Sei sulla pagina 1di 35

PREFAZIONE DELL’AUTORE

Roma è una città come le tante o è un luogo particolare? È la


prima domanda che i Romani devono porsi. È stata guida e faro
di civiltà con l’Impero Romano, ma poi, questo, crollò sotto i
molteplici strali di natura economica, politica, culturale,
lasciando la guida ad un'altra realtà.

La sua storia, legata alle vicende culturali, militari, politiche


dell’Impero sono le sole che dovrebbero inorgoglire i Romani?
Solo per questo? Quante civiltà, oltre quella latina, hanno
avuto i loro imperi; pensiamo all’Egitto; pensiamo alla Cina e al
Giappone; la Persia… quanti altri imperi hanno costruito la
storia e sono poi scomparsi? L’orgoglio di essere Romani può
basarsi solo per questo, solo su questo? Del nostro Impero
rimangono vestigia che il tempo e l’incuria corrodono sempre
più: chissà tra duecento anni cosà rimarrà del Colosseo o dei
Fori Imperiali…

No! L’orgoglio romano, l’Orgojio d’esse Romani deve essere


fondato, e questo è il tempo, su altre basi, solide e imperiture
che, leggendo qui, scoprirete.

Buona lettura
L’Orgojo d’Esse Romani


“Sarve a tutti. Come ve devo da salutà?
Vabbè se dico “AVE!” Aho, stamo a
parla romano, anche si c’ho er sospetto
che più de quarcuno se lo sia
dimenticato. L’abbia addorcito
snobbandolo. Permetteteme de
presentamme, me chiamo Romoletto.
Mò, nun ve mettete a ride, pensanno
che ‘sto nome sia ‘m po' strascicato,
banale… si la penzate accussì, allora,
vordì che semo proprio fori strada. Nun ce semo proprio. Ve
sete dimenticato tutto? C’ho la sensazzione che pé voi ‘sta
città ha perzo ogni significato profonno, tanto da guardalla
come se fosse ‘na mucchia de carcinacci, un “museo all’aria
aperta” come se usa dì dè ‘sti tempi… Ma si annamo ‘n fonno
a la questione, de museo, me pare, ce sia rimasto assai poco.
Visto l’interesse che la stragrande maggioranza der popolo
romano je dedica. E questo perché? Perchè NUN C’AVETE
PIU’ L’ORGOJO D’ESSE ROMANI! Questa è la pura verità.
Mò, nun cominciate a mormorà dicenno: “Ma questo mò, che
vole?; Ma chi l’ha sciorto?”. Arisparagnateve er tempo de
stacce a penzà, perché ve le soddisfo io ‘ste curiosità. Chi
sarebbi? IO SO’ L’ORGOJO DE ROMA. QUELLO CHE VOI
NUN ARICOGNOSCETE PIU’!! Sò venuto pè favve ‘ncazzà,
anzi: IN-DI-GNA’. So aricicciato pè dìvvene quattro fatte
bbene; pè svejavve dar letargo che v’ha reso bamboccioni
senza più un core romano, SENZA PIU’ LI COJONI! Si la
volemo dì tutta”
“Romoletto, scusaci tanto, ma cosa vorresti dire? Cosa abbiamo
fatto per meritare quelle parole. Noi a Roma ci viviamo, ci
lavoriamo, e ce l’abbiamo ogni santo giorno sotto gli occhi…”

“Ah! Ce l’avete ogni santoggiorno sotto a l’occhi? È vero, ma è


come si nun la vedeste più ‘sta città. Ma ve state a rende
conto de come Roma è addiventata? Come l’avete ridotta? Ve
sete dimenticati de cosa Roma fu capasce? De quale posizzione
occupò ne li secoli? Ner monno? Ve sete dimenticati quali piedi
l’hanno carpestata e quali ginocchia se piegorno drento a ‘ste
mura? VE SETE SCORDATO DE TUTTO! Ma soprattutto ve
sete dimenticati de la vera raggione che ha fatto grande ‘sta
città! Ce l’avete tutto er
giorno sotto l’occhi ma pare
che nun la ricognoscete più. E
io che sò venuto a fa, se nun
p’ariccontavve tutto quanto
serve pè suscitavve drento ar
core l’orgojo, quell’orgojo che
ve farà gonfià er petto
quanno, ‘na vorta compreso
tutto, ve farà dì: “I SO
ROMANO!” Cò quell’’orgojo
che ve dovrebbe suscità
drento a le budella la ggiusta
‘ncazzatura! UNA SACRA
INDIGNAZZIONE! A vedè
come Roma è ridotta... Ma
pare che l’indolenza ormai la
faccia da padrona e che
abbozzà sia diventata la mejo soluzzione, e rimanè ‘nfregnati
ne la mediocrità pare esse la mejo comodità. No! Nun po' più
esse accussì. Nun deve esse più accussì!

“Allora, secondo te che dovremmo fare? Come ci dovremmo


comportare? Non si riesce a capire bene… “

“Si me starete ad ascortà lo capirete da soli. Roma, pure si


ve la sete dimenticata, ve la portate sempre drento…

Tanto pè comincià, metteteve commodi, e libberateve de ogni


penziero, che ‘ncominciamo ‘sta lezzione de risciacquatura de
la memoria. Dovrete usà purò la fantasia che, a vedè come
avete ridotto ‘sta città, me pare che proprio nun ve manchi.
Allora, in primis, ve vojo aricordà n’omo, un certo Cola da
Rienzo, che volle risvejà ner core de li Romani der tempo suo,
era er XIII secolo, quell’orgojo de cui v’ho parlato, “Bbona
cosa!” penzerete, visti li tempi… ma fallì, perchè fece
l’impiastrone, tanto che tutto je s’aritorse contro. Ma la bbona
volontà ce la mise. Forze je mancorno li mezzi ggiusti. Ma
quale orgojo annò cercanno?
Annò cercanno l’orgojo d’esse Romano, anche si la visione che
offriva era spostata su artri obbiettivi. Ma aveva capito che
‘sta città c’aveva bisogno de omini cò le palle. Sur Campidojo,
che nun era così come lo vedemo ogniggiorno, ma, na collina
spoja, sopra la quale li resti de antichi palazzi, Cola cercò
d’aprì l’occhi a li Romani, facennoje dè discorsi su li personaggi
più famosi de la storia. Pe ‘m po' er popolo j’annò dietro, ma
doppo, come v’ho già detto, fece l’impiastrone, divenne ‘m
buattaro e er popolo sobbillato da li padroni de la città, quelli
che potremmo definì lupi, je curse dietro e l’acconciorno pè le
feste. Io, nun vojio fa quella fine. Li Romani de mò nun so più
come quelli de ‘na vorta, buzzurri e cojoni, ‘na certa curtura,
mò, ce l’avete, e comprenne come stanno le cose ve sarà più
facile.”

“Romoletto, noi ti
ascoltiamo, siamo
tutt’orecchi. Facci capire.”

“E’ quello che spero! Favve


capì. Aho! Nun è più tempo
che a parlà sieno le statue,
come ‘na vorta. E lo sapete
a chi me riferisco:
Pasquino, nell’omonima
piazza; Marforio, ar
Campidojio; madonna
Lucrezia a piazza San
Marco o er Babbuino in Via
Lata… Mò è arivato er tempo che a parlà sieno li Romani, e cò
cognizzione. E pè arivà a ‘sto risurtato nun c’è che ‘na sola
via: ARICONQUISTA’ L’ORGOJO D’ESSE ROMANO!!...

… e pè raggiunge ‘sto
risurtato, nun ce
rimane che pijà
coscienza de quello
che è Roma ‘sto
momento. Mò,
lassamo sta le buche, che sò er male minore, anche si so la
testimognanza de come Roma viene trattata…”

“Romoletto, scusa se v’interrompo, ma le buche dipendono


dall’amministrazione, noi ci lamentiamo, ma il problema sembra
senza soluzione. Sono anni che…”

“E mò scuseme se so io che te ‘nterrompo! Nun c’arrampicamo


su pè li specchi, peffavore. Nun cominciamo a trova scuse e a
fa a scaricabbarili. Le buche... la monnezza… palazzi storici
che vanno in malora… eh, a trovà scuse sete diventati campioni!
Ma questo perché? perché l’orgojo de esse Romani ve lo sete
messo sotto la sola de le scarpe! Ecco perché!... Ma lassamo
da parte ‘sti probblemi; provate co la fantasia a annà ar tempo
quanno Roma ancora nun era che ‘na distesa de boschi, ruscelli
d’acqua fresca, un paradiso pè li pastori che ce viveveno…
… e dall’unione tra er cielo e
la tera che nascette l’
ORGOJO D’ESSE ROMANI.
Romolo era er fijo de Marte,
e ce lavorò parecchio pè
questo, ma noi eravamo già
predisposti dar cielo a ‘sto
stato d’animo: esse fiji der
cielo. Così, quer posto fatto
de antri boscosi, de ruscelli
d’acqua gelida, fatta de le
lacrime de la ninfa Eggeria,
che se mise a piagne a dirotto
l’amore pe Numa Pompilio,
rapito da la morte; là, in dove
li lupercali vedeveno giovinotti
gnudi cure per li prati e le
pinete… piano piano, entrò ne
la storia, uscenno da la leggenda senza rinnegalla!! “

“Romoletto, scusa eh, ma se cominciamo col parlare di leggende


noi ci allontaniamo dalla realtà e si rischia poi di scivolare nel
patetico…”

“Patetico? Ahooo! Ma te rendi conto de quello c’hai detto? La


leggenda e la storia de Roma so inseparabbili. La leggenda
rappresenta er profondo de l’anima romana, senza de essa
arischiamo de fa apparì er tutto come si fosse ‘na semprisce
avventura umana. Forse questo potrà valè pè l’artre città, ma
pè Roma no! Ma tu lo sai che qui ce venne puro Ercole? Ma tu
lo sai che sull’Avventino Ercole vinse er mostro Caco che
terorizzava l’abbitanti? Tenetela in conto la leggenda, perché
senza de essa Roma perde parecchio der suo fascino, perché
grazie ad essa, e non solo, Roma conquistò er monno. Li Quiriti
ereno fiji de Marte, fiji der cielo, e li fatti, anche si vennero
rettificati, lo dimostrorno. Ma annamo avanti.”

“Andiamo avanti…”

“Si, annamo avanti. Mò, voi


v’aspetterete che io ve parli
der Colosseo, de li Fori
romani e imperiali, de le varie
terme, der Pantheon, de le
catacombe… e ‘nvece ve
sbajate. ‘Ste cose so
‘mportanti, ma so
‘nflazzionate, ner senzo che
se ne parla tarmente tanto
che a la fine se perde, anzi, l’avete perzo, er significato che
li lega all’orgojo romano. Noi dovemo da riscoprì, la sacralità
dè Roma, quella sacralità che nun avete mai compreso, nun
l’avete mai avuta chiara ne la mente. R-O-M-A E’ C-I-TTA’
S-A-C-R-A!! ‘Sto concetto ve lo dovete ‘nzeppà ner core e ne
la mente, ve lo dovete . Si nun lo capite ‘sto concetto, Roma
potrebbe esse destinata a diventà ‘m mostro; ‘na sorta de
obbrobrio fatto de antico e de moderno; potrebbe morì
soffocata dall’avanzata de ‘na modernità impietosa,
soffocante, che lentamente, lentamente, deturperà, si nun l’ha
ggià fatto, anzi lo sta già fascenno, er vorto e er core de ‘sta
città, ammazzannola definitivamente. Ma ho detto
“potrebbe”… LA SACRALITA’ CHE ROMA POSSIEDE è er
concetto che la po' sarvà da la distruzzione.

E pè mette ‘n chiaro quello che dico, stampateve ner core e


ne la capoccia che er sacro nome de Roma è stato reso tale
da un fatto unico, irripetibile e che appartiene solo a noi
Romani.

“E sarebbe…?”

Sarebbe che Domeniddio, ossia Gesù Cristo risorto, doppo ‘m


po' apparve a San Paolo mentre stava ‘n carcere a
Gerusalemme, e je disse: “M’hai dato testimognanza a
Gerusalemme, ma mò me devi da dà testimognanza a Roma!”.
Nun so se l’avete capito bene: “… me devi da dà testimognanza
a Roma.” ‘Ste parole so state dette dar Padreterno, Cristo e
Dio so la stessa cosa, da quer Padreterno che dar profondo
dell’universo, da li sprofonni de la creazzione, che te fà? Te
pronuncia er nome de Roma. Aho! mica c’ha detto cotica… ma
che davero davero… ma ROMA, ROMA… ROMA!!! E ‘STO
FATTO, DA SOLO SAREBBE SUFFICIENTE PE’ FA’ DE ‘STA
CITTA’ UN LUOGO SACRO!! Già, ma oggi, materialisti come
sete addiventati tutti, er senzo der sacro nun ve dice più nulla;
perché l’avete perzo,
intossicato dar traffico,
dar puzzo, da la caciara,
da la cronaca nera, da ‘n
turismo che pare ‘no
Foto Dagospia

zombi in giro pe la città.


E poi ve meravijiate si ‘sta
città è addiventata ‘na discarica de ‘monnezza? Beh,
lassatevelo dì e nun v’offendete: è la monnezza che ‘sta drento
ar core vostro che esce fora.

“Vabbè, Romolè, mò stai esagerando. Noi ci lamentiamo per…”

Ve lamentate? E poi?
V’atturate er naso! Sete
addiventati in-do-le-nti! Mò,
l’avete capito perché nun dovete
più da cercà scuse? Ognuno de
voi c’ha la ggiusta corpa de ‘sta
situazzione. O ve sentite
Romani, come ‘ntendo io, o sete
occupanti de ‘na città che nun
v’appartiene. In quest’urtimo
caso, allora, sete solo de gran
zozzoni! Ma si ve sentite Romani
allora svejiateve cazzo!!
Indignateve; vomitate la vostra
viscerale rabbia, perché tutti li
sfreggi fatti a ‘sta città so
bestemmie ne li confronti de
quer cielo da dove fu pronunciato, rendendolo sacro, er nome
de Roma!! Beh!, che c’avete? Ve vedo aggrugnati.”

“A Romolè, c’è che c’è? C’è che ce sei annato giù de brutto! Ce stai
a fa sentì peggio de li vermi. Il fatto è che ora non possiamo
nemmeno più chiamare in causa quella marea de “Romani” che sono
dentro al cuore di Roma: il Campidoglio. Però… me sa che forse
c’hai ragione.”
“Ah! Me dite che “forze” c’ho raggione? Aspettate a dillo,
ascortate quello che ve devo da dì, e poi me direte si c’ho
torto o c’ho raggione. Annamo a scavà le raggioni der perché
‘sta città la dovete rispettà come si fosse vostra madre, e
che quanno v’arzate la matina, aprenno le finestre, ve dovreste
sentì grazziati solo perché er destino v’ha fatto abbità qua, a
Roma. E si quarcuno disse: “Roma Caput Mundi” nun è perché
s’era fatto ‘m bicchierino de quello forte, ma perché Roma je
scoreva drento ar sangue. In tutto er suo significato.

“Er significato de Roma?! Ma come faremmo a dimenticare Roma,


se ci abitiamo?”

“Come fareste? Semprice! Pressati come sete da li


cambiamenti, sempre più veloci, dall’abbitudine a vedè quelle
che pareno le stesse cose de sempre, ve sete dimenticati dè
l’unica cosa che ha fatto grande ‘sta città… ve sete puro
dimenticati, e pure da ‘m ber po' de tempo, de le radici divine
che alimenteno ‘sta città… V’ho detto che li Romani so fiji der
cielo?”

“Facci un esempio di queste… “radici.”

“Quanti de voi sete passati davanti a Santa Maria Maggiore.


Quante vorte ce sete passati davanti? Tanto pè favve un
esempio: de sicuro parecchie vorte. Ma mai a nisuno che je
fosse venuto in mente che lì viscino, esattamente ne la Via
Urbana, ce stà la Basilica de Santa Pudenziana… ”
“Eh, Romolè, qua te sbaji, perché lo sapemo tutti…”

“Ah, davero? Allora sapete che lì ce abitorno pè sette anni


San Pietro e San Paolo.”
“Beh, sinceramente…”
“Ecco, lo vedete? Voi passate dinnanzi a ‘st’ edificio, magara
ce sete ‘nnati puro a messa, ma nun sapete che la Basilica
venne costruita sopra ‘na casa d’epoca romana; ‘na domus de
‘n certo Pudente, che fu discepolo de Paolo e de Pietro e che
li ospitò a casa sua pe armeno sette anni. Ecco un pezzo de
radice, de tessera de quer grande mosaico de la sacralità de
Roma. Qui se cominciò a costruì la storia, anzi, qui se cominciò
a materializzà er proggetto der padreterno; qui iniziorno tutte
le vicenne che fecero de Roma
er centro der monno. Un
riferimento de cui nisuno potrà
fare a meno pe li secoli a venire.
La storia incominciò quanno San
Paolo qua, a Roma, ce rimise la
capoccia e sempre qua, San
Pietro venne crocefisso. Si è
vero che ogni angolo dè ‘sta
città ve parla de coloro che
fabbricorno la civirtà, quella
der Diritto, della Legge e der
senzo civico che la parola Civis
stava a significà, ma è puro vero
che qui se parla der cielo, de lo
spirito che è cosa ben più importante, perché si la prima è
destinata a sparì, la seconda rimane in eterno. Qui l’umanesimo
affonda le sue radici, qui la storia dell’arte inizziò a nutrirsi
in secula seculorum. E’ vero che la Grecia ce mise der suo, ma
la cuoca che ‘mpastò la torta se chiamò Roma. Nun lo
dimenticate.
Ce so mille aneddoti che se potrebbero raccontà, ma nun hanno
la forza de favve resuscità er senzo de qua sacralità che sto
a cercà de comunicavve. Permetteteme, pè favve mejio
comprenne ‘na
sottoligneatura: quanno
ve capiterà de guardà li
resti dell’impero, se ve
vè da paragonalli a ossa,
beh, è rivato er tempo
che v’aricordate che voi
dovete fa la parte der
muscolo, perché si è vero
che
quei
resti,
quelle
colonne assomijeno all’ ossa de ‘m morto, a
falle move ne la coscienza de tutti voi sarà
la forza che voi stessi ce metterete pe
difenne la città. Voi sarete li muscoli che
dovranno move le coscienze attorno a quello
che resta der grande passato de Roma, ma
pe indirizzalle a quer che realmente ha costruito la
SACRALITA’ DI ROMA: LA CHIESA DE PIETRO!!
Metteteve commodi regà, che er tempo passa e tutto se ne
va co isso.
Ma quer che resta è ’r proggetto divino che volle che ‘sta città
addiventasse er perno de l’umanità tutta. Domeniddio decise
in tar senzo. Pe questo, Roma è la città eterna, nun certo pe’r
Colosseo o pe’r Pantheon. Capirai ‘na scossetta de teremoto
più forte der solito e er gioco è fatto, ma chi potrà mai
distrugge er proggetto divino iniziato cò la testimognanza de
Paolo e Pietro, dumila anni fa? Nisuno, e dico ni-su-no c’avrà
la forza de mettelo ‘n discusione. Certo l’arti e li bassi so
sempre presenti, ma è ’r finale quello che conta.

A daje corpo ar proggetto divino, fu proprio un’imperatore


romano: Costantino. E mò vè er bello: nun v’a dovete da
dimenticà de ‘n’antro concetto: l’Impero Romano è stato quello
che è stato, grazzie ar fatto che doveva da preparà la strada
alla
diffusione der cristianesimo. ‘Sto monno ne ha conosciuti de
imperi. E in do so annati a fenì? Ne la porvere. Ma Roma no!
Roma, che mò la potremmo chiamà puro Roma la fenice, nun è
sparita, perché a quelle “ossa” che appartennero all’Impero s’è
sostituì un’artro impero, quello spirituale e materiale de la
Chiesa de Pietro, Chiesa che Costantino materializzò… sur
posto ggiusto: sur colle Vaticano, in dove Pietro fu crocefisso
e seporto. In poche parole: la Roma ‘mperiale è servita ar
proggetto divino a quer proggetto cor quale è diventata un
tutt’uno e mai
nisuno la separerà
da ‘sta realtà. E
sarà accussì fino
a la fine der
monno.

“Vista da questo
punto di… vista,
Roma assume
n’artro significato,
ossia: domineddio
s’è servito de
l’impero Romano pe
fa sì che er
cristianesimo si
diffondesse in
tutto il mondo
conosciuto allora.”
“E avete ‘nteso bene! Solo che ve lo sete dimenticato, o per
lo meno, la storia de Roma è addiventata una notizia da museo,
da libbri de storia e basta, ma nun solo: mai er Trono de
Pietro è stato messo in relazione diretta al ruolo de la Roma
imperiale, speciarmente a quella de oggi. Così, ’na vorta chiuso
er libbro de storia… te saluto! Invece, questa è ‘la visione che
deve esse ‘na vorta pe tutte, rinfrescata ner core d’ogni
Romano! In pratica, ‘na vorta che avete afferrato er concetto,
ogni Romano se deve sentì come un PRETORIANO, colui che
era chiamato a prestà servizio a difesa della corte imperiale
e dell’imperatore. Cò la sola differenza che mò, sarete
chiamati a difenne la città e la sua sacralità. E VE PARE
POCO? Solo che, a penzacce bbene, questa è ‘na visione pe
ggente co li cojoni, gente che se sente votata a un servizio
che lega ‘sta città su la tera ar cielo. E voi? C’avete li cojoni
per addiventà pretoriani de ‘sta città? Ma aspettate a
risponne, ve mancheno ancora arcune risciacquature, pè potè
formulà er giusto penziero.

“Facce capì Romolè. Nun ce fa senti in colpa; lo sai che è


l’amministrazione capitolina che gestisce Roma. Riuscire a
intervenire in certe decisioni è stato sempre difficile…”

“Soprattutto oggi! Eh, sempre de mezzo l’amministrazzione.


L’amministrazzione qua… l’amministazzione là… Ma a violentà
‘sta città tanto da falla addinventà come ‘na bbellissima donna
buttata in un angolo, piena de ferite, e che se piagne addosso,
so proprio li Romani. Voi, che dite d’esse Romani, ma nun lo
sentite er grido de dolore che ‘sta città ve lancia da anni?
Vabbè che da sempre è stato così, perché l’ignoranza ha fatto
da padrona pe secoli, ma mai come ora! Ma mò nun è più er
tempo dell’ignoranza, dell’ingozzo e dell’intrallazzo, dello
sberleffo e de la cojonatura. Basta ingrugnasse, pe poi fasse
‘nfinocchià da certa ggente che dice d’esse Romana, e ‘nvesce
è peggio de li barbari. Bisogna fasse sentì: BISOGNA TORNA’
A ESSE PRETORIANI!!...

ROMA E LA CHIESA
“… Quanti secoli so passati dar
giorno in cui l’Imperatore
Costantino costrui la prima
basilica qua a Roma? ‘Na
caterva! Era er quarto secolo
dopo Cristo, esattamente… nun
se sa, forze ner 333, Sirvestro
era vescovo de Roma, ma nun
importa. Importante è che la
prima basilca dedicata a San
Pietro venne eretta proprio
sulla tomba de ‘st’apostolo. E
questo fatto manifestò
concretamente la sacralità de
Roma. La costruzzione coprì ‘na necropoli pagana, quarche
tempio pagano,
come pe dì che
li tempi ereno
cambiati: non
più tanti dei,
ma un solo Dio,
quer Dio che
aveva deciso de
fa de Roma non
un faro, ma er
faro de la
civirtà
cristiana.
Illustrazione tratta da: “Le vicende costruttive de la Basilica di San pietro. Da Costantino a Bernini.”
Dello stesso autore
Pe dì che la tomba de Pietro fosse proprio lì, c’avemo ‘na
testimognanza scritta, perché, dovete da sapè, quer posto
divenne un luogo de pellegrinaggio: ce venivano da ‘n sacco de
parti pè visità la tomba der principe de l’apostoli. Così,
quarcuno, forze ispirato dar cielo, volle scrive sur muro ggiallo:
“PIETRO E’ QUI”. Una testimognanza che nun se po' mette in
discusione. E fu scritta in lingua greca: “PETROS ENI”, da
uno che partì dar monno greco per lasciacce ‘sto rigalo.

Come ve sentite dopo avè ascortato sto fatto? Nun ve sentite


‘n corpa pè avè considerato Roma ’na bella città, ricca de
storia, de monumenti, ma senza avè mai penzato ar fatto che
un disegno nato da la capoccia e dar core de domineddio, ner
cielo, sia stato realizzato pè fa sì che ‘sta città venissa
costruita pè incarnà una volontà suprema?”
“…Beh, ecco… si, sapemo che er papa vive qua, da sempre… ma
abbiamo collegato questo fatto come ad un evento storico, una
tradizione consolidata e… e basta. Non abbiamo mai pensato ad
una grandezza di natura spirituale pensata, progettata da Dio …”

“Ce lo so, ce lo so. Nun me meravijia ‘sto fatto. Der resto,


le vicende storiche cò la loro violenza, li loro misfatti, hanno
offuscato e anche sporcato er progetto de Dio che, pe capillo,
abbisogna di una profonda riflessione. ‘Ncominciamo cor dì che
LA CHIESA E’ NATA P’ESSE ROMANA! Nun lo dimenticate.
Persino Gesù stesso, parlanno cò ‘na mistica italiana,
pregannola de riferì le sue parole a Pio XII, je disse:

“Altri tuoi predecessori ascoltarono i miei mezzi. E se la Chiesa


è ancora romana è perché un Pontefice si arrese a Caterina.”

Caterina è quella santa famosa de Siena, che non ebbe timore,


spinta da Dio stesso, ovviamente, de scrive a li papi che pè
settant’anni spostorno la sede apostolica in Francia, ad
Avignone, per convincerli a lascià quella sede innaturale ar
proggetto e riportalla “nell’ovile” prescerto da Dio per curare
le proprie pecore, Roma. Scriveva Santa Caterina:
“Venite, venite, e non fate più resistenza alla volontà di Dio
che vi chiama, e l’affamate pecorelle v’aspettano che veniate
a tenere e possedere il luogo del vostro antecessore e
campione apostolo Pietro; perocchè voi, come vicario di Cristo,
dovete riposarvi nel luogo vostro proprio. Venite dunque,
venite, e non più indugiate e confortatevi, e non temete
d’alcuna cosa, che avvenire potesse, perocchè Dio sarà con
voi.”
La Chiesa Cattolica, Apostolica e Romana… ‘na realtà spirituale
sottovalutata. Assai sottovaluta e non tenuta ne la ggiusta
considerazzione soprattutto da li Romani. Ma vennero li tempi,
in cui proprio a un vescovo de Roma, quello che poi se chiamò
papa, toccò de pija le redini der mondo cristiano e politico.
V’aricordate dell’angiolo Gabbriele che sta pe rimette ner
fodero la spada e che svetta su Castel Santangelo? Beh’ quer
sordato de Cristo obbedì ar vescovo de Roma, Gregorio Magno,
che je ‘mpose
de rimette la
spada ner
fodero e
ripijasse er
morbo de la
peste che
aveva decimato
la popolozione
de ‘na Roma

www.mipiaceroma.it

che nun esisteva più. Ebbene, a quer vescovo toccò de incarnà


puro dar punto de vista politico la situazzione di un mondo che,
come scrisse: “… stava marcendo dentro...” e lo fece
rimettendo pure a pposto er mondo de li credenti, assieme a
San Benedetto l’eremita, che era a lo sbando. Er senato
romano nun c’era più da ‘m pezzo, fu fatto fora da li
Longobbardi. Roma nun esisteva più, né dar punto de vista
politico né dar punto de vista curturale. Era Bisanzio che
comannava e Gregorio Magno se ne fregò artamente
dell’imperatore e de quello che ordinava. In seguito, chi
cimentò la realtà de Roma, come Stato, fu Leone III; semo
ner nono secolo. Mettenno la corona su la capoccia de Carlo
Magno, Leone s’impose come l’unica autorità der cielo che
poteva santificà un regnante de ‘sto monno. E la storia de lo
Stato de la Chiesa incominciò. Ner bene e ner male.
Ecco, si v’ho riccontato questo nun è pè favve ‘na lezzione de
storia, ma solo pè favve capì come la forza der padreterno,lo
Spirito Santo, seguenno er proggetto de Dio-Padre, pijò ‘m
mano le sorti de ‘sta città e piano piano, der monno ‘ntero.

“Questo l’avemo capito. Il papa cor tempo che passava divenne


sempre più un punto de riferimento politico e poi spirituale. Ma a
dire il vero, però, la politica a noi pare, abbia preso er sopravvento
su lo spirituale…”

“E c’hai raggione! Ma che ce voi fa? Domineddio mise in mano


all’omo fraggile e presuntuaso un tesoro grande che ner
gestirlo commise erori, tanti e puro atrosci. Ma, e nun lo
potete negà, si ancora c’avemo a Roma er Pontefice Massimo,
titolo che ‘na vorta era de l’imperatori, è perché lo stesso
domineddio nun c’ha mai abbandonato. Er proggetto de Dio se
deve da completà!! E mò come ve sentite doppo ‘sta
riflessione?”

“ Romolè, stamo a capì quelo che ce voi dì.. In effetti…”

“Già, in effetti… Ma lassateme dì ancora quarche cosetta e


poi vado a conclude er messaggio che v’ho portato. Stavamo a
parlà de la basilica de San Pietro, quella fatta costruì da
Costantino. Ebbene, ‘st’imperatore la volle costruì su li resti
der Circo de Nerone, in realtà era de Caligola, e su una parte
de la necropoli pagana che s’arricchi de tombe cristiane, tutte
attorno ar sacro sascello in dove riposaveno le ossa der
principe de li apostoli. Meta de pellegrini, una fila de visitatori
che nun terminò più. La prima basilica, all’inizio, nun servì pè
dì messa, ma pè permette a li pellegrini de annà a visità la
tomba de Pietro, che arimase sotto la basilica, ma grazzie ad
una edicola, li pellegrini la poteveno vedè da ‘na grata…

Illustrazione tratta da: “Le vicende costruttive de la Basilica di San pietro. Da Costantino a Bernini.”
Dello stesso autore
… poi, cor tempo, la basilica venne usata anche pè dì messa e
sopra a l’edicola o memoria petrina, ad opera proprio de
Gregorio Magno, venne costruito er primo artare. La basilica
piano piano se riempì de sarcofaghi, de tesori, diventanno così,
pè sempre, l’unico centro de la cristianità…”
Illustrazione tratta da: “Le vicende costruttive de la Basilica di San pietro. Da Costantino a Bernini.”
Dello stesso autore

“ Avemo capito Romolè: Roma ar centro de la cristianità! Luogo


scerto dar padreterno pè realizza er proggetto de la sarvezza
iniziato cò Mose. Ecco, questo ce deve rende orgojosi, perché
nessun’artra città ar monno c’ha ‘sto privileggio…”

“Nessun’artra! E ve dirò dde più. La continuità de Roma


dipende dar vostro atteggiamento; è vero! E’ vero puro che
nessuna forza ar monno potrà distrugge ‘sta città, perché è
protetta dar proggetto de Dio. Ma si nun l’amerete come
conviene, si nun ve indignate cò quella rabbia viscerale de chi
ha capito che d’è ‘sta città, certe rogne nun ve le
rispagnerete.

Roma today

“ Vabbè Romolè, mò che ce rimane da fa?”

“Nun v’ho detto che dovete esse come li pretoriani? Ma, in


primisse, levateve da la mente che dovete annà ‘n giro a menà
fendenti, a usà la forza o annà cor moccolotto ‘m processione.
Nun è questa la strada. Basterà che voi ‘ncomiciate a parlà cò
tutti quelli che conoscete, ar bare, ar mercato, cò la ggente
che frequentate, cercanno de faje capì quello che voi oggi
avete capito. Fateje capì che la monnezza a Roma è sì ‘no
sfeggio, ma nun è solo un fatto de ggestione, ma è la monnezza
che molti che se dicheno Romani, c’hanno ner core. Quello che
ognuno c’ha ner core prima o poi esce de fora. Inortre, a noi
nun spetta de fa li putitani e annà a rimproverà chi ha fatto
de la propria vita ‘na malaggestione; dovemo solo divurgà,
parlannone sempriscemente der concetto, de la sacralità de
Roma, a cosa è legata ‘sta sacralità, aprenno novi orizzonti a
chi v’ascorterà, cambianno la visione distorta che c’hanno de
Roma. Un fatto semprisce da capì. Ma sarà ‘sto concetto a
fa rinasce la SPERANZA NER CORE DE CHI VE DARA’
RETTA? Giorno dopo giorno, perché c’avrete la certezza che
‘sta città c’ha davanti un futuro radioso: quello che domineddio
ha penzato pè Roma. Si poi quarche domenica annate a piazza
San Pietro, quanno er papa lancia la benedizzione, certo che
nun ve farà male; anzi, sarà la testimognanza che quarcosa
comincia a cambià. E aricordateve, e poi chiudo, de diffonne
soprattutto er concetto CHE CHIUNQUE, PURO SI NUN è
ISCRITTO A L’ANAGRAFE CAPITOLINA, IN FORZA DER
BATTESIMO E’ CITTADINO DE ROMA! Perché aricordateve:
LA CHIESA, ORTRE CHE CATTOLICA, ossia universale,
APOSTOLICA, sarà per sempre ROMANA! Prima de
annammene ve vojo ricordà quarcosa che nun è accaduta chissà
quanto tempo fa, ma ‘na sessantina d’anni fa, esattamente a
le Tre fontane, a un certo Cornacchiola che voleva smontà la
sacralità de la Madonna. Nun fece ‘n tempo perché je apparse
ne la grotta e tra le artre cose je disse: “… di rientrare nella
Chiesa Cattolica Apostolica Romana…” era er 12 aprile der
1947. Mo avete capito? ROMA APPARTIENE A TUTTI LI
BATTEZZATI! E tutti li battezzati so, per sacro diritto,
Romani. E allora ecco che aritorneranno li momenti che se
creorno sotto l’Impero Romano: si uno abbitava nell’Hispania,
o nella Tracia, o nella Mauritania, o in Britannia, ma era
cittadino Romano, poteva dì con pieno diritto: “IO SO
ROMANO E ME NE VANTO ”!! Solo che questo è n’artro
impero, quello der Padreterno. Er certificato de nascita che
ve rilascia l’Anagrafe dura fin’a cche nun v’accompagneno a
l’arberi pizzuti, mentre quello che ve rilascia er battesimo co
l’acqua santa de la Chiesa Apostolica e Romana, durerà in
eterno e eternamente poi, voi rimarete, sarete veramente
Romani!! ‘Sta vorta chiudo, ma nun ve scordate de ripete ‘sto
ritornello: “Oggi, domani, li battezzati so tutti romani!”

Mò, ve dedico ‘na poesia come fosse un un saluto e un augurio,


non de quelli soliti che dicheno tutto e nun dicheno gnente, ma
‘n saluto ve darà da riflette:

A Basilica de’ San Pietro


Chi è che nun la m’hai vista
‘sta gigantesca piazza
Che come n’abbraccio te strigne e te spiazza
Riccomannannose de rimette l’anima in pista

Pe’ core sempre più veloce ‘n contro ar Signore


Quello che mannò a Roma er santo Apostolo che cò grand’onore
Rese l’anima a Dio sopra ‘sto colle, regalannoce un sangue che nun costa
Anzi: ce regalò un timbro che durerà in eterno, si abbasta:

In primisse: avenno fatto de ‘sta città er punto fermo de la cristianità,


quella che lega er cielo a la tera e facenno de San Pietro er perno
che saldo come l’obbelisco rimase fermo;
In secundis: attorno ar quale gireranno santi e demoni pè tutta l’eternità.

E pè la Memoria Petri che riposa sotto l’artare de la Confessione.


Povere ossa dell’umile omo che obbedendo a Cristo nun se tirò ‘ndietro
E sopra ‘sto mucchio de sante ossa che se formò la storia e l’emozzione
De sapè che l’Infinito scerse Roma pè mannacce Pietro
Era potente, Roma, cor fero, cò la legge e cor diritto
Mo’ è potente co’ la croce e la fierezza de la pietra travertina
Che sopra quell’ossa certo nu je pesa; potrà puro apparì piccolina
Dinnanzi all’universo, ma è ‘m gigante ne lo svelà er segreto der convitto

Ossia la Commugnione tra er cielo e la tera, tra er paradiso e ‘sta città


Che nun potrà mai esse uguale a l’artre, pè via della sua sacralità
Donataje dumila anni fa, quanno l’apostolo ce lasciò le ossa
E che mejio de così un cristiano immaginà nun possa.

Così fu che imperatori, papi e geni della costruzzione


Ortre a ‘nginocchiasse davanti a la Confessione ogni ggiorno
Ce lasciorno er mejo de la storia, tra paura ed emozzione
Anche si lo sfreggio e l’ortraggio nun la risparmiorno

Ma come disse er Signore “ le fiamme de l’inferno nun prevarranno”


Tanto che potemo stà sicuri che la pietra e l’ossa de San Pietro
Dureranno fino a che er Vangelo all’Inferno nun ja’vrà fatto danno
Creanno la lunga fila de li santi senza che nisuno arimanga ‘n dietro.

Hanno vojia a chiamalla Babbilogna


li detrattori der Vangelo costruito su misura ar loro punto de vista,
Roma sarà sempre er centro der divino der quale ogni omo abbisogna
E nun ce frega gnente de li nemici vedè quanto è lunga la lista,

Perché questo è er sacro destino de la Chiesa e de Roma


Città Eterna, in quanto er Padreterno c’ha messo quer timbro
Legato alla storia dell’universo, la storia della psiche e der soma
Facenno de San Pietro e da ’a sarvezza universale, l’unico centro.

Antonio Dal Muto