Sei sulla pagina 1di 4

TRASFUSIONE E TRAPIANTO D'ANIMA

Chi subisce una trasfusione o un trapianto d'organi non prende


dentro di sé solo un ricambio, ma assume i tratti della personalità
del donatore

Persone di tutto il mondo raccontano di non essere state mai più le stesse dopo aver
subìto un trapianto d'organi: gli occhi con cui osservavano il mondo erano stati
trasformati dalla chirurgia, e loro stesse sono diventate completamente diverse. Quasi
come se un'altra “anima” (cioè una nuova vita) fosse stata trapiantata nei loro corpi,
queste persone hanno acquisito con essa i suoi desideri e le sue passioni.
La scienza lo chiama “trasferimento dei ricordi in chi è stato sottoposto a trasfusione di
sangue o trapianto d'organi”, ed è un fenomeno in cui i tratti della personalità del
donatore prendono il sopravvento e dominano la personalità del ricevente.
Gli antichi sapevano bene che immettendo nel corpo il sangue o gli organi di un altro
essere umano (sia mangiandolo come avveniva con il cannibalismo, oppure attraverso
una trasfusione o un trapianto di organi come avviene oggi), insieme a quel sangue o
quegli organi si acquisisce anche parte della vita e dello spirito dell'altra persona. La
vita e lo spirito contenuti in quel sangue sembrano prendere il sopravvento e
rivendicare come proprio il corpo della persona che li ha ricevuti, provocando un
cambiamento della sua personalità.
La vita risiede nel sangue e nel cuore come è anche scritto nelle antiche Scritture in:
Le 17:11 Poiché la vita della carne è nel sangue. Per questo vi ho ordinato di porlo
sull'altare per fare l'espiazione per le vostre persone; perché il sangue è quello che fa
l'espiazione, per mezzo della vita.

Le 17:14 Perché la vita di ogni carne è il sangue; nel suo sangue sta la vita; perciò ho
detto ai figli d'Israele: «Non mangerete il sangue di nessuna creatura, poiché la vita di
ogni creatura è il suo sangue; chiunque ne mangerà sarà eliminato».

De 12:23 Ma guàrdati assolutamente dal mangiarne il sangue, perché il sangue è la


vita, e tu non mangerai la vita insieme con la carne.
Il DNA è l'archivio informatico del nostro corpo che imprime ricordi, desideri e azioni
come fossero dei tatuaggi elettrofisiologici biochimici. Per questo lo psichiatra e filosofo
gnostico Carl Jung diceva: “Chi ha davvero compreso che la storia non si trova nei libri,
ma vive nel nostro stesso sangue?”, e che il moderno genetista Spencer Wells dice: “Il
nostro sangue contiene DNA, che è come un libro di storia”.
Riporteremo ora dati e fatti scientifici che dimostrano che il trasferimento di ricordi
attraverso il trapianto d'organi non è solo una teoria, ma una realtà.
In uno studio del 2005 (“Organ Transplants and Cellular Memories”, pubblicato su Nexus
Magazine Volume 12, Numero 3), i ricercatori hanno fornito un resoconto su 10 casi di
trapianti di cuore, presi da un campione totale di 74 persone che hanno subìto un
trapianto - di cui 23 erano casi di trapianto di cuore: in tutti e 10 i casi si erano
verificati vari livelli di cambiamenti nella personalità, corrispondenti alle personalità
dei donatori.
I ricercatori hanno affermato: “Cicli di feedback ricorrenti esistono in tutti i sistemi
atomici, molecolari e cellulari. In questi sistemi, dunque, si dovrebbe trovare la prova
di una memoria sistemica atomica, di una memoria sistemica molecolare e di una
memoria sistemica cellulare. Il meccanismo di memoria sistemica è stato applicato ad
una varietà di osservazioni controverse e apparentemente anomale nella medicina
complementare e alternativa, inclusa l'omeopatia. Questo serve anche a fare nuove
predizioni, una delle quali è che pazienti sensibili sottoposti a trasfusioni e
trapianto d'organi possono sperimentare aspetti della storia personale del
donatore contenuta nei tessuti trapiantati.”
Lo studio mostra nel dettaglio i cambiamenti di personalità nei 10 pazienti sottoposti a
trapianto. In uno dei casi, il donatore era uno studente nero di 17 anni vittima di una
sparatoria da auto in corsa, e il ricevente era un fonditore bianco di 47 anni a cui era
stata diagnosticata una stenosi aortica.
Dopo l'intervento, il ricevente disse di essere turbato dal fatto che il donatore del suo
nuovo cuore fosse nero: non per una questione di razzismo, spiegò, ma perché temeva di
acquisire tratti della personalità di un nero. Poco dopo l'intervento, l'uomo sviluppò un
inedito amore per la musica classica, che prima odiava, ma a questo proposito sosteneva
che non poteva essere una conseguenza del trapianto, perché un nero del ghetto non
poteva essere appassionato di musica classica. In seguito dichiarò che a volte si sentiva
in colpa dopo aver fatto l'amore con la moglie, perché gli sembrava che fosse stato un
nero ad avere un rapporto sessuale con lei.
La moglie disse ai ricercatori: “Mi ucciderebbe se sapesse che ve l'ho detto, ma per la
prima volta ha invitato a casa i suoi amici neri dopo il lavoro. E' come se non vedesse
più il loro colore, anche se a volte ne parla ancora. Sembra più a suo agio con i neri, ma
non se ne rende conto. E mi sta facendo impazzire con la musica classica. Non
conosceva neppure una canzone e non aveva mai, e dico mai, ascoltato questo genere di
musica. Adesso passa le ore seduto ad ascoltarla, e addirittura fischietta della musica
classica che non può conoscere. Com'è possibile? Avrei pensato che, col cuore di un
nero, avrebbe sviluppato una preferenza per la musica rap, o qualcosa del genere.”
Si è scoperto che il 17enne nero non era affatto il tipico teenager del ghetto fanatico del
rap, bensì un appassionato violinista che amava la musica classica e che era morto per
strada, abbracciato alla custodia del suo violino. (1)
In un altro caso, un inglese del Nord Somerset, Kevin Mashford, fu sottoposto a trapianto
di cuore, e in seguito divenne un appassionato ciclista. Prima dell'operazione non aveva
alcun interesse in questa attività, mentre ora percorre regolarmente 30-40 miglia sulla
sua bicicletta da 2000 dollari. Si scoprì che il suo donatore non solo era un ciclista, ma
era stato ucciso proprio mentre era in sella alla sua bicicletta.
Prima dell'operazione Mashford era salito raramente su una bicicletta, eppure appena
una settimana dopo il trapianto chiese ai suoi terapeuti di mettergli a disposizione una
cyclette, con la quale iniziò ad allenarsi 7 minuti al giorno per una settimana. Otto
settimane dopo essere stato dimesso, il 38enne acquistò una bici da corsa sulla quale, in
pochi mesi, iniziò a percorrere un viaggio di 342 miglia per raccogliere fondi in ricordo
del suo donatore – un uomo che lui conosce solo come John, e che era un fanatico del
ciclismo.
“In un certo senso, sento di avere una grossa responsabilità nei confronti del mio
donatore e della sua famiglia”, ha detto il signor Mashford al Telegraph. “Fare questo
viaggio in suo ricordo è il minimo che io possa fare. Penso molto a lui, perché senza di
lui non sarei mai diventato un ciclista: una parte di lui vive in me e con me.” (2)
Una donna sottoposta a trapianto di cuore, Claire Sylvia, ha pubblicato la sua storia in
un libro, “Change of Heart”. Dopo l'intervento, sviluppò un'insolita voglia di crocchette
di pollo, peperoni verdi e birra, e in seguito scoprì che il suo donatore li adorava.
Ecco la sua storia:
Il 29 maggio 1988, una donna americana di nome Claire Sylvia fu sottoposta a trapianto
di cuore in un ospedale di Yale, in Connecticut. Le dissero che il suo donatore era un
18enne del Maine che era morto in un incidente con la moto. Poco dopo l'operazione,
Sylvia dichiarò di provare il desiderio di bere birra, nonostante non le fosse mai piaciuta
in modo particolare, e poi quello incontrollabile di mangiare crocchette di pollo, tanto
che si sentiva sempre più attratta dall'idea di andare nella famosa catena di ristoranti
KFC.
Provava anche una gran voglia di mangiare peperoni verdi, che prima la lasciavano
indifferente. Sylvia iniziò ad avere sogni ricorrenti su un uomo misterioso di nome Tim
L., che lei sentiva essere il suo donatore. Incoraggiata da qualcuno, cercò tra i necrologi
pubblicati sui giornali del Maine e riuscì a identificare il giovane del quale aveva
ricevuto il cuore: il suo nome era proprio Tim. Quando conobbe la famiglia di Tim, Sylvia
venne a sapere che il ragazzo adorava le crocchette di pollo, i peperoni verdi e la birra.
(3)
Nel libro “The Heart's Code: Tapping the Wisdom and Power of Our Heart Energy” (“Il
Codice del Cuore: Sfruttare la Saggezza e il Potere dell'Energia del Nostro Cuore”),
l'autore Paul Pearsall racconta la storia di una bambina di 8 anni che ricevette il cuore
di una bambina di 10 anni che era stata assassinata. Dopo l'operazione, la piccola
cominciò ad avere incubi ricorrenti e vividi sull'assassinio. Sua madre si rivolse ad uno
psichiatra che, dopo diverse sedute, concluse che la bambina parlava di fatti a cui aveva
assistito personalmente.
Decisero quindi di chiamare la polizia, che si servì delle descrizioni dettagliate della
bambina (l'ora, l'arma del delitto, il luogo, gli abiti dell'assassino, quello che la bimba
uccisa gli aveva detto) per trovare ed arrestare il colpevole. (4)
Una donna inglese, Cheryl Johnson, ricevette il rene di un uomo di 59 anni che era
morto per un'emorragia cerebrale. La donna disse di aver avvertito un aumento delle sue
potenzialità cerebrali e segni di cambiamento di personalità dopo l'operazione,
caratteristiche che lei riteneva appartenessero al suo donatore.
La signorina Johnson ha detto: “Dopo il trapianto di rene, le mie potenzialità cerebrali
sono aumentate notevolmente. Ho letto 'Delitto e Castigo' di Dostoevskij e l'ho spiegato
per filo e per segno a mia madre, che credeva fossi impazzita. Lo trovo molto più
interessante di quello che leggevo prima, tutto qui. Non so perché adesso voglio
leggere questo tipo di libri, so solo che improvvisamente ne sento il bisogno. Ho una
lista di romanzi di Jane Austen e li sto leggendo tutti, uno per uno, a cominciare da
'Persuasione'.”
Ha aggiunto: “Si assumono le caratteristiche del donatore. Mio figlio ha detto che
subito dopo il trapianto ero irascibile e brusca, e io non sono così.” (5)

FONTI:
1. Organ Transplants and Cellular Memories
2. http://www.telegraph.co.uk/news/health/news/11393771/The-life-saving-
operations-that-change-personalities.html
3. A Change of Heart
4. http://www.amazon.com/Hearts-Code-Tapping-Wisdom-
Energy/dp/0767900952%3FSubscriptionId%3D0G81C5DAZ03ZR9WH9X82%26tag
%3Dzemanta-20%26linkCode%3Dxm2%26camp%3D2025%26creative
%3D165953%26creativeASIN%3D0767900952
5. http://www.dailymail.co.uk/health/article-533830/My-personality-changed-
kidney-transplant--I-started-read-Jane-Austen-Dostoevsky-instead-celebrity-
trash.html