Sei sulla pagina 1di 3

I numerali

QUADRO d’INSIEME:

CIFRE CIFRE NUMERALI CARDINALI NUMERALI ORDINALI NUMERALI DISTRIBUTIVI AVVERBI NUMERALI
ARABE ROMANE (Quot? = quanti?) (Quotus? = in quale ordine?) (Quoteni? = quanti per volta?) (Quotiens? = quante volte?)

1 I Unus, una, unum (uno) Primus, a, um (primo) Singuli, ae, a (ad uno, uno per ciascuno) Semel (una volta)

Secundus, a, um / alter, altera,


2 II Duo, duae, duo Bini, ae, a Bis
um

3 III Tres, tria Tertius, a, um Terni (trini), ae, a Ter

4 IV Quattuor Quartus Quaterni Quater

5 V Quinque Quintus Quini Quinquies

6 VI Sex Sextus Seni Sexies

7 VII Septem Septimus Septeni Septies

8 VIII Octo Octavus Octoni Octies

9 IX Novem Nonus Noveni Novies

10 X Decem Decimus Deni Decies

11 XI Undecim Undecimus Undeni Undecies

12 XII Duodecim Duodecimus Duodeni Duodecies

13 XIII Tredecim Tertius decimus Terni deni Ter decies

14 XIV Quattuordecim Quartus decimus Quaterni deni Quater decies

15 XV Quindecim Quintus decimus Quini deni Quindecies

16 XVI Sedecim Sextus decimus Seni deni Sedecies

17 XVII Septem(n)decim Septimus decimus Septeni deni Septies decies

18 XVIII Duodeviginti Duodevicesimus Duodeviceni Octies decies

19 XIX Undeviginti Undevicesimus Undeviceni Novies decies

20 XX Viginti Vicesimus Viceni Vicies

I Numeri CARDINALI = si chiamano così perché servono da cardine, cioè sono numeri fondamentali da cui derivano tutti gli altri. Dei cardinali sono declinabili solo i primi
tre, le centinaia (escluso centum) e il sostantivo milia; tutti gli altri sono indeclinabili.
Unus, a, um = uno, uno solo, il solo, soltanto…
Il plurale uni, ae, a > si usa con il significato di unici, soli; in contrapposizione con alteri (uni…alteri = gli uni… gli altri); con sostantivi che hanno solo il plurale (pluralia
tantum).
Il neutro unum usato come sostantivo significa “una sola cosa”.

CASI MASCHILE FEMMINILE NEUTRO

Nom. Unus Una Unum

Gen. Unīus Unīus Unīus

Dat. Uni Uni Uni

Acc. Unum Unam Unum

Voc. Une - -

Abl. Uno Una Uno

Duo, ae, o = due


"Tutti e due insieme" in latino si dice ambo, ambae, ambo e si declina come duo.

CASI MASCHILE FEMMINILE NEUTRO

Nom. Duo Duae Duo

Gen. Duorum Duarum Duorum

Dat. Duobus Duabus Duobus

Acc. Duos Duas Duos

Voc. - - -

Abl. Duobus Duabus Duobus

Tres, tria = tre

CASI MASCHILE/FEMMINILE NEUTRO

Nom. Tres Tria

Gen. Trium Trium

Dat. Tribus Tribus

Acc. Tres Tria

Voc. - -

Abl. Tribus Tribus


Le CENTINAIA (tranne centum – indeclinabile) di declinano regolarmente come aggettivi plurali della prima classe, ma spesso il genitivo esce in -um invece che in -orum.

MILLE è aggettivo indeclinabile mentre lo è il sostantivo MILIA (= migliaia) che ha la stessa declinazione di tria. Spesso milia è seguito dal genitivo partitivo latino qualunque
sia il caso in cui milia si trova mentre in italiano "migliaia" è seguito dalla preposizione "di" ma non i suoi composti (duemila, etc.).
Non esistono in latino termini corrispondenti a “milione” o “miliardo”. I multipli di centomila si esprimono premettendo un avverbio numerale a centum (o centena) milia. Es.
200.000 = bis centum milia.

Osservazioni:
- Gli ultimi due numeri di ogni decina es. 18 e 19, 28 e 29… (tranne 98 e 99) sono formati per sottrazione es. 18 = duo deviginti.
- Da 21 a 99 (numeri composti da decine e unità) si possono scrivere con prima le unità e poi le decine congiungendole con ET oppure prima le decine e poi le
unità senza et es. 34 = quattuor et triginta o triginta quattuor.
- Da 100 in su il numero minore si pone di solito dopo il maggiore senza et es. 105 = centum quinque.
- Con i numeri composti da sole migliaia e centinaia si mette et es. 1200 = mille et duecenti.