Sei sulla pagina 1di 10

MANUALE

BANCA VIA INTERNET

TUTORIAL PER
ANTICIPO FATTURE ONLINE

1
TUTORIAL CON INSERIMENTO MANUALE DI FATTURE

La nuova funzionalità di Anticipo Fatture Online prevede un’unica voce di accesso dal
menù della tab “ONLINE” ed è profilato in base alla possibilità o meno di presentare.

La clientela che ha aderito alla modalità di presentazione online, tramite sottoscrizione


dell’addendum contrattuale disponibile in agenzia, vedrà il menù di figura 2 con due voci
distinte:

• Lista fatture: accesso alla lista delle


fatture inserite con la precedente
versione della funzionalità, possibilità di
inserire nuove fatture, richiedere
anticipo e verificarne l’esito;
• Genera certificato: per richiedere online
il certificato di firma digitale necessario
per firmare la richiesta di anticipo.

La voce di menù Lista fatture permette di accedere alla funzionalità.

Nella pagina di atterraggio sono presenti tutte le fatture caricate dall’azienda e non ancora
associate in distinta.

La procedura permette di caricare tutte le fatture disponibili senza doverle associare


preventivamente ad una modalità di presentazione. Soltanto nel momento della
richiesta verrà deciso con quale modalità di affidamento (Cessione, Mandato,
Pubblica Amministrazione), tra quelle disponibili, inoltrare la distinta di richiesta
anticipo.

Attraverso il tasto Inserisci fattura si atterra in una pagina di inserimento, dove si può
scegliere tra un caricamento da file o un inserimento manuale.
Inserimento di una singola fattura tramite una maschera di compilazione

In caso di necessità di caricare una fattura, disponibile in formato cartaceo, è possibile


utilizzare una maschera di compilazione che riporta tutti i dati necessari al caricamento.

La pagina di inserimento riporta in testa l’area per il caricamento da file e subito sotto l’area
per la compilazione, divisa in tre blocchi distinti.

Il primo blocco, apribile cliccando sulla freccia in alto a destra, riporta i dati dell’azienda
come riportati in anagrafica azienda

Il secondo blocco è dedicato ai dati della controparte cliente per la quale è emessa la
fattura.

I dati possono essere inseriti campo per campo o richiamati dall’anagrafica clienti di Banca
via Internet tramite l’apposita immagine posizionata accanto al Codice anagrafico.
Se la controparte viene caricata a mano è possibile salvarla nell’anagrafica di Banca via
Internet per futuri utilizzi tramite il box in fondo al blocco.

Verranno richiesti alcuni dati aggiuntivi per completare la compilazione per rendere la
scheda compatibile con altre funzionalità online (es. bonifici).

L’ultimo blocco riguarda i dati specifici della fattura.

I dati inseriti in questa area sono importanti anche per definire la validità della
fattura in fase di richiesta anticipo.

In particolare l’indicazione di fattura emessa verso Enti della Pubblica


Amministrazione, anche senza la specifica del Codice Ente, vincola l’utilizzo della
suddetta fattura esclusivamente in caso di possesso di un affidamento dedicato a tale
tipologia di debitori.

L’individuazione se una azienda appartenga o meno a questa categoria è individuabile dal


sito ufficiale del governo (www.indicepa.gov.it) dove vengono elencati anche i codici Ente.

Anche la modalità di pagamento è un vincolo. Infatti le fatture pagabili tramite assegno


possono essere presentate esclusivamente in caso di possesso di un affidamento per
mandato irrevocabile all’incasso.
Le fatture inserite possono essere salvate in due modalità con finalità differenti:

• Salva in bozza: che permette di salvare una fattura non ancora completa o con
variabili che devono essere ancora confermate. Tale fattura, salvata in stato “In
lavorazione” è modificabile ma non può essere utilizzata per l’anticipo;
• Salva: Quando la fattura è in questo stato può essere utilizzata in una distinta di
presentazione all’anticipo.

Inserimento di fatture tramite file

E’ possibile anche utilizzare un caricamento massivo dal proprio gestionale aziendale


utilizzando flussi standard, forniti da UniCredit, implementabili nella maggior parte dei
gestionali aziendali.

Per utilizzare questo metodo di caricamento, selezionare il bottone “da Gestionale /CSV”
presente nella parte alta dell’area Inserisci fattura.

Apparirà un pop up informativo che guiderà l’utente al caricamento.

Verrà infatti chiesto quale tipo flusso di inserimento si vuole utilizzare e se le fatture sono
destinate ad Enti della Pubblica Amministrazione.
I flussi disponibili al caricamento sono:

• Standard proprietario UniCredit: Un formato (disponibile in due diversi


aggiornamenti) creato dalla Banca per l’invio diretto Gestionale – Banca delle
informazioni digitali;
• Standard CBI: il tracciato di trasmissione, creato dal Consorzio Interbancario,
riconosciuto da tutte le Banca Italiane. E’ uno standard disponibile nei principali
strumenti di gestionale.

Creazione della distinta di richiesta anticipo fatture;

Dopo aver inserito le fatture che si vuole anticipare si deve passare alla tabella Richiedi
Anticipo. Da quest’area è possibile selezionare le fatture da anticipare e in pochi passi
inviare alla Banca la richiesta.

Tutte le fatture che si vuole inviare alla Banca per richiedere un’anticipazione devono
essere state salvate in stato “Inserita” prima di procedere all’invio.
Entrando nella sezione dedicata Richiedi Anticipo verrà mostrato l’elenco di tutte le fatture
disponibili per l’anticipo.

La tabella, oltre all’elenco delle fatture disponibili aggiunge informazioni utili


all’aggregazione delle stesse in distinta, ovvero:

• indicazione del flag fattura verso Enti della Pubblica Amministrazione. Queste
fatture possono essere presentate solo in presenza di un affidamento specifico e
non possono essere presentate insieme a fatture verso privati;
• indicazione della modalità pagamento tramite assegno. In caso si voglio
presentare fatture tramite Cessione del debito, tali fatture non possono essere
incluse nella selezione.

Nel momento in cui venga selezionata almeno una fattura o una combinazione di più
fatture che rispetti quanto sopra, si attiverà il tasto Conferma per procedere all’invio.

A questo punto il processo prevede due momenti: uno di compilazione della distinta e uno
di conferma di avvenuta spedizione.
Nel primo ci verrà mostrata la maschera di compilazione della distinta. Anche in questo
caso la compilazione è differenziata in tre blocchi distinti.

Il primo blocco riguarda i Dati ordinante.

Il campo Cliente viene precompilato.


(nota in caso di multiazienda: la selezione dell’azienda con la quale operare va fatta prima di
inserire le fatture e scegliendo tra le opzioni nella combo inserita in testa alla pagina).

Nel box Modalità di presentazione verranno mostrate le modalità di presentazioni


compatibili con le attivazioni effettuate in Banca via Internet tra:

• Cessione del credito;


• Mandato irrevocabile all’incasso;
• Presentazioni di fatture verso la PA (cessione crediti vs Pubblica Amministrazione).

Ogni singola modalità prevede la firma di uno speciale addendum contrattuale, disponibile
in agenzia, che previa verifica di un fido compatibile abiliterà la voce nel menù.

La scelta della modalità di presentazione avrà effetti sul blocco successivo che riguarda i
Dati Distinta.
In base alla scelta fatta verranno mostrati, nel campo Rapporto, solo i conti correnti con
associato un fido idoneo con la modalità di presentazione scelta e l’informazione
dell’eventuale conto di finanziamento associato.

Nel blocco dei dati distinta viene presentato anche il numero distinta creato in automatico e
l’elenco delle fatture inserite.

Altra informazione utile è l’importo massimo anticipabile con quella modalità di


presentazione che deriva dalla percentuale inserita in fase di accensione del
finanziamento.

A seguire dei Dati distinta vengono riportate le clausole contrattuali presenti nell’addendum
contrattuale che verranno inserite nel flusso di invio e normano la richiesta di anticipo.

Le clausole sono presenti in formato sigla, ma con l’apposito tasto posto in alto a destra
possono essere visualizzate per esteso.

Chiude la compilazione il box di firma digitale che permette tramite inserimento di PIN e
Password di concludere la fase di invio.

Dopo la conferma all’inserimento verrà mostrata una pagina di riepilogo dei dati inseriti in
distinta con la conferma dell’avvenuto inoltro alla Banca.

A questo punto la richiesta di anticipo è conclusa e bisogna attendere la conferma da parte


della Banca per ritenere la richiesta di anticipo accettata.

• Evidenza di fatture da firmare in firma congiunta;

In caso di aziende con più soci firmatari, al momento dell’accesso viene visualizzato
nell’area sopra la tabella una nota che indica le distinte in attesa di seconda firma.

In questo caso il numero distinta è evidenziato in rosso per permettere una rapida
individuazione delle distinte ancora in fase di firma.
Controllo esito della richiesta di anticipo

Infine è possibile verificare l’esito delle richieste inviate alla Banca in una sezione che in
base alla versione di Banca via Internet posseduta restituirà informazioni più o meno
approfondite sullo stato della richiesta.

Le fatture saranno In valutazione se ancora in attesa di risposta Banca oppure Anticipate e


Rifiutate. All’interno della singola fatture, sarà indicato anche il motivo dello scarto.