Sei sulla pagina 1di 300

Sede Amministrativa: Università degli Studi di Padova

Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari

Université de Genève
Faculté de Lettres, Département de Langues et Littératures Modernes, Unité d’Italien
___________________________________________________________________

CORSO DI DOTTORATO DI RICERCA IN: Scienze Linguistiche, Filologiche e Letterarie


CICLO XXX

DOCTORAT ÈS LETTRES

Testualità e retorica nei dialoghi italiani di Giordano Bruno

Supervisori: Ch.mo Prof. Sergio Bozzola, Ch.mo Prof. Carlo Enrico Roggia

Dottorando: Giacomo Morbiato


Riassunto in lingua italiana

Il presente lavoro si propone di indagare il funzionamento testuale e retorico dei sei Dialoghi
italiani di Giordano Bruno, un corpus che comprende sei opere filosofiche in forma dialogica
redatte e pubblicate a Londra nel biennio 1584-5: la Cena de le ceneri, il De la causa, principio
et uno, il De l’infinito, universo e mondi, lo Spaccio della bestia trionfante, la Cabala del
cavallo pegaseo, con l’aggiunta dell’asino cillenico, gli Eroici furori.
Esso si articola in tre ampi capitoli, rispettivamente dedicati: alle procedure dell’accumulazione
e della ripetizione; all’analogia, investigata muovendosi a cavallo tra forme e temi; alle strategie
di complicazione figurale del macrotesto.
Gli strumenti sono quelli della retorica tradizionale e novecentesca, compresa la teoria
dell’argomentazione, ma anche della linguistica italiana e della linguistica testuale.
La ricerca si propone di portare nuovi risultati in un settore ancora poco sviluppato della critica
bruniana, di per sé vastissima. L’indagine sulle forme e sullo stile consente inoltre nuovi apporti
alla comprensione del pensiero filosofico dell’autore.
Riassunto in lingua inglese

The present work aims to investigate the textual and rhetorical functioning of Giordano Bruno's
six Italian Dialogues, a corpus that includes six philosophical works in dialogical form written
and published in London in the two-year period 1584-5: the Cena de le ceneri, the De la causa,
principio et uno, the De l' infinito, universo e mondi, the Spaccio della bestia trionfante, the
Cabala del cavallo pegaseo, con l’aggiunta dell’asino cillenico, the Eroici furori.
The work divide itself into three broad chapters, respectively, dedicated to the procedures of
accumulation and repetition; to analogy, investigated moving between forms and themes; to
strategies of figural complication of macrotext.
The instruments are those of traditional and twentieth-century rhetoric, including the theory of
argumentation, but also of Italian linguistics and textual linguistics.
The research aims to bring new results in a still underdeveloped sector of Bruno’s criticism,
which is in itself very large. The investigation of forms and style allows for new contributions
to the understanding of the author's philosophical thinking.
Indice

Introduzione. Bruno scrittore, o delle coesistenze non pacifiche 11

1. Proliferazione e simmetria 31
1.1. Figure dell’accumulazione 34
1.1.1. Dittologia 37
1.1.2. Enumerazione 41
1.1.2.1. Estensione e distribuzione interna dei materiali 42
1.1.2.2. Legami tra gli addendi e organizzazione interna 44
1.1.2.3. Funzioni ed effetti di senso 48
1.1.3. Serialità sintattica 57
1.1.3.1. Frase semplice 57
1.1.3.2. Frase complessa 60
1.1.3.3. Oltre la frase complessa 63
1.1.4. Le dedicatorie e la replicazione ritmica 68
1.2. Figure del parallelismo 72
1.2.1. Frase semplice e frase complessa 73
1.2.2. Espansione delle strutture binarie 75
1.3. Figure della ripetizione 82
1.3.1. Ripetizione di tipo strutturale 84
1.3.1.1. Ripetizione con variazione morfologico-sintattica 85
1.3.1.2. Ripetizione con contatto etimologico-semantico 88
1.3.1.3. Ripetizione con variazione semantica 89
1.3.2. Ripetizione di tipo distributivo 90
1.3.2.1. Epifora, anafora, polisindeto 90
1.3.2.2. Anadiplosi, gradatio, schema additivo, chiasmo 94
1.4. Note conclusive 103

2. L’analogia a cavallo tra logica e retorica 107


2.1. L’analogia come modello logico e ontologico 111
2.1.1. L’argomento per analogia 111

7
2.1.2. La catena dell’essere 115
2.1.3. La concretizzazione 118
2.1.4. L’animazione 123
2.2. L’analogia come fatto retorico 126
2.2.1. Figure di analogia 126
2.2.1.1. Le forme 128
2.2.1.1.1. Forme brevi 129
2.2.1.1.2. Antonomasia 131
2.2.1.1.3. Intreccio ed emancipazione 135
2.2.1.1.4. Eccedenza del figurante 142
2.2.1.1.5. Integrazione nel movimento dialogico 147
2.2.1.1.6. Saturazione 154
2.2.1.2. Le funzioni 160
2.2.1.2.1. Degradazione e innalzamento 162
2.2.1.2.2. Rinforzo icastico 169
2.2.1.2.3. Spiegazione 170
2.2.1.3. I campi figurali 172
2.2.1.3.1. I figuranti della discussione e 179
dell’argomentazione filosofica
2.2.2. Analogie e macrotesto 182
2.2.2.1. Le dedicatorie 183
2.2.2.2. Le analogie a presenza intermittente 186
2.2.3. Analogie e mediazione 189

3. La complicazione figurale del macrotesto 197


3.1. Il caso della Cena 202
3.1.1. La funzione polemica e la natura composita del dialogo 203
3.1.2. La Proemiale Epistola 205
3.1.3. Il dialogo su due livelli: ipotesi per una struttura 207
3.1.4. La dimensione allusiva del testo 212
3.1.5. La trama delle allusioni prolettiche 213
3.1.6. La dimensione allegorico-simbolica del testo 219

8
3.1.7. Un’ipotesi interpretativa per il dialogo secondo 223
3.1.8. Per una conclusione provvisoria 232
3.2. Il caso della Cabala 233
3.2.1. Nel conflitto delle interpretazioni 233
3.2.2. L’analisi del testo 247
3.2.2.1. Gli enunciati autoriflessivi 247
3.2.2.2. Modi e luoghi dell’ironia 253
3.2.2.3. La mobilità della parola autoriale 263
3.2.2.4. Il centro inventivo del testo: Onorio 266
3.2.3. Ironia e censura 270
3.2.4. L’asino cillenico del Nolano 274
3.3. Cena e Cabala: ironia, comico, letteratura 280

Bibliografia 289

9
10
Introduzione
Bruno scrittore, o delle coesistenze non pacifiche

I dialoghi italiani godono di uno statuto particolare all’interno della produzione di Giordano
Bruno, non solo e non tanto per la rapidità della stesura1, la compattezza del progetto
complessivo, la scelta del volgare2, la ricchezza a volte depistante dei campi del discorso, dei
temi e delle possibilità espressive3. La loro vera peculiarità consiste nell’essere, al tempo stesso,
il picco speculativo raggiunto dal filosofo e il culmine letterario e creativo toccato dallo
scrittore, due primati mirabilmente fusi in un’unità problematica che ha costituito a lungo la
croce e la delizia della critica bruniana. A fronte di tale coincidenza, la ricerca cui si dà l’avvio
intende occuparsi della qualità letteraria dei dialoghi, senza ovviamente assumere la posizione
ingenua e metodologicamente fuorviante di chi crede ci si possa e anzi ci debba disfare del
pensiero. Se la forma è contenuto sedimentato (Adorno) e allegoria di altre e più profonde
tensioni e necessità (Fortini), non si potrà non confrontarla ai temi e alle idee che essa veicola;
beninteso, ricercando le connessioni senza pretendere di ritrovare una circolarità perfetta e
senza fratture.
Viene allora subito in primo piano la questione dei rapporti tra filosofia e letteratura così
come essi sono ricavabili dalla situazione testuale dei dialoghi italiani. A fronte della
presupposizione giustamente condivisa che Bruno sia prima di tutto un filosofo, depositario di
una visione del mondo e di una rete di concetti-chiave razionalmente costruiti e collegati tra
loro, l’interrogativo finisce per riguardare lo spazio e il ruolo riservati alla letteratura all’interno
di tale visione e di tale rete. Per dare una risposta non troppo approssimativa, è bene specificare
che per letteratura s’intende qui un’istituzione simbolica e un codice articolato in una pluralità
di sottocodici, ciascuno dei quali composto di un insieme di norme e convenzioni di cui lo
scrittore tiene conto osservandole o violandole4. È sufficiente allora gettare uno sguardo
superficiale alla testualità dei dialoghi per rendersi conto di come la presenza del letterario non
possa essere ridotta a un fatto superficiale o strumentale contrapposto a una profondità o a un

1
Per la Cena si veda Bossy 1992, 64-66; per i restanti dialoghi Levergeois 2013, 180 ss.
2
Cfr. Aquilecchia 1955 e 1993a.
3
Cfr. Canone 1999.
4
Si riprende un’osservazione di Orlando (1992 3, 12), che qui parafraso, a proposito dei generi letterari,
allargandola all’insieme dei sottocodici letterari (registri, topiche, ecc.). Riferendo il modello jakobsoniano delle
sei funzioni alla comunicazione letteraria, Orlando considera «come CODICE non solo la lingua italiana o francese
ecc., l’insieme di norme o convenzioni del genere letterario di cui il componimento tiene conto osservandole o
violandole».

11
fine prettamente filosofico. La formidabile complessità formale e strutturale delle testure
dialogiche rivela, da parte di Bruno, una manipolazione straordinariamente energica delle
risorse offerte dal codice letterario in tutta la sua articolazione interna. Oltre a porre come
necessaria l’analisi e l’interpretazione di tale livello dell’opera, ciò suggerisce l’idea che,
almeno per il sottoinsieme dei dialoghi, lo svolgimento del pensiero non possa in alcun modo
essere considerato separatamente dallo svolgimento delle forme espressive. La relazione tra la
verità del pensiero e il discorso della letteratura è più stretta e intrinseca, meno asimmetrica di
quanto si sia creduto, ed è un’interrelazione5.
Una simile interrelazione chiama in causa il terreno d’incontro naturale tra i due domini della
creazione artistica e del pensiero: la riflessione estetica. Ma qual è l’estetica di Bruno? e quali
conseguenze pratiche essa produce in sede di scrittura? Nonostante gli scritti del filosofo non
sviluppino in modo sistematico il problema, la ricollezione dei frammenti restituisce un quadro
chiaro: nel campo estetico, Bruno occupa una posizione anticlassicistica che dell’opera d’arte
tende a valorizzare due aspetti, l’icasticità dei dettagli e la relazione tra l’oggetto artistico e
l’artista. La rappresentazione si allontana dalla ricerca classicistica dell’universalità per
rimanere fedele alla varietà della natura, considerata nella sua autosufficienza come modello
per l’artista. L’opera d’arte non riflette più un’armonia superiore, ma la pienezza del mondo
delle cose che esistono, oppure l’ingenium dell’artista, arrivando a dar vita a composizioni
fantastiche e illogiche, prive di rapporti mimetici con la realtà naturale, il cui valore risiede
nella potenza con cui agiscono sul fruitore. Funzionano così le immagini operative della
mnemotecnica, mentre la retorica dell’evidentia e la costruzione per immagini accomunano i
linguaggi e fanno simili il pittore, lo scrittore il filosofo: «Non est enim philosophus nisi qui
fingit et pingit»6.

5
Sull’inseparabilità di concetti e forme espressive in Bruno si insiste in Eusterschulte-Hufnagel 2013, pp. 7-8; ma
già l’indice del volume è parlante, se accanto alle pratiche epistemiche e ai concetti cardine di una filosofia naturale
innovativa trovano posto, unite ai precedenti dal medesimo atteggiamento sovversivo e combinatorio nei confronti
dei dati trasmessi dalla tradizione, le Forms of Non-Conformity mostrate dalla prassi letteraria.
6
Explicatio triginta sigillorum 120 (“Ed infatti non è filosofo se non chi immagina e raffigura”). Si cita il testo (e
la traduzione) nella versione contenuta in Giordano Bruno, Opere mnemotecniche, vol. 2, Milano, Adelphi, 2009.
Per le righe che precedono, invece, sono debitore a Ellero 2005, la cui ricostruzione dell’estetica bruniana
costituisce un aiuto imprescindibile per chiunque voglia avvicinarsi all’autore privilegiando la problematica
artistica. Il quadro delineato è pertinente per l’insieme per dialoghi italiani, con però la significativa eccezione dei
Furori (su cui ibid., 113-132, ma anche Ellero 1994), dove l’ideale stilistico dell’evidentia cede alla stilizzazione
petrarchesca e all’allegoria, così come l’imitatio naturae risulta orientata «verso la meravigliosa acontestualità che
Aristotele, nel primo libro dei Topici, considerava prescrittiva del dialogo dialettico» (Ellero 2005, 26). Il ricorso
all’allegoria e alle imprese manifesta, nei Furori, una ricerca «di forme di rappresentazione nelle quali l’aspetto
mimetico non è pertinente» (ibid., 27): le immagini sono dichiarate come parziali e false, poiché in prospettiva
infinitista nessuna rappresentazione è fedele alla verità della natura, ovvero al permanere della materia di sotto alla

12
Una ricerca sulle basi filosofiche dei principi dell’estetica bruniana ci conduce alla sua
ontologia e nel contempo alla sua dottrina della conoscenza. Data l’onnipresenza del concetto
di infinito, la scelta di rappresentare la varietà e la pienezza del naturale rinunciando alle norme
universali che regolano la creazione del bello non è senza contatti con il rifiuto opposto da
Bruno all’ordine cosmologico aristotelico fondato sull’eterogeneità del mondo celeste e del
mondo sublunare. Ciò è vero soprattutto se dal campo della cosmologia risaliamo a quello
ontologico, considerando la filosofia bruniana nel suo complesso come il pensiero che rinnega
le forme universali dell’aristotelismo e della scolastica a esse opponendo la vita infinita della
natura concepita come incessante trasformazione della materia e attraversamento degli opposti7.
Tale valorizzazione del particolare e del contingente ci riporta a un secondo tratto estetico,
l’autonomia dei dettagli presi nella loro vividezza, alla quale saremo ora in grado di collegare
il motivo filosofico delle «minuzzarie», ovvero di quanto comunemente è reputato minimo e
disutile8: nell’universo infinito dove i composti sono soggetti ad alterazione per l’incessante
agitarsi degli atomi, le minuzie testimoniano l’operato della natura divina al pari di tutte le altre
forme e possono così finalmente emanciparsi dalla perdita d’essere riservata ai gradini più bassi
della scala naturae. Da ultimo, il fatto che i dettagli, oltre a essere isolati, possano venir
composti in figure disarmoniche e illogiche, rispecchia lo statuto d’eccezione che la facoltà

trasformazione dei composti. Oggetto di mimesi non è più allora la natura naturata, l’insieme delle esseri finiti,
ma la natura naturans, il principio vitale immanente che agisce in tutte le trasformazioni; l’opera d’arte cercherà
pertanto il dinamismo e la contraddizione, mostrando l’insufficienza delle singole forme attraverso una peculiare
tecnica del rovesciamento (su quest’ultimo aspetto il rimando è ancora a Ellero 1994, 43-44).
7
Tale aspetto riconduce il pensiero bruniano nell’alveo della filosofia rinascimentale, non senza rapporti con la
visione magica, che in modo analogo – e però meno consapevole e riflesso – si oppone al depauperamento del
reale terreno ed empirico operato dalla riduzione aristotelica e tomistica alle forme universali. Su tale connessione
si vedano le classiche considerazioni di Garin 1950a, 154-5, dove non a caso alla fine si cita propria Bruno: «La
dottrina che si distese per tutto il Rinascimento, fino alle soglie della fisica newtoniana, e a cui Campanella dette
sonante veste poetica, secondo la quale tutto è vivo, animato, mobile, plastico, che cosa vuol dire se non che
l’universo è infinito, veramente assoluto, sciolto cioè da ogni barriera, da ogni limite interno ed esterno? Quello,
appunto, che con sublime espressione dirà Giordano Bruno quando si vanterà di aver gettato a terra tutto le
muraglie del mondo. Il quale crollo, e lo spaccio di tutti i mostri, significa, non ricacciare la vita e le sue radici
fuori dalle barriere di un ferrigno castello concettuale, ma rivendicare l’unità dell’impeto vitale che è insieme
forma e materia dell’universo, e possibilità libera senza confini, e flusso di energia che plasma i propri ordini e li
sormonta e atto che costituisce l’essere senza che l’essere statico spenga mai la vita» E significa anche rifiuto di
una contemplazione inerte di essenze definite: significa operosa convergenza di conoscere e fare, e scienza al
servizio della magica infinita trasformazione del tutto» (segue citazione da De l’infinito 26).
8
Il termine minuzzaria (GDLI s.v.), forma marcata dell’altrettanto raro minuzzeria , derivato da minuzzo ,
compare in Bruno in entrambe le accezioni attestate: come «cosa, fatto, particolare, elemento di secondaria
importanza o di scarso significato; minuzia» (Spaccio 249, «Tu sei stato tanto a apportare quattro minuzzarie de
infinite altre che nel medesimo tempo sono accadute in una picciola contrada dove son quattro o cinque stanze non
troppo magnifiche»); come «frammento, materiale molto piccolo, oggetto di ridotte dimensioni» (Cena 435,
«Mentre fa il suo camino, oltre che contempla le gran machine, mi par che non sia minuzzaria né petruccia né
sassetto, che non vi vada ad intoppare»).

13
conoscitiva dell’immaginazione assume nella gnoseologia bruniana9. All’immaginazione,
infatti, a differenza della natura non vincolata nella sua attività produttiva dalla presenza della
materia, è concessa un’assoluta libertà creativa e la facoltà di poter generare un numero davvero
infinito di forme. A monte del primato accordato all’immaginazione, come anche del
riconoscimento della natura infinita in quanto divinità immanente, sta nel pensiero di Bruno la
separazione tra due aspetti della divinità: il Dio bruniano è infatti «per lo meno due Iddii»: uno
«sostanzialmente creativo, e manifestantesi nella molteplice ricchezza del creato», l’altro
«trascendente, autosufficiente, indivisibile, atemporale, ineffabile ed incomprensibile, tutti
attributi che sono la completa negazione del mondo che conosciamo» (Lovejoy 1966, 126).
Come primo principio assoluto, esso è inconoscibile ed estraneo al dominio della filosofia;
come primo principio comunicato o esplicato, esso coincide con la natura infinita e può essere
conosciuto. Tuttavia, per farlo, è necessario far fronte alla costitutiva sproporzione che separa
oggetto e soggetto della conoscenza, infinità dell’universo e finitezza della mente umana. È qui
che interviene l’immaginazione, e accanto ad essa la memoria, affine all’immaginazione per il
suo rapporto non vincolante con le impressioni sensoriali e l’infinita capacità di produzione di
forme. Secondo il modello neoplatonico che regge il De umbris idearum (1582), l’intelletto
universale emana ininterrottamente le idee, le quali a loro volta danno forma agli oggetti del
mondo sensibile. L’uomo conosce solo questi ultimi, gli oggetti che sono le ombre delle idee e
per questo condividono tutti una medesima struttura di fondo, ma gli è concesso di risalire
all’intelletto sfruttando la capacità unificatrice della memoria, la quale è in grado di immaginare
l’ordine, l’insieme delle connessioni che altrimenti sarebbe precluso alla coscienza. La
conoscenza dell’uomo consiste dunque in un rapporto con le ombre e si serve delle immagini,
«potenze confinarie [o] forze di frontiera» (Ciliberto 2012), per muoversi verso quella luce la
cui vista diretta resta preclusa.

9
Il tema dell’immaginazione è sviluppato soprattutto nelle opere mnemotecniche (tra cui spicca il De imaginum
compositione, 1591) e magiche dell’ultimo periodo. Essa consiste anzitutto in una forza di riformulazione
semantica che lavora contro i significati costituiti dall’autorità nei suoi vari domini. L’influenza del pensiero
magico è evidente d’altro canto nell’accento posto sull’operatività dell’immaginazione in quanto capacità di
fuoriuscita dall’ordine naturale: essa è intesa quindi «come un’infinità capacità di invenzione, che fonda
l’autonomia dell’“uomo” rispetto alla “natura” e a “Dio”, se pure entro il limite necessario della “vicissitudine”,
come la radice stessa della libertà umana di costruire finzioni, di “disordinare” le strutture naturali per “introdurvi”
l’artificio e costruire così in modo sempre nuovo il mondo e la sua relazione con esso, cioè il tempo» (De Rosa
1997, 16). Rispetto all’immaginazione medievale, provvista di un carattere mimetico, l’immaginazione bruniana
è invece «“potere” di rappresentazione, la fantasia, che scomponendo e ricomponendo secondo il proprio arbitrio
gli elementi naturali, produce un modo di essere nuovo» (ibid., 17). È in questa possibilità di emancipazione dal
giogo della vicissitudine universale che si situa il potenziale conoscitivo delle immagini in relazione all’universo
infinito.

14
Se il valore di mediazione affidato alle immagini schiude la possibilità di una seconda
definizione, stavolta tutta bruniana, della letteratura come serbatoio inesauribile di simboli e
rappresentazioni, è però necessario, prima di rivenire al polo letterario, mettere a fuoco la natura
mista e contraddittoria del pensiero bruniano. Essa consiste nella continua messa in tensione di
concetti, atteggiamenti e tradizioni fra loro divergenti, le cui prime manifestazioni risalgono al
periodo della formazione non religiosa, precedente all’entrata in San Domenico Maggiore (15
giugno 1565). Dal 1562 al 1565 Bruno si trova per la prima volta a confrontare «approcci a
priori incompatibili» (Levergeois 2013, 36) quali sono il platonismo agostiniano, l’averroismo
e la mnemotecnica, adottati come un «ventaglio di possibilità per “decentrare” la sua
formazione e respingerne sempre i limiti senza mai risolversi a adottare una prospettiva che
escludesse un approccio multiforme» (ibidem). A una fase più avanzata della formazione del
filosofo risale invece l’incontro, per il tramite del cosentino Pietro Paolo Cicala e di Nicolò
Franco, con la tradizione, insieme letteraria e filosofica, dell’erasmismo meridionale, di cui
sono testimonianza i componimenti poetici di Tansillo, la Cecaria di Marco Antonio Epicuro e
la Philena dello stesso Franco. In tal caso la tensione è interna al medesimo ambiente culturale,
nel quale convivono due componenti: una di razionalismo spregiudicato, critica verso il potere
costituito e responsabile di invenzioni satiriche e oscene; l’altra insieme naturalistica e mistica,
contrassegnata da una spinta all’ascesa intramondana in cui convergono elementi aristocratici
di derivazione platonica10. Tale contraddizione interna è simile a quella, di ordine assai più
generale, che in Bruno avvicina i due poli antitetici della riflessione rinascimentale,
aristotelismo e neoplatonismo, ponendo fianco a fianco rigore logico, slancio mistico e
curiositas illimitata: «la disciplina dell’aristotelismo, che rimase in lui oltre le polemiche, non
vinse mai i torbidi residui neoplatonizzanti» (Garin 1966, 1972)11. Se dall’ethos filosofico
generale ci si sposta all’interno della costruzione metafisica, appaiono poi già a colpo d’occhio
analoghe spaccature. La coscienza autenticamente filosofica dell’unità del vero dà luogo a una
filosofia complessa, caratterizzata dall’idea di un dio tanto trascendente quanto immanente12 e
dalla valorizzazione tanto dell’Uno quanto del molteplice13. Allo stesso modo, il tentativo di

10
Per la ricostruzione dei rapporti di Bruno con tale tradizione si può vedere Badaloni 1967. Tra le invenzioni
satiriche degli erasmisti si collocano alcuni testi di letteratura asinina, un sottogenere dell’elogio paradossale la
cui conoscenza Bruno avrà modo di mettere a frutto nella Cabala (cfr. infra 3.3).
11
Concorda Serianni (1993, 509), che in Bruno individua un «suggestivo coesistere di razionalismo e misticismo».
12
Leinkauf 1996, x.
13
Mancini 2000, 18.

15
imporre un ordine topologico ed egualitario dell’essere14 si scontra con la resistenza di alcuni
residui di gerarchia e verticalità portati in superficie da alcuni reticoli analogici tra cui quello
della scala o catena dell’essere, la cui persistenza si costituisce in indizio di una temporalità a
più strati del pensiero15.
Dall’estetica all’ontologia, dall’ontologia alla poetica, o meglio alla forma e allo stile: giunti
a questo punto dobbiamo invertire la direzione e chiederci quali siano le scelte espressive più
coerenti con la riflessione insieme estetica, gnoseologica e ontologica che abbiamo provato, per
sommi capi, a definire. Il punto di partenza possono essere i concetti di evidentia, empiria,
varietà, trasformazione per come essi risultano attivi sul piano estetico. Il testo bruniano è lo
strumento di una retorica psicagogica che punta al movimento delle passioni: per ottenere un
tale risultato esso deve consistere in immagini potenti, temperare la riflessione con la
rappresentazione. Esso accoglie inoltre, almeno fino a prima dei Furori, la varietà empirica in
tutta la sua estensione e mira a riprodurre la trasformazione della natura infinita, nonché la
creatività senza limiti della mente dell’artista. Nessuna sorpresa, quindi, che le tradizioni e i
sottocodici fatti propri dallo scrittore si collochino al di fuori del classicismo inteso come
selezione e astrazione del dato empirico funzionale alla creazione di forme universali. Ne elenco
alcuni, senza pretese di esaustività: l’anticlassicismo volgare del Cinquecento 16, le cui
esperienze letterarie «diventano strumenti di rivolta ideologica» (Ordine 1987b, 65); la
letteratura carnevalesca rinascimentale e l’immaginario popolare che le sta alle spalle 17; il
genere dell’elogio paradossale e il comico come risorsa di conoscenza, nella fattispecie del
serio-comico lucianeo e della sua tradizione; infine, la tensione al decentramento e
all’individuale, quest’ultima in grado di accostare Bruno agli autori del controrinascimento18.

14
Leinkauf 1996, XV.
15
La presenza residuale ma significativa di alcune linee analogiche di matrice platonica tra cui quella della luce e
della scala è segnalata da Nuzzo (2004, 27 ss.) nel quadro di un interessante contributo a una lettura
“metaforologica” degli scritti bruniani. L’approccio della metaforologia, fondato da Hans Blumenberg (2009),
insiste sulle analogie in quanto segnali di continuità e discontinuità rispetto a tradizioni filosofiche e costanti di
lunga durata del pensiero. Nuzzo introduce allora l’eventualità di uno scarto o dislivello interno alla trama logica
bruniana: tra metafore intenzionali e intenzionabili da un lato, non intenzionali e non intenzionabili dall’alto; tra
la speculazione filosofica e gli immaginari in essa implicati.
16
«Tratti unificanti prevalenti sembrerebbero essere quelli del realismo, della corporeità, della comicità,
contrapposti alla sublimazione formale e liricizzante del petrarchismo e del neoplatonismo» (Paccagnella 1996,
1105).
17
Per entrambe il rinvio è ovviamente a Bachtin 1979a.
18
Il riferimento è al noto Haydn 1967, che individua in Bruno una delle punte della Counter-Renaissance accanto
a Machiavelli, Agrippa, Montaigne, Lutero, Calvino, Bodin, Donne. Si vedano però anche le seguenti precisazioni
di Ciliberto su come la categoria di Haydn (già in sé assai critica) non risolva interamente il pensiero bruniano, di
cui si ribadisce ancora una volta la natura mista e contraddittoria: se infatti Hadyn ha certamente colto «tratti
decisivi del pensiero di Bruno, a cominciare dalla sua attitudine “decentralizzatrice” e dalla sua tensione

16
Non è altrettanto semplice comprendere la scelta del dialogo, che richiede una valutazione
più accorta, lontana dagli estremi, in tal caso rappresentati della pura e semplice
convenzionalità19 o, viceversa, dall’idealistica coincidenza di forma e pensiero. Anzitutto va
considerata la fluidità dei suoi confini: in quanto genere per eccellenza malleabile e ibrido,
secondo un giudizio all’epoca condiviso da trattatisti ed interpreti20, esso costituisce la
piattaforma più adatta alla formidabile energia compositiva con la quale Bruno manipola, in
modo aggressivo e contaminatorio, istituti e materiali tradizionali. In secondo luogo, a
differenza del trattato, il dialogo contamina la riflessione con la rappresentazione, mimetica o
diegetica che sia: e dunque luoghi, tempi, persone, voci, portati sulla scena del testo in forma
più o meno singolare, piò o meno tipizzata. Da tale punto di vista, il dialogo bruniano è un
dialogo misto non solo perché, secondo l’accezione platonica del termine, alterna modalità
drammatica e modalità diegetica, ma anche perché mira a un difficile compromesso tra
particolarità e universalità, riorientando parzialmente le strutture dialogiche in direzione della
seconda.
Restando ai primi tre dialoghi21, dell’universalità s’incaricano gli interlocutori maggiori, il
portaparola dell’autore e il discepolo potenziale che ne è l’interlocutore privilegiato, la cui
assenza di tratti particolari è funzionale alla creazione di un’argomentazione oggettiva rivolta
all’uditorio universale, secondo il modello proprio della retorica filosofica. In più, il princeps
sermonis difende e argomenta una verità assoluta, mentre l’interlocutore svolge una funzione
debole, sicché il dialogismo cede al monologismo e lo scontro dei punti di vista è subito risolto

all’individuale, al minimo, al dettaglio, all’accidente, secondo una prospettiva filosofica che mette al suo centro il
concetto di “pienezza” della Vita infinita» (Ciliberto 1999, 29), è però altrettanto vero che «il Nolano crede nel
primato dell’intelletto, critica il senso (utilizzando, a questo proposito, anche i tropi scettici, come Haydn osserva
acutamente), si batte per un’universale legge di fraternità e umana filantropia, sostiene un rapporto stretto tra
ragione e giustizia, combattendo perciò aspramente Lutero che in nome della iustitia sola fide ha infranto questo
nesso fondamentale per lo sviluppo del “convitto umano”» (ibid., 28).
19
Secondo Canone (1999) la scelta del dialogo è da ricondurre alla qualità pienamente convenzionale del genere,
che ne fa una piattaforma neutra, sulla quale il pensiero bruniano può scorrere senza incontrare attriti. Vedremo
come in realtà siano proprio le potenzialità specifiche del dialogo a essere messe a frutto, seppure in modo
ferocemente dialettico, da Bruno.
20
Per una ricostruzione del problema che faccia centro su tale aspetto rimando a Ordine 1990, 13-4 e passim, ma
si veda anche la seguente nota di Ellero (2005, 73): «I teorici del dialogo – Sigonio, Tasso, Castelvetro, Speroni –
, attenti osservatori dei fenomeni letterari, sono consapevoli della natura ibrida e complessa del genere, ugualmente
orientato verso gli schemi del discorso dialettico e le forme del discorso mimetico. Argomentazione e imitatio
naturae convergono in un genere di scrittura che i critici avvertivano bifronte: una faccia rivolta ai contenuti della
filosofia, l’altra alle forme più radicali della mimesi, quelle teatrali» Sulla teoria del dialogo nel Cinquecento si
possono vedere Floriani 1981, 33-49, Mulas 1982, Snyder 1989. Sulle posizioni tassiane in relazione alla prassi
dialogica dell’autore si sofferma Bozzola 1999, 45-8.
21
I personaggi dei primi tre dialoghi (Cena, De la causa, De l’infinito) sono di norma quattro, ripartiti in due
coppie: la prima, che chiameremo maggiore, è incaricata di tenere le fila dell’argomentazione filosofica; la
seconda, minore, è invece incaricata di svolgere considerazioni laterali e introdurre le numerosissime digressioni.

17
nel saldo dominio di una sola posizione. Solidale si rivela infine anche il trattamento delle
determinazioni spazio-temporali, che rinuncia alla descrizione dell’ambiente in cui si svolge la
conversazione, destinata a rimanere in un «non-lieu fictif» (Ophir 1994, XXVI). In questo senso
la mimesi drammatica, di per sé votata alla molteplicità delle opinioni e dunque alla
particolarità, appare piegata in direzione dell’universale. Ciò non toglie però che un’altra serie
di tratti siano dispiegati in favore della particolarità, a cominciare dalla marcata
caratterizzazione linguistica e quindi ideologica dei personaggi minori. A tal proposito prende
corpo una divaricazione, che allontana il pedante e il suo mondo di carta dal provocatore e dal
suo mondo corporeo e materiale, instabile e deformato dal comico. A ciò si aggiunge
l’inclusione tra gli interlocutori di numerose persone reali prelevate dal mondo culturale
dell’epoca e soprattutto dal piccolo universo di Nola22, nonché la presenza di contesti spazio-
temporali riconoscibili sul piano interno dei dialoghi su due livelli: lo spazio urbano londinese
del dialogo secondo della Cena de le ceneri, il concilio divino degli olimpici nello Spaccio de
la bestia trionfante, lo spazio antistante l’accademia pitagorica ne L’asino cillenico del Nolano,
appendice della Cabala, le rive del Tamigi che accolgono i nove ciechi al termine delle loro
peregrinazioni nel dialogo quinto della seconda parte dei Furori. La variante costruttiva
ricorrente del dialogo su due livelli si rivela così anch’essa in quanto struttura di compromesso,
poiché crea una tensione e un bilanciamento tra l’assenza di coordinate del piano interno e
l’esatta collocazione del piano esterno. Separando e nel contempo collegando i due livelli è
possibile garantire l’efficacia extratestuale del discorso del livello esterno così come
l’operatività delle immagini poste sul livello interno, senza che si debba rinunciare ad alcuno
dei due aspetti23.
Torniamo però al dialogo, e alla compresenza di riflessione e rappresentazione, che può
essere spiegata solo a patto di risalire alle modalità specifiche dell’argomentare bruniano. Si è
sostenuto, a tal proposito, che nei dialoghi Bruno tenda a «“performatizzare” la sua
argomentazione, ovvero a generare evidenza e mettere in scena processi di convincimento per
non trattare solo discorsivamente la verità di una posizione filosofica, ma renderla
immediatamente intellegibile» (Hufnagel 2011, 292). Hufnagel propone dunque una dicotomia
tra l’argomentazione discorsiva, nella quale la verità è costruita in modo razionale il

22
In maniera più recisa, è stato affermato che «i dialoghi italiani di Bruno mettono assieme in modo addirittura
sistematico interlocutori storicamente esistiti con figure di finzione» (Hufnagel 2011, 294), in tal modo
«combinando e contaminado modelli dialogici classici di diversa impronta» (ibid., 292), nello specifico quello
ciceroniano-platonico e quello lucianeo.
23
Ellero 2005, 73 ss.

18
ragionamento e l’articolazione sintattica, e l’argomentazione performativa, dove la costruzione
della verità diviene messa in scena e rappresentata. Tale opposizione può essere riportata a una
distinzione più generale di ordine pragmatico. Facendo nostra la teoria degli atti linguistici,
parleremo allora di argomentazione diretta (corrispondente alla discorsiva) e indiretta
(performativa), intendendo con quest’ultima l’insieme dei macroatti linguistici che, pur
mirando a un effetto illocutorio argomentativo, non comportano il ricorso alla testualità
argomentativa24. Le due distinzioni concordano nel mettere a fuoco la testualità composita dei
dialoghi, opere nelle quali il ricorso al ragionamento filosofico diretto alla fondazione razionale
della verità cede spesso e volentieri il passo ad altre modalità di organizzazione della prosa. La
verità che è l’oggetto della scrittura dei dialoghi italiani coinciderà allora con la «costruzione
della verità secondo stili compositivi differenti» (Papi 2010, 13): la fondazione e confutazione
filosofica (soprattutto nel De la causa e nel De l’infinito), l’esaltazione e la satira (Cena,
Spaccio e Cabala), la narrazione (Cena e Cabala), infine la contraddizione tra canzoniere e
commento (Furori).
La scelta del dialogo si spiega quindi in prima istanza da un lato rimanendo all’interno delle
caratteristiche proprie del genere, dall’altro facendo riferimento al temperamento filosofico e
stilistico della scrittore. Altrettanto pertinenti sono però alcuni nessi che è possibile rintracciare
all’esterno. Se vale il principio generale per cui il discorso efficace è il discorso reso adatto al
proprio destinatario, alle radici dell’opzione dialogica dovremo porre il contesto di produzione
e ricezione dell’opera, vale a dire quell’Inghilterra elisabettiana che è il teatro delle vicende
biografiche di Bruno dalla primavera del 1583. Nonostante l’insieme dei destinatari sia soggetto
a variazioni che riflettono i mutamenti politici in atto come le alterne – ma soprattutto via via
declinanti – fortune pubbliche del filosofo, esso mantiene nelle sue linee generali una
configurazione costante. Contestualmente al suo insediarsi presso l’ambasciatore francese a
Londra Michel de Castelnau e in seguito alla sua rottura con Oxford25, gli uditori che Bruno ha

24
Il quadro generale è quello tratteggiato in Searle 1976. Una sintesi della dicotomia tra atti linguistici diretti e
indiretti si può leggere in Bazzanella 2005, 163-4.
25
La rottura dei rapporti con Oxford data all’estate 1583 e si articola in due momenti distinti. Dapprima Bruno è
sconfitto da John Underhill, futuro cancelliere dell’Università, in una disputa di logica tenutasi in occasione della
visita a Oxford del conte palatino polacco Laski (9-10 giugno). In seguito all’invio di una lettera al vice-cancelliere,
Bruno ha poi modo di tenere due cicli di lezioni, dedicati rispettivamente alla cosmologia copernicana e alla
dottrina dell’anima. Questa seconda esperienza si chiude però con un ancor più cocente fallimento: i suoi uditori
non comprendono l’uso strumentale che egli fa della Theologia platonica di Ficino e lo accusano di plagio. I corsi
sono interrotti bruscamente e Bruno non rimetterà più piede in quella università. Per una trattazione esaustiva
rinvio a Levergeois 2013, 137-140, mentre sui rapporti di tale episodio con la composizione della Cena insistono
Aquilecchia (1955) e Canone (1999), il quale enfatizza la dipendenza del primo dialogo da quel conflitto al punto
da riconoscervi «una sorta di scritto d’occasione» (ibid., XXX).

19
in mente coincidono con un’élite urbana, non accademica, italianizzante e religiosamente
moderata, che fa capo alla regina e ai circoli di corte. Nelle intenzioni di Bruno, essa include
pensatori e scienziati estranei al mondo universitario, tra i quali il sostenitore del
copernicanesimo Thomas Digges, cui Bruno deve l’esempio di un testo in volgare favorevole
all’ipotesi copernicana26. Tale cerchia costituisce un pubblico più ideale che reale, provvisto
del proprio rovescio negativo nella cerchia universitaria di Oxford e Cambridge, il cui sapere-
potere consiste in «un’alleanza sui temi scientifici e religiosi, condivisa da aristotelici, puritani
e grammatici» (Papi 2010, 35). Rispetto ai propri destinatari, quindi, la scelta del dialogo può
essere pensata da un lato come un gesto inclusivo con il quale si intende presentare il proprio
sapere a un pubblico colto ma non specialistico, dall’altro come il ricorso tattico a una forma
italiana operato di conserva con l’opzione in favore del volgare. Nel quadro dell’esplosione
cinquecentesca del volgare italiano, che molto deve alle tipografie veneziane27, esiste una
fortuna specifica del dialogo. A quest’altezza, esso gode infatti del prestigio indiscusso di un
capolavoro europeo quale il Cortegiano28 ed è ormai il genere della trattatistica all’italiana29.
Lecito quindi supporre, da parte di Bruno, la volontà di sfruttare il dialogo in quanto forma
pienamente riconoscibile e dunque veicolo ideale per un pensiero originale ed estraneo quale
egli doveva senz’altro riconoscere nel proprio.
Il dialogo implica, almeno potenzialmente, il dialogismo30: fin da Platone, la scomposizione
del discorso in due o più voci è adottata al fine di ospitare punti di vista e visioni del mondo
diversi e contrastanti. Tuttavia, il dialogo bruniano tende a essere più monologico che dialogico:
eccetto il caso anomalo della Cabala (cui sarà dedicato ampio spazio nel capitolo terzo), le
posizioni autoriali dominano senza sforzo, mentre agli avversari è negato il privilegio di una

26
Il rilievo è di Aquilecchia (1993a). Bossy (1992) ricorda inoltre la rilevantissima figura di John Dee, l’astrologo
di Elisabetta I: Bruno avrebbe aspirato a prendere il posto di questo patron della cultura inglese extra-universitaria
dell’epoca, il quale lascia l’Inghilterra al seguito del conte palatino Laski proprio nello stesso 1584. Ophir (1994)
insiste sulla vicinanza tra le figure di Bruno e Dee, entrambi insofferenti nei confronti del vecchio istituto
d’autorità, al quale mirano a sostituire un nuovo tipo di autorità fondata sull’eccezionalità dell’individuo e
l’incrocio tra saperi e discipline.
27
Il quadro è quello efficacemente riassunto in Dionisotti 1967.
28
Sulla fortuna inglese del Cortegiano il rinvio d’obbligo è a Burke 1998, ma si vedano anche gli intelligenti,
seppure meno sistematici, rilievi di Vincet 1967.
29
Per il contesto specifico della Londra elisabettiana, ricorderemo anche la pubblicazione, nello stesso 1584 in cui
escono i primi quattro dialoghi italiani, delle Sei giornate aretiniane, nel quadro di un’operazione commerciale che
comprende anche Machiavelli (Ricci 1997, 69-70) e che certo influenza la ricezione dei testi bruniani.
Sull’edizione londinese delle Sei giornate, destinata a diventare la vulgata del testo aretiniano, mi accontento di
rimandare alle osservazioni di Aquilecchia (1969, 359 ss.).
30
Il dialogismo dell’opera d’arte è considerato da Bachtin un tratto specifico della tradizione romanzesca, il cui
culmine è rappresentato dalla narrazione polifonica di Dostoevskij (Bachtin 1968); esso appartiene però anche alla
letteratura carnevalesca e come tale è trattato a proposito dell’enunciazione del Gargantua (Bachtin 1979a).

20
rappresentazione, con Auerbach, seria e problematica, sostituita da una caratterizzazione che
inclina al grottesco e al ridicolo. Che ciò non si risolva in una testualità statica, è merito di
un’altra potenzialità della forma dialogica del discorso: la pluralità delle voci non coincide
infatti soltanto con una diversità di posizioni e accenti, ma implica la possibilità di intrecciare
linee discorsive diverse, giungendo così a svolgere, in sequenza e però anche in simultanea, più
di un discorso e di un argomento all’interno dello stesso testo. È qui che la scelta della forma-
dialogo rivela le sue ragioni più profonde.
Lo mostra chiaramente la Cena de le Ceneri (1584), la quale inaugura la serie dei dialoghi
italiani all’insegna della magmaticità e del disordine di superficie. Al racconto del banchetto,
che è l’occasione per narrare e argomentare una visione cosmologica, si aggiungono
considerazioni sulla natura elitaria della conoscenza e la reciproca autonomia di religione e
filosofia, l’elogio dell’autore e del suo pubblico contrapposto alla deprecazione della società
inglese. Come è stato notato, «l’opera appare costruita secondo una serie di finalità che sono
compatibili, ma molto differenti» (Papi 2010, 29): la compresenza di intenzioni comunicative
diverse coincide con la forza centrifuga responsabile della dispersione dei temi e della pluralità
di piani in cui si articola la riflessione. La volontà di esporre la propria cosmologia innovativa
convive con il tentativo di accattivarsi il favore della corte, con il desiderio di rivalersi
sull’ambiente universitario in seguito ai fatti dell’estate 1583, con il gusto per la descrizione
attenta dello spazio urbano e dell’ambiente sociale. All’interno di una tale molteplicità,
qualcuno ha riconosciuto il primato di due istanze: l’intenzione di esporre un sapere
cosmologico e la necessità, a monte, di costruire una figura di autore in grado di validare quel
sapere. In ragione della posizione precaria e marginale di Bruno nel campo intellettuale inglese
ed europeo, il discorso cosmologico necessita di un metadiscorso autoriale di supporto, che
però deve per forza essere svolto all’interno dell’opera stessa. Tale condizione di simultaneità
determina tra i due discorsi un movimento circolare, che configura la Cena come un evento
discorsivo paradossale: le posizioni cosmologiche innovative abbisognano, per essere ritenute
legittime, di un autore in grado di sostenerle, ma il cui statuto non ha altro su cui fondarsi che
la stessa novità ed eccezionalità delle posizioni cosmologiche. «Le rôle du Souper est de
produire l’image de lui-même que Bruno souhaite imposer au public ; mais pour qu’il devienne
ce qu’il prétend être, c’est-à-dire un auteur d’un type nouveau et un homme de rare sagacité, il
faut que soit déjà établi le discours susceptible de légitimer une telle pretention» (Ophir 1994,
XXXIV). Per tentare di risolvere tale dilemma, Bruno sfrutta il raddoppiamento della struttura

21
dialogica per sdoppiare l’istanza autoriale in due entità discorsive, Teofilo e il Nolano, alle quali
competono rispettivamente la costruzione dell’autore e la fondazione del discorso cosmologico.
Ma qual è la figura di autore che la Cena, tra le pieghe delle sue infinite digressioni, vorrebbe
fondare? La situazione si fa più chiara se si allarga lo sguardo alle opere precedenti e successive.
All’incrocio tra letteratura, arte della memoria, filosofia, Bruno non appartiene di diritto a
nessuno di questi campi31, ma anzi pratica l’ibridazione dei generi discorsivi e dei linguaggi,
pesca liberamente da diverse tradizioni di pensiero senza insediarsi stabilmente in alcuna. Tale
«posizione “transdiscorsiva”» (Foucault 20043, 14)32, a cavallo tra forme differenti del discorso,
è precisamente quella che Foucault assegna ai fondatori (o instauratori) di discorsività33. Essi
sono autori (nel senso funzionale e non individuale che Foucault assegna a tale nozione), quali
Aristotele e Saussure, Marx e Freud, che costituiscono «un nodo all’interno di una pratica
discorsiva» (Chiletti 2012, 163), la quale in corrispondenza del loro operato muta fin nei propri
presupposti, al punto da inaugurare «un campo aperto di nuove possibilità discorsive, un campo
indefinito di differenze, più che di analogie» (ibidem). L’autore che si affaccia tra le pagine
della Cena rientra perfettamente in questa definizione, se non fosse per una differenza, decisiva
però: se Bruno è un fondatore di discorsività, egli lo è solo potenzialmente, per lo iato
incolmabile che separa la costruzione del proprio discorso di verità dagli esiti pragmatici
irrilevanti dello stesso. Dalla Cena, come in seguito dallo Spaccio, risulteranno conseguenze
opposte a quelle attese, riproducendo un pattern assai frequente della biografia bruniana. Si
tratterà allora di fare i conti con uno splendido fallimento, la cui traduzione simbolica e a conti
fatti compensatoria sarà fornita dai Furori con il loro mito dell’ascesa solitaria.
A ogni modo, ciò che più conta per noi è aver stabilito l’idea di una vocazione
transdiscorsiva, la quale ha nel caso di Bruno delle ricadute comunicative assai precise: l’autore
precario deve insieme fondare razionalmente le proprie tesi, distruggere le posizioni autorevoli
occupate dagli avversari, costruire un’adeguata immagine di sé e del proprio sapere al fine di
legittimare le proprie pretese. La transdiscorsività è quindi alla radice – o almeno è una delle
radici – della compresenza di più intenzioni comunicative che dà al dialogo bruniano la sua

31
Ophir 1994, XXX.
32
L’aggettivo foucaultiano è stata ripreso di recente in un breve ma denso articolo nel quale, a proposito di Bruno,
si parla di «vocazione transdiscorsiva» (Burgio 2014).
33
Foucault 20043, 15, che così dettaglia la propria definizione: «Detti autori hanno questo di particolare, che non
sono soltanto gli autori delle loro opere, dei loro libri. Essi hanno prodotto qualcosa di più: la possibilità è la regola
di formazione di altri testi. […] Freud non è semplicemente l’autore della Traumdeutung o del Motto di spirito;
Marx non è semplicemente l’autore del Manifesto o del Capitale: essi hanno stabilito una possibilità indefinita del
discorso» (ibidem).

22
forma così caratteristica, disarmonica oltre che dinamica; fermo restando che tale testualità
multifocale non è però soltanto l’effetto di tale compresenza pragmatica, ma discende
dall’onnivora inclusività – di referenti e problemi, prospettive e dottrine, generi e forme –
propria del discorso bruniano. La lettura che Ophir e Papi danno della Cena, allora, può essere
estesa senza troppi scrupoli all’intero corpus dei dialoghi italiani, secondo l’idea che quella di
Bruno sia, come già detto, una scrittura delle coesistenze non pacifiche, risultante dalla tensione
produttiva che s’instaura tra mondi abitualmente non comunicanti.
La pluralità che contraddistingue le illocuzioni sottende la volontà di ottenere dalla
comunicazione una pluralità di effetti. Prima di tutto, certamente, Bruno vuole persuadere della
verità delle proprie asserzioni, così che non si può non riconoscere all’esposizione del pensiero
una priorità assoluta, la quale corrisponde, specularmente, al polo negativo o distruttivo tipico
della comunicazione filosofico-scientifica: l’invalidazione delle posizioni avversarie, ottenuta
ricorrendo alla confutazione discorsiva delle loro tesi. Tale aspetto è prevalente nel De la causa
e nel De l’infinito, mentre nella Cena esso risulta limitato alle sezioni propriamente
cosmologiche dei dialoghi dal terzo al quinto. Cionondimeno, la verità di Bruno si presta solo
in parte a una dimostrazione attraverso mezzi razionali, tendendo per converso, in quanto verità
assoluta associata a una visione o intuizione originaria della divinità, dell’essere e della natura,
a sottrarsi a ogni verifica razionale34. Ciò comporta, sul piano argomentativo, che la
dimostrazione è più debole della persuasione, alla quale spetta di ribattere incessantemente una
serie di nuclei veritativi che permangono intangibili35. Così, sul versante negativo, la
confutazione delle idee cede alla caricatura dei codici e degli individui che se ne fanno portatori,
mentre sul versante positivo, all’esposizione pacata della dottrina subentra la contemplazione
entusiastica delle verità scoperte e rivelate; da cui la presenza di un registro elativo, costituito
per sovrabbondanza di analogie, che magnifica l’oggetto e però anche il soggetto stesso della

34
Henri Michel parla del nucleo originario della cosmologia bruniana come di un vero e proprio «rêve obsédant»
(Michel 1962, 47), mentre Papi si preoccupa di evidenziare come la stessa cosmologia, quantomeno all’altezza
della sua prima enunciazione nella Cena, abbia «più le caratteristiche di una narrazione cosmologica che di una
metafisica dell’infinito naturale» (Papi 2010, 34), un’«immaginazione cosmologica» (ibidem) nella quale l’ipotesi
copernicana «apre una collazione di elementi che provengono dall’enciclopedia neoplatonica intorno all’anima
come elemento fondamentale della vita come desiderio e movimento […], dall’uso dei reperti della antichissima
filosofia: Eraclito, Lucrezio che rende visibile la concezione di Epicuro, l’infinito universo di Melisso» (ibidem).
35
Tale aspetto consente un accostamento (forse appena un po’ azzardato) alla cultura del Barocco nel suo
complesso (Maravall 1986, 101-37), nonché al caso specifico della prosa satirica di Francesco Fulvio Frugoni nel
Cane di Diogene. Nonostante sia provvista di tutt’altro spessore concettuale, anche la prosa bruniana manifesta
una certa «sfiducia nell’evidentia, che non è ritenuta sufficiente a se stessa, capace di imporsi, in grado di
automotivarsi» (Bozzola 1996, 280), così che spesso «al discorso su e per i fondamenti è preferita la dimensione
orizzontale della deprecazione e della persuasione» (ibidem).

23
visione. Per quest’ultimo rimando alla Cena e in subordine al De la causa e al De l’infinito,
mentre per la degradazione aggressiva il rinvio d’obbligo è piuttosto alla Cena e alla Cabala36.
L’elogio del soggetto, infine, inaugurato nella Cena dal rapporto che, sui due livelli della
rappresentazione, connette il portaparola Teofilo al personaggio del Nolano, rientra in quel
metadiscorso di fondazione dell’autore e quindi del discorso filosofico medesimo le cui tracce
affiorano in molti punti del corpus italiano. Come Ophir, ritengo che tale dimensione
autoriflessiva non vada sottovalutata ma anzi messa al centro dell’interpretazione, in quanto
principale sponda offerta nei testi all’esposizione dottrinale. Il tentativo frustrato della Cena si
ripete una seconda volta, sotto forma di variante politico-religiosa, nello Spaccio, dando luogo
alle allegorie compensatorie e sublimanti dell’Asino cillenico e dei Furori, dove la solitudine
filosofica dell’autore escluso si risolve rispettivamente in investitura divina ed eroismo
individuale.
Più in generale, una simile diffrazione delle intenzioni e conseguentemente delle modalità
di costruzione testuale mi pare responsabile dei tratti formali più tipici dello stile dei dialoghi.
Così, la proliferazione lessicale e sintattica che stipa la pagina di figure accumulative si
spartisce il campo con la simmetria, affidata all’alta incidenza del parallelismo. La
proliferazione, nella quale balena il pathos del molteplice caro al filosofo, amplifica e ritma un
discorso che si vuole potente e percussivo, ma al contempo lo rallenta, facendone un movimento
divagante e centrifugo. La simmetria, invece, offre al pensatore la possibilità di evidenziare la
trama logico-sintattica del ragionamento, aumentando la visibilità e quindi la forza dei nessi e
delle gerarchie. Così, la pervasività dell’analogia, a un primo livello riflette il movimento
dell’intelletto, che attraverso il reperimento di una trama profonda di corrispondenze risale
all’unità del reale, riflettendo il dominio ancora saldo del modo di conoscenza analogico.
D’altro canto, l’analogia è anche un fenomeno retorico la cui fortissima presenza è funzione di
una retorica dell’evidentia che a sua volta risale a una centralità anche teoretica dell’immagine.
In tale senso il ricorso alle figure di analogia va ricondotto all’intenzione di dar forma a una
scrittura per immagini, in quanto tale capace di mobilitare le passioni e produrre una conoscenza
soggettivamente partecipata. Su un altro piano, però, le figure analogiche sono evidentemente

36
Otteniamo così una tripartizione, che però non è lontana dalla bipartizione stilistica e totale con la quale Bàrberi
Squarotti (1958a, 63) sintetizza la composizione della testualità dei dialoghi italiani: «Una descrizione dei modi
dello stile del Bruno porta anzitutto alla distinzione di due toni fondamentali: uno di carattere tecnico filosofico,
sublimato nei momenti più intensi in un’appassionata e trionfale contemplazione metafisica, e sostenuto, in genere,
su un’alta eloquenza; l’altro di carattere polemico, oscillante fra la parodia, la deformazione, la satira».

24
anche una normale risorsa esplicativa nonché un vettore di letterarietà, la cui icasticità
contribuisce al tono letterario del dialogo, allontanandolo dalle durezze logiche della dialettica.
Così, infine, ciò che è forse più importante, la pluralità delle intenzioni pragmatiche si riflette
nella presenza non episodica e all’opposto determinante di tutta una serie di strutture a doppio
livello. Con tale espressione si designano figure e artifici quali il dialogo su due livelli (che in
qualche modo ne è l’archetipo e il modello), la creazione di architetture allegoriche o
simboliche, l’allusività e il tessuto citazionale, l’ironia, considerati nella loro capacità di
aumentare lo spessore della significazione, o complicando la referenza, o creando rimandi
semantici ed effetti di sovrapposizione tra diversi oggetti, livelli e campi del discorso.
L’esempio più semplice che è possibile fare riguarda l’adozione del dialogo su due livelli nel
De la causa. A differenza delle altre opere in cui compare, tale struttura non è prevista dal
disegno originale del testo, che consta unicamente di quattro dialoghi di argomento filosofico.
A essi se ne aggiungerà in un secondo momento un quinto, collocato all’inizio, al fine di
rimediare alla disastrosa ricezione inglese della Cena. Il caso, potremmo dire, è emblematico
proprio in virtù della sua debolezza: il fatto che il dialogo su due livelli sia un’aggiunta
posteriore e in qualche modo posticcia mostra in modo trasparente la sua funzione, che consiste
nell’affiancare al discorso filosofico un discorso apologetico preliminare. Quest’ultimo, poi, è
in sé stesso ambiguo, costituendo al tempo stesso una difesa, una precisazione delle critiche
mosse, un tentativo di limitare i danni e riottenere ascolto. Come nel caso dell’adozione della
struttura drammatica (cui il dialogo su due livelli consente in un istante il raddoppio degli
interlocutori), le strategie fondate sul raddoppiamento permettono dunque quella simultaneità
di discorsi e referenti che crea la densità specifica della testualità del dialogo bruniano, la cui
sequenzialità orizzontale tende a lasciare il posto a un paradigma di sensi compresenti37.

Data la complessità del “problema Bruno”, è opportuno fissare con nettezza i limiti entro i
quali il presente lavoro sceglie di svilupparsi. Esso consiste in uno studio stilistico della prosa
volgare bruniana limitatamente ai sei dialoghi pubblicati a Londra in rapida successione presso
John Charlewood nel biennio 1584-5: Cena de le Ceneri; De la causa, principio et uno; De

37
Un simile investimento sulla densità figurale del dettato può essere senza sforzo ricondotto alle posizioni di
Bruno in materia linguistica (sulle quali è fondamentale Agrimi 1981), da collocare sulla scia del nominalismo
medievale. Bruno è fedele all’imperativo della libertas nominandi, poiché una cosa può essere designata in molti
modi purché sia salva la sua ratio, il che lo porta a opporsi all’univocità rigida propria tanto dell’aristotelismo
universitario quanto del formalismo dei grammatici.

25
l’infinito, universo e mondi; Spaccio della bestia trionfante; Cabala del cavallo pegaseo, con
l’aggiunta dell’asino cillenico; De gli eroici furori38.
Tale gruppo di sei opere presenta, come detto, una forte organicità per almeno quattro
ragioni: l’unità del contesto di produzione e ricezione, la scelta della lingua volgare, l’opzione
per il genere dialogico, l’orientamento prevalentemente filosofico del discorso. Nonostante a
più riprese si sia insistito sull’unità di tutte e sette le opere italiane di Bruno39, le ragioni a monte
dell’organicità del corpus dei sei dialoghi equivalgono – eccetto per la scelta del volgare – ad
altrettante buone ragioni per escludere dall’orizzonte di una ricerca retorico-stilistica il
Candelaio: un testo prevalentemente letterario, nello specifico una commedia, pubblicato a
Parigi nel 1582, sul quale peraltro disponiamo di un’ottima monografia recente40.
Organicità non significa però compattezza monolitica, e tanto meno nel caso di uno scrittore
altamente dinamico e reattivo quale è Bruno, sempre pronto a modificare la propria tastiera e a
selezionare diversi campi e oggetti per il proprio discorso. Il corpus dei dialoghi italiani si presta
perciò a essere segmentato, con tagli diversi che corrispondono ai fattori considerati preminenti.
La divisione tradizionale, che dall’edizione gentiliana41 si è diffusa nella comunità ermeneutica,
è quella che contrappone un primo terzetto di dialoghi metafisici a un secondo di dialoghi
morali. La bipartizione risponde a un’effettiva differenziazione della materia, nonché ad alcune
differenze formali oggettive inerenti il sistema dei personaggi e la strutturazione del
macrotesto42. Inoltre, è indubbio che le due sezioni così ritagliate siano simili anche per la

38
Per tutte le citazioni dai dialoghi si ricorre alla forma abbreviata opera + pagina . La lezione è quella del testo
critico approntato da Giovanni Aquilecchia: Giordano Bruno, Opere italiane, Torino, UTET, 20132 (20021), 2 voll.
39
Cfr. almeno Ordine 2003 e Canone 1999.
40
Cfr. Puliafito 2007.
41
Alla prima edizione (Giordano Bruno, Dialoghi filosofici italiani, a cura di Giovanni Gentile, Bari, Laterza,
1907 e 1908) ne seguono una seconda riveduta e accresciuta (Bari, Laterza, 1925 e 1927) e infine una terza, la
quale inizia a mettere a frutto il lavoro filologico di Aquilecchia: Giordano Bruno, Dialoghi italiani. Dialoghi
metafisici e dialoghi morali, nuovamente ristampati con note di Giovanni Gentile, terza edizione a cura di Giovanni
Aquilecchia, Firenze, Sansoni, 1972.
42
Organizzazione macrotestuale e sistema dei personaggi mostrano una netta differenziazione tra prima e seconda
triade. I primi tre dialoghi hanno un macrotesto più compatto, in cinque dialoghi preceduti una dedicatoria in prosa
e da un numero variabile di testi poetici (rispettivamente uno nella Cena, quattro nel De la causa, uno nel De
l’infinito). Tenendo fuori il primo dialogo del De la causa, aggiunto in un secondo momento a un’architettura
dialogica già compiuta, l’unica eccezione di rilievo alla norma dei quattro personaggi è costituita dal quinto dialogo
del De l’infinito, caratterizzato dall’entrata in scena di un quinto personaggio con funzione insieme di antagonista
e discepolo potenziale, l’aristotelico Albertino. Gli ultimi tre dialoghi abbandonano un simile modello regolare,
variando le proprie scansioni interne così come il numero e la funzione degli interlocutori a seconda delle esigenze
specifiche del singolo testo. Spaccio e Cabala ricorrono a una struttura in tre dialoghi, a loro volta suscettibili di
essere tripartiti; pur con molte eccezioni, i personaggi sono anch’essi tre, ripartiti in princeps, discepolo potenziale
e figura divina. Quest’ultima coincide con Mercurio tanto nello Spaccio quanto nella Cabala, il quale compare
sulla scena saltuariamente senza partecipare in modo attivo all’argomentazione. Vale poi la pena notare che la
terza e conclusiva sezione della Cabala, il dialogo interno dell’Asino cillenico, ha anch’essa i medesimi tre
interlocutori, Mercurio compreso. I Furori, da ultimo, scelgono invece la strada della dilatazione, raddoppiando il

26
compresenza di continuità interna e trasformazione. Dalla Cena al De l’infinito è possibile
intravedere due movimenti: uno circolare che dalla cosmologia torna alla cosmologia passando
per l’ontologia; un altro ascendente che consiste in una progressiva sublimazione
dell’argomentazione filosofica diretta, la quale diviene confronto serrato con l’ordine
aristotelico e lascia sul fondo le istanze polemica ed elativa. Dallo Spaccio ai Furori, invece, la
continuità della riflessione morale va insieme a una forte oscillazione: la pessima accoglienza
incontrata dal progetto di riforma etica della società presentato con lo Spaccio produce
dapprima, con la Cabala, uno sprofondamento polemico e satirico, per poi risalire ad altezze
vertiginose con l’etica solo individuale del filosofo messa in scena nei Furori. Ciò nonostante,
in prospettiva stilistica e letteraria sono altri tagli a rivelarsi più produttivi. Un primo gesto è
quello che separa Cena e Furori in quanto esemplari unici, tutt’al più legati l’uno all’altro da
una relazione di antitesi: alla struttura centrifuga della prima corrisponde la scansione lineare e
progressiva dei secondi, al pullulare delle digressioni l’ordine del commento. Tale rapporto non
è ovviamente senza nessi con la posizione rispettivamente inaugurale e conclusiva delle due
opere, vale a dire con l’arco che separa la rischiosa scommessa del primo dialogo dal
ripiegamento – però magnifico – del sesto. I Furori, inoltre, occupano uno spazio a sé anche
rispetto agli imperativi che guidano la rappresentazione, chiaramente altri rispetto ai cinque
testi precedenti. Una seconda possibilità di segmentazione assume invece come fattore
discriminante l’adozione di due tra le strutture a doppio livello di cui si è parlato sopra, ovvero
il dialogo su due livelli e la verticalizzazione allegorico-simbolica. Il dialogo su due livelli
organizza in modo diverso la Cena, il De la causa, lo Spaccio e la Cabala; i due piani
intrattengono un rapporto massimamente dinamico, con il continuo innestarsi del diegetico nel
mimetico, all’altezza della Cena43, mentre restano ben separati nei tre testi restanti. La
verticalizzazione allegorico-simbolica interessa anch’essa quattro testi: Cena, Spaccio, Cabala,
Furori. Chiaramente le due strutture non si escludono, e quindi c’è un’area di intersezione tra i
due sottogruppi, costituita dalla Cena e dalla Cabala. Le affinità tra queste due opere non

modello regolare: dunque due parti da cinque dialoghi ciascuna, che però non si corrispondono perfettamente dato
il peso maggiore che risulta accordato al quinto dialogo della seconda parte, cui spetta una sezione a sé del paratesto
(Argomento et allegoria del quinto dialogo). Un’analoga variabilità caratterizza i paratesti: così lo Spaccio
presenta un’unica Epistola esplicatoria, mentre la Cabala e i Furori fanno ricorso a un paratesto ampliato
(rispettivamente, due testi in prosa alternati a due in versi e quattro testi in prosa chiusi da uno in versi) che non
può non ricordare l’abnorme prologo in sei parti del Candelaio.
43
Aquilecchia 1993a, 680.

27
riguardano tuttavia soltanto l’adozione delle due compagini, ma anche il dominio dell’istanza
polemico-satirica e la forte incidenza del discorso di legittimazione dell’autore.
Fatti questi primi, sommari tentativi di articolazione, resta da dire qualcosa sulla prospettiva
stilistica che orienta il lavoro. I fenomeni che si è voluto investigare compongono uno spettro
retorico allargato che deve la propria apertura a una definizione di figura assai più ampia sia di
quella proposta da una retorica ristretta che faccia centro sull’elocutio44, sia di quella
unicamente puntata sugli effetti persuasivi fatta propria dalla teoria dell’argomentazione, che
pure resta un modello importante45. Il paradigma è quello definito dalla Rhetorique générale
(Gruppo μ 1976) così come è stato sfruttato e condotto ai suoi esiti più dirompenti dalla teoria
freudiana della letteratura di Francesco Orlando (Orlando 1971, 19923 e 19972). «Introdurre la
figura nel discorso significa rinunciare a quella trasparenza del segno che costituisce una
proprietà della sua arbitrarietà, cioè dell’indissolubilità del significante e del significato»
(Gruppo μ 1976, 25)46, e come tale riguarda tutti i livelli della comunicazione letteraria,
estendendosi dall’elocutio alla dispositio e all’inventio:

Figure del significante, figure del significato, figure del metro e della rima, figure di
grammatica, figure di sintassi, figure di logica, figure del rapporto coi dati di realtà, figure
del racconto, figure della successione delle parti del testo, figure del destinatario o del
destinatore come funzioni interne al testo, figure dei supporti fisici del linguaggio, figure
di deroga dalle convenzioni figurali già stabilite ecc. In certi casi lo spazio di testo in cui la
figura ha sede sarà un paio di righe; ma in certi altri le migliaia di pagine che formano la
totalità di un’opera sterminata (Orlando 19923, 62).

La letteratura, considerata sotto il versante qualitativo e non sotto quello istituzionale,


consiste allora in una rete di testi provvisti di un certo tasso di figuralità, il che permette tra
l’altro di riammettere in territorio letterario capolavori politici e filosofici che il senso comune
già assegna alla letteratura, ma che una definizione stretta del genere tenderebbe a collocare
altrove. Il compito del lettore consisterà poi nel procedere alla decrittazione, riducendo le figure
e guadagnando così l’accesso al peculiare piacere conoscitivo che qualifica l’esperienza
letteraria.

44
Il riferimento è alla nota imposta genettiana del problema (Genette 1976, 17-40).
45
Perelman e Olbrechts-Tyteca dedicano al problema delle figure del discorso assai poco spazio (19892, 176-181),
restringendone lo studio ai casi di chiara implicazione nella costruzione dell’argomentazione: «Quanto a noi, ai
quali interessa meno la legittimazione di una forma letteraria di espressione, che non le tecniche del discorso
persuasivo, ci sembra importante non tanto studiare il problema delle figure nel suo insieme, quanto mostrare in
che cosa e come l’uso di alcune figure determinate si spieghi con i bisogni dell’argomentazione» (ibid., 177).
46
Orlando (19923, 58-59) riprende alla lettera tale definizione.

28
Definita in questo modo, la figuralità schiude all’indagine stilistica un orizzonte di problemi
quasi sconfinato, all’interno del quale il presente lavoro sceglie di ritagliare tre ordini di
fenomeni, corrispondenti ai tre capitoli che lo compongono. Il primo (Proliferazione e
simmetria) cerca di approfondire, partendo da un’ampia schedatura condotta sull’intero corpus,
l’aspetto forse più evidente della prosa bruniana: la sovrabbondanza di figure
dell’accumulazione e della ripetizione, di strutture parallelistiche e seriali. Il secondo
(L’analogia a cavallo tra logica e retorica) considera l’analogia nella sua doppia accezione,
ineludibile presso uno scrittore-filosofo attivo nella seconda metà del Cinquecento quale è
Bruno, di problema logico-ontologico e di famiglia figurale. Il terzo (La complicazione figurale
del macrotesto) su concentra invece sui processi di portata più ampia costituiti dalle già definite
strutture a doppio livello. A differenza dei primi due, però, la strada scelta non è quella del
paradigma e della tipologia con materiale tratto da tutt’e sei i dialoghi, ma dell’analisi
approfondita di due casi di studio, rappresentati dalla Cena e dalla Cabala, sulla cui vicinanza
ho già speso qualche parola. Tale passaggio alla sintagmatica dipende, oltre che dalla natura
stessa dei fenomeni affrontati, dalla volontà di affiancare al momento descrittivo il momento
interpretativo, provando a fare della forma il solvente capace di sciogliere la complessità dei
testi di Bruno. La stessa compresenza di intenzioni, unitamente alla difficoltà talvolta impervia
della pagina bruniana, fa poi sì che anche nei primi due capitoli tendano ad aprirsi, in modo
disseminato, finestre di confronto con il senso e l’interpretazione.
La fisionomia intellettuale liminare e contradditoria del filosofo, assieme all’esuberanza
dello scrittore, hanno fatto in modo che la critica bruniana procedesse a lungo per fratture e
ribaltamenti, oscillando tra valutazioni di segno opposto, sbilanciate ora in senso razionalistico
e progressivo, ora in senso ermetico e occultistico47, secondo un conflitto di prospettive che
potremmo riassumere nella contrapposizione tra una funzione Blumenberg e una funzione Yates,
solo per citare due tra gli interpreti più forti48. Nella seconda metà del Novecento e in particolare
a partire dagli settanta, si è tuttavia finalmente imposta un’interpretazione più equilibrata,

47
Così commentava Aquilecchia (1971, 3) a pochi anni dall’uscita di Yates 1969 [1964]: «Lontano ormai il
fiducioso ottimismo della critica “liberale” ottocentesca – cui sembrò legittima un’interpretazione progressiva
della vicenda bruniana alla stregua dei propri postulati etici –, non meno anacronistica rischia di risultare la
valutazione in senso reazionario della più recente critica erudita, intesa a rilevare di quella complessa esperienza
la incompatibilità con successive posizioni “razionali”».
48
Il giudizio di Blumenberg (1992), che propende per una lettura in chiave moderna e razionalistica della
riflessione bruniana fondata sul concetto di libertà individuale, può essere facilmente contrapposto
all’interpretazione di Yates (1969, ma anche 1972), la quale fa di Bruno un mago rinascimentale le cui radici sono
da ritrovare nella tradizione ermetica e magica che dai manuali medievali sul modello del Picatrix passa attraverso
lo snodo fondamentale del Corpus Hermeticum ficiniano.

29
improntata a una duplice filologia insieme testuale e filosofica. Il lavoro di definizione del testo
critico delle opere latine e volgari49 è andato di pari passo con un’attenta disamina della dottrina
filosofica, ricostruita pezzo dopo pezzo nei suoi intrecci di fonti e nella pluralità delle sue
diramazioni tematiche50. La necessità di fare ordine, però, ha forse imposto di eliminare dal
quadro gli elementi più instabili e devianti. Si spiega così l’espunzione, eccetto poche
meritevoli eccezioni, delle forme e dello stile, nonché della lingua, dal campo dei problemi, sui
quali la critica ha ricominciato a fare i conti solo in questi ultimi anni 51. Il presente contributo
si offre quindi, in attesa di lavori più sistematici, come un tentativo di mappare il territorio
ancora largamente inesplorato della prosa volgare, campo di tensioni straordinariamente vivo e
ricco nel quale la forma è anch’essa parte della verità dell’opera.

49
Del lavoro filologico sulle opere volgari possono essere distinte due fasi: una prima, lunga circa un quarantennio,
affidata all’impegno instancabile di Giovanni Aquilecchia, che dalla prima edizione della Cena (Torino, Einaudi,
1955) passa attraverso la riedizione dei Dialoghi gentiliani (Firenze, Sansoni, 1972) e l’edizione del De la causa
(Einaudi, Torino, 1973) per approdare all’edizione completa del corpus italiano (Œuvres complètes, Paris, Le
Belles Lettres, 1993-1999; Opere italiane, Torino, UTET, 2002); una seconda, patrocinata dall’Istituto Nazionale
di Studi sul Rinascimento, i cui presupposti sono enunciati in Ciliberto-Tirinnanzi 2002 e che finora ha però dato
luogo soltanto all’edizione della Cabala (Cabala del cavallo pegaseo, Milano, Rizzoli, 2004). Quanto al resto
corpus latino bruniano, l’Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento ha patrocinato negli ultimi anni le seguenti
edizioni critiche: Opere magiche, 2003; Opere mnemotecniche, 2004 e 2009, 2 voll.; Opere lulliane, 2012; cui si
aggiunge il Corpus iconographicum, 2001; per tutte quante rimando alla bibliografia finale.
50
Eccetto qualche illustre precursore (Corsano 1940 e Badaloni 1955), la critica bruniana conosce la sua più
recente fioritura successivamente alla pubblicazione di Yates 1969 [1964], cui fanno seguito una serie di solide
monografie di impianto filosofico (Papi 2006 2 [1968], Ingegno 1978, Ciliberto 1986; Badaloni 1988, che riscrive
1955 allo scopo di confrontarsi a dovere con l’intepretazione di Yates). Più recenti sono la costituzione della rivista
«Bruniana & Campanelliana», i tre volumi dell’Enciclopedia bruniana e campanelliana (a cura di Eugenio Canone
e Germana Ernst, Pisa, Serra, rispettivamente 2006, 2010 e 2017) e il monumentale Giordano Bruno. Parole
concetti immagini, direzione scientifica di Michele Ciliberto, Pisa, Scuola Normale Superiore, Firenze, Istituto
Nazionale di Studi sul Rinascimento, 2014, 3 voll.
51
Datano a fine anni cinquanta e inizio sessanta i primi contributi di rilievo sugli aspetti letterari e stilistici delle
opere volgari (Bàrberi Squarotti 1958a e 1958b, 1960, poi anche 1997; Tissoni 1961). L’inchiesta è ripresa da
Ordine negli anni ottanta (1987a e 1987b, poi 2003), per poi svilupparsi in modo più ampio in anni recenti, con i
lavori di Sabbatino (1993 e 1999), Ellero (1994 e 2005), Puliafito (2002, 2007) e Hufnagel (2009, 2011 e 2013).

30
1. Proliferazione e simmetria

La vocazione transdiscorsiva che caratterizza Bruno sul piano disciplinare corre parallela ad
analoghe tensioni attive sul piano formale quali l’ibridazione dei generi letterari e testuali 1 e la
disomogeneità tanto dei livelli stilistici quanto delle scelte grammaticali, le quali consistono in
continue «deflessioni dal bembismo» (Serianni 1993, 510) da imputare all’«assenza di un
modello di riferimento» (ibidem). Il lettore dei dialoghi italiani, tuttavia, è in grado di registrare
una singolare discrepanza fra tale eterogeneità e l’estrema coerenza e stabilità di una sezione
del comparto retorico, secondo una contraddizione del tutto simile a quella che, sul piano del
pensiero, oppone la serie ristretta delle costanti – quali l’unità radicale della verità e
l’omogeneità dell’essere – all’ampia e talvolta fuorviante collezione dei temi e dei campi di
applicazione2. Allo stesso modo, al di sotto del pulsare frenetico e discontinuo della voce di
Bruno riconosciamo un fondo stabile rappresentato dalle costanti stilistiche della proliferazione
e della simmetria.
La prosa dei dialoghi è il risultato del contrasto fra queste ultime due tensioni: la
proliferazione consiste nel rapido moltiplicarsi di singoli elementi e spinge la scrittura verso il
disordine; la simmetria invece, accontentandosi del significato generico in luogo di quello
geometrico del termine, comporta la disposizione non variata dei materiali, con effetti di
armonia e corrispondenza esatta tra le parti. Più concretamente, alla proliferazione
corrispondono i fenomeni della serialità sintagmatica e sintattica, con riguardo particolare alle
elencazioni più estese, mentre il polo simmetrico comprende il parallelismo e le strutture
correlative3. Seppure è certamente vero che il parallelismo costituisce in sé il nucleo potenziale
di ogni accumulazione, d’altro canto le due procedure manifestano, quantomeno nei loro
esempi più tipici, una divaricazione funzionale che sarebbe sbagliato ignorare. A tal proposito,
è interessante osservare il comportamento manifestato da quel fenomeno intermedio o di
confine che è la replicazione seriale non di singoli addendi, ma di strutture binarie di tipo
parallelistico e/o correlativo che interessano frasi semplici e complesse. In virtù della sua
collocazione a cavaliere tra le due procedure, la serializzazione del parallelismo obbedisce a un

1
Su tale aspetto insistono Aquilecchia (2000), Bàrberi Squarotti (1997) e Hufnagel (2009, 2011).
2
Leinkauf 1996, VIII-XVIII.
3
Per un quadro generale su queste ultime si può vedere De Stefano 2010. Le strutture correlative tendono al
parallelismo in virtù del «principio di isomorfismo» (ibidem) che regola normalmente il rapporto tra i due membri
della frase. Cionondimeno, la scelta della correlazione non comporta per forza il parallelismo, che può o non può
sommarsi alla correlazione.

31
doppio imperativo funzionale contraddittorio, potendo servire tanto le messa in rilievo
dell’impalcatura sintattica quanto l’arresto del ragionamento e l’insistenza epidittica.
Quest’ultima osservazione ci impone di considerare proliferazione e simmetria nei loro
effetti sintattici. Considerata nei suoi esiti di maggior peso, l’accumulatio è una forza centrifuga
responsabile di una destrutturazione dell’impianto sintattico, che essa ottiene allontanando gli
uni dagli altri gli elementi nucleari della frase o le unità frasali che compongono il periodo. Più
in generale, essa può comportare il venir meno del controllo razionale sotto la spinta dello
slancio elativo e polemico, secondo una tendenza il cui picco verso l’alto è rappresentato da
pochi ma significativi casi di cedimento, con anacoluti (e quindi, testualmente, cambi di
progetto) che fratturano una sequenza. Alla dispersione si contrappone il ruolo di contenimento
manifestato dalla correlazione e dal parallelismo (comprese le varianti dell’anafora e
dell’epifora), a cui spetta di irreggimentare i materiali lessicali e sintattici entro tracciati sicuri.
Se l’accumulazione impone di semplificare l’architettura sintattica e in ogni caso genera un
periodo disarmonico e logicamente debole, le strategie simmetriche legano e compattano,
evidenziando i nessi portanti dell’argomentazione. A tal proposito giova precisare che le
strutture correlative maggiormente attestate sono la correlazione coordinativa con valore
avversativo e la frase comparativa nelle due varianti della comparazione di analogia e di grado.
Entrambe rispondono a esigenze specifiche del ragionare bruniano: la prima consente di
articolare concetti e referenti attraverso movimenti di contrasto e soprattutto di rafforzare ciò
che si va affermando facendolo precedere da ciò che si vuole negare; la seconda, invece, segnala
l’argomento per analogia e più in generale il movimento dell’intelletto a caccia di somiglianze.
Rispetto al quadro che si è venuti delineando, la fenomenologia della ripetizione si rivela più
vicina al polo della simmetria. Quando non mettono in relazione gli addendi delle serie
accumulative, le figure iterative, siano esse di tipo strutturale o distributivo, mostrano di agire
in sinergia con le forze che compattano il discorso. Ciò vale anche per artifici normalmente
oratori come l’epifora, che nei dialoghi pare addirittura soppiantare l’anafora nella sua funzione
strutturante. Tuttavia, nessuno vorrà negare alla ripetizione la sua normale funzione ritmica,
come nemmeno quella di intensificazione o ancora, più banalmente, di coesivo testuale. Ciò
pone un problema più generale, vale a dire quello della coalescenza funzionale che caratterizza
la quasi totalità dei procedimenti retorici fin qui inventariati. Avremo allora l’accortezza di
parlare di volta in volta di funzione dominante, accontentandoci di astrarre il fattore ritenuto
più rilevante dalla complessità reale dei fenomeni. Nella stessa ottica assegneremo al comparto

32
dispersivo dell’accumulazione – quello cioè delle serie lessicali e sintattiche più lunghe,
esorbitanti per le loro stesse dimensioni dallo svolgimento logico – una prevalente funzione di
insistenza e incremento della presenza, volta in direzione quanto polemica tanto elativa. Ciò
equivale ad accumulare verba diversi su un’identica res, ma nei dialoghi italiani è egualmente
possibile, anche se certo meno frequente, che res diverse siano allineate nello stesso punto per
articolare una classe o esemplificare un dato generale, oppure semplicemente al fine di
percorrere la superficie in movimento della realtà. All’opposto, parallelismo e ripetizione
manifestano nel complesso la capacità di mettere in rilievo snodi e gerarchie, portando in
superficie il traliccio sintattico e le relazioni logiche in esso implicate. Essi portano in dote
all’argomentazione la visibilità, contribuendo ad associare e dissociare concetti, a legare cause
e conseguenze, ad accostare ciò che è simile e allontanare ciò che è diverso.
Accumulazione, parallelismo e ripetizione hanno però anche qualcosa in comune: in quando
modi dell’amplificazione, essi ribattono asserzioni e giudizi che non sanno e non vogliono
imporsi mediante la sola forza dell’evidenza. Ciò è coerente con il temperamento stilistico
dell’autore, che alla leggerezza preferisce il turgore, alla rapidità la forza, scegliendo la dizione
piena e rallentata del genus grande, ma soprattutto è coerente con la verità custodita dal
discorso: una verità assoluta e primigenia, precedente alla sua fondazione razionale, che è
piuttosto una rifondazione e segue a un inizio visionario. Quanto invece al temperamento
stilistico, esso si accorda a una ben precisa tradizione e si colloca, nella storia degli istituti
stilistici della prosa volgare, tra l’anticlassicismo cinquecentesco e il Barocco o, per dirla con
due nomi, tra Aretino e Basile. Bruno, tuttavia, dell’Aretino e dei vari Folengo, Franco, Doni,
non condivide l’eccesso analogico e soprattutto il dispendio ludico, che si ritrova naturalmente
limitato dalla forte pressione del pensiero, dalla pienezza della visione filosofica. Per quanto
riguarda invece il Barocco, la condivisa tensione accumulativa e l’identità degli artifici di
moltiplicazione sintattica non sono sufficienti ad apparentare il Nolano a una scrittura di
superfici, affascinata dall’«l’incanto della forma esterna, della materialità, o corporeità della
parola» (Glynn-Faithful 1958, 200-1) e votata all’ingegno, non all’intelletto; così che una
definizione di Bruno in termini di scrittura pre-barocca dimostra di non tenere non appena si
considerino l’assenza nel nostro – eccetto poche e ben delimitate eccezioni – di figure
artificiose4 accanto alla forza logica e pertinenza ontologica dell’analogia.

4
«Le figure artificiose non provocano perciò solo o soprattutto un oscuramento dei significati per via
dell’eccessiva elaborazione sul significante: se c’è e quando c’è questo è un effetto concomitante, ma non è il
connotato specifico dell’intiera categoria, che consiste invece, ripeto, in un modo diverso di rappresentare il senso

33
Come ho detto, ciò dipende dalla forza e dall’urgenza della visione filosofica, che non è
possibile separare dallo stile, allo stesso modo in cui si deve però evitare ogni reductio ad unum
che annulli la catena delle mediazioni. Con il termine visione, inoltre, designo il momento
originario, intuitivo, della speculazione bruniana, almeno idealmente separabile dalla
fondazione razionale che è venuta dopo. In modo analogo, è possibile separare la mente dal
pensiero, il livello implicito delle presupposizioni epistemiche e dello sfondo psichico dal
livello esplicito delle idee linguisticamente espresse e fissate nei testi5. Così risale alla mente o,
se posso dire, all’inconscio filosofico bruniano il pathos del molteplice che è possibile scorgere
dietro la tensione all’accumulazione del diverso, senza per il momento far troppa distinzione
tra parole e cose. Il gusto per la proliferazione non è insomma lontano dal brulicare che
caratterizza il perenne sommovimento degli essere presi nell’ordine mobile della vicissitudine.
Così come, all’altro polo, l’ordine impresso dalle figure simmetriche allude alla tensione a
ritrovare l’unità al di sotto della trasformazione, di modo che l’equilibrio tra le due forze finisce
per allinearsi all’equilibrio tra Uno e molteplice, permanere e mutare, che costituisce il duplice
fuoco di quell’ellisse che è il pensiero di Bruno.

1.1.Figure dell’accumulazione

La griglia che cerca di fare ordine nella gran massa delle figure accumulative presenti nei
dialoghi si fonda su due criteri: la qualità del fenomeno retorico e il livello sintattico sul quale
esso agisce. Seguono quindi tre sottoparagrafi, dedicati rispettivamente alla dittologia,
all’enumerazione e alla serialità sintattica. Le prime due figure interessano il sintagma, la terza
la frase semplice e complessa; quest’ultima non è però davvero il livello più alto, essendo
presenti alcuni casi di struttura anaforica e distributio che legano unità testuali.
La rassegna si apre in modo forse un po’ anomalo con la dittologia. Indico con tale termine
ogni «coppia di sintagmi coordinati» (Soldani 2003, 250) secondo una definizione linguistica

cui sono costrette nell’artificio l’una o l’altra delle unità che formano la lingua; e perciò consiste essenzialmente
nella nascita d’un altro modo di significare. Il segno grafico dell’alfabeto viene spostato a rappresentare contorni
o superfici, o viene sostituito dagli stessi; le entità foniche sono riunite in serie, in cui le nuove relazioni foniche
gratuite si fanno più evidenti delle relazioni foniche presenti nelle unità linguistiche di partenza. Come si vede
rappresentano con maniere diverse» (Pozzi 1984, 8).
5
Cfr. Meroi 2004 e, all’interno di esso, Nuzzo 2004, che da una prospettiva metaforologica introduce l’eventualità
di uno scarto o dislivello interno alla trama logica bruniana. Per l’episteme si rimanda ovviamente a Foucault
(1967, 5-14).

34
più inclusiva e insieme più specifica di quella retorica tradizionale, che da un lato non si limita
alla sinonimia e alla coordinazione sindetica, dall’altro non considera pertinente la ripetizione
di vocaboli identici. Quest’ultima esclusione permette di collocare la dittologia sotto l’etichetta
tradizionale dell’«accumulazione del diverso» (Lausberg 1969, §§ 240; 293-316), ottenendo
così una definizione più esatta del fenomeno per come esso si realizza nei dialoghi, dove i
membri della coppia tendono a non presentare somiglianze formali. La collocazione della
dittologia nel campo dell’accumulazione è inoltre coerente con il suo orientamento funzionale
e con la moltiplicazione di cui essa è spesso fatta oggetto.
L’enumerazione è invece il vero e proprio centro del sistema. Data la straordinaria diffusione
della figura, è bene mettere in campo una duplice biforcazione strutturale, relativa da un lato
all’estensione dell’elenco, dall’altro all’organizzazione interna del materiale lessicale o
sintagmatico che lo compone. Distinguiamo quindi, in prima battuta, le serie più brevi, da tre a
cinque addendi, senza dubbio capeggiate dall’onnipresente tricolon, dalle serie più lunghe, dai
sei addendi in su; queste ultime, che normalmente constano di una decina di membri, possono
crescere fino a episodi di vero e proprio gigantismo, le filatesse. In secondo luogo, l’elencazione
«allo stato puro» va tenuta distinta da quella «a scaglioni» (Bozzola 1999, 96-7), il cui materiale
è ripartito in paragrafi all’interno della stessa unità sintattica, manifestando la stessa tendenza
alla moltiplicazione tipica della dittologia. È invece sostanzialmente assente la distributio,
manifestando l’indifferenza dello scrittore per la «varietà ed ariosità» (Bozzola 1999, 98) che
tale costrutto trasmette al dettato. Data l’ampiezza del problema, il discorso sull’elenco si
articola in tre sezioni distinte, dedicate ai due rami della biforcazione sopra definita (1.1.2.1),
ai legami tra gli addendi e all’organizzazione interna della serie (1.1.2.2), infine alle funzioni e
agli effetti di senso (1.1.2.3).
La serialità sintattica non richiede invece particolari specificazioni, mentre osservando la
fenomenologia della frase complessa diviene possibile formulare una legge generale relativa
alla progressiva fluidicazione delle strutture, le quali perdono in rigore formale man mano che
si risalgono i gradini dell’organizzazione sintattica. Almeno per il livello più alto e quindi più
fluido, ciò non è senza rapporti con la sfera dei temi e delle intenzioni comunicative: la serialità
a livello della frase complessa tende infatti a manifestarsi soprattutto in corrispondenza con le
sezioni più spiccatamente elative in cui il filosofo magnifica se stesso e la propria dottrina,
abbandonandosi allo slancio della verità conquistata.

35
Viene quindi in primo piano il nodo che stringe forma e funzione. Le serie più estese di
sintagmi e frasi, gli elenchi a scaglioni che saturano lo spazio del periodo, le dittologie e le terne
replicate: tutto questo insieme di fenomeni manifesta un chiaro orientamento funzionale
all’insistenza e all’accrescimento della presenza (Perelman-Olbrechts-Tyteca 1989, 184-5). Le
forme più estreme dell’accumulazione si confermano quindi una risorsa del discorso epidittico,
alle cui necessità di innalzamento e degradazione non osta e forse anzi conviene
un’organizzazione interna dell’elenco votata al disordine semantico (talvolta anche sintattico)
e al cumulo di relazioni contraddittorie. Tuttavia, anche all’interno di questa sfera, raramente
la figura seriale risulta indifferente al procedere del discorso, i suoi addendi deprivati di
responsabilità semantica e ridotti a pura unità numerica. Al contrario, i procedimenti
dell’accumulatio scelgono la strada dell’integrazione nella linea discorsiva, mostrando una forte
reattività alle esigenze di costruzione del senso e riducendosi di rado ad automatismo, pura
dissipazione, gioco del significante. Questo tratto generale è la premessa a una
funzionalizzazione propriamente argomentativa dell’accumulazione, manifestata tanto dalle
enumerazioni più contenute quanto da una porzione della serialità sintattica. L’elenco e
l’allineamento frasale possono costituire la forma linguistica naturale di uno dei molti motivi
nei quali si rifrange il tema tipicamente bruniano della molteplicità, sia essa relativa agli esseri,
alle parti di un organismo e in generale di un intero, alle prospettive filosofiche, alle auctoritates
in grado di sostenere un determinato argomento. In modo analogo, la serialità può trovarsi a
esprimere il movimento induttivo del pensiero, allineando la serie dei casi particolari in vista
della generalizzazione conclusiva.
Accanto a queste due funzioni principali, le figure accumulative portano sempre con sé una
funzione ritmica, la quale è rilevante nella misura in cui ci ricorda la qualità declamatoria della
prosa bruniana e «il ritmo musicale e recitativo della sua lingua» (Aquilecchia 1993c, 250).
Essa è normalmente subordinata alle istanze semantiche, con però un eccezione di rilievo,
rappresentata dagli incipit e dagli explicit delle dedicatorie, luoghi la cui posizione ne fa dei
punti caldi, tendenti alla saturazione figurale. All’interno di un tessuto sovrabbondante e ricco
soprattutto di analogie, tali passaggi ricorrono a una variante ritmica della serialità, che
collochiamo in coda alla nostra rassegna per due ragioni: la sua indifferenza alle divisioni
sintattiche; il suo funzionamento eterogeneo, anche se di fatto esso attualizza una potenzialità
già parzialmente espressa dalla dittologia e dall’enumerazione.

36
Nelle dedicatorie, l’orientamento ritmico dell’accumulazione va insieme un ferreo controllo
formale. Possiamo quindi chiudere questa breve presentazione ricordando che le figure
dell’accumulazione si dispongono, nei dialoghi, tra un massimo di ordine e un massimo di
disordine, tra un massimo di pulizia formale e rigore logico e un massimo di fluidità formale
ed eterogeneità semantica.

1.1.1. Dittologia

La dittologia, nei dialoghi italiani, tende a sottrarsi alla percezione; vuoi per il numero
altissimo delle occorrenze, vuoi per l’oscuramento che essa patisce a opera delle figure
accumulative più estese. Come già anticipato, essa tende a manifestarsi in strutture seriali di
estensione pari o inferiore a quella della frase complessa, dove essa occorre isolata o congiunta
all’enumerazione a tre o quattro addendi, quest’ultima di norma posta in clausola:

De l’infinito 101 Perché dico uno essere il continente e comprensor di tutti corpi e machine
grandi, che veggiamo come disseminate e sparse in questo amplissimo campo:
De l’infinito 115 non è di loro chi non abbia efficace principio e modo di continuar e serbar
la perpetua generazione e vita di innumerabili et eccellenti individui.

Spaccio 231 Cioè come gli dèi erano pronti et apparecchiati senza simulazione e dolo, ma
con libera e spontanea voluntade, ad accettare e ponere in esecuzione tutto quello che per
il presente sinodo verrebe conchiuso, statuto et ordinato.

Manifestazioni come queste sembrano denunciare la presenza di un impulso ritmico, nella


fattispecie binario, soggiacente al testo realizzato; esso è in grado di omogeneizzare il materiale
linguistico e concorrenziale, se non virtualmente oppositivo, rispetto alla sua scansione
semantica. Un analogo incremento di artificiosità si manifesta quando le singole dittologie, di
norma indipendenti e deputate ad amplificare ciascuna un singolo costituente, appaiono
reciprocamente implicate sul piano semantico6:

Spaccio 242 per cui nel mondo ogniuno vegna premiato e castigato secondo la misura de
gli meriti e delitti.

6
L’artificio è tuttavia limitato alla correlazione semantica senza che si arriva alla vera e propria rapportatio, con
la quale «si assiste ad una frantumazione della sintassi, e perciò della linearità del discorso, quale non avviene
nella correlazione [semantica]» (Pozzi 1984, 123).

37
Cabala 418 voglio che conosciate che non manca testimonio dalle divine et umane lettere
dettate da sacri e profani dottori che parlano con l’ombra de scienze e lume della fede7.

Parzialmente diverso e vorrei dire opposto è il caso in cui la dittologia viene a inserirsi
all’interno di un parallelismo sintattico, rispetto al quale funziona da strategia di rinforzo: De
la causa 614, «quanto in sé sarà più bello e più eccellente il sole, tanto sarà a gli occhi de le
notturne strige odioso e discaro di vantaggio». Così come lo svolgersi in parallelo della sintassi
si riflette sul piano semantico, allo stesso modo la dittologia mostra di saper contribuire al
significato, assumendo forma chiastica per rendere iconicamente l’antitesi: De la causa 595,
«Voi dumque dotato di doppia virtù, per cui son potentissime le liquide et amene stille, e
vanissime l’onde rigide e tempestose»; Cabala 470, «Se questo che dici improperativamente et
in còlera, lo dicessi da buon senno et assertivamente».
Tanto la configurazione seriale quanto il rinforzo apportato alla simmetria sintattica
mostrano bene il ruolo intensivo della dittologia e la sua appartenenza «alla tecnica
dell’amplificazione che produce ridondanza» (Mortara Garavelli 2008, 212). Il ribattimento
degli stessi elementi semantici, che essa realizza insieme alle altre figure dell’accumulazione,
rallenta la progressione logico-sintattica per realizzare una forma di genus grande: uno stile
lento e pesante, privo di scorrevolezza, e tuttavia corroborato dall’effetto di equilibrio e stabilità
di cui sono responsabili gli «elementi simmetrici e armonici» (Martelli 1984, 539)8:

Furori 647 A proposito di questo io ti dicevo che quantumque un rimagna fisso su una
corporal bellezza e culto esterno, può onorevolmente e degnamente trattenirsi: purché dalla
bellezza materiale la quale è un raggio e splendor della forma, et atto spirituale di cui è
vestigio et ombra, vegna ad inalzarsi alla considerazion e culto della divina bellezza, luce
e maestade: di maniera che da queste cose visibili vegna a magnificar il core verso quelle
che son tanto più eccellenti in sé e grate a l’animo ripurgato, quanto son più rimosse da la
materia e senso.

Il ricorso alla dittologia è trasversale e attraversa l’intera escursione testuale e stilistica dei
dialoghi, senza risparmiare né la testualità argomentativa, né quella argomentativo-espositiva e

7
In questo secondo caso la corrispondenza semantica è imperfetta a causa dell’inversione che caratterizza l’ultima
coppia: l’ombra delle scienze compette infatti ai dottori umani, così come il lume della fede a quelli divini.
Trattandosi di un contesto di ironia generalizzata (siamo infatti all’inizio della Declamazione al studioso, divoto e
pio lettore, su cui cfr. infra 3.2.2.2), siamo però autorizzata a interpretare la permutazione degli elementi come
segnale di un’antifrasi in atto, per cui luce e tenebra sono da attribuire rispettivamente ai filosofi e ai teologi.
8
L’opzione per il genus grande manifesta una preferenza accordata al movere sul probare, al pathos sulla puritas
e la perspicuitas, la quale è perfettamente coerente con la conoscenza partecipata, soggettivamente implicata ed
emotiva, della quale è fautore Bruno.

38
neppure quella semplicemente espositiva9. Fanno eccezione quei contesti, assai rari e limitati
in sostanza al De l’infinito, al De la causa e alla Cena, dominati dall’evidenza dimostrativa a
tal punto che gli elementi argomentativamente spuri evaporano del tutto10. Con tutto ciò,
essendo la funzione accrescitiva quella dominante, il luogo naturale della dittologia è l’ambito
della persuasione, sia essa parenesi o apologia, e della degradazione aggressiva, con la doverosa
puntualizzazione che nella prosa bruniana esse risultano distinte con chiarezza dal
ragionamento dimostrativo solo di rado, mentre le due modalità tendono al contrario a sorgere
quasi insensibilmente una dall’altra. Si veda questo segmento, tratto dall’Argomento al dialogo
terzo del De l’infinito, in cui le coppie emergono in corrispondenza del passaggio
dall’esposizione al giudizio polemico:

De l’infinito 18 Si manifesta onde sia accaduta la imaginazione di tali e tanti mobili


deferenti e talmente figurati che abbiano due superficie esterne, et una cava interna; et altre
ricette e medicine che danno [nausea et orrore] [a gli medesimi che {le ordinano e le
esequiscono}, et a que’ miseri che se le inghiottiscono]11.

Quanto ai tipi di coordinazione tra gli elementi della coppia, sia essa sinonimica o antitetica,
quello normale è il tipo copulativo, mentre più rari appaiono quello disgiuntivo e quello
asindetico: Spaccio 185, «per donar ad intendere come in ogn’uomo, in ciascuno individuo si
contempla un mondo, un universo». La disgiunzione compare talvolta congiunta a una relazione

9
E si noti l’azione vincolante dei diagrammi geometrici e delle altre figure, compresi gli emblemi solo descritti
dei Furori, la cui presenza comporta di norma nel testo che le accompagna la scelta di una prosa scarna e
referenziale e quindi l’eliminazione del raddoppiamento.
10
Di essi riporto un campione tratto dal dialogo terzo della Cena; è una lunga battuta del princeps sermonis,
Teofilo, il quale argomenta a favore della relatività del moto servendosi di un esempio, quello della caduta, che
mobilita implicitamente la moderna nozione di «sistema meccanico» (Koyré 1979, 175): Cena 520-1, «Or per
tornare al proposito: se dumque saranno dui, de quali l’uno si trova dentro la nave che corre, e l’altro fuori di
quella, de quali tanto l’uno quanto l’altro abbia la mano circa il medesmo punto de l’aria; e da quel medesmo loco
nel medesmo tempo ancora, l’uno lascie scorrere una pietra, e l’altro un’altra, senza che gli donino spinta alcuna:
quella del primo senza perdere punto né deviar da la sua linea, verrà al prefisso loco; e quella del secondo si
trovarrà tralasciata a dietro. Il che non procede da altro, eccetto che la pietra che esce dalla mano del uno che è
sustentato da la nave, e per consequenza si muove secondo il moto di quella, ha tal virtù impressa quale non ha
l’altra che procede da la mano di quello che n’è di fuora, benché le pietre abbino medesma gravità, medesmo aria
tramezzante, si partano (se possibil fia) dal medesmo punto, e patiscano la medesma spinta. Della qual diversità
non possiamo apportar altra raggione, eccetto che le cose che hanno fissione o simili appartinenze nella nave, si
moveno con quella: e la una pietra porta seco la virtù del motore, il quale si muove con la nave; l’altra di quello
che non ha detta participazione. Da questo manifestamente si vede che non dal termine del moto onde si parte, né
dal termine dove va, né dal mezzo per cui si move, prende la virtù d’andar rettamente: ma da l’efficacia de la virtù
primieramente impressa, dalla quale depende la differenza tutta». Il passo ha un’univocità e una sveltezza che
scartano nettamente dalla media dei dialoghi italiani, ed è analizzato da Tissoni (1961), che vi vede un luminoso
esempio della nascente prosa moderna della dimostazione scientifica, già lontana dall’ordine astratto della quaestio
scolastica.
11
Ricorro alle parentesi, rispettivamente quadre e graffe, per distinguere le figure superiori o esterne (tra quadre)
da quelle interne, che espandono un membro delle precedenti (tra graffe).

39
testuale di riformulazione (Cabala 452, «circa quella continua metamfisicosi, cioè
transformazione o transcorporazione de tutte l’anime?»), altrove associata a un movimento
ipotetico e allo schema dicotomico che gli è proprio (Cabala 454, «cotal instinto naturale è
senso o intelletto? Se è senso, è interno o esterno?»), oppure alla fungibilità tra elementi diversi:
Cabala 453, «Or cotal spirito secondo il fato o providenza, ordine o fortuna, viene a giongersi».
L’attrazione tra i due sintagmi è normalmente semantica (rare le combinazioni foniche del tipo:
De la causa 608, «se non voglio far stima de limfe e nimfe»; Furori 671, «con tutto ciò che
vegna penetrato entro l’affetto e il concetto») e risolta nei diversi gradi della sinonimia. Il grado
più forte prevede la piena rispondenza dei tratti semantici denotativi (Furori 623, «constante e
fermo»; De l’infinito 26, «alla prima vista e primo rancontro rendendoci dubii e perplessi»)12,
mentre attribuiamo a una zona intermedia la variazione d’intensità che realizza una versione
ridotta della climax (Cena 446, «discalze e nude»; Spaccio 177, «E però priego e scongiuro
tutti»)13. Al grado più basso si collocano infine le coppie in cui l’elemento permanente non
denota una classe referenziale comune quanto piuttosto identità sul piano assiologico,
valutativo (De la causa 631, «ociosi e mal impiegati ingegni», Spaccio 174, «non possono
vendersi per dotti e buoni»); un fenomeno frequente e legato al forte coinvolgimento soggettivo
della lingua solo parzialmente filosofica dei dialoghi italiani.
La dittologia antitetica, nonostante funga da variante marcata rispetto allo standard più o
meno sinonimico, nondimeno è frequente e può essere interpretata come spia formale del tema
filosofico della contrarietà, vale a dire dell’assetto conflittuale e dinamico dell’universo infinito.
Nello specifico, la coppia antitetica può farsi correlativo della vicissitudine, il processo di
trasformazione universale che caratterizza la natura infinita determinando, su entrambi gli assi
dello spazio e del tempo, una peculiare forma di alternanza conservativa «di stati, condizioni e
situazioni, a tutti i livelli» (Severini 2014, 2045). Nei due esempi che seguono, di tale processo
appaiono messi in risalto in un caso l’aspetto oggettivo – la ruota delle forme sensibili –,
nell’altro quello soggettivo – l’affetto contraddittorio indotto nell’anima individuale dalla

12
Ma si veda, come caso particolare, l’intreccio realizzato quando la figura si incarica di amplificare il referente
astratto della molteplicità, che la dittologia scompone nei poli complementari dell’abbondanza quantitativa (molti)
e della differenza qualitativa (diversi): De l’infinito 165, «perché da una massa per opra del solo efficiente si
producono molti e diversi vasi di varie forme e figure innumerabili».
13
Queste ultime due forme di legame come anche le due specializzazioni contestuali della dittologia disgiuntiva
legate all’indeterminazione anticipano, realizzandoli sulla scala ridotta offerta dalla dittologia, fenomeni semantici
più rilevanti associati all’enumerazione (cfr. infra 1.1.2).

40
coscienza di esser parte della rotazione, costretta a relazionarsi con «gl’innumerabili individui
e specie de le cose» (Furori 678):

Cabala 457 che con la ruota di questa vertigine de gli astri viene ad esser fatto e disfatto
secondo le vicissitudini della generazione e corrozzione delle cose,
Furori 678 De quali l’un e l’altro per le raggioni de potenzia et atto, de possibilità et effetto,
e cruciano e consolano, e donano senso di dolce e fanno sentir l’amaro.

1.1.2. Enumerazione

Come per la dittologia, l’alto numero di occorrenze dell’enumeratio ne sconsiglia un regesto


esaustivo; basterà pertanto limitare l’osservazione a pochi casi esemplari e a pochissime
eccezioni. Queste ultime, poi, appaiono in realtà del tutto normali in quanto testimoni
privilegiate della fluidità e dispersione della figuralità bruniana, ovvero, positivamente, della
sua piena sottomissione alle ragioni contestuali. Si vuol dire con ciò che le figure tendono da
un lato a non presentarsi mai del tutto identiche a se stesse, dall’altro a combinarsi in strutture
provvisorie e irripetibili tenute insieme da una dominante funzionale o, più debolmente, a
intasare uno stesso tratto testuale senza un progetto chiaro che le tenga insieme14. Esse non sono
quindi fungibili, mentre spicca al contrario l’irriducibilità del singolo individuo a un catalogo
ordinato di stampi formali pronti per l’uso (da cui la difficoltà di qualsiasi ordinamento
tipologico). Alla radice di una simile gestione sta, in prima istanza, «una concezione del
materiale […] offerto come plastico, trasformabile, e quindi mutabile a seconda delle esigenze»
(Bàrberi Squarotti 1958a), da cui discende, sul piano operativo, la capacità di individualizzare
in senso stilistico ogni singolo punctum della scrittura. A essa possiamo inoltre affiancare, nella
dimensione della coscienza letteraria, il netto rifiuto del «decoro espressivo» (Serianni 1993,
509) e dei valori propri del classicismo – il principio d’imitazione, il primato del modello
petrarchesco e del genere lirico, l’ortodossia linguistica bembesca, le poetiche normative di
matrice aristotelica – da Bruno riassunti sotto l’etichetta per lui omnicomprensiva della

14
Le ultime due possibilità descritte coincidono con i due gradi, forte e debole, delle convergenze messe a fuoco
da Frédéric (1985, 72-4; 178-87; 217; 221-7) e riprese da Bozzola (1996, 25-6) nella sua analisi al frugoniano
Cane di Diogene. Il tipo forte occorre «qualora le figure coinvolte convergano nella formazione di un artificio che
abbia una sua strutturazione particolare, una legge, un disegno interni», mentre l’interazione è debole «qualora
l’effetto di sorpresa scaturisca semplicemente dall’accumulo di fenomeni diversi entro uno spazio sintagmatico
ridotto, senza che si instauri alcuna strategia compositiva particolare». Il concetto è utile ad arginare l’inevitabile
impoverimento che il passaggio all’astrazione tipologica comporta per la complessità retorica propria del testo
nella sua dimensione paradigmatica, e permette di valorizzare opere figuralmente gonfie e stipate, com’è anche il
caso dei dialoghi.

41
pedanteria15. La testualità dei dialoghi italiani resta pertanto un congegno calibrato, ma non al
millimetro: tali elementi riflessi si traducono in un’orchestrazione disarmonica, centrifuga e
sovrabbondante, dove i principi dell’equilibrio d’insieme e della perspicuità cedono all’urgenza
semantica del dettaglio e del particolare.

1.1.2.1.Estensione e distribuzione interna dei materiali

L’analisi dell’enumerazione prende le mosse dalla duplice biforcazione strutturale che


abbiamo già menzionato: serie brevi vs serie lunghe; elencazione allo stato puro vs elencazione
a scaglioni. Cominciamo quindi da quest’ultima, nella quale il materiale è ripartito in paragrafi
all’interno della stessa unità sintattica. Riporto tre esempi di tricola replicati, il cui legame con
il comportamento della dittologia mi pare evidente:

Cena 465 Or attendete quanto la sua filosofia sii forte a [conservarsi, defendersi, scuoprir
la vanità, e far aperte {le fallacie de sofisti e cecità del volgo e volgar filosofia}].
Spaccio 216 Tardi (dico) gravi e pesati denno essere gli proponimenti; maturo, secreto e
cauto deve essere il conseglio: ma l’essecuzione bisogna che sia alata, veloce e presta;
Cabala 423 Per l’autorità di questa, per la bocca, voce e paroli di questa, è domata, vinta
e calpestrata la gonfia, superba e temeraria scienza secolare;

Nonostante le serie brevi siano pervasive tanto quanto le dittologie, sono le serie lunghe e
ancor più le filatesse a imporsi all’attenzione in virtù della loro capacità di arrestare il
movimento del pensiero su una somma di particolari. Se ciò corrisponde senz’altro a un
allentamento delle maglie logico-sintattiche e dunque a un indebolimento dell’argomentazione,
non si tratta però di stasi o perdita del senso, quanto piuttosto di un consapevole passaggio alla
verticalità dell’arricchimento connotativo e simbolico:

Cena 431-2 Or eccovi, signor, presente,


[1] 1 non un convito nettareo de l’Altitonante, per una maestà; 2 non un protoplastico, per
una umana desolazione; 3 non quel d’Assuero, per un misterio; 4 non di Lucullo, per una
ricchezza; 5 non di Licaone, per un sacrilegio; 6 non di Tieste, per una tragedia; 7 non di
Tantalo, per un supplicio; 8 non di Platone, per una filosofia; 9 non di Diogene, per una
miseria; 10 non de le sanguisughe, per una bagattella; 11 non d’un arciprete di Pogliano,
per una bernesca; 12 non d’un Bonifacio Candelaio, per una comedia.
Ma un convito

15
Esemplare per tale accezione di pedanteria il lungo passaggio dei Furori (525-9) nel quale il princeps Tansillo,
scagliandosi contro il canone dell’imitazione, identifica nei fautori della precettistica letteraria «certi pedantacci
de tempi nostri». Per un’analisi approfondita del passo si può leggere Bàrberi Squarotti 1958b, 76-80, e 1960.

42
[2] 1a sì grande, sì picciolo; 2a sì maestrale, sì disciplinale; 3a sì sacrilego, sì religioso;
4a sì allegro, sì colerico; 5a sì aspro, sì giocondo; 6a sì magro fiorentino, sì grasso
bolognese; 7a sì cinico, sì sardanapalesco; 8a sì bagattelliero, sì serioso; 9a sì grave, sì
mattacinesco; 10a sì tragico, sì comico: che certo credo che non vi sarà poco occasione da
dovenir
[3] 1b eroico, dismesso; 2b maestro, discepolo; 3b credente, mescredente; 4b gaio, triste;
5b saturnino, gioviale; 6b leggiero, ponderoso; 7b canino, liberale; 8b simico, consulare;
9b sofista con Aristotele, filosofo con Pitagora; 10b ridente con Democrito, piangente con
Eraclito.

L’esempio riportato coincide con l’incipit della Proemiale epistola della Cena e mostra
un’enumerazione in tre scaglioni di trentadue addendi totali (12 + 10 + 10) contenuta entro una
sintassi di necessità minimale, ma irrobustita da una correctio avversativa, entrambi i membri
della quale risultano espansi dall’elenco al fine di evidenziarne l’opposizione logica. Alla
semplicità sintattica dell’insieme corrisponde la semplicità di composizione dei singoli addendi,
che non superano una certa lunghezza né una certa complessità, così da non compromettere il
necessario equilibrio tra asse orizzontale e asse verticale della ripetizione16. Il rapporto tra le
serie seconda [2] e terza [3] è più stretto e configura una possibilità marcata del tipo “a
scaglioni”: i dieci addendi constano in entrambi i casi, seppur con minime variazioni, di una
dittologia asindetica di valore antitetico e le due serie risultano legate da una corrispondenza
biunivoca quasi perfetta (3b e 10b presentano inversione dei due sintagmi aggettivali) nei modi
della correlazione semantica, oltre che attraversate da connessioni foniche che si aggiungono a
quelle semantiche. Su quest’ultimo piano, il primo scaglione [1] appare nettamente diviso tra
un primo blocco (1-8) di referenti mitici e filosofici illustri e un secondo (10-12) di oggetti
invece concreti e umili, ma al tempo stesso allusivamente ricchi17; il nono addendo fa da punto
di raccordo: «non di Diogene, per una miseria». Il contrasto fra i due blocchi è reso più violento
dall’allineamento di oggetti incommensurabili di cui è responsabile l’enumerazione18. Tale

16
«E vi sono due assi cartesiani, per così dire, della ripetizione sintattica: quello orizzontale (del denominatore),
dello sviluppo sintagmatico del singolo membro, e quello verticale (del numeratore), dell’accumulazione o
seriazione dei membri. L’aumento del denominatore determina l’accrescimento del volume sintattico del singolo
membro, quello del numeratore l’accrescimento del volume complessivo dell’intera frase. L’eccesso dell’uno deve
implicare la riduzione dell’altro, a prezzo della comprensibilità: la figura vive nell’equilibrio delle due parti»
(Bozzola 1996, 45).
17
Le due allusioni hanno una valenza rispettivamente poetologica e critica: il riferimento a Berni evoca la
tradizione burlesca, mentre quello al personaggio del Candelaio Bonifacio, e cioè al precedente letterario volgare
dei dialoghi italiani, è messo lì da un lato per menzionare il proprio testo, dall’altro per alludere, fin da subito, alla
punizione cui saranno i soggetti i due dottori oxoniensi avversari del Nolano alla cena.
18
L’episodio di poco successivo della «scala del binario» (Cena 442-4) mostra bene, per contrasto, la maggiore
efficacia dell’esempio appena visto rispetto a un passo in cui i due livelli di realtà non si compromettono ma
restano separati, distinti nei due elenchi e nelle due voci, quella illustre del princeps sermonis Teofilo e quella
corporea e abbassante del comprimario Frulla.

43
frizione induce nel lettore il riso, aggiungendo una sfumatura comica alla metonimia del
banchetto con cui l’autore presenta il proprio dialogo come testo duplice e ambivalente,
suscettibile di scatenare effetti diversi e contrari a seconda del destinatario nel quale incapperà.

1.1.2.2.Legami tra gli addendi e organizzazione interna

Come nel campione appena visto, l’identità di classe lessicale è la norma tra i membri di un
elenco. Altri piani possono essere coinvolti per rafforzare la somiglianza, come nel caso
seguente mostra l’identità desinenziale degli aggettivi denominali: De la causa 619, «la quale
era quasi tanto cotennuta, pettoruta, ventruta, fiancuta e naticuta». L’eccezione è costituita dal
mutamento di classe che introduce uno scarto brusco all’interno della seria, di solito nella zona
finale: De la causa 622, «perché publicamente se dirà che siete impaziente, fantastico, bizarro,
capo sventato» (all’aggettivo subentra il nome con valore appositivo)19.
Il piano delle relazioni semantiche mostra un’articolazione ternaria simile a quella già vista
per la dittologia. Ovviamente è ben presente la sinonimia forte, denotativa (De la causa 595,
«Ecco vi vedo qual saldo, fermo e constante scoglio»), anche se va detto che il condizionamento
dell’estensione ne limita di fatto il dominio alle serie più brevi. La variazione connotativa può
realizzarsi in forme particolari tra cui la compresenza di latino e volgare, dove la comparsa del
latino non è priva di implicazioni ironiche: De la causa 604, «Là onde non è un prope nihil, un
quasi nulla, una potenza nuda e pura». Al grado medio corrispondono l’intensificazione
propria della climax (Cabala 420, «s’intende l’uomo giusto, l’uomo santo, l’uomo de Dio»;
Spaccio 378, «le fameglie, le republiche, le civili conversazioni, et il mondo») così come la
progressione temporale che caratterizza i processi fisici e sociali: Cena 555, «la virtù del foco
perséguita, accende, altera e trasmuta l’aria vaporoso»; Spaccio 300, «et approvare,
confirmare, conservar e defendere tutto il che è bene instituito, ordinato, messo et esecutato».
Il grado debole prevede invece l’enumerazione che alterna senso proprio e senso figurato (De
la causa 608, «quindi deriva la intessitura, disposizione et ordine de le scienze speculative»;
608, «Prendete dumque con grato animo questo principio, questo uno, questa fonte, questo
capo») accanto alla già vista identità assiologica, frequentissima data la sostanza epidittica di
molte pagine dei dialoghi: De la causa 594, «Altro non mancava che un discortese, pazzo e
malizioso sdegno femminile», Spaccio 178, «e balestrar contra l’onesto, utile, naturale».

19
La rottura può essere più violenta, come mostrano i casi di De la causa 732-3 e Cabala 483-4.

44
La somiglianza semantica cede all’antitesi e alla trasformazione solo nelle serie più lunghe,
a patto però di sostituire la segmentazione naturale in singoli addendi con quella in
raggruppamenti interni, magari aiutandosi con le indicazioni fornite dalla punteggiatura; ecco
allora emergere vere e proprie curve semantiche, foriere di effetti decisivi, talora persino
inaspettati sul piano della significazione:

Furori 490 suspiri da far exinanire e compatir gli dei,


[1] 1 per quegli occhi, 2 per quelle guance, 3 per quel busto, 4 per quel bianco, 5 per quel
vermiglio, 6 per quella lingua, 7 per quel dente, 8 per quel labro, 9 quel crine, 10 quella
veste, 11 quel manto, 12 quel guanto, 13 quella scarpetta, 14 quella pianella, 15 quella
parsimonia, 16 quel risetto, 17 quel sdegnosetto, 18 quella vedova fenestra, 19
quell’eclissato sole, 20 quel martello;
[2] 21 quel schifo, 22 quel puzzo, 23 quel sepolcro, 24 quel cesso, 25 quel mestruo, 26
quella carogna, 27 quella febre quartana, 28 quella estrema ingiuria e torto di natura:

Questa filatessa, di ben ventotto membri, è estratto da un contesto la cui forte tendenza
accumulativa è da imputare a un netto primato della deprecazione20. Questa concerne tanto
l’amore carnale (ma si noti la sensualità di alcune designazioni), che distoglie gli uomini dal
vero amore, quello divino e metafisico, quanto la lirica illustre di ascendenza petrarchesca che
tale basso amore sublima e santifica. L’elenco si presta a diverse suddivisioni a seconda del
criterio privilegiato e mostra un profilo instabile e frastagliato, irriducibile alle scansioni
maggiori. L’assiologia dei referenti evidenzia una successione binaria di positivo [1] e negativo
[2], la cui segnalazione è affidata al punto e virgola (20-21, «quel martello; quel schifo»), al
quale spetta di indicare il passaggio al biasimo esplicito e alla connessa violenza verbale21. La
sezione positiva [1], inoltre, ricalca con esattezza la topica della descriptio mulieris, di cui si
rispetta l’ordine convenzionale: corpo (1-9), vesti e accessori (10-14), atti (15-17), figure
dell’assenza di Madonna (18-20). L’ordine che risulta da tali partizioni convive con il disordine
manifestato da un’altra serie di rapporti: slittamenti dal proprio al figurato (3-4, «per quel busto,

20
Si tratta dell’Argomento del Nolano sopra gli eroici furori che apre l’opera medesima; l’elenco riportato è tratto
dalla prima sezione dell’Argomento (Furori 487-98), la quale risulta emblematicamente chiusa da una feroce
critica a Petrarca stesso, «quel tosco poeta che si mostrò tanto spasimante alle rive di Sorga per una di Valclusa»
(p. 498). Aggiungo soltanto che già la struttura stessa dell’Argomento è indicativa di quale sia la componente
pragmatica maggiormente in gioco: la pars construens occupa infatti soltanto il capoverso finale (Furori 498-500).
21
La punteggiatura dei dialoghi italiani londinesi si discosta in modo netto dagli usi dell’epoca, lasciando trasparire
l’usus punctuandi dell’autore nel suo pieno valore stilistico e svolgendo una funzione anzitutto di marcatura degli
schemi ritmici della lingua bruniana (e anche dell’interpunzione del Candelaio si è affermato il «valore precipuo
[…] come segno del tono del discorso e dell’inflessione declamatoria» – Pieri 1992, 258-9). La cura manifestata
dalle stampe in questo ambito come nell’ortografia costituisce inoltre, se messa a confronto con l’inesperienza
dello stampatore John Charlewood, il primo indizio del loro valore autografo. Per un quadro d’insieme si rimanda
ad Aquilecchia 1993b, 248-56.

45
per quel bianco»), scansioni di tipo fonico (11-12, «quel mANTO, quel guANTO; 13-14, quella
scArpEttA, quella piAnEllA», e si noti l’attenta perequazione dei volumi sillabici), uso ironico
dell’alterazione: 16-17, «quel risetto, quel sdegnosetto». Quest’ultimo interessa un probabile
sintagma scomposto (il modificatore aggettivale è reso autonomo e promosso a sostantivo) e
mostra come la successione positivo-negativo sia preparata sapientemente da una progressione
peggiorativa che sfrutta, oltre all’ironia (16-17), la somiglianza fonica come veicolo di
differenza semantica (13-14). L’elenco non è quindi passivamente sovrapposto a
un’argomentazione alla quale rimane indifferente, ma al contrario integrato in modo dinamico
nella linea discorsiva, alla quale collabora prestando le risorse offerte dalle proprie strutture.
L’intento satirico che è parte integrante di molte enumerazioni può realizzarsi anche in modo
meno esplicito, ricorrendo a sottili accorgimenti formali. Lo dimostra l’elenco di otto addendi
con il quale, per bocca di Giove, si sancisce il compimento di una parte della riforma celeste
alla fine della Seconda parte del dialogo terzo dello Spaccio:

Spaccio 379 Or vedete purgato il spacio del signifero, dove son prese 1a
trecentoquarantasei stelle 1b notabili: 2a cinque 2b massime, 3a nove 3b grandi, 4a
sessantaquattro 4b mediocri, 5a centotrentatre 5b picciole, 6a centocinque 6b minori, 7a
vintisette 7b minime, 8a tre 8b nebbiose.

Del carattere artificioso che lo contraddistingue è responsabile per via dell’intrecciarsi di


due movimenti: quello a fisarmonica dei numerali (a) e quello discendente relativo alle
dimensioni degli astri (b). Proprio da tale intessitura emerge la possibilità di una divertita
stoccata all’indirizzo dell’articolazione fin troppo meticolosa del cielo delle stelle fisse.
Oltre alle possibilità di curvatura e differenziazione interna, un ulteriore vettore di dinamicità
è costituito dal distacco dell’addendo finale dell’elencazione. Esso si realizza in forme diverse,
non limitate agli universali retorici dell’allungamento e della collocazione analettica del termine
sovraordinato, pure presenti22, secondo una pluralità di soluzioni che forse è da interpretare
come antidoto, in funzione di variatio, alla pervasività dell’enumerazione. L’impiego, comune,
della dittologia e della terna (De l’infinito 67, «non gli attribuisce gravità, né levità, né moto,
né regione superiore, né inferiore, né mezzana»; Spaccio 394, «quel suo divino, quel buon

22
L’espansione è talvolta tanto poco proporzionata a quanto precede da dare l’impressione di un collasso formale
dovuto allo sbilanciamento dei pesi: De la causa 624, «quanto un frappone, un disutile, pedantaccio, circulatore,
saltainbanco, ciarlatano, buono per servir per passatempo in casa e per spavantacchio d’ucelli a la campagna».

46
servitore, quel sollecito ambasciadore e diligente novelliero e posta») convive con esiti di puro
virtuosismo quali i seguenti:

Spaccio 202 et in vano s’aspettarà il giorno natale della dea di Cipro, la depressione del
zoppo Saturno, l’essaltazion di Giove, la moltiplicazion di figli, e figli de figli, nipoti e
nipoti de nipoti,
Spaccio 284-5 adesso scorgo che son tante bestie insieme insieme: perché la veggio canina,
porcina, arietina, scimica, orsina, aquilina, corvina, falconina, leonina, asinina, e quante
nine e nine bestie giamai furo.
Cabala 414 Lascio che tal volta si mostra eccellente artificio in far
una sola mano, un piede, una gamba, un occhio, una svèlta orecchia, un mezo volto
[1] che si spicca {da dietro un arbore, o dal cantoncello d’una fenestra}, o sta come
sculpito al ventre d’una tazza,
[2] la qual abbia per base un piè d’oca, o d’aquila, o di qualch’altro animale:

Nel primo campione (Spaccio 202) il correlativo formale della «moltiplicazion» delle
generazioni è ottenuto espandendo i due lessemi «figli» e «nipoti» per coordinazione e
subordinazione dell’identico. Nel secondo invece (Spaccio 284-5), l’aspetto proteiforme
dell’Avarizia è significato attraverso la promozione a sostanza del suffisso aggettivale che
accomuna i lessemi della serie («nine e nine»). Più complesso è il terzo (Cabala 414), dove il
sesto addendo risulta espanso a cascata in due serie di passo rispettivamente dicolico [1] e
tricolico [2] disposte sui due livelli della subordinazione relativa, la prima delle quali presenta
un primo addendo a sua svolta sdoppiato (tra graffe). La struttura è funzionale all’evocazione
in rapida sequenza di diversi elementi, secondo una vertigine del dettaglio e una libertà
compositiva non vincolate ad alcun criterio di verosimiglianza e organicità dell’insieme, le
quali valgono come un’implicita, ma chiarissima, dichiarazione d’estetica.
Affinché sia provvista di valore figurale, l’elencazione ha da essere aperta23; in tal caso,
l’iperonimo o comunque l’indicazione della classe referenziale di riferimento occupa, quando
presente, la posizione finale: Cena 460, «de gli Caldei, Egizzii, Maghi, Orfici, Pitagorici et altri
di prima memoria»; De la causa 629, «gli belli ordini di studii, la gravità di ceremonie, la
disposizione de gli esercizii, decoro de gli abiti, et altre molte circonstanze che fanno alla
necessità et ornamento di una academia». A volte, poi, l’estensione idealmente infinita
dell’elenco trova una conferma nella presenza, in coincidenza con l’ultimo addendo, di
un’apertura generalizzante capace di alludere alla totalità della natura infinita e tutta egualmente

23
Risulta chiusa quando «riempie uno spazio concettuale delimitato» e «soddisfa una condizione, che è poi quella
dell’iperonimo che la sottende» (Bozzola 1999, 96); il termine generale tende a collocarsi all’inizio: Spaccio 260,
«con gli suoi otto ministri che sono taglione, carcere, percosse, esilio, ignominia, servitù, povertade e morte».

47
vivificata dall’anima del mondo: Cabala 452, «con quella de le mosche, ostreche marine e
piante, e di qualsivoglia cosa che si trove animata o abbia anima».
Siamo insomma agli antipodi dall’attento bilanciamento ricercato nei dialoghi di Tasso
tramite l’alternanza di asindeto e polisindeto, così come manca del tutto la valorizzazione di
quest’ultimo in quanto «lenimento della serialità monocorde» (Bozzola 1999, 71). Il
temperamento stilistico di Bruno, va da sé, è opposto a quello tassiano, dal quale lo separa
un’assoluta mancanza di preoccupazioni stilistiche inerenti il decorum, l’equilibrio e l’eleganza
della propria prosa, abbandonati a tutto vantaggio del vigore e dell’efficacia patetica; da qui
una relativa assenza di variatio e l’indifferenza per un’impaginazione secca e monotona degli
elementi lessicali e sintagmatici. Con questi ultimi, inoltre, entrano nel testo i rispettivi
referenti, anch’essi accatastati in modo disordinato e quasi accolti nella loro immediatezza,
mantenuti allo stato grezzo, con il che la configurazione della pagina bruniana finisce per
alludere alla molteplicità caotica della natura infinita. Volendo cercare una formula più
perentoria, si può dire che all’idea-forza dell’omogeneità si affianca e risponde, nel campo della
scrittura, il principio retorico dell’accumulazione, vale a dire dell’allineamento dell’eterogeneo
e del discorde24.

1.1.2.3.Funzioni ed effetti di senso

Il tema dell’immagine riveste un’importanza capitale nel pensiero di Bruno 25: solo la
produzione infinita di immagini a opera dell’immaginazione consente all’uomo di colmare il
gap che separa la finitezza della propria mente da Dio «in quanto è oggetto di filosofia»
(Abbagnano 1993, 140), vale a dire «la natura stessa, nel suo principio immanente» (ibid., 141).
La centralità del “pensare per immagini” risale d’altronde alla formazione del filosofo, e per
essere più precisi al suo incontro con la mnemotecnica, conosciuta grazie al manuale di Pietro
da Ravenna, Phoenix sive artificiosa memoria (Venezia, 1491). L’ars memoriae del Ravennate

24
La parificazione cui sono sottoposti i referenti può essere sottolineata dal nodo anaforico, ben attestato tanto
nelle serie più ridotte quanto nelle filatesse, dove è uno tra i fattori capaci di isolare sottogruppi interni o,
all’opposto, di garantire l’unità dell’insieme bilanciando i mutamenti di forma e significato. Così a Cena 438, «Se
vi occoreno tanti e diversi propositi attaccati insieme, che non par che qua sia una scienza, ma dove sa di dialogo,
dove di comedia, dove di tragedia, dove di poesia, dove d’oratoria, [5] dove lauda, dove vitupera, dove dimostra
et insegna, [3] dove ha or del fisico, or del matematico, or del morale, or del logico [4]; in conclusione non è sorte
di scienza che non v’abbia di suoi stracci».
25
Michele Ciliberto (almeno 2009) ha fatto di tale tema una chiave d’interpretazione complessiva del pensiero
bruniano.

48
appartiene al filone ciceroniano della disciplina, con il quale condivide la metafora che fa della
tecnica memoriale un sistema di scrittura, costituito di posizioni (i luoghi) e lettere (le
immagini). L’elemento innovativo che essa porta in dote al giovane Bruno è l’insistenza sulla
potenza delle immagini, che per durare devono sapere impressionare, essere vivide; da cui ad
esempio la scelta, del tutto indifferente alla morale cristiana, di “fanciulle formosissime”26. Una
simile centralità dell’immagine si connette senza sforzo alla «retorica dell’evidentia» (Ellero
2005, 23) che guida non il filosofo, ma lo scrittore Bruno, così come a una, se non alla
principale, delle funzioni assunte dalla letteratura nella sua opera volgare. Il Candelaio e i
dialoghi italiani sono infatti accumunati dal ricorso alla letteratura anticlassicistica, comica e
aggressiva in quanto strumento di rappresentazione icastica del negativo:

La letteratura offre la possibilità di presentare l’altra faccia del mondo, quella che non può essere
raffigurata che parodicamente, perché appartiene alla confusione delle credenze, agli errori del
pensiero, alle vane immaginazioni, ai sogni malati dei «pedanti», agli inganni della religione,
soprattutto di quella cristiana, romana e riformata sullo stesso piano di negatività nella prospettiva
di Bruno. (Bàrberi Squarotti 1997, 32)

La funzione satirica dell’enumerazione (e più in generale della tecnica accumulativa) può


essere collocata, in quanto funzione dominante, nella medesima orbita: essa costituisce un
mezzo straordinariamente rapido per ingrandire il bersaglio polemico, popolando il testo «di
grandiose figure, deformi e grottesche, della negatività del mondo» (ibid., 26).
Tale funzione è rilevante al punto da superare le normali gerarchie tra i personaggi e
l’esigenza di una loro caratterizzazione individuale. Lo dimostra questo passaggio nel quale la
misoginia del pedante, un interlocutore il cui contributo all’argomentazione è di norma limitato
a battute brevi e di scarso incremento informativo, prende corpo in una filatessa le cui
dimensioni tenderebbero piuttosto ad assegnarla alla voce autoriale e ai suoi portaparola:

De la causa 703-4 dove volendo elucidare che cosa fosse la prima materia, prende per specchio il
sesso feminile; sesso, dico, ritroso, fragile, inconstante, molle, pusillo, infame, ignobile, vile,
abietto, negletto, indegno, reprobo, sinistro, vituperoso, frigido, deforme, vacuo, vano, indiscreto,
insano, perfido, neghittoso, putido, sozzo, ingrato, trunco, mutilo, imperfetto, incoato, insufficiente,
preciso, amputato, attenuato, rugine, eruca, zizania, peste, morbo, morte:

La tirata enumera ben trentanove addendi e presenta un unico sussulto verso la fine in
corrispondenza con lo slittamento sostantivale, senza soluzione di continuità, tra «attenuato» e

26
Levergeois 2013, 34-6.

49
«rugine». Proprio l’enormità dell’elenco, d’altronde, consente all’interlocutore Gervasio, il
comprimario detentore del codice comico e realistico-corporeo, di inferirne il carattere gratuito,
di puro esercizio di stile: De la causa 704, «Io so che voi dite questo più per esercitarvi nell’arte
oratoria, e dimostrar quanto siate copioso et eloquente, che abbiate tal sentimento che dimostrati
per le paroli». Così, a una polemica pretestuosa e superficiale, caratterizzata dal tipico – in
Bruno – scollamento tra «sentimenti» e «parole», risponde quella ben più profonda rivolta alla
degenerazione della retorica umanistica in pura elocutio27, un fenomeno cinquecentesco che
Bruno intercetta e riconosce con acutezza.
L’uso polemico dell’enumerazione assume poi spesso una coloritura schiettamente comica,
che si precisa in ironia nel campione seguente, dove un attacco congiunto contro la metafisica
aristotelica e il concetto di forma individuante elaborato dalla tarda scolastica inglese si risolve
in elencazione; ed è proprio l’accumulo, di conserva con l’omoteleuto conseguente all’identità
morfologica, a produrre il progressivo svuotamento semantico degli astratti:

De la causa 684 Là onde alcuni cucullati suttili metafisici tra quelli, volendo più tosto iscusare che
accusare la insufficienza del suo nume Aristotele, hanno trovata la umanità, la bovinità, la olività,
per forme sustanziali specifiche: questa umanità, come socreità, questa bovinità, questa
cavallinità, essere la sustanza numerale;

Effetti ancora diversi, ma accomunati ai due esempi già visti dalla presenza di un movimento
di contrasto, si ottengono negli unici due casi in cui l’elencazione supera il confine della singola
battuta per farsi figura dialogica:

De l’infinito 112 BURCHIO. — Volete far vane tante fatiche, studii, sudori di fisici auditi, de cieli e
mondi, ove s’han lambiccato il cervello [1] tanti gran commentatori, parafrasti, glosatori,
compendiarii, summisti, scoliatori, traslatatori, questionarii, teoremisti? ove han poste le sue base
e gittati i suoi fondamenti i dottori [2] profondi, suttili, aurati, magni, inexpugnabili, irrefragabili,
angelici, serafici, cherubici e divini?
FRACASTORIO. — Adde [3] gli frangipetri, sassifragi, gli cornupeti e calcipotenti. Adde [4] gli
profundivedi, palladii, olimpici, firmamentici, celesti empirici, altitonanti.

Il De l’infinito conta quattro dramatis personae: Filoteo, Elpino, Fracastorio, Burchio; ai


quali s’aggiunge nel dialogo quinto Albertino, aristotelico più accorto di Elpino e Burchio.
Filoteo è il portaparola dell’autore, Elpino il destinatario delle sue argomentazioni che nel corso
del dialogo rovescerà il proprio aristotelismo in adesione alle tesi bruniane (così anche

27
Quondam 1975, 39-40; Genette 1976, 17-40.

50
Albertino). La seconda coppia è invece composta da Fracastorio e Burchio: il primo, esemplato
sul medico veronese Girolamo Fracastoro (1478-1553), collabora positivamente
all’argomentazione sollecitando Teofilo; il secondo corrisponde invece al personaggio corporeo
e popolaresco, ostinato e ignorante, incaricato di attizzare il discorso28. Nel brano riportato, è
in gioco il problema dell’autorità: Burchio difende il sapere tradizionale dei commentatori e dei
teologi medievali dal discorso di verità privo di garanzie di Teofilo. La sua battuta articola un
parallelismo sintattico binario rafforzato dall’anafora dell’introduttore relativo, all’interno del
quale si dispongono simmetricamente due serie, rispettivamente di nove sostantivi [1] e dieci
aggettivi [2]. La prima enumera una serie di compilatores e commentatores, due delle quattro
categorie che compongono l’istituto medievale dell’autorità secondo san Bonaventura29.
Nessuno di essi è un auctor, un autore il cui nome ne fa il garante della verità delle asserzioni
esposte in un gruppo di opere, mentre il loro discorso ha per termine di confronto ineludibile la
parola di quello, che si limita a glossare e interpretare. La seconda serie elenca invece una serie
di “dottori”, ovvero di teologi, che assegneremo al livello più alto degli auctores. Quasi nessuno
degli aggettivi chiamati a designarli è però causale, dato che corrisponde all’epiteto di un noto
teologo medievale; e non è un caso, direi, che tra di essi compaia proprio san Bonaventura, il
Doctor Seraphicus («serafici»)30. Tale catalogo allusivo della teologia scolastica medievale cela
un’intenzione ironica che però, se non vado errato, non è del personaggio, ma dell’autore, che
lascia risuonare la propria voce irridente nella battuta del timorato Burchio, generando un
conflitto sotterraneo che possiamo interpretare tramite il concetto di costruzione ibrida, una
delle forme in cui si realizza la parola bivoca bacthiniana31. Fracastorio, nella sua risposta,

28
Burchio, in quanto quarto elemento del quartetto, corrisponde al Frulla della Cena e al Gervasio del De la causa.
A differenza che in questi due testi, però, esso perde la propria funzione di «catalizzatore» (Aquilecchia 1993b,
684), vale a dire provocatore, del pedante. Il De l’infinito, coerentemente all’illimpidimento dell’argomentazione
filosofica che lo caratterizza, non ospita infatti il personaggio caricaturale del magister. La figura del quarto
personaggio va dunque incontro a una parziale ridefinzioni, perdendo in parte la positività che gli era attribuita
anche in forza del confronto tra la sua concretezza e le vacue astrazioni del pedante.
29
Barthes 1972, 31, mentre a proposito di Bruno ne discute Ophir 1994, XXX-XXXII. Bonaventura propone una
suddivisione in quattro livelli nel proemio ai Commentaria in Sententias Magistri Petri Lombardi: scriptor,
compilator, commentator, auctor. Il commentator è colui che «Aliquis scribit et aliena et sua, sed aliena tamquam
principalia, et sua tamquam annexa ad evidentiam; et iste dicitur commentator non auctor».
30
Così «profondi» allude al Doctor Profundus, Tommaso Bradwardine; «suttili» al Doctor Subtilis, Duns Scoto;
«aurati» probabilmente al Doctor Os Aureum, Bulgaro; «magni», al Doctor Magnus, Alberto Magno;
«irrefragabili» al Doctor Irrefragabilis, Alessandro di Hales (1183 circa - 1245); «angelici» al Doctor Angelicus,
Tommaso d’Aquino (1225-1274); «serafici» a Buonaventura da Bagnoregio (1217/1221-1274). Gli unici termini
privi di un rinvio allusivo mi paiono essere «inespugnabili» e «divini», ma non è da escludere si tratti solo di una
mancanza d’informazione da parte di chi scrive.
31
Il concetto di «costruzione ibrida», delineato da Bachtin (1979b, 67-230), designa «una enunciazione che per i
suoi connotati grammaticali (sintattici) e compositivi appartiene a un solo parlante, ma nella quale, in realtà, si

51
riprende il filo ironico sotteso alla seconda elencazione di Burchio e lo inspessisce. Per farlo
ricorre alla propria inventività linguistica, capace di coniare una serie di aggettivi composti
esemplati sul modello del latino letterario arcaico («frangipetri», «sassifraghi», «cornupeti»,
«calcipotenti», «profundivedi», «altitonanti»). Tale cascata di forme latinizzanti, unitamente
all’anafora del convenzione imperativo di seconda persona, «Adde», è sufficiente a qualificare
la sua parola come pedantesca, di modo che l’ironia raddoppia il carico, aggiungendo alla
teologia scolastica l’umanesimo ridotto a pedanteria grammaticale. La lingua realizza anche qui
uno scontro di prospettive, sovrapponendo l’istanza autoriale impersonata da Fracastorio a un
anonimo personaggio pedantesco. Al di là di questo, la replica di Fracastorio si configura come
un doppio rovesciato della seconda enumerazione di Burchio [2]. La somiglianza è garantita
dall’identità di numero degli addendi (10 > 4 + 6), mentre l’identità lessicale o morfologica di
alcuni elementi lega ancor più strettamente le due figure: «profondi» > «profundivedi»;
«angelici, serafici, cherubici» > «olimpici, firmamentici, celesti empirici» (in questo secondo
caso v’è anche identità di posizione). È proprio sulla somiglianza che s’innesta il rovesciamento
indotto dall’elenco caricaturale di Fracastorio, il quale dichiara nulla l’autorità dei dottori
ricorrendo a un tipico procedimento comico bruniano: l’amplificazione eccessiva con
capovolgimento finale, qui ottenuta attraverso il ricorso ironico all’aggettivazione
magniloquente.
Il caso appena visto testimonia di come la ripresa della struttura enumerativa possa essere
funzionale a un movimento di contrasto, ottenuto tramite il suo riempimento con materiale
nuovo; la continuità formale viene sfruttata per convogliare la discontinuità semantica.
L’esempio seguente mostra come una finalità comunicativa diversa, di costruzione comune del
senso attraverso il dialogo, si affidi a una diversa strategia, fondata sulla ripresa del già
enunciato e sulla sua rifusione in una figura retorico-sintattica nuova:

De la causa 620 FILOTEO. Ivi (come è l’ordinario et il dovero) soglion trovarsi cose
[1] (a) 1a da insalata da pasto, 2a da frutti da ordinario, 3a da cocina da speciaria, 4a da sani da
amalati; (b) 5b di freddo di caldo, 6b di crudo di cotto, 7b di acquatico di terrestre, 8b di domestico
di salvatico, 9b di rosto di lesso, 10b di maturo di acerbo; e cose (c) 11c da nutrimento solo e da
gusto, 12c sustanzioze e leggieri, 13c salse et insipide, 14c agreste e dolci, 15c amare e suavi.
Cossì quivi, per certa conseguenza, vi sono apparse le sue contrarietadi e diversitadi, accomodate
a contrarii e diversi stomachi e gusti, a’ quali può piacere di farsi presenti al nostro tipico simposio:
a fine che non sia chi si lamente di esservi gionto in vano, et a chi non piace di questo, prenda di
quell’altro.

confondono due enunciazioni, due maniere di discorso, due stili, due “lingue”, due orizzonti semantici e
assiologici» (ibid., 112-113).

52
ARMESSO. — È vero: ma che dirai, se oltre nel vostro convito, ne la vostra cena appariranno cose,
che non son buone
[2] 1 né per insalata né per pasto, 2 né per frutti né per ordinario, 3 né fredde né calde, 4 né crude
né cotte, 5 né vagliano per appetito né per fame, 6 non son buone per sani né per ammalati; 7 e
conviene che non escano da mani di cuoco né di speciale?

Il dialogo primo del De la causa è aggiunto in un secondo momento allo svolgimento


teoretico compiuto dei dialoghi dal secondo al quinto, dei quali viene a costituire la cornice. In
esso il portaparola, che è non più Teofilo ma Filoteo, si fa carico di un’apologia della Cena
discutendo con il gentiluomo inglese Armesso. Quest’ultimo dal canto suo lo incalza, sebbene
con modi pacati e cortesi, affinché giustifichi la pubblicazione della Cena e il suo assetto ibrido
e all’apparenza disorganico32. Per farlo, il princeps ricorre a un’analogia (De la causa 620,
«Qual dumque può essere la cena materiale e corporale, tale conseguentemente succede la
verbale e spirituale»), la cui articolazione corrisponde al brano riportato. La battuta di Teofilo
riprende la scansione correlativa con la quale egli stesso aveva presentato l’analogia del
banchetto (qual/tale > ivi/cossì quivi), inserendo nel primo lembo [1] un’enumerazione a tre
scaglioni, il primo di quattro (a), il secondo di sei (b), il terzo di cinque addendi (c). A garantire
la continuità tra i due lembi provvede l’anafora del sostantivo reggente «cose», mentre i singoli
addendi sono costituiti da sintagmi preposizionali e aggettivali a struttura interna binaria e
antitetica33. La discontinuità fra gli scaglioni di [1] è segnalata nel primo caso (a-b) dal solo
punto e virgola, nel secondo (b-c) dal ritorno anaforico del sostantivo reggente «cose». Gli
addendi dei tre scaglioni mantengono la stessa struttura interna a base binaria e antitetica («di
crudo di cotto»), mentre le differenza riguardano unicamente la forma sintattica: nel primo e
nel secondo caso abbiamo sintagmi preposizionali retti rispettivamente da da e di e le due
parti sono giustapposte («da insalata da pasto»; «di freddo di caldo»); nel terzo si tratta, con
l’eccezione del primo addendo, di dittologie aggettivali di tipo copulativo («sustanziose e
leggere»). La risposta di Armesso rifonde in una sola enumerazione a sei addendi [2] alcuni
elementi della precedente (1a > 1; 2a > 2; 5b > 3; 6b > 4; 11c > 5; 3a > 7) con variazioni nella
forma e nella disposizione: 11c, «da nutrimento solo e da gusto» > 5, «né vagliano per appetito
né per fame»; 3a, «da cocina da speciaria» > 7, «che non escano da mani di cuoco né di
speciale». La ripresa di Armesso, dunque, oltre a evidenziare la sua messa in questione
dell’argomento portato da Filoteo, mostra di inserirsi con fluidità e naturalezza all’interno di

32
Il problema della forma difficilmente riducibile a unità della Cena è avvertito da Bruno fin da subito, che infatti
dedica una parte importante della Proemiale epistola dello stesso dialogo alla sua giustificazione.
33
Così come a Cena 431-2 (cfr. supra 1.1.2.1).

53
una conversazione dominata da una forte volontà cooperativa, di chiarimento e conciliazione
tra le parti. Non a caso, il contesto del brano riportato consiste nella concatenazione di battute
per lo più brevi e fortemente legate da procedimenti di ripresa quale quello appena visto,
andando a costituire una tra le sezioni più schiettamente dialogiche dell’intero corpus34.
L’esempio appena riportato è notevole in quanto lontano dalla media: l’enumerazione e le
altre figure della serialità sono infatti di norma indifferenti al moto alterno del dialogato e anzi
lo ostacolano, contribuendo alla superfetazione delle singole battute, su tutte quelle del
princeps, e al rallentamento della rotazione tra gli interlocutori. Il fatto che qui non sia così
comprova il valore in fin dei conti sempre contingente della figuralità nei dialoghi, per cui le
necessità espressive puntuali fanno aggio sulla coerenza del sistema. In secondo luogo, ciò
mostra come l’enumerazione, oltre ad allentare le maglie della sintassi, sia suscettibile di essere
integrata attivamente nella linea del discorso, al cui sviluppo è spesso finalizzata. L’estratto
seguente conferma la presenza di questa possibilità, nient’affatto minoritaria:

De l’infinito 102 [A] In questi dumque astri o mondi (come le vogliam dire) non altrimente
si intendeno ordinate queste parti dissimilari secondo varie e diverse complessioni di [1]
pietre, stagni, fiumi, fonti, mari, arene, metalli, caverne, monti, piani et altre simili specie
di corpi composti, de siti e figure,
[B] che ne gli animali son le parti dette eterogenee secondo diverse e varie complessioni
[2] di ossa, di intestini, di vene, di arterie, di carne, di nervi, di pulmone, di membri di una
e di un’altra figura;
[A] presentando [3] gli suoi monti, le sue valli, gli suoi recessi, le sue acqui, gli suoi spiriti,
gli suoi fuochi, con accidenti proporzionali a tutte meteoriche impressioni:
[B] quai sono [4] gli catarri, le erisipile, gli calculi, le vertigini, le febri et altre
innumerabili disposizioni et abiti,
[A] che rispondeno [5] alle nebbie, piogge, nevi, caumi, accensioni, alle saette, tuoni,
terremoti e venti, a fervide et algose tempeste.

Il passo sviluppa un argomento di analogia, fondato dunque sulla similarità tra due oggetti,
i mondi [A] e gli animali [B]: la strutturazione corporea in membri differenziati di questi ultimi
funziona da leva per provare l’animazione dei mondi stessi. Come nell’esempio precedente (De
la causa 620), il ragionamento per analogia comporta sul piano sintattico una struttura

34
A ulteriore riprova, è frequente il procedimento, in sé assai raro, dell’incatenatura tra battute che possiamo
chiamare gradatio dialogica: De la causa 659-60, «TEOFILO. — Or se l’anima per questo che è nel tutto, è anco
ne le parti, per che non volete che sia ne le parti de le parti? DICSONO. — Voglio, ma ne le parti de le parti de le
cose animate. TEOFILO. — Or quali son queste cose che non sono animate, o non son parte di cose animate?
DICSONO. — Vi par che ne abbiamo poche avanti gli occhi? Tutte le cose che non hanno vita. TEOFILO. — E quali
son le cose che non hanno vita, al meno principio vitale? DICSONO. — Per conchiuderla, volete voi che non sia
cosa che non abbia anima, e che non abbia principio vitale?».

54
correlativa (non altrimente/che), espansa fino al terzo livello di subordinazione tramite
l’aggiunta di una gerundiale e di due relative. Entro siffatto scheletro trovano posto cinque serie
enumerative così composte: [1] 11 addendi; [2] 8 addendi; [3] 6 addendi; [4] 6 addendi; [5] 10
addendi. Distintivo del passo è un uso attento e consapevole della variazione che discende forse,
visto il contesto schiettamente argomentativo, da preoccupazioni di leggibilità. Essa agisce a
diverse profondità: all’interno delle serie nell’oscillazione del numero degli addendi, nella
presenza/assenza dell’anafora delle preposizioni introduttive, come anche del membro finale
sovraordinato e generalizzante, le cui modalità di costruzione risultano essere un ulteriore
elemento di differenza. A livello sintattico, poi, c’è variatio tra i due segmenti, in sé
parallelistici, della correlazione, nella disposizione invertita del circostanziale e della particella
d’apertura e, più avanti, nel ricorso alla sinonimia e alla disposizione chiastica: «queste parti
dissimilari secondo varie e diverse complessioni» / «le parti dette eterogenee secondo diverse
e varie complessioni». Tale fluidità di superficie accompagna un movimento argomentativo
severo e diretto a scansione ABABA in cui il comparato, il mondo del quale si deve provare
l’animazione, apre e chiude la sequenza con circolarità perfetta. La presenza dell’elenco si
giustifica allora da un lato come corrispettivo linguistico della nozione di molteplicità implicata
dal discorso, dall’altro con il consueto accrescimento di presenza che l’icasticità della
scomposizione di qualsiasi oggetto in dettagli concreti porta con sé.
Chiude la rassegna sull’enumerazione un esemplare di uso ecfrastico dell’elenco, raro e
meritevole di attenzione per l’associazione con il tema pittorico35 nonché per la piena
integrazione della figura nel progetto discorsivo:

Cena 435 Et in ciò fa giusto com’un pittore; al qual non basta far il semplice ritratto de
l’istoria: ma anco, per empir il quadro, e conformarsi con l’arte a la natura, vi depinge [1]
de le pietre, di monti, de gli arbori, di fonti, di fiumi, di colline; e vi fa veder [2] qua un
regio palaggio, ivi una selva, là un straccio di cielo, in quel canto un mezo sol che nasce,
e da passo in passo un ucello, un porco, un cervio, un asino, un cavallo: mentre basta [3]
di questo far veder una testa, di quello un corno, de l’altro un quarto di dietro, di costui
l’orecchie, di colui l’intiera descrizzione; questo con un gesto et una mina, che non tiene
quello e quell’altro: di sorte che con maggior satisfazzione di chi remira e giudica, viene
ad istoriar (come dicono) la figura.

Tale spezzone fa parte dell’Argomento del secondo dialogo incluso nella Proemiale epistola
della Cena. Esso svolge la similitudine topica ma anche precipuamente bruniana tra scrittura e

35
Per un altro esempio di questa corrispodenza si torni indietro a Cabala 414, cfr. supra 1.1.2.2.

55
pittura36, servendosi dell’enumerazione per esprimere la costituzione ricca, varia e plurale del
dipinto di un artista che intenda imitare l’azione della natura. La similitudine, per il cui
scioglimento rinvio al capitolo terzo (cfr. infra 3.1.2), paragona l’operato del narratore a quello
del pittore e può essere letta come una dichiarazione di estetica e insieme come un invito a una
lettura figurale del dialogo secondo, nel quale non v’è elemento rappresentativo che possa
essere definito ininfluente ai fini del dispiegamento del senso. Non è da escludere inoltre che
l’analogia pittorica trascini con sé una sfumatura mnemotecnica, vale a dire l’allusione a una
possibile interpretazione in chiave memoriale dell’apparato figurativo messo in scena dal
racconto37. Riconosciamo un’enumerazione a tre scaglioni, i quali coincidono con gli argomenti
dei tre sintagmi verbali «vi depinge», «vi fa vedere», «far vedere»: [1] 6 addendi; [2] 5 addendi;
[3] 6 addendi. Anche stavolta è alto il tasso di variazione interna, visibile nel passaggio
dall’anafora di rinforzo [1] all’alternanza delle locuzioni [2] e dei sintagmi [3] preposizionali
nelle due serie successive. La gestione attenta e mai meccanica risulta poi, oltre che dal chiasmo
nell’addendo generalizzante del terzo elenco («questo con un gesto et una mina, che non tiene
quello e quell’altro»), dall’espansione a scatole cinesi della seconda serie, il cui ultimo addendo
ospita a sua volta un’enumerazione in cinque repliche: «e da passo in passo un ucello, un porco,
un cervio, un asino, un cavallo». Una lavorazione di tal fatta, distante dalla monotonia
asindetica che caratterizza normalmente la gestione bruniana dell’elenco, si spiega anche come
correlato formale della dispersione degli elementi e varietà nella loro resa che costituisce
l’oggetto del discorso.
La scrittura dialogica di Bruno non ha i tratti rigidi del sistema, ma consiste piuttosto in una
serie di linee di tendenza, sempre derogabili, sempre soggette all’imprevedibilità del discorso
in atto. L’enumerazione rientra in tale quadro, mostrando insieme un comportamento abituale
e una buona duttilità. Lo standard prevede la messa in disparte del polisindeto 38, come anche
della distributio, manifestando viceversa l’opzione per una versione piatta, asciutta e uniforme
dell’accumulo, indifferente a esigenze di varietà e mobilità del dettato. Tuttavia, la pervasività
stessa del fenomeno giustifica il ricorso alla variatio, la cui azione di bilanciamento della
ripetitività è tanto più incisiva quanto più l’elenco risulta integrato attivamente, dinamicamente,

36
Su cui Ordine 2003 e Puliafito (2007, 90-5), la quale ricorda come in Bruno alla coppia tradizionale si sostituisca
una triangolazione che include l’ars memoriae.
37
Per un’interpretazione in chiave mnemotecnica della Cena propende Coffaro (2009), dalla cui lettura cercherò
però di allontanarmi (cfr. infra 3.1.7 e 3.1.8).
38
Tratteremo in seguito i pochi casi rilevanti, considerando il polisindeto come una variante debole dell’anafora
(cfr. infra 1.3.2.1).

56
nello svolgimento dell’argomentazione. L’enumerazione, infatti, se normalmente alimenta la
tensione centrifuga del discorso bruniano, nondimeno può farsi veicolo di istanze semantiche
complesse oppure anche concorrere allo sviluppo del ragionamento.

1.1.3. Serialità sintattica

1.1.3.1.Frase semplice

La serialità sintattica rappresenta il corrispettivo dell’enumerazione sul livello della frase,


dove l’accumulatio manifesta un’analoga invadenza. Rispetto alle categorie della retorica
tradizionale (isocolo o parisosi), separo l’isocolo bimembre, per il quale rimando al paragrafo
successivo (cfr. infra 1.2), da quello plurimembre, l’unico considerato qui. Il criterio-guida è
quello funzionale, dato che il parallelismo a più membri, a differenza di quello binario, «ha i
caratteri dell’enumerazione» (Mortara Garavelli 2008), e di quella replica l’orientamento, che
soprattutto nel caso delle serie più lunghe, che poi sono quelle più tipiche, coincide con un
prevalente impiego epidittico. Rispetto poi al criterio linguistico di scansione, la ripartizione
dei materiali secondo l’altezza sintattica (frase semplice vs frase complessa) incontra qualche
difficoltà, dovuta alla quasi totale assenza, almeno per le serie più lunghe, di strutture di sole
frasi semplici. Se infatti gli addendi superano un certo numero, è difficile che la figura non
ospiti almeno una frase complessa, magari assai semplice, a fini di variatio o semplicemente a
causa dell’indifferenza autoriale a una perfetta coincidenza delle parti. Come spesso in Bruno,
sono lo slancio, la forza d’urto e l’inflessione declamatoria a determinare i costrutti
accumulativi assai più che non la cesellatura formale.
Al contrario del parallelismo replicato, del quale spicca il frequente coinvolgimento nelle
necessità logiche del ragionamento, la serialità pura e semplice tende a coincidere con il
versante discorsivo epidittico e dunque focalizzato sull’attribuzione di valore:

Cena 454 Or ecco quello ch’ha varcato l’aria, penetrato il cielo, discorse le stelle, trapassati
gli margini del mondo, fatte svanir le fantastiche muraglie de le prime, ottave, none,
decime, et altre che vi s’avesser potute aggiongere sfere per relazione de vani matematici
e cieco veder di filosofi volgari.

Il passo riportato consiste nell’accumulazione di cinque relative restrittive, l’ultima delle


quali subisce una gigantesca, non proporzionata espansione che possiamo però ricondurre alla

57
necessità di tenere insieme, nello stesso enunciato, i due momenti co-implicati dell’esaltazione
di sé39 e della polemica contro gli avversari.
Il passaggio seguente, invece, dal De l’infinito, sfrutta l’orizzontalità concessa dalla struttura
accumulativa per disegnare una curva che contrappone la conoscenza piena del passato
all’ignoranza del presente:

De l’infinito 93 lo intese il Timeo, lo confirmò Platone, tutti veri filosofi [l’]han conosciuto,
pochi l’hanno esplicato, nessuno a tempi nostri s’è ritrovato che l’abbia inteso, anzi molti
con mille modi vanno turbando l’intelligenza:

A essere posti in antitesi sono da un lato antichità e presente, dall’altro veri e falsi filosofi;
all’opposizione si intreccia una progressione prima ascendente poi discendente, il cui ultimo
membro segnato dalla correzione («anzi molti») intensifica la portata negativa del secondo
segmento.
Più vicini al primo campione, i successivi due tratti dalla Cena ci testimoniano entrambi
l’impiego dell’accumulatio al fine di degradare Torquato, il più insipido e violento degli
interlocutori – o meglio mancati interlocutori – del Nolano:

Cena 509 salta ne’ calci de la rabbia, acuisce l’unghie de la detrazzione, ghigna i denti delle
ingiurie, spalanca la gorgia de i clamori:
Cena 529 dopo essersi rizzato, ritirate le braccia da la mensa, scrollatosi un poco il dorso,
sbruffato co la bocca alquanto, acconciatasi la beretta di velluto in testa, intorcigliatosi il
mustaccio, posto in arnese il profumato volto, inarcate le ciglia, spalancate le narici,
messosi in punto con un riguardo di rovescio, poggiatasi al sinistro fianco la sinistra mano;
per donar principio alla sua scrima, appuntò le tre prime dita della destra insieme, e
cominciò a trar di mandritti, in questo modo parlando: «Tune ille philosophorum
protoplastes…?».

Sono entrambi raffinatissimi: il primo perché realizza una peculiare serie di quattro a
costruzione analogica; il secondo perché tramite la moltiplicazione delle temporali implicite in
posizione prolettica può ritardare a lungo la comparsa della principale e in questo modo rendere
tanto più evidente la completa, comica sfasatura tra l’abbondanza delle premesse gestuali e

39
Ne approfitto per ricordare che nella Cena le risultanze testuali della funzione d’autore sono tre: la voce autoriale
stessa, nel paratesto; il portaparola Teofilo, nel primo livello rappresentativo; il personaggio del Nolano, nel
secondo livello rappresentativo costituito attraverso il racconto della cena da parte dello stesso Teofilo.
Sull’importanza di questa scomposizione per la problematica dell’autorità e delle posizioni discorsive che il primo
dialogo sviluppa come proprio sottotesto, si veda la convincente proposta di Ophir (1994).

58
l’inconsistenza dell’attacco verbale40. Il contesto epidittico non impedisce dunque alla serialità
una piena integrazione del movimento discorsivo, che essa è pronta a assecondare nelle sue
pieghe e nei suoi scarti.
Un uso affine, potentemente ironico della strutturazione frasale ricompare nello Spaccio,
nel quadro di una lunga battuta del caustico Momo, spalla di Giove nella riforma delle
costellazioni e portatore sul piano dell’immaginario della funzione comico-realistica. Esso
elogia ironicamente l’operosità da cui sarebbe animata la dimora dell’Ozio, ricorrendo a una
lunga serie sintattica dove la replicazione, dapprima di frasi semplici, vede instaurarsi
progressivamente il dominio della frase complessa. La complicazione è almeno parzialmente
graduale (due coordinate [1], due coordinate che reggono una finale implicita [2], una lunga
espansione relativa [3], una subordinata causale che gerarchizza due subordinate implicite tra
loro coordinate [4]) e va di pari passi con l’allungamento:

Spaccio 329 Dove appresso con tanta diligenza si rassetta il giuppone, con tanta sagacità si
ordinano le piegature del collaio, con tanta moderanza s’affibiano gli bottoni, con tanta
gentilezza s’accomodano gli polsi, [1] con tanta delicatura si purgano e si contemprano le
unghie, con tanta giustizia et equità s’accopulano le braghe col giubbone, con tanta
circonspezzione si disponeno que’ nodi de le stringhe; [2] con tanta sedulità si menano e
rimenano le cave palme per far andar a sesto la calzetta; [3] con tanta simmetria vanno a
proporzionarsi gli termini e confini dove l’orificii de cannoni de le braghe s’uniscono a le
calzette in circa la piegatura de le ginocchia, [4] con tanta pazienza si comportano gli
artissimi legami o garrettiere perché non diffluiscano le calzette a far le pieghe e confondere
la proporzione di quelle con le gambe?

Tale serie di dieci addendi trova posto all’interno di una struttura parallelistica più ampia,
interperiodale e sorretta dall’anafora, che occupa per intero le pagine 329-332, mostrando
un’interconnessione e una densità che sollecitano un allargamento del discorso all’intero
Spaccio.
Come già anticipato, infatti, oltre a rappresentare un brusco scarto insieme tematico e
formale rispetto al precedente De l’infinito, il primo dialogo morale è per almeno tre ragioni un
testo plasmato dalla forza dell’accumulazione. La funzione di principio costruttivo svolta da
quest’ultima si lega anzitutto a un tratto strutturale: l’innesto del catalogo delle sostituzioni

40
Pressoché identici a questo altri due passaggi (Cena 488, Spaccio 214), il primo dei quali riguarda il primo
avversario del Nolano, Nundinio, con perfetta rispondenza di trattamento: «Or il dottor Nundinio, dopo essersi
posto in punto de la persona, scrollato un poco il dorso, poste le due mani su la tavola, riguardatosi un poco circum
circa, accomodatosi alquanto la lingua in bocca, rasserenati gli occhi al cielo, spiccato da la bocca un delicato
risetto, e sputato una volta, comincia in questo modo».

59
delle virtù ai vizi sull’architettura astrologica tradizionale delle quarantotto costellazioni. In più,
tanto i vecchi quanto i nuovi occupanti delle sedi astrali non lasciano o occupano la scena da
soli, ma accompagnati da un seguito di innumerevoli «serve, ministre et circonstanti» (Spaccio
188) di cui non si può dar conto che nella forma dell’elenco. In un secondo luogo, a un livello
più profondo, collaborano i macrotemi, fra loro complementari, della crisi e della riforma,
responsabili dell’afflusso copioso di moduli retorici volta a volta polemici, apologetici e
parenetici. Infine, la situazione stessa del concilio divino, con le frequenti allocuzioni che i
personaggi principali (Giove, l’Ozio, la Fortuna) rivolgono gli uni agli altri o all’assemblea
tutta, determina l’alta incidenza dello stile oratorio e con esso dell’accumulatio.

1.1.3.2.Frase complessa

Il piano della frase complessa si allinea al precedente in maniera del tutto naturale. Mi
limiterò quindi a poche osservazioni, accrescendo semmai il volume delle osservazioni puntuali
sui singoli esempi.
Il primo è nuovamente tratto dallo Spaccio e mostra come l’impiego comico della serialità
comprenda, accanto all’evidenziazione della sproporzione tra quantità e qualità degli elementi,
l’accorto sfruttamento del distacco normalmente concesso all’ultimo addendo:

Spaccio 211-2 Ecco, a me si dissecca il corpo, e mi s’umetta il cervello; mi nascono i tofi,


e mi cascano gli denti; mi s’inora la carne, e mi s’inargenta il crine; mi si distendeno le
palpebre, e mi si contrae la vista; mi s’indebolisce il fiato, e mi si rinforza la tosse; mi si fa
fermo il sedere, e trepido il caminare; mi trema il polso, e mi si saldano le coste; mi
s’assottigliano gli articoli e mi s’ingrossano le gionture: et in conclusione (quel che più mi
tormenta), perché mi s’indurano gli talloni, e mi s’ammolla il contrapeso; l’otricello de la
cornamusa mi s’allunga, et il bordon s’accorta.

Il locutore in questo caso è Giove, che si rivolge alla comunità divina descrivendo il proprio
invecchiamento. Il distacco dell’ultimo addendo in direzione sessuale è segnalato
dall’introduzione con connettivo e parentetica, dalla complicazione sintattica dovuta
all’inserimento in posizione prolettica delle due causali coordinate, e infine dal passaggio al
dettato analogico.
La battuta seguente ci riporta invece alla schermaglia tra Filoteo e Armesso che costituisce
il nucleo del primo dialogo del De la causa e nello specifico a uno scambio di battute che

60
abbiamo già in parte visto41, nel quale si riprende l’analogia del banchetto proposta dalla voce
autoriale nella Proemiale epistola della Cena. Filoteo ne propone uno sviluppo che mira a
giustificare la presenza di lettori delusi e scontenti:

De la causa 620-1 Come dumque la nel più bel del mangiare, o ti scotta qualche troppo
caldo boccone, di maniera che bisogna cacciarlo de bel nuovo fuora, o piangendo e
lagrimando mandarlo vagheggiando per il palato, sin tanto che se gli possa donar quella
maladetta spinta per il gargazzuolo al basso; o vero ti si stupefà qualche dente; o te
s’intercepe la lingua che viene ad esser morduta con il pane; o qualche lapillo te si viene a
rompere et incalcinarsi tra gli denti, per farti regittar tutto il boccone; o qualche pelo o
capello del cuoco ti s’inveschia nel palato, per farti presso che vomire; o te s’arresta qualche
aresta di pesce ne la canna, a farti suavemente tussire; o qualch’ossetto te s’attraversa ne la
gola per metterti in pericolo di suffocare: cossì nella nostra cena (per nostra e comun
disgrazia) vi si son trovate cose corrispondenti e proporzionali a quelle.

Per raggiungere il proprio obiettivo, però, il princeps ricorre a un’espansione fuori misura
del comparante, ottenuta tramite una serie di sette frasi di struttura variabile42 la cui mole
complessiva eccede l’intento esplicativo per scatenare l’immagine carnevalesca del banchetto
con il suo corredo di istantanee basso-corporee.
Il lungo passaggio riportato nel seguito è tratto invece dall’Epistola dedicatoria della
Cabala, nel punto in cui la voce autoriale rende conto dei problemi riscontrati nel fare dono
della propria opera e dell’eccellenza del suo fulcro tematico, l’asino; quest’ultimo è l’oggetto
implicito delle serie seconda [2] e terza [3] mentre la prima [1] sottintende il libro stesso, anche
se è evidente che i due tendono a coincidere:

Cabala 408-12 [1] 1 Questo prima pensai di donarlo a un CAVALLIERO: il quale avendovi
aperti gli occhi, disse che non avea tanto studiato che potesse intendere gli misterii, e per
tanto non gli possea piacere. 2 L’offersi appresso ad un di questi ministri verbi Dei: e disse
che era amico della lettera, e che non si delettava de simili esposizioni proprie a Origene,
accettate da scolastici et altri nemici della lor professione. 3 Il misi avanti ad una DAMA: e
disse che non gli aggradava per non esser tanto grande quanto conviene al suggetto d’un
cavallo et un asino. 4 Il presentai ad un’altra: la quale quantumque gustandolo gli piacesse,
avendolo gustato, disse che ci volea pensar su per qualche giorno. 5 Viddi se vi potesse
accoraggiar una pizocchera: e la me disse, «Non lo accetto se parla d’altro che di rosario,
della vertú de granelli benedetti, e de l’agnusdei». 6 Accostailo al naso d’un pedante: il
qual avendo torciuto il viso in altra parte, mi disse che aboliva ogn’altro studio e materia
eccetto che qualche annotazione, scolia et interpretazione sopra Vergilio, Terenzio e Marco
Tullio. 7 Udivi da un versificante che non lo volea, se non era qualche copia d’ottave rime
o de sonetti. 8 Altri dicevano che gli meglior trattati erano stati dedicati a persone che non
erano megliori che essi loro. 9 Altri co l’altre raggioni mi parevan disposti a dovermene

41
Mi riferisco all’esempio di enumerazione tratto da De la causa 620, cfr. supra 1.1.2.3.
42
Che però si stabilizza a partire dal quarto addendo nella coppia di reggente e finale implicita.

61
ringraziar o poco o niente, se io gli l’avesse dedicato: e questo non senza caggione, perché
(a dir il vero) ogni trattato e considerazione deve essere speso, dispensato e messo avanti a
quel tale che è della suggetta professione o grado.
[…]
[2] Prendetelo, o padre, se vi piace per ucello, perché è alato et il più gentil e gaio che si
possa tener in gabbia. Prendetelo sel volete per fiera, perché è unico, raro e pelegrino da un
canto, e non è cosa più brava che possiate tener ferma in un antro o caverna. Trattatelo se
vi piace come domestico; perché è ossequioso, comite e servile, et é il meglior compagno
che possiate aver in casa. Vedete che non vi scampe di mano: perché è il meglior destriero
che possiate pascere o per dir meglio vi possa pascere in stalla; meglior familiare che vi
possa esser contubernale e trattenimento in camera. Maneggiatelo come una gioia e cosa
preciosa, perche non possete aver tesoro più eccellente nel vostro ripostiglio. Toccatelo
come cosa sacra, e miratelo come cosa da gran considerazione: perché non possete aver
meglior libro, meglior imagine e meglior specchio nel vostro cabinetto. Tandem se per tutte
queste raggioni non fa per il vostro stomaco, lo potrete donar ad alcun altro che non ve ne
debba essere ingrato. [3] Se l’avete per cosa ludicra, donatelo ad qualche buon CAVALLIERO
perché lo metta in mano de suoi paggi per tenerlo caro tra le scimie e cercopitechi. Se lo
passate per cosa armentale, ad un contadino che li done ricetto tra il suo cavallo e bue. Sel
stimate cosa ferina, concedetelo a qualche Atteone che lo faccia vagar con gli caprii e gli
cervi. Se vi par ch’abbia del mignone, fatene copia a qualche DAMIGELLA che lo tegna in
luogo di martora e cagnuola. Se finalmente vi par ch’abbia del matematico, fatene grazia
ad un cosmografo perché […]

La prima serie è formata da nove addendi, i primi sette dei quali (1-7) ripetono una struttura
discendente così composta: principale, relativa appositiva, completiva oggettiva; gli ultimi due
(8-9) fanno parte a sé e ospitano il momento della generalizzazione (altri… altri…). L’elenco
spicca per la ricchezza delle sue implicazioni semantiche: l’allusione oscena (3-4, la prima e la
seconda dama) convive con la polemica antipedantesca (6-7, il pedante e il versificante) e
anticristiana (2 e 5, il ministro verbi Dei e la «pizocchera», ovvero la devota). A quest’ultima
si sovrappone, nello stesso secondo membro (2), una sottile indicazione di lettura a favore di
una decodifica allegorica del testo che seguirà: «e disse che era amico della lettera, e che non
si delettava de simili esposizioni proprie a Origene». Senza dimenticare che questa catena
allusiva rientra nel contesto già di per sé ironico della dedica all’illustre sconosciuto don
Sapatino la cui inconsistenza, sebbene il personaggio sia incensato a dovere nel seguito non
incluso nell’estratto, lampeggia anche grazie all’accumulo dei destinatari potenziali43. Le due
serie successive [2 e 3] vanno poi considerate insieme, non perché tra loro in corrispondenza
numerica, ma per il fatto che la terza riprende la struttura sintattica ipotetica della precedente
rovesciandola da discendente in ascendente: «Prendetelo, o padre, se vi piace per ucello, perché
è alato et il più gentil e gaio che si possa tener in gabbia» > «Se l’avete per cosa ludicra, donatelo

43
Sulla dedica al fittizio «vescovo di Casamarciano» e sui suoi rapporti di somiglianza con la dedica a Morgana
della commedia si leggano le osservazioni di Puliafito (2007, 42-4).

62
ad qualche buon cavalliero perché lo metta in mano de suoi paggi per tenerlo caro tra le scimie
e cercopitechi». Il carattere aggiunto della specularità fa sì che il parallelismo corrobori il
contrasto semantico tra le ragioni dell’accettazione [2] e le possibilità di diversione del dono
conseguenti al rifiuto [3]. Infine, a riprova dell’alto tasso di artificiosità di questo come degli
altri testi di dedica inclusi nei variegati paratesti dei dialoghi, la terza serie riprende in modo
esatto due termini della prima (in maiuscoletto), ammiccando al lettore e producendo un effetto
di circolarità o, a uno sguardo più attento, una perfetta alternanza in quattro tempi tra i due poli
del rifiuto e dell’accettazione, quest’ultima com’è ovvio collocata in posizione forte o, se si
vuole, in battere44.

1.1.3.3.Oltre la frase complessa

Le dedicatorie rappresentano un perfetto esempio del polo più controllato e formalmente


esatto della testualità dei dialoghi italiani (cfr. infra 1.1.4). Non è però sempre così, soprattutto
per quanto riguarda i piani più alti e complessi della serialità sintattica. Casi come il precedente,
dove un’identica struttura replicata giunge a compattare un intero movimento testuale, sono
rari, o almeno sono rari i congegni così ben calibrati, dato che invece non è infrequente che la
serialità giunga a lambire segmenti testuali pià ampi della frase complessa. Si tratta, più nello
specifico, di schemi distributivi ed equivalenze sintattiche più lasche, che possono prevedere
l’interposizione di frasi non allineate, e dove il cedimento in corrispondenza di alcuni membri
è però compensato dal ricorso ad attacchi con anafora parziale o totale. La tendenza, chiara, è
quella a una fluidificazione della corrispondenza, evidente nei contesti più spiccatamente
elativi. Con quest’ultimo aggettivo mi riferisco però soltanto a quei passaggi interessati
dall’innalzamento di sé e della propria dottrina, mentre il convenzionale encomio dei dedicatari
e dei potenti presenta di norma un’orchestrazione più attenta. C’è tuttavia spazio anche per un
massimo di rigore, come dimostra una tecnica di tabulazione della materia che dobbiamo far
risalire all’argomentazione scolastica.
Quest’ultima figura di distribuzione è la più conservativa rintracciabile nei dialoghi italiani
e consiste nella serie retta dagli ordinali primo… secondo… terzo…, che deriva al domenicano
Bruno dalla propria formazione scolastica: è infatti la trasposizione in volgare delle

44
Per un’analisi approfondita delle stesse pagine da una prospettiva più attenta all’ironia e al significato, cfr. infra
3.2.2.2.

63
numerazioni ad primum ergo dicendum…, ad secondum… ecc. o primum dicitur quod…
secundum… tertium… che scandiscono la processione degli argomenti pro e contra
nell’articulus della quaestio filosofica medievale, ancora in uso nelle dispute accademiche al
tempo del Nolano (Tissoni 1961, 360-1). Tale modalità di impaginazione sopravvive come
residuo nel corpus volgare dei dialoghi, andando a installarsi nei seguenti luoghi: in alcune
sezioni argomentativo-espositive del De l’infinito e dei Furori45; in corrispondenza con la
spiegazione che segue la comparsa di diagrammi geometrici e altre figure esplicative nei primi
tre dialoghi: infine, nella prosa riassuntiva degli Argomenti, dove è dominante:

De la causa 598 Nel dialogo secondo avete primamente la raggione della difficultà di tal
cognizione: per sapere quanto il conoscibile oggetto sia allontanato dalla cognoscitiva
potenza. Secondo, in che modo e per quanto dal causato e principiato vien chiarito il
principio e causa. Terzo, quanto conferisca la cognizion della sustanza de l’universo alla
noticia di quello da cui ha dependenza. Quarto, per qual mezzo e via noi particolarmente
tentiamo di conoscere il primo principio. […]

Tuttavia, oltre a occupare diverse pagine, l’istanza seriale può concretizzarsi in figurazioni
di maggiore complessità. Lo schema distributivo adibito al ruolo di «collante interperiodale»
(Bozzola 1999, 184) prevede così un tipo di realizzazione scalare su più livelli, della quale
riporto un esempio tratto dal primo dialogo della Cena (477-9), a riprova tra l’altro di come
esista un’associazione convenzionale tra il genere dell’encomio e l’impiego di soluzioni di
vertiginosa elaborazione; come convenzionale è pure l’apparente paradosso di un elogio
fondato su una preterizione in realtà «funzionale all’espansione e al turgore espressivo»
(D’Onghia 2015, 162). I rientri corrispondono ai vari piani di un costrutto sintattico ripetuto sei
volte, dove la scansione delle repliche non coincide sempre con il cambio di referente ma
rispecchia l’importanza degli oggetti di lode; a Elisabetta I spettano infatti i tre scaglioni
successivi al primo, assai più breve e comprensivo della nozione iperonima: «de le più alte cose
del mondo». L’alto numero di variazioni e segmenti interposti non arriva o oscurare la struttura,
che rimane chiaramente visibile e ritma il passo dell’elogio:

1 a Or alza i vanni, Teofilo, e ponti in ordine, e sappi ch’al presente


b non s’offre occasione
c di apportar

45
Si possono citare De l’infinito 141-8, dove l’avversario aristotelico Albertino espone in modo sintetico e senza
contraddittorio le ragioni contrarie all’infinità dei mondi, e Furori 532, dove un sonetto esplicitamente bipartito in
(1) ottetto e (2) sestetto dà forma a una sezione prosastica anch’essa numerata la cui prima parte risulta
internamente scandita dal modulo Primo… secondo… terzo.

64
d de le più alte cose del mondo.
2 b Non hai qua materia46
c di parlar
d di quel nume de la terra,
di quella singolare e rarissima dama,
e che da questo freddo cielo, […]:
d [di] Elizabetta dico,
e che per titolo e dignità regia, non è […]
Ne la cognizione de le arti, notizia de le scienze, […] —
3 b Non hai materia
c di parlar
d di quell’animo tanto eroico,
e che già vinticinque anni e più […];
mantenutasi salda […].
4 b Non hai qua materia
c di far discorso
d di colei,
e la quale se volessi assomigliar […] —
5 b Non te si offre occasione
c di parlar
d de la generosissima umanità de l’illustrissimo monsignor conte Roberto
Dudleo, conte di Licestra etc.,
e tanto conosciuta dal mondo,
nominata insieme con la fama del regno […];
tanto predicata da i cuori di generosi spirti italiani […].
6 b Non ti viene a proposito
c di referire l’onesta conversazione, civilità e buona creanza
d di molti cavallieri e molto nobili personaggi inghilesi,
e tra quali è tanto conosciuto […] il molto illustre et eccellente
cavalliero,
f signor Fillippo Sidneo:
di cui il tersissimo ingegno (oltre i lodatissimi costumi) […] —

Vengo quindi ai casi più fluidi, mostrandone l’associazione tematica e pragmatica – non
esclusiva, ma di certo rilevante – con la rappresentazione della figura autoriale e l’esaltazione
delle proprie conquiste dottrinali. Il primo coincide con la mossa consueta che elenca diverse
auctoritates filosofiche, qui mobilitate per costruire la propria definizione dell’intelletto
universale:

De la causa 652-4 Questo è chiamato da Pitagorici «motore» et «esagitator del universo»,


come esplicò il poeta, che disse: […] Questo è nomato da Platonici «fabro del mondo».
Questo fabro, dicono, procede dal mondo superiore (il quale è a fatto uno) a questo mondo
sensibile che è diviso in molti: ove non solamente la amicizia, ma anco la discordia, per la
distanza de le parti, vi regna. Questo intelletto, infondendo e porgendo qualche cosa del

46
Si noti la corrispondenza imperfetta dovuta al fatto che, già a partire dalla prima ripresa [2], la subordinata
oggettiva retta da «sappi che» è sostituita da una principale introdotta dall’avverbio di negazione.

65
suo nella materia, mantenendosi lui quieto et inmobile, produce il tutto. È detto da Maghi
«fecondissimo de semi», o pur «seminatore»: per che lui è quello che impregna la materia
di tutte forme; e secondo la raggione e condizion di quelle, la viene a figurare, formare,
intessere: con tanti ordini mirabili, li quali non possono attribuirsi al caso, né ad altro
principio che non sa distinguere et ordinare. Orfeo lo chiama «occhio del mondo», per ciò
che il vede entro e fuor tutte le cose naturali, a fine che tutto non solo intrinseca, ma anco
estrinsecamente venga a prodursi e mantenersi nella propria simmetria. Da Empedocle è
chiamato «distintore», come quello che mai si stanca ne l’esplicare le forme confuse nel
seno della materia, e di suscitar la generazione de l’una dalla corrozzion de l’altra cosa.
Plotino lo dice «padre e progenitore», per che questo distribuisce gli semi nel campo della
natura, et è il prossimo dispensator [de] le forme. Da noi si chiama «artefice perché forma
la materia,

Il modulo sintattico replicato, non senza calcolata variazione sinonimica e nell’ordine dei
costituenti, enumera le diverse definizioni storiche dell’intelletto universale; tra una replica e
l’altra si interpone materiale sintattico eterogeneo, senza però ancora una volta compromettere
l’effetto d’insieme della serializzazione. La molteplicità degli approcci filosofici, frequente nei
dialoghi italiani sia come tema che come risorsa della tecnica argomentativa, è una costante
d’epoca. Ne testimoniano fra gli altri i Dialoghi di Tasso, dove essa coincide da un lato con il
cospicuo «volume degli argomenti di autorità» (Bozzola 1999, 95), dall’altro con la tendenza
di stampo erudito a «formulare uno stesso problema da ottiche diverse e complementari»
(Basile 1991, 9). Il gusto per la scomposizione non è certo assente in Bruno, lungo il cui corpus
volgare si realizza anzitutto come «mise en perspective» (Leinkauf 1996, XX) dei nuclei
problematici, vale a dire come loro riformulazione da un’angolatura tematica-disciplinare
diversa. Esso inoltre può agganciarsi a una teorizzazione avvertita e consapevole del relativismo
spazio-temporale, a sua volta fondata sulla fascinazione originaria per la molteplicità e la
differenza, sulla visione, cioè, di una realtà animata, pullulante e omogenea, finalmente sciolta
dalla tirannia dei salti quantitativi. Ciò nonostante, a differenza che in Tasso, l’accumulazione
delle fonti e delle prospettive non vela l’impossibilità del recupero di una prospettiva oggettiva,
che è ristabilita a parte subiecti grazie a una piena autorizzazione del Filosofo come figura di
destino e della Filosofia come unico tramite all’unità del vero; anche se va detto che la risposta
di Bruno non elimina certo il problema, strutturale e storico, della perdita del quadro di
riferimento e costituisce semmai il pendant dialettico, euforico e aggressivo, della cautela
tassiana, secondo una disposizione rovesciata dei termini dello stesso conflitto. Si spiega così,
nel brano riportato, la scelta della posizione finale per la propria definizione dell’intelletto, che
in questo modo da un lato sfrutta la trafila delle auctoritates per legittimarsi, dall’altro la
conclude e dunque la supera.

66
L’esempio successivo ci mostra invece un caso di caratterizzazione entusiastica o
«ditirambica» (Aquilecchia 1993b, 256) dello schema distributivo. Il brano, di una certa
lunghezza, risulta allentato quanto a corrispondenze verticali (all’inizio di [2] ridotte alla
coordinazione), mentre della sua densità è responsabile la convergenza di figure diverse, tra cui
climax e analogie, nonché l’insistenza lessicale sulle sfere dell’infinitudine e del divino (in
maiuscoletto):

Cena 454-6 [1] Cossì al cospetto d’ogni senso e raggione, co la chiave di solertissima
inquisizione aperti que’ chiostri de la verità che da noi aprir si posseano, nudata la ricoperta
e velata natura: ha donati gli occhi a le talpe, illuminati i ciechi che non possean fissar gli
ochi e mirar l’imagin sua in tanti specchi che da ogni lato gli s’opponeno. Sciolta la lingua
a muti, che non sapeano e non ardivano esplicar gl’intricati sentimenti; risaldati i zoppi che
non valean far quel progresso col spirto, che non può far l’ignobile e dissolubile composto:
le rende non men presenti, che si fussero proprii abitatori del sole, de la luna, et altri nomati
astri. [2] Dimostra quanto siino simili o dissimili, maggiori o peggiori, que’ corpi […]; e
n’apre gli occhii ad veder questo nume, questa nostra madre […]. A questo modo sappiamo
che si noi fussimo ne la luna o in altre stelle, non sarreimo in loco molto dissimile a questo,
e forse in peggiore: come possono esser altri corpi cossì buoni, et anco megliori per se stessi
e per la maggior felicità de propri animali. Cossì conoscemo tante stelle, tanti astri, tanti
numi, che son quelle tante centenaia de migliaia ch’assistono al ministerio e
contemplazione del primo, universale, infinito et eterno efficiente. Non è più impriggionata
la nostra raggione co i ceppi de fantastici mobili e motori otto, nove e diece. Conoscemo
che non è ch’un cielo, un’eterea reggione inmensa, dove questi magnifici lumi serbano le
proprie distanze, per comodità de la participazione de la perpetua vita. Questi
fiammeggianti corpi son que’ ambasciatori, che annunziano l’eccellenza de la gloria e
maestà de DIO. Cossì siamo promossi a scuoprire l’INFINITO effetto dell’INFINITA causa, il
VERO e VIVO VESTIGIO de l’INFINITO VIGORE. Et abbiamo dottrina di non cercar la
DIVINITÀ rimossa da noi: se l’abbiamo appresso, anzi di dentro più che noi medesmi siamo
dentro a noi.

Isolo due momenti diversi [1 e 2] assumendo come parametro il mutare della costruzione
sintattica. Quanto a quest’ultima, lo slancio elativo mi pare responsabile di un cedimento, dato
che non si comprende quale debba essere il referente del pronome oggetto di terza plurale (forse
i corpi celesti che compaiono nel seguito): «le rende non men presenti, che si fussero proprii
abitatori del sole, de la luna, et altri nomati astri». A ogni modo, i punti di contatto con il
campione precedente sono evidenti: da un lato la fluidità della forma ottenuta grazie alla
variazione degli attacchi verbali e all’interposizione tra le varie repliche di frasi escluse dalla
simmetria; dall’altro la frattura interna, visibile nello slittamento dalla terza persona singolare
alla prima plurale: «Dimostra quanto siino simili o dissimili» > «e n’apre gli occhii ad veder
questo nume, questa nostra madre» > «A questo modo sappiamo che si noi fussimo ne la luna
o in altre stelle». Lo shift delle persone costituisce un sottile esempio di argomentazione

67
indiretta: ci si serve della verticalità provvista dall’allineamento sintattico per far slittare
l’elogio di un soggetto specifico, il Nolano, realizzato attraverso l’elencazione solenne delle
sue conquiste dottrinali, nella partecipazione a quelle conquiste, la cui enunciazione alta e tesa
si protrae ancora a lungo, da parte di un soggetto collettivo; quest’ultimo, poi, certamente
comprende il portaparola Teofilo, che però si esprime ricorrendo a un noi idealmente inclusivo
e totalizzante, universale. A un livello più profondo, la condizione di possibilità di un simile
trapasso insensibile dall’io al noi risiede nello sdoppiamento dell’istanza autoriale in due entità
discorsive, Teofilo e il Nolano, e nella loro collocazione asimmetrica sui due livelli del dialogo.
L’enunciazione di Teofilo svolge dunque un compito di mediazione, congiungendo la terza
persona del Nolano a una prima persona che include tutti i potenziali lettori del dialogo; così le
acquisizioni del Nolano si convertono immediatamente in patrimonio dell’umanità.

1.1.4. Le dedicatorie e la replicazione ritmica

Siamo così introdotti a quei testi densi e sovrabbondanti nonché di composizione


calibratissima che sono le dedicatorie, senza dubbio il culmine raggiunto dall’ornatus nei
dialoghi italiani quanto alla concentrazione dei fenomeni e al controllo stilistico ferreo che si
esercita su di essi. Anche l’accumulatio tocca all’interno di questo contenitore il proprio
massimo di elaborazione, mostrando un profilo parzialmente inedito che attualizza potenzialità
altrove rimaste inespresse. Mi riferisco, in particolare, al venire in dominante della funzione
ritmica, la quale riesce in tale contesto a emanciparsi, arrivando a guidare la segmentazione del
discorso in concorrenza con il livello sintattico-semantico.
Prima però di passare all’analisi, si rende necessaria qualche parola sui testi di dedica
bruniani. Il primato della funzione ritmica s’ innesta infatti sull’articolazione comune, in tre
sezioni, delle epistole introduttive. Essa prevede nella parte centrale l’asciutta sinossi degli
Argomenti ai singoli dialoghi, mentre la coda e soprattutto l’attacco tendono all’enfasi in
corrispondenza con i temi consueti dell’esaltazione (al contempo del dedicatario e di se stesso
in quanto autore) e della polemica contro i propri detrattori47. Se la presenza di questi motivi
come anche il sovraccarico ornamentale rientrano a pieno titolo nella gestione convenzionale

47
Notevole che in Bruno non compaia mai, in questi luoghi, il topos della diminutio personae, e che all’opposto
l’encomio del dedicatario tenda a risultare subordinato all’esaltazione di sé in quanto filosofo e detentore
privilegiato della Verità.

68
delle soglie ai testi cinquecenteschi in prosa48, nondimeno nel caso di Bruno è bene non cedere
a un’interpretazione in chiave puramente esornativa del paratesto, che al contrario è punto di
straordinaria tensione costruttiva e densità concettuale. In esso, fin dal caso esemplare del
Candelaio49, il filosofo estraneo all’utilizzo passivo di qualsiasi elemento tràdito racchiude a
mo’ di cifra la complessità strutturale dei suoi macrotesti, fornendo precise quanto criptiche
indicazione di lettura ai propri destinatari.
Si rendono necessarie due citazioni di una certa lunghezza, la prima delle quali riporta
l’incipit della dedicatoria del De l’infinito:

De l’infinito 9-10 [1] Se io (o illustrissimo Cavalliero) contrattasse l’aratro, pascesse un


gregge, coltivasse un orto, rassettasse un vestimento: nessuno mi guardarebbe, pochi
m’osservarebono, da rari serei ripreso, e facilmente potrei piacere a tutti. Ma per essere [2]
delineatore del campo de la natura, sollecito circa la pastura de l’alma, vago de la coltura
de l’ingegno, e dedalo circa gli abiti de l’intelletto: ecco che [3] chi adocchiato me
minaccia, chi osservato m’assale, chi giunto mi morde, chi compreso mi vora; [4] non è
uno, non son pochi, son molti, son quasi tutti. Se volete intendere onde sia questo, vi dico
che la caggione è [5] l’universitade che mi dispiace, il volgo ch’odio, la moltitudine che
non mi contenta, una che m’innamora. Quella per cui son libero in suggezzione, contento
in pena, ricco ne la necessitade, e vivo ne la morte; quella per cui non invidio a quei che
son servi nella libertà, han pena ne i piaceri, son poveri ne le ricchezze e morti ne la vita:
perché nel corpo han la catena che le stringe, nel spirto l’inferno che le deprime, ne l’alma
l’errore che le ammala, ne la mente il letargo che le uccide; non essendo magnanimità che
le delibere, non longanimità che le inalze, non splendor che le illustre, non scienza che le
avvive. Indi accade che non ritrao come lasso il piede da l’arduo camino, né come desidioso
dismetto le braccia da l’opra che si presenta; né qual disperato volgo le spalli al nemico che
mi contrasta, né come abbagliato diverto gli occhi dal divino oggetto: mentre per il più mi
sento riputato sofista, più studioso d’apparir sottile, che di esser verace; ambizioso che più
studia di suscitar nova e falsa setta, che di confirmar l’antica e vera; ucellatore che va
procacciando splendor di gloria, con porre avanti le tenebre d’errori; spirto inquieto che
subverte gli edificii de buone discipline, e si fa fondator di machine di perversitade. Cossì,
signor, gli santi numi disperdano da me que’ tutti che ingiustamente m’odiano; cossì mi sia
propicio sempre il mio Dio; cossì favorevoli mi sieno tutti governatori del nostro mondo;
cossì gli astri mi faccian tale il seme al campo et il campo al seme, ch’appaia al mondo
utile e glorioso frutto del mio lavoro, con risvegliar il spirto et aprir il sentimento a quei
che son privi di lume:

La figura è chiaramente visibile: una scansione per gruppi di quattro elementi organizza un
intero movimento testuale dando luogo a una catena di serie accumulative di estensione
corrispondente. A essere travolti dall’onda sono, in ordine, i due lembi del costrutto ipotetico
[1], il sintagma nominale [2], la frase complessa [3], la frase semplice [4], ancora il sintagma

48
In generale Santoro-Tavoni 2005, Terzoli 2004; sul caso specifico di Bruno si può leggere Puliafito 2002.
49
Su cui si vedano Lerro 2012 e il primo capitolo della prima parte del già più volte citato Puliafito 2007.

69
nominale cui stavolta si aggiunge un’espansione relativa [5], e via di seguito. In generale, sono
privilegiati i costituenti di livello superiore, mentre quanto alle dimensioni, possiamo notare
verso la fine un allargamento che culmina, dopo una momentanea sospensione, nell’ultimo
addendo della serie finale, «così gli astri mi faccian tale il seme […]».
Nell’incipit della Declamazione allo studio e pio lettore che costituisce il terzo anello del
paratesto della Cabala, all’opposto, a essere pertinentizzati sono piuttosto i costituenti sintattici
di livello inferiore, e ciò si ripercuote nel ritmo più svelto dell’insieme. Lo segmentiamo,
sfruttando le partizioni sintattiche, in sei gruppi rispettivamente di nove [1], quattro [2], sette
[3], una [4], sette [5] e cinque serie [6]:

Cabala 416-8 [1] Oimè, auditor mio, che senza focoso suspiro, lubrico pianto e tragica
querela, con l’affetto, con gli occhi e le raggioni non può ramentar il mio ingegno, intonar
la voce e dechiarar gli argumenti, quanto sia fallace il senso, turbido il pensiero et imperito
il giudicio, che con atto di perversa, iniqua e pregiudiciosa sentenza non vede, non
considera, non definisce secondo il debito di natura, verità di raggione e diritto di giustizia
circa la pura bontade, regia sinceritade e magnifica maestade della santa ignoranza, dotta
pecoragine e divina asinitade. [2] Lasso, a quanto gran torto da alcuni è sì fieramente
essagitata quest’eccellenza celeste tra gli uomini viventi, contra la quale altri con larghe
narici si fan censori; altri con aperte sanne si fan mordaci; altri con comici cachini si
rendono beffeggiatori: mentre ovumque spreggiano, burlano e vilipendeno qualche cosa,
non gli odi dir altro che «Costui è un asino, quest’azzione è asinesca, questa è una
asinitade», stante che ciò absolutamente convegna dire dove son più maturi discorsi, più
saldi proponimenti e più trutinate sentenze. [3] Lasso, perché con ramarico del mio core,
cordoglio del spirito et aggravio de l’alma, mi si presenta a gli occhi questa imperita, stolta
e profana moltitudine che sì falsamente pensa, sì mordacemente parla, sì temerariamente
scrive, per parturir que’ scelerati discorsi de tanti monumenti che vanno per le stampe, per
le librarie, per tutto, oltre gli espressi ludribrii, dispreggi e biasimi: l’asino d’oro, le lodi de
l’asino, l’encomio de l’asino; dove non si pensa altro che con ironiche sentenze prendere
la gloriosa asinitade in gioco, spasso e scherno? [4] Or chi terrà il mondo che non pensi
ch’io faccia il simile? Chi potrà donar freno alle lingue che non mi mettano nel medesimo
predicamento come colui che corre appo gli vestigii de gli altri che circa cotal suggetto
democriteggiano? Chi potrà contenerli che non credano, affermino e confermino che io non
intendo vera e seriosamente lodar l’asino et asinitade, ma più tosto procuro di aggionger
oglio a quella lucerna la quale è stata da gli altri accesa? [5] Ma, o miei protervi e temerarii
giodici, o neghittosi e ribaldi calunniatori, o foschi et appassionati detrattori, fermate il
passo, voltate gli occhi, prendete la mira: vedete, penetrate, considerate se gli concetti
semplici, le sentenze enunciative e gli discorsi sillogistici ch’apporto in favor di questo
sacro, impolluto e santo animale, son puri, vere e demostrativi; o pur son finti, impossibili
et apparenti. [6] Se le vedrete in effetto fondati su le basi de fondamenti fortissimi, se son
belli, se son buoni, non le schivate, non le fuggite, non le rigettate; ma accettatele, seguitele,
abbracciatele, e non siate oltre legati dalla consuetudine del credere, vinti dalla sufficienza
del pensare e guidati dalla vanità del dire: se altro vi mostra la luce de l’intelletto, altro la
voce della dottrina intona, et altro l’atto de l’esperienza conferma.

70
Seppure in questo ultimo caso l’escursione linguistica sia più ampia che nel precedente, in
entrambi l’investimento ritmico interessa il tessuto sintattico nel suo complesso senza riguardo
alle grandezze, toccando tanto le interrogative dirette lunghe e complesse («Chi potrà donar
freno alle lingue che non mi mettano nel medesimo predicamente come colui che corre appo
gli vestigii de gli altri che circa cotal suggetto democriteggiano?»)50 quanto i tricola aggettivali:
«di questo sacro, impolluto et santo animale, son puri, vere e demostrativi».
L’essenza di tale principio compositivo è nella sua indifferenza al piano semantico e
sintattico; indifferenza beninteso relativa e non assoluta, che colloca tale figura in una posizione
intermedia tra quella del semplice parallelismo e quella della rapportatio e della verticalità che
caratterizza il testo poetico. A ogni modo, l’iterazione del numero si stende sul discorso come
una pasta omogenea a plasma segmenti di diversa fattura ed estensione, dal costituente alla
frase complessa alla porzione di testo. La funzione ritmica della ripetizione assurge quindi con
forza al ruolo di dominante e, com’è proprio in generale del parallelismo, all’orizzontalità della
linea logico-sintattica si aggiunge una dimensione verticale in grado di evidenziare somiglianze
e contrapposizioni. Queste sezioni testuali sembrerebbero dunque costituire un’eccezione
rilevante rispetto all’usuale subalternità degli aspetti soprasegmentali a quelli semantici a norma
nella prosa di orientamento filosofico dei dialoghi, oltre che un fenomeno in controtendenza
rispetto alla scarsa incidenza di ripetizioni foniche e figure artificiose, nonché uno dei rari casi
in cui la normale fluidità dell’eloquio bruniano risulta imbrigliata in strutture ferree determinate
da un’intenzionalità di natura geometrico-formale51. Tuttavia, a uno sguardo più attento, esse
non fanno altro che portare a piena evidenza espressiva «il ritmo musicale e recitativo»
(Aquilecchia 1993b, 251) della lingua bruniana e la sua tensione al flusso e allo scorrimento

50
Ma si noti, a un gradino ancora superiore, l’anafora del modulo esclamativo d’apertura (in corsivo nel testo) che
realizza l’ennesima scansione ternaria, questa volta in paragrafi, del materiale.
51
D’altronde gli altri testi di dedica si allontanano da questo rigore preferendo adottare le consuete, più libere
forme di serialità continua, senza che peraltro venga meno il principio ritmico di costruzione del discorso. Nel
primo periodo dell’esempio che segue (Spaccio 173-4) contiamo allora un modulo a quattro, due a tre, una
dittologia, ancora uno a quattro e infine una seconda coppia arricchita dalla specuralità; nel secondo una serie di
tre dittologie chiusa da un tricolon che trasmette il passo ternario alla frase successiva: «Cossì dumque lasciaremo
la moltitudine ridersi, scherzare, burlare e vagheggiarsi su la superficie de mimici, comici et istrionici Sileni, sotto
gli quali sta ricoperto, ascoso e sicuro il tesoro della bontade e veritade: come per il contrario si trovano più che
molti, che sotto il severo ciglio, volto sommesso, prolissa barba, e toga maestrale e grave, studiosamente a danno
universale conchiudeno l’ignoranza non men vile che boriosa, e non manco perniciosa che celebrata ribaldaria.
Qua molti che per sua bontà e dottrina non possono vendersi per dotti e buoni, facilmente potranno farse innanzi
mostrando quanto noi siamo ignoranti e viziosi: ma sa Dio, conosce la verità infallibile che come tal sorte d’uomini
son stolti, perversi e scelerati, Cossì io in miei pensieri, paroli e gesti non so, non ho, non pretendo altro che
sincerità, simplicità, verità». Per questo tipo di organizzazione si rimanda a Cena 431-4, 438-40; De la causa 593-
7, 607-8; Furori 487-500.

71
enunciativo, mai del tutto sopiti e già emersi dall’analisi riguardo alla serializzazione della
dittologia e dello schema enumerativo (cfr. supra 1.1.2 e 1.1.3)52.

1.2.Figure del parallelismo

Le figure del parallelismo sintattico comprendono, nella presente griglia, unicamente i


costrutti a base binaria, considerati in modo indipendente dalla serialità. La sola eccezione è
costituita dall’espansione delle strutture binarie, che può realizzarsi come dilatazione di un
unico lembo oppure come replicazione dell’intera struttura. La figura di riferimento è dunque
l’isocolo bimembre, al quale affianchiamo la correlazione sintattica in virtù del principio di
isomorfismo che regola i rapporti tra i due segmenti, i quali tendono naturalmente a una
disposizione in parallelo. Le strutture correlative più frequenti, lo abbiamo ricordato, sono nei
dialoghi la correlazione coordinata con valore avversativo (in parte corrispondente all’antica
correctio) e la comparazione, che invece si colloca tra le correlazioni subordinate e si distingue
in comparazione di grado o di analogia. Quanto all’isocolo, ci serviremo talvolta della
distinzione sintattica tra subiunctio (equivalenza tra segmenti autonomi) e adiunctio (tra
segmenti non autonomi), peraltro operativa unicamente sul piano della frase semplice. Il
parallelismo sarà però osservato anche sul piano della frase complessa.
L’esclusione dell’isocolo a più membri si giustifica in nome di una tendenziale
differenziazione delle funzioni, per cui il parallelismo, sia pure spesso dilatato o replicato, si
posiziona dal lato della simmetria, non della proliferazione. Il che significa un’implicazione
stretta nel ragionamento, o più precisamente nella dinamica di differenziazione e associazione

52
Per un esempio di dominio ritmico del modulo ternario esterno alle dedicatorie si può vedere il passaggio
seguente, tratto dal dialogo primo del De la causa. Il princeps Filoteo sta presentando i personaggi del secondo
livello rappresentativo quando, giunto al pedante Polihimnio, si lascia andare a una lunga digressione polemica
nella quale, con voce di falsetto, si appropria della visione e della parola pedantesca a fini ironico-polemici: De la
causa, 635-6, «Questo sacrilego pedante avete per il quarto: uno de rigidi censori di filosofi, onde si afferma
Momo; uno affettissimo circa il suo gregge di scolastici, onde si noma nell’amor socratico; uno perpetuo nemico
del femineo sesso, onde per non esser fisico, si stima Orfeo, Museo, Titiro et Amfione. Questo è un di quelli che
quando ti arran fatta una bella construzzione, prodotta una elegante epistolina, scroccata una bella frase da la
popina ciceroniana, qua è risuscitato Demostene, qua vegeta Tullio, qua vive Salustio; qua è un Argo che vede
ogni lettera, ogni sillaba, ogni dizzione; qua Radamanto umbras vocat ille silentum, qua Minoe re di Creta urnam
movet». L’appropriazione ironica, a fini distruttivi, della parola altrui è fenomeno ricorrente nei dialoghi (si torni
ad esempio a De l’infinito 112, cfr. supra 1.1.2.3). Quanto alla forma, invece, il passo dispone in sequenza questi
costrutti: tre adiunctiones; tre adiunctiones e tre subiunctiones che amplificano ciascuno dei due lembi della frase
complessa; una coda di altre tre subiunctiones identiche alle precedenti, la prima delle quali ospita un tricolon
anaforico. La coda è separata coscientemente tramite il punto e virgola, secondo un uso puntuativo ritmico più che
logico che è la norma nella punteggiatura dei dialoghi.

72
concettuale propria della testualità argomentativa. Tale coinvolgimento è però un fatto generale,
non certo solo bruniano, nel quale risulta assai difficile discriminare ciò che è stile da ciò che è
grammatica, nel pensiero come nella scrittura. Si cercherà allora, per quanto possibile, di
mostrarne l’integrazione con le necessità espressive proprie dei dialoghi e con i temi cari alla
ricerca filosofica dell’autore.

1.2.1. Frase semplice e frase complessa

La funzionalità argomentativa è subito evidente nel caso seguente, dove l’adiunctio


trimembre risulta perfettamente integrata dapprima nel periodo ipotetico, poi nella frase finale,
il cui movimento conclusivo è legato a quanto precede dalla congiunzione «et» in funzione di
connettivo testuale:

De la causa 605-6 Et ivi se il punto può scorrere in lungo, la linea in largo, la superficie in
profondo, l’uno è lungo, l’altra è larga, l’altra è profonda; et ogni cosa è lunga, larga e
profonda53:

Il successivo invece scarta, mostrandoci il ruolo della correlazione correttiva («non


solamente»/«ma ancora») nel contesto epidittico, dove, con il minimo ma non inutile soccorso
della dittologia, essa consente il rilancio violento della critica:

Cena 528 li quali non solamente come falsi acciecano il lume de l’intelletto, ma ancora,
come neghittosi et empii, smorzano il fervore di buoni affetti.

Il passaggio al livello della frase complessa comporta però un immediato restringimento


sulla funzione argomentativa, vista la funzionalità del meccanismo al ragionamento analogico
e induttivo. È quest’ultimo a ritornare nel primo campione, dove da due casi particolari, tra loro
legati da una simmetria senza difetti, si trascorre nel terzo addendo all’enunciazione della legge
generale:

Furori 543 atteso che la fatica fa che troviamo delettazione nel riposo; la separazione è
causa che troviamo piacere nella congiunzione: e generalmente essaminando, si trovarà
sempre che un contrario è caggione che l’altro contrario sia bramato e piaccia.

53
Possiamo recuperare la premessa dell’intero ragionamento nel cotesto precedente («nell’infinito non è differente
il punto dal corpo: per che non è altro la potenza et altro l’atto»)

73
L’esempio allinea per due volte una struttura composta di reggente e subordinata oggettiva,
la quale ritorna una terza volta nel movimento conclusivo, ma in forma mutata per il passaggio
alla costruzione passiva; la sua ricomparsa è inoltre ritardata a causa dell’inserzione di una
gerundiale («e generalmente essaminando»), nonché di una reggente di livello superiore che la
gerarchizza («si trovarà sempre»).
Con i due casi che seguono, il movimento induttivo cede il passo a quello analogico, affidato
alla comparazione di analogia:

De l’infinito 41 Dumque sicome può et ha possuto, et è necessariamente perfetto questo


spacio per la continenza di questo corpo universale, come dici, niente meno può et ha
possuto esser perfetto tutto l’altro spacio.
De la causa 607 E che cossì la infinita dimensione, per non essere magnitudine, coincide
con l’individuo, come la infinita moltitudine, per non esser numero, coincide con la unità.

Nel primo riconosciamo la struttura «sicome»/«niente meno», con la ripetizione che


interviene in funzione di rinforzo a stringere i due lembi; nel secondo la subordinazione si
realizza in entrambi i segmenti per mezzo della causale implicita interposta
Oltre ad associare o differenziare enti e concetti, il parallelismo può subire un caricamento
semantico e farsi correlativo formale dei temi portanti della filosofia bruniana. Il caso che segue,
al di là della forma – ancora una comparazione di analogia, con relativa interposta al centro –,
esprime con rigorosa geometria la reversibilità conseguente alla liberazione del punto di vista
in un universo infinito e relativistico, privo di centro e di limiti periferici54:

De l’infinito 100 E sì come della luna da questa terra, ch’ è un’altra luna, appaiono diverse
parti altre più, altre men luminose, cossì della terra da quella luna, ch’è un’altra terra,
appaiono diverse parti per la varietà e differenza de spacii di sua superfice.

La visibilità della struttura logico-sintattica portata in dote dal parallelismo può essere
tuttavia sfruttata anche a fini epidittici. Così per i due estratti seguenti, che articolano i propri
nuclei polemici servendosi della trasparenza che la disposizione correlativa (ma nel primo non
vi è correlazione sintattica in senso stretto) offre al paragone e alla rettifica:

De la causa 615 Onde vedransi questi, che qual appannata talpa, non sì tosto sentiranno
l’aria discoperto, che di bel nuovo, risfossicando la terra, tentaranno a gli nativi oscuri

54
Il suo correlato formale abituale è in realtà, come vedremo, il chiasmo (cfr. infra 1.3.2.2)

74
penetrali. Quelli qual notturni uccelli, non sì tosto arran veduta spuntar dal lucido oriente
la vermiglia ambasciatrice del sole, che dalla imbecillità de gli occhi suoi verranno inviati
alla caliginosa ritretta.
De la causa 624 perché non tanto quelli, assunti da ogni specie di gentaglie, hanno messo
il sacerdocio in dispreggio, quanto questi, nominati da ogni geno di bestiali, hanno posto
la filosofia in vilipendio.

1.2.2. Espansione delle strutture binarie

L’espansione dei costrutti binari rappresenta indubbiamente un fenomeno di confine tra


parallelismo e serialità. Tuttavia, non appena si considerano le funzioni prevalenti, esso appare
risolutamente orientato verso il primo polo. Quanto alle modalità, è possibile distinguere tra la
dilatazione di un unico lembo o di entrambi separatamente e la replicazione dell’intera struttura,
senza però che tali opzioni vadano di pari passo con una differenziazione degli effetti.
Iniziamo dalla prima possibilità, la moltiplicazione di un singolo semanto della struttura:

De la causa 683 come alcune cose non possono essere evidenti se non con le mani et il
toccare, altre se non con l’udito, altre non, eccetto che con il gusto, altre non, eccetto che
con gli occhi: cossì questa materia di cose naturali non può essere evidente se non con
l’intelletto».
De la causa 737 Qua come certi accidenti UMANI fanno moltiplicazione di questi chiamati
individui dell’UMANITÀ, cossì certi accidenti ANIMALI fanno moltiplicazione di queste
specie dell’ANIMALITÀ. Parimente certi accidenti VITALI fanno moltiplicazione di questo
animato e VIVENTE. Non altrimente certi accidenti CORPOREI fanno moltiplicazione di
CORPOREITÀ. Similmente certi accidenti di sussistenza fanno moltiplicazione di sustanza.

Gli esempi svolgono il consueto ragionamento per analogia; nel primo caso a espandersi è il
comparante («come alcune»/«altre»), situato in prima posizione; nel secondo si verifica
l’opposto, e possiamo notare da un lato l’attenta variatio delle particelle introduttive
(«parimente»/«non altrimente»/«similmente»), dall’altro l’azione compattante della figura
etimologica (in maiuscoletto).
De la causa 691 svolge invece una comparazione di grado non me/che espandendo il
membro subordinato, e non è l’unico caso in cui una forma di serialità sintattica sostiene il
tema, topico presso Bruno, della molteplicità delle filosofie e vie d’accesso alla verità 55 in

55
Sul quale si tenga presente questa interessante nota di Canone (1999, XX-XXI): «In effetti, ogni qualvolta si
faccia riferimento alla pluridimensionalità di quella filosofia, affermando finanche che l’“ingegno speculativo del
Bruno è poligonale”, si deve tener fermo che al pensiero bruniano sono estranei ogni tentativo concordistico come
pure quelle forme di sincretismo e di eclettismo che avevano in diverso modo animato la cultura filosofica del
primo e del pieno Rinascimento, e che si tratta invece di una consapevole variazioni di registri e di linguaggi in
cui è da riconoscere l’istanza fondamentale di una visione policentrica sul piano della descrizione, così come dal

75
rapporto all’unità del vero, qui risolto in funzione del primato dell’effetto coerentemente al
pragmatismo che domina le considerazioni bruniane in questo campo (Ciliberto 1990, 4-5). Si
tratta, da un altro punto di vista, di uno dei molti piani sui quali si proietta la dialettica
fondamentale che nella natura infinita lega Uno e molteplice:

De la causa 691 Circa il modo poi di filosofare, non men comodo sarà di esplicar le forme
come da un implicato, che distinguerle come da un caos, che distribuirle come da un fonte
ideale, che cacciarle in atto come da una possibilità, che riportarle come da un seno, che
dissotterarle alla luce come da un cieco e tenebroso abisso:

Nell’estratto dal De l’infinito (96) troviamo invece un movimento di rettifica, del quale si
espande la sezione negativa che ospita un processo di generalizzazione e prelude a un
rovesciamento marcato dalla comparsa della derivatio:

De l’infinito 96 Dico che il sole non luce al sole, la terra non luce a la terra, nessuno corpo
luce in sé, ma ogni LUMINOSO LUCE nel spacio circa lui.

Sempre la correctio è protagonista degli unici due esempi riportati di dilatazione di entrambi
i lembi del costrutto parallelistico. Nel primo, di sole frasi semplici, la collocazione conclusiva
della correctio chiarita dal connettivo d’apertura chiarisce il valore di sigillo della ripetizione,
cui collabora in funzione di rinforzo l’anafora:

De l’infinito 87 Tanto che non son sfere di superficie concava e convessa, non sono gli orbi
deferenti: ma tutto è un campo, tutto è un ricetto generale.
De la causa 717 la dico privata de le forme e senza quelle, non come il ghiaccio è senza calore, il
profondo è privato di LUCE: ma come la pregnante è senza la sua prole, la quale la manda e la
riscuote da sé; e come in questo emispero la terra la notte è senza LUCE, la quale con il suo scuotersi
è potente di raquistare.

Nel secondo, invece, si argomenta a favore di una materia attiva e non passiva combinando
correzione e comparazione («non come»/«ma come»); entrambi i membri risultano espansi per
coordinazione, asindetica e poi sindetica, il secondo ulteriormente dilatato – ma senza

comunicarsi di una medesima verità: universum <-> multiversum – e il tema dei una pluralità di modi di filosofare,
da una varietà di “modi di essere” a una molteplicità di visioni del mondo, è un motivo conduttore degli scritti di
Bruno, dal De umbris ai poemi francofortesi fino al De imaginum compositione. Se quanto si è osservato vale per
la produzione bruniana nel suo complesso, indubbia è poi la coerenza speculativa dei dialoghi italiani, pur nel
molteplice articolarsi di piani tematici e di livelli espressivi che si realizza pienamente nella forma dialogica e in
una lingua plastica, mobile, conforme alla “varietà infinità infinita dei linguaggi della natura».

76
rinunciare al parallelismo – tramite relativa appositiva; la ripetizione lessicale in posizione
epiforica di «luce» aggiunge un tassello minimo ma prezioso alla corrispondenza.
I casi che seguono ci introducono invece alla replicazione seriale del costrutto binario nella
sua interezza ed uniscono la semplicità strutturale a chiare implicazioni logiche e costruttive,
vuoi nel senso di una maggiore compattezza offerta alla consequenzialità, vuoi in quello della
contrapposizione degli enti e dissociazione dei concetti:

De l’infinito 49 onde non può ESSERE altro che quello che È; non può ESSER tale quale non È; non
può POSSER altro che quel che PUÒ; non può VOLER altro che quel che VUOLE; e necessariamente
non può FAR altro che quel che FA:
Furori 606 Più possono far gli maghi per mezzo della fede, che gli medici per via de la verità: e ne
gli più gravi morbi più vegnono giovati gl’infermi con credere quel tanto che quelli dicono, che
con intendere quel tanto che questi facciono.
Furori 572 Perché la mente l’inalza alle cose sublimi, come l’imaginazion l’abbassa alle cose
inferiori: la mente le mantiene nel stato et identità come l’imaginazione nel moto e diversità; la
mente sempre intende uno, come l’imaginazione sempre vassi fingendo varie imagini.
Furori 643-4 Cossì gli Ebrei quando erano schiavi nell’Egitto e banditi nelli deserti, erano
confortati da lor profeti con l’aspettazione de libertà et acquisto di patria. Quando furono in stato
di domìno e tranquillità, erano minacciati de dispersione e cattività. Oggi che non è male né
vituperio a cui non siano suggetti, non è bene né onore che non si promettano.

In De l’infinito 49, nel quadro del già medievale argomento teologico a favore dell’infinità
dell’universo (una causa infinita ha necessariamente prodotto un effetto infinito), è argomentata
la coincidenza in Dio di libertà e necessità. Essa dà luogo a una scansione in quattro tempi dei
verbi essere-potere-volere-fare, alla cui enunciazione si provvede tramite la messa in parallelo
di una principale negativa il cui oggetto diretto è un pronome indefinito di valore neutro espanso
da una relativa restrittiva; la coincidenza è garantita dalla funzione legante svolta dal polittoto,
mentre il carattere consequenziale e conclusivo dell’ultimo membro è marcato dal connettivo
«e necessariamente». In Furori 606 la comparazione di grado «più»/«che» è raddoppiata, così
da rafforzare il giudizio precedente ricorrendo al punto di vista dei beneficiari dei saperi magico
e medico, i malati, mentre nel successivo (Furori 572) la ripetizione ternaria della
comparazione accresce gradualmente il peso della dissociazione tra le facoltà dell’intelletto
(mens) e dell’immaginazione. Un surplus di individuazione si manifesta nell’ultimo passo tratto
da Furori (643-4), dove la relazione logica espressa dalla replicata adiunctio tra subordinata
temporale e principale non è una generica contrapposizione di stati ma l’inversione circolare
dei rapporti dovuta al regime vicissitudinale della realtà. Si dia uno sguardo, inoltre,
all’equipollenza degli addendi, peraltro tutti amplificati per via di dittologia.

77
Accanto a un impiego funzionale all’esposizione del pensiero, la replicazione del
parallelismo, dopotutto una forma di accumulazione, può legarsi efficacemente alle altre
dominanti pragmatiche della scrittura bruniana: da quella classica dell’esaltazione, qui visibile
nel frammento di encomio tratto dalla dedicatoria del De la causa, a quelle rispettivamente
polemica e comica, per una volta scisse, entrambe espresse con il supporto dell’articolazione
dialogica nei due estratti che seguono:

De la causa 595 Voi dumque dotato di doppia virtù, per cui son potentissime le liquide et amene
stille, e vanissime l’onde rigide e tempestose; per cui contra le goccie si rende sì fiacco il fortunato
sasso, e contra gli flutti sorge sì potente il travagliato scoglio.

Cena 462 SMITHO. — Dimmi: in che modo si potran corregger questi?


FRULLA. — Con toglierli via quel capo, e piantargline un altro.
TEOFILO. — Con toglierli via in qualche modo d’argumentazione quella esistimazion di sapere; e
con argute persuasioni spogliarle quanto si può di quella stolta opinione, a fin che si rendano uditori.
De l’infinito 33-4 ELPINO. — Come è possibile che l’universo sia INFINITO?
FILOTEO. — Come è possibile che l’universo sia FINITO?
ELPINO. — Volete voi che si possa dimostrar questa INFINITUDINE?
FILOTEO. — Volete voi che si possa dimostrar questa FINITUDINE?
ELPINO. — Che dilatazione è questa?
FILOTEO. — Che margine è questa?

Nell’estratto dal primo dialogo della Cena (462), Frulla e Teofilo rispondono diversamente
alla domanda di Smitho sulla possibilità di correggere i cattivi filosofi odierni imbevuti di
presunzione di sapere56. Il parallelismo di livello superiore tra le due coppie di subordinate
modali implicite coordinate, rette dalla stessa interrogativa diretta, acuisce la dissimiglianza
delle due repliche e, illuminando il duplice passaggio dal concreto all’astratto e dal proprio al
figurato, evidenzia gli opposti e complementari ruoli dialogici dei personaggi: da una parte
Frulla è la spalla modellata sul servo da commedia e come tale incarnazione del codice comico,
basso-corporeo o bachtinianamente carnevalesco, dall’altra Teofilo è il portaparola investito di
autorità dalla funzione autoriale. Analoga e insieme maggiore rapidità di movenze mostra
l’incipit del primo dialogo del De l’infinito (33-4) con la sua serie a passo binario di asciutte
interrogative dirette, dove la ripetizione integrale del segmento, fatti salvo i termini contrari,
messi in risalto dall’epifora e dalla figura etimologica, rende icastico e al contempo caricaturale
lo scontro delle posizioni. Questo tipo di attacco ex abrupto si ripropone in modo costante e
scandisce pressoché tutte le sezioni dialogiche interne di ciascuno dei dialoghi italiani,

56
I cattivi filosofi costituiscono una categoria generale che anticipa la comparsa sulla scena dei due dottori
oxoniensi Nundinio e Torquato nel terzo dialogo.

78
costituendo una delle marche più evidenti dell’ibridazione della testualità dialogica con quella
del teatro comico57. Tuttavia, in generale, il talento dialogico di Bruno non è certo quello
galileiano, e sono poche nei sue dialoghi le tracce della raffinata e sovente ironica costruzione
graduale, quasi battuta per battuta, che contrassegna l’argomentazione dei grandi dialoghi
galileiani. Nonostante sia fuor di dubbio che il meccanismo dialogico possa entrare in risonanza
con gli altri livelli della composizione figurale bruniana, nondimeno l’investimento retorico
pare indirizzarsi soprattutto al di sopra e al di sotto delle opzioni di plurivocità e alternanza
enunciativa offerte da questa forma; e colpire da una parte il livello inferiore dell’ornatus
realizzato entro la singola e spesso molto estesa battuta (il presente capitolo valga a mo’ di
prima conferma), dall’altra il piano superiore delle strategie macrotestuali.
Lasciata da parte questa digressione, si vuole concludere con qualche rilievo sulla funzione
peculiare che l’espansione delle strutture binarie assume nella testualità prosastica dei Furori.
Essa costituisce un unicum all’interno dei dialoghi, dominata com’è dalle esigenze di
perspicuitas proprie del commento, ma anche da una necessaria fedeltà alla costruzione
parallelistica e antitetica dei sonetti di materia lirica che esso deve interpretare:

Furori 540-1 [x1] Lui mi tolga de vita, [y1] lei de morte;


[y2] lei me l’impenne, [x2] lui brugge il mio core;
[x3] lui me l’ancide, [y3] lei ravvive l’alma;
[y4] lei mio sustegno, [x4] lui mia grieve salma.
[…]
Reste dumque [x] lui 1 per privarmi de vita, 2 per bruggiarmi, 3 per donarmi la morte, e 4 per salma
de le mie ossa: con questo che [y] lei 1 mi tolga di morte, 2 mi impenne, 3 mi avvive e 4 mi sustente.

Il breve estratto in prosa corrisponde, nel commento, alla seconda quartina del sonetto Premi
(oimè) gli altri, o mia nemica sorte, posto in conclusione al primo dialogo della prima parte.
Due adiunctiones a quattro membri a loro volta in parallelo tra loro sostituiscono, conservando
nei suoi esatti termini l’antitesi tra i due soggetti maschile («lui», ovvero «vago amore») e
femminile («lei», ovvero «nobil faccia»), la disposizione alternata e chiastica del testo in versi;
in forma di schema: x1 y1 / y2 x2; x3 y3 / y4 x4 > x1234 / y1234, dove x = lui e y = lei. La
relazione logica resta la stessa, mentre muta la formulazione sintattica, sostituendo a un
principio costruttivo di natura formale l’associazione del tutto naturale tra un soggetto e i suoi
diversi predicati. Casi del genere sono frequenti nei Furori, e contribuiscono in misura

57
Cfr. Aquilecchia 2000.

79
determinante al profilo della loro testualità prosastica. Tanto la reciproca presupposizione di
testo poetico e commento in prosa quanto l’analoga triangolazione tra ekphrasis, sonetto
esplicativo e commento nei dialoghi I, V e II, I-II58 producono, nella loro radice allegorica e
nelle istanze di chiarificazione, sostituzione e dilatazione semantica che ne derivano, un assetto
testuale anomalo rispetto alla media dei dialoghi (De l’infinito compreso, spesso per nulla
cristallino anche se più orientato verso la referenzialità) perché dominato dall’imperativo della
perspicuitas. I movimenti testuali di taglio espositivo-argomentativo che ospitano la decodifica
delle poesie, già di per sé vincolati giusta la loro dipendenza dai rispettivi ipotesti, si
caratterizzano inoltre per il ricorso sistematico al parallelismo, adottando un espediente formale
che discende naturalmente dalle poesie liriche di partenza, imperniate per statuto su giochi
parallelistici di somiglianza e antitesi; che il commento riprende ed elabora, magari tentandone
lo scioglimento attraverso strategie di semplificazione come nel caso appena osservato.
Un secondo estratto dallo stesso ambito ci riporta alla già vista serializzazione di strutture
già in sé parallelistiche:

Furori 620-1 È tale la mia stella,


che sempre mi si togli ’ e mai si rende,
che sempre tanto bruggia e tanto splende,
sempre tanto crudele e tanto bella:
questa mia nobil face
sempre si mi martòra, e sì mi piace.
[…]
Cossì sempre se gli «toglie» per quanto non se gli concede, sempre se gli «rende» per quanto se gli
concede. «Sempre tanto lo bruggia» ne l’affetto, come sempre «tanto gli splende» nel pensiero;
«sempre è tanto crudele» in suttrarsi per quel che si suttrae, come sempre è «tanto bello» in
comunicarsi per quel che gli se presenta. «Sempre lo martóra», perciò che è diviso per differenza
locale da lui, come sempre gli «piace», percioché gli è congionto con l’affetto.

Ancora una volta si riportano le terzine di un sonetto (Lun’ inconstante, luna varia, quale)
seguite dalla loro traduzione prosastica59. A differenza però di quanto accade nell’esempio

58
I tre dialoghi segnalati hanno diversa struttura formale rispetto a quelli che precedono e seguono: essi consistono
nel commento a una serie di emblemi, che però non sono inclusi nel testo ma solo descritti, poiché pare Bruno non
potesse permettersi la stampa di un ciclo di ben ventotto incisioni (così Miguel Angel Granada nella nota al testo,
a Furori 602). A ogni modo, l’ingresso delle immagini emblematiche genera una tripartizione dello spazio testuale
fra la descrizione della figura (da Bruno detta «corpo» dell’emblema), l’inscriptio che accompagna l’immagine (la
«forma» o «anima» della composizione) e il sonetto che svolge per esteso il senso dell’emblema (la
«dichiarazione»).
59
Il sonetto, di endecasillabi e settenari, è uno tra i moltissimi sonetti bruniani di schema anomalo ABABABCC
dEEDfF, il quale coincide tra l’altro con lo schema più usato in assoluto. Rimando alla Tavola metrica
dell’edizione di riferimento UTET delle Opere italiane, vol. 2, pp.777-81.

80
precedente, il commento si sviluppa tramite l’inclusione di diverse citazioni dai versi 10-12 e
14 all’interno di una serie replicata di comparazioni di analogia di identica struttura
(«cossì»/«come»); il testo poetico è trasferito direttamente e visibilmente nella prosa con
conseguente surplus di chiarezza e continuità. Inoltre, il rapporto logico di semplice
congiunzione espresso nel sonetto dalla dittologia è risolto dalla correlazione in una relazione
logica più precisa, mentre ciascuno dei termini di volta in volta in gioco risulta specificato
grazie all’aggiunta di un determinante.
Il costante ricorso all’espansione delle strutture binarie nei Furori risponde però anche a
un’altra motivazione, della quale danno conto i due prossimi campioni. Alla base di tale
articolazione per coppie replicate vi è il processo di discrezione e disallineamento cui il discorso
sottopone le nozioni relative al tema amoroso: così come il commento realizza, rispetto alle
poesie e alle immagini emblematiche, una decodifica allegorica che conduce dall’amore umano
e carnale a quello divino e spirituale, dall’amante al filosofo furioso, così a più riprese, nel testo
e ancor prima nell’apparato paratestuale, si ricorre al parallelismo e soprattutto alla correlazione
per isolare i «divini et eroici furori» dagli «amori et affetti ordinarii» (Furori 494), «l’amor di
bellezza corporale» dal «desiderio della divina bellezza in se stessa» (Furori 648-9). La nozione
stessa del furore eroico si imprime nella mente dei destinatari per mezzo di una continua, seriale
dissociazione logica dei concetti concorrenti:

Furori 624 perche lui non stima vera e compita virtù di fortezza e constanza quella che SENTE e
COMPORTA gl’incommodi: ma quella che non SENTENDOLI le PORTA; non stima compìto amor
divino et eroico quello che SENTE il sprone, freno o rimorso o pena per altro amore, ma quello ch’a
fatto non ha SENSO de gli altri affetti: onde talmente è gionto ad un PIACERE, che non è potente
DISPIACERE alcuno a distorlo o far cespitare in punto.
Furori 555-6 Questi furori de quali noi raggioniamo, e che veggiamo messi in execuzione in queste
sentenze, non son oblio, ma una memoria; non son negligenze di se stesso, ma amori e brame del
bello e buono con cui si procure farsi perfetto con transformarsi et assomigliarsi a quello. Non è un
raptamento sotto le leggi d’un fato indegno, con gli lacci de ferine affezzioni: ma un impeto
razionale che siegue l’apprension intellettuale del buono e bello che conosce;

Il primo caso presenta una correctio antitetica reduplicata alla quale si aggiunge, a
concludere il ragionamento, una consecutiva forte («talmente»/«che»). A stagliare la
contrapposizione tra l’amore veramente eroico e il suo parente più basso, oltre che all’effetto
di particolare fusione e densità del dettato, concorrono l’allacciamento tramite ripetizione
lessicale («non stima vera e compita»/«non stima compito») e soprattutto la derivatio (in
maiuscoletto), che salda tanto i membri di ciascuna correlazione quanto la serie nel suo

81
complesso. Va poi notato il bilanciamento dei volumi tra le due correctiones, con il primo
addendo maggiore del secondo in entrambi i casi grazie a dittologia ed enumerazione. Furori
555-6, invece, simile per la replicazione della struttura correttiva e l’intervento della dittologia
in serie, questa volta per intensificare il membro positivo, proviene da una lunga battuta di
Tansillo nei pressi dell’apertura del terzo dialogo della prima parte. La correctio si ripete ancora
nel seguito non riportato portando alle estreme conseguenze il processo di progressiva
espansione di entrambi i segmenti già visibile nel brano estratto; un movimento espansivo e
insieme lineare che mescola, secondo una dialettica di opposte spinte tipica della scrittura dei
dialoghi italiani, la costanza della ripetizione del modulo logico-sintattico con la volubilità della
variazione e dilatazione non calcolata, quasi una marea montante.

1.3.Figure della ripetizione

La ripetizione è prima di tutto un fenomeno linguistico e svolge come tale una funzione
testuale, di aiuto alla coesione mediante il «mantenimento della referenza e, quindi, della
continuità del topic» (Mortara Garavelli 1993, 387). Come fatto retorico, invece, la ripetizione
svolge di per sé una funzione ritmica e una funzione di intensificazione, la quale coincide con
l’effetto argomentativo assegnatole dalla teoria dell’argomentazione60. La ripetizione condivide
tale effetto con l’accumulazione, che consiste nell’accrescere la presenza dell’oggetto trattenuto
dalla strategia iterativa. Nessuno di questi aspetti, tuttavia, tocca il nucleo forte della tecnica
iterativa dei dialoghi italiani, dove alla ripetizione spetta piuttosto una funzione strutturante o
ordinativa, di sottolineatura delle scansioni logico-sintattiche e compattazione della linea
discorsiva. La ripetizione è infatti una figura della simmetria, devota più alla chiarezza che
all’insistenza; e quando insiste su di un certo lessema in modo prolungato si tratta spesso di
termini-chiave della metafisica di Bruno quali «uno» e «tutto». La ripetizione è insomma
strettamente legata alla costruzione dell’edificio filosofico, come testimonia anche la sua
capacità di caricarsi concettualmente, agendo in alcuni casi da correlativo formale dei temi
ontologici.
La tipologia qui proposta distingue i fenomeni secondo due categorie generali: la ripetizione
di tipo strutturale, che valorizza la struttura linguistica dell’elemento iterato; la ripetizione di
tipo distributivo, che seleziona invece come pertinente la posizione dell’elemento. Questa

60
Perelman-Olbrechts-Tyteca 19892, 184-5.

82
seconda è a sua volta divisa in due sottotipi, a seconda che la posizione dell’elemento iterato
rimanga identica o risulti per converso variata secondo schemi prestabiliti. Il primo sottotipo,
che comprende l’epifora, l’anafora e il polisindeto, illumina la necessità di adottare un secondo
criterio, il quale risulta decisivo per poter cogliere i fenomeni nella loro interrelazione. Molte
delle ripetizioni analizzate manifestano infatti la propria dipendenza dal parallelismo sintattico,
del quale costituiscono una funzione e in certi casi un semplice epifenomeno. Distingueremo
allora, rispetto al parallelismo, una ripetizione dipendente e una indipendente, cercando di volta
in volta di mostrare l’integrazione dei fenomeni iterativi in equivalenze più ampie o viceversa
la loro autonomia.
Se in campo retorico, come dappertutto, le assenze sono significative tanto e talora più delle
presenze, non si può che notare il vuoto lasciato della ripetizione fonica, escluse rare eccezioni
(Cena 542, «gli animali cornupeti e calcitranti non ne molestaro»; 563, «quella intavolatura e
inchiodatura di lampe»), per lo più spurie in quanto implicate semanticamente in rapporti
paronomastici:

Cena 487 gionsemo per grazia del cielo vivi al porto, idest alla porta: [con passaggio dal figurato
al proprio]
De l’infinito 167 ove di tal angue gli aguzzati denti han morso.
Spaccio 286 e che quanto più cape tanto si fa più cupa:

L’assenza dell’iterazione fonica denuncia lo scarso o nullo interesse di Bruno per la mise en
relief della sola faccia esterna del segno e viceversa la sua scelta in favore di una deformazione
retorica sempre in contatto con la forma (e dunque con la materia) del contenuto. Il piano delle
scelte formali si dimostra quindi coerente con l’avversione programmatica che il filosofo-
scrittore manifesta nei confronti di ogni primato dei verba, mentre simultaneamente allontana
Bruno dall’attrazione barocca per il significante. Nella stessa direzione possiamo collocare
l’impiego non più che sporadico della rapportatio, le cui emersioni si limitano, nel tessuto
prosastico, a pochi ed eccezionali passaggi delle dedicatorie o del commento ai Furori61; con

61
I pochi esempi in prosa compaiono a: Spaccio 171, «Cieco chi non vede il sole, stolto chi nol conosce, ingrato
chi nol ringrazia; se tanto è il lume, tanto il bene, tanto il beneficio: per cui risplende, per cui eccelle, per cui giova;
maestro de sensi, padre di sustanze, autor di vita»; De l’infinito 9, «Se io (o illustrissimo Cavalliero) contrattasse
l’aratro, pascesse un gregge, coltivasse un orto, rassettasse un vestimento: nessuno mi guardarebbe, pochi
m’osservarebono, da rari serei ripreso, e facilmente potrei piacere a tutti. Ma per essere delineatore del campo de
la natura, sollecito circa la pastura de l’alma, vago de la coltura de l’ingegno, e dedalo circa gli abiti de l’intelletto:
ecco che chi adocchiato me minaccia, chi osservato m’assale, chi giunto mi morde, chi compreso mi vora»; in
Furori: 559, «Dove dimostra l’amor suo non esser come de la farfalla, del cervio e del lioncorno, che fuggirebono
s’avesser giudizio del fuoco, della saetta e de gli lacci, e che non han senso d’altro che del piacere»; 587, «Di sorte

83
la specificazione, che è anche una limitazione, che in quest’ultimo caso esse dipendono da
corrispondenti rapportationes incluse nei sonetti di materia amorosa dello stesso dialogo62. Ai
molti testi poetici interessati rispondono peraltro le scarse attestazioni in prosa, a riprova che il
commento preferisce nella più parte dei casi sciogliere l’intrico dei versus rapportati in
organizzazioni della materia ben più lineari e razionali. Le vicende delle rapportatio e della
ripetizione fonica concordano dunque nell’indicarci il netto rifiuto opposto da Bruno alla
locuzione artificiosa così come l’ha definita Giovanni Pozzi.
Per l’epanalessi, più che di assenza, sarà invece corretto parlare di depotenziamento: una
mancanza di vis retorica che conduce a un utilizzo automatico, privo di reali effetti semantici e
argomentativi. La geminatio sembra collocarsi ai margini della tastiera retorica bruniana, ridotta
a un’utilizzazione piattamente convenzionale (quando non destinata a integrarsi senza attrito
nella funzione referenziale). È sufficiente citare alcuni casi dove l’intensificazione emotiva
coincide con un attacco allocutivo o con la presenza di un contesto apologetico o marcatamente
oratorio:

De la causa 703 Contempla, contempla, divino ingegno, qualmente gli egregii filosofanti e de le
viscere della natura discreti notomisti,
De l’infinito 165 Persevera, mio Teofilo, persevera; non dismetter l’animo e non ti far addietro per
quel,
Spaccio 292-3 Da voi, da voi dico proviene ogni inequalità, ogni iniquitade: […] Non sono, non
son io iniqua, che senza differenza guardo tutti,

L’epanalessi, figura fondata sul contatto di due soli membri e predisposta a effetti di rallenti
enfatico-patetico, è lontana tanto dal potere ostensivo e dalla facoltà di allineamento del diverso
propri dell’accumulazione e dell’anafora quanto dalle risorse trasformative e dinamiche della
ripetizione strutturale; per questo essa finisce per occupare la zona grigia dell’usus retorico
bruniano.

1.3.1. Ripetizione di tipo strutturale

ch’il cor che dolcemente languisce, suavemente arde e constantemente nell’opra persevera; teme che la sua ferita
si salde, ch’il suo incendio si smorze e che si sciolga il suo laccio»; 608, «Ma a costui non men piace svanir nelle
fiamme de l’amoroso ardore, che essere abstratto a contemplar la beltà di quel raro splendore, sotto il qual per
inclinazion di natura, per elezzion di voluntade e disposizion del fato, stenta, serve e muore: più gaio, più risoluto
e più gagliardo, che sotto qualsivogli’altro piacer che s’offra al core, libertà che si conceda al spirito, e vita che
si ritrove ne l’alma». L’eccezionalità è evidente: i primi due si collocano in incipit a due testi di dedica, gli ultimi
tre dipendono da precedenti rapportationes poetiche (si veda la nota seguente).
62
Per i sonetti riporto i numeri di pagina seguiti dai versi tra parentesi: Furori 525-6 (8-14), 535 (1-8), 559 (7-14),
560-1, 583 (9-14), 605 (7-8), 606-7 (9-12), 607-8 (9-14), 645-6, 661 (9-14), 662 (3-5, 7-8, 9-14, 15-17), 724.

84
La ripetizione strutturale, nella fattispecie della ripetizione lessicale alterata, occupa un posto
di primo piano nel discorso tecnico della filosofia per la sua capacità esemplare di concentrare
trasformazione e continuità semantica lungo la progressione tematica. Distinguiamo la
«ripetizione con variazione morfologico-sintattica» (Bozzola 1996, 37) da quella «con contatto
etimologico-semantico» (Ibid., 21), adottando due categorie linguistiche tra quelle elaborate da
Frédéric (1985, 27-63), le quali corrispondono alle figure tradizionali del polittoto e della
derivatio (Lausberg 1969, §§ 280-1). Tale bipartizione, che muove da un’esigenza non solo
tipologica quanto soprattutto operativa e di chiarezza nell’esposizione dei risultati, risulta
nondimeno contraddetta dalla costante integrazione contestuale e funzionale dei due tipi lungo
i dialoghi italiani. A questi ne aggiungiamo infine un terzo, la ripetizione con variazione
semantica, che occorre soprattutto come «focalizzazione su uno dei tratti semantici della
parola» (Bozzola 1996, 38) o vero e proprio cambio di referente.

1.3.1.1.Ripetizione con variazione morfologico-


sintattica

La ripetizione con alterazione sui versanti sintattico e morfologico può essere ulteriormente
suddivisa al suo interno secondo il contatto o la distanza tra le repliche. Questa seconda variante
coincide di norma con l’integrazione nel parallelismo sintattico, del quale l’iterazione, in
posizione per lo più epiforica, interviene a rafforzare il rapporto semantico (di somiglianza o
contrapposizione): De la causa 654, «il divino che è tutto, questo mundano che fa tutto, gli altri
particolari che si fanno tutto»; 655, «l’una, la quale è causa, non già efficiente, ma per la quale
l’efficiente effettua». La figura evidenzia la trama logica quando supporta la dissociazione tra
due nozioni (De la causa 646, «Non facilmente la causa prossima e principio prossimo;
difficilissimamente (anco in vestigio) la causa e principio primo») o quando corrobora il
ragionamento per analogia (De la causa 659, «non in minor raggione vogliono l’anima essere
tutta in tutto il mondo, e tutta in qualsivoglia parte di quello, che l’anima de gli animali a noi
sensibili, è tutta per tutto») o ancora la consequenzialità (De l’infinito 49, «e veramente se il
primo efficiente non può voler altro che quel che vuole, non può far altro che quel che fa»); che
può arrivare a mettere in discussione: De l’infinito 41, «Può essere, può avere: dumque è?
dumque ha?». Una variante formale interessante è limitata al sintagma nominale e consiste nella

85
retrocessione della testa a determinante nel passaggio dalla prima alla seconda occorrenza (De
la causa 646, «Agevolissima cosa è ordinare le cause, circostanze e metodi di dottrine: ma poi
malamente gli nostri metodici et analitici metteno in esecuzione i loro organi, principii di
metodi et arte de le arti»), con effetto di tipo dissociativo.
Sulla stessa linea sono molti i casi di integrazione non problematica e senza eccedenze nel
movimento del pensiero nei quali l’unica funzione a restare attiva è quella testuale: De la causa
661, «che voleva ogni cosa essere in ogni cosa: perché essendo il spirto o anima o forma
universale in tutte le cose, da tutto si può produr tutto». Il ritorno formale genera poi ridondanza
e quindi incremento della presenza, consentendo di accentare un elemento semantico, e tanto
più quando in combinazione con la serialità: De la causa 687, «e come quella che è parturita e
non parturisce, fondata e non fonda, è rigettata e non rigetta, la dispreggiò e la tenne a vile».
Il polittoto con repliche a contatto (Spaccio 172, «Lasciando dumque il pensier de i tutti a i
tutti, et il dover de molti a molti») è frequente in combinazione con lo schema enumerativo a
tre e più di rado a quattro addendi: Spaccio 182, «dal quale, per il quale e circa il quale si fa la
composizione». Come tale esso condivide alcune possibilità funzionali proprie della categoria
nel suo insieme quali il rinforzo dell’analogia (De l’infinito 26, «eccetto che come tutto è da
buono, cossì tutto è buono, per buono et a buono; da bene, per bene, a bene») e la
differenziazione:

Spaccio 258 perché non è l’uno, non è l’ente, il vero; ma de l’uno, de l’ente, del vero; a
l’uno, a l’ente, al vero; per l’uno, per l’ente, per il vero; nell’uno, nell’ente, nel vero; da
l’uno, da l’ente, dal vero.

L’ultimo esempio mostra la figura all’interno di una correlazione correttiva nel quadro della
distinzione di stampo neoplatonico tra la sapienza sopraceleste e quella mondana. Una volta
esclusa la coincidenza tra questi due termini, altre relazioni logiche restano valide:
l’appartenenza o identità materiale (de), l’orientamento (a), la strumentalità (per), l’inclusione
(nel), la successione o dipendenza logico-ontologica (da). Tale sottotipo enumerativo può
inoltre caricarsi di risonanze concettuali specifiche:

Spaccio 183 Questo è il nume, l’eroe, il demonio, il dio particolare, l’intelligenza: in cui,
da cui e per cui, come vegnon formate e si formano diverse complessioni e corpi, cossì
viene a subintrare diverso essere in specie, diversi nomi, diverse fortune.
Spaccio 198 Quello che da ciò voglio inferire è: che il principio, il mezzo et il fine; il
nascimento, l’aumento e la perfezzione di quanto veggiamo, è da contrarii, per contrarii,

86
ne’ contrarii, a contrarii: e dove è la contrarietà, è la azzione e reazzione, è il moto, è la
diversità, è la moltitudine, è l’ordine, son gli gradi, è la successione, è la vicissitudine.
Spaccio 296 Io in un momento et insieme insieme vo e vegno, stabilisco e muovo, assorgo
e siedo, mentre a diverse et infinite cose con diversi mezzi de l’occasione stendo le mani.
Discorremo dumque da tutto, per tutto, in tutto, a tutto: quivi con Dei, ivi con gli eroi; qua
con uomini, là con bestie.

Il sottotipo enumerativo del polittoto tende a comparire quando un unico principio o


referente risulta attraversato da una pluralità tendenzialmente illimitata di relazioni logiche.
Esso è sfruttato per veicolare un senso di totalità, come nel caso in cui la Fortuna esprime con
orgoglio l’estensione infinita del proprio dominio (Spaccio 296). La figura si presta dunque
all’espressione dei fondamenti: un’unica sostanza è sostrato della diversità individuale dei corpi
e delle anime (Spaccio 183) così come la contrarietà è il fondamento della dinamicità del reale
e più precisamente della vicissitudine (Spaccio 198). Perfettamente confruente, dunque, che
uno dei lessemi coinvolti con maggior frequenza nella ripetizione con variazione morfologico-
sintattica sia proprio «tutto»; quest’ultimo, preso dentro a successioni iterative anche molto
estese, testimonia il ruolo della ripetizione nel marcare a fondo alcune priorità concettuali:

De la causa 669-70 Dovete avvertire, che se l’anima del mondo e forma universale se
dicono essere per tutto, non s’intende corporalmente e dimensionalmente, per che tali non
sono, e cossì non possono essere in parte alcuna: ma sono tutti per tutto spiritualmente;
come per essempio (anco rozzo) potreste imaginarvi una voce, la quale è tutta in tutta una
stanza et in ogni parte di quella: per che da per tutto se intende tutta; come queste paroli
ch’io dico sono intese tutte da tutti, anco se fussero mille presenti, e la mia voce si potesse
giongere a tutto il mondo, sarebe tutta per tutto. Dico dumque a voi mastro Polihimnio, che
l’anima non è individua, come il punto, ma in certo modo come la voce. E rispondo a te
Gervasio, che la divinità non è per tutto, come il Dio di Grandazzo è in tutta la sua cappella:
per che quello, benché sia in tutta la chiesa, non è però tutto in tutta; ma ha il capo in una
parte, li piedi in un’altra, le braccia et il busto in altre et altre parti. Ma quella è tutta in
qualsivoglia parte, come la mia voce è udita tutta da tutte le parti di questa sala.

De la causa 728 sicuramente possiamo affirmare che l’universo è tutto centro, o che il
centro de l’universo è per tutto; e che la circunferenza non è in parte alcuna, per quanto è
differente dal centro; o pur che la circonferenza è per tutto, ma il centro non si trova in
quanto che è differente da quella. Ecco come non è impossibile, ma necessario che l’ottimo,
massimo, incomprehensibile, è tutto, è per tutto, è in tutto: perché come semplice et
indivisibile può esser tutto, esser per tutto, essere in tutto. E cossì non è stato vanamente
detto che Giove empie tutte le cose, inabita tutte le parti de l’universo, è centro de ciò che
ha l’essere: uno in tutto, e per cui uno è tutto. Il quale essendo tutte le cose e comprendendo
tutto l’essere in sé, viene a far che ogni cosa sia in ogni cosa. Ma mi direste: perché dumque
le cose si cangiano, la materia particulare si forza ad altre forme? Vi rispondo, che non è
mutazione che cerca altro essere, ma altro modo di essere. E questa è la differenza tra
l’universo e le cose de l’universo: perché quello comprende tutto lo essere e tutti modi di
essere; di queste ciascuna ha tutto l’essere, ma non tutti i modi di essere.

87
Domina quindi anche in questo campo l’asservimento della figura alle necessità espressive
immediate, come ben mostra un altro caso, prelevato dalla Cabala (439-40), di scansione
aritmica ma ossessiva di un intero passo a opera del sostantivo centrale dell’intero dialogo, dove
è chiaro che, al di là dell’interpretazione dell’episodio biblico dell’asina di Balaam (Numeri,
22, 28-33) in chiave cabalistica, a contare è il ribattimento:

Cabala 439-40 Qua vedete qualmente quel profeta illuminato dovendole benedire in terra,
andò a presentarseli montato sopra l’asino, per la voce dell’asino venne instrutto dalla
divina volontà, con la forza dell’asino vi pervenne, da sopra l’asino stese le mani alle tende,
e benedisse quel popolo de Dio santo e benedetto: per far evidente che quelli asini saturnini
et altre bestie che hanno influsso dalle dette Sephirot, da l’asino archetipo, per mezzo
dell’asino naturale e profetico, doveano esser partecipi de tanta benedizzione.

1.3.1.2.Ripetizione con contatto etimologico-semantico

Per forma e funzione, la ripetizione con contatto etimologico-semantico non innova e


conserva il repertorio di quella con variazione morfologica e nella prospettiva sintattica. Che
tale somiglianza non sia un fatto solo paradigmatico, è testimoniato dall’alta frequenza della
configurazione integrata – dico integrata e non semplicemente mista, poiché le due figure
collaborano allo stesso effetto semantico:

De l’infinito 29 atteso che quanto che ricevete da altri è testimonio de l’altrui virtute, ma
il tanto che fate ad altro, è segno et indizio espresso de la vostra.
De l’infinito 101 dall’oscuro al men oscuro, al chiaro, al più chiaro, al chiarissimo? dal
tenebroso al lucidissimo, dall’alterabile e corrottibile al libero d’ogni alterazione e
corrozzione? dal gravissimo al grave, da questo al lieve, dal lieve al levissimo, indi a quel
che non è grave né lieve? dal mobile al mezzo, al mobile dal mezzo, indi al mobile circa il
mezzo?
Spaccio 257-8 e non è verità istessa, ma è verace e partecipe della verità;

Al legame con il parallelismo e con la contrapposizione espressa tramite correctio, anche


qui normale e frequente (De la causa 710-1, «Per il che il mondo superiore non solamente deve
esser stimato per tutto indivisibile, ma anco per alcune sue condizioni divisibile e distinto; la
cui divisione […]»), possiamo aggiungere la dittologia con parentela etimologica che produce
amplificazione: Cena 472, «tentato e ritentato»; 488, «i saluti e i risaluti»; 526, «faurita e
favorevole». La derivatio mette spesso in rilievo un’antitesi (De la causa 646, «che chi conosce
le cose causate e principiate, conosca la causa e principio»; De l’infinito 136, «si contentano
saper secondo che comunmente è stimato il sapere; amici poco di vera sapienza») oppure

88
intensifica un nucleo semantico tramite il mutamento di classe lessicale da aggettivo a nome –
e quindi da attributo a sostanza: Spaccio 256, «perché la verità è la cosa più sincera, più divina
di tutte: anzi la divinità e la sincerità, bonta e bellezza delle cose è la verità»63. Allo stesso
modo non mancano gli aspetti logici legati alla dissociazione64, all’analogia (Furori 603, «e
secondo la misura con cui l’acqua se risolve in vapore, soffiando svapora in aria»), così come
la piena integrazione nel ragionamento65; e si noti la congiunzione specifica con la reversibilità
significata dal mito di Atteone nei Furori, dove ques’ultimo funge da schema interpretativo
della conoscenza per furore:

Furori 577 «Vedde il gran cacciator»: comprese quanto è possibile, e «dovenne caccia»:
andava per predare e rimase preda, questo cacciator, per l’operazion de l’intelletto con cui
converte le cose apprese in sé66.

1.3.1.3.Ripetizione con variazione semantica

La ripetizione con variazione semantica è presente nei dialoghi italiani prima di tutto come
semplice aequivocatio. Come tale rafforza la consequenzialità evidenziando il rapporto
intrinseco tra il soggetto e il proprio predicato (De la causa 656, «cossì l’anima de l’universo,
in quanto che anima et informa»). A essa si può ricorrere per esprimere in modo icastico
l’associazione concettuale, come nel caso della definizione dell’universo come infinito in atto
attraverso l’opposizione tra il fine come termine di un processo e la fine come limite estremo
di un oggetto o di un evento:

Furori 566 onde vegna a constituirse un fine dove non è fine.


CICADA. — Degnamente, perché l’ultimo fine non deve aver fine, atteso che non sarebe
ultimo. È dumque infinito in intenzione, in perfezzione, in essenza et in qualsivoglia altra

63
Anche a fini ironici (Spaccio 380-2, «che la divinità tutta è madre di Greci, et è come nemica matrigna de l’altre
generazioni: onde nessuno può esser grato a’ dèi altrimente che grechizando, idest facendosi Greco; perché il più
gran scelerato è poltrone ch’abbia la Grecia, per essere appartenente alla generazione de gli dèi […]») o polemici:
Cena 461, «Io fo poco conto del vostro conto, niente istimo la vostra stima»; 495, «Questo pazzo il quale teme et
ha zelo che alcuni impazzano con la dottrina del Copernico».
64
Furori 555, «Gli primi hanno più dignità, potestà et efficacia in sé: perché hanno la divinità. Gli secondi son
essi più degni, più potenti et efficaci, e son divini. Gli primi son degni come l’asino che porta li sacramenti: gli
secondi come una cosa sacra».
65
Furori 712, «Quindi si dice il core essere prencipe de vita, e non esser vivo; si dice appartenere a l’alma animante,
e quella non appartenergli: perché è infocato da l’amor divino, e convertito finalmente in fuoco, che può accendere
quello che si gli avicina: atteso che avendo contratta in sé la divinitade, è fatto divo».
66
Alla spiegazione di Tansillo segue a Furori 578 la risposta di Cicada: «Intendo: Perché lo amore transforma e
converte nella cosa amata».

89
maniera d’esser fine. [con rinforzo tramite ripresa dialogica che rispetta l’ordine semantico
delle due repliche]

In altri casi, forse più interessanti, l’enfasi si realizza come passaggio dalla classe
referenziale alla focalizzazione su un tratto semantico che può denotare o connotare il referente
oppure appartenere alle risonanze semantiche prodotte dal contesto. In questo modo si può
rinforzare una distinzione o realizzare implicitamente un passaggio argomentativo attraverso
l’identità formale:

De la causa 661 Dico dumque, che la tavola come tavola non è animata, né la veste, né il
cuoio come cuoio, né il vetro come vetro, ma come cose naturali e composte hanno in sé la
materia e la forma.
De la causa 680 per che il primo modo è soverchio e vano a medici, in quanto che son
medici, il secondo è mozzo e diminuto a filosofi, in quanto che son filosofi.

Così, in De la causa 661 si procede dalle classi della tavola, del cuoio e del vetro al
significato contestuale comune a tutte e tre di ente individuale o differenza assoluta , peraltro
secondo il consueto passaggio dal particolare al generale; in De la causa 680 dalle classi dei
medici e dei filosofi a coloro che, rispettivamente, considerano i fenomeni naturali «in un modo
limitato et appropriato» oppure li assumono «assolutamente secondo tutto l’ambito del lor
essere».
Ripetizione focalizzante e cambio di denotatum possono poi combinarsi a fini di
amplificazione come nell’esempio seguente, nel quale l’eccezionalità negativa delle plebe
londinese è “costruita” testualmente cumulando sul sostantivo plebe: un referente indefinito; la
focalizzazione sulla connotazione spregiativa della bassezza morale che diverrà esplicita solo
alla fine dell’enunciato; la combinazione del tratto focalizzato con l’intera classe
nell’espressione del superlativo assoluto «plebe de tutte le plebe»:

Cena 479 ma importunissimamente, a dispetto del mondo ne viene a proposito una plebe,
la quale in esser plebe non è inferiore a plebe alcuna, che pasca nel suo seno la pur troppo
prodiga terra: perché questa veramente dà saggio di plebe de tutte le plebe che io possa
aver sin ora conosciute irrevente, irrespettevole, di nulla civilità, male allevate.

1.3.2. Ripetizione di tipo distributivo

1.3.2.1.Epifora, anafora, polisindeto

90
Anteporre l’epifora all’anafora può sembrare strano, ma solo fino a che non si consideri la
specializzazione funzionale mostrata dalla prima nel contesto dei dialoghi, dove l’epifora
appare slegata dal consueto orientamento oratorio e responsabile piuttosto dell’istanza di
«strutturazione del discorso, in ordine alla virtù della perspicuitas» (Bozzola 1999, 68) che
appartiene in generale alle ripetizione distributive. L’anafora, al contrario, si dimostra piuttosto
sbilanciata verso l’accrescimento epidittico.
La ripetizione epiforica, che abbiamo già incontrato spesso in quanto iterazione dipendente
dal parallelismo sintattico e sede preferenziale di molte ripetizioni lessicali, interviene a
compattare il ragionamento e a rafforzare le relazioni logiche, delle quali accresce la
percepibilità tramite la ripetizione superficiale:

Cena 551 Sappi che né la terra, né altro corpo è assolutamente grave o lieve: nessuno corpo
nel suo loco è grave né leggiero.
Cena 568 Di questi moti, uno che non sii regolato, è sufficiente a far che nessuno de gli
altri sia regolato; uno ignoto fa tutti gli altri ignoti.

Distintivo e frequente, nello stesso ambito, è il sostegno offerto dall’epifora alla


dissociazione delle nozioni [1], volta a volta specificata in una relazione di concessione (Furori
492), sostituzione (Spaccio 253, Furori 551) o opposizione (Spaccio 351), nonché al processo
deduttivo [2]:

[1]
Furori 492 voglio dire che a le donne, benchè talvolta non bastino gli onori et ossequii
divini, non perciò se gli denno onori et ossequii divini.
Spaccio 253 La cognizion divina non è come la nostra, la quale séguite dopo le cose; ma è
avanti le cose, e si trova in tutte le cose,
Furori 551 lamentasi dell’amore, non già perché ami (atteso che a nessuno veramente
amante dispiace l’amare), ma perché infelicemente ami:
Spaccio 351 perché non meritano d’esser presidenti a l’ordine, et a gran torto della Fortuna
presiedeno a l’ordine, quei che non san reggere secondo l’ordine.

[2]
Cena 476 le quali se essi faran degne, saran giudicate degne, et veramente saran degne
Furori 674 come è impossibile che nell’appetito cada altro che bene o specie di bene. E
però massimamente deve convenire l’appetenzia del sommo bene.

In alcuni casi è poi evidente come al supporto portato al movimento di consequenzialità si


sovrapponga, in qualità di valore aggiunto, un piacere della ripetizione, che però riguarda
termini di valenza originaria e forte spessore auratico all’interno del lessico filosofico bruniano:

91
De l’infinito 66 Dumque non essendo spacio del mondo infinito, non è luogo né corpo
infinito. Quanto al peso ancora, non è grave e leve infinito; dumque non è corpo infinito:
come è necessario che, se il corpo grave è infinito, la sua gravità sia infinita;
De l’infinito 71 Soggionge la seconda raggione dicendo che bisogna che di queste specie
ciascuna sia infinita, e per consequenza il luoco di ciascuna deve essere infinito: onde
seguitara che il moto di ciascuna sia infinito;
De l’infinito 133 l’universo è infinito, son terre infinite, dumque puotrà una parte di terra
continuamente muoversi in infinito, e deve aver ad una terra infinitamente distante appulso
infinito e gravità infinita.
De l’infinito 152 Cossì da un motore universale infinito, in un spacio infinito, è un moto
universale infinito da cui dependeno infiniti mobili et infiniti motori, de quali ciascuno è
finito di mole et efficacia.

L’altra funzione dell’epifora è di tipo intensivo e consiste al solito nell’imprimere con


maggior forza un determinato nucleo semantico nella coscienza:

De l’infinito 75 sì che gli contrarii e gli diversi mobili concorreno nella constituzione di
uno continuo immobile, nel quale gli contrarii concorreno alla constituzion d’uno, et
appartengono ad uno ordine, e finalmente sono uno.
De l’infinito 161 e che si diffonde per tutto, penetra il tutto et è continente, contiguo e
continuo al tutto,
Cabala 448 se la più certa cosa ch’egli deve avere, è che lui è un asino e vuole essere asino,
e non può far meglior vita et aver costumi megliori che di asino, e non deve aspettar meglior
fine che di asino, né è possibile, congruo e condigno ch’abbia altra gloria che d’asino?
Spaccio 236 Disse Apolline: «Per esser figlio di Calisto, séguite la madre»; soggionse
Diana: «E perché fu cacciatore d’orsi, séguite la madre, con questo che non gli ficchi
qualche punta di partesana adosso». Aggiunse Mercurio: «E perché vedete che non sa far
altro camino, vada pur sempre guardando la madre:

Al di là dell’intensificazione, in sé non così significativa, riconosciamo la consueta


insistenza sui termini-chiave del pensiero autoriale («uno» in De l’infinito 75 e «tutto» in De
l’infinito 161) accanto a quella portata sul lessema che identifica il centro tematico di un singolo
dialogo (così per l’asino a Cabala 448), mentre a Spaccio 236 l’effetto risulta più forte per il
cambio di locutore. Esiste infine una possibilità di uso polemico dell’epifora più sottile
dell’effetto standard legato al rafforzamento della presenza. Si ricorre cioè alla ripetizione
(peraltro più fluida del normale quanto a distribuzione) per ridurre a puro suono una voce del
lessico filosofico ritenuta priva di radici nello stato delle cose o, con espressione d’autore,
«senza sentimento»:

Cena 550 le spinte, che si chiamano istinti naturali, et altre cose significate per voci senza
sentimento: per che se domandate a questi savii che cosa è quello instinto, non sapranno
dir altro che «instinto», o qualche altra voce cossì indeterminata e sciocca, come questo

92
instinto, che significa principio istigativo, che è un nome comunissimo; per non dir o un
sesto senso, o raggione, o pur intelletto.

Come già detto all’inizio, risalta poi il mancato utilizzo dell’epifora nei genera dicendi di
stampo oratorio normalmente deputati a essa, come strumento di messa in rilievo degli oggetti
di lode e soprattutto di biasimo. Bruno assegna tale pertinenza piuttosto all’anafora e in
subordine alla variante debole del polisindeto, solo o a essa combinato, come ben dimostrano,
oltre ai numerosi casi già visti di inserimento come elemento di rinforzo all’interno
dell’enumerazione, del parallelismo e della serialità sintattica, una serie di occorrenze prelevate
quasi ad apertura di pagina dallo Spaccio, il dialogo oratorio e magniloquente per eccellenza:

Spaccio 195-6 là è il Gusto de gli già detti onorati e gloriosi frutti; ivi il Gaudio, il fiume
de le Delicie, torrente de la Voluptade: ivi la Cena, ivi l’anima […] là è il Termine de gli
tempestosi travagli, ivi il Letto, ivi il tranquillo Riposo, ivi la sicura Quiete.
Spaccio 232 Oggi il morbo, la peste, la lepra si bandisce dal cielo a gli deserti; oggi vien
rotta quella catena di delitti, e fracassato il ceppo de gli errori che ne ubligano al castigo
eterno.
Spaccio 318 Chi è quello, o Dei, che ha serbata la tanto lodata età de l’oro, chi l’ha instituta,
chi l’ha mantenuta, altro che la legge de l’Ocio, la legge della natura? Chi l’ha tolta via?
chi l’ha spinta quasi irrevocabilmente dal mondo, altro che l’ambiziosa Sollecitudine, la
curiosa Fatica?

Spaccio 214 e per scossa di maraviglia, e per punta di timore, e per émpito di riverenza e
di rispetto,
Spaccio 313 mia diletta e gentil figlia e sorella et amica.
Spaccio 364 e questa sarà la vecchiaia et il disordine e la irreligione del mondo.

Le occorrenze del polisindeto in contesti a dominante ragionativa sono all’opposto assai rare
nonostante il chiaro effetto legante che la figura esercita sulla linea discorsiva, i cui scatti logici
appaiono riassorbiti nel moto continuo delle congiunzioni:

De la causa 605-6 e nella sua essenza questo e quell’altro essere specifico non è altro et
altro; e però nell’universo non è numero, e però l’universo è l’uno. Terzo, che ne l’infinito
non è differente il punto dal corpo: per che non è altro la potenza et altro l’atto; et ivi se il
punto può scorrere in lungo, la linea in largo, la superficie in profondo, l’uno è lungo, l’altra
è larga, l’altra è profonda; et ogni cosa è lunga, larga e profonda: e per conseguenza
medesimo et uno; e l’universo è tutto centro, e tutto circonferenza.

L’anafora non condivide lo stesso orientamento strutturante dell’epifora mentre si lega di


preferenza, oltre che all’apologia e alla deprecazione, alla contemplazione entusiastica della
verità e all’enunciazione apodittica dei postulati del pensiero bruniano:

93
De l’infinito 84-5 Volete dire che non sono come impiastrati in una medesima cupola […]
Volete dire che quelle altre tante terre et altri tanti spaciosissimi corpi tegnono le loro
regioni e sue distanze nell’etereo campo […] Volete dire che non bisogna accettare corpo
spirituale extra l’ottava o nona sfera; ma che […] Volete che non sia l’aria e questo corpo
continente che si muova circularmente, o che rapisca gli astri come la terra e la luna et altri;
ma che quelli si muovano […] Volete per consequenza che l’aria e le parti che si prendeno
nell’eterea regione non hanno moto se non di restrizzione et amplificazione,

È questo il caso di De l’infinito 84-5, dove l’aristotelico Elpino, ormai convertito alle
posizioni bruniane in materia di cosmologia, si rivolge al princeps Teofilo con una battuta il
cui effetto sull’argomentazione può ricordare il già visto Cena 454-6 (cfr. supra 1.1.3.3). Il
convincimento di Elpino non risulta infatti da un’ammissione esplicita, né da un avvicinamento
graduale alle idee avversarie. Al contrario, esso viene messo in scena tramite un discorso “per
interposta persona”, nel quale Elpino attribuisce a Teofilo una serie di asserzioni che non
coincidono solo con le verità di quest’ultimo (che infatti si accontenterà di rispondere con un
secco «Vero», De l’infinito 85), ma anche con il modo espositivo più tipico di quelle verità: una
serie di frasi complesse legate da equivalenze sintattiche piuttosto lasche e cadenzate
dall’attacco anaforico, la quale ricorda irresistibilmente analoghi passaggi ditirambici, di
esaltazione dell’universo infinito, affidati insensibilmente alla voce autoriale (nelle dedicatorie)
come ai suoi vari portaparola (nei dialoghi).

1.3.2.2.Anadiplosi, gradatio, schema additivo, chiasmo

Le rimanenti ripetizioni di tipo distributivo risultano orientate senza equivoci a una funzione
logica e strutturante e sono tra le componenti microretoriche maggiormente implicate nella
tecnica del ragionamento filosofico strettamente inteso.
Dell’anadiplosi distinguiamo secondo criteri formali un tipo forte e un tipo debole: il primo
si caratterizza per la contiguità tra le repliche e la ripetizione lessicale pura, il secondo per la
presenza del polittoto e della figura etimologica (Spaccio 181, «e però né per sé né per accidente
alcuno può esser detta morire; perché morte non è altro che […]»), con un indebolimento che
però non mina la percepibilità della figura. Quanto alle funzioni, l’anadiplosi è, com’è sempre,
figura della chiarezza e dello svolgimento argomentativo: mostra le connessioni e dona
plasticità, visibilità al procedere del pensiero. Lo si vede guardando al suo ruolo testuale, di
segnale della trasformazione da comment a topic e dunque della progressione tematica lineare:

94
Spaccio 291, «alla vera giustizia non conviene, non quadra, anzi ripugna et oltraggia l’opra de
gli occhi. Gli occhi son fatti per distinguere e conoscere le differenze […]». Nella stessa
direzione, ma questa volta operando non tanto come mezzo linguistico quanto come rinforzo
propriamente retorico, l’anadiplosi palesa alcune relazioni logiche, soprattutto quelle di
specificazione e rettifica [1], conseguenza e motivazione [2]:

[1]
De l’infinito 38 Se si risponde che è nulla, questo dirò io esser vacuo, essere inane: e tal
vacuo e tale inane, che non ha modo, né termine alcuno olteriore;
Furori 697 e questa è l’inclinazion ch’hanno alla generazione, come a certo minor bene.
(Minor bene dico per quanto appartiene a quella natura particolare,
De l’infinito 103 Chi non vede che da per tutto della terra escono isole e monti sopra
l’acqua; e non solo sopra l’acqua, ma oltre sopra l’aria vaporoso e tempestoso,

[2]
Furori 584 Indi aviene che qualumque specie gli vegna presentata e da lei vegna compresa:
da questo che è presentata e compresa, giudica che sopra essa è altra maggiore e maggiore,
Spaccio 259 cossì non si trova qua basso chi la possa perfettamente comprendere; perché
non è compresa o veramente non viene appareggiata se non da quello in cui è per essenza:
Furori 526 non ha possut’esser ocioso: perché l’ocio non può trovarsi la dove si combatte
contra gli ministri e servi de l’invidia, ignoranza e malignitade.

Gli estratti mostrano da un lato l’esistenza di una variante con verbum dicendi in funzione
di segnale discorsivo (Furori 697), dall’altro il ruolo di «compattazione del ductus logico-
deduttivo» (Bozzola 1999, 73) assunto dall’anadiplosi quando essa salda la principale alla
propria giustificazione causale. Vi sono anche casi in cui a essere sostenute sono l’estensione
analogica (Spaccio 217, «con cossì chiara evidenza, come chiare et evidenti son le stelle») e
l’opposizione (Furori 733, «Voi dite bene; ma per vostro dire bene non è mistiero ch’io mi
ritratte»), e un tipo particolare, quello della ripresa dialogica, non così frequente e per di più
sostanzialmente privo di quel potenziale argomentativo legato alla costruzione progressiva del
senso idealmente permessa dall’alternanza dei locutori67, a riprova del relativo disinteresse
bruniano per l’azione drammatica come possibilità di «valorizzare il processo euristico» (Altieri
Biagi 1984, 916):

67
Ed è significativo che due delle poche occorrenze dialogiche ritrovate compaiono nelle pagine più conversevoli
riservate alla discussione tra Armesso e Teofilo nel primo dialogo del De la causa: 625, «[…] ma il rumore è
sparso nel modo ch’io vi dico. ELITROPIO. — Il rumore di questo et altro è stato sparso dalla viltà d’alcuni di quei
che si senton ritoccati»; 627, «[…] perché manifestate tai costumi in persone di tal generazione. FILOTEO. — Or
quai costumi son questi nominati».

95
De l’infinito 94 FILOTEO. — Sin qua dice divinamente; ma seguitate apportando quel che
soggionge.
ELPINO. — Per quel che soggionge si può dar ad intendere che questa terra sia un altro sole,
De l’infinito 107 FRACASTORIO. — Cossì have affirmato e confirmato ancora il vostro
principe Aristotele.
BURCHIO. — Questo nostro prencipe è senza comparazione più celebrato e degno e
seguitato che il vostro,

La gradatio¸ con la quale il modello dell’anadiplosi evolve da schema binario a struttura


seriale, è più semplice di quest’ultima sul piano della realizzazioni formali, in sostanza
omogenee, più significativa invece per la sua capacità di istituire legami con alcuni nuclei
semantici del pensiero autoriale diventandone la forma linguistica naturale. Sul piano delle
relazioni logiche, la gradatio non delude le attese e si fa emblema dei versanti speculari della
motivazione [1] e della condizione [2], inscenando vere e proprie catene logiche in virtù del
passaggio alla serie:

[1]
Cena 550 sarrebono mossi violente et accidentalmente, ancor che avessero quella potenza
la quale è detta non repugnante: per che il vero non repugnante è il naturale, et il naturale
(o vogli o non) è principio intrinseco,
De la causa 658 per quanto è capace viene a farsi partecipe di bellezza, atteso che non è
bellezza se non consiste in qualche specie o forma, non è forma alcuna che non sia prodotta
da l’anima.

[2]
De l’infinito 39 Certo mi par che non: per che dove è «nulla», non è differenza alcuna; dove
non è differenza, non è altra et altra aptitudine: e forse manco è attitudine alcuna dove non
è cosa alcuna.
De l’infinito 60 Se questa potenza vi è, dumque il spacio in certo modo è materia: se è
materia, ha l’aptitudine; se ha l’aptitudine, per qual raggione doviamo negargli l’atto?
Cabala 443 perché non ho per inconveniente che chi è ignorante, per quanto è ignorante è
stolto; e chi è stolto, per quanto è stolto è asino: e però ogni ignoranza è asinità.

La forma insieme graduale e continua, senza fratture, offerta dalla gradatio si presta a diversi
riempimenti semantici e tematici. Lungo i dialoghi italiani essa si lega a due processi al tempo
stesso ontologici e logici, l’unificazione e la differenziazione, entrambi concepiti all’interno di
una temporalità omogenea e illimitata. Tutti e due i poli, riconducibili al carattere duale e
ambiguo di un pensiero dove convivono «la via analogica della differenza e la via dialettica
dell’identità» (Mancini 2000, 16-17), la stabilità del profondo e l’incessante brulicare della
superficie, si specificano in più motivi. Da una parte troviamo quindi l’omogeneità in quanto
risultato della reductio ad unum delle differenze individuali (De la causa 605, «Secondo, che

96
in quello non è differente il secolo da l’anno, l’anno dal momento, il palmo dal stadio, il stadio
da la parasanga, e nella sua essenza questo e quell’altro essere specifico non è altro et altro»)
oppure la coincidenza circolare delle diverse manifestazioni dell’uno immanente (Furori 697,
«Questa è la Diana, quello uno che è l’istesso ente, quello ente che è l’istesso vero, quello vero
che è la natura comprensibile»). Dall’altra, invece, la gradatio svolge il proprio percorso
all’interno di una struttura concentrica [1] e insiste sul rovesciamento perenne degli opposti
nella «ruota delle mutazioni» [2]:

[1]
Furori 566 Il corpo dumque è ne l’anima, l’anima nella mente, la mente o è Dio, o è in Dio,
come disse Plotino:
Furori 594 Come quando il senso monta all’imaginazione, l’imaginazione alla raggione, la
raggione a l’intelletto, l’intelletto a la mente, all’ora l’anima tutta si converte in Dio, et
abita il mondo intelligibile.

[2]
Furori 734 Che verità, che ritratto può star depinto et impresso dove le pupille de gli occhi
si dispergono in acqui, l’acqui in vapore, il vapore in fiamma, la fiamma in aura, e questa
in altro et altro, senza fine discorrendo il suggetto del senso e cognizione per la ruota delle
mutazioni in infinito?

Come sempre nel dettato magmatico e vibrante dei dialoghi, infine, ci imbattiamo in
configurazioni singolari, legate a una precisa, contingente urgenza espressiva:

De la causa 653-4 Da noi si chiama «artefice interno», perché forma la materia, e la figura
da dentro, come da dentro del seme o radice manda et esplica il stipe, da dentro il stipe
caccia i rami, da dentro i rami le formate brancie, da dentro queste ispiega le gemme, da
dentro forma, figura, intesse, come di nervi, le frondi, gli fiori, gli frutti, e da dentro a certi
tempi richiama gli suoi umori da le frondi e frutti alle brance; da le brance, a gli rami; da
gli rami, al stipe; dal stipe alla radice:
De la causa 682 GERVASIO. — Come si può saldar questa similitudine?
TEOFILO. — Non vedete voi che quello che era seme si fa erba, e da quello che era erba
si fa spica, da che era spica si fa pane, da pane chilo, da chilo sangue, da questo seme, da
questo embrione, da questo uomo, da questo cadavero, da questo terra, da questa pietra o
altra cosa, e cossì oltre per venire a tutte forme naturali?
GERVASIO. — Facilmente il veggio.
TEOFILO. — Bisogna dumque che sia una medesima cosa che da sé non è pietra, non terra,
non cadavero, non uomo, non embrione, non sangue o altro: ma che dopo che era sangue,
si fa embrione ricevendo l’essere embrione; dopo che era embrione, riceva l’essere uomo,
facendosi omo: come quella formata dalla natura che è soggetto de la arte, da quel che era
arbore, è tavola, e riceve esser tavola; da quel che era tavola, riceve l’esser porta, et è porta.

Nel primo dei due, la gradatio amplifica la giustificazione causale che spiega l’origine del
nome, e rende icasticamente il carattere continuo, graduale e reversibile (che accompagna

97
l’intero arco di vita dell’ente, dalla generazione alla corruzione) dell’azione formatrice svolta
dall’intelletto universale. Nel successivo, dove la funzione testuale della ripetizione domina
forse su quella retorica, la figura mostra ancora un orientamento esplicativo, visto che la figura
è sollecitata da Teofilo affinché chiarisca a sua volta un’altra figura dell’elucidazione, la
similitudine, di cui il princeps ha già amplificato il comparante. È quindi ora la volta del
comparato, che la gradatio espande dietro esplicita richiesta dell’interlocutore debole,
Gervasio, «non […] tanto prattico in filosofia». Il contesto è quello della concezione bruniana
della materia, la comparazione quella topica tra l’arte e la natura, mentre sul versante della
forma si può notare come in entrambi i campioni, giusta la loro vicinanza semantica, le due
occorrenze della gradatio contengano una retrogradatio che mima la perfetta circolarità del
processo. A questa singolare coincidenza di passaggi testuali due altre esempi replicano
mostrando la propria divaricazione, a riprova di come nemmeno questa figura sfugga a una sua
messa in contesto libera e non sistematica. Da una parte la gradatio unita al parallelismo
sintattico si inserisce, portando in dono la propria nettezza di articolazione, nella numerazione
di tipo scolastico degli argomenti aristotelici contro l’infinità dei mondi; dall’altra demarca la
chiusa dialogica per farsi pointe finale, effetto di teatro:

De l’infinito 147 Il mondo è perfetto: prima come specie di continuo che non si termina ad
altra specie di continuo; perché il punto indivisibile matematicamente corre in linea, che è
una specie di continuo; la linea in superficie, che è la seconda specie di continuo; la
superficie in corpo, che è la terza specie di continuo.
De l’infinito 57 Et io quantumque poco intendente, se non intenderò li sentimenti, ascoltarò
le paroli; se non ascoltarò le paroli, udirò la voce.

Lo schema additivo «consiste nell’enumerare diversi elementi, e alla fine, nel ripeterne la
menzione, usando lo stesso vocabolo e mantenendo l’ordine nel quale furono enumerati» (Pozzi
1984, 117); ne distinguiamo due varianti, una ascendente (x y / x… y…) e una discendente (x…
y… / x y). Mentre la rapportatio è figura della composizione, lo schema additivo «costruisce
in modo perentorio» (ibidem) e nei dialoghi, specialmente nella sua forma ascendente, è veicolo
espressivo dell’esposizione concettuale lineare e progressiva, la ricollezione degli elementi
essendo funzionale alla loro definizione e specificazione:

De l’infinito 142 Indi s’inferisce che fuor di questo corpo non può essere loco né pieno né
vacuo, né tempo. Non vi è loco, per che se questo sarà pieno, contenerà corpo o semplice
o composto: e noi abbiamo detto che fuor del cielo non v’è corpo né semplice né composto;
se sarà vacuo, all’ora secondo la raggion del vacuo (che si definisce spacio in cui può esser

98
corpo), vi potrà essere: e noi abbiamo mostrato che fuor del cielo non può esser corpo. Non
vi è tempo, perché il tempo è numero di moto […]

Come tale è ben attestato, dando luogo a un movimento di definizione che può essere
contrastivo68 o semplice, tramite la qualificazione o giustificazione causale delle due o più
nozioni in oggetto. La stessa configurazione si presta, nella testualità sintetica degli Argomenti,
alla tabulazione razionale della materia che sarà poi sviluppata con altra ampiezza nel testo69,
mentre nei Furori essa è sollecitata, come già mostrato trattando del parallelismo sintattico,
dalle necessità di scioglimento lineare della complessità proprie del commento ai materiali
rappresentativi, siano essi sonetti o emblemi70. Nei dialoghi non manca però nemmeno la
variante discendente, che insieme a quella ascendente o espansiva può essere integrata nello
svolgimento argomentativo del quale rafforza le relazioni, siano esse la comparazione, la
sostituzione o la concessione:

Cena 536 Quando ero più giovane e men savio, la stimai verisimile. Quando ero più
principiante nelle cose speculative, la tenni sì fattamente falsa, che mi maravigliavo
d’Aristotele che non solo non si sdegnò di farne considerazione, ma anco spese più de la
mittà del secondo libro Del cielo e mondo forzandosi dimostrar che la terra non si muova.
Quando ero putto et a fatto senza intelletto speculativo, stimai che creder questo era una
pazzia: e pensavo che fusse stato posto avanti da qualcuno, per una materia sofistica e
capziosa, et esercizio di quelli ociosi ingegni, che vogliono disputar per gioco, e che fan
professione di provar e defendere che il bianco è nero. Tanto dumque io posso odiar voi
per questa caggione, quanto me medesmo quando ero più giovane, più putto, men saggio
e men discreto.
Furori 561 la qual non consiste nelle dimensioni maggiori o minori, non nelli determinati
colori o forme, ma in certa armonia e consonanza de membri e colori
De l’infinito 121 perché cossì il centro d’un’altra terra non è centro di questa, e la
circonferenza sua non è circonferenza di costei, come l’anima mia non è vostra, la gravità

68
Cena 439, «per che son certo che sappiate esser differenza da togliere una cosa per fondamento, e prenderla per
occasione. I fondamenti in vero denno esser propozionati alla grandezza, condizione e nobiltà de l’edificio. Ma le
occasioni possono essere di tutte sorte, per tutti effetti: per che cose minime e sordide son semi di cose grande et
eccellenti».
69
Ecco ad esempio l’argomento al secondo dialogo del De la causa (598): «Sesto, qual sia la causa la quale si
distingue in efficiente, formale e finale: et in quanti modi è nominata la causa efficiente, e con quante raggioni è
conceputa. Come questa causa efficiente è in certo modo intima alle cose naturali, per essere la natura istessa; e
come è in certo modo esteriore a quelle. Come la causa formale è congionta a l’efficiente, et è quella per cui
l’efficiente opera; e come la medesima vien suscitata dall’efficiente dal grembo de la materia».
70
Si veda Furori 535-6, dove uno schema additivo a quattro termini risolve l’intrico dei versus rapportati del
precedente sonetto Amor, sorte, l’oggetto e gelosia (vv. 1-8): «Mette quattro cose avanti: l’«amore», la «sorte»,
l’«oggetto», la «gelosia». Dove l’amore non è un basso, ignobile et indegno motore, ma un eroico signor e duce
de lui; la sorte non è altro che la disposizion fatale et ordine d’accidenti alli quali è suggetto per il suo destino;
l’oggetto e la cosa amabile, et il correlativo de l’amante; la gelosia è chiaro che sia un zelo de l’aman te circa la
cosa amata, il quale non bisogna donarlo a intendere a chi ha gustato amore, et in vano ne forzaremo dechiararlo
ad altri». E per un caso invece dialogico, in cui la spalla pone i due termini interrogando il princeps, al quale
compete lo sviluppo, si veda poco più indietro quanto avviene a Furori 527.

99
mia e di mie parti non è corpo e gravità vostra; benché tutti cotai corpi, gravitadi et anime
univocamente si dicano e sieno di medesima specie.71

Nel medesimo settore la forma ascendente corrisponde poi alla biforcazione ipotetica e alla
discussione in ordine lineare delle condizioni fatte oggetto di dimostrazione72. Mentre sul piano
dell’elaborazione, come sarà per il chiasmo, vi sono figurazioni eccedenti o verso il basso, per
la rottura del parallelismo e la spontanea fluidificazione del segmento finale (come la già citata
Cena 536), o verso l’alto, per l’artificiosità di derivazione chiastica che le contraddistingue:

De l’infinito 159 Ecco dumque quali son gli mondi e quale è il cielo. Il cielo è quale lo
veggiamo circa questo globo, il quale non meno che gli altri è astro luminoso et eccellente.
Gli mondi son quali […]
Spaccio 310 Fà ch’il mio lavoro sia occolto e sia aperto: aperto, acciò che non ogniuno il
cerca et inquira; occolto, acciò che non tutti, ma pochissimi lo ritroveno. Perché sai bene
che le cose occolte sono investigate, e le cose inserrate convitano gli ladroni.

Nella prosa volgare bruniana, il chiasmo è la figura che più si presta, assieme alla gradatio,
al ruolo di correlativo stilistico del movimento del pensiero e dei suoi nuclei pulsanti. D’altro
canto, le numerose occorrenze di questo procedimento faticano più che altrove a essere ridotte
a un minimo comune denominatore: alla funzione correlativa e a quella, già vista nell’anadiplosi
e nella gradatio, di enfatizzazione delle relazioni logiche, fa da sponda un uso puramente
formale, di variatio e ornamento, che non meraviglia nella misura in cui costituisce una più che
naturale compensazione alla pervasività della ripetizione e del parallelismo:

Cena 487 trovammo a basso de molti e diversi personaggi, diversi e molti servitori:
Spaccio 250 perché ivi secondo la raggione e misura dell’effettiva virtude particulare,
séguita la misura e raggione de l’atto particolare circa il particular suggetto;
Furori 497 perché come gli furori di quel sapiente Ebreo hanno gli proprii modi ordini e
titolo che nessuno ha possuto intendere e potrebbe meglio dechiarar che lui se fusse
presente; cossì questi Cantici hanno il proprio titolo ordine e modo che nessun può meglio
dechiarar et intendere che io medesimo quando non sono absente.

Quanto alle forme, oltre a quella standard insieme sintattica e lessicale troviamo il tipo in
cui la simmetria è puramente sintattica (De la causa 629, «e per il più sotto titolo di dottori
cacciano annulati cavalli et asini diademati») e quello opposto soltanto lessicale o meglio

71
Sia in De l’infinito 121 che in Cena 536 va notata la lieve ma evidente perturbazione della geometria.
72
De l’infinito 145, «Settimo, se son più mondi, o son finiti o son infiniti; se sono infiniti dumque si trova l’infinito
in atto: il che con molte raggioni è stimato impossibile; se sono finiti, bisogna che sieno in qualche determinato
numero, e sopra di questo andaremo investigando».

100
semantico, dato che è possibile la sinonimia e che in fin dei conti a contare è piuttosto
l’inversione logica delle res sul piano della dispositio:

De la causa 720 però giudica l’oro esser più nobile che il legno, la pietra et il ferro, perché
è meno soggetto a corrompersi: e ciò che può esser fatto di legno e di pietra, può farsi de
oro, e molte altre cose di più, maggiori e megliori per la sua bellezza, costanza, trattabilità
e nobilità. Or che doviamo dire di quella materia della quale si fa l’uomo, l’oro e tutte cose
naturali?73

Il carattere meno strutturato di questo ultimo esempio dipende in ultima analisi dal suo essere
sovradeterminato dalla scansione informativa e sintattico-semantica del discorso. Molte sono
infatti le occorrenze nelle quali sembra illecito considerare il chiasmo un dispositivo figurale in
senso stretto – esattamente come quando lo schema enumerativo risulta chiuso in partenza e la
sua estensione circoscritta dall’iperonimo che ne è la premessa referenziale:

Cena 495 Vorrei sapere come da la grandezza de corpi luminosi si può intendere la
raggione de la propinquità e lontananza di quelli; e per il contrario, come da la distanza e
propinquità di corpi simili si può inferire qualche proporzionale varietà di grandezza.
De la causa 707 la donna non è altro che una materia. Se non sapete che cosa è donna, per
non saper che cosa è materia, studiate alquanto gli Peripatetici che con insegnarvi che cosa
è materia, te insegnaranno che cosa è donna,
De l’infinito 104 chi sarà che per questo non voglia affirmar più tosto che l’acqua è base
de la terra, che la terra de l’acqua? che sopra questa è fondata quella, non quella sopra
questa?

A questi si oppongono i casi smaccatamente artificiosi74, tuttavia nel complesso assai poco
frequenti, mentre più interessante appare il consueto ruolo di rafforzamento di relazioni logiche
come l’opposizione (De l’infinito 74, «che vera e naturalmente non fanno un peso, come non
fanno una mole infinita; ma fanno infinite mole e pesi finiti:») e la concessione (Spaccio 261,

73
L’imperfezione della ripresa chiastica si converte in naturalezza ed evaporazione dell’artificio quando risulta
dal carattere dialogico della figura, come a De la causa 660, «dumque i miei calopodii, le mie pianella, le mie
botte, gli miei sproni et il mio annulo e chiroteche, serano animate? la mia toga et il mio pallio, sono animati?
GERVASIO. — Sì, messersì, mastro Polihimnio, per che non? Credo bene che la tua toga et il tuo mantello è bene
animato, quando contiene un animal come tu sei dentro; le botte e gli sproni sono animati, quando contegnono gli
piedi; il cappello è animato, quando contiene il capo, il quale non è senza anima; e la stalla è anco animata quando
contiene il cavallo, la mula o ver la Signoria vostra».
74
Cabala 412, «non stimando a voi presentata da me cosa men degna che abbia possuto presentar a papa Pio
quinto: a cui consecrai l’Arca di Noè; al re Errico terzo di Francia, il quale immortaleggio con l’Ombre de le Idee;
al suo legato in Inghilterra, a cui ho conceduti Trenta sigilli; al cavallier Sidneo, al quale ho dedicata la Bestia
trionfante. Perché qua avete non solamente la bestia trionfante viva; ma et oltre gli trenta sigilli aperti, la
beatitudine perfetta, le ombre chiarite e l’arca governata»; Furori 631, «atteso che dove queste cose son finite,
avviene che sia più savio che bello e buono, più buono e bello che savio, più savio e buono che potente, e più
potente che buono e savio».

101
«atteso che quantumque molte cose sono possibili che non son giuste, niente però è giusto che
non sia possibile»). Spicca in questo settore l’uso del chiasmo come marca del contrasto e, con
il soccorso dell’alternanza dialogica, del rovesciamento del punto di vista avversario:

De l’infinito 139 quanto sia odiato nell’academie, quanto è aversario delle dottrine comuni,
lodato da pochi, approvato da nessuno, perseguitato da tutti.
ELPINO. — Da tutti sì, ma tali e quali; da pochi sì, ma ottimi et eroi. Aversario de dottrine
comuni, non per esser dottrine o per esser comuni, ma perché false. Dall’academie odiato,
perché dove è dissimilitudine non è amore.
Spaccio 273 e senza me la Verità è vile, la Prudenza è sciagurata, la Sofia è negletta, la
Legge è muta, il Giudicio è ZOPPO […] Rispose Momo: «O Ricchezza, tu non dici il vero
più che il falso; perché tu oltre sei quella per cui ZOPPICA il Giudizio, la Legge sta in
silenzio, la Sofia è calpestrata, la Prudenza è incarcerata e la Verità è depressa:

Tale utilizzo contrastivo ci introduce nel terreno della correlazione tematica, dove proprio il
tema portante della contrarietà è uno tra quelli più atti a colare nello stampo di forma speculare
offerto dal chiasmo [1]; e lo stesso si può dire per il motivo a esso subordinato del Furioso come
ossimoro vivente [2]:

[1]
Spaccio 197 Color che sono ne le ville prendeno la lor festa e spasso ne le cittadi: quei che
sono nelle cittadi fanno le loro relassazioni, ferie e vacanze ne le ville. A chi è stato assiso
o colcato, piace e giova il caminare; e chi ha discorso con gli piedi, trova refrigerio nel
sedere. Ha piacer nella campagna chi troppo ha dimorato in tetto; brama la stanza chi è
satollo del campo.
Spaccio 229 perché da questo mondo superiore pende il tutto, e contrarii effetti sono
dependenti da cause contrarie.

[2]
Furori 651 Ecco dumque con quali condimenti il magistero et arte della natura fa che un si
strugga sul piacer di quel che lo disface, e vegna CONTENTO in mezzo del TORMENTO, e
TORMENTATO in mezzo de tutte le CONTENTEZZE:
Furori 701 Quanta deve essere l’eccellenza di quello oggetto che l’ha reso NEMICO de
l’esser suo, RUBELLO a l’alma propria, e contento di tal RIBELLIONE e NEMICICIA,

La disposizione incrociata dei termini che è propria della figura chiastica si presta però
anche, con facilità, a ospitare due nuclei logici centrali: la reversibilità nello spazio e nel tempo,
normale all’interno di un universo infinito, acentrico e consegnato a una temporalità circolare
[1]; la reciprocità nel quadro di una relazione a due termini [2]:

[1]

102
De l’infinito 68 e non son più certi determinati poli alla terra, che la terra sia un certo e
determinato polo a qualch’altro punto dell’etere e spacio mondano;
De l’infinito 99 la qual faccia non vien cangiata se non per grandissimo intervallo di etadi
e secoli; per il corso de quali gli mari se cangiano in continenti e gli continenti in mari.
De l’infinito 153 non è parte centrale che non si faccia circonferenziale, né parte
circonferenziale che non si faccia del centro o verso quello.
Furori 503 che (per consequenza de l’affetto che le attira e rapisce) le cose alte si fanno
basse, e le basse dovegnono alte; come per forza de vertiginoso appulso e vicissitudinal
successo dicono che la fiamma s’inspessa in aere, vapore et acqua; e l’acqua s’assottiglia
in vapore, aere e fiamma.

[2]
De l’infinito 50-1 Da questo principio depende che gli non men dotti che religiosi teologi
giamai han pregiudicato alla libertà de filosofi; e gli veri, civili e bene accostumati filosofi
sempre hanno faurito le religioni:
Furori 506 Là si manifesta qualmente la volontà è risvegliata, addirizzata, mossa e con
dotta dalla cognizione; e reciprocamente la cognizione è suscitata, formata e ravvivata dalla
volontà, procedendo or l’una da l’altra, or l’altra da l’una.

La seconda può precisarsi in reciproca convertibilità delle posizioni, la quale in ultima analisi
è dovuta a un assetto del reale fondato, in virtù della vicissitudine, sulla compresenza e
l’attraversamento dei contrari:

De la causa 639-40 Cossì è disposto il mondo: [A-B1] noi facciamo il Democrito sopra gli
pedanti e grammatisti, [A-B2] gli solleciti cortegiani fanno il Democrito sopra di noi, [A-
B3] gli poco penserosi monachi e preti democriteggiano sopra tutti; e reciprocamente [B-
A1] gli pedanti si beffano di noi, [B-A2] noi di corteggiani, [B-A3] tutti de gli monachi:

1.4.Note conclusive

L’accumulatio, considerata come enumerazione e serialità sintattica estesa, è indubbiamente


il centro del sistema di figure che abbiamo cercato di ricostruire fino a qui, a fronte della quale
le figure del parallelismo e delle ripetizione si collocano leggermente in disparte. Non si deve
però cedere alla tentazione di considerare la scrittura bruniana come un susseguirsi disordinato
di cumuli di diversa altezza, tra loro irrelati, né credere a una coazione formale autonoma
rispetto allo svolgimento del discorso. Procedendo con la stessa cautela, è possibile parlare, a
proposito dell’accumulazione e del binomio parallelismo-ripetizione, di una polarizzazione
delle procedure, ma solo a patto di ribadirne il carattere tendenziale, la ricchezza di
sconfinamenti e interferenze.

103
Il diagramma delle funzioni conferma il quadro tracciato nelle premesse. Le forme lunghe
dell’accumulazione pertengono al discorso epidittico, alla rappresentazione distruttiva degli
avversari oppure, in modo molto significativo, all’elencazione delle proprie tesi cosmologiche
e ontologiche. Fa eccezione la possibilità, che la forma seriale dimostra, di potersi associare al
tema della molteplicità dei linguaggi filosofici, così come al procedimento argomentativo della
catena di auctoritates. La scrittura bruniana tende dunque alla proliferazione verbale, ma anche
concettuale e referenziale, amando accogliere lunghe trafile di elementi che fanno del testo
l’analogon di un reale pullulante e stipato, vitale e trasformativo. All’altro estremo,
l’esposizione del pensiero si avvantaggia, soprattutto nel De la causa, nel De l’infinito e nei
Furori, del parallelismo e della ripetizione in quanto procedure fornite di potere ordinativo, al
fine di realizzare un’argomentazione che abbia il duplice pregio della chiarezza e della forza.
Anche in questo campo si danno però corrispondenze singole. Il chiasmo e la gradatio si
prestano, in virtù dei rispettivi schemi distributivi, a ospitare alcuni concetti nucleari e relazioni
logiche specifiche della mente bruniana: per il chiasmo il relativismo spazio-temporale e
l’assetto “per contrari” del mondo, per la gradatio la catena dell’essere e la pervasività
dell’anima mundi, che presiede alle trasformazioni della materia in ogni loro fase. L’alta
frequenza di frasi comparative è poi intimamente connessa al ragionamento per analogia, dal
simile al simile, così come il parallelismo replicato e certi casi di serialità a quello induttivo,
dal simile al generale; modelli logici che trovano in una porzione delle forme fin qui
inventariate la propria trasposizione linguistico-retorica adeguata.
Tuttavia, com’è proprio dei fatti di stile più ricorsivi, la figuralità è in grado di alludere alla
visione del mondo e alle connessioni della mente anche in assenza dei temi e degli schemi logici
corrispondenti, dei quali rappresenta la traccia. L’allineamento in serie del diverso alluderà
allora all’«affermazione “iperdialettica” (Merleau-Ponty) del principio di omogeneità»
(Mancini 2000, 94-5) e all’«ordine egualitario e topologico» (Leinkauf 1996, XVI) di un reale
affollato, in incessante trasformazione; mentre nell’onnipresenza del parallelismo sarà facile
scorgere il dominio del modo di conoscenza analogico. Possiamo allora considerare alcuni
capisaldi della teorizzazione metafisica di Bruno, tra i quali l’esistenza di una sola sostanza
anteriore alla distinzione tra materia e spirito e il processo di differenziazione inerente allo
statuto immanente-trascendente dell’Uno: una struttura dell’universo dove un legame
universale ontologico e per conseguenza gnoseologico, ovvero ricostruibile dalla mente umana
grazie al rispecchiamento di matrice platonica tra essere e pensiero, è responsabile di una

104
duplice corrispondenza insieme orizzontale, fra gli enti collocati sullo stesso livello, e verticale,
dei diversi livelli fra loro. Tanto la logica della similitudine che organizza la realtà a partire dal
presupposto che «ogni cosa è in ogni cosa» (De l’infinito 157) poiché «la divinità si mostra in
tutte le cose» (Spaccio 365), quanto l’equiparazione di tutti gli enti e strati dell’essere si
riflettono quindi sulla superficie del testo, tramite la mediazione degli schemi logici, nel
parallelismo e nell’enumerazione, che svelano una ulteriore necessità sottesa al loro apparire.

Quella di Bruno è dunque una scrittura filosofica pesante ed esposta, che punta alla visibilità
– vorrei dire all’icasticità – del movimento ragionativo e al continuo ribattimento dei concetti
fondamentali. La retorica dei dialoghi italiani è dominata, oltre che dall’evidentia,
dall’amplificatio: essa tiene assieme le tre famiglie figurali analizzate, le quali tendono tutte a
una dilatazione, in ampiezza come in intensità, della materia del discorso e della sua
espressione. Evito di contestualizzarla ricorrendo all’idea di una scrittura per immagini,
influenzata dal primato accordato all’immaginazione come dal modello metodologico della
mnemotecnica, logica sensibile e analogica contrapposta da Bruno alle astrazioni della logica
aristotelica, e provo invece a ricondurla ad alcuni tratti dello scrittore, del filosofo e infine
dell’autore.
Riguardo al primo, la suddetta opzione formale appare intrinseca alla tradizione letteraria
nella quale Bruno s’inserisce e al suo temperamento stilistico individuale: tutto orientato a
un’enunciazione incrinata e torrenziale, di rado piattamente constativa e all’opposto sempre
valutativa, fondata su una piena inclusione dell’atteggiamento e delle reazioni del soggetto.
Se si osserva il filosofo, invece, lo spessore della scrittura richiama il moto spiraliforme del
pensiero bruniano così come esso è stato precisato da Thomas Leinkauf (1996): la produzione
di Bruno è caratterizzata dal ritorno ossessivo delle stesse costanti – l’infinito, l’omogeneità, la
contrarietà – ad altezze di volta in volta diverse, secondo una continua riaffermazione degli
stessi principi in campi e su oggetti diversi: dall’ontologia alla cosmologia, dall’etica del città
a quella del filosofo, dalle opere lulliane alle mnemotecniche, e così via. Una seconda radice
propriamente filosofica, lo abbiamo già detto, è invece relativa allo statuto della verità, che in
Bruno è assoluta e non opinabile, sempre e comunque antecedente la sua fondazione razionale.
Ciò comporta la sfiducia dell’evidenza e la necessità di attaccare e difendere, liberando il campo
dai detrattori e difendendo a tutti i costi assunzioni che non sono mai revocabili. La scrittura si

105
occuperà allora di ingigantire i propri oggetti, facendo degli avversari dei mostri e del proprio
sapere un tesoro inestimabile.
Questa seconda necessità, però, non va da sé. Non è scontato che la propria verità debba
essere l’oggetto di continui slanci elativi e apologetici, o almeno non lo è fin quando non si
consideri che la verità bruniana non è solo assoluta, ma anche priva di legittimità, sprovvista di
garanti e malleverie, sempre bisognosa di protezione. Il terzo e ultimo movente sarà allora da
attribuire al profilo dell’autore, il quale non dispone di un’autorità riconosciuta ed è portatore
di un pensiero nuovo, filosoficamente eterodosso rispetto ai canoni dell’epoca, nonché
religiosamente pericoloso.

106
2. L’analogia a cavallo tra logica e retorica

Bruno è un filosofo con all’attivo diverse opere di magia, la cui intera produzione risulta
concentrata nel breve intervallo che va dal 1582 al 1591 – e per questo è un «tutto unitario»
(Blum 2016, 11) –, quasi al centro di quel secolo 1550-1650 che segna in Europa, tra
mescolanze e contrapposizioni, il passaggio dalla magia alla scienza o, se si preferisce, la
nascita della scienza moderna1. Già da questi pochi accenni è evidente come, riferito a Bruno,
il problema dell’analogia tenda ad assumere dimensioni enormi e difficilmente perimetrabili.
Anche volendo lasciare da parte il problema teologico-filosofico dell’analogia entis2 e
scegliendo di adottare una prospettiva retorico-stilistica, puntata sulla materialità del testo, non
si potrà pertanto fare a meno di considerare come nei dialoghi italiani l’analogia assuma un
profilo ancipite. Mi riferisco con ciò al fatto che l’analogia, nel corpus italiano, consiste tanto
in un modello logico e prima ontologico quanto in un fenomeno retorico. Tale bipartizione non
si sovrappone a quella tra forme e temi, rispetto alla quale si rivela più produttiva: un discorso
sulle forme finirebbe infatti per confondere, mettendoli sullo stesso piano, l’analogia retorica
con la frase comparativa e il parallelismo sintattico in quanto schemi sintattici dell’argomento
per analogia, i quali hanno certo più del logico che del retorico; allo stesso modo in cui
un’analisi della tematizzazione condurrebbe a tenere assieme la somiglianza tra gli esseri e la
metafora in quanto sineddoche del “parlare per figure”.
Il primo dei due versanti è quello dell’analogia in quanto schema profondo, a un tempo
ontologico e logico. Alle sue radici sta la «convinzione cabalistica e platonica di un ordine che
procede secondo lo stesso ritmo sul piano della realtà così come su quello della conoscenza»
(Garin 1966, 683), secondo un modello di lunga durata al quale Bruno, nonostante tutti gli
allentamenti e i distinguo del caso, rimane in sostanza fedele3. La similitudine ontologica, lo
abbiamo ricordato nelle conclusioni al primo capitolo, opera in verticale e in orizzontale,

1
Il quadro di riferimento, tanto per i limiti temporali quanto per la qualificazione dei fenomeni, è quello tracciato
in Rossi 2006, 1-33. Un altro modello efficace di periodizzazione è quello della «polemica antimagica» di Ernesto
De Martino (De Martino 1959, 7-12), adottando il quale l’esperienza di Bruno si ritroverebbe collocata nella fase
nascente di quella stessa polemica, il momento cioè in cui essa si configura internamente alla stessa magia, come
distacco dalla magia demonologica della magia naturale; l’autore ricorda infatti «la funzione egemonica dei Porta,
dei Bruno e dei Campanella nella elaborazione della magia naturale della Rinascenza» – la seconda fase, dove il
conflitto si gioca «fra magia e razionalità, fra esorcismo ed esperimento, fra incantesimo e scienza riformatrice»
(Ibidem, 9), coincide con l’illuminismo sei-settecentesco.
2
Su tale problematica del pensiero antico e poi scolastico medievale si sofferma invece a lungo Eusterschulte
1997.
3
Leinkauf 1996, X ss.

107
giovandosi della continuità garantita dall’onnipresenza dell’anima, l’elemento vitale che
innerva tutti gli enti e ne consente la convergenza sull’Uno, per fare della realtà un reticolo
fittissimo di legami. L’analogia logica, in parallelo, entra in azione tutte le volte che l’intelletto
umano, riconosciuta tale struttura profonda di nodi e somiglianze, riconnette il molteplice per
risalire all’unità.
Tuttavia, nel caso di Bruno, l’analogia in funzione logica conosce anche un uso ristretto alla
sola concettualizzazione metafisica, la quale non può fare a meno, per pensare la divinità in sé
e nei suoi rapporti con il suo simulacro naturale, nonché la zona profonda e invisibile dell’essere
(vale a dire il territorio dei legami, delle simpatie e delle ripulse, il fondo in cui consiste il
mondo magico), di ricorrere a certe analogie. Queste ultime sono attinte da un serbatoio di
immagini di lunga persistenza che fa capo, ancora una volta, a Platone, a Plotino e al
neoplatonismo successivo: la luce e l’ombra, la traccia, la scala, la tessitura4. L’argomentazione
relativa all’assetto cosmologico e ai suoi presupposti ontologici (l’animazione della materia,
l’omogeneità dell’essere, l’unità di causa e principio) predilige invece un lessico del bios, nel
quale avvertiamo l’eco della magia dotta cinquecentesca e dei suoi testi. Nell’abbondanza con
cui occorrono i termini biologici riconosciamo inoltre la traccia lasciata da un movimento
analogico originario, preesistente alla teoresi: l’estensione alla totalità dell’essere del modello
“presenza della vita”» (Rossi 2006, 47). L’umano è proiettato sul naturale e l’anima attribuita
a tutte le cose, cosicché si produce un reale omogeneo. Beninteso, nessuna di tali analogie
assorbite nel movimento concettuale è sufficiente, da sola, a definire la riflessione mobile e
sfaccettata di Bruno, che non si lascia riassorbire in una tradizione, fosse anche quella del
neoplatonismo e della magia rinascimentale. Più utile allora considerare il loro porsi in rete, la
gamma delle relazioni con i rispettivi figurati concettali, la diversa accentazione che colpisce
immagini tradizionali – si pensi alle ombre platoniche – risemantizzandole.
L’analogia come procedura retorica, a fronte di tale quadro, è invece una figura, e lo è nella
misura in cui all’intelletto si sostituisce l’ingegno, al ritrovamento l’accostamento volontario.
Con l’aggettivo “retorico” si intende allora un uso deliberato, a fini persuasivi e/o esornativi,
del procedimento di somiglianza, il quale si converte nella famiglia figurale che comprende tra
le altre metafora e similitudine. Il piano di riferimento è dunque quello dell’espressione e non
quello del pensiero: il procedimento analogico è limitato e reso operativo in rapporto alla
comunicazione con un uditorio determinato. Vi è allora coincidenza tra forma linguistica e

4
Nuzzo 2004, 27.

108
funzione figurale, in modo esattamente opposto a quanto avviene con l’analogia logica, la quale
può avere sì la struttura superficiale di una figura, e nondimeno non lo è mai. Così, quando
Bruno concepisce l’essenza della Terra nei termini di un essere animato egli compie
un’operazione mentale che rientra nella sua normalità logico-percettiva di soggetto conoscente:

Sia Bruno sia Campanella, a differenza di quanto è stato scritto, non facevano per nulla uso
di una metafora. Il loro discorso non è inseribile – come di recente si è preteso – entro una
storia della metafora. Un conto è parlare, come facciamo noi ancora oggi, di viscere della
Terra e un conto è pensare (come variamente facevano Bruno e Campanella, Patrizi e
Kepler) che la Terra sia effettivamente un animal magnum che, come ogni animale, vive
perché è animato ovvero ha un’anima al suo interno. (Rossi 2006, 47-8)

Operata tale separazione, dalla quale discende l’ossatura del presente capitolo, resta da dire
qualcosa sulla straordinaria ricchezza d’impieghi che l’analogia logica come quella retorica
manifestano lungo i dialoghi italiani.
La mente bruniana, come già detto, tende alla conversione dello spirituale nel materiale,
dell’astratto nel concreto, del logico nel sensibile. Ciò è vero anche in campo gnoseologico,
relativamente alla relazione tra il soggetto e la verità, per la quale Bruno ricorre a una
strutturazione analogica del discorso. Testimonia in questo senso il De umbris idearum, dove
il problema della conoscenza è affrontato ricorrendo ai complessi analogici dell’ombra-luce e
della permanenza. Essi designano entrambi la relazione col vero, insistendo però su aspetti
diversi: l’ombra mette l’accento sui limiti posti alla conoscenza, mentre «le forme metaforiche
della stabilità, tra le quali si iscrive quella conoscitiva del “dimorare presso”» (Nuzzo 2004,
27), stanno lì a rappresentare l’immutabilità del vero5. Alla concretizzazione del processo
conoscitivo (2.1.3) contribuisce forse anche, se non altro indirettamente, la restrizione del
conoscibile al Dio-natura, come ancora, su un altro piano, il carattere sempre operativo e pratico
del discorso bruniano, che nei dialoghi non prevede in alcun momento un olimpico distacco e
invece sempre la tensione alla trasformazione universale della realtà.
Forse per l’influenza metodologica esercitata dall’ars memoriae e del sapere magico, forse
per la rilevanza assunta dalla phantasia nel processo di mediazione fra intelletto e senso6,
l’impressione è che tutto nella scrittura bruniana abbia bisogno di essere figurato, consegnato

5
Così continua Nuzzo: «Attraverso queste ultime Bruno è indotto a rappresentare la dimensione di identità,
l’elemento “parmenideo” del supremo principio divino del vero metafisico, e in una certa misura anche del “vero”
che a esso fa riferimento: non mutando, evidentemente, il principio supremo di ogni mutamento, ma neppure, nel
suo nocciolo, la verità che si approssima ad esso».
6
Cfr. De Rosa 1997.

109
alla visibilità, quasi che solo così gli enunciati potessero guadagnare la forza perlocutiva
necessaria ad agire nel mondo e produrre effetti. Da un lato l’orientamento di Bruno
all’argomentazione performativa, cui presiede il nesso tra bisogno di incrementare la presenza
(anzitutto sua e degli avversari) e posizione autoriale precaria; dall’altro la scelta della
commedia, del dialogo e del poema, nonché l’immissione nel dialogo di generi discorsivi e
testuali d’impronta schiettamente letteraria: entrambi questi fenomeni inerenti la forma
dell’opera bruniana alludono a alla necessità di tradurre il discorso filosofico in termini concreti
e immagini. Non stupisce allora che anche l’analogia retorica, accanto a quella logica, possa
essere impiegata, a mo’ di rinforzo icastico (2.2.1.2.2), per accrescere la presenza di determinati
contenuti e così imporli alla coscienza.
Il tema argomentativo della presenza richiama nel nostro discorso la figura del lettore. E
proprio al lettore sono indirizzate alcune analogie con funzione, direi, macrotestuale (2.2.2),
allo scopo di guidarlo nel testo e facilitargli la comprensione, ma anche la memorizzazione, dei
concetti. A tale fine, Bruno opera secondo due strategie distinte: da una parte inserisce nelle
dedicatorie (2.2.2.1) delle immagini parlanti alle quali affida il ruolo di manuale d’istruzioni e
modello interpretativo del testo; dall’altra, dissemina lungo quest’ultimo alcune analogie a
presenza intermittente (2.2.2.2), incaricate di sostenere l’argomentazione fungendo da traliccio
immaginativo e sponda al movimento dei concetti.
Alla centralità del lettore si sostituisce altrove la centralità dell’autore. L’analogia è infatti,
sia come strategia figurale che come tecnica dell’argomentazione (ma esplicitata in quanto tale),
un formidabile strumento preposto alla costruzione dell’immagine autoriale. Per quanto
concerne il primo aspetto, è l’istanza elativa volta alla dilatazione del Nolano e del suo pensiero
a concretizzarsi in un registro che unisce alla serialità sintattica la saturazione analogica
(2.2.1.1.6), lavorando per addensamento e combinazione di linee immaginative diverse. Per il
secondo invece, esiste un uso esplicito, perché messo a tema dagli interlocutori, della
similitudine lunga e articolata in funzione esplicativa (2.2.1.2.3), adottata dal princeps quale
strumento di mediazione di concetti filosofici complessi (2.2.3). L’analogia, tematizzata nella
sua capacità di ridurre la complessità filosofica alla misura di un intelletto non affinato alla
speculazione, è funzionale a un’autorappresentazione opposta alla precedente. Alla saturazione
analogica corrisponde l’esaltazione dell’uomo eccezionale, immaginato solo nella propria
ascesa fino al vero; all’analogia in quanto strumento di mediazione concettuale è invece

110
associata l’immagine di un filosofo di questo mondo, aperto al confronto con il volgo e
detentore di un sapere almeno parzialmente aperto ed essoterico.
La saturazione analogica elativa e la similitudine mediatrice, in quanto esiti estremi e
contrapposti, chiariscono come anche l’analogia, oltre all’accumulazione, si disponga tra un
massimo di rigore logico e un massimo di fluidità, occupando per intero lo spazio che separa
gli impieghi assolutamente logici dai cumuli scomposti di figuranti eterogenei. Tra analogia e
figure dell’accumulazione non c’è però soltanto una somiglianza di comportamento testuale,
ma un vero e proprio intreccio in re, dato che molte delle figure analogiche analizzate altro non
sono che la componente semantica di altrettante figure seriali con esse coincidenti.

2.1. L’analogia come modello logico e ontologico

2.1.1. L’argomento per analogia

L’argomento per analogia, per la Retorica aristotelica e per la teoria dell’argomentazione


che a essa si riallaccia, risiede tra i «legami sui quali si fonda la struttura del reale», al polo
opposto degli argomenti quasi logici. Nonostante questo suo carattere di debolezza logica, il
che ne fa, ad esempio in Tasso, una risorsa di tono letterario in grado di differenziare
l’argomentazione dialogica e cortigiana da quella propriamente filosofica7, esso occupa nei
dialoghi bruniani una posizione di primo piano dovuta al prevalere del modo di conoscenza
analogico e alle necessità proprie di un’argomentazione metafisica animistica, come anche di
una gnoseologia tinta di neoplatonismo. La sua alta frequenza è poi certamente determinata
anche dal contesto cosmologico-ontologico argomentativamente a rischio dei primi tre dialoghi,
mentre esso condivide con l’argomentazione performativa già più volte ricordata il potere
d’incrementare la presenza e la correlata efficacia emozionale.
Sul versante cosmologico, dov’è di particolare utilità, l’argomento per analogia spiega i
fenomeni celesti riducendoli alla scala del mondo umano, terrestre, sensibile. Lo stesso vale per
l’ontologia come dimostrano le definizioni analogiche dell’intelletto universale e del suo
operato, e lo sfruttamento prolungato della similitudine dell’arte nel De la causa (2.2.5). In
questo modo si ricorre al percepibile (e quindi verificabile) per descrivere e motivare il non
percepibile, tra l’altro confermando una volta di più il legame intrinseco dell’analogia con le

7
Bozzola 1999, 64-5.

111
discipline sottratte alla verifica sperimentale. Riporto un paio di estratti contigui di discorso
cosmologico che spiccano da un lato (nel primo) per la chiarezza con cui l’analogia appare nella
sua natura di similarità di rapporto e non di rapporto di similarità8, dall’altro per la messa a tema
(nel secondo) del procedimento mentale attraverso i due termini di «esempio» e
«proporzionalmente»:

De l’infinito 205 Qualmente un arbore talvolta parrà più vicino a l’altro perché si accosta
al medesmo semidiametro; e perché sarà in quello indifferente, parrà tutt’uno: e pure con
tutto ciò sarà più lontananza tra questi, che tra quelli che son giudicati molto più discosti,
per la differenza di semidiametri. Cossì accade che tal stella è stimata molto maggiore, che
è molto minore; tale molto più lontana, che è molto più vicina.
De l’infinito 205 Questo si può veder in essempio d’una nave molto lontana: la quale se
farà un giro di trenta o di quaranta passi, non meno parrà che la stii ferma, che se non si
movesse punto. Cossì proporzionalmente è da considerare in distanze maggiori, in corpi
grandissimi e luminosissimi.

Il ragionamento per analogia, in quanto principio neoplatonico e magico, ha le sue radici


nella struttura profonda della filosofia bruniana, ovvero nel trasferimento del principio vitale
dall’uomo alla realtà che è sotteso ai capisaldi dottrinali dell’animazione e dell’infinità
dell’universo. Tale meccanismo, le cui tracce affiorano dappertutto, può essere immaginato
come una struttura a cerchi concentrici, mirabilmente esposta in questo passaggio del De la
causa (p. 737):

Qua come certi accidenti umani fanno moltiplicazione di questi chiamati individui
dell’umanità, cossì certi accidenti animali fanno moltiplicazione di queste specie
dell’animalità. Parimente certi accidenti vitali fanno moltiplicazione di questo animato e
vivente. Non altrimente certi accidenti corporei fanno moltiplicazione di corporeità.
Similmente certi accidenti di sussistenza fanno moltiplicazione di sustanza. In tal maniera
certi accidenti di essere fanno moltiplicazione di entità, verità, unità, ente, vero, uno.

Nell’atto di muoversi verso l’esterno (uomo, animale, vivente, corporeo, sussistente, essere),
l’entrata in un nuovo cerchio comporta automaticamente la perdita di una differenza specifica;
al contempo però, il principio vitale e animistico si trasmette inalterato garantendo l’omogeneità
ed evitando la rottura di ordine.
Dallo stesso punto di vista, l’intero De l’infinito si presenta come esempio di
un’argomentazione che, se osservata dall’alto, consiste nello sfruttamento prolungato, secondo
modalità carsiche, di due campi di somiglianza: tra l’animale e la Terra; tra la Terra e gli altri

8
Perelman-Olbrechts-Tyteca 19892, 393; Perelman 1981, 125.

112
corpi celesti (al di qua della differenza tra terre e soli). L’animazione della Terra costituisce il
trait d’union fra uomo e viventi minori da un lato, universo in quanto somma infinita di mondi
animali e sensibili dall’altro, in un modo simile a quello con cui l’anima del mondo può mediare
tra Dio e il mondo delle forme. In quanto tale essa è la chiave di volta atta a sostenere la tesi di
un universo infinito in quanto animato e in quanto specchio del primo principio, entro cui
quest’ultimo squaderna la propria potenza produttiva. La seconda analogia, fra la Terra e gli
astri, è riaffermata continuamente sulla scorta dell’omogeneità di tutti i corpi mobili disposti
nell’unico seno dello spazio infinito, dalla quale discende anche il rifiuto della gerarchia degli
elementi propria della fisica aristotelica, alla base della scissione tra mondo terrestre e mondo
celeste:

De l’infinito 204 Or se noi venemo a tanto lume e tal regolato senso, che conosciamo questa
apparenza del moto mondano procedere dal giro de la terra; se dalla similitudine della
consistenzia di questo corpo in mezzo l’aria, giudichiamo la consistenza di tutti gli altri
corpi.

L’identificazione dell’astro con l’animale, invece, è se possibile ancor più pervasiva, e le sue
tracce linguistiche affiorano dappertutto, spesso in forma seminascosta, nei verbi caricati
metaforicamente e nell’oscillare del ragionamento, fitto di continui travasi fra l’astro, l’animale
e l’uomo. Così, ad esempio, Filoteo può, nel momento in cui risponde a un argomento
aristotelico contrario all’infinità dei mondi portato da Elpino, scivolare insensibilmente dal
termine proprio («terra») al figurante intermedio dell’«animale» fino all’«uomo», la descrizione
del cui assetto fisico si ripercuote implicitamente sul termine proprio, la complessione del corpo
celeste:

De l’infinito 129-30 ELPINO. — Dice che se la diversità numerale di corpi dovesse esser
caggione della diversità di luoghi, bisognarebbe che delle parti di questa terra diverse in
numero e gravità, ciascuna nel medesimo mondo avesse il proprio mezzo; il che è
impossibile et inconveniente: atteso che secondo il numero de gl’ individui de parti de la
terra sarrebe il numero de mezzi.
FILOTEO. — Or considerate che mendica persuasione è questa. Considerate se per tanto vi
potrete mover punto dalla opinion contraria, o più tosto confirmarvi in quella. Chi dubita
che non sia inconveniente dire uno essere il mezzo di tutta la mole, e del corpo et animale
intiero, a cui e verso cui si referiscono, accoglieno, e per cui si uniscano et hanno base tutte
le parti; e posserno essere positivamente innumerabili mezzi: secondo che della
innumerabile moltitudine de le parti, in ciascuna possiamo cercare o prendere o supponere
il mezzo? Nell’uomo uno è semplicemente il mezzo, che si dice il core; e poi molti sono
altri mezzi, secondo la moltitudine de le parti, de quali il core ha il suo mezzo, il pulmone
il suo, l’epate il suo, il capo, il braccio, la mano, il piede, questo osso, questa vena, questo

113
articolo e queste particelle che constituiscono cotai membri et hanno particular e
determinato sito, tanto nel primo e generale ch‘ è tutto individuo, quanto nel prossimo e
particular ch’ è tutto questo o quell’altro membro de l’individuo.

Un caso particolare dell’argomento per analogia è quello che si appoggia al «luogo per cui
le qualità di un ente appartengono necessariamente ad un ente che gli è essenzialmente
superiore» (Bozzola 1999, 65). Pur non avendo un unico corrispettivo sintattico, è una struttura
logica che si presenta in alcune forme ricorrenti. Essa conosce un impiego retorico nella forma
dell’interrogativa retorica, la cui funzione specifica consiste nel sancire, sottraendolo alla
contestazione, il valore assoluto del termine superiore. Non stupisce allora ritrovarla nel De la
causa addetta alla difesa del termine più incerto, la sostanza universale:

De la causa 720 Anzi molto mi maraviglio come non hanno i nostri Peripatetici continuata
la similitudine de l’arte , la quale de molte materie che conosce e tratta, quella giudica esser
megliore e più degna, la quale è meno soggetta alla corrozzione et è più costante alla
durazione, e della quale possono esser prodotte più cose; però giudica l’oro esser più nobile
che il legno, la pietra et il ferro, perché è meno soggetto a corrompersi: e ciò che può esser
fatto di legno e di pietra, può farsi de oro, e molte altre cose di più, maggiori e megliori per
la sua bellezza, costanza, trattabilità e nobilità. Or che doviamo dire di quella materia della
quale si fa l’uomo, l’oro e tutte cose naturali? Non deve esser ella più stimata degna che la
artificiale, et aver raggione di meglior attualità?

A partire dalla somiglianza di campo che assimila il rapporto fra divinità e universo a quello
fra artista e opera, è sviluppato in senso argomentativo il nesso della resistenza all’usura e della
versatilità del materiale con il giudizio sulla sua qualità. La differenza di ordine fra materia
universale (figurato, spirituale) e materia particolare (figurante, sensibile) è valorizzata dal suo
essere preceduta dalla differenza di grado, interna al campo del sensibile, fra l’oro e, dall’altra
parte, il legno e la pietra.
Sempre nel De la causa, troviamo poi, per bocca di Dicsono, l’esplicita messa a tema del
luogo in questione: «se secondo il vostro principio le perfeczioni che sono nelle nature inferiori,
più altamente devono essere attribuite, e conosciute nelle nature superiori» (p. 657). Il contesto
è quello di un ragionamento intorno al modo di esistenza dell’intelletto universale: il fatto che
esso sia a un tempo principio interno e causa esterna è motivato da Teofilo attraverso il ricorso
alla similitudine platonica dell’anima nocchiero della nave che è il corpo. La risposta di Dicsono

114
svela in apertura il luogo argomentativo rimasto implicito9 nell’argomentazione del princeps,
per poi ribadire però un punto altrettanto importante: «per che dice Plotino scrivendo contra gli
Gnostici, che “con maggior facilità l’anima del mondo regge l’universo, che l’anima nostra il
corpo nostro”, poscia è gran differenza dal modo con cui quella e questa governa» (pp. 656-7).
La trasmissione lungo l’asse verticale delle qualità, percorrendo la scala che congiunge realtà
vieppiù perfette dal basso verso l’alto, non deve lasciare in ombra tutti quei punti in cui la
similarità del rapporto cede alla differenza. Una mente che scelga di muoversi per inferenze
analogiche non deve, in altri termini, mai dimenticare che l’analogia ha due versanti, positivo
e negativo, e che quest’ultimo è importante quanto il primo nel definire la similarità di una
relazione, a maggior ragione nel quadro di una realtà omogenea dove sono le differenze di grado
a dover valorizzare la varietà entica. Così, l’ingenuità dei pedanti significa anche cattivo uso
analogico, e consiste nel trasferire a casaccio le qualità di un referente a un altro, senza
effettuare i dovuti adeguamenti proporzionali:

Cena 512-3 PRUDENZIO. — Mi par che la terra essendo animata deve non aver piacere
quando se gli fanno queste grotte e caverne nel dorso, come a noi viene dolor e dispiacere
quando ne si pianta qualche dente la o ne si fora la carne.
TEOFILO. — Nundinio non ebbe tanto del Prudenzio che potesse stimar questo argomento
degno di produrlo, benché gli fusse occorso: per che non è tanto ignorante filosofo, che non
sappia che se ella ha senso, non l’ha simile al nostro; se quella ha le membra, non le ha
simile a le nostre; se ha carne, sangue, nervi, ossa e vene, non son simili a le nostre; se ha
il core, non l’ha simile al nostro: cossì de tutte l’altre parti, le quali hanno proporzione a gli
membri de l’altri et altri che noi chiamiamo animali, e comunmente son stimati solo
animali. Non è tanto buono Prudenzio e mal medico che non sappia che alla gran mole de
la terra, questi sono insensibilissimi accidenti, li quali a la nostra imbecillità sono tanto
sensibili.

2.1.2. La catena dell’essere

Il costrutto argomentativo fin qui analizzato restituisce una delle modalità attraverso le quali
l’uomo si estroflette per farsi schermo in grado di qualificare le realtà superiori, realizzando
così una delle tante direttrici propriamente analogiche di proiezione del principio vitale dal
dominio umano al reale nella sua interezza:

9
De la causa 656 «Approvo quel che dite, per che se l’essere separata dal corpo alla potenza intellettiva de l’anima
nostra conviene, e lo aver raggione di causa efficiente, molto più si deve affirmare de l’anima del mondo; […]».
L’affermazione metalogica riportata all’inizio è interna alla stessa battuta e segue di poche righe queste parole.

115
De la causa 656 Approvo quel che dite, per che se l’essere separata dal corpo alla potenza
intellettiva de l’anima nostra conviene, e lo aver raggione di causa efficiente, molto più si
deve affirmare de l’anima del mondo;
De l’infinito 58 Oltre sicome la nostra imaginazione è potente di procedere in infinito
imaginando sempre grandezza dimensionale oltra grandezza, e numero oltra numero,
secondo certa successione e (come se dice) in potenzia, cossì si deve intendere che Dio
attualmente intende infinita dimensione et infinito numero.

Così la struttura dell’anima umana determina di riflesso quella dell’anima del mondo, mentre
la compresenza di progressione e potenza che contraddistingue la produttività infinita
dell’immaginazione permette di pensare, fatte le debite differenze, l’infinità attuale della
conoscenza divina.
Una simile trasmissione verticale delle qualità, che si ipotizza pervasiva, si lega alla
persistenza in Bruno del modello ontologico della catena dell’essere o scala naturae, del quale
il luogo argomentativo appena visto rappresenta la conseguenza gnoseologica e ragionativa.
Secondo la ricostruzione che ne ha fatto Arthur Lovejoy (1966), l’idea che la realtà sia
strutturata come un tutto perfetto e graduato composto di innumerevoli parti disposte su piani
diversi e strettamente intrecciate le une alle altre è una costante ideativa di lungo periodo che
attraversa la storia del pensiero occidentale a partire da Platone, e può essere volta, a seconda
del sistema filosofico o religioso in cui prende posto, a distruggere o legittimare il mondo della
cose che esistono. Nel caso di Bruno, data la divinizzazione della materia infinita, è questo
secondo aspetto a prevalere, e la discesa lungo lo scala non comporta perdita d’essere, poiché
tutte le cose partecipano in egual misura, ferma restando la sproporzione tra finito e infinito,
del divino. La scala dell’essere, nei dialoghi, è prima di tutto un tema e come tale compare
spesso nel De la causa e nel De l’infinito, in perfetta coerenza con il loro essere i luoghi
fondativi della metafisica e della fisica bruniana:

De la causa 125 Ancora, se tutto quel che è (cominciando da l’ente summo e supremo)
have un certo ordine, e fa una dependenza, una scala, nella quale si monta da le cose
composte alle semplici, da queste alle semplicissime et assolutissime per mezzi
proporzionali e copulativi, e partecipativi de la natura de l’uno e l’altro estremo, e secondo
la raggione propria neutri; non è ordine dove non è certa participazione, non è
participazione dove non si trova certa colligazione, non è colligazione senza qualche
partecipazione: è dumque necessario che de tutte cose che sono sussistenti, sia uno
principio di subsistenza.

Al modello ontologico risponde, giusta la solita corrispondenza platonica di mondo


dell’estensione e mondo del pensiero, il modello gnoseologico:

116
De la causa 151 Prima dumque voglio che notiate essere una e medesima scala, per la quale
la natura descende alla produzzion de le cose, e l’intelletto ascende alla cognizion di quelle; e
che l’uno e l’altra da l’unità procede all’unità, passando per la moltitudine di mezzi.

De la causa 154 Quindi è il grado delle intelligenze: per che le inferiori non possono
intendere molte cose, se non con molte specie, similitudini e forme. Le superiori intendeno
megliormente con poche. Le altissime con pochissime perfettamente. La prima intelligenza in
una idea perfettissimamente comprende il tutto. […] Cossì dumque montando noi alla perfetta
cognizione, andiamo complicando la moltitudine: come descendendosi alla produzzione de le
cose, si va esplicando la unità. Il descenso è da uno ente ad infiniti individui e specie
innumerabili: lo ascenso è da questi a quello.

Il modello della scala, innervato nel ragionamento e così di frequente messo a tema,
rappresenta un residuo di verticalità che, mentre riporta il Nolano alle sue radici neoplatoniche,
non può non entrare in conflitto con il principio di omogeneità e con la spinta alla dismissione
dei tradizionali apparati gerarchici10. In quale tale esso fa dunque da sponda dialettica alla
battaglia che Bruno intraprende, soprattutto nel De l’infinito, contro il cosmo chiuso e
gerarchico dell’aristotelismo con la sua scala degli elementi e la netta separazione tra cielo e
terra. Fermo restando che una simile differenziazione si accorda senza sforzo col carattere
stratificato e multiplanare della speculazione di Bruno, la resistenza opposta da tale complesso
analogico alla messa in movimento del reale è allora forse anche una prova della
contemporaneità del non contemporaneo che caratterizza il pensiero di un autore di soglia quale
è il nostro. Tuttavia, sempre considerando la medesima compresenza di piani temporali diversi,
tale contraddizione può essere risolta, o quantomeno provvista di piena semanticità, se si accetta
di inquadrarla nella prospettiva della lunga durata. Possiamo allora sostenere, con Lovejoy
(1966), che l’assetto contraddittorio del pensiero bruniano sia da riportare alla contraddittorietà,
intrinseca fin dalle sue origini platoniche, di quel complesso d’idee noto come catena
dell’essere, che fa capo al principio della pienezza e a quello di ragion sufficiente. In questo
modo non stupirà, o stupirà di meno, che «proprio in quegli aspetti del suo insegnamento per
cui più sembra araldo e campione di una moderna concezione dell’universo, Bruno [sia] in

10
Leinkauf 1996, LXXXI-LXXXV.

117
realtà, nel modo più completo, il continuatore di un certo filone della metafisica platonica e
della teologia medievale» (Lovejoy 1966, 123). Il che significa, in altre parole, che la scala che
al contempo diversifica e unisce il reale non è in conflitto con la passione bruniana per la
molteplicità e la differenza, né con la partecipazione paritaria di tutti gli essere alla vita del
simulacro infinito della divinità.

2.1.3. La concretizzazione

Un aspetto davvero tipico dell’analogismo bruniano consiste nella concretizzazione: tutto


ciò che è astratto, mentale, spirituale si trova a essere fisicizzato; è fatto materia e corpo,
presenza oggettiva e sensibile. Si tratta di un tendenza profonda avvicinandosi alla quale si
tocca il cuore del temperamento stilistico e al contempo dell’ideologia bruniana. Essa accomuna
diversi campi metaforici e coincide con il processo di traduzione dallo spirituale al sensibile in
cui secondo alcuni risiede la quintessenza dell’analogia11. Lecito chiedersi a questo punto quali
siano le forze che presiedono a una simile tensione verso il fisico e il corporeo, rispetto alle
quali è opportuno però ritagliare all’interno della concretizzazione il sottoinsieme del processo
conoscitivo nei suoi vari attori, componenti, fasi.
Quanto al processo generale, non possiamo non menzionare tra le spinte, a costo di peccare
di trivialità, il temperamento bruniano: «inquieto spirito», «caldo temperamento», «indole
impetuosa e imprudente» (Garin 1966, 673) sono, restituiti da fonti diverse, tratti che
congiurano a instaurare nella sua persona, a cospetto del mondo, quell’«amore della vita»
(Abbagnano 1993, 138) che lo condurrà alla formulazione, attraverso una lunga catena di
mediazioni filosofiche, dei capisaldi dottrinali dell’animazione universale e dell’infinità, i quali
in una certa misura altro non sono, ridotti all’osso e ripuliti di tutti i sedimenti culturali, che il
portato di un originario e sempre ripetuto proiettarsi della vita intesa come incessante
produzione e riproduzione di forme. Queste invarianti, al di qua dei succhi letterari e filosofici
di cui l’autore ebbe modo di nutrirsi, motivano nel pensatore la necessità di bilanciare
l’astrazione concettuale e il rigore filosofico con l’adesione al mondo delle forme ma anche allo
strato di tendenze e influssi, simpatie e ripulse che forma il fondo della vita psichica e di qui
naturale nella concezione magica. Tra le componenti della formazione bruniana non possiamo

11
Così Perelman e Olbrechts-Tyteca (19892, 394) per cui il caso in cui «il foro è preso dal campo sensibile, il tema
da quello spirituale» è paradigmatico per il fatto che la diversità tra i due campi d’appartenenza è manifesta e si
realizza in un qualche modo nella sua forma primaria.

118
non menzionare poi la mnemotecnica, il cui influsso è un fatto di lunga durata che muove
dall’incontro giovanile con la Phoenix (1491), il manuale ampiamente diffuso di Pietro di
Ravenna dal quale il filosofo apprende la potenza delle immagini vivide accuratamente
ordinate12. Decisivo poi l’apporto dell’erasmismo in salsa meridionale, un filone eterogeneo
dove l’ascesi intellettuale si spartisce il campo col razionalismo disinibito, teso alla satira e alla
critica sociale. Tale esperienza senz’altro trova un primo punto d’arrivo nella scrittura del
Candelaio, il cui «realismo spregiudicato» (Abbagnano 1993, 138) è solo uno dei lati di una
figura poligonale che compone insieme immaginario carnevalesco, caratterizzazione
iperrealistica del cronotopo napoletano con la sua vita sociale, dilatazione verticale del segno e
costruzione di un sottotesto allegorico di matrice filosofica e mnemotecnica. Nel Candelaio
convergono poi le stesse influenze letterarie che ritroveremo, con l’eccezione di Lucrezio, nei
dialoghi. L’immaginazione letteraria bruniana si colloca al termine di una linea di lunghissima
durata – che dire tradizione sarebbe riduttivo – che oltre a Luciano e Rabelais comprende
almeno i più prossimi campioni dell’anticlassicismo italiano cinquecentesco: Aretino, Berni,
Doni, Folengo, Franco. Una linea insomma che, a osservarla dall’alto astraendo dalle differenze
storiche e di circuito culturale, nonché da quelle categoriali tra carnevalesco, macaronico,
espressionismo13, ha come tratti accomunanti il rifiuto dell’idealizzazione, se non nelle forme
antagonistiche e parodiche del mondo alla rovescia o della favola allegorica grottesca, e un
appello alla materialità del mondo e dell’uomo che pesca dai recessi non mappati della cultura
popolare.
La mente del filosofo si accorda quindi con naturalezza ad alcune esperienze intellettuali e
letterarie che mettono al centro il vitalismo e la terrestrità, il valore delle immagini per la
conoscenza e la critica alle idealizzazioni di una cultura solo libresca e astratta, retorica e
grammaticale.
È invece un fatto più complesso la fisicizzazione che riguarda il processo conoscitivo,
quest’ultimo inteso come rapporto uno a uno del singolo (che in questo contesto tende
risolutamente all’uomo contemplativo, al beato, opposto ai semplici della sciocca moltitudine)

12
Rossi 1960, 27-30; 103-143. Accanto alla mnemotecnica, sta il lullismo, accostato per le stesse ragioni: l’ideale
pansofico, il trovarsi in possesso delle infinite combinazioni reali a partire dal dominio di un codice, la fuoriuscita
dalle astrazioni della vecchia logica. Cfr. Garin 1966, 685-6, che conclude così: «Al meccanismo logico si
sostituisce qui un meccanismo psicologico fondato sulla connessione di immagini, e di immagini e di lettere,
connessione capace di estendere immensamente il campo del nostro sapere».
13
Rispettivamente Bachtin 1979, Segre 1979, Contini 1977.

119
con la verità. Notiamo allora innanzitutto l’impiego delle immagini dell’apertura e dello
svelamento di ciò che era nascosto, coperto, invisibile:

Cena 454 Cossì al cospetto d’ogni senso e raggione, co la chiave di solertissima


inquisizione aperti que’ chiostri de la verità che da noi aprir si posseano, nudata la ricoperta
e velata natura;
De la causa 625 ma colui che ha trovata la verità, che è un tesoro ascoso, acceso da la beltà
di quel volto divino, non meno doviene geloso perché la non sia defraudata, negletta e
contaminata,
De l’infinito 87-8 e s’aprirà la porta de l’intelligenza de gli principii veri di cose naturali,
et a gran passi potremo discorrere per il camino della verità; la quale ascosa sotto il velame
di tante sordide e bestiale imaginazioni, sino al presente è stata occolta, per l’ingiuria del
tempo e vicissitudine de le cose, dopo che al giorno de gli antichi sapienti succese la
caliginosa notte di temerari sofisti.
Cabala 442-3 Perché il saper nostro è ignorare, o perché non è scienza di cosa alcuna, e
non è apprensione di verità nessuna; o perché se pur a quella è qualche entrata, non è se
non per la porta che ne viene aperta da l’ignoranza, la quale è l’istesso camino, portinaio e
porta.

Esse si connettono al modello esoterico della conoscenza ermetica e perciò anche


all’antropologia gerarchica in esso implicata, disegnando una costellazione che comprende
anche la figura del Sileno in quanto simbolo del contrasto assiologico tra ciò che è visibile e di
scarso valore e ciò che è nascosto e di assoluta rilevanza:

Spaccio 173 Cossì dumque lasciaremo la moltitudine ridersi, scherzare, burlare e


vagheggiarsi su la superficie de mimi, comici et istronici Sileni, sotto gli quali sta ricoperto,
ascoso e sicuro il tesoro della bontade e veritade.

Sempre al modello ermetico fa poi capo una variante dinamica che consiste nel movimento
ascendente e discendente del vero entro il ciclo di luce e tenebre, decadenza e splendore della
civiltà. La topologia rovescia i propri valori e stavolta è il basso a essere oggetto di un
caricamento disforico:

Cena 450 «come un’aurora, che dovea precedere l’uscita di questo sole de l’antiqua vera
filosofia, per tanti secoli sepolta nelle tenebrose caverne de la cieca, maligna, proterva et
invida ignoranza»;
Spaccio 198-9 «Tal io con il mio divino oggetto che è la Verità tanto tempo come fuggitiva,
occolta, depressa è sommersa, ho giudicato quel termine, per ordinanza del fato, come
principio del mio ritorno, apparizione, essaltazione è magnificenza tanto più grande, quanto
maggiori son state le contradizzioni».

120
In conclusione, tale complesso, nel suo presupporre una considerazione della verità “in atto”,
implicata nella vicenda storica e umana, risulta perfettamente speculare alla rappresentazione
del vero assoluto, che si colloca sempre nel punto più alto (Spaccio 255 «Sopra tutte le cose, o
Saulino, è situata la verità; perché questa è la unità che sopra siede al tutto, è la bonta che e
preeminente ad ogni cosa»); anche se va detto che i due modelli spaziali non sono senza
contaminazioni, se è vero che il massimo dell’altezza è identico, nel suo restare inattingibile se
non a pochissimi, al massimo della profondità: Spaccio 256: «e però [la verità] dimora altissima
dove tutti remirano, e pochi veggono».
Il complesso immaginativo che più di tutti è chiamato a rappresentare la relazione del
soggetto conoscitivo con i suoi oggetti, primo fra tutti l’ipostasi della verità, è però senza dubbio
quello fotico. Esso si articola in un’antitesi, quella tra luce e oscurità14, che però non è secca,
ma temperata dalla presenza di un termine medio, l’ombra, in grado di garantire la
comunicazione fra gli estremi. Da tale dominio della luce deriva agevolmente una concezione
del processo conoscitivo che lo assimila al senso della vista, con annessa l’antitesi esoterica tra
chi vede e chi invece è cieco, nonché la possibilità di servirsi della differenza tra potenza e
azione effettiva dell’organo per discriminare gli uomini potenzialmente intendenti da coloro ai
quali è precluso qualsiasi acquisto di conoscenza15. Ad ogni modo, per intendere la semantica
sottesa alle immagini fotiche è necessario risalire al De umbris, dove la terna di luce, tenebre e
ombra, desunta dal mito platonico della caverna16 è sviluppata in parallelo alla distinzione tra
intelletto universale e idee (pura luce, inaccessibile all’occhio umano) da un lato, mondo
sensibile (ombra, che l’uomo può conoscere) dall’altro. È in quest’opera, in un rapporto
intrinseco con l’orizzonte operativo stabilito dalla mnemotecnica, che si fissa la condizione
dell’essere nell’ombra come stato proprio di colui che conosce «per modo di vestigio»17.
Tuttavia, la condizione propria di chi si trova in possesso dell’oggetto ultimo della sua
ricerca è figurata anche come un essere nella luce. Platone cede il passo al neoplatonismo, il
riferimento al quale è necessario per intendere correttamente questa seconda attualizzazione

14
Cena 450 e 461-2, De l’infinito 137-8, Cabala 444.
15
L’applicazione della vista all’atto del conoscere non è priva di una certa problematicità nella misura in cui si
accompagna in Bruno alla riflessione sul rapporto tra senso e intelletto. Per sintetizzare restando nell’ambito della
nostra analogia, possiamo dire che la soluzione bruniana, al di fuori di qualsiasi inquadramento rigoroso tanto
dell’esperienza quanto del processo dimostrativo che da quella si diparte – agli antipodi dunque dal metodo
galileiano – consiste nel comporre insieme due sguardi, due diverse modalità di osservazione. In ciò consiste il
«regolato senso» (De la causa 597, De l’infinito 10 e 136), che non è altro che il reciproco temperarsi dell’evidenza
sensibile con l’estensione dimostrativa del dato per via analogica e induttiva.
16
Garin 1966, 686-7.
17
De la causa 61-5, De l’infinito 27.

121
ricorrente del nostro complesso rappresentativo, dove la luce e la sua sorgente sono quelle della
verità, che si spande nel mondo secondo l’organizzazione scalare dell’emanatismo
neoplatonico, dunque riflettendosi progressivamente nei diversi gradi della materia per
rimandare in modo sempre meno nitido l’immagine della sorgente18. Il modello
dell’irraggiamento è in Bruno, più che una struttura ontologica, la modalità rappresentativa par
excellence dell’entusiasmo filosofico19. In questo caso l’immagine più forte è quella dei raggi
che investono la persona del sapiente direttamente, senza che nuvole o altri corpi opachi
intervengano a fare da ostacolo20.
Tale compresenza di essere nella luce ed essere nell’ombra è effettivamente problematica, e
non si spiega solamente con una differenza di contesti tematici e tipi testuali, per cui il rigore
della teorizzazione gnoseologica, il cui punto nodale consiste nell’esclusione del primo
principio assoluto dal dominio del conoscibile, può scartare rispetto alla rappresentazione
esaltata di sé in quanto sapiente inondato di luce. Se è vero che vale, come principio generale,
l’incongruità dell’architettura concettuale e discorsiva bruniana, le cui singole parti sono
sviluppate in modo autonomo senza eccessivo riguardo alla tenuta dell’insieme21, il tema
scettico dell’umbratilità può convivere senza sforzo con la convinzione di aver raggiunto la
piena comprensione del primo principio soprattutto perché nella mente di Bruno, come abbiamo
già ricordato, convidono due stati del divino: il primo principio assoluto, intangibile e
inconoscibile, e il primo principio comunicato, coincidente con l’universo infinito.

18
Catanorchi 2014, 82.
19
Spaccio 176-7 «Consegliando a gli secondi che si convertano a l’intelletto agente e sole intellettuale, pregandolo
che porga lume a chi non n’ha»; p. 179 «perché, essendo io in intenzione di trattar la moral filosofia secondo il
lume interno che in me have irradiato et irradia il divino sole intellettuale».
20
Si legga l’autoritratto che il filosofo traccia di sé stesso nel De monade: «Procedant nudus, quem non ornant
nebulae, / sol; non conveniunt quadrupedu phalerae / humano dorso. Porro veri species / quaesita, inventa et
patefacta me efferat; / et si nullus intellegat / si cum natura sapio et cum numine, / id vere plusquam satis est»
(“Venga innanzi nella sua nudità il sole, che non ha ornamento di nuvole; non convengono alla schiena dell’uomo
gli ornamenti dei quadrupedi. Possa la verità cercata, trovata, svelata, fare la mia gloria. Anche se nessuno capisce,
io sono più che pago di partecipare alla sapienza della natura e di Dio”, trad. di E. Garin). Il modello
dell’emanazione, con il filo diretto dal vero al sapiente che lo caratterizza, si ripresenta a un’altezza diversa, e
contraddistingue, sempre all’interno della rappresentazione “entusiastica” che Bruno fa di sé, il passaggio di
dottrina dal maestro all’allievo, la cui unica speranza dev’essere quella che la provvidenza lo metta in contatto con
un vero sapiente (cfr. Ophir 1994): De l’infinito 57 «ELPINO. — Or che tanto alta et efficacemente mi hai tolta e
risoluta questa difficoltà, io cedo a fatto al vostro giudizio, e spero oltre sempre da voi ricevere simili resoluzioni;
perché, benché in poco sin ora io n’abbia pratticato e tentato, ho pur ricevuto e conceputo assai; e spero di gran
vantaggio più: perché, benché a pieno non vegga l’animo vostro, dal raggio che diffonde scorgo che dentro si
rinchiude o un sole o pur un luminar maggiore» (ma si veda anche la battuta conclusiva di Albertino a p. 167). È
evidente che il modello dell’emanazione, se da un lato è una struttura sovra-individuale di lungo periodo, dall’altro
trova in Bruno terreno fertile come arma di legittimazione (di sé) e delegittimazione (degli altri, colpevoli di essere
riconosciuti nel momento in cui si vede escluso dal riconoscimento).
21
Lovejoy 1966, 127.

122
2.1.4. L’animazione

Con il tema, già più volte incrociato, dell’animazione universale ci portiamo al centro della
speculazione bruniana, nel punto in cui il dominio incontrastato in sede psichica delle immagini
di vita mutamento brulichio si traduce in uno schema concettuale, applicato al reale nella sua
interezza. Rispetto a tutto ciò, l’analogia agisce, possiamo dire, al tempo stesso prima e dopo:
prima, per il fatto che alla base dell’estensione del principio vitale c’è una proiezione analogica,
dall’uomo – passando per il vivente – a tutto ciò che è natura – e dunque teatro dell’intrinsecarsi
di uno e molteplice –, con lo sguardo rivolto soprattutto al “cielo” ovvero alla realtà
astronomica; dopo, poiché questo tratto della mente bruniana si riversa abbondante nelle
strutture linguistiche dei dialoghi (e di tutta l’opera), tra i quali il posto di rilievo compete
senz’altro al De l’infinito, con la funzione portante lì esercitata dall’analogia animale/Terra. I
dialoghi, e nello specifico la prima triade, sono poi il teatro della disseminazione di un vasto
lessico biologico, adottato per definire tanto le relazioni interne ai corpi celesti e dei corpi celesti
tra loro, quanto i rapporti, anch’essi sottratti alla vista, della materia e della forma, della
sostanza e dell’anima mundi:

Cena 555 Quel moto dumque che veggiamo nella fiamma, ch’è ritenuta e contenuta nelle
concavità de le fornaci, procede da quel, che la virtù del foco perséguita, accende, altera e
trasmuta l’aria vaporoso, del quale vuole aumentarsi e nodrirsi; e quel altro si ritira, e fugge
il nemico del suo essere e la sua correzzione.

De la causa 722-3 Lascio a proposito, che non abbiamo più raggion di dire che la materia
appete le forme, che per il contrario le ha in odio (parlo di quelle che si generano e
corrompono: perché il fonte de le forme che è in sé, non può appetere, atteso che non si
appete lo che si possiede); per che per tal raggione, per cui se dice appetere lo che tal volta
riceve o produce, medesimamente quando lo rigetta e toglie via, se può dir che l’abomina.
Anzi più potentemente abomina che appete, atteso che eternamente rigetta quella forma
numerale che in breve tempo ritenne. Se dumque ricordarai questo, che quante ne prende,
tante ne rigetta, devi equalmente farmi lecito de dire che ella ha in fastidio: come io ti farò
dire che ella ha in desio.

Si tratta di una vasta rete di immagini che comprende, tra le altre, le membra della Terra
animal magnum e l’anima sua e dell’universo, accanto alla dinamica dell’amore e dell’odio,
della simpatia e dell’antipatia, segno chiarissimo di quell’intrecciarsi e avvicendarsi dei contrari
che è la radice ultima del dinamismo che affligge e vivifica il reale bruniano.

123
Come già detto nelle premesse, quanto si realizza in tali scelte verbali, nominali e aggettivali,
e dunque in predicazioni e giunture a rigore definibili come metaforiche, non si esaurisce in una
retorica della metafora, e neppure nella versione allargata che di essa può dare il cognitivismo.
Bruno pensa e agisce con una radicalità maggiore di quella affermata, ad esempio, da Lakoff e
Johnson (1982), ai quali l’adozione di una prospettiva “profonda” e strutturale sulla metafora
non impedisce di insistere a più riprese sulla parzialità della sovrapposizione tra le porzioni di
realtà accostate dall’analogia. Nella mente magica, l’unica parzialità è quella connessa al
mutare della scala, che impone un attento dosaggio delle analogie negative accanto a quelle
positive o, in altri termini, di adeguare caso per caso le equazioni minori che discendono dalla
iniziale somiglianza di campo. Per il resto la coincidenza o almeno l’embricazione è reale:
l’analogia non ci aiuta a intendere certi aspetti di un referente concependolo attraverso un altro,
ma semplicemente permette di osservarlo correttamente, nel suo essere se stesso sia in una che
nell’altra cosa.
Quando appena detto va però leggermente sfumato, ricordando che il Bruno dei dialoghi
italiani non è ancora il Bruno delle successive opere magiche, se non altro poiché in quanto
autore ha deciso di comparire di fronte ai propri destinatari (attraverso la pubblicazione di certe
opere e non di altre) nelle vesti del letterato, dell’esperto di memoria artificiale e lullismo,
soprattutto del filosofo in grado di produrre una riflessione globale – dalla metafisica alla fisica,
dall’etica alla gnoseologia. L’animazione va intesa dunque soprattutto come elemento
filosofico interno al processo di costruzione di un edificio concettuale che sia anche risposta
critica e trasformativa al mondo presente. Per tale costruzione ad avere valore fondativo è il
gesto di reazione con cui il Nolano contrappone alla fisica aristotelica del mondo chiuso,
segmentato e di per sé inerte (che per lui equivaleva a un’astrazione logica), quella fisica dei
presocratici dove ha modo di ritrovare proprio l’intuizione del reale unitario e animato. Sulla
scorta dello stesso presupposto contestuale, il principio dell’animazione si lega poi ad altre due
peculiarità dei dialoghi: la vivacità polemica e l’entusiasmo che aggancia la contemplazione
del vero alla liberazione dell’uomo mediante la trasformazione del mondo terreno. Mentre, per
lo stesso motivo, siamo lontani dall’orizzonte operativo entro il quale si situa la dottrina delle
opere magiche, così come dal parziale ripiegamento in senso esoterico-occultistico segnato
dalle stesse e prima dai poemi francofortesi (più di tutti il De monade), per i quali va aggiunto
il ritorno alla convenzionalità sul piano delle scelte espressive22.

22
Garin 1966, 705.

124
Simili restrizioni hanno tra l’altro un effetto che eccede il tema dell’animazione e che
consiste in una messa a tema più contenuta della trama analogica normalmente attestata nei testi
di magia dotta cinquecentesca, Bruno stesso compreso, con alcune significative differenze
rispetto a essi. Procedendo, sulla scorta di un datato ma fondamentale contributo di Cesare
Vasoli (1977), a un confronto sommario con alcuni campioni fondamentali di tale tradizione
testuale, a saltare all’occhio sono anzitutto le assenze. Nei dialoghi non c’è traccia, ad esempio,
di analogie armoniche; né stupisce che l’universo infinito – che non è più il cosmo geometrico
ridotto all’astratta perfezione delle forme universali – possa essere assimilato a un poema
musicale o a un clavicordo, né tantomeno a un’architettura perfetta. Sono, queste, immagini
statiche o comunque tali per cui domina in esse una connotazione di sintesi calma, senza sforzo,
agli antipodi dal carattere altamente dinamico e tensivo dell’universo illimitato del «mareggiare
vano del tempo» (Garin 1966, 694). Il trattamento dello specchio, invece, allude forse alla
volontà di oscurare il figurante ultimo della realtà animata (nient’altri che l’uomo) nel contesto
filosofico e non magico, dunque non pratico e orientato piuttosto alla messa in sistema di
concetti cosmologici e ontologici, della prima triade dialogica. Così l’uomo può venire espunto
o almeno subire l’obbligo di un’esistenza parzialmente sotterranea in testi dove non si vuole
insistere, almeno non in prima istanza, sulla sua potenza o fornire strumenti affinché essa possa
realizzarsi, ma definire una cosmologia e un’ontologia strettamente intrecciate. Dunque
l’universo è, sì, lo specchio, ma di Dio e non dell’uomo, e lo specchio è solo uno fra i molti
termini (vestigio, simulacro, traccia, ombra, Diana), spesso enunciati in serie che ne esplicitano
i rapporti di sinonimia23, chiamati a figurare l’universo o ancora meglio la Natura in quanto
campo in cui l’uno si esplica in una molteplicità di forme soggette al divenire. L’inserimento
del figurante in un contesto simile, per di più, non lo lascia inerte, così che il farsi infinito dello
specchio per poter raccogliere il corpo della divinità finisce per condannarlo all’esplosione:

De l’infinito 46 Per che deve esser frustrata la capacità infinita, defraudata la possibilità de
infiniti mondi che possono essere, pregiudicata la eccellenza della divina imagine, che

23
De l’infinito 27 «ma è un grandissimo ritratto, mirabile imagine, figura eccelsa, vestigio altissimo, infinito
ripresentante di ripresentato infinito, e spettacolo conveniente all’eccellenza et eminenza di chi non può esser
capito, compreso, appreso»; Spaccio 259 «E perciò da fuori non si vede se non in ombra, similitudine, specchio,
et in superficie e maniera di faccia, alla quale non è in questo mondo chi più s’avicine per atto di providenza et
effetto di prudenza»; infine, in modo più esplicito: De la causa 648 «Ecco dumque che della divina sustanza, sì
per essere infinita, sì per essere lontanissima da quelli effetti, che sono l’ultimo termine del corso della nostra
discorsiva facultade, non possiamo conoscer nulla, se non per modo di vestigio come dicono i Platonici, di remoto
effetto come dicono i Peripatetici, di indumenti come dicono i Cabalisti, di spalli o posteriori come dicono i
Talmutisti, di spechio, ombra et enigma come dicono gli Apocaliptici».

125
deverebe più risplendere in un specchio incontratto, e secondo il suo modo di essere,
infinito, imenso?

L’ultima assenza degna di nota riguarda l’immagine del mondo come linguaggio segreto di
cui va ritrovata la cifra. Dato che il tema linguistico è soggetto presso Bruno a un’oscillazione
vertiginosa fra adesione al nominalismo24 – e dunque, con Foucault (1967), all’idea moderna
del linguaggio come rappresentazione – e residui di ipostatizzazione magico-cabalistica25,
possiamo anche in questo caso ricorrere al contesto come al fattore dirimente: per cui l’assenza
di tracce analogiche di un «essere del linguaggio» (ancora Foucault) dovrà essere riportata al
predominio dell’intenzione filosofica, cui ineriscono nei Dialoghi tanto i frequenti spunti di
polemica antiumanistica quanto la coscienza, più volte resa esplicita, della storicità dei termini
e del loro continuo cangiare sotto la diversa luce delle diverse tradizioni di pensiero – da cui la
necessità di praticare forme di ecologia linguistica26.

2.2. L’analogia come fatto retorico

2.2.1. Figure di analogia

Anche qualora si decida di restare all’interno dell’accezione retorica dell’analogia, la


scrittura a forte temperatura filosofica di Bruno sconsiglia una focalizzazione sull’ornatus e
sugli aspetti decorativi di uno scrivere “per figure”, così come un’analisi che privilegi le forme
sulle funzioni, sugli effetti di senso e sui referenti convocati nel testo dal procedimento
analogico. Ciò nondimeno, sul piano retorico l’analogia dimostra di essere produttiva non solo
rispetto alla conoscenza, ma anche al valore; presteremo dunque attenzione all’effetto
connotativo del comparante, la cui estrazione si proietta inevitabilmente sul comparato (ma
attenzione che l’influsso può essere reciproco) determinandone l’innalzamento o abbassamento
sul piano assiologico27. Quanto poi alla decisione di non valorizzare l’aspetto esornativo dei
procedimenti, va detto che Bruno non è, differentemente da certi suoi modelli letterari tra cui
soprattutto il pletorico Aretino, scrittore della sovrabbondanza e dell’infoltimento analogico.
Ciò significa anche che la maggior parte delle sue analogie sfugge a modalità compositive di
tipo manieristico per farsi all’opposto veicolo di istanze comunicative integrate

24
Cfr. Agrimi 1981.
25
Nuzzo 2004, 31.
26
Cfr. Ciliberto 1979.
27
Perelman-Olbrechts-Tyteca 19892, 394 ss.

126
nell’argomentazione con piena semanticità. La materia dell’analisi impedisce dunque una
propria partizione nei termini di categorie solo o prevalentemente formali, mentre per le stesse
ragioni incoraggia l’adozione di una tipologia che senza disdegnare quelle categorie, dalle quali
comunque prende le mosse (2.2.1.1. Forme), prediliga i parametri funzionale (2.2.1.2 Funzioni)
e semantico (2.2.1.3. Campi figurali). L’adozione di quest’ultimo si traduce nell’analisi alle
costanti analogiche sui due versanti del figurato e soprattutto del figurante, che si è creduto
opportuno tenere distinti anche a costo di scindere l’unità del campo metaforico, così da poter
valorizzare la relativa mobilità dei legami così come l’ambivalenza assiologica di alcuni tra i
figuranti.
Venendo alle categorie analitiche, possiamo vedere un primo esempio di come la scelta di
un approccio prevalentemente funzionale comporti il ridimensionamento delle considerazioni
puramente formali nella distinzione, che si crede opportuno premettere, fra metafora in senso
stretto ed equazioni analogiche più lineari e statiche, leggibili e trasparenti, fra le quali trovano
posto, oltre alla similitudine e alla comparazione, copule stabili come: il legame per
identificazione; la metafora in praesentia del termine proprio e/o della motivazione; la stessa
antonomasia, per lo più vossianica, che analogia in senso stretto non è, ma che riportiamo a
questa categoria proprio in forza della sua nettezza di confini28. Al polo della metafora
accostiamo invece le sezioni analogicamente più sature (2.2.1.1.3, 2.2.1.1.6), dove l’addensarsi
dei figuranti e delle corrispondenze rende più difficile una chiara discriminazione dei confini.
L’analogia dei dialoghi italiani appare dunque devota da un lato a leggibilità e chiarezza, come
dimostra la similitudine distesa in funzione esplicativa, dall’altro a forza e capacità impressiva,
come testimonia invece il suo impiego massiccio in contesti polemici e, soprattutto, elativi.
Nonostante la presenza di questo secondo polo possa forse indurre a inferire il contrario,
l’analogia agisce solo di rado come fattore complicante sul piano della significazione. Quando
il lavoro inferenziale del lettore si fa difficile e l’interpretazione rallenta, a essere responsabili
sono per lo più altre figure, vale a dire quelle strutture a doppio livello (cfr. infra 3) anch’esse
molto presenti nella prosa dei dialoghi. Esse possono combinarsi tra loro e con l’analogia, dando
luogo a frequenti sovrapposizioni di più livelli, alla radice delle quali troviamo spesso la
convergenza, nello stesso intervallo o punctum della scrittura, di intenzionalità comunicative
diverse, per cui ad esempio l’allusione autobiografica o contestuale può incrociare
l’implicazione filosofica e la parodia anticristiana. L’analogia, rispetto a queste strategie di

28
Bozzola 1999, 50.

127
approfondimento e apertura del dettato, occupa una porzione in parte diversa dello spettro
retorico, che si spera di aver delineato fin qui con sufficiente nitidezza. L’allegoria, nonostante
i risaputi punti di contatto con l’analogia e la metafora, non vi rientra, oltre che per la ragioni
di ordine funzionale già menzionate, per almeno altri tre motivi. L’analogia è per lo più un
fenomeno localizzabile in un punto preciso del testo, e questo vale anche per le analogie in
grado di compattare il macrotesto, le quali o compaiono una volta sola in un punto chiave o
sfruttano una disseminazione accorta. L’allegoria, al contrario, «è sistematica e si realizza su
una vasta porzione testuale» (Eco 1984, 251). Alla sistematicità è connessa poi la necessaria
presenza, a priori, di un codice, un «alfabeto di corrispondenze convenzionali» (Mortara
Garavelli 2003, 263) consegnato al destinatario, senza contare – e siamo al terzo parametro –
che «la metafora non può essere interpretata letteralmente» (Eco 1984, 249) se non a patto di
restare incompresa come figura escludendo così il lettore dalla comprensione e dal piacere del
testo, mentre non è lo stesso per l’allegoria, dove alla lettera è concessa piena autonomia29.

2.2.1.1. Le forme

Il grado di leggibilità di un’equazione analogica, a fondamento della bipartizione tra


metafora ed equazione esplicita già esposta, dipende in prima istanza dalla presenza o assenza
di tre dei quattro elementi necessari al complesso standard del costrutto analogico: figurante,
figurato, motivazione, modalizzatore30 – il figurante non può in nessun caso mancare. A questo
riguardo Bruno predilige la forma che conserva il modalizzatore escludendo la motivazione,
che però nella maggior parte dei casi può essere ricavata facilmente data la mancata o scarsa
divaricazione tra i due poli. Il secondo parametro è quello dell’estensione, di per sé equivoco
dato che la crescita in lunghezza è suscettibile di accompagnare tanto la complicazione, quanto
la ricerca della trasparenza più cristallina. Il secondo caso è quello delle lunghe similitudine
esplicative (2.2.1.2.3), dell’aggiunta di un secondo figurante per lo stesso figurato a rafforzarne
o chiarirne ulteriormente le qualità (2.2.1.1.4). Sotto il binomio di lunghezza e complessità
rubrichiamo invece: le metafore continuate e i casi, identici solo in apparenza, di emancipazione
del figurante, dove la corrispondenza iniziale cede il passo allo sviluppo autonomo del secondo

29
Aggiungo soltanto che la ripartizione dei fenomeni tra secondo e terzo capitolo coincide in parte con la
distinzione tra metasememi e metalogismi nella Rhétorique générale del Gruppo μ, dove l’analogia rientra nei
primi, l’allegoria nei secondi.
30
Mi rifaccio al modello di Pozzi (1974), applicato in Bozzola 1996, ma un modello a quattro termini (con le
conseguenti varianti delle metafore a due, tre, quattro termini) è anche in Henry 1975.

128
termine (2.2.1.1.3); l’analogia incorporata nella struttura dialogica (2.2.1.1.5); la saturazione
analogica, ottenuta quando s’intrecciano più o meno organicamente linee analogiche diverse in
uno spazio ristretto (2.2.1.1.6).

2.2.1.1.1. Forme brevi

Inseriamo per prime le varianti della «giuntura copulativa» (Bozzola 1996, 74), in cui
figurante e figurato condividono il medesimo piano sintattico, a cominciare dalla ripresa
anaforica di un sostantivo antecedente per mezzo di un sintagma nominale nel quale l’aggettivo
dimostrativo segnala il rinvio, istituendo altresì la coreferenza, mentre il sostantivo s’incarica
del passaggio dal proprio al figurato: Cena 193 «Perché questo asino [Torquato] si pensava
essere tra goffi e balordi»31; il dimostrativo può avere valore deittico quando riferito a uno dei
personaggi presenti sulla scena: De la causa 93 «circa la maestà di questo reverendissimo gufo
[Polihimnio]». La designazione figurata possiede l’efficacia fulminea che serve alla polemica,
e lo stesso può essere detto per molti casi di legame per identificazione: Cena 210 «Per che voi
siete una talpa»; De infinito 68 «Quanto poi all’argomento che fa dalla gravità e levità, diciamo
che questo è un de più bei frutti che potesse produre l’arbore de la stolida ignoranza»32.
Rendono invece conto della tensione alla trasparenza propria dell’analogia bruniana, alcune
altre giunture di identico stampo coordinativo. Oltre al parallelismo sintattico di proprio e
figurato (Cena 103 «Di que’ dumque indotti possiamo esser maestri, e di quei ciechi

31
Quando è assunto come figurante l’asino ha sempre valore negativo. Le poche eccezioni, come ad esempio la
«scala del binario» proposta da Frulla in risposta a quella di Teofilo (Cena 443-4), sono riportabili alla norma
giusta il loro inserimento in un contesto facilmente riconoscibile come parodico o ironico. Il termine rinvia ai
diversi avversari del discorso bruniano e comporta in buona parte dei casi l’imputazione di stoltezza e
allontanamento da quei fondamenti naturali che dovrebbero presiedere a ogni attività umana. Inteso in questo
senso, “asino” si sovrappone a “pedante”, termine che in Bruno subisce un massiccio ampliamento semantico
rispetto alla sua originale anti-umanistica, grammaticale e scolastica. Asini sono pertanto Aristotele, Pietro Ramo
e Francesco Patrizi, ovviamente i «dottori barbareschi» della Cena, Nundinio e Torquato; asino è l’anonimo
prefatore del De revolutionibus, nonché, assumendo a motivazione il tratto della passività e della fatica cieca e
servile, i teologi riformati, Lutero in testa, poiché annullano l’essenza attiva e operosa dell’uomo figurata da Bruno
nel primato della mano. Quest’ultima identificazione polemica ci conduce alla Cabala, dove l’attacco ai sostenitori
della iustitia sola fide è, per quanto spesso occultato da figure allusive e ironiche, tra gli argomenti portanti. Il
punto è che però l’asino, in questo contesto (in realtà a partire dalla sua inserzione, poi privata di sviluppo,
nell’impalcatura catasteristica dello Spaccio), perde la propria connotazione soltanto negativa per assumere, in
quanto centro tematico esplicito, uno status assiologico bifronte o quantomeno fluido e oscillante, in ragione
dell’intrecciarsi di più discorsi: quello di ascendenza cusaniana della conoscenza umana come dotta ignoranza, la
già ricordata polemica contro la passività riformata, il discorso sull’autorità e la posizione d’autore allegorizzato
nell’Asino cillenico, conclusione solo all’apparenza fuori sacco. Una complessità che richiede una trattazione a
parte, che sarà svolta nel capitolo terzo.
32
Dove peraltro possiamo leggere una delle rare occorrenze con connotazione negativa del frequente figurante dei
frutti (su cui cfr. infra 2.2.1.3).

129
illuminatori») esempio con l’ordine opposto – sono rilevanti le forme insieme più rigide e nette
in cui i due poli sono separati esplicitamente tramite l’inserzione di un verbum dicendi (Cena
166 «quando ha perso il scudo da defendersi e la spada da offendere, dico quando non ha più
risposta né argumento»; De l’infinito 149, «…») o di un segnale grafico di discontinuità:

Cena 74 ma vedrete che non bastarebbono tutte le presse del mondo, per cavar una stilla di
succhio dal suo dire – per prender materia da far dimandar Smitho, e rispondere il Teofilo.
De l’infinito 149 entrato che mi sarà nel capo questo pensiero, facilmente succederanno gli
altri tutti che voi mi proponete: arrete insieme insieme tolte le radici d’una, e piantate quelle
d’un’altra filosofia.

L’ordine in cui si dispongono figurante e figurato non è, ovviamente, senza significato: la


collocazione del figurato in prima posizione assegna al figurante una prevalente funzione di
rinforzo icastico, mentre la disposizione speculare lascia intravedere il gesto impresso da una
volontà razionale33.
Al contrario, nelle giunture di tipo subordinativo, il dislivello sintattico tra i due termini
contribuisce ad amalgamarli maggiormente, tendendo la figura in direzione della fusione, cioè
della metafora in senso stretto. Il sottotipo più evidente è il cosiddetto genitivo di attribuzione,
cui spesso l’autore ricorre nella forma espansa dell’elenco: Cena 166 «salta ne’ calci de la
rabbia, acuisce l’unghie de la detrazzione, ghigna i denti delle ingiurie, spalanca la gorgia de i
clamori»34; De l’infinito 54-5 «ma non già per questo gittate la macchina delle contrarie
opinioni». Esso è molto diffuso nello Spaccio, dove coincide con la forma linguistica dei singoli
dettagli in cui si articolano le descriptiones allegoriche dei vizi e delle virtù, mostrando così
come l’analogia possa rientrare e di fatto rientri spesso nelle forme più scoperte di allegoresi in
qualità di materiale da costruzione ed epifenomeno:

Spaccio 339-40 «Tolgasi» disse Nettuno, «questa Andromeda (se Cossì piace a voi Dei) la
quale per la mano de l’Ignoranza è stata avinta al scoglio de l’Ostinazione con la catena di
perverse raggioni è false opinioni: per farla traghiuttir dal ceto della perdizione è final ruina,
che per l’instabile è tempestoso mare va discorrendo: è sia commessa alle provide et amiche
mani del sollecito, laborioso et accorto Perseo, ch’avendola indi disciolta è tolta,
dall’indegna cattività la promova al proprio degno acquisto.

33
Bozzola 1999, 53.
34
In conformità a un regime di ricorrenze a media e lunga distanza, quasi vere e proprie figure sintattico-
semantiche, che caratterizza tutto l’arco dei dialoghi, a Spaccio 234 ritroviamo una serie pressoché identica:
«perché la le unghie de la detrazzione non arivano, il livore de l’invidia non avelena, le tenebre de l’errore non vi
profondano».

130
2.2.1.1.2. Antonomasia

Dell’antonomasia, e soprattutto della sua variante vossianica, Bruno si serve in modo assai
esteso nei dialoghi italiani. Essa gli offre di simboli di provata efficacia e la possibilità di un
arricchimento connotativo del referente tanto rapido (nello spazio di una sola parola) quanto
ampio. La collochiamo tra le figure analogiche poiché il meccanismo proiettivo che la governa
è il medesimo coinvolto nell’analogia. In particolare, essa si avvicina, per chiarezza di confini,
alle equazioni analogiche più trasparenti35, e come tale si collega alla componente razionale
tipica di una porzione significativa del linguaggio analogico bruniano. Alla pari delle altre
risorse del linguaggio figurato, anche l’antonomasia trova inoltre numerosi impieghi nel campo
dell’aggressione verbale. Così nel caso seguente, dove il suo utilizzo è però subordinato alla
presenza diffusa dell’allegoria:

Spaccio 306 ma col suo destriero alato discorra la mia diletta Europa; et ivi cerca dove son
que’ superbi e mostruosi Atlanti, nemici de la progenie di Giove, da cui temeno che gli
vegnan tolte le poma d’oro che sotto la custodia e serragli de l’Avarizia et Ambizione
tegnono occolte. Attenda ove son altre più generose e più belle Andromede che per violenza
di falsa religione vegnono legate et esposte alle marine belve. Guarde se qualche violento
Fineo constipato dalla moltitudine di perniciosi ministri viene ad usurparsi i frutti
dell’altrui industrie e fatiche.

La funzione polemica è dominante nello Spaccio, dove la robusta presenza dell’antonomasia


si accorda alla cornice mitologica del dialogo, e dove vediamo la figura intrecciarsi con
un’allusione ai teologi della Riforma («per violenza di falsa religione»; «perniciosi ministri»;
«usurparsi i frutti dell’altrui studi e fatichi»), così da mantenere viva, al di sotto del discorso
esplicito sulla cacciata dei vizi, la polemica antiprotestante che trama l’intero testo in sinergia
con il ricorso alla metaforica vegetale dei «frutti» (cfr. 2.2.1.3).
L’identificazione antonomastica colpisce i pedanti, nonostante in questo caso
l’atteggiamento bruniano tradisca una certa ambiguità. In virtù del suo carattere potenzialmente
libresco e citazionistico, evidente soprattutto nel tipo vossianico, dominante nei dialoghi, dove
a sostituire il nome proprio è un nome proprio usato come epiteto, la figura è infatti uno stilema
tipico della lingua pedantesca dei maestri bruniani. Esemplare il caso di Prudenzio, che dietro
richiesta di Teofilo chiude la Cena con uno scongiuro assai ricco in questo senso:

35
Bozzola 1996, 73.

131
Cena 560 E voi altri, Trasoni salvatici e fieri mavorzii del popolo villano, siete scongiurati
per le carezze che ferno le Strimonie ad Orfeo, per l’ultimo servizio che ferno i cavalli a
Diomede et al fratel di Semele, e per la virtù del sassifico brocchier di Cefeo: che quando
vedete et incontrate i forasteri e viandanti, se non volete astenervi da que’ visi torvi et
erinnici, al meno l’astinenza da quegli urti vi sii raccomandata36.

D’altro canto, l’antonomasia è un tratto tipico del pedantesco bruniano al punto da costituire
il fulcro della riappropriazione parodico-aggressiva che di quel codice può mettere in atto il
portaparola o un qualsiasi altro antagonista del pedante; si veda al proposito la lunga tirata di
Teofilo contro Polihimnio e tutti i pedanti, dove è evidente, fin dalla lunghezza stessa del
passaggio, che oltre al riuso distruttivo, al falsetto, l’istanza autoriale incorporata nel princeps
si abbandona al piacere di quella retorica:

De la causa 635-6 Questo sacrilego pedante avete per il quarto: uno de rigidi censori di
filosofi, onde si afferma Momo; uno affettissimo circa il suo gregge di scolastici, onde si
noma nell’amor socratico; uno perpetuo nemico del femineo sesso, onde per non esser
fisico, si stima Orfeo, Museo, Titiro et Amfione. Questo è un di quelli che quando ti arran
fatta una bella construzzione, prodotta una elegante epistolina, scroccata una bella frase da
la popina ciceroniana, qua è risuscitato Demostene, qua vegeta Tullio, qua vive Salustio;
qua è un Argo che vede ogni lettera, ogni sillaba, ogni dizzione; qua Radamanto umbras
vocat ille silentum, qua Minoe re di Creta urnam movet.

L’analisi dell’antonomasia in quanto tratto stilistico condiviso dalla retorica autoriale e dalla
lingua pedantesca è una delle chiavi d’accesso allo statuto parzialmente ambiguo della
pedanteria in Bruno; il quale manifesta a questo riguardo un atteggiamento ambivalente, in
bilico fra stigmatizzazione e dissimulata vicinanza, che traspare anche dal ruolo e dalla
caratterizzazione mediante i discorsi di alcuni pedanti dei dialoghi (senz’altro, nella Cabala,
Coribante), e che ci riporta al giudizio sfumato ed empatico del Montaigne autore dell’essai (I,
XXV) De la pédanterie37.

36
Eccetto l’antonomasia con la quale i popolani sono assimilati a Trasone, il nome dato da Terenzio al soldato
vantone dell’Eunuchus, il resto delle identificazioni non ha forma esplicita; nondimeno è relativamente semplice
riconoscere nei mangiatori di uomini (Antropofagi), nel satrapo Nicocreonte che ordinò l’uccisione di Anassarco
tramite mortaio, nei serpenti di Laocoonte e nella ferita che tormenta il patrono degli appestati San Rocco, i dottori
Nundinio e Torquato, così come al polo opposto il valore e ancor più il coraggio indomito del Nolano rilucono per
l’interporsi del filosofo cinico – e ricordiamo che Bruno si è già paragonato a Diogene (Cena 440) – e del sacerdote
troiano che lotta per salvare i suoi figli.
37
«Nous ne travaillons qu’à remplir la mémoire, et laissons l’entendement et la conscience vide. Tout ainsi que
les oiseaux vont quelquefois à la quête du grain, et le portent au bec sans le tâter pour en faire becquée à leurs
petits : ainsi nos pedantes vont pillottant la science dans les livres, et ne la logent qu’au bout des lèvres, pour la
dégorger seulement et mettre au vent. – C’est merveille combien proprement la sottise se loge sur mon exemple.
Est-ce pas faire de même, ce que je fais en la plupart de cette composition ? Je m’en vais écorniflant par-ci-par-là
des livres les sentences qui me plaisent : non pour les garder, car je n’ai point de gardoire, mais pour les trasporter
en cettui-ci, où à vrai dire elles ne sont non plus miennes qu’en leur prémiere place. Nous ne sommes, ce crois-je,

132
L’antonomasia è inoltre impiegata in relazione alla costruzione dell’immagine autoriale,
dove è tra i mezzi più adatti a evidenziare corrispondenze a contrapposizioni, individuando i
tratti essenziali del proprio sé a confronto con quello degli avversari. Non è un caso allora che
si ricorra a tale figura al fine di schizzare l’immagine autoriale in apertura di corpus, in quel
misto tra dichiarazione d’intenti e manuale d’istruzioni al lettore che è l’Epistola dedicatoria
premessa alla Cena:

Cena 440 Questo s’è drizzato a voi, che siete più vicino, e vi mostrate più propizio e più
faurevole al nostro Nolano: e però vi siete reso più degno supposito di nostri ossequii in
questo clima dove i mercanti senza conscienza e fede, son facilmente Cresi; e gli virtuosi
senz’oro, non son difficilmente Diogeni. A voi che con tanta munificenza e libertà avete
accolto il Nolano al vostro tetto e luogo più eminente di vostra casa; dove se questo terreno
in vece che manda fuori mille torvi gigantoni, producesse altri tanti Alessandri Magni,
vedreste più di cinquecento venir a corteggiar questo Diogene, il qual per grazia de le stelle
non hav’altro che voi che gli venga a levar il sole, se pur (per non farlo più povero di quel
cinico mascalzone) manda qualche diretto o reflesso raggio dentro quella buca che sapete.

La stessa struttura antitetica è ripetuta due volte, mantenendo fisso uno dei termini,
Diogene/Nolano, mentre se ne varia la controparte. I «Cresi» privi di ragione e di scrupoli altri
non sono che Nundinio e Torquato, i due avversari dialettici del Nolano nella cena, la cui
squalifica – etica prima ancora che intellettuale – è realizzata fin dalle prime battute della
dedicatoria secondo le modalità performative che conosciamo. Gli «Alessandri Magni»
incarnano il potere costituito, e con buona probabilità più l’università che la corte, visto il
ricordo ancora fresco della traumatica esperienza oxoniense dell’estate 1583, nonché il legame
di quest’esperienza con la Cena. La voce autoriale, che nella dedicatoria ancora non è filtrata
dall’interporsi dei personaggi, si rivolge dunque al Castelnau per sostenere apertamente il
Nolano, assumendo con un più di sfrontatezza il ruolo legittimante che nel dialogo sarà proprio
del portaparola Teofilo. La scelta di Diogene di Sinope e l’appena più sottile allusione, in forma
di exemplum scorciato, al celeberrimo aneddoto del suo incontro con Alessandro (Diogene
Laerzio, VI, II, 6), appongono sul volto del Nolano la maschera del sapiente socratico,
unicamente teso all’inseguimento della verità e indifferente tanto ai segni esteriori del successo
sociale (la ricchezza)38 quanto soprattutto all’eventualità di una propria inserzione nel circuito

savants que de la science présente : non de la passée : aussi peu que de la future» Montaigne, Essais, Milano,
Bompiani, 2012, p. 244.
38
Per la rappresentazione socratica, incentrata sulla povertà e sull’indifferenza all’esteriorità, che Bruno fa di sé
rimando a Cena 529 e prima a Candelaio 275.

133
istituzionale della conoscenza. Un sapiente il cui unico rapporto obbligante è quello con la
verità stessa.
Strutturazione antitetica e rilevanza assegnata alla dimensione spaziale ritornano in un
passaggio del primo dialogo, all’interno di una sezione (Cena 447-58) interamente dedicata a
garantire al Nolano un assenso preventivo, quasi un piedistallo dal quale possa declamare i
propri argomenti:

Cena 452-3 Gli Tifi han ritrovato il modo di perturbar la pace altrui, violar i patrii genii de
le reggioni, di confondere quel che la provida natura distinse, per il commerzio radoppiar i
diffetti e gionger vizii a vizii de l’una e l’altra generazione, con violenza propagar nove
follie e piantar l’inaudite pazzie ove non sono, conchiudendosi al fin più saggio quel che è
più forte; mostrar novi studi, instrumenti, et arte de tirannizar e sassinar l’un l’altro: […]
Il Nolano, per caggionar effetti al tutto contrarii, ha disciolto l’animo umano e la cognizione
che era rinchiusa ne l’artissimo carcere de l’aria turbulento, onde a pena come per certi
buchi avea facultà de remirar le lontanissime stelle, e gli erano mozze l’ali, a fin che non
volasse ad aprir il velame di queste nuvole e veder quello che veramente la su si ritrovasse,
e liberarse da le chimere di quei che essendo usciti dal fango e caverne de la terra, quasi
Mercuri et Appollini discesi dal cielo, con moltiforme impostura han ripieno il mondo tutto
d’infinite pazzie, bestialità e vizii, come di tante vertù, divinità e discipline: smorzando
quel lume che rendea divini et eroichi gli animi di nostri antichi padri, approvando e
confirmando le tenebre caliginose de sofisti et asini. […]
Or ecco quello ch’ha varcato l’aria, penetrato il cielo, discorse le stelle, trapassati gli
margini del mondo, fatte svanir le fantastiche muraglia de le prime, ottave, none, decime,
et altre che vi s’avesser potute aggiongere sfere per relazione de vani matematici e cieco
veder di filosofi volgari

La contrapposizione in questo caso è frontale, senza sconti, e la funzione dell’antonomasia


esclusivamente negativa, dato che essa designa soltanto gli avversari. I «Tifi», che il cotesto
non riportato associa esplicitamente a Colombo e agli altri esploratori39, tramite movimenti più
e più ampi sull’asse orizzontale hanno scoperto – e avvelenato e distrutto – nuove terre,
violentemente riportando l’ignoto al noto grazie alla vista straordinaria che li contraddistingue.
Il Nolano si è mosso invece su un’altra direttrice, dal basso verso l’alto, con la leggerezza
propria del volo, trasformando una parziale cecità nella visione aperta della verità. Gli effetti
negativi di un movimento solo espansivo e tutto sullo stesso piano stingono se messi a confronto

39
Cena 451-2 «Or dumque a fin ch’intendiate il negocio presente e l’importanza sua, vi propono per una
conclusione che ben presto, facile e chiarissimamente vi si provarà: che se vien lodato lo antico Tifi per avere
ritrovata la prima nave e co gli Argonauti trapassato il mare: […] se a’ nostri tempi vien magnificato il Colombo,
per esser colui, de chi tanto tempo prima fu pronosticato: […] che de’ farsi di questo che ha ritrovato il modo di
montare al cielo, discorrere la circonferenza de le stelle, lasciarsi a le spalli la convessa superficie del
firmamento?».

134
con il salto di livello e di condizione proprio dell’ascesa, da intellettuale fattasi qui tutta fisica,
del filosofo-esploratore.
Il nesso organico tra antonomasia e contrapposizione risale però alle prime pagine della
dedicatoria, in un punto ancora precedente alla comparsa dei Diogeni e dei Cresi, dove
l’immagine platonica ed erasmiana del Sileno è applicata all’opera che si sta presentando:

Cena 438 Or qua se vedrete talvolta certi men gravi propositi, che par che debbano temere
di farsi innante alla superciliosa censura di Catone, non dubitate: perché questi Catoni
saranno molto ciechi e pazzi, se non sapran scuoprir quel ch’è ascosto sotto questi Sileni.

Sebbene a essere designata con l’espressione «questi Sileni» non sia la figura autoriale ma
l’opera stessa, lo spazio è in qualche modo ancora quello della rappresentazione del sé. Il Sileno,
come immagine, in sé stessa antitetica, di un senso prezioso risposto sotto una superficie
all’opposto grottesca e ripugnante, istituisce una separazione esterno/interno e al contempo un
movimento verticale ascendente/discendente entrambi tipici della mente bruniana. La scissione
che risulta intesa positivamente nella statuetta silenica origina due possibilità contrapposte:
l’atteggiamento miope dei censori pedanteschi, incapaci di superare la lettera o, con termine
bruniano, le «paroli»; quello più accorto che si auspica nel dedicatario, il quale saprà superare
le apparenze e sprofondare nei «sentimenti», dissotterrando il tesoro dei significati riposti.

2.2.1.1.3. Intreccio ed emancipazione

Setacciando i dialoghi italiani alla ricerca delle equazioni analogiche più estese, si finisce
per notificare l’esiguità e la scarsa complessità delle metafore continuate in senso stretto,
provviste cioè della caratteristica struttura a intreccio, dove lo sviluppo orizzontale delle due
serie dei figuranti e dei figurati comporta l’aggiunta, oltre l’originaria relazione di somiglianza
(analogia), di una seconda relazione di contiguità (metonimia)40. Se ne può vedere un esempio
nelle righe che chiudono la dedicatoria al De infinito, dove nel momento in cui si afferma la
forte unitarietà del corpus dei dialoghi londinesi si riprende l’idea che l’impalcatura metafisica

40
Il modello è formulato da Pozzi (1974, 57), ripreso in Bozzola 1999, 56-7. Preferisco non includere le numerosi
descrizioni allegoriche dello Spaccio, per il fatto che nonostante la forma affine esse sono governate a un livello
più alto dal meccanismo allegorico.

135
del De la causa porti in nuce il sistema bruniano nella sua interezza41, venendo a configurarsi
come quella potenzialità che il resto del ciclo s’incarica di attualizzare42:

De l’infinito 28 a fine che quello che è seminato ne gli dialogi De la causa, principio et
uno, nato in questi De l’infinito, universo e mondi, per altri germoglie, per altri cresca, per
altri si mature, per altri mediante una rara mietitura ne addite, e per quanto è possibile ne
contente; mentre (avendolo sgombrato de le veccie, de gli lolii e de le raccolte zizanie) di
frumento meglior che possa produr il terreno de la nostra coltura, verremo ad colmar il
magazzino de studiosi ingegni43.

Si tratta di un sistema rappresentativo compiuto, sviluppato a partire dall’immagine primaria


del seme44: il ciclo agricolo apertosi con la semina (l’introduzione metafisica del De la causa)
prosegue nelle sue varie fasi sino alla mietitura (lo sviluppo dottrinale in più tappe e su piani
filosofici diversi rappresentato dai restanti dialoghi)45; l’autore si impegna poi a sgombrare il
terreno («della propria coltura», dunque la cultura del tempo, oppure l’insieme delle proprie
presupposizioni) dalle piante infestanti (i propri presupposti erronei e soprattutto le dottrine
fallaci degli avversari), così che esso sia in grado di gettare il migliore frumento (la dottrina più
vicina al vero), il quale andrà a riempire il magazzino (degli «studiosi ingegni», ovvero la
coscienza dei destinatari).

41
La troviamo enunciata a De la causa 607-8 attraverso il ricorso in funzione enfatica a una pluralità di figuranti
in serie: «Quivi come nel proprio seme si contiene et implica la moltitudine de le conclusioni della scienza naturale.
Quindi deriva la intessitura, disposizione et ordine de le scienze speculative. Senza questa isagogia in vano si tenta,
si entra, si comincia. Prendete dumque con grato animo questo principio, questo uno, questo fonte, questo capo:
per che vegnano animati a farsi fuora e mettersi avanti la sua prole e genitura; gli suoi rivi e fiumi maggiori si
diffondano; il suo numero successivamente si moltipliche, e gli suoi membri oltre si dispongano: […]».
42
Vi insiste a più riprese Leinkauf (1996).
43
La metaforica vegetale è introdotta nel cotesto precedente, dove però s’intreccia a un’altra opzione figurale
frequente, quella architettonica, secondo i modi tipici della già analizzata eccedenza del figurante (2.2.2.2.3): De
l’infinito 28 « Altri molti sono i degni et onorati frutti, che da questi arbori si raccoglieno; altre le mèsse preciose
e desiderabili, che da questo seme sparso riportar si possono […] ma lasciamo comprendere dal giudizio di quei
che possono comprendere e giudicare, li quali da per se medesimi potranno facilmente a questi posti fondamenti
sopraedificar l’intiero edificio de la nostra filosofia: gli cui membri, se cossì piacerà a chi ne governa e muove, e
se l’incominciata impresa non ne verrà interrotta, ridurremo alla tanto bramata perfezzione».
44
Anche se forse è più lecito ipotizzare, come immagine provvista di potere aggregante – capace cioè di aggregare
campi metaforici e produrre tutta una rete di analogie minori – la coppia oppositiva seme/frutto. È a partire da essa,
e dai valori rispettivamente ontologico ed etico-gnoseologico dei due poli, che si organizza la ricorrente metaforica
vegetale (2.2.4).
45
Da notare che la coerenza del ciclo agricolo con il figurato del corpus è decisamente imperfetta: manca la Cena,
probabilmente perché più difficile da integrare nella metafora in qualità di punto di partenza rispetto al De la
causa; le fasi successive alla nascita del De l’infinito sono quattro e non tre come i rimanenti dialoghi. La mancata
integrazione della Cena conferma una volta di più il suo carattere di scritto almeno parzialmente d’occasione, la
cui posizione limite è dovuta alla concorrenza in essa di spinte pragmatiche diverse, su tutte quella polemica, che
ne fanno a occhio un testo parzialmente fuori sacco rispetto alla visione che lo stesso Bruno ha dei dialoghi
londinesi come di un corpus unitario.

136
Complessi strutturati quanto questo non sono però la norma; non nel senso della coerenza
tra le varie parti in cui si articola il figurante, quanto semmai per l’assenza di una serie ordinata
di corrispondenze tra quelle parti e analoghi parti afferenti al complesso del figurato.
Predominano invece da un lato lo sviluppo secondo modalità narrative affini a quelle
dell’esempio, dall’altro il rinforzo della somiglianza iniziale mediante un dettagliamento del
figurante che non comporta ulteriori equazioni ma si limita a rafforzare quella di partenza. Per
intendere il funzionamento di questo secondo tipo possiamo osservare da vicino un passaggio
del primo dialogo del De la causa (619-21), nel quale il gentiluomo inglese Armesso e il
portaparola Filoteo discutono circa la legittimità dell’operazione discorsiva rappresentata dalla
Cena sviluppando il connubio platonico di convito e dialogo (cena materiale e cena spirituale)
nell’analogia tra la cena e l’opera eponima, assimilate in virtù del loro essere contenitori di una
materia varia ed eterogenea.
Si comincia con una domanda potenzialmente contestatrice di Armesso, che chiede ragione
a Filoteo, rivolgendoglisi in un modo che rende palese la sua coincidenza con l’autore del primo
dialogo, da un lato dell’eccesso polemico, dall’altro dell’eterogeneità stilistica e tematica:

De la causa 619 e lasciando da canto gli propositi di Smitho, Prudenzio e Frulla, desidero
di sapere, se fallano coloro che dicono, che tu fai la voce di un cane rabbioso et infuriato,
oltre che tal volta fai la simia, tal volta il lupo, tal volta la pica, tal volta il papagallo, tal
volta un animale, tal volta un altro: meschiando propositi gravi e seriosi, morali e naturali,
ignobili e nobili, filosofici e comici.

La serie anaforica che ospita, in qualità di figuranti, i versi di un certo numero di animali,
non instaura alcun rapporto di corrispondenza biunivoca con la serie dei «propositi»: pertanto,
anche se la varietà dei temi e dei registri interni alla Cena è affine alla varietà di espressione
propria del mondo animale, la corrispondenza non supera il livello più basso di una generica
somiglianza. La risposta di Filoteo non va oltre. Il princeps, infatti, dopo aver enunciato
l’equazione di partenza (p. 619, «Qual dumque può essere la cena materiale e corporale, tale
conseguentemente succede la verbale e spirituale») e averne esplicitata la motivazione (p. 619,
«cossì dumque questa dialogale ha le sue parti varie e diverse, qual varie e diverse quell’altra
suole aver le sue; non altrimente questa ha le proprie condizioni, circonstanze e mezzi, che
come le proprie potrebbe aver quella»), nel momento in cui, in seguito a una richiesta di
chiarimento da parte di Armesso, passa al dettagliamento del figurante, ripropone un’analoga
assenza di legami specifici tra le parti dei due referenti sovraordinati:

137
Cena 619 Ivi (come è l’ordinario et il dovero) soglion trovarsi cose da insalata da pasto, da
frutti da ordinario, da cocina da speciaria, da sani da amalati; di freddo di caldo, di crudo
di cotto, di acquatico di terrestre, di domestico di salvatico, di rosto di lesso, di maturo di
acerbo; e cose da nutrimento solo e da gusto, sustanzioze e leggieri, salse et insipide, agreste
e dolci, amare e suavi.46 Cossì quivi, per certa conseguenza, vi sono apparse le sue
contrarietadi e diversitadi, accomodate a contrarii e diversi stomachi e gusti, a’ quali può
piacere di farsi presenti al nostro tipico simposio: a fine che non sia chi si lamente di esservi
gionto in vano, et a chi non piace di questo, prenda di quell’altro.

Ciò che è interessante, semmai, nella misura in cui innova rispetto alla tematizzazione della
varietà interna dell’opera data nel luogo d’origine della nostra analogia, l’Epistola dedicatoria
della Cena, è che la varietà della composizione sia riportata, in sede apologetica e dunque con
intento chiaramente autogiustificativo, alla varietà dei destinatari, divenendo quindi il modo più
conforme e produttivo per l’autore di reagire a quest’ultima. Il mancato superamento di una
corrispondenza solo generica tra gli addendi del figurante e quelli del figurato – e dunque
l’assenza della metafora continuata – ritorna infine nella sezione che chiude questo movimento
testuale, dove il presunto (da parte di Armesso) accoglimento nella Cena di elementi indigeribili
o inaccettabili è neutralizzato sussumendolo ancora una volta nella varietà dei commensali e
delle loro reazioni, tra le quali possono senz’altro figurare anche episodi di rigetto e pura
negazione. Si comprende allora l’utilità, in sede di apologia, del transito svolto dalla nozione di
varietà: dall’interno dell’opera all’esterno dei destinatari:

De la causa 620-1 ARMESSO. — È vero: ma che dirai, se oltre nel vostro convito, ne la
vostra cena appariranno cose, che non son buone né per insalata né per pasto, né per frutti
né per ordinario, né fredde né calde, né crude né cotte, né vagliano per appetito né per fame,
non son buone per sani né per ammalati; e conviene che non escano da mani di cuoco né
di speciale?
FILOTEO. — Vedrai che né in questo la nostra cena è dissimile a qualumqu’altra esser
possa. Come dumque la nel più bel del mangiare, o ti scotta qualche troppo caldo boccone,
di maniera che bisogna cacciarlo de bel nuovo fuora, o piangendo e lagrimando mandarlo
vagheggiando per il palato, sin tanto che se gli possa donar quella maladetta spinta per il
gargazzuolo al basso; o vero ti si stupefà qualche dente; o te s’intercepe la lingua che viene
ad esser morduta con il pane; o qualche lapillo te si viene a rompere et incalcinarsi tra gli
denti, per farti regittar tutto il boccone; o qualche pelo o capello del cuoco ti s’inveschia
nel palato, per farti presso che vomire; o te s’arresta qualche aresta di pesce ne la canna, a
farti suavemente tussire; o qualch’ossetto te s’attraversa ne la gola per metterti in pericolo
di suffocare: cossì nella nostra cena (per nostra e comun disgrazia) vi si son trovate cose
corrispondenti e proporzionali a quelle.

46
L’elenco ad addendi internamente antitetici riprende quasi alla lettera quello di Cena 431-2, riportando il lettore
alla giustificazione dell’impianto del primo dialogo data nell’Epistola dedicatoria posta in apertura.

138
Se l’incremento della presenza sembra essere alla radice di arricchimenti del figurante
“generici” ma comunque riportabili a un movente analogico, vi sono però casi in cui
l’espansione del figurante raggiunge una mole tale da evidenziare la perdita di ogni rapporto
con l’intenzione analogica originaria.
La serie anaforica degli animali che avevamo ritrovato nella domanda di Armesso a Filoteo
costituisce in realtà una ripresa, da parte dell’interlocutore inglese, di una lunga trafila analogica
che occupa, per bocca di Elitropio e Filoteo, l’inizio del primo dialogo fino alla sua presa di
parola (De la causa 614-7). Essa mette in campo fin da subito la motivazione della varietà
esterna: la filosofia del Nolano ha dato luogo a un’infinità di reazioni diverse, tanti quanti sono
gli ingegni e le disposizioni umane, allo stesso modo in cui la luce del sole è salutata in
un’infinità di modi diversi dalle varie specie animali, senza che questo tolga nulla alla maestà
del sole come al valore della dottrina filosofica:

De la causa 614-5 ELITROPIO. — Qual rei nelle tenebre avezzi, che liberati dal fondo di
qualche oscura torre escono alla luce, molti de gli essercitati nella volgar filosofia, et altri,
paventaranno, admiraranno e (non possendo soffrire il nuovo sole de tuoi chiari concetti)
si turbaranno.
FILOTEO. — Il difetto non è di luce, ma di lumi: quanto in sé sarà più bello e più eccellente
il sole, tanto sarà a gli occhi de le notturne strige odioso e discaro di vantaggio.
ELITROPIO. — La impresa che hai tolta, o Filoteo, è difficile, rara e singulare, mentre dal
cieco abisso vuoi cacciarne, et amenarne al discoperto, tranquillo e sereno aspetto de le
stelle, che con sì bella varietade veggiamo disseminate per il ceruleo manto del cielo.
Benché a gli uomini soli l’aitatrice mano di tuo piatoso zelo soccorra, non saran pero meno
varii gli effetti de ingrati verso di te, che varii son gli animali che la benigna terra genera
e nodrisce nel suo materno e capace seno; se gli è vero che la specie umana,
particularmente ne gl’individui suoi, mostra de tutte l’altre la varietade: per esser in
ciascuno più espressamente il tutto, che in quelli d’altre specie.

All’enunciazione generale (in corsivo), su cu si chiude il brano riportato,47 segue il


dettagliamento, che riguarda quasi esclusivamente il figurante, sul quale grava il sospetto
legittimo di una progressiva emancipazione. La scomposizione ha infatti la forma di un lungo
catalogo degli animali e dei loro versi, ordinato secondo una duplice scansione, dal negativo
(cecità, tenebre) al positivo (vista, luce) e secondo gli elementi (sottosuolo/inferno, terra, acqua,
aria), nel corso del quale il figurato umano evapora progressivamente. Il riferimento a

47
In realtà preceduta dalla menzione, a p. 614, delle «notturne strige», che svela la sua natura di anticipazione
all’inizio del dettagliamento, il cui secondo “particolare” è costituito, a p. 615, dai «notturni uccelli». Il motivo
degli uccelli notturni deboli di vista e inadatti a fronteggiare la luce solare è platonico e neoplatonico, presente
nella Metafisica di Aristotele, ripreso nel Cortegiano e nella Magia naturalis (ed. 1558) di Della Porta, probabile
fonte di Bruno (si rimanda per questo alle Note al testo).

139
quest’ultimo compare infatti soltanto tre volte48, per poi scomparire lasciando campo libero
all’espansione in forma elencativa del figurante, di cui mi limito a dare un breve assaggio:

De la causa 616 Ne l’aria e su le frondi di ramose piante, gli galli, le aquile, gli pavoni, le
grue, le tortore, i merli, i passari, i rosignoli, le cornacchie, le piche, gli corvi, gli cuculi e
le cicade non sarran negligenti di replicare e radoppiar gli suoi garriti strepitosi.

È evidente, a un primo livello, che un simile indugio non ha soltanto una funzione
argomentativa legata all’aumento dell’icasticità: lo scrittore mette da parte le necessità
dell’argomentazione per il piacere dell’immaginazione, dell’elenco, della scrittura copiosa e
torrenziale. D’altro canto, però, diversi indizi consigliano un approccio più cauto alla presunta
gratuità del passo. Anzitutto la trasformazione, in parte già osservata, che investe il tertium
della varietà all’interno del complesso rapporto che s’istituisce tra l’analogia animale e quella
alimentare della cena che gli succede immediatamente49. Stando a quanto osservato fino a qui,
siamo in grado a questo punto di interpretare il catalogo degli animali come un’anticipazione,
in funzione performativa, della successiva ripresa (dalla dedicatoria della Cena) dell’immagine
conviviale; anticipazione nel senso che di quell’immagine si mette in scena la motivazione così
da imporla alla coscienza prima di affermarla in modo esplicito. Quale motivazione però? Non
certo una generica varietà, bensì fin da subito la sua faccia esterna. La vicenda della
motivazione della varietà appare quindi finalmente nella sua interezza: attribuita al contenuto e
alla forma dell’opera (e dunque interna) nella dedicatoria alla Cena, essa è risignificata come
esterna per ragioni insieme difensive e offensive nel primo dialogo del De la causa. In

48
Le prime due indirettamente, all’inizio del dettagliamento, dove troviamo espresso il modalizzatore, che poi
scomparirà (Cena 615 «Onde vedransi questi, che qual appannata talpa, non sì tosto sentiranno l’aria discoperto,
che di bel nuovo, risfossicando la terra, tentaranno a gli nativi oscuri penetrali. Quelli qual notturni ucelli, non sì
tosto arran veduta spuntar dal lucido oriente la vermiglia ambasciatrice del sole, che dalla imbecillità de gli occhi
suoi verranno invitati alla caliginosa ritretta»); la terza, a qualche distanza, al termine della sezione dedicata agli
animali di terra «nati per vedere il sole», dove l’uomo figura tra questi, in un qualche modo degradato da figurato
a dettaglio analitico del figurante: Cena 616 « Ma gli animanti nati per vedere il sole, gionti al termine dell’odiosa
notte, ringraziando la benignità del cielo, e disponendosi a ricevere nel centro del globoso cristallo de gli occhi
suoi gli tanto bramati et aspettati rai, con disusato applauso di cuore, di voce e di mano adoraranno l’oriente: dal
cui dorato balco avendo cacciati gli focosi destrieri il vago Titane, rotto il sonnacchioso silenzio de l’umida notte,
raggionaranno gli uomini; belaranno gli facili, inermi e semplici lanuti greggi; gli cornuti armenti sotto la cura de
ruvidi bifolchi muggiranno».
49
Le due analogie si toccano nella battuta di Armesso parzialmente già riportata, di cui ora aggiungo la prima
parte fino al punto di raccordo: De la cena 619 «Or su, per venire al resto, vorrei intendere da voi (lasciando un
poco da canto le voci e le lingue a proposito del lume e splendor che possa apportar la vostra filosofia) con che
voci volete che sia salutato particolarmente da noi quel lustro di dottrina, che esce dal libro de La cena de le ceneri?
quali animali son quelli, che hanno recitata La cena de le ceneri? dimando se sono acquatici, o aerei, o terrestri, o
lunatici; […]». Ricordo poi che l’analogia della cena, rispetto a quella animale, non è solo successiva ma anche
precedente, dato che risale all’incipit dell’Epistola dedicatoria del primo dialogo.

140
quest’ultimo la dinamica è quella di un movimento circolare che dalla varietà esterna (il
catalogo degli animali e delle loro reazioni) passa a quella interna (nella contestazione di
Armesso) per poi tornare alla varietà esterna nell’affermazione esplicita di Teofilo che il rigetto
va imputato ai destinatari e non all’autore. In secondo luogo, deve mettere in sospetto il
preambolo che lo stesso Armesso premette alla sua battuta. Nel momento in cui chiede la parola,
egli svolge una lunga premessa, dove il proposito di rinunciare a un eloquio ispirato e oscuro
per una parlata all’opposto rasoterra è espresso paradossalmente proprio ricorrendo al massimo
dispendio retorico. La forma è quella di gigantesca correctio, interrotta da un paio di battute di
Elitropio che ne esplicitano i caratteri di eccesso e violazione del decorum50; proprio questi
interventi metaretorici, però, hanno il potere di mettere il lettore sulla strada della rivalutazione
semantica, inducendolo a un’interpretazione antifrastica per cui l’eccesso gratuito si converte,
nel momento in cui è reso esplicito, in una dichiarazione di rilevanza51.
Nonostante il dispendio retorico della scrittura e la ricchezza degli echi e dei rimandi al
cotesto, non possiamo però non ribadire l’impressione che manchi in Bruno, nella costruzione
delle figure analogiche, l’attenzione “geometrica” a istituire un sistema inflessibile di
corrispondenze: domina una gestione fluida del procedimento analogico nella quale il nesso
maggiore fa aggio sulle corrispondenze secondarie, mentre s’impone il gusto di sviluppare in
senso narrativo o ecfrastico l’immagine prescelta. Come nel caso della seguente metafora in
absentia, dove i due nuclei complementari della nave e del mare, entrambi scomposti in
componenti minori (timone, vele, remi, comite, rematori; onde, acqua, venti e tempeste)
risultano contrapposti in assoluto e in virtù dell’opposizione di stampo narrativo fra passato e
presente:

Spaccio 200-1 perché quel temone che volgeva e dirizzava questa nave de le metamorfosi,
è dovenuto sì fiacco, che poco più che nulla può resistere a l’émpito de l’onde, è forse che
l’acqua ancora gli va mancando a basso. La vela è di maniera tale stracciata e sbusata che
in vano per ingonfiarla il vento soffia. Gli remi ch’al dispetto di contrarii venti e turbide
tempeste soleano risospingere il vascello avanti, ora (faccia quantosivoglia calma, e sia a
sua posta tranquillo il campo di Nettuno), in vano il comite sibilarà «a orsa», «a poggia»,
«a la sia», «a la voga»: perché gli remigatori son dovenuti come paralitici.

50
De la causa 618 «Troppo lungo proemio»; 619 «E questo potrebe bastare per un proemio».
51
Mi soffermerò su questa dinamica, che interessa in modo molto simile un passaggio della spedizione londinese
(Cena 471-7), nel corso del terzo capitolo, cfr. infra 3.1.7.

141
Siamo all’inizio del primo dialogo, nel momento in cui Sofia espone a Saulino la condizione
di un Giove ormai vecchio e per questo finalmente in grado di sottrarsi al desiderio centrifugo
all’origine della catena delle sue metamorfosi. L’assenza del figurato comporta alcuni tentativi
di attribuzione, vuoi nel senso più piano della psicologia del Dio, vuoi in direzione sessuale –
e non sarebbe, in tal caso, l’unica metafora oscena dello Spaccio, che per bocca di vari
personaggi e soprattutto di Momo presenta numerosi spunti comici e burleschi. È evidente
tuttavia che l’indecidibilità pendente sul figurato va di pari passo con l’autonomia de facto della
sequenza marittima, la quale finisce per occupare interamente l’intenzionalità dello scrittore e
la coscienza del lettore.

2.2.1.1.4. Eccedenza del figurante52

Quando, in similitudini o metafore in presenza, a lato di uno stesso figurato il figurante


raddoppia o triplica, la dilatazione del costrutto comporta un indugio rappresentativo per mezzo
del quale, almeno in alcuni casi, arriva a imporsi il potenziale esornativo dell’analogia.
Rinveniamo alcuni casi nello Spaccio, non per nulla il dialogo a più forte vocazione oratoria
dell’intero corpus, all’interno dell’Orazione di Giove nel primo dialogo:

Spaccio 226 Quella Orsa quella Orsa, o dèi, perché nella più bella et eminente parte del
mondo, come in una alta specola, come in una più aprica piazza e più celebre spettacolo
che ne l’universo presentar si possa a gli occhi nostri, è stata messa?

Le forme più lambiccate di prolificazione risultano invece, non a caso, dalla strategia
artificiosa delle dedicatorie. La moltiplicazione dei figuranti si combina con l’elenco, o meglio
con la variante complicata di quest’ultimo il cui sviluppo verticale è lo stesso della rapportatio
anche se, come vedremo, la corrispondenza non è sempre perfettamente calcolata. Vediamo
quindi due passaggi di identica fattura, dove all’interno di una struttura predicativa troviamo la
stessa serie di quattro ripresa e trasformata:

De l’infinito 9-10 Se io (o illustrissimo Cavalliero) contrattasse l’aratro, pascesse un


gregge, coltivasse un orto, rassettasse un vestimento: nessuno mi guardarebbe, pochi
m’osservarebono, da rari serei ripreso, e facilmente potrei piacere a tutti. Ma per essere
delineatore del campo de la natura, sollecito circa la pastura de l’alma, vago de la coltura
de l’ingegno, e dedalo circa gli abiti de l’intelletto: ecco che chi adocchiato me minaccia,

52
Per il titolo e l’impostazione di questo paragrafo rimando a Bozzola (1999, 54).

142
chi osservato m’assale, chi giunto mi morde, chi compreso mi vora; non è uno, non son
pochi, son molti, son quasi tutti.

De la causa 608 Prendete dumque con grato animo questo principio, questo uno, questo
fonte, questo capo: per che vegnano animati a farsi fuora e mettersi avanti la sua prole e
genitura; gli suoi rivi e fiumi maggiori si diffondano; il suo numero successivamente si
moltipliche, e gli suoi membri oltre si dispongano:

Nel primo caso, l’incipit del De l’infinito mostra un grande rigore costruttivo. Il contrasto
tra il periodo ipotetico e il successivo aperto dalla congiunzione avversativa sfrutta il
caricamento metaforico (e il passaggio nobilitante dal concreto all’astratto) dei quattro termini,
nella forma del genitivo di attribuzione, come strumento di messa in rilievo. Il finale della
dedicatoria del De la causa, rivela invece una messa in parallelo afflitta da qualche cedimento,
che possiamo imputare a un desiderio di variatio o più semplicemente a disattenzione e
noncuranza: secondo e terzo elemento («uno», «fonte») si scambiano di posto («gli suoi rivi e
fiumi maggiori si diffondano», «il suo numero successivamente si moltipliche»), e il
«principio» – in luogo ad esempio del più ficcante “padre” – intrattiene con «prole et genitura»
una corrispondenza solo generica. Lo stesso, però, la successione dei quattro figuranti riesce
nell’impresa di amplificare il tratto della priorità e il valore insieme sorgivo e potenziale
dell’unico testo propriamente metafisico.
Un simile sbilanciamento in senso esornativo, coerente per ragioni diverse con i due contesti
dello Spaccio e delle dedicatorie53, non è però immune dalle consuete contaminazioni
funzionali, per cui la figura può caricarsi di intenzioni polemiche, magari sfruttando l’effetto
connotativo di un comparante sull’altro (e non solo sul comparato):

Spaccio 220 De l’Altare o turribulo, o fano, o sacrario, come vogliam dire, io non parlo;
perché giamai li convenne cossì bene d’essere in cielo se non ora che quasi non ha dove
essere in terra: ora vi sta bene come una reliquia, o pur come una tavola della sommersa
nave de la religion è cόlto di noi.

53
Cito altri due esempi a riprova: Spaccio 302 «“Degnamente la Penitenza è messa tra le virtudi,» disse Saturno,
«perché quantumque sia figlia del padre Errore e de l’Iniquitade madre, è nulladimeno come la vermiglia rosa che
da le adre e pungenti spine si caccia: è come una lucida e liquida scintilla che dalla negra e dura selce si spicca,
fassi in alto, e tende al suo cognato sole”»; 392 «“Or a che fine destinate la mia bella manifattura: quel palaggio
vagabondo, quella stanza mobile, quella bottega e quella fiera errante, quella vera balena che gli traghiuttiti corpi
vivi è sani le va a vomire ne gli estremi lidi de le opposte, contrarie è diverse margini del mare?”». E si notino,
rispettivamente, la trama delle dittologie nelle battuta di Saturno e la combinazione con l’enumerazione anaforica
nel secondo campione.

143
Dove si vede che i figuranti mobilitati da Giove secondo la motivazione della residualità,
oltre a rafforzare il nucleo polemico costituito dalla denuncia della crisi religiosa, interagiscono
tra loro nella misura in cui la tavola divelta proietta la propria negatività sulla reliquia, alludendo
a una polemica bruniana di lungo corso contro lo stesso culto.
Il ribattimento non è dunque sempre privo di effetti sull’argomentazione, e lo si vede bene
in due passaggi tratti dalla Cena, dedicati rispettivamente all’affermazione del primato del
sapere filosofico su quello matematico e alla messa in scena del processo euristico proprio
dell’apprensione mediante il dialogo. Il primo coincide con l’esordio narrativo di Teofilo nel
primo dialogo, in realtà subito interrotto e rinviato per l’insorgere di numerose linee digressive
all’attacco del secondo dialogo, e precede il confronto tra le due individualità di Copernico e
del Nolano, di cui costituisce l’anticipazione o, se si vuole, il momento generale o astratto:

Cena 447-8 Al che rispose il Nolano, che lui non vedea per gli occhi di Copernico, né di
Ptolomeo; ma per i proprii quanto al giudizio e la determinazione; benché quanto alle
osservazioni stima dover molto a questi et altri solleciti matematici, che successivamente a
tempi e tempi, giongendo lume a lume, ne han donati principii sufficenti per i quali siamo
ridutti a tal giudicio, quale non possea se non dopo molte non ociose etadi esser parturito.
Giongendo che costoro in effetto son come quelli interpreti che traducono da uno idioma a
l’altro le paroli: ma sono gli altri poi che profondano ne’ sentimenti, e non essi medesimi.
E son simili a que’ rustici che rapportano gli affetti e la forma d’un conflitto a un capitano
absente; et essi non intendono il negocio, le raggioni e l’arte, co la quale questi son stati
vittoriosi: ma colui che ha esperienza e meglior giudicio ne l’arte militare.

Il riferimento in apertura al vedere e agli occhi («che lui non vedea per gli occhi di
Copernico») va inteso in senso anfibologico54, e funge da strumento per introdurre una netta
separazione tra ragione («quanto al giudizio e la determinazione») e senso («quanto alle
osservazioni»). Dalla parte della ragione stanno i giudizi dei filosofi naturali, con il senso invece
le supputazioni di matematici e astronomi. Il figurante dei traduttori introduce una nuova coppia
oppositiva che è l’analogo della prima sul piano linguistico ed ermeneutico: il commercio con
le «paroli» non schiude di per sé alcun rapporto con i «sentimenti», lingua e concettualità non
convergono55. Ritorna inoltre dalla dedicatoria, dove era sottesa all’antonomasia del Sileno, la
contrapposizione – e siamo alla terza, a riprova di quanto Bruno ami insistere su siffatti
movimenti di contrasto – di superficie e profondità, cui è connessa la figurazione del processo

54
Anche a partire da numerosi riscontri intertestuali: nei dialoghi sono infatti numerosissimi i luoghi in cui si
menziona l’«occhio de la considerazione» e simili (Cena 461, Cena 593, Cabala 435).
55
Il problema ritorna, con ripresa letterale del sintagma positivo («profondano ne’ sentimenti») nel De la causa
(p. 674), dapprima congiunto all’elogio di Paracelso, in seguito a quello di Averroè (pp. 715-6).

144
conoscitivo come discesa e sprofondamento. Se il riferimento alle traduzioni non comporta di
per sé la messa in discussione della necessità e del valore delle matematiche, il figurante dei
rustici sembra invece star lì proprio in virtù del suo effetto connotativo abbassante.
L’allusione alla profondità («profonda filosofia») apre anche il secondo passo pertinente,
prelevato dalle battute finali del terzo dialogo. Smitho si riallaccia, dopo una breve coda di
Teofilo all’argomento (a favore del moto di rotazione terrestre) della «pietra gittata a l’alto» (p.
518) dello stesso Smitho, alla sua ultima battuta, di cui ripete l’attacco 56 affermando il ruolo
maieutico positivamente giocato dal princeps:

Cena 520 SMITHO. — Dalla considerazione di questa differenza s’apre la porta a molti et
importantissimi secreti di natura e profonda filosofia: atteso che è cosa molto frequente e
poco considerata, quanto sii differenza da quel che uno medica se stesso, e quel che vien
medicato da un altro; assai ne è manifesto che prendemo maggior piacere e satisfazzione
se per propria mano venemo a cibarci, che se per l’altrui braccia. I fanciulli all’or che
possono adoprar gli proprii instrumenti per prendere il cibo, non volentieri si servono de
gli altrui: quasi che la natura in certo modo gli faccia apprendere, che come non v’è tanto
piacere, non v’è anco tanto profitto. I fanciullini che poppano, vedete come s’appigliano
con la mano a la poppa? Et io giamai per latrocinio son stato sì fattamente atterrito, quanto
per quello d’un domestico servitore: per che non so che cosa di ombra e di portento apporta
seco più un familiare che un strangiero, per che referisce come una forma di mal genio e
presagio formidabile.
TEOFILO. — Or per tornare al proposito:

La capacità, acquisita attraverso la mediazione di Teofilo, di inferire da sé la risoluzione di


alcune controversie intorno al moto terrestre, è espressa analogicamente dall’immagine
dell’aprire la porta scoprendo i tesori fino a quel momento sottratti alla vista57. È Smitho e non
Teofilo ad aprire questa porta, come conferma la serie ternaria dei figuranti medico, alimentare
e giuridico, accomunati dalla motivazione dell’acquisire/perdere per propria mano58. Tale
amplificazione del tema maieutico59 potrebbe sembrare semplice ridondanza o cessione al gusto
letterario. Tuttavia, la ripresa di Teofilo («Or per tornare al proposito») segnala il carattere

56
Cena 518 «M’avete sufficientissimamente satisfatto, et altamente aperto molti secreti de la natura, che sotto
questa chiave sono ascosi. Da quel che respondete a l’argomento tolto da venti e nuvole, si prende ancora la
risposta del altro, che nel secondo libro Del cielo e mondo apportò Aristotele, dove dice che sarebbe impossibile
che una pietra gittata a l’alto, potesse per medesma rettitudine perpendicolare tornare al basso: […]».
57
Sulla quale cfr. supra 2.1.3.
58
Nell’ultimo caso, la metafora del furto commesso dal proprio familiaris presuppone, per integrarsi con coerenza
nel contesto, una visione organicistica della casa, con l’assimilazione del servitore a organo del proprio corpo. Non
va inoltre sottovalutata la possibile allusione a Osiander, il «portinaio» del De revolutionibus, destinatario di una
violenta invettiva nel terzo dialogo (pp. 491-3).
59
Affronterò questa tema in maniera più diffusa (2.2.6).

145
digressivo dell’intervento di Smitho60. Si tratta di un segnale ambiguo, per cui se da un lato il
princeps riprende il controllo, reistituendo il primato dell’argomentazione fisica, dall’altro
suggerisce antifrasticamente al lettore la possibilità di una reinterpretazione, mettendolo
sull’avviso che lì si sta dicendo qualcosa che vale davvero la pena di ascoltare61. E si tratta di
un discorso che ne varia altri già uditi nel corso del dialogo: sul ruolo di pura e semplice
mediazione svolto dal filosofo rispetto a una verità perenne, solo talvolta occultata e repressa,
il cui svolgersi e imporsi naturalmente alla coscienza risuona nelle metafore provvedute da
Smitho.
Anche il filosofo tuttavia, e non solo l’oratore impegnato ad accreditare più o meno
surrettiziamente le proprie tesi come evidenze suscettibili di imporsi autonomamente, può
sfruttare l’eccedenza del figurante per chiarire un concetto astratto mediante la sua
visualizzazione; come nel seguente passaggio dello Spaccio, nel quale Sofia espone a Saulino
la dottrina plotiniana della duplicità della Sapienza:

Spaccio 257 La Sofia, come la verità e la providenza, è di due specie: l’una è quella
superiore, sopra celeste et oltremondana, se cossì dir si puote; e questa è l’istessa
providenza, medesima è luce et occhio: ochio che è la luce istessa, luce che è l’occhio
istesso; l’altra è la consecutiva, mondana et inferiore: e non è verità istessa, ma è verace e
partecipe della verità; non è il sole, ma la luna, la terra et astro che per altro luce. Cossì
non è Sofia per essenza, ma per participazione; et è un occhio che riceve la luce e viene
illuminato da lume esterno e peregrino, e non è occhio da sé, ma da altro, e non ha essere
per sé, ma per altro: perché non è l’uno, non è l’ente, il vero; ma de l’uno, de l’ente, del
vero; a l’uno, a l’ente, al vero; per l’uno, per l’ente, per il vero; nell’uno, nell’ente, nel vero;
da l’uno, da l’ente, dal vero.

Non considero in questa sede l’azione dell’antitesi topologica alto/basso, qui connessa da un
lato al mondo duale di matrice platonica, dall’altro all’allegoria celeste dello Spaccio, né le
spazializzazioni che fanno capolino dalla trama preposizionale della serie finale di sei tricola.
Ad ogni modo, la definizione del primo tipo di sapienza, contraddistinto dal convergere di
libertà e necessità, verità e fattualità, atto e potenza, implica la comparsa del primo figurante,
la coincidenza paradossale di luce e occhio. Forse anche allo scopo di chiarire
retrospettivamente quest’ultimo, nel momento in cui si passa alla definizione del secondo tipo

60
Alla tecnica della digressione nei dialoghi sarà dedicata un’ampia sezione del capitolo quarto del presente lavoro.
Si considerino pertanto le righe seguenti come un primo accenno.
61
Questo tipo di segnaletica ironica o antifrastica, di cui abbiamo visto un analogo analizzando il discorso di
Armesso nel primo dialogo del De la causa (2.2.2.2.2), ci sembra una caratteristica specifica di alcune sezioni dei
dialoghi; ed è ad esempio determinante nel processo di decodifica cui è impegnato il lettore della spedizione
londinese.

146
si convoca un nuovo figurante, questa volta tradizionale62 e a sua volta in analogia col primo:
il sole e la luna sono, in quanto sorgente luminosa e corpo ricevente la luce, simili alla luce e
all’occhio63. La metaforica fotica si mostra a tal punto integrata nello svolgimento concettuale
da far dubitare circa la possibilità che un simile discorso metafisico possa essere prima che
espresso anche solo concepito senza il supporto di tale visualizzazione – che insomma la
formulazione dei concetti possa avvenire in parallelo a quella delle immagini che li rendono
pensabili e dicibili.

2.2.1.1.5. Integrazione nel movimento dialogico

Nonostante una certa staticità connessa al predominio, in molte sezioni dei dialoghi, di un
argomentare per lunghi interventi, nei fatti solo debolmente dialogico (con riguardo al senso
bachtiniano del termine), c’è spazio lungo il corpus anche per momenti drammaticamente più
mossi e tesi. L’analogia, come le altre figure, risponde a questa sperequazione configurandosi
per lo più come strumento individuale di espressione e pensiero. A differenza delle altre figure,
però, essa risulta pienamente sollecitata ogni qualvolta è dato assistere a un incremento della
dialogicità, rivelando un legame non estrinseco di solidarietà con le necessità di produzione del
senso costitutive dello scambio dialogico. Non è un caso allora ritrovarla nella grande apertura
dialogica rappresentata dal primo dialogo del De causa, aggiunto in un secondo momento con
finalità apologetica a un edificio teoretico già compiuto. Il contesto è quello, già più volte
ricordato, della discussione pacata e cortese, pienamente collaborativa, tra Armesso e Filoteo,
in merito alle reazioni occorse in seno alla società inglese successivamente alla pubblicazione
della Cena, nonché alla portata e al senso della polemica contenuta nel dialogo, rispetto a cui
le dichiarazioni di Teofilo costituiscono insieme una limitazione e una conferma, in ogni caso
evitando risolutamente la palinodia.
Siamo nel punto immediatamente successivo allo sviluppo dell’analogia della cena (De la
causa 619-21, su cui cfr. 2.2.1.1.3), punto nel quale Armesso s’impadronisce dell’accostamento
tra l’autore e la scuola filosofica cinica (Cena 440, su cui cfr. 2.2.1.1.2):

62
La fonte, citata nella nota al testo, è in un passo di Giovanni Pico della Mirandola (Heptaplus, a cura di E. Garin,
Firenze, 1942, p. 279).
63
Da notare che Sofia, alla domanda si Saulino che segue questa battuta, risponde riprendendo il figurante pichiano
del sole, questa volta esplicitamente giocato in funzione maieutica: pp. 258-9 «SAULINO. — Onde aviene, o Sofia,
che non tutti che medesimamente ti possedeno non vegnono tutti medesimamente affetti; anzi tal’or chi meglio ti
possede, men bene vien edificato? SOFIA. — Onde accade, o Saulino, che il sole non scalda tutti quelli alli quali
luce, e tal volta meno riscalda tali a’ quali maggiormente risplende? SAULINO. — Io t’intendo, Sofia».

147
De la causa 621 Or che rispondete a quel che dicono che voi siete un rabbioso cinico?
FILOTEO. — Concederò facilmente, se non tutto, parte di questo.
ARMESSO. — Ma sapete che non è vituperio ad un uomo tanto di ricevere oltraggi, quanto
di farne.
FILOTEO. — Ma basta che gli miei sieno chiamati vendette, e gli altrui sieno chiamati
offese.
ARMESSO. — Anco gli dèi son suggetti a ricevere ingiurie, patir infamie e comportar
biasimi: ma biasimare, infamare et ingiuriare, è proprio de vili, ignobili, dappoco e
scelerati.
FILOTEO. — Questo è vero, pero noi non ingiuriamo, ma ributtiamo l’ingiurie, che son fatte
non tanto a noi quanto a la filosofia spreggiata, con far di modo ch’a gli ricevuti dispiaceri
non s’aggiongano de gli altri.
ARMESSO. — Volete dumque parer cane che morde, a fin che non ardisca ogn’uno di
molestarvi?
FILOTEO. — Cossì è, perché desidero la quiete, e mi dispiace il dispiacere.
[…]
ARMESSO. — Ma con ciò venite a guastare la vostra riputazione, e vi fate più biasmevole
che coloro; perché publicamente se dirà che siete impaziente, fantastico, bizarro, capo
sventato.
FILOTEO. — Non mi curo: purché oltre non mi siano essi o altri molesti; e per questo mostro
il cinico bastone, acciò che mi lascino star co’ fatti miei in pace; e se non mi vogliono far
carezze, non vegnano ad esercitar la loro incivilità sopra di me.
ARMESSO. — Or vi par che tocca ad un filosofo di star su la vendetta?
FILOTEO. — Se questi che mi molestano fussero una Xantippe, io sarei un Socrate.
ARMESSO. — Non sai che la longanimità e pazienza sta bene a tutti, per la quale vegnano
ad esser simili a gli eroi et eminenti dèi: che secondo alcuni si vendicano tardi, e secondo
altri né si vendicano né si adirano?
FILOTEO. — Ti inganni pensando ch’io sia stato su la vendetta.
ARMESSO. — E che dumque?
FILOTEO. — Io son stato su la correzzione, nell’esercizio della quale ancora siamo simili a
gli dèi. Sai che il povero Vulcano è stato dispensato da Giove di lavorare anco gli giorni di
festa, e quella maladetta incudine non si lassa o stanca mai ad comportar le scosse di tanti
e sì fieri martelli, che non sì tosto è alzato l’uno, che l’altro è chinato: per far che gli giusti
fólgori (con gli quali gli delinquenti e rei si castigheno) non vegnan meno

Le analogie coinvolte sono in realtà due, cui aggiungiamo l’antonomasia, presentata dal
periodo ipotetico dell’irrealtà come una possibilità negata, e ancora una volta, coerentemente
al contesto polemico, a struttura antitetica: se gli avversari fossero donne bisbetiche e iraconde
al pari di Santippe, Filoteo farebbe sua l’imperturbabilità di Socrate – ma così non è.
L’identificazione con il filosofo di scuola cinica, trasposto nelle immagini del cane e del
bastone, la quale richiama nel testo i valori dell’indipendenza intellettuale e del rifiuto del
servilismo (Cena 440) è disseminata e s’intreccia a quella con gli dei olimpici e, nel finale,
Vulcano. Filoteo procede per distinzione e sostituzione: distingue le «vendette» dalle «offese»,
e ancora la «vendetta» dalla «correzioni». Ma è il gioco del sostituire a essere più raffinato: non
solo, infatti, il princeps riprende l’analogia divina di Armesso rimpiazzando la motivazione

148
della «longanimità e pazienza» con quella dell’«esercizio della correzione»; ma va decisamente
più in là quando afferma che le «ingiurie» patite (trasparente allusione alle vicissitudini
oxoniensi dell’estate 1583) hanno avuto per vittima non la particolarità del filosofo ma
l’universalità della Filosofia: «non tanto a noi quanto alla filosofia spreggiata»64. È uno dei tanti
tocchi con cui l’autore dipinge il proprio autoritratto in veste di Mercurio, difensore entusiasta
della verità il cui operato è sottratto ai circuiti sociali di verifica e autorizzazione dei discorsi e
dei saperi.
Poco più oltre, alcune metafore di ambito medico ed economico confermano la capacità
dell’analogia di aderire senza sforzo alla mobilità dell’eloquio bruniano, diventando strumento
argomentativo agile e duttile nel suo passare ed essere rimodellato di bocca in bocca:

De la causa 623 FILOTEO. — Et io dico due cose: prima, che non si deve uccidere un
medico straniero, perché tenta di far quelle cure, che non fanno i paesani. Secondo, dico
che al vero filosofo ogni terreno è patria.
ARMESSO. — Ma se loro non ti accettano né per filosofo, né per medico, né per paesano?
FILOTEO. — Non per questo mancarà ch’io sia.
ARMESSO. — Chi ve ne fa fede?
FILOTEO. — Gli numi che me vi han messo, io che me vi ritrovo, e quelli ch’hanno gli
occhi, che me vi veggono.
ARMESSO. — Hai pochissimi e poco noti testimoni.
FILOTEO. — Pochissimi e poco noti sono gli veri medici: quasi tutti sono veri amalati.
Torno a dire, che loro non hanno libertà altri di fare, altri di permettere che sieno fatti tali
trattamenti a quei che porgono onorate merci: o sieno stranieri o non.
ARMESSO. — Pochi conoscono queste merci.
FILOTEO. — Non per questo le gemme sono men preciose, e non le doviamo con tutto il
nostro forzo defendere e farle defendere, liberare e vendicare, dalla conculcazione de piè
porcini, con ogni possibil rigore.

Se l’accostamento di filosofia e medicina non è raro nei Dialoghi, forse in virtù della
mediazione di un terzo sapere, la magia, che in nome del primato dell’operazione e dell’effetto
avvicina o assimila le conoscenze del filosofo a quelle del medico, è però più interessante notare
come il figurante mercantile ritorni dalla dedicatoria con valore rovesciato: per cui alla
ricchezza scoperta dei mercanti subentra la preziosità di merci e gemme poco conosciute,
l’immenso valore di un tesoro nascosto – con il soccorso della consueta opposizione di
esteriorità ed interiorità, superficie e profondità, apparenza ed essenza.

64
Il concetto è ribadito poco oltre in modo esplicito, ricorrendo a un figurante, quello del figlio, tratto dal campo
semantico dei rapporti di parentela: De la causa 623-4 «E cossì mi sieno propicii gli superi, Armesso mio, che io
mai feci di simili vendette per sordido amor proprio, o per villana cura d’uomo particulare: ma per amor della mia
tanto amata madre filosofia, e per zelo della lesa maestà di quella; la quale da mentiti familiari e figli […] è ridutta
a tale, che […]».

149
La negoziazione in corso tra Filoteo e Armesso mostra all’opera, al di là delle posizioni dei
contendenti, una forte volontà collaborativa. Lo stesso non è per la seconda sequenza
propriamente dialogica del De la causa quando, in apertura del dialogo quarto, proprio a partire
da un’analogia (donna/materia) si scontrano i personaggi della coppia secondaria, ovvero
Gervasio e Polihimnio. In questo contesto, nel quale Gervasio si serve della ormai collaudata
coppia oppositiva parole/sentimenti per ridimensionare l’accostamento analogico degradante e
misogino argomentato dal pedante, antonomasia e analogia si fanno armi da disputa:

De la causa 704 GERVASIO. — Io so che voi dite questo più per esercitarvi ne l’arte
oratoria, e dimostrar quanto siate copioso et eloquente, che abbiate tal sentimento che
dimostrate per le paroli. Per che è cosa ordinaria a voi signori umanisti, che vi chiamate
professori de le buone lettere, quando vi ritrovate pieni di que’ concetti che non possete
ritenere, non andate a scaricarli altrove, che sopra le povere donne; come quando
qualch’altra còlera vi preme, venete ad isfogarla sopra il primo delinquente di vostri scolari.
Ma guardatevi, signori Orfei, dal furioso sdegno de le donne tresse.
POLIHIMNIO. — Polihimnio son io, no sono Orfeo.
GERVASIO. — Dumque non biasimate le donne da dovero?
POLIHIMNIO. — Minime, minime quidem: io parlo da dovero e non intendo altrimente, che
come dico; per che non fo (sophystarum more) professione di dimostrar ch’il bianco è nero.
GERVASIO. — Perché dumque vi tingete la barba?
POLIHIMNIO. — Ma ingenue loquor: e dico che un uomo senza donna, è simile a una de le
intelligenze; è (dico) uno eroe, un semideo qui non duxit uxorem.
GERVASIO. — Et è simile ad un’ostreca, et ad un fungo ancora; et è un tartufo.

Altrove, la ripresa dell’analogia proposta dall’interlocutore può dar luogo a uno sviluppo
solidale al senso originario, dove l’ampliamento della figura serve a corroborare l’accostamento
iniziale, magari aggiungendo una motivazione oppure approfondendo la caratterizzazione del
figurante nei modi della metafora continuata, istituendo nuove analogie minori a partire
dall’equazione madre. L’espansione può arieggiare l’exemplum, come nel caso seguente dove
la ripresa del princeps, che amplifica il nucleo negativo istituito da Fracastorio, specifica
l’identificazione dell’asino con Burchio attraverso il riferimento al progressivo perdere la calma
di quest’ultimo:

De l’infinito 114 FRACASTORIO. — Voler con più raggioni mostrar la veritade a simili, è
come se con più sorte di sapone e di lescia più volte se lavasse il capo a l’asino: ove non se
profitta più lavando cento, che una volta; in mille, che in un modo: ove è tutto uno l’aver
lavato e non l’avere.
FILOTEO. — Anzi quel capo sempre sarà stimato più sordido in fine del lavare, che nel
principio et avanti: per che con aggiongervi più e più d’acqua e di profumi, si vegnono più
e più a commovere i fumi di quel capo, e viene a sentirsi quel puzzo che non si senteva

150
altrimente; il quale sarà tanto più fastidioso, quanto da liquori più aromatichi vien
risvegliato.

Più frequenti sono però i casi in cui la ripresa porta con sé una qualche rettifica del nesso
precedentemente istituito. Così è per l’attacco del dialogo quinto del De infinito, dove mi pare
centrale il ruolo giocato dalla disposizione:

De l’infinito 135 ALBERTINO (NUOVO INTERLOCUTORE). — [a] Vorrei sapere che fantasma,
che inaudito mostro, che uomo eteroclito, che cervello estraordinario è questo; [b] quai
novelle costui di nuovo porta al mondo, o pur che cose absolete e vecchie vegnono a
rinuovarsi, che amputate radici vegnono a repullular in questa nostra etade?
ELPINO. — [b] Sono amputate radici che germogliano, son cose antique che rivegnono, son
veritadi occolte che si scuoprono: [a] è un nuovo lume che dopo lunga notte spunta
all’orizonte et emisfero della nostra cognizione, et a poco a poco s’avicina al meridiano
della nostra intelligenza.

Le due battute accostate costituiscono infatti un chiasmo [a b b a]65, che attraverso il


legamento operato dalla ripresa di due analogie nella zona centrale (il rinnovamento delle cose
vecchie, il ripullulare delle radici tagliate) arriva, per il tramite della consueta metafora dello
scoprirsi di ciò che era nascosto («son veritade occolte che si scuoprono»), a rovesciare l’attacco
ironico del nuovo, agguerrito interlocutore66 nell’affermazione scoperta, a partire dal suo
coincidere con la fase luminosa del ciclo vicissitudinale67, del valore della filosofia nolana.
Più trasparente risulta invece il campione seguente, dove la rappresentazione più che
convenzionale della discussione come guerra, è ripresa da Elpino non senza però modificarla
radicalmente: il passaggio dagli individui (Aristotele, e dunque Teofilo/Bruno) all’ipostasi
astratta («vanità») consente infatti la sostituzione (analoga a quella già vista in De la causa 621)
di Teofilo con il «vero», realizzando così quel misto di deresponsabilizzazione e autorizzazione
che discende dal contatto immediato del sapiente con la verità assoluta:

65
Chiasmo che a ben guardare in realtà è simultaneamente attivo su due livelli: oltre a quello maggiore evidenziato,
che taglia a metà le due battute, c’è infatti il chiasmo interno alla coppia dei segmenti B (1 «novelle» 2 «cose
absolete e vecchie» 3 «radici» / 3 «radici» / 2 «cose antique» / 1 «veritadi occolte»), che resta valido anche se
inizio e fine (1) non si corrispondono in senso stretto.
66
Le marche dell’ironia mi paiono essere – oltre al fatto che il lettore già conosce, grazie alla informazioni fornite
nel cotesto, l’ostilità pregiudiziale dell’aristotelico Albertino (De l’infinito 134 «perché sono aspettato
dall’Albertino, che è disposto di venir qua a ritrovarvi domani: dal qual credo che potrete udir tutte le più gagliarde
raggioni che per l’opinion contraria possono apportarsi, per esser egli assai prattico nella commune filosofia») –
le identificazioni degradanti che aprono la rassegna (il fantasma, il mostro), la cui connotazione si proietta
sull’«uomo eteroclito» e sul «cervello estraordinario» chiarendone la valenza antifrastica.
67
La sorgente del nesso nuovo sole/nolana filosofia è da ricercare nel elogio a doppio taglio del Copernico (Cena
448-50, su cui cfr. 2.2.1.2.1).

151
De l’infinito 138 ALBERTINO. — Molti hanno balestrato e machinato contra Aristotele, ma
son cascati i castegli, son spuntate le freccie e gli son rotti gli archi.
ELPINO. — Che fia se una vanità guerreggia contra l’altra? l’una è potente contra tutte; non
per questo perde l’esser vanità: et al fine non potrà essere discoperta e vinta dal vero?

In conformità al potere conoscitivo affidato all’analogia nella speculazione e nella pratica


scrittoria bruniana, la sua integrazione nello scambio dialogico avviene in molti casi
congiuntamente alla presenza di un dislivello tra gli interlocutori, un dislivello che è per lo più
di sapere e di mezzi intellettuali. Quando la direzione è quella dall’alto al basso68, il ricorso
all’analogia comporta per lo più una funzione maieutica del procedimento. L’esito positivo del
travaglio concettuale è segnalato nella replica dell’interlocutore da espressioni come «È vero»
o «Io t’intendo»:

Spaccio 258-9 SAULINO. — Onde aviene, o Sofia, che non tutti che medesimamente ti
possedeno non vegnono tutti medesimamente affetti; anzi tal’or chi meglio ti possede, men
bene vien edificato?
SOFIA. — Onde accade, o Saulino, che il sole non scalda tutti quelli alli quali luce, e tal
volta meno riscalda tali a’ quali maggiormente risplende?69
SAULINO. — Io t’intendo, Sofia; e comprendo che tu sei quella che in varii modi contempli,
comprendi et esplichi questa veritade, e gli effetti di quella superna influenza de l’esser tuo:
alla quale per varii gradi e scale diverse tutti aspirano, tentano, studiano e si forzano salendo
pervenire70;

68
Spaccio 314 «SOFIA. — Dimmi (se non ti è grave), in che maniera dite che l’Avarizia vuol rimediare?
MERCURIO. — Aggravando gli castighi de delinquenti, di sorte che della pena d’un reo vegnano equalmente
partecipi molti innocenti, e tal volta gli giusti: e con ciò vegna a farsi sempre più e più grasso il prencipe. S OFIA.
— È cosa naturale che le pecore ch’hanno il lupo per governatore, vegnano castigate con esser vorate da lui.
MERCURIO. — Ma è da dubitare che qualche volta sia sufficiente la sola cupa fame et ingordiggia del lupo a farle
colpevoli. Et è contra ogni legge che per difetto del padre, vegnano multati gli agnelli e la madre. SOFIA. — È vero
che […]».
69
Non è inutile notare che il parallelismo sintattico tra le interrogative, imponendo all’istante il confronto
semantico, facilita la comprensione dell’accostamento e lo sviluppo delle sue implicazioni. Analogo il caso di
Cena 109: «SMITHO. — Dimmi: in che modo si potran corregger questi? FRULLA. — Con toglierli via quel capo,
e piantargline un altro. TEOFILO. — Con toglierli via in qualche modo d’argumentazione quella esistimazion di
sapere; e con argute persuasioni spogliarle quanto si può di quella stolta opinione, a fin che si rendano uditori:
avendo prima avvertito, quel che insegna, che siino ingegni capaci et abili».
70
Appena meno forte il caso seguente, per il fatto che la battuta conclusiva è affidata al princeps e non al
destinatario della domanda maieutica, con il che si rinuncia in parte al valore euristico dell’artificio (la messa in
scena dell’adesione progressiva e spontanea alle tesi proposte): Spaccio 371 «SAULINO. — Onde aviene che è
messo in consuetudine di chiamar «cornuto» uno per dirlo uomo senza riputazione, o che abbia perso qualche
riputata specie di onore? SOFIA. — Onde aviene che alcuni ignoranti porcini alle volte ti chiamano filosofo (quale,
se è vero, è più onorato titolo che possa aver un uomo) è te lo dicono come per dirti ingiuria o per vituperarti?
SAULINO. — Da certa invidia. SOFIA. — Onde aviene che alcun pazzo è stolto tal volta da te vien chiamato
filosofo? SAULINO. — Da certa ironia. SOFIA. — Cossì puoi intendere che o per certa invidia o per certa ironia
aviene che quei che sono, o che non sono onorati è magnifici, vegnono nomati cornuti».

152
Se da un lato la funzione esplicativa di molte similitudini trova in questo modo la sua
manifestazione più esplicita, dall’altro il meccanismo analogico mostra la propria potenzialità
di mediazione e riempimento di un vuoto di sapere, aprendo a un problema più ampio: la messa
in scena nei dialoghi di una parziale apertura del sapere esoterico bruniano oltre il circuito
ristretto degli uomini contemplativi71.
Compreso nello stesso angolo d’osservazione si ritrova anche il movimento opposto, dal
basso verso l’alto: quando il personaggio che sa di meno o meglio che sa in modo diverso, dato
che interpreta la realtà servendosi di un altro codice, lontano da quello dell’alta cultura
filosofica e vicino a quello concreto e corporeo della cultura popolare – lo stesso che accomuna
i vari Frulla, Gervasio, Burchio nei primi tre dialoghi – utilizza l’analogia per riportare la parola
dell’altro al proprio codice e così appropriarsene:

De l’infinito 84 e noi da questo, che abbiamo conosciuto il moto della terra, sappiamo che
quei mondi non hanno tale equidistanza da questo, e che non sono come in uno deferente.
ELPINO. — Volete dire che non sono come impiastrati in una medesima cupola: cosa
indegna che gli fanciulli la possano imaginare, che forse crederebono che se non fussero
attaccati alla tribuna e lamina celeste con buona colla, o ver inchiodati con tenacissimi
chiodi, caderebono sopra di noi non altrimente che gli grandini dall’aria vicino.

Spaccio 198-9 Tal io con il mio divino oggetto che è la Verità tanto tempo come fuggitiva,
occolta, depressa è sommersa, ho giudicato quel termine, per ordinanza del fato, come
principio del mio ritorno, apparizione, essaltazione è magnificenza tanto più grande, quanto
maggiori son state le contradizzioni.
SAULINO. — Cossì aviene che chi vuol più gagliardamente saltando alzarsi da terra, li fia
mestiero che prima ben si recurve; è chi studia di superar più efficacemente trapassando un
fosso, accatta talvolta l’èmpito, sé ritirando otto o diece passi a dietro.

Ciò che si richiede all’analogia non è in questi casi il chiarimento di un concetto, né


l’estensione di alcune qualità: a essere sollecitata è l’icasticità del figurante, che nel secondo
caso fornisce di un pendant direi quotidiano la vicissitudine della verità. Se per lo Spaccio è
lecito ipotizzare l’azione di un principio di bilanciamento in grado di affiancare all’allegoria
mitologica della sfera etica una serie di aperture al mondo delle cose che esistono72, nel primo
esempio l’analogia serve piuttosto a spingere sul pedale della degradazione: la riduzione al
concreto e il riferimento all’infanzia73 rendono evidente l’assurdità del cielo delle stelle fisse.

71
Per questo tema rinvio oltre, cfr. infra 2.2.3.
72
Accenno a una problematica complessa, che non riguarda solo lo Spaccio ma con questo almeno la Cena e i
Furori, per la quale rinvio al capitolo terzo.
73
Tale riferimento ritorna nel De infinito una seconda volta a p. 139: «ALBERTINO. — Dumque mi volete far
ripuerascere? ELPINO. — Anzi dispuerascere». Così glossa Jean Seidengart nel commento: «Assai di frequente,

153
2.2.1.1.6. Saturazione

Nella prosa animata e pulsante dei dialoghi italiani trovano spazio passaggi una certa
lunghezza integralmente dominati dall’analogia, che coincidono spesso con i momenti in cui
l’enunciazione scorciata e apodittica delle proprie conquiste dottrinali s’intreccia
all’affermazione esaltata del valore della propria filosofia e di sé in quanto filosofo. Il dettato
analogico, forse in virtù dell’incremento di visibilità e performance che esso comporta, ha
quindi un nesso intrinseco con l’entusiasmo inteso come partecipazione del singolo alla verità
assoluta in seguito all’elezione divina74. Esemplare a questo riguardo, anche per la posizione
inaugurale, in apertura di corpus, è la sequenza che prende le mosse dal già visto contrasto fra
gli esploratori e conquistatori cinquecenteschi (i Tifi) e il Nolano (Cena 452-6, su cui cfr.
2.2.1.1.2). La narrazione della gesta distruttive dei Tifi (Cena 452) cede il passo al racconto
degli acquisti intellettuali conseguiti dal Nolano, nei confronti del quale agisce da figurante:
l’iter conoscitivo del filosofo risulta così concepito e strutturato in parte come una conquista
geografica, il che più in generale significa assimilarlo alla materialità di un avvicendamento di
azioni nello spazio-tempo:

Cena 453 Il Nolano, per caggionar effetti al tutto contrarii, ha disciolto l’animo umano e la
cognizione che era rinchiusa ne l’artissimo carcere de l’aria turbulento, onde a pena come per
certi buchi avea facultà de remirar le lontanissime stelle, e gli erano mozze l’ali, a fin che non
volasse ad aprir il velame di queste nuvole e veder quello che veramente la su si ritrovasse, e
liberarse da le chimere di quei che essendo usciti dal fango e caverne de la terra, quasi Mercuri et
Appollini discesi dal cielo, con moltiforme impostura han ripieno il mondo tutto d’infinite pazzie,
bestialità e vizii, come di tante vertù, divinità e discipline: smorzando quel lume che rendea divini
et eroichi gli animi di nostri antichi padri, approvando e confirmando le tenebre caliginose de
sofisti et asini.

La vicenda filosofica è però più complessa di quella geografica75, a partire dalla presenza in
essa dell’«umana ragione» personificata, la quale, con le sue ali mozzate, sollecita
l’integrazione del modello ariostesco di Astolfo, la cui figura si sovrappone al Nolano:

nell’opera bruniana, l’infanzia funge, in un certo senso, da metafora per l’ingenuità degli aristotelici, poiché i
fanciulli non vanno oltre la lezione dei sensi: «dispuerascere», dunque, vuol dire anche tirare fuori il dottor
Albertino dall’aristotelismo».
74
Rossi 2001, 12-16.
75
Cena 452 « Gli Tifi han ritrovato il modo di perturbar la pace altrui, violar i patrii genii de le reggioni, di
confondere quel che la provida natura distinse, per il commerzio radoppiar i diffetti e gionger vizii a vizii de l’una
e l’altra generazione, con violenza propagar nove follie e piantar l’inaudite pazzie ove non sono, conchiudendosi
al fin più saggio quel che è più forte; mostrar novi studi, instrumenti, et arte de tirannizar e sassinar l’un l’altro:

154
Cena 453-4 Per il che già tanto tempo l’umana raggione oppressa, tal volta nel suo lucido
intervallo piangendo la sua sì bassa condizione, alla divina e provida mente, che sempre ne
l’interno orecchio li susurra, si rivolge con simili accenti:

Chi salirà per me, madonna, in cielo,


a riportarne il mio perduto ingegno? 76

L’identificazione del Nolano con Astolfo ne fa uno strumento designato dalla provvidenza77
al recupero di un bene andato perduto nel periodo di decadenza inaugurato dai sofisti e
confermato dai falsi Mercuri. Il modello cavalleresco si intreccia dunque con l’avvicendamento
ciclico di luce e tenebre connesso a un secondo modello, stavolta filosofico: quello ermetico
della verità perenne, desunto dalla lettura del corpus Hermeticum e delle opere ficiniane.
Proprio il ciclo di luce e tenebre introduce alla struttura logica binaria e antitetica che regola
l’intero brano, compresa la sequenza in cui il Nolano ritorna a occupare il centro della scena:

Cena 454 Or ecco quello ch’ha varcato l’aria, penetrato il cielo, discorse le stelle, trapassati
gli margini del mondo, fatte svanir le fantastiche muraglia de le prime, ottave, none,
decime, et altre che vi s’avesser potute aggiongere sfere per relazione de vani matematici
e cieco veder di filosofi volgari. Cossì al cospetto d’ogni senso e raggione, co la chiave di
solertissima inquisizione aperti que’ chiostri de la verità che da noi aprir si posseano, nudata
la ricoperta e velata natura: ha donati gli occhi a le talpe, illuminati i ciechi che non possean
fissar gli ochi e mirar l’imagin sua in tanti specchi che da ogni lato gli s’opponeno. Sciolta
la lingua a muti, che non sapeano e non ardivano esplicar gl’intricati sentimenti; risaldati i
zoppi che non valean far quel progresso col spirto, che non può far l’ignobile e dissolubile
composto: le rende non men presenti, che si fussero proprii abitatori del sole, de la luna, et
altri nomati astri.

Ripartendo dall’inizio, vediamo come sia tutto una questione di contrasti: la prigionia contro
la libertà, le ali mozzate cui subentra il volo del Nolano, la vista impedita che ritorna aperta e
allo stesso modo gli altri sensi che da offesi sono ripristinati dall’azione curatrice del Nolano;
e ancora il fango e le caverne contro il cielo, le tenebre confermate e la luce smorzata, la natura
velata cui finalmente viene sollevato il velo.

per mercé de quai gesti, tempo verrà ch’avendono quelli a sue male spese imparato, per forza de la vicissitudine
de le cose, sapranno e potranno renderci simili e peggior frutti de sì perniciose invenzioni […]».
76
Ariosto, Orlando Furioso, XXXV, I, 1-2.
77
Tale personificazione presuppone in realtà uno sdoppiamento, che relega il Nolano al ruolo di secondo attore,
caricandolo però di una fondamentale funzione salvifica. Come già visto altre volte, un simile processo di
sostituzione mira a ottenere un certo tipo di rappresentazione, a buon diritto definibile come mercuriale, del
filosofo, il quale, quasi novello Barone di Münchhausen, sollecitato dalla facoltà intellettuale comune a tutti gli
uomini spirituali si sottrae al circolo rischioso dei fallimenti e delle pretese veritatative fondati su garanzie soltanto
umane.

155
Un’importanza particolare, da questo punto di vista, sembra rivestire il modello topologico
dell’opposizione alto/basso, la cui pervasività è tale da compattare, aggiungendosi all’azione
della testualità narrativa, l’intero passaggio: lo ritroviamo nel movimento dall’alto al basso della
cognizione umana e del Nolano, nell’inversione topologica fra alto e basso di cui si rendono
protagonisti i falsi Mercuri (la cui risalita dall’oscurità appare erroneamente come una discesa
dalla luce celeste), nell’ascesa e discesa di Astolfo. Quest’ultima, in particolare, ha effetto sugli
altri due movimenti: fa implicitamente del Nolano un vero Mercurio aggiungendo al suo
innalzarsi il ritorno sulla terra a riportare la verità, mentre dall’altra parte ripristina l’ordine
violato dai cattivi Mercuri ristabilendo essenza e rispettivi confini di ascesa e discesa.
La contrapposizione di alto e basso e l’organizzazione antitetica nella quale essa rientra
vanno entrambe connesse all’opposizione che più di tutte definisce peso e valore della filosofia
nolana all’altezza della Cena: quello tra cosmo geocentrico finito e universo «acentrico»
infinito (Lovejoy 1966, 115). A conferma di ciò sta l’insistenza con cui, attraverso diverse
figurazioni, si rappresenta l’effetto liberatorio prodotto dal trapasso dall’uno all’altro. Oltre alla
fuoriuscita violenta da un ambiente chiuso e angusto (il carcere della cognizione, le muraglia),
vanno menzionati il gesto dell’apertura (degli occhi ai ciechi, dei chiostri della verità) e infine
il moto verso l’alto, quest’ultimo certo legato alla dignità dell’uomo, ma più banalmente anche
al fatto che la verità si colloca, spazialmente, nel punto più alto78.
Ritroviamo l’immagine della liberazione dalla prigionia (Cena 455 «Non è più
impriggionata la nostra raggione co i ceppi de fantastici mobili e motori otto, nove e dieci») nel
proseguo della nostra sequenza, dove l’omogeneità di una lunga enumerazione sintattica di frasi
complesse con la quale si elencano i risultati conoscitivi (e le loro conseguenze etiche) raggiunti
dalla filosofia del Nolano è turbata unicamente dallo slittamento dalla terza persona singolare
alla prima plurale79. Il medesimo connubio di prima persona plurale, iteratività sintattico-
testuale e saturazione analogica si ritrova in altri brani, accomunati dal tono infiammato e
dall’accento posto, più che sulle tesi cosmologiche o ontologiche, sulle conseguenze di quelle
tesi in termini di potenza e operatività dell’uomo nell’universo ormai divenuto infinito. Essi
tendono a occupare le posizioni forti del testo, collocandosi in apertura o in chiusura tanto nelle
sezioni interne quanto nelle epistole introduttive. È quest’ultimo il caso del lungo movimento

78
Anche se nel caso di Bruno, giusta la vitalità in lui del modello ermetico, è vero anche l’opposto, cioè il collocarsi
del vero all’estremo più basso, essendo la verità di frequente nascosta, invisibile e depressa, e per questo attingibile
solo per sprofondamento.
79
Per l’analisi di questo problema rinvio al capitolo primo.

156
che chiude l’Epistola dedicatoria al De l’infinito (24-28), una specola dalla quale possiamo
osservare, oltre al ritorno di alcune immagini veramente ossessive, l’azione di dinamiche
inedite in parte connesse all’intrecciarsi, più o meno consapevole e controllato, di fili analogici
diversi. È un contesto nel quale l’analogia è funzionale prima di tutto alla messa in risalto del
negativo:

De l’infinito 26 E perché tutti sottogiacemo ad ottimo efficiente, non doviamo credere,


stimare e sperare altro, eccetto che come tutto è da buono, cossì tutto è buono, per buono
et a buono; da bene, per bene, a bene. Del che il contrario non appare se non a chi non
apprende altro che l’esser presente; come la beltade dell’edificio non è manifesta a chi
scorge una minima parte di quello, come un sasso, un cemento affisso, un mezzo parete:
ma massime a colui che può vedere l’intiero, e che ha facultà di far conferenza di parti a
parti. Non temiamo che quello che è accumulato in questo mondo, per la vehemenza di
qualche spirto errante, o per il sdegno di qualche fulmineo Giove, si disperga fuor di questa
tomba o cupola del cielo, o si scuota et effluisca come in polvere fuor di questo manto
stellifero; e la natura de le cose non altrimente possa venire ad inanirsi in sustanza, che alla
apparenza di nostri occhi quell’aria ch’era compreso entro la concavitade di una bolla va
in casso: perché ne è noto un mondo in cui sempre cosa succede a cosa; senza che sia ultimo
profondo, da onde come da la mano del fabro irreparabilmente effluiscano in nulla. Non
sono fini, termini, margini, muraglia che ne defrodino e suttragano la infinita copia de le
cose. Indi feconda è la terra et il suo mare; indi perpetuo è il vampo del sole:
sumministrandosi eternamente esca a gli voraci fuochi, et umori a gli attenuati mari; perché
dall’infinito sempre nova copia di materia sottonasce80.

L’analogia esercita la propria funzione negativa anzitutto mediante la selezione del referente,
la cui estrazione influenza la valutazione del comparato. In questo senso mi pare funzionino la
tomba o cupola del cielo e le solite muraglia, la polvere che si disperde e lo scoppio della bolla,
immagini che, nel momento in cui riportano il cosmo finito a una misura umana e, di più,
quotidiana, lo restringono al punto da palesarne tutta l’assurdità. La metaforica architettonica,
d’altro canto, è oggetto di un trattamento ambivalente, testimoniato dalla similitudine
chiarificatrice della «beltade dell’edificio». La priorità assegnata all’effetto connotativo del
figurante ritorna nel seguito («non altrimente che come tanti pappagalli in gabbia»), dove si
chiarisce la dinamica di restringimento appena osservata, in realtà da riferire a una seconda
modalità di negazione attraverso l’analogia, fondata sulla sua capacità di conferire enfasi alla
sproporzione:

80
L’iteratività sintattico-testuale, se pure non evidentissima, mi sembra argomentabile con buone ragioni: ritorna
la relazione logica di motivazione, nella forma sintattica di una frase complessa la cui struttura minima, disponibile
a ulteriori inserzioni come a cambi nella distribuzione, è quella di “principale + subordinata causale”. Così definito,
il costrutto ritorna tre volte.

157
De l’infinito 27-8 Or provedete, signori astrologi, con li vostri pedissequi fisici, per que’
vostri cerchi che vi discriveno le fantasiate nove sfere mobili, con le quali venete ad
impriggionarvi il cervello di sorte che me vi presentate non altrimente che come tanti
papagalli in gabbia, mentre raminghi vi veggio ir saltellando, versando e girando entro
quelli. Conoscemo che sì grande imperatore non ha sedia sì angusta, sì misero solio, sì arto
tribunale, sì poco numerosa corte, sì picciolo et imbecille simulacro, che un fantasma
parturisca, un sogno fracasse, una mania ripare, una chimera disperda, una sciagura
sminuisca, un misfatto ne toglia, un pensiero ne restituisca; che con un soffio si colme e
con un sorso si svode: ma è un grandissimo ritratto, mirabile imagine, figura eccelsa,
vestigio altissimo, infinito ripresentante di ripresentato infinito, e spettacolo conveniente
all’eccellenza et eminenza di chi non può esser capito, compreso, appreso

La sproporzione è quella tra la causa divina e l’effetto naturale, al centro dell’antico


argomento teologico portato da Bruno a sostegno dell’infinità dell’universo. L’analogia,
combinata con le tecniche dell’accumulazione al fine d’instaurare il genus grande che si addice
al finale della dedicatoria, da un lato enfatizza l’incongruenza fra i due termini, dall’altro
ripristina il giusto rapporto – sono i due corni della struttura sintattica correttiva (non/ma).
L’immagine della gabbia, d’altronde, preceduta dalla menzione del cervello imprigionato
(«venete ad impriggionarvi il cervello»), ripropone per l’ennesima volta l’antitesi di prigionia
e libertà che ritorna anche poco più avanti:

De l’infinito 28 per quella scienza che ne discioglie da le catene di uno angustissimo, e ne


promove alla libertà d’un augustissimo imperio; che ne toglie dall’opinata povertà et
angustia, alle innumerabili ricchezze di tanto spacio, di sì dignissimo campo, di tanti
coltissimi mondi: e non fa che circolo d’orizonte mentito da l’occhio in terra, e finto da la
fantasia nell’etere spacioso, ne possa impriggionare il spirto, sotto la custodia d’un Plutone
e la merce d’un Giove. Siamo exempti da la cura d’un tanto ricco possessore, e poi tanto
parco, sordido et avaro elargitore; e dalla nutritura di sì feconda e tuttipregnante, e poi sì
meschina e misera parturiscente natura.

Tale motivo, nella sua articolazione binaria, rientra nella stessa struttura logica di tipo
contrastivo che regge, attraverso il passaggio alla coppia analogica ricchezza/povertà («opinata
povertà et angustia»/«innumerabili ricchezze»), cui si aggiunge il motivo correlato dell’avarizia
(«tanto ricco possessore»/«tanto parco, sordido et avaro elargitore»), gli enunciati che ritornano
a esaltare il superamento della sproporzione tra causa ed effetto: «sì feconda e
tuttipregnante»/«meschina e misera parturiscente natura»). Mentre la strutturazione antitetica
si conferma legata a doppio filo all’esaltazione della propria posizione discorsiva, anche nel
senso più riposto per cui il valore del discorso bruniano è inseparabile dal suo porsi contro, nel
luogo dell’estraneità e dell’antagonismo, il motivo della liberazione, preso in sé, rivela una
pervasività che sfiora il ritorno ossessivo. Una simile rappresentazione della propria dottrina,

158
dove al centro figurano gli effetti liberanti ed eroici recati dai propri ritrovati cosmologici,
istituisce un rapporto di proporzionalità diretta fra l’apertura/chiusura e la pienezza/povertà del
reale cosmologico e l’apertura/chiusura e la pienezza/povertà della cognizione e quindi della
condizione umana. Tale riflesso del naturale sull’umano, oltre a serbare probabilmente memoria
del magismo costitutivo della mente bruniana con i suoi travasi tra macro e microcosmo, apre
una finestra sul carattere pragmatico e performativo che il coté neoplatonico del’ideologia
bruniana attribuisce alla filosofia, sulla scorta di una visione globale dell’attività filosofica che
riecheggia l’idea antica di un sapere teoretico indiviso dai suoi risvolti pratici81. Il nucleo della
liberazione troverà piena espressione, a conclusione del ciclo, nei Furori, dove potremmo dire
che esso passa da un stato fluido, grezzo, indifferenziato, a una forma concettualmente e
figuralmente compiuta, nella quale i motivi del volo, della milizia e della caccia prendono posto
entro un’unica costellazione.
Il finale del nostro movimento, che in parte abbiamo già analizzato con lo sguardo puntato
sul funzionamento della metafora continuata (2.2.2.2.2), sposta il focus sul corpus in divenire
dei dialoghi; il cambio di argomento va di pari passo a una differenziazione della linea
analogica, dove si introduce il campo semantico vegetale:

De l’infinito 28 Altri molti sono i degni et onorati frutti, che da questi arbori si raccoglieno;
altre le mèsse preciose e desiderabili, che da questo seme sparso riportar si possono […]
ma lasciamo comprendere dal giudizio di quei che possono comprendere e giudicare, li
quali da per se medesimi potranno facilmente a questi posti fondamenti sopraedificar
l’intiero edificio de la nostra filosofia: gli cui membri, se cossì piacerà a chi ne governa e
muove, e se l’incominciata impresa non ne verrà interrotta, ridurremo alla tanto bramata
perfezzione; a fine che quello che è seminato ne gli dialogi De la causa, principio et uno,
nato in questi De l’infinito, universo e mondi, per altri germoglie, per altri cresca, per altri
si mature, per altri mediante una rara mietitura ne addite, e per quanto è possibile ne
contente;

Più interessante è però la riemersione, lessicalmente precisa anche se forse non del tutto
consapevole82, dell’analogia architettonica: «facilmente a questi posti fondamenti sopraedificar
l’intiero edificio de la nostra filosofia». Il riferimento al campo umano dell’architettura spezza
la coerenza altrimenti perfetta di una serie tutta vegetale, con l’effetto inevitabile di richiamare

81
Cfr. Granada 2005 e, per un’interpretazione della filosofia antica fondata sull’inscindibilità del binomio fra
teoresi e prassi, Hadot 1998.
82
Entrambe le tessere del sintagma nominale «l’intiero edificio» comparivano già, se pure disgiunte, a p. 26:
«come la beltade dell’edificio non è manifesta a chi scorge una minima parte di quello, come un sasso, un cemento
affisso, un mezzo parete: ma massime a colui che può vedere l’intiero, e che ha facultà di far conferenza di parti a
parti» (corsivi miei).

159
le valenze semantiche della precedente apparizione dell’immagine. Con il che, per il tramite
dello stesso figurante, a proiettarsi sulla filosofia esposta e da esporre nei dialoghi londinesi,
così che essa diviene una totalità inclusiva e perfetta, è l’universo infinito e infinitamente buono,
la cui vera sostanza è comprensibile solo a chi sappia allargare lo sguardo oltre il qui e ora. È
evidente a questo punto l’enormità della equazione così, quasi inavvertitamente, stabilita, la
quale finisce per sollevare l’autore al rango del primo principio divino.

2.2.1.2. Le funzioni

Diverse spinte pragmatiche si spartiscono, tradotte nei rispettivi correlati retorici e testuali,
il campo dei dialoghi italiani, generando una testualità all’apparenza frammentata e irrisolta,
disordinata e centrifuga. Assumendo come punto di partenza l’opposizione fra atti linguistici
diretti e indiretti, distinguiamo in primo luogo il dominio dell’argomentazione diretta, dove le
risorse del testo argomentativo sono indirizzate alle fondazione razionale delle proprie verità
filosofiche. Nella misura, però, in cui Bruno predilige la performatività (Hufnagel), ovvero le
tecniche di messa in scena del vero e del convincimento, quello dell’argomentazione indiretta
è invece uno spazio più vasto, una vera e propria galassia, all’interno della quale è opportuno
dividere il versante positivo da quello negativo. Quest’ultimo raccoglie l’insieme dei discorsi e
degli artifici, davvero innumerevoli, orientati in direzione distruttiva e degradante, che non
assumono però la forma della confutazione esplicita delle tesi avversarie. Dall’altro lato si
collocano i mezzi impliciti di accreditamento, anzitutto delle idee-forza del proprio pensiero.
Prima che a esse però, il sostegno realizzato attraverso modalità rappresentative si rivolge alla
figura dell’autore, tentando di risolvere due questioni pregiudiziali: la quotazione del valore
autoriale e l’autorità assegnabile alla sua posizione discorsiva83, alle quali si cerca di rispondere
istituendo una relazione preferenziale e immediata fra vero e sapiente. In bilico tra i due tipi
pragmatici, infine, collochiamo quei momenti, che crediamo fondativi riguardo alla stessa
nascita e vicenda del pensiero bruniano, in cui l’affermazione apodittica e scorciata delle
proprie tesi, enunciate dalla prospettiva finale della loro effettualità ed efficacia, sfocia nella
contemplazione e nell’ascesi, espressa dal ricorso a un dettato più robustamente analogico
(2.2.2.2.5). E sono punti nei quali si manifesta il polo visionario di questo pensiero diviso fra

83
Cfr. Feldhay-Ophir 1989, Ophir 1994.

160
razionalismo e misticismo in modo conforme alla declinazione meridionale di erasmismo che
presiede alle sue fasi inaugurali84.
L’analogia, allo stessa maniera degli altri fenomeni più pervasivi, è coinvolta in tale
ripartizione – quasi mai in realtà perspicua e lineare, e dove l’embricazione è la norma – dello
spazio testuale, differenziando le proprie funzioni in accordo alla continua variazione
contestuale. Quanto al rapporto fra queste ultime e le forme, c’è isomorfismo, ma tendenziale
e imperfetto. Se infatti è intuitivo che le forme più scorciate e fulminee si prestino naturalmente,
per dire, alla stoccata polemica, mentre quelle più distese della similitudine e della
moltiplicazione dei figuranti solidarizzano col ragionamento e il rinforzo argomentativo,
tuttavia non è eliminabile, entro certi limiti, la compresenza funzionale – com’era d’altronde
già per le tecniche della ripetizione e del parallelismo al centro del primo capitolo.
Riguardo a quest’ultima, si può dire che una dose di funzione ornamentale è senz’altro
sottesa a tutte le analogie di una certa lunghezza: nelle similitudini protratte, nelle metafore
prolungate senza intreccio, quanto il figurante si emancipa o si moltiplica, insomma quanto lo
scrittore si lascia andare al piacere della scrittura. Ciò nonostante, però, essa assurge al rango
di dominante solo di rado, e i valori, tradizionalmente associati al Barocco, della gratuita
semantica, dell’amplificazione tramite sovrabbondanza di procedimenti e divaricazione fra i
due poli, del formalismo e conseguente minuzioso lavoro di cesello restano subalterni.
A dominare nella prosa bruniana sono viceversa gli aspetti semanticamente forti
dell’analogia, la cui rilevanza va di conserva con la preferenza accordata alle forme piane del
procedimento: il paragone, la similitudine, la metafora in presenza o mediante identificazione
hanno valore di per sé, spesso proprio in virtù della mancanza di equivocità, al di qua
dell’interazione contestuale (con la loro subordinazione a costrutti analogicamente più densi e
accesi), che per converso è, quando presente, piuttosto lasca e rifugge una strutturazione a
maglie troppo strette (2.2.2.2.5).
La lontananza di Bruno dai letterati barocchi non va però enfatizzata, se un simile sistema
di scelte è ovviamente coerente con l’appartenenza del nostro scrittore al campo filosofico. Più
utile, semmai, soffermarsi sulla relazione che Bruno intrattiene con la consustanzialità
dell’immagine – del mythos – a molto pensiero metafisico di ascendenza platonica. Una
tradizione che culmina in Ficino, la cui «bella favola consolatrice» (Garin 19502, 287) articolata
in immagini e simboli tange l’esperienza di Bruno nella misura in cui quest’ultima non è

84
Cfr. Badaloni 1967, 94-100.

161
concepibile senza l’importanza assegnata al pensare per immagini. Tuttavia, è anche vero che
se in Ficino il primato spetta senz’altro alle immagini, la cui composizione traduce speranze e
aspirazioni individuali in un disegno certo evocativo ma anche privo di reale profondità
filosofica, Bruno è pensatore di tutt’altra capacità teoretica e astrattiva. Presso quest’ultimo, se
da un lato è indubbia la priorità logico-cronologica di certi complessi immaginativi rispetto a
determinati filoni di speculazione, com’è il caso del mito platonico della caverna nei riguardi
della dottrina gnoseologica del De umbris, dall’altro è lecito inferire che altre immagini stiano
accanto a uno sviluppo concettuale e terminologico autonomo, nei confronti del quale fungono
da sostegno a fini di efficacia retorica. Il rapporto fra concetti e immagini è insomma in Bruno
destinato a sfumare in una molteplicità di distinguo, secondo un’indecidibilità coerente al
compromesso bruniano fra razionalismo rigoroso di matrice aristotelica (di cui sono paradigmi
l’Acrotismus Camoeracensis, 1588, e la Summa terminorum metaphysicorum, 1591) e tensione
visionaria fra platonica ed ermetica.

2.2.1.2.1. Degradazione e innalzamento

Negli ambiti complementari della polemica e della lode, a venire in primo piano è l’effetto
connotativo del figurante: De l’infinito 115 «Comprenderemo che non son disposti gli orbi e
sfere nell’universo come vegnano a comprendersi l’un [l’]altro, sempre oltre et oltre essendo
contenuto il minore dal maggiore per essempio de gli squogli in ciascuna cipolla». L’esito
ottenuto accostando un referente di estrazione visibilmente più bassa, corporea, quotidiana, può
trarre forza ulteriore dalla presenza di un contesto ironico, come nella seguente battuta di Giove
al concilio:

Spaccio 222 Ecco (o Dei) l’opre nostre, ecco le egregie nostre manifatture, con le quali ne
rendemo onorati al cielo: vedete che belle fabriche, non molto dissimili a quelle che
sogliono far gli fanciulli quando contrattano la luta, la pasta, le miscuglie, le frasche è
festuche tentando d’imitare l’opre di maggiori.

Quanto alle forme, come già anticipato sono molto frequenti quelle brevi a partire dal solo
epiteto, un dominio nel quale Bruno frequenta senza scrupoli analogie del tutto convenzionali
e vere e proprie catacresi. A questo riguardo potremmo dire, vista la capillarità del fenomeno,
che la quantità fa le veci della qualità: definire continuamente i propri avversari pazzi, asini,
infanti, e le loro idee chimere, sogni, fantasie, ombre, significa sul piano dell’argomentazione

162
pronunciare una squalifica preventiva senza entrare nel merito delle differenze dottrinali. Non
mancano le forme più lunghe, spesso estese per il solo gusto di arricchire l’immagine: Cena
479-80 «Quando vede un forastiero, sembra (per dio) tanti lupi, tanti orsi: e con il suo torvo
aspetto gli fanno quel viso, che saprebbe far un porco ad un che venesse a torgli il tino d’avanti».
Il soggetto della frase è la plebe londinese, la cui descrizione abbassante occupa l’intera
sequenza conclusiva della spedizione londinese (pp. 479-87). Tuttavia, l’assunzione
dell’abbassamento con finalità polemiche al rango di dominante pragmatica è un fatto che
riguarda la Cena nel suo insieme, il cui rapporto occasionale con il fallimento oxoniense
dell’estate 1583 trova riscontro in una fitta trama di allusioni ai due «dottori barbareschi» (p.
458) e alla loro «rustica inciviltà» (p. 534). Qualcosa di simile può essere detto per lo Spaccio
(237-41 e passim), dove la critica ha stavolta per oggetto i teologi della Riforma, designati in
due punti strategici del dialogo con l’immagine della «macchia» del mondo (pp. 270 e 365).
Tornando alla Cena, notiamo invece una seconda modalità di realizzare l’abbassamento
speculare alla prima; dato che non fa leva sulla bassa estrazione del figurante ma
sull’avvicinamento – il più possibile incongruo – di un figurante all’opposto troppo alto a un
figurato troppo basso. Così l’analogia si apparenta all’iperbole:

Cena 481 ecco in un punto ti vedrai, quanto è lunga la strada, in mezzo d’uno esercito di
coteconi i quali, più di repente che (come fingono i poeti) da’ denti del drago seminati da
Iasone risorsero tanti uomini armati, par che sbuchino da la terra: ma certissimamente
sorteno da le botteghe; e facendo una onoratissima e gentilissima prospettiva de una selva
de bastoni, di pertiche lunghe, alebarde, partesane e forche rugginenti.

La sproporzione di una simile comparazione iperbolica è resa palese dalla disposizione


circolare dei materiali, per cui i due riferimenti ai «coteconi» e alle «botteghe» incorniciano il
comparante. Il senso del procedimento è riassunto da Bruno stesso in un passaggio del De la
causa (p. 634) che ci sentiamo di reinterpretare in chiave metapoetica: «ma quegli [i pedanti]
altri tanto più si mostrano espressamente rustici, quanto par che vogliano o col divum pater o
col gigante Salmonea altitonare, quando se la spasseggiano da purpurato satiro o fauno, con
quella spaventosa et imperial prosopopeia». Insomma, tanto più emerge il valore reale, che è
assai scarso, quanto più il referente sovrapposto si colloca vicino all’altro estremo della scala.

163
La prima triade dei dialoghi presenta sulla scena quattro personaggi85, ripartiti in due coppie
fra loro asimmetriche: la prima consta del portaparola e del suo interlocutore, un personaggio
curioso e interrogante, disponibile a mutare opinione; la seconda comprende il pedante e il suo
antagonista, l’interazione dei quali è modellata sulla scorta della commedia regolare
cinquecentesca. Sebbene il peso riservato alle due coppie sia senza dubbio diverso (basti
guardare allo spazio testuale occupato), non si deve cadere nell’errore di decretare una
situazione di subalternità pura e semplice. La seconda coppia è determinante ai fini della
struttura digressiva dell’argomentazione intesa in senso ampio e, semplicemente, s’incarica di
svolgere altre funzioni. Una di queste è tracciabile a partire dall’atteggiamento mentale e
linguistico del quarto personaggio, il provocatore, cui spetta anzitutto l’incarico di scatenare la
follia del pedante. Figure come Frulla (Cena), Gervasio (De la causa) e Burchio (De l’infinito)
sono portatori di un eloquio sapido e volentieri aggressivo, attraverso il quale possono
immettere nel discorso dosi anche massicce di basso-corporeo, quotidianità, irrisione. Proprio
l’analogia si rivela una strumento fondamentale da impiegare a questi fini:

De la causa 671 […] poi che non ho altro pensiero che mi tire, oltre che posso imparar
qualche tratto di scacco di filosofia, circa que’ grilli che ballano in quel cervello eteroclito
di Polihimnio pedante, viene a sfilzarti da dentro il manico della sua ventosa pedantaria
una insalatina di proverbiuzzi, onde senza troppa difficoltà non è cieco, che non possa
vedere: quanto lui sia pazzo per lettera, mentre de gli altri son savii per volgare, come sen
viene che par che ne movere di passi ancora sappia caminar per lettera.

La battuta di Gervasio che apre il terzo dialogo del De la causa vale come giudizio a priori
sul pedante, emesso un attimo prima della sua entrata in scena. La corporeizzazione cui il
dettato analogico sottopone le abitudini intellettuali del pedante dà la morte – insieme
reimmettendola nel ciclo vitale – alla cultura libresca dell’umanesimo in crisi. Tale funzione
carnevalesca non investe però soltanto il termine negativo dell’erudizione letteraria e
grammaticale ed estende la propria eco a tutta l’alta cultura filosofica e fisica, che già la sola
presenza del quarto personaggio è sufficiente a ricollegare alla vita materiale e terrena. È una

85
La seconda triade è, circa questo aspetto, più varia. Nello Spaccio la pluralità di voci del concilio divino si
alterna alla presenza sulla scena di due soli personaggi, Sofia e Saulino, oppure la stessa Sofia e Mercurio. Nella
Cabala, invece, agisce la terna Sebasto, Saulino, Coribante, replicata da una seconda terna nell’Asino cillenico
(Asino, Micco Pitagorico, Mercurio – anche l’intervento di quest’ultimo è limitao alla sola battuta finale). Nei
Furori infine, da un lato l’identità degli interlocutori non resta fissa (sulla base del variare dei materiali allegorici,
sonetti e poi imprese), dall’altro il gioco dialogico perde vivacità per ridursi al meccanismo più regolare della
coppia.

164
sorta di effetto di bilanciamento, sul quale avremo modo di tornare diffusamente nel terzo
capitolo.
Quanto alla funzione encomiastica dell’analogia, concentrata negli elogi al dedicatario e al
potente di turno presenti di norma all’inizio e alla fine delle dedicatorie, mi soffermo su due
soli campi figurali di afferenza naturale.
L’immagine solare, interna alla più ampia metaforica fotica, ha in Bruno una pregnanza tutta
particolare in virtù della molteplicità di piani e discorsi che è in grado di intercettare e, nel
momento in cui compare, richiamare alla mente. A questo riguardo dobbiamo considerare
almeno l’influenza della metafisica della luce e il tema – in sé analogico – della conoscenza
umana come ombra, ma soprattutto la vicissitudine ermetica di luce e tenebre, con la filosofia
di Bruno esplicitamente assimilata, in quanto momento solare, all’ennesima risorgenza della
prisca theologia. Il fatto che il sole del Nolano sia poi anticipato dall’aurora di Copernico (Cena
450) allude poi all’ultimo piano, quello cosmologico dell’adesione al modello eliocentrico.
Elisabetta I è presentata nel secondo dialogo della Cena (p. 477) come «quella singolare e
rarissima dama, che da questo freddo cielo, vicino a l’arctico parallelo, a tutto il terreste globo
rende sì chiaro lume». Vi è poi un secondo riferimento indiretto a Robert Dudley e a Francis
Walsingham «che siedeno vicini al sole del regio splendore» e «con la luce de la lor gran
nobiltade son sufficienti a spengere et annullar l’oscurità: e con il caldo de l’amorevol cortisia
disrozzir e purgare qualsivoglia rudezza e rusticità» (p. 479). Il figurante solare è dunque
sfruttato secondo le due direttrici della luce e del calore, e sta per la potenza attiva, la facoltà di
produrre effetti benefici di portata universale. L’elogio della regina, tuttavia, è completo solo
nel momento in cui alla potenza attiva si aggiunge quella passiva, figurata nella capacità dello
scoglio – o forse meglio dell’isola86 – di resistere all’impeto delle tempeste più violente: «salda
in mezzo di tanto gagliardi flutti e tumide onde di sì varie tempeste: co le quali a tutta possa gli
ha fatto émpito questo orgoglioso e pazzo Oceano, che da tutti contorni la circonda» (p. 478).
I figuranti complementari della terra (o roccia) e dell’acqua ritornano nella dedicatoria del
De la causa, questa volta però rivolti a designare l’ospite di Bruno a Londra, l’ambasciatore
francese Michel de Castelnau. Lo stesso vale per la compresenza, d’altronde convenzionale,
delle virtù attiva e passiva. Il carattere più letterario e artificioso del testo proemiale fa però sì
che essa sia realizzata con maggiore rigore (e piacere) costruttivo, facendo leva sulla

86
Con il che si avrebbe un doppio slittamento metonimico dalla regina allo Stato al territorio – in ogni caso il
figurante rimane implicito.

165
reversibilità assiologica tra i due figuranti. Da una parte abbiamo dunque la «longanimità,
perseveranza e sollecitudine», il cui figurante viene ritrovato con naturalezza nello stemma
dell’ambasciatore, «[d]ove quel liquido umore, che suavemente piaga, mentre continuo e spesso
stilla, per forza di perseveranza rammolla, incava, doma, spezza et ispiana un certo, denso,
aspro, duro e ruvido sasso» (De la causa 594). La qualità della resistenza trova invece il
correlato del «saldo, fermo e constante scoglio» (p. 595) già visto all’opera nell’elogio della
regina, con la sola variante, decisiva però, che gli oltraggi subiti hanno per vittima non
l’ambasciatore ma il suo protetto: «mi siete sufficiente e saldo difensore negli oltraggi ch’io
patisco» (p. 594). La perfetta specularità del rapporto è riassunta con rara nitidezza di stile nella
battuta che chiude la sequenza, dove alle gocce e allo scoglio si aggiunge il figurante, attinto
allo stesso campo semantico, del porto:

De la causa 595-6 Voi dumque dotato di doppia virtù, per cui son potentissime le liquide
et amene stille, e vanissime l’onde rigide e tempestose; per cui contra le goccie si rende sì
fiacco il fortunato sasso, e contra gli flutti sorge sì potente il travagliato scoglio: siete quello
che medesimo si rende sicuro e tranquillo porto alle vere muse, e ruinosa roccia in cui
vegnano a svanirsi le false munizioni de impetuosi dissegni de lor nemiche vele.

La scelta del porto palesa il rapporto di mutua dipendenza che lega le necessità pragmatiche
dell’elogio, dell’apologia e dell’attacco. Esso, che è l’analogo artificiale di ciò che in natura è
lo scoglio, deve il suo valore alla doppia capacità di proteggere e respingere, allo stesso modo
in cui l’eccellenza del Castelnau è vincolata all’appoggio che egli è in grado di fornire all’unico
vero sapiente contro i suoi molti falsi detrattori.
Il caso appena visto non è l’unico in cui la valutazione positiva del dedicatario appare
vincolata al comportamento tenuto nei confronti dello scrivente, la cui presenza nei testi di
dedica è ingombrante al pari che nel resto del corpus. Il fatto che Bruno debba continuamente
incorporare o, se si vuole, “testualizzare” il proprio sé in quanto figura autoriale, si ripercuote
anche sulla struttura degli elogi:

De l’infinito 28-9 Considerando che per aver appresso di voi tanti che vi serveno, non siete
differente da plebei, borsieri e mercanti; ma per aver alcunamente degno che da voi sia
promosso, difeso et aggiutato, sète (come sempre vi siete mostrato e fuste) conforme a’
prìncipi magnanimi, eroi e dèi: li quali hanno ordinati pari vostri per la difesa de gli loro
amici. […] Perché non è cosa che quelli che con la fortuna vi son superiori, possono fare a
voi, che molti di lor superate con la virtude, lo che possa durare più che gli vostri pareti e
tapezzarie; ma tal cosa voi possete fare ad altri, che facilmente vegna scritta nel libro
dell’eternitade, o sia quello che si vede in terra o sia quell’altro che si crede in cielo:

166
Nel finale della dedicatoria l’elogio al consueto analogico del Castelnau prende ancora una
volta una forma binaria, non però in relazione alla completezza etica della sintesi fra gli opposti,
quanto piuttosto all’alternativa riservata alla fama del dedicatario; alternativa rappresentata
nell’identificazione o con i mercanti o con gli dei e, in modo più forte, contrapponendo la durata
delle «pareti e tapezzarie» a quella delle cose scritte nel libro terrestre e celeste dell’eternità.
L’ossessiva presenza dell’autore nel testo in quanto termine di riferimento obbligato non
risparmia, va da sé, la dichiarazione dei propri debiti di pensiero e il riconoscimento portato
alle proprie fonti, momenti che all’opposto diventano l’occasione perfetta per sancire una
condizione di primazia intellettuale. È un fatto tanto più evidente quanto più è alta l’influenza
e positivo il giudizio bruniano, come testimoniano i due elogi a doppio taglio di Copernico
(Cena 448-50) e Cusano (De l’infinito 94). Nel primo caso Teofilo, sollecitato da Smitho (Cena
448 «Di grazia fatemi intendere che opinione avete del Copernico»), risponde con una lunga
battuta punteggiata di analogie e culminante nella doppia metafora dell’aurora e del sole già
menzionata (Cena 450); la chiusura, che sollecita l’immagine verticale del «drizzare, et
innalzarsi» (Cena 450) fa da ponte al già visto elogio del Nolano “in volo”. L’altalena tra lode
e ridimensionamento dà luogo a una struttura sintattica oscillante, imperniata sulla presenza di
nessi avversativi e concessivi (ma però, con tutto ciò, benché). Sono quattro sequenze, tutte e
quattro internamente divise, con possibilità di inversione fra i due momenti. Riporto per ragioni
di spazio soltanto quella d’attacco, dove la limitazione segue all’elogio, evidenziando il
momento dello scatto:

Cena 448-9 uomo che non è inferiore a nessuno astronomo che sii stato avanti lui, se non
per luogo di successione e tempo; uomo che quanto al giudizio naturale è stato molto
superiore a Tolomeo, Ipparco, Eudoxo, e tutti gli altri ch’han caminato appo i vestigii di
questi: al che è dovenuto per essersi liberato da alcuni presuppositi falsi de la comone e
volgar filosofia, non voglio dir cecità. Ma però non se n’è molto allontanato: per che lui
più studioso de la matematica che de la natura, non ha possuto profondar e penetrar sin
tanto che potesse a fatto toglier via le radici de inconvenienti e vani principii, onde
perfettamente sciogliesse tutte le contrarie difficultà, e venesse a liberar e sé et altri da tante
vane inquisizioni, e fermar la contemplazione ne le cose costante et certe.

Nella seconda parte campeggiano due analogie in funzione negativa, quella dello
sprofondamento fino alle radici (che non si è arrivati a togliere, per cui i fondamenti dei falsi

167
presupposti sono rimasti intoccati)87 e quella, congiunta alla prima, dello scioglimento e
liberazione (che si è potuta compiere solo parzialmente). Nel seguito il Copernico è definito
«saldo contra il torrente de la contraria fede» e in grado, come un paziente artigiano, di
ricomporre «quelli abietti e rugginosi fragmenti ch’ha possuto aver per le mani da la antiquità»
(p. 449), anche se, rispetto alla «falsità» egli è stato in grado di «resistere» ma non di «vencere,
debellare e supprimere» (p. 450). L’ultima sequenza ospita l’analogia cardine, sovrapposta a
quella relativa di luce/tenebre relativa al ciclo della verità, e ribadisce la posizione mediana
dell’astronomo, fra l’estremo più basso del volgo e quello più alto dei filosofi:

Cena 450 Chi dumque sarà sì villano e discortese verso il studio di quest’uomo, ch’avendo
posto in oblio quel tanto che ha fatto con esser ordinato da gli dèi come una aurora, che
dovea precedere l’uscita di questo sole de l’antiqua vera filosofia, per tanti secoli sepolta
nelle tenebrose caverne de la cieca, maligna, proterva et invida ignoranza, vogli, notandolo
per quel che non ha possuto fare, metterlo nel medesmo numero della gregaria moltitudine
che discorre, si guida e si precipita più per il senso de l’orechio d’una brutale et ignobil
fede: che vogli computarlo tra quei che col felice ingegno s’han possuto drizzare, et
inalzarsi per la fidissima scorta del occhio della divina intelligenza88?

Il pezzo sul Cusano, di sviluppo più breve, fondato sul figurante del nuotatore in acque
agitate, cui le onde impediscono la vista continua del sole, ha in comune con l’elogio del
Copernico la partenza pienamente positiva89 e soprattutto la motivazione del
ridimensionamento; con la differenza che i «falsi principi» e la necessità di abbandonarli sono
figurati con immagini d’acqua o affinché non si perda la coerenza con la figura del nuotatore o
(meno consapevolmente) per la pressione cotestuale esercitata da quella stessa figura:

De l’infinito 84 Ha molto conosciuto e visto questo galant’uomo, et è veramente uno de


particularissimi ingegni ch’abbiano spirato sotto questo aria: ma quanto all’apprension de
la verità, ha fatto qual nuotatore da tempestosi flutti or messo alto, or basso; per che non
vedea il lume continuo, aperto e chiaro, e non nuotava come in piano e tranquillo, ma
interrottamente e con certi intervalli. La raggion di questo è che lui non avea evacuati tutti
gli falsi principii de quali era imbibito dalla commune dottrina onde era partito; di sorte che

87
E si noti che il riferimento al «penetrar e profondar» richiama immediatamente la similitudine dei traduttori
(Cena 447), fermi alla superficie delle parole, incapace di scendere nelle viscere per riportarne i «sentimenti».
88
C’è infine una sorta di coda o brevissima ripresa del confronto figurale a p. 457. La metafora è quella della
«soma» e ancora una volta il Copernico è in mezzo fra coloro che non arrivano in nessun modo a smuoverla e il
Nolano che invece può caricarsela sulla spalle: «È anco, quel che tu dici, in proposito di dottrina espediente a
molti, e però è conseglio che riguarda la moltitudine, per che non fa per le spalli di qualsivoglia questa soma, ma
per quelli che possono portarla, come il Nolano; o almeno muoverla verso il suo termine senza incorrere difficoltà
disconveniente, come il Copernico ha possuto fare».
89
Identica menzione dell’«ingegno» si ritrova nelle parole iniziali di Teofilo su Copernico: «Lui avea un grave,
elaborato, sollecito e maturo ingegno» (Cena 448).

168
forse per industria gli vien molto a proposito la intitulazion fatta al suo libro Della dotta
ignoranza, o della ignorante dottrina.

2.2.1.2.2. Rinforzo icastico

Anche l’analogia può, in determinati contesti, realizzarsi come raddoppiamento figurale in


funzione di intensificazione e aumento della presenza. Il figurato dev’essere obbligatoriamente
presente, il figurante seguire il figurato, l’equazione ha da essere trasparente e lo sforzo
interpretativo ridotto al minimo. A tale fine si può ricorrere a delle marche, tipicamente il
verbum dicendi, che segnala il segmento che segue come da interpretarsi analogicamente:

De l’infinito 80 Da questa dottrina possete considerare quanto sia circonspetto Aristotele


nelle sue supposizioni quando prende le parti finite de lo infinito; e quanta sia la forza delle
raggioni di alcuni teologi quando dalla eternità del tempo vogliono inferir lo inconveniente
di tanti infiniti maggiori l’uno de l’altro, quante possono esser specie di numeri. Da questa
dottrina dico avete modo di estricarvi da innumerabili labirinti.

Nell’esempio successivo è invece l’anafora, con la sua capacità di proiettare il parallelismo


sintattico nella sfera semantica, a rendere manifesta la somiglianza fra i due poli:

Spaccio 209 or non ho polso di contrastar a certi mezi uomini, e mi bisogna al grande mio
dispetto a voto di caso e di fortuna lasciar correre il mondo; e chi meglio la séguita, l’arrive;
e chi la vence, la goda. Ora son fatto qual quel vecchio esopico lione, a cui impune l’asino
dona di calci, e la simia fa de le beffe, e quasi come ad un insensibil ceppo, il porco vi si
va a fricar la pancia polverosa.

Una dinamica affine si riscontra nella prosa commentativa dei Furori, la quale si mostra
bipartita sotto il profilo dell’intensità retorica: sezioni in cui la sobrietà della scrittura testimonia
un tentativo di riduzione della stessa all’ossatura concettale che la sorregge si alternano ad altre
più diffuse e ridondanti. In queste ultime la decodifica allegorica in alcuni momenti si
interrompe per lasciare il posto a un secondo sonetto di materia amorosa, di norma proposto
dallo stesso princeps, che non costituisce articolo a sé ma serve al rinforzo di un nucleo
concettuale emerso dalla spiegazione. Vediamo un esempio di questo movimento a ritroso (dal
referente allegorico alla superficie costituita dalla materia amorosa) a p. 536, dove il sonetto
Cara, suave et onorata piaga è proposto da Tansillo, con il suo corredo di analogie liriche
tradizionali (la piaga cagionata dal bel dardo, l’amato come astro cui l’amante gravita intorno,
le fiamme e gli strali al petto – inserisci virgolette e versi), al fine di visualizzare l’idea che

169
l’amore appaga «perché a chi ama, piace l’amare; e colui che veramente ama non vorrebbe non
amare». A riprova che tale sonetto non è lì per la stessa ragione negli altri, il commento al primo
testo poetico riprende immediatamente come se nulla fosse.

2.2.1.2.3. Spiegazione

La funzione esplicativa, di chiarimento e semplificazione attraverso il confronto, coinvolge


la similitudine e solo in subordine altri tipi di equazione esplicita estesa. Si chiarisce un
fenomeno fisico con un altro, magari attinto all’esperienza quotidiana, oppure un concetto con
un fenomeno concreto, solo immaginato o attinto all’esperienza comune, oppure ancora – con
riguardo specifico al modello di pensiero della catena rerum (2.1.2) – l’elemento di una scala
con un secondo elemento interno alla stessa scala. Quest’ultimo è il caso dell’esempio che
segue, dove la sfera dell’intelletto, più alta, è comparata alla sfera più bassa del senso:

Cabala 456 Dico che la intelligenza efficiente universale è una de tutti: e quella muove e
fa intendere; ma oltre in tutti è l’intelligenza particulare, in cui son mossi, illuminati et
intendono; e questa è moltiplicata secondo il numero de gli individui. Come la potenza
visiva è moltiplicata secondo il numero de gli occhi, mossa et illuminata generalmente da
un fuoco, da un lume, da un sole: cossì la potenza intellettiva è moltiplicata secondo il
numero de suggetti partecipi d’anima, alli quali tutti sopra splende un sole intellettuale.

Il presupposto di un simile accostamento va ricercato in un tratto costitutivo della catena, le


cui componenti sono strutturalmente analoghe – il che permette di passare dall’una all’altra
nelle due direzione dell’ascensum e del descensum. Formalmente, poi, non si tratta di una
struttura perfettamente simmetrica: la terna dei figuranti (la «potenza visiva», gli «occhi» e il
«lume») segue naturalmente quella dei figurati, posizionandosi però all’interno di un nuovo
periodo in cui occupa la prima posizione (l’«intelligenza particulare», gli «individui» e
l’«intelligenza efficiente universale»), mentre i figurati ricompaiono però per occupare il
secondo segmento e la posizione forte di chiusa (la «potenza intellettiva», i «suggetti partecipi
d’anima»). La scansione binaria coesiste dunque alla circolarità, chiarezza e insistenza vanno
insieme, mentre quest’ultima comporta la «tracimazione del comparante nel terreno del
comparato» (Bozzola 1999, 51), per cui l’elemento della sorgente luminosa, interno alla sfera
del comparante, riappare nel finale: «alli quali tutti sopra splende un sole intellettuale».

170
Il discorso cosmologico dei primi dialoghi si serve volentieri della similitudine in funzione
esplicativa. Di seguito un caso in cui il figurante, pur essendo più vicino all’esperienza rispetto
al referente celeste, è solo immaginato:

De l’infinito 87 Quello dumque che ha fatto imaginar diversi cieli, son stati gli diversi moti
astrali, con questo, che si vedeva un cielo colmo di stelle svoltarsi circa la terra, senza che
di que’ lumi in modo alcuno si vedesse l’uno allontanarsi da l’altro: ma serbando sempre
la medesima distanza e relazione insieme con certo ordine, si versavano circa la terra non
altrimente che una ruota, in cui sono inchiodati specchi innumerabili, si rivolge circa il
proprio asse.

La stessa funzione, altrimenti, può essere segnalata dal ricorso a forme specifiche, com’è il
caso dell’apertura di una parentetica, con la quale si ottiene lo spazio per un’integrazione di
senso senza che si debba deviare il corso dell’argomentazione principale. Nonostante, poi, da
un altro punto di vista, l’analogia animale/astro al centro dell’esempio prescelto costituisca il
nucleo analogico portante del terzo dialogo (2.2.3.4):

De l’infinito 133 L’altra [caggione], che generalmente veggiamo che tanto anca che mai da
distanza infinita possa esser impeto di gravità o levità, come dicono, che tal appulso de
parti non può essere se non infra la regione del proprio continente; le quali se fussero estra
quella, non più vi si muoverebono, che gli fluidi umori (quali ne l’animale si muoveno da
parti esterne all’interne, superiori et inferiori, secondo tutte differenze, montando e
bassando, rimovendosi da questa a quella e da quella a questa parte), messi fuori del proprio
continente, ancor contigui a quello, perdeno tal forza et appulso naturale.

Come per la funzione precedente, i Furori meritano un breve excursus in ragione di alcune
loro peculiarità retoriche e semiotiche che coinvolgono le modalità di utilizzo dell’analogia. Il
sesto dialogo, infatti, a differenza degli altri conta fra i suoi principali obiettivi comunicativi
chiarezza e univocità. L’impianto complessivo dell’allegoresi gnoseologica applicata alla
materia amorosa funziona soltanto a patto di procedere, articolo per articolo, a una decrittazione
senza incertezze. Si capisce allora l’utilità della similitudine, strumento chiarificatore nelle
mani del princeps Tansillo, che non esita a ricorrervi per aumentare la perspicuità delle proprie
spiegazioni:

Furori 538 «La mia morte sola» dice de la gelosia, perché come l’amore non ha più stretta
compagna che costei, Cossì anco non ha senso di maggior nemica: come nessuna cosa è
più nemica al ferro che la ruggine, che nasce da lui medesimo.
Furori 539 Dice appresso de l’amore: «mi mostra il paradiso»; onde fa veder che l’amore
non è cieco in sé, e per sé non rende ciechi alcuni amanti, ma per l’ignobili disposizioni del

171
suggetto: qualmente avviene che gli ucelli notturni dovegnon ciechi per la presenza del
sole.

Più semplicemente, poi, e però con un grado di vicinanza al meccanismo allegorico che, in
modo simile a quanto avviene nello Spaccio (2.2.1.1.1), forse mette in crisi la riconoscibilità
dell’analogia nel momento stesso in cui sfuma i confini tra le due figure, la similitudine, la
comparazione e la metafora continuata sono la risorsa linguistica normale con cui Tansillo
risponde alle domande di Cicada, esponendo la motivazione che lega le immagini amorose al
loro significato conoscitivo.

2.2.1.3. I campi figurali

Passo ora a una disamina delle famiglie analogiche più diffuse lungo l’intero arco dei
dialoghi italiani. Per designarle adotto l’espressione campi figurali, che allude al campo
metaforico di Weinrich (1958) ma al tempo stesso se ne discosta. Se infatti «il campo
metaforico vero è proprio», oltre che afferire «all’oggettivo e potenziale ambito sociale di una
lingua» (Ibidem, 39) più che alla concretezza del testo realizzato, «è solo quello che si situa
all’incrocio» (Ibidem, 40) tra due i due insiemi semantici del figurante e del figurato, scelgo qui
di scorporarli almeno in parte e preventivamente. L’idea di seguire i percorsi dei figuranti,
ovviamente con l’occhio più ai campi semantici di riferimento che ai singoli referenti, si fonda
sul presupposto della loro disponibilità alla rotazione semantica e assiologica. Esso si fonda a
sua volta da un lato sui dati emersi dall’analisi, dall’altro sull’idea della piena culturalità di ogni
nesso fra immagine, significato e/o valore. A fare da cerniera fra i due livelli troviamo il
movimento spiraliforme che caratterizza il pensiero bruniano: un pensiero fedele a poche
invarianti concettuali e immaginative che ritornano continuamente ma ad altezze diverse, il che
comporta una loro riconfigurazione semantica, quasi che la riduzione all’unità del reale
operasse anche come un principio formale di instaurazione della polivalenza – insomma, non
solo ogni cosa in ogni cosa, ma anche ogni significato in ogni significato. E lo stesso vale, in
orizzontale, all’interno dello stesso piano di discorso, sia esso metafisico, fisico o etico.
Procedendo alla separazione tra figuranti e figurati, quindi, emergono accanto alle costanti le
varianti dovute alla ricombinazione imposta di volta in volta dalle esigenze contestuali; con il
che si valorizza fra l’altro la tendenza di Bruno al raddoppiamento della significazione mediante
l’istituzione di nessi intra- e intertestuali, ad esempio proprio associando a uno stesso figurante

172
figurati diversi. La separazione dei due poli, però, può condurre ad adottare il metodo opposto:
quello che seleziona come più pertinente il piano del figurato, al fine di mostrare l’azione
congiunta su uno stesso campo semantico (sia esso il processo conoscitivo, la verità, l’universo)
di varie famiglie figurali fra loro più o meno contigue. Me ne servirò solo in alcuni casi come
di una controprova.
Tra le immagini provenienti dal mondo naturale, sono frequenti quelle tratte dal campo
semantico dell’acqua, le cui potenzialità abbiamo già visto ampiamente sfruttate nella
dedicatoria al De la causa (2.2.3.1). Una prima associazione ricorrente è quella che fa leva
sull’energia cinetica e l’inesorabilità del corso d’acqua; quando ha valore positivo rivela un
intento encomiastico (Cena 439 «né per giongere acqua al rapido fiume del vostro giudizio et
ingegno»; Spaccio 173 «accade ch’io tanto più mi forze a fendere il corso de l’impetuoso
torrente, quanto gli veggio maggior vigore aggionto dal turbido, profondo e clivoso varco»),
quando negativo ha piuttosto una funzione apologetica, l’enormità dell’ostacolo rovesciandosi
nel valore del soggetto che ha compiuto la difficile impresa: Cena 449 «è stato sì saldo contra
il torrente de la contraria fede».
Più ampia la gamma d’impiego della linea analogica vegetale (seme, frutto, fronda, rami,
albero, ecc.), che possiamo tripartire secondo i tre referenti fondamentali dei frutto, della radice
e del seme. Delle radici sono anzitutto la profondità e la conseguente difficoltà a togliersi a
essere assunte a motivazione. In questo modo si designano gli atteggiamenti introiettati, indotti
dall’educazione e dall’appartenenza a un determinato contesto culturale: Cena 111 «Non meno
in noi si piantano per forza di certa naturale nutritura le radici del zelo di cose nostre, che in
quelli altri molti e diversi de le sue». Oppure può essere sollecitata la priorità della radice
rispetto alla pianta; in questo modo radice e seme vengono a coincidere nella loro capacità di
designare il principio, l’origine da cui si sviluppa un processo. E Bruno insiste a più riprese
sulla sproporzione virtuosa che separa l’essere minuscolo dei principi dalla loro produttività, i
cui effetti risaltano solo a ciclo concluso, arrivando a esplicitare questo suo pensiero
relativamente al ragionamento filosofico, quest’ultimo visualizzato attraverso la ricorrente
similitudine del cammino:

De l’infinito 63 Come per essempio veggiamo che da quel primo error di coloro che hanno
poste le parti individue, hanno chiuso il camino di tal sorte, che vegnono ad errare in gran
parte della matematica. Snodaremo dumque proposito di gran momento per le passate,
presenti e future difficultadi; perche quantumque poco di trasgressione che si fa nel
principio viene per diecemila volte a farsi maggiore nel progresso: come per similitudine

173
nell’errore che si fa nel principio di qualche camino, il quale tanto più si va aumentando e
crescendo, quanto maggior progresso si fa allontanandosi dal principio, di sorte che al fine
si viene ad gion-gere a termine contrario a quello che era proposto; e la raggion di questo
è che gli principii son piccioli in grandezza e grandissimi in efficacia.

Lo stesso concetto ritorna espresso da Albertino attraverso il ricorso alla dicotomia vegetale
radici/rami più avanti nel corso dello stesso dialogo (p. 150):

Ora più che mai mi accorgo che picciolissimo errore nel principio, causa massima
differenza e discrime de errore in fine; uno e semplice inconveniente a poco a poco se
moltiplica ramificandosi in infiniti altri, come da picciola radice machine grandi e rami
innumerabili90.

Il seme è evocato ancor più delle radici per le stesse motivazioni: priorità, pregnanza,
fecondità. In quanto forma di vita minimale che contiene in nuce l’intero organismo, è una delle
tante immagini nelle quali torna a esprimersi l’idea forza dell’uno come molteplice implicato.
Come tale è chiamato a indicare il valore insieme fondamentale e preliminare di due opere
interne al corpus: il De la causa, sorta di perno ideale su cui ruota l’intera macchina dei dialoghi
londinesi; lo Spaccio, alla cui costruzione allegorica ci si riferisce come alla semina dei propri
concetti di filosofia morale.
I frutti invece sono, come da catacresi, i risultati, gli effetti utili e benefici. L’analogia ha
un’importanza decisiva rispetto alle precedenti in quanto veicolo di espressione del
pragmatismo bruniano, una posizione che interessa l’etica ma non solo, andando a toccare il
compito di trasformazione universale che Bruno affida al proprio credo filosofico, l’operatività
di una filosofia-medicina, in parte esemplata sul modello del sapere magico, che possa sanare
le ferite inferte alla società dalle divisioni religiose e di altro tipo91. Tale primato dell’effetto,
senz’altro più vicino alla componente magico-ermetica che non a quella aristotelica e
razionalistica della filosofia bruniana, lascia intravedere dietro di sé la triangolazione dialettica
fra la riduzione del reale all’unità, l’inattingibilità dell’uno assoluto da parte dell’uomo, la
produttività senza limiti del sapere umano, che schiera una molteplicità infinita di mezzi per

90
La battuta di Albertino conclude il suo percorso di conversione alla filosofia nolana. Tuttavia lo stesso Albertino,
poche battute addietro, aveva anticipato tale esito positivo proprio nei termini di uno sradicamento e successivo
nuovo radicamento: De l’infinito 149 «Certo, entrato che mi sarà nel capo questo pensiero, facilmente
succederanno gli altri tutti che voi mi proponete: arrete insieme insieme tolte le radici d’una, e piantate quelle
d’un’altra filosofia». Un simile anticipo rappresenta uno dei tanti artifici dell’argomentazione performativa: il
personaggio immagina gli effetti del vero sul suo convincimento un attimo prima che tali effetti inizino
effettivamente a manifestarsi, riunendo l’inizio e la fine del processo.
91
Ciliberto 1990, 4-5.

174
risalire all’uno contratto che è la natura o l’universo. Una volta preclusa l’unica via di una
conoscenza diretta dell’uno-vero, l’umbratilità in cui versa l’uomo è altresì la fonte di un
infinito prodursi di forme, immagini, linguaggi, tutte adottabili purché abbiamo per fine il
superamento del molteplice in direzione dell’unità. Ciò vale anche e specialmente per i metodi
della ricerca filosofica:

De la causa 108 Circa il modo poi di filosofare, non men comodo sarà di esplicar le forme
come da un implicato, che distinguerle come da un caos, che distribuirle come da un fonte
ideale, che cacciarle in atto come da una possibilità, che riportarle come da un seno, che
dissotterarle alla luce come da un cieco e tenebroso abisso: perché ogni fundamento è
buono, se viene approvato per l’edificio; ogni seme è convenevole, se gli arbori e frutti
sono desiderabili.

Ma il piano del discorso sul quale è più evidente il potenziale immaginativo dei frutti resta
quello etico, dove l’analogia vegetale significa il primato dell’attività sulla passività, della
sostanza fattiva sulla mera esteriorità priva di conseguenze. A questo proposito non è un caso
che sia lo Spaccio il dialogo che può sfrutta l’immagine dei frutti, facendone il fulcro
immaginativo – assieme alla macchia – della sua polemica contro lo stato di minorità cui la
dottrina della iustitia sola fide dei teologi riformati condanna l’uomo. Da questo punto di vista
l’analogia vegetale si dimostra in grado da sola di costituire una sorta di sponda figurale alla
tirata polemica di Spaccio 262-71, che dal ritorno della stessa immagine trae compattezza
nonché un forte incremento della presenza. Così ai «frutti utili e necessarii alla conversazione
umana» (p. 262) si oppongono le «inutili et infruttifere piante» (p. 263) degli individui
inoperosi, mentre il giudizio di valore sul piano etico ha dai riposare sui «buoni frutti» e non
sulle «belle frondi» (p. 264), com’è il caso delle leggi, i cui alberi «sono ordinati dagli dèi per
gli frutti», ma anche dei peccati, che non sono mai tali se restano intenzione senza effetto,
«come le piante in vano sono piante senza frutti o in presenza o in aspettazione» (p. 265)92.
L’allineamento del campo vegetale a quello architettonico (De la causa 108 «perché ogni
fundamento è buono, se viene approvato per l’edificio; ogni seme è convenevole, se gli arbori
e frutti sono desiderabili») non è infrequente93 e non deve stupire, visto che non è difficile

92
L’immagine dei frutti ritorna, in forma amplificata, nelle descrizioni topiche dell’età dell’oro, i cui frutti
spontanei sono contrapposti a quelli prodotti grazie alla cura dell’uomo (Spaccio 319-21).
93
Compare già nella sezione finale della dedicatoria alla Cena, a p. 439: «Né vorrei che mi stimate degno di
riprensione, per quel che sopra sì fatte inepzie e tanto indegno campo che n’han porgiuto questi dottori, abbiamo
voluto exaggerar sì gravi e sì degno propositi: per che son certo che sappiate esser differenza da togliere ogni cosa
per fondamento, e prenderla per occasione. I fondamenti in vero denno esser proporzionati alla grandezza,

175
intendere l’edificio, che si sviluppa gradualmente in altezza a partire da fondazioni destinate a
rimanere invisibili, come il pendant artificiale dell’albero. L’invisibilità delle fondazioni unita
alla loro priorità e imprescindibilità rispetto alle fasi successive della costruzione ne fa poi
un’altra immagine del principio (così come questo termine è già stato definito). Tra quelle
desunte dal mondo artificiale, proprio le analogie del campo artistico appaiono le più sollecitate.
Architettura, pittura e scultura (assai meno la musica) hanno per l’autore una funzione
soprattutto metapoetica, consentendogli di concretizzare le modalità compositive dell’arte
verbale – e dunque la struttura o il funzionamento di un dialogo o di una sua parte, oppure i
rapporti tra un dialogo e un altro, o ancora tra un dialogo e il corpus inglese nella sua interezza
– attraverso lo schermo di tecniche e materiali meno rarefatti. Non a caso, poi, si tratta di
indicazioni ospitate nello spazio preparatorio delle dedicatorie, delle quali si sfrutta il potere di
irraggiamento sull’intero testo, esteso alle equazioni analogiche in esse ospitate. La metafora
architettonica utilizzata nel presentare i fondamenti metafisici dell’intera costruzione filosofica
dei dialoghi, della quale abbiamo già avuto modo di parlare (De l’infinito 28, su cui cfr. supra
2.2.1.1.6), ritorna nella premessa allo Spaccio, in un’enumerazione frasale di quattro segmenta
che accosta le diverse arti:

Spaccio 179 essendo io in intenzione di trattar la moral filosofia secondo il lume interno
che in me have irradiato et irradia il divino sole intellettuale, mi par espediente prima di
preponere certi preludii a similitudine de musici: imbozzar certi occolti e confusi
delineamenti et ombre, come gli pittori; ordire e distendere certa fila, come le tessetrici; e
gittar certi bassi, profondi e ciechi fondamenti come gli grandi edificatori: il che non mi
parea più convenientemente poter effettuarsi, se non con ponere in numero e certo ordine
tutte le prime forme de la moralità, che sono le virtudi e vizii capitali94;

Stavolta le fondazioni non sono quelle dell’intero corpus, ma soltanto della seconda triade.
Proprio il ritorno della stessa analogia costruttiva, d’altronde, non lascia dubbi sulla concezione

condizione e nobiltà dell’edificio. Ma le occasioni possono essere di tutte sorte, per tutti effetti; per che cose
minime e sordide son semi di cose grande et eccellenti».
94
Il seguito (p. 180 mostra in realtà che la figura è l’ennesima riproposizione di un modulo caro al retore artificioso
delle dedicatorie, ovvero il combinarsi di analogia e accumulazione in una serie di quattro addendi analogici
ripetuta (su cui cfr. supra 2.2.1.1.4). Di seguito il segmento mancante: «quando si consertarà la musica, si figurarà
la imagine, s’intesserà la tela, s’inalzarà il tetto». Per interpretare correttamente il passo valgano queste parole di
Garin (1966, 701): «Nello Spaccio c’è l’inizio di quella vita che culmina negli Eroici furori; nello Spaccio
“Giodano parla per volgare”, presenta le prime basi e i primi accordi: […] Giove che libera e riforma il cielo è
l’uomo che inizia il processo della sua redenzione».

176
unitaria che Bruno stesso ebbe del discorso etico che dal contesto civile dello Spaccio giunge
all’ascesi individuale dei Furori95.
Se delle analogie attinte al campo pittorico, di particolare rilevanza nel contesto della
dedicatoria alla Cena, avremo modo di parlare più avanti (2.2.5), un caso particolare è quello
della similitudine del vasaio che apre l’Epistola dedicatoria della Cabala.
Per illustrare il rapporto di dipendenza e subalternità che lega la Cabala allo Spaccio, ma
anche per poter definire quello delle due opere contigue un discorso ininterrotto, Bruno ricorre
all’immagine del «figolo», il vasaio, che terminata la propria opera rimane con un residuo di
materiale che pur di non buttare impiegherà per un oggetto di dimensioni e fatica inferiori, ma
non per questo privo di utilità:

Cabala 407-8 Non altrimente che accader suole a un figolo, il qual gionto al termine del
suo lavoro (che non tanto per trasmigrazion de la luce, quanto per difetto e mancamento
della materia spacciata è gionto al fine) e tenendo in mano un poco di vetro, o di legno, o
di cera, o altro che non è sufficiente per farne un vase, rimane un pezzo senza sapersi né
potersi risolvere, pensoso di quel che n’abbia fare non avendolo a gittar via disutilmente, e
volendo al dispetto del mondo che serva a qualche cosa: ecco che al ultimo il mostra
predestinato ad essere una terza manica, un orlo, un coperchio di fiasco, una forzaglia, un
empiastro, o una intacconata che risalde, empia o ricuopra qualche fessura, pertuggio o
crepatura; è avvenuto a me, dopo aver dato spaccio96 non a tutti miei pensieri, ma a un certo
fascio de scritture solamente, che al fine (non avendo altro da ispedire) più per caso che per
consiglio ho volti gli occhi ad un cartaccio che avevo altre volte spreggiato e messo per
copertura di que’ scritti: trovai che conteneva in parte quel tanto che vi vederete presentato.

Il prosieguo dell’epistola ospita un’altra immagine artistica incaricata di spiegare e insieme


mostra la forma all’apparenza monca dell’opera97, ma più interessante è però il ritorno

95
Garin 1966, 700-1.
96
La scelta del sostantivo crea un’allusione trasparente al primo dialogo morale.
97
Si tratta di un’analogia pittorica, che con circolarità perfetta chiude la dedicatoria riallacciandosi per ragioni di
distribuzione all’immagine incipitaria del vasaio: Cabala 413-4 «Or vedete dumque quale e quanta sia la
importanza di questo venerabile suggetto, circa il quale noi facciamo il presente discorso e dialogi; nelli quali se
vi par vedere un gran capo o senza busto o con una picciola coda, non vi sgomentate, non vi sdegnate, non vi
maravigliate: perché si trovano nella natura molte specie d’animali che non hanno altri membri che testa, o par che
siano tutto testa avendo questa cossì grande e l’altre parti come insensibili; e per ciò non manca che siano
perfettissime nel suo geno. E se questa raggione non vi sodisfa, dovete considerar oltre che questa operetta contiene
una descrizzione, una pittura; e che ne gli ritratti suol bastar il più de le volte d’aver ripresentata la testa sola senza
il resto. Lascio che tal volta si mostra eccellente artificio in far una sola mano, un piede, una gamba, un occhio,
una svèlta orecchia, un mezo volto che si spicca da dietro un arbore, o dal cantoncello d’una fenestra, o sta come
sculpito al ventre d’una tazza, la qual abbia per base un piè d’oca, o d’aquila, o di qualch’altro animale: non però
si danna, né però si spreggia, ma più viene accettata et approvata la manifattura». Il riferimento è alla terza e ultima
sezione dialogica, destinata a interrompersi bruscamente per la mancata apparizione degli interlocutori principali.
Una cesura brusca risolta ricorrendo, per la terza volta dopo la Cena e il De la causa, alla struttura del dialogo nel
dialogo: Saulino leggerà il breve dialogo dell’Asino cillenico che improvvisamente si è ritrovato ad avere fra le
mani.

177
dell’analogia del vasaio in un punto avanzato del testo, a designare il rapporto fra materia e
intelletto universale, che da questa plasma tutte le forme immettendole nella ruota della
vicissitudine:

Cabala 457 Mi par che non è molto lontano, né abborrisce da questo parere quel profetico
dogma, quando dice il tutto essere in mano dell’universale efficiente come la medesima
luta in mano del medesimo figolo, che con la ruota di questa vertigine de gli astri viene ad
esser fatto e disfatto secondo le vicissitudini della generazione e corrozzione delle cose, or
vase onorato, or vase contumelioso di medesima pezza.

Nonostante la lavorazione del vaso ricompaia altrove a rappresentare la diversificazione


degli enti per opera dell’intelletto universale98, quello interno alla Cabala è un ritorno che ha
ragione di colpire. Il nesso intratestuale fra testo e paratesto ha un doppio effetto: da un lato,
facendo della prima similitudine la prefigurazione della seconda, ribadisce che il centro
tematico del dialogo consiste nei motivi paralleli della vicissitudine e della metempsicosi, in
realtà messi sul piatto in forma allusiva fin dalle prime battute ed estesi dal collegamento a una
porzione molto ampia di testo; dall’altro, la coincidenza del figurante del vasaio, per proprietà
transitiva, innalza l’autore al rango dell’intelletto universale.
Il ciclo dei dialoghi italiani, intero o distinto nelle sue componenti, ha dunque il privilegio
di poter disporre di più figuranti attinti a campi diversi a seconda della qualità che se ne intenda
mettere in rilievo. Oltre a essere un oggetto d’arte o un elemento interno al regno vegetale, va
da sé che possa essere la prole del proprio autore qualora si voglia enfatizzarne la singolarità, a
sua volta una funzione dell’eccezionalità del creatore99. Il campo dei rapporti di parentela
assegna all’autore il ruolo di genitore dei propri testi, anche se al contempo egli è l’unico vero
figlio della Filosofia, opposto alla falsa prole dei pedanti100, nonché il figlio del Sole e della
Terra, il cittadino e domestico del mondo che per la colpa di un eccesso d’amore all’indirizzo

98
De l’infinito 165 «Al duodecimo, che vuole la natura moltiplicata per decisione e division della materia non
ponersi in tale atto se non per via di generazione, mentre l’uno individuo come parente produce l’altro come figlio;
diciamo che questo non è universalmente vero: perché da una massa per opra del solo efficiente si producono molti
e diversi vasi di varie forme e figure innumerabili».
99
De la causa 597 «a fin che conosca il mondo che questa generosa e divina prole inspirata da alta intelligenza,
da regolato senso conceputa, e da nolana Musa parturita, per voi non è morta entro le fasce, et oltre si promette
vita».
100
De la causa 623-4 «E cossì mi sieno propicii gli superi, Armesso mio, che io mai feci di simili vendette per
sordido amor proprio, o per villana cura d’uomo particulare: ma per amor della mia tanto amata madre filosofia, e
per zelo della lesa maestà di quella; la quale da mentiti familiari e figli».

178
di quest’ultimo e messo in spregio e condanna dalla moltitudine101. Inutile forse aggiungere che
ritroviamo in forma condensata i tratti fondamentali di una caratterizzazione autoriale fondata
sull’immediatezza e l’autenticità della connessione del singolo con il tutto-uno: la tensione al
ricongiungimento con la Natura (la vita, il mondo), il rapporto diretto con la verità, l’attacco
rivolto una deriva culturale intesa come allontanamento della rappresentazione dalla Natura e
dall’unità del reale.

2.2.1.3.1. I figuranti della discussione e dell’argomentazione filosofica

Un campo figurale particolarmente vasto e importante riguarda le ricadute materiali del


sapere a due altezze diverse: su un piano più alto l’argomentazione filosofica, con i problemi e
le difficoltà connessi a una sua corretta costruzione; su un piano più basso la discussione e la
mediazione, all’interno della «conversazione umana» di quanto è stato appreso e già trasposto
in un congegno logico-linguistico. Osservare il trattamento per immagini di tali temi consente
di districare alcuni nodi di un’esperienza intellettuale per molti versi ex lege.
Cominciando allora dal basso, il fatto che il dibattito filosofico sia visualizzato per lo più nei
termini della guerra non soltanto conferma l’universalità di quest’analogia102, per riconnettersi
invece ad alcuni nuclei specifici del discorso bruniano. L’accostamento della disputa al
combattimento serve infatti anzitutto, nella solita ottica performativa, a degradare gli avversari
del Nolano, colpevoli di puntare non al ritrovamento del vero, ma alla vittoria dialettica: De
l’infinito 20-1«perché non vegnono a disputar per trovare o cercar la verità, ma per la vittoria,
e parer più dotti e strenui defensori del contrario». Un’affermazione simile pare fatta apposta
per definire il contesto argomentativamente scorretto della Cena, dove, soprattutto grazie alla
retorica realistica e corporea di Frulla, la frequenza delle designazioni analogiche contribuisce
a portare l’argomentazione stessa e il suo deturpamento ad opera dei dottori al centro della rete
dei temi:

Cena 509 [Torquato] la vuol sempre combattere; quando ha perso il scudo da defendersi e
la spada da offendere, dico quando non ha più risposta né argumento, salta ne’ calci de la
rabbia, acuisce l’unghie de la detrazzione, ghigna i denti delle ingiurie, spalanca la gorgia

101
Spaccio 176 «Orsù, orsù: questo, come cittadino e domestico del mondo, figlio del padre Sole e de la Terra
madre, perché ama troppo il mondo, veggiamo come debba essere odiato, biasimato, perseguitato e spinto da
quello».
102
Su cui cfr. Lakoff-Johnson 1982.

179
de i clamori: a fin che non lascie dire le raggioni contrarie, e quelle non pervengano a
l’orecchie de circostanti, come ho udito dire.
Cena 529-30 «non è venuto tanto armato di raggioni quanto di paroli e scommi [motti
arguti], che si muoiono di freddo e fame»
Cena 533 dal profondo della sufficienza sua sguaina e gli viene a donar sul mostaccio
[muso] uno adagio erasmiano: «Anticiram navigat»

D’altro canto, a un livello più profondo, e quindi meno facilmente tematizzabile, la


sovrapposizione del combattimento all’interazione discorsiva è del tutto coerente con la visione
agonistica e conflittuale che Bruno ha del campo filosofico nel suo complesso, con le
conseguenti difficoltà a imporvi il proprio credo, il cui valore è direttamente proporzionale al
numero dei suoi detrattori. Vediamo allora come, in un contesto decisamente meno polemico e
più distaccato, l’analogia della guerra ritorna nella forma piana della similitudine, nel momento
in cui Teofilo, nei pressi dell’inizio del quinto dialogo del De l’infinito, giustifica di fronte ad
Albertino, aristotelico di pregio apparso da poco sulla scena, la propria scelta in favore
dell’argomentazione continua e a discapito del contraddittorio:

De l’infinito 148 Bisogna, Albertin mio, che uno che si propone a defendere una
conclusione, prima (se non è al tutto pazzo) abbia essaminate le contrarie raggioni: come
sciocco sarrebe un soldato che prendesse assunto de difendere una rocca, senza aver
considerato le circonstanze e luoghi onde quella può esse assalita.

Se nella Cena, più che in tutti gli altri dialoghi, si insiste su una rappresentazione conflittuale
della disputa per imporre come un dato incontestabile l’immagine di un filosofo votato
unicamente alla ricerca del vero e perciò argomentativamente ineccepibile, nel De l’infinito si
vuole invece inscenare il processo con cui si costruisce il ragionamento filosofico. Tale
attenzione rivolta ai percorsi e alle insidie della logica è coerente in sommo grado con la
testualità più compattamente argomentativa del terzo dialogo, oltre che con la sua
macrostruttura, debitrice in misura rilevante dell’architettura della disputa scolastica,
abbandonata invece senza remore nella Cena e nel De l’infinito. E si tratta di un assetto unitario
che riflette, ancora una volta a differenza di quel monstre testuale che è la Cena, la presenza di
un’unica, chiara intenzione pragmatica: imporre l’infinità spaziale e numerica dell’universo a
detrimento delle opposte tesi della fisica aristotelica. Anche in questo caso, tuttavia, l’analogia
appartiene ai mezzi dell’argomentazione performativa e mobilita i suoi campi semantici
soprattutto in funzione negativa, per rappresentare in modo vivido più la debolezza
dell’avversario, qui soprattutto Aristotele, che il valore del proprio procedere, ricavato per

180
opposizione oppure lasciato alle inferenze del lettore. Ritroviamo allora, in forma di antitesi,
prima di tutto la sfera dell’imbrogliare e dello sbrogliare (e sinonimi):

De l’infinito 44 non porta seco inconveniente alcuno, e ne viene a liberar da innumerabili


angustie: nelle quali siamo aviluppati dal contrario dire
De l’infinito 61 Or qua Aristotele confusamente prendendo il vacuo secondo queste due
significazioni, et un’altra terza che lui fenge e lui medesimo non sa nominare né diffinire,
si va dibattendo per togliere il vacuo
De l’infinito 149 ALBERTINO. — Cose in vero che non repugnano alla natura, possono aver
maggior convenienza; ma son de difficilissima prova, e richiedeno grandissimo ingegno
per estricarse dal contrario senso e raggioni.
FILOTEO. — Trovato che sarà il capo, facilissimamente si sbrogliarà tutto l’intrico103

L’argomentazione aristotelica è poi concepita attraverso l’immagine della «macchina»


bellica (De l’infinito 148 «diciamo che tutta quella machina va per terra») che potrà essere
abbattuta solo colpendone il livello più basso, quello dei «presupposti»: pp. 54-5 «Voi siete
fortificato molto; ma non già per questo gittate la machina delle contrarie opinioni le quali tutte
hanno per famoso e come presupposto che l’Optimo Massimo muove il tutto». Più pervasiva si
dimostra però l’assimilazione del ragionamento al cammino, che può essere percorso a grandi
passi qualora siano state poste le giuste premesse (pp. 87-8 «e s’aprirà la porta de l’intelligenza
de gli principii veri di cose naturali, et a gran passi potremo discorrere per il camino della
verità»), oppure essere impedito, chiuso (p. 63 «Come per essempio veggiamo che da quel
primo error di coloro che hanno poste le parti individue, hanno chiuso il camino di tal sorte, che
vegnono ad errare in gran parte della matematica»), o ancora, a causa di un errore di percorso
fatto nel principio, condurre chi lo sta svolgendo a smarrirsi:

De l’infinito 63 perche quantumque poco di trasgressione che si fa nel principio viene per
diecemila volte a farsi maggiore nel progresso: come per similitudine nell’errore che si fa
nel principio di qualche camino, il quale tanto più si va aumentando e crescendo, quanto
maggior progresso si fa allontanandosi dal principio, di sorte che al fine si viene ad giongere
a termine contrario a quello che era proposto;

103
Tale campo metaforico fa la sua comparsa nel quinto dialogo del De la causa (p. 744), da cui si trasmette al De
l’infinito con identica funzionalità antiaristotelica: «A questo tendeva con il pensiero il povero Aristotele ponendo
la privazione (a cui è congionta certa disposizione) come progenitrice, parente e madre della forma: ma non vi
poté aggiungere, non ha possuto arrivarvi; perché fermando il piè nel geno de l’opposizione, rimase inceppato di
maniera, che non descendendo alla specie de la contrarietà, non giunse né fissò gli occhi al scopo: dal quale errò
a tutta passata, dicendo i contrarii non posser attualmente convenire in soggetto medesimo».

181
Una similitudine, quest’ultima nella quale non può non balenare il movimento circolare e
potenzialmente privo di esiti della spedizione serale di Nolano e compagni al centro del dialogo
secondo della Cena, il cui significato allegorico, che si cercherà di dipanare nel terzo capitolo,
risente senz’altro della contaminazione del campo metaforico appena visto.

2.2.2. Analogie e macrotesto

Vi sono alcune equazioni analogiche il cui potere d’irradiazione è superiore alla norma. Esse
estendono il proprio raggio d’azione al macrotesto, di cui contribuiscono a organizzare e
compattare l’argomentazione, fungendo in qualche modo da polo aggregante. Non mi riferisco
con questo al caso dello sfruttamento protratto, a fini argomentativi, di una somiglianza di
campo istituita in sede iniziale, quanto piuttosto alla capacità di alcune analogie di restare attive,
grazie a una loro accorta disposizione, nella coscienza del lettore. Affinché ciò sia possibile,
due sono le modalità, rispettivamente più debole e più forte, di configurare la figura analogica:
o collocandola nel luogo elevato della dedicatoria, così che da lì possa illuminare agevolmente
il testo propriamente detto (2.2.2.1); o disseminando il figurante lungo l’intero testo o lungo
una sua porzione significativa, di modo che tale presenza intermittente consenta allo schema
dell’analogia di rimanere attivo o semiattivo nel background cognitivo del lettore (2.2.2.2). In
entrambi i modi l’analogia giunge a farsi rinforzo argomentativo e supporto icastico costante,
assumendo un valore strutturante oltre che di intensificazione locale. In generale poi possiamo
dire, quanto a un procedimento che ci pare oltre che ricorrente soprattutto tipico della
composizione bruniana dei dialoghi, che in esso traspare la ferma volontà da parte di Bruno di
fornire al suo lettore delle immagini-guida, che possano orientarlo rispetto alla natura e al
funzionamento del testo complesso in cui si appresta a entrare (è il caso delle immagini disposte
nelle dedicatorie), che ne accrescano al solito modo sotterraneo e performativo l’adesione alle
tesi proposte, infine che ne aiutino la concentrazione e la memoria, mettendolo in possesso di
una almeno virtuale operatività rispetto a quanto va scoprendo. Proprio quest’ultimo accenno
alla memoria è decisivo nella misura in cui ci consente di legare questa tecnica al rapporto fra
intelletto e conoscenza non dimostrata così come esso viene prendendo forma nella
mnemotecnica sub specie bruniana: nella quale, a partire dalla corrispondenza reale tra idee,
concetti e rappresentazioni sensibili (parallela a quella tra ritmo dell’essere e ritmo del
pensiero), è la traduzione sistematica dei termini in nessi rappresentativi a garantire il possesso
della combinazioni reali e da lì l’azione sulla realtà. S’intende allora quanto possa essere

182
importante disporre di un raddoppio figurale per chi voglia avere un ruolo attivo in qualsiasi
processo, sottraendosi alla fredda astrazione104.
Passo ora a una breve analisi di qualche caso concreto, ricordando che per il grado debole
abbiamo già visto la similitudine del «figolo» in apertura alla Cabala, per quello forte le
analogie congiunte animale/Terra e Terra/astri nel De l’infinito (queste ultime però provviste di
un fortissimo spessore logico) e, con incidenza più lieve, quella dei frutti lungo una sezione
marcatamente polemica dello Spaccio. Per il tipo dell’analogia d’apertura, mi soffermo
unicamente sul caso della Cena, dove il discorso è particolarmente complesso per il sovrapporsi
di più procedimenti figurali attorno all’immagine del titolo, la cui ascendenza va riportata al
motivo platonico della conversazione come banchetto.

2.2.2.1. Le dedicatorie

I complessi rappresentativi della cena e della pittura funzionano, nell’Epistola dedicatoria


che apre la Cena, da veri e propri libretti d’istruzioni per l’interpretazione del testo. La sorgente
dell’immagine conviviale è ovviamente nella situazione narrativa al centro dell’inventio
testuale che occupa, nella costruzione su due piani del dialogo, il piano più basso del livello
«diegetico ipomimetico» (Aquilecchia 1993, 680). Essa, che di per sé già rinvia alla tradizione
immaginativa di matrice platonica del convivio filosofico, passa poi nel titolo, la Cena de le
ceneri, al quale l’aggiunta del sintagma preposizionale conferisce la precisione del tempo e
l’allusione religiosa o meglio antireligiosa. Il titolo poi, com’è naturale, diviene
metonimicamente l’opera stessa che si offre al dedicatario e ai lettori fin dal gesto ostensivo
che apre l’Epistola (Cena 431 «Or eccovi, signor, presente, non un convito […]»). L’ultima
tappa dell’itinerario percorso dall’immagine della cena è quella che ne fa il figurante di alcune
qualità dell’opera, con particolare riguardo da un lato alle sue caratteristiche di forma e
contenuto, dall’altro al funzionamento della sua semiosi. Circa il primo aspetto, la motivazione
della varietà interna che abbiamo potuto osservare analizzando il primo dialogo del De la causa
(2.2.1.1.3) può essere scomposta: per la forma, in varietà di stile o registro (p. 438: «se vedrete
talvolta certi men gravi propositi») e di generi del discorso, tanto testuali quanto letterari («dove
sa di dialogo, dove di comedia, dove di tragedia, dove di poesia, dove d’oratoria, dove lauda,
dove vitupera, dove dimostra et insegna»); per il contenuto, in varietà di comparti filosofici e

104
Garin 1966, 683-6.

183
campi del sapere («in conclusione non è sorte di scienza che non v’abbia i suoi stracci»). Una
simile eterogeneità di forme e codici è poi riportata al carattere «istoriale» dell’opera, ovvero
al fatto che essa prenda le mosse dal racconto di una vicenda, con tutta la varietà di reale che
può germogliare da quest’ultima. Circa il funzionamento semiotico del testo, invece, la chiave
interpretativa è fornita dalle azioni del mangiare e affini:

Cena 432-3 Voglio dire: dopo ch’arrete odorato con i Peripatetici, mangiato con i
Pitagorici, bevuto con Stoici, potrete aver ancora da succhiare con quello che mostrando i
denti avea un riso sì gentile, che con la bocca toccava l’una e l’altra orecchia. Perché
rompendo l’ossa e cavandone le midolla, trovarete cosa da far dissoluto san Colombino
patriarca de gli Gesuati; far impetrar qualsivoglia mercato, smascellar le simie, e romper
silenzio a qualsivoglia cemiterio.
Cena 434 del che mentre si va crivellando il senso istoriale, e poi si gusta e mastica, si
tirano a proposito topografie, altre geografice, altre raziocinali, altre morali; speculazioni
ancora, altre metafisiche, altre matematiche, altre naturali.

Come si vede ritorna, nel secondo estratto, la menzione del «senso istoriale», ovvero della
lettera narrativa e realistica, la quale, oltre che essere fonte di piacere, è lo spunto per un’ampia
gamma di discorsi e ragionamenti che la eccedono. Si allude con ciò da un lato alla struttura
del “dialogo nel dialogo”, dove il racconto della cena è l’occasione per la discussione fra Smitho
e Teofilo (e in subordine Frulla e Prudenzio) – è questo il versante delle «speculazioni» –,
dall’altro al fatto che la vicenda alla radice del racconto ottiene nel testo uno sviluppo in senso
lato allegorico, con più campi di riferimento, che possiamo identificare nel dialogo secondo
dedicato alla spedizione londinese – è il versante delle «topografie». Il primo estratto, invece,
mentre da un lato insiste, in forma allusiva, sul ridicolo che il testo saprà gettare sui due dottori,
dall’altro con il gesto dello spezzare le ossa alla ricerca del midollo mette in scena un contrasto
di valore – che capiremo essere assai produttivo – tra esterno e interno, superficie e profondità.
L’argomento del secondo dialogo è l’occasione per tornare a riflettere sul processo di
significazione proprio della spedizione londinese di Nolano e compagni che abbiamo visto
alluso nel secondo estratto. Fa il suo ingresso in questo contesto il figurante del processo
pittorico, chiamato a significare il modo in cui Teofilo, portaparola dell’autore, racconta le
peregrinazioni del gruppo:

Cena 435 Et in ciò fa giusto com’un pittore; al qual non basta far il semplice ritratto de
l’istoria: ma anco, per empir il quadro, e conformarsi con l’arte a la natura, vi depinge de
le pietre, di monti, de gli arbori, di fonti, di fiumi, di colline; e vi fa veder qua un regio
palaggio, ivi una selva, la un straccio di cielo, in quel canto un mezo sol che nasce, e da

184
passo in passo un ucello, un porco, un cervio, un asino, un cavallo: mentre basta di questo
far veder una testa, di quello un corno, de l’altro un quarto di dietro, di costui l’orecchie, di
colui l’intiera descrizzione; questo con un gesto et una mina, che non tiene quello e
quell’altro: di sorte che con maggior satisfazzione di chi remira e giudica, viene ad istoriar
(come dicono) la figura. Cossì al proposito, leggete, e vedrete quel che voglio dire.

Al narratore-attore che «mentre fa il suo camino, oltre che contempla le gran machine, mi
par che non sia minuzzaria, né petruccia, né sassetto, che non vi vada ad intoppare», ovvero che
rende conto tanto dei referenti (eventi, persone, oggetti, luoghi) principali quanto di quelli
secondari, è paragonato il pittore che dettaglia il suo dipinto non limitandosi al disegno della
figura centrale, con la volontà, in questo, di conformarsi con l’arte alla ricca varietà della natura.
Il contesto, tuttavia, in cui ritroviamo questo appello alla mimesi e al realismo è quello della
«topografia morale» e prima della «descrizzion di passi e di passaggi, che più poetica e
tropologica forse, che istoriale sarà da tutti ritenuta». Ne viene una coincidenza paradossale,
per cui nel momento in cui si sottolinea l’intenzione realistica si invita il lettore a captare
allusioni e decrittare sensi riposti e cifrati.
A chiarire quanto visto e ipotizzato fino a qui interviene però una terza immagine, al
contempo meno sviluppata e pervasiva e però più trasparente delle due già viste, quella dei
Sileni (2.2.1.1.2), con la quale l’autore chiarisce «che non v’è parola ociosa: per che in tutte
parti è da mietere, e da disotterrar cose di non mediocre importanza, e forse più là dove meno
appare» (p. 438). Evidenzio in corsivo la conclusione, che in un qualche modo contiene la
chiave a lungo cercata (o almeno una fra quelle possibili). Il punto focale sembra infatti
consistere in questa sproporzione virtuosa tra dimensione e valore, apparenza ed essenza. Una
contrapposizione che, espressa con forza dal contrasto fra grottesco e prezioso che costituisce
l’essenza della statuetta silenica, appare in grado di illuminare le valenze ricoperte dal
complesso della cena nel suo rapporto con quello pittorico: ossia quell’opposizione tra
superficie e profondità, interno ed esterno, che anima l’immagine alimentare del rompere le
ossa e che ritorna in forma trasfigurata nell’attività del pittore come conflitto tra il grande e il
piccolo, la figura e i dettagli. Si delinea in questo modo, dal concorso delle immagini, un
compito preciso affidato al lettore, che non dovrà sottovalutare la struttura sdoppiata del dialogo
né evitare di confrontarsi con i continui richiami all’esistenza di un senso riposto sotto la
superficie105.

105
L’immagine della pittura ritorna alla fine dell’epistola (Cena 439-44) nel momento in cui Bruno si difende da
un’eventuale accusa di deformazione dei fatti e allontanamento dal vero storico: «e nel ritrare vi par che i colori
non rispondano perfettamente al vivo, e gli delineamenti non vi parranno al tutto proprii, sappiate ch’il difetto è

185
2.2.2.2. Le analogie a presenza intermittente

Nel movimento di violenta torsione che nel De la causa finisce per produrre, pur non senza
resistenze e punti di tensione, lo scioglimento del dualismo aristotelico nel monismo bruniano,
un decisivo valore di strutturazione è assegnato a due equazioni analogiche, che uniscono
rispettivamente il processo ontologico e quello artistico, il genere femminile e la materia.
Distribuzione e trattamento evidenziano, fra le due, un rapporto di contrapposizione che è anche
uno dei leganti mediante i quali si accresce la coerenza del macrotesto. La similitudine dell’arte
appare disseminata lungo più o meno tutto il dialogo, senza però che la singola manifestazione
sia soggetta a uno sviluppo protratto106; all’opposto, le considerazioni sulla presunta
femminilità della materia si limitano ad aprire e chiudere il terzo dialogo (pp. 700-8, 722-4),
fungendo però da cornice e dando luogo, nel primo caso, a una lunga digressione, favorita dalla
topica assenza di Teofilo e Dicsono sulla scena. Allo stesso modo, l’analogia artistica pertiene
soprattutto alla prima coppia, e in questa al princeps, che ne fa un supporto icastico e
chiarificatore al proprio ragionare metafisico, mentre quella femminile sorge dall’aristotelismo
caricaturale del pedante Polihimnio, andando a occupare il centro della schermaglia fra lui e
Gervasio. Tale ripartizione, come anche la diversa diffusione nel testo, rende manifesto il
carattere costruttivo e insieme positivo o quantomeno complesso e ambivalente della
similitudine dell’arte, integrata all’argomentazione nella sua totalità e non solo alla sua pars
destruens, il quale si contrappone al carattere negativo e polemico della seconda, che infatti ha
un tasso di performatività molto maggiore nella misura in cui spetta al linguaggio ironizzato e
quindi di per sé compromesso del pedante il compito di esprimerla. A riprova di come l’analogia
della femmina/materia sia testualmente più “libera”, ovvero in una certa misura sganciata dal
movimento argomentativo centrale, nel suo svolgimento possono incistarsi motivi estranei,
quali la polemica contro il sapere libresco dell’umanesimo degradato in pedanteria, oppure
l’elogio della moglie e della figlia di Castelnau107.

provenuto da questo, che il pittore non ha possuto essaminar il ritratto con que’ spacii e distanze, che soglion
prendere i maestri de l’arte: perché oltre che la tavola o il campo era troppo vicino al volto e gli occhi, non si
possea retirar un minimo passo a dietro o discostar da l’uno e l’altro canto, senza timor di far quel salto, che feo il
figlio del famoso defensor di Troia». La ragione della deformazione, più precisamente dell’eccesso polemico, è
nell’eccesso di vicinanza, ovvero nel fatto che l’opera è stata scritta a ridosso delle circostanze che l’hanno
occasionata, in mancanza di un’adeguata distanza, o meglio di un adeguato distacco, dagli eventi.
106
Di seguito un regesto completo dei luoghi in cui appare la figura: pp. 647-9; 654-5; 657-8; 680-2; 719-21; 732.
107
Anche se, secondo Ordine (2003, 84), l’elogio «non ha solo una funzione encomiastica» e «vuole mettere in
discussione l’uso di categorie errate che ingiustamente colpiscono la donna e la materia: la donna non è un essere

186
Al contrario, la convocazione del processo artistico, nello specifico scultoreo, soprattutto
nella variante nel «lignaiolo» (De la causa 680), in qualità di figurante, non dà luogo a figure
che non siano solidali col discorso metafisico portante sui rapporti tra forma e materia, materia
in potenza e materia in atto, intelletto universale e materia. Ciò non significa però staticità e
ripetizione, e il figurante risulta lungo il testo sviluppato in diverse direzioni. Menziono alcuni
luoghi in ordine di rilevanza argomentativa, astraendo dunque dalla sintagmatica della figura
analogica. La prima occorrenza, in apertura di dialogo, delimita con chiarezza la sfera del
conoscibile umano alla conoscenza «per vestigio», ristretta cioè alla Natura e ai suoi
fondamenti, il principio intrinseco e la causa estrinseca: l’uomo non potrà conoscere il primo
principio assoluto ma solo l’universo che è l’effetto dell’operazione che a sua volta deriva dalla
volontà divina, allo stesso modo in cui il fruitore d’arte vedrà la statua ma non lo scultore, il
ritratto di Elena ma non Apelle (p. 647)108. L’analogia è però imperfetta, e richiede di essere
precisata da una comparazione di minoranza, dato che l’universo, a differenza di una statua,
non è percepibile nella sua interezza se non con estrema difficoltà dall’occhio della ragione
umana (p. 649). Lo stesso svolgimento logicamente piano e coerente, dal versante positivo al
versante negativo, dell’analogia, ritorna arricchito dall’esposizione della similitudine in quanto
tale attraverso opportuni segnali meta-argomentativi nel terzo dialogo, nel punto in cui Gervasio
vuole che Teofilo chiarisca la sua definizione di materia (pp. 680-2, qui l’attacco del versante
negativo: «Questa materia naturale non è cossì sensibile come la materia artificiale, perché
[…]»):

De la causa 680-1 TEOFILO. — Tutti quelli che vogliono distinguere la materia e


considerarla da per sé senza la forma, ricorreno alla similitudine de l’arte. Cossì fanno i
Pitagorici, cossì i Platonici, cossì i Peripatetici. Vedete una specie di arte come del
lignaiolo, la quale per tutte le sue forme e tutti suoi lavori ha per soggetto il legno; come il
ferraio il ferro, il sarto il panno. Tutte queste arti in una propria materia fanno diversi ritratti,
ordini e figure, de le quali nessuna è propria e naturale a quella. Cossì la natura, a cui è
simile l’arte, bisogna che de le sue operazioni abbia una materia: per che non è possibile
che sia agente alcuno, che se vuol far qualche cosa, non abia di che farla; o se vuol oprare,
non abbia che oprare. È dumque una specie di soggetto, del qual, col quale e nel quale la
natura effettua la sua operazione, il suo lavoro; et il quale è da lei formato di tante forme

inferiore e imperfetto, proprio come la materia non è pura passività». L’elogio sarebbe dunque integrato a un
ragionamento per analogia di impronta construens, volto a trasferire le qualità positive di un genere femminile
rivalutato alla materia universale, eterna, persino superiore alla forma.
108
Con riferimento a questo passo, annota Nuzzo (2004, 29) che «la rappresentazione dell’affermazione
dell’impossibilità di cogliere il principio divino si converte comunque almeno in sua evocazione figurale. Così, tra
le numerosissime similitudini adoperate dall’immaginifico Bruno, l’impiego della nota similitudine scultore-statua
consente di dare figura al negato, all’inattingibile, nella forma dello “scultore” di necessità invisibile a “chi vede
la statua”».

187
che ne presentano a gli occhi della considerazione tanta varietà di specie. E sì come il legno
da sé non ha nessuna forma artificiale, ma tutte può avere per operazione de legnaiolo;
cossì la materia di cui parliamo, da per sé et in sua natura, non ha forma alcuna naturale,
ma tutte le può aver per operazione dell’agente attivo principio di natura. Questa materia
naturale non è cossì sensibile come la materia artificiale, perché la materia della natura non
ha forma alcuna assolutamente, ma la materia dell’arte è una cosa formata già della natura,
poscia che l’arte non può oprare se non nella superficie delle cose formate da la natura,
come legno, ferro, pietra, lana e cose simili: ma la natura opra dal centro (per dir cossì) del
suo soggetto o materia; che è al tuto informe. Però molti sono i soggetti de le arti, et uno è
il soggetto della natura: per che quelli, per essere diversamente formati dalla natura, sono
differenti e varii; questo, per non essere alcunamente formato, è al tutto indifferente, atteso
che ogni differenza e diversità procede da la forma.

La volontà di chiarezza che traspare dall’assetto ordinato e tutto esplicito della risposta si
spiega con la funzionalità divulgativa assunta dall’analogia in seguito alla richiesta del «non
tanto prattico di filosofia» Gervasio109. La similitudine tra il legno e il legnaiolo da un lato, la
materia e l’«agente attivo principio di natura» dall’altro, conosce poi un lungo sviluppo
dialogico, nel quale il progresso ragionativo è affidato ora al princeps, ora al discepolo
“maieutico” Gervasio, per poi sfociare in una diatriba sull’impossibilità di estendere l’evidenza
dei contenuti scoperti dall’occhio della ragione ai ciechi/pertinaci che continuano a negarla (pp.
682-3)110. L’apparizione decisiva della «similitudine de l’arte» è però un’altra, nei pressi della
fine del quarto dialogo, dove attraverso di essa Dicsono rende esplicito il distacco bruniano dal
dualismo aristotelico e dalla svalutazione della materia implicata in esso:

De la causa 720 Anzi molto mi maraviglio come non hanno i nostri Peripatetici continuata
la similitudine de l’arte, la quale de molte materie che conosce e tratta, quella giudica esser
megliore e più degna, la quale è meno soggetta alla corrozzione et è più costante alla
durazione, e della quale possono esser prodotte più cose; però giudica l’oro esser più nobile
che il legno, la pietra et il ferro, perché è meno soggetto a corrompersi: e ciò che può esser
fatto di legno e di pietra, può farsi de oro, e molte altre cose di più, maggiori e megliori per
la sua bellezza, costanza, trattabilità e nobilità. Or che doviamo dire di quella materia della
quale si fa l’uomo, l’oro e tutte cose naturali? Non deve esser ella più stimata degna che la
artificiale, et aver raggione di meglior attualità? perché, o Aristotele, quello che è
fondamento e base de la attualità, dico, di ciò che è in atto, e quello che tu dici esser sempre,
durare in eterno, non vorai che sia più in atto che le tue forme, che le tue entelechie che

109
Per lo sviluppo adeguato della problematica connessa all’istanza divulgativa che affiora in questo passaggio
rimando al paragrafo conclusivo del presente capitolo (2.2.6).
110
La pressione del contesto divulgativo, segnato cioè dal dislivello di sapere a attitudine astrattiva fra Teofilo e
Gervasio, fa sì che anche quest’ultima sezione sia dominata da un’analogia proposta dal primo al secondo, la quale
al solito accosta conoscenza e visione, cecità e impossibilità di cogliere il vero: «Che farai se un cieco semideo,
degno di qualsivoglia onor e rispetto, sarà protervo, importuno e pertinace a voler aver cognizione e dimandar
evidenza di colori, dì pure, de le figure esteriori di cose naturali: come è dire, quale è la forma de l’arbore? quale
è la forma de monti? di stella? oltre, quale è la forma de la statua, de la veste? e cossì di altre cose arteficiali, le
quali a quei che vedeno son tanto manifeste?» (pp. 682-3).

188
vanno e vegnono, di sorte che quando volessi cercare la permanenza di questo principio
formale ancora…

La dissociazione dall’ontologia peripatetica che dà all’intero dialogo la sua caratteristica


forma ritorta risulta così racchiusa in forma icastica, quasi una mise en abyme, nella ripresa e
deviazione della similitudine artistica (da Aristotele, Phys. Auscultat., I, 7, 190 b 5-6) ai fini
dell’esaltazione della materia universale, unica e incorporea111. Con la precisazione che un
simile ruolo nello sviluppo dell’argomentazione non osta a una seconda funzione: la persistenza
del figurante artistico vale infatti, allo stesso modo dello spazio lasciato al discorso di Gervasio,
come antidoto corporeo all’astrazione: un’iniezione di vita e realismo nell’organismo diafano
e leggero dell’unico dialogo propriamente metafisico del corpus.

2.2.3. Analogie e mediazione

I dialoghi italiani, lo abbiamo ribadito più volte, non sono solamente un insieme coerente e
strutturato di testi filosofici atto a proporre una visione del mondo complessiva, che unisce
all’articolazione su più piani discorsivi il coinvolgimento problematico nel presente storico.
Essi sono anche una macchina impiegata dall’autore, un autore quale è Bruno quanto mai
precario all’interno del campo intellettuale, per costruire la propria figura pubblica e, attraverso
tale costruzione, dare un solido fondamento, una garanzia alla propria presa di parola. Solo
attraverso il delinearsi, digressione dopo digressione e testo dopo testo, di un peculiare
autoritratto del sapiente è possibile ancorare il proprio discorso a una posizione d’autorità in
grado di reggere l’urto dei saperi e dei sapienti autorizzati, nonché accrescere l’assenso alle
proprie tesi proponendo il proprio discorso come il luogo dell’evidenza e del contatto con la
verità, ma anche, al tempo stesso, dell’apertura universale di un sapere al quale tutti possono e

111
Precisando che l’adozione dell’analogia artistica al fine di affermare la superiorità del figurato naturale sul
figurante artificiale conta due precedenti nello stesso dialogo. Il primo è a p. 654, dove oltre a chiarirne la modalità
d’azione si sancisce il valore dell’intelletto universale, in comparazione molto maggiore di quello di qualsivoglia
artefice umano: «Or se credemo non essere senza discorso et intelletto prodotta quell’opera come morta che noi
sappiamo fengere con certo ordine et imitazione ne la superficie della materia, quando scorticando e scalpellando
un legno, facciamo apparir l’effige d’un cavallo, quanto credere debbiamo esser maggior quell’intelletto artefice,
che da l’intrinseco della seminal materia risalda l’ossa, stende le cartilagini, incava le arterie, inspira i pori, intesse
le fibre, ramifica gli nervi, e con sì mirabile magistero dispone il tutto? Quanto, dico, più grande artefice è questo,
il quale non è attaccato ad una sola parte de la materia, ma opra continuamente tutto in tutto?». Il secondo invece
è di poco precedente, e afferma ancora una volta la superiorità della materia della natura sulla materia dell’arte:
«Lascio che secondo più alta raggione della materia naturale si fanno tutte cose naturali, che della artificiale le
artificiali; per che l’arte dalla materia suscita le forme, o per suttrazzione, come quando de la pietra fa la statua, o
per apposizione, come quando giongendo pietra a pietra e legno e terra, forma la casa: ma la natura de la sua
materia fa tutto per modo di separazione, di parto, di efflusione» (p. 719).

189
anzi sono chiamati a compartecipare. Quest’ultimo punto è di particolare importanza. Lungo
l’intero arco dei sei dialoghi, infatti, l’autore presenta se stesso in quanto filosofo e le proprie
asserzioni ricorrendo a due strategie complementari. Da un lato abbiamo il detentore della
Verità assoluta, illuminato dalla luce della divinità e come tale infallibile, che annuncia una
nuova fase del ciclo vicissitudinale della stessa verità, la successione della luce alle tenebre
dell’ignoranza. È la vecchia e ricorrente figura filosofica dell’entusiasmo che deriva
dall’invasamento, con il quale il soggetto del discorso può sottrarsi ai rischi della fallibilità e
della critica, il suo sapere restare non falsificabile. Essa si connette a un’antropologia elitaria e
aristocratica, anch’essa di lunga durata, che discrimina tra beati e semplici112, uomini spirituali
e uomini animali113, ed esprime la concezione del vero medievale e rinascimentale, alla quale
possiamo contrapporre quella aperta, universale, fondata sulla possibilità dell’errore e della
correzione, propria della scienza moderna114. Come tale è un elemento tra i più conservativi del
pensiero bruniano, che ne mostra il radicamento nell’episteme pre-moderna, quantomeno
rispetto a questo ordine di strutture archeologiche inerenti i ruoli e i valori del processo
conoscitivo. Senza contare che, su un altro piano, possiamo vedere in esso il riflesso dialettico
o la controspinta ideale al mancato riconoscimento pubblico realmente patito dal filosofo.
Accanto ad esso, però, ritroviamo nel testo da una parte tutta una serie di appelli all’evidenza
delle proprie asserzioni, il cui ritrovamento necessita soltanto che ciascuno ricorra al «regolato
sentimento» che è proprio in potenza, in quanto reciproco temperamento di intelletto e senso,
di tutti gli uomini; dall’altra una seconda serie, stavolta di elementi tematici e rappresentativi,
che, giovandosi fra l’altro dei consueti, decisivi travasi tra autore, portaparola e personaggio,
esterno e interno testuale115, ha per fine il ritratto del Nolano come mediatore e divulgatore della
propria dottrina, disponibile al confronto e fautore, a differenza di molti dei suoi avversari, della
correttezza argomentativa e conversazionale.
Il ricorso a quest’ultima serie accomuna la prima triade dei dialoghi. Un fatto che non
stupisce, se si pensa alla lontananza dall’esperienza e dal vissuto e al forte tasso di astrazione
che ne caratterizza il dettato cosmologico e ontologico, privo di un compenso allegorico in
grado di concretizzare l’astratto e fornire un’impalcatura “materiale” al discorso filosofico, al
contrario di quanto avviene nella terna aperta dallo Spaccio. Il picco verso l’alto coincide con

112
Cfr. Badaloni 1973.
113
Rossi 2006, 8.
114
Ibid., 5-6.
115
Per l’analisi dei quali rimando al capitolo terzo.

190
la tematizzazione della divulgazione e la sua realizzazione come modalità peculiare dello
scambio dialogico, e riguarda tanto il De la causa quanto il De l’infinito116.
Qual è, però, il significato di quest’ultima costellazione; come interpretarla correttamente
senza voler a tutti i costi ipotizzare anche un compromesso, una dialettica, una tensione di forze
in contrasto? La soluzione più economica mi sembra essere quella che fa di questo modo di
rappresentare l’autore una mossa strategica, dunque una strategia consapevole di
argomentazione indiretta che non collide in nessun modo con la costellazione di segno opposto
fondata sui tratti dell’entusiasmo e dell’assolutezza. Una serie di tratti caratteriali, gesti e
discorsi, dunque, che tradiscono la volontà di mostrare all’opera un sapere che, a differenza di
quello escludente dei propri avversari, proprio in virtù della sua universalità – universalità che
gli deriva dal contatto diretto con il vero – vuole e può permettersi di essere inclusivo.
Quest’ultima serie improntata all’apertura, tuttavia, da un lato tradisce di per sé una certa
ambivalenza, dall’altro non si integra perfettamente nella prima, come manifestano certi
vacillamenti fra inclusione ed esclusione per i quali si può forse parlare di affioramento o ritorno
del represso.
La Cena, mettendo in scena un’occasione dialettica fallita (tra il Nolano e i due dottori) e il
suo commento all’interno di un’argomentazione destinata invece al successo (quella che
Teofilo rivolge a Smitho), riflette fin dalla propria articolazione strutturale sui problemi
connessi alla partecipazione al vero, alla discussione intorno alla verità. Il filosofo illuminato
che voglia far conoscere al mondo la sua visione e persuaderlo della verità di questa, ha piena
coscienza del principio chiave della teoria dell’argomentazione: la centralità dell’uditorio in
rapporto al discorso, a tutti i livelli della costruzione argomentativa:

Cena 466 All’ora gli disse il signor Folco Grivello: «Di grazia, signor Nolano, fatemi
intendere le raggioni per le quali stimate la terra muoversi». A cui rispose, che lui non gli
arebbe possuto donar raggione alcuna, non conoscendo la sua capacità: e non sapendo come
potesse da lui essere inteso, temerebbe far come quei che dicono le sue raggioni a le statue
et andano a parlare co gli morti. Per tanto gli piaccia prima farsi conoscere con proponere
quelle raggioni, che gli persuadeno il contrario: per che secondo il lume e forza de l’ingegno
che lui dimostrarà apportando quelle, gli potranno esser date risoluzioni.

116
La Cena (456-8), in coerenza con la propria impostazione globalmente polemica, insiste invece risolutamente
sul distacco dell’uno dai molti, dell’uomo contemplativo dalla moltitudine volgare, una separazione che corre in
parallelo a quella tra sfera etico-politica e sfera euristica. Rispetto a un tale quadro insieme si colloca in
controtendenza il riferimento alla maieutica (Cena 520), con la precisazione che esso compete soltanto alla
relazione chiusa fra Teofilo e Smitho, dove in contrapposizione a quella aperta fra il Nolano e i due dottori
oxoniensi la verità può essere ristabilita.

191
Senza avere un’idea soddisfacente della mente dell’interlocutore, è impossibile procedere,
discriminare le buone dalle cattive ragioni. Per gli stessi motivi, poi, il massimo del valore è
accordato a quel procedere argomentativo che sa fingersi intrinseco alla mentalità altrui, l’unico
peraltro in grado di produrre l’acquisto maieutico della verità. In negativo, qualora si intenda
confutare, si deve saper condurre le premesse avversarie a quelle che sembreranno essere, dopo
adeguata torsione, aporie necessarie:

Cena 466 Aggiunse a questo, che per desiderio che tiene di mostrar la imbecillità di contrari
pareri per i medesmi principii co quali pensano esser confirmati, se gli farebbe non
mediocre piacere di ritrovar persone, le quali fussero giudicate sufficiente a questa impresa;
e lui sarebbe sempre apparecchiato e pronto al rispondere; con questo modo si potesse veder
la virtù de fondamenti di questa sua filosofia contra la volgare, tanto megliormente, quanto
maggior occasione gli verrebe presentata di rispondere e dechiarare.

In positivo, invece, si tratta di adattare i mezzi persuasivi al mondo dell’altro, con le sue
verità e presupposizioni, i suoi valori e gerarchie e, non ultima, la sua enciclopedia. Per il
filosofo dunque, un conto sarà rivolgersi ai «felici e ben nati ingegni» (Cena 458) suoi pari, un
conto invece tentare di dialogare con un «ingegno non troppo sullevato» (p. 505), un
«quantosivoglia grosso intelletto» (p. 506), dovendo allora trovare «raggioni più accomodate al
senso commune» (De l’infinito 18). La famiglia degli indotti, però, è un insieme variegato
all’interno del quale il sapiente deve saper riconoscere i potenziali discepoli o quantomeno
coloro in grado di trarre un minimo acquisto veritativo dall’ascolto della sua parola:

Cena 457-8 Di que’ dumque indotti possiamo esser maestri, e di quei ciechi illuminatori,
che non per inabilità di naturale impotenza, o per privazion d’ingegno e disciplina, ma sol
per non avvertire e non considerare, son chiamati orbi: il che avviene per la privazion de
l’atto solo, e non de la facultà ancora. Di questi sono alcuni tanto maligni e scelerati, che
per una certa neghittosa invidia si adirano et inorgogliano contra colui che par loro voglia
insegnare — essendo, come son creduti e (quel ch’è peggio) si credeno, dotti e dottori; —
ardisca mostrar saper quel che essi non sanno: qua le vederete infocar e rabbiarsi.

Con il sostegno della consueta antitesi analogica di vista e cecità, vediamo l’insieme degli
indotti ramificarsi dall’interno in un abbozzo di struttura ad albero. Bruno dapprima separa gli
irrecuperabili, privi della «facultà» ovvero della potenza conoscitiva, dai recuperabili, ai quali
è precluso il passaggio dalla possibilità di conoscere alla cognizione, dalla potenza all’atto.
All’interno di questi ultimi però, saranno da evitare quelli che abbondano in presunzione di
sapere (potremmo dire: agli antipodi dalla dotta ignoranza cusaniana), gli ostinati e ripieni di

192
falsa dottrina cui appartengono Nundinio e Torquato, e che possiamo con facilità ricondurre al
tipo dell’accademico, nel quale, dal punto di vista bruniano, verità e riconoscimento sociale
appaiono esemplarmente disgiunti. Rispetto a una simile suddivisione, è interessante che,
guardando al sistema dei personaggi, mentre la prima coppia collima senza residui con il
cerchio magico degli intendenti, la seconda non trovi invece una collocazione stabile, il pedante
e il catalizzatore essendo volta a volta esclusi o inclusi nell’acquisto cognitivo. Nonostante la
loro caratterizzazione nel complesso degradante induca a privilegiare l’esclusione, il fatto che
in alcuni casi essi siano chiamati a partecipare alla produzione del senso vale come un primo
indizio dell’oscillazione che caratterizza la rappresentazione della postura autoriale. Anche se,
più semplicemente, si potrà inferire, per quanto riguarda il catalizzatore, la necessità
carnevalesca di equilibrare astrazione e concretezza; per il pedante, una certa dose di
identificazione repressa con tale figura di fratello degradato.
Ma, per tornare al punto fondamentale, che significa nel concreto trovare «raggioni più
accomodate al senso commune»? Nel momento in cui, dopo aver accettato di conformare il
proprio discorso all’uditorio, ci si rivolge agli esclusi dal circuito della verità, la scelta del
ragionamento per analogia e dell’esempio è quasi obbligata: sono argomenti a bassa logicità,
lontani dall’asciuttezza della dimostrazione quasi-logica. Soprattutto, l’analogia permette di
passare da un livello di reale all’altro assecondando l’enciclopedia del ricevente: dall’astratto
al concreto, dallo spirituale al sensibile, dal tecnico al quotidiano, dal campo
dell’immaginazione a quello dell’esperienza vissuta, riducendo al prossimo e al noto quanto è
sconosciuto e distante. L’utilità di uno strumento simile si fa avanti con chiarezza nel contesto
metafisico del De la causa, lo svolgimento argomentativo del quale può essere ricondotto
all’equilibrio dinamico tra una funzione Teofilo (astrazione, altezza) e una funzione Gervasio
(concretezza, radicamento terreno).
La messa a tema del valore divulgativo dell’analogia (ma anche dei rischi di un analogismo
ingenuo perché generico e dimentico del versante negativo) compare una prima volta al termine
del secondo dialogo, nel momento in cui si va argomentando intorno alla presenza dell’anima
del mondo nella sua totalità in tutte le cose. Polihimnio chiede spiegazioni a Teofilo, che si
trova però a dover simultaneamente rettificare una similitudine narrativa proposta da Gervasio,
che assimila l’anima del mondo al crocifisso di Randazzo in Sicilia, la cui enormità era
proverbiale ai tempi di Bruno. Ma ecco la risposta di Teofilo, che s’indirizza a entrambi:

193
De la causa 669-70 Io non saprei rispondere al tuo dubio, Gervasio, ma bene a quello di
mastro Polihimnio: pure dirò con una similitudine, per satisfar alla dimanda di ambi doi,
per che voglio che voi ancora riportiate qualche frutto di nostri raggionamenti e discorsi.
Dovete dumque saper brevemente che l’anima del mondo, e la divinità, non sono tutti
presenti per tutto e per ogni parte, in modo con cui qualche cosa materiale possa esservi:
perché questo è impossibile a qualsivoglia corpo e qualsivoglia spirto; ma con un modo il
quale non è facile a displicarvelo altrimente se non con questo. Dovete avvertire, che se
l’anima del mondo e forma universale se dicono essere per tutto, non s’intende
corporalmente e dimensionalmente, per che tali non sono, e cossì non possono essere in
parte alcuna: ma sono tutti per tutto spiritualmente; come per essempio (anco rozzo)
potreste imaginarvi una voce, la quale è tutta in tutta una stanza et in ogni parte di quella:
per che da per tutto se intende tutta; come queste paroli ch’io dico sono intese tutte da tutti,
anco se fussero mille presenti, e la mia voce si potesse giongere a tutto il mondo, sarebe
tutta per tutto. Dico dumque a voi mastro Polihimnio, che l’anima non è individua, come il
punto, ma in certo modo come la voce. E rispondo a te Gervasio, che la divinità non è per
tutto, come il Dio di Grandazzo è in tutta la sua cappella: per che quello, benché sia in tutta
la chiesa, non è però tutto in tutta; ma ha il capo in una parte, li piedi in un’altra, le braccia
et il busto in altre et altre parti. Ma quella è tutta in qualsivoglia parte, come la mia voce è
udita tutta da tutte le parti di questa sala.

Lo sforzo chiarificatore di Teofilo, che differenzia internamente la propria risposta per


soddisfare a entrambi gli interlocutori, per altro segnalando esplicitamente (a loro e però anche
al lettore) la propria strategia attraverso il ricorso a opportuni segnali meta-argomentativi e
metaretorici, è esemplare della componente più inclusiva del discorso bruniano. Le battute
seguenti segnano però, per bocca di Dicsono, un regresso, chiudendo questa sezione dialogica
su un brusco ritorno all’esclusione della seconda coppia:

De la causa 670 POLIHIMNIO. — Percepi optime.


GERVASIO. — Io l’ho pur capita la vostra voce.
DICSONO. — Credo ben la voce, ma del proposito penso che vi [è]entrato per un’orecchia
et uscito per l’altra.
GERVASIO. — Io penso che non v’è neanco entrato: per che è tardi, e l’orloggio che tegno
dentro il stomaco, ha toccata l’ora di cena.
POLIHIMNIO. — Hoc est, idest have il cervello in patinis.
DICSONO. — Basta dumque. Domani conveneremo per raggionar forse circa il principio
materiale.

L’analogia mediatrice riappare tuttavia poco oltre, nel terzo dialogo, sfruttando una mossa
dialogica diversa: non più l’iniziativa autonoma del princeps ma la richiesta esplicita del
comprimario, qui Gervasio117, che in qualche modo consente una riammissione del

117
De la causa 680 «Di grazia, Teofilo, prima fatemi questo piacere a me che non sono tanto prattico in filosofia:
dechiaratemi che cosa intendete per questo nome «materia» e che cosa è quello che è materia nelle cose naturali».
La risposta di Teofilo contiene una delle tante occorrenze della similitudine dell’arte nel secondo dialogo, la quale
ottiene dal contesto divulgativo il privilegio di un trattamento quanto mai cristallino: si comincia presentando la

194
procedimento nello scambio dialogico in seguito all’interdetto implicito ottenuto da Dicsono
con la sua dichiarazione di fallimento. Nel quarto dialogo (pp. 711-2) è però proprio lo stesso
Dicsono a invitare Teofilo a un’integrazione argomentativa, «se non per la perfezzione della
dottrina, per la chiarezza di quella». Il suo intervento porta in superficie l’ambivalenza della
strategia che stiamo osservando, la quale nel momento stesso in cui allarga il circuito della
comunicazione sancisce la frattura irreparabile che separa l’emittente e i destinatari come anche
i destinatari di serie A da quelli di serie B: «Questo non lo dimando per me, al quale la verità è
manifesta, ma forse per altri che possono essere più morosi e difficili, come per essempio
maestro Polihimnio e Gervasio». Nonostante questa problematicità interna, è possibile
sostenere che almeno nel De la causa prevalga il polo inclusivo. Orientano in questa direzione
le battute conclusive, sorta di rovescio speculare del finale negativo del secondo dialogo. Il
successo della dottrina ontologica bruniana è completo, e Polihimnio stesso, dopo aver
decretato il valore dell’argomentazione di Teofilo (De la causa 745 «Alta, rara e singularmente
avete determinato del tutto, del massimo, de l’ente, del principio, de l’uno»), sollecita un ultimo
exemplum chiarificatore («Exemplum? Per che a dire il vero intendo, ma non capio»), al quale
il princeps provvede immediatamente, ottenendo piena soddisfazione da tutti i membri
dell’uditorio:

De la causa 746 POLIHIMNIO. — Optime.


GERVASIO. — Eccomi dotto: perché come chi non intende uno, non intende nulla, cossì chi
intende veramente uno, intende tutto; e chi più s’avicina all’intelligenza dell’uno,
s’approssima più all’apprension di tutto.
DICSONO. — Cossì io, se ho ben compreso, mi parto molto arrichito dalla contemplazione
del Teofilo, fidel relatore della nolana filosofia.

Tuttavia, uno sguardo veloce al De l’infinito è sufficiente per rendersi conto che il nesso tra
analogia e divulgazione è soggetto nella prima triade dei dialoghi a una pendolarità senza
scampo, probabile indizio – insieme all’ambivalenza stessa del procedimento – di una tensione
interna alla dinamica di rappresentazione del sé autoriale, dove la strategia consapevole
dell’apertura s’impone faticosamente, negoziando per sé uno spazio con la componente elitaria
e sprezzante della visione autoriale. Tale coesistenza conflittuale emerge nel terzo dialogo del
De l’infinito (97-114), «dove tutto si tratta con raggioni più accomodate al senso commune,
mentre Fracastorio s’accomoda all’ingegno di Burchio» (De l’infinito 19). Quanto però al modo

similitudine in quanto tale e riconducendola alle sue fonti nella filosofia antica, per poi tracciarne uno sviluppo
rigoroso che dal versante positivo delle somiglianze trascorre a quello negativo delle differenze.

195
in cui avviene tale adattamento, esso consiste in un’inversione dei ruoli sotto al quale
s’intravede l’ironia aggressiva di Fracastorio ai danni di Burchio e di Aristotele, dal cui statuto
di auctor dipende la fedeltà di Burchio all’opinione tradizionale:

De l’infinito 97 Dolce mio Burchio, io per me ti pono in luogo di Aristotele, et io voglio


essere in luogo di uno idiota e rustico che confessa saper nulla, presuppone di aver inteso
niente e di quello che dice et intende il Filoteo, e di quello che intende Aristotele e tutto il
mondo ancora. Credo alla moltitudine, credo al nome della fama e maestà de l’autorità
peripatetica, admiro insieme con una innumerabile moltitudine la divinità di questo
demonio de la natura: ma per ciò ne vegno a te per essere informato de la verità, e liberarmi
dalla persuasione di questo che tu chiami sofista.

Tuttavia, l’aggressività è anche la colpa di Burchio, che non sa reagire se non con violenza
alle tesi proposte da Fracastorio, soprattutto quando dal terreno cosmologico si passa a quello
discorsivo del rapporto fra autorità, tradizione e verità filosofica (pp. 107-8, 112-4):

De l’infinito 114 Tu sareste più dotto ch’Aristotele se non fussi una bestia, un poveraccio,
mendico, miserabile, nodrito di pane di miglio, morto di fame, generato da un sarto, nato
d’una lavandaria, nipote a Cecco ciabattino, fìgol di Momo, postiglion de le puttane, fratel
di Lazaro che fa le scarpe a gli asini. Rimanete con cento diavoli ancor voi, che non siete
molto megliori che lui.

La sequenza, che termina in un fallimento comunicativo, si apre e si chiude quindi nel segno
di una forte aggressività, decretando l’impossibilità in certe condizioni della mediazione.
Rimane, ad ogni modo, che se anche la ricerca del vero è nel suo insieme limitata a pochi,
nondimeno l’analogia ha mostrato il proprio valore come legante culturale in grado di istituire
ponti tra livelli di conoscenza, modelli e codici interpretativi fra loro diversi e potenzialmente
incomunicabili.

196
3. La complicazione figurale del macrotesto

I dialoghi italiani si caratterizzano, ed è il forse il loro tratto più costitutivo, anche se certo
non quello più facilmente leggibile, per l’insistito ricorso alle strategie di complicazione
figurale del macrotesto. Con tale espressione faccio riferimento a una serie di dispositivi retorici
il cui campo d’azione coincide di preferenza o con il macrotesto dialogico o con uno dei singoli
dialoghi inclusi in esso, per attestarsi comunque sempre su ampie porzioni di scrittura. Si tratta,
in secondo luogo, di strategie figurali (nel senso ampio dell’accezione orlandiana) in grado di
unificare i due versanti della retorica, dato che l’offuscamento della trasparenza referenziale e
comunicativa che esse realizzano punta a modificare uno stato di cose, a produrre le
conseguenze pragmatiche più dirompenti1. Il dialogo a cornice, l’allusività e il tessuto
citazionale, le architetture allegoriche e simboliche, l’ironia: tutti questi fenomeni
rappresentano strutture a doppio livello funzionali all’approfondimento verticale della
significazione; il che concretamente significa duplicare la referenza e creare linee di
svolgimento del senso divergenti da quella che pare essere la principale. A ragione si è parlato,
per alcuni aspetti del Candelaio tra cui ad esempio la figura della dedicataria Morgana, di
«dilatazione verticale del segno» (Puliafito 2007, 26) intendendo con tale espressione la
capacità che Bruno dimostra di saper moltiplicare i referenti ma anche i piani di riferimento
(filosofico, polemico, autobiografico) per uno stesso segno. Una simile polivalenza è un fatto
più generale: la pagina bruniana ha infatti la caratteristica, che la rende a tratti persino
illeggibile, di essere veramente densissima, folta com’è di aperture, rinvii, rimandi, allusioni ad
altro che non sia l’oggetto diretto del discorso. Il lettore, va da sé, rischia costantemente di
smarrirsi in tale continua apertura di fughe, perdendo il filo per seguire i suggerimenti che lo
conducono altrove; tanto che si potrebbe arrivare a dire che il testo talvolta rinuncia alla propria
sequenzialità per favorire una ricezione verticale o paradigmatica, o se non altro che aggiunge
quest’ultima alla prima, dando luogo a un movimento multiplo su piani diversi che è facile
riportare al multiverso ideato dal filosofo2.

1
Zinato 2003, 14.
2
Ciliberto ha infatti parlato di qualcosa di simile a una “teoria del testo infinito” sviluppata da Bruno nella Cena
e subito applicata a quello stesso testo: «Vi è in ogni filosofo un punto archimedeo intorno al quale si raccolgono
i fili di tutta la sua ricerca e della sua filosofia. Nel caso di Bruno è il concetto di infinito. Se ne potrebbero indagare
le complesse scaturigini nel corpo della sua opera. Ma qui conviene ribadire anzitutto un elemento essenziale: esso
incide su tutti gli aspetti della “nova filosofia” – dalla gnoseologia all’ontologia, dall’estetica alla concezione del
valore delle immagini e dello stesso testo filosofico che, considerato dalla prospettiva dell’infinito, si rivela come

197
Il primo livello sul quale tali procedimenti agiscono è quello propriamente strutturale delle
possibilità offerte dal genere letterario o a esso strappate: Bruno, infatti, lavora per far esplodere
le strutture del dialogo dall’interno, dilatando queste ultime fino all’eccesso in modo analogo a
quanto aveva fatto con la struttura drammatica del Candelaio3, al fine secondo alcuni di forzare
l’episteme pluralistico del Rinascimento verso una nuova configurazione epistemica imperniata
sull’assolutezza del vero4. Quale che sia il fine che guida tale consapevole azione di forzatura
(e sono piuttosto dell’avviso che si debba considerare da un lato la ricaduta delle idee-forza del
pensiero5, dall’altra la coesistenza non pacifica di diverse intenzionalità pragmatiche), Bruno si
dimostra quanto mai attivo sul versante dell’ibridazione generica, combinando dialogo e
commedia6 e premurandosi di integrare in modo non sporadico altre tipologie testuali tra cui
quella narrativa e poetica. Da questo punto di vista inutile forse ribadire che il testo più
interessante è senz’altro la Cena, dove non solo delle scienze ma anche dei generi del discorso
il lettore può ritrovare ogni sorta di stracci (cfr. Cena 438). Per approfondire lo spessore interno
del macrotesto, un’altra strategia consiste nel fare uso del dialogo su due livelli, una struttura
verticale binaria che ritorna nella Cena, nel De la causa, nello Spaccio e nella Cabala, il cui
secondo livello è costituito dall’Asino cillenico che ne completa il titolo. L’impiego di un simile
artificio consente di raddoppiare con un sol gesto le possibilità da un lato rappresentative,
dall’altro di scomposizione e rifrazione del discorso tra le diverse voci, già proprie del dialogo
in quanto tale. In particolare, poi, per Cena e Cabala, la tesi qui proposta – che estende la lettura
della Cena proposta da Adi Ophir (1994, ma già Feldhay-Ophir 1989) – è che l’opzione per un
doppio livello dialogico derivi dalla necessità di tenere assieme due diversi ambiti discorsivi
concorrenti e per giunta difficili da integrare: l’argomentazione filosofica diretta e indiretta

una struttura infinitamente aperta – e al tempo stesso segreta –, da decifrare da una pluralità di punti di vista, senza
mai ritenere che esso si possa risolvere nel suono di un solo tema, di un solo motivo» (Ciliberto 2012).
3
«Nous voilà sur le terrain de la comédie maniériste et, plus généralement, de la littérature conçue comme
amplification, grossissement des intrigue, multiplication souvent spéculaire des personnages et des situations,
variation sur le thèmes comiques, à la manière du théâtre de la première moitié du XVIe siècle. Que l’on prenne
pour termes de comparaison les comédies de Della Porta ou même les Intrichi d’amore attribués au Tasse, qui sont
probablement, avec le Chandelier et malgré leurs différences, les chefs-d’œuvre du maniérisme théâtral» (Bàrberi
Squarotti 1993, p. LXX).
4
Cfr. Hufnagel 2011.
5
Questa, a conti fatti, la posizione di Ellero 2005, che riconduce le scelte formali di Bruno all’estetica del filosofo,
a sua volta riportati ad alcuni capisaldi della sua ontologia. L’estetica bruniana prevede una mimesi non selettiva
che esalta la varietà non organizzata del molteplice e il dettaglio vivido, di per sé significante, anche a discapito
dell’equilibrio dell’intero. Un simile sistema di scelte rimonta alla separazione del primo principio assoluto dal
mondo naturale, la cui molteplicità non rispecchia né prelude, secondo un modello di tipo ascendente, alla divinità,
ma ne è piuttosto traccia non somigliante.
6
Tale intersezione generica costituisce tra l’altro l’ennesimo segnale del suo porsi in continuità con la tradizione
che muove i suoi primi passi dal Charon lucianeo (Geri 2011, 17).

198
nella sua doppia veste rispettivamente fondativa e confutativa, elativa e degradante; il discorso
di costruzione della figura autoriale, nemmeno questo privo di un versante negativo e spesso
ferocemente polemico. Il caso dello Spaccio sarà invece da porre in relazione con la scelta di
un impianto allegorico: il dialogo su due livelli è funzionale a tenere distinti il concilio olimpico
del livello interno dai commenti e dalle digressioni svolte da Saulino e da Sofia sul livello
esterno. L’allegoria è così implicitamente dichiarata come tale e quindi anche neutralizzata,
forse al fine di distanziarsi da un materiale immaginativo (il cosmo tolemaico delle narrazioni
catasteristiche) da Bruno considerato desueto e irrazionale. Tuttavia, alcuni elementi
intervengono a complicare il quadro: il codice necessario a decifrare l’allegoria è fornito
dall’Epistola esplicatoria e non dalla cornice, che per di più ospita Sofia e Mercurio, personaggi
la cui appartenenza a entrambi i livelli (com’era nella Cena per Teofilo) ne fa un fattore di
contaminazione, consentendo la circolazione dei discorsi e la loro proiezione nella realtà
extratestuale. Infine, il rapporto tra Sofia e Mercurio è fatto di brevi incontri e lunghe assenze,
secondo una dinamica di differimento per molti versi affine alle strutture della Cena e della
Cabala che si spera potrà essere indagata in modo approfondito in altra sede.
Il secondo vettore di complicazione è senz’altro costituito dalla ricchezza allusiva
manifestata dal corpus italiano. La fenomenologia dell’allusività comprende diverse forme più
o meno criptiche, tra cui si rivela importante l’antonomasia. La selezione dei referenti obbedisce
a un doppio regime: culturale, con i frequenti accenni a personaggi e vicende letterari,
mitologici e religiosi; contestuale, con l’inserzione nel testo di numerosi frammenti di realtà
attinti al contesto di produzione dell’opera e più generalmente alla biografia dello scrittore e
all’enciclopedia storica del tempo. Il versante culturale dell’allusione deve essere imputato alla
volontà di produrre un arricchimento connotativo, realizzato attraverso il legame analogico che
s’istituisce tra i referenti oggettivi e quelli culturali evocati allusivamente. Un caso tipico è
quello del dialogo secondo della Cena, dove le citazioni virgiliane e dantesche e le accorte
scelte lessicali sovrappongono alla spedizione londinese il modello della catabasi e del viaggio
infernale. Lo spettro delle connotazioni, dei sovrasensi e delle sovrapposizioni analogiche può
però anche arrivare a dilatarsi in modo incontrollato. Così l’attacco della Proemiale Epistola
della Cena, con il suo scialo di riferimenti più o meno seri o ironici al mito, alla religione e alla
letteratura, mette subito in scena un autore coltissimo e a suo agio, seppure in modo assai
divertito, nella selva dei codici culturali, la cui opera è però in grado di smarcarsi per originalità
da ciascuno dei potenzialmente infiniti termini di paragone che egli è in grado di invocare. Il

199
versante contestuale, invece, è in prima battuta da ricondurre alla fame di realtà empirica che
contraddistingue tanto l’estetica, quanto la visione del mondo del filosofo. Per la prima, basterà
rifarsi all’attenta ricostruzione che di essa ha fornito Maria Pia Ellero (2005), mostrando come
Bruno organizzi la propria mimesi in opposizione ai procedimenti di selezione e astrazione
dell’estetica classicistica, al cui canone armonico egli contrappone il rapporto non mediato con
le forme particolari e una retorica dell’evidentia imperniata sulla creazione (non per forza
vincolata a un modello reale) di immagini vivide e dettagli incisivi potenzialmente irrelati e
componibili in figure illogiche. Tale estetica riposa sulle coordinate più generali di una visione
del mondo e del testo devota all’immaginario carnevalesco e al mito della doppia abbondanza
di cose e di parole (copia rerum et verborum), dove ad appassionare sono la particolarità e la
contingenza, prese nel ritmo incessante di trasformazione della natura infinita. Su un altro
piano, le allusioni contestuali testimoniano la forte implicazione dei dialoghi, radicati
nell’esperienza inglese di Bruno della quale traducono con rapidità i posizionamenti, le ricerche
di sostegno e protezione, i violenti smarcamenti. Non senza legami con quest’ultimo aspetto, il
ricorso alla tecnica allusiva è un modo estremamente rapido di aprire finestre polemiche nel
testo, rispondendo a una tensione aggressiva sempre presente nel discorso bruniano e dominante
nella Cena e nella Cabala. Senza contare che esprimere la propria riprovazione in modo
indiretto e parzialmente implicito ha certo a che vedere con quel minimo di cautela che persino
l’iracondo Bruno doveva osservare di fronte alla censura politica e religiosa.
Il fatto che l’allusività comporti di frequente un incremento di realismo, aprendo lo spazio
del testo alla realtà biografica e storica, conduce però al problema del rapporto fra tale
dimensione di ricchezza referenziale e il ricorso frequente all’allegoria o più semplicemente
all’approfondimento simbolico del livello referenziale. Uno degli aspetti più caratteristici della
scrittura di Bruno sembra per l’appunto consistere nel duplice e contrapposto incremento di
realismo referenziale e allargamento simbolico della referenza. La mimesi della varietà
empirica s’intreccia con il lavoro connotativo e simbolico operato sui segni, dando luogo a
numerosi episodi di paradossale coincidenza. Penso ad esempio al dedicatario della Cabala,
l’ecclesiastico locale don Sapatino che, oltre a divenire vescovo dell’inesistente diocesi di
Casamarciano, nell’Epistola è assimilato dal vorticare della scrittura all’autore stesso e all’asino
oggetto dell’opera. Penso alla struttura dialogica degli Eroici furori7, il cui abbandono della

7
Per la quale cfr. Sabbatino 1999.

200
mimesi anti-classicistica adottata nei cinque dialoghi precedenti8 non impedisce che il discorso
sia affidato perlopiù a personaggi di Nola, quasi a voler compensare l’incremento di astrazione
e universalità. Penso, ancora, al racconto dei minimi fatti di Nola attraverso il quale Mercurio
enuncia implicitamente il tema neoplatonico della pronoia nello Spaccio. Infine, non posso non
ricordare l’apice costituito dal Candelaio e dal dialogo secondo della Cena, capolavori di
realismo spaziale e sociale dove la torsione allegorico-simbolica degli eventi e dei personaggi
raggiunge vette insuperate. In tutti questi casi, l’assunzione integrale del dato di realtà e la sua
descrizione vivida non ostano all’istituzione di una complessa stratigrafia di piani simbolici.
A tal proposito, è opportuno distinguere un dispositivo più stabile, l’allegoria, da uno meno
stabile, il simbolo, tenendo a mente la possibilità di realizzazioni intermedie. Senza entrare nel
merito di una definizione del simbolo e dei suoi rapporti con l’allegoria 9, mi accontento di
contrapporre la polivalenza e l’equivocità del primo all’univocità e chiarezza della seconda,
secondo un rapporto tra segno e referenti che oscilla da un massimo di fluidità a un massimo di
fissità. L’impiego di strutture allegoriche e simboliche, ma anche allegorico-simboliche,
occorre una prima volta nel dialogo secondo della Cena per poi realizzarsi compiutamente nella
seconda triade: Spaccio, Cabala e Furori. La qualità del meccanismo permette di distinguere
una prima coppia più instabile e simbolica, composta dal dialogo secondo della Cena e dalla
Cabala (Asino cillenico compreso), a una seconda coppia più stabile e allegorica che comprende
Spaccio e Furori, testi senz’altro compositi e verticalmente scalati, ma più semplici a
interpretarsi degli altri due.
Parlare di instabilità nell’attribuzione del senso a un enunciato consente di richiamare nel
nostro discorso l’ironia, che in Bruno non è mai, con la significativa eccezione della Cabala,
realmente socratica, nella misura in cui non arriva a mettere in dubbio il sapere espresso dalla
voce autoriale e dal personaggio portaparola. Essa è tuttavia figura diffusa e importante nel
corpus italiano. Nella Cena, dove alle molte occorrenze subordinate alla sfera dominante del
riso aggressivo, il quale può e sa servirsi dell’antifrasi per i suoi fini distruttivi10, si aggiungono

8
Sul quale cfr. il già citato Ellero 1994.
9
Sulla dicotomia simbolo/allegoria si sofferma brevemente, ma in modo incisivo, Folena 1980, mentre è decisa
l’impostazione benjaminiana di Luperini (soprattutto 1990), alla quale nella sostanza aderiscono le riflessioni qui
proposte.
10
I momenti a vocazione comica non mancano nella Cena (penso ad esempio alle descrizioni in forma enumerativa
dei due dottori, all’inizio del terzo e del quarto dialogo), dove nel complesso però si ride poco. Il comico, quando
è presente, è subordinato dalla degradazione dei dottori – e questo vale anche per il punto più denso, la sequenza
d’attacco del dialogo primo, dove il tono da commedia è da intendersi come sfruttamento congiunto della rapidità
dello scambio dialogico e del comico del significato (Altieri Biagi 1969). La sola eccezione è costituita dal dialogo
secondo, dove il riso è funzionale all’efficacia letteraria e rappresentativa del racconto – e mi pare abbia un maggior

201
le note ironiche e autoironiche dei protagonisti della spedizione londinese; nello Spaccio, dove
è propria del regime discorsivo che caratterizza il personaggio di Momo fin dal prototipo
lucianeo, la parresia, nonché legata alla ricchezza di voci e punti di vista che caratterizza il
concilio divino; infine, nella Cabala. Il quinto dialogo, infatti, è un testo propriamente ironico
sia in senso globale, per l’instabilità referenziale e assiologica della sua enunciazione fin dal
paratesto, sia in senso locale, per l’abbondanza di singole figure ironiche e marche d’ironia.
Che l’ironia possa dominare a tal punto l’affabulazione si spiega facilmente pensando ai testi e
alle tradizioni che essa convoca quali suoi precedenti: penso a un capolavoro quale l’erasmiana
Stultitiae Laus (1511)11 e al filone cinquecentesco della letteratura asinina, sottogenere
dell’elogio paradossale in prosa12. Da essi Bruno attinge non solo e non tanto un repertorio di
motivi e topoi, ma soprattutto la tecnica dell’argomentazione paradossale, che accetta la sfida
di innalzare gli adoxa contro il senso comune. La scelta di un simile assurdo retorico (dato che
capovolge il principio dell’adattamento sull’uditorio) trascina poi con sé: la capacità di stare in
mezzo tra vero e falso, nella zona incerta in cui i due regimi non sono distinti con chiarezza; un
impiego non esclusivamente ludico del comico, sfruttato come strumento di messa in questione
dell’opinione comune e apertura di nuovi itinerari conoscitivi.
Le pagine che seguono abbandonano il modello dell’astrazione paradigmatica adottato nei
capitoli primo e secondo per analizzare due casi particolari, la Cena e la Cabala. Un simile
cambio di prospettiva si rende necessario per l’accresciuta portata dei fenomeni unita alla loro
fortissima interrelazione, come anche per la volontà di subordinare la descrizione dei fatti
formali all’interpretazione del testo nella sua interezza e singolarità. Per entrambi i dialoghi,
infine, a costituire un problema ermeneutico sono tanto l’intero testuale quanto una sua porzione
specifica, che nel primo caso è rappresentata dal dialogo secondo della Cena, nel secondo
dall’Asino cillenico del Nolano.

3.1.Il caso della Cena

grado di urbanitas (per riprendere una categoria classica e umanistica) che non quell’altro, trattandosi di una
comicità più diffusa e sottile, che permea diverse scene: quella della barca e della navigazione, quella della
traversata nel fango, quella delle botte patite a opera della plebe.
11
Per un’analisi approfondita della quale, anche con riguardo alla presenza dell’enunciazione ironica, rinvio a Geri
2011.
12
Cfr. Figorilli 2008.

202
La Cena, secondo la lettura su basi foucaultiane e bourdieusiane che ne dà Adi Ophir,
costituisce un paradosso discorsivo generato dal tentativo di fondare attraverso di essa un nuovo
ordine del discorso13; per questo motivo il discorso cosmologico si spartisce il campo con un
metadiscorso teso a legittimare il discorso cosmologico stesso e a costruirne l’autore.
L’interpretazione qui offerta punta a inserire in tale costruzione, già di per sé persuasiva, il
cuneo della funzione polemica, ritenuta la dominante pragmatica del testo, valorizzando altresì
il ruolo giocato da una serie di strategie retoriche quali il dialogo su due livelli, la trama delle
allusioni prolettiche, la tecnica della citazione e la costruzione allegorico-simbolica del dialogo
secondo.
Quanto a quest’ultimo, è opportuno prima di tutto far cenno alla divisione del suddetto
dialogo in due parti: la prima (Cena 466-76) ospita la fase iniziale della spedizione londinese,
dall’incontro del Nolano con i messaggeri di Greville all’indecisione che coglie Nolano e
compagni nel momento in cui si rendono conto di essere tornati al punto di partenza; la seconda
parte (Cena 476-88), nella quale includiamo la fase di transizione rappresentata dall’elogio che
Teofilo rivolge alla regina e ai suoi protetti, comprende la lunga deprecazione della plebe
londinese (Cena 479-85) e la fase finale della spedizione, dalla ripresa del cammino fino
all’arrivo presso la casa di Greville (Cena 485-88). L’interpretazione che segue ha per oggetto
quasi esclusivo la prima parte.
Su un altro piano, anche il processo allegorico-simbolico è soggetto a una bipartizione,
consistendo in una serie di rinvii ad elementi tanto intratestuali quanto estratestuali. Questi
ultimi interessano a loro volta due campi referenziali differenti, quello veritativo e quello
autoriale (o discorsivo). Il primo (veritativo) riguarda la conoscenza in quanto relazione
privilegiata di pochi uomini eccezionali con la verità, mentre il secondo (autoriale) è relativo al
duplice tentativo di fondare un nuovo ordine del discorso e una nuova figura di autore.

3.1.1. La funzione polemica e la natura composita del dialogo

Il sonetto paratestuale Al mal contento (Cena 429), quasi per intero analogico e dominato
dai figuranti animali in funzione degradante, porta immediatamente in superficie la spinta
polemica, e più precisamente la volontà di rivalsa, che tanta parte avrà nel dare al testo il suo
assetto centrifugo e per certi versi esploso:

13
Rimando all’Introduzione per la definizione del presente aspetto.

203
Non andar nudo a tòrre a l’api il mèle.
Non morder se non sai s’è pietra o pane.
Non gir discalzo a seminar le spine.
Non spreggiar, mosca, d’aragne le tele.
Se sorce sei, non seguitar le rane;
fuggi le volpi, o sangue di galline14.

La Cena ha infatti, tra tutti i dialoghi, la forma più composita, l’ibridazione più spinta dei
registri e dei generi discorsivi, la tensione alla digressione e allo slittamento più accesa. Una
difformità superficiale di cui l’autore era del tutto consapevole, visto che la traspone, in sede di
dedicatoria, in una bella analogia pittorica15, mettendo avanti a mo’ di giustificazione
l’eccessiva prossimità agli eventi che hanno occasionato l’opera. Se si pensa alla stesura
rapidissima del testo, avvenuta tra la Pasqua secondo il vecchio calendario e la Pasqua secondo
quello nuovo del 158416, l’excusatio si rivela fondata, e ci ricorda la necessità di
un’interpretazione porosa e aperta del testo, che sappia rispettarne i limiti e le opacità.
L’esistenza di asimmetrie e sconnessure è d’altronde coerente con un’estetica come quella
bruniana, che rifiuta l’idea dell’opera d’arte come tutto armonico, alla quale contrappone la
valorizzazione dei dettagli in quanto tali capaci di rappresentare, al posto dell’ordine del mondo,
l’ingenium dell’artefice.

14
La voce autoriale insiste ancora sull’intenzionalità satirica alla radice del dialogo nella sezione finale
dell’Epistola, quando difende la durezza della propria riprensione, commisurata alla durezza di carattere dei propri
avversari. Il figurante della «superficie» indica chiaramente, in questo caso, il livello interno del dialogo: «Quanto
a quello che nella superficie si presenta, quelli che n’han donato occasione di far il dialogo, e forse una satira e
comedia, han modo di dovenir più circonspetti, quando misurano gli uomini con quella verga con la quale si misura
il velluto, e con la lance di metalli bilanciano gli animi. Quelli che sarrano spettatori o lettori, e che vedranno il
modo con cui altri son tocchi, hanno per farsi accorti et imparar a l’altrui spese. Que’ che son feriti o punti,
apriranno forse gli occhi, e vedendo la sua povertà, nudità, indignità, se non per amore, per vergogna al meno si
potran correggere o cuoprire, se non vogliono confessare. / Se vi par il nostro Teofilo e Frulla troppo grave e
rigidamente toccare il dorso d’alcuni suppositi, considerate, signor, che questi animali non han sì tenero il cuoio:
che se le scosse fussero a cento doppia maggiori, non le stimarebono punto, o sentirebbono più che se fussero
palpate d’una fanciulla» (Cena 438-9). La violenza della satira è giustifica classicamente in nome dell’utilità
morale, dell’inclinazione alla virtù che essa può favorire 1) negli accademici oxoniensi che hanno fornito al dialogo
la sua occasione; 2) nei lettori non direttamente coinvolti, che ne possono trarre utili insegnamenti di condotta; 3)
in coloro che si sentono personalmente colpiti dagli attacchi bruniani, i quali, quando non sinceramente pentiti,
potranno almeno per vergogna dismettere le proprie abitudini viziose.
15
Cena 439: «Se nel ritrare vi par che i colori non rispondano perfettamente al vivo, e gli delineamenti non vi
parranno al tutto proprii, sappiate ch’il difetto è provenuto da questo, che il pittore non ha possuto essaminar il
ritratto con que’ spacii e distanze, che soglion prendere i maestri de l’arte: perché oltre che la tavola o il campo
era troppo vicino al volto e gli occhi, non si possea retirar un minimo passo a dietro o discostar da l’uno e l’altro
canto, senza timor di far quel salto, che feo il figlio del famoso defensor di Troia».
16
Bossy 1992, 64-66.

204
Ophir mette in luce come lo svolgimento del testo, tutt’altro che lineare e progressivo, si
manifesti come duplice disseminazione dei campi discorsivi e dei temi. La Cena include
considerazioni attinte alla cosmologia, alla teoria dell’interpretazione, alla storia e alla
sociologia della conoscenza, all’osservazione sociologica, alla polemica antiaccademica,
mentre i singoli dialoghi presentano in ordine i seguenti argomenti: civiltà e retorica dei
contendenti (I); società inglese (II); questioni di cosmologia, ermeneutica e filosofia della natura
(III, IV); questioni di cosmologia, nello specifico relative al movimento dei corpi celesti (V)17.
L’ipotesi che riconduce il testo al tentativo d’instaurare un nuovo ordine del discorso permette
di ricostruire la seguente scansione: nel dialogo primo l’autore annuncia il nuovo discorso e ne
stabilisce la pragmatica; nel secondo dà un resoconto delle condizioni socio-storiche del
discorso in formazione, unitamente a una sua visione politica della società; i restanti dialoghi,
dal terzo al quinto, contengono una visione cosmologica, cioè gli oggetti e gli obiettivi del
nuovo discorso, alcuni possibili obiezioni allo stesso, alcune pratiche discorsive18. In estrema
sintesi, la forma deragliante e magmatica della Cena è dunque il frutto del suo già ricordato
paradosso costitutivo, che consiste nel voler essere al tempo stesso il luogo di fondazione delle
condizioni di possibilità del nuovo discorso e il luogo della prima esposizione dei suoi
contenuti; così, l’esposizione di una dottrina cosmologica la cui novità e verità dovrebbe
assicurare la posizione precaria dell’autore s’intreccia circolarmente con il discorso incaricato
di rendere possibile l’esposizione di quella stessa dottrina nel particolare contesto inglese nel
quale l’opera prende forma. Credo che sia il dialogo su due livelli sia la costruzione allegorico-
simbolica della spedizione londinese siano da riportare a un simile stato di cose, il quale a conti
fatti rappresenta un caso particolare, e forse il più eclatante, di coesistenza problematica di forze
divergenti. Non è un caso, allora, che le strutture a doppio livello risultino sfruttate al massimo
grado proprio nella Cena.

3.1.2. La Proemiale Epistola

Il carattere fuori dall’ordinario dell’evento discorsivo rappresentato dalla Cena sembra


trovare una prima efficace espressione nella forma linguistica stessa del pezzo centrale del
paratesto, la Proemiale Epistola:

17
Ophir 1994, XXV.
18
Ophir 1994, XXIX.

205
Cena 431-2 Or eccovi, signor, presente, non un convito nettareo de l’Altitonante, per una
maestà; non un protoplastico, per una umana desolazione; non quel d’Assuero, per un
misterio; […] Ma un convito sì grande, sì picciolo; sì maestrale, sì disciplinale; sì sacrilego,
sì religioso; […]

Il dialogo-convito che si presenta al dedicatario non è uno soltanto dei molti possibili
banchetti accolti nella prima parte dell’enumerazione – che è anche il primo braccio, negativo,
della correctio; al contrario, esso è almeno una (e tendenzialmente tutte, data la relazione logica
di aggiunta veicolata dalla giustapposizione dei sintagmi aggettivali) tra le coppie di opposti
che seguono nella seconda parte; non una cosa sola, dunque, ma la congiunzione e
l’attraversamento degli opposti, la loro unità dinamica.
Accostiamo ora a quello appena visto un passaggio di poco successivo, simile al precedente
per l’impiego reiterato della correctio:

Cena 433-4 In che versa questo convito, questa cena? Non già in considerar l’animo et
effetti del molto nobile e ben creato signor Folco Grivello, alla cui onorata stanza si
convenne. Non circa gli onorati costumi di que’ signori civilissimi, che per esser spettatori
et auditori, vi furono presenti. Ma circa un voler veder quantumque può natura in far due
fantastiche befane, doi sogni, due ombre e due febbri quartane19:

La vicinanza dei due passaggi e il ritorno della struttura correlativa della correctio ci
spingono a formulare l’ipotesi che esista una correlazione tra la scelta di tale forma logico-
sintattica, dove la negazione ritarda e insieme rafforza la successiva affermazione, e
l’eccezionalità dell’oggetto che si sta cercando di definire20. La Cena, la quale diverge tanto
dall’analogia topica del banchetto della sapienza21 quanto dal genere filosofico-letterario del
dialogo, risulta essere nel contempo difficilissima da definire e assolutamente bisognosa di una
definizione, che quindi giunge in ritardo, ma con la forza e la perentorietà accresciute proprie
della correctio. Ciò nondimeno, l’opera necessita di una definizione più esplicita e però anche
in grado di non impoverirne i tratti costitutivi di ricchezza semantica, varietà, duplicità; per

19
Questo secondo movimento correttivo mette in primo piano una seconda volta, a poche pagine di distanza dal
sonetto Al mal contento, l’istanza polemica: l’oggetto del dialogo non saranno le qualità positive di Greville o
degli altri gentiluomini invitati al banchetti, bensì quelle negative dei due dottori, non ancora nominati direttamente
e invece soltanto allusi attraverso la citazione bernesca (Francesco Berni, Sonetto in lode dell’arcivescovo di
Pogliano, vv. 1-3).
20
Ophir 1994, XIX-XX: «De fait, comme dit Bruno lui-meme dans son Epitre liminaire, le Souper fut une fete hors
du commun, un événement intellectuel qui devait sortir de l’ordinaire et qui en est sorti en effet. Ce banquet étant
“à la fois grandiose et humble, magistral et estudiantin, sacrilège et religieux, allègre et colérique, âpre et enjoué”
(…), tragique et comiqueˮ), il a fallu un discours nouveau pour contenir toutes ses violentes oppositions, ses
absurdités voulues, son ironie, sa drôlerie et ses audacieuses intuitions».
21
Ellero 2005, 82-88.

206
questo l’autore inaugura la serie delle analogie metatestuali ospitate nei paratesti con
l’immagine del Sileno.
Il motivo dei Sileni, la cui lunga tradizione culmina in Erasmo (Sileni Alcibiadis, Stultitiae
Laus), da cui Bruno la recupera, ma anche nel prologo rabelaisiano al Gargantua22, compare
nell’Epistola a giustificare la scelta del registro comico23. Il ricorso al contrasto fra la povertà
della superficie e la preziosità dei sensi riposti in profondità serve però anche a selezionare un
lettore eletto, distinto dalla moltitudine dei lettori comuni, in analogia con le considerazioni che
Bruno svolgerà, in particolare nel dialogo primo, sul rapporto con la verità, che nella prospettiva
della Cena è affare di pochi o ancora meglio pochissimi «uomini contemplativi» (Cena 522),
distinti dalla «gregaria moltitudine» (p. 450). La scelta del codice comico (e di quello letterario
tout court?) può essere inoltre interpretata come ricorso al travestimento figurale in funzione
cautelativa, per evitare cioè di incorrere in censure o biasimi eccessivamente violenti (e anche
la seria nuga di Erasmo mira fra l’altro a evitare lo scontro frontale 24). Le coppie oppositive
esterno/interno e superficie/profondità permettono tuttavia di assegnare al Sileno un significato
ancora diverso e più ampio, per cui esso si costituisce in figurante del meccanismo allegorico-
simbolico che governa una parte almeno del dialogo secondo e insieme della struttura dialogica
a due piani che contrappone, ancora una volta anche in senso connotativo, la povertà
dell’occasione conviviale alla ricchezza della conversazione da essa scaturita. Il Sileno si rivela
dunque niente meno che come il modello interpretativo dell’opera offerta da Bruno ai suoi
lettori25.

3.1.3. Il dialogo su due livelli: ipotesi per una struttura

22
Così comincia il Prologo dell’autore al Libro primo del Gargantua e Pantagruele: «Bevitori illustrissimi, e voi,
Impestati pregiatissimi (perché a voi, non ad altri, sono dedicati i miei scritti), Alcibiade, in quel dialogo con
Platone intitolato Il Simposio, lodando il suo precettore Socrate, fuor di controversia principe dei filosofi, lo
dichiarò fra l’altro simile ai Sileni. Perché Sileni chiamavano allora certe scatolette come se ne vede anche oggi
nelle botteghe degli apotecari, dipinte sul coperchio a figurine allegre e strambe, come satiri, arpie, ochette
imbrigliate, lepri cornute, anitre col basto, caproni volanti, cervi aggiogati a un cocchio, e simili immagini
contraffatte a piacere col solo scopo di far ridere (quale fu nell’aspetto Sileno, il maestro dell’ottimo Bacco); ma
nell’interno vi si conservavano le droghe più fini, come balsamo, ambra grigia, cinnamono, muschio, zibetto, pietre
virtuose, e altre cose di pregio. E così, diceva lui, era Socrate» (François Rabelais, Gargantua e Pantagruele,
Torino, Einaudi, 19932, 7).
23
Per una prima analisi di tale immagine, cfr. supra 2.2.1.1.2.
24
Per designare la propria Laus Stultitiae, Erasmo ricorre all’ossimoro seria nuga (scherzo trattato in modo serio),
e contrappone, come l’Alberti del Momus, il suo lusus, che tratta indirettamente argomenti seri, alle orationes
vuote di senso dei cattivi umanisti, che ripetono luoghi comuni intorno ad argomento solenni sì, ma generici e
scontati (cfr. Geri 2011, 181).
25
Su tale funzione del Sileno in Bruno insiste Ordine 1987a, 104 ss., mentre Ferroni (1983, 44-5) applica lo stesso
tema alla concezione del mondo come teatro analizzando il Candelaio. Per la fortuna dell’immagine silenica nella
letteratura burlesca rimando a Longhi 1983, 124ss.

207
V’è un punto preciso in cui lettore della Cena percepisce la qualità effettivamente spaziale,
nel senso del dislivello verticale, della struttura a due piani che organizza lo svolgimento
testuale: è la soglia tra dialogo primo e dialogo secondo, quando, come spettatori a teatro, gli
interlocutori della cornice – altresì detta livello esterno o mimetico della rappresentazione – si
sporgono verso il basso per osservare le gesta del Nolano e ascoltare le sue parole:

Cena 465 SMITHO. — Lasciamo dumque questi discorsi, e stiamo un poco ad udire et
osservare i pensieri del Nolano. È pure assai che sin ora s’abbia conciliato tanta fede, ch’è
stimato degno d’essere udito.
Cena 466 All’ora gli disse il signor Folco Grivello: «Di grazia, signor Nolano, fatemi
intendere le raggioni per le quali stimate la terra muoversi». A cui rispose,

L’ultimo periodo (in corsivo) della battuta di Smitho, la terzultima del dialogo primo,
chiarisce la funzione di una parte cospicua dei discorsi svolti sino a quel momento sul livello
esterno: ottenere dagli interlocutori (e dunque anche dal pubblico) un assenso preliminare che
come tale consenta al Nolano di entrare in scena ed essere se non creduto, almeno reputato
degno di ascolto. Il dialogo primo, nel quale Teofilo elogia esplicitamente il Nolano e nel quale
i filosofi sono posti al di sopra dei matematici, gli uomini contemplativi al di sopra del volgo,
crea le condizioni di legittimità di un discorso filosofico non garantito da uno status adeguato
del suo locutore. La prima funzione del dialogo su due livelli pertanto è questa: creare una
duplicità di piani che permetta di dare parziale soluzione al paradosso discorsivo della Cena
così come l’ha definito Ophir. Solo attraverso il continuo ricambio tra il livello «mimetico» e
il livello «diegetico-ipomimetico» (Aquilecchia 1993b, 680) Teofilo può farsi anello di
congiunzione tra l’istanza autoriale e il personaggio del Nolano. Solo attraverso la creazione di
un dislivello rappresentativo e l’aumento dei locutori è possibile far circolare una massa di
discorsi altri rispetto a quelli strettamente filosofici, cosmologici e fisici.
Il dialogo su due piani, tuttavia, è sfruttato anche come struttura contrastiva: serve alla messa
in scena di un conflitto, e però anche alla risoluzione del negativo nel positivo, della polemica
nell’affermazione del valore del Nolano in quanto autore e filosofo. Cerchiamo allora di
articolare la contrapposizione tra i due livelli dialogici. Sono molti i segnali di una relazione
antitetica, a cominciare dagli estremi del testo: si ricordi il finale della dedicatoria, dove una
delle excusationes riguarda la mancanza di un vincolo di proporzionalità tra le «occasioni» e i

208
«sì gravi e sì degni propositi» cui esse fanno da molla26, e, all’altro opposto, la presenza stessa
dell’intero dialogo quinto, aggiunto «per non conchiudere sì sterilmente la nostra cena». Ciò
che è più interessante, però, è l’accenno alla “sterilità” del livello interno, il quale ci introduce
all’idea che i due piani corrispondano a due situazioni dialogiche opposte fra loro, ma in modo
dialettico, per cui la negativa serve alla positiva e sta lì per risolversi parzialmente in essa.
L’ipotesi dell’antitesi è poi avvalorata da alcuni elementi di sfondo: rispetto al conflitto
strutturale tra mimesi e argomentazione che contraddistingue i Dialoghi, la mimesi del livello
interno si contrappone all’argomentazione di quello esterno27; ciò comporta la distinzione tra
un piano del particolare, dove persone empiriche agiscono entro un cronotopo riconoscibile, e
un piano dell’universale, dove l’unica realtà rappresentata è quella che risulta dall’enunciazione
dialogica.
È utile a questo punto far posto a una breve digressione sul ruolo svolto nella Cena dai
personaggi dichiaratamente afflitti da pedanteria, ovvero Nundinio e Torquato sul livello
interno, Prudenzio su quello esterno28. A differenza di Prudenzio, che compare come pura voce,
Nundinio e Torquato sono descritti nella persona e nel carattere con modi da realismo grottesco.
Dei due, pedanti nel senso allargato di Bruno (qui in chiave aristotelica e biblica), spicca il tratto
della ricchezza; la catena e gli anelli d’oro, come pure il loro ricco vestiario, che
contravvengono alla povertà del pedante teatrale, avaro e per lo più assai male in arnese, sono
allegoria trasparente dell’esteriorità del loro sapere, tanto visibile come forma quanto

26
Cena 439, «Né vorrei che mi stimate degno di riprensione, per quel che sopra sì fatte inepzie e tanto indegno
campo che n’han porgiuto questi dottori, abbiamo voluto exaggerar sì gravi e sì degni propositi: per che son certo
che sappiate esser differenza da togliere una cosa per fondamento, e prenderla per occasione. I fondamenti in vero
denno esser propozionati alla grandezza, condizione e nobiltà de l’edificio. Ma le occasioni possono essere di tutte
sorte, per tutti effetti: per che cose minime e sordide son semi di cose grande et eccellenti. Sciocchezze e pazzie
sogliono provocar gran consegli, giudizii et invenzioni; lascio ch’è manifesto che gli errori e delitti han molte volte
porgiuta occasione a grandissime regole di giustizia e di bontade». Tra l’altro, la sezione finale del passo riportato
sviluppa il nucleo concettuale della contrarietà, del necessario bilanciamento e avvicendamento dei contrari nel
movimento del reale, con rimando implicito o indiretto alla dedicatoria del Candelaio, testo che insiste a più riprese
sul medesimo tema (cfr. Candelaio 263-4; sull’importanza del tema dei contrari nel discorso della commedia
insiste Puliafito 2007, 36 e passim).
27
Ellero 2005, 75-77.
28
Prudenzio è pedante in senso stretto, ovvero nell’accezione umanistico-grammaticale che la tradizione della
commedia regolare cinquecentesca assegna al termine. La continuità con tale tradizione letteraria è resa palese
nella scelta del nome, lo stesso del protagonista dell’omonima commedia del romano Francesco Belo (Il pedante,
1538). Il nomen loquens allude alla fedeltà dogmatica e servile del maestro di scuola all’autorità degli antichi,
nonché forse dal suo accontentarsi di aggirarsi sulla superficie dei verba senza ingaggiare battaglia con i problemi
delle res, ovvero del contenuto filosofico. Tale eccesso di scrupolo e zelo è messo alla berlina nelle prime pagine
del dialogo primo, prima da Frulla, ironicamente (Cena 444-5 «Io mi glorio, messer Prudenzio mio, per che voi
approvate il mio discorso, che sète più prudente che l’istessa prudenzia, perciò che sète la prudenzia masculini
generis»), e poi dallo stesso princeps Teofilo: Cena 445-6: «Voi, messer Prudenzio, sète troppo prudente:
lasciamo, vi priego, questi discorsi grammaticali, e fate conto che questo nostro raggionamento sia un dialogo;
[…]».

209
inconsistente. La squalifica che grava su di loro non è però solo intellettuale. Oltre che detentori
di un sapere arretrato e difensori del principio d’autorità, consegnati a una «pedantesca
ostinatissima ignoranza e presunzione», essi sono moralmente afflitti da «rustica inciviltà»
(Cena 534): non sanno conversare civilmente né argomentare correttamente, ricorrono a palesi
scorrettezze argomentative che vanno dalla deviazione immotivata dal problema in oggetto,
all’insistenza su dettagli marginali allo scopo di squalificare le tesi maggiori dell’avversario,
fino alla risa sguaiate e alle grida, utilizzando contro il Nolano la temibile arma del ridicolo29.
Il riso, infatti, in una discussione, equivale ad annullare con un solo gesto l’argomento portato
dall’avversario30.
Per quanto riguarda il peso e il ruolo assunti nella dinamica dello scambio dialogico, le
battute di Prudenzio sono genericamente assai brevi e di scarso incremento informativo rispetto
al discorso in atto fra gli altri interlocutori. Esse ospitano valutazioni sull’espressione e la
proprietà linguistica o retorica31, massime morali32, dichiarazioni pleonastiche o sintetiche
rispetto a quanto già detto33, citazioni in funzione di supporto. La combinazione di brevità e
inconsistenza fa sì che si possa attribuire a Prudenzio una prevalente funzione di interruzione.
Tale rottura dell’argomentazione principale si carica poi di diverse sfumature a seconda del
contesto. Se spesso è rumore di fondo, spinta digressiva, e come tale viene bloccata dagli altri
dialoganti, è anche vero che essa è portatrice di un valore dinamico e ritmico rispetto allo
scambio dialogico. Le interruzioni del pedante, infatti, introducono un principio di varietà,

29
Cena 511, «Or per tornare a Nundinio: ecco che comincia a mostrar i denti, allargar le mascelle, strenger gli
occhi, rugar le ciglia, aprir le narici, e mandar un crocito di cappone per la canna del polmone; acciò che con questo
riso gli circostanti stimassero che lui la intendeva bene, lui avea raggione: e quell’altro dicea cose ridicole».
30
Perelman–Olbrechts-Tyteca 19892, 216-221.
31
Cena 467, «Apostrophe, pathos, invocatio poetarum more» (“Apostrofe, pathos, invocazione alla maniera dei
poeti”); 444 «Optimae indolis ingenium, enumeratio minime contemnenda» (“Che ingegno di buona tempra! Che
enumerazione degna della massima considerazione!”). Con quest’ultima espressione Prudenzio loda in quanto
procedura/figura dell’accumulazione la riscrittura parodica che Frulla fa della scala del binario (Cena 443-4),
rendendo palese la scissione tra res (che egli non considera per nulla nel momento di emettere il proprio giudizio)
e verba che caratterizza la propria forma mentale.
32
Cena 457, «Rebus et in senso, si non est quod fuit ante, / fac vivas contentus eo quod tempora preaebent. /
Iudicium populi numquam contempseris unus, / ne nulli placeas dum vis contemnere multos» (“Se nei beni e nel
sentimento non c’è quel che c’era prima, fa di vivere contento di ciò che offrono i tempi; non essere mai solo a
spregiare il giudizio popolare, se non vuoi spiacere a tutti disprezzando la maggioranza”). Si tratta di una citazione
dai Disticha Catonis (III, 11; II, 29) – valida quindi anche come esempio dell’uso di citazioni, spesso come qui non
esplicite, da varie auctoritates scolastiche. Qui, come più avanti (Cena 489, «Surdorum, alii natura, alii physico
accidente, alii rationali voluntate», “Tra i sordi [ce ne sono] certi per natura, certi per un accidente fisico, certi
altri ancora per scelta razionale”), pare verificarsi un cortocircuito ironico per cui il pedante parla, a suo modo e
cioè per citazioni e latino, contro se stesso.
33
Cena 487, «TEOFILO. […] quando fummo a la piramide vicina al Palazzo, in mezzo di tre strade… PRUDENZIO.
In trivio. TEOFILO. – …quivi ne se ferno incontro sei galant’omini […]»; 550, «Nimis arduae quaestiones»
(“Problemi d’insormontabile difficoltà”).

210
un’alternanza che giova all’attenzione del lettore, e consentono inoltre, rispetto all’eloquenza-
fiume di Teofilo, qualche pausa di respiro allo stesso princeps, responsabile di battute
lunghissime, nelle quali l’argomentazione si mescola al discorso riportato, alla valutazione
polemica, alla descrizione degli ambienti e narrazione degli eventi, con un profluvio di incisi e
parentesi.
Visto il comportamento testuale di Prudenzio e le riserve già espresse sui dottori, in effetti
si può dire che nessuno dei tre pedanti è necessario allo svolgimento argomentativo
rappresentato dal testo nella sua interezza. La rottura della rappresentazione su due piani mostra
chiaramente come la Cena sia la messa in scena di due discorsi persuasivi, di due discussioni:
una effettiva, che vede coinvolti Teofilo e Smitho; una invece impossibile, mancata, che
contrappone il Nolano ai due dottori oxoniensi, cui accostiamo Prudenzio. Il vero interlocutore
della Cena, colui che è sufficientemente incerto e curioso per poter modificare la propria
opinione, è Smitho. La presenza dei pedanti invece, non si spiega in termini dialettici, quanto
semmai polemici. Ed è per questo che a nessuno di loro è concesso il privilegio di una
rappresentazione, con Auerbach, seria e problematica: li si dipinge sfruttando la degradazione
comica poiché la loro partecipazione al dialogo va compresa soprattutto come funzionale a un
incremento della presenza del bersaglio polemico. L’inclusione dei pedanti ha funzionalità
argomentativa perché pone al centro della coscienza, in forma degradata, chi si oppone alla
nova philosophia.
Arrivati a questo punto, è lecito chiedersi se vi sia qualcosa che possa garantire la
circolazione dei discorsi, la possibilità stessa della contrapposizione e del confronto tra gli
elementi disposti sui due livelli del dialogo. Non si hanno dubbi nel rispondere che questo
qualcosa in grado di fare da giunto fra i due piani è un qualcuno: Teofilo. Ricostituendo l’unità
della situazione rappresentata e così garantendo l’operatività di tutti i discorsi pronunciati nello
spazio esterno dell’extratesto34, è il princeps il punto di articolazione nel quale i due piani
possono convergere – o dal quale iniziano a dividersi – così come, a un livello più profondo, la
figura in grado di mediare fra le altre due incarnazioni testuali dell’autore empirico, la voce
autoriale non filtrata della dedicatoria e il personaggio-eroe del Nolano35. Esso può svolgere

34
Ellero 2005, 73-4.
35
La coincidenza di Teofilo col Nolano è affermata con chiarezza: Cena 450-1 «Or che dirrò io del Nolano? Forse
per essermi tanto prossimo quanto io medesmo a me stesso, non mi converrà lodarlo? Certamente uomo
raggionevole non sarà che mi riprenda in ciò: atteso che questo talvolta non solamente conviene, ma è anco
necessario, come bene espresse quel terso e colto Tansillo: “Bench’ad un uom, che preggio et onor brama, / di se
stesso parlar molto sconvegna, / per che la lingua, ov’il cor teme et ama, / non è nel suo parlar di fede degna; /

211
questa funzione per il fatto di essere l’unico, tra gli interlocutori di tutt’e due i piani, a esistere
in entrambi i mondi rappresentati, quello realistico del livello interno e quello invisibile e
puramente verbale del livello esterno. Tale condizione di ubiquità, per nulla celata e anzi messa
in risalto nel testo in più punti, rappresenta un tentativo di soluzione, sul piano dell’inventio, al
paradosso discorsivo della Cena, ovvero alla circolarità esistente tra il discorso dottrinale
innovativo e il discorso, in funzione preventiva, incaricato di creare le condizioni perché il
discorso dottrinale possa essere ritenuto legittimo.

3.1.4. La dimensione allusiva del testo

Fin dall’Epistola, la Cena si distingue dagli altri dialoghi del corpus italiano – Cabala
esclusa – per il suo più ricco corredo di riferimenti allusivi a referenti extratestuali, dottrine e
testi altrui. Alcune di queste allusioni, quali ad esempio quelle alla materia religiosa, sono
trasparenti e scoperte, altre invece decisamente più opache e criptiche. Vi sono allusioni più
innocue, che mirano a far emergere un contenuto la cui espressione diretta sarebbe giudicata,
per motivi diversi, sconveniente: così il ringraziamento al Castelnau per il sostegno economico
ricevuto (con l’aggiunta, forse, di un’ulteriore richiesta)36, e soprattutto una serie di riferimenti
più o meno criptati alle proprie opere37. La più parte dei rinvii, tuttavia, trattandosi di Bruno, e
del Bruno risentito che redige in tutta fretta, a breve distanza dagli eventi dell’estate 1583, il
testo della Cena, esprime un’intenzione aggressiva e mira a ottenere un effetto dissacrante,
spesso ricorrendo al modo ironico. In alcuni casi si dubita il lettore potesse cogliere la funzione

l’esser altrui precon de la sua fama / pur qualche volta par che si convegna, / quando vien a parlar per un di dui: /
per fuggir biasmo, o per giovar altrui”. Pure, se sarà un tanto supercilioso che non vogli a proposito alcuno patir
la lode propria o come propria, sappia che quella talvolta non si può dividere da sui presenti e riportati effetti».
Interessante, dal punto di vista dell’autorappresentazione del filosofo, che le eccezioni alla buona norma di evitare
l’elogio di se stessi siano fatte consistere 1) nel giovamento che l’elogio può recare ad altri; 2) nell’impossibilità,
in alcuni casi, di separare l’elogio del soggetto da quello degli «effetti» da lui riportati.
36
Così questo rimando indirizzato al Castelnau nelle battute finali della dedicatoria: Cena 440, «dove se questo
terreno in vece che manda fuori mille torvi gigantoni, producesse altri tanti Alessandri Magni, vedreste più di
cinquecento venir a corteggiar questo Diogene, il qual per grazia de le stelle non hav’altro che voi che gli venga a
levar il sole, se pur (per non farlo più povero di quel cinico mascalzone) manda qualche diretto o reflesso raggio
dentro quella buca che sapete». Interpreterei così: il Castelnau è l’unico potente che tributa omaggio al povero
filosofo, che a differenza di Diogene amerebbe ricevere un sostegno materiale; per non fare l’autore più povero di
Diogene, il sole/Castelnau manda qualche raggio nella buca, ovvero fornisce a Bruno un minimo di mezzi.
37
Cena 432, «non d’un Bonifacio Candelaio, per una comedia»; 447, «E tu, Mnemosine mia, ascosa sotto trenta
sigilli, e rinchiusa nel tetro carcere dell’ombre de le idee, intonami un poco ne l’orecchio» (Allusione alle opere
mnemoniche Triginta sigillorum explicatio e De umbris idearum); 486, «Vorrei sapere se egli numerò questi
rintuzzi et urti salvaticini che dici esserno stati quaranta. Mi fate venir a memoria mastro Mamfurio, al quale certi
marranchini ne ferno contare non so quante. Quest’ultima, in bocca a Frulla, è un’allusione a Candelaio 421-422
(atto V, scena 25), dove il pedante Mamfurio è preso a staffilate. Marranchini , per «marioli», è termine napoletano
esemplato sullo spagnolo «marrancho».

212
negatrice del richiamo, com’è per il rinvio ad Adamo e al peccato originale (alla cui origine sta
il convito «non […] protoplastico, per una umana desolazione» costituito dal pasto proibito
della mela) contenuto nell’elenco che apre l’Epistola, ironico per il fatto che Bruno «ammette
l’esistenza dei preadamiti e soprattutto l’origine naturale e poligenetica degli esseri umani»38.
Frequenti sono proprio le allusioni parodiche alle Scritture39, che se non parodiche in senso
stretto (dato che evitano il confronto con la lettera biblica o liturgica) sono almeno stranianti
per la rifunzionalizzazione semantica imposta dal mutamento di contesto; così per il rinvio del
Nolano alle tentazioni di Cristo e alla dottrina delle indulgenze nel quadro delle botte ricevute
dalla plebe londinese, dove però l’effetto dissacrante mi pare secondario rispetto a un intento
di efficacia letteraria che fa leva sull’ironia e l’autoironia, e alla volontà d’indurre il riso
attraverso una caratterizzazione della vicenda narrata all’insegna della sproporzione:

Cena 485 Dice il Nolano che in diece mesi ch’ha soggiornato in Inghilterra, non ha
profittato quanto questa una sera in far penitenze e guadagnar perdoni. Questa sera gli fu
bene accomodata ad esser principio, mezzo, e fine de la quarantana. «Questa sera» disse,
«voglio che vaglia per la penitenza ch’arrei fatta diggiunando quaranta giorni benedetti e
quaranta notte ancora. Questa sera son stato nel deserto: dove non per una, o tre, ma per
quaranta tentazioni ho guadagnato quarantamilia anni d’indulgenzia plenaria…»

Nella Cena mi paiono ben attestati entrambi i regimi dell’allusività bruniana: se quello
contestuale è senza dubbio dovuto al carattere reattivo e fortemente coinvolto del primo dialogo,
quello culturale è invece da riportare al processo di arricchimento simbolico che interviene a
qualificare gli attori e i processi del nuovo ordine linguistico: il Nolano e i suoi avversari, il
dialogo stesso; nonché a sviluppare il filone veritativo della costruzione allegorico-simbolica
nel dialogo secondo, un aspetto sul quale avremo modo di tornare diffusamente. Quanto agli
avversari, invece, vediamo come alla centralità negativa dei due dottori corrisponda le messa
in atto di una strategia allusiva ad hoc.

3.1.5. La trama delle allusioni prolettiche

38
Riprendo le parole di Giovanni Aquilecchia dalla nota al testo di Cena 432.
39
Cena 487 «PRUDENZIO. — In silentio et spe erit fortitudo vestra. Si quis dederit tibi alapam, tribue illi et
alteram» (“Nel silenzio e nella speranza sarà la vostra forza. Se qualcuno ti dà uno schiaffo, rendigliene un altro”,
che rovescia la celeberrima massima evangelica; cfr. Isaia, XXX, 15 e Matteo, V, 39). A partire da p. 482 si registra,
nel dialogo secondo, un incremento della polemica religiosa. Tuttavia è il Candelaio il testo in cui, sfruttando la
risorsa “inventiva” costituita dal popolino napoletano e dal suo immaginario popolare, caustico e aggressivo, la
verve parodica antireligiosa bruniana può sbizzarrirsi.

213
Come abbiamo già avuto modo di dire, la funzione polemica domina retoricamente la Cena
e ne determina quindi in misura consistente la testualità. Abbiamo facoltà di rendercene conto
osservando il trattamento peculiare cui è sottoposta la principale incarnazione del negativo in
tale dialogo, costituita dai due dottori Nundinio e Torquato, gli antagonisti dialettici (o meglio
non dialettici) del Nolano cui è riservata la zona centrale dei dialoghi terzo e quarto. Lo spazio
riservato alle presentazione e confutazione delle loro tesi aristotelico-tolemaiche è tuttavia
minore di quello lasciato alla degradazione sistematica delle loro persone nella loro interezza:
aspetto esteriore, carattere e atteggiamento, difetti dialettici o pragmatici che dir si voglia. Tale
scelta può essere motivata ricorrendo ai tratti specifici dell’argomentazione bruniana, che è più
spesso indiretta e performativa che non diretta e discorsiva, ma anche a una ragione più
semplice: l’inesistenza di una vera discussione cosmologica tra gli interlocutori del livello
interno, il che sposta di necessità il confronto, in sé ineludibile, su altri piani. A ogni modo, a
riprova di quanto l’istanza polemica sia determinante per la costruzione del testo, nemmeno la
messa in scena della loro inadeguatezza sociale e culturale prima che filosofica basta agli scopi
bruniani. La comparsa sul piano interno di Nundinio e Torquato rispettivamente nel terzo e nel
quarto dialogo è quindi attentamente preparata – e come tale messa ulteriormente in risalto –
da un filo rosso degradante che percorre in modo carsico il testo e il paratesto. Fuor di metafora,
si tratta di una lunga catena di allusioni prolettiche in funzione negatrice, incaricata di ribattere
e così fissare la carica assiologica negativa dei dottori prima della loro effettiva entrata in scena.
In questo modo si ottengono due risultati: da un lato la squalifica preventiva degli avversari è
inserita con dolcezza e gradualità (ma anche con un che di inesorabile) nella mente dei lettori;
dall’altro si crea una relazione di complicità tra la funzione-autore e i lettori, che si ritrovano
assimilati ai personaggi della cornice e quindi naturalmente disposti ad allontanarsi dai dottori
per empatizzare col Nolano.
Tale compatta serie allusiva – all’interno della quale rubrichiamo solo i riferimenti più o
meno indiretti, tenendo separate le menzioni esplicite40 – comincia addirittura sul frontespizio,

40
La prima menzione (per la quale rimando al prossimo esempio messo a testo, Cena 436-7) è esplicita di fatto
solo a metà, perché dà il nome e la qualifica del dottor Nundinio dopo aver descritto allusivamente Torquato (nel
momento in cui si allude al secondo, si svela finalmente, così en passant, l’identità del primo). Bisogna aspettare
questa battuta di Prudenzio per poter godere di un’immagine nitida: Cena 445, «e cossì insino al tramontar del
sole protelaremo il nostro tetralogo, circa il successo del colloquio del Nolano col dottor Torquato et il dottor
Nundinio», mentre la seguente battuta di Frulla, con la quale si esemplifica una categoria di interlocutori appena
definita da Teofilo come quella degli «alcuni tanto maligni e scelerati, che per una certa neghittosa invidia si
adirano e inorgoliano», è una vera e propria prolessi narrativa, con tanto di battuta di discorso diretto Cena 457-8,
«Come avvenne a que’ doi dottori barbareschi, de quali parlaremo, l’un de quali non sapendo più che si rispondere
e che argumentare, s’alza in piedi in atto di volerla finir con una provisione di adagii d’Erasmo, o ver co i pugni,

214
dove possiamo leggere il sottotitolo: «DESCRITTA IN CINQUE DIALOGI / PER QUATTRO

INTERLOCUTORI / CON TRE CONSIDERAZIONI / CIRCA DOI SUGGETTI». Mentre sfugge il referente
delle «tre considerazioni», i «doi suggetti» sono senza dubbio gli accademici oxoniensi, messi
in campo fin da subito in forma criptica come anticipo velato della funzione satirica dominante.
Allusivo, e non generico, può essere considerato poi anche il sonetto introduttivo Al mal
contento, fin dal titolo allocutorio, che designa al singolare l’avversario dell’autore che si è
inteso fustigare redigendo e pubblicando la Cena.
Nell’Epistola dedicatoria il procedimento è insistito, a partire da questo punto:

Cena 432 Voglio dire: dopo ch’arrete odorato con i Peripatetici, mangiato con i Pitagorici,
bevuto con Stoici, potrete aver ancora da succhiare con quello che mostrando i denti avea
un riso sì gentile, che con la bocca toccava l’una e l’altra orecchia. Perché rompendo
l’ossa e cavandone le midolla, trovarete cosa da far dissoluto san Colombino patriarca de
gli Gesuati; far impetrar qualsivoglia mercato, smascellar le simie, e romper silenzio a
qualsivoglia cemiterio.

L’allusione intratestuale è precisa: «quello che mostrando i denti avea un riso sì gentile, che
con la bocca toccava l’una e l’altra orecchia» è Nundinio, il primo dei due avversari, così come
esso fa la sua comparsa all’inizio del dialogo terzo, dove «spiccato da la bocca un delicato
risetto, e sputato una volta, comincia in questo modo […]» (Cena 489). Tuttavia, oltre a
inchiodare il rimando, è interessante tentare di dare un senso ai simboli utilizzati da Bruno nel
suo vorticoso movimento immaginativo. Mi sembra ad esempio che si possa interpretare
l’immagine del rompere le ossa per cavarne il midollo a due altezze diverse 41. Il primo
significato è quello chiarito dal prosieguo immediato: in un qualche modo il riso di Nundinio,
designato ironicamente come «sì gentile», si riverbera sui lettori, i quali trarranno
dall’accademico abbondante materia di riso. L’immagine corporea però, ha una semantica
antitetica, fondata sull’opposizione tra la durezza e povertà della superficie e la ricchezza
custodita dal profondo, che la mette in rapporto con l’immagine del Sileno (che comparirà più
avanti, dopo l’esposizione degli Argomenti). Non è un caso credo, che, seppure in ordine

cridò: / «Quid? non ne Anticyram navigas? Tu ille philosophorum protoplastes, qui nec Ptolomeo, nec tot
tantorumque philosophorum et astronomorum maiestati quippiam concedis? Tu ne nodum in scirpo quaeritas?»;
et altri propositi, degni d’essergli decisi a dosso con quelle verghe doppie (chiamate bastoni) co le quale i facchini
soglion prender la misura per far i gipponi a gli asini»; la prolessi anticipa Cena 533, dove infatti Teofilo si
accontenta di narrre in modo assai sintetico: «Ascoltate d’avantaggio. Mentre tutti stavano ad aspettar quel tanto
desiderato argumento, ecco che voltato il dottor Torquato a gli commensali, dal profondo della sufficienza sua
sguaina e gli viene a donar sul mostaccio uno adagio erasmiano: “Anticiram navigat”».
41
Ho già affrontato questo passaggio, seppure da una prospettiva diversa, nel capitolo precedente (cfr. supra
2.2.2.1).

215
inverso, il Sileno e l’«osso medullare» compaiano appaiati anche nel Prologo dell’autore al
primo libro del Gargantua, a designare la dialettica di titolo e testo, lettera e senso più alto che
contraddistingue l’opera rabelaisiana42. Quanto a Bruno, un luogo testuale di poco successivo
non lascia molti dubbi sull’esistenza di un significato simile attivo anche qui:

Cena 436-7 Nel resto vi se pone avanti uno, che non sapea né disputar, né dimandar a
proposito — il quale per esser più impudente et arrogante, pareva a gli più ignoranti più
dotto ch’il dottor Nundinio: ma vedrete che non bastarebbono tutte le presse del mondo,
per cavar una stilla di succhio dal suo dire — per prender materia da far dimandar Smitho,
e rispondere il Teofilo;

L’immagine utilizzata per presentare Torquato (il cui nome non compare, mentre però
troviamo nominato per la prima volta Nundinio, in questa che è la prima menzione più o meno
esplicita degli avversari del Nolano) è molto simile a quella impiegata per Nundinio, anche se
declinata negativamente; la glossa che la segue («per prender materia da far dimandar Smitho,
e rispondere a Teofilo») – nel cui dominio possiamo includere senza remore la precedente
analogia di Nundinio – rende palese il figurato dell’analogia, che consiste nella relazione tra il
livello interno e quello esterno delle considerazioni svolte da Smitho e Teofilo43. Mi sembra in
gioco ci sia insomma ancora una volta la struttura doppia del dialogo, o comunque l’idea di una
duplicità di piani in rapporto reciproco, nonché tra loro deliberatamente non proporzionati,
come modello interpretativo fondamentale dell’opera e dei discorsi che in essa hanno modo di
prodursi.

42
Cito sempre dal Prologo dell’autore: «Ma non avete mai visto un cane quando incontra qualche osso medullare?
È, come dice Platone (De rep., lib. II) la bestia più filosofa del mondo. E se l’avete veduto, avrete potuto notare
con qual devozione lo sbircia, con quanta cura gli fa la guardia, con quale fervore lo agguanta, con quanta prudenza
comincia a intaccarlo, con quanta passione lo spezza, e con qual diligenza se lo succhia. E chi lo induce a far ciò?
Quale è la speranza di tanto studio? Qual bene se ne promette? Niente più che un po’ di midollo. […] Appunto
sull’esempio di questo cane, vi bisogna esser savi: per poter annusare, sentire e apprezzare questi bei libri di gran
succo, svelti nell’andatura ma arditi nell’assalto; e poi, con curiosa lettura e meditazione frequente, rompere l’osso
di fuori e succhiare la sostantifica midolla (e cioè quello che io ho voluto significarvi per mezzo di questa
simbologia pitagorica) con sicura speranza di diventare scorti e valenti in questa mia lettura» (Rabelais,
Gargantua, p. 8).
43
Possiamo aggiungere a questa, che ritengo essere la prova decisiva, altre due rispondenze testuali che mi paiono
avvalorare la tesi qui proposta: all’interno del passo citato, le analoghe operazioni svolte con Peripatetici, Pitagorici
e Stoici che precedono, dove a essere in gioco è qualche dottrina filosofica, e non certo soltanto il riso; la chiusa
della sezione introduttiva dell’Epistola, dove ritorna, sempre in funzione di figurante, una sfera semantica analoga:
Cena 434, «Ma circa un voler veder quantumque può natura in far due fantastiche befane, doi sogni, due ombre e
due febbri quartane: del che mentre si va crivellando il senso istoriale, e poi si gusta e mastica, si tirano a proposito
topografie, altre geografice, altre raziocinali, altre morali; speculazioni ancora, altre metafisiche, altre
matematiche, altre naturali». L’oggetto è lo stesso, anche se si tratta di entrambi i dottori e non solo di Nundinio,
così come l’operazione, che consiste da un lato nel profittare del piano diegetico dalla rappresentazione di quelli
offerto (il «senso istoriale»), dall’altro nel trarre da esso una serie di considerazioni (le «topografie»).

216
La successiva allusione, poco oltre, si serve di una citazione da Berni (Sonetto in descrizion
dell’arcivescovo di Firenze, vv. 1-3), per ribadire lo stesso concetto di Cena 432, stavolta però
relativamente a entrambi i dottori: Cena 433-4, «Ma circa un voler veder quantumque può
natura in far due fantastiche befane, doi sogni, due ombre e due febbri quartane». Più
interessante tuttavia è la tappa successiva, quando, nell’Argomento al dialogo primo, il lettore
attento sentirà risuonare un’espressione del frontespizio, alla quale ora è in grado di associare
il referente dei due avversari: Cena 434, «Onde vedrete nel primo dialogo proposti in campo
doi suggetti con la raggion di nomi loro, se la vorrete capire». L’ultima sezione della dedicatoria
è riservata a una duplice antonomasia a struttura antitetica: «[…] in questo clima dove i
mercanti senza conscienza e fede, son facilmente Cresi; e gli virtuosi senz’oro, non son
difficilmente Diogeni»44. Giunti a questo punto, il riferimento contrastivo da un lato al Nolano
(Diogene), dall’altro ai suoi antagonisti (Creso), che nel seguito (Cena 441-2) saranno descritti
proprio nei termini di un’estrema ricchezza esteriore (ovviamente contrapposta alla povertà
interiore, coerentemente alla loro natura di Sileni rovesciati), è ormai trasparente.
In generale, senza esporre nel dettaglio gli altri casi, possiamo dire che una simile traccia
allusiva ha per effetto di creare progressivamente una nicchia, uno spazio vuoto ma delimitato
con chiarezza, pronto ad accogliere i protagonisti negativi del dialogo. Tale procedimento tocca
il suo apice nel ritratto per tessere offerto al lettore dal rapido incipit del dialogo primo:

Cena 441 [SMITHO.] — Parlavan ben latino?


TEOFILO. — Sì.
SMITHO. — Galant’uomini?
TEOFILO. — Sì.
SMITHO. — Di buona riputazione?
TEOFILO. — Sì.
SMITHO. — Dotti?
TEOFILO. — Assai competentemente.
SMITHO. — Ben creati, cortesi, civili?
TEOFILO. — Troppo mediocremente.
SMITHO. — Dottori?
TEOFILO. — Messer sì, padre sì, madonnasì, madesì: credo da Oxonia.

Esso si apre, infatti, oltre che nel mezzo della conversazione, con apparente casualità, come
tutti gli altri, su di un referente sottinteso coincidente ancora una volta con i «doi suggetti», a

44
Si ricordi che questa non è l’antonomasia strutturata in questo modo (cfr. supra 2.2.1.1.2).

217
ribadire all’interprete che non sottovaluti per nessuna ragione l’istanza satirica, presente
nell’opera in modo assai più pervasivo e strutturante di una generica tonalità.
Ne do una sola prova, sempre dal dialogo primo, provandomi a interpretare l’episodio della
«scala del binario» (Cena 442-4), una digressione numerologica all’apparenza gratuita che vede
protagonisti in ordine Teofilo e Frulla:

FRULLA. — Conforme al proposito di que’ prefati doi, farò un’altra scala del binario. Le
bestie entrorno ne l’arca a due a due; ne uscirono ancora a due a due. Doi sono i corifei di
segni celesti: Aries e Taurus. Due sono le specie di nolite fieri: cavallo e mulo. Doi son gli
animali ad imagine [e] similitudine de l’uomo: la scimia in terra, el barbagianni in cielo.
Due sono le false et onorate reliquie di Firenze in questa patria: i denti di Sassetto, e la
barba di Pietruccia. Doi sono gli animali che disse il profeta aver più intelletto ch’il popolo
d’Israele: il bove, perché conosce il suo possessore, e l’asino, perché sa trovar il presepio
del padrone. Doi furono le misteriose cavalcature del nostro redentore, che significano il
suo antico credente ebreo, et il novello gentile: l’asina et il pullo. Doi sono da questi li nomi
derivativi ch’han formate le dizzioni titulari al secretario d’Augusto: Asinio e Pullione. Doi
sono i geni de gli asini: domestico e salvatico. Doi i lor più ordinarii colori: biggio e
morello. Due sono le piramidi nelle quali denno esser scritti e dedicati all’eternità i nomi
di questi doi et altri simili dottori: la destra orecchia del caval di Sileno, e la sinistra de
l’antigonista del dio de gli orti.

L’intervento di Frulla è una sorta di raddoppio di quello Teofilo45, secondo un procedimento


bachtinianamente carnevalesco, improntato al realismo grottesco, che rovescia l’alto in basso,
trasponendo sistematicamente gli elementi astratti e immateriali nella sfera del basso corporeo,
qui raccolta attorno alla figura asinina. Abbiamo dunque una prima serie di dieci addendi
filosofica e seria, che ritorna capovolta in una seconda serie d’identico numero d’addendi,
teologica solo all’apparenza, in realtà comica e parodica. In più, mentre la prima serie include
una pluralità eterogenea di referenti, la seconda comprende – con l’unica eccezione del quinto
addendo, che allude ironicamente agli esuli italiani Tommaso Sassetto e Petruccio Ubaldini,
probabili avversari di Bruno nella corsa ai favori regi («i denti di Sassetto e la barba di
Pietruccia») – soltanto bestie, per restringere ulteriormente la selezione dal sesto addendo
all’ultimo sul solo asino. Tale circolarità e assenza di sviluppo rivela, più ancora che la scelta

45
Questo l’intervento di Teofilo da cui Frulla prende le mosse: «Perché due sono le prime coordinazioni, come
dice Pitagora: finito et infinito, curvo e retto, destro e sinistro, e và discorrendo. Due sono le spezie di numeri: pare
et impare, de quali l’una è maschio, l’altra è femina. Doi sono gli Cupidi: superiore e divino, inferiore e volgare.
Doi sono gli atti de la vita: cognizione et affetto. Doi sono gli oggetti di quelli: il vero et il bene. Due sono le specie
di moti: retto con il quale i corpi tendeno alla conservazione, e circulare col quale si conservano. Doi son gli
principii essenziali de le cose: la materia e la forma. Due le specifiche differenze della sustanza: raro e denso,
semplice e misto. Doi primi contrarii et attivi principii: il caldo et il freddo. Doi primi parenti de le cose naturali:
il sole e la terra».

218
del figurante degradante dell’asino (poiché di vero e proprio figurante dobbiamo in questo caso
parlare, visto che le coppie dei vari addendi si proiettano di fatto analogicamente sui due
dottori), un’insistenza di matrice polemica rivolta contro i due accademici inglesi.

3.1.6. La dimensione allegorico-simbolica del testo

La dimensione allegorica della Cena è annunciata nella dedicatoria, anche se in un modo


criptico che rende difficile districarla dai riferimenti alla struttura del dialogo su due livelli – il
che introduce l’ipotesi o quantomeno il sospetto che i due fenomeni, allegoria e dialogo su due
piani, possano essere funzionalmente affini e come tali rubricati sotto la stessa categoria retorica
dalla coscienza compositiva dell’autore. Li ritroviamo infatti disposti uno accanto all’altro nel
momento in cui la voce autoriale risponde, nella sezione introduttiva dell’Epistola, alla
domanda «In che versa questo convito, questa cena?»46:

Cena 433-4 Ma in circa un voler veder quantumque può natura in far due fantastiche
befane, doi sogni, due ombre e due febbri quartane: del che mentre si va crivellando il senso
istoriale, e poi si gusta e mastica, si tirano a proposito topografie, altre geografice, altre
raziocinali, altre morali; speculazioni ancora, altre metafisiche, altre matematiche, altre
naturali.

Il primo segmento della frase complessa (infinitiva oggettiva + completiva), oltre a rib