Sei sulla pagina 1di 17

Rivista semestrale online / Biannual online journal

http://www.parolerubate.unipr.it

Fascicolo n. 20 / Issue no. 20


Dicembre 2019 / December 2019
Direttore / Editor
Rinaldo Rinaldi (Università di Parma)

Comitato scientifico / Research Committee


Mariolina Bongiovanni Bertini (Università di Parma)
Dominique Budor (Université de la Sorbonne Nouvelle – Paris III)
Roberto Greci (Università di Parma)
Heinz Hofmann (Universität Tübingen)
Bert W. Meijer (Nederlands Kunsthistorisch Instituut Firenze / Rijksuniversiteit Utrecht)
María de las Nieves Muñiz Muñiz (Universitat de Barcelona)
Diego Saglia (Università di Parma)
Francesco Spera (Università Statale di Milano)

Segreteria di redazione / Editorial Staff


Maria Elena Capitani (Università di Parma)
Nicola Catelli (Università di Parma)
Arianna Giardini (Università Statale di Milano)
Chiara Rolli (Università di Parma)

Esperti esterni (fascicolo n. 20) / External referees (issue no. 20)


Alberto Cadioli (Università Statale di Milano)
Eleonora Capra (Università di Parma)
Silvia Contarini (Università di Udine)
Matteo Di Gesù (Università di Palermo)
Antonio Di Silvestro (Università di Catania)
Jérôme Dutel (Université Jean Monnet – Saint-Étienne)
Martino Marazzi (Università Statale di Milano)
Anna Mirabella (Université de Nantes)
Francesco Montone (Università di Napoli Federico II)
Francesca Parmeggiani (Fordham University – New York)
Elena Spandri (Università di Siena)
Rodolfo Zucco (Università di Udine)

Progetto grafico / Graphic design


Jelena Radojev (Università di Parma) †

Direttore responsabile: Rinaldo Rinaldi


Autorizzazione Tribunale di Parma n. 14 del 27 maggio 2010
© Copyright 2019 – ISSN: 2039-0114
INDEX / CONTENTS

Speciale
ALIBI MEDIEVALI. IL MEDIOEVO COME LABORATORIO DI RISCRITTURA

a cura di Francesco Bonelli, Giulia Cacciatore, Filippo Fonio

Presentazione 3-14

Il medioevo citato di Giovanni Pascoli. Re Enzo fra storia e simbolo


FRANCESCA IRENE SENSINI (Université Nice Sophia Antipolis) 15-26

Nell’abisso dell’aldiquà. Gli inferni del fantastico italiano


STEFANO LAZZARIN (Université Jean Monnet – Saint-Étienne) 27-42

Da un italiano all’altro. Il “Decameron” di Aldo Busi


CHIARA NATOLI (Università di Palermo) 43-57

Dante’s “Inferno”, Video Games, and Pop Pedagogy


BRANDON K. ESSARY (Elon University – North Carolina) 59-82

‘Graphic Dante’. Dante Alighieri e Farinata degli Uberti


VINCENZO SALERNO (Università di Cassino e del Lazio Meridionale) 83-99

“Io so che l’intenzion lor fu onesta”. L’“Inferno” in Topolino


DEBORA BARATTIN (Université Grenoble Alpes) 101-119

Dante in giallo. ‘Detective story’ e riscritture dantesche


ANNA MARIA COTUGNO (Università di Foggia) 121-132

Welcome to Hell. Dante’s “Inferno” in Valerio Evangelisti’s


Eymerich Cycle
FABRIZIO DI MAIO (University of Birmingham) 133-147

Citare le crociate. La fantastoria di Valerio Evangelisti


DANIELE COMBERIATI (Université Paul Valéry – Montpellier) 149-156

MATERIALI / MATERIALS

“Utinam ne in nemore Pelio”. Un verso di Ennio nelle opere di Cicerone


ALESSANDRA DI MEGLIO (Università di Napoli Federico II) 159-167

Haunted by a Monster: Mary Shelley’s Translation of Apuleius


and “Frankenstein”
CHIARA ROLLI (Università di Parma) 169-182

“Richard the Third” and “Looking for Richard”: from Stage to Docudrama
MARIA GRAZIA DONGU (Università di Cagliari) 183-207
La rete musicale. Citazione e comunicazione in “The Crying of the Lot 49”
di Thomas Pynchon
FEDERICO FRANCUCCI (Università di Pavia) 209-219
Parole Rubate / Purloined Letters
http://www.parolerubate.unipr.it
Fascicolo n. 20 / Issue no. 20 – Dicembre 2019 / December 2019

ANNA MARIA COTUGNO

DANTE IN GIALLO. ‘DETECTIVE STORY’ E


RISCRITTURE DANTESCHE 

Nell’ambito del dantismo narrativo del terzo millennio, la riscrittura


di Dante nel genere del ‘giallo’ è certamente quella che fa registrare il
maggior numero di pubblicazioni, soprattutto in ambito anglosassone. In
effetti, a partire da The Dante Club di Matthew Pearl (2003) fino a Inferno
di Dan Brown (2013),1 i giallisti hanno trovato spesso materia di
ispirazione nella prima cantica della Commedia.2 Qualche volta si tratta di
appassionati che attingono al testo del poema con consapevolezza e

1
Quest’ultimo romanzo ha avuto una fortunata trasposizione nell’omonimo film
di Ron Howard, Imagine Entertainment – Columbia Pictures – Lstar Capital, USA –
Italia, 2016.
2
Si veda T. Gargano, Presenze dantesche nella narrativa del terzo millennio, in
“Incroci”, VI, 12, luglio-dicembre 2005, pp. 137-151; Id., Nuove presenze dantesche
nella narrativa del terzo millennio, in “Dante”, V, 2008, pp. 127-144; Id., Presenze
dantesche nella narrativa. Parte III, ivi, IX, 2012, pp. 105-123; D. M. Pegorari, Il
codice Dante. Cruces della “Commedia” e intertestualità novecentesche, Bari, Stilo
Editrice, 2012; A. Casadei, Dante oltre la Commedia, Bologna, il Mulino, 2013; A. M.
Cotugno, Di alcune donne “dantesche” nei romanzi contemporanei, in “La parola del
testo”, XXIII, 1-2, 2019, pp.257-263; Id., Romanzi danteschi, in Id. – T. Gargano,
Dante pop, Bari, Edizioni Progedit, 2016, pp. 3-98.
122 Parole Rubate / Purloined Letters

discrezione, manipolandolo senza abusi o eccessive semplificazioni; altre


volte prevale invece il desiderio di esibire conoscenze poco più che
scolastiche, inserendo nella trama dei riferimenti a certi interrogativi della
critica dantesca (come il presunto impiego del famoso Liber Scalae
Machometi o la quaestio dell’identità dei Fedeli d’Amore).3 In ogni caso,
comunque, il modello dantesco trasferito sul terreno del ‘giallo’ lo
trasforma in un laboratorio di sperimentazione dove convergono, spesso in
modi originali e stimolanti, antico e moderno.

1. Delitti infernali e follia

Il giallo dantesco presenta delle peculiarità dal punto di vista del


rapporto con il pubblico, che nelle intenzioni degli autori non è soltanto il
semplice lettore di libri gialli. In molti casi, infatti, la presenza della
Commedia non è puramente accessoria e il romanzo invita chi legge al
confronto diretto con l’Inferno. I giallisti rimandano alla fonte mediante
citazioni esplicite delle terzine, o con più sottili allusioni linguistiche e
sintattiche, o ancora suggerendo particolari sintonie narrative ed
emozionali, ma sempre conferendo alle tracce dantesche una precisa
intenzione significativa, in stretto rapporto con la vicenda narrata. La
competenza dantesca del pubblico costituisce allora un elemento di grande
importanza, permettendogli di passare da una facile lettura ‘poliziesca’ ad
una più raffinata lettura ermeneutica.
Il già citato The Dante Club modella il comportamento dell’assassino
(e quindi le deduzioni di chi indaga sul delitto) sullo schema dell’Inferno.
Qui l’assassino abbandona la sua vittima agonizzante sotto una bandiera

3
Si veda rispettivamente A. Delalande, Le Piège de Dante, Paris, Grasset, 2006,
pp. 149-150 e G. Leoni, I delitti della Medusa, Milano, Mondadori, 2000, p. 70.
Anna Maria Cotugno, Dante in giallo. ‘Detective story’ e riscritture dantesche 123

sbrindellata, senza abiti e orrendamente ricoperta di mosche, calabroni e


vermi: cita dunque alla lettera la pena degli ignavi danteschi nel canto III,
condannati a correre in tondo per l’eternità dietro a un’insegna,
punzecchiati da vespe e mosconi, mentre vermi repellenti si nutrono delle
loro lacrime e del loro sangue.4 E anche gli altri assassinii del romanzo si
ispirano rispettivamente al castigo dei simoniaci nel canto XIX (la vittima è
conficcata capovolta in una buca), dei seminatori di scandalo nel canto
XXVIII (la vittima è squartata quando è ancora viva) e dei traditori della
patria nel canto XXXII (le vittime sono immerse nelle acque di un lago
ghiacciato).5 Analogo è il procedimento ne I delitti di Dante ovvero
Tragedia al Liceo Berchet di Sergio Conca Bonizzoni (2010), dove prima
l’assassino replica il rosso carnaio del canto XXVIII, immaginando una
ruota dentata che sega in due parti la vittima legata seminuda su un
tavolaccio; poi condanna un amico traditore a morire imprigionato sotto
una lastra gelata, come i dannati della Caina nel canto XXXII.6 La morte
dei malcapitati e il prolungamento della loro sofferenza riproducono
insomma lo strazio eterno dei dannati danteschi, con dettagliate descrizioni
sul filo di un inquietante sadismo. E non mancano neppure in questi ‘gialli’
delle precise citazioni, come ne I delitti della Medusa di Giulio Leoni
(2000) dove Dante stesso in veste di detective cita in dialogo Inferno,
XVIII 134-135 (“‘Ho ancora qualche grazia, presso di voi?’ […] ‘Sempre
meravigliose’”);7 o ne Le Piège de Dante di Arnaud Delalande (2006) dove

4
Si veda M. Pearl, The Dante Club, New York, Random House, 2003, pp. 8-9.
5
Si veda ivi, pp. 75-77, pp. 191-203 e pp. 323-328.
6
Si veda S. Conca Bonizzoni, I delitti di Dante ovvero Tragedia al Liceo
Berchet, Roma, Albatros, 2010, pp. 83-85 e p. 91.
7
Cfr. G. Leoni, I delitti della Medusa, cit., p. 122. Su quest’ultimo romanzo si
veda A. M. Cotugno, Un giallo italiano all’origine della ripresa del culto dantesco, in
“Sinestesieonline”, 7, 22, 30 gennaio 2018, pp. 20-31, all’indirizzo elettronico
www.elea.unisa.it/handle/10556/2719.
124 Parole Rubate / Purloined Letters

si cita Inferno, XIII, 125 (“nere cagne, bramose e correnti” diventa “masses
noires, affamées et hurlantes”).8
Se nel romanzo di Conca Bonizzoni l’assassino segue addirittura un
programma di precise ed esplicite corrispondenze con l’Inferno:

“Ma il mio compito non è finito qui. Perché mi sono anche messo in mente di
punire la Gatti e di includerla tra i ladri della settima bolgia […] anche se […] non
saprei come fare a organizzarmi con i serpenti della settima bolgia, ma forse basterebbe
coprirla di piccoli morsi. Sarà complicato ma troverò il modo.
Vorrei poi colpire l’Olmo come gli ignavi del terzo canto. […] Anche in questo
caso avrei difficoltà nel trovare vespe e mosconi, ma qualcosa mi inventerò. Poi c’è il
Galmozzi che vedrei tra gli ipocriti della sesta bolgia, pur con il problema di trovare una
cappa di piombo dorata. In questo caso non saprei proprio come fare”;9

in altri casi le pene infernali non vengono applicate alla lettera e gli autori
vi fanno riferimento per via simbolica, come avviene in Dante game. A
Homer Kelly Mystery di Jane Langton (1991) dove il ritrovamento di
alcune terzine del canto V dell’Inferno nella tasca della vittima suggerisce
il richiamo agli investigatori e ai lettori, senza ulteriori indizi.10 Talvolta il
sistema di allusioni si trasforma in una vera e proprie riscrittura,
liberamente ispirata ai versi danteschi, come ne I delitti della Medusa di
Giulio Leoni (2000) dove all’ingresso di una taverna chiamata Mala Bolgia
appare un grosso cane rabbioso: il protagonista gli getta in bocca una
manciata di fango, come Virgilio fa con Cerbero nel cerchio dei golosi
(Inferno, VI, 25-27).11 Proprio due golosi sono uccisi, entro un’analoga
serie di allusioni, nel già citato Le Piège de Dante e ne El noveno círculo di

8
Cfr. A. Delalande, Le Piège de Dante, cit., p. 341. Su questo romanzo si veda
A. M. Cotugno, Omicidi danteschi nella Venezia del doge, in “Diacritica”, III, 15, 25
giugno 2017, pp. 29-46, all’indirizzo elettronico www.diacritica.it/wp-
content/uploads/Diacritica-III-15-25giugno2017. pdf?v=3.
9
S. Conca Bonizzoni, I delitti di Dante ovvero Tragedia al Liceo Berchet, cit., p.
115.
10
Si veda J. Langton, The Dante Game. A Homer Kelly Mystery, New York,
Viking, 1991, pp. 98-99.
11
Si veda G. Leoni, I delitti della Medusa, cit., p. 88.
Anna Maria Cotugno, Dante in giallo. ‘Detective story’ e riscritture dantesche 125

Fernando Schwartz Llobera (2005): lo strazio del cadavere, squartato e


ridotto a una melma pestilenziale nel primo caso, ferito con un punteruolo
nel secondo, evoca le “unghiate […] mani” del cane infernale che “graffia
li spirti ed iscoia ed isquatra” (Inferno, VI, 17-18).12
Non a caso in questi ‘gialli’ gli assassini sono persuasi di essere
investiti come Dante di un compito superiore, volto a realizzare
un’improbabile palingenesi universale. E non a caso, allora, soffrono di
pericolose anomalie psichiche, poiché proprio il motivo della follia
giustifica gli eccessi ‘infernali’ del recupero dantesco: il motivo, certo
ereditato dalla tradizione del thriller (si pensi al serial killer sempre
psichicamente disturbato), facilita insomma la realizzazione della
riscrittura. Così Benjamin Galvin in The Dante Club è obnubilato
dall’orrore vissuto durante la guerra di secessione e anche Angelo Cardani
in I delitti di Dante ovvero Tragedia al Liceo Berchet si smarrisce nel
viluppo di irrisolte problematiche adolescenziali. In quest’ultimo romanzo
l’autore annega un’adulatrice nei liquami di una fogna, come i dannati della
seconda bolgia “attuffati in uno sterco / che da li uman privadi parea
mosso” (Inferno XVIII, 113-114); brucia vivo un consigliere fraudolento
come gli spiriti dell’ottava bolgia in cui “catun si fascia di quel ch’elli è
inceso” (Inferno, XVI, 48); uccide un seduttore a frustate, come le “gran
ferze” (Inferno, XVIII, 35) che subiscono le anime della prima bolgia.13
Non diversamente accade ne El noveno círculo, in cui un prodigo viene

12
Si veda rispettivamente A. Delalande, Le Piège de Dante, cit., pp. 193-194 e
F. S. Llobera, El noveno círculo, Barcellona, Planeta, 2005, pp. 42-43. Su quest’ultimo
romanzo si veda A. M. Cotugno, Il circolo di Cambridge: dantismo e follia in
“Sinestesieonline”, 7, 22, 30 gennaio 2018, pp. 32-42, all’indirizzo elettronico
www.elea.unisa.it/handle/10556/2718.
13
Si veda S. Conca Bonizzoni, I delitti di Dante ovvero Tragedia al Liceo
Berchet, cit., pp. 41-43, pp. 51-53 e pp. 63-64.
126 Parole Rubate / Purloined Letters

lapidato, un iracondo viene affogato nel fango e alcuni eretici bruciano tra
le fiamme.14
È del resto il confine fra follia e integrità mentale a segnare la
differenza (molto dantesca) fra dannazione e salvezza, facendo coincidere
uno dei motivi principali di questi ‘gialli’ proprio con la buona o cattiva
interpretazione del messaggio della Commedia: gli assassini, infatti,
commettono le loro terribili efferatezze ‘sulle orme di Dante’ e
fraintendono dunque l’idea di giustizia alla base del poema; mentre gli
investigatori che li smascherano, ripercorrendo quelle medesime orme,
diventano i garanti dell’esegesi più fedele alla morale dantesca. Si pensi al
bel finale de Le Piège de Dante, dove le citazioni del poema, utilizzate in
precedenza dall’assassino per chiosare i suoi crimini degradandole al rango
di versi diabolici, ricompaiono in bocca al ‘buono’ Pietro Viravolta, che le
pronuncia per suggellare il giusto castigo del colpevole dimostrando la
dignità della Commedia come modello di redenzione.15

2. Codici danteschi e percorsi di conoscenza

Se in questi ‘gialli’ tocca al lettore riconoscere il codice dantesco che


governa la costruzione delle vicende, gli investigatori devono confrontarsi
alla medesima sfida e proprio la scoperta della chiave dantesca che spiega
le modalità degli omicidi è sempre un momento importante dell’intreccio
romanzesco:

“He must have once read a description of this gruesome act, the details of which
then flooded back to him without warning when he saw Talbot’s body. But what text
would contain such a horror? Not a medical journal. Not the Boston Transcript,
certainly, for the murder had just happened. Holmes stopped in the middle of the street

14
Si veda F. S. Llobera, El noveno círculo, cit., pp. 42-43, p. 95 e pp. 215-217.
15
Si veda A. Delalande, Le Piège de Dante, cit., pp. 405-416.
Anna Maria Cotugno, Dante in giallo. ‘Detective story’ e riscritture dantesche 127

and envisioned the preacher kicking his flaming feet in the air, while the flames
moved…
‘Dai calcagni a le punte,’ Holmes whispered aloud: From their heels to their
toes – that’s where the corrupt clerics, the Simoniacs, burn forever in their craggy
ditches. His heart sank. ‘Dante! It’s Dante!’.”16

“La fantasia mi corse subito alla Divina Commedia e mi precipitai in camera a


consultare la mia fida copia che tenevo in valigia, seguito da Cerbero. Speravo di
sbagliarmi perché temevo di confermare davanti a studenti e colleghi la fama di fissato,
essendo già nota la mia accanita passione per Dante. E durante l’anno con quella classe
avevo battuto sull’Inferno in modo probabilmente esagerato e maniacale. Se la Divina
Commedia fosse davvero c’entrata qualcosa mi sarei sentito colpevole, almeno
indirettamente; forse avevo svegliato le manie omicide di qualche psicopatico, il quale
pretendeva di ergersi al rango di giudice, infliggendo agli altri pene strazianti a fronte
delle colpe commesse.”17

“Sin andarse por las ramas, Sebastião dijo:


– Vuestro asesino podrìa estar siguiendo el patròn definido por un autor italiano
del siglo catorce.
Morantes intentò volverse en el asiento, pero una mueca de dolor le cruzò la
cara. Maldijo y se quedò sentado de espaldas a Sebastião.
– Repite – grunò.
– No puedo poner la mano en el fuego sin tener màs datos, pero he estudiado los
informes de arriba abajo y no creo equivocarme. Èste es màs retorcido de lo que
calculàis.
– Portugùes, en cristiano, por favor.
– Muy bien, empezaré desde el principio. ¿Sabes quién era Dante?
– El de la Divina Commedia.”18

Se l’assassino segue lo schema della Commedia con la sua ordinata


successione di gironi, anche l’investigatore è dunque costretto a ragionare
in modo analogo, nel tentativo di prevedere gli omicidi e risolvere il caso
criminale:

“¿Quién serìa el seguiente? […] El séptimo cìrculo del infierno de Dante se


divide en tres bolsas, o subcìrculos. Es el cìrculo de los violentos, que estàn repartidos
segùn lo sean contra el pròjimo, contra sì mismos o contra Dios. Los primeros, que
ocupan la primera bolsa, hundidos en Flegetonte, un rìo de sangre hirviente, son tiranos

16
M. Pearl, The Dante Club, cit., p. 85.
17
S. Conca Bonizzoni, I delitti di Dante ovvero Tragedia al Liceo Berchet, cit.,
p. 59.
18
F. S. Llobera, El noveno círculo, cit., p. 91.
128 Parole Rubate / Purloined Letters

y asesinos. Los segundos, convertidos en àrboles fosilizados cuyas ramas y cortezas –


miembros y piel – son arrancadas sin piedad por arpìas monstruosas, son los suicidas y
los derrochadores. Y los terceros, los violentos contra Dios, moradores de la ùltima
bolsa mientras sufren una lluvia de fuego, son los blasfemos, los sodomitas y los
usureros. A priori, demasiada gente para controlar y muy diversa. Parecìa que Caìn -
Dios santo, isi era realmente quien él pensaba! – contaba esta vez con un amplio
abanico de posibilidades, pero Sebastião supo con certeza que elegirìa a un suicida.
Alguien que hubiera intentado quitarse la vida sin éxito.”19

Al tempo stesso lo schema infernale, che per l’assassino è sempre un


viaggio vero la condanna e la morte, per l’investigatore rappresenta anche
una discesa nei meandri più remoti della mente, secondo parametri
psicologici o psicanalitici che contaminano così il modello dantesco. E
nondimeno tale discesa è assai prossima a quella di Dante, se è vero che i
detectives sono mossi da un desiderio di conoscenza e che la loro
esperienza si configura sovente in termini di salvezza purgatoriale.
L’indagine diventa allora un percorso alla ricerca di sé e mentre il lettore
finisce per condividerlo, seguendo al tempo stesso una regola del ‘giallo’
(identificandosi con chi indaga) e l’esempio della Commedia dove
l’esperienza del personaggio è davvero quella di everyman. Si legga la
chiusa di The Dante Game. A Homer Kelly Mystery:

“A wind rushing down over the countryside from the Italian Alps had cleared the
air, and the bells in the Campanile began to ring. Julia and Zee stopped clinging to one
another and turned to see them tossing in the bell chamber, and soon the bells of Santa
Maria Novella, Santa Croce, San Lorenzo and Santo Spirito were all joining in the
jangle, clashing in the brazen harmonics of bells, neither major nor minor but half
savage.
Far below them the pope and the Cardinal Prefect stepped lightly into the
Vatican helicopter on the south side of the cathedral. As it rose, tipping slightly forward,
its rotary blades beating the air, His Holiness had a momentary glimpse of a pair of
lovers on the platform at the top of the dome, and he smiled at them and waved his
hand.
But they were aware only of the light of morning pouring down on them on
every side, flooding them with the love that moves the sun and the other stars.”20

19
Ivi, p. 261.
20
J. Langton, The Dante Game. A Homer Kelly Mystery, cit., pp. 248-249.
Anna Maria Cotugno, Dante in giallo. ‘Detective story’ e riscritture dantesche 129

L’universo di Dante, saldamente ordinato intorno a un sistema di


valori incrollabili, rappresenta comunque una prospettiva ideale per i
protagonisti dei ‘gialli’ del terzo millennio, figli di un tempo smarrito sotto
un cielo ormai privo di stelle. Anche se profonda è distanza ideologica e
culturale che li separa dal poeta medioevale (si pensi all’assenza di Dio in
questi romanzi, che non si aprono mai su orizzonti metafisici), i personaggi
sembrano trovare nella Commedia il suggerimento di un ordine se non di
una salvezza, come dichiara l’omicida di The Dante Club:

“Greene spoke about a man far away, a man who understood, a man named
Dante Alighieri. He was a former soldier, too, who had fallen victim to a great divide
between the parties of his sullied city and had been commanded to journey through the
afterlife so that he might put all mankind right. What an incredible ordering to life and
death was witnessed there! No bloodshed in Hell was incidental, each person was
divinely deserving of a precise punishment created by the love of God. What perfection
came with each contrapasso, as the Reverend Greene called the punishments, matched
with every sin of every man and woman on earth evermore until final judgment day!”21

Non a caso, allora, i ‘gialli’ danteschi utilizzano anche l’esempio di


Beatrice, ispirandosi soprattutto alla Vita nuova per connotare in senso
salvifico certe figure femminili. Attingendo al lessico stilnovistico, gli
autori le trasformano in presenze positive e rassicuranti, lontanissime dalle
femmes fatales dei thrillers tradizionali e garanti di bontà e di giustizia, alle
quali gli uomini riconoscono più o meno consapevolmente il ruolo di guida
provvidenziale. Così è per Harriet, la moglie di Benjamin Galvin in The
Dante Club, così ugualmente è per Sylvia, che accompagna il lungo
percorso di ascesi e redenzione di John Dantes in Dantes’ Inferno: A Dr.
Sylvia Strange Novel di Sarah Lovett (1999), mentre Sebastião Silveira
sconfigge i suoi antichi fantasmi con l’aiuto (appunto) di Beatriz in El

21
M. Pearl, The Dante Club, cit., p. 344.
130 Parole Rubate / Purloined Letters

noveno círculo. In alcuni casi i riferimenti alla donna angelicata dantesca


sono addirittura espliciti e muniti di un’aura miracolosa:

“Et le visage d’Anna Santamaria sortit de l’ombre.


Pietro mit quelques instants à comprendre. Plus que jamais, il eut l’impression
d’avoir affaire à un ange. Il se sentait pour la première fois au bord des larmes et,
éperdu de reconnaissance pour le sort qui lui envoyait ce miracle, il faillit tomber à
genoux aux pieds de la belle. Il se releva. Il se sentait faible ; ses genoux craquèrent et il
manqua de retomber en arrière. Finalement, il retrouva son èquilibre et la prit dans ses
bras.
‘Toi! C’est toi!’”22

“And then, like Dante in the dark wood, Zee lost his way. He dropped the chalk,
picked it up and dropped it again.
Someone had come in silently. Swiftly she sat down in a chair in one of the
empty rows.
All heads turned. One of the older women smiled at her, the boys became gawky
and self-conscious, the three Debbies grew solemn with envy, and Ned Saltmarsh
promptly moved back to sit down beside the new arrival with a conspicuous taking of
possession.
It was Julia Smith.”23

Proprio la momentanea sparizione dell’amata Julia, nel romanzo di


Langton, finisce per diventare il corrispondente narrativo della morte di
Beatrice nella Vita nuova, elevando anche in questo caso il sentimento
amoroso verso un’alta consapevolezza morale. E qualcosa di simile c’è
anche in una vicenda ‘dantesca’ ma non poliziesca, American Purgatorio di
John Haskell (2005), dove tuttavia l’assenza della donna non produce
sublimazione etica o religiosa ma un esito antidantesco di solitudine
disperata.24

22
A. Delalande, Le Piège de Dante, cit., p. 286.
23
J. Langton, The Dante Game. A Homer Kelly Mystery, cit., p. 50.
24
Ancora più antidantesca è la dissacrazione del mito di Beatrice nel ‘giallo’ di
Conca Bonizzoni, dove il nome di Beatrice è dato a una fanciulla “falsa come Giuda”.
Cfr. S. Conca Bonizzoni, I delitti di Dante ovvero Tragedia al Liceo Berchet, cit., p. 18.
Sulle riscritture del personaggio di Beatrice si veda A. M. Cotugno, Artur Spanjolli
‘riscrive’ la Vita Nuova, in “Lettera zero”, IV, 5, 2018, pp. 130-138.
Anna Maria Cotugno, Dante in giallo. ‘Detective story’ e riscritture dantesche 131

3. Ricontestualizzare Dante

Nei ‘gialli’ danteschi le tracce ben visibili del testo d’origine sono
ovviamente ricontestualizzate, in funzione di altri significati e di una
sensibilità nuova. Può così accadere che gli autori pecchino di blasfemia
filologica quando mettono in bocca ai loro personaggi negativi certe parole
moraleggianti, che Dante usava per smuovere le coscienze o per esprimere
sdegno di fronte alla corruzione, come capita in due citazioni del Paradiso
inserite in The Dante Game. A Homer Kelly Mystery. Nel primo caso
l’autrice descrive un individuo immorale e privo di scrupoli come “that
fascinating geometrical study in circles inscribed upon circles”,25
riecheggiando i versi dell’ultimo canto che descrivono l’unità e la trinità
divina. Nel secondo caso il medesimo personaggio cita l’invettiva del canto
XXVII nella quale San Pietro accusa il papa e i cattivi ecclesiastici,
capovolgendo paradossalmente la scala dei valori morali.26 Allo stesso
modo una similitudine, che in Paradiso, IV, 127 indicava l’appagamento
dell’intelletto nella verità divina (“era come fera in lustra”), è reimpiegata e
capovolta in questo romanzo per rappresentare la condizione negativa di un
personaggio prigioniero di una trappola mortale.
La distanza storica e culturale della fonte giustifica simili
adattamenti, come dimostra anche la diversa valutazione di alcuni peccati
danteschi. La sodomia, per esempio, nei ‘gialli’ non è più una violenza
contro Dio ma una forma di incontinenza, punita come lussuria. E la gola,
sconosciuta al paradigma morale moderno, si confonde con la cupidigia,
che da parte sua è invece ben presente in questi romanzi e condannata con
energia ancora dantesca. Semplificato inoltre è ora il peccato di prodigalità,

25
Cfr. J. Langton, The Dante Game. A Homer Kelly Mystery, cit., p.9.
26
Si veda ivi, p. 14.
132 Parole Rubate / Purloined Letters

sfumando le sottigliezze della casistica medioevale, mentre il peccato di


eresia perde la sua collocazione in ambito strettamente religioso e diventa,
banalizzandosi, un’innocua bizzarria intellettuale.
Un tale adattamento alla modernità, praticato in modi analoghi anche
dalle numerose riscritture dantesche che attraversano la letteratura del
Novecento, conferma le ambizioni formali e strutturali di questi ‘gialli’ che
a Dante si ispirano. La sfida ermeneutica che gli autori propongono ai
lettori attraverso una fitta rete di indizi intertestuali, la scelta della cantica
infernale come figura privilegiata di una modernità (e di un’etica) in
profonda crisi, lo stesso motivo dantesco del viaggio oltremondano
rivisitato in chiave di introspezione psicologica e purgatoriale
purificazione, tutto questo dà la misura della perenne “traducibilità”  27 del
modello dantesco, anche nella nicchia specializzata e sperimentale del
‘giallo’. 

27
Cfr. G. Contini, Un’interpretazione di Dante, in Id., Varianti e altra
linguistica, Torino, Einaudi, 1979, p. 372.
Copyright © 2019
Parole rubate. Rivista internazionale di studi sulla citazione /
Purloined Letters. An International Journal of Quotation Studies