Sei sulla pagina 1di 24

07/2014

cod. 20087938 rev. 0

FAMILY
ISTRUZIONI PER L’UTENTE
Gentile Cliente, GARANZIA
La ringraziamo per aver preferito una cal- La caldaia FAMILY r gode di una
daia r, un prodotto moderno, di qua- garanzia specifica a partire dalla data di
lità, in grado di assicurarLe il massimo
convalida da parte del Servizio Tecnico
benessere con elevata affidabilità e sicu-
di Assistenza r della Sua Zona.
rezza; in modo particolare se sarà affidato
ad un Servizio Tecnico di Assistenza r, La invitiamo quindi a rivolgersi tem-
che è specificatamente preparato ed ad- pestivamente al suddetto Servizio
destrato per effettuare la manutenzione Tecnico r il quale A TITOLO GRATUITO
periodica, potrà mantenerlo al massimo
livello di efficienza, con minori costi di effettuerà la messa in funzione della
esercizio ed, in caso di necessità, disporre caldaia alle condizioni specificate
di ricambi originali. nel CERTIFICATO DI GARANZIA, forni-
Questo libretto di istruzione contiene im- to con la caldaia, che Le suggeria-
portanti informazioni e suggerimenti che mo di leggere con attenzione. Per
devono essere osservati per una più sem-
plice installazione ed il miglior uso possi- informazioni sui prodotti ed i ser-
bile della caldaia FAMILY. vizi forniti da Riello SpA contattare:
Rinnovati ringraziamenti www.riello.it
Riello S.p.A. Pagine Bianche alla voce Riello SpA
199 10 18 18 *
CONFORMITÀ (* Il costo della chiamata da telefono fisso è di 14,48
centesimi di Euro al min Iva inclusa dal lunedì al
Le caldaie FAMILY/FAMILY AR e FAMILY COND venerdì dalle 8.00 alle 18.30 e sabato dalle 8.00
sono conformi a: alle 13.00. Negli altri orari e nei giorni festivi il costo
− Direttiva Gas 2009/142/CE è di 5,67 centesimi di Euro al min Iva inclusa. Per
chiamate da cellulare il costo è legato all’operatore
− Direttiva Rendimenti 92/42/CEE ed utilizzato).
all’Allegato E del D.P.R. 26 Agosto
1993 n°412
− Direttiva Compatibilità Elettroma-
gnetica 2004/108CE
− Direttiva Bassa Tensione 2006/95/CE
− Normativa Caldaie a Condensazione
677 (solo FAMILY AR e FAMILY COND)
FAMILY KIS 3S 51BQ3036
0694
FAMILY MKIS 3S 51BQ3034
FAMILY AR 51BQ3100
FAMILY COND 0694BQ0479 In alcune parti del libretto sono utiliz-
zati i simboli:
Le caldaie FAMILY 3S sono certificate: 9 = per azioni che richiedono parti-
● Rendimenti ★★★ colare cautela ed adeguata pre-
● Qualità parazione
0 = per azioni che NON DEVONO essere
Le caldaie FAMILY COND e FAMILY AR sono assolutamente eseguite
certificate:
● Rendimenti ★★★★

2
UTENTE
INDICE

1.1 Avvertenze generali . . . . . . . . . . . 4


1.2 Regole fondamentali di sicurezza . 5
1.3 Conoscere la caldaia . . . . . . . . . . 6
1.4 Messa in servizio . . . . . . . . . . . . . 9
1.5 Regolazione della temperatura
riscaldamento . . . . . . . . . . . . . . . 11
1.6 Regolazione della temperatura
riscaldamento con sonda esterna
collegata. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
1.7 Regolazione della temperatura
sanitaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
1.8 Spegnimento temporaneo . . . . . . 13
1.9 Spegnimento per lunghi periodi . . 13
1.10 Tasto benessere . . . . . . . . . . . . . . 14
1.11 Tasto Memory . . . . . . . . . . . . . . . 14
1.12 Memory sanitario. . . . . . . . . . . . . 15
1.13 Memory riscaldamento. . . . . . . . . 15
1.14 Touch & Go . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
1.15 Riempimento impianto intelligente 16
1.16 InFO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
1.17 Lista inFO . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
1.18 Display e codici anomalie . . . . . . .18
1.19 Anomalie visualizzate dal display .18
1.20 Ripristino delle anomalie . . . . . . . . 18
1.21 Family & Family AR codici anomalie 19
1.22 Family COND codici anomalie . . . 20
1.23 Manutenzione programmata
periodica . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21

In particolari situazioni climatiche e funzionali (bassa temperatura esterna, ele-


vata umidità relativa, esercizio al minimo di modulazione) si può verificare la
parziale condensazione dei prodotti della combustione: il fenomeno, osservabi-
le come FUMO BIANCO, alla estremità del condotto di scarico, è del tutto naturale
e non modifica gli equilibri ecologici dell’Ambiente.
Il funzionamento dell’apparecchio non viene compromesso ed è, anzi, la più
immediata evidenza dell’elevato grado di rendimento e del risparmio energetico
ottenuto.

3
UTENTE
1.1 Avvertenze generali

9 Al ricevimento del prodotto assicurarsi − chiudere i rubinetti del combusti-


dell’integrità e della completezza della bile e dell’acqua dell’impianto ter-
fornitura ed in caso di non risponden- mico
za a quanto ordinato, rivolgersi all’A- − svuotare l’impianto termico e quel-
genzia r che ha venduto l’apparec- lo sanitario se c’è pericolo di gelo.
chio. 9 La funzione antibloccaggio del circo-
9 L’installazione della latore si avvia dopo 24 ore di non fun-
caldaia FAMILY deve zionamento con il selettore di funzio-
essere effettuata da ne in qualsiasi posizione.
impresa abilitata
che a fine lavoro ri- 9 La manutenzione della caldaia deve
lasci al proprietario essere eseguita almeno una volta
la dichiarazione di l’anno.
conformità di instal- 9 Per l’installazione si consiglia di rivol-
lazione realizzata a re- gersi a personale specializzato.
gola d’arte, cioè in ottemperanza alle
Norme vigenti Nazionali e Locali ed 9 Questo libretto e quello per l’Instal-
alle indicazioni fornite dalla r nel latore e per il Servizio Tecnico di Assi-
libretto di istruzione a corredo dell’ap- stenza sono parte integrante dell’ap-
parecchio. parecchio e di conseguenza devono
9 La caldaia FAMILY deve essere desti-
essere conservati con cura e dovran-
no sempre accompagnare la calda-
nata all’uso previsto dalla r per il ia anche in caso di sua cessione ad
quale è stata espressamente realizza- altro proprietario o utente oppure di
ta. È esclusa qualsiasi responsabilità un trasferimento su altro impianto.
contrattuale ed extracontrattuale della In caso di danneggiamento o smarri-
r per danni causati a persone, ani- mento richiederne un altro esemplare
mali o cose, da errori d’installazione, al Servizio Tecnico di Assistenza r
di regolazione, di manutenzione e da di Zona.
usi impropri.
9 In caso di fuoriuscite d’acqua scollega- 9 Dispositivo di sicurezza fumi (solo per
modelli KI): la caldaia è dotata di un
re la caldaia dalla rete di alimentazio- sistema di controllo della corretta
ne elettrica, chiudere l’alimentazione evacuazione dei prodotti della com-
idrica ed avvisare, con sollecitudine, bustione che, in caso di anomalia,
il Servizio Tecnico di Assistenza r manda in blocco la caldaia. Per tor-
oppure personale professionalmente nare alla condizione di funzionamen-
qualificato. to posizionare il selettore di funzione
9 Verificare periodicamente che sul di- su “spento”. Se l’anomalia permane,
splay non si accenda l’icona che contattare il Servizio Tecnico di Assi-
indica una pressione di caricamento stenza r. Il dispositivo di controllo
non corretta. In caso il simbolo fosse della corretta evacuazione dei fumi
presente contattare il Servizio Tecnico non deve essere in alcun modo messo
di Assistenza r oppure personale fuori uso. In caso di sostituzione del
professionalmente qualificato. dispositivo, oppure di parti difettose,
9 Il non utilizzo della caldaia per un lun- devono essere usati solo ricambi ori-
ginali.
go periodo comporta l’effettuazione
almeno delle seguenti operazioni:
− premere il tasto . Il display vi-
sualizza la scritta ENERGY FOR LIFE e
l’icona antigelo
− posizionare l’interruttore generale
dell’impianto su “spento”
4
UTENTE

1.2 Regole fondamentali di sicurezza

Ricordiamo che l’utilizzo di prodotti che ture di aerazione sono indispensabili


impiegano combustibili, energia elet- per una corretta combustione.
trica ed acqua comporta l’osservanza di
alcune regole fondamentali di sicurezza
0È vietato esporre l’apparecchio agli
quali: agenti atmosferici perché non è pro-
gettato per funzionare all’esterno.
0È vietato azionare dispositivi o ap-
0È vietato lasciare contenitori e so-
parecchi elettrici quali interruttori, stanze infiammabili nel locale dov’è
elettrodomestici, ecc. se si avverte installata la caldaia.
odore di combustibile o di incombu- 0 Questo apparec-
sti. In questo caso: chio non è utiliz-
− aerare il locale aprendo porte e fi- zabile da persone
nestre; (incluse bambini)
− chiudere il dispositivo d’intercet- con ridotte capa-
tazione combustibile; cità fisiche, sen-
− fare intervenire con sollecitudine soriali, mentali o
il Servizio Tecnico di Assistenza con scarsa esperien-
r oppure personale professio- za e conoscenza dell’oggetto, a
nalmente qualificato. meno che non siano visionati o
istruiti dalla persona responsabi-
0 È vietato toccare l’ap- le per il suo utilizzo in sicurezza.
parecchio se si è a
piedi nudi e con
parti del corpo ba-
0 È vietato disperdere nell’ambiente e
gnate. lasciare alla portata dei bambini il
materiale dell’imballo in quanto può
0È vietato qualsiasi essere potenziale fonte di pericolo.
intervento tecnico o Deve quindi essere smaltito secondo
di pulizia prima di aver quanto stabilito dalla legislazione
scollegato l’apparecchio dalla rete di vigente.
alimentazione elettrica posizionando
l’interruttore generale dell’impianto
0È vietato scollegare la caldaia dal-
su “spento” e l’interruttore principale la rete di alimentazione elettrica e
della caldaia su “OFF”. chiudere il rubinetto del gas se la
temperatura può scendere sotto lo
0È vietato modificare i dispositivi di zero, in quanto il sistema antigelo
sicurezza o di regolazione senza di 1° livello (vedere capitolo spegni-
l’autorizzazione e le indicazioni del mento temporaneo) verrebbe disa-
costruttore dell’apparecchio. bilitato.
0È vietato tappare lo scarico della 0 È vietato intervenire su elementi si-
condensa (ove presente). gillati.
0È vietato tirare, staccare, torcere i 0È vietato appoggiare sulla caldaia
cavi elettrici, fuoriuscenti dell’appa- oggetti che possano essere causa di
recchio, anche se questo è scollegato pericolo.
dalla rete di alimentazione elettrica.
0 Solo per modelli KI: le aperture di
0È vietato tappare o ridurre dimen- aerazione sono indispensabili per
sionalmente le aperture di aerazione una corretta combustione e per la
del locale di installazione. Le aper- sicurezza.

5
UTENTE

1.3 Conoscere la caldaia

FAMILY sono caldaie murali funzionanti


a gas studiate per produrre acqua cal-
da per il riscaldamento di ambienti e per
uso sanitario, sono caldaie ad accensio-
ne automatica con controllo di fiamma
a ionizzazione e regolazione elettronica.
Il modello KI è con camera di combustio-
ne aperta (apparecchio tipo B).
Il modello KIS è con camera di combu-
stione stagna verso l’ambiente (appa-
recchio tipo C).
ll modello MKIS 3S è con camera di com-
bustione stagna verso l’ambiente (ap-
parecchio tipo C). Questa versione di
caldaia è equipaggiata di un serbatoio,
miniaccumulo, che permette di stoccare
una piccola quantità di acqua (2,6 litri).
Questa soluzione consente di avere ac-
qua calda disponibile in ogni momento,
un tempo di attesa ridotto e una buo-
na stabilità della temperatura dell’acqua
sanitaria.

FAMILY AR sono caldaie murali equipag-


giate con uno scambiatore condensan-
te supplementare, funzionanti a gas,
studiate per produrre acqua calda per
il riscaldamento di ambienti e per uso
sanitario. Sono caldaie ad accensione
automatica con controllo di fiamma a
ionizzazione e regolazione elettronica.

FAMILY COND sono caldaie murali a con-


densazione caratterizzate da una bas-
sa emissione di inquinanti studiate per
produrre acqua calda per il riscaldamen-
to di ambienti e per uso sanitario; sono
caldaie ad accensione automatica con
controllo di fiamma a ionizzazione e re-
golazione elettronica.

6
UTENTE

INFORMAZIONI PRIMARIE / INTERFACCIA COMANDI

1 Tasto Info: attiva la funzione che


permette di accedere ad alcune
informazioni sul funzionamento
della caldaia.
2 Tasto riempimento impianto in-
telligente: attiva la funzione ri-
empimento impianto quando è
5
necessario riportare la pressione al
valore corretto. In caso di necessi-
tà di riempimento l’icona si pre-
senta lampeggiante.
3 Tasto memory: attiva la funzione
Memory.
4 Tasto regolazione temperatura 1 6
riscaldamento: permette di acce-
dere alla regolazione della tempe- 2 7
ratura dell’acqua riscaldamento da
effettuarsi mediante l’encoder.
5 Tasto ON/OFF/RESET permette di:
- accendere la caldaia
- spegnere la caldaia
- ripristinareilfunzionamentodopo un
arresto per anomalia
6 Tasto ON/OFF riscaldamento: atti-
va/disattiva la funzione riscalda-
mento 8
7 Dedicato al Service: attiva o di-
sattiva il funzionamento in loca-
le/FAMILY REmote Control.
8 Encoder (manopola di regolazio-
ne): permette di aumentare o di- 3 9
minuire i valori preimpostati
9 Tasto benessere: attiva la funzione
benessere.
10 Tasto regolazione temperatura 4 10
sanitaria: permette di accedere
alla regolazione della temperatura
dell’acqua sanitaria da effettuarsi
mediante l’encoder.

7
UTENTE

INFORMAZIONI SECONDARIE/VISUALIZZAZIONE DISPLAY

1 Icona reset: indica quando è neces-


sario provvedere ad un ripristino del
funzionamento (per dettagli vedi
pag. 18).
2 Icona chiave: indica la presenza di
1 un’anomalia (per dettagli leggere
pag. pag. 18).
9 3 Icona riempimento impianto: in-
2 dica la funzione di caricamento se-
10 mi-automatico (per dettagli leggere
pag. 16).
3 11 4 Visualizzazione della temperatura di
funzionamento (sanitario o riscal-
12 damento).
13 5 Icona Memory: si visualizza quando
è attiva la funzione Memory.
6 Icona riscaldamento: lampeggian-
te indica una richiesta di calore in
4 ambiente.
7 Cometa riscaldamento: indica la
posizione della temperatura riscal-
damento impostata (posizione rela-
tiva rispetto al massimo e minimo).
5 14
8 Fiammella riscaldamento accesa:
indica bruciatore acceso in seguito
a richiesta di calore in ambiente.
6 15 9 Icona Antigelo: si visualizza quando
è attiva la funzione Antigelo.
10 Icona sonda esterna: si visualizza
quando è collegata la sonda ester-
7 16 na.
11 Pannello comandi a distanza: si
visualizza quando è collegato un
pannello comandi a distanza.
12 Icona Service: indica il funziona-
mento in locale.
8 17 13 Valore di pressione dell’impianto di
riscaldamento.
14 Icona Benessere: si visualizza quan-
do è attiva la funzione Benessere.
15 Icona sanitario: lampeggiante indi-
ca una richiesta di acqua calda sa-
nitaria.
16 Cometa sanitario: indica la posizio-
ne della temperatura sanitario im-
postata (posizione relativa rispetto
al massimo e minimo).
17 Fiammella sanitario accesa: indica
bruciatore acceso in seguito a ri-
chiesta di acqua calda sanitaria.

8
UTENTE

1.4 Messa in servizio

La prima messa in servizio della caldaia


FAMILY deve essere eseguita dal Servizio
Tecnico di Assistenza r dopodiché la
caldaia potrà funzionare automatica-
mente. Si potrà però presentare la ne-
cessità di rimettere in funzione FAMILY
senza coinvolgere il Servizio Tecnico: ad
esempio dopo un periodo di assenza
prolungata.
In questi casi dovranno essere effettua-
ti i controlli e le operazioni seguenti:
− Verificare che i rubinetti del
combustibile e di intercettazio-
ne dell’impianto termico siano
aperti.
− Regolare il termostato ambien-
te alla temperatura desiderata
(~20°C) oppure se l’impianto è do-
tato di programmatore orario che
sia “attivo” e regolato (~20°C).

− Verificare lo stato funzionale degli


apparecchi di filtrazione e/o trat-
tamento dell’acqua di consumo
− All’alimentazione la caldaia prov-
vederà ad eseguire una sequenza
di verifica, sul display si visualiz-
zeranno una serie di cifre e lettere, − Premere il tasto e ruotare l’en-
dopodiché si posizionerà in uno coder A in modo da selezionare la
stato di attesa. temperatura desiderata.
− La caldaia si riaccende nello stato
in cui si trovava prima dello spe- A
gnimento.
− Se la caldaia si trovava nella fun-
zione riscaldamento quando è
stata spenta, si riaccenderà nel-
la stessa funzione, se si trovava
in stato OFF, il display visualizzerà
ENERGY FOR LIFE.
− Premere il tasto per attivare il
funzionamento.
− Verificare sul display digitale che
la pressione del circuito idraulico
a freddo sia sempre compresa tra 1 − Sul display si illumineranno i digit
bar e 1,5 bar. grandi indicando il valore di tem-
peratura scelta.

9
UTENTE

damento disattivata), oppure en-


− Premere il tasto e ruotare l’en- trambe le comete (funzione riscal-
coder in modo da selezionare la damento attivata).
temperatura desiderata. − Si potranno verificare le seguenti
A - ENCODER condizioni: se non c’è richiesta di
calore la caldaia sarà in uno stato
di “stand-by”, se c’è richiesta di
calore la caldaia si avvia e si ac-
cende una delle fiammelle in fun-
zione del tipo di richiesta.
− Il display indica la temperatura in
caldaia o la temperatura dell’ac-
qua calda sanitaria se l’accensio-
ne è dovuta ad una richiesta del
sanitario.
− La caldaia FAMILY resterà in fun-
zione fino a quando saranno rag-
giunte le temperature regolate,
dopo di che si porrà in stato di
− Sul display si illumineranno i digit “stand-by”.
grandi indicando il valore di tem- − Nel caso si verificassero anomalie
peratura scelta. di accensione o di funzionamento,
− Trascorsi alcuni secondi il display la caldaia effettuerà un “arresto
visualizzerà nuovamente la tem- di sicurezza”; sul display si visua-
peratura di mandata effettiva- lizzerà un codice lampeggiante e
mente rilevata dalla sonda di cal- compariranno, simultaneamente
daia. o no, le icone RESET e .
− Premere il tasto per selezio- − Per la descrizione dell’anomalia
nare il tipo di funzionamento. e per ripristinare le condizioni di
avviamento consultare il paragrafo
“Ripristino delle anomalie” a pag.
18 e le tabelle di pag. 19/20.

9 Dopo un “arresto di sicurezza” atten-


dere circa 10 secondi prima di ripri-
stinare le condizioni di avviamento.

− In base al tipo di funzionamento


scelto il display visualizzerà la sola
cometa sanitario (funzione riscal-
10
UTENTE

1.5 Regolazione della temperatura


riscaldamento

Per regolare la temperatura dell’acqua di Il sistema C.T.R. gestisce autonomamente


mandata è necessario premere il tasto la temperatura di mandata adattando il
regolazione temperatura riscaldamento funzionamento alle reali esigenze dell’a-
. bitazione.
Quando il fabbisogno calorico si prolun-
ga, la temperatura di mandata aumenta
consentendo un più rapido riscaldamen-
to dell’ambiente.
Una volta raggiunto il comfort desiderato,
il sistema riporta la temperatura di man-
data al valore inizialmente impostato.
Tutto ciò garantisce minori consumi, mi-
nor formazione di calcare in caldaia e mi-
nori escursioni termiche nei radiatori.

1.6 Regolazione della temperatura


riscaldamento con sonda
esterna collegata

In caso di presenza della sonda esterna,


il valore della temperatura di mandata
viene scelto automaticamente dal siste-
ma, che provvede ad adeguare rapida-
A - ENCODER
mente la temperatura ambiente in fun-
zione delle variazioni della temperatura
esterna.
− Sui due digit scomparirà la tem- Sul display viene visualizzata l’icona
peratura rilevata istantaneamente presenza sonda esterna e nella cometa
dalla sonda ed apparirà, in modo riscaldamento viene acceso esclusiva-
lampeggiante, la temperatura pre- mente un segmento centrale.
cedentemente impostata. − Se si desiderasse modificare il va-
− Ruotando l’encoder A si potrà alza- lore della temperatura, aumen-
re o abbassare la temperatura. tandolo o diminuendolo rispetto a
− Trascorsi 3 secondi dall’ultima mo- quello automaticamente calcolato
difica il valore viene automatica- dalla scheda elettronica, procede-
mente memorizzato e sul display re come segue:
appare nuovamente il valore rile- − premere il tasto regolazione tem-
vato istantaneamente dalla sonda. peratura riscaldamento , sui
− La temperatura impostata viene vi- due digit apparirà il numero cor-
sualizzata sia numericamente (es. rispondente al livello di comfort
55°C) sia come illuminazione della settato (impostazione di fabbrica)
cometa. − ruotare l’encoder A per alzare o
− Durante la regolazione del riscal- abbassare il livello di comfort scel-
damento passando dal valore mi- to (sui due digit apparirà il numero
nimo al valore massimo si incontra +1, +2 ecc oppure -1, -2 ecc cor-
il settore in cui è attivo il sistema rispondente al livello di comfort
C.T.R.: Controllo Temperatura Ri- scelto).
scaldamento (da 55°C a 65°C).

11
UTENTE

A - ENCODER A - ENCODER

− Il segmento acceso nella cometa − Sui due digit scomparirà la tem-


riscaldamento si alzerà o si abbas- peratura rilevata istantaneamente
serà. dalla sonda ed apparirà, in modo
− La possibilità di correzione è com- lampeggiante, la temperatura
presa tra - 5 e + 5 livelli di comfort. precedentemente impostata.
Tali correzioni sono molto importanti − Ruotando l’encoder A‚ si potrà al-
nelle mezze stagioni dove il valore calco- zare o abbassare la temperatura.
lato dalla curva potrebbe risultare troppo − Trascorsi 3 secondi dall’ultima mo-
basso e pertanto il tempo di regimazione difica il valore viene automatica-
dell’ambiente troppo lungo. mente memorizzato e sul display
Trascorsi 3 secondi dall’ultima modifica appare nuovamente il valore rile-
il valore viene automaticamente memo- vato istantaneamente dalla sonda.
rizzato e sul display appare nuovamente − La temperatura impostata viene
il valore rilevato istantaneamente dalla visualizzata sia numericamente
sonda. (es. 40°C) sia come illuminazione
della cometa.
1.7 Regolazione della temperatura −
NOTA: solo per il modello FAMILY MKIS 3S
sanitaria e FAMILY COND MKIS: la temperatu-
ra regolata è anche la temperatura
Per regolare la temperatura dell’acqua alla quale viene mantenuta l’ac-
calda sanitaria basta soltanto premere il
qua all’interno del miniaccumulo.
tasto

12
UTENTE

1.8 Spegnimento temporaneo 1.9 Spegnimento per lunghi periodi

In caso di assenze temporanee, fine set- In caso di non utilizzo della caldaia per
timana, brevi viaggi, ecc.: un lungo periodo effettuare le seguenti
operazioni:
Premere . Il display visualizza la scritta − Premere . Il display visualizza la
“ENERGY FOR LIFE” e l’icona antigelo. scritta “ENERGY FOR LIFE” e l’icona
antigelo.

In questo modo lasciando attive l’ali-


− Chiudere i rubinetti del combu-
mentazione elettrica e l’alimentazione
stibile e dell’acqua dell’impianto
del combustibile, la caldaia è protetta
termico e sanitario.
dai sistemi:
Antigelo: quando la temperatura dell’ac-
qua di caldaia scende a 7°C si attiva il
circolatore e, se necessario, il bruciato-
re alla minima potenza per riportare la
temperatura dell’acqua a valori di sicu-
rezza (35°C).
Sul display si accende lampeggiante l’i-
cona che sta ad indicare che la fun- 9 In questo caso i sistemi antige-
zione antigelo è attiva. lo e antibloccaggio sono disattivati.
Antibloccaggio circolatore: un ciclo di Svuotare l’impianto termico e sani-
funzionamento si attiva ogni 24 h. tario se c’è pericolo di gelo.
9 Il Servizio Tecnico di Assistenza r
è a disposizione qualora la procedu-
ra sopra riportata non sia facilmente
attuabile.

13
UTENTE

1.10 Tasto benessere 1.11 Tasto Memory

Premendo il tasto si attiva la funzio-


ne Benessere, il display visualizza l’icona Premendo il tasto si attiva la funzione
corrispondente. Memory, il display visualizza l’icona cor-
rispondente.

A - ENCODER

Premendo il tasto l’acqua sanitaria vie-


ne erogata alla temperatura ideale per la
doccia, di serie infatti la temperatura viene
impostata a 40°C. La funzione Memory attiva contempora-
neamente una doppia intelligenza elet-
È possibile personalizzare la temperatura del tronica:
Benessere da 35 °C a 45 °C con definizione − intelligenza in sanitario
di 0,5 °C. Per modificare tale temperatura, − intelligenza in riscaldamento
dopo aver selezionato la funzione, premere
il tasto , ruotare l’encoder A.
Sul display si visualizza la temperatura im-
postata.
La funzione Benessere evita di cercare la
giusta miscela tra acqua calda e fredda per
ottenere la temperatura ideale per la doccia.

NOTA: Il valore scelto rimane memorizzato


dalla caldaia così che alla successi-
va selezione del tasto Benessere, la
caldaia è pronta a fornire l’acqua
alla temperatura desiderata.
14
UTENTE

1.12 Memory sanitario Grazie a questa funzione automatica è


possibile scegliere temperature di man-
Attivando il tasto Memory l’intelligenza data più basse e al contempo abbattere i
di macchina inizia a memorizzare le abi- tempi messa a regime dell’ambiente.
tudini di utilizzo dell’utente. Dopo una
sola settimana la funzione Memory avrà 1.14 Touch & Go
imparato le abitudini in termini di uti-
lizzo dell’acqua calda sanitaria e sarà in Se non si desidera lasciare la funzione
grado quindi di preriscaldarla specifica- Memory sempre attiva, o si necessita di
mente per ogni singolo prelievo. acqua calda pronta subito al di fuori de-
Il preriscaldo avviene nella mezz’o- gli utilizzi memorizzati, è possibile effet-
ra precedente al prelievo effettuato nel tuare il preriscaldo dell’acqua sanitaria
giorno e nell’ora memorizzata la settima solo pochi istanti prima del prelievo.
precedente. Grazie alla funzione Touch & Go apren-
do e chiudendo il rubinetto si attiva la
Esempio: funzione preriscaldo istantaneo che pre-
giovedì 15 alle ore 7.00 si effettua un pre- dispone l’acqua calda solo per quel pre-
lievo di acqua sanitaria. lievo.
Il giovedì successivo, 22, alle ore 6.30 la
caldaia effettua il preriscaldo dell’acqua
sanitaria.
L’utente, alla richiesta di acqua calda
delle ore 7.00, si trova l’acqua già alla
temperatura desiderata.
Se si ha la necessità di avere l’acqua pre-
riscaldata al di fuori delle solite abitudi-
ni, utilizzare la funzione Touch & Go.

9 In caso di mancanza di alimenta-


zione elettrica della caldaia, i dati
memorizzati da questa funzione
vengono persi. Al ripristino dell’a-
limentazione elettrica la funzione
Memory riprende la memorizzazioni
delle abitudini dell’utente. Ne con-
segue che per usufruire dei vantaggi
offerti dalla funzione Memory è ne-
cessario attendere che sia trascorsa
una settimana.

1.13 Memory riscaldamento

Attivando il tasto Memory la caldaia tie-


ne conto del tempo che trascorre dall’ac-
censione e dopo 10 minuti incrementa di
5°C la temperatura di mandata memo-
rizzata.
Memory ripete il ciclo fino al raggiungi-
mento della temperatura ambiente im-
postata sul termostato ambiente o fino
al raggiungimento della temperatura
massima ammessa.
15
UTENTE

1.15 Riempimento impianto


intelligente

Quando la pressione rilevata da FAMILY


scende al di sotto del livello di allarme
si accende l’icona e il tasto di riempi-
mento impianto diviene attivabile.

Premendo il tasto si attiva la funzione


riempimento impianto intelligente.

Una volta concluso il ciclo di riempimen-


to la goccia si spegne.

NOTA: Se il valore di pressione di carica


dell’impianto scende al di sotto
di un valore minimo di sicurezza,
su display si visualizza l’anomalia
40 (vedi capitolo anomalie). Pro-
cedere al ripristino premendo
e successivamente per attivare
la procedura di caricamento im-
Dopo la pressione del tasto lo svolgimen- pianto.
to del ciclo viene visualizzato con l’icona
goccia che si riempie man mano . Alla fine della procedura di caricamento
compare per qualche istante l’icona goc-
cia piena che successivamente si spegne.

1.16 InFO

Premendo il tasto sul display si visua-


lizza la scritta InFO.
Ruotando l’encoder A si visualizzano, in
sequenza, le informazioni successiva-
mente descritte.

16
UTENTE

Info 3: visualizza la temperatura riscal-


damento settata

Se il tasto non viene premuto dopo 10


secondi il sistema esce automaticamente
dalla funzione.

1.17 Lista inFO

Info 1: visualizza, solo in caso di collega- Info 4: visualizza la temperatura dell’ac-


mento a sonda esterna, la temperatura qua sanitaria settata
esterna rilevata dalla sonda

Info 2: visualizza il valore di pressione


dell’impianto accompagnato dal simbolo
del riempimento
NOTA: solo per i modelli FAMILY COND:
Info 5 visualizza la temperatura
riscaldamento impostata riferita
al secondo circuito, solo in caso di
collegamento dello stesso

17
UTENTE

1.18 Display e codici anomalie 1.20 Ripristino delle anomalie


Dopo aver posizionato l’interruttore ge- Attendere circa 10 secondi prima di ripristi-
nerale dell’impianto su “acceso” se la nare le condizioni funzionamento.
caldaia non si avvia, significa che manca
alimentazione elettrica. Successivamente operare come segue:
Verifica che: 1 Visualizzazione della sola icona
− la spina di alimentazione dell’ap- La comparsa della indica che è stata
parecchio, se presente, sia bene diagnosticata un’anomalia di funzio-
inserita namento che la caldaia tenta di risol-
− l’interruttore generale dell’im- vere autonomamente (arresto tempo-
pianto si trovi in posizione “acce- raneo).
so” Se la caldaia non riprende il regolare fun-
9 In caso di insuccesso fare intervenire zionamento sul display si possono presen-
tare due casi:
il Servizio Tecnico di Assistenza r
Caso A
1.19 Anomalie visualizzate dal scomparsa della , comparsa dell’icona
display RESET e di un diverso codice allarme.
In questo caso procedere come descritto
Quando si presenta un’anomalia di fun- nel punto 2.
zionamento sul display si visualizzeran-
no un codice lampeggiante e compari-
ranno, simultaneamente o no, le icone
RESET e .
Per la descrizione delle anomalie conul-
tare le pagine 19/29.

Caso A - autoripristino in corso

Caso A - anomalia definitiva

18
UTENTE

Caso B 1.21 Family & Family AR codici


insieme alla si visualizza l’icona RESET e anomalie
un diverso codice allarme.
In questo caso procedere come descritto Accensione della sola icona e com-
nel punto 3. parsa del codice allarme:
2 Visualizzazione della sola icona RESET
Premere il tasto per ripristinare il ANOMALIE TEMPORANEE
funzionamento. Se la caldaia effettua CODICE DESCRIZIONE
la fase di accensione e riprende il re- Scarico fumi o pressostato fumi
golare funzionamento, l’arresto è ri- 31
(in ciclo)
conducibile ad una situazione casuale. Pressione impianto insufficien-
41
te
Il ripetersi di blocchi suggerisce l’interven-
to del Servizio Tecnico di Assistenza r 60 Sonda sanitario
Allarme ciclo miniaccumulo
65
3 Visualizzazione delle icone RESET e (solo MKIS 3S)
è richiesto l’intervento del Servizio Tec- 71 Sonda primario
nico di Assistenza r Presenza condensa (solo FAMILY
93
AR)
Sensore condensa circuito
95 aperto/mancanza collegamen-
to scheda BE10 (solo FAMILY AR)
Sensore condensa circuito
95
aperto (solo FAMILY AR)

9 Per anomalia “pressione impianto


insufficiente” procedere con le ope-
razioni di riempimento impianto de-
scritte nel capitolo Funzioni speciali.
Caso B - anomalia temporanea
Accensione della sola icona RESET e com-
parsa del codice allarme:

ANOMALIE RIPRISTINABILI PREMERE IL TASTO


RESET
CODICE DESCRIZIONE
10 Blocco mancanza fiamma
20 Termostato limite
21 Termostato bruciatore
Scarico fumi o pressostato fumi
30
(inizio ciclo)
Caso B - anomalia definitiva
Pressione impianto insuffi-
40
ciente
NOTA: Anomaliasondacircuitosanitario-60.
Il codice anomalia si visualizza solo in
stand-by. Anomalia J0-J1 (anomalie
di collegamenti a scheda) è richiesto
l’intervento del Servizio Tecnico di
Assistenza r
19
UTENTE

Accensione delle icone RESET e com-


9 Per anomalia “pressione impianto
insufficiente” procedere con le ope-
parsa del codice allarme:
razioni di riempimento impianto de-
scritte nel capitolo Funzioni speciali.
CHIAMARE STA
CODICE DESCRIZIONE Accensione della sola icona RESET e com-
11 Fiamma parassita parsa del codice allarme:
22 Sonda termostato fumi (solo KI) ANOMALIE RIPRISTINABILI PREMERE IL TASTO
42 Trasduttore pressione acqua RESET
50-59 Scheda elettronica CODICE DESCRIZIONE
10 Blocco mancanza fiamma
77 Termostato bassa temperatura
14 Pressione minima ingresso gas
92 Presenza condensa (solo FAMILY AR)
Termostato limite/termostato
Mancanza collegamento tra in- 20
J0 bruciatore
terfaccia e scheda principale
22 Sonda fumi massima temperatura
Mancanza collegamento con
J1 Sonda mandata temperatura
comandi a distanza 24
limite
26 Sonda ritorno temperatura limite
1.22 Family COND codici anomalie
Scarico fumi o pressostato fumi
30
(inizio ciclo)
Accensione della sola icona e com-
parsa del codice allarme: 34 Ventilatore (inizio ciclo)
40 Pressione impianto insufficiente
Surriscaldamento/mancanza
ANOMALIE TEMPORANEE 74
circolazione acqua
CODICE DESCRIZIONE
79 Differenziale mandata/ritorno
11 Fiamma parassita
13 Pressione minima ingresso gas 92 Condensa o sensore di condensa
Sonda mandata temperatura Accensione delle icone RESET e com-
25
limite parsa del codice allarme:
27 Sonda ritorno temperatura limite
CHIAMARE STA
Scarico fumi o pressostato fumi CODICE DESCRIZIONE
31
(in ciclo)
Fiamma presente senza ragione
35 Ventilatore (fine ciclo) 15
in stand-by
Scarico fumi o pressostato fumi
36 21 Sonda fumi
(fine ciclo)
28 Differenziale sonda ritorno-mandata
41 Pressione impianto insufficiente
29 Sonda fumi aperta
60 Sonda sanitario
33 Ventilatore in ciclo (basso n. giri)
Allarme ciclo miniaccumulo
65 37 Ventilatore in ciclo (alto n. giri)
(solo MKIS)
77 Termostato bassa temperatura Scarico fumi o pressostato fumi
38
(in ciclo)
78 Differenziale mandata-ritorno
42 Trasduttore pressione acqua
81 Anomalia di sistema
50-59 Scheda elettronica
83 Anomalia di sistema
Sonda primario corto circuito/
93 Condensa o sensore di condensa 70
aperta
Sensore di condensa o circuito
95 Sonda ritorno corto circuito/
aperto 72
aperta
20
UTENTE

CHIAMARE STA
CODICE DESCRIZIONE
80 Anomalia di sistema
82 Anomalia di sistema
Sensore di condensa o circuito
94
aperto

1.23 Manutenzione programmata


periodica

1° 2°
OPERAZIONI
ANNO ANNO
Controllo componenti di
tenuta ° °
Pulizia scambiatore prima-
rio lato fumi ° °
Pulizia camera combustio-
ne, ventilatore e venturi ° °
Verifica dispositivi di sicu-
rezza acqua e gas ° °
Verifica della portata del
gas ed eventuale regola- ° °
zione
Verifica del tiraggio e del
condotto fumi ° °
Pulizia bruciatore e verifi-
ca efficienza accensione ° °
Controllo funzionamento
idraulico ° °
Analisi combustione - °
Verifica e lubrificazione
componenti gruppo idraulico - °
Verifica tenuta impianto - °
Lavaggio scambiatore - °
Controllo efficienza com-
ponenti elettrici ed elet- - °
tronici
Efficienza ventilatore (solo
versioni camera stagna) ° °
Verifica sistema scarico
condensa ° °
Verifica neutralizzatore
condensa (se installato) ° °
NOTA: le operazioni di manutenzione sopra in-
dicate, in accordo con il DPR 412, devono
essere ripetute con cadenza biennale.

21
UTENTE

22
UTENTE

RIELLO S.p.A. - 37045 Legnago (VR)


tel. +39 0442 630111 - fax +39 0442 22378
www.riello.it

Poiché l’Azienda è costantemente impegnata nel continuo perfezionamento di tutta la


sua produzione, le caratteristiche estetiche e dimensionali, i dati tecnici, gli equipag-
giamenti e gli accessori, possono essere soggetti a variazione.

24