Sei sulla pagina 1di 43

Le Origini del Re Zimaj

di
Emanuele Nicolosi

Personaggi:

Rjadu: il Protagonista principale, un mutantropo Drago, un ragazzo in grado di trasformarsi in un


Drago, un abile guerriero e combattente
Mirushka: una principessa Drago, una mutantropa Drago, una ragazza in grado di trasformarsi in
un Drago
Arishka: una principessa Fenice, una mutantropa fenice, una ragazza in grado di trasformarsi, in
una Fenice Bianca, o Zharpitsa

Krusnya: un saggio guerriero Vodyanoi, che fa da “Mentore” e addestratore e “istruttore militare” di


Rjadu, addestrandoli nel combattimento corpo a corpo e nel uso delle armi

Oksani: una ragazza Rusalka, una Maga del acqua del popoli dei Rusalki, la fidanzata e innamorata
di Rjadu, una ragazza spavalda e maliziosa e coraggiosa, non si ferma di fronte a nulla, ma spesso
non gli piace la violenza, combatte con i suoi poteri del acqua, neutralizzando i suoi nemici e
avversari, ma senza ucciderli...
Tamyani: una ragazza Velya, una cara amica di Mirushka, una ragazza ingenua e pura di cuore,
dolce e semplice...

Narishka: una ragazza Ludi-Nest, una ragazza maschiaccia, spavalda e coraggiosa, una mutantropa
Orso, una ragazza in grado di trasformarsi in un Orso
Bamyuk: un ragazzo Ludi-Nest, grosso, muscoloso e poderoso, un mutantropo Orso, in grado di
trasformarsi in un Orso, il fratello maggiore di Narishka, un guerriero coraggioso e senza paura

Re Kaschei: l'antagonista principale, un re-mago nero, ambizioso e megalomane, spietato e


crudele...

Storia:

Prologo:

C'era molto tempo fa, un tempo, un era...


il tempo in cui la Magia esisteva veramente, il tempo in cui l'incanto e la meraviglia, facevano
parte della comune vita quotidiana, il tempo in cui il Magico era un qualcosa di reale e tangibile, il
tempo delle storie, dei miti e delle leggende, il tempo di quello che oggi, sono chiamate “Storie”,
un tempo in cui i Draghi solcavano il Cielo, in cui le Fenici dominavano le montagne, nel tempo in
cui le Sirene dominavano i mari e in cui i popoli Fatati dominavano le foreste, nel tempo in cui, la
Magia regnava ancora sovrana e incontrastata, nel tempo in cui le Maghe cavalcavano il Vento e
i Re-Maghi, dal alto dei loro troni, dominavano incontrastati sulle terre degli umani e delle
creature magiche...
esso, era il tempo, in cui il mondo conosciuto, dopo la caduta degli dei dello Svarga, dopo che i
Chelo-Bog, scomparvero dalle pagine della storia, era dominato dagli Zimaj, ovvero, come
venivano chiamati i Draghi da quelle parti e dalle Fenici azzurre, che erano da tempi molto
antichi, le due razze più ricche, forti e potenti di tutto il mondo conosciuto...

e in quel tempo di magie, incanti e meraviglie, che ha inizio questa storia...

Nel tempo tra la Creazione del Cosmo e del mondo e il tempo del dominio delle terre conosciute da
parte dei Draghi e delle Fenici, prima del avvento della stirpe Draghica dei “Vorynych”, il mondo
venne dominato da una stirpe di Dei, da Divinità in forma umana, detta “Stirpe divina” o
“Chelo-Bog”, che erano gli dei che dominavano lo “Svarga”, ovvero, “l'Olimpo” degli dei Slavi,

secondo le leggende, gli Dei o Stirpe di Chelo Bog o Stirpe di Mokosh, nacquero dal Unione tra il
Dio Svarog, signore del Sole e la Dea Mokosh, signora della Luna, i cui figli e figlie, divennero gli
Dei dello Svarga...

sempre dal Unione tra la Dea Mokosh e il Dio Svarog, vennero create le razze magiche e le creature
magiche del mondo conosciuto...

mentre l'origine dei Draghi e delle fenici, rimane ignota e sconosciuta, una leggenda narrata dai
popoli delle grandi foreste, narra che gli Zimaj e i Vorynych, furono creati da uno dei figli di
Svarog e Mokosh, ovvero, dal Dio Veles, detto anche Dio Volos... ma questo e solo un mito, questo
e solo una leggenda...

secondo le leggende, ci fu un tempo, una lunga era, chiamata “Era degli Dei” o “Dominio degli
Dei”, che durò per molto tempo, ma poi quel era finì, quel'era ben presto, giunse al termine, dopo la
caduta degli Dei, che rimase un mistero mai risolto, ebbe inizio il dominio del mondo, da parte dei
Draghi e delle Fenici, ovvero, “l'Era dei Titani Volanti” o “Era dei Giganti del Aria” o “Dominio
dei Draghi e delle Fenici”...

i Vorynych, erano una razza nemica e avversaria degli Zimaj...

prima del avvento della razza umana, le terre della Grande Rus, erano dominate da due razze di
Draghi, da una parte gli Zimaj, dal altra, i Vorynych

la Terra del grande Rus, fu devastata da una violenta e devastante guerra tra gli Zimaj e i Vorynych,
ovvero, la “Guerra dei Draghi”, chiamata anche “Guerra della Montagna Volante”, una guerra
con cui gli Zimaj e i Vorynych, cercarono di spartirsi e contendersi il mondo conosciuto, la guerra
coinvolse gli Umani e le creature magiche, che subirono grandi perdite, per via della “Guerra dei
Draghi”, ma durante quella guerra, le Zharpitse o Fenici Bianche, si allearono con gli Zimaj,
unendosi nella guerra contro i Vorynych...

fu durante quella guerra, che il Re degli Zimaj, venne chiamato “la Montagna Volante” o “la
Montagna che vola”, poiché, durante le battaglie, gli eserciti nemici, si spaventavano e
terrorizzavano a vedere il Re Zimaj arrivare in volo, sembrava quasi di vedere una montagna che
volava, una montagna con le ali, una immensa e titanica montagna che sollevandosi dal suolo,
prendeva il volo, dispiegando le sue grandi ali, volando nel cielo e arrivando a oscurare il sole, fino
a far piombare una specie di crepuscolo sul campo di battaglia, oscurando la vista ai nemici, poiché,
sembrava che sul campo di battaglia fosse calata una notte senza stelle, poiché, il Re-Zimaj, era
talmente grande e vasto, che era in grado di coprire il sole, poi, il Re-Zimaj, quando giungeva al
suolo, sembrava una montagna gigante di colore nero, che era impattata al suolo, apparendo dal
nulla, come una montagna gigante, che sembrava apparsa dal nulla, materializzata nel centro del
campo di battaglia, spaventando e terrorizzando i suoi nemici, come una montagna, che prendeva
vita e iniziava a muoversi e a camminare, portando la paura e il timore negli eserciti nemici e
avversari...

la guerra venne vinta dal alleanza degli Zimaj e delle Fenici, che riuscirono a sconfiggere e
sbaragliare la razza dei Vorynych o Vorynysh, che vennero sconfitti e sbaragliati, venendo confinati
e relegati nelle viscere della Terra, nelle profondità e abissi del mondo...

fu quella guerra, a far nascere l'amicizia e l'alleanza tra le Fenici e gli Zimaj, fu dopo quella guerra,
che nacque l'alleanza tra le Fenici e gli Zimaj, che tramite una specie di “Condominio” politico e
diplomatico, scelsero una pacifica convivenza e scelsero di proteggere e preservare la razza umana
e le creature magiche, dette “Stirpi di Volos” o “Popoli di Svarga”, da minacce e pericoli esterni...

ma la razza umana, divenne sempre più ricca, forte e potente, al interno della razza umana, ovvero,
della “Stirpe di Chelov”, che iniziò ad accumulare grandi e immense ricchezze, a creare vasti e
immensi eserciti e forze militari, creando grandi palazzi e grandi vestigia, ma la stirpe di Chelov,
arrivò a dotarsi dei propri Maghi, a disporre delle proprie, con il passare del tempo, i Maghi umani,
divennero sempre più forti e potenti, finendo corrotti dalla sete di potere, per questo, gli Umani,
divennero sempre più ambiziosi e megalomani e sempre più corrotti dalla sete di potere, tra gli
umani, si diffusero i Maghi umani, basati sulla magia umana, detti “Svaragai”, moltissimi
“Svaragai”, resero forti e potenti i Re umani, con le loro magie e fu allora, che i Re Umani, decisero
di lanciarsi alla conquista e dominazione del mondo, fu allora, che ebbero inizio le “Guerre degli
Svaragai” o “Guerre Svaragai”, guerre che contrapposero l'alleanza degli Zimaj e delle Fenici,
contro i Maghi umani e contro un alleanza dei Regni e Imperi Umani, con i vari “Zar” e “Khan”
umani, che si allearono, guidati dai Maghi umani o “Svaragai”, in una grande guerra contro gli
Zimaj e le Fenici...

quella guerra, giunse al termine, dopo un trattato di pace, che venne ratificato tra gli Umani, le
Fenici e gli Zimaj, un trattato che impose alle fenici e agli Zimaj, si stare lontani dalle terre degli
umani, spingendo Fenici e Zimaj, a confinarsi nelle proprie terre e nei propri regni e imperi, non
potendo mettere piede nelle terre degli umani...

il trattato però, permetteva alle “Stirpi di Volos” o “Razze di Volos”, di muoversi e spostarsi
liberamente tra le terre degli umani, le terre degli Zimaj e le terre delle Fenici...

fu quella guerra, che portò al avvento e dal dominio degli Svaragai, ovvero, dei Maghi umani, in
tutte le Terre della grande Rus...

ben presto, gli Svaragai, iniziarono a dividersi in due grandi fazioni:


-) gli Svaragai, che appoggiavano e sostenevano l'idea di un alleanza e cooperazione pacifica e
armonica tra la Razza umana, le Fenici e gli Zimaj, gli Svaragai, che volevano una pace tra gli
Umani, le Fenici e gli Zimaj, questa fazione era detta “Dom Miry” o “Dom Mir” o “Casa della
Pace”

poi, la fazione degli Svaragai, che appoggiava e sosteneva l'idea di un predominio e supremazia
degli Svaragai e della razza umana sulle razze magiche e creature magiche, ovvero, le “Stirpi di
Volos”, una fazione che voleva usare la magia per rendere forte, potente, dominante ed egemonica
la razza umana, questa fazione, puntava a prendere il totale possesso e dominio del Regni umani
della “Veliky Rus” o “Miri Rus” o “Mirya Rus” o “Mir Rusya” o “Grande Rus”, per poi scatenare
una guerra contro gli Zimaj, contro le Fenici e in generale contro tutte le razze e creature magiche,
nel tentativo di distruggerle e annientarle...
questa fazione era detta “Dom Veliky” o “Dom Vely” o “la Casa della Guerra”...

dopo la guerra degli Svaragai, ebbe inizio un epoca di pace, ma un epoca di pace molto tesa, un
epoca dalla pace debole e fragile, ovvero, la “Pace di Velya” o “Pace delle Nuvole grigie”, un
periodo di pace effimero, simile a un clima freddo e grigio, che preannuncia un forte temporale...

uno dei maghi degli umani, corrotto dalla sete di potere, corrotto da un potere sconfinato e
illimitato, divenne un Re-Mago perfido, spietato e crudele, un re-Mago insensibile e senza cuore,
ovvero, il Re Kaschei...

prima di diventare un Re e conquistatore spietato, Kaschei era un mago ricco e potente, ma


Kaschei, finì corrotto dalla sete di potere e voleva usare la magia, per rendere la razza umana, la
razza più forte e potente al mondo, per rendere la razza umana, una razza padrona, una razza
dominatrice, tramite la magia e i poteri magici, per questo, il Re Kaschei, si mise a capo e guida del
Regno di Seversk, un regno nelle terre meridionali della “Mir Rusya”, che il Re Kaschei, cercò di
rendere un grande e vasto impero, usando la Magia ed eserciti di Maghi-Guerrieri e maghi militari e
di soldati umani senza magia, ma fedeli e devoti al Re Kaschei, con uno zelo e devozione simil-
religiosa, che si lanciarono in una grande guerra su vasta scala, alla conquista e dominazione delle
terre della “Mir Rusya”...

Dal alleanza tra gli Zimaj e le Fenici, nacque un nuovo impero, un impero co-gestito tra i Draghi e
le Fenici, ovvero, “l'Impero delle Due Rive”, un impero che era nato come un “Condominio” tra i
Draghi e le Fenici, come un Co-Dominio gestito fraternalmente tra i Draghi e le Fenici...

“l'Impero delle Due Rive” era nato e fondato, dopo la sconfitta della stirpe dei Vorynych e venne
fondato dal alleanza tra le Fenici e i Draghi, venendo fondato, secondo i miti e le leggende da un Re
Drago e da una Regina Fenice, che dopo le devastazioni del conflitto contro i Vorynych, ora
volevano creare un mondo di pace e armonia, con i Draghi e le Fenici, che tramite il loro
“Condominio”, dovevano garantire l'ordine, la pace e la stabilità tra la razza umana e le Razze
magiche del mondo conosciuto...
un alleanza che doveva garantire la pace e l'armonia e creare un nuovo ordine sociale, basato sulla
cooperazione e fraternità tra i popoli e le nazioni...

Per secoli e millenni, la razza degli Zimaj e la razza delle Zharpitse erano vissute assieme,
pacificamente e in armonia...

ma al interno della Nobiltà Zharpitsa, si formò una congiura, una cospirazione, da parte di un
gruppo di aristocratici Zharpitsa, che erano ostili e diffidenti verso il Re-Drago e verso l'intera stirpe
degli Zimaj, che vedevano come potenziali nemici o avversari, o come potenziali concorrenti delle
Zharpitse...
-

nel frattempo, proprio quando si mostrava la minaccia del Re Kaschei e del “sacro Esercito” al
orizzonte, l'alleanza tra le Fenici e gli Zimaj, iniziò a vacillare, poiché, le lotte per il potere
iniziarono a diffondersi anche al interno delle Fenici Bianche, molti nobili e aristocratici delle
Fenici Bianche, finirono corrotti dalla sete di potere, intere casate nobiliari di fenici bianche,
iniziarono a diventare ambiziose e megalomani, casate nobiliari che volevano più potere,
predominio ed egemonia per le Fenici Bianche, fazioni che ritenevano che le Fenici Bianche
dovessero essere più forti e potenti, di quanto non lo fossero già, fazioni di fenici bianche, che erano
divenute ostili e diffidenti verso gli Zimaj, vedendo nelle stirpi degli Zimaj, sia una minaccia e
pericolo per le Fenici, sia un intralcio e ostacolo al ascesa, espansione e affermazione delle Fenici,
come razza e stirpe dominante...

poiché, prima, durante e dopo la “Guerra della Montagna Volante”; non tutte le fenici o Zharpitse
appoggiavano l'alleanza tra Zimaj e Fenici e non tutte le Zharpitse erano d'accordo o a favore di
quella alleanza, anzi, molte fenici, si opponevano a quel alleanza, ritenendo “Indegno” o
“Indecente”, che le Fenici, una stirpe nata dalla Luce e dal principio del Sole, dovesse allearsi o
andare d'accordo con gli Zimaj, una razza o stirpe, nata dal Terreno, nata dal suolo, nata dal
principio della Terra, fazioni ottuse e conservatrici di Fenici, che ritenevano che le Fenici, essendo
nate dalla Luce e dal principio del Sole, fossero per questo “Migliori” o “Superiori” degli Zimaj o
aldisopra degli Zimaj...

per questo, fazioni ricche e potenti di Fenici o Zharpitse, iniziarono a progettare una congiura, una
cospirazione, per detronizzare la Monarchia del Imperatrice Fenice, che appoggiava e difendeva
l'alleanza tra le Fenici o gli Zimaj, per abbattere quella monarchia, instauraci un Re fenice che
avrebbe dovuto cancellare l'alleanza e poi scatenare una guerra

almeno, questo e quello che aveva pianificato la “Casa di Velyanovsk”; una Casata nobiliare di
Nobili Zharpitse, nata come una società segreta per il dominio e la conquista del mondo, da parte
delle Zharpitse, una società segreta, che progettava di distruggere l'alleanza tra gli Zimaj e le
Zharpitse e di scatenare una geurra contro gli Zimaj, per distruggere e annientare gli Zimaj e poi
lanciarsi alla conquista e dominazione del mondo e rendere le Zharpitse, una razza suprema e
“Razza Padrona” su tutto il mondo, progettando di dominare e soggiogare gli Zimaj, le Stirpi di
Volos e la Razza Umana...

malgrado l'alleanza che durava da molti secoli, il razzismo delle Fenici Bianche verso gli Zimaj, era
rimasto molto forte, ed era rimasto sepolto, silenzioso e assopito, ma pronto a risvegliarsi e
scatenarsi al momento opportuno, come una “corrente carsica”, pronta a sprigionarsi dal suolo,
come un fiume sotteraneo, pronto a scatenarsi nella superficie, malgrado anni di pacifica
convivenza tra Fenici e Zimaj, il Razzismo e diffidenza e ostilità nei confronti degli Zimaj, da parte
di grossi e numerosi gruppi di Fenici Bianche, restava forte e radicato...
superare le diffidenze e i pregiudizi era divenuto molto difficile e complicato, il pregiudizio era la
più difficile da tagliare di tutte le erbacce, la più difficile da curare di tutte le malattie, il più difficile
da potare di tutti i rami storti...

ma non tutte le Fenici bianche, odiavano gli Zimaj, non tutte le fenici bianche erano contro gli
Zimaj, molte fenici bianche, che non volevano allinearsi al volere della Casa di Velyanovsk, erano
fortemente amici e alleati degli Zimaj...

Al interno delle Fenici Bianche o “Zharpitse”, si era diffusa l'ostilità e la diffidenza verso gli Zimaj,
ma se non tutte le fenici Bianche, erano ostili e diffidenti verso gli Zimaj, ma al interno delle
Zharpitse, si era creata una “Frangia”, una fazione politica, che vedeva negli Zimaj una minaccia
stessa alle Fenici Bianche e che si opponeva a ogni dialogo e cooperazione tra le Fenici Bianche e
gli Zimaj, ritenendo che una fenice bianca, non avrebbe mai potuto essere amica o alleata di uno
Zimaj

al interno delle Zharpitse, restava forte e diffuso il pregiudizio e diffidenza verso gli Zimaj, molte
Zharpitse, a priori, non si fidavano degli Zimaj, per il solo fatto che erano dei Draghi e molte
Zharpitse, restavano della credenza e convinzione che i Draghi o i Dragoni, fossero creature
“oscure”, “malefiche”, “corrotte”, “deviate”, “immorali” e “dissolute”... per il solo fatto di essere
Draghi o rettiliformi...

Il Palazzo del Re Drago e della Regina Fenice

moltissimi anni fa, moltissimo tempo fa...

nel “Impero delle Due Rive”, nella città Imperiale di Zharavost, la capitale Imperiale del impero
delle Due Rive, al interno del Palazzo Reale, un vasto e immenso palazzo di legno e pietra,
riccamente dipinto e decorato...

dentro il palazzo Reale, in un grande e vasto giardino, nella zona centrale, ma scoperta del palazzo
reale, in un grande e vasto giardino, ci sono una famiglia di nobili Fenice e di Nobili Zimaj, che
parlano e discutono amichevolmente, bevendo delle tazze di Thè, mentre vicino a loro, dei bambini
e bambine Fenici e Zimaj, giocano tra di loro allegri e spensierati, sopratutto due bambine, l'una
Fenice e l'altra Zimaj, che giocano, canticchiando tra di loro, battendosi reciprocamente le mani, in
modo ritmico...

Bambine che giocano: “un, due, tre! Casca l'asino e vola la cicogna! Un, due, tre! Il lupo scappa e
la pecora dorme!” (parlano, ma cantando, in modo ritmico)

il padre della Bambina Zimaj, un Re-Zimaj in forma umana, guarda e osserva la bambina Zimaj,
che gioca con la bambina Fenice, ma una donna,una Zimaj mutantropa, sua moglie, si avvicina a
lui...
il Padre di quella bambina Zimaj e il Re-Zimaj, il Re e signore di tutti i Draghi, mentre la Donna
Zimaj e sua moglie, una Nobile Zimaj in forma umana...

Re-Zimaj: guarda la nostra draghina come gioca felice con la sua amica
Nobildonna: già, Mirushka oramai ha stretto una forte e profonda amicizia con Alyna...
Re-Zimaj: già, Alyna e proprio una bambina simpatica, certo che la Regina Fenice ha proprio un
ottima figlia e una buona amica per Mirushka...
Nobildonna: già, non è bello, vedere bambini di tante forme e origini diverse, poter giocare felici e
assieme tra di loro? Non è bello vedere dei bambini, crescere senza odio e barriere? Poter
diventare da grandi, uomini e donne, senza odio e rancore reciproco?
Re-Zimaj: già, la saggezza della Fenice e del Drago, che uniti, insegnano alle varie Stirpi a vivere
assieme... qualcosa che ti scalda il cuore...

ma si avvicina al Re-Zimaj, una donna Nobile fenice, assieme a suo marito, degli amici
ma nel Giardino, fanno irruzione, un gruppo di nobili Fenice, guidati da un Principe alto e robusto e
severo, il Principe Ghasarovsk tra di loro, c'e un ragazzino, il Figlio del principe Ghararovsk,
assieme a una ragazzina, la figlia del principe Ghasarovsk...

Nobildonna: ma... Ghasarovsk? Che ci fai qui? Chi sono questi? (parlano con tono preoccupato)

Principe Ghasarovsk: ma come? Non vedi? Sono i membri della mia casata nobiliare! Sono qui per
mettere in chiaro una cosa alla regina delle Fenici bianche!!!

Nobildonna fenice: ma... ma che significa?


Nobile Fenice: che cos'e? Uno scherzo?

Principe Ghasarovsk: no, per niente! Ti sembra che io abbia voglia di scherzare???

il figlio del principe Ghasarovsk, si avvicina in maniera minacciosa, verso Alyna e Mirushka

Ragazzino fenice: vattene! Stai lontana da Lei! E una Zimaj! Non è una di noi!
Alyna: Ma cosa dici? E una mia amica!! ci conosciamo da tantissimi anni!
Ragazzino fenice: Smettila! E una Zimaj!!!! non bisogna fidarsi degli Zimaj! Sono tutti bugiardi e
mentitori per natura!!! hanno la Menzogna e l'Inganno nel sangue!!
Alyna: non è vero! Bugiardo! Mirushka e una ragazza dolce e simpatica! Mi ha aiutato quando lei
era in difficoltà! E una brava ragazza! Non farebbe del male a nessuno!!!
Ragazzino Fenice: gli Zimaj? Bravi! Onesti? Ma per favore!!! non dire idiozie! Non ci casco!!! ti
sembro scemo?... e in quanto a te! Draghina!!!! vedi subito di girare al largo, o per te sono guai
grossi!!!

il Ragazzino, cerca di aggredire Mirushka per colpirla, ma Alyna, si mette in mezzo per proteggerla
dal figlio del principe Ghasarovsk
Alyna: BASTA! SMETTILA! LASCIALA IN PACE!!!

il Ragazzino si arrabbia e tira uno schiaffo sulla guancia di Alyna, facendo cadere Alyna a terra e
facendola piangere copiosamente, causando ad Alyna un pianto disperato...

Ragazzino Fenice: STAMMI LONTANA!!! NON TI AVVICINARE! NON PARLO A UNA CHE FA
AMICIZIA CON UNA ZIMAJ!!! CHI FA AMICIZIA CON GLI ZIMAJ TRADISCE LA PROPRIA
STIRPE E IL PROPRIO POPOLO!!!

la Regina Fenice, che è la madre di Alyna, si arrabbia, urlando contro il figlio del principe
Ghasarovsk...

Regina Fenice: EHI! Delinquente! Non toccare mia figlia! Provaci e ti faccio tagliare le mani!!!

ma quando il ragazzino Fenice sta per aggredire Mirushka, viene trattenuto da tuo padre...
Principe Ghasarovsk: figliolo, calmati, non così di fretta, presto questa feccia con le scaglie da
rettile, saranno buttati fuori da questo regno!!!

Regina fenice: esigo delle spiegazioni! Ora!!!


Principe Ghasarovsk: cosa le devo spiegare? beh, che lei da oggi non e più la regina di questo
Regno! Ma anche che il Re-Zimaj non sarà più da oggi, il re di questo regno!!!
Regina Fenice: ma che stai dicendo? Stai farneticando??? sei impazzito???
Principe Ghasarovsk: per niente! Il vostro dominio e finito! Chiaro?? sappiate che il nobile popolo
delle fenici! Un popolo dalla stirpe aristocratica!! una progenia di Nobili Signori e signore, non
prenderà più ordini da una lurida traditrice che sei te!!!
Regina fenice: ma... MA COME OSI!!! IO SONO LA REGINA DELLE FENICE!!! COME TI
PERMETTI DI RIVOLGERTI A ME IN QUESTO MODO!!! OLTRAGGIARE UNA REGINA
FENICE E SACRILEGIO!!!!
Principe Ghasarovsk: ma quale sacrilegio!!! il Sacrilegio di una regina che ha tradito il suo
popolo, una regina che vuole renderci schiavi degli Zimaj! Che ci vuole servi e sudditi dei
draghi??? ma di cosa sei veramente la regina? dei Draghi o delle fenici?

Alyna, piangendo e in lacrime, si nasconde dietro sua madre, stringendola fortemente,


singhiozzando...

ma il Giardino, finisce circondato da guardie armate, da dei soldati fenice, convocati dal principe
Ghasarovsk, i soldati fenice, sono armati con Archibugi e armi da fuoco simili a pistole o fucili del
XVI°Secolo e del XVII°secolo, che i soldati di Ghasarovsk, puntano contro i membri della famiglia
reale Zimaj e della regina Fenice, che si spaventano e terrorizzano a vedere le armi puntate contro di
loro...

il Re Zimaj, ancora inizia a innervosirsi e ad arrabbiarsi dicendo:

Re-Zimaj: tu... putrido vigliacco! Non sarai mai re di questo regno! Nessuno vorrà essere il suddito
di un re codardo che ha il coraggio di prendersela con delle bambine!!!
Ghasarovsk: davvero! Eh... “Scagliato” che non sei altro!!! presto, tutti gli Scagliati saranno
buttati fuori da questo regno e noi, Sacra e divina stirpe luminosa delle fenici, avremmo il posto
che ci spetta, che VOI avete rubato, plagiando e manipolando il prossimo!!!! GUARDIE! FATE
FUOCO!!!
Re-Zimaj: NON CI PROVATE! MASCALZONI!!!

ma i soldati di Ghasarovsk, non fanno in tempo a fare fuoco, che il Re-Zimaj, si trasforma in un
drago, ma nella forma intermedia Umano-Drago, la forma “Drakaeri” o “Drakaerin”, sfoderando
dei lunghi e affilato artigli e scontrandosi contro i soldati Fenice Mutantropi o in forma umana del
principe Ghasarovsk, che provano a sparare con i loro archibugi, ma il Re-Zimaj dispiegando le sue
grandi ali di drago, progette e scherma la sua famiglia, proteggendola dai proiettili e spari dei fucili,
poiché, le Ali del Re-Zimaj, sono resistenti ai proiettili...

poi, lo Zimaj, passa al contrattacco, scontrandosi contro i soldati-fenice, usando i suoi artigli e la
sua grossa e poderosa forza muscolare, per combattere e contrastare i soldati fenice rinnegati, poi, il
Re-Zimaj, afferra alcuni soldati-fenice, scaraventandoli con tutta forza, contro i muri e le pareti o
contro delle colonne di legno e pietra, distruggendo e spaccando quelle colonne...

ha inizio un violento e furioso combattimento tra il Re Zimaj e i soldati Fenice, dove il Re-Zimaj,
rubando una sciabola a un soldato-fenice steso e sconfitto al suolo, la usa per combattere e
scontrarsi contro gli altri guerrieri fenice...

ma un soldato-fenice, armato di pistola, spara contro Alyna, colpendola in pieno e uccidendola,


facendola cadere al suolo...
la Regina Fenice, allora, inizia a piangere disperata...

Regina Fenice: NO! BAMBINA MIA!!! NOOOO!!!!

ma i soldati fenice, sparando anche contro la Regina fenice e il suo marito, uccidendoli e
crivellandoli di proiettili, facendoli cadere morti al suolo
ma il Re Zimaj, non riesce in tempo, a salvare la Regina Fenice e la sua famiglia, che vengono
uccisi, venendo colpiti dagli spari e fucilate e proiettili, da parte dei soldati fenice...

ma i soldati Fenici di Ghasarovsk, un esercito vero e proprio, stanno attaccando e assaltando il


palazzo, mettendolo a ferro e fuoco...

il Principe Ghasarovsk, sferra un colpo di stato nel palazzo Imperiale, per detronizzare il Re Drago
e la Regina Fenice,

intanto, nelle strade di Zharavost, sono in corso scontri e combattimenti armati, tra i soldati fenice
Lealisti, fedeli e devoti alla Regina Fenice e che difendono l'alleanza Draghi-Fenice e i Soldati
Fenice “Golpisti”, i soldati fenice che appoggiano il corpo di stato e il principe Ghasarovsk...

ma nelle strade, bande armate di soldati Fenice mutantropi, che indossano lunghe tonace e casacche,
un lungo abito tra il Blu e l'azzurro scuro, che copre interamente il corpo, lasciando delle aperture
per braccia e gambe e lasciando scoperti solo i buchi per gli occhi...
quei misteriosi soldati-fenice, sono detti “Congrega dei Guerrieri Luminosi” o “Sborishniy
Yarkiy” o “Yarkishna” o “Yarkishny”, sono delle specie di guerrieri d'elite fedeli e devoti al
principe Ghasarovsk, sono una fazione estremista di fenici anti-Zimaj, dei guerrieri e soldati d'elite,
impiegati dal principe Ghasarovsk, per scatenare stragi, massacri e rastrellamenti degli Zimaj...
quei guerrieri, armati sia con spade e asce, che con fucili e pistole e con Botti esplosive, armate con
polveri da sparo e miccie, iniziano ad attaccare e assaltare i quartieri abitati dagli Zimaj,
abbandonadosi a violenze e saccheggi... abbandonandosi a violenze e brutalità di ogni specie e
tipo...

nelle strade della città, in un quartiere in fiamme, un uomo Fenice, osservando alcuni degli
Yarkishny, circondare e aggredire una donna Zimaj, che sta cercando di proteggere il suo bambino,
grida:

Uomo Fenice: Ma siete Impazziti?? Basta! Fermatevi!!!

ma l'uomo fenice, finisce circondato e aggredito da quella banda di Yarkishny, che iniziano a
picchiare selvaggiamente quel uomo, colpendolo ripetutamente con dei bastoni di metallo, solo
perchè quel uomo, stava cercando di difendere quella madre Zimaj e il suo bambino...

il Re Zimaj, si trasforma definitivamente nella forma di Drago e prende il volo, allontanandosi dalla
capitale Imperiale, mentre la Corte del palazzo Imperiale, scappa e fugge dalla città, per scappare
dal colpo di stato e dai “Pogrom” anti-Zimaj, da parte della fazione rinnegata delle fenici Bianche...

“Scagliati” e un termine razzista, una frase razzista, usata dalle Fenici, per indicare gli Zimaj o i
Draghi o i Vorynych

-
per questo, i guerrieri della “Casata di Ryadanov”, una casata di nobili e aristocratici Zharpitse,
sferrarono un colpo di stato, assaltando il palazzo Reale dei Due Imperatori, detronizzando
l'imperatrice Fenice Tatyushka I° e causando una strage e massacro della famiglia reale di
Tatyushka I°

il Re Zimaj, dovette scappare e fuggire assieme alla sua famiglia, dal palazzo reale dei due
Imperatori, dovendo fuggire dalla “Città dei due fiumi”...

dopo la “Congiura dei Principi di Ryadanov”, la Casata di Ryadanov, prese il potere nella Città dei
due fiumi, instaurando sul trono monarchico, un Re Fenice, il Re Daganov I°, un Re fenice della
casata di Ryadanov, che ordinò di scatenare una persecuzione a danno delle popolazioni Draghiche
degli Zimaj, che vivevano al interno del “Impero delle due Rive”, scatenando stragi e massacri delle
popolazioni Zimaiche o di Zimaj, al interno di quel grande regno...

secondo le leggende, ebbe inizio una grande guerra tra le Fenici e i Draghi, detti anche Zimaj, una
guerra che devastò prima “l'Impero delle due rive” e che poi devastò anche le terre degli Umani, le
terre del “Continente Titanico”...
quella guerra, venne ricordata come la “Guerra del Usurpatore”, una guerra che fu molto violenta e
devastante e che causò la distruzione e lacerazione e sfaldamento del “Impero delle due Rive”,
l'Impero che era co-gestito tra le Fenici e gli Zimaj...

il Re-Fenice usurpatore Daganov I°, mando numerosi dei suoi uomini e dei suoi guerrieri, il lungo
e il largo per le Terre dei due Fiumi, per fare la caccia al Re Zimaj e alla sua famiglia, ma in un
imboscata, avvenuta in una radura, il re Zimaj, si ritrovò separato e diviso da sua moglie e dalla sua
bambina, che a quel tempo, era ancora una neonata in fasce...

intanto, il Re Zimaj e la sua famiglia, tenendo sotto la propria protezione, una piccola Mirushka,
attraversando una foresta, assieme a un gruppo di soldati Lealisti, vengono attaccati da un gruppo di
soldati Fenice Rinnegati, che si scontrano contro i soldati Zimaj

la Foresta

In una grande foresta, il Re Zimaj e la Regina Zimaj, assieme a un gruppo di soldati e di comuni
Zimaj, stanno attraversando la fitta vegetazione della Foresta, dovendo scappare e fuggire dalla
capitale Imperiale del “Impero delle due Rive”, dopo che è caduta sotto il controllo del Principe
Ghasarovsk, che ora ha mandato truppe e soldati in giro per i boschi e le foreste, a dare la caccia al
Re Zimaj e a catturare anche la Regina Zimaj e la principessa Mirushka e a catturare e uccidere gli
Zimaj in fuga nelle foreste, in fuga dal Impero delle due Rive...

Re Zimaj: quel maledetto principe! Io lo sapevo che la Regina fenice non doveva fidarsi di lui! L'ho
sapevo che quel principe era solo un mascalzone! Un lupo vestito da agnello!!! ma la Regina
Fenice ha continuato a fidarsi di lui fino al ultimo!!!
Regina Zimaj: ti prego! Adesso calmati! Troveremo rifugio in qualche foresta impenetrabile o
qualche razza magica, ci darà riparo e protezione e non dovremmo più preoccuparci, presto,
saremo al sicuro...
Re Zimaj: hai ragione, l'importante e che la bambina stia bene!!
Regina Zimaj: vero! Ma dobbiamo anche radunare le nostre truppe e un grosso esercito, dobbiamo
anche radunare a noi, le fenici a noi alleate e fedeli, creare una grande alleanza, per attaccare
l'impero delle Due rive e detronizzare il Principe Ghasarovsk e i suoi soldati...

ma appena, la carovana dei profughi e fuggitivi Zimaj, guidata dal Re-Zimaj, giunge in una radura
nella foresta, per fermarsi e riposarsi, sentono dei rumori, sentono che “qualcosa”, si sta aggirandosi
nella vegetazione...

un ragazzo Zimaj, osservando qualcosa nella vegetazione fitta, attorno alla radura, viene colpito
dallo sparo di un fucile, che fa accasciare al suolo il ragazzo, ben presto, dalla vegetazione escono,
dei soldati Zharpitsa, che attaccano la carovana dei fuggitivi, diffondendo il panico e il caos nella
radura...

i soldati Zharpitsa del Principe Ghasarovsk, hanno scoperto la precisa ubicazione della carovana,
setacciando le foreste da cima a fondo, ma riuscendo a trovare la carovana degli Zimaj fuggitivi...

così, i soldati Fenice attaccano e assaltano la carovana degli Zimaj fuggitivi, scontrandosi contro un
gruppo di soldati Zimaj, che stava a difesa e protezione della carovana dei fuggitivi, ingaggiando un
combattimento, sia con armi da taglio, che spade a lama ricurva e asce, che con armi da fuoco,
come Archibugi e fucili...

ma il Re Zimaj, per difendere la sua famiglia e il gruppo degli Zimaj fuggitivi, in maggioranza civili
inermi e disarmati, che hanno perso tutto, si trasforma nella forma intermedia, nella forma
Drakaerin, con cui il Re Zimaj, inizia a scontrarsi contro i soldati Fenice, afferrandoli per le spalle e
le braccia, scaraventandoli contro gli alberi, che si spaccano e si spezzano e piegano, quando sono
colpiti in pieno dai soldati Fenice Rinnegati, quando vengono lanciati in aria o scaraventati contro
gli stessi alberi...
il Re Zimaj, sempre nella forma di Drakaerin, afferra una spada a lama ricurva, da un soldato fenice
Morto e la usa per combattere e contrastare i soldati Fenice, uccidendo e troncando braccia, gambe
e testa a molti soldati fenice, uccidendone molti, poiché, il Re Zimaj e un abile spadaccino e si era
addestrato molto nel combattimento con la spada...

ma i soldati Fenice sono in maggioranza numerica e arrivano a sopraffare i soldati Zimaj della
Carovana dei fuggitivi e a sopraffare lo stesso Re Zimaj...

con i soldati fenice, sempre più numerosi, i membri Zimaj di quella carovana, scappano e fuggono
nelle foreste, cercando di scampare al inseguimento da parte dei soldati fenice, ma molti Zimaj in
forma umana, non c'e la fanno, venendo o uccisi o catturati dai soldati Fenice...

Re Zimaj, gridando alla Regina Zimaj: ti prego! Almeno te salvati! Metti al sicuro la bambina!!!

allora, il Re Zimaj, circondato e soprafatto da un gruppo di soldati fenice, si ritrova schiacciato e


prevaricato dal gruppo di soldati fenice, ritrovandosi separato da sua moglie e da sua figlia

Re Zimaj: Ti prego! Scappa! Mettiti in salvo! Non so per quanto, potrò ancora tenerli a bada!

ma la Regina Zimaj, allora, per mettere in salvo, se stessa e la sua bambina, ovvero, la principessa
Mirushka, scappa e fugge nella foresta, correndo e scappando, disperata e in lacrime, mentre anche
una piccola Mirushka, piange disperata e spaventata, con la Regina Zimaj, che cerca di scappare e
fuggire dai soldati Fenice...

ma la regina Zimaj, durante la fuga, viene colpita alla schiena, da un proiettile, che colpisce la
Regina Zimaj, facendola cadere a terra, ma riuscendo a tenere in braccio Mirushka,
ma arriva in tempo, una donna Velya, una “Ninfa del Vento”, che tiene nelle sue braccia Mirushka,
quella donna Velya, provando pena e pietà per quella madre e per la sua bambina, decide di
intervenire dando riparo e protezione a quella bambina...
a fatica, la regina Zimaj, era riuscita a distanziare di poco, i soldati Fenice...

ma la donna Velya, presentandosi davanti a una regina Zimaj, ferita e morente, inizia a parlargli con
voce tenera:
donna Velya: non ti preoccupare, o regina dei draghi, ti ho ferito ferita e in fuga, ma non ti
preoccupare, sarò io a badare alla sua bambina, sarò io a proteggere il frutto del tuo albero, io gli
darò riparo e protezione”

così, la Donna velya, prende la bambina nelle sue braccia, abbraciandola e coccolandola
teneramente, si presenta davanti ai soldati Fenice, che puntano i loro fucili, contro la donna Velya,
che parla ad alta voce, sfidando i soldati Fenice...

Donna Velya: stupide fenici! Ci vuole proprio un bel coraggio a uccidere una bambina, eh? Ma
quale razza di esseri viventi, arriverebbe ad uccidere dei bambini? i bambini sono sacri e non
vanno mai toccati nemmeno con un fiore!!! ora questa bambina verrà con me e voi non potrete
toccarla!!!
soldato Fenice: fuoco! FUOCO!!!

i soldati fenice sparano raffiche di colpi e fucilate, contro la donna velya, che però sfruttano i poteri
magici del vento, riesce a respingere e rimbalzare i proiettili, creando una “Barriera” e “Muraglia”
di vento che ferma i proiettili...

Donna Velya: che stupidi! Ma pensate di poter sparare al vento? Ma pensate davvero di poter
uccidere o ferire il vento? Siete più stupidi di quanto pensassi!!!

fu così, che Mirushka, la Principessa Drago, venne adottata da quella donna Velya, che si rivelò
essere la Regina delle Velye, o grande madre delle Velye, chiamata anche “Regina del vento” o
“Signora del vento”, che porta una piccola Mirushka, nella “Foresta del Vento”, detta anche
“Foresta delle Velye”, che si tratta di una foresta magica, abitata e popolata da una razza di creature
magiche, chiamate “Velya” o “Velye”; ma dette anche “Ninfe del vento” o “Fate del vento”, delle
creature magiche in forma femminile, la cui magia si basa sul controllo e manipolazione del Aria e
del vento...

intanto, il Re Zimaj, viene catturato e incarcerato, venendo portato nella capitale imperiale del
“Impero delle Due Rive”, ma i soldati Fenice, provano a uccidere il Re Zimaj, provano ad
avvelenarlo senza riuscirci, ma riuscirono però a ferire e danneggiare gravemente il Re Zimaj...

fu allora, che secondo le storie raccontate, il Re Zimaj, fu portato in una zona lontana, distante e
remota, in una terra di grandi montagne, dove il Re Zimaj, venne rinchiuso e confinato sotto una
grande montagna, ma prima, il Re Zimaj, fu riempito di dosi massicce di veleno, da parte delle
Fenici bianche, nel tentativo di indebolire il Re Zimaj, di rendere debole e fragile il re dei Draghi

intanto nel Palazzo Reale del Impero delle Due Rive, il Principe Ghasarovsk, tiene un discorso,
dalla balconata del palazzo, rivolto a una massa di fenici mutantrope in forma umana, che si è
radunata davanti al palazzo reale...

qui, il Principe Ghasarovsk, tiene un discorso, un comizio, di fronte a una massa oceanica...
Principe Ghasarovsk: ascoltatemi! o nobile popolo del Cielo! o Splendidi figli del sole! Il nostro
tempo e giunto! E ora giunto il tempo della nostra rivincita! Del nostro riscatto! i Nobili e
monarchi traditori, ci hanno svenduto agli Zimaj, agli umani e alle razze magiche! Quei nobili e
monarchi ora detronizzati, ci avevano tradito e ingannato! Parlano di “Dialogo”! Parlano di
“Pace”! Ma in realtà, erano tutte falsità, tutte scuse per distruggere e annientare la razza delle
Fenici bianche! Tutte scuse e pretesti per renderci schiavi e servi degli Zimaj e degli Umani e di
tutte le altre creature magiche! Quei nobili... quei monarchi... erano nostri nemici! Odiano le fenici
come noi! Il loro e un Odio e disprezzo nei nostri confronti! Quei monarchi, avevano tradito le
sacre leggi del cosmo e della natura, poiché permettere a un Drago di vivere in pace con un umano
o una fenice... e CONTRO NATURA!!! NON E NATURALE!!! il lupo non può vivere in pace con la
pecora! Il serpente non può vivere un pace con l'umano! Il gufo non può vivere in pace con il topo
di campagna!!! come possono quei monarchi... dire che ciò che è malvagio per natura... non sia
malvagio? O popolo del cielo e delle nuvole... e nella nostra natura odiare gli Zimaj e combatterli!
Il cielo ci ha creato apposta per combattere gli Zimaj e renderli nostri nemici!!! noi siamo la luce!
Loro sono la tenebra! La luce combatte la tenebra! Questa e la natura! Questo e il cosmo! Per
questo siamo stati creati e generati dal cielo! Per combattere le tenebre e l'oscurità! Per
combattere la corruzione e il degrado che attanagliano i popoli e razze delle terre al estero di
questo regno!!!
Donna Fenice: non è vero! Bugiardo! Gli Zimaj non sono nostri nemici! Gli Zimaj non ci hanno
mai odiato! Stai solo fomentando l'odio e il rancore per il tuo tornaconto personale!!! Mio figlio
era innamorato di una ragazza Zimaj, avrebbero potuto mettere su una famiglia felice! Avrebbero
avuto tanti bei bambini! Ma tu hai rovinato quella famiglia! Tu hai rovinato la vita di innumerevoli
persone, per il tuo affarismo politico personale! Per la tua sete di potere!!! per soddisfare l'odio e
la stupidità di una massa di esseri ignoranti e stupidi!!!
Principe Ghasarovsk: per favore! Portate via quella degenerata! Né io e nemmeno tutti gli abitanti
di questo regno, vogliono degenerati da queste parte!!! questa feccia non è parte del nostro
popolo!!!
Donna fenice, piangendo e urlando: SEI TU LA FECCIA!! TU E TUTTA LA GENTAGLIA CHE TI
APPOGGIA! TU SEI MARCIO E SONO ANCORA PIU MARCI COLORO CHE TI
APPOGGIATO!!!!
Principe Ghasarovsk: GUARDIE! CATTURATELA E INCARCERATELA! CHE RIMANGA PER
SEMPRE CHIUSA IN PRIGIONE! COSI IMPARA A TENERE CHIUSA LA BOCCA!!!
consigliere di corte: perdonatela! Vostro Zar, quella donna sarà qualche pazza, non sa quello che
dice, ignoratela, la prego...
principe Ghasarovsk: certo che la ignoro! Io ascolto i miei fratelli e sorelle, non dei degenerati
traditori, non degli ingrati, che invece di ringraziare quel regno e monarca che gli ha datto riparo,
cura e protezione, invece di ringraziare quel regno che li ha fatti nascere, crescere, prosperare e
proteggere dai nemici dal esterno,ancora hanno la faccia tosta di criticarli e contestarli, bah,
ingrati!!!

intanto, la figlia del Re Zimaj, ovvero, la principessa Mirushka, riuscì a trovare riparo e rifugio in
un villaggio di Vila o Vilya, delle specie di entità magiche femminili, mezze Fate e mezze Ninfe (le
Vila o Vilya, sono creature magiche del folklore russo-Slavo), che danno riparo e protezione a
Milyana, dopo che la madre di Milyana, la regina degli Zimaj, venne catturata e uccisa dai guerrieri
fenice Bianchi, ma Milyana, venne adottata dalla Regina delle Vila, che divenne la madre adottiva
di Milyana, facendo crescere Milyana con amore e affetto...

passano gli anni... Mirushka, cresce e diventa una ragazza giovane, venendo educata, cresciuta e
allevata dalle “Veli” e “Velya”, che trattano Mirushka come una di loro, come una loro sorella...
-

Dopo la scomparsa misteriosa del Re Zimaj, dopo che il Re Zimaj, scomparve per cause misteriose,
i popoli e clan e fazioni degli Zimaj, dovettero scappare e fuggire dal Regno delle Fenici Bianche,
per scampare e sfuggire alle persecuzioni e “Pogrom” anti-Zimaj da parte delle Fenici
Bianche\Zharpitse, dopo che si era scatenata un ondata di isteria di massa anti-Zimaj, da parte delle
Fenici Bianche\Zharpitse,

questo spinse, gli Zimaj, devastati e rovina, a nascondersi nelle Montagne, nelle foreste, nelle
colline e nelle paludi, per scampare alle persecuzioni da parte delle fenici bianche...

i popoli Zimaj, trovarono riparo e rifugio nelle terre dello Svarovost, le terre esterne ai domini degli
Zimaj e delle Zharpitse, dominate dalle razze magiche e creature magiche, tutte quelle razze e
creature extraumane e non umane, create e generate, durante la creazione cosmica del mondo, ma
esterni ai draghi e alle fenici...

ma la guerra tra le Fenici e gli Zimaj, aveva portato al autodistruzione e autoannientamento, sia
delle Fenici che degli Zimaj, che esistevano ancora, ma era fortemente ridotti e diminuiti
numericamente, l'odio reciproco e i rancori reciproci, avevano devastato, piegato e stremato
reciprocamente sia le Fenici, che gli Zimaj...

questo, però, aveva rafforzato il Re Mago Kaschei, un ricco e potente Re-Mago del Regno di
Rjuganov, un regno nelle terre settentrionali della “Terra delle Grandi Foreste”, che si mise a capo
di un grande e vasto esercito, ovvero, del “Esercito di Kaschei” o “Sacro Esercito”...

ben presto, Kaschei, iniziò ad accumulare e allargare sempre di più il suo potere e autorità, fino a
diventare non solo un Re molto potente e un Mago molto temuto, ma diventando anche un Leader
religioso carismatico, il Re-Kaschei, voleva mettersi a capo e guida della razza umana e voleva
guidare il genere umano, in una grande guerra su vasta scala, contro le razze magiche e le creature
magiche, sopratutto una grande guerra contro i Draghi e le Fenici...
il Re Kaschei, voleva ergersi come “Leader” e “Messia” e salvatore della razza umana e del genere
umano, il Re Kaschei, voleva coalizzare e unificare gli umani, ma non per rendere unita la razza
umana, ma per imporsi come Re supremo e monarca supremo di tutta la razza umana, cercando di
alimentare e fomentare la paranoia e spauracchio di una “Minaccia” o “Pericolo” da parte delle
razze magiche e delle creature magiche, inventandosi di una “Minaccia” degli Zimaj o delle
Zharpitse, cercando di fomentare l'odio, l'intolleranza, il pregiudizio e la diffidenza verso le Fenici,
i Draghi e le creature magiche... allo scopo di mettere dalla propria parte la razza umana e di
rendere gli umani più fedeli e devoti al Re-Kaschei, tramite il “Manganello” e “Bastone” della
paura, della paranoia e del timore...

fu allora, che il Re Kaschei, mettendosi a capo del “Sacro Esercito”, si lanciò in una grande guerra
su vasta scala, contro i Draghi e contro le Fenici e contro le razze magiche delle “terre delle grandi
foreste”, fu allora, che ebbe inizio la “Guerra del Sacro Esercito” o “Guerra dei Fiumi Selvaggi”,
una guerra che contrappose l'esercito Sacro di Kaschei, al alleanza dei regni e imperi delle razze
magiche...
al alleanza, aderirono le Zharpitse, ma le fenici Bianche, facevano molta fatica a combattere e
contrastare gli eserciti Magici e i “Maghi militari” del Esercito Sacro di Kaschei, che erano in grado
di combattere e contrastare le Zharpitse, causando numerose sconfitte militari agli eserciti-fenice e
riuscendo a causare molte sconfitte militari alle armate delle Zharpitse...
-

nel mondo Umano, nelle terre degli umani, però, un potente Re-Mago, di nome Kaschei, ambiva a
conquistare e dominare il mondo intero, a dominare il mondo conosciuto, cercando di imporsi come
un imperatore, come un leader carismatico, per farlo, fomentò tra gli esseri umani, la paura e la
paranoia e la diffidenza verso le razze magiche e le creature magiche in generale, cercando di
aizzare gli umani contro le creature magiche e di sfruttare quella divisione, per imporsi come un Re
e mettersi a capo e guida degli umani, per presentarsi di fronte agli occhi del genere umano, come
un “Messia”, come un Salvatore, facendo credere agli umani, di essere giunto da loro per “Salvarli”,
per “Proteggerli” dalle Fenici, dai Draghi e dalle creature magiche, che Zimaj cerca di far spacciare
come potenziali “nemici” o “avversari” della Razza umana...

intanto, nel Impero delle Fenici Bianche o Impero delle Zharpitse, lo Zar Fenice Daganov I°, fece
varare politiche che si rivelarono fallimentari e disastrose, stabilendo in maniera arbitraria, tramite
editto imperiale, che le Fenici Bianche siano riconosciute come “Razza Superiore” e “Stirpe
Divina” e “creature di pura luce”, stabilendo tramite vari editti imperiali, che le Fenici, essendo
creature di luce, non possono essere creature malvage e non possono avere torto, poiché, sono
creature buone che per editto imperiale “incarnano la bontà e la giustizia”...

ma le politiche suprematiste di Daganov I°, fanno solo aggravare e peggiorare la situazione,


facendo incrementare l'ostilità e diffidenza dei popoli e razze magiche, verso le Zharpitse, per il
fatto che tali politiche, ritengono che le Fenici Bianche, siano “Pure” e “Superiori” e aldi sopra delle
altre specie viventi e forme di vita...
con Daganov I° che impone la creazinoe di un “Culto Imperiale” e di una religione di stato, basato
sul culto e venerazione delle Fenici o Zharpitse, venerate come “ideali di pace, armonia, giustizia,
bellezza ed eleganza”, una religione per cui, tutto quello che critica le fenici o si oppone alle fenici e
malvagio e demoniaco, una “Religione delle fenici” che diffama e demonizza gli Zimaj, ritraendoli
come cattivi e malvagi, per il solo fatto di essere dei Draghi o degli Zimaj...

Daganov I°, fece creare un grande esercito e varò delle grandi campagne militari, allo scopo di
creare un “Impero delle fenici Bianche”, con la scusa e pretesto di “combattere le forze del male” e
di combattere l'oscurità”, con la scusa e pretesto di difendere e proteggere le forze magiche dagli
Umani e dal esercito di Kaschei, ma con esiti fallimentari, per esempio, tentando di fomentare e
aizzare le creature e razze magiche contro gli Zimaj, o tentando di fomentare un conflitto tra Zimaj
e creature magiche... cosa che fece solo aggravare e peggiorare la situazione, poiché, rese i popoli
magici ancora più divisi e frammentati, di fronte alla minaccia del Re Kaschei I°

intanto, nelle terre degli umani, il Re Kaschei, per rafforzare il suo potere, si era alleato con una
razza dei Vorynich o Voryn, una razza di uomini-serpente, che voleva sfruttare quelal situazione per
espandersi e per rafforzarsi, per questo, molti geurrieri Voryn, combatterono nelle file del esercito
sacro di Kaschie...

la stirpe dei Vorynych, siglò un alleanza con il Re Kaschei, nel tentativo di recuperare il loro
potere e forza, nel tentativo di prendersi la loro vendetta e riscossa, contro gli Zimaj e le Fenici...

per questo, il Re dei Vorynych, iniziò a sfruttare e manipolare il Re Kaschei e il “Sacro Esercito” a
proprio favore e vantaggio, cercando di plagiare e manipolare, il Re Kaschei, nel tentativo di usarlo
come un burattino per i propri scopi e obbiettivi, nel tentativo di restaurare l'antica gloria e
grandezza dei Vorynych, nel tentativo di restaurare l'antico splendore dei Vorynych, nel tentativo di
prendersi la loro vendetta, dalla sconfitta per via della “Guerra della Montagna Volante”, ma allo
stesso tempo, il Re dei Vorynych, voleva sfruttare il Re Kaschei e il suo “Sacro Esercito”, come un
utile idiota”, per permettere alla razza dei Vorynych, di conquistare e dominare il mondo, per
permettere alla stirpe dei Vorynych, di lanciarsi alla conquista e alla dominazione del mondo,
manipolando le varie razze delle “Terre di Rus”, spingendo gli umani, le Fenici e gli Zimaj e le
Stirpi di Volos, a scontrarsi tra di loro e ad ammazzarsi e scannarsi tra di loro, per spingerli
reciprocramente al autodistruzione e al autoannientamento, facendo poi spianare la strada, alla
conquista e dominazione del mondo, da parte della stirpe dei Vorynych...

Rjadu e un giovane guerriero Mutantropo, un Drago Zimaj in grado di assumere forma umana e
sembianze umane, Rjadu ebbe una vita difficile e travagliata, essendo cresciuto in una famiglia di
contadini, in una casa sperduta nel profondo delle grandi foreste Russe, da madre e padre entrambi
mutantropi drago, i genitori di Rjadu erano due Zimaj, che scapparono e si rifugiarono nel profondo
delle grandi foreste russe, per scampare alle persecuzioni anti-Zimaj, da parte del Re Fenice...

il padre di Rjadu era un Falegname, mentre la Madre di Rjadu era un Erborista e lavorava come
medica e ostetrica nei villaggi contadini e di pastori locali, curando la gente, con cure a base di erbe
officinali e aiutando le donne a partorire, mentre il Padre di Rjadu, lavorava anche come artigiano,
realizzando ogni tipo di prodotto, dal legno d'albero...

Rjadu, crescendo e diventando grande, non accettava che gli umani perseguitassero le creature
magiche e che le Zharpitse opprimessero e sfruttasero le creature magiche, autoproclamandosi come
“guide” o “rappresentanti” del bene e della luce, questo spinse Rjadu a salutare i genitori e a partire
per il Regno dei Vodyanoi, per fare di tutto, pur di unire i popoli e creature magiche, contro il Re
Kaschei e il Re Fenice, Rjadu sarebbe stato pronto a tutto, pur di salvare i popoli magici e le
creature magiche, erano tempi bui e oscuri per la magia e le forze magiche, nelle terre della grande
Moscovia e qualcuno doveva fare qualcosa, qualcuno doveva salvare le forze magiche dalla
distruzione e dal annientamento...

allo stesso tempo, Rjadu, voleva lasciare la casa dei suoi genitori, per cercare fortuna e vivere
avventure...

così, Rjadu, lasciò la casa dei suoi genitori e giunse, dopo un lungo viaggio, nel regno dei Vodyanoi,
un regno acquatico, situato nelle profondità di un grande e immenso lago, ma Rjadu, trascorse la
vita in un villaggio di pescatori, nelle rive di quel grande lago, un villaggio dove i pescatori,
veneravano i Vodyanoi, come delle creature sacre, i pescatori di quel villaggio, avevano eretto, un
altare in onore dei Vodyanoi, che vivevano in quel regno sottomarino di Vodyanoi, nelle profondità
di quel grande lago, portando a quel altare, offerte a base di cibo, per spingere i Vodyanoi a
facilitare la pesca ai pescatori, che vivevano e sopravvivevano in base al pesce, pescato da quel
grande lago...

Rjadu, trascorse molto tempo in quel villaggio, venendo addestrato alla guerra e alle armi, da un
anziano guerriero Vodyanoi, di nome Krusnya, che insegnò le tecniche di lotta e combattimento, sia
nelle armi, che nel corpo a corpo a Rjadu...

Rjadu, iniziò a combattere nelle file degli eserciti e armate dei Vodyanoi, nelle guerre prima contro
le Zharpitse e poi nelle guerre contro l'Esercito Sacro di Kaschei...
La Foresta del Vento

intanto, Mirushka, nella foresta delle Velye o “Foresta del vento del Nord”, oramai e divenuta la
guardiana e custode delle Velye e di quella foresta magica, proteggendo e difendeno quella foresta,
sia dagli attacchi da parte delle Fenici Bianche, che da parte degli eserciti umani, tra cui, il sacro
Esercito di Kaschei...

le Velye o Velya sono una razza magica, fatta di sole donne e femmine, una razza nata dal acqua e
dal vento...

le Velye sono creature pure e innocenti, incapaci di cattiveria o di malvagità, le Velye, non sanno
cosa sia il male, non concepiscono l'idea di “Bene” o “Male” in senso stretto, le Velye sono creature
di pura innocenza, le Velye, sono come dei Bambini, ma allevate e protette dalal grande Madre”,
ovvero, la Regina delle Velye, assieme alle “Matrone”; ovvero, delle Velye “Adulte” o Mature, che
però, sono pochi e minoritari, in una società dove le Velye “Puerili” sono una maggioranza
demografica e sociale...

le Velye dovettero nascondersi dal mondo, poiché, incapaci o inadatte di vivere in un mondo, dove
le cose sono divise in bene o male, in buoni o cattivi, poiché, le Velye, non sanno distinguere il bene
dal male, non hanno mai sviluppato un chiaro concetto di “Bene” o “Male”...

ma per questo, le Velye, sono fortemente discriminate ed emarginate nella società umana e dagli
umani

per questo, il Sacro Esercito di Kaschei, vede nelle Velye, una razza inferiore, come una razza
stupida, ignorante, bifolca, degenerata e corrotta, come una razza “Inutile”, poiché il Re Kaschei,
ritiene “Stupidi” o “inutili” degli esseri viventi che non sanno distinguere o capire cosa sia giusto o
sbagliato, ritenendo che proprio quel fattore, sarebbe un “segno” o “Prova” del inferiorità
intrisesca” delle Velye, ritenendo che per questo, le Velye debbano “Meritarsi” uno sterminio o
genocidio di massa...
il Re Kaschei, vede le Velye come “Spazzatura”, come “Immondizia”, come degli invertebrati senza
cervello, come esseri inutili o irrilevanti ai fini del cosmo e del esistenza, il Re Kaschei progetta di
annientare e sterminare le Velye, credendo e pensando di “fare un favore” alla razza umana e di
permettere la nascita di un nuovo mondo, dominato dai “Forti” e dai “Migliori”...

per questo, Mirushka, che era una ragazza-Drago, divenne la guardiana e custode delle Velye,
consacrandosi alla difesa e preservazione della purezza e innocenza delle Velye,

Mirushka e una ragazza Mutantropa, una ragazza in grado di trasformarsi in un drago, ma non in un
drago gigante, come lo era il Re-Zimaj, ma in un comune drago, anche se molto alto e forte, in un
Drago-Femmina, che combatte e contrasta chiunque voglia fare del male dalle Velye...

per questo, le Velye, amano e ammirano Mirushka, vedendo in Mirushka, una “Sorellona”, una
“grande sorella”, che ama e vuole bene alle Velye...
molte velye, vedono in Mirushka, una “Mamma”, una “Grande Madre”, che ama, cura e protegge le
Velye...

Le Velya o Velye, sono una razza di creature di puro candore, una razza di creature femminili pure e
innocenti, incapaci di crudeltà, cattiveria o malvagità, le Velye sono creature incapaci di concepire
la cattiveria, la crudeltà e la malvagità, creature di puro amore, dolcezza e candore, che vivono in
pace e armonia, assieme e tra di loro, senza odio, divisioni o rivalità...

le velya, si aiutano sempre l'una con l'altra e non litigano mai tra di loro, e Velye non conoscono il
male, non sanno cosa sia il male o la cattiveria o la crudeltà o la malvagità...

le Velye sono però spaventate e terrorizzate dalle numerose guerre e conflitti, che stanno devastando
le Terre del “Mir Rusya”, poiché, le Velye trovano cose come l'odio, la violenza, la guerra, l'invidia
o la gelosia, come cose strane o bizzarre, come cose strane o incomprensibili, non riuscendo a
capire e comprendere, perchè ci siano cose come l'odio o la violenza nel mondo

Mirushka, fa amicizia con una giovane ragazza Velya, di nome Tamyani, che diventa una cara amica
di Mirushka...

Tamyani e una ragazza pura, dolce, ottimista, ingenua, altruista, generosa ed empatica, Tamyani
tende sempre a vedere solo il bello delle cose e a non vedere mai, le cose brutte o negative, Tamyani
e talmente ottimista e Fiduciosa verso il prossimo, che ha volte fa fatica a vedere il male o la
cattiveria o la malvagità delle cose...

Mirushka, giunge davanti alla riva di un grande fiume, per insegnare a un gruppo di bambine Velta
a Nuotare, per insegnare il nuoto alle Velye...

Mirushka: visto? Nuotare e facile, devi solo lasciarti andare, non devi mai essere troppo tesa o
nervosa, o l'acqua ti travolgerà, non devi andare contro l'acqua, non devi opporti al acqua di fronte
a te, non devi avere paura del acqua, devi lasciarti trascinare e trasportare dal acqua, devi
muoverti in armonia con l'acqua, hai capito?
Velya: si, Mirushka

Un gruppo di soldati del esercito di Kaschei, scoprendo l'ubicazione della Foresta Magica delle
Velye...

così, i soldati del esercito di Kaschei, sferrano un attacco armato alla Foresta delle Velye, cercando
sia di distruggerla e devastarla e sia di sterminare e annientare tutte le Velye, che vivono al interno
di quella foresta, per il solo fatto di essere delle Velye...

Soldato: Comandante! Dicono che le Velye siano creature quiete e pacifiche, dicono anche che
quegli esseri, non saprebbero nemmeno fare del male a un fiore!!
Comandante: meglio così, sarà più facile annientarle!!! almeno non dovremmo avere la
preoccupazione di combattere degli avversari forti e potenti! Il tutto renderà questa azione, una
tranquilla gita in campagna!!!

i soldati di Kaschei, si posizionano davanti alla foresta, tenendo in mano delle torce infuocate, allo
scopo di scatenare un grande incendio nella foresta, per distruggerla e devastarla...

i soldati di Kaschei, armati fino ai denti, con Asce, Pistole e Scimitarre, entrano nella foresta,
cercando di attaccare e distruggere il villaggio delle Velye,

ben presto, tutte le Velye, che si trovano in quel villaggio, scappano e fuggono spaventate e
terrorizzate, alcune si mettono a piangere disperate, spaventate e terrorizzate, poiché, le Velye,
essendo creature pure e innocenti, sono incapaci di violenza o cattiveria o di malvagità, le Velye
sono del tutto incapaci di combattere ogni minaccia o nemico o avversario, per questo, le Velye
quando arrivano i soldati di Kaschei, dilagare nella loro foresta, scappano e fuggono spaventate e
terrorizzate, alcune si nascondono in delle tane, altre nella vegetazione, altre si nascondono dietro a
degli alberi, mentre i soldati di Kaschei, controllando branchi di Cani feroci, setacciano la foresta,
alla ricerca di creature magiche, da uccidere e annientare...

ma Mirushka, sentendo in lontananza, i pianti disperati delle Velye e sentendo i soldati di Kaschei,
dilagare nella foresta, lascia la riva del fiume ed entra in azione, prendendo la forma fisica di un
Drago antropomorfo e dirigendosi verso il villaggio...

Mirushka: oh no! Il villaggio!!!

intanto, mentre Mirushka in forma di drago antropomorfo vola in cielo, sopra la foresta, nel
frattempo, i soldati di Kaschei, giungono dentro il villaggio delle Velye, in una grande radura al
centro della foresta...

un soldato Kaschei, cattura una bambina Velya, che si era nascosta dentro una botte, ma che viene
trovata da un soldato e catturata, con il comandante, che tira fuori un coltello e lo punta alla gola
della bambina velya catturata, gridando:

Comandante: ascoltatemi tutte, maledette bestiacce d'aria!!! o uscite adesso allo scoperto o questa
vostra amica, la vedrete morta al istante!!! se non uscite allo scoperto, entro dieci secondi, io
taglierò la gola a questa vostra cara amica e magari... ucciderò a sorte qualcuna di voi!!!

il comandate dice ad alta voce, un tono alla rovescia, ma quando il conto alla rovescia, sta per
scadere, arriva in tempo, Mirushka in forma di drago, che scaraventa al suolo il comandante,
disarmandolo e afferrando il soldato che teneva prigioniero la bambina Velya, prima scaraventando
in aria quel soldato e poi, afferrandolo e scaraventandolo, contro una casa di una Velya,
distruggendole una parete, ma neutralizzando il soldato...

Mirushka: Vigliacchi!!! Troppo facile prendersela con delle creature pure e innocenti!!! perchè non
ve la prendete con me piuttosto??? perchè non ve la prendete con uno della vostra taglia!!!
Comandante: non c'e problema, Bestiaccia Scagliata!!! ADDOSSO SOLDATI! DIAMOGLI UNA
BELLA LEZIONE!!!

poi, Mirushka, sfoderando i suoi artigli da Drago, si ritrova a combattere contro i soldati di Kaschei,
facendone fuori molti, con i suoi artigli e la sua poderosa forza muscolare, derivante dal suo corpo
fisico di drago antropomorfo, i soldati di Kaschei, provano a reagire, sparandogli addosso con
pistole e fucili, ma le scaglie da drago di Mirushka, sono molto dure e resistenti e coriacei,
resistendo ai proiettili dei soldati di Kaschei e facendo pochi danni a Mirushka...
poi, Mirushka, con la bocca e denti da drago, afferra per la spalla e braccia, alcuni soldati di
Kaschei, scaraventandoli in aria, oppure, scaraventandoli contro Botti, case, mura e parenti,
spaccandole e sfondandole...

altri soldati di Kaschei, provano a reagire, sfoderando le asce e le scimitarre, che però, si spaccano e
si spezzano contro le spesse e dure scaglie da drago di Mirushka, respingendo l'attacco al “arma
Bianca” dei soldati di Kaschei...
allora, Mirushka perde la pazienza e sputa dalla bocca, una vampata di Fuoco Blu, ovvero, il Fuoco
magico sputato dalle bocche dei draghi o Zimaj, un fuoco diverso dal “Fuoco” comune, un fuoco in
grado di bruciare e di carbonizzare ogni cosa, anche il Metallo e la pietra, un “fuoco universale”, un
“Super-fuoco”, in grado di bruciare e distruggere ogni cosa e che può essere generato solo dalle
“Ghiandole Piriche”, situate nelle bocche degli Zimaj...
Mirushka, sputando quella vampata di fuoco, distrugge e annienta e uccide numerosi soldati di
Kaschei, carbonizzandoli, questo spaventa e terrorizza i soldati di Kaschei, che scappano e fuggono
a gambe levate, dal villaggio delle velye e dalla foresta, poiché, i soldati di Kaschei, non si
aspettavano che quella foresta e quel villaggio, fossero difesi da un Drago “Zimaj”, molto resistente
e tenace, sconfiggendo e sbaragliando i soldati di Kaschei, che scappano e fuggono a gambe levate,
da quella foresta...

dopo aver respinto quel attacco Mirushka, raduna a sé, tutte le Velye spaventate e terrorizzate e in
lacrime, coccolandole e consolandole...

Mirushka: su, su, non fate così, oramai e tutto finito...io vi ho protetto e vi ho salvato da quegli
uomini cattivi
Ragazzina Velya: Mirushka, perchè gli umani sono così cattivi? Che abbiamo fatto di male? Cosa
abbiamo fatto per meritarci questo? Non siamo cattive, non siamo buone, perchè quegli uomini
fanno del male a creature dolci e pure di cuore come noi...
Mirushka: molti umani sono cattivi, ci sono molte persone cattive là fuori, che non sempre sanno o
capiscono cosa sia il bene o cosa sia giusto o sbagliato

Mirushka, parlando alla “grande Madre” delle Velye, cerca di avvertirla che il mondo fuori dalla
grande Foresta delle Velye, sta diventando sempre più ostile, pericoloso e minaccioso, che gli
Umani e le Fenici e i Vorynych, stanno diventando sempre più violenti, aggressivi e pericolosi, che
le Velye di quella foresta, non potranno per sempre vivere tranquille o al sicuro, che il mondo
esterno alla Foresta delle velye e oramai in preda a guerre e conflitti e fazioni ostili, che prima o
poi, il mondo esterno, sarà destinato a travolgere la Foresta delle Velye, che prima poi, il mondo
esterno verrà a “Bussare la porta di casa” alla Foresta delle Velye...

Mirushka, spiega alla signora delle velye, che lei deve intervenire, deve fare qualcosa, per garantire
la pace e l'armonia nelle Terre della “Mir Rusya”, poiché, le Velye potranno vivere tranquille e al
sicuro, solo quando il mondo esterno, sarà tranquillo e pacificato...

così, Mirushka, decide di partire per il mondo esterno alla grande foresta, salutando le sue care
amiche Velye e promettendo che farà ritorno in quella foresta, il più presto possibile, il più in fretta
possibile, appena la guerra nel mondo esterno sarà finita e appena verrà la Pace, promettendo che
Mirushka penserà sempre alle sue care amiche e sorelle adottive Velye...

ma Tamyani cara amica Velya, decide di partire dalla foresta delle Velye, per seguire e aiutare
Mirushka e non lasciarla da sola, allo stesso tempo, Tamyani, vuole conoscere ed esplorare il
mondo esterno ed è curiosa di sapere come sia fatto il mondo, al di fuori della “Foresta del vento”,
la foresta dove vivono le Velye...

nel regno dei Vorynych, un veggente Voryn, vede attraverso un piatto di metallo, bagnato d'acqua,
Mirushka che si aggira per la foresta...
i veggenti Voryn, non erano mai riusciti a trovare Mirushka, poiché, per molto tempo, era rimasta
nascosta e “occultata” nella Foresta delle Velye e le Velye, avevano tenuto e custodito Mirushka al
sicuro per molto tempo, “Nascondendola” al occhio dei Voryn, che per questo, non riuscirono mai a
trovare Mirushka...

ma ora, i Voryn, hanno trovato Mirushka e Mirushka e l'unica in grado di trovare il Re-Zimaj e di
risvegliarlo e di riportarlo nelle Terre di Mir-Rusya

intanto, i Clan e tribù degli Sciti, Alani e Sarmati, nelle grandi steppe e terre meridionali, alleati
con Clan e tribù di Cosacchi e Circassi, si sono uniti e alleati e pianificano di entrare in guerra,
contro l'Esercito sacro di Kaschei e contro le Fenici Bianche...

gli Eserciti Amazzonici o eserciti delle “Amazzoni delle Steppe”, le donne guerriere dei clan e tribù
Circassi, si uniscono nella guerra contro l'esercito Sacro di Kaschei e contro gli eserciti delle Fenici
Bianche...
le Amazzoni delle Steppe, sono alleate con i Clan e tribù delle Amazzoni o Tribù Amazzoniche,
tribù di donne guerriere, che vivono nelle “Grandi Steppe” della Russia Meridionale, del Asia
Centrale e del Ucraina...

intanto, il “Regno di Zaporizhiya” o “Regno Cosacco del Grande Don”, punta a unire i popoli
cosacchi e le tribù Cosacche, contro l'esercito Sacro di Kaschei e contro le Zharpitse Bianche...

nelle steppe meridionali e orientali, si sono diffusi dei leggendari guerrieri, leggendari spadaccini,
sia uomini che donne, sia maschi che femmine, che sono chiamati “Danzatori di Spade” o
“Danzatori delle Spade Volanti”, che padroneggiano delle leggendarie armi magiche, delle armi
incantante chiamate “le Spade danzanti” o “Le Spade che ballano”...
i Danzatori di Spade sono dei leggendari guerrieri che combattono con due spade nelle due mani,
riuscendo a sincronizzarle” e usando una tecnica di combattimento delle spade molto “Ritmica”,
basata sul “Ritmo”, il cui scopo e far “Ballare” o “Danzare” le proprie spade, usando quella tecnica
per combattere e contrastare i propri nemici e avversari...

intanto, le razze e creature magiche, per combattere e contrastare le forze ostili anti-magiche, hanno
creato “l'Alleanza di Svarga”, un alleanza dei Regni magici delle terre del grande Rus, per
unificare i popoli e le creature magiche, nella guerra di autodifesa contro l'Esercito sacro di Kaschei
e contro l'Impero delle fenici Bianche...

a capo e guida degli Eserciti delle razze dello “Svarovost”, si affermò un nobile e valoroso
guerriero Zimaj, di nome Yurianov Rjadanich, ma chiamato da tutti “Rjadu”, che si mise a capo e
guida, sia degli eserciti e armate dei guerrieri mutantropi Zimaj e sia a capo e guida degli eserciti
delle razze e creature magiche dello “Svarovost”, contro “l'Esercito Sacro” del Re Kaschei I° e
contro gli eserciti dei regni e imperi degli Umani, che erano divenuti ostili e diffidenti verso le razze
magiche e le creature magiche...

di fronte alla Minaccia e pericolo, sia del esercito Sacro di Kaschei, che di fronte alla minaccia di
regni e imperi umani, divenuti sempre più ricchi, forti e potenti, le razze magiche crearono e
stipularono tra di loro un alleanza, un “Fronte Unito” delle razze magiche, ovvero “l'Alleanza di
Svarovost”, creata come un alleanza delle razze magiche, pronta ad entrare in guerra, contro
“l'Esercito sacro” di Kaschei...

Per combattere e contrastare, la minaccia del “Sacro Esercito” di Kaschei e anche del “Impero delle
Fenici Bianche”, le maggiori razze magiche della Mir Rusya, tramite un accordo tra i vari re e
monarchi delle razze magiche, decidono di creare e stabilire un alleanza, ovvero, “l'Alleanza di
Svaroghin”, un unione di tutti i popoli e le razze magiche, che hanno deciso di fare fronte comune,
per combattere e contrastare, sia l'Impero delle Fenici Bianche, che il “Sacro Impero” del Re
Kaschei...

Rjadu si innamora di una giovane ragazza Rusalka, di nome Oksani, una ragazza dolce e sensibile,
dal canto melodioso...

la Palude della Guerra

in una grande Palude, si scatena una grande e vasta battaglia tra il sacro esercito di Kaschei e
l'Alleanza di Svarovost...

entrambe gli eserciti combattimenti, combattono facendo largo uso di Archibugi e fucili e armi da
fuoco del XVI° e XVII°secolo, con fucili a “Pietra Focaia” e ad Avancarica, anche facendo uso di
cannoni da campo...

L'esercito di Kaschei, sta cercando di conquistare una grande e vasta palude, cercando di
conquistare e dominare quel territorio per dilagare facilmente e rapidamente nei territori limitrofi e
per spianare la strada al invasione della “Grande Moscovia”, da parte del esercito di Kaschei

ma la Palude e diventato un grande e immenso campo di battaglia tra l'esercito di Kaschei e


l'esercito del alleanza di Svaroghin o Alleanza di Svarogin...

Rjadu, sta combattendo al fianco di un esercito di Umani e creature magiche, in una grande
battaglia campale contro il “Sacro Esercito” del Re Kaschei, la battaglia sta avvenendo in una
grande palude, in un grande acquitrinio, dove l'acqua arriva al altezza dei piedi e dove ci sono
grandi distese di giunchiglie...

Rjadu, in quella battaglia, si distingue come un forte e abile guerriero...

alla battaglia, si uniscono delle maghe Rusalke che controllando e manipolando l'acqua della
palude, la plasmano, dandone ogni tipo di forme e sembianze e usandole per colpire e danneggiare i
soldati umani di Kaschei, nel campo di battaglia...

ma la fila dei cannoni dei soldati di Kaschei, rimane un problema, poiché i cannoni del esercito di
Kaschei, stanno bombardando e bersagliando i soldati del Esercito del alleanza di Svaroghin, che
stanno attraversando la palude, ma che non riescono ad attraversare la palude, per via delle
numerose cannonate, che stanno ricevendo...

Rjadu e un soldato Vodyanoi, si mettono al riparo dietro al grosso tronco di un albero morto,
affiorante dalla palude, cercando di studiare e osservare le postazioni nemiche e avversarie,
cercando di studiare il campo e una tattica per assaltare quella fila di cannoni e neutralizzarla...
Soldato Vodyanoi: "dannazione! i soldati di Kaschei, dispongono di un intera fila di Cannoni,
armati con palle di cannone alchemiche, con quella maledetta fila di cannoni, che sta bersagliando
i nostri soldati, faremo molta fatica ad assaltare la postazione nemica!"
Rjadu: hai ragione! Quei maledetti cannoni ci stanno bersagliando! Stanno rallentando la nostra
avanzata, o abbattiamo quei maledetti cannoni, o non potremmo vincere questa battaglia!!!

Rjadu si fa largo, uccidendo molti soldati di Kaschei, combattendo sia con la sua spada a lama
ricurva, che usando i suoi artigli da drago, per ferire e lesionare i soldati di Kaschei, che a orde e
ondate, attaccano i soldati del esercito del alleanza di Svaroghin, che stanno dilagando e
diffondendosi nella “Grande Palude”...

Rjadu, arriva ad afferare due pistole e a sparare contemporaneamente due colpi, che uccidono due
soldati di Kaschei...

ma quando Rjadu si trova nei guai o rischia di essere soprafatto dai soldati di Kaschei, viene salvato
in tempo da Bamyuk, un grosso e muscoloso, guerriero Ludi-Nest, un Orso mutantropo in forma
umana, che emergendo dal acqua della palude, salta e atterra in mezzo ai soldati di Kaschei,
riuscendo a sconfiggerli e sbaragliarli, essendo Bamyuk, un guerriero grosso, muscoloso e forzuto,
più forte e resistente dei comuni esseri umani, poiché, i Ludi-Nest, anche se in forma umana,
mantengono la stessa forza e potenza muscolare di un Orso, i Ludi-Nest, quando ottengono la forma
umana, hanno sua la forza fisica umana, che quella di un orso, sia le capacità di un essere umano,
che le capacità di un orso...

dopo aver respinto quel gruppo di soldati umani, un altro gruppo di soldati di Kaschei, armato di
spade e asce e pugnali, cerca di lanciarsi addosso a Bamyuk, ma Bamyuk, con la sua magia
mutantropica, giunse a trasformarsi in un Orso antropomorfo, in un essere mezzo umano e mezzo
orso, che sfoderando i suoi artigli di orso e la sua forza muscolare da orso, arriva a ferire e lesionare
e colpire, numerosi soldati di kaschei, le cui armi sortiscono poco e scarso effetto su Bamyuk, il cui
corpo fisico e massa muscolare, si rivela coriacea e resistente, sia alle armi da taglio, che alle armi
da fuoco, cosa che rende Bamyuk, un “Carro armato” vivente, un “carro armato” antropomorfo, del
tutto innarestabile...

altri soldati di Kaschei, cercando di buttarsi addosso a Bamyuk, di massa, cercando di far leva sulla
maggioranza numerica, per fermarlo e paralizzarlo...
soldato umano: forza, lui e solo in uno, noi siamo in cento, forza, DIAMOGLI ADDOSSO!!!

i soldati di Kaschei, allora, si buttano di massa su Bamyuk, cercando di immobilizarlo e


sopraffarlo,ma quegli sforzi da parte dei soldati di Kaschei, non servono a nulla, poiché Bamyuk e
troppo forte e muscoloso, per essere soprafatto o immobilizzato, riuscendo a liberarsi dalla presa dei
soldati di Kaschei, scaraventanoli in aria o scaraventandoli nelle zone più profonde e con il fondale
più alto di quella palude...

ma durante la battaglia, Oksani, una abile “Maga del Acqua”, si rifiuta di usare la violenza, contro i
soldati Fenice e contro i soldati Umani del “Sacro Esercito”, sostenendo, in base agli ideali della
stirpe dei Rusalka, che la Vita sia Sacra, che la Vita sia un dono bello e prezioso, che la vita debba
sempre essere protetta, difesa, custodita e preservata, a ogni costo e con ogni mezzo, ritenendo per
questo, che uccidere sia sbagliato, che non si debba mai uccidere nessuno, nemmeno i propri
peggiori nemici e avversari, ritenendo che lei essendo Rusalka, sia nata dal principio del acqua,
ovvero, dal principio della vita, ritenendo che l'acqua debba dare la vita, non la morte, che l'acqua
sia un elemento di creazione, non di distruzione, ritenendo che l'acqua debba far nascere le cose,
non distruggerle o annientarle...

così, Oksani, che con la sua magia e in grado di controllare e manipolare l'acqua, usa i suoi poteri,
per combattere i soldati di Kaschei, ma senza uccidere i soldati di Kaschei, senza ammazzare o
annientare i soldati di Kaschei, usando l'acqua per combattere, ma con combattimenti non letali,
tramite la magia del acqua, che è in grado di neutralizzare, ferire o debilitare, ma non di uccidere...

Oksani, usa i suoi poteri, per aiutare e proteggere Rjadu nei campi di battaglia e nelle zone di
guerra, poiché Oksani, con la sua magia del acqua e in grado di creare e generare dei Muri d'acqua e
delle barriere d'acqua, in grado di fermare i proiettili, le Palle di cannone e i barili esplosivi...

così, Rjadu e il guerriero Vodyanoi, attaccano e assaltano la fila dei cannoni dei soldati di Kaschei,
venendo protetti e aiutati da Oksani, che crea delle barriere d'acqua, che fermano e rallentano i
proiettili e le palle di cannone dei pezzi d'artiglieria dei soldati di Kaschei,

Bamyuk, salva e ribalta la situazione, correndo a perdifiato contro la fila dei cannoni dei soldati di
Kaschei, ricevendo la “Copertura” da parte di Oksani, con “Scudi” e “Barriere” magiche d'acqua,
che permettono a Bamyuk, di raggiungere uno dei cannoni, appena caricato e con la miccia accesa,
respingendo e ferendo dei soldati di Kaschei con delle zampate, simili a pugno, poi afferrando il
cannone dalla miccia con le braccia, puntando il cannone dalla miccia accesa, contro gli altri
cannoni messi in fila, cosa che fa spaventare e terrorizzare i cannonieri del esercito di Kaschei, che
scappano e fuggono a gambe levate, terrorizzate dal fatto che Bamyuk, sta per sparare una
cannonata, direttamente sulla fila di cannoni, Bamyuk, si posizia al largo orizzontale di quei
cannoni, dalla sinistra di quei cannoni, con la miccia che giunge alla canna del cannone, facendo
sparare una cannonata, talmente forte e potente, che fa distruggere e rimbalzare l'intera fila dei
cannoni, che rimbalzano tra di loro, causando un insieme di suoni, simili a tonfi metallici molto
pesanti e duri, mettendo fuori uso la fila dei cannoni, mettendo in rotta i soldati di Kaschei, che
scappano e fuggono a gambe levate, mentre l'esercito di Svaroghin, liberato dalla minaccia e
preoccupazione della fila dei cannoni, inizia a dilagare e diffondersi nella grande palude,
prendendone il controllo e possesso militare...

ma Bamyuk, affera un cannone dalla miccia accesa, abbandonata dai Cannonieri e artificieri del
esercito di Kaschei, in fuga, afferando con le braccia il cannone appena acceso e sparando una
cannonata, che colpisce un gruppo di soldati di Kaschei in fuga, colpendoli con una grande
esplosione, poi Bamyuk, affera un altro cannone dalla miccia accesa con le braccia, sparando una
cannonata, che colpisce e bersaglia un altro gruppo di soldati umani in fuga, causando una grande
esplosione...

ma Rjadu e Oksani, arrivano e fermano Baymuk:

Rjadu: adesso basta, tutto questo e servito da lezione ai soldati di Kaschei, oramai, abbiamo vinto
questa battaglia, la palude ora e nostra!
Baymuk: non così di fretta, Rjadu! Abbiamo vinto la battaglia, ma non abbiamo ancora vinto la
guerra, una sola vittoria non basta a vincere un intera guerra...
Oksani: ma una vittoria e già tanto... una vittoria e di base un buon inizio...
Bamyuk: questo e vero, ma bisogna cerca di evitare facili trionfalismi... perchè l'arroganza e la
superbia, la convinzione di avere sempre vittorie facili e a portata di mano, la convinzione di essere
a pochi metri dalla vittoria e il primo passo che porta alla sconfitta...
Rjadu: ma oramai, abbiamo vinto, noi, oramai, la palude e nostra e i soldati di Kaschei, stanno
scappano a gambe levate, ai soldati di quel re Mago superbo, gli abbiamo dato una bella lezione,
che se ne ricorderanno per un bel po' di tempo!!!

ma il discorso tra i personaggi e interotto da una voce femminile:


voce femminile: “Ehi! Avete dimenticato questo”
emerge, una ragazza Ludi-Nest, più giovane di Bamyuk, dal corpo femminile, ma con una forza
sovrumana, che afferra un soldato di Kaschei, rimasto indietro nella palude e catturato e legato dalla
stessa ragazza-Orso, una Ludi-Nest in forma umana...

Bamyuk: Narishka? Che ci fa qui?


Narishka: beh, sono venuta ad aiutarti! Sono venuta a fare la mia parte nella guerra contro il Re
Kaschei e le Fenici Bianche!
Bamyuk: come te lo devo dire? Questa non è roba da ragazze! Le ragazze devono aiutare i loro
genitori, devono stare di guardia alla casa! Sono i ragazzi e gli uomini, che devono uscire dalla
loro tana per combattere al esterno!!!
Narishka: uffa! Dici sempre così e tutto al villaggio dicono sempre così! Anche una ragazza sa farsi
rispettare e sanno menare le mani, quando la situazione lo richiede!!!
Bamyuk: questa e una situazione pericolosa! Non posso permettere che te possa rischiare la vita!
Narishka: sono una ragazza Orso! Io sono un orsa! Le femmine orso sono forti e guerriere quanto i
maschi, una femmina rischia la vita molto più di un maschio, a difendere la propria tana e i propri
cuccioli e questo rende le Orse più forti e tenaci dei maschi!!!
Bamyuk: ma sei una femmina! Una ragazza!
Narishka: prego... una femmina Orso! Una ragazza ORSO! Mica siamo umani noi, mica siamo
quelle masse di neve e ghiaccio prossime a sciogliersi, la femmina orso ha tanti muscoli e forza
quanti il maschio!!!

Rjadu e Oksani, osservano il litigio tra Bamyuk e Narishka, che sono fratello e sorella:
Oksani: com'e stressante avere fratelli e sorelle!
Rjadu: già, sono fortunato ad essere nato figlio unico!

cala la notte e Rjadu e Oksani, si incontrano al accampamento del Esercito dei popoli di Svarga,
davanti a un focolare...

qui, Oksani spiega che lei e incapace di violenza, poiché i poteri del acqua sono poteri non letali,
che servono a far nascere le cose, non a ucciderle o annientarle, spiegando che le donne dei villaggi
in riva al fiume, si immergono nelle acque del fiume, quando sono incinte o quando aspettano un
bambino, invocando l'intervento delle Rusalke, che usano i loro poteri, per far nascere quel bambino
che la donna evocatrice porta in grembo, spiegando anche che le Maghe rusalke, quando giungono
nei villaggi, si occupano di far nascere i bambini, usando i loro poteri del acqua, come facoltà
“Ostetriche” o di “aiuto parto”, per le donne che devono far nascere i bambini...

poi, Oksani spiega a Rjadu che i poteri delle Rusalke, servono anche far garantire la fertilità dei
campi e dei raccolti, per rendere fertili i terreni, facendo incrementare la produttività del grano e
della frutta e della verdura, riempiendo d'acqua quei campi, facendo “creare” o “generare” la Frutta
e la verdura...

-
una notte, in un accampamento, Rjadu racconta a Oksani, un antica leggenda, che genitori di Rjadu,
avevano raccontato e narrato allo stesso Rjadu da piccolo, quando era un bambino...

ovvero, la leggenda di una storia d'amore travagliata, tra due innamorati, ovvero, tra Nikovay e
Irinya...
Nikovay era un principe Fenice, mentre Irinya, era una comune donna umana

ma tra gli Umani e le fenici, erano comuni e diffusi la diffidenza reciproca e i pregiudizi reciproci,
con i nobili fenici che non volevano unirsi agli umani e i nobili umani, che non volevano unirsi alle
fenici

ma l'amore tra Irinya e Nikovay, avrebbe dovuto superare e travalicare le frontiere e barriere tra le
due razze, avrebbe dovuto scavalcare i pregiudizi e diffidenze reciproche tra Umani e Fenici...

ma Irinya e Nikovay, cercando di compiere il loro desiderio d'amore, dovevano superare il più
grande, difficile e problematico di tutti gli ostacoli, la più grande di tutte le montagne da scalare,
ovvero, il Pregiudizio, l'ostilità e diffidenza reciproca tra umani e fenici...

ma il padre di Irinya, non accettava che la sua figlia, facesse “corrompere” o “contaminare” il
proprio o che minacciase la tenuta del suo clan e della sua tribù e della sua intera stirpe, unendosi
a una Fenice mutantropa, allora, il Padre di Irinya, impose a forza a sua figlia, a sposarsi un
giovane ragazzo di buona famiglia, il figlio di una famiglia ricca, in modo che il padre di Irinya,
potesse avere accesso alla ricchezza e fortuna della famiglia di quel giovane ragazzo ricco e
benestante, ma Irinya, non amava quel uomo, Irinya non amava veramente quel ragazzo, Irinya
non poteva amare qualcuno o qualcosa non la forza, non si poteva obbligare qualcuno ad amare
qualcosa contro la propria volontà...

mentre il Padre di Nikovay, non accettava che un principe, un nobile, un aristocratico, potesse
accoppiarsi non solo con un essere umana, con una comune mortale, ma che addiritura quella
donna umana, fosse una contadina o una plebea...
fu allora, che il Padre di Nikovay, un nobile e aristocratico Zharpitsa, impose a suo figlio, di
sposarsi con una giovane ragazza Zharpitsa, una giovane aristocratica e nobildonna, che però era
una ragazza viziata e capricciosa, arrogante e sbruffona, il padre di Nikovay, impose allora un
matrimonio combinato tra suo figlio e quella giovane ragazza, per sancire e siglare un alleanza tra
la casa del Padre di Nikovay e la casata nobiliare di provenienza di quella Nobildonna Fenice...
ma Nikovay,

quando Irinya e Nikovay, cercarono di fuggire verso una terra lontana, per poter vivere in pace e
compiere il loro amore, vennero però catturati dal Re degli umani e vennero uccisi e giustiziati
assieme, poiché, sia Iriniya, che Nikovay, vennero ripudiati e diseredati dalle loro famiglie e nuclei
famigliari, venendo falsamente e ingiustamente accusati di aver “tradito” le loro casate, i loro
popoli e le loro stirpi, pretendendo di poter “giudicare” le azioni di quei due innamorati, venendo
demonizzati e diffamati, come dei “corrotti”, come dei “Degenerati”...

Irinya e Nikovay, morirono assieme, sopra il luogo in cui erano morti, però, nacque un fiore
splendente, ma anche rosso vivo, simbolo della loro passione e del loro desiderio d'amore, ma
simbolo anche di un amore distrutto e annientato, di un amore bellissimo e meraviglioso, che non
potè mai compiersi o esaudirsi, poiché, distrutto e annientato dal odio e dal pregiudizio...

questa storia, viene sempre narrata ai bambini Zimaj, per insegnare quanto sia sbagliato e crudele
l'odio, perchè l'odio e la diffidenza siano dannosi, nocivi e pericolosi, poiché, l'Odio e la diffidenza,
distruggono l'amore, annientano l'amore, possono spaccare o spezzare anche dei legami profondi...
fu l'odio e la diffidenza, l'ottusità e l'incapacità di capirsi e comprendersi reciprocamente, che c'era
tra gli umani e le fenici, che impedì a quel sogno d'amore, di poter diventare realtà, di potersi
esaudire, la malvagità e cattiveria, che covava tra gli umani e le fenici, l'incapacità di quelle due
razze, di capirsi e comprendersi reciprocamente, impedì a un bellissimo fiore, di poter sbocciare ed
esprimere tutta la sua bellezza e candore...

Rjadu, racconta quella storia a Oksani, per insegnarli che la diffidenza e il pregiudizio e la cosa più
cattiva, sbagliata e crudele che ci sia, che il pregiudizio, può solo troncare o rovinare le storie
d'amore, insegnando anche che l'amore e un qualcosa di spontaneo, che l'amore non può essere
“controllato” o “dominato” o “Manipolato”, che non sei tu a scegliere l'amore, ma e l'amore a
scegliere te, che non puoi stabilire cosa sia “amore” e cosa no, che l'amore e universale e
trascendente, che non puoi “Imporre” l'amore, che l'amore deve essere una libera scelta, qualcosa
che scegli, si ama una cosa, perchè lo vuoi amare, non perchè “Devi” amarlo, l'amore non è un
qualcosa, che può essere cacciato a bocca con l'imputo o fatto ingoiare a forza come lo sciroppo per
la tosse, l'amore deve essere una cosa voluta, libera e spontanea...

per questo, Rjadu si impegna a combattere e lottare contro il Sacro Esercito di Kaschei e contro
l'impero delle Fenici bianche, per questo, si impegna a combattere e contrastare il pregiudizio, per
permettere a tante storie d'amore di poter esaudirsi e diventare realtà, per permettere ai popoli, alle
stirpi e alle nazioni, di conoscersi e comprendersi reciprocamente, per permettere a tanti fiori, di
poter sbocciare e a tanti alberi, di poter far schiudere le loro foglie dai loro boccioli...

ma ben presto, anche l'Impero delle Fenici Bianche o “Impero delle Zharpitse”, iniziò a diventare
una minaccia e pericolo per i popoli magici e le razze magiche, poiché, l'Imperatore Fenice, ovvero,
Re Daganov I°, grande “Zar” di tutte le Fenici, ambiva a creare un grande e vasto impero, vedendo
nelle Fenici, una stirpe superiore, una razza superiore, una stirpe di creature “Solari”, di creature di
pura Luce, che aveva la “Missione celeste” di conquistare e dominare tutte le terre conosciute e
tutto il mondo conosciuto, vedendo nelle razze non-fenici, come delle razze barbariche, selvagge e
primitive...

pieno di arroganza e di superbia, il Re Daganov I°, era convinto erroneamente, che solo le Fenici
bianche, fossero in grado di combattere e contrastare il “Sacro Esercito” di Kaschei, con la
convinzione che le fenici bianche, fossero sempre “Buone” o “Giuste” a priori e a prescindere, per il
solo fatto, che le fenici, fossero una razza di luce o delle creature di pura luce, per il solo fatto che le
fenici, fossero delle creature “Luminose” e delle creature “splendenti” e che per questo, le fenici
Bianche, fossero sempre dalla parte del bene o dalla parte del “Giusto”, convinto erroneamente che
gli Zimaj, non fossero in grado di combattere o contrastare il sacro esercito di Kaschei, per il
semplice fatto che gli Zimaj fossero dei Draghi o creature rettiliformi, che per lo Zar delle fenici,
sono creature cattive o malvagie o negative, per il semplice fatto di essere dei Draghi o creature
rettiliformi, per il fatto che lo Zar-Fenice Daganov I°, ha stabilito e deciso in maniera arbitraria, che
TUTTE le creature come i draghi sono cattive e malvagie, a priori, a prescindere, per il solo fatto di
essere dei draghi...

ma queste decisioni e scelte, si rivelarono fallimentari e disastrose, per le fenici bianche e per lo
Zar-Fenice, contribuendo al declino stesso delle Fenici Bianche e alle numerose vittorie militari da
parte del “Sacro Esercito” di Kaschei...

i guerrieri Fenice e i “Bogatyr” fenice, ovvero, delle specie di “Cavalieri” fenice, nelle loro
campagne militari e conquiste militari, arrivano a condurre le peggior cattiverie e crudeltà, con la
convinzione che tanto loro, essendo “creature di luce”, non debbano essere puniti o giudicati, con la
convinzione che non sia possibile “Punire” o “giudicare” le creature buone o luminose o fatte di
luce, con la convinzione, che solo le creature “Oscure” e “Malefiche” o “cattive” possano essere
punite o giudicate...

così, la maggioranza delle vittorie militari, contro l'esercito sacro di Kaschei, avvengono da parte
degli Eserciti degli Zimaj e degli eserciti coalizzati del “Alleanza di Svarovost”...

l'Impero delle Fenici Bianche, diventa ben presto, un regime autoritario e oppressivo, con il
Re Daganov I°, che in nome del “Bene supremo”, in nome delle “Forze della Luce”, in nome dei
“Valori supremi” e della “Nobiltà del Animo”e della “Purezza del Animo”, arriva a condannare a
morte sia comuni contadini e “Popolani” fenici-mutantropi, che nobili e aristocratici
Fenice\mutantropi, per il semplice fatto che non hanno detto la verità o non hanno seguito la verità,
anche solo per aver detto una bugia o perchè, non hanno messo il Bene e la verità e la lotta per luce,
prima di ogni cosa, per non aver ritenuto più importante il bene e la “Purezza d'animo” prima di
ogni cosa, per le leggi del Re-Fenice Daganov I°,

poi, queste politiche, fecero diventare il Regno delle Fenici bianche, una nazione di fanatici
invasati, di guerrieri estremisti e chiusi di mente, di guerrieri ciechi e ottusi, ossessionati dal bene e
dalla luce, che arrivano a causare più danni e disastri di quanti ne abbia fatti il sacro Esercito di
Kaschei, arrivando a diventare una minaccia ben peggiore del Sacro Esercito di Kaschei...

il Sacro Esercito di Kaschei, compie il male, con la convinzione di contrastare una “grande
minaccia”, anche se fasulla e inesistente, alla propria vita ed esistenza, con la convinzione che la
razza umana sia minacciata o in pericolo da parte di forze esterne ostili...

mentre l'Esercito delle Fenici Bianche compie il male, con la convinzione di fare del bene, con la
convinzione di rendere migliori le cose o di poter creare un mondo migliore, di “contrastare la
cattiveria e la malvagità”, ma diventando loro stessi un mezzo e veicolo di cattiveria e malvagità,
diventando loro stessi, una forma di malvagità...
poi, le Fenici Bianche, non si battono per il “bene”, si battono per quello che LORO ritengono o
considerano sia il “Bene”, si battono per quello che è la loro idea personale di “Bene”, si battono
per quello che loro concepiscono o credono o ritengono che sia il “Bene”, combattendo guerre e
conflitti contro entità che il Re-Fenice di persona, ritiene o considera come “Cattive”, anche entità
Buone di natura, ma che il Re-Fenice, ha stabilito e deciso in maniera arbitraria, che tali entità siano
“Cattive” o “Malvage”, senza conoscere o comprendere davvero quelle razze o creature magiche,
come per esempio, le Rusalke, i Vodyanoi e gli Zimaj...

nel profondo delle grandi Foreste, vivevano ed esistevano un crogiolo e marasma di Clan e tribù dei
“Ludi-Nest” o “Uomini Orso”; una razza di Orsi mutantropi, una razza di orsi, che erano in grado
di assumere la forma umana o di assumere le sembianze umane...

i Ludi-Nest, sono una popolazione suddivisa in clan e tribù, che vive nel profondo delle grandi
foreste, lontani dalla civiltà e lontani dalla razza umana, vivendo a stretto contatto con la natura...

i Ludi-Nest, hanno la fama, di essere una razza guerriera, una razza di guerrieri e guerriere forti, una
stirpe di impavidi guerrieri, che non hanno paura di nulla e che non si fermano di fronte a niente...
-

la Tribù degli Uomini Orso o Lyudi-Nest o Ludi-Nesti, una popolazione di Mutantropi Orsi, di Orsi
russi, in grado di assumere forma umana e sembianza umana, suddivisa in vari clan e tribù nel
profondo delle grandi foreste russe e della Taiga...

La tribù degli uomini-Orso, decide di allearsi con la tribù degli Uomini-Drago, ovvero, la stirpe
degli Zimaj, in forma umana-antropomorfa e con il regno delle fenici Bianche o Zharpitse, in una
grande guerra contro l'esercito Sacro di Kaschei

nelle terre dei Tatari, il popolo tataro, venera come loro Dio e Re supremo, un drago gigante, di
nome Zilant

il Zilant e un re Drago, la cui stirpe, una razza di Draghi, che domina e controlla le terre dei Tatari,
si era alleata con lo Zimaj e la sua stirpe

il Zilant, che di base e femminile, una femmina, mentre lo Zimaj e un maschio, un uomo...

il Zilant, sta cercando di combattere le forze oscure di Kaschei e ha mandato spie, agenti e guerrieri
di Kazan, il lungo e il largo per la massa continentale Euroasiatica, per cercare l'umano in cui si è
reincarnata l'anima dello Zimaj...

La Maghi-Nost o Maghy-Nost e la Magia e forze magiche comuni e diffuse nelle terre della
“Mir Rusya”, la Maghy-Nost, sono le forze ancestrali della magia nel mondo conosciuto, forze
magiche e mistiche, aldilà di ogni comprensione e di ogni concezione o conoscenza umana,
inizialmente, la Maghy-Nost era diffusa solo e unicamente nei popoli extra-umani e non umani, i
primi detentori della Maghy-Nost nella storia, erano i popoli magici e le razze magiche, come
Rusalke, Ludi-Nest, Vodyanoi e Velya\Velye...

poi emersero gli Umani, che inizialmente, non erano una razza magica e non disponevano di poteri
magici, gli umani entrarono, anche se in parte, a far parte delle razze magiche e dei popoli magici,
quando avvenne l'avvento dei Radanost, ovvero, delle stirpi dei maghi umani, che si formarono
quando si formarono fazioni di umani, che divennero in grado di “controllare” o di “catturare” la
magia...

ma gli Zimaj e le Fenici, non sono proprio delle “Razze magiche”, non sono proprio delle “Stirpi
Magiche”, poiché, l'unico potere magico vero e proprio ed effettivo, che hanno Fenici e Zimaj, sono
la Mutantropia, la capacità di passare da tre forme e corpi diversi:
Corpo umano
Corpo Intermedio
Corpo di Drago o corpo di Fenice

mentre le razze e creature “Propriamente” o “Strettamente” magiche nel vero senso della parola,
sono le Velya, le Rusalke, i Vodyanoi e i Ludi-Nest
anche se l'unico principale potere delle Rusalke e quello di controllare e manipolare l'acqua e i
fluidi e di plasmare o generare qualunque cosa dal acqua, controllando l'acqua come se fosse argilla
o terracotta...

il Re della “Grande Moscovia”, ovvero lo Zar del “Regno di Moscovia”, ovvero,


Yurik Volodymir I°, iniziò a vedere nel esercito sacro di Kaschei, come una minaccia, un pericolo,
da combattere e contrastare con ogni modo e mezzo, sopratutto, da quando lo Zar di Moscovia,
aveva perso la protezione militare e la “Difesa” da parte dei Draghi e delle Fenici, che per antichi
patti e alleanze, erano i custodi degli Zar della Moscovia e dello stesso regno di Moscovia, da
minacce e pericoli esterni, ma quando “l'Impero delle Due rive” era finito devastato dalla guerra, lo
Zar della Moscovia, si era ritrovato senza le difese militari e le protezioni militari, lasciandolo
esposto sia alle invasioni straniere, da parte di regni o imperi esterni e sia da parte della minaccia
del “Sacro Esercito” di Kaschei...

la Figlia della Regina Fenice

Ma durante il Colpo di stato, da parte del Principe Ghasarovsk, al Palazzo Reale del “Impero delle
Due Rive”, la sorella minore di Alyna, una bambina Fenice di nome Arishka, non era ancora
arrivata nel giardino ed era accompagnata da una serva di corte, da una delle serve della corte
imperiale, che si era affezzionata ad Arishka e che si prendeva cura di Arishka, come una seconda
madre...

Tatyani e Arishka, stavano giocando felici e spensierati in una grande stanza, con Tatyani che faceva
da “Tata” e da Baby sitter, prendendosi cura di Arishka...

ma Tatyani e Arishka, si spaventando sentendo degli spari e delle urla venire dal giardino, sentendo
i soldati di Ghasarovsk, diffondersi e dileguarsi al interno del palazzo reale...

la serva di corte, si chiamata Tatyani, ed è anche una cara amica della Regina fenice, che da anni, si
occupava e badava ad Arishka, quando la Regina Fenice era troppo impegnata e occupata...

Tatyani e una giovane ragazza di 19 anni...

Tatyani, sentendo gli spari venire dal giardino, sentendo la regina fenice, gridare e urlare dal dolore
e vedendo i soldati del principe Ghasarovsk, dilagare e diffondersi nel palazzo reale, riesce a
mettere sotto la sua protezione

“Mamma? MAMMA? MAMMAAHHH?”


“Via! Tesoro! Dobbiamo andarcene! Restare qui e pericoloso! Ci sono uomini cattivi la fuori!”
“Mamma! No! Mamma!”,(dice Arishka piangendo disperata)
“non ti preoccupare! Io ti amerò e ti proteggerò! Io mi prenderò cura di te!”

Tatyani, tiene stretta Arishka, una bambina piccola, nelle sue braccia, riuscendo a raggiungere una
stanza segreta, dove i membri della servitù del palazzo reale e dei soldati lealisti al interno del
palazzo reale, che tramite un passaggio segreto, riescono a scappare e fuggire dal palazzo reale del
“Impero delle Due Rive” e a nascondersi e dileguarsi in una grande foresta...

durante la fuga, Arishka piange disperata, gridando disperata, continuando a domandarsi, dove siano
la sua mamma e i suoi genitori e la sua sorella maggiore...
-

dopo che il colpo di stato e avvenuto, dopo che i soldati “Golpisti” hanno preso il controllo del
palazzo reale, setacciano da cima a fondo il palazzo, ma non riescono a trovare né Arishka e
nemmeno Mirushka

soldato: “Comandante! Mirushka e Arishka non si trovano da nessuna parte! Non riusciamo a
trovarli!”
principe Ghasarovsk: “Dannazione! Devono essere scappati e fuggiti da qualche parte! Questo non
ci voleva!!!”

per molti anni, Arishka vive al sicuro e al protetto nella “Foresta di Kizhavost”, una Foresta difesa
e protetta dalla Stirpe degli Alberi o “Derevyi” o “Chelo-Dery”, una razza di Alberi mutantropi, di
alberi magici, in grado di assumere forma umana e sembianze umane, i Chelo-Dery, sono tipo le
“Driadi”, sono simili alle “Driadi”...

nella foresta di Kizhavost, le Fenici lealiste, le Fenici che erano rimasti fedeli e devoti al alleanza
tra i Draghi e le fenici e rimasti devoti alla Regina Fenice, formarono un Regno, ovvero, il Regno di
Kizhavost, dove Tatyani, divenne la madre adottiva di Arishka, facendola crescere ed educare,
Arishka, trascorse l'infanzia, crescendo assieme a bambine e ragazze Derevyi, che insegnarono ad
Arishka, ad “ascoltare” e “Sentire” il vento...

una notte, nella Foresta di Kizhavost, nel Palazzo dei Grandi Alberi, dove vive la principessa
Arishka, assieme alla sua corte, Tatyani mette a dormire

i Derevyi era una razza amica e alleata delle Fenici lealiste e della regina fenice e per questo,
decisero di dare riparo e protezione, alle fenici bianche lealiste e alla principessa fenice Arishka, per
questo, il Re dei Derevyi, per proteggere le fenici lealiste e per dare riparo e protezione, alle fenici
lealiste e alla principessa Arishka, decise di creare una barriera magica, una cupola magica, tra il
mondo esterno e la foresta di Kizhavost, per proteggere le fenici lealiste e la principessa Arishka dal
mondo esterno, per nascondere Arishka dalla vista dei soldati delle Fenici bianche rinnegate, dai
soldati Umani e dai veggenti “Voryn”, che stavano tutti dando la caccia alla principessa Arishka...

passarono gli anni, Arishka cresceva e diventava grande, trascorrendo un infanzia tranquilla...

molti anno dopo...

Arishka e divenuta una ragazza grande, una ragazza adolescente, che oramai, si è abituata alla vita,
nella foresta di Kizhavost, assieme alle sue amiche e coetanee Derevyi...

Tatyani, diventa una donna adulta, guarda con amore e tenerezza Arishka, che oramai e integrata
nella società delle Derevyi e che vive in pace e armonia con le Derevyi

Tatyani:“E così bello, vedere Arishka crescere felice e spensierata, ha perso i suoi genitori e la sua
famiglia, ma ha trovato me, ha trovato qualcuno che lo ami e che gli voglia bene”
Nobile fenice: “già, oramai, te sei una madre per Arishka”
Tatyani:“vero, quando i genitori di Arishka, vennero assassinati, dovetti diventare la sua madre, io
dovetti educarla e crescere, dovetti prendere il suo posto di sua madre, dovetti diventare io stesso
una madre... anche perchè persi il mio ragazzo durante la Congiura di corte del principe
Ghasarovsk”

intanto, i soldati di Kaschei, tramite delle Spie umane nel Impero delle Fenici azzurre e tramite spie
dei Vorynych, vengono a sapere, che il Re-Zimaj non sarebbe sconfitto definitivamente, che il
Re-Zimaj, non è “Morto”, ma solo addormentato e assopito da qualche parte, in qualche terra mai
raggiunta da alcun essere umano...

ma i soldati del Sacro Esercito di Kaschei, vengono a sapere, che due cose, potrebbero facilmente
causare il ritorno o il risveglio del Re-Zimaj: la sua figlia, la Principessa del Regno degli Zimaj,
ovvero, Mirushka, ma anche la principessa del Regno delle fenici bianche, ovvero la Principessa
Arishka, figlia della Regina Fenice...

così, i soldati di Kaschei, mandano spedizioni militari per tutte le terre e regioni della Mir Rusya,
affiancati da soldati del Esercito dei Vorynych, per cercare in ogni dove, sia Mirushka, che Arishka,
per trovarle e catturarle e ucciderle, per impedire il ritorno o il risveglio del Re Zimaj...

ma una notte, i soldati del sacro esercito di Kaschei, prendono il controllo di un villaggio di umani,
catturando uno Sciamano locale e costringendolo a rivelare la precisa ubicazione della foresta di
Kizhavost, il comandante di quel gruppo di soldati del “Sacro Esercito” minaccia lo sciamano del
villaggio locale, dicendogli che se non rivela l'ubicazione della foresta di Kizhavost tramite un
rituale sciamanico, i suoi soldati stermineranno la popolazione di quel villaggio, razziando e
saccheggiando quel villaggio e poi incendiandolo fino alle fondamenta e uccideranno la famiglia di
quello sciamano...
allora, lo Sciamano, si ritrova costretto a forza, a condurre un rituale sciamanico, che rivela ai
soldati del esercito di Kaschei, la precisa ubicazione della cupola magica del Re dei Derevyi e che
rivela anche l'ubicazione della Foresta di Kizhavost...

così, i poteri magici dello Sciamano, vengono usati e impiegati dai soldati di Kaschei, per aprire una
breccia, un apertura, nella “Barriera magica” eretta dai maghi Derevyi, attorno alla Foresta di
Kizhavost...

così, i soldati di Kaschei, entrando in quella breccia, sferrano un attacco armato su vasta scala,
attaccando la foresta di Kizhavost

ben presto, si diffonde l'allarme al interno del “Palazzo dei Grandi Alberi”, per l'attacco imminente
alla foresta dei Derevyi, da parte del Esercito di Kaschei...

ha inizio una battaglia e combattimento violento tra le Fenici Lealiste e i guerrieri Derevyi, conto i
soldati di Kaschei...

ma i soldati di Kaschei, hanno dalla loro parte, dei “Soldati Anti-Magici”, dei Soldati Anti-Magia,
che tramite degli “Amuleti di assorbimento Magico”, creati da dei Fabbri-Maghi e Artigiani-Fabbri
Vorynych, riescono a respingere e neutralizzare le magie offensive dei Maghi Fenice e dei Maghi
Derevyi...

i soldati di Kaschei, trovano Arishka e iniziano a inseguirla per catturarla,


Arishka, inizia a correre disperata, scappando e fuggendo dal “Palazzo dei Grandi Alberi” e
cercando di dileguarsi nella Foresta, cercando di scappare e fuggire dai soldati di Kaschei e
cercando di nascondersi, spaventata e terrorizzata nel profondo della vegetazione...
Arishka, nascosta dietro un albero, cercando di fuggire e dileguarsi dal inseguimento da parte dei
soldati di Kaschei, inizia a pregare a bassa voce, agli spiriti-Albero:
“vi prego, spiriti della grande foresta! Datemi protezione e riparo, o grandi alberi, dal immensa
saggezza, che resistente al vento e alle tempeste, intimamente legati e uniti alla terra, proteggetemi
da chi mi vuole fare del male, proteggetemi con i vostri rami e le vostre foglie...

ma Arishka viene trovata e catturata, da dei “Soldati Volanti” di Kaschei, ovvero, dei soldati umani,
ma dotati di “Sigilli del Vento”, dei Sigilli magici che permettono a un umano, di controllare e
padroneggiare per un periodo limitato di tempo, per cinque ore, i poteri magici del aria e del vento,

i Soldati Volanti, di Kaschei, volando al suolo e saltando sui rami degli alberi, raggiungono Arishka
e la catturano, riuscendo a imprigionarla...

Arishka, viene così, legata e rinchiusa dentro un grande carro, con un convoglio di carri, che parte
prima dalla foresta dei Derevyi, poi dal villaggio dello sciamano, partendo in direzione del regno di
Kaschei, tenendo prigioniera e rinchiusa la principessa Arishka...

i Guerrieri venuti dal Oriente

alla ricerca del Re Zimaj, giunsero nelle terre delle grandi Foreste, una spedizione di Fenghuang o
Fenici Rosse, chiamate anche “Fenici Cinesi”, una spedizione che era partita dalla Cina, allo scopo
di ricostruire e rifondare l'Impero delle due rive, cercare il Signore degli Zimaj e unificare le fenici
e i Draghi, contro la minaccia del Re Kaschei e del esercito sacro...

ma il guerriero di guerrieri mutantropi fenice giunse, quando giungono nei villaggi degli umani,
sono visti con diffidenza e ostilità, i guerrieri fenice cinesi, possono nascondersi, assumendo una
forma umana, ma la forma umana di cinesi Han, poiché, nei loro poteri mutantropici, le fenici cinesi
possono assumere solo e unicamente la forma di Cinesi Han...

ma nei villaggi locali, i contadini e pastori, hanno paura degli Asiatici o degli estremo orientali o
della gente con gli occhi a mandorla, arrivando a scambiare quella ambasceria e spedizione, per una
banda di “Barbari delle steppe”, per una banda di “Unni” o di “Mongoli” o di “Tartari”, scambiando
quella spedizione per un attacco imminente da parte di un orda di Barbari o di saccheggiatori delle
steppe verso i loro villaggi, le cui popolazioni locali, abbinano gli occhi a mandorla e i tratti sinici a
popolazioni di Barbari, razziatori e invasori stranieri, sopratutto a popoli come Unni, Mongoli e
Tartari, che nei secoli precedenti, avevano devastato le “Terre delle grandi Foreste”...

per questo, i popoli umani locali, sono ostili e diffidenti verso gli Asiatici o chi ha gli occhi a
mandorla... o mostrano paura e timore verso quelle popolazioni...

Nelle “Terre delle Foreste verdi” e diffuso un culto monoteista, una religione monoteista, ovvero, il
“Culto del Grande Svarog” o “Chiesa del Grande Svarog”, una religione simil-cristianesimo,
basato sul culto e venerazione di una divinità suprema, chiamata “Grande Svarog” o “Sommo
Svarog”...
lo “Svarog” e un dio monoteista, una divinità monoteista, che vive in una dimensione celeste,
chiamato “Svarga”, che sarebbe il Paradiso di questa fede e religione,
il Dio Svarog e chiamato anche “Signore della Luce” o “Signore del Sole” e i membri di questa
religione, ritengono che il Dio Svarog, sia il vero creatore cosmico del Universo, l'artefice della
creazione divina di tutto l'Universo...

la “Chiesa di Svarog” e la maggiore religione nelle terre della grande Moscovia, la Chiesa di Svarog
e la “Religione di Stato” e “Chiesa di Stato” nel “Regno della grande Moscovia”...

mentre il “Regno Divino” del Re Kaschei I° e retto da una setta religiosa, detta “Tempio del Dio
Guerriero”, detta anche “Chiesa del Grande Svetovid”, basata sul culto e venerazione di Svetovit,
il Dio della guerra o “Signore Cosmico delle Battaglie”, che ritengono sia il vero creatore e artefice
del mondo e del Universo...
il Dio Svetovid e chiamato anche il “Dio Guerriero” o “Signore degli Eserciti”...

questo culto religioso, si tratta di una religione estremista e fanatica, che ritiene che le Guerre siano
alla base e principio del cosmo e della natura, ritenendo che la guerra e le armi siano una creazione
e volontà stessa del Dio Svetovid...

Il culto del grande Svetovid, un culto religioso diffuso al interno del Sacro Esercito di Kaschei, si
basa sul culto del “Dio Guerriero”, del “Signore di tutte le guerre”, ovvero, il Dio Svetovid o
“Grande Svetovid”, un culto religioso, che venera la guerra e i conflitti militari, vedendoli come una
volontà divina, vedendo nella guerra, una forma di devozione religiosa, i membri di questa setta
religiosa, credono e ritengono che il Dio Svetovid, abbia creato e generato le guerre nel mondo, per
mettere alla prova, i propri fedeli, devoti e seguaci, i membri di quella religione, sono convinti che
il Dio Svetovid, voglia “mettere alla prova” i suoi seguaci, scatenando guerre e conflitti e spingendo
i suoi seguaci a lanciarsi nei campi di battaglia, per “provare” o “verificare”, l'effettiva devozione o
adesione dei propri seguaci alla fede in Svetovid...

per questo, i seguaci del culto del Grande Svetovid, credono e ritengono che la Guerra sia il “volere
di dio”, che la guerra sia la “volontà divina”, che il combattimento e lo scontro armato sia un segno
di devozione al Dio Svetovid, che il combattimento armato sia necessario per mostrarsi fedeli e
devoti al dio Svetovid...

una religione, secondo cui, i guerrieri più violenti, fanatici e devoti, i primi che saranno disposti a
sacrificare la propria vita o a rinunciare a una parte di se stessi in nome di Svetovid, in cambio della
devozione, potranno ascendere in un paradiso celeste, chiamato “Dryghuza”, una specie di
“Paradiso” dei guerrieri...

per la religione del grande Svetovid, la Pace e peccato, la pace e visto come un segno di debolezza,
come un segno di degrado e decadenza, ritenendo che la pace sia dei “Deboli”, che un tempo di
pace possa portare solo a uomini deboli, rammolliti ed effemminati, ritenendo che la guerra renda
gli uomini più forti e potenti, che la guerra “tempri il carattere” degli uomini, che la guerra renda gli
umani come “veri uomini”...
i seguaci di quella religione, si oppongono a ogni tipo di pace o dialogo, vedendolo come un segno
di degrado e decadenza, come un segno di indebolimento e di corruzione morale, vedendo la pace
come “Immorale” e “Dissoluta”...
i seguaci di quella religione, di fronte alle vittime delle guerre e conflitti che scatenano, credono e
ritengono che le vittime di quelle guerre, o fossero dei “Peccatori” o “Blasfemi” o “Infedeli” che
non credevano o veneravano nel dio Svetovid, oppure, che non fossero abbastanza fedeli o devoti al
dio Svetovid...

i membri di quella religione, ritengono che la guerra sia il “Principio del cosmo”, il “Principio del
universo”, ritenendo che l'Universo stesso sia nato dopo una guerra tra il Dio Svetovid, ovvero, il
“Dio Guerriero” o il “Dio della Spada Celeste”, contro il “Dio del Caos” o “Dio Tentatore” o
“Signore della Tentazione”, ovvero, il dio Temny-Bog...

il culto del Grande Svetovid e divenuta una religiosa estremista, integralista e fanatica, una religione
violenta, brutale e sanguinaria...

il culto del Grande Svetovid e controllato dal Re Kaschei, che sfrutta e utilizza a proprio favore e
vantaggio, la religione del Grande Svetovid, per controllare e dominare con maggiore facilità, i
soldati del suo “Sacro Esercito”, ottenendo il controllo dei sacerdoti e congrega Sacerdotale della
religione del grande Svetovid, con il re Kaschei, che ottiene il controllo diretto della “Chiesa” del
Grande Svetovid, allo scopo di usare e sfruttare la religione a proprio favore e vantaggio, per
spingere le masse dominate e soggiogate dal “Impero Sacrale” di Re Kaschei, a diventare
maggiormente fedeli e devoti al autorità del Re Kaschei e per rendere i soldati del Re Kaschei degli
estremisti e fanatici, dei “Super-Soldati”, completamente privi di ogni freno inibitore e resi
insensibili, freddi e crudeli di fronte alla violenta, per far diventare i soldati di Kaschei, in delle
“Macchine da guerra” viventi, senza emozioni e sentimenti, senza empatia e senza emozioni, per
desensibilizzare quei soldati alla violenza...

il Re Kaschei, iniziò a prelevare a forza dei Bambini, sia maschi che femmine, togliendo a forza
dalle braccia delle loro madri, ma promettendo che quei bambini, in cambio, sarebbero diventati dei
grandi guerrieri e che da quei bambini, sarebbe nata una stirpe di Eroi, Re e guerrieri, che sarebbero
stati ricordati e decantati nei miti e nelle leggende e che sarebbero stati l'orgoglio e “Punta di
diamante” dei loro villaggi e delle loro stirpi e della loro nazione...

a quei bambini, ancora neonati, venne fatto bere un liquido nero denso, ovvero, “l'Essenza delle
Tenebre”, un liquido magico oscuro, ricavato direttamente dalle tenebre e dal oscurità, chiunque
beva una sola goccia di essenza delle tenebre, perderà completamente tutte le emozioni e i
sentimenti, il Re Kaschei, fece bere a quei neonati, l'Essenza delle tenebre, per privare quei neonati
delle emozioni e dei sentimenti e di ogni forma di Empatia...

il Re Kaschei, fece allevare quel gruppo di dieci bambini, cinque maschi e cinque femmine,
addestrandoli per essere dei guerrieri perfetti, con il Re Kaschei, che puntava a far diventare quei
bambini, un gruppo di “Super-Soldati”, un gruppo di “Super-Guerrieri”, fu allora, che il Re
Kaschei, fece creare i “Figli delle Ombre”; una forza di guerrieri d'elite, un gruppo di dieci
guerrieri armati e addestrati il meglio possibile, che dovevano essere i soldati migliori e più forti, di
tutto il sacro esercito di Kaschei, essi, dovevano diventare i “Soldati perfetti”, dei guerrieri perfetti,
dei guerrieri che non dovevano fermarsi mai di fronte a nulla, guerrieri imbattibili, guerrieri fedeli e
devoti al loro Re e al loro comandante militare...

ma i Figli delle Ombre, erano guerrieri freddi e insensibili, guerrieri senza emozioni e sentimenti,
guerrieri senza un “Cuore”, poiché, “l'Essenza delle Tenebre” gli aveva atrofizzato e “inibito” il loro
cuore, rendendo i figli delle Ombre, incapaci di Empatia e incapaci di provare emozioni o
sentimenti...
l'Essenza delle Ombre, aveva anche cancellato i ricordi e le memorie dei Figli delle Ombre, che si
erano dimenticati della loro origine, della loro appartenenza, dimenticandosi pure della loro casa e
dei loro genitori, iniziando a convinversi che il Re Kaschei, fosse il loro padre e che il palazzo
Reale del re Kaschei, fosse la loro casa, mostrando una forte devozione verso il re Kaschei, con la
convinzione, che il Re Kaschei, fosse suo padre...

i Figli delle Ombre, finirono temuti e timorati da tutti, anche dagli stessi soldati del Esercito di
Kaschei, per il fatto che i Figli delle Ombre erano talmente freddi e insensibili, che non sembravano
degli esseri umani, non sembravano nemmeno “Umani”, ma sembravano quasi dei “Mostri”,
avevano qualcosa di “Mostruoso” in loro, i figli delle Ombre, avevano la forma esteriore umana, ma
dentro di loro, erano qualcosa di “Diverso” o “Estraneo”...

nei campi di battaglia, i Figli delle Ombre, erano divenute le migliori armi da guerra viventi del
Sacro Esercito di Kaschei, i migliori soldati di Kaschei, temuti dagli eserciti avversari del re
Kaschei...

Dopo la scomparsa del Re Zimaj, dopo la fuga di massa degli Zimaj dal “Impero delle due Rive” e
durante l'avvento del “Sacro Impero” di Kaschei...
ebbe inizio una violenta e devastante guerra tra il “Regno degli Zilant” o “Regno del Grande
Kazan” e l'Impero delle fenici Bianche, quella guerra, fu principalmente, una guerra tra le Fenici
Bianche e gli Zilant, una razza e stirpe di Draghi, simili agli Zimaj, ma che vivevano in delle terre
Nord-Orientali, distanti dalla grande Moscovia.

Il Re degli Zilant, era un alleato degli Zimaj e dello stesso Re-Zimaj e quando venne a sapere della
scomparsa del Re Zimaj e del avvento del Re usurpatore fenice nel Impero delle Due Rive, il Re
Zilant allora, decise allora di dichiarare guerra al Impero delle Fenici bianche, un impero che era
divenuto il maggiore nemico e avversario del regno dei Zilant...

fu allora, che ebbe inizio, la “Guerra Zilant”, una guerra che contrappose la razza degli Zilant, alla
razza delle fenici Bianche, una guerra tutt'ora in corso in quelle terre...

nel Palazzo del re Zilant, nel Regno dei Zilant, si sono radunati un insieme di nobili e consiglieri,
che sono convocati dal Re Zilant, per discutere su come affrontare la minaccia del impero delle
fenici Bianche e del “Sacro Esercito” di Kaschei

così, il Re Zilant, per sfidare il Re Kaschei e le fenici bianche, decide di mandare una spedizione
diplomatica, nel regno della Grande Moscovia, nel tentativo di stabilire un contatto diplomatico con
lo Zar della Moscovia e di stabilire e siglare un alleanza tra il Regno degli Zilant e il Regno della
Grande Moscovia, per creare un fronte comune sia contro l'Impero delle Fenici Bianche, che contro
il Sacro Esercito di Kaschei...

intanto, al interno del palazzo Reale del Re Zilant, la figlia del Re Zilant e principessa del regno
Zilant, una giovane ragazza di nome Arishma, trascorre la sua vita alla corte, ma e una vita noiosa e
monotona, Arishma, sogna una vita di avventure e grandi imprese, al di fuori del palazzo reale,
Arishma, sogna segretamente di essere una condottiera militare, di poter guidare gli eserciti in
grandi battaglie, sogna di poter diventare una grande regina, una regina temuta e importante, una
regina onorata, anche come modello ed esempio per le donne, per dimostrare che anche una donna
può guidare grandi eserciti nei campi di battaglia e che anche una donna, può diventare una regina o
ricoprire un grande potere...
ma Arishma, sa che la società degli Zilant e molto conservatrice ed è ostile o diffidente a dare il
potere a una donna...

Arishma e anche una ragazza forte e attiva, una ragazza a cui piacciono le attività fisiche e
ginnastiche, Arishma preferisce gli sport alla letteratura o alle “attività femminile”...

Arishma, davanti a uno specchio, si fa curare i capelli da una servitrice di corte

Arishma: perchè no ci sono mai donne a guidare gli eserciti o donne regine? Perchè gli eserciti o i
regni o gli imperi non sono mai guidate dalle donne?
Servitrice Zilant: guidare gli eserciti o fare i condottieri militari, non è roba da donne o da ragazze,
o vostra maestà...
Arishma: bah! Questo lo dicono sempre! Lo dicono quegli uomini che stanno al potere! Lo dicono
coloro che hanno creato i loro regni, appositamente per impedire che una donna o una ragazza
possa essere importante o contare qualcosa, per tenere le donne al loro posto, come uccellini in
una gabbia o come i pesci rossi in uno stagno, mentre gli uomini fanno tutto, senza che una donna
possa dire cosa crede o pensi di quella cosa, come se le donne non avessero anche loro i loro
pensieri, come se le donne per loro, non esistessero nemmeno!

Lo Zar del “Regno della Grande Moscovia”, ha varato una politica di tolleranza della Magia,
dando riparo e protezione ai maghi e agli Alchimisti, ma anche ai Maghi e alle “Vedma”, ovvero, le
streghe Russe...
i Maghi e gli Alchimisti, ricevono la “Protezione” da parte dello Zar della Moscovia, che è divenuto
un “Mecenate”, ma anche un protettore della Magia e del Alchimia, un protettore dei Maghi e degli
alchimisti, anche perchè lo Zar di Moscovia e un amante e appassionato della Magia e del Alchimia,
creando un corpo di “Maghi di Corte” e un corpo di “Alchimisti di Corte”...

questo ha reso la grande Moscovia, un territorio dominato dalla magia e al Alchimia e dalle forze
magiche e alchemiche...
rendendo la “Capitale Imperiale” della Grande Moscovia, ovvero, Kremlin-Gorod (“Città del
Cremlino” in Russo), un centro e capitale della Magia e del Alchimia, sia nel Regno della Grande
Moscovia, che nelle terre della “Mir-Rusya”...
rendendo Kremlin-Gorod, una città cosmopolita, multietnica e multirazziale, sia un grande centro
commerciale-mercantile, che un centro artistico e culturale e intelletuale e sia un via vai e crocevia
di popoli, razze, culture e nazioni, sia popoli magici, che non magici...
lo Zar di Moscovia, ha reso Kremlin-Gorod, un modello di pacifica convivenza e cooperazione tra
etnie, popoli, culture e razze, un modello di convivenza pacifica tra la razza umana e le razze e
creature magiche... ma anche un modello di convivenza pacifica tra i Maghi e gli Umani, tra gli
umani “Magici” e gli umani “Non-Magici”, tra gli umani con la magia e i comuni mortali...

lo Zar del Regno della Grande Moscovia, ha deciso di creare un “Alleanza dei Maghi”, di creare un
“Alleanza Magica”, allo scopo di creare una forza militare di Maghi e di Alchimisti, per combattere
e contrastare sia il “Sacro Esercito” di Kaschei, che per combattere e contrastare l'Impero delle
Fenici Bianche...

lo Zar della Grande moscovia, ha iniziato a siglare e ratificare delle alleanze con Regni Magici e
con razze magiche e popoli magici ed extraumani, per fare fronte comune, contro le minacce del Re
Kaschei e del Imperatore delle fenici Bianche...
lo Zar della grande Moscovia e allarmato e preoccupato dalla diffusione del Sacro Esercito di
Kaschei e dal fatto che l'Impero delle fenici Bianche, stia diventando sempre più pericoloso,
aggressivo e bellicoso, per questo, lo Zar della grande moscovia, ha iniziato a dare riparo e
protezione, sia agli Zimaj, che alle fenici Lealiste, in fuga dal impero delle fenici Bianche...

ma al interno della Corte dello Zar, sta avvenendo una congiura, sta avvenendo una cospirazione, da
parte di Nobili e aristocratici rinnegati della corte dello Zar, nobili e aristocratici religiosi ferventi,
devoti al “Culto del grande Svarog”, una religione monoteista, ostile e diffidente verso la magia e le
razze magiche, una religione fortemente antropocentrica, i membri della cospirazione dei nobili
rinnegati, vedono nello Zar di Moscovia, un “Traditore”, un “Rinnegato”, che vuole svendere il
regno di Moscovia alle razze magiche e alle creature magiche, vedendo nello Zar di Moscovia, un
potenziale nemico e avversario della razza umana...

Intanto, Mirushka e Tamyani, viaggiano il lungo e il largo, attraverso le terre della Mir Rusya,
visitando numerosi villaggi di Pastori, Contadini e pescatori, cercando di raggiungere l'esercito di
Svaroghin, per unirsi alla lotta armata contro il Sacro impero di Kaschei e contro le Fenici bianche...

Le Velya, sono creature pure e innocenti, creature di pura luce, l'unica vera razza, ad essere nata dal
"Principio della Luce"...

mentre le Fenici Bianche o Zharpitse, reclamano e millantano di essere "nati" o "generati" dal
"principio della Luce", ma non fanno parte veramente o effettivamente del principio della Luce...

Tamyani, essendo una Velya, non sa cosa sia la Violenza, non riesce a concepire l'idea di violenza,
non sa cosa voglia dire “Uccidere” o “fare del male” a qualcosa...
infatti, nel popolo delle Velya, nel loro linguaggio, non esistono parole o termini, che possano
indicare “Morte” o “Uccidere” o “Fare del Male” o “Violenza”, quando una Velya muore di
vecchiaia o muore per un incidente, le Velye usano il termine “portata via dal vento” o “trascinata
via dal vento” o “diventare un soffio di vento” quando una persona muore o quando qualcuno
muore... poiché, le Velya non riescono a concepire l'idea di uccidere, le Velya sono troppo pure e
innocenti, per uccidere qualcosa, o per fare del male a qualcosa, le Velya sono talmente pure e
innocenti, che non farebbero del male, nemmeno a chiunque le stia minacciando o voglia
aggredirle...

per le Velye, uccidere o l'idea stessa di violenza e un qualcosa di spaventoso, inquietante o


terrificante, le velye non riescono nemmeno a concepire l'idea di guerra o conflitto, le Velye, non
hanno nemmeno una parola o termine per indicare “Guerra” o “Conflitto”, nemmeno per indicare
“Violenza” o “Uccidere”...
le velye, anche fisicamente, sono del tutto incapaci di violenza o incapaci di uccidere qualcosa...

Tamyani e la prima Velya a mettere piede fuori dalla foresta del vento o ad avventurarsi al esterno
della Foresta del vento, Tamyani e la prima Velya a conoscere e visitare il mondo esterno, il mondo
aldi fuori della Foresta del vento...

ma Tatyani rimane colpita e traumatizzata dal mondo esterno, rimane colpita da quanta crudeltà,
cattiveria e malvagità ci sia nel mondo al di di fuori della foresta del vento, Tamyani rimane colpita
dal fatto che Umani e Fenici, siano essere per certi versi, spietati e crudeli, che non sanno cosa sia
l'amore, che non sanno vivere in pace e armonia tra di loro, che si accusano l'uno con l'altro
reciprocamente, dei peggiori crimini, notando che gli umani e le fenici, sono dominati da vizi e
difetti come avidità, invidia, gelosia, rancore, risentimento, tutte cose che nella foresta del vento,
dove vivono le velye, tali cose non esistevano...

Tamyani, durante il viaggio, pone sempre delle domande a Mirushka, del tipo:
“Ma perchè gli umani combattono guerre tra di loro?”
“perchè gli umani si odiano tra di loro?”
“Perchè gli umani sono così cattivi e malvagi?”

Tamyani e spaventata e intimorita dalla violenza, ma anche dalla crudeltà e cattiveria umana,
Tamyani e intimorita e spaventata e inquietata dalla presenza di numerose guerre e conflitti nelle
terre della Mir Rusya, che sono cose nuove e inedità per Tamyani, ma sono anche per Tamyani cose
spaventose, terrorifiche e inquietanti, cose che fanno gelare il sangue a Tamyani, che non è abituata
al idea di guerre o conflitti o di una forte violenza...

Tamyani, trova assurda e bizzarra l'idea di guerre e conflitti, Tamyani trova assurda e bizzarra l'idea
che si debba uccidere qualcosa o qualcuno, senza motivo o senza motivazioni valide...
per Tamyani, la Guerra o lo scontro militare o la violenza, sono cose assurde e incomprensibili...

Tamyani, si rifiuta di fare del male al prossimo, dicendo che fare del male agli altri sia una cosa
cattiva, che solo le persone cattive e malvage, fanno del male al prossimo, che solo le persone
perfide e crudeli, fanno del male al prossimo, dicendo che chi è buono e puro di cuore, non può fare
del male al prossimo o arrecare danno al prossimo...
Tamyani, allora dice a Mirushka, che lei e una Velya, che le Velye sono troppo pure e buone di
cuore, per poter fare del male a un essere vivente o per causare dolore o sofferenza al prossimo,
poiché le Velye sono pure di cuore e quindi, non possono causare dolore o sofferenza ad esseri
viventi...

Tamyani, assieme a Mirushka, vedendo le devastazioni della guerra in un villaggio, si nasconde


dietro a un albero e inizia a piangere disperata, spezzandosi il cuore a vedere donne e bambini e
civili innocenti, subire tanto dolore e sofferenza, per via di quella guerra, poiché le Velye sono
creature empatiche, con una forte empatia...

Tamyani: Mirushka... Perchè? (piangendo disperata)


Mirushka: perchè cosa?
Tamyani: perchè quelle persone stanno soffrendo? Perchè devono subire tutto quello? Che cosa
hanno fatto di male? Cosa hanno fatto per meritarsi tutto quello??? erano persone buone e pure di
cuore!! padri e madri che volevano bene ai loro bambini!!!! perchè devono subire questo? Perchè?
Mirushka: a volte gli umani sono fatti così, a volte gli umani sono cattivi e crudeli, a volte gli
umani cedono facilmente al odio e alla violenza, che a volte, non riescono nemmeno a
controllarla...
Tamyani: ma come fanno gli umani ad essere così crudeli e spietati! Gli umani sono cattivi! Sono
malvagi! Sono dei mostri! io... odio gli umani!
Mirushka: ma gli umani non sono tutti così! Ci sono umani buoni e umani cattivi, molti umani non
vogliono questa guerra, ma molti umani non scelgono loro di ritrovarsi in guerra oppure no...
Tamyani: allora perchè non smettono di combattere? Perchè si uccidono tra di loro? Perchè?
PERCHE??? (Tamyani piange e singhiozza)

le scene delle devastazioni della guerra, si rivelano traumatiche e dolorose per Tamyani, che guarda
e osserva una guerra e le sue devastazioni per la prima volta...

-
Rjadu, assieme a un gruppo di guerrieri magici, parte per cercare la “Montagna volante”, ovvero, il
leggendario Re-Zimaj, per risvegliarlo e salvare il mondo dal re Fenice e al Re Kaschei...

Rjadu, mette la sua protezione Mirushka, che si rivela essere la figlia del Re-Zimaj e la principessa
del Regno degli Zimaj

si scopre che il Re Zimaj, non era mai morto, non era effettivamente morto, ma che si era
reincarnato nel corpo di Rjadu, tramite Reincarnazione

Lore:

Siamo in un mondo “fantasy”, in una versione Fantasy della Russia del XVI°Secolo-XVII°secolo,
in una versione “Fantasy” del Regno di Moscovia o Regno Moscovita o Granducato di Mosca del
XVI°Secolo, sopratutto della Russia tra il 1580 e il 1620, della Russia del “Periodo dei Torbidi”...

Il territorio della “Mir Rusya” e sparso e disseminato di grandi e immensi e mastodontici scheletri e
ossa di Draghi Giganti e di Fenici Giganti, da immensi e titanici e mastodontici scheletri e strutture
ossee molto vecchie e antiche di Zimaj giganti...

secondo alcune leggende, gli scheletri di quegli Zimaj giganti, sarebbero i resti di Zimaj guerrieri e
di fenici guerriere, morti durante delle grandi battaglie che avvennero durante la “Guerra Voryn”, la
guerra che contrappose l'alleanza degli Zimaj e delle Fenici, ai Vorynych...

altre leggende, ipotizzano che quegli scheletri di Zimaj giganti e di Fenici Giganti, fossero i primi
Draghi e Fenici ad abitare e popolare il mondo conosciuto, agli albori del tempo e dello spazio,
prima del inizio della storia conosciuta...
alcuni ipotizzano che i primi Zimaj giganti, furono creati dal Dio Veles, altri che le fenici giganti,
furono creati dal Dio Svarog, come razza “Cliente” o “Razza” alleata degli Dei dello Svarga, come
dei “Messaggeri” o “Delegati” o “Rappresentanti” e “Ambasciatori” degli Dei nel mondo dei
Mortali, nello Yav, nel “Mondo di Mezzo”, tra il Cielo e la Terra, dove vivono gli Umani e le razze
magiche...

alcune leggende, sostengono che il Dio Svarog, creò le Fenici Bianche o “Zharpitse”, come una
razza guerriera, come una razza di creature magiche forti e guerriere, che fungessero da “Esercito” e
“Forza militare”, dei Chelo-Bog, della stirpe degli Dei, che dominavano lo Svarga, le fenici Bianche
o Zharpitse, dovevano anche essere i guardiani e custodi dello Svarga, ma dovevano anche essere i
tramiti tra i popoli dello Yav e gli Dei e stirpi Chelo-Bog dello Svarga...

nelle Terre della Mir Rusya, i grandi e giganteschi e mastodontici, scheletri delle Zimaj e Fenici
Giganti, sono spesso chiamati dai popoli locali e dai villaggi locali, come le “Montagne Bianche”,
ma sono chiamati anche i “Deserti d'Ossa” o “Distese d'ossa”...
le ossa, ma anche denti e artigli degli Zimaj morti o degli scheletri degli Zimaj delle “Montagne
Bianche”, sono spesso impiegati e utilizzati come Amuleti magici o talismani magici...

nei villaggi rurali, si sono diffusi anche Artigiani specializzati nella realizzazione e lavorazione di
prodotti artigianali, ricavati da Ossa di Fenici e Draghi, prelevati dai “Deserti d'Ossa” o dalle
“Montagne Bianche”...

nei villaggi, molti Maghi, Maghe ed Erboristi e Guaritori, presso, prelevano ossa o artigli di Zimaj o
Fenice, macerandoli, riducendoli in polvere e buttando la polvere d'osso di Drago o Fenice
macerati, buttandoli dentro un calderone di acqua bollente, aspettando un po' che la polvere, si
fonda con l'acqua, dando al acqua un colorito scuro e creando una “Tisana di Drago” (se derivata
da ossa macerate di Zimaj) o una “Tisana di Fenice” (se derivata da ossa macerate di Zharpitsa),
queste “Tisane” sono usate come Medicinali o Cure, per curare ogni tipo di malattia, queste Tisane,
se bagnate su una ferita, permettono di curare o rigenerare ogni tipo di ferita o mutilazione...

molte ossa e scheletri di Fenici e Zimaj, vennero fusi e forgiati come metallo e trasformati e
riconvertiti in Armi e Armature di ogni specie e tipo, quelle che poi divennero le “Armi Zhymaira”
(ricavati dalle ossa di Zimaj) o “Armi Zharanya” (ricavati dalle ossa di Fenice), un insieme di
spade magiche e armature magiche, che erano invulnerabili e resistenti a ogni arma, poiché erano
armature magiche, che al loro interno, racchiudevano “l'Essenza” rispettivamente, degli Zimaj e
delle Fenici, racchiudendo al loro interno, la magia e poteri magici degli Zimaj e delle Fenici
Bianche o Zharpitse, cosa che poteva rendere forte e potente, qualunque guerriero impugnasse quel
arma e qualunque guerriero indossasse quel armatura...

gli umani, quando salirono al potere nelle terre di Mir Rusya, nel tempo in cui la razza umana prese
il sopravvento nelle Terre di Mir Rusya, prevaricando i popoli magici e le razze magiche, la razza
umana giunse a impadronirsi e imposessarsi delle Armi Zhymaira e delle Armi Zharanya, per usarle
per combattere e contrastare gli Zimaj e le Zharpitse, nel tentativo di prevalere sulle razze e le
creature magiche, usando i poteri e facoltà delle armi Zharanya e Zhymaira, per combattere e
contrastare gli eserciti e Armate degli Zimaj e delle Fenici Mutantrope in forma umana...

ma sia l'esercito del Regno di Moscovia, che l'esercito del “Impero Sacrale” di Kaschei, arrivarono
a impadronirsi di spade e armature Zhymaira e Zharanya, come mezzi per tenere testa agli Zimaj e
alle Zharpitse e per permettere alla Razza umana, di dominare e soggiogare le razze magiche e le
creature magiche della Mir Rusya...

nel Regno di Moscovia, si sono diffuse sette Religiose, che venerano gli Zimaj, come degli Dei,
come delle divinità Supreme, una religione, che crede e ritiene che gli Zimaj, siano delle creature
cosmiche e divine, che gli Zimaj, abbiano creato e generato il Cosmo e l'universo, che gli Zimaj,
siano i veri creatori del mondo, che gli Zimaj, siano la più antica e ancestrale di tutte le razze e stirpi
del mondo conosciuto, ritenendo che siano stati gli Zimaj, a insegnare e tramandare la civiltà alla
razza umana e al genere umano, vedendo nei Regni e Imperi Umani che dichiararono guerra agli
Zimaj, durante la “Guerra Radanost”, delle fazioni eretiche e blasfeme, come degli “Infedeli” da
combattere e contrastare con ogni mezzo e in ogni modo...

questa Religione, ha creato dei templi e degli altari Sacri, vicino alle “Montagne bianche” e ai
Deserti d'ossa, venerando gli scheletri giganti degli Zimaj o Zmij morti, basandosi su una dottrina
religiosa, secondo cui, quando verrà il ritorno degli Zimaj nelle terre della Mir Rusya, tutti i peccati
e malvagità e cattiverie degli esseri umani e delle creature magiche, saranno puniti, con la
convinzione che gli Zimaj, torneranno per “Purificare” il mondo dal male, per condurre una
“purificazione morale” della razza umana e delle creature magiche...

questa religione e chiamata “Tempio del sommo Zmij”

nel Regno di Moscovia, si sono diffuse Sette Religiose, che venerano le Zharpitse o Fenici Bianche,
come degli Dei, come delle divinità, credendo e ritenendo che le Zharpitse, siano delle “creature
cosmiche”, delle “creature celesti”, delle sacre creature mistiche, create e generate dal Dio
Supremo, ovvero, il Dio Rod, ritenuto il creatore supremo di tutto il cosmo e di tutta l'esistenza,
ritenendo che le Zharpitse, siano i “Messaggeri” e tramiti tra la Razza umana e il Dio Rod...
questa religione e chiamata “Tempio della Fenice Suprema” o “Culto della Grande Fenice”

questa fazione religiosa, divenne una fazione di umani pro-fenici, una fazione paramilitare di
Umani pro-fenici, di umani collaborazionisti del “Impero delle Fenici Bianche”, di umani che
venerando le Fenici bianche come degli Dei o delle divinità, divennero devoti al Impero delle Fenici
Bianche, vedendo in quest'ultimo, un “Impero Sacro”; un “Impero Sacrale”, con la convinzione, che
le fenici Bianche, stiano portando e diffondendo “la Luce” e la “Saggezza” e la civiltà nelle Terre
della Mir Rusya, viste dai seguaci del “Culto della Grande Fenice”, come terre Pagane, Miscredenti,
Infedeli, Barbariche e Selvagge...

l'Esercito Imperiale delle Fenici Bianche, inizia a dotarsi di soldati Umani e di divisioni e
battaglioni di soldati umani, quei soldati umani, sono tutti membri del “Culto della Grande Fenice”,
trattandosi di umani “Collaborazionisti”, di umani, che hanno deciso di aiutare e servire le Fenici
Bianche, basandosi su una venerazione e devozione simil-religiosa delle Fenici Bianche...

Nel Regno di Moscovia, si è diffusa una religione, ovvero, il “Tempio di Mokosh”


una setta religiosa, una religione che venera la Dea Mokosh, come la “Grande Madre”; come la
“Grande Dea”, come la “Madre Dea”...
il Tempio di Mokosh e un culto matriarcale, una religione matriarcale, basata sul culto e
venerazione di una dea femminile suprema, la Dea Mokosh, tale culto religioso, ritiene che il
principio del cosmo, sia “l'Eterna Spirale” o il “Grande Grembo”, un culto religioso, che crede e
ritiene che il Cosmo sia sottoposto a un ciclo eterno o a delle fasi cicliche, a fasi di cicli di morte e
rinascita, che al principio di ogni cosa ci sia il “Grande grembo”, il “Grembo materno” della Grande
madre, ovvero, la Dea Mokosh, che ritengono la “Grande madre” cosmica, la dea che avrebbe
creato il cosmo e l'universo, il mondo conosciuto, tutte le forme di vita, gli umani e le razze e
creature magiche di questo mondo, vedendo i culti religioni Maschio-centrici, come eretici e
blasfemi, ritenendo che la vera sacralità, sia generata dal “Principio femminile” e non dal Principio
maschile...

per questa setta religiosa, composta in larga parte da donne, il maschilismo e la misoginia sono
peccato, venerano la Donna e il principio femminile, come un entità sacra, poiché, la Donna e colei
che dà la vita, la donna ha il grande potere di creare la vita e generare la vita, il potere di dare la
luce ai bambini, il potere di custodire la vita dentro il proprio grembo, vedendo in questo dono, una
facoltà divina, un potere mistico, un dono stesso della dea Mokosh, vedendo in tutte le donne, delle
“emanazioni” ed “espressioni” stesse della Dea Mokosh, ritenendo che il “principio femminile” del
Cosmo, sia ciclico, basato su dei cicli...
per il Tempio di Mokosh, non c'e un Inferno o un paradiso o un aldilà, tutte le anime degli umani,
quando muoiono, si reincarnano nella natura e nel mondo naturale, si reincarnano in altri corpi
umani, oppure in delle piante o degli animali, unendosi nel “Tutto-Uno” cosmico del “Grande
Grembo”; nel “Organismo Cosmico” o “Insieme cosmico” del “Grande Grembo” della Dea
Mokosh...
poiché, nel cosmo, ci sarebbe un principio del eterno ritorno, un eterno ciclo di morti e rinascite, le
anime quando muoiono, non lasciano questo mondo, ma si reincarnano in nuovi corpi e sembianze,
con l'Universo, che quando finirà, si reincarnerà in un nuovo universo, creando nuovi mondi, al
eterno e al infinito, come parte del principio cosmico della Dea Mokosh, della “Madre Terra” o
“Signora della Terra” o “Signora dal Grande grembo”...

nelle terre meridionali, nelle “Terre delle grandi Steppe” o “Terre del Oceano d'Erba”, si trovava
un insieme di clan e tribù di Amazzoni, ovvero, di donne guerriere e donne selvagge, che per
ragioni ignote e sconosciute, per alcuni, magiche e sovrannaturali, vivevano in villaggi, senza gli
uomini e senza i maschi, i villaggi delle amazzoni erano composti solo da donne, come gli interi
Clan e Tribù di Amazzoni...

i territori delel grandi steppe, erano dominati da un crogiolo e marasma di clan e tribù di Amazzoni,
che vivevano a stretto contatto con la natura e che erano dedite al allevamento del cavallo,
sopratutto, di una particolare razza di cavallo, detto “Fulmine delle Steppe”, un cavallo molto forte,
robusto e poderoso, agile e veloce, che le leggende delle amazzoni, descrivono come “nato dal
vento e dalla tempesta”, ma domato e addomesticato dalle amazzoni...

secondo le leggende che si narrano nelle storie delle terre delle grandi foreste, le varie razze
avrebbero avuto origini diverse

i Popoli delle Steppe, sono figli del vento


le Velya, nacquero dal Vento e dal Aria
le Rusalke e i Vodyanoi nacquero dal acqua
le Fenici o Zharpitse nacquero dal Cielo e dalla Luce e dal Sole
gli Zimaj e gli Zilant, nacquero dalla Terra
gli Umani nacquero dalla Terra, alcune leggende, sostengono che gli umani nacquero dagli Alberi,
altri invece, dal Acqua