Sei sulla pagina 1di 2

RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA RICOSTRUZIONE LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE

Obiettivi ed esercizi a breve termine (post-operatorio):

- Proteggere l’innesto:
1. Tutore con blocco a caduta.
2. Scollamento della cicatrice per prevenire la formazione di aderenze.
3. Mobilizzazione della rotula in tutte le direzioni per evitare la formazione di aderenze che
possano limitare l’escursione della stessa durante il recupero articolare.
- Mantenimento trofismo muscolare:
1. Contrazione isometrica del quadricipite in posizione supina con piede a martello da mantenere
per 10 secondi e ripetere tale esercizio anche in modo autonomo.
2. Contrazione concentrica monoarticolare quadricipite in flessione di anca in posizione supina
mantenendo sempre il piede a martello.
3. Elettrostimolazione del quadricipite

Obiettivi ed esercizi a medio termine:

- Recuperare ROM articolare:


1. Mobilizzazione passiva cercando di spingere sull’estensione e anche sulla flessione con paziente
in posizione supina
2. Recupero Estensione completa sfruttando la forza di gravita con paziente in prono lasciando
cadere la gamba fuori dal lettino, se necessario utilizzare dei pesi per la caviglia.
3. Flessione attiva a catena cinetica chiusa in posizione supina
4. Stretching muscolare ischiocrurali, quadricipite e tricipite della sura.
- Recupero Forza Muscolare
1. Schema in flessione, adduzione ed extrarotazione in B con resistenza graduale
2. Schema in estensione, abduzione ed intrarotazione in C con resistenza graduale
3. Mini-accovacciamenti di 0-45° a Catena cinetica chiusa contro una parete. La tibia deve
rimanere perpendicolare al pavimento con un’angolazione di 90° de la caviglia.
4. Cyclette (iniziando con il sellino alto e con una resistenza bassa).

Obiettivi ed esercizi a lungo termine:

- Recupero propriocettivo:
1. Appoggio Bipodalico in stazione eretta sulle bilance per vedere la corretta distribuzione del
carico tra i due arti
2. Inizialmente si procede con esercizi di mantenimento dell’equilibrio in appoggio bipodalico con
estensione di ginocchio con occhi chiusi e destabilizzazioni antero-posteriori e latero-laterali.
3. Successivamente si prosegue facendo salire su un pino instabile con appoggio prima bipodalico
e successivamente monopodalico. Prima occhi aperti e successivamente con occhi chiusi e con
destabilizzazioni per incrementare la difficoltà dell’esercizio.
- Ripristinare una deambulazione normale:
1. Schema Bilaterale Simmetrico Reciproco con un arto che va in estensione, abduzione e intra in
C e l’altro che prosegue in flessione, adduzione ed extra in B
2. Schema del passo utilizzando delle bilance con gamba operata in avanti flessa e gamba sana
indietro in completa estensione con schiena dritta. Mantenere la posizione per un paio di
secondi controllando il carico.
3. Deambulazione con ostacoli per favorire la flessione del ginocchio durante lo schema del passo

Potrebbero piacerti anche