Sei sulla pagina 1di 158

Manuale dell’utente

Flir Tools/Tools+

3.1
Manuale dell’utente
Flir Tools/Tools+

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT iii


Sommario

1 Dichiarazione di non responsabilità.....................................................1


1.1 Dichiarazione di non responsabilità............................................... 1
1.2 Statistiche di utilizzo .................................................................. 1
1.3 Modifiche al registro .................................................................. 1
1.4 Copyright ................................................................................ 1
1.5 Certificazione di qualità .............................................................. 2
2 Nota per l'utente................................................................................3
2.1 Forum degli utenti ..................................................................... 3
2.2 Formazione ............................................................................. 3
2.3 Aggiornamenti della documentazione............................................ 3
2.4 Aggiornamenti del software ......................................................... 3
2.5 Nota importante sul manuale ....................................................... 3
2.6 Ulteriori informazioni sulla licenza ................................................. 3
3 Assistenza ai clienti ...........................................................................4
3.1 Info generali............................................................................. 4
3.2 Invio di una domanda................................................................. 4
3.3 Download................................................................................ 4
4 Che cos'è Flir Tools/Tools+? ...............................................................5
5 Installazione .....................................................................................6
5.1 Requisiti di sistema ................................................................... 6
5.1.1 Sistema operativo .......................................................... 6
5.1.2 Hardware ..................................................................... 6
5.2 Installazione di Flir Tools/Tools+ ................................................... 6
5.2.1 Installazione in Windows XP ............................................. 6
5.2.2 Installazione in Microsoft Windows Vista e Windows 7............ 7
6 Attivazione di Flir Tools+ ....................................................................8
7 Gestione delle licenze ........................................................................9
7.1 Registrazione del prodotto .......................................................... 9
7.1.1 Info generali .................................................................. 9
7.1.2 Figura .......................................................................... 9
7.1.3 Procedura .................................................................... 9
7.2 Attivazione della licenza ............................................................. 9
7.2.1 Info generali .................................................................. 9
7.2.2 Figura ........................................................................ 10
7.2.3 Attivazione online di Flir Tools/Tools+................................ 10
7.2.4 Attivazione di Flir Tools/Tools+ per posta elettronica............. 10
7.3 Trasferimento della licenza........................................................ 11
7.3.1 Info generali ................................................................ 11
7.3.2 Figura ........................................................................ 12
7.3.3 Procedura .................................................................. 12
7.4 Attivazione di moduli software aggiuntivi ...................................... 12
7.4.1 Info generali ................................................................ 12
7.4.2 Figura ........................................................................ 13
7.4.3 Procedura .................................................................. 13
8 Guida introduttiva............................................................................ 14
8.1 Procedura ............................................................................. 14
9 Flusso di lavoro............................................................................... 15
9.1 Info generali........................................................................... 15
9.2 Figura .................................................................................. 15
9.3 Descrizione ........................................................................... 15
10 Formati di file supportati .................................................................. 16
10.1 Info generali........................................................................... 16
10.2 Formati file radiometrici ............................................................ 16
10.3 Formati di file non radiometrici supportati ..................................... 16

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT v


Sommario

11 Elementi della schermata e pulsanti della barra degli strumenti ............ 17


11.1 Elementi della finestra: scheda Libreria........................................ 17
11.1.1 Figura ........................................................................ 17
11.1.2 Descrizione................................................................. 17
11.2 Elementi della finestra: scheda Termocamera ............................... 17
11.2.1 Figura ........................................................................ 18
11.2.2 Descrizione................................................................. 18
11.3 Elementi della finestra: scheda Report......................................... 19
11.3.1 Figura ........................................................................ 19
11.3.2 Descrizione................................................................. 19
11.4 Elementi della finestra: finestra di modifica dell'immagine (per
immagini statiche) ...................................................................20
11.4.1 Figura ........................................................................ 20
11.4.2 Descrizione................................................................. 20
11.5 Elementi della finestra: finestra di modifica dell'immagine (per
filmati)...................................................................................21
11.5.1 Figura ........................................................................ 21
11.5.2 Descrizione................................................................. 21
11.6 Pulsanti della barra degli strumenti (nella scheda
Termocamera) ........................................................................21
11.6.1 Figura ........................................................................ 21
11.6.2 Descrizione................................................................. 21
11.7 Pulsanti della barra degli strumenti (nella finestra di modifica
dell'immagine) ........................................................................22
11.7.1 Figura ........................................................................ 22
11.7.2 Descrizione................................................................. 22
11.8 Pulsanti della barra degli strumenti (nella finestra di modifica del
report) ..................................................................................22
11.8.1 Figura ........................................................................ 22
11.8.2 Descrizione................................................................. 22
11.9 Scheda Panoramica ................................................................ 23
11.9.1 Figura ........................................................................ 23
11.9.2 Descrizione................................................................. 23
12 Collegamento e controllo di una termocamera .................................... 24
12.1 Procedura ............................................................................. 24
13 Importazione di immagini dalla termocamera...................................... 25
13.1 Procedura ............................................................................. 25
14 Gestione di immagini e cartelle ......................................................... 26
14.1 Raggruppamento di file ............................................................ 26
14.1.1 Info generali ................................................................ 26
14.1.2 Procedura .................................................................. 26
14.2 Salvataggio di un fotogramma di un file di sequenza come file *.
jpg non radiometrico ................................................................26
14.2.1 Info generali ................................................................ 26
14.2.2 Procedura .................................................................. 26
14.3 Salvataggio di un file di sequenza come file *.avi............................ 26
14.3.1 Info generali ................................................................ 26
14.3.2 Procedura .................................................................. 26
14.4 Eliminazione di immagini .......................................................... 26
14.4.1 Info generali ................................................................ 26
14.4.2 Procedura .................................................................. 26
14.5 Aggiunta di una directory .......................................................... 27
14.5.1 Info generali ................................................................ 27
14.5.2 Procedura .................................................................. 27
14.6 Eliminazione di una directory ..................................................... 27
14.6.1 Info generali ................................................................ 27

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT vi


Sommario

14.6.2 Procedura .................................................................. 27


14.7 Creazione di una sottocartella.................................................... 27
14.7.1 Info generali ................................................................ 27
14.7.2 Procedura .................................................................. 27
15 Analisi delle immagini ...................................................................... 29
15.1 Aggiunta di uno strumento di misurazione .................................... 29
15.1.1 Info generali ................................................................ 29
15.1.2 Procedura .................................................................. 29
15.2 Spostamento di uno strumento di misurazione .............................. 29
15.2.1 Info generali ................................................................ 29
15.2.2 Procedura .................................................................. 29
15.3 Ridimensionamento di uno strumento di misurazione...................... 29
15.3.1 Info generali ................................................................ 29
15.3.2 Procedura .................................................................. 29
15.4 Eliminazione di uno strumento di misurazione ............................... 30
15.4.1 Info generali ................................................................ 30
15.4.2 Procedura .................................................................. 30
15.5 Utilizzo delle isoterme .............................................................. 30
15.5.1 Info generali ................................................................ 30
15.5.2 Impostazione delle isoterme generali (Sopra, Sotto) ............ 30
15.5.3 Impostazione delle isoterme generali (Intervallo) ................. 31
15.5.4 Impostazione di un'isoterma umidità ................................. 31
15.5.5 Impostazione di un'isoterma isolamento ............................ 31
15.5.6 Impostazione di un'isoterma personalizzata ....................... 32
15.6 Modifica dei livelli di temperatura................................................ 33
15.6.1 Info generali ................................................................ 33
15.6.2 Perché modificare i livelli di temperatura? .......................... 33
15.6.3 Figura ........................................................................ 34
15.6.4 Modifica del livello superiore........................................... 34
15.6.5 Modifica del livello inferiore ............................................ 34
15.6.6 Modifica contemporanea dei livelli superiore e
inferiore ......................................................................34
15.7 Regolazione automatica dell'immagine ........................................ 35
15.7.1 Info generali ................................................................ 35
15.7.2 Figura ........................................................................ 35
15.7.3 Procedura .................................................................. 35
15.8 Modifica della tavolozza ........................................................... 35
15.8.1 Info generali ................................................................ 35
15.8.2 Procedura .................................................................. 35
15.9 Esportazione dei valori di temperatura come valori separati da
virgola...................................................................................36
15.9.1 Info generali ................................................................ 36
15.9.2 Procedura .................................................................. 36
16 Utilizzo delle annotazioni.................................................................. 37
16.1 Informazioni sull'aggiunta di descrizioni alle immagini ..................... 37
16.1.1 Cos'è una descrizione di immagine?................................. 37
16.2 Informazioni sull'aggiunta di annotazioni di testo ............................ 37
16.2.1 Cos'è un'annotazione di testo?........................................ 37
16.2.2 Definizione di etichetta e valore ....................................... 37
16.2.3 Creazione di un'annotazione di testo per
un'immagine ................................................................38
16.2.4 Creazione di un modello di annotazione di testo.................. 38
17 Creazione di panoramiche ................................................................ 39
17.1 Info generali........................................................................... 39
17.2 Figura .................................................................................. 39

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT vii


Sommario

17.3 Procedura ............................................................................. 39


18 Creazione di un foglio immagine ....................................................... 40
18.1 Info generali........................................................................... 40
18.2 Figura .................................................................................. 40
18.3 Procedura ............................................................................. 40
19 Creazione di report .......................................................................... 41
19.1 Info generali........................................................................... 41
19.2 Figura .................................................................................. 41
19.3 Procedura: impostazione di un modello di report predefinito ............. 42
19.4 Procedura: report in formato PDF ............................................... 42
19.5 Attività comuni relative ai report in formato PDF ............................. 42
19.6 Procedura: report in formato Microsoft Word ................................. 43
20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word............................................. 44
20.1 Creazione di un modello di report ............................................... 44
20.1.1 Info generali ................................................................ 44
20.1.2 Creazione di un modello di report di analisi a infrarossi
personalizzato .............................................................44
20.2 Gestione degli oggetti nel report................................................. 46
20.2.1 Inserimento di oggetti.................................................... 46
20.2.2 Collegamento di oggetti ................................................. 51
20.2.3 Ridimensionamento di oggetti ......................................... 52
20.2.4 Eliminazione di oggetti .................................................. 52
20.2.5 Strumenti di misurazione dell'oggetto Visualizzatore
IR..............................................................................52
20.2.6 Formule ..................................................................... 56
20.2.7 Fusione di immagini ...................................................... 60
20.3 Proprietà documento ............................................................... 62
20.3.1 Info generali ................................................................ 62
20.3.2 Tipi di proprietà del documento ....................................... 62
20.3.3 Creazione e modifica delle proprietà del documento di
Microsoft Word.............................................................62
20.3.4 Modifica del prefisso per una proprietà del report ................ 63
20.3.5 Creazione e collegamento di un campo di Microsoft
Word a una proprietà del documento.................................64
20.4 Sezione di riferimento software .................................................. 64
20.4.1 Scheda Flir Tools+........................................................ 64
20.4.2 Oggetto Visualizzatore IR............................................... 66
20.4.3 Oggetto Foto digitale..................................................... 70
20.4.4 Oggetto Profilo IR......................................................... 71
20.4.5 Oggetto Istogramma IR ................................................. 72
20.4.6 Oggetto Tendenza IR .................................................... 73
20.4.7 Oggetto Campo ........................................................... 74
20.4.8 Oggetto Tabella ........................................................... 75
20.4.9 Oggetto Tabella riepilogativa........................................... 75
20.4.10 Finestra di dialogo di Flir Tools+ ...................................... 76
20.5 Formati file supportati nell'ambito dell'oggetto Visualizzatore
IR ...................................................................................... 100
21 Aggiornamento del software della termocamera e del PC................... 101
21.1 Aggiornamento del software del PC .......................................... 101
21.1.1 Info generali .............................................................. 101
21.1.2 Procedura ................................................................ 101
21.2 Aggiornamento del firmware della termocamera .......................... 101
21.2.1 Info generali .............................................................. 101
21.2.2 Procedura ................................................................ 101

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT viii


Sommario

22 Modifica delle impostazioni ............................................................ 102


22.1 Impostazioni relative a Flir Tools/Tools+ ..................................... 102
22.1.1 Info generali .............................................................. 102
22.1.2 Procedura ................................................................ 102
22.2 Impostazioni relative alle termocamere serie Flir K ....................... 102
22.2.1 Info generali .............................................................. 102
22.2.2 Scheda General settings.............................................. 103
22.2.3 Scheda User interface................................................. 104
22.2.4 Descrizione delle diverse modalità della
termocamera ............................................................. 105
23 Informazioni su Flir Systems........................................................... 108
23.1 Molto di più di una semplice termocamera ad infrarossi ................. 109
23.2 Le competenze della società a disposizione del cliente ................. 109
23.3 Una società dedicata al supporto dei clienti ................................ 109
23.4 Alcune foto degli stabilimenti ................................................... 110
24 Glossario...................................................................................... 111
25 Tecniche di misurazione termografica.............................................. 114
25.1 Introduzione ........................................................................ 114
25.2 Emissività ........................................................................... 114
25.2.1 Come stabilire l'emissività di un campione ....................... 114
25.3 Temperatura apparente riflessa................................................ 117
25.4 Distanza ............................................................................. 117
25.5 Umidità relativa .................................................................... 117
25.6 Altri parametri ...................................................................... 117
26 Storia della tecnologia ad infrarossi ................................................ 119
27 Teoria della termografia.................................................................. 122
27.1 Introduzione ........................................................................ 122
27.2 Lo spettro elettromagnetico..................................................... 122
27.3 Radiazione del corpo nero ...................................................... 122
27.3.1 La legge di Planck ...................................................... 123
27.3.2 La legge di spostamento di Wien ................................... 124
27.3.3 Legge di Stefan-Boltzmann .......................................... 125
27.3.4 Emettitori diversi dai corpi neri ...................................... 126
27.4 Materiali semitrasparenti agli infrarossi ...................................... 127
28 La formula di misurazione .............................................................. 129
29 Tabelle di emissività....................................................................... 133
29.1 Bibliografia .......................................................................... 133
29.2 Tabelle ............................................................................... 133

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT ix


1 Dichiarazione di non
responsabilità

1.1 Dichiarazione di non responsabilità


Tutti gli articoli prodotti da Flir Systems sono garantiti contro difetti nei materiali e di mano
d'opera per un periodo di un (1) anno dalla data di spedizione dell'acquisto originale. Ta-
le garanzia è valida solo nel caso in cui il prodotto sia stato conservato, utilizzato ed og-
getto di manutenzione in accordo con le istruzioni fornite da Flir Systems.
I prodotti non costruiti da Flir Systems ma inclusi nei sistemi spediti da Flir Systems al-
l'acquirente originale, mantengono la garanzia, se disponibile, prevista soltanto dal parti-
colare fornitore. Flir Systems non è da ritenersi in alcun modo responsabile per tali
prodotti.
Poiché la garanzia vale esclusivamente per l'acquirente originale, non è in alcun modo
possibile trasferirla. Inoltre, tale garanzia non è valida per qualsivoglia prodotto utilizzato
in modo improprio ed in condizioni di funzionamento anormali o accidentali. Le parti di ri-
cambio sono escluse dalla garanzia.
Nell'eventualità in cui si riscontrino difetti in uno dei prodotti coperti dalla presente garan-
zia, sospendere l'utilizzo del prodotto in modo da impedire che si verifichino danni ag-
giuntivi. L'acquirente è tenuto a comunicare prontamente a Flir Systems la presenza di
eventuali difetti o malfunzionamenti; in caso contrario, la presente garanzia non è da in-
tendersi effettiva.
Flir Systems ha la facoltà di decidere, a sua sola discrezione, se riparare o sostituire gra-
tuitamente qualsiasi prodotto nell'eventualità in cui, dopo aver effettuato i debiti accerta-
menti, il prodotto risulti essere realmente difettoso sia nei materiali che nella lavorazione
e purché esso venga restituito a Flir Systems entro detto periodo di un anno.
Gli obblighi e le responsabilità diFlir Systems in materia di guasti sono da intendersi limi-
tati alle clausole sopra enunciate.
Pertanto, nessun'altra garanzia è da considerarsi espressa o implicita. Flir Systems di-
sconosce specificamente qualunque garanzia implicita di commerciabilità ed idoneità
del prodotto per usi particolari.
Flir Systems non è da ritenersi in alcun modo responsabile di eventuali danni diretti, indi-
retti, particolari, accidentali o conseguenti, siano essi basati su contratto, illecito civile o
altri fondamenti giuridici.
Questa garanzia è disciplinata dalla legge svedese.
Le eventuali vertenze, controversie o rivendicazioni originate da o collegate a questa ga-
ranzia, verranno risolte in modo definitivo tramite arbitrato in conformità con le Regole
dell'Arbitration Institute della Camera di Commercio di Stoccolma. La sede dell'arbitrato
sarà Stoccolma e la lingua da utilizzare nel procedimento arbitrale sarà l'inglese.

1.2 Statistiche di utilizzo


Flir Systems si riserva il diritto di raccogliere statistiche di utilizzo anonime per consentire
il mantenimento e il miglioramento della qualità dei suoi software e servizi.

1.3 Modifiche al registro


La voce del registro HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Control\Lsa
\LmCompatibilityLevel verrà modificata automaticamente a livello 2 se il servizio Flir Ca-
mera Monitor rileva una termocamera Flir collegata al computer con un cavo USB. La
modifica verrà eseguita solo se il dispositivo implementa un servizio di rete remoto che
supporta gli accessi di rete.

1.4 Copyright
© 2013, Flir Systems, Inc.. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte del software, compreso il
codice sorgente, può essere riprodotta, trasmessa, trascritta o tradotta in qualsiasi lingua
o linguaggio informatico, in qualunque forma o mediante qualsivoglia supporto

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 1


1 Dichiarazione di non responsabilità

elettronico, magnetico, ottico, manuale o di altro tipo, senza previa autorizzazione scritta
di Flir Systems.
La presente documentazione non può essere, né in toto né in parte, copiata, fotocopiata,
riprodotta, tradotta o trasmessa in forma leggibile su qualsiasi supporto o dispositivo
elettronico senza previo consenso scritto da parte di Flir Systems.
I nomi e i marchi visibili sui prodotti accompagnati dal presente documento sono marchi
registrati o marchi di proprietà di Flir Systems e/o relative filiali. Tutti gli altri marchi, nomi
commerciali o di società citati nel presente documento sono usati unicamente a scopo di
identificazione ed appartengono ai rispettivi proprietari.

1.5 Certificazione di qualità


Il Sistema per la gestione della qualità in base al quale vengono sviluppati e realizzati i
prodotti FLIR ha ottenuto la certificazione ISO 9001.
Flir Systems è impegnata a perseguire una politica di continuo sviluppo, pertanto l'azien-
da si riserva il diritto di apportare modifiche e migliorie a tutti i prodotti, senza previa
notifica.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 2


2 Nota per l'utente

2.1 Forum degli utenti


Nei forum degli utenti è possibile scambiare idee, problemi e soluzioni termografiche con
altri operatori di tutto il mondo. Per accedere ai forum, visitare il sito:
http://www.infraredtraining.com/community/boards/

2.2 Formazione
Per informazioni sui corsi disponibili relativi alla termografia, visitare il sito:
• http://www.infraredtraining.com
• http://www.irtraining.com
• http://www.irtraining.eu

2.3 Aggiornamenti della documentazione


I manuali FLIR vengono aggiornati più volte all'anno. Inoltre pubblichiamo regolarmente
notifiche relative alle modifiche di prodotto.
Per accedere ai manuali ed alle notifiche più recenti, passare alla scheda Download
all'indirizzo:
http://support.flir.com
La registrazione online richiede solo pochi minuti. Nell'area Download sono inoltre dispo-
nibili le versioni più recenti dei manuali di tutti i prodotti FLIR attuali, storici ed obsoleti.

2.4 Aggiornamenti del software


Flir Systems pubblica regolarmente aggiornamenti. È possibile aggiornare il software uti-
lizzando questo servizio di aggiornamento. In base al software in uso, questo servizio è
disponibile in una o entrambe le seguenti posizioni:
• Start > Flir Systems > [Software] > Cerca aggiornamenti.
• Guida > Cerca aggiornamenti.

2.5 Nota importante sul manuale


Flir Systems pubblica manuali generici relativi a diverse varianti software all'interno di
una suite.
Nel presente manuale potrebbero pertanto essere presenti descrizioni e spiegazioni non
applicabili a una variante software particolare.

2.6 Ulteriori informazioni sulla licenza


Per ogni licenza software acquistata, il software può essere installato, attivato e utilizzato
su due dispositivi, ad esempio su un computer portatile per l'acquisizione dei dati sul po-
sto e su un computer desktop per eseguire le analisi in ufficio.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 3


3 Assistenza ai clienti

3.1 Info generali


Per ottenere l'assistenza clienti, visitare il sito:
http://support.flir.com

3.2 Invio di una domanda


Per sottoporre una domanda al team dell'assistenza clienti è necessario essere un uten-
te registrato. La registrazione online richiede solo pochi minuti e non è obbligatoria inve-
ce per cercare domande e risposte esistenti nella knowledge base.
Quando si desidera sottoporre una domanda, tenere a portata di mano le seguenti
informazioni:
• Modello di termocamera
• Numero di serie della termocamera
• Protocollo o tipo di collegamento fra la termocamera ed il dispositivo (ad esempio, ,
Ethernet, USB o FireWire)
• Tipo di dispositivo (PC/Mac/iPhone/iPad/dispositivo Android, ecc.)
• Versione di tutti i programmi di Flir Systems
• Nome completo, numero di pubblicazione e versione del manuale

3.3 Download
Dal sito dell'assistenza clienti è inoltre possibile scaricare quanto segue:
• Aggiornamenti del firmware per la termocamera.
• Aggiornamenti del programma per il software del PC/Mac.
• Freeware e versioni di valutazione di software per PC/Mac
• Documentazione utente per prodotti correnti, obsoleti e storici.
• Disegni meccanici (in formato *.dxf e *.pdf).
• Modelli di dati Cad (in formato *.stp).
• Esempi di applicazioni.
• Schede tecniche.
• Cataloghi di prodotti.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 4


4 Che cos'è Flir Tools/Tools+?

Flir Tools/Tools+ è una suite di software progettata specificamente per fornire in modo
semplice l'aggiornamento della termocamera e creare report di ispezione.
Di seguito sono illustrati alcuni esempi delle operazioni che è possibile eseguire in Flir
Tools/Tools+:
• Importare immagini dalla termocamera sul computer.
• Applicare filtri durante la ricerca di immagini.
• Disporre, spostare e ridimensionare strumenti di misurazione su qualsiasi immagine
ad infrarossi.
• Raggruppare e separare i file.
• Creare panoramiche unendo più immagini piccole in modo da creare un'immagine più
grande.
• Creare fogli immagine PDF di qualsiasi immagine desiderata.
• Aggiungere intestazioni, piè di pagina e logo ai fogli immagine.
• Creare report in formato PDF/Microsoft Word per le immagini desiderate.
• Aggiungere intestazioni, piè di pagina e logo ai report
• Aggiornare la termocamera con il firmware più recente.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 5


5 Installazione

5.1 Requisiti di sistema

5.1.1 Sistema operativo


Flir Tools/Tools+ supporta la comunicazione USB 2.0 per i seguenti sistemi operativi del
PC:
• Microsoft Windows XP, 32 bit, SP3
• Microsoft Windows Vista, 32 bit, SP1
• Microsoft Windows 7, 32 bit
• Microsoft Windows 7, 64 bit

5.1.2 Hardware
Microsoft Windows XP:
• PC con un processore Intel 800 MHz Pentium, AMD Opteron, AMD Athlon 64 o AMD
Athlon XP
• 1 GB di RAM
• 20 GB di spazio disponibile su disco
• Unità CD-ROM o DVD-ROM
• Monitor SVGA (1024 × 768) o risoluzione superiore
• Accesso Internet necessario per aggiornamenti dal Web
• Tastiera e mouse o altro dispositivo di puntamento compatibile
Microsoft Windows Vista e Windows 7:
• PC con processore 1 GHz 32-bit (x86)
• 1 GB di RAM
• Disco rigido da 40 GB con almeno 15 GB di spazio disponibile
• Unità DVD-ROM
• Supporto per grafica DirectX 9 con:
• Driver WDDM
• 128 MB di memoria grafica (minimo)
• Pixel Shader 2.0 nell'hardware
• 32 bit per pixel.
• Monitor SVGA (1024 × 768) o risoluzione superiore
• Accesso Internet (possibili costi aggiuntivi).
• Uscita audio
• Tastiera e mouse o altro dispositivo di puntamento compatibile

5.2 Installazione di Flir Tools/Tools+

5.2.1 Installazione in Windows XP


NOTA
Prima di installare Flir Tools/Tools+, attenersi alla procedura seguente:
1. Chiudere tutti i programmi.
2. Disinstallare qualsiasi versione precedente di Flir Tools/Tools+.
3. Disinstallare qualsiasi driver e Language Pack correlato a Flir Tools/Tools+.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 6


5 Installazione

5.2.1.1 Procedura
Attenersi alla procedura seguente:
1. Inserire il CD/DVD di installazione di Flir Tools/Tools+ nell'apposita unità CD/DVD.
L'installazione si avvia automaticamente.
Se l'installazione non dovesse avviarsi, procedere come descritto di seguito:
1. Fare doppio clic su Risorse del computer sul Desktop.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'unità CD/DVD e fare clic su
Esplora.
3. Fare doppio clic su SETUP.EXE.
4. Passare al punto 2.
2. Flir Tools/Tools+ richiede alcuni prerequisiti.
Se questi non sono già installati nel computer, scegliere OK quando verrà chiesto se
si desidera installare il software.
3. Flir Tools/Tools+ richiede Microsoft .NET Framework 4.0.
Se tale software non è già installato nel computer, scegliere OK quando verrà chiesto
se si desidera installarlo.
L'installazione di Microsoft .NET Framework 4.0 richiederà alcuni minuti.
4. Nella finestra di dialogo della procedura guidata di installazione di Flir Tools/Tools+,
scegliere Avanti.
5. Nella finestra di dialogo del contratto di licenza, leggere con attenzione il contratto e
accettarlo, quindi scegliere Avanti.
6. Nella finestra di dialogo delle informazioni cliente, immettere i propri dati e scegliere
Avanti.
7. Fare clic su Installa.
8. Fare clic su Fine.
Se viene richiesto di riavviare il computer, riavviarlo.

5.2.2 Installazione in Microsoft Windows Vista e Windows 7


NOTA
Prima di installare Flir Tools/Tools+, chiudere tutti i programmi.

5.2.2.1 Procedura
Attenersi alla procedura seguente:
1. Inserire il CD/DVD di installazione di Flir Tools/Tools+ nell'apposita unità CD/DVD.
L'installazione si avvia automaticamente.
2. Nella finestra di dialogo Autoplay, fare clic su Esegui setup.exe (Published by Flir
Systems).
3. Nella finestra di dialogo Controllo account utente, confermare che si desidera instal-
lare Flir Tools/Tools+.
4. Nella finestra di dialogo Programma pronto per l'installazione, fare clic su Installa.
5. Fare clic su Fine. L'installazione è stata completata. Riavviare il computer, se
richiesto.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 7


6 Attivazione di Flir Tools+

Flir Tools+ aggiunge numerose funzionalità a Flir Tools, ad esempio la registrazione e la


riproduzione di file video radiometrici, il tracciamento in funzione delle variabili tempo-
temperatura, la generazione di report Microsoft Word, il raggruppamento di file, l'unione
di immagini per creare panoramiche e molto altro ancora.
Per attivare Flir Tools+, attenersi alla procedura seguente:
1. Nel menu Guida, fare clic su Opzioni licenza.
2. Per Flir Tools+, fare clic su Applica.
3. Riavviare il programma.
In questo modo sarà disponibile una versione di valutazione di Flir Tools+ valida per
30 giorni. Se si desidera utilizzare il programma dopo questo intervallo di tempo, sarà
necessario acquistarlo.
Per ulteriori informazioni, vedere la sezione 7.4 Attivazione di moduli software aggiuntivi,
pagina 12.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 8


7 Gestione delle licenze

7.1 Registrazione del prodotto

7.1.1 Info generali


È importante registrare il prodotto acquistato. La registrazione dà diritto a:
• Aggiornamenti del programma gratuiti
• Assistenza tecnica gratuita illimitata all'indirizzo http://support.flir.com.
• Segnalazione di nuove versioni

7.1.2 Figura

Figura 7.1 Modulo di registrazione

7.1.3 Procedura
NOTA
Durante questa procedura il computer deve disporre dell'accesso a Internet.

Attenersi alla procedura seguente:


Per registrare il prodotto, compilare i campi obbligatori e fare clic su Registra.

7.2 Attivazione della licenza

7.2.1 Info generali


Al primo avvio di Flir Tools/Tools+ sarà possibile scegliere una delle seguenti opzioni:
• Attivazione online di Flir Tools/Tools+
• Attivazione di Flir Tools/Tools+ per posta elettronica
• Acquisto di Flir Tools/Tools+ e ricezione di un numero di serie per l'attivazione
• Utilizzo gratuito di Flir Tools/Tools+ per un periodo di prova

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 9


7 Gestione delle licenze

7.2.2 Figura

Figura 7.2 Finestra di dialogo di attivazione del prodotto

7.2.3 Attivazione online di Flir Tools/Tools+


NOTA
Durante questa procedura il computer deve disporre dell'accesso a Internet.

Attenersi alla procedura seguente:


1. Avviare Flir Tools/Tools+.
2. Nella finestra di dialogo per l'attivazione sul Web selezionare Possiedo un numero di
serie e desidero attivare Flir Tools/Tools+.
3. Fare clic su Avanti.
4. Immettere il numero di serie, il nome, la società e l'indirizzo di posta elettronica. Il no-
me deve corrispondere a quello del titolare della licenza.
5. Fare clic su Avanti.
6. Fare clic su Attiva ora. Viene avviato il processo di attivazione sul Web.
7. Quando viene visualizzato il messaggio Attivazione online eseguita correttamente,
fare clic su Chiudi.
Flir Tools/Tools+ è stato attivato.

7.2.4 Attivazione di Flir Tools/Tools+ per posta elettronica

NOTA
Durante questa procedura il computer deve disporre dell'accesso a Internet.

Attenersi alla procedura seguente:


1. Avviare Flir Tools/Tools+.
2. Nella finestra di dialogo per l'attivazione sul Web fare clic su Attiva il prodotto per po-
sta elettronica.
3. Immettere il numero di serie, il nome, la società e l'indirizzo di posta elettronica. Il no-
me deve corrispondere a quello del titolare della licenza.
4. Fare clic su Richiedi codice di sblocco per posta elettronica.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 10


7 Gestione delle licenze

5. Il client di posta elettronica predefinito viene aperto e viene visualizzato un messag-


gio non inviato contenente le informazioni sulla licenza.

NOTA
Inviare il messaggio di posta elettronica senza modificarne il contenuto.

Il messaggio di posta elettronica consente di inviare le informazioni sulla licenza al


centro di attivazione.
6. Scegliere Avanti per avviare il programma. A questo punto, sarà possibile utilizzare il
programma in attesa del codice di sblocco. Il messaggio contenente il codice di
sblocco verrà inoltrato entro i due giorni successivi.
7. Dopo aver ricevuto il messaggio di posta elettronica contenente il codice di sblocco,
avviare il programma e immettere il codice di sblocco nella casella di testo. Vedere la
figura seguente.

Figura 7.3 Finestra di dialogo del codice di sblocco

7.3 Trasferimento della licenza

7.3.1 Info generali


È possibile trasferire la licenza da un computer a un altro a condizione che non venga su-
perato il numero di licenze acquistate.
È pertanto consentito, ad esempio, l'utilizzo del software su un desktop e su un laptop.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 11


7 Gestione delle licenze

7.3.2 Figura

Figura 7.4 Finestra di visualizzazione della licenza (solo immagine di esempio)

7.3.3 Procedura
NOTA
Durante questa procedura il computer deve disporre dell'accesso a Internet.

Attenersi alla procedura seguente:


1. Avviare Flir Tools/Tools+.
2. Nel menu Guida selezionare Mostra informazioni sulla licenza. Verrà aperta la fine-
stra di visualizzazione della licenza mostrata sopra.
3. Nella finestra di visualizzazione della licenza fare clic su Trasferisci licenza. Verrà vi-
sualizzata una finestra di dialogo per la disattivazione.
4. Nella finestra di dialogo per la disattivazione fare clic su Disattiva.
5. Avviare Flir Tools/Tools+ sul computer al quale si intende trasferire la licenza.
All'accesso in Internet del computer la licenza verrà automaticamente assegnata.

NOTA
L'assegnazione della licenza si basa sul metodo "first come, first serve", ovvero al primo computer che
accede a Internet viene automaticamente assegnata la licenza trasferita.

7.4 Attivazione di moduli software aggiuntivi

7.4.1 Info generali


Per alcuni software, è possibile acquistare moduli aggiuntivi da Flir Systems. Prima di
poter utilizzare il modulo, è necessario attivarlo.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 12


7 Gestione delle licenze

7.4.2 Figura

Figura 7.5 Finestra di visualizzazione della licenza, contenente i moduli software disponibili (solo immagi-
ne di esempio)

7.4.3 Procedura
NOTA
Durante questa procedura il computer deve disporre dell'accesso a Internet.

Attenersi alla procedura seguente:


1. Scaricare e installare il modulo software. I moduli software vengono in genere conse-
gnati sotto forma di schede di tipo "gratta e vinci" contenenti un collegamento per il
download.
2. Avviare Flir Tools/Tools+.
3. Nel menu Guida selezionare Mostra informazioni sulla licenza. Verrà aperta la fine-
stra di visualizzazione della licenza mostrata sopra.
4. Selezionare il modulo acquistato.
5. Fare clic su Codice di attivazione.
6. Sulla scratchcard grattare il campo per visualizzare il codice di attivazione.
7. Immettere il codice nel campo di testo Codice di attivazione.
8. Fare clic su OK.
A questo punto, il modulo software è attivato.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 13


8 Guida introduttiva

8.1 Procedura
Attenersi alla procedura seguente:
1. Installare Flir Tools/Tools+ nel computer in uso.
2. Connettere la termocamera al computer mediante un cavo USB.
3. Avviare Flir Tools/Tools+.
4. Fare clic su Importa e attenersi alle istruzioni visualizzate sullo schermo per spostare
le immagini dalla termocamera a una cartella di destinazione sul computer in uso.
5. Nella scheda Libreria, selezionare le immagini che si desidera includere nel report.
6. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla serie di immagini e selezionare Crea
report.
7. Allegare il file di report in formato PDF/Microsoft Word a un messaggio di posta elet-
tronica nel relativo client e inviare il report al proprio client.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 14


9 Flusso di lavoro

9.1 Info generali


Quando si esegue un'ispezione con una termocamera, si procede in base a un flusso di
lavoro tipico. In questa sezione viene illustrato un esempio di flusso di lavoro per ispezio-
ni di questo tipo.

9.2 Figura

9.3 Descrizione
1. Utilizzare la termocamera per acquisire le immagini termiche e/o le foto digitali.
2. Collegare la termocamera al PC mediante un connettore USB.
3. Importare le immagini dalla termocamera in Flir Tools/Tools+.
4. Effettuare una delle operazioni seguenti:
• Creare un report in formato PDF in Flir Tools.
• Creare un report in formato Microsoft Word in Flir Tools+.
5. Inviare il report al proprio client come allegato a un messaggio di posta elettronica.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 15


10 Formati di file supportati

10.1 Info generali


Flir Tools/Tools+ supporta diversi formati di file sia radiometrici sia non radiometrici.

10.2 Formati file radiometrici


Flir Tools/Tools+ supporta i seguenti formati di file radiometrici:
• Flir Systems radiometrico *.jpg.
• Flir Systems radiometrico *.img.
• Flir Systems radiometrico *.fff.

10.3 Formati di file non radiometrici supportati


Flir Tools/Tools+ supporta i seguenti formati di file non radiometrici:
• *.jpg.
• *.mp4 (file video)
• *.pdf (report e fogli immagine)
• *.docx (come report)

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 16


11 Elementi della schermata e
pulsanti della barra degli
strumenti

11.1 Elementi della finestra: scheda Libreria

11.1.1 Figura

11.1.2 Descrizione
1. Riquadro cartelle
2. Schede del programma:
• Termocamera.
• Libreria.
• Report.
• Panoramica.
3. Anteprima delle cartelle selezionate
4. Barra dei menu:
• Modelli.
• A tutto schermo.
• Opzioni.
• Guida.
5. Informazioni sulla termocamera
6. Visualizzazione dei dettagli per la specifica immagine selezionata
7. Riquadro delle misurazioni e dei parametri

NOTA

Un'icona nella tabella dei risultati indica che il risultato della misurazione è esterno all'interval-
lo di temperature calibrate della termocamera a infrarossi ed è pertanto incorretto. Questo fenome-
no viene denominato overflow o underflow.

Un'icona nella tabella dei risultati indica che il risultato della misurazione è troppo vicino al-
l'intervallo di temperature calibrate della termocamera a infrarossi e non è pertanto affidabile.

11.2 Elementi della finestra: scheda Termocamera


NOTA
La scheda Termocamera è disponibile solo quando una termocamera in modalità UVC è collegata al
computer.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 17


11 Elementi della schermata e pulsanti della barra degli strumenti

11.2.1 Figura

11.2.2 Descrizione
1. Area registro
2. Comandi relativi alla termocamera:
• Messa a fuoco della termocamera
• Calibrazione della termocamera
• Registrazione di una sequenza, sospensione di una sequenza e ripresa della ri-
produzione di una sequenza
• Salvataggio di una singola istantanea come file *.jpg
• Selezione dell'intervallo di misurazione
• Impostazione della velocità di registrazione

• Impostazione delle opzioni di registrazione (facendo clic sul pulsante della


barra degli strumenti).
3. Pulsante per collegare una termocamera
4. Schede del programma
5. Finestra immagine
6. Pulsanti della barra degli strumenti
7. Cursori per regolare i livelli di temperatura superiore e inferiore nella scala
8. Finestra tracciato
9. Barra dei menu:
• Modelli.
• A tutto schermo.
• Opzioni.
• Guida.
10. Riquadro delle misurazioni e dei parametri

NOTA

Un'icona nella tabella dei risultati indica che il risultato della misurazione è esterno all'interval-
lo di temperature calibrate della termocamera a infrarossi ed è pertanto incorretto. Questo fenome-
no viene denominato overflow o underflow.

Un'icona nella tabella dei risultati indica che il risultato della misurazione è troppo vicino al-
l'intervallo di temperature calibrate della termocamera a infrarossi e non è pertanto affidabile.

11. Riquadro delle annotazioni


12. Pulsante di regolazione automatica

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 18


11 Elementi della schermata e pulsanti della barra degli strumenti

11.3 Elementi della finestra: scheda Report

11.3.1 Figura

11.3.2 Descrizione
1. Visualizzazione in anteprima della pagina di report corrente
2. Schede per passare ai diversi report attualmente aperti
3. Pulsanti della barra degli strumenti
4. Visualizzazione dei dettagli della pagina di report corrente
5. Impostazione della pagina, dove è possibile selezionare logo e formato carta
6. Area per dettagli dell'oggetto immagine e comandi vocali
7. • Campo di ricerca per cercare e filtrare immagini
• Comando per modificare la cartella
• Comando per modificare la data

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 19


11 Elementi della schermata e pulsanti della barra degli strumenti

11.4 Elementi della finestra: finestra di modifica dell'immagine (per immagini


statiche)

11.4.1 Figura

11.4.2 Descrizione
1. Pulsante per le annotazioni di testo
2. Barra degli strumenti di misurazione
3. Informazioni sulla termocamera
4. Riquadro delle misurazioni e dei parametri
5. Scala temperatura
6. Pulsante Annulla
7. Pulsante di regolazione automatica, per ottimizzare la luminosità e il contrasto
dell'immagine
8. Intervallo di temperatura e controllo del livello

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 20


11 Elementi della schermata e pulsanti della barra degli strumenti

11.5 Elementi della finestra: finestra di modifica dell'immagine (per filmati)

11.5.1 Figura

11.5.2 Descrizione
1. Barra degli strumenti di misurazione
2. Informazioni sulla termocamera
3. Informazioni sul file di sequenza
4. Riquadro delle misurazioni e dei parametri
5. Area per le annotazioni di testo
6. Scala temperatura
7. Pulsante Annulla
8. Pulsante di regolazione automatica, per ottimizzare la luminosità e il contrasto
dell'immagine
9. Comandi per la riproduzione del file di sequenza
10. Intervallo di temperatura e controllo del livello
11. Pulsanti per il salvataggio del file di sequenza come immagine (da un fotogramma
specifico) o come file *.avi

11.6 Pulsanti della barra degli strumenti (nella scheda Termocamera)

NOTA
La scheda Termocamera è disponibile solo quando una termocamera in modalità UVC è collegata al
computer.

11.6.1 Figura

11.6.2 Descrizione
1. Strumento di selezione
2. Strumento Puntatore

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 21


11 Elementi della schermata e pulsanti della barra degli strumenti

3. Strumento Linea
4. Strumento Area
5. Strumento Cerchio ed ellisse
6. Strumento Ruota a sinistra/Ruota a destra
7. Strumento Zoom
8. Strumento Tavolozza colori

11.7 Pulsanti della barra degli strumenti (nella finestra di modifica


dell'immagine)

11.7.1 Figura

11.7.2 Descrizione
1. Strumento di selezione
2. Strumento Puntatore
3. Strumento Linea
4. Strumento Area
5. Strumento Cerchio ed ellisse
6. Strumento Differenza
7. Strumento Ruota a sinistra/Ruota a destra
8. Strumento Tavolozza colori

11.8 Pulsanti della barra degli strumenti (nella finestra di modifica del report)

11.8.1 Figura

11.8.2 Descrizione
1. Strumento Annotazione di testo
2. Strumento Casella di testo
3. Strumento Marcatore freccia
4. Blocca sulla griglia

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 22


11 Elementi della schermata e pulsanti della barra degli strumenti

11.9 Scheda Panoramica

11.9.1 Figura

11.9.2 Descrizione
1. Pulsanti per passare dalla visualizzazione del file di origine alla visualizzazione pano-
ramica e viceversa.
2. Pulsanti per ritagliare l'immagine panoramica, correggere la prospettiva e salvare
l'immagine panoramica.
3. Riquadro in cui vengono visualizzate tutte le immagini panoramiche create con le im-
magini selezionate.
4. Pulsanti per cambiare cartella, selezionare le immagini in base alla data e cercare
immagini.
5. Pulsanti per ingrandire e ridurre l'immagine panoramica.
6. Riquadro in cui sono visualizzati i file di origine contenuti nella cartella selezionata.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 23


12 Collegamento e controllo di una
termocamera

NOTA
È possibile collegare una termocamera ad infrarossi a Flir Tools/Tools+ e visualizzare il relativo flusso
di immagini dinamico sulla scheda Termocamera. Quando la termocamera è collegata, è possibile di-
sporre strumenti di misurazione, modificare parametri, creare tracciati e così via.

12.1 Procedura
Attenersi alla procedura seguente:
1. Accendere la termocamera ad infrarossi.
2. Collegare un cavo USB all'apposito connettore sul pannello della termocamera.
3. Collegare l'altra estremità del cavo USB all'apposito connettore sul pannello di un
computer.
4. Avviare Flir Tools/Tools+.
5. Sulla scheda Termocamera, fare clic sul pulsante Connetti.
6. Eseguire una o più delle seguenti operazioni:
• Per disporre uno strumento di misurazione, fare clic sullo strumento, quindi fare
clic sull'immagine. Ora è possibile spostare lo strumento e modificare le dimen-
sioni di alcuni strumenti.

• Per congelare il flusso di immagini dinamico, fare clic sul pulsante della
barra degli strumenti.
• Per modificare i parametri, fare clic sul campo relativo al valore del parametro de-
siderato, immettere un nuovo valore e premere Invio.
• Per creare un tracciato, definire un'area, fare clic con il pulsante destro del mou-
se sull'area, quindi selezionare Tracciato ed il tipo di tracciato desiderato.

NOTA
La scheda Termocamera è disponibile solo quando una termocamera in modalità UVC è collegata al
computer.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 24


13 Importazione di immagini dalla
termocamera

13.1 Procedura
Attenersi alla procedura seguente:
1. Avviare Flir Tools/Tools+.
2. Connettere la termocamera al computer mediante un cavo USB.

NOTA

• Per alcuni vecchi modelli di termocamera, è necessario impostare la modalità USB su MSD
(Mass Storage Device) o su MSD-UVC (Mass Storage Device-UVC).
• Se è stata collegata una termocamera serie Flir K, viene visualizzata una procedura guidata di
importazione.

3. Fare clic su Importa.

NOTA

• In alcune termocamere è possibile salvare le immagini in una scheda di memoria. Per effettuare
questa operazione, è possibile rimuovere la scheda dalla termocamera e inserirla in un lettore di
schede collegato a un computer. Selezionare quindi l'unità scheda come illustrato nella procedura
riportata sopra.
• Quando vengono importate immagini, verranno mantenute tutte le associazioni di file. Ad esempio,
se una foto digitale viene associata ad un'immagine termica nella termocamera, questa associazio-
ne verrà mantenuta in Flir Tools/Tools+. La stessa cosa è valida per annotazioni di testo, commenti
sonori, schizzi e così via.
• Le immagini importate verranno salvate come impostazione predefinita in /My Documents/FLIR.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 25


14 Gestione di immagini e cartelle

14.1 Raggruppamento di file

14.1.1 Info generali


È possibile raggruppare i file, ad esempio un'immagine termica e una foto digitale oppure
un'immagine termica e un tracciato. In caso di raggruppamento di due file, verrà creato
un collegamento e le immagini si comporteranno come una coppia durante il processo
di generazione dei report.

14.1.2 Procedura
Attenersi alla procedura seguente:
1. Passare alla scheda Libreria.
2. Nella finestra immagine selezionare due file.
3. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulle immagini e scegliere Gruppo.

14.2 Salvataggio di un fotogramma di un file di sequenza come file *.jpg non


radiometrico

14.2.1 Info generali


È possibile salvare un fotogramma di un file di sequenza come immagine *.jpg non
radiometrica.

14.2.2 Procedura
Attenersi alla procedura seguente:
1. Passare alla scheda Libreria.
2. Fare doppio clic su un file di sequenza (suffisso file *.seq).
3. Passare al punto desiderato nel file di sequenza utilizzando i comandi di
riproduzione.

4. Fare clic sul pulsante della barra degli strumenti. Ciò comporterà l'apertura di
una finestra di dialogo Salva con nome tramite cui sarà possibile passare alla posi-
zione in cui si desidera salvare il file.

14.3 Salvataggio di un file di sequenza come file *.avi

14.3.1 Info generali


È possibile salvare un file di sequenza come immagine *.avi.

14.3.2 Procedura
Attenersi alla procedura seguente:
1. Passare alla scheda Libreria.
2. Fare doppio clic su un file di sequenza (suffisso file *.seq).

3. Fare clic sul pulsante della barra degli strumenti. Ciò comporterà l'apertura di
una finestra di dialogo Salva con nome tramite cui sarà possibile passare alla posi-
zione in cui si desidera salvare il file.

14.4 Eliminazione di immagini

14.4.1 Info generali


È possibile eliminare un'immagine o un gruppo di immagini.

14.4.2 Procedura
Attenersi alla procedura seguente:
1. Passare alla scheda Libreria.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 26


14 Gestione di immagini e cartelle

2. Nella finestra immagine, selezionare l'immagine o le immagini che si desidera


eliminare.
3. Effettuare una delle operazioni seguenti:
• Premere il tasto CANC e confermare che si desidera eliminare l'immagine o le
immagini.
• Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'immagine o sulle immagini, sele-
zionare Elimina e confermare l'eliminazione.
NOTA

• Dopo avere eliminato un'immagine o un gruppo di immagini sarà possibile ripristinarle dal Cestino
del computer.
• È anche possibile rimuovere immagini eliminando il percorso in Opzioni > Libreria. La rimozione del
percorso non determina l'eliminazione delle immagini.

14.5 Aggiunta di una directory

14.5.1 Info generali


È possibile aggiungere una directory alla libreria.

14.5.2 Procedura
Attenersi alla procedura seguente:
1. Passare alla scheda Libreria.
2. Nella parte superiore del riquadro sinistro fare clic su Aggiungi cartella esistente a li-
breria. Ciò comporterà l'apertura di una finestra di dialogo Sfoglia per individuare car-
tella tramite cui sarà possibile raggiungere la directory che si desidera aggiungere.

NOTA
È possibile eliminare solo le sottocategorie. Le directory principali possono essere rimosse solo elimi-
nando il percorso in Opzioni > Libreria. La rimozione del percorso non determina l'eliminazione delle
immagini.

14.6 Eliminazione di una directory

14.6.1 Info generali


È possibile eliminare una directory dalla libreria.

14.6.2 Procedura
Attenersi alla procedura seguente:
1. Passare alla scheda Libreria.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su una directory e selezionare Elimina
directory.

NOTA
È possibile eliminare solo le sottocategorie. Le directory principali possono essere rimosse solo elimi-
nando il percorso in Opzioni > Libreria. La rimozione del percorso non determina l'eliminazione delle
immagini.

14.7 Creazione di una sottocartella

14.7.1 Info generali


È possibile creare una sottocartella in una directory esistente nella libreria.

14.7.2 Procedura
Attenersi alla procedura seguente:
1. Passare alla scheda Libreria.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 27


14 Gestione di immagini e cartelle

2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su una directory e selezionare Crea
sottocartella.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 28


15 Analisi delle immagini

15.1 Aggiunta di uno strumento di misurazione

15.1.1 Info generali


È possibile includere uno o più strumenti di misurazione in un'immagine, ad esempio un
puntatore, un'area, un cerchio o una linea.

NOTA

Un'icona nella tabella dei risultati indica che il risultato della misurazione è esterno all'intervallo di
temperature calibrate della termocamera a infrarossi ed è pertanto incorretto. Questo fenomeno viene
denominato overflow o underflow.

Un'icona nella tabella dei risultati indica che il risultato della misurazione è troppo vicino all'inter-
vallo di temperature calibrate della termocamera a infrarossi e non è pertanto affidabile.

15.1.2 Procedura
Attenersi alla procedura seguente:
1. Nella scheda Libreria, fare doppio clic su un'immagine.
2. Sulla barra degli strumenti dell'immagine, selezionare uno strumento di misurazione.
3. Per disporre lo strumento di misurazione sull'immagine, fare clic sulla posizione in cui
tale strumento deve essere allocato.
NOTA
È possibile eseguire tale operazione facendo doppio clic sull'immagine di una pagina del report, quindi
attenendosi alla procedura riportata sopra. In questo caso, viene modificata solo l'immagine nel report,
non l'immagine nella libreria.

15.2 Spostamento di uno strumento di misurazione

15.2.1 Info generali


È possibile spostare gli strumenti di misurazione che sono stati aggiunti ad un'immagine
tramite lo strumento di selezione.

15.2.2 Procedura
Attenersi alla procedura seguente:
1. Nella scheda Libreria, fare doppio clic su un'immagine.

2. Sulla barra degli strumenti dell'immagine, selezionare .


3. Sull'immagine, selezionare lo strumento di misurazione e trascinarlo in una nuova
posizione.

NOTA
È anche possibile spostare gli strumenti di misurazione sulle pagine di report. In questo caso, viene
modificata solo l'immagine nel report, non l'immagine nella libreria.

15.3 Ridimensionamento di uno strumento di misurazione

15.3.1 Info generali


È possibile ridimensionare gli strumenti di misurazione aggiunti a un'immagine, ad esem-
pio un'area, tramite lo strumento di selezione.

15.3.2 Procedura
Attenersi alla procedura seguente:
1. Nella scheda Libreria, fare doppio clic su un'immagine.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 29


15 Analisi delle immagini

2. Sulla barra degli strumenti dell'immagine, selezionare .


3. Sull'immagine, selezionare l'area di misurazione e utilizzare lo strumento di selezione
per trascinare le maniglie visualizzate intorno al riquadro dell'area:

NOTA
È anche possibile ridimensionare gli strumenti di misurazione sulle pagine di report. In questo caso,
viene modificata solo l'immagine nel report, non l'immagine nella libreria.

15.4 Eliminazione di uno strumento di misurazione

15.4.1 Info generali


È possibile eliminare qualsiasi strumento di misurazione che è stato aggiunto ad
un'immagine.

15.4.2 Procedura
Attenersi alla procedura seguente:
1. Nella scheda Libreria, fare doppio clic su un'immagine.

2. Sulla barra degli strumenti dell'immagine, selezionare .


3. Sull'immagine, selezionare lo strumento di misurazione e premere CANC.

15.5 Utilizzo delle isoterme

15.5.1 Info generali


Il comando per l'isoterma consente di applicare un colore di contrasto a tutti i pixel con
una temperatura superiore, inferiore o compresa in uno o più livelli di temperatura
impostati.
L'utilizzo di isoterme rappresenta un buon metodo per rilevare facilmente anomalie in
un'immagine termica.

15.5.2 Impostazione delle isoterme generali (Sopra, Sotto)

15.5.2.1 Info generali


Un'isoterma del tipo Sopra e Sotto colorerà aree con una temperatura sopra o sotto una
temperatura impostata.

15.5.2.2 Procedura
Attenersi alla procedura seguente:
1. Nella scheda Libreria, fare doppio clic su un'immagine.

2. Nella barra degli strumenti delle immagini fare clic su , quindi selezionare una
delle opzioni seguenti:
• Sopra.
• Sotto.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 30


15 Analisi delle immagini

3. Nel riquadro a destra prendere nota del parametro Limite. Le aree nell'immagine con
una temperatura sopra o sotto questo valore verranno colorate con il colore dell'iso-
terma. È possibile modificare questo limite, così come il colore dell'isoterma, dal me-
nu Colore.

15.5.3 Impostazione delle isoterme generali (Intervallo)

15.5.3.1 Info generali


Un'isoterma del tipo Intervallo colorerà aree con una temperatura compresa tra due tem-
perature impostate.

15.5.3.2 Procedura
Attenersi alla procedura seguente:
1. Nella scheda Libreria, fare doppio clic su un'immagine.

2. Nella barra degli strumenti fare clic su , quindi selezionare Intervallo.


3. Nel riquadro a destra prendere nota dei parametri Limite superiore e Limite inferiore.
Le aree nell'immagine con una temperatura compresa tra questi due valori verranno
colorate con il colore dell'isoterma. È possibile modificare questo limite, così come il
colore dell'isoterma, dal menu Colore.

15.5.4 Impostazione di un'isoterma umidità

15.5.4.1 Info generali


L'isoterma umidità è in grado di rilevare aree in cui è presente il rischio di crescita di muf-
fe o di conversione dell'umidità in liquido (punto di rugiada).

15.5.4.2 Procedura
Attenersi alla procedura seguente:
1. Nella scheda Libreria, fare doppio clic su un'immagine.

2. Sulla barra degli strumenti dell'immagine fare clic su , quindi selezionare Umi-
dità. A seconda dell'oggetto, alcune aree verranno colorate con un colore
dell'isoterma.
3. Nel riquadro a destra prendere nota del parametro Limite calcolato. Questa è la tem-
peratura a cui è presente il rischio di umidità. Se il parametro Limite umid. rel. è impo-
stato su 100%, questo sarà anche il punto rugiada, ovvero la temperatura a cui
l'umidità si trasforma in acqua.

NOTA
Per il parametro Limite calcolato vengono tenuti in considerazione i seguenti tre parametri:
• Umidità relativa.
• Limite umidità relativa.
• Temperatura atmosferica.

15.5.5 Impostazione di un'isoterma isolamento

15.5.5.1 Info generali


L'isoterma isolamento è in grado di rilevare aree dell'edificio per le quali può esistere una
carenza di isolamento e viene attivata quando il livello di isolamento scende al di sotto
del valore preimpostato di perdita energetica attraverso la struttura, il cosiddetto indice
termico.
Per l'indice termico, sono consigliati valori diversi a seconda del codice dell'edificio, ma i
valori tipici per i nuovi edifici sono 0,6-0,8. Per i valori raccomandati, fare riferimento alla
codifica edilizia nazionale.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 31


15 Analisi delle immagini

15.5.5.2 Procedura
Attenersi alla procedura seguente:
1. Nella scheda Libreria, fare doppio clic su un'immagine.

2. Sulla barra degli strumenti dell'immagine fare clic su , quindi selezionare Isola-
mento. A seconda dell'oggetto, alcune aree verranno colorate con un colore
dell'isoterma.
3. Nel riquadro a destra prendere nota del parametro Isolamento calcolato. Questa è la
temperatura a cui il livello di isolamento scende al di sotto di un valore preimpostato
di perdita energetica attraverso la struttura dell'edificio.

NOTA
Per il parametro Isolamento calcolato vengono tenuti in considerazione i seguenti tre parametri:
• Temperatura interna.
• Temperatura esterna.
• Indice termico.

15.5.6 Impostazione di un'isoterma personalizzata

15.5.6.1 Info generali


Un'isoterma personalizzata è un'isoterma di uno dei seguenti tipi:
• Sopra.
• Sotto.
• Intervallo.
• Umidità.
• Isolamento.
Al contrario di quanto accade con le isoterme standard, per queste isoterme personaliz-
zate è possibile specificare diversi parametri manualmente:
• Sfondo.
• Colori (colori semitrasparenti o solidi).
• Intervallo invertito (solo per l'isoterma Intervallo).

15.5.6.2 Procedura
Attenersi alla procedura seguente:
1. Nella scheda Libreria, fare doppio clic su un'immagine.

2. Nella barra degli strumenti fare clic su , quindi selezionare Isoterma


personalizzato.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 32


15 Analisi delle immagini

3. Nel riquadro a destra, specificare i seguenti parametri:


• Per Sopra e Sotto:
• Sfondo.
• Limite.
• Colore.
• Per Intervallo:
• Sfondo.
• Limite superiore.
• Limite inferiore.
• Colore.
• Intervallo invertito.
• Per Umidità:
• Sfondo.
• Colore.
• Umidità relativa.
• Limite umid. rel..
• Temp. atmosferica.
• Per Isolamento:
• Sfondo.
• Colore.
• Temperatura interna.
• Temperatura esterna.
• Indice termico.

15.6 Modifica dei livelli di temperatura

15.6.1 Info generali


Nella parte inferiore dell'immagine termica sono visualizzati due cursori. Trascinandoli a
destra o a sinistra, è possibile modificare il livello inferiore e superiore nella scala della
temperatura.

15.6.2 Perché modificare i livelli di temperatura?


La modifica manuale dei livelli di temperatura consente di semplificare il processo di
analisi di un'anomalia termica.

15.6.2.1 Esempio 1
In questa figura vengono mostrate due immagini termiche dei punti di connessione di un
cavo. Nell'immagine di sinistra è difficile fare un'analisi corretta del cavo indicato dal cer-
chio se si utilizza solo la regolazione automatica. È invece possibile analizzarlo più in
dettaglio se:
• si cambia il livello di scala della temperatura;
• si cambia il campo di scala della temperatura.
A sinistra l'immagine è regolata automaticamente. Nell'immagine a destra i livelli di tem-
peratura massimo e minimo sono stati impostati su livelli termici in prossimità dell'ogget-
to. Nella scala della temperatura a destra di ogni immagine è possibile vedere come
sono stati cambiati i livelli della temperatura.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 33


15 Analisi delle immagini

15.6.2.2 Esempio 2
In questa figura vengono mostrate due immagini termiche di un isolatore in una linea
elettrica.
Nell'immagine a sinistra il cielo freddo e la struttura della linea elettrica sono registrati al-
la temperatura minima di -26,0 °C. Nell'immagine a destra i livelli di temperatura massi-
mo e minimo sono stati impostati su livelli di temperatura in prossimità dell'isolatore. Ciò
semplifica l'analisi delle variazioni termiche sull'isolatore.

15.6.3 Figura

15.6.4 Modifica del livello superiore


Attenersi alla procedura seguente:
1. Trascinare il cursore di destra verso sinistra o destra per modificare il livello superiore
nella scala della temperatura.

15.6.5 Modifica del livello inferiore


Attenersi alla procedura seguente:
1. Trascinare il cursore di sinistra verso sinistra o destra per modificare il livello inferiore
nella scala della temperatura.

15.6.6 Modifica contemporanea dei livelli superiore e inferiore


Attenersi alla procedura seguente:
1. Per modificare contemporaneamente il livello superiore e inferiore nella scala della
temperatura, tenere premuto MAIUSC e trascinare il cursore di destra o di sinistra
verso sinistra o destra.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 34


15 Analisi delle immagini

NOTA

• È possibile regolare i livelli di temperatura tramite la rotellina del mouse.


• È possibile regolare l'intervallo di temperatura tenendo premuto il tasto CTRL durante l'utilizzo della
rotellina del mouse.
• È possibile fare doppio clic sulla scala dei livelli di temperatura per regolare automaticamente
l'immagine.
• È possibile modificare i livelli di temperatura facendo doppio clic su un'immagine su una pagina di
report, quindi trascinando i cursori. In questo caso, viene modificata solo l'immagine nel report, non
l'immagine nella libreria.

15.7 Regolazione automatica dell'immagine

15.7.1 Info generali


È possibile regolare automaticamente un'immagine o un gruppo di immagini. Quando si
regola automaticamente un'immagine, questa viene regolata affinché disponga dei mi-
gliori valori di contrasto e luminosità.

15.7.2 Figura

15.7.3 Procedura
Attenersi alla procedura seguente:
1. Per regolare automaticamente un'immagine, effettuare una delle seguenti
operazioni:
• Fare doppio clic sulla scala dei livelli di temperatura (illustrata sopra).
• Fare clic sul pulsante Auto.

NOTA
È possibile eseguire tale operazione facendo doppio clic sull'immagine di una pagina del report, quindi
attenendosi alla procedura riportata sopra. In questo caso, viene modificata solo l'immagine nel report,
non l'immagine nella libreria.

15.8 Modifica della tavolozza

15.8.1 Info generali


È possibile modificare la tavolozza utilizzata dalla termocamera per visualizzare le diffe-
renti temperature in un'immagine. Con una tavolozza diversa è possibile rendere più
semplice l'analisi di un'immagine.

15.8.2 Procedura
Attenersi alla procedura seguente:
1. Nella scheda Libreria, fare doppio clic su un'immagine.

2. Nella finestra dell'immagine fare clic sul pulsante nella barra superiore. Viene vi-
sualizzato un menu a discesa.
3. In tale menu fare clic sulla tavolozza che si desidera utilizzare.
NOTA
È possibile eseguire tale operazione facendo doppio clic sull'immagine di una pagina del report, quindi
attenendosi alla procedura riportata sopra. In questo caso, viene modificata solo l'immagine nel report,
non l'immagine nella libreria.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 35


15 Analisi delle immagini

15.9 Esportazione dei valori di temperatura come valori separati da virgola

15.9.1 Info generali


È possibile esportare valori come una matrice di valori separati da virgola per ulteriore
analisi in software esterno. Il formato file è *.csv ed è possibile aprire il file in Microsoft
Excel.

15.9.2 Procedura
Attenersi alla procedura seguente:
1. Nella scheda Libreria, fare doppio clic su un'immagine.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'immagine e selezionare Esporta imma-
gine come file csv.
È ora possibile aprire il file in Microsoft Excel.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 36


16 Utilizzo delle annotazioni

16.1 Informazioni sull'aggiunta di descrizioni alle immagini

16.1.1 Cos'è una descrizione di immagine?


Una descrizione dell'immagine è una breve descrizione sotto forma di testo libero memo-
rizzata in un file di immagine IR. Nel formato file *.jpg viene utilizzato un tag standard che
può essere recuperato da altro software.

16.1.1.1 Procedura
Attenersi alla procedura seguente:
1. Nella scheda Libreria, fare doppio clic su un'immagine.
2. Nel riquadro a destra digitare la descrizione dell'immagine nel campo sotto Descri-
zione immagine.

NOTA
Da quella posizione è possibile modificare descrizioni di immagine esistenti nelle pagine del report fi-
nale, ma non creare nuove descrizioni.

16.2 Informazioni sull'aggiunta di annotazioni di testo

16.2.1 Cos'è un'annotazione di testo?


Un'annotazione di testo è costituita da informazioni testuali su un aspetto di un immagine
ed è composta da un gruppo di paia di informazioni: etichetta e valore. Lo scopo dell'uti-
lizzo delle annotazioni di testo è rendere la creazione di report e le fasi successive di ela-
borazione più efficienti fornendo informazioni essenziali sull'immagine, ad esempio
condizioni, foto e informazioni sulla posizione di acquisizione di un'immagine.
Un'annotazione di testo è un formato di annotazione proprietario di Flir Systems e non è
possibile recuperare le annotazioni mediante software di terzi. Il concetto dipende stret-
tamente dall'interazione con l'utente. Nella termocamera l'utente può selezionare uno di
diversi valori per ciascuna etichetta, immettere valori numerici e determinare l'acquisizio-
ne dei valori di misurazione dallo schermo da parte dell'annotazione di testo.

16.2.2 Definizione di etichetta e valore


Il concetto di annotazione di testo si basa su due importanti definizioni, ovvero etichetta
e valore. Negli esempi seguenti viene spiegata la differenza tra le due definizioni.
Company Company A
Company B
Company C

Building Workshop 1
Workshop 2
Workshop 3

Section Room 1
Room 2
Room 3
Equipment Tool 1
Tool 2
Tool 3
Recommendation Recommendation 1
Recommendation 2
Recommendation 3

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 37


16 Utilizzo delle annotazioni

NOTA

• In alcune termocamere o software, le annotazioni di testo vengono definite commenti di testo o


tabelle.
• In alcune termocamere o software, etichetta viene definita campo.

16.2.3 Creazione di un'annotazione di testo per un'immagine

16.2.3.1 Info generali


In Flir Tools/Tools+ è possibile creare un'annotazione di testo per un'immagine. Per tale
operazione viene utilizzata la finestra di modifica dell'immagine.

16.2.3.2 Procedura
Attenersi alla procedura seguente:
1. Nella scheda Libreria, fare doppio clic su un'immagine.

2. Fare clic sul pulsante .


3. Impostare le etichette e i valori desiderati. Per un esempio, vedere l'immagine
seguente.

4. Fare clic su Salva e chiudi.

16.2.4 Creazione di un modello di annotazione di testo

16.2.4.1 Info generali


In Flir Tools/Tools+, è possibile creare un'annotazione di testo e trasferire tale annotazio-
ne alla termocamera in uso. A tale scopo, utilizzare la scheda Modelli.

16.2.4.2 Procedura
Attenersi alla procedura seguente:
1. Fare clic sulla scheda Modelli.
2. Fare clic sul pulsante Aggiungi nuovo modello commento di testo sulla barra degli
strumenti.
3. Creare un nome da assegnare al modello.
4. Impostare i campi e i valori desiderati. Per un esempio, vedere l'immagine seguente.

5. Collegare la termocamera a Flir Tools/Tools+.


A questo punto è possibile trasferire il modello di annotazione di testo alla termoca-
mera e utilizzarlo come modello per le successive annotazioni.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 38


17 Creazione di panoramiche

17.1 Info generali


In Flir Tools+ è possibile creare panoramiche unendo più immagini piccole in modo da
creare un'immagine più grande. Flir Tools+ analizza ogni immagine per rilevare le carat-
teristiche a livello di pixel corrispondenti alle caratteristiche dei pixel nelle altre immagini.
Sarà quindi possibile ritagliare la panoramica ed effettuare altre correzioni della
prospettiva.

17.2 Figura
Nella figura seguente è illustrata l'area di lavoro relativa alla panoramica.

17.3 Procedura
Attenersi alla procedura seguente:
1. Nella scheda Libreria selezionare le immagini che si desidera utilizzare per la crea-
zione di una panoramica.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulle immagini, quindi scegliere Combina
in immagine panoramica. Verrà aperta la scheda Panoramica.
3. A questo punto è possibile eseguire numerose attività:

• Fare clic su per ritagliare la panoramica.

• Fare clic su per effettuare una correzione della prospettiva dell'immagine.

• Fare clic su per salvare la panoramica come file immagine.

• Fare clic su per visualizzare i file di origine originali.

• Fare clic su per visualizzare la panoramica finale.


Per ulteriori informazioni, vedere la sezione 11.9 Scheda Panoramica, pagina 23.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 39


18 Creazione di un foglio immagine

18.1 Info generali


È possibile creare un foglio immagine su una o più immagini nelle cartelle.
I fogli immagine vengono salvati in formato Adobe PDF. Per scaricare il lettore gratuito,
andare all'indirizzo:
http://www.adobe.com/products/reader/

18.2 Figura

18.3 Procedura
Attenersi alla procedura seguente:
1. Sulla scheda Libreria, selezionare l'immagine o le immagini che si desidera includere
nel foglio immagine.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'immagine o sulle immagini e seleziona-
re Crea foglio immagine.
3. In Imposta pagina nel riquadro a destra, selezionare le dimensioni della pagina e il lo-
go che si desidera utilizzare.
4. In Libreria nel riquadro a destra, fare clic sul layout di pagina che si desidera
utilizzare.
5. Sul foglio immagine, fare doppio clic sull'intestazione e/o sul piè di pagina per ag-
giungere qualsiasi testo d'intestazione/piè di pagina che si desidera utilizzare.
6. Fare clic su Esporta per esportare il foglio immagine come file PDF.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 40


19 Creazione di report

19.1 Info generali


È possibile creare un report su una o più immagini nelle cartelle.
I report vengono salvati in formato Adobe PDF. Per scaricare il lettore gratuito, andare
all'indirizzo:
http://www.adobe.com/products/reader/
Per Flir Tools+, i report possono inoltre essere generati come documenti di Microsoft
Word. L'analisi avanzata potrà quindi essere svolta utilizzando le funzioni di Flir Tools+
disponibili in Microsoft Word.

19.2 Figura

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 41


19 Creazione di report

19.3 Procedura: impostazione di un modello di report predefinito


Attenersi alla procedura seguente:

1. Nella scheda Libreria fare clic su per visualizzare i modelli di report disponibili.

2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su un modello di report e quindi scegliere
Imposta come modello report predefinito.

19.4 Procedura: report in formato PDF


Attenersi alla procedura seguente:
1. Sulla scheda Libreria, selezionare l'immagine o le immagini che si desidera includere
nel report.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'immagine o sulle immagini e seleziona-
re Crea report.
3. In Imposta pagina nel riquadro a destra, selezionare le dimensioni della pagina e il lo-
go che si desidera utilizzare.
4. Sul report, fare doppio clic sull'intestazione e/o sul piè di pagina per aggiungere qual-
siasi testo d'intestazione/piè di pagina che si desidera utilizzare.
5. Fare clic su Esporta per esportare il report come file PDF.

19.5 Attività comuni relative ai report in formato PDF


Oltre alla semplice generazione di un report, è possibile eseguire una varietà di funzioni
nella visualizzazione del report:
• Trascinare un gruppo di immagini, foto e commenti di testo in un report.
• Trascinare singole immagini, foto e tabelle in un report.
• Riordinare le pagine nel report.
• Inserire testo in un report tramite caselle di testo.
• Creare e modificare annotazioni di testo.
• Modificare descrizioni delle immagini.
• Aggiungere e modificare un'intestazione o piè di pagina in un report.
• Spostare ed eliminare immagini, foto, annotazioni di testo e tabelle in un report.
• Ridimensionare le immagini in un report.
• Aggiornare le misurazioni in un'immagine termica e visualizzare istantaneamente gli
aggiornamenti nella tabella dei risultati.
• Ingrandire e ridurre una pagina di report.
• Aggiungere marcatori freccia all'immagine o qualsiasi altro oggetto nel report.
• Modificare un'immagine del report facendo doppio clic sull'immagine stessa.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 42


19 Creazione di report

19.6 Procedura: report in formato Microsoft Word


Attenersi alla procedura seguente:
1. Sulla scheda Libreria, selezionare l'immagine o le immagini che si desidera includere
nel report.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'immagine o sulle immagini e seleziona-
re Crea report.
3. Il report viene generato e verrà aperto in Microsoft Word.
4. Se si è utilizzato uno dei modelli standard di Microsoft Word al momento della gene-
razione del report, verrà visualizzata la finestra di dialogo seguente:

5. Nella finestra di dialogo immettere le informazioni sul cliente e quelle relative all'ispe-
zione nella colonna di destra. Utilizzare il tasto TAB per passare da un campo ad un
altro.
6. Fare clic su OK. Le informazioni immesse in questa finestra di dialogo sostituiranno i
relativi segnaposto nel report.

NOTA
Per questo flusso di lavoro si presuppone che le proprietà del report presentino un carattere di sottoli-
neatura (_) come prefisso, come avviene per i modelli di report standard.
Se tuttavia sono stati creati dei modelli personalizzati, è possibile che si siano create proprietà di report
con un prefisso diverso, ad esempio un segno di percentuale (%) il simbolo del dollaro ($), un cancel-
letto (#) o il nome esteso o parziale dell'azienda (ad esempio "ACME"). Per visualizzare queste proprie-
tà dopo la generazione del report, è necessario aggiornare la proprietà FLIR_ReportPropertyPrefix in
Microsoft Word. Per ulteriori informazioni vedere la sezione 20.3.4 Modifica del prefisso per una pro-
prietà del report, pagina 63

Per informazioni dettagliate sull'utilizzo dei report in Microsoft Word, vedere la sezione
20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word, pagina 44.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 43


20 Utilizzo dell'ambiente di
Microsoft Word

20.1 Creazione di un modello di report

20.1.1 Info generali


In Flir Tools+ sono disponibili svariati modelli di report (file *.dotx di Microsoft Word). Se i
modelli disponibili non soddisfano le specifiche esigenze di lavoro, è possibile creare
modelli di report di analisi a infrarossi personalizzati.

20.1.1.1 Quanti modelli di report?


È frequente l'utilizzo di modelli specifici per cliente. In tal caso, è possibile includere nel
modello le informazioni specifiche della società del cliente, invece di immetterle manual-
mente dopo aver generato il report.
Tuttavia, se diversi clienti richiedono un report di analisi a infrarossi che può essere pro-
dotto con un solo o pochi modelli, non è consigliabile inserire le informazioni specifiche
del cliente nel modello, poiché sarà possibile inserirle agevolmente dopo la generazione
del report.

20.1.1.2 Struttura tipica


Di seguito vengono riportati i tipi di pagina che possono costituire un modello di report di
analisi a infrarossi personalizzato.
• Un frontespizio
• Un certo numero di pagine differenti, contenenti combinazioni di oggetti Visualizzato-
re IR, Foto digitale, Istogramma IR, Profilo IR, Tabella, Tabella riepilogativa e così via
• Una copertina di chiusura
È possibile creare il frontespizio e la pagina di chiusura del modello di report utilizzando
le funzionalità esistenti di Microsoft Word.
Le copertine anteriore e posteriore di un modello di report di analisi a infrarossi compren-
dono in genere le seguenti informazioni:
• Nomi della società dell'utente e del cliente
• Altre informazioni di contatto
• Data corrente
• Titolo del report di analisi a infrarossi
• Logo della società dell'utente e del cliente
• Qualunque altra immagine o informazione che si desideri includere

20.1.1.3 Una nota relativa all'utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word


Poiché il generatore di report disponibile in Flir Tools+ è un componente aggiuntivo di Mi-
crosoft Word, in linea generale tutte le funzioni disponibili per la creazione di un modello
di Microsoft Word possono essere utilizzate per la creazione di modelli di report.
Flir Tools+ fornisce ulteriori comandi specifici per la gestione delle immagini e la rapporti-
stica IR, accessibili dalla scheda Flir Tools+.
Tali funzioni possono essere utilizzate insieme alle funzionalità di Microsoft Word per la
creazione di modelli di report di analisi a infrarossi.

NOTA
La creazione di modelli di report richiede familiarità nella creazione di modelli di documento in Micro-
soft Word. Per ulteriori informazioni, fare riferimento alla documentazione di Microsoft Word o alla Gui-
da in linea di Microsoft Word.
Quando si crea un modello di report personalizzato, potrebbe essere utile selezionare il comando Mo-
stra/Nascondi ¶ nella scheda Home in Microsoft Word.

20.1.2 Creazione di un modello di report di analisi a infrarossi personalizzato


È possibile creare un modello di report di analisi a infrarossi personalizzato in base a un
modello vuoto di Microsoft Word. Tuttavia, il metodo più semplice prevede la creazione

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 44


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

di un modello di report mediante la modifica di un modello esistente. In questo modo, sa-


rà possibile utilizzare gli oggetti termici esistenti già disposti sulla pagina del modello di
report e pertanto velocizzare la procedura di creazione rispetto alla creazione di un mo-
dello di report di analisi a infrarossi da zero.
È possibile creare un modello di report in tre modi diversi:
• Personalizzare un modello di report di base
• Modificare un modello di report esistente
• Creare un modello di report in base a un modello vuoto di Microsoft Word
Personalizzazione di un modello di report di base

1. Nel menu selezionare Crea un modello di report. Verrà visualizzata la finestra


di dialogo Nuovo modello.

2. Immettere il nome del modello, quindi fare clic su OK.


3. Viene aperto un modello di report con un layout di base. Per modificare il modello di
report, attenersi alle istruzioni. È inoltre possibile personalizzare il modello di report
aggiungendo e rimuovendo gli oggetti, nonché modificando le proprietà degli oggetti
come descritto nella sezione 20.2 Gestione degli oggetti nel report, pagina 46.
4. Salvare il nuovo modello di report di analisi a infrarossi. Accertarsi di salvare il model-
lo assegnando al nome di file l'estensione *.dotx.
Modifica di un modello di report esistente
1. Avviare Microsoft Word e accertarsi che tutti i report di analisi a infrarossi siano
chiusi.
2. Nella scheda File fare clic su Nuovo.
3. Nell'area Modelli disponibili, selezionare Modelli personali.
4. Nella scheda IR selezionare il modello di report di analisi a infrarossi che si desidera
utilizzare. Nell'area Crea nuovo selezionare Modello.
5. Fare clic su OK.
6. Per evitare di sovrascrivere il modello originale, salvarlo con un nome file diverso pri-
ma di apportare qualsiasi modifica. Al momento del salvataggio, assicurarsi di salva-
re il file con l'estensione *.dotx.
7. Apportare le modifiche desiderate al modello originale, ovvero aggiungere e rimuove-
re gli oggetti e modificare le proprietà degli oggetti come descritto nella sezione 20.2
Gestione degli oggetti nel report, pagina 46.
8. Salvare il nuovo modello di report di analisi a infrarossi. Accertarsi di salvare il model-
lo assegnando al nome di file l'estensione *.dotx.
Creazione di un modello di report in base a un modello vuoto di Microsoft Word
1. Avviare Microsoft Word e accertarsi che tutti i report di analisi a infrarossi siano
chiusi.
2. Nella scheda File fare clic su Nuovo.
3. Nell'area Modelli disponibili, selezionare Modelli personali.
4. Nella scheda Modelli personali selezionare Documento vuoto. Nell'area Crea nuovo
selezionare Modello.
5. Fare clic su OK.
6. Creare il modello di report. A tale scopo, aggiungere e rimuovere gli oggetti e modifi-
care le proprietà degli oggetti come descritto nella sezione 20.2 Gestione degli og-
getti nel report, pagina 46.
7. Salvare il nuovo modello di report di analisi a infrarossi. Accertarsi di salvare il model-
lo assegnando al nome di file l'estensione *.dotx.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 45


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

20.2 Gestione degli oggetti nel report


Durante la creazione di un report in base a un modello di report, gli oggetti vengono
automaticamente inseriti come segnaposto per immagini termiche, foto digitali, tabelle e
campi all'interno delle pagine del report. È inoltre possibile inserire oggetti e modificare
le relative proprietà dopo aver avviato il report in Microsoft Word, come descritto nelle
sezioni riportate di seguito.
Durante la creazione di modelli di report personalizzati, vedere la sezione 20.1 Creazio-
ne di un modello di report, pagina 44, quindi inserire gli oggetti e definire le relative pro-
prietà attenendosi alle informazioni contenute nelle sezioni riportate di seguito.
Nel report è possibile includere gli oggetti seguenti:
• Oggetto Visualizzatore IR
• Oggetto Foto digitale
• Oggetto Profilo IR
• Oggetto Istogramma IR
• Oggetto Tendenza IR
• Oggetto Campo
• Oggetto Tabella
• Oggetto Tabella riepilogativa
Le barre degli strumenti, i sottomenu, i pulsanti e gli altri elementi correlati agli oggetti
vengono descritti in dettaglio nella sezione 20.4 Sezione di riferimento software, pagina
64.

20.2.1 Inserimento di oggetti

20.2.1.1 Oggetti Visualizzatore IR e Foto digitale


Gli oggetti Visualizzatore IR e Foto digitale sono segnaposto che consentono di caricare
automaticamente le immagini termiche e visive durante la creazione di un report.
Inserimento di oggetti Visualizzatore IR e Foto digitale
1. Sulla pagina del modello posizionare il cursore in corrispondenza del punto in cui si
desidera visualizzare l'oggetto Visualizzatore IR o Foto digitale. I segnaposto verran-
no inseriti dopo e sotto il cursore.

2. Nella scheda Flir Tools+ fare clic su (per un oggetto Visualizzatore IR) o su

(per un oggetto Foto digitale). Sulla pagina verrà visualizzato un segnaposto.


Poiché si sta creando un modello, non è necessario aprire alcuna immagine termica
o fotografica.

20.2.1.2 Oggetti Profilo IR


Quando si crea un report, nell'oggetto Profilo IR verranno caricati automaticamente i va-
lori di tutti gli strumenti Linea salvati nell'immagine termica.
Inserimento di oggetti Profilo IR
1. Sulla pagina del modello fare clic in corrispondenza del punto in cui si desidera vi-
sualizzare l'oggetto Profilo IR. L'oggetto verrà inserito dopo e sotto il cursore.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 46


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

2. Nella scheda Flir Tools+ fare clic su . Verrà visualizzato un oggetto vuoto
sulla pagina.

NOTA
Per modificare le impostazioni di un oggetto Profilo IR, fare clic con il pulsante destro del mouse sull'og-
getto presente sulla pagina, quindi scegliere Impostazioni. Verrà visualizzata la finestra di dialogo Im-
postazioni profilo. Vedere la sezione 20.4.10.4 Finestra di dialogo Impostazioni profilo, pagina 89.

20.2.1.3 Oggetti Istogramma IR


Quando si crea un report, nell'oggetto Istogramma IR verrà illustrata la modalità di distri-
buzione dei pixel negli strumenti Area dell'immagine tramite una rappresentazione grafi-
ca del numero di pixel a ciascun livello di temperatura.
Inserimento di oggetti Istogramma IR
1. Sulla pagina del modello fare clic in corrispondenza del punto in cui si desidera vi-
sualizzare l'oggetto Istogramma IR. L'oggetto verrà inserito dopo e sotto il cursore.

2. Nella scheda Flir Tools+ fare clic su . Verrà visualizzato un oggetto


vuoto sulla pagina.

NOTA
Per modificare le impostazioni di un oggetto Istogramma IR, fare clic con il pulsante destro del mouse
sull'oggetto presente sulla pagina, quindi scegliere Impostazioni. Verrà visualizzata la finestra di dialo-
go Impostazioni istogramma. Vedere la sezione 20.4.10.5 Finestra di dialogo Impostazioni istogramma,
pagina 92.

20.2.1.4 Oggetti Tendenza IR


Il comportamento predefinito dell'oggetto Tendenza IR consiste nel visualizzare automa-
ticamente una tendenza relativa a tutti gli oggetti Visualizzatore IR del report, una volta
creato il report stesso. È inoltre possibile spostare manualmente le immagini nell'oggetto
Tendenza IR trascinandole.
Inserimento di oggetti Tendenza IR
1. Sulla pagina del modello fare clic in corrispondenza del punto in cui si desidera vi-
sualizzare l'oggetto Tendenza IR. L'oggetto verrà inserito dopo e sotto il cursore.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 47


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

2. Nella scheda Flir Tools+ fare clic su . Sulla pagina verrà visualizzato
un oggetto vuoto. Verrà inoltre visualizzata la finestra di dialogo Impostazioni tenden-
za (se questa finestra di dialogo non viene visualizzata, fare clic con il pulsante destro
del mouse sull'oggetto, quindi scegliere Impostazioni).

3. Nella scheda Connetti, attenersi alla seguente procedura:


1. Specificare un parametro relativo all'asse Y. A tale scopo, fare clic su Inserisci,
quindi selezionare un'etichetta e un valore rispettivamente nel riquadro a sinistra
e a destra.
2. Specificare un parametro per l'asse X: Ora, Numero di sequenza dell'immagine o
Commenti di testo.
4. Nella scheda Generale, attenersi alla seguente procedura:
1. In Generale, selezionare le opzioni relative a come verrà visualizzato l'oggetto
Tendenza IR.
2. In Campo andamento, selezionare quali immagini devono essere incluse nell'og-
getto Tendenza IR.
3. Nella casella di testo Soglia, immettere un valore che consentirà di visualizzare
una linea di base orizzontale nell'ambito dell'oggetto Tendenza IR.
5. Nella scheda Stima, attenersi alla seguente procedura:
1. In Previsione, selezionare il numero di periodi precedenti e successivi per cui l'al-
goritmo presenterà una probabile tendenza.
2. Nell'area Andamento/Tipo di regressione, selezionare l'algoritmo che si desidera
utilizzare.
6. Nella scheda Colore, selezionare i colori dei vari elementi dell'oggetto Tendenza IR.
7. Nella scheda Linea, selezionare i colori e i tipi di linee per le linee che verranno visua-
lizzate nell'ambito dell'oggetto Tendenza IR.
8. Fare clic su OK.
NOTA
Per modificare le impostazioni di un oggetto Tendenza IR, fare clic con il pulsante destro del mouse sul-
l'oggetto presente sulla pagina, quindi scegliere Impostazioni. Verrà visualizzata la finestra di dialogo
Impostazioni tendenza.

20.2.1.5 Oggetti Campo


Quando si crea un report, nell'oggetto Campo verranno caricati automaticamente i valori
o il testo associato a un'immagine termica.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 48


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

Inserimento degli oggetti Campo


1. Sulla pagina del modello fare clic in corrispondenza del punto in cui si desidera vi-
sualizzare l'oggetto Campo. L'oggetto verrà inserito dopo e sotto il cursore.

NOTA
Gli oggetti Campo non funzioneranno se vengono inseriti in una casella di testo. Solo i campi di Mi-
crosoft Word funzionano correttamente nelle caselle di testo. Tuttavia, gli oggetti Campo funziona-
no correttamente nelle tabelle di Microsoft Word.

2. Se sulla pagina sono presenti più oggetti Visualizzatore IR, verrà visualizzata la fine-
stra di dialogo Seleziona immagine IR. Selezionare l'oggetto Visualizzatore IR da col-
legare all'oggetto Campo, quindi fare clic su OK.

Se sulla pagina è presente solo un oggetto Visualizzatore IR, l'oggetto Campo verrà
automaticamente collegato a tale oggetto.
3. Nella scheda Flir Tools+ fare clic su . Verrà visualizzata la finestra di dialogo
Contenuti campo.

4. Selezionare i valori Immagine o Parametri oggetto che si desidera visualizzare nel-


l'oggetto Campo.
5. Fare clic su OK.
6. A questo punto l'oggetto Campo con i contenuti selezionati verrà visualizzato sulla
pagina.

NOTA
Per modificare il contenuto dell'oggetto Campo, fare clic con il pulsante destro del mouse sull'oggetto
presente sulla pagina, quindi scegliere Sommario. Verrà visualizzata la finestra di dialogo Contenuti
campo.

20.2.1.6 Oggetti Tabella


Quando si crea un report, nell'oggetto Tabella verranno caricati automaticamente i valori
degli eventuali strumenti di misurazione nell'immagine termica.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 49


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

Inserimento di oggetti Tabella


1. Sulla pagina del modello fare clic in corrispondenza del punto in cui si desidera vi-
sualizzare l'oggetto Tabella. L'oggetto verrà inserito dopo e sotto il cursore.
2. Nella scheda Flir Tools+ fare clic su . Verrà visualizzata la finestra di dialogo
Contenuti tabella.

3. Per ogni elemento che si desidera includere nella tabella, attenersi alla procedura
seguente:
1. Nel riquadro a sinistra dell'area Elementi tabella selezionare un oggetto nella co-
lonna Oggetto.
2. Nel riquadro a destra dell'area Elementi tabella selezionare i valori che si deside-
ra visualizzare nell'oggetto Tabella nella colonna Valori.
4. Nell'area Anteprima viene visualizzata un'anteprima strutturale della tabella. In que-
sta area è possibile eseguire le operazioni seguenti.
• Per modificare l'etichetta di un elemento della tabella, fare doppio clic sull'elemen-
to desiderato, quindi immettere una nuova etichetta.
• Per rimuovere un elemento dalla tabella, fare clic sull'elemento, quindi scegliere
Elimina.
• Per modificare l'ordine degli elementi della tabella, fare clic su un elemento, quindi
scegliere Sposta su o Sposta giù.
5. Fare clic su OK.
6. A questo punto l'oggetto Tabella con i contenuti selezionati verrà visualizzato sulla
pagina.

NOTA

• Per modificare il contenuto dell'oggetto Tabella, fare clic con il pulsante destro del mouse sull'ogget-
to presente sulla pagina, quindi scegliere Sommario. Verrà visualizzata la finestra di dialogo Conte-
nuti tabella.
• Se una tabella è collegata a un'immagine termica e si elimina la tabella o l'immagine, non sarà più
possibile ripristinare il collegamento.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 50


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

20.2.1.7 Oggetti Tabella riepilogativa


Quando si crea un report, nell'oggetto Tabella riepilogativa verranno caricati automatica-
mente i valori degli elementi precedentemente selezionati per l'inclusione nella tabella.
Inserimento di oggetti Tabella riepilogativa
1. Sulla pagina del modello fare clic in corrispondenza del punto in cui si desidera vi-
sualizzare l'oggetto Tabella riepilogativa. L'oggetto verrà inserito dopo e sotto il
cursore.
2. Nella scheda Flir Tools+ fare clic su . Verrà visualizzata la finestra di
dialogo Tabella riepilogativa.

3. Per ogni elemento che si desidera includere nella tabella riepilogativa, attenersi alla
procedura seguente:
1. Nel riquadro a sinistra dell'area Colonne, selezionare un oggetto.
2. Nel riquadro a destra dell'area Colonne selezionare il valore che si desidera vi-
sualizzare nell'oggetto Tabella.
4. Un'anteprima strutturale della tabella riepilogativa verrà visualizzata nell'area
Anteprima.
Per modificare l'etichetta di un elemento, fare doppio clic sull'elemento desiderato
nell'area Anteprima, quindi immettere una nuova etichetta.
5. Fare clic su OK.
6. A questo punto l'oggetto Tabella riepilogativa con i contenuti selezionati verrà visua-
lizzato sulla pagina.

NOTA
Per modificare il contenuto dell'oggetto Tabella riepilogativa, fare clic con il pulsante destro del mouse
sull'oggetto presente sulla pagina, quindi scegliere Sommario. Verrà visualizzata la finestra di dialogo
Tabella riepilogativa.

20.2.2 Collegamento di oggetti


In questa descrizione si presuppone che la pagina del modello contenga un oggetto Pro-
filo IR e almeno un oggetto Visualizzatore IR.
Gli oggetti collegati devono trovarsi sulla stessa pagina durante l'operazione di collega-
mento. Se il documento viene impaginato di nuovo e uno degli oggetti si sposta su una
pagina diversa, il collegamento verrà comunque conservato.
Collegamento di oggetti
1. Selezionare l'oggetto Profilo IR sulla pagina.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 51


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

2. Nella scheda Flir Tools+ fare clic su . Verrà visualizzata la finestra di dialo-
go Seleziona immagine IR.

3. Selezionare l'oggetto Visualizzatore IR a cui si desidera collegare l'oggetto Profilo IR.


4. Fare clic su OK.

20.2.3 Ridimensionamento di oggetti


Ridimensionamento di oggetti IR
1. Selezionare un oggetto Visualizzatore IR, Foto digitale, Profilo IR, Istogramma IR o
Tendenza IR sulla pagina del modello corrente.
2. Per modificare le dimensioni dell'oggetto, trascinare una delle maniglie.
Ridimensionamento di oggetti Tabella e Tabella riepilogativa
1. Selezionare un oggetto Tabella o Tabella riepilogativa presente sulla pagina del
modello.
2. Nella scheda contestuale Strumenti tabella di Microsoft Word selezionare la scheda
Layout, quindi utilizzare i controlli disponibili per modificare le dimensioni della
tabella.

20.2.4 Eliminazione di oggetti


Eliminazione di oggetti IR
1. Selezionare un oggetto Visualizzatore IR, Foto digitale, Profilo IR, Istogramma IR o
Tendenza IR sulla pagina del modello corrente.
2. Per eliminare l'oggetto, fare clic su .
Eliminazione di oggetti Tabella e Tabella riepilogativa
1. Selezionare un oggetto Tabella o Tabella riepilogativa presente sulla pagina del
modello.
2. Nella scheda contestuale Strumenti tabella di Microsoft Word selezionare la scheda
Layout. Fare clic sul pulsante Elimina, quindi scegliere Elimina tabella.
Eliminazione di oggetti Campo
NOTA
Questa procedura è valida solo per gli oggetti Campo di Flir Tools+ e non per i campi di Microsoft
Word.

1. Posizionare il cursore a sinistra dell'oggetto Campo sulla pagina del modello e fare
clic una volta. Verrà selezionato l'intero oggetto Campo.
2. Premere due volte il tasto CANC della tastiera.

20.2.5 Strumenti di misurazione dell'oggetto Visualizzatore IR


Un'immagine termica contiene informazioni di temperatura valide che possono essere vi-
sualizzate sovrapponendo diversi tipi di strumenti di misurazione, quali puntatori, profili o
aree.
È possibile accedere agli strumenti dalla barra degli strumenti Visualizzatore IR, visualiz-
zata quando si fa clic sull'oggetto Visualizzatore IR.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 52


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

Fare clic su per visualizzare lo strumento di selezione, che ha un funzionamento


analogo a quello degli strumenti di selezione dei programmi di elaborazione di testi e di
impaginazione. È possibile utilizzare lo strumento di selezione per selezionare gli stru-
menti di misurazione.

Fare clic su per visualizzare un puntatore con indicatore che può essere utilizzato
per identificare i valori di temperatura muovendolo sull'immagine termica. Se si fa clic
sull'immagine, il puntatore mobile genererà un puntatore fisso sull'immagine stessa. Per
disattivare la modalità puntatore mobile, premere il tasto ESC.

Fare clic su per creare puntatori fissi sulle immagini termiche. Il risultato della misu-
razione può quindi essere visualizzato in un oggetto Tabella.

Fare clic su per creare aree sulle immagini termiche. Il risultato della misurazione
può quindi essere visualizzato in un oggetto Tabella.

Fare clic su per creare aree ellittiche sulle immagini termiche. Il risultato della misu-
razione può quindi essere visualizzato in un oggetto Tabella.

Fare clic su per creare aree poligonali sulle immagini termiche. Il risultato della misu-
razione può quindi essere visualizzato in un oggetto Tabella.

Fare clic su per creare una linea sulle immagini termiche. Il risultato della misurazio-
ne può quindi essere visualizzato in un oggetto Profilo IR.

Fare clic su per creare una linea curva sulle immagini termiche. Il risultato della mi-
surazione può quindi essere visualizzato in un oggetto Profilo IR.

Fare clic su per calcolare la differenza tra due temperature, ad esempio due puntato-
ri o un puntatore e una temperatura massima nell'immagine. Il risultato del calcolo verrà
visualizzato sia come una descrizione comando, sia come risultato nella tabella dei risul-
tati. L'utilizzo di questa barra degli strumenti richiede l'inserimento di almeno una funzio-
ne di misurazione nell'immagine.

Fare clic su per creare un marcatore che sarà possibile spostare in qualsiasi punto
dell'immagine per indicare una zona di interesse.

Fare clic su per visualizzare un menu in cui è possibile eseguire una delle seguenti
attività:
• Inserire un'isoterma oltre un livello di temperatura. Ciò consente di assegnare un colo-
re preimpostato a tutte le aree di temperatura oltre un determinato livello in
un'immagine.
• Inserire un'isoterma al di sotto di un livello di temperatura. Ciò consente di assegnare
un colore preimpostato a tutte le aree di temperatura al di sotto di un determinato livel-
lo in un'immagine.
• Impostare un colore dell'isoterma visualizzato quando la termocamera rileva un'area
in cui potrebbe esservi un rischio di umidità nella struttura edilizia (allarme umidità).
• Impostare un colore dell'isoterma visualizzato quando la termocamera rileva quella
che potrebbe essere una carenza di isolamento in un muro (allarme isolamento).
• Inserire un'isoterma tra due livelli di temperatura. Ciò consente di assegnare un colore
preimpostato a tutte le aree di temperatura tra due livelli in un'immagine.
Per ulteriori informazioni sulle impostazioni relative alle isoterme, vedere la sezione
20.4.10.2.2 Scheda Isoterme, pagina 79.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 53


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

Fare clic su per disegnare un rettangolo attorno all'area che si desidera ingrandire.
Quando è attiva la modalità di zoom, nell'angolo superiore destro verrà visualizzata
un'immagine di anteprima che indica la posizione dell'area alla quale è stato applicato
l'ingrandimento. Per spostare l'area, fare clic e tenere premuto il pulsante sinistro del
mouse, quindi spostare il mouse nella direzione desiderata. Per uscire dalla modalità di
zoom, scegliere 1× nel menu Zoom oppure premere la barra spaziatrice sulla tastiera.

Fare clic su per visualizzare la finestra di dialogo Fusione immagine. Per ulteriori in-
formazioni sulla fusione delle immagini, vedere la sezione 20.2.7 Fusione di immagini,
pagina 60.

Fare clic su per attivare/disattivare la visualizzazione delle linee della griglia nell'og-
getto Visualizzatore IR. Per ulteriori informazioni sullo strumento Griglia, vedere la sezio-
ne 20.2.5.2 Utilizzo dello strumento Griglia, pagina 54.

20.2.5.1 Gestione degli strumenti di misurazione


Dopo aver aggiunto strumenti di misurazione quali, ad esempio, puntatori, aree e marca-
tori, a un oggetto Visualizzatore IR, a tali strumenti sarà possibile applicare azioni quali
lo spostamento, la clonazione e l'eliminazione.
Selezione di uno strumento di misurazione nell'immagine
1. Effettuare una delle operazioni seguenti:
• Per selezionare uno strumento, fare clic su di esso.
• Per selezionare gli strumenti in sequenza, in una direzione, premere TAB.
• Per selezionare gli strumenti in sequenza, nella direzione opposta, tenere premuto
il tasto MAIUSC, quindi premere TAB.
• Per selezionare più strumenti, fare clic sugli strumenti desiderati tenendo premuto
il tasto MAIUSC.
• Per selezionare tutti gli strumenti, selezionare l'oggetto Visualizzatore IR e preme-
re A.

• Per selezionare uno o più strumenti, fare clic su , quindi disegnare un rettan-
golo attorno agli strumenti che si desidera selezionare.
Spostamento di uno strumento di misurazione
1. Effettuare una delle operazioni seguenti:
• Per spostare lo strumento, premere i tasti di direzione.
• Per spostare lo strumento, utilizzare il mouse.
Clonazione degli strumenti di misurazione
1. Per clonare uno strumento, tenere premuto CTRL quando si sposta lo strumento. In
questo modo verrà creato un clone dello strumento.
Eliminazione degli strumenti di misurazione
1. Per eliminare uno strumento, attenersi a una delle seguenti procedure:
• Selezionare lo strumento e premere CANC.
• Per selezionare lo strumento, fare clic con il pulsante destro del mouse e selezio-
nare Elimina .

20.2.5.2 Utilizzo dello strumento Griglia


Grazie allo strumento Griglia, conoscendo il campo visivo dell'obiettivo e la distanza del-
l'oggetto interessato, è possibile tracciare una griglia sull'oggetto Visualizzatore IR in cui
ogni riquadro rappresenta un'area conosciuta.
È inoltre possibile tracciare una linea nell'oggetto Visualizzatore IR, quindi specificare la
lunghezza della linea.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 54


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

NOTA

• Per ottenere un calcolo accurato, è molto importante registrare la distanza corretta dell'oggetto al
momento dell'ispezione. È possibile eseguire questa operazione nella termocamera o su carta.
• Per ottenere un calcolo accurato, è molto importante inoltre che l'immagine venga presa con un an-
golo di 90° rispetto all'oggetto.

Utilizzo dello strumento Griglia


1. Selezionare un oggetto Visualizzatore IR.

2. Fare clic su per attivare la visualizzazione delle linee della griglia.


Fare clic sull'oggetto Visualizzatore IR all'esterno della griglia, ad esempio accanto
alla scala della temperatura, per visualizzare la barra degli strumenti associata
all'oggetto.

3. Per utilizzare una linea come riferimento, fare clic su sulla barra degli strumenti
dell'oggetto Visualizzatore IR, quindi disegnare una linea sull'immagine.
4. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'oggetto Visualizzatore IR, quindi sce-
gliere Impostazioni nel menu di scelta rapida.
5. Verrà visualizzata la finestra di dialogo Impostazioni immagine. Selezionare la sche-
da Impostazioni griglia.

6. Impostare la dimensione della griglia sul valore desiderato.


7. Fare clic su uno dei pulsanti di opzione disponibili, quindi attenersi a una delle se-
guenti procedure:
• Immettere i valori per la distanza e per il campo visivo.
• Selezionare una linea nell'elenco a tendina, quindi specificare la lunghezza della
linea.
8. Fare clic su OK.

9. Selezionare il pulsante sulla barra degli strumenti dell'oggetto Visualizzatore IR,


quindi spostare la griglia nella posizione desiderata. Ad esempio, è possibile allinear-
la a strutture specifiche nell'immagine, ad aree di interesse e così via.
10. Per bloccare la griglia in relazione all'immagine, selezionare la casella Blocca posi-
zione griglia nella scheda Impostazioni griglia, quindi fare clic su OK.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 55


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

20.2.6 Formule

20.2.6.1 Info generali


Flir Tools+ consente di eseguire calcoli avanzati su svariati elementi inclusi nell'immagine
termica. Una formula può contenere funzioni e operatori matematici comuni (+, –, ×, ÷ e
così via). È inoltre possibile utilizzare costanti numeriche, ad esempio π.
Ancor più rilevante è la possibilità di inserire riferimenti a risultati di misurazioni, altre for-
mule e altri dati numerici nelle formule.
NOTA
Una formula può essere utilizzata solo nell'ambito di un'unica immagine termica, ad esempio non può
essere utilizzata per calcolare la differenza tra due immagini termiche.

20.2.6.2 Creazione di una formula semplice


Creazione di una formula per il calcolo della differenza tra due puntatori
1. Inserire un oggetto Visualizzatore IR nel documento.
2. Posizionare due puntatori nell'immagine.
3. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'oggetto Visualizzatore IR, quindi sce-
gliere Formule. Verrà visualizzata la finestra di dialogo Formula.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 56


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

4. Fare clic su Inserisci per visualizzare la finestra di dialogo nella quale definire la nuo-
va formula.

5. Attenersi alla seguente procedura:

1. Fare clic su per visualizzare una finestra di dialogo.


2. Scegliere Sp2 nella casella di riepilogo a sinistra.
3. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo.
6. Fare clic sul pulsante meno per inserire un operatore matematico di sottrazione.
7. Attenersi alla seguente procedura:

1. Fare clic su per visualizzare una finestra di dialogo.


2. Scegliere Sp1 nella casella di riepilogo a sinistra.
3. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 57


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

8. Nella finestra di dialogo Formula viene visualizzata la formula con la sintassi di Flir
Systems.

9. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo Formula.


10. Fare clic su Chiudi.
11. Posizionare il cursore sotto l'oggetto Visualizzatore IR, quindi inserire un oggetto Ta-
bella. Verrà visualizzata la finestra di dialogo Contenuti tabella.
12. Attenersi alla seguente procedura:
1. Nel riquadro a sinistra dell'area Elementi tabella fare doppio clic su Formula, quin-
di selezionare la formula che si desidera creare. Le formule sono contraddistinte
dal prefisso Fo.
2. Nel riquadro a sinistra dell'area Elementi tabella selezionare la casella Valori.
Nell'area Anteprima verrà visualizzata un'anteprima strutturale della tabella.
3. Fare clic su OK.
13. Il risultato della formula viene quindi visualizzato nell'oggetto Tabella.

20.2.6.3 Creazione di una formula condizionale


Per alcune applicazioni, è ad esempio possibile visualizzare il risultato di un calcolo in
verde se il risultato è inferiore a un valore critico e in rosso se il risultato è superiore al va-
lore critico.
A tale scopo, creare una formula condizionale mediante l'istruzione IF.
Creazione di una formula condizionale mediante l'istruzione IF
1. Ripetere i passaggi da 1. a 10. della procedura descritta nella sezione 20.2.6.2 Crea-
zione di una formula semplice, pagina 56.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'oggetto Visualizzatore IR e selezionare
Formule.
3. Attenersi alla seguente procedura:
1. Fare clic su Inserisci per visualizzare la finestra di dialogo nella quale definire la
nuova formula.
2. Fare clic sul pulsante IF per visualizzare una nuova finestra di dialogo.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 58


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

4. A questo punto, impostare una formula condizionale che visualizzi il risultato della
formula Fo1 in rosso se il valore è maggiore di 2 gradi e in verde se è minore di 2
gradi.
Attenersi alla seguente procedura:

1. Fare clic su a destra della casella di testo Test logico, selezionare Fo1 nel-
l'elenco a discesa a sinistra, quindi fare clic su OK.
2. Nella casella di testo Test logico immettere >2,0. Questo valore rappresenta la
condizione.

3. Fare clic su a destra della casella di testo Valore se vero, selezionare Fo1
nell'elenco a discesa a sinistra, quindi fare clic su OK.
4. Fare clic su Colore predefinito a destra della casella di testo Valore se vero, quin-
di selezionare il colore rosso.

5. Fare clic su a destra della casella di testo Valore se falso, selezionare Fo1
nell'elenco a discesa a sinistra, quindi fare clic su OK.
6. Fare clic su Colore predefinito a destra della casella di testo Valore se falso, quin-
di selezionare il colore verde.

7. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 59


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

5. La formula condizionale completa verrà visualizzata nella finestra di dialogo Formula.


Le due stringhe di codice a 10 cifre dopo il segno di uguale rappresentano i colori.

6. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo Formula.


7. Fare clic su Chiudi.
8. Posizionare il cursore sotto l'oggetto Visualizzatore IR. Nella scheda Flir Tools+ fare
clic su . Verrà visualizzata la finestra di dialogo Contenuti campo.
9. Attenersi alla seguente procedura:
1. Nel riquadro a sinistra fare clic sulla formula condizionale precedentemente
creata.
2. Fare clic su OK.
Sotto l'immagine verrà inserito un oggetto Campo e il risultato della formula Fo1 verrà
visualizzato in rosso o in verde, a seconda dei valori misurati dei due puntatori.

NOTA
Questi tipi di formule condizionali possono essere collegati ai seguenti oggetti:
• Oggetti Campo
• Oggetti Tabella
• Oggetti Tabella riepilogativa

20.2.7 Fusione di immagini

20.2.7.1 Info generali


Flir Tools+ consente di eseguire la fusione di un'immagine termica con una foto digitale.
Questa operazione consente di semplificare l'individuazione della posizione esatta in cui
si verificano le anomalie di temperatura.

20.2.7.2 Procedura di fusione delle immagini


Fusione di un'immagine termica con un'immagine visiva
1. Inserire un oggetto Visualizzatore IR.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 60


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

2. Visualizzare la finestra di dialogo Fusione immagine. A tale scopo, effettuare una del-
le operazioni seguenti:

• Sulla barra degli strumenti dell'oggetto Visualizzatore IR fare clic su .


• Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'oggetto Visualizzatore IR, quindi
scegliere Fusione immagine nel menu di scelta rapida.

3. Fare clic su Apri immagine termica e selezionare un'immagine termica.


4. Fare clic su Apri foto e selezionare la foto digitale corrispondente.
5. Nell'immagine termica definire le posizioni di interesse spostandovi i tre mirini di
riferimento.
6. Nella foto digitale, spostare i tre mirini di riferimento nelle posizioni corrispondenti.
7. Selezionare il tipo di tecnologia di fusione delle immagini.
• Selezionare Intervallo per utilizzare un intervallo di temperatura per l'immagine ter-
mica e per utilizzare la foto digitale per le temperature inferiori e superiori. Immet-
tere i valori delle temperature nelle corrispondenti caselle di testo. Per regolare i
livelli di temperatura, trascinare i cursori nell'oggetto Visualizzatore IR dopo aver
chiuso la finestra di dialogo.
• Selezionare Sfumatura per visualizzare un'immagine sfumata che utilizza una
combinazione di pixel dell'immagine termica e pixel della foto digitale. Per regolare
i livelli di combinazione, trascinare i cursori dell'oggetto Visualizzatore IR dopo
aver chiuso la finestra di dialogo.
• Selezionare Picture In Picture (PiP) per visualizzare una parte di una foto digitale
all'interno di un'immagine termica. Nell'oggetto Visualizzatore IR sarà quindi pos-
sibile spostare in qualsiasi posizione e ridimensionare l'oggetto PiP in base a qual-
siasi dimensione all'interno della foto per visualizzare il livello di dettaglio che si
desidera applicare al report.
• Selezionare MSX per ottimizzare il contrasto dell'immagine termica. Questa tecno-
logia di fusione MSX consente di evidenziare i dettagli della fotocamera digitale al-
l'interno dell'immagine termica in modo da ottenere un'immagine termica a elevata
definizione e consentire un più rapido orientamento del soggetto.
8. Per visualizzare l'immagine risultante dalla fusione, fare clic su OK.
9. Nell'oggetto del Visualizzatore IR è possibile eseguire una o più delle operazioni se-
guenti per modificare la posizione esatta della foto digitale nell'immagine risultante
dalla fusione:
• Per spostare la foto digitale in alto, in basso, a sinistra o a destra con incrementi di
1 pixel, utilizzare i tasti di direzione sulla tastiera.
• Per ruotare la foto digitale in senso orario o antiorario con incrementi di 1 pixel, uti-
lizzare i tasti PGSU e PGGIÙ sulla tastiera.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 61


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

10. Nell'oggetto Visualizzatore IR è possibile controllare la funzionalità di fusione delle


immagini tramite il cursore disponibile nella parte inferiore dell'oggetto stesso.
Cursore per il controllo della fusione delle immagini mediante l'impostazione
dell'intervallo:

Cursore per il controllo della fusione delle immagini mediante l'impostazione della
sfumatura:

Cursore per il controllo della fusione delle immagini mediante l'impostazione della
tecnologia MSX (Multi-Spectral Dynamic Imaging):

Trascinare il cursore verso sinistra o destra per effettuare la fusione di un'immagine


termica con una foto digitale. È inoltre possibile utilizzare una delle scelte rapide
seguenti:
• Per passare all'immagine termica completa o alla foto digitale completa, fare dop-
pio clic sull'icona corrispondente a sinistra o a destra dell'indicatore.
• Per centrare il cursore sull'indicatore, fare clic con il pulsante destro del mouse su
quest'ultimo.
• Per spostare il cursore in una posizione specifica sull'indicatore, fare doppio clic
su tale posizione.
• Per spostare il cursore con piccoli incrementi a sinistra o a destra, fare clic sull'in-
dicatore a sinistra o a destra del cursore.
Per ulteriori informazioni sulla fusione delle immagini, vedere la sezione 20.4.10.7 Fine-
stra di dialogo Fusione immagine, pagina 98.

20.3 Proprietà documento

20.3.1 Info generali


Quando si crea un report di analisi a infrarossi, Flir Tools+ estrae le proprietà del docu-
mento di Microsoft Word relative al modello di report e quindi le inserisce nei corrispon-
denti campi di Microsoft Word del report finale.
È possibile utilizzare queste proprietà del documento per automatizzare numerose attivi-
tà dispendiose a livello di tempo durante la creazione di un report. Ad esempio, è possi-
bile impostare Flir Tools+ in modo che inserisca automaticamente informazioni quali il
nome, l'indirizzo e l'indirizzo di posta elettronica del luogo dell'ispezione, il nome del mo-
dello di termocamera utilizzato, il proprio indirizzo di posta elettronica e così via.

20.3.2 Tipi di proprietà del documento


Vi sono due tipi di proprietà del documento differenti:
• Proprietà di riepilogo
• Proprietà personalizzate
Delle prime è possibile cambiare unicamente i valori, mentre delle seconde è possibile
cambiare sia le etichette sia i valori.

20.3.3 Creazione e modifica delle proprietà del documento di Microsoft Word


Creazione e modifica delle proprietà del documento
1. Avviare Microsoft Word e aprire uno dei modelli di report di analisi a infrarossi (*.
dotx). I modelli di report forniti con Flir Tools+ sono disponibili nel percorso seguente:
C:\Documents and Settings\[Nome utente]\Dati applicazioni\Microsoft\Modelli\IR
2. Nella scheda File fare clic su Informazioni.
3. Nel menu a discesa Proprietà scegliere Proprietà avanzate.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 62


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

4. Nella scheda Riepilogo immettere le informazioni desiderate nelle caselle di testo


appropriate.
5. Fare clic sulla scheda Personalizza.
6. Per aggiungere una proprietà personalizzata, immettere un nome nella casella No-
me. Per semplificare l'individuazione delle proprietà personalizzate, è possibile utiliz-
zare un carattere di sottolineatura (_) come primo carattere del nome della proprietà.
7. Utilizzare la casella Tipo per specificare il tipo di proprietà.
8. Per specificare il valore della proprietà, immettere il valore desiderato nella casella
Valore.
9. Fare clic su Aggiungi per aggiungere la proprietà personalizzata all'elenco delle pro-
prietà, quindi scegliere OK.
10. Salvare il modello di report di analisi a infrarossi utilizzando un nome di file diverso
ma con la stessa estensione (*.dotx). In questo modo le proprietà di riepilogo e per-
sonalizzate vengono al modello di report di analisi a infrarossi rinominato.

NOTA

• Se si desidera modificare il nome di una proprietà personalizzata, a causa del funzionamento della
scheda Personalizza disponibile nella finestra di dialogo Proprietà di Microsoft Word sarà necessa-
rio eliminare la proprietà e quindi crearla di nuovo. Se si desidera spostare una proprietà del docu-
mento verso l'alto o verso il basso, sarà necessario ricreare l'intero elenco.
• Un campo di Microsoft Word non corrisponde a un campo inserito facendo clic sul pulsante Campo
nella scheda Flir Tools+.
• Si potrà notare che al documento è stata aggiunta automaticamente la proprietà Flir Systems. Non
rimuovere questa proprietà, che viene utilizzata da Flir Tools+ per distinguere i documenti IR dagli
altri documenti.

20.3.4 Modifica del prefisso per una proprietà del report

20.3.4.1 Info generali


Quando un report è stato generato, viene visualizzata una finestra di dialogo Proprietà
report. In tale finestra è possibile immettere informazioni sul cliente e sull'ispezione. Le
informazioni immesse in questa finestra di dialogo andranno a sostituire i segnaposto
corrispondenti nel report.
Se tuttavia sono stati creati dei modelli personalizzati, è possibile che si siano create pro-
prietà di report con un prefisso diverso, ad esempio un segno di percentuale (%) il sim-
bolo del dollaro ($), un cancelletto (#) o il nome esteso o parziale dell'azienda (ad
esempio "ACME"). Per visualizzare queste proprietà dopo la generazione del report, è
necessario aggiornare la proprietà FLIR_ReportPropertyPrefix.

20.3.4.2 Procedura
NOTA
In questa procedura si presuppone che si sia creato il proprio set di proprietà del report personalizzate,
utilizzando un prefisso diverso dal carattere di sottolineatura (_).

Attenersi alla procedura seguente:


1. Avviare Microsoft Word e aprire uno dei modelli di report di analisi a infrarossi (*.
dotx). I modelli di report forniti con Flir Tools+ sono disponibili nel percorso seguente:
C:\Documents and Settings\[Nome utente]\Dati applicazioni\Microsoft\Modelli\IR
2. Nella scheda File fare clic su Informazioni.
3. Nel menu a discesa Proprietà scegliere Proprietà avanzate.
4. Nella scheda Riepilogo immettere le informazioni desiderate nelle caselle di testo
appropriate.
5. Fare clic sulla scheda Personalizza.
6. In Proprietà selezionare FLIR_ReportPropertyPrefix.
7. In Valore digitare il prefisso che si desidera utilizzare per le proprietà del report
personalizzate.
8. Salvare il modello di report come file *.dotx.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 63


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

20.3.5 Creazione e collegamento di un campo di Microsoft Word a una proprietà


del documento
NOTA
In questa descrizione si presuppone che siano state create proprietà di riepilogo e personalizzate co-
me descritto nella sezione 20.3.3 Creazione e modifica delle proprietà del documento di Microsoft
Word, pagina 62.

Creazione e collegamento di un campo di Microsoft Word


1. In un modello di report o un modello di report di analisi a infrarossi posizionare il cur-
sore in corrispondenza del punto in cui si desidera inserire il campo.
2. Nella scheda Inserisci fare clic su Parti rapide, quindi selezionare Campo.
3. Nella casella Nome campi selezionare DOCPROPERTY.
4. Selezionare una proprietà nella casella Proprietà.
5. Fare clic su OK.

20.4 Sezione di riferimento software


In questa sezione vengono descritti in dettaglio tutti i menu, pulsanti, finestre di dialogo e
altri elementi relativi a Flir Tools+.

20.4.1 Scheda Flir Tools+


Dopo l'installazione di Flir Tools+, viene visualizzata la scheda Flir Tools+ a destra delle
schede standard nella barra multifunzione dei documenti di Microsoft Word.

Fare clic su per inserire un oggetto Visualizzatore IR per immagini termiche e file
di sequenza. Le immagini termiche o i file di sequenza contengono informazioni di tem-
peratura valide che possono essere visualizzate sovrapponendo diversi tipi di strumenti
di misurazione, quali puntatori, profili, aree e così via.

Fare clic su per inserire un oggetto Foto digitale. La foto può essere scattata con
una fotocamera digitale separata o con la videocamera digitale a colori in dotazione con
alcune termocamere a infrarossi di Flir Systems. Utilizzare questo metodo solo per inse-
rire una foto quando si progetta un modello di report. In tutti gli altri casi, per inserire una
foto scegliere Immagine nel menu Inserisci.

Fare clic su per inserire un oggetto Profilo IR. Questo tipo di oggetto contie-
ne un grafico nel quale vengono riportati i valori dei pixel lungo una linea in un'immagine
termica.

Fare clic su per inserire un oggetto Istogramma IR. Questo tipo di ogget-
to contiene un grafico nel quale viene illustrata la modalità di distribuzione dei pixel trami-
te una rappresentazione grafica del numero di pixel su ciascun livello di temperatura.

Fare clic su per inserire un oggetto Tendenza IR. Questo tipo di oggetto è
una rappresentazione grafica dei valori di misurazione o dei valori dei commenti di testo
sull'asse Y rispetto alle pagine di report di analisi a infrarossi o alle immagini termiche
sull'asse X ordinate in base all'ora, al numero di pagina o ai valori dei commenti di testo.
È inoltre possibile visualizzare le tendenze probabili in base ad algoritmi differenti.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 64


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

Fare clic su per visualizzare la finestra di dialogo Inserimento rapido. Ve-


dere la sezione 20.4.10.1 Finestra di dialogo Inserimento rapido, pagina 76. In questa fi-
nestra di dialogo è possibile creare un report selezionando un layout di pagina
predefinito o modificandone uno esistente.

Fare clic su per collegare gli oggetti IR tra loro, ad esempio un oggetto Profi-
lo IR a un oggetto Visualizzatore IR.

Fare clic su un oggetto IR, quindi fare clic su per rimuoverlo dal report.

Fare clic su per inserire un oggetto Campo nel documento corrente. Un ogget-
to Campo può essere collegato a valori o testo presenti nell'immagine termica.

Fare clic su per inserire un oggetto Tabella nel documento corrente. In un og-
getto Tabella vengono visualizzati i risultati degli strumenti di misurazione inclusi nell'im-
magine termica, nonché altre informazioni correlate all'immagine termica stessa.

Fare clic su per inserire un oggetto Tabella riepilogativa. Un oggetto


Tabella riepilogativa elenca dati IR selezionati da tutte le immagini termiche del report,
una riga per immagine.

Fare clic su per eliminare la pagina corrente.

Fare clic su per duplicare la pagina corrente e inserire la pagina dupli-


cata dopo quella corrente.
Fare clic su Proprietà report per visualizzare una finestra di dialogo in cui immettere infor-
mazioni sul cliente e sull'ispezione. Per ulteriori informazioni, vedere la sezione 20.3.4
Modifica del prefisso per una proprietà del report, pagina 63.

Fare clic su per visualizzare il sottomenu Flir. Vedere la sezione 20.4.1.1 Sottome-
nu Flir, pagina 65.

20.4.1.1 Sottomenu Flir

Il sottomenu Flir viene visualizzato quando si fa clic su nella scheda Flir Tools+.

Crea un modello di report: fare clic per aprire un modello predefinito che è possibile uti-
lizzare come base per ulteriori personalizzazioni.
Seleziona unità: fare clic per visualizzare una finestra di dialogo in cui è possibile impo-
stare le unità relative a temperature e distanze.
Applica impostazioni IRViewer a livello globale: questo comando è attivo solo quando è
selezionato un oggetto Visualizzatore IR. Fare clic per applicare a livello globale le impo-
stazioni dell'oggetto Visualizzatore IR selezionato.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 65


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

Lingua selezionata: fare clic per visualizzare una finestra di dialogo in cui è possibile im-
postare la lingua.
Informazioni su: fare clic per visualizzare una finestra di dialogo contenente le informa-
zioni sulla versione del programma.

20.4.2 Oggetto Visualizzatore IR

20.4.2.1 Info generali


Un oggetto Visualizzatore IR è un segnaposto per immagini termiche e file di sequenza.
Le immagini termiche contengono informazioni di temperatura valide che possono esse-
re visualizzate sovrapponendo diversi tipi di strumenti di misurazione, quali puntatori,
profili e aree.
L'aspetto dell'oggetto Visualizzatore IR varia a seconda che la selezione interessi un'im-
magine termina o un file di sequenza.

20.4.2.1.1 Oggetto Visualizzatore IR con un'immagine termica

L'oggetto Visualizzatore IR con un'immagine termica contiene le seguenti informazioni (i


numeri fanno riferimento alla figura precedente):
1. Immagine termica.
2. Scala temperatura
3. Cursori per regolare il livello e il campo di scala. Per regolare automaticamente un'im-
magine in modo da ottimizzarne la luminosità e il contrasto, fare clic con il pulsante
destro del mouse su uno dei cursori. Per spostare entrambi i cursori contemporanea-
mente, tenere premuto MAIUSC, quindi spostare uno dei cursori.
4. Indica che l'immagine include un commento vocale. Fare clic per riprodurre il com-
mento vocale.
5. Indica che l'immagine include un commento di testo. Fare clic per visualizzare il com-
mento di testo.
6. Indica che il file immagine include dati GPS incorporati. Fare clic sul globo per visua-
lizzare la posizione su una mappa.
Se viene applicata la funzione di fusione delle immagini, viene visualizzato un cursore
aggiuntivo nella parte inferiore dell'oggetto Visualizzatore IR. L'aspetto del cursore di-
pende dal tipo di fusione delle immagini, come illustrato nelle figure seguenti.
Cursore per il controllo della fusione delle immagini mediante l'impostazione
dell'intervallo:

Cursore per il controllo della fusione delle immagini mediante l'impostazione della
sfumatura:

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 66


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

Cursore per il controllo della fusione delle immagini mediante l'impostazione della tecno-
logia MSX (Multi-Spectral Dynamic Imaging):

Per controllare la fusione delle immagini, trascinare il cursore verso sinistra o verso de-
stra per effettuare la fusione di un'immagine termica con una foto digitale. È inoltre possi-
bile utilizzare una delle scelte rapide seguenti:
• Per passare all'immagine termica completa o alla foto digitale completa, fare doppio
clic sull'icona corrispondente a sinistra o a destra dell'indicatore.
• Per centrare il cursore sull'indicatore, fare clic con il pulsante destro del mouse su
quest'ultimo.
• Per spostare il cursore in una posizione specifica sull'indicatore, fare doppio clic su ta-
le posizione.
• Per spostare il cursore con piccoli incrementi a sinistra o a destra, fare clic sull'indica-
tore a sinistra o a destra del cursore.
Per ulteriori informazioni sulla fusione delle immagini, vedere le sezioni 20.2.7 Fusione di
immagini, pagina 60 e 20.4.10.7 Finestra di dialogo Fusione immagine, pagina 98.

20.4.2.1.2 Oggetto Visualizzatore IR con un file di sequenza

L'oggetto Visualizzatore IR con un file di sequenza contiene le seguenti informazioni (i


numeri fanno riferimento alla figura precedente):
1. Sequenza IR.
2. Scala temperatura
3. Pulsanti di controllo per riprodurre il file di sequenza.
4. Cursori per regolare i limiti di scala.
5. Indicatore di avanzamento.
6. Indica che il file immagine include dati GPS incorporati. Fare clic sul globo per visua-
lizzare la posizione su una mappa.

20.4.2.2 Menu di scelta rapida dell'oggetto Visualizzatore IR


Il menu di scelta rapida dell'oggetto Visualizzatore IR viene visualizzato quando si fa clic
con il pulsante destro del mouse su un oggetto Visualizzatore IR.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 67


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

Apri: fare clic per aprire un'immagine nel segnaposto dell'oggetto Visualizzatore IR oppu-
re per modificare l'immagine corrente utilizzando una nuova immagine.
Salva con nome: fare clic per salvare l'immagine corrente visualizzata sul disco rigido.
Mostra scala IR: fare clic per mostrare/nascondere la scala IR all'estrema destra dell'im-
magine termica.
Mostra schizzo: fare clic per visualizzare/nascondere lo schizzo a mano libera associato
all'immagine. Non tutte le termocamere supportano la creazione di schizzi a mano libera.
Questa opzione è disponibile solo se le immagini contengono uno schizzo a mano libera.
Per alcune immagini di versioni precedenti, in presenza di marcatori, gli schizzi a mano
libera saranno visualizzati nella scheda Commenti > Schizzo. Vedere la sezione
20.4.10.2.3 Scheda Commenti, pagina 83.
Zoom: fare clic su 1×, 2×, 4× o 8× nel menu Zoom per ingrandire l'immagine visualizzata.
Impostazioni: fare clic per visualizzare la finestra di dialogo Impostazioni immagine. Ve-
dere la sezione 20.4.10.2 Finestra di dialogo Impostazioni immagine, pagina 77.
Fusione immagine: fare clic per visualizzare la finestra di dialogo Fusione immagine. Ve-
dere la sezione 20.4.10.7 Finestra di dialogo Fusione immagine, pagina 98.
Ruota a destra: fare clic per ruotare l'immagine di 90° verso destra.
Ruota a sinistra: fare clic per ruotare l'immagine di 90° verso sinistra.
Formule: fare clic per visualizzare la finestra di dialogo Formula. Vedere la sezione
20.4.10.8 Finestra di dialogo Formula, pagina 99.

20.4.2.3 Barra degli strumenti dell'oggetto Visualizzatore IR


La barra degli strumenti dell'oggetto Visualizzatore IR viene visualizzata quando un og-
getto Visualizzatore IR è selezionato.

NOTA
Se la visualizzazione della griglia è attivata, è necessario fare clic sull'oggetto Visualizzatore IR all'e-
sterno della griglia, ovvero accanto alla scala delle temperature, per visualizzare la barra degli strumen-
ti associata.

Fare clic su per visualizzare lo strumento di selezione, che ha un funzionamento


analogo a quello degli strumenti di selezione dei programmi di elaborazione di testi e di
impaginazione. È possibile utilizzare lo strumento di selezione per selezionare gli stru-
menti di misurazione.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 68


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

Fare clic su per visualizzare un puntatore con indicatore che può essere utilizzato
per identificare i valori di temperatura muovendolo sull'immagine termica. Se si fa clic
sull'immagine, il puntatore mobile genererà un puntatore fisso sull'immagine stessa. Per
disattivare la modalità puntatore mobile, premere il tasto ESC.

Fare clic su per creare puntatori fissi sulle immagini termiche. Il risultato della misu-
razione può quindi essere visualizzato in un oggetto Tabella.

Fare clic su per creare aree sulle immagini termiche. Il risultato della misurazione
può quindi essere visualizzato in un oggetto Tabella.

Fare clic su per creare aree ellittiche sulle immagini termiche. Il risultato della misu-
razione può quindi essere visualizzato in un oggetto Tabella.

Fare clic su per creare aree poligonali sulle immagini termiche. Il risultato della misu-
razione può quindi essere visualizzato in un oggetto Tabella.

Fare clic su per creare una linea sulle immagini termiche. Il risultato della misurazio-
ne può quindi essere visualizzato in un oggetto Profilo IR.

Fare clic su per creare una linea curva sulle immagini termiche. Il risultato della mi-
surazione può quindi essere visualizzato in un oggetto Profilo IR.

Fare clic su per calcolare la differenza tra due temperature, ad esempio due puntato-
ri o un puntatore e una temperatura massima nell'immagine. Il risultato del calcolo verrà
visualizzato sia come una descrizione comando, sia come risultato nella tabella dei risul-
tati. L'utilizzo di questa barra degli strumenti richiede l'inserimento di almeno una funzio-
ne di misurazione nell'immagine.

Fare clic su per creare un marcatore che sarà possibile spostare in qualsiasi punto
dell'immagine per indicare una zona di interesse.

Fare clic su per visualizzare un menu in cui è possibile eseguire una delle seguenti
attività:
• Inserire un'isoterma oltre un livello di temperatura. Ciò consente di assegnare un colo-
re preimpostato a tutte le aree di temperatura oltre un determinato livello in
un'immagine.
• Inserire un'isoterma al di sotto di un livello di temperatura. Ciò consente di assegnare
un colore preimpostato a tutte le aree di temperatura al di sotto di un determinato livel-
lo in un'immagine.
• Impostare un colore dell'isoterma visualizzato quando la termocamera rileva un'area
in cui potrebbe esservi un rischio di umidità nella struttura edilizia (allarme umidità).
• Impostare un colore dell'isoterma visualizzato quando la termocamera rileva quella
che potrebbe essere una carenza di isolamento in un muro (allarme isolamento).
• Inserire un'isoterma tra due livelli di temperatura. Ciò consente di assegnare un colore
preimpostato a tutte le aree di temperatura tra due livelli in un'immagine.

Fare clic su per disegnare un rettangolo attorno all'area che si desidera ingrandire.
Quando è attiva la modalità di zoom, nell'angolo superiore destro verrà visualizzata
un'immagine di anteprima che indica la posizione dell'area alla quale è stato applicato
l'ingrandimento. Per spostare l'area, fare clic e tenere premuto il pulsante sinistro del
mouse, quindi spostare il mouse nella direzione desiderata. Per uscire dalla modalità di
zoom, scegliere 1× nel menu Zoom oppure premere la barra spaziatrice sulla tastiera.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 69


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

Fare clic su per visualizzare la finestra di dialogo Fusione immagine. Vedere la se-
zione 20.4.10.7 Finestra di dialogo Fusione immagine, pagina 98.

Fare clic su per attivare/disattivare le linee della griglia nel grafico dell'oggetto Vi-
sualizzatore IR.

20.4.2.4 Menu di scelta rapida degli strumenti dell'oggetto Visualizzatore IR


L'aspetto del menu di scelta rapida degli strumenti dell'oggetto Visualizzatore IR dipende
dallo strumento su cui è stato fatto clic con il pulsante destro del mouse.
Cursore: (valido solo per le linee) fare clic per creare un cursore che è possibile spostare
lungo la linea.
Elimina: fare clic per rimuovere lo strumento di misurazione selezionato dall'immagine
termica.
Punto freddo: (valido per tutti gli strumenti, tranne il puntatore, il calcolo della differenza
e il marcatore) fare clic per creare un puntatore in corrispondenza della parte più fredda
dell'area.
Punto caldo: (valido per tutti gli strumenti, tranne il puntatore, il delta e il marcatore) fare
clic per creare un puntatore in corrispondenza della parte più calda dell'area.
Formule: fare clic per visualizzare la finestra di dialogo Formula. Vedere la sezione
20.4.10.8 Finestra di dialogo Formula, pagina 99.
Impostazioni: fare clic per visualizzare la finestra di dialogo Impostazioni misurazione.
Vedere la sezione 20.4.10.3 Finestra di dialogo Impostazioni misurazione, pagina 87.
Immagine: questo menu è identico al menu di scelta rapida dell'oggetto Visualizzatore
IR. Vedere la sezione 20.4.2.2 Menu di scelta rapida dell'oggetto Visualizzatore IR, pagi-
na 67.

20.4.3 Oggetto Foto digitale

20.4.3.1 Info generali


L'oggetto Foto digitale è un segnaposto delle foto. La foto può essere scattata con una
fotocamera digitale separata o con la videocamera a colori in dotazione con alcune ter-
mocamere di Flir Systems.

20.4.3.2 Menu di scelta rapida dell'oggetto Foto digitale


Il menu di scelta rapida dell'oggetto Foto digitale viene visualizzato quando si fa clic con
il pulsante destro del mouse su un oggetto Foto digitale.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 70


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

Apri: fare clic per aprire un'immagine nel segnaposto dell'oggetto Foto digitale oppure
per modificare l'immagine corrente utilizzando una nuova immagine.
Mostra schizzo: fare clic per visualizzare/nascondere lo schizzo a mano libera associato
all'immagine. Non tutte le termocamere supportano la creazione di schizzi a mano libera.
Per alcune immagini di versioni precedenti, in presenza di marcatori, gli schizzi a mano
libera verranno visualizzati/nascosti grazie a questo comando.

20.4.4 Oggetto Profilo IR

20.4.4.1 Info generali


Un oggetto Profilo IR contiene un grafico nel quale vengono riportati i valori dei pixel lun-
go una linea in un'immagine termica.

20.4.4.2 Menu di scelta rapida dell'oggetto Profilo IR


Il menu di scelta rapida dell'oggetto Profilo IR viene visualizzato quando si fa clic con il
pulsante destro del mouse su un oggetto Profilo IR.

Mostra griglia: fare clic per visualizzare una griglia di linee orizzontali all'interno dell'og-
getto Profilo IR.
Legenda: fare clic per visualizzare una legenda sotto l'oggetto Profilo IR.
Mostra solo linee del profilo visibili nella leggenda: se l'immagine termica include due o
più linee, fare clic su Mostra solo linee del profilo visibili nella leggenda per rimuovere i ri-
sultati delle eventuali linee cancellate dalla legenda sotto l'oggetto Profilo IR.
Visualizzazione 3D: fare clic per creare un rendering tridimensionale del grafico dell'og-
getto Profilo IR.
Scambia assi X e Y: fare clic per passare dall'asse X all'asse Y e viceversa dell'oggetto
Profilo IR.
Impostazioni: fare clic per visualizzare la finestra di dialogo Impostazioni profilo. Vedere
la sezione 20.4.10.4 Finestra di dialogo Impostazioni profilo, pagina 89.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 71


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

20.4.4.3 Barra degli strumenti dell'oggetto Profilo IR


La barra degli strumenti dell'oggetto Profilo IR viene visualizzata quando un oggetto Pro-
filo IR è selezionato.

Fare clic su per creare un rendering tridimensionale del grafico dell'oggetto Profilo
IR.

Fare clic su per attivare/disattivare le linee della griglia nel grafico dell'oggetto Profi-
lo IR.

20.4.5 Oggetto Istogramma IR

20.4.5.1 Info generali


Un oggetto Istogramma IR contiene un grafico nel quale viene illustrata la modalità di di-
stribuzione dei pixel tramite una rappresentazione grafica del numero di pixel su ciascun
livello di temperatura.

20.4.5.2 Menu di scelta rapida dell'oggetto Istogramma IR


Il menu di scelta rapida dell'oggetto Istogramma IR viene visualizzato quando si fa clic
con il pulsante destro del mouse su un oggetto Istogramma IR.

Mostra griglia: fare clic per visualizzare una griglia di linee orizzontali all'interno dell'og-
getto Istogramma IR.
Legenda: fare clic per visualizzare una legenda sotto l'oggetto Istogramma IR.
Visualizzazione 3D: fare clic per creare un rendering tridimensionale del grafico dell'og-
getto Istogramma IR.
Scambia assi X e Y: fare clic per passare dall'asse X all'asse Y e viceversa dell'oggetto
Istogramma IR.
Impostazioni: fare clic per visualizzare la finestra di dialogo Impostazioni istogramma.
Vedere la sezione 20.4.10.5 Finestra di dialogo Impostazioni istogramma, pagina 92.

20.4.5.3 Barra degli strumenti dell'oggetto Istogramma IR


La barra degli strumenti dell'oggetto Istogramma IR viene visualizzata quando un ogget-
to Istogramma IR è selezionato.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 72


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

Fare clic su per creare un rendering tridimensionale del grafico dell'oggetto Isto-
gramma IR.

Fare clic su per attivare/disattivare i colori del grafico dell'oggetto Istogramma IR.

Fare clic per attivare/disattivare le linee della griglia nel grafico dell'oggetto Isto-
gramma IR.

Fare clic su per utilizzare una soglia di banda nell'oggetto Istogramma IR. La soglia
di banda indica la percentuale di pixel con temperatura inferiore a un valore minimo, la
percentuale di pixel con temperatura compresa tra il valore minimo e un valore massimo
e la percentuale di pixel con temperatura superiore al valore massimo. Tali percentuali
vengono visualizzate nella legenda della soglia sotto l'oggetto Istogramma IR.

Fare clic su per utilizzare una soglia di passo nell'oggetto Istogramma IR. La soglia
di passo indica la percentuale di pixel con temperatura inferiore e superiore a un valore
specifico. Tali percentuali vengono visualizzate nella corrispondente legenda sotto l'og-
getto Istogramma IR.
Se nell'oggetto Visualizzatore IR sono state create più linee e/o aree, selezionare la linea
o l'area da visualizzare nell'elenco a discesa.

20.4.6 Oggetto Tendenza IR

20.4.6.1 Info generali


Un oggetto Tendenza IR è una rappresentazione grafica dei valori di misurazione o dei
valori dei commenti di testo sull'asse Y rispetto alle pagine di report di analisi a infrarossi
o alle immagini termiche sull'asse X ordinate in base all'ora, al numero di pagina o ai va-
lori dei commenti di testo. In un oggetto di questo tipo è inoltre possibile visualizzare le
tendenze probabili in base ad algoritmi differenti.

20.4.6.2 Menu di scelta rapida dell'oggetto Tendenza IR


Il menu di scelta rapida dell'oggetto Tendenza IR viene visualizzato quando si fa clic con
il pulsante destro del mouse su un oggetto Tendenza IR.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 73


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

Mostra griglia: fare clic per visualizzare una griglia di linee orizzontali all'interno dell'og-
getto Tendenza IR.
Legenda: fare clic per visualizzare una legenda sotto l'oggetto Tendenza IR.
Mostra solo linee del tracciato visibili nella legenda: fare clic per visualizzare le linee di
tendenza nella legenda deselezionata nella finestra di dialogo Impostazioni tendenza.
Vedere la sezione 20.4.10.6 Finestra di dialogo Impostazioni tendenza, pagina 94.
Visualizzazione 3D: fare clic per creare un rendering tridimensionale del grafico dell'og-
getto Tendenza IR.
Scambia assi X e Y: fare clic per passare dall'asse X all'asse Y e viceversa dell'oggetto
Tendenza IR.
Aggiorna: fare clic per aggiornare il grafico di tendenza.
Impostazioni: fare clic per visualizzare la finestra di dialogo Impostazioni tendenza. Ve-
dere la sezione 20.4.10.6 Finestra di dialogo Impostazioni tendenza, pagina 94.

20.4.6.3 Barra degli strumenti dell'oggetto Tendenza IR


La barra degli strumenti dell'oggetto Tendenza IR viene visualizzata quando un oggetto
Tendenza IR è selezionato.

Fare clic su per creare un rendering tridimensionale del grafico dell'oggetto Tenden-
za IR.

Fare clic su per attivare/disattivare le linee della griglia nel grafico dell'oggetto Ten-
denza IR.

20.4.7 Oggetto Campo

20.4.7.1 Info generali


Un oggetto Campo può essere collegato a valori o testo presenti nell'immagine termica.

20.4.7.2 Menu di scelta rapida dell'oggetto Campo


Il menu di scelta rapida dell'oggetto Campo viene visualizzato quando si fa clic con il pul-
sante destro del mouse su un oggetto Campo.

Bordi e sfondo: fare clic per attivare la funzione standard di Microsoft Word.
Controllo ortografia: fare clic per attivare la funzione standard di Microsoft Word.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 74


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

Sommario: fare clic per visualizzare la finestra di dialogo Contenuti campo. Vedere la se-
zione 20.2.1.5 Oggetti Campo, pagina 48.
Aggiorna: fare clic per aggiornare il contenuto dell'oggetto Campo. In genere è necessa-
rio eseguire questa operazione solo se il contenuto è stato modificato manualmente.

20.4.8 Oggetto Tabella

20.4.8.1 Info generali


In un oggetto Tabella vengono visualizzati i risultati degli strumenti di misurazione inclusi
nell'immagine termica, nonché altre informazioni correlate all'immagine termica stessa.
È possibile modificare il testo incluso nell'oggetto Tabella dopo aver creato il report. Tut-
tavia, tali modifiche verranno eliminate se si fa clic con il pulsante destro del mouse sul-
l'oggetto Tabella e si seleziona Aggiorna.

20.4.8.2 Menu di scelta rapida dell'oggetto Tabella


Il menu di scelta rapida dell'oggetto Tabella viene visualizzato quando si fa clic con il pul-
sante destro del mouse su un oggetto Tabella.

Bordi e sfondo: fare clic per attivare la funzione standard di Microsoft Word.
Controllo ortografia: fare clic per attivare la funzione standard di Microsoft Word.
Sommario: fare clic per visualizzare la finestra di dialogo Contenuti tabella. Vedere la se-
zione 20.2.1.6 Oggetti Tabella, pagina 49.
Aggiorna: fare clic per aggiornare il contenuto dell'oggetto Tabella. In genere è necessa-
rio eseguire questa operazione solo se il contenuto è stato modificato manualmente.

20.4.9 Oggetto Tabella riepilogativa

20.4.9.1 Info generali


Un oggetto Tabella riepilogativa elenca dati IR di propria scelta da tutte le immagini termi-
che del report, una riga per immagine.
È possibile modificare il testo dell'oggetto Tabella riepilogativa dopo aver creato il report.
Tuttavia, tali modifiche verranno eliminate se si fa clic con il pulsante destro del mouse
sull'oggetto Tabella riepilogativa e si seleziona Aggiorna.

20.4.9.2 Menu di scelta rapida dell'oggetto Tabella riepilogativa


Il menu di scelta rapida dell'oggetto Tabella riepilogativa viene visualizzato quando si fa
clic con il pulsante destro del mouse su un oggetto Tabella riepilogativa.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 75


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

Bordi e sfondo: fare clic per attivare la funzione standard di Microsoft Word.
Controllo ortografia: fare clic per attivare la funzione standard di Microsoft Word.
Sommario: fare clic per visualizzare la finestra di dialogo Tabella riepilogativa. Vedere la
sezione 20.2.1.7 Oggetti Tabella riepilogativa, pagina 51.
Aggiorna: fare clic per aggiornare il contenuto dell'oggetto Tabella riepilogativa. In gene-
re è necessario eseguire questa operazione solo se il contenuto è stato modificato
manualmente.

20.4.10 Finestra di dialogo di Flir Tools+

20.4.10.1 Finestra di dialogo Inserimento rapido


Nella finestra di dialogo Inserimento rapido è possibile creare un report selezionando un
layout di pagina predefinito oppure modificandone uno esistente.
La finestra di dialogo Inserimento rapido viene visualizzata quando si fa clic su Inseri-
mento rapido nella scheda Flir Tools+.

Selezionare una scheda, quindi fare clic su OK per includere un layout di pagina nel
report.
Personalizza inserimento rapido: fare clic per visualizzare la finestra di dialogo Persona-
lizza inserimento rapido. Vedere la sezione 20.4.10.1.1 Finestra di dialogo Personalizza
inserimento rapido, pagina 76.

20.4.10.1.1 Finestra di dialogo Personalizza inserimento rapido


La finestra di dialogo Personalizza inserimento rapido viene visualizzata quando si fa clic
su Personalizza inserimento rapido nella finestra di dialogo Inserimento rapido.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 76


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

Nome: nome del layout di pagina in fase di creazione.


Dimensioni > Numero di righe: numero di righe nel layout di pagina. Esempio: un'immagi-
ne termica sopra una foto equivale a due righe.
Dimensioni > Numero di colonne: numero di colonne nel layout di pagina. Esempio:
un'immagine termica accanto a una foto equivale a due colonne.
Sommario: rappresentazione visiva del layout di pagina. I numeri fanno riferimento alle ri-
ghe, mentre le lettere maiuscole fanno riferimento alle colonne.
Unisci: se questa opzione è selezionata, la funzione Unisci eseguirà l'unione degli ele-
menti orizzontali in un unico elemento. Si noti che il comando Unisci assegna la priorità
massima al primo elemento incluso in una riga.

Fare clic per visualizzare una finestra di dialogo in cui è possibile collegare due
oggetti.
Aggiungi tabella dei risultati: selezionare questa casella per inserire una tabella dei risul-
tati sotto il layout di pagina.

20.4.10.2 Finestra di dialogo Impostazioni immagine


La finestra di dialogo Impostazioni immagine viene visualizzata quando si fa clic con il
pulsante destro del mouse su un oggetto Visualizzatore IR e si sceglie Impostazioni nel
menu di scelta rapida.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 77


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

20.4.10.2.1 Scheda Colori

Colore: fare clic su una tavolozza disponibile nell'elenco per selezionarla.


Fuori campo, limite superiore superato: visualizza il colore assegnato alle temperature
superiori all'intervallo di temperature calibrate della termocamera a infrarossi.
Saturazione, limite superiore superato: visualizza il colore assegnato alle temperature
superiori ai limiti di scala.
Saturazione, limite inferiore superato: visualizza il colore assegnato alle temperature in-
feriori ai limiti di scala.
Fuori campo, limite inferiore superato: visualizza il colore assegnato alle temperature in-
feriori all'intervallo di temperature calibrate della termocamera a infrarossi.
Sfoglia: fare clic per aprire i file di tavolozza (*.pal) memorizzati in una posizione diversa.
Avanzate: fare clic per visualizzare la finestra di dialogo Impostazioni avanzate colore.
Vedere la sezione 20.4.10.2.1.1 Finestra di dialogo Impostazioni avanzate colore, pagina
78.
Temperatura massima: per definire la temperatura di livello massimo della scala, immet-
tere un valore relativo alla temperatura nella casella di testo.
Temperatura minima: per definire la temperatura di livello minimo della scala, immettere
un valore relativo alla temperatura nella casella di testo.

20.4.10.2.1.1 Finestra di dialogo Impostazioni avanzate colore


La finestra di dialogo Impostazioni avanzate colore viene visualizzata quando si fa clic su
Avanzate nella finestra di dialogo Impostazioni immagine.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 78


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

Inverti tavolozza: selezionare questa casella per invertire la distribuzione dei colori in una
tavolozza in senso verticale.
Mostra colori fuori campo: selezionare questa casella per assegnare un colore specifico
alle temperature esterne all'intervallo di temperature calibrate della termocamera a
infrarossi.
Mostra colori di saturazione: selezionare questa casella per assegnare un colore specifi-
co alle temperature esterne ai limiti di scala.
Usa filtraggio bilineare per migliorare la qualità dell'immagine: selezionare questa casella
per migliorare la qualità dell'immagine.
Equalizzazione istogramma: si tratta di un metodo di visualizzazione delle immagini in
cui le informazioni cromatiche sono distribuite uniformemente tra le temperature esistenti
dell'immagine. Questo metodo di distribuzione delle informazioni può essere particolar-
mente adatto alle immagini contenenti pochi picchi di temperatura molto elevata.
Segnale lineare: si tratta di un metodo di visualizzazione delle immagini in cui le informa-
zioni cromatiche sono distribuite in modo lineare rispetto ai valori di segnale dei pixel.
Output lineare: questa selezione funziona in combinazione con le impostazioni definite
nell'area Output preferito della scheda Preferenze. Vedere la sezione 20.4.10.2.5 Sche-
da Preferenze, pagina 86. Si tratta di un metodo di visualizzazione delle immagini in cui
le informazioni cromatiche possono essere distribuite in base alla temperatura o al se-
gnale oggetto.

20.4.10.2.2 Scheda Isoterme


Nella scheda Isoterme è possibile gestire le impostazioni relative alle isoterme e agli al-

larmi inseriti mediante lo strumento . Vedere la sezione 20.4.2.3 Barra degli strumen-
ti dell'oggetto Visualizzatore IR, pagina 68.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 79


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

Isoterme: selezionare una isoterma nell'elenco.


Elimina: fare clic per eliminare l'isoterma attiva.
Tinta unita: selezionare questa opzione per assegnare un colore pieno non trasparente
all'isoterma attiva. Selezionare il colore desiderato nell'elenco a discesa.
Contrasto: selezionare questa opzione per assegnare un colore di contrasto all'isoterma
attiva. Selezionare il colore desiderato nell'elenco a discesa.
Tavolozza: selezionare questa opzione, quindi fare clic su Apri per visualizzare e utilizza-
re una tavolozza per l'isoterma attiva.
Temperatura massima: fare clic per impostare la temperatura massima dell'isoterma atti-
va. Immettere un nuovo valore in questa casella, quindi fare clic su Applica. Le isoterme
possono esistere all'esterno dell'intervallo di temperature dell'immagine corrente. In que-
sto caso, l'isoterma non sarà visibile. Modificare la temperatura massima per far rientrare
le isoterme invisibili nell'intervallo.
Temperatura minima: fare clic per impostare la temperatura minima dell'isoterma attiva.
Immettere un nuovo valore in questa casella, quindi fare clic su Applica. Le isoterme pos-
sono esistere all'esterno dell'intervallo di temperature dell'immagine corrente. In questo
caso, l'isoterma non sarà visibile. Modificare la temperatura minima per far rientrare le
isoterme invisibili nell'intervallo.
L'aspetto della scheda Isoterme è leggermente diverso da un allarme di umidità o isola-
menti attivo. Vedere le sezioni seguenti.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 80


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

20.4.10.2.2.1 Scheda Isoterme con un allarme di umidità

Temperatura atmosferica: questo parametro si riferisce alla temperatura atmosferica al


momento dell'impostazione degli allarmi di umidità. Un allarme di umidità è un allarme in
grado di rilevare un'area in cui potrebbe esservi un rischio di umidità all'interno di una
struttura edilizia
Umidità relativa aria: questo parametro si riferisce all'umidità relativa dell'aria al momento
dell'impostazione degli allarmi di umidità.
Livello allarme umidità: il livello dell'allarme di umidità è il limite critico di umidità relativa
che si desidera rilevare, ad esempio in una struttura edilizia. Ad esempio, la muffa si svi-
luppa su aree la cui umidità relativa è inferiore al 100% e si potrebbe voler individuare tali
aree di interesse.
NOTA
Per i valori raccomandati, fare riferimento alla codifica edilizia nazionale.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 81


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

20.4.10.2.2.2 Scheda Isoterme con un allarme di isolamento

Temperatura aria interna: questo parametro si riferisce alla temperatura dell'aria all'inter-
no dell'edificio al momento dell'impostazione degli allarmi di isolamento. Un allarme di
isolamento è un allarme in grado di rilevare un'eventuale carenza di isolamento in un
muro.
Temperatura aria esterna: questo parametro si riferisce alla temperatura dell'aria all'e-
sterno dell'edificio in questione al momento dell'impostazione degli allarmi di isolamento.
Fattore di isolamento: il fattore di isolamento è la perdita di energia accettata attraverso il
muro. Sono consigliati valori diversi a seconda del codice dell'edificio, ma i valori tipici
per i nuovi edifici sono 0,70-0,80.

NOTA
Per i valori raccomandati, fare riferimento alla codifica edilizia nazionale.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 82


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

20.4.10.2.3 Scheda Commenti

Etichetta: etichetta di un commento di testo.


Valore: valore di un commento di testo.
Inserisci: fare clic per visualizzare una finestra di dialogo in cui è possibile aggiungere un
nuovo commento di testo.
Modifica: fare clic per visualizzare una finestra di dialogo in cui è possibile modificare l'e-
tichetta e il valore.
Elimina: per eliminare il commento di testo, selezionare il commento desiderato, quindi
fare clic su Elimina.
Descrizione immagine: una descrizione dell'immagine è una breve descrizione di testo
memorizzata all'interno di un file immagine. Può essere creata utilizzando un Pocket PC
e quindi trasferita alla termocamera tramite un collegamento di comunicazione IrDA. Se
l'immagine include una descrizione, il relativo testo verrà visualizzato in questa casella di
modifica. In caso contrario, è possibile aggiungere una descrizione all'immagine immet-
tendo il relativo testo. Una descrizione dell'immagine può contenere un massimo di 512
caratteri.

Fare clic su per riprodurre un commento vocale.

Fare clic su per sospendere la riproduzione corrente.

Fare clic su per interrompere la riproduzione corrente.


Schizzo: fare clic per visualizzare una finestra di dialogo in cui è possibile visualizzare lo
schizzo a mano libera associato a un'immagine. Non tutte le termocamere supportano la
creazione di schizzi a mano libera.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 83


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

20.4.10.2.4 Scheda Parametri oggetto

Emissività: per cambiare l'emissività, immettere un nuovo valore, quindi fare clic su Ap-
plica. È inoltre possibile selezionare un'emissività predefinita nella tabella facendo clic
su .
Temperatura apparente riflessa: per cambiare la temperatura apparente riflessa, immet-
tere un nuovo valore, quindi fare clic su Applica.
Temperatura atmosferica: per cambiare la temperatura atmosferica, immettere un nuovo
valore, quindi fare clic su Applica.
Umidità relativa: per cambiare l'umidità relativa, immettere un nuovo valore, quindi fare
clic su Applica.
Distanza dell'oggetto: per cambiare la distanza, immettere un nuovo valore, quindi fare
clic su Applica.
Altro: fare clic per visualizzare la finestra di dialogo Altri parametri oggetto. Vedere la se-
zione seguente.

NOTA
Per ulteriori informazioni sui parametri degli oggetti, vedere la sezione 25 Tecniche di misurazione ter-
mografica, pagina 114.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 84


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

20.4.10.2.4.1 Finestra di dialogo Altri parametri oggetto

Temperatura: per specificare la temperatura, ad esempio di una lente esterna o di uno


schermo termico, immettere un nuovo valore, quindi fare clic su OK e su Applica.
Trasmissione: per specificare la trasmissione, ad esempio di una lente esterna o di uno
schermo termico, immettere un nuovo valore, quindi fare clic su OK e su Applica.
Trasmissione calcolata: Flir Tools+ è in grado di calcolare la trasmissione in base alla
temperatura atmosferica e all'umidità relativa. Deselezionare la casella di controllo Tra-
smissione fissa per utilizzare la trasmissione calcolata.
Trasmissione fissa: per utilizzare una trasmissione specifica, selezionare questa casella,
immettere un valore, fare clic su OK e quindi su Applica.
Valore: per specificare la temperatura di riferimento, immettere un valore, fare clic su OK
e quindi su Applica.

NOTA
Per ulteriori informazioni sui parametri degli oggetti, vedere la sezione 25 Tecniche di misurazione ter-
mografica, pagina 114.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 85


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

20.4.10.2.5 Scheda Preferenze

Simboli della misurazione e isoterme predefiniti: se questa casella di controllo è selezio-


nata, tutte le nuove immagini utilizzeranno le isoterme e i simboli di analisi definiti nella fi-
nestra di dialogo Impostazioni immagine, anziché le impostazioni originarie
dell'immagine dalla termocamera.
Tavolozza e distribuzione dei colori predefiniti: se questa casella di controllo è seleziona-
ta, tutte le nuove immagini utilizzeranno la tavolozza e la distribuzione dei colori definite
nella finestra di dialogo Impostazioni immagine, anziché le impostazioni originarie del-
l'immagine dalla termocamera.
Parametri oggetto predefiniti: se questa casella di controllo è selezionata, tutte le nuove
immagini utilizzeranno i parametri degli oggetti definiti nella finestra di dialogo Imposta-
zioni immagine, anziché le impostazioni originarie dell'immagine dalla termocamera.
Limiti scala da immagine: selezionare questa opzione per utilizzare i limiti di scala della
nuova immagine.
Regolazione automatica: selezionare questa opzione per regolare automaticamente l'im-
magine durante l'importazione.
Temperatura massima: per definire il limite di scala predefinito per la nuova immagine,
immettere il valore della temperatura massima in questa casella, quindi fare clic su
Applica.
Temperatura minima: per definire il limite di scala predefinito per la nuova immagine, im-
mettere il valore della temperatura minima in questa casella, quindi fare clic su Applica.
Temperatura: selezionare questa opzione per visualizzare le informazioni sui pixel, ad
esempio la temperatura in gradi Kelvin, Celsius o Fahrenheit.
Segnale oggetto: selezionare questa opzione per visualizzare le informazioni sui pixel
sotto forma di segnale oggetto.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 86


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

20.4.10.2.6 Scheda Impostazioni griglia

Per una descrizione degli elementi disponibili nella scheda Impostazioni griglia, vedere
la sezione 20.2.5.2 Utilizzo dello strumento Griglia, pagina 54.

20.4.10.3 Finestra di dialogo Impostazioni misurazione


La finestra di dialogo Impostazioni misurazione viene visualizzata quando si fa clic con il
pulsante destro del mouse su uno strumento di misurazione di un oggetto Visualizzatore
IR e si sceglie Impostazioni nel menu di scelta rapida.

20.4.10.3.1 Scheda Generale

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 87


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

Etichetta: per specificare un'etichetta, ad esempio il nome visualizzato nell'immagine ter-


mica, per lo strumento di misurazione selezionato, immettere un nome in questa casella,
quindi fare clic su Applica.
Mostra etichetta: per visualizzare l'etichetta dello strumento di misurazione, selezionare
la casella Mostra etichetta, quindi fare clic su Applica.
Mostra valore: per visualizzare il valore dello strumento di misurazione, ad esempio il ri-
sultato della misurazione, nell'immagine termica, selezionare il tipo di valore, quindi fare
clic su Applica. Il numero dei possibili tipi di valore varia a seconda dello strumento di mi-
surazione selezionato.
Dimensione carattere: per specificare la dimensione del carattere per l'etichetta, selezio-
nare una dimensione nella casella Dimensione carattere, quindi fare clic su Applica.
Includi descrizione valore: per visualizzare la descrizione del valore nell'immagine termi-
ca, selezionare la casella Includi descrizione valore, quindi fare clic su Applica.
Simbolo misurazione: per specificare il colore del simbolo dello strumento di misurazio-
ne, selezionare un colore nella casella Simbolo misurazione, quindi fare clic su Applica.
Testo: per specificare il colore del testo dell'etichetta, selezionare un colore nella casella
Testo, quindi fare clic su Applica.
Sfondo testo: per specificare il colore dello sfondo, selezionare un colore nella casella
Sfondo testo, quindi fare clic su Applica.
Imposta come predefinito: per utilizzare queste impostazioni come predefinite per tutti gli
strumenti di misurazione, selezionare la casella Imposta come predefinito, quindi fare
clic su Applica.

20.4.10.3.2 Scheda Parametri oggetto

Personalizzato: per specificare parametri personalizzati, selezionare Personalizzato, im-


mettere nuovi valori nelle tre caselle di testo, quindi fare clic su Applica.
Emissività: per cambiare l'emissività, immettere un nuovo valore, quindi fare clic su Emis-
sività. È inoltre possibile selezionare un'emissività predefinita nella tabella facendo clic
su .
Distanza dell'oggetto: per cambiare la distanza, immettere un nuovo valore, quindi fare
clic su Applica.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 88


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

Temperatura apparente riflessa: per cambiare la temperatura apparente riflessa, immet-


tere un nuovo valore, quindi fare clic su Applica.
Imposta come predefinito: per utilizzare queste impostazioni dei parametri dell'oggetto
come predefinite per tutti gli strumenti di misurazione, selezionare la casella Imposta co-
me predefinito, quindi fare clic su Applica.

NOTA
Per ulteriori informazioni sui parametri degli oggetti, vedere la sezione 25 Tecniche di misurazione ter-
mografica, pagina 114.

20.4.10.3.3 Scheda Dimensione/Posizione

X: per modificare la posizione X di uno strumento di misurazione, immettere un valore


negativo o positivo, quindi fare clic su Applica per spostare lo strumento di misurazione
dello stesso numero di pixel rispetto alla posizione originale.
Y: per modificare la posizione Y di uno strumento di misurazione, immettere un valore ne-
gativo o positivo, quindi fare clic su Applica per spostare lo strumento di misurazione del-
lo stesso numero di pixel rispetto alla posizione originale.
Altezza: per cambiare l'altezza di uno strumento di misurazione, immettere un nuovo va-
lore, quindi fare clic su Applica.
Larghezza: per cambiare la larghezza di uno strumento di misurazione, immettere un
nuovo valore, quindi fare clic su Applica.
Ruota: per ruotare lo strumento di misurazione, immettere un valore negativo o positivo,
quindi fare clic su Applica per specificare il nuovo angolo di rotazione.

20.4.10.4 Finestra di dialogo Impostazioni profilo


La finestra di dialogo Impostazioni profilo viene visualizzata quando si fa clic con il pul-
sante destro del mouse su un oggetto Profilo IR e si sceglie Impostazioni nel menu di
scelta rapida.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 89


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

20.4.10.4.1 Scheda Generale

Mostra griglia: per visualizzare una griglia di linee orizzontali nell'oggetto Profilo IR, fare
clic su Mostra griglia.
Legenda: per visualizzare una legenda sotto l'oggetto Profilo IR, fare clic su Legenda.
Mostra solo linee del profilo visibili nella leggenda: se l'immagine termica include due o
più linee, fare clic su Mostra solo linee del profilo visibili nella leggenda per rimuovere i ri-
sultati delle eventuali linee cancellate dalla legenda sotto l'oggetto Profilo IR.
Visualizzazione 3D: per creare un rendering tridimensionale del grafico dell'oggetto Pro-
filo IR, fare clic su Visualizzazione 3D.
Scambia assi X e Y: per passare dall'asse X all'asse Y e viceversa dell'oggetto Profilo IR,
fare clic su Scambia assi X e Y.
Colonne: selezionare o deselezionare queste caselle per aggiungere o rimuovere colon-
ne dall'oggetto Profilo IR.
Scala IR: per utilizzare la scala IR come asse di temperatura, selezionare questo pulsan-
te di opzione, quindi fare clic su Applica.
Automatico: per far sì che Flir Tools+ definisca automaticamente l'asse di temperatura,
selezionare questo pulsante di opzione, quindi fare clic su Applica.
Fisso: per definire manualmente la temperatura massima e minima sull'asse, selezionare
questo pulsante di opzione, immettere i nuovi valori nelle caselle Temperatura massima
e Temperatura minima, quindi fare clic su Applica.
Soglia: per visualizzare una linea orizzontale in corrispondenza di una temperatura spe-
cifica nell'oggetto Profilo IR, immettere un valore nella casella di testo, quindi fare clic su
Applica.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 90


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

20.4.10.4.2 Scheda Colore

Sfondo: per cambiare il colore di sfondo della tabella, selezionare un nuovo colore nella
casella di riepilogo a discesa, quindi fare clic su Applica.
Area tracciato: per cambiare il colore di sfondo dell'area tracciato, selezionare un nuovo
colore nella casella di riepilogo a discesa, quindi fare clic su Applica.
Testo: per cambiare il colore del testo della tabella, selezionare un nuovo colore nella ca-
sella di riepilogo a discesa, quindi fare clic su Applica.
Assi: per cambiare il colore degli assi, selezionare un nuovo colore nella casella di riepi-
logo a discesa, quindi fare clic su Applica.
Griglia: per cambiare il colore delle linee della griglia, selezionare un nuovo colore nella
casella di riepilogo a discesa, quindi fare clic su Applica.

20.4.10.4.3 Scheda Linee

Utilizzare queste caselle di controllo per selezionare le linee a cui si desidera collegare
l'oggetto Profilo IR, quindi fare clic su Applica.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 91


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

Colore: per cambiare il colore di una linea, selezionare un nuovo colore nella casella di
riepilogo a discesa, quindi fare clic su Applica.
Tipo linea: per cambiare il tipo di linea per una linea, selezionare un nuovo tipo di linea
nella casella di riepilogo a discesa, quindi fare clic su Applica.
Invertita: per invertire la direzione del grafico, selezionare Sì nella casella di riepilogo a
discesa, quindi fare clic su Applica.

20.4.10.5 Finestra di dialogo Impostazioni istogramma


La finestra di dialogo Impostazioni istogramma viene visualizzata quando si fa clic con il
pulsante destro del mouse su un oggetto Istogramma IR e si sceglie Impostazioni nel
menu di scelta rapida.

20.4.10.5.1 Scheda Generale

Mostra griglia: per visualizzare una griglia di linee orizzontali nell'oggetto Istogramma IR,
fare clic su Mostra griglia.
Legenda: per visualizzare una legenda sotto l'oggetto Istogramma IR, fare clic su
Legenda.
Visualizzazione 3D: per creare un rendering tridimensionale del grafico dell'oggetto Isto-
gramma IR, fare clic su Visualizzazione 3D.
Scambia assi X e Y: per passare dall'asse X all'asse Y e viceversa dell'oggetto Istogram-
ma IR, fare clic su Scambia assi X e Y.
Usa tavolozza: per utilizzare una tavolozza dei colori per il rendering tridimensionale del-
l'oggetto Istogramma IR, selezionare Usa tavolozza e fare clic su Applica.
Colonne: per aggiungere o rimuovere colonne dall'oggetto Istogramma IR, selezionare o
deselezionare queste caselle.
Nessuno: selezionare questo pulsante di opzione per non utilizzare alcuna soglia nell'og-
getto Istogramma IR.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 92


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

Passaggio: per utilizzare una soglia di passo nell'oggetto Istogramma IR, selezionare
questo pulsante di opzione. La soglia di passo indica la percentuale di pixel con tempe-
ratura inferiore e superiore a un valore specifico. Tali percentuali vengono visualizzate
nella corrispondente legenda sotto l'oggetto Istogramma IR.
Banda: per utilizzare una soglia di banda nell'oggetto Istogramma IR, selezionare questo
pulsante di opzione. La soglia di banda indica la percentuale di pixel con temperatura in-
feriore a un valore minimo, la percentuale di pixel con temperatura compresa tra il valore
minimo e un valore massimo e la percentuale di pixel con temperatura superiore al valo-
re massimo. Tali percentuali vengono visualizzate nella legenda della soglia sotto l'og-
getto Istogramma IR.
Scala IR: per utilizzare la scala IR come asse di temperatura, selezionare questo pulsan-
te di opzione, quindi fare clic su Applica.
Automatico: per far sì che Flir Tools+ definisca automaticamente l'asse di temperatura,
selezionare questo pulsante di opzione, quindi fare clic su Applica.
Fisso: per definire manualmente la temperatura massima e minima sull'asse, selezionare
questo pulsante di opzione, immettere i nuovi valori nelle caselle Temperatura massima
e Temperatura minima, quindi fare clic su Applica.
Asse percentuale > Automatico: per far sì che Flir Tools+ definisca automaticamente l'as-
se delle percentuali, selezionare questo pulsante di opzione, quindi fare clic su Applica.
Asse percentuale > Fisso: per definire manualmente l'asse delle percentuali, selezionare
questo pulsante di opzione, immettere un nuovo valore, quindi fare clic su Applica.

20.4.10.5.2 Scheda Colore

Sfondo: per cambiare il colore di sfondo della tabella, selezionare un nuovo colore nella
casella di riepilogo a discesa, quindi fare clic su Applica.
Area tracciato: per cambiare il colore di sfondo dell'area tracciato, selezionare un nuovo
colore nella casella di riepilogo a discesa, quindi fare clic su Applica.
Testo: per cambiare il colore del testo della tabella, selezionare un nuovo colore nella ca-
sella di riepilogo a discesa, quindi fare clic su Applica.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 93


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

Assi: per cambiare il colore degli assi, selezionare un nuovo colore nella casella di riepi-
logo a discesa, quindi fare clic su Applica.
Griglia: per cambiare il colore delle linee della griglia, selezionare un nuovo colore nella
casella di riepilogo a discesa, quindi fare clic su Applica.
Soglia: per cambiare il colore della soglia, selezionare un nuovo colore nella casella di
riepilogo a discesa, quindi fare clic su Applica.
Limite: per cambiare il colore del limite, selezionare un nuovo colore nella casella di riepi-
logo a discesa, quindi fare clic su Applica.
Colore barra: per cambiare il colore del colore barra, selezionare un nuovo colore nella
casella di riepilogo a discesa, quindi fare clic su Applica.

20.4.10.5.3 Scheda Oggetti misurazione

Utilizzare le caselle di controllo per selezionare le linee a cui si desidera collegare l'og-
getto Istogramma IR, quindi fare clic su Applica.

20.4.10.6 Finestra di dialogo Impostazioni tendenza


La finestra di dialogo Impostazioni tendenza viene visualizzata quando si fa clic con il
pulsante destro del mouse su un oggetto Tendenza IR e si sceglie Impostazioni nel menu
di scelta rapida.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 94


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

20.4.10.6.1 Scheda Connetti

Asse Y: per specificare un parametro relativo all'asse Y, fare clic su Inserisci, quindi sele-
zionare un'etichetta e un valore rispettivamente nel riquadro a sinistra e a destra.
Ora: per specificare l'ora come parametro dell'asse X, selezionare il pulsante di opzione
Ora.
Numero di sequenza dell'immagine: per specificare il numero di sequenza incrementale
dell'immagine come parametro dell'asse X, selezionare il pulsante di opzione Numero di
sequenza dell'immagine.
Commenti di testo: per specificare i commenti di testo come parametro dell'asse X, sele-
zionare il pulsante di opzione Commenti di testo. Se si utilizzano commenti di testo come
parametro dell'asse X, tutte le immagini devono avere la stessa etichetta per il commen-
to di testo. Il valore del commento di testo deve essere numerico.

20.4.10.6.2 Scheda Generale

Mostra griglia: fare clic per visualizzare una griglia di linee orizzontali all'interno dell'og-
getto Tendenza IR.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 95


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

Legenda: fare clic per visualizzare una legenda sotto l'oggetto Tendenza IR.
Mostra solo linee del tracciato visibili nella legenda: fare clic per visualizzare le linee di
tendenza della legenda deselezionata nella scheda Linea.
Visualizzazione 3D: fare clic per creare un rendering tridimensionale del grafico dell'og-
getto Tendenza IR.
Scambia assi X e Y: fare clic per passare dall'asse X all'asse Y e viceversa dell'oggetto
Tendenza IR.
Tutto: per includere tutte le immagini nella tendenza, selezionare il pulsante di opzione
Tutto.
Elementi: per includere un intervallo di immagini adiacenti o non adiacenti, fare clic su
Immagini, quindi selezionare le immagini che si desidera includere.
Soglia: per visualizzare una linea di base orizzontale nell'oggetto Tendenza IR, immette-
re un valore.

20.4.10.6.3 Scheda Stima

Avanti: per specificare il numero di periodi successivi per i quali l'algoritmo restituirà una
tendenza probabile, selezionare una valore nella casella Avanti.

NOTA
La tendenza probabile è solo un'approssimazione matematica.

Indietro: per specificare il numero di periodi precedenti per i quali l'algoritmo restituirà
una tendenza probabile, selezionare una valore nella casella Indietro.

NOTA
La tendenza probabile è solo un'approssimazione matematica.

Nessuno: per disattivare Andamento/Tipo di regressione, selezionare Nessuno.


Lineare: per utilizzare un algoritmo di tendenza lineare, selezionare Lineare. Questo al-
goritmo utilizza la seguente espressione matematica: y = m × x + c.
Logaritmica: per utilizzare un algoritmo di tendenza logaritmica, selezionare Logaritmica.
Questo algoritmo utilizza la seguente espressione matematica: y = m × ln(x) + c.
Potenza: per utilizzare un algoritmo di tendenza di potenza, selezionare Potenza. Questo
algoritmo utilizza la seguente espressione matematica: y = ec × xm.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 96


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

Esponenziale: per utilizzare un algoritmo di tendenza esponenziale, selezionare il pul-


sante di opzione Esponenziale. Questo algoritmo utilizza la seguente espressione mate-
matica: y = exp(c) × e(m × x).
Polinomiale: per utilizzare un algoritmo di tendenza polinomiale, selezionare il pulsante
di opzione Polinomiale. Questo algoritmo utilizza la seguente espressione matematica: y
= a0x0 + a1x1 + a2x2 + ... + akxk, dove K = ordine.
Media mobile: per utilizzare un algoritmo di tendenza media mobile, selezionare il pul-
sante di opzione Media mobile. Questo algoritmo utilizza la seguente espressione mate-
matica: media mobile di n periodi = valore medio in base a n periodi di tempo
precedenti.
Visualizza l'equazione sul grafico: per visualizzare l'equazione nel digramma, seleziona-
re Visualizza l'equazione sul grafico.
Visualizza il valore R al quadrato sul grafico: per visualizzare un valore numerico indican-
te la qualità del logaritmo nell'approssimazione della curva, selezionare Visualizza il va-
lore R al quadrato sul grafico. Il valore è compreso tra 0 e 1, dove 0 rappresenta una
qualità scarsa mentre 1 una qualità elevata.

20.4.10.6.4 Scheda Colore

Sfondo: per cambiare il colore di sfondo della tabella, selezionare un nuovo colore nella
casella di riepilogo a discesa, quindi fare clic su Applica.
Area tracciato: per cambiare il colore di sfondo dell'area tracciato, selezionare un nuovo
colore nella casella di riepilogo a discesa, quindi fare clic su Applica.
Testo: per cambiare il colore del testo della tabella, selezionare un nuovo colore nella ca-
sella di riepilogo a discesa, quindi fare clic su Applica.
Assi: per cambiare il colore degli assi, selezionare un nuovo colore nella casella di riepi-
logo a discesa, quindi fare clic su Applica.
Griglia: per cambiare il colore delle linee della griglia, selezionare un nuovo colore nella
casella di riepilogo a discesa, quindi fare clic su Applica.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 97


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

20.4.10.6.5 Scheda Linea

Utilizzare queste caselle di controllo per selezionare le linee da visualizzare nell'oggetto


Tendenza IR, quindi fare clic su Applica.
Colore: per cambiare il colore di una linea, selezionare un nuovo colore nella casella di
riepilogo a discesa, quindi fare clic su Applica.
Tipo linea: per cambiare il tipo di linea per una linea, selezionare un nuovo tipo di linea
nella casella di riepilogo a discesa, quindi fare clic su Applica.

20.4.10.7 Finestra di dialogo Fusione immagine


Nella finestra di dialogo Fusione immagine è possibile eseguire la fusione di un'immagi-
ne termica con una foto digitale. Ciò può semplificare l'individuazione della posizione
esatta in cui si verificano le anomalie di temperatura.

La finestra di dialogo Fusione immagine viene visualizzata quando si fa clic su nella


barra degli strumenti dell'oggetto Visualizzatore IR. In alternativa, per visualizzare questa
finestra di dialogo, fare clic con il pulsante destro del mouse sull'oggetto Visualizzatore
IR, quindi scegliere Fusione immagine nel menu di scelta rapida.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 98


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

Apri immagine termica: fare clic per selezionare un'immagine termica.


Visualizza immagine intera: fare clic per visualizzare l'immagine completa.
Ref#1: fare clic per ingrandire l'immagine in corrispondenza del mirino Ref#1.
Ref#2: fare clic per ingrandire l'immagine in corrispondenza del mirino Ref#2.
Ref#3: fare clic per ingrandire l'immagine in corrispondenza del mirino Ref#3.
Apri foto: fare clic per selezionare una foto digitale.
Bianco e nero: selezionare questa opzione per visualizzare la foto digitale in scala di
grigi.
Svuota: fare clic per rimuovere la foto digitale.
Intervallo: selezionare questa opzione per utilizzare un intervallo di temperatura per l'im-
magine termica e per utilizzare la foto digitale per le temperature inferiori e superiori. Im-
mettere i valori delle temperature nelle corrispondenti caselle di testo. Per regolare i
livelli di temperatura, trascinare i cursori nell'oggetto Visualizzatore IR dopo aver chiuso
la finestra di dialogo.
Sfumatura: selezionare questa opzione per sfumare l'immagine utilizzando una combina-
zione di pixel dell'immagine termica e pixel della foto digitale. Per regolare i livelli di com-
binazione, trascinare i cursori dell'oggetto Visualizzatore IR dopo aver chiuso la finestra
di dialogo.
Picture In Picture (PiP): selezionare questa opzione per visualizzare una parte di una foto
digitale sotto forma di immagine termica. Nell'oggetto Visualizzatore IR sarà quindi pos-
sibile ridimensionare e spostare l'oggetto PIP in qualsiasi posizione all'interno della foto
per visualizzare il livello di dettaglio che si desidera applicare al report.
MSX: selezionare questa opzione per ottimizzare il contrasto dell'immagine termica.
Questa tecnologia di fusione MSX consente di evidenziare i dettagli della termocamera
digitale all'interno dell'immagine termica in modo da ottenere un'immagine termica a ele-
vata definizione e consentire un più rapido orientamento del soggetto.

20.4.10.8 Finestra di dialogo Formula


La finestra di dialogo Formula viene visualizzata quando si fa clic con il pulsante destro
del mouse sull'oggetto Visualizzatore IR e si sceglie Formule nel menu di scelta rapida.

Inserisci: fare clic su Inserisci per visualizzare la finestra di dialogo dove sarà possibile
definire la nuova formula.
Modifica: selezionare una formula, quindi fare clic su Modifica per visualizzare una fine-
stra di dialogo dove sarà possibile modificare la formula.
Elimina: selezionare una formula, quindi fare clic su Elimina per eliminarla.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 99


20 Utilizzo dell'ambiente di Microsoft Word

Per ulteriori informazioni sulla definizione delle formule, vedere la sezione 20.2.6 Formu-
le, pagina 56.

20.5 Formati file supportati nell'ambito dell'oggetto Visualizzatore IR


L'oggetto Visualizzatore IR supporta i formati di file radiometrici seguenti:
• ThermaCAM radiometrico *.jpg
• ThermaCAM radiometrico *.img
• ThermaCAM radiometrico 8 bit *.tif
• ThermaCAM radiometrico 8/12 bit *.tif
• ThermaCAM radiometrico 12 bit *.tif
• ThermoTeknix *.tgw.
• ThermoTeknix *.tmw.
• ThermoTeknix *.tlw.
• ThermaCAM radiometrico *.seq (file di sequenza radiometrica)

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 100


21 Aggiornamento del software
della termocamera e del PC

21.1 Aggiornamento del software del PC

21.1.1 Info generali


È possibile aggiornare Flir Tools/Tools+ con i service pack più recenti.

21.1.2 Procedura
Attenersi alla procedura seguente:
1. Avviare Flir Tools/Tools+.
2. Dal menu Guida, selezionare Cerca aggiornamenti.
3. Seguire le istruzioni visualizzate sullo schermo.

21.2 Aggiornamento del firmware della termocamera

21.2.1 Info generali


È possibile aggiornare la termocamera a infrarossi con il firmware più recente.

NOTA
Prima di aggiornare la termocamera, è necessario aggiornare Flir Tools/Tools+.

21.2.2 Procedura
Attenersi alla procedura seguente:
1. Collegare la termocamera ad infrarossi ad un PC.
2. Avviare Flir Tools/Tools+.
3. Dal menu Guida, selezionare Cerca aggiornamenti.
4. Seguire le istruzioni visualizzate sullo schermo.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 101


22 Modifica delle impostazioni

22.1 Impostazioni relative a Flir Tools/Tools+

22.1.1 Info generali


È possibile modificare diverse impostazioni relative alla creazione di report e fogli imma-
gine, nonché le impostazioni relative al software.

22.1.2 Procedura
Attenersi alla procedura seguente:
1. Sulla barra dei menu, fare clic su Opzioni.
2. Nella finestra di dialogo, effettuare una o più delle operazioni seguenti:
• Impostare le cartelle da includere o rimuovere dal riquadro della libreria.
• Impostare i parametri predefiniti per le dimensioni della pagina, i logo, le intesta-
zioni ed i piè di pagina.
• Impostare le unità relative alla distanza ed alla temperatura.
• Impostare la lingua.
• Impostare la visualizzazione di punti caldi e freddi.
• Impostare la visualizzazione di una procedura guidata di importazione (solo per
la serie Flir K).

22.2 Impostazioni relative alle termocamere serie Flir K

22.2.1 Info generali


La serie Flir K comprende termocamere ad infrarossi robuste ed affidabili, concepite per
funzionare in condizioni ambientali estremamente avverse. Dispone di un'interfaccia in-
tuitiva con un design che semplifica il controllo anche con l'impiego di guanti. Le immagi-
ni nitide e chiare assicurano la massima visibilità anche in presenza di fumo e
consentono di prendere decisioni rapide ed efficaci.
Collegando una termocamera serie Flir K a Flir Tools/Tools+, è possibile accedere ad
una vasta gamma di impostazioni della termocamera.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 102


22 Modifica delle impostazioni

22.2.2 Scheda General settings

22.2.2.1 Figura

22.2.2.2 Descrizione
Campo Regional settings: per sincronizzare le impostazioni di data e ora della termoca-
mera con il computer, selezionare la casella di controllo.
Campo Firmware info: per verificare la disponibilità di una versione più recente del firm-
ware della termocamera, fare clic su Cerca aggiornamenti e seguire le istruzioni visualiz-
zate sullo schermo.
Campo Restore to factory default: per ripristinare tutte le impostazioni predefinite della
termocamera, fare clic su Restore.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 103


22 Modifica delle impostazioni

22.2.3 Scheda User interface

22.2.3.1 Figura

22.2.3.2 Descrizione
Campo Modalità della termocamera: per stabilire quali modalità abilitare nella termoca-
mera, selezionare le modalità desiderate. Per ulteriori informazioni su ciascuna modalità
della termocamera, vedere la sezione 22.2.4 Descrizione delle diverse modalità della
termocamera, pagina 105.
Campo Temperature unit: per selezionare una diversa unità di misura della temperatura,
fare clic su Celsius o Fahrenheit.
Campo Thermal indication > Digital readout only: per visualizzare le informazioni termi-
che sull'immagine, ad esempio la temperatura del puntatore, selezionare Digital readout
only. Nelle modalità con colorazione automatica del calore, la colorazione dell'immagine
verrà mantenuta, ma l'icona di riferimento del colore, relativo al calore statico, non verrà
visualizzata.
Campo Thermal indication > Reference bar: nelle modalità con colorazione automatica
del calore, viene visualizzata una barra verticale di riferimento relativa al colore del calore
nella zona dell'indicazione termica. Questa icona statica mostra in che modo i colori rela-
tivi al calore vengono applicati al campo della modalità della termocamera. I colori giallo,
arancione e rosso corrispondono ad una variazione di tonalità dovuta all'aumento della
temperatura.
Campo Thermal indication > Temp bar: per visualizzare le informazioni termiche dell'im-
magine come barra in temperatura, simile ad un termometro, fare clic su Temp bar. A de-
stra dell'immagine, viene visualizzata una barra verticale dinamica della temperatura. La
parte superiore della barra rappresenta la temperatura misurata dal puntatore. Nelle mo-
dalità con colorazione automatica del calore, la colorazione dell'immagine verrà mante-
nuta, con un'icona di riferimento del colore relativo al calore statico visualizzata accanto
alla barra della temperatura.
Campo Immagine di avvio personalizzata: per specificare l'immagine da visualizzare du-
rante la fase di avvio, fare clic su Browse e selezionare il file di immagine. Si tratta di una
soluzione utile, ad esempio, per identificare le termocamere dei vigili del fuoco. Incorpo-
rando il logo dei vigili del fuoco ed un numero univoco di identificazione dell'immagine, è

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 104


22 Modifica delle impostazioni

possibile tenere traccia delle termocamere in uso. È anche possibile accedere a questa
immagine dal menu della termocamera.

22.2.4 Descrizione delle diverse modalità della termocamera

22.2.4.1 Modalità antincendio NFPA

Figura 22.1 Modalità antincendio NFPA.

La Modalità antincendio NFPA standardizzata rappresenta la modalità predefinita della


termocamera. Si tratta di una modalità multiscopo per l'identificazione iniziale d'incendio
con operazioni di recupero persone e controllo incendio. La termocamera passa auto-
maticamente da un intervallo di alta sensibilità ad uno di bassa sensibilità, in modo da
mantenere un'immagine ad infrarossi ottimale e garantire al contempo una costante e si-
cura colorazione delle scene di propagazione del fuoco.
• Intervallo automatico.
• Colorazione del calore: da +150 °C a +650 °C.
• Intervallo alta sensibilità: da -20 °C a +150 °C.
• Intervallo bassa sensibilità: da 0 °C a +650 °C.

22.2.4.2 Modalità antincendio in bianco e nero

Figura 22.2 Modalità antincendio in bianco e nero.

La Modalità antincendio in bianco e nero è una modalità antincendio NFPA standardizza-


ta. Si tratta di una modalità multiscopo per l'identificazione iniziale d'incendio con opera-
zione di recupero persone e controllo incendio. È progettata specificatamente per i
servizi antincendio che non vogliono utilizzare la funzione di colorazione del calore.
La termocamera passa automaticamente da un intervallo di alta sensibilità ad uno di
bassa sensibilità, in modo da mantenere un'immagine ad infrarossi ottimale.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 105


22 Modifica delle impostazioni

• Intervallo automatico.
• Intervallo alta sensibilità: da -20 °C a +150 °C.
• Intervallo bassa sensibilità: da 0 °C a +650 °C.

22.2.4.3 Modalità antincendio

Figura 22.3 Modalità antincendio.

La Modalità antincendio è simile alla modalità antincendio NFPA standardizzata, ma con


un punto di partenza della temperatura maggiore in riferimento alla colorazione del calo-
re. È adatta alle scene di propagazione del fuoco con elevate temperature di sfondo, in
cui sono presenti abbondanti fiamme vive ed un'elevata temperatura di sfondo. La termo-
camera passa automaticamente da un intervallo di alta sensibilità ad uno di bassa sensi-
bilità, in modo da mantenere un'immagine ad infrarossi ottimale e garantire al contempo
una colorazione del calore costante e sicura.
• Intervallo automatico.
• Colorazione del calore: da +250 °C a +650 °C.
• Intervallo sensibilità alta: da -20 °C a +150 °C.
• Intervallo sensibilità bassa: da 0 °C a +650 °C.

22.2.4.4 Modalità Ricerca e salvataggio

Figura 22.4 Modalità Ricerca e salvataggio.

La Modalità Ricerca e salvataggio è ottimizzata per mantenere un elevato contrasto del-


l'immagine ad infrarossi durante la ricerca di persone in ambienti esterni, edifici o in caso
di incidenti stradali.
• Solo intervallo di alta sensibilità.
• Colorazione del calore: da +100 °C a +150 °C.
• Intervallo sensibilità alta: da -20 °C a +150 °C.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 106


22 Modifica delle impostazioni

22.2.4.5 Modalità di rilevamento termico

Figura 22.5 Modalità di rilevamento termico.

La Modalità di rilevamento termico è ottimizzata per la ricerca degli hotspot durante la


verifica finale al termine di un incendio, in genere per assicurare il completo spegnimento
dell'incendio. Questa modalità può anche essere utilizzata per trovare schemi termici, ad
esempio segni di persone sui sedili delle auto dopo un incidente, al fine di garantire che
tutti siano effettivamente tratti in salvo. Questa modalità può essere utilizzata anche per
la ricerca di persone disperse in acqua ed in campo aperto.
• Solo intervallo alta sensibilità.
• Colorazione del calore: le zone più calde della scena.
• Intervallo sensibilità alta: da -20 °C a +150 °C.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 107


23 Informazioni su Flir Systems

Flir Systems è stata fondata nel 1978 con l'obiettivo di sviluppare innovativi sistemi di
imaging termico ad elevate prestazioni e si è affermata come leader internazionale nel
settore della progettazione, produzione e distribuzione di tali sistemi per un'ampia gam-
ma di applicazioni commerciali, industriali ed istituzionali. Flir Systems include oggi cin-
que delle maggiori società che vantano straordinari risultati nel settore della tecnologia
termica, dal 1958: la svedese AGEMA Infrared Systems (precedentemente nota come
AGA Infrared Systems), le tre aziende statunitensi Indigo Systems, FSI e Inframetrics e
la società francese Cedip. Nel novembre 2007, Flir Systems ha acquisito Extech
Instruments.

Figura 23.1 Documenti di brevetto dagli inizi degli anni 1960

La società ha venduto oltre 234,000 termocamere ad infrarossi in tutto il mondo per uti-
lizzi quali manutenzione preventiva, R & D, test non distruttivi, controllo ed automazione
dei processi, visione artificiale e molti altri ancora.
Flir Systems dispone di tre stabilimenti produttivi negli Stati Uniti (Portland, OREGON,
Boston, MASSACHUSSETS, Santa Barbara, CALIFORNIA) e uno in Svezia (Stoccol-
ma). Dal 2007 ha uno stabilimento produttivo anche a Tallinn, Estonia. È inoltre presente
con uffici commerciali in Belgio, Brasile, Cina, Francia, Germania, Gran Bretagna, Hong
Kong, Italia, Giappone, Corea, Svezia e USA, i quali, coadiuvati da una rete mondiale di
agenti e distributori, supportano la base di clienti internazionali della società.
Flir Systems è una società innovativa nel settore delle termocamere ad infrarossi in gra-
do di anticipare la domanda del mercato migliorando costantemente i prodotti esistenti e
sviluppandone di nuovi. La storia della società è costellata di importanti innovazioni che
hanno segnato tappe fondamentali nella progettazione e nello sviluppo del prodotto,
quali, ad esempio, l'introduzione della prima termocamera portatile a batteria per le ispe-
zioni industriali e della prima termocamera ad infrarossi senza raffreddamento, solo per
citarne un paio.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 108


23 Informazioni su Flir Systems

Figura 23.2 SINISTRA: Thermovision Modello 661 del 1969. La termocamera pesava circa 25 kg, l'oscil-
loscopio 20 kg e lo stativo 15 kg. L'operatore inoltre doveva procurarsi un gruppo elettrogeno da 220 VCA
e un contenitore da 10 litri con azoto liquido. Alla sinistra dell'oscilloscopio è visibile l'attacco Polaroid
(6 kg). DESTRA: Flir i7 del 2012. Peso: 0,34 kg, batteria inclusa.

Flir Systems produce autonomamente i principali componenti meccanici ed elettronici


delle proprie termocamere. Tutte le fasi della produzione, dalla progettazione dei rilevato-
ri alla produzione delle lenti e dell'elettronica di sistema, fino alla calibrazione ed al col-
laudo finali, vengono eseguite sotto la supervisione di tecnici specializzati in tecnologie
ad infrarossi, le cui grandi competenze garantiscono la precisione e l'affidabilità di tutti i
componenti cruciali assemblati nella termocamera.

23.1 Molto di più di una semplice termocamera ad infrarossi


L'obiettivo di Flir Systems non consiste semplicemente nella produzione dei migliori si-
stemi per termocamere. Ci impegniamo infatti per migliorare la produttività di tutti gli
utenti dei nostri sistemi offrendo loro una combinazione di eccezionale potenza di soft-
ware e termocamere. Il nostro software è specificatamente progettato per consentire la
manutenzione preventiva, mentre il monitoraggio dei processi di ricerca e sviluppo viene
realizzato internamente all'azienda. La maggior parte del software è disponibile in più
lingue.
A corredo delle termocamere prodotte dall'azienda, viene fornita un'ampia gamma di ac-
cessori che consentono di adattare l'apparecchiatura acquistata a qualunque tipo di
utilizzo.

23.2 Le competenze della società a disposizione del cliente


Nonostante le termocamere prodotte da Flir Systems siano progettate per essere di
semplice utilizzo, la termografia è un settore molto complesso e non è sufficiente saper
utilizzare la termocamera. Flir Systems ha pertanto creato il centro di addestramento ITC
(Infrared Training Center), un'unità operativa distinta che si occupa di fornire corsi di for-
mazione certificati. Partecipando ad uno dei corsi organizzati dall'ITC, gli operatori acqui-
siscono l'esperienza pratica necessaria.
Il personale dell'ITC fornisce inoltre il supporto applicativo necessario per passare dalla
teoria alla pratica.

23.3 Una società dedicata al supporto dei clienti


Flir Systems gestisce una rete mondiale di servizi volti a mantenere sempre operative le
termocamere fornite. Se si verifica un problema, i centri di assistenza locali dispongono
delle attrezzature e del know-how necessari per risolverlo nel più breve tempo possibile.
Non è pertanto necessario inviare lontano la termocamera o parlare con operatori che
non capiscono l'italiano.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 109


23 Informazioni su Flir Systems

23.4 Alcune foto degli stabilimenti

Figura 23.3 SINISTRA: sviluppo di elettronica di sistema; DESTRA: collaudo di un rilevatore FPA

Figura 23.4 SINISTRA: tornio a punta di diamante; DESTRA: lucidatura dell'obiettivo

Figura 23.5 SINISTRA: collaudo delle termocamere ad infrarossi nella camera climatica; DESTRA: Robot
per il collaudo e la calibrazione delle termocamere

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 110


24 Glossario

ambiente Gli oggetti e i gas che emettono radiazioni verso l'oggetto sottoposto
a misurazione.
assorbimento La quantità di radiazione assorbita da un oggetto rispetto alla radia-
(fattore) zione ricevuta. Un valore compreso tra 0 e 1.
atmosfera I gas presenti tra l'oggetto misurato e la termocamera, normalmente
aria.
campo L'intervallo della scala della temperatura, in genere espresso come
un valore di segnale.
cavità Un radiatore con cavità a forma di bottiglia con una temperatura uni-
isotermica forme, osservato attraverso il collo di bottiglia.
colore di Le aree con temperature che non rientrano nelle impostazioni di li-
saturazione vello e campo correnti vengono colorate con i colori di saturazione.
Nei colori di saturazione sono compresi un colore di ‘superamento
del limite massimo’ ed un colore di ‘non raggiungimento del limite
minimo’. Esiste anche un terzo colore di saturazione rosso, con cui
viene contrassegnato qualunque elemento saturato dal rilevatore
per indicare che è opportuno cambiare l'intervallo.
conduzione Il processo che determina la diffusione del calore in un materiale.
convezione Per convezione si intende uno scambio termico in cui un fluido, che
viene posto in movimento o per gravità o tramite altre forze, trasferi-
sce il calore da un posto ad un altro.
corpo grigio Un oggetto che emette una frazione fissa della quantità di energia di
un corpo nero per ciascuna lunghezza d'onda.
corpo nero Un oggetto totalmente non riflettente. Tutta la radiazione che emette
è generata solo dalla propria temperatura.
corpo nero Dispositivo radiante IR con proprietà di corpo nero, utilizzato per ca-
radiante librare le termocamere.
correzione di Un modo per compensare le differenze di sensibilità nelle varie parti
immagine (in- delle immagini dal vivo ed anche per stabilizzare la termocamera.
terna /
esterna)
differenza di Un valore risultante dalla sottrazione tra due valori di temperatura.
temperatura.
doppia Un'isoterma con due bande di colori invece di una.
isoterma
emissività La quantità di radiazione proveniente da un oggetto rispetto a quella
(fattore) di un corpo nero. Un valore compreso tra 0 e 1.
emittanza La quantità di energia emessa da un oggetto per unità di tempo ed
area (W/m2).
emittanza Quantità di energia emessa da un oggetto per unità di tempo, area e
spettrale lunghezza d'onda (W/m2/μm).
filtro spettrale Un materiale trasparente solo ad alcune lunghezze d'onda ad
infrarossi.
FOV apertura angolare: l'angolo orizzontale che è possibile osservare at-
traverso un obiettivo IR.
FPA Acronimo di Focal Plane Array: un tipo di rilevatore IR.
IFOV Acronimo di Instantaneous Field Of View: unità di misura della riso-
luzione geometrica di una termocamera.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 111


24 Glossario

infrarosso Radiazione non visibile, con una lunghezza d'onda compresa ap-
prossimativamente tra 2 e 13 μm.
intervallo Il limite di misurazione della temperatura complessiva corrente di
una termocamera ad infrarossi. Le termocamere possono avere vari
intervalli. Espresso come due temperature di corpo nero che limita-
no la calibrazione corrente.
intervallo di Il limite di misurazione della temperatura complessiva corrente di
temperatura una termocamera ad infrarossi. Le termocamere possono avere vari
intervalli. Espresso come due temperature di corpo nero che limita-
no la calibrazione corrente.
IR infrarosso
isoterma Una funzione che evidenzia le parti di un'immagine la cui temperatu-
ra è superiore, inferiore o compresa in uno o più intervalli di
temperatura.
isoterma Un'isoterma che mostra una distribuzione lineare dei colori invece di
trasparente coprire le parti evidenziate dell'immagine.
Laser LocatIR Una fonte di luce alimentata elettricamente che emette radiazione
laser in un sottile raggio concentrato per puntare su certe parti di un
soggetto posto davanti alla termocamera.
livello Il valore centrale della scala di temperatura, in genere espresso co-
me valore di segnale.
NETD Acronimo di Noise Equivalent Temperature Difference: unità di misu-
ra del livello di rumore delle immagini di una termocamera.
ottiche esterne Protezioni termiche, obiettivi e filtri aggiuntivi che possono essere
frapposti tra la termocamera e l'oggetto sottoposto a misurazione.
palette auto L'immagine termica viene visualizzata con una distribuzione non uni-
forme dei colori, mostrando contemporaneamente sia gli oggetti
freddi che quelli caldi.
parametri Un gruppo di valori che descrive le circostanze in cui è stata esegui-
oggetto ta la misurazione di un oggetto e l'oggetto stesso, quali emissività,
temperatura apparente riflessa, distanza, ecc.
pixel Abbreviazione di picture element: singolo punto di un'immagine.
potenza La quantità di energia emessa da un oggetto per unità di tempo (W).
radiante
puntatore laser Una fonte di luce alimentata elettricamente che emette radiazione
laser in un sottile raggio concentrato per puntare su certe parti di un
soggetto posto davanti alla termocamera.
radianza La quantità di energia emessa da un oggetto per unità di tempo,
area ed angolo (W/m2/sr).
radiatore Un dispositivo radiante IR.
radiatore a Un radiatore a forma di bottiglia con un rivestimento interno assor-
cavità bente, visibile attraverso il collo di bottiglia.
radiazione Il processo mediante il quale un oggetto o un gas emette energia
elettromagnetica.
regolazione Una funzione che consente ad una termocamera di eseguire una
automatica correzione interna dell'immagine.
regolazione Una funzione che consente di regolare l'immagine. È sempre attiva
continua e regola continuamente la luminosità ed il contrasto in base al conte-
nuto dell'immagine.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 112


24 Glossario

regolazione Un metodo per regolare l'immagine cambiando manualmente alcuni


manuale parametri.
riflettività La quantità di radiazione riflessa da un oggetto rispetto alla radiazio-
ne ricevuta. Un valore compreso tra 0 e 1.
rumore Piccoli disturbi indesiderati nell'immagine termica.
scala di Il modo in cui viene visualizzata un'immagine termica. Viene espres-
temperatura sa con due valori di temperatura che limitano i colori.
segnale di Un valore non calibrato relativo alla quantità di radiazione che la ter-
oggetto mocamera riceve dall'oggetto.
tavolozza L'insieme dei colori utilizzati per visualizzare un'immagine termica.
temperatura La temperatura per cui il colore di un corpo nero corrisponde ad un
colore colore specifico.
temperatura di Una temperatura con cui possono essere confrontati i valori misurati
riferimento ordinari.
termogramma immagine ad infrarossi (o termica)
trasmissione I gas ed i materiali possono essere più o meno trasparenti. La tra-
(o trasmittan- smissione è la quantità di radiazione IR che li attraversa. Un valore
za) fattore compreso tra 0 e 1.
trasmissione Un valore di trasmissione calcolato sulla base della temperatura,
atmosferica dell'umidità relativa dell'aria e della distanza dall'oggetto.
calcolata
trasmissione Un valore di trasmissione, fornito da un utente, che ne sostituisce
atmosferica uno calcolato.
stimata
umidità relativa L'umidità relativa rappresenta il rapporto tra la massa corrente del
vapore acqueo nell'aria e quella massima che può contenere in con-
dizioni di saturazione.
visibile Indica la modalità video di una termocamera, in contrapposizione al-
la normale modalità termografica. Quando una termocamera è in
modalità visibile, cattura le normali immagini video, mentre le imma-
gini termografiche vengono catturate quando la termocamera è in
modalità IR.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 113


25 Tecniche di misurazione
termografica

25.1 Introduzione
La termocamera consente di misurare e rappresentare la radiazione infrarossa emessa
da un oggetto. La radiazione è una funzione della temperatura superficiale di un oggetto
e la termocamera è in grado di calcolare e visualizzare tale temperatura.
Tuttavia, la radiazione rilevata dalla termocamera non dipende soltanto dalla temperatura
dell'oggetto, ma è anche una funzione dell'emissività. La radiazione ha origine anche
nelle zone circostanti l'oggetto e viene riflessa sull'oggetto stesso. La radiazione emessa
dall'oggetto e quella riflessa variano anche in base all'assorbimento atmosferico.
Per rilevare la temperatura con precisione, è opportuno ovviare agli effetti provocati dalla
presenza di diverse sorgenti di radiazione. Questa procedura viene eseguita automatica-
mente in tempo reale dalla termocamera. Tuttavia, è necessario che la termocamera di-
sponga dei seguenti parametri che si riferiscono agli oggetti.
• L'emissività dell'oggetto
• La temperatura apparente riflessa
• La distanza tra l'oggetto e la termocamera
• L'umidità relativa
• La temperatura dell'atmosfera

25.2 Emissività
Poiché l'emissività è il parametro più importante dell'oggetto, è necessario che venga im-
postato correttamente. In breve, l'emissività è una misura che si riferisce alla quantità di
radiazione termica emessa da un oggetto, comparata a quella emessa da un corpo nero
perfetto alla stessa temperatura.
Generalmente, i materiali di cui sono composti gli oggetti e i trattamenti effettuati sulle
superfici presentano emissività comprese tra 0,1 e 0,95. Una superficie particolarmente
lucida, ad esempio uno specchio, presenta un valore inferiore a 0,1, mentre una superfi-
cie ossidata o verniciata ha un livello di emissività superiore. Una vernice a base di olio
ha un'emissività superiore a 0,9 nello spettro infrarosso, indipendentemente dal suo co-
lore nello spettro visivo. La pelle umana è caratterizzata da un livello di emissività com-
preso fra 0,97 e 0,98.
I metalli non ossidati rappresentano un caso estremo di opacità perfetta e di elevata ri-
flessività, la quale non subisce variazioni rilevanti al variare della lunghezza d'onda. Di
conseguenza, l'emissività dei metalli è bassa: aumenta infatti solo con la temperatura.
Per i non metalli, l'emissività tende ad essere elevata e a diminuire con la temperatura.

25.2.1 Come stabilire l'emissività di un campione

25.2.1.1 Passaggio 1: determinazione della temperatura apparente riflessa


Utilizzare uno dei due metodi seguenti per determinare la temperatura apparente
riflessa:

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 114


25 Tecniche di misurazione termografica

25.2.1.1.1 Metodo 1: metodo diretto


Attenersi alla procedura seguente:
1. Individuare possibili fonti di riflettività, tenendo in considerazione che l'angolo di inci-
denza = angolo di riflessione (a = b).

Figura 25.1 1 = Fonte di riflettività

2. Se la fonte di riflettività è una fonte puntiforme, modificare la fonte coprendola con un


pezzo di cartone.

Figura 25.2 1 = Fonte di riflettività

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 115


25 Tecniche di misurazione termografica

3. Misurare l'intensità di radiazione (uguale alla temperatura apparente) della sorgente


di riflettività adottando le seguenti impostazioni:
• Emissività: 1.0
• Dobj: 0
È possibile misurare l'intensità di radiazione adottando uno dei due metodi seguenti:

Figura 25.3 1 = Fonte di riflettività

NOTA
L'utilizzo di una termocoppia per la misurazione della temperatura apparente riflessa è sconsigliato per
due motivi principali:
• una termocoppia non misura l'intensità di radiazione
• una termocoppia necessita di un eccellente contatto termico con la superficie, ottenuto solitamente
incollando e ricoprendo il sensore con un isolatore termico.

25.2.1.1.2 Metodo 2: metodo del riflettore


Attenersi alla procedura seguente:
1. Stropicciare un grosso pezzo di foglio d'alluminio.
2. Distenderlo ed attaccarlo ad un pezzo di cartone delle stesse dimensioni.
3. Posizionare il pezzo di cartone di fronte all'oggetto da sottoporre a misurazione. Veri-
ficare che il lato rivestito di foglio d'alluminio sia rivolto verso la termocamera.
4. Impostare l'emissività su 1,0.
5. Misurare la temperatura apparente del foglio d'alluminio e prendere nota del valore.

Figura 25.4 Misurazione della temperatura apparente del foglio d'alluminio.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 116


25 Tecniche di misurazione termografica

25.2.1.2 Passaggio 2: determinazione dell'emissività


Attenersi alla procedura seguente:
1. Selezionare un luogo per posizionare il campione.
2. Determinare ed impostare la temperatura apparente riflessa secondo la procedura
indicata in precedenza.
3. Posizionare sul campione un pezzo di nastro elettrico con un'accertata emissività
elevata.
4. Riscaldare il campione ad almeno 20 K oltre la temperatura ambiente. Il processo di
riscaldamento deve essere abbastanza regolare.
5. Mettere a fuoco e regolare automaticamente la termocamera, quindi congelare
l'immagine.
6. Regolare Livello e Campo per ottenere immagini con i migliori valori di contrasto e
luminosità.
7. Impostare l'emissività come quella del nastro (solitamente 0,97).
8. Misurare la temperatura del nastro utilizzando una delle seguenti funzioni di
misurazione:
• Isoterma (consente di determinare sia la temperatura sia la regolarità di riscalda-
mento del campione)
• Puntatore (più semplice)
• Riquadro Media(adatto a superfici con emissività variabile).
9. Prendere nota della temperatura.
10. Spostare la funzione di misurazione sulla superficie del campione.
11. Modificare l'impostazione dell'emissività finché non si legge la stessa temperatura
della misurazione precedente.
12. Prendere nota dell'emissività.
NOTA

• Evitare la convezione forzata.


• Cercare un ambiente termicamente stabile che non generi riflettività puntiforme.
• Utilizzare un nastro di alta qualità, non trasparente e di emissività elevata accertata.
• Con questo metodo, si presuppone che la temperatura del nastro e della superficie del campione
siano uguali. In caso contrario, la misurazione dell'emissività risulterebbe errata.

25.3 Temperatura apparente riflessa


Questo parametro viene utilizzato per bilanciare la radiazione riflessa nell'oggetto. Se l'e-
missività è bassa ed la temperatura dell'oggetto sensibilmente diversa da quella riflessa,
risulta particolarmente importante impostare e bilanciare correttamente la temperatura
apparente riflessa.

25.4 Distanza
Per distanza si intende la distanza esistente tra l'oggetto e l'obiettivo della termocamera.
Questo parametro viene utilizzato per ovviare alle due condizioni seguenti:
• La radiazione del soggetto viene assorbita dall'atmosfera compresa fra l'oggetto e la
termocamera.
• La termocamera rileva la radiazione dell'atmosfera stessa.

25.5 Umidità relativa


La termocamera consente anche di ovviare al fatto che la trasmittanza dipende in una
certa misura dall'umidità relativa dell'atmosfera. Pertanto, è necessario impostare l'umidi-
tà relativa sul valore corretto. Per brevi distanze ed un'umidità normale, è in genere pos-
sibile utilizzare il valore predefinito dell'umidità relativa pari al 50%.

25.6 Altri parametri


Alcune termocamere e programmi di analisi di Flir Systems consentono anche di effet-
tuare compensazioni per i seguenti parametri:

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 117


25 Tecniche di misurazione termografica

• Temperatura atmosferica, ossia la temperatura atmosferica tra la termocamera e


l'oggetto.
• Temperatura ottiche esterne, ossia la temperatura di obiettivi esterni o finestre utilizza-
ti nella parte anteriore della termocamera.
• Trasmittanza ottiche esterne, ossia la trasmissione di obiettivi esterni o finestre utiliz-
zati nella parte anteriore della termocamera

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 118


26 Storia della tecnologia ad
infrarossi

Fino a 200 anni fa circa, non si sospettava neanche l'esistenza della porzione ad infra-
rossi dello spettro elettromagnetico. Il significato originale dello spettro infrarosso o, co-
me spesso viene chiamato, semplicemente "infrarosso", come forma di irradiazione di
calore è forse meno ovvio oggi di quanto non lo fosse ai tempi in cui è stato scoperto da
Herschel, nel 1800.

Figura 26.1 Sir William Herschel (1738–1822)

La scoperta avvenne accidentalmente durante la ricerca di un nuovo materiale ottico. Sir


William Herschel, astronomo reale del re Giorgio III d'Inghilterra e già famoso per aver
scoperto il pianeta Urano, era alla ricerca di un filtro ottico in grado di ridurre la luminosità
dell'immagine del sole nei telescopi durante le osservazioni. Mentre provava diversi
campioni di vetro colorato che fornivano analoghe riduzioni di luminosità, fu attratto dalla
constatazione che alcuni di questi campioni filtravano quantità ridotte del calore del sole,
mentre altri ne filtravano così tanto che egli rischiò di ferirsi gli occhi dopo solo pochi se-
condi di osservazione.
Herschel si convinse presto della necessità di condurre un esperimento sistematico, con
l'obiettivo di individuare un unico materiale in grado di ridurre la luminosità ai valori desi-
derati ed allo stesso tempo di ridurre al massimo il calore. All'inizio, i suoi esperimenti si
basarono sull'esperimento del prisma condotto da Newton, ma furono rivolti più all'effetto
termico che alla distribuzione visiva dell'intensità nello spettro. Herschel annerì con in-
chiostro il bulbo di un termometro sensibile contenente mercurio e lo utilizzò come rileva-
tore di radiazioni per studiare l'effetto termico dei vari colori dello spettro, definiti in base
ad una tabella, mediante il passaggio di luce solare attraverso un prisma di vetro. Altri
termometri, collocati al riparo dai raggi del sole, servivano da elementi di controllo.
Man mano che il termometro annerito veniva spostato lentamente lungo i colori dello
spettro, i valori della temperatura mostravano un aumento costante passando dal violetto
al rosso. Il risultato non era del tutto imprevisto, considerato che il ricercatore italiano
Landriani aveva osservato lo stesso effetto in un esperimento analogo condotto nel
1777. Fu Herschel, tuttavia, il primo a riconoscere l'esistenza di un punto in cui l'effetto
termico raggiunge un massimo e che le misurazioni limitate alla porzione visibile dello
spettro non erano in grado di individuare questo punto.

Figura 26.2 Marsilio Landriani (1746–1815)

Spostando il termometro nella regione scura, oltre l'estremità rossa dello spettro, Her-
schel ebbe la conferma che il calore continuava ad aumentare. Il punto massimo venne

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 119


26 Storia della tecnologia ad infrarossi

individuato da Herschel ben oltre l'estremità rossa, in quelle che oggi chiamiamo le “lun-
ghezze d'onda degli infrarossi”.
Quando Herschel compì la sua scoperta, denominò questa nuova porzione dello spettro
elettromagnetico “spettro termometrico”,. Definì la radiazione stessa a volte come “calo-
re nero”, a volte semplicemente come “raggi invisibili”. Paradossalmente, e contraria-
mente a quanto si pensa, non fu Herschel ad introdurre il termine “infrarosso”. La parola
cominciò a comparire nei testi circa 75 anni più tardi e non è stato ancora chiarito a chi
attribuirne la paternità.
L'uso del vetro nel prisma fatto da Herschel nel suo primo esperimento originale sollevò
alcune dispute tra i suoi contemporanei sull'esistenza effettiva delle lunghezze d'onda
degli infrarossi. Diversi ricercatori, nel tentativo di confermare i risultati del suo lavoro, uti-
lizzarono indiscriminatamente vari tipi di vetro, ottenendo trasparenze diverse nell'infra-
rosso. Nei suoi esperimenti successivi, Herschel si rese conto della trasparenza limitata
del vetro rispetto alla radiazione termica recentemente scoperta e fu costretto a conclu-
dere che l'ottica per l'infrarosso era probabilmente determinata esclusivamente dall'uso
di elementi riflessivi, quali specchi piani o curvati. Fortunatamente, ciò si dimostrò vero
solo fino al 1830, quando il ricercatore italiano Melloni fece una scoperta molto importan-
te: il salgemma presente in natura (NaCl), contenuto nei cristalli naturali sufficientemente
grandi per produrre lenti e prismi, è notevolmente trasparente all'infrarosso. Il risultato fu
che il salgemma divenne il principale materiale ottico infrarosso nei successivi cento an-
ni, fino a quando non si perfezionò la produzione di cristalli sintetici negli anni '30 del XX
secolo.

Figura 26.3 Macedonio Melloni (1798–1854)

I termometri utilizzati come rilevatori di radiazioni rimasero immutati fino al 1829, anno in
cui Nobili inventò la termocoppia. (Il termometro di Herschel poteva segnare fino a 0,2 °
C di temperatura, i modelli successivi fino a 0,05 °C). Grazie a Melloni, che collegò una
serie di termocoppie in sequenza per formare la prima termopila, si realizzò una svolta
decisiva. Il nuovo dispositivo era almeno 40 volte più sensibile del miglior termometro di-
sponibile allora per il rilevamento dell'irradiazione di calore, in grado di rilevare il calore
di una persona a tre metri di distanza.
La prima cosiddetta “immagine del calore” fu possibile nel 1840, frutto del lavoro di Sir
John Herschel, figlio dello scopritore dell'infrarosso e già famoso astronomo. In base al-
l'evaporazione differenziale di una sottile pellicola di olio esposta ad un modello termico,
l'immagine termica poteva essere visualizzata dalla luce riflessa, laddove l'interferenza
della pellicola di olio rendeva l'immagine visibile all'occhio umano. Sir John riuscì inoltre
ad ottenere un primitivo risultato di immagine termica su carta, che denominò
“termografia”.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 120


26 Storia della tecnologia ad infrarossi

Figura 26.4 Samuel P. Langley (1834–1906)

Il perfezionamento della sensibilità del rilevatore di raggi infrarossi proseguì lentamente.


Un'altra scoperta importante, il cui autore fu Langley nel 1880, fu l'invenzione del bolo-
metro. Questo strumento era costituito da una sottile striscia annerita di platino collegata
ad un ramo di un circuito a ponte Wheatstone, esposta alle radiazioni dei raggi infrarossi
e collegata ad un galvanometro sensibile. Allo strumento era stata attribuita la capacità
di rilevare il calore di una mucca ad una distanza di 400 metri.
Lo scienziato inglese Sir James Dewar fu il primo ad introdurre l'uso di gas liquefatti co-
me agenti di raffreddamento, come l'azoto liquido ad una temperatura di -196 °C nella ri-
cerca sulle basse temperature. Nel 1892 inventò un contenitore a chiusura ermetica in
cui era possibile conservare gas liquefatti per giorni interi. Il comune “thermos”, utilizzato
per conservare bevande calde o fredde, si basa su questa invenzione.
Tra il 1900 e il 1920, venne “scoperto” l'infrarosso. Furono concessi molti brevetti per di-
spositivi in grado di rilevare individui, artiglieria, velivoli, navi e perfino iceberg. Il primo si-
stema operativo, nel senso moderno, venne sviluppato durante la prima guerra
mondiale, quando entrambe le parti in conflitto conducevano programmi di ricerca dedi-
cati allo sfruttamento militare dell'infrarosso. Questi programmi includevano sistemi spe-
rimentali per il rilevamento di intrusioni nemiche, il rilevamento della temperatura di
oggetti lontani, le comunicazioni sicure e la guida dei “missili guidati”. Un sistema di ricer-
ca ad infrarossi collaudato durante questo periodo era in grado di rilevare un velivolo in
avvicinamento ad una distanza di 1,5 km o una persona a più di 300 metri.
In questo periodo, i sistemi più sensibili furono tutti basati su variazioni dell'idea di bolo-
metro, ma fu nel periodo tra le due guerre che si assistette allo sviluppo di due nuovi rile-
vatori di raggi infrarossi rivoluzionari: il convertitore di immagini e il rilevatore di fotoni.
All'inizio, il convertitore di immagini ricevette un'estrema attenzione da parte del settore
militare, perché consentì per la prima volta nella storia, letteralmente, di “vedere nel
buio”. Tuttavia, la sensibilità del convertitore di immagini era limitata alle lunghezze d'on-
da degli infrarossi vicini e gli obiettivi militari più interessanti, i soldati nemici, dovevano
essere illuminati da raggi di ricerca ad infrarossi. Considerato che ciò comportava il ri-
schio di annullare il vantaggio dell'osservatore perché il nemico poteva essere analoga-
mente equipaggiato, è comprensibile che l'interesse militare per il convertitore di
immagini alla fine diminuì.
Gli svantaggi militari tattici dei cosiddetti sistemi di imaging termico “attivi”, vale a dire at-
trezzati con raggi di ricerca, fornirono l'occasione dopo la seconda guerra mondiale per
ulteriori ricerche sugli infrarossi coperte da segreto militare, mirati allo sviluppo di sistemi
“passivi”, privi di raggi di ricerca, basati sul rilevatore di fotoni particolarmente sensibile.
Durante questo periodo, i regolamenti sul segreto militare impedirono la diffusione della
tecnologia di imaging ad infrarossi. Solo alla metà degli anni '50 il segreto fu rimosso e i
dispositivi di imaging termico cominciarono ad essere disponibili per la scienza e l'indu-
stria civili.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 121


27 Teoria della termografia

27.1 Introduzione
Gli argomenti riguardanti le radiazioni infrarosse e la relativa tecnica termografica sono
spesso poco noti a molti utilizzatori di termocamere ad infrarossi. In questa sezione vie-
ne fornita una descrizione della teoria che sottende il concetto di termografia.

27.2 Lo spettro elettromagnetico


Lo spettro elettromagnetico è suddiviso arbitrariamente in un certo numero di regioni
classificate in base alla lunghezza d'onda e denominate bande, distinte a seconda dei
metodi utilizzati per emettere e rilevare le radiazioni. Non esiste alcuna differenza so-
stanziale tra le radiazioni presenti nelle diverse bande dello spettro elettromagnetico: tut-
te sono governate dalle stesse leggi e le sole differenze sono quelle determinate dalle
diverse lunghezze d'onda.

Figura 27.1 Lo spettro elettromagnetico. 1: raggi X; 2: ultravioletto; 3: luce visibile; 4: infrarosso; 5: mi-
croonde; 6: onde radio.

La termografia utilizza la banda spettrale dell'infrarosso. Il confine delle onde corte è si-
tuato al limite della percezione visiva, nella parte rossa dello spettro. Il confine delle onde
lunghe si fonde con la lunghezza d'onda delle microonde radio, nell'intervallo delle onde
millimetriche.
La banda dell'infrarosso è spesso ulteriormente suddivisa in quattro bande più piccole, i
cui confini vengono anch'essi scelti in modo arbitrario. Le bande comprendono: infraros-
so vicino (0,75–3 μm), infrarosso medio (3–6 μm), infrarosso lontano (6–15 μm) e infra-
rosso estremo (15–100 μm). Anche se le lunghezze d'onda sono espresse in μm
(micrometri), per misurare la lunghezza d'onda in questa regione dello spettro è spesso
possibile utilizzare anche altre unità di misura, ad esempio nanometri (nm) ed Ångström
(Å).
Il rapporto tra le diverse unità di misura della lunghezza d'onda è:

27.3 Radiazione del corpo nero


Per corpo nero si intende un oggetto che assorbe tutte le radiazioni che lo colpiscono ad
una lunghezza d'onda qualsiasi. L'utilizzo dell'apparente termine improprio nero, riferito
ad un oggetto che emette radiazioni, è spiegato dalla legge di Kirchhoff (Gustav Robert
Kirchhoff, 1824–1887) la quale afferma che un corpo in grado di assorbire tutte le radia-
zioni ad una lunghezza d'onda qualsiasi è ugualmente in grado di emettere radiazioni.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 122


27 Teoria della termografia

Figura 27.2 Gustav Robert Kirchhoff (1824–1887)

La costruzione della sorgente di un corpo nero è, in linea di massima, molto semplice.


Le caratteristiche delle radiazioni dell'apertura di una cavità isotermica costituita da un
materiale opaco assorbente, rappresentano quasi esattamente le proprietà di un corpo
nero. Un'applicazione pratica del principio per la costruzione di un perfetto assorbitore di
radiazioni, è rappresentata da una scatola nascosta alla luce ad eccezione di un'apertu-
ra su uno dei lati. Qualsiasi tipo di radiazione entri successivamente all'interno del foro
viene diffuso ed assorbito da ripetute riflessioni, in modo che solo una frazione infinitesi-
male possa sfuggire. L'oscurità ottenuta in corrispondenza dell'apertura è quasi simile
ad un corpo nero e pressoché perfetta per tutte le lunghezze d'onda.
Se la cavità isotermica viene riscaldata adeguatamente, questa diventa ciò che si defini-
sce un radiatore a cavità. Una cavità isotermica riscaldata ad una temperatura uniforme
genera la radiazione di un corpo nero, le cui caratteristiche vengono stabilite unicamente
in base alla temperatura della cavità. Tali radiatori di cavità vengono comunemente usati
in laboratorio come sorgenti di radiazione negli standard di riferimento della temperatura
per la calibrazione di strumenti termografici, quali ad esempio le termocamere Flir
Systems.
Se la temperatura della radiazione del corpo nero aumenta raggiungendo un valore su-
periore a 525 °C, la sorgente comincia a diventare visibile in modo da non apparire più
nera all'occhio umano. Questo rappresenta la temperatura del radiatore che inizialmente
è rossa e successivamente diventa arancione o gialla quando aumenta ulteriormente. In-
fatti, per temperatura di colore di un oggetto si intende la temperatura che un corpo nero
dovrebbe raggiungere per avere lo stesso aspetto.
Si considerino ora tre espressioni che descrivono la radiazione emessa da un corpo
nero.

27.3.1 La legge di Planck

Figura 27.3 Max Planck (1858–1947)

Max Planck (1858–1947) fu in grado di descrivere la distribuzione spettrale della radia-


zione emessa da un corpo nero mediante la formula seguente:
dove:

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 123


27 Teoria della termografia

Wλb Emittanza energetica spettrale del corpo nero alla lunghezza d'onda
λ.
c Velocità della luce = 3 × 108 m/s
h Costante di Planck = 6,6 × 10-34 Joule sec.
k Costante di Boltzmann = 1,4 × 10-23 Joule/K.
T Temperatura assoluta (K) di un corpo nero.

λ Lunghezza d'onda (μm).

NOTA
Il fattore 10-6 viene utilizzato poiché l'emittanza spettrale sulle curve è espressa in Watt/m2, μm.

La formula di Planck, se rappresentata graficamente per le diverse temperature, genera


una famiglia di curve. Seguendo una qualsiasi curva di Planck, l'emittanza spettrale è ze-
ro per λ = 0, successivamente aumenta rapidamente fino a raggiungere il massimo in
corrispondenza della lunghezza d'onda λmax e, dopo averla raggiunta, si avvicina nuova-
mente a zero per lunghezze d'onda elevate. Maggiore è la temperatura, minore è la lun-
ghezza d'onda alla quale si raggiunge il massimo.

Figura 27.4 Emittanza energetica spettrale di un corpo nero, secondo la legge di Planck, rappresentata
graficamente per diverse temperature assolute. 1:Emittanza energetica spettrale (W/cm2 × 103(μm)); 2:
Lunghezza d'onda (μm)

27.3.2 La legge di spostamento di Wien


Differenziandosi dalla formula di Planck relativamente a λ, e trovando il massimo, si
ottiene:
La formula di Wien (Wilhelm Wien, 1864-1928) descritta precedentemente rappresenta
matematicamente l'osservazione comune in base alla quale i colori variano dal rosso al-
l'arancione o al giallo con l'aumentare della temperatura di un radiatore termico. La lun-
ghezza d'onda del colore è la stessa lunghezza calcolata per λmax. Una buona
approssimazione del valore di λmax per una data temperatura del corpo nero si ottiene
applicando la regola empirica 3 000/T μm. Per questo, una stella molto calda come Sirio
(11.000 K), che emette una luce bianca tendente al blu, irradia con il picco di emittanza
energetica spettrale che si sviluppa all'interno dello spettro invisibile dell'ultravioletto, alla
lunghezza d'onda di 0,27 μm.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 124


27 Teoria della termografia

Figura 27.5 Wilhelm Wien (1864–1928)

Il sole (circa 6.000°K) emette luce gialla, raggiungendo il picco a circa 0,5 μm nella parte
centrale dello spettro di luce visibile.
A temperatura ambiente (300 °K), il picco di emittanza spettrale si trova a 9,7 μm, negli
infrarossi lontani, mentre alla temperatura dell'azoto liquido (77 °K) il massimo della
quantità di emittanza spettrale, peraltro pressoché insignificante, si raggiunge a 38 μm,
nelle lunghezze d'onda degli infrarossi estremi.

Figura 27.6 Curve di Planck rappresentate graficamente su scale semilogaritmiche da 100 °K a 1000 °K.
La linea tratteggiata rappresenta il punto di massima emittanza spettrale per ogni valore di temperatura,
come descritto dalla legge di Wien. 1: Emittanza energetica spettrale (W/cm2 (μm)); 2: Lunghezza d'onda
(μm).

27.3.3 Legge di Stefan-Boltzmann


Integrando la formula di Planck da λ = 0 a λ = ∞, è possibile ottenere l'emittanza radiante
totale (Wb) di un corpo nero:
La formula di Stefan-Boltzmann (Josef Stefan, 1835–1893 e Ludwig Boltzmann, 1844–
1906), descritta precedentemente afferma che la quantità totale di energia emessa da
un corpo nero è proporzionale alla temperatura assoluta elevata alla quarta potenza.
Graficamente, Wb rappresenta l'area al di sotto della curva di Planck relativa a una data
temperatura. È possibile dimostrare che l'emittanza radiante compresa nell'intervallo da

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 125


27 Teoria della termografia

λ = 0 to λmax è solo il 25% del totale, il che rappresenta quasi la quantità della radiazione
solare presente nello spettro di luce visibile.

Figura 27.7 Josef Stefan (1835–1893) e Ludwig Boltzmann (1844–1906)

Se si utilizza la formula di Stefan-Boltzmann per calcolare l'energia irradiata dal corpo


umano, a una temperatura di 300 K ed una superficie esterna di circa 2 m2, è possibile
ottenere 1 kW. Questa perdita di energia non potrebbe essere sostenuta se non esistes-
se l'assorbimento di compensazione della radiazione dalle superfici circostanti, a tempe-
rature ambiente che non variano troppo drasticamente rispetto alla temperatura
corporea, oppure, naturalmente, dall'aggiunta di indumenti.

27.3.4 Emettitori diversi dai corpi neri


Finora sono stati descritti solo i radiatori di corpo nero e la radiazione emessa da un cor-
po nero. Tuttavia, su una regione di lunghezza d'onda estesa, gli oggetti reali non rispet-
tano quasi mai le leggi sopra illustrate – anche se tali oggetti, in taluni intervalli spettrali,
potrebbero comportarsi come un corpo nero. Ad esempio, un dato tipo di vernice bianca
può apparire perfettamente bianca nello spettro di luce visibile, ma diventa distintamente
grigia a circa 2 μm, mentre oltre i 3 μm è pressoché nera.
Tre sono i processi che possono verificarsi e che impediscono a un oggetto reale di com-
portarsi come un corpo nero: una frazione della radiazione incidente α può essere assor-
bita, una frazione ρ può essere riflessa, mentre un'altra τ può essere trasmessa. Poiché
tali fattori dipendono più o meno dalla lunghezza d'onda, l'indice λ viene utilizzato per
stabilire la dipendenza spettrale delle loro definizioni. Pertanto:
• Assorbimento spettrale αλ= rapporto tra il flusso radiante spettrale assorbito da un og-
getto e quello incidente;
• Riflessione spettrale ρλ= il rapporto tra il flusso radiante spettrale riflesso da un ogget-
to e quello incidente;
• Trasmissione spettrale τλ= il rapporto tra il flusso radiante spettrale trasmesso da un
oggetto e quello incidente;
La somma di questi tre fattori va sempre aggiunta al totale a qualsiasi lunghezza d'onda,
in modo da ottenere la seguente relazione:
Per i materiali opachi τλ = 0 quindi la relazione si semplifica in:
Un altro fattore, denominato emissività, è necessario per descrivere la frazione ε dell'e-
mittanza radiante di un corpo nero prodotta da un oggetto a una data temperatura. Si ot-
tiene quindi la definizione seguente:
L'emissività spettrale ελ= il rapporto tra il flusso energetico spettrale emesso da un og-
getto e quello emesso da un corpo nero alla stessa temperatura e lunghezza d'onda.
Il rapporto tra l'emittanza spettrale di un oggetto e quella di un corpo nero può essere de-
scritto mediante la seguente formula matematica:
In generale, esistono tre tipi di sorgenti di radiazione, distinti in base alle modalità in cui
l'emittanza spettrale di ciascuno varia con il variare della lunghezza d'onda.
• Un corpo nero, per cui ελ = ε = 1
• Un corpo grigio, per cui ελ = ε = costante inferiore a 1
• Un radiatore selettivo per cui ε varia in base alla lunghezza d'onda

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 126


27 Teoria della termografia

In base alla legge di Kirchhoff, per qualsiasi materiale, l'emissività e l'assorbimento spet-
trali di un corpo sono uguali per qualsiasi temperatura e lunghezza d'onda specificate. In
formula:
Da questo si ottiene, per un materiale opaco (poiché αλ + ρλ = 1):
Per i materiali particolarmente lucidi ελ tende a zero in modo che, per un materiale perfet-
tamente riflettente ((ad esempio. uno specchio) si avrà:
Per il radiatore di un corpo grigio, la formula di Stefan-Boltzmann diventa:
La formula dimostra che il potere emissivo totale di un corpo grigio è identico a quello di
un corpo nero alla stessa temperatura ridotta in proporzione al valore di ε del corpo
grigio.

Figura 27.8 Emittanza energetica spettrale di tre tipi di radiatori. 1: emittanza energetica spettrale; 2: lun-
ghezza d'onda; 3: corpo nero; 4: radiatore selettivo; 5: corpo grigio.

Figura 27.9 Emissività spettrale di tre tipi di radiatori. 1: emissività spettrale; 2: lunghezza d'onda; 3: cor-
po nero; 4: corpo grigio; 5: radiatore selettivo.

27.4 Materiali semitrasparenti agli infrarossi


Si consideri ora un corpo non metallico semitrasparente, ad esempio una spessa lastra
di materiale plastico. Quando la lastra viene riscaldata, la radiazione generata al suo in-
terno si propaga attraverso il materiale fino a raggiungere le superfici in cui la radiazione

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 127


27 Teoria della termografia

viene parzialmente assorbita. Inoltre, quando la radiazione raggiunge la superficie, una


parte di essa viene nuovamente riflessa verso l'interno e parzialmente assorbita, ma una
parte di questa radiazione raggiunge l'altra superficie attraverso cui fuoriesce in gran
parte, mentre un'altra sua parte viene nuovamente riflessa. Anche se le riflessioni pro-
gressive diventano sempre più deboli, è necessario sommarle quando si calcola l'emit-
tanza totale della lastra. Quando viene eseguita la somma della serie geometrica
ottenuta, l'emissività effettiva di una lastra semitrasparente è data da:
Quando la lastra diventa opaca questa formula viene così semplificata:
Quest'ultima relazione risulta particolarmente utile, poiché spesso è più semplice misu-
rare direttamente la riflettanza piuttosto che l'emissività.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 128


28 La formula di misurazione

Come illustrato in precedenza, quando è in azione, la termocamera riceve radiazioni an-


che da sorgenti diverse dall'oggetto sotto osservazione. Le radiazioni provengono inoltre
dall'area circostante l'oggetto, riflessa tramite la superficie dell'oggetto stesso. Queste
radiazioni vengono attenuate, in qualche misura, dall'atmosfera nel percorso di misura-
zione. A queste deve aggiungersi un terzo tipo proveniente dall'atmosfera stessa.
La descrizione della situazione di misurazione, come illustrata nella figura seguente, è
sufficientemente fedele alle condizioni reali. È possibile che siano stati trascurati alcuni
elementi, come la dispersione di luce solare nell'atmosfera o le radiazioni vaganti prove-
nienti da sorgenti di radiazione intensa, esterne al campo visivo. Tali interferenze sono
difficili da quantificare e comunque, nella maggior parte dei casi, sono talmente piccole
da poter essere trascurate. Qualora non fossero così trascurabili, la configurazione della
misurazione sarebbe probabilmente tale da causare rischi di interferenze, quanto meno
all'occhio di un operatore esperto. È quindi responsabilità dell'operatore modificare la si-
tuazione di misurazione per evitare interferenze, modificando ad esempio la direzione di
visualizzazione, schermando le sorgenti di radiazione intensa e così via.
In base a quanto chiarito, è possibile utilizzare la figura sotto riportata per ottenere una
formula per il calcolo della temperatura di un oggetto in base al segnale di uscita della
termocamera calibrata.

Figura 28.1 Una rappresentazione schematica della situazione di misurazione termografica generale.1:
area circostante; 2: oggetto; 3: atmosfera; 4: termocamera

Si supponga che l'energia irradiata ricevuta W dalla sorgente di un corpo nero di tempe-
ratura Tsource su distanze corte generi un segnale di uscita della termocamera Usource,
proporzionale all'energia in entrata (termocamera ad energia lineare). È quindi possibile
scrivere (Equazione 1):
o con notazione semplificata:
dove C è una costante.
Se la sorgente è un corpo grigio con emittanza ε, la radiazione ricevuta sarà di conse-
guenza εWsource.
È ora possibile scrivere i tre termini dell'energia irradiata ricevuta:
1. Emissione dall'oggetto = ετWobj, dove ε è l'emittanza dell'oggetto e τ è la trasmittan-
za dell'atmosfera. La temperatura dell'oggetto è Tobj.

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 129


28 La formula di misurazione

2. Emissione riflessa dalle sorgenti ambiente = (1 – ε)τWrefl, dove (1 – ε) è la riflettanza


dell'oggetto. Le sorgenti ambiente hanno la temperatura Trefl.
Questo esempio suppone che la temperatura Trefl sia la stessa per tutte le superficie
emittenti interne alla semisfera, viste da un punto sulla superficie dell'oggetto. Si trat-
ta ovviamente di una semplificazione della situazione reale. Tuttavia, la semplificazio-
ne è necessaria per ottenere una formula operativa e Trefl, almeno teoricamente, è
possibile assegnarle un valore che rappresenti una temperatura valida per un'area
complessa.
Si noti inoltre che, per ipotesi, l'emittanza dell'area circostante l'oggetto è = 1, rispet-
tando in tal modo la legge di Kirchhoff, secondo la quale tutte le radiazioni che urtano
le superfici dell'area circostante un oggetto verranno alla fine assorbite dalle superfici
stesse. Quindi, l'emittanza è = 1. (Si noti tuttavia che l'ultimo punto suppone che si
prenda in considerazione tutta la sfera intorno all'oggetto).
3. Emissione dall'atmosfera = (1 – τ)τWatm, dove (1 – τ) è l'emittanza dell'atmosfera. La
temperatura dell'atmosfera è Tatm.
È ora possibile scrivere l'energia irradiata totale ricevuta (Equazione 2):
Moltiplicare ciascun termine per la costante C dell'Equazione 1 e sostituire i prodotti CW
con il valoreU corrispondente, in base alla medesima equazione, quindi ricavare (Equa-
zione 3):
Risolvere l'Equazione 3 per Uobj (Equazione 4):
Questa è la formula di misurazione generale utilizzata da tutte le apparecchiature termo-
grafiche Flir Systems. I valori di tensione della formula sono:
Tabella 28.1 Tensioni

Uobj Tensione di uscita calcolata della termocamera per un corpo nero di


temperatura Tobj, vale a dire una tensione direttamente convertibile
nella temperatura reale dell'oggetto desiderato.

Utot Tensione di uscita misurata della termocamera per il caso specifico.


Urefl Tensione di uscita teorica della termocamera per un corpo nero di
temperatura Trefl in base alla calibrazione.
Uatm Tensione di uscita teorica della termocamera per un corpo nero di
temperatura Tatm in base alla calibrazione.

L'operatore deve fornire i valori di una serie di parametri per il calcolo:


• l'emittanza dell'oggetto ε
• l'umidità relativa
• Tatm
• la distanza dell'oggetto (Dobj)
• la temperatura (effettiva) dell'area circostante l'oggetto o la temperatura ambientale ri-
flessa Trefl
• la temperatura dell'atmosfera Tatm
A volte, tale compito può risultare oneroso per l'operatore, poiché in genere non è facile
ricavare i valori precisi dell'emittanza e della trasmittanza atmosferica per il caso specifi-
co. In genere, le due temperature non costituiscono un problema, ammesso che l'area
circostante l'oggetto non contenga sorgenti di radiazione intensa e di grandi dimensioni.
A questo punto, è naturale domandarsi quanto sia importante conoscere i valori corretti
di tali parametri. Potrebbe quindi essere interessante avere subito un'idea del problema,
osservando diversi casi di misurazione e confrontando le grandezze relative dei tre ter-
mini di radiazione. Ciò fornirà indicazioni utili per determinare quando è importante utiliz-
zare i valori corretti di questi parametri.
Le figure seguenti illustrano le grandezze relative dei tre tipi di radiazione per le tempera-
ture di tre diversi oggetti, due emittanze e due intervalli spettrali: SW e LW. Gli altri para-
metri hanno i seguenti valori fissi:
• τ: 0,88

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 130


28 La formula di misurazione

• Trefl = +20°C
• Tatm = +20°C
Ovviamente, la misurazione di temperature basse è più delicata della misurazione di
quelle alte, in quanto le sorgenti di radiazione di disturbo sono relativamente più forti nel
primo caso. Se anche il valore dell'emittanza dell'oggetto fosse basso, la situazione sa-
rebbe ancora più difficile.
Infine, è necessario chiarire l'importanza dell'uso della curva di taratura sul punto di tara-
tura più alto, chiamato anche estrapolazione. Si supponga che in una determinata circo-
stanza Utot sia = 4,5 volt. Il punto di taratura più elevato per la termocamera era
nell'ordine di 4,1 volt, un valore sconosciuto all'operatore. Quindi, anche se l'oggetto era
un corpo nero, come Uobj = Utot, in realtà si esegue un'estrapolazione della curva di tara-
tura, convertendo i 4,5 volt nella temperatura.
Si supponga ora che l'oggetto non sia nero, abbia un'emittanza pari a 0,75 ed una tra-
smittanza di 0,92. Si supponga inoltre che la somma dei due secondi termini dell'Equa-
zione 4 dia 0,5 volt. Calcolando Uobj tramite l'Equazione 4 si ottiene come risultato Uobj =
4,5 / 0,75 / 0,92 - 0,5 = 6,0. Questa è un'estrapolazione piuttosto estrema, in particolare
se si considera che l'amplificatore video può limitare il segnale di uscita a 5 volt! Si noti
tuttavia che l'applicazione della curva di taratura è una procedura teorica che non preve-
de alcun limite elettronico o di altra natura. Se non fossero stati imposti limiti di segnale
nella termocamera e se questa fosse stata calibrata su un valore superiore a 5 volt, la
curva risultante sarebbe stata molto simile alla curva effettiva estrapolata oltre i 4,1 volt,
a condizione che l'algoritmo di calibrazione fosse basato sulla fisica delle radiazioni, co-
me l'algoritmo Flir Systems. Naturalmente, deve esistere un limite per questo tipo di
estrapolazioni.

Figura 28.2 Grandezze relative delle sorgenti di radiazione in varie condizioni di misurazione (termoca-
mera SW). 1: Temperatura dell'oggetto; 2: Emittanza Obj: Radiazione dell'oggetto; Refl: Radiazione rifles-
sa; Atm: radiazione dell'atmosfera. Parametri fissi: τ = 0.88; Trefl = 20°C (+68°F); Tatm = 20°C (+68°F).

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 131


28 La formula di misurazione

Figura 28.3 Grandezze relative delle sorgenti di radiazione in varie condizioni di misurazione (termoca-
mera SW). 1: Temperatura dell'oggetto; 2: Emittanza; Obj: Radiazione dell'oggetto; Refl: Radiazione rifles-
sa; Atm: radiazione dell'atmosfera. Parametri fissi: τ = 0.88; Trefl = 20°C (+68°F); Tatm = 20°C (+68°F).

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 132


29 Tabelle di emissività

In questa sezione sono raccolti dati di emissività provenienti da studi sui raggi infrarossi
e dalle misurazioni eseguite da Flir Systems.

29.1 Bibliografia
1. Mikaél' A. Bramson: Infrared Radiation, A Handbook for Applications, Plenum press,
NY.
2. William L. Wolfe, George J. Zissis: The Infrared Handbook, Office of Naval Research,
Department of Navy, Washington, D.C.
3. Madding, R. P.: Thermographic Instruments and systems. Madison, Wisconsin: Uni-
versity of Wisconsin - Extension, Department of Engineering and Applied Science.
4. William L. Wolfe: Handbook of Military Infrared Technology, Office of Naval Research,
Department of Navy, Washington, D.C.
5. Jones, Smith, Probert: External thermography of buildings..., Proc. of the Society of
Photo-Optical Instrumentation Engineers, vol.110, Industrial and Civil Applications of
Infrared Technology, June 1977 London.
6. Paljak, Pettersson: Thermography of Buildings, Swedish Building Research Institute,
Stockholm 1972.
7. Vlcek, J: Determination of emissivity with imaging radiometers and some emissivities
at λ = 5 µm. Photogrammetric Engineering and Remote Sensing.
8. Kern: Evaluation of infrared emission of clouds and ground as measured by weather
satellites, Defence Documentation Center, AD 617 417.
9. Öhman, Claes: Emittansmätningar med AGEMA E-Box. Teknisk rapport, AGEMA
1999. (Emittance measurements using AGEMA E-Box. Technical report, AGEMA
1999.)
10. Matteï, S., Tang-Kwor, E: Emissivity measurements for Nextel Velvet coating 811-21
between –36°C AND 82°C.
11. Lohrengel & Todtenhaupt (1996)
12. ITC Technical publication 32.
13. ITC Technical publication 29.

NOTA
I valori di emissività riportati nella tabella seguente sono stati registrati utilizzando una termocamera a
onde corte. Devono pertanto essere considerati come valori raccomandati ed utilizzati con cautela.

29.2 Tabelle
Tabella 29.1 T: spettro totale; SW: 2–5 µm; LW: 8–14 µm, LLW: 6.5–20 µm; 1: materiale; 2: specifica; 3:
temperatura in °C; 4: spettro; 5: emissività: 6: riferimento

1 2 3 4 6 6
Acciaio foglio, lucidato 70 SW 0,18 9
inossidabile
Acciaio foglio, lucidato 70 LW 0,14 9
inossidabile
Acciaio foglio, non tratta- 70 SW 0,30 9
inossidabile to, parzialmente
graffiato

Acciaio foglio, non tratta- 70 LW 0,28 9


inossidabile to, parzialmente
graffiato

Acciaio laminato 700 T 0,45 1


inossidabile
Acciaio lega, 8% Ni, 18% 500 T 0,35 1
inossidabile Cr
Acciaio sabbiato 700 T 0,70 1
inossidabile
Acciaio tipo 18-8, lucidato 20 T 0,16 2
inossidabile

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 133


29 Tabelle di emissività

Tabella 29.1 T: spettro totale; SW: 2–5 µm; LW: 8–14 µm, LLW: 6.5–20 µm; 1: materiale; 2: specifica; 3:
temperatura in °C; 4: spettro; 5: emissività: 6: riferimento (segue)

1 2 3 4 6 6
Acciaio tipo 18-8, ossida- 60 T 0,85 2
inossidabile to a 800°C
Acqua cristalli di -10 T 0,98 2
ghiaccio

Acqua distillata 20 T 0,96 2


Acqua ghiaccio, con 0 T 0,98 1
spesso strato di
brina
Acqua ghiaccio, liscio -10 T 0,96 2

Acqua ghiaccio, liscio 0 T 0,97 1

Acqua neve T 0,8 1


Acqua neve -10 T 0,85 2

Acqua strato, spessore 0-100 T 0,95-0,98 1


>0,1mm
Alluminio anodizzato, grigio 70 SW 0,61 9
chiaro, opaco
Alluminio anodizzato, grigio 70 LW 0,97 9
chiaro, opaco
Alluminio anodizzato, nero, 70 SW 0,67 9
opaco
Alluminio anodizzato, nero, 70 LW 0,95 9
opaco
Alluminio bagnato in HNO3, 100 T 0,05 4
lastra
Alluminio come ricevuto, 100 T 0,09 2
foglio

Alluminio come ricevuto, 100 T 0,09 4


lastra
Alluminio deposto sotto 20 T 0,04 2
vuoto
Alluminio foglio anodizzato 100 T 0,55 2

Alluminio foglio, 4 campioni 70 SW 0,05-0,08 9


con graffiature
differenti
Alluminio foglio, 4 campioni 70 LW 0,03-0,06 9
con graffiature
differenti
Alluminio fortemente altera- 17 SW 0,83-0,94 5
to da agenti
atmosferici
Alluminio fortemente 50-500 T 0,2-0,3 1
ossidato
Alluminio fuso, sabbiato 70 SW 0,47 9
Alluminio fuso, sabbiato 70 LW 0,46 9
Alluminio irruvidito 27 10 µm 0,18 3
Alluminio irruvidito 27 3 µm 0,28 3
Alluminio lastra lucidata 100 T 0,05 4
Alluminio lucidato 50-100 T 0,04-0,06 1
Alluminio lucidato, foglio 100 T 0,05 2

Alluminio pellicola 27 10 µm 0,04 3

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 134


29 Tabelle di emissività

Tabella 29.1 T: spettro totale; SW: 2–5 µm; LW: 8–14 µm, LLW: 6.5–20 µm; 1: materiale; 2: specifica; 3:
temperatura in °C; 4: spettro; 5: emissività: 6: riferimento (segue)

1 2 3 4 6 6
Alluminio pellicola 27 3 µm 0,09 3
Alluminio superficie ruvida 20-50 T 0,06-0,07 1

Amianto carta 40-400 T 0,93-0,95 1


Amianto cartone 20 T 0,96 1
Amianto lastra 20 T 0,96 1
Amianto piastrella 35 SW 0,94 7

Amianto polvere T 0,40-0,60 1


Amianto tessuto T 0,78 1
Arenaria lucidato 19 LLW 0,909 8
Arenaria ruvido 19 LLW 0,935 8
Argento lucidato 100 T 0,03 2

Argento puro, lucidato 200-600 T 0,02-0,03 1

Argilla refrattaria 70 T 0,91 1

Biossido di rame polvere T 0,84 1


Bronzo bronzo al fosforo 70 SW 0,08 9
Bronzo bronzo al fosforo 70 LW 0,06 9
Bronzo lucidato 50 T 0,1 1
Bronzo polvere T 0,76-0,80 1
Bronzo poroso, ruvido 50-150 T 0,55 1

Calce T 0,3-0,4 1
Carbonio fuliggine 20 T 0,95 2

Carbonio grafite, superficie 20 T 0,98 2


limata
Carbonio nerofumo 20-400 T 0,95-0,97 1
Carbonio polvere di T 0,96 1
carbone
Carbonio polvere di grafite T 0,97 1

Carta 4 colori diversi 70 SW 0,68-0,74 9


Carta 4 colori diversi 70 LW 0,92-0,94 9
Carta adesiva bianca 20 T 0,93 2
Carta bianca 20 T 0,7-0,9 1
Carta bianca, 3brillan- 70 SW 0,76-0,78 9
tezze diverse
Carta bianca, 3brillan- 70 LW 0,88-0,90 9
tezze diverse
Carta blu scura T 0,84 1
Carta gialla T 0,72 1

Carta nera, opaca T 0,94 1


Carta nera, opaca 70 SW 0,86 9

Carta nera, opaca 70 LW 0,89 9

Carta nero T 0,90 1


Carta patinata con lacca T 0,93 1
nera
Carta rossa T 0,76 1
Carta verde T 0,85 1

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 135


29 Tabelle di emissività

Tabella 29.1 T: spettro totale; SW: 2–5 µm; LW: 8–14 µm, LLW: 6.5–20 µm; 1: materiale; 2: specifica; 3:
temperatura in °C; 4: spettro; 5: emissività: 6: riferimento (segue)

1 2 3 4 6 6
Carta da parati motivo leggero, 20 SW 0,85 6
grigio chiaro

Carta da parati motivo leggero, 20 SW 0,90 6


rosso
Catrame T 0,79-0,84 1
Catrame carta 20 T 0,91-0,93 1
Cemento 20 T 0,92 2
Cemento asciutto 36 SW 0,95 7
Cemento marciapiede 5 LLW 0,974 8

Cemento ruvido 17 SW 0,97 5


Cromo lucidato 50 T 0,10 1
Cromo lucidato 500-1000 T 0,28-0,38 1
Cuoio tinto T 0,75-0,80 1
Cupralluminio 20 T 0,60 1

Ebanite T 0,89 1
Ferro ed acciaio arrugginito, rosso 20 T 0,69 1

Ferro ed acciaio battuto, lucidato 40-250 T 0,28 1


accuratamente
Ferro ed acciaio brillante, inciso 150 T 0,16 1
Ferro ed acciaio coperto da ruggi- 20 T 0,61-0,85 1
ne rossa
Ferro ed acciaio elettrolitico 100 T 0,05 4
Ferro ed acciaio elettrolitico 22 T 0,05 4
Ferro ed acciaio elettrolitico 260 T 0,07 4
Ferro ed acciaio elettrolitico, accu- 175-225 T 0,05-0,06 1
ratamente
lucidato
Ferro ed acciaio foglio fortemente 20 T 0,69 2
arrugginito

Ferro ed acciaio foglio laminato 50 T 0,56 1

Ferro ed acciaio foglio lucidato 750-1050 T 0,52-0,56 1

Ferro ed acciaio foglio smerigliato 950-1100 T 0,55-0,61 1

Ferro ed acciaio fortemente 17 SW 0,96 5


arrugginito

Ferro ed acciaio fortemente 50 T 0,88 1


ossidato
Ferro ed acciaio fortemente 500 T 0,98 1
ossidato
Ferro ed acciaio laminato a caldo 130 T 0,60 1
Ferro ed acciaio laminato a caldo 20 T 0,77 1
Ferro ed acciaio laminato a freddo 70 SW 0,20 9
Ferro ed acciaio laminato a freddo 70 LW 0,09 9
Ferro ed acciaio laminato di 20 T 0,24 1
recente
Ferro ed acciaio lucidato 100 T 0,07 2
Ferro ed acciaio lucidato 400-1000 T 0,14-0,38 1
Ferro ed acciaio ossidato 100 T 0,74 4

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 136


29 Tabelle di emissività

Tabella 29.1 T: spettro totale; SW: 2–5 µm; LW: 8–14 µm, LLW: 6.5–20 µm; 1: materiale; 2: specifica; 3:
temperatura in °C; 4: spettro; 5: emissività: 6: riferimento (segue)

1 2 3 4 6 6
Ferro ed acciaio ossidato 100 T 0,74 1
Ferro ed acciaio ossidato 1227 T 0,89 4
Ferro ed acciaio ossidato 125-525 T 0,78-0,82 1
Ferro ed acciaio ossidato 200 T 0,79 2
Ferro ed acciaio ossidato 200-600 T 0,80 1
Ferro ed acciaio ruggine rossa, 22 T 0,69 4
foglio

Ferro ed acciaio ruvido, superficie 50 T 0,95-0,98 1


piana
Ferro ed acciaio smerigliato di 20 T 0,24 1
recente
Ferro ed acciaio strato di ossido 20 T 0,82 1
brillante, foglio

Ferro foglio 92 T 0,07 4


galvanizzato

Ferro foglio, brunito 30 T 0,23 1


galvanizzato

Ferro foglio, ossidato 20 T 0,28 1


galvanizzato

Ferro fortemente 70 SW 0,64 9


galvanizzato ossidato
Ferro fortemente 70 LW 0,85 9
galvanizzato ossidato
Ferro stagnato foglio 24 T 0,064 4

Ferro, ghisa fusione 50 T 0,81 1

Ferro, ghisa lavorato 800-1000 T 0,60-0,70 1

Ferro, ghisa lingotti 1000 T 0,95 1

Ferro, ghisa liquido 1300 T 0,28 1

Ferro, ghisa lucidato 200 T 0,21 1

Ferro, ghisa lucidato 38 T 0,21 4

Ferro, ghisa lucidato 40 T 0,21 2

Ferro, ghisa non lavorato 900-1100 T 0,87-0,95 1

Ferro, ghisa ossidato 100 T 0,64 2

Ferro, ghisa ossidato 260 T 0,66 4

Ferro, ghisa ossidato 38 T 0,63 4

Ferro, ghisa ossidato 538 T 0,76 4

Ferro, ghisa ossidato a 600°C 200-600 T 0,64-0,78 1

Gesso 17 SW 0,86 5
Gesso pannello in car- 20 SW 0,90 6
tongesso, non
trattato
Gesso prima mano di 20 T 0,91 2
intonaco
Gesso idrato 20 T 0,8-0,9 1
Ghiaccio: vedere
Acqua

Gomma dura 20 T 0,95 1

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 137


29 Tabelle di emissività

Tabella 29.1 T: spettro totale; SW: 2–5 µm; LW: 8–14 µm, LLW: 6.5–20 µm; 1: materiale; 2: specifica; 3:
temperatura in °C; 4: spettro; 5: emissività: 6: riferimento (segue)

1 2 3 4 6 6
Gomma morbida, grigia, 20 T 0,95 1
ruvida
Granito lucidato 20 LLW 0,849 8
Granito rugoso, 4 campio- 70 SW 0,95-0,97 9
ni differenti
Granito rugoso, 4 campio- 70 LW 0,77-0,87 9
ni differenti
Granito ruvido 21 LLW 0,879 8
Idrossido di polvere T 0,28 1
alluminio
Krylon Ultra-flat Nero opaco Temperatura am- LW ca. 0,96 12
black 1602 biente fino a 175°
C
Krylon Ultra-flat Nero opaco Temperatura am- MW ca. 0,97 12
black 1602 biente fino a 175°
C
Laccatura 3colori, spruzzata 70 SW 0,50-0,53 9
su alluminio
Laccatura 3colori, spruzzata 70 LW 0,92-0,94 9
su alluminio
Laccatura alluminio su su- 20 T 0,4 1
perficie ruvida
Laccatura bachelite 80 T 0,83 1
Laccatura bianca 100 T 0,92 2
Laccatura bianca 40-100 T 0,8-0,95 1
Laccatura nera, brillante, 20 T 0,87 1
spruzzata su ferro
Laccatura nera, opaca 100 T 0,97 2
Laccatura nera, opaca 40-100 T 0,96-0,98 1
Laccatura resistente al 100 T 0,92 1
calore
Legno 17 SW 0,98 5

Legno 19 LLW 0,962 8

Legno bianco, umido 20 T 0,7-0,8 1

Legno compensato, li- 36 SW 0,82 7


scio, asciutto
Legno compensato, non 20 SW 0,83 6
trattato
Legno pasta T 0,5-0,7 1

Legno piallato 20 T 0,8-0,9 1

Legno pino, 4 campioni 70 SW 0,67-0,75 9


differenti
Legno pino, 4 campioni 70 LW 0,81-0,89 9
differenti
Legno quercia piallata 20 T 0,90 2

Legno quercia piallata 70 SW 0,77 9

Legno quercia piallata 70 LW 0,88 9

Magnesio 22 T 0,07 4

Magnesio 260 T 0,13 4

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 138


29 Tabelle di emissività

Tabella 29.1 T: spettro totale; SW: 2–5 µm; LW: 8–14 µm, LLW: 6.5–20 µm; 1: materiale; 2: specifica; 3:
temperatura in °C; 4: spettro; 5: emissività: 6: riferimento (segue)

1 2 3 4 6 6
Magnesio 538 T 0,18 4

Magnesio lucidato 20 T 0,07 2

Malta 17 SW 0,87 5
Malta asciutto 36 SW 0,94 7
Mattoni allumina 17 SW 0,68 5
Mattoni argilla refrattaria 1000 T 0,75 1

Mattoni argilla refrattaria 1200 T 0,59 1

Mattoni argilla refrattaria 20 T 0,85 1

Mattoni comune 17 SW 0,86-0,81 5


Mattoni impermeabile 17 SW 0,87 5

Mattoni mattone 17 SW 0,68 5


refrattario
Mattoni muratura 35 SW 0,94 7
Mattoni muratura, 20 T 0,94 1
intonacato
Mattoni refrattario, 1000 T 0,46 1
corindone
Mattoni refrattario, forte- 500-1000 T 0,8-0,9 1
mente radiante
Mattoni refrattario, 1000-1300 T 0,38 1
magnesite

Mattoni refrattario, scarsa- 500-1000 T 0,65-0,75 1


mente radiante
Mattoni rosso, comune 20 T 0,93 2
Mattoni rosso, ruvido 20 T 0,88-0,93 1
Mattoni silice dinas, luci- 1100 T 0,85 1
dato, ruvido
Mattoni silice dinas, non 1000 T 0,80 1
lucidato, ruvido
Mattoni silice dinas, 1000 T 0,66 1
refrattario
Mattoni silice, 95% SiO2 1230 T 0,66 1
Mattoni sillimanite, 33% 1500 T 0,29 1
SiO2, 64% Al2O3
Molibdeno 1500-2200 T 0,19-0,26 1
Molibdeno 600-1000 T 0,08-0,13 1
Molibdeno filamento 700-2500 T 0,1-0,3 1
Neve: vedere
Acqua
Nextel Velvet Nero opaco -60-150 LW > 0,97 10 e 11
811-21Black
Nichel brillante opaco 122 T 0,041 4
Nichel commercialmente 100 T 0,045 1
puro, lucidato
Nichel commercialmente 200-400 T 0,07-0,09 1
puro, lucidato
Nichel elettrolitico 22 T 0,04 4
Nichel elettrolitico 260 T 0,07 4

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 139


29 Tabelle di emissività

Tabella 29.1 T: spettro totale; SW: 2–5 µm; LW: 8–14 µm, LLW: 6.5–20 µm; 1: materiale; 2: specifica; 3:
temperatura in °C; 4: spettro; 5: emissività: 6: riferimento (segue)

1 2 3 4 6 6
Nichel elettrolitico 38 T 0,06 4
Nichel elettrolitico 538 T 0,10 4
Nichel elettroplaccato su 22 T 0,045 4
ferro, lucidato
Nichel elettroplaccato su 20 T 0,11-0,40 1
ferro, non lucidato
Nichel elettroplaccato su 22 T 0,11 4
ferro, non lucidato
Nichel elettroplaccato, 20 T 0,05 2
lucidato
Nichel filo 200-1000 T 0,1-0,2 1
Nichel lucidato 122 T 0,045 4
Nichel ossidato 1227 T 0,85 4
Nichel ossidato 200 T 0,37 2
Nichel ossidato 227 T 0,37 4
Nichel ossidato a 600°C 200-600 T 0,37-0,48 1
Nichel-cromo filo, ossidato 50-500 T 0,95-0,98 1
Nichel-cromo filo, pulito 50 T 0,65 1

Nichel-cromo filo, pulito 500-1000 T 0,71-0,79 1

Nichel-cromo laminato 700 T 0,25 1


Nichel-cromo sabbiato 700 T 0,70 1
Olio, lubrificante film da 0,025 mm 20 T 0,27 2
Olio, lubrificante film da 0,050 mm 20 T 0,46 2
Olio, lubrificante film da 0,125 mm 20 T 0,72 2
Olio, lubrificante film su base Ni: 20 T 0,05 2
solo base Ni
Olio, lubrificante rivestimento 20 T 0,82 2
spesso

Oro fortemente 100 T 0,02 2


lucidato
Oro lucidato 130 T 0,018 1
Oro lucidato 200-600 T 0,02-0,03 1
accuratamente
Ossido di attivato, polvere T 0,46 1
alluminio
Ossido di puro, polvere T 0,16 1
alluminio (allumina)

Ossido di nichel 1000-1250 T 0,75-0,86 1


Ossido di nichel 500-650 T 0,52-0,59 1
Ossido di rame rosso, polvere T 0,70 1

Ottone foglio, laminato 20 T 0,06 1

Ottone foglio, smerigliato 20 T 0,2 1

Ottone fortemente 100 T 0,03 2


lucidato
Ottone lucidato 200 T 0,03 1
Ottone opaco, ossidato 20-350 T 0,22 1

Ottone ossidato 100 T 0,61 2

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 140


29 Tabelle di emissività

Tabella 29.1 T: spettro totale; SW: 2–5 µm; LW: 8–14 µm, LLW: 6.5–20 µm; 1: materiale; 2: specifica; 3:
temperatura in °C; 4: spettro; 5: emissività: 6: riferimento (segue)

1 2 3 4 6 6
Ottone ossidato 70 SW 0,04-0,09 9
Ottone ossidato 70 LW 0,03-0,07 9
Ottone ossidato a 600°C 200-600 T 0,59-0,61 1
Ottone smerigliato utiliz- 20 T 0,20 2
zando carta vetra-
ta con graniglia
80
Pannello di fibra masonite 70 SW 0,75 9
Pannello di fibra masonite 70 LW 0,88 9
Pannello di fibra pannello di 70 SW 0,77 9
truciolato
Pannello di fibra pannello di 70 LW 0,89 9
truciolato
Pannello di fibra poroso, non 20 SW 0,85 6
trattato
Pannello di fibra rigido, non trattato 20 SW 0,85 6

Panno nero 20 T 0,98 1


Pavimentazione 4 LLW 0,967 8
di asfalto
Pelle umana 32 T 0,98 2
Piastrella vetrificata 17 SW 0,94 5
Piombo brillante 250 T 0,08 1
Piombo non ossidato, 100 T 0,05 4
lucidato
Piombo ossidato a 200°C 200 T 0,63 1
Piombo ossidato, grigio 20 T 0,28 1

Piombo ossidato, grigio 22 T 0,28 4

Piombo rosso 100 T 0,93 4


Piombo rosso, 100 T 0,93 1
polvere
Plastica laminato in fibra 70 SW 0,94 9
di vetro (scheda
per circuito
stampato)
Plastica laminato in fibra 70 LW 0,91 9
di vetro (scheda
per circuito
stampato)
Plastica pannello isolante 70 LW 0,55 9
in poliuretano
Plastica pannello isolante 70 SW 0,29 9
in poliuretano
Plastica PVC, pavimento 70 SW 0,94 9
in plastica, opaco,
strutturato
Plastica PVC, pavimento 70 LW 0,93 9
in plastica, opaco,
strutturato
Platino 100 T 0,05 4
Platino 1000-1500 T 0,14-0,18 1
Platino 1094 T 0,18 4

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 141


29 Tabelle di emissività

Tabella 29.1 T: spettro totale; SW: 2–5 µm; LW: 8–14 µm, LLW: 6.5–20 µm; 1: materiale; 2: specifica; 3:
temperatura in °C; 4: spettro; 5: emissività: 6: riferimento (segue)

1 2 3 4 6 6
Platino 17 T 0,016 4
Platino 22 T 0,03 4
Platino 260 T 0,06 4
Platino 538 T 0,10 4
Platino filo 1400 T 0,18 1
Platino filo 50-200 T 0,06-0,07 1
Platino filo 500-1000 T 0,10-0,16 1
Platino nastro 900-1100 T 0,12-0,17 1
Platino puro, lucidato 200-600 T 0,05-0,10 1
Polistirolo isolante 37 SW 0,60 7
Polvere di T 0,86 1
magnesio

Porcellana bianca, brillante T 0,70-0,75 1


Porcellana vetrificata 20 T 0,92 1
Rame commerciale, 20 T 0,07 1
brunito
Rame elettrolitico, accu- 80 T 0,018 1
ratamente
lucidato
Rame elettrolitico, -34 T 0,006 4
lucidato
Rame fortemente 20 T 0,78 2
ossidato
Rame fuso 1100-1300 T 0,13-0,15 1
Rame lucidato 50-100 T 0,02 1
Rame lucidato 100 T 0,03 2
Rame lucidato, 27 T 0,03 4
commerciale
Rame lucidato, 22 T 0,015 4
meccanico
Rame ossidato 50 T 0,6-0,7 1
Rame ossidato fino T 0,88 1
all'annerimento
Rame ossidato, nero 27 T 0,78 4
Rame puro, superficie 22 T 0,008 4
accuratamente
preparata
Rame raschiato 27 T 0,07 4
Sabbia T 0,60 1
Sabbia 20 T 0,90 2
Scorie caldaia 0-100 T 0,97-0,93 1
Scorie caldaia 1400-1800 T 0,69-0,67 1
Scorie caldaia 200-500 T 0,89-0,78 1
Scorie caldaia 600-1200 T 0,76-0,70 1
Smalto 20 T 0,9 1
Smalto laccatura 20 T 0,85-0,95 1
Smeriglio grezzo 80 T 0,85 1

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 142


29 Tabelle di emissività

Tabella 29.1 T: spettro totale; SW: 2–5 µm; LW: 8–14 µm, LLW: 6.5–20 µm; 1: materiale; 2: specifica; 3:
temperatura in °C; 4: spettro; 5: emissività: 6: riferimento (segue)

1 2 3 4 6 6
Stagno brunito 20-50 T 0,04-0,06 1

Stagno foglio di ferro 100 T 0,07 2


stagnato

Stucco ruvido, calce 10-90 T 0,91 1


Terreno asciutto 20 T 0,92 2
Terreno saturo di acqua 20 T 0,95 2
Tipo 3M 35 Nastro isolante vi- < 80 LW ca. 0,96 13
nilico (diversi
colori)
Tipo 3M 88 Nastro isolante vi- < 105 LW ca. 0,96 13
nilico nero
Tipo 3M 88 Nastro isolante vi- < 105 MW < 0,96 13
nilico nero
Tipo 3M Super 33 Nastro isolante vi- < 80 LW ca. 0,96 13
+ nilico nero
Titanio lucidato 1000 T 0,36 1
Titanio lucidato 200 T 0,15 1
Titanio lucidato 500 T 0,20 1
Titanio ossidato a 540°C 1000 T 0,60 1
Titanio ossidato a 540°C 200 T 0,40 1
Titanio ossidato a 540°C 500 T 0,50 1
Truciolato non trattato 20 SW 0,90 6
Tungsteno 1500-2200 T 0,24-0,31 1

Tungsteno 200 T 0,05 1

Tungsteno 600-1000 T 0,1-0,16 1

Tungsteno filamento 3300 T 0,39 1

Vernice 8 diversi tipi e 70 SW 0,88-0,96 9


colori
Vernice 8 diversi tipi e 70 LW 0,92-0,94 9
colori
Vernice alluminio, vari sta- 50-100 T 0,27-0,67 1
ti di
invecchiamento
Vernice base olio, media 100 T 0,94 2
di 16 colori
Vernice blu cobalto T 0,7-0,8 1
Vernice giallo cadmio T 0,28-0,33 1

Vernice olio 17 SW 0,87 5


Vernice olio, diversi colori 100 T 0,92-0,96 1
Vernice olio, grigia, lucida 20 SW 0,96 6

Vernice olio, grigia, opaca 20 SW 0,97 6

Vernice olio, nero lucido 20 SW 0,92 6


Vernice olio, nero opaco 20 SW 0,94 6

Vernice plastica, bianco 20 SW 0,84 6

Vernice plastica, nero 20 SW 0,95 6

Vernice verde cromo T 0,65-0,70 1

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 143


29 Tabelle di emissività

Tabella 29.1 T: spettro totale; SW: 2–5 µm; LW: 8–14 µm, LLW: 6.5–20 µm; 1: materiale; 2: specifica; 3:
temperatura in °C; 4: spettro; 5: emissività: 6: riferimento (segue)

1 2 3 4 6 6
Vernice opaca 20 SW 0,93 6
trasparente
Vernice su parquet in 70 SW 0,90 9
trasparente quercia
Vernice su parquet in 70 LW 0,90-0,93 9
trasparente quercia
Zinco foglio 50 T 0,20 1

Zinco lucidato 200-300 T 0,04-0,05 1


Zinco ossidato a 400°C 400 T 0,11 1
Zinco superficie 1000-1200 T 0,50-0,60 1
ossidata

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 144


A note on the technical production of this publication
This publication was produced using XML — the eXtensible Markup Language. For more information
about XML, please visit http://www.w3.org/XML/
A note on the typeface used in this publication
This publication was typeset using Linotype Helvetica™ World. Helvetica™ was designed by Max
Miedinger (1910–1980).
LOEF (List Of Effective Files)
T501007.xml; 6896; 2013-03-21
T505473.xml; 6421; 2013-02-06
T505474.xml; 5524; 2012-09-18
T505013.xml; 5929; 2012-10-29
T505209.xml; 6120; 2012-12-07
T505201.xml; 6093; 2012-12-04
T505500.xml; 6111; 2012-12-06
T505015.xml; 6077; 2012-11-14
T505199.xml; 6061; 2012-11-13
T505200.xml; 6111; 2012-12-06
T505202.xml; 6061; 2012-11-13
T505669.xml; 6189; 2012-12-20
T505480.xml; 6189; 2012-12-20
T505203.xml; 6531; 2013-02-19
T505204.xml; 6189; 2012-12-20
T505205.xml; 6189; 2012-12-20
T505259.xml; 6189; 2012-12-20
T505501.xml; 6117; 2012-12-06
T505261.xml; 6111; 2012-12-06
T505260.xml; 6529; 2013-02-19
T505487.xml; 6029; 2012-11-08
T505206.xml; 5725; 2012-10-03
T505208.xml; 6575; 2013-02-25
T505007.xml; 6351; 2013-01-28
T505004.xml; 5937; 2012-10-29
T505000.xml; 6040; 2012-11-09
T505005.xml; 5939; 2012-10-29
T505001.xml; 5940; 2012-10-29
T505006.xml; 5941; 2012-10-29
T505002.xml; 5942; 2012-10-29

#T559600; r. A/ 6896/6897; it-IT 146


last page Headquarters
Corporate
Flir Systems, Inc.
27700 SW Parkway Ave.
Wilsonville, OR 97070
USA
Telephone: +1-503-498-3547
Website
http://www.flir.com
Customer support
http://support.flir.com

Publ. No.: T559600


Release: A
Commit: 6896
Head: 6897
Language: it-IT
Modified: 2013-03-21
Formatted: 2013-03-21