Sei sulla pagina 1di 28
LeKolya) Talk. Hnchtoquumo b2Qutsmnmo 2040 ( wae daee<* orth hp % nat otrabile Horetle CMe M226 Ah 1993 oli bbe, tuo arbicolo? Yee publi Su dint fg “Posie Ay loscnuas OMI . y Le sene ow ussire compatte Lg gibitea tll, ° ihe iat . eeupati bam. ‘Sani. coso cls pit partons postawo me at Ghedinec: Fabcee Meee 3 - 62022 S, Seunimot. ‘(he) Pon Diffordane if Semin Boris folacopiatibe! Oodle copie Speprouccht pur La Speoliniont Ge aii 8 Feith pecs 3685.27 ). Lamdonionr mow sunpre coucliicol appiemo ck contimuto dig hi articols par pubblitaudole, pigio onurad., a di: Fabninio Cardimali Suv Meee Sonoutey yin toes tosh incn Cpaonis.a tilt, 2 collaborator per gli seri, rolisequi, cee. Buolver pag. 3 Sl roles be tore oli Homsineo A Zz Le Seale Pousibione tt Beameesco 10 Cece & aelasedn a Lalea ie Pp ead dle londada. 1 0 es Clalt. ! ce " 1 Pepaeaen ts Perera 20 Menikeok avanchat W Femunanee Ruggrno £1 Digedadinc =" Bes RY Riklssione aM. 25 Howrali pur Lorts u 26 Par comb ia seaubiome La coscienza comune a tutti gli uomini mi con- forma che appare cid che é nella realta; la maggior parte dei rappresentanti della flosofiae della scien- za cercano con ogni sforzo di smascherare questo “appare" come concetto vuoto e ingannevole: sembra cid che non é. Per me non é assolutamente indifferente i fatto di pensare e sentire con il genere umano oppure con chi & incline alla negazione, vale a dite al’eresia di cié che é comune a tutti gli uomini, al pensiero di cerchie isolate, di circolie di singoli. [*] A scuola s'impara che il sole sta al centro del suo sistema e che la Terra e gli altri pianeti gli girano intorno lungo orbite ellittiche; e s’impara che la Terra gira intorno al proprio asse in un giorno e una notte e compie l'orbita intorno al sole in un anno: questo e molto altro é cosa abbiamo imparato ad accettare e conosciamo da circa 400 anni, dopo che sono state accolte le critiche al modello di Tolomeo (che al centro dell'universo poneva la Terra) proposte nel passaggio trai secoli XVI e XVII da Copernico, Keplero e Galileo. Il nuovo modello funziona, fonda I'astronomia di oggi, spiega ogni fenomeno e nessuno ha dubbi. Ora, pero, se per un attimo mettiamo da parte le buone ragioni che la scienza sperimentale ci ha dettato e quanto s'imparaa scuola, e se proviamo a guardare il cielo da un altro punto di vista - dal punto di vista dei nostri occhi, cosi come lo guarderebbe un bambino - possiamo vedere un mondo diverso da quello che siamo sicuri di conoscere. Guardiamo con gli occhi e senza pregiudizi: notiamo che la Terra pare ferma, immobile nello spazio che la circonda, nulla ci parla del suo movimento; vediamo la luna e il sole che ogni giorno le girano intorno, da oriente a occidente; vediamo i pianeti che si muovono di un moto regolare anche se a prima vista erratico; vediamo una stella che pare fissa, la stella poke, anche se l'osseroazione di molte generazioni racconta che si muove di un moto lentissimo, e vediamo Ia volta celeste che le ruota intorno in senso antiorario. Vediamo che il sole percorre un giro completo intorno alla Terra nel tempo di un giorno e una notte; il ritmo regolare del suo movimento nel cielo descrive un arco diurno che di giorno in giorno cambia progressivamente: quanto pitt la traiettoria del sole si abbassa nel cielo e si avvicina all’ortzzonte, tanto pitt diminuisce il tempo fra l'albae il tramonto, fino a quando diventa brevissimo e cessa di diminuire - é il giorno del Solstizio d'inverno - poi torna a crescere. Quanto piti la traiettoria del sole si allontana dall’orizzonte esi alza nel cielo, tanto pitt aumenta il tempo diurno fral'alba e il tramonto, fino a quando diventa lunghissimo e cessa di aumentare - é il giorno del Solstizio di estate - poi torna a diminuire. E da quando la traiettoria del sole st é trovata nella posizione pitt bassa o pitt alta sull’orizzonte a quando ritornera nella stessa posizione, passa un anno, Ecco, noi con inostri occhi vediamo semplicemente questo: vediamo il giorno e la notte; vediamo la corsa delle stagioni nel cerchio dell'anno; percepiamo la Terra ferma e vediamo il sole che le gira intorno. E se fosse davvero cosi? Affermarlo puo sembrare uno scherzo, una provocazione o un'espressione di follia. * Pavel A. Florenskij, La venerazione del nome come to flosofico, in Il valore magico della parola [1920-1922], Medusa, Milano 2003: pagina 22. Nell'edizic italiana termine obsterloveteska ¢ reso letteralmente con “omnni-umano”: qui ho preferito sostituirlo con “comune a tutti gli uomini”. Ma-pensiamoci -in assenza di punti di riferimento fissi nell’universo, che sia il sole a girare intorno alla Terra o, come da quattrocento anni siamo educatia - pensare, la Terra intorno al sole, quale j differenza fa? La differenza sta nel mo- dello che spiega le geometrie del cielo e i suoi movimenti. Tutto qui. In assenza di un punto fisso di riferi- mento, che al centro della giostra celeste si voglia pensare il sole, o la Terra, ola luna, ola stella Sirio, tutto sommato pud essere considerato equivalente, a patto di cambiare il calcolo delle posizioni dei corpi celesti, delle loro traiettorie e delle loro velocita. : Dal proprio punto di vista, Galileo Gali aveva ragione, ma anche Il modello di Tycho Brahe (1546-1601) il suo contemporaneo Tycho Brahe - che con la Terra al centro dell'universo affermava la Terraimmotbile al centro dell' universo, con la luna el sole che le girano intor- no, ei pianeti che girano intorno al sole - dal proprio punto di vista, aveva ragione, e anche il suo modello, coerente con l'evidenza, pud spiegare con grande precisione le meteore, Te stagioni, le eclissi, il moto di stelle e pianeti e ogni fenomeno celeste. Questo significa che é indifferente sostenere che la Terra gira intorno al sole o il che sole gira intorno alla Terra? Qualcuno potrebbe sostenere che un modello é superiore all'altro per ragioni matematiche o teologiche; ma forse si potrebbe anche osservare che Vadozione di un modello rispetto all'altro pub comportare alcune conseguenze riguardo alla salute mentale di ciascuno e... alla salute della democrazia. Perché? Pensiamo. Inostri occhi vedonoiil sole che ogni giorno gira intorno alla Terra: questo vuole dire che secondo la teoria che pone il sole al centro del suo sistema i nostri occhi ci ingannano, che il nostro sguardo non basta a capire come funziona il mondo, che ci servono attrezzature complicate ed esperti che ci aiutino a comprendere come veramente stanno le cose; vuole dire, dunque, che non possiamo fidarci di cid che vediamo, ma dobbiamo delegare Ia nostra comprensione del mondo a chi ci spiega che i nostri sensi sono ingannevoli e apprendere che le cose non stanno come ci sembrano ma come dice la scienza e rinunciare ‘evidenza; noi vediamo una cosa, ma la verita é tutt'altra: non sembrerebbe una buona strada per diventare un poco matti? Se invece pensassimo la Terra al centro del movimento celeste, allora i nostri occhi direbbero la verita, basterebbero per capire il mondo; potremmo avere fiducia nei nostri sensi; avremmo meno necesita di affidare la nostra capacita di conoscere il mondo a chi ci traduce cosa vediamo, spiegandoci che la verita é un'altra; i sacerdoti del sapere, dunque, aorebbero un po' meno potere; il semplice sguardo del pitt semplice tra gli uomini basterebbe 4 cogliere e capire cid che é evidente a tutti, a cominciare dai bambini. Chissi, forse potremmo sentirci un po' meno mati e forse impareremmo a ripren- dere il gusto per le semplici evidenze e ... anche a delegare un po' di meno la nostra arte di decider cosa loe. 1 H ect Cosa é Vero € cosa non Io é. 4 Massimo Angelini ks Scuola Famuliare Mi chiamo Simona e leoricamente sono whinsegnante di scuds elementace-Ralicamente dalla gsavdanza dk Ro, Meo BAND non ho pS \eegnato Sle -pecche> Vealio dedicarmi dlla wis Lamigha sia peche sto mettendo 82 mamente 1 clecsssione la professione che avevo cello. Romeo mi ha indicate un seaheco sd gvale ho incon, telo la Tnbs dele Noct Sonanti, Seminasogm, ceil” concetts del continuumss di Jean Lied loft, i esxchony di donne , Michel Ockeak e la comomcazione won violents, Teal Tascell: dion nuovo panocma . nel quale vedo uno chile di vitache mi alleggensce do, Tanti oneci, Catiche e sa COG Ot quali & golocdinata la sod disfe2ione di bisoan \ndboth - \kolo la Gdeus meoncizionste verso i nostic Gal, Sepresentast pact della specie mans Ropero pec la loro purezza eal wilegetd sentd Ai werm Pore 19 AScclKo ed al secw2to cl lo ssilopeo- Tenso che b scuda famchare consists ndllesere nol Pre Seale con Romeo e@ afe2e d lt coghexe ed approfondive Gat gh aseett delle cea che \l seo sopacdo nda. Finora & stato Gole © socprendente, ron abbamo fatto alto che ossecvate od enildce di wilecvemire con 1, cilomenti , limitarron @ awodie:. Ho scopesto che mio Galo 63 cesistece alle cadute, SPEWIVE agh Selopli,ss cose Pslle22a, conosce L Fusco, sa usace tl colkello,ss accampieacsi bene , ma cmede aivlo ger scondese, conse molt animali e 6d COSS ANGIONC, dma { Woe, conosce la B e LAR, 5 Bh pace diseanete, non ams inpadiace né egorcacs: le Mn, ar PBcccono i Pesci € le bacche, conocsce NENTS POOR, SGPRA-SOMO, CALDO- FREDO, APERTO-cHWSO © Tante alte cose Che agnigiocne osservo, om non ho sncore preso or Tudine di segnacmi in W diacio. Shamo ywendo onlay verve merevighosd @ spero di non permellore ov ressuna sco. G22 ,Nestun Progw~wma e nessm esome di iaferrompere lo, eva personale evolu2ione. Nel caso dale sods Samibiare, m semloca piv edeguato dowmentae conun diacio Ge Scopede che { bambint complovo gudidionainente ror awe on eccarb dedtsaliato do, ersente agh se grant, 1 sodXitvevme dda, POGTMMMBZONE_ So che & 2S stole syacolacst dst Progca mi sedlashcs. be ledicazions Neewonali gm (dowwmenb shlate dal einigteco dha M pobblica ictrzvone nel quale E MEE ocorith os bitin ddalbici che gli aboant di ogni classe debbono YagBlungere) Non hon, No valore diceltive,ma sdo indlicativo._ Quecto slonitica che sr & Lher & posticpace LoMidpace & sostWurre. 3\ doiettin didodtic! eulls base clei etn 2 dea\t \flews 6i dall’shorno - Rr quonld riguscda, gl essmi quegh nor devono soscace xz eccopazions. fnfath aon Sopecere ldsame comport sdamey fe che | bambiwo won patty essere lorie alla clacse successive Non sono previsti utero erowediment . Goclo non & foole swincclars dallsnsia che Vieluetone exta, demttro ce 101, essere im conbatto con persone che ci god ed avexe un boon tagpocld aon if di rigerite seolastico e le | vps atWWarce. \bahto ViNgrorwe tute le persone che hanno §ah wm els scolasé € scelgono Pedocazrone libertacia,perche mi econo UA esEeEMEO dak quale Stmgere wncoraggiameko e emedh, Swoon Armunncic ! Fin Lavorwu il pido d abil b aetiso ov nace ybiee ail vente i " serene aa Ie Satinung us Nog Qreo 2'oS Gu : Sabi Sc oetane ola Oo AZ om Sz Bolom vice. Pruscane 52.5 S Quins COs me ‘lea Rboous) AN) a aL Archint recciott at Prima esperienza di una costruzione in terra cruda con strultura di canne Arrivi, partenze, fluidita della terra. Siamto qui da poco, ma siamo arricchiti dall‘eternita di un istante che pulsa come pulsa questa terra che scorre frale nostre mani Partenza... Salutare chi si sta scoprendo, E wn dolore pieno di speranza che alla fine si trasforma in profumiato humus di vita E la vita, agazzi, é una continua SORPRE- SAI! Premessa (QUEL 5 SETTEMBRE MI RIMARRA IMPRES. 80, perché finimmo un cantiere di auto- costruzione un po’ matto ¢ un po’ speciale. Quasi una scommessa col proprio istinto da risolvere con tun mucchio di terra non indifferente, un migliaio di canne legate con mani dolenti (e qualcuno quando mi leggera mi mandera di nuovo a quell’altro paese) a mucchi di quindici e una manciata di balle di pa- glia. Lidea di una abitazione veloce facile da costrue e, allo stesso tempo, di qualita mi venuta in una delle mie profonde riflessioni mentze intrecciavo un cesto, Spesso uso le canne (Arundo donax) per far- lie le ho usate anche per fare scafali essiceati peril solio di un teto, La canna non é cosi robusta come il bambi, ma questo pud essere un vantaggio e soprattutto, a differenza del bambi, ha una cresci- ta annuale che, in termini pratici, vuol dire poter raccogliere ogni anno materiale dallo stesso canneto. Le canne sarebbero servite per costruire la cassaforma circolare a perdere' che avrebbe accolto it mi- gliore dei materiali da costruzione per un’abitazione: la terra cruda, la terra che quasi sempre abbiamo sotto i nostri piedi. Inoltre avrebbero sostituito if legno nella strattura a cupola del tetto. Un giorno paslavo con Monica e Roberto di questa idea. Stavano comprando un terreno al di la della valle ai piedi del versante sudoccidentale di Monte Sorbo. Su quel terreno un paio di mezzi muti in pie~ tra rappresentavano quel che rimaneva di un’antica abitazione mrale e, cosi, poco tempo dopo mi pro- pongono di provare quel tipo di costruzione come prima struttura sbitativa. Non me lo faccio ipetere due volte e la sera stessa butto giti una bozza di invito per trovare persone disposte ad aiutarci. La preparazione del cantiere non @ stata facile soprattutto pet la mancanza di acqua sul po- PERCHE, SE POSSIBILE, USARE LE CANNE? La canna (Arundo donas): $ fauna crescta annuale che in termini pratici vuol dire poter raccogliere materiale ogi anno dallo stesso can- eto; $ raggivnge facitmentealtezze di 4-6 metriin presenza ferent uni sto. Due cisterne da 1 metro cubo che veniva- no tiempite con un'autobotte sono state la so- uzione per lavarsi e per bagnare la terra usata pet la costruzione. Perla cucina avevamo in- vece ogni giorno una scorta di 150 lite di ac gua di sorgente Abbiamo sfruttato una pala meceanica pet mente; un paio di persone posso- spianate il terreno ¢ per lo scavo del canale di drenaggio, mentre la terra smossa € stata pot usata per le pareti e Vintonaco. Dearie al giorno; Avevamo cosi sia una base solida da cui partite, visto che non erano previ- ste fondazioni, sia la garanzia di non avere umiditi che risale per capillaiti, Jungo le pareti. DoPO TRE GIORNI avevamo la parte interna della cassaforma e il primo strato di quella esterna montate (vedi foto a pag, precedente): eravamo pronti per la prima gettata di terra ¢ pagha, preparata in due vasche realiz~ zate con un telo di plastica e delle balle di paglia come perimetro di contenimento. a = << HE 1 quattro giomi successivi dopo la {gettata mattutina preparavamo di nuovo le vasche ¢ montavamo un altro pezzo della struttura esterna, Tl quarto giomo alf'interno dellultima getta sono stati inglobati dei tronchett in orizzontale con del filo di ferro che fuoriusciva per offrire un ulteriore sicuro ancoraggio al tetto. Nel pomeriggio una mesitata pausa al mare: la parete circolare era completatall La costruzione del tetto ha tichiesto tre giomi di gestazione per rE e numerose legature necessatie e pet la preparazione del materia- le. Nonostante le diverse idee che mi frullavano in testa ho volu- to provare quella di una doppia cupola con in mezzo 15-20 cen- timetti di paglis isolante, e che scatica tutto il peso sulle pareti. LimpermeabilitA 2 garantita da tre teli di plastica legat! al bordo inferiote del tetto e protetti successivamente da uno strato di ma- teriale vegetale. Mentre si preparava il tetto si finito il primo strato di intonaco in terra e paglia ¢ si é preparata la base fatta di pancali sur quali andra fissato il pavimento in legno, Uno spazio é stato lasciato libero per la costruzione di una stufa per cucinare che si é realizzata a sei ‘manila mattina successiva. La sua funzione é fondamentale per asciugare le pareti soprattutto se si la- vora, come nel nostro caso a estate terminata, La porta a vetro recuperata ha gi la sua sede a misura. Altri punti luce potevano essere aggjunti in fase di costruzione sottoforma di finestre fisse o apribili ia [ultimo giorno di lavoro abbiamo ricoperto a ritmo di dubot® Ie balle usate al posto della terta nella jungeremo successivamente patte rivolta a nord (quello che ha determinato il loro utilizzo é stato soprattutto la mancanza di acqua nccessaria per limpasto che in questo modo é stato ridotto di volume) e vicino gli stipiti della porta. Conclusione QUESTA PRIMA ESPERIENZA DI ARCHINTRECCIO é stata fan- tastica innanzitutto per la componente umana che é risultata in un gruppo sempre ben affiatato. L'incantevole cornice del cantiere e la magia dei cerchi (guainiti di scambi di paro- IL ARCHINTRECCTO IN NUMER: & cca 1000: te canne utilizzat; circa 10:3 m? di terra impastati; Ie, giochi, massaggi, musica e vino) attorno al Fuoco hanno | ¥ 20-25: le bale di paglia usate; fatto dimenticare i disagi di pid due settimane di campo 4:1 diametro interno della capanna in metri; allaperto. 2:i metri di altezza utile delle pareti; Dal punto di vista puramente tecnico si é potuta testare la 12:i metr toni calpestail resistenzza dei materiali le tecniche d’inteeccio ¢ di legatura degli stessi, mentre diverse altre piccole soluzioni sono ve- ute alla luce, grazie soprattutto al confronto di gruppo, compresa quella per realizzare in modo semplice una gron- daia ciecolate per il recupero dell’acqua piovana La tecnica usata @ in fase di sviluppo e sicuramente pud es- sere adattata agli altri materiali utili per Vintreccio e reperibi- liin altsi luoghi dove la canna é poco diffusa: tuti i polloni di buon diametro delle seguenti essenze possono servire al- lo scopo: castagno, nocciolo, frassino, olmo, pioppo, salice e tante altre compreso lo stesso bambi. Alcune proposte di nuove costruzioni sono artivate gia dai partecipanti al cantiere per cui dalla prossi- ma primavera realizzeremo probabilmente nuovi cantieri, sicuramente uno a casa mia visto che sono anni che sogno una casetta circolare in terra cruda. ‘Vi anticipo, per tutti gli interessati, il prossimo appuntamento che sari quello del taglio delle canne la luna calante di gennaio. Quanta gioia e soddisfazione da questa esperienza conclusasi a ritmo di pizziche, tammutriate e salterel- lo abruzzese. Alla fine, dopo tutti i curiosi del paese vicino, 2 venuto anche il sindaco ad ammirare quella nuova antica costruzione! Articolo a cura di: Francesco D’Ingiullo, Casetta dei buoi, 66050 Palmoli (Chieti) 3298064297, figliodelnibbio@libero.it 35-40: i cm di spessore delle pareti; 22: le persone coinoolte nel cantiere ci per Fintero period chi slo per un paio di giorni; 13: le giornate complessive di lavoro; ...ed innumerevoli sorrisi e stelle cadenti at- torno al fuoco! Difficile credere che dopo dicci giorni ci stavamo git dentro a fare merendal! * La cassaforma cane parte inteprante deta strutura e sere sa pe ssae il tea sia come ancoragolo per Mntonaco in tera cruda. 3 DINAMIZA di PSTERE o di RELAZIONE ? Levita zeiste gzorie alle zkoMoui, atte ¢ Livelli : Wakil vive bee Zimouere tele, deve jute ree dott lestonieo zi war dels ¢ tants oi esk8 Seite fouls ce vitoditer exer to £ Aa te volowe ‘ Perch quests owenge swe chest Te alle stesio Bivelle seas sisewte fou ohuferioet (iagice scoulmi on Wowvered: Eeu- tholi du iene ey, Ad cattle. Quests seut te uaclates fur LIRR kb vivente, eta cou ee Cou ii seu mdbivay an - witadi factere o di di efations ee qual lo che nui ste yenendo Jucodio core cressital o coutrollo. Le de: seetate. dita ddtclebae sausauint ds Weade toe fet nlc divamice di a age Aiallusions oi ie pases PICU, £: edi pic errcac: Guoule andealien 2S 0%ga- Weta mente galt teks cael udi mou e Courgpente Le ye Jer hellesse jue bat (PM Mon CE yon Y dol ucle alle: ; tele nds hae ra pce fore ef, ferve dou shauclorbe Sia tieeraa deo tloeio se i wdlls in pen paces wie SSS st £ Viven' Queucle pou ests ar euhote a ala nus? Quando le “naouhiolle~ be; Wweho tducia ju me veltDio uo oukelee, Suloenitione fig So, wi "at siiue pode, esendlage caw lu tun tuelfere du clisens- reverb are See ete elem fotece cull dt, découckrolla. een ail nah (usatee, oops, toh Poy dake ex co Sn thn Lees ieshreassc lowe few free pete Crespaude (Comiuaie de cobs)cleve j fe Nola, ‘ Qokionn @ un to 33 Seeuag ACS Prue a> ote om Stasusttrue UL uve fer Ra tate Ut “provers OUANGo LA Ten Este DEL PENSEQ TACE, CrELlo CHE Qesta © ANORE ,CohPASIONE, Pace. Nieuke d> o1mink We PA Quete wt naqusada Cardo Sia shlestasres verrtienc. . Cruomele, sf PS Res. com um CORO Ak Konia “cooe® cematen!, MOG ,condiniciont @ uma creat meter. = 2 formpoda, ad Bo COR KROL va QoAdy'é cite ci UENCE A “TROVARE 2 — xo. mon axle eu owe D FEL CO mnBmMO coumuonnoat . ists Rp oct SoaNal nde, TRiBS ene \ RENE —_ Aion Cure. NL eure rudksouctider Polke in sngugdodivcide, Snide it tu pnofile samctac ba etter Sore : woth une fo Utbuderdl ken Mn tusroute, ein dd allie. ut vont 4 si q ide fal iva Shemale nleinioni Sobtoats, sua Homo, de Frowecsen Buc 2002 Seavar buche Devo edovow alaune bouche ber mettere alert. Un malo pe unmet, porn ndlio, per permeltere, alle medics dell! Bloc cl Mfondare, ajichomente,« 2 eqaolinente, wel terrenc,bertuetteudo lle ‘oul Vue dhe fe. Nou So ca ‘ieee Myeowedes Crook oniens Setup doe Po. do dhe Soceve fou uel arene one pple, weawsvole; Ro il (woo efevol Z 4 (ie 6 fee Pex eal 5, able Sra, Cowe-¢i ae fo suferficie oF a cont ek foi procedere Au circolo ap ON fe perche won f Shodio 0 Veo Cha Coden fe - tec eee peice a Vere eRe divenec fo fir profoude. UR eee - x aftou de oi estiofro fe etet donb Cree pe gait Bele codine foleroluen - uF it pesca S ace Mo ‘med faqoke ahve: enor vuolo oie pr Sceudere Aw peofoncl Fer. 16 CRENEZZANO 22 cen HORe 2alo ra da unger ditewco che in casciva balenas Tbs di un \ncowlo slater il noses gree Hadresdia st sposlate su Madreterta, ¢ victo che Svs Sempre Wat eons che awa la tera, ‘la ockNua, 2c wit. diretia’_ mente athraverss i syst Suth, sie sale al biSegno di incertrarce @ creare Uh qualessa che c: Une - Quel qalcse « | 5 Ce chi Ia 2a, pm la cama , div Seta pallue Varailla jens Lahore PS gains, +3. ie, Gudtes, dni ne ti ANA legs e Ac sda. Mente. asSapota |dore, il SApare clever gR, Oe de tule e = < Sethi ni S@TSA axon Sulla Nadieera ( Swaigio Cel ordwo dec contadons) se tend Vckta. Eve Sore Veramente cohen. delle. bellessime eS Rater, ma le cesa doe Us Age BE eK 1 Cw degre Gre otd VJ ditdere con POEM dnele, sl gets BE ES “ A gruge, metre al Cestive gira (Veegath> Lebel sl x USaNaVo © le erergie si CaMbIASaHO degree ede due tek, quesa comneds tone. tra. Cerra! < Wadre. “Suma “wade gre cc whee pe co eee a Vohra < Seremo ih scufouta con Calkese ’ A Me cok fa. z < c dc Vers a kD tee 3 RCE & st ee biekes- per Weer ne man xe ut Eee eee j biwi! Qua iw cAasamMa Gtoro molt: buabe UN le Ker © +tman, ‘ebalor_ A egui gictmo dc ah coal. toa pendere Se, pesctcondela, | heres sy Ltre orughe comle lato face, SSUES eat Gaddere da Nei eo dace: Ope le aainee ads Angelica (aeuny che wepuie pa clue do mus mex Bu a ae ] le nota ned cape x le noche ‘ke. O INikeresse. de c , Tommaso e Gulea (% 2 40 aud) vellandace 2 Mserquler® “(acca Who aie dc mais aes Sees Le la taccetks) ¢ athe: a csserviace, * PSaevo de Sivubal_ (Shea bee xe z. 'S (‘herexe Je Vscbal