Sei sulla pagina 1di 5

Università degli Studi di Macerata – Corso di laurea magistrale in Scienze della Formazione Primaria LM-85bis – 7 settembre 2015

Risposte ai quesiti della prova scritta di elementi di fisica

• Con “spazio di frenata” intendiamo lo spazio che un’auto percorre dall’inizio della frenata fino a quando
si ferma. Una regola pratica per stimare lo spazio di frenata (in metri), nel caso in cui l’auto viaggi su
una strada asfaltata in buone condizioni ed asciutta, è la seguente: Eleva al quadrato il valore della
velocità (in km/h) dell’auto all’inizio della frenata e dividi il risultato ottenuto per 200.
a) Per quale motivo, secondo te, lo spazio di frenata dipende dal quadrato della velocità?
Durante la frenata viene applicata una forza F, che compie lavoro L = Kf - Ki = -mv2/2. Pertanto,
essendo L = Fs, lo spazio di frenata s risulta proporzionale all’energia cinetica e, quindi, al quadrato
della velocità.
b) Completa la tabella seguente, che fornisce lo spazio di frenata s (approssimato per eccesso al metro)
per alcuni valori della velocità v quando la strada si trova nelle condizioni descritte sopra.

v (km/h) s (m)
40 8
50 13
60 18
70 25
80 32
90 41
100 50

c) Quale fra i seguenti grafici può rappresentare lo spazio di frenata s al variare della velocità v?
Il grafico A
Grafico A Grafico B
s

v v

Grafico C Grafico D
s

v v

• Su una risma di fogli formato A4 (cioè le dimensioni di un foglio sono 210 × 297 mm) è scritto 80 g/m2.
Qual è la massa di un foglio?
Circa 5 g

1
Università degli Studi di Macerata – Corso di laurea magistrale in Scienze della Formazione Primaria LM-85bis – 7 settembre 2015

• Un atomo di idrogeno contiene un protone, la cui massa mp è pari a circa 1.67 × 10-27 kg, ed un elettrone,
la cui massa me è pari a circa 9.11 × 10-31 kg. Quale tra i seguenti valori approssima meglio la massa
totale dell’atomo di idrogeno?
a) 2 × 10-27 kg
b) 11 × 10-31 kg
c) 11 × 10-58 kg
d) 18 × 10-58 kg
• Un automobilista percorre i primi 120 km di un certo percorso alla velocità media di 60 km/h ed i
successivi 120 km alla velocità media di 120 km/h. Qual è la sua velocità media durante l’intero
percorso?
80 km /h
………………………………………………………………………………………………………………
• Una sorgente luminosa puntiforme è posta nel vuoto. Sia I l’intensità luminosa misurata ad una distanza
r dalla sorgente. Il prodotto fra l’intensità luminosa I ed il quadrato della distanza r dalla sorgente è
uguale ad una costante k. Quale fra le seguenti formule esprime la relazione tra I e r?
a)
b)
k
c) I=
r2
d)

Se la distanza r raddoppia, allora l’intensità luminosa I diventa


a) Il doppio
b) La metà
c) Il quadruplo
d) Un quarto
• Una valigia è appoggiata sul nastro trasportatore di un aeroporto. Per ciascuna situazione, illustrata nelle
figure seguenti, elenca le forze che agiscono sulla valigia e disegna il corrispondente diagramma delle
forze. (a) Il nastro trasportatore è fermo.

N La forza peso P e la reazione normale del nastro N

(b) Il motore viene azionato ed il nastro trasportatore si mette in movimento, accelerando verso destra.

N La forza peso P, la reazione normale del nastro N e la forza di


attrito statico fs
fs
a

(c) La valigia viaggia, a velocità costante, sul nastro trasportatore.


Sulla valigia agiscono la forza peso P e la reazione normale del nastro N.

2
Università degli Studi di Macerata – Corso di laurea magistrale in Scienze della Formazione Primaria LM-85bis – 7 settembre 2015

(d) La valigia viaggia, a velocità costante, sul nastro trasportatore lungo un tratto in salita.

N La forza peso P, la reazione normale del nastro N e la forza di


v attrito statico fs
fs

(e) La valigia viaggia, a velocità costante, sul nastro trasportatore lungo un tratto in discesa.

La forza peso P, la reazione normale del nastro N e


N la forza di attrito statico fs
fs
v .

• Un blocchetto di alluminio (densità 2,70 g/cm3) ed un blocchetto di legno (densità 0,60 g/cm3) vengono
immersi in una vaschetta piena d’acqua. I due blocchetti hanno le stesse dimensioni. (a) Per ogni
blocchetto disegna il diagramma delle forze.
Su ciascun blocchetto agiscono la forza peso e la spinta di Archimede.
(b) Che cosa succede ai blocchetti? Il blocchetto di alluminio affonda, quello di legno galleggia.
(c) Spiega perché le canoe vengono realizzate in alluminio piuttosto che in legno.
L’alluminio può essere lavorato in lamine molto sottili, ma robuste, così da realizzare canoe più leggere
di quelle in legno. Il volume dello scafo
assicura il galleggiamento della canoa.

FA FA

P
P

3
Università degli Studi di Macerata – Corso di laurea magistrale in Scienze della Formazione Primaria LM-85bis – 7 settembre 2015

• Nella figura sono raffigurate due pietre identiche, legate ciascuna ad una corda, e fatte ruotare in cerchio.
La tensione della corda più lunga è maggiore, minore o uguale a quella della corda più corta se le pietre
ruotano:
a) Alla stessa velocità minore
b) Con lo stesso periodo di rivoluzione maggiore

• Un cane, del peso di 5 kg, si trova su una zattera in una posizione distante 6 m dalla riva. Cammina sulla
zattera verso la riva per 2.4 m e poi si ferma. La zattera pesa 20 kg e si può ipotizzare che non ci sia
attrito fra l’imbarcazione e l’acqua. A che distanza da riva si trova ora il cane? (Suggerimento: il cane e
la zattera si muovono in direzioni opposte ed il centro di massa del sistema cane più zattera?)

Il centro di massa non si sposta, perché il sistema (cane + zattera) è isolato.


Il cane si sposta verso sinistra di 2.4 m, mentre la zattera si sposta verso destra di 0.6 m. Alla fine il cane si
trova a 4.2 m da riva.
• La figura mostra un carrello, di 20 kg, delle montagne russe di un parco di divertimenti mentre scivola su
una superficie priva di attrito dal punto a al punto b. Il carrello percorre 35 m durante l’intero tragitto ed
un dislivello verticale di 3 m. Quanto lavoro compie la forza peso del carrello?
Circa 590 J
Se parte da fermo, con quale velocità arriva in b? Esprimi tale valore sia in m/s sia in km/h.
7.7 m/s, circa 28 km/h
Ci sono altri punti lungo il tracciato in cui il carrello ha la stessa velocità che possiede in b? Se sì,
indicali in figura. Sono i punti che si trovano alla stessa quota di b

4
Università degli Studi di Macerata – Corso di laurea magistrale in Scienze della Formazione Primaria LM-85bis – 7 settembre 2015

• La figura seguente mostra quattro disposizioni di cariche. Ordinate le disposizioni secondo i valori
decrescenti del modulo della forza elettrostatica netta esercitata sulla carica +Q. I simboli “e” e “p”
denotano, rispettivamente, un elettrone ed un protone.

a = d > b =c
p p

d d

p e
+Q 2d +Q 2d
(a) (b)

e e

d d

p e
+Q 2d +Q 2d
(c) (d)