Sei sulla pagina 1di 17

NUMERI COMPLESSI

C = fnumeri complessig
p
C 3 z = x + iy; = 1 i

Re(z ) = x; I m(z ) = y

Operazioni fondamentali
 SOMMA:
z1 = x1 + iy1 ; z2 = x2 + iy2

z1 + z2 = (x1 + x2 ) + i(y1 + y2 )

 PRODOTTO:
z1 = x1 + iy1 ; z2 = x2 + iy2

z1  z2 = (x1 x2 y1 y2 ) + i(x2 y1 + x1 y 2 )

 CONIUGIO:
z = x + iy 7! z = x iy

 NORMA o modulo di :
= + z ) j j=x
p iy
z

z x
2 + y2

 Osservazione : j j2 =  z z z
funzione esponenziale nel campo complesso

exp : C ! C

z = x + iy 7! ez = ex+iy = ex  cos y + i(ex  sin y )

PROPRIETA' FONDAMENTALI
(a)ez1+z2 = ez1  ez2
(b) exp e una funzione periodica di periodo
fondamentale 2i, cioe :

ez1 = ez2 () z1 = z2 + 2ki ; k 2 Z

rappresentazione trigonometrica
di un numero complesso
z = x + iy puo essere scritto nella forma:
z = %  ei#
dove % = jz j ; # = arg (z ) - modulo e argomento-
Polinomio caratteristico e Autovalori

Dati
V uno sp. vett. su K di dimensione n,
f :V !V un'applicazione lineare,
A la matrice associata ad f rispetto ad una base

DEF . Il polinomio caratteristico di A e :

PA() = det(A   Id)


polinomio di grado n nella variabile 

Teorema. 0 2 K e autovalore per f


m
0 e radice di PA()
Autovalori e autovettori

Dati

V uno sp. vett. su K ,


f : V ! V un'applicazione lineare,
A la matrice associata ad f rispetto ad una base

DEF 1.  2 K si dice autovalore per f SE


9 v 2 V n f0g t.c. f (v ) =   v

DEF 2. v 2 V n f0g si dice autovettore di f relativo

all'autovalore  SE
f (v ) =   v
distanza punto-piano

Dato il piano  di equazione


x + y + z 0 Æ =1 0
B x C
e il punto P di coordinate P  BBB@ y CCCA
0

z0

La distanza tra P e :
j x0 + y0 + z0 Æ j
d(P; ) = p 2 2 2
+ +
Rette in R 3
 equazione intrinseca
8
>
< 1x + 2y + 3z c=0
>
: 1x + 2y + 3z d=0
0 1
dove carB C
2 3
@ 1
A =2
1 2 3

8equazione parametrica
>> x = x0 + a1
<
>> y = y0 + a2
: z = z + a
0 3
dove 2R e il parametro
Piani in R 3
 equazione intrinseca
1x + 2y + 3z c = 0
dove 1; 2; 3; c 2 R sono ssati

8equazione parametrica
>> x = x0 + a1 + b1
<
>> y = y0 + a2 + b2
: z = z + a + b
0 3 3
dove ;  2 R sono i parametri
Teorema di Rouche - Capelli
 Sia A X = un sistema lineare di
b

k equazioni
0 & n incognite, dove
1
BB a11 a12 : : : a1n
C
C
BB C
2n C
=B C
a21 a22 : : : a
A
BB C
C
@ ::: ::: ::: :::
A
ak 1 an2 : : : akn

e la matrice ( ) dei coeÆcienti


0 1 0 1
k  n

BB x 1C
C B
B
b 1C
C
BB C
2C
B C
=B C ; =B
B 2C
C .
x b
X
BB .. C
C
b
B
B .. C
C
@ A @ A
xn bk

ALLORA:
Il sistema ammette soluzione , rk A( )= ( ) rk Ajb
determinanti

 Sviluppo di Laplace rispetto alla colonna


0
j -esima
1
BB a11 a12 ::: 1
a n
C
C
BB 21 a22 2 C
C
=B C matrice 
a ::: a n
A
BB C
C
n n

@ ::: ::: ::: :::


A
an 1 an2 ::: ann

ALLORA:

X n

det(A) = aij  Aij

i =1
dove
Aij = ( 1)i+j det A~ij  e il complemento
algebrico di aij
~ e la matrice che si ottiene cancellando
Aij

la riga i-esima e la colonna j-esima.


Prodotto tra matrici
0 1
B
B
a11 a12 : : : a 1n C
C
B C
=B
B 2n C
C matrice ,
a21 a22 : : : a
A
B
B C
C
k  n

@ ::: ::: ::: :::


A
k 1 an2 kn
0 1
a ::: a

BB b11 b12 : : : b 1m C
C
BB C
2m C
=B C matrice
b21 b22 : : : b
B
BB C
C
n  m

@ ::: ::: ::: :::


A
b n1 bn2 ::: b nm
ALLORA:
La matrice prodotto = C A ÆB e una matrice k  m

X
n
Il coeÆciente c ij = a ih  bhj
h=1
Matrice associata ad un'applicazione lineare

Siano e due spazi vettoriali su K .


V W

f : lineare
V ! W

B = 1 base di ;
fb ; : : : ; bn g V

B = 1
0 0
base di .
fb ; : : : ; b g
k
0
W

ALLORA:
La matrice associata ad rispetto alle basi
f B; B
0
e:
0 1
BB a11 a12 : : : a1n
C
C
BB C
C
=B C
a21 a22 : : : a2n
A
BB C
C
@ ::: ::: ::: :::
A
ak 1 an2 : : : akn

dove il coeÆciente aij e dato dalla relazione


X
k

( )=
f vj aij  b
0
i
i=1
Applicazioni lineari

Siano V e W due spazi vettoriali su K .

f :V ! W si dice lineare se e soltanto se


v1; v2 2 V; 8 1; 2 2 K
8

f (1  v1 + 2  v2) = 1  f (v1) + 2  f (v2)

Nucleo e immagine di f :

Ker(f )=fv V j f (v ) = 0g
2

Im(f )=fw 2 W j 9v 2 V t:c: f (v ) = w g

OSSERVAZIONI:
Ker(f )  V e sottospazio vettoriale di V
Im(f )  W e sottospazio vettoriale di W

TEOREMA.
dim(V ) = dim( Ker(f )) + dim( Im(f ))
Basi e indipendenza lineare
Sia V uno spazio vettoriale su K
 Generatori
Un insieme di vettori fv1; v2 ; : : : ; vp g  V
e un sistema di generatori per V se

8 v2V
9 1; : : : ; p 2 K tali che 1  v1 + : : : + p  vp = v
 Basi
Un insieme di vettori fv1; v2 ; : : : ; vn g  V tali che
a) fv1; v2 ; : : : ; vn g sono generatori di V
b) fv1 ; v2; : : : ; vng sono lineramente indipendenti
si dice base per V
 Basi di R n
fv1; v2; : : : ; vng  R n e una base di R n

f v1; v2; : : : ; vng sono lineramente indipendenti

det(v1; v2 ; : : : ; vn) 6= 0
Indipendenza/dipendenza lineare

 Indipendenza lineare
I vettori v1; v2; : : : ; vk sono linearmente indipendenti
se e solo se
1 v1+2 v2+: : :+k vk = 0 1 = 2 = : : : = k = 0
   ,

 Dipendenza lineare
I vettori v1; v2; : : : ; vk sono linearmente dipendenti
se e solo se
esistono 1; 2; : : : ; k non tutti nulli tali che
1 v1 + 2 v2 + : : : + k vk = 0
  
Radici n-ime

Problema: dato w 2 C , vogliamo risolvere


l'equazione z
n=w

Se w = 0 allora z = 0

Se w 6= 0, posto w = r  eit e z = %  ei# si ha


8 p
>
<% n r
w ()
=
zn =
>
: # t+2nk ;
= k = 0; 1; 2; : : : ; n 1
triangolarizzabilita e diagonalizzabilita
Dato 0 2K autovalore per A matrice n  n

DEF 1. La molteplicita algebrica di 0


[NOTAZIONE: m:a:(0 )] e
a di 0 come radice di PA()
la molteplicit

DEF 2. La molteplicita geometrica di 0


[NOTAZIONE: m:g:(0 )] e
dim (Ker (A 0  Id))

Prop. 8 0 autovalore di A:
1  m:g:(0)  m:a:(0)
Teorema 1. A e triangolarizzabile
m
tutte le radici di PA() sono in K

Teorema 2. A e diagonalizzabile
m
A e triangolarizzabile
&
8 0 autovalore di A si ha m:g:(0) = m:a:(0)