Sei sulla pagina 1di 4

08/01/2014

Controlli dei parametri di qualità


Verifiche di collaudo del DB Congruenza logica:
Topografici  di formato (a.1)
da documento IntesaGIS 10014 Sulla base della specifica del Catologo degli Oggetti si verifica la struttura
del modello fisico del DB attraverso il controllo delle tabelle relative alle
classi. I controlli fondamentali si possono sintetizzare così:
◦ il Data Type dei campi deve essere quello previsto e riportato dall’apposita
tabella di classe;
◦ i codici degli oggetti e degli attributi presenti nel DBT devono essere
quelli previsti e riportati dall’apposita tabella dei codici;
◦ la componente spaziale di ogni oggetto (punto, linea, area)
deve corrispondere a quella prevista e riportata nell’apposita tabella;
◦ i campi degli attributi obbligatori devono essere tutti popolati.

Gabriele GARNERO
Per questo parametro non sono ammessi errori per cui si considera
una tolleranza di correttezza del 100%.

 di dominio (a.2)  di geometria (a.3)


Gli attributi enumerati hanno una precisa codifica da specifica da In sintesi, i principali controlli da effettuare sono:
rispettare integralmente. Così pure gli altri tipi di attributi sono da ◦ l’errore di chiusura plano-altimetrico, in corrispondenza delle chiusure
riempire secondo regole da definire in termini di possibili range numerici, dei poligoni o nelle intersezione fra elementi lineari, deve essere pari a
di regole di sintassi e di abbreviazione per il riempimento delle stringhe zero;
alfanumeriche in base ad un eventuale glossario. In sintesi i controlli da ◦ non è ammessa la duplicazione di parti di oggetto;
effettuare risultano: ◦ le polilinee non devono avere vertici doppi;
◦ il dominio degli attributi enumerati deve essere quello previsto e ◦ le polilinee non devono avere vertici ad una distanza inferiore al ½ sigma
riportato dall’apposita tabella dei possibili valori; relativo alla scala di appartenenza;
◦ il valore inserito negli attributi numerici deve essere riportato nell’unità ◦ tutta la geometria deve essere contenuta all’interno dell’area prefissata
di misura richiesta; (foglio, sezione, limite amministrativo, tile, etc.);
◦ il valore inserito negli attributi numerici deve rientrate nel range definito; ◦ la geometria lineare che delimita (bordi) oggetti areali deve formare
◦ le stringhe alfanumeriche devono rispettare le regole definite nelle poligoni chiusi;
specifiche. ◦ tutti i vertici devono essere quotati (assolute o convenzionali per
elementi del tipo linee elettriche, acquedotti, ecc.)
Per questo parametro non sono ammessi errori per cui si
considera una tolleranza di correttezza del 100%.

1
08/01/2014

Anomalie geometriche Anomalie di connessione


quando sul perimetro di un’area si forma una si creano quando nodi d’inizio o di fine di
Area loop sorta di cappio Node mismatch oggetti lineari e/o puntuali si trovano ad una
distanza reciproca inferiore ad una specificata
tolleranza; la correzione deve essere fatta
secondo regole di priorità per le confluenze
in un oggetto lineare o areale uno o più vertici geometriche fra classi
Kickback – duplicate vengono digitalizzati più di una volta con le una linea oltrepassa un’altra linea o un’area di
point stesse coordinate; l’anomalia si elimina Overshoot una distanza inferiore ad una specificata
rimuovendo i vertici che hanno creato il tolleranza; per correggere l’anomalia si elimina
kickback la parte di linea che oltrepassa
su un oggetto lineare o bordo di un’area si crea una linea si trova ad una distanza inferiore ad
Kink un’improvvisa divergenza tra tre vertici da Undershoot una specificata tolleranza da un’altra linea o da
eliminare rimuovendo il vertice che si trova nel un’area; per correggere l’anomalia si porta si
mezzo porta la linea a connettersi con l’area
si forma un cappio su un oggetto lineare la
Loop in line cui area è maggiore di una specifica tolleranza un edge di oggetto lineare o di bordo areale
le quote dei vertici di alcuni oggetti devono Edge condiviso condivide un altro edge per un tratto di
Not monotonic diminuire o aumentare progressivamente in lunghezza inferiore a quella impostata come
funzione della loro direzione di minima ammissibile, parentesi tolleranza
digitalizzazione, come per i corsi d’acqua oggetti areali mutuamente esclusivi,
le quote dei vertici di alcuni oggetti devono Face condivisa sovrapposti mediante la condivisione di una
Not flat avere la stessa quota, come per le linee di face, da correggere tenendo fisso il bordo
costa ed i bordi dei laghi; è considerata dell’area con maggiore priorità e portando a
anomalia quando i vertici di questi oggetti non condivisione quello dell’altra
hanno quota costante una faccia stretta e allungata che si crea tra
l’oggetto areale ha i vertici iniziali e finali con il Sliver linee e/o tra aree definita tale quando la sua
Area not closet in z valore della quota z diverso dimensione eccede una specifica tolleranza; si
plane corregge spostando la classe che ha priorità
minore portandola a coincidere sull’altra

 di topologia (a.4) Set di dati interessati Tipo di verifica da Definizione e rappresentazione grafica della
Le verifiche sono funzione della struttura topologica definita da specifiche. Questa dal controllo applicare relazione richiesta
congruenza è da verificare sull’intero dataset e deve essere rispettata al 100% in quanto le Full Touch (face-face)
Oggetti delle classi Must not overlap
relazioni topologiche tra gli oggetti devono rimanere tali per qualunque trasformazione appartenenti alla
Due face sono adiacenti
completamente se sono
interessi i dati, mantenendo l’integrità della struttura. tipologia “a”; alla coincidenti secondo n
Un elenco indicativo di controlli generali è il seguente: tipologia “c1,c2” fra lati.
◦ tutte le aree devono essere “battezzate”, cioè deve essere codificato l’intero territorio; oggetti della stessa Face mutuamente
◦ la rappresentazione lineare di un oggetto deve essere completamente interna alla sua classe esclusive.
rappresentazione areale; (es. asse strada –area strada; asse fiume – area fiume etc.); Must intersect/touch Intersect edge-edge
Oggetti delle classi
◦ tutte le aree sono esclusive (solo quelle degli oggetti appartenenti agli strati previsti); Un edge interseca o si
appartenenti alla
◦ le polilinee ed i poligoni devono avere nodi in corrispondenza della intersezione con altre connette a un altro edge
tipologia “b1” e “b2” generando un nodo
geometrie lineari o areali o puntuali (solo quelle degli oggetti appartenenti agli strati previsti);
◦ la presenza di oggetti doppi puntuali, lineari, areali (case, pozzi, assi etc.) costituiscono “warning”
e quindi da verificare con la realtà del territorio; Oggetti delle classi Must contain Inside (face-face)
◦ la presenza di hanging edge (rami ad estremo libero) costituisce “warning” e quindi da verificare appartenenti alla
Una face include al suo
con la realtà del territorio; interno un'altra face anche
tipologia “c1” con un punto in comune.
◦ la presenza di linee isolate con due e più vertici costituisce “warning” e quindi da verificare con
Face interne mutuamente
la realtà del territorio; esclusive.
◦ il grafo delle reti (strade, corsi d’acqua, reti tecnologiche, linee elettriche, acquedotti, Intersect edge-face
Oggetti delle classi Must intersect
metanodotti etc.) deve essere connesso; appartenenti alla L’intersezione genera nuovi
◦ la presenza di oggetti puntuali in corrispondenza di incroci di oggetti lineari costituisce tipologia “a” e oggetti nodi in corrispondenza
“warning” e quindi da verificare con la realtà del territorio; della tipologia “b1” della linea e del poligono, e
◦ deve essere corretta la composizione degli oggetti “aggregati”: l’insieme delle primitive deve di conseguenza di
nuovi oggetti areali con
consentire la costruzione di una primitiva a sua volta semplice;
attributi ereditati dall’area
◦ deve essere corretta l’associazione dei punti quotati agli altri oggetti cui sono riferiti; originale
◦ ci deve essere disgiunzione tra oggetti della stessa classe.

2
08/01/2014

Controlli dei parametri di qualità Accuratezza posizionale (b):


Per accuratezza posizionale si intende la differenza tra le coordinate di una certa entità presente
nel modello in esame ed il valore vero, o ritenuto tale, rilevato sul terreno.
Congruenza logica:
L’accuratezza posizionale è riferita alla posizione assoluta del singolo punto o vertice.
 di formato
Si differenzia dall’accuratezza relativa, che riguarda il posizionamento relativo tra gli oggetti
Sulla base della specifica del Catologo degli Oggetti si verifica la struttura (ad esempio un manufatto posto a destra rispetto al senso di digitalizzazione di una strada)
del modello fisico del DB attraverso il controllo delle tabelle relative alle che è valutata come parametro di congruenza di topologia.
classi. I controlli fondamentali si possono sintetizzare così: Per verificare la conformità del posizionamento assoluto degli oggetti vengono selezionati
◦ il Data Type dei campi deve essere quello previsto e riportato dall’apposita punti di controllo all’interno del campione di territorio scelto (elementi puntuali, vertici di
elementi lineari o areali).
tabella di classe;
La determinazione dell’accuratezza posizionale viene valutata per le due componenti
◦ i codici degli oggetti e degli attributi presenti nel DBT devono essere altimetrica e planimetrica separatamente, indicando i rispettivi errori:
quelli previsti e riportati dall’apposita tabella dei codici;  planimetrica, che può essere espressa nelle sue due componenti est-nord (ΔE, ΔN)
◦ la componente spaziale di ogni oggetto (punto, linea, area) oppure semplicemente nel modulo del vettore risultante (distanza);
deve corrispondere a quella prevista e riportata nell’apposita tabella;  altimetrica, con il suo valore di quota relativo (ΔH).
◦ i campi degli attributi obbligatori devono essere tutti popolati. Il parametro è complessivamente stimato calcolando una percentuale media delle entità
fuori margine di accuratezza e determinando la media del valore di BIAS, funzione del
fattore Sigma di acquisizione.
Per questo parametro non sono ammessi errori per cui si considera E’ ammesso un margine di errore tenendo conto delle caratteristiche del territorio
una tolleranza di correttezza del 100%. interessato.

Completezza (c): Accuratezza tematica di classificazione (d1):


La completezza è il parametro di valutazione dell’esistenza di oggetti nel DB con riferimento Indica come, nelle varie classi di oggetti, gli attributi sono stati inseriti. Per ogni classe
al mondo reale schematizzato da modello dati applicato. possono essere presenti più attributi, ognuno dei quali ha un suo proprio dominio. Un
Per ciascuna classe è definito un valore di “attendibilità della completezza” che esprime in errore tematico è presente quando, in un singolo record sono stati inseriti uno o più
termini percentuali la relativa presenza attesa nel DB. attributi errati. Abbiamo quindi un oggetto che pur restando all’interno della sua classe, non
I valori sono assegnati generalmente distinguendo due fasi produttive: viene descritto in modo corretto, per quanto riguarda tutte le sue caratteristiche.
 acquisizione delle classi da dati esistenti o dalla sola fase di restituzione L’accuratezza tematica esprime il grado di esattezza ottenuto nella determinazione e
nell’assegnazione di attributi che forniscono indicazioni di tipo qualitativo e quantitativo e
 integrazione dei dati da ricognizione o da altri fonti
quindi possono assumere valori differenti per ogni elemento dell’oggetto a cui fanno
La valutazione della qualità del DB in termini di completezza consiste nel verificare che per riferimento.
ogni classe l’errore percentuale sia tale da rispettare l’attendibilità ammessa.
L’errore percentuale di completezza può essere di:
La tolleranza per questo parametro può ammettere un margine di errore da correggere in
 omissione: quando un oggetto esistente nel mondo reale schematizzato secondo le regole
fase di editing.
dettate dalle Specifiche e dai limiti di acquisizione non viene riportato nel DB
 eccesso: quando un oggetto è stato inserito nel DB non rispettando le regole dettate dalle
Specifiche e i limiti di acquisizione
La percentuale di oggetti mancanti o sovrabbondanti è calcolata come rapporto percentuale
tra il numero di oggetti mancanti o sovrabbondanti e il numero di oggetti totali presenti sul
terreno (numerosità “reale”) accertati nel controllo di qualità.
Le percentuali di errore sono da calcolare su un campione numeroso e statisticamente
significativo di oggetti topografici (almeno 30). La tolleranza per questo parametro può
ammettere un margine di errore da correggere in fase di editing.

3
08/01/2014

Accuratezza tematica della toponomastica (d.2): Tolleranze:


Il controllo riguarda le classi di toponimi e l’attribuzione dei nomi come attributi delle classi
Tipo di parametro Livello di definizione Tolleranza
interessate.
1k 2k 5k 10k
La verifica della toponomastica va eseguita in diverse fasi della produzione per verificare in Unico valore percentuale per il
a.1) Congruenza logica di formato dataset 100% 100% 100% 100%
particolare che:
 sia stato effettuato l’inserimento dei toponimi del DB storico della toponomastica (IGM); a.2) Congruenza logica di dominio Unico valore percentuale per il 100% 100% 100% 100%
dataset
 la correttezza dei dati eventualmente raccolti direttamente in situ;
a.3) Congruenza logica di geometria Valore medio percentuale per 98% 98% 98% 98%
 la corrispondenza tra i toponimi presenti nel DB e riportati sulla carta con quelli dei l’insieme dei controlli
libretti della toponomastica; a.4) Congruenza logica di topologia Valore medio percentuale per 100% 100% 100% 100%
l’insieme dei controlli
 la corrispondenza tra i toponimi con l’attributo di nome (ove presente) del
b) Accuratezza posizionale Valore medio percentuale per l’insieme 95% 95% 95% 95%
corrispondente oggetto topografico; dei punti di controllo (planimetria e
altimetria)
 per la fase della rappresentazione grafica, la corrispondenza tra oggetto topografico e
Valore medio del BIAS ½σ ½σ ½σ ½σ
font/dimensione/colore assegnato al relativo toponimo;
c) Completezza per Valore medio percentuale delle 95% 95% 95% 95%
 la correttezza nel posizionamento (punto di applicazione e orientamento del testo). eccesso/omissione attendibilità per classe (vedi tabella) e
per fasi di produzione.
d.1) Accuratezza tematica di Valore medio percentuale delle 95% 95% 95% 95%
La tolleranza per questo parametro può ammettere un margine di errore da correggere in classificazione attendibilità delle classi (vedi tabella)
fase di editing. presenti nel territorio campione

d.2) Accuratezza tematica Valore medio percentuale delle 95% 95% 95% 95%
della toponomastica attendibilità per classe (vedi tabella) e
per fasi di produzione.