Sei sulla pagina 1di 11

UNITA’ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE N° 1

1. Denominazione/titolo “Confronti-amo-ci”
2. Target/contesto (classe, sezione,
I. C. “ A. F. Galiani” di Montoro (AV) - classi
tipologia di scuola, contesto
seconde plessi di Banzano, Torchiati, S. Pietro
classe)
3. Collocazione dell'argomento
all'interno della struttura Ottobre - Novembre 2018
curricolare (ES:
OTTOBRE/NOVEMBRE )
4. Tempi espazi di realizzazione
(Numero di ore: 10 Aula con LIM/ laboratorio informatico/atrio
Aula/Laboratorio scolastico.
scientifico/Palestra, ecc)
5. Discipline coinvolte TUTTE
6. Individuazione della competenza e articolazione dei livelli di sviluppo con riferimento
a:

Comunicazione in lingua italiana, la


comunicazione in lingua inglese, la competenza
a) Competenze da promuovere1
digitale. Imparare ad imparare le competenze
sociali e civiche.
b) Assi culturali/Area / campo Ambito linguistico, ambito logico-matematico,
d’esperienza ambito antropologico.

1
Strettamente collegate all’ analisi dei bisogni; devono tenere conto delle caratteristiche del
contesto e dei soggetti; puntano alla interiorizzazione di nuove forme e modalità di
comportamento, finalità di ampio respiro quali la formazione del cittadino, della persona,
dell’identità personale. Si ricavano dall' all.2/Decreto n.139 del 22.8.2007 COMPETENZE DI
CITTADINANZA e possono riguardare: l’ asse culturale linguistico - matematico –
scientifico/tecnologico- storico/sociale (vedi all.1/Decreto n.139 del 22.8.2007)
c) Traguardi di competenza ITALIANO
definiti dalle Indicazioni
Nazionali2 L’allievo:

 Comprende il senso globale e le informazioni


specifiche di testi ascoltati di tipo diverso,
anche in vista di scopi funzionali di
intrattenimento e/o svago.
 Partecipa a scambi comunicativi con coetanei
e adulti formulando messaggi semplici, chiari
e pertinenti; racconta o scambi comunicativi
con coetanei e adulti formulando messaggi
semplici, chiari e pertinenti.
 Racconta oralmente un’esperienza personale o
una storia rispettando il criterio della
successione cronologica, esprimendo i propri
sentimenti rispetto al vissuto.
 Legge, sia a voce alta sia con lettura silenziosa
e autonoma, brevi testi letti.
 Scrive frasi, didascalie e testi rispettandole le
più importanti convenzioni ortografiche.
 Arricchisce il lessico già in suo possesso con
nuove parole ed espressioni.

LINGUA INGLESE

L’allievo:

 Comprende parole di uso frequente nel


contesto scolastico.
 Comprende frasi e domande basilari.
 Interagisce oralmente e per scritto con
l’insegnante ed i compagni in semplici
situazioni di vita quotidiana.

STORIA

L’ allievo:

 Riconosce elementi significativi del


passato e del suo ambiente.
 Usa la linea del tempo e gli strumenti
della disciplina per organizzare:

2
( Indicazioni nazionali 2012) ; la formulazione deve fare capire ciò che l’alunno dovrà fare per dimostrare
l’acquisizione dell’obiettivo
conoscenze, periodi, durata,
contemporaneità, successione.
 Individua, le relazioni tra gruppi umani e
contesti spaziali.
 Organizza le informazioni e le conoscenze
utilizzando fonti e testi storici.

GEOGRAFIA

L’allievo:
 Utilizza il linguaggio della geo-graficità
per interpretare carte geografiche,
realizzare semplici schizzi cartografici,
carte tematiche, percorsi.
 Ricava informazioni da una pluralità di
fonti.
 Riconosce e denomina i principali
elementi fisici e i paesaggi riconoscendovi
le trasformazioni operati dall’ uomo.

MATEMATICA

L’allievo:
 Si muove con sicurezza nel calcolo scritto
e orale con i numeri naturali.
 Costruisce ragionamenti formulando
ipotesi
 Riesce a risolvere problemi in tutti gli
ambiti di contenuto.
 Descrive e denomina e classifica figure in
base a caratteristiche geometriche, ne
determina misure, progetta e costruisce
modelli concreti di vario tipo.
 Descrive il procedimento seguito e
riconosce strategie di soluzione diversa
dalla propria.

SCIENZE

L’allievo:
 Sviluppa atteggiamenti di curiosità e modi
di guardare il mondo che lo stimolano a
cercare spiegazioni di quello che vede
succedere.
 Individua nei fenomeni somiglianze e
differenze, fa misurazioni, registra dati
significativi, identifica relazioni spazio
temporali.

MUSICA

L’allievo:
 esplora, discrimina ed elabora eventi
sonori in riferimento alla loro fonte.
 Esplora diverse possibilità espressive della
voce imparando ad ascoltare se stesso e gli
altri.
 Apprezza il piacere che deriva dall’ascolto
dei brani musicali.

ARTE E IMMAGINE

L’allievo:
 Rappresenta vissuti reali o fantastici
attraverso il linguaggio grafico.
 Riconosce trame narrative nelle sequenze
di immagini.
 Sperimenta strumenti e tecniche diverse
per realizzare prodotti grafici, plastici e
pittorici.

EDUCAZIONE FISICA

L’allievo:
 Esprime con il corpo la propria affettività,
gli stati emotivi ed apprezza il piacere del
movimento ritmico della danza, gioco,
sport e il fair play.
 Conosce alcuni sport e li pratica sapendo
che hanno delle regole.
 Riconosce alcuni essenziali principi
relativi al proprio benessere psico-fisico
legati alla cura del proprio corpo e ad un
corretto regime alimentare.

TECNOLOGIA
L’allievo:

 Rappresenta i dati dell’osservazione


attraverso tabelle, mappe, diagrammi,
disegni, testi.
 Conosce e utilizza semplici oggetti e
strumenti di uso quotidiano ed è in grado
di descriverne la funzione principale e la
struttura e di spiegarne il funzionamento.

RELIGIONE

L’allievo:

 Riflette su Dio Creatore e Padre.

TRAGUARDI DI COMPETENZA PER L’allievo:


ALUNNI CON BES  Partecipa a scambi comunicatavi,
interagendo con insegnanti e compagni.
 Ascolta e comprende semplici testi.
 Legge e comprende semplici parole e frasi.
 Scrive semplici parole/frasi.
 Individua gli oggetti nello spazio.
 Riconosce e scrive i numeri naturali entro
il 20.
 Riconosce semplici figure geometriche.
 Racconta, con un linguaggio semplice,
esperienza di vita vissuta.
 Si orienta nello spazio conosciuto.
 Sviluppa un atteggiamento di curiosità.

d) Punti di contatto con il P.T.O.F. Ripercorrendo le tappe delle nostre tradizioni e


dell’Istituto di appartenenza. memorie storiche sia locali che nazionali, si
favorirà il senso critico e la coscienza storica.
Si affronteranno problemi che coinvolgono la
nostra comunità quali l’inquinamento,
l’immigrazione, la violenza… promuovendo
esperienze che consentano agli alunni di
prendersi cura di se stessi, degli altri e
dell’ambiente. Si favoriranno forme di
accettazione e solidarietà: primi passi per la
formazione del cittadino europeo.
7. Prerequisiti Le prove d’ingresso per l’accertamento dei
requisiti hanno carattere trasversale e rispettano i
ritmi di apprendimento di ciascun allievo.
Saranno somministrate in maniera graduale per
consentire a tutti gli alunni di eseguire le
consegne. L’attività trasversale sarà riferita a
competenze che il team ritiene fondamentali al
raggiungimento degli obiettivi di apprendimento
che costruiscono il cammino dell’alunno dal suo
ingresso nella scuola primaria. Per consentire ai
docenti di verificare e valutare si useranno
semplici schede che permetteranno di costruire la
mappa cognitiva delle classi secondo lo stile di
apprendimento di ogni alunno.

Competenze trasversali

- Esplora e conosce gli spazi vissuti.


- Riconosce la successione cronologica e la
misurazione del tempo.
- Riconosce l’appartenenza ad un gruppo
sociale.
- Riconosce il corretto utilizzo delle risorse
ambientali.
- Riconosce lo spazio e il tempo.
- La convivenza civile.
- Il mondo degli animali.
- La rappresentazione attraverso i simboli.
- I giochi creativi.
- Le trasformazioni.
8. Obiettivi di apprendimento ITALIANO ((Valorizzi-amo le differenze):

- Ascoltare e comprendere messaggi e


istruzioni.
- Raccontare e descrivere esperienze personali.
- Interagire nello scambio comunicativo
rispettando le regole stabilite.
- Acquisire tecniche di memorizzazione.
- Riconoscere diversi caratteri di scrittura.
- Riconoscere e scrivere fonemi-grafemi.
- Acquisire il concetto sillaba, frase, testo.
- Scrivere e leggere lettere, parole e frasi
secondo le convenzioni.
- Sviluppare un atteggiamento di curiosità
verso la lettura individuando le informazioni
principali.
LINGUA INGLESE (The family):

- Individuare e produrre suoni


- Eseguire semplici istruzioni
- Descrivere oralmente, in modo semplice,
aspetti del proprio vissuto e del proprio
ambiente.
- Interagire nel gioco.
- Comunicare in modo comprensibile, anche
con espressioni e frasi memorizzate, in
scambi di informazioni semplici e di routine.
- Individuare alcuni elementi culturali.

STORIA (Ricordi del passato):

- Conoscere e utilizzare correttamente gli


indicatori temporali per collegare nel tempo,
in rapporto di successione, le esperienze
vissute (immagini di vita al tempo dei nonni,
cambiamenti avvenuti dall’epoca dei nonni a
oggi, rappresentazioni grafiche sulle
differenze nel vestire, mangiare, giocare).
- Riordinare e comunicare oralmente e
graficamente eventi in successione logica.
- Comprendere la funzione e l’uso di strumenti
convenzionali per la misurazione e la
rappresentazione del tempo: il calendario.

GEOGRAFIA (Il mio ambiente: ieri, oggi e


domani):

- Orientarsi nello spazio circostante


utilizzando riferimenti topologici.
- Gestire gli spazi vissuti assumendo i
comportamenti giusti.
- Individuare le caratteristiche e gli elementi
che connotano i paesaggi.

MATEMATICA (I calcoli con il nonno):

- Muoversi con sicurezza nel calcolo scritto


e mentale con i numeri naturali
- Classificare e denominare oggetti in base
ad un dato attributo.
- Descrivere, denominare e classificare
figure in base a caratteristiche
geometriche.
- Riuscire a risolvere facili problemi in tutti
gli ambiti di contenuto.
- Riconoscere, scrivere e utilizzare le cifre
arabe.
- Avviare alla conoscenza del pensiero
computazionale attraverso la tecnica del
coding.

SCIENZE (Nell’orto del nonno):

- Osservare la varietà di forme e di


trasformazione dell’ambiente nella stagione
autunnale.
- Osservare e descrivere eventi atmosferici.
- Saper individuare le caratteristiche degli
esseri viventi e non.
- Conoscere il comportamento degli animali in
autunno.

TECNOLOGIA (Da scuola a casa del nonno):

- Effettuare prove ed esperienze sulle proprietà


dei materiali più comuni.
- Riconoscere le funzioni principali di una
nuova applicazione informatica
- Realizzare modelli di manufatti indicando i
materiali usati e le procedure.
- Classificare materiali in base alle
caratteristiche di pesantezza/leggerezza,
resistenza / fragilità.
- Avviare alla conoscenza del pensiero
computazionale attraverso la tecnica del
coding.

MUSICA (Cantiamo con il nonno):

- Eseguire giochi musicali con l’uso del corpo e


con la voce.
- Eseguire per imitazione, semplici canti e
brani di gruppo accompagnandosi con
diversi suoni prodotti dal corpo e da
percussioni.
- Utilizzare semplici strumenti a percussione.
ARTE E IMMAGINE (Colorando mi esprimo)

- Elaborare creativamente produzioni


personali per esprimere sensazioni ed
emozioni, rappresentare e comunicare la
realtà percepita.
- Utilizzare tecniche grafiche e pittoriche e
manipolare materiali polimaterici a fini
espressivi.
- Utilizzare l’immagine a scopo esplicativo del
linguaggio verbale e dei concetti numerici.
- Colorare rispettando gli spazi e i colori della
realtà.

EDUCAZIONE FISICA (Mi esprimo


muovendomi):

- Riconoscere e denominare su di sé e sugli


altri le diverse parti del corpo
- Acquisire una postura adeguata durante le
attività.
- Discriminare e utilizzare le parti destre e
sinistre del corpo.
- Muoversi con scioltezza, disinvoltura,
destrezza, ritmo.
- Variare gli schemi motori in funzione di
parametri e di spazi.

RELIGIONE (Un mondo a colori):

- Scoprire che per la religione cristiana Dio è


Creatore e Padre e che fin dalle origini ha
voluto stabilire un’alleanza con l’uomo.
- Ascoltare e saper riferire circa alcune pagine
bibliche fondamentali, tra cui i racconti della
Creazione.

 Partecipare a scambi comunicatavi,


OBIETTIVI MINIMI DI interagendo con insegnanti e compagni.
APPRENDIMENTO  Ascoltare e comprendere semplici testi.
 Leggere e comprendere semplici parole e
frasi.
 Scrivere semplici parole/frasi.
 Individuare gli oggetti nello spazio.
 Riconoscere e scrivere i numeri naturali
entro il 20.
 Riconoscere semplici figure geometriche.
 Raccontare, con un linguaggio semplice,
esperienza di vita vissuta.
 Orientarsi nello spazio conosciuto.
 Sviluppare un atteggiamento di curiosità.

9. Esperienze attivate - Conversazioni guidate


- Completamento o costruzione di
schemi/tabelle
- Rappresentazioni di qualità con confronto,
ordinamento, successioni, relazione di
numeri
- Raggruppamenti e manipolazione di
materiale strutturato e non
- Giochi linguistici e matematici
- Spostamenti nello spazio circostante
seguendo indicazioni date e simulazione
pratica di percorsi
- Lettura e utilizzo di legende
- Uso della LIM.
- Verbalizzazione di esperienze vissute o di
fenomeni osservati.
- Descrizione orale e scritta di persone,
immagini, vignette.
- Comunicazione di messaggi attraverso il
linguaggio mimico-gestuale e grafico-
pittorico.
- Utilizzare consapevolmente il proprio corpo
o parte di esso per comunicare.
- Utilizzare in funzione formativa anche le
esperienze quotidiane e non organizzate.
- Ospitiamo i nonni a scuola.
- Uscita sul territorio: una giornata dai nonni
presso una residenza per anziani.
10. Dispositivi metodologici (strategie e - Discussione collettiva per stimolare la
tecniche didattiche) (vedi nota alla partecipazione attiva degli alunni
fine) - Stimolare la riflessione su ciò che accade in
classe
- Brainstorming
- Reciprocal teaching
- Cooperative learning
- Lezione frontale
- Lezione euristica
- Flipped classroom
- Schede strutturate
9. Verifica E VALUTAZIONE MODALITA: orale, scritta, pratica e osservativa.
(degli obiettivi e delle competenze)3
Compito di prestazione autentica COMPITO AUTENTICO
oppure Apprendimento unitario da “Il nonno racconta…”
promuovere

3
“… l’atto (e al tempo stesso la conseguenza) dell’attribuzione di valore a qualcosa o qualcuno , a
un fatto come ad un evento o ad una o più numerose loro qualità…” (G. Domenici)

Funzioni: la valutazione è uno strumento formativo, serve a promuovere la motivazione e a dare


informazioni al bambino sui risultati raggiunti, allo stesso tempo informa l'insegnante sulla validità
del percorso realizzato.

Modalità: orale (lettura, ascolto, interrogazione, conversazione, ecc) – scritta (testo, prova
strutturata, prova semistrutturata, questionario, ecc)- pratica (disegno, progetto, attività, costruzione,
ecc), - osservativa; compiti autentici- compiti di realtà (i compiti autentici si fondano sull’impostazione
costruttivista secondo cui il soggetto produce la conoscenza nell’agire riflessivo in situazioni di realtà.
I compiti sono problemi complessi, aperti, che gli studenti affrontano per apprendere ad usare nel
reale di vita e di studio le conoscenze, le abilità e le capacità personali, e per dimostrare in tal modo
la competenza acquisita (Glatthorn, 1999). Con i compiti autentici lo studente esercita l’autonomia,
si mobilita per costruire il suo sapere; è chiamato a selezionare, a scegliere e a decidere; con la
responsabilità è tenuto a farsi carico e a rispondere delle sue decisioni e delle conseguenze che ne
derivano. Le prove, da sole, non permettono di valutare la competenza, ma possono supportarla.
Nei compiti autentici, in particolare nei compiti di prestazione e nei compiti esperti, è opportuno
inserire delle prove al fine di corroborare e reciprocamente giustificare le valutazioni qualitative
(Wiggins, 1998).