Sei sulla pagina 1di 1

THE LABOURS OF LIFE - UTOPIA

A Utopia lavorano sei ore al giorno – tre ore al mattino, poi pranzo – poi una pausa di due ore –
e poi ancora tre ore nel pomeriggio, seguite dalla cena. Vanno a letto alle 8 p.m., e dormono
per otto ore. Tutto il resto delle ventiquattro ore sono liberi di fare ciò che gli piace – non di
sprecare il loro tempo in pigrizia o in piaceri gratuiti, ma di fare un buon uso di questo in
attività congeniali. La maggior parte delle persone usa questi periodi liberi per un ulteriore
educazione, per questo ci sono letture pubbliche ogni mattina. La partecipazione è del tutto
volontaria, eccetto per quelli scelti per la formazione accademica, ma uomini e donne di tutte
le classi sociali arrivano in massa per ascoltarle – voglio dire, persone diverse partecipano a
diverse letture, così come lo spirito li muove. Tuttavia, nessuno ti impedisce di spendere questo
tempo in più nella tua occupazione, se tu vuoi. Molte persone lo fanno, se non hanno la
capacità per i lavori intellettuali, e sono molto ammirati per un comportamento di spirito
pubblico.
Dopo cena, hanno un'ora di ricreazione, o nei giardini o nelle mense, a seconda del periodo
dell'anno. Alcune persone praticano musica, altre parlano solamente. Non hanno mai sentito
niente di più sciocco e demoralizzante del gioco dei dadi, ma hanno due giochi abbastanza
simili agli scacchi. […]
Ma c'è un punto che richiede una particolare attenzione, o probabilmente ti farai l'idea
sbagliata. Dato che lavorano solo sei ore al giorno, potresti pensare che ci sia una scarsità dei
prodotti. Al contrario, queste sei ore sono abbastanza, e molto di più per produrre tanto di tutto
ciò di cui c'è bisogno per una vita confortevole. E capirai perché è così, se calcoli nelle altre
città la proporzione di popolazione totalmente disoccupata. In primo luogo hai praticamente
tutte le donne – che ti da circa il 50% per cominciare. E nelle città in cui le donne lavorano, gli
uomini tendono a non fare niente. Poi ci sono tutti i sacerdoti, e i membri dei così chiamati
ordini religiosi – quanto lavoro fanno? Aggiungi tutti i ricchi, specialmente i possessori di
terreni, comunemente conosciuti come nobili e signori. Includi i loro domestici – intendo quei
gruppi di ruffiani armati che ho menzionato prima. Infine, aggiungi tutti i mendicanti che sono
perfettamente forti e robusti, ma pretendono di essere malati come scusa dell'essere pigri.
Quando li hai calcolati, sarai sorpreso di scoprire quante poche persone in realtà producono
quello che gli uomini consumano.
E adesso pensa solo come poche di queste poche persone stanno svolgendo un lavoro
essenziale – dove il denaro è l'unico metodo di valutazione, ci sono inevitabili dozzine di
commerci inutili portati avanti, che semplicemente forniscono beni di lusso o di divertimento.
Perché, anche se l'esistente lavoro di forza era distribuito tra i pochi settori veramente
necessari per rendere la vita responsabilmente confortevole, ci sarebbero state così tante
produzioni in eccesso che i prezzi sarebbero caduti troppo in basso per i lavoratori per
guadagnare da vivere. Mentre, se prendi tutti quelli impegnati in settori non essenziali, e tutti
quelli che sono troppo pigri per lavorare – ognuno di coloro che consuma il doppio dei prodotti
del lavoro delle altre persone – se metti il loro intero gruppo in qualcosa di utile, vedresti subito
come poche ore di lavoro al giorno sarebbero ampiamente sufficienti a soddisfare tutte le
necessità e le comodità della vita – alle quali potresti aggiungere tutte le forme reali e naturali
di piacere.