Sei sulla pagina 1di 2

V'adoro, pupille sparse.

Nel mio cassetto


Giulio Cesare de Handel stan chiusi quel cerchietto
d'or e il libro di preghiere.
V'adoro, pupille, saette d'amore, Involgi tutto quanto in un grembiale
le vostre faville son grate nel sen. e manderò il portiere...
V'adoro, pupille le vostre faville Bada, sotto il guanciale
son grate nel sen. c'è la cuffietta rosa.
V'adoro, pupille, saette d'amore, Se... vuoi... Se... vuoi... Se... vuoi,
le vostre faville son grate nel sen. serbarla a ricordo d'amor!...
le vostre faville son grate nel sen. Addio, addio, senza rancor.

Pietose vi brama il mesto mio core,


ch'ogn'ora vi chiama l'amato suo ben. Porgi, amor

V'adoro, pupille, ecc. Porgi, amor, qualche ristoro


al mio duolo, a’ miei sospir.
O mi rendi il mio tesoro,
Signore, ascolta! o mi lascia almen morir,
Turandot -Liù o mi lascia almen morir.
Porgi, amor, qualche ristoro
Signore, ascolta! Ah, signore, ascolta! al mio duolo a'miei sospir!
Liù non regge più, si spezza il cuor! O mi rendi il mio tesoro,
Ahimè, ahimè, quanto camino, col tuo nome nell'anima, o mi lascia almen morir!
col nome tuo sulle labbra! almen morir!
Ma se il tuo destino doman sarà deciso, O mi rendi il mio tesoro,
noi morrem sulla strada dell'esilio. o mi lascia almen morir!
Ei perderà suo figlio, io l'ombra d'un sorriso.
Liù non regge più! Ah! Pieta. O mio babbino caro

Quando men vo O mio babbino caro


Mi piace è bello, bello
Quando men vo, quando men vo soletta Vo' andare in Porta Rossa
per la via, la gente sosta e mira a comperar l'anello!
e la bellezza , mia tutta Sì, sì, ci voglio andare!
ricerca, ricerca in me da capo a pie' e se l'amassi indarno,
Ed assaporo allor la bramosia andrei sul Ponte Vecchio,
sottil, che da gli occhi traspira ma per buttarmi in Arno!
e dai palesi vezzi intender sa Mi struggo e mi tormento!
alle occulte beltà. O Dio, vorrei morir!
Babbo, pietà, pietà!
Così l'effluvio del desìo Babbo, pietà, pietà!
tutta m'aggira,
felice mi fa! felice mi fa! . Stizzoso, mio stizzoso
E che sai che memori e ti struggi
Sa me tanto rifuggi Stizzoso, mio stizzoso
So ben le angoscie tur non le vuoi dir voi fate il borioso,
Non le vuoi dir, so ben mati sento morir. ma no, ma non, vi può giovare,
ma no, ma non, vi può giovare.
D'onde lieta uscì Bisogna al mio divieto
star cheto, cheto e non parlare.
D'onde lieta uscì al tuo grido Zit, zit.. Serpina vuol così.
d'amore, torna sola Mimì Zit, zit.. Serpina vuol così.
al solitario nido.
Ritorna un'altra volta Stizzoso, mio stizzoso
a intesser finti fior. voi fate il borioso,
Addio, senza rancor. ma no, ma non, vi può giovare,
Ascolta, ascolta. Bisogna al mio divieto
Le poche robe aduna che lasciai star cheto, cheto e non parlare.
Zit, zit.. Serpina vuol così. Comme un doux trésor
voi fate il borioso, Longtemps encore.
ma no, ma non, vi può giovare, Ah! – Comme un trésor
Bisogna al mio divieto Longtemps encore.
star cheto, cheto e non parlare.
Zit, zit..Cheto Zit, zit, e non parlar, Sebben Crudele
Serpina vuol così, vuol così, vuol così
Serpina vuol cosi. Sebben Crudele, Mi fai languir,
sempre fedele.
sempre fedele ti voglio amar.
Cred'io che m'intendete si, Sebben Crudele. Mi fai languir,
che m'intendete si, Sempre fedele ti voglio amar.
che m'intendete, Con la lunghezza, Del mio servir,
dacché mi conoscete La tua fierezza, La tua fierezza,
son molti e molti dì. Saprò stancar, La tua fierezza,
son molti, molti Saprò stancar.
e molti di. Sebben Crudele, Mi fai languir,
sempre fedele.
Je veux vivre sempre fedele ti voglio amar.
Sebben Crudele. Mi fai languir,
Sempre fedele ti voglio amar.
Ah! Je veux vivre
Dans le rêve qui m’enivre Vergin, tutto amor
Ce jour encore,
Douce flamme Vergin, tutto amor,
Je te garde dans mon âme o madre di bontade,
Comme un trésor! o madre pia, madre pia,
ascolta, dolce Maria,
Je veux vivre, la voce del peccator.
Dans le rêve qui m’enivre Il pianto suo ti muova,
Ce jour encore, giungano a te i suoi lamenti,
Douce flamme suo duol, suoi tristi accenti,
Je te garde dans mon âme senti pietoso quel tuo cor.
Comme un trésor!. O madre di bontade,
Cette ivresse de jeunesse Vergin, tutto amor.
Ne dure, hêlas! qu’un jour!.
Puis vient l’heure où O del mio dolce ardor
l’on pleure, le coeur céde lámour
O del mio dolce ardor
Et le bonheur, fuitsans retour, ah! Bramato oggetto,
Je veux vivre, L'aura che tu respiri alfin respiro
Dans le rêve qui m’enivre Ovunque il guardo io giro,
Longtemps en cor. Le tue vaghe sembianze
Douce flamme Amore in me dipinge.
Je te garde dans mon âme Il mio pensier si finge
Comme un trésor!. Le più liete speranze;
E nel desio che m'empie il petto
Loin de l’hiver morose Cerco te, Chiamo te
Laisse moi, laisse moi sommeiller Spero e sospiro.
Et respirer la rose,
Respirer la rose
Avant de l’effeuiller.

Ah! – Ah! – Ah-- Ah!


Ah!, Ah!, Ah, Ah!

Douce flamme!
Reste dans mon âme