Sei sulla pagina 1di 22

Antico Ordine Martinista

Movimento Filosofico, Iniziatico e Tradizionale.

IL DESIDERIO DEL CUORE

Pubblicazione privata, non in vendita.

1
IL DESIDERIO DEL CUORE

Vi è un momento, nella Vita di ogni uomo ad un certo punto della propria


evoluzione, che vede affacciarsi prepotente un particolare desiderio di
saperne di più su certi argomenti di cui si ha l'intima certezza ma dei quali
si conosce ben poco. E' il Desiderio del Cuore.
E' questo desiderio che spinge dapprima alla ricerca di libri ove si spera di
rintracciare il filo conduttore che porta alla Verità. Purtroppo, il più delle
volte ci si scontra in tanti frammenti di piccole verità disseminate in
migliaia di volumi spesso ricolmi di argomentazioni assurde e
contraddittorie che non fanno che aumentare il Desiderio del Cuore. E
allora ci si rivolge al "gruppo", cioè a quei circoli comprendenti un certo
numero di persone che sembrano perseguire la stessa meta, nell'intima
speranza di colmare la sete di Conoscenza.
Ma questa fase, che per qualcuno sarà certamente proficua in ragione della
levatura del gruppo in cui ci si muove, è destinata, prima o poi, ad essere
insufficiente o non direttamente proporzionale alle proprie aspettative ed al
proprio desiderio di crescita.
A questo punto, se nel frattempo il Desiderio del Cuore è ulteriormente
accresciuto, è inevitabile l'approdo ad un Ordine o Sodalizio dove la
Tradizione è custodita. Questo incontro, che non è mai casuale ma
governato da una precisa Legge Universale, trasformerà radicalmente il
proprio modo di concepire la vita nel momento stesso in cui ci si accinge a
bussare al Simbolico Portale.
Da millenni, l'iter operativo è sempre lo stesso. Il nuovo aspirante alla Luce
verrà posto per un periodo più o meno lungo in probazione, dove verrà
istruito sui primi rudimenti dell'Eterna Tradizione e per saggiare la
costanza e l'autenticità del suo Desiderio del Cuore. Solo successivamente
il Simbolico Portale si spalancherà e riceverà la prima Iniziazione e il
Fraterno Abbraccio del Maestro che lo istruirà, simbolo di altissima norma
da seguire nei rapporti verso l'umanità e la Vita con la quale, da quel
preciso momento, sta entrando in armonia.
Il nuovo accolto si trova ora nella stessa identica condizione dei discepoli
di Platone, Socrate, Krishna, Buddha o Gesù. Non vi è alcuna differenza,
essendo gli Ordini attuali i detentori della Tradizione e della Sapienza
Occulta di allora.
2
Se il Desiderio del Cuore, quello che si era affacciato prepotente in un
giorno non molto lontano, continuerà a risuonare, il Maestro Interiore si
risveglierà e cenerà con lui in perfetta unione nel Dominio delle Leggi
della Vita nella quale, da quel momento, entra a far parte.

3
IL MARTINISMO

Con il termine di Martinismo si intende quel summa di Conoscenze


Occulte la cui prima formulazione è notoriamente attribuita a Martinez De
Pasqually, e successivamente arricchita da Louis Claude De Saint-Martin,
Jean Baptist Willermotz, Stanislao De Guaita, Eliphas Levi, Iosephin
Peladan, Paul Sedir, Emmanuel Lalande (Marc Haven), Lucien Chamuel,
Gerard Encasse (Papus), Augustin Chamboseau, Yvon Leloup, Maurice
Barres, Paul Julien Lejay, Lucien Chamuel, Giorges Montieres, Paul
Adam, e moltissimi altri cercatori della Verità che nel corso del tempo
lavorarono per dare all'uomo che vedeva nascere in sè il Desiderio del
Cuore un punto di riferimento sicuro da cui partire per giungere alla
Conoscenza.
Ma vediamo, sia pure brevemente, la nascita del Martinismo.

Martinez de Pasqually

La Francia del 1700 vedeva il sorgere e brulicare di numerosissime scuole


ad indirizzo esoterico, ognuna con proprie teorie che spacciava come
"verità" in evidente contrapposizione con tutte le altre. In questo clima di
chiara decadenza dell'esoterismo nasce nel 1727 Martinez De Pasqually,
nobile di stirpe ispano-ebraica ma convertito al Cristianesimo che,
giovanissimo, mostra uno spiccato interesse per lo studio dei misteri
dell'universo e della vera natura dell'uomo.
Resosi ben presto conto che nella sua Patria di allora non avrebbe mai
trovato la Verità a cui aspirava, decise di recarsi direttamente nei luoghi
ove la Tradizione Iniziatica era custodita: Egitto e Palestina.
La scarsità di documentazioni storiche di quel periodo non consentono di
appurare con esattezza chi erano i Maestri che frequentò e con quali Scuole
entrò in contatto. L'unico dato certo che traspare dai suoi scritti è il
fondamento Cristiano-Kabalistico degli insegnamenti e delle pratiche che
trasmetteva ai suoi allievi.
Nel 1758 fonda l'Ordine dei Cavalieri Eletti Cohen dell'Universo e,
qualche anno dopo, pubblica il Trattato della Reintegrazione degli Esseri
nelle loro primitive Proprietà, Virtù e Potenza Spirituali e Divine, unico
trattato manoscritto da Martinez che inizialmente veniva dato ai soli
4
Iniziati in cui spiega chiaramente come l'uomo sia stato "precipitato" nella
dimensione materiale a causa della sua "prevaricazione". Ma gli è concessa
la possibilità di "reintegrarsi" nelle sue "primitive proprietà, virtù e
potenza".
Negli insegnamenti segreti che Martinez ci ha lasciato vi sono delle
tecniche Teurgiche che permettono di ascendere gradualmente verso il
"Principio Creatore" agendo sempre in nome e per intercessione del Cristo
e non, come affermavano i denigratori del suo tempo, entrando in contatto
con semplici spiriti di disincarnati.
In uno scritto del 1899 Papus così chiarisce: "Martinez accoglieva nella
sala delle sedute coloro che gli chiedevano la Luce. Tracciava i cerchi
rituali, scriveva le parole sacre, pregava umilmente e con fervore agendo
sempre in nome del Cristo, così come ne hanno fatto testimonianza tutti
coloro che hanno assistito alle sue operazioni e come attestano anche tutti i
suoi scritti.
Allora gli esseri divini apparivano, sempre in piena luce. Questi esseri
agivano e parlavano: impartivano insegnamenti elevati, invitavano alla
preghiera e al raccoglimento, e ciò senza medium in trance, senza estasi nè
allucinazioni morbose.
Quando l'operazione era terminata e gli esseri invisibili erano congedati,
Martinez dava ai presenti il mezzo d'arrivare a ottenere, da soli, i medesimi
risultati.
Solamente dopo che essi avevano ottenuto, da soli, l'assistenza
dell'Invisibile, Martinez assegnava loro il grado che gli competeva".
Ci si domanderà: da dove proveniva il Sapere di Martinez? Molti autori
asseriscono che era solito parlare di un Maestro personale, ma lasciava
chiaramente intendere che si trattava di un Maestro invisibile. D'altronde,
erano noti a tutti i poteri che aveva conquistato; si dice che nel momento di
lasciare questa dimensione (si trovava a Santo Domingo) sia apparso alla
moglie a Bordeaux per rivolgergli un saluto attraversando la stanza. Era il
20 Settembre del 1774. Le sue ultime fatiche furono: lo Statuto Generale
dell'Ordine ed un Rituale per l'Iniziazione delle donne.

5
Louis Claude de Saint-Martin
detto Il Filosofo Incognito

L'amico prediletto di Martinez era, senza ombra di dubbio, Louis Claude


De Saint-Martin. Nato il 18 Gennaio del 1743 ad Amboise, compie, per
volere del padre, gli studi in legge e diviene avvocato. Non portato per
questa attività, nel 1765 abbraccia la carriera militare in qualità di ufficiale
nel reggimento di Foix di stanza a Bordeaux. Qui conosce il capitano
Grainville che gli parla per la prima volta di Martinez De Pasqually e dei
suoi insegnamenti. Farsi presentare al Maestro e divenirne amico fu un
tutt'uno.
Ben presto Saint-Martin abbandona l'esercito per divenire il segretario
particolare di Martinez. Insieme preparano una serie di Conferenze
destinate alla Loggia di Lione ove spiccano quelle innate qualità spirituali
che faranno di lui "....l'uomo che fece della Filosofia Tradizionale il
trampolino della Mistica e la soglia della Teosofia..."
Dopo qualche anno incontra Jean Baptist Willermotz con il quale integrerà
gli insegnamenti di Martinez con la via della ricerca spirituale proposta da
Jakob Böhme delle cui opere è il traduttore.
Nel 1775, spinto più che dalla sua volontà dal consiglio di quanti gli sono
vicino, pubblica la sua prima opera con lo pseudonimo di "Filosofo
Incognito": Degli Errori e della Verità. Con questo primo libro, talora
enigmatico, Saint-Martin mostra come nella natura stessa dell'uomo risieda
la conoscenza sensibile di una Causa attiva e intelligente, vera sorgente di
allegorie, di misteri, di istituzioni e di leggi.
A questa opera fondamentale seguiranno: Quadro naturale dei rapporti che
esistono tra Dio, l'uomo e l'universo del 1782, L'uomo di Desiderio del
1790, Ecce Homo e Il nuovo uomo del 1792, Dello spirito delle cose del
1800 e Il ministero dell'uomo spirito del 1802.
Nel 1772 Saint-Martin assume la direzione degli Eletti Cohen che, in
omaggio a Martinez, chiama affettuosamente "Fratelli Martinisti" ed
integra gli insegnamenti con la tecnica particolare di lavoro su se stessi che
sarà più tardi conosciuta dagli Iniziati di tutto il mondo come la "Via
Cardiaca".

6
Jean Baptist Willermotz

Jean Baptist Willermotz (1730-1824) è colui che si incaricherà di


perfezionare le tecniche istituite da Martinez De Pasqually. A lui si deve,
per esempio, il completamento del Rituale per l'Iniziazione delle donne e la
revisione generale dei Rituali Martinisti del 1778. Egli integrerà inoltre
ulteriormente gli insegnamenti puramente teorici di Martinez e di Saint-
Martin con il suo impegno costante nella ricerca interiore aggiungendovi
una grande vastità di conoscenze occulte che porteranno ben presto il
Martinismo in tutto il mondo.
Ma l'opera capitale di Willermotz sarà l'organizzazione dei "Conventi", che
permisero ai Martinisti di smascherare, in anticipo, l'opera fatale dei
Templari e che presentarono il Martinismo con il suo vero carattere di
Università integrale e imparziale della Scienza ermetica.
E' il 1780 quando giunge in Italia al seguito di Saint-Martin per fondare le
prime due Logge delle quali i documenti dell'epoca danno notizia: una a
Torino (dalla quale deriva la nostra attuale Fratellanza) e una a Napoli.
Altre ne verranno fondate subito dopo: Cremona, Milano, Padova, Bari,
ecc. Tuttavia, i divieti politici ispirati dal papato faranno si che a partire dal
1790 ogni attività Martinista venga pubblicamente sospesa in tutto il
territorio nazionale per limitarsi ad operare nella clandestinità fino attorno
alla metà del 1800. Dopo tale periodo riprendono le attività le Logge di
Torino e di Napoli per ritornare nuovamente "in sonno" nel periodo
dell'avvento del fascismo e della seconda guerra mondiale.

Questa è, brevemente, la storia della nascita del Martinismo. Naturalmente,


come già detto all'inizio, moltissimi furono coloro che contribuirono
all'arricchimento degli insegnamenti che Martinez per primo seppe
ricercare con costanza e dedizione. Ne abbiamo citati solo alcuni, ma
l'elenco potrebbe essere lunghissimo, dato che ancora ai giorni nostri vi
sono degli Iniziati che contribuiscono con la loro ricerca ad integrare
ulteriormente tali insegnamenti.
Il Martinismo, quindi, non è una semplice corrente di pensiero che
tramanda la conoscenza di un'unico Maestro, ma una grande Scuola che da
altre duecento anni trasmette una Tradizione Iniziatica in grado di
permettere all'uomo che ne sente il desiderio interiore di ascendere fino
alla soglia ultima dell'Illuminazione.
7
Presenza di gruppi Martinisti nel mondo all'inizio del secolo

Francia - Parigi: sede del Supremo Consiglio. Logge: "Hermanubis", "La


Sfinge" e "Volupsa". Più 14 delegazioni nelle seguenti città: Chartres,
Lilla, Caen, Le Havre, Nancy, Rennes, Poitier, Bordeaux, Perpignan,
Tolosa, Lione, Grenoble, Digion, Clermont-Ferrand.

Italia - Delegazione Generale e sette Delegazioni speciali.

Svezia - Delegazione Generale e tre Delegazioni speciali.

Germania - Delegazione Generale e tre Delegazioni speciali.

Svizzera - Delegazione Generale e una Delegazione speciale.

Inghilterra - Delegazione Generale.

Belgio - Delegazione Generale e due Delegazioni speciali.

Spagna - Delegazione Generale.

Olanda - Delegazione speciale.

Danimarca - Delegazione Generale e una Delegazione Speciale.

Austria-Ungheria - Delegazione Generale e una Delegazione speciale.

Russia - Delegazione Generale.

Romania - Delegazione Generale e una Delegazione speciale.

Egitto - Delegazione Generale e tre Delegazioni speciali.

Tunisia - Delegazione speciale.

Senegal - Delegazione speciale.

8
America del Nord_- Sovrano Delegato Generale, Gran Consiglio e
Delegazioni speciali in tutti gli Stati.

America del Sud - Delegazione Generale e Delegazioni speciali per la


Repubblica di Argentina e Guatemala.

Cuba - Delegazione Generale.

Indocina_- Delegazione speciale.

Cocincina - Delegazione Generale.

Haiti - Delegazione speciale.

9
IL MARTINISMO OGGI

Una Fratellanza Mondiale

Oggi il Martinismo è presente, sia pure con denominazioni diverse, in tutti


i Paesi dove la libertà di associazione è legalmente riconosciuta e
costituisce una Fratellanza Mondiale che mette in atto un vastissimo
Egregoro sotto il cui auspicio ogni persona che veda scaturire in sè il
Desiderio del Cuore può trovare una Guida sicura ed efficace sulla Via
della Conoscenza, dello Sviluppo Interiore, della Riconciliazione e della
Reintegrazione.
In Italia il compito di perpetuare gli Insegnamenti, i Principi, le Pratiche e
gli Ideali Martinisti è assunto dall'Antico Ordine Martinista, Movimento
Filosofico, Iniziatico e Tradizionale.

Gli Insegnamenti dell'A.O.M.

Gli insegnamenti, che un tempo venivano tramandati esclusivamente in


forma orale a ristretti gruppi di allievi, sono oggi raccolti in dispense e
inviate mensilmente ai membri che le studiano con regolarità settimanale o
quindicinale; ogni invio comprende quattro o tre dispense, in funzione del
grado di avanzamento e degli argomenti trattati.
La progressione e la gradualità degli argomenti delle dispense, ampiamente
sperimentata nel tempo, consentono di sviluppare ed affinare quelle qualità
che non sono, come erroneamente si crede, prerogativa di pochi uomini
eccezionali, ma innate e semplicemente latenti in ogni individuo.
Naturalmente lo scopo ultimo ed irrinunciabile che l'A.O.M. si prefigge e
che deve essere l'obiettivo finale del membro è la Realizzazione Intima,
non il semplice sviluppo di capacità insite nell'uomo. Lo sviluppo di
determinate capacità è necessario affinchè possano essere poste al servizio
della Conoscenza, dell'Illuminazione e della Reintegrazione finale.

10
La Gnosi Martinista

Il termine "gnosi" è derivante dal greco "gnosis" e significa conoscenza.


Ovviamente la conoscenza a cui ci si riferisce con questo termine non è
una conoscenza puramente intellettuale, ma si intende riferirsi alla
Conoscenza Superiore alla quale è possibile addivenire solamente
trascendendo il normale utilizzo delle comuni facoltà dei cinque sensi. Ed è
quindi in tal senso che deve essere inteso il termine Gnosi.
La Gnosi Martinista affonda le sue origini nell'Eterna Tradizione Egizia-
Atlantidea e nella Saggezza Esoterica proveniente da canali diversi,
specificatamente da quello Cristiano-Kabalistico e Yogico.
Possiamo definire tale Gnosi come Gnosi Universale, dal momento che è
poggiante su quelle che tradizionalmente vengono definite "Le Quattro
Colonne del Tempio": Arte, Scienza, Filosofia e Religione.
La prima_Colonna_(Arte) offre la conoscenza occulta che traspare dalle
Opere dei grandi artisti della Pittura, della Scultura, della Musica e della
Letteratura. Arte, quindi, che trasmette messaggi e verità Universali che
pochi sanno interpretare nel loro reale contenuto esoterico.
La seconda Colonna (Scienza) ci dà la conoscenza e la sperimentazione
oggettiva delle cose, al di là del loro aspetto tridimensionale e delle
semplici ipotesi e supposizioni.
La terza Colonna_(Filosofia) conduce allo studio delle diverse correnti di
pensiero. Studiare i grandi Filosofi di tutti i tempi non può che aiutare nel
cammino della Conoscenza e della perfezione.
La quarta Colonna (Religione) è lo studio della vita e delle opere dei più
grandi Mistici, a prescindere dalla religione di appartenenza. Occorre
capire che in tutte le Religioni vi è un alto contenuto esoterico che da
millenni è appannaggio di pochi Iniziati. Le Religioni dunque contengono
delle Verità inconfutabili che solo il settarismo e il dogma hanno fuorviato.
Un esempio sotto gli occhi di tutti dell'esistenza reale di questo contenuto
esoterico è chiaramente rivelato nel testo più conosciuto del mondo: La
Bibbia. Nel Vangelo di Luca (8/10) ed in quello di Matteo (13/10) infatti si
legge: "....i discepoli gli chiesero perché parlasse per parabole. Egli
rispose: A voi è concesso di capire i Sacri Segreti del Regno di Dio, ma per
gli altri occorre parlare per parabole, affinchè, benchè guardino, guardino
invano e, benchè odano, non ne capiscano il significato...."
Nè dogmi, nè fanatismi quindi, ma interpretazione dalla Verità.
11
Gli insegnamenti dell'A.O.M. dunque spaziano dalle Scienze classiche alla
Gnosi Tradizionale; non contengono teorie speculative ma solo Leggi ed
argomentazioni dimostrabili e applicabili nella pratica quotidiana.
Non insegnano la negazione del mondo materiale, come si potrebbe
erroneamente pensare dato che il nostro è un Ordine Illuministico. Al
contrario, attraverso la progressione degli studi, viene esposto con
chiarezza come la coscientizzazione dell'Essere può avvenire solo se si
opera contemporaneamente sui due piani: materiale e spirituale, così come
il finito non può che procedere dall'infinito.

Lo studio che L'Antico Ordine Martinista propone è, allo stesso tempo,


mistico e pragmatico, assolutamente scevro da dogmi. Il membro non
studia gli insegnamenti di questo o quel maestro o filosofo in particolare,
l'oggetto di studio è l'intera Tradizione Iniziatica Occidentale, vale a dire
tutti gli Insegnamenti che i più grandi Iniziati di tutti i tempi ci hanno
lasciato, dai tempi delle Scuole dei Misteri dell'antico Egitto ai nostri
giorni, così come formularono i fondatori del Martinismo.

Una sintesi degli Insegnamenti

La necessaria brevità del presente opuscolo non consente di dettagliare


l'intera progressione degli studi che il nostro Ordine trasmette. Ci
limiteremo a presentarvi un breve riassunto di ciò che viene studiato nella
prima fase detta "Preparatoria", suddivisa in Quattro Sezioni e che precede
l'Iniziazione alle "Operazioni" o Gradi del Tempio.

Nella Prima Sezione il neofita viene istruito sull'importanza del


Simbolismo Tradizionale, sulle Leggi basilari della materia e sulla struttura
esoterica della mente in rapporto ai sensi e alla coscienza inferiore
dell'Essere. Fanno parte di questa Sezione molti esercizi pratici per l'uso
controllato dei cinque sensi e su come sviluppare gradatamente alcune
facoltà assopite quali la telepatia, la vibroturgia, ecc. Nella progressione
degli studi di questa Sezione viene ampiamente dimostrato come il

12
pensiero, se correttamente "educato" ed esercitato, può dominare e
controllare il divenire della propria esistenza.
La Seconda Sezione verte sulle Leggi della Coscienza Superiore, sui
diversi piani di Vita e sulle dimensioni ad essa inerenti. Vengono spiegate
le Leggi che regolano i vari piani di esistenza della coscienza e come usarle
nella pratica quotidiana.
In questa Sezione viene rivelata al membro la tecnica che gli consente di
beneficiare, per sè e per gli altri, dell'Egregoro messo in atto dai Martinisti
di tutto il mondo. L'Egregoro Martinista, inoltre, agendo in armonia con le
Forze Cosmiche, spinge alla realizzazione della propria Reintegrazione e
contribuisce alla Reintegrazione Universale. Questo enorme campo
energetico positivo viene utilizzato anche per le "operazioni" di
purificazione dell'aura terrestre e per il mantenimento dell'equilibrio con le
forze negative generate in massima parte dall'umanità stessa.
Occorre precisare, e questo lo può constatare direttamente il membro nella
fase di studio che riguarda la sua "coscientizzazione", che l'atmosfera
astrale del nostro pianeta è infestata sia dai pensieri negativi degli uomini,
sia dalle forze negative di esseri non-corporei. Sono queste forze che
generano i mali dell'umanità ed ostacolano la sua rapida ascesa evolutiva.

Nella Terza Sezione vengono studiate le Leggi della Vita, i processi


metafisici della vita e della morte e l'influenza di alcuni suoni sui centri
psichici dell'uomo.
In questa Sezione viene spiegato come armonizzarsi con la Coscienza
Cosmica per attingere direttamente le informazioni necessarie al lavoro su
se stessi.

La Quarta Sezione è quasi interamente dedicata allo studio e alla messa in


pratica di alcune tecniche teurgiche di base. Inoltre viene favorito lo
sviluppo della "proiezione psichica" al di là del tempo e dello spazio, nota
nel mondo profano come viaggio astrale.
Sono comprese in questa Sezione anche le tecniche che consentono di
ricordare le vite precedenti in rapporto al Karma attuale ed alla sua Legge.
Vengono inoltre studiate le Leggi dell'Anima e i suoi attributi, nonchè le
Leggi che reggono il mondo Spirituale.

13
Vi sono poi degli incontri periodici dedicati ai vari approfondimenti delle
tematiche apprese e allo studio della natura energetica dell'uomo e della
taumaturgia nei quali si insegna la possibilità di canalizzare l'energia
presente nell'universo al fine di operare la guarigione di molti disturbi e
affezioni. Per mezzo di queste tecniche è possibile agire sia su sè stessi che
su altre persone, anche a distanza.
Occorre precisare che queste tecniche nulla hanno a che fare con la
pranoterapia o consimili; la canalizzazione dell'energia di cui si parla è il
frutto delle ricerche dei più grandi mistici di tutti i tempi, dalla civiltà
egizia-atlantidea ai nostri giorni.

Soltanto dopo questa prima fase preparatoria si viene iniziati alle pratiche
Teurgiche ("Operazioni") che conferiscono la facoltà di entrare in contatto
con la Gerarchia Invisibile del Mondo Spirituale.
La realizzazione di un tale contatto costituisce una esperienza di altissimo
valore spirituale la cui felicità profondamente connessa ripaga ampiamente
del lavoro personale fin qui svolto. E' il primo livello dell'Illuminazione.
Giungere fin qui è giungere alla soglia dell'Alchimia Spirituale, dove si è
definitivamente Iniziati a facoltà che trascendono il normale utilizzo delle
facoltà sensoriali.

Ogni Grado dell'Insegnamento preparatorio è preceduto da un rituale di


Iniziazione Tradizionale che il membro stesso può realizzare a casa
propria.
Successivamente, nei gradi operativi, si viene istruiti e Iniziati direttamente
da un Maestro che si farà carico dell'allievo seguendolo in tutte le fasi del
suo cammino consigliandolo e guidandolo secondo gli alti insegnamenti
della Tradizione custodita dall'Ordine.
Occorre precisare che le cerimonie di Iniziazione, come pure tutto quello
che rientra nei Rituali e nella Teurgia Martinista, nulla hanno in comune
con la magia nera o con la stregoneria. Il Martinismo non ha mai approvato
tali pratiche, al contrario, le condanna e le combatte fermamente.
Tutti i Rituali, che sono parte integrante del lavoro e degli Insegnamenti
Martinisti, sono di natura esclusivamente Mistica ed hanno come unico
scopo il conferire al membro, attraverso le profonde emozioni che
infondono e al Simbolismo Tradizionale che contengono, ciò che è suo
pieno diritto: il dominio delle Leggi Universali che reggono la Vita.
14
Redazione delle Dispense

Le Dispense sono redatte all'insegna della praticità e della semplicità senza


alcun assurdo intellettualismo che nulla avrebbe a che vedere con la
Conoscenza e con il Misticismo. Questa voluta semplicità è indispensabile
per offrire la possibilità di accedere agli studi anche a chi non possiede un
ampio bagaglio culturale. La stesura delle Dispense è quindi curata con un
carattere essenzialmente pratico e conforme agli alti ideali che animano la
Tradizione Iniziatica Martinista.

IL MOTTO DELL'A.O.M.:
Pace, Fratellanza, Unione!

L'Antico Ordine Martinista non è nè una setta, nè una religione, è


interamente apolitico e non predica l'ateismo; al contrario, conformemente
al proprio motto auspica la Pace Universale, la Fratellanza fra tutti gli
uomini e l'Unione di tutte le Religioni e di tutte le Nazioni. Per lo stesso
motivo accoglie tra i propri membri ogni persona di Desiderio, senza
distinzione di sesso, razza, ceto sociale, religione o credo politico.
L'A.O.M. non è controllato, nè patrocinato, da nessuno; non ha
collegamenti con altri Ordini e non persegue finalità di lucro, essendo gli
introiti devoluti esclusivamente a copertura delle spese generali.

Nella massima libertà ed indipendenza

Lo Statuto dell'Ordine sancisce la più ampia libertà e la più totale


indipendenza del membro. Egli è assolutamente libero di seguire la
religione in cui crede o di svolgere l'attività politica più consona ai propri
ideali. Così come è libero di dimettersi in qualsiasi momento senza dover
fornire spiegazioni di sorta.
Anche negli Insegnamenti è assolutamente libero di non accettare quei
particolari studi che dovessero contrastare con le sue convinzioni di cui si
sente appagato o che dovessero urtare la sua sensibilità. Per questo motivo
15
gli Insegnamenti vengono sempre proposti, mai imposti, e sono presentati
in modo da renderlo un punto di domanda vivente.
Ogni membro è garantito nell'anonimato e non ha alcun obbligo nei
confronti dell'Ordine, come non è obbligato a partecipare ai lavori
collettivi. L'unico impegno che gli viene espressamente richiesto è quello
di considerare strettamente confidenziale il contenuto delle Dispense (che
rimangono comunque di proprietà dell'Ordine al quale vanno restituite
dietro semplice richiesta in caso di dimissioni).

Accesso agli Insegnamenti

Come ogni altra associazione, anche l'Antico Ordine Martinista deve far
fronte alle proprie spese generali; ciò è possibile grazie alla Quota che i
membri corrispondono annualmente. Questa è modica ed è in linea con la
quota di qualsiasi altra associazione culturale o sportiva e non corrisponde
all'acquisto delle Dispense o di altri aspetti dell'Insegnamento; questo non
è neppure in vendita sotto forma di libri o altro. Le Dispense vengono
semplicemente imprestate al membro che le riceve quale beneficio
derivante dalla sua affiliazione.
Non vi è dunque altro mezzo per avere accesso all'Insegnamento se non
quello di divenirne membro.

Come diventare membro

Se, dopo aver letto il presente opuscolo, percepite un rafforzamento del


Desiderio del Cuore che vi aveva spinti a richiederci il presente opuscolo e
desiderate diventare membri dell'Antico Ordine Martinista nonchè fruire
degli Insegnamenti perpetuati, vi chiediamo di rimandarci la domanda di
affiliazione inserita nelle pagine seguenti debitamente compilata e firmata,
di allegare una fototessera e di corrispondere la Quota annuale. L'importo e
le modalità di versamento sono descritti nell’ultima pagina.
Se la domanda verrà accettata, riceverete subito la tessera di membro e,
dopo un breve periodo di tempo, le prime Dispense introduttive. Questo
sarà l'inizio di uno studio che, a seconda della vostra perseveranza e delle
vostre motivazioni, potrà durare tutta la vita, senza peraltro privarvi della
libertà che vi viene riconosciuta di diritto.
16
Se la domanda non venisse accolta, verrà immediatamente restituita la
fototessera e la Quota versata.
Se, per qualsiasi motivo e in qualsiasi momento, volete interrompere la
vostra affiliazione, potrete liberamente farlo senza dover fornire alcuna
spiegazione. Vi verrà semplicemente chiesta la restituzione delle dispense
e di quant'altro ricevuto fin dall'inizio della vostra adesione.

Se ritenete che il vostro Desiderio del Cuore non è ancora abbastanza forte
per il punto evolutivo in cui vi trovate, vi preghiamo di non gettare il
presente opuscolo. Passatelo ad un'altra persona che sapete interessata alla
Ricerca e alla Conoscenza e che non ha modo di entrare in contatto con la
nostra Fratellanza; la Coscienza Cosmica saprà ricompensare il vostro
gesto.

17
18
Antico Ordine Martinista
Movimento Filosofico, Iniziatico e Tradizionale
——O——
Domanda di Affiliazione
°°°o°°°
Cognome ………………………… Nome ……………………………..
Via …………………………………… N° ……. Tel. ………………..
Orario di reperibilità……………..e-Mail……………………………….
Cap ……… Città ………………………………………….. Prov …….
Luogo di nascita ………………….…… Data di Nascita ..…/.…/…….
Ora di nascita…………. Stato civile:……………………………………
Nazionalità: ………………………….………………………………….
Cultura generale........................................................................................
Diplomi.....................................................................................................
Professione................................................................................................
E’ già stato membro di altri Ordini?…………………………………….
Può indicare quali?……………................................................................
..................................................................................................................
Ha già studiato metafisica, filosofia, scienze occulte?.............................
Perché desidera diventare membro della nostra Fratellanza?:
..................................................................................................................
……..........................................................................................................
..................................................................................................................
..................................................................................................................
....................................................................................................................…
………………………………………………………………………….
…………………………………………………………………………

19
Con la presente vi notifico il desiderio di diventare membro dell’Antico
Ordine Martinista.
Se la mia domanda verrà accettata, mi impegno formalmente a
considerare l’Insegnamento che mi verrà impartito come strettamente
riservato e personale.
Nell’eventualità che la mia affiliazione venisse a cessare per qualsiasi
motivo ed in qualsiasi momento, mi impegno a restituire alla sede
dall’A.O.M. tutte le Dispense, manoscritti, bollettini e quant’altro mi verrà
inviato per tutta la durata dell’affiliazione.
Vi invio in allegato una fototessera.¹
Se non venissi ammesso/a mi sarà inviata una comunicazione in tal senso e
restituita la fototessera.

Data............................ Firma..........................................................

Da non compilare.

Ricevuto il.................................................
Approvato il.................................................
N° Affiliazione............................................ Foto
Osservazioni : ……………………………
…………....................................................
……………………………………………
¹ NB. L’uso della fototessera da parte dell’A.O.M. è limitato al solo fine dell’eventuale
tesseramento. E’ escluso ogni altro utilizzo e se ne garantisce la riservatezza secondo la
normativa e le leggi vigenti.

Nota: Stampare su un unico foglio, compilare esclusivamente a mano e in


stampatello e spedire a mezzo lettera semplice (no raccomandata) al seguente
indirizzo: Antico Ordine Martinista – Via Buttigliera, 133 – 14019 Villanova d’Asti
(AT). Ricordarsi di accludere una fototessera recente.

20
Antico Ordine Martinista
Movimento Filosofico, Iniziatico e Tradizionale.

Contributo di Affiliazione
(Valido fino al 31 Dic. 2009)

Se desidera diventare membro dell’Antico Ordine Martinista:

1 - Compili accuratamente la Domanda di Affiliazione in stampatello o a


macchina, Le garantiamo la massima discrezione.

2 - Non dimentichi di firmare.

3 - Risponda con cura alla domanda: Perché desidera diventare membro?

4 - Alleghi l’attestazione del versamento in c/c o la sua fotocopia.

5 – Spedisca a mezzo lettera semplice o prioritaria all’indirizzo in calce.

L’importo della quota è annuale ed è il seguente:


€ 110,00.

Il versamento va effettuato sul c.c.p. N° 11106143 intestato a:

Antico Ordine Martinista


Via Buttigliera, 133
14019 - Villanova d’Asti (AT)

______

21
22