Sei sulla pagina 1di 54

Nella gestione dei

Materiali Post Consumo (MPC)


quale sistema garantisce il minore
impatto ambientale
e il maggior risparmio di
energia ?

1
Sistemi a confronto
 Trattamenti a caldo
 Ossidazione chimica (Combustioni)

 Trattamenti a freddo
 Ossidazione - riduzione biologica
 Temperature <60-70 gradi

2
Trattamenti a freddo
Meccanico biologici (TMB)

 Compost
 MPC stabilizzato

 Bio-metano

3
Trattamenti a caldo

Incenerimento
 Elettricità e calore

4
Trattamenti a caldo

 RICICLO
 materie seconde

5
Legge di conservazione della
massa
 In una reazione
chimica la massa
totale dei reagenti e
uguale alla massa
totale dei prodotti.
 In natura nulla si crea,
nulla si distrugge, tutto
si trasforma
Antoine Lavoiser (1743-1794)
6
BILANCI DI MASSA
Cosa entra e cosa esce da:
inceneritori, impianti TMB,
impianti di riciclaggio

7
I “reagenti” in ingresso
Principali componenti dei Materiali Post Consumo

 Vetro e inerti
 Metalli
 Plastiche
 Scarti di cibo
 Sfalci d’erba
 Legno
 Carta e cartone
 Tessuti (lana, cotone…)

8
Circa il 60% dei
Materiali Post Consumo
è
bio-degradabile

9
80 % - 86%
dei
Materiali Post Consumo
è
compostabile
e
riciclabile
10
Impatti ambientali a confronto

Riciclaggio vs Incenerimento

Nella gestione di carta e plastica quale


sistema garantisce il minore impatto
ambientale?
11
L’impatto ambientale
dell’incenerimento dei rifiuti come
metodo di trattamento
e recupero energetico
(2004)

EFFETTI A CONFRONTO
•Gas serra
•Piogge acide
•Eutrofizzazione
•Smog fotochimico
•Tossicità

12
Le conclusioni dello studio CEWEP

“Il riciclaggio di materiali,


raccolti alla fonte
con una buona differenziazione,
provoca
un minor impatto ambientale
rispetto all’incenerimento“

13
Le conclusioni dello studio CEWEP
“Compostaggio
e digestione anaerobica, finalizzati
all’uso agricolo del compost e
alla produzione di biometano,
hanno
un minor impatto ambientale
rispetto all’ incenerimento“
incenerimento
14
Confederazione Europea
termovalorizzatori

15
La raccolta “porta a porta” è il
presupposto indispensabile per
minimizzare gli impatti
ambientali

Raccolta “curb side” negli USA


16
Esempi eccellenti di PaP
(aggiornamento 2009)

Città Ab.serviti % RD
Napoli 211.500 75
Salerno 145.000 72
Reggio E. (6^ circ.) 14.000 70
Novara 100.000 68
Torino ( 6^- 7^ circ.) 140.000 50-63
Genova (sestri-pontedecimo) 17.000 50

17
Come si fanno i bilanci
ambientali
 Confronto dell’impatto
ambientale di
riciclaggio, discarica ed
incenerimento nel ciclo
di vita dei rifiuti:
Rassegna di recenti studi.

R.A. Denison 1996

18
Risparmi di inquinanti e di
energia

 INCENERIMENTO con
 RICICLO
recupero energetico
 Evita l’uso di energia
e l’inquinamento
 Evita l’uso di combustibili derivante dalla
convenzionali e il loro produzione a partire
inquinamento dalle materie prime
vergini

19
INCENERIMENTO
Bilancio ambientale per ossidi di azoto
kg/ton
 Raccolta + 0,26
 Incenerimento + 1,09
 Emissione evitata
 (elettricità e calore) - 1,52
 Stoccaggio ceneri + 0,07
 TOTALE - 0,10

20
RICICLO
Bilancio ambientale per ossidi di azoto
kg/ton
 Raccolta + 0,82
 Riciclo + 0,08
 Invio a discarica scarti + 0,04
 Trasporto ai mercati + 0,13
 Emissione evitata
 (evitata produzione) - 5,4
 TOTALE - 4,28

21
Emissioni a Confronto

A parità di materiali trattati,


l’incenerimento immette nell’ambiente
composti tossici
in quantità superiore
(circa 9 volte di più)
rispetto al riciclo. 22
Bilanci energetici

La produzione di un nuovo oggetto,


realizzato partendo dalle materie prime,
richiede più energia
di quella necessaria per il suo riciclo
e di quella ottenibile con la sua
“termovalorizzazione”

23
Bilanci energetici della carta
 Produrre una tonnellata di carta richiede
 164 kg equivalenti di petrolio (kgEP)
 Riciclare una tonnellata di carta richiede
 52 kg EP
 Termovalorizzare una tonnellata di carta
produce
 101 kgEP (rendimento elettricità: 25%)

24
Energia risparmiata gestendo
una tonnellata di MPC
(kcal)

 Termovalorizzazione 1.193.000
 Riciclaggio 4.234.000

(R.A. Denison, 1996)

25
Impatti ambientali
dei trattamenti
della frazione indifferenziata
residuale al PaP

26
Che cosa c’è nella frazione
indifferenziata residuale al
Porta a Porta?

27
% di scarti biodegradabili prima e dopo RD

% nel RU % nel residuo


Sottovaglio¹ 10,39 3,84
Scarti mensa 29,65 5,73
Carta e cartone 23,46 33,83
Verde Cittˆ 2,48 1,11
TOTALE 63,90 43,36
¹ consideriamo l’80% del sottovaglio come scarto di mensa

28
I MPC PUTRESCIBILI
E BIODEGRADABILI
si “inertizzano” con
la BIO-OSSIDAZIONE

29
La BIO-OSSIDAZIONE
è realizzata da
micro-organismi
CHE, PRODUCENDO CALORE
A BASSA TEMPERATURA (35-70 °C),
TRASFORMANO I MPC IN
ANIDRIDE CARBONICA , ACQUA
e
COMPOST
30
OSSIDAZIONE BIOLOGICA
a freddo
(Impianto di stabilizzazione a secco. 120.000 t/anno. Asslar. Germania)

31
Impianti TMB in Italia
per
gestione MPC indifferenziati (2008)

131 impianti TMB che trattano


7,5 milioni t/a di MPC

In Italia ci sono 50 inceneritori che trattano


4,6 milioni t/a di MPC (2008)
32
Flussi di materia in una
Bio-cella
Aria esausta

Ingresso
MPC biostabilizzato MPC+O2

33
Balle di MPC bio-stabilizzato

34
La flessibilità dei
Trattamenti Meccanico Biologici

BIOSTABILIZZATO

GASIFICAZIONE BIO-RAFFINERIA Compressione Fermentazione Combustibile


STOCCAGGIO anaerobica in situ Cementifici

35
Impatti ambientali a confronto

 Inceneritori vs Bio-ossidatori

36
Fattori di emissione

A parità di quantità di materiali trattati


(una tonnellata)
si stima la quantità di inquinanti aeriformi
prodotti
da ciascun sistema di trattamento

37
Fattori di Emissioni in atmosfera

Department for Environment, Food and Rural Affaire


(UK, 2003)

Incenerimento Bio-ossidazione

38
FATTORI DI EMISSIONE
inquinanti aeriformi (grammi x tonnellata)

Inquinanti Incenerimento Meccanico


biologico*
Ossidi azoto 577 78
Ossido carbonio 134 78
Polveri 38 5

* Con trattamento termico aria


39
Emissioni a Confronto

A parità di materiali trattati,


l’incenerimento immette nell’ambiente
composti tossici
in quantità superiore (3,8 volte)
rispetto alla bio-ossidazione.
40
Come eliminare il rischio “diossine “

Quanta “diossina” emettono


nell’ambiente questi due diversi
impianti di ossidazione dei MPC?

41
Trattamento aria con bio-filtri

42
BIO-FILTRI

Aria depurata
Aria da trattare

43
Concentrazione di “diossine”
nell’aria
(analisi effettuate da Istituto Mario Negri)
picogrammi/m3

Aria ambiente pianura padana 0,18

Uscita biofiltro 0, 01
impianto MBT
Uscita termovalorizzatore 8
(migliori prestazioni)

44
FATTORI DI EMISSIONE DIOSSINE
(nanogrammi/tonnellata)

Inceneritori Inceneritore Meccanico


UK Vienna Biologico**

Diossine 400 40 0,3


(TEQ)

** Bio filtrazione aria

45
Funghi ”mangia diossine”

46
E’ stata dimostrato l’effetto di
bio-degradazione dei sistemi TMB, sulle
seguenti classi di composti tossici:

 Idrocarburi Policiclici Aromatici


 Diossine e Furani
 Pesticidi clorurati
 Erbicidi
 Composti Organici Volatili

47
Quale gestione garantisce la
minore emissione di gas-serra?

Incenerimento
Bio-ossidazione

riciclo

48
Bilancio gas serra
kg CO2 eq/tonnellata MPC

 Riciclo e compostaggio - 461


 Biossidazione e stoccaggio - 403

 Incenerimento MPC tal quale


e produzione elettricità -10

Fonte: AEA Technology-Environment


“Waste Management Option and Climate Change” . UE 2001 49
Conclusioni
La priorità data alla
RIDUZIONE e al RICICLO
dalle normative europee e nazionali è
giustificata da
 Minore impatto ambientale
 Maggiore risparmio energetico
 Maggiore riduzione emissione gas serra

50
Conclusioni

 I Trattamenti Meccanico Biologici a “freddo”


della frazione MPC residuale al riciclo
hanno un impatto ambientale intrinsecamente
minore rispetto a quello dei trattamenti a
“caldo”.
 e sono la risposta intelligente per
eliminare l’unico vero problema sanitario
dei MPC
51
I NOSTRI SCARTI DI CIBO,
l’umido organico“PUTRESCIBILE” !!!!

52
Grazie per l’attenzione

53
Per saperne di più

http://federicovalerio.splinder.com
http://web.me.com/federico.valerio/Federico_Valerio/Benvenuto.html

54