Sei sulla pagina 1di 2

TECNICHE DI ISTOPATOLOGIA POLMONE E PLEURA

il tumore al polmone è il più frequente e nella maggior parte dei casi parte da cellule bronchiali. Le cellule ciliate sono
tipiche della via aerea inferiore mentre le cellule mucipare tipiche di quella inferiore.
Neoplasie maligne isotipo = cioè differenziazione che le cellule tumorali prendono
A)Carcinoma spinocellulare (epiteliale)
B)Adenocarcinoma - Bronchioloalveolare (colpisce le ghiandole)
C)Carcinoma a grandi cellule
D)Carcinoma a piccole cellule (microcitoma) piccole relativamente rispetto alle normali cellule tumorali. È il tumore che
ha probabilità maggiore di dare metastasi

Metastasi  il polmone è spesso sede di metastasi perché tutto il sangue passa per questi organi che sono quindi
molto irrorati. Stesso discorso vale per fegato e reni.

Esami diagnostici
A) Citologici 
- Espettorato(muco via aeree profonde può essere fluidificato e centrifugato),
-Broncoaspirato
-Lavaggio bronchiolo-alveolare(si differenzia dal precedente solo per la sede di prelievo di cellule)
-Brushing bronchiale(cioè in corso di broncoscopia con una spazzola si prelevano le cellule. Solo per cellule raggiungibili
con broncoscopia)
-Agoaspirato (aspirazione di cellule mediate l’utilizzo di un ago sottile. Si disgregano le cellule della lesione le quali
entrano nel lume dell’ago. Poi si posizionano le cellule su un vetrino. Il prelievo deve avvenire sul tessuto lesionato
altrimenti non è considerato valido. Questo esame è usato per punti non raggiungibili con broncoscopia)
B)IstologiciBiopsia trans bronchiale cioè prelievo di tessuto di qualche mm in corso di broncoscopia (di solito si
prende un nodulo periferico o una lesione) ,Biopsia “a cielo aperto”,Resezione chirurgica
La presenza di macrofagi pigmentati (cioè di colore scuso perché contengono particelle di smog) è obbligatorio per poter
usufruire del campione e poter fare una corretta diagnosi.

Carcinoma spino cellulare centrale


1) prelievo espettorato (si fa per 3 volte in 3 giorni consecutivi perché come l’esame per le urine ha bassa sensibilità)
2)bronco aspirato, brushing e biopsie
Se nel vetrino ci saranno 5-6 cellule mutate allora già si sospetta carcinoma
Il carcinoma deve essere stadiato (staging) cioè valutarne il livello di estensione. E graduato (grading) cioè valutarne il
livello di malignità (livello da 1 a 4 dove il 4 corrisponde a carcinoma completamente indifferenziato)
Costituisce il 30% delle forme dei carcinoma del polmone.
Carcinoma adenocarcinoma
È un carcinoma a livello periferico al contrario di quello squamoso
È raggiungibile con un lavaggio bronco-alveolare o con un ago aspirato percutaneo.
Le cellule maligne ghiandolari hanno nuclei grandi,sono ricche di nucleoli e risultano essere stratificate (non dovrebbero)
La variante di questo carcinoma, il bronchiolo alveolare, cresce nella parte distale rivestendo tutti gli alveoli cellulari
Carcinoma a grandi cellule
Caratterizzato da grandi cellule.
caratteristica localizzazione periferica e notevole grado di anaplasia. la biopsia rappresenta l'unico dispositivo
diagnostico in grado di differenziare il carcinoma polmonare a grandi cellule dalle altre neoformazioni polmonari
Carcinoma a piccole cellule
origina dalle cellule neuroendocrine dei grossi bronchi, caratterizzato da elevata malignità.
Di solito i linfonodi in un carcinoma risultano essere marroni o neri invece in questo carcinoma sono bianchi.
Le cellule piccole tumorali hanno un nucleo granuloso e scuro
Questo tumore viene diagnosticato tramite esame citologico dell’espettorato, broncoscopia e biopsia
Carcinoma della pleura mesotelioma
Il mesotelioma si presenta macroscopicamente come un ispessimento della pleura, generalmente diffuso, più raramente
nodulare
È di origine cellulare mista. Può essere origine di diversi processi patologici quali pleurite o versamento pleurico.
Il liquido pleurico di un mesotelioma mostra un sacco di eritrociti che sono caratteristici della presenza di un tumore.
L’esposizione all’amianto ha aumentato la presenza di questo tumore.
Diagnosi differenziale per il mesotelioma
-Processi reattivi/iperplastici della sierosa
-Proliferazioni epiteliali
-Proliferazioni del mesenchima subpleurico  pleurite cronica fibrosa e tumore fibroso solitario
-Tumori metastatici