Sei sulla pagina 1di 1

HOME CHI SONO SITI WEB ASSISTENZA WORDPRESS PORTFOLIO F.A.Q.

Preventivo

Home » Linux

Trasferire WordPress: guida su come


migrare su un nuovo Hosting
22/11/2019 Linux, Web Hosting, Wordpress Autore: Emilio Petrozzi

Se si decide di trasferire il proprio sito web WordPress su un hosting più veloce e performante basterà seguire i seguenti passaggi e in breve tempo
sarà possibile avere il proprio sito attivo sul nuovo hosting.

Molto spesso, dopo aver attivato il nuovo servizio di hosting presso cui effettuare il trasferimento, temendo che le procedura sia più complessa di
quanto è realmente, ci si rivolge ad un professionista per spostare il proprio sito web.

Ma seguendo questo tutorial sarà possibile effettuare il trasferimento senza troppe difficoltà e in caso di problemi si potrà ripristinare il tutto senza
alcun inconveniente.

Di seguito sono elencati i passaggi necessari per spostare un sito web WordPress su un nuovo servizio di hosting, ma prima di iniziare ad
analizzare come è possibile effettuare tale migrazione bisogna considerare che molto spesso gli stessi gestori dei servizi di hosting WordPress
effettuano tale trasferimento.

Quindi se si è acquistato un nuovo piano di hosting e si sta cercando di spostare sul nuovo spazio il sito web accertarsi se il nuovo provider di
hosting offre la migrazione gratuita.

Sommario
Passaggi previsti per il trasferimento di un sito web WordPress da un Hosting provider ad un'altro.:

1. Eseguire il backup dei file del sito Web WordPress


2. Esportazione del database di WordPress
3. Creare un nuovo database WordPress sul nuovo hosting web
4. Modifica del file wp-config.php
5. Importazione dei dati nel nuovo Database
6. Importazione dei file WordPress sul nuovo spazio di hosting
7. Registrazione di un nuovo dominio, sostituzione del vecchio dominio
8. Modifiche finali

Passaggio 1: Eseguire il backup dei file del sito Web WordPress

Il primo passo è il backup di tutti i file contenuti nella cartella root, cartella che di solito corrisponde alla cartella public_html del sito web. Questo
passaggio è sempre consigliato prima di effettuare ogni cambiamento o modifica importante, ma in questo caso è un'operazione indispensabile per
la migrazione dell'installazione di WordPress.

Come è noto ci sono diversi plugin WordPress in grado di eseguire il backup completo di un sito in modo del tutto automatico. Ma questo guida
segue invece un approccio più manuale per ottenere tale risultato. In particolare aiuterà a comprendere quali file sono coinvolti nel processo di
trasferimento e come impostare i vari parametri di configurazione sul nuovo spazio web.

A tale scopo utilizzeremo un programma FTP (ad esempio FileZilla) e ci connetteremo allo spazio web dove si trova attualmente il sito web e
copieremo tutti i file presenti nella directory del sito web in una cartella sul computer locale.

Ciò include anche il file .htaccess, file che in alcuni programmi FTP è impostato per essere non visibile. In tal caso nelle opzioni del programma
FTP in uso attivare l'opzione per visualizzare i file nascosti e procedere con il download anche di questo file.

Il tempo necessario per scaricare tutti i file dipende sopratutto dal numero di contenuti multimediali presenti sul sito. Durante il download del
contenuto del sito web possiamo iniziare con il secondo passaggio, ovvero creare una copia del database.

Passaggio 2: Esportazione del database di WordPress

L'esportazione del database è un processo semplice che richiede solo pochi passaggi per il completamento. Una volta effettuato l'accesso
all'account di cPanel del server web apriamo l'applicazione phpMyAdmin.

Selezionano il database che contiene l'installazione di WordPress dall'elenco sulla barra laterale di sinistra e una volta selezionato basterà cliccare
sul pulsante Esporta nel menu di navigazione.

Le impostazioni predefinite dell'esportazione rapida e il formato SQL adottato per l'esportazione sono ciò di cui abbiamo bisogno in questo caso.
Quindi una volta fatto clic sul pulsante Esporta inizierà il processo di esportazione del database e un file verrà scaricato sul computer locale.

Una volta completata l'esportazione del database e il trasferimento FTP dei file, siamo pronti per passare alla fase successiva.

Passaggio 3: Creare un nuovo database WordPress sul nuovo hosting


web

Prima di poter iniziare la migrazione vera e propria sul nuovo hosting web dovremo creare un'ambiente idoneo all'installazione di WordPress. Per
fare ciò sarà necessario creare un database in cui importeremo i dati contenuti nel file SQL scaricato in precedenza sul vecchio hosting web.

Effettuiamo dunque il login sul nuovo hosting web con le credenziali utente che sono state fornite in fase di registrazione e accediamo sul pannello
di controllo cPanel.

In questo tutorial utilizzeremo l'applicazione database MySQL presente nel pannello. Se il nuovo servizio di hosting web non ha tale applicazione
in esecuzione basterà contattare il supporto chiedendo quel è la modalità adottata per la creazione di nuovi database.

I passaggi per creare un database sono molto semplici:

Apriamo dal pannello la sezione database MySQL e creiamo un nuovo database con un nome appropriato per il nostro sito web.
Creiamo un nuovo utente MySQL (con una password sicura).
Aggiungiamo un nuovo utente al nuovo database e gli concediamo tutti i privilegi disponibili.
Annotiamo il nome del database, il nuovo nome utente MySQL e la relativa password che andremo ad inserire nel file di configurazione.

Passo 4: Modificare il wp-config.php file


A questo punto passiamo nella cartella che abbiamo scaricato sul computer locale e nella quale sono presenti i file del sito Web. In tale cartella
andremo a settare i parametri presenti nel file wp-config.php il quale consente di impostare le variabili WordPress che permettono di accedere al
database MySQL.

Per sicurezza creiamo una copia di questo file di configurazione e la salviamo in un'altra cartella sul computer locale. Ciò per per poter essere in
grado di ripristinare le modifiche che stiamo per apportare qualora qualcosa dovesse andare storto.

Apriamo la versione originale del file con l'editor di testo preferito e apportiamo le seguenti modifiche:

1. Modificare il nome del database


Individuiamo la seguente riga:

define ('DB_NAME', 'db_name');

Il nome nome_db di questa riga risulterà impostato con il nome del database MySQL del vecchio web hosting. Tale nome lo sostituiremo con il
nome del nuovo database che abbiamo appena creato.

2. Modificare il nome utente del database


Subito dopo troveremo la seguente riga:

define ('DB_USER', 'db_user');

In questa riga è necessario sostituire db_user che corrisponde al nome utente del vecchio host in modo che riporti il nuovo nome utente appena
creato.

3. Modificare la password dell'utente del database


Infine, modificare la riga relativa alla password del database:

define ('DB_PASSWORD', 'db_pass');

Come già fatto in precedenza anche per la sezione db_pass di questa riga procediamo con la sostituzione con la nuova password creata per l'utente
MySQL.

A questo punto possiamo salvare e chiudere il file wp-config.php.

Passaggio 5: Importare i dati nel nuovo database


Ora che abbiamo un nuovo database e impostato la relativa configurazione possiamo iniziare il processo di importazione.

Avviamo phpMyAdmin attraverso il pannello di controllo cPanel sul nuovo server e selezionano il nuovo database dall'elenco nella barra laterale
sinistra. Una volta aperto, selezioniamo il pulsante Importa dal menu di navigazione.

Nella sezione File da importare facciamo clic sul pulsante Scegli file e selezionano il file SQL che abbiamo esportato in precedenza.

Deselezionano la casella di controllo "Importazione parziale", assicurandoci che il formato sia impostato su SQL, quindi facciamo clic sul pulsante
"Vai" per dare inizio all'importazione dei dati contenuti nel file salvato in precedenza.

Il tempo necessario per l'importazione varia in base alle dimensioni del database. Ad importazione ultimata riceveremo un messaggio che ci
segnalerà se l'operazione di caricamento dei dati è andata a buon fine.

Passaggio 6: Importazione dei file WordPress sul nuovo spazio di


hosting
Una volta importati i dati sul nuovo database e riconfigurato il file wp-config.php possiamo iniziare a caricare i file del sito sul nuovo spazio web.

Ci connettiamo al nuovo servizio di hosting web usando un programma FTP come il client FTP FileZilla e in tale programma apriamo nella
sezione dei file locali la cartella nella quale abbiamo scaricato in precedenza il sito web.

Se sul nuovo spazio web il nostro sito è il sito principale, oppure è l'unico che viene installato sul server, procediamo con il caricamento dei file
nella cartella standard public_html.

Con la directory remota selezionata possiamo quindi caricare tutti i file del sito Web con inclusa la versione aggiornata del file wp-config.php.

Come per il download precedente, anche questa fase di upload può richiedere del tempo in base alla velocità della linea internet e del numero dei
files del sito web.

Una volta ultimato il trasferimento FTP è sempre consigliato non eliminare i files del sito web che abbiamo sul computer locale in quanto
potrebbero essere sempre utili in caso di problemi. Selezionando la cartella locale con il tasto destro del mouse possiamo quindi comprimerli e
salvarli in un posto sicuro.

Passaggio 7: Registrazione nuovo dominio e ricerca / sostituzione


vecchio dominio
Se si intende passare ad un nuovo dominio sarà necessario seguire questo passaggio, altrimenti si potrà passare alla fase successiva.

Un problema ricorrente quando si trasferisce il sito web su un nuovo dominio si ha in conseguenza dei collegamenti ipertestuali che puntano verso
i vari files con il nome del vecchio dominio, causando inevitabilmente loro interruzione quando il sito web viene spostato su un nuovo dominio.

Per trovare rapidamente e con facilità qualsiasi istanza del vecchio nome di dominio, e quindi sostituirlo con il nuovo nome, possiamo utilizzare lo
script "Search Replace DB" presente su GitHub. Tale script ci consentirà di farlo con facilità e molto rapidamente.

Da sottolineare che per motivi di sicurezza, un volta effettuata la sostituzione, è importante rimuoverlo, e comunque non collocarlo nella cartella
root ma utilizzarlo creando una cartella temporanea con un nome casuale prima di procedere con sostituzione del vecchio nome del dominio con il
nuovo.

Attraverso la modifica dell'URL del sito di fatto verrà effettuata una scansione nel database alla ricerca del vecchio dominio e tutte le istanze
trovate verranno rimpiazzate con il nuovo dominio.

Inoltre verranno modificati anche i valori site_url e home_url presenti nelle tabelle del database (di fatto in tal modo viene modificata quella che è
l'URL del sito) il che consentirà di poter effettuare il login nel pannello di controllo di WordPress attraverso il nuovo dominio, senza essere
reindirizzati verso il nome del vecchio dominio.

Passaggio 8: Modifiche finali


Questo passaggio in realtà include due passaggi separati, i quali potrebbero essere intervallati da un'arco di tempo anche di diversi giorni.

Prima di poter utilizzare il sito sul nuovo servizio di hosting è necessario riconfigurare le impostazioni DNS del dominio.

Di solito sono impostati in modo da puntare sul vecchio spazio di hosting e sarà quindi necessario indirizzare correttamente i record verso il nuovo
indirizzo IP del server sul quale è stato trasferito il sito web..

Questo processo dipenderà in particolar modo da dove è stato registrato il dominio del sito web.

I dettagli sul completamento di questo processo possono variare in modo significativo da provider a provider, ma in linea generale il Registrar del
nuovo dominio dovrebbe fornire tutti i dettagli necessari che consentono di apportare questa modifica.

La propagazione completa delle modifiche DNS può richiedere fino a 48 ore. Quindi è consigliato effettuarlo in periodi nei quali sono previsti
bassi livelli di traffico web.

Durante questa fase si consiglia di evitare di apportare modifiche al sito Web poiché non essendo immediatamente chiaro se le modifiche DNS
sono state apportate o meno si rischia di effettuare le modifiche sul vecchio hosting e non sul nuovo.

Entro 48 ore quindi dovrebbe essere possibile accedere al nuovo hosting web. A questo punto potremo connetterci al vecchio hosting web ed
eliminare i file del sito web e il relativo database.

Ovviamente ciò dopo aver creato e salvato una copia di backup localmente, sia del sito web che del database MySQL, oltre al file wp-config.php
originale nel caso in cui sia necessario ripristinare la migrazione.

E' buona norma conservare questi file in modo da poter effettuare un rapido ripristino del sito web in caso di problemi.

Conclusione
Seguendo i passaggi descritti è dunque possibile effettuare il trasferimento di un sito web WordPress da un servizio di hosting ad un'altro senza
troppe difficoltà.

L'importante è creare una copia di backup sia del sito web che del database in modo da poter ripristinare il tutto in caso di problemi.

Hai migrato il tuo sito web WordPress di recente? Descrivi la tua esperienza nella sezione commenti qui sotto!

Condividi l'articolo...

Autore articolo: Emilio Petrozzi

Creazione siti web dinamici e di commercio elettronico, assistenza WordPress, ottimizzazione per motori di ricerca, campagne pubblicitarie
web, sicurezza informatica. Esperienza ultra ventennale.

Articoli pubblicati da Emilio Petrozzi | Sito Web

Tags: hosting,trasferimento,wordpress

Lascia un commento
Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento

Nome *

Email *

Sito web

Do il mio consenso affinché un cookie salvi i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento.

PUBBLICA IL COMMENTO

Aricoli correlati

Backup, criptaggio e salvataggio su un server Installazione di WordPress 5.3 attraverso stack Deploy heroku-style di un child theme
remoto di un sito WordPress LAMP Linux Ubuntu WordPress su VPS via GIT

Chi Sono Social


Emilio Petrozzi
Assistenza WordPress
Email di supporto
Contatto Skype Tel. Mobile 3205754844
Privacy Policy
Tel. Fisso 0776811856 Cookies
Email info@mrtux.it

© 2002-2019 MrTux.it Emilio Petrozzi P. I.V.A. IT03080230604 - Professionista ai sensi della Legge 4/2013