Sei sulla pagina 1di 8

Il mito di Orfeo ed Euridice

Eugene Delacrois, 1862


Origini del mito
• VI secolo a.C.: poeta Ibico, Alcesti di Euripide (438 a.C.);
• Platone;
• Orfismo: tradizione religiosa che, per prima nel mondo
occidentale, nel IV-V secolo d.C. introduce la nozione di
dualità fra corpo mortale e anima immortale (Argonauta,
raccolta di versi poetici).
• Catabasi: discesa dell'anima del defunto nel mondo degli
inferi.
• Virgilio ed Ovidio (43-18 a.C., Metamorfosi).
Publio Virgilio
Marone
(Andes, 70 a.C. -
Brindisi 15 a.C.): la
concezione
dell'aldilà per
i romani.
Il viaggio nell'oltretomba
Georgiche (36-29 a.C.) Eneide (29-19 a.C.)
•Poema didascalico: •VI CANTO: canto CENTRALE, il
destinato all'insegnamento di una più importante, quello che collega la prima
tecnica (agricoltura)​; e la seconda parte del poema​.
•4 libri​; •Legittimizzazione di Enea come capostipite
•Libro IV: apicultura​. del futuro impero di Augusto (gens
•Aristeo, figlio del dio Apollo e della iulia), legame tra destino provvidenziale di
ninfa Cirene, vede morire le sue Roma e concezioni religiose​.
api. Innamorato di Euridice, che muore •Discesa nell'Averno: discesa
da lui inseguita e morsa da un serpente. attraverso l'ingresso del lago Averno (incontro
Orfeo scende negli inferi per riportarla con le Paure rappresentate da mostri orribili)
in vita.​ e discesa negli Inferi presso il fiume Acheronte
(sentimenti della frustrazione umana: dolore e
compassione).​
Tratti caratteristici dell'ellenismo (Giove regno
terreno, Nettuno regno marino)

Regno di Plutone

Fiume Acheronte, insepolti sulle rive


L'aldilà
Caronte

Ade o Averno, oscurità

Campi Elisi, paradiso


Orfeo ed Euridice: la storia
La favola di Aristeo racconta che, essendo
responsabile della morte della bella Euridice, la
sorella di quest'ultima uccide le sue api diffondendo
un'epidemia. Orfeo è figlio della musa Calliope e del
sovrano tracio Eagro ed è conosciuto come poeta
grandissimo al quale il dio Apollo dona la lira che
impara a suonare dalle muse. Alla morte della bella
moglie Euridice, commuove tutti con la dolcezza del
canto funebre che le dedica. Gli dei degli inferi gli
concedono di scendere nell'oltretomba per riportare
Euridice tra i vivi, purchè non si volti a guardarla fino
a quando non saranno usciti dal regno dei morti.
Orfeo non resiste ed Euridice deve tornare indietro.
Il significato del mito
❖ La forza dell'amore: forza che supera le
barriere umane e le frontiere della morte.

❖ Forza consolatoria della poesia: sconvolge


gli uomini e la natura con la forza del suo
canto.

❖ Arte capace di rivelare il mistero della


condizione mortale dell'uomo.

❖ Orfeo personaggio della drammatizzazione


e della tragedia d'amore: perde Euridice e
finisce ucciso smembrato dalle Baccanti da
lui rifiutate e la sua lingua canta la poesia
nell'eternità.

❖ Motivo della dimenticanza delle leggi


prescritte dagli dei che provoca drammi.
• Viaggio nell'oltretomba: Dante
all'inferno con Virgilio.
• Endecasillabo in terzina
concatenato (ABA BCB DED...):
usato da Dante e ripreso dal
librettista Striggio (nobile della
corte dei Gonzaga) nell'Orfeo di
Monteverdi (favola in musica).
• Orfeo ed Euridice di Cristopher
Willibald Gluck (melodia
semplificata).
• Mito romantico: tedesco Rainer
Maria Rylke.
• Italia: dal tema del destino in
Orfeo ed Euridice in musica Cesare Pavese a Campana (Canti
Orfici di "Giardino autunnale").
e letteratura