Sei sulla pagina 1di 1

Magistrelli

Estratto da “Magistrelli, le origini”, di Greta M. Solli

……Cognome diffuso specialmente nel centronord Italia. In Lombardia probabilmente trae origine dalle
maestranze lombarde ed in particolare bresciane assoldate per la costruzione del duomo di Milano (fine
1300). L’altra origine, ben più antica, è riferibile ad una famiglia Magistrellus, possidente di un terreno locato
a “Villa Pizii”, l’odierna Pizzo di San Secondo (Parma) menzionata in un documento del Capitolo della
Cattedrale di Parma risalente al 1170. A partire da quell’area, ci fu una diffusione specialmente verso le aree
a cavallo dell’Appennino Tosco-Emiliano e Tosco-Ligure. Infatti, sono ivi menzionati vari altri Magistrelli, tra
cui Jacopo, converso presso l’ospitale di Buita (Casone di Profecchia, nel comune di Castiglione Garfagnana)
nel 1285, o un altro Jacopo, di San Martino in Rio (RE), scultore del 1470. In Lunigiana troviamo Ansaldo,
menzionato in un documento notarile del 1202. Nella famiglia, sono da annoverare notai (Ambrogio a Siena
nel 1491, Antonio a Guastalla nel 1549, nonché vicario dei Gonzaga, Geminiani a Malgrate nel 1770, anche
podestà) e castellani (Giulio a Casalgrande (RE)…..

[Greta M. Solli gm_solli@zohomail.eu]