu ha giurato nel
nome del re) che nessuna tavoletta sigillata di Basaga si trova presso di lui {lett. al suo
[di Ur-sagamu] posto) e che egli non deve alcunché a lui", *kisib basaga=ak name=0...
ki=ani=aloc nu.i.gal.0=a nig name=0... nu.i.nda.n.tuku.0=a; e 2-a se na-me nu-
gal2, "in casa non c'è alcun grano", *ej=a1oc se name=0... nu.i.gal.0; tukum-bi lu 2
na-me inim bi 2-in-gar, "se qualcuno (lett. un uomo qualsiasi) sporgerà un recla-
mo", *tukum=bi lu name=e.rg inim=0... bi.n.gar.0, da comparare con la frase seguente:
lu 2 n a-me in i m nu-um-ga 2-ga 2, "nessuno dovrà sporgere reclamo", *lu name=e.rg
inim=0ass nu.i.m.galga.e; ki na-me-se 3 na-an-tum 2, "egli non deve portarlo in
nessun altro luogo", *ki name=se,.r nan.tum.e (sul prefisso vetitivo na(n)- v. 5.9.5).
Si noti che le parole l u 2, "uomo" e ni 3 , "cosà', possono avere spesso un valore indefi-
nito, soprattutto nella letteratura legale, es. tukum-bi lu 2 lu 2-ra gdpu 2-ta kiri 3 -

107
4 Morfologia del sostantivo

n i in-ku 5 , "se qualcuno (lett. un uomo) rompe il naso a qualcun altro (lett. un [altro]
uomo) con un pugno", *tukum=bi lu=eerg lu=radar ge5pu=ta.bt kiri=ani=0... i.n.kud.0,
v. Cr 2 §19; tukum-bi lu 2 na-me nu-ti, "se {nei campi ... ) non ci vive nessuno",
*tukum=bi lu name=0... nu.i.til.0.

4.13. 5 Pronomi e aggettivi dimostrativi


In sumerico sono noti una serie di pronomi, enclitici {aggettivali) o indipendenti {so-
stantivali), con valore dimostrativo, benché non sempre la loro differenziazione se-
mantica risulti chiara; questi pronomi possono riferirsi indistintamente ai sostantivi di
entrambe le classi A e B. Le forme attestate nella documentazione sono cinque, alcune
assai rare. Sulla base della tradizione grammaticale babilonese del periodo post-sumeri-
co possono essere suddivise, per quanto riguarda l'indicazione della maggiore o minore
vicinanza al parlante che indicano, secondo lo schema seguente:

Pronomi dimostrativi
-- ---r -~ -- ~ -- ~ ---
suffissi (a) ! indipendenti (b)
,--- - --- ------ "- ---~ -·--·-·- ... ------
: vicinanza (''questo", che tocco) -e(n) l -bi i ne(n)
-t-
: lontananza a vista ("quello", che vedo) l -se -- --4
l urs
l
i lontananza fuori vista ("quello", che non vedo) -ri i
I pronomi *-e(n), *-se e *-risono attestati assai raramente, mentre il suffisso *-bi com-
pare molto spesso nella documentazione del III millennio a.C.; il pronome *ur5 è uti-
lizzato spesso per riprendere sinteticamente referenti introdotti precedentemente nel
testo.
Nota 1: come si vede, il pronome suffisso di vicinanza *-bi, che è identico al pronome possessivo suffisso
di III pers. sing. e si comporta foneticamente allo stesso modo (v. 4.13, B), probabilmente deriva da
quest'ultimo. Il pronome *-bi, con funzione aggettivale, tuttavia, si riferisce a entrambe le classi e non
alla sola classe B.

A I pronomi dimostrativi suffissi occupano la posizione che, nella frase nominale, è di


pertinenza dei pronomi possessivi suffissi, e quindi possono essere seguiti dal plu-
rale *-ene e dalla posposizione del caso; es. uçba, "in questo giorno", *ud=bi=a1oc;
u 4 -ri-a, "in quei giorni (lontani)", *ud=ri=atoc; alan-ba nin-gu 10 dNin-e 2 -gal
mu-bi-im, "il nome di questa statua è 'Ninegal {è) la mia signorà", *alan=bi=ak
nin=gu=0... (ninejgal=ak)=0... mu=bi=0=am; arad 2 lu 2 -se lugal-zu-u 3 , "o ser-
vo, quell'uomo è forse il tuo re?", *arad=0... lu=se lugal=zu=0... (si noti che questa
risulta essere l'unica attestazione di questo pronome nel corpus del III millennio
a.C.); lu 2 mu-sar-ra-e ab-ha-lam-e-a, "colui che distruggerà questa iscrizio-
ne", *lu=eerg musara=e=0... a.b.halam.e=a.
Si noti che il suffisso *-bi può essere utilizzato anche con sostantivi plurali, es. ki
lu 2 -bi-ne-ta tum 3 -dam, "(la ricevuta relativa alle pecore) deve essere portata da
questi uomini (citati prima nel testo}", *ki lu=bi=ene=ak=ta.bt tum.ed=0=am.

108
4.13 I pronomi

B I pronomi dimostrativi indipendenti sono due: *nen (con grafie ne, ne-e e ne-n V,
apparentemente con identico valore semantico), usato sia in apposizione che come
pronome vero e proprio, e ur 5; es. a-na-am 3 ne-e, "(Enki dice:) 'Ma che cos'è
questo?!"',* ana=0=arn ne=0ass (testo paleo-babilonese); gu 4 -gin 7 u 4 ne-na, "in
questo giorno come un bue (possa egli essere ucciso)", *gud=ginequ ud nen=a1oc (si
osservi che non appare chiara la differenza tra questa espressione e u 4 -ba, vista
nel paragrafo precedente); ne-me arad 2 ha-me, "(se la ragazza venduta dai suoi
due fratelli come schiava non lavorerà più) siano questi (fatti) schiavi", ne=0=md
arad=0ass ha.i.me.d; lugal-gu 10 ur 5 -re bara 2 ba-ri, "(dice l'arma Sarur aNi-
nurta) o mio re, quello (il demone Asag) si è costruito un trono!", *lugal=gu=0ass
ur=eerg barag=0ass ba.n.ri.0 (paleo-babilonese); ur 5-gin 7 ha-na-nam, "così (lett.
come quello [che è stato affermato]) sia!", *ur=ginequ ha.i.nanam.0.
Nota 2: sulla base dell'ipotesi della presenza di una vocale /e/ lunga nel segno ne (v. 4.8, A, Nota l),
è stato proposto di leggere il pronome ne(n) come ne(n).

4.13.6 Pronomi riflessivi


Il pronome riflessivo rappresenta un sostantivo (che può essere accompagnato dai suf-
fissi dei vari casi) e quindi può assumere qualsiasi funzione all'interno dell'enunciato;
viene utilizzato senza suffisso pronominale solamente come elemento nominale di al-
cuni verbi composti. Il pronome riflessivo assume la forma ni 2 - di fronte a consonante
e ni 2 -te di fronte a vocale, secondo il seguente schema:

Pronome riflessivo con suffissi pronominali


·-- ··-- -----
I pers. sing. "io stesso/a"

II pers. sing. "tu stesso/à'

III pers. sing. A ni 2 -te-ni (*nite=ani) "egli stesso/a"

III pers. sing. B ni 2 -bi "esso stesso"

III pers. plur. A nirte-ne-ne (*nite=anene) "loro stessi/e"

Si noti che a tutt'oggi le forme di I e II persona plurale non sono attestate nella docu-
mentazione.
Si vedano i seguenti esempi: ni 2 -gu 10 -ta en-nu-ga 2 ga-ba-an-ku 4 , "(Lu-Magan,
se non porterà la barca ad Umma, ha dichiarato) da me stesso mi recherò in prigio-
ne", *ni=gu=taabt ennug=a1oc ga.ba.n(i).kur; e 2 -sa 3 ni 2 -ga 2 -se 3, "(egli venne verso di
me) nella mia propria stanza da letto", *dag ni=gu=ak=se,e, (qui l'uso del pronome
riflessivo ha chiaramente un valore enfatico); Nin-ni 2 -zu-da, "con la tua propria
signorà' (nome proprio), *nin ni=zu=dacom; dNin-urta ur-sag su du 7 -a ni 2 -zu-
se3 gdtu 2 -zu, "O Ninurta, eroe perfetto, sta attento! (lett. la tua mente [sia rivol-
ta] a te stesso)", *ninurta ursag (su=0ass du=a)=0ass ni=zu=se,., gdtug=zu=0ass; m ud
me-dim 2 ni 2 -te-a-na, "(Enki) il creatore delle forme di se stesso", *mud medim
nite=ani=ak=ak; sa3 niz-te-na-ka, "nel suo proprio cuore", *sag nite=ani=ak=atoc; niz-

109
4 Morfologia del sostantivo

te-ne-ne ba-ra-an-sa 10 -as, "(un padre, una madre e tre figli) hanno venduto se
stessi", *nite=anene=0... ba.ta.n.sa.d.
Si veda infine il seguente esempio di verbo composto con l'elemento ni 2 : an-dul 3
dagal-me gissu-zu-se 3 ni 2 ga-ma-Si-ib 2 -te, "(GudeaalladeaGatumdug) 'Tu sei
la mia ampia protezione, alla tua ombra io mi voglio rinfrescare"', *andul dagal=0=me.
en gissu=zu=serer ni=0... ga.m.ba.Si.b.ten (ni 2 - ten, "rinfrescarsi").
Nota: in periodo arcaico il pronome riflessivo aveva la forma m e {t e), scritto inizialmente T E+ M E
(*),es. En-mete-na, "il signore di se stesso", *en mete=ani=ak {nome di un sovrano di Laga5 del
XXIV sec. a.C.; v. Cr 5a); come appare chiaramente dalla tradizione letteraria, a partire dalla metà del
III millennio a.C. si assiste al passaggio della /m/ in /n/, es. me-zu {var. ni 2 -zu) na-us, "non uccidere
te stesso!", *me=zu=0.,. l ni=zu=0.,., in cui ni 2 -zu sostituisce nei testi più tardi me-zu,- il fenomeno
potrebbe nascondere aspetti dialettali a noi ignoti. Sulla base di questa ipotesi di relazione tra le due
forme di pronomi riflessivi esiste la proposta di leggere n i 2 come n e 2 per armonizzarlo con m e.

4.14 I numerali
I numerali sono di fatto attributi che si uniscono in apposizione ai nomi cui si riferi-
scono e possono essere cardinali o ordinali; in tal une situazioni si comportano come dei
veri e propri sostantivi. I numeri sono scritti in grafia fonetica solo molto raramente,
mentre nella quasi totalità delle attestazioni appaiono in grafia numerale; le informa-
zioni che abbiamo sulla loro pronuncia sono pochissime, e per lo più desunte spesso
da testi scritti in epoca post-sumerica. Unica eccezione è un testo proveniente da Ebla,
in Siria, della metà del III millennio a.C., in cui si ritrova la pronuncia dei numeri da
due a dieci.
Il sistema numerale sumerico è a base 6, con una struttura che moltiplica alterna-
tivamente per l O e per 6 i numeri fondamentali (scrivi bili, cioè, con un solo segno):
------- -------------- r··----------1·------ ----------------,---- -------------- ------:
Valore
____________ ! Segno ! Lettwa
)_ __________ ._ _________ -
1 l
---- ,·
'
Formula
________________ --
:
1

fT dis : lxl
-r--- L-------
IO i~ , IOxl
- j--- -
60 IT i
6xl0
---- --- ------- --- ~ ------- - J --- --- ----

600 IH geS'u 10x60


---- ----1--- ----+---
1

3.600 :Q Sar 2 ; 6x600 (602)


: -- ----- - t-- -1-------·--

36.000 l~ sar'u 10x3600 (602)


- -- ___ \_ __ ---

216.000 l+ sargal
-- ---- j_ ----- - ---- -'-------- --
6x36.000 (60 3)

Nota: tutti gli altri numeri sono ottenuti mediante la somma dei valori fondamentali, es. 749 =
600+{60x2)+{10x2)+9 <HTH~~~~). Come si vede, valori 'I' e '60', scritti mediante lo stesso segno,
sono distinguibili sulla base della posizione che occupano nel numero (con qualche possibile ambiguità
in alcune grafie), es. H~= 81 {60+10+10+1) -v. oltre.

110
4.14 I numerali

4.14.1 I numeri cardinali


A Formazione dei numeri cardinali. I numeri cardinali sono formati mediante una
serie di segni ristretta praticamente a due sole forme <T,~. come si vede nella tabella
seguente, dove sono presentati i numeri da 'l'a '10':
i -· .. ---- -·· ~- --- - --- ---

: Numero Forma Analisi : Segno


:. ------------------ ---------------+----- --------------------------
1

: l dis, as . T,,_
[_ -- --- ----r
l

:2 m in TT

:3 :m
!' -
!4 limmu 5 : tt
~---------~ ----------------~:------------------~-----------'
1

5 • ia 2 (*ja)
l
' W
---l- -----

6 *ja+aS, 5+1 :m
7 umin, imin ! *ja+min, 5+2
---- --~-- ----- ---.---- --

8 : ussu *ja+d, 5+3


- '
~-- -
i
i9 ilimmu *ja+limmu, 5+4 . ffffT
r- ------ -· --· -----· ------ -------
; 10 u ·~
L__ _________ ___._ ____________ ~'---------------------------..J

A seconda della forma del numerale, che può essere scritto con tratti verticali, oriz-
zontali o obliqui, esistono differenti numerazioni dei segni, es. limmu 5 (ID vs.
limmu 2 (~).in modo da rendere con precisione in traslitterazione il segno inciso
sulla tavoletta (il valore numerico del segno non cambia, ovviamente).
Il numero 'l' possiede anche una lettura d i li, che però signifìca "singolo", mentre la
sua reduplicazione didli, *di(li)-d(i)li, indica una forma di pluralità (v. 4.8, E), es.
d il i- n i, "solo lui", *dili=ani.
Nota 1: si noti che i numeri 8 e 9 possono essere anche scritti nella maniera seguente: lO la 2 -2 l lO
la 2 -l <<flT
l {!T), cioè lett. 'lO meno 2 l l' (la 2 ="detrarre, diminuire").
Come si può notare dalla tabella, i numeri da uno a cinque sono basilari, mentre
quella da sei a nove sono formati per addizione di due numeri di base (5+ l, 2, 3,
4}; il numero dieci, di nuovo, è un numero basilare (cioè non formato per addizio-
ne}. Ci sono dubbi riguardo il numero otto, che per motivi fonetici potrebbe non
rappresentare l'addizione di 5 più 3, ma sarebbe l'unico numero nella serie da 5 a 9
a non essere formato in quel modo. Mentre sappiamo molto poco della lettura dei
numeri da 11 a 19, nella tabella seguente sono elencati i numeri a cominciare da 20:

111
4 Morfologia del sostantivo

Valore Lettura Formula


20 niS
30 usu (*c:S'u) 3xl0

40 nimin (*nismin) 20x2


····---····------;

50 ninnu (*nismin'u) . 40+10


60 . ge5(d) 60
120 • ge5-min 60x2
600 · ge5d'u 60xl0
1200 · ge5d'u-min 60x l Ox2, ecc.

Come si vede, le decinesi formano mediante la somma o la moltiplicazione dei nu-


meri di base l O e 20, che non sono a loro volta formati mediante la somma di unità
inferiori (non sappiamo invece quale sia la formazione dei numeri da 70 a 90, v.
oltre); i numeri tra le decine sono formati con l'ausilio dei numeri 1-9 visti in prece-
denza (es. 75 = 70+5 ecc.). Si osservi che non abbiamo informazioni sul modo in cui
i numeri intermedi fossero pronunciati: se il numero 120 è pronunciato gdmin,
cioè 60x2, non abbiamo idea di come potesse essere pronunciato il numero 62, cioè
60+2 (v. Jagersma 2010, pp. 244 sgg.). Come si è visto, il numero superiore a 600
che è scritto con un segno specifìco è 3.600, tutti i numeri intermedi sono formati
mediante la somma dei numeri precedenti, per es. 3565 = (600x5)+(60x9)+20+5-
ciò vale anche per i numeri tra 3.600 e 36.000, il numero successivo scritto con un
solo segno, e così via sino a 216.000 (hrgal signifìca "il grande 3.600"), che rap-
presenta il numero più alto che in cuneiforme si possa scrivere con un segno unico.
B Sintassi dei numeri cardinali. Esistono vari modi in cui in sumerico si unisce il nu-
mero cardinale al sostantivo cui si riferisce. Nella situazione più semplice, il numero
cardinale segue il sostantivo di riferimento come una qualificazione e può quindi
essere seguito da un genitivo, un pronome possessivo suffisso o un caso, es. a 2 en-te
i ti min(2)-na-se 3 , "(l siclo di argento a 3 persone) per il lavoro invernale di due
mesi", *(a enten=ak) itid min=ak=se1.,; mas 2 mu e5 5 (3)-a-bi, "(orzo) il relativo
{lett. suo) interesse di 3 anni", *mas mu d=ak=bi=0......
Nota 2: nelle espressioni in cui sono presenti numeri cardinali non si ritrova il plurale *-ene, essendo
la pluralità già insita nel numero stesso; in turco si verifica la stessa situazione: çobanlar, "i pastori",
*çoban-lar (plur.), ma uç çoban, "tre pastori", *iiç (tre) çoban.

Il numero può anche essere accompagnato dalla copula di III pers. sing. *-am3, in
qualità di predicato, es. mu dumu-ni e5 5 (3)-am 3 u 2 -IL 2 dNanse i 3-me-
a-se3, "poiché i suoi tre fìgli sono stati portatori di erba della dea Nanse" (lett. 'i
suoi fìgli [che] sono tre'), *mu dumu=ni=0..... d(3)=0=am (u=0..... IL=0)=0..... i.me.
0=a=se1e,; kiSib-bi min(2)-am 3, "(orzo) le relative {lett. sue) tavolette sigillate
sono due", *kisib=bi=0..... min(2)=0=am; il numerale può essere preceduto dal geni-

112
4.14 I numerali

tivo prima della copula, es. sa 2 -du 11 i ti 12-kam, *sadug itid 12=ak=0=am, "(ciò
che precede) è l'offerta regolare per (lett. di) dodici mesi".
Esiste, inoltre, una costruzione che prevede l'aggiunta del suffisso dimostrativo *-bi
(v. 4.13, E) al numero cardinale; la struttura 'numerale cardinale+dimostrativo' nel
suo insieme qualifica il nome, es. igi min(2)-a-bi, "i due occhi", *igi min=a=bi
(la *-a rappresenta una nominalizzazione, v. la Nota 3 che segue); mu &dgu-za
d 5 (3)-a-ba-se 3 , "(tre pecore) per i tre troni", *mu guza d=a=bi=ak=serc,; mu
us 2 -sa alan ku 3 -babbar limmu 2 (4)-bi ba-dim 2 , "anno seguente (a quello
in cui) le quattro statue d'argento sono state realizzate", *mu us=a alan kugbabbar
limmu=bi=0ass ba.dim.0 (si noti che l'espressione numerica si posiziona dopo gli
altri epiteti).
Nota 3: in quest'ultima struttura solamente i numerali '2' e '3' sono seguiti da una *-a di nominaliz-
zazione, per cui v. 6.5, che non viene aggiunta a quelli da quattro in poi.

Si noti che, nelle espressioni numeriche, il numerale cardinale può essere utiliz-
zato in forma indipendente, cioè come un sostantivo vero e proprio; es. kiSib-
b i m i n ( 2) -a m 3 , "le relative tavolette sigillate sono due" (v. sopra); a n- u b- d a
limmu 2 -bi, "i quattro settori del cielo", lett. 'dei settori del cielo i suoi quattro,
*anubda=ak limmu=bi - qui si ha un genitivo anteposto, quindi l'espressione
limmu 2 -bi rappresenta un sostantivo (v. 4.9, D); limmu 2 (4)-bi nam-arad 2
nam-geme 2 -a ba-a-gi 4 , "i quattro (personaggi) sono stati fatti tornare in schia-
vitù", *limmu=bi=0ass namarad namgeme=a1oc ba.e.gi.0; min(2)-a-ne-ne, "loro
due", *min=anene; limmu 2 (4)-ne-ne, "loro quattro", limmu=anene; ugula gd-
da, "sorvegliante di 60 (uomini)", *ugula gdda=ak.
Nota 4: si noti che nella documentazione amministrativa i numerali occupano la prima posizione
delle liste di beni, contravvenendo all'ordine grammaticale; questo è dovuto alla necessità di poter
calcolare con facilità i beni elencati, avendo i numeri a inizio riga, es. 2 gu 4 14 ud u l sila 4 5
mas2-gal, "2 buoi, 14 pecore, l agnello, 5 capretti grandi ecc.": il totale fìnale, indicato dall'espres-
sione su-nigin, "somma totale", lett. 'far scorrere il dito', indica il modo in cui venivano contati
i beni alla fìne dei testi amministrativi, sommando con facilità i numeri in sequenza all'inizio delle
caselle scorrendo il testo dall'inizio alla fìne.

4.14.2 I numerali ordinali


Gli ordinali si formano mediante il suffisso -kam-ma, che si riduce a -kam nella do-
cumentazione degli ultimi 150 anni circa del III millennio a.C. (periodo di Gudea e di
Ur III, v. 1.7, 4), es. Nin-da-nu-me-a min(2)-kam-ma, "Nindanumea, il secon-
do (con questo nome)" (in una lista di persone), *nindanumea min=kamma- periodo
Protodinastico III (v. 1.7, B, 2); i ti U 5-bi 2 -gu 7 min-kam, "il secondo mese Ubigu
(intercalato per pareggiare l'anno lunare a quello solare)", *itid ubigu min=kam; Ur-
&dgigir min-kam, "Ur-gigir, il secondo (con questo nome)", *(urgigir=ak) min=kam.
Nota: si noti l'espressione a-ra 2 tot-kam, "per la totvolta", es. a-ra 2 d 5 (3) -kam, *ara eS=kam (questa
è la formula standard per il valore moltiplicativo, a-ra2 = "via, volta").

113
4 Morfologia del sostantivo

Se il suffisso *-kamma è seguito da un ulteriore suffisso, allora la forma rimane tale e


non si riduce al solo *-kam, es. min(2)-kam-ma-se 3 , "secondariamente, in secun-
dis", *min=kamma=serer· Questo accade per tutto il III millennio a.C.
Infine, la forma 'numero+* -kam(ma)' può anche essere trattata come un sostantivo,
es. min(2)-kam-ma ur-sag-am 3 , "(racconta Gudea a Nanse che) il secondo (per-
sonaggio visto in sogno) era un eroe", *min=kamma=0ass ursag=0 ass=am; m i n ( 2) -
kam-ma-ka, "nella seconda (transazione)", *min=kamma=ak=a10, (di fronte a un lo-
cativo il suffisso *-kamma aggiunge il genitivo *-ak).

4.14.3 Misure di capacità e peso


In sumerico il sistema dei pesi e delle misure discende da un complesso sistema arcaico,
in cui la forma grafica che i numeri prendevano dipendeva direttamente dal bene che
veniva numerato (in praticà, il sistema variava a seconda di ciò che si stava contando); in
epoca più tarda si assiste a una semplificazione della numerazione adottata. Di seguito
si presentano i sistemi di capacità e peso più comuni e utilizzati nei testi amministrativi.
Per pesare gli oggetti, il sistema era riferito alla mina (ma-na), che era la sessante-
sima parte del talento (gu 2 ) ed era composta da 60 sicli (gin 2 ); il siclo era a sua volta
diviso in 180 grani (se), secondo lo schema seguente:
----------. -- ---------- ---- ---- - - -- --- ----------------- ---- - - - - r --

Misura ' gu2 (talento) ma-na (mina) . gin2 (siclo) se (grano)


----------------- ~--------------- --·- -- -----.-------- -------·--- --
.
-----~-------.---------------- ---
'
---------------------

Rapporto l (29,880 kg) +-- 60 (498 g) +-- 60 (8,3 g) . +-- 180 (0,5 g)
-- ------ ------ --~--- ------- -- ------- . -- -- ---- -- -------- --------------- -- ------- ······-- --- - -

Per la numerazione dei sicli si usa il segno DIS per le quantità da l a 19, mentre per i
sottomultipli della mina da 20 a 50 si usano le seguenti formule:
20 = lJ Y3 ma-na (un terzo di mina), sus5ana
30 = + Y2 ma-na (mezza mina)
40 = lrT 2h ma-na (due terzi di mina), 5anabi

50 = J:ij % ma-na (cinque sesti di mina)


Es. Ph ma-na ku 3-babbar, "l mina e 40 sicli d'argento (830 g)"; % ma-na 8
gin 2 uruda, "58 sicli di rame (481 g)"; 4 gu 2 7 2h ma-na siki-gi 6 , "4 talenti, 7
mine e 40 sidi di lana nera (ca. 123 kg) ".
Nota: come si vede, 1/3 e 2/3 in sumerico suonano rispettivamente sussana e sanabi, scritti a volte con
l'abbreviazione sa, dopo il numero rispettivo, traslitterata in apice; es. ki-la 2-bi 2 1131a ma-n a, "il cui
peso (è) di 20 sicli (ca. 17 g)", *kila=bi su5Sana mana.

Il "grano" si misura in unità e decine, mentre i valori 30, 45, 60, 90 sono espressi me-
diante una frazione a base l, che compare come 'igi-Nr-gal2', "l .. .imo", che divide il
numero 180 nel modo seguente:
igi-2-gal 2 = 90 grani (Y2 di 180)
igi-3-gal 2 = 60 grani (1h di 180)
igi-4-gal 2 = 45 grani (1,4 di 180)
igi-6-gal 2 30 grani (Y6 di 180)

114
4.14 I numerali

Si noti che il termine se compare sempre dopo la formula, es. ki-la 2-bi l gin 2 igi-
4-gal2 5 se, "il suo peso (è) l siclo e 50 grani (ca. 10 g)"
Le misure di capacità sono invece basate sul sila 3, pari a circa l litro, che corrisponde
alla trecentesima parte del gur; le misure intermedie sono rappresentate dal ban 2, che
corrisponde a lO sila 3, e al bariga, che vale 6 ban 2; quindi:
--- - - - - -. -- - --- -- --- ·-- - - - - --· - - -- - - ·----- -· --
Misura

Rapporto l (300 litri) : +-- 5 (60 litri) +-- 6 (lO litri) : +-- 10 (l litro)

Nella traslitterazione di queste misure si usa in genere un sistema a posizioni che si


basa sui rapporti ora descritti: se una misura non compare, si usa il simbolo 'O' (zero);
si vedano i seguenti esempi (le espressioni sila 3 e gur, se presenti nella formula, sono
sempre indicate, e la seconda chiude l'intera formula): 3.2.0 4 sila 3 gur , "3 gure 124
sila (lett. 3 gur, 2 bariga, 0 ban, 4 sila, 1024 kg)"; se-bi 52.0.2 2 sila3 gur, "il rispet-
tivo orzo (è) 52 gur e 24 sila (15.624 kg)".

115
5 Il verbo

Il verbo rappresenta l'aspetto più problematico nella ricostruzione grammaticale di


ogni lingua, a causa della sua generale complessità morfologica e centralità semantica
e sintattica. In sumerico, come si è visto nella trattazione della grafia e della fonetica,
la ricostruzione della morfologia, essenzialmente verbale, è resa ancora più complessa
a causa del modo imperfetto con cui la scrittura veicola i morfemi (soprattutto quelli
mano-consonantici in finale di sillaba, v. 2.9).
In sumerico, è bene evidenziarlo come informazione indispensabile, il verbo occupa
sempre l'ultima posizione dell'enunciato, tranne in rarissimi casi nei testi letterari per
motivi di enfasi. Si vedrà in seguito che alla struttura sintattica SOV (soggetto- og-
getto - verbo) che caratterizza la lingua sumerica è legata in modo diretto la struttura
della frase verbale stessa. La frase verbale rappresenta, infatti, una sorta di nucleo che
racchiude in sé, oltre ai valori semantici e sintattici che veicola in se stessa, una grande
quantità di altre informazioni in relazione a quanto espresso nel resto dell'enunciato.
All'interno della frase un verbo può presentarsi in una forma finita (personale, in cui
viene espresso il soggetto) o infinita (impersonale, cioè senza evidenza del soggetto),
come per esempio nelle forme italiane mangio e mangiare (v. 5.3 e 5.11).

S. l La struttura del verbo fìnito


Così come esiste una struttura (catena, frase) nominale, allo stesso modo si può ri-
costruire una struttura (catena, frase) verbale, formata da una serie di morfemi che si
aggiungono, in posizione obbligata, ad un verbo. Sottolineiamo subito che nella frase
verbale il verbo, tranne che negli enunciati all'imperativo (v. 5.10), non occupa la pri-
ma posizione, come nel caso del sostantivo, ma è preceduto e seguito da una serie di
differenti morfemi. Si veda lo schema seguente (si segue qui Z6lyomi 2017, p. 78, con
modifiche):
5.1 La struttura del verbo finito

Pos:~--Defìnizi~~-e-----~-----~ -----lM~rfe~-(;;1~ varl~d si____ ~o~-


i veda ai paragrafi relativi)
- ~ -l -- ------ ---~ - --~ - - - -~- - -- ---- .- - ~ - -~ ---

Prefissi modali l; verbo (imperativo) ! ha-, nu-, u 3 - 5.9, A; 5.11


;--~ - --P:er;~i~rn~d~Ù2~~ ~--- ~---~- ~ ~ --~-- Tba~a~.-~a--.-~~(n)-, ~us~~.--- -:~;~9:B ~--- ~ --
. prefisso del verbo finito i si-; i -, a (l)-
L ---------3 -- ~ ~- -~ -- -- -
3 Elemento coordinante j *-nga- 5.9, c
- j ~- -

4 Elemento cislocativo (ventivo} i mu-, -m- : 5.7


r --- ·-·· -·-·.- -- --

5 Prefisso ba- ! ba-, (bi 2 -) 5.6


_. ----- -··- ------·- ··-------------------------------- ----- +----- ---·-- -------
! ,
6 Pronome del prefisso dimensionale : -, e-, n-, b-, me-, ene-, l 5.4
~~ nne_-
7 · Prefissi dimensionali
7.1 Dativo --~--~-~-~:~-~=_CrJ!~-~: ~-~ ~~~~--- -~ --~:~_:5~~~-----
_?2_ -~ ~o~itativo ~ _ ~ ~ _ _ __ _ ~~ _____ ~ J! ~d-~~- ..,.
5.4.2
7.3 , Terminativo,. Ablativo i -se 3-/-S1- ,. -ta- ' 5.4.3
-~- --- ----- --~--~~ -~ -~~ --- --- ~ --- -~- --

7.4 Locativo; Direttivo; Caso obliquo 1 -ni-, -e-, ba-; -nn i-, -ri- : 5.4.4; 5.4.5
~-- -- -~--~- --- -- -· -~- --- ~- -~ ~~~ -- ------- ------ --~~-- --- --~~ --t ~ ~~- -- --~- --- -- --- ~~~~ .- -~~- -- -~~~ -- --~-- -- ------ -~~ -~---~ '
8 Pronomisintatticipre-radicali
- - -- --~ ~- --~ -- ---- --~--~~--~ -- ----- ---- j
l-'-, -~ -~-
-e-, -n-,-b-
--- - -- ~
' 5.3
9 •VERBO i 5.2
10 · Suffisso del presente-futuro dei verbi
~--~d~ -- - 5.3
!
intransitivi
--1l ---- - - - - --
-~ -~ ~ --- -~-- - -- - ~~

Il ' Pronomi sintattici post-radicali 1 -en, -en, -e/-0, -enden, ' 5.3
! -enzen, -ene/-d
------------------------- ----- ------ ---------+- ·---------- -------- -----·- ---
1

12 Elemento subordinante i -a , 6.1 sgg.


(nominalizzante} l
-- ---- ------·---. --------------- ----·--·--------------- -·--·

Una forma verbale finita non deve contenere tutte le posizioni presentate nello schema:
risulta necessaria, oltre ovviamente a quella del verbo (che veicola anch'esso una serie
di informazioni specifiche anche di natura sintattica, v. 5.2), la presenza di un prefisso
(pos. l o 2) e, con qualche eccezione, di uno dei pronomi (8 e/o 11); si noti che per
questo, nelle forme verbali in cui uno di questi due ultimi elementi non compare nella
grafia, esso andrà conseguentemente ricostruito.
I prefissi modali, che sono anche definiti 'preformativi' e si trovano nelle posizioni l e
2, connotano in vario grado la frase verbale come avente funzione epistemica (attinente
alla sfera della riflessione o opinabilità) o deontica (attinente alla sfera del desiderio o
della obbligatorietà, v. Civil2000): la 'modalità' rappresenta, infatti, la grammaticaliz-
zazione (cioè rappresentazione effettiva nella morfologia) dell'atteggiamento soggettivo
del parlante nei confronti della realtà che esprime, quali la negazione, il desiderio (ot-
tativo), la negatività (vetitivo), la perentorietà (asseverativo) ecc. (v. 5.9) -in linguistica
questo tipo di espressioni si definiscono 'illocutorie'. Differentemente, i prefissi del

117
5 Il verbo

verbo finito, che sono nella stessa posizione nella struttura e si escludono con una parte
di quelli modali, connotano la frase come 'neutrale' (indicativa), v. 5.8.
Dopo l'elemento di coordinazione /nga/, che occupa la posizione 3 e che esprime
la consequenzialità tra due azioni {v. 5.9.8), la presenza non obbligatoria del ventivo
in posizione 4 {detto in linguistica elemento cislocativo) può in vario modo indicare
nell'espressione verbale la direzionalità, fisica o psicologica, verso il 'centro' dell'azione
o del parlante (v. 5.7).
Il prefisso h a-, che occupa la posizione 5, assolve due funzioni semantiche specifi-
che, quella di indicare il valore medio o passivo del verbo {in cui soggetto e paziente si
identificano, v. 5.6, A e B), e quella di indicare il movimento verso l'esterno dell'azione
{valore dislocativo, v. 5.6, C).
Le posizioni da 6 a 7.4, nel loro insieme, rappresentano l'evidenza morfologica di
una caratteristica della lingua sumerica definita 'incorporazione verbale', cioè la pos-
sibilità del parlante di riprendere, all'interno della frase verbale, le espressioni dimen-
sionali utilizzate nell'enunciato (e cioè i casi dativo, comitativo, terminativo, ablativo,
locativo e direttivo). Questi prefissi, definiti conseguentemente 'dimensionali', possono
essere composti da un pronome e da un morfema spaziale, oppure dal solo morfema,{v.
5.4 sgg.); va notato da subito che le funzioni di questi morfemi, benché formalmente
dipendenti dalla morfologia nominale {da cui si desume la denominazione), risultano
semanticarnente più complesse {v. 5.4.5).
Le posizioni 8 e 11, direttamente adiacenti al verbo, sono occupate dai pronomi che
riprendono i casi sintattici, quindi assolutivo e/o ergativo {v. 1.10, B), il cui richiamo
nella frase verbale è obbligatorio {v. 5.3, anche per le specifiche eccezioni).
In sumerico, il verbo (pos. 9) è rappresentato da una forma immutabile e non scom-
ponibile (v. 1.1 O, A), sulle cui caratteristiche e valenze semantiche v. 5.2; esso può esse-
re ampliato mediante il suffisso *-ed, che occupa la posizione l O e sottolinea la valenza
presente-futura nei verbi intransitivi (v. 5.3 e 5.11.3).
Lintera frase verbale, inoltre, può essere resa subordinata mediante il suffisso *-a,
elemento subordinante detto '*-a di nominalizzazione': questo suffisso rende l'intera
struttura un vero e proprio sostantivo, che può quindi essere seguito dai morfemi dei
vari casi {nella sintassi questo è il modo più utilizzato per indicare la subordinazione,
per cui v. 6.5 e sgg.); nella nostra ricostruzione questo morfema occupa l'ultima posi-
zione, la 12.
Nelle frasi imperative la prima posizione viene occupata dal verbo, seguito, quando
necessario da parte della morfologia vista nelle differenti posizioni (v. 5.1 O).

5.2 Il verbo e la sua semantica


In sumerico il verbo può presentarsi in forma semplice, ossia scritto con uno o, più
raramente, due segni che indicano di per sé il suo valore semantico, es. ag 2 , "misura-
re, ; d u 8 , "apnre
. , ; tl,. "avv1cmars1,
.. . raggmngere
. , ; z1,
. "so11evare, ; h a- l am, "d·!struggere, ;
oppure può essere composto, cioè formato con una parte nominale che ne modifichi il

118
5.2 Il verbo e la sua semantica

valore semantico di base per creare un significato nuovo, es. a 1 - ag 1 , "ordinare" (lett.
'misurare il braccio'); igi - du 8 , "vedere" (lett. 'aprire l'occhio'); su - ti, "prendere,
ricevere" (lett. 'avvicinare la mano'); su - zi, "saccheggiare" (lett. 'sollevare la mano')
-su questi composti v. 5.2.3.
Nota 1: poiché in linguistica un 'composto' indica l'unione di due realtà linguistiche a formarne una
diversa (es. italiano sopra e abito, soprabito), altri preferiscono la nomenclatura più linguistica di 'verbo
frasale'; con il termine 'composto' si intende qui richiamare l'unione di due parti, nominale e verbale, che
sommano i loro significati per crearne uno nuovo mantenendo però sempre ben distinta la loro valenza
semantica di base (in altre parole, non si tratta di idiomatismi, v. 5.2.3, Nota 1).

Ogni radice verbale sumerica, nella forma in cui compare, veicola comunque valenze
semantiche ignote al verbo della lingua italiana, quali la temporalità e la pluralità: lo
stesso verbo assume quindi diverse forme che indicano di per se stesse valori quali il
tempo o il numero di partecipanti (v. 5.2.1 e 5.2.2). Infine, il verbo può comparire in
forma reduplicata, per veicolare un'ampia serie di ulteriori valori semantici e sintattici.
Nota 2: come si è detto ampiamente in 1.10, A, in sumerico la parola non ha una flessione, cioè non si
modifica mai, quindi non esiste una 'radice' che possa comparire in forme differenti (come in italiano
ved-ere, vid-i, vist-o); qui, l'uso dell'espressione 'radice verbale' va inteso quindi come sinonimo di 'ver-
bo', 'lemmà o 'stemmà.

5.2.1 La temporalità l aspettualità del verbo


Ogni verbo sumerico, nella forma in cui appare, può indicare un'azione passata (pre-
terita) oppure presente-futura; in pratica, nella forma stessa in cui compare un deter-
minato verbo è insita l'opposizione passato vs. presente-futuro; per esempio le forme
d u 11 vs. e significano entrambe "parlare", ma la prima veicola anche l'idea che l'azione
è passata, mentre la seconda che l'azione è in svolgimento o si svolgerà; lo stesso vale per
il verbo gi 4 , "tornare", che nella forma presente-futura appare come giçgi 4 •
Le due forme sono anche definite rispettivamente puntuale (o perfettiva) la prima,
e durativa (o imperfettiva) la seconda, sottolineando l'aspetto dell'azione più che la sua
temporalità. Più precisamente, il perfettivo indica che un'azione si è svolta prima di un
determinato momento, mentre l'imperfettivo che l'azione è in corso di svolgimento in
quel momento o si svolgerà dopo di esso (in questa grammatica si useranno indistin-
tamente le terminologie aspettuali o temporali, 'passato/perfettivo' e 'presente-futuro/
imperfettivo' per le due forme).
Si noti che nei verbi indicanti stato (stativi) l'opposizione tra le due forme si annulla
e i verbi possiedono solamente una forma, che è quella passata (v. oltre).
Nota 1: la stessa caratteristica è presente in molte lingue slave, nelle quali un verbo veicola, oltre al suo
significato, anche informazioni sull'aspetto dell'azione che descrive, per cui esistono verbi che indicano
che l'azione è puntuale e verbi, con lo stesso significato, che veicolano però un'azione durativa. Queste
valenze si definiscono rispettivamente 'perfettivo' e 'imperfettivo'; es. in russo govorit' (rosopHTb)- ska-
zat' (CKallriD), che significano entrambi "parlare, dire" e la cui differenza sta nel fatto che il primo è
imperfettivo mentre il secondo è perfettivo. I.:esempio delle lingue slave è spesso richiamato per questa
caratteristica del verbo sumerico, ma bisogna osservare che le valenze del verbo sumerico, benché simili,
sono tuttavia differenti, per esempio, da quelle del russo.

119
5 Il verbo

Questa opposizione di forme differenti per il rapporto passato vs. presente delle radici
verbali non è veicolata solamente dal modo in cui il verbo compare, ma è legata anche
l) alla morfologia dei pronomi sintattici (posizioni 8 e 11 dello schema verbale) e 2)
alla valenza semantica del suffisso *-ed in posizione 10. Nel seguito di questo paragrafo
si presenta la valenza insita nella semantica del verbo e si rimanda al paragrafo 5.3 per
la trattazione di ulteriori aspetti morfologici correlati alla temporalità.
Nota 2: fino a una quindicina di anni fa, nella descrizione grammaticale del sumerico, per riferirsi alla
differenza tra i due aspetti è stata utilizzata una terminologia autoctona babilonese, oggi abbandonata
nella letteratura scientifica per la sua poca chiarezza; si tratta dei termini hamtu ("veloce"), passato/
perfettivo, e marit ("grasso, lento"), presente-futuro/imperfettivo, che sono appunto utilizzati nei testi
scolastici di Babilonia per indicare probabilmente la differenza aspettuale dei verbi sumerici.

Per quanto riguarda il modo in cui esprimono il rapporto temporale tra preterito e
presente-futuro, i verbi sumerici possono essere suddivisi nei seguenti quattro gruppi
specifici.
l. Una prima classe viene definita 'classe regolare', perché non sembra sussistere nessu-
na differenza formale tra le forme del verbo indicanti il passato o il presente-futuro,
es. i verbi ag 2 , "misurare"; dab 5 , "prendere, catturare"; du 3 , "costruire, fare"; gal 2 ,
"esserci"; sum2> "dare" ecc. non distinguono formalmente la valenza temporale con
una forma differente. Si noti che a questa classe sembra appartenere la maggior parte
dei verbi sumerici (oltre il 70%), anche se la grafia potrebbe nascondere differenzia-
zioni fonetiche che non vengono esplicitate: come sottolineato (v. 3.1), i verbi sono
scritti nella grandissima maggioranza con segni logografici, che esprimono cioè il va-
lore semantico, ma non dicono nulla sul modo in cui essi potevano essere realmente
pronunciati o modificati dal parlante secondo i casi. Si noti che a questa classe ap-
partengono tutti i verbi di stato, es. d u 10 , "essere dolce"; gal, "essere grande"; gi bil,
"essere nuovo"; silim, "essere sano" ecc., che posseggono la sola forma perfettiva.
2. La seconda classe più rappresentativa nel patrimonio verbale sumerico è composta
da verbi che presentano una reduplicazione della radice nel presente-futuro e viene
quindi definita 'classe reduplicata'; in questo caso, se il verbo termina in consonante
la reduplicazione prevede una forma abbreviata della radice (in pratica, con la per-
dita della consonante finale), es. gar-+ ga 2 -ga 2 , "porre, stabilire"; nag-+ na 8 -na 8 ,
"bere"; in altri casi, nella reduplicazione del verbo, viene mantenuta solamente la
prima consonante, es. h al-+ hal-ha, "dividere, distribuire" (da *halhal). Se il verbo
termina in vocale, allora viene reduplicata la forma senza modificazioni, es. gi 4 --+
gicgi 4 , "ritornare"; ra--+ ra-ra, "colpire, battere"; si--+ si-si, "riempire" ecc.
3. Esiste una classe, assai ristretta, di verbi che presentano una forma ampliata median-
te una consonante nel presente-futuro, detta 'classe con ampliamento'; in pratica,
nella coniugazione presente-futura il verbo si presenta con una consonante che è
invece assente in quella passata, es. e 3 --+ ed 2 , "uscire"; te--+ teg, "avvicinare/si".
4. Infine, ci sono una serie di verbi che per esprimere il passato o il presente-futuro
presentano forme completamente differenti; questi verbi appartengono a un gruppo
definito 'classe alternatà o 'classe a stemma alternato'; es. gen--+ du, "andare (con

120
5.2 Il verbo e la sua semantica

un soggetto singolare)"; (e)-re 7 ---+ su 8 , "andare {con soggetti plurali)"; tus---+


dur 2 , "sedersi, risiedere"; du 11 ---+ e, "parlare". Come si vede, in taluni casi l'alter-
nanza della forma richiama un'opposizione semantica che ingloba anche la pluralità,
per cui v. 5.2.2.
Nota 3: quest'ultimo verbo "parlare" possiede l'ulteriore caratteristica, unica nel lessico sumerico, di
utilizzare per le forme implicite lo stemma di, per cui v. 5.11; quindi: d u 11 (pret.) l e (imperf.) l di
(forme implicite).

Sottolineiamo di nuovo che l'opposizione tra forme passate e presenti-future nel verbo
fìnito non è veicolata solamente dalla forma dello stemma del verbo, ma anche da altri
aspetti grammaticali, per cui v. 5.3.

5.2.2 La pluralità verbale


Alcuni verbi presentano la caratteristica di poter indicare, con forme differenti {alterna-
te), se il soggetto intransitivo o l'oggetto transitivo dell'azione sia singolare o plurale -
in altre parole, esistono verbi che presentano forme differenti a seconda che il soggetto
o l'oggetto siano al singolare o al plurale.
Va sottolineato, comunque, che tutti i verbi possono essere reduplicati, sia nel pas-
sato che nel presente-futuro, per indicare un soggetto o oggetto plurale: in questo caso,
la forma della reduplicazione prevede che il verbo sia raddoppiato senza modifìche
fonetiche {a differenza della reduplicazione aspettuale, v. 5.2.1, 2). Le due forme di
reduplicazione rispondono a valenze semantiche differenti.
A In taluni verbi la pluralità presenta stemmi alternati: essa riguarda un numero ri-
stretto di verbi generalmente intransitivi, indicanti in genere un movimento (fìsico o
psicologico), o più raramente transitivi sempre con valenza semantica di movimen-
to; in qualche caso all'opposizione singolarità vs. pluralità si somma quella aspettuale
(v. 5.2.1, 4).
Nei casi di verbi a stemma alternato, la pluralità riguarda il soggetto dei verbi intran-
sitivi e l'oggetto di quelli transitivi: in pratica è sempre il referente che porta il caso
assolutivo ad essere considerato plurale {v. oltre per gli esempi).

Si veda lo schema seguente (ripreso con modifìche da Z6lyomi 2017, p. 139):


Verbo __ --~ _ - - __ S~gc»~ _ _ ___ : _ __ Pi~e _____ -____
Pe_rfettiyo _ :_ __Imperfettivo Perfettivo
_"andare" _ --"_gen_ _ _ du _ . ~rer
~"_(3!1-~~<!Lst_a.:( ____~Sl!~------ _____ _:______ _____ ---+s~s_(g)__ _ __________ _
; ~(~!lè!.~;t)_ s~dc:rst_J_t':IL_ ____ _ _ --+4u_r_L _ _ -"dur~*- _ _ ___ -, _
, "'Vivc:rc:: ________ --~_tjloJ l_l!!i_(g)_*:_ ___ ____ _ ~eu
'"morire" uS2__

121
5 Il verbo

~=P~ i~~ ~-~~~-----~um~~:~~ u ~~~~~~--~-- - - - lll.lfl1~r.J~h~---;-~--- -------------


-- --,i~~u~.: d~-6 - innum.: tum *** -
' ----------- ---· ----- ·- ----- -- --- ' - l -~- -- ----- ---- -•-- --
*:è stato proposto che lo stemma plurale durun derivi da *dur+en, dove /en/ rappresenta un
rarissimo suffisso di plurale {v. 5.3, Nota)
**:si noti che il verbo til< 3 >, "vivere", è usato per gli esseri umani e lu 5 {g), con lo stesso
significato, per gli animali.
***: il verbo tum 3 possiede la caratteristica di avere un valore presente-futuro ma seguire la
coniugazione del passato {v. 5.3, A).

In questi verbi è chiaro che l' evidenziazione del numero di partecipanti giocava un
ruolo importante, forse, prima che grammaticalmente, socialmente ed economica-
mente, tanto da intaccare la semantica del verbo stesso.
Nota: in realtà non appare corretto parlare di 'alternanzà di stemmi per questi verbi, che sono rag-
gruppati solo per la valenza singolare o plurale che esprimono rispetto a un significato di base e che
vanno quindi considerati a tutti gli effetti verbi a sé stanti, con caratteristiche semantiche specifìche
{come in italiano uccidere e massacrare, che afferiscono alla stessa area semantica e in cui il secondo
porta con sé una valenza di pluralità che il primo non possiede, ma non sarebbero mai considerati
come alternati rispetto ad un signifìcato di base), v. Jagersma 2010, pp. 315-316.

Oltre alla pluralità espressa dalla semantica della forma specifica del verbo, la valenza
plurale viene espressa anche mediante l'uso dei pronomi sintattici. Si vedano i se-
guenti esempi (per la morfologia dei pronomi sintattici utilizzati nelle frasi v. 5.3):
Ummaki_a ki-ga 2 i 3 -durun-ne 2 -e5 2 , "(2 persone) risiedono a Umma presso
di me {lett. nel mio posto)", *umma=a1oc ki=gu=a1oc i.durun.d; l gu 4 ba-us 2 , "l
bue è morto", *ba.us.0; ba-ug 7 -ge-e5 2 , "(3 persone) sono morte", *ba.ug.d; lu 2
Unugki_ga iri-da i 3 -da-tus-a, "(orzo utilizzato) quando l'uomo di Uruk (=gli
urukiti) assediò la città {lett. sedette con la città)", *lu unug=ak=0... iri=dacom i.bda.
tus.0=a=a; Ur-dUtu dam dumu-ni-ta ki gu 2 -se 3 e-ne-de 6 , "(l'insieme dei
beni elencati) è stato portato ad Ur-Utu, a {lett. con) sua moglie e suo figlio, al luo-
go della riva (luogo di culto per i morti}", (urutu=ak)=radat dam dumu=ani=dacom ki
gu=ak=se,c, i.nne.de.0.
8 La reduplicazione completa dello stemma verbale, sia perfettivo che imperfettivo,
definita anche 'reduplicazione liberà, può indicare anch'essa una forma di pluralità,
che modifica però non solamente il numero di partecipanti, ma altresì la qualità
dell'azione stessa, attribuendole aspetti rafforzativi, iterativi, moltiplicativi ecc., che
occorre valutare di volta in volta.
Si vedano i seguenti esempi (per la morfologia dei pronomi sintattici utilizzati nelle
frasisiveda5.3):mu 5-kam-ka dam dumu Ku-li dumu Ba-ba-gu 10 -ke 4 -ne
ba-an-da-zah 3 -zah 3 -e5 2 dumu Ba-ba-gu 10 -ke 4 -ne mu-dab-dab-be 2 -e5 2 ,
"nel quinto anno la moglie e la figlia di Kuli fuggirono dai figli di Babagu, (ma) i figli
di Babagu le catturarono", *mu ia(5)=karn=ak=a1oc darn dumu kuli=ak=0... dumu
babagu=ak=ene=dacom ba.nda.zah/zah.d dumu babagu=ak=ene=ecrg mu.n.dab/dab.
e5 (pluralità del soggetto del verbo intransitivo nella prima frase e dell'oggetto nella
seconda); siki ud u-gan-na-kam su-a mi-ni-gar-gar, "(Gudea dismise frusta
e pungolo e) è lana di pecora (che) pose nelle mani (dei sorveglianti)", *siki udu

122
5.2 Il verbo e la sua semantica

gan=a=ak=0=am su=a1oc mu.ni.n.gar/gar.0 (la reduplicazione richiama la plurali-


tà dei sorveglianti); kur hu-mu-gam-gam kalam hu-mu-gi-in-gi-in, "(Io,
Sulgi) ho sottomesso tutti i paesi stranieri e ho reso del tutto sicuro il (mio) paese",
*kur=0... ha.mu.'.gam/gam.0 kalam=0..,. ha.mu.'.gin/gin.0 (qui, nella prima fra-
se, la reduplicazione si riferisce alla pluralità dei paesi sottomessi, nella seconda alla
completa riuscita di rendere sicuro il paese, valore rafforzativo).

5.2.3 I verbi composti


Nella grammatica sumerica non esistevano mezzi linguistici per creare nuovi verbi, che
nel lessico infatti risultano essere poche centinaia. In italiano, per esempio, anche se
la categoria verbale non è estensibile all'infinito esiste la possibilità di aggiungere un
prefisso al verbo per modificarne il significato, es. scrivere> de-scrivere, i(n)-scrivere, tra-
scrivere ecc. e più raramente di aggiungere un suffisso a un nome o a un aggettivo per
renderli verbi, es. atomo > atom-izzare, industriale > industrial-izzare. Questi meccani-
smi linguistici invece sono ignoti alla lingua sumerica.
Per arricchire di valori verbali il lessico, in sumerico viene usata una struttura che
prevede di unire a un verbo un sostantivo (tipo: [a+b=c]), o più raramente due refe-
renti nominali (tipo: [a, b+c=d]); nella maggior parte dei casi vengono usate parti del
corpo (giri 3 , "piede"; gu 2 , "collo"; sag, "testà'; su, "mano" ecc.), ma in questo tipo
di composizioni possono essere utilizzati molti altri lemmi, i quali costruiscono il nuovo
valore semantico, in genere descrivendo visivamente l'azione. I due lemmi composti
mantengono la loro identità semantica e morfologica: il nome precede sempre la frase
verbale e possiede un chiaro rapporto semantico e sintattico con il verbo cui si unisce.
Proprio per la natura eminentemente descrittiva del procedimento di arricchimento del
patrimonio verbale, la stessa base verbale può essere messa in relazione a più sostantivi
differenti.
Nota 1: proprio perché il nuovo valore semantico è dato dalla somma dei suoi componenti, non appare
corretto parlare di puri idiomatismi, cioè di modi di dire espressivi tipici del parlare comune lfarsi in
quattro, mangiare la foglia ecc.), ma di vere e proprie descrizioni dell'azione che si intende veicolare.
Bisogna però ricordare che non sempre ci è chiaro come i vari membri del composto producano il si-
gnificato finale.

Si vedano i seguenti esempi con alcuni nomi di parti del corpo: d u 10 , "ginocchio",
du 10 - bad, "correre", lett. 'aprire le ginocchià; gu 2 , "collo; fatica", gu 2 - bar,
"odiare", lett. 'allontanare il collo'; gu 2 - gar, "raccogliere", lett. 'metter(ci) la faticà;
gu 2 - la 2 , "abbracciare", lett. 'pendere dal collo'; gu 2 gd - gal 2 , "sottomettere", lett.
'mettere il legno (giogo) sul collo [di qualcuno]'; gdtu 2 , "orecchio", gdtu 2 - sum 2 ,
"ascoltare", lett. 'dare orecchio'; igi, "occhio", igi - bar/ gar/ gub, "guardare", lett.
'indirizzare/porre l'occhio'; igi - du 8 , "vedere", lett. 'aprire l'occhio'; sag, "testà', sag
- sum 2 , "iniziare", lett. 'dare la testa, l'inizio'; su, "mano", su - bal, "scambiare",
lett. 'far passare la mano'; su -bar, "liberare", lett. 'allontanare la mano'; su - gid 2 ,
U
accettare; suonare uno strumento"l , ett. (sten dere la mano; su - gar, esegutreJ)l
)V A ((
, ett.

'porre la mano;>vsu - tag, "d a ornare"l , ett. 'toccare con, f:ar passare la mano;>vsu - tl,

"prendere, ricevere", lett. 'allungare la mano', ecc. I seguenti verbi sono invece costruiti

123
5 Il verbo

con lemmi diversi: gd - tag, "offrire", lett. 'far toccare la tavola (all'offerta)'; ki -
ag 2 , "amare", lett. 'misurare il terreno?'; p a - e 3, "rendere manifesto", lett. 'far uscire la
chioma (parte superiore)', ecc.
Esistono, inoltre, alcuni verbi specifici che sono utilizzati per formare significati
nuovi in composizione: la loro caratteristica è quella non di costruire un'espressione che
descriva l'azione, ma di rappresentare un supporto al significato richiamato dal lemma
(la valenza semantica in questo caso è quella dell'ambito del "fare"); si tratta dei tre
verbi ak, "fare", il più produttivo ed utilizzato; du 11 (e le sue varie forme e e di, per
cui v. 5.2.1, Nota 3), "dire", e du 3, "eseguire, costruire, fare"; es. al - ak, "zappare",
lett. 'fare, usare la zappà; an-dul 3 - ak, "proteggere", lett. 'fare la protezione (an-
dul3)'; garig - ak, "pettinare (la lana)", lett. 'fare, usare il pettine (garig)'; gurum 2
- ak, "ispezionare", lett. 'fare l'ispezione'; sa-gaz - ak, "derubare, razziare", lett. 'fare
il ladro (sa-gaz)'; la stessa funzione possiede, dalla fine del III millennio a.C., il verbo
du 3, "eseguire, costruire, fare": gu 2 - du 3, "essere negligente" (lett. 'fare fatica?'); gd 3
- du 3, "copulare", gd 3 ='pene'; gdtu 2 - du 3, "ascoltare"; da ultimo il verbo du 1 p
es. an-dul 3 - du 11 , "proteggere"; silim - du 11 , "salutare", lett. 'dire salute' ecc.
Si noti che nella documentazione i verbi d u 11 e ak sono attestati anche in aggiunta
ad altri composti, laddove non è chiaro né la ragione della scelta di uno o l'altro di essi,
né quale valore semantico (o stilistico) essi aggiungano, es. su-tag - du 1 p "adornare";
pa-e 3 - ak, "rendere manifesto" (v. sopra).
Nota 2: come si vedrà a proposito dei prefissi dimensionali (pos. 6-7.4, v. 5.4 e sgg., spec. 5.4.5), in
taluni casi l'uno o l'altro di questi prefissi viene utilizzato per specificare o addirittura modificare il va-
lore semantico del verbo nella cui struttura viene aggiunto - questo rappresenta un modo ulteriore per
aumentare la capacità di esprimere azioni o stati verbali e sfumature semantiche nella lingua sumerica.

Nella traslitterazione delle forme participiali dei verbi composti le due parti si uniscono
con un trattino(-), mentre nella trascrizione si usano le parentesi tonde per sottolineare
la relazione semantica specifica della composizione; e quindi: lugal ki-ag 2 -ga 2 , "il re
amato" viene trascritto come *lugal (ki=0ass ag=a). Vengono trascritte tra parentesi an-
che le espressioni participiali che abbiano un argomento interno, es. dam tuku, "colui
che ha una moglie", lett. 'l'avente una moglie', che si trascrive *(dam=0ass tuku=0); lu 2
a 2 zi-ga, "colui che ha sollevato il braccio (contro)", che si trascrive *(lu a=0ass zig=a).
Sulle forme impersonali v. 5.11.

5.3 I pronomi sintattici e la diatesi del verbo


Nelle posizioni 8 e 11 (v. 5.1) i pronomi sintattici riprendono, all'interno della strut-
tura verbale, i casi sintattici a) dell'ergativo, con funzioni di agente, e b) dell'assolutivo
con quella di paziente nei verbi transitivi e di soggetto nei verbi intransitivi (v. 1.1 O, B).
Nella tabella che segue sono presentati i morfemi utilizzati per i pronomi all'interno
della frase verbale (per la loro grafia si rimanda agli esempi citati oltre):

124
5.3 I pronomi sintattici e la diatesi del verbo

Pro~~llle____ ;_________ Pos. 8 Pos. 11

valore erg./ass. ass./erg. ass.

I pers. sing. -'-* -en -en**


----t-·
II pers. sing. -e- -e n -e n
-- ---- --·- ----------:----- .. ---------------- ·----

III pers. sing. A -n- -e -0


···- --- -·-···-· ---·r--·-------·--·

III pers. sing. B -b- . -e -0


I pers. plur. -enden -enden

II pers. plur. . , -enzen -enzen


:------------·...!...,__·------------------+-------------------:---------------------
III pers. plur. : -b-*** -e ne -eS
- --- -------------- -- __. ____ --- -- ---· - ----- - - - - - - - ----~-

*:il pronome di prima persona è ipotizzato come un suono glottidale sordo occlusivo (v. 3.2.1), in
realtà non ricostruibile in modo ceno, ed è identificato come tale sulla base del comportamento fo-
netico del prefisso che precede.
**: il suffisso *-en di I e II pers. sing. può essere anche scritto -en 3 , -en 6 e -en 8 ; per l'assimilazione
della vocale di questi pronomi a quella che precede, così come di quella del pronome di III pers. plur.,
si veda oltre.
***:esiste una forma *-(n)ne- che viene raramente utilizzata nei periodi più arcaici e tende a scompa-
rire nella seconda metà del III millennnio a.C., mentre quella in *-b- è più recente e si ritrova anche
nella documentazione post-sumerica, per cui si veda oltre la Nota 3.

Si noti che la vocale /e/ dei suffissi pronominali post-verbali può assimilarsi a quel-
la che la precede, es. ba-ra-an-sa 10 -as, "essi vendettero (se stessi}", *ba.ra.n.sa.d;
i 3 -ba-a-ne, "essi divideranno (l'eredità del padre}", *i.ba.ene; i 3 -na-sum 2 -mu-us,
"essi lo dettero a lui", *i.nna.n.sum.d, ecc. (si veda anche oltre). Allo stesso modo, la
consonante /n/ finale dei pronomi post-verbali può scomparire nella pronuncia e va
ricostruita nella trascrizione {v. 3.1). Nelle sezioni che seguono si evidenzierà il modo
in cui questi morfemi pronominali vengono utilizzati all'interno della frase verbale.
Nota 1: sono attestate le vestigia di un arcaico sistema di pluralità verbale che è rappresentato da un
suffisso /en/, che segue lo stemma verbale e si ritrova in rarissime occorrenze essenzialmente assieme al
verbo ku4 , "entrare", es. mu-na-ku.(DU)-re 6 -na-am 6 , "(si tratta di animali) che sono entrati qui
(nel Palazzo per la moglie del governatore)", *mu.nna.kur+en.0=a=0=am; il suffisso si ritrova ancora,
probabilmente, nei morfemi di I e II pers. plur., *-en+den e *-en+zen; si veda anche 5.2.2, A.

A I verbi transitivi. Nelle forme transitive la ripresa dei pronomi riguarda sia l'ergati-
vo che l' assolutivo, che vengono richiamati in modo differente nella frasi passate o
in quelle presenti-future.
Per quanto riguarda il preterito, le forme transitive prevedono che l'ergativo sia
ripreso nella posizione 8 (preverbale) e l'assolutivo nella posizione 11 (postverbale),
secondo le forme presentate nello schema seguente:
-- --·-···--- -·- --- ------ ~ ----· -·-· ·---·-····-·--··-- -· -··· -·· "T--·---···------··

Persona Ergativo Verbo* Assolutivo

I pers. sing. -e n
v ~---------------­
. '

: II pers. sing. -e- -e n

125
5 Il verbo

III pers. sing. A -n- -0


III pers. sing. B -b- -0**
!- - - - - - - ·~ ·--- -------· -- ---· ------- -------- ··--. -- -- ---·--

: I pers. plur. v -enden

II pers. plur. -enzen

III pers. plur. -b- -d


*:si intende qui lo stemma del verbo e si ricorda che, se il verbo è composto (v. 5.2.3),
la parte nominale precederà l'intera struttura verbale.
**:nel caso deUa III pers. sing. dell'assolutivo si annulla l'opposizione della classi A e B.

Si vedano i seguenti esempi (per la morfologia dei prefissi utilizzati nelle frasi si veda
ai capitoli relativi): geme 2 -gu 10 nu-u 3 -ra-sum 2 , "Io non ho dato la mia schiava
a te!", *geme=gu=0... nu.i.ra.'.sum.0, dove la*-'- davanti al verbo, colorato con la
vocale l ul per la vicinan~a con il prefisso di negazione n u-, indica la I pers. sing. e il
morfema *-0 dopo il verbo riprende l'assolutivo del lemma geme 2 ; u 4 - bi-a a 2 -zu
izi bi 2 -tag giskim-gu 10 ha-mu-u 3 -zu, "(dice Ningirsu a Gudea) in quel gior-
no (in cui l'Eninnu sarà iniziato) il fuoco avrà marchiato (lett. toccato) il tuo braccio
(e) avrai conosciuto chiaramente il mio segno (= della mia potenza)!", *ud=bi=3.toc
a=zu=0... izi=etrg bi.b.tag.0 giskim=gu=0... ha.mu.e.zu.0, qui la prima forma ver-
bale ha l'agente di classe B, espresso dal pronome *-b- in posizione preradicale, che
richiama il lemma i z i, mentre la seconda forma ha il morfema prefisso *-e- della II
pers. sing. riferito a Gudea, ed entrambe posseggono il suffisso *-0 dell' assolutivo
che riprende l'espressione a 2 - z u nella prima frase e g i s k i m- g u 10 nella seconda (sul
prefisso modale ha- v. 5.9.3); l arad 2 ku 3 4 gin 2 -se 3 Lugal-e 2 -mah-e in-
sa10, "Lugal-emahe ha acquistato uno schiavo per4 sicli d'argento", *dis(l) arad=0...
kug limmu(4) gin=serer lugalemahe=etrg i.n.sa.0, dove la *-n- in posizione preverbale
richiama l'ergativo di Lugal-emahe e lo *-0l'assolutivo del lemma arad 2 ; dEn-lil 2
nam-maQ. nam-en-na mi-ni-in-tu-de 3 -en, "(O Nanna) Enlil ti ha generato
per la (lett. nella) magnificenza e per la signoria!", *enlil=etrg nammah namen=a1oc
mu.ni.n.tud.en, dove in posizione antecedente lo stemma si riprende l'ergativo di III
pers. sing. cl. A, riferentesi ad Enlil come agente dell'azione, e dopo il verbo viene
ripreso il suffisso *-en di II pers. sing., in riferimento all' assolutivo rappresentato
implicitamente da Nanna cui lo scriba si sta rivolgendo.
In un verbo transitivo, nella ripresa di un ergativo di III pers. plur. al passato, si
ha una costruzione perifrastica che prevede la scissione del significato in due parti:
in posizione preradicale si ha il richiamo mediante una *-n-, che indica la classe di
appartenenza, mentre in posizione postradicale si ha il morfema *-ci, che indica il
valore plurale; si vedano i seguenti esempi: lu 2 -inim-ma-bi ga-mu-tum 2 bi 2 -
in-d, "essi (uno schiavo e quattro suoi figli) dicono: 'Porteremo i suoi (dell'avvenu-
to affrancamento) testimoni!"', *(luinim=ak)=bi=0... ga.mu.b.tum bi.n.e.ci, dove
la III pers. plur. è espressa dalla forma perifrastica *-n-V-d; i 3 - bi 2 -l a D u- d u-
ke 4 -ne, ka-ga-ne-ne-a ba-ni-gi-in-d, "(i testimoni hanno testimoniato e)

126
5.3 I pronomi sintattici e la diatesi del verbo

gli eredi di Dudu hanno confermato (l'acquisto) anch'essi (lett. nelle loro bocche)",
*ibila dudu=ak=ene=ecrg kag=anene=a1oc ba.ni.n.gin.e5. Si noti che nel caso di questa
forma plurale non si ha la ripresa dell' assolutivo in posizione postradicale, posizio-
ne occupata dal suffisso *-e$ (quindi nella trascrizione non viene ricostruito alcun
morfema).
Nota 2: nei testi è documentata anche la possibilità di esprimere il plurale mediante il pronome *-h-
in posizione preradicale, come per esempio in queste due frasi: (Beli-arik e Ur-nigar) su ba-an-ti-
eS, "hanno ricevuto (carcasse di animali)", in contrapposizione a (Beli-arik e Ur-nigar) su ba-ab-ti,
con lo stesso significato; ancora 38 gurus ... zi 3 ... ba-ab-gu 7 , "38 lavoratori ... farina ...
hanno consumato" (v. ancora Cr 8b, Il. 1-4). Si noti che la possibilità di indicare un soggetto classe
A mediante il prefisso *-b- vale anche quando il soggetto è rappresentato da un gruppo anonimo di
persone, es. aga 3-us 2 sukkal-mah-ke 4 su ba-ab-ti, "la scorta del Primo Ministro ha ricevuto
(il semolino)", *agaus sukkalmah=ak=e.rg su=0.,. ba.b.ti.0 (si noti anche engar-e su ba-ab-ti, "i
fattori lo hanno ricevuto").
Per quanto riguarda la ripresa dei casi sintattici nelle forme transitive presenti-fu-
ture, si assiste a un'inversione delle posizioni e dei valori logici dei morfemi: l'erga-
tivo (agente) è ripreso dai morfemi postradicali, con minime modifìcazioni, mentre
l' assolutivo (paziente) è coreferenziato dai morfemi preradicali, secondo il seguente
schema:
--·--- --------·- . -----.-· . --·--. ------- -------- ·--
' .

Persona . Assolutivo Verbo* Ergativo


I pers. sing. -e n
~--------_...___ _________c
'
II pers. sing. -e- -e n
, III pers. sing. A -n- -e
- ---- - -- --- ----~

III pers. sing. B -b- v -e**


-t------------
I pers. plur. :- ! -enden

II pers. plur. !- : -enzen


III pers. plur. ; -b- , -ene

*: si intende qui lo stemma del verbo e si ricorda che, se il verbo è


composto (v. 5.2.3), la parte nominale precederà l'intera struttura
verbale.
**: si osservi come anche nelle forme presenti-future la distinzione
tra le due classi A e B non venga mantenuta nel pronome di III
pers. sing.

Come si nota, i suffissi pronominali, con la sola eccezione delle III pers. sing. e plur.,
risultano identici a quelli della ripresa dell' assolutivo nelle forme preterite.
Si vedano i seguenti esempi: e 2 -zu ma-ra-du 3 -e, "(o Ningirsu) io (Gudea) costru-
irò per te il tuo tempio", *e=zu=0... mu.ra.du.en (per la caduta della consonante finale
del suffisso v. sopra); he 2 -na-ab-sum 2 -mu, "che lo dia a lui!", *ha.i.nna.b.Sum.e
{formula comune nelle letter-orders per indicare l'obbligo di consegna di un bene
da parte del destinatario, v. 4.11.2, Nota l e Cr 4); e 2 -ninnu me-be 2 an-ki-a
pa-e 3 mu-ak-ke 4 , "(dice Ningirsu) io renderò manifesti in cielo e in terra i poteri
dell'Eninnu", *(ejninnu=ak me=bi)=edir an ki=a1oc pa.e=0... mu.ak.en (come si nota

127
5 Il verbo

nella trascrizione, la ripresa del pronome prefìsso di classe B, *-b-, in posizione p re-
verbale è facoltativa nel pres.-fut. quando ha funzione di paziente, cioè si riferisce ad
un assolutivo).
Nota 3: l'assenza nella grafia della *-b- può essere dovuta alla tendenza scribale a non evidenziare le
consonanti in fine di sillaba (v. 2.9), ma si veda l'esempio seguente: gu~-gu 10 ~clkiri 6 erduru 5
Lu 2 -igi-ma-se 3-ka u 2 heren-gu 7 -e, "i miei buoi mangino (pure) l'erba nel palmeto del villaggio
Lu-igima5e!", *gud=gu=eerg kiri (eduru luigima5e=ak)=a.oc ha.i.n(i).gu.e (l'espressione è formalmente
singolare); qui la grafia rende chiaro che nella forma verbale non c'è ripresa del pronome *-b-, perché
il prefisso modale *-ni- si riduce ad *-n- quando in posizione preverbale non è seguito da un morfe-
ma pronominale (v. 5.4.4, A). È stato proposto che la ragione della presenza o assenza del pronome
*-b- dipenda da fattori semantici (tendenza di alcuni verbi a rappresentarla più raramente, ad es. de 2 ,
du 3 , gar, e), ma a tutt'oggi non esiste una soluzione a questa situazione linguistica.

Sivedanoiseguentiesempi: A-nun-na bar-gu 10 -a sud 3 he 2 -mi-se 21 -za, "Voi,


o dèi Anuna, possiate dire una preghiera per me!", *anuna=0... sud=0... ha.i.m.bi.
se.enzen; e 2 -ninnu im-ta-sikil-e-ne, "essi puliscono l'Eninnu (con scope di
tamarisco)", ejninnu=0... i.m.bta.sikil.ene. Si vedano ulteriori esempi nella Cresto-
mazia.
Nei verbi che esprimono l'aspettualità con forme specifiche (v. 5.2.1), il verbo com-
parirà nelle forme presenti-future nel suo stemma imperfettivo e si avranno allora
due differenti indicazioni grammaticali che indicano la forma presente-futura, es.
ensi 2 inim bi 2 -ib 2 -girgira, "il governatore che revocherà (le offerte della sta-
tua di Ningirsu)", *(ensi=ak) inim=0... bi.b.gi/gi.e=a (per la mancanza di evidenza
morfologica dell'ergativo in frasi secondarie si veda 6.6).
Nota 4: esiste una rara forma *-ne- che, fino alla fine del periodo accadico (2200 a.C. ca.), esprime il
paziente plurale di cl. A in posizione preradicale, es. su ha-mu-ne-us 2 -e, "(Dudu ordina: 3 perso-
ne) che egli le (-ne-) faccia giungere qui!", *su ha.mu.ne.us.e; sulla base della identità formale con il
prefisso *-nne- (v. 5.4) è stato proposto di ricostruire anche questo morfema come *-nne-.

B I verbi intransitivi. Nella diatesi dei verbi intransitivi, da un punto di vista sintatti-
co si ha ovviamente la sola ripresa dell'assolutivo (soggetto), cioè dell'unico parteci-
pante all'azione, secondo il seguente schema:
-------------------- ----- ----- ------- ------------------------,
Persona Assolutivo i
- - ----j
: I pers. sing. . -en i
~------------------. :--- -----·------i
: II pers. sing. -en !

: III pers. sing. A


-- ~0- - --~
t-··---·· ------- --- -· - ...... - .. .;

' III pers. sing. B v -ed -0 - -1


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -------·j -------·1
' I pers. plur. -enden l
---· ------· ---- ·-1
II pers. plur. -enzen
·---- ------ --------~
l
III pers. plur. -· - ____-e5____ - J
*: si intende qui lo stemma del verbo e si ricorda che, se il verbo è
composto (v. 5.2.3), la parte nominale precederà l'intera struttura
verbale.

128
5.3 I pronomi sintattici e la diatesi del verbo

Nota 5: come si vede, nei verbi intransitivi l'assolutivo con funzione di soggetto occupa la posizione
postradicale; ciò indica che la struttura del verbo transitivo al preterito, che abbiamo incontrato pre-
cedentemente, risponde direttamente alla caratteristica di lingua ergativa del sumerico: l' assolutivo è
anche in questo caso ripreso dai morfemi postradicali, mentre l'ergativo è richiamato da un insieme
di pronomi chiaramente distinto nella sua posizione preradicale da quello in cui si richiama l'asso-
lutivo. Viceversa, nelle forme transitive presenti-future abbiamo sottolineato l'inversione di questo
comportamento, per cui i morfemi si 'scambiano' la posizione logica: in questo caso la relazione sin-
tattica è dunque modificata e il soggetto e l'agente vanno a occupare la stessa posizione; la struttura
in questo caso è allora nominativo-accusati va, come in latino (v. l. l O, B). Il fatto che in una lingua
ergativa ci siano situazioni in cui il rapporto sintattico viene espresso in modo nominativo-accusativo
si definisce in linguistica 'Ergative Split', o 'Split Ergativity'.

Come si può osservare dallo schema, nei verbi intransitivi l'opposizione passato l
presente-futuro si evidenzia mediante la presenza del suffisso *-ed che segue il verbo
e precede il pronome suffisso in posizione 11; questa caratteristica tende a scom-
parire nell'ultimo secolo del III millennio a.C. e scompare del tutto in epoca post-
sumerica, annullando praticamente la differenza aspettuale (sull'uso di *-ed nelle
forme implicite, cioè participiali ed infìnitive, si veda 5.11.3). Nel caso dei verbi che
presentano l'opposizione temporale mediante uno stemma differente (v. 5.2.1), il
suffisso *-ed si somma al suffisso stesso e si avranno due indicazioni per la tempora-
lità/aspettualità della forma.
Si vedano i seguenti esempi: sa 3-bi-a ni 3 sa 3-gar-ra-ka i-im-til-le-de 3-en-
de3-en, "al suo (= di Ur) interno noi verremo ad estinguerci (lett. finiremo) per
la fame", sag=bi=aloc nig sagara=ak=aloc i.m.til.ed.enden; ba-ra-ba-zah3-de3-en,
"(Lu-Enlila ha dichiarato) non fuggirò", *bara.ba.zah.ed.en; la-ba-gi 4 -gi 4 -de 3-
h-a, "(hanno giurato) che non torneranno più (sulla questione)", *nu.ba.gi/gi.ed.
d=a (qui si hanno due indicazioni di azione presente-futuro, la reduplicazione del
verbo e il suffisso *-ed).
C Riepilogo. La diatesi verbale, per quanto riguarda la ripresa nella catena del verbo di
agente (ergativo) e paziente (assolutivo) nei verbi transitivi e di soggetto (assolutivo)
in quelli intransitivi, è espressa quindi mediante morfemi che possono essere posti
di fronte al verbo (pos. 8, preverbale) o dopo di esso (pos. 11, postverbale), secondo
il seguente schema riepilogativo:
---- ------------------------- ________________ __
, ------ ---- ---------~----

verbi transitivi intransitivi


tempo/aspetto i pass./perf. pres.-fut./imperf. pass./perf. pres.-fut./imperf.

concordanza ' ERG- Verbo-ASS ~ ASS- Verbo-ERG Verbo-ASS Verbo-ed-ASS


struttura ergativa nominativo- ergativa ergativa
accusativa

Nota 6: i verbi stativi (che indicano cioè uno stato permanente, quali ad es. gal, "essere grande";
sa 6 , "essere bello"; us 2 / ug 517 , "morire" ecc.) possiedono solamente la forma preterita e non quella
presente-futura, es. ba-us 2 , "è morto", *ba.us.0.

129
5 Il verbo

5.4 I prefissi dimensionali


All'interno della forma verbale, le posizioni da 6 a 7.4 (v. 5.1) possono essere occu-
pate da alcuni morfemi che richiamano i casi dimensionali utilizzati nella frase dallo
scrivente (ma v. 5.4.5 per altre funzioni di questi prefissi): la caratteristica di ingloba-
re, all'interno della frase verbale, informazioni dimensionali si definisce in linguistica
'incorporazione verbale' ed è un tratto assai raro nelle lingue note. In sintesi, oltre ai
casi sintattici (v. 5.3), nella frase verbale, che in sumerico conclude sempre un enun-
ciato, è possibile riprendere fino a quattro espressioni dimensionali che precedono la
forma verbale stessa (ma nella grande maggioranza dei casi si hanno uno o due prefissi
dimensionali); questa ripresa non è obbligatoria e può possedere una serie di significati
differenti (v. oltre per gli aspetti sintattici e semantici); es. dBa-u 2 ••• Gu 3 -de 2 -a ...
ala n ... e 2 -a mu-na-ni-ku 4 , "Per Bàu ... Gudea ... una statua ... nel tempio fece
entrare (per lei lì)", *ba'u=radar ... gudea=eerg ... alan=0... ej=a1oc mu.nna.ni.n.kur.0, in
cui nella frase verbale i prefissi dimensionali *-nna- e *-ni- richiamano rispettivamente
il dativo del dio cui la statua è stata dedicata e illocativo del tempio in cui è stata fatta
entrare. Poiché si tratta di una espressione preterita di un verbo transitivo (con due
partecipanti), si ricostruisce una *-n- in posizione preverbale a richiamare l'ergativo di
Gudea e un morfema *-0 in posizione postverbale che riprende l'assolutivo rappresen-
tato dalla statua (v. 5.3, A).
Il verbo sa 10 è un esempio chiaro del tipo di relazione che si instaura tra un verbo,
i casi nominali e i prefissi della frase verbale; esso significa fondamentalmente "barat-
tare", quindi "comprare" o "vendere" a seconda del punto di vista (del venditore o del
compratore) e, conseguentemente, della morfologia che viene usata (v. 4.3, B, Nota 1).
Si vedano i seguenti esempi (e oltre per la morfologia relativa): N i t a-e Me-sd-sd-e
Nibruki_ta se-a mu-na-ni-sa 10 , "da Nippur Nita ha barattato per Me-sclscle (ar-
gento) con orzo", "nita=eerg mddscie=rada, nibru=ta.b1 se=a~oc mu.nna.ni.n.sa.0, in cui il
locativo se-a, ripreso dal prefisso locativo *-ni-, dà al verbo il valore di "scambiare una
cosa con (lett. in) un' altrà', mentre la cosa scambiata è espressa in assolutivo e l'autore
dello scambio in ergativo; nel significato di "comprare" si ha invece il compratore al
caso ergativo, la cosa acquistata in assolutivo e la persona da cui si compra al caso ter-
minativo, es. 1Nin-za 3 -ge-si ... Ur 3 -re-ba-du 7 ••• A-kal-la ... in-Si-sa 10 -a,
"(ci sono testimoni del fatto) che Akala ... ha acquistato da Ure-badu ... (la schiava)
Ninzagesi", *ninzagesi=0...... urebadu=se,., ... akala=eerg i.nsi.n.sa.0 (qui in realtà si
ha il dativo nel nome ripreso dal prefisso terminativo, per i dettagli v. Cr 3a, 11. 2-10);
infine, nel significato di "vendere" si ha di nuovo il venditore al caso ergativo, la cosa
acquistata a quello assolutivo e, all'interno del verbo, il prefisso dimensionale dell'a-
blativo, che indica, senza referenza ad alcun caso nominale, la direzione dell'azione, es.
Sd-kal-la Lu 2 -diSkur dumu-ni ba-ra-sa 10 , "Sdkala ha venduto suo figlio Lu-
ISkur", *sdkala=eerg (luiskur=ak)=0... ba.ta.n.sa.0 (v. 5.4.5 per gli aspetti semantici).
Un altro esempio può essere rappresentato dal verbo composto igi -bar, "rivolgere
l'occhio", che se utilizzato con il terminativo significa "guardare", mentre se utilizza-
to con illocativo indica "esaminare, osservare attentamente (un documento)"; es. en
Arattaki_ke 4 im-ma igi i-ni-in-bar, "il signore di Aratta esaminò la tavoletta",

130
5. 4 I prefissi dimensionali

*en aratta=ak=e.rg im=a1oc igi=0..,. i.ni.n.bar.0; tot se sumun Lu 2 -dBa-u 2 mar-


tu im-ba igi i 3 -ni-bar, "Lu-Bàu, l'amorreo (siriano), ha esaminato le tavolette
di(= relative a) tot orzo", *tot se sumun=ak (lubàu=ak) martu=ecrg im=bi=~oc igi=0..,.
i.ni.n.bar.0 {si noti il genitivo anteposto se sumun=ak ... im=bi); Gu 3 -de 2 -a en
dNin-gir 2 -su-ke 4 , igi zi mu-si-bar, "il Signore Ningirsu rivolse il suo sguardo
fedele verso Gudeà', *gudea=seccr en (ningirsu=ak)=ecrg igi zid=0..,. mu.nsi.n.bar.0.
Nota 1: in letteratura questi morfemi sono stati anche descritti come 'infissi dimensionali', poiché si
trovano fisicamente tra i vari prefissi che li precedono {pos. 1-5) e i pronomi preverbali (pos. 8); dal
momento che in linguistica il termine 'infisso' indica l'aggiunta di un morfema all'interno di una radice
verbale, come accade tipicamente nelle lingue semitiche {es. accadico imahhar, "egli riceve", imtahar,
"egli fu d'accordo"), si preferisce oggi definirli 'prefissi dimensionali', posti cioè di fronte al verbo.

In genere, un prefisso dimensionale è formato da un pronome che richiama la persona


e da un morfema che richiama il caso; si osservi però che solamente il primo di una
serie di prefissi dimensionali possiede un pronome cui si unisce, mentre i seguenti ap-
paiono nella sola forma del caso di riferimento {cioè senza un pronome); i prefissi senza
riferimento pronominale si riferiscono sempre a realtà della classe B. I casi dimensionali
vengono ripresi secondo un ordine che prevede il dativo in prima posizione, quindi il
comitativo, il terminativo o l'ablativo, che si escludono a vicenda, e infine il direttivo
o il morfema dellocativo *-e- {solo verbale), anch'essi in contrapposizione reciproca.
Si noti che il dativo, se presente, è sempre accompagnato dal pronome in quanto si
trova sempre in posizione immediatamente seguente il pronome stesso (ma v. la Nota
l che segue per eccezioni). I morfemi dei pronomi e quelli dei casi dimensionali sono i
seguenti {v. Jagersma 2010, p. 381, con modifiche):
Pers. Pron. Casi dimensionali
Dat. Com. Ter.// Dir.//
(oggetto Abl. Loc.
indiretto)
'--- ---- ... --- ·-- ~ --
I pers. sing.
II pers. sing. -e-
III pers. sing. A -n-
-a- -si- 11 -ni-//
III pers. sing. B -b- -da-
-ra- -ta- -e-
I pers. plur. -me-
II pers. plur. (-ene)-
III pers. plur. -n ne-

Si può osservare una corrispondenza di forma quasi totale tra casi nominali e casi dei
prefissi dimensionali {v. nei paragrafi che seguono per alcune discrepanze).
Nota 2: il pronome della pos. 6 non è espresso, nemmeno di fronte al primo dei prefissi dimensionali, nei
seguenti casi: a) nel dativo di I pers. sing. e plur. il suffisso del caso *-a- viene unito direttamente al ven-
tivo, senza un pronome di riferimento, es. ma-an-sum 2 , "egli me lo ha dato", *ma.n.sum.0 {v. 5.4.1);
b) il prefisso di III pers. sing. del caso locativo *-ni- possiede solo questa forma, quindi senza presenza di
pronome, es. mu-ni-gar, "egli lo mise Il", *mu.ni.n.gar.0 {v. 5.4.4); infine, c) il prefisso ba- esclude

131
5 Il verbo

l'uso del pronome di III pers. sing./plur. cl. B *-b, per cui il caso si presenterà senza pronome, che è
sussunto dal prefisso ba- stesso, quindi ba-ta-i1 2 , "lo ha sollevato da lì", *ba.ta.n.il.0 {non *ba.bta). In
questa grammatica, il primo dei prefissi dimensionali, quello cioè che si unisce al pronome, se non si è
nelle situazioni presentate sopra, si trova in trascrizione assieme al pronome stesso, quindi l'espressione
a 2 mu-da-ag 2 , "egli gli ha ordinato", viene trascritta *a=0.,. mu.nda.n.ag.0: la pos. 6 e le pos. 7.1-4
saranno quindi accorpate in un'unica trascrizione.

Nei paragrafi che seguono, da 5.4.1 a 5.4.4, si presenterà la morfologia e la sintassi


dei vari prefissi dimensionali, mentre nel paragrafo 5.4.5 si analizzeranno gli aspetti
semantici.
Nota 3: nonostante l'origine dell'incorporazione, a mio avviso, risieda nel rappono strettissimo che lega
una frase verbale alle parti che l'hanno preceduta (si veda anche Jagersma 20 l O, pp. 297 sgg.) e sottoli-
nei, originariamente, le scansioni dell'enunciato rappresentate dai casi dimensionali, in corso di tempo
la loro funzione si è evoluta e arricchita di significati e valori sintattici, per cui v. 5.4.5.

5.4.1 Il prefisso dimensionale del dativo (pos. 7.1}


Il prefisso dimensionale del dativo è riservato, come la sua controparte nominale, alla
sola classe A dei sostantivi. Se nell'enunciato c'è un dativo, espresso o meno dalla po-
sposizione *-ra (v. 4.11.2), questo viene sempre ripreso nella forma verbale mediante
un prefisso dimensionale, es. dBa-u 2 ... Gu 3 -de 2-a ... e 2-ki-ag 2 -ni mu-na-du 3 ,
''A Bàu ... Gudea ... il suo tempio amato costrul per lei", *bàu=rada• ... gudea=eerg ...
ej (ki=0ass ag=a)=ani=0ass mu.nna.n.du.0; ciò avviene anche se il dativo è implicito, es.
dNin-gir 2-su e 2-zu mu-ra-du 3 , "O Ningirsu, io ho costruito per te il tuo tempio",
*(ningirsu=ak)=0ass ej=zu=0ass mu.ra.'.du.0. Per le forme si veda il seguente schema:
:-------- ---·--;·----·- --- -- -· -·-· --·-- ------------
pers. sing. plur.
: ·-------------!-------- - ------,-------- --------· ---------- -;
ma- (-)me-
t-------------~------ -----. ---- ---------,
~ II , -ra- : -ra- ... -enzen ,
- - - - - - ·---------:------------------_J
III · -nna- · -nne-
. ------------L _______ --- ---- ~- -- ------- ---- ----- -- ~

Le I pers. sing. e plur. del prefisso dimensionale del dativo presentano una forma spe-
cifica del morfema /m/ del ventivo, in cui il morfema stesso funge da pronome; queste
rrorme sono nspetttvamente
. . ma-, "a me, , e me-, "a noi.,, , es. ur-sag ma-a- d Un, "O
A

eroe(= Ningirsu), tu mi hai parlato", *ursag=0ass ma.e.dug.0; Lugal-ka he 2-me-


sum2-mu, "che Lugalka lo(= il campo) dia a noi!", *lugalka=eerg ha.me.Sum.e; si noti
che le forme di I pers. sing. e plur. dei prefissi dimensionali si accompagnano sempre al
ventivo (v. 5.7).
La II pers. sing. presenta la forma *-ra- , la cui origine non è chiara (v. Jagersma
2010, pp. 407-408), es. za-ra ma-ra-an-du 1 p "(dice Nanse a Gudea: Ningirsu)
proprio a te ha detto (di costruirgli l'Eninnu)", *za=rada, mu.ra.n.dug.0 (si noti il pas-
saggio m u- >ma- del ventivo per assimilazione vocalica); geme 2 -gu 10 n u-ra-sum 2 ,
"io non ho dato a te la mia schiavà', *geme=gu=0ass nu.i.ra.' .sum.0.
Nota 1: nel III millennio a.C. è possibile che di fronte al prefisso del dativo di II pers. sing. si avesse l'el-
lissi del prefisso *i-, es. ku 3 -bi u 4 4-kam-ka lu 2 -kin-gi 4 -a-gu 10 ra-an-tum 2 , "il mio messaggero ti

132
5.4 I prefissi dimensionali

porterà quell'argento fra quattro giorni", *kug=bi=0.., ud limmu(4)=kamma=ak=a1oc (lukingi=a)=gu=e.111


ra.n.tum.0; v. ancora 5.4.4, A; 5.5, B.

La II pers. plur. è molto rara e non ne esistono esempi arcaici; in periodo paleo-babilo-
nese sembra esistere una forma perifrastica, come nell'es. seguente: inim ga-mu-ra-
an-du11-en-ze2-en, "vi voglio dare un ordine!", *inim=0... ga.mu.ra.ni.dug.enzen,
in cui alla forma singolare si unisce il suffisso *-enzen per evidenziare la pluralità.
La III pers. sing. è da ricostruire come *-nna-, es. in-na-la 2 , "egli ha pesato (l'ar-
gento) per lui", *i.nna.n.la.0; gu 3 mu-na-de 2 , "lo chiamò (lett. 'versò la voce per')",
*gu=0... mu.nna.n.de.0. La forma della III pers. plur. è *-nne- (letta anche *-nne-),
"ad essi", es. mu-ne-sum 2, "egli lo dette a loro", es. *mu.nne.n.sum.0; alla fine del III
millennio si trova anche la forma *-nne'a-, es. i 3 -bi 2 -la Ulu 3 -di-da-ke 4 -ne ba-
ne-a-gi-na, "(processo riguardo al fatto) che (il magazzino) è stato attribuito agli
eredi di Uludi", *ibila uludid=ak=ene=radar ba.nne' a.gin.0=a.
Nota 2: nella forma della III pers. plur. è stato ipotizzato di ricostruire sempre una /al dopo il pronome
*-nne-, quindi *-nne'a-, in ogni periodo della lingua; ma è possibile che l'aggiunta della /al sia un tratto
recente (dalla fìne del III millennio a.C.) ignoto in epoche precedenti.

5.4.2 Il prefisso dimensionale del comitativo (pos. 7.2)


Come abbiamo visto anche per il dativo, nella parte nominale il comitativo, sia espli-
cito che implicito, è sempre coreferenziato con un prefisso dimensionale relativo che
in entrambi i casi è *-da-; esso può essere utilizzato indistintamente con i sostantivi
delle due classi A e B. Si veda lo schema seguente per le forme {le forme tra parentesi
quadrate non sono attestate o lo sono assai raramente):
pen. sing. plur.
(-')-da- (-me)-da-
II -e-da- [-ene-da-]
III (-n/b)-da- -nne-da-

La I pers. sing. ha spesso la grafia *-da-, senza evidenziazione del pronome, es. k u 3 n u-
mu-da-a-tuku, "io non ti devo argento!", *.kug=0... nu.mu.'da.e.tuku.0, lett. 'tu
non hai argento con me'; se e 2 -a n u-m u-da-gal 2 , "in casa non ho orzo {lett. con me
non si trova)", *se=0... ej=3.Joc nu.mu.'da.gal.0. La I pers. plur. prevede la forma me-,
che contiene il morfema del ventivo, es. ku 3 ••• me-da-tuku-a, "l'argento ... che
noi gli dobbiamo", *kug=0ass ... me.da.n.tuku.0=a, lett. 'che egli ha con noi'.
La II pers. sing. è scritta anch'essa assai spesso *-da-, es. nam-lu 2-ulu 3 u 2 -sim-
gin7 su dagal ba-mu-dab 6 -du 1p "grazie a te (lett. con te, Lugalzagesi) la gente
si diffonderà come l'erbà', namlu'ulu=e.rg u.sim=ginequ su dagal mu.eda.b.dug.0- si
noti la grafia -dab 6 - per indicare due morfemi, il prefisso dimensionale del comitati-
va e il pronome di III pers. sing. cl. B per richiamare l'ergativo (la gente, collettivo),
per cui v. 2.1 O, l, Nota. Soprattutto in epoca più tarda, si può anche trovare la grafia
analitica *-e-da-, es. u 8 zi-gin 7 silaçzu ba-e-da-ku 5 , "(mia città), il tuo agnello è

133
5 Il verbo

stato separato {lett. tagliato) da te come da una buona pecora matricinà', *u zid=ginequ
sila=zu=0ass ba.eda.kud. 0, paleo-babilonese.
La III pers. sing. può essere scritta sia *n/h-da- che *-da-, es., dEn-lil 2-le ... a 2-bi
mu-da-ag 2, "Enlil ... gli (a Utu-hegal) ha dato l'ordine (di distruggere Gutium)",
lett. 'ha misurato il relativo braccio con lui' (v. Cr 1h, ll. 1-12), *enlil=e.,s ... a=hi=0...
mu.nda.n.ag.0; es. elam dab 5 -ba-da mu-da-gen-na-me, "essi sono coloro che
sono venuti con il prigioniero elamità', *elam dab=a=dacom mu.nda.gen.0=a=0=me5;
aga 3-us 2-ne e 2-gal-la gu 4 -da e-da-gu 7 , "i soldati hanno consumato nel palazzo
(farina) e {lett. insieme con) un bue", *agaus=ene=eerg ejgal=a1oc gud=dacom i.bda.b.gu.0
- si noti la ricostruzione del pronome *-b- per indicare il plurale collettivo (v. 5.3,
A, Nota 3). Si veda es. kiri 6 ••• Ur-dNin-gir 2-su ... ab-da-tus-a, "il giardino
dove {lett. con cui) Ur-Ningirsu ... risiede (=è incaricato)", *kiri (urningirsu=ak)=0...
... a.bda.tus.0=a, e ancora es. Ur-dA-sar 2 gu 4 Ur-dBa-u 2 in-da-ti-la, "(hanno
giurato) che il bue di Ur-Bàu sta (lett. vive) con Ur-ASar'', *(ura5ar=ak)=dacom gud
(urbàu=ak)=ak=0... i.nda.til.0=a, in cui si ha la forma esplicita dei pronomi /n/ e /b/.
La III pers. plur. è scritta con il segno PI, cui si attribuisce un valore neda, cioè
*-nne-da-, es. simug-ne in-neda(PI)-gal 2, "(il resto di bronzo e rame) si trova
presso {lett. con) i fabbri", simug=ene=dacom i.nneda.gal.0.
Nota: si notino le seguenti grafie particolari: a) di fronte al prefisso dimensionale del direttivo *-ni- il
comitativo prende la forma -di 3 - per assimilazione vocalica, es. u 4 mu-di 3 (TI)-ni-ib 2 -zal-e, "(la cit-
tà e la provincia di LagaS in gioia?) trascorrevano i giorni con lui(= Gudea)", *ud=0... mu.nda.ni.b.zal.e;
b) di fronte al pronome sintattico di II pers. sing. *-e- (pos. 8, v. 5.1 e 5.3) e del prefisso dimensionale
omofono dellocativo *-e- (v. 5.4.4), il prefisso del comitativo presenta la forma -de 3 - per assimilazione
vocalica, es. ug 3 u 2-sal-la hu-mu-un-de 3 -nu 2 , "con lui(= Ur-Ninuna) il popolo invero riposa (lett.
giace) sui prati", ug=0 ... usal=:~toc ha.mu.nda.e.nu.0; An lugal-da za 3 mu-un-de 3-sa 4 , "tu (lnana)
sei (stata) equiparata ad An, il re!", *an lugal=dacom zag=0... mu.nda.e.sa.0 (testo paleo-babilonese).

5.4.3 I prefissi dimensionali del terminativo e dell'ablativo (pos. 7.3)


I prefissi dimensionali dell'ablativo e del terminativo'occupano la stessa posizione nella
forma verbale e si escludono a vicenda, probabilmente a causa dell'opposta valenza
semantica (rispettivamente provenienza e fine dell'azione).
A Il prefisso dimensionale dell'ablativo ha la forma *-ta-, identica alla posposizione
nominale *-ta con lo stesso valore, e come quella può essere utilizzato solamente
con i sostantivi appartenenti alla classe B. Se è preceduto da un pronome, questo
è sempre *-h- e non esistono persone differenti dalla III sing. Il rapporto tra caso
nominale e ripresa verbale mediante il prefisso dimensionale è piuttosto arbitrario e,
a differenza dei due casi dativo e comitativo, risulta molto più raro.
Si vedano gli esempi seguenti: kur Ma 2-gan ki_ta, n• 4 esi im-ta-e 1 P "dal paese di
Magan (= Oman) egli (= Gudea) fece salire della diorite", *kur magan=taabl esi=0...
i.m.bta.n.ed.0 (Cr lf, ll. 14-15); e-bi I 7 -nun-ta Gu 2-eden-na-se 3 ib 2-ta-
ni-e3, "egli (Enmetena) fece scorrere {lett. uscire) quel canale dall'Inun al Guede-
nà', *eg=hi=0... idnun=taw1 (gueden=ak)=se,., i.bta.ni.n.ed.0 (qui si ha la ripresa del
solo ablativo); Sa3 lu2 SARxGAL (216.000)-ta su-ni ba-ta-an-dabs-ba-a,

134
5. 4 I prefissi dimensionali

"allorché egli (= Ningirsu) prese la sua (=di Gudea) mano tra 216.000 uomini!",
*sag lu SARxU=ak=ta,m1 su=ani=0... ba.ta.n.dab.0=a=a1oc (il prefìsso ba- esclude la
presenza del pronome *-b-, v. 5.4, Nota 2); gur 4 -gur 4 ... i 3 ... dNin-gir 2 -su 2-
ke4 ab-ta-gu 7 -a, "vasi-GUR ... da cui Ningirsu consuma olio", gurgur ... i=0...
. .. (ningirsu=ak)=eerg a.bta.gu.e=a.
Il morfema *-ta- può essere scritto *-ra-se preceduto dalle vocali /a/ ed /el; si vedano
i seguenti esempi: lu 2-inim-ma-se 3 im-ta-e 3 -e5, "essi vennero fuori (dalla folla
presente) come testimoni", *(luinim=ak)=seter i.m.bta.ed.e5, rispetto a: lu 2-inim-
ma sag sa 10 -a-se 3 m u-ne-ra-e 3 , "essi (2 personaggi) vennero fuori (dai presenti)
per loro (=a loro favore) come testimoni della schiava acquistatà', *{luinim=ak) sag
sa=a=ak=seter mu.nne.ta.ed.0; a-ta im-ma-ra-tum 2, "{la barca) è stata portata
fuori dall'acquà', *a=taabl i.m.ba.ta.tum.0; ma si veda es. iti-ta u 4 tot ba-ta/ra-
zal, "dal mese sono trascorsi totgiorni", *itid=ta,w1 ud tot=0 ... ba.talra.zal.0, dove si
ritrova anche una grafìa morfofonematica.
Nota 1: si osservi che questa ambiguità grafica può altresì derivare da una pronuncia locale *-ra- del
caso dopo le vocali /al ed /e/, forse di origine laga5ita (Sumer orientale), che durante la III Dinastia di
Ur diviene più usuale e normativa per poi passare nella documentazione post-sumerica.

B Il prefìsso dimensionale del terminativo *-si-, che corrisponde al morfema del caso
terminativo *-se3, può essere utilizzato sia con sostantivi della classe A che della clas-
se B. Come per l'ablativo, anche nel caso del termina rivo il rapporto tra presenza
nella &ase nominale e ripresa nel verbo risulta assai arbitrario e spesso un terminati-
vo non viene coreferenziato mediante un prefìsso dimensionale.
Nota 2: le grafie *-si- e *-se3- sono condizionate dall'armonia vocalica (v. 3.3.1) e la seconda è più
arcaica, scomparendo, come d'altronde il fenomeno stesso dell'armonia, a partire dall'ultimo quarto
del III millennio a.C. -vedi oltre per gli esempi. Si noti ancora la grafia non ortografica da Nippur
in-si-in-sa 3 , per l'ortografico in-si-in-sa 10 , "egli la comprò da lui".

Si veda lo schema seguente per le forme e oltre per le grafìe {le forme tra parentesi
quadrate non sono attestate o lo sono assai raramente):

pen. sing. plur.


: I ~- ·~G~)-si- - --·-[~~e-si-]
! ··T-- -- -----t---- --

!II
,_ -e-si- [-ene-si-]
i m (-n/b)-si- · -nne-si-

La I pers. sing. del prefìsso dimensionale terminativo raramente presenta il prono-


me, es. e 2-sa 3 ni 2-ga 2-se 3 mu-se 3 -gen-na-am 6 , "fu lui a venire da me nella
mia propria stanza da letto!", *ejsag ni=gu=ak=seter mu.si.gen.0=a=0=am; gu 4-
ra2-keçd lu 2-us 2 ga 2-ar ha-mu-si-in-gi 4 -gi 4 , "che egli faccia venire per me
un conducente per i buoi", *gud=ak=seter lu'us=0... ga=radat ha.mu.si.n.gi/gi.e (per
la complementazione di gu 4 / gud con /r/ si veda 3.2.2).

135
5 Il verbo

Anche la II pers. sing. compare senza supporto pronominale nella grafia, es. ki-
en-gi-ra2 kur-kur igi-bi ha-mu-si-gal 2, "a Sumer l'occhio di tutti i paesi
sia rivolto a te(= Ningirsu)!", *kiengir=a1oc kur/kur=ak igi=bi=0... ha.mu.di.gal.0.
La III pers. sing., sia della cl. A che della cl. B, può comparire nella forma scempia
(senza evidenziazione del pronome), es. igi zi mu-si-bar, "(Ningirsu a Gudea)
rivolse il suo occhio fedele", *igi=0... mu.nsi.n.bar.0; oppure con una grafia che
evidenzi il pronome, es. Igi-gu 10 -in-Si-gal 2, "il mio occhio è rivolto a lui" (nome
proprio), *igi=gu=0... i.nsi.gal.0; e2 ... ni 3 -sam 2 -bi tot gin 2 ku 3 Lugal-su-
mah-e ib 2-si-la 2 , "Lugal-sumahe pesò il prezzo in argento per la casa (da acqui-
stare)", *ej=se,er ... nigsarn=bi tot gin kug=0... lugalsumahe=eerg i.bsi.n.la.0.
La III pers. plur. è documentata nella seguente grafia, es. min(2)-na-ne-ne-se 3
e 2 in- ne-si-sa 10 , "egli (Ur-nigingar) ha acquistato da loro due (moglie e marito) la
casà', "min(2)=anene=se,er ej=0... i.nndi.n.sa.0.
Si ricordi che quando il prefisso terminativo non è il primo nella serie, non si dovrà
ricostruire alcun pronome in trascrizione, es. geme 2 5 gin 2 ku 3 -babbar-se 3 in-
na-si-gar-ra, "(ci sono testimoni del fatto) che egli aveva dato a lui la schiava (in
garanzia di un debito) per 5 sicli d'argento", *geme=0... ia(5) gin kugbabbar=se,er
• V• A I'J\
I.nna.st.n.gar.\U=a.

5.4.4 I prefissi dimensionali dellocativo (pos. 7. 4)


A Il prefisso dellocativo (suffisso *-a nel nome, v. 4.11.6) si riferisce sempre a una III
pers. sing. della classe B, a causa della sua valenza semantica che è legata allocativo,
caso riservato alla classe inanimata, e si presenta sempre nella forma immodificabile
*-ni-, quindi senza l'appoggio di un pronome nella pos. 6 (anche quando è l'unico
prefisso della forma); si traduce "in, all'interno di". Da notare che, se non c'è alcun
pronome sintattico preverbale presente nella frase verbale (pos. 8, v. 5.1 e 5.3), allo-
ra il prefisso dimensionale dellocativo compare in una forma sincopata come *-n-,
cioè con la perdita della vocale finale; in quest'ultimo caso si ha assai probabilmente
l'allungamento per compenso del prefisso verbale *i-, che a partire dalla documenta-
zione dell'ultimo secolo del III millennio appare graficamente nella forma i(3)-in-,
cioè *in- (v. 5.8).
Nota 1: da un punto di vista formale, la riduzione a *-n- del prefisso locativo lo rende identico al
morfema di ripresa del pronome di III pers. sing. classe A dell'ergativo (v. 5.3, A); così come per
quest'ultimo, si ha spesso la caduta, nella grafia, della consonante /n/ del prefisso finale di sillaba,
quindi è stato proposto di ricostruire in trascrizione un prefisso locativo nei casi in cui questo manchi
(v. Jagersma 2010, pp. 468-469); si vedano i seguenti esempi: kaskal-a mu-un-ti-il, "era {lett.
viveva) in viaggio", *kaskal=a.oc mu.n{i).til.0; rispetto a kaskal-a mu-ti-la-am 3 , con lo stesso
significato, che può essere trascritto ugualmente *kaskal=a.oc mu.ni.til.0=am. Dato che in sumerico
non sembra obbligatorio riprendere i casi dimensionali nella frase verbale, la mancanza di ripresa può
dipendere da una scelta stilistica dello scriba nell'enunciato specifico {si veda l'italiano era lì rispetto
a cera); quindi qui non si ritiene necessario sottolineare in trascrizione la presenza di un prefisso di-
mensionale non evidenziato nella scrittura.

136
5. 4 I prefissi dimensionali

È stato inoltre proposto che il prefisso dimensionale *-ni- possa iniziare una frase
verbale finita. Dal momento che il segno NI può essere letto anche i 3- ed essere
quindi interpretato come una forma del prefisso del verbo finito (v. 5.8, A), è dif-
ficile riconoscere nella documentazione l'esistenza di un prefisso autonomo n i-; le
prove principali addotte per la sua presenza sono: l) il prefisso *ha- presenta un al-
lomorfo (forma parallela condizionata dalla presenza di suoni vicini) *he2- di fronte
alla vocale /i/ del prefisso del verbo finito, quindi forme come ha-ni-gaz-e, "(la
sua gente) possa ucciderlo (nella sua città}" possono essere spiegate solo come *ha.
ni.n.gaz.e (v. 5.9.3}, cioè senza ricostruzione del prefisso nella trascrizione; 2) se-
condo le regole dell'armonia vocalica della metà del III millennio a.C. (v. 3.3.1), la
vocale /i/ rimane /i/ se seguita da lemmi con vocale /i/ o /u/, ma diventa /e/ se nella
sillaba seguente si hanno le vocali /a/ o /e/: la seguente grafia di frase verbale con
il verbo ha-lam, "distruggere", e-ha-lam, *i.n.halam.0, segue la questa regola,
ma la grafia NI-ha-lam, che pure si trova nella d6cumentazione arcaica, non può
essere letta *i 3-ha-lam, perché la lettura sarebbe contraria alla norma fonetica, e
va quindi interpretata ne 2-ha-lam. Si noti che NI può essere anche letto ne 2 (per
questo aspetto si veda Jagersma 2010, pp. 470 sgg.).
Si vedano gli esempi seguenti: lugal ni 3-si-sa 2 ki-en-gi ki-uri-a i 3-ni-in-
gar-ra, "il re che ha stabilito l'equità a Sumer e Accad", *lugal nigsisa=0... kiengir
kiuri=a1oc i.ni.n.gar.0=a (paleo-babilonese}; ensi 2-ra ama-ni dNanse mu-na-
ni-ib2-giçgi4, "sua madre, la dea Nanse, risponde al governatore (= Gudea}",
*(ensi=ak)=radat ama=ani nanse=eerg mu.nna.ni.b.gilgi.e; ez-a mu-na-ni-ku4,
"(Gudea} fece entrare (la sua statua) nel tempio", *ej=a1oc mu.nna.ni.n.kur.0; e 2
dEn-lil 2-la 2-ka i 3-ni-kuçkuça, "(Ur-Haia ha giurato) che avrebbe fatto entra-
re (l'orzo} nel tempio di Enlil", *ej enlil=ak=a1oc i.ni.b.kur/kur.e=a; lal 3 i 3-nun-na
kig 2 ba-ni-ak, "(Gudea) ha fatto preparare (il cibo degli dèi} con miele e burro",
*lal inun=atoc kig=0... ba.ni.n.ak.0; temen-be2 i3 ir-nun-ka su-tag ba-ni-
dull, "(Gudea) strofinò le sue (dell'Eninnu} fondamenta con olio ed essenze prin-
cipesche", *temen=bi=edir i ir nun=ak=~oc (su=0... tag=0)=0.,.. ba.ni.n.dug.0- in
questi ultimi esempi la grafia completa *-ni- indica che era presente un pronome in
posizione preverbale, il quale conseguentemente, quando non evidente dalla grafia,
si deve ricostruire nella trascrizione.
Viceversa, come detto, se non si ha alcun morfema pronominale di fronte al verbo, si
riscontra la forma sincopata (con perdita della vocale finale) del prefisso, quindi *-n-
: es. kiSib 3 mu lugal pa 3-da Su-dNisaba-ka pisag Ur-dBa-u 2-ka i 3 -in-
gal2-la, "(Su-Nisaba ha giurato} che le tavolette sigillate con i giuramenti {lett. 'dove
il nome del re viene pronunciato'} di Su-Nisaba si trovano nel contenitore di Ur-
Bàu", *kisib (mu lugal=ak pad=a) (sunisaba=ak)=ak=0... pisag (urba'u=ak)=ak=a1oc
i.ni.gal.0=a- qui non c'è alcun pronome di fronte al verbo (v. 5.3, B per i dettagli)
per cui la forma è sincopata e si ha l' evidenziazione dell'allungamento del prefisso.
B Esiste poi un prefisso dimensionale *-e-, con valore "su, sopra a", che occupa la
stessa posizione del prefisso *-ni- e si esclude con esso: questo prefisso, anch'esso
formalmente locativo, non riprende alcun caso nella parte nominale e, probabil-

137
5 Il verbo

mente, richiama una vecchia posposizione che si è perduta nel nome ma che si è
mantenuta nella frase verbale (solitamente più conservatrice; per la possibile ricca
gamma di valori semantici di locativo e direttivo si veda 4.11.7, Nota 2). Mentre
non esiste, come abbiamo visto, una forma preceduta da un pronome per illocativo
*-ni-, la forma *-e-, anch'essa riservata alla sola classe B, può essere unita al pronome
*b- producendo la forma bi- che, quando in posizione preverbale senza pronome
sintattico, può essere ridotta a *-b- (grafia i(3)-ib 2 - a partire dalla fine del III mil-
lennio a.C.). Il prefisso *bi- è usato quando nella forma non si ha altro prefisso
dimensionale, mentre il prefisso *-e- si usa nelle altre situazioni (oppure non viene
rappresentato affatto). Infine, si noti che la vocale del prefisso, ricostruita come *-e-,
può comparire come /al per influsso di quella vocale in sillaba adiacente.
Si vedano i seguenti esempi: e sa-dur 2 -ra a-sa 3 En-du 8 -du ba-e-si, "è stato
riempito (di terra) il canale basso del campo Endudu {lett. 'terra è stata versata su
.. .')", *(eg sadur=ak) a5ag endudu=ak=a1oc ba.e.sig.0; a-gu 3 dam-gar 3-ne ba-
a-gar, "{lana) che è stata messa sul conto dei mercanti", *agu damgar=ene=ak=a1oc
ba.e.gar.0; ma 2 -a ba-a-ga 2 -ar, "(canne) sono state caricate {lett. poste) sulla bar-
cà', *ma=a1oc ba.e.gar.0 (ga 2 -ar = gar); ma 2 -a ba-na-a-gub, "{2 pecore e 2 ca-
pretti grandi) sono stati posti per lui {Hulibar) sulla barcà', *ma=a1oc ba.nna.e.gub.0;
iri-na u 2 -si 19 -ni za 3 -bi-a mu-da-a-nu 2 -am 3 , "(per la santifìcazione del
tempio Eninnu) invero l'impuro poteva dormire solamente fuori della sua {di Gu-
dea) città", *iri=ani=ak usini=0ass zag=bi=~oc mu.nda.e.nud.0=am (iri=ani=ak ...
zag=bi è un genitivo anteposto, v. 4.9, D); ku 3 -bi su-na ba-a-si, "l'argento re-
lativo {all'acquisto) è stato posto nelle sue {= del venditore) mani", *kug=bi=0...
su=ani=aloc ba.e.sig.0; ki-ba na bi 2 -ru 2 , "in quel luogo eresse stele (su esso)",
*ki=bi=~oc na=0... bi.n.ru.0, dove il prefisso è accompagnato dal pronome *-b-; i m
e 2 -gal-ka i 3 -ib 2 -sar, "(il rendiconto) è stato scritto sulla tavoletta del Palazzo",
*im ejgal=ak=a1oc i.b(i).sar.0- qui si ha la forma sincopata perché non c'è un pro-
nome di fronte al verbo, con probabile allungamento per compenso del prefisso del
verbo finito *ib-.
Nota 2: in periodo antico, la grafia del prefisso *bi- è bi 2 - ~)o be 2 - (~)a seconda delle regole
della armonia vocalica (/i/ = /i/ di fronte a /i/ e /u/; /i/ > /e/ di fronte alle vocali /al ed /e/, v. 3.3.1),
quindi: na igi Su-ga-lam-ma-ka bi 2-ru 2-a, "la pietra che egli (Gudea) aveva eretto di fronte a
Sugalam", *na igi sugalam=ak=<ijoc bi.n.ru.0=a; ma erga! Ti-ra-asrka su bez-bad, "(l'uomo di
Umma) depredò il palazzo di Tira5 (lett. aprì la mano su)", *ejgal tira8=ak=~ su=0... be.n.bad.0.

Se il prefisso *bi- è preceduto dal ventivo {v. 5.7), allora la /b/ si assimila alla /m/ ge-
nerando /mm/, quindi: dub mul du 10 -ga im-mi-gal 2 , "ella (Nisaba) aveva {lett.
faceva essere) sulle ginocchia la tavoletta delle stelle", *dub mul=ak=0ass dug=a1oc
i.m.bi.n.gal.0 (si veda dub mul du 10 -ga bi 2 -gal 2 -la-a, "colei che aveva sulle gi-
nocchia la tavoletta delle stelle", *dub mul=ak=0... dug=a1oc bi.n.gal.0=a; si noti che
questa forma dimostra come, a partire dalla documentazione finale del III millennio
a.C., le regole dell'armonia vocalica non siano più seguite).
C Infine, il prefisso locativo ba- è usato per la ripresa nel verbo di espressioni in caso
direttivo; questo prefisso è formato dal pronome di III pers. sing. classe B /b/ se-

138
5. 4 I prefissi dimensionali

guito dalla vocale *-a, da mettere in relazione probabilmente con illocativo (ma si
sottolinea che il prefisso ba- sembra non riprendere mai un locativo dell'enunciato,
ma sempre un direttivo); es.: na-ru 2 -a-be 2 izi ba-sum 2 , "(Ur-lumma di Umma)
dette fuoco a quelle(= del confine) stele", *narua=hi=edir izi=0... ba.n.sum.0; s<~gi
izi ba-ab-sum 2 , "egli (il demone Asag) dette fuoco alle canne", *gi=edir izi=0...
ba.b.sum.0; ur-sag ni 3 -ul-e gu 3 ba-a-de 2 , "tu, o eroe (Ningirsu), hai chiama-
to (a fare) una cosa eternà', *ursag=0... nigul=edir gu=0... ba.e.de.0; lu 2 -erim 2 -e
ge!ig-be 2 izi ba-ab-sum 2 , "i malvagi dettero fuoco alla sua (del tempio di Eridu)
porta", luerim=e.rg ig=hi=edir izi=0... ba.b.Sum.0 (paleo-babilonese).
Se il prefisso ba- è preceduto dal ventivo (v. 5.7), si assiste all'assimilazione della /h/
alla /m/ che precede, evidenziata nel raddoppiamento grafico /mm/, es. e 2 -e im-
ma-gen ka su im-ma-gal 2 , "(Gudea) andò al tempio e portò la mano alla bocca
(in segno di riverenza)", *ej=edir i.m.ba.gen.0 kag=edir su=0... i.m.ba.n.gal.0, lett.
'fece essere la mano alla boccà (v. 5.5).
Sulle forme dei prefissi locativi si veda lo schema sintetico seguente (modificato da
Jagersma 2010, p. 465):
con pronome senza pronome

"in" -ba-Prefisso -ni-Prefoso -n-Verbo


. i-
"su" -bi-Prefisso -b-Verbo -e-Verbo

Alcune forme tra quelle presentate in questa sezione (*-bi-, *-h-, *-ni-) hanno anche
funzioni sintattiche differenti da quelle introdotte qui, per cui si veda il paragrafo 5.5
per i dettagli; per altre funzioni del prefisso *-ba- si veda il 5.6.

5.4.5 La semantica dei prefissi dimensionali


Nel rapporto tra caso nominale e ripresa mediante prefisso dimensionale nel verbo
possono verificarsi tre situazioni sintattiche differenti. Il rapporto può essere di a) pre-
senza del caso nella parte nominale e del prefisso dimensionale nella struttura verbale;
b) presenza del caso nella parte nominale senza ripresa nella frase verbale, o infine c)
presenza del solo prefisso nella frase verbale senza antecedente nominale. Lo schema
seguente riassume le tre possibilità:
Posposizione nominale Prefisso dimensionale
a} + +
- -+--· ---------··· ----

b) . +
-------------------------- _____ _______ ------------ ------·- _________ .
______:_ ]

c} +

139
5 Il verbo

I casi in cui si verifica la prima situazione dello schema, a), sono stati analizzati nel
paragrafo 5.4.4, mentre quelli della tipologia b) non vengono presi in considerazione,
sulla base di quanto detto in 5.4 (che cioè, a parte il dativo e in larga parte il comita-
tivo, non c'è relazione obbligatoria tra caso nominale e sua ripresa mediante prefisso
dimensionale}.
Nota: esiste una quana situazione sintattica teorica, in cui ad un caso nominale corrisponde un prefisso
dimensionale di un caso differente; questa situazione, dovuta alla maggiore stabilità della struttura verba-
le rispetto alla più innovativa morfologia del nome, è stata presentata, quando necessario, nel corso della
descrizione del sistema dei casi, per cui v. ad es. 4.11.3, Nota 2; 4.11.4, Nota 2; 4.11.6, Nota 2 -ma si
veda anche A.

In questo paragrafo verranno quindi analizzate quelle situazioni in cui il prefisso di-
mensionale all'interno di una frase verbale non richiami alcun referente nell'enunciato,
cioè la situazione c} dello schema.
Nei casi in cui non ci sia coreferenza tra caso nominale e prefisso verbale, i prefissi
dimensionali possono essere interpretati come aventi valore semantico {A) o abilitativo
(B).
A Nelle loro forme verbali taluni verbi presentano prefissi dimensionali che non sono
in relazione ad un referente espresso precedentemente, ma che sono utilizzati per
modificare o affinare il significato del verbo stesso {si tratta quindi di un uso 'seman-
tico' dei prefissi dimensionali). In un paragrafo precedente {v. 5.4) abbiamo esami-
nato il diverso significato del verbo sa 10 , che acquisisce il significato di "vendere" se
nella frase verbale c'è il prefisso ablativo *-ta-, e le differenti valenze del verbo com-
posto igi - bar, che assume il significato di "controllare, esaminare" in presenza del
locativo *-ni-, e invece quello di "guardare" in presenza del terminativo *-se-. Questa
valenza o sfumatura di significato deve essere quindi analizzata verbo per verbo.
Per esempio, il verbo gi 4 , "tornare", quando è utilizzato con il prefisso dellocativo
*-ni- acquisisce il valore tecnico di "mandare indietro {la parola, un messaggio}, ri-
spondere", es. ensi 2 -ra ama-ni d N anse m u-na-ni-ib 2 -gicgi 4 , "al governatore
(che chiede spiegazioni sul suo sogno) sua madre, Nanse, risponde", *(ensi=ak)=rada,
ama=ani nanse=eerg mu.nna.ni.b.gi/gi.e (si tratta di una forma ellittica di inim -
gi 4 , "far tornare indietro la parola, rispondere", nelle cui forme si ritrova il prefisso
dimensionale dellocativo; si noti che la *-b- in posizione preverbale richiama l' as-
solutivo rappresentato dalla parola 'inim', caduta nell'enunciato ma presente nella
frase verbale).
B Nella documentazione appare chiaramente che il prefisso dimensionale del comitati-
vo, *-da- (v. 5.4.2} possiede un valore di potenzialità {abilitativo) che si può tradurre
con il verbo ausiliare italiano "potere" o espressioni similari; sintatticamente il co-
mitativo si accompagna al pronome che richiama il soggetto della frase; es. gucbi
n u-m u-da-tum 2 , "{Lu-salim) non è stato in grado di portare quel bue (perduto)",
*gud=bi=0... nu.mu.nda.n.tum.0; lu 2 -inim-ma-bi nu-mu-da-de 6 , "(lpada)
non ha potuto portare i testimoni relativi (al fatto che la schiava fosse appartenuta a
sua madre}", *{luinim=ak)=bi=0... nu.mu.nda.n.de.0 (si noti che in genere le frasi
con prefisso dimensionale comitativo con valore abilitativo sono negative}.

140
5.5 L'oggetto obliquo e la frase causativa

C In sumerico esiste un tipo di costruzione defìnita di 'possesso esterno' (external pos-


session comtruction), nota in molte lingue di diversi tipi; in italiano si veda l'es. gli
vennero le lacrime agli occhi, dove il pronome dativo proclitico gli si riferisce al 'pos-
sessore' degli occhi: come si vede, si tratta di un espediente sintattico per esprimere,
esternamente alla struttura nominale, il possessore (il pronome dativo gli, appunto)
- si noti però che in italiano si può trovare anche il 'possesso interno', es. vennero
lacrime ai suoi occhi, i suoi occhi si riempirono di lacrime ecc.; es. dUtu ni 3 -si-sa 2
in i m gi-na ka-ga 2 ba-ma-ni-in-gar, "che Utu mi ponga in bocca equità e giu-
stizia (lett. 'parole stabili)!", lett. 'ponga a me nella mia bocca', *utu=e.rg nigsisa inim
gin=a=0... kag=gu=:!Joc ha.ma.ni.n.gar.0, dove il prefìsso dimensionale del dativo di
I pers. sing. ma- si riferisce al possessore della 'bocca', ka, mentre il prefìsso locativo
*-ni- è referente dellocativo *-a della parola 'bocca' stessa. Queste costruzioni sono
possibili solamente quando la cosa posseduta è considerata elemento inalienabile
del possessore ed è attestata, come si è visto, soprattutto con le parti del corpo;
altri esempi sono kur-kur giri 3 -na e-ne 2 -seg 10 -ga-a, "allorché (Enlil) gli (=a
Lugazagesi) pose sotto i piedi tutti i paesi", lett. 'pose a lui sotto i suoi piedi', *kur/
kur=0... giri=ani=a1oc i.nni.n.sig.0=a=a1oc (sul prefìsso *-nni- dell'oggetto obliquo v.
5.5); in quest'ultima frase si può notare la traslitterazione come -ne 2- del segno NI
per ragioni di armonia vocalica.

5.5 L oggetto obliquo e la frase causativa


Come si è visto al paragrafo 2.1 O, B, una frase in sumerico può avere uno o due par-
tecipanti sintattici (v. 2.10, B), rappresentati da assolutivo ed eventualmente ergativo,
ripresi all'interno della frase verbale da morfemi specifìci (v. 5.3). Esiste, però, una
tipologia di frase, detta 'causativa', in cui i partecipanti all'azione sono tre.
Nota 1: ogni lingua ha strutture che permettono di rendere causativa una forma; in italiano si ha: Carlo
fa cantare una canzone ai bambini, causativo (definito anche fattitivo} di Carlo canta una canzone (con i
bambint). Questa possibilità si ha anche con i verbi intransitivi, es. Car/p fa entrare l'auto in garage, dove
il verbo intransitivo entrare è reso fattitivo (cioè transitivo} mediante l'ausilio del verbo fare (la struttura
si definisce 'perifrastica', cioè scissa [lett. spezzata] in due parti tra una forma finita del verbo fare e l'in-
finito del verbo reso causativo). Come si vede dagli esempi, in italiano nel caso del verbo intransitivo chi
subisce l'azione è espresso in caso accusativo (diretto}, mentre con il verbo transitivo l'oggetto a cui si fa
subire l'azione è al caso dativo (obliquo}, che si aggiunge ai due partecipanti di base. Vedremo nella sezio-
ne che segue come questi due tipi di espressioni causative siano trattati in sumerico in modo differente.

Si noti che sono note lingue in cui la causatività è gestita mediante morfemi specifìci;
tra queste il turco, in cui esiste il morfema *-dir- (ol- "morire", oldur-, "uccidere, far
morire"), oppure l'accadico, es. wabdlu, "portare", Jubulu, "inviare".
Il sumerico non possiede una struttura perifrastica per la forma causativa, come in ita-
liano, né possiede una forma specifìca che la identifìchi univocamente, come in turco
o in accadico, bensì costruisce la causatività mediante espedienti morfologici (presenza
o assenza di morfemi all'interno della frase verbale). In sumerico la frase causativa può
essere formata sia da verbi intransitivi (A) che da verbi transitivi (B), seguendo proce-
dure morfologiche e sintattiche differenti.

141
5 Il verbo

A Nella forma causativa di un verbo intransitivo, il soggetto della frase originaria,


espresso dal caso assolutivo, diventa il paziente della risultante frase causativa, il
cui agente, che esprime colui che causa l'azione, apparirà in caso ergativo; si veda il
seguente schema:
frase intransitiva frase causativa

Agente, *-e, ergativo


Soggetto, *-0, assolutivo
Paziente, *-0, assolutivo

Come si vede, un'espressione intransitiva viene resa causativa aggiungendo alla frase
chi causa l'azione in caso ergativo e utilizzando conseguentemente la morfologia pro-
nominale delle frasi a due partecipanti (secondo la diatesi vista in 5.3, A}: in pratica,
una frase transitiva è identica morfologicamente a una frase causativa con un verbo
intransitivo. Si veda la seguente frase intransitiva: tukum- bi m ussa ••z-tur e 2 u 2 -
ur3-ra-na-ka i 3-in-ku 4 , "se un genero è entrato nella casa di suo suocero (come
sposo di sua fìglia}", *tukum=bi mussatur=0... ej urra=ani=ak=a1oc i.ni.kur.0, in cui
si ha una frase in cui il soggetto di III pers. sing. è espresso mediante il pronome
suffisso *-0 (v. 5.3, B) e nella cui struttura verbale si trova un prefìsso dimensionale
locativo che si riferisce alla *-a dell'espressione e 2 u 2 -ur 3-ra-na-ka (v. 5.4.4, A}; si
compari ora con la frase seguente, in cui si ha lo stesso verbo ku 4 : kar-zi-da-a ...
En-aga-zi-an-na en ki-ag 2 -ga 2 -ni mu-un-na-ni-in-ku 4 , "(Amar-Suena)
in Karzida ... En-agazi-ana, la sua sacerdotessa amata, fece entrare lì per lui (Nan-
na}", *karzida=3.j0 c ••• enagaziana en (ki=0... ag=a}=ani=0... mu.nna.ni.n.kur.0. Nel
secondo esempio, come si vede, la frase ha due partecipanti, coreferenziati dalla
morfologia del pronome di ripresa dei casi sintattici: la *-n- in posizione preverbale
evidenzia che in questo caso il verbo ku 4 regge due partecipanti, di cui uno è l'er-
gativo (Amar-Suena} e l'altro la sacerdotessa (En-agazi-ana}. In sintesi, per rendere
fattitivo un verbo intransitivo, in sumerico basta aggiungere all'enunciato un agente
in ergativo e usare per la diatesi della frase verbale la morfologia dei pronomi delle
frasi a due partecipanti.
Nota 2: il fatto che sia sufficiente aggiungere un partecipante in ergativo al verbo intransitivo per
renderlo transitivo, indica come il concetto di 'transitività' non sia semanticamente legato al verbo in
sé, ma dipenda dalla struttura sintattica in cui si trova usato.

8 La frase causativa con un verbo transitivo, che prevede invece che si aggiunga alla
struttura di base un terzo attore, detto oggetto obliquo, si forma secondo lo schema
seguente:
--- -- --- ---------- -
frase transitiva frase causativa
. Agente, *-e, ergativo
: Agente, *-e, ergativo
• ---. : Obliquo, *-ra, dativo (A); *-e, direttivo (B)
Paziente, *-0, assolutivo
: Paziente, *-0, assolutivo

142
5.5 L'oggetto obliquo e la frase causativa

Come si vede, il sostantivo che rappresenta l'oggetto obliquo è espresso al dativo se


appartiene alla classe A e invece al direttivo se appartiene alla classe B (per la relazio-
ne semantica e sin tattica che esiste tra il caso dativo e il caso direttivo si veda 4.11. 7,
B, 2). Questo oggetto obliquo, che rappresenta il terzo partecipante all'interno di
una frase causativa, nella frase verbale è ripreso mediante prefissi specifici, che han-
no però una relazione assai stretta con i prefissi dimensionali dellocativo presentati
nel paragrafo 5.4.4. Anche questi prefissi del caso obliquo possono essere formati
mediante l'unione di un pronome e un morfema specifico, forma utilizzata quando
nella frase verbale si ha un pronome sintattico in posizione preverbale, oppure avere
una forma specifica che si usa soltanto quando è il prefisso stesso del caso obliquo a
trovarsi in posizione preverbale. Si veda lo schema seguente (le forme non segnalate
sono ignote a tutt'oggi):
--- --·- - · · - - -··· --
persona forme prefisse forme prevcrbali
--- ------
I pers. sing. mu-
II pers. sing. (-)ri- -e-

III pers. sing. A -nni- -n-


III pers. sing. B bi- -b-*

I pers. plur. [-me-]

II pers. plur. [-ene-]

III pers. plur. -nne-


*:in trascrizione questo morfema verrà indicato come *.b(i)., per
distinguerlo dai valori pronominali omografì {v. 5.3, A).

Le forme della I e II pers. plur. sono note solamente da testi del periodo post-sume-
rico, mentre la I pers. sing. è rappresentata dalla forma del solo ventivo (v. 5.7); la
seconda persona è *(-)ri-se nella forma c'è un prefisso pronominale preverbale, ed
*-e- se si trova in posizione immediatamente adiacente al verbo. Come si può notare
dallo schema, solamente le forme della II e III pers. sing. della classe A possiedono
forme specifiche per esprimere l'oggetto obliquo, mentre tutte le altre sono veicolate
da morfemi che possono avere anche altre funzioni semantiche e sintattiche; si osser-
vi, infatti, che i morfemi preverbali presentati nello schema sono utilizzati anche in
funzione di agente o paziente- a seconda della temporalità del verbo- in frasi tran-
sitive (5.3, A), e questo uso è prioritario rispetto a qualsiasi altra funzione; quando
si ha questa situazione, cioè una frase verbale in cui ci sia un pronome che riprende
un caso sin tattico in posizione preverbale, l'oggetto obliquo sarà allora rappresenta-
to dalle forme prefisse (o, alternativamente, non sarà rappresentato affatto)- per il
prefisso bi- con valore di locativo si veda 5.4.4, B. Bisogna aggiungere, infine, che
i prefissi del caso obliquo non sono utilizzati insieme ai prefissi dimensionali (v. 5.4
sgg.). Si vedano gli esempi che seguono.
I pers. sing.: Ga-li-am 3 igi-se 3 gdba 2 ba mu-ra, "(Guzani ha ucciso Gali con
un pugno durante un alterco e ha dichiarato:) è stato Gali che mi ha colpito con

143
5 Il verbo

un pugno per primo!", *gali=0=am igi=se,cr ge5ba=0ass mu.n.rah.0, dove il prefisso


ventivo m u- implica la presenza di un caso obliquo {lett. 'ha fatto sì che un pugno
arrivasse a me'); in questo caso la copula -am 3 focalizza l'ergativo.
II pers. sing.: nam du 10 gu 2 -m u-ri 2 -ib 2 -tar, "(Enlil dice:) voglio determinare un
buon destino per te {Sulgi)!", *nam dug=0ass ga.mu.ri.b.tar {lett. 'voglio far essere un
buon destino per te'); mi 2 ga-e-du 1 p "voglio trattarti bene!", *mi=0ass ga.e.dug.
Nota 3: come si è sottolineato in 5.4.1, Nota l, sembra cbe, durante il III millennio a.C., alcuni
prefissi dimensionali di forma CV (*-ni-, *-ra-) possano comparire, per ragioni di ordine fonetico
(spostamento di accento?), senza il prefisso verbale *i- (5.8), quindi: *i-CV- > CV-; questo sembra
accadere anche per il prefisso del caso obliquo di II pers. sing. nei periodi più arcaici; es. a 2 zi-da-za
dUtu ri 2 -e 3 sag-ki-za NE.GI.DU. US 2 ri 2 -kd 2 , "alla tua (di Eanatum) destra egli (Ningirsu)
ha fatto uscire per te il dio Sole e sulla tua fronte ha legato il ... " (sono ignote lettura e significato
della sequenza NE.GI.DU.US 2 ), *a zid=a=ZU=3.toc utu=0..,. ri.n.ed.0 sagki=zU=3.Joc negidus=0..,.
ri.n.ke5.0; si noti cbe il segno ri 2 (l RI) è stato anche letto iri- o ere-, interpretandolo quindi come
*i.ri (prefisso del verbo finit9 con il prefisso di II pers. sing. del caso obliquo), ancbe se le attestazioni
degli altri prefissi nella stessa situazione fonetica citati in 5.4.1, Nota l, sembrano oggi indicare il
contrario. La caduta del prefisso del verbo finito *i- può rappresentare un tratto dialettale orientale
(di La.gaS essenzialmente) che non sopravvive nella documentazione dell'epoca post-sumerica, in cui
il prefisso *i- non scompare più nella grafia.
III pers. sing. A: es. An-ra dEn-lil 2 im-ma-ni-us 2 dEn-lil 2 -ra dNin-mah
mu-ni-us 2 , "{Gudea fece sedere il dio del cielo An a capo-tavola), accanto ad An
mise Enlil {e) fece sedere accanto a Enlilla dea Ninmah", *an=ra.a, enlil=0ass i.m.ba.
nni.n.us.0 enlil=rada, ninmah=0ass mu.nni.n.us.0; mu lugal-bi Arad 2 -dN anna-
ke4 in-ni-pa 3 , "Arad-Nanna ha fatto giurare (Adada) nel nome del re", lett. 'ha
fatto pronunciare il nome del re {ad Adada)', *mu lugal=ak=0ass {aradnanna=ak)=eerg
i.nni.n.pad.0; Ur-sag-ra su-na i 3 -ni-gi 4, "(En-iggal) ha consegnato ad Ursag
(pecore e agnelli) nella sua mano", *ursag=rada, su=ani=a1oc i.nni.n.gi.0 (si veda
5.4.5, C, per la external possession construction di questa frase); I-ti-mu-ra kiSib
ba-an-ra, "(riguardo all'orzo) è stato fatto apporre il sigillo ad Itimu", *itimu=rada,
kisib=0ass ba.n(ni).rah.0 (per il valore passivo del prefisso ba- si veda 5.6).
Nota 4: come abbiamo visto per il prefisso locativo *-ni- (v. 5.4.4, A), ancbe il prefisso *-nni-, se in
posizione immediatamente preverbale, si riduce a *-n-, es. su ba-an-ba, "(Ur-Utu, il giardiniere) è
stato liberato", su=0.., ba.n(ni).bar.0.

III pers. sing. B: es. gu 4 du 7 mas 2 du 7-e gd bi 2 -tag, "{Gudea) sacrificò buoi
e capretti appropriati", lett. 'fece toccare il legno {della tavola sacrificale) a buoi e
capretti appropriati', *gud du ma5 du=edir ge5=0ass bi.n.tag.0; mu-be 2 pa bi 2 -e 3 ,
"{Gudea) fece risplendere i suoi (del tempio) poteri", lett. 'fece venir fuori la chioma
ai poteri, *me=bi=edir pa=0ass bi.n.ed.0; an-gin7 mul-a se-er-ka-an mi-ni-
ibz-du))> "{la barca) è stata abbellita con le stelle come il cielo", lett. 'lo splendore
è stato fatto essere a lei', *an=gincqu mul=a1oc serkan=0ass mu.ni.b{i).dug.0; tc!kiri 6
Lu 2 -digir-ke 4 ab-us 2 , "(l'appezzamento) confina con il palmeto di Lu-digira",
lett. 'è appoggiato ad esso', *kiri {ludigir=ak)=ak=edir a.b(i).us.0.
Nota 5: si noti l'assimilazione del prefisso *bi- di fronte alla /m/ del ventivo, es. sipa-bi im-mi-
us2, "(Gudea) fece seguire (alle pecore matricine e agli agnelli) il loro pastore", *sipad=hi=0...

144
5.6 Il prefisso ba- eil passivo

i.m.bi.n.us.0; e ancora l'armonia vocalica nella grafia del prefisso *bi- in epoca arcaica, es. bi 2 -gi 4 ,
be 2 -gar, per cui v. 5.4.4, Nota 2.

III pers. plur.: sipa-de 3-ne gu 2-ne-ne-a e-ne-gar, "(Eniggalle pecore) mise
sul conto (lett. collo) ai pastori", *sipad=ene=rada• gu=anene=3.(oc i.nne.n.gar.0;
munus-e lu 2-igi-nigin-ne ni 3 e-ne-gu 7 -a, "(beni fatti entrare nel Palazzo)
quando la Signora (lett. donna, moglie del governatore) fece mangiare questi beni ai
funzionari", *munus=eerg luiginigin=ene=rada, nig=0... i.nne.n.gu.0=a=a1oc.
Nota 6: sono stati evidenziati altri usi dei prefissi del caso obliquo, i quali, in associazione ad alcuni
verbi, sembrano possedere un valore locativo; si vedano i seguenti esempi esplicativi (per un elenco
dettagliato si veda Jagersma 2010, pp. 434-442). I verbi indicanti "fare", essenzialmente ak e du 11
(v. 5.2.3) con il caso obliquo significano "applicare, far essere (qualcosa su)", es. La-la nimgir-re 2
gag-bi e 2-gar 8 -ra bi 2 -du 3 i 3-bi za 3 -ge be 2 -ak, "Lala, l'araldo, ha infisso nel muro il suo(=
dell'acquisto) chiodo e il relativo olio ha applicato (lett. fatto essere) al suo lato", *!ala nimgir=e.rg
gag=bi=0... ejgar=llJoc bi.n.du.0 i=bi=0.,. zag=edir bi.n.ak.0 (si osservi che il prefisso *bi- ha valore
di locativo nella prima frase e di ripresa del caso obliquo nella seconda); Gu 3 -de 2 -a gug za-gin 3
mi-ni-uh ub da im-mi-du 1 ., "Gudea fece un'amalgama di cornalina e lapislazuli (lett. sciolse
lapislazuli nella cornalina) e la applicò agli angoli e ai lati (del tempio Eninnu)", gudea=e.rg gug=llJoc
zagin=0... mu.ni.n.uh.0 ub da=edi, i.m.bi.n.dug.0.

Lespressione in i m - gar, "fare una causa", costruisce con il caso obliquo la persona
contro cui si fa reclamo, es. Geme 2-dlg-alim dumu Nam-mah-sig 7 -a-ra Mar-
du2 dumu Lu 2-Niginki_ke 4 inim in-ni-gar-ra, "(allorché) contro Geme-Iga-
lim, figlia di Nammah-siga, Mardu, figlio di Lu-Nigin, ha intentato una causà',
*(gemeigalim=ak) durnu nammahsiga=ak=r~a' mardu dumu (lunigin=ak)=ak=e.rg
inim=0... i.nni.n.gar.0=a=a1oc (il caso indiretto sarebbe stato coreferenziato nel ver-
bo con *-nna-, v. 5.4.1).
In realtà, si tratta piuttosto di usi derivati dalla funzione precipua del caso obliquo di
esprimere il terzo partecipante ad una azione, quindi sono usi riconducibili a quanto
detto nel paragrafo che precede.

5.6 Il prefisso h a- e il passivo


Il prefisso ba-, pos. 5 della frase verbale (v. 5 .l), possiede una serie di differenti valori
semantici e grammaticali, di cui uno, quello di essere utilizzato con valore locativo
come coreferente del direttivo, è stato introdotto in 5.4.4, C. Di seguito si analizzeran-
no altri valori del prefisso, quello cioè di indicare la voce media (A) e il suo uso in frasi
passive (B); da ultimo, si introdurrà in (C) il valore dislocativo del prefisso, che indica
il movimento, fisico o etico, di allontanamento dal parlante (valore opposto a quello
cislocativo, per cui v. 5.7). Si ricorda che il prefisso ba- esclude l'utilizzo del pronome
*-b- dei prefissi dimensionali di classe B, quindi nelle frasi verbali in cui compare non
va ricostruito, es. ba-ta-il 2 , "lo ha sollevato da lì", *ba.ta.n.il.0 (v. 5.4, Nota 1).
A ba- come prefisso della voce media. La voce (o diatesi) media indica che l'azione o
lo stato espresso dal verbo ricadono, fisicamente o eticamente, sul soggetto stesso.

145
5 Il verbo

Nota 1: si veda quanto si scrive nella Enciclopedia Treccani, voce diatesi: ·~ccanto a quella attiva (non
marcata} e quella passiva, la grammatica tradizionale riconosce una terza diatesi (anch'essa marcata).
Si tratta della diatesi media, che condivide tratti dell'una e dell'altra. Nel medio, la prospettiva è
attiva, nel senso che pone in risalto il partecipante dinamico, che avvia consapevolmente l'azione
espressa dal verbo. Ma questo partecipante presenta anche i tratti del paziente, in quanto ricadono su
di esso gli effetti dell'azione"; in italiano hanno voce media i verbi riflessivi, come lavarsi, vestirsi ecc.

Si vedano i seguenti esempi; es. mu-lu nu-tuku-gin 7 tug 2 dili-a im-ma-


an-mu4, "come un uomo che non possiede (nulla) ella (Ninsubur) si rivestì di una
sola veste", *mulu nu.tuku.0=ginequ tug dili=a=0... i.m.ba.n.mur.0, m u-1 u è grafia
eme-sal per lu 2 , "uomo"- si noti l'assimilazione della consonante /b/ alla /m/ del
ventivo: *im-ba- > *im-ma- (paleo-babilonese); a im-ma-tu 5 naga im-ma-su-
ub, "(!nana) si lavò e si strofinò con il sapone", *a=0... i.m.ba.n.tu.0 naga=0...
i.m.ba.n.sub.0 (paleo-babilonese); ur 2 lugal-la-se 3 a im-ma-tu 5 -tu 5 , "ella
(!nana) si lava per (incontrare) il ventre del re (Iddin-Dagan)", *ur lugal=ak=se,.,
a=0... i.m.ba.tultu.e '(paleo-babilonese); Il 2 -le nam-ensi 2 Ummaki_a su
e-ma-ti, "Il ottenne (lett. prese) per sé il potere di governatore di Ummà', *il=e.rg
(namensi)=ak umma=ak=edir su=0... i.m.ba.n.ti.0: qui il prefisso indica che Il si è
conquistato il potere; kur-kur e-ma-hug, "egli (Urluma di Umma) arruolò tutti
i paesi stranieri (e attraversò il confine di Laga5)", *kurlkur=0... i.m.ba.n.hug.0,
dove il prefisso indica il fatto che Urluma ha agito per se stesso, alienando a Laga5
i paesi confinanti (v. anche C in basso); u 4-ba ensi 2 -ke 4 kalam-ma-na zi-ga
ba-ni-gar, "in quei giorni il governatore {Gudea) stabilì (si organizzò) un arruola-
mento (forzato) nel suo paese", *ud=bi=:itoc (ensi=ak)=e.rg kalam=ani=a1oc zig=a=0...
ba.ni.n.gar.0.
Verbi che richiamano eventi naturali, di qualsiasi natura, sono spesso accompagnati
dal prefisso ba-, per esempio lu 2 e 2 a-ba-sumun u 3 -un-du 3 , ·~colui che, dopo
che il tempio si sarà fatto vecchio, lo avrà ricostruito (trovi il favore di Nanna)",
*lu=eerg ej=0... u.ba.sumun.0 u.n.du.0; im ba-seg 3 -ga 2 -ba, "quando cadde la
pioggià', *im=0... ba.Seg.0=a=bi=:itoc (per i suffissi, con valore temporale, aggiunti
alla forma verbale si veda 6.7; esempio paleo-babilonese); u4 as gi6 as-a ba-
sa6, "in un giorno e una notte (il malato) si sentirà meglio", *ud a5(1) gi a5(1)=a1oc
ba.sag.0.
Si noti anche l'espressione, comune nei testi amministrativi e legali, ba-us 2 , "è mor-
to", *ba.u$.0; lo stesso verbo, se accompagnato da altro prefisso, indica "uccide-
re", es. ensi 2 -bi mu-us 2 , "(Eanatum distrusse Iri'az e) uccise il suo governatore",
*(ensi=ak)=bi=0... mu.n.us.0- si tratta di una espressione causativa del verbo us 2 ,
lett. 'far morire', dove si aggiunge chi causa l'azione in ergativo (v. 5.5, A).
Nota 2: è stata proposta una valenza semantica del prefisso ba- detta del 'cambiamento di stato',
per cui il prefisso è utilizzato, sia con verbi fienti (cioè indicanti un'azione} che stativi, quando si
indica il punto di arrivo di un passaggio da una realtà ad un'altra Qagersma 2010, pp. 493-494}; es.
A-ni-ni dumu Geme 2 -mas 2 -sag-ka dSara 2 -kam dumu Lu 2 -ba dam-gar 3 ba-an-tuku,
"Sarakarn, figlio di Luba, il mercante, ha preso (in moglie} Anini, figlia di Geme-ma.Ssag", *anini
dumu (gemema5sag=ak}=ak=0... sarakarn dumu luba damgar=ak=eerg ba.n.tuku.0; in questa frase
si ha un esempio di uso del verbo tuku, "avere, ottenere", con il valore tecnico di "ottenere (in mo-
glie}": in questi casi nella forma verbale è sempre utilizzato il prefisso ba-. In realtà, questi usi vanno

146
5.6 Il prefisso ba- eil passivo

analizzati, a mio avviso, come un'estensione del valore dislocativo, per cui v. C, quindi il prefisso
sottolinea l'allontanamento del soggetto dalla sua posizione originale (della sposa dalla famiglia di
origine nel caso specifico).

B Il valore passivo del prefisso h a- deriva dal valore di voce media che esso veicola,
cioè l'idea che il soggetto svolga l'azione espressa dal verbo a suo vantaggio, per se
stesso: il passivo è il punto di arrivo di questo processo semantico, in cui sul solo
soggetto ricade l'azione intera. Sin dai primordi della sumerologia il valore passivo
di ba- era stato riconosciuto, soprattutto sulla base dei nomi di anno della Terza Di-
nastia di Ur, in cui viene ricordato un evento importante accaduto l'anno preceden-
te; si vedano i seguenti due nomi di anno: mu dSu-d Sin l ugal Urim/;-ma-ke 4
bad 3 Mar-du 2 Mu-ri-iq Ti-id-ni-im mu-du 3, "anno (in cui} Sii-Sin, il re di Ur,
costruì il muro dei Mardu (Amorrei}: 'quello che tiene a freno Tidnum (la Siria)'",
*mu susln lugal urim=ak=e.rg bad mardu=ak muriq tidnim=0... mu.n.du.0; m u
bad 3 Mar-du 2 ba-du 3, "anno (in cui} il muro dei Mardu fu costruito", *mu bad
mardu=ak=0... ba.du.0; come si può notare, le due frasi narrano lo stesso evento,
ma mentre nel primo. esempio si ha una frase transitiva (a due partecipanti, in cui
sono espressi ergativo e assolutivo}, nella seconda si ha un solo partecipante (in asso-
lutivo} e la frase è passiva: in questo secondo caso viene sempre utilizzato il prefisso
ba- e non viene mai indicato l'agente (ergativo).
Si vedano i seguenti ulteriori esempi; es. Geme 2 -dingir-ra nam-geme 2 -
se3 ibila Girz-nun-ta-ke4-ne ba-ne-gi-in, "Geme-digira è stata attribu-
ita in schiavitù agli eredi di Girnuntà', *(gemedigir=ak)=0... namgeme=se,., ibi-
la girnunta=ak=ene=radar ba.nne.gin.0; ku3-bi su-na ba-a-si, "l'argento re-
lativo (all'acquisto) è stato posto nelle sue (= del venditore} mani", *kug=hi=0...
su=ani=aloc ba.e.sig.0; limmuz(4)-bi nam-aradz nam-gemez-a ba-a-gi4, "i
quattro (personaggi) sono stati fatti tornare in schiavitù", *limmu=hi=0... namarad
namgeme=a1oc ba.e.gi.0. Sulle forme passive si veda ancora 5.8, B, Nota.
C Dal valore medio di "fare qualcosa per sé, a proprio vantaggio" il prefisso ba- ac-
quisisce un valore dislocativo, cioè di allontanamento (sempre con una sfumatura
di vantaggio per il soggetto logico dell'azione}; si vedano gli esempi seguenti: u 4
Ur-diSkur ensi 2 Ha-ma-zi/;-ke 4 e 2 -gi 4 -a-ni ba-an-tum 2 -ma-a, "(17 pe-
core per la cucina) quando Ur-ISkur, il governatore di Hamazi, (si) portò via sua
nuorà', *ud (uriskur=ak) (ensi=ak) hamazi=ak=e.rg egia=ani=0... ba.n.tum.0=a=~oc;
u 4 iri-ni-se 3 ba-gen-na ma 2 -a ba-na-a-gub, "(2 pecore, 2 capretti grandi
per Hulibar} sono stati posti sulla barca quando egli (se ne} è andato via verso la
sua città (in Elam}", *ud iri=ani=se,., ba.gen.0=a=a1oc ma=a1oc ba.nna.e.gub.0; lu 2
dam u 3-tak 4 ku 3 gin 2 5-am 6 ensi 2 -ke 4 ba-de 6 , "(a quel tempo) dopo che
un uomo divorziava da sua moglie, il governatore si portava via 5 sicli di argento",
*lu=e.rg dam=0.... u.n.tak.0 kug gin ia(5)=0=am (ensi=ak)=eerg ba.n.de.0; u 4 e 2 -
gal-e ba-ab-tum 2 -ma-ta, "(Duganizi ha dichiarato sotto giuramento che) da
quando il Palazzo lo (uno schiavo} aveva portato via da qui (questi non era stato più
visto)", *ud ejgal=e.rg ba.b.tum.0=a=ta..bi·

147
5 Il verbo

Nota 3: con il valore dislocativo del prefisso ba- si può spiegare la differenza di uso dei prefissi negli
esempi seguenti, in cui si descrive la raccolta di legname nei boschi appanenenti all'istituzione di
LagaS detta E-munus ("Casa della donna"), gestita dalla moglie del governatore: tir Ambarki dBa-
u2-ka En-ig-gal nu-banda 3 na bi 2-ri, "Eniggal, il sorvegliante, ha ripulito {del legname) il
bosco di Ambar di Bàu", *(tir ambar=ak) bàu=ak=a.oc eniggal nubanda=ee<g na=0.,. bi.n.rig.0; tir
E 2-munus-ka Lugal-an-da ensi 2 Lagaski_ke 4 n a ba-ni-ri, "Lugalanda, governatore di LagaS,
ha ripulito il bosco dell'E-munus (del legname)", *tir ejmunus=ak=a1oc lugalanda {ensi=ak)=ak=ee<g
na=0,... ba.ni.n.rig.0. Nel primo caso, Eniggal è il responsabile dell'E-munus e il verbo na - ri,
"ripulire" è costruito con il prefisso bi 2-, che richiama illocativo del termine tir, "bosco" {v. 5.4.4,
B); quando invece a prendere il legname è un personaggio esterno all'amministrazione dell'istitu-
zione, come il governatore, il fatto che il legname esca dall'amministrazione e non venga utilizzato
da questa è espresso mediante il prefisso ba-, con valore dislocativo, mentre illocativo è ripreso dal
prefisso *-ni-, v. 5.4.4, A (si ricordi che il documento è redatto dall'amministrazione dell'E-munus e
descrive il suo punto di vista spaziale); si veda ancora il testo in Cr 7a e relativo commento, e per una
differente interpretazione Jagersma 20 l O, pp. 490-491.

5.7 Il ventivo (cislocazione)


Allo spettro semantico opposto del valore dislocativo del prefisso ba- (v. 5.6, C), si
trova il valore ventivo (cislocativo) del prefisso m u- con le sue varianti grafiche (pos.
4 della frase verbale, v. 5.1). Il suo valore principale è quello di 'movimento verso il
centro' e indica che l'azione si rivolge, fisicamente o eticamente, verso il soggetto logico
della frase, o uno dei partecipanti a quest'ultima.
Nota 1: il termine 'ventivo' deriva dalla grammatica accadica, dove esiste nel verbo una forma specifica
che focalizza il movimento verso il centro dell'azione, espresso dalla presenza del morfema -am dopo
forme verbali terminanti in consonante e -nim dopo quelle uscenti in vocale, es. illik, "egli andò"; il/ik-
am, "egli venne"; illiku-nim, "essi vennero" ecc. {v. D'Agostino- Cingolo- Spada 2016, p. 62). Come si
vede, anche il ventivo accadico possiede il suono /m/, cosicché è possibile che questo tratto comune alle
due lingue evidenzi quel legame linguistico (Sprachbund) di cui si è detto in 1.5.

A Grafia. Il ventivo si presenta con due varianti (allomorfi), mu- (e varianti) e /m/,
secondo il seguente schema: ·
, "Ventivo : di fronte a
l. mu- -CC : mu-na- < *mu.nna; mu-ni- < *mu.nni; mu-da- < *mu.nda;
mu-si- < *mu.nsi, ecc.

2. ma- -Ca ma-ra- < *mu.ra.

3. mi- i -Ci mi-ni- < *mu.ni; mi-ri- < *mu.ri


' .. ·-· --- ·-· .. - ·- ~--·· ·-· --- ·- ·-·-· .. ·- -···· ·- -··--· -····--· ·-···. ·- ·-

: 4./m/ ma-< *mu.a; me-< *mu.me {ipotetico)

5./m/
· 6./mm/ : *-b- im-ma- < *i.m.ba; im-mi- < *i.m.bi
r - - - - - - - - - - - - ~--- - - - - - - ---·- __ _,

7./m/ -bC- im-da- < *i.m.bda; im-Si- < *i.m.bsi; im-ta- < *i.m.bta ecc.

148
5.7 Il ventivo (cislocazione)

Come si vede, il morfema del ventivo è m u- di fronte a consonante geminata (caso


l della tabella), la cui vocale si assimila alla vocale del morfema che segue se questo
è scempio, formato cioè con una sola consonante (2, 3); nella grafia, l'assimilazione
vocalica non è sempre evidenziata; es. mu-na-du 3 , "egli ha costruito per lui (il
suo tempio)", *mu.nna.n.du.0; a 2 mu-da-an-ag 2 , "egli gli ha ordinato", *a=0ass
mu.nda.n.ag.0; e 2 uçde 3 ma-ra-du 3 -e, "il giorno costruirà il tempio per te",
*ej=0ass ud=eerg mu.ra.du.e- ma si veda anche per esempio dNin-gir 2 -su e 2 -zu
mu-ra-du 3 , "O Ningirsu, io ho costruito il tempio per te", *(ningirsu=ak)=0ass
ej=zu=0... mu.ra.'.du.0; sig 4 u 3 -sub-ba mi-ni-gar-ra-ni dUtu im-da-h ul 2 ,
"il dio Utu giol poiché (Gudea) aveva posto il mattone (per costruire il tempio) nello
stampo", *sig=0ass usub=atoc mu.ni.n.gar.0=a=ani=dacom Utu=0ass Ì.m.bda.hul.(Z}-
ma si veda anche per esempio unu 6 suba 3 -a mu-ni-tud-da-a, "(Gudea) che
(la dea Gatumdug) ha generato nella splendida cella interna (del tempio)", *unu
suba=a1oc mu.ni.n.tud.0=a; ga nam-sul-la mi-ri-in-gu 7 , "(Nintur) ti ha nu-
trito con il latte della vigoria!", lett. 'ti ha fatto mangiare il latte della vigoria', *ga
namsul=ak=0ass mu.ri.n.gu.0, per cui v. 5.5, B; in questa grammatica il ventivo, se
si trova nelle situazioni fonetiche presentate qui, si normalizza sempre nella trascri-
zione con la grafia 'mu'.
Nota 2: il prefisso è sempre m u- se precede la vocale *-e-, che può assimilarsi a quella del prefisso
stesso (mu-e-, mu-u3- < *mu.e;), es. mu diSkur kur gul-gul AN.GA 2 ma 2 ba-ra-mu-e-da-
ab-bal-e, "(per quanto pronunci) il nome del dio (della tempesta) Iskur, che spezza le montagne,
non puoi trasportare una barca nella pioggia?", *mu iskur=ak kur gullgul.0 5eg=3.Joc ma=0.,. bara.
mu.eda.b.bala.en (proverbio paleo-babilonese) -è ignoto il significato di AN. GA 2 , che qui viene
interpretato come grafia difettiva per seg 3 , scritto A.AN, con il caso locativo; ga 2 -ra ha-mu-u 3 -
sub, "(o mia Signora, o Gatumdug,) hai riversato (proprio) su me favorevolmente (la mano eccelsa)",
*ga=rac~a, ha.mu.e.Sub.0.

Il ventivo si riduce a /m/ quando si trova immediatamente di fronte a un verbo (5),


es. e 2 kur-gal-am 3 an-ne 2 im-us 2 dUtu-am 3 an-h 3 -ge im-si, "il tempio,
come una grande montagna, raggiunge il cielo; come il dio Utu, si estende sino alla
volta celeste", *ej kur gal=0=am an=edir Ì.m.us.0 Utu=0=am ansag=edir Ì.m.si.0.
Quando si trova di fronte ai prefissi ba- (v. 5.6) e bi- (v. 5.5, B) il cluster /mb/ diventa
/mm/ (6), quindi es. tug 2 dan 2 -dan 2 -na-ni im-ma-an-mu 4 , "(Enkidu) indos-
sò le sue vesti pulite", *tug dan/dan=a=ani=0ass i.m.ba.n.mur.0; ge!eren-bi tun 3
gal-e im-mi-ku 5 , "(Gudea) fece tagliare con grandi asce i suoi (della montagna)
cedri", lett. 'fece tagliare alle asce i cedri' (forma causativa, v. 5.5, B), *eren=bi=0...
tun gal=edir i.m.bi.n.kud.0.
Se il ventivo si trova di fronte al pronome prefisso *-b- seguito da un prefisso dimen-
sionale (v. 5.4.2 sgg.), nella grafia la forma risultante è i m- mentre la /b/ non com-
pare (7) e viene ricostruita in trascrizione, es.lu 2 E 2 -ninnu-ta im-ta-ab-E 3 .E 3 -
a, "colui che la (statua) farà uscire dall'Eninnu", *lu ejninnu=ta,m1 i.m.bta.b.ed.e=a
(si noti che la reduplicazione del verbo e 3 , "uscire", è probabilmente solo grafica, per
evidenziare a vista la forma presente-futura- questo verbo forma il presente-futuro
su uno stemma ampliato /ed/, v. 5.2.1, 3).

149
5 Il verbo

Nota 3: è possibile che esista una distribuzione specifica delle forme ventive /mu/ vs. Imi, in cui la
prima si trova di fronte al pronome /n/, che si riduce a /m/ se precede il pronome *-b-; per una di-
versa posizione, in cui si considera che la /b/ non possa comparire assieme al ventivo nelle situazioni
presentate, si vedaJagersma 2010, pp. 509 sgg.

Si noti che i prefissi dimensionali della I pers. sing. e plur. del dativo sono sempre
accompagnati dal prefisso ventivo che funge da supporto pronominale alle varie
forme, e sono rispettivamente ma- e me- (4), es. ur-sag ma-a-du 1 " "O eroe
(= Ningirsu), tu mi hai parlato", *ursag=0... ma.e.dug.0. Si ricorda, infine, che il
prefisso ventivo, nella forma m u-, accompagna tutte le forme dei prefissi dimensio-
nali di I pers. sing., es. se e 2-a nu-mu-da-gal 2, "non ho orzo in casà', *se=0...
ej=3.j0 c nu.mu.'da.gal.0, lett. 'con me non è presente orzo', per cui v. 5.4.1 sgg. per
i dettagli.
B Valori semantici. Il valore del ventivo è quello di suggerire il movimento verso il
parlante o lo scrivente, sia di natura fisica che etica; es. sa 3 -gal ur-ra-se 3 im-si-
gen-na, "(birra per Gukkal) che è venuto qui per il nutrimento dei cani", *saggal
ur=ak=se,a i.m.bsi.gen.0=a- in questo esempio la presenza del ventivo indica che
l'azione di Gukkal è in direzione del centro, cioè verso l'amministrazione che ha
emesso il documento; per contrasto si veda la frase seguente: u 4 iri-ni-se 3 ba-
gen-na ma 2-a ba-na-a-gub, "(2 pecore, 2 capretti grandi per Hulibar) sono
stati posti sulla barca quando egli (se ne) è andato via verso la sua città (in Elam)",
*ud iri=ani=se,er ba.gen.0=a=a1oc ma=a1oc ba.nna.e.gub.0, in cui la presenza del pre-
fisso ba- suggerisce al contrario il movimento nella direzione opposta (dal centro
verso l'esterno), v. 5.6, C. Si vedano ancora i seguenti esempi; es. ki-sur-ra dNin-
gir2-su-ka-ke4 ba-ra-mu-bala-e, "lo (l'uomo di Umma) non attraverserò il
confine di Ningirsu!", *kisura (ningirsu=ak)=ak=edir bara.mu.bala.en - qui il capo
di Umma promette di non passare il confine verso Laga5, luogo in cui il testo è
stato scritto; lu 2-inim-ma-se 3 im-ta-e 3 -d, "essi vennero fuori (dalla folla pre-
sente) come testimoni", *(luinim=ak)=se,er i.m.bta.ed.d, dove il movimento, dalla
folla verso la corte, indica che l'ottica dello scriba è quella della corte stessa; e n si 2
E 2-m un us-a mu-ti-la-a, "quando il governatore si trovava {lett. viveva) nell'E-
munus", *(ensi=ak)=0... ejmunus=3.joc mu.til.0=a=a1oc, in cui il prefisso ventivo sot-
tolinea il valore di "qui (con noi)".
Nelle iscrizioni reali le forme verbali hanno assai spesso il prefisso ventivo, ad in-
dicare non un movimento fisico, ma la vicinanza etica del soggetto all'azione che
intraprende, una sottolineatura etica del "verso qui" dove si svolge l'azione e che
rappresenta il luogo fisico dove si trova l'oggetto su cui il testo è stato scritto; per gli
esempi si veda Cr la-d e Cr 5b.

5.8 I prefissi del verbo finito /i/, /a/ e /al/


La parte della morfologia verbale sumerica più complessa da ricostruire è quella della
funzione e della storia dei prefissi /i/, /al e /al/. Ciò è dovuto a una serie di ragioni sto-

150
5.8 I prefissi del verbo finito li/, la/ e /al!

riche e documentarie che verranno descritte in seguito. In questo paragrafo si dà una


descrizione semplificata della questione, rimandando alla sintesi più recente di Jager-
sma 2010, pp. 526-549, in cui si può trovare una presentazione esaustiva di problemi,
non ancora del tutto risolti, che coinvolgono questi elementi della lingua sumerica
{si veda anche Z6lyomi 2017, pp. 145-149). Il funzionamento di questi prefissi verrà
esemplificato sia nei paragrafi che seguono, sia, soprattutto, nei testi della Crestomazia.
A Grafia. I prefissi compaiono in due forme, /i/ ed /al; quest'ultima, a sua volta, as-
sume la forma /al/ se si trova in posizione immediatamente preverbale. La regola di
base riguardo al comportamento fonologico e grafico di questi prefissi prevede che
essi compaiano di fronte a una forma verbale con due consonanti o una consonante
doppia iniziali, permettendo in questo modo di evitare il cluster, che in sumerico è
inaccettabile dal punto di vista grafico e fonetico (v. 3.1, C, Nota).
Nota 1: sulla base di questo comportamento fonetico, è stato ipotizzato che in epoca preistorica
questi prefissi fossero obbligatori di fronte ad ogni forma verbale (di qui la denominazione di 'prefissi
del verbo finito'), ma che nel corso del tempo siano scomparsi, probabilmente per motivi fonetici
(spostamento di accento), tranne nei casi in cui tale scomparsa avrebbe potuto compromettere le
regole grafo- e fonotattiche del sumerico (in altre parole, se la loro caduta avesse lasciato un cluster
all'inizio della forma verbale).

Si veda lo schema sintetico seguente sulle grafie:


---- -- ---- -·--· -- ··--

prefisso • di &onte a • forme


-. -- ~---- ··-·.- -·

li/, /al i' -CC- (i 3 )-ibn (i 3 )-im-, (i 3 )-in-; (a)-ab-, (a)-am-, (a)-an-*
------------.:..~---- ----- ----+-----------------·-------------- - · - - - - - - - - - - - - - ------------------
/il Vérbo
/al/ ' Verbo ' al-

*:le grafie (i 3 )-ib 2- e simili indicano probabilmente l'allungamento per compenso del prefisso,
/ib/ ecc., v. 5.4.4.

Si vedano i seguenti esempi e si noti che non sempre nella grafia il cluster viene evi-
denziato {v. 2.9); es. ku3-bi su-na a-ab-si, "il suo (dell'acquisto) argento è stato
posto nella sua (del venditore) mano", *kug=bi=0..,. su=ani=3.toc a.b(i).si.0; di-be 2 si
ab-sa 2 , "(alla grande porta del Palazzo) questo processo è stato celebrato {lett. rad-
drizzato)", *di=bi=edir si=0..,. a.b(i).sa.0; kindagal nam-nu-banda 3 e 2 -sa 3-ga
an-na-dah-ha, "il capo-barbiere, cui è stata aggiunta nella camera interna la po-
sizione di sorvegliante", *kindagal namnubanda=0..,. ejsag=a1oc a.nna.dah.0=a; ib 2-
ta-zi, "è stato detratto {dal conto)", *i.bta.zig.0- si trova anche la grafia i 3-ta-zi,
da analizzare sempre come descritto; u 4 Ummaki_ta i 3-im-gen-na-a, "quando
{la dea Ninisin di Umma) venne qui da Ummà', *ud umma=ta,m1 i.m.gen.0=a=a1oc;
kiSi b ... pisag U r-dBa- u 2 -ka i 3- in-gal 2 -la-ta, "(animali da detrarre) dalle ta-
volette che si trovano nel contenitore di Ur-Ba'u", *pisag (urbàu=ak)=ak=3.toc i.n{i).
gal.0=a=ta,m1; in-na-sum 2 , "egli lo dette a lui", *i.nna.n.sum.0- si trova anche la
grafia i 3-na-sum 2 ; Ur-sag-ra su-na i 3-ni-gi 4 , "(Eniggal) ha reso (l'argento) a
Ursag", lett. 'ha fatto tornare nella sua mano', *ursag=rada, su=ani=a~oc i.nni.n.gi.0;
sipa-bi im-mi-us 2 , "(Gudea) fece seguire (alle pecore matricine e agli agnelli)

151
5 Il verbo

il loro pastore", *sipa=bi=0ass i.m.bi.n.us.0; a-ta im-ma-ra-tum2> "{la barca) è


stata portata fuori dall'acquà', *a=taabl i.m.ba.ta.tum.0. Si noti che in epoca antica
il prefisso sottostà all'armonia vocalica, es. dub dagal-a e-gar, "(il pastore) ha
posto (gli animali marchiati) sulla tavoletta grande", *dub dagal=a1oc i.n.gar.0; E 2 -
ki sagga e-me-a, "(orzo) per Eki, quando era amministratore templare", *eki
sagga=0ass i.me.0=a.
A differenza della regola appena stabilita, però, se nella forma verbale non si ha alcun
altro prefisso o pronome di fronte al verbo, in questo caso il prefisso del verbo finito
può essere comunque utilizzato nella forma i 3 - oppure al-; es. Gu 3 -de 2 -a i 3 -zi,
"Gudea si alzò", *gudea=0ass i.zig.0; al-til, "{la questione) è conclusà', *a{l).til.0;
mu lugal-bi al-pa 3 , "il nome del re è stato pronunciato (in segno di giuramen-
to)", *mu lugal=ak=bi=0ass a{l).pad.0.
Nota 2: si osservi che non esiste una spiegazione per la presenza della consonante liquida /1/ nella
forma al- del prefisso, consonante che in realtà, come si è visto, non fa parte di quelle usate nella
formazione della morfologia verbale sumerica.

Questa duplicità di comportamento fonologico indica probabilmente che il prefisso,


così come si trova nella documentazione in nostro possesso, rappresenta il risultato
di una situazione linguistica più arcaica le cui valenze semantiche e morfologiche
possiamo solamente ipotizzare.
B Semantica dei prefissi. Sulla base dell'evidenza posteriore a nostra disposizione, per
quanto riguarda il significato di questi prefissi, sembra possibile ricostruire almeno
ipoteticamente il seguente quadro originario:
a. il prefisso /i/ era utilizzato in forme preterite fienti (indicanti una azione);
b. il prefisso /al era utilizzato in forme presenti-future fienti, sia in frasi principali
che secondarie;
c. la forma /al del prefisso, a sua volta, veniva utilizzata nella forma preterita con
verbi stativi, e appariva come /al/ se in posizione immediatamente adiacente al
verbo;
d. il prefisso /a{l)/ acquisì, infine, un valore passivo a se stante. Il sistema decadde
quando si sviluppò una differenziazione aspettuale l temporale basata su aspetti l
tempi espressi morfologicamente in modi differenti (v. 5.2.1 e 5.3).
A questa situazione semantica di fondo, nella documentazione storica in nostro pos-
sesso si aggiunge un ulteriore sviluppo, su base dialettale, dell'uso delle due forme /i/
ed /a/: nel corso della seconda metà del III millennio a.C. la prima tende a rimpiaz-
zare la seconda nei testi meridionali della Mesopotamia (Lagas, Umma), mentre la
seconda si mantiene maggiormente in quelli settentrionali (Nippur, Adab). Inoltre,
nei testi meridionali il prefisso ba- ha preso il posto del prefisso a{l)- per indicare il
passivo (v. 5.6, B). Come abbiamo visto, questa ricostruzione, come tale, non rap-
presenta la descrizione unitaria di uno stadio documentato della lingua, bensì un
processo ricostituito per rendere ragione di una serie di fatti linguistici posteriori e
differenti. Si veda lo schema semplificato seguente:

152
5.9 La negazione e i prefissi modali (pos. l e 2)

: Valore orig. · dialetto Sud : dialetto Nord


:________ ----- -------------'- -------····-·-----

; preterito /i/ : /i/, /al


pres.-fut. /i/ /al
passivo /ba/ /a(l)/
. -- .. ·-- -- ..

imperativo* /al /al


- -·

*: sull'imperativo v. 5.1 O.

Si vedano i seguenti esempi di alcuni usi dei prefissi /al e /al/.


Uso nelle frasi relative: es. lu 2 im-sar-ra-e ab-ha-lam-me-a, "colui che di-
struggerà questa iscrizione", *lu imsara=e=0... a.b.halam.e=a; gur 4 -gur 4 ... i 3 ...
dNin-gir 2 -su 2 :..ke 4 ab-ta-gu 7 -a, "vasi-GUR ... da cui Ningirsu consuma olio",
gurgur ... i=0...... (ningirsu=ak)=e..g a.bta.gu.e=a; lugal ki an-na-ag 2 -ga 2 -ni
dNin-gir 2 -su-ra ... ki-be 2 mu-na-gi 4 , "(Enmetena) per Ningirsu, il suo pa-
drone (lett. re) che lo ha amato, ... ha restaurato (il tempio Namnundakigara)", lett.
'ha fatto tornare al suo posto', *lugal ki=0... a.nna.n.ag.0=a=ani (ningirsu=ak)=radar
... ki=bi=edi, mu.nna.n.gi.0: in i m am-til, "qui le questioni (di cui parlare) sono
concluse(= non ho altro da aggiungere)", *inim=0... a.m.til.0 (si tratta di una let-
ter-order; si noti la valenza del ventivo, che sottolinea il punto di vista del mittente).
Valore stativo: es. t<~kiri 6 Lu 2 -digir-ke 4 ab-us 2 , "(il palmeto) confina con il
palmeto di Lu-digira", *kiri (ludigira=ak)=ak=edir a.b(i).us.0.
Valore passivo: es. dEn-lil 2 -le-ma-ba-ra an-na-la 2 , "(argento) è stato pagato
{lett. pesato) a EnlUe-mabà', *enlilemaba=rada, a.nna.la.0; kisib-ba-ne-ne u 2 -
gu ba-de 2 al-pa 2 zi-re-dam, "la loro (dei due debitori del prestito) tavoletta
sigillata è andata perduta: (se) viene trovata, va distruttà', *kisib=anene=0... ugu=edi,
ba.de.0 a(l).pad.0 zir.ed=0=am.
Nota 3: come si è visto negli esempi presentati in A e 8, forme passive possono presentare indistinta-
mente i prefissi /i/, /al o /al/; in 5.6, 8, è stato presentato il valore passivante del prefisso ba-, che nel
dialetto meridionale prende il posto di /a(l)/ per indicare la diatesi passiva. In realtà, è stato proposto
di spiegare la differenziazione di uso dei prefissi con un differente valore semantico del passivo, in
cui /a(l)/ e /i/ indicano il risultato, mentre /ba/ il processo; si vedano i seguenti esempi: m u U r-
geigigir nu-banda 3 -se 3 kisib Ur-dLamma-ka ib 2 -ra, "al posto di Ur-gigir, il sovrintendente,
è apposto il sigillo di Ur-Lama'', *mu (urgigir=ak)=ak=5e,., kisib=0..., (urlama=ak)=ak=0,.. i.b(i).
rah.0; Kasrra kiSib US-gu 10 ba-ab-ra, "per Kas il sigillo di USgu è stato apposto", *kas=ra.t.,
kisib usgu=ak=0... ba.b(i).rah.0.

5.9 La negazione e i prefissi modali (pos. l e 2)


La negazione e i prefissi modali occupano le posizioni l e 2 della struttura verbale
(v. 5.1) -per questi morfemi, nelle grammatiche correnti, viene anche utilizzata la
nomenclatura 'preformativo'. Mentre la negazione corrisponde all'opposizione logica
'sì- no' (v. 5.9.1), la funzione dei prefissi modali è quella di chiarire l'atteggiamento

153
5 Il verbo

personale del parlante nei confronti di ciò che descrive o afferma, e può avere valore
semantico di volontà, positiva o negativa (valore deontico), oppure di valutazione per-
sonale sulla realtà che lo circonda, anch'essa positiva o negativa (valore epistemico). Per
la lingua sumerica questa distinzione è stata utilizzata per la prima volta da Civil 2000;
si veda il seguente schema:
-··· ----·- --·-·· --. ·---··- ---- ---·- ----·- ---- ---· ---- ------

P~!· ~od. _ : _ _ ~ore _epist_emico valore deontico --~~~- _ _,


'------------~---e~~~~~~----- ____ --~_e~~~~--_; ____ E_OSit~~~---+--- negativ~--~--------~
r··-
/bual + + 5.9.4
i
-
/gal
--- -- ---- -- --- ---
--,.--
+ 5.9.6
/hai + + 5.9.3
/na(n)/
,------ + ------
+
----
5.9.5
/na/ + 5.9.7
/nuS/
·------· ---- - -----
!
---
+ 5.9.7
/si/ + 5.9.7

Come si può notare, alcuni di questi prefissi modali possiedono un valore sia epistemi-
co che deontico, che può essere a sua volta positivo o negativo. Nel prospetto seguente
si mostrano le correlazioni 'positivo - negativo' dei prefissi rispetto alloro valore (da
Z6lyomi 2017, p. 240):
valore epistemico valore deontico
positivo negativo
- - - ------'------------------1
' /hai, asseverazione /bual /gal, volitività !bual
i
!-- --- l
/hai, possibilità /na(n}/ imperativo, comando /na(n)/ '
---- ---- ---- -------, --~
l
/hai, ottatività /na(n)/ !
___ J
---.--- --··-- -- --- -----. -------------·- --------------

Nei paragrafi che seguono viene trattata dapprima la negazione (5.9.1) quindi i prefissi
modali (5.9.3 sgg.). Un caso a sé è rappresentato dal prefisso prospettiva /u/, che ha
una valenza sintattica più che semantica, che verrà trattato in 5.9.2.

5.9.1 Il prefisso di negazione lnul (pos. l)


In sumerico il prefisso di negazione è n u- e viene usato sia per negare una frase in-
dicativa finita che un'espressione non finita (v. 5.11.1-3). Di fronte ai prefissi ba- e
bi 2 - la negazione diventa rispettivamente la- e li- (sul passaggio /n/> 111 v. 3.4, Nota
2; 4.3, C, Nota), anche se sono attestate grafie morfofonetiche nu-ba- e nu-bi 2 -. Il
prefisso i 3 - e le forme ib 2 -, im- e in- diventano rispettivamente u 3 -, ub- e um-, se
preceduti dalla negazione, a indicare forse anche un allungamento della vocale, *mi-;
la forma n u- resta invariata di fronte al prefisso ventivo nella forma m u- (si ricorda
che non sono attestate forme negative con il prefisso al-); si veda lo schema esplicativo
seguente:

154
5.9 La negazione e i prefissi moda/i (pos. l e 2)"

prefisso con negazione nu-


grafia fonetica grafia morfofonetica
-----------·.--. -- --------------------------------· -- ________ J

ba- 1 la- ba i nu-ba-

---- _L!~z!l_~~~~~~- ___ - -- ----- --· ----------- .


: nu-bi 2 -
- --- --------- -- --·-- ----------------·-- ---- -· -----

mu- nu-mu- nu-mu-

*:la forma li 2 - (~) è più antica, a panire dall'inizio del II millennio a.C. la forma è li- (~,che
in epoca precedente aveva valore /le/.

Si vedano i seguenti esempi: kiSib Ba-sa 6 -ga na-me ki-na nu-gal 2 -la ni 3 na-
me nu-u 3 -da-an-tuku-a, "(Ur-sagamu ha giurato nel nome del re) che nessuna
tavoletta sigillata di Basaga si trova presso di lui {lett. al suo [di Ur-sagamu] posto) e che
egli non deve alcunché a lui", *kisib basaga=ak name=0..,. ki=ani=:l1oc nu.i.gal.0=a nig
name=0..,. nu.i.nda.n.tuku.0=a (si notino le due grafie differenti del prefisso n u- ); m u
Lu 2 -gi-gunçna ... ba-us 2 i 3 -bi 2 -la nu-u 3 -tuku-a-se 3 , "poiché Lu-giguna ...
era morto (e) non aveva eredi", *mu (lugiguna=ak) ... ba.w.0 ibila=0..,. nu.i.n.tuku.
0=a=ak=se1.,; u 4 -bi-ta inim im-ma gub-bu nu-ub-ta-gal 2 -la, "a quel tempo
non esisteva ancora di porre parole sull'argilla (=scrivere tavolette)", ud=bi=taabt inim

lm=a b 0 • b Aal 0 l • • A A «
1oc gu =a= ..,. nu.1. ta.g . =a; u 2 na-me 1n1m nu-um-ga 2 -ga 2 , nessuno
dovrà sporgere reclamo", *lu name=e.rg inim=0..,. nu.i.m.ga/ga.e; nu-un-da-gi-5a,
"(hanno giurato) che non sono d'accordo con lui (su quanto ha riferito)", *nu.i.nda.
gin.eS=a; a-a dEn-lil 2 inim-be 2 nu-mu-na-gub, "il padre Enlil non l'aiutò in
questa faccenda {lett. non le si mise accanto)", aja enlil=0..,. inim=bi=edir nu.mu.nna.
gub.0 (paleo-babilonese); usan 3 la-ba-sag 3 , "(durante la costruzione dell'Eninnu)
la frusta non schioccava {lett. era battuta)", *usan=0..,. nu.ba.sag.0; m u a-sa 3 ambar
Lagaski_ke 4 a li 2 -bi 2 -in-d-a-se 3 , "(lO sicli d'argento restituiti) poiché non hanno
irrigato {lett. dato acqua) il campo 'Palude di Lagas"', *mu aSag (ambar lagas=ak)=edir
a=0..,. nu.bi.n.e.d=a=ak=se1.,; munus-e gd su-na li-bi 2-in-gub giri 3 -ni-ta
bi 2-in-gub, "la donna non piantò {lett. pose) l'albero con le mani, con i piedi lo pian-
' l" , *munus=e.rg ges= 0 ..,. su=anl=a oc nu. b'l.n.gu b . 0 gul=anl=taab b'l.n.gu b . 0 (p al eo-
0 0 0 0

to. A y y
1 1
A

babilonese); ama er 2 -ke 4 er 2 n u-bi 2 -du 1 P "la prefica non intonava lamenti", *ama
er=ak=e.rg er=0..,. nu.bi.n.dug.0.
Un sostantivo di III pers. sing. con la copula -am 3 (v. 4.12, B), viene negato me-
diante il solo morfema nu, senza alcuna copula; es. alan-e u 3 ku 3 nu za-gin 3
nu-ga-am 3 u 3 uruda nu u 3 an-na nu zabar nu kig-ga 2 l u 2 nu-ba-ga 2-
ga2 n••esi-am 3 , "per questa statua nessuno, per la (sua) realizzazione, ha utilizzato
argento e nemmeno lapislazuli, non rame, né stagno o bronzo: è la diorite (che è stata
utilizzata)!", *alan=edir u kug=0..,. nu.0 zagin=0..,. nu.i.nga.me.0 u uruda=0..,. nu.0
u anna=0..,. nu.0 zabar=0..,. nu.0 kig=~oc lu=eerg nu.ba.ga/ga.e esi=0=am, v. anche
4.12, D, a. Viceversa, le altre persone della copula presenteranno una frase verbale fi-
nita, es. arad 2 Ur-dSAHAR-dBa-u 2-ka nu-u 3 -me-en 3 , "(Sdkala ha dichiarato:)

155
5 Il verbo

io non sono lo schiavo di Ur-SAHAR-Bàu!", *arad (ursaharbàu=ak)=ak=0... nu.i.me.


en (v. 4.12, C, b).
Nota: in genere il prefisso nu- viene utilizzato per negare un'affermazione indicativa, senza alcun valore
modale; esistono però attestazioni che sembrano dare indizi differenti, es. ki-gub-ba-bi lu 2 nu-zi-zi
sa 2 -du 11 -bi lu 2 la-ba-ni-la 2 -e, "il suo (della statua) piedistallo nessuno solleverà, nessuno la priverà
della sua offerta regolare!", '"kiguba=bi=0... lu=eerg nu.i.zi/zi.e sadug=bi=0.,.lu=eerg nu.ba.ni.b.lal.e, che
sembra avere un chiaro valore modale di asseverazione (probabilmente ci troviamo di fronte a fenomeni
soprasegmentali, cioè fatti linguistici che la grafia ci lascia immaginare come aggiunti alla frase scritta,
per esempio l'intonazione della frase, che sono però soltanto ipotizzabili).

5.9.2 Il prefisso prospettivo lui (pos. l)


Il prefisso prospettive lui, denominato anche di anteriorità, indica che l'azione espres-
sa dalla frase verbale in cui compare è anteriore e connessa direttamente a quella che
segue; esso possiede, quindi, una valenza sintattica più che modale (v. 6.3). Le forme
verbali con il prefisso lui hanno sempre diatesi preterita, ma la relazione temporale
con la frase seguente dipende dal tempo di quest'ultima: se essa è preterita, si avrà an-
teriorità nel passato (dopo che era accaduto A, è accaduto B); se è presente-futura, si avrà
anteriorità rispetto al futuro (dopo che sarà accaduto A, accadrà B).
A Grafia. Il prefisso di anteriorità occupa la pos. l e si esclude con il prefisso del verbo
finito /i/ e varianti. Esso appare come lui se si trova in sillaba chiusa (seguito da
due consonanti o consonante doppia, /uCCVI), mentre si assimila alla vocale della
sillaba che segue se si trova sillaba aperta (/uCV/); se si trova in posizione immedia-
tamente adiacente al verbo, mantiene il suono lui. Si veda il seguente schema:
~.----------~--------------------~---------------·-----------------------,

prefisso . grafie . esempi delle grafie

' lui + CCV > lui u 3 -, (u 3 )-ub-, (u 3 )-ul, (u 3 )- u 3 -tak 4 ; u 3 -ub-tar; (u 3 )-ul-pa 3 ;
: um-, (u 3 )-un- u 3 -um-de 6 ; u 3 -un-du 3 ; un-su

: lui+ CV> N/
lui+ ~rbo

B Semantica del prefisso /u/. Questo prefisso rappresenta un unicum nella grammatica
sumerica: si tratta, infatti, dell'unico esempio in cui un rapporto sintattico è rap-
presentato da un morfema specifico (v. 6.3). Le forme in cui compare sono sempre
preterite, ma il loro valore temporale dipende dalla frase a cui sono connesse, indi-
cando anteriorità nel passato o nel futuro a seconda del significato e della diatesi di
quest'ultima. Si vedano gli esempi che seguono.
Valore futuro: lu 2 e 2 a-ba-sumun u 3-un-du 3 ... igi dNanna-ka he 2-en-
sa6, "Colui che dopo aver ricostruito l'edificio (dopo che sarà) divenuto vecchio
(non modificherà nulla) possa prosperare al cospetto di Nanna", *lu ej=0... u.ba.
sumun.0 u.n.du.0 ... igi nanna=ak=a1oc ha.i.n(i).sag.0 (v. Cr Sb; qui si hanno due
forme verbali consecutive con prefisso lui, in cui la traduzione del tempo verbale di-
pende da quello della frase a cui si collega); 2 se gur a-sa3 u3-gid2 mas2 a-Sa3-

156
5.9 La negazione e i prefissi moda/i (pos. l e 2)

ga a-ba-ra-zi, "dopo che sarà stato misurato un campo per 2 gur (600 l) di orzo
e l'affitto del campo sarà stato prelevato (pagheranno anche l'interesse}", *min(2) se
gura5ag=ak=0... u.gid.0 ma5 a5ag=ak=0... u.ba.ta.zig.0; nu-zuh pirig na-nam 2
u 3-dab 5 geme 2 na-nam 2, "il ladro è davvero un leone, ma dopo che è (sarà stato}
catturato, è davvero una schiava!", *nuzuh=0... pirig=0... nanam u.dab.0 geme=0...
nanam (testo sapienziale del 2600 a.C.}; tukum-bi nu-u 3 -um-de 6 di-bi i 3 -
bi2-du" su 3 -su 3 -da, "se (Sidu} non porterà (11 buoi}, dopo che questi avrà sop-
portato {lett. detto) il processo, dovrà renderli", *tukum=bi nu.i.m.de.e did=bi=0as.s
u.bi.n.dug.0 su/su.ed=a=3.toc; ni 3 -ka 9 ka-guru 7 -ka ba-an-zi kiSib 3 -bi u 2-gu
ba-an-de 2 u 3 -ul-pa 3 zi-re-dam, "(orzo, prezzo di rame, è stato posto sul conto
di Lu-kala) il computo è stato detratto nel granaio; la relativa tavoletta è andata per-
duta: (se) verrà trovata, deve essere distruttà', *nigkas=0as.s (kaguru=ak)=a1oc ba.n(i).
zig.0 kisib=bi=0... ugu=edir ba.n.de.0 u.al.pad.0 zir.ed=0=am (per una differente
analisi di u 3 -ul- si vedaJagersma 2010, pp. 519-521}.
Valore passato: nam-erim 2-e su a-ba-gal 2 ... al-ag 2, "dopo che (Ur-sisi} ha
prestato giuramento {lett. ha fano essere la mano al giuramento) ... (l'orzo) è sta-
to pesato (correttamente}", *namerim=ec:lir su=0... u.ba.n.gal.0 ... al.ag.0; siki-bi
e 2-gal-la a-ba-de 6 ku 3 gin 2 5-am 6 e-ga 2-ga 2-ne, "(a quel tempo, quando i
fattori portavano una pecora da lana) dopo che la sua lana era presa {lett. portata via)
nel Palazzo, essi pagavano (ancora} 5 sicli d'argento", *siki=bi=0... ejgal=a1oc u.ba.
de.0 kug gin ia(5)=0=am i.galga.ene (si ha qui un presente storico).

5.9.3 Il prefisso /ha/ (pos. l)


Il prefisso /ha/ possiede sempre un valore positivo, che può risultare sia epistemico
(asseverazione o possibilità} che deontico (ottatività, obbligatorietà}; come si è visto
nello schema in 5.9, a seconda del suo valore, il prefisso negativo relativo alle diverse
funzioni di /ha/ sarà differente (a dimostrazione delle differenti valenze di questo pre-
fisso modale}.
A Grafia. Se si trova di fronte ad una frase verbale che inizia con il prefisso /i/ e va-
rianti, il prefisso modale /ha/ (fdoc} si contrae e le due vocali producono il suono /è/,
quindi: *ha-i > *hè (scritto con il segno he 2-, ~. oppure he-, Q, in epoca più
tarda); quest'ultima forma, nel corso del tempo, tende a soppiantare la forma /ha/.
A cominciare dalla fine del III millennio a.C., inoltre, si assiste all'assimilazione
del prefisso modale con la vocale della sillaba seguente: ha-mu- > hu-mu- (ma
sussistono ancora in questo periodo grafie senza assimilazione). Si veda lo schema
seguente:
! prefisso · di&ontea
r-- - -- -
; ha- • /al
l-----
l
~ he 2 - /i/
! - ---
l' hu- · m u-; anche grafia morfofonetica h a- m u-

157
5 Il verbo

B Valori semantici. Il valore epistemico del prefisso indica fondamentalmente una pos-
sibilità ('mi piacerebbe che ... '), connotata con maggiore o minore evidenza dal par-
lante fino a divenire una asseverazione ('è certo che ... }'; il suo uso deontico risponde
invece alla certezza che un desiderio o una volontà si realizzi ('è obbligatorio che ... , è
necessario che ... '). Si noti che quando la forma verbale segue la diatesi transitiva (v.
5.3, A) se il valore del prefisso è di possibilità o di necessità si avrà il tempo presente-
futuro, mentre si avrà una diatesi preterita se il valore è asseverativo; nelle frasi ver-
bali con diatesi intransitiva, il valore del prefisso /hai va identificato sulla base del
contesto. Il prefisso può essere utilizzato con tutte le persone singolari e plurali.
Si veda lo schema seguente:
-----·--·--------·---- -- --- -- - - ---

diatesi transitiva
valore pres.-fut. pret.
: possibilità (epist.) +
. asseverazione (epist.) +

. necessità (deon.) +
---L. --

Si vedano i seguenti esempi, riferiti di volta in volta a un valore epistemico o deonti-


co: numun-na-ni dN anna he 2-eb-til-le, "(maledizione) che Nanna estingua il
suo seme!", *numun=ani=0... nanna=eerg ha.i.b.til.e; numun-a-ni he 2-til baia-
a-ni he 2-ku 5 , "(maledizione} il suo seme si estingua (e) il suo periodo di regno si
interrompa!", *numun=ani=0... ha.i.til.0 bala=ani=0... ha.i.kud.0; Ab-ba-kal-
la Ur-mes-ra zi lugal ge 26 -e-me ha-na-sum 2, "(giuro sulla} vita del re, sono
stato proprio io (che) ho dato Abba-kala ad Urmes!", *abbakala=0... urmes=radar zi
lugal=ak ge=0=me.en ha.a.nna.'.Sum.0 (la mancata assimilazione in *he induce a
ricostruire un prefisso /al). I.:uso deontico del prefisso è molto spesso attestato nelle
letter-orders, es. 30 gurus eren2 ma2 gd-i3-ka-ke4 0.1.0 se-ta he2-ba-ab-
SUmz-e, "(scrive il mittente a Nani} egli deve dare 60 chili di orzo ciascuno ai 30
lavoratori della nave dell'olio vegetale", *eren (ma gdi=ak)=ak=edir dis(l) se=taabl
ha.ba.b.sum.e (si noti l'uso della forma he 2- del prefisso di fronte a ba-}; a-na-
as-am3 kiSib-gu 1 o he2-de6 lu2 ba-an-du3, "come è possibile che, benché egli
porti il mio sigillo, qualcuno lo abbia detenuto lì?", lett. 'perché? egli senz' altro porta
il mio sigillo .. .', *ana=se=0=am kisib=gu=0... ha.i.n.de.0lu=eerg ba.n.du.0.
Si osservi che, a sua volta, il valore di possibilità può acquisire un senso ipotetico,
es. tukum-bi mu-be 2 su ur 3-de 3 gdtu 2 he 2-em-Si-gub, "(maledizione) se
la sua intenzione (lett. orecchio) è rivolta a cancellare il suo (del sovrano) nome",
*tukum=bi mu=bi=edi, (su=0... ur.ed)=edir gdtug=0... ha.i.m.bsi.gub.0 (il prefisso
modale indica forse in questo caso il fatto che lo scrivente non avverte questa ipotesi
come credibile, tipo: 'dovesse essere sua intenzione cancellare il nome del sovrano
[ma io non lo credo possibile]'; v. 6.4.2, Nota 1). Altri esempi si ritroveranno nei
testi della Crestomazia.
Per i sostantivi derivati da forme verbali fossili con il prefisso /hai si veda 4.4, B.

158
5.9 La negazione e i prefissi moda/i (pos. l e 2)

5.9.4 Il prefisso /bara/ (pos. 2)


Il prefisso /barai occupa la stessa posizione del prefisso del verbo finito /il (e varianti),
pos. 2, quindi si esclude con quello; esso rappresenta la controparte negativa del valore
epistemico di /hai di asseverazione e di quello deontico di /gal di volitività; quando
nega la modalità asseverativa la forma verbale sarà preterita, quando si contrappone alla
volitività la forma sarà presente-futura. Si veda lo schema seguente:

prefisso pres.-fut. pret. valore

lbual ,. /gal volitivo deontico


/bual ,. /hai asseverativo · epistemico

Si vedano i seguenti esempi: e 2-za ga-gub ga-am 3 -ta-e 3 ba-ra-ba-zah 3 -de 3 -


en, "(Lu-Enlila giura a Ur-Nuska dicendo) servirò (lett. starò) in casa tua; (ma se)
voglio uscire, senz'altro non fuggirò!", *ej=zu=a1oc ga.gub ga.m.bta.ed bara.ba.zah.
ed.en; l O gin 2 ku 3 -babbar-am 3 sum 2-ma-ab di ba-ra-a-da-ab-be 2-en 6 ,
"(dice la moglie divorziata al marito) dammi 10 sicli d'argento (e) io non ti porterò
in giudizio!", *u(lO) gin kugbabbar=0=am sum.ma.b did=0... bara.eda.b.e.en (per la
forma imperativa v. 5.10); ki-sur-ra dNin-gir 2-su 2-ka-ke 4 ba-ra-mu-bala-e,
"(l'uomo di Umma dice ad Eanatum) non attraverserò il confine di Ningirsu!", *kisura
(ningirsu=ak)=ak=edir bara.mu.bala.en; Lugal-abzu-ta a-na ab-be 2-a zi lugal
diri-ga-se 3 ba-ra-a-su bi 2-in-du 1 P "Lugal-abzuta ha dichiarato per quanto lo ri-
guarda (lett. dice lui): '(Giuro sulla) vita del re che non devo restituire altro (lett. in ec-
cesso)"', *lugalabzuta=eerg ana=0... a.b.e.e=a zi lugal=ak=0... dirig=a=seter bara.' .sug.0.

5.9.5 Il prefisso lna(n)l (pos. 2)


Il prefisso /na(n)/ occupa la stessa posizione del prefisso del verbo finito /i/ (e varianti),
pos. 2, quindi si esclude con quello; esso rappresenta la controparte negativa del valore
deontico di /hai di obbligo e viene sempre utilizzato in frasi verbali presenti-future.
Nonostante la grafia non renda in modo evidente gli aspetti fonetici, sembra che la
forma /nan/ si usi di fronte a forme inizianti per CV, mentre la forma /na/ di fronte a
quelle inizianti con un cluster (CC)- in questo caso si trascrive come *na(n). Inoltre è
attestata una forma /nam/ di fronte al ventivo *m(u)-.
Si vedano i seguenti esempi: e 2-5a 3 ni 2-ga 2-se 3 mu-se 3 -gen-na-am 6 En-an-
na-tum2 nita kalag-ga-gu 10 su na-an-na-zi-zi, "(dice Ningirsu) colui che è
venuto fino alle mie stanze private (Ur-Luma di Umma), non deve in alcun modo
sollevare la mano contro Enanatum, il mio uomo forte!", *ejsag ni=gu=ak=se!er mu. si.
gen.0=a=0=am enanatum nita kalag=a=gu=rada! su=0... na(n).nna.b.zi/zi.e; gelgu-
za gub-ba-na suhus-bi na-an-gi-ne 2 numun-a-ni he 2-til, "(maledizione:
Inana) non renderà mai più stabili le fondamenta del suo trono (su cui si è) inse-
diato! Il suo seme dovrà estinguersi!", *(guza gub=a)=ani=ak suhus=bi=0... nan.gin.e
numun=ani=0... ha.i.til.0; e 2-gal-se 3 na-an-du-un, "(Lu-gina dice) non devo
andare al Palazzo!", *ejgal=seter nan.du.un; Ur-dBa-u 2-ra ha-uru/u lu 2-kur 2-

159
5 Il verbo

re na-an-uru/u, "(di' ad Ur-Sagub: una parcella di campo) devi farla arare da Ur-
Bàu! Nessun altro la deve arare!", *(urbàu=ak)=rada, ha.a.uru.en lukur=eerg nan.uru.e;
a-5a 3 ... dumu Lugal-dalla-kerne-ka ge!Dur 2 -gar-ni na-an-ba-a-du 3-u 3,
"Durgarni non deve assolutamente coltivare il campo ... dei figli di Lugal-dalla!", *(a.Sag
... dumu lugaldalla=ak=ene=ak)=aloc durgarni=0ass nan.ba.e.du.e; nam-mi-gur-re, "egli
non deve assolutamente far tornare indietro qui {la questione)!", *na(n).m.bi.b.gur.e;
gtr 3-se 3-ga e 2 d N.1n-e 2 -ga l - k a sa
A • v b d
3 mar-sa-me-es 2 na-an- a-na-a- u 3, non
v "
detenere le maestranze del tempio di Ninegal, che sono {ora) nel porto!", *girsega ej
(ninejgal=ak)=ak=0ass sag marsa=ak=0=me.e5 nan.ba.nna.e.du.e; (gli ultimi esempi
sono desunti da letter-orders).
Il prefisso /na(n)/ rappresenta anche la controparte negativa dell'imperativo, es.
kar-kid na-an-sa 10 -sa 10 -an, "non scialacquare i tuoi soldi con {lett. pagare) una
prostituta!", *karkid=0... nan.salsa.en {v. schema in 5.9); en du 11 -ga a-a-na-se 3
gal 2 -la usu m ab. dEn-lil 2 -la 2 na-an-gub-be 2 -en, "(dice l'arma Sarur a Ninurta)
o Signore, attento a quello che dice suo padre {Enlil), eccelsa potenza di Enlil, non in-
dugiare!", *en dug=a aja=ani=ak=se,., gal=a usu mah enlil=ak=0ass nan.gub.en (esempi
paleo-babilonesi); si noti che non sono attestati esempi di forme con /na(n)/ con fun-
zione di imperativo negativo nel III millennio a.C.

5.9.6 Il prefisso /gal (pos. 2)


Il prefisso /gal occupa la stessa posizione del prefisso del verbo finito /i/ {e varianti),
pos. 2, quindi si esclude con quello; è utilizzato solamente con le I pers. sing. e plur. e
possiede il valore epistemico di indicare un atto volontario del parlante o comunque da
questi accettato come tale.
Come si è visto per i prefissi /nu/ e /hai, a cominciare dalla fine del III millennio
a.C. anche /ga/ modifica la sua forma sulla base della vocale della sillaba che segue:
ga-mu- > gu 2 -mu-; ga-bi 2 - > giçbi 2 - (ma sono attestate anche le forme morfofo-
netiche senza alterazione del prefisso).
La sua morfologia è peculiare: la diatesi è quella del passato, ma il soggetto o l'agente
non vengono mai indicati {la presenza di /gal basta a richiamare la I pers.) e, contraria-
mente alla norma in forme preterite, il paziente viene ripreso in posizione preverbale; in
quest'ultimo caso, se si tratta di una III pers. sing. classe B, il pronome *-b- può essere
tralasciato nella forma {v. ancora 5.3, A, Nota 3 e 5.1 O)
Si vedano i seguenti esempi: ni 2 -gu 10 -ta en-nu-ga 2 ga-ba-an-ku 4 , "{Lu-Ma-
gan, se non porterà la barca ad Umma, ha dichiarato) da me stesso mi recherò in
prigione", *ni=gu=taab1 ennug=a1oc ga.ba.n(i).kur; lu 2 -inim-ma-bi ga-mu-tum 2
bi 2 -in-d, "essi {uno schiavo e quattro suoi figli) dicono: 'Porteremo i suoi (dell'av-
venuto affrancamento) testimoni!'", *{luinim=ak)=bi=0ass ga.mu.n.tum bi.n.e.e5; e 2 -
za ga-gub ga-am 3-ta-e 3 ba-ra-ba-zah 3-de 3-en, "{Lu-Enlila giura a Ur-Nuska
dicendo) servirò {lett. starò) in casa tua; {ma se) voglio uscire, senz'altro non fuggirò!",
*ej=zu=a1oc ga.gub ga.m.bta.ed bara.ba.zah.ed.en; mu lugal u 4 a-ra 2 d 5 (3)-ka i 3-
zah3-de3-na ga-hul bi 2 -in-du 1 p "(dice Gu'ugu: 'giuro per) il nome del re, qua-

160
5.9 La negazione e i prefissi modali (pos. l e 2)

lora dovessi scappare per la terza volta, andrò incontro a una grave punizione"', *mu
lugal=ak ud ara d(3)=0=kam i.zah.ed.en=a=3.J.oc ga.hul bi.n.dug.0 - il prefìsso /gal
indica qui l'accettazione da parte di Gu'ugu del male che deriverebbe dal suo scappa-
re per la terza volta, v. Cr 3b; dNin-gir 2-su e 2-zu ga-mu-ra-du 3 , "o Ningirsu,
voglio costruirti il tuo tempio!", *(ningirsu=ak)=0... ej=zu=0... ga.mu.ra.b.du; nam
du 10 gu 2-mu-ri 2-ib 2-tar, "(Enlil dice:) voglio determinare un buon destino per te
(Sulgi)!", *nam dug=0... ga.mu.ri.b.tar; sahar sis-sis gicbi 2-ib 2-gu 7 , "(dice Sulgi:
ai sopravvissuti) voglio far mangiare amarissima polvere", sahar sis/sis=0... ga.bi.b.gu;
im se-ba siki-ba ga-bi-gi, "(che Lu-Ningirsu dia una veste a Igalima-isag) io poi
confermerò (l'addebito) sulla tavoletta (annuale) di razioni d'orzo e di lanà', im seba
sikiba=ak=3.J.oc ga.bi.b.gin.
Per i sostantivi derivati da forme verbali fossili con il prefìsso /gal si veda 4.4, B.
Nota: nel III millennio a.C. non sono conosciute forme plurali di frasi con /gal e forme singolari sem-
brano avere altresì valore di plurale, es. ama-ne 1 u 3 nin 9 -a-ne-ne ga-an-du 8 bi 1 -d, "sua madre e le
sue sorelle hanno detto: 'Noi vogliamo affrancarlo!"', *ama=ani=eerg u nin=anene=eag ga.n.duh bi.n.e.d;
in epoca post-sumerica, sono l'influenza della grammatica babilonese, si possono trovare forme quali
e 1 KiSki_se 3 gu 1 ga-am 3 -ga 1 -ga 1 -an-de 3 -en, "(dicono a Gilgamd gli anziani della città di Uruk)
vogliamo sottometterei alla casata di Kis!", *ej kis=a.k=k.., gu=0..,. ga.m.galga.enden.

5.9.7 I prefissi lna/, lnuf/ e /fil (pos. 2)


I prefìssi /na/, /nuS/ e /si/ occupano la stessa posizione del prefìsso del verbo fìnito /i/
(e varianti), pos. 2, quindi si escludono con quello. Non è ancora chiaro quale valore
illocutorio modale aggiungano i prefìssi /nal (A) e /si/ (B) alle frasi verbali in cui com-
paiono, e per questo spesso non vengono tradotti. Il prefìsso /nus/ (C) sembra invece
avere un chiaro valore deontico, 'magari accadesse che ... , voglia il cielo che accada ... '.
A Il prefìsso /na/, la cui forma non si modifìca mai, è identico a quello vetitivo /na(n)/
(v. 5.9.5), tanto da essere defìnito anche '/nal non negativo' (non-negative lnal); da
quello si distingue per contesto (valore positivo e non negativo) e per l'uso sintat-
tico: le forme con prefìsso asseverativo /nal, infatti, sono preterite, mentre quelle
con /na(n)/ sono presenti-future. Nonostante queste considerazioni, esistono casi
di ambigua interpretazione, essenzialmente nei testi letterari del II millennio a.C. Il
prefìsso sembra possedere una qualche valenza asseverativa, ma non è chiaro quale
valore illocutorio l nal aggiunga alla frase verbale e in genere la sua presenza non
viene sottolineata nelle traduzioni.
Il prefìsso /nal si ritrova spesso negli incipit {introduzioni) dei testi letterari e mito-
logici, es. iri-me-a ni 3 du 7 pa nam-e 3 5a 3 gu 2-be 2 nam-gi 4 5a 3 dEn-lil 2-
la2 gu 2-be 2 nam-gi 4 sa 3 gu 2-be 2 nam-gi 4 , "(dopo che Laga5 fu creata) nella
nostra città si manifestò invero ciò che è perfetto: la piena {lett. cuore) si riversò
verso la riva, la piena di Enlil si riversò verso la riva, invero la piena si riversò verso
la riva (portando acque dolci)!", *iri=me=aloc nig du=edir pa=0... na.m.ed.0 sag=0...
gu=bi=edir na.m.b(i).gi.0 sag enlil=ak=0... gu=bi=edir na.m.b(i).gi.0 sag=0...
gu=bi=edir na.m.b(i).gi.0; en dGilgamd-e kur lu 2 til 3 -la-se 3 gdtu 3 -ga-ni
na-an-gub, "Gilgamd, il signore, decise allora di recarsi alla montagna che vivifìca

161
5 Il verbo

l'uomo", lett. 'invero pose il suo orecchio {intendimento) verso', *en gilgamd=e.rg
kur (lu til=a)=ak=se,., gdtug=ani=0ass na.n.gub.0. Il valore semantico di richiamare
l'attenzione dell'ascoltatore/lettore su quanto si sta per dire si ritrova anche negli
incipit delle letter-orders, nelle quali si trova la formula (a)-na-be 2 -a, che interpre-
tiamo come *ana=0... na.b.e.e=a, "quanto sta per dire (il mittente)" (sul pronome
a-na v. 4.13.3) sulla base del passo seguente: A-da-lal 3 a-na na-be 2-a he 2-na-
sum2-mu, "(il mittente dice ad Atu) egli deve dare l'orzo a Zanzani per quanto(=
la quantità che) gli sta per riferire Adalal", * (v. Cr 4; per un'interpretazione differen-
te si veda per es. Jagersma 2010, pp. 229-230).
Sembra possibile attribuire al prefisso /na/ lo stesso valore asseverativo anche in
altri contesti, es. E 2-an-na-tum 2-me gal na-ga-mu-zu, "Eanatum fu inol-
tre molto scaltro", *ejanatum=eerg gal=0.., na.nga.mu.n.zu.0; anche se a volte non
appare chiaro quale valore modale il prefisso aggiunga, es. ma 2 -gur 8 -ra-na giri 3
nam-mi-gub, "(Gudea) pose il piede sulla sua barca (per andare ad incontrare la
dea Nanse)", *magur=ani=atoc giri=0... na.m.bi.n.gub.0, dove forse il prefisso /na/
richiama l'attenzione dell'ascoltatore (tipo: 'state attenti!').
I..: espressione na-na m, nella quale il prefisso l na/ è addirittura reduplicato, è inter-
pretata ipoteticamente come *na.na.me.0 (v. 4.12, Nota 6) e ha un evidente valore
asseverativo, es. u 4 -ri-a u 4 -ri-se 3 na-nam, "fu invero in giorni molto lontani
(che accadde ciò che sto per narrare)" (introduzione mitologica), lett. 'in quei giorni,
verso quei giorni', *ud ri=atoc ud ri=se,., nanam; nu-zuh pirig na-nam 2 u 3 -dab 5
geme 2 na-nam 2 , "il ladro è davvero un leone, ma dopo che è catturato, è davve-
ro una schiava!", *nuzuh=0... pirig=0... nanam u.dab.0 geme=0... nanam (testo
sapienziale del 2600 a.C.); si osservi che la forma nam 2 {!g) è più arcaica, e nella
seconda metà del III millennio a.C. viene sostituita con nam (Q.
Nota: si noti che l'espressione na-nam può essere accompagnata dal prefisso asseverativo /ha/ e dal
prefisso del verbo finito /i/, es. i 3 -ne-e5 2 dUtu u 4 ne-a ur 5 he 2 -na-nam-ma, "ora, sotto il Sole
(Utu), in quel giorno, avvenne proprio così!", *ine5 utu ud ne=:~toc ur=0,.. ha.i.nanam (v. 4.12, Nota
6).

B Risulta molto difficile determinare i valori semantici anche per il prefisso /si/: in ge-
nere, nelle frasi verbali in cui compare, la sua valenza modale non viene sottolineata
in alcun modo nelle traduzioni. I..:unico aspetto certo, è che esso indica un'attitudi-
ne positiva. Questo prefisso è attestato sin da epoca arcaica sia con forme preterite
che presenti-future ed è stato proposto che la sua funzione sia quella di richiamare
l'attenzione dell'ascoltatore su quanto è stato espresso in precedenza, es. na-ru 2-a
mu-bi lu 2 -a nu mu-bi si-e, "il nome della stele non è di un uomo, il suo nome
suona: ' ... ' (il nome della stele già dichiarato prima)", narua=ak mu=bi=0... lu=ak
nu=0 mu=bi si.e.e; questo a differenza di /na/, che, come si è visto, nelle introduzio-
ni mitologiche richiama l'attenzione su quanto sta per accadere. Si tratta comunque
di una ipotesi che non giustifica tutte le attestazioni di questo prefisso modale.
Si vedano i seguenti esempi: habrud a se 3 -ma-si, "il buco si è riempito di ac-
quà', *habrud=atoc a=0ass si.m.ba.sig.0; (periodo arcaico) su-dua-a na-tum2
lu 2-bi saçba-dab 5 (versione paleo-babilonese: su-du 8 -a nu-e-tum 3 lu 2-bi
sa-ba-e-dabs-be2), "non agire da garante, quell'uomo (per cui tu garantisci) ti

162
5.9 La negazione e i prefissi moda/i (pos. l e 2)

terrà prigioniero!", *sudu'a=0ass na.tum.en lu=bi=eerg si.ba.e.dab.e; geme 2-zu hur-


sag-ta Si-im-ta-an-tum3 sa6 si-im-ta-an-de6 hul Si-in-ga-am3-ta-an-
tum3 sa6-ga su-am3 .bul sa3 an-ga-am3, "ti sei portato qui la tua schiava dalla
montagna e lei si è portata dietro sia il bene che il male: il bene è la (sua) mano, il
male è invece il (suo) cuore!", *geme=zu=0... hursag=ta..bt si.m.bta.e.tum.0 sag=0 ...
si.m.bta.n.de.0 hul=0... si.nga.m.bta.n.tum.0 sag=a=0..,. su=0=am hul=0....
sag=0... a.nga.me.0 (come si nota dagli esempi, da un punto di vista grafico il pre-
fisso modifica la sua vocale sulla base di quella della sillaba seguente).
C ~..?elemento /nuS/ è attestato raramente, e solamente nella documentazione letteraria
a partire dalla fine del III millennio a.C.; sembra avere una funzione frustrativa,
cioè indica che, nel desiderio del parlante, qualcosa non sarebbe mai dovuta succe-
dere; es. u 4 -ba gdellag-gu 10 e 2 nagar-ra-ka nu-us-ma-da-gal 2-am 3 dam
nagar-ra ama ugu-gu 10 -gin 7 nu-us-ma-da-gal 2-la-am 3 dumu nagar-ra
nin 9 ban 3-da-gu 10 -gin 7 nu-us-ma-da-gal 2-la-am 3, "(Gilgamd si lamenta
perché il suo gioco è caduto negli inferi e lui non riesce a recuperarlo) in quel giorno
non sarebbe stato meglio se la mia palla fosse potuta rimanere con me nella casa del
carpentiere? (Se così fosse stato), non sarei forse potuto restare con la moglie del
carpentiere come con la mia stessa madre? Non sarei forse potuto restare con la figlia
del carpentiere come con la mia stessa sorella minore?", *ud=bi=a1oc ellag=gu=dacom
ej nagar=ak=3.Joc nu5.mu.'da.gal.0=am dam nagar=ak=dacom ama ugu=gu=ginequ nuS.
mu.'da.gal.0=am dumu nagar=ak=dacom nin banda=gu=ginequ nus.mu.'da.gal.0=am;
a 2 ag 2-ga 2 kur-ra igi bi 2-du 8 nu-us-ma-ab-be 2-en ku-li-gu 10 nu-us-
ma-be2-en, "(Gilgamd chiede a Enkidu che è prigioniero dell'oltretomba): Hai
visto le regole dell'oltretomba? O, amico mio, quanto avrei preferito che tu non
lo potessi raccontare a me, quanto lo avrei preferito!", *a ag=a kur=ak=edir igi=0...
bi.e.duh.0 nus.ma.b.e.en kuli=gu=0.... nu5.ma.b.e.en. Le traduzioni di questi passi
dal testo letterario noto come Gilgamef, Enkidu e gli Inferi sono comunque molto
ipotetiche.

5.9.8 L'elemento coordinante *-nga (pos. 3)


Il morfema *-nga- sembra avere una funzione coordinante tra due frasi, ma il suo valore
semantico preciso risulta ancora sfuggente. Occupa la posizione intermedia tra i prefissi
modali e quelli del verbo finito (pos. l e 2) e il ventivo (pos. 4;-v. 5.1) ed è attestato,
nella documentazione del III millennio a.C., in modo piuttosto sporadico. Quando
non si accompagna ad altri prefissi, si unisce al prefisso /i/ e alle sue varianti; nel caso in
cui la l n/ iniziale si trovi in posizione finale di sillaba, nella grafia viene spesso omessa.
~..?esatta funzione di questo elemento nel verbo non è chiara, anche se viene spesso
considerato una sorta di connettivo (eventualmente con valenza disgiuntiva) tra due
frasi (sulle altre possibilità di espressione della congunzione "e" in sumerico si veda
4.11.3, B); si vedano i seguenti esempi: Lagaski bar ni 3 ni 2-ba-ka-ka gaba-
be2 su e-ga-ma-us 2, "(l'uomo di Umma) invece si oppose a Laga5 (lett. fece ar-
rivare la mano al petto) per via della sua (di Laga5) stessa proprietà", *lagas=ak bar

163
5 Il verbo

nig ni=bi=ak=ak=atoc gaba=bi=edir su=0... i.nga.m.ba.n.us.0; gal mu-zu gal i3-ga-


tum2-mu, "(Gudea) conosce molte cose {lett. grandi [cose]) e soprattutto fa (lett.
porta) molte cos~", *gal=0... mu.n.zu.0 gal=0... i.nga.tum.e; a-na gur sa 2-du 11 -ta
am 3-ag 2-ga u 3 ge 2çe gur ki-su 7 -ta nu-ga-ag 2, "(scrive PAP.PAP a Lugal-nig)
quanto è stato misurato con la misura delle offerte regolari io purtroppo non l'ho an-
cora misurato con la misura dell'aia (dopo la spulatura)", *ana gur sadug=taabl a.m.ag.
0=a=0... u ge=eerg gur kisur=taabl nu.i.nga.'.ag.0 (qui, come si vede, la presenza della
congiunzione u 3 rende difficile giustificare la presenza di *-nga- come un semplice
connettivo; la proposta di traduzione è solo ipotetica).
Si noti da ultimo la grafia di questo elemento nel seguente passo: <a>-na an-gaba-
ti-la-da l u 2 n a-me in i m nu-um-ga 2-ga 2-a, "(Ur-sukkal sta costruendo una casa
con palmeto e Urmes gli ha emesso un documento in cui si dichiara) che finché egli
vi abita (lett. vive), nessuno dovrà fare un reclamo!", *a.na a.nga.ba.til.0=a=dacom lu
name=eerg inim=0... nu.i.m.galga.e=a=a1oc (gaba = ga-ba).

5.10 L imperativo
Contrariamente alle altre forme del verbo finito, nelle forme imperative il verbo occupa
la prima posizione e tutti i suffissi utilizzati nella frase verbale lo seguono.
Nota: si noti che questa situazione assomiglia a quella dell'italiano, per cui nella forma indicativa si dirà
tu mi guardi, ma in quella imperativa la forma sarà guardami, con l'inversione delle posizioni tra verbo
e pronome.

Dal punto di vista morfologico, l'imperativo presenta una coniugazione particolare,


che ricorda quella del prefisso /ga/ (v. 5.9.6), per cui la forma risulterà formalmente
preterita, ma il paziente (assolutivo), se viene ripreso, sarà rappresentato dai morfemi
pronominali utilizzati in posizione preverbale, come nelle forme presenti-future (v. 5.3,
A). A proposito della ripresa del paziente, inoltre, va sottolineato che quest'ultima sem-
bra non essere obbligatoria (v. gli esempi che seguono). Lagente o il soggetto, invece,
come per /gal, non vengono mai indicati: l'inversione della struttura da sola indica la
presenza di un soggetto di II pers. sing. (v. oltre per il plurale).
Altra caratteristica peculiare dell'imperativo è che, se la forma è accompagnata dal
prefisso del verbo finito, questo prenderà la forma /al, anche nei dialetti in cui, in altre
situazioni linguistiche, si è avuto il passaggio in /i/ (v. 5.8, B).
Si vedano i seguenti esempi: kiSib-gu 10 zi-ra-ab, "(Lugal-tugmah ha dichiarato
sotto giuramento di aver detto ad Ure-babdu:) 'Distruggi la mia tavoletta sigillata!",
*kisib=gu=0ass zir.a.b (qui il suffisso finale *-b- richiama il paziente, cioè kisib); l u 2
gd-am 3 gi izi e 2-se 3 giçmu-un, "(un ignoto mittente chiede al re) invia qui
60 uomini per (raccogliere) canne da combustione per la casà', *lu ge5d(60)=0=am
(gi izi=ak) ej=ak=se,., gi.mu.n (in questo caso il paziente è espresso con *-n- perché si
riferisce alla classe A, lu 2); l O gin 2 ku 3-babbar-am 3 sum 2-ma-ab di ba-ra-
a-da-ab-be2-en6, "(dice la moglie divorziata al marito) dammi 10 sicli d'argento
(e) io non ti porterò in giudizio!", *u(lO) gin kugbabbar=0=am sum.ma.b did=0ass

164
5.11 Le forme impersonali

bara.eda.b.e.en (in questo caso siamo in presenza di un'espressione colloquiale, in cui


l'imperativo funge da antecedente, protasi, di un periodo ipotetico, tipo: 'dimmi come
mangi e ti dirò chi sei'; v. 6.4.2, Nota 3}; ka 2 e 2 -gal-se 3 mu lugal pa 3-mu-ni-ib,
"(se il litigante non desiste dalla causa}, fà sì che egli (Su'una, il mio uomo) giuri nel
nome del re alla porta del palazzo (così che si dichiari innocente}", *kan ejgal=ak=se..,
mu lugal=ak=0... pad.mu.nni.b; ez-nun-ez-nun-ba sir3 ku3 nam-sub dun-a-
ba nam-sub dNu-dim 2 -mud-da-ke 4 e-ne-ra dul1-mu-na-ab, "(dice !nana
al sovrano Enmerkar di Uruk) nelle loro (di Aratta, in Iran) stanze canta il canto puro,
l'incantesimo; recita a lui (al sovrano di Aratta) questo incantesimo di Nudimmud!",
*ejnun/ejnun=bi=aloc sir kug namsub=0... du.a.ba namsub nudimmud=ak=e=0...
ene=rada, dug.mu.nna.b (esempio paleo-babilonese}.
Per quanto riguarda il plurale, in epoca post-sumerica sono attestate forme di II pers.
plur. come la seguente: nin 9 -gu 10 tum 2 -m u-un-ze 2 -en, "(dice Dumuzi) portatemi
mia sorella (Gdtinana}!", *nin=gu=0... tum.mu.n.zen, che sembrano essere piutto-
sto ricostruite e artificiali; è stato però proposto che ne esista almeno un esempio nel
III millennio: u 4 zi-ga-ze 2 -na, "nel giorno (della festa denominata) 1\lzatevi!"', *ud
zig.a.zen=ak=a1oc (esempio di transcategorizzazione, per cui v. 4.4).

5.11 Le forme impersonali


In sumerico esistono strutture verbali il cui stemma non possiede morfemi pronomi-
nali e conseguentemente non indica il soggetto; queste forme vengono qui definite per
questo 'impersonali' (dal latino persona, "attore"). Possono avere funzione di aggettivo
verbale o di nome verbale e il loro valore semantico dipende dal contesto in cui ven-
gono usate.
Nota: in italiano esistono le tre forme impersonali dei participi presente (entrante} e passato (entrato} e
dell'infinito (entrare}, con funzioni semantiche e sintattiche chiaramente differenziate; questa distinzio-
ne, come si evidenzierà negli esempi, in sumerico appare assai più sfumata.

Le forme impersonali possono comparire nelle tre varianti morfologiche che seguono:
Verboperl0 (5.11.1)
Verboperla (5.11.2)
Verboimpe.red (5.11.3}
In ognuna di queste strutture il verbo può essere reduplicato, sia nella forma perfetti-
va, Verboperl0 e Verboperla, che imperfettiva, Verboimperred, per indicare una pluralità
di soggetti (coi verbi intransitivi} o pazienti (nei verbi transitivi}, oppure, nella sola
struttura con suffisso *-ed, per indicare la temporalità nel caso di verbi con stemma
reduplicato (v. 5.2.1, 2). Il suffisso *-ed, a differenza di quanto si è ~isto in 5.3, B, non
è riservato ai soli verbi intransitivi, ma può essere utilizzato come suffisso di qualsiasi
verbo imperfettivo. Queste forme possono essere tutte negate mediante il prefisso di
negazione /nu/, v. 5.9.1, che è l'unico che può comparire con esse.

165
5 Il verbo

I..:aspetto sintattico più importante di queste forme è che esse possono essere utiliz-
zate sia come aggettivi, quindi con funzione di qualificazione o apposizione del nome
(participi), che come nomi verbali essi stessi (infinitivi e costruzioni similari); in questo
caso, in quanto sostantivi, possono essere accompagnati dai casi nominali. Nelle forme
impersonali i verbi possono anche reggere sintatticamente ulteriori referenti, a causa
della loro valenza verbale (es. italiano presente al fotto, informato sui fotti, leggere il gior-
nale è utile, con-ere sui prati è salutare ecc.).
Inoltre, le forme impersonali esprimono alcune forme di frasi relative (v. 5.11.4),
che possono essere anche espresse con forme del verbo finito nominalizzate (v. 6.6).
Esiste infine una forma di coniugazione senza prefissi detta 'coniugazione pronomi-
naie' formata sulla base di una forma impersonale del verbo (v. 5.11.5).

5.11.1 Forma impersonale con suffisso *-0


Nella prima struttura, utilizzata con stemmi verbali passati/perfettivi, il verbo si pre-
senta senza alcun suffisso, o meglio con suffisso *-0; questa struttura indica in genere
una realtà a-temporale, in cui si evidenzia un'azione o uno stato che identifica il suo
referente, espresso o meno, come possessore stabile di quella caratteristica (può spesso
essere tradotta in italiano con un participio presente o costruzione similare); per questa
sua proprietà semantica molti nomi di professione sono costruiti con questa struttura
impersonale, es. dub-sar, "scribà', lett, 'colui che è caratterizzato dallo scrivere ta-
volette', *dub=0... sar=0; di-ku 5 , "giudice", lett. 'colui che abitualmente decide il
processo', *did=0... kud=0; ku 3 -dim 2 , "orafo", lett. 'colui che abitualmente lavora
il metallo prezioso', *kug=0... dim=0; ma 2 -lah 5 , "alatore, marinaio", lett. 'colui che
abitualmente trasporta la barcà, *ma=0... lah=0 ecc. (v. 4.2.1, C, 2). Il referente delle
espressioni con suffisso *-0, proprio per la caratteristica della forma di poter essere so-
stantivata e diventare essa stessa nome, non ha bisogno di un referente cui riferirsi, che
può restare implicito, come si è visto nei nomi di professione citati.
Nota: si osservi che il termine di professione lu 2 -kas 4 , "corriere", lett. 'l'uomo che corre', può comparire
anche nella forma kas 4 , cioè come un participio presente sostantivato, es. mu kas 4 -e-ne-se 3, "per i
corrieri (lett. correnti)", *mu kas=ene=ak=setc, e anche come genitivo senza antecedente, mu kas 4-ke 4 -
ne-se3, *mu kas=ak=ene=ak=se..,, , lett. '(quelli) del correre' (v. 4.9, E- si aggiunga che questo tipo di
costruzioni genitivali va interpretato spesso come "quello/quelli di ... "); è inoltre attestata l'espressione
mu lu 2 -kasrke 4 -ne-se 3, in cui kas 4 indica un nome verbale (lett. "[l'uomo del] correre"): tutti questi
esempi indicano che la forma verbale con suffisso *-0 mantiene una sua chiara autonomia semantica (in
altre parole, lu 2 -kas 4 , kas 4 e *kas=ak sono forme grammaticalmente differenti che possono essere usate
per indicare la stessa realtà, perché il parlante non perde mai di vista la valenza semantica di base che la
struttura possiede).

La forma con suffisso *-0 è indifferente alla opposizione 'attivo vs. passivo' e può indi-
care entrambi i valori a seconda del contesto; mentre le forme presentate nel paragrafo
precedente sono attive, le espressioni seguenti sono passive: sila 4 n u-ur 4, "agnello non
tosato", *sila nu.ur=0; anse nu-su, "asino non restituito", *anse nu.sug=0; gur4-
gur4 nag ensi 2 -ka, "vasi-GUR delle bevande del governatore", *gur/gur nag=0
(ensi=ak)=ak (nag ='che deve essere bevuto, da bere').

166
5.11 Le forme impersonali

La forma impersonale con suffisso *-0 rappresenta anche un nome verbale; in que-
sto caso, in quanto verbo esso può avere referenti sintattici, e in quanto nome possedere
funzioni e morfologia di un sostantivo, come nell'esempio seguente: kur gu 2 gar-gar
dNin-gir 2 -su 2 -ka-ke 4 , "(Eanatum) colui che soggioga i paesi stranieri per (lett. di)
Ningirsu", *(kur=0... gu=se,er gar/gar=0) (ningirsu=ak)=ak=eerg (per il valore del geni-
tivo in questa struttura si veda 4.9, E): qui la forma gar-gar (lett. 'il soggiogante .. .')
regge i due sostantivi kur e gu 2 nella relazione sintattica che il verbo avrebbe se fosse
utilizzato in una struttura finita; in quanto nome, però, la struttura può fungere anche
da primo elemento di un'annessione genitivale (si veda anche 5.11.4). Si confronti
l'esempio seguente, dove si ha una forma finita dello stesso verbo: Elam Subur gu 2
mu-na-gar, "(Eanatum) ha soggiogato l'Elam e Subartu per lui (Ningirsu)", *elam
subur=0... gu=seter mu.nna.n.gar.0. Quest'ultima espressione in forma implicita po-
trebbe comparire come *Elam Subur gu 2 gar-(gar), con il sovrano come referente
implicito (v. anche 5.11.4).
Questa forma, che per sua natura indica una realtà indifferente alla temporalità, è
usata spesso per esprimere qualificazioni o costruzioni similari, ad es. le forme g i bi l,
"(essere) nuovo"; d aga • l , "(essere) ampto. " ; l ugu d , "(essere) corto"; sumun, "(essere)
vecchio" ecc. possono essere considerate morfologicamente forme con suffisso *-0 (su
qualificazione e aggettivo si veda 4.10, A); lo stesso vale per le formazioni con valore
aggettivale, es. a 2 -gal2> "forte", lett. 'avente il braccio, la forza'; igi-gal 2 , "saggio",
lett. 'avente occhio'; nir-gal 2 , "autorevole", lett. 'che possiede la fiducia (nir)'; ni 2 -
t u k u, "riverente", lett. 'che possiede il terrore reverenziale (n i 2 )' (su queste formazioni
v. 4.1 O, C e 5.11.4): in tutte queste forme il verbo regge un sostantivo in caso assolutivo
(*a=0 ... gal=0; *ni=0... tuku=0 ecc.).
Nella formazione dei verbi composti con forme verbali impersonali, infine, questa
è la struttura morfologica in cui appare il verbo; es. pa-e 3 - ak, "rendere manifesto",
*(pa=0... ed=0)=0ass ak; su-tag - dulP "adornare", *(su=0... tag=0)=0ass dug (si
veda 5.2.3); i verbi d u 11 e ak possono essere ausiliari di ulteriori espressioni imperso-
nali con suffisso *-0, come sa 2 - d u 1 P "raggiungere", *sa=0- dug (da cui sa 2 -du 1 P
"offerta, ciò che è quotidianamente fatto giungere") e balà - ak, "trasportare, fare il
passaggio", *bala=0 - ak.

5.11.2 Forma impersonale con suffisso *-a


La struttura con suffisso *-a si usa anch'essa con verbi perfettivi e si presenta con un
suffisso detto 'nominalizzante' o 'di nominalizzazione', che si discuterà in dettaglio in
6.5; le forme con questo suffisso indicano una azione o uno stato che si sono verificati
nel passato e che sono specifici, cioè accaduti in un luogo e tempo identificabili (a dif-
ferenza della forma vista in 5.11.1). Questa forma impersonale è di gran lunga la più
presente nelle attestazioni note ed è molto utilizzata perché la documentazione ammi-
nistrativa descrive nella grande maggioranza casi singoli o eventi accaduti.
La forma può essere utilizzata come aggettivo, per cui si vedano i seguenti esempi
(da tradurre spesso con un participio passato italiano): di til-la, "processo concluso",

167
5 Il verbo

*did til=a; dusu gub-ba su-ku6 ab-ba-ke4-ne-kam, "è la cesta(= quota) stabi-
lita dei pescatori del mare", *dusu gub=a suku ab=ak=ene=ak=0=am; mu us 2 -sa,
"anno seguente", *mu us=a; udu dab 5-ba e 2 bansur-ka, "pecore prese per la (lett.
della) stanza della tavolà', *udu dab=a ej bansur=ak=ak; udu ur 4-ra, "pecora tosatà',
*du u ur=a; anse v
su-ga, "asmo

restitUito
••"*v
, anse sug=a; u dv
u se-ta sa 10 -a, "pecore
acquistate con il grano", *udu se=taab1 sa=a (in quest'ultimo esempio il verbo regge un
ulteriore referente, se-ta).
Questa struttura può anche essere usata per esprimere una struttura nominale indi-
pendente, es. zi-5a 3 -gal 2 -la su dagal du 11 -ga dSul-sa 3 -ga-na-ka-ke 4, "fornito
ampiamente di vita da Sulsaganà', lett. 'dotato con ampia mano relativamente alla vita
ecc.' (per l'analisi si veda 4.9, E).
Oltre al valore passivo la forma possiede anche un valore attivo; in questi casi la for-
ma può reggere altri referenti sintattici; es. dub-sar lugal a-sa 3 gid 2 -da-a, "scribi
del re che hanno misurato i campi", *dubsar lugal=ak a5ag=0... gid=a; ma 2 se Gu 2 -
eden-na-ta gid 2 -da-a, "(12 lavoratori) che hanno trasportato la nave dell'orzo dal
Guedena", *ma se=ak (guedena=ak)=ta.bt gid=a (si noti in questi due esempi la grafia
con reduplicazione della /a/, v. 6.5); kab 2 -ku 5 Gan 2 -mah-ta sahar zi-ga u 3 u 2
na-ka 3 -ab-tum-ma ga 2 -ra, "(165 lavoratori per l giorno) che hanno trasportato
terra dalla riserva d'acqua del Ganmah e hanno messo erba nel magazzino", *kabkud
ganmah=ak=ta.bt sahar=0... zig=a u u=0... nakabtum=a1oc gar=a; ur-sag bara 2 ku 3 -
ga tus-a-ra, "(a Ningirsu) all'eroe che si è assiso su un puro trono", *ursag barag
kug=a=~oc tuS=a=rad., (v. anche 5.11.4).
Nota: si noti che i verbi tuku, "avere", e zu, "conoscere", si presentano sempre nella forma con suffisso
*-0, anche quando il contesto richiederebbe la forma con *-a; es. kiSib nu-tuku, "che non ha sigillo",
*kisib nu.tuku=0, laddove ci aspetteremmo la *-a in quanto la caratteristica di una tavoletta di non pos-
sedere un sigillo non può essere considerata inerente alla tavoletta stessa (v. Jagersma 20 l O, p. 655, per le
pochissime eccezioni a questa regola). Le ragioni di questo componamento morfologico non sono note.

5.11.3 Forma impersonale con suffisso *-ed


La forma con ampliamento in *-ed esprime un'azione, mai uno stato, che si sta realiz-
zando o si realizzerà in futuro, spesso con un valore di obbligatorietà; il suffisso *-ed si
unisce a tutti i verbi e non solo a quelli intransitivi, come è il caso nella forma finita (v.
5.3, B). Lo stemma appare nella sua forma presente-futura, eventualmente modificata
se si tratta di verbo con forme differenti per i tempi/aspetti (v. 5.2.1, 2), e rappresenta
un aggettivo o un nome verbale, dotato quindi in quest'ultimo caso di suffissi nomina-
li. Le forme, a seconda del contesto, possono essere interpretate indistintamente come
attive o passive.
Si vedano i seguenti esempi: lu 2 e 2 lugal-na du 3 -dam, "(da Kimas arrivano ar-
gento e oro per il governatore Gudea) che è colui (lett.l'uomo) che si accinge a costru-
ire la casa del suo signore (lett. re)", *lu ej lugal=ani=ak=0... du.ed=0=am; kiSib-ba-
ne-ne u 2 -gu ba-de 2 al-pa 2 zi-re-dam, "la loro (dei due debitori del prestito) ta-
voletta sigillata è andata perduta: (se) viene trovata, va distrutta (lett. è da distruggere)",
*kisib=anene=0... ugu=edir ba.de.0 a(l).pad.0 zir.ed=0=am; munus-zi e 2 -a-ni-se 3

168
5.11 Le forme impersonali

su ga 2 -ga 2 -dam, "(quando Ba'u entrò nelle sue stanze del tempio) era (come) una
donna fedele che riordina la sua casa", *munus zid ej=ani=se,., su=0ass galga.ed=0=arn;
e 2 gi-ne 2 -da e 2 du 10 -ge-da, "(Gudea confida al dio Igalim) di (lett. con) rendere
stabile il tempio, di rendere il tempio felice (lett. dolce)", *ej=0ass gin.ed=dacom ej=0....
dug.ed.=dacom·
La vocale /e/ del suffisso, come abbiamo già visto nel suo uso in forme intransitive
finite, si modifica sulla base della vocale della sillaba adiacente, es. pisag im sar-ra-
ke4 su-bu-de 3, "(bitume liquido) per impermeabilizzare il contenitore (in canne)
delle tavolette scritte", *pisag im sar=a=ak=edi, sub.ed=ed;,; igi- ne-ne-se 3 l u 2 l u 2 n u-
gi4-gi4-de3 te5 2 - bi m u l ugal i 3-pa 3, "(il venditore e il compratore) di fronte a loro
(ai testimoni) hanno (lett. ha) giurato insieme di non tornare più (sulla vendita) uno
nei confronti dell'altro", *igi=anene=seter lu=0ass lu=radat nu.gi/gi.ed=edir te5=bi=0ass mu
lugal=ak=0ass i.n.pad.0; v. anche 5.11.4.
Nota: si notino le seguenti particolarità; a) il verbo du, forma imperfeniva singolare del verbo "andare"
(perf. gen), non è mai seguito dal suffisso *-ed, anche quando indica un nome verbale presente-futuro
(v. 5.2.2), ma solo dal suffisso *-a, es. ki-sur Adabki du-a, "(pani cotti) per uno che deve andare al
confine di Adab", *kisur adab=ak=ec~;, du=a (v. anche 5.11.5); b) il verbo "parlare" ha tre stemmi diffe-
renti, 'du 11 ' per il passato, 'e' per il presente-futuro e 'di' per quello presente-futuro nelle forme imper-
sonali (v. 5.2.1, Nota 3), es. gala balag di-de 3 su ba-ab-ti, "(razione di birra e pane) un cantore ha
ricevuto per suonare (lett. far parlare) l'arpà'' *gala=e.!ll (balag=0..,. di.ed)=edir su=0... ba.b.ti.0; c) infine,
il verbo ak, "fare", in testi provenienti dalla città di Garsana, presenta la forma ke 4 -de 3 per *ak.ed=edir>
es. l gurus sig 4 en-nu kerde 3 gub-ba, "l lavoratore incaricato di fare mattoni per la prigione",
*dis(l) guru8 sig ennug=ak=0..., ak.ed=ec~;, gub=a.

5.11. 4 Le frasi relative con forme non finite


Tutte le strutture presentate nei paragrafi precedenti possono essere usate, come ab-
biamo sottolineato nella traduzione degli esempi, come aggettivi verbali, e in quanto
tali possono esprimere una relazione con il proprio referente, esplicito o implicito, che
corrisponde di fatto a quella che in italiano è una 'frase relativa'; es. kur gu 2 gar-gar
dNin-gir 2 -su 2 -ka-ke 4, "(Eanaturn) colui che soggioga i paesi stranieri per (lett. di)
Ningirsu" (v. 5.11.1); kab 2 -ku 5 Gan 2 -mah-ta sahar zi-ga u 3 u 2 na-ka 3-ab-
tum-ma ga 2 -ra, "(165 lavoratori per l giorno) che hanno trasportato terra dalla
riserva d'acqua del Ganmah e hanno messo erba nel magazzino" (si veda 5.11.2); kur
ge!eren-na lu 2 nu-ku 4-ku 4-da Gu 3-de 2 -a en dNin-gir 2 -su-ke 4 giri 2 mu-
na-ni-gar, "alla montagna dei cedri, in cui nessun uomo può entrare, Ningirsu, il
signore, aprì la strada (lett. ha posto il piede) a Gudea", *kur eren=ak (lu=0ass nu.kur/
kur.ed)=3.joc gudea=radac en (ningirsu=ak)=e.rg giri=0ass mu.nna.ni.n.gar.0.
Mentre per le frasi relative con verbo finito si rimanda al capitolo seguente sulla
sintassi (v. 6.6), bisogna sottolineare qui che le frasi relative con verbo non finito pos-
sono essere costruite come negli esempi precedenti, oppure possedere una costruzione
specifica Mesanepada (v. anche 4.9, E). In questa costruzione la forma verbale imperso-
nale, sempre nominalizzata, ha un referente che rappresenta il paziente (o altra valenza
sintattica) di una frase a due partecipanti, mentre l'agente è espresso all'interno della
frase che funge da aggettivo verbale; la denominazione di questa tipologia di frase de-

169
5 Il verbo

riva dal nome del sovrano mes an-ne 2 pa 3 -da, appunto, "il giovane che il dio An
ha scelto", *mes(=0...) an=e.,g pad=a; si vedano gli esempi: dumu an ku 3 -ge tu-
da, "(o dea Gatumdug) figlia che il puro An ha generato (o anche: generata dal puro
An)", *dumu(=0...) an kug=ecrg tud=a; a nun-ne 2 h 3 ku 3 -ga ru-a, "(Sulgi dice al
dio.A.Simbabbar) seme (lett. acqua) che il principe ha posto nel grembo (della madre)",
*a(=0...) nun=e.rs sag kug=a1oc ru=a; E 2 -ninn u An-ne 2 ki gar-ra, "l'Eninnu che
An ha fondato", *ejninnu(=0ass) an=eerg ki=a1oc gar=a. Come abbiamo visto, il referente
può avere qualsiasi relazione sintattica con il verbo della frase che segue, non solo quel-
lo di paziente, es. Sul-dEn-lil 2 -le-ki-ag 2 , "il giovane amato da Enlil", *sul(=rac~a,)
enlil=eerg ki=0ass ag=a (nome proprio).
La funzione del referente iniziale all'interno della frase principale è evidenziata dal
morfema che si trova al termine della &ase relativa impersonale; per questo motivo
nelle trascrizioni precedenti il caso del referente all'interno della relativa impersonale è
messo tra parentesi tonde, -per sottolineare che la sua funzione si ricava dal contesto, ma
non è mai esplicitata morfologicamente (v. anche 6.6; questa considerazione è valida
anche per le strutture viste ai punti 5.11.1-3); es. kur ~e!eren-na lu 2 nu-kuçkuç
da, "alla montagna dei cedri, in cui nessun uomo può entrare", *kur eren=ak (lu=0ass
nu.kur/kur.ed)=a1oc, in cui illocativo finale, riferito a kur, si spiega a causa della sua
relazione sintattica con il resto della frase.
Nelle trascrizioni della crestomazia non si è invece mai indicato il caso sintattico del
referente all'interno della frase relativa implicita, perché risulta evidente dalla struttura
della frase stessa.

5.11.5 Forme impersonali con valore temporale


(coniugazione pronominale)
In sumerico è attestata una struttura verbale costruita sulle forme impersonali presenta-
te in 5.11.2 e 5.11.3, ma nella quale viene anche indicata la persona (soggetto o agente)
che compie l'azione. Si veda il seguente schema:
----------------------------·
i
persona* perfettivo/passato : imperfettivo/presente-futuro
-- - -- ·-- -- - . --- -
i I sing. stemma=a=gu 10 =ne !l stemma.ed=a=gu
• =ne
10

II sing. stemma=a=zu=ne

: III sing. A stemma=a=ani=edi, .. l !temma.~d=a~-~i:_e~ _ .


III sing. B • stemma=a=bi=edir stemma.ed=a=bi=edir
c----------

: III plur. stemma=a=anene=ed;, stemma.ed=anene=edir


------- --·-··--·--···'-·- ----- --·------ ---
*: non sono attestate le forme di I e II pers. plur.

Come si può notare, è lo stemma a conferire il valore aspettualeltemporale a queste


forme, cui vengono uniti i pronomi possessivi suffissi (v. 4.13.2) ad indicare il soggetto
o l'agente. La forma imperfettiva appare secondo modalità differenti rispetto a quelle
viste in 5.11.3, dal momento che in questo caso aggiunge, per motivi non chiari, il

170
5.11 Le forme impersonali

suffisso di nominalizzazione *-a. A questa struttura viene poi aggiunto il suffisso *-ne
alla I e II pers. sing., mentre alla III pers. sing. o plur. viene aggiunto il caso *-e del
direttivo (v. 4.11.7). Il suffisso *-ne utilizzato in questi casi è stato messo in relazione
con il prefisso locativo *-ni-, con il quale sembra condividere la funzione semantica.
Le forme di questa coniugazione hanno valore temporale e sono utilizzate in frasi
secondarie o incidentali; possono essere tradotte anche "nel mio, tuo, suo ecc. compie-
re l'azione", ed esprimono un valore verbale con mezzi nominali e pronominali (per
questo le abbiamo denominate 'forme impersonali pro nominali con valore temporale';
nelle grammatiche correnti si usa invece il termine di 'coniugazione pronominale').
Si vedano i seguenti esempi: SuSinki_ta gen-na-ne-ne, "(razioni alimentari a
due personaggi) dopo che sono venuti da Susa", *su5in=ta.b1 gen=anene=edir; se-bi ki-
su7-ka gal 2 -la-be 2 , "quando quell'orzo si trovava nell'aia", *se=bi (kisura=ak)=~oc
gal=a=bi=edir; e 2 -gal an-na-ka ku 4 -ra-ne 2 gehu 2 mu-un-ga 2 -ga 2 , "(Enmerkar),
dopo essere entrato nel Palazzo del Cielo (il tempio di Nisaba, dea della scrittura), pone
attenzione (a quanto vi è lì)", *ejgal an=ak=a1oc kur=a=ani=edir ge5tug=0... mu.n(i).gal
ga.e (paleo-babilonese); E 2 -kur-ra e 2 dMu-ul-lil 2 -la 2 -se 3 kuçku 4 -da-gu 10 -ne,
"quando io (il re) entro nell'Ekur, il tempio di Enlil", *ejkur=a1oc ej mullil=ak=se..r kur/
kur.ed=a=gu=ne (paleo-babilonese; Mullil è la forma eme-sal di Enlil).
Nota: il verbo d u, "andare", che non è attestato con il suffisso *-ed {v. 5.11.3, Nota), nell'uso con valore
temporale non presenta neanche il suffisso *-a; sono inoltre attestate solamente le III pers. sing. e plur.,
es. l ugal Urim 2 k;_se 3 du-ne 2 , "mentre U re si recava ad Ur", *lugal urim=serc, du=ani=edir; Susinki_se 3
du-ne-ne, "{razioni per 3 corrieri) che si stanno per recare a Susa", *susin=Se,e, du=anene=edir"

171
6 La sintassi e l'ordine del discorso

6.1 Sintassi della frase


Il termine 'sintassi' indica lo studio del modo in cui in una data lingua si genera il
discorso, inteso come unione di più enunciati, e più scolasticamente la descrizione dei
differenti procedimenti con cui, in una lingua, si dà un ordine logico al discorso stesso:
riassumendo quindi la sintassi descrive le modalità attraverso le quali le frasi vengono
messe in relazione tra loro o in dipendenza logica le une dalle altre, e i vari significati
di queste relazioni.
In sumerico, il processo attraverso il quale si mette in relazione di coordinazione o
dipendenza una frase rispetto all'altra deriva direttamente dalla morfologia nominale: il
rapporto che lega un enunciato subordinato a quello principale segue la stessa struttura
che lega un sostantivo al verbo. Il verbo principale conclude sempre la frase (v. 5.1 e
6.5) e tutto ciò che vi è subordinato viene trattato secondo modalità identiche a quelle
della morfologia nominale. Per questo motivo il termine sintassi va qui inteso in una
accezione generale, come ordine dei termini del discorso, e non come una tassonomia
(classificazione) di modi e tempi verbali in relazione al tipo di relazione sintattica, come
sarebbe in italiano.
Nota: in rarissimi casi, di natura essenzialmente letteraria, l'ordine della frase può subire un'inversione
e alcuni elementi possono essere espressi dopo il verbo, con fine evidentemente enfatico, es. a-na-am 3
ba-du-un kur nu-gi 4 -se 3 , "perché (o !nana) stai andando al paese del non ritorno(= oltretomba)?",
"'ana=0=am ba.du.en kur nu.gi.ed=ak=se"',; queste modifìcazioni dell'ordine degli elementi della frase
erano probabilmente assai comuni nel parlato quotidiano, di cui però non ci sono giunte tracce scritte.

6.2 Coordinazione e subordinazione


In una qualsiasi lingua, all'interno di un discorso, le singole frasi possono avere tra loro
un rapporto paritario (coordinazione) oppure di dipendenza dell'una dall'altra (su-
bordinazione): da un punto di vista sintattico si può definire la prima tipologia come
'paratassi' e la seconda come vera e propria 'sintassi' (o meglio 'ipotassi').
6.2 Coordinazione e subordinazione

L espressione" ~ni. Vidi. Vici", "Sono venuto. Ho visto. Ho vinto", attribuita a Cesare,
rappresenta un ottimo esempio di paratassi, cioè la giustapposizione paritaria di enun-
ciati l'uno accanto all'altro. In molte lingue le relazioni paratattiche che non si limitino
alla semplice enumerazione (come nell'esempio) possono utilizzare elementi di colle-
gamento, le congiunzioni, che indicano il tipo di relazione che si stabilisce tra le frasi.
In sumerico, in mancanza di congiunzioni esplicative (e, ma, però, quindi ecc.), non
è sempre agevole invece comprendere quale tipo di rapporto logico stia legando due
enunciati con verbo finito che si susseguano l'uno all'altro (cioè in un rapporto parita-
rio e·--non subordinato);
-----
ad es. (Statua C di Gudea, col. III, 11. 1-13) --------
-------------- -------
--- ---- - -- -

l. im-bi ki-zalag-zalag-ga-a ' "Quell'argilla (per i mattoni) in un luogo purissimo '


*im=bi=0.,.. ki zalag/zalag=a=3.Joc
im-mi-lu egli mischiò
• *i.m.bi.n.lu.0
2. , sig 4 -bi (e) i relativi mattoni
*sig=bi=0..,
ki-sikil-a , in un luogo pulito
*ki sikil=3.Joc
im-mi-du 8 cosse;
*i.m.bi.n.duh.0

3. us-bi mu-ku3 il suo (del futuro tempio) scavo purificò


*us=bi=0.,. mu.n.kug.0
4. izi im-ta-la 2 : (e) lo bruciò con il fuoco,
*izi=taah1 i.m.bta.n.lal.0
5. temen-be 2 (quindi) sulle sue fondamenta
*temen=bi=edir
--- ----·--·-·i·-

i 3-ir-nun-ka olio ed essenze principesche


*i ir nun=ak=3.Joc
su-tag ba-ni-dull · strofinò;
· *(su=0,.. tag=0)=0.., ba.ni.n.dug.0
6. e 2 ki-ag 2 -ga 2 -ni (così) il suo (di !nana) tempio amato,
*ej (ki=0,.. ag)=a=ani
Ez-an-na sal Cirz-SUir.1-ka l'Eana, all'interno di Girsu
*ejana=0... sag girsu=ak=3.Joc
- - - ....;,._. _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ - - - - - - - - - - - - - ______ ____,j ____ - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

mu-na-ni-du 3 egli (Gudea) costruì."


*mu.nna.ni.n.du.0

Tutti le congiunzioni e i segni di interpunzione utilizzati nella traduzione del passo,


che consta di sei frasi separate, sono solo ipotetici: il testo presenta infatti una serie
di enunciati in sequenza la cui coordinazione non appare in alcun modo esplicitata
nell'originale.
Più semplice è capire il rapporto di coordinazione tra frasi che siano entrambe su-
bordinate, es. mu Ur-dHkur ba-gaz-se 3 dam-ni e 2 -us-bar ba-an-kuçra-se 3

173
6 La sintassi e l'ordine del discorso

zi-ga, "(ca. 3 kg di lana) prelevati perché Ur-ISkur è stato ucciso (e) sua moglie è entra-
ta nell' opifìcio della lana (al suo posto}" (per l'analisi grammaticale si veda 4.11.4, C):
qui le due frasi sono coordinate e in rapporto cronologico tra di loro; lo stesso nell'e-
sempio seguente: mu lu 2 -inim-ma-keçne inim-bi ba-kur 2 lu 2 -ni 2 -zuh ba-
an-ku4-h-se3, "poiché i testimoni hanno confutato quelle parole (e quindi) lo (Atu)
hanno riconosciuto come spergiuro {lett. lo hanno fatto entrare nell'essere ladro)",
*mu (luinim=ak)=ene=e.rg inim=bi=0ass ba.n.kur.d lunizuh=a1oc ba.n.kur.d=a=ak=se,.,
(sul valore di ku 4, "entrare", con illocativo di un sostantivo della classe A nel senso di
"essere considerato come", v. 4.11.6, Nota 2) - si noti che il primo verbo manca del
pronome plurale, forse perché ricavabile dal verbo seguente (questa mancanza potrebbe
rappresentare, in questo caso, un indizio per evidenziare la stretta coordinazione delle
due frasi).
Nota: si richiama qui quanto detto in 4.11.3, C e Nota sull'origine accadica, cioè estranea alla struttura
del sumerico, della congiunzione. u 3 , "e", utilizzata dalla fine del III millennio a.C. per unire sostantivi e
coordinare frasi; come si nota dall'esempio, infatti, in sumerico le frasi si susseguono per asindeto, cioè
senza alcun segno di connessione evidente.

Per quanto riguarda invece la subordinazione, in sumerico può essere espressa essen-
zialmente in tre modi: mediante morfema verbale, mediante congiunzioni e mediante
nominalizzazione.

6.3 La subordinazione mediante morfema verbale


La subordinazione mediante morfema verbale è espressa dal prefìsso prospettiva /u/
(v. 5.9.2): questo morfema, prefìsso alla forma verbale, ne indica l'anteriorità rispetto
alla forma verbale che segue, rappresentando quindi una relazione di dipendenza della
prima dalla seconda (non può quindi esistere una frase verbale introdotta da /u/ che
non sia correlata ad un'altra che la seguirà; per la grafia e gli esempi v. 5.9.2 e anche
6.3.2, Nota).
In sumerico la caratteristica di indicare i rapporti sintattici mediante morfemi ver-
bali specifìci è attestata solamente per questo prefìsso, a dimostrazione che la lingua
sumerica non utilizza, se non in questo caso, la morfologia del verbo per indicare il
rapporto di dipendenza tra gli enunciati (cioè per esprimere la sintassi}.

6.4 La subordinazione mediante congiunzioni


Un altro modo per indicare la subordinazione è mediante congiunzioni specifìche,
come è il caso dell'italiano, es. finché, quando, se ecc.; in sumerico questo procedimento
è noto solamente per le tre espressioni en-na, "fìnché, fìntanto che", uçda, "se, quan-
do, nel momento in cui" e tukum-bi, "se, qualorà'.

174
6.4 La subordinazione mediante congiunzioni

6.4.1 La congiunzione en-na


Questa congiunzione può essere seguita da forme passate o presenti-future e la sua eti-
mologia non è chiara, benché sia possibile che si debba interpretare la /al finale come
posposizione dellocativo *-a; il suo significato principale è temporale ("finché, prima
che"), ma sembra poter assumere anche un valore concessivo: "nella misura in cui, per
quanto". Si vedano i seguenti esempi: en-na inim-bi i 3-til lu 2 -inim-ma-bi i 3-
im-de6-e Lu 2 -dNa-ru 2 -a ... i 3-dab 5 , "(Ur-Nungal ha dichiarato: 'Lasino è mio!')
finché la questione (non) sia conclusa (e) questi porterà un testimone, Lu-Narua ... ha
preso in consegna (l'asino}", *enna inim=bi=0... i.til.0 (luinim=ak)=bi=0..,. i.m.de.e
(lunarua=ak)=eerg ... i.n.dab.0; en-na ensi 2 -ra i 3-na-ab-be 2 kiSib-ba-ni he 2 -
ma-an-tum3, "finché egli (Akala) (non) parlerà al governatore, deve portare qui il
suo sigillo", *enna (ensi=ak)=rac~a, i.nna.b.e.e kisib=ani=0... he.i.m.ba.n.tum.0; ensi 2
en-na i 3-gen-na-as min(2)-a-bi en-nun-ga 2 he 2 -ti inim ensi 2 -ka, "(2 fug-
gitivi} fino al momento in cui (non} andrà il governatore (a dirimere la questione),
i due devono restare in carcere. È un ordine del governatore!", *(ensi=ak)=0... enna
i.gen.0=a=se,., min(2)=a=bi=0... ennug=a1oc ha.i.til.0 inim (ensi=ak)=ak=0=am -si
noti l'uso del terminativo in aggiunta al valore temporale di *enna; eren 2 en-na
U r-mes-e gu 3 ba-de 2 -a he 2 -na-ab-sum 2 -m u, "(ordine per Lukala:) le trup-
pe, per quanto ne ha richieste Urmes, gli devi dare", *eren enna urmes=eerg gu=0...
ba.n.de=a=0... ha.i.nna.b.sum.en.
Nota: la stessa funzione semantica di *enna sembra poter essere espressa dal terminativo unito a una
frase verbale nominalizzata (v. 6.5}, es. kab 2 nu-ub-da-ab-du 11 -ga-as Da-lu 5 u 3 Ur-dAb-u 2-ke 4
Ur-dSara 2 dam-gar 3 in-na-sum 2, "(6 gur di mele del valore di 5 sicli) prima che le controllassero,
Dalu e Ur-Ab'u hanno dato {lett. ha dato) a Ur-Sara, il mercante", *kab=0.., nu.i.bda.b.dug.0=a=se"''
dalu u (urab'u=ak)=e.rg (ursara=ak) damgar=radal i.nna.n.sum.0 (si vedajagersma 2010, pp. 613-614).

6.4.2 urda, tukum-bi e le frasi ipotetiche


Una frase ipotetica (detta anche condizionale) è formata da due parti correlate stretta-
mente tra loro, in cui la prima è detta 'protasi' ed è subordinata alla seconda, detta 'apo-
dosi', che è la frase principale. La protasi stabilisce una condizione, mentre l'apodosi
descrive la conseguenza che deriva, o potrebbe derivare, dal realizzarsi della condizione
espressa nella protasi; es. se viene Carlo, dàgli questo biglietto. Le frasi ipotetiche, che in
italiano sono introdotte generalmente dalla congiunzione 'se' o da congiunzioni con lo
stesso significato, possono essere reali (se glielo chiedi, viene di sicuro}, possibili (se glielo
chiedessi tu, verrebbe di sicuro} o irreali (se glielo avessi chiesto tu, sarebbe venuto di sicu-
ro). Nella documentazione sumerica invece il tipo di frase ipotetica è sempre reale; si
descrive cioè una condizione che, se realizzata, produrrà l'effetto descritto nell'apodosi.
Nota 1: si noti che sia il prefisso di anteriorità /u/ (v. 5.9.2} che il prefisso modale /ha/ (v. 5.9.3) possono
avere valore ipotetico, es. kisib-bi ... ul-pa 3 zi-re-dam, "la relativa tavoletta ... se verrà trovata,
deve essere distrutta", lett. 'dopo che verrà trovata .. .'- per l'analisi grammaticale v. 5.9.2, B; igi ug 3-
se3 u3-si-bar-ra-zu ni2-a he2-gal2-la-am3, "se (lett. dopo che} rivolgi il tuo occhio al popolo, da se
stessa sorge {lett. è} l'abbondanza!", *igi=0.., ug=se,., u.bsi.e.bar.0=a,om=zu=0.., ni=a1oc hegal=0=am (v.
6.8}; Na-lu 2 dumu Ur-sa 6 -ga-ke 4 ku 3-gu 10 ha-ma-sum 2-mu e 2-zu tum 2-ba, "se Nalu, figlio

175
6 La sintassi e l'ordine del discorso

di Ur-saga, mi darà il mio argento, (tu) riprenditi pure casa tua!", lett. 'dovesse Nalu ecc.', *nalu dumu
ursaga=ak=e.rg kug=gu=0.., ha.ma.sum.e ej=zu=0.., tum.ba.b.

Anche il prefisso coortativo /gal può avere una funzione condizionale, per cui si veda
il seguente esempio: mu lugal u 4 a-ra 2 3-ka i 3 -zah 3 -de 3 -na ga-hul bi 2-in-
d u 11 , "(giuro per) il nome del re, qualora dovessi scappare per la terza volta, andrò
incontro a una grave punizione" (per l'analisi grammaticale v. 5.9.6).
In sumerico le frasi ipotetiche, dette anche condizionali, sono introdotte dalle con-
giunzioni uçda, "se {lett. nel giorno, nel tempo)", *ud=a1oc, e tukum-bi, "se", la cui
etimologia non è chiara; esse rappresentano, per quanto la documentazione ci mostra,
solo condizioni reali: la prima è più arcaica e più rara della seconda e scompare verso
la fine del III millennio a.C.; la seconda appare durante il periodo di Gudea di Laga5
(2150 a.C.) ed è attestata in tutta la documentazione in sumerico nei periodi successivi.
Nelle frasi introdotte da queste congiunzioni, le forme verbali sono in genere di tipo
presente-futuro se è presente uçda e passate se è presente tukum-bi.
Si vedano i seguenti esempi: Ur-diStaran nu-banda 3 uçda sa 3 -ga 2 he 2-dab 5
ib 2-be 2 he 2-dab 5 u 4 -da se nu-tuku ib 2-be 2 eren 2 Ur-diStaran he 2-ma-zi-
zi, "(di' al destinatario) Ur-IStaran, il sovrintendente, se dirà: 'Ho (già) preso quello
di cui ho bisogno (lett. [la cosa] del mio cuore)!', (il destinatario) lo deve prendere (da
lui l'orzo); se dirà (invece): 'Non ho più orzo!', (allora) egli dovrà prelevare i lavoratori
di Ur-IStaran", *(uristaran=ak) nubanda=e.rg ud=a1oc sag=gu=ak=0... ha.i.'.dab.0 i.b.e.e
ha.i.dab.e ud=aloc se=0... nu.i.'.tuku.0 i.b.e.e eren (uristaran=ak)=ak=0... ha.i.m.ba.
zi/zi.e {lettera accadica, 2300 a. C. ca., l'interpretazione non è sicura); tu k u m-b i l u 2
na-me inim bi 2-in-gar, "se qualcuno (lett. un uomo qualsiasi) sporgerà un recla-
mo", *tukum=bi lu name=e.rg inim=0... bi.n.gar.0; tukum-bi mu-be 2 su ur 3 -de 3
gdtu 2 he 2-em-si-gub, "(maledizione) se la sua intenzione {lett. orecchio) è rivolta
a cancellare il suo (del sovrano) nome" - per l'analisi grammaticale v. 5. 9.3; tu k u m-b i
gd nu-ra-tuku-GA e 2-a-ni gul-a, "se (qualcuno) non ti dà retta {lett. ascolta),

d tstruggt• la sua casa.,.. , *tuk um= b"1 ges= 0 a.ss nu.I.ra.n.tu
A V • • 0 a.ss gul .a. b (non e'
k u. 0 eJ=ani=

chiara la ragione della presenza del segno GA alla fine della forma verbale); tukum-
bi lu 2-u 3 sag gd bi 2-in-ra lu 2-bi i 3 -gaz-e, "se un uomo commette omicidio,
quest'uomo sarà ucciso"- per l'analisi grammaticale si veda Cr 2 §l; tukum-bi nu-
na-an-sum2 e 2-a-ni-ta ib 2-su-su, "Se egli (Nani) non gli consegnerà (l'orzo), lo
ripagherà con i suoi beni personali (lett: lo rimpiazzerà con la sua casa)", *tukum=bi
nu.i.nna.n.sum.0 ej=ani=ta.bt i.b.sulsu.e; tukum-bi nu-u 3 -um-de 6 di-bi i 3 -bi 2-
du11 su 3 -su 3 -da, "se (Sidu) non porterà (11 buoi), dopo che questi avrà sopportato
{lett. detto) il processo, dovrà renderli" - per l'analisi grammaticale si veda 5.9.2, A
e si noti in questa frase la presenza di due modi per esprimere la subordinazione, l'u-
so della congiunzione tukum-bi e quello del prefisso prospettiva /u/ (i 3 -bi 2-du 1p
*u.bi.n.dug.0; v. anche 6.10).
Nota 2: è attestata anche la possibilità di esprimere la frase ipotetica mediante la giustapposizione di due
forme verbali senza alcuna congiunzione, di cui la prima positiva e la seconda negativa, es. i ti sig 4-ga
mu lugal-bi in-pa 3 i 3 -la 1 nu-la 1 3 gin 2 ku 3 -babbar la 2 -da bi 2-du 1 p "(Sdkala ha preso un
prestito di l ,5 sidi d'argento) ha giurato nel nome del re di ripagarlo (lett. pesarlo) nel mese III; se lo
avrà ripagato (non ci saranno problemi), ma se non lo avrà ripagato ha dichiarato che pagherà 3 sicli d'ar-

176
6.5 La subordinazione mediante nominalizzazione (pos. 12)

gento", *iti sig=ak=a.oc mu lugal=ak=bi=0.,. i.n.pad.0 i.n.la.0 nu.i.n.la.0 d(3) gin kugbabbar=ak=0..,.
la.ed=a.oc bi.n.dug.0: come si vede, la prima delle due frasi è ellittica, manca cioè la apodosi.

Si noti ancora l'esistenza della rara congiunzione igi-zu, i-gi 4 -in-zu, da tradur-
re probabilmente "come se", ni 3 -a 2 -zi-ga-ka lu 2 nam-mi-gul-e alan igi-zu
dNin-gir 2 -su-ka-kam, "che nessuno distrugga con un atto di violenza (questa statua
di Gudea): la statua è come se fosse di Ningirsu!", *nig azig=a=ak=~oc lu=eerg na.i.m.bi.
gul.e alan=0w igi{n)zu (ningirsu=ak)=ak=0=am.
Nota 3: si noti che anche la forma imperativa può assumere valore ipotetico, es. l O gin 2 ku 3-babbar-
am3 sum2-ma-ab di ba-ra-a-da-ab-be2-en6, "(dice la moglie divorziata al marito) dammi lO sicli
d'argento (e) io non ti porterò in giudizio!", cioè: 'se mi dai 10 sicli d'argento ecc.'.

6.5 La subordinazione mediante nominalizzazione


(pos. 12)
Nel presentare la struttura generale del verbo e della sua morfologia (v. 5.1) si è evi-
denziata la presenza, alla fine della struttura verbale {pos. 12), di un suffisso *-a che
abbiamo definito 'elemento subordinante'. Questo suffisso non esprime solamente la
subordinazione della frase verbale in sé, ma di tutto l'enunciato che ad essa è collegato
e ha quindi l'effetto di mettere in relazione di dipendenza un'intera frase rendendola
subordinata a quanto verrà detto nella o nelle frasi seguenti. Il suffisso ha anche la ca-
ratteristica di rendere l'intera struttura di fatto un nome, facendo sì che il suo rapporto
con la frase principale venga gestito mediante la sola morfologia nominale: per questo
tipo di costruzione sintattica si usa il termine 'nominalizzazione' e per questo motivo il
suffisso è unito in trascrizione mediante il segno'=' {uguale) e non con il'.' (punto), ad
indicare la sua valenza nominale e non verbale {v. 2.12).
La frase nominalizzata possiede tutte le caratteristiche del sostantivo, e quindi può
essere messa in relazione genitivale con un altro sostantivo oppure possedere i suffissi
nominali visti in 4.11.1 e sgg.: sarà la morfologia nominale a esprimere il rapporto
della frase nominalizzata con il sostantivo cui si riferisce oppure con il verbo della frase
principale, del quale rappresenterà uno dei referenti.
La sintassi nominale del sumerico è assai differente da quella verbale italiana, ge-
stita dalla coniugazione dei modi {indicativo e congiuntivo) e dei tempi; nei prossimi
paragrafi, per chiarezza, si utilizzerà la nomenclatura usuale per la tipologia semantica
della sintassi italiana e si parlerà quindi di frasi relative, dichiarative, temporali ecc.,
ma nell'utilizzare questa nomenclatura occorre tenere presente la premessa di questo
paragrafo: in sumerico ognuno di questi valori sintattici è veicolato dalla semantica dei
casi nominali.
Nota: per maggiore chiarezza nella ricostruzione grammaticale, negli esempi dei paragrafi che seguono
si sottolinea, se è il caso, la presenza della nominalizzazione aggiungendo 'nom' in pedice al suffisso *-a
(=a.om), anche quando è seguita da altro suffisso; questo accorgimento non viene seguito negli esempi
della crestomazia, dove il testo nel suo insieme permette di comprendere più agilmente le relazioni sin-
tattiche tra le varie parti dell'enunciato.

177
6 La sintassi e l'ordine del discorso

Le frasi subordinate con il suffisso *-a possono presentarsi sintatticamente in due modi
differenti: esse possono avere un antecedente a cui si collegano (v. 6.5.1) oppure ap-
parire senza antecedente (v. 6.5.2); nel primo caso esse avranno la funzione di offrire
una specificazione del proprio referente, mentre nel secondo caso avranno un valore
semantico proprio e saranno dei veri e propri sostantivi dotati di posposizioni ed even-
tualmente ulteriori suffissi, quali ad esempio la copula.

6.5.1 Valori semantici della nominalizzazione con antecedente


Una frase nominalizzata che abbia come antecedente un sostantivo, dà informazioni
riguardo al referente cui è unita; l'antecedente può essere esplicito o implicito. La frase
nominalizzata si giustappone quindi al sostantivo cui si riferisce e diviene una sorta
di apposizione (o attributo) al sostantivo stesso: in questi casi in italiano si tradurrà
la frase nominalizzata con una frase relativa (nell'esempio che segue la frase relativa è
resa in trascrizione tra parentesi quadre), es. dNin-gir 2 -su ... Gu 3-de 2 -a ... lu 2
·
E 2 -ntnnu dN·ln-gtr
'· 2 -su- k a 1n-
· d u 3-a E 2 - PA ••• mu-na- d u 3, "A N.mgusu
,. ...
Gudea ... colui che {lett. l'uomo) ha costruito l'Eninnu di Ningirsu, il tempio E-PA
costruì per lui", *(ningirsu=ak)=rada, ... gudea ... lu [ejninnu (ningirsu=ak)=ak=0..,.
i.n.du.0=~om]=etrg ejPA=0...... mu.nna.n.du.0: come si nota, la frase nominalizzata,
introdotta da lu 2 e conclusa con l'elemento subordinante unito al verbo finale (in-
du3-a), descrive Gudea, che è il suo antecedente; solamente alla fine della frase nomi-
nalizzata si avrà il caso che si riferisce a Gudea, in questo caso l'ergativo. Per maggiori
dettagli sulle frasi relative v. 6.6.

6.5.2 Valori semantici della nominalizzazione senza antecedente


Nell'uso senza antecedente, la frase nominalizzata viene trattata essa stessa come uno
degli elementi nominali che compongono un enunciato e con il verbo della frase prin-
cipale ha lo stesso rapporto morfologico che si userebbe per qualsiasi altro sostanti-
vo; questo rapporto viene espresso, conseguentemente, mediante la semantica dei casi
nominali (v. 4.11.1 sgg.). In italiano queste frasi vengono spesso tradotte come frasi
dichiarative (v. 6.8), es. Ku-li dumu Ur-e 2 -an-na-ke 4 Ba-ba-gu 10 nar in-ug-
a-as ... ba-gi-in, "è stato provato ... che Kuli, figlio di Ur-Eana, ha ucciso Babagu,
il cantore" - per l'analisi grammaticale si veda Cr 3e, ll. 2-4: in questa frase, all' espres-
sione nominalizzata in-ug-a-as, *i.n.ug.0=a=se,.,, viene aggiunto il caso terminativo
(v. 4.11.4) in quanto il verbo gi-in, "provare, confermare", viene utilizzato con il
caso terminativo di ciò che si conferma. Si confronti con l'esempio seguente: sag ki-
min-a sa 10 -as ba-gi-in, "è stato stabilito che la schiava era stata venduta due volte",
dove il verbo gi-in regge un sostantivo (sag) con la sua apposizione *sa=a, "acquistata"
(v. 5.11.2), e il terminativo- per l'analisi grammaticale si veda Cr 3d, l. 11; come si
vede, sia la frase nominalizzata dell'esempio precedente che il sostantivo di questo sono
trattati morfologicamente nello stesso modo.

178
6. 6 Le frasi relative

6.6 Le frasi relative


Come si è visto in 6.5.1, le frasi relative con verbo finito sono sempre nominalizzate e
seguono il referente cui si giustappongono (per le frasi relative con forme impersonali
v. 5.11.4): esse possono essere considerate come veri e propri attributi al nome. Il refe-
rente, a sua volta, avrà una sua collocazione sintattica all'interno della frase principale
che sarà espressa dal caso che si trova alla fine della frase relativa stessa. La relazione che
lega invece il referente agli elementi della frase relativa nominalizzata di cui fa parte non
è mai esplicitata morfologicamente ed è deducibile solamente dal contesto.
Nota l: si vedano le seguenti espressioni in italiano: il ragazzo che ti sta sorridendo studia a Roma, il
ragazzo che stai osservando studia a Roma, il ragazzo a cui ti stai rivolgendo studia a Roma: la funzione
dell'espressione ragazzo è la stessa in ogni frase principale (soggetto), mentre quella che ha nella frase re-
lativa cambia di volta in volta (soggetto, oggetto, oggetto indiretto). In sumerico non esistono i pronomi
relativi, quindi la funzione del termine ragazzo all'interno della frase relativa di cui è referente può essere
ricostruita soltanto sulla base del contesto.

Si veda il seguente esempio: dNin-gd-zi-da digir Gu 3 -de 2 -a ensi 2 Lagask; l u 2


E 2 -an-na in-du 3 -a-kam, "Ningdzida è il dio di Gudea, governatore di Laga5, colui
che l'Eana ha costruito"- per l'analisi grammaticale si veda 4.9, B: qui l'antecedente
è il termine l u 2 , "uomo", che viene utilizzato per esprimere un soggetto non specifico
("colui che, quello che, ecc."); sipa zi Gu 3 -de 2 -a ... inim dNanse-e mu-na-
du11-ga-as sag sig ba-si-gar, "il pastore fedele, Gudea, si sottomise alle parole
che la dea N anse gli aveva detto", lett. 'pose la testa bassa verso', *sipad zid gudea=eerg
... inim [nanse=eerg mu.nna.n.dug.0=a]=se"' sag sig=0... ba.si.n.gar.0: qui, nella frase
principale, il cui verbo è ba-si-gar, il termine inim ha il caso terminativo richiesto
da sag sig - gar, "sottomettersi, abbassare la testa (verso)", mentre ha funzione di as-
solutivo nella frase relativa; in quest'ultima, l'ergativo è rappresentato dal nome divino
dN anse-e;
v
n1• 3 mas-g1
v k h d h.
6 - e 4 ma-a - e 6 -a-ga 2 sa 3 - 1 nu-zu,
A. v A "(d"1ce G u d ea) non
ho capito il senso {lett. cuore) di ciò {lett. della cosa) che il sogno mi ha portato", *nig
[(ma5gi=ak)=eerg ma.b.de.0=anoml=gu=ak sag=hi=0... nu.i.'.zu.0: in questo esempio il
lemma ni 3 , "cosa, oggetto", è il referente di una frase nomi.nalizzata di cui rappresenta
l'assolutivo, al termine della quale si trova un suffisso pronominale di I pers. sing. e poi
il morfema del genitivo *-ak; si tratta del genitivo anteposto ripreso dal pronome di III
pers. sing. *-bi che accompagna il termine 5a 3 : a sua volta, questo termine rappresenta
il caso diretto in assolutivo del verbo z u {lett. 'della cosa che il sogno mi ha portato il
suo senso ecc.').
Si veda ancora: En-TE. ME-na ... lugal ki an-na-ag 2-ga 2-ni dNin-gir 2-
su2-ra gur 4 -gur 4 ku 3 luh-ha i 3 iti-da dNin-gir 2 -su 2-ke 4 ab-ta-gu 7 -a mu-
na-dim2, "En-metena ... a Ningirsu, al suo signore {lett. re) che lo amava, fece va-
si-GUR di argento puro da cui Ningirsu consuma olio ogni mese", *enmetena=eerg
... lugal [ki=0... a.nna.n.ag.0=a]=ani (ningirsu=ak)=radar gur/gur kug luh=a [i=0...
itid=~oc a.bta.gu.e=a]=0... mu.nna.n.dim.0; in questa frase si trovano due relative, la
prima con referente lugal, "re, signore", epiteto di Ningirsu che segue, e la seconda
che ha come referente i vasi-GUR: all'interno della relativa con referente l ugal, questi
ha funzione di dativo, richiesto dal verbo composto ki - ag 2, e la sua funzione è di

179
6 La sintassi e l'ordine del discorso

dativo anche nella principale (Ningirsu rappresenta il beneficiario dell'azione di En-


metena); nella relativa che ha come referente i vasi-GUR, invece, questi ultimi hanno
due funzioni diverse: nella frase principale essi rappresentano l' assolutivo del verbo
dim 2 , "fare, produrre, confezionare", mentre all'interno della relativa sono in caso
ablativo {sono ciò da cui Ningirsu consuma olio ogni mese), come chiarisce la ripresa
del prefisso ablativo nella forma verbale ab-ta-gu 7 -a.
Una frase relativa non ha necessariamente un referente esplicito; si vedano per esem-
pio le frasi: e 2 -gu 10 ma-du 3-na, "(a te) che costruirai il mio tempio", *ej=gu=0ass
ma.du.en=a=rad.,; a-na i b 2 -ak-na-bi n u-zu, "non so che cosa debba fare", *ana=0ass
i.b.ak.en=anom=bi=0... nu.i.'.zu.0- la situazione sintattica può essere chiarita di volta
in volta soltanto osservando il contesto.
Nota 2: per quanto riguarda il tipo di rapporto che lega l'antecedente alla frase nominalizzata che ad esso
si riferisce, bisogna sottolineare che la struttura nominale che sembra rappresentarlo più direttamente è
quella definita an-sa 3 , "interno del cielo" (v. 4.2.1, A), in cui i due elementi sono giustapposti al fine di
veicolare un significato differente, e non la qualificazione (v. 4.10).

6.7 Le frasi temporali


Per esprimere una frase temporale si usano i valori semantici dei casi nominali con
valore spazio-temporale, essenzialmente terminativo, ablativo e locativo, che possono
essere accompagnati da un antecedente che ne sottolinei l'aspetto temporale {quale u 4 ,
"giorno", mu, "anno" e simili). Per esempio, per esprimere l'inizio nel tempo di un'a-
zione all'interno di una frase nominalizzata, si usa l'ablativo, la cui funzione è quella
di indicare l'origine nel tempo e nello spazio {v. 4.11.5), es. dSul-gi-me-en ba-tu-
ud-de3-en-na-ta nita 2 kalag-ga-me-en, "Io sono Sulgi, da quando fui generato
io sono un maschio forte", *sulgi=0=me.en ba.tud.en=anom=taab1 nita kalag=a=0=me.
en; A-ga-de/i nam-lugal su ba-ab-ti-a-ta, "da quando Akkad aveva preso la
regalità", *agade=eerg namlugal=edir su=0ass ba.b.ti.0=anom=ta.bl•
Per esprimere il momento in cui una azione avviene, si usa illocativo, es. ur 5-gin 7
hu-mu-na-ab-be 2 -a-ka, "dopo che egli (Enmerkar) gli{= al messaggero) aveva par-
lato così", ur=ginequ ha.mu.nna.b.e.e=anom=ak=a1oc- qui si ha anche un'espressione geni-
tivale senza referente, lett. 'nel (fatto) di l che .. .'.
Per esprimere il punto di arrivo temporale di un'azione si usa il terminativo, kab 2
nu-ub-da-ab-du 11 -ga-as, "prima che le controllassero(= controllassero le mele)",
v. 6.4.1, Nota per la frase intera commentata.
Nella documentazione sono però assai più numerosi gli esempi di frasi che possie-
dono un antecedente: in questo caso il sostantivo è seguito dalla frase nominalizzata
e dal caso richiesto dal verbo o dal senso della frase; le espressioni più comuni uti-
lizzano i termini u 4 , "giorno", egir, "dopo {lett. schiena)", ecc.: *ud- [=a,.oml=a1oc,
*egir- [=anoml=ta.bl e simili, es. u 4 dinana-ke 4 igi nam-ti-ka-ni mu-si-bar-
ra-a, "quando !nana il suo occhio di vita rivolse a lui {Gudea)", *ud (inana=ak)=eerg igi
narntil=ak=ani=0ass mu.nsi.n.bar.0=anom=3.Joc- si noti la grafia che sottolinea la presen-

180
6. 8 Le frasi completive

za delle due vocali /al di nominalizzazione e dellocativo; egir in-taka 4 -a-ta, "dopo
che egli (Sulgi-unamti) aveva divorziato da lei {lett. l'aveva lasciata)", *egir i.n.taka.
0=anom=t:lwt·
Nota: il caso equativo *-gin può accompagnare una frase nominalizzata con un significato temporale, es.
ni 3 E 2 -ninnu ... dNin-gir 2 -su ... mu-na-du 3-a-gin 7 u 4 dBa-u 2 ••• E 2 -tar-sir 2 -sir 2 ••• mu-
na-du3-a iri mu-ku 3, "così come (quando Gudea) l'Eninnu ... a Ningirsu ... costruì, quando a Ba'u
... l'Etarsirsir ... a lei costruì, la città purificò", *nig ejninnu=0,.. ... (ningirsu=ak) =radat ... mu.nna.n.du.
0=a,om=ginequ ud bàu=ra_.., ... ejtarsirsir=0,.. mu.nna.n.du.0=a,om=3.joc iri=0,.. mu.n.kug.0; si osservi
che l'equativo mette in relazione due elementi, ma l'argomento della comparazione dipende dal conte-
sto: qui si ha una comparazione tra due frasi con valore temporale (v. 4.10, D).

6.8 Le frasi completive


Frasi nominalizzate possono fungere da soggetto, oggetto o complemento di frasi prin-
cipali, completandone le relative parti; in questi enunciati, il caso nominale che si trova
alla fine della subordinata dipende dal tipo di rapporto che la collega alla reggente.
Questo tipo di frasi si possono definire anche dichiarative, in quanto si ritrovano essen-
zialmente in dipendenza dei verbi con il significato di "dire", quali affermare, dichiara-
re, giurare, ecc. (in italiano spesso sono introdotte da congiunzioni quali "[il fatto] che,
riguardo al fatto che" e simili).
Si vedano i seguenti esempi: igi ug 3 -se 3 u 3 -si-bar-ra-zu ni 2-a he 2-gal 2-
1 a- a m 3 , "se {lett. dopo che) rivolgi il tuo occhio al popolo, da se stessa sorge {lett.
è) l'abbondanza!" - per l'analisi grammaticale v. 6.4.2, Nota l (si noti che la frase
nominalizzata, che qui funge da soggetto, possiede in questo caso un pronome suffisso
di II pers. sing., lett. 'il tuo dopo aver rivolto l'occhio .. .'); i-bi 2-la Du-du-ke 4 -ne
inim ama-ne-ne nu-u 3 -ub-kur 2-ne-a mu lugal-bi in-pa 3 -de 3 -d, "i figli
di Dudu hanno giurato che non modificheranno la richiesta {lett. parola) della loro
madre", *ibila dudu=ak=ene=eerg inim ama=anene=ak=0..,. nu.i.b.kur.ene=anom=a1oc mu
lugal=ak=bi=0..,. i.n.pad.d: qui la frase verbale in-pa 3 -de·3 -d ha i-bi 2-la Du-du-
kecne come agente e mu lugal-bi come oggetto diretto; la frase inim ama-ne-
ne nu-u 3 -ub-kur 2-ne-a, come si vede, è un ulteriore partecipante alla frase, quindi
a tutti gli effetti un sostantivo, il cui caso è il locativo *-a, richiesto dall'espressione
mu lugal-bi ~ pa 3 , lett. 'pronunciare il relativo (= attuale) nome del re riguardo
a {loc.)'; m u Ku-li ba-gaz<-se 3 > egir-a-ni u 3 da m dumu-ni d umu Ba-
ba-gu10-ke4-ne ba-ne-sum2-ma Lu2-Gir2-suki maskim-bi-im, "Lu-Girsu è
stato il commissario (del fatto) che, poiché Kuli era stato giustiziato (per avere uc-
ciso Babagu), il suo patrimonio, e sua moglie (e) sua figlia sono stati dati ai figli di
Babagu", *mu kuli=0..,. ba.gaz.0=~om=ak=se,.. egir=ani u dam dumu=ani=0..,. dumu
babagu=ak=ene=r~., ba.nne.sum.0=a=ak {lugirsu=ak)=0..,. maskim=bi=0=am- per
l'analisi contenutistica si veda Cr 3e: qui la frase dichiarativa subordinata egir-a-ni
... ba-ne-sum 2-ma, che è a tutti gli effetti un sostantivo, rappresenta il genitivo
anteposto ripreso dal suffisso *-bi nel secondo membro della frase con copula Lu 2-

181
6 La sintassi e l'ordine del discorso

Gir 2 -suki maskim-bi-im, quindi lett. 'del (fatto) che il suo patrimonio ecc., il suo
commissario è stato Lu-Girsu'.
Si veda ancora il seguente esempio: <a>-na an-gaba-ti-la-da l u 2 n a-me in i m
nu-um-ga 2 -ga 2 -a a 2 -ag 2 -ga 2 sagga-ta Ur-mes-e kisib 3 in-na-tak 4 , "(Ur-
sukkal sta costruendo una casa con palmeto) Ur-mes ha rilasciato (ad Ur-sukkal) una
tavoletta sigillata per ordine dell'amministratore del tempio riguardo (al fatto) che
nessuno dovrà intentargli causa (per questo) per quanto egli vivà', *a.na a.nga.ba.til.
0=~om=dacom lu name=ecrg inim=0... nu.i.m.b.galga=~om=~oc a ag=a sagga=ak=taabl
urmes=ecrg kisib=0... i.nna.n.tak.0: qui la frase nominalizzata è in caso locativo poiché
è retta dal verbo tak 4 , "emettere, rilasciare (un documento) riguardo a (loc.)".

6.9 Le frasi causali


La frase causale è una subordinata che esprime la causa per cui l'azione principale si
svolge, es. poiché è già tardi, prendo un taxi. Per esprimere il valore semantico di questo
tipo di subordinazione, in sumerico si ricorre in genere a una forma peri&astica, scissa
cioè in parti distinte: *bar - [-anoml =ak=a1oc; *mu - [-anoml =ak=sercr; all'interno di queste
espressioni la parte nominalizzata esprime la causa per la quale si verifica la conseguenza
espressa nella frase principale. Si tratta, come si vede, della stessa espressione che si usa
per esprimere il complemento di causa con un sostantivo: bar zu 2 -lum-ma-ka, "a
causa dei datteri", *bar zulum=ak=a1oc; m u ugula-e-ne-se 3 , *mu ugula=ene=ak=se,cr•
"per i l a causa dei sorveglianti"; mu-bi-se 3 , "perciò" (v. 4.11.4, C e 4.11.6, C).
Si vedano i seguenti esempi: bar se-bi nu-da-su 3 -su 3 -da-ka, "poiché (Ur-La-
ma, governatore di Umma) non era in grado di restituire quell'orzo (invase il territorio
di Laga5)", *bar [se=bi=0... nu.i.nda.sug/sug.ed.0=~oml=ak=a1 oc (lett. 'quell'orzo non
sarà ripagato con lui'; sul valore abilitativo del prefisso comitativo *-da- v. 5.4.5, B);
mu lu 2 -inim-ma-keçne inim-bi ba-kur 2 lu 2 -ni 2 -zuh ba-an-kuç5a-se 3 ,
"poiché i testimoni hanno confutato quelle parole (e quindi) lo (= Atu) hanno rico-
nosciuto come spergiuro {lett. lo hanno fatto entrare nell'essere ladro)" -v. 6.2 per
l'analisi grammaticale.
Con un valore causale è documentato il suffiso *[-anoml-ak-e5 (v. 4.11.8, B, caso av-
verbiativo), utilizzato anche con i sostantivi, che indica la causa che giustifica l'azione
espressa nella frase principale, es. in-da-tuku-a-keçd 2 , "poiché (Ur-saga) aveva
un debito (d'argento con Nammah, gli ha dato in pegno suo figlio e sua figlia)", *[i.
nda.n.tuku.0=~oml=ak=e5.vv; kiSi b U r-d 3 - ku 3 - ga n u- u 3 -gal 2 -la- ke 4 -d Giri 3 -
ni su ba-an-si-ti, "(Ur-dkuga ha dato argento in prestito) la tavoletta sigillata di
Ur-dkuga, poiché egli non era presente, l'ha presa Girini", *kisib (ure5kuga=ak)=ak=ed.i,
[nu.i.gal.0=~oml=ak=d.vv girini=ecrg su=0... ba.nsi.n.ti.0.
Nota: l'espressione *bar- [-a,.oml=ak=:~toc è più arcaica e alla fine del III millennio viene sostituita con
*mu- [-a,.oml=ak=se..,, lett. 'per il nome di', che rappresenta forse un calco di probabile influenza ba-
bilonese: si veda l'accadico affum, da *ana sumi, "per quanto riguarda, poiché", lett. 'nel nome di' (in
sumerico m u = "nome").

182
6.1 O La frase complessa

In periodo arcaico è documentato anche il suffisso *-akanam, che ha la stessa funzione


di *-ake5, e che può forse essere analizzato come *-ak-a,om-nam (quest'ultimo elemento
dell'espressione risulta poco chiaro), es. ku 6 pisag gar-ra-se 3 nu-mu-de 6-a-ka-
nam, "(è stata imposta una quantità di argento nei confronti dei pescatori del mare)
poiché essi non hanno portato qui i pesci secondo {la quantità di) ceste stabilite",
ku=0... pisag gar=a=se,<r nu.mu.n.de.e5=a,om=ak=a1oc=nam; sul rapporto tra i due suffis-
si nella trattazione grammaticale babilonese si osservi che le espressioni ur 5-ra-keçd
e ur 5-ra-ka-nam sono tradotte entrambe con aJ-Jum ki-a-am, aJJum kiam, "perciò"
(v. Chicago Assyrian Dictionary K, p. 325, voce kiam).

6.10 La frase complessa


In quest'ultimo paragrafo viene presentata una frase complessa, tipica del linguaggio
legale e della cancelleria regia, per mostrare il modo in cui può essere analizzata e scom-
posta sintatticamente; l'esempio è desunto da un testo del2350 a.C. ca. del sovrano di
Laga5 Urukagina {letto anche Irikagina):
RU-lugal-ra anse sa 6-ga u 3-na-tu ugula-ne 2 ga-se 3-sa 10 u 3-na-du 11
u 4 -da mu-se 3-sa 10 -sa 10 ku 3 5a 3-ga 2 a-saçga la 2-ma u 3-na-du 11 u 4 -da nu-
se3-sa10-sa10 ugula lipiS-bi na-na-tag-ge, "dopo che a un funzionario subordi-
nato nascerà un buon asino, qualora il suo sorvegliante gli dicesse: 'Lo voglio comprare
io!', e qualora questi gli dicesse: 'Te lo venderò, pagami l'argento che rende felice il mio
cuore!', o se anche (gli dicesse:) 'Non te lo venderò!', il sorvegliante non dovrà adirarsi",
*RU lugal=ak=rada, anse sag=a=0... u.nna.tud.0 ugula=ani=e.rg ga.di.sa u.nna.n.dug.0
ud=a1oc mu.di.b.salsa.en kug [sag=gu=a1oc a.sag.0=a]=0... la.ma.(b) u.nna.n.dug.0
ud=atoc nu.i.di.b.salsa.en ugula=e.rg lipis=bi=0 ... na.nna.tag.e.
La prima frase, RU-lugal-ra anse saçga u 3-na-tu, nella cui forma verbale si
trova il prefisso prospettiva /u/, è legata da un rapporto di anteriorità con quella che
segue (v. 5.9.2); anche nella frase seguente la forma verbale presenta il prospettiva /u/,
ugula-ne 2 ga-se 3-sa 10 u 3-na-du 1" quindi anche questa è legata da un rapporto
di anteriorità con quello che segue- in quest'ultima frase si ha il ricorso al discorso
diretto, in cui quanto viene affermato è riportato come se il parlante lo stesse dicendo
in quel momento: ga-se 3-sa 10 , "lo voglio comprare!". Ciò che segue, a sua volta, è
rappresentato da due frasi ipotetiche introdotte da u 4 -da, "se", che presentano due
possibilità opposte: a) U4-da mu-se3-sa 1o-Sa 10 ku3 sa3-ga2 a-sa6-ga la 2-ma u 3-
na-du1p e b) u 4 -da nu-se 3-sa 10 -sa 10 (u 3-na-du 11 ); si tratta di due protasi di un
periodo ipotetico (v. 6.4.2), e in entrambe le frasi la forma verbale possiede anche il
prospettiva /u/, a sottolineare il rapporto di anteriorità con quanto segue (si noti che
nella seconda frase l'espressione è sottintesa o dimenticata dallo scriba) - si noti ancora
che in entrambe le frasi si introduce il discorso diretto eventuale del proprietario dell'a-
sino. La frase che segue, da ultimo, rappresenta l'apodosi alle due protasi che l'hanno
preceduta e al contempo la frase principale dell'intera sequenza: in questa complessa

183
6 La sintassi e l'ordine del discorso

struttura si ha quindi una sola frase principale, rappresentata da ugula lipiS-bi na-
na-tag-ge, "il sorvegliante non dovrà adirarsi", lett. 'toccare l'ira'.
Il rapporto tra le varie frasi può essere ricostruito schematicarnente come segue:

subordinate principale
· Frase l RU-Iugal-ra anse sa 6 -ga u 3 -na-tu
(anteriore a Frase 2)
......... - ----- -------- ------- - - - - - - - _j_ ____ -

Frase2 ugula-ne 2 ga-se 3 -sa 10 u 3 -na-du 11


(anteriore a Frase 3)
Frase3a urda mu-se 3 -sa 10 -sa 10 ku 3 sa 3 -ga 2 a-sa 6 -ga la 2 -
ma u 3 -na-du 11
(prima protasi di Frase 4)
.. --- ·-· -----··· ---- .. -------------------r-------- ------------------ ---- - -- ·-- -- -·.
; Frase3b u 4 -da nu-se 3 -sa 10 -sa 10 u 3 -na-du 11
(seconda protasi di Frase 4)
·-- ----------- ~- -- ------ - - - .. ·--· . - ---- -- ·--. ---· ---. - ----·· ------- ·------

Frase4 ugula lipiS-bi na-na-


tag-ge

Per l'analisi morfologica e sintattica di ulteriori frasi complesse si vedano Cr lg e l h.

184
Crestomazia
Abbreviazioni bibliografiche
--- ---- - ---------- --- ---------------- ----- --------------- --- ------------------- ------------ --------- - ---------- -------· ---------------1

• AAS . __ _ ___ . _-~L~~ <:;~~oir~,A.~cf!~~es_ad11li_'!istr_a!i_v~s-~u_mérf.~n_ne!, ~ar~s 19Z~- __ _ _ . ·---i


: AnOr 12 : T. Fish, "Eight Juridical Texts", in Miscellanea Orientalia dedicata Antonio :
: f!ej_'!_lf!_l_a_nnosf!!X_~~'!'P.~1lti,_~o_~_l2, Rom_a,_pp. 101-_1~~-- __ ___ _,
AOAT25 E. Sollberger, "Some Legai Documents of the Third Dynasty of Ur", in B.L. 1

. Eichler, et aL (eds.), Kramer Anniversary Volume. Cuneiform Studies in Honor !


. ofSamuel Noah Kramer, Alter Orient und Altes Testament 25, Neukirchen j
----- ------------ --~l!~_]?2~~~j~~1~~--- --· ----- --- ------·-·-- ··-------- ----- -------
BPOA2 . T. Ozaki, M. Sigrist, Ur III Administrative Tablets from the British Museum. 1

. Part Two, Biblioteca


-
del Pr6ximo Oriente Antiguo 2, Madrid 2006
------- · - - - - - - - - - - 1
:

c_I> ~ - -- --- --- -- ·- -T~~ ~-~lotte_ ~e ·~~~t~· _L:>~~"'~t~ f'ré_sarg_~n~'l'!!!~- P~s- !-~-~~ !2~0 .·- ------,
' Iraq 5 ' T. Fish, "The Sumerian City Nippur in the Period of the Third Dynasty of :
· Ur", Iraq 5 (1938): 157-179 :
. ITT2 H. de Genouillac, Textes de l'ipoque d'Agdé-;; de /''Époque d'Ur, lnventaire l
: des Tablettes de Tello conservées au Musée lmpérial Ottoman 2, Paris 191 O
·--- ---- ··-----------·---------. --·--- ...... -----·- --- .. ·---------··--- ---------. ··-·-·---- ··---.. .. - .. ··----·- -·- -----·---·---·-·- -·-··-------·-1
i
ITT 3 · H. de Genouillac, Textes de l'Époque d'Ur, lnventaire des Tablettes de Tello
~ __________________ C:()~~~-~é~_ll.l!M~e-~!:?.Pé_r~ai_9~~~Ill.~_3, ~3!is_}_9!~.. _ __________ ·--- _____ _
. JCS 24, UNC l D.l. Owen, "A Unique Ur III Letter-Order in the University ofNorth 1'
'-···- _________________ ~_S_3!_o_l~f!~"d~u_'!'3_~~[~u!'_e~_'!'!~~!! 24__(1?.?}_~~2):_1_3~~!?~--- ____________ j
• MCS 8 : T. Fish, "Unpublished Telloh Texts", Manchester Cuneiform Studies 8 (1958): !
50-82 :
Nik l M. Nikol'skij, Dokumenty chozjajstvennoj otéetnosti drevnej!ej epochi Chaldei i
· iz sobranija N. P. Lichaceva éast' Il: Epocha dinastii Agade i epocha dinastii Ura, l
_________________ ~_l?~~n_()~ti_~()_St~~ll_~-?~ ~()~~~-19!_5__ _________ ... -----------------~
NRVN l ç1g, M., H. Klz•lyay, Neusumerische Rechts- und Verwaltung.rurkunden aus
.--- -------------- ___ }Yip_!~!_!·.~~~-~9§_~-- ·- ------------ .. - --- --- -·. -- .. -------------------- ___ j
· RIME
:-----------------------------..---
: The Royal lnscriptions of Mesopotamia, Early Periods (Toronto 1990 ff.)
-------------------- -------------·--·----·--· --·----- ···--·----------- ----- - .. ----------·---- --·--··--·------r
l
• RTC : F. Thureau-Dangin, Recueil de tablettes chaldiennes, Paris 1903
·---- --- ----------- -------------- -·-:---- ---------- ----·---------------------- ------------------- ---------- ------------- --· --- ----------------- ____________ _,
1

. TCS l • E. Sollberger, The Business and Administrative Correspondence under the King.r !
.. ___ ___ __ _,_t[' ~'!_!ex~~_fr()rrl__S~Il_e_iror.f!l ~~.':lr.c:~__l, ~.c:l1s~!_'all~19§~---- __ ____ J
• TCTI 2 ! B. Lafont, F. Y1ld1Z, Tablettes cunéiformes de Tello au Musée d1stanbuL Datant i
~ de l'époque de la Il/e Dynastie d'Ur, Tome Il ITT /IIJ, 2544-2819, 3158- !
·----- --· --- ------ -- .....
• 4342, 4708-4713, PIHANS 77, Leiden 1996
-·· · + -- ------------- ---- ---------·---·-- --- -- - - · -- .... -· ------- ·--- - ··-· ------ ... ·--- --- ________ Jl

UET l C.J. Gadd, L. Legrain, S. Smith, Royal lnscriptions. Ur Excavation Texts l i


(London 1947)
--------- -- .. ---- ·- -------- --·-- .. ----- ----·-· .. ---- ------· ------- ----- -----· ---- ... -- ---- .. --·- - ----· ----- .. -- --· --·-- ----j
l
: UTI 3 : F. Ydd1z, T. Gomi, Die Umma- Texte aus den Archiiologischen Museen zu 1

: lstanbul. Band III, Bethesda 1993


--------<l
. YOS l . Clay, A. T., Miscellaneous lnscriptions in the Yale Babylonian Collection, Yale
. Orientai Series l, New Haven 1915 1
·----- --------------------- -- -i---------------------- ---------··-·--- --- -- ---- ·-- ---- ·-. ------ ·-· -- -------------·------·-------i
! YOS 4 ! C.E. Keiser, Selected Tempie Documents ofthe Ur Dynasty, Yale Orientai Series l
.________ .. __________ --~4·~~J::f;~ve_n_~~!2_ ____ __________ _ ____________________________ j
Convenzioni adottate nella traslitterazione

r. recto
v. verso
m.in( · margine inferiore
m.sin. margine sinistro
[... ] testo totalmente perduto
<> · omissione dello scriba (aplografia)

« » aggiunta erronea dello scriba (dittografìa)


Cri Traduzione guidata di iscrizioni
storiche

Si offre qui una traduzione guidata, completa di traslitterazione del testo cuneiforme,
trascrizione e analisi della grammatica, che accompagnerà il lettore nel suo primo ap-
proccio alla documentazione in lingua sumerica.

Crla Iscrizione di Ur-Namma (UET l, 40)


Questa iscrizione, trovata su un mattone di fondazione, è un'iscrizione reale di Ur-
Namma, il fondatore della III Dinastia di Ur che governò dal 2110 al 2093 a.C. e fu
il responsabile delle opere di costruzione e restauro della vasta zona sacra della città di
Ur. Oltre all'attività di costruttore, questo sovrano è diventato famoso anche per le sue
leggi {v. Cr 2), che rappresentano il primo "codice" di leggi della storia.
I mattoni di fondazione rappresentano una tipologia letteraria specifica nel mondo
sumerico, iniziando così una tradizione che durerà fino alla fine della storia della Me-
sopotamia antica alla metà del I millennio a.C. Si tratta di iscrizioni, in genere brevi ma
che possono anche occupare due colonne, che vengono incise su un mattone, spesso
cotto, mediante uno stampo in legno (o altro materiale duro) scolpito in negativo con il
testo da incidere; talvolta invece le iscrizioni sono incise da uno scriba direttamente sul
mattone. Il testo di tali iscrizioni si riferisce al sovrano che ha promosso la costruzione o
il restauro di una determinata opera architettonica (palazzo reale o tempio) sulla quale
il mattone stesso si trova, permettendo così di perpetuarne il nome ai sovrani seguenti
(e a noi oggi). Liscrizione che si ritrova sui mattoni di fondazione è di tipo 'dedicato-
rio', in cui cioè in prima posizione si ritrova il nome del dio cui è dedicato l'edificio o
l'oggetto in questione.

Traslitterazione Trascrizione Traduzione


l. dNanna nanna A Nanna,
2. nin an-na nin an=ak il signore del cielo
3. n in-a-ni nin=ani=radat il suo signore
4. Ur-dNamma (urnamma=ak) Ur-Namma,
Crestomazia

5. lugal Urim 5 fki_ma-ke 4 lugal urim=ak=eerg re di Ur


6. e 2 -a-ni ej=ani=0... il suo tempio
7. mu-na-du 3 mu.nna.n.du.0 ha costruito per lui.

Commento
1-3: in queste prime tre linee compare una frase nominale, formata da un nome di
divinità (Nanna), un'apposizione (espressa da una frase genitivale, *nin an=ak) e una
seconda apposizione (formata da un sostantivo + possessivo, *nin=ani).
Il suffisso del caso dativo compare alla fine dell'intera sequenza del nome e delle sue
apposizioni:
*[nanna nin an=ak nin=ani]=rada,
Sulle grafie e i valori semantici del dativo, che nelle iscrizioni dedicatorie si ritrova in
prima posizione e indica il beneficiario divino dell'opera in questione, v. Gr 4.11.2.
1: Nanna, cui è dedicata !"iscrizione, è la divinità poliade della città di Ur ed era iden-
tificato con la Luna; il dio-luna era chiamato anche con il nome, di origine accadica,
EN .ZU (pronunciato Suen). Il nome Nanna è graficamente costituito da un segno
composto (v. Gr 2.3}: il segno SES (~),che letteralmente significa "fratello" e il se-
gno KI (~}, determinativo per i nomi di luogo (v. Gr 2.6). Probabilmente in origine
il secondo segno era NA (*},graficamente assai simile a KI, con funzione di glossa
fonetica, quindi: *dNanna(SES)"•, v. Gr 2.8.
2: nin an-na, che si trascrive come *nin an=ak, rappresenta un'annessione genitivale
(per le grafie e i valori del genitivo si veda Gr 4.9). Il suffisso del genitivo è /ak/ dopo
una consonante e /k/ dopo una vocale; se si trova in fine di parola (come nel nostro
caso}, la /k/ scompare nella scrittura e la /al viene scritta mediante un segno che richia-
ma la consonante che precede, che appare reduplicata nella grafia (complementazione
fonetica, v. Gr 2. 7). Il termine n i n è femminile e si traduce con "signorà'; tuttavia vie-
ne spesso utilizzato anche con divinità maschili, come in questo caso: probabilmente in
origine tale titolo aveva un valore non legato al sesso della divinità (su questo termine
si veda anche Cr l e, ll. 4-6).
3: n in-a-ni, trascritto *nin=ani=rada,, presenta il suffisso del pronome possessivo di III
persona singolare, *-ani (dopo una vocale può comparire anche nella forma *-ni}, usato
soltanto con i nomi della classe A (quella degli esseri animati}; per i nomi della classe
B (esseri inanimati) si usa il suffisso *-bi (v. Gr 4.13.2). Nella trascrizione si è aggiunto
il suffisso del dativo *-ra richiesto dalla struttura della frase e ripreso con un morfema
specifico nella catena verbale finale.
4-5: la frase nominale è qui costituita da un nome di persona (Ur-Namma) e da un'ap-
posizione espressa mediante un'annessione genitivale (*lugal urim=ak}; alla fine della
sequenza di nome e apposizione compare il suffisso *-e dell'ergativo:
*[(urnamma=ak) lugal urim=ak]=eerg
4: come si vede dalla trascrizione, il nome di questo sovrano deve essere interpretato
come un'annessione geni tivale, molto frequente nella formazione dei nomi di persona
in sumerico: ur, lett. 'cane', seguito dal nome di una divinità sta a significare "devoto1
di ND" (v. Gr. 2.6, B); nel nostro caso significa "devota? di Nammà'. Namma rappre-

190
Traduzione guidata di iscrizioni storiche

senta una dea madre molto arcaica, descritta come madre del dio Enki e nota per aver
generato le coppie di divinità più arcaiche del pantheon sumerico, quali An (cielo) e
Ki (terra). La sua connessione con Enki è evidente anche nella grafia del suo nome, in
cui il segno ENGUR (S), letto namma se preceduto dal determinativo digir, è una
delle grafìe possibili per indicare l'abzu, il luogo dove si trovano le acque dolci sotter-
ranee, dimora del dio Enki. In trascrizione i composti con genitivo interno sono messi
tra parentesi in modo da evidenziare la loro etimologia (v. Gr 4.9, C).
5: *lugal urim=ak, "re di Ur", è un'annessione genitivale, seguita dalla posposizione
segna-caso dell'ergativo. Lergativo indica colui che compie l'azione ed è contrapposto
al sostantivo marcato dal caso assolutivo, che invece rappresenta chi subisce l'azione (v.
Gr 1.10, Be 4.11.1). La reduplicazione della consonante /m/ nella grafia (Urim 5 ki_
ma), come si è visto con l'annessione genitivale *an=ak-+ an-na, è solo grafica e non
fonetica, ed è utilizzata come espediente per aiutare il lettore a dare il giusto valore al
segno che precede (v. Gr 2.7). Il segno ke 4 include la /k/ del genitivo e la terminazione
/e/ dell'ergativo; questo segno è l'unico utilizzato per indicare la combinazione *(a)k+e
(genitivo+ ergativo *-e l plur. *-ene l direttivo *-e) nella grafìa nominale; v. Gr 4.9, A.
6: e 2 -a-ni, "il suo tempio". Il suffisso del caso assolutivo indica il paziente, ossia chi
subisce l'azione (v. Gr 1.10, B). Questa frase nominale, dunque, è costituita da un so-
stantivo, un pronome suffisso e il suffisso del caso assolutivo: *[ej=ani]=0...
7: mu-na-du 3 , in trascrizione *mu.nna.n.du.0, "egli costruì per lui". In sumerico il
verbo, come il sostantivo, si esprime mediante una vera e propria catena formata da una
serie molto ampia di prefìssi e suffissi alla radice verbale vera e propria, alcuni dei quali
obbligatori, altri accessori (per cui v. Gr 5.1). Qui compare il prefìsso di coniugazione
*mu- del ventivo (v. Gr 5.7), assai comune nelle iscrizioni dedicatorie dei sovrani di
Ur III, seguito dal prefìsso dimensionale del dativo, *-na, che richiama il caso dativo
presente nella frase nominale alla linea 3, preceduto dal pronome di III persona classe
A, *-n: *-nna- (v. Gr 5.4.1). Come si può notare dalla trascrizione, *mu.nna.n.du.0,
abbiamo poi ricostruito sia il prefìsso pronominale di III persona singolare di clas-
se A (*-n), che riprende l'ergativo, sia il suffisso pronominale che compare in ultima
posizione ed esprime l'assolutivo, cioè l'espressione *ej=ani~0... - si ricorda che nella
trascrizione delle forme verbali è obbligatoria la ricostruzione dei pronomi coinvolti (v.
Gr 5.1 e 5.3).
Nella tabella che segue si sintetizza la struttura generale dell'iscrizione:
[nanna nin an=ak nin=ani]=radat destinatario (in dativo, ricostruito in trascrizio-
ne alla fìne dell'ultima apposizione del nome e
richiamato nel verbo da *-nna-)
[(urnamma=ak) lugal urim=ak]=e.rg agente (in ergativo, che si trova alla fìne dell'ul-
tima apposizione del nome ed è richiamato nel
verbo da *-n-)
[ej=ani]=0... paziente (in assolutivo, richiamato nel verbo
da *-0)
mu.nna.n.du.0 catena verbale fìnale della frase

191
Crestomazia

Nelle iscrizioni dedicatorie, per ragioni di enfasi, il destinatario è sempre al primo


posto, per dare maggiore importanza alla divinità a vantaggio della quale viene fatta l'a-
zione commemorata dall'iscrizione stessa. In una frase tipica, infatti, l'ordine sin tattico
vede al primo posto l'agente seguito da paziente e complementi e, sempre in chiusura,
dal verbo (v. Gr 6.1 e la Nota).

Crlb Iscrizione di Ur-Namma (UET l, 34)


Si tratta di un'iscrizione votiva incisa su un vaso di pietra: attraverso la dedica di un
oggetto votivo a un dio, colui che lo donava esprimeva il desiderio che la divinità allun-
gasse la sua vita, quella dei suoi familiari ed eventualmente del re.

Traslitterazione Trascrizione Traduzione


l. dNin-gal ningal A Ningal,
2. nin-a-ni nin=ani=rad., la sua signora
3. U r-dN a m ma (urnarnma=ak) Ur-Narnma,
4. nita kalag-ga nita kalag=a l'uomo potente,
5. lugal Urim 5 fki_ma lugal urim=ak re di Ur,
6. lugal Ki-en-/gi lugal kiengir re di Sumer e di Akkad
Ki-uri-ke 4 kiuri=ak=e<rg
7. nam- ti-la- n i -se 3 narntil=ani=se..r per la sua vita
8. a mu-na-ru a=0ass mu.nna.n.ru.0 ha dedicato (l'oggetto
votivo su cui questa
iscrizione si trova).

Commento
1-2: la destinataria dell'iscrizione, la dea Ningal, è espressa mediante una frase nomi-
nale composta dal nome stesso della divinità e dalla sua apposizione, n i n- a- n i, "la sua
signora".
Ningal, venerata in particolar modo nella città di Ur, è paredra del dio Nanna e madre
della dea Inana; il suo nome significa "la grande signora".
3-6: questa lunga frase nominale termina con il suffisso dell'ergativo, *-e. Essa è for-
mata dal nome del sovrano, da un'apposizione costituita da nome + aggettivo (*nita
kalag=a) e da due apposizioni espresse mediante annessioni genitivali (*lugal urim=ak
e *lugal kiengir kiuri=ak).
*[(urnarnma=ak) nita kalag=a lugal urim=ak lugal kiengir kiuri=ak]=e.rg
4: nita< 2 > significa "maschio, uomo", e l'aggettivo kalag "potente". Tale aggettivo
deriva dalla radice verbale kalag, "essere forte, potente", cui è stato aggiunto il suffisso
*-aparticipiale (v. Gr4.10,Ae 5.11.2).
6: *lugal kiengir kiuri=ak, "re di Sumer e di Akkad". In sumerico è frequente la giustap-
posizione di due sostantivi per indicare coordinazione (per esempio nel termine an- ki,
"cielo e terra"; v. Gr 4.11.3, C). Questi due termini, la cui etimologia è incerta, identi-

192
Traduzione guidata di iscrizioni storiche

ficano due aree geografiche ben precise, rispettivamente la Mesopotamia meridionale,


indicata in lingua accadica con il termine Sumer(u}, e la Mesopotamia settentrionale,
Akkad (v. Gr 1.2). Ur-Namma fu il primo sovrano mesopotamico ad assumere il titolo
di "re di Sumer e di Akkad" e, tra i sovrani della III Dinastia di Ur, soltanto suo figlio
e successore Sulgi si fregiò dello stesso titolo.
7: l'elemento nam-, prefisso a radici verbali o nominali, serve a formare i nomi astrat-
ti, come in lugal "re"---+ nam-lugal "regalità"; dumu "figlio"---+ nam-dumu
"status di figlio"; ti (lettura breve di til 3 , v. Gr 2.9) "vivere"---+ nam-ti "vità' (v. Gr
4.3,A).
La posposizione del terminativo *-se3 generalmente indica il fine verso il quale si svolge
l'azione; in questo caso il significato è "a vantaggio di", dunque nam-ti-la-ni-se 3
significa "per la sua vità' (v. Gr 4.11.4, B). Come si vede, mentre il dativo indica il
beneficiario ultimo dell'oggetto votivo, il terminativo indica il fine per il quale l'azione
di dedicare l'oggetto è stata fatta.
8: il verbo a - ru, "dedicare" è un verbo composto, formato da un elemento nominale
e da un verbo: si tratta di un tipo di costruzione assai frequente nella lingua sumeri-
ca (per i verbi composti v. Gr 5.2.3). In questo caso l'espressione è rappresentata dal
lemma a, "acquà', e dal verbo r u, "far scorrere, cadere", e indica un atto propiziatorio
finalizzato a ottenere la buona salute (lett. 'vità, n a m- ti) dell'esecutore da parte della
divinità.
Nella catena verbale finale lo scriba poteva utilizzare un morfema che richiamasse il ter-
minativo *-se3 che compare alla linea 7- come è il caso in altri testi, ossia: (a) m u-n a-
si-ru, *mu.nna.Si.n.ru.0, che invece ha omesso (per il rapporto che esiste tra suffisso
del caso e morfema di ripresa all'interno della catena verbale si veda Gr 5.4).
Riassumendo:
[ningal nin=ani]=rada, destinatario
[(urnamma=ak) nita kalag=a lugal urim=ak lugal kiengir kiuri=ak]=e..g agente
[namtil=ani] =se,., scopo
a=0... mu.nna.n.ru.0 verbo

Nell'iscrizione non compare l'oggetto che viene dedicato, in questo caso il vaso su cui
è incisa l'iscrizione stessa, che sarebbe comparso al caso locativo (''versare acqua su"}.

Cric Iscrizione di Sulgi (UET l, 287)


Si tratta di un'iscrizione di Sulgi, figlio e successore di Ur-Namma, che regnò per 48
anni (2092-2045 a.C.), durante i quali l'impero di Ur III raggiunse il suo apice: il
sovrano si fece promotore di un ampio programma edilizio, riformò il calendario e
riorganizzò l'apparato burocratico. Di seguito sono elencate le sue numerose riforme:
l) deificazione del sovrano;
2} creazione di un esercito permanente;

193
Crestomazia

3) riorganizzazione del sistema delle households (aziende) templari;


4) creazione di un sistema amministrativo unificato per l'intero regno;
5) introduzione del sistema di tassazione detto "bala", affiancato dalla creazione di
una catena di centri di redistribuzione;
6) creazione di un enorme apparato burocratico e di un sistema scolastico che for-
niva una formazione scribale e amministrativa uniforme per i futuri membri della
burocrazia;
7) radicale riforma del sistema di scrittura;
8) introduzione di nuovi metodi di conteggio, registrazione e archiviazione;
9) riorganizzazione del sistema di pesi e misure;
10) introduzione di un nuovo calendario (il cosiddetto Reichskalender, "Calendario
del regno"), che divenne ufficiale in quasi tutto il regno.
I..:iscrizione si trova su un peso in diorite a forma di anatra rinvenuto presso la ziggurat
di Ur; la forma particolaré del peso si giustifica in quanto era necessario che l'oggetto
non fosse modificabile per evitare frodi o errori di pesatura.

Traslitterazione Trascrizione Traduzione


l. dNanna nanna A Nanna,
2. lugal-a-ni lugal=ani=radat il suo re,
3. dSul-gi sulgi Sulgi,
4. nita kalag-ga nita kalag=a l'uomo potente,
5. lugal Urim 5 ki_ma lugal urim=ak il re di Ur,
6. lugal an-ub-da li m- lugal anubda=ak il re dei quattro settori
mu 2-ba-ke 4 limmu=bi=ak=eerg (del cielo),
7. 5 ma-na 5 mana=0... (questo peso di) 5 mine
(ca. 2,5 kg)
8. mu-na-gi-in mu.nna.n.gin.0 ha stabilito per lui.

Commento
3: il nome del sovrano, che significa "il giovane affidabile" (v. Gr 4.6, A) appare qui
preceduto dal determinativo digir, che si antepone a tutti i nomi di divinità e oggetti
di culto (v. Gr 2.6): circa alla metà del suo regno, infatti, Sulgi viene considerato un
dio. Il primo sovrano mesopotamico ad anteporre il determinativo digir al suo nome
fu Naram-Sin, il quarto sovrano della I Dinastia di Akkad (c. 2254-2218 a.C.). Tutti i
sovrani della III Dinastia di Ur, ad eccezione del fondatore Ur-Namma, ne fecero uso
davanti alloro nome e furono imitati in questo dai sovrani paleo-babilonesi.
6: fu sempre Naram-Sin il primo a utilizzare l'epiteto "re dei quattro settori (del cielo)";
questa costruzione complessa presenta all'interno della stessa catena sia un genitivo an-
teposto, *anubda=ak limmu=bi, che un genitivo *lugal (anubda=ak limmu=bi)=ak, per
cui si veda Gr. 4.9, D. Per l'uso dei numerali si veda invece Gr 4.14.
7: per questa unità di misura del peso si veda Gr 4.14.3.
8: il verbo gi-in, "stabilire, confermare", può anche essere letto ge-en 6 , v. Gr 4.3,
Nota4.

194
Traduzione guidata di iscrizioni storiche

Crld Iscrizione di Su-Sin (YOS l, 20)


Questa iscrizione, situata sulla ralla (perno in pietra) di una porta, appartiene a Sii-Sin
(2035-2027 a.C.), quarto successore di Ur-Namma e fratello e successore del re Amar-
Suena. Essa documenta uno dei più importanti avvenimenti del suo regno: la costru-
zione (o probabilmente il restauro di ciò che aveva costruito Sulgi) delle fortificazioni
difensive per bloccare i tentativi di invadere la Mesopotamia meridionale da parte degli
Amorrei, un popolo nomade originario della regione nord-occidentale (Siria). Questo
avvenimento viene ricordato anche nel quarto anno del suo regno: dSu-dSin lugal
Urim 5 ki_ma-ke 4 bad 3 Mar-du 2 Mu-ri-iq Ti-id-ni-im mu-du 3 , "anno: Sii-Sin, re
di Ur, ha costruito il muro degli Amorrei (il cui nome è) Muriq-Tidnim" (v. Gr 5.6, B).

l. dSara 2 sara
2. nir-gal 2 An-na nirgal an=ak
3. dumu ki-ag 2 dumu (ki=0... ag=a)
4. dJnana (inana=ak)=ak
5. ad-da-ni-ir adda=ani=rada1
6. dSu-dSfn v
susm

7. isib An-na isib an=ak


8. gudu 4 su dadag gudug su dadag=a
9. dEn-lil 2 enlil
10. dNin-lil 2 -ka ninlil=ak=ak
11. u 3 digir gal-gal-e-ne u digir gal/gal=ene=ak
12. lugal dEn-lil 2 -le lugal enlil=eerg
13. ki-ag 2 (ki=0... ag=a)
14. 5a 3 -ga-na sag=ani=:!Joc
15. in-pa 3 i.n.pad.0=a
16. sipa kalam-ma-se 3 sipa kalam=ak=seter
17. lugal kalag-ga lugal kalag=a
18. lugal Urim 5ki_ma lugal urim=ak
19. lugal an-ub-da limmu 2 -ba-ke 4 lugal anubda limmu=bi=ak=eerg
20. u 4 bad 3 Mar-du 2 ud bad mardu=ak
21. Mu-ri-iq muriq
22. Ti-id-ni-im tidnim=0...
23. mu-du 3 -a mu.n.du.0=a
24. u 3 ne 3 Mar-du 2 une mardu=ak=0...
25. ma-da-ne 2 -e mada=ani=edir
26. bi 2 -in-gi 4 -a bi.n.gi.0=a=atoc
27. E 2 -sa 3 -ge-pa 3 -da ejsagepada
28. e 2 ki-ag 2 -ga 2 -ni ej (ki=0... ag=a)=ani=0...
29. nam-ti-la-ni-se 3 namtil=ani=se1er
30. mu-na-du 3 mu.nna.n.du.0
195
Crestomazia

'· 5ASara, il fidato del dio An, il figlio amato di Inana, suo (= di Sù-Sin) padre, 6-llSù-
Sin, il sacerdote purificatore di An, il sacerdote-gudug le (cui) mani (sono state rese)
pure da Enlil, Ninlil e dai grandi dèi, 12- 16il re che Enlil ama (e che) ha scelto nel suo
cuore come pastore del Paese, 17- 19il re potente, il re di Ur, il re dei quattro settori (del
cielo), 20-23 quando ha costruito il muro contro gli (lett. degli) Amorrei (chiamato in
accadico) Muriq-Tidnim, 24-26e ha fatto tornare le truppe {lett. la forza) degli Amorrei
alla loro terra, 27-30ha costruito per lui (= Sara), per la sua (propria) vita, l'ESagepada, il
suo tempio amato.
Commento
La scelta di questa iscrizione è dovuta alla presenza di alcuni elementi linguistici del
sumerico che sono indizio del lento ma inesorabile venir meno di questa lingua durante
l'ultimo secolo del III millennio a.C.
1-2: Sara era il dio poliade della città di Umma e figlio della dea dell'amore e della
guerra Inana. An, il cui nome è sempre scritto senza il determinativo digir, è il dio del
cielo che fu a capo del pantheon sumerico prima che la sua posizione venisse presa dal
dio Enlil, di origine settentrionale.
3: ki - ag 2 , che noi traduciamo "amare" è un verbo composto formato da ki, "terra'' e
dal verbo ag 2 che significa "misurare" (*ki=0... agJ; v. Gr 5.2.3. Non è chiaro come il
concetto di "amare" sia derivato da un'espressione come "misurare la terra'': è possibile
che il termine ki abbia qui un altro significato, a noi sconosciuto, o che si tratti di una
radice completamente diversa.
4: anche il nome della dea Inana presenta un genitivo interno (v. Gr 4.9, C), da ri-
costruire probabilmente come *nin an=ak, "la Signora del Cielo"; ricordiamo che in
trascrizione i composti con genitivo interno sono messi tra parentesi per evidenziarne
l'etimologia.
7: il termine iSib è un prestito dall'accadico wdiipu, che traduciamo normalmente
come "esorcista". In seguito, iS i h rientra nella lingua accadica come prestito dal sume-
rico: iiippu, "sacerdote purificatore" (per il connubio linguistico tra la lingua sumerica
e quella accadica v. Gr 1.5).
8: il termine sumerico gudu 4 è l'equivalente dell'accadico paJifu, che deriva dalla ra-
dice verbale paJdiu, "ungere", quindi "l'unto" (lett. 'colui che è spalmato di olio'). Esso
indica un tipo di funzionario cultuale che era responsabile della cura della statua della
divinità custodita nel tempio. Come indicato dal suo nome, egli doveva rimanere ri-
tualmente puro poiché era a contatto con il divino, il che probabilmente si concretizza-
va nella completa rasatura del corpo, che veniva poi cosparso di olio cultualmente puro.
9: Enlil, il cui nome è formato da due segni che significano "signore vento" (non 'del
vento'!), è il dio poliade della città di Nippur e, dopo aver rimpiazzato il dio An, di-
venta la divinità più importante del pantheon sumerico; in realtà è probabile che il suo
nome sia una reinterpretazione sumerica di un'espressione accadica che significa "il dio
degli dèi, il dio par excellence", * il ili < *illil, poi reinterpretato e n -li 12 • Ninlil è la sua
paredra e madre del dio Nanna.

196
Traduzione guidata di iscrizioni storiche

11: Il plurale *digir gal/gal=ene, che traduciamo "i grandi dèi" presenta una ridondanza
di indicazioni di pluralità, poiché compare sia la reduplicazione dell'aggettivo, sia il
morfema *-ene, usato per i nomi di classe A (v. Gr 4.8, F).
8-11: la costruzione di queste linee presenta un doppio genitivo (identificato dalla pre-
senza di* -ka alla linea l 0: *ninlil=ak=ak) che in realtà non è giustificato e che va quindi
espunto nella trascrizione: si tratta di uno degli elementi spuri che possono indicare la
non completa padronanza della lingua da parte dello scriba. La ricostruzione è quindi:
*gudug su dadag=a enlil ninlil u digir gal/gal=ene=ak (sulla caratteristica di apporre il
suffisso genitivale *-ak alla fine di tutti i genitivi v. Gr 4.9, B).
Si ha qui un epiteto, su dadag, seguito da una serie di sostantivi al caso genitivo che
hanno la funzione di soggetto, lett. 'mani purificate di(= da) .. .', per cui v. Gr 4.9, E.
12-16: in queste linee si hanno due epiteti del sovrano che possiedono due elementi in
comune: il termine lugal, "re", e il dio Enlil come soggetto; quindi:
Frase l: lugal dEn-lil 2 -le ki-ag 2 _____.. *lugal enlil=eerg (ki=0..,. ag=a)
Frase 2: (l ugal dEn-lil 2 -le) 5a 3 -ga-na i n- pa 3 _____.. *(lugal enlil=e.,g) sag=ani=a10,
i.n.pad.0=a
La prima frase è rappresentata da una costruzione di tipo Mesanepada (v. Gr 4.9, E e,
più diffusamente, 5.11.4) mentre la seconda possiede un verbo finito nominalizzato,
per cui v. Gr 6.5 e 6.6 (come si vede, la forma in-pa 3 non rappresenta il verbo princi-
pale della frase, che è invece m u-n a- d u 3 alla linea 30, di qui la necessità di integrare
una "-à' di nominalizzazione alla fine della forma: *i.n.pad.0=a).
La posposizione del terminativo nell'espressione sipa kalam-ma-se 3 esprime qui
lo scopo finale dell'azione: "(il re è scelto) per essere il pastore della terrà'. Di nuovo,
il fatto che la frase nominale segua il verbo (linea 15), deviando in questo modo dalla
sintassi consueta, è un indizio che il testo molto probabilmente non è stato scritto da
un madre-lingua sumerico, a dimostrazione che già durante il regno del quarto sovrano
della III Dinastia di Ur l'accadico stava lentamente soppiantando il sumerico (v. Gr
1.8).
20-26: vi sono qui due proposizioni temporali (v. Gr 6.7) introdotte da u 4 (lett. 'gior-
no'), coordinate fra loro dalla congiunzione u 3 alla linea 24 (per cui si veda Gr 4.11.3,
C). Una frase temporale è costruita generalmente in sumerico mediante il lemma u4 cui
segue una frase con un verbo finito e nominalizzato con la *-a, dopo la quale si ritrova
la posposizione dellocativo, che si riferisce a u 4 : "nel giorno (in cui) è successo .. .''; nel
caso specifico:
*ud [bad mardu=ak ... mu.n.du.0=a] u
[ne mardu=ak=0ass ... bi.n.gi.0=a]=atoc
Da notare che la *-a dellocativo va ricostruita solo dopo la seconda frase nominalizzata.
Il termine sumerico mar-du 2 aveva un duplice senso: etnico, riferendosi al popolo
degli Amorrei che abitavano il deserto siriano a ovest della Mesopotamia, e geografico,
indicando in maniera generica l'occidente.
Il nome del muro costruito da Sii-Sin, Muriq-Tidnim, è un nome accadico da tradurre
come "ciò che tiene lontano Tidnum", dove Tidnum (o Didnum) è probabilmente
il nome di una particolare tribù degli Amorrei. Il fatto che al muro sia stato dato un

197
Crestomazia

nome accadico, e non sumerico, sembra confermare ancora una volta l'importanza
dell' accadico come lingua parlata in questo periodo.
27: l'ESagepada è il principale tempio di Sara a Umma; il suo nome significa "il tem-
pio che il (suo) cuore ha scelto (lett. trovato)": *ej=0... sag=e.rg pad=a, cioè il tempio
preferito del dio. Anche qui si tratta di una costruzione Mesanepada dove il verbo pa 3
(''trovare", qui con il significato di "scegliere") è nominalizzato con *-a ed è preceduto
da un termine al caso assolutivo, e 2 ("tempio), che subisce l'azione, e da un termine
all'ergativo, 5a 3 (''cuore"), che agisce (v. Gr 5.11.4).

Crle Iscrizione di Gudea, Cartiglio Statua A


Gudea fu un rappresentante della Seconda Dinastia di Lagas (2130-2110 a.C., v. Gr
1.7, 4): pare che non fosse nativo di quella città e fosse diventato membro della famiglia
al potere sposando la figlia del re Ur- Bà u. Egli porta il titolo di e n si 2 , "governatore",
e ci sono opinioni discordanti sulla reale durata del suo regno, che potrebbe essersi so-
vrapposto alla formazione dello stato di Ur III ad opera di Ur-Namma.
Gudea non viene mai rappresentato come un re-guerriero, in contrasto con i suoi pre-
decessori a Laga5 e con la tradizione dei sovrani di Akkad, bensì come un sovrano pa-
trocinatore di un imponente programma edilizio. Pur essendo noto soprattutto come il
costruttore del tempio Eninnu, dedicato a Ningirsu, la divinità poliade di Laga5 (uno
degli epiteti più comuni di Gudea è lu 2 E 2 -ninnu in-du 3 -a, "colui che ha costruito
il tempio Eninnu"), questa non fu l'unica attività edilizia da lui intrapresa: durante il
suo regno, infatti, fece costruire, o ricostruire, numerosi templi, ornandoli con le sue
statue, stele e altri oggetti per i quali si procurò materiale prezioso da terre lontane (si
calcola che tali oggetti, provvisti di un'iscrizione riguardante la costruzione, il restauro
o l'arredamento dei templi della sua città-stato, siano ben 2500).
Sono note ventiquattro statue inscritte di Gudea -la cui autenticità è però dubbia per
alcune di esse - e tutte raffigurano il sovrano, in piedi o seduto, vestito con gli indu-
menti tipici dei sovrani di quel periodo: una lunga veste a frange e un copricapo. Nella
maggior parte dei casi, sulla spalla destra è presente un cartiglio che identifica la statua
come immagine del sovrano, riportando nome, titolo ed epiteto legato alla divinità cui
la statua è dedicata. In alcuni casi, poi, l'iscrizione ci informa anche del luogo preciso
in cui la statua doveva essere posta all'interno del tempio della divinità.
È interessante notare che per indicare l'atto di creare una statua non si usasse il verbo
sumerico dim 2 , "creare, fare", usato normalmente con oggetti o cose, bensl il verbo
tud, "dare alla luce" (v. Cr 1f, ll. 16-17), indicando dunque che quella della statua
era una vera e propria nascita. Una volta creata, la statua del sovrano veniva animata
attraverso una serie di atti rituali, in modo che potesse parlare direttamente con la di-
vinità del tempio in cui si trovava; poi, nutrita e adornata con vesti preziose, era pronta
per essere portata all'interno del tempio. Alle statue venivano dedicate offerte di cibo
sia con cadenza quotidiana (sa 2 -du 1 p "offerte regolari", v. Cr 1g) sia in occasione di
particolari festività o momenti specifici del calendario lunare (per esempio per la luna

198
Traduzione guidata di iscrizioni storiche

nuova o la luna piena). Tali offerte consistevano di pane, birra, carne, pesce, latte, for-
maggio, burro chiarificato, miele, datteri, replicando dunque le offerte che venivano
fatte alle statue degli dèi; potevano poi aggiungersi doni di vesti, gioielli e altri oggetti.
La presenza di statue del re all'interno del tempio manifesta sicuramente la necessità da
parte del sovrano di avere la benevolenza della divinità, ma testimonia anche del suo
rapporto speciale con il dio stesso, essendo il sovrano il tramite tra lui e il suo popolo.

l. Gu 3 -de 2 -a gudea Gudea


2. ensi 2 (ensi=ak) governatore
3. Lagaski laga5=ak di Laga5
4. lu 2 E 2 -ninnu lu ejninnu colui che l'Eninnu
5. dN'1n-gu 2 -su- /k a
A.
(ningirsu=ak) =ak=0ass di Ningirsu
6. in-du 3 -a i.n.du.0=a ha costruito

Commento
1: il nome di Gudea è una costruzione participiale dal verbo composto gu 3 - de 2 ,

letteralmente "versare la voce, l'urlo", ossia "chiamare, invocare", e significa dunque


"l'invocato" (Gr 5.11.2).
2: la funzione di ensi, che viene tradotto in genere con "governatore", rappresenta in
realtà una delle tre denominazioni con cui veniva indicato il potere politico nel corso
del III millennio. Gli altri due termini sono en, "signore" e lugal, "re" che sembrano
esprimere differenti interpretazioni del potere e sono specifici di diverse aree geogra-
fiche di Sumer: la prima è riservata ai sovrani di Uruk (il più importante dei quali,
letterariamente, è Gilgame5) e la seconda è invece specifica della città di Ur. Durante
la III Dinastia di Ur (2110-2003 a.C.) si assiste a un cambiamento di significato di
questi termini, per cui l ugal designa il massimo potere politico e militare dello stato,
e n rappresenta il capo del settore religioso, ed ensi 2 , invece, indica il governatore, cioè
colui che governa una città in nome di un potere superiore (in questo caso in nome del
lugal). All'epoca di Gudea, però, il termine ensi 2 non indica un potere subordinato,
ma rappresenta la più alta carica politica dell'area di Laga5; città alla quale il termine è
quindi connesso sin da epoca molto arcaica. Quali siano le reali differenze tra questi tre
termini prima della Terza Dinastia di Ur non è chiaro.
Non vi è unanimità tra gli studiosi riguardo all'etimologia del termine ensi 2 , rappre-
sentato dai tre segni PA. TE. SI: alcuni hanno proposto di traslitterare questa parola
come ensi 2 si (PA. TE•i), o ancora, poiché il termine rappresenta un'annessione geni-
tivale, en 5 -si-(ak). Il morfema *-ak del genitivo, che si ritrova nel lemma (*ensi=ak),
ricompare nel termine accadico iffi'akku o iffakku, che rappresenta un imprestito sume-
rico dal lemma ensi 2 (v. anche Gr 4.9, Nota 3).
4-6: si tratta di una proposizione relativa, costruita con l u 2 + forma verbale finita no-
minalizzata (v. Gr 6.6)
Il nome di questo tempio è composto dalla parola e 2 , "casa", e dal numero 50 (n i nn u)
(per i numerali v. Gr 4.14.1). Il lemma e 2 (qui col significato di "casa (del dio)", quindi
"tempio") rappresenta una componente comune nei nomi di tempio mesopotamici;
il segno però designa qualsiasi edificio residenziale con abitanti umani o divini. Nella

199
Crestomazia

numerologia divina dei Sumeri, 50 è il numero assegnato al dio Enlil ed è possibile che
sia in relazione con i 50 "me" che Enlil, il capo del pantheon, attribuì al dio Ningirsu
in epoca primordiale. Il termine sumerico me (legato etimologicamente al verbo "esse-
re", me, per cui si veda Gr 4.12, Nota l) è un nome astratto che indica le proprietà o i
poteri degli dèi, i quali consentono lo svolgimento regolare delle attività fondamentali
per la vita umana civilizzata, religiosa essenzialmente.
Etimologicamente, il nome di Ningirsu significa "Signore di Girsu" {la presenza del
segno KA alla fìne della l. 5 tradisce la presenza di un doppio genitivo, di cui uno
appunto interno al nome del dio stesso, che per questo motivo è messo tra parentesi
in trascrizione). Il termine sumerico nin è femminile e si traduce normalmente con
"signorà'. Sono state avanzate molte ipotesi volte a spiegare l'utilizzo di un titolo al
femminile per un dio maschile, come la presunta natura bisessuale del dio o il fatto
che tale titolo, in origine, fosse neutro. Una ipotesi recente sostiene che inizialmente la
divinità principale di Girsufosse la dea Bàu, detta "la Signora di Girsu"; in seguito, la
sua funzione di protettrice della città sarebbe passata a una divinità maschile, forse suo
marito o il suo antagonista, che avrebbe mantenuto tale titolo di "Signora di Girsu".
Ningirsu era la divinità più importante del pantheon locale della città-stato di Laga.S,
di cui facevano parte anche la città di Girsu, e il suo tempio principale era, come detto,
l'Eninnu. In generale questa divinità, che rappresentava una versione locale del dio
guerriero Ninurta di Nippur (anch'egli, come Ningirsu, fìglio di Enlil), aveva anche
un aspetto legato all'agricoltura, di cui era il patrono, essendo associato alla fecondità
della natura.

Crlf Iscrizione di Gudea, Statua H


Si tratta di una piccola statua di diorite, alta 77 cm, che raffigura Gudea seduto con le
mani intrecciate in grembo; la statua è acefala e mutila anche in altre parti (spalla de-
stra, parte superiore della schiena). [iscrizione, di sole tre colonne, si trova sul grembo
di Gudea e sulla parte bassa del suo vestito.

i. l. l. dBa-u 2 ba'u
2. 2. munus sa 6 -ga munus sag=a
3. 3. dumu An-na dumu an=a.k
4. 4. nin lri-ku 3 -ga nin irikuga=a.k
5. 5. nin he 2 -gal 2 l dumu An nin hegal=a.k dumu an
ku 3 -ga kug=a=a.k
6. 6. nin-a-ni nin=ani=r~r
7. 7. Gu 3 -de 2 -a gudea
8. 8. ensi 2 (ensi=ak)
9. 9. Lagaski_ke 4 laga5=a.k=e•rg
ii. l. lO. u 4 E 2 -tar-sir 2 -sir 2 ud ejtarsirsir

200
Traduzione guidata di iscrizioni storiche

2. 11. e 2 ki-ag 2 -ni ej (ki=0ass ag=a)=ani


3. 12. e 2 he 2 -du 7 lri-/ku 3 -ga ej hedu irikuga=ak=0...
4. 13. mu-na-du 3 -a mu.nna.n.du.0=a=3.toc
s. 14. kur Ma 2 -gank;_ta kur magan=taab1
6. 15. n• 4 es i! (pa) i m -l t a-e 11 esi=0ass i.m.bta.n.ed.0
7. 16. alan-na-ni-se 3 alan=ani=se..,
8. 17. mu-tu mu.n.tud.0
111. l. 18. nin dumu ki-ag 2 l An ku 3 - nin dumu (ki=0ass ag=a) an
ga-ke 4 kug=a=ak=eerg
2. 19. ama dBa-u 2 amabàu
3. 20. E 2 - tar-si r 2 -s i r 2 - t a ej tarsirsir=ta
4. 21. Gu 3 -de 2 -a gudea=radar
s. 22. nam-ti mu-na-sum 2 namtil=0ass mu.nna.n.sum.0
6. 23. mu-se 3 mu-na-/se 21 mu=se,., mu.nna.n.se.0
7. 24. e 2 lri-ku 3 -ga-ka ej irikuga=ak=atoc
8. 25. m u-na-ni 1(KAK) -ku 4 mu.nna.ni.n.kur.0
1
" -6Per la dea Bàu, la donna bella, la figlia del dio An, la signora di lrikuga (lett: "Città
Purà'), la signora dell'abbondanza, la figlia del sacro An, la sua signora, 10"13 dopo aver
costruito l'Etarsirsir, il suo (= di Bàu) amato tempio, il tempio che è ornamento di
Irikuga, 7•9Gudea, governatore di Lagas, 14• 15 ha fatto trasportare della diorite dalle mon-
tagne di Magan, 16- 17ha plasmato la sua (propria) statua con essa, 23 ha dato per nome
per lei(= la dea Bàu): 18"22 'La signora, la figlia amata del sacro An, la madre Bàu dall'E-
tarsirsir ha dato la vita a Gudeà (e) 24"25 l'ha fatta entrare per lei (= Bàu) nel tempio di
lrikugà'.
Commento
1: Bàu, figlia del dio del cielo An, è la paredra di Ningirsu e dea di lrikuga (letteralmen-
te "Città Purà'), quartiere sacro della città di Girsu dove si trova il suo tempio.
2: nel termine sa 6 -ga, da analizzare come *sag=a, la /a/ finale rende participio il verbo
sa 6 /sag 9 , "essere bello" (v. Gr. S.11.2).
5: he 2 -gal 2 , "abbondanzà', è una forma verbale fossilizzata, da ricostruire come
*ha.i.gal.0 "invero c'è ogni cosa" (v. Gr 4.4, B).
10-13: compare qui una proposizione temporale:
*ud [ejtarsirsir ... mu.nna.n.du.0=a]=a1oc
Per questa tipologia di frase secondaria si veda il commento a Cr l d, 11. 20-26.
14-15: da Magan, che corrisponde all'attuale Oman, Gudea faceva giungere a Laga5
la preziosa diorite, una pietra particolarmente dura, adatta dunque a plasmare le sue
statue destinate a durare per l'eternità. Oltre a Magan, sappiamo che fin dal periodo
pre-sargonico (2700-23SO a.C.) esisteva un commercio diretto anche con i paesi di
Meluhha (l'attuale valle dell'Indo), e Tilmun (odierna Bahrain e provincia orientale
dell'Arabia Saudita). Per mezzo di imbarcazioni la Mesopotamia esportava verso que-
sti paesi stranieri essenzialmente orzo, lana e più raramente tessili e olio di sesamo; in

201
Crestomazia

cambio importava beni di lusso, quali rame, avorio, legni esotici, cornalina, pietre dure
e semi-dure, perle e conchiglie, di cui la Mesopotamia era assolutamente priva.
Alla linea 15 il segno è letto n• 4 esi'(PA), "diorite" (con il determinativo per pietre),
con il punto esclamativo, per significare che illapicida ha inciso per errore il segno P A
{tf:), al posto del corretto ESI (t:::!=}), dimenticando dunque i due cunei sovrapposti fi-
nali. Il verbo im-ta-e 11 va infine analizzato come *i.m.bta.n.ed.0 (si veda Gr 5.4.3, A).
16-17: il verbo tu {tu d) significa "dare alla luce, partorire"; il fatto che venga qui uti-
lizzato per indicare che Gudea plasma la sua statua con la preziosa diorite fatta giungere
da Magan rende evidente che tale statua possedeva una natura animata, che acquisiva
completamente una volta ricevuto un nome {v. ll. 18-23); si ricordi però che la classe
di appartenenza semantica e morfologica della statua è sempre la classe B degli oggetti
inanimati.
19: oltre agli aggettivi gal e ku 3 , anche i nomi ama, per alcune divinità femminili, ed
e n, per alcune divinità maschili, possono precedere tali nomi di divinità come epiteti
{v. Gr 4.10).
23: per il verbo composto m u ~ se 21 "dare per nome, nominare" si veda Gr 4.11.4,
B, 3.
25: il verbo mu-na-ni'(KAK)-ku 4 va analizzato come *mu.nna.ni.n.kur.0. Il segno
letto ni'(KAK) indica che illapicida ha inciso il segno KAK {l:>) per il corretto NI
($f>), dimenticando di incidere il secondo segno verticale in basso (per la forma causa-
tiva del verbo ku 4 v. Gr 5.5, A).
Riassumendo, l'intera iscrizione è distribuita in quattro frasi che possono essere cosl
schematizzare:
Frase l, ll. 1-15
1-6 destinataria dell'iscrizione (Ba'u + epiteti)
7-9 agente (Gudea +epiteti)
l 0-13 proposizione temporale
14 ablativo
15 primo verbo finito

Frase 2, ll. 16-17


16 terminativo
17 secondo verbo finito

Frase 3, ll. 18-23


18-22 nome della statua {assolutivo)
23 terzo verbo finito

Frase 4, ll. 24-25


24 locativo
25 quarto verbo finito

202
Traduzione guidata di iscrizioni storiche

Da sottolineare infine che il dativo iniziale (11. 1-6) e il soggetto (11. 7 -9) sono co-
referenziati in tutte le forme verbali finite dell'iscrizione.

Crlg Iscrizione di Gudea, Statua B col. i.


Questa statua di diorite, alta 93 cm, rappresenta Gudea seduto che porta in grembo
una tavola su cui è raffigurata la pianta del complesso templare dell'Eninnu a Girsu.
I..:iscrizione, che descrive la costruzione dell'Eninnu, ricopre l'intera superficie della
statua, ad eccezione di braccia, piedi, petto e del seggio su cui il re è seduto. Esamine-
remo qui la prima colonna dell'iscrizione, che è stata in realtà aggiunta in un secondo
momento, come dimostra il fatto che essa invade la frangia del vestito ed è scritta in
una grafia più piccola. Contiene prescrizioni di offerte regolari per la manutenzione
cultuale della statua (linee 1-12) e termina con una breve maledizione contro il succes-
sore che non perpetuerà tali offerte (13-20).
Questa breve iscrizione è stata scelta per offrire al lettore un esempio di come affronta-
re l'analisi di un testo sumerico complesso, evidenziando dapprima la struttura (frase
principale ed eventuali frasi secondarie da essa dipendenti) e ricostruendo in questo
modo l'intera struttura testuale e grammaticale (v. Gr 6.10).
l. e 2 dNin-gir 2 -su ej (ningirsu=ak)
2. lugal-na-ta lugal=ani=ak=taw1
3. al an Gu 3 -de 2 -a alan gudea
4. ensi 2 (ensi=ak)
5. Lagaski laga5=ak
6. lu 2 E 2 -ninnu lu ejninnu=0....
7. in-du 3 -a-ke 4 i.n.du.0=a=ak=edir
8. l sila 3 kas l sila kas
9. l sila 3 ninda l sila ninda ·
10. 1
12 sila 3 zi 3 -dub-dub 1
12 silaziddubdub
1 1
11. 12 sila 3 ni 3 -ar 3 -ra imgaga 3 l 2 sila nigara imgaga=a1oc
12. sa 2 -du 11 -ha gal 2 -la-am 3 sadug=hi=a1oc gal=a=0=am
13. ensi 2 (ensi=ak)
14. i nim hi 2 -i h 2 -l gi 4 -giça inim=0ass bi. b.gil gi.e=a
15. me dNin-gir 2 -su-ka me (ningirsu=ak)=ak=0...
16. ba- n i- i h 2 -la 2 -a ba.ni.b.lal.e=a=ak
17. sa 2 -du 11 -na sadug=ani=atoc
18. e 2 dNin-gir 2 -su-lka-ta ej (ningirsu=ak)=ak=taab1
19. inim he 2 -eh 2 -gi 4 inim=0.... ha.i.b(i).gi.0
20. inim-inim-ni he 2 -kd 2 inimlinim=ani=0.... ha.i.kd.0

203
Crestomazia

19
Sia revocato l'ordine 18 dal tempio di Ningirsu 17riguardo all'offerta regolare (per la
sua propria statua} 13di un (futuro) governatore che '·2dal tempio di Ningirsu, il suo
re, 14 avrà revocato l'ordine 3•7per la statua di Gudea, governatore di Laga.S, colui che ha
costruito l'Eninnu, 8" 11 (stabilita in) un litro di birra, un chilo di pane, mezzo chilo di
farina ... , mezzo chilo di chicchi macinati di farro - 12si tratta di ciò che si trova (già}
sulla sua (= della statua} offerta regolare- 15- 16il quale (così facendo) avrà privato essa
(=la statua) dei divini poteri (nei confronti) di Ningirsu; 20 (inoltre tutte) le sue (future)
disposizioni siano rese nulle (lett. legate).
Struttura e commento
Le frasi principali del testo sono due, coordinate l'una con l'altra in maniera asindetica,
rispettivamente alle linee 17-19 e alla linea 20. Dalla prima proposizione principale
dipendono due frasi secondarie (linee 1-14; linee 15-16}, anch'esse coordinate per asin-
deto, alla fine delle quali bisogna ricostruire un genitivo. Tale genitivo rappresenta il
genitivo antepos