Sei sulla pagina 1di 79

Piotr Zygulski

Costanzo Preve:
la passione durevole
della filosofia

ecùldce pelile, p/aùancr.


In copertina:
Valeria Bruno, Ipazia, 2009, tecnica mista.

Pio tr Zygulski, Costanzo Preve: la passione durevole della filosofia

ISBN 978-88-7588-068-2

Copyright A
© 20 1 2 mj editrice
p e é ie p laàa/iG S

A ssociazione culturale senza fin i di lucro Chi non sp era qu ello


ch e non sem bra sp erab ile
non p otrà scop rirn e la r ea ltà ,
Via di Valdibrana 311 - 51100 Pistoia
p o ic h é lo av rà fa tto diventare,
Tel.: 0573-480013 con il suo non sp erarlo,
C. c. postale 1000728608 q u a lcosa ch e non p u ò essere trovato
www.petiteplaisance.it e a cui non p orta nessuna strad a.
e-mail: info@petiteplaisance.it E r a c l it o
Piotr Zygulski

Costanzo Preve:
la passione durevole
della filosofia

p e t ie p JaÌA an ce
Presentazione

Il testo che leggerete rappresenta l'evoluzione di ricerche e materiali


prodotti per la "tesina" di maturità, notoriamente per lo più vissuta dagli
studenti con un misto di timore e fastidio, riconosciuta nel migliore dei
casi come "male necessario" e non come un'occasione per intraprendere
un percorso non solo di studi ma anche e soprattutto di approfondimento
della propria formazione personale: già questo dà l'idea della particola­
rità del suo giovane autore e delle pagine che seguiranno.
A rendere ancora più singolare questo lavoro è il fatto che verte su
un autore nel bene e nel male unico e "non incasellabile", ignorato dagli
ambienti accademici italiani talvolta anche in maniera colpevolmente
intenzionale e meditata, portatore di un pensiero esplosivo e radicale,
capace di spaziare dalla storia della filosofia alla geopolitica, dall'analisi
del capitalismo alla metafisica, forse difficile da "maneggiare" ma che
proprio per questo si rivelerà con il tempo una miniera da esplorare anche
per i "malevoli" o i semplici diffidenti. Come Zygulski si sia imbattuto
in Costanzo Preve lo racconta egli stesso, è quantomeno significativo
che il suo scritto sia a oggi praticamente il primo lavoro "monografico"
esplicitamente incentrato sul pensiero di Preve, che miri cioè a presen­
tare una prima ricostruzione filosoficamente e filologicamente ordinata
dell'insieme della sua prospettiva, dalla questione della genesi storica
e del valore universale della filosofia a quella della possibilità di un
comunitarismo comunista delle libere individualità, passando per la
fenomenologia della dialettica del capitalismo. Se, infatti, iniziano ad
aumentare i testi che implicitamente o esplicitamente tengono conto
della produzione previana1, non altrettanto si può dire di quelli che si

1 Un buon esempio è D. Fusaro, M inim a mercatalia. Filosofia e capitalism o, saggio


introduttivo di A. Tagliapietra, Bompiani, Milano 2012, testo che rappresenta per certi
versi una prima - ancorché implicita - sistematizzazione dell'approccio previano alla
filosofia e dalla sua disamina del capitalismo. Mi permetto anche però di rinviare ad
alcuni testi in cui ho preso esplicitamente in esame e in carico il pensiero previano o ho
cercato di svilupparne alcuni punti a mio giudizio centrali (segnatamente la questione
della natura umana): G. Pezzano, Ripensare (con) M arx: la natura umana tra filosofia, scienza
e capitale, Petite Plaisance, Pistoia 2012 [liberamente scaricabile all'indirizzo http://www .

5
Gia c o m o P e z z a n o

soffermino specificamente sul contenuto dei suoi scritti e sugli sviluppi


del suo pensiero2, al di là del dialogo che ormai da anni si svolge tra Preve
e Luca Grecchi in particolare circa i rapporti tra verità e temporalità e
tra idea e storia3.
Pur essendo già di per sé molto, i meriti di questo testo tuttavia non
si esauriscono con ciò, perché va perlomeno sottolineato anche lo stile
lineare e chiaro (di cui Preve stesso è un convinto sostenitore) con cui
è scritto, che consente anche al lettore non avvezzo alle cose filosofiche
di inquadrare ben presto gli aspetti in gioco più salienti, che consente
dunque soprattutto di comprendere che le faccende filosofiche non sono
una questione di astrazioni fini a se stesse ma di rischiaramento delle
condizioni di possibilità e delle modalità di determinazione della vita
in comune. Certo, il testo tradisce qua e là una certa "timidezza" nel
rispetto e nella stima che il nostro giovane autore dimostra di avere nei
confronti di Preve, che lo porta a sembrare eccessivamente "benevolo"
e non sufficientemente distaccato, ma allo stesso tempo l'entusiasmo e
il coinvolgimento non fanno venire mai meno la lucidità e la precisione
della ricostruzione: insomma, il fascino della filosofia previana non si
trasforma mai in mera fascinazione per Zygulski, di modo che l'impres­
sione che resta alla fine della lettura delle sue pagine è una significativa
capacità di cogliere alcuni punti salienti della pressoché sterminata
(estensivamente e intensivamente, si badi) produzione di Preve per
offrirli al lettore in modo cristallino e diretto.
Parrebbe quasi che un diciannovenne al di fuori di qualsiasi logica
di "partito" e di "ortodossia" - al di fuori di qualsiasi compromissio­
ne ideologica - sia stato capace di riconoscere "a pelle" l'originalità e
l'importanza del pensiero previano ben prima di quanto non abbiano

■ petiteplaisance.it/ebooks/1141-1160/1164/el_1164.pdj]; Id., N ati per diventare davvero umani.


H um anitas e(s)t philosophia, Postfazione a C. Preve, Lettera sull'U m anesim o, Petite Plaisance,
Pistoia 2012, pp. 193-243; Id., Tractatus Philosophico-Anthropologicus. N atura umana e
capitale, Petite Plaisance, Pistoia 2012.
2 Segnalo però a tal proposito un testo collettaneo la cui pubblicazione è prevista per la
prima metà del 2013 (al quale contribuiranno Andrea Bulgarelli, Linda Cesana, Diego
Fusaro, Alessandro Monchietto e il sottoscritto, sotto la guida di Luca Grecchi) e che
rappresenterà la prima opera di ricostruzione e critica filosofica completamente dedicata
al pensiero di Costanzo Preve, del quale il testo di Zygulski può essere dunque quasi
considerata una sorta di "pregustazione".
3 Che ha trovato spazio soprattutto sulla rivista "Koiné" e nel testo L. Grecchi, C. Preve,
M arx e gli antichi Greci, Petite Plaisance, Pistoia 2005.

6
Presentazione

saputo fare i membri di quello che proprio Preve stesso dipinge come
Clero Intellettuale Politicamente Corretto: forse proprio qui si intravede in
filigrana quel «ringiovanimento del mondo» (Verjungung der Welt) che
sempre Preve invoca a più riprese con Fichte in vista del superamento
dell'«epoca della compiuta peccaminosità» e che non si esaurisce certo
nel primo momento propulsivo del "furore" giovanile, perché va col­
tivato e fatto maturare. Proprio in questo senso possiamo sicuramente
dire che il riferimento del titolo alla passione durevole non solo sintetizza
un asse fondamentale della riflessione previana, ma condensa anche
molto bene l'animo e l'atteggiamento che Zygulski mostra di avere nei
confronti della filosofia e persino dell'umanità in generale; o - meglio
- se la passione è certo presente nel tessuto del testo e nello spirito del
suo autore (d'altronde essere giovani senza passione significa rischiare
di non sbocciare mai), sarà il futuro delle sue ricerche, delle sue scelte,
della sua vita, e così via a dirci se essa saprà anche essere "resistente"
e "persistente", durevole. Una cosa è certa: i semi sono quelli buoni, nel
senso greco del "buoni a" far maturare un frutto degno di considerazione,
ma senza un terreno fertile anche i migliori semi sono a rischio. Sta a noi
tutti non smettere di lottare contro l'inaridimento per lasciare il giusto
nutrimento a tali semi, sta a noi tutti non cessare di farci guidare da una
passione davvero durevole.

Giacomo Pezzano

7
Ringraziamenti

Il ringraziamento principale è per il professor Costanzo Preve


per la sua gentile disponibilità.
Ringrazio inoltre il mio insegnante di storia e filosofia Pietro Orsini,
Diego Fusaro, Attilio Mangano, Silvia Ciappina,
Luca Valerio Rogledi, Tito Ghiglione e Marcella Giovati.
Sono riconoscente anche a Carmine Fiorillo, a Luca Grecchi
e a tutti coloro che mi hanno aiutato e sostenuto.
Un particolare ringraziamento a Valeria Bruno
che mi ha fatto dono dell'immagine di copertina.
Premessa

Considerata la mole di articoli, interviste e libri pubblicati da Costanzo


Preve e disponibili online, era praticamente inevitabile che prima o poi
un giorno mi imbattessi in lui. E così è stato.
Il primo impatto con tutti i grandi pensatori non è mai semplice, in
quanto ci costringe ad entrare in un modo di pensare che spesso diverge
dal nostro. Ciò vale senza dubbio anche per Costanzo Preve. È inutile
nascondercelo, questo signore dice cose fastidiose.
Proprio per tale motivo sono due gli atteggiamenti che una perso­
na può assumere in questo caso: voltarsi subito dall'altra parte per il
disgusto oppure cercare di comprendere per quali motivi egli elabori
considerazioni simili.
La curiosità ha prevalso e mi ha portato ad optare per il secondo,
consapevole che si trattava della via più ostica: mi sono dunque trovato
a fare i conti con il pensiero del professor Preve, approfondendo giorno
dopo giorno nuovi aspetti. Così procedendo, ho dovuto confrontarmi
su questioni differenti, che prima ignoravo o su cui sorvolavo con su­
perficialità.
Spesso non era sufficiente una sola lettura, in quanto, per capire le
cose, oltre alla curiosità occorre avere anche molta pazienza. Riflessioni
sempre nuove hanno iniziato a susseguirsi, apportando un contributo che
reputo assolutamente giovevole alla costruzione del mio spirito critico.
Sulla mia strada incontro il professor Diego Fusaro, con cui la scorsa
estate ho avuto modo di organizzare e di presentare un incontro sul suo
libro Bentornato Marx! Sarà proprio Diego a mettermi in contatto con
Costanzo Preve, che molto gentilmente mi inviterà ad andarlo a trovare
a casa sua, a Torino, per conoscerlo di persona.
Da quel pomeriggio filosofico, condiviso con gli amici Luca e Mas­
simo, prende vita la trascrizione dell'intervista, pubblicata sul sito Co­
muniSmo e Comunità. E con Costanzo Preve è nata una sincera amicizia.
Ma torniamo sulle motivazioni che mi hanno spinto ad intraprendere
la strada di scrivere una tesina di maturità interamente filosofica e sul
pensiero di un solo pensatore, per giunta tenuto ai margini del mondo
universitario. Di certo riconosco l'impossibilità di compendiare un'intera

9
Premessa

vita dedicata allo studio filosofico in poche pagine, tuttavia intendo ac­
cettare la sfida e presentare i principali aspetti del suo pensiero, sperando
che sia da stimolo per ulteriori approfondimenti.
Nel 1940 lo scrittore Cesare Pavese annotava nel suo diario: «finché
ci sarà qualcuno odiato, sconosciuto, ignorato, nella vita ci sarà qualcosa
da fare: avvicinare costui»1.
Dunque, avviciniamoci a Costanzo Preve.
Vi invito a seguirmi.

1 C. Pavese, II mestiere di vivere: diario 1935-1950, Einaudi, Torino 1952, p. 196.

10
Nota preliminare

Il presente elaborato, nato come tesina per la mia maturità scientifica,


intende costituire una sintesi e un'introduzione al pensiero filosofico di
Costanzo Preve.
Dopo una presentazione biografica, nella parte iniziale verrà ripercor­
sa la storia delle idee attraverso le riflessioni sviluppate da Preve su alcuni
tra i filosofi più significativi. Si tratta di un sentiero legittimo come tanti
altri, importante non tanto per le tappe in sé, che rappresentano alcune
delle numerose vette, quanto per il modo in cui verrà condotto il viaggio.
Emergerà, infatti, un'interpretazione originale che si caratterizza per la
deduzione sociale delle categorie del pensiero e per il mantenimento di
un orizzonte valutativo e veritativo aperto all'universalità.
Una sezione successiva sarà dedicata all'analisi filosofica del presente
storico che permetterà di individuare genesi e caratteristiche principali
del capitalismo nella sua totalità economica, politica e culturale, ivi
compresi gli aspetti ideologici che ne forniscono una legittimazione.
Infine, la parte conclusiva mostrerà la proposta avanzata da Preve
per una teoria politica comunitarista che si innesta nel solco della tra­
dizione filosofica occidentale e si fonda sull'universalità della natura
umana. Il comunismo comunitario si pone come un'alternativa filosofica
all'alienazione del sistema capitalistico, governato da una logica interna
di profitto illimitato.

11
C enni biografici

Costanzo Preve2 nasce a Valenza, in provincia di Alessandria, il 14


aprile 1943.
Suo padre era un funzionario delle Ferrovie dello Stato, la madre
una casalinga di origine armena ortodossa. Attraverso la nonna materna
apprende la lingua francese e viene introdotto alla cultura e alla lingua
greca. Dopo aver conseguito la maturità classica, nel 1962 si iscrive per
volontà del padre alla facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Torino.
Tuttavia, non dimostrando particolare interesse per il diritto, nel 1963 si
trasferisce a Scienze Politiche.
Nello stesso anno, interessato agli studi filosofici, riesce ad ottenere
per concorso una borsa di studio all'Università di Parigi. Il clima cul­
turale è particolarmente vivace e fecondo. Frequenterà dunque corsi
di Jean Hyppolite su Hegel, mentre Roger Garaudy e Gilbert Mury lo
avvicineranno al pensiero di Marx. Inoltre Preve seguirà anche seminari
di Louis Althusser e Jean-Paul Sartre. L'interesse è verso la filosofia greca
classica e la germanistica.
Nel 1964 frequenta un semestre invernale alla Freie Università di
Berlino, per merito di una borsa di studio. L'anno successivo dal di­
partimento di germanistica si trasferisce a neoellenistica, riuscendo ad
ottenere un'ulteriore borsa di studio che lo porterà all'Università di Atene
per studiare greco classico con Panagis Lekatsas e storia contemporanea
con Nikos Psyroukhis.
La tesi di laurea in greco moderno avrà come titolo:
L'illuminismo greco e le sue tendenze radicali e rivoluzionarie. Et-
nogenesi della nazione greca moderna fra Settecento e Ottocento. Il
problema della discontinuità con la grecità classica e con la grecità
bizantina.

Nel 1967 ritorna a Torino. Pur non avendola mai frequentata, lo


stesso anno si laurea presso la facoltà di Scienze Politiche discutendo la

2 Cfr. A. Monchietto, Lucio Colletti —Costanzo Preve. M arxism o, Filosofia, Scienza, Tesi di
Laurea Triennale in Filosofia, Università degli studi di Torino, 2008.

13
Cenni biografici

tesi Temi delle elezioni politiche italiane del 18 aprile 1948 con il professor
Alessandro Galante Garrone.
Nel 1968 si sposa. Nello stesso anno consegue l'abilitazione all'in­
segnamento liceale. Inizialmente è docente di francese ed inglese; poi,
dal 1969 sino al 2002, anno della pensione, insegna storia e filosofia al V
Liceo Scientifico di Torino, oggi Liceo Alessandro Volta.
Tra il 1973 e il 1975 aderisce al PCI; in seguito si avvicina a Lotta
Continua, facendo parte della commissione culturale; e infine diverrà
simpatizzante di Democrazia Proletaria. Tra gli anni Settanta e gli anni Ot­
tanta Preve approfondisce gli studi su marxismo, comunismo e filosofia,
scrivendo per numerose riviste. In questi anni, dopo una primissima fase
definita da lui stesso3 «puramente emozionale e ribellistica di adesione
generica al comunismo ed al marxismo», aderisce alle posizioni filo­
sofiche di Louis Althusser, per poi avvicinarsi ad Hegel e all'Ontologia
dell'Essere Sociale di Gyorgy Lukacs.
Nel 1980, assieme ad alcuni collaboratori, tra cui Franco Volpi, Maria
Turchetto, Augusto Illuminati, Fabio Cioffi e Amedeo Vigorelli, fonda la
rivista di dibattito teorico Metamorfosi, la quale - per una decina d'an­
ni - pubblicherà sedici volumi a carattere monografico. Nel frattempo,
assieme ad altri studiosi marxisti, tra i quali vi è anche Gianfranco La
Grassa, dà vita nel 1982 al Centro Studi di Materialismo Storico di Milano,
curandone anche il manifesto programmatico. Con Emilio Agazzi, l'anno
successivo, contribuisce all'organizzazione di un congresso internazio­
nale dedicato al centenario della morte di Karl Marx (1883-1983), che
darà poi vita alla rivista Marx 101.
Risale sempre agli anni Ottanta la collaborazione con il mensile teorico
Democrazia Proletaria, organo dell'omonimo partito, cui Preve fu iscritto
tra il 1988 e il 1991, divenendone membro della direzione nazionale. Nel
1991, quando Democrazia Proletaria e l'Associazione Culturale Marxista de­
cidono di confluire nel Partito della Rifondazione Comunista, Preve lascia
la militanza politica diretta.
Negli anni Novanta, si confronta con le vicende svoltesi nel conte­
sto politico nazionale e internazionale, tra cui il processo dissolutivo
dell'URSS e la guerra nei Balcani; dopo aver pubblicato alcuni libri nei
quali focalizza alcune problematiche protese al un rinnovamento del

3 C. Preve, L'eredità intellettuale di Louis A lthusser (1918-1990) e le contraddizioni teoriche


e politiche dell'althusserism o, reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://www .
kelebekler.com /occ/althusser01.htm (ultima consultazione 16/07/2012).

14
Cenni biografici

pensiero marxista, le sue analisi lo portano riconsiderare in profondità


alcuni aspetti del proprio pensiero, giungendo tra l'altro a valutare come
inservibile la dicotomia destra/sinistra.
Da allora ha elaborato numerose riflessioni originali di carattere
filosofico su comunitarismo, geopolitica, universalismo, questione nazionale,
pur mantenendo sempre vivo l'interesse per quanto concerne il rapporto
tra marxismo e filosofia.

15
1. L'interpretazione della tradizione filosofica

1.1. Le origini comunitarie della filosofia


La filosofia, afferma Preve, nasce comunitaria4. Pertanto è decisivo
il modo in cui si affronta la questione interpretativa del pensiero dei
primi filosofi.
Nel pensiero antico macrocosmo naturale e microcosmo sociale
venivano concepiti come un tutt'uno indistinto; dunque si trattava di
una compresenza in cui non vi era alcuna contrapposizione tra le leggi
che governano la natura e quelle che stanno a fondamento della società,
poiché le seconde erano fatte derivare in modo necessario dalle prime.
Si osservi che non è ancora comparso l'interesse nei confronti dell'uo­
mo come ente specifico a sé stante, cosa che avverrà in seguito a partire
da Socrate, ma esso viene inteso all'interno di un ordine naturale.
La chiave per comprendere la nascita della filosofia è focalizzarsi
sul processo graduale che porta alla fessurazione dell'unità originaria,
aprendo le porte a soluzioni religiose, ad esempio con il creazionismo
e il messianismo monoteista presso il popolo ebraico, oppure ad altre
che tentano di risolvere in una dimensione dialogica, quindi filosofica,
il rapporto tra uomo e natura. Questo è il caso del pensiero greco, che
considera la materia increata ed eterna.
Avremo modo di soffermarci su alcuni concetti fondamentali della
grecità, ma al contempo accostabili, con alcune dovute distinzioni, ad
altri presenti in quella orientale, come farà Martin Heidegger traducendo
tao con lògos5 e, più recentemente, il filosofo Raimon Panikkar6 con lo
strumento delle equivalenze omeomorfiche. Si tratta di concezioni presenti

4 C. Preve, Filosofia e capitalism o — Parte 4 (Il com unitarism o e i pregiudizi contro H egel),
videointervista a cura di “Maestri & Compagni", reperibile presso World Wide Web
all'indirizzo http://w w w .youtube.com /w atch7vH K 9vc_BxtS4 (ultima consultazione
16/07/2012).
5 Cfr. M. Heidegger, Unterwegs zu r Sprache, Neske, Pfullingen 1959; tr. it. a cura di A.
Caracciolo e di M. Caracciolo Perotti, In cam m ino verso il linguaggio, Mursia, 2010.
6 Cfr. R. Panikkar, The intrareligious D ialogue, Paulist, New York 1978, tr. it. a cura di N.
Giostra, Il dialogo intrareligioso, Cittadella, Assisi 2001.

17
L'interpretazione della tradizione filosofica

in tutte le culture del mondo ed esse rappresentano forse la prova più


tangibile della genesi comunitaria del filosofare.

1.1.1. I presocratici, ovvero i primi legislatori comunitari

Analizziamo innanzitutto i primi pensatori della tradizione filosofica


occidentale che comunemente vengono raggruppati sotto la categoria di
Vorsokratiker (presocratici), secondo la celebre classificazione di Hermann
Diels7, tuttavia non esente da critiche. Preve nota che nella tradizione ma­
nualistica filosofica, ad esempio nei libri di testo adottati comunemente
nei licei, l'interpretazione che ricorre è quella che li vorrebbe precursori
delle scienze moderne, «anticipatori dei premi Nobel o illuministi ante
litteram ma perfetti artigiani»8. Pur ammettendo aspetti naturalistici
interessanti nel loro pensiero, Preve definisce tale lettura «devastante»,
in quanto, associata alla legge comtiana dei «tre stadi»9 che comporta
«inaccettabili riduzioni positivistiche della religione e della filosofia»10,
introduce a quest'ultima come anticipazione imperfetta dell'unica, le­
gittima, forma conoscitiva, ovvero quella scientifica.
A tale deformazione ideologica si somma la falsificazione dei filosofi
precedenti operata da Aristotele nella Metafisica11. Qui il grande filosofo
greco, vissuto oltre due secoli dopo, descrive i pensatori che lo precedono
classificandoli secondo la «causa» che avrebbero ricercato: materiale,
formale, efficiente e finale. Così facendo, Aristotele cita per primi coloro
che utilizzano la causa materiale. In seguito Aristotele inserisce i filosofi
della causa formale. Tra essi troviamo Pitagora e Platone. È evidente che

7 Cfr. H. Diels, Die Fragm ente der Vorsokratiker, Berlino 1903; VI edizione, riveduta da W.
Kranz, Weidmann, Berlino, 1952. Si veda anche l'importante edizione italiana a cura di G.
Reale, I presocratici, Bompiani, Milano 2006.
8 C. Preve, La filosofia dei Greci (Parm enide, Eraclito, A ristotele, Epicuro), videointervista
a cura di D. Fusaro, reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://
w w w .youtube.com /w atch?v=pY Zm 6chdEps (ultima consultazione 16/07/2012).
9 Cfr. A. Comte, Cours de philosophie positive, Prem ière Legon, 1830-1842; tr. it. a cura di F.
Ferrarotti, Corso di filosofia positiva, UTET, Torino 1967.
10 C. Preve, I secoli difficili. Introduzione al pensiero filosofico dell'O ttocento e del N ovecento,
C.R.T.-Petite Plaisance, Pistoia 1999.
11 Cfr. Aristotele, M etafisica, in particolare I, 980a-993a [tr. it. in Opere, a cura di G.
Giannantoni, Laterza, Roma-Bari 1994-2007].

18
L'interpretazione della tradizione filosofica

si tratta di un'operazione volta ad avvallare la teoria aristotelica, in cui


la causa finale ha una posizione predominante.
Per ovviare a tale tentativo di destoricizzazione e di desocializzazione,
Preve propone un «radicale riorientamento gestaltico»12. Di conseguenza
egli sostiene che il problema debba essere impostato più correttamente,
secondo il metodo della deduzione sociale delle categorie del pensiero
che caratterizza l'analisi previana. Accostandosi in questo modo al pen­
siero antico, tali pensatori sarebbero dei «legislatori comunitari»13che, per
essere credibili all'interno della polis, avevano nella natura, «non creata»
e perciò «fonte diretta» 14, «l'unico punto di riferimento metaforico per
pensare la società»15 in assenza di un fondamento divino monoteistico,
presente invece nella tradizione ebraica, perché le divinità dei Greci
erano pensate come diramazioni della natura stessa, collegamenti fra il
divino e l'umano.
Tale impostazione, seppure minoritaria, va rilevato che non rappre­
senta un hapax, poiché alcuni pensatori si sono anche spinti oltre, indican­
do in maniera più precisa le posizioni politiche dei presocratici. È il caso
di Antonio Capizzi16, che avanza l'ipotesi secondo la quale l'attenzione di
Talete nei confronti dell'acqua era finalizzata ad ottenere legittimazione
politica presso la classe navale e mercantile che lo appoggiava. Il termine
arché è inteso in questo caso come "comando", "magistratura". Sempre
Capizzi osserva come nella città di Mileto vi fossero due fazioni, quella
degli artigiani urbani (Cheiromacha) contrapposta ai «Semprenaviganti»
(Aeinauti). Talete, esponente di quest'ultima classe, avrebbe proclamato
la superiorità del mare sulla terra, fornendo prova di conoscenze scien­
tifiche e tecniche approfondite, per sancire la preminenza della propria
fazione. Va segnalato che il filosofo e filologo Gabriele Giannantoni17,
considerando questa tesi affetta da quella che in retorica si chiama fallacia
a posteriori di inversione causale, ha tentato di ristabilire il rapporto che

12 C. Preve, Elogio del com unitarism o, Controcorrente, Napoli 2006, p. 88.


13C. Preve, A tu per tu . . . con Costanzo Preve —Intervista esclusiva, a cura di A. Lodi, 2012,
reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://www .statopotenza.eu/2510/a-tu-per-
tu-con-costanzo-preve (ultima consultazione 16/07/2012).
14C. Preve, La filosofia dei Greci (Parm enide, Eraclito, Aristotele, Epicuro), op. cit.
15C. Preve, A tu per tu ..., op. cit.
16 Cfr. A. Capizzi, La repubblica cosmica: A ppunti per una storia non peripatetica della nascita
della filosofia in Grecia, Ateneo, Roma 1982.
17 Cfr. G. Giannantoni, La Repubblica cosmica di A ntonio Capizzi, Elenchos, 1984.

19
L'interpretazione della tradizione filosofica

a lui pareva più corretto, ribaltando l'impostazione capizziana. In breve,


egli afferma che «a un milesio qualunque era senz'altro più evidente
il dominio dei Semprenaviganti piuttosto che il dominio dell'acqua,
quindi sarebbe logico dire che non perché l'acqua domina accade che i
Semprenaviganti governano, ma al contrario, poiché i Semprenaviganti
governano, l'acqua domina»18.
Secondo Preve è comunque sufficiente comprendere l'impianto comu­
nitario del pensiero dei primi filosofi, perché alcune spiegazioni troppo
dettagliate, come quelle di Capizzi, pur essendo plausibili, tendono ad
essere pretenziose, considerata l'esiguità delle fonti documentarie e la
distanza temporale.
Commentando Eraclito di Efeso, di cui ci sono pervenuti frammenti
raccolti nel libro Sulla natura, titolo convenzionale utilizzato anche
per molti altri testi del pensiero antico, Preve ricorda che è il biografo
Diogene Laerzio ad attestare: «Diodoto afferma che l'opera non è sulla
natura ma sulla politica, e che qualche cosa di fisico vi sta solo in forma
di esempio»19.
Eraclito è spesso descritto come un aristocratico, lettura non condi­
visa da Preve che lo vede come un legislatore comunitario antipersia­
no «ultrademocratico»20, sostenitore di un sistema politico basato sul
métron (misura) e sulla isonomia (uguaglianza di tutti di fronte alla legge
dettata dalla natura), che avrebbe dovuto scalzare il precedente diritto
consuetudinario nobiliare. Quando però i suoi concittadini preferirono
assecondare le richieste della Persia adottando una costituzione più ac­
cettabile agli orientali, la sua coerenza lo portò ad optare per una forma
di "secessione dell'Aventino" andando a vivere nel tempio di Artemide,
trascorrendo i suoi ultimi anni di vita a giocare con i bambini. Ebbene,
Eraclito dimostra come i primi pensatori della grecità concepissero «uni­
tariamente la realtà, e in questo pensiero unitario coesistevano insieme
l'Ideale e il Materiale»21.

18 F. Marcacci, Talete di M ileto tra filosofia e scienza, tesi di laurea in Filosofia presso
Università degli Studi di Perugia, Anno Accademico 1999-2000, p. 190.
19 Diogene Laerzio, Vite dei filosofi, IX, I: 15 [tr. it. a cura di L. Lechi, Tipografia Molina,
Milano 1842].
20 Cfr. C. Preve, La saggezza dei Greci. Una proposta interpretativa radicale per sostenere
l'attualità dei Greci oggi, in “Koiné", XVI, nn. 1-3, 2009, pp. 7-28: 9.
21 Ibidem.

20
L'interpretazione della tradizione filosofica

Passando alla scuola di Pitagora, secondo Preve il numero va inteso


come «fondamento del rapporto matematico tra grandezze prima di
tutto sociali»22 e ciò era funzionale alla ricerca di un'armonia razionale
all'interno della comunità.
Parmenide di Elea è stato forse il più celebre tra i pensatori pitago­
rici. Perciò l'interpretazione che ne dà il filosofo Emanuele Severino23
potrebbe risultare fuorviante, giacché, prescindendo dal contesto storico
e sociale, ignora proprio l'aspetto fondamentale, quello comunitario. A
questo proposito Preve riconosce nell'Essere parmenideo (to on), che
personalmente preferisce rendere in italiano mediante l'espressione
«essente alla luce dell'essere»24, un evidente riferimento alla stabilità e
alla permanenza eterna di una razionale legislazione pitagorica che si
configurerebbe come perfetta. Infatti questa è necessariamente basata su
rapporti geometrici - e, in quanto tali, immutabili - che vengono estesi
ai rapporti economici e sociali della comunità, evitando che le forze di­
sgregatrici possano prendere il sopravvento e rendere la comunità priva
di «significati sociali e umani relazionali»25.
Dunque quella di Parmenide è una reazione alla paura della dis­
soluzione integrale dell'eticità della polis, dal momento che stabilisce
una doppia legittimazione, quella naturale e quella umana. Il Nulla
che intende esorcizzare il filosofo eleate corrisponde, secondo Preve, al
medesimo concetto espresso da Anassimandro con il termine apeiron26
(infinito, indeterminato). Quest'ultimo infatti si mostra strettamente le­
gato a concetti giuridici quali "pagare il fio" e "corruzione", pertanto fa
pensare alla distruzione del senso comunitario provocata dalla mancanza
di nòmoi - ovvero di una legislazione determinata e stabile (qui ritorna
l'Essere di Parmenide) - e dall'illimitatezza delle ricchezze monetarie
individuali27 che minano la stabilità della polis.
In conclusione, Costanzo Preve con le sue analisi sui primi pensatori
intende dimostrare che «la filosofia nasce politica e nasce come strumento
per impedire la dissoluzione della polis a causa della forza del denaro» 28.

22 C. Preve, Elogio del com unitarism o, op. cit., p. 89.


23 Cfr. E. Severino, Ritornare a Parm enide, in Essenza del N ichilism o, Adelphi, Milano 1982.
24 C. Preve, La saggezza dei Greci, op. cit., p. 7.
25 C. Preve, Elogio del com unitarism o, op. cit., p. 86.
26C. Preve, La filosofia dei Greci, op. cit.
27 C. Preve, La saggezza dei Greci, op. cit., p. 6.
28C. Preve, A tu per tu ..., op. cit.

21
L'interpretazione della tradizione filosofica

Non essendo possibile fare in questa sede un'analisi approfondita di


tutti i filosofi della grecità, ci permettiamo di accennare solamente ad
alcuni di essi in maniera estremamente sintetica.
Nel raggruppamento eterogeneo dei "sofisti" è interessante la figura
di Protagora, che i "relativisti" di oggi generalmente ascrivono al loro
pàntheion, seguendo una tradizione risalente a Platone, che ciò nonostante
ne riconosce la grandezza nel dialogo omonimo. L'analisi di Preve pre­
ferisce leggere in chiave squisitamente umanistica la celebre citazione:
«di tutte le cose misura è l'uomo, di quelle che sono, in quanto sono, e
di quelle che non sono, in quanto non sono»29. In questa breve senten­
za ricorre nuovamente il concetto di métron, che viene fatto risiedere
nell'«Uomo in generale».
Si noti come nel pensiero di Protagora venga esplicitato il concetto di
paideia, il percorso educativo che dovrebbe permettere a tutti i cittadini
la partecipazione attiva alla vita della polis.
Dunque, abbiamo di fronte «un pensatore democratico e teorico della
comunità»30 nonché «l'autentico fondatore dell'Umanesimo nella tradi­
zione filosofica occidentale» e «colui che per primo pone a fondamento
filosofico della comunità sociale e politica l'interpretazione dialogica
razionale della Natura Umana»31 .
Quanto ai pluralisti, tra cui il più noto forse è Democrito, per Preve
si tratterebbe di un «momento interno alla discussione naturalistica»32.
Seguendo questa lettura, essi avrebbero semplicemente optato per una
scelta di tipo atomistico, sempre restando nell'alveo di una filosofia a
carattere comunitario.

29 Platone, Teeteto, 152a [tr. it. in Tutti gli scritti, a cura di G. Reale, Bompiani, Milano 2000].
30 C. Preve, Elogio del Com unitarism o, op. cit., p. 90.
31 Ibidem, p. 91.
32 C. Preve, La filosofia dei Greci, op. cit.

22
L'interpretazione della tradizione filosofica

1.1.2. Socrate, un legislatore comunitario in ritardo

Veniamo ora a Socrate, «il vero fondatore della filosofia greca»33.


Preve afferma che egli sarebbe stato un legislatore comunitario arrivato
troppo tardi, quando il nómos era divenuto ormai impotente di fronte
alla crescente importanza del denaro e i sofisti utilizzavano il lògos per
vane discussioni. Tuttavia Socrate vuole dare il proprio contributo, in­
dicando come la società debba essere affrontata a parte; differentemente
dai pensatori che ricercavano la conoscenza nella natura, l'uomo deve
trovarla, maieuticamente, in sé stesso.
In questo senso, Preve vede in Socrate un patriota ateniese «che
intende la filosofia come mera ontologia del puro essere sociale»34 e che
vuole salvare la propria polis dalla dissoluzione instaurando il dialogo
permanente. «Tafano»35 fastidioso sì, ma autenticamente comunitario.
Nonostante questo, sarà la sua stessa comunità di ateniesi a condan­
narlo a morte con una decisione democratica, presa a maggioranza. Tale
evento rappresenta secondo Preve la «scena primaria della storia della
filosofia occidentale»36.

1.1.3. Platone e gli sviluppi del pensiero greco

Passando a Platone, Preve afferma che si tratta per una metà di un


allievo della scuola pitagorica, che lo influenza nell'aspetto «sapienziale e
rivelativo», e per l'altra metà di un allievo di Socrate, dal quale apprende
il metodo veritativo razionale e dialogico. Sarebbe questa parte a preva­
lere, «nella forma se non nel contenuto»37. La chiave di interpretazione
suggerita per comprendere la Repubblica platonica è quella di focalizzarsi
sulla «pretesa di salvaguardare la comunità attraverso la selezione eu­
genetica negli accoppiamenti fra uomini e donne»38. Sebbene Platone

33 Cfr. C. Preve, Elogio della filosofia. Fondam ento, verità e sistem a nella conoscenza e nella pratica
filosofica dai greci alla situazione contem poranea, “Koiné", X, n. 1, 2003, pp. 83-113: 90.
34 C. Preve, La filosofia dei Greci, op. cit.
35 Platone, A pologia di Socrate, 30e [tr. it. in Tutti gli scritti, op. cit.].
36 C. Preve, La saggezza dei Greci, op. cit., p. 9.
37 C. Preve, Elogio della filosofia, op. cit., p. 11.
38 C. Preve, Elogio del Com unitarism o, op. cit., p. 97.

23
L'interpretazione della tradizione filosofica

non condividesse il metodo democratico, a cui è imputabile la condanna


a morte del maestro, per alcuni aspetti si trova d'accordo con due de­
mocratici. Infatti come Protagora non nega l'importanza della paidéia e
come il legislatore Clistene riconosce l'esigenza di un métron pitagorico
«per affermare concretamente nella comunità politica la dike»39, ovvero
la giustizia, comune sia ai mortali, sia agli abitanti dell'Olimpo. Al con­
tempo Platone non riconosce più il carattere integralmente comunitario
del concetto di Bene, che quindi «decolla verso il cielo dell'Iperuranio»40,
confermando un'impostazione di tipo bimondano.
Ad Aristotele, considerato il filosofo che consente di comprendere
l'intera grecità, vogliamo riservare un paragrafo a parte, mentre ora
una breve prolessi ci porta all'età ellenistica. In questo periodo le città-
stato perdono il dominio politico in favore delle grandi monarchie rette
da sovrani divinizzati. La comunità della polis aveva da tempo cessato
di esistere. Le soluzioni filosofiche che si affermano, nota Preve, sono
principalmente due: la proposta stoica della scuola del Portico dipinto
(Stoà Pokile) e quella del Giardino epicureo; «apparentemente opposte,
ma in realtà complementari»41. Infatti, se per i seguaci dello stoicismo si
ha una fuga in avanti nel grande, verso l'intero ecumene della comunità
cosmopolitica mondiale, con gli epicurei la fuga è verso una cerchia più
ristretta di amici. Quello che Preve definisce «amicalismo» epicureo, è
una filosofia intrinsecamente umanista, «in cui uomini e dèi camminano
di fatto sempre insieme»42. La materia quindi rappresenterebbe l'amicalità
solidale che unisce i membri del Giardino, e la deviazione degli atomi
sarebbe una felice metafora della libertà, come evidenziò nella sua tesi di
laurea il giovane Marx43, differenziandosi da Hegel, che nei confronti di
Epicuro provava un profondo disprezzo, forse perché, come rileva Preve,
egli coinvolgeva il filosofo ellenista nella «polemica contro il sensismo
materialistico del Settecento francese»44.

39 C. Preve, La saggezza dei Greci, op. cit., p. 8.


40 Ibidem, p. 9.
41 C. Preve, Elogio del com unitarism o, op. cit., p. 105.
42 C. Preve, La saggezza dei Greci, op. cit., p. 10.
43 K. Marx, Differenz der dem okritischen und epikureischen N aturphilosophie, 1841; tr. it. a
cura di D. Fusaro, D ifferenza tra le filosofie della natura di D em ocrito e di Epicuro, Bompiani,
Milano 2004.
44 C. Preve, La saggezza dei Greci, op. cit., p. 11.

24
L'interpretazione della tradizione filosofica

Soffermiamoci brevemente su un fatto che potrebbe a prima vista


sembrare una bizzarria o una curiosità trascurabile. Sebbene Platone si
fosse sforzato per tutta la vita a rivendicare l'esistenza della verità filo­
sofica, possiamo constatare come l'Accademia da lui fondata sia finita
«nel giro di due generazioni a rappresentare il principio opposto, quello
dello scetticismo programmatico permanente»45 con lo scolarca Arcesilao.
Ciò è da affrontare con il metodo dialettico in quanto, assicura Preve,
«aiuta a capire il perché un certo processo, partito con certe intenzioni,
si è rovesciato alla fine nel suo esatto contrario»46. Fenomeni simili si
sono verificati molte volte nei corsi e ricorsi storici. Gli esempi che si
potrebbero fare sono innumerevoli.
Dopo questa parentesi possiamo finalmente tornare alla filosofia della
grecità, presentando il pensiero aristotelico.

1.1.4. A ristotele, il filosofo della grecità

Aristotele rappresenta il «momento più alto del comunitarismo greco,


colui che sintetizza e sistematizza trecento anni di dibattito filosofico
sulla natura della convivenza umana»47.
Oltre al suo contributo eccezionale apportato alle discipline scienti­
fiche, tra cui spiccano gli interessi per la fisica e la biologia, applicando
scrupolosamente un attento metodo di classificazione, Preve sottolinea
la grandezza delle sue riflessioni in ambito politico e comunitario.
Accantonando la tentazione eugenetica di Platone e ritornando all'uma­
nesimo di Protagora, Aristotele condivide l'impostazione che fa risiedere
il métron nell'Uomo e ci consegna «una mirabile concezione antropolo­
gica»48, compendiata in due felicissime definizioni della natura umana,
universalmente valide, presenti nella sua Politica.

45 C. Preve, Elogio del Com unitarism o, op. cit., p. 107.


46C. Preve, Capitalism o e comuniSmo: dialettiche deU'ìUìmìtatezza e della corruzione, in “Eurasia
- Rivista di studi geopolitici", 2011, reperibile presso World Wide Web all'indirizzo
h ttp ://w w w .eu rasia-rivista.org/capitalism o-e-com u n ism o-dialettiche-dellillim itatezza-e-della-
corruzione/12703/ (ultima consultazione 16/07/2012).
47 C. Preve, Elogio del com unitarism o, op. cit., p. 128.
48 C. Preve, Il Popolo al potere. Il problem a della dem ocrazia nei suoi aspetti storici e filosofici,
prefazione di G. Giaccio, Arianna Editrice, Casalecchio 2006, p. 113.

25
L'interpretazione della tradizione filosofica

L'uomo è per natura politikón zoon49, di cui Preve accetta come «le­
gittime tre diverse traduzioni complementari e convergenti: animale
politico, animale sociale, animale comunitario»495051. Trovandosi in una
condizione intermedia tra la bestialità e la divinità, l'uomo vive in una
tensione continua tra questi due estremi. L'etica aristotelica indica la via
della messotes, del «giusto mezzo», per raggiungere il métron, già presente
nell'essere umano come potenzialità (dynamei on).
L'uomo è inoltre per natura lógon echon51, dotato di lògos, traducibile
con ragione, linguaggio, azione, capacità di calcolo e fondamento della
verità comune. Preve riconosce che il lògos è da intendersi nel suo duplice
aspetto ontologico e dialogico. Due sono i presupposti fondamentali del
dibattito filosofico: l'isegoria (eguale possibilità di prendere parola nelle
pubbliche assemblee) e l'isonomia (eguaglianza di fronte alla legge).
Solamente collocando il lógos in una posizione centrale, intesa come
«giusto mezzo», è possibile garantire l'equilibrio politico e cosmico
(isorropia) e il salvataggio della concordia civile (omonoia). È appunto il
lógos, ragione comune a tutti gli uomini, a calcolare la misura, il métron,
che ovviamente è di natura comunitaria. Questa riflessione di Preve ci
permette di cogliere nei suoi aspetti principali la saggezza dei greci. In
Aristotele, come in tutti i pensatori della grecità, è ben presente l'unità
delle categorie del pensiero e dell'essere, che rappresenta una visione
unitaria, cosmocentrica, in cui la metafisica si identifica con la logica.
Un altro punto fondamentale su cui ama soffermarsi il filosofo
torinese è la distinzione tra economia e crematistica. L'economia pre­
suppone un nòmos che consente una saggia amministrazione dell'oikos
(casa-comunità), dunque deve essere presente un métron come criterio
razionale che stabilisca dei limiti all'illimitatezza (apeiron) del denaro.
Infatti un'appropriazione smisurata dei beni non è economia, bensì
crematistica, che è l'arte di accumulare ricchezze. La crematistica tende
a rendersi autonoma. Non trovando limiti è fine a sé stessa e di conse­
guenza essa non contribuisce al bene della comunità, anzi ne mina i
fondamenti. Aristotele, pur restando all'interno di una società schiavi­
stica, «vede in questa forma di ricchezza la causa dell'instabilità, della
disgregazione della polis»52.

49Aristotele, Politica , 1278b [tr. it. in Opere , op. cit.].


50 C. Preve, Il Popolo al potere, op. cit., p. 113.
51Aristotele, Politica, 1334b [tr. it. in Opere, op. cit.].
52 M. Venturi Ferriolo, Aristotele e la crem atistica, La Nuova Italia, Firenze 1983, p. 90.

26
L'interpretazione della tradizione filosofica

Nel primo libro della Politica, Aristotele si esprime in questi precisi


termini: «sicché da questo punto di vista appare necessario che ci sia
un limite ad ogni ricchezza, mentre vediamo che nella realtà avviene
il contrario: infatti tutti coloro che esercitano la crematistica accrescono
illimitatamente il denaro»53.

1.2. B aruch Spinoza e G iambattista V ico

Spinoza e Vico sono due autori fondamentali che a giudizio di Pre­


ve gettano i presupposti per l'idealismo classico tedesco sviluppatosi
successivamente con Fichte, Hegel e Marx, su cui ci soffermeremo nelle
prossime pagine.
Egli condivide l'affermazione hegeliana secondo cui Spinoza rappre­
senterebbe «der wesentliche Anfang alles Philosophierens», ovvero «l'inizio
essenziale del filosofare»54, in quanto «pensa la sostanza sia come totalità
che come comunità»55.
La sua grandezza costringe i suoi successori ad interpretarlo. Inizial­
mente lo si considerò un esempio di «ateo virtuoso», per cui chiunque
può vivere onestamente e secondo virtù semplicemente seguendo ra­
gione e buon senso, a prescindere dall'ammettere o meno l'esistenza di
un Dio e delle sue leggi.
Dunque con Lessing diventò colui che aveva operato una radicale im-
manentizzazione del divino nella totalità naturale, secondo la definizione
rimasta nota di «hen kai pan»56. Sarà proprio su tale concezione, che aprì
un acceso dibattito alimentato da pensatori tra cui Jacobi e Holderlin,
che si innesterà l'idealismo tedesco, concependo però tale unità come
risultato di molteplici determinazioni. Inoltre un'interpretazione succes­

53Aristotele, Politica , 1257b, 30-35 [tr. it. in Opere , op. cit.].


54 G. W. F. Hegel, Vorlesungen uber die Geschichte der Philosophie, in Sammtliche W erke, a cura
di H. Glockner, Frommann, Stoccarda 1959, vol. IX, t. III; tr. it. a cura di E. Codignola e G.
Sanna, Lezioni sulla storia della filosofia, La Nuova Italia, Firenze 1967, vol. III, t. II, p. 109.
55 C. Preve, Vico, precursore dell'idealismo, videointervista a cura di D. Fusaro, reperibile
presso World Wide Web all'indirizzo http://www.youtube.com /watch?v=G TJD R6z_Szw
(ultima consultazione 16/07/2012).
56 G. E. Lessing, W erke, a cura di J. Petersen e W. von Olshausen, Berlino 1925-1935,
volume VIII, p. 748.

27
L'interpretazione della tradizione filosofica

siva, quella di Plekhanov57, volle vedere in Spinoza una concezione del


«mondo ontologicamente unitario, solo materiale» e dunque, con una
«sorta di monismo materialistico», avrebbe gettato le basi filosofiche del
comuniSmo di Marx, teoria non condivisa da Preve, che vede in essa
«una semplice dichiarazione positivistica di ateismo»58.
La lettura di Preve non si discosta molto da quella hegeliana, nella
quale Spinoza è considerato il primo idealista che, seppur rimanendo in
una dimensione di «acosmismo», astratto e astorico, «pone il problema
della saggezza umana, del limite e del suo rapporto col mondo in modo
soddisfacente»59. Preve sottolinea che in Spinoza il pensiero metafisico,
indubbiamente forte, convive felicemente con un'«apertura completa alla
concezione liberale e democratica dello Stato»60. Un aspetto che viene
sovente ignorato dalla manualistica è proprio la centralità della libertà
del dotto, capace di sublimare le passioni negative in positive, secondo
la tradizione di Aristotele e dello stoicismo.
Dunque, trascurando alcuni aspetti innegabilmente condizionati dal
meccanicismo secentesco, Preve considera Spinoza essenzialmente «un
filosofo della libertà, più che della necessità»61 che è stato in grado di
formulare un'etica autenticamente umanistica solo dopo essersi eman­
cipato da una «concezione antropomorfica e teleologico - progettuale
della divinità stessa»62, ancora viva nell'umanesimo rinascimentale.
A detta di Preve anche Vico è un precursore della filosofia classica
tedesca, per la centralità che assume la riflessione storica nel suo pen­
siero, tale da poterlo considerare «il fondatore della moderna filosofia
della storia»63.
Opponendosi alla «concezione esclusivamente geometrizzante del
concetto di ragione in Cartesio, in cui il cogito è unicamente il supporto

57 Cfr. G. V. Plekhanov, Beitrage zu r Geschichte des M aterialism us, Dietz, Stuttgart 1896.
58 C. Preve, Proposta di interpretazione, m etodologia e periodizzazione per la storia della filosofia
m arxista (1839-2002), parte V, reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://www .
kelebekler.com /occ/m arxfil05.htm (ultima consultazione 16/07/2012).
59 C. Preve, La filosofia di Spinoza, videointervista a cura di D. Fusaro, reperibile presso
World Wide Web all'indirizzo http://w w w .youtube.com /w atch?v=SA K x0Q 41KJ0 (ultima
consultazione 16/07/2012).
60 Ibidem.
61 Ibidem.
62 C. Preve, La saggezza dei Greci, op. cit., p. 21.
63C. Preve, Vico, precursore dell'idealismo, op. cit.

28
L'interpretazione della tradizione filosofica

della matematizzazione del mondo naturale»64, l'espressione verum


ipsum factum implica innanzitutto una difesa del carattere veritativo
della conoscenza filosofica, tanto caro a Preve, che deve coincidere con
«il bilancio ragionato della propria esperienza storica «narrativamente»
ricostruita»65 e cui l'uomo può aspirare, conscio che «la verità non può
mai essere «certificabile»»66, differentemente dalla certezza delle scienze
naturali, dall'esattezza matematica e dalla veridicità artistica.
Un aspetto interessante del pensiero di Vico è il mantenere la divinità,
non soggetta al flusso degli eventi, come fonte normativa della storia.
Nello specifico Preve si associa all'analisi di Horkheimer67, la quale evi­
denzia i meriti della concezione vichiana che, presupponendo un'istanza
regolativa esterna alla storia, evita così di cadere nello storicismo, che
si risolverebbe «integralmente (ed inevitabilmente) in relativismo ed in
nichilismo»68.
Pertanto Preve tiene in grande considerazione questo aspetto del
pensiero di Vico, in quanto la presenza di Dio «non è un "ritardo", non
è un "residuo metafisico", ma al contrario è una garanzia filosofica ve­
ritativa da conservare»69.

64 Cfr. C. Preve, Il saggio di Luca Grecchi "O ccidente: radici, essenza, fu tu ro". Un convincente
esercizio di filosofia della storia, in "Koiné", XVI, nn. 1-3, 2009, pp. 295-311: 300.
65 C. Preve, Com unism o fr a Idea e Storia. Riflessioni a partire da Alain Badiou, M ichael H ardt,
Toni N egri e Gianfranco La Grassa, 2011, reperibile presso World Wide Web all'indirizzo
http://www .com unism oecom unita.org/?p=2879 (ultima consultazione 08/07/2012).
66 C. Preve, Ricostruire il Partito Com unista?, 2011, reperibile presso World Wide Web
all'indirizzo http://www .com unism oecom unita.org/?p=2663 (ultima consultazione
08/07/2012).
67 Cfr. M. Horkheimer, Anfange der burgerlichen G eschichtsphilosophie, Kohlhammer,
Stuttgart 1930; tr. it. a cura di G. Backhaus, Gli inizi della filosofia borghese della storia. Da
M achiavelli a H egel, Einaudi, Torino 1978.
68C. Preve, Il saggio di Luca Grecchi ..., op. cit.
69 Ibidem.

29
L'interpretazione della tradizione filosofica

1.3. La filosofia classica tedesca

Costanzo Preve preferisce utilizzare, anziché la tradizionale dizione di


idealismo tedesco in cui vengono generalmente inseriti Fichte, Schelling ed
Hegel, quella di filosofia classica tedesca70. In questo modo si ha una diversa
periodizzazione che si apre con Lessing e Herder, include il criticismo
kantiano e il dibattito ad esso conseguente, nonché ovviamente Fichte,
Schelling ed Hegel, terminando con Feuerbach e Marx. La filosofia della
storia assume così una dovuta posizione centrale.
In questa parte ci soffermiamo sui tre filosofi principali della filosofia
classica tedesca: Fichte, Hegel e Marx, che costituiscono una radicale
critica alla modernità condivisa nella sostanza e fatta propria da Preve.

1.3.1. J ohann G ottlieb Fichte

Preve individua quattro fattori che giocano un ruolo importante per


comprendere il pensiero fichtiano:
• l'evento storico della Rivoluzione Francese interpretato in chiave
idealistica;
• la necessità di allontanarsi da Kant, poiché la metafisica religiosa
era già stata sufficientemente delegittimata teoricamente separando le
categorie del pensiero e quelle dell'essere;
• la concezione unitaria del mondo naturale e sociale derivata
dalla lettura di Spinoza proposta da Lessing;
• la concezione unitaria della storia concepita da Herder come
progresso dialettico.
Grazie a tali presupposti Fichte legge la realtà da un punto di vista
idealistico unitario in cui è presente una concezione del soggetto costitu­
ito storicamente mediante un processo dialettico tra Io e Non-Io. Per fare
ciò utilizza il lessico filosofico che conosceva meglio, quello kantiano,
anche se spesso può essere «fuorviante»71, perché, anche se Kant viene
70 C. Preve, M arx lettore di H egel e ... H egel lettore di M arx. Considerazioni sull'idealismo, il
m aterialism o e la dialettica, Petite Plaisance, 2009, p. 3 [liberamente scaricabile all'indirizzo
http:Hwww.peU teplaisance.it/ebooks/1031-1060jl036/el_1036.pdfl.
71 C. Preve, L'idealismo tedesco, Fichte, H egel e M arx, videointervista a cura di D.
Fusaro, reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http:jjwww.youtube.com /
w atch?v=Q 591X R vo_w A (ultima consultazione 16/07/2012).

30
L'interpretazione della tradizione filosofica

ripreso sul piano etico, su quello metafisico e gnoseologico lo rovescia,


trasformando l'Io penso in Io puro, atto supremo con cui il Soggetto si
autopone.
Per comprendere la dialettica di Fichte è necessario chiarire che egli
concepisce l'Io come «metafora dell'intera umanità, pensata ovviamente
attraverso un concetto unitario astratto universale»72. Dire che l'Io pone il
Non-Io, significa semplicemente affermare che l'umanità attiva pone di
fronte a sé degli ostacoli naturali e sociali - il Non-Io - al suo progresso
e che possono e devono essere superati con la filosofia, con l'idealismo,
inteso come prassi trasformatrice.
Per Fichte infatti l'opposto di idealismo è dogmatismo, ossia l'accetta­
zione del mondo come non trasformabile. In questo senso, la distinzione
kantiana tra fenomeno e noumeno inconoscible rappresenta una forma
di dogmatismo, perché negando la possibilità di concepire la totalità non
sarebbe in grado di trasformare radicalmente la realtà presente.
Possiamo oltre a ciò notare la definizione del periodo storico a lui
contemporaneo «epoca della compiuta peccaminosità». Per questo mo­
tivo le diffuse interpretazione degli idealisti tedeschi come giustificatori
della realtà, organici al sistema, costituiscono per Preve vere e proprie
«follie», «al di fuori del terreno razionale»73.
Come osserva Fusaro, «l'idealismo di Fichte», la cui centralità della
prassi verrà ripresa sia da Hegel che da Marx, «è indissolubilmente
legato al movimento di universalizzazione reale della libertà concreta,
dispiegantesi nella storia e chiamata a diventare libertà di tutti»74.
Fichte non concepisce più l'individuo come astratto, come avevano
invece fatto Cartesio e Kant, ma afferma chiaramente: «l'uomo deve
vivere nella società, se vive isolato non è un uomo completo e compiuto,
e contraddice a se stesso»75. Si ha dunque una ripresa dell'idea aristote­
lica di zoòn politikòn, avversata dal pessimista antropologico Hobbes ma
confermata dalle recenti acquisizioni in campo etologico dopo anni di

72 C. Preve, M arx lettore di H e g e l..., op. cit., p. 11.


73 C. Preve, Intervista (3/1/12), a cura di P. Zygulski, L. V. Rogledi, M. Di Perna, reperibile
presso World Wide Web all'indirizzo http://www .com unism oecom unita.org/?p=2954 (ultima
consultazione 08/07/2012).
74D. Fusaro, L'aporia dello Stato in Fichte. L'egemonia della politica sull'econom ia come reazione
all'epoca della com piuta peccam inosità, in “Giornale Critico di Storia delle Idee", III, n. 5, pp.
105-131: 113.
75J. G. Fichte, Einige Vorlesungen uber die Bestim m ung des Gelehrten, 1794; tr. it. a cura di N.
Merker, La missione del dotto, Fabbri, Milano 2001, p. 28.

31
L'interpretazione della tradizione filosofica

studi sul comportamento umano e animale76. È bene sottolineare però


che l'individuo è pensato all'interno del tempo storico, cosa che non
poteva avvenire nel pensiero della grecità.
Dunque in Fichte risulta fondamentale l'impegno, anche civile, che
nell'opera Discorsi alla nazione tedesca si declina nella forma di un sano
patriottismo volto a liberare la propria terra dall'invasore napoleonico.
Tra i numerosi spunti offerti in Lo Stato secondo Ragione o lo Stato com­
merciale chiuso, è interessante rilevare quelli che preannunciano la critica
dell'economia politica che svilupperà in seguito Marx e il tentativo di
superare la concezione liberale dello Stato. Egli ritiene che debba sussi­
stere il diritto alla proprietà, inteso non come possesso di beni materiali
ma come libertà di esercitare su di essa un'attività lavorativa. Diritto che
deve essere garantito a tutti i cittadini, non solo in modo formale ma
anche sostanziale, a partire proprio dalla dignità del lavoro. A questo
proposito risulta emblematica la citazione: «ufficio dello Stato sia prima
di tutto di dare a ciascuno il suo, immetterlo nella sua proprietà, e poi
di proteggerlo»77.
Preve sostiene che la grandezza di Fichte è data soprattutto dall'impo­
stazione che subordina l'economia alla piena occupazione, all'assistenza
sociale e all'autonomia statale, la quale è a sua volta subordinata all'etica,
ossia alla filosofia.
Pertanto viene posto un limite razionale, rappresentato dal «controllo
della politica solidale e comunitaria sull'economia», che altrimenti tende­
rebbe a divenire autonoma, «diventando una specie di divinità dispotica,
come ora accade, ad esempio, con il governo Monti»78.

1.3.2. G eorg W ilhelm Friedrich Hegel

Con Hegel abbiamo di fronte, a detta di Preve, il più grande comuni-


tarista dei tempi moderni e al contempo il più grande «interprete critico
della modernità», intesa come «contesto culturale della nuova società

76 Cfr. F. De Waal, Prim ates et Philosophes, Editions le Pommier, Paris 2008; tr. it. a cura di F.
Conte, Prim ati e filosofi. Evoluzione e moralità, Garzanti, Milano 2008.
77 J. G. Fichte, D er geschlossene H andelsstaat, 1800; tr. it. Lo Stato com m erciale chiuso, Bocca,
Milano 1909, p. 6.
78 C. Preve, Intervista (3/1/12), op. cit.

32
L'interpretazione della tradizione filosofica

europea di tipo borghese-capitalistico»79, seguendo la lezione dello stu­


dioso tedesco Reinhart Koselleck. Egli data l'inizio della modernità verso
la fine del XVIII Secolo, nella quale si afferma una nuova concezione del
tempo storico ove è pensabile il progresso nella storia, divenuta un concetto
trascendentale riflessivo80.
Ebbene, su Hegel sono state dette «incredibili e infondate sciocchez­
ze», spesso derivate da una scorretta interpretazione dell'identità tra reale
e razionale. Iniziamo a sgombrare il campo. Nel lessico hegeliano reale
«non è l'insieme empirico di tutto quanto accade»81 ma connota ciò che
deve essere realizzato per essere conforme alla sua razionalità ideale, che a sua
volta deve corrispondere al proprio concetto, ovvero ad una precisa verità
di tipo logico-ontologico. Pertanto si ha un processo veritativo circolare.
Quindi non tutto ciò che avviene è reale. Preve porta come esempio «lo
stupro», che, anche se avviene continuamente, non è assolutamente da
considerarsi in termini hegeliani reale, «perché non corrisponde al con­
cetto di libero rapporto sessuale fra adulti consenzienti»82. Per evitare
interpretazioni fallaci possiamo riprendere la formulazione presente
nel manoscritto di Heidelberg: «was vernunftig ist, wird wirklich und das
Wirkliche wird vernunftig»83, traducibile nei termini: «ciò che è razionale
diventa reale e il reale diventa razionale». Ciò esclude ogni «interpretazio­
ne conservatrice» del pensiero hegeliano, «e apre, invece, la prospettiva
della trasformazione»84, come rileva con acutezza Remo Bodei.
A detta di Preve, un punto centrale del pensiero hegeliano è la difesa
del carattere veritativo della conoscenza filosofica, la quale mostra due ca­
ratteristiche: la temporalità, in quanto il tempo «porta con sé la finitezza
e il limite»85, e la circolarità, per cui non esiste un punto di partenza da798012345

79 C. Preve, I secoli difficili, op. cit., p. 39.


80 R. Koselleck, «Erfahrungsraum » und «Erwartungshorizont» —zw ei historische Kategorien
(1975) in Vergangene Zukunft: zu r Sem antik geschichtlicher Zeiten, Suhrkamp, Frankfurt am
Main 1979; tr. it. di A. Marietti Solmi, «Spazio di esperienza» e «orizzonte di aspettativa»: due
categorie storiche, in Futuro passato: per una sem antica dei tem pi storici, Marietti, Genova 1986.
81 C. Preve, M arx lettore di H egel ..., op. cit., p. 16.
82 Ibidem.
83 G. W. F. Hegel, Grundlinien der Philosophie des Rechts, in W erke. Band 7, Frankfurt am
Main 1979; tr. it. a cura di V. Cicero, Lineam enti di filosofia del D iritto, Bompiani, Milano
2006, p. 59.
84 R. Bodei, Rem o Bodei racconta H egel e la dialettica, in Capire la filosofia. La filosofia raccontata
dai filosofi, La biblioteca di Repubblica, Roma 2011, p. 54.
85 C. Preve, I secoli difficili, op. cit., p. 45.

33
L'interpretazione della tradizione filosofica

sviluppare linearmente. Questo comporta che il «principio di legittima­


zione conoscitiva della verità»86 si trovi al termine di un processo dia­
lettico di autocoscienza articolato in tesi, antitesi e sintesi e implica che
la verità, per essere tale, debba aderire alla nostra coscienza, stabilendo
perciò un'identità tra «verità e comprensione»87, ed al contempo tra «il
proprio tempo appreso con il pensiero» e «ciò che è eternamente vero».
In aperto contrasto con le letture storicistiche del pensiero di Hegel,
l'interpretazione che offre Preve parte dall'opera Scienza della Logica, in
cui la verità ha un «carattere logico ed ontologico, e non storico»88. Senza
tale concezione si è privati dello strumento «per dire che Hitler, anche
se avesse vinto, avrebbe avuto torto lo stesso»89 e la storia diventerebbe
l'unico giudice del bene e del male. Hegel da questo punto di vista era
un sostenitore del diritto naturale ed aveva una concezione della natu­
ra umana di stampo aristotelico; al contempo però voleva ricollocare
in modo nuovo il giusnaturalismo negando una «fondazione astorica,
aprioristica dei diritti» dell'uomo «per una rifondazione all'interno del
processo evolutivo fenomenologico della coscienza umana»90.
Costanzo Preve afferma che quello che contraddistingue la filosofia
hegeliana è il «progetto di padronanza conoscitiva del presente ottenuto
mediante una ricostruzione storico-dialettica del passato, ed attraverso
una concettualizzazione logica del mondo»91. Rigettando il noumeno
kantiano, il presente diventa pertanto indagabile, anche nelle sue con­
traddizioni, dopo aver ripercorso le tappe fondamentali della storia, nella
quale anche il negativo gioca un ruolo fondamentale per poter giungere
ad una sintesi concettuale.
Veniamo ora ad una distinzione fondamentale presente nel pensiero
hegeliano. Se le scienze naturali si basano sull'intelletto (Verstand) che

86 Ibidem.
87 Ibidem.
88 Ibidem , p. 177.
89 C. Preve, H egel e il capitalism o (2/2), videointervista a cura di D. Fusaro, reperibile presso
World Wide Web all'indirizzo http://w w w .youtube.com /w atch?v=PC97V ql5yI4 (ultima
consultazione 22/07/2012).
90 C. Preve, Filosofia e capitalism o —Parte 4 (il com unitarism o e i pregiudizi contro H egel),
videointervista a cura di “Maestri & Compagni", reperibile presso World Wide Web
all'indirizzo http://w w w .youtube.com /w atch?v=tK 9vc_BxtS4 (ultima consultazione
16/07/2012).
91 C. Preve, M arx lettore di H egel ..., op. cit., p. 21.

34
L'interpretazione della tradizione filosofica

ha un approccio quantitativo, la conoscenza filosofica è invece fondata


sulla ragione dialettica (Vernunft) che è in grado di conoscere e valutare
qualitativamente l'intero, la «totalità espressiva della comunità socia­
le»92, diritto che al giorno d'oggi è messo in dubbio dalle stesse facoltà
di filosofia, come analizza Preve.
Il concetto hegeliano di Staat è stato un altro punto su cui si sono
consumati innumerevoli equivoci. Per giungere ad una interpretazione
filologicamente più corretta Preve si rifà alla definizione di Koselleck,
secondo cui il termine indicava «anzitutto la realizzazione pacifica e
guidata del programma universalistico della Rivoluzione Francese nella
sua fase "moderata"»93, vale a dire l'organismo per portare a compimento
il programma della modernità illuministica, equivalente del termine
inglese Commonwealth e del francese République, da leggersi in chiave
comunitaria, riprendendo la tradizione della grecità. Possiamo notare
come Hegel rifiuti sia il fondamento trascendente di legittimazione della
società feudale e signorile, che era tripartita in ordini, dunque incapace
di raggiungere l'universalità, sia l'«utopia politica totalizzante dello
Stato di Rousseau», che presupporrebbe un inesistente stato di natura,
seguito dall'avvento delle diseguaglianze e dal ristabilimento finale di
una nuova uguaglianza su basi contrattualistiche che de facto negano il
diritto naturale. Infatti ciò darebbe origine ad una furia del dileguare che
tenta di addizionare molteplici individualità solitarie in una comunità
illusoria risolutiva senza aver consolidato le proprie basi attraverso
momenti essenziali intermedi, che analizzeremo in seguito. L'analisi di
Hegel è di un'acutezza eccezionale, perché, afferma Preve, «è la migliore
critica anticipata al Comunismo Storico Novecentesco»94, il quale ha
tentato di costituirsi saltando le fasi della famiglia e della società civile,
bollate come borghesi, ma non avendo basi solide si è dissolto rapida­
mente non appena è subentrata una crisi economica e produttiva. Un
terzo modello che Hegel rifiuta esplicitamente è quello della «dittatura
dell'economia politica capitalistica che per gli ingenui si traveste da
liberalismo politico»95.

92C. Preve, H egel e il capitalism o (1/2), videointervista a cura di D. Fusaro, reperibile presso
World Wide Web all'indirizzo http://w w w .youtube.com /w atch?v=rW 3SX nxfU w E (ultima
consultazione 22/07/2012).
93 C. Preve, Elogio del com unitarism o, op. cit., p. 144.
94 Ibidem, p. 152.
95 Ibidem, p. 146.

35
L'interpretazione della tradizione filosofica

Il filosofo è consapevole che essa non può essere il fondamento di


una comunità perché si tratta di un complesso di conoscenze sociali che
sono fondate:
• sul sensismo, ossia sui desideri del compratore e del venditore;
• sull'empirismo, che prevede una tabula rasa su cui installare il
software del capitalismo originario;
• sullo scetticismo, che liquidando il cristianesimo apre le porte
alla nuova religione del «monoteismo del mercato»;
• e, infine, sull'utilitarismo, poiché interessi e bisogni da soli posso­
no dare origine ad una società individualistica e mercantile, ma non ad
una vera comunità che richiede soprattutto valori e costumi condivisi.
Vediamo come imposta il problema Hegel. Innanzitutto diritto astratto,
moralità e eticità (Sittlichkeit, tradotta da Preve come etica dei costumi
sociale-comunitaria) formano la triade dialettica dello Spirito Oggettivo,
e non dello Spirito Assoluto, che è invece costituito da arte, religione e
filosofia. Si tratta di una precisazione di notevole importanza a cui non
viene dato il peso che meriterebbe, perché esclude immediatamente l'in­
terpretazione "manicomiale" di Hegel come di un sostenitore dello Stato
Assoluto. Semplicemente, il filosofo tedesco non intende assolutizzare
ciò che è oggettivato nelle forme storiche.
Dal diritto astratto, che comprende la triade di proprietà, contratto, ille-
cito/pena, si passa ad un terreno già indagato precedentemente da Kant,
ovvero quello della morale, che consiste nel passaggio dall'esteriorità
dei rapporti giuridici all'interiorità della Coscienza, che per Hegel co­
stituisce «un santuario, che sarebbe sacrilego violare»96. In questo caso
avviene un passaggio analogo a quello mostrato nella Scienza della Logica
da Essere a Essenza. La moralità (tripartita in proponimento-responsabilità,
intenzione-benessere, bene-coscienza morale) è un aspetto fondamentale per
l'uomo ed è il tratto costitutivo della modernità, in cui può avere luogo
la libera riflessione morale del soggetto che ricerca una razionalità nelle
proprie azioni. Tuttavia Hegel ci mette in guardia da un'assolutizzazione
della sfera morale che, qualora si isolasse dal mondo, pretenderebbe di
difendere a spada tratta il dover essere, rischiando di opporsi al corso della
realtà con una sterile critica moralistica e dissolutrice. Occorre dunque
riconoscere un terzo momento dell'oggettivazione dello Spirito, ovvero
le istituzioni etiche, in cui la coscienza morale può realizzare il suo scopo
raggiungendo il bene e la razionalità del volere, da essa ricercato. La

96G. W. F. Hegel, Lineam enti di filosofia del Diritto, op. cit., p. 261.

36
L'interpretazione della tradizione filosofica

morale kantiana si rivelava infatti una pura intenzione formale e inde­


terminata che non poteva affermarsi come universale, se non in modo
astratto, perché escludeva oggettivazioni intermedie.
Quindi assumendo l'imperativo kantiano non è possibile dedurre
né i doveri da mettere in pratica nella realtà, né i criteri per valutare
se un'azione sia un dovere oppure no. Per ovviare a tale impasse si ha
dunque quello che Hegel definisce il trapasso nel concetto di Sittlichkeit,
secondo il tipico processo dialettico hegeliano di Aufhebung (supera­
mento, togliere conservando), che dunque è in grado di salvaguardare
sia i diritti che i doveri, in un ordine comunitario regolato da leggi. Di
conseguenza la sfera della Sittlichkeit, (costituita da famiglia, società e
Staat) comporta alcuni doveri sociali effettivamente legittimati dalla
Ragione, che incarna la volontà razionale che si fa oggettiva. La famiglia
(articolata in matrimonio, patrimonio, educazione della prole), essendo
costituita dall'amore reciproco tra genitori e figli che la rende imme­
diatamente coesa, è riconosciuta di interesse comune e viene dunque
elevata a livello sociale in quanto parte integrante della comunità. Così
parimenti la società civile, «luogo di riconoscimento della dignità del
lavoro»97, svolge un ruolo molto importante, rappresentato dal sistema
dei bisogni in quest'ordine: economia politica, giustizia, polizia (cioè
welfare assistenziale) e corporazione, ossia l'identità particolare in una
categoria professionale di ruolo universale; il lavoratore specializzato
diventa partecipe del lavoro sociale e si ritorna all'unità, mediata dalle
istituzioni sociali.
Da notare che i bisogni particolari - che non sono mai «né naturali né
assoluti»98 - sono filtrati dalla società, altrimenti il sistema dei bisogni,
abbandonato ad una mano invisibile smithiana porterebbe inevitabilmente
ad un profondo squilibrio tra poveri e ricchi. Se la moralità era un tipo
di libertà che si rifugiava dall'esterno all'interno particolare, creando
uno scompenso tra pubblico e privato, è nell'eticità che si ha la «libertà
effettiva sostanziale», in quanto realizzata in istituzioni che riassumono
sia la libertà individuale, sia la volontà generale, dopo aver superato le
contraddizioni analizzate in precedenza.
La conoscenza veritativa filosofica di Hegel, non dimentichiamocelo,
è circolare: così come lo Staat è fondamento logico-ontologico sia della

97 C. Preve, H egel antiutilitarista, introduzione di C. Gambescia, Settimo Sigillo, Roma


2007, p. 42.
98 Ibidem, p. 39.

37
L'interpretazione della tradizione filosofica

famiglia, sia della società civile, l'eticità fonda i due momenti dello Spirito
Oggettivo che la precedono.
Per concludere questo paragrafo su Hegel, è da rilevare come Preve
consideri il filosofo tedesco «il primo grande critico della modernità».
Egli non guarda al passato con nostalgia, in quanto assume la società
moderna quale «terreno storico irreversibile su cui muoversi», ma
«ne critica le pretese dogmatiche di assolutezza»99. Così come critica i
tentativi di assolutizzazione religiosa dell'economa e della politica, in
ambito scientifico egli celebra le scoperte dell'intelletto, ma si oppone alle
indebite pretese di onnipotenza del metodo delle scienze della natura.
Hegel pertanto è un filosofo borghese, ma implicitamente anticapitalista100.

1.3.3. K arl M arx

Il profilo teorico di Karl Marx delineato da Costanzo Preve è quello


di un allievo integrale di Hegel. Appunto per questo Marx è da consi­
derarsi un filosofo idealista, in quanto il fondamento del suo pensiero è
l'unificazione ideale della storia universale passata, presente efutura attraverso
la concettualizzazione della successione dei modi di produzione sociale
e la successiva applicazione della logica dialettica hegeliana al concetto
di capitale.
Le difficoltà di interpretazione del pensiero marxiano nascono in
primo luogo da un punto fondamentale. Differentemente da tanti altri
pensatori, Marx non ha mai voluto rendere coerente e sistematizzare le
proprie idee, lasciando dunque un cantiere aperto101.
Ciononostante, i suoi "amici" e i suoi "nemici" hanno tentato comun­
que di ingabbiarlo in un blocco monolitico. I primi, dopo la dogmatizza-
zione del modello marxista operata da Engels e da Kautsky, sono caduti
in «un fenomeno di idolatria»101b che ha impedito l'applicazione del
metodo critico di Marx al pensiero marxiano stesso e a quello marxista
successivo. Gli altri, invece, tendono odiosamente a scaricare su Marx le
99 C. Preve, I secoli difficili, op. cit., p. 52.
100C. Preve, H egel e il capitalism o (1/2), op. cit.
101D. Fusaro, Bentornato M arx! Rinascita di un pensiero rivoluzionario, Bompiani, Milano
2009, p. 30.
101b C. Preve, I secoli difficili, op. cit., p. 77.

38
L'interpretazione della tradizione filosofica

responsabilità del ComuniSmo Storico Novecentesco (1917-1991) al fine


di escludere in modo aprioristico ogni possibilità di superamento del
capitalismo, magari travestito da «società aperta»102 e democratica dalla
retorica liberale del Circo Mediatico, come vedremo successivamente.
Marx in realtà stava elaborando un oggetto politico nuovo, che por­
tava in sé alcune contraddizioni tali da poterlo definire, come fa Preve,
con l'espressione ossimorica di comuniSmo utopico-scientifico. Erano infatti
presenti elementi utopici «di origine romantica», tra cui la conciliazione
tra uomo e natura volta a superare una condizione di alienazione, ed
elementi scientifici «di origine positivistica»103, tra cui la previsione del
rovesciamento inevitabile del capitalismo borghese in comunismo a
causa delle contraddizioni insite nel sistema.
Tuttavia Marx, nolente o volente, è soprattutto un allievo di Hegel e,
talvolta andando anche contro la parola stessa di Marx, Preve lo considera
«un idealista inconsapevole»104 che, per il fatto di essere ateo, si è autode­
finito erroneamente materialista. Il concetto di materia, in questa chiave di
lettura, assumerebbe pertanto cinque significati di natura metaforica105:

• Materia come metafora di prassi rivoluzionaria anticapitalistica, che


vorrebbe contrapporsi all'idealismo visto come contemplazione passiva
o interpretazione del mondo, quando è al contrario evidente, come ab­
biamo notato in Fichte, che l'idealismo è il pensiero della trasformazione
attiva.
• Materia come metafora del primato della struttura dialettica, in
cui la società viene storicizzata in funzione della successione dei modi
di produzione, sulla sovrastruttura.
• Materia come metafora di ateismo, ovvero il rifiuto di un de­
miurgo divino e il conseguente collocamento dei valori morali e religiosi
all'interno dello sviluppo storico anziché in un fondamento trascendente.
• Materia come metafora della fragilità umana individuale e delle
connesse necessità del solidarismo comunitario. L'uomo può superare
la condizione di alienazione solo vivendo in una comunità solidale.

102K. Popper, The Open Society and Its Enem ies, Routledge, London 1945; tr. it. di R. Pavetto,
La società aperta e i suoi nem ici, Armando, Roma 2003.
103 C. Preve, Elogio del com unitarism o, op. cit., p. 159.
104 C. Preve, Storia critica del marxismo, introduzione di A. Tosel, La Città del Sole, Napoli
2007, p. 161.
105C. Preve, Autopresentazione di Costanzo Preve, 2007, reperibile presso World Wide Web
all'indirizzo http://w w w .com unitarism o.it/autopresentazione.pdf (ultima consultazione
16/07/2012).

39
L'interpretazione della tradizione filosofica

• Materia come metafora della necessaria contrapposizione dicoto­


mica tra libertà formale borghese e libertà materiale comunista.

Soffermandoci su quest'ultimo punto risulta lampante che Marx


rappresenta «un pensatore della libertà»106 e non del livellamento egua­
litario forzato, come comunemente molti suppongono. Per Marx il punto
di partenza è pur sempre quello hegeliano, la concezione storica in cui
i bisogni, attraverso un processo dialettico, da naturali si estendono ad
universali. Il pensatore tedesco per fare ciò analizza dialetticamente le
forze produttive, i rapporti di produzione e le ideologie che caratteriz­
zano le società pre-capitalistiche, vincolate da rapporti di dipendenza
personale e la società capitalistica, contraddistinta dall'indipendenza
personale formale che cela un «rapporto di dipendenza materiale»107, pro­
nosticando infine i caratteri della futura società comunista, una comunità
della libera individualità ottenuta attraverso un superamento dialettico.
Chi dovrebbe essere il Soggetto rivoluzionario protagonista di tale
processo? Preve, rifacendosi al Capitolo V I del Capitale, puntualizza che
per Marx non doveva essere la mera classe operaia, ma «il lavoratore
collettivo cooperativo associato, dal direttore di fabbrica all'ultimo mano­
vale, alleato con le potenze mentali e scientifiche della stessa grande
produzione capitalistica»108, definito appunto general intellect. Tuttavia
possiamo notare che sul piano storico non riuscì mai a concretizzarsi,
probabilmente perché egli ne ipotizzava la costituzione a livello di fab­
brica, la quale tende ad una socializzazione della produzione, mentre
il sistema capitalistico è piuttosto «una rete conflittuale di imprese in
conflitto strategico»109, che la frammentano.
Del pensiero marxiano Costanzo Preve sottolinea inoltre la continuità
con il pensiero greco, in particolar modo con quello di Aristotele, l'autore
più citato nel Capitale, spingendosi oltre, in quanto rileva che il modo di
produzione capitalistico è di per sé «senza misura»110. La ripresa della

106 Ibidem.
107 C. Preve, M arx inattuale. Eredità e prospettiva, Bollati Boringhieri, Torino 2004, p. 172.
108C. Preve, Elogio del com unitarism o, op. cit., p. 169.
109 C. Preve, Ripensare M arx oltre la destra e la sinistra, intervista a cura di Luigi Tedeschi,
2007, reperibile presso World Wide Web www.m ovim entozero.org/index.php?option=com _co
ntent& task=view & id=117& Item id=53 (ultima consultazione 16/07/2012).
110 Karl Marx, D as Kapital. K ritik der politischen Okonom ie, Erster Band, Dietz Verlag,
Berlin/DD R 1962; tr. it. a cura di D. Cantimori, Il Capitale, Libro primo, Editori Riuniti,
Roma 1964, sez. II, cap. 4, p. 185.

40
L'interpretazione della tradizione filosofica

filosofia della grecità è riscontrabile inoltre nel carattere autenticamente


comunitario del comuniSmo marxiano, assente di una teoria politica
definita. Infatti, il classismo proletario in Marx è sempre concepito in
funzione del comunitarismo, in quanto la classe rivoluzionaria avrebbe
portato in sé un universalismo in potenza che si sarebbe mostrato, nella
sua coincidenza tra reale e razionale, con l'avvento del comunismo. Ciò è
evidente nell'ottimismo antropologico di Marx che dimostra di confidare
nelle capacità in primo luogo del proletariato, e poi in quelle «dell'intero
genere umano politicamente organizzato, di praticare l'autogoverno
politico e l'autogestione economica»111. Preve nota in questo punto un
errore di previsione, poiché la classe proletaria si è sempre dimostrata
irrimediabilmente subalterna e pertanto necessita di essere politicamente
rappresentata.
Alle caratteristiche di politikón zoon e di lógon echon che definiscono
aristotelicamente la natura umana, Marx ne aggiunge una terza di fon­
damentale importanza, quella di Gattungswesen, ossia il concetto ontolo­
gico - antropologico di ente umano naturale generico che sta alla base del
comunitarismo marxiano. Questo permette di concepire quella specificità
che consente all'uomo «di produrre consapevolmente e con intenzione
forme di produzione e di convivenza comunitaria differenti»112. Poiché
egli non è assimilabile ad una formica in grado di edificare un unico
modello di formicaio, l'uomo può conseguentemente creare infiniti
modelli di società differenti, dei quali quello capitalista è solamente uno,
«aleatorio»113, dei molteplici possibili.
Pertanto Preve è convinto del fatto che Marx, differentemente da
quanto egli stesso volesse fare, non abbia rovesciato Hegel, quanto
Rousseau. Possiamo infatti notare che il pensatore svizzero affermava
che la società e la storia potevano essere comprese a partire da uno stato
di natura originario, mentre Marx al contrario ha posto il fondamento
teorico in un principio finale, ossia il comunismo, utilizzando la logica
idealistica di Hegel per compiere tale rovesciamento. In questo senso, il
professore torinese giunge ad una riflessione interessante. Marx, avendo
definito il comunismo come puro rovesciamento e negazione del capitali­
smo, in realtà avrebbe dato vita ad un «prolungamento utopico comunista

111 C. Preve, Elogio del com unitarism o, op. cit., p. 172.


112C. Preve, Elogio del com unitarism o, op. cit., p. 48.
113 C. Preve, I secoli difficili, op. cit., p. 28.

41
L'interpretazione della tradizione filosofica

di una precedente utopia capitalistica di Smith»114, poiché entrambi sono


accomunati da «una logica di funzionamento riproduttivo automatico»115
svincolato da oggettivazioni giuridiche e da istituzioni sociali, e pertanto
destinato ad un furia del dileguare, secondo la definizione hegeliana.
Ad ogni modo è bene osservare che il pensiero di Marx non è una
forma di economia politica, ma rappresenta una forte critica di questa
e dell'intera società capitalistica, analizzata nelle sue contraddizioni
strutturali. Il nucleo del pensiero marxiano sta dunque nel coniugare la
teoria filosofica dell'alienazione e quella economica del valore. Tuttavia,
in questo modo cade nel «tragico errore»116positivistico di abbandonare il
carattere veritativo autonomo della conoscenza filosofica per abbracciare
solamente la scienza, sufficiente per prevedere e legittimare l'inevitabile
rivoluzione socialista. Tale scelta si rivela deleteria, perché la filosofia
rappresenta uno strumento indispensabile per controllare, criticare e
valutare, in qualità di «terzo interlocutore»117 posto su «un livello di
trascendenza logica ed ontologica»118, sia la scienza sia la religione, che
altrimenti cadrebbero in una forma di autoreferenzialità. In conclusione,
Preve osserva che solo l'autonomia del campo filosofico «può, o forse
potrà, o forse avrebbe potuto, evitare al marxismo di oscillare tra i due
poli viziosi e convergenti, opposti e complementari, antitetici e solidali,
della pseudo-scienza e della quasi-religione»119.1456789

114 C. Preve, I secoli difficili, op. cit., p. 75.


115 Ibidem , p. 74.
116Ibidem, p. 83.
117C. Preve, M arx inattuale, op. cit., pp. 68-69.
118C. Preve, I secoli difficili, op. cit., p. 84.
119Ibidem .

42
L'interpretazione della tradizione filosofica

1.4. Il marxismo

Costanzo Preve ha dedicato molto tempo all'analisi della storia del


pensiero marxista, in tutte le sue correnti e varanti. Riproponiamo dunque
alcune delle sue riflessioni tratte da alcuni articoli scritti per la rivista
Praxis e resi disponibili online da Miguel Martinez120.
Innanzitutto Preve propone una personale periodizzazione della
storia della filosofia marxista.
Una prima fase, dal 1875 al 1914, vede come protagonisti Engels e
Kautsky, che unicamente dietro la committenza della socialdemocrazia
tedesca formatasi nell'età di Bismark, codificano il marxismo in un'or­
todossia, tripartita positivisticamente in filosofia, economia e politica.
Si affermano una dicotomia ontologica tra materialismo e idealismo e
una metodologica tra dialettica e metafisica, ma le basi di tale teoria sono
«molto fragili». Ad essa si oppongono una corrente minoritaria e limi­
tata all'ambiente universitario, detta neokantiana, ed un'altra, chiamata
empiriocriticista, criticata nel 1909 da Lenin che sosteneva la cosiddetta
teoria del rispecchiamento.
Vi è dunque un secondo periodo, «quello della sua prima crisi genera­
le», dal 1914 al 1931, cui fa parte anche Gramsci. Viene meno la sintesi
kautskiana e il vento di speranza della Rivoluzione d'Ottobre del 1917
apre nuovi problemi di natura politica da affrontare, cui Lenin proverà
a rispondere con originali teorie sul partito politico rivoluzionario, sulle
alleanze di classe e sull'imperialismo. Di quest'ultima in particolare
Preve riconosce la genialità e la validità anche nel contesto geopolitico
attuale. In URSS, tra la negazione integrale della filosofia del cosiddetto
materialismo volgare e la filosofia di Deborin, diffamata con l'etichetta di
idealismo menscevizzante, si afferma con forza la corrente del materialismo
dialettico, che si impone con metodi amministrativi anche all'esterno
dall'URSS contro il cosiddetto marxismo occidentale. In questo contesto in
Italia nasce una corrente settaria clandestina, quella di Amadeo Bordiga,
caratterizzata da un marxismo integralista.
La terzafase della storia della filosofia marxista, quella «della sua secon­
da ortodossia», va dal 1931, quando Stalin definisce per decreto di partito
il materialismo dialettico come unica filosofia legale, al 1956, anno in cui

120 C. Preve, Il bom bardam ento etico, Antologia di testi, reperibile presso World Wide
Web all'indirizzo http://www.kelebekler.com /occ/prevearticoli.htm (ultima consultazione
16/07/2012).

43
L'interpretazione della tradizione filosofica

Krusciov inizia la destalinizzazione. La qualità del materialismo dialettico


è molto bassa e l'ideologizzazione di tale presunta scienza sottomette
completamente qualsivoglia spazio filosofico. Preve rifiuta la teoria di
Stalin, ma al contempo anche la sintesi filosofica identitaria di Trotzky,
colpevole di una metafisica parallela alla storia reale e che pertanto
non ha con essa alcun punto di tangenza. Il trotzkismo infatti invoca
l'abbattimento di ogni «burocrazia», convinto che dall'eliminazione di
questa si possa giungere ad un comunismo globale operaio senza più
l'oppressione degli Stati-nazione, mentre in realtà la «burocrazia», come
nel caso dell'URSS, costituiva l'impalcatura che reggeva l'intero sistema.
Il quarto periodo «della seconda crisi generale», va dal 1956 al 1991.
Non fu possibile alcun rinnovamento perché «il malato era assolutamente
incurabile» e refrattario alle trasformazioni, tuttavia ci furono proposte
di rigenerazione del marxismo. Tra queste Preve segnala l'ontologia
dell'essere sociale dell'ultimo Lukacs che parte dalla centralità della vita
quotidiana, luogo materiale in cui si realizza l'emancipazione comunista,
e tende a separare l'ideologia dalla filosofia. Inoltre sono interessanti
la nuova epistemologia marxista di Althusser che isolando l'elemento
scientifico e criticando sia l'economicismo sia lo storicismo, prendeva
le distanze dall'ottimismo delle rassicuranti leggi dialettiche della sto­
ria e la proposta filosofica di Sartre, in cui ogni processo rivoluzionario
scaturirebbe dall'aggregazione di individui originariamente isolati in
gruppi in fusione verso una comune finalità-progetto, che deve evitare
di riprodursi in maniera seriale.
Preve nutre stima anche nei confronti di Marcuse, che ha ricercato
di integrare Hegel e Freud al progetto filosofico di Marx, fornendo
un'interpretazione di Hegel «intelligentissima e a tutt'oggi insuperata»,
e di Freud «una lettura anti-autoritaria e dialettica di grande fascino».
Riguardo al maoismo, secondo Preve è stato il «tentativo teorico più
serio di riforma radicale del modello complessivo del comunismo sto­
rico novecentesco», in quanto ha appreso una concezione multilineare
e non eurocentrica dello sviluppo storico mondiale, e analizza come un
partito comunista possa adattarsi alla congiuntura storica del momento,
divenendo strutturalmente organico al sistema capitalistico.
Oltre a ciò Preve rigetta in tutte le sue varianti il cosiddetto operaismo
che si affermò in Italia in contrapposizione al togliattismo con Tronti,
Negri e Panzieri. Questa corrente di pensiero, ancora oggi molto diffu­
sa, ignorando l'illimitatezza delle dinamiche del capitale, ritiene che il
rapporto di produzione capitalistico sia dettato dalle lotte della classe

44
L'interpretazione della tradizione filosofica

operaia, assunta a mitico motore della storia, cui il capitale "risponde­


rebbe" per indebolirla.
Infine si può ipotizzare un quinto periodo, che va dalla fine del Co­
munismo Storico Novecentesco ad oggi, di cui Costanzo Preve si sente
parte integrante, anche se nel panorama marxista non si evidenziano
particolari segnali di rinnovamento.

45
2. Il c a p it a l is m o

Costanzo Preve, nell'opera I Secoli difficili, sottolinea in più occasioni


che «la verità filosofica ha un'inscindibile dimensione storica» e che «la
filosofia ha come terreno naturale quello della verità», intesa come giu­
dizio logico e ontologico della totalità. Il percorso che abbiamo appena
compiuto nella storia della filosofia ha avuto questi punti di partenza
fondamentali. Inoltre i filosofi che abbiamo incontrato ci hanno permesso
di comprendere che «la filosofia è una cosa molto importante e degna»,
perché prevede uno spazio di libertà autonomo in cui interpretare il
significato del proprio tempo. Riprendendo quest'ultima affermazione
possiamo ora accingerci, con gli strumenti filosofici appresi nelle pagine
precedenti, ad un'analisi della nostra contemporaneità dominata dal ca­
pitalismo, analizzando quella che abbiamo chiamato modernità occidentale
nei suoi tratti principali, che possono essere riassunti in un unico punto,
ossia «l'autofondazione dell'economia su sé stessa»121.

2.1. Capitalismo astratto, dialettico, speculativo

Innanzitutto Preve ritiene che il capitalismo non sia «l'esito fatalmente


necessario di una storia direzionata, ma il prodotto largamente casuale di
un insieme di eventi in sé stessi privi di qualsiasi necessità storica»122.
È bene tener presente queste parole, poiché si tratta di una premessa
necessaria per poter affrontare la questione evitando di cadere in super­
stizioni messianiche, positivistiche oppure nel disincanto postmoderno
che produce diagnosi terribili ma rifiuta - dogmaticamente, per dirla nel
lessico fichtiano - la trasformabilità del reale.

121 C. Preve, Filosofia e capitalism o —Parte 2 (genesi del capitalism o e crollo del comuniSmo),
videointervista a cura di “Maestri & Compagni", reperibile presso World Wide Web
all'indirizzo http://w w w .youtube.com /w atch?v=0W H 1l7B32ew (ultima consultazione
16/07/2012).
122 C. Preve, I secoli difficili, op. cit., p. 29.

47
Il capitalismo

Possiamo passare alla periodizzazione filosofica del capitalismo


avanzata da Preve, idea particolarmente originale, in quanto utilizza la
terminologia hegeliana della Scienza della Logica per descrivere tre fasi
differenti: astratta, dialettica, speculativa.
Il capitalismo inizia ad affermarsi nella sua fase astratta a partire dal
XVII Secolo, in cui casualmente vengono a crearsi condizioni storiche
che hanno permesso «la diffusione di rapporti di produzione capitalistici
sempre più dominanti ed esclusivi»123.
Preve analizza la questione come una forma di unificazione astratta
in vari campi:
• in ambito lavorativo nasce con la teorizzazione di «un inesi­
stente proprietario privato originario»124 primitivo che con il suo lavoro
legittima il diritto di accumulare proprietà. Questo mito di fondazione
dà vita ad una vera e propria religione, tanto è vero che egli utilizza
l'espressione di monoteismo di tipo proprietario, in cui anche la divinità
può essere accettata come possessore del creato.
• Per quanto riguarda il tempo si passa da una concezione circolare
all'idea di progresso lineare, dove il futuro non è più visto come il ripe­
tersi ciclico delle stagioni ma come tempo indeterminato in cui riporre
infinite aspettative per realizzare investimenti, profitti e interessi.
• Lo spazio subisce un processo di omogeneizzazione in cui la
materia rappresenta la base su cui la forma merce può scorrere senza
impedimento alcuno di tipo trascendente o immanente.
• L'idea di sostanza, distrutta in modo particolare da Locke, com­
porta la dissoluzione di ogni vincolo di tipo comunitario e le relazioni
sociali vengono ridotte a meri scambi mercantili tra individui isolati.
• Il rifiuto dell'idea di causalità, secondo la celebre critica avanzata
da Hume, rappresenta la negazione della causazione della sfera economica
da parte di un'autorità politica preesistente fondata sul giusnaturalismo
e sul contrattualismo, che conservavano ancora elementi comunitari.
Ad essi si impone il modello "utilitarista" che postula l'individuo come
atomo.
Tutto ciò dà origine alla «piattaforma teorica più individualistica e
anti-comunitaria di tutta la tradizione filosofica occidentale». Abbiamo
visto in precedenza come a tale concezione si opposero i filosofi dell'ide­
alismo classico tedesco.

123 Ibidem , p. 30.


124 C. Preve, Elogio del com unitarism o, op. cit., p. 134.

48
Il capitalismo

Dopo essersi affermato, il capitalismo in forma astratta si scinde dia­


letticamente in due classi antagoniste ma complementari, quella della
borghesia e del proletariato. Q uesta fase dialettica corrisponde al periodo
storico che va dal 1789 al 1991. La piena realizzazione del concetto di ca­
pitale è pur sempre limitata da una dinamica interna, poiché la borghesia
è una classe intrinsecamente contraddittoria e dialettica, che manifesta
al suo interno una coscienza infelice dell'impossibilità universalistica
delle promesse borghesi «di libertà, eguaglianza e fraternità»125. Su
questo terreno nascono ad esempio le principali avanguardie artistiche
dell'Ottocento e del Novecento. In filosofia si può facilmente notare che
anche il pensiero di «Karl Marx, che non aveva nulla di proletario»126,
«ha come matrice fondamentale la dinamica della coscienza infelice
della cultura borghese»127, che si manifesta in modo molto evidente nei
concetti di alienazione e di libera individualità. Dunque, viene a crearsi
un'alleanza - ideale o concreta - tra la coscienza infelice borghese e le
lotte proletarie, che possono essere intese secondo la figura hegeliana
del contrasto dialettico che contrappone il padrone al servo, in quanto
quest'ultimo vuole veder riconosciuto dall'altro il proprio lavoro.
Possiamo identificare una proto-borghesia influenzata dagli ideali
dell'illuminismo e del romanticismo; una medio-borghesia positivistica che
a partire dal 1848 è proto-esistenzialistica e dal 1914 si mostra esistenzia­
listica; e una tardo-borghesia che dal 1968 alla fine degli anni Ottanta del
secolo scorso assume i caratteri della postmodernità individualistica e
libertaria. Preve fa coincidere il termine della fase dialettica del capita­
lismo con la caduta del Comunismo Storico Novecentesco, e sottolinea
che non si è trattato di una vittoria della borghesia sul proletariato,
bensì di una vittoria del capitalismo che ha sconfitto sia la borghesia sia
il proletariato. Ciò ha aperto uno scenario totalmente differente, post­
borghese e post-proletario.
Pertanto, dal 1991 siamo entrati nella fase speculativa del capitalismo,
in cui progressivamente sono venute meno le limitazioni esterne e interne
alla concretizzazione del capitale come Assoluto, al di là delle dicotomie
tradizionali destra/ sinistra o di fascismo / anticapitalismo. Per affermarsi,

125 C. Preve, Sulla rivoluzione, 2012, reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://
ww w .ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=43144 (ultima consultazione 16/07/2012).
126 Ibidem.
127 C. Preve, M arx e N ietzsche, Petite Plaisance, Pistoia 2004, p. 8 [liberamente scaricabile
all'indirizzo http://www.petiteplaisance.it/ebooks/1031-1060/1034/el_1034.pdf\.

49
Il capitalismo

il capitalismo assoluto infatti «sul piano economico utilizza le ricette della


vecchia «destra» liberale, sul piano politico gli accorgimenti del vecchio
«centro» governativo e sul piano culturale utilizza massicciamente le
vecchie critiche antiborghesi della vecchia «sinistra», sia riformista che
rivoluzionaria»128.
Preve più volte si sofferma sul fatto che quando si usa la parola
«globalizzazione» non si tratta di una semplice constatazione ma di un
vero e proprio invito prescrittivo: «globalizzatevi, se non volete essere
antiquati». È pur sempre possibile rivendicare, come fece egregiamente
il filosofo Gunther Anders129, l'antiquatezza rispetto alla téchne come un
fatto positivo. In questo caso, per chi non avesse intenzione di arrendersi
con le buone, si può passare facilmente alla minaccia: «globalizzatevi,
o la pagherete cara», che si concretizza ad esempio nelle guerre impe­
rialistiche.
Tutto ciò è volto ad una «rimondializzazione integrale del sistema
capitalistico» che «apre una fase di privatizzazione e finanziarizzazione
selvaggia»130 in cui i mercati finaziari assumono un ruolo centrale, e il
giudizio insindacabile di essi costituisce il nuovo Verbum Dei. È bene
sottolineare che il processo è accelerato, governato e legittimato dal
Clero Intellettuale Politicamente Corretto, come vedremo a breve. Dunque,
il mondo che si delinea è «caratterizzato da sempre crescenti differen­
ziali di sapere, potere e reddito»131 in cui la religione dell'economia - o
meglio, della crematistica - «non permette che ci siano modi alternativi
di discutere sul bene comune al di fuori della propria autoregolazione
autonoma»132.
Si può in questo modo manifestare compiutamente la logica unitaria
della riproduzione del sistema capitalistico, rappresentata dalla «produ­
zione illimitata di plusvalore»133, senza più vincoli di tipo antropologico o
ecologico. Il capitalismo va perciò analizzato come totalità che distrugge
128 C. Preve, I secoli difficili, op. cit., pp. 166-167.
129 G. Anders, Die Antiquiertheit des M enschen, C. H. Beck, Munchen 1956; tr. it a cura di
M. A. Mori, L'uomo è antiquato, saggio introduttivo di C. Preve, Bollati Boringhieri, Torino
2003.
130 C. Preve, Elogio del com unitarism o, op. cit., p.32.
131 C. Preve, Autopresentazione, op. cit.
132 C. Preve, Filosofia e capitalism o - Parte 2, op. cit.
133 C. Preve, Il capitalism o assoluto-totalitario, videointervista a cura di D. Fusaro, reperibile
presso World Wide Web all'indirizzo http://www .youtube.com /watch?v=pE_IQ M 0zH SQ
(ultima consultazione 16/07/2012).

50
Il capitalismo

ogni tipo di comunità reale e sovrana e per fare ciò si serve dell'antico
modus operandi del divide et impera, frammentando così etnie, generazioni
e generi sessuali, come nel caso del femminismo differenzialista, per giun­
gere ad una «società delle solitudini»134 costituita da innocui individui
atomizzati.
Dal momento però che è impossibile reprimere la socialità naturale
dell'uomo, essa viene indirizzata in canali alternativi affinché non di­
sturbi la riproduzione del sistema. È il caso ad esempio delle mode e
dell'aggregazione virtuale consentita dalle nuove tecnologie.

2.2. La legittimazione ideologica del capitalismo speculativo

Costanzo Preve afferma che il capitalismo attuale, apparentemen­


te post-ideologico perché dichiara finite tutte le «grandi narrazioni»
precedenti, in realtà è sorretto da un apparato ideologico che tenta di
legittimare il sistema vigente. Infatti «l'ideologia, o più esattamente
la produzione ideologica, è una dimensione strutturale permanente,
e quindi antropologicamente e socialmente ineliminabile, dell'attività
umana»135. Seguendo una siffatta constatazione, la presunta fine delle
ideologie costituirebbe «a sua volta una ideologia, e per di più partico­
larmente povera»136137.
Nella fase del capitalismo speculativo, in cui la merce si rispecchia
in sé stessa, come di fronte ad uno specchio, la democrazia (intesa so­
stanzialmente come popolo al potere137) non esiste più. Infatti la gestione
del potere, legittimata da elezioni che si configurano come referendum
proposti a persone ricattate, è detenuta dal dispotismo delle oligarchie
finanziarie, sorrette ideologicamente da «tre distinti gruppi cortigiani,
intrecciati e complementari, il ceto politico, il circo mediatico ed il clero
universitario»138 .

134 C. Preve, I secoli difficili, op. cit., p. 159.


135 Cfr. C. Preve, La crisi culturale della terza età del capitalism o, in “Koiné", X, nn. 2-4, 2003,
pp. 13-36: 17.
136 Ibidem.
137 C. Preve, il Popolo al potere, op. cit.
138 C. Preve, Filosofia e politica del com unitarism o. Riform a, rivoluzione e conservazione,
Com unism o e Comunità, 2009, p. 8, reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://

51
Il capitalismo

Il clero religioso tradizionalmente inteso, che legittimava la società


feudale, è oggi invece tollerato nei limiti di assistenza caritativa e mate­
riale alle fasce più svantaggiate della popolazione. L'attuale ceto politico
professionale di gestione, differentemente da quanto accadeva nella
vecchia politica degli stati nazionali che manteneva ancora un briciolo di
sovranità, è ora «composto di mediocri animali, privi di anima, di cultura
e di coscienza infelice»139 sempre al servizio delle oligarchie al potere.
Il circo mediatico, che per Preve costituisce l'attuale «clero secolare»140,
è composto dai giornalisti e dagli esperti dei media. Essi, servendosi
della manipolazione delle notizie sulla carta stampata e soprattutto di
quelle diffuse tramite il mezzo televisivo, «manipola simboli e crea realtà
virtuali parallele al mondo reale» che costituiscono il complementare del
«dominio dell'economia virtuale finanziaria»141.
Il «clero regolare»142 universitario, verbalmente più sofisticato, «ha
introiettato completamente la riproduzione capitalistica come necessità
storica intrascendibile»143 e si fa portavoce di tale immodificabilità.
Possiamo distinguere un clero universitario di medicina e di ingegneria
con una funzione parzialmente universalistica, perché dopo aver servito
l'oligarchia offrono potenziali benefici per tutti, e un clero universitario
delle facoltà di economia e di filosofia, la cui unica funzione è quella di
fornire una legittimazione ideologica all'egemonia delle oligarchie anche
se in modi diversi: la scienza economica è una vera e propria religione,
con eresie al proprio interno (ad esempio il protezionismo) e che tende a
celebrare «la positività del sistema economico che nutre le oligarchie»144,
il clero filosofico invece ne denuncia direttamente la negatività, che si

w w w .com unism oecom unita.orglw p-contentluploadsl2010l03lPreve-saggio-secondo.pdf (ultima


consultazione 16/07/2012).
139 Ibidem.
140 C. Preve, Intellettuali e superam ento della dicotom ia destra/sinistra, videointervista a cura
di D. Fusaro, reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http:llwww.youtube.com l
w atch?v=kD K O X SrxdR U (ultima consultazione 16/07/2012).
141 C. Preve, Filosofia e politica del com unitarism o, op. cit., p. 8.
142 C. Preve, Intellettuali e superam ento della dicotom ia destralsinistra, op. cit.
143 C. Preve, Attacco alla sovranità e ruolo (negativo) degl'intellettuali, intervista a cura di
A. Bulgarelli, in “Eurasia - Rivista di studi geopolitici", 2011, reperibile presso World
Wide Web all'indirizzo http:llw w w .eurasia-rivista.orglattacco-alla-sovranita-e-ruolo-negativo-
deglintellettuali-intervista-a-costanzo prevel12558l (ultima consultazione 16/07/2012).
144 C. Preve, Filosofia e politica del com unitarism o, op. cit., p. 9.

52
Il capitalismo

configura però come un Nulla insuperabile e quindi da accettare come


tale con un atteggiamento di disincanto.
La dialettica hegeliana ci aiuta a capire che il circo mediatico e i pro­
fessori universitari costituiscono due aspetti, negativo e positivo, della
totalità del clero intellettuale che si esprime sempre in modo conforme alla
Teologia del Politicamente Corretto. Quest'ultimo rappresenta un codice di
accesso a quella che viene definita opinione pubblica, con un insieme
di tabù inviolabili per «impedire che vengano poste delle domande
inquietanti»145. Dal momento infatti che il capitalismo speculativo ha
distrutto ogni metafisica, la conclusione filosofica ha assunto caratteri
marcatamente individualistici e nichilistici, sia dal punto vista ontolo­
gico, sia antropologico. Il Politicamente Corretto in questo senso tende
a rendere innocua storia e filosofia, passato e presente.
Tra i nuovi dogmi possiamo citarne molti, tra cui la demonizzazione
del XX Secolo come età dei totalitarismi baffuti, la «santificazione del
criminale razzista ed imperialista Churchill»146, la disparità di trattamento
tra il male assoluto di Auschwitz e il male relativo di Hiroshima, l'ideologia
interventista dei diritti umani per legittimare interventi militari unilate­
rali al di fuori di qualunque legalità internazionale, un messianismo che
vede nell'occidentalismo l'unico modello da esportare a livello universale
e una religione espiatoria olocaustica. Questa, sfruttando ideologicamente
una tragedia realmente accaduta, colpevolizza eternamente l'Europa
sancendo l'asservimento del vecchio continente agli USA e giustificando
indirettamente «le atrocità razziste del sionismo colonialistico». Dun­
que il presupposto geopolitico è l'americanismo, ma la legittimazione
ideologica è data anche dal mantenimento in aeternum di due dicotomie
bipolari: quella tra fascismo / antifascismo, che ha avuto una valenza sto­
rica importante, ma solo sino al 1945 e quella tra destra/sinistra, esistita
nella fase di capitalismo dialettico e legata alla sovranità monetaria dello
Stato nazionale, ma che oggi rappresenta solo un "teatrino" che serve
per nascondere il partito unico della riproduzione capitalistica.
Apriamo qui una piccola parentesi. Preve si definisce «sostenitore del
sostanziale esaurimento di questa dicotomia», perlomeno nella scena
politica italiana ed occidentale. Dopo averla inizialmente liquidata sul
mero piano teorico sin dai primi Anni Novanta, è a partire dal «bom­
bardamento umanitario» NATO del 1999 in Jugoslavia, sostenuto dal

145 Ibidem.
146 Ibidem.

53
Il capitalismo

Governo D'Alema di centro-sinistra, che Preve ha abbandonato anche


dal punto di vista emotivo questa falsa dicotomia. Il filosofo torinese
infatti considera la distinzione tra destra e sinistra valida solo in un
contesto storico e geografico ben definito, mentre ritiene inservibile la
conservazione della dicotomia in modo metafisico o idealtipico, con ovvi
esiti soggettivi simbolico-identitari.
Possiamo citare a tal proposito il «tabù dell'impurità» verso chiunque
si professi di destra = fascista, o la tanto sbandierata superiorità morale e
culturale della sinistra, ovviamente antifascista militante, anche in palese
mancanza di fascismo. La considerazione di Preve non intende affatto
mettere sullo stesso piano il fascismo e l'antifascismo storico, tutt'altro,
perché egli ritiene che l'antifascismo sia stato un fenomeno encomiabile
nella misura in cui ha cercato di opporsi ai crimini principali del regime
fascista, individuati nella «politicizzazione partitica dell'identità nazio­
nale [...] per cui fascista era fatto sinonimo di italiano ed antifascista di
anti-italiano» 147, nel associare all' Italia un «programma espansionistico,
colonizzatore e razzista di tipo imperialistico» 148 e «nell'oppressione e
nel tentativo di cancellazione e di snazionalizzazione delle minoranze
nazionali» 149.
Pensiamo ad esempio ai tedeschi altoatesini, agli slavi dell'Istria e ai
greci del Dodecanneso. Quindi Preve resta un antifascista «razionale e
durevole», fondato sulla comprensione del passato, ma rifiuta un errato
utilizzo analogico del «fascismo metafisico» 150 e dell'«antifascismo miti­
co» applicato la realtà odierna per simulare una guerra civile.
Infatti le dicotomie destra/sinistra, fascismo/antifascismo, così come
tante altre astratte e poco utilizzabili (conservazione/progresso, libertà/
uguaglianza), vengono mantenute in vita ideologicamente perché funzio­
nali al sistema, in quanto celano la reale contrapposizione tra il «basso»,
ovvero gli interessi collettivi e comunitari, tra cui la difesa dell'ambiente

147C. Preve, N azione italiana, Europa e M editerraneo. Il presente come storia. Coscienza storica,
mem oria storica, liberazione, IX parte, reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://
w w w .rivistain dipen den za.org/T eoria% 20n azion alitariain azion eitalian a_eu ropa_m editerraneo.
htm (ultima consultazione 16/07/2012).
148Ibidem.
149Ibidem.
150 C. Preve, Sinistra e Destra. Tradizione, identità, appartenenza, esaurim ento, superam ento,
reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://www .com unitarism o.it/sinistra_destra.
htm (ultima consultazione 16/07/2012).

54
Il capitalismo

e delle comunità nazionali, e l'«alto» dei fantocci politici bipartisan che


rispondono alle esigenze delle oligarchie finanziarie imperialistiche.
Per quanto riguarda la scena italiana possiamo citare anche l'annosa
contrapposizione tra berlusconismo e antiberlusconismo, ideologia di
stampo neo-azionista che ha permesso al «serpentone metamorfico PCI-
PDS-DS-PD» di riciclarsi sulla scena politica, in quanto, non potendo più
vendere lo stalinismo, ha dovuto spacciare ai propri elettori la retorica
di una presunta «onestà antiberlusconiana»151.
Similmente nel contesto internazionale viene utilizzato il paradigma
del «totalitarismo» per escludere a priori ogni alternativa al capitalismo,
perché sarebbe destinata a sfociare in esiti totalitari, nonché per giustifi­
care la legittimità della NATO a bombardare le nazioni che si oppongono
agli interessi economici occidentali. In questo senso si procede ad una
sistematica reductio ad Hitlerum nei confronti del nemico del momento
per preparare l'opinione pubblica, mediante la religione dei diritti umani,
ad accettare un intervento militare. Da questa critica resta però immune
l'unico totalitarismo compiuto, quello dei mercati, che è riuscito a tota­
lizzare la sfera economica, politica e culturale. Preve ritorna più volte
sulla questione degli intellettuali, facendo propria l'accezione del termine
data da Pierre Bourdieu di «fraction dominée de la classe dominante [..] da-
vantage pourvue en capital culturel qu'en capital économique» 152, ovvero di
gruppo dominato della classe dominante dotato più di capitale culturale
che di quello economico. Si tratta di dominati in quanto gli intellettuali
sono subordinati rispetto al gruppo dominante della classe dominante,
costituita dai capitalisti finanziari. Il Clero Intellettuale Politicamente
Corretto è legato ai padroni da «guinzaglio lunghissimo, per dargli
l'impressione della libertà»153, ma il loro resta pur sempre un guinzaglio.
Pertanto Preve nella definizione di intellettuale non intende includere
coloro che fanno uso del proprio intelletto critico in modo radicale, ma1523

151 C. Preve, Filosofia e capitalism o — Parte 3 (intellettuali, destra-sinistra, im perialism o),


videointervista a cura di “Maestri & Compagni", reperibile presso World Wide Web
all'indirizzo http://www.youtube.com/watch?v=0AndtoYQyss (ultima consultazione
16/07/2012).
152Cfr. P. Bourdieu, Le mort saisit le vif. Les relations entre histoire réifiée et l'histoire incorporée,
in “Actes de la Recherche en Sciences Sociales", XXXII, n. 1, 1980, pp. 3-14.
153C. Preve, Una recente moda filosofica: il nuovo realism o (new realism). N ote di interpretazione,
2011, reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://it-it.facebook.com /notes/
g a b r ie le -re p a c i/u n a -re c en te-m o d a -filo s o fic a -il-n u o v o -r ea lis m o -n e w -re a lis m -d i-c o s ta n z o -
preve/292931094091213 (ultima consultazione 16/07/2012).

55
Il capitalismo

solamente quel gruppo sociale che si inserisce nella divisione del lavoro,
comportandosi alla stregua di un banco di pesci, per vendere il proprio
capitale culturale. Si tratta quindi di una categoria ben definita anche dal
punto di vista storico, che ha come precursori Voltaire e Kant.
Se inizialmente gli intellettuali rappresentavano «i sacerdoti della
fede nel Progresso e nella Modernità»154, con l'insorgere del dubbio post­
moderno si sono adeguati allo spirito del tempo e il loro progressismo si
è rovesciato «in narcisismo» e l'impegno è divenuto «sradicamento»,
che si esprime con il rifiuto del concetto filosofico di Verità. Essi hanno
infatti optato per il relativismo individuale e per il Nulla assolutizzato
che permettono la legittimazione dell'attuale sistema. Si susseguono
mode anche in filosofia, come quella recente, di origine anglosassone,
dei new realist, ma si tratta di un fenomeno interno al clero intellettuale
e al capitalismo nella sua fase astratta. Possiamo infatti notare che il
postmodernism riduceva tutto ad interpretazione, mentre il new realism si
limita a ripristinare la certezza del dato sensibile in quanto «reale», ma
guardandosi bene dall'«opporre una totalità alternativa di pensiero a
quella che è la somma dei dati realmente esistenti»155. Preve a proposito
non usa mezzi termini: «gli intellettuali di oggi sono più stupidi della
gente comune» e «dicono solo stronzate»156.
Tra questi possiamo citarne uno ad esempio, Umberto Eco, che re­
centemente ha scritto queste testuali parole: «Ratzinger non è un grande
filosofo, né un grande teologo, anche se generalmente viene rappresenta­
to come tale. Le sue polemiche, la sua lotta contro il relativismo sono, a
mio avviso, semplicemente molto grossolane, e nemmeno uno studente
della scuola dell'obbligo le formulerebbe come lui. La sua formazione
filosofica è estremamente debole»157.

154C. Preve, L'Uno che si nasconde dietro i M olti. Il M ultirazziale, il M ultireligioso, il M ultietnico,
il M ultinazionale, il M ulticulturale. Lo scenario di un inganno, 2010, reperibile presso World
Wide Web all'indirizzo http://www.com unism oecom unita.org/wp-content/uploads/2010/04/
L% E 2% 80% 99U no-che-si-nasconde-dietro-i-M olti.pdf (ultima consultazione 16/07/2012).
155C. Preve, Sul dibattito tra new realism e postm oderno (1/2), intervista a cura di D. Fusaro,
reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://www .youtube.com /watch?v=t-
bZ3jFLGt0 (ultima consultazione 16/07/2012).
156 C. Preve, Sul dibattito tra new realism e postm oderno (2/2) , intervista a cura di D. Fusaro,
reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://www .youtube.com /watch?v=bwok9uk
LN 8g& feature=relm fu (ultima consultazione 16/07/2012).
157U. Eco, "Ratzinger ? N on è un grande teologo ", 19 settembre 2011, reperibile presso World
Wide Web all'indirizzo http://vaticaninsider.lastam pa.it/hom epage/news/dettaglio-articolo/
articolo/benedetto-xvi-benedict-xvi-benedicto-xvi-8178/ (ultima consultazione 16/07/2012).

56
Il capitalismo

Indignato per tale dichiarazione, Costanzo Preve, pur non essendo


cristiano, riconosce a Joseph Ratzinger «la superiorità della sua diagnosi
filosofica sul presente storico rispetto a quella della tribù laico-postmo-
derna-ateo-sbeffeggiatrice»158. Pertanto Preve non esita a definire Eco
«un pagliaccio di regime»159, mentre Ratzinger, in quanto teologo che
riprende la tradizione aristotelica e sostenitore della «legittimazione della
categoria filosofica di verità», è ben superiore «a tutta la tribù "laica"
che lo insulta»160.
Continuando l'analisi sul clero intellettuale, Costanzo Preve con­
divide inoltre la posizione dei sociologi francesi Luc Boltanski e Ève
Chiapello161, che affermano che le origini della cosiddetta sinistra va­
dano ricercate in un'alleanza precaria tra la critica economico-sociale al
capitalismo proveniente dalle classi inferiori e una critica di intellettuali
e artisti all'ipocrisia borghese. Nel Novecento i due modelli principali
di intellettuale erano quello "impegnato", ad esempio Sartre, e quello
"organico" al proletariato, citiamo Gramsci. Se il primo tipo anteponeva
l'impegno alla comprensione del mondo, sfociando in esiti narcisistici,
soggettivistici ed autoreferenziali, il secondo era al servizio di partiti
politici o di altri gruppi specializzati.
Tuttavia a partire dal Sessantotto, «episodio della storia dell'indi­
vidualismo radicale contemporaneo»162, tale alleanza è venuta meno,
lasciando le classi dominate occidentali senza più intellettuali, poiché
il capitalismo aveva ormai ampiamente interiorizzato «le richieste di
liberalizzazione dei costumi che gli intellettuali avevano rivolto alla
borghesia»163.

158 M. Ravasio, Il filosofo ateo Costanzo Preve contro l'arroganza laica: «sto con Ratzinger!»,
10 settembre 2011, reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://www .uccronline.
it/2 0 1 1 /0 9 /1 0 /il-filo so fo -a teo -c o s ta n z o -p r ev e -c o n tro -la rr o g a n z a -la ic a -% C 2 % A B sto-con -
ratzinger% C2% BB/ (ultima consultazione 16/07/2012).
159 C. Preve, La dem enza generalizzata del Popolo italiano. Un enigm a storico da decifrare,
2011, reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://pauperclass.m yblog.it/
archive/2011/12/27/la-dem enza-generalizzata-del-popolo-italiano-un-enigm a-stori.htm l (ultima
consultazione 16/07/2012).
160 C. Preve, Considerazioni introduttive sugli attuali dibattiti fr a laicism o, scienza, filosofia e
religione, Petite Plaisance, Pistoia 2008 [liberamente scaricabile all'indirizzo http://www .
petiteplaisance.it/ebooks/1031-1060/1039/el_1039.pdf\.
161 Cfr. L. Boltanski, È. Chiapello, Le nouvel esprit du capitalism e, Gallimard, Paris 1999.
162 C. Preve, Sinistra e Destra. Tradizione, identità, appartenenza, esaurim ento, superam ento,
op. cit.
163 C. Preve, Attacco alla sovranità e ruolo (negativo) degl'intellettuali, op. cit.

57
Il capitalismo

Per tutti questi motivi Preve rifiuta di essere considerato un intellet­


tuale, ma piuttosto «uno che ha preso la filosofia sul serio»164.

2.3. G eopolitica e scenari mondiali

Preve, prendendo spunto dalle riflessioni di Alain de Benoist165, affer­


ma che nella scena attuale esistono dei nemici principali che è necessario
analizzare ed individuare per poter proporre un'alternativa.
Riportiamo qua in sintesi gli avversari indicati dal filosofo torinese165b:
* in campo economico il nemico principale è rappresentato dal ca­
pitalismo, che non è solamente un'economia di mercato, ma una vera e
propria società di mercato, che costituisce «un complesso di rapporti sociali
derivati dalla logica mercatista»166;
* in politica dal liberalismo capitalistico, che costituisce l'involucro
politico della società capitalistica di mercato, la quale, avendo come
unico parametro di riconoscimento sociale la ricchezza privata, è una
delle forme più amorali, immorali ed oscene della convivenza umana;
* in filosofia dall'individualismo relativistico perché, citando l'antico
filosofo cinese Mo Ti, «in una società in cui ognuno considera di fatto
valido il proprio criterio di giudizio e disapprova quello degli altri, la
conseguenza è che i più forti si rifiuteranno di aiutare i più bisognosi,
ed i più ricchi si rifiuteranno di dividere le loro ricchezze»;
* nella società dalle oligarchie finanziarie globalizzate;
* in geopolitica dal dominio imperiale degli Stati Uniti d'America.
Riguardo a quest'ultimo punto, Costanzo Preve analizza il presente
anche con la geopolitica, che viene considerato uno strumento utile per
comprendere la realtà, ma sottolinea che non si tratta di un fine in sé,
164 C. Preve, Intervista (3/1/12), op. cit.
165A. de Benoist, O rientations pour des années décisives, coll. «Orientations», 1, Labyrinthe,
Paris 1982, 78 p.; tr. it. e presentazione di M. Tarchi, Il nem ico principale. Considerazioni per
anni decisivi, La Roccia di Erec, Firenze 1983.
165bC. Preve, Finalm ente! L'atteso ritornodel nem ico principale.Considerazioni politicheefilosofiche,
2009, reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://www .com unism oecom unita.org/
wp-content/uploads/2009/04/Il-nem ico-principale.pdf (ultima consultazione 16/07/2012).
166 C. Preve, L. Tedeschi, L'indifferentismo morale e la cultura dell'individualism o di massa,
2009, reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://www .ariannaeditrice.it/articolo.
php?id_articolo=38892 (ultima consultazione 16/07/2012).

58
Il capitalismo

ma piuttosto di un mezzo del quale servirsi per agevolare progetti che


sono innanzitutto politici, sociali e filosofici. Egli afferma che filosofia
e geopolitica, anche se sembrano molto diverse tra loro, convergono
necessariamente per fronteggiare quella che viene definita «l'ideocra­
zia imperiale americana» condivisa oppure sostenuta implicitamente
dall'intero Clero Intellettuale di ogni credo politico.
Preve nota che a fondamento del sistema attuale vi è una identifica­
zione tra USA e intero Occidente. Esso, rivestito di una missione salvifica,
costituisce l'ideologia volta alla globalizzazione, che si configura come
l'imposizione di un unico modello economico e culturale all'intero
pianeta. Di qui il ritorno alla teoria dell'imperialismo come chiave in­
terpretativa, considerato dal filosofo torinese «il gioiello che Lenin ci ha
tramandato»167, ma che pare oggi abbandonata da molti. Preve sostiene
che attualmente sia in atto una Quarta Guerra Mondiale culturale e
geopolitica, dopo la Terza, combattuta tra USA e URSS, chiamata soli­
tamente Guerra Fredda.
Nel contesto odierno va fatta innanzitutto una distinzione tra ag­
gressori, l'imperialismo nordatlantico, e aggrediti, ovvero quegli stati
nazionali che non accettano questa forma di dominio «strategico e geo­
politico mondiale assoluto»168, che pertanto vengono criminalizzati dal
circo mediatico, talvolta inventando motivazioni etiche. Conseguente­
mente Preve ritiene che sia legittimo e doveroso prendere una posizione
contro tali aggressioni militari. Ciò non deve però avvenire attraverso
un «pacifismo testimoniale», «rituale e belante», il quale, oltre a risultare
regolarmente sconfitto, rischia anche di «mettere di fatto sullo stesso
piano sia gli aggressori sia gli aggrediti che resistono in quanto entrambi
«violenti»»169. Questo non significa affatto approvare atti quali l'attacco
alle Twin Towers, che si configurano a tutti gli effetti come crimini di
guerra contro vittime civili, al pari dell'uso di proiettili all'uranio impo­
verito, altamente cancerogeno, in Jugoslavia.
Occorre invece rivendicare i legittimi diritti di resistenza e di sovranità
nazionale, in quanto le comunità nazionali si rivelano al giorno d'oggi

167 C. Preve, Centoventi anni dalla morte di Karl M arx (1883-2003). Un'occasione per una
discussione a tutto campo e per una proposta di autoconvocazione, IV parte, reperibile
presso World Wide Web all'indirizzo http://www .kelebekler.com /occ/m arx4.htm (ultima
consultazione 16/07/2012).
168 C. Preve, Autopresentazione, op. cit.
169 C. Preve, Elogio del com unitarism o, op. cit., p. 26.

59
Il capitalismo

dei baluardi in grado di opporsi se non al capitalismo, almeno alla sua


variante imperiale americana.
Dunque Preve conferisce l'attributo di benemerito a Stati antimperiali­
sti come l'Iran di Ahmadinejad, il Venezuela di Chavez, la Siria di Bashar
Al-Asad e al ruolo geopolitico di Russia, India e Cina, indicando a tal fine
l'eurasiatismo come possibile soluzione multipolare. La teoria eurasiatica
comporta un rafforzamento del «triangolo Parigi-Berlino-Mosca»170e un
affrancamento delle nazioni europee dalla tutela degli USA. Infatti in
una simile prospettiva possono convivere pacificamente culture differenti
senza che una riesca a sottomettere le altre, perché esse sono prive di
ideologie espansionistiche di esportazione di stampo messianico.
Ciò ovviamente non significa essere pregiudizialmente antiamericani
e «neppure identificarsi con realtà come la Russia post-sovietica degli oli­
garchi sfrontati o la Cina dei capitalisti-confuciani»171, ma semplicemente
auspicare un indebolimento del dominio del capitalismo nordamericano
che può avvenire solamente se si rafforzano i suoi avversari, anche se
possono sembrarci ripugnanti dal punto di vista morale. Per concludere,
Costanzo Preve afferma che la geopolitica non fa per le anime belle ma che
è uno strumento necessario per comprendere lo scenario internazionale
reale. Solo a partire da un'analisi seria sarà possibile gettare le basi per
una teoria politica comunitarista.

170 Ivi, p. 241.


171 C. Preve, Finalm ente! L'atteso ritorno del nem ico principale, op. cit.

60
3. L a proposta : il comunitarismo comunista

La pars costruens di Costanzo Preve sta in una elaborazione originale,


ma al contempo tradizionale poiché inserita in una tradizione filosofica
che va dai greci ad oggi, del comunitarismo, o meglio, di «un'interpre­
tazione fortemente comunitarista della classica teoria comunista»172 che
si collochi al di fuori della dicotomia ideologica destra/sinistra.
La nozione di comunità (koinoma) fa parte dell'intera storia della filo­
sofia, ma, per sgombrare il campo da equivoci, innanzitutto Preve intende
prendere le distanze da forme patologiche che vengono chiamate impro­
priamente comunitarismi. Ad esempio il tribalismo, presupponente una
fondazione relativistica assoluta, per cui l'infibulazione o il cannibalismo
sarebbero legittimi all'interno di una comunità che li ritenga accettabili.
Una «critica radicale e senza compromessi»173 va fatta inoltre al violento
nazionalismo colonialistico e al nazionalismo razzista, come nel caso del
nazionalsocialismo. In quest'ultimo esempio si tratta di una forma di
darwinismo sociale fondata sul sangue e sul suolo (Blut und Boden) con
forti elementi giudeofobici ed eugenetici, che tuttavia si sono manifestati
anche in regimi liberali e socialdemocratici, seppur con forme differenti.
Il fondamento che Preve dà invece al comunitarismo è universalistico
perché crede nell'esistenza di una verità filosofica universale che parte
dalla concezione dell'uomo come ente naturale generico, razionale e
sociale. Ciò nasce da una visione della natura umana ricavata dalla tra­
dizione filosofica, in cui Preve intende inserirsi a pieno titolo.
Il rifiuto di tale impostazione da parte del filosofo inglese seicentesco
Thomas Hobbes diede vita ad un modello in cui l'uomo per natura sa­
rebbe cattivo (homo homini lupus): «la vita dell'uomo è solitaria, povera,
sofferta, brutale e breve»174.

172 C. Preve, Com unitarism o, Eurasia, in “Indipendenza", 2007, reperibile presso World
Wide Web all'indirizzo http://www .rivistaindipendenza.org/Teoria% 20nazionalitaria/
lntervista% 20a% 20Costanzo% 20Preve.htm (ultima consultazione 16/07/2012).
173 C. Preve, Elogio del com unitarism o, op. cit., p. 195.
174T. Hobbes, Leviathan or The M atter, Form e, & Pow er o f a Com m on-W ealth Ecclesiasticall and
Civill, printed for Andrew Crooke, at the Green Dragon in St. Paul's Churchyard, London
1651; tr. it. a cura di R. Santi, Leviatano, Bompiani, Milano 2001, p. 207.

61
La proposta: il comunitarismo comunista

Un esempio di applicazione di questa concezione fu il ComuniSmo


Storico Novecentesco che riprese questa visione pessimistica che pre­
vedeva «un patto di soggezione ad una autorità assoluta e dispotica
non revocabile»175 per tenere a bada individui potenzialmente egoisti e
malvagi. Tuttavia, anche alla luce delle acquisizioni in campo etologico,
la concezione hobbesiana risulta errata. Lo scienziato Frans De Waal
osserva che, oltre a non rendere giustizia «ai canidi, che sono gli animali
più gregari e cooperativi del pianeta»176, «nega l'intrinseca natura sociale
dell'uomo»177 che è «obbligatoriamente gregaria»178. La moralità, prosegue
De Waal, è la «conseguenza diretta degli istinti sociali»179 e rappresenta
il «risultato logico delle tendenze alla cooperazione»180 che abbiamo in
comune con altri animali; essa costituisce «parte integrante della natura
umana»181 e dunque non è una patina volontariamente scelta dall'uomo
per coprire una sua essenza pensata come malvagia. Gli studi sull'em­
patia animale dimostrano proprio che «l'elaborazione emozionale è la
forza trainante del giudizio morale»182 e smentiscono con evidenza la
teoria della patina originata da un pessimismo antropologico di fondo.
Tornando a Preve, egli sottolinea che il comunitarismo non è con­
trapposto all'individualismo, poiché si tratta di una sintesi tra individuo
e comunità che ammette uno spazio in cui si possano esprimere sia la
razionalità, sia la socialità. Questo è possibile perché vi è una mediazione
tra la morale, detenuta dal singolo individuo, che costituisce pur sempre
«l'unità minima di resistenza al potere»183, e l'universale natura comune
a tutti gli esseri umani. Se la comprensione è unicamente individuale,
la praxis, vale a dire la trasformazione dello «stato di cose presente»184, è
sempre collegiale, collettiva e comunitaria. È pertanto nel terreno comuni­
tario che possono incontrarsi libertà e solidarietà, «entrambe necessarie»

175 C. Preve, Elogio del com unitarism o, op. cit., p.92.


176 F. De Waal, P rim ati e filosofi, op. cit., p. 23.
177 Ibidem.
178 Ibidem , p. 24.
179 Ibidem , p. 26.
180 Ibidem , p. 80.
181 Ibidem , p. 26.
182 Ibidem , p. 77.
183 C. Preve, Elogio del com unitarism o, op. cit., p. 244.
184 K. Marx, F. Engels, Die deutsche Ideologie; tr. it. a cura di F. Codino L'ideologia tedesca,
Editori Riuniti, Roma 1972, p. 25.

62
La proposta: il comunitarismo comunista

per evitare opposti eccessi. Preve identifica questi ultimi nell'illusione


narcisistica di «onnipotenza astratta», che si troverà prima o poi a fare
i conti con la «concreta impotenza» della «fragilità materiale» umana, e
nell'imposizione umanitaria, che tenterà di organizzare un insieme di
individui atomizzati con metodi autoritari.
Attualmente possiamo constatare che non viviamo in un sistema
democratico, ma esso è «auspicabile, possibile, necessario»185. Infatti,
nonostante i difetti analizzati, il filosofo sostiene che la democrazia
concepita radicalmente resti malgrado ciò il migliore «processo dina­
mico di costituzione storica e sociale di comunità che intende esercitare
il potere sulla riproduzione della propria esistenza»186. Si tratta perciò
di un «processo educativo comunitario, in cui, sulla base della natura
razionale e sociale dell'ente naturale generico, la plebe diventa popolo,
e il popolo va al potere, in quanto rappresentante del genere umano»187.
Questo può avvenire se sono presenti nuclei di resistenza al capitalismo
assoluto, in cui si possa ristabilire il primato dell'etica e della politica
comunitaria sull'economia, eventualmente adottando misure di protezio­
nismo economico per fronteggiare l'attuale globalizzazione imperialistica
del capitale che ricerca l'illimitatezza (apeiron). Storicamente a tal fine
si sono affermati gli Stati nazionali come comunità di persone, frutto
di una etnogenesi storica, nei quali possono convivere una o più etnie.
Se le nazioni dunque costituiscono le basi di partenza per un autentico
comunitarismo, il nazionalitarismo è l'antitesi del nazionalismo, perché
la comunità nazionale «ha come sua prima caratteristica il riconosci­
mento dell'altro come differente e perciò eguale, che è cosa ben diversa,
ed anzi opposta, dal considerarlo diverso e perciò diseguale»188 come lo
intendono gli sciovinisti. Il nazionalitarismo si associa quindi all'inter­
nazionalismo, su un terreno di confronto alla pari tra identità nazionali
differenti ma accomunate dall'universale natura umana.
Per concludere, «la definizione meno peggiore, quindi la migliore»
che è possibile dare al comunismo comunitario così come concepito da
Costanzo Preve è quella di «correzione democratica del comunismo»189,

185 C. Preve, Il Popolo al potere, op. cit., p. 204.


186 Ibidem , p. 26.
187 Ibidem , p. 125.
188 Cfr. C. Preve, La questione nazionale alle soglie del X X I secolo. N ote introduttive ad un
problem a delicato e pieno di pregiudizi, C.R.T.-Petite Plaisance, Pistoia 1998.
189 C. Preve, Filosofia e capitalism o - Parte 4, op. cit.

63
La proposta: il comunitarismo comunista

in cui l'eguaglianza va perseguita con la libertà, tenendo presente che «la


liberazione dell'individuo è inseparabile dal radicamento comunitario
dell'individuo stesso»190.

190 C. Preve, Gli Usa, l'Occidente, la Destra, la Sinistra, il fascism o ed il comuniSmo. Problem i
del profilo culturale di un m ovim ento di resistenza all'Impero am ericano, in “Noctua Edizioni".
reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://www .noctuaedizioni.it/artpreve1.htm
(ultima consultazione 16/07/2012).

64
B ibliografia e sitografia

Opere di Costanzo Preve citate

C. Preve, La questione nazionale alle soglie del XXI secolo. Note introduttive ad un
problema delicato e pieno di pregiudizi, C.R.T.-Petite Plaisance, Pistoia 1998.
C. Preve, I secoli difficili. Introduzione al pensiero filosofico dell'Ottocento e del Nove­
cento, C.R.T. - Petite Plaisance, Pistoia 1999.
C. Preve, Elogio della filosofia. Fondamento, verità e sistema nella conoscenza e nella
pratica filosofica dai greci alla situazione contemporanea, "Koiné", X, n. 1, 2003, pp.
83-113.
C. Preve, La crisi culturale della terza età del capitalismo, in "Koiné", X, nn. 2-4,
2003, pp. 13-36.
C. Preve, Marx e Nietzsche, Petite Plaisance, Pistoia 2004 [liberamente scaricabile
all'indirizzo http://www.petiteplaisance.it/ebooks/1031-1060/1034/el_1034.pdf].
C. Preve, Marx inattuale. Eredità e prospettiva, Bollati Boringhieri, Torino 2004.
C. Preve, Elogio del comunitarismo, Controcorrente, Napoli 2006.
C. Preve, Il Popolo al potere. Il problema della democrazia nei suoi aspetti storici e
filosofici, Arianna Editrice, Casalecchio 2006.
C. Preve, Intellettuali e superamento della dicotomia destra/sinistra, videointervista
a cura di D. Fusaro, reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://www.
youtube.com/watch?v=kDKOXSrxdRU (ultima consultazione 16/07/2012).
C. Preve, Autopresentazione di Costanzo Preve, 2007, reperibile presso World Wide
Web all'indirizzo http://www.comunitarismo.it/autopresentazione.pdf (ultima con­
sultazione 16/07/2012).
C. Preve, Comunitarismo, Eurasia, in "Indipendenza", 2007, reperibile presso
World Wide Web all'indirizzo http://www.rivistaindipendenza.org/Teoria%20
nazionalitaria/Intervista%20a%20Costanzo%20Preve.htm (ultima consultazione
16/07/2012).
C. Preve, Hegel antiutilitarista, Settimo Sigillo, Roma 2007.
C. Preve, Storia critica del marxismo, introduzione di A. Tosel, La Città del Sole,
Napoli 2007.
C. Preve, Ripensare Marx oltre la destra e la sinistra, intervista a cura di Luigi Te­
deschi, 2007, reperibile presso World Wide Web www.movimentozero.org/index.
php?option=com_content&task=view&id=117&Itemid=53 (ultima consultazione
16/07/2012).

65
Bibliografia e sitografia

C. Preve, Considerazioni introduttive sugli attuali dibattitifra laicismo, scienza,filosofia


e religione, Petite Plaisance, Pistoia 2008 [liberamente scaricabile all'indirizzo
http://www.petiteplaisance.it/ebooks/1031-1060/1039/el_1039.pdf\.
C. Preve, Filosofia e politica del comunitarismo. Riforma, rivoluzione e conservazione,
Comunismo e Comunità, 2009, reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://
www.comunismoecomunita.org/wp-content/uploads/2010/03/Preve-saggio-secondo.pdf
(ultima consultazione 16/07/2012).
C. Preve, Finalmente! L'atteso ritorno del nemico principale. Considerazioni politiche
e filosofiche, 2009, reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://www.co-
munismoecomunita.org/wp-content/uploads/2009/04/Il-nemico-principale.pdf (ultima
consultazione 16/07/2012).
C. Preve, La saggezza dei Greci. Una proposta interpretativa radicale per sostenere
l'attualità dei Greci oggi, in "Koiné", XVI, nn. 1-3, 2009, pp. 7-28.
C. Preve, Il saggio di Luca Grecchi "Occidente: radici, essenza,futuro". Un convincente
esercizio di filosofia della storia, in "Koiné", XVI, nn. 1-3, 2009, pp. 295-311.
C. Preve, Marx lettore di Hegel e ... Hegel lettore di Marx. Considerazioni sull'ideali­
smo, il materialismo e la dialettica, Petite Plaisance, 2009 [liberamente scaricabile
all'indirizzo http://www.petiteplaisance.it/ebooks/1031-1060/1036/el_1036.pdfl.
C. Preve, L. Tedeschi, L'indifferentismo morale e la cultura dell 'individualismo di massa,
2009, reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://www.ariannaeditrice.
it/articolo.php?id_articolo=38892 (ultima consultazione 16/07/2012).
C. Preve, L'Uno che si nasconde dietro i Molti. Il Multirazziale, il Multireligioso, il
Multietnico, il Multinazionale, il Multiculturale. Lo scenario di un inganno, 2010,
reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://www.comunismoecomunita.
org/wp-content/uploads/2010/04/L%E2%80%99Uno-che-si-nasconde-dietro-i-Molti.
pdf (ultima consultazione 16/07/2012).
C. Preve, Attacco alla sovranità e ruolo (negativo) degl'intellettuali, intervista a
cura di A. Bulgarelli, in "Eurasia - Rivista di studi geopolitici", 2011, reperibile
presso World Wide Web all'indirizzo http://www.eurasia-rivista.org/attacco-alla-
sovranita-e-ruolo-negativo-deglintellettuali-intervista-a-costanzo-preve/12558/ (ultima
consultazione 16/07/2012).
C. Preve, Capitalismo e comunismo: dialettiche dell'illimitatezza e della corruzione,
in "Eurasia - Rivista di studi geopolitici", 2011, reperibile presso World Wide
Web all'indirizzo http://www.eurasia-rivista.org/capitalismo-e-comunismo-dialettiche-
dellillimitatezza-e-della-corruzione/12703/ (ultima consultazione 16/07/2012).
C. Preve, Comunismo fra Idea e Storia. Riflessioni a partire da Alain Badiou, Michael
Hardt, Toni Negri e Gianfranco La Grassa, 2011, reperibile presso World Wide Web
all'indirizzo http://www.comunismoecomunita.org/?p=2879 (ultima consultazione
08/07/2012).

66
Bibliografia e sitografia

C. Preve, La demenza generalizzata del Popolo italiano. Un enigma storico da decifrare,


2011, reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://pauperclass.myblog.it/
archive/2011/12/27/la-demenza-generalizzata-del-popolo-italiano-un-enigma-stori.html
(ultima consultazione 16/07/2012).
C. Preve, Ricostruire il Partito Comunista?, 2011, reperibile presso World Wide Web
all'indirizzo http://www.comunismoecomunita.org/?p=2663 (ultima consultazione
08/07/2012).
C. Preve, Una recente modafilosofica: il nuovo realismo (new realism). Note di interpre­
tazione, 2011, reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://it-it.facebook.
com/notes/gabriele-repaci/una-recente-moda-filosofica-il-nuovo-realismo-new-realism-
di-costanzo-preve/292931094091213 (ultima consultazione 16/07/2012).
C. Preve, Sulla rivoluzione, 2012, reperibile presso World Wide Web all'indirizzo
http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=43144 (ultima consultazione
16/07/2012).
C. Preve, A tu per tu . .. con Costanzo Preve - Intervista esclusiva, a cura di A. Lodi
2012, reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://www.statopotenza.
eu/2510/a-tu-per-tu-con-costanzo-preve (ultima consultazione 16/07/2012).
C. Preve, Centoventi anni dalla morte di Karl Marx (1883-2003). Un'occasione per una
discussione a tutto campo e per una proposta di autoconvocazione, reperibile presso
World Wide Web all'indirizzo http://www.kelebekler.com/occ/marx4.htm (ultima
consultazione 16/07/2012).
C. Preve, Filosofia e capitalismo - Parte 2 (genesi del capitalismo e crollo del comuni­
smo), videointervista a cura di "Maestri & Compagni", reperibile presso World
Wide Web all'indirizzo http://www.youtube.com/watch?v=0WH1l7B32ew (ultima
consultazione 16/07/2012).
C. Preve, Filosofia e capitalismo - Parte 3 (intellettuali, destra-sinistra, imperialismo),
videointervista a cura di "Maestri & Compagni", reperibile presso World Wide
Web all'indirizzo http://www.youtube.com/watch?v=0AndtoYQyss (ultima consul­
tazione 16/07/2012).
C. Preve, Filosofia e capitalismo - Parte 4 (il comunitarismo e i pregiudizi contro He­
gel), videointervista a cura di "Maestri & Compagni", reperibile presso World
Wide Web all'indirizzo http://www.youtube.com/watch?v=tK9vc_BxtS4 (ultima
consultazione 16/07/2012).
C. Preve, Hegel e il capitalismo (1/2), videointervista a cura di D. Fusaro,
reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://www.youtube.com/
watch?v=rW3SXnxfUwE (ultima consultazione 22/07/2012).
C. Preve, Hegel e il capitalismo (2/2), videointervista a cura di D. Fusaro,
reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://www.youtube.com/
watch?v=PC97Vql5yI4 (ultima consultazione 16/07/2012).

67
Bibliografia e sitografia

C. Preve, Il bombardamento etico, Antologia di testi, reperibile presso World Wide


Web all'indirizzo http://www.kelebekler.com/occ/prevearticoli.htm (ultima consul­
tazione 16/07/2012).
C. Preve, Il capitalismo assoluto-totalitario, videointervista a cura di D. Fusa-
ro, reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://www.youtube.com/
watch?v=pE_IQM0zHSQ (ultima consultazione 16/07/2012).
C. Preve, Gli Usa, l'Occidente, la Destra, la Sinistra, il fascismo ed il comunismo.
Problemi del profilo culturale di un movimento di resistenza all'Impero americano, in
"Noctua Edizioni". Reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://www.
noctuaedizioni.it/artpreve1.htm (ultima consultazione 16/07/2012).
C. Preve, La filosofia dei Greci (Parmenide, Eraclito, Aristotele, Epicuro), videointer­
vista a cura di D. Fusaro, reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://
www.youtube.com/watch?v=pYZm6chdEps (ultima consultazione 16/07/2012).
C. Preve, Lafilosofia di Spinoza, videointervista a cura di D. Fusaro, reperibile pres­
so World Wide Web all'indirizzo http://www.youtube.com/watch?v=SAKx0Q41KJ0
(ultima consultazione 16/07/2012).
C. Preve, L'eredita intellettuale di Louis Althusser (1918-1990) e le contraddizioni teo­
riche e politiche dell'althusserismo, reperibile presso World Wide Web all'indirizzo
http://www.kelebekler.com/occ/althusser01.htm (ultima consultazione 16/07/2012).
C. Preve, L'idealismo tedesco, Fichte, Hegel e Marx, videointervista a cura di D.
Fusaro, reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://www.youtube.com/
watch?v=Q591XRvo_wA (ultima consultazione 16/07/2012).
C. Preve, Nazione italiana, Europa e Mediterraneo. Il presente come storia. Coscienza
storica, memoria storica, liberazione, IX parte, reperibile presso World Wide Web
all'indirizzo http://www.rivistaindipendenza.org/Teoria%20nazionalitaria/nazioneita-
liana_europa_mediterraneo.htm (ultima consultazione 16/07/2012).
C. Preve, Proposta di interpretazione, metodologia e periodizzazione per la storia della
filosofia marxista (1839-2002), parte V, reperibile presso World Wide Web all'indiriz­
zo http://www.kelebekler.com/occ/marxfil05.htm (ultima consultazione 16/07/ 2012).
C. Preve, Sinistra e Destra. Tradizione, identità, appartenenza, esaurimento, supera­
mento, reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://www.comunitarismo.
it/sinistra_destra.htm (ultima consultazione 16/07/2012).
C. Preve, Sul dibattito tra new realism e postmoderno (1/2), intervista a cura di D.
Fusaro, reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://www.youtube.com/
watch?v=t-bZ3jFLGt0 (ultima consultazione 16/07/2012).
C. Preve, Sul dibattito tra new realism e postmoderno (2/2), intervista a cura di D.
Fusaro, reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://www.youtube.com/
watch?v=bwok9ukLN8g&feature=relmfu (ultima consultazione 16/07/2012).

68
Bibliografia e sitografia

C. Preve, Vico, precursore dell'idealismo, videointervista a cura di D. Fusa-


ro, reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://www.youtube.com/
watch?v=GTJDR6z_Szw (ultima consultazione 16/07/2012).
C. Preve, Intervista (3/1/12), a cura di P. Zygulski, L. V. Rogledi, M. Di Perna,
reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://www.co/munismoecomunita.
org/?p=2954 (ultima consultazione 08/07/2012).

Altre opere citate


G. Anders, Die Antiquiertheit des Menschen, C. H. Beck, Munchen 1956; tr. it. a
cura di M. A. Mori, L'uomo è antiquato, saggio introduttivo di C. Preve, Bollati
Boringhieri, Torino 2003.
Aristotele, Opere, a cura di G. Giannantoni, Laterza, Roma-Bari 1994-2007.
R. Bodei, Remo Bodei racconta Hegel e la dialettica, in Capire la filosofia. La filosofia
raccontata dai filosofi, La biblioteca di Repubblica, Roma, 2011.
L. Boltanski, È. Chiapello, Le nouvel esprit du capitalisme, Gallimard, Paris 1999.
P. Bourdieu, Le mort saisit le vif. Les relations entre histoire réifiée et l'histoire incor-
porée, in "Actes de la Recherche en Sciences Sociales", XXXII, n. 1, 1980, pp. 3-14.
A. Capizzi, La repubblica cosmica: Appunti per una storia non peripatetica della nascita
della filosofia in Grecia, Ateneo, Roma 1982.
A. Comte, Cours de philosophie positive, Première Legon, 1830-1842; tr. it. a cura di
F. Ferrarotti,Corso di filosofia positiva, UTET, Torino 1967.
A. de Benoist, Orientations pour des années décisives, coll. «Orientations»,
I, Labyrinthe, Paris 1982, 78 p.; tr. it. e presentazione di M. Tarchi, Il nemico
principale. Considerazioni per anni decisivi, La Roccia di Erec, Firenze 1983.
F. de Waal, Primates et Philosophes, Editions le Pommier, Paris 2008; tr. it. a cura
di F. Conte, Primati e filosofi. Evoluzione e moralità, Garzanti, Milano 2008.
H. Diels, Die Fragmente der Vorsokratiker, Berlino 1903; VI edizione, riveduta da
W. Kranz, Weidmann, Berlino 1952 [tr. it. a cura di G. Reale, I presocratici, Milano,
Bompiani 2006].
J. G. Fichte, Der geschlossene Handelsstaat, 1800; tr. it. Lo Stato commerciale chiuso,
Bocca, Milano 1909.
J. G. Fichte, Einige Vorlesungen uber die Bestimmung des Gelehrten, 1794; tr. it. a
cura di N. Merker, La missione del dotto, Fabbri, Milano 2001.
D. Fusaro, Bentornato Marx! Rinascita di un pensiero rivoluzionario, Bompiani,
Milano 2009.
D. Fusaro, L'aporia dello Stato in Fichte. L'egemonia della politica sull'economia come
reazione all'epoca della compiuta peccaminosità, in "Giornale Critico di Storia delle
Idee", III, n. 5, pp. 105-131.

69
Bibliografia e sitografia

G. Giannantoni, La Repubblica cosmica di Antonio Capizzi, Elenchos, 1984.


G. W. F. Hegel, Philosophie des Rechts. Die Vorlesung von 1819/20 in einer Nachschrift,
a cura di D. Henrich, Suhrkamp, Frankfurt am Main 1983.
G. W. F. Hegel, Grundlinien der Philosophie des Rechts, in Werke, Frankfurt am Main
1979; tr. it. Lineamenti della filosofia del diritto, Laterza, Roma-Bari, 1979.
G. W. F. Hegel, Vorlesungen uber die Geschichte der Philosophie, in Sammtliche Werke,
a cura di H. Glockner, Frommann, Stoccarda, 1959, tr. it. a cura di E. Codignola e
G. Sanna, Lezioni sulla storia della filosofia, La Nuova Italia, Firenze 1967.
M. Heidegger, Unterwegs zur Sprache, Neske, Pfullingen 1959; tr. it. In cammino
verso il linguaggio a cura di A. Caracciolo e di M. Caracciolo Perotti, Mursia,
Milano 2010.
T. Hobbes, Leviathan or The Matter, Forme, & Power of a Common-Wealth Ecclesi-
asticall and Civill, printed for Andrew Crooke, at the Green Dragon in St. Paul's
Churchyard, London 1651; tr. it. a cura di R. Santi, Leviatano, Bompiani, Milano
20 0 1.

M. Horkheimer, Anfange der burgerlichen Geschichtsphilosophie, Kohlhammer, Stutt­


gart 1930; tr. it. a cura di G. Backhaus, Gli inizi della filosofia borghese della storia.
Da Machiavelli a Hegel, Einaudi, Torino 1978.
R. Koselleck, «Erfahrungsraum» und «Erwartungshorizont» - zwei historische
Kategorien (1975), in Vergangene Zukunft: zur Semantik geschichtlicher Zeiten,
Suhrkamp, Frankfurt am Main, 1979; tr. it. a cura di A. Marietti Solmi «Spazio di
esperienza» e «orizzonte di aspettativa»: due categorie storiche, in Futuro passato: per
una semantica dei tempi storici, Marietti, Genova 1986.
D. Laerzio, Vite deifilosofi, ed. it. a cura di L. Lechi, Tipografia Molina, Milano 1842.
G. E. Lessing, Werke, a cura di J. Petersen e W. von Olshausen, Berlino 1925-1935.
F. Marcacci, Talete di Mileto tra filosofia e scienza, tesi di laurea in Filosofia presso
Università degli Studi di Perugia, Anno Accademico 1999-2000.
K. Marx, Differenz der demokritischen und epikureischen Naturphilosophie, 1841; tr. it.
a cura di D. Fusaro, Differenza tra le filosofie della natura di Democrito e di Epicuro,
Bompiani, Milano 2004.
K. Marx, Das Kapital. Kritik der politischen Okonomie, Erster Band, Dietz Verlag,
Berlin/DDR 1962; tr. it. a cura di D. Cantimori, Il Capitale, Libro primo, Editori
Riuniti, Roma 1964.
K. Marx - F. Engels, Die deutsche Ideologie, tr. it. a cura di F. Codino, L'ideologia
tedesca, Editori Riuniti, Roma 1972.
R. Panikkar, The intrareligious Dialogue, Paulist, New York 1978; ed. it. a cura di
N. Giostra, Il dialogo intrareligioso, Cittadella, Assisi 2001.
C. Pavese, Il mestiere di vivere: diario 1935-1950, Einaudi, Torino 1952.
Platone, Tutti gli scritti, a cura di G. Reale, Bompiani, Milano 2000.

70
Bibliografia e sitografia

G. V. Plekhanov, Beitrage zur Geschichte des Materialismus, Dietz, Stuttgart 1896.


K. Popper, The Open Society and Its Enemies, Routledge, London 1945; tr. it. R.
Pavetto, La società aperta e i suoi nemici, Armando, Roma 2003.
M. Ravasio, Il filosofo ateo Costanzo Preve contro l'arroganza laica: «sto con Ratzin­
ger!», 10 settembre 2011, reperibile presso World Wide Web all'indirizzo http://
www.uccronline.it/2011/09/10/il-filosofo-ateo-costanzo-preve-contro-larroganza-laica-
%C2%ABsto-con-ratzinger%C2%BB/ (ultima consultazione 16/07/2012).
E. Severino, Essenza del Nichilismo, Adelphi, Milano 1982.
M. Venturi Ferriolo, Aristotele e la crematistica, La Nuova Italia, Firenze 1983.

71
In d i c e d ei nom i

Agazzi E. 14 Diodoto 20
Ahmadinejad M. 60 Diogene Laerzio 20, 70
Althusser L. 13, 14, 44, 68 Di Perna M. 31, 69
Anassimandro 21 Eco U. 56, 57
Anders G. 50, 69 Engels F. 38, 43, 62, 70
Aristotele 18, 19, 24, 25, 26, 27, 28, Epicuro 18, 19, 24, 68
40, 6 8 , 69 Eraclito di Efeso 2, 18, 19, 20, 68
Backhaus G. 29, 70 Ferrarotti F. 18, 69
Badiou A. 29, 66 Feuerbach L. 30
Bashar Al-Asad 60 Fichte J. G. 7, 30, 31, 32, 39, 68 , 69
Beck C. H. 50 Fiorillo C. 8
Bodei R. 33, 69 Freud S. 44
Boltanski L. 57, 69 Fusaro D. 5, 6 , 8, 9, 18, 24, 27, 28, 30,
Bourdieu P. 55, 69 31, 34, 35, 38, 50, 52, 56, 65, 67, 6 8 , 69
Bruno V. 8 Galante Garrone A. 14
Bulgarelli A. 6 , 52, 66 Gambescia C. 37
Cantimori D. 40, 70 Garaudy R. 13
Capizzi A. 19, 20, 69 Ghiglione T. 8
Caracciolo A. 17, 70 Giaccio G. 25
Caracciolo Perotti M. 17, 70 Giannantoni G. 18, 19, 69
Cartesio 28, 31 Giostra N. 17, 70
Cesana L. 6 Glockner H. 27
Chavez H. 60 Gramsci A. 43, 57
Chiapello È. 57, 69 Grecchi L. 6 , 8, 29, 66
Churchill W. 53 Hardt M. 29, 66
Ciappina S. 8 Hegel G. W. F. 13, 14, 27, 30, 32, 33,
Cicero V. 33 34, 35, 36, 37, 38, 39, 41, 44, 48, 65, 66 ,
Cioffi F. 14 68 , 69, 70
Clistene 24 Heidegger M. 17, 70
Codignola E. 27, 70 Henrich D. 70
Codino F. 62, 70 Herder J. G. 30
Colletti L. 13 Hobbes T. 61, 70
Comte A. 18, 69 Holderlin F. 27
Conte F. 32, 69 Horkheimer M. 29, 70
D'Alema M. 54 Hyppolite J. 13
Deborin A. 43 Illuminati A. 14
Democrito 22 Jacobi C. 27
De Waal F. 32, 62, 69 Kant I. 30, 31, 36, 56
De Benoist A. 58, 69 Kautsky K. 38, 43
Diels H. 18, 69 Koselleck K. 33, 35, 70

73
Indice dei nomi

Kranz W. 69 Preve C. 5, 6 , 7, 8, 9, 10, 11, 13, 14, 17,


Krusciov N. 44 18, 19, 20, 21, 22,23, 24, 25, 26, 27, 28,
La Grassa G. 14, 29, 66 29, 30, 31, 32, 33,34, 35, 36, 37, 38, 39,
Lechi L. 20, 70 40, 41, 42, 43, 44,45, 47, 48, 49, 50, 51,
Lekatsas P. 13 52, 53, 54, 55, 56,57, 58, 59, 60, 61, 62,
Lenin V. I. 43 63, 64, 65, 6 6 , 67,68 , 69,71
Lessing G. E. 27, 30, 70 Protagora 22, 24, 25
Lodi A. 19, 67 Psyroukhis N. 13
Lukacs G. 14, 44 Ratzinger J. 56, 57, 71
Machiavelli N. 29, 70 Ravasio M. 57, 71
Mangano A. 8 Reale G. 22, 69
Marcacci F. 20, 70 Rogledi L. V. 8, 31, 69
Marcuse H. 44 Rousseau J.-J. 35, 41
Marietti Solmi A. 70 Sanna G. 27, 70
Martinez M. 43 Santi R. 61, 70
Marx K. 5, 9, 14, 24, 30, 32, 33, 34, 38, Sartre J.-P. 13, 44, 57
3 9 , 40 , 41, 42, 44, 49, 59, 62, 65, 6 6 , 67, Schelling 30
6 8 , 69, 70 Severino E. 21, 71
Merker N. 31, 69 Smith A. 42
Monchietto A. 6 , 13 Socrate 23
Monti M. 32 Spinoza B. 27, 28, 30
Mori M. A. 50, 69 Stalin G. 43, 44
Mo Ti 58 Tagliapietra A. 5
Mury G. 13 Talete di Mileto 19, 20, 70
Negri A. 29, 44, 66 Tarchi M. 58, 69
Nietzsche F. 49, 65 Tedeschi L. 40, 58, 65, 66
Olshausen W. von 27, 70 Tosel A. 39, 65
Orsini P. 8 Tronti M. 44
Panikkar R. 17, 70 Trotzky L. 44
Panzieri R. 44 Turchetto M. 14
Parmenide 18, 19, 21, 68 Venturi Ferriolo M. 26, 71
Pavese C. 10, 70 Vico G. 27, 28, 29, 69
Pavetto R. 39, 71 Vigorelli A. 14
Petersen J. 27, 70 Volpi F. 14
Pezzano G. 5, 7 Voltaire, F.-M. Arouet, detto 56
Pitagora 18, 21
Platone 18, 22, 23, 24, 25, 70
Plekhanov G. V. 28, 70
Popper K. 39, 71

74
Sommario

Presentazione di Giacomo Pezzano............................................................................5


Ringraziamenti............................................................................................................ 8

Nota preliminare....................................................................................................... 11
Cenni biografici......................................................................................................... 13

1. L'interpretazione della tradizione filosofica...................................................... 17


1.1. Le origini comunitarie della filosofia.............................................................. 17
1.1.1. I presocratici, ovvero i primi legislatori comunitari.................................18
1.1.2. Socrate, un legislatore comunitario in ritardo............................................ 23
1.1.3. Platone e gli sviluppi del pensiero greco..................................................... 23
1.1.4. Aristotele, il filosofo della grecità................................................................. 25
1.2. Baruch Spinoza e Giambattista Vico............................................................... 27
1.3. La filosofia classica tedesca............................................................................... 30
1.3.1. Johann Gottlieb Fichte.................................................................................... 30
1.3.2. Georg Wilhelm Friedrich Hegel.................................................................... 32
1.3.3. Karl M arx......................................................................................................... 38
1.4. Il marxismo...................................................................................................... 43
2. Il capitalismo.......................................................................................................... 47
2.1. Capitalismo astratto, dialettico, speculativo.................................................. 47
2.2. La legittimazione ideologica del capitalismo speculativo...........................51
2.3. Geopolitica e scenari mondiali.........................................................................58
3. La proposta: il comunitarismo comunista......................................................... 61

Bibliografia e sitografia................................................................................................ 65
Indice dei nomi............................................................................................................. 73
... se uno
ha veramente a cuore la sapienza,
non la ricerchi in vani giri,
come di chi volesse raccogliere le foglie
cadute da una pianta e già disperse dal vento,
sperando di rimetterle sul ramo.

La sapienza è una pianta che rinasce


solo dalla radice, una e molteplice.
Chi vuol vederla frondeggiare alla luce
discenda nel profondo, là dove opera il dio,
segua il germoglio nel suo cammino verticale
e avrà del retto desiderio il retto
adempimento: dovunque egli sia
non gli occorre altro viaggio.

M argherita G uidacci
Collana
divergenze

1. Gianfranco La Grassa, Dai Tre Mondi alla "globalizzazione capitalistica".


2. Gianfranco La Grassa, Microcosmo del dominio. Critica delle ideologie economici­
stiche dell'impresa.
3. Gianfranco La Grassa, Il comuniSmo fallibile. A 150 anni dal "Manifesto".
4. Costanzo Preve, Il crepuscolo della profezia comunista. A 150 anni dal "Manife­
sto".
5. Costanzo Preve, L'alba del Sessantotto. Una interpretazione filosofica.
6. Costanzo Preve, Marxismo, Filosofia, Verità.
7. Andrea Cavazzini, Teoria, Ideologia, Storia. Note critiche su un inedito di Althus­
ser.
8. Costanzo Preve, Destra e Sinistra. La natura inservibile di due categorie tradizio­
nali.
9. Costanzo Preve, La questione nazionale alle soglie del XXI secolo.
10. Andrea Cavazzini, La forma spezzata. Note critiche sulla tarda filosofia di Lukàcs.
11. Costanzo Preve, Le stagioni del nichilismo. Un'analisi filosofica ed una prognosi
storica.
12. Costanzo Preve, Individui liberati, comunità solidali. Sulla questione della società
degli individui.
13. Costanzo Preve, Contro il capitalismo, oltre il comunismo. Riflessioni su una
eredita storica e su un futuro possibile.
14. Federico Dinucci, Materialismo aleatorio. Saggio sulla filosofia dell'ultimo Al­
thusser.
15. Marino Badiale, La Mappa e il Paesaggio. Osservazioni critiche sull'epistemologia
del Novecento.
16. Fedrico Dinucci, Marx prima di Marx. Teoria del valore e processi di globalizza­
zione.
17. Diego Melegari, Il problema scongiurato. Note su Antonio Negri e il "partito" del
General Intellect.
18. Giancarlo Padello, Quale processo di pace? Cinquant'anni di espulsioni e di
espropriazioni di terre ai palestinesi.

77
19. Massimo Bontempelli, La disgregazione futura del capitalismo mondializzato.
20. Costanzo Preve, La fine dell'URSS. Dalla transizione mancata alla dissoluzione
reale.
21. Costanzo Preve, Il ritorno del clero. La questione degli intellettuali oggi.
22. Costanzo Preve, Le avventure dell'ateismo. Religione e materialismo oggi.
23. Andrea Cavazzini-Costanzo Preve, Un nuovo manifesto filosofico. Prospettive
inedite e orizzonti convincenti per il pensiero.
24. Costanzo Preve, Hegel, Marx, Heidegger. Un percorso nella filosofia contempo­
ranea.
25. Costanzo Preve, Scienza, Politica, Filosofia. Un'interpretazione filosofica del No­
vecento.
26. Andrea Cavazzini, Evento e Concetto. Filosofia e Storia della Filosofia.
27. Gianfranco La Grassa, La tela di Penelope. Conflitto, crisi e riproduzione nel
capitalismo.
28. Marco Salvioli, Kenosi e De-centramento. Il concetto di Dio tra J. Derrida e M.
C. Taylor.
29. Gianfranco La Grassa, Considerazioni del dopoguerra. Insegnamenti dell'aggres­
sione USA (e NATO) alla Jugoslavia.
30. Andrea Cavazzini, Introduzione dello Spirito. Meditazioni su Libertà e Contin­
genza.
31. Costanzo Preve, Il Bombardamento Etico. Saggio sull'Interventismo Umanitario,
sull'Embargo Terapeutico e sulla Menzogna Evidente.
32. Antonio Areddu, Cristianesimo e marxismo nel pensiero di Italo Mancini. Una
rilettura in memoriam.
33. Giancarlo Padello, La nuova Intifada. Per il diritto alla vita, ad ogni costo.
34. Costanzo Preve, Marxismo e Filosofia. Note, riflessioni e alcune novità.
35. Gianfranco La Grassa, L'imperialismo. Teoria ed epoca di crisi.
36. Costanzo Preve, Un secolo di marxismo. Idee e ideologie.
37. Costanzo Preve, Le contraddizioni di Norberto Bobbio. Per una critica del Bob-
bianesimo cerimoniale.
38. Giancarlo Padello, La conquista della Palestina. Le origini della tragedia palesti­
nese.
39. Gianfranco La Grassa, Dalla proprietà al conflitto strategico. Per una teoria del
capitalismo.
40. Marco Apolloni, La religione in Jean-Jacques Rousseau.
41. Costanzo Preve, Il marxismo e la tradizione culturale europea.

78
42. Costanzo Preve- Eugenio Orso, Nuovi signori e nuovi sudditi. Ipotesi sulla
struttura di classe del capitalismo contemporaneo.
43. Costanzo Preve- Roberto Sidoli, Logica della storia e comunismo novecentesco.
L'effetto sdoppiamento.
44. Eugenio Orso, Alienazioni e uomo precario. Prefazione di Costanzo Preve. In
Appendice: Costanzo Preve, Introduzione ai "Manoscritti economico-filofici del
1844" di Karl Marx.
45. Linda Cesana - Costanzo Preve, Filosofia della verità e della giustizia. Il pensiero
di Karel Kosik.
46. Piotr Zygulski, Costanzo Preve: la passione durevole della filosofia. Presentazio­
ne di Giacomo Pezzano.
47. Pietro Piro, Marginalia. Brevi annotazioni di un lettore vivo.

79