Sei sulla pagina 1di 1

MERCOLEDÌ — 20 NOVEMBRE 2019 11 •

La sfida della formazione Primo Piano

Sorpresa, l’Università italiana sale in cattedra


Ricerca di Intesa Sanpaolo: 4 atenei su 10 del nostro Paese sono nella Top 1.000, un risultato migliore delle istituzioni americane

La classifica degli Atenei


ne per gli accademici, le impre-
di Federico Dedori
40%
se e gli studenti che hanno la
MILANO
possibilità di muoversi a livello
ITALIANE internazionale».
Quante volte ci siamo sentiti di- Secondo la ricerca, la domanda
re che le università italiane sono
150 149 Scuola Superiore Sant'Anna Pisa di formazione globale è destina-
peggiori di quelle del resto del ta ad aumentare: nel 2010 era-
mondo? Intesa San Paolo e Ita- 152 Scuola Normale Superiore Pisa no 129 milioni le persone con un
168 Università di Bologna
PRIME
liadecide hanno sfatato questo titolo universitario, nel 2020 sa-
200
1.000
mito. Presentata ieri a Milano la ranno 200 milioni le persone
ricerca pluriennale sulla reputa- Università San Raffaele laureate e altrettanti 200 milio-
zione dell’Italia quest’anno foca- Milano UNIVERSITÀ ni gli studenti nel mondo, entro
il 2030 gli studenti saranno 400
Università di Padova AL MONDO
lizzata sul sistema universitario.
La ricerca dal titolo «L’Italia e la 250 milioni. «Tutto questo accade

8%
sua reputazione: l’Università» malgrado le nostre criticità –
ha preso in riferimento i ranking Università La Sapienza continua Asprone – pochi italia-
Qs World University Rankings e
300 36% FRANCESI ni scelgono l’istruzione terzia-
ria. Inoltre spediamo davvero
Times Higher Education usando-
ALTRE
li per analizzare il numero di uni- Università di Milano NAZIONI 8% poco in formazione. Il nostro si-
stema universitario è in sofferen-
versità presenti nelle prime
100, 200, 500 e 1000 posizioni 350
Politecnico di Milano 8% STATUNITENSI za». Tra le altre criticità, ci sono
a livello globale. La stima affida- POSIZIONE ATENEO CINESI pochi atenei in Italia per nume-
bile individuerebbe inoltre 20 ro di abitanti rispetto ad altri
paesi e il corpo docente è netta-
mila atenei nel mondo. Emerge clienti. Una buona università co- cietà. Per promuovere l’istruzio- rò un dato negativo, non ci so-
mente più anziano in confronto
sa deve fare? Fa avanzare la co- ne universitaria, Intesa Sanpao- no università italiane tra le pri-
alla media europea. In Italia ci
GIAN MARIA GROS-PIETRO noscenza, certo, ma un ateneo lo offre a tutti gli studenti la pos- me 100 in entrambi i ranking. La
sono 99 enti universitari, 1,65
questa conoscenza la deve an- sibilità di concentrarsi piena- ricerca è stata curata tra gli altri
«La parte meno per ogni milione di abitanti. Se-
che rendere disponibile e deve mente sullo studio grazie a un anche dal professore associato
condo lo studio di Italiadecide
positiva è che abbiamo fare in modo che quel capitale prestito a lungo termine senza di tecnica delle costruzioni Do-
più del 50% dei docenti universi-
meno laureati e meno umano che essa è riuscita a for- garanzie». menico Asprone: «L’università tari è over 50 «e una percentua-
mare riesca a migliorare la so- Dalle analisi emerge anche pe- deve avere una buona reputazio- le irrisoria è under 30». «La repu-
fondi per la ricerca»
tazione delle università – non ha
che il 40% degli atenei italiani è dubbi Asprone – è fondamenta-
incluso nei primi 1000 a livello le perché muoverà la domanda
mondiale, risultato migliore di globale di formazione, noi dob-
biamo intercettare un’immigra-
Stati Uniti, Cina e Francia che si
zione di qualità». Per lavorare e
fermano sotto il 10%, ma anche
migliorare sulla reputazione dei
di Regno Unito, Germania e Spa-
nostri atenei, secondo la ricerca
gna.
bisogna aumentare l’incremen-
Le prime mille università rap-
to delle risorse e degli investi-
presentano il 5% di tutte le uni- menti e sfruttare il brand Italia
versità a livello globale. A pre- nel proporre i nostri atenei agli
sentare la ricerca anche Gian studenti stranieri. «Se dobbia-
Maria Gros-Pietro, presidente di mo migliorare nella qualità delle
Intesa Sanpaolo: «Perché una politiche pubbliche e nella colla-
banca dovrebbe interessarsi di borazione tra queste e le impre-
questi temi? La reputazione è se, – è convinto Luciano Violan-
un elemento fondamentale e lo te, presidente onorario di Italia-
sarà sempre di più. La banca decide – i risultati dimostrano
promette e deve mantenere un che, come Paese, possiamo ave-
rapporto di fiducia con coloro re fiducia e stima in noi stessi e
che interagiscono con essa, noi nel nostro futuro».
non vendiamo i dati dei nostri © RIPRODUZIONE RISERVATA

1 2
Centri di formazione Il prestito
universitari per gli studenti
Nel mondo si contano Banca Intesa, sottolinea
oltre 20 mila Atenei. il presidente Gian Maria
Secondo la ricerca Gros-Pietro, «ha lanciato
condotta da Intesa un prestito senza
Sanpaolo con Italiadecide garanzie per gli studenti».
il 40% delle università Un prestito fino a 50 mila
italiane rientra tra i 1.000 euro per tutto il periodo
migliori atenei mondiali degli studi che viene
per reputazione. Anche restituito due anni
se, al momento, nessuna dopo il conseguimento
Università occcupa una della laurea,
delle prime 100 posizioni. nell’arco di 30 anni.