Sei sulla pagina 1di 62

SEO Pratico

Salvatore Capolupo
A - Prefazione e informazioni sul copyright

Questo libro cerca di combattere i falsi miti sulla SEO e le banali semplificazioni
che lo accompagnano fin dalla sua nascita, restituendogli (forse un po'
romanticamente) la corretta dimensione: una disciplina molto utile e, se possibile,
addirittura nobile.

Se stai cercando un libro che spieghi gli aspetti da conoscere per fare SEO,
questa è la scelta giusta: ti guiderò passo-passo per conoscere tutto quello che ti
serve sapere, accompagnando ogni step con esempi concreti che potrai, con
qualche modifica, applicare tu stesso. A differenza di quanto scrivo sui miei blog,
inoltre, qui troverai informazioni, idee ed approcci che uso spesso nelle mie
consulenze e che, per varie ragioni, preferisco non discutere troppo in pubblico.

Tutti i diritti del presente libro sono riservati a Salvatore Capolupo. Tutti i brand
menzionati (tra cui Google e Bing) ed i relativi tool messi a disposizione
(Analytics, ecc.) sono citati a scopo esemplificativo: non si intende intaccarne o
appropriarsi in alcun modo della proprietà, tantomeno dei brevetti a cui lo scritto
fa riferimento. Non sono un dipendente di nessuna di queste aziende e non sono
in grado, in alcun modo, di influenzarne l'operato.
B - Indice

A - Prefazione e informazioni sul copyright ........................................................... 2


B - Indice ............................................................................................................... 3
C - Premesse ........................................................................................................ 4
C.1 -A chi si rivolge questo libro ....................................................................... 4
C.2 -Che cos'è la SEO? .................................................................................... 5
C.3 -A cosa serve la SEO ................................................................................. 5
C.4 -Mi serve davvero fare SEO? ..................................................................... 6
C.5 -Quando le cose si complicano (tanto)? ..................................................... 7
D - Il WEB, oggi: partiamo da questo .................................................................... 8
D.1 -Il web utile per la SEO .............................................................................. 9
D.2 -Terminologia di base ............................................................................... 11
D.3 -I backlink ................................................................................................. 12
D.4 -Link building: quali sono i backlink che “valgono” per la SEO? ............... 12
D.5 -Idee errate sulla SEO .............................................................................. 14
D.6 -La Search Console di Google ................................................................. 15
D.7 -Google Analytics ..................................................................................... 19
D.8 -Strumenti per webmaster di Bing ............................................................ 19
D.9 -Idee geniali.............................................................................................. 19
D.10 -Psicologia e logica del link builder ........................................................ 20
D.11 -Risorse gratuite da sfruttare .................................................................. 21
D.12 -Equivoci: update di Google ................................................................... 21
D.13 -Documenti da leggere, studiare ed approfondire .................................. 24
D.14 -Equivoci: il PageRank ........................................................................... 24
D.15 -Equivoci: l'attributo nofollow .................................................................. 25
E - Diagnostica SEO ........................................................................................... 26
E.1 -Operatori di ricerca.................................................................................. 27
E.2 -Ricerca diretta di un termine ................................................................... 27
E.3 -site: ......................................................................................................... 27
E.4 -Link: ........................................................................................................ 29
E.5 -– (escludi dai risultati) e * (jolly)............................................................... 29
E.6 -Operatori non documentati ...................................................................... 30
F - Penalizzazioni, riferimenti, spam ed altre storie............................................. 30
F.1 -Penalizzazioni, cosa sono e come si affrontano: la vendita di link .......... 30
F.2 -Reputazione e “pulizia” dei backlink ........................................................ 31
F.3 -Capire le “intenzioni” dell'utente .............................................................. 32
F.4 -Come indicizzare un sito web .................................................................. 32
F.5 -Come indicizzare una pagina web........................................................... 33
F.6 -Il processo SEO in 5 passi ...................................................................... 33
G - 29 idee pratiche per migliorare la tua SEO ogni giorno ................................. 34
G.1 -Come prendere un backlink da DMOZ ................................................... 35
G.2 -Prendere un backlink da Wikipedia ......................................................... 37

3 di 62
G.3 -Link di partnership .................................................................................. 38
G.4 -Siti satellite.............................................................................................. 39
G.5 -Farsi linkare da un blog .......................................................................... 40
G.6 -Realizzazione di una pagina di riferimento per altri utenti ....................... 40
G.7 -Link building su larga scala ..................................................................... 41
G.8 -Creare uno o più tutorial approfonditi...................................................... 42
G.9 -Guest post e article marketing ................................................................ 43
G.10 -Directory ............................................................................................... 44
G.11 -Commenti sui blog ................................................................................ 45
G.12 -Forum tematici ...................................................................................... 46
G.13 -Micro-mercati ........................................................................................ 47
G.14 -Board di immagini ................................................................................. 48
G.15 -Via email: segnalare un errore e proporre link sostitutivi ...................... 48
G.16 -Proporre soluzioni a problemi ............................................................... 49
G.17 -L'umorismo ........................................................................................... 49
G.18 -Linkare un sito della concorrenza ......................................................... 50
G.19 -Backlink sociali (Twitter, Google Plus) .................................................. 50
G.20 -Siti di video sharing ............................................................................... 51
G.21 -Migliorare i contenuti altrui .................................................................... 51
G.22 -Prepara un piano editoriale per il tuo blog ............................................ 52
G.23 -Linka il tuo sito mediante editoria sociale (social news) ........................ 52
G.24 -Linka il tuo sito mediante blog “amici” ................................................... 53
G.25 -Linka il tuo sito mediante siti di content curation ................................... 54
G.26 -Migliora periodicamente i titoli delle pagine del tuo sito ........................ 54
G.27 -Partecipa ad un contest SEO................................................................ 55
G.28 -Sfruttare la visibilità di un blog famoso del settore che permetta i com-
menti ............................................................................................................... 56
G.29 -Creare dei memi e delle infografiche .................................................... 57
H - Le 10 regole più importanti della SEO........................................................... 57
H.1 -Non fare ipotesi ....................................................................................... 57
H.2 -Non credere che sia “arte” ...................................................................... 58
H.3 -Usare le istruzioni per webmaster ufficiali dei motori come se fossero il
manuale di un software ................................................................................... 58
H.4 -Non credere a guru delle “camere stagne” ............................................. 58
H.5 -Non credere alla SEO “open world” ........................................................ 59
H.6 -Non isolare i fattori .................................................................................. 59
H.7 -Non confondere indicizzazione con posizionamento .............................. 60
H.8 -Non farti illusioni...................................................................................... 60
H.9 -Non convincerti di ciò che non si può provare ........................................ 60
H.10 -Non lavorare a vuoto ............................................................................. 60
I - Note finali ........................................................................................................ 61

C - Premesse
C.1 - A chi si rivolge questo libro
L'impostazione di questo libro è rivolta a chiunque abbia un sito e voglia imparare
a valorizzarlo in modo autonomo, senza doversi rivolgere ad un consulente ed
applicando tecniche, accortezze e strategie che caratterizzano il mondo della
SEO.
Un mondo affascinante, complesso ed in continua evoluzione, che sarà trattato
nel modo più ampio possibile, senza perdita di generalità, senza perdersi in
dettagli poco utili e con la massima chiarezza espositiva. Inizieremo con i
rudimenti che saranno necessari per il seguito, per poi passare ai dettagli, le
strategie e gli approcci.

C.2 - Che cos'è la SEO?


Search engine optimization (SEO) è il processo che interessa la visibilità sui
motori di ricerca di un sito, con particolare riferimento ai risultati organici,
ovvero quelli che compaiono in modo naturale all'interno di un motore (Google,
Bing, Yahoo!, ecc.) qualora si effettui una ricerca.

Perché la prima posizione è così importante, in generale? L'assunto fondante è


che i siti che compaiono primi sui motori, in condizioni ottimali - ed in mancanza
di “fattori di disturbo” - siano più visitati rispetto agli altri. Questa in realtà è
soltanto un'ipotesi generale che, in alcuni casi pratici, potrebbe non verificarsi:
per varie ragioni, infatti, i primi risultati non sono per forza i più cliccati.
Questo perché ci sono casi in cui chi cerca, con gradazioni diverse, si aspetta
spesso di trovare:
 un sito che già conosce;
 un risultato che aveva già visitato con successo;
 un titolo, una descrizione o un link che gli sia più familiare
per cui non è detto che visiti per forza il primo risultato. Le abitudini, le
conoscenze e le aspettative dell'utente che fa le ricerche – e più in generale varie
considerazioni di user-experience – giocano in realtà un ruolo fondamentale in
ambito SEO. Non solo: uno potrebbe cliccare su X e, poco dopo, tornare indietro
e consultare i risultati di ricerca Y, Z e K. Sarei pronto a scommettere che il grado
di conoscenza del web da parte dell'utente sia annoverabile tra i principali fattori
che influenzano la scelta del risultato di ricerca “corretto”. Motivo per cui è più
equilibrato, se non altro, dare importanza alle “prime posizioni” su Google
piuttosto che, brutalmente, sulla prima e basta (che suona solo più intuitiva ed
accattivante per il marketing).

Ovviamente le opportunità di essere visibili sui motori tendono a decadere


grandemente mentre si scorre verso il basso l'elenco dei risultati di ricerca: per
cui è bene tenere il proprio sito “a galla” per il maggior numero di ricerche
possibili. Il punto, pero', è che la prima posizione “ad ogni costo”, come
promessa da numerose campagne di marketing e strombazzata da sedicenti
esperti, è un obiettivo che dovrebbe sempre essere contestualizzato.

C.3 - A cosa serve la SEO

5 di 62
Abbiamo, a questo punto, già individuato due priorità in ambito SEO: la prima è
legata all'incremento della visibilità di un sito, la seconda all'aumento del
numero di visite (mirate, poiché legate ad una determinata ricerca).
È importante considerare fin da ora, a questo punto, che i due fattori non sono
legati tra di loro, e possono tranquillamente esistere casi intermedi: visite che
non provengono dai motori (e che provengono da social, Skype, email, ecc.),
visite dirette al sito (conosco l'indirizzo e ci vado), visite derivanti dal passaparola
(abbiamo parlato del sito in questione con un amico) e così via. Ciò che interessa
la SEO, alla fine, è legato al traffico dei motori di ricerca, ovvero da chi cerca
qualcosa e raggiunge il nostro sito navigando uno o più link.
Quando un sito ci linka o mette un backlink, in primis, l'importanza di tale attività
si può riflettere in un aspetto fondamentale: avremo allargato la nostra rete di
collegamenti esterni, incrementando così la possibilità che chi vedrà quel
backlink potrebbe diventare un nostro nuovo visitatore.
Le attività SEO su cui si concentrerà questo libro sono numerose, e dalla loro
operatività potrà derivare il vostro modo di fare SEO. Per quello che ci interessa
in questo libro, l'ottimizzazione per i motori di ricerca può riguardare la ricerca di:
immagini, news, articoli, video, pagine coupon, pagine prodotto, recensioni,
tutorial e così via. Tutto dipende da quello che ci serve (o che è più comodo che
si favorisca) in quel determinato contesto e momento.
Questo è un punto cruciale da tenere presente: Google cerca di soddisfare al
massimo i propri utenti, e per farlo favorisce i siti web che possiedano più
pertinenza con le ricerche che riceve. Se non lo facesse, non sarebbe un motore
di qualità, o non godrebbe della fama che attualmente lo caratterizza. Senza
perdita di generalità, qualsiasi motore di ricerca moderno tende a favorire le
pagine web che meglio soddisfano la ricerca dell'utente, in un senso da
specificare a breve.
Contrariamente all'opinione comune - e a svariate campagne di web marketing -
la SEO non è pero' un'attività appropriata per qualsiasi tipo di sito, dato che
approcci alternativi ad essa – come gli annunci a pagamento su Google, Twitter
o Facebook – potrebbero rivelarsi più efficaci delle strategie di cui parleremo qui.
Di fatto, la SEO è da considerarsi un investimento nel medio-lungo periodo
(raramente produrrà effetti immediati) ed è strettamente legata alla qualità del
sito, in una misura relative alle esigenze di chi effettua una ricerca.

C.4 - Mi serve davvero fare SEO?


Come facciamo a sapere se abbiamo bisogno di fare SEO sul nostro sito? Il
rischio è quello di effettuare l'attività lasciandosi condizionare da premesse errate
o arrivando a conclusioni fuorvianti, per poi restare delusi e scoprire di aver
lavorato per niente. Un rischio concreto, in effetti, soprattutto se non si
stabiliscono con chiarezza le metriche di riferimento1 per il nostro sito.

1 Si tratta del criterio atto a misurare la qualità della nostra attività SEO: alcuni esempi di
metriche di riferimento sono il CTR di un risultato, il numero di click, il numero di visitatori,
quello di visualizzazioni dei nostri risultati di ricerca ed il numero di iscrizioni, conversioni o
acquisti.
Un buon modo per capire se ci serve davvero la SEO sul nostro sito è quello di
confrontarci con le seguenti domande, stabilendo come criterio orientativo che ne
abbiamo bisogno in misura considerevole se rispondiamo positivamente ad
almeno due delle domande.
Le domande da porsi sono:
1. Stiamo cercando di vendere prodotti o servizi online?
2. Intendiamo aumentare le visite per favorire i guadagni derivanti da banner
e pubblicità?
3. Stiamo cercando di valorizzare un blog per vendere consulenze, servizi o
prodotti?
4. Vogliamo incrementare le iscrizioni di utenti al nostro sito web, allo scopo
ad es. di fidelizzarli nel tempo?
5. Ci interessa trovare persone interessate che ci contattino o fissino un
appuntamento lavorativo con noi?
6. Produciamo prodotti artigianali per cui esista un ampio bacino di interesse,
e che sarebbe interessante valorizzare sul web?
7. Ci interessa migliorare i nostri servizi rispetto alla concorrenza?
8. Abbiamo provato a cercare il nostro nome o qualcosa che produciamo, e
ci siamo accorti che i risultati non sono come ci aspettavamo - ad esempio
perché contengono spam o contenuti anomali?
9. Stiamo riscontrando una calo di visite nel sito web rispetto alla media, e ci
piacerebbe capire a cosa sia dovuto il problema?
10. Siamo stato penalizzati per aver trasgredito le istruzioni per webmaster di
Google, oppure ci è stata notificata apertamente una penalizzazione2?
Potrebbero sembrare casistiche limitative, ma vorrei invitarvi in ogni caso a stare
tranquilli: nessuno ci vieta – ovviamente - di fare SEO in ogni caso, anche se
nessuna di queste domande ci riguarda. In molti casi pratici di mia conoscenza,
comunque, posso dire che gli interventi più significativi che ho fatto erano di
natura non tanto correttiva quanto di perfezionamento del sito. Il senso del
discorso è che la SEO è solo uno strumento nelle nostre mani, e non è possibile
effettuare attività che diano garanzia di successo - per lo stesso motivo per cui
nessun business è a priori “vincente” se non alla prova dei fatti (cioè dopo
essersi assunti il rischio ed averlo messo in pratica).
A parte casi particolari, l'esperienza mi porta a credere che nei casi che
rispondono alle 10 domande qui sopra sia più agevole lavorarci.

2 Di norma, nella SEO di Google le penalizzazioni si dividono in manuali (ovvero puntuali,


rivolte solo al nostro sito, che sono notificate nella Search Console di cui parliamo in D.6 -) e
automatiche (dovute ad algoritmi automatici su larga scala). Sulle penalizzazioni si invita a
attenzione a quando scritto in D.12 -.

7 di 62
C.5 - Quando le cose si complicano (tanto)?
Ci sono casi in cui non si riesce a fare SEO, tipicamente per scarsi mezzi, poco
materiale su cui lavorare e mentalità inadeguata; è utile, a questo punto,
analizzare gli 11 casi tipici in cui è complicato operare in questa direzione. Può
sembrare un punto di vista anomalo, ma vi garantisco che è istruttivo perché vi
aiuterà a focalizzare ancora meglio la materia.
Quando diventa difficile fare SEO?
1. Non sono disposto a modificare contenuti, struttura e/o impostazione del
mio sito.
2. Non voglio che vengano aggiunte, rimosse o modificate pagine web sul
mio sito.
3. Mi aspetto che da un giorno all'altro il mio sito arrivi in prima pagina.
4. Mi aspetto che il mio sito produca vendite perché è in prima pagina sulle
ricerche che mi piacciono di più.
5. Mi aspetto che il mio sito venga ottimizzato solo ed esclusivamente per le
ricerche che mi piacciono di più.
6. Non mi va che il mio sito venga linkato o citato su forum, blog e portali del
mio settore: temo che mi copino.
7. Mi interessa stare in prima posizione sui motori, e questo perché sono
bello, bravo, me lo merito e ti sto pagando per farlo.
8. Non ho percezione del contesto in cui lavoro, ovvero: vorrei posizionarmi
per la ricerca “porno gratis” col mio sito di antiquariato.
9. Mi aspetto che ad ogni singola attività SEO che faccio corrisponda una
vantaggio specifico (se aggiungo un backlink X => finisco in prima
posizione).
10. Non ho percezione del “valore aggiunto” del mio sito, ovvero :non saprei
dire cosa abbia di speciale, particolare o migliore rispetto ad altri.
11. Penso di conoscere benissimo la SEO perché leggo innumerevoli blog del
settore.
L'elenco appena riportato è utile per due ragioni, in effetti: da un lato fa capire i
classici contesto in cui le campagne SEO partono male (per finire quasi sempre
peggio), dall'altro descrive parte delle incomprensioni e dei malintesi molto
comuni su gruppi tematici, blog, forum e community dedicate all'argomento.

D - Il WEB, oggi: partiamo da questo


In questo capitolo tratteremo i fondamenti che costituiscono le pagine web,
cercheremo di capire le basi da conoscere sull'argomento e vedremo un'ampia
analisi degli strumenti forniti da Google e Bing per analisi di performance sul
nostro sito. Ovviamente non potremo affrontare per intero le tecnologie web nel
dettaglio, per cui sui singoli topic rimandiamo a testi più specifici per maggiori
informazioni, raccomandando di leggere quelli più qualificati, ufficiali e autorevoli.

D.1 - Il web utile per la SEO


Da un punto di vista della struttura delle pagine web, non sono moltissime le
cose da sapere: ogni pagina di un sito è infatti caratterizzata da elementi tipici
chiamati tag, ognuno dei quali possiede una funzione specifica e racchiude valori
e attributi specifici. Il markup HTML (chiamato anche, impropriamente,
“linguaggio” HTML) definisce la struttura di ogni pagina mediante gli elementi che
la compongono: il titolo, i paragrafi, i titoli, il testo, i widget e via dicendo.
Il testo delle pagine è usualmente collegato mediante link, che sono
rappresentati dal tag <a> che rappresenta, mediante l'attributo href, l'URL o
l'indirizzo di destinazione del link. Non sempre sarà necessario editare gli
elementi HTML a mano, ma in certi scenari potrà essere molto comodo, e ve ne
accorgerete soprattutto facendo pratica.
Attualmente lo standard più diffuso è HTML 5, anche se parte del web funziona
ancora adesso con versioni precedenti (4, o addirittura 3 in alcuni siti più
vecchi)3. Chiunque volesse approfondire sul tema potrebbe trovare facilmente un
sacco di risorse gratuite, in italiano ma soprattutto in inglese, molto complete ed
esaustive: per quanto serva più la pratica che la teoria, conoscere bene questi
argomenti è davvero importante per fare SEO in modo sistematico.
Da un punto di vista SEO è importante considerare e conoscere queste tipologie
di elementi.
il tag titolo, che è racchiuso tra <title> e </title>, che rappresenta il titolo della
pagina; il più delle volte una sintesi o una descrizione breve del suo contenuto;
dal punto di vista dei motori, si tratta di uno degli elementi che più spesso (non
sempre, in effetti) concorrono a definire la parte cliccabile dei risultati di ricerca
che appaiono su Google, Bing e via dicendo;
il tag di descrizione, che è un tag <meta> in cui sono presenti gli attributi name
(nome) con valore “description” e value (valore) con una stringa che rappresenta
il campo descrizione della pagina, per l'appunto. Questa stringa comparirà
tipicamente nei risultati di ricerca del nostro sito a rappresentare la parte testuale
in basso (quella non cliccabile);
i meta tag robots, leggermente più complessi e che servono a definire a priori
se quella pagina potrà, o meno, essere scansionata da un motore di ricerca. La
scansione è infatti la fase preliminare a qualsiasi indicizzazione o
posizionamento su Google di una pagina, e questi tag servono a definire
eventuali limiti di visibilità su di essa. Per il meta tag ROBOTS sono possibili due
possibili valori binari, ovvero INDEX/NOINDEX (che indica se la pagina corrente
possa essere scansionata dai motori) e FOLLOW/NOFOLLOW (che si riferisce

3 Si veda ad esempio https://it.wikipedia.org/wiki/HTML5 per approfondimenti.

9 di 62
alla scansionabilità dei link all'interno della pagina). A livello pratico, dunque,
potremmo avere quattro possibili opzioni di base, alternative tra loro:
<META NAME="ROBOTS" CONTENT="NOINDEX, FOLLOW">
<META NAME="ROBOTS" CONTENT="INDEX, NOFOLLOW">
<META NAME="ROBOTS" CONTENT="NOINDEX, NOFOLLOW">
<META NAME="ROBOTS" CONTENT="INDEX, FOLLOW">

che nella pagina web, nel caso tre, dovranno comparire in questi termini:
<html>
<head>
<title>...</title>
<META NAME="ROBOTS" CONTENT="NOINDEX, NOFOLLOW">
</head>

quindi all'interno della sezione <head> della pagina. Il significato dei valori è
presto detto:NOINDEX, FOLLOW indica a Google/Bing di ignorare la pagina
corrente e seguire i link contenuti in essa; INDEX, NOFOLLOW indica di
indicizzare il contenuto della pagina e di ignorare i link; il terzo esclude sia pagina
che link dal motore mentre il quarto non pone vincoli di alcun tipo né al contenuto
pagina nè ai link. Se non viene inserito alcun tag ROBOTS, di norma, si assume
che il valore dei meta tag sia “INDEX,FOLLOW“.
i link, che possono essere distinti in link interni (ad esempio per collegare le
varie pagine, sezioni o categorie del vostro sito) e link esterni (per citare una
fonte o un sito esterno di riferimento o, ancora meglio, per essere citati). I link
sono ancora oggi il cuore di molte attività SEO, proprio perché rappresentano
l'essenza stessa del web. Nello specifico, esiste un tipo di link esterni che viene
usualmente chiamato backlink, “link all'indietro”, ovvero: un link che un'altra
persona, per varie ragioni, inserisce al vostro sito web o ad una sua specifica
risorsa da un sito esterno. Mentre infatti le prime due tipologie di link sono
rispettivamente di natura navigazionale / orientativa (servono a facilitare la
navigazione dell'utente nel vostro sito) e spesso semantica (chiariscono a cosa
fate riferimento, dove avete tratto un'informazione ecc.), questo è un link
differente, difficile da ottenere perchè è necessario che l'altro webmaster abbia
una buona ragione per linkarvi.
Il che, come vedremo, è importantissimo per varie ragioni ed è realizzabile in vari
modi; ci arriveremo poco alla volta, senza troppa fretta per il momento.
Tutto ciò che in una pagina HTML è contenuto tra i tag <body> e </body>, per il
resto, caratterizza il contenuto effettivo della pagina, qualunque esso sia.
Guardatevi dall'infarcire di link e tag heading la vostra pagina, perché state
partendo col piede sbagliato.
Altri elementi da sapere e tenere presenti a breve saranno i seguenti.
Il file robots.txt, che è contenuto nella cartella principale del sito, contiene infine
le direttive che i motori dovrebbero tendenzialmente seguire: si tratta di
“suggerimenti”, e non di obblighi, per cui possiamo fare affidamento su di essi
solo per chiedere l'eliminazione di alcune pagine, la rimozione di risultati di
ricerca da Google oppure di trascurare pagine non necessarie nella scansione.
Per maggiori informazioni sull'implementazione nei vari casi si consiglia di vedere
il sito www.robotstxt.org oppure di dare uno sguardo ai robots.txt di vari siti
celebri, inserendo il coda al nome del sito il nome del file, ad es.
google.it/robots.txt oppure trovalost.it/robots.txt.
Il DNS di un sito non è altro che la sua configurazione a livello di dominio,
ovvero il mapping del dominio stesso sull'hosting che avete. Di fatto, esistono
vari tipi di record che si possono combinare tra loro, e vanno configurati una
tantum per garantire anzitutto il normale funzionamento del sito, e poi per
eventuali configurazioni specifiche degli strumenti che useremo.
FTP è un servizio che forniscono la maggioranza dei servizi di hosting, e che
consente download e upload di file del nostro sito: esso permette di disporre di
un file system remoto su cui editare, cancellare, creare file o directory come se
fossimo su un computer locale.
La root di un sito è la directory principale in cui sono caricati i file del nostro sito
web: tipicamente sui principali hosting essa potrebbe essere riferita come:
/var/www, /www, /htdocs, direttamente / e qualche altra variante.

D.2 - Terminologia di base


Di seguito riporto alcuni importanti termini che potranno essere utili nel seguito.

traffico – numero di visitatori unici (ad es. su base mensile)


unici – numero di utenti che visitano il sito dotati di un IP unico
impressioni – visualizzazioni di un sito (a prescindere dal numero di unici)
Search Console4 – tool di monitoraggio ufficiale di Google utile per tracciare i
dati dei risultati di un sito web. Utile perché permette di quantificare l’impatto di
Google sul sito in termini di ricerche più frequenti e numero di click sui risultati di
ricerca (CTR)
Google Analytics – tool di monitoraggio ufficiale di Google, utile per misurare il
numero, la provenienza e le caratteristiche dei visitatori del sito, oltre a mostrare
statistiche sui contenuti più visitati ed altro ancora
content marketing – approccio al web marketing che consiste nel creare
contenuti originali (articoli, tutorial, FAQ, interviste, video, …) al duplice scopo di
fornire qualcosa di utile agli utenti di internet e promuovere “indirettamente” un
sito, un servizio oppure un prodotto
link building – la generazione, induzione o creazione manuale di link esterni che
puntano al sito da ottimizzare
ottimizzazione onsite – ottimizzazione effettuata modificando i parametri, i
contenuti, i link o i tag di un sito
ottimizzazione offsite – ottimizzazione esterna al sito, effettuata tipicamente
mediante link building

4 Per informazioni specifiche si invita a leggere la documentazione ufficiale


https://support.google.com/webmasters/?hl=it#topic=3309469

11 di 62
monitoraggio dei risultati – permette di tenere sotto controllo l’andamento di
una parola chiave su Google e Bing (se presente tra le prime 100 posizioni),
viene utilizzato a scopo diagnostico
D.3 - I backlink
I backlink sono il canale di comunicazione principale per lavorare in ambito SEO,
ed è un po' come se fossero i ponti che collegano un'isola (il nostro sito), con i
quali è possibile dare visibilità al sito stesso - ammesso di potersi muovere
soltanto a piedi. Più backlink riusciremo al nostro sito, maggiori saranno le
sue potenzialità SEO nel medio-lungo periodo. I link sono spesso
caratterizzati da una anchor text (ad esempio <a href=”http://test.it”>questa</a>)
e da vari attributi, tra cui sono obbligato a ricordarne tre: href, title e rel.
href rappresenta il valore del link destinazione, ovvero il suo URL assoluto o
relativo.
title (da non confondersi col tag <title>) serve ad esplicitare il contenuto del link
destinazione, e c'è la convinzione diffusa che sia utile riempire questo campo a
scopo SEO (si tratta più di una questione di usabilità del link, visto che il testo
che inseriamo viene mostrato agli utenti passando col mouse sullo stesso). La
maggioranza dei theme dei siti supportano nativamente questa caratteristica.
rel è l'attributo di relationship, che può assumere vari valori tra cui il celebre (in
ambito SEO) “nofollow”: il rel=”nofollow” indica che quel link non debba essere
seguito (stando alla definizione di Google5). Il suo uso originario è legato alla
necessità di non far indicizzare la pagina web destinazione, ad esempio se
linkiamo una pagina di login che, effettivamente, potremmo non aver interesse a
rendere reperibile su Google.Il rel=nofollow su un backlink, per estensione, non è
né desiderabile né da evitare: andrebbe visto in modo neutro, senza calcoli di
sorta e senza considerazioni troppo opportunistiche. Il nofollow è un attributo
adatto (ed altamente consigliato) per i link affiliati, per i siti di natura sconosciuta
(i link all'interno dei commenti dei blog, infatti, tipicamente sono così) e per quelli
a scopo commerciale (se il sito è esterno si è soliti usare l'attributo external, tanto
che è comune trovare rel=”external nofollow” in vari siti). Ognuno potrà trarre le
considerazioni che ritiene più giuste sull'argomento, considerando che io, ad
esempio, ho sempre fatto attività SEO senza farmi condizionare dalla presenza o
assenza di questo attributo. La sua utilità in ambito SEO è legata ad una
continua altalena: da un lato, infatti, sembra che tutto sia legato alla presenza o
meno di questo attributo, eppure dall'altro è una delle cause di penalizzazioni più
comuni (e banali) che ci siano.
Acquisire backlink (detti a volte semplicemente link, ed intesi come link esterni
che puntano al nostro sito dall'esterno) è una delle attività principali di chi fa
SEO, e costituiscono la base del processo di ottimizzazione di un sito per i motori
di ricerca.

D.4 - Link building: quali sono i backlink che “valgono” per la


SEO?
Tutti i link che riusciamo ad acquisire sono importanti fino a prova contraria – o
meglio, come vedremo, tendono a diventare tali sotto opportune condizioni

5 Si veda https://support.google.com/webmasters/answer/96569?hl=it

13 di 62
“ambientali” – nel momento in cui sussista almeno una delle seguenti condizioni
ideali, applicabili praticamente a qualsiasi contesto.
Reputazione. Provengono da siti con “fama positiva” (il concetto dipende dal
contesto, è squisitamente soggettivo, e possiamo rilevare esempi anche in
contraddizione tra loro: in genere i quotidiani web hanno migliore reputazione dei
blog, ma in ambito bufale e debunking ci sono blog amatoriali con reputazione
eccellente rispetto ai quotidiani che spesso pubblicano molte notizie non
verificate). Trovate i siti più affidabili del vostro settore, ed avrete una lista di
backlink potenzialmente utili al vostro sito.
Età del dominio di provenienza. Provengono da domini molto vecchi come età;
l'idea è che se sono stati registrati da molti anni hanno più “esperienza” e
tendono (in media, non sempre) ad essere più affidabili.
Durevolezza. I backlink tendono a persistere nel tempo, cioè non vengono
rimossi dopo un mese perché al webmaster gira di farlo, o perché il dominio
scade e non viene rinnovato.
Pertinenza. Provengono da siti che hanno a che fare con il nostro (per esempio
un forum di film che linka un sito che fa recensioni);
Autorevolezza. Legato anche qui ad una valutazione soggettiva, è un tipo di
backlink che proviene da articoli, pagine, FAQ, video autorevoli per il settore, che
quindi ci citano per una ragione chiara: valorizzarci, criticarci, e così via. Qui
ovviamente l'autorevolezza è ancora relativa, oltre che difficilmente applicabile in
molti ambiti: se un sito viene linkato dalla pagina web di una banca, ad esempio,
è plausibile che quel link sia autorevole.
Quelli visti sono criteri orientativi che aiutano a capire se possa valere la pena,
caso per caso, acquisire o meno un certo link per il proprio sito: un'ulteriore
regola che ne potremmo derivare, e che uso spesso come criterio per
economizzare ricerche, tempo e lavoro, è il seguente:
meno banale è acquisire un link, più esso tende ad essere rilevante per la SEO.
Questo non vuol dire che uno debba cercare metodi bizzarri per fare link
building: significa, semplicemente, che non tutti i contributi di link che riceverà il
sito sono rilevanti, e che i backlink migliori saranno autorevoli, pertinenti,
durevoli, provenienti da domini con uno storico di livello e dotati di
reputazione accettabile.
Come generare un backlink? Il processo di acquisizione può seguire numerose
vie, ed è opportuno partire dalla più semplice (generazione diretta): se inseriamo
l'indirizzo del nostro sito in un analizzatore SEO (tra i tanti disponibili online
cercando “seo checkup online”) in molti casi verrà generata una pagina sul quel
sito con un link al nostro. Un modo molto veloce, ma altrettanto banale, per fare
ciò che chiamano comunemente “link building”: acquisizione, costruzione di link.
Il processo può fare riferimento ad un processo attivo (inserisco, chiedo
l'inserimento, piazzo direttamente un link, lo segnalo ecc.) che ad uno passivo
(in questo caso alcuni parlano di link earning, e bisogna in questo caso facilitare
le motivazioni per cui una persone dovrebbe linkare il nostro sito).
La SEO moderna deve a mio avviso fare lo sforzo (inconcepibile, per alcuni) di
non pensare alla rete di link che sta creando, né fare calcoli strategici su di essa
o sulla sua topologia6. Deve, piuttosto, fare di tutto per far citare, discutere e
linkare il proprio sito in quantità, ma in modo sempre equilibrato, naturale e
dinamico.
Nelle tecniche per fare SEO che vedremo in seguito, il presupposto di fondo è
spesso aver fatto qualcosa, avere buoni contenuti nel sito da valorizzare, avere
esperienza regressa in un settore e riuscire a renderla esplicita. In questo senso
la SEO è uno strumento che permette soprattutto di valorizzare l'esistente,
non di fare (come credono alcuni) miracoli sul proprio sito partendo da quattro
paginette pre-esistenti.

D.5 - Idee errate sulla SEO


Consentitemi un'ulteriore digressione prima di procedere: avrete intuito a questo
punto che non esistono dettami assoluti né dogmi da seguire nella SEO, perché
la visibilità sui motori di ricerca è frutto di una serie di scelte e, spessissimo, di
compromessi. La SEO è un'attività che media, per molti versi, skill o capacità
tecniche unite ad altre di tipo gestionale, di marketing, umanistiche ed altro
ancora; la sua definizione esula da un'inquadramento ben preciso, e questo - per
certi versi - gli fornisce una maggiore flessibilità. Proprio perché è una disciplina
che si adatta a molte tipologie di siti, e nasce e vive prevalentemente sul web
(oltre che in libri come questo, naturalmente) attraversa periodici momenti di
confusione, il più delle volte per via di articoli spazzatura pubblicati un po'
dappertutto.
Anzitutto, togliamoci dalla testa che l'ottica giusta per ottimizzare il nostro sito per
i motori di ricerca riguardi esclusivamente l'acquisizione ossessiva di
backlink: certo, essi hanno un ruolo di rilievo poiché costituiscono la base del
web e della definizione stessa di ipertesto, ma non devono deviare l'attenzione
dal farci fare azioni insensate perché “si deve”, a prescindere. Qualsiasi azione in
questo settore deve infatti prendere in considerazione il contesto in cui si opera,
e produrre azioni sensate e, se possibili, brillanti, allo scopo di migliorare la
visibilità del nostro sito. Alcuni degli ambiti su cui ho lavorato in ambito SEO (ad
esempio giochi online, abiti da sposa ed editoria sportiva) non offrono
opportunità troppo evidenti, e questo perché i siti di riferimento del settore sono
poco o per nulla curati, ed il più delle volte cercano soltanto di speculare sulla
vendita di qualche backlink. Se non possiamo acquisire backlink, insomma,
siamo costretti a lavorare sull'ottimizzazione dei contenuti esistenti, e sulla
creazione di eventuali nuovi contenuti attrattivi, sperando in una link earning
spontanea successiva.
La SEO non coincide con la scrittura compulsiva di articoli che linkino il

6 La topologia di rete tende ad associare alle varie pagine web delle “palline” dette nodi e ai link
delle freccette che li congiungono; il modello topologico è indispensabile per capire il modello
base del PageRank di Google, ma rischia di essere inadeguato nella maggioranza contesti
reali. Si veda anche https://it.wikipedia.org/wiki/Topologia_di_rete per altre informazioni sul
tema.

15 di 62
nostro sito, dato che questa è un'attività soprattutto da ufficio stampa (e non
sempre è necessaria, o praticabile, per il nostro sito); nonostante ciò, la “filosofia”
SEO può integrarsi agevolmente con opportune regole editoriali e, in certe
situazioni – specie se è la prima volta che si fa SEO - vale in parte l'assunto
secondo il quale “più articoli si scrivono che linkino nostro sito, meglio è”. Gli
utenti non saranno comunque entusiasti di leggere per 500 volte di fila lo stesso
articolo in cui parlate di quant'è bello il vostro sito, per cui la produzione di
backlink in questi termini diventa, nel tempo, sempre meno consigliabile.
La SEO, inoltre, non ha a che vedere con il calcolo strategico o la
valutazione opportunistica di indici numerici come il PageRank di Google, il
Page Authority / Page Domain di MOZ, l'indice AlexaRank e così via 7. Tali indici
forniscono indicazioni quantitative e parziali sui siti web, che esulano dal
contesto (un PR 8 non mi dice nulla su argomenti trattati o reputazione del sito,
ad esempio). Essi fanno perdere di vista il senso di quello che si sta facendo, e
questo è già un problema enorme di suo. Del resto qualsiasi strategia SEO che
si basa su indici del genere, oltre ad astrarci dalla realtà (e a risultare
scarsamente comprensibile agli occhi di un profano), ci obbliga a seguire una
direzione predefinita: della serie, vorremmo ottenere un backlink da quel sito con
DA o PR alto, ma non stiamo considerando che (ad esempio) quello è un portale
che parla di trattori, mentre noi stiamo promuovendo un blog di trekking.
Ricordiamoci poi che questi indici sono calcolati secondo criteri arbitrari stabiliti
da aziende che non sono né Google né Bing, per cui si tratta di stime su cui è
poco agevole stabilirne la credibilità. Nel dubbio, quindi, meglio lavorare
seguendo altri tool e principi generali.

D.6 - La Search Console di Google


Raggiungibile da https://www.google.com/webmasters/tools/
Questo primo strumento è certamente uno dei più usati in ambito SEO,
soprattutto per capire la situazione del nostro sito a livello di “conoscenza” di
Google: per utilizzarlo è necessario possedere i diritti di amministratore sul sito
che si intende analizzare. Il tool consente di trarre utili informazioni sul nostro sito
e poter dedurre possibili azioni in ambito SEO che possiamo effettuare mediante
esso.
Per attivare gli strumenti, solo la prima volta sarà necessario aggiungere il sito
dall'apposita interfaccia di testo, e poi confermare il possesso del sito mediante
una delle opzioni seguenti: aggiungendo un campo DNS dal proprio pannello dei

7 Tutti gli indici che associano un numero ad un URL o ad un dominio, quale che sia il criterio,
sono da considerarsi con massimo spirito critico, in ambito SEO. Nonostante tutto l'idea di un
numerino che indichi una certa “qualità” di un dominio è stato da me ideato per valutare i nomi
di dominio scaduti, sui quali esiste da sempre un fiorente mercato di compra-vendita. L'indice
Trovalost.it è spiegato nell'articolo: trovalost.it/2015/03/valutazioni-domini-online-il-tool-per-
determinarla-su-quelli-scaduti/ e serve a fornire una misura quantitativa della bontà del
dominio. Tale indice è proporzionale al numero di pagine indicizzate su archive.org ed alla
brevità del nome, che potete considerare a patto che non diventi il vostro unico e solo “faro” di
riferimento.
domini, caricando un file preimpostato via FTP nella root del sito, oppure
caricando un tag HTML in tutte le pagine del nostro sito (tipicamente nella parte
<head>). Dopo aver eseguito la procedura in modo corretto, dovremmo vedere il
nostro sito all'interno di un elenco con all'interno: messaggi di diagnostica,
numero di click da ricerca, pagine indicizzate e de-indicizzate8.
Sulla sinistra del WebMaster Tools (detti da qualche tempo Search Console)
vedremo un menu generale su cui poter cliccare, che permetterà di accedere alle
versioni più importanti. Tenete conto che la disposizione che qui vi illustro
potrebbe subire variazioni sostanziali nel tempo, per cui verificate nella pratica
ogni singola funzione qui elencata. La sostanza, ad ogni modo, rimarrà
ragionevolmente la stessa per molto tempo ancora.
Sulla destra della home, per la scheda del vostro sito, troverete tipicamente tre
riquadri che riportano: Errori di scansione, Analisi delle ricerche e Sitemap. La
prima serve a segnalare eventuali errori in fase di scansione del vostro sito: nella
migliore delle ipotesi non troverete alcun problema in questa fase, ma se
qualcosa dovesse essere segnalata bisognerà intervenire di conseguenza (sul
DNS, sul nostro hosting o su qualche parametro di configurazione del nostro
sito). Un maggior dettaglio in questo ambito va al di là degli scopi di un semplice
manuale SEO, per cui si rimanda a documentazione specifica di Google oppure
ai vari forum di settore. La seconda (Analisi delle ricerche) riporta un report
sintetico sul numero di click sui risultati di ricerca del nostro sito, con tanto di
grafico temporale recente. La terza ed ultima sezione o riquadro (Sitemap) è
relativa all'”assorbimento” dei dati della sitemap da parte di Google. Se all'inizio
non compaiono dati di alcun genere potrebbe essere necessario attendere
qualche tempo, oppure valutare situazioni molto specifiche come la presenta di
penalizzazioni che hanno ad es. escluso il vostro sito dall'indice di ricerca.
Aspetto della ricerca (sulla sinistra) è una finestra puramente informativa che
riporta dati relativi ed eventuali markup strutturati (Rich Text Snippets), un
comodo (in certi casi) Evidenziatore di dati (per facilitare la scansione di pagine
complesse a Google), la segnalazione di eventuali Miglioramenti HTML da
apportare alle pagine, la presenza o meno di sitelink (vengono fuori se il sito è
ben fatto e possiede un buon volume di traffico, di solito) e, da qualche tempo, la
sezione AMP(Accelerated Mobile Pages), una sezione dedicata alle pagine web
del vostro sito “alleggerite” del non indispensabile e pensate per essere
visualizzate tra i risultati di ricerca di smartphone e cellulari in condizioni di
scarsa connettività di rete (si veda
https://www.google.com/support/webmasters/answer/6328309).
La sezione Traffico di ricerca è certamente una di quelle su cui farete click più
spesso: essa contiene le informazioni specifiche sul vostro sito web a cui
soltanto voi potrete accedere. Queste informazioni sono da considerarsi
riservate, ed è in genere sconsigliato fornirle nel dettaglio ad estranei o
pubblicarle in un articolo, poiché contengono dati molto ambiti dal punto di vista
SEO: questo vale, ovviamente, soprattutto se avete a cuore l'ottimizzazione del

8 Si veda https://support.google.com/webmasters/?hl=it#topic=3309469

17 di 62
vostro sito o lavorate su un sito di tipo commerciale o siete soggetti ad accordi di
non divulgazione. Nell'ordine, Analisi delle ricerche mostra in una comoda
interfaccia:
Clic, cioè il numero di click giornalieri che i visitatori effettuano sui vostri risultati
di ricerca;
Impressioni, ovvero il numero di volte in cui sono visualizzati quei risultati;
CTR, un parametro che rappresenta il Click-Though Rate ovvero il rapporto tra
impressioni e click;
Posizione, che rappresenta infine la posizione media per ogni ricerca su Google.
Scorrendo più in basso la pagina troverete una lista di query, cioè di ricerche,
che portano più frequentemente al vostro sito: potete ordinarla per numero di
click, per impressioni, per posizione o per CTR crescente. Se non dovesse
apparire nulla, dovrete lavorare un po' lato SEO come descritto in questo libro e
consultare il report solo qualche settimana dopo. Facendo caso alle ricerche
noterete quindi argomenti, varianti, topic principali che tendono a portare visite
sul vostro sito.
La lista di ricerche della Search Console rileva, quindi, le ricerche su cui siete più
“forti” col vostro sito, e lo scopo potrebbe essere in questo senso orientato in
varie direzioni: potreste ad esempio puntare delle ricerche specifiche, oppure
cercare di allargare lo spettro di ricerche che portano al vostro sito (la cosiddetta
“coda lunga”, ovvero ricerche lunghe e specifiche per cui è tipicamente più
agevole posizionarsi). Questo report è utile, inoltre, per vedere se le ricerche
sono a tema col vostro sito o meno: per i siti ottimizzati è tipico vedere nelle
prime dieci righe almeno 7-8 ricerche molto pertinenti al nostro sito. Se non lo
sono, è tipicamente necessario creare delle pagine ex novo oppure modificare le
esistenti cercando di inserire nel titolo, nel testo e nella meta-description le
parole chiave richieste. Potete anche ordinare le varie colonne (ammesso che ci
siano già dei dati) per impressioni, click o CTR, evidenziando rispettivamente le
ricerche più popolari, più cliccate o con migliore rapporto impressioni / click.
I link che rimandano al tuo sito sono i backlink rilevati di recente da Google, gli
stessi di cui abbiamo premesso l'importanza all'interno del paragrafo D.3 -. In
questa sezione potrete vedere, a vari livelli di dettaglio, il totale di link in ingresso,
i siti che vi linkano e le pagine più linkate usate per collegare, sia internamente
che esternamente, il vostro sito web. Se fate link building, vedrete le pagine che
vi linkano un po' alla volta in questo report: se qualcuno vi linka a vostra insaputa
(il che è generalmente una buona cosa), stessa cosa, presto o tardi vedrete il
backlink acquisito da qui. Non è ufficialmente noto il tempo necessario perché i
dati reali vengano acquisiti, ma dalla mia esperienza direi che l'acquisizione non
è (ancora) in tempo reale, e che il tempo che deve trascorrere va da un paio di
giorni a qualche settimana.
Il report tende a segnalare tutti i backlink in ingresso a prescindere da anchor
text e da attributi vari, e vi permette di tracciarli a distanza di qualche tempo (non
in tempo reale, almeno al momento in cui scrivo): in alcuni casi, anche i backlink
scomparsi o rimossi da poco potrebbero continuare ad apparire. Non è detto,
quindi, che tutti i backlink vengano segnalati dallo strumento, e non è detto che
Google consideri esattamente e solo questi per fare le proprie valutazioni.
Ricordatevi insomma che la Search Console è uno strumento di diagnostica,
soggetta ad errori come qualsiasi altro software e non potrà mai guidare le
vostre attività SEO in modo automatico.
I link interni sono, come suggerisce il nome stesso, i collegamenti o link interni
al vostro sito che avete inserito. Di seguito azioni manuali è una sezione
sperabilmente vuota che Google usa per comunicarvi penalizzazioni manuali al
vostro sito web, su cui discutiamo in F.1 - e in F.2 -. Le altre sezioni non saranno
affrontate in questa sede, poiché riguardano siti multilingua e Usabilità mobile su
cui andrebbero fatti discorsi a parte, che eviterò di affrontare in questa sede.
Altri elementi di basilare importanza per il bravo SEO, su questo tool, sono
relativi all'indice di Google nella sezione Rimozione URL, che come dice il nome
stesso permette di rimuovere indirizzi del vostro sito che magari si posizionano
male o non servono a nulla o peggio, creano confusione. Attenzione che per
rimuovere una pagina da Google dovrete prima di tutto rimuoverla dal sito, e
soltanto dopo - ad opportune condizioni, cioè generando una pagina 404 o
inserendo una direttiva noindex - sarà possibile farlo. Non fatevi ingannare, poi,
dalla sezione puramente statistica “parole chiave per la rete di contenuti”, poiché
propende a farvi pensare ad un concetto fuorviante come la keyword density9,
ovvero: diffondere la credenza che le parole chiave nel testo del sito vadano
ripetute un numero preciso di volte, quando la SEO si basa su un meccanismo
più complesso. Non badateci, quindi, se non per semplice curiosità, e non
costruite strategie basate su di essa: è poco professionale pensare di farlo, e
denota il più delle volte svogliatezza e scarsa voglia di capire le cose.
Nella sezione Scansione troviamo, infine, la sezione Errori di scansione che
denota tipicamente errori 404: si tratta di un tool di diagnosi che vi facilita nel
compito di tracciare, ed eventualmente rimuovere, pagine mancanti. Il tutto ha
più a che vedere con le prestazioni tecniche del sito più che con la SEO, per cui
rimando a documentazione specifica su Google relativa a come comportarsi in
questa sezione. I link qui presenti possono essere rimossi in blocco o
singolarmente grazie al tool di rimozione appena citato, per la cronaca.
Sappiate inoltre che da Scansione e poi Visualizza come Google è possibile sia
vedere la pagina web come la vede Google (e questo, di solito, serve a poco) sia
forzare la ri-scansione di un URL che, ad esempio, state provando ad ottimizzare
o sul quale avete apportato modifiche sostanziali. In questa fase basta seguire le
istruzioni riportate a video al fine di eseguire tutte le operazioni tipiche del caso.
Nota finale per la pratica: se la Search Console dovesse apparirvi in inglese,
potete agire sulle Preferenze della Search Console oppure basta cambiare,

9 Molti SEO si ostinano a dare risonanza a questa misura di IR, nonostante sia molto banale e
semplicistica (o forse, proprio per questo motivo): ho scritto un articolo in merito che cerca di
spiegarne I presupposti e l'uso fuorviante che ne viene fatto:
http://seo.salvatorecapolupo.it/blog/la-keyword-density-e-una-scemenza/

19 di 62
nell'URL dell'applicazione mediante la barra degli indirizzi, il parametro hl da
hl=en a hl=it.

D.7 - Google Analytics


Raggiungibile da https://analytics.google.com
Lo strumento Google Analytics serve a fornire le principali unità di misura del
successo, del feedback e della permanenza dei visitatori del sito, con la
possibilità di segmentarli e monitorare le visite. Il tutto, a patto che abbiate
inserito nello stesso lo script di autenticazione dell'applicazione, che andrà copia-
incollato nel footer di ogni pagina del vostro sito (oppure nel file del theme grafico
che state usando, sezione footer, una singola volta).
I dati riportati riguardano fino al giorno precedente e riportano visite, provenienza
dei visitatori, tasso di permanenza, fonti di traffico sul vostro sito (backlink, fonti
social, ecc.), statistiche sul comportamento, pagine più visitate e molto altro
ancora.
Pur essendo più propriamente un tool di web analytics, è uno strumento
utilizzabile dai SEO per misurare ad ampio spettro le prestazioni del sito, e trarre
considerazioni e politiche di gestione del sito dall'analisi dei dati che presenta.

D.8 - Strumenti per webmaster di Bing


Raggiungibile da http://www.bing.com/toolbox/webmaster/
Questo terzo strumento è analogo a D.6 -, ed è utile per analizzare le proprietà
dei nostri siti web rispetto a Bing; anche in questo caso, è necessario possedere
i diritti di amministratore sul sito che si vuole analizzare.
Per attivare gli strumenti, solo la prima volta sarà necessario aggiungere il sito
dall'apposita interfaccia di testo, e poi confermare il possesso del sito mediante
una delle opzioni seguenti: aggiungendo un campo DNS dal proprio pannello dei
domini, caricando un file pre-impostato via FTP nella root del sito, caricando un
tag HTML in tutte le pagine del nostro sito (tipicamente nella parte <head>).
Dopo aver eseguito la procedura in modo corretto, dovremmo vedere il nostro
sito all'interno di un elenco con all'interno: messaggi di diagnostica, numero di
click da ricerca, pagine indicizzate e de-indicizzate.
Le sezioni sono analoghe a quelle viste per la Search Console, e può essere ad
esempio utile a scopo di feedback incrociati e confronto tra le prestazioni di
questo motore e dell'altro.

D.9 - Idee geniali


Durante i miei primi anni di esperienza lavorativa in ambito SEO mi sono capitati
clienti squisiti (non in senso alimentare) ma anche, purtroppo, altri davvero
complicati da gestire, e che col tempo ho dovuto imparare a filtrare e
ridimensionare. Il più delle volte erano clienti che rientravano nelle categorie di
pensiero suggerite dai punti C.5 -, che insomma avevano idee distorte o
lacunose su questa meravigliosa arte-tecnica quale considero la SEO.

Avevano delle idee per un sito, per fare soldi facili (dicevano): idee di cui è fin
troppo facile innamorarsi, e da cui bisognerebbe imparare a diffidare proprio
perché, e non mi stancherò mai di ripeterlo, il compito di una SEO seria è anche
quello di riconoscere il propri limiti e comprendere a fondo il mercato di
riferimento.

Tra i casi più bizzarri ne riporto alcuni come esempio di come, di fatto, sia
comune illudersi che internet porti soldi a tutti.

Facciamo un sito di news - quanti siti di news vale davvero la pena leggere?
Facciamo un sito affiliato in cui mettere i banner Adsense e ti pago con gli
incassi. Quando arrivano. Se arrivano. Sai, la crisi…
Fammi la SEO gratis e ti pago al raggiungimento del risultato. Tanto tu sei bravo
...
Propongo una collaborazione gratuita ma qualificante, con tanto di indicazione di
orario lavorativo
Creiamo un social network (questi sono i migliori, ndr) per: single in cerca di
prede / trovare lavoro / pescatori di frodo / webmaster ASP / idraulici coi baffi /
fan di videogiochi anni 70”

Attenzione, quindi, a pensare alla SEO come ad un modo per fare soldi su
qualsiasi sito perché non è così, per quanto essa possa – nel tempo - metterci
nelle migliori condizioni possibili.

D.10 - Psicologia e logica del link builder


Se le referenze fanno pensare all'incremento di backlink (già visto in precedenza,
ma ne riparleremo molte volte), dovremmo estendere tale idea anche alle
semplici citazioni, soprattutto nel caso in cui siano correttamente innestate in una
discussione (ad esempio su un blog o in un forum). Citare il nostro sito anche
senza un backlink possiede un importante valore aggiunto, e contribuisce ad una
corretta brandizzazione del nostro sito. È normale, poi, chiedersi quante di tali
referenze possano tradursi in backlink o, quantomeno, in citazioni testuali da
parte di siti esterni, ma se non riusciamo a farlo non dovremmo mai forzare la
mano.
Pensiamo alla strategia di promozione del nostro nuovo film: se ci fate caso,
viene creato quasi sempre un dominio nomedelfilm.est, e si pubblicano su di
esso approfondimenti, foto, anticipazioni, interviste e trailer dello stesso.
Tendenzialmente i fan – ma anche i detrattori – che abbiamo un blog, o siano
membri di una community, linkeranno in modo naturle il sito in questione per
evidenziarne aspetti positivi (e anche negativi) dello stesso, costituendo così
parte integrante del suo processo di ottimizzazione lato SEO.
In questo caso potremmo parlare di un'ottimizzazione “inconsapevole” per le
recensioni negative e perfettamente consapevole per quelle positive, con

21 di 62
l'ulteriore appunto che chi conosca anche di sfuggita la SEO eviterà di linkare un
sito ritenuto di poco valore. Ecco perché ho intitolato questo capitolo “Psicologia
e logica del link builder”: da un lato, è normale che i nostri fan si entusiasmino
per quello che pubblichiamo nel sito e ci linkino (logica), dall'altro è inevitabile
che i detrattori ci puniscano parlando male di noi (psicologia). La gestione della
reputazione in questi casi è anch'essa importante, ma esula dalle strategie
puramente SEO, ed è meglio – in generale – che sia gestita da esperti del
settore. Il focus da inquadrare per il momento è legato ai seguenti punti:
1. chiunque ci citi può contribuire all'ottimizzazione del nostro sito;
2. le citazioni possono contenere link o solo citare il nome del sito o
l'indirizzo di una pagina;
3. non sempre la link building è un processo consapevole, anzi è spesso del
tutto involontario.
Notate come il processo, in questi termini, non sia affatto predeterminato o
forzato – almeno non ufficialmente; il segreto risiede nel fatto che il sito è messo
nelle migliori condizioni perché ciò possa avvenire. Questa è una chiave di
lettura importante per ottimizzare nel senso più ampio il proprio sito web.

D.11 - Risorse gratuite da sfruttare


Questi tool servono come riferimento per le attività presenti e future dei SEO: mi
sembra utile proporli in questa veste, premettendoli a qualsiasi altra cosa, in
modo da poterli tenere sempre a portata di mano.
 Scansione del file robots.txt
https://www.google.com/webmasters/tools/robots-testing-tool
 Segnalare il proprio sito su Google News (e farlo aggiungere):
http://www.google.it/support/news_pub/bin/answer.py?hl=it&answer=1912
08&rd=1
 Segnalare il proprio sito sulla directory DMOZ:
www.dmoz.org/World/Italiano/
 Segnalare pagine di spam a Google:
https://www.google.com/webmasters/tools/spamreportform?hl=it
 Segnalare link a pagamento a Google:
https://www.google.com/webmasters/tools/paidlinks?pli=1&hl=it
 Rimozione di una pagina di un proprio sito (deve essere impostata la
Search Console come pre-requisito):
https://www.google.com/webmasters/tools/url-removal
 Richiesta di rimozione di una pagina web qualsiasi (ad esempio per
problematiche di privacy e simili):
https://support.google.com/legal/contact/lr_eudpa?product=websearch
 Verifica correttezza dei rich snippets (“stelline” delle recensioni ed altro
ancora) https://developers.google.com/structured-data/testing-tool/
D.12 - Equivoci: update di Google
Google ha spesso reso pubblici alcuni dettagli sulla propria attività o, per meglio
dire, ha sempre pubblicato notizie su “come lavora” e le ha presentate in modo
accattivante. Il sito ufficiale su cui Google pubblica i propri bollettini è da sempre
googleitalia.blogspot.it, a cui potete aggiungere l'ulteriore indirizzo googleweb-
mastercentral.blogspot.it. È certamente una buona idea salvarli tra i bookmark
del proprio browser, in modo da disporre di novità sempre aggiornate e,
soprattutto, informazioni di prima mano.

L'azienda è solita informare sulle novità che introduce e, in alcuni casi, sui
cambiamenti agli algoritmi che regolano il motore di ricerca: questo, da
quello che ho notato, non spiegando MAI nel dettaglio cosa abbia fatto (anche
perché sarebbe difficile per molti di noi comprenderne i dettagli), bensì
informandoci in modo generico su una novità. Queste informazioni
sembrerebbero a prima vista vitali per qualsiasi attività SEO ma, come vedremo,
non è affatto così. Ho sempre considerato relativa l'importanza di questi
comunicati, classificandoli spesso come semplice marketing di contenuti (ne
parleremo al punto 45, ed è una tecnica di promozione che evidentemente
funziona benone), per quanto buona parte della community SEO, per quanto
paradossalmente esperta in queste cose, si lasciasse andare a facili entusiasmi
ogni volta: è successo per Hummingbird, per Panda, per Penguin, e succederà
ancora.

Volendo proporre un rapido excursus sul tema, mi permetto di riportare per la


cronaca un po' di storia sui principali Google Update di cui, se siete anche
semplici appassionati del settore, troverete sicuramente almeno un riscontro.
Questi, per me, sono gli articoli più interessanti che dovreste quantomeno
conoscere e tenere presenti.

1. Come realizzare siti web di qualità (2011)


http://googleitalia.blogspot.it/2011/05/altre-indicazioni-per-la-
realizzazione.html
2. Maggiore priorità ai risultati recenti (2010, Google caffeine)
https://googleblog.blogspot.it/2011/11/giving-you-fresher-more-recent-
search.html e https://googleblog.blogspot.it/2010/06/our-new-search-
index-caffeine.html
3. Introduzione di HTTPS per una ricerca più sicura (2011)
https://googleblog.blogspot.it/2011/10/making-search-more-secure.html
4. Evoluzione dei sitelink (2011)
http://insidesearch.blogspot.it/2011/08/evolution-of-sitelinks-expanded-
and.html
5. Nuova formattazione dei link “in depth”
https://googlewebmastercentral.blogspot.it/2013/08/in-depth-articles-in-
search-results.html
6. Google Panda (2011)
https://googlewebmastercentral.blogspot.it/2011/05/more-guidance-on-

23 di 62
building-high-quality.html
7. Google Penguin (2012) http://insidesearch.blogspot.it/2012/04/another-
step-to-reward-high-quality.html
8. Raffinamenti vari sulle ricerche (2012)
http://insidesearch.blogspot.it/2012/10/search-quality-highlights-65-
changes.html
9. HTTPS come segnale di ranking (2014)
https://googlewebmastercentral.blogspot.it/2014/08/https-as-ranking-
signal.html

La lista in effetti potrebbe continuare quasi all'infinito, anche se mi sono fermato


al 2014 per brevità. Sappiamo, ad esempio, che già nel 2011 si registravano, tra
le attività relative alla presentazione dei risultati di ricerca di Google: valutazioni
sulla precisione dei risultati, test algoritmici, quality rating con valutatori umani10 e
considerazioni varie sul numero di click - per un totale di almeno due
modifiche giornaliere agli algoritmi che determinano i risultati di ricerca
(500 cambiamenti / 365 giorni = 1,36 circa, in media). Questo solo nel 2010,
naturalmente. Dato che comunque nessuno può sapere nel dettaglio “cosa”
davvero faccia Google dietro le quinte, mi sembra inutile concentrarsi su
un'attività del genere, o fare discorsi o magari corsi a pagamento su di essa.
Arrivo al punto cruciale tra un attimo.

Da qualche anno, per quello che ci interessa, le attività di Google negli stretti
termini di miglioramento dei risultati di ricerca sono legati alla lotta allo spam, o
meglio ai siti web che occupano per errore, o per cause malevole, i risultati di
ricerca: tali update sono eseguiti su base periodica e su scala mondiale (o
relativamente ad alcuni stati), e sono noti con i nomi di vari animali: abbiamo
Google Penguin, Google Pigeon, Google Panda e così via. Ma a cosa ci serve
sapere a cosa servono l'uno o l'altro, a pensarci bene? Esiste già un'ampia
documentazione su quello che è consentito, consigliato e/o lecito fare per
promuovere un sito, tanto che in questo libro vedremo 29 possibili strategie per
effettuare tali operazioni. Gli update di Google rappresentano, a mio modo di
vedere, un surplus informativo che devìa l'attenzione dai problemi reali della
SEO.

Molti blog SEO (non solo) italiani basano la propria strategia editoriale sul
seguire pedissequamente le novità degli update ogni volta che ne esce fuori uno,
con l'idea di tenere aggiornato il pubblico di SEO, tra professionisti e semplici
amatori. Il risultato è che, purtroppo, ognuno ha interpretato a modo proprio

10 Esiste una porzione consistente del personale di Google addetto alla valutazione della quali-
tà dei risultati delle ricerche; ho anche avuto modo, anni fa, di parlare direttamente con uno
di loro, il quale è rimasto decisamente “abbottonato” nel fornirmi dettagli su ciò che faceva.
Analizzava campioni di risultati e ne forniva una valutazione dal punto di vista formale, tec-
nico, di contenuto informativo e di utilità percepità. Alcune linee guide del quality rating dei ri-
sultati di ricerca sono diventate, nel frattempo, ufficialmente note: si veda
http://seo.salvatorecapolupo.it/blog/google-pubblica-un-documento-ufficiale-sul-quality-rating-
dei-risultati-ricerca/
queste indicazioni, basandosi spesso su illazioni,notizie di seconda mano,
fraintesi clamorosi o, ancora più banalmente, su ciò che più gli piaceva
credere: il tutto con il risultato di generare un enorme ed incontrollabile caos. La
fama della SEO come attività molto improvvisata, poco seria, che può fare
chiunque “alla buona”, deriva in larga parte da questo scenario.Dovrebbe essere
chiara la necessità di sbarazzarsi di tutto questo (impreciso, e sostanzialmente
poco utile) overload di informazioni, ed è per questo che mi sono dilungato a
discuterne.

Peggio ancora è scalare o regolamentare le proprie attività SEO sulla base


dell'interpretazione più popolare dell'update del momento, il che (oltre a bloccare
la nostra creatività) rischia di renderci automi che fanno tutti,
contemporaneamente, le stesse cose. Non farsi condizionare è infatti l'unico
modo per mantenere l'attività SEO sempre lucida e funzionale, e per convincerci
di questo fatto basta leggere le successive considerazioni.

D.13 - Documenti da leggere, studiare ed approfondire


Per quanto sia difficile stilare una lista realmente completa, i seguenti sono da
considerarsi tra i pochi documenti sempre utili, da tenere come riferimento fisso
per fare correttamente qualsiasi attività SEO.

1. Istruzioni per webmaster (Google):


https://support.google.com/webmasters/answer/35769?hl=it
2. Istruzioni per webmaster (Bing):
http://www.bing.com/webmaster/help/webmaster-guidelines-30fba23a
3. Documento ufficiale sul quality rating (Google):
http://googlewebmastercentral.blogspot.in/2015/11/updating-our-search-
quality-rating.html

Leggendo ed assimilando bene tali concetti, ad es. alla fine della lettura di questo
libro (meglio), dovreste essere pronti a fare SEO in modo naturale, pratico e
senza complicazioni inutili.

D.14 - Equivoci: il PageRank


Per quanto affermato ufficialmente, il PR è un numero associato alla popolarità di
un link sul web, registrato da Larry Page di Google nel 2001 come brevetto
statunitense (US6285999). Conoscerlo è necessario come bagaglio “culturale” di
un SEO ma il discorso, in un certo senso, finisce ancora prima di cominciare: si
tratta infatti di un parametro che non dovrebbe più essere considerato per
valutare il “valore SEO” del proprio o di altri siti (the Webmaster Central team has
been telling webmasters for years that they shouldn't focus so much on
PageRank as a metric for representing the success of one’s website, afferma
Google in via ufficiale) e che non è (mai stato) un elemento quintessenziale per
influire sul ranking (PageRank is no longer—if it ever was—the be-all and end-all

25 di 62
of ranking)11. Molti suoi effetti “benefici”, peraltro, si possono spiegare come un
mix tra l' effetto placebo (se sono convinto che un backlink PR 10 sia buono,
ottenerlo riuscirà ad appargarmi ugualmente, anche se i problemi del mio sito
sono ben altri) e la sciocca presunzione di chi crede di avere sempre, e
comunque, il mondo in mano.
Dopo anni di esperienza nel settore sono convinto che l'abuso, il continuo parlare
e la ricerca ossessiva di backlink a PageRank alto abbia minato la qualità globale
delle consulenze, oltre ad aver livellato i prezzi (non potrai mai chiedere un equo
compenso, se si tratta solo di manipolare questo indice) e ridotto la concorrenza
ad una pura PageRank-war, una brutale sfida “a chi ce l'ha più lungo”. Senza
contare ulteriori equivoci tecnici12.
Certo è che si tratta di un indice manipolabile (e manipolato) praticamente da
chiunque, tanto che buona parte del mercato dei domini tende a vendere link
ad alto PageRank, falsando un intero settore e banalizzando, errore ancora più
grave, il valore di una consulenza “umana”. Aggiungo che il discorso si potrebbe
applicare a qualsiasi indice numerico alternativo al PR, e che mi arrivavano (fino
a qualche tempo fa) decine di mail al mese con richieste di pubblicare articoli
mirati a manipolare il PR..
Il problema di fondo non è tanto polemizzare coi PageRank lovers o aizzare gli
haters: è legato ad un problema serio che è la misurazione dei risultati in
ambito SEO. Come abbiamo accennato, non è facile misurare i risultati in
questo settore, e sarebbe molto meglio conteggiare conversioni, click, visite alle
pagine e guadagni effettivi piuttosto che ritenersi soddisfatti per un semplice
numero superiore a 4 piuttosto che a 7. Chi cerca di contrattare per
compravendita di link ad alto PageRank, e qui chiudo la filippica, il più delle volte
mira a marketizzare un numerino e a fare un po' di “rumore” o darsi un tono con i
meno esperti.
Nella mia esperienza lavorativa la pura e sfrontata manipolazione del PageRank
non serve a molto, e produce pochissimi (o nessuno) risultati concreti. Come ho
scritto in precedenza, prima di qualsiasi altra considerazione i tuoi backlink
devono avere senso.

D.15 - Equivoci: l'attributo nofollow

11 https://googlewebmastercentral.blogspot.it/2011/06/beyond-pagerank-graduating-to.html
12 Ad esempio: la propagazione del PR secondo la formula pubblicata nel brevetto originale
avviene per singola pagina web, mentre le sue valutazioni sono tipicamente effettuate per sito.
Il calcolo del PageRank, inoltre, è affidato a strumenti di cui non sappiamo molto, Google ha
sempre tentennato nel dichiararne il valore e, soprattutto, non c'è modo di provare che quello
che riusciamo a calcolare con i tool online sia lo stesso che Google utilizza (ammesso che lo
faccia) nella sue valutazioni. La misurazione del PR che vediamo o sentiamo in giro è poco
attendibile, dato che non viene mostrata da nessuna parte (tantomeno nella Search Console).
Non mi pare, quindi, che abbia senso stabilire le politiche SEO del proprio sito su questo
singolo parametro, solo perché è un numerino così carino, o magari si adatta bene alla
mentalità ristretta di certuni. Ecco perché ogni volta che mi trovo ad affrontare l'argomento
arrivo alla medesima domanda: di cosa parliamo, invece di discutere di ottimizzazione di siti?
Un altro attributo chiaramente frainteso dai più è legato, ancora oggi, all'attributo
nofollow, oggetto di speculazioni altrettanto sfrontate e legate, anche qui, alla
manipolazione del PageRank. Il massimo che si possa volere dalla vita, per
molti, è un backlink dofollow – eufemismo per denotare l'assenza dell'attributo
rel=nofollow – ma la fallacia di questa considerazione è in larga parte
riconducibile a quanto visto poco fa. Se il PageRank non è tutto, anche qualsiasi
calcolo strategico sul nofollow è privo di senso: ho visto troppe volte snobbare i
link nofollow ancora oggi, e mi sembra una politica tanto sciocca quanto
sostanzialmente priva di senso.
Del resto: meglio un backlink nofollow da un sito pertinente, autorevole, popolare
e con una certa anzianità, che potrebbe se non altro portarvi visite o un link da
un sito semi-sconosciuto con PageRank alto, senza nofollow e per cui magari
state pure pagando?
I link affiliati, ad esempio, quelli che tracciano le vendite effettuate dai blogger per
conto di terzi, sono tipicamente nofollow: e sono tipicamente link di un certo
valore visto che favoriscono le vendite, non vi pare?

E - Diagnostica SEO
Il nostro utilizzo di un motore di ricerca come Google nella pratica quotidiana è, o
almeno dovrebbe essere, ben noto: basta aprire google.it, e cercare il termine
che ci interessa. I risultati verranno proposti nell'ordine che il motore ritiene più
“corretto”, e capire i criteri per cui un sito viene favorito nei risultati rispetto ad un
altro è, in effetti, uno – se non il più importante - dei compiti della Search Engine
Optimization.
Le necessità che ci spingono in questa direzione sono:
1) ricercare un termine in relazione al proprio sito, e valutarne il posizionamento (
eventualmente da più postazioni e/o in relazione ad eventuali target geografici);
2) ricercare risorse che possono interessare il nostro sito, allo scopo di segnalare
a quei webmaster che esistiamo e proporre vari tipi di collaborazioni (guest post
ecc.);
3) tracciare link in ingresso al nostro sito, seppur in misura parziale, e valutare i
feedback già indicizzati che riguardano lo stesso;
4) valutare eventuali opportunità di crescita per il proprio sito, sfruttando servizi
già esistenti (directory, forum, blog tematici, ecc.).
L'uso di Google può essere nettamente migliorato se teniamo conto dei
cosiddetti “operatori di ricerca”, che sono molto utili per tirare fuori informazioni
inedite dal motore, e scoprire informazioni sepolte nei suoi meandri. Esse ci
serviranno poiché la fase di indagine preliminare della SEO ci permetterà di
capire da cosa stiamo partendo e, di conseguenza, orientare al meglio le nostre
azioni. In pratica lo scopo di questa fase del lavoro è quello di ricavare il maggior

27 di 62
numero possibile di informazioni sul sito su cui vogliamo fare SEO e,
eventualmente, sui suoi concorrenti.

E.1 - Operatori di ricerca


Andiamo a vedere di cosa si tratta all’interno di una sorta di micro-guida non
ufficiale agli operatori di Google: basterà usare un browser qualsiasi tra
Explorer/Edge, Firefox, Chrome o altri ancora del tutto equivalenti. Quelli che
considereremo di seguito, quindi, sono quelli più importanti nella pratica
operativa dei SEO13.
Tenete conto che i criteri con cui vengono mostrati i risultati possono cambiare a
seconda di chi fa la ricerca, in corrispondenza di fattori (browser, località,
precedenti ricerche ecc.) che cercano di “accontentare” ogni singolo utente.

E.2 - Ricerca diretta di un termine


La ricerca standard, come probabilmente già saprete, è quella che facciamo
cercando direttamente nella casella di ricerca del motore uno, più termini o una
frase:
parola
parola composta
frase che mi interessa

La ricerca di sinonimi, in questa sede, sarà utile a mostrare più risultati e di
conseguenza maggiori opportunità per noi. Fin qui nulla di complicato, quindi; la
risposta del motore alle ricerche rifletterà quelli che dovrebbero essere i migliori
risultati del momento.
La corrispondenza del termine nella pagina web può essere anche esatta, specie
nel caso in cui si stiamo cercando blocchi di testo specifici.
Cercare ad esempio:
“frase che mi interessa”
è più restrittivo (quindi più preciso) del semplice
frase che mi interessa

E.3 - site:
L’operatore site: permette di visionare tutte le pagine indicizzate del sito
passato come argomento (vale sia per Bing che per Google, ma anche per altri
motori). Di riflesso, esso permette di valutare ad es. se un sito è stato
penalizzato (i siti considerati scorretti lato SEO da Google sono spesso rimossi

13 Si veda: https://support.google.com/websearch/answer/2466433?hl=it
dall'indice).
La sintassi di site, che funziona sia su Google che su altri motori, prevede la
presenza opzionale di una ricerca (x) e l'uso di site:nomesito.it. Quindi, per
intenderci:
site:nomesito.it x
dove il termine di ricerca x può mancare.
Se cerchiamo un sito con l'operatore site: secco, ci verranno restituite le pagine
di Google indicizzate dello stesso, in un ordine imprecisabile.
Se invece associamo un termine di ricerca x ciò corrisponde, in generale, alla
ricerca di un termine all’interno del sito in questione.
Si può usare site, quindi, sia in forma generale:
site:nomesito.it

che per una specifica:


site:nomesito.it X

oppure:
site:nomesito.it “frase di ricerca”

per effettuare la ricerca esatta o, ancora:


site:nomesito.it “trova questo” -“ma non questo”

che cercherà nel sito nomesito.it la corrispondenza di “trova questo”, ad


esclusione (segno -) della frase ma non questo.
L’operatore site permette poi di effettuare vari generi di ricerche specifiche:
vediamone alcune, che vi invito a testare sul campo per rendervi conto del loro
effetto. Saper usare gli operatori è fondamentale per cercare siti che offrano
backlink con i cosiddetti footprint14, e per cercare nei seguenti modi.
1) cercare blog in WordPress con corrispondenza X
site:wordpress.com X

2) cercare blog in Blogger / Blogspot con corrispondenza con X


site:blogspot.com X

3) cercare siti con estensione .it e corrispondenza X


site:*.it X

14 Si veda in merito: http://www.webhouseit.com/video-come-utilizzare-footprint-di-google-per-


trovare-backlink/

29 di 62
Si possono poi effettuare ricerche combinate, quali ad esempio:
“miosito.it” -site:miosito.it
che cerca tutte le corrispondenze del nome del nostro sito, ad esclusione di
quanto presente nel sito stesso. In altri termini, stiamo cercando una parte
delle referenze esterne del nostro sito (non tutte, purtroppo), il che può essere
interessante come metrica SEO da misurare nel tempo: ad esempio per valutare
i progressi del nostro lavoro, relativamente ai siti che ci indicizzano con una
corrispondenza del nostro sito.

E.4 - Link:
Esiste una certa mitologia su questo operatore di Google, che si ritiene
(erroneamente) fornisca i backlink verso un sito qualsiasi. Non è così, in quanto
tale informazione è esclusiva dei proprietari dei siti (mediante la Search Console
vista in 16). L'operatore link: fornisce un sottoinsieme campionato a caso,
eventualmente vuoto, di link in ingresso. Apparentemente ciò potrebbe sembrare
una scelta senza senso, ma è stata fatta per evitare che i nostri concorrenti
possano profilare i nostri link in ingresso, e che noi possiamo fare altrettanto.
È quindi opportuno non dare troppa importanza a questo operatore, per i nostri
scopi.
Se ci fate caso, inoltre, vedrete che restituisce risultati diversi in momenti o
postazioni internet diverse, e che in certi casi non restituisce alcun risultato:
significa che l'insieme campionato è casualmente vuoto, non che effettivamente
non ci siano backlink a quel sito.

E.5 - – (escludi dai risultati) e * (jolly)


Google permette poi di escludere dai risultati di ricerca ciò che, a priori,
desideriamo non visualizzare, filtrando quindi i risultati che non ci interessano.
L’esempio tipico che abbiamo visto in precedenza è il seguente:
“nomesito.it” -site:nomesito.it

che permette di visionare tutti i riferimenti a nomesito.it ad esclusione di quelli


presenti all’interno del sito stesso (è un sottoinsieme, per quanto ristretto, dei
backlink al sito). Ma l'operatore - permette di filtrare meglio le nostre ricerche, il
che è utile soprattutto nel caso di termini di ricerca ambigui.
Un esempio tanto per capirci:
apple -frutta
che dovrebbe restituire risultati più probabilmente relativi alla famosa azienda.
È inoltre opportuno sapere che esiste (Google lo mette a disposizione)
l'operatore * per indicare una parte di frase “jolly”, cioè non specificata: può
servire per ricostruire ad esempio pezzi di frasi, cercando ad esempio parti di
una citazione e ritrovare pagine web smarrite.
mi ritrovai * oscura
restituisce risultati relativi all'Inferno di Dante (“Nel mezzo del cammin di nostra
vita / mi ritrovai per una selva oscura”...).

E.6 - Operatori non documentati


Si tratta di operatori su cui Google non fornisce documentazione ufficiale, ed il
cui funzionamento è spiegato da fonti non ufficiali (leggasi: da prendere con le
pinze). Ad ogni modo potrebbero fornire risultati interessanti specie in fase di
ricerca, analisi ed ottimizzazione in ambito SEO, ad esempio:
inurl:X

restituisce risultati con X all’interno dell’URL, tipo:

qualcosa12t2t.it/shhhdX/pagina.html
miosito.it/qualcosa123/paginaX.html
miosito.it/abdghsgsjgX.it/qualcosa.html

Inoltre possiamo usare:


inanchor:X

che invece restituisce risultati di ricerca con anchor text “X” che puntino al sito, e
si noti come la ricerca di “X” offra spesso risultati molto simili a quella di
“inanchor:X”.
Da qui, almeno in parte, deriva la convinzione in ambito SEO che le anchor text
con chiave corrispondente al termine di ricerca influenzino il posizionamento
delle pagine.
Questi operatori sono diffusi anche nella versione con prefisso all (allinurl,
allinanchor), ed in quest’ultimo caso permettono di cercare keyphrase (“casa di
legno”) e termini secchi (“case”). Sarà facile comprendere l'utilità di questi ultimi
facendo un po' di pratica costante nel corso del nostro lavoro.

F - Penalizzazioni, riferimenti, spam ed altre storie


F.1 -Penalizzazioni, cosa sono e come si affrontano: la vendita di
link
Sulle penalizzazioni dei motori si è detto e discusso fin troppo nelle comunità
SEO e, ad oggi, l'unico riscontro seriamente visibili di questo tipo di evento si è
visto direttamente nelle notifiche della Search Console di Google (vista in D.6 -).

31 di 62
Aprendo la console del nostro sito, infatti, troveremo la voce “Azioni manuali”
sotto “Traffico di ricerca” che conterrà l'elenco esplicito di penalizzazioni manuali.
Gli interventi manuali antispam15 si intendono le notifiche di un operatore relative
a nostre scorrettezze o violazioni delle norme per webmaster: casi tipici di questo
scenario sono legati ad esempio alla presenza di link nel footer del sito atti a
manipolare i risultati di ricerca. Motivo per cui bisogna fare attenzione sia a dare
(vendendoli, ad esempio) che a ricevere (comprandoli) link di questo tipo:
qualora ci si trovi con una notifica di violazione del genere, non sarà scontato
capire cosa fare. Motivo più che valido per evitare al massimo qualsiasi attività di
acquisto di link, cioè di inserimento di link non naturali pagando una somma al
webmaster proprietario.
Penalizzazioni da link in uscita. La Search Console di Google raramente
fornisce indicazioni esplicite sul “cosa” non va in una penalizzazione, bensì si
limita a notificare una scorrettezza nelle nostre pagine che il più delle volte
dovremo rimuovere modificando l'HTML del sito. Se non siete a vostro agio nel
farlo potreste valutare, ad esempio, di utilizzare un theme differente: molti tra
quelli gratuiti, infatti, tendono a diffondere link manipolatori in alcune zone delle
pagine web, e questo potrebbe essere considerato causa di penalizzazioni su
larga scala che potrebbero coinvolgere anche il vostro sito.
L'idea di fondo per evitare penalizzazioni è quella di seguire scrupolosamente le
istruzioni per webmaster. Quella per risolvere eventuali notifiche è di ripulire il
sito e seguire le indicazioni fornite da Google per segnalare la rimozione del
problema. Un altro strumento che in alcuni casi potrebbe funzionare è il link
disavow, che permette di segnalare mediante file di testo uno o più siti che
vogliamo, appunto, disconoscere, ovvero dire a Google di non considerarli a
scopi SEO.
Ovviamente tutto dipende dall'ottica in cui ci troviamo: se il link ci sta
manipolando dall'esterno e non possiamo metterci mano, usiamo il disavow. Se il
link lo stiamo dando noi a qualche sito, dovremo rimuoverlo manualmente dal
theme.
Il link per accedere al disavow della Search Console di Google è:
https://www.google.com/webmasters/tools/disavow-links-main?pli=1.

F.2 -Reputazione e “pulizia” dei backlink


La reputazione si intende, in questo contesto, legata al numero di risultati di
ricerca che citano il nostro sito esternamente ad esso. Come abbiamo visto
all'inizio basterà scorrere i risultati di:
nomesito.com -site:nomesito.com
ed andare a caccia di link anomali, gli stessi che potremmo considerare di bassa
qualità e potrebbero influire negativamente sulla nostra SEO. Quando troviamo
un link malevolo in questi termini – ad esempio un sito esterno che ci linka e

15 La documentazione ufficiale è qui:


https://support.google.com/webmasters/answer/2604824?hl=it
contiene pezzi del nostro, ad es. riassemblati in modo confuso – possiamo
intraprendere diverse azioni, tra cui
1) aggiungere il sito al file del disavow (conviene creare un file disavow unico, e
poi caricarlo d'un colpo con tutti i link sospetti) e
2) segnalare il sito come spam mediante i link apposito di segnalazione per
Google.
Se il sito non ha lo stesso nome del brand, ad esempio se ottimizziamo
questosito.com per il brand ipotetico “Provaci”, la ricerca precedente andrebbe
fatta in questi termini:
provaci -site:questosito.com
Se invece il brand fosse “composto da più parole” (sempre relativamente a
questosito.com):
“composto da più parole” -site:questosito.com
Le ricerche mostrate in questa sede si possono specializzare – in modo da
evidenziare risultati ulteriori potenzialmente utili a scopi SEO - in più modi, ad
esempio:
provaci inanchor:nome_settore -site:questosito.com
inurl:blog provaci -site:questosito.com
inurl:forum provaci -site:questosito.com
e molti altri esempi sulla stessa falsariga: tutto dipende dal sito che state
analizzando. Questo genere di ricerche aiutano a tracciare e far rimuovere link
sospetti, che potrebbero essere stati inseriti a vostro svantaggio per la cosiddetta
negative SEO.
Molte varianti alle ricerche verranno fuori con l'esperienza e con l'uso.
Applicando questo schema sui siti della concorrenza, ovviamente, avremo inoltre
la possibilità di capire come ha lavorato, a che siti si sia “appoggiato” e così via.

F.3 -Capire le “intenzioni” dell'utente


Molto del lavoro dei SEO è incentrato sul capire nel migliore dei modi (e non
esiste un metodo unico, o infallibile, per farlo) il raggio d'azione delle ricerche più
comuni verso il nostro sito: questo significa anzitutto filtrare le ricerche che non ci
interessano (fuori tema o con troppa concorrenza) e poi provare a prevedere chi
faccia la maggioranza delle ricerche che ci interessano.
Quello che proviamo a fare in effetti si riassume nella frase “profilare le necessità
dell'utente”, ovvero mettersi nei panni di tutti coloro che cercano qualcosa sui
motori, che possiedano un profilo di nostro interesse e potrebbero essere
interessati al nostro sito.

F.4 -Come indicizzare un sito web

33 di 62
Per quanto in molti casi i siti ben realizzati si indicizzino da soli, il più delle volte
basta registrare il sito nella Search Console per ottenere un'indicizzazione diretta
entro poche ore. Ovviamente dovrete aver inserito una struttura adeguata del
sito, aver creato la sitemap XML (con WordPress è questione di installare un
semplice plugin) ed averla sottoposta al tool di Google.
Diversamente, qualsiasi sito web che riceva un backlink valido e funzionante in
ingresso verrà inserito (a meno che non sia nofollow, di solito) nell'indice di
Google.
La procedura consigliata rimane comunque la prima.

F.5 -Come indicizzare una pagina web


Per far indicizzare una singola pagina, ci sono due strategie attuabili:
1) la prima è quella di provare a capire se anche altre pagine del sito soffrano
dello stesso problema, e garantire che il sito sia scansionabile perfettamente. Lo
strumento della Search Console “Visualizza come Google” permette di sottoporre
un URL qualsiasi del vostro sito (e quindi indicizzarlo), a patto che lo abbiate
registrato prima.
2) la seconda strategia, un po' meno sicura della precedente e ancora più veloce,
è suggerita dalla pratica e consiste nel creare un backlink al vostro sito da un sito
che sia già ben indicizzato su Google.
La procedura preferibile rimane anche qui la prima.

F.6 -Il processo SEO in 5 passi


Il punto cruciale di questa questione si può capire ancora meglio illustrando il
processo di acquisizione delle informazioni in ambito SEO, che è quasi
sempre ciclico, e si basa sulle seguenti fasi.
1. Consideriamo il nostro sito (miosito.it, per capirci) nella sua interezza, e
proviamo ad immaginare una ricerca che l'utente potrebbe fare per
arrivare su di esso; ad esempio, se abbiamo creato un sito di tutorial
informatici una possibilità potrebbe essere banalmente “guide
informatica”. Col tempo e con l'esperienza vi verranno in mente esempi
progressivamente migliori.
2. Proviamo a cercare su Google guide informatica site:miosito.it e facciamo
caso ai primi risultati di ricerca: sono pertinenti? Soddisferebbero la
potenziale ricerca che ci stiamo figurando? Se la risposta è negativa
dobbiamo cercare di creare, ex novo oppure modificandone una esistente,
una pagina web che “risponda” con precisione alla ricerca in questione.
Una pagina web che risponderebbe bene alla richiesta “tutorial
informatica” è ad esempio una con titolo “500 tutorial di informatica”, ad
esempio (e contenuti adeguati, ovviamente). Se la risposta è positiva e ci
riteniamo soddisfatti, passeremo allo step successivo.
3. A questo punto non ci resta che cercare su Google guide informatica “a
crudo”, cioè senza altri operatori, e vedere se il nostro sito sia presente o
meno. Se non compare potrebbe essere questione di tempo (nessun
motore di ricerca “assorbe” le modifiche che facciamo sul nostro sito in
tempo reale, quantomeno non quelli dell'attuale generazione), per cui ci
toccherà aspettare e fare altre valutazioni, nel frattempo. Se neanche
dopo un po' di tempo cambia nulla, vuol dire che la SEO richiederà un po'
di lavoro, analisi e pazienza in più.
4. Possiamo provare ad apportare nuove modifiche al sito, migliorando
interlinking e contenuti dello stesso, eseguire qualcuna delle ottimizzazioni
riportate nel capitolo successivo, oppure tornare al passo 1, e cambiare la
query di ricerca - ad esempio dirottando il traffico su una più specialistica
(“guide informatica mac”) oppure cambiando più o meno radicalmente
ricerca (“guide di informatica”, “come installare open office”, ecc.). Il
processo di specializzazione delle query (dal generico, “guide”, al
particolare “guide per installare wordpress”) tenderà nel tempo a farvi
lavorare su pagine focalizzate su pochi argomenti, che cercheranno non
tanto di seguire infruttuose regole statiche (tipo “ripetere la parola X per Y
volte”), quanto provare a soddisfare al meglio la richiesta dell'utente.
Solo incrementando questa corrispondenza, anche in assenza di ulteriori
azioni a volte, si riuscirà ad ottenere l'effetto desiderato.
5. In ultimo, ricordiamoci di misurare i risultati ottenuti in termini di CTR,
impressioni, visite al sito, vendite, guadagni e così via. Questa fase è
fondamentale per capire l'efficacia di quello che abbiamo fatto, per quanto
dobbiamo sempre ricordare che non tutte le azioni eseguite in precedenza
produrranno un effetto singolarmente visibile. Piuttosto, l'insieme di
operazioni ben fatte riusciranno, nel tempo, a mostrare qualche beneficio.
Come obiettivo primario, se non l'avete mai fatto prima, dovreste quindi puntare
almeno una decina di ricerche differenti, e cercare di posizionarvi bene per
almeno la metà di esse: questo porrà le basi perché il vostro sito sia abbastanza
visibile su Google, in un buon numero di casi.
Teniamo conto che tendenzialmente l'utente comune che visiterà il nostro sito
non utilizzerà, salvo casi particolari, nessuno degli operatori di ricerca visti,
optando quindi per una ricerca standard, come quella vista nel paragrafo 28.

G - 29 idee pratiche per migliorare la tua SEO ogni


giorno
Abbiamo cercato di inquadrare, ad oggi, quello che si cerca di fare lato SEO su
un sito: si cerca di tematizzare il sito di interesse, incentrandolo su una serie di

35 di 62
argomenti specifici, si strutturano le sezioni in modo opportuno e si cerca di
implementare le opportune opzioni per i visitatori (il responsive, un menù
particolarmente efficiente, una grafica accattivante).
Poi si cercano referenze – quasi sempre link - sia interne che esterne ben
posizionate verso e all'interno delle varie pagine, in modo che gli utenti siano
facilitati a trovare subito quello che vogliono. Lo scopo di ogni referenza deve
essere sempre auto-esplicativa ed avere, se possibile, uno scopo “operativo” per
gli utenti (ad esempio: portare ad una risorsa utile, indicare chiaramente lo scopo
del link, contestualizzare un articolo).
Ad esempio, posso citare da blogger un sito che ha scritto un post che mi ha
entusiasmato, e condividerlo coi miei lettori; oppure, potrei citare un blogger
perché ha scritto qualcosa che non condivido, e questo è un altro caso tipico.
Ancora, potrei essere linkato da un sito di domande e risposte, oppure da un
forum, ottenendo così un link che “risponde ad una domanda” (classicamente i
tutorial gratuiti in rete seguono questo schema di link building).
I casi più specifici di tale link building naturale prescindono dalla genericità di un
manuale come questo, e vanno affrontati caso per caso sfruttando spesso
intuizioni estremamente localizzate.

G.1 - Come prendere un backlink da DMOZ


DMOZ è la più grossa directory web di siti al mondo: per chi non fosse familiare
con il concetto, una web directory è un catalogo di siti ordinato per tematiche,
categorie o tipologie. Sono state concepite, in sostanza, come l'indice di un libro
o una specie di elenco telefonico per siti web, con la differenza che le ricerche si
effettuano in base alla categoria, non (solo) in base alla geografia. Almeno nel
periodo in cui mancavano i motori di ricerca evoluti di oggi, andavi nella tua
categoria preferita, e sceglievi il tuo sito dalla lista: questo è lo scopo per cui
erano state concepite. Oggi sono uno strumento di visibilità relativo, anche
perché un po' tutti creano directory, un po' tutti segnalano siti web e non è
facilissimo capire chi sia di qualità o meno. DMOZ (Directory MOZilla) è
certamente una directory molto affidabile, e vale la pena spendere qualche
sforzo su di essa per promuovere il proprio sito.
Avere il proprio sito listato su DMOZ è di norma assai qualificante, al di là dei
motori anche solo agli occhi, ad esempio, di eventuali inserzionisti che
potrebbero voler investire in spazi sul vostro portale (e che a volte considerano
questo aspetto nelle proprie valutazioni). La cosa difficile è quasi sempre legata
al capire in quale categoria inserire il proprio sito, perché molte categorie
mancano o, peggio, non sono strutturate in modo troppo intuitivo.
Google indicizza, al momento in cui scrivo, oltre 230.000 pagine tratte da
dmoz.org, di cui circa 7.000 sono in lingua italiana. Numeri non sconcertanti di
per sé (ci sono directory che ne indicizzano di più), ma certamente significative
per quello che DMOZ rappresenta: un sito storico, forse una la directory più
vecchia mantenuta fino ad oggi, ed in cui i link sono sottoposti ad un controllo di
qualità molto rigido. Avere il proprio sito linkato da DMOZ può essere importante,
ed è comunque un buon esercizio per capire meglio – parere del tutto personale,
s'intende - le difficoltà e le criticità dell'ottenere un backlink editoriale.
Chiunque volesse apparire su DMOZ col proprio sito, dovrebbe 1) aspettare che
qualcun altro lo segnali (cosa improbabile, a mio parere), oppure 2) provare a
segnalarsi da solo. Il primo problema che si presenta agli occhi del “segnalatore”,
in effetti, è legato alla scelta della giusta categoria: quando apriamo DMOZ ci
troviamo di fronte ad una serie di link ordinati per categorie (in inglese, di solito),
ed organizzata in modo gerarchico. Prima di tutto clicchiamo su DMOZ italiano
(partiamo da World come categoria base) e poi passiamo dalle macro-categorie
generiche a quelle via-via più specialistiche.
Attenzione che la gerarchizzazione di DMOZ è per molti poco intuitiva, e
bisognerà fare l'abitudine a navigarci. Ad esempio per il sito di un negozio di abiti
da sposa, bisognerà scorrere la directory – in modo analogo alle directory dei
nostri PC - in questo modo:
Top > World > Italiano > Affari > Beni e Servizi di Consumo > Abbigliamento
> Da Cerimonia
Per i blog di tecnologia, per fare un altro esempio, andremo a navigare la
directory in questo verso:
Top>World>Italiano>Computer>Notizie e Media>Weblog
È chiaro quindi che Top>World>Italiano sia il punto di partenza per i siti nella
nostra lingua, e che partendo da qui dovremo individuare la macro-categoria di
riferimento (che è Affari nel primo esempio, e Computer nel secondo) e poi
navigare all'interno delle pagine fino a trovare quello che ci interessa.
Per segnalare un sito su DMOZ, bisogna prima trovare la sezione (cioè la
categoria) in cui postarlo, e poi bisogna cliccare in alto su “Suggerisci URL”:
comparirà un form che dovremo compilare con cura, seguendo eventuali
suggerimenti forniti, e poi inoltreremo la segnalazione.
Come capire se è stato inserito il sito? Non saremo purtroppo avvisati
diversamente, dovremo controllare noi. In basso alla pagina dove ci siamo
inseriti troveremo la data dell'ultimo aggiornamento: se ad esempio essa è pari al
19 gennaio 2015, ed abbiamo inoltrato la nostra richiesta prima di quella data, se
il sito che vogliamo ancora non fosse presente ne possiamo dedurre che la
richiesta è stata respinta. Riproviamo più in là, quindi, imparando poco alla volta
a dare titolo e descrizione del sito esattamente come richiesto dagli editor.
Caratteristica che rende DMOZ ostica per molti, in effetti, è legata sia alla
procedura di selezione (molti curatori delle rispettive sezioni aggiornano poco, o
ignorano le segnalazioni in modo alquanto arbitrario, in certi casi) che al fatto che
DMOZ non ci farà sapere se il sito è stato o meno approvato, per cui sarà nostra
cura andare a controllare ogni volta oppure, al limite, monitorare l'URL per
vedere se ci sono cambiamenti utilizzando un monitor open source come

37 di 62
URLWatch (in Python) ed altri strumenti analoghi16.
Aprendo la pagina per DMOZ italiano troveremo varie macro categorie, i
“contenitori” delle varie tipologie di siti: al momento in cui scrivo esse sono
Regionale (89,058 siti), Acquisti Online (3,015), Affari (25,263), Arte (13,483),
Casa (899), Computer (2,000), Consultazione (2,043), Giochi (1,653), Notizie
(409), Salute (2,227), Scienza (2,960), Società (7,211), Sport (3,342), Tempo
Libero (3,779), Italia@ (85,083), San Marino@ (166), Svizzera@ (1,342),
Vaticano@ (11)). Ce n'è per tutti i siti, insomma, e bisognerà - ribadisco - perdere
un po' di tempo a navigare nel sito prima di procedere a qualsiasi altra
operazione. Se avete dubbi vi suggerisco di chiedere o cercare sul forum
ufficiale17, troverete quasi sempre una risposta.
Sarà necessario individuare la categoria giusta, soprattutto se ci occupiamo di
più tematiche18 e potrebbe essere necessario inoltrare più segnalazioni. Inutile
sottolineare, poi, come ogni segnalazione debba essere correttamente scritta - o
– per meglio dire - debba ricalcare nello stile ciò che il moderatore si aspetta di
leggere. Evitiamo l'auto promozione, prendiamo esempio da come sono stati
segnalati i siti approvati nella categoria che ci interessa, diamo sempre e solo i
dettagli utili a capire cosa sia il nostro sito ed utilizziamo, se possibile, uno stile
sintetico.
Se il nostro sito è molto simile o analogo ad un altro abc.est, cerchiamo abc.est
su DMOZ e (se già presente) troveremo facilmente la categoria più adatta anche
a noi.

G.2 - Prendere un backlink da Wikipedia


Con questa tecnica si inizia a fare sul serio dal punto di vista dell'ottimizzazione
esterna: se il nostro sito offre una risorsa “enciclopedica” presente sul nostro sito
è corretto che venga linkata da Wikipedia. C'è da aggiungere che Wikipedia ha
da tempo diffidato i SEO dal prestarsi alla link building, ma è anche vero che se
la natura del link è “editoriale” la cosa è del tutto ragionevole, e si possono
ottenere risultati molto interessanti. La cosa essenziale è che ci sia una “logica
editoriale” rigorosa in quello che stiamo provando a fare, e che impariamo ad
usare il WikiTesto19. Fate massima attenzione alla sintassi da utilizzare, perché
usarla male è considerato invalidante per l'intera modifica. Attenzione, inoltre, a
non insistere troppe volte nel modificare una pagina, perché potrebbero bannare

16 URLWatch si trova gratuitamente su https://github.com/thp/urlwatch, mentre per altri strumenti


basta cercare su Google url monitor, url change checker e via dicendo.
17 Si veda: http://www.resource-zone.com/forum/f/italiano.24/
18 Ho posto questo problema allo staff del sito sul forum ufficiale, e trovate una traccia della
discussione al seguente link: potrebbe esservi utile darci un'occhiata, se avete un blog o un
sito che tratta più temi e che quindi, in breve, potreste segnalare in più sezioni. Non esiste
purtroppo una risposta univoca alla domanda “dove è meglio postare l'URL del mio sito”, a
quanto pare. http://www.resource-zone.com/forum/t/sito-multi-categoria-si-possono-segnalare-
sia-home-che-pagine-tematiche.53053/ oppure (URL di backup): http://archive.is/sc8NL

19 Si veda https://it.wikipedia.org/wiki/Aiuto:Wikitesto
il vostro account oppure indirizzo IP.
A prescindere dal fatto che i backlink di Wikipedia siano nofollow – il nostro
scopo non è quello di gonfiare il PageRank o di fare i bulli in giro – i backlink da
Wikipedia sono importanti perché quelle pagine si posizionano molto bene su
Google, sono visitate di continuo e qualcuno potrebbe arrivare sul nostro sito
mediante questo canale. È altrettanto vero che non tutti i siti web si prestano a
ricevere un backlink da Wiki, per cui (ad esempio) per i siti di news specialistiche
è più facile ottenere backlink di altri tipi.
Oltre a essere citati nelle note, potete anche provare a creare voi stessi una
pagina mancante, oppure ad integrarne una carente sull'argomento che vi
interessa. Mi è capitato ad esempio di creare una pagina per un'azienda per cui
ero in consulenza, e la pagina è stata rimossa perché non ritenuta degna di
enciclopedicità: a poco è valsa la mia rimostranza, ed il fatto che molti
concorrenti di quel settore avessero anch'essi una pagina dedicata. Per cui
considerate che, se volete imparare ad acquisire link da Wikipedia, dovrete
essere pazienti, sempre molto critici ed obiettivi ed evitare quantomeno di
esplicitare che siete degli sporchi “cacciatori di link”.
Per trovare pagine Wikipedia potenzialmente da “riempire” di link, una tecnica
che usano molti SEO (e che trovo davvero efficace) è quella di fissare
l'attenzione su una ricerca X che interessa il nostro sito, e cercare mediante
Google o altri motori una di queste stringhe. In pratica si tratta di usare i seguenti
pattern di ricerca (le parole tra virgolette vanno lasciate così come sono, le X
vanno sostituite con la vostra ricerca di interesse).

X “è solo un abbozzo” site:wikipedia.org


X "non cita le fonti necessarie" site:wikipedia.org

che, in base agli operatori visti in precedenza, è un modo immediato per scovare
pagine che potrete integrare, completare, correggere o su cui potrete aggiungere
link di riferimento.
I link da Wikipedia sono parte integrante di molte attività SEO, specialmente nel
cosiddetto content marketing, e non è per niente banale ottenerli e gestirli: molte
modifiche tendono a durare poco, sono considerate di scarsa qualità e ci sono
sezioni in cui è molto difficile mettere mano. Di contro, i link approvati su
Wikipedia durano per sempre, salvo casi particolari (ad esempio: la voce di
riferimento viene rimossa).
Se è vero che questa pratica porta benefici concreti nel lungo periodo (col mio
sito trovalost.it, ad esempio, è stata così) fate anche attenzione a non
confondere ne invertire cause con effetti: non è detto che un link da Wikipedia
porti traffico (dipende dalla voce), né tantomeno che porti beneficio in termini di
Google, ma vale comunque la pena spenderci del tempo se avete un sito dalle
innate caratteristiche editoriali, gestito in modo professionale, nei quali scrivete

39 di 62
molti articoli ed in cui i “prodotti finali” siano articoli, FAQ o pagine obiettive o
pesantemente informative.

G.3 - Link di partnership


Per capire questo terzo tipo di strategia è indispensabili calarsi in un contesto
concreto, ovvero comprendere nel dettaglio le entità – in termini SEO i siti web -
con cui lavora o collabora usualmente il sito in questione. Ad esempio, i partner
di un'azienda di consulenze informatiche sono coloro i quali forniscono
all'azienda i software, i servizi ausiliari ed i marchi a stretto scopo lavorativo.
Usualmente è prassi linkare i partner – per cui non si tratta di link building: in
questo caso la staremmo facendo noi a vantaggio di altri – ma la cosa che sto
sostenendo in questo caso è quella di provare ad invertire questa tendenza, ad
esempio nei casi in cui siamo noi a fare da partner a realtà esterne. La natura dei
link richiederebbe come regola, anche qui, l'attributo nofollow, essendo link
commerciali a tutti gli effetti, ma nella pratica non sempre questa convenzione
viene rispettata (della serie: backlink a vostro rischio e pericolo).
Se state usando un software con licenza, ad esempio, o siete partner ufficiali
dell'azienda Y, potete provare a chiedere un link: ovviamente c'è modo e modo di
farlo, e non tutti accetteranno la richiesta. Se si tratta del portale di un
commercialista, un ingegnere oppure un avvocato, potrebbe essere il suo ordine
professionale di riferimento, nello specifico i rispettivi siti web. Molte richieste di
partnership vengono ignorate o poco capite, per cui è necessario stare sempre
molto attenti a quello che si fa, e a come lo si richiede. È ovvio che avere un
backlink diretto da un sito partner molto grosso ci qualifica notevolmente e, prima
di ogni altra considerazione, lo fa anche agli occhi dei nostri utenti. Ovvio che,
ribadisco, il link deve essere giustificato dalle circostanze e non sempre è
possibile o agevole ottenerne uno. La distribuzione Linux Debian, ad esempio,
presenta una pagina di partnership20 che risponde a questo criterio di link
building: in questo caso le richieste di inserimento si fanno via email.
Altri casi di link di partnership possono essere: link da aziende che lavorano con
noi, sezioni ad hoc dei siti, chiunque usi un determinato prodotto o sia partner
ufficiale (alcune distribuzioni Linux offrono una lista di utenze pubblicamente
aggiornata con tanto di link al sito ufficiale). Se state promuovendo un sito di e-
commerce oppure un blog, ovviamente, potrebbe essere meno agevole ottenere
un link del genere di quanto non sia, per esempio, averlo sul portale ufficiale del
sito.
Se vi chiedono denaro per il backlink suggerisco di rinunciare in ogni caso. In
teoria, anche se si tratta di una semplice ipotesi, un backlink del genere
potrebbe un giorno essere considerato a pagamento da Google, per quanto si
tratti di compravendita “indiretta” (ho pagato il prodotto del partner e non il link
materiale, ma entriamo nel campo delle pure ipotesi a questo punto).

G.4 - Siti satellite

20 Si veda https://www.debian.org/users/
Sono forse il modo più scontato per incrementare le proprie referenze: si tratta di
costruire portali e blog paralleli, aggregatori di news o siti raccoglitori generici (ad
esempio “i siti preferiti di Pippo”) ed aggiornarli ogni tanto, avendo così la “scusa”
per linkare il sito che vi interessa promuovere. La cosa essenziale in questi casi
è che il sito sia utile anche per altre cose, e non sia creato semplicemente per
linkare il nostro: potrebbe essere visto come sospetto o penalizzante, anche se
nella mia esperienza diventerebbe un triste link irrilevante.
Da evitare in ogni caso i backlink sui siti satellite che provengano da footer o
widget, visto che sono considerati innaturali da Google e potrebbero portare a
facili penalizzazioni.
Una veloce nota a margine: circa un anno fa ho seguito una consulenza in cui
era richiesto di rimuovere una penalizzazione manuale di Google dovuta ad una
circostanza, se vogliamo, invertita rispetto a quanto descritto. Tale
penalizzazione era dovuta infatti alla presenza ripetitiva di link nel footer al sito
ufficiale di chi aveva realizzato un theme WordPress, che aveva realizzato una
classica link building su larga scala (realizzi una risorsa gratuita, inserisci un link
a te stesso, diffondi la risorsa sul web, e propaghi così il link massivamente
senza fare nient'altro: è un classico caso passibile delle penalizzazioni viste in
precedenza a pagina 31 e successive). In questo caso, peraltro, si trattava di una
penalizzazione indotta su un altro sito: in pratica Google ha contestato la
presenza non di una penalizzazione sul nostro sito, bensì quella di un link
“penalizzante” da noi fornito verso l'esterno, che stava alterando artificialmente –
a loro modo di vedere - la reputazione di un terzo.
Per far rimuovere questa penalizzazione, ho dovuto sia rimuovere dal theme il
link illecito (modificando il footer.php ho dovuto anche creare un theme child21
per farlo, altrimenti al successivo aggiornamento sarebbe stato sovrascritto) che
aggiornare il file del disavow dalla Search Console (inserendo i link considerati
sospetti analizzandoli uno ad uno, per maggiore sicurezza) e la richiesta ufficiale,
inoltrata mediante Search Console, è stata accettata al primo tentativo dopo
circa una ventina di giorni.

G.5 - Farsi linkare da un blog


Se riusciamo a produrre tanti articoli di qualità sul nostro sito sarà facile, col
tempo, riuscire a farsi linkare da blog a mo' di fonti: da un blog generalista è
spesso facile trovare un contesto adatto, o una facile scusa, per essere linkati
dentro l'articolo (ad esempio: parlo delle cose che mi piacciono e metto un link al
sito web in questione, oppure cito una fonte).
La cosa essenziale in questi casi è che la fonte sia davvero autorevole e
proponga informazioni inedite sull'argomento: al contrario, il tutto potrebbe
essere visto come sospetto o penalizzante, anche se (anche qui) nella mia

21 Il modo standard per effettuare modifiche permanenti a Wordpress senza fare danni e senza
perdere le modifiche: https://codex.wordpress.org/Child_Themes

41 di 62
esperienza diventa un tristissimo link irrilevante. Da evitare in ogni caso i
backlink che provengano da footer o widget, visto che sono considerati innaturali
da Google e potrebbero portare a frequenti penalizzazioni.

G.6 - Realizzazione di una pagina di riferimento per altri utenti


Una pagina utile in questo contesto è una che possa essere di riferimento per
altri utenti, che contenga informazioni valide o verificate molto richieste, molto
discusse o su cui sia in atto un qualche obbligo di legge. Esempio pratico: una
FAQ con domande e risposte dettagliate. In molti casi si favoriscono le
condivisioni spontanee, peraltro, inserendo una licenza Creative Commons di
Attribuzione, che obbliga (almeno sulla carta) chiunque ricopi liberamente il
nostro contenuto a citarci esplicitamente mediante link. Rientrano in questo
contesto di condivisione naturale, ad esempio, i modelli di fatture, contratti,
ritenute d'acconto e via dicendo che trovate molto facilmente su Google.
Qualsiasi documento che contenga un link ad un sito e che si ponga come
“modello” base per altri, rientra nella medesima tecnica: faccio una bella cosa e
propago il link spontaneamente. Il rischio di penalizzazione, in questo caso,
potrebbe comunque esserci ma credo non sia il caso di preoccuparsene troppo,
se il contesto permette di farlo.
Un esempio concreto: la pagina sul mio blog http://salvatorecapolupo.it/privacy-
termini-di-servizio in cui ho creato un modello di condizioni d'uso di un sito in
termini di privacy, termini di servizio sulla notissima legge sui cookie. Per
maggiore sicurezza ho inserito un link all'interno del testo, che è stata
effettivamente propagata (non avevo neanche l'intenzione di farlo, all'epoca!) su
larga scala da vari blog. Il rischio è misurato nella misura in cui esiste
“naturalezza” nel link: il sito che ho linkato trovalost.it è un sito di tutorial che
spiega, tra le altre cose, come si bloccano i cookie, che è anche la sostanza
della pagina (il Garante per la privacy chiede in effetti di illustrare chiaramente
che l'utente ha la possibilità di farlo: lì spiego tecnicamente come fare). Questo
per dire che, ancora una volta, creare il giusto contesto è decisamente
importante per fare una sana link building.

G.7 - Link building su larga scala


Questo genere di link building è uno dei più diffusi e potenti: permette infatti, a
fronte di un lavoro relativamente minimo, di ottenere una vera e propria
montagna di backlink “in cascata”.
Per quanto la tattica descritta in G.6 - sia un caso particolare di quella di cui
parliamo qui, possiamo estendere il raggio d'azione partendo, ovviamente, da
una base sufficientemente solida: qualcosa di “linkabile” nel nostro sito. Un
contenuto linkabile genera interesse negli utenti, i quali trovano naturalmente una
buona ragione per mettere un link alla risorse (una pagina “chi siamo” ha meno
potenziale in tal senso, per intenderci, di una pagina di download di programmi
gratuiti). Molti dimenticano che sebbene buona parte della link building si
concentri sulla home del sito, è spesso molto più agevole far linkare pagine
specifiche che contengano, ad esempio, un software originale da noi realizzato.
Può andare bene anche qualcosa di semplice, l'importante è che sia significativo
per i nostri utenti, che sia decente e non sembri artefatto: una risorsa gratuita
(che potrebbe essere un videogame da giocare nel browser), una qualsiasi utility,
anche un semplice screensaver e così via. Siti come alternativeto.net e vari
equivalenti in italiano non aspettano altro che di essere “nutriti” dalle nostre
segnalazioni, per un ambito in cui (soprattutto gli informatici SEO) si potranno
muovere agevolmente.
Se abbiamo un prodotto freeware, shareware o demo, avremo quindi la
necessità di segnalarlo ai vari repository di software come ad esempio
sourceforge.net, github.com, codebucket e tutti gli altri analoghi “contenitori”
sia di codice che di pacchetti software veri e propri. Questi siti vanno bene per
fare link building a patto ovviamente che noi disponiamo di software originale (o
di cui abbiamo i diritti) da promuovere.
Tali segnalazioni seguono ognuna le proprie regole e la rispettiva netiquette –
non possiamo segnalare software non nostro o pirata, ovviamente – e
potrebbero occupare le vostre attività SEO per diverse settimane: i risultati si
vedranno nel tempo, e già nei primi mesi i backlink alla fonte del software (che
avrete cura di caricare sul vostro sito, se possibile) saranno numerosi e
tenderanno a propagarsi “quasi” in automatico.
Esiste anche una tecnica automatizzata per effettuare questa segnalazione
mediante file XML – un file detto PAD (acronimo di Portable Application
Description) che contiene le caratteristiche del software – tecnica un po' datata e
di implementazione non banalissima, in effetti22, ma molto efficiente in termini di
numero di backlink ottenibii. Il processo di acquisizione link è il seguente:
carichiamo il file dell'app eseguibile sul nostro sito via FTP, creiamo una pagina
ad hoc per lo stesso (da dove l'utente potrà scaricare il software), creiamo un file
PAD descrittivo dell'applicazione compilando i campi richiesti – troveremo molti
PAD editor gratuiti in rete – carichiamo il file XML sul nostro sito, sottoponiamo
l'URL assoluto del PAD ai vari repository di segnalazione: valideranno il file e
segnaleranno a loro volta la presenza del software a vari portali, tutto in
automatico.
Non sempre le segnalazioni saranno di alta qualità, ma nella peggiore delle
ipotesi (per non “inquinarvi” da soli il vostro stesso sito) potreste pensare di
filtrare le segnalazioni su siti “dubbi” facendole rimuovere su richiesta, oppure
mediante successivo disavow di Google (uno strumento davvero provvidenziale,
in certi casi).
Per maggiori informazioni sul tema leggete qualcosa cercando sui motori “pad

22 Ne ha parlato, tra i primi in Italia, già diversi anni fa, SEOmadhat nel suo
blog all'indirizzo http://seomadhat.blogspot.it/2010/03/come-ottenere-in-modo-
automatico.html (in copia qui: http://archive.is/XTTcH)

43 di 62
submission” o “pad submit” e provate a cercare repository gratis di software che
siano nella stessa lingua del sito, se necessario. Perchè gratis è presto detto: il
gratis sui motori di ricerca è liberamente scansionabile dai motori, a differenza
dei prodotti a pagamento che per ovvie ragioni sono scansionabili solo in parte.
Anche qui, ovviamente, cercate di mantenere un approccio logico e sensato
rispetto al settore del vostro sito: un sito di giochi scaricabili o interattivi potrebbe
sfruttare questo meccanismo, cosa che un'altra categoria di sito avrebbe
difficoltà a realizzare.

G.8 - Creare uno o più tutorial approfonditi


Mai sottovalutare l'importanza dei buoni contenuti per la SEO. Se create un
tutorial nel vostro sito, liberamente consultabile ed indicizzato sui motori,
otterrete un duplice risultato: visite dirette che arriveranno da utenti interessati
alla vostra tematica, e link spontanei da utenti che vi valuteranno utili ed
estenderanno e valorizzeranno essi stessi la risorsa. L'ho fatto in passato, per
intenderci, con due tutorial sui malfunzionamenti delle linee ADSL (e su come
intervenire in modo artigianale), e dopo tanto tempo ancora mi portano parecchie
visite e riferimenti dall'esterno. La cosa essenziale, qui, è che sia un qualcosa di
completo, di originale e di realmente utile al settore.
Un buon tutorial, ovviamente pertinente al vostro sito, è un investimento anche
sul lungo periodo perché, sostanzialmente, se scritto con pertinenza rispetto alle
query più diffuse, porterà traffico costante al sito ed incrementerà la visibilità di
quella pagina (nella quale potreste aggiungere pubblicità mirate e guadagnarci
qualcosa, ad esempio). L'azione non richiede interventi ulteriori di link building se
la pertinenza ed il livello di approfondimento sono alti, di norma, per quanto
questa non sia una regola generale e tantissimo dipenda dal settore (e dalla
concorrenza) per cui scrivete un tutorial. Come ottimizzazione, conviene a volte
testare più titoli diversi del tutorial, dato che in alcuni casi conviene farlo
corrispondere – almeno in parte - con le ricerche che si intende ottimizzare. Nella
mia esperienza uno stesso articolo può avere almeno una decina di titoli diversi,
ognuno dei quali diversamente efficace in termini SEO.
L'essenziale in questi casi non è tanto scrivere bene, così così o sgrammaticato,
quanto adattare lo stile alle esigenze specifiche dell'utente medio del
settore: cosa vuole trovare, e come si aspetta di trovarlo l'utente, sono le
sostanziali domande da porsi. Non è opportuno (ripeto) ragionare sul numero di
ripetizioni della parola chiave di interesse da posizionare: non esiste alcuna
regola precisa in merito, la cosa essenziale è che la stessa compaia nel testo
almeno una volta.
Non esistono prove del fatto che ripetendo più o meno volte la parola chiave la
posizioniamo meglio o peggio, anche perché se così fosse farebbero tutti così da
tempo (e molti contenuti scadenti, per inciso, derivano da questa abitudine a
sperimentare la forma “matematicamente” perfetta del testo, con l'unico triste
risultato di confondere le acque e creare falsi miti).
La tecnica è stata ampiamente utilizzata, per la cronaca, su vari tutorial molto
diffusi in rete, sia in ambito informatico che altri decisamente più “leggeri”, e si
tratta dei ranking su Google tra i più solidi nel tempo che abbia mai visto.

G.9 - Guest post e article marketing


Si entra in questo caso in un contesto controverso e, anche qui, abusato dai più:
eppure l'idea di un “articolo ospitato” è tanto semplice quanto efficace, a prima
vista. Di cosa si tratta è presto detto: visto che il mio sito ha bisogno di riferimenti
esterni da altri articoli, chiedo ad un webmaster, ad un collega o ad un blogger di
ospitare un articolo scritto da me, con link al mio sito (spesso a pagamento, o
mediante successivi scambi di favori), o a limite lo scrivo, glielo mando e lo
faccio firmare a lui. In questo modo si cerca di creare l'illusione, se vogliamo, che
dall'esterno si parli di noi, e questo infatti avviene spesso mediante strategie
editoriali borderline, markette travestite da tutorial, falsi nomi ed articoli ibridi di
cui spesso si fatica a comprendere il senso. Vi garantisco che parlando con gli
addetti ai lavori spesso si scoprono tecniche davvero impensabili: l'importante qui
è avere i contatti giusti (e non è facile).
Se non riuscite a capire questa logica, considerate ad esempio quanto sarebbe
utile per il vostro sito web di calcio avere un link dal portale di un quotidiano
sportivo famoso. Questo, secondo me, rende l'idea, ma è chiaro che 1)
dobbiamo conoscere un giornalista che ci scrive 2) dobbiamo creare il giusto
contesto perché un quotidiano serio non potrà mai pubblicare un articolo come
piace a noi. Il potenziale di guest post (articoli “neutri” dal punto di vista del
marketing) ed article marketing (più spudoratamente commerciali) dovrebbe
quindi essere chiaro: in entrambi i modi, infatti, parte dei visitatori di questi siti
grossi andrebbero a confluire almeno una volta sul nostro.
Non vi nascondo che ho scritto in molti casi guest post, per quanto in un contesto
leggermente differente: le mie “ospitate” erano articoli contestualizzati all'interno
di consulenze di web marketing, per cui cercavo sempre di fornire valore
aggiunto con questi articoli, senza rinunciare mai ad un tocco di creatività,
personalità e ricerche originali o basate su dati non reperibili sul web.
Se postiamo articoli con contenuti non precedentemente presenti sul web
(statistiche, informazioni anche non ufficiali, ecc.) il potenziale di pubblicabilità
degli articoli aumenta di parecchio, piuttosto che fare il consueto riadattamento di
articoli esistenti, spesso con poche frasi cambiate rispetto alle originali, o
addirittura variando di poco i vari articoli e pubblicandoli massivamente su più siti
(article spinning, e questo lo sconsiglio da sempre).
Quest'ultima pratica porta infatti a penalizzazioni, soprattutto nel caso in cui stiate
manipolando le anchor text degli articoli e le stesse si ripetano ossessivamente
sempre allo stesso modo23.

23 Si è fin troppo discusso di questo nella comunità SEO: non ho dedicato un paragrafo alla
questione volutamente, perché non voglio che passi l'idea (del tutto fuorviante ed
evanescente) che le anchor text dei link esterni che creiamo debbano corrispondere con le
ricerche che ottimizziamo. Questo, ovviamente, può essere giustificato dalle circostanze, in
alcuni casi, ed è giusto farlo se la forma del testo lo permette, ma non è mai una regola da

45 di 62
G.10 - Directory
Sulle directory dovremmo dire che sono contemporanee, o della stessa
“generazione”, dei primissimi motori di ricerca: era comodo disporre di categorie
di siti e poterli cercare un po' come avviene, in effetti, con i vecchi elenchi
telefonici (ne abbiamo parlato in G.1 -, se ricordate). Sembrerebbe che le
directory siano prepotentemente passate di moda, eppure non è così: il
parallelismo con l'elenco del telefono resta valido, secondo me, e si tratta di
risorse utili per gli utenti (se fatte bene, ovviamente), specie in mancanza di
riferimenti più validi da mostrare o di budget limitati.
Non c'è molto altro da aggiungere sul tema, perché le directory hanno strategie
editoriali molto diverse l'una dall'altra, per cui vanno cercate e testate sul campo:
l'unico suggerimento che sento di lasciarvi, a questo punto, è quello di evitare le
directory a pagamento, e quelle che sembrano poco aggiornate o per nulla
curate graficamente.
Per quanto possa sembrare pazzesco o fuori moda, ed ovviamente nel massimo
rispetto delle netiquette dei siti a cui lasciate il link al vostro sito(della serie: non
usate i siti altrui semplicemente come “amplificatori”), si tratta di una delle
tecniche di link building ufficialmente supportate ed incoraggiate 24 da Google.
Variate sempre titoli e descrizioni ed evitate di ripetere sempre gli stessi dati sui
campi titolo e descrizione: è inutile, rischia solo di penalizzarvi o di rendere i
vostri backlink tristi.
Su ogni directory potreste invece inserire o mettere in evidenza informazioni
differenti, a patto che non siano mai incomplete o carenti.

G.11 - Commenti sui blog


L'attività di commentare blog altrui e riportare nel campo URL il proprio sito è
tanto semplice quanto diffusa, ma è da valutare con estrema attenzione: il più
delle volte, infatti, questa tecnica si presta ad abusi, mentre per fare le cose per
bene deve esserci - in linea di massima, almeno - una buona ragione per linkare
il proprio sito attraverso un commento.
C'è da dire che molti siti sono più tolleranti di altri (i blog di web marketing filtrano
meno degli altri, ad esempio), ma la cosa essenziale resta quella di inserire il link
via commento nel modo più naturale possibile e, preferibilmente, mantenendo

forzare perché, appunto, ci espone molto al rischio che il sito sia ignorato da Google o
penalizzato. La cosa migliore è sempre quella di differenziare al massimo le anchor text in
tutti i vostri articoli esterni che linkano al sito da promuovere: non pianificate, non fate
calcoli fini a se stessi e tenete sempre a mente l'obiettivo, che è quello di portare traffico al
sito, incrementare il ritorno di investimento, convertire, guadagnare, arrivare in prima pagina
sui motori. Lasciate nel frattempo che le anchor si distribuiscano nel modo più naturale
possibile, senza forzature.
24 Si veda https://sites.google.com/site/webmasterhelpforum/it/it-posts/come-ottenere-link-di-
qualita-che-rimandano-al-vostro-sito, in particolare: L'inclusione nelle directory è spesso menzio-
nata come un altro modo per promuovere i siti giovani nell'indice di Google. Esistono ottime directory
suddivise per argomenti che apportano valore a Internet (agg. 16 feb 2016)
massima coerenza con le tematiche del sito. Se vendete cellulari col vostro e-
commerce, ad esempio, commentare un sito di cellulari può essere visto come
spam o tentativo di visibilità “alla buona”, mentre linkare un approfondimento ad
un post, esporre un punto di vista esteso o anche andare in contraddizione
aperta può essere stimolante e ricettivo (oltre che ben accetto dagli admin) per
chi ci legge. Basta non esagerare, in nessun caso.
Questi link non offrono probabilmente vantaggi eccessivi in termini di SEO – la
tecnica viene molto abusata, e non è agevole riconoscere i casi buoni da quelli
mediocri e, nel dubbio, ritengo Google non consideri molto questo genere di
backlink – ma offrono l'indiscutibile possibilità di ricevere traffico extra
tematizzato, se li postate sui blog pertinenti al vostro ovviamente. Per cui
secondo me vale la pena spenderci del tempo anche se, di fatto, non conviene
dedicare intere campagne esclusivamente a questo.
Un modo per trovare i blog tematici da commentare è quello di usare gli operatori
di Google o una delle seguenti ricerche, ammesso che “chiave” sia la ricerca che
state cercando di ottimizzare per il sito.
chiave blog
chiave inurl:blog
Per quanto possa sembrare strano, ed ovviamente se fatto nel massimo rispetto
delle netiquette dei blog su cui lasciate il link (anche qui: non usate i siti altrui
semplicemente come “amplificatori”), si tratta di una delle tecniche di link building
ufficialmente supportate ed incoraggiate25 da Google.

G.12 - Forum tematici


L'attività di utilizzare i forum e riportare, ove e quando possibile, un link al proprio
sito (in firma, ad esempio) è tanto semplice quanto diffusa ma, ovviamente, da
valutare con estrema attenzione: il più delle volte, infatti, questa tecnica si presta
a facili abusi e deve esserci in linea di massima una buona ragione per linkare il
proprio sito. I link nelle firme, ad esempio, cioè quelli che si auto-replicano ogni
volta che postate qualcosa su un forum, sono per certi versi rischiosi – anche se
ampiamente sfruttati senza fare danni, poiché quasi tutti nofollow – ma
funzionano bene per portare traffico e, se non altro, contribuiscono a
differenziare in qualche modo le fonti dello stesso.
Dipende molto, poi, da come è fatto il vostro sito, per cui potete adottare come
ulteriore criterio di scelta dei migliori forum l'idea che quelli che si presentano più
professionali e curati siano meno a rischio (perché più controllati e moderati) di
quelli alla buona, gratuiti o poco frequentati. Ovviamente il rischio di inserire link
penalizzanti c'è sempre, e va tenuto nel debito conto prima di procurarvi da soli

25 Si veda https://sites.google.com/site/webmasterhelpforum/it/it-posts/come-ottenere-link-di-
qualita-che-rimandano-al-vostro-sito, in particolare: Se il vostro sito è piuttosto nuovo e non ancora
conosciuto, fatevi conoscere. Partecipate alla community in merito al vostro argomento. Interagite e
lasciate contributi su forum e blog. Ricordatevi solo di contribuire in modo positivo invece di includere
spam o di sollecitare gli utenti a visitare il vostro sito (agg. 16 feb 2016)

47 di 62
danni alla vostra attività.
C'è da dire che molti forum sono più tolleranti di altri (i forum di web marketing,
anche qui, tipicamente tendono a filtrare poco, e ci sono community molto grosse
come webhostingtalk.com o webmasterworld.com molto controllate, su cui è
difficile o sconsigliato fare link building). Molti forum, inoltre, permettono di
postare link solo agli utenti che abbiano scritto almeno un po' di thread oppure
abbiano una certa “anzianità”, proprio per evitare che qualcuno posti un link e
scappi subito dopo, diminuendo così il valore aggiunto del forum stesso.
La cosa essenziale resta quella di inserire il link nel forum solo quando è davvero
utile e/o necessario, magari non da subito (gli utenti appena iscritti sono preda di
facili ban, in caso di abusi), nel modo più naturale possibile e mantenendo
sempre coerenza con le tematiche del sito. Se vendete cellulari col vostro sito
scrivere in un forum di cellulari linkandovi da soli (“Venite nel mio sito che è bello
http://miosito.it”, ad esempio) può essere visto come spam, o tentativo di visibilità
gratuita, mentre linkare un approfondimento ad un post specifico legato al thread,
un punto di vista esteso o anche una contraddizione aperta può essere
stimolante e ricettivo per chi ci legge, per quanto su un forum sarete facilmente
accusati di volervi fare pubblicità (bisogna sapersi ben “corazzare” contro tali
circostanze, nella mia esperienza). Questi link offrono probabilmente un buon
numero vantaggi in termini di SEO – ma, anche qui, ricordate che la tecnica
viene ampiamente abusata, e non è sempre facile riconoscere i casi “buoni” da
quelli “cattivi” – ma offrono l'indubbia possibilità di ricevere traffico extra molto
tematizzato, se cercate nei posti giusti s'intende. I forum disponibili a volte
scarseggiano, ma per ogni settore su cui ho lavorato ne trovate facilmente
almeno un paio in italiano.
Un modo per trovare i forum tematici su cui scrivere è quello di cercare mediante
gli operatori di Google una delle seguenti ricerche, sulla falsariga dell'esempio
precedente.
Ad esempio potremmo cercare forum come:
chiave forum
chiave inurl:forum
Per quanto possa sembrare anomalo, anche qui, ed ovviamente nel massimo
rispetto delle netiquette dei forum su cui lasciate il link (della serie: non usate i
forum altrui semplicemente come “amplificatori”), si tratta di una delle tecniche di
link building ufficialmente supportate ed incoraggiate26 da Google.

G.13 - Micro-mercati
Sfruttando portali alla Fiverr – praticamente micro-mercati in cui si pagano lavori

26 Si veda https://sites.google.com/site/webmasterhelpforum/it/it-posts/come-ottenere-link-di-
qualita-che-rimandano-al-vostro-sito, in particolare: Se il vostro sito è piuttosto nuovo e non ancora
conosciuto, fatevi conoscere. Partecipate alla community in merito al vostro argomento. Interagite e
lasciate contributi su forum e blog. Ricordatevi solo di contribuire in modo positivo invece di includere
spam o di sollecitare gli utenti a visitare il vostro sito (agg. 16 feb 2016)
piccoli a prezzi bassissimi, di solito 5 o 10 euro per lavoro, a volte anche meno –
troverete moltissimi utenti che offrono scrittura di articoli, link diretti (solitamente
sconsigliati) e traduzioni. Potete sfruttare queste come risorse low budget, solo
nel caso in cui non possiate permettervi di meglio, o in mancanza di altri appigli.
Ovviamente questo può andare bene, a mio avviso, più come spunto o come
idea di fondo che poi dovrete comunque adattare manualmente al vostro caso.
Può capitare di farsi scrivere un articolo da qui, e poi magari adattarlo o usarlo
come spunto per scriverne altri.
Di fatto, i micro-mercati fanno parte del mercato SEO, ma si tratta di tecniche
parecchio borderline, anche se è bene sapere che esiste questa opportunità: la
loro influenza sulla SEO è spesso minima (leggasi: non serve a molto basare le
proprie strategie solo sui micro-mercati), per cui fatelo a vostro rischio e pericolo
e più che altro a scopo didattico. Occhio che in questi casi i backlink che vi
propongono a pacchetti (automatizzati e di scarsa qualità) non servono
praticamente a nulla.

G.14 - Board di immagini


Un'ulteriore tecnica di link building consiste nel prendere le immagini del sito e, al
netto di eventuali considerazioni sui diritti d'autore (meglio non postare immagini
protette da diritti in giro: usate solo quelle in Creative Commons o prive di diritti)
postarle sulle board di immagini: alcuni esempi sono Pinterest e Imgur, ma ne
potreste trovare anche altre in giro per la rete, quasi sempre in inglese (purtroppo
o per fortuna).
A seconda dei campi che vi presenteranno al momento dell'immissione
dell'immagine, potrete inserire un link al sito origine (il vostro, Pinterest lo farà in
automatico), scrivere un titolo (ad esempio “logo de miosito.it”) ed un campo
descrizione (da compilare in modo pertinente). Meglio non lasciarli vuoti, quindi,
altrimenti l'immagine sarà difficilmente vista e trovata da altri, salvo casi
particolarissimi (es. un richiamo al sito contenuto all'interno dell'immagine
stessa). A seconda delle board, il backlink potrà essere sia in un campo a parte
che nella descrizione. Più usate l'account e più immagini postate, maggiore sarà
il potenziale SEO di quello che state facendo. Attenzione a non usare questi
strumenti solo per farvi pubblicità – ogni tanto postate immagini neutre o per il
piacere di farlo - perché potreste essere bannati, e perdere così tutto il lavoro.

G.15 - Via email: segnalare un errore e proporre link


sostitutivi
Ovviamente la strategia di chiedere un link sfacciatamente al webmaster non
funziona: il più delle volte se lo fate non vi risponderanno, oppure vi chiederanno
soldi in cambio. Molto meglio rendersi utili per un sito esterno, ad esempio:
trovate un buon sito che si posiziona bene per una ricerca di risorse gratuite (ad
esempio), ed analizzatele con attenzione cercando di rilevare eventuali errori
404. Ci sono molti tool per tracciare le pagine di errori su qualsiasi sito web, ed
uno di questi è Integrity, ma anche Xenu Link Sleuth e molti altri. Gli errori di

49 di 62
questo tipo (404) sono legati all'assenza di una pagina web linkati, quindi
potrebbero corrispondere a link errati o obsoleti.
Quello che si fa, una volta tracciata una pagina di errore che corrisponde ad una
ricerca che ci interessa, è cogliere la palla al balzo, segnalare l'errore al
webmaster e proporre, con l'occasione, un link sostitutivo che corrisponda con
l'URL del vostro sito. La tecnica è sulla falsariga di quanto visto con i pattern di
ricerca per trovare pagine Wikipedia da integrare (vedi G.2 -): il senso, insomma,
resta lo stesso.
Si tratta di un modo di vedere le cose tipicamente da SEO, per cui non
preoccupatevi se all'inizio non riuscirete ad agire in questa direzione: le
opportunità, come nella vita reale, vanno colte al momento opportuno -
l'importante è arrivarci preparati. Un esempio di mail di richiesta è riportato di
seguito, tanto per mostrarvi un esempio concreto.
Buonasera, relativamente alla pagina del vs. sito www.[....] volevo segnalarvi che
sono presenti i seguenti link che puntano a risorse non più esistenti o valide
(404), e che andrebbero corrette [lista di link] Nella speranza di fare cosa gradita,
inoltre, vi segnalo i link ad alcune risorse tematiche, da me scritte recentemente,
che potrebbero interessare: [lista di link]
Salve Salvatore, grazie mille per la segnalazione, provvederò a sostituire i link
(risposta ricevuta qualche tempo dopo)

G.16 - Proporre soluzioni a problemi


Se create una sezione FAQ nel vostro sito proporrete un insieme di potenziali
link in ingresso che gli utenti esterni potranno collegare nel tempo, senza che voi
dobbiate fare nulla. In sostanza il principio è quello di attrarre link in modo
spontaneo, ed uno dei modi per farlo – anche se non è certamente l'unico – è
quello di
1) analizzare le più comuni ricerche relative a dubbi, problematiche o richieste
specifiche del settore del vostro sito
2) creare FAQ che, a partire dal titolo, vadano a rispondere in modo esaustivo a
quelle domande.
Si tratta, per inciso, di una delle tecniche di link building ufficialmente supportate
ed incoraggiate27 da Google. C'è tanto da lavorare su questo, e troppo spam
ancora infesta i risultati di ricerca su vari settori: per cui, se necessario, dateci
dentro.

27 Si veda https://sites.google.com/site/webmasterhelpforum/it/it-posts/come-ottenere-link-di-
qualita-che-rimandano-al-vostro-sito, in particolare: Se il vostro sito è piuttosto nuovo e non ancora
conosciuto, fatevi conoscere. Partecipate alla community in merito al vostro argomento. Interagite e
lasciate contributi su forum e blog. Ricordatevi solo di contribuire in modo positivo invece di includere
spam o di sollecitare gli utenti a visitare il vostro sito (agg. 16 feb 2016)
G.17 - L'umorismo
Non sempre i siti web riescono ad emergere in modo naturale, e questi sono i
casi in cui bisogna provare a dare qualcosa in più: usare ironia e umorismo è
certamente un fatto positivo per la SEO del vostro sito, per quanto la seriosità di
certi argomenti, settori di mercato e di alcune consulenze non permetta una
facilissima approvazione di tali tecniche.
Eppure si tratta di una delle tecniche di link building ufficialmente supportate ed
incoraggiate28 da Google: per cui dateci dentro, e sotto col Bill Hicks che c'è in
voi. Se create un post nel vostro blog particolarmente spiritoso ed efficace, ad
esempio, potreste essere linkati naturalmente ed acquisire backlink da persone
possibilmente dotate di umorismo ed appassionate dei vostri argomenti.

G.18 - Linkare un sito della concorrenza


Chiunque capisca un minimo di link building sviluppa spesso, senza rendersene
conto, un'attitudine alla chiusura che si manifesta in comportamenti del tutto
incomprensibili, quali non linkare siti esterni in nessun modo, neanche se si tratta
delle fonti delle news che pubblica nel proprio blog: questo perché la logica SEO
di queste persone li ha del tutto ottenebrati.
In realtà anche un link esterno possiede una valenza ben precisa: serve a dare
un'orientamento al nostro sito, qualifica le nostre strategie editoriali e potrebbe
essere il sito di un partner, ad esempio, come pure un link di riferimento
realmente utile per i nostri lettori (se abbiamo un blog). La politica di non linkare
nessuno, di norma, dovrebbe essere dettata da precedenti abusi o dalla
conoscenza profonda del settore di riferimento del nostro sito: si tratta pero' di
un'eccezione, non di una regola.
Un link è sempre, o almeno dovrebbe essere visto come, un'opportunità di
espandere i propri confini: i link esterni vengono infatti spesso notificati – con vari
strumenti e modi, tra cui il cosiddetto trackback - ai siti di riferimento, che
possono così quantomeno venire a conoscenza della nostra esistenza. Non ci
linkeranno, in molti casi, ma se non altro la visita e la conoscenza del nostro sito
sarà garantita.

G.19 - Backlink sociali (Twitter, Google Plus)


I social non verranno trattati in un ambito SEO come quello di questo libro, ma ci
sono due eccezioni considerevoli da prendere in considerazione: avere un
account Twitter ed uno Linkedin, che permette di mettere in evidenza i link con i
contenuti più importanti del nostro sito, postare più o meno liberamente offerte

28 Si veda https://sites.google.com/site/webmasterhelpforum/it/it-posts/come-ottenere-link-di-
qualita-che-rimandano-al-vostro-sito, in particolare: L'umorismo può essere un altro modo per ot-
tenere ottimi link e per indurre le persone a parlare del vostro sito (agg. 16 feb 2016)

51 di 62
commerciali e così via. Sebbene anche Facebook ed altri social permettano di
farlo, riporto Twitter e Google Plus perché tutto quello che postate qui dentro,
ammesso che le impostazioni di visibilità dei vostri account lo permettano, sarà
indicizzato su Google di default.
Questo è importante da tenere in considerazione anche come strategia di
riserva, sfruttando il vostro account social come se fosse un blog di WordPress
oppure di Blogger (la logica è quella dei siti satellite vista in G.4 -). Linkedin
permette di scrivere nel vostro blog personale creando contenuti che potranno
linkare a piacere il vostro sito, ed essere commentati dai vostri contatti.
Google Plus, inoltre, permette di creare status che:
saranno indicizzati su Google (selezionate “visibiità pubblica”);
saranno prioritariamente visibili ai contatti delle vostre cerchie nei risultati di
ricerca.
Quest'ultima è una caratteristica molto utile per riparare a problemi di
posizionamento; se non riuscite a posizionarvi naturalmente per via
dell'eccessiva concorrenza, potrete sfruttare un post su Google Plus e diffonderlo
in una cerchia di contatti interessati. Il problema in questo caso si riduce a
trovare abbastanza contatti mirati a cui girare il link al vostro sito, in effetti (senza
esagerare e senza spammare, anche qui).

G.20 - Siti di video sharing


I più comuni siti di video sharing (per esempio DailyMotion, Vimeo e Youtube)
permettono di caricare video agli utenti registrati in conformità alle ToS (Terms of
Services). Se li rispettate, i vostri video potranno essere visti e condivisi da
numerosissimi utenti della rete, e questa chiaramente è già un'opportunità
enorme: creando dei video tematici, potrete approfittare dell'occasione per
promuovere il vostro sito web, ad esempio linkandolo all'interno della descrizione
del vostro canale (la tecnica più usata).
Bisogna avere le capacità ed i mezzi per postare i mostrare i video giusti, e non
sarà banale né scontato riuscirci. Il canale comunque esiste, e va tenuto in
considerazione soltanto dopo aver stilato un minimo di strategia editoriale
coerente.
La promozione di siti con prodotti “visuali” o di cui volete far vedere la
lavorazione è spesso molto indicata con questa strategia.

G.21 - Migliorare i contenuti altrui


Date uno sguardo a come è stato promosso un prodotto analogo al vostro, a
quali strategie ed impostazione del sito è stata seguita dalla concorrenza,
all'approccio generale al marketing e via dicendo: troverete contenuti, dopo
qualche ricerca, spesso decisamente migliorabili o da cui prendere spunto per
articoli vostri. Attenzione che, in questa sede, non si tratta di copiare gli altri alla
buona, cosa che molti fanno in modo incosciente e che può crearvi più problemi
di quanto pensiate (copyright, ad esempio: molti mi copiavano gli articoli da
Trovalost.it e per loro linkare la fonte era un'autorizzazione indiretta a farlo! Ho
dovuto sudare parecchio per spiegare che non è così, e che altri sarebbero stati
molti meno gentili al mio posto).
Ancora una volta, si tratta di una delle tecniche di link building ufficialmente
supportate ed incoraggiate29 da Google: l'approccio migliorativo in generale
permette, sotto determinate condizioni, di creare pagine web sul nostro sito
capaci di posizionarsi bene su Google in modo spontaneo, superando la
concorrenza e, di norma, senza bisogno di fare nient'altro.

G.22 - Prepara un piano editoriale per il tuo blog


Su questo argomento bisognerebbe discutere a parte, e in questa sede servirà
solo ad introdurre all'esistenza del problema: molti siti falliscono, in termini SEO,
soprattutto perché hanno un piano editoriale scadente, scontato o addirittura
inesistente (non pubblicano nulla, e non pensano minimamente di farlo, perché
secondo loro non serve). Eppure un piano editoriale facilita la vita e favorisce
condivisioni, link e visite. Alla prova dei fatti, si potrebbe considerare il mondo dei
motori di ricerca come una sorta di editore che “sceglie” (seppur con criteri solo
in parte umani) i contenuti migliori da mostrare ai propri utenti. Questo giustifica
già da solo la necessità di stilare un piano editoriale, cosa che io ho fatto con il
mio sito trovalost.it.
All'inizio era soltanto un blog, in effetti, che usavo per promuovere e confrontare
servizi di hosting proponendo:
 tutorial originali scritti da me (basati spesso su esperienze dirette);
 una quantità discreta di ricerche personali, specialmente nell'ambito del
confronto tra offerte e sulle prestazioni dei vari servizi di hosting (oggi lo
faccio molto meno, ma continuo a farlo);
 un buon numero di articoli un po' più leggeri, divulgativi o spiritosi, allo
scopo di diversificare gli utenti e non limitare troppo la nicchia.
La svolta è nata, in effetti, quando ho raccolto su questo sito tutto ciò che erano i
miei articoli migliori, e devo dire che – nonostante un'attività SEO costante che
dura fino ad oggi – la maggioranza dei buoni risultati ottenuti li devo a quel piano
editoriale che, un po' inconsciamente, avevo stilato e poi raffinato in seguito.
Tutto questo serve a darvi un'idea specifica di cosa voglia dire creare un piano
editoriale: fare brainstorming libero per raccogliere le idee, prendere appunti sui
possibili argomenti da trattare nel blog, stabilire una frequenza di pubblicazione
ed imparare a formattare correttamente, e secondo uno standard quanto più

29 Si veda https://sites.google.com/site/webmasterhelpforum/it/it-posts/come-ottenere-link-di-
qualita-che-rimandano-al-vostro-sito, Può essere una buona idea dare un'occhiata a siti simili in al-
tri mercati e identificare gli elementi di tali siti che potrebbero funzionare bene anche per il vostro sito.
È tuttavia importante non tentare semplicemente di copiare i casi di successo ma adattarli, in modo che
apportino un valore aggiunto per gli utenti che visitano il vostro sito web. (agg. 16 feb 2016)

53 di 62
possibile specifico, ogni articolo.
Molte aziende fanno usualmente SEO, che io sappia, senza un piano editoriale:
non che la cosa sia impossibile,, ma richiede una quantità di lavoro diversa
rispetto a quanto ce ne vorrebbe senza la sua esistenza. Considerate, quindi,
l'importanza di un buon piano editoriale che spesso non è neanche competenza
dei SEO, bensì della figura dei copywriter, il vero guru delle attività legate al
content marketing.

G.23 - Linka il tuo sito mediante editoria sociale (social


news)
Anche qui ci troviamo nell'ambito di una strategia controversa dato che, come nel
caso di altre strategie di link building forzato, viene spesso intesa male ed usata
peggio. Il punto è questo: i siti di social news sono contenitori di notizie in cui, a
differenza dei social, sono le notizie (i contenuti, più in generale) a farla da
padrone – non gli utenti, come avviene usualmente sui social network. Motivo
per cui, sulla falsariga di Reddit – una community di news create, commentate e
catalogate dagli utenti – sono stati creati parecchi cloni che sfruttano la stessa
idea, in cui le dinamiche fondamentali sono due:
 da un lato possiamo iscriverci, e votare le notizie che ci piacciono di più;
 dall'altro possiamo proporre le nostre notizie, risorse e URL, ed esporle
così a commenti e valutazioni da parte degli utenti.
I social news sono quindi una sorta di social network in cui i link, le notizie ed i
commenti sono centrali, e giocano il ruolo che normalmente sarebbe degli
utenti. Per utilizzare i siti di editoria social basta registrarsi gratuitamente, e si
potrà iniziare a postare direttamente i propri contributi.
Di fatto, si tratta di una strategia che funziona bene soprattutto per incrementare
il traffico, e lato SEO aiutano a diversificare i titoli: bisognerà sempre avere
l'accortezza di variare (anche leggermente) il titolo e la descrizione di ogni URL,
in modo da evitare inutili duplicati sui motori di ricerca. Questo aiuterà
naturalmente gli utenti, e anche i motori, a rendere tracciabile quella notizia
cercando titoli diversi e varianti.
Segue un elenco completo dei principali social news italiani al momento in cui
scrivo, ognuno accompagnato da una breve annotazione sul suo uso.
oknotizie.virgilio.it – Uno dei siti migliori, anche una community molto
controllata in cui i contenuti sono soggetti ad un rigoroso controllo, ed in cui non
sono ammesse forme di auto-promozione di alcun tipo. Se postate i contenuti
giusti potrete portare molto traffico al vostro sito web, ed incrementare le
possibilità di scambi, collaborazioni e link.
fai.informazione.it – Permette di postare notizie dal vostro blog anche in forma
di RSS, ed è un canale potenzialmente valido e ricco di utenti: se postate via
RSS feed, abbiate almeno cura di cambiare i titoli dei vostri post per evitare
duplicati.
ziczac.it – Anche questo è un sito di social news che funziona piuttosto bene, e
su cui vale la pena di spendere un po' di tempo. Cercate la categoria giusta per
postare le vostre notizie ed assicuratevi che valga la pena di farlo, perché i
submit sono limitati.
blog-news.it – Non molto noto, ma certamente da provare. Anche qui potrete
postare le vostre notizie e farle votare dagli altri utenti.

G.24 - Linka il tuo sito mediante blog “amici”


Un modo facile per farsi linkare il sito è quello di chiedere la cortesia ad un
amico, oppure ad un collega o conoscente con cui siamo in buoni rapporti,
cercando di giustificare la circostanza in modo accettabile per il sito destinazione.
Certo si tratta di una tecnica che bisogna saper usare, perché il rischio nulla di
fatto è sempre dietro l'angolo. Bisogna poi considerare che molte persone
considerano il link una sorta di “moneta di scambio” all'interno della comunità
SEO, motivo per cui sono portati a credere che pur di avere un link saremmo
disposti a tutto (anche a pagare o a lavorare gratis per loro, ad esempio).
Possibili contenuti da proporre in questa sede sono, ad esempio, di scrivere
un'opinione sul sito in questione, recensirlo o evidenziarne un aspetto che
potrebbe interessare il sito dell'amico o del collega (motivo per cui è sempre
bene analizzare i siti candidati con attenzione, e fare la proposta solo a quelli più
pertinenti).

G.25 - Linka il tuo sito mediante siti di content curation


Una tecnica molto simile all'uso dell'editoria sociale vista a pagina 54 è la content
curation, che consiste nel selezionare manualmente le fonti più affidabili. L'idea
di base, un po' utopica ma al tempo stesso non banale, è quella che i content
curator siano operatori in grado di dare ad un motore di ricerca quel tocco
“umano” che attualmente sembra latitare. Si tratta di una strategia che possiede
ripercussioni significative in ambito SEO, non fosse altro che i siti di content
curation sono spesso affidabili e ben gestiti, per cui un portale come scoop.it
potrebbe fare al caso vostro. Basta trovare la categoria giusta, come sempre.
Molti, anzi direi la maggioranza, tende ad usarlo male: va bene che non si tratta
di uno strumento di link building pura (semmai indiretta), ma molti lo usano
semplicemente per postare le pagine del proprio sito creando un topic col nome
del sito stesso. Non che non sia lecito farlo, ma probabilmente serve a poco:
molto meglio segnalare le risorse (gli URL migliori del nostro sito) che offre
il nostro sito all'interno degli opportuni argomenti pre-esistenti, e poi
aspettare che i proprietari approvino. Se il topic non esiste ancora, potremmo
pensare di crearlo noi: l'importante è mantenere un profilo di link adeguato, nel
senso non solo ed esclusivamente link del nostro sito ma anche di altri,
diversificando un po' le cose ed evitando di autocelebrarsi e basta.
Esempi di topic di content curation da me seguiti da anni sono inerenti il settore

55 di 62
degli hosting e della grafica 3D30, che potreste visionare con calma per capire
meglio il senso delle operazioni lato SEO che cerco di effettuare con essi:
evidenziare le cose più significative, dando un contesto ben preciso (il topic,
appunto) ad ognuno dei singoli link raggruppati.
Molti altri siti di content curation sono in inglese ma c'è una buona scelta anche
in italiano.

G.26 - Migliora periodicamente i titoli delle pagine del tuo


sito
Quando sto cercando di posizionare un sito web, o comunque di migliorarne
l'impatto su Google, stai combattendo una sorta di “battaglia” in cui non sarà
facile capire se tu stia agendo davvero bene: l'unico approccio possibile, in questi
casi, consiste in un try & test che non credo abbia equivalenti in altre attività.
Come si svolge? Si testano una serie di alternative di seguito, e si mantiene
quella che produce i migliori risultati.
Se ad esempio volessimo ottimizzare una pagina:
miosito.it/fare_xyz.html
e sia
“Come fare XYZ”
il tag title. L'idea è quella di ottimizzare questa pagina internamente ed
esternamente, valorizzando il numero di visite da motore di ricerca che ci
potrebbero arrivare. Le ricerche in questione siano, per semplicità, anche solo
“guida per XYZ”.
Ottimizzazione interna. Proviamo a modificare dal sito il titolo “Come fare XYZ”
in un certo numero di diverse varianti equivalenti, tra cui “Come si fa XYZ”,
“Come fare facilmente XYZ”, “XYZ: guida facile”, e così via.
Ottimizzazione esterna. Proviamo a variare il numero di ancore esterne che
linkino il nostro sito, ad esempio secondo le strategie illustrate in precedenza,
avendo l'accortezza che il link esterno risultante presenti una anchor text, se
possibile, ogni volta diversa. Nel lungo periodo questa è una strategia di link
building che funziona benone, e tutto sta nel saperla combinare con quella
interna e trovare così la combinazione migliore tra le due.
Non riuscirete mai a lavorare realmente così, se non in un mondo ideale: sarete
costretti a non poter cambiare alcune cose, e soprattutto l'ottimizzazione esterna
sarà complicata. Quella che ho proposto è solo una regoletta pratica da adattare
saggiamente al vostro caso.
Per misurare i risultati, poi, sarà possibile conteggiare le visite che arrivano prima
e dopo ogni modifica, la posizione su Google rilevata, il CTR e tanto altro ancora.
Anche qui considerate che il rischio sovra-ottimizzazione è molto alto per cui
evitate di esagerare in questa direzione.

30 Si vedano http://www.scoop.it/t/hosting e http://www.scoop.it/t/3d-modeling-free


Le anchor text dei link in ingresso “guidano”, almeno secondo la teoria SEO
classica, i motori in varia misura, ed ha senso che rappresentino un buon
compromesso tra il contesto di origine (es. un testo ben scritto in italiano) ed il
senso della presenza del link (in molti casi, per inciso, i backlink di molti siti non
hanno davvero alcun senso e sarebbero solo da evitare o mandare in disavow).
Se possibile, poi, provate saltuariamente a far corrispondere nel migliore dei
modi la query di ricerca con il titolo: è una cosa che continua a funzionare ad
oggi, seppur come regola da non generalizzare in nessun caso. Un backlink
senza ottimizzazione esterna (magari per precauzione) potrebbe comunque
funzionare lo stesso, in linea di massima.

G.27 - Partecipa ad un contest SEO


Periodicamente vengono proposti contest SEO per posizionare una parola
chiave a scelta, e comportano quasi sempre l'apertura di un blog gratuito per
partecipare. Lavorarci per un po' sfruttando le tecniche indicate, e provare ad
apparire su Google per quella ricerca con vari modi e tempi, può essere
un'esperienza formativa e stimolante, oltre ad 1) aiutarci a capire meglio come si
lavora nel settore e 2) capire quanto possa affossarti una concorrenza spietata. Il
vantaggio, in questi casi, è che non rischiate nulla economicamente ed imparare
a capire bene la SEO a livello operativo.
Peraltro il sito che create potrebbe mantenere un buon potenziale SEO da
sfruttare o riutilizzare in altri contesti differenti, in futuro: per cui fatelo, almeno
una volta nella vita, e prima di dedicarvi al vostro progetto principale.

G.28 - Sfruttare la visibilità di un blog famoso del settore


che permetta i commenti
Bisogna premettere che non si tratta di una tecnica SEO molto riconosciuta, oltre
che un po' controversa per almeno due motivi: i backlink che se ne ricavano sono
poco eleganti e, di fatto, possiedono un valore SEO molto probabilmente limitato.
Molti siti famosi ricorrono a commenti sui blog senza senso o di facciata per il
solo scopo di averne un link in cambio, e questo cambia poco la loro situazione e
non li mette necessariamente in buona luce.
Il mio suggerimento è di usare questa tecnica in mancanza di migliori opzioni:
personalmente, ho ripiegato sui link da blog altrui (scrivi il tuo nome nel modulo
commenti, l'indirizzo del sito nel campo URL – quando c'è – e scrivi il tuo
commento normalmente) negli scenari di ottimizzazione in cui era quasi
impossibile ottenere link diversamente.
Si tratta di link che possono portare un bel po' di traffico extra al sito: tutti quelli
che leggeranno i commenti saranno tentati dall'andare a curiosare nel sito che
avete linkato. Ovviamente ciò potrà accadere solo a determinate condizioni e
sotto scenari particolarmente favorevoli, e in ogni caso si tratta di traffico
abbastanza difficile da misurare: dovremmo inserire un link di tracciamento nel
campo URL, e non è detto che il webmaster approvi il commento in tale

57 di 62
circostanza.
Depone a favore di questa pratica il fatto che l'attributo nofollow, ormai
onnipresente, limita i rischi di penalizzazioni e rassicura i webmaster, molto più
propensi a pubblicare i vostri commenti e spesso meno sospettosi che lo stiate
facendo per scopi SEO.
Moltissimi sono, per la cronaca, i modi sbagliati di fare link building mediante
blog:
1. commentare con banalità come “ottimo”, “bravo”, oppure “bell'articolo”;
2. commentare senza pertinenza con l'argomento dell'articolo commentato;
3. commentare, peggio ancora, con sistemi di generazione automatica dei
commenti.
Tra i buoni metodi che ho adoperato ed uso ancora oggi, annoveriamo:
1. criticare il contenuto di un post (questa è la tecnica forse più semplice, ma
bisogna fare attenzione a non degenerare nella discussione o polemica sterile);
2. segnalare come risorse utili il link che ci interessa promuovere, eventualmente
assieme ad un altro non citato nell'articolo;
3. aggiungere delle informazioni al post in questione.
Sul web infine trovate liste di blog che non presentano l'attributo nofollow, e che
sono noti informalmente come “blog dofollow”, ma il loro uso va sempre
contestualizzato rispetto a quello che ci serve e, per quanto mi riguarda, è quasi
sempre sconsigliato di fare uso di liste del genere.

G.29 - Creare dei memi e delle infografiche


L'idea di base è quella di creare delle immagini che si facciano condividere
spontaneamente per via di qualche trovata originale, simpatica o attrattiva, ed
avere l'accortezza di riportare il nome del nostro sito come fonte. Per i memi, il
discorso è un po' delicato perché non è per niente facile crearne di efficaci: molti
cadono nel vuoto, vengono pubblicati ed ignorati. Tuttavia anche in Italia stanno
lentamente prendendo piede, e si tratta di un buon modo di fare link building
senza link diretto: il riferimento al sito è contenuto in un'immagine, non cliccabile
quindi, ma i visitatori vedranno comunque il richiamo al nostro sito.
Se i memi cercano di valorizzare l'aspetto ironico o paradossale delle cose (vedi
“forever alone” oppure “running dad”; per studiarne un po' potete vedere sul sito
knowyourmeme.com), le infografiche valorizzano l'aspetto informativo di una
questione, di una nicchia o di un settore commerciale, ad esempio (quasi
sempre) riportando statistiche inedite. Si tratta di dati che spesso ricadono
nell'usa e getta, e su cui non è opportuno spendere troppi sforzi in molti casi, ma
che possono produrre risultati interessanti lato SEO nel tempo.
Si suggerisce di postare questo genere di contenuti sulle board di immagini ed in
particolare su Pinterest, creando un proprio canale tematico se necessario.
Anche se non è SEO pura, è certamente un modo originale per fare content
marketing sostanzialmente diverso dal solito (e spesso logoro) scrivere articoli
tematici.

H - Le 10 regole più importanti della SEO


Molte cose cambieranno in questi anni per i motori di ricerca, e anche solo
immaginare le novità che saranno introdotte è davvero un'impresa, un'azzardo
che solo pochi audaci possono permettersi. A noi non interessa complicarci la
vita più di tanto, per cui passiamo al decalogo delle dieci regole che, sulla carta,
varranno sempre in ambito SEO.

H.1 - Non fare ipotesi


Ragionare “scientificamente” (soprattutto in termine di relazioni causa-
effetto: della serie, se aggiungo un backlink X salgo di 5 o 10 posizioni) sulla
SEO ha poco senso, se non quello determinato dal gusto di discutere le varie
cose. Ma la regola del non fare mai ipotesi senza fondamento andrebbe seguita
in ogni caso, e questo per una serie di ragioni. Qualsiasi ipotesi sarà comunque
difficile o impossibile da provare, per cui alla lunga ognuno tenderà a credere ciò
che gradisce o ritiene più plausibile personalmente. Non fare alcuna ipotesi sulla
SEO, di fatto, significa non perdersi nei meandri della teoria e stabilire un legame
molto forte con la realtà operativa in cui si lavora.

H.2 - Non credere che sia “arte”


Accettare il punto precedente non deve ovviamente farci eccedere nell'altro
verso: se non è scienza non è neanche arte, e non deve essere oggetto di
speculazioni astratte o troppo fantasiose. Non bisogna mai perdere di vista,
insomma, che la priorità di qualsiasi motore di ricerca è quella di mantenere i
propri utenti il più possibile su di esso, e che si tratta comunque di aziende che
cureranno sempre, prima di qualsiasi cosa, i propri interessi. Non facciamo
portare fuori strada da speculazioni che siano avulse da concetti base come
questo, insomma, oltre che da fondamenti del web come l'usabilità delle pagine,
l'utilità dei contenuti ricercati, lo scopo della ricerca, il profilo medio del visitatore
e via dicendo.

H.3 - Usare le istruzioni per webmaster ufficiali dei motori come


se fossero il manuale di un software
I suggerimenti per webmaster di Google o Bing sono indicazioni di carattere
generale che si concentrano su due aspetti: da un lato cosa devi fare per essere
“ben visto” dai motori (il che non coincide con arrivare primo sui motori):
ricordiamoci l'importanza dei contenuti originali, che il tuo sito deve essere unico,
deve essere ben progettato e visibile sul mobile, ecc.. Dall'altro, ci si concentra
su cosa evitare per non essere penalizzato (fare scambi di link o trattative di
compra-vendita, chiedere backlink che non “meriti”, usare tecniche black hat,

59 di 62
sentirsi più furbi degli altri). Come nel caso del manuale d'uso del tuo software di
scrittura o di un CAD, un manuale non ti dirà mai come scrivere la tua lettera di
presentazione per un'assunzione sicura, o come progettare l'appartamento del
secolo: ti dirà “solo” cosa fare per sfruttare al meglio lo strumento. Nessuno, del
resto, ci obbliga a seguire quelle regole passo-passo: tutto sta alla nostra
responsabilità, ed ai gradi di rischio che siano in grado, o in condizione, di poterci
assumere.

H.4 - Non credere a guru delle “camere stagne”


Sul web troverai una marea di illazioni ed ipotesi campate in aria, oltre a
moltissimi studi statistici che, più o meno un paio di volte all'anno, analizzano un
insieme di fattori SEO, quali il titolo o il tipo di dominio internet, e cercano di
dedurre quali siano i ranking factor, o fattori di posizionamento, più importanti. Di
norma, per quanto accattivante sia (la strategia di pubblicazione di quei contenuti
è spesso puro article marketing: i SEO ripubblicano e linkano quei contenuti che,
per inciso, si posizionano molto bene sul web), tale approccio tende ad essere
fuorviante: per esempio, il campione di siti considerato nelle analisi, il più delle
volte, non è alla nostra portata o si riferisce a siti diversi dal nostro. Inoltre
credere alle correlazioni pubblicate sui blog SEO crea una pericolosa tendenza:
quella di ottimizzare un sito “a strati”, orientandosi soprattutto sul fattore SEO più
di moda o più “influente” del momento. Al di là di considerazioni prettamente
statistiche – correlazione non implica causalità, non dimentichiamolo 31 – che
invalidano l'approccio di sé, mi sembra un dato di fatto ogni sito tende a fare
storia a sé lato SEO. Non credere ai guru che tipicamente ti diranno “concentrati
sul PageRank, sui title, sui domini scaduti” è utile per evitare di prendere abbagli,
per evitare inutili sovra-ottimizzazioni di massa e perché, non ultimo, la diffusione
dei ranking factor è – come dicevo prima – solo una strategia di content
marketing, che ci rende amplificatori involontari di quell'azienda che ha
pubblicato per prima quello studio. E se facciamo i SEO, se non altro, dovremmo
far caso a quanto tale strategia sia efficace su larga scala (purtroppo o per
fortuna).

H.5 - Non credere alla SEO “open world”


Qualche consulente crede inoltre in un approccio aperto alla materia SEO,
nel senso che la condivisione incondizionata possa portare conoscenza utile a
tutti: condividiamo analytics, condividiamo dati sul nostro sito, fonti di backlink
efficenti. Il più delle volte è utile e costruttivo confrontarsi su questi temi, ma ciò
finisce per diventare più spesso un'illusione collettiva: Google non è (oltre che
mai sarà) disposta a svelare i meccanismi dietro il ranking che effettua per i
risultati di ricerca. Per cui parlarne tra noi equivale a convincersi di cose

31 Ho scritto un articolo molto completo sull'argomento e non ripeterò, per questo, le stesse con-
siderazioni in questa sede: http://seo.salvatorecapolupo.it/blog/cosa-significa-correlazione-
non-implica-causalita/
difficilmente dimostrabili, basandosi ancora una volta sui pareri più accattivanti o
carismatici. Usare un approccio aperto può andare bene nella misura in cui,
unica eccezione, ciò non ci influenzi in modo categorico nel fare ciò che è più
giusto per il nostro sito (che è quello che ogni buon SEO dovrebbe fare).

H.6 - Non isolare i fattori


In questa sede vorrei concentrarmi su tutti aspetti specialistici più
controversi in cui mi sono imbattuto negli ultimi anni. Consapevole del fatto che
certe cattive idee – o cattivi approcci, per meglio dire – non moriranno forse mai,
mi sembra corretto mettere in chiaro che, ad esempio, il PageRank non è un
fattore SEO che dobbiamo isolare, e considerarlo da solo come determinante. La
mia politica in questo campo risponde ad un'esigenza di ordine pratico: vale la
pena compromettere un sito su cui ho lavorato duramente per anni in nome della
vendita di un backlink dofollow? Che prezzo dovrebbe avere una cosa del
genere sul mercato, rispetto al rischio che assumerò (penalizzazioni)? Non
isolate mai i singoli fattori (ad esempio: la parole chiave all'interno del titolo o del
testo), perché rischiate di essere penalizzati per una sovra-ottimizzazione.

H.7 - Non confondere indicizzazione con posizionamento


L'indicizzazione è il processo di archiviazione delle pagine del nostro sito,
mentre il posizionamento rappresenta dove si trova un certo sito in un certo
istante per una certa ricerca: il primo è un processo automatico, che il più delle
volte i motori effettuano da soli, e che potete forzare mediante le tecniche che ho
descritto in precedenza. Il secondo, invece, è decisamente più complesso in
quanto funzione di un numero incalcolabile di parametri. Non facciamo
confusione tra le due cose, in nessuna circostanza.

H.8 - Non farti illusioni


La SEO non darà mai certezze assolute di posizionamento, quanto
piuttosto favorisce un orientamento favorevole del sito rispetto a ciò che gli utenti
cercano. È bene tenere presente questo aspetto e, se facciamo delle
consulenze, metterlo in chiaro fin da subito con il nostro cliente, oltre che con noi
stessi. Se stiamo facendo SEO per il nostro sito, invece, è bene non illudersi di
arrivare al successo immediato e garantito (successo che, l'esperienza insegna,
arriva molto spesso da circostanze spesso inattese ed imprevedibili).

H.9 - Non convincerti di ciò che non si può provare


In ambito SEO è difficile provare che una tecnica funzioni sempre: in questi
termini è facile convincersi che ciò che si fa fare meglio, o che sembra più
ragionevole, sia la cosa giusta da fare sempre e comunque. Questo porta a

61 di 62
regole preconfezionate che, in ambito SEO in particolare, non solo servono a
poco, ma rischiano di consolidare cattivi comportamenti di massa facili oggetto di
penalizzazioni, prima o poi.

H.10 - Non lavorare a vuoto


La cosa che effettivamente ho visto avvenire più spesso è legata alla
scarsa misurazione dei risultati: molti SEO tendono a strafare, sovra-ottimizzare
query di ricerca e fare valutazioni troppo localizzate, miopi o condizionate da
giudizi arbitrari altrui. Il vero SEO deve saper astrarsi da ogni condizionamento e
capire cosa è meglio in assoluto, e nel momento opportuno (anche in base al
budget ed alle risorse disponibili, in effetti) per il sito in questione. A tal proposito
sarà utile riportare, prima di concludere il nostro viaggio, un esempio di
preventivo che propongo usualmente a miei clienti, e che secondo me rende
l'idea del “cosa aspettarsi” dalla SEO.

I - Note finali
Siamo arrivati alla fine del libro, e naturalmente vi ringrazio per l'acquisto e
l'attenzione. Questo libro è stato diffuso in formato digitale senza lucchetti DRM;
se hai modo e tempo per farlo, lascia un commento sincero su questo testo sul
sito da cui l'hai acquistato. Ho cercato di filtrare le informazioni essenziali che
possono essere utili per i principianti della SEO, ma anche per i professionisti: un
mondo in cui, si spera, un giorno tutti – o molte più persone di oggi - sappiano
seguire le direttive del web e dei motori, e non intendano l'ottimizzazione come
un modo per fregare il prossimo.
I contenuti di questo libro possono linea di massima, essere diffusi sul web a
patto di citarmi come autore.
Questo libro non dovrebbe essere mai utilizzato come oggetto da esposizione,
fermacarte o per supportare tavoli traballanti.
Finito di scrivere il 17/07/16