Sei sulla pagina 1di 4

PROBLEMA DI ECONOMIA

yN
2

β, l2
β, l1 3

β, l3
Q1

Q3
Q2
y2
y1 N
y3

Q12
y1  y N   l1 n  5,33
Dn

Q22
y N  y2   l2
Dn

Q32
y N  y3   l3
Dn

Si hanno tre equazioni e quattro incognite, D1 , D 2 , D3 , y N : la relazione Q1  Q2  Q3 non


serve poiché non è un’equazione ma un’identità. Occorre quindi una quarta equazione: ci si propone
che il costo delle condotte sia minimo. Innanzi tutto occorre verificare se esista questo minimo della
funzione costo totale:

1
Costo Totale

Costo
Costo Condotta 1

Costo Condotta 3

Costo Condotta 2

y2 y*N y1 yN

Il costo di una condotta può essere espresso come:

Ci  c li Di dove c e  dipendono dal tipo di tubo e dalla pressione.

Il costo delle tre condotte è allora espresso dalla:

C   c l i Di  c l1 D1  c l 2 D2  c l 3 D3

Dalle equazioni del moto si ricava:


1
Q12 l1  Q12 n
D  D1    l1 
n 1
 
1
y1  y N
n
y y 
 1 N 

1
Q22 l 2  Q 22 n
D  D2    l 2 
n 1
 
2
y N  y2
n
y y 
 N 2 

1
Q32 l 3  Q32  n
D  D3    l 3 
n 1
3 n  
y N  y3 y y 
 N 3 

Sostituendo nell’equazione del costo le tre relazioni che esprimono i diametri si ha:

2
  
 Q12 n   Q22  n   Q32  n
C  c l1   l    c l2   l2  n    c l3   l3  n 

 
1
n
y y  y y  y y 
 1 N   N 2   N 3 

Il minimo si trova uguagliando a zero la derivata del costo rispetto a y N , poiché il costo è funzione
dC
di y N , cioè 0
dy N

L’espressione del costo si può riscrivere come:

  
C  c l1   l1  n  Q12  n  y1  y N   c l 2   l 2  n  Q22  n  y N  y 2   c l 3   l 3  n  Q32  n  y N  y 3 
     
  
n n n

e ancora

C  c l1   l1  n  Q1   y1  y N   n  c l 2   l 2  n  Q2  n  y N  y 2   n  c l3   l3  n  Q3  n  y N  y 3   n
 2   2   2 
n

Derivando rispetto a y N si ha:

 
c l1   l1  n  Q1 
dC  2  n

dy N
 n  y1  y N   n   +
 n
 
+ c l 2   l 2  n  Q2 
 2  n
n  yN
  +  y2 

n
 n
 
+ c l 3   l 3  n  Q3  n  y N  y 3  n    = 0
 2  n

 n

 
dividendo tutto per c   si ha:
n

l1   l1  n  Q1   l 2   l 2  n  Q2   l 3   l 3  n  Q3 
 2  n  2  n  2  n
n  y1  y N   n n  y N  y2   n n  y N  y3   n 0
ogni addendo può essere riscritto nella forma :
 n
 
l1   l  Q 
 2 1 n

1
n
1
n  
 y1  y N 

e ancora
 n
 1

l1   l1  n  Q1 
 2
 1 n 

 y1  y N
n

  

Sostituendo nella formula appena scritta il risultato ottenuto dalla prima equazione del moto, cioè

1 1

 Q  2  1 n D1 1
D1    l1  
1 n
 1 e quindi   

  l1  n  Q1  n
n
 y1  y N 
1 2
 y1  y N 

3
si può scrivre
 n
 
l1   l1   D1
 2 1 
n  Q1  n
 
che sviluppata dà:
   l1  n  Q1  n
1 2


2  n
l1   l   l 
  n 1
l1  1l1 Q12 D1  n =  1Q12 D1  n
 2
1
n
1

n Q1
n
Q1 n
D1  n =

Sostituendo nell’espressione sopra quanto ricavato per il primo addendo e analogamente per i
seguenti si ottiene:

dC
  1Q12 D1  n +  1Q22 D2  n +  1Q32 D3  n = 0
dy N

In definitiva, dividendo tutto per  , si può scrivere:

= +

D1  n D2  n D3  n


Q12 Q22 Q32

che si riassume nella

D  n D n
 a
Q2
  p
Q2

Quella appena ricavata è l’equazione che esprime la relazione di economia del sistema. Nei calcoli
di questo genere si assume   1 e n  5.

Potrebbero piacerti anche