Sei sulla pagina 1di 177

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA' DI BOLOGNA

FACOLTA' DI LETTERE E FILOSOFIA

Corso di laurea in
STORIA ANTICA

TOLO DELLA TESI

COMMENDATIONES E BENEFICI NELL'EPISTOLARIO DI LIBANIO

Tesi di laurea in

Storia della Tarda Antichità

Relatore Prof. Valerio Neri

Correlatore Prof. Antonio Baldini

Presentata da: Michele Rossi

Seconda Sessione

Anno Accademico
2010/2011

1
INDICE GENERALE

PRIMO CAPITOLO . RACCOMANDAZIONI E FAVORI LETTERARI DA CICERONE AD


ENNODIO. TABELLE ILLUSTRATIVE PP. 2-94

SECONDO CAPITOLO. RACCOMANDAZIONI E FAVORI GENERICI


NELL'EPISTOLARIO DI LIBANIO PP. 95- 114

-- “Poeti vaganti” pp. 96-99


– Viaggiatori pp. 99-105
– Allievi pp. 105– 108
– Retori pp 108-111
– Medici pp. 111- 112

TERZO CAPITOLO. RACCOMANDAZIONI E FAVORI BUROCRATICI ED


AMMINISTRATIVI NELL'EPISTOLARIO DI LIBANIO PP. 116 – 130
– Funzionari provinciali e loro collaboratori pp. 117- 120
– Funzionari palatini ( notarii ed agentes in rebus) pp 120 -127
– Senatori di Costantinopoli pp 127-128
– Militari pp. 128-129

QUARTO CAPITOLO. RACCOMANDAZIONI E FAVORI GIUDIZIARI


NELL'EPISTOLARIO DI LIBANIO PP. 131 – 142
– Richieste di assoluzione pp. 131 – 139
– Richieste di condanna pp. 139-140
– Avvocati pp. 140-141

QUINTO CAPITOLO. RACCOMANDAZIONI E FAVORI ECONOMICI E MATERIALI


NELL'EPISTOLARIO DI LIBANIO PP. 142 – 160
– Esenzioni e tassazioni imperiali e locali pp. 142-152
– Dazioni e pagamenti vari pp. 152-156
– Eredità , proprietà terriere ed immobiliari pp. 156 -159
– Matrimoni pp 159-160

SESTO CAPITOLO. RACCOMANDAZIONI E FAVORI COLLETTIVI E PUBBLICI


NELL'EPISTOLARIO DI LIBANIO PP. 162 – 171

– Antiochia pp. 162-166


– Altre città dell'Oriente pp. 166 -168
– Gruppi di persone pp. 168- 169

BIBLIOGRAFIA PP. 169-177

2
PRIMO CAPITOLO RACCOMANDAZIONI LETTERARIE E DOCUMENTARIE DA
CICERONE A SIDONIO APOLLINARE . TABELLE ILLUSTRATIVE

Le raccomandazioni sono richieste di favore di diverso genere presenti nella Antichità

classica dall'età ellenistica a quella tardo antica. I soggetti in esse presenti sono il mittente

che manda la lettera, il destinatario che la riceve e il beneficiario che ottiene il favore

richiesto. Dunque è possibile classificare questi testi in base al loro contenuto (in verità

non sempre definibile con chiarezza, ma comunque individuabile, almeno sommariamente),

alla condizione del destinatario e a quella del beneficiario.

Gli autori qui presi in considerazione sono Cicerone, Plinio il giovane, Frontone, Simmaco,

Basilio, Gregorio Nazianzeno, Sinesio, Teodoreto, Sidonio Apollinare e Ennodio .

A Libanio sono dedicati i capitoli successivi

Raccomandazioni in Cicerone divise per contenuto

( II, 6 per Milone ) ( III,1 per Fania , Cilice e Lucio Valerio)


Primo gruppo ( V, 5 per Attico ) ( VI. 9 per Aulo Cecina )
( VII, 5 per Trebazio) ( VII,21 per Silio )
Raccomandazioni e favori ( IX, 18 per Subernio Caleno e Planio Erede )
generici e vari ( XI,22 per Appio Claudio ) ( XII, 6 per Bruto )
non definiti ( XIII, 1 , XIII,5, XIII,6 dossier per Cuspio e Giulio)
(XIII,3 e XIII,12 per Fufio)
( XIII, 13 per Castronio Peto) ( XIII, 15 per Precilio)
(XIII, 16 per Publio Crasso) , ( XIII, 17 per Manio Curio)
(XIII,18 per Attico) ( XIII,20 generica )
( XIII,25 per Egesareto) (XIII,36 per Demetrio Mega)
(XIII,29 e XIII,32 per Arcagato )
(XIII,31 per Caio Flavio ) (XIII,35 per Avianio Filosseno)
(XIII,39 per Titurnio) (XIII 49 per Pompeo)
Raccomandazioni e favori ( XIII,51 per Marcidio) (XIII,52 per Aristotele)
generici e vari (XIII,54 per Marcilio) (XIII, 60 per Livineio Trifone),
non definiti (XIII, 70 ; XIII,71 per Tito Agusio)
( XIII,75 per Avianio Flacco) ( XIII, 76 per Valgio Ipponiano )
Secondo gruppo ( VII, 8 per Preciano tribuno militare)
Raccomandazioni e favori ( XI,16 , XI, 17 per Lucio Lamia )
burocratici e amministrativi ( XII, 21 per legatus Caio Anicio) ( XII, 24 per Pinario)
(XIII,68 per provincia d' Asia )
Terzo gruppo ( II, 14 per Marco Fabio a Laodicea ) (IX, 25 per Marco Fadio )
Raccomandazioni e favori (XIII,41 e XIII,42 per Lucceio) (XIII,58 per Custodio)
giudiziari (XII,59 per Fannio)
( I, 3 per Trebonio negotiator)

3
( XII, 26; XII, 27 per eredità di Turio)
Quarto gruppo (XIII,1 per Memmio ) , (XII,2 per Avianio Evandro),
Raccomandazioni e favori (XIII 8 per Caio Albino), (XIII, 10 per Varrone) ,
economici e materiali ( XIII,19 , XIII,24, XIII, 34 dossier per Lisone),
nelle lettere di (XIII,27 Ammonio) , (XIII, 29° per Capitone ),
Cicerone ( XIII,33 per Otacilio ), (XIII,37 per Ippia )
(XIII, 38 per Lucio Bruzio), ( 13°, 40 per Aureli)
(XIII,43 e XIII,44 per Lucio Oppio )
( XIII,23, XIII;45 e XIII,47 per Lucio Egnazio e per Anchialo
suo servo) (XIII,46 per Zoilo)
( XIII ,50 per Manio Curio) (XIII,51 per Messieno )
( XIII 53 per Genucilio Corvo ) (XIII, 56 per Cluvio Puteolano)
( XIII,61 per Tito Pinnio ) (XIII,63 per Leenio)
Quarto gruppo ( XIII, 64 per Strabone) (XIII, 69 per Curzio Mitre )
Raccomandazioni e favori ( XIII,72 e XIII, 73 dossier Cerellia )
economici e materiali. ( XIII,74 per Lucio Oppio) (XIII, 78 per Bolano)
( XIII,75 e XIII,79 per Avianio Flacco )
Quinto gruppo ( XIII, 4 e XIII,5 per Volterra ) ( XIII, 9 per Bitinia)
Raccomandazioni e favori ( XIII, 7 per Atella ) (XII,9 per Pubblicani ), (XII, 11 per Arpino )
collettivi e cittadini (XIII, 28a per Sparta) ( XIII,48 per Cipro) ( XIII, 65 per città )

Raccomandazioni in Plinio classificate per contenuto

Primo gruppo ( I,10 per Eufrate), ( I, 17 per Pompeo Saturnino)


Raccomandazioni e favori ( I,22 per Titinio Capitone ) ( II, 18 per Insegnante )
generici vari (III, 3 per Giulio Genitore ) ( III,11 per Artemidoro)
(IV, 6 per Regolo), ( IV, 10 per schiavo)
( IV, 15 per Asinio Rufo), (IV, 28 per Erennio Severo )
( V, 19 per Zosimo ), ( VI,6 e VI; 10 per Giulio Nepote dossier )
(VI, 8 per Atilio Crescente) ( VI,11 per Ummidio Fusco )
(VI, 12 per Bizio Proculo ) (VI,25 per Metilio Crispo )
(VII, 7 per Crispo) ( VII, 8 per Saturnino )
Primo gruppo favori (VII, 16 per Calestrio Tirone) (VII, 22 per Cornelio Miniciano)
e raccomandazioni (VIII,21 e VIII, 24 dossier per liberto )
nelle lettere di (IX, 24 per Subernio Caleno , e Planio Erede)
Plinio (IX, 27 per Nonio) (X,2 per Giulio Serviano) (X,10 per Arpocrate)
(X,25 per Servilio Pudente ) ( X,105 per Valerio Paolino )
(X,106 e X,107 per Accio Aquila ) ( X,121 per moglie )
(II, 9 per Sesto Erucio) (II, 14 per Voconio Romano)
Secondo gruppo (III, 2 per Arriano Maturo) ( III,8 Svetonio)
Raccomandazioni e favori ( IV,12 per Egnazio Marcellino) (IV, 29 per Giulio Nepote)
burocratici, amministrativi (V,14 per un curator) ( VI, 27 per culto imperiale )
(VII,25 per Saturnino) (IX,3a ,3b per pretura)
( X,12 per Licinio Sura) ( X,26 per procuratore militare)
( X,13 per sacerdozio) ( X,22 per Gavio Basso )
( X,28 per Marco ) ( X,62 per Calpurnio Macro )
secondo gruppo ( X,72 per Ninfidio Lupo )

4
favori burocratici ( X, 78 e X,79 per Applicazione di Lex Pompeia )
Terzo gruppo (VI,22 per Monzio e Bruzziano) ( VI,23 per avvocato )
Raccomandazioni e favori VIII,14 per consiglio Legale )
giudiziari ( X,28 e X,29 per Sempronio Celiano )
Quarto gruppo ( I,14 per Aciliano ), I,18 Romazio Firmo)
Raccomandazioni e favori ( I,21 per schiavi) ( I, 24, I,94, I, 95 per Svetonio)
economici e materiali (II,4 per Calvina) ( II, 20 per Verania)
(III,19 per terre) ( IV, 6 per terre) (VI,30 per terre)
( IV,16 e VII,14 per Corellia) (V,1 per eredità)
(V,4 e V, 13 per nundinae) ( VI,3 per Nutrice)
quarto gruppo ( VI, 19 per terre donate) ( VI,26 per Fusco Sallinatore )
raccomandazioni e favori ( VI,32 per Nonio Celere ) ( VI, 33 per Azia )
materiali (VIII, 8 per Domizio Afro) ( IX per Claro)
( X,55 per debiti) ( X,110 per Claudio Pisone )
Quinto (III,4 per Betica ) (IV, 22 per Vienne)
gruppo ( V,7 lascito a città) (VI,18 per Fermo) ( VI,34 per Verona )
Raccomandazioni e favori ( VII,18 per concittadini) ( X, 11 per cittadinanza),
collettivi ( X,34 ; X, 38; X,39 dossier per Pompieri a Nicomedia )
( X,40 per Claudiopoli ) (X,43 per Bisanzio )
( X, 48 per Bisanzio ) ( X,68 per parenti) (X,75 per Eraclea )
( X,83 e X,84 per Nicea) (X,91 per Sinope )
( X,92 e X,93 per Amiso ) ( X,99 per Amistro )
(X,111 e X,112 per città ) (X,118 e X,119 per Atleti)

Raccomandazioni e favori in Frontone classificati per contenuto

in corsivo sono le lettere agli imperatori , nella scrittura normale quelle agli amici
Primo gruppo ( I, 6 per Gavio Claro)
raccomandazioni e favori ( I,1; I,2 per Corneliano Sulpicio) ( I,3 per Licinio Montano)
generici ( I, 4 per Giunio Aquilino) ( I,7 per Antonino Aquila)
( I, 8 per Emilio Pio ) ( I,9 per Sardio Saturnino )
Secondo gruppo favori ( I, 5 per Calvisio Faustiniano) ( I, 6 per Giuniio Massimo)
burocratici e militari ( V, 52 per Aridelo )
Terzo gruppo ( II, 4 per Fabiano)
raccomandazioni di tipo
giudiziario
Quarto gruppo favori e ( II, 7 per Decurione Volumnio)
raccomandazioni di
tipo economico

Raccomandazioni e favori in Simmaco classificati per contenuto


La numerazione è solitamente quella di Seeck , tranne quando è segnalata quella di Juretus.

Primo gruppo ( I, 15; I,94 dossier per retore Pallladio )

5
Raccomandazioni e favori ( I, 19 per Potito ) ( I,29 per Baraco ) ( I,36 per Innocenzo )
vari e generici ( I,39 per Gorgonio) ( I,40 per Vittore ) ( I,43 per Giuliano)
( I, 62 favore generico ) ( I,63 per Saturo )
(I ,64 per Clemente vescovo di Cesarea )
( I,66 per gelasio medico) ( I,67 per Ansio ) ( I,72 per Basso )
( I ,73 ; I,104 ; dossier per Romano )
Primo gruppo favori ( I,75 per Cesario) ( I,81 per Vitaliano) ( I,93 per Zenone )
generici e vari nelle ( I, 95 generico favore ) ( I,99 per Ponticano )
lettere di Simmaco ( I,106 per Teofilo) (I,107 per Alessandro )
( II,2 per Lucilio) ( II,10 generico favore )
( II,11 per Patrizio ) ( II,15 per Marcello e Romano)
(II,16 per Nicasio ) ( II,18 per Eusebio medico)
Primo gruppo favori e ( II,20 Dossier per Romano e Magnillo )
raccomandazioni generici ( II,29 per ignoto ) ( II,38 per Partenio)
e vari ( II, 39 per filosofo Horus ) (II,40 per Ignazio)
( II,41 per Neagora ) ( II,42 per ignoto ) ( II, 43 per Sessione)
( II,45 per Peonio ) ( II, 61 per Serapammone)
( II,65 per Licinio ) ( II, 66 per ignoto )
( II, 70 per Zenobio ) ( II, 71 per Ciriaco )
( II,72 per Onorato ) ( II,79 per Andromaco medico )
( II, 80 per Tiziano ) ( II,82 per Attalo medico)
( II,84 per Taziano ) (II,85 ; II, 86 dossier per Elpidio )
( II, 89 raccomandazione metodica ) ( III,19 per Siagrio)
( III, 32 per Settimio Doroteo ) ( III,38 per Diciano )
( III,39 per un giovane anonimo )
Primo gruppo ( III, 48 per Postumiano) ( III, 49 per Sabino )
favori e raccomandazioni ( III, 50 per Palladio ) ( III, 51 per Tibericio )
generici e vari ( III, 71 per il latore Felice )
( III,66 ; III, 81 ; III;86 ; III, 89; IV,2 ; IV,5; IV,7 ; IV,39 ;
IV, 51 ; VII,47 ; IX, 44 ; dossier per Flaviano )
( III, 76 per Paregorio ) (III,77 per Aussenzio)
( IV,3 per Rufino) (IV,36 per Basso vir spectabilis )
( IV,38 per Gaudenzio) ( IV, 40 per Desiderio )
Primo gruppo favori e ( IV, 41 per Rustico) (IV, 69 per viaggio ) ( IV, 73 per Felice )
raccomandazioni generici ( V, 23 per Anastasio) ( V,24 per Silvano )
e vari (V,24 per Oceano ) ( V,27 per Numida)
( V,29 per viaggio in Calabria ) ( V,31 per Asclepiade )
( V,36; V,37 ; dossier per Eusebio) (V, 40 per viaggio)
( V,42 per Drinnacio) (V,43 per Carterio)
( V,48 per Teodulo ) ( V,50 per Aureli) (V,53; per Elpidio )
( V,55 per Ammonio ) ( V, 57 per Patruino )
( V,59 per Candidato ) ( V,72 per Regiliano )
Primo gruppo ( V,80 per ignoto ) ( V, 84 per ignoto ) ( V,98 per Florenzio )
favori e raccomandazioni (VI, 7 per Arcenzio ed Evangelio) (VI, 12 per latore Cumazonte)
generici ( VI, 17 per Aussenzio e Mariano) ( VI,21 per figli di Entrechio)
(VI, 24 per Sapricio ) ( VI, 25 per Zenodoro )
( VI,27 per Giustino ) ( VI,31 per Principio )
( VI, 36 per Hispano ) ( VI, 38 per Severo )
( VI, 63 per Massimo ) ( VI,75 per Prostachio )
( VII, 46 ; VII,94; VII,103 ; dossier per Desiderio)

6
( VII,51 per vescovo Severo ) ( VII, 56 per Teodulo)
( VII, 57 per Alessandro) (VII, 62 ; VII,63 per Callestiano)
( VII,63 per Aurelio) ( VII,64 per Martirio )
( VII, 87 per Numida) ( VII, 88 per figlio di Gregorio)
( VII, 93; VII, 100 per Flaviano )
Primo gruppo favori ( VII,94 ; VII, 103 ; per Desiderio)
e raccomandazioni ( VII,100 per Eusebio numero Juretus)
generici e vari ( VII,111 per Severo) (VII,112 per Arcenzio )
( VII, 115 per Frumenzio ) ( VII, 123 per Petruzio )
( VII,125 per Atanasio ) (VIII, 14 per invito )
( VIII,15 per Castore ) ( VIII 53 per ignoto )
Primo gruppo favori ( IX, 7 per Aussenzio ) (IX,9 per Zenodoro )
e raccomandazioni ( IX,11 per Amazonio) ( IX, 33 per Valentiniano )
generici e vari ( IX,34 per Lampio ) ( IX ,35 per ignoto )
( IX,41 per Ticiano ) ( IX, 42 per Benigno )
( IX, 44 per Disario medico ) ( IX ,46 per ignoto)
( IX,52 per conductor siciliano ) ( IX, 54 per Nemesio)
( IX,56 per ignoto ) ( IX ,60 per Petrucio)
( IX, 61 per Leonzio) ( IX,64 per Olimpio )
Primo gruppo favori ( IX, 72 per Alessandro ) (IX,80 favore generico )
e raccomandazioni ( IX ; 90 per Asterio ) ( IX,116 per Buleforo)
generici e vari ( IX,117 per Protadio) ( IX, 129 per Rebiliano )
( IX, 133 per Valentino e Proserio )
( IX, 151 per Biriaco )

Secondo gruppo (I,44 per Senato ) ( I,46; I,47 I,51 per sacerdozio di Pretestato )
Raccomandazioni e favori ( I, 55 conciliazione con funzionario)
burocratici e amministrativi ( I,58; I,60 per incarico a Probo) ( I,90 per Mario )
( II,14 per Aureliano ) ( II,24 per Simplicio agens in rebus )
( II, 44 per soldato in Salento )
( II, 62 per agens in rebus) (II,63 per Cresconio)
( II, 64 per consolato) (II , 74 per Valentiniano)
( II,83 per Alipio in comitatus )
secondo gruppo ( III,3 per Filippo ) ( III,21 per console )
raccomandazioni e favori ( III,31 per Sallustio ) ( III, 34 per Magnillo)
burocratici e amministrativi ( III,41 per senatore figlio di Habemano) (III,43 per incarico)
( III,60 incarico a Eugenio) ( III,87 per Severiano )
( IV, 31 per consoli ) (IV, 37 per Paolo) ( IV, 43 per Eusebio)
( IV,52 per Senato ) ( IV, 53 per Benedetto )
( V,11 per consolato di Teodoro ) ( V,15 per consolato)
Secondo gruppo ( V,34 per un agens in rebus) ( V,39 per Alessandro notarius)
raccomandazioni ( V,74 ; V,75 per Tiziano e Elpidio) ( V,76 per Bonoso )
e favori burocratici ( VI,10 per console ) ( VI, 52 per Teodoro milanese )
(VI,53 per agens in rebus Massimo )
(VII, 1 per Memmio) (VII, 13; VII,14 per Ignoto a Milano )
( VII, 34 per agens in rebus Getulico ) ( VII, 45 per Gaudenzio )
( VII, 50; VII, 93 per Flaviano console )
Secondo gruppo ( VII, 53 per Eusebio) ( VII, 54 per Attalo )
raccomandazioni e favori ( VII, 59 lettere imperiali ) ( VII,96 per Dinamio)

7
burocratici nelle lettere ( VII, 104 a Patruino) ( VII; 107 per agens in rebus Giuliano )
di Simmaco ( VII, 113 ; VII, 114 per Attalo in senato)
( VII, 124 per amico ignoto )
( VIII,71 ; VIII, 72 per pretura del figlio )
secondo gruppo favori e ( IX,1 per Benedetto) ( IX,16 per Leonzio )
raccomandazioni ( IX, 31 per Epitteto) ( IX ,36 per Vittore)
burocratici ( IX,38 per Antistiano) ( IX,42 per Benigno )
( IX, 45 per Aurelio) ( IX,47 per Flaviano)
( IX, 50 esenzione per figlio di Lucillo )
( IX, 55 per scuola gallica dei notarii)
( IX, 57 per Assello militare) (IX, 59 per Eusebio)
Secondo gruppo ( IX,67 per provincia) ( IX, 75 per incarico in Sicilia)
favori e raccomandazioni ( IX, 8; IX, 86 per funzionari) ( IX,118 per Faustino )
burocratici ( IX,121 per Fausto) ( IX, 149 per consolato )
( II,1 per Paralio e Senator ) ( II,33 per Pelio)
( II,75 per senatori ) ( III,33 per Marciano )
( III, 69; per Flaviano, sua assoluzione )
Terzo ( IV,71 per processo in Sicilia )
gruppo Raccomandazioni e ( V,41 per Epitteto senatore) ( V, 60 per Turario)
favori giudiziari ( V,63 contro Miniciano) (V,66 per Ampelio )
( VI,5 per Severo e Severiano )
( VI,22 per figli di Nicomaco) ( VI,57 in Sicilia )
( VII, 49 per nipote ) ( VII,35 per pegno )
(VII, 81 per malato) ( VII,82 per vicario)
(VII, 85 per processo) ( VII,88 per Giocondo )
( VII, 108 per Ceciliano) ( VII, 128 per Scipione )
Terzo gruppo. ( IX,29 per processo )
Raccomandazioni e favori ( IX, 40 per applicazione parziale della legge)
giudiziari ( IX,108, IX,147 , IX, 148 per Vestali a processo )
( IX ,122 per Magnillo )
Quarto gruppo ( I,64 per Clemente) (I,68 per saltus vaganensis )
Raccomandazioni e favori ( I, 74 per Fasgania) ( I, 77 per Sabiniano)
economici e materiali ( I,79 per Prisciano ) ( II,30 proprietà agricola in SIcilia)
( II,36 statua per Pretestato ) ( II, 52 terre di Ostia)
( II,60 per terra a Napoli)
(II, 75 ; II,46; IV,56 ; V,65 dossier per orsi nei giochi pubblici
a Roma )

Quarto gruppo ( II,81 doni a Memmio) ( II,87 per Elpidio) (II, 89 per senatore )
favori e raccomandazioni (III,24 per matrimonio) (III,25 per Aussenzio)
economici e materiali ( III,53 per Ausoniano) (III,67 per Furnium )
( III,73 per Stemmazio)
( dossier per cavalli e quadrighe IV, 7 ; IV,60 ; IV, 62 ;
IV, 63 ; V, 56 ; VII, 48 ; IX 12 ; IX, 18 ; IX, 22 )
(IV,14 per matrimonio ) ( IV ,19 per Nicomaco )
( IV,48 per Basso ) ( IV,61 a Sacerdote )
( IV,67 per Stemmazio) ( IV,70 per Bonoso )
Quarto gruppo ( V,18 per proprietà agricola)
raccomandazioni e favori ( V,20; IX, 145 ; per spese di questura)

8
economici e materiali ( V, 54 per Postumino) ( V, 58 per figlio di Talassio)
( V,60 per senatori) ( VI,2 per Petrina ) (VI,3 per Fulvio )
( VI, 9 ; VI, 11 ; per Censorino ) ( VI,15 per viaggi )
( VI, 44 per un matrimonio) ( VI,49 per Severo e Messalla)
( VI, 66 per Euscio ) (VI, 70 edilizia ) (VI,71 per cibo )
( VI, 79 per doni ) ( VII,66 proprietà in Africa)
( VII,69 per cibo e muli)
( VII,120 per Atanasio) (VII,126 per orfano di Rufino)
quarto gruppo favori ( VII, 127 per Erennio )
economici e materiali ( IX,6 per terre ) ( IX,40 per nozze o per rendite fondiarie )
( IX,49 per matrimonio di Severo ) ( IX,58 per Eusebio )
( IX, 97 doni nuziali Numero Juretus )
( IX,93 per sportula) ( IX,106 per doni nuziali)
( IX, 123 per patrimoni ) ( IX, 134 per tasse sui senatori )
( IX,150 per Orfito ) ( IX,153 per sportula )
Quinto gruppo ( I, 49 per Spoleto ) (I,71 per defensor civitatis)
Raccomandazioni e favori ( III,23 Sassoni suicidi )
collettivi per città e gruppi ( IV,46 ; V, 93 per Campani) ( IV, 60 per giochi pubblici )
( V,82; V, 83 per coemptio) ( VII, 122 per coemptio in Libia)
( VI,43 ; IX, 41 per coccodrilli )
( IX, 137; IX, 142 per orsi)
( II, 7 ; IV,5 ; IV,53; VII, 38; VII, 68 ; V,94; VI, 14 ; VI,18 ;
dossier per grano africano e per approvvigionamento )
( IV, 74 per provinciali) ( IX, 138 ; X,139 per Suessa )
Quinto gruppo ( V ,20 ; V, 21; VI, 34 ; VI, 96 ; VII,89; VII,4; VII,8 ; IX,15 ;
raccomandazioni e IX, 69; IX, 115 ; IX,123 ; IX, 126 ; IX, 132 ; IX, 135 ;
favori collettivi e per per giochi pubblici )
gruppi ( V,94; V, 95 per città ) ( VII,82 per Spagna)
( IX,51 per curiali) ( IX, 55 per olio donato)
( IX, 105 per mancipes di saline) ( IX, 140 per schiavi fuggiaschi)

Raccomandazioni e favori in Basilio classificati per contenuto

Primo gruppo (31 per Ipazio) ( 64 per Terenzio e Elpidio )


Raccomandazioni e favori (69 per Doroteo) ( 112 , 113 per Domiziano)
vari e generici (119 per Pietro) (144 per latore ) ( 164 per Eutiche)
( 177 per aiuto) (191 favore generico )
(192 richiesta a Leonzio ) ( 199 per Bianore )
( 215 per latore ) ( 249 per ignoto) 271 per Ciriaco)
Primo gruppo (273 per Hera ) (275 per Armazio )
raccomandazioni e favori ( 278, 280 per parenti di Ammonio) ( 287 per vedova)
vari e generici ( 298 favore generico ) ( 304 e 305 presentazioni)
(314 per ignoto) ( 316 , 317 favori generici)
favori vari e generici (323 per Ciriaco) ( 324 per Patricio)
Secondo gruppo (54 per ministri di culto ) (63,67,68 dossier per Melezio )
Raccomandazioni e favori (78 per Elpidio) ( 109 per amministrazione )

9
burocratici e amministrativi ( 175 per assemblea ) ( 180 per Eumazio)
( 190 nomina di vescovi ) ( 196 per Aburgio)
( 198 per Leonzio peraequator)
( 225 contro governatore del Pointo)
secondo gruppo favori ( 227, 228 contro vescovo Eufronio )
burocratica e amministrativi ( 230, 237 dossier per governo di Chiesa)
( 238 per vescovo) ( 272 per Memnonio e Imezio)
( 299 ritiro da carica)
Terzo gruppo ( 24 per Timoteo) ( 72 ,73 per Callistene) ,
Raccomandazioni e favori (115 giudiziaria) ( 117 per assoluzione di anonimo)
giudiziari ( 137 per Palladia ) ( 147 , 148 dossier per Massimo )
( 169 ,170 ,171 per Eutiche ) 169 contro Glicerio )
( 177, 178 per processo giusto )
( 191 per assoluzione di un amico )
( 270 accusa di rapimento) ( 285 accusa di furto )
( 307 mediazione per lite )
Quarto gruppo ( 21, 35 per Leonzio sua proprietà) ( 32 per Cesario)
Raccomandazioni e favori (33 per un povero) (36 per presbitero)
economici e materiali ( 37 esenzione da tasse) (40,41 per donazione di denaro)
( 53 per corepiscopi) ( 83 per Camamene)
( 84 per esenzione ) (87 per Doroteo)
( 107,108 dossier di Giulitta) ( 116 esenzione per militare)
( 142 per ospedale ) (143 per esenzione )
( 279, 280 per Elladio ) ( 296 per muli)
quarto gruppo favori e (303 esenzione per Mares) ( 309 per povero )
raccomandazioni economici e ( 311 , 319 per esenzione da munera )
materiali ( 312 esenzione da tasse) ( 313 per Ulpicio)
Quinto gruppo. ( 15 per cittadini) ( 75,76 per Cesarea) ( 88 per città )
Raccomandazioni e favori ( 110 per lavoratori del Tauro )
collettivi e gruppi ( 243 per ortodossi) ( 283, 284 per monaci)
( 306 per il trasporto di cadavere)
( 308 per Capralis) ( 310 per Ariathia )

Raccomandazioni in Gregorio Nazianzeno classificate per contenuto

Primo gruppo ( 16, 17 dossier per Basilio) ( 37, 38 dossier per Eudossio )
Raccomandazioni e favori ( 39 per Amazonio) ( 65 per Euprassio) ( 84 per Fortunato )
vari e generici ( 85 per Luciano Presbitero) ( 91 per Pancrazio)
( 104 per Filomena ) ( 105 per Paolo ) ( 106 per Eustrazio)
( 128 Antimo ) ( 129 per Eugenio ) ( 131 per Olimpio)
( 143 per Leonzio ) (149 per diacono Eutalio )
Primo gruppo ( 150 per diacono Gregorio) ( 168,170 , 221 per Sarpedonte )
raccomandazioni e favori (173 per Gadiro) ( 181 per Eudocio) ( 186 per una parente )
vari e generici ( 189 per Pronoio ) ( 207 per Simplicia)
Primo gruppo ( 208 per Alipio) ( 209, 210, 212, 215,216,218, 219 220 dossier

10
raccomandazioni e favori per Sacerdote )
generici ( 229 per Evagrio) ( 230 per Eufemio) (249 per Elladio )
Secondo gruppo ( 92,132 , 139 dossier per Eulalio )
Raccomandazioni e favori ( 70 per proconsole ) ( 120 per nomina di vescovo )
burocratici e amministrativi ( 135 a Sofronio per intervento in religione)
( 140 per soldato Aurelio ) , ( 151 per un Comes )
( 152 per vescovo ) ( 154 per prefetto) ( 225 a Mamas )
Terzo gruppo ( 144 ,145 per Veriano ) ( 163 per Giorgio di Pasparo)
Raccomandazioni e favori (184, 185 per Bosporio ) (246 , 247 contro Glicerio)
giudiziari
Quarto gruppo (9 per Eulalio ) ( 12 per Alipiana)
Raccomandazioni e favori ( 13, 21, 158, 167 , 175 , 176,177 , 190,191, 192,195 ,224 ,
economici e materiali per Nicobulo e figli dossier)
( 14 per cugini ) (22, 23,24 dossier per Anfilochio)
( 29 per Cesario) ( 68 per esenzione )
(160 per Eugenia) ( 211 esenzione fiscale per ospizio)
Quinto gruppo. ( 77 per monaci e vergini) ( 141 per Neocesarea ),
Raccomandazioni e favori ( 162 per donne , monache )
collettivi per gruppi ( 158 , 196 per figli di Nicobulo)

Raccomandazioni in Sinesio classificate per contenuto

Primo gruppo favori e (17 per latore) (27 per Dionisio) (28 per Pentadio )
raccomandazioni varie e ( 45 per schiavo) ( 84 ,85,86,87 dossier per Geronzio)
generiche ( 95 per Giulio) ( 102 per Sosenas)
( 118 per Massimino) ( 119 per Diogene) ( 135 per Pimenio)
(145 per Filoromo) ( 150 per Alessandro)
Secondo gruppo favori e (62 per Marcellino),
raccomandazioni burocratiche ( 75 per militare) (76 per vescovo)
e amministrative
Terzo gruppo ( 6, 14 per Carnas accusa di furto)
raccomandazioni (49 per Anfora Vinaria) ( 53 accusa a Giovanni 3 )
giudiziarie ( 59 per avvocato ignoto ) ( 68 accusa di omicidio)
( 119 ,131 per Diogene) ( 144 per Febazione )
Quarto gruppo (18,19,20,21 dossier per buleuta in missione )
raccomandazioni (32 per Atarbio) ( 35 per Erode ) ( 37 cavallo)
e favori economici e materiali ( 39 per Cledonio) ( 40 per Anastasio)
(66 per vendita di proprietà ) ( 80 per Niceo )
( 91 per Niceo e per Filolao) (129 per Pilamene)
(148 tassa per navi)
Quinto gruppo favori
collettivi

11
Raccomandazioni e favori in Teodoreto di Cirro classificate in base al loro contenuto

Primo gruppo (31,32,,36 dossier per Celestiano di Cartagine collectio


Raccomandazioni sirmondiana) ( 41 per Sacerdote Damiano collectio patmensis)
generiche varie (43 per una fanciulla orfana collectio patmensis )
( 61 per Eusebio collectio sirmondiana )
Secondo (17 per Comes Filippo collectio Sirmondiana)
gruppo raccomandazioni (18 per Areobindo militare collectio sirmondiana )
burocratiche (33 a Comes Stasimo collectio sirmondiana )
( 39 Neone funzionario collectio sirmondiana )
( 45 per il posto di governatore di provincia collectio sirmondiana)
Terzo gruppo di ( 3 collectio sirmondiana sentenza per una donna rapita)
raccomandazioni ( 10 collectio sirmondiana contro Abraham )
giudiziarie (11 collectio sirmondiana difesa di Pallladio )
( 52 collectio sirmondiana difesa di Teocle in processo )
Quarto gruppo di ( 33 per esenzione di tasse per Eutalio collectio patmensis)
raccomandazioni ( 37 esenzione da tasse collectio sirmondiana )
economiche materiali ( 42 controversia con fisco collectio patmensis )

Quinto gruppo (18 19 collectio sirmondiana per esazione fiscale sgravio


favori e raccomandazioni fiscale per Cirro )
collettivi ( 75 collectio sirmondiana per clero di Berea )

Raccomandazioni in Sidonio Apollinare classificate per contenuto

Primo gruppo ( II,4 per Proietto) ( II;6 per Mestruano)


Raccomandazioni e favori ( III,4 ; IV;5 dossier per Gozola)
generici e vari ( III,9 per latore ) ( III,10 per Teodoro)
(IV, 4 ; IV, 6 per Faustino) ( IV,8 per Vezio)
( IV,23 per Clemazio ) ( V,9 per Rustico e Simplicio)
Primo gruppo ( V,10 per Pragmazio) ( VI,7 VI, 18 favori generici)
raccomandazioni e favori ( VI,9 per Gallo e Innocenzo )
generici e vari ( VII,4 dossier per Apollinario e Simplicio)
( VII, 10 per Pietro) ( VIII, 12 per Leonzio e Paolino )
( VIII,13 per Promoto) ( IX,2 per Proculo)
( IX, 16 per Costanzo)
Secondo ( I,3 per Gaudenzio) ( II, 3 per Felice )
gruppo (II,7 per Liciniano) ( III, 7 per Liciniano questore )
Raccomandazioni e favori ( III,12 per sacerdozio) ( IV, 25 per Giovanni)
burocratici e amministrativi ( VII, 8 per vescovo Simplicio)
( VII, 9 per vescovo) ( VII,17 per Auxanio abate )
(VIII,14 per Anniano vescovo)
Terzo gruppo ( I,3 ; I, 7 dossier per Arvando 3 )
gruppo Raccomandazioni e ( II, 7 arbitrato per lite ) ( III,10 per Teodoro )
favori giudiziari ( V, 5; V,6; V,7 accuse a Taumasto )
( VI,2 per Eutropia ) ( VI,4 per una donna derubata)

12
terzo gruppo favori (VI,6 contro ladri) ( VI,11 per un Ebreo a processo)
giudiziari ( V, 19 per rapimento della figlia di una nutrice )
Quarto gruppo ( II, 5 per Giovanni) ( II,9 su una proprietà agricola )
Raccomandazioni e favori ( III,5 per Donidio) ( IV,18 per bagagli ) ( IV,24 per Turno)
economici e materiali (V,1 per Vindicio) ( V,15 per un venditore di libri)
( V,21 per Vittorio) (VI, 8 per il latore della lettera )
( VI,10 per una chiesa) (VI, 23 per un latore)
( VII, 2 per Eustachio e suo matrimonio )
Quinto gruppo ( I ,10 per approvvigionamento a Roma )
Raccomandazioni e favori ( IV,21 per Alvernia ) ( V,14 per molte persone)
collettivi e per gruppi ( VI, 5 per Donidio) ( VI,12 grano per città galliche)
( VII,16 per Liberti) ( VIII, 11 per comunità in conflitto)

Classificazione delle raccomandazioni di Ennodio in base al loro contenuto

Primo gruppo ( I, 5 , II, 10 per Avieno ) ( I, 20 per Basso Latore)


raccomandazioni ( II, 21 per patrocinio) ( II, 22 per Albino)
varie e generiche ( II, 24 per Luminoso) ( II, 25 per latore )
( III, 3 per Costanzo) ( III, 13 per latori inaffidabili )
( III, 16 , III,17 per latore Benenato )
( III ,21 per Vitale ) ( III,22 per latore Costantino)
( III, 31 per donna afflitta e religiosa)
( IV,1 per legazione di Marcelliano I ( IV,2 per Amanzio )
( IV, 7 a Giuliano ) ( IV,10 per ignoto )
Primo gruppo favori e ( IV,13 per Giovanni ) ( IV,21 per Vigilio Suddiacono )
raccomandazioni generici e vari ( IV,22 per figli di notarius Laurenzio di Como )
( IV, 25 per Camillo ) ( IV,28 per ignoto )
( IV,33 per latore) ( IV, 35 a Aproniano)
( V,2 a Miniciano ) ( V,20 per Bonifacio)
Primo gruppo favori e ( V,25 per figlio di Sabino ) ( V,26 per ignoto )
raccomandazioni generici e vari ( VI,12 per diacono Stefano) ( VI,14 per figlio di Sabino )
( VI,15 per Simpliciano ) ( VI, 25 per Pertinace )
( VI, 28 a Gufileo ) ( VI, 29 per Sabino )
( VII, 7 per Diacono Elpidio)
( VII,10 a Floro e a Decorato) ( VII,14 per Euprepia )
( VII,15 per latore ) ( VII,19 per retore )
primo gruppo favori e ( VIII, 7 a Senario ) ( VIII, 17 per Asterio)
raccomandazioni generici e ( VIII, 32 per latore ignoto ) ( VIII, 33 per diacono)
vari ( IX,16 per Dioscoro ) ( IX,21 per Triggua )
( IX, 29 per Tranquillino ) ( IX,32 per figlio di Fausto )
( dossier per Agnello IV, 18; IV, 23 ; V,2 )
( dossier per Laurenzio IV,11 ; IV,22 )
( dossier per Panfronio II, 16 ; IV,14 ; IV,16 ; V,16)
( dossier per Benenato III,16 ; III, 17 )
primo gruppo favori e ( dossier per Partenio V, 9 ; V,10; V, 11 ; V,12 ;
raccomandazioni vari e V,19 ; VII, 30 ; suoi studi a Roma)
generici ( dossier per Beato VIII, 28; VIII, 38 ; VIII, 39; )

13
primo gruppo favori ( dossier per Ambrogio IX,2 ; IX, 3; IX, 4)
generici ( dossier per figlio di Paolo IX, 8 ; IX, 9 )
Secondo gruppo ( I, 26 per Marcelliano advocatus fisci )
raccomandazioni ( IV; 7 per nomina di Giuliano a comes del patrimonio )
burocratiche amministrative (IV, 13 per carica di Costanzo) ( IV, 16 per Panfronio vicario)
e di gerarchie ecclesiastiche ( IV, 18 ; IV,23 ; per Agnello funzionario in Africa )
( IV, 26 per nomina di Eugeneto a quaestor sacri palatii)
( IV, 29 ; V, 1 , V, 4 ; V, 5; VI, 17 ; per nomina del
vescovo di Aquileia )
( VI,9 per nomina di vescovo ) ( IX, 13 per udienza
dall'imperatore ) ( IX, 23 per Liberio buon magistrato)
Terzo gruppo ( III, 1 per Vittore ) ( III, 4 per processo a Milano )
raccomandazioni ( III, 20 per Giuliano contro Marcellino )
giudiziarie ( IV,33 per difesa di un ignoto a Ravenna )
( V,2 per avvocato Marciano)
( V,21 per Avito e suo incarico giudiziario)
( V,25 per figlio di Sabino) (V, 26 per arbitrato di Agapito)
( VII,10 per giovani avvocati ) ( VII,18 per Vicario )
( VIII,18 per latore ignoto )
Quarto gruppo (dossier per nipote Lupicino II, 15 ; II,23; III, 28 ; V,24 ;
raccomandazioni e VI, 26 per evitare che perda patrimonio )
favori di tipo economico e ( III, 10; IV, 8 ; IV,11 ; V, 13 ; VI, 16 ; VI,33 ;
materiale dossier per restituzione di denaro prestato da vescovo di
Milano a Papa Simmaco )
( III, 24 per Vigilio intervento del comes sacrarum largitionum)
( III, 27 dazione ) ( IV, 15 per beni di un anonimo )
( IV, 25 per ricco Dalmazio ) ( V,3 terra per Agnello )
( V,24 per matrimonio di nipote)
( VI,5 per ricchezze di Aureliano )
( VI,10 contro sopruso di comes Martino)
Quarto gruppo favori e ( VI;13 ; VI,14 per proprietà del figlio di Sabino )
raccomandazioni economici e ( VII,1 per terreni di Bautone e di Epifanio)
materiali ( VIII,12 ; VIII,18 ; VIII,40 ; IX, 7 ; IX,21 ; IX,22 ;
dossier per villa suburbana di Milano )
( VIII,20 per cavallo ) ( VIII, 23 per Eleuterio )
( VIII, 37 per sportula ) ( IX, 29 sgravio fiscale )
Quinto gruppo ( I,5 ; III,1 per gestione di schiavi e loro furto )
raccomandazioni e ( II, 14 per vescovi esuli in Sardegna)
favori per gruppi e comunità ( VIII,5 per famiglia ) ( IX, 20 per persone povere)

Altro criterio di classificazione è la condizione del destinatario della richiesta. Essa cambia

nel corso del tempo e a seconda delle strutture sociali dove la lettera si colloca.

Classificazione dei destinatari di raccomandazioni e favori in Cicerone

14
Magistrati (I, 3 a proconsole Lentulo) ( VI,9 a proconsole Furfanio )
provinciali ( XIII, 5 ; XIII; 6 a,b, a propretore Valerio Orca )
( XIII, 16 ; XIII, 18 ; XIII, 19 ; XIII, 21 ; XIII, 24 ;
XIII;25 ; XIII, 26 ; XIII, 27 a Servio; XIII, 28 ;
XIII; 28 b ; XIII, 71 a Servio Sulpicio nel 45 a.C:)
( XIII, 30; XIII;31 ; XIII, 32; XIII, 34 ; XIII, 35; XIII, 36 ;
XIII, 37 ; XIII, 38 ; XIII, 39 a Acilio proconsole )
( XIII, 40 a Lucio Culleolo proconsole in Illirico)
( XIII; 44 , 45 , 46 a Proconsole Appuleio )
magistrati provinciali ( XIII, 48 a Sestilio Rufo questore a Cipro)
( XIII, 53, 54 ; XIII, 55 ; XII, 56; XIII, 57 a Termo
propretore)
( XIII, 61 ; XIII,, 62; XIII, 63; XIII, 64 ; XII, 65 ;
XIII, 74 ; a Silio propretore )
magistrati provinciali ( XIII, 67 a propretore ) (XIII, 68 a Servilio Isaurico )
(XIII, 69 a Servilio ) ( XIII; 70 a Servilio Collega )
( XIII, 77 a Publio Sulpicio Rufo governatore dell'Illirico)
( XII,21 ; XII, 24 ; XII, 26 ; XII, 27 a Cornificio tribuno
della plebe nel 69 , governatore dell'Illirico )
( XIII, 79 a Allieno proconsole )
Magistrati dell'urbs romana ( II, 6 a Scribonio Curione tribuno della plebe)
( II, 14 a edile curule Celio) ( V,5 a Marco Antonio )
( XII, 1,2,3 a Memmio tribuno della plebe nel 66 a.C )
( XIII, 9 a Dolabella , console del 43 a.C.)
( XIII, 10 a M.G. Bruto nel 52 a.C ; XII, 11 a Bruto)
Magistrati dell'urbs romana (XIII, 12 a Bruto) (XIII, 13 a Bruto ) ( XIII, 14 a Bruto)
( XIII, 59 a Curzio Peduceano tribuno della plebe e pretore)
( VIII , 5 ; XIII, 15 ; XIII,16 a Cesare dictator)
(XIII, 52 a Quinto Marcio Rex console del 68 a.C.)
(XIII, 58 a Tizio Rufo pretore urbano )
( XIII, 74 ; XIII, 75 a Filippo console )
Senatori ( XIII, 8 a Albino ) ( XIII, 9 a Crassipede marito di Tullia)
( XIII, 29 a Lucio Munazio Planco )
( XII, 33 a Manio Acilio Glabrione )
Cavalieri ( XIII, 49 a Manio Curio negotiatior a Patre)
( XIII, 51 a Publio Cesio cavaliere di Ravenna )
Liberti
Persone non identificate ( III, 1 a Appio ) ( XI,16 a Decimo Bruto )
( XII,16 a Cassio ) ( XIII, 7 a Cluvio )
( XIII, 20 a Servio Tullio ) ( XIII, 43 a Gallione )
( XIII, 50 a Acilio ) ( XIII; 60 a Munazio )
Giuristi ( VII, 8 a Trebazio Testa )
Gruppi , comunità , (13,, 78 a quadrumviri e decurioni )

15
Classificazione dei destinatari di raccomandazioni e favori in Plinio il giovane

Magistrati di Roma
Magistrati provinciali
Senatori , donne di ordine ( III, 3 , VII, 14 a Corellia Ispulla )
senatorio ( VI, 12 a Calpurnio Fabato )
Equites ( III, 8 a Svetonio Tranquillo ) ( III, 19 a Calvisio Rufo )
Decurioni e notabili locali ( IV, 10 a Stazio Sabino notabile di Firmum )
( IV,12 per Arriano Maturo notabile di Altinum)
( VI, 29 decurione di Como, poi eques per donazione di Plinio)
Persone non identificate ( II, 9 a Apollinare) ( II, 18 a Giunio Maurico )
( III, 2 a Vibio Rufo) ( III,11 a Giulio Genitore )
( IV, 15 a Minucio Fundano)
Persone non identificate ( V, 4 ; V, 13 a Giulio Valerio)
(VI., 8 a Prisco) ( VI, 25 a Metilio Crispo )
( VI, 27 a Severo) ( VII, 7 a Prisco )
( VII, 31 a Cornuto ) ( IX, 24 a Sabiniano )

Classificazione dei destinatari di raccomandazioni e favori in Frontone

In corsivo sono le lettere inviate agli imperatori


Imperatori ( I, 6 a Lucio Vero ) ( I;1 a Antonino Pio )
( V, 37 a Marco Aurelio)
Funzionari locali e ( I,1 a Claudio Severo proconsole d?Africa )
provinciali ( I,3 a Lolliano Avito proconsole d'Africa )
( I, 4 a Egrilio Pariano proconsole d?africa )
( I, 5 a Claudio giuliano proconsoile)
( I,6 a Avidio Cassio) ( I,9 a Cecilio Ottato legatus)
Amici nominati , ma (I, 7 a Aufidio Vittorino) ( I,8 a Passieno Rufo )
non noti ( II, 4 a Repentino) ( II, 7 a Ario Antonino)
Medici ( I,2 a Appio Apollonide)

Classificazione dei destinatari di raccomandazioni e di favori in Simmaco

I numeri attribuiti ai personaggi sono tratti dal I volume della PLRE, tranne quelli scritti in
corsivo che derivano dal II volume.
Funzionari centrali delle ( I, 15; I, 17 ; I, 25 ; I, 29 ; I , 36 ; I, 39 ; I , 43
capitali ( Milano, I,90 , a Ausonio quaestor sacri palati )
Treviri, Costantinopoli) ( I , 44; I, 46 ; I, 51 a Vezio Agorio Pretestato
prefetto della città di Roma ) ( I , 58 ; I, 60 a Probo )

( II,1 ; II, 3; II, 4 ; II, 5 ; II, 7 ; II,9 ; II, 10; II, 11 ;

16
Funzionari centrali II, 13; II, 15; II,16 ; II,18 ; II,20 ; II, 29 ; II, 30 ; II, 33;
delle capitali imperiali II, 39 ; II,40 ; II, 41 ; II,42 ; II, 43 ; II,44 ; II, 45 ; IV, 52;
II,59 ; II, 60 ; II, 61; II, 62 ; II, 63 ; II, 64 ; II, 65 ;
II, 66 ; II , 67 ; II, 70 ; II, 71 ; II, 72 ; II, 74 ; II, 75 ;
II, 76 ; II, 77 ; II, 78 ; II, 79 ; II, 80 ; II, 81 ; II, 82 ;
II, 83 ; II , 84 ; II, 85 ; II, 87 ; II, 89 ; II, 91
a Virio Nicomaco Flaviano 15 senior )
Funzionari centrali
delle capitali imperiali ( IV, 51; IV, 52 ; IV, 53; IV, 54 ; IV, 55 a Fiorentino
comes sacrarum largitionum )
( IV, 58-60 ; IV, 62-52 a Flavio Euprassio
magister memoriae e quaestor sacri palati )
funzionari centrali delle ( IV, 36 ; IV, 37 ; IV, 38 ; IV, 39 ; IV, 40 ; IV, 41;
capitali imperiali IV, 43 ; IV, 46; IV, 47 ; IV, 48 a Minervio
magister epistularum)
( V, 74 a Limenio comes sacrarum largitionum)
( VII, 62 ; VII, 63; VII, 64 a Patrizio magister
epistularum dal 396 al 398 )
Funzionari provinciali e ( I, 75, 77 , 79, 81 a Hesperio 2 prefetto del pretorio di
di Roma e prefetti del pretorio Italia e Gallie nel 378-379)
( I, 94 ; I, 95 ; I, 99 ; I , 104 ; a Flavio Siagrio 3
prefetto del pretorio di Italia e Illirico )
( III, 3 a Rustico Giuliano 37 prefetto della città di Roma nel
387 )
( III, 35 a Mariniano governatore in Spagna )
Funzionari provinciali di ( III, 41 a Ilario prefetto del pretorio della Gallia nel 396)
Roma e prefetti del pretorio ( IV, 19; IV, 31 ; a Protadio prefetto della città di Roma)
( IV, 66 ; IV, 67 ; IV, 68 ; IV, 71 ; IV, 74; IV, 75
a Flavio Eusignio prefetto del pretorio di Italia e Illirico )
( V, 18 ; V, 20 ; V, 21 ; V, 22; V, 23 ; V, 24 ; V, 25 ;
V, 27 ; V, 28; V, 29 ; V, 31 a Magnillo governatore della
provincia di Aemilia et Liguria )
( V,48 ; V, 50; V, 53; V, 54 a Felice 2 prefetto della città di
Roma nel 398 ) ( IX, 16 a Sapidiano governatore di provincia )
( I, 63 ; I , 64 ; I, 66; I, 67 ; I , 68 ; I, 69 ; I , 70 ;
Senatori e persone di I ,73; I, 74 ; a Celsino fratello di Simmaco )
rango senatorio ( IV, 59 a Eufrasio 1 senatore) ( VI,12; VI,66 a Cumazonte )
( VII, 1; VII, 13 ; VII, 14 a figlio Memmio )
senatori e persone di ( VII, 18 ; a Attalo senatore e futuro imperatore)
rango senatorio ( IX,54 a Pemenio senatore gallico )
( III, 3 ; III, 19 ; III, 21 a Gregorio)
Destinatari nominati ma non ( III, 81; III, 82 ; III, 86 ; III, 87 ; III,89 a Rufino )
identificati ( V, 6; V, 11; a Teodoro ) ( V, 34 a Efestione )
( V,39 a Neoterio ) ( V, 55 a Sallustio )
( V, 59 ; V, 60 ; V, 62 ; V, 63 ; V, 65 ; V,66 a Paterno )
Destinatari nominati ( V, 72 ; V, 74 ; V, 76 a Licinio )
ma non identificati ( V, 82 ; V,88 ; V, 93; V,96; V, 98 a Elpidio ) ( VII, 34 a Attico)
(VII, 15 ; VII, 35 ; VII, 38 ; VII, 45; VII, 46 ;
VII, 48 ; VII, 49 ; VII, 50 ; VII, 51 ; VII, 52 ; VII,53;

17
VII, 54 ; VII, 56 ; VII,57 ; VII,59 a Decio )
( VII, 66 a Alipio)
( VII, 102 ; VII, 103 ; VII, 104 ; VII, 108 ;
Destinatari nominati ma VII, 111 ; VII, 113 ; VII, 115; VII, 121 ; VII, 122 ;
non identificati VII, 124 ; VII, 125 ; VII, 126 ; VII, 127 ; VII, 128
a Patruino )
( VII, 81 a Messalla) (VII, 94;VII, 95 VII, 100 a Longimano)
Destinatari nominati ( VIII, 17 a Rufino ) ( IX, 2 a Simplicio )
non identificati ( IX, 3 a Zenodoro ) (IX , 4 a Dionisio )
( IX, 5 a Aussenzio ) (IX, 6 a Carterio )
( IX, 7 ; IX, 9 a Vincenzo) ( IX, 10 a Leporio )
( IX, 10 a Marcello) ( IX, 12 a Perpetuo )
Destinatari nominati ( IX, 14 a Apollodoro ) (IX, 22 a Aureliano )
non identificati ( IX, 30 a Leone) (IX, 31 a Carterio )
( IX, 52 a Massimiliano) (IX, 56 a Geminiano )
( IX, 57 a Quintiliano ) (IX, 60 a Probino )
Destinatari non identificati ( IX, 61 a Pacato) ( IX, 151 a Onorio )
Comandanti militari ( III, 48; III, 49; III,50; III, 51; III, 53 ; III, 76 ; III, 77 a
Promoto)
( III, 60 ; III, 66 ; III,67 ; III, 69 ; III, a Ricomere )
( IV, 3; IV, 4 ; IV, 6 ; IV, 14 a Stilicone )
Gruppi di parenti associati ( VI, 2; VI, 3; VI, 5; VI,7 ; VI,9 ; VI,10 ; VI, 11;
come destinatari VI, 14 ; VI, 17 ; VI,19 ; VI,21; VI, 22 ; VI, 24 ;
VI, 25; VI, 27 ; VI, 34 ; VI, 35 ; VI, 38 ; VI, 40 ;
VI , 42 ; VI, 43 ; VI, 44 ; VI, 49 ; VI , 52 ; VI, 53 ;
VI, 57; VI, 64 ; VI, 66 ; VI, 70 ; VI, 71 ; VI , 74 ;
VI, 79 ai figli di Nicomaco )
( VII, 79 a fratelli di Simmaco )
( III, 30 ; III, 31 ; III, 32; III,33, III, 34 ;
Vescovi e futuri vescovi III, 35 , III, 36 ; III, 37 ; III, 38 ; III, 39
a Ambrogio )
Destinatari ignoti di I, 2 ; IV, 10 ; VII, 87 ; VIII, 14 ;
raccomandazioni IX, 39 ; IX,40; IX, 41 ; IX, 42 ; IX, 43; IX, 44 ;
anepigrafe IX, 45 ; IX, 75 ; IX, 80 ; IX, 85 ; IX, 90 ; IX, 93 ;
IX, 105 ; IX, 106 ; IX, 107 ; IX, 108 ;
IX, 116 ; IX, 117 ; IX, 119 ; IX, 122 ; IX, 124 ;
IX, 125 ; IX, 146 ; IX, 148 , IX , 149 ; IX, 150 ;

Classificazione dei destinatari delle lettere di Basilio

La numerazione attribuita ai personaggi è tratta dalla Prosopography of the Later Roman Empire
vol.1
( 83 a magistrato ) ( 84 a funzionario)
Funzionari centrali della ( 110 , 111, 280 a prefetto Modesto )
corte ( 143 a prefetto ufficiale )

18
Funzionari provinciali ( 3 a Candidiano 2 governatore di provincia del Ponto
Polemoniaco )
( 32, 76, 180, a Sofronio 3 governatore di Cappadocia
funzionari provinciali e poi prefetto di Costantinopoli)
( 33, 75, 178, 308 a Aburgio futuro prefetto del pretorio
dell'Oriente nel 378 )
(98, 147, 148 a Massimo 23 governatore della Cappadocia
Funzionari provinciali Prima nel 372)
( 86 a Governatore ) ( 113 ai prefetti del Tauro)
( 116 a Firmino militare ) ( 142,143 a funzionari contabili )
( 148, 149 a Traiano 2 magister pedaneus in Tracia nel 377-8 )
funzionari provinciali ( 225, 284 a Demostene 2 governatore di provincia Pontica)
( 283 ad assessor) ( 285 ai commentarienses, funzionari giudiziari)
( 299 a censitor ) ( 306 a governatore di Sebastia)
Destinatari di condizione ( 15 a Arcadio) ( 24 a Atanasio)
non precisata ( 41 a Giuliano) ( 64 a Esichio) ( 67 a Atanasio)
( 68 a Melezio ) ( 72 a Esichio) ( 73 a Callistene)
( 107 a Giulitta ) ( 112 a Andronico )
( 119 a Eustazio) ( 137 a Antipatro )
Destinatari di condizione (142, 143 a contabili ) ( 154 a Ascolio) ( 169 a Gregorio)
non precisata ( 177 a Afronio) ( 179 a Arinteo) ( 197 a Ambrogio)
( 198, 271 a Eusebio) ( 228 a Eusebio) ( 272 a Eufronio )
( 275 a Armazio) ( 335 a Albanio)
Vescovi ( 31 a Eusebio di Samosata ) ,
( 190 , 191 , 200, a Anfilochio)
Presbiteri ( 215 a Doroteo )
Destinatari ignoti 249 , 313, 314, 315, 316, 317 , 318 319
Sofisti , retori ,“intellettuali” ( 21 a Leonzio sofista )
Gruppi , comunità ( 227 a Clero di Samosata) ( 238 a abitanti di Nicopoli )
Medici 324 a Pasinico

Classificazione dei destinatari di raccomandazioni e favori di Gregorio di Nazianzo

La numerazione attribuita ai personaggi è tratta dalla Prosopography of Later Roman Empire


vol. 1 , tranne che per i numeri in corsivo , tratti dallo studio prosopografico di Petit del 1992
Funzionari della corte centrale di ( 14, 23 a Cesario funzionario di Corte )
Costantinopoli ( 21, 22, 29, 37, 39, 93 a Sofronio ) ( 38 a Temistio )
( 168 a Fozio 2 funzionario alla corte di Costantinopoli
collaboratore del magister officiorum )
( 170 a Palladio 12 magister officiorum dell'Oriente
dal 382 al 384 ) ( 181 a Flavio Saturnino 10 console )

19
Funzionari locali e provinciali ( 12 a Nicobulo )
( 147, 148, 150, 156 a Asterio 4 assessor in Cappadocia)
( 104, 105 , 106 , 140, 141, 143, 144, 145, 146 a Olimpio
governatore di Cappadocia )
( 211 a Ciriaco 2 governatore di Cappadocia)
Destinatari nominati ma non ( 3 a Evagrio) ( 16, 17 a Eusebio di Cesarea )
identificati ( 67 a Giuliano) ( 68 a Eutropio )
( 77 a Teodoro di Tiana) ( 83, 91 a Nettario )
( 127, 167 a Elladio ) ( 128, 129 a Procopio )
destinatari nominati ma non ( 139 a Teodoro) ( 173 a Postumiano 2 )
identificati ( 175 , 176 a Eudossio 2 )
( 185 a Nettario) ( 192 a Stagirio ) ( 208 a Jacopo)
( 210 a Castore) ( 216 a Eudossio )
(220, 221 a Omofronio ) ( 222 a Tecla )
( 230 a Teodosio) ( 231 a Eusebio) ( 232 a Diocle )
Avvocati ( 29 a Anfilochio 2 avvocato)
Retori ,sofisti , “intellettuali” ( 190 a Eustochio 5 retore )
Vescovi ( 9 , 13 , Anfilochio 4 vescovo di Iconio )
( 65 a Eusebio di Samosata ) ( 195 a Gregorio )
( 249 a Flaviano ) (40 , 246, 247 , 248 a Basilio)
Presbiteri , sacerdoti e diaconi
Gruppi di persone e comunità (93 a amministratori di città)
Militari ( 235 a Ellebico)

Classificazione dei destinatari di raccomandazioni e favori in Sinesio di Cirene

i numeri dei personaggi sono tratti dal 2° volume della Prosopography di Martindale
Funzionari locali ( 21 a governatore ) ( 29, 30 a Pentadio augustalis )
( 59 a Peonio 1 Comes in Egitto )
( 99 a Olimpio Comes in Egitto )
Funzionari centrali
Vescovi (66, 67 , 68, 80 , 90 a Teofilo di Alessandria)
Filosofi , retori , sofisti ( 33 , 81 alla filosofa Ipazia )
( 75 a Nicandro sofista)
( 144, 145 a Erculiano filosofo )
( 98 a Olimpio 1 filosofo di Siria)
Avvocati ( 150, 151 a Domeziano 1 )
( 102, 129 , 134 , 150 a Pilamene )
Destinatari di condizione ignota ( 19 a Diogene) ( 27 a Costante ) ( 38 a Aureliano )
( 40 a Uranio) (42 a Cledonio ) (43 a Anastasio )
( 44 a Giovanni 3 ) ( 59, 78, 79 a Anisio )
destinatari di condizione ignota ( 73, 91, 118 a Troilo) ( 93 a Esichio )
(117 a Eliodoro ) ( 119 a Trifone ) ( 157 a Crise )

20
Curiali (18 , 32, 52, 53, 82, 83, 85, 108 , 135 a Evozio)
Militari ( 78 a Anisio 1 dux Lybiarum) ( 62 a un generale)

Classificazione delle raccomandazioni in Teodoreto suddivise per destinatario

Le numerazioni attribuite ai personaggi sono tratte dal II volume della PLRE


Funzionari di corte centrale . ( 11 collectio patmensis a Tito comes )
( 17 collectio patmensis a Dionisio comes Orientis )
( 22 collectio sirmondiana a comes Ulpiano )
( 33 collectio sirmondiana a comes Stasimo )
( 34 collectio sirmondiana a comes Patrizio )
( 60 collectio sirmondiana a prefetto Entrechio)
( 70 colllectio sirmondiana a Lupicino 2 magister officiorum
funzionari di corte centrale di Oriente )
( 94 collectio sirmondiana a prefetto Protogene )
( 103 collectio sirmondiana a comes )
( 59, 99 collectio sirmondiana a Antigrapharius Claudio 3)
( 8 collectio patmensis a magistrati di Zeugma )
funzionari provinciali e ( 37 collectio sirmondiana a Sallustio , governatore della
cittadini provincia Eufratense )
( 40 a Teodoro 22 servator loci )
(39, 47 a Neone 1 governatore della provincia Eufratense )
Destinatari nominati ,ma ( 20 collectio patmensis a Proclo )
non identificati ( 29 collectio sirmondiana a Apellione )
Vescovi ( 11 collectio sirmondiana a Flaviano vescovo di
Costantinopoli )
(31 collectio sirmondiana a Domno vescovo di Antiochia)
( 32 collectio sirmondiana a Teoctisto vescovo )
( 36 collectio sirmondiana a Pompiano vescovo di Edessa)
Presbiteri, sacerdoti e
diaconi, e diaconesse
Retori , “intellettuali “ , poeti ( 27, 52 collectio patmensis a Isocasio) a Isocasio )
e filosofi . ( 30 collectio sirmondiana a Aerio sofista )
Curiali e proprietari terrieri ( 42, 44, 47 a Filippo 6 curiale illustre di Cirro )
Comandanti militari ( 18 collectio patmensis a Areobindo )
( 23 collectio sirmondiana a Areobindo)
( 90 collectio sirmondiana a Magister Lupicino )
( Tito 2 magister utriusque militiarum)
Medici ( 114 collectio sirmondiana per Pietro )

Classificazione dei destinatari di raccomandazioni e favori in Sidonio Apollinare

I numeri attribuiti ai personaggi sono tratti dal volume 2 della Prosopography di Martindale

21
Funzionari di corte
centrale di Roma e Ravenna
Funzionari provinciali ( I,6; VI, 6 a Eutropio 3 prefetto del pretorio di Gallia )
Destinatari nominati , ma ( I, 9 a Eronio) ( I,11 a Monzio 2 ) ( III, 5 a Ipazio)
non identificati ( IV, 5 a Felice ) ( IV, 24 a Turno) ( V,1 a Petronio)
( IV,8 a Industrio) ( IV, 21 a Apro) ( IV, 25 a Domnulo)
( V, 9 a Aquilino ) ( VI, 12 a Parente) (VII, 16 a Cariobaudo )
( VIII, 12 a Trigezio) ( VIII, 13 a Numechio)
(VIII,6 a Namasio)
Senatori gallici ( I, 7 a Vincenzo 4 ) ( I,19 a Campaniano 1 )
( II, 4 a Sagittarius ) ( VI, 13 ; VI, 31 ; Avito 3 )
( IV, 4 a Apollinare e Simplicio)
( V;5 ; VIII, 8 a Siagrio) ( V, 6 ; V, 7 a Taumasto )
Vescovi ( VI, 4 a Lupo ) ( VII, 8 ; IX,2 ; a Eufronio )
( VI, 7 a Fonteio) ( VI, 8 a Greco )
( VII, 17 a Volusiano vescovo di Tours )
( VIII, 14 a Principio)
Sacerdoti, presbiteri, diaconi ( V, 21 a Giustino sacerdote )
Retori poeti intellettuali ( V, 10 a Sapaudo retore )
Curiali e proprietari (III, 5 ; VI, 5 A Donidio proprietario terriero vir spectabilis)
terrieri ( IV, 18 a Luconzio proprietario terriero)
Viri inlustres ( I, 3 a Filemazio) (VI, 2 a Pragmazio) ( IX, 81 a Firmino )
Viri spectabiles ( VI,11 a Eleuterio )
Avvocati e giureconsulti ( III,10 a Tetradio )

Classificazione dei destinatari delle raccomandazioni di Ennodio

I numeri attribuiti ai personaggi sono tratti dalla Prosopography of the later Roman Empire
vol. 2 di Martindale
Funzionari della corte centrale ( I, 7 ; II, 27 ; V, 9 ; VI , 34 dossier di lettere a
di Ravenna capitale del regno Fausto 4 Albus , prefetto della città di Roma )
goto
( II, 10 ; II, 16 ; II,22 ; II, 24 ; III, 3 ; III, 20 ;
III, 22 ; III , 23 ; IV,14 ; IV,15 ; IV, 18 ; V, 12 ;
VI, 2 ; VI,15 ; VI, 25 ; VI , 29 ; VII, 30 ; VIII, 5 ;
VIII, 18 ; VIII, 19; dossier di lettere a Fausto 9 Niger)

( II,21 a Albino 9 prefetto del pretorio nel 503 )


Funzionari della corte centrale ( I, 3 ; IV, 28 ; VI, 12 ; a Agapito 3 )
di Ravenna capitale ( II,1 a Specioso 1 console nel 496 )
( III,, 24 ; IX,20 a Mascatore funzionario palatino)
( III, 27 ; VII, 18 a Avieno 2 console nel 501)
( IV, 35 a Aproniano 2 comes rei privatae )
( V,16 a Panfronio , ha incarico a corte )

22
( VI,6 ; VII, 13 ; VIII, 37 a Severino Boezio 5 )
funzionari della corte ( VII,21 a Giuliano 24 comes del patrimonio )
centrale di Ravenna capitale ( VI, 28 a Gudileo funzionario a Ravenna)
(VIII, 3 ; IX, 12; IX,26 a Flavio Messalla console nel 506 )
(VIII, 7 ; IV, 4 a Senario comes del patrimonio nel 520 )
Funzionari provinciali e di (IV, 28 ; V , 26 a Flavio Agapito 3 prefectus urbis
Roma Romae nel 508)
( VII,15 ; VIII, 20 a Agnello funzionario in Africa )
( IX, 29 a Liberio 3 prefetto del pretorio delle Gallie )
Destinatari nominati , ma ( III, 1 a Senator ) ( III, 16 a Laconio)
non identificati ( IV, 7 a Giuliano ) ( IV,13 ; IV, 21 a Costanzo )
( IV, 23 a Dominatore) ( IV,25 a Basso )
( V, 24 a Laconio ) ( VII,19 a Simpliciano )
( VIII, 17 a Stefania ) ( IX,9 a Vittore )
( IX,16 ; VII,29; IX, 32 ; ad Adeodato) ( IX, 21 a Elpidio )
( dossier di lettere a Avito V, 20 ; V,25 ; VI,13 ; VI,14)
Senatori e persone di ( II,15; III, 28; VI,26; dossier di lettere a sorella Euprepia )
condizione senatoria ( III, 21 a Vitale senatore )
( IV,22 a Alicone vir clarissimus con nome germanico)
( V,3 ; VI, 13 ; VI,31 a Avito 3 )
( V, 2 a Venanzio Opilione 5 , futuro console nel 524)
( VI, 24 ; VII, 14 ; a Arcotamia )
Papi , Vescovi e abati ( III, 4 ; III,17 ; a Stefano abate)
( IV, 1 ; IV, 8 ; IV,22 ; IV, 29 ; VIII, 32 ; VIII, 38 a
papa Simmaco ) ( VI,17 a vescovo Marcelliano )
Sacerdoti, presbiteri e diaconi ( VII, 7 ; VII, 8 a diacono Elpidio)
( II; 21 Speciosa religiosa )
( VIII, 39 a Ormisda diacono , futuro papa)
Parenti ( IV,16 a Panfronio )
( VI,5 ; VIII, 35 ; IX, 27 ; a Aureliano 8 )
( V, 19 ; VI,1 ; a Partenio nipote di Ennodio)
Avvocati (V, 2 ; a Marciano 13 ) ( VII, 10 a Decorato 2 )
( VII,10 ; VII, 12 a Floro )
( IV, 11 ; V, 11 a Luminoso)
Militari e vires illustres ( V,1 ; VI,12 a Liberio )
Re romano-barbarici ( IV,10 a Trasimondo)

Ultimo criterio di classificazione di raccomandazioni e favori è il beneficiario e la sua condizione

Classificazione delle raccomandazioni di Cicerone per beneficiari

Sono qui indicate lettere dei 16 libri Ad familiares .

23
Magistrati provinciali ( XII,21 per Caio Anicio legatus )
( XIII, 26; XIII, 29 per Lucio Mescinio Rufo questore in
Cilicia )
Magistrati centrali di Roma ( XI, 16 ; XI, 17 per Lucio Lamia pretore nel 45)
( XIII, 10 per questore Marco Varrone )
( XIII, 41, XIII, 42 per Lucceio Pretore nel 66 )
( XIII,70 per Tito Ampio Balbo pretore del 70 )
( VI, 9 Aulo Cecina senatore favorevole a Pompeo)
Senatori e donne di ( XIII, 8 per Caio Albino )
condizione senatoria ( XII, 15 per Precilio e sua carriera militare)
( XIII, 16 per Publio Crasso )
( XIII, 66 per Aulo Cecina ) (XIII,72 per Cerellia )
( I,3 per Trebonio ) ( V, 5 per Pomponio Attico cavaliere)
Equites, negotiatores ( IX, 13 per cavalieri Subernio Caleno e Planio Erede )
publicani ( XII, 14 per Tizio Strabone eques presentato a MG Bruto)
( XII,17 per Manio Curio negotiator a Patre)
( XIII, 18 per Attico cavaliere) ( XIII, 21 per Marco Avianio)
( XIII, 22 per Tito Manlio cavaliere )
( XIII, 23 per Lucio Cossinio cavaliere defunto )
Equites , negotiatores ( XIII; 31 per Caio Flavio cavaliere )
publicani ( XIII, 30 per Lucio Manlio negotiator )
( XIII, 33 per Otacilio Nasone cavaliere )
( XIII, 34 per Lisone di Patre )
( XIII, 43 per Lucio Oppio negotiator )
( XIII, 44 per Egnazio Rufo negotiator in Bitinia )
Equites , negotiatores , ( XIII, 50 per Curio negotiator)
publicani ( XIII, 53 per Genucilio Curvo negotiator di Nicea )
( XIII, 54 ; XIII,55 per Anneo capo dei pubblicani a Efeso)
( XIII, 56 per Cluvio negotiator di Pozzuoli)
( XIII, 61 per Tito Pinnio creditore di Nicea )
( XIII, 62 per Atilio eques ) ( XIII,63 per Leenio negotiator )
Equites , negotiatores, ( XIII, 65 per Terenzio Hispone capo di pubblicani)
publicani ( XIII, 73 ; XIII, 74 per Lucio Oppio negotiator)
( XIII, 79 per Avianio Flacco mercante di grano di Pozzuoli)
( III, 1 per liberti Fania e Cilice )
Liberti beneficiari di favori ( XII, 24 per Liberto Pinario)
( XIII, 20 per Asclapone medico )
( XIII, 21 ; XIII, 27 per liberto Ammonio )
( XIII, 23 per Anchialo liberto di Lucio Cossinio )
( XIII, 35 per Avianio Filosseno) (XIII,36 per Demetrio Mega)
Liberti ( XII, 37 per Ippia figlio di Filosseno)
( XIII, 46 per Zoilo ) ( XIII, 53 per Licinio Aristotele)
( XIII, 60 per Livineio Trifone) ( XII, 69 per Curzio Mitre )
( XIII, 70 per liberti di Tito Ampio Balbo)
Liberti ( XIII, 67 per Valgio Ipponiano)
Beneficiari non ( II, 6 per Milone ) ( II, 14 per Marco Fabio)
identificati ( VII,21 per Silio ) ( XI,22 per Appio Claudio )
( XII, 6 per Bruto ) ( XII, 26 per Saturnino e Aufidiio )

24
( XII, 27 per Aufidio ) (XIII, 1 per Patrone )
( XIII,2 per Avianio Evandro )
Beneficiari non identificati (XIII, 3 ; XIII, 2 per Aulo Fufio)
( XIII, 6 a,b, per Giulio Cuspio e Lucio)
( XIII, 9 per Rutilio ) ( XIII, 19 ; XIII, 24 per Lisone )
( XIII; 32 per Arcagato ) ( XIII, 38 per Lucio Corbulone )
Beneficiari non ( XIII, 39 per Titurnio ) ( XIII; 49 per Pompeo )
identificati ( XIII, 51 per Messenio) ( XIII, 55 per Marco Marcilio )
( XIII, 59 per Fannio ) ( XIII, 64 per Nerone e amici )
(XIII, 67 per Androne di Nicea ) ( XIII, 71 per Tito Agusio)
( XIII; 77 per Bolano)
Giureconsulti ( III,1 per Lucio Valerio)
( VII,5 ; VII,8 per giurista Trebazio Testa )
( XIII, 29 per Ateio Capitone)
Notabili locali ( XIII, 13 per Castronio Peto notabile di Lucca)
( XIII, 25 per Agesareto di Larisa )
( XIII, 58 per Lucio Custidio arpinate )
( XIII, 73 per Antipatro signore di Derbe in Asia )
Città , gruppi , comunità ( XIII, 5 per Volterra ) ( XIII, 7 per Atella )
( XIII, 11 per Arpino ) ( XIII, 28 per Sparta nel 45 a.C.)
( XIII, 48 per Ciprioti ) ( XIII, 68 per Cilicia )

Classificazione dei beneficiari delle lettere di Plinio il giovane

Magistrati di Roma ( IV, 12 per Egnazio Marcellino)


(IV, 29 per Licinio Nepote) (X,12 per Licinio Sura pretore)
( VI,6 per Giulio Nasone candidato alla questura)
Senatori , donne di rango (V,4; V, 13 per Tuscilio Nominato )
senatorio ( VI, 11 per Ummidio Quadrato e Fusco Sallinatore )
Equites ( III, 2 per Arriano Maturo )
Liberti e schiavi ( IV, 10 per schiavo )
( IX, 24 per liberto)
Militari ( X, 106 ; X, 107 per Accio aquila centurione)
( X, 22 ; X,26 per Gavio Bassso)
Gruppi , comunità ( X, 98, X, 99 per città di Amastri )
( X, 108 per cittadini)
beneficiari non identificati ( II, 9 per Sesto Erucio) ( III, 3 per Giulio Genitore )
( III, 11 per Artemidoro ) ( IV, 15 per Asinio Rufo )
( VI, 8 per Atilio Crescente ) ( VI,12 per Bizio Proculo)
beneficiari non identificati ( VI , 31 per Giulio Tirone ) (VI, 25 per Ispano e Crispo )
(VII, 7 per Saturnino ) ( VII, 22 per Cornelio Miniciano )
(VII, 31 per Saturnino )

25
Raccomandazioni in Frontone classificate in base al beneficiario

Funzionari locali
Beneficiari nominati , ma non ( I, 1 per Corneliano Sulpicio)
noti ( I,3 per Licinio Montano e Terenzio Vano)
( I;9 per Sardio Saturnino) ( II,4 per Fabiano)
Liberti ( V, 37 ; V, 52 per procuratela per Aridelo)
Senatori ( I,6 per Gavio Claro , senatore di Attalia)
Curiali ( II, 7 per Volumnio Sereno )
Retori e “intellettuali” ( I, 4 per Giunio Aquilino)( I,7 per Antonino Aquila )
( I,8 per Emilio Pio )
Militari ( I,5 per Calvisio Faustiniano soldato )
( I;6 per Giunio Massimo tribuno )

Classificazione dei beneficiari delle raccomandazioni di Simmaco

Le numerazioni attribuite ai personaggi sono tratte dal volume I della Prosopography


of Later Roman Empire , tranne quelle tratte dal II volume e indicate in corsivo
( II, 24 per Simplicio agens in rebus )
Funzionari della corte ( II, 62 ,63 per Cresconio agens in rebus)
centrale e di Roma ( III, 87 per Severiano 6 funzionario del prefetto della città di Roma )
( IV, 37 per Paolo 4 funzionario di comes sacrarum largitionum)
( IV, 43 per Eusebio 29 palatinus di patrimonio privato)
( IV, 70 per Bonoso 3 palatinus )
(I, 99 ; V, 32 per Ponticano agens in rebus cristiano )
( V, 34 per agens in rebus)
( V, 54 ; V, 66 per Ampelio prefetto della città di Roma )
( VI, 52 per Massimo Agens in rebus )
Funzionari della corte (VII, 34 per Agens in rebus) (VII,107 per Giuliano agens in rebus )
centrale di Roma ( IX, 16 per Leonzio agens in rebus )
(VII, 47; VII, 50 ; VII, 93 ; VII, 100 ; VII, 102 ;
III, 66 ; III, 69; III, 81; III, 86 ; III, 89 ; IV, 4 ; IV, 6 ; IV,19 ;
IV, 39 ; IV, 51 ; per Nicomaco Flaviano Iuniore 14 )
Funzionari provinciali ( I, 71 per Ceciliano defensor civitatis );
( II, 42 per Nicagora governatore della Sicilia )
( II, 20; III, 34; IX, 122 per Magnillo governatore di Aemilia et
Liguria) ( IV, 53 ; IX,1 per funzionario Benedetto )
( IV, 38 ; VII, 45 ; IX, 133 per Gaudenzio 3 futuro
vicarius di Africa )
funzionari provinciali ( V, 43 per Carterio 3 consularis di Siria)
( IX, 116 per Buleforo consularis di Campania)
Senatori e persone di ( I, 81 per Vitaliano 2 senatore ) ( II, 1 per Paralio senatore)
rango ( III, 73 ; IV, 67 ; per Stemmazio senatore impoverito)

26
senatorio ( IV, 61 per Tuenzio senatore)
( V, 41 ; IX, 31 per Epitteto clarissimus )
( VI, 2 per Petrina ) ( VI, 12 per Comazonte )
( VIII, 72 per figlio Memmio )
( VI, 49 per Valerio Messalla , legato del senato)
( VII, 52 per Attalo senatore, futuro imperatore)
( VII, 86 per Eusebio 30 ) ( IX, 41 per Italica)
senatori e persone di ( IX, 48 Senatore con proprietà a Rimini )
rango senatorio ( IX, 118 per Faustino Senatore )
( VII, 114 per Attalo senatore e futuro imperatore)
Beneficiari nominati, ( I, 17 per Ambrogio) ( 1,25 per Sallustio e Talassio )
ma non identificati ( I, 29 per Baraco ) ( I, 31 per Giuliano )
( I, 36 per Innocenzo ) ( I , 39 per Gorgonio )
( I , 40 per Vittore ) ( I, 67 per Anisio )
( I, 69 per Acuziano ) ( I, 70 per Magno e Magnillo )
beneficiari nominati ( I, 74 per Fasgania ) ( I, 75 per Cesario )
ma non identificati ( I, 77 per Sabiniano ) ( I, 93 per Zenone)
( I, 104 per Romano) ( I, 106 per Teofilo )
( I , 107 per Alessandro ) ( II, 2 per Lucilio)
( II, 14 per Aureliano) ( II, 15 per Marcello e Romano)
( II , 16 per Nicasio) ( II, 33 per Petrucio)
( II, 38 per Partenio) ( II, 40 per Ignazio )
Beneficiari nominati ( II, 43 per Sessione ) ( II, 45 per Peonio ) ( II, 65 per Licinio)
ma non identificati ( II, 67 per Leonzio ) ( II, 70 per Zenobio )
( II, 71 per Ciriaco ) ( II, 72 per Onorato )
( II, 76 per Domizio) ( II, 80 per Taziano )
( II, 81 per Memmio, figlio di Simmaco ( II, 83 per Alipio )
( II, 85 ; II, 87 per Elpidio ) ( III, 2 per Filippo )
( III, 19 per Siagrio ) ( III, 25 per Ausonio e Mariniano)
( III, 30; III, 31 per Sallustio) ( III, 32 per Settimio e Doroteo)
( III, 33 ; III, 35 per Marciano ) ( III, 38 per Diciano )
( III,41 per Habemano ) ( III, 43 per Sabino )
Beneficiari nominati ( III, 50 per Palladio) ( III, 51 per Tiberio )
ma non identificati ( III, 52 per Ausoniano) ( III, 60 per Eugenio)
( III, 77 per Aussenzio) ( III, 87 per Severiano)
( IV, 40 per Desiderio) ( IV, 41 per Rustico ) ( IV, 47 per Protadio)
( IV, 57 per Temesio ) ( IV, 66 per Eusebio) ( IV, 73 per Felice )
beneficiari nominati ( V,11 per Teodoro) (V, 21 per Aurelio ) ( V, 23 per Anastasio)
ma non identificati ( V, 24 per Silvano) ( V, 25 per Oceano ) ( V, 27 per Numida )
( V, 36 ; V, 37 per Eusebio) ( V, 39 per Alessandro )
( V, 42 per Drinnacio ) ( V, 48 per Teodulo ) ( V, 50 per Aurelio )
( V, 53 per Elpidio ) ( V, 54 per Postumino) ( V, 50 per Ammonio)
( V, 57 per Patruino ) (V, 58 per figlio di Talassio)
( V, 59 per Candidato ) ( V, 60 per Turasio) ( V, 63 per Miniciano )
beneficiari nominati ( V, 72 ; IX, 129 ; per Regiliano) ( V, 76 per Bonoso )
ma non identificati ( V, 98 per Florenzio) ( VI, 3 per Fulvio) ;
(VI, 5 per Severo e Severiano ) ( VI, 7 per Arcenzio e Evangelio ) ;
(VI, 11 per Censorino ) (VI,17 per Aussenzio e Mariano)
( VI, 19 per Taburno ) ( VI, 21 per Entrechio)

27
( VI, 24 per Sapricio) ( VI, 25 per Zenodoro)
(VI, 27 per Giustino ) ( VI, 31 per Principio) (VI,36 per Ispano )
( VI, 38 per Severo ) ( VI, 44 per Ercole )
beneficiari nominati ( VI, 52 per Teodoro di Milano )
ma non identificati (VI, 74 per Prostachio ) ( VII, 18 per Teofilo )
( VII, 46; VII, 94 ; VII, 95 per Desiderio ) (VII, 49 per Nipote )
( VII, 53 ; VII, 101 per Eusebio) ( VII, 56 per Teodulo )
( VII, 57 per Alessandro ) ( VII, 62 ; VII, 63 per Callestiano )
beneficiari nominati ( VII, 64 per Martirio) ( VII, 79 per Fausto )
ma non identificati (VII, 84 per Talassio ) (VII, 87 per Numida )
( VII, 88 per figlio di Gregorio) ( VII, 89 per Giocondo )
( VII, 96 per Dinamio ) ( VII, 103 ; VII, 109 per Ceciliano )
beneficiari nominati ( VII, 111 per Severo) ( VII, 112 per Arcenzio)
ma non identificati ( VII, 115 per Frumenzio) ( VII, 123 per Petrozio )
( VII,125 per Atanasio) (VII,127 per Erennio) (VII, 128 per Scipione)
( VIII, 16 per Aussenzio ) ( VIII, 30 per Giovio)
beneficiari nominati ( VIII, 57 per Romolo) ( IX, 2 per Simplicio) ( IX, 7 per Aussenzio )
ma non identificati ( IX, 9 per Zenodoro) ( IX, 10 per Silvano) (IX, 33 per Valentiniano )
(IX, 34 per Lampio ) ( IX, 36 per Vittore)( IX, 38 per Antistiano )
( IX, 39 per Nicia) ( IX, 41 per Tiziano) ( IX, 42 per Benigno )
( IX, 43 per Erculeo ) ( IX, 45 per Aurelio) ( IX , 49 per Severo )
( IX, 50 per figlio di Lucillo) ( IX, 54 per Nemesio)
( IX, 57 per Assello) ( IX, 59 per Eusebio)( IX, 60 per Petrucio )
( IX, 61 per Leonzio) ( IX, 62 per Alessandro) (IX, 90 per Asterio)
( IX, 117 per Protadio ) ( IX, 121 per Spectabilis Fausto)
( IX, 133 per Valentino e Proserio)
( IX, 150 per Orfito ) ( IX, 151 per Biriaco )
Beneficiari non (II, 9 ) ( II, 29 ) ( II, 66 )
nominati
Decurioni e proprietari ( IX, 11 per Amazonio proprietario terriero)
terrieri ( IX, 52 per un conductor)
Comunità cittadine e ( VII, 116 per figli di Severo ) ( IX, 136 per curiali di Formia )
gruppi di persone e di ( IX, 138 per Suessa )
famiglie
Latori messaggeri e ( I , 63 per Saturo ) ( VI, 39 per Severo messaggero )
addetti di umile ( III, 76 per Paregorio collaboratore )
condizione
latori di umile ( VI,66 ; IX, 3 ; IX , 4 ; IX, 5 ; IX, 152 per Euscio
condizione collaboratore )
Poeti , retori , filosofi ( I , 15 ; I , 94 ; per Palladio retore )
e “intellettuali” ( I , 43 per Giuliano retore) ( I, 79 per Prisciano 2 filosofo)
( II, 29 per Massimo 29 filosofo) ( II, 39 per Horus filosofo )
( II, 61 per Serapammone ) ( V, 31 per Asclepiade filosofo)
Vescovi cristiani, ( I , 64 per Clemente vescovo ) ( VII, 51 per vescovo Severo )
sacerdoti pagani , e ( IX, 108 ; IX, 147 ; IX. 148 per Vestali a processo )
vestali
Medici ( I , 66 per Gelasio) (II, 18 per Eusebio )

28
( II, 79 per Andromaco ) ( II, 82 per Attalo )
( III, 37 ; IX, 44 per Disario )
Militari ( II, 44 per soldato in Salento)
Avvocati ( V, 74 per Elpidio 3 e Tiziano 3 )
Viri spectabiles ( I, 73; IV, 36 ; V, 48 ; per Basso 8 )

Classificazione dei beneficiari delle raccomandazioni in Basilio

Funzionari della corte ( 32 per Cesario)


centrale
Funzionari provinciali ( 198 per Leonzio peraequator )( 225 per governatore di Ponto )
( 284 per Elladio 2 peraequator)
Beneficiari nominati , ma ( 21 per figlio di Giuliano) ( 72 , 73 per Callisteene)
di condizione ignota ( 78 per Elpidio) ( 107 , 108 per Giulitta )
( 112 , 113 per Domiziano) ( 119 per Pietro )
( 137 per Palladia ) ( 147 , 148, 149 per Massimo )
( 164 per Eutiche ) ( 169 , 170 contro Glicerio)
beneficiari di condizione ( 180 per Eumazio) ( 215 per Gregorio latore )
non precisata ( 227 , 228 per Eufronio ) ( 275 per figlio di Armazio)
Presbiteri e diaconi ( 68, 69, 87, 88 per Doroteo diacono )
( 191 per diaconi latori) ( 199 per Bianore presbitero )
( 271 per presbitero Ciriaco )
( 273 , 274 per Hera diacono di Cappadocia )
( 313 per Ulpicio) ( 318 per Patreoto )
Vescovi ( 24 per Timoteo corepiscopo) ( 35 per Leonzio )
( 64 per Terenzio e Elpidio)
( 200, 205 per Melezio ) ( 238 per vescovo)
Beneficiari non nominati ( 33 per un povero) ( 111 per amico ignoto) ( 249 )
( 303 per un povero)
Militari ( 116 per militare )
Curiali e proprietari terrieri ( 280 per Elladio curiale )

Classificazione dei beneficiari di raccomandazioni e favori di Gregorio Nazianzeno

Funzionari della corte centrale ( 140 per funzionario ) (176 per Cesario fratello)
Funzionari locali e provinciali ( 13,21 , 67, 126, 127 , 146 , 147 , 148, 191, 192
dossier per Nicobulo)
Beneficiari nominati , ma non ( 3 per Evagrio) ( 9 per Eutalio)
identificati ( 17 per Basilio ) ( 28 per Glauco )
( 37, 38 per Eudossio ) ( 39 per Amazonio)
( 65 per Euprassio ) ( 83 per Eufemio)

29
( 84 per Fortunato ) ( 104 per Filomena )
( 105 per Paolo ) ( 106 per Eustrazio)
( 131 per Olimpio ) ( 143 , 144 per Veriano )
Beneficiari nominati , ma non ( 170 per Gadiro ) ( 181 per Eudocio)
identificati ( 184 per Bosporio) ( 228 per Evagrio )
( 230 per Eufemio) ( 231 per Evopio )
Vescovi (22, 23, 24 per Anfilochio 4 )
Diaconi e presbiteri , e ( 85 per presbitero Luciano) ( 129 per diacono Eugenio)
sacerdoti ( 210, 212, 219 , 220 per Sacerdos , prete)
( 168 per Sarpedonte ) ( 246 contro Glicerio)
Poeti , retori e “intellettuali”
Curiali e proprietari terrieri e ( 161 per Eugenia e sua eredità )
loro familiari
Gruppi , famiglie, comunità ( 14 per cugini )

Classificazioni di beneficiari di raccomandazioni e favori in Sinesio

Funzionari locali ( 90 contro Andronico )


Funzionari centrali di corte (118 per figlio di Massimiano a corte)
Diaconi e presbiteri
Curiali e proprietari terrieri ( 38 per Erode ) ( 92 per Evozio fratello)
Vescovi ( 76 per Antonio vescovo di Olnia )
( 119 e 131 per cugino Diogene )
Beneficiari di condizione ignota ( 18 , 19 , 20, 21 per Teodoro )
( 27 per Dionisio cugino di Aminziano) (29)
( 30 per un innocente imputato )
( 43 per Sosenas ) ( 44 per Asfalio )
( 62 per Marcellino ) ( 67 per Alessandro di Cirene )
( 68 per ignoto) (79 per Evagrio )
Beneficiari di condizione ignota ( 80 , 81 per Niceo) ( 82, 83, 84, 85 per Geronzio )
(91 per Matirio ) 93 per Secondo di ALessandria)
(102 per Sosenas ) ( 108 per figli )
(117 per Eusebio ) ( 135 per Pemenio)
beneficiari di condizione ignota ( 150 per Alessandro ) ( 155 per vedova )
Militari (75 per Teodoro di guardia imperiale )
(78 per Unnigardi )
(87 per gruppo di soldati )
Poeti e retori ( 99 per Teotimo )
Avvocati ( 129 per Pilamene)

30
Classificazione dei beneficiari di raccomandazioni di Teodoreto di Cirro .

Funzionari di corte centrale di


Costantinopoli
Funzionari locali e provinciali
Beneficiari nominati , ma non ( 52 collectio patmensis per difesa di Teocle )
identificati ( 22 collectio sirmondiana per Dionisio)
Beneficiari ignoti
Curiali e proprietari terrieri ( 29, 30 , 31, 32 ,33, 34 , 35 collectio sirmondiana ,
dossier per Celestiano senatore di Cartagine)
Militari
Vescovi ( 55 collectio sirmondiana per )
( 103 collectio sirmondiana per vescovi )
Presbiteri , diaconi e sacerdoti ( 33 collectio patmensis per sacerdote Eulalio )
lettori ( 60 collectio sirmondiana per latore Eusebio )
( 11 collectio sirmondiana per lettore Ipazio)
Comunità , gruppi , famiglie
Retori, poeti , “intellettuali” ( 22 collectio sirmondiana per retore Anastasio )
Autodifesa di Teodoreto da (90 , 93 collectio sirmondiana )
accusa di eresia

Raccomandazioni in Sidonio Apollinare classificate in base al beneficiario

I numeri attribuiti ai personaggi sono tratti dalla Prosopography of Later Roman Empire ,
Vol.2 di Martindale .
Funzionari di corte centrale
Funzionari provinciali ( I, per Arvando 3 prefetto del pretorio della Gallia )
Beneficiari nominati ma ( I, 3 per Gaudenzio) ( II, 3 per Proietto)
non identificati ( II, 5 per giovanni) ( II, 7 per Liciniano )
( III, 10 per Teodoro) ( IV, 4 ; IV, 6 per Faustino)
( IV, 8 per Vezio) ( IV, 23 per Clemazio)
( IV, 24 per Turno) ( V, 1 per Vindicio)
(V,5 ; V, 6 ; V, 7 per Teodoro)
( V, 9 per Rustico e Simplicio) ( V, 15 per bibliopola )
( VI,23 per latore ) ( VI,2 per Eutropia ) ( VI, 4 per donna)
Beneficiari nominati ( VI, 9 per Gallo e Innocenzo )
ma non identificati ( VII , 2 per Eustachio) ( VII, 7 per Manubiae)
( VII,10 per Pietro) ( VII,12 per Leonzio e Paolino)
( VIII, 13 per Promoto ) ( IX, 2 per Proculo)
( IX, 16 per Costanzo)
Senatori e persone di ( II, 6 per Menstruano senatore gallico )
ordine senatorio gallico
Curiali e proprietari terrieri ( III, 5 per Donidio proprietario terriero)

31
Retori , poeti, “intellettuali”
Vescovi e abati ( V,21 per Vittorio poeta )( VII, 14 per anniano vescovo)
( VII, 17 per Auxanio abate)
Presbiteri , sacerdoti , ( III, 12 per Sacerdote )
diaconi, monaci
Militari
Ebrei ( III,4 ; IV, 5 per Gozola) ( VI,11 per ebreo)
Gruppi e comunità ( IV, 18 per bagagli )
Latori e collaboratori

Classificazione di beneficiari delle raccomandazioni di Ennodio .

I numeri attribuiti ai personaggi sono solitamente quelli del II volume della Prosopography
of the later Roman Empire di Martindale , tranne quelli , segnalati in corsivo e tratti dalla
Prosopographie Chretiènne di Ch e L. Pietri , vol II-III Italie .

Funzionari di corte centrale ( I, 5 ; II, 10 per Avieno 2 console del 502 )


( IV, 18; IV, 23 ; V, 2 ; per Agnello )
( VII,, 8 Senario comes del patrimonio di Italia . )
Funzionari provinciali e locali ( I, 26 per advocatus fisci )
( IV,23 per Venanzio Opilione 5 prefetto del pretorio)
Beneficiari nominati ma non ( II, 22 per Albino ) ( II, 24 per latore Luminoso )
identificati, ( III, 20 per Giuliano) ( III, 22 per latore Costantino)
e latori delle lettere ( III, 21 per Vitale) ( III, 23 per Virgilio )
( IV, 11 per Laurenzio ) (IV,13 per Giovanni)
( IV, 25 per Camillo ) ( V, 1 per Marcellino )
( V,20 per Bonifacio) ( VI, 15 per Simpliciano latore )
( VII,10 per Gaiano) ( VII,16 per latore Vicario)
( VIII,20 per Agnello) ( IX, 8 ; IX, 9 ; per figlio di Paolo )
(IX, 29 per Tranquillino)
Beneficiari non nominati ( II,1 per ignoto) ( II,15 per patrocinio )
( IV,10 per ignoto ) ( IV, 15 per ignoto )
( IV, 33 per latore ignoto )
Beneficiari non nominati ( V, 26 per ignoto ) ( VI,2 per ignoto)
( VI, 24 per ignoto latore) ( VII, 15 per ignoto latore)
( VIII,18 per ignoto latore) ( VIII, 32 per latore ignoto )
Curiali e proprietari terrieri ( IV,5 per proprietà di Dalmazio )
( V, 25 ; VI,13 ; VI,14 ; per figlio di Sabino )
( VI, 29 per Sabino) ( VII, 1 per Bautone e per Epifanio)
Senatori e donne di rango ( III, 1 per Vittore 9 )
senatorio ( III, 21 per Vitale )
Vescovi e abati ( IV,11 ; IV, 22 ; per Laurenzio)
( VI, 9 per un vescovo)
Sacerdoti , presbiteri, diaconi ( IV, 2 per presbitero Amanzio)

32
( IV, 21 per Vigilio suddiacono )
( VI,12 per diacono Stefano) (VI,17 per Stefanione )
( VII, 7 per diacono Elpidio) ( IX, 16 per Diacono Dioscoro )
( VIII,12 per Floro ecclesiastico di Milano)
Avvocati ( VII,12 per Floro e Marciano 13 )
Parenti di Ennodio ( dossier per nipote Lupicino II, 15 ; II, 23 ; III, 28 ;
V, 24 ; VI, 26 ;
( dossier per nipote Panfronio II, 16 ; IV, 13 ; V, 16 ;
( dossier per Partenio 2 V,9 ; V,11 ; V,12 ; VII, 30)
( IV, 9 per Venanzio)
(VI, 5 per ricchezza di Aureliano) (VII, 14 per sorella Euprepia)
Retori “intellettuali” e studenti ( VI,25 per Pertinace studente ) ( VII, 19 per retore)
( VIII, 28 ; VIII, 38 ; VIII, 39 ; per Beato )
( IX , 2 ; IX, 3 ; IX, 4 dossier per Ambrogio , figlio di
Faustino studente a Roma)
Saiones ( IX,21 per Triggua )
Viri spectabiles ( III, 16 ; III,17 per Benenato)
( VIII, 23 per vir spectabilis Eleuterio )

Per ogni autore è possibile valutare la rete di relazioni che traspare dal suo epistolario,

anche in base alla considerazione che ne hanno avuto gli studiosi moderni. Alcuni elementi

essenziali della commendaticia si trovano in molti scrittori greci e latini .

La loro struttura si ripete simile o uguale in modo stereotipo, dove cambiano soltanto il

nome e gli aspetti individuali del beneficiario. Dopo i saluti , l'esordio è la presentazione di

quest'ultimo , che viene elogiato per i suoi meriti, naturali o acquisiti. Il contenuto della

raccomandazione è spesso generico o affidato alle parole pronunciate oralmente dal latore, e

quindi sempre sfuggente per gli studiosi moderni. La chiusa contiene spesso la dichiarazione

di affetto per il destinatario, presente talvolta anche all'inizio. Le diverse parti possono

presentarsi anche con un ordine diverso e tali variazioni possono segnalare differenze

significative. La stereotipia delle commendaticiae non nega la loro attendibilità , ma cambia

soltanto il grado di impegno e di coinvolgimento del mittente nelle singole vicende.

Il presupposto di tali missive , necessario per la loro buona riuscita è il buon rapporto tra le

tre parti in causa, il mittente, il destinatario e il beneficiario 1. Da ogni lettera si possono trarre
1 Stowers , 1985 p. 161

33
elementi validi sul primo , sul secondo e sul terzo. Il valore delle raccomandazioni come fonte

per la storia antica è discutibile, ma non nullo. Esse forniscono almeno informazioni di tipo

prosopografico sulle persone da esse coinvolte . Consentono di intravvedere alcune relazioni

tra individui e famiglie. Talvolta fonti “primarie” come papiri ed epigrafi confermano la loro

veridicità .

Inoltre non pare inopportuno usarle anche per considerazioni più ampie sulla società nella

quale sono state prodotte, sebbene esse siano meno attendibili rispetto a testi prettamente

storiografici e riflettano volontà e tendenze di auto-rappresentazione dei loro autori .

Esse traducono in pratica, con modi diversi nei vari autori forme di clientela e di patronato 2

della società tardo-repubblicana, alto-imperiale, e tardo-antica.

Il primo autore di commendaticiae letterarie è Cicerone. Forse prima di lui esistono modelli

epistolari greci , dell'età ellenistica e in forma papiracea 3, che definiscono i principi di questo

genere, definito systatikos già dal IV secolo a.C. Egli scrive circa 110 raccomandazioni 4, di

cui 78 nel XIII libro Ad familiares, dedicato interamente a questo argomento. Nel loro aspetto

formale sono state divise in semplici e complesse, a seconda della presenza di indicazioni

ulteriori rispetto al nome del beneficiario. Alcune di esse sono dozzinali e di routine ; concesse

senza grande impegno , sono scritte in modo formulare. Altre invece sono più rilevanti per

Cicerone, coinvolgono alcuni suoi amici veri, Attico in primis, e sono una parte della sua

attività politica, specialmente negli anni del proconsolato in Cilicia, durante la guerra civile

tra Cesare e Pompeo ( 49.- 47 a.C) e negli ultimi anni di vita.

Destinatari sono soprattutto magistrati delle province orientali e di lingua greca come Bitinia ,

Cilicia e Acaia 5, senatori e cavalieri. Tra i primi sono Servilio Rufo, Silio in Bitinia nel 51-50

a.C., Servilio Isaurico nella provincia d'Asia nel 46 a.C. A loro Cicerone può permettersi di

2 De Ste Croix , 1954 p.40


3 Deniaux , 1993 p. 1 , Rees , 2007 p.168
4 Deniaux , 1993 , Andrzejewski , 1973
5 Cavarzere , 2007 p. 1320

34
chiedere favori e sentenze giudiziarie favorevoli per i suoi protetti, che risiedono nel territorio di

competenza dei destinatari 6 , i quali sono elogiati per le loro qualità morali humanitas ed

observantia, clementia, integritas , senza riferimenti precisi alla loro carica .

Meno frequenti tra loro sono i magistrati in carica a Roma tra cui l'edile curule Celio 7

e il pretore Tizio Rufo8 , interpellati per questioni giudiziarie. Beneficiari sono spesso cavalieri

e liberti, nelle loro attività economiche di esazione delle tasse nelle province orientali e di

creditori delle stesse. Cicerone tutela i negotiatores attivi nelle province orientali, sia per conto

di facoltosi senatori e equites romani, sia nelle societates publicanorum , che esigevano

esosi tributi ai provinciali . Numerose sono le città indebitate per questo motivo : Efeso ,

Nicea, Sardi. Lo sfruttamento di questi territori è ampio ed aggravato dai postumi delle

guerre mitridatiche , dove molte città d'Asia si erano schierate contro Roma e alla metà del I

secolo a.C subiscono una dura punizione per questa insubordinazione e forse anche una

coercizione violenta. Evidente risulta anche il contrasto tra i provinciali che abitano quelle

terre ( e che nei testi non compaiono ) e i pubblicani 9. I negotiatores provenivano spesso

dall'Italia meridionale da Pozzuoli , come Cluvio . Erano solitamente degli equites ed agivano

tramite dei liberti, i cui nomi grecanici ( Filosseno, Aristotele , Demetrio indicano l'origine

orientale). L'inferiorità sociale di questi ultimi è indicata anche dalle parole che li definiscono 10 .

L'intervento dell'oratore dichiara la sua liceità, ma è spesso una evidente torsione dell'aequitas,11

sebbene la pubblicazione di queste missive, avvenuta dopo la sua morte ad opera del liberto

Tirone, dimostri che esse non erano lesive della sua reputazione e erano ritenute lecite dalla

mentalità dei suoi contemporanei. Inoltre i governatori provinciali avevano un potere

discrezionale molto ampio e ricorrevano spesso alle relazioni personali nella gestione della

6 Alvarez Suarez , 1993 , p. 102 e segg.


7 Cic., Fam Ep. II, 14
8 Cic ., Fam Ep XIII,58
9 Cotton, 1986 p. 444
10 Migliorini, 1998 p. 309
11 Cotton , 1986 p. 445 e segg

35
loro carica anche nella amministrazione della giustizia. Cicerone spesso interviene per evitare i

processi, e avere una soluzione extra-giudiziale, tramite il facile aditus accesso al proconsole,

oltre che per modificare alcune sentenze a suo favore.

Le sue commendaticiae sono utili documenti della attività pratica di un governatore provinciale 12,

I motivi per cui Cicerone scrive sono la clientela e l'amicitia. Il primo di questi rapporti nel I

secolo a.C non è più rigidamente giuridico, come in età alto repubblicana. Non viene usato

solitamente il termine cliens13 ,ma la sostanza della subordinazione di molti beneficiari appare

evidente, soprattutto di liberti e di negotiatores. Tale legame richiede l'adempimento di

favori reciproci, non sempre fissati per legge, ma radicati nei comportamenti 14 . L'amicizia

nell'epistolario si presenta invece come un'alleanza politica e uno scambio di aiuti tra persone

che detengono un potere non troppo diverso .

Nel periodo delle guerre civili Cicerone, inizialmente sostenitore di Pompeo, si avvicina

gradualmente a Cesare, e dopo la vittoria di quest'ultimo gli presenta alcuni militanti del

campo avverso, contando di ottenere la sua nota clementia15 . Tra costoro sono Lisone

Agesareto16, e il giovane Appio Claudio.

Queste commendaticiae mostrano l'evoluzione dei rapporti all'interno della aristocrazia tardo-

repubblicana e il suo allineamento con il dictator, negli anni 46- 45 a cui risalgono anche le

orazioni “cesariane” dell'arpinate 17 .

Mentre nel secolo scorso Carcopino18 aveva negato valore storico alle lettere di Cicerone

e quindi anche alle commendaticiae, definendole pura propaganda , gli studi degli ultimi

decenni19 hanno evidenziato il loro pieno valore storico, non inficiato dalla loro forma retorica .

12 Cotton, 1979 p. 40
13 Deniaux, 1993
14 Cavarzere, 2007 p. 1466
15 Cavarzere , 2007 p.1316
16 Deniaux , 1993 p. 370
17 Pro Ligario , Pro Marcello , Pro Rege Deiotaro
18 Carcopino , 1960 p. 10
19 Deniaux , 1993 , Cotton 1979

36
È stato inoltre notato20 come queste lettere presuppongono un pieno compimento delle loro

richieste da parte del destinatario, anche se non costituiscono un istituto giuridicamente rilevante

(a differenza del mandatum). Intendono ottenere il loro scopo con una domanda, non un ordine 21 .

Circa 150 anni dopo l'arpinate, Plinio scrive circa 20 raccomandazioni vere e proprie, e altre 40

lettere22 che contengono richieste di favori a vario titolo . Esse sono collocate in tutti e 10 i

libri dell'epistolario e non concentrate in uno soltanto, come per Cicerone .

Anche per lui queste lettere, rivolte all'imperatore o a personaggi influenti sono un veicolo

per esprimere il suffragium, l'appoggio ad amici che sono inferiori a lui nella gerarchia sociale
23
e consentire loro una qualche forma miglioramento della loro condizione . Il patronato è il

codice che spiega il suo comportamento .

La società alto imperiale del suo epistolario aveva al vertice l'imperatore, di cui Traiano era

incarnazione fulgida e meritevole secondo il panegirico pliniano. Il patronato più alto possibile è

il suo24 , e l'amicizia con lui è un “capitale sociale” che Plinio usa per chiedere favori utili a

suoi amici .

Per sé chiede un congedo, che gli consenta di tornare in Italia e gestire alcuni suoi affari 25 , e l'uso

del trasporto pubblico per la moglie, affinché giunga rapidamente in Italia per un funerale. Per

l'amico Voconio Romano desidera la promozione a senatore, con la adlectio imperiale. Infatti

l'aristocrazia della sua epoca comprende senatori e cavalieri che possono accedere alle

magistrature.

Plinio interviene personalmente per aiutare alcuni suoi protetti, giovani di famiglie senatorie

a ottenere alcune magistrature : Ummidio Quadrato, Fusco Salinatore, Erucio Claro 26 e Giulio

20 Migliorini , 1998 p. 306


21 Cottton , 1979 p. 46
22 Rees , 2007 p. 151-152
23 Pavis D'Escurac , 1993 , p. 58 , 66
24 Norena , 2007 p. 240 , Rees, 2007 p. 164
25 Plin Iun., Ep X, 8
26 Plin . Iun., Ep. VI,11 per Ummidio Quadrato e Fusco Sallinatore , Ep , VI, 6 per Giulio Nasone ,
Ep. II,9 per Erucio Claro

37
Nasone27 . Il primo ed il secondo raggiungono il consolato nel 118 . L'ultimo si candida come

questore e per lui Plinio fa un'attiva campagna elettorale tra i senatori 28.

Rosiano Gemino, questore nel 100 d.C è segnalato all'imperatore 29 per la sua onestà, affinché

raggiunga Plinio nel suo servizio militare, fa una carriera senatoriale, ma non rapida, è questore

nel 100 e console 25 anni dopo. Giunio Avito si candida per la edilità 30 . Le elezioni per queste

magistrature avvengono in senato . Sicuri del posto sono i candidati degli imperatori, ma per

gli altri , la contesa è aperta. E l'influenza dei loro sostenitori aumenta o diminuisce, a seconda del

loro esito . Perciò Plinio se ne occupa attentamente.

Altre funzioni subalterne a quelle dei magistrati compaiono nelle sue lettere. Ninfidio Lupo ,

appartenente all'ordine equestre fa una carriera nell'esercito, è prefetto di coorte, e merita di

diventare tribunus militum31. Così Cesennio Silvano merita questo tribunato , secondo una

lettera al console Minucio Fundano 32. Altro caso di milizia equestre è Cornelio Miniciano 33 ,

dell'Italia settentrionale, come Plinio, che diventa prefetto della coorte damascena in Palestina,

tribuno militare in Africa e infine ottiene la carica civile di curator rei publicae .In ambito

municipale Metilio Crispo 34 riceve un aiuto finanziario di 40 mila sesterzi per accedere al

decurionato a Como, patria dell'oratore.

È stato notato35 come le qualità dei beneficiari siano sempre generiche, onestà , nobiltà di stirpe,

buona cultura, e non siano specifiche per l'incarico professionale richiesto . Ciò può significare

il basso grado di “burocratizzazione” nella Roma alto-imperiale.

Ad un livello sociale più basso si collocano i liberti, o i parenti di un centurione per i quali

egli ottiene la cittadinanza romana, rivolgendosi direttamente all'imperatore per facilitare le

27 Plin Iun., Ep VI,6 , C.P. Jones 1968


28 Plin. Iun., Ep. II, 9
29 Plin Iun., Ep. X, 26
30 Plin Iun., Ep VIII,23
31 Plin Iun., Ep X. 87 , Pavis d'Escurac, 1993 p. 59
32 Plin Iun., Ep III,8
33 Plin Iun., Ep III,9 ; IV ,11 ;VII,22 ; VIII, 12
34 Plin Iun., Ep VI, 25
35 Beranger, 2000

38
procedure36. Senza un tale sostegno un simile obiettivo sarebbe stato molto più difficile da

raggiungere, e avrebbe forse richiesto la corruzione di alcuni funzionari 37 .

La componente giudiziaria in Plinio è minore rispetto a quella di Cicerone, forse perché per il

primo è più difficile intervenire sull'imperatore , di quanto fosse per il secondo fare lo stesso su

governatori provinciali a lui spesso vicini.

Frontone scrive circa 15 lettere di raccomandazione tra il 139 e il 162 d.C 38 . Alcuni

destinatari sono molto illustri : i tre imperatori Antonino Pio , Lucio Vero, e Marco Aurelio,

che egli conosce bene, vivendo alla corte del primo e avendo educato gli altri due. Altri sono

amici , di alto rango, spesso magistrati della provincia d'Africa , da cui Frontone, proviene e

con cui mantiene rapporti : Lolliano Avito, proconsole d'Africa nel 158 39,di cui esalta la probità

e l'onestà, Egrilio Plariano40, che ha la stessa carica due anni dopo, Aufidio Vittorino 41,

governatore della Germania Superior, Passieno Rufo , il cui cognomen appare in alcune

iscrizioni di Thugga42 .

Per Frontone la commendaticia è una forma di lode ( laudatio ), come dichiara in una lettera a

Claudio Severo43 , spesso dunque resta alquanto generica e priva di precisazioni pratiche, ma

non di verosimiglianza storica. Infatti alcune epigrafi hanno confermato i nomi di persona delle

sue epistole.

I beneficiari sono spesso “intellettuali” : Volumnio Quadrato, un letterato , forse identificabile

con il procuratore di Acaia del 180 44, un abitante di Cirta, concittadino dell'oratore, il filosofo

Giulio Aquilino45 , che tiene letture pubbliche di buon successo a Roma , il retore Antonino

Aquila, affinché trovi un impiego nella Germania Superior 46 , Emilio Pio per i suoi meriti
36 Plin Iun., Ep X,5-6 -10 per il medico Arpocrate , ed Ep.
37 De S.te Croix , 1954 p. 41
38 Fronto., Ep Ad Am. II, 1 , Champlin , 1974 p.138-139
39 Fronto., Ad Am I, 3
40 Fronto., Ep Ad Am I, 4 , Champlin , 1974 p. 150
41 Fronto., Ep Ad Am, I, 7
42 Champlin 1974 p. 151
43 Fronto Ad Am I,1 , Champlin, 1974 p. 149
44 Champlin , 1974 p, 153
45 Fronto., Ep Ad Am . I, 4
46 Fronto., Ep Ad Am I, 7

39
letterari47. Altri favori più concreti sono domandati a Marco Aurelio . Per Senio Pompeiano
48
si chiede il mantenimento del suo appalto delle tasse in Africa e di Temistocle49 , noto a

Apollonio si dice che merita giustizia ed equità.

Un unico liberto, Aridelo è beneficiario di una richiesta di Frontone 50, affinché ottenga una

procuratela, incarico accessibile anche a persone che non fossero senatori o cavalieri.

A Libanio, autore di molte commendaticiae sono dedicati i capitoli successivi. Il suo imperatore

preferito, Giuliano non scrive lettere di questo tipo, forse perché, essendo al vertice dell'impero

non necessita di favori da altri, ma è il destinatario di simili richieste.

Nella pars Occidentis tra il 370 e il 402 il senatore e oratore Quinto Aurelio Simmaco scrive

pressapoco 250 lettere di raccomandazione, che costituiscono all'incirca un quarto 51 del suo

epistolario.

La loro caratteristica principale è stata identificata nella polifunzionalità 52. Infatti esse hanno

diversi scopi. Servono a cementare la solidarietà di casta, a presentare persone non note

in precedenza, ottenendo per loro amicizia e onore, a favorire l'accesso alle cariche burocratiche

e le loro promozioni, ad aggiustare sentenze e vicende giudiziarie, a ridurre la pressione

fiscale sugli amici , a procurare animali per gli spettacoli pubblici, ad esercitare il patronato

su comunità clienti.

Le centinaia di esemplari di commendaticiae presenti in Simmaco come in Libanio consentono

di avere un panorama sociale più ampio rispetto a altri autori, che ne hanno soltanto decine.

L'amicizia che Simmaco adduce come causa della sua scrittura è istituzionale e formale, più

che un sentimento autentico e personale 53 e ha un aspetto prevalentemente utilitario 54.

47 Fronto., Ep Ad Am , I, 8
48 Fronto., Ep Ad Marcum , 49
49 Fronto., Ep ad Marcum , 51
50 Fronto., Ep Ad. Am V, 8
51 Roda , 1996 p. 228 -229
52 Roda , 1996 p.253
53 Bruggisser , 1993
54 Brugisser , 1993 p. 328

40
I valori che egli intende difendere sono i legami di sangue, i legami amicali, i vantaggi

economici, suoi e della sua cerchia. Spesso è difficile distinguere se la missiva sia soltanto

un divertissement letterario , o se contenga al suo interno la protezione reale per qualcuno 55.

Destinatari sono in gran parte funzionari delle corti imperiali occidentali di Milano e di

Treviri e senatori e magistrati di Roma, non più capitale imperiale, ma sede del prestigioso

senato. Da queste lettere si ricavano molti elementi di conoscenza sulla amministrazione

tardo-antica in Occidente, sulla prosopografia dei funzionari e sulla datazione dei loro incarichi 56.

Nell'ambito burocratico i funzionari sono chiamati da Simmaco ad assumere o promuovere

persone meritevoli. I meriti dei beneficiari sono i loro comportamenti ( mores ) e la loro

eccellenza ( virtus ) , che risiede nella loro nascita ( origo).

Simmaco utilizza le raccomandazioni per consentire ai senatori di occupare i posti della

burocrazia, anche quelli pensati per le “classi medie” 57 e ritiene la lettera un “iter ad

capessendos magistratus” , un percorso con cui raggiungere degli incarichi . Le province

italiche, governate da correctores subiscono spesso questa sorte58 .

Nell'amministrazione tardo-antica la suffragatio, vendita di posti per denaro era ampiamente

praticata e molti funzionari ritenevano lecito ottenere dei guadagni in tale modo .

Le epistole dell'epoca alludono a questa realtà , pur senza nominarla chiaramente. Circa 8

commendaticiae sono rivolte a Ausonio, poeta cristiano e precettore dei figli di Valentiniano .

Il suo ruolo a corte è di quaestor sacri palatii , e favorisce naturalmente i suoi conterranei, i

quali entrano in grande numero negli uffici imperiali , ad esempio Macedonio come comes

sacrarum largitionum.59 .

Alcune missive sono inviate ai clan della aristocrazia gallica, ai tre fratelli di Treviri Minervio,

Protadio, e Fiorentino, i quali hanno buoni posti a corte, forse nella scia del successo di

55 Brugisser , 1993 p. 282


56 Osservazione del prof. G.Cecconi
57 Clemente , 1969
58 Vera, 2006 p. 442
59 Sivan, 2008 p. 136

41
Ausonio60 , altre a militari e funzionari della Spagna, vicini all'imperatore Teodosio ( il

generale Promoto61 e Mariniano62 ) .

Tra gli strati più bassi della amministrazione sono gli agentes in rebus, presenti cinque volte

nelle lettere di Simmaco. Funzionari minori sono anche nell'ufficio dei comites imperiali .

Ambrogio , vescovo di Milano , antagonista di Simmaco nella controversia dell'altare della

vittoria, è comunque destinatario di circa 7 commendaticiae63 , sia precedenti , sia successive

alla sua elezione. Una di esse64 chiede il suo intervento in ambito giudiziario e attesta la

episcopalis audientia , la giurisdizione attribuita ai vescovi in base alle leggi imperiali da

Costantino in poi . É la vicenda che contrappone Ceciliano e Pirata . Il secondo, a parere di

Simmaco , ha cercato il favore del vescovo in un modo non consentito dalla legge. Altre

lettere di Simmaco riguardano controversie giudiziarie e il loro aggiustamento in modo a lui

favorevole.

Spesso la materia del contendere è la proprietà terriera, in quanto maggiore fonte di reddito

per i facoltosi senatori occidentali. 65. La gestione della vita materiale di questi ultimi da parte di

Simmaco avviene anche con la sua ricerca di matrimoni utili alle famiglie di questo ambiente.

Se ne trovano alcuni esempi nelle lettere. Una lettera 66 loda Fulvio come buon marito per la

sua ricchezza. A Erculio 67 era stata promessa la figlia di Giuliano.

Beneficiari sono giovani di famiglie senatorie, funzionari locali e retori . Simmaco

conosce personalmente alcuni di loro che definisce fratres o filii e per gli altri indica i titoli

del loro merito .

Poco numerosi sono tra loro intellettuali e poeti. Alcuni di loro vengono dall'Egitto , come

60 Sivan , 1993
61 Symm., Ep. III , 48, 49, 50, 51, 53, 76, 77
62 Symm., Ep. III, 35
63 Roda , Forlin Patrucco 1974
64 Symm., Ep. III, 37
65 Un caso è quello della terra in Sicilia ( Roda , 1996 p.242 ) , per la quale Simmaco prima si mostra
accomodante , poi esige un aiuto da parte di Nicomaco Flaviano 15 iuniore Ep. II, 28-31 I
66 Symm., Ep. IX,7 , Sogno
67 Symm., Ep. VI,44

42
Horus e Serapammone68 . Anche alcuni cristiani e due vescovi sono beneficiari di Simmaco,

Severo e Clemente, come il destinatario Palladio 12 69. La fede religiosa pagana o cristiana, non è

motivo che impedisca la commendaticia, che riguarda invece la comune appartenenza senatoria

e aristocratica ed è un fatto sociale e non religioso.

Le comunità che chiedono a Simmaco dei favori sono quelle vicine alle ville in cui egli risiede

( Pozzuoli, Ostia, Formia, Benevento), ma la città principale dove Simmaco esercita il suo

patronato, verso una popolazione numerosa è Roma. Il suo pubblico esige spettacoli di livello

elevato. E quando il figlio di Simmaco Memmio assume la questura nel 391 e la pretura nel

400, egli deve procurare animali feroci e non, da altre province ancora più sentita e causa di

proteste è l'approvvigionamento del cibo, fornito a prezzi calmierati alla popolazione della città

fondatrice dell'impero.

Confrontando le missive di Simmaco e Libanio (entrambi scrivono nella seconda metà del IV

secolo), si vede che entrambi tutelano il loro gruppo sociale, coltivano la loro rete di rapporti a

loro vantaggio. Il primo ha forse un network mediamente più elevato , di senatori e funzionari

palatini, mentre il secondo interagisce di più con funzionari locali e decurioni .

Negli scrittori cristiani la lettera di raccomandazione non scompare, ma diventa più rara e

modifica alcune sue forme. Un suo prototipo è nel Nuovo Testamento, nelle missive inviate

alle comunità cristiane, che contengono non solo dottrine teologiche ed ecclesiologiche, ma

anche indicazioni pratiche. Paolo 70 raccomanda una diaconessa della chiesa di Cencre, di nome

Febe . L'amicizia tra gli esponenti di questa religione è fondata sulla agape , un affetto

disinteressato , diverso dalla philia71 degli aristocratici pagani e si distingue per una maggiore

solidarietà . Simili ideali di carità e fratellanza sono espressi anche nelle omelie dei padri

della chiesa .

68 Symm., Ep. II, 39 ; II, 61 ; Brugisser, p. 311


69 Symm., Ep I,15 , Bruggisser, p. 282
70 Rom. XVI, 1 , Stowers 1985 , Cotton , 1981 p.14
71 Konstan, 1995 p.171 e segg.

43
Riguardo al tema delle commendationes è forse possibile distinguere due gruppi di autori

cristiani. Il primo è di quelli che rifiutano la raccomandazione, o ne fanno un uso molto

parsimonioso. Nel secondo gruppo sono altri, che scrivono questi testi in modo non

diverso dai pagani .

Gli autori cristiani della prima categoria nelle loro missive trattano altri argomenti più

legati alla sfera religiosa, quali la teologia, l'esegesi delle Scritture e il loro commento,

l'ecclesiologia . I principali padri della chiesa occidentale del IV secolo scrivono poche

raccomandazioni, soltanto una Girolamo, qualcuna Ambrogio. Agostino secondo una

testimonianza del suo biografo Possidio72 rifiuta di compiere questo atto, che pure era

molto frequente da parte dei vescovi . Nel suo epistolario si trovano circa dieci

commendaticiae , legate a questioni pratiche e giudiziarie. Egli utilizza il diritto di intercessione

dei vescovi rivolgendosi al governatore della provincia d'Africa Macedonio 73. A lui chiede in

prestito il denaro per aiutare un debitore che si era rifugiato in una chiesa e che rischia pene

corporali per la sua insolvenza. La somma è di 17 solidi, che andranno raccolti da una colletta

dei fedeli. A Marcellino 74 nel 411 Agostino si rivolge per una questione giudiziaria , chiede

l'invio dei verbali dei processi ai donatisti, e tenta di evitare loro la pena di morte.

Nel 420 al comes d'Africa Valerio, Agostino scrive per un generico favore a un suo collega

vescovo , di nome Felice.

Dunque Agostino scrive commendaticiae, ma lo fa solitamente per questioni pratiche, concrete

giudiziarie ed economiche, limitando i favori generici, frequenti in altri autori .

Ambrogio interviene certamente molto spesso nella sfera amministrativa, dalla quale proviene,

essendo stato governatore dell'Italia settentrionale, tuttavia nel suo epistolario scrive soltanto

4 o 5 richieste di favori. Ad Eusebio75 racconta di essere intervenuto presso il prefetto per

72 Poss., Vita Aug 20


73 Aug., Ep. 268
74 Aug., Ep. 135
75 Ambr., Ep. V, 26 - Maur 54

44
aiutare un apparitor , un addetto subalterno, ferito durante alcuni lavori, evitando la confisca

dei suoi beni . Ai vescovi Febadio e Delfinio 76 raccomanda Polibio , ex proconsole d'Africa .

Al vescovo di Napoli Severo77 invia un sacerdote di nome Giacomo, non noto altrove ,

affinché usufruisca della tranquillità della locale spiaggia. Il latore Prisco 78 viene inviato a

Siricio, forse il vescovo di Roma. Probabilmente Ambrogio non necessita di scrivere molte

commendationes poiché vive in una capitale imperiale e può incontrare i potenti nei banchetti

di corte79 .

Anche Paolino di Nola, nelle sue lettere tratta solitamente temi religiosi e letterari, si limita

a due sole richieste di favori. Aiuta Secondiniano 80, la cui nave insieme al proprio carico è stata

requisita in modo ingiusto da un intendente, e chiede la sua restituzione. Egli come

esponente di una ricca famiglia galiica e trasferito nell'Italia meridionale, amico e parente della

facoltosa Melania seniore, e vescovo di Nola può rivolgersi in questo modo all'amministrazione.

E' molto meno attivo di Sidonio Apollinare che vive circa 50 anni dopo di lui e in

un'altra regione dell'Occidente, la Gallia.

Gli scrittori cristiani che continuano a scrivere commendaticiae come i pagani sono attivi

nell'Oriente tardo-antico e bizantino dal IV al VI secolo. Sono i Padri Cappadoci, (Basilio

di Cesarea e Gregorio di Nazianzio), Sinesio di Cirene e Teodoreto di Cirro .

Alcune considerazioni possono valere per entrambi i Padri Cappadoci. Le loro lettere sono

soltanto una parte di quelle effettivamente scritte, ma sono una valida fonte storica che fornisce

molti dettagli sulla carriera di alcune persone 81 . Gli scambi di favori che in esse avvengono

creano obbligazioni reciproche e rafforzano i legami con i loro interlocutori , sebbene la

ripetitività di alcune missive ne renda difficile l'interpretazione.

76 Ambr., Ep. VII,47 – Maur 87


77 Ambr., Ep.. VII, 49 -Maur 49
78 Ambr., Ep. VII, 41 – Maur 86
79 Questa spiegazione è data da Mc Lynn 1994, p. 263
80 Paul. Nol., Ep. 49
81 Van Dam 2003 p. 131 - 135

45
Una differenza che è stata notata 82 è che Basilio si rivolge più spesso a destinatari dell'Oriente,

il Ponto , la Siria , la Mesopotamia , mentre Gregorio più spesso a quelli di territori “occidentali”

rispetto al suo , ossia Costantinopoli , l'Asia Minore sul mare Egeo.

Il periodo a cui risalgono le lettere del vescovo di Cesarea sono gli anni 70 del IV secolo,

durante l'impero di Valente nella pars Orientis, quando l'arianesimo è sostenuto dal potere.

Le sue raccomandazioni sono circa 50 pari a un settimo del suo epistolario 83 . Esse riguardano

favori generici per amicizia e ospitalità, nomina di funzionari pubblici locali, sentenze

giudiziarie favorevoli, sgravi fiscali per singoli e per comunità.

Specifiche degli autori cristiani sono le raccomandazione a favore di alcuni ecclesiastici

che meritano un certo titolo all'interno della chiesa. Molti tra loro sono diaconi o presbiteri

che devono essere ordinati sacerdoti, oppure che portano soltanto delle lettere , come i

portitores degli autori pagani. Il loro vincolo religioso li rende solitamente più affidabili di

questi ultimi. Le difficoltà che essi devono affrontare per il maltempo o per le cattive

condizioni delle strade emergono qualche volta dalle lettere dei padri cappadoci . Essi le

affrontano poiché Basilio a causa della malattia non può subire questi inconvenienti.

Soprattutto l'inverno era il periodo più difficile ed era molto rigido in Cappadocia. Alcune

lettere degli autori cristiani si possono definire di “comunione 84” , perché servono a stabilire

l'unione dottrinale tra gli interlocutori. Se ne trovano in Basilio e Gregorio, e sono rese

possibili anche dalla tendenza dei cristiani di portare dei segni di riconoscimento , citati da

Sozomeno85 nella sua opera storica. Grazie a questi simboli gli inviati dei vescovi , come i

latori delle lettere dei Cappadoci, possono ottenere ospitalità e benevolenza nei diversi

luoghi dove si recano86. Infatti Basilio87 cita chiaramente dei segni di riconoscimento che i

diaconi della sua fazione ortodossa portavano con sé. Aggiunge anche che lui e i suoi
82 Van Dam 2003 p, 150-153
83 Zappalà 1993
84 Vilella, 2003 p 55-99
85 Soz., Hist V, 26
86 Vilella, 2003 p. 103
87 Bas., Ep 191

46
amici erano stati privati di questa modalità di comunicazione dai loro nemici. Doroteo è il

principale di tali collaboratori e compare in molte lettere.

Come vescovo Basilio interviene nella vita politica e amministrativa della sua provincia, la

Cappadocia, si oppone alla sua divisione in due parti, Prima e Secunda, e assiste i funzionari

locali88 . Esercita la sua influenza per la nomina di un funzionario nel 371 89 a favore di

Elpidio a livello provinciale e anche nelle singole città , quando chiede a Firmino 90 , un ex-

soldato di dedicarsi alla ascesi , e non alla vita militare ( esercitata anche da suo nonno ) e gli

garantisce di ottenere per lui, un'esenzione da suoi amici potenti, scrivendo una petizione al

vicario .

In ambito giudiziario Basilio chiede sentenze miti e favorevoli per suoi amici e esercita

egli stesso una qualche giurisdizione, per la episcopalis audientia. Chiede una difesa per Elia

da una calunnia91 . In due lettere egli domanda a Esichio 92 di intercedere per i servitori di

Eustochio , che sono stati insolenti con costui e intende evitare la punizione per loro.

Non esita tuttavia a esigere una punizione severa per alcuni ladri di vestiti, quando si

rivolge ai commentarienses93, funzionari civili, di basso rango , che partecipano ai processi .

La solidarietà al di là dell'aequitas in Basilio vale per i suoi correligionari,mentre per Simmaco ,

negli stessi anni, è per quelli del suo ceto. In alcuni casi il vescovo di Cesarea chiede sgravi

fiscali per i suoi protetti . Suoi interlocutori sono allora i funzionari finanziari come il

censitor94 , che può decidere chi e quanto deve pagare le imposte.

Basilio chiede assistenza per un sacerdote 95, in modo che la tassazione per lui resti invariata,

88 Courtonne, 1974 p. 304 , Kopecek , 1974 , p. 320-323, individua la divisione della provincia negli anni 371,
372 , durante l'impero di Valente. In questa operazione alcuni decurioni vengono trasferiti dalla città di Cesarea alla
Cappadocia II a Podando, e patiscono un peggioramento delle loro condizioni. Basilio ne scrive nelle lettere 74,75
89 Bas., Ep 78 , Courtonne, 1974 p. 415 .
90 Bas., Ep 116 , Kopecek, 1974
91 Courtonne, 1974 p. 384
92 Bas., Ep.222-223
93 Bas., Ep. 285
94 Bas., Ep. 312
95 Bas., Ep. 36

47
dio ricompenserà l'autore del favore 96. Nelle sue missive è attestata l'imposizione per le vesti dei

militari97 ; il vescovo chiede un rinvio della scadenza. Tuttavia in generale egli non si

oppone al pagamento delle tasse . Si limita a aiutare i contribuenti più poveri . Alcune lettere

prendono in esame questo argomento, e sono inviate al prefetto Modesto 98 , a contabili non

nominati99, a un ufficiale dei prefetti 100.

Due donne Giulitta e Palladia rischiano di perdere i loro beni ad opera di tutori malintenzionati

e Basilio scrive lettere per difenderle 101 . Con la seconda ha anche rapporti di parentela e

chiede per lei una custodia giudiziaria .

Egli rappresenta non solo individui, ma anche comunità come quella del Tauro, formata da

lavoratori del ferro, che meritano sgravi fiscali come anche gli xenodochia102 , ospizi che

accolgono poveri e stranieri. Quello di Amasea è per lui proprietà divina e non va sottoposto

a tassazione. Così Capralis, piccola località della Cappadocia merita protezione 103.

Come è stato notato104, il valore storico delle lettere di Basilio sarebbe ancora maggiore , se

esse non avessero spesso elementi oscuri e imprecisi per il lettore moderno, ma che erano noti

al suo pubblico .

Gregorio di Nazianzo scrive circa 88 raccomandazioni, su 248 lettere , in una quantità di

circa un terzo. I contenuti sono simili a quelli di Basilio : generica amicizia , questioni

giudiziarie, esenzioni fiscali .

Spesso beneficiari sono ecclesiastici di rango minore che svolgono il trasporto delle epistole.

Tra loro si ricordano i presbiteri Luciano e Leonzio, e i diaconi Eugenio e Regiano . Ben dieci

96 Kopecek , 1974 p. 338-339 osserva che alcuni beneficiari di Basilio sono decurioni che evitano gli oneri della
loro condizione intraprendendo la carriera ecclesiastica., specialmente nel basso clero , ma anche come
vescovi. Uno di loro è Elladio nella lettera 281 , citato anche da Sozomeno ( VIII,6)
97 Courtonne, 1974 p. 405-406
98 Bas., Ep 110
99 Bas., Ep 142 -143
100 Bas., Ep 144
101 Bas., Ep 107-108 per Giulitta , ed ep. 137-138 per Palladia
102 Bas., Ep 142-143
103 Bas., Ep 310
104 Courtonne, p. 423

48
epistole105 sono per il diacono Sacerdote e per il suo accesso al sacerdozio ; come per Basilio i

suoi interlocutori sono funzionari centrali e locali. Sofronio 3 riceve alcune lettere 106 , come

funzionario della Cappadocia e nel 364 è prefetto della città di Costantinopoli, ha un ruolo

rilevante nella capitale dell'impero , è in carica con la fiducia di Valente per combattere

l'usurpazione di Procopio, se Basilio scrive a lui tre lettere, Gregorio ne scrive sette, risalenti

anche a un periodo più tardo107, quando è alla corte di Valente ad Antiochia. Altro magistrato

di alto rango è Palladio 12108 . Nella cerchia familiare di Gregorio è Nicobulo, marito di sua

nipote Alipiana, per il quale egli chiede ripetutamente esenzioni fiscali , da estendersi anche

per i suoi figli . Nicobulo è un decurione che entra nell'esercito, forse per sfuggire gli

oneri di questa sua condizione, merita quindi un posto nella amministrazione per continuare a

godere di tale esenzione. L' accusa nei suoi confronti è di avere gestito male una mansio 109 ,

e la punizione minacciata è l'arruolamento forzato dei suoi figli nel consiglio cittadino.

Gregorio si adopera per sventare il pericolo. Un altro suo intervento è a favore di Teotecno 110 ,

per ottenere dal governatore Olimpio, una esenzione da una tassa, il chrysagryron, .

Lo stesso Gregorio dovrebbe forse svolgere la funzione di decurione 111 per la sua città, ma ne è

esentato in quanto ecclesiastico, e comunque ha dei rapporti con i proprietari terrieri , dei

quali fa parte almeno inizialmente. Celeusio, un notabile locale, gli chiede un impegno , che

egli rifiuta a causa delle sue precarie condizioni di salute 112. Le trattative interne alle elites

locali , per evitare gli oneri curiali sono ampiamente documentate in Libanio e traspaiono ,

seppure in modo meno evidente anche nel vescovo di Nazianzo , specialmente quando si rivolge

a Olimpio , governatore della provincia 113 . Il ruolo di defensor civitatis di Gregorio si manifesta

105 Greg. Naz,., Ep. 210 -222


106 Greg . Naz,., Ep, 21,22,29 ,37,39,93
107 Van Dam 2003, p. 141
108 Greg Naz., Ep 170
109 Greg Naz., Ep 26 , Mc Lynn, 20006 p. 289 e segg.
110 Greg Naz., Ep. 98 , Mc Lynn, 2006 p. 288 la ritiene poco giustificata.
111 Mc Lynn , 2006 p. 295
112 Greg Naz., Ep 112 , 114 , Mc Lynn, 2006 p. 282
113 Kopecek , 1974 nota come la situazione dei decurioni in Cappadocia è particolarmente difficile , perché
alcuni di loro erano stati trasferiti in seguito alla bipartizione di questa regione in due province.

49
quando egli funge da garante per alcuni rivoltosi 114, evitando che la repressione colpisca i suoi

concittadini, in un modo simile a quanto fatto da Libanio per Antiochia dopo la sommossa del

387. La stessa sopravvivenza di Nazianzo è ritenuta in pericolo da Gregorio 115 , quando

chiede un'immediata riduzione delle tasse, poiché esse ne hanno causato un impoverimento quasi

letale . In questo modo egli esprime una sorta di patriottismo civico .

Due casi di eredità contesa in questo epistolario sono quello dei suoi parenti per i beni del

fratello Cesario, funzionario della corte imperiale, e quello di Eugenia, che rischia di perdere

i beni appartenuti alla nonna .

Nelle questioni interne alla chiesa Gregorio interviene , sia per favorire diaconi e sacerdoti a

lui vicini , sia per punire coloro che accusa di avere violato i loro doveri , come il diacono

Glicerio116 , che conduce con sé un gruppo di vergini consacrate , e viene ammonito a restituirle,

anche da Basilio. Il terzo cappadoce Gregorio di Nissa è autore di un'unica raccomandazione 117 ,

forse perché i suoi interessi sono più speculativi e teologici e meno rivolti alla contingenza

storica. Ad Antiochiano rivolge una richiesta di protezione per Alessandro , che preciserà con

le sue parole il favore a cui si allude nella missiva.

In Cirenaica tra la fine del IV secolo e l'inizio del V è attivo Sinesio , proveniente da una

famiglia di proprietari terrieri e allievo ad Alessandria della filosofa Ipazia. Sia prima che

dopo la sua elezione a vescovo di Tolemaide , egli scrive numerose raccomandazioni , circa

33, nella percentuale di circa il 20% del suo epistolario, di 159 missive .

Non le scrive soltanto, ma le teorizza come una attività abituale 118 . Spiega che il suo

ruolo di vescovo, dato a lui da Dio, gli impone di rendersi utile ai suoi concittadini , sia a

livello individuale , sia alla intera comunità . Agostino, vescovo di Ippona negli stessi anni, è

molto più parsimonioso e selettivo nel prestare il suo aiuto .


114 Mc Lynn, 2006 . La testimonianza è nell'orazione 17 e in parte nelle lettera 141. e 142
115 Greg Naz Ep 141 142 , Mc Lynn 2006 p, 282 -285
116 Greg Naz., Ep 246 -249 , Mc Lynn 2006 p 280
117 Greg Nyss., Ep 8
118 Long, 1992 ,

50
Come altri vescovi Sinesio funge da defensor civitatis, e supplisce alla debolezza del

consiglio municipale della sua città 119 .

L'amicizia, il valore fondante delle commendaticiae consiste per lui nel fare di tutto per la

persona con cui ha tale rapporto120. Molti dei suoi favori generici riguardano individui non

attestati altrove , dunque sono difficilmente valutabili, a differenza di altri . La scarsità delle

epigrafi greche rinvenute in Cirenaica non consente di avere molti riscontri ai suoi scritti. .

Il contesto storico in cui scrive vede la difficile resistenza dei Greci alla avanzata di Barbari

di etnia africana molto minacciosi.

Tra i destinatari sono funzionari della provincia di Augustamnica, e della corte di Costantinopoli,

presso la quale Sinesio è stato ambasciatore dal 399 al 402. Tra i primi è Pentadio 121,

prefetto della provincia . Tra i secondi vanno ricordati Aureliano , raffigurato nell'Osiride del

De Regno come esempio del buon governante, in antitesi a Tifone, ( ossia Gainas).

Il governatore Andronico 1 riceve lettere122 di Sinesio che lo scomunica per le tasse troppo

elevate, rivolgendosi a lui come un suo pari e non riconoscendo la sua superiorità nella sfera

civile. I beneficiari di Sinesio sono spesso giovani della Cirenaica, suoi amici o parenti che

cercano fortuna in altre città più grandi come Alessandria o Costantinopoli, oppure provenienti

dalla stessa Alessandria, dove si trova suo fratello . Da Cirene proviene Teotimo un

giovane poeta per il quale Sinesio cerca una buona collocazione e che forse è parte della

corrente dei “ wandering poets” 123 . Lo potrà aiutare Olimpio, comes ad Alessandria,

presentandolo alle persone altolocate che conosce.

Quattro lettere124 sono per Ammonio, un consigliere del municipio di Alessandria, che è

presentato sempre come amico di Teodoro , e porta con sé il denaro per pagare le truppe e

119 De Salvo p. 88
120 Konstan 1995 p. 71 , Syn Ep 91
121 Syn., Ep 46 , Ep 150 ,
122 Syn., Ep. 57, 58 73 , Di Paola, 2006 p. 162
123 Runia, 1978
124 Syn., Ep 18, 19 ,20 ,21

51
la lettera di presentazione. In questo modo si garantisce una buona accoglienza, alla quale

aspira . Ammonio è mandato a consegnare del denaro a Ierone e a Martirio dopo un viaggio

difficile. I due dovranno accoglierlo, poiché stanco e meritevole di questo aiuto dopo la sua

collaborazione. Un'altra lettera per lui lo raccomanda a un governatore come degno di onore.

Egli è membro del senato cittadino di Alessandria, quindi il favore fatto a lui si estende anche

ai suoi concittadini, abitanti del capoluogo dell'Egitto. Loro stessi hanno chiesto a Sinesio la

lettera che lui scrive. Dipende dal governatore se vorrà dare un buon esito ai suoi sforzi .

Non è chiara la materia del favore domandato, ma la parentela del beneficiario con Teodoro

indica che quest'ultimo aveva un qualche ruolo importante .

Nel settore giudiziario il vescovo di Cirene chiede assoluzioni o condanne, a seconda dei

propri interessi . Alcune epistole 125 chiedono la condanna per omicidio di Giovanni 3, altre

sono per la assoluzione di un imputato del medesimo reato . Al governatore provinciale Pentadio

è chiesta la assoluzione126 per una persona accusata in modo ingiusto .

Circa cinque avvocati sono beneficiari dell'interessamento di Sinesio e solitamente restano nella

loro provincia127 , di rado vanno nelle grandi città ( Alessandria e Costantinopoli ), esattamente

al contrario dei retori e dei poeti. Sinesio intercede per Diogene 128 , un suo parente , accusato

ingiustamente da delatori, molto attivi nella provincia , afferma la sua onestà e sostiene che

egli sia sottoposto a una vera estorsione di denaro 129 . Febammone è latore della lettera con

cui Sinesio lo aiuta, negando che egli abbia qualche colpa 130. Alla maniera dei cappadoci, il

vescovo di Tolemaide difende una vedova che rischia di perdere il proprio patrimonio 131 .

Non mancano in Sinesio i lamenti consueti per la povertà dei decurioni e la richiesta di esenzioni

fiscali per loro . Suo fratello Evozio , eredita tale funzione , quando il neo-vescovo ne viene

125 Syn., Ep 44, 53 , 75


126 Syn., Ep 30
127 Roques, 1989 p. 151 , Syn., Ep 47
128 Syn., Ep. 99 . 119 , 131
129 Roques, 1989 ,
130 Syn., Ep. 44
131 Syn.., Ep. 141

52
esentato e per lui è chiesta la cancellazione dall'albo dei consiglieri municipali e egli fugge

ad Alessandria per evitare un onere sgradito 132 . Il vescovo difende non solo i singoli, ma tutti
133
i curiali della Cirenaica nel loro insieme per ottenere sgravi fiscali .

Le attività militari in cui egli è coinvolto lo portano a raccomandare un gruppo di militari

al fratello134, elogiando il loro coraggio e le loro capacità belliche .

Isidoro di Pelusio scrive centinaia di lettere, ma esse trattano di temi religiosi, sebbene alcune

siano destinate anche a curiali 135 , ancora presenti nell'Egitto tardo-antico . Egli è presbitero

ad Alessandria nella prima metà del V secolo e può avere conosciuto Sinesio 136.

Alla metà del V secolo nella città di Cirro della Siria occidentale, il vescovo Teodoreto scrive

circa 40 raccomandazioni su 210 lettere, in una frazione di un quinto , simile a quella di

Sinesio . Tratta invece più spesso questioni dottrinarie, per ribadire la propria ortodossia

nonostante l'esilio subito in seguito al concilio di Calcedonia del 449, e alla condanna del

Nestorianesimo. Egli interviene talvolta in questioni economiche, giudiziarie, e burocratiche ,

esercitando un patronato consueto per molti vescovi , e che nell'epistolario è riscontrabile più
137
volte. È stato definito “mediatore tra stato e chiesa” , da quando assume la funzione episcopale

nel 423, dopo essere stato monaco. Suoi destinatari sono funzionari della corte imperiale di

Costantinopoli, e funzionari locali delle province di Siria e di Eufratense . Tra i primi , che

hanno una titolatura più altisonante, eccelle l'imperatrice Pulcheria , sorella di Teodosio II , e

depositaria di un grande potere nella sua corte.

Dall'ambito siriano provengono i destinatari locali e provinciali. Neone è governatore della

Eufratense e dipende dal comes Orientis ; per Teodoreto è un esempio di buon governatore e

cerca di ottenere per lui un a riconferma, scrivendo a Anatolio 138

132 Mc Lynn, 2006 p. 138


133 Skinner 2002 p. 398
134 Syn. Ep 87
135 Isid Pelus. Ep 1387
136 Dzielska 1995 p . 42
137 Di Paola 2006 p. 160
138 Theod Ep. 45 collectio sirmondiana

53
I funzionari provinciali devono riscuotere le tasse e a loro il vescovo chiede clemenza; si

rivolge così al questore Domiziano 139. In generale Teodoreto tende a cercare compromessi

con i potenti e ha verso di loro un atteggiamento accomodante, rispetto a quello più

combattivo di Sinesio140 , che scomunica Andronico, un governatore troppo esoso 141 .

Beneficiari dei favori chiesti da Teodoreto sono ecclesiastici , sacerdoti e presbiteri , consiglieri

municipali, sventurati e meritevoli di aiuto sia di Cirro, la sua città sia di altre località .

Infatti un ampio dossier142 è dedicato a Celestiano, un senatore di Cartagine, costretto a

fuggire dalla propria città insieme a moglie e figli a seguito della invasione dei Vandali. I

destinatari delle missive dovranno aiutarlo e fornirgli ospitalità .

Simile al suo caso è quello di una donna dell'Africa settentrionale , di condizione libera , ma

catturata e venduta come schiava. Il vescovo Eustazio dovrà trattarla in modo consono al

suo rango. Per la difesa di alcuni imputati a lui cari Teodoreto chiede aiuto a sofisti affermati

come Isocasio143 (a favore di Teocle) e Teone . E' possibile che tra questi destinatari fosse

ancora presente una tendenza religiosa pagana, conservata insieme all'insegnamento retorico ,

forse non dissimile da quello di Libanio di 60 anni prima. Colpevole secondo Teodoreto è

invece Abraham144 che occupa illecitamente alcune terre ecclesiastiche.

Vittima della sua prepotenza è Geronte. Teodoreto in una lettera a Sabiniano denuncia una

vendita simoniaca della carica di vescovo 145. In materia fiscale egli chiede alcune esenzioni sia

per i singoli sia per la sua comunità. Per il sacerdote Eutalio 146 è fatta una richiesta di questo

tipo, motivata dalla sua condizione di ecclesiastico , mentre i proprietari terrieri dovevano

pagare il tributo in modo completo. Su questo argomento un beneficiario di Teodoreto è

Filippo, un decurione facoltoso di Cirro che assume il ruolo di principalis e anticipa il pagamento

139 Theod. Ep. XL collectio patmensis


140 Di Paola 2006 p . 162
141 Syn., Ep. 57,58, 73
142 Theod., Ep. 30-36 collectio sirmondiana
143 Theod. Ep 27 , Ep 52 collectio sirmondiana
144 Theod., Ep 10 collectio sirmondiana
145 Di Paola 2006 p. 166
146 Theod., Ep. 33

54
delle imposte dovute dalla città 147, altre persone con un ruolo simile nell'epistolario sono

Stasimo e Silvano148 e nella località di Zeugma 149 .

Il vescovo di Cirro difende più volte la propria città, chiedendo più volte per essa degli

sgravi fiscali150. Si rivolge a funzionari imperiali, e anche alla imperatrice Pulcheria .

A Dionisio151 fa notare che la città fornisce già dei contributi ingenti e non deve essere

vessata ulteriormente. E descrive i campi desolati e abbandonati dai loro coloni per la eccessiva

pressione fiscale. Il riferimento al denaro è qui molto evidente, più che nella consueta prassi

epistolare, e può essere interpretato come veritiero o come partigianeria localistica.

Infatti nell'Oriente bizantino del V secolo il problema dell'abbandono delle città da parte dei

curiali era probabilmente meno grave , rispetto al secolo precedente e rispetto all'Occidente 152.

Nell'Occidente tardo-antico le raccomandazioni proseguono nel V e nel VI secolo, e si

ispirano a Plinio il giovane e a Simmaco dal punto di vista formale, ma in una situazione sociale

molto diversa. Infatti nei regni romano-barbarici le aristocrazie di lingua latina conservano un

potere minore che nel IV secolo ( periodo di relativa prosperità, dopo le riforme di Diocleziano

e di Costantino) .

Sidonio Apollinare, esponente della aristocrazia gallica e vescovo di Clermont Ferrand, scrive

circa 40 raccomandazioni tra il 450 e il 478 in una percentuale di circa il 20%. Suoi modelli

letterari sono Plinio e Simmaco 153, dai quali trae un'elaborazione retorica che non nega il valore

storico delle sue epistole, come anche per gli autori precedenti . Nella pratica religiosa

ed episcopale il suo riferimento è invece il vescovo di Milano Ambrogio.

Suoi destinatari sono funzionari dell'impero romano occidentale, debolissimo nei suoi

147 Di Paola , 2006 p. 171 , Theod., Ep XLIV collectio patmensis


148 Theod., Ep. 33
149 Theod., Ep. XVII, XX, LXIV collectio patmensis
150 Theod., Ep. 15 , 42,43,44,47 collectio sirmondiana
151 Theod., Ep. 18
152 Di Paola, 2006 p. 169
153 Zelzer , 1995 p. 541

55
ultimi decenni, funzionari del nuovo regno romano barbarico dei visigoti, e senatori gallici

suoi colleghi. Beneficiari delle commendaticiae di Sidonio sono gli stessi aristocratici gallici

del suo ceto, latori ed intellettuali. Essi tentano di mantenere il proprio potere nonostante

l'invasione dei Visigoti, e l'affermazione del loro regno da Eurico in poi . L'elezione a

vescovo avviene per alcuni di loro .

Nella loro vita quotidiana si presentano spesso schiavi e clientes , al confronto dei quali emerge

la fierezza della loro elite154. Sidonio intende dare di sé e dei colleghi una immagine positiva e

nelle sue missive tende a presentare le loro amicizie come fondate su verecundia e urbanitas

(rispetto e gentilezza) e sullo scambio di reciproci favori , come diritto e dovere.

La loro rete funziona nonostante la crisi politica 155 e i beneficiari sono presentati secondo una

consueta struttura , che prevede il loro nome, l'elogio delle loro qualità e il rapporto con il

destinatario e il mittente.

Tra i funzionari menzionati da Sidonio sono Gaudenzio 156 , che da tribuno diventa vicarius

Felice che ottiene le infule 157 e Liciniano, un quaestor , mandato dall'imperatore Nepote per

trattare con il re visigoto Eurico 158 e che pronuncia un discorso efficace e sincero .

Il ruolo politico e civile del vescovo, consente di assimilarlo a un dignitario della

amministrazione. La procedura con cui è nominato nella Gallia di quel tempo è indicata da

Sidonio a Domnulo159 . Giovanni ottiene la carica dopo l'approvazione di due altri vescovi che

rivelano la nomina ai corepiscopi ( vescovi della campagna) e poi la ratificano pubblicamente.

Essi disprezzano la folla inferocita che contesta la decisione. Facendo un confronto con una

lettera simile di Sinesio , si può vedere che la procedura gallica è verticistica e limitata alle

aristocrazie ecclesiastiche, che decidono lontano dal popolo, mentre quella cirenaica avviene

con il consenso dei fedeli. Tuttavia è possibile che questi singoli casi non indichino una
154 Amherst, 2008 p. 43 - 44
155 Amherst , 2008, p. 197
156 Sid Apoll., Ep. I, 3
157 Sid Apoll., Ep. II,3
158 Gillett , 2003 p. 111
159 Sid Apoll., Ep. IV, 25

56
situazione costante e diffusa ma siano soltanto limitate a episodi contingenti. Infatti in un

altro caso, Simplicio160 è nominato vescovo dei Biturici con l'appoggio degli abitanti e contro

la fazione ariana.

Ecclesiastici di rango minore, diaconi e presbiteri compaiono nelle lettere di Sidonio , ma non

molto di frequente, poiché essi di solito non ne sono i latori 161 ( come avveniva invece un

secolo prima in Oriente per i Padri Cappadoci ) .

Nell'ambito giudiziario Sidonio difende Arvando 162, ex prefetto del pretorio , quando viene

accusato di avere collaborato con i barbari visigoti e di avere consegnato loro la Gallia; ottiene

per lui la commutazione della pena dalla morte al carcere.

A Tetradio 163 è chiesto un aiuto per difendere Teodoro , illustre e generoso, da alcuni suoi

nemici faziosi e malevoli. Anche i vescovi avevano la giurisdizione su certe questioni . e

Sidonio chiede che sia applicata la episcopalis audientia164 , scrivendo al vescovo Pragmazio

per difendere una donna di nome Eutropia , religiosa e parsimoniosa, infastidita dal presbitero

Agrippino. Un'altra donna nel VI libro è derubata da uno dei Vargi 165, banditi di origine

celtica, simili forse ai Bagaudae del III secolo .

Due ebrei compaiono tra i beneficiari : Gozolas e un anonimo latore 166 . Per il secondo è

chiesta la assoluzione dalla accusa di rapimento 167 della figlia della sua nutrice,che è di

condizione libera e non servile. Dunque l'offesa verso di lei è ingiustificata e particolarmente

grave. I favori materiali in Sidonio riguardano principalmente la terra , che è la fonte di ricchezza

principale per i senatori gallici. Una missiva 168 è per Donidio che ha un possedimento agricolo a

Eboralacense, devastato dai barbari, e che gli crea alcuni problemi. La ricchezza mobile

160 Sid. Apoll., Ep. VII,8


161 Amherst , 2008 p. 172
162 Sid Apoll., Ep. I,3 ; I, 7
163 Sid Apoll., Ep. III, 10
164 Sid Apoll., Ep. VI,2
165 Sid Apoll., Ep. VI, 4 , Lupoi 2000 p.373
166 Sid Apoll., Ep. VI,11
167 Sid Apoll., Ep. V, 19
168 Sid Apoll., Ep . III, 5

57
compare invece in una lettera a Turno 169 , sul prestito di denaro e la condizione della sua

restituzione . Turpione prende del denaro da Massimo Palatino, senza prendere come pegno

della terra o dei beni. Il contratto stabilisce che un interesse dell'1% deve essere dato a chi

presta il denaro, e questa percentuale aumenta del doppio ogni dieci anni. Tuttavia la

malattia e la morte di Turpione non consentono di rispettare il contratto. Sidonio allora si reca

di persona a Tolosa, per sapere dal creditore Massimo cosa si può fare, egli accetta una

dilazione per i figli di Turpione. Essendo diventato un ecclesiastico, Massimo Palatino non

intende esigere troppo denaro dai figli del suo debitore. Così rinuncia ad avere gli interessi

del prestito e chiede solo il capitale. Sidonio, lieto di questo atto di liberalità, esorta Turno a

ringraziarlo . Coinvolta è anche la sorella del debitore. Si vede qui all'opera l'azione di

mediazione del vescovo, volta a trovare soluzioni accettabili per entrambe le parti .

A Petronio170 Sidonio chiede che sia data a Vindicio , un religioso, l'eredità dello zio paterno,

che è morto senza figli. Altra eredità 171 è per Sacerdote e Giustino che la ricevono dal loro

zio Vittorio, con il quale condividono l'attività poetica. Il latore di una lettera al vescovo Leonzio

secondo Sidonio deve ricevere anche un compenso economico 172, poiché ha fatto un lungo

viaggio per recapitare il messaggio. Pochi altri autori alludono a questo tipo di compenso.

Lo stesso latore era impegnato in una causa giudiziaria per un testamento e il destinatario può

aiutarlo. Nel periodo in cui è prefetto della città di Roma Sidonio chiede l'approvvigionamento

del cibo per la città 173 , e come vescovo di Clermont Ferrand in un periodo successivo formula

una richiesta simile di cibo, ringraziando il vescovo Paziente 174 che lo ha fornito al popolo in

un periodo di carestia. In questi esempi si riscontra come il capo della comunità cristiana cittadina

anche in Gallia funga da suo rappresentante e difensore anche nelle questioni pratiche .

169 Sid Apoll., Ep IV, 24


170 Sid Apoll Ep. V, 1
171 Sid Apoll. Ep. V, 21
172 Sid Apoll. Ep. VI, 3
173 Sid Apoll., Ep. I, 10
174 Sid Apoll., Ep. VI, 12

58
Le lettere di Ennodio , avvocato e diacono di Milano e vescovo di Pavia nell'Italia teodericiana

sono solitamente di tre tipi: salutatoriae ( di saluto ), gratulatoriae ( di ringraziamento ) e

commendaticiae ( di raccomandazione )175 . Queste ultime sono circa 120 su un totale di 320 ,

in una frazione di circa un terzo. Il periodo in cui sono state scritte è tra il 500 e il 511.

destinatari sono funzionari della corte centrale di Ravenna, capitale del regno, Fausto 4

albus176 e Fausto 9 niger177 , al primo nel 502 spetta la scelta per la nomina

dell'advocatus fisci dell'Italia settentrionale . Al secondo rivolge commendaticiae , in numero

maggiore che a tutti gli altri interlocutori.

Parenti di Ennodio compaiono spesso tra i beneficiari. 5 lettere sono per Lupicino 178 , figlio

della sorella Euprepia , che rischia di perdere il proprio patrimonio, 3 per un altro nipote,

Panfronio179 , che studia a Roma ed è criticato per la sua vita dissoluta , una per la stessa

Euprepia. Tre diaconi tra i beneficiari sono Vigilio, Stefano e Elpidio 180 . Alcune epistole

sono del settore burocratico e contengono congratulazioni per nomine di funzionari .

Due vicende che tornano in maniera ricorrente sono di tipo economico: la restituzione di

un prestito di denaro da parte del papa Simmaco 181 , e la vendita di una casa nella campagna di

Milano182. Il primo episodio avviene quando il diacono di Milano , tramite Mario presta del

denaro a Simmaco , al tempo dello scisma laurenziano tra il 498 e il 506. Ennodio è dalla sua

parte, , ma come diacono rappresenta gli interessi della chiesa milanese e formula ripetutamente

la richiesta della restituzione . Essa sembra avvenire, soltanto per il capitale, e non per gli

interessi maturati nel corso degli anni . La villa suburbana di Milano, serve ad Ennodio

per la cura della sua malattia agli occhi , spera di ottenerla al prezzo pattuito, prima scrivendo

a Floro e a Elpidio, collaboratori di Fausto 9 niger . Quest'ultimo , dopo alcuni contrattempi ,

175 Sogno , 2009 , p. 168


176 Enn., Ep I ,7 ; I 26 , II, 26 ; V; 9 ; VI, 34
177 Enn., Ep II, 12 ; II, 16 ; II, 26 ; IV,
178 Enn., Ep II,15 ; II, 23 ; II,28 ; V,24; VI,26
179 Enn., Ep II ,16 ; IV,13 ; V,16 ;
180 Enn., Ep. VII, 7
181 Enn., Ep. II,10: IV, 8 ; IV,11 ; V, 13 ; VI,16 ; VI,33
182 Enn., Ep. VIII, 12 ; VIII,18 ; VIII,40 ; IX,7 ; IX,21 ; IX,22 ;

59
gli invia i documenti che certificano il suo acquisto nell'ultima missiva su questo argomento.

La vicenda riguarda la corte imperiale , che ha sede a Ravenna , dove Ennodio teme che si

svolgano intrighi ai suoi danni.

Nell'altra grande raccolta epistolare coeva, le Variae di Cassiodoro non si riscontrano

commendaticiae vere e proprie, forse perché esse sono l'espressione del potere di Teoderico

che trasmette i suoi ordini a funzionari e sudditi, e non lasciano vedere il modo in cui essi

tentano di condizionarlo a proprio vantaggio. Questa sua ideologia di regalità 183 è molto

paternalistica , vede nel sovrano l'unica fonte del beneficio e nega il policentrico scambio di

favori che si è visto negli autori precedenti .

L'ultima traccia della commendaticia nell'occidente dell'alto medioevo è nell'epistolario di

Gregorio Magno , papa dal 590 al 604184. Nell'Oriente bizantino raccomandazioni sono

scritte da Firmo , vescovo di Cesarea e da Enea di Gaza . Il secondo chiede a Marciano 12,

dux della sua provincia di risarcire la vittima di un furto 185. L'imperatore Giustiniano nel

535 nella Ottava novella vieta ogni forma di suffragium (di pagamento o di scambio di favori)

per ottenere cariche pubbliche186 , ma secondo Procopio di Cesarea questa proibizione non è

mai applicata.

Raccomandazioni si trovano non soltanto nei testi letterari, ma anche in quelli papiracei

con almeno dieci esempi. Riguardano le classi medie e sono sempre l'applicazione del

patronato. Le richieste di favori nelle fonti documentarie sono soprattutto di ambito militare

e comprendono un periodo ampio dall'età ellenistica a quella tardo- antica.

La situazione tipo di questi testi è la presentazione a un ufficiale di un soldato che viene

reclutato o trasferito nella sua unità. L'obiettivo dichiarato è ottenere la sua conoscenza e

un generico buon trattamento, a cui non potrebbe aspirare, se non fosse introdotto in questo

183 Osservazione di G.A. Cecconi


184 Russo, 2008
185 PLRE vol. 2
186 De S.te Croix, 1954 p. 47-48

60
modo. È stato notato come le formule usate non siano molto differenti da quelle delle

opere di Cicerone e di Plinio il giovane. E dunque esse sono largamente diffuse ed utilizzate

da persone di livelli culturali differenti . In una delle tavolette di Vindolanda 187 , destinata a

Annio, Caro chiede un aiuto per Brigione, una nuova recluta che deve presentarsi a un suo

superiore.

In un papiro di Berlino188 Prisco chiede a Petronio di aiutare Caro , ma senza precisare come,

in una dialettica tra ius e favor , non dissimile dalle epistole ciceroniane.

Nel IV secolo d.C Teofane di Ermupoli 189 riceve un favore da parte di Vitale, in un testo

destinato a Delfinio. Il suo sguardo benevolo, honeste respicere , è simile all'emeros blepein

di alcune lettere di Libanio , è dato per sicuro. Tradotto in termini pratici , può alludere alla

assegnazione in un reparto a lui gradito .

In un papiro di Ossirinco190 viene raccomandato Aurelio Archelao , che possa avere un facile

accesso al destinatario. Lo stile familiare e semplice è proprio della classe media militare a

cui appartiene l'autore del documento. Un altro parallelo con testi letterari è in un papiro 191 ,

che mostra la richiesta di un vescovo per un soldato disertore , in una maniera non molto

diversa da quanto fanno i Padri Cappadoci.

Dunque le raccomandazioni sono presenti in vari strati della società , non solo presso le

aristocrazie , ma anche tra le classi medie dell'esercito romano alto-imperiale e tardo-antico e

sono scritte in modi simili . Tuttavia la probabilità del loro accoglimento varia notevolmente da

un contesto all'altro. Non è completamente conoscibile e va valutata , quando ci sono altre fonti

che consentano una conferma , o una smentita, caso per caso.

187 Tab Vindol., 22


188 P. Berl., 11649
189 P. Ryl., 6, 23
190 P. Oxy., 32
191 P. Lond., 17

61
PRIMO CAPITOLO TABELLE ILLUSTRATIVE DELLE RACCOMANDAZIONI IN
LIBANIO. LE RACCOMANDAZIONI GENERICHE

Le numerose raccomandazioni di Libanio possono essere classificate in base al loro

contenuto, al loro destinatario e al loro beneficiario .

Raccomandazioni e favori in Libanio classificati per contenuto

I numeri attribuiti alle persone sono solitamente tratti dalla PLRE 1 , mentre se sono scritti
in corsivo sono tratti dallo studio di Petit 1992 , e quelli sottolineati sono tratti dallo studio di
Seeck 1906

Raccomandazioni (13 Entrechio in Bitinia) ( 20 Ianuario )


Generiche per amicizia ( 26, 45, 60, 147, 148 dossier per Filosseno )
onore , ospitalità, lodi, ( 27 per Pancrazio 2 di Cilicia ) ( 35 per Elpidio 2 e Pompeiano)
PRIMO GRUPPO (39 per Domizio Modesto , comes Orientis )
circa 329 lettere ( 54 per Marciano 4 funzionario )
(66, 472 ,473, 474, 475 per Meterio 1) (71 per latore anonimo)
(77, 78 , dossier di poeta Andronico 1 )
primo gruppo : ( 84 aiuto a Macedonio 6 non noto)
raccomandazioni ( 87 per Silvano studente di diritto) (90 per latore Zoilo)
generiche (94, 290 Leonzio 4 consularis di Palestina )
(98 per Miccalo) (99 per Olimpio 2 antiocheno)
(107 Euterio 1 di Armenia) (118, 119, 166 dossier per Boeto)
( 124 per Latore Poliano)
Primo gruppo (108, 132, 164, 255, 632, 633, 634, 826, 1428 Eudemone poeta
raccomandazioni egiziano suo dossier )
generiche per amicizia, (137 Evagora ) ( 155 Cleobulo)
onore, ospitalità ( 156, 157 aiuto ad Aussenzio 5 di Palestina )
( 183 Palladio 9 avvocato antiocheno )
(195 per Ierio 1 fenicio di Damasco) (222 per Giuliano 6 )
(223 per Andragazio)
( 228 aiuto a Eraclide di Menfi )
(230, 329 aiuto per il medico Antioco 4 nel 358-360 )
(236 Partenio 1 antiocheno nel 360 )
Primo gruppo (238 Olimpio 2 senatore di Costantinopoli )
raccomandazioni e (266 per latore anonimo) ( 275 Filastrio) ( 278 per Daricio)
favori generici ( 279, 280 per Cleopatro) ( 281, 282 Dianio in Bitinia )
per amicizia , (228 , 291, 292 dossier per Eraclide di Menfi )
ospitalità e onori (295 Laurenzio) ( 297 Terasio)
circa 329 lettere
( 298 , 651 aiuto a Masssimo 12 di Ancira )
Primo gruppo (299 per un viaggio) ( 312 Elpidio 3 in viaggio )
raccomandazioni e favori ( 317 , 318 per Retorio )
generici (321 Dinamio ) ( 322 aiuto a Boeto)
( 329 retori Alessandro 7 e Pasione di Arabia)
( 330 per Talassio 2 ) (334 , 335 Ieronimo )
( 343 per Encrazio e sue lodi ) ( 354 aiuto a Giovino 2 )
(355 , 756 per Achillio 2 decurione di Ancira)

62
( 367, 818 Arpocrazione poeta egiziano )
Primo gruppo ( 413, 414, 415, 419 per Olimpio 1 medico antiocheno e
raccomandazioni e favori influente a corte )
generici (420 per Boeto) ( 436 Gessio 1 figlio di Barbazione )
(472 473, 474 475 dossier per Meterio 2 . allievo in viaggio )
( 482, 484 , 485, 486, 680, dossier Malco )
Primo gruppo , ( 495 per latori Antioco ed Apellione )
raccomandazioni e ( 503, 504, 507, 537, 561 , 625 dossier Ginnasio sofista fenicio )
favori generici ( 511 favore per un medico)
( 516 per Temistio 3 allievo , figlio di Eorzio )
( 523, 524 Eliodoro 1 retore antiocheno)
( 525 , 526 Severo 6 antiocheno in viaggio)
circa 329 lettere ( 538 Geronzio 2 armeno nel 356 )
( 543 per Antioco e Alessandro parenti di Gaudenzio)
Primo gruppo ( 550, 551 , 553, 556, 557, 558 dossier Letoio 1 di Antiochia aiuto a
raccomandazioni e favori retore che va in ambasceria a Roma )
vari e generici (560 per Maiorino)
(569, 570, 571, 572, 573, 574, 575, 576 ,577, 593, 594 dossier
per Giamblico )
( 595 596 dossier di Aussenzio 4 avvocato nel 357 )
( 626 per Bassiano) ( 641 Flaviano 1 in Fenicia )
( 658 aiuto a un retore in Galazia)
( 652, 653 per Ilarino, e suoi studi giuridici)
( 666 per Faustino di Pisidia)
( 667, 668, 669 Giuliano 15 di Pisidia allievo che va da Temistio )
Primo gruppo ( 670 Anfilochio ) (674, 675 Aezio 2 )
raccomandazioni e favori (677, 1221 , 1222 per figlio Cimone)
vari e generici ( 689 per Ulpiano 1 e Palladio 5 che vanno in Eufratense nel 361 )
( 690 Marciano 5 antiocheno)
( 693 aiuto a retore Basso 2 fenicio) (694 per Fortunaziano 1 )
( 695 per Adriano) ( 696 Seleuco e Alessandra )
circa 329 lettere (703 per ignoto) (717, 746 per Teofilo 3 cristiano)
( 720, 721 dossier per Menecrate) (722 per allievo Diogene 2 )
primo gruppo (744, 751 per medico Eucarpione) (755 Eutropio 4 lo storico ? )
raccomandazioni ( 760 per Prisco 1 di Tesprozia ) (761 per medici )
generiche ( 762 per retore Sopatro 2 di Arabia )
( 784 per medico Tiranno )
(787 per un parente di Letoio 1 , di Cilicia )
primo gruppo ( 790 per Pompeiano 4 di Galazia , padre di allievi )
raccomandazioni ( 827 per Elpidio 4 ) (829 Eutocio retore ) ( 830 per Enea )
generiche ( 831, 832, 841 Per Teodoro 4 allievo , di Antiochia )
( 834 , 1444 Albanio retore di Ancira )
( 836 per latore anonimo)
( 839 Eraclide egiziano)
Primo gruppo (854 , 855 Esichio 4 a Antiochia nel 360)
raccomandazioni ( 883 per Iasio, Ificrate ) ( 888 per un medico)( 917 per Ammonilla)
varie generiche (931 per Boeto ) ( 947 Ilario 8 filosofo di Acaia )
( 948, 1524 dossier di retore Gessio 2)
( 982 ,984 dossier di Giamblico ) ( 1002 Nemesio)
( 985 Olimpio 10 di Antiochia )

63
circa 329 lettere ( 986 per Asclepio 3 retore )
( 992 per medico Dionisio 6 nel 390-391) (993 ringraziamento)
Primo gruppo ( 989, 1000, 1039, per Priscione retore di Fenicia )
raccomandazioni ( 996, 997, 1017, 1018 , per Massenzio 3 retore di Tiro )
varie e generiche (1011 , 1012, 1013 per Letoio 6 di Panfilia)
primo gruppo ( 1014, 1015 per Letoio 7 ignoto )
raccomandazioni ( 1027 per medico Ciro) ( 1046 per un abitante di Sidone )
varie e generiche ( 1048 Firmino 2 sofista di Cappadocia)
(1040, 1064, 1084, 1085 per allievo Teofilo )
(1051 Calliopio 4 retore ad Antiochia)
(1065 per Eutropio 7 retore )
( 1072,1073 per Macedonio 5 di Cirro suo dossier)
( 1077 per anonimo ) (1087 per retore ignoto )
Primo gruppo (1088 per donna ignota )
raccomandazioni ( 804, 805, 808, 810, 812, 1114, 1350, 1419, 1420, 1454 per
varie e generiche Iperechio) ( 1094 per fratello di Maras )
( 1096 per ignoto latore ) ( 1097 per Teomnesto )
( 1099 per fanciulla portatrice della lettera)
( 1102 per Giuliano 19 allievo nel 393 )
( 1103 per Talassio 4 antiocheno )
( 1107 per Asclepio 3 allievo del filosofo Clemente )
Primo gruppo ( 1108 per Domno e una sua parente )
raccomandazioni ( 1122, 1123 per Demetrio 1 allievo , figlio di Ierio 3)
varie e generiche ( 1137, 1138, 1139 per Geronzio 3 sofista e decurione di Apamea)
= circa 329 ( 1142 per Dionisio 5 antiocheno )
( 1149 per Romulo di Ancira)
( 1150 per Aristone di Cirro) ( 1192 dossier di Aussenzio )
( 1198 per Alessandro 5 agens in rebus nel 364)
(1200 1201,1202 per Pelagio di Cirro )
Primo gruppo ( 1206, 1210, 1211, 1214, 1216 Pergamio studente )
raccomandazioni ( 1207 per Numenio )
varie e generiche (1209 per Alessandro 5 agens in rebus )
(1215 per Eumazio )
( 1221 per figlio di Libanio Cimone Arrabio )
( 1225, 1226. 1227, 1228, 1229, 1306 dossier di Peanio )
( 1230 per retore ) ( 1244 per un padre )
( 1246 , 1247, 1248 per retore Aquiliano )
( 1254 per donna anonima) (1256 per Alessandro 3 )
( 1258 per retore antiocheno ) ( 1261 per Giuliano 15)
( 1263 per latore )
Primo gruppo ( 1280 per ignoto) (1282 per latore )
raccomandazioni ( 1285 , 1289 dossier per Eubulo e suo parente )
varie e generiche (1296, 1297 per Giuliano 7 retore ) (1302 per Eutichiano)
(1304 per Eutropio 4 , forse storico)
circa 329 lettere (1319, 1328 , 1331, 1333, 1334, 1336, 1341, per Evanzio)
( 1348, 1354 per un ignoto)
(1353 per un amico di Ulpiano)
( 1359 per Ecdicio 1 padre di allievi nel 363 ,di Ancira )
( 1366 , per Geronzio 3 , sofista ad Apamea)
( 1370 per atleti di Atena)

64
primo gruppo ( 1371 per retore )
raccomandazioni varie ( 1375 per allievo Teodoto 3 , figlio di Olimpio 2 )
e generiche (1381, 1382 dossier di Encrazio)
(1383, 1384 per Severo 5 di Licia ) (1388 per Marciano 7 )
( 1390 Alessandro 3 ad Antiochia nel 363 )
( 1401 Agazio e Teotecno ) ( 1402 viaggio di una sposa )
( 1122, 1123 per Demetrio, allievo )
(1432 per Olimpio 5 figlio di Asterio , favorevole ai Cristiani)
( 1442 per Basso e Talassio ) ( 1452 per Eraclidiano)
(1455 per Severino 2 che va a Costantinopoli nel 363 )
primo gruppo ( 1462 , 1463 per Evagrio 6 ) ( 1468 per Evanzio )
raccomandazioni varie ( 1055, 1056 per Dionisio 2 di Isauria )
e generiche ( 1478, 1479 dossier per Severo 5 di Licia )
( 1486 per Numenio) ( 1488 per Peanio )
( 1495 per Aconzio di Armenia)
circa 329 lettere ( 1458, 1503, 1504 per Lemmazio )
(1517 per poeta Doroteo )
primo gruppo ( 1528, 1529 dossier per Palladio 10 )
raccomandazioni varie ( 1535 per governatore Teodoro 3 )
e generiche ( 1537 per Eustochio 1 avvocato di Palestina )
( 1544 per allievo Romolo)

65
( 3, 4 dossier Olimpio 13 agens in rebus)
( 11 per un posto in Palestina) (17 un posto generico)
( 18 per Calliopio 5 dossier) (19 per Spettato)
Secondo gruppo (34, 127, esenzione dal senato di Costantinopoli)
favori e ( 61, 62 , 63 , 64, 65 dossier Prisciano 1 di Berito )
raccomandazioni ( 55 per prolungamento della carica di Palladio 7 )
burocratici ed ( 72, 73 , 74 , 75 per Partenio di Antiochia )
amministrativi ( 81 per Giuliano 9 agens in rebus , cristiano e di Cilicia )
per nomine, ( 82 Antifilo ) (83, 339 Sabino 1 consularis di Siria )
promozioni ed ( 86 Celso 3 in senato ) ( 95 per Pelagio)
esenzioni da cariche ( 116 per fratello di Esichio 4 , notarius )
pubbliche ( 127 per esenzione dal senato di Acacio 3 )
( 136, 189, 244 dossier di Mares di Cirro notarius )
( 97, 149 Miccalo) (155 Bassiano) (169 Leonzio 7 officialis )
secondo gruppo (102, 170 dossier di eirenophulax a Elusa )
raccomandazioni e ( 173 Strategio assessor )
favori burocratici ed (185 congedo a Quirino 2 di Berea ) ( 232 Frontino)
amministrativi ( 233 Ammiano 2 agens in rebus ) ( 246 cugino ateniese)
( 265 Olimpio 2 senatore ) (272 Tassiarchi)
( 281 per Dianio di Nicomedia ) ( 284 per Eraclio 2 )
( 287, 309 Severo di Licia 5 ) ( 301 Elpidio 3 avvocato )
(315 Evagrio 1 ) ( 324 Ierocle I notarius di Cilicia )
secondo gruppo ( 339 Anatolio e Sabino) ( 348 Tusciano assessor)
raccomandazioni e ( 358, 359, 365 366, 400* esenzione di Onorato 2 da agens in
favori burocratici ed rebus) ( 372 una carica per Tiberio )
amministrativi (382 ad un magister epistularum ) ( 386 Quirino 1 assessor )
( 391 un governatore provinciale ) ( 396 Apellione )
( 397 Alcimo ) ( 404 aiuto da imperatore a Retorio),
(423 per Anatolio) ( 425 per medico Eutolmio)
Secondo gruppo ( 434, 517 reclutamento di senatori da parte di Temistio )
raccomandazioni ( 435, 450, 451, 452 , 514 , dossier di Clemazio 2 agens in rebus ,
e favori poi governatore di Palestina )
burocratici ed ( 457 , 458, 459 dossier Eusebio 2 a Costantinopoli )
amministrativi (519 Letoio 5 agens in rebus )
( 454 esenzione ad Acacio ) (476, 478 per Libanio a Antiochia )
circa 195 lettere (505 Spettato in Italia ) (532 per Boeto a Elusa)
( 582, 583, Domezio assessor )
( 602, 603 , 604 dossier Olimpio 6 agens in rebus di Antiochia)
(608 Dionisio) (656 Carterio agens in rebus )
( 697 dono da imperatore) ( 699 Celso 3 in Cilicia)
( 734 Seleuco) ( 791 cariche in Galazia)
(796 una carica imperiale ) (797 per Antipatro sacerdote pagano )
( 799 elogio di Gaiano ) ( 841 Agens in rebus )
secondo gruppo ( 861 Domnione 6 governatore di Asia dopo 388 )
raccomandazioni e favori ( 871 per Alessandro 4 in Egitto)
burocratici ed ( 875, 876 figlio di Mariano incarico )
amministrativi ( 884, 887 Eusebio 27 , per suo ingresso in senato )
( 922 , 923, 924, 925, 926, 927, 928, 932, 936, 939, 943 dossier
circa 195 lettere Talassio 4 in senato) (949 un posto per Celsino )
( 957 Sapore comandante militare)

66
secondo gruppo (958, 959 , 960, 1000, 1026 , 1037, 1042, 1001, 1023, 1058
lettere e favori dossier di Cimone Arrabio figlio di Libanio)
burocratici ed ( 965 per Asclepio 3 ) ( 966, 967 dossier per Filippo 3 )
amministrativi ( 972 invito a Ricomere ) ( 974 per Eutimio defensor civitatis )
(987, 998, 999 dossier di Severiano 3 consularis di Fenicia)
( 1052 per Rufino 12 gallico)
Secondo gruppo (1092 per un posto nella burocrazia per un ignoto)
lettere e ( 308 , 704, 792, 1114, 1115, 1116, 1441, 1443,
favori burocratici ed dossier per Iperechio di Ancira )
amministrativi ( 1155 Ulpiano 1 governatore di Arabia)
( 1129, 1154 Aristofane di Corinto)
( 1193, 1194, 1195, 1196, 1197, 1198 1199 Alessandro 5 agens in
rebus ) (1222 un posto per Marco di Cappadocia)
(1252 ,1261 per Giuliano 15 di Pisidia)
Secondo gruppo (1260 per Antioco 2) ( 1287 istruzioni a un governatore)
favori e raccomandazioni ( 1295 incarico di Alessandro) ( 1305 dossier per Giuliano 7 )
burocratici (1362 per Patrofilo ) ( 1367 per Modesto in Bitinia )
ed amministrativi ( 1392 per Aussenzio defensor civitatis a Tarso )
( 1426 ringraziamento per la nomina)
circa 195 lettere ( 1425, 1433, 1434, dossier di Salvio, militare e del figlio )
( 1449 un posto per Acacio 1 )
( 1456 per Alessandro 3 consularis di Siria Costantinopoli )
secondo gruppo favori e ( 1461 passaggio di consegne) (1465 per ignoto )
raccomandazioni ( 1482, 1484 per Apelllione a corte imperiale)
burocratici ed ( 1489, 1490 per Saturnino 2 notarius alla corte nel 365 )
amministrativi ( 1505, 1507, 1521 per Alessandro agens in rebus 5 )
(1510 per Maiorino )
circa 195 lettere (1514 esenzione per i figli di Acheo)
( 1525 per Eustochio militare ) ( 1526 per Acacio )

( 21 multa a Nicenzio ) ( 37 processo di Scitopoli e Arsenio 2)


Terzo gruppo (41 Eumazio ) (56 per un anonimo)
raccomandazioni e favori ( 67 68 , 69 , dossier di Clearco e Severo aiuto a Cleobulo)
giudiziari, per processi ( 105 Pierio ) ( 110 Eupizio) ( 117 per studente Peonio) ( 165 ,
assoluzioni, condanne, 167 aiuto a Valente ) (174 Antonio contadino di Cirro in
calunnie, studi giuridici Eufratense ) (194 Difesa di Procopio 1 e figlia )
carriere di avvocati ( 214, 215 aiuto per Calliopio 1 assessor al quaestor sacri palatii )
( 227 per beneficiario ignoto)
( 234 processo ad Antioco 3 di Fenicia )
(256 per Luciano , pentito del suo errore )
Terzo gruppo (286 difesa di Ilario 7 di Antiochia ) (302 per Leonzio e Marciano )
Raccomandazioni e (344 aiuto ad orfano) (386 un galata) (394 Arabio ed Apellione )
favori di ambito ( 407 calunnie ) (431 Dafnio a processo ) ( 433 per un docente
giudiziario di diritto) (533 Artemone ) ( 535 per Apollinario e sua difesa )
circa 93 lettere ( 629 per Meonio copista ) ( 636, 637 contro Luciano )
( 724 per Teodulo, che costruisce una casa su una proprietà di un
tempio pagano ) (758 per Aristofane di Corinto )

67
(807 per studi giuridici ) ( 815 per Giuliano 15 di Pisidia )
Terzo gruppo ( 819 per Orione di Bostra ) ( 821 per Basilide)
raccomandazioni e favori ( 838 retori e avvocati ) (858 859, 860 Diogneto avvocato di
di ambito giudiziario Samosata ) ( 881 per Gaiano che subisce ingiustizie )
( 882 processo a un ignoto Pietro ) ( 981 aiuto per la successione
di Olimpio 2 ) ( 994 percosse a un decurione)
( 1025 per un'assoluzione ) ( 1145 per Strategio 3 sofista )
(1159 per Armonio ex governatore di Arabia )
Terzo gruppo , ( 426, 1168 , 1169 , 1204, 1438 , 1470 per processo di
favori giudiziari Dionisio 2 di Isauria )
per assoluzioni , ( 1170, 1171, 1203 per gli studi giuridici di Apringio a Berito )
esenzioni , condanne, ( 1233 assoluzione per Arsenio 2 )
studi giuridici ( 1271, 1272, 1273 , per nomina di Magno 3 ad avvocato presso
il governatore di Fenicia nel 364 ) (1263 latore anonimo )
(1266 vicenda giudiziaria tra Nicocle e Clearco )
(1275 per Porfirio 1 calunniato in Egitto ) ( 1276 sicurezza per
Terzo gruppo : una donna ) (1310, 1311, 1312, 1314 , 1317, 1318, 1320, 1321,
favori giudiziari 1322, 1323, 1466 , 1467 dossier di Evagrio 6 a processo)
per assoluzioni , ( 1338 Numenio e un'indagine) ( 1364 per figli di Talassio)
esazioni, condanne, studi (1353 iudex pedaneus Macedonio 2)
giuridici ( 1360 petizione per anonimi )
(1365 Letoio 1 principalis di Antiochia)
( 1376 difesa di Vitalio 1 ) ( 1398 per Urbicio )
circa 93 lettere ( 1411 difesa di Eusebio 21 cristiano, da accuse )
( 1397, 1411, 1414, 1427, 1451 dossier di Clearco e Severo )
( 1431 per uno studente di diritto )
( 1481 Simbulo) (1496 per Melichio contro Sapricio)
( 1498 per filosofo Teopompo )

68
Quarto gruppo, lettere ( 22, Aussenzio doni agricoli) ( 23 aiuto a retore Demetrio)
per dazioni, ( 40 esenzione per Giuliano 8 fratello di Ierocle )
pagamenti , esenzioni, (38 decurione Romulo) ( 52 Severo e Cleobulo )
matrimoni, terre, ( 50, 53, 54 eredità Domno suo campo dossier e esenzione .)
doni materiali ( 70 per Olimpio 2 senatore ) (80 per Ottato ) ( 85 Macedonio 6 )
( 93 Cratino ) (113 figlio di Argirio)
(115, 126 per terre di Zezes) ( 130 Artemio) ( 132 Eudemone)
circa 250 lettere ( 133, 134, 135, 136 dossier di Mocimo, collaboratore di Libanio )
( 144 per Mares di Cirro ) (150 esenzione per Apringio, Fraterno)
( 152 per orfani Teodoro Carisio ) (153 per decurione )
( 159 per Ipazio) (160 per Prisciano 1) ( 163 , 171 per Trifoniano)
(175 compenso per Basso 2) ( 177, 178 dossier di casa di Sinope)
( 184 per Verino) (196 per edifici) (197 per decurione Asterio )
quarto gruppo ( 198 esenzione per Eustochio 1) (200 contro multa a Anisio 1)
favori economici e (201, 202, 204 Leonzio 11 insegnante di Eufratense )
materiali (203 per Ermolao) (206 Zenano) ( 207, 208 per Ilario 2)
(210 per una sitegia ) (213 Naumachio) ( 225 esenzione a
decurione Eraclito di Tiro) (226 aiuto economico a studente )
( 231 dazione a Cleobulo ) (242 Strategio 4 architetto )
( 245 Carterio di Arca) (251, 252 , 253 dossier per Olimpio 2 )
(270 per Armeni ) (273 dazioni generiche) (276 per Dulcizio 5)
( 277 per fratello di Megezio ) ( 285 per Letoio 4 armeno orfano )
Quarto gruppo ( 288 , 646 allievo Eudocio 1 di Armenia)
raccomandazioni e ( 293, 294 per Agrecio curiale) ( 303, 304 aiuti a Magno 3 )
favori economici (307 per Erodiano ) ( 313 multa a Sofronio) ( 314 aiuto ai retori )
e materiali ( 319 per Dionisio 4 ) ( 320 Basso 2)
( 336 Domno decurione di Tiro) ( 337 Archelao 3 )
( 340 figli di Ierio) (349 , 350 Sitegia di Giuliano 5 in Egitto )
circa 250 lettere ( 371 per un matrimonio ) ( 374, 375, 376, 379 dossier esenzione
di Dianio ) ( 381 esenzione di Obodiano ) (428 Eorzio )
( 24, 28, 258, 261, 439, 454, 466, 546 pagamenti a Libanio )
( 463 Agrecio) ( 464 a Fozio 1) (469 retore Imerio in Armenia )
( 471 casa di Ierocle ) (568 per legname )
( 580 per libri ) (591, 592 dossier di Mariade )
( 597 per Firmo) (619 Palladio ) (620 terre di Talassio 2 )
Quarto gruppo ( 615, 623 proprietà agricole ) ( 635 soldi per Mariano )
raccomandazioni e ( 642, 644 dossier Rufino 7 )
favori materiali ed ( 648 Ulpiano) (649 Palladio per il Legno) (655 dono di colombe )
economici ( 659* , 664, 665 per esenzione a Severo)
( 673 eredità di moglie Macedonio)
( 682, 683 per figlie di Elladio ) (705 per la sitegia di Megisto)
( 709 per doni materiali vino e soldi) ( 714 matrimonio )
(715 Alessandro 6 di Tarso) ( 723 esenzione per Filone di Rosos )
( 727 tempio di Asclepio a Ege ) (730 esenzione di Albanio )
Quarto gruppo ( 731 per patrimonio di Iperechio) (757 per Basilico riduzione delle
raccomandazioni e tasse) (763 per Orione di Bostra ) (765, 766 dossier di Diofanto)
favori materiali ed ( 766 Achillio e fisco ) ( 769 Aezio 2 avvocato di Ancira)
economici ( 788 Papiriano e le sue ricchezze )
(1277 per Pancrazio 1 senatore a Costantinopoli )

69
Quarto capitolo ( 800 denaro e lettere ) ( 803 esenzione a Iperechio)
raccomandazioni e ( 814 per Leonzio 8 di Galazia )
favori materiali ed ( 816 dazioni a poeta ) ( 820 per Asteo) ( 828 Erculiano)
economici nelle lettere ( 837 terre e cavalli ) ( 844, 889, 890, 891 dossier di Romulo)
di Libanio ( 892 Gessio 2 ) ( 896 per le statue) ( 872 per Macedonio 5
decurione di Cirro nel 388)
( 885, 886 , 887 per Eusebio 28 docente di retorica ad Antiochia )
Quarto gruppo , lettere ( 870, 879, 902, 904, 909, 918 dossier di Eusebio 22 sofista di
con raccomandazioni Antiochia, sua esenzione nel 388 ) ( 892 per Basso 2)
e favori economici e ( 910 per Epifanio ) ( 911 doni di Celsino)
materiali ( 912 per Parnasio orfano ) ( 913 per un abitante di Sidone)
( 940, 941 Erezio padre di studente) ( 942 denaro per Anastasio)
( 946 per gli studi di Teofilo) ( 952, 953 dossier di Olimpio figlio di
quarto gruppo lettere Domnione 2 di Larisa) ( 975 per Eutimio defensor civitatis)
con raccomandazioni ( 977 Geronzio) (988 per doni materiali di vino e soldi)
e favori economici e (1007 ricchezze di Giamblico) ( 1019 per Nemesio decurione)
materiali ( 1033 aiuto ad orfani anonimi) ( 1034 vino come pagamento per
insegnamento) ( 1041 per agricoltore ) ( 1160, 1163, 1172 per orfani
di Urbicio) (1161 per venditore di profumi) (1162 aiuto per
Marcellino) ( 1167 per eredità di Gorgonio e Alessandro 10 )
Quarto gruppo (1176 aiuto per Aristone ) ( 1178 per restituzione di libri )
favori materiali ed (1180, 1181, 1182 , 1183, dossier giochi olimpici di Antiochia )
economici (1189 Alessandro di Panfilia) (1191 per legname e suo trasporto)
(1224 per esenzione di un curiale ) (1239 dazione di cibo)
(1243 contro Pancrazio, sue proprietà e matrimonio)
quarto gruppo favori ( 1281 per Crisogono) ( 1283 per Acacio ) (1291 per Alessandro)
economici e materiali (1292 per un fidanzamento e matrimonio)
circa 250 lettere ( 1324 per matrimonio di figlia di Pompeiano)
quarto gruppo favori ( 1327 per dazione di Onorato) (1329 dazione di Aristone )
economici e materiali ( 1332 per dazione di cavallo ) (1339 dazione per Anastasio )
(1344, 1345 Pompeiano e matrimonio) ( 1355 per Antioco
proprietario terriero ) (1352 aiuto a Rufino negli studi)
( 1369, 1374 esenzione per Porfirio 1 ) ( 1378 casa di Leonzio )
circa 250 lettere ( 1385 per curiale Teotecno) (1386 per Laurenzio in Cilicia )
quarto gruppo ( 1393 esenzione per Aussenzio) ( 1394 per studi di Pandoro )
raccomandazioni e favori (1404 per patrimonio di figli di Talassio) ( 1406 per Calliopio )
economici e materiali ( 1407 per Mocimo e sua vendita) ( 1409 matrimonio di Bassiano)
(1412 esenzione per Olimpio 5 , figlio di Asterio nel 363 )
( 1416 per doni materiali a Libanio ) ( 1418 per la terra di Geronzio
di Palestina) (1473 favori materiali per Eustazio 4 di Nicomedia)
( 1474 per campi di Celso 3) (1509 riscossione a Perge )
( 1511, 1512, 1513 dossier di Marciano 6 in Cilicia)
( 1514 per figli di Acheo ) ( 1523 per Leonzio 16 )
( 1532 per dono di colombe ) (1536 aiuto economico a retori)
(1539 pagamento di insegnamento) (1540 per eredità di Alessandro 5)
(544, 586, 587, 588, 598, 599, 1231, 1232, 1399 dossier per orsi e
animali feroci da utilizzare per giochi pubblici di Antiochia
( 217, 218 , 219, 1146, 1147, 1148, 1400, 1459, 1476, 1459,
1520 dossier per Celso 3 e i suoi giochi pubblici )

70
(151, 154, 161, 162 per allievi e retori)
Quinto gruppo : lettere ( 112 per animali nei giochi pubblici )
con raccomandazioni e ( 192, 271, 306 per schiavi fuggitivi) ( 205 per Alessandrini),
favori per collettività e ( 357 per familiari di Uranio)
gruppi di persone ( 114, 448 , 449, 850, 852, 853, 866, 868, 1186, 1499, per
ambasciatori di Antiochia)
circa 64 lettere (552, 556, 557 ambasceria di Letoio 1 a Roma per Vicennalia)
(607 per Ancira ) ( 611 per Laodicea )
( 624, 663 per giochi di Antiochia ) ( 659 per Atene ),
( 692 a Aussenzio) ( 747 famiglia di Gaudenzio)
(748 per bagno pubblico di Antiochia) ( 840 per ringraziamenti )
( 843 per atleti egiziani ai giochi antiocheni )
( 846 per Emesa ) ( 851 per consiglio comunale )
Quinto gruppo ( 13 per città ) (968 per abitanti di Tiro ) ( 1146 per ignoti)
Lettere contenenti (1071, 1074, 1200 dossier per città di Cirro e sua ambasceria)
favori collettivi e ( 391, 964, 1106, 1119, 1184, 1185, 1186, 1259, 1269,
pubblici 1410 per città di Antiochia)
( 1212, 1213 per artisti di Dioniso dossier)
( 914, 1251 per Ebrei) (1253 per manichei, adoratori del sole)
circa 64 lettere ( 1351, 1392 per Apamea) ( 1368 per Tarso)
Quinto gruppo (1370 per atleti di Atena )
raccomandazioni e ( 1439 aurum coronarium)
favori per gruppi e (1530, 1531 dossier per famiglia di Eusebio )
collettività ( 1543 per famiglia di retore Antioco)

( 2 ad Ellebico) ( 10 a Elladio) 12, 15, 25, 26, 29 , 30 , 31 ,


Sesto gruppo 32 , 33, 36 , 42, 43, 44, 46, 47, 48 , ( 49 spedizione in Persia nel
Lettere senza 363 ) , 51 , 57 , 58 , 59,
raccomandazioni , né 76, 78, (88 insegnamenti di un retore) 89, 92,
favori (96 morte di Fasganio), 103 , 104 , 106, 120, 121 , 127 , 128 , 129
circa 400 lettere 131, 138, 141, 142, 143 , 168 , 172, 181, 182 , 186 ,
187, 188, 190 , 199 , 211, 243 , 247 , 248, 249 ,
( 250 su figli di Cesario), 254, 257, 259 , 260 , 262 ,
Sesto gruppo lettere (263 sul lavoro dei copisti), 274 , ( 283 morte di Fasganio) , 289 ,
senza raccomandazioni 300 , 305 , 310, 316 , 323 , 325 , 326 , 327, 331, 332 ,
né favori 338 , 341, 342 , 345 , 346 , 347, 351, 352 ,
(353 Tusciano) 367, 369, 370, 373, 377, 379 , 383, 384,
385, 387, ( 388 morti a Nicomedia per il terremoto )
389, 390, 392, (393 a Igieno ), 398, 401, 402 , 405, 406, 408 ,
416, 417, 418, 421, 422, 424 , 429 , 442, 443 , 445,
446, 453, 460 , 461, 462 , 467, 472, 477 , 478 , 479 , 487 .
496, 497, 498 499, 500, (501 a Basilio) 502 , 506 ,
507, 508 , (509 a Anatolio) 510 , 512, 513, 515 , 518 ,
529, 530 , 531 , 539 , 563, 564, 565, 566, 567 ,
sesto gruppo lettere 581, 578 , 579, 600, 601, 605 , 606, 609, 610 , 613, 614 ,
senza raccomandazioni 616, 617, 621 , 630 , 631, 634, 640 , 644, 647, 650, 661, 662,
né favori 671, 672 , 677, 679, 681, 684, 685 , 687, 691, 698 , 707 , 708,
710 , 712 , 719 , 725, 726, 728, 731 , 733, 735 , 736, 737,

71
sesto gruppo lettere 738 , 739 , 740 , 745, 753, 754, 759, 769, 777, 778, 784 , 785,
senza raccomandazione 786 , 793, 794 , 799, 806, (811 lodi ad Alessandro) 815 , 825 , 842,
845, 856, 857, ( 867 storiografia )

894, 895, 896, 897, 898, 899, 901, 916, 933 , 934, 937, 938,
944, 945, 950, 951, 961, 962, 963, 980 , 983,( 990 festa
Sesto gruppo lettere pubblica), 991, 995 , 1001, 1003 , 1004, 1008, 1009, 1010 , 1016.
senza raccomandazione 1017, 1022 , 1021, 1028, (1031 a Policronio)
(1036 traduzioni di testi), 1039, 1042, 1043 , 1044 , 1045 , 1049 ,
1050, 1059, 1060, 1061, 1062,
( 1063 lodi ad Ammiano Marcellino) 1066, 1067, 1068, 1075,
1076, ( 1081 lode ad Aristeneto 2 ) , 1082, 1083, 1086 , 1093,
1098, 1099, 1100, 1101, 1104, 1105, 1113, 1117, 1121, 1124,
1125, 1126, 1127, 1128, 1130,
1132, 1133, (1141 sulla morte di Calliopio), 1144, 1156, 1157,
sesto gruppo lettere 1158, ( 1164 per ambito scolastico) 1165, 1166 , 1173, 1174, 1186,
senza raccomandazione 1187, 1188, 1190, 1216, 1217, 1218, 1219, 1220, 1223, 1233,
1236, 1241, 1242, 1243, 1250, ( 1256 a Domnino)
(1262 libro di Elio Aristide) ( 1264 Melitide), 1257, 1279, 1284,
1286, 1288, 1290, 1293, 1294 , 1298, 1299, 1300, 1301, 1307,
Sesto gruppo lettere 1308, 1309, 1313, 1315, 1325, 1326, 1330, 1335, 1340,
senza raccomandazioni (1342 tempio di Apollo), 1343, 1346, 1347, 1349, 1358, 1363,
circa 400 lettere 1372, 1389, 1391, 1395, 1403, 1422, 1424 , 1429, 1430, 1435 ,
1436 , 1437, 1440, 1446, 1447 , 1453, ( 1454 per Città fenicia),
1466 , 1469, 1475, 1483, 1485, 1487, 1491, 1492, 1493, 1494,
1500, 1502, 1508, 1516, 1518, 1519, (1534 libri di Elio Aristide)
Settimo gruppo : lettere (9 per Romano) ( 14 per Dinia ) ( 16 per ritorno ad Antiochia)
senza raccomandazioni ( 91 per Cleobulo) ( 106 per retore anonimo) (109 per ignoto)
ma con favori ( 111 per Ciriaco) (145 Macario ) (158 Naumachio)
generici ( 176 Elpidio) ( 179 per Palladio 7 di Antiochia )
circa 159 epistole ( 182 per un concittadino)
( 191 studente di medicina) ( 193 Nicenzio in Egitto)
( 206 per Zenano) ( 212 Agiano) ( 221 per Ursulo nel 360)
( 235 per Carzio e Marcellino )
( 239, 267, 268, 311, 704, 732, 779, 804, dossier di Iperechio)
( 240, 241 per Eustochio 1 avvocato di Palestina )
settimo gruppo lettere (269 per Nemesio ) ( 278 per Daricio)
senza raccomandazioni, ( 296 per Alessandro 8 di Palestina) ( 297 per Terasio)
ma con favori generici ( 298 per Massimo 12 di Ancira)
(395 per Anzio ) ( 399 per Cleobulo) ( 403 Teodoro)
( 409, 410, 411, 421, 476 dossier per Libanio e sua permanenza
ad Antiochia )
( 412 per medico Olimpio 1 ) ( 427 amicizia con Spettato)
( 430 Clemazio 2 a Nicea) (432 riconciliazione con Andronico 2)
settimo gruppo ( 438 ringraziamento) ( 440 Antioco 2 decurione di Antiochia )
lettere con favori generici ( 447 amici in visita ) ( 455 amicizia )
ma senza (456 per Alessandro 2 di Paflagonia nel 355)
raccomandazioni ( 465 per Diofanto 3 allievo di Cilicia,)
circa 159 epistole ( 468 per retori ) ( 481 per ignoto)

72
( 488 per Adamanzio 2 ) ( 489 per un libro mandato)
( 490, 492 ringraziamenti) ( 491 per Clemazio 2 )
( 520, 521 per Dulcizio 5 in Egitto)
( 522, 527 , 541 favori generici per ignoti elatori)
Settimo gruppo ( 528 Bacchio di Cilicia )
favori generici senza ( 534 Olimpio 1 medico ad Antiochia)
raccomandazioni ( 536 per Strategio di Ancira figlio di Agesila )
circa 159 lettere ( 562, 563 per Pelagio di Cirro )
( 585 per Eusebio 10 , di Armenia ex allievo e padre di allievi)
( 589 per Leonzio ) ( 611, 618 per ignoto)
( 622 per Massimo )
( 627 per latore ) ( 628 per ignoto mandato da Gaudenzio)
( 645 per stdudente armeno Eudocio )
( 657 per Eumolpio di Antiochia, a corte imperiale )
Settimo gruppo lettere ( 660 per Olimpio 2 figlio di Po,mpeiano )
senza raccomandazioni ( 676 per Esichio) ( 688 per Fotino)
ma con favori ( 700 per Acacio 3) ( 701 metodo dei favori)
generici (704 , 732 per Iperechio) ( 706 , 711 per ignoto )
(713 per Menandro 1 di Palestina )
( 716 per Fortunaziano ) ( 718 per sacerdote pagano)
( 741 per Patroino) ( 742 per Ermogenia e Filopatra )
( 749 per Gaudenzio) ( 750 per Agrecio ed Eusebio)
( 752 per Miccalo di Antiochia )
( 762 per retore) ( 764 per Teudiano e Giuliano)
Settimo gruppo ( 781 per Gaio 2 di Cilicia) ( 783 per retore Anticle )
favori generici ( 810 per amici ignoti ) ( 823 per giovane di Ancira)
senza raccomandazioni ( 836 per latore ignoto) ( 847 per Diogneto di Samosata )
( 848 per Teodoro ) ( 849 per ignoto ) ( 893 per Massimo )
( 935 per Iullo ) ( 954 richiesta di lodi )
(955, 956 per Panegirio docente di retorica in Palestina )
Settimo gruppo ( 973 al patriarca Gamaliele)
lettere senza ( 979 per Leonzio) ( 1006 per Eusebio 34 di Odenato )
raccomandazioni ma ( 1024 per Palladio 19 di Tiana padre di allievi )
con favori generici ( 1029 per Rufino ( 1030 per Olimpio nel 392 )
( 1032 aiuto a figlia di Tespesio) ( 1035 per Aburgio )
( 1038, 1053 per Priscione di Fenicia )
(1047 per poeta) ( 1069 ringraziamento )
circa 159 lettere ( 1070 per Dolenziano ) ( 1079 per ignoto )
( 1089, 1090 per poeta Eusebio 32 )
(1109 per riconciliazione tra Ottato e Prisciano 2)
( 1118 per Olimpio 7 cugino di Alessandro)
( 1140 per Anfilochio) (1141 per Calliopio)
( 1151 per Materno e Olimpio ) ( 1152 per figlio di Rufino)
( 1177 per retori Menandro e Castricio)
settimo gruppo lettere ( 1205 per medico Demetrio 3 ) ( 1235 per Petronio)
senza raccomandazioni ( 1245 per retori ) ( 1249, 1250 per Numenio e Dionisio )
ma con favori generici (1265 ringraziamento )
( 1328 , 1401 per Letoio 1 e suo viaggio in Eufratense )
( 1337 per Batto ) ( 1356, 1357, 1361 per allievi ignoti )
(1373 per retore)( 1377 per latore)

73
( 1387 Antioco e Alessandro )
( 1396 per Domiziano) ( 1408 ringraziamento a Teofilo)
circa 159 lettere ( 1413 per Valentino ) ( 1415 per Erodiano)
settimo gruppo lettere ( 1421 per Callistene) ( 1423 per un abitante di Tiro)
senza raccomandazioni ( 1448 per una visita ) ( 1450 per un'accoglienza)
ma con favori generici ( 1457 per Materno) ( 1471 per Eustazio 4 di Nicomedia )
( 1472 per Macedonio 6 ) ( 1478 ad Afobio cristiano )
settimo gruppo lettere ( 1497 richiesta da parte di Ecdicio) (1501 per figli di Eumazio )
senza raccomandazioni ( 1522 aiuti a retori) ( 1527 per Domiziano e Strategio 3 docente
ma con favori generici di retorica ad Antiochia )

Raccomandazioni e favori in Libanio classificati in base al destinatario

I numeri attribuiti alle persone sono tratti solitamente dalla PLRE vol. 1,
quando essi appaiono in corsivo, sono tratti dal libro di P. Petit 1992 Les Fonctionnaires
dans l'oeuvre de Libanios ,
quando sono sottolineati, sono tratti dallo studio prosopografico di Seeck 1906 ,
e sono in grassetto quando vengono tratti dal libro di Cribiore 2007

Retori ,allievi ( 6, 20, 21 , 328, 330, 364, 374, 381, 396 , 414 , 427 , 430 , 445 , 459 ,
poeti, insegnanti, 473, 495, 504, 537 , 56, 562, 571 , 580, 582, 586, 591,
filosofi a Aristeneto 1 di formazione retorica )
destinatari ( 15 a Zenobio 1 docente di retorica di Palestina )
di lettere di ( 24 a Genesio allievi di Libanio, di Tarso in Cilicia )
raccomandazione ( 63, 730, 833, 1444 a Albanio allievo di Libanio di Ancira )
e favori ( 88, 279, 297 a Leonzio 4 , docente fino al 360)
( 132 , 225, 167, 633 a Eudemone 3 poeta )
circa 36 ( 135 a Marcellino 6 allievo di Libanio di Apamea)
persone ( 50.109 , 481, 528, 1337 a Demetrio 1 sofista di Tarso, in futuro
funzionario ) ( 304 a Apollinario 4 allievo di Libanio, originario
della Cilicia )
Retori , allievi , ( 375, 397, 458, 474, 587, 598, a Alcimo retore di Bitinia , parente di
poeti e Aristeneto ) ( 404 a Retorio allievo di Libanio )
filosofi ( 431 a Acacio 5 docente di grammatica )
( 546 a Elpidio 3 docente di retorica , di Palestina )
( 34, 593, 607 a Giamblico retore e filosofo di Antiochia )
( 645 a Eudocio 1 allievo , di Armenia )
( 660 a Lisimaco poeta ) ( 676 a Sarpedonte filosofo)
( 693 a Cromazio studente palestinese )
Retori , allievi, ( 720, 765 a Diofanto 2 filosofo egiziano )
poeti e ( 775, 1191 a Severo 9 sofista di Cilicia)
filosofi ( 527, 796, 1352 a Hierax sofista di Cizico)
36 persone ( 26, 60, 148, 371, 695, 1306, 1388 a Acacio 3 retore in Cilicia )
( 782 a Gaio 2 allievo di Cilicia )
( 810, 816, 832, 1211, 1265, 1196, 1368, 1388, 1523 a Nicocle sofista e
docente di grammatica di Sparta attivo a Costantinopoli )
( 921, 1015 a Ablabio 2 sofista e docente di retorica )

74
Retori , allievi, ( 965, 986 a Clemente 2 filosofo ) ( 892, 1042 a Gessio 2 retore egiziano)
poeti e filosofi ( 984, 988, 1053, 1085 a Priscione retore tra il 390 e il 393 )
( 955 a Panegirio sofista in Palestina )
(996 a Partenopeo retore di Tiro) (1011 a Argeo retore e decurione di Berito)
( 1040 a Marino 1 allievo di Libanio nel 388 )
( 1052 a Zenone allievo di Libanio, retore di Cappadocia )
( 1099 Prisco 2 allievo di Libanio nel 393 )
retori allievi (1178 , 1230 a Castricio 2 retore pagano e docente che va in Egitto)
poeti filosofi ( 1203 a Megezio retore )
circa 36 ( 1160, 1162, 1358, 1390 a Sopatro filosofo di Apamea )
persone ( 1337 a Demetrio 1 docente di retorica di Tarso )
(1408 a Basilide allievo )
( 1, 3 , 4 , 52, 67, 90 , 253 , a Clearco 1 assessor al proconsole di
Costantinopoli nel 359 , originario della Tesprozia )
Funzionari
palatini centrali ( 17 , 61, 71, 72, 84, 85, 97, 113, 124, 219, 246
della capitale a Florenzio 2 , antiocheno agens pro magistro officiorum dal 355 )
Costantinopoli
circa 90 persone ( 18 a Calliopio 3 magister epistularum ) ( 35 a Giuliano Imperatore )
( 80, 81, 295 , 314, 303, 311, 333, 339, 362, 423, 438, 492, 522, 535,
funzionari 563, 574, 583 a Anatolio 1 prefetto del pretorio di Illirico da 357 a 359 )
palatini centrali ( 155 a Bassiano notarius)
della corte di (348, 363 , 526 , 636, 640, 641, 652 , 674, 683 a Anatolio 2
Costantinopoli governatore di Galazia e di Fenicia )

funzionari ( 53, 54 , 55 , 100 , 101 , 105 , 110 , 163 , 191, 194 , 196 , 197 ,
centrali 200, 205 , 206 , 220 , 232 , 242 , 276 , 277, 308 , 624, 804 , 807 ,
della corte di 817, 821, 1305, 1316, 1367 a Modesto 1 Comes Orientis nel 358 ,
Costantinopoli prefetto di Costantinopoli dal 363 al 364 )

circa 86 persone ( 40, 62, 66 , 68, 70, 86, 91, 99, 112, 241 , 252 , 301 , 309, 368,376 ,
404 , 433, 447, 463 , 476, 483, 551, 575, 635, 664 , 667 , 793 , 818,
funzionari 1185, 1186, 1296, 1304, 1410, 1430, 1452, 1455, 1477, 1489, 1495 a
della corte di Temistio 1 senatore di Costantinopoli nel 355, proconsole di Costantinopoli
Costantinopoli nel 358-359, prefetto di Costantinopoli nel 384 )
e loro
collaboratori ( 64, 74 , 98, 115, 116, 358, 365, 449, 525, 538 a Spettato notarius )
circa 86 persone (83 a Atarbio nel 359 alla corte imperiale )
( 114, 409 , 441 , 451, 490, 1277 a Daziano senatore a Costantinopoli)

(125, 136 , 145, 146, 149 , 160 , 173 , 174 , 179, 202, 212, 214, 228, 244,
funzionari 256 , 266, 290, 625 , 627 a Prisciano 1 governatore di Eufratense, di
centrali Cilicia e Palestina , senatore a Costantinopoli )
della corte ( 126 a Evagrio 3 comes rerum privatarum in 359-360)
di ( 171 a Zenone 2 officialis del prefetto del pretorio)
Costantinopoli ( 208 a Ampelio magister officiorum nel 360 )
destinatari di
raccomandazioni ( 185, 258, 302, 618, 620, 1257 a Eufemio 1 che ha un posto presso il
comes sacrarum largitionum tra 358 e 364 )

75
( 28, 176, 203, 208, 226 , 230, a Elpidio 1 , prefetto del pretorio
dell'Oriente dal 360 al 361)
funzionari ( 1536, 1540 a Ammiano 1 assessor del magister officiorum)
delle corti ( 218, 273 437,443, 669 a Eusebio 12 castrensis sacri palatii
imperiali dal 355 al 361 )
destinatari di ( 240 a Clearco 1 assessor di Temistio , nel 360 proconsole di Costantinopoli )
raccomandazioni ( 251, 264, 265, 386 a Onorato 1 prefetto della città di Costantinopoli dal 359
86 persone al 361 , e prefetto del pretorio di Gallia nel 358 )
( 320, 359, 366, a Basso 1 primicerius notariorum nel 358 )
( 344, 356, 378 a Strategio Musoniano prefetto del pretorio d'Oriente dal
354 al 358 )
funzionari ( 589, 382 a Eugnomonio magister epistolarum di Costanzo II nel 357,358)
della corte ( 410 a Calliopio 1 assessor del quaestor sacri palatii nel 355 )
di Costantinopoli ( 412 a Leonas Comes della corte di Costanzo II nel 355)
destinatari di ( 411, 435 a Gioviano 1 nel 355 notarius a corte nel 355)
favori e di ( 413 a Italiciano a corte di Milano nel 355 )
raccomandazioni ( 440, 450 a Palladio 4 Magister officiorum nel 355)
( 448, 452 a Elpidio 2, funzionario della corte nel 355 e comes rerum
privatarum con Giuliano imperatore)
( 480, 482, 503, 516, 524 a Arassio)
(517 a Ierocle 1, governatore di provincia )
funzionari ( 557, 604 a Migdonio funzionario della corte di Costanzo II nel 357 )
centrali della ( 558 , 604 a Musonio 1 magister officiorum nel 357 )
corte di ( 608 a Filagrio 4 notarius con Giuliano in Gallia nel 357 )
Costantinopoli ( 618 , 620 a Eufemio 1 funzionario del comes sacraum largitionum)
( 79, 669 a Eusebio 12 castrensis sacri palati a Costantinopoli )
( 680, 700, 711 a Policronio funzionario delle finanze del prefetto del
pretorio nel 362 )
( 704, 731 , 777 , 792, 1420, 1441 a Iperechio funzionario supranumerarius )
funzionari ( 739 a Anatolio 4 magister officiorum da 360 a 363, pagano )
centrali (758, 759, 802 a Imperatore Giuliano ) ( 839 a Decenzio 1 notarius )
della corte ( 840, 851, 855, 959, 987, 990, 992 a Taziano 1 prefetto del pretorio di
di Costantinopoli Oriente dal 388 ) ( 907 a Aburgio comes rei privatae )
destinatari ( 853, 908 a Mardonio 2 praepositus sacri cubiculi nel 388 )
di lettere di ( 823 , 843 , 847, 852 , 874, 906, 922, 940, 952, 967, 970 , 991, a
raccomandazioni Proculo 3 prefetto di Costantinopoli dal 388 )
( 848, 875, 903, 905, 927, 942 , 1086 a Teodoro 9 influente a corte dal
circa 86 388 al 393 , è ignoto il suo posto , forse è vicino al magister officiorum )
persone
( 841, 849, 876, 948 a Antioco 8 influente a corte di Costantinopoli nel 388 )
( 130, 844, 846, 850, 854, 858, 870, 873, 886, 893, 902, 904 ,
a Eusebio 27 magister officiorum a Costantinopoli dal 388 al 390)
funzionari
centrali della ( 857 a Flavio Saturnino 1 console cristiano a Costantinopoli)
corte di ( 860 a Diogene 1 funzionario a Costantinopoli nel 388 )
Costantinopoli ( 880 a Pietro 2 funzionario a corte nel 388, poi primicerius notariorum)
e loro
collaboratori ( 883, 924 a Sofronio 1 senatore di Costantinopoli nel 388-390, prima è
magister officiorum , e prefetto di Costantinopoli proviene da Cappadocia )

76
(879, 980, 1000 a Severino 2 comes sacrarum largitionum nel 389 -390)
funzionari ( 923 a Ottato 2 senatore di Costantinopoli nel 390 pagano)
centrali della ( 928, 1006 , 1025 a Anatolio 6 , numero dato da Petit 1992, senatore di
corte di Costantinopoli influente nel 390 )
Costantinopoli ( 929 a Procopio 3 senatore di Costantinopoli influente nel 390 )
(891, 920, 967 , 971 a Fozio 2 funzionario di amministrazione centrale ,
forse del magister officiorum nel 388- 390 , cristiano )
( 932 a Gioviano 2 senatore a Costantinopoli nel 390)

funzionari ( 887, 943 a Palladio 16 senatore a Costantinopoli nel 390 prima è


centrali della prefectus Augustalis )
corte di ( 856, 1051 ,1064, 1071, 1087, 1092 a Aristeneto 2 prefetto di Costantinopoli
Costantinopoli nel 392 -393 )
( 939 a Prisciano 2 assessor di Proculo 3 prefetto del pretorio nel 390 )
circa 86 persone ( 981, 1029 ad Anisio 2 assessor del magister officiorum Rufino 12
in Italia nel 390) ( 979 a Eutropio 2 , lo storico console nel 390 )

( 1106 a Rufino 12 gallico prefetto del pretorio di Oriente dal


392 dopo Taziano )
(1115, 1184, 1197, 1215, 1259, 1260, 1297, 1311, 1324,
1488, a Daziano senatore di Costantinopoli)
funzionari ( 1148, 1154, 1226 , 1235 , 1312, 1472 , 1503 , 1512 a Giovino 2
centrali della funzionario di corte , forse finanziario, comes sacrarum largitionum o comes
corte di rei privatae )
Costantinopoli
circa 86 ( 75, 1195 a Eumolpio , ha un incarico a corte non definito)
persone ( 1209 , 1228 a Nicenzio 1 , ha un posto ignoto a corte a Costantinopoli nel
364 , originario di questa città )

( 1224 , 1298, 1314, 1426, 1428, 1429, 1450, 1462, 1467, 1474 a Saluzio
prefetto del pretorio di Oriente dal 361 al 367 )

( 1225 a Pienzio , ha un posto a corte nel 364 )


( 1233 a Callistione assessor del prefetto del pretorio Saluzio nel 364)
( 1310, 1317, 1463, 1476, 1482, 1504, 1505, 1510, 1511 a Decenzio 1
funzionari della magister officiorum tra il 364 e il 365 , pagano )
corte di
Costantinopoli (1147, 1199, 1227, 1308, 1384, 1443, 1449, 1456, 1459 , 1468 a Cesario 4
destinatari di comes rerum privatarum dal 363 al 365)
raccomandazioni
circa 86 ( 1103 a Eaco , che nel 393 ha un incarico a corte non definito)
persone ( 1116, 1359, 1382 a Iperechio officialis supranumerarius)
( 1198 a Olimpio 1 funzionario a corte , nominato da Costanzo II )
( 1373 a Fortunaziano 1 influente a corte vicino a Saluzio prefetto del
funzionari della pretorio
corte di ( 1308, 1319, 1341, 1484, 1524, a Geronzio 3 senatore a
Costantinopoli Costantinopoli nel 365, originario di Armenia e prima governatore di Egitto )
destinatari di
raccomandazioni ( 1332, 1464 a Filagrio 4 ex notarius a corte dal 363 al 365 )
( 1292, 1448 a Elpidio 1 senatore di Costantinopoli nel 363 di Paflagonia )

77
Funzionari ( 1402 a Aristofane agens in rebus nel 363 )
della
corte ( 1432, 1433 a Elpidio 2 comes rerum privatarum nel 363 proviene da
imperiale Antiochia )
destinatari di
raccomandazioni ( 1465 a Eanzio assessor del prefetto del pretorio orientale )
e favori ( 1481 a Simplicio 4 funzionario a corte durante impero di Valente)
circa 86
persone ( 1490 a Bassiano notarius)
Funzionari ( 5 a Paolino 1 governatore di Eufratense prima del 386 , poi
provinciali prefetto augustale )
destinatari di ( 8 a Italiciano nel 365 ex vicario d'Asia )
lettere di ( 11 ad Arassio vicarius di Asia tra il 354 e il 357)
raccomandazioni ( 13 a Giuliano 5 governatore di Bitinia nel 357 )
o favori ( 28 a Policronio consularis di Fenicia nel 360 )
( 82, 182, 457 a Ambrosio) (95 a Pannichio nel 359 governatore di Eufratense )
circa 145 (39,56, 102, 161, 162 a Urbano assessor del comes Orientis)
persone ( 107 a Filagrio ex governatore di Armenia nel 357-358)
( 111 ad Archelao ex Comes Orientis nel 359)
funzionari ( 118 a Eucrostio governatore di Fenicia )
provinciali ( 119 , 336 a Gaiano nel 357 assessor del consolaris di Siria )
destinatari ( 123 a Eustazio 5 governatore consularis di Siria , originario della Caria)
di lettere di
raccomandazioni ( 137, 156, 157, 158, 159 a Ipazio 1 consularis di Palestina nel 358-359
originario di Fenicia )

( 150, 151, 151, 156 159 , 166, 169, 175 , 183 , 184, 189, 192, 195, 198,
204 , 216, 217, 221, 225, 230, 234, 236, 271, 272, 432, 484 , 553, 560 ,
1221, 1378, 1460 , a Andronico 2 dal 359 al 361 consularis di Fenicia ,
dal 363 al 365 consularis di Bitinia originario di Costantinopoli)
funzionari
provinciali (164, 165, 166, 170 per Cirillo 1 governatore di Palestina in 359 360
destinatari originario di Tiro in Fenicia )
di lettere di ( 193 a Nicenzio 2 ex consularis di Siria )
raccomandazione ( 203, 268, 222 a Germano Vicario d'Asia nel 360)
o favore (207, 227, 1031 a Policronio consularis di Fenicia e vicario del Ponto nel 360 )
( 208 ad Ampelio governatore di Cappadocia nel 357 )
( 215, 229, 1540 a Ammiano 1 assessor del prefetto di Eufratense
originario dell'Egitto )
( 223 a Giuliano 6 proconsole d'Asia nel 360, cristiano )
( 224 a Iperechio officialis supranumerarius)
circa 145 ( 235 a Melezio consularis di Panfilia nel 360, forse cristiano)
persone ( 238, a Italiciano , consularis di Siria nel 360 )
Funzionari ( 642, 665,666 a Italiciano vicarius di Asia nel 361 )
provinciali ( 245, 269 , a Euterio 2 governatore di Armenia nel 357-358, di
destinatari Costantinopoli )
di lettere di ( 267 a Ecdicio 1 consularis di Galazia nel 360, pagano e di Ancira )
favori e di ( 275, 280, 284, 285, 287, 288, 646, 654, 688 a Massimo 6 , proviene da
raccomandazione Palestina governatore della Armenia dal 358 al 361 )

78
( 278 a Dulcizio 3 , proconsole d'Asia nel 361)
Funzionari ( 282, 299 a Alessandro 2 consularis di Bitinia dal 358 al 361, originario
provinciali della Paflagonia )
destinatari ( 286, 631 a Palladio 6 governatore di Cilicia nel 361 )
di lettere di ( 296 ,648, 686, 690, a Cirillo 1 governatore di Palestina 2 nel 360
raccomandazione originario di Tiro in Fenicia )
( 298, 622 , 651, 657, 658, 732 , 752 a Acacio 1 console di Galazia nel
361- 362 )
funzionari ( 306, 632, Geronzio 2 , governatore dell'Egitto nel 361 362 , originario
provinciali dell'Armenia ) ( 307 a Siderio consularis di Siria nel 361)
destinatari ( 313 a Eumolpio consularis di Fenicia nel 357 )
di favori ( 324 a Alipio vicarius di Britannia nel 358)
circa 145 ( 335 a Eupaterio governatore di Palestina Secunda in 358)
persone ( 337, 357 a Massimo 4 governatore di Arabia nel 357 358 )
( 355, 361 a Parnasio 1 Ermogene , prefetto di Egitto dal 357 al 359)
( 312, 315 ,317, 321,322,334, 349,354, 325, 332 , 334, 343, 349 , 354 ,
505, 595, 597, 602, a Clemazio 2 nel 357- 358 consularis di Palestina
funzionari originario di Petra ed Elusa in Palestina )
provinciali ( 372 a Apellione nel 358 consularis di Bitinia )
destinatari ( 391 come governatore di tutta Siria )
di lettere di ( 420 a Sinclezio 2 consularis di Palestina nel 355)
raccomandazioni ( 425 a Asclepio 1 governatore di Cilicia nel 355 )
( 426, a Castricio comes di Isauria nel 354)
( 464 a Fozio 1 console di provincia di Europa nel 355-356 )
( 469 a Gorgonio assessor del governatore di Armenia nel 355 356 )
( 521 a Catafronio funzionario in Egitto nel 356 )
Funzionari ( 532 a Firmino 1 consularis di Palestina nel 356 )
provinciali ( 536 a Calliopio 2 consularis di Galazia nel 356 )
destinatari ( 543 a Andronico 3 governatore di Arabia nel 356-357 )
di lettere ( 569 a Ierocle 1 consularis di Siria nel 357, originario della Cilicia )
contenenti ( 572 a Ginnasio consularis di Siria nel 357 )
raccomandazioni ( 588, 599 a Giuliano 5 consularis di Bitinia nel 357 )
circa 145 ( 592 a Sabino 1 consularis di Siria nel 358 – 359 ) ( 611 a Doroteo )
persone ( 594 a Ierocle 1 consularis di Siria )
( 626, 705 ad Apollinario 3 governatore di Egitto nel 356)
( 631, 649 a Palladio 6 governatore di Cilicia nel 361)
( 641 a Fortunaziano 1 assessor del prefetto del pretorio Saluzio nel 363 )
( 648 a Cirillo 1 governatore della Palestina secunda nel 361 )
( 646, 688, 761, 767, 779, 790, 791 a Massimo 6 governatore di Armenia
dal 358 al 361 )
funzionari ( 656, 808, 814, 830 , 1344, 1350, 1354, 1377, 1381, 1421, 1439
provinciali a Massimo 6 governatore di Galazia nel 361 )
destinatari ( 1223, 1274, 1275, 1278, 1290 a Massimo 6 governatore di Egitto
di lettere di dal 364 , originario di Rafia in Palestina )
raccomandazione ( 657, 658,752 a Acacio 1 governatore di Galazia tra il 361 e il 362 )
favori ( 670 a Ulpiano 1 governatore di Cappadocia nel 361)
( 673, 678, 689 a Giuliano 8 governatore di Eufratense )
(696, 699, 703, 714, 715, 716 , 717, 718, 742, 783, 789 a Celso 3
governatore della Cilicia nel 362)
(697, 1473 a Seleuco 1, che ha incarichi in Eufratense)

79
( 258, 589, 619, 623, 727, 751, 774, 813, 1212, 1353, 1349, 1353, 1401, a
Demetrio 1 governatore della Fenicia prima del 358 e sofista di Tarso )

funzionari ( 701 a Giuliano 2 Comes Orientis nel 362 prima cristiano durante il
provinciali regno di Costanzo II, poi pagano fanatico)
destinatari di ( 713 , 749 a Leonzio 4 governatore della Palestina II nel 362
raccomandazioni e dopo della Galazia )
e favori ( 740 a Giuliano 7 consularis di Fenicia nel 362 )
circa 145 ( 747, 762, 763, 776 , 819 , a Beleo governatore di Arabia nel 362 -363 )
persone ( 773 , 835 a Entrechio governatore di Pisidia nel 362 )
(741, 750, 784, 1404, 1407, 1229 a Atarbio governatore della provincia
Eufratensis nel 362-363)
( 764 , 1399, a Cesario 4 vicarius di Asia nel 362, originario della Cilicia)
funzionari ( 783, 787, 788, 789 a Celso 3 governatore di Cilicia nel 362 )
provinciali ( 836 , 1386 a Memorio governatore praeses di Cilicia nel 363)
destinatari di ( 838 a Alessandro 3 consularis di Siria nel 363 )
raccomandazioni ( 861 a Panellenio nel 388 , ex governatore della Lidia )
( 871, 872 , 909 a Taziano prefetto del pretorio dell'Oriente dal 388 )
( 881 ad Anterio governatore di Fenicia nel 388)
( 882, 931 ad Africano governatore di Palestina nel 389-390)
funzionari ( 888 a Eupsichio 2 nel 388 , ha una carica non definita)
provinciali ( 913 a Epifanio 2 governatore di Fenicia nel 389 )
destinatari di ( 994 a Ciro governatore di provincia ignota nel 391)
raccomandazioni ( 1012 a Fattiniano consularis di Panfilia nel 391)
( 770, 799, 800, 1355, 1461, a Gaiano governatore di Fenicia)
( 911 a Celsino, assessor ad Antiochia e governatore di province non note )
( 946, 1040, 1090 a Esichio 6 governatore della Tebaide nel 390 )
( 954 a Archelao funzionario nominato da poco tempo)
( 975 a Siburio 1 ex prefetto del pretorio di Gallia nel 376.- 379)
( 982 a Siburio 2 consularis di Palestina nel 390 )
funzionari ( 985 a Filagrio 2 comes Orientis nel 382 )
provinciali ( 935, 1038 a Iullo governatore di Siria nel 392)
destinatari di ( 993, 1019, a Eraclio 4 governatore praeses di Armenia nel 390 e 391
lettere di prima è avvocato ad Antiochia )
raccomandazione ( 999, 1000 a Severiano 3 consularis di Fenicia nel 391 )
( 1026, 102, 1032 a Capitolino consularis di Siria prima del 391)
( 1035 a Bono governatore di Arabia nel 392)
( 1046, 1072 a Leonzio 7 governatore di Fenicia Consularis nel 392)
funzionari ( 1047 a Ausonio governatore di una provincia nel 392)
provinciali ( 1077 a Eutalio 2 governatore consularis di Lidia nel 393
destinatari di originario di Laodicea )
lettere di ( 1089 a Pantichio governatore di una provincia nel 393 )
raccomandazione ( 1118 a Prisciano 1 governatore di Cilicia nel 363-364, pagano )
( 1131, 1145, 1171 a Domnione 2 governatore praeses della Fenicia
circa 145 Libanensis tra il 364 e il 365
persone (1153, 1159, 1206 a Ulpiano 1 governatore di Arabia e di
Fenicia nel 364)
( 1168 a Palladio 5 governatore di Isauria nel 363 e 364 )
funzionari (1169 a Entrechio consularis di Pisidia dal 362 al 364)
provinciali ( 1167 a Celso 3 consularis di Siria nel 363 e 364 )

80
destinatari di ( 1180 a Elpidio 2 proconsole di Asia nel 364)
lettere di ( 812 , 1179, 1189 a Clearco 1 Vicarius Asiae )
raccomandazione ( 1183 a Hierio 1 governatore di Egitto nel 364 )
( 1200, 1291, 1489 a Domiziano 2 governatore di provincia
funzionari Eufratense nel 364-365 )
provinciali ( 1200, 1201 a Evezio assessor del governatore della Eufratense )
destinatari di ( 1205 a Teodoro 3 governatore consularis di Bitinia nel 364 )
lettere di ( 1170, 1208, 1269 , a Mario consularis della provincia di Fenicia nel 364 )
raccomandazione ( 1204, 1207, 1237, 1238, 1249 a Palladio 5 governatore praeses di
Isauria dal 363 al 365 ) ( 1211 a Vitalio 1 proconsole d'Asia )
(1222, 1458, ad Acacio 1 comes domorum per Cappadociam nel 364-365)
funzionari ( 1229 a Atarbio consularis di Macedonia nel 364 )
provinciali ( 1245, 1327 a Zenodoro governatore praeses di Cilicia nel 364 365 )
destinatari di ( 1118 , 1251, 1253 1258, 1280, a Prisciano 1 governatore della provincia di
raccomandazioni Palestina prima nel 364 , di religione pagana )
( 1270, 1375 a Gaiano governatore consularis di Fenicia )
( 1276, 1281, 1282, 1285, 1289 , 1302 , a Ulpiano 1 , governatore di
funzionari Arabia e di Fenicia nel 363- 364 )
provinciali ( 1252 a Entrechio consularis di Pisidia dal 362 al 364 )
destinatari ( 1287 a Evagrio 6 governatore di una provincia nel 364)
di lettere ( 668 a Clearco 1 vicarius di Tracia nel 361-362 )
di ( 1182 a Teodoro 3 consularis di Bitinia )
raccomandazioni ( 1189, 1232, 1266 , 1323, 1324, 1331, 1451, 1529, 1535, a Clearco 1
vicarius di Asia dal 363 al 365 )
circa 145 ( 1337 a Domnione 2 governatore della provincia di Fenicia Libanensis nel
persone 364-365)
( 1272 ad Andronico 2 consularis di Bitinia nel 364 )
( 1154 , 1318 a Giuliano 7 Comes Orientis nel 364 )
( 1345 a Pompeiano 3 governatore di Bitinia negli anni 40 del IV secolo)
funzionari ( 1362 a Onoraziano governatore di Cipro nel 363 )
provinciali (1365, 1374, 1398 a Rufino 5 Aradio comes Orientis dal 363 al 364 )
destinatari di ( 1383 a Sozomeno di Sparta ,governatore di Licia nel 363 )
raccomandazioni (1398 a Eufronio governatore della provincia di Mesopotamia nel 359)
o favori
( 838, 1256, 1360, 1361, 1366, 1369, 1385, 1392, 1397, 1399 , 1405,1406 ,
circa 145 1411, 1412, 1414, 1415, 1451, 1460. 1461 a Alessandro 3
persone governatore consularis di Siria nel 363-364 )
( 1419 a Ecdicio 1 governatore di consularis di Galazia nel 360 )
(1418, 1442, a Leonzio 4 governatore di Palestina I nel 364 )
funzionari (1496 a Leonzio 4 governatore di Galazia nel 365)
provinciali ( 1425 1464,1478 a Afobio governatore consularis di Palestina )
destinatari di ( 1479 a Acacio officialis del governatore di Cilicia Palladio 6 nel 361)
raccomandazioni (1438, 1457, 1470, 1486 a Palladio 5 governatore di Isauria dal 363 al 365)
o favori circa ( 1454 a Giuliano 8 , ha incarico in Galazia nel 363 , forse cristiano)
145
persone ( 1516 a Proculeiano governatore di provincia Eufratense )
( 1522, 1536 , 1540 a Ammiano 1 assessor e governatore di Eufratense
dal 360 al 365)
funzionari ( 1523 a Eutolmio 2 , ha un incarico nel 365 )
provinciali

81
destinatari di ( 1528 a Ilario 3 consularis di Panfilia nel 365)
raccomandazioni
e favori ( 1531 a Ermogene 5 assessor di Domnino 2 praeses di Fenicia
Libanensis nel 365)
Decurioni ( 22 a Aussenzio 2 decurione di Tarso nel 358 )
e proprietari ( 23 a Demetrio 2 curiale di Tarso ) ( 38 a Curiale Romolo)
terrieri ( 132 , 519 a Eutocio decurione di Elusa in Palestina nel 360 )
( 133, 134, 1356 a Eustolio decurione di Apamea, fratello di Sopatro )
19 persone ( 239, 570 a Massimo 12 decurione di Ancira , padre di Iperechio )
( 281 a Dianio curiale) ( 444 a Agesilao decurione di Ancira )
( 453 a Fasganio, zio di Libanio e decurione di Antiochia)
( 627 , 663 , 1358 a Sopatro 1 curiale di Apamea )
( 654 , 709 a Demetrio proprietario terriero )
Decurioni e ( 756 a Bosporio decurione di Ancira )
proprietari ( 692, 1393 ad Aussenzio 2 curiale principalis di Tarso)
terrieri ( 1074 a Macedonio curiale di Cirro)
destinatari di (1202 a Letoio 1 decurione di Antiochia nel 364 )
raccomandazioni ( 1239, 1329, 1330 , 1338 a Aristone curiale di Cirro)
e favori ( 1334 a Pelagio curiale di Cirro )
19 persone ( 1161 , 1357 a Marcellino 6 decurione di Apamea nel 364 )
( 1416 a Flaviano proprietario terriero di Bitinia )
( 1524 a Andromaco , alleva animali in Egitto nel 364)
Medici , ( 14 a Prisciano 1 avvocato nel 353, nel 359 è a corte , poi governatore
avvocati , di Eufratense, Cilicia e Palestina )
docenti di diritto, ( 87 , 117, 533, 651, a Domnino 1 docente di diritto )
“liberi ( 208 Ilario 2 avvocato di Cappadocia nel 360 361 )
professionisti” ( 415, 432, 486, 507, 573 a Silano docente di diritto )
destinatari di (329 a Massimo 4 avvocato )
raccomandazioni ( 435, 523, 534 a Olimpio 1 medico , influente a Costantinopoli nel 355 356)
( 466, 471 a Ierocle 1 avvocato nel 355 356)
18 persone ( 485 a Igino medico a Costantinopoli nel 355- 359 )
( 488 a Adamanzio 2 , per sua carriera come avvocato nel 356 )
( 676 a Magno 3 Vindaonio avvocato nel 361)
Medici , ( 769 a Aezio 2 avvocato di Ancira )
avvocati ( 912 a Sebastiano 3 docente di diritto a Berito)
( 998, 1261 , 1271 , 1336, 1431 a Scilacio 2 docente di diritto , pagano.
Proveniente dalla Grecia )
medici, avvocati
( 1071 , 1530 a Domnione 1 docente di diritto a Berito )
( 1018 a Prosdocio medico di Tiro nel 391 )
Medici, avvocati ( 1188 a Teodoro 9 avvocato di Antiochia )
( 1376 a Eliodoro nel 365 giudice sul tempio di Apollo )
( 837, 1501 a Dionisio 2 avvocato di Isauria accusato di rapimento e
assolto)

Militari ( 436,491 , 566 , 576 , a Barbazione ufficiale militare nel 355-356 )


10 persone ( 866 , 972 1007 , 1024 a Ricomere comes rei militaris )
( 318,350 , 520 , 596 a Sebastiano 2 dux Aegypti , originario della Bitinia )
Militari ( 585 a Lauricio dux Armeniae nel 357 )

82
( 803 a Costanzo tribunus nel 363)
(868 , 884, 925 a Ellebico magister militum per Orientem )
10 persone ( 1048 a Firmino 2 funzionario militare fino al 392 e dopo sofista
Militari a Costantinopoli)
( 1054, 1055 a Demonico , ha incarico militare in Isauria nel 392 )
( 1210 a Evelpistio militare pagano , di Sparta nella spedizione del 363)
( 1525 a Vittore 2 dux Aegypti nel 365)
Vescovi ( 914, 917, 973, 1084 al patriarca degli Ebrei) ( 1097 ai patriarchi )
cristiani, ( 724 a Esichio 2 sacerdote pagano di Antiochia )
sacerdoti pagani, ( 797 a Antipatro sacerdote pagano )
patriarchi ebrei ( 455, 757, 1413, 1417 a Bacchio sacerdote pagano )
7 persone ( 1263 a Clemazio 3 sacerdote pagano in Palestina nel 364 )
( 1526 a Lemmazio sacerdote pagano)
( 1544 ad Ottimo vescovo di Agdamia nel 374)
Parenti degli ( 9 a Martiniano padre di un allievo nel 392 )
allievi di Libanio ( 41 a Adamanzio 1 padre di allievo )
( 45 a Ecdicio di Cilicia zio di allievo Filosseno nel 358 )
Parenti ( 93 a Cratino padre di allievo nel 359 )
degli allievi ( 176 a Filagrio 3 armeno , padre di allievi )
22 persone ( 201 a Stratoniano padre di un allievo nel 360 ,di Eufrataense )
( 261, 294 a Eusebio 10 padre di un allievo )
( 263 a Crispino compagno di studi di Libanio, di Eraclea Pontica )
Parenti ( 340 ad Anisio nel 355 padre di un allievo, forse notarius)
degli allevi ( 419 a Eupatore padre di un allievo nel 355 )
destinatari di ( 428, 706 a Eorzio ) ( 456 a Cecilio padre di un allievo)
raccomandazioni ( 465, 766 a Ieracio padre di allievo Diomede di Cilicia )
22 persone ( 468 a Marciano 1 padre dell'allievo Prisciano 1 di Berito nel 355 )
( 568, 826 a Gaio 1 di Cilicia padre di un allievo )
( 781 a Atanasio 1, dalla Cilicia padre di un allievo)
Parenti degli ( 910 ad Artemio 2 padre dell'allievo Teotecno nel 388)
allievi destinatari ( 1013 a Quirino 4 padre di un allievo nel 391 )
di ( 1033 a Palladio 19 di Tiana padre di allievi nel 391 392 )
raccomandazioni ( 1034 a Zenodoto nonno dell'allievo Libanio 4)
( 1122 , 1123, 1539 a Ierio 3 padre di alcuni allievi di Tarso , in Cilicia )
( 1471 a Gregorio padre di allievo nel 365 )
( 1542 Anfilochio 2 padre di un allievo , di Cappadocia )
(27 a Macedonio 1 di Cilicia nel 358 )
Destinatari di ( 69, 78 a Igieno in Cilicia nel 358 ) ( 106 a Leonzio)
raccomandazioni ( 147 ad Ecdicio 2 Olimpo originario di Tarso studia ad Atene )
e favori di (178 a Eusebio 18 e Fausto 1 di Sinope nel 360 di Sinope nel Ponto)
Condizione ( 395 ad Anzio, vive in Bitinia nel 355 )
non precisata ( 475 a Lampezio di Bitinia nel 355)
circa ( 615 a Ascolio) ( 628 a Faustiliano di Licia nel 361 )
32 persone ( 682 a Eliodoro 3 in Fenicia nel 361-362 )
( 721 a Ammonio 3 in Egitto ) ( 734 a Alessandra moglie di Seleuco )
(748 a Magno) ( 859 a Urso) ( 900 a Eraclito) ( 953 a Eusebio )
( 958, 978 a Eleusinio nel 390 )
Destinatari di ( 964 a Ierofante 2 pagano , fratello di Siburio 2 )
condizione non ( 966 a Apollinario e Gemello) ( 1014 a Palladio) ( 1030 a Aquila )

83
precisata ( 1069, 1088 a Asincrizio di Siria ) ( 1094 a Eusebio e Teodoto )
( 966. 1096 a Gemello 1 di Cilicia , figlio di Anatolio 4 , fratello di
Destinatari di Apollinario) ( 1146 a Teodoto di Tiro)
condizione non ( 1181 a Atazio ospita Libanio nel 364 ) ( 1192 a Eugenio)
precisata (1213 a Eutalio 1, pagano e di Cilicia nel 364 )
32 persone (1295 a Acranzio , fratello di Alessandro 3 )
( 1371 a Gaio 1 di Cilicia nel 363 ) ( 1409 a Prisca, moglie di Bassiano )
( 1423 a Diodoto di Tiro ) ( 1427 a Rufino nel 363 )
( 1497 a Ecdicio) ( 1513 a Eusebio)

Raccomandazioni e favori in Libanio classificati in base al beneficiario

I numeri attribuiti alle persone sono tratti dal volume I della PLRE , oppure dal libro di
Petit 1992 Le fonctionnaires dans l'oeuvre de Libanius. Analyse prosopografique quando
sono in corsivo , o dallo studio di Seeck se sono sottolineati

( 9 Romano, allievo) ( 22, 23, 106 per retore anonimo )


Retori , allievi di ( 27 per Pancrazio retore) (66 per Meterio)
Libano , poeti e (77, 78 per poeta Andronico 1 di Ermupoli )
filosofi ( 91, 231, 361 per Cleobulo, retore e poeta egiziano )
beneficiari di ( 107 per Euterio) 137 per Evagora)
raccomandazioni (108, 132, 25 631, 632, 826, 1428 per Eudemone 1 poeta di Pelusio )
e di favori ( ( 45 147, 148 per Filosseno allievo )
circa 93 persone ( 161,162 per gruppo di retori)
( 164 per Eunomo , retore di Elusa in Palestina, cugino di Eudemone 1 )
( 175 per Basso 2 studente povero di Fenicia nel 361)
( 189 per Mares 3 docente)
Retori, poeti, ( 201, 202 per Leonzio docente collaboratore di Libanio) ( 206 per Zenano)
studenti , ( 228, 229, 291, 292 per Eraclide poeta egiziano )
grammatici ( 277 per Megezio retore ) ( 278 per Daricio retore )
beneficiari di ( 279, 280 per Cleopatro retore )
raccomandazioni ( 280 per Eudocio 1 studente di Armenia nel 360 )
e favori ( 303 per Magno retore )
( 309 per Severo 6 retore di Licia ) (334, 335 per Ieronimo studente)
( 317, 318 per Retorio allievo e retore proveniente dalla Bitinia)
( 357 per Uranio 2 docente assistente di Libanio)
(364, 365, 369 per poeta Arpocrazione ) ( 399 per retore Cleobulo )
Retori, allievi, ( 401, 503, 504, 507, 537, 561 per retore Ginnasio) ( 436 per Gessio)
poeti e (440 per retore Antioco Antiocheno )
grammatici ( 454 per Acacio 3 retore di Cesarea che insegna in Fenicia)
beneficiari di ( 456 per Alessandro 2 studente nel 355, dalla Paflagonia)
raccomandazioni ( 463 per Agrecio studente ) (469 per Imerio)
circa 92 ( 474 per Meterio retore ) ( 482, 483, 484, 485, 680 per Malco retore )
persone ( 523, 524 , per Eliodoro retore antiocheno )
( 550 , 551, 553 , 555, 556, 557 per Letoio 1 retore e decurione di
Antiochia )
retori , allievi, ( 569, 571, 572 , 574, 575, 982, 984 , 1007 dossier per Giamblico,

84
poeti e retore e filosofo di Apamea, suoi viaggi )
filosofi (591, 592 per Mariade retore )
beneficiari di ( 625 per Calliopio 5 insegnante )
favori e ( 645 , 646 per Eudocio 1 studente di Armenia )
raccomandazioni ( 640, 1415, 1417 per Erodiano docente di Antiochia tra il 356 e 363 , ha
proprietà in Fenicia ) ( 641 per Flaviano retore di Bitinia )
( 648 per Ulpiano 2 retore antiocheno nel 361 )
( 666 per Faustino di Pisidia) ( 693 per retore Basso 2 di Fenicia )
Retori , allievi, ( 694, 716 per Fortunaziano filosofo )
poeti e (743, 1394 per Pandoro retore di Cilicia )
filosofi ( 750 per Agrecio e Eusebio ) ( 760 per Prisco retore )
beneficiari ( 465, 765, 766 per Diofanto 2 filosofo egiziano )
di favori e ( 720, 721 per Menecrate studente di filosofia )
raccomandazioni (747, 749 per retore Gaudenzio )
( 776 per Magno retore di Antiochia ) ( 783 per Anticle)
( 816, 817 dazioni a poeta )
Retori, allievi , ( 813 per Argeo docente di retorica in Panfilia)
poeti e filosofi ( 820 per Asteo ) ( 821 per Basilide e Brachino )
beneficiari ( 829 per Eutocio retore ) ( 839 per poeta Eraclide )
( 843. 857, per poeta Diogneto di Samosata poi avvocato)
(892, 948 , 1524 per Gessio 2 docente di retorica )
( 884, 885, 886 , 887 per Eusebio 28 allievo di Libanio , che cerca
Retori, entrata in senato, dopo avere perso sue ricchezze in un processo)
allievi , poeti
e filosofi ( 831 , 832 per Teodoro 4 allievo , che va a Costantinopoli )
beneficiari ( 870, 879, 902, 904, 909, 918, 919 , 920 Eusebio 22 sofista ad
di favori e di Antiochia nel 388. figlio di Olimpio 5 ) ( 910 per retore Teotecno )
raccomandazioni ( 942 per allievo Atanasio 1 di Cilicia ) ( 946 , 1408 per allievo Teofilo)
( 947 per filosofo Ilario 8 di Acaia )
( 952, 953 per orfano di Domnino di Larisa 2 nel 390 )
( 955, 956 per Panegirio )
Retori , allievi, ( 958, 978 per retore Geronzio ) ( 969 per Difilo 9 poeta)
poeti, filosofi ( 983 per un retore) ( 989 per Priscione retore di Fenicia )
( 997 , 1017 , 1018 per Massenzio 4 retore di Tiro)
circa 90 ( 1002 per Nemesio retore armeno nel 358 )
persone ( 1011. 1012, 1013 , 1014, 1015 per Letoio 6 di Panfilia allievo )
retori, allievi , ( 1048 per Firmino 2 , sofista a Costantinopoli dal 392)
poeti, beneficiari ( 1051 per Calliopio 4 retore ed allievo di Libanio , muore nel 392 )
di
raccomandazioni ( 1089, 1090 per poeta Eusebio 32 )
( 1094 per Maras 4 allievo) ( 1122, 1123 per allievo Demetrio 1di Tarso)
( 1145 per Strategio sofista ) ( 1162 per Marcellino 6 allievo di Apamea)
( 1177 per Menandro e Castricio retori ) ( 1178 per Castricio)
( 1208, 1281 per Crisogono retore fenicio)
( 1209, per retore Alessandro e sue terre )
( 1210, 1211, 1216 per Pergamio studente, va a Sparta )
( 1244 per studente Solone )
( 1255, 1256 per Alessandro 7 grammatico fenicio nel 364)
( 1271, 1272 per retore Magno figlio di altro retore )
( 1277 per Pancrazio retore ) ( 1283 per Acacio retore , i suoi studi )

85
retori , poeti ( 1285 per Eubulo) ( 1296, 1297 per Giuliano di Siria letterato )
beneficiari di ( 781,782, 1371 per Gaio 2 retore di Cilicia )
raccomandazioni ( 1427 per Filippo 3 retore di Cappadocia nel 364, pagano)
( 1442 per Basso retore ) (1444 per Albanio retore)
circa 92 ( 664, 1383, 1384, 1451, 1478, 1479 per Severo 9 sofista di Cilicia nel
persone 359-363)
(1304 per Eutropio 4 allievo di Acacio nel 364 , futuro autore di opera
storica ) ( 1488 per Peanio retore) (1521 per Alessandro)
Funzionari ( 20 per Gianuario 4 funzionario della prefettura del pretorio di Antiochia)
provinciali ( 21 per Nicenzio 2 consularis Syriae) ( 39 per Modesto Comes Orientis)
governatori ( 40 per Giuliano 8 praeses di Frigia, originario di Cilicia come fratelli
provinciali e loro Ierocle 1, e Demetrio 1 )
collaboratori
( 82 per assessor Antifilo) ( 97, 98 ,149 per Miccalo assessor in 360)
circa 73 persone ( 101 , 170 per Zenobio eirenofulax )
( 136, 244 per Maras 1 copista al servizio di Prisciano governatore della
provincia di Eufratense)
( 145 per Macario governatore della Eufratense )
( 159 per Ipazio 1 consularis di Palestina )
funzionari ( 163 per Trifoniano consularis di Siria )
provinciali e ( 198 per Eustochio 1 assessor )
loro ( 214, 215 , 220 per Calliopio 1 assessor)
collaboratori ( 224 per Gaudenzio ) ( 244 per Maras di Cirro )
beneficiari ( 280 per Leonzio 4 governatore di Palestina nel 361 )
di favori e ( 312 per Elpidio 3 rappresentante di Ipazio governatore provinciale
raccomandazioni della Palestina nel 357 )
circa 73 persone (348 per Tusciano assessor alla prefettura del pretorio di Antiochia )
( 365, 386 per Quirino assesssor )
( 396, 397 per Apellione governatore di Egitto)
( 400 a Onorato 1 comes Orientis nel 355)
( 457, 458, 459 per Eusebio consolare dell'Ellesponto)
( 464 per Fozio 1 governatore consolare di Europa )
( 532 per Boeto di Elusa eirenophulax)
Funzionari ( 538 per Geronzio 2 prefetto di Egitto nel 361 362 , poi ha un incarico
provinciali e a corte, originario dell'Armenia ) (570 per Imerio prefetto di Egitto )
loro collaboratori ( 636, 637, 1471, 1473 , per Eustazio 4 funzionario provinciale
beneficiari di prefectianus nel 361 originario di Nicomedia , va in Fenicia )
raccomandazioni ( 657 per Eumolpio ex consolare di Fenicia )
e favori ( 686 per Cirillo 1 governatore di Palestina Secunda da 359 a 361
originario di Tiro )
( 688 per Massimo 6 governatore di Armenia da 358 a 361 )
Funzionari ( 696 , 699 per Celso 3 governatore di Cilicia nel 362 )
provinciali ( 697, 734 per Seleuco 1 ha incarichi in Eufratense)
beneficiari ( 704 732 , 777, 779, 792 , 1115, 1116, 1350
di lettere di per Iperechio 1 officialis supranumerarius nel 362)
raccomandazione (717, 746 per Teofilo 3 nel 362 , dopo un incarico al tempo di Costanzo II )
o di favori circa ( 740 contro Elpidio 1 ex prefetto del pretorio nel 362 , che toglie a
75 persone Libanio lo stipendio imperiale)
Funzionari ( 752 per Miccalo consularis di Tracia nel 361 )

86
provinciali ( 758 , 1154 per Aristofane di Corinto proconsolare di Acaia nel 362 )
beneficiari di (763. 819 per Orione di Bostra ex governatore di Arabia )
favori e di (773 per Entrechio governatore di Palestina in 362 )
raccomandazioni ( 780, 799 per Gaiano assessor di Fenicia )
circa 75 persone (788 per Papiriano funzionario finanziario in Cilicia nel 362)
(791 per governatore di Galati )
( 861 per Domnione 6 Vicarius di Asia nel 388 )
funzionari ( 911 per Celsino assessor ad Antiochia e governatore di province)
provinciali ( 935 per Iullo consularis di Siria prima del 392 )
beneficiari di ( 965 per Asclepio in Palestina ) ( 974, 975 per Eutimio in Palestina )
raccomandazioni ( 998, 999 per Severiano 3 consularis di Fenicia nel 391)
( 1024 per Palladio 17 ex consularis di Siria nel 392 )
( 1053 per Ilario 7 consularis di Palestina nel 392 )
( 1147,1148, 1400 , 1459, 1474, 1476,1477, per Celso 3 consularis di
Siria nel 364 , organizza i giochi olimpici ad Antiochia )
( 1188, 1265, 1266 per Clearco 1 vicario di Asia da 363 a 365
funzionari originario della Tesprozia )
provinciali ( 13, 1204 per Entrechio consularis di Pisidia)
beneficiari ( 1234 per Zenodoro governatore di Cilicia nel 364 – 365 )
di ( 1235 per Petronio governatore di Eufratense prima del 364 )
raccomandazioni ( 835, 1252, 1261 per Giuliano 15 che lascia sua carica in Pisidia , da
e favori lui ricoperta nel 362-364 )
( 1305 per Giuliano 7 governatore di Fenicia nel 362 , e Comes
circa 75 Orientis nel 364 )
persone ( 1309, 1310, 1314, 1317, 1318, 1319 per Evagrio 6 governatore di
provincia ) ( 1353 per Macedonio 2 defensor civitatis a Tarso nel 363)
( 1362 per Patrofilo funzionario provinciale )
funzionari ( 1376 per Vitalio 1 proconsole d'Asia nel 363 )
provinciali ( 1359 per Ecdicio 1 ex consularis di Galazia nel 364)
beneficiari di (1392, 1394 per Aussenzio 5 defensor civitatis a Tarso )
raccomandazioni ( 1396 per Domeziano 2 governatore di Eufratense )
e favori ( 1397 per Olimpio 5 funzionario provinciale nel 363 )
( 1411 per Eusebio 21 ,figlio di Asterio , cristiano di Antiochia, ha un
incarico ignoto durante regno di Costanzo II )
( 1489, 1490 per Saturnino 1 assessor )
( 1406 per Calliopio 2 governatore di Galazia nel 363-364)
( 1426 per Evagrio 6 nominato governatore provinciale )
( 1457 per Materno assessor di Palladio 5 governatore di Isauria nel 363)
Funzionari ( 3, 4 per Olimpio 13 , officialis nel 372 , figlio di Olimpio 1 medico di
palatini centrali Costanzo II )
senatori ( 16 per Gorgonio 1 prefectus sacri cubiculi di Gallo nel 354)
e agentes in rebus ( 18 per Calliopio 5 magister epistularum nel 388 )
e loro ( 19 Spettato notarius) ( 54 per Marciano 4 agens in rebus )
collaboratori ( 61, 62, 63, 64 per Prisciano 1 alla corte di Costantinopoli , e nel Senato
beneficiari di nel 359 originario di Tiro , pagano )
raccomandazioni ( 81 per Giuliano 9 agens in rebus di Cilicia , Cristiano nel 359, 360)
66 persone ( 116 per fratello di Esichio 4 notarius ad Antiochia nel 360 )
(155 , 626 per Bassiano notarius )
( 144 Maras 2 di Cirro riceve sussidio imperiale)

87
(169 per Leonzio agens in rebus) ( 176 per Elpidio 1 prefetto del pretorio)
(185 per Quirino agens in rebus)
( 200 per Anisio 1 funzionario forse notarius )
Funzionari ( 233 per Ammiano agens in rebus )
palatini e centrali ( 251 , 252, 265 per Olimpio 2 senatore a Roma e a Costantinopoli )
funzionari ( 308 per Iperechio agens in rebus )
palatini centrali ( 315 per Evagrio 1 agens in rebus nel 357)
beneficiari di ( 320 per Basso notarius )
raccomandazioni ( 324 per Ierocle stenografo) ( 330 per Talassio 2 proximus libellorum)
circa 66 persone (358 , 359, 365 per Onorato 2 figlio di Quirino notarius dal 358 al 361 )
(362 per figli di Marcello notarii del magister officiorum)
( 363 per Domno agens in rebus ) ( 382 per Olimpio agens in rebus )
funzionari ( 403 per Calliopio 1 assessor di Probazio quaestor sacri palatii nel 355 )
palatini ( 423 per Anatolio 1 prefetto del pretorio di Illirico )
beneficiari di ( 427, 505, 514 per Spettato notarius )
favori ( 430 , 435, 450, 451, 452, 473, 491, 588 per Clemazio 2
agens in rebus ) ( 510 per Florenzio 2 ) (519 per Letoio 5 agens in rebus)
funzionari delle ( 520, 521 per Dulcizio 5 agens in rebus )
corti centrali ( 545 per Sabino avvocato vicino al prefetto del pretorio)
( 560 per Maiorino prefetto del pretorio)
( 582, 583, per Domezio assessor di Aristeneto)
Funzionari di ( 602, 603, 604 , 608 , 1118 per Olimpio 6 agens in rebus antiocheno )
corte beneficiari ( 660, 739 , 1030 per Olimpio 2 , figlio di Pompeiano , senatore a Roma
di e a Costantinopoli)
raccomandazioni ( 656 per Carterio agens in rebus)
e favori ( 676 per Esichio 4 notarius nel 361 insieme a Spettato )
(796 per Ierace incarico imperiale )
(797 per Antipatro sacerdozio ) ( 841 per agens in rebus anonimo)
( 828 per Elpidio 4 chiamato a Costantinopoli per costruzione di un
acquedotto )
( 855, 856 per Esichio 6 chiamato a corte di Costantinopoli nel 388)
( 871, 872, 873, 874 per Macedonio 5 collaboratore del prefetto del
Funzionari di pretorio Taziano )
corte ( 875, 876 per figlio di Mariano Notarius )
beneficiari di ( 922 , 923, 924, 925, 926, 927, 928, 929, 932, 939 per Talassio 4 in senato )
raccomandazioni ( 957 per Sapore Agens in rebus ) ( 966, 967 per Filippo 4 officialis )
circa 66 ( 979 per Eutropio 4, storico futuro console)
persone ( 985 per Olimpio 10 , ha carica a corte nel 390 )
( 987 per Infanzio carica imperiale )
( 1029 per Rufino 12 gallico , prefetto del pretorio orientale dal 392)

(1035 per Aburgio funzionario a corte a Costantinopoli nel 388-390)


funzionari di ( 1052, 1106, per Rufino 12 gallico prefetto del pretorio
corte beneficiari orientale da 392 )
di ( 1193, 1194, 1195 ,1196 , 1197, 1198 , 1199 dossier per Alessandro 9
raccomandazioni agens in rebus nel 364-365) (1362 per Patrofilo negli uffici centrali )
e favori ( 1367 per Modesto di Bitinia agens in rebus )
circa 66 persone ( 1369, 1374 per Porfirio 1 funzionario finanziario in Egitto subordinato
al comes sacrarum largitionum )
( 1409 per Bassiano notarius nel 370-371)

88
( 1441, 1443, 1454 per Iperechio officialis del castrensis sacri palatii )
funzionari ( 1449 per Acacio 1 funzionario che ebbe due incarichi in Frigia e
centrali e della in Galazia nel 363 )
corte beneficiari ( 1451 per Severino funzionario centrale )
di favori e ( 1492, 1494 per Apellione, ottiene posto a corte nel 365 )
raccomandazioni ( 1505 , 1506, 1540 per Alessandro 5 agens in rebus )
(1511, 1512 , 1513 per Marciano 8 ex funzionario con Giovino 2 )
Decurioni ( 22, 155 , 157 per Aussenzio 2) ( 52, 53,54 per Domno curiale di Tarso )
e proprietari ( 38, 1544 per curiale Romolo)
terrieri ( 72, 73,74,75, 230, 236 , per Partenio di Antiochia, ha proprietà in Fenicia
beneficiari di nel 360) ( 112 per Obodiano decurione di Antiochia )
raccomandazioni ( 113 per decurione Argirio ) ( 144 Mares di Cirro )
( 150 per Fraterno decurione di Fenicia) ( 153 per Marone e Leonzio)
circa 55 persone ( 194 per Procopio 1 proprietario terriero in Cilicia nel 360 )
(197 per Asterio) ( 202 per Ermolao ) ( 210 per Antonino decurione )
( 225 per Eraclito decurione di Tiro)
(234 per Antioco 3 possiede terre in Fenicia in Fenicia nel 358)
( 245 per Carterio di Arca )
Decurioni e ( 70, 251, 252, 253 per Olimpio 2)
proprietari ( 275 per Filastrio decurione di Cucuso in Armenia )
terrieri ( 281, 282 per Dianio decurione di Nicomedia)
beneficiari di ( 286 per Ilario 7 decurione di Antiochia )
raccomandazioni ( 294 per decurione Agrecio) (349, 350 per Giuliano 5 honoratus )
e favori ( 355 per Achillio di Ancira) ( 374, 375, 376 per Dianio )
( 381, 441 per Obodiano decurione di Antiochia)

( 490, 495 per Antioco 2 decurione di Antiochia, che organizza giochi


olimpici del 356 e chiede aiuto alla corte imperiale )
Decurioni e
proprietari ( 95, 562, 563, 564 per Pelagio 1 curiale di Cirro in Eufratense )
terrieri ( 705 per Megisto sitegia in Egitto)
beneficiari di ( 713 per Menandro 1 decurione antiocheno futuro governatore di Egitto )
raccomandazioni ( 715 per Alessandro 6 decurione di Tarso , in Cilicia nel 362 )
e favori ( 723 per Filone decurione di Rosos)
( 730, 833, 834 per decurione Albanio di Ancira )
65 persone
( 757 per Basilico, cristiano che acquista le proprietà di un tempio pagano)
( 788 per decurione Geronzio )
(790 per decurione Pompeiano )
Decurioni e ( 803 , 808, 812 per esenzione a Iperechio )
proprietari ( 814 per esenzione a Leonzio 8 di Galazia )
terrieri ( 824 per Erculiano decurione di Tiro in Fenicia )
beneficiari di ( 844, 889, 890, 891, 892, per esenzione a Romulo curiale )
raccomandazioni
e favori ( 970, 971 per Argirio curiale) (994 per fratello di Apollonide decurione )
circa 65 ( 1019 per Nemesio decurione )
persone ( 1041, 1054, 1084 , 1085 per Teofilo che ha proprietà in Palestina )
(1071, 1201, 1200 per Pelagio decurione di Cirro )
( 1072, 1073 per Macedonio 5 decurione in Eufratense )

89
( 1164 per Daduchio) ( 1160,1172, 1398 per Urbicio decurione di
Eufratense ) ( 1189 per Alessandro di Panfilia )
( 1200 per Aristone di Cirro) (1260 per Antioco 2 decurione di Antiochia )
Decurioni e ( 1291 per Alessandro 9 di Antiochia, ha proprietà in Eufratense )
proprietari ( 1316 per Paolino , che ha proprietà agricole )
terrieri ( 1318 per esenzione a Gemello)
circa 65 persone ( 1328, 1365 , 1405 , per Letoio 1 decurione principalis di Antiochia)
( 1380 contro Pancrazio proprietario terriero)
(1385, 1401 per decurione di Tarso Teotecno)
decurioni e ( 1386 per Laurenzio di Cilicia proprietario terriero)
proprietari ( 1388 per Marciano 7 amministratore di proprietà di Laurenzio in Cilicia)
terrieri ( 1401 per Agazio 3 decurione di Tarso fratello di Teotecno )
( 1412, 1414, 1431 Esenzione a Olimpio 5 figli di Asterio, decurione e
peraequator e Eusebio 21 suo fratello Cristiano)

( 1462, 1463, 1467 dossier per Evagrio 6 ex governatore di provincia )


( 1498 per Aconzio decurione di Armenia ) ( 1516 per decurione Cirillo )
Militari 3 ( 1302 per Eutichiano soldato e storico della spedizione di Giuliano)
persone ( 1425, 1433, 1434, 1464 per un militare figlio di Salvio)
( 1525 per Vittore comes rei militaris)
Padri di allievi ( 130 per Artemio 2 padre di un allievo, originario della Cappadocia )
di Libanio ( 200 per Anisio 1 padre di un allievo )
6 persone ( 670 per Anfilochio 2 padre di allievo, di Cappadocia, futuro vescovo
di Iconio ) ( 690 per Marciano 5 di Antiochia )
( 940, 941 per Erezio )
( 1215 , 1501 per Eumazio 1 padre di allievi , di Isauria nel 365 )
( 1344, 1345 per Pompeiano e i suoi figli)
Collaboratori ( 90 per Zoilo )
e persone di umile ( 642, 644 per Rufino 8 procuratore di Bassiana , di Isauria )
condizione ( 1207, 1338 per Numenio) ( 1407 per Mocimo )
4 persone
Sacerdoti pagani ( 528 Bacchio )
2 persone ( 1468, 1503, 1504 per Lemmazio )
( 87 per Silvano studente di diritto) ( 117 per Peonio studente di diritto )
Avvocati, medici ( 191 per studente di medicina)
“ liberi ( 319, 426, 1055, 1056 , 1168, 1169, 1237, 1238, 1438, per Dionisio 2
professionisti” avvocato di Isauria accusato e assolto in un processo)
30 persone (412, 413, 414, 415, 419, 489, 511 , 992 per Olimpio 1 di Antiochia
medico, ed influente a corte )
( 425 per Eutolmio 1 medico in Cilicia nel 355 )
( 488 per Adamanzio 1 avvocato, di Antiochia )
Avvocati , ( 533 per Artemone studente di diritto)
medici, ( 535 per Olimpio 1 medico , influente a Costantinopoli )
“liberi ( 595 , 596 per Aussenzio 4 avvocato proveniente dall'Egitto )
professionisti” ( 674, 675 per Aezio 2 avvocato ad Ancira )
beneficiari di ( 652, 653 per Hilarino studente di diritto )
raccomandazioni (744, 751 per medico Eucarpione nel 362)
e favori ( 754 per Eutropio 4 lo storico nel 362-364 )

90
circa 30 persone ( 756 per Achillio Medico di Ancira ) ( 761, 762 per medici )
( 784 per medico Tiranno )
( 858, 859, 860 per avvocato Diogneto di Samosata retore forense)
circa 30 persone ( 888 per un medico )
( 678, 958, 959, 960, 1000, 1026, 1037, 1221 per figlio Cimone
Avvocati, docenti registrato come avvocato ad Antiochia )
di diritto e (1027 per medico Ciro) (1170,1203 per Apringio studente di diritto a Berito)
medici (1205 per medico Demetrio 3 in Bitinia nel 364)
beneficiari ( 1223, 1233 per Arsenio 2 avvocato di Antiochia )
di ( 1225, 1226, 1227 dossier per Peanio avvocato in Palestina nel 364 )
raccomandazioni ( 1334, 1336, 1341, 1468 per Evanzio avvocato di Evagrio 6)
e favori ( 1353 per Macedonio 2 iudex pedaneus )
( 1528,1529 per Palladio 10 avvocato di Panfilia che cerca un posto
nell'amministrazione nel 365 )
( 1537 per Eustochio avvocato negli anni 360-365)
( 14 per Dinia, un anziano) ( 105 per Pierio)
Beneficiari di ( 84 , 85 per Macedonio 6 nel 359 )
Condizione non (118, 119, 166, 322, 420 per Boeto di Elusa in Palestina parente del
precisata retore Zenobio ( 124 Poliano) ( 146 per Crise di Eufratense )
circa 69 persone ( 158 per Naumachio) ( 165 per Valente, parente di Boeto )
( 174 per Antonio) (184 per Verino) ( 192 per Sebone )
( 212 per Agiano) ( 232 per Frontino) ( 235 per Carzio)
( 284 , 285 per Eraclito 2 armeno anziano nel 360 )
( 295 per Laurenzio e Marcello )
Beneficiari di ( 297 per Terasio) ( 321 per Dinamio) ( 322 Boeto)
condizione non (372 per Tiberio ) ( 394 per Arabio) ( 395 per Anzio) ( 431 per Dafnio)
precisata ( 525, 526 per latore Severo )
( 543 per Antioco ed Alessandro , parenti di Gaudenzio)
( 589 per Leonzio ) (597 per Firmo) ( 635 per Romano)
Beneficiari ( 673 per Macedonio) ( 682 per Elladio vedovo a Antiochia nel 361 )
di condizione ( 695 per Adriano) ( 741 per Patroino)
non precisata (742 per Filopatra e per Ermogenia e familiari)
69 persone (764 per Teudiano Frigio) (775 per Olimpio) ( 776 per Magno )
(787 per un Cilicio ) ( 802 per Seleuco) ( 830 per Enea )
( 882 per Pietro 3 ha processi in Siria e in Egitto )
( 893 per Massimo) ( 913 per un abitante di Sidone )
Beneficiari ( 917 per Ammonilla ) ( 931 per Boeto)
di condizione (1006 per Eusebio 34 di Odenato ) ( 1032 per figlia di Tespesio)
non precisata ( 1042 per Crise della provincia di Eufratense )
circa 69 persone ( 1065 per Eutropio ) ( 1070 per Dolenziano) (1094 per fratello di Maras )
( 1097 per Teomnesto)
Beneficiari ( 1099 per fanciulla portatrice di lettera) ( 1103 per Talassio)
di condizione non ( 1152 per figlio di Rufino ) ( 1192 per Aussenzio )
precisata ( 1206 per Olimpio e Pergamio) ( 1222 per Marco )
circa 69 persone ( 1331 per Naumachio in Cilicia ) ( 1337 per Batto)
( 1339 per Anastasio)
(1381, 1382 dossier per Encrazio ) ( 1387 per Antioco e Alessandro)
Beneficiari di
condizione ( 1400 per Palladio 18, va in Fenicia nel 388 )

91
imprecisata (1413 per Valentino) ( 1421 per Callistene)
( 1452 per Eraclidiano ) ( 1472 per Macedonio 6 )
( 1481 per Simbulo e Teodoro) ( 1523 per Leonzio 16 )

Classificazione dei latori delle lettere di Libanio contenenti favori e raccomandazioni.


I numeri attribuiti ai personaggi sono solitamente tratti dalla PLRE 1 ,

Latori (4 Olimpio agens in rebus) ( 20 Gianuario)


coincidenti con i (86 Celso in senato di Costantinopoli) (117 Peonio) ( 156 Aussenzio)
beneficiari ( 189, 244 Mares di Cirro funzionario) (195 Ierio retore )
circa 116 persone ( 207, 208 Ilario retore ) (223 Andragazio retore )
(228, 229 , 291 , 292 , Eraclide poeta egiziano)
(232 Frontino funzionario)
(233 per Ammiano Funzionario) ( 234 Antioco ) ( 272 Erodiano )
( 274 Filastrio di Cucuso Curiale) ( 276 Dulcizio) ( 278 Daricio retore )
Latori coincidenti ( 279 , 280 Cleopatro) ( 282 Dianio ) (284 Eraclio ) ( 290 Leonzio )
con i beneficiari ( 295, 463 Agrecio decurione ) ( 299, 312 Elpidio )
circa 116 persone ( 317, 318 Retorio studente) (328 Antioco )
(343 Encrazio) ( 354 Giovino) ( 375 Dianio) ( 409, 411, Olimpio)
Latori coincidenti (475 Meterio studente) (486 Malco )
con i beneficiari ( 495 Antioco e Apellione ) ( 504 fratello di Libanio)
( 519 Leonzio agens in rebus ) ( 521 Dulcizio 5 )
( 523 , 524 Eliodoro) ( 525, 526 Severo) ( 533 Artemone studente di
diritto ) ( 543 parenti di Gaudenzio) ( 556, 557, 558 , Letoio 1 a Roma)
Latori coincidenti ( 561 Gimnasio) (569, 577 Giamblico) ( 602, 607 Olimpio 6 di Antiochia )
con i beneficiari ( 641 Flaviano ) ( 652 Ilarino studente)
( 666 Faustino di Pisidia) ( 693 Basso ) ( 694 Fortunaziano )
(713 Menandro ) ( 744 Eucarpione) ( 746 Teofilo) ( 767 Achillio)
( 784 Tiranno medico)
( 791 Domizio Modesto nominato prefetto di Costantinopoli nel 362)
( 814 Leonzio Galata ) ( 828 Erculiano ) ( 829 Eutocio)
( 830 Enea ) ( 831 , 832 Teodoro 4 )
Latori coincidenti ( 841 un agens in rebus ) ( 855 Esichio )
con i beneficiari ( 857, 858 , 859 , 860 Diogneto avvocato) ( 861 Domnione )
circa 116 persone ( 875 figlio di Mariano) ( 885, 886, 887 Eusebio 25 ,) ( 947 Ilario )
( 949 Celsino ) ( 969 Difilo ) (974 Eutimio) ( 978 Geronzio)
( 986 Asclepio) ( 987 Infanzio ) ( 1070 Macedonio) ( 1085 Teofilo )
( 1123 Demetrio di Tarso) ( 1150 Aristone ) (1161 Eugenio)
(1162 Marcellino) (1170,1203 Apringio) (1201 Pelagio)
Latori nominati e ( 1207 Numenio) ( 1208 Crisogono) ( 1209 Alessandro)
coincidenti con i ( 1210 , 1211 Pergamio studente) (1215 Eumazio )
beneficiari , (1225,1226 , 1227, 1228, 1306 Peanio) ( 1271 Magno)
( 1303 Eutropio fratello di Acacio) ( 1338 Numenio)
( 1381 , 1382 Encrazio ) (1331 Naumachio in Cilicia)

92
( 1352 Rufino da Troade ) ( 1353 Macedonio 2 Iudex pedaneus)
latori nominati e ( 1355 Antioco 3 ) (1362 Patrofilo) ( 1386 Laurenzio)
coincidenti con i ( 1402 latore da Persia a Macedonia) ( 1407 Mocimo)
beneficiari ( 1413 Valentino) ( 1415 Erodiano) (1432 Olimpio 5 figlio di Asterio)
( 1433 Salvio) ( 1442 Basso e Talassio) ( 1479 Severo )
circa 116 persone ( 1504 Lemmazio) ( 1505, 1507 Alessandro 5 agens in rebus)
( 1510 Maiorino) ( 1511 Marciano 6 ) ( 1516 Cirillo)
1, 5 , 6 , 9 , 11, 14, 16, 17, 22, 23, 24, 26, 27, 41 , 45,52, 53,54 , 56,
60, 61, 63, 64, 65, 66 , 67, 70, 71, 72, 75, 78, 81, 82, 83, 84, 87 ,91.
Latori ignoti e 92, 95, 101, 102 , 105 , 106, 108, 109, 110, 111, 113, 116, 126, 127,
non nominati 132 , 136, 145, 148, 151, 152, 153, 155, 158 , 159 , 161, 162, 171,
176, 177, 178, 179 , 180 , 182 , 183, 184, 185, 191, 192, 193, 197 ,
201, 204, 205, 206, 210, 216 , 217, 218, 219 , 221, 224, 226, 229,
231, 232, 238, 251, 253, 258, 264, 266, 267, 268, 269, 271, 277,
285 , 286, 287, 288, 293 , 296 , 297 , 298 , 301, 302, 303, 304 , 308,
309 , 311, 314, 315, 319, 320, 321, 322, 329, 330, 334, 337, 339,
340, 344, 348, 349, 355, 356, 357, 358, 359, 361, 362, 363, 364,
365 , 371, 374, 376, 382, 386 , 391, 394, 395, 397, 399, 400,
404, 406, 407, 410, 412, 414, 420, 423, 425, 426, 427 , 428,
430, 431, 432, 433, 435, 438, 439, 440, 441, 447, 448, 449,
450, 451, 452, 454, 455, 456, 457, 458, 459. 464 , 465 , 466, 468, 469,
Latori ignoti e 471, 472, 473, 474, 476, 480, 481, 488, 489 , 490 , 503, 505, 507, 511,
non nominati 516, 517, 522, 527, 528, 532 , 534, 536, 537, 538, 541, 544, 546, 551,
552, 562, 563, 572, 574, 575, 580, 582, 585, 586, 587 , 588, 589 ,
591, 593, 596, 597, 603, 604, 608 , 612, 615, 618, 619, 620, 622,
623, 624 , 626, 627, 628, 633, 635, 636, 637, 642, 644, 645, 646,
648, 649, 651, 654 , 656, 658, 659, 660, 663, 664, 665, 667, 669 ,
670, 673, 675, 676, 678, 680, 682, 683, 688, 689, 692, 695, 696,
697, 699, 700, 701, 703, 704, 709 , 711, 715, 716, 717,
723, 724, 727, 731, 732 , 740, 741, 742, 747 , 748, 749, 750,751,
755, 756, 757, 759, 760 , 765, 766, 769, 775, 779 , 780, 781, 783,
787, 788, 790, 792, 797, 799, 800 , 803, 804 , 807 , 808,
latori non 810, 812, 813, 816, 817, 818, 819, 820, 821, 823,
nominati ed 826, 827, 833, 834, 835 , 836, 837, 838, 839, 840, 843, 844,
ignoti 847, 848 , 849, 851, 854, 870, 871, 873, 874, 876, 880, 881, 882,
883, 884, 888, 890, 893, 896 , 900, 903, 904, 905, 906, 907,
908, 909, 910, 911, 912, 913 , 914, 917, 920, 921, 922, 923, 924,
926, 927, 928, 929, 931, 932 , 935, 936, 939, 940, 941, 942,
943, 945 , 946, 948, 952, 953, 954, 957, 959, 960, 966, 967, 970,
971, 972 , 973, 975, 976, 979, 981, 984, 988, 989, 992, 993, 994,
996. 998, 999, 1000, 1001 , 1002 , 1011, 1013, 1014 , 1015, 1018,
latori non nominati 1019, 1020, 1023, 1024 , 1025, 1026, 1027, 1029, 1032 , 1033, 1034,
ed ignoti 1035 , 1037, 1038, 1040, 1041, 1042 , 1046, 1047, 1048 , 1051,
1052, 1058, 1064, 1065, 1069, 1073, 1074 , 1080, 1084 , 1086,
1087, 1088, 1089, 1090 , 1092, 1094, 1096, 1097, 1099, 1103, 1108,
1115, 1116, 1118, 1120, 1122, 1131, 1137, 1141, 1143, 1144, 1145,
1146, 1147, 1148, 1149, 1151, 1154, 1155, 1160, 1167, 1168, 1172,
1177, 1178 , 1179, 1180, 1181, 1182, 1183, 1191, 1193, 1194, 1195,
Latori non 1196, 1197, 1198, 1199, 1200, 1204, 1205, 1206 , 1211, 1212 , 1221,

93
nominati ed 1222, 1224, 1231, 1232, 1233, 1235, 1238, 1239, 1240, 1243, 1245,
ignoti 1246, 1248, 1249, 1250, 1251, 1253, 1254, ( 1258 latore concittadino),
1259, 1260, 1261 1265, 1270, 1275, 1276 , 1277, 1278, 1281,
1283, 1285, 1287 , 1292, 1297, 1302 , 1310, 1311, 1312, 1314,
1316, 1317, 1319, 1320, 1321, 1322, 1323, 1324, 1327, 1328,
1329, 1333, 1334, 1336, 1337, 1339, 1341, 1344, 1348, 1350,
1354, 1356, 1357, 1358 , 1359, 1360, 1361, 1364, 1365 , 1367,
1368, 1369, 1370, 1371, 1373, 1374, 1375, 1376, 1378, 1380,
Latori non 1383, 1384, 1387, 1388, 1392, 1393, 1397, 1398,
nominati ed ignoti 1399, 1400, 1401, 1405, 1406, 1408 , 1409, 1410, 1411, 1412,
1414, 1416, 1417, 1418, 1419, 1420, 1421, 1423, 1425,
1426, 1427, 1428, 1431, 1438, 1439, 1441, 1444, 1455, 1456 ,
1457, 1458, 1459, 1460, 1461, 1462, 1463, 1465, 1467, 1468, 1471,
Latori non 1472, 1473, 1474, 1476, 1478, 1483, 1484, 1490, 1494,
nominati ed ignoti 1496, 1497, 1498, 1499, 1501, 1509, 1512, 1513, 1514 ,
1517, 1521, 1522, 1523, 1526, 1527, 1528, 1529, 1530, 1531, 1532,
1534, 1536, 1537, 1539, 1540, 1544
Latori schiavi o 6, ( 90 Zoilo) 734, 1480, ( 134 , 135 Mocimo ),
“messaggeri”
Agentes in rebus ( 215 Calliopio 1 assessor al quaestor sacri palatii )
e funzionari (482, 483 figli di Basso agens in rebus ) ( 491 Clemazio agens in rebus)
latori di lettere per ( 889 Brasida funzionario a corte )
altre persone ( 985 Eutichiano 2 ha un posto non definito nel 390)
Allievi di Libanio ( 94 Leonzio retore) ( 985 Asclepio 3 )
latori di lettere per
altre persone
Retori e filosofi
latori di lettere
per altre persone
Latori nominati , (34 Modesto nel 359 ) (50 Domno ) (55 Palladio 7 )
ma non identificati (73 ,74 , Partenio) (97 , 149, 160 Miccalo ) (112 Doroteo)
di raccomandazioni (18 Boeto ) ( 124 Poliano) ( 212 Agiano) ( 213 Alessandro )
per altre persone (222 Giuliano) ( 625 Seleuco) (720, 721 Menecrate) ( 789 Eustochio 1 )
(918 Teodoro ) ( 955, 956 Boeto) ( 985 Asclepio )
Latori nominati ( 1057 Eudemone ) ( 1071 figlio di Pelagio) ( 1119 Erculiano )
di lettere per ( 1263 abitante di Pelusio) ( 1282 lodato da Marciano )
altre persone ( 1366 Geronzio 3 ) ( 1377 un Galata ) ( 1525 Peanio)
Latori ambasciatori 45, 846, 850, 852, 868, 1184, 1186

94
CAPITOLO SECONDO. RACCOMANDAZIONI E FAVORI GENERICI NELL'EPISTOLARIO
DI LIBANIO.

Più di 450 lettere di Libanio contengono richieste di favori generici e vari. Alcune ( circa

300) hanno la forma classica della commendaticia ( il mittente A chiede al destinatario B

un favore per il beneficiario C ) e sono nel primo gruppo , della prima tabella su Libanio

altre invece ( circa 170) contengono tracce generiche di favori per i beneficiari e sono nel

settimo gruppo della stessa tabella .

Gli obiettivi a cui essi mirano sono amicizia ( philìa) , onore (timè), benevolenza ( éunoia ) .

Tradurre queste indicazioni nel loro significato pratico e valido dal punto di vista storico è

difficile e poco sicuro, ma si tratta forse di alloggi, ospitalità , o di benefici generici che non

si possono comunicare per iscritto e che sono lasciati alle parole dette dal latore , oppure ai

commonitoria, istruzioni pratiche, non tramandate insieme alle epistole.

Altre volte si tratta soltanto di mantenere il network 192 di relazioni tra conoscenti, evitando che

siano dimenticate per il passare del tempo e dunque hanno un contenuto molto vago. Anche

queste missive confermano o cambiano degli atteggiamenti , e possono tradursi almeno in certi

casi in azioni concrete , contengono potenzialmente un “facere”, diversamente da quelle

esclusivamente letterarie e qui non prese in considerazione.

I destinatari di questi appelli sono soprattutto governatori di provincia delle regioni orientali,

della Siria, della Fenicia , della Palestina, oppure altri sofisti colleghi di Libanio , meno spesso

funzionari di corte. Beneficiari sono soprattutto studenti della sua scuola o figli di

suoi amici. Spesso essi viaggiano nel mondo greco 193 , da una città all'altra e l'appoggio del

retore li aiuta a trovare un alloggio e varie facilitazioni.

Molto spesso lo scambio tra destinatario e beneficiario è descritto come utile ad entrambi,

poiché il primo, che ha un incarico pubblico, ottiene la gloria della letteratura e una buona

fama , il secondo che è un retore o un poeta, riceve vantaggi pratici e materiali per la

192 Sandwell, 2007 p. 133


193 Bradbury, 2004 b ,

95
fornitura della sua opera. Nella prospettiva di Libanio i potenti devono apprezzare la cultura

retorica e sostenere coloro che la posseggono, ma è probabile che non tutti i funzionari fossero

interessati a questo tipo di attività. L'elevato prestigio dello studio letterario è però un fatto

sicuro e testimoniato dalle decine di persone che mandano i loro figli a studiare da Libanio,

sapendo che in tale modo avranno buone possibilità di successo non solo come retori, ma

anche come funzionari.

Come caratteristica generale le raccomandazioni di Libanio presentano una maggiore varietà

rispetto a quelle di altri autori 194. Per ognuno dei suoi beneficiari indica spesso dei pregi

differenti, a seconda delle caratteristiche individuali e poche missive sono completamente

sovrapponibili nella loro somiglianza 195.

Le lodi sono comuni a tutte queste lettere 196 e riguardano a volte le capacità retoriche, oppure

il successo negli studi ( nel caso degli allievi) , o le doti morali dei beneficiari.

Alcuni gruppi di raccomandazioni paiono particolarmente significativi : quelli dei “poeti vaganti”
197
( Eudemone 1, Eraclide, Arpocrazione, Andronico 1 e Gessio 2) , dei “viaggiatori” (Giamblico ,

Lemmazio198 , Malco , Meterio 2 e Dionisio 5), degli allievi ( Letoio 6 di Panfilia 199 e Filosseno )

dei retori ( Teofilo, Magno, Encrazio, Aquiliano), dei medici ( Olimpio 2 e Achillio ).

I “poeti vaganti”

I “poeti vaganti”200, “wandering poets”, provengono soprattutto dall'Egitto e si muovono

194 Cribiore, 2007 p. 221-222 nota una differenza con Simmaco , il quale invece spesso usa le stesse parole
per tutti . Constata inoltre ( p.4-5) che le missive di Libanio sono più dirette ed immediate rispetto a quelle di altri
autori e talvolta entrano subito in medias res . L. Petit , 1866 , p. 152-153 non nega il valore storico delle lettere
di Libanio ed ammette che esso è grande, ma rileva la leggerezza e il distacco dagli eventi che egli dimostra con
l'eleganza della sua scrittura , a differenza degli autori cristiani a lui contemporanei che mostrano un maggiore
coinvolgimento
195 Lopez Eire , 1991 identifica una struttura tripartita della commendaticia libaniana che comprende : 1 una
formula di identificazione del beneficiario, 2 un elogio che spiega le sue doti e le circostanze della missiva
3 una petizione rivolta al destinatario. Le tre fasi possono presentarsi in ordine diverso, ma sono presenti quasi
sempre. B.Cabouret , in un convegno a Montpellier nel 2010 riprende tale schema , applicandolo alle lettere
61, e 62
196 Cribiore, 2007 p. 217 e segg.
197 Lib., Ep 596
198 Lib., Ep 1498, Ep 1503 , Ep 1504
199 Lib., Ep 1011 , Ep 1012 , Ep 1013 , Ep 1014 , Ep 1015
200 “Wandering poets” nella definizione di Al. Cameron 1965

96
nell'Oriente tardo-antico riscuotendo un buon successo , segno di un apprezzamento diffuso

della loro arte201. In Libanio se ne trovano alcuni come Eudemone 1 di Pelusio, Eraclide di

Menfi , Andronico 1 di Ermupoli , Arpocrazione e Gessio 2 .

Ben cinque missive sono per Eudemone 1 di Pelusio 202. Egli elogia Eutocio nel 388, ha ottimi

studi e cultura, deve ricevere un aiuto non soltanto da lui , ma da tutta una città, e per la sua

eloquenza, l'imperatore deve concedergli uno stipendio pubblico , poiché è non soltanto

poeta, ma anche retore. Geronzio 2 che governa l'Egitto nel 362 può aiutare Eudemone 1 ,

perché lui renderà eterna la gloria del suo potere 203 . Il poeta torna in patria abbandonando

Costantinopoli. Gaio 1204 gli offre come premio una corona. È raccomandato anche a Saluzio 205
,

prefetto del pretorio orientale , al quale porta le parole e i saluti di Libanio e si conferma

anche come retore, autore di discorsi in prosa . Pare ipotizzabile una convergenza religiosa

nel paganesimo tra Eudemone 1 e Saluzio 206, autore del trattato sugli dei ed il mondo, ma non ve

ne è traccia nella missiva, per la consueta scarsa attenzione che il suo autore dedica

all'argomento. Arpocrazione207 è raccomandato a Temistio, retore e funzionario di

Costantinopoli , che per la sua cultura può apprezzare degnamente i poeti , ospitandoli alla

corte imperiale , come fa per più di uno di loro e può aiutarli anche rivolgendosi ad altri potenti,

che ben conosce. I suoi rapporti con Libanio oscillano tra l'amicizia e la rivalità per la loro

comune attività retorica, e il rifiuto del secondo di recarsi nella capitale. Arpocrazione in

questo contesto, in cambio del beneficio ricevuto è latore delle orazioni che i due retori si

scambiano e mediatore di una provvisoria riconciliazione .

201 Cameron 1965, p. 502 rileva che la poesia di questi autori ha uno scopo pratico, contiene encomi e biasimi
e per questi motivi essi sono apprezzati dai funzionari.
202 Lib Ep 108, Ep 132, Ep. 164 , Ep. 255, Ep. 632, Ep. 633, Ep. 634, Ep. 826, Ep. 1428 . il numero 1 è dato
ad Eudemone da Seeck 2006
203 Lib., Ep 632, Ep. 633, il numero 2 è dato a Geronzio da Petit 1992
204 Lib., Ep 826
205 Lib., Ep 1428
206 Cameron , 1965 p. 474 nota il paganesimo di Eudemone
207 Lib., Ep 368, Ep 818

97
Due lettere208 sono per Andronico 1 di Ermupoli nel 359209 . Destinatario della prima è Temistio,

punto di riferimento per gli intellettuali che aspirano al successo a Costantinopoli. Suoi meriti

sono gli elogi che ha dispensato ai governatori provinciali, come normalmente fanno i poeti .

Destinatario della seconda è il medico Igino, attivo anche egli nella capitale, e a cui Andronico 1

attribuisce capacità terapeutiche quasi taumaturgiche.

Altra testimonianza su di lui, più qualificata sul piano storico è quella di Ammiano Marcellino,
210
che lo cita tra le vittime del processo di Scitopoli , imputato del reato di magia , ( spesso

attribuito a egiziani come lui). Per Eraclide sono due lettere 211 . Viene da Menfi, in Egitto, di

questa città è in qualche modo un rappresentante. E' raccomandato a Geronzio 2 , che governa

questa provincia e a Euterio nel 391, affinché lo trattino bene. I suoi meriti sono l'amicizia con

Libanio, la capacità retorica, e la gentilezza. Inoltre egli stesso è latore della lettera.

Per Gessio 2 sono due lettere 212. Va distinto dai precedenti, poiché non è un poeta, ma un

retore. Ad Antioco213 si chiede di aiutare il retore e suo figlio, che rischiano di patire gli oneri

curiali. Geronzio 2 214 secondo Libanio lo può tutelare da questo pericolo, poiché è

governatore dell'Egitto e può controllare l'attribuzione dei munera. Tra questi i più temuti

paiono essere quelli più umili, come il trasporto di animali. Dunque nelle lettere di Libanio

i “poeti vaganti” hanno una qualche funzione pubblica, celebrano i funzionari, si rendono utili

a loro e per questo motivo ricevono dei benefici, stipendi pubblici imperiali, come i retori , o

doni dai loro mecenati. Talvolta fanno carriera essi stessi. Libanio verso di loro è piuttosto

favorevole, anche se predilige i retori e i suoi allievi, e li ritiene comunque migliori dei

burocrati latinofoni. Spesso i destinatari delle missive per loro sono magistrati di

Costantinopoli, perché questa è la meta più frequente dei loro viaggi, dove trovano buoni

208 Lib Ep. 77, Ep. 78


209 Seeck 1906 , p. 300
210 Amm. Marc. XVIII,12
211 Lib Ep 290, Ep 291, Ep 292
212 Lib., Ep 948, Ep. 1524 , il numero 2 gli è attribuito da Seeck
213 Lib., Ep 948
214 Lib., Ep 1524

98
compensi e un pubblico interessato, oppure governatori della loro terra d'origine , l'Egitto , come

Geronzio. Nell'epistolario i benefici a loro dati paiono connessi alla loro funzione di latori, di

portatori di messaggi che difficilmente potrebbero circolare altrimenti, tra l'Egitto, Costantinopoli

e la Siria. La loro condizione sociale è studiata da Alan Cameron : sono proprietari terrieri

abbastanza agiati per dedicarsi a studi letterari, e sono solitamente di religione pagana 215 , con

alcune eccezioni . Dei poeti presenti in Libanio non sono tramandate opere , ma quelli

successivi del V secolo, come Nonno di Panopoli, Trifiodoro e Colluto sono meglio conosciuti .

I “viaggiatori”

Un complesso di lettere riguarda l'accoglienza di persone che fanno dei viaggi, e che

necessitano di alloggi per il periodo della loro permanenza 216. Solitamente sono studenti di

retorica che si spostano per frequentare diversi maestri, oratori che pronunciano i loro discorsi

in vari luoghi, funzionari che raggiungono la località del loro incarico, decurioni che fuggono

dalle loro città, proprietari terrieri in visita ai loro possedimenti. Tuttavia non mancano

viaggiatori che paiono muoversi in maniera “turistica” , senza uno scopo preciso, solo per

visitare le città dell'Oriente greco . Sono Lemmazio, Giamblico, Malco , Meterio 2 , Evanzio ,

Peanio217 e Dionisio 5 .

Per Lemmazio sono tre lettere 218 del 365 . Egli viene mandato a Giovino 2 e a Decenzio 1,

perché lo aiutino, e lo ospitino in nome dell'amicizia per lui , dal momento che è a causa di

gravi sventure è molto impoverito. A lui si ascrivono come merito un elemento culturale, la

sua grecità, ed il favore dell'imperatore. Lemmazio per la sua abilità retorica è accostato a

Nestore di Pilo e ritenuto degno di ricevere favori da Zeus . Il rapporto amicale pare qui

tradursi in atti concreti di accoglienza fatti da persone illustri e facoltose, tanto da poterseli

permettere .
215 L'eccezione a questa tendenza è Claudiano , che si distingue anche perché scrive in latino
216 Bradbury , 2004 b , p. 74 evidenzia la necessità del viaggio per le famiglie illustri dell'Oriente tardo antico per
mantenere il loro status e la loro ricchezza.
217 Lib Ep 1225 , Ep 1226 , Ep 1227, Ep 1228 , Ep 1229 ,
218 Lib Ep 1458 , Ep 1503 , Ep 1504 . I destinatari di queste lettere sono funzionari della corte di Costantinopoli

99
Per Giamblico sono ben 10 lettere 219. Egli compie una sorta di “grand tour”220 nel mondo

greco dalla Fenicia, all'Asia Minore a Costantinopoli alla Grecia , all'Italia nel 357 .

Appartiene a una illustre famiglia di Antiochia ed è forse imparentato con l'omonimo filosofo

neo platonico. Il suo viaggio pare motivato da intenti ricreativi e culturali, o almeno non

determinato soltanto da ragioni cogenti. Una lettera è per Ierocle 221 1 , al quale è riconosciuta

l'autorità di cambiare i piani del giovane, e di decidere se può partire oppure no , e ad

Aristeneto . La lettera a quest'ultimo 222, che dimostra la presenza del beneficiario a Nicomedia

in Bitinia, si accenna all'eredità paterna , che Giamblico ha suddiviso con i propri amici , la

sua lontananza da Antiochia potrebbe dunque derivare anche da tali problemi familiari.

Quando Giamblico giunge a Costantinopoli, Ginnasio e Temistio che risiedono lì , e hanno

posti di rilievo, lo devono aiutare 223 . Il primo dovrà fornirgli informazioni sulla città,

fungendo quasi da guida , il secondo224 ne verificherà le eccellenti qualità, frutto della sua

educazione, e gli concederà la sua amicizia ( philia ) , parola chiave nella definizione dei

rapporti tra gli aristocratici tardo-antichi, e renderà nota questa relazione anche agli altri,

estendendo il suo prestigio al giovane antiocheno. L'ordine dei pregi del beneficiario è

modulato da Libanio in funzione del destinatario ed in questa missiva vede una prevalenza

delle doti intellettuali e morali, più gradite a Temistio. Anche ad altri destinatari, si chiede

sollecitudine per Giamblico , Silano 225 dovrà apprezzare la sua eloquenza , è presentato

esplicitamente come retore, senza avere conosciuto il padre di lui Ierocle. La lettera ad

Anatolio226 , che è prefetto del pretorio loda Giamblico , insiste sulla nobiltà della sua

famiglia, e sui messaggi di Libanio da lui portati fino all'Illirico, con una reciproca utilità per

219 Lib Ep 569, Ep 570, Ep. 571, Ep 572, Ep. 573 , Ep. 574, Ep. 575, Ep.576, Ep. 577, Ep. 593, Ep 594 ,
220 Definizione data nella PLRE vol. 1
221 Lib., Ep 569 , Ierocle I risiede in Cilicia , Seeck 1906, p. 184
222 Lib., Ep 571
223 Lib., Ep 572
224 Lib., Ep 575
225 Lib., Ep 574
226 Lib., Ep 574

100
entrambi. A Barbazione 227 , un militare che manda un figlio a scuola di Libanio, egli chiede di

continuare, se lo ha già iniziato l'aiuto a Giamblico , presentato nella sua volontà di studiare

la retorica e nella sua riconoscenza verso i suoi benefattori. Olimpio e Giovino sono interlocutori

affidabili per lui , che si rivolge a loro perché dimostrano attenzione alla cultura.

Per Malco sono cinque lettere228. Egli è un retore, quando riceve questi favori, forse anni dopo

diventa un funzionario. Studia eloquenza e parte per un viaggio, riceve alcune lettere da

Libanio, arrossendo forse per l'importanza del compito 229 , nel 356 va a Costantinopoli e

compie il viaggio in mare dunque in un periodo primaverile o estivo, per completare i

suoi studi retorici, che ha già cominciato ad Antiochia . La lettera ad Arassio 230 , che ha un

incarico nella capitale sottolinea i suoi interessi culturali, e quanto egli sia meritevole di aiuti .

A Temistio231 Libanio chiede di registrarlo tra i suoi amici (frase consueta per indicare il

momento iniziale di un'amicizia che non ha precedenti significativi) e di consentirgli di

avere successo, grazie all'indubbia influenza che esercita nella capitale . Malco tiene forse delle

declamazioni a Costantinopoli, il cui successo dipende anche dall'appoggio di retori più illustri

quali Temistio. Il beneficiario è portatore anche di altri messaggi di Libanio, qui solo accennati, e

a lui riferirà quelli di Temistio, rafforzando la rete di amicizie , utile a entrambi.

In un breve biglietto ad Andronico 232 invece è chiesta un'assistenza generica, motivata dalla sua

bravura e dal coinvolgimento della città di Antiochia nel suo successo . Nel 356 Libanio

raccomanda a Igino233, che è medico , di conservare Malco in buona salute, e di consentirgli

di avere ciò che desidera , poiché ha il potere per farlo. L'ospitalità di questa missiva pare più

precisa di altre, perché allude a una sua professione, testimoniata anche altrove. A Silano 234

è affidata una decisione dovuta anche alle parole del latore Malco, che gli parla anche della

227 Lib., Ep 576


228 Lib., .Ep. 482, Ep. 483, Ep 484, Ep 485 , Ep 486, Ep 680 .
229 Lib., Ep 482
230 Lib., Ep 482
231 Lib., Ep 483
232 Lib., Ep 484
233 Lib., Ep 485
234 Lib., Ep 486

101
situazione di Libanio. Cinque anni dopo le altre missive del dossier nel 361 a Policronio è

chiesto di dare gloria al medesimo beneficiario, per i suoi meriti, che consistono in una

grande disponibilità e nella educazione, da lui data al figlio di Modesto . Malco forse assume

un ruolo di insegnante e collabora con Libanio ad Antiochia.

Quattro lettere235 sono per Meterio 2. Egli è un allievo di Libanio, originario di Nicomedia ,in

Bitinia e parte dalla Siria nel 355 o 356 , per andare nella sua patria e trasmettere i messaggi del

docente a due suoi amici di quella città , Aristeneto 1 ed Alcimo, entrambi retori. Al primo

è chiesta una buona accoglienza al latore, che ha meritato l'affetto degli antiocheni, dispiaciuti

per la sua partenza. Il secondo è stato suo insegnante, e ha favorito la sua famiglia, conosce

suo padre, Meterio 1, e lo deve convincere della opportunità della scelta del figlio, evitando che

lui ritenga che la sua popolarità ad Antiochia, sia in qualche modo colpevole. Al padre

Libanio invia una lettera rassicurante 236, difendendo la scelta del figlio, invitandolo a

condividere la gioia per i suoi risultati , alludendo forse a quelli ottenuti negli studi oratori. La

quarta lettera per Meterio 2 è indirizzata a Lampezio 237, al quale comunica che il beneficiario ha

studiato duramente ad Antiochia e che dunque merita di essere lodato e non biasimato.

La reiterata difesa fatta da Libanio in questo gruppo di lettere va messa in relazione con i

numerosi divertimenti a cui i giovani potevano attingere ad Antiochia, le corse dei cavalli, gli

spettacoli e i giochi pubblici, che provocavano la distrazione dagli studi per alcuni di loro. Questo

tema compare spesso nelle orazioni, mentre è meno presente nell'epistolario , dove tali

manifestazioni compaiono di più come gioia per tutti i cittadini, e onore per la comunità ( il

quinto capitolo tratta numerose lettere di questo genere) , senza rilievi moralistici al presunto

degrado da essi rappresentato. La gratitudine di Libanio verso Meterio 2 in questo

dossier, risulta qui evidente, in contrapposizione ad altri casi di latori sleali ed inaffidabili ,

235 Lib., Ep 472, Ep. 473, Ep. 474, Ep. 475


236 Lib., Ep 472
237 Lib., Ep 475

102
molto spesso schiavi, e dunque non identificati nemmeno con il loro nome. Si può pensare

che gli studenti di Libanio svolgessero solitamente in modo corretto questo compito di

trasporto delle missive , e che avessero con lui un rapporto di fiducia . Inoltre essi sono di

zone molto diverse del mondo greco e perciò si prestano bene a fare da intermediari tra

regioni molto lontane.

Evanzio è avvocato di Evagrio 6 238 , per il quale Libanio chiede aiuti in molte lettere 239. A
240
Geronzio 2 descrive la mobilitazione degli amici per lui. Aristone , curiale di Cirro gli fa un

favore, lo paragona a Teseo per la sua lealtà, e gli concede la sua amicizia, per il quale Libanio

lo ringrazia241, e spera che la sua benevolenza possa essere adeguatamente celebrata.


242
Al medesimo destinatario , Libanio loda Evanzio per la sua nobiltà, per la sua ricchezza e per

l'impegno continuo che profonde nella retorica. In occasione di un matrimonio ricerca un

suo cugino. Si è recato in Egitto perché il governatore di quella provincia è il destinatario. A

Pelagio243 originario di Cirro , come Aristone, nel 365 l'amicizia di Evanzio è descritta come

un tesoro e di lui si dice che merita il suo affetto e l'appoggio degli dei. In una lettera a Scilacio 244,

docente di diritto torna anche l'abnegazione di Evanzio. Egli non può incontrarlo poiché ha un

impegno con l'imperatore , quindi manda il fratello, che forse si dedica agli studi giuridici ,

con lui. Lo scambio epistolare è un' occasione per l'amicizia tra le famiglie.

Per Peanio sono cinque lettere. È raccomandato a Pienzio 245 , come il migliore latore dei

suoi messaggi. A Giovino 2246 nel 364, si chiede di fare ciò che Peanio comunica. A Cesario 4 247

nello stesso anno Libanio scrive di aiutarlo, prima di congedarlo, poiché egli non sa se partire e

compiere un viaggio per mare , oppure no. Si allude forse così ad un'eventuale sua partenza

238 Seeck 1906 , Petit 1992 p. 116


239 Lib., Ep 1319, Ep. 1328, Ep. 1331, Ep. 1334, Ep. 1336, Ep. 1340.
240 Lib., Ep 1319, il numero di Geronzio 2 è dato da Petit 1992 p. 116
241 Lib.. Ep 1333
242 Lib., Ep 1341
243 Lib., Ep 1334
244 Lib., Ep 1336
245 Lib., Ep 1225
246 Lib., Ep 1226
247 Lib., Ep 1227

103
per Costantinopoli, meta di retori e funzionari e raggiungibile via mare. In quell'anno Cesario 4 è

comes rerum privatarum248, e può decidere le spese del tesoro imperiale. A Nicenzio 1 249 nel 364

si chiede di aiutare Peanio nelle sue attività , quando altre persone non hanno ricevuto tale

onere, perché non ne sono capaci, o non vogliono farlo. In quell'anno Nicenzio1 ha una carica

ignota, a Costantinopoli. Può favorire retori ed avvocati. Dovrà ospitare il beneficiario, il quale

mostrerà la propria abilità retorica, in uno scambio consueto tra funzionario e sofista. Gli elogi,

come spesso avviene precedono l'allusione alla prova ( peiran ) che il destinatario farà delle

doti lodevoli del beneficiario 250. E' difficile individuare con certezza tale fatto, ma consiste

forse in un colloquio, dove si accertano le sue capacità retoriche. Quando Atarbio governa la

provincia di Europa riceve una missiva a favore di Peanio 251, che lo esorta ad accoglierlo

benevolmente, poiché si reca dalla Siria alla Grecia e fa dunque un viaggio più lungo, di quelli

consueti nell'epistolario e diretti nelle province orientali. Lo scopo di questa lettera pare essere

soltanto il passaggio e non la permanenza. Forse Peanio, raccomandato più volte a funzionari

della capitale, si deve recare altrove, e sta solo facendo un transito , per il quale necessita

dell'aiuto del governatore provinciale. Quest'ultimo avrà in cambio una buona reputazione tra

i conterranei del beneficiario.

Due lettere sono per Dionisio 5252. Nella prima è raccomandato a Mario. Il beneficiario è di

Antiochia, e il destinatario dovrà concedergli lo sguardo benevolo, ricorrente in tante missive,

rendendolo felice con il suo aiuto e permettendogli di congedarsi con atteggiamento gioioso.

La seconda a Fortunaziano253 1, che nel 364 è Comes rerum privatarum a Costantinopoli e può

mostrarsi insieme a Dionisio 5. Si è visto quindi che i “viaggiatori”, quando portano

messaggi , coincidono in molti casi con gli studenti di Libanio, di cui ora si esamina qualche

248 Il numero di Cesario 4 è dato da Petit. 1992, pp 56-57


249 Lib., Ep 1228. Il numero di Nicenzio 1 è dato da Petit p. 177
250 Cribiore 2007 p. 222-223 scrive di un colloquio per valutare le doti dei beneficiari , al termine del loro
percorso educativo , che ricorre 15 volte nell'epistolario di Libanio.
251 Lib., Ep 1229 , Petit 1992 p. 51
252 Lib., Ep 1142, Ep 1144 , numero di Dionisio 5 dato da Petit 1992 p. 157
253 Lib., Ep 1144

104
esempio.

Gli allievi

Molti allievi di Libanio ottengono raccomandazioni per avere vantaggi vari . Qui si prendono in

considerazione alcuni casi (Letoio 6 di Panfilia, Teofilo, Filosseno). Cinque lettere sono per Letoio

6 di Panfilia254, è uno studente di retorica, e merita da Argeo un contributo 255 a continuare tali

studi, nonostante la pressione di suo padre Fattiniano, che preferirebbe per lui quelli
256
giuridici a Berito , i quali forse consentono una maggiore possibilità di successo. A lui è

riconosciuto il merito di avere suscitato nuovo interesse per la retorica in persone che prima

le erano estranee, e di avere mandato Letoio 6 dalla Panfilia, sulle coste dell'Asia minore, ad

Antiochia . Qui si vede il governatore di provincia che manda il retore, non che lo accoglie,

in un movimento reciproco ed opposto a quello consueto. La sollecitazione da parte di un

funzionario locale è una delle modalità di reclutamento degli studenti a cui Libanio ricorre, le

altre sono le testimonianze di ex allievi, e le esortazioni rivolte a loro parenti ed amici. Per

Letoio 6 di Panfilia è chiesto un aiuto anche a Quirino 257 nel 391, un funzionario della corte

imperiale ed è un fatto inusuale, poiché i destinatari di tali richieste sono più spesso i

funzionari locali. Ciò che dovrà fare è mantenere per lui il vantaggio che ha in quel

momento, forse una sovvenzione imperiale per i retori, diversa dal pagamento dei retori fatto in

ogni provincia. Letoio riferisce parole lodevoli per Palladio 258 di Tiana nel 391, quando recluta

due studenti per Libanio da questa città della Cappadocia . Si vede qui come gli ex allievi

diventino spesso collaboratori nel trovare nuovi studenti, forse per la riconoscenza che devono

al maestro. Così è anche nella lettera a Ablabio, docente ad Ancira 259, del 390 e 391, lodato

da Letoio per l'ospitalità della sua tavola e che può mandare dei giovani della sua città alla

254 Lib., Ep. 1010, Ep. 1011 , Ep.1012, Ep. 1013, Ep. 1014 , Ep. 1015
255 Altri esempi di contributo economico agli studi degli allievi indigenti , sono nel V capitolo, dedicato ai
favori “ materiali”
256 Lib., Ep 1012
257 Lib., Ep 1013
258 Lib., Ep 1014
259 Lib., Ep. 1015 , Cribiore 2007 p.71

105
scuola antiochena. Una delle lettere a lui sottolinea la distanza tra Antiochia e la Galazia e

nota che gli allievi più recenti di Libanio vengono da terre più vicine a lui 260 .

Quattro lettere261 sono per Teofilo 5, un allievo del 392. A Esichio 262 6 il retore consiglia di

non interrompere l'amicizia con lui e di continuarla, sebbene vi sia stato qualche dissapore. È

soltanto uno dei suoi interventi da paciere, che si possono forse intendere nella logica di

mantenere armonia tra i suoi contatti e di guadagnare influenza tra coloro per i quali ottiene

una riconciliazione. Teofilo 5 è descritto ad Aristeneto 2 263 , come discepolo colto , in contatto

costante con Libanio, e meritevole di avere un successo , per il quale si deve adoperare anche il

destinatario , un ex allievo, che come altri si impegna favorire i suoi successori. Per Teofilo è una

lettera al patriarca Gamaliele 264, da cui si può dedurre una sua vicinanza alla comunità

ebraica. Il capo di quest'ultima potrà aiutare Teofilo 5 che lo merita e in quanto allievo di

Libanio è compagno di scuola di suo figlio . Lo stesso beneficiario è raccomandato anche al

retore Priscione , al quale è presentato come philologos, e definito meritevole di un aiuto che

consiste nel contrastare i suoi oppositori e nel convincerli a cessare la loro ostilità nei suoi

confronti e facendo prevalere la giustizia.

L'accesso alla scuola di Libanio presenta talvolta difficoltà , come quelle di Filosseno 265 , la sua

ammissione avviene per la domanda di suo zio Ecdicio e della madre, poiché suo padre è

morto, il retore antiocheno concede il suo nullaosta, dopo avere esaminato l'intelligenza e il

carattere del ragazzo ed averli trovati adeguati al suo insegnamento. Si può notare che qui

paiono significativi solo i criteri di merito e non si fa cenno al pagamento della tariffa per

la scuola, ( che invece appare evidente in alcune altre lettere, trattate del quinto capitolo

sui favori economici). Forse essa è stata ridotta o eliminata per rispettare le difficili

260 Lib. Ep. 921 , Cribiore 2007 p. 98


261 Lib., Ep 1040, Ep 1064, Ep 1084 , Ep 1085
262 Lib., Ep 1040 , Esichio 6 è governatore dell'Egitto , secondo Seeck 1906, p. 312
263 Lib., Ep 1064
264 Lib., Ep 1084
265 Lib., Ep 26 , Ep 45

106
condizioni finanziarie dell'alunno , nipote di un compagno di scuola del docente.

Libanio si interessa dei propri studenti e di quelli altrui e non soltanto di quelli di retorica,

bensì anche di quelli di diritto : Ilarino 266, Silvano267 , Peonio268, Artemone269, Apringio270.

Scrive a docenti di diritto , soprattutto di Berito, come Domnione 1 e Scilacio 2 , per inviare

loro degli studenti di questa materia, insegnata in lingua latina e molto utile per fare carriera

nella amministrazione. Pur non essendo favorevole a tali studi, non può ignorare che essi sono

vantaggiosi e svolge il suo “patronato intellettuale” anche per i loro cultori . Per Ilarino

Libanio scrive due lettere per questi motivi 271, inviate ad Anatolio , prefetto del pretorio

molto potente e Domnione. Libanio specifica che dopo avere studiato retorica con lui, il

beneficiario vuole lezioni di diritto e dovrà apprendere velocemente , poiché non è più

giovanissimo, evitando lo scherno riservato a molti che sono nella sua situazione. Ilarino

proviene dalla Beozia e non è l'unico personaggio della Grecia continentale che compare

nelle lettere di Libanio, sebbene costoro non siano moltissimi. E le zone più rappresentate

siano, come abbiamo visto, Siria, Palestina, Asia Minore. Silvano è raccomandato a Domnione 1 272,

affinché possa svolgere i suoi studi di diritto a Berito, nella sua scuola . Suoi titoli di merito
273
sono il buon carattere. Peonio è raccomandato allo stesso destinatario per i suoi studi

giuridici a Berito, perché merita di seguire la stessa carriera del padre e del nonno. Artemone

è raccomandato a Domnione274 per i suoi studi, nel 356, in qualità di concittadino di

Libanio . Ha studiato retorica con lui , ma poi ha scelto Berito per conoscere il diritto, e il

docente lo ha favorito, mettendolo in contatto con Domnione, come fa altre volte. A

quest'ultimo chiede di trattare bene l'allievo. Solitamente le lettere per gli studi giuridici sono

266 Lib., Ep 652, 653


267 Lib., Ep 87
268 Lib., Ep. 117
269 Lib., Ep 533
270 Lib., Ep 1171 , Ep 1170 , Ep 1201
271 Lib., Ep 652, 653 ,
272 Lib., Ep 83
273 Lib., Ep 117
274 Lib., Ep 533

107
soltanto una per ogni allievo, ma sono tre quelle per Apringio 275. Nella prima276 Libanio spiega a

Mario, governatore della Fenicia , che costui è andato a Berito nella provincia da lui retta. La

lettera mostra come i funzionari delle province fossero coinvolti negli studi di alcune

discipline. Nella seconda277 a Domnione, docente da cui Apringio si reca, spiega che egli non è

più giovanissimo , ma è comunque meritevole di dedicarsi a questi studi. Nella terza 278 a

Megezio nel 364 , gli chiede di aiutare lo stesso beneficiario e di accoglierlo. Libanio invia a

Scilacio 2279, docente di diritto, un latore anonimo, proveniente dalla Grecia ed interessato al

suo insegnamento. I pregi del beneficiario indicati qui sono il suo carattere, le sue doti

letterarie, e la sua famiglia, elementi consueti nelle commendaticiae. A Modesto280 Libanio

chiede di aiutare due giovani anonimi che vogliono dedicarsi agli studi giuridici. Egli può

fare questo in quanto è prefetto di Costantinopoli nel 363, e l'anno precedente, in cui era Comes

Orientis, ha fatto delle promesse e intende mantenerle.

I retori

Alcuni allievi una volta terminati gli studi diventano retori essi stessi , e continuano a

comparire nelle commendaticiae di Libanio, le quali non ignorano persone che fanno la stessa

attività, sebbene abbiano studiato con insegnanti diversi da lui. Si vedono qui i casi di

Macedonio 5 , Aquiliano, Panegirio, Firmino, Encrazio, Retorio 1, Cleobulo, Severo 5 di Licia,

Un dossier di 2 lettere è per Macedonio281. E' un retore che ha evitato gli oneri curiali della

sua città , Cirro. Nel 392 viene mandato a Leonzio 282, suo collega affinché lo aiuti , in modo

imprecisato. Allo stesso beneficiario Libanio consiglia di rivolgersi a Pelagio 283 nel 393 ,

275 Wolf 1952 , p. 83 nota che le tre missive sono rivolte a tre personalità influenti di Berito , che possono
aiutare Apringio a trovare ospitalità per i suoi studi.
276 Lib., Ep 1170
277 Lib., Ep 1171
278 Lib., Ep 1203
279 Lib., Ep 1431
280 Lib., Ep 807
281 Macedonio 5 nella numerazione di Seeck 1906 , compare in queste lettere: Lib., Ep 1072, Ep. 1073
282 Lib., Ep 1072
283 Lib., Ep 1073

108
quando costui ha un incarico provinciale , come suo padre alcuni anni prima . Il rapporto tra

retori e funzionari della medesima terra è dichiarato esplicitamente da Libanio, come la

reciproca riconoscenza.

Di norma i funzionari provinciali non possono essere nominati nella stessa terra dalla quale

provengono, ma vi sono numerose eccezioni .

Tre lettere sono per il sofista Aquiliano 284 . Nella prima Andronico lo esorta a dire la verità ,

e a lui il beneficiario racconterà come ha conosciuto Libanio . La missiva non contiene favori

precisi, ma mostra il modo con cui si formano amicizie che avranno o potrebbero avere delle

conseguenze pratiche, non attestate nell'epistolario , ma intuibili. Nella seconda indirizzata a

Gaiano285, Aquiliano porta le scuse di Libanio, ed è il tramite a cui il destinatario deve

dire le parole di riconciliazione. I suoi meriti sono riconosciuti pubblicamente e gli valgono

l'ammirazione dei suoi concittadini. Nella terza 286, Aquiliano riceve onore da parte di Prisciano 1,

che nel 364 è consularis della Palestina Prima, perché entrambi sono uomini colti, e si

incontrano nella stessa regione, dove è anche Gaiano, il destinatario precedente.

Per il retore Panegirio sono due lettere 287, la prima288 contiene una lode per lui in un periodo

in cui il latino è la lingua più utile e studiata per motivi pratici. Essa è portata da Boeto ,

abitante di Elusa, in Palestina, presente altre volte nell'epistolario, da solo o insieme a suo zio

Zenobio289. La seconda290, indirizzata al retore Priscione 291 nel 390, gli riconosce il merito di avere

aiutato Panegirio, ma lamenta l'assenza dell'aiuto concreto (indicato con la metafora dell'arco e

delle frecce) e spera che esso possa giungere dopo e che questo dissidio possa essere sanato.

Sempre Boeto , latore di queste missive è il mediatore della riconciliazione .

284 Lib., Ep 1246 , Ep 1247 , Ep 1248


285 Lib., Ep 1247
286 Lib., Ep 1248 , il numero di Prisciano 1 è in Petit 1992 p. 208-209
287 Lib Ep. 954 , Ep 955
288 Lib Ep. 954
289 Zenobio , che proviene da Elusa , in Palestina , è docente di retorica ad Antiochia , per alcuni anni , ed alla
sua morte gli subentra Libanio, di ritorno dai suoi insegnamenti a Nicomedia e a Costantinopoli .
290 Lib Ep. 955
291 Cribiore 2007 p.77 . Priscione è allievo di Libanio e retore di successo in Palestina ,

109
La definizione di retore (sophistes) è esplicita per Firmino292 nel 392, il quale ha scelto di

essere tale rinunciando alla attività militare , da lui svolta per qualche anno ,

Ciò che vuole fare è l'insegnamento, e la composizione di orazioni in lingua greca.

Cinegio lo ha lodato e appoggiato nel suo intento. La sede di questo suo impegno è la

Cappadocia. Da questa provincia provengono altri retori, anche nelle lettere dei padri

cappadoci Basilio e Gregorio Nazianzeno ce ne sono alcuni. Costoro probabilmente sono di

religione cristiana, ma la retorica viene praticata anche da loro , sebbene la scuola per tutto il

IV secolo e ancora agli inizi del V resti appannaggio dei pagani come Libanio 293 .

Due lettere sono per Encrazio 294, un decurione, in difficoltà come altri suoi colleghi per

l'impoverimento della loro classe ( il quinto capitolo ne mostra molti che chiedono esenzioni ) ,

proviene da Ancira , città spesso presente nell'epistolario. A Massimo 12 Libanio, chiede

che gli conceda un'udienza , poiché è onesto, sebbene povero, e capace di fare racconti

piacevoli ai suoi ascoltatori. A Iperechio si domanda invece di rendere più solida l'amicizia

con lui , che come altri retori ha lodato il suo destinatario e i suoi familiari , prestando i

servigi, per cui ambisce ad una ricompensa.

Allievo di Libanio è Retorio l, presente in due lettere 295. La prima è inviata a Clemazio,

quando governa la Palestina e risiede nel suo capoluogo, è portata dallo stesso beneficiario.

Costui conosce i retori, grazie al suo insegnante, di cui ha seguito le lezioni nel periodo a

Nicomedia negli anni precedenti . Retorio fa viaggi frequenti da Costantinopoli alla Siria 296 ,

parte forse dalla Bitinia e deve giungere in Egitto , dove va per ricevere un terreno da lui

ereditato, la Palestina è dunque una tappa intermedia , dove può avere un alloggio grazie

ai buoni uffici del docente. La seconda lettera per lui è a Sebastiano 297 , presenta Retorio

292 Lib., Ep. 1048 , Kopecek, 1974


293 Agostino nel De doctrina christiana prefigura una istruzione specificamente cristiana.
294 Lib., Ep 1381
295 Lib., Ep 317 , Ep 318 , Kaster 1988 p. 270
296 Kaster , 1988 p. 270.
297 Lib., Ep 318

110
come poeta e retore, bravo dunque sia nei versi che nella prosa. Altro suo merito è lo studio

come discepolo di Libanio e la sua nascita da Didimo, docente a Costantinopoli, poiché non è

ricco potrà trarre giovamento dal destinatario che ha una carica in Egitto, tale da poterlo

assistere, anche qui come altrove il destinatario è funzionario provinciale.

Cleobulo nel 355 è un grammatico che collabora con Libanio e viene mandato da lui ad
298
Andronico 2 al quale chiede di non deridere i sofisti mandati da lui poiché hanno ottime

capacità, e meritano un netto apprezzamento, forse mancato in precedenza. Il contrasto tra i

due si può forse spiegare in qualche modo .

Il retore Severo 5, originario della Licia compare in alcune missive 299 . Insegna retorica nella sua

provincia dal 359 al 365 , ha la stessa età di Libanio , ha studiato con lui ad Atene 300 Del 363

è la prima lettera per lui, a Sozomeno Libanio dichiara la sua amicizia con lui , e la sua
301
parentela con Massimo, per la quale è più conosciuto. Nella seconda a Cesario è ripetuto

questo suo tratto familiare. Al destinatario si chiede di aiutarlo, e di trattarlo bene , forse qui

si ricerca una immunità dalle funzioni curiali.

Medici

Favori generici compaiono nelle lettere di Libanio per alcuni medici. La conoscenza che egli

ha di loro deriva spesso dalla sua esperienza personale di malato grave di emicrania, podagra,

epilessia. Tra essi sono Olimpio 1 e Ciro. Olimpio 1 è raccomandato a Italiciano 302 nel 355,

che in quell'anno è funzionario della corte milanese. Il beneficiario oltre a curare i malati e ad

assisterli , è persona di cultura , che conosce i testi greci , ed è amico fidato, simile al

mitologico Piritoo, capace di portare assistenza anche nelle circostanze più difficili. Ad

Aristeneto 1303, triste dopo la morte della moglie, viene mandato Olimpio 1 come medico

298 Lib., Ep 399 , Petit 1992 p.39, il numero di Andronico 2 è dato da lui
299 Lib., Ep 1383 , Ep 1384
300 Cribiore 2007 p. 67-68
301 Lib., Ep 1384
302 Lib., Ep 413 . Olimpio 1 è un medico antiocheno nella numerazione di Seeck 1906
303 Lib., Ep. 414

111
capace di curare non solo i corpi, ma anche le anime. A Silano 304 che è docente di diritto ,

Libanio chiede un aiuto per lui. Nello stesso anno a Eupatore, padre di due allievi, Libanio

spiega che Olimpio 1 aiuta i suoi figli, forse dissipando voci malevole contro di loro.

Dunque questo beneficiario per la sua conoscenza del latino e del diritto pare uno dei pochi

interlocutori dell'epistolario vicino all'ambiente occidentale

Antioco 4305 è lodato da Libanio in una lettera ad Andronico come ottimo medico, per tutti i

cittadini, ed ha tra i suoi pazienti anche l'illustre Bassiana . Achillio, medico di Ancira,

“disoccupato” è lodato in una lettera a Bosporio 306 e merita di trovare una qualche attività, ha

portato le lettere al funzionario locale.

Distribuzione geografica dei beneficiari di favori generici nelle lettere di Libanio .

Molti dei beneficiari dei favori di Libanio restano ignoti , ed è impossibile conoscere la loro

provenienza. Tuttavia la distribuzione geografica dei beneficiari di favori generici indica

almeno in modo approssimato quali siano le zone in cui Libanio esercita la sua influenza in

modo più frequente. In ognuna delle categorie di favori esaminati in ogni capitolo prevale la

Siria, innanzitutto Antiochia con venti o trenta occorrenze, seguono Fenicia, Palestina ,

Galazia, Cilicia ed Eufratense con cinque o sei persone ciascuna .


.
Infine sono Armenia, Egitto , Grecia, Arabia, Bitinia , Tracia , Cappadocia, Pisidia e

Isauria , che hanno due o tre persone per ogni capitolo.

Distribuzione geografica dei beneficiari di favori generici

I numeri dati alle persone sono tratti solitamente dalla PLRE vol.1 , quelli sottolineati
sono tratti dallo studio di Seeck , quelli in corsivo sono tratti dallo studio di Petit 1992 ,
quelli in corsivo sono tratti dallo studio di Petit del 1992, quelli in grassetto sono dal libro di
R.Cribiore del 2007 .

304 Lib Ep. 415


305 Lib., Ep 230 , Il numero ad Antioco 4 è dato da Petit 1992 p. 40 . Il destinatario Andronico 2 è Consularis di
Fenicia fino al 361.
306 Lib., Ep. 796

112
( 9 Romano) ( 13 Entrechio) ( 14 Dinia )
Beneficiari di ( 17, 20 Gianuario ) ( 27 Pancrazio 2)
favori e ( 35 Elpidio 2 ) ( 84 Macedonio 4 )
raccomandazioni di ( 91 per Cleobulo)
Provenienza ignota ( 107, Euterio ) ( 111 Ciriaco ) (137 Evagora ) ( 145 Macario)
( 158 Naumachio) ( 176 Elpidio ) ( 179, 183 Palladio 7 )
( 206 Zenano) ( 212 Agiano)
(222 Giuliano 6 governatore di Fenica e di Asia )
( 224 Gaudenzio) ( 228, 235 Carzio )
( 236 Partenio) ( 269 Nemesio ) (275 Filastrio)
( 297 Terasio) ( 302 Leonzio e Marciano ) ( 313 Sofronio)
beneficiari di ( 321 Dinamio) ( 334, 335 Ieronimo)
favori generici di ( 343 Clemazio) (395 Anzio )
provenienza ignota. ( 396 Cleobulo ) ( 403 Teodoro)
( 412 Leonas ) ( 430, 491 Clemazio)
( 488 Adamanzio ) ( 495 Antioco e Apellione )
( 560 Maiorino )
(516 per retore Temistio 3 )
( 631, 695 Adriano) ( 674, 675 Aezio) ( 688 Fotino)
Beneficiari di ( 689 Ulpiano e Palladio)
provenienza ( 696 Seleuco e Alessandra ) ( 717 Teofilo) (744, 751 Eucarpione )
ignota ( 755 Eutropio) (883 Iasio) ( 893 Massimo)
(958 Geronzio) ( 973 per Filippiano) ( 979 Leonzio )
( 986 per Asclepio )
Beneficiari di ( 1002 Nemesio) ( 1006 Eusebio di Odenato) ( 1030 Olimpio)
provenienza ignota ( 1032 figlia di Tespesio) ( 1040, 1064, 1084, 1085, Teofilo)
( 1078 Odenato) ( 1079 Teodoro) ( 1090 Eusebio)
( 1118 Olimpio 6 ) ( 1150,1151 Materno ed Olimpio)
Beneficiari di ( 1192 Aussenzio) ( 1205 Demetrio 3 medico nel 364)
provenienza ( 1225, 1226 , 1227, 1228 , 1229, 1306 Peanio)
ignota ( 1285 Eubulo ) ( 1337 Batto)
( 1338 Numenio) ( 1359 Ecdicio)
( 1366 Dulcizio e Geronzio)
( 1401 Agazio, Teotecno)
beneficiari di ( 1413 Valentino) ( 1421 Callistene)
provenienza ( 1442 Basso e Talassio) ( 1452 Eraclidiano)
ignota ( 1457 Materno) ( 1462, 1463 Evagrio 6 )
( 1478, 1479 Severo 5 ) ( 1488 Peanio) ( 1497 Ecdicio)
( 1454 , 1503, 1504 Lemmazio)
Beneficiari di ( 456, 1521 Alessandro 5 agens in rebus )
provenienza ignota (1535 Teodoro) ( 1544 Romolo)

113
( 97, 98 per Miccalo di Antiochia )
Siria ( 214, 215 per Calliopio 1 pagano di Antiochia )
( 276 Dulcizio a Berea )
Siria ( 324 Ierocle studente ad Antiochia )
( 413, 414, 415 Olimpio 1 medico di Antiochia )
( 427 Spettato di Antiochia ) ( 440 Antioco di Antiochia )
( 523, 524 Eliodoro 1 di Antiochia )
(54, 92 238, 528 , Olimpio di Antiochia 2 )
( 558 Letoio 1 decurione di Antiochia )
Siria ( 550, 551, 553, 556, 557 Letoio di Antiochia )
( 626 Bassiano di Antiochia )
( 677, 1221, 1222, Cimone figlio di Libanio di Antiochia )
Siria ( 694 Fortunaziano 1 filosofo di Antiochia )
( 569, 594 , 982,984 , dossier di Giamblico di Siria )
(716 Obodiano di Siria ) ( 752 Miccalo di Antiochia )
( 854, 855 Esichio 6 di Antiochia )
( 985 Olimpio 10 di Antiochia, poi a corte di Costantinopoli )
Siria ( 992 Dionisio 6 medico di Antiochia )
( 1029 Ciro 2 medico di Antiochia nel 391 )
( 1051 Calliopio 5 di Antiochia )
( 1053 Ilario 7 decurione di Antiochia , nel 393 governatore di
Palestina )
Siria ( 1137, 1138 , 1139 per Geronzio 3 decurione e retore di Apamea)
( 1277 Pancrazio retore di Antiochia )
(1319, 1328, 1331, 1333, 1334, 1336, 1341, 1468 Evanzio , sposa una
Siria donna di Antiochia )
( 1375 Teodoto 3 di Antiochia figlio del retore Olimpio 7 )
( 1432 Olimpio 5 figlio di Asterio di Antiochia )
( 1527 Strategio 3 docente di retorica di Antiochia)

Palestina Prima e ( 156, 157 Aussenzio 5 nel 360 )


Seconda ( 164,166, 322 , 420 , 932 Boeto di Elusa )
( 241, 242 Eustochio 1 avvocato di Palestina nel 360 )
( 296 Alessandro 8 ) ( 312 Elpidio 3 )
Palestina Prima e ( 713 Menandro 1 dalla Palestina secunda )
Seconda ( 955, 956 Panegirio docente di retorica nel 390 )
( 1000, 1030 Priscione retore )
Palestina prima e ( 1270, 1271 , 1272 Magno)
seconda ( 1304 Eutropio 4 , forse autore del Breviarium )
( 1537 Eustochio 1 , avvocato di Palestina )
Egitto ( 77, 78 Andronico di Ermupoli )
(132, 255, 632, 633, 634, 826, 1428 dossier di Eudemone di Pelusio
wandering poet ) ( 291, 292 Eraclide di Menfi)
Egitto ( 367, 818 Arpocrazione ) ( 520. 521 Dulcizio)
( 595,596 Aussenzio) (948 , 1524 Gessio 2 )
Fenicia ( 195 Ierio 1 di Damasco pagano )
( 223 Andragazio avvocato )
( 503, 504, 507, 537, 561, 625, dossier Ginnasio retore di Sidone )
( 693 Basso 2 di Damasco )

114
Fenicia ( 641 Flaviano )
( 996 , 997 Massenzio 3 retore di Tiro )
Fenicia ( 1046 Abitante di Sidone) ( 1423 abitante di Tiro )
Armenia ( 1495 Aconzio)
( 622, 298, 651 Massimo di Ancira 12 )
( 239, 267, 268, 311, 703,704, 804, 805, 808, 810, 812, 1114,1350,
Galazia 1419, 1420, 1454 Iperechio di Ancira figlio di Massimo )
( 335, 756 Achillio di Ancira) ( 658 retore in Galazia)
( 700, 732 Acacio di Ancira ) (823 giovane di Ancira)
Galazia ( 1381, 1382 Encrazio di Ancira )
( 1444 Albanio di Ancira ) ( 1517 Doroteo di Ancira )
Cilicia ( 26 , 45, 60, 147, 148 Filosseno ) ( 295 Laurenzio che ha proprietà in
Cilicia ) ( 706 Eorzio di Tarso ) ( 1388 Marciano 7 )
Panfilia
( 1011, 1012, 1013, 1014, 1015 Letoio di Panfilia)
( 1528, 1529 Palladio 10 studente di diritto )
Bitinia ( 317, 318 Retorio)
(66, 472, 473, 474, 475, Meterio 1 di Nicomedia )
Bitinia ( 282 Dianio ) ( 1204 Entrechio)
Cappadocia ( 670, 1140. Anfilochio di Iconio) ( 1048 Firmino )
( 1035 Aburgio)
( 1024 Palladio 19 di Tiana padre di un allievo nel 391)
( 1302 Eutichiano )
Tracia ( 278 Daricio)
( 330 Talassio 2 a Costantinopoli)
( 354 Giovino 2 a Costantinopoli )
( 1455 Severino, di un villaggio vicino Costantinopoli)
Grecia ( 760 Prisco 1 filosofo di Tesprozia )
( Ilario 8 filosofo di Acaia nel 390 )
Eufratense ( 146 Crise ) ( 847 Diogneto di Samosata)
( 562,563, 1200, 1201,1202 Pelagio di Cirro )
( 1072, 1073 Macedonio 5 decurione di Cirro nel 393)
Eufratense ( 1150 Aristone di Cirro)
Frigia (764 Teudiano)
Licia ( 525, 526 1383 , 1384 Severo 5 di Licia )
Isauria (1142, 1144 ,1438, 1470 Dionisio 2 )
( 1215 Eumazio )
Gallia ( 1029 Rufino 12 comes Orientis )
Pisidia ( 666 Faustino ) ( 667, 668 , 669 Giuliano 15 )
Arabia ( 39 Modesto )

115
TERZO CAPITOLO. RACCOMANDAZIONI E FAVORI BUROCRATICI NELL'EPISTOLARIO
DI LIBANIO.

In Libanio sono presenti circa 190 lettere di argomento burocratico che chiedono aiuti

nell'ambito dell'amministrazione. I loro destinatari sono soprattutto locali, governatori di

provincia e in misura minore i funzionari della corte imperiale di Costantinopoli . I beneficiari

sono suoi allievi, a cui egli cerca una sistemazione gradevole per affermare il proprio ruolo di

influente mediatore 307 e decurioni che cercano di sfuggire al giogo dei munera con un incarico ,

che comporta la esenzione.

Le informazioni tratte da questo epistolario forniscono elementi per conoscere l'amministrazione

imperiale , sebbene non siano totalmente affidabili, per la parzialità con cui Libanio

sostiene i propri interessi, e contrasta quelli dei suoi avversari e per il lessico che utilizza. Infatti

intende mantenere la lingua attica del V secolo a.C, dunque evita scrupolosamente di usare i

nomi precisi della burocrazia imperiale ( che sono anche nella lingua latina da lui non amata).

E' noto che nella Tarda Antichità, con le riforme di Diocleziano e di Costantino la burocrazia

diventa pletorica308, costituita da molte persone, negli uffici delle capitali imperiali , in Oriente

Costantinopoli e nelle province, in un accrescimento continuo, non frenato dalla breve parentesi

di “austerità” nel triennio di Giuliano ( 361-364). Questi incarichi vengono ricoperti per poco

tempo, solitamente uno o due anni , non prevedono selezioni per merito e competenza ,

ma spesso sono acquistati , attraverso la pactio suffragiorum309 . Una carriera tipo può essere

sintetizzata in alcune tappe. Dopo gli studi retorici o giuridici, un giovane, solitamente di famiglia

illustre , entra negli uffici come avvocato o assessor di un governatore provinciale. Quattro o

cinque anni più tardi diventa egli stesso governatore di una delle province orientali . Questo

percorso vale per la carriera locale ed è il più diffuso nell'epistolario di Libanio. Esso contiene

307 Cribiore, 2007, Bradbury 2004b, p.78 nota che molti amici e studenti di Libanio raggiungono solo il
grado di governatore , una o più volte , e non avanzano nella carriera .
308 Poma, 2004 p. 181 ,
309 Collot , 1965, Veyne 1981 , Vecchio 1991 . Le fonti giuridiche confermano l'esistenza della pactio
suffragiorum , e le leggi degli imperatori tra IV e VI secolo , intendono limitare la pratica, poiché non
possono eliminarla .

116
anche una seconda strada, quella della burocrazia di corte e che comprende le tappe di agens in

rebus, o di notarius nelle scholae palatinae e l'approdo agli uffici di corte dei quattro

maggiori comites ( magister officiorum, quaestor sacri palatii, comes sacrarum largitionum ,

comes rerum privatarum )310 . Da entrambi i percorsi i funzionari più illustri raggiungono il

vertice della carriera civile, la prefettura del pretorio , ricoperta anche da amici di Libanio, come

Taziano (dal 388) , Strategio 2 detto Musoniano , Domizio Modesto e Anatolio 2 ,

destinatari di numerose missive.

Il retore antiocheno mira a favorire i suoi studenti, o comunque gli adepti della letteratura , a

discapito dei giuristi e degli stenografi, latinofoni più che grecofoni, in ascesa negli anni 40 e

50 del IV secolo con Costanzo II 311. Libanio chiede talvolta posti per chi non li ha , talvolta

delle promozioni per chi è già negli uffici.

Si vedranno qui dossier significativi , suddivisi in base alla mansione indicata o desiderata

dal beneficiario (quando essa è desumibile da alcuni indizi presenti nel testo) : i funzionari

provinciali ( i governatori, i loro collaboratori gli assessores e i funzionari cittadini di rango

minore), i senatori di Costantinopoli e gli aspiranti tali ( Iperechio, Talassio 4 312 ), i funzionari

palatini, i notarii ( Mares di Cirro e Spettato) , gli agentes in rebus 313 ( Olimpio 6 , Ammiano 1,

Onorato , Alessandro 5 ) i militari ( Ricomere, Eustochio, Ellebico, Salvio ) .

Funzionari provinciali e i loro collaboratori

I funzionari provinciali e cittadini sono i destinatari principali delle raccomandazioni

burocratiche di Libanio. Sono quelli che conosce meglio e quando i suoi allievi intraprendono

questa carriera , lo fanno solitamente nelle province, e non nella capitale. I governatori

310 Bradbury 2004b , p. 79 ritiene che il servizio negli uffici imperiali si ottenga per l'appoggio di funzionari
influenti nel consistorium dell'imperatore e che ingenti risorse servano alle famiglie per promuovere i loro
membri in questo ambito.
311 Petit 1955 , Cameron 1965 p. 501 nota che gli incarichi nell'amministrazione tardo antica sono conferiti
di solito non per competenze giuridiche o finanziarie, ma come premi a degli amici, e spesso le conoscenze
letterarie sono apprezzate in questo ambito.
312 Lib. Ep 922 , Ep. 943
313 I numeri attribuiti a queste persone sono tratti dallo studio di Petit 1992

117
provinciali, di nomina imperiale e non eletti dalle popolazioni locali sono i principali funzionari

di questo tipo314, con loro vi sono gli assessores , collaboratori , provenienti dalla avvocatura o

dalle scuole di retorica, che sono agli inizi della carriera .

Alcune lettere riguardano i governatori provinciali , la loro nomina e la loro permanenza..

Sono a favore di Severiano 3 , Ulpiano 1315 , Antioco 2316 e Eusebio 2317 , Infanzio318 .

Libanio scrive in una lettera a Massimo 6 ( governatore di Egitto) a proposito della nomina del

suo collega della provincia di Galazia 319 , conferma che essa spetta all'imperatore (o ai suoi

collaboratori della capitale) e talvolta si oppone alle voci degli avversari di un certo candidato,

come nel caso di Modesto. La lettera a Massimo 6, che risiede ad Ancira, capoluogo della

provincia, dove risiede anche il neo- nominato , lo esorta ad accoglierlo bene e prefigura un

incarico anche per lui . Vedendo la carriera di Massimo 6 , si constata la veridicità di questa

prospettiva320. Per il consularis di Siria Severiano 3321 Libanio scrive due lettere 322 . La prima

chiede a Scilacio di lodare questo ottimo funzionario e di prolungarne il ricordo per molto

tempo, per i suoi grandi meriti. La seconda rivolta a Severiano stesso nel 391, lo ringrazia poiché

lui consiglia ai padri di mandare i figli alla scuola di Libanio. Si vede qui come retori e

funzionari si scambino favori reciproci , quando vanno d'accordo , e traggano vantaggio da

questa collaborazione. A Ulpiano 1 323 Libanio rivolge un elogio per il modo in cui egli ha

governato la provincia di Arabia e gli consiglia di restare in carica ancora. I suoi meriti

consistono, come accade spesso in Libanio nella salvaguardia delle città, e nel loro risanamento ,

da lui fatto già in precedenza nella permanenza in Cappadocia. Solitamente un governatore


314 Bradbury 2004b, p. 79 nota che il loro incarico è di breve durata, che le loro famiglie controllano spesso
molte province , e che spesso sono contrastati dagli honorati, ex funzionari residenti in provincia.
315 Ulpiano 1 è il numero dato da Petit 1992 p. 258-259
316 Antioco 2 è il numero dato da Petit 1992 p. 42
317 Eusebio 2 è il numero dato da Petit 1992 p,98 ,
318 Lib., Ep. 897
319 Lib., Ep 791
320 Massimo 6 è governatore di Armenia dal 358 al 361 , di Galazia dal 361 al 362 , e di Egitto nel 364 ,
Petit 1992 p. 160 -161
321 Numero dato da Petit 1992
322 Lib Ep. 998 , Ep. 999
323 Lib Ep 1155

118
non resta in carica più di un anno. Un altro beneficiario Antioco 2, curiale di Antiochia , governa

l' Arabia . Dopo la morte del figlio, Libanio consiglia a Daziano nel 364 di dare a lui un

qualche incarico . Seeck lo ha identificato con il governatore di questa provincia in base a

una iscrizione di Gerasa , ma restano dubbi su tale ipotesi 324 .

Libanio scrive 3 lettere per Eusebio 2 325 . Egli è governatore prima della provincia di Ellesponto,

poi di quella di Bitinia, nella quale si comporta in modo eccellente, secondo la lettera a

Aristeneto326. Rispetto ad altri funzionari questo beneficiario è più illustre , poiché è fratello

dell'imperatrice Eusebia, moglie di Costanzo II.

Per Infanzio Libanio chiede a Taziano 327 , prefetto del pretorio nel 390, un prolungamento

della carica di consularis di Siria . Il beneficiario è presentato come figlio di Modesto 328 , e

come molto simile a lui , dunque degno di avere una simile carica. Le lodi a lui tributate dai suoi

colleghi rafforzano il favore per lui. In questa missiva la riconferma di un funzionario , per un

altro periodo pare una eccezione, infatti il tempo in cui essi restano in carica è di solito di un

anno , e a volte di pochi mesi . Dunque ci si può chiedere quale sia il motivo di una simile

petizione.

Alcuni assessores compaiono nelle lettere di Libanio : Quirino 1, Tusciano 329, Gaiano330. A causa

della malattia del figlio Onorato 2, Quirino 1 rifiuta tale incarico 331 in Gallia nel 358 quando

gli viene offerto dal governatore di questa provincia ( che prima aveva lo stesso incarico in

Cilicia) e pare dunque che a questo funzionario , nominato dall'imperatore, spetti scegliere

come collaboratori le persone a lui più gradite con ampio margine di discrezionalità.

Domizio Modesto nel 357 accetta la sua proposta di diventare assessor. Aristeneto invece la

324 Petit 1992 p. 42


325 Lib Ep 457 , Ep 458 , Ep 459 , Eusebio 2 è il numero attribuito da Petit 1992 p. 98
326 Lib. Ep 459
327 Lib., Ep. 987 , Petit 1992 p. 240., 241
328 Modesto è prefetto del pretorio , e predecessore di Taziano in questa carica dal 370 al 377, Petit , 1992 pp.
169-170
329 Lib Ep 348
330 Lib Ep. 799
331 Lib Ep. 386 , Petit 1992 p.218

119
rifiuta332 , forse vi sono diverse sensibilità ed esigenze economiche tra loro . Il primo avrà una

carriera molto più importante del secondo. Gaiano è assessor in Fenicia 333, come prima tappa

di una carriera che lo porta a incarichi più elevati di governatore.

Emergono in Libanio anche cariche minori delle singole città come quelle di eirenophulax e di

syndikos . Per Zenobio vi sono due lettere334 , con le quali Libanio vuole consentirgli di avere il

posto locale di eirenophulax , in Palestina, ad Elusa. Si tratta di una carica minore, che svolge

compiti di polizia e sicurezza, una sorta di giudice di pace. La sua richiesta è rivolta sia al

governatore della provincia Modesto, sia al suo collaboratore Urbano, che è suo assessor.

Zenobio aveva già questa carica, ma era stato espulso da essa per l'intervento di alcuni suoi

nemici, non nominati esplicitamente. È stato notato che la Palestina del tempo era una regione

fertile e ricca , che vive una fase di prosperità economica 335 .

Altra carica minore e cittadina è quella di syndikos o defensor civitatis , a cui Alessandro 3
336
vuole destinare Aussenzio 5 ad Apamea . I suoi titoli di merito sono le spese e le fatiche che

ha fatto per la città. Alessandro 3 che nel 363 è consularis di Siria, può conferire questo titolo.

Secondo il sofista sarebbe più adatto il posto di curatore dei lavori pubblici. In questo modo

Aussenzio 5 farà riprendere i culti pagani, da lui propagandati, nel sobborgo di Dafne 337.

Funzionari palatini , notarii , ed agentes in rebus

Alcuni favori burocratici riguardano i funzionari palatini in Libanio. I loro destinatari

risiedono a Costantinopoli, città che egli non ama e sono forse meno alla sua portata rispetto

a quelli provinciali, ai quali scrive più spesso. Appartengono all'ambito dei funzionari centrali

i seguenti dossier: Patrofilo, Giuliano 7, Partenio, il figlio di Mariano 338, Apellione339 .

332 Lib., Ep. 582, Ep. 583


333 Lib., Ep. 799
334 Lib., Ep. 102 , Ep. 180
335 Sivan, 2008
336 Lib., Ep. 1392 , Alessandro 3 è numero dato da Petit p. 27, 28 per il consularis di Siria
337 Bradbury , 2004 a p.136
338 Lib., Ep 875, Ep. 876
339 Lib., Ep. 1482, Ep. 1484

120
Per Patrofilo Libanio scrive nel 363, a Onoraziano 340 che ha una funzione palatina e gli chiede

di farlo entrare nella corte imperiale, dopo averlo accolto alla sua prima visita . Lo ha

aiutato per lungo tempo. Per Partenio sono 4 lettere 341 di cui una inquadrabile nelle vicende

della burocrazia centrale di Costantinopoli. La prima di queste del 359 è indirizzata a

Florenzio 2, un funzionario di carriera esclusivamente palatina 342, Partenio viene da lui

raccomandato sulla base delle sue doti morali ( l'abnegazione per gli amici, la franchezza e

l'assenza di adulazione), intellettuali e per la sua parentela con Eusebio . Per questi motivi

merita un giusto aiuto.

Daziano è destinatario di una delle due raccomandazioni per il retore Giuliano 343 7 di Siria , il

quale cerca un posto nella capitale. Nella prima gli si chiede di ascoltare il beneficiario , che

è anche il latore della lettera, di concedergli uno sguardo benevolo, di farlo entrare nel gruppo

di persone a lui vicine, le quali hanno studiato, sono da lui approvate e per questo ottengono

dei favori da lui. Si allude qui ai retori che cantano le lodi del prefetto del pretorio di Oriente, e

che per questo vengono da lui ricompensati. Sempre a Costantinopoli risiede l'altro intercessore

del favore per Giuliano 7 di Siria344 cioè Temistio 1 , a lui si chiede di assistere il beneficiario

che vuole lasciare la sua patria, andare nella capitale, contando sulle sue conoscenze letterarie,

(conosce bene i testi di Libanio, quelli di Platone e la lingua latina ) per le quali può vivere in

diversi luoghi del mondo greco; nel suo periodo in Fenicia , forse con la carica di consularis,

nominato dall'imperatore Giuliano nel 362 non si era arricchito. La missiva conferma una

mobilità geografica molto elevata tra i funzionari, quando possono contare su molteplici appoggi

ed ambire a posti, sia a Costantinopoli , sia nelle province. Giuliano 7 ottiene quello che

340 Lib., Ep. 1362


341 Lib., Ep. 72, Ep. 73, Ep. 74 , Ep. 75
342 Petit 1992 p, 110-111, Florenzio 2 , è magister officiorum nel 359-360 è mandato in esilio da Giuliano in
Amm. Marc. XXII,3 . B Cabouret in un convegno a Montpellier del marzo 2010 ricorda le molte lettere
di ringraziamento e di congratulazione, mandate da Libanio a Florenzio , per i suoi benefici. Cita ad esempio
le epistole 61, e 62 .
343 Lib. Ep 1297. Il numero di Giuliano 7 è dato da Petit 1992 p. 140-141
344 Lib. Ep 1296

121
vuole, poiché dopo due anni di “disoccupazione” 345 . è nominato Comes Orientis nel 364 per

volontà di Saluzio, e fino al 365 . Nel suo caso l'aiuto di Libanio ha funzionato.

Se alcuni vogliono entrare alla corte di Costantinopoli, altri tentano di uscirne, come il figlio di

Mariano346. Egli è stato iscritto nel registro degli ufficiali di corte fin da bambini, e cercano

di sottrarsi a questo onere. Il giovane è latore della prima lettera, a Teodoro, la quale dice della

sua volontà di diventare retore, e di studiare con Libanio. Il destinatario può aiutarlo a

scampare da questa difficoltà . Nella seconda missiva ad Antioco 347 , Libanio spiega

il desiderio di Mariano che il figlio studi retorica , e gli chiede di evitare l'arruolamento del

ragazzo nella corte, e di rendere la loro permanenza meno gravosa. Destinatari delle missive

sono i capi degli uffici del magister officiorum, che gestiscono il personale di corte . In questo

ambito viene convocato Apellione nel 365, come pare da due lettere 348 .Viene chiamato lì

da Decenzio 1, che è magister officiorum. Nella seconda di queste missive349 si congratula con

Geronzio per avere ottenuto la presenza di Apellione, e lo descrive mentre parte per Costantinopoli,

a malincuore, dovendo rispettare un ordine, a lui non gradito. È un agens in rebus a prelevarlo

e a condurlo con sé. Apellione nella sua carriera precedente 350 ricopre cariche della burocrazia

provinciale in Egitto ; Bitinia e Cilicia . Non è chiaro se sia obbligato in qualche modo a

accettare la nomina a corte.

Funzionari di rango minore che svolgono la loro carriera nella amministrazione palatina

sono i notarii ( stenografi ). Essi si affermano particolarmente durante il regno di Costanzo II ,

( dal 337 al 361). Libanio non li apprezza molto, perché hanno una formazione tecnica e

giuridica, spesso sono di bassa estrazione sociale e sono alternativi ai suoi consueti

protetti , ma nella sua ampia rete non può evitare di avere anche alcuni di loro .

345 Petit, 1992 p. 140-141


346 Lib., Ep. 875, Ep. 876 , Petit 1992 p. 156
347 Lib., Ep. 876
348 Lib., Ep. 1482, Lib., Ep. 1484 .
349 Lib., Ep. 1482
350 Petit 1992, p. 44

122
Infatti alcune lettere sono per Maras 351 di Cirro , un notarius . Egli ha la capacità manuale di

scrivere velocemente, essendo stenografo 352 e merita da Prisciano 1353, governatore della

provincia di Eufratense dal 359 , una qualche concessione. Di nuovo a lui 354 è chiesta

un'assistenza generica per lo stesso beneficiario, e che egli non venga punito ingiustamente,

ma ottenga ciò che ha meritato . La lettera ad Andronico 355 spiega che Maras si prende cura di

Zenone , è impiegato negli uffici del prefetto del pretorio. Andronico dovrà favorire queste due

persone in modo non definito. Altre lettere sono per i notarii per Basso e Spettato.

Il secondo in particolare ha questa carica secondo una lettera a Anatolio 1 356, suo superiore.

A lui Libanio fa notare la conoscenza dell'eloquenza del funzionario, che pure ha una

formazione di tipo diverso . Il retore infatti mantiene rapporti anche con funzionari e si mostra

lieto quando i suoi allievi intraprendono con successo questa carriera .

Alcuni dossier riguardano gli agentes in rebus. Essi sono funzionari, incaricati della ispezione

e del controllo da parte della amministrazione centrale e della trasmissione degli ordini

imperiali. Ammiano Marcellino li ritiene responsabili di delazioni , arresti , torture e condanne

illegittime, durante l'impero di Costanzo II 357. Procopio358 di Cesarea che ne scrive due secoli dopo

attribuisce loro la funzione di trasmettere velocemente alla corte imperiale le informazioni sia

dei nemici, durante le guerre, sia dell'operato degli altri ufficiali , in tempo di pace . Essi sono

i corrieri degli ordini dell'imperatore , li comunicano e li fanno eseguire.

Dipendono dal magister officiorum o dal prefetto del pretorio. Tra le loro funzioni è forse

anche il trasporto delle lettere inviate dai governatori oppure a loro destinate. Libanio

ricorre a loro spesso, e lamenta la loro inaffidabilità 359 . Dalle sue lettere traspare qualche
351 Lib., Ep. 136 , Ep. 189, Ep. 244
352 Lib., Ep. 136
353 Petit 1992, p. 207, 208
354 Lib., Ep. 244
355 Lib., Ep. 189
356 Lib., Ep. 19
357 Poma, 2002 p. 191
358 Proc. Hist. Arc. XXX
359 Gli autori cristiani dispongono invece di diaconi che ritengono ammirevoli per la loro abnegazione , che
si impegnano in ogni modo per recapitare le lettere e ricevono spesso lodi per la loro dedizione nella
consegna delle loro lettere.

123
indicazione utile sulle loro mansioni e sulla percezione che altri avevano di loro.

Libanio ne presenta alcuni : Olimpio 6, Ammiano 1, Onorato 2, Alessandro 5 360 .

Nel 357 Olimpio 6361 viene lodato in una lettera a Clemazio 2 che è un suo superiore .

Quest'ultimo dovrà mandarlo in Italia con alcune lettere ( e qui forse si può intravvedere un

trasporto di lettere da parte dell'agens in rebus , diverse da quelle imperiali ) e premiarlo per i suoi

meriti. Nella seconda362 a Migdonio che in quell'anno è assessor del magister officiorum, Libanio

spiega che Olimpio 6 è diventato agens in rebus , dopo gli studi retorici , che non ha

completato poiché nessuno li ha finanziati fino alla loro conclusione , e dunque è entrato

nell'amministrazione. Migdonio, collaboratore di Musonio, magister officiorum, dovrà giustificare

la sua assenza, dovuta forse al viaggio in Italia auspicato nella missiva precedente, evitando

che Olimpio 6 subisca delle conseguenze negative, che non merita. Si vede qui come gli agentes

in rebus siano impiegati per scopi privati di alcuni funzionari e fossero talvolta sottratti ai

servizi dello stato . I controlli sono addomesticati in modi simili a quanto avviene qui. A

Musonio è una missiva363 , del 357, in cui Libanio lo loda perché ha aiutato molte persone,

soprattutto retori e ripete la petizione per Olimpio 6 al titolare della carica dopo averla

presentata al suo collaboratore, con parole simili sulla sua carriera ( la retorica e poi la

burocrazia) . Musonio se vorrà potrà migliorare la sua situazione . Il dossier consente di

vedere il rapporto tra il titolare di una carica e il suo assessor .

Ammiano 1 364 è un agens in rebus che collabora con Apollinario e Gemello , figli di

Anatolio 2365 . Costoro dopo avere fatto ricorso ai suoi servigi , come latore di messaggi ,

dovranno ricompensarlo mandandolo in Cilicia o donandogli qualcosa di quella terra. Questa

missiva forse consente di vedere come gli agentes in rebus , oltre a portare le lettere

360 Lib., Ep. 1193, Ep 1194 , Ep. 1195 , Ep. 1196 , Ep. 1197 , Ep. 1198 , Ep. 1199 ,
361 Lib., Ep. 602, Ep 603, Ep.604 . Il numero di Olimpio 6 è dato da Petit 1992 p. 182
362 Lib., Ep. 603
363 Lib., Ep. 604
364 Lib., Ep. 233 . Petit 1992, p. 32 gli attribuisce il numero di Ammiano 1
365 Anatolio 2 , ha tale numero nello studio di Petit 1992 , è governatore di Galazia e di Fenicia

124
dell'imperatore, erano usati talvolta anche dai funzionari e dai loro parenti, per motivi

personali. Non sempre la loro funzione è gradita dagli interlocutori di Libanio . Onorato,

figlio di Quirino 1, più volte tenta di sottrarvisi . Per lui vi sono quattro lettere 366 . A Basso 1

primicerius notariorum nel 358 è una lettera367 , in cui Libanio spiega che Onorato 2 merita

l'esenzione da questa carica sgradita , poiché è malato , forse ai piedi , e nonostante le cure

dei medici non è guarito. Suo padre Quirino ha una lunga carriera burocratica , avendo già

ricoperto tre uffici e dunque la sua famiglia ha già fornito il suo contributo allo stato . Una
368
seconda lettera sullo stesso argomento è indirizzata ancora a Basso 1 . Le sollecitazioni

sottolineano che il potere di quest'ultimo è ampiamente in grado di aiutare Onorato 2 e di dargli

l'esenzione che desidera e perciò fino ad allora gli è mancata soltanto la volontà di fare questo.

Libanio riepiloga la carriera del padre del postulante Quirino dopo gli studi retorici è stato

assessor di Filippo. Simile è la richiesta fatta a Spettato 369, cioè l'esenzione di Onorato dalla

funzione di agens in rebus. Essa è stata promessa dal destinatario, che deve adesso eseguire

quanto ha detto , perché ha il potere di farlo e perché Quirino 1 , il padre del ragazzo, presenta

questa sua esigenza ogni giorno. Libanio coinvolge nella questione anche i familiari di Spettato

la madre e il cugino , che caldeggiano la concessione del favore , come tutta la città e lo ricorda

come suo ex allievo, quindi tenuto a un vincolo di fedeltà al maestro. Una lettera a Mantiteo 370 ,

che nel 355 è proconsole d'Asia371, lamenta il cattivo trattamento che Nebridio ha inflitto a

Onorato 2, facendolo frustare, come spesso avveniva da parte dei funzionari ( il quarto capitolo

sull'amministrazione della giustizia contiene alcune notazioni di questo tipo) e cerca di

arruolare nell'amministrazione i suoi fratelli , gli altri figli di Quirino .

Altro agens in rebus è Alessandro 5372, per il quale vi sono numerose lettere . Egli è

366 Lib., Ep. 359 , Ep. 366 , Ep. 400


367 Lib Ep. 359
368 Lib Ep. 366
369 Lib Ep 365
370 Lib., Ep 400
371 Petit 1992, p. 153
372 Alessandro 5 è il numero dato da Petit 1992 p. 29-30 . Il suo ampio dossier comprende molte lettere :
Ep. 1193, Ep 1194 , Ep. 1195 , Ep 1196, Ep 1197 , Ep.1506. Ep. 1507

125
raccomandato a Temistio 373 per i suoi grandi meriti. Libanio gli è grato perché risparmia un

retore, evitandogli di essere distolto dalla sua attività letteraria e chiede a Temistio di trattarlo
374
bene e di aiutarlo nella sua attività . A Giovino 2 , che fa una carriera interamente dedicata

alla corte, il sofista antiocheno loda Alessandro 5 per le sue capacità retoriche e per i

pericoli che egli ha affrontato per gli amici.

A Eumolpio375 ex consularis di Fenicia, si chiede di dimostrare amicizia verso Alessandro 5

il quale è anche latore di questa missiva, e del quale si nota la capacità di scrivere in modo

chiaro e efficace. A Daziano 376 nel 364 , quando è prefetto del pretorio in Oriente è rivolta

una lettera dove Libanio gli chiede di metterlo sotto la sua ala protettiva e di dare degli esiti

positivi al suo incarico di agens in rebus. Essi sono strettamente legati al prefetto del pretorio ,

che può decidere le loro sorti . Alessandro 5 ha una formazione retorica che Daziano può

apprezzare. Perciò Libanio gli chiede di fornire al beneficiario un'altra carica , forse più

prestigiosa. Altra commendaticia per Alessandro 5 è indirizzata a Olimpio 1 377 che già lo

conosce lo ha elogiato. La formazione retorica del destinatario si deduce dalla declamazione

su Platone che sta preparando . A Decenzio 1 magister officiorum 378 Alessandro 5 è descritto

come un agens in rebus che però conosce la retorica e che merita di avere un miglioramento della

sua condizione attraverso persone potenti che possono aiutarlo come il destinatario , suo

superiore nella gerarchia burocratica. L'ultima lettera 379 del dossier è per Alessandro 5

quando si reca in Cilicia forse per riscuotere le tasse e Zenodoto , governatore della

provincia , non lo deve ostacolare e deve evitare la collera, concedendo a lui questo favore. Si

può forse valutare se uno dei compiti degli agentes in rebus fosse l'esazione dei tributi, almeno

in alcune province e in alcune condizioni.

373 Lib., Ep 1193


374 Lib., Ep. 1194 , Petit 1992 p. 137 dà il numero di Giovino 2
375 Lib., Ep. 1195
376 Lib Ep. 1197
377 Lib., Ep. 1198 , Olimpio 1 ha incarichi a corte nel 364 , ha questo numero nello studio di Seeck
378 Lib., Ep. 1505,
379 Lib., Ep. 1507

126
I senatori di Costantinopoli

Alcune lettere di Libanio riguardano i senatori di Costantinopoli e gli aspiranti tali sono i

dossier di Talassio 4 e Iperechio . Nella capitale imperiale attorno alla metà del IV secolo

viene a formarsi il senato, organo politico simile a quello di Roma, e che recluta le elites di

diverse regioni orientali. Libanio di fronte a questa nuova istituzione ha un atteggiamento

ambivalente . Infatti inizialmente lo avversa e sconsiglia ai suoi interlocutori di entrare a farne

parte , sostenendo che essi possono avere soluzioni molto migliori . Ciò accade nel primo

periodo dell'epistolario dal 355 al 363. Una lettera 380 testimonia questa valutazione critica del

nuovo consesso costantinopolitano. Sono tramandate soltanto poche lettere del trentennio

dal 356 al 386. A partire dagli anni 60 del IV secolo invece l'oratore cerca di ottenere per i

suoi protetti dei posti in senato di Costantinopoli, poiché esso è divenuto importante, prestigioso

e appetibile per molte persone. Si riscontra questo fatto nel dossier di Talassio 4 381 e di

Iperechio. Per entrambi Libanio tenta di ottenere l'entrata in senato, ma senza successo . È

significativo vedere a chi si rivolga per questo obiettivo. Per Talassio 4 scrive a Proculo 3 382,

prefetto di Costantinopoli, e futuro prefetto del pretorio, come il padre Taziano, a Sofronio 383 ,

senatore ed ex prefetto del pretorio nel 379, ed a Ellebico 384 , comandante dell'esercito. Uno

dei destinatari, Ottato 385 si oppone strenuamente all'ingresso di Talassio 4 perché ha avuto dei

dissapori con lui in precedenza. Libanio lo invita a cambiare idea e a fare una palinodia nello

stile del poeta lirico Stesicoro , ma senza successo. La sua ricerca tanto protratta di un posto

380 Lib., Ep. 34


381 Il dossier per Talassio 4 comprende queste lettere: Ep. 922, Ep 923, Ep. 924, Ep. 925, Ep. 926, Ep. 927,
Ep. 928 , Ep. 936, Ep. 939, Ep. 943
382 Lib., Ep. . 922 . su questa lettera B. Cabouret, in un convegno a Montpellier del marzo 2010,
nota che viene rifiutata la cooptazione in senato di Talassio 4 e non gli vengono concessi i codicilli necessari,
e viene forse applicata una legge del XII libro del Codex Theodosianus , che preclude l'accesso al senato dei
decurioni di una città. Osserva inoltre che Talassio 4, segretario di Libanio, ha una formazione tecnica di
stenografo e non letteraria ; dunque differisce dai canoni consueti dei beneficiari dell'epistolario.

383 Lib., Ep. 924


384 Lib., Ep. 925
385 Lib., Ep.. 923

127
in senato è motivata dalla volontà di evitare gli oneri curiali che altrimenti lo colpirebbero 386 .

È una forma di evasione, diversa dalla esenzione, trattata nel quinto capitolo.

Iperechio pare cercare ripetutamente una carica nell'amministrazione imperiale, ma senza

riuscirci, Libanio cerca di procurare per lui l'ingresso in Senato, scrivendo a Modesto 387 ( che

fa già parte di questo consesso ed è prefetto del pretorio in quell'anno ) il retore pare

speranzoso e sostiene di avere degli indizi per una positiva conclusione della vicenda .

Tuttavia Iperechio non entra mai nel senato di Costantinopoli , e ha soltanto un incarico di

supranumerarius388. Nel 364 aderisce alla usurpazione di Procopio , e ottiene la nomina a

capo della cavalleria, ma durante la repressione ordinata da Valente viene ucciso .

I militari

Libanio scrive quasi sempre per cariche civili. Sono poche le lettere scritte da Libanio per

militari. Solitamente con loro ha un cattivo rapporto, come risulta dalla sua orazione De

patrociniis389 , dove li accusa di esercitare un patrocinio illegittimo e violento sui coloni.

Inoltre per i loro posti servivano delle competenze specifiche 390 , che mancano invece nei

consueti beneficiari di Libanio ( retori , allievi e decurioni . Va detto però che ne conosce

alcuni come Ricomere , ed Ellebico, che sono tra i suoi destinatari . Quest'ultimo in

particolare dimostra la sua eccellenza nell'episodio della rivolta di Antiochia del 387, quando

conosce personalmente l'oratore e comincia la loro amicizia 391 . Dunque la separazione tra

funzioni civili e quelle militari , è molto evidente anche nel suo epistolario . Una missiva è

per Ricomere comes militaris392. Per Sapore, un militare, è una lettera 393 al comandante

militare Vittore nel 364 . Libanio manda il retore Eustochio , consigliandogli di accoglierlo tra i

386 Pack, 1952, p. 190


387 Lib., Ep. 792
388 Petit 1992 p. 133-134
389 Lib., . Or. LVII
390 Cribiore 2007 p.
391 Un discorso di Libanio ha parole di elogio per lui.
392 Lib., Ep. 962
393 Lib., Ep. 957

128
suoi amici , o forse per un qualche arruolamento. Inoltre chiede a Ricomere 394 di fare visita

alla città di Antiochia, specialmente il suo quartiere di Dafne.

Distribuzione geografica dei beneficiari di favori burocratici nelle lettere di Libanio

Alcuni numeri attribuiti alle persone sono tratti dalla PLRE , quelli in corsivo sono tratti dallo

studio di Petit 1992 , quelli sottolineati sono tratti dallo studio di Seeck 1906

( 81 Giuliano 9 Agens in rebus nel 359 )


Beneficiari di ( 169 Leonzio 7 assessor di Modesto Comes Orientis )
favori burocratici ( 173 Strategio assessor ) ( 184 Verino)( 232 Frontino)
Provenienza ignota ( 278 Daricio) ( 284 Eraclio) ( 339 Sabino 1 )
( 582, 583 Domezio) ( 608 Dionisio) ( 734 Seleuco)
( 957 Sapore )
Beneficiari di ( 987, 998, 999 Severiano 3 consularis di Fenicia nel 390 )
favori burocratici ( 965 Asclepio 3 )
Provenienza ignota ( 966 , 967 Filippo 3 cerca incarico a Costantinopoli nel 390)
( 972 Ricomere ) ( 1295 Alessandro 3 comes Orientis )
Beneficiari di (1362 Patrofilo) ( 1425, 1436, 1437 Salvio)
favori burocratici di ( 1489, 1490 Saturnino 2 avvocato va a Costantinopoli nel 365 )
provenienza ignota ( 1510 Maiorino) ( 1514 Acheo) ( 1525 Eustochio) ( 1526 Acacio)
Siria ( 3, 4, 308, 382 Olimpio 6 antiocheno agens in rebus)
( 18 Calliopio 5 di Antiochia , magister epistularum nel 388 )
( 19, 33 Spettato di Antiochia )
( 61, 62, 63, 64, 65 Prisciano 1 di Antiochia , avvocato e
Siria governatore di varie province )
( 72, 73, 74, 75 Partenio di Antiochia , ambisce a un posto a
corte a Costantinopoli)
Siria (97 , 149 Miccalo di Antiochia )
( 127 Acacio 3 di Antiochia )
( 185 Quirino 2 funzionario imperiale a Berea)
(233 Ammiano agens in rebus di Antiochia , va in Cilicia )
( 265 Oiimpio 2 senatore antiocheno )
( 386 Quirino 1 di Antiochia )
Siria ( 403 Retorio di Antiochia , ma di origine egiziana)
( 602, 603 , 604 Olimpio 6 agens in rebus di Antiochia )
( 922, 923 , 926 , 927, 928, 936 , Talassio 4 di Antiochia )
Siria ( 958, 1058 Cimone figlio di Libanio di Antiochia)
( 1193, 1194, 1195, 1196 , 1197, 1505, 1506, 1507
Alessandro 5 agens in rebus di Antiochia)
( 1297 Giuliano 7 )
( 1355 Antioco 3 di Antiochia ma ha possedimenti in Cilicia )
Siria ( 1392 Aussenzio di Apamea )
( 1426 Evagrio 6 di Antiochia )

394 Lib., Ep. 972

129
Palestina prima e ( 102 , 170 eirenophulax di Elusa)
seconda ( 301 Elpidio 3 ) ( 519 Letoio 5 che va in Palestina nel 356 )
( 532 Boeto )
Fenicia ( 423 Anatolio 1 di Berito prefettto del pretorio)
Tracia ( 434 Temistio) ( 1456 Alessandro a Costantinopoli )
Cilicia ( 425 Eutolmio medico nel 355)
Bitinia ( 281 Dianio di Nicomedia) ( 397 Alcimo di Nicomedia)
( 1367 Modesto )
Ellesponto ( 457, 458, 459 Eusebio 2 governatore di Ellesponto nel 355)
Galazia ( 308 , 792, 1114, 1115, 1441, 1443 Iperechio)
Arabia ( 1155 Ulpiano 3 )
Eufratense ( 136, 189 , 244 Mares di Cirro )
Pisidia ( 835 Giuliano 15 )

130
QUARTO CAPITOLO RACCOMANDAZIONI E FAVORI GIUDIZIARI
NELL'EPISTOLARIO DI LIBANIO

Nelle lettere di Libanio sono circa 90 quelle che trattano di favori giudiziari. Sono dirette

in gran parte a governatori provinciali, che amministrano la giustizia nei loro territori

esse riguardano generalmente : richieste di assoluzioni ( per Nicenzio 395 , per Dionisio 2, per

Evagrio 6396 , per Eumazio397 , per Pierio398 , per Eupizio399 , per i figli di Talassio,, per

Vitalio1 , per Orione di Bostra, per Armonio , per Eusebio 21 e per Ilario 7 400 ), richieste di

condanne, ( per Luciano), e le vicende di giovani avvocati ( Silvano 401, Peonio402, Artemone403 ,

Apringio404 e Diogneto di Samosata405 ).

E' forse lecito ricavare dalle sue lettere, oltre che le informazioni su singoli casi giudiziari,

anche qualche tratto sulla amministrazione della giustizia nel suo tempo nelle province

orientali dell'impero. Il governatore ha la giurisdizione della sua provincia, tuttavia alcuni

casi , specialmente quelli per questioni fiscali spettano agli uffici centrali di Costantinopoli e

ai loro funzionari. Inoltre egli può lasciare alcune delle sue numerose cause allo iudex

pedaneus. Questa figura compare nell'epistolario 406 , Macedonio 2 , assume tale titolo a Tarso

ed è beneficiario di una commendaticia a Demetrio 1 407. Il governatore di Cilicia gli ha

dato questo incarico , poiché è un ex avvocato, dunque ha una preparazione giuridica, lo

iudex pedaneus risolverà le controversie minori, senza le spese e le lungaggini dei processi , e

mostrerà al destinatario le sue abilità retoriche.

In una missiva408 Libanio spiega a Arabio, coinvolto in una vicenda giudiziaria, che il

395 Lib., Ep 15, Ep 21


396 Lib., Ep 1310 , Ep 1311 , Ep 1312 , Ep 1314 , Ep 1317 , Ep 1320
397 Lib., Ep 41
398 Lib., Ep. 45
399 Lib., Ep 110
400 Lib., Ep 286
401 Lib., Ep 87
402 Lib., Ep 117
403 Lib., Ep 533
404 Lib., Ep. 1170, Ep.1171
405 Lib., Ep. 858, Ep. 859, Ep. 860
406 Liebeschuetz, 1972 , Bradbury, 2004 a , p. 186
407 Lib., Ep.1353 ,
408 Lib., Ep. 394

131
suo giudice, con cui ha un rapporto non buono è Apellione, il governatore della Bitinia, nominato

da Strategio , prefetto del pretorio 409 di Oriente dal 354 al 358. La missiva mostra la gestione

della giurisdizione , affidata ai governatori provinciali per le questioni locali , ai funzionari

della capitale , e all'imperatore per le questioni di maggiore importanza.

Richieste di assoluzione

Esse sono piuttosto frequenti, sono per Nicenzio 2 410, per Evagrio 6, per Pierio411, per Antonio ,

per Meonio, per Prisciano , per Dionisio 2412 , per i figli di Talassio, per Vitalio 413 , per

Orione414 di Bostra, per Armonio, per Eusebio 21, per Ilario 7 e per Porfirio 1.

Della sentenza contro Nicenzio 2 si dice che è ingiusta e viene chiesto di intervenire per un

suo cambiamento ad Aristeneto 1 415, retore di Nicomedia, amico di Libanio, restio a ricoprire

incarichi, ma comunque influente. Conseguenze della condanna ingiusta di Nicenzio , sono la sua

povertà e la cattiva reputazione. A Aristeneto Libanio spiega lungamente l'argomento del

processo. Nicenzio 2 è accusato di non avere provveduto a fornire il vettovagliamento, alla

guarnigione di stanza a Callinico, ma egli attribuisce la colpa a coloro che non hanno fornito il

servizio, pur essendo stati regolarmente pagati. Il luogo si trova in Mesopotamia ed è lo stesso

dove 30 anni dopo nel 388 una sinagoga ebraica viene bruciata durante le celebrazioni dei

martiri maccabei. La decisione del licenziamento di Nicenzio 2 è presa dal prefetto Ermogene 416

4 e mostra i pericoli della carica di governatore della provincia di Siria .

Una vicenda giudiziaria significativa è il processo di Scitopoli, riportato dalle testimonianze

409 Petit 1992 , p. 44


410 Lib., Ep 21 , Nicenzio 2 ha questo numero in Seeck 1906, p. 230
411 Lib., Ep 105
412 Lib., Ep 426
413 Lib., Ep 1376 per Vitalio 1 nella numerazione di Petit 1992 . p. 262
414 Lib., Ep. 763
415 Lib., Ep 21, Ad Aristeneto 1 , che muore nel terremoto di Nicomedia del 358
416 Bradbury 2004 a , p. 160 , Amm. Marc. XIX, 12 riferisce di un giudizio diffuso su Ermogene, secondo
cui era troppo indulgente e debole.

132
di Libanio417 e di Ammiano Marcellino, storico di maggiore attendibilità 418. Artefice del processo

è il notarius Paolo detto Catena419, che sceglie Scitopoli , perché collocata a metà strada tra

Antiochia e Alessandria le maggiori città dell'Oriente greco. Secondo la narrazione ammianea

accusa molti innocenti e servendosi di calunnie li fa condannare a morte o al carcere. Persegue

soprattutto filosofi pagani con l'accusa di magia. Sono così torturati Simplicio, accusato di

avere consultato degli oracoli per compiere una usurpazione, e Parnasio, ex prefetto di Egitto. Lo

stesso Libanio rischia qualche conseguenza negativa. 420. Tra le persone accusate è anche

Aristofane di Corinto421 , per il quale Libanio chiede una assoluzione. Egli compare in una

lettera422 , dove pare che l'imperatore lo abbia pienamente riabilitato dopo l'accusa. Un'altra

missiva423 dice che lui riceve un incarico come agens in rebus424.

La vicenda di Evagrio 6 425 è particolarmente significativa per verificare il “garantismo” di

Libanio, ossia la sua difesa dei diritti degli imputati 426 , e la sua denuncia di abusi e vessazioni

che erano molto diffusi nella amministrazione giudiziaria tardo-antica . Egli è governatore di

una provincia , quando è arrestato per alcune accuse. È sottoposto a torture, i suoi beni
427
vengono confiscati. Giovino 2 è destinatario della prima raccomandazione per Evagrio 6 ,

perché ha il potere per aiutarlo , dato che nel 364 è un funzionario vicino al magister

officiorum. A Decenzio 1 428 , Libanio confessa che forse Evagrio 6 ha commesso un piccolo reato

e non è dunque pienamente innocente, ma ritiene assolutamente sproporzionata la punizione

a lui comminata e pensa a un intervento dell'imperatore in persona per modificare la

417 Lib, Ep. 37 loda il comportamento equilibrato di Modesto ,che è comes Orientis dal 358 al 362 nel processo
di Scitopoli, evita ingiustizie , ed assolve alcuni imputati innocenti. Il retore di Antiochia si interessa soprattutto di
alcuni suoi concittadini decurioni , per i quali cerca di ottenere qualche beneficio. , Petit 1992 , p. 166-169
418 Amm, Marc. XIX, Bradbury
419 Amm Marc XIX , 12,8
420 Harris 2005 p. 115
421 Lib. Or. XIV, 15-19 , Harris 1995 p. 115
422 Lib., Ep. 758
423 Lib., Ep 1154
424 Petit 1992 ,
425 Ben 11 lettere sono dedicate a lui : 1310 , 1312 , 1320 , 1321, 1322, 1323 , 1324 . il numero a lui dato
è Evagrio 4 nello studio di Petit, è Evagrio 6 nella PLRE
426 Tale atteggiamento si nota anche nel discorso 45 , sulle Carceri .
427 Lib., Ep 1312
428 Lib., Ep 1317

133
sentenza, Saluzio, potente prefetto del pretorio, cerca forse di intervenire, come si può desumere

da due lettere429 . Diverso è l'atteggiamento di Clearco 430 , che invece si mostra più restio a

scrivere a favore di Evagrio 6 e Libanio lo sollecita in modo vivace , rimproverandolo per la

sua inerzia, e minaccia di smettere di scrivergli in caso contrario . Evagrio 6 in un periodo

successivo a queste lettere si converte al Cristianesimo e diventa presbitero nella città di

Antiochia 431 .

Libanio chiede una assoluzione per Pierio 432 , scrivendo a Modesto , al quale spiega che il

beneficiario non merita tale condanna L'aggiustamento delle sentenze pare in questa missiva

un fatto ordinario , normale e avviene tramite la pressione sul giudice. In una sua lettera 433

Libanio pare difendere un agricoltore di nome Antonio, residente vicino a Cirro , che si

rifugia nella tenuta di Gaudenzio contro i soprusi di Peregrino , collaboratore del destinatario

della missiva, Prisciano che nel 359 o 360 è governatore della provincia di Eufratense. E' raro

che Libanio citi o difenda persone di “ceto medio” come semplici proprietari terrieri o

fittavoli , come Antonio. Si potrebbe vedere qui una forma di patronato, in cui il retore difende

la vittima di un sopruso commesso da un funzionario. Plausibile è il confronto con quel

patronato militare che egli invece contesta nella orazione 47 . In un'altra missiva 434 Libanio

chiede la difesa del copista Meonio scrivendo a Prisciano nel 361 . Colui che lo ha danneggiato,

forse rubandogli dei libri , che sono i prodotti del suo lavoro, è fuggito. Libanio scrivendo a

Ciro435 lamenta le percosse date a un curiale, il fratello di Apollonide, che lo hanno addolorato.

Le punizioni corporali sono praticate abbondantemente nella giustizia 436 del IV secolo, e

429 Lib., Ep 1313 , Ep. 1322


430 Lib., Ep 1323
431 Seeck 1906, p. 129- 130 ricorda la sua visita in Italia per il concilio di Aquileia del 381, e il suo parteggiare
per Paolino contro Melezio nella contesa per l'episcopato di Antiochia .
432 Lib., Ep. 105
433 Lib., Ep 174
434 Lib., Ep 629
435 Lib., Ep 994
436 Brown, 1995 53-54 , ricorda Lib Or. XXVII, 13 nella quale l'autore ritiene perfettamente lecite le
percosse se inflitte a persone di basso rango. Il testo è del 384

134
compaiono nelle orazioni più che nelle lettere.

A Anatolio 6 437 il sofista antiocheno dice dell'assoluzione di Prisciano voluta dall'imperatore

Teodosio nel 392. La lettera dell'imperatore , depositario della giurisdizione più importante,

lo ha salvato da una situazione difficile. I governatori provinciali potevano essere messi sotto

accusa , in certi casi . Si può immaginare che talvolta avessero colpe reali , ed altre volte

venissero imputati per le accuse di loro nemici , che avevano motivi politici o personali , senza

che vi fossero da parte loro .

Due lettere438 sono scritte da Libanio per difendere Dionisio 2 dalla accusa di rapimento ,

nell'anno 364 . La prima è rivolta a Palladio. Libanio non nega le colpe del suo protetto , ma

non può neanche lasciare che lui venga condannato . Ricorda che lui è stato suo studente, ha

rinunciato a una carriera di avvocato, per dedicarsi alla caccia e alla campagna .

Invoca gli dei per ottenere la salvezza dell'amico, sebbene sappia che lui è colpevole. La seconda 439

è a Entrechio, che ha consigliato a Palladio, che si occupa del caso di seguire le indicazioni di

Libanio. Egli ricorda le sofferenze patite da Dionisio 2 per la morte del padre , la perdita del

patrimonio a causa del nuovo matrimonio della madre, e l'aiuto fornito a lui da Giuliano che gli

ha fornito del denaro. Anche in un'altra missiva Libanio non nega la colpa di Dionisio 2, ma

la imputa alla sfortuna e non alla sua malvagità. Anche un'altra lettera 440 difende l'imputato

ricordando le sue vicende personali.

Libanio chiede a Ulpiano 441 1 nel 364 sicurezza per una donna anonima, protetta anche da

Saluzio , ex prefetto del pretorio che dopo la morte di Giuliano. Tale petizione ricorda quella di

autori cristiani di quegli anni 442 per altre donne , i cui diritti vanno tutelati.

La richiesta di aiuto può anche essere per individui anonimi , come quando Libanio presenta

437 Lib., Ep. 1025 , Anatolio 6 ha questo numero nello studio di Petit 1992 , è senatore a Costantinopoli tra il 390
e il 393
438 Lib., Ep. 1168 , Ep 1169 , Cribiore 2007, p. 216-217 nota che la pena capitale era prevista per i condannati
per rapimento.
439 Lib., Ep. 1169
440 Lib., Ep.. 426
441 Lib., Ep 1276
442 Bas. Ep. 137 per Palladia , Greg Naz. Ep 160 per Eugenia .

135
a Alessandro 3443 nel 365 una petizione per degli anonimi giovani, orfani e poveri che sostengono

di avere subito un'ingiustizia , e che esigono dall'oratore delle commendaticiae da inviare al

governatore. A quest'ultimo è chiesto un intervento, che testimoni l'applicazione della giustizia ,

in modo diverso da quanto avvenuto negli anni precedenti, qui forse è suggerita una

discontinuità rispetto a un funzionario precedente.

La connotazione religiosa degli imputati non pare essere determinante per Libanio. È probabile

che la maggior parte di essi siano come lui pagani. Lo è certamente Numenio, per il quale

è chiesto un aiuto a Aristone nel 365 444 . Secondo Libanio ha subito un torto e che per

ottenere giustizia si rivolge al destinatario. Costui dovrà seguire la sua indagine, e ritenere il

beneficiario degno delle sue lodi.

Almeno cinque dossier (figli di Talassio, Vitalio 1, Orione di Bostra , Armonio,Eusebio 21) vedono

Libanio nei panni del difensore di imputati cristiani , sebbene sia probabile che gli altri

suoi beneficiari siano pagani. Anche nell'ambito giudiziario come negli altri , la

commendaticia è motivata da rapporti personali, anche labili, ma di amicizia e di stima e non

da consonanze ideologiche445. Un caso che riguarda l'edilizia è nella lettera 446 per i figli di

Talassio 1447 che hanno costruito una loro casa in un ex tempio in Palestina, destinatario è

Gaiano , il governatore che deve decidere su questo caso. L'accusa è di essersi impadroniti di

una proprietà religiosa e per i pagani la trasformazione del tempio è anche un sacrilegio, ma

per Libanio queste denunce sono esagerate rispetto ai fatti, e spiega che l'imperatore regnante

al tempo dei fatti Costanzo II era favorevole alla conversione dei templi in residenza privata,

poiché era cristiano , e quindi i figli di Talassio 1 hanno rispettato la legge del loro tempo.

Dunque per Libanio la casa va lasciata agli imputati, che l'hanno riedificata , senza che si

443 Lib., Ep. 1360 , il numero di Alessandro 3 è dato da Petit 1992 p. 27 . Egli è consularis di Siria nel 363
444 Lib., Ep 1338
445 R. Cribiore , in un convegno a Montpellier del marzo 2010, osserva che tra Cristiani e Pagani non sempre
vi è odio reciproco, e che alcuni degli interlocutori ed amici di Libanio sono Cristiani , sebbene egli spesso
non lo dica esplicitamente, forse per paura di reazioni negative nel suo ambiente pagano.
446 Lib., Ep 1364
447 Numero dato da Petit 1992 p. 244

136
torni al tempio pagano preesistente. Anche qui Libanio favorisce gli interessi dei suoi amici,

senza preoccuparsi tanto delle ragioni astratte della religione pagana, ed interpreta le situazioni

in modo variabile a seconda dei casi.

Infatti egli difende Vitalio 1 448 accusato di avere bruciato un tempio pagano a Dafne , quartiere di

Antiochia nel 362 . La lettera è del 363 449 ed è mandata a Eliodoro, incaricato dell'inchiesta

Gli accusatori intendono causargli un danno finanziario, forse per la multa prevista per questi

reati. Per Libanio vanno distinti gli spettatori dell'incendio dai loro responsabili, e questa pare

essere la sua linea di difesa. Egli dimostra nuovamente di prendere le parti di alcuni cristiani ,

nonostante il suo paganesimo, e questa lettera pare in forte contrasto con l'orazione 30 sui

templi, una requisitoria molto dura con i cristiani che distruggono i luoghi di culto pagani .

Una difesa particolare è quella che Libanio fa di Orione di Bostra 450 , egli è stato governatore

della provincia, ed è cristiano . Il pagano Beleo vuole condannarlo con l'accusa di essersi

impadronito dei beni dei templi e di averli distrutti indebitamente. Libanio, pur essendo

pagano, si schiera a favore di un suo avversario, e dice che non deve essere perseguito, porta

alcune argomentazioni . Vuole mantenere l'amicizia con lui anche quando è in difficoltà,

Orione , durante il suo incarico , è stato gentile verso i suoi persecutori , i quali non sono un

modello di religiosità , nemmeno per i politeisti. L'imputato è povero , come un mendicante, e

dunque non ha acquisito delle ricchezze in modo illecito. Se Orione morisse in carcere ,

diventerebbe un martire per i cristiani , e sarebbe dannoso per i pagani più che se restasse

vivo. Se egli fosse percosso e ferito, restando in vita , riceverebbe molta gloria , come è successo

per Marco451, un martire che forse coincide con quello di Aretusa elogiato da Gregorio di

Nazianzo452, come vittima delle persecuzioni anti-cristiane giulianee. La conclusione cui

giunge Libanio è che la cosa migliore è lasciare che Orione sia incolume e non subisca alcun
448 Lib., Ep 1376
449 Petit 1992 p.262 ,
450 Lib., Ep 819 , Petit 1992 p. 185 .
451 Lib. Ep 819,6 ,
452 Greg. Naz. Or. IV, 88-91

137
danno. La lettera mostra come l'amministrazione della giustizia e la comminazione delle pene

fossero valutate per la loro convenienza ed opportunità politica , più che per il merito del loro

comportamento e per i criteri di legalità .

In un'altra lettera453 difende Armonio, che è stato coinvolto in un processo , ma che secondo

Libanio ha governato bene l'Arabia. Ne scrive a Ulpiano 1 suo successore in questa carica.

L'accusa nei suoi confronti non è precisata, ma pare simile a quella mossa a Aristofane di

Corinto454 , ma Armonio è accusato da alcuni calunniatori . La sua religione è cristiana e forse

è coinvolto nel saccheggio dei templi.

Anche in un'altra missiva455 Libanio difende un imputato cristiano : Eusebio 21 456. Il destinatario è

Alessandro 3, che nel 363 è consularis di Siria e interpreta in modo troppo zelante le

direttive dell'imperatore Giuliano favorevoli al paganesimo , che costringe anche i cristiani

a compiere i riti della religione tradizionale . Eusebio 21 fugge dalle catene dei soldati che lo

trattengono e chiede l'intercessione del sofista. L'amicizia tra i due nasce , nonostante la

diversa opinione in materia religiosa , perché quando Eusebio 21 è stato funzionario , non ha

preso provvedimenti anti-pagani. Libanio lo ospita a casa sua ed esprime gioia per il fatto che

l'imputato abbia evitato il carcere, che precede il verdetto sulla sua colpevolezza 457 , come una

custodia cautelare. Al consularis Libanio chiede di attendere i risultati di un'inchiesta e di

non pensare che le calunnie contro Eusebio 21 corrispondano alla verità ; ricorda che anche i

suoi seguaci e correligionari non hanno fatto nulla di male. L'atteggiamento dell'antiocheno si

può forse definire “garantista” , cioè attento a difendere i diritti dell'imputato , pur in un

sistema come quello tardo antico , dove il potere della autorità giudiziaria era alquanto

oppressivo. L'indicazione che si può trarre da questa lettera 458 è che la religiosità di Libanio

453 Lib., Ep 1159 , Lib Or, XIV , 53-56


454 Petit 1992 p. 119
455 Lib., Ep 1411
456 Numero dato da Petit 1992 p. 27 e da Seeck 1906
457 L'orazione 45 si sofferma sulle condizioni molto difficili delle persone nelle carceri di Antiochia del IV
secolo. Lì vivono in grave sovraffollamento e da esse escono molto spesso morte.
458 Lib., Ep 1411

138
rifugge dai fanatismi, e dunque predilige l'amicizia con cristiani “moderati” come Eusebio 21

a quella con pagani “estremisti” come Alessandro 3 , governatore della Siria nel 363 .
459
Sulla religiosità pagana è invece una lettera sulla vendita dei templi Teodulo, compra uno di

questi edifici pagani, alcune persone fanno ricorso contro la sua scelta, e lo citano in tribunale.

Libanio esprime stima per i giudici e per Esichio, destinatario della missiva.. Egli pare sicuro di

potere intervenire sulla giurisdizione per favorire i suoi amici, e pretende di farlo senza violare

la legge. Spiega che Teodulo ha usufruito di un suo diritto , acquistando regolarmente un

edificio dai suoi proprietari e dunque non ha commesso alcun reato.

La difesa da calunnie è un motivo ricorrente di alcune lettere e si colloca forse prima di un

processo vero e proprio, ma serve a fugare voci malevole su persone vicine allo scrivente 460.

Il loro contenuto resta oscuro nella gran parte dei casi , ma può essere almeno in parte

conosciuto , se associato ad altre notizie biografiche .

Nel 391 in una lettera461 a Palladio 6 Ilario 7 è difeso dalle calunnie. Esse lo hanno reso triste

e depresso e devono essere fermate prima che si diffondano ulteriormente. Libanio garantisce

la sua cultura e la sua moralità, ma non i suoi atti 462. Il destinatario nel 361 è governatore di

Cilicia. Libanio difende Porfirio 463 1 da alcune accuse, definendolo completamente innocente.

Destinatario è Massimo nel periodo del suo governo dell'Egitto nel 364 . I calunniatori

egiziani sono definiti famosi in questa lettera e Sinesio scrive qualcosa di simile nelle sue

lettere . Il funzionario dovrà intervenire punendoli per questa loro colpa, intentando contro di

loro un processo . Porfirio 1 è funzionario finanziario, agli ordini del comes sacrarum largitionum,

dal 362 e nel 363 riceve dall'imperatore Giuliano il compito di raccogliere e inviare i libri di

Giorgio, vescovo ariano di Alessandria464 .

459 Lib., Ep 724


460 Le lettere di Sinesio contengono molti esempi simili .
461 Lib., Ep 286 , numeri dati da Petit 1992 p. 188
462 Petit 1992 , p. 188
463 Lib Ep 1275 , numero dato da Petit, 1992 p.285
464 Petit 1992 p. 205-206

139
Richieste di condanna

Esse sono inferiori rispetto a quelle di assoluzione. Una è contro Luciano 465, Due lettere 466 sono

a favore di Eustazio 4 contro Luciano, per lo stupro della moglie del primo compiuto dal

secondo. La prima lettera è rivolta ad Anatolio che nel 361 è consularis della Fenicia racconta

che Luciano, svolgendo l'attività di esattore delle tasse compie una violenza sulla moglie di

Eustazio 4 originario di Nicomedia e che lavora con Elpidio. Al funzionario si chiede di punire

il misfatto per applicare la legalità ed evitare che restino impunite azioni degne di popoli

barbari come gli Sciti del Danubio ( forse i Goti nella denominazione arcaizzante di Libanio)

o quelli della Libia . Interessante è la procedura indicata nella lettera, Libanio chiede che venga

informato del reato il comes Orientis Modesto467 , ma si rivolge al consularis , più disponibile a

intervenire in tali casi. La seconda missiva sull'argomento 468 è inviata ad Apollinario e Gemello, e

ribadisce la richiesta di aiuto per l'oltraggio alla moglie di Eustazio 4 , e domanda loro di

inoltrare il caso al loro padre Anatolio 2 469 , che nel 361 è consularis di Fenicia, e può

provvedere alla faccenda, dal momento che il Comes Orientis Modesto è oberato di lavoro. La

lettera fa intendere che il primo funzionario a cui Libanio si è rivolto non gli ha dato

ascolto , e mostra una collaborazione tra un governatore provinciale e i suoi figli, in una

gestione comune del potere e anche dei casi giudiziari , nella gestione di una “notizia di reato”.

Libanio chiede a volte di aggiustare sentenze a favore dei suoi protetti , ed esercita la sua

influenza sui giudici. Chiede a Leonzio 470 nel 365 che in un processo vinca Melichio contro

Sapricio, autore di alcune colpe. I due sono fratelli, ma il primo vuole costringere il secondo a

fare da solo la sitegia, un onere curiale molto gravoso (a cui sono dedicate alcune lettere del

quinto capitolo) e ha voluto prendere il suo patrimonio .

465 Lib., Ep 636 , Ep 637


466 Lib., Ep. 636 , Ep 637
467 Norman 1992 Vol. II p. 87
468 Lib., Ep 637
469 Anatolio 2 , numero dato da Petit, 1992 p. 37
470 Lib., Ep 1496

140
Avvocati

Alcuni avvocati compaiono nelle commendaticiae di Libanio. La loro attività è affine a quella

dei retori e spesso alcune persone passano dalla seconda alla prima categoria, ma più raramente

avviene la scelta opposta . Nelle sue lettere gli avvocati sono un gruppo minore, meno

rappresentato rispetto a retori e funzionari . Sia i primi che i secondi provengono dalla

avvocatura , o si dedicano a essa. Questa attività avviene nei tribunali , due lettere sono per

Diogneto di Samosata471, un avvocato che fa studi retorici , ma si dedica poi ai tribunali ,


472
senza avere studiato a Berito località della Fenicia dove si formavano solitamente i giuristi ,

la missiva successiva473 Libanio chiede a Urso di onorare Diogneto e di aiutarlo , e promette

che per questa benemerenza riceverà gloria tra i Greci .

Distribuzione geografica e provenienza geografica dei beneficiari dei favori giudiziari


dell'epistolario di Libanio

I numeri attribuiti alle persone sono tratti dalla PLRE , vol. 1 , oppure dallo studio di Seeck

1906 se sono sottolineati , o da quello di Petit 1992 , se sono in corsivo

( 37 processo di Scitopoli) ( 41 Eumazio)


Beneficiari o ( 67, 68, 69 Cleobulo) ( 165, 166 Valente)
avversari di ( 533 Artemone ) (535 Apollinario 3 , ottiene una carica in Egitto)
provenienza ignota ( 629 Meonio) ( 636, 637 Luciano )
( 652, 653 Ilarino) ( 724 Teodulo) ( 882 Pietro )
Beneficiari di ( 974 Eutimio ) ( 1338 Numenio) ( 1364 figli di Talassio)
favori giudiziari ( 1397, 1411 Clearco e Severo)
ignoti ( 1481 Simbulo) ( 1496 Melichio) ( 1498 Teopompo )
Siria ( 256 Pancrazio 1 di Antiochia docente di retorica )
( 286 Ilario 7 decurione di Antiochia )
( 394 Apellione di Antiochia) ( 1233 per Arsenio)
Siria ( 1310, 1311, 1312, 1314, 1315, 1316, 1322, 1323 Evagrio 6
di Antiochia )
Siria ( 1411 Eusebio 21 di Antiochia cristiano )
Palestina ( 881 Gaiano)
Tracia ( 1170, 1171, 1203 Apringio di Costantinopoli )
Egitto ( 1275 Porfirio 1 ha incarico in Egitto )

471 Lib., Ep 858, Ep 860


472 Lib., Ep 858
473 Lib., Ep 859

141
Fenicia ( 234 Antioco )
Asia ( 1376 Vitalio 1 governatore di Asia nel 364)
Paflagonia ( 821 Basilide)
Eufratense ( 174 Antonio agricoltore di Cirro )
( 858, 859, 860 Diogneto di Samosata )
( 1398 Urbicio decurione )
Grecia ( 758 Aristofane di Corinto)
Gallia ( 981 Rufino 12 di Novempopulania )
Arabia ( 819 Orione di Bostra)
( 1159 Armonio governatore di Arabia nel 363- 364)
Isauria (426 , 1168,1169 Dionisio 2)

QUINTO CAPITOLO. RACCOMANDAZIONI E FAVORI ECONOMICI E MATERIALI


NELL'EPISTOLARIO DI LIBANIO.

Circa 240 lettere di Libanio chiedono aiuti di tipo economico e materiale . Mirano a ottenere

esenzioni fiscali, pagamenti, dazioni di vario genere. Destinatari sono in genere governatori di

provincia. Va detto che Libanio evita di nominare il denaro e i beni materiali in modo

esplicito , tuttavia questi argomenti tornano frequentemente nei suoi testi e sono riconoscibili

abbastanza facilmente. Le quattro tipologie principali di favori economici sono : esenzioni

da oneri curiali e tassazioni; dazioni e pagamenti vari; eredità, proprietà terriere ( o immobiliari)

e beni materiali ; matrimoni.

Esenzioni e tassazioni imperiali e curiali

Alcuni dossier significativi riguardo ai curiali e alla fiscalità , più in generale , sono quelli di :

Argirio e suo figlio Obodiano, Fraterno, Ermolao, Asterio , Eraclito , Carterio di Arca,

Agrecio , Domno, Dianio, Severo 5, Filone, Leonzio 8, Romulo 474, Cirillo 2, Teotecno ,

Olimpio 2, Pancrazio 1 , Giiuliano 5 , Antonino , Megisto , Rufino 8 , Celso 3 .

Molti decurioni tentano di evitare gli oneri curiali , patrimoniali e personali, e Libanio tenta

di aiutarli, sebbene nelle orazioni elogi moltissimo i consigli municipali e i loro membri ,
474 Lib., Ep 38

142
criticando coloro che se ne allontanano 475 . Esenzioni sono richieste anche da alcuni retori che

collaborano con Libanio ( Eusebio 22, Leonzio 9). Anche essi cercano di evitare gli oneri curiali .

Un'esenzione è chiesta per il figlio di Argirio 476 , Obodiano. L'anno è il 359, ed il destinatario è

Florenzio 2 , che non è un funzionario provinciale, come altri destinatari che si occupano di

tassazioni dei curiali, ma è un funzionario palatino, forse per questo motivo ha qualche ruolo

in tale questione . Un'altra missiva 477 per Obodiano chiede l'esenzione dalla curia per suo

figlio Argirio, che ha lo stesso nome del nonno. I munera a cui è costretto sono l'allestimento

dei bagni pubblici della città e dei giochi pubblici, temi ricorrenti nei testi libaniani , anche

un'altra lettera 478 chiede esenzione per Argirio, che deve compiere un servizio molto oneroso ad

Antiochia. Destinatario della petizione è Fozio 2 funzionario dell'amministrazione centrale 479 ,

forse del comes rerum privatarum , che è spesso coinvolto nelle esenzioni ai buleuti.

A volte un decurione pare potere scegliere tra la curia cittadina e quella di Costantinopoli

come avviene a Fraterno480. Per lui Libanio chiede un'esenzione dagli oneri curiali scrivendo ad

Andronico 2481 nel 360 ; sia il destinatario che il beneficiario si trovano in Fenicia. Il primo,

che ne è governatore può fare in modo che Fraterno diventi non decurione della sua città ,

ma senatore di Costantinopoli, e spenda il suo denaro nella capitale. Meriti del beneficiario sono

gli studi retorici ed il matrimonio con la figlia di Apringio.

Ermolao482 è raccomandato a Germano, nel 358, quando questi è vicarius della provincia

d'Asia. Il beneficiario è uno studente di Libanio. Gli oneri curiali vengono qui non cancellati ,

ma affidati a un'altra persona della stessa famiglia. La missiva è portata da Iperechio quando si

475 I brani a questo riguardo sono frequenti . Le contraddizioni tra lettere ed orazioni sono numerose e
si spiegano con il carattere più pratico delle prime e celebrativo delle seconde.
476 Lib., Ep 113 , Pack 1952
477 Lib., Ep 381
478 Lib., Ep 971
479 Petit , 1992 p. 201
480 Lib., Ep 150 ,
481 Petit 1992, p. 39
482 Lib., Ep 203

143
reca ad Ancira483 . Nel caso di Asterio484, l'onere è indicato in modo specifico, e non è il

pagamento delle tasse, bensì la fabbricazione delle armi (uno dei munera sordida), descritta nei

suoi aspetti concreti, il bronzo ed i fumi della metallurgia. Per esentarlo da ciò e per assegnare

ad altri tale funzione, Libanio scrive a Modesto nel 360. Questi è Comes Orientis, un funzionario

imperiale di alto rango, non un governatore provinciale e può intervenire. Asterio ha evitato la

carriera di funzionario provinciale e in cambio della esenzione sarà riconoscente al suo

benefattore.

Nel 360 in una lettera ad Andronico 485 chiede un aiuto per Eraclito di Tiro,il quale merita

l'esenzione perché il suo patrimonio è scarso e per i meriti che ha avuto verso alcune persone

tra cui una certa Bassiana .

Carterio è un decurione di Arca, in Armenia. A Euterio 2 486 è chiesto di evitargli il pagamento

degli oneri curiali, come avviene spesso per altre persone. Avversari in questa vicenda sono gli

altri buleuti che lo hanno iscritto nel loro albo, mentre lui vuole studiare retorica e non

dedicarsi alla sua città. Per Libanio già i suoi familiari ne sono stati esclusi e dunque egli non

deve pagare niente. Petit 487 ricorda l'esistenza di un piccolo gruppo di studenti armeni alla

scuola antiochena , dove confluiscono persone da tutto il mondo grecofono, anche dal Caucaso.

Per Agrecio è chiesta una simile esenzione a Andronico 488. Il motivo di questo è la sua malattia

per la quale ha dovuto curarsi e spendere molto denaro per i medici, inoltre ha cinque sorelle

in età di matrimonio , e deve procurare loro la dote , come avviene anche in altri casi

(trattati alla fine di questo capitolo). Su questo argomento Libanio scrive anche a Eusebio

(un armeno, suo compagno di scuola 489 ). Infatti Agrecio ha una situazione familiare difficile

e non può sobbarcarsi altre spese. Quelli che vogliono costringerlo a fare ciò , secondo

483 Petit 1992 p. 115


484 Lib., Ep. 197
485 Lib., Ep 235
486 Lib., Ep 245 , il numero 2 è attribuito ad Euterio da Seeck 1906
487 Petit, 1955
488 Lib., Ep 293
489 Lib., Ep 294 , Cribiore 2007 p. 235

144
Libanio “scrivono decreti senza motivo”. Emerge anche qui come egli da un lato, sia

favorevole ai curiali e li onori, ma poi spesso aiuti i suoi amici a non assumere questa

funzione , quando è troppo gravosa. Libanio chiede un'esenzione per Domno 490 nel 357-358,

dalla curia di Tiro, scrivendo a Gaiano, il governatore della provincia di Fenicia, che decide

sulla condizione dei decurioni, Domno si è recato ad Antiochia, dove vive, e evita in questo

modo il servizio a lui imposto, dai suoi concittadini ed essi devono accettare il suo rifiuto ,

poiché è impossibilitato a fare tale cosa. Quattro lettere sono per l'esenzione a Dianio 491 . La

prima , del 358, è inviata a Aristeneto 492, quando è vicarius di una provincia, in Bitinia.

Se Dianio non avrà l'esenzione, dovrà andare a Costantinopoli e dedicarsi alla avvocatura per

sopravvivere. La seconda 493 è ad Alcimo , retore amico di Aristeneto 1 , anche egli viene dalla

Bitinia, da questi indizi si evince che anche Dianio proviene presumibilmente da questa regione, i

cui funzionari prendono decisioni a proposito del suo caso. La terza lettera 494 per lui è inviata

invece a Temistio, funzionario della capitale . Anche a questo destinatario è ribadita la petizione

di esenzione per la povertà del beneficiario e i suoi studi di retorica, amati da entrambi. La

quarta missiva 495 è a Strategio Musoniano, al quale Dianio si reca come latore, e comunica le

condizioni di salute di Libanio, sperando di avere per sé una carica che gli consentirebbe di

sfuggire alla curia della sua città ; un funzionario come lui che è prefetto del pretorio, al vertice

della gerarchia , può donare questa condizione.

Due lettere496 per l' esenzione di Severo 5 di Licia dagli oneri curiali sono inviate a Temistio e a

Fortunaziano. Al primo si chiede di applicare la legge ; dovrebbe convincere i suoi concittadini a

rinunciare al suo apporto poiché egli è troppo povero per fare tale servizio. Al secondo che

si dedica alla filosofia è chiesto un onore per Severo 5 nel 361.

490 Lib., Ep. 336


491 Lib., Ep 374, Ep 375, Ep 378, Ep 379
492 Lib., Ep 374 ; Amm. Marc., XVII,7,6 , Petit, 1992 p. 48 . Dianio proviene da Nicomedia, città colpita nel
358 da un grave terremoto , in cui muore Aristeneto 1, amico di Libanio
493 Lib., Ep 375
494 Lib., Ep 378
495 Lib., Ep 378 , 379
496 Lib., Ep. 664 , 665

145
Una missiva497 chiede esenzione da munera curiali per il medico Filone di Rosos , località

della Cilicia. Libanio cita una legge che già esime i medici da tale servizio, ma i concittadini

di Filone lo costringono a fare gli oneri curiali. Il magistrato dovrà eseguire ciò che è giusto.

Una petizione è rivolta a Massimo 498 6 governatore di Galazia per Leonzio 8 499, un suo

sottoposto che merita di mantenere il suo posto e soprattutto l'esenzione dagli oneri curiali che

tale ruolo gli conferisce, nonostante i suoi detrattori che cercano di togliergliela.

Ben quattro lettere riguardano il decurione Romulo e le sue esenzioni 500. La prima è rivolta a

Eusebio501, la seconda a Brasida502, mostra il rifiuto di collaborare da parte di costui, nonostante

sia concittadino del beneficiario , e Libanio lo sollecita ad avere una maggiore generosità .

La terza chiede agli inviati 503 di onorare il beneficiario e la città di Antiochia . La quarta è
504
indirizzata a Fozio 2 nel 390, e chiede altre lettere dopo che le prime non sono andate bene;

anche qui il destinatario pare recalcitrante.

Anche per Cirillo 2505 nel 365 Libanio formula questa domanda a Proculeiano 506. Il beneficiario

è stato decurione a Cirro, località della provincia Eufratense . La sua esenzione pare molto

giusta al sofista , sicché non intende neanche considerare la possibilità di un rifiuto da parte

del destinatario .

Ad Alessandro507 3, consularis di Siria nel 363508 Libanio chiede una esenzione per il decurione

Teotecno, che è troppo anziano per ricoprire questa carica . Egli scrive molte lettere che

però non vengono recapitate al magistrato . Quest'ultimo dovrà rimediare con un'azione rapida.

Rispetto ai consigli municipali visti finora , il senato di Costantinopoli era un'assemblea più
497 Lib., Ep. 723
498 Lib., Ep. 814 Massimo 6 numero dato da Petit 1992 p. 160 e da Secck 1906
499 Numero dato da Petit 1992 , p. 148
500 Lib., Ep. 844, Ep 889 , Ep 890, Ep 891
501 Lib Ep.. 844
502 Lib Ep. 889
503 Lib. Ep. 890
504 Lib., Ep. 891 , Fozio 2 , numero dato da Petit 1992 p. 201
505 Cirillo 2 numero dato da Petit 1992, p. 213
506 Lib., Ep. 1516
507 Lib., Ep 1385
508 Il numero di Alessandro 3 è tratto da Petit 1992 p. 27

146
ampia ed importante , sulla quale il sofista antiocheno ha minore possibilità di intervenire,

anche in relazione ai suoi oneri economici . Tuttavia per Olimpio 2 Libanio scrive tre

lettere509, al fine di evitare a lui una pesante esazione. Come senatore a Costantinopoli nel

359 -360 dovrebbe pagare delle imposte arretrate, ma si difende spiegando che vi è stato uno

scambio di persona. Esse vanno attribuite non a lui , ma ad un suo omonimo, Olimpio 4 510, non

meglio conosciuto. Forse questo tributo è il follis senatorio. Per motivare l'esenzione ricorda

la madre malata e la sua situazione finanziaria non brillante . Era stato prima governatore

della Macedonia e intende restare ad Antiochia la sua città senza andare nella sede del senato ,
511
nonostante l'obbligo previsto almeno in teoria . Destinatari di queste lettere sono Onorato 1 ,

funzionario dell'apparato centrale dell'impero nel 358-359 Temistio 512 , sempre influente nella

capitale e reclutatore di senatori, Clearco 513 , che inizialmente non esegue le richieste a lui fatte.

Simile è il contenuto di una lettera di Libanio a Daziano 514 del 364 . il destinatario dovrà

alleggerire gli oneri che gravano su Pancrazio 1, divenuto senatore di Costantinopoli nella

terza classe , mentre doveva essere nella quarta a causa della sua povertà . Si vede qui come i

membri di questa istituzione abbiano redditi molto diversi tra loro e debbano dunque pagare

tasse proporzionate ad essi.

Prima si sono considerati gli oneri curiali, che consistono in spese di denaro, ma essi possono

anche consistere in servizi e prestazioni. Infatti un tipo particolare di munus curiale è la

sitegia , cioè il servizio di trasporto di grano dall'Egitto. Libanio cerca una esenzione da

questo servizio per Giuliano 5515 e si rivolge a Sebastiano, comandante militare in Egitto e a

Clemazio , che probabilmente è consularis di Palestina. A loro il beneficiario è presentato

come un uomo tranquillo che gradirebbe stare con la moglie ed i figli , ma che per senso

509 Lib., Ep. 251, Ep 252 , Ep 253 , Olimpio 2 è il numero dato da Petit 1992 p. 179
510 Olimpio 4 è numero dato da Petit 1992 p. 181
511 Lib., Ep 251
512 Lib., Ep. 252
513 Lib., Ep 253
514 Lib., Ep 1277 , Petit 1992, p. 191
515 Lib., Ep 349 , Ep 350 , Giuliano 5 è il numero dato da Petit 1992 p. 73

147
del dovere si impegna a riempire le navi che devono portare il grano da un porto egiziano

( probabilmente Alessandria ) ad Antiochia . Tale servizio è importante anche per l'ordine

pubblico perché se le plebi delle grandi città non ricevono cibo a basso prezzo, spesso

provocano rivolte. Tuttavia Antiochia trae il suo cibo non soltanto dall'Egitto ma anche

dalle sue campagne516. In una lettera ad Eufemio 517 nel 358 Libanio chiede di evitare la

sitegia per Antonino, pure citata in Ammiano 518, perché egli è costretto all'esilio e alla

lontananza dalla madre e dagli amici . Altra sitegia è imposta a Megisto519 . Costui è al servizio

di nobildonne come Criseide e Bassiana, ad Apollinario si chiede di contribuire alla sua nomina

in Egitto. Qui la sitegia pare un obiettivo ambito non una costrizione mal sopportata come

altrove.

Altro munus è la angareia, il trasporto pubblico, a cui è sottoposto Rufino 8 520 . Questi viaggia

nell'Asia e necessita dell'aiuto di funzionari come Italiciano, che nel 361 è vicarius di quella

provincia e di Fortunaziano ; per questo motivo non può dedicarsi alla retorica , come vorrebbe

e deve fare le attività pratiche a lui imposte.

Soltanto i decurioni più facoltosi di Antiochia possono permettersi l'allestimento dei giochi

olimpici in onore di Zeus Olimpio che si svolgono ogni quattro anni. Comportano spese molto

alte, per l'acquisto di orsi e cavalli e Libanio interviene spesso per chiedere aiuti ai

maggiorenti locali, che affrontano tale servizio per la comunità . Celso 3, suo lontano parente

si assume tale onere, nonostante la contrarietà del sofista , che in molte lettere gli sconsiglia

questa scelta. La sua scelta nel 364 , è simile a quella che Simmaco fa a Roma , circa

30 anni dopo , in occasione della pretura di suo figlio Memmio 521. Sono almeno dieci le

516 Festugiere 1959 , Petit 1957


517 Lib., Ep 210
518 Amm. Marc. , XVIII, 10
519 Lib., Ep 705
520 Rufino 8 è il numero dato da Petit 1992 p. 135
521 Simmaco in quella occasione spende molte libbre d'oro , secondo Jones 1972

148
lettere con cui Libanio cerca aiuto per la siriarchia di Celso 3 522 . Ad Andronico523 Libanio

chiede aiuto, per l'ultima fase della carica di Celso 3 , che necessita di numerosi animali feroci

e di uomini che combattano con loro . Qui è descritta chiaramente una venatio. Dal

destinatario dipende la buona riuscita del suo impegno , perché governa sulla Fenicia ,

regione in cui si trova la fauna adeguata a queste esigenze . In cambio di questa fornitura, i

Fenici otterranno grande gloria . A Eusebio 524 Libanio raccomanda che orsi non muoiano

durante il trasporto , nella stessa lettera nota i costi ingentissimi che Celso 3 sopporta,

svuotando le finanze della sua famiglia . Una lettera è a Florenzio 525 , funzionario palatino , è

ribadita la stessa petizione precedente di evitare l'uccisione di animali, orsi e leopardi , e

aggiunge che se alcuni sopravvivono ( o al viaggio o allo spettacolo) devono restare proprietà

di Celso 3 .

A Cesario 4526, Libanio spiega che Celso 3 subirebbe danni gravissimi, se non ricevesse aiuti ,

e ritiene che sia sbagliato che non sia rispettata la legge per aiutare alcune persone . Scrivendo

a Giovino527 il retore si dice lieto del fatto che Celso si avvalga della sua opera per trovare

gli animali feroci per la sua siriarchia . L'imperatore in quegli anni è stato generoso con lui .

L'aiuto del destinatario gli varrà la riconoscenza di tutta la città e quindi è un fatto

pubblico, noto a molte persone. Libanio a Cesario 4 528 ripete la richiesta nel 363, spiega

che l'imperatore è favorevole alla generosità verso il Siriarca e che non ha amici a corte

( ma questo pare non vero, come dimostrano le lettere ad alcuni funzionari palatini) . Aggiunge

che teme di urtare la suscettibilità del destinatario , che ha molte attività da svolgere . Infine

domanda il rispetto della sua promessa di aiutare Celso 3. A Decenzio 1 529 Libanio domanda di

aiutare non Celso, ma il figlio per un onere pubblico, nel 365 , due anni dopo delle altre

522 Lib Ep 217 , Ep 218 , Ep 219 , Ep 1146 , Ep. 1147 , Ep.1148 , Ep 1394 , Ep.1459 , Ep. 1476 , Ep. 1520
523 Lib Ep 217
524 Lib., Ep 218
525 Lib., Ep 219
526 Lib., Ep 1147
527 Lib., Ep 1148
528 Lib., Ep 1459
529 Lib., Ep 1520

149
missive. Insiste nell'esigere degli animali feroci, che sono i più amati dal pubblico cittadino, il

quale resterebbe deluso se non fossero presenti. Altre lettere sono per gli animali dei giochi

antiocheni . Una lettera 530 chiarisce che Libanio vuole animali vigili e non dormienti, che

andranno catturati sui monti della regione governata dal destinatario . I cacciatori verranno

dalla Siria, dove sono abituati alla selvaggina. Serviranno orsi aggressivi per divertire il pubblico

dei giochi ad Antiochia . Due lettere sono inviate a persone della Bitinia , dove si possono

prendere tali animali . Ad Aristeneto 531 , Libanio esprime dispiacere per la mancata consegna

delle bestie. Se questo destinatario non ha cariche amministrative, Alcimo che è suo parente le

ha, e può ottenere questo risultato. A lui 532 spiega che la sua città ( forse Nicomedia ) deve

fornire gli orsi. Sempre a lui è rivolta una missiva 533, che nella sua fauna, oltre agli orsi, cita dei

leopardi che sono già in viaggio per nave verso Antiochia , e ricorda la sua ostilità precedente

alle venationes. Il sofista scrive a Giuliano534, si allude a un orso che dovrà essere catturato

per i giochi. Scrivendo a Vitalio 1 535 nel 363, Libanio coglie l'opportunità per domandargli di

inviare degli animali feroci dalla Ionia , sebbene egli in quel momento non abbia una carica.

Forse tale fornitura può essere data anche da privati e non solo da funzionari . Sempre nel

363 a Clearco536 , tornato in Asia dall'Europa Libanio chiede di aiutare l'uomo che viene a

prendere gli orsi per i giochi di Antiochia. Dalle lettere risulta che gli animali devono essere

trasportati per lunghi tragitti e spesso muoiono o giungono a destinazione molto debilitati.

Un confronto su tale argomento si può fare con Simmaco nella parte occidentale dell'impero,

che fa giungere cavalli e orsi dalla Spagna a Roma . I giochi olimpici antiocheni

( diversamente dagli spettacoli pubblici romani ) prevedono oltre alle venationes, i combattimenti

tra uomini e animali feroci, anche gare atletiche, spettacoli teatrali e canori.

530 Lib., Ep 544


531 Lib., Ep 586
532 Lib., Ep. 587
533 Lib., Ep. 598
534 Lib., Ep. 599
535 Lib., Ep 1231 , Vitalio 1 è il numero dato a da Petit 1992 e da Seeck
536 Lib.,. Ep. 1232

150
Per questo Libanio intende procurare gli atleti migliori e prospetta tale esigenza a Magno 537 ,

a Elpidio538, che può mandare tali persone dalla Ionia, così ad Atazio 539 , e a Teodoro 540.

Tra i gruppi che il retore segnala sono gli artisti di Dioniso in due lettere 541 nel 364. Si

tratta di danzatori itineranti , che sono stranieri e dunque meritevoli della protezione dei

funzionari . I destinatari delle missive sono Demetrio ed Eutalio , ai quali si chiede di rendere

piacevole il loro soggiorno , promettendo in cambio la prosperità della loro vite , garantita dal

favore al dio, che ne è il patrono. Il culto dionisiaco appare qui chiaramente e si svolge

probabilmente durante feste pubbliche ad Antiochia , in un contesto multi-religioso , di pagani ,

cristiani ed ebrei.

Del 361 è una lettera a Sopatro 542 per l'organizzazione dei giochi olimpici , che è stato

eccellente in questa attività . Ha speso del denaro che è stato utile alla città e per la famiglia.

Gli spettacoli da lui allestiti sono andati molto bene , la loro qualità è misurata dal numero

elevato dei partecipanti , dai doni elargiti ai vincitori. Queste due lettere si riferiscono

non alle venationes, ma ai giochi atletici che si svolgevano nel corso della kermesse. Libanio

chiede a Magno543 di mandare alcuni atleti dell'Egitto , su cui governa, ai giochi di Antiochia .

Il loro viaggio si svolge su una nave , con una navigazione . Per queste festa servono non

soltanto gli animali , ma anche degli atleti di buona qualità . Libanio chiede a Elpidio 544 di

mandarne alcuni ad Antiochia per i giochi olimpici dalla Ionia sulla quale egli governa , poiché

in quella regione sono di buona qualità . Essi riceveranno per la loro partecipazione delle

corone e delle ricchezze . Il medesimo invito è rivolto a Atazio 545 ,la richiesta di atleti per i

giochi di Antiochia, e dimostra l'impegno del retore per la buona riuscita della manifestazione

537 Lib., Ep 843


538 Lib., Ep 1180
539 Lib., Ep 1181
540 Lib., Ep 1182
541 Lib., Ep 1212, Ep 1213
542 Lib., Ep.663
543 Lib., Ep 843
544 Lib., Ep 1180
545 Lib., Ep.1181

151
pubblica cittadina. Allo stesso modo a Teodoro 546 , ex retore, il suo ex collega nel 364 chiede di

mandare degli atleti per i giochi olimpici ad Antiochia . Dovrà farlo per gratitudine verso la

città in cui ha studiato e perché nella terra da lui governata vi sono molti atleti di valore .

Anche scrivendo a Ierio 4547 , Libanio raccomanda di mandare degli atleti dall'Egitto su cui

ha un qualche potere . La ricompensa non è il denaro , ma l'ammirazione e la lode per il

funzionario, che ha favorito i giochi .

Celso 3 è il principale siriarca dell'epistolario , ma non l'unico; la medesima carica è di Rufino.

La lettera inviata a Dulcizio 548 3 nel 363 spiega il ruolo del siriarca esplicitamente . Egli non

è come un governatore , ma deve fare spese ingenti per la città per giochi pubblici, spettacoli,

e ottiene lodi per questa sua benemerenza , in una logica simile a quella della liturgia nella

polis greca di V- IV secolo a..C. In generale Libanio dà una valutazione positiva dei giochi

pubblici , quando ne scrive nelle lettere , li vede come un momento di gioia per tutti i suoi

concittadini e non si sofferma sui loro aspetti deteriori, come fa invece in alcuni discorsi.

Dazioni e pagamenti vari

Vari pagamenti figurano nelle lettere di Libanio e sono a favore di : Basilico,

il fratello di Megezio, Erodiano , gli orfani di Urbicio, Eusebio 22 , Leonzio 9 , Magno

Libanio chiede talvolta che alcune multe siano neutralizzate e annullate. A Bacchio 549 egli

dice che Basilico merita una riduzione del suo pagamento , per il suo senso di responsabilità ,

poiché l'esazione è inevitabile, va comunque resa meno pesante. Tre lettere sono per Aristone 550 .

A Modesto Libanio si rivolge per ottenere la riduzione di una multa che ha colpito il fratello di

Megezio , un avvocato dalla voce stentorea. Il destinatario in quell'anno( 360-361 ) è Comes


551
Orientis, quindi ha un collegamento con il fisco imperiale, che decide sulle multe. Una missiva
546 Lib., Ep 1182
547 Lib., Ep 1184
548 Lib., Ep 1400 , Dulcizio 3 è proconsole di Asia nel 364 , Petit 1992 p. 84
549 Lib., Ep 757
550 Lib., Ep 1329 , Ep 1239
551 Lib., Ep 1339

152
chiede un rinvio del pagamento per Anastasio scrivendo a Eutalio . Un'altra rivolta a Siderio 552 è

chiesto l'annullamento della multa da lui comminata a Erodiano , nel 361 il destinatario ha

una mansione per fare questa cosa.

Ben 3 lettere sono per gli orfani di Urbicio 553 . Dopo la morte del padre , il loro patrimonio è

in pericolo, Libanio ne scrive a Sopatro , ed Eustolio , che sono loro concittadini 554. Essi devono

indurre i debitori a pagare , e rivolgersi ai magistrati , in cambio di ciò otterranno una buona

reputazione . Altri orfani , Teodoro e Carisio sono di Cirro 555 e vengono raccomandati a

Prisciano, affinché renda meno grave la loro condizione di indigenza. Dei due soltanto il

secondo è un retore. A Palladio556 Libanio chiede assistenza per degli orfani anonimi .

Alcuni retori e collaboratori del retore meritano secondo lui degli aiuti . Sono : Leonzio 9 ,

Magno, Eusebio 22 .

Per quest'ultimo ci sono circa 5 lettere 557. Egli è un retore che collabora con Libanio e ottiene

prima una esenzione, consueta per quei sofisti che hanno una nomina dal governo centrale, poi

essa gli viene tolta, e il capo della scuola dove lavora si adopera per ripristinarla.

La funzione di Eusebio 22 è simile a quella di Leonzio, coadiuvare Libanio nell'insegnamento

dell'eloquenza e spesso anche sostituirlo , poiché nel 388 ha un 'età avanzata e gravi

problemi di salute. Tra i suoi collaboratori è l'unico che abbia il titolo di sophistes 558 . Per

aiutarlo si rivolge a Severino 559, Eusebio 27560, Taziano561. La decisione sul suo caso spetta

perciò prevalentemente a funzionari della capitale.

Per Leonzio 9 sono 3 lettere 562, che segnalano la necessità di un pagamento per lui da parte

552 Lib., Ep. 307


553 Lib., Ep 1160 , Ep 1172
554 Abitano come loro nella città di Cirro, nella provincia di Eufratense
555 Lib., Ep 151
556 Lib. Ep. 1033
557 Lib., Ep. 870, 879 , 902 , 904, 909, 918
558 Cribiore, 2007 Lib., Ep. 36-37
559 Lib., Ep. 879 , Severino è Comes Rerum Privatarum
560 Lib., Ep. 902 , Eusebio 27 è Magister Officiorum
561 Lib. Ep. 909 , Taziano è prefetto del pretorio fino al 392
562 Lib., Ep 201 , Ep 202 , Ep 204

153
dei genitori degli studenti e dei funzionari ( Stratoniano , Prisciano , e Andronico). Nella

prima a Stratoniano563 Libanio domanda un pagamento per l'attività scolastica svolta da

Leonzio 9 . Sono i padri degli alunni a dovere provvedere al suo stipendio. Nella seconda a

Prisciano564 nel 359, Libanio rivolge sollecitazioni a fare presto per dare un pagamento per

Leonzio ricordando Modesto che prima aveva quella carica. Nella terza 565 chiede ad Andronico lo

stesso favore precedente e la sua rapida effettuazione, senza indugi .

Alcune dazioni riguardano anche l'autore. dell'epistolario. Libanio necessita di un pagamento


566
per fornire il suo insegnamento , che ha una durata media di tre o quattro anni . Alcuni dei

suoi allievi meno facoltosi scelgono il corso breve di un solo anno 567, meno qualificato di quello

ordinario . L'insegnante sollecita spesso i genitori degli alunni a pagare , quando sa che se lo

possono permettere, mentre in altri casi chiede a quelli più ricchi di aiutare quelli più

indigenti.

Ierocle568 dà del denaro a Libanio come pagamento per le lezioni impartite a suo figlio. Elpidio 569

paga Libanio sempre per il suo insegnamento. Altre volte spetta ai funzionari locali assistere

questi ultimi. Il sofista chiede a Massimo 6 governatore della Galazia 570 , di aiutare Achillio,

perché egli manda suo figlio a scuola da lui, e dunque merita un occhio di riguardo nella

riscossione delle tasse . La lettera mostra come l'educazione dei figli , sia considerata, almeno

nell'ottica di un retore, un bene pubblico, come la prestazione di servizi alla città e meriti

dunque una tutela anche fiscale. Inoltre risulta da essa che il governatore provinciale possa

influire nella determinazione del carico fiscale. Alcune lettere chiedono aiuti economici per gli

allievi, tali da consentire loro di proseguire gli studi. Una lettera è per Parnasio 571, egli è orfano

563 Lib., Ep 201


564 Lib. Ep. 202
565 Lib., Ep. 204
566 Cribiore, 2007
567 Cribiore , 2007
568 Lib., Ep 466
569 Lib., Ep 546
570 Lib., Ep 767
571 Lib., Ep. 912

154
e può continuare gli studi soltanto se Sebastiano lo aiuta , fornendogli il denaro necessario.

Un'altra chiede assistenza per figli di Ierio 572, nel 358 a Anisio. E precisa che il denaro dato a

loro deve essere abbondante. Una lettera 573 è per Eudocio 1, orfano di Cesario 2 che è in Armenia e

chiede dei soldi, destinatario della petizione è Massimo 6 nel 361, quando governa la Galazia .

Un'altra missiva574 chiede a Atarbio del denaro per gli studi di retorica di Asteo . Questi

versamenti saranno possibili solo se suo padre non sarà oppresso da oneri curiali . Si vede qui

come Libanio faciliti i pagamenti dei genitori degli studenti, eliminando o diminuendo le loro

altre spese, premendo sui governatori provinciali per esentarli dai gravami cittadini . Per due

volte il sofista sollecita aiuti per Erezio 575 , padre di un suo allievo; Taziano , e Proculo 3

funzionari di Costantinopoli, possono aiutarlo. Ad Eleusinio 576 Libanio spiega che dipende da lui

se Geronzio potrà continuare i suoi studi, oppure no. Il giovane piange e si dispera per il rischio

di doverli interrompere. Per lo studente Rufino 9 577 trascurato dai suoi familiari Libanio chiede

l'intervento di Ieracio, affinché solleciti i parenti del ragazzo a fornirgli il denaro necessario. Non

è chiaro se essi facciano questo per penuria di denaro , o per sfiducia nell'utilità di tali studi .

I funzionari provinciali comunque intervengono per aiutare alcuni studenti ed il sofista

antiocheno spera in questa possibilità .

Una missiva rivolta a Eufronio578, padre dell'alunno Pandoro, domanda un pagamento continuato

a Libanio perché il percorso dei suoi studi non è concluso. Ierio 3 è sollecitato a versare un

simile compenso per l'insegnamento di diritto impartito a suo figlio Peregrino 579 . Di solito

il docente si occupa della sua scuola di eloquenza , ma non disdegna di trattare anche l'ambito

giuridico ( a cui è dedicato il capitolo precedente).

Libanio chiede favori economici non solo per gli altri, ma anche per sé stesso. Vuole

572 Lib., Ep.340


573 Lib., Ep 288
574 Lib., Ep .820
575 Lib., Ep 940 , Ep 941
576 Lib., Ep 977
577 Lib., Ep. 1352 , Rufino 9 è originario di Alexandra Troas
578 Lib., Ep 1394
579 Lib Ep. 1539

155
580
retribuzioni dai prefetti del pretorio , ai quali scrive spesso . Lo stipendio a lui accordato in

un primo momento , gli viene tolto da Elpidio, forse in accordo con Eubulo , un suo avversario

nella curia antiochena . Il sofista chiede che gli venga restituito a Demetrio 581, citando Olimpio

come il responsabile di questa decisione. Ribadisce la richiesta a Eusebio 582 . Nel 360 ,

rimprovera Policronio583 di avere tagliato il suo stipendio, ed attribuisce a questo motivo il suo

silenzio. A suo zio Fasganio584 spiega che un decreto imperiale conferiva a lui lo stipendio che

gli è stato tolto, e lo stesso provvedimento va fatto per restituirgli il denaro . Strategio

Musoniano è dalla sua parte e si adira per il sopruso a lui fatto . A Giuliano 585 7 Libanio

scrive dice che Saluzio, prefetto del pretorio, gli ha restituito il suo stipendio, ma esso viene

pagato per metà dalla città di Antiochia e per metà dalla provincia di Fenicia di cui è

governatore il destinatario. Il sofista chiede a volte delle dazioni anche per alcuni suoi

colleghi. Per il retore Optato 586 Libanio chiede un aiuto di questo tipo e il destinatario è

Anatolio, che nel 359 è riceve spesso richieste simili .

Eredità , proprietà terriere ed immobiliari

Alcune lettere di Libanio riguardano passaggi di proprietà, (confische di beni, assegnazioni di

eredità, possedimenti di persone decedute). Un caso è quello di Domno che comprende tre

lettere587. La prima è a Demetrio nel 359, e coinvolge anche Aussenzio e Eutalio, perché hanno

avuto qualche ruolo nella esazione del denaro. Scrivendo a Modesto 588 nel 358 Libanio nota

che Domno necessita di un campo che ha ricevuto per il suo sostentamento e il destinatario

dovrà lasciare che lui lo mantenga. La confisca dei beni è una delle pene inflitte dalla

580 Lib., Ep. 258 , Ep 259 , Kaster 1983


581 Lib., Ep 258
582 Lib., Ep 261
583 Lib., Ep. 28
584 Lib., Ep 454
585 Lib., Ep , 740
586 Lib., Ep 80
587 Lib., Ep 50 , Ep 53, Ep 54
588 Lib., Ep 53

156
giustizia nella tarda antichità , oltre alla fustigazione e al carcere . Libanio chiede a Massimo 589

di restituire a Basso 2590 il suo patrimonio, che gli è stato confiscato. Il destinatario ha un ruolo

tale per cui può fare questa cosa. Merito di Basso 2 è avere governato bene l'Arabia.

Il suo patrimonio è stato depredato da alcuni parenti tra cui Magno , forse citato tra gli altri

beneficiari. In questa contesa per l'eredità essa deve essere assegnata a chi ha i diritti maggiori.

Una lettera chiede a Gaiano 591, governatore della Palestina la restituzione dei beni di Erculiano,

che sono stati espropriati dalla città di Tiro , anche la sua casa è tra questi.

Alcuni dossier sono relativi alle eredità. Uno verte sulla eredità di Gorgonio 592 . Essa spetta ad

Alessandro 10 o a Eustochio, Libanio favorisce il primo , quando scrive di ciò a Celso che

deve decidere a riguardo nel 364 , quando è Consularis di Siria e ha una giurisdizione su queste

vicende.

Tre lettere593 sono per l'eredità della moglie di Marciano 8 . L'anno è il 365 e i destinatari

sono Decenzio 1, Giovino 2, e Eusebio594. Il beneficiario è stato retore in un primo momento, ma

si è arruolato nell'esercito di Giuliano della spedizione in Persia. Il marito precedente di sua

moglie è un tassiarco , cioè un ufficiale militare, Marciano 8 vorrebbe entrare in possesso

dei possedimenti di costui.

Alcune lettere di Libanio riguardano proprietà terriere, immobiliari e i loro redditi e prodotti

Due missive595 sono per la terra di Libanio a Zezes. Per essa è in lite con alcuni coloni ebrei ,

essi si rivolgono ai funzionari per ottenere la classificazione del podere tra le terre imperiali

e così sottraggono al retore una parte del suo reddito .

Quattro lettere sono per Mocimo596 . Egli è un agente di Libanio che lavora alla vendita del

589 Lib., Ep 320


590 Il numero 2 gli è attribuito da Seeck , Basso è originario della Fenicia
591 Lib., Ep 828
592 Lib., Ep. 1167
593 Lib., Ep 1511, Ep. 1512 , ep.1513
594 Almeno i primi due sono funzionari di Corte .
595 Lib., Ep 115 , Ep. 126
596 Lib.,. Ep. 133, Ep 134 , ep 135 , ep 136

157
legname proveniente dalle sue terre . La prima 597 a Eustolio del 388 gli consiglia , forse

ironicamente di fare delle monete false per la sua vendita. La seconda 598 allo stesso destinatario

chiede di versare a Mocimo il pagamento dovuto. Anche la terza 599 chiede a Marcellino di dare

dei soldi alla stessa persona, che viene da lui per fare la vendita . L'ultima della serie 600 a

Prisciano nel 359 ricorda i meriti di Mocimo , che egli conosce fin dall'infanzia. Forse è

originario di Cirro, per la sua parentela con Maras ( stenografo citato nel terzo capitolo). Egli

compare nella lettera ad Atarbio 601 , che il funzionario che è in quell'anno deve aiutarlo e tratta
602
la vendita del legname. Altre lettere sono su questo tema . La prima comunica a Gaio 1 ,

che nel 357 è funzionario provinciale l'arrivo di alcuni servi che comprano questa materia

prima , e trovandosi in una terra straniera necessitano dell'appoggio di alcuni amici,

In un'altra lettera603 a Palladio torna tale questione . Libanio accusa Acacio che ha preso del

legname in deposito da quattro anni e non vuole restituirlo . Di fronte a questo reato Libanio

ricorre ai magistrati come Palladio per avere giustizia , costui dovrà mandare uno dei soldati a

sua disposizione per recuperare la refurtiva . Le terre di Libanio forse producono molto

legname e egli si affida a vari intermediari per conservarlo e venderlo. Il trasporto del materiale

è in una lettera a Severo604 Libanio chiede di fare partire le navi in modo che esso venga

commerciato. Un altro bene naturale è il vino che in due lettere 605 appare come dono o come

mezzo per il pagamento in natura. Zenodoto nel 392 ne invia una grande quantità . Altri

doni naturali vengono fatti da Flaviano a Libanio 606. Costui scrive a favore di Dulcizio607 ,

che ha un possedimento fondiario a Berea in Siria, destinatario è Modesto nel 361 , e vende

il grano da lui coltivato . Subisce però dei torti da alcune persone. Libanio pare qui agire come
597 Lib., Ep 133
598 Lib., Ep 134
599 Lib., Ep. 135
600 Lib., Ep. 136
601 Lib Ep 1406
602 Lib., Ep 568
603 Lib., Ep 649
604 Lib., Ep. 1191
605 Lib., Ep 988 , Ep. 1034
606 Lib., Ep 1416
607 Lib., Ep. 276

158
patrono di un proprietario terriero.

Altre due questioni agrarie sono di Alessandro 13 e di Laurenzio. Il primo 608 è di Antiochia, ma

ha delle terre a Cirro. Una lettera per lui è inviata a Domeziano 2 609 che governa la provincia di

Eufratense nel 364 .I fittavoli precedenti erano Ammonio e Atenodoro , ma il nuovo acquirente

Sabino provoca alcuni problemi , di cui si deve occupare il funzionario della Eufratense. Il

secondo possiede terre in Cilicia e Libanio ne scrive a Memorio 610 , governatore di quella

provincia nel 363.

Poche lettere trattano vicende edilizie ( oltre a quelle già viste dei templi pagani , divenuti

abitazioni private, dei figli di Talassio 1 e di Teodulo , nel quarto capitolo). Due riguardano una

casa di Sinope611 che i figli di Lolliano cercano di vendere. Sono invocati a riguardo Temistio e

Filagrio.

Matrimoni

Come Simmaco612 anche Libanio si occupa di matrimoni , intesi come alleanza tra famiglie

a lui amiche, nel significato di kinship, alleanza patrimoniale e politica , non come scelta libera

dei coniugi. Ciò è evidente nel dossier di Pompeiano 613 . Egli deve dare del denaro alle figlie

per consentirle di sposarsi ed anche una lettera a Daziano 614 dice che tra i pretendenti Peonio ha

prevalso. Le doti dello sposo elencate da Libanio sono: la ricchezza , la nobiltà della sua stirpe

e la bellezza . Daziano potrà fare dei doni ai novelli sposi . Altre nozze nella sua cerchia sono

tra Calicio, suo allievo e la figlia di Acacio, suo grande amico 615 .

La presenza della sposa non impedirà al neo-marito di svolgere i suoi studi. Due lettere 616 sono

608 Il numero Alessandro 13 è dato da Petit 1992


609 Lib., Ep. 1291
610 Lib., . Ep. 1386 . Petit 1992 p.162 , Amm. Marc., XXIII,2,5
611 Lib., Ep. 176, Ep.177
612 Sogno 2010
613 Lib., Ep. 1344 , Ep 1345
614 Lib., Ep. 1324
615 Lib., Ep 371
616 Lib. Ep. 682 , ep . 683

159
per la figlia di Elladio che dopo la morte dei genitori si trova in difficoltà . Necessita della

dote per potersi sposare, e Libanio la chiede a Eliodoro e ad Anatolio . L'aspetto

economico delle nozze è anche qui prevalente. Martirio è colui che aiuta la giovane.

Ad Aezio617 Libanio scrive del matrimonio della figlia e delle ricchezze che il padre dovrà

spendere per lei e che tenta di occultare per questo motivo. Aggiunge che deve aiutare comunque

suo genero. L'aspetto patrimoniale del matrimonio è evidente. Allo stesso modo il retore esorta

Elpidio618 a fornire alla figlia Bassiana le ricchezze necessarie per il suo matrimonio

La distribuzione geografica dei destinatari di favori economici e materiali

Alcuni numeri attribuiti ai personaggi sono tratti dalla PLRE 1 , quelli scritti in corsivo sono
tratti dallo studio di Petit 1992 , e quelli sottolineati sono tratti dallo studio di Seeck 1906

( 5 Talassio ) ( 22 Aussenzio 2 )
Beneficiari di ( 38 Romulo decurione) ( 85 Macedonio 6)
provenienza ignota ( 93 Cratino) ( 130 Artemio padre di un allievo )
( 133, 134, 135, 136, 1407 Mocimo) ( 152 Teodoro )
( 200 Anisio) ( 203 Ermolao)
Beneficiari di favori ( 213 Naumachio) (296 Zenano)
economici e materiali ( 242 Strategio 4 , fa un portico ad Antiochia )
di provenienza ( 464 Fozio) ( 546 Elpidio)
ignota ( 591, 592 Mariade) (597 Firmo)
( 788 Papiriano tesoriere pubblico )
(910 Epifanio 3 studente e agens in rebus )
( 912 Parnasio orfano e studente ) ( 917 Ammonilla )
Beneficiari di ( 940 , 941 Erezio) ( 975 Eutimio )
provenienza ignota ( 1164 Daduchio) ( 1283 Acacio )
( 1344 Pompeiano) ( 1378 Leonzio)
Beneficiari di ( 1523 Leonzio 16 )
provenienza ignota ( 1540 Alessandro 5 agens in rebus )
( 70, 251, 252, 253 Olimpio 2 di Antiochia )
Siria ( 276 Dulcizio proprietario di terre a Berea )
( 381 Obodiano di Antiochia )
( 648 Ulpiano 2 docente di retorica di Antiochia )
( 682, 683 Elladio 3 di Antiochia nel 361 )
( 844, 889, 890, 891 Romulo decurione di Antiochia )
Siria (870, 879, 902, 904 , 909, 918 Eusebio 22 sofista di Antiochia , e sua
esenzione dalla curia cittadina nel 388 )

617 Lib Ep. 769


618 Lib. Ep. 1292

160
( 886 Eusebio 28 sofista di Antiochia nel 388)
( 971 Argirio di Antiochia )
( 978 Geronzio 6 allievo, figlio di Geronzio 3 di Apamea nel 390 )
Siria ( 1007 Giamblico di Antiochia)
(1167 Gorgonio 2 di Antiochia, e sua eredità per il figlio
Alessandro 10 nel 364 )
( 1324 Pompeiano 2 di Antiochia nell 364 )
( 1385 Teotecno decurione nel 363 )
Siria ( 1409 Bassiano di Antiochia nel 365 )
(1474, 1476, 1477 Celso 3 di Antiochia nel 364 organizza giochi
olimpici)

Fenicia ( 150 Apringio e Fraterno )


(160 Prisciano 1 di Berito, studia poi ad Antiochia insieme a Libanio
Fenicia con Zenobio)
( 320 Basso 2 di Damasco )
Fenicia ( 336 Domno di Tiro) ( 913 un abitante di Sidone )
( 1208 , 1281 Crisogono ) ( 1283 Acacio 1 e suoi studi )
Palestina ( 157 Aussenzio 5 )
( 789 Eustochio 1 avvocato nel 362 e Geronzio )
Palestina ( 1418 Geronzio 5 , fratello di Eucraziano nel 363 )
Egitto ( 21 Nicenzio 2 governatore di alcune province )
( 349, 350 Giuliano 5)
Egitto ( 705 Megisto e sua sitegia )
Egitto ( 892 Gessio 2 docente )
( 1369, 1374 Porfirio 1 funzionario in Egitto)
Armenia ( 245 Carterio di Arca) ( 270 Armeni) ( 463 Agrecio)
(469 Imerio) ( 645, 646 Eudocio 1 studente )
Arabia ( 337 Archelao 3 figlio di Tiberino nel 358 )
Eufratense ( 144 Mares di Cirro)
( 201, 202, 204 Leonzio 11 docente )
( 820 , 872 Marciano 6 decurione e suo figlio Asteo nel 388 )
Eufratense ( 1176,1239 , 1329 , Aristone di Cirro , decurione )
( 1160, 1163, 1172 orfani di Urbicio , decurione )
( 1516 Cirillo 2 decurione nel 365 )
Cilicia ( 23 Demetrio 1 decurione di Tarso )
( 35, 40 Giuliano 8 fratello di Ierocle )
( 471 Ierocle 1 di Tarso , padre di Calicio allievo di Libanio,
fratello di Demetrio 1 e di Giuliano 8 )
( 648 Acacio 5 officialis che detiene illecitamente del legno nel 361)
Cilicia ( 715 Alessandro 6 decurione di Tarso nel 362 )
( 765, 766 Diofanto 3 allievo )
( 1339 Anastasio ) (1386 Laurenzio di Cilicia )
( 1393 Aussenzio 3 curiale povero di Tarso )
Cilicia ( 1394 Pandoro studente nel 364 e suo padre Eufronio )
( 1511, 1512, 1513 Marciano 7 amministra i beni di
Laurenzio nel 365 )

161
Cappadocia ( 207 Ilario 2 avvocato di Cappadocia )
Galazia ( 769 Aezio 2 avvocato di Ancira, dà ricca dote alla figlia per il
matrimonio )
( 814 Leonzio)
Bitinia ( 374, 375, 376, 379 Dianio di Nicomedia)
( 1473 Eustazio 4 di Nicomedia )
Panfilia ( 1189 Alessandro 7 di Panfilia )
Grecia ( 985, 986 Olimpio figlio di Domnino di Larisa )
Ponto ( 177, 178 casa di Sinope)
Isauria ( 642 , 644 Rufino 8 procuratore di Bassiana , suo figlio è
allievo di Libanio )
Licia ( 664, 665 Severo 5 nel 361 )
Asia ( 1352 Rufino 9 allievo di Alessandria Troas nel 364)

SESTO CAPITOLO RACCOMANDAZIONI E FAVORI COLLETTIVI E PUBBLICI


NELL'EPISTOLARIO DI LIBANIO.

Circa 60 lettere contengono riferimenti ad aiuti rivolti a collettività cittadine , e hanno

dunque rilevanza pubblica , a differenza di quelli citati nei capitoli precedenti , che erano per

singole persone.

Argomenti che rientrano in questo capitolo sono : Antiochia e le sue ambascerie, le altre città e

le loro rappresentanze, gruppi religiosi minoritari , famiglie , schiavi.

Antiochia

Questa città , capoluogo della Siria e sede del Comes Orientis , è spesso oggetto delle

petizioni di Libanio. Nel 355 in occasione di una ambasceria antiochena, Libanio scrive due

commendaticiae. La prima a Elpidio619 dice che attende la sua lettera per scrivergli della

ambasceria . e l'altra a Spettato 620 , suggerisce semplicemente di aiutare gli ambasciatori per

rinsaldare il suo legame con Libanio e con tutta la città, nel suo insieme.

Il retore difende Antiochia 621 dopo il tumulto del 363, e attribuisce i disordini

619 Lib., Ep 448


620 Lib., Ep 449
621 Lib., Ep 1119

162
ai Cristiani , non nominati esplicitamente. Scrive a Nicocle, grammatico di Sparta 622 e

giustifica il comportamento della gran parte degli abitanti della città ( li quantifica in 150 mila ) .

Secondo Libanio, solo pochi sono colpevoli dei misfatti. Una petizione per la città è indirizzata

a Daziano623. Il retore gli chiede di non vendicarsi su di essa e di rinunciare a una punizione

che sarebbe possibile. In quell'anno Daziano ha una grande influenza nella capitale , sebbene

non sia nota la sua carica624 e vanno da lui gli inviati di Antiochia per ottenere un perdono ,

dopo che i suoi beni sono stati saccheggiati dai rivoltosi . I meriti del destinatario sono i tanti

edifici che ha fatto costruire . Libanio ringrazia Saluzio 625 per la sua clemenza, che dimostra

dopo una rivolta . Un'altra missiva626 insiste sull'idea che poche persone ad Antiochia sono

colpevoli, e non è giusto punire tutta la comunità. Il testo è sempre del 364. A Mario 627 che

governa la Fenicia , Libanio ricorda che deve avere cura anche di Antiochia ,

sebbene si sia allontanato da questa città e sia andato a Berea .

Quando scrive a Elpidio628, Libanio ringrazia lui e la sua carica del 363 , perché rifiuta di

imporre una tassa gravosa ad Antiochia e si dimostra coraggioso salvando la città .

Alcune lettere sono dedicate alle ambascerie di Antiochia, le quali spesso sono costituite

da persone che egli conosce bene , e che vanno a Costantinopoli , sede degli uffici centrali

dell'impero.

Scrivendo a Daziano629 il sofista ricorda le opere pubbliche fatte ad Antiochia da quest'ultimo ,

e presenta Obodiano, che verrà come membro della delegazione antiochena e come esponente

del consiglio municipale , organo qui molto valorizzato .

A Proculo 3630, prefetto di Costantinopoli, Libanio illustra come avviene la scelta degli

622 Cribiore, 2007 p. 60-61


623 Lib., Ep. 1184
624 Petit 1992 p 76-77. Daziano inizia la sua carriera burocratica come notarius ( stenografo) e diventa poi
comes , senatore e console nel 358. per circa trenta anni , da Costantino a Valentiniano , ha una certa rilevanza
625 Lib., Ep 1185
626 Lib., Ep 1259
627 Lib., . Ep 1269
628 Lib., Ep,1410
629 Lib., Ep 114
630 Lib., Ep 852

163
ambasciatori ad Antiochia , sono nominate tre persone che hanno onorato la città costruendo

edifici pubblici e perciò sono idonei a rappresentarla. Proculo 3 è aggiunto agli altri tre , perché

ha fatto edificare un portico , molto apprezzato da Libanio nelle lettere , quanto da lui criticato

nelle orazioni.

Altre ambascerie di Antiochia sono in alcune lettere 631 . La prima di esse632 si rivolge a Eusebio

e gli domanda un aiuto gentile nei confronti degli ambasciatori di dare loro un'assistenza in denaro

( leias), sicché il loro viaggio sia rapido ed essi tornino velocemente da Libanio , dopo avere

conseguito un buon risultato. L'anno è il 388 , poiché si accenna in modo chiaro al perdono

concesso da Teodosio agli antiocheni un anno dopo la loro rivolta delle statue 633.

Gli ambasciatori di questa città mandati a Mardonio 634 , insistono sul rapporto di amicizia che

c'è tra quest'ultimo e Libanio , e in ragione di tale fatto sono fiduciosi di potere ottenere un

valido aiuto . Libanio domanda a Ricomere 635 di mostrare gratitudine agli inviati di Antiochia, i

quali la rappresentano e imitano i loro padri nei loro comportamenti . Anche ad Ellebico è

fatta una richiesta simile 636 , come il precedente destinatario anche egli è un comandante

militare, che gode della stima dell'imperatore . Gli ambasciatori antiocheni sono per Libanio

come dei figli . A Giovino nel 365 637 Libanio scrive per l'arrivo a Costantinopoli di una

ambasceria da Antiochia. Essa non vuole arrecare nessun fastidio agli abitanti della capitale ,

ma vuole solo augurare all'imperatore , di riprendersi velocemente da una sua malattia, Valente

regnava a Costantinopoli in quell'anno dopo la usurpazione di Procopio del 364. Giovino deve

consentire loro di avere accesso alla corte imperiale.

Una missiva a Rufino638 12 del 393 mostra il rapporto tra la città e il prefetto del pretorio

631 Lib., Ep 850 , Ep. 853 , Ep 866, Ep.868 , Ep. 1186


632 Lib., Ep 850
633 Lo stesso argomento figura nella lettera 964 a Ierofante
634 Lib., Ep 853
635 Lib., Ep. 866
636 Lib., Ep 868
637 Lib., Ep 1499
638 Lib., Ep. 1106 , Il numero 12 gli è attribuito da Petit 1992 ,

164
dell'Oriente . Egli riceve lodi , che ricordano le acclamazioni popolari da lui ricevute

nel quartiere di Dafne, ed alle quali partecipano anche le donne, da lui ricevute con parole

gentili . Merito di Rufino 12 è di avere salvato la città, dove è invitato a tornare .

A Temistio639 che è a Costantinopoli , Libanio comunica l'arrivo di inviati della città , i quali

portano l'aurum coronarium. Tale tassa era pagata dalle comunità cittadine, Giuliano la aveva

abolita , ma in seguito viene ripristinata . Anche la missiva a Massimo 640 del 363 informa

dell'aurum coronarium portato da una rappresentanza della città . Di solito gli inviati nelle

ambascerie sono anonimi , ma talvolta Libanio cita i loro nomi. E' il caso di Letoio 1 . Costui

compie una ambasceria a Roma nel 357 in occasione dei Vicennalia , la celebrazione dei

venti anni di regno di Costanzo II , salito al potere alla morte di Costantino nel 337 . Per lui

sono tre lettere641 . La prima642 , indirizzata a Anatolio nel 357 loda la sua rettitudine come

magistrato e gli presenta Letoio 1, latore della lettera , che per lui è come un parente e che ha

assunto l'onere del servizio pubblico verso la città fa l'ambasceria per Antiochia, non

perché desideri questo ruolo, ma perché lo eredita da Fasganio, zio di Libanio. Anatolio

dovrà dunque mobilitare l'appoggio di influenti funzionari. A Barbazione 643 , comandante

militare Libanio spiega che Letoio 1 è suo amico, e ha usato il patrimonio del padre per onorare

la sua città. Il destinatario dovrà onorarlo prima di congedarlo. Libanio ringrazia Migdonio 644 ,

perché ha collaborato con lui nella sua permanenza ad Antiochia e nell'evitare il viaggio a

Costantinopoli e gli rivolge una raccomandazione per Letoio , il quale accetta l'ambasceria,

rinunciando ad ambizioni più elevate . Dunque l'invio come ambasciatore di Antiochia è

visto come un onere, un'attività poco gradevole, imposta a cittadini illustri, che

preferirebbero evitarla .

Mentre sono tante le richieste per i singoli curiali, poche sono quelle per il consiglio municipale.
639 Lib., Ep.1186
640 Lib., Ep. 1439
641 Lib., Ep. 552, Ep.556 , Ep.557
642 Lib., Ep. 552
643 Lib., Ep. 556
644 Lib., Ep. 557

165
Una di esse645 è per il consiglio municipale di Antiochia , in una lettera a Taziano prefetto del

pretorio , chiamato ad intervenire, come un altro Eracle in aiuto dei decurioni , mantenendo le

promesse che aveva fatto in precedenza.

Altre città dell'Oriente

Antiochia è la prima città dell'epistolario, ma anche altre compaiono nelle lettere di Libanio :

Apamea, Cirro, Laodicea, Tarso, Ancira, ed Alessandria, spesso a proposito delle ambascerie che

esse inviano a Costantinopoli . Due lettere sono per la città di Apamea. 646 Libanio 647 intercede

per essa presso il severo Alessandro 3648. I suoi cittadini sono insorti, forse per la tassazione

eccessiva, abbandonando le loro occupazioni quotidiane. Il funzionario può scegliere se fare

una repressione violenta , o se mostrarsi mansueto e magnanimo. La soluzione migliore sarà la

punizione dei soli responsabili , senza coinvolgere l'intera popolazione. Una parte del consiglio

municipale lo aiuterà nella riconciliazione. Queste argomentazioni di Libanio paiono molto

simili a quelle delle sue orazioni pro-Antiochia del 387, e mostrano la coerenza della sua azione

di mediazione tra interessi diversi, i cittadini, che cercano l' autonomia locale e i funzionari ,

che impongono la fiscalità dell'impero.

La seconda lettera649 riconosce ad Alessandro 3 il merito di avere risanato la città e di averla

resa quieta dopo il tumulto, forse queste parole sono per Antiochia, ma il riferimento ad

Apamea dell'esordio della lettera, conferma la missiva precedente e l'interessamento di Libanio

per un'altra città della Siria. Altro caso simile è Emesa , città 650 che manda corone in omaggio

all'imperatore Arcadio , associato dal padre Teodosio . Questi doni non nascondono le sue

difficoltà , per le quali Eusebio 25 dovrà aiutarla. Le restano poche case e la sua desolazione

induce al pianto i visitatori. Questa ambasceria ha il compito di descrivere la desolazione di


645 Lib., Ep. 851
646 Lib., Ep 1351, Ep 1392
647 Lib., Ep. 1351
648 Alessandro 3 è consularis di Siria nel 363 e 364 e condivide il paganesimo acceso dell'imperatore Giuliano.
649 Lib., Ep. 1392
650 Lib., Ep. 846

166
Emesa ai funzionari di Costantinopoli e le difficoltà della sua popolazione. I suoi proprietari

terrieri sono oberati di debiti e privi di denaro. E gli ambasciatori cittadini non devono

trovare un fallimento nella loro missione.

Due lettere651 sono per Cirro della Siria orientale, indirizzate a Aristeneto 2, e a Brasida.

Essa merita di tornare agli antichi splendori, dopo tante sventure , come il suo cittadino

Pelagio, uno dei pochi curiali rimasti . Egli è forse anche il latore della seconda lettera e
652
latore di una ambasceria all'imperatore. Altra richiesta è per Tarso . Lì Nicocle , ex

governatore di Frigia deve esercitare il suo potere con uguale saggezza nella Cilicia anche

riguardo alle ambascerie.

Una lettera per Alessandria è inviata a Modesto 653 . Libanio scrive della rivolta avvenuta in

quella città , e della multa che i suoi cittadini devono pagare per questo motivo. La richiesta

di moderazione nella punizione, viene presentata a Modesto, che nel 360 è Comes Orientis. Un

riferimento iniziale al vescovo ariano Giorgio, indica il suo comportamento. Ironicamente

l'erario imperiale è definito “il luogo da cui il denaro non emerge più” . Ad esso gli accusati

devono versare un'ammenda654.

Per Ancira, è una lettera655 inviata a Giamblico, che esprime dispiacere per gli abitanti di questa

città che sono stati privati di persone importanti da loro benvolute.

Per Laodicea656 è una lettera indirizzata a Doroteo che accoglierà un abitante di questa città ,

favorendo anche i suoi concittadini. Una lettera è per la città di Tiro 657 , indirizzata a Domezio ,

a cui scrive di avere ricevuto lettere simili da persone della Fenicia e di averle a sua volta

diffuse.

651 Lib., Ep 1071. Ep 1074


652 Lib., Ep 1368
653 Lib., Ep 205
654 Petit , 1992 p. 167
655 Lib., Ep 607
656 Lib., Ep 611 . Laodicea era stata coinvolta in una disputa con Apamea, la quale aveva prevalso nel giudizio
dell'imperatore Giulaino per il suo paganesimo, Braddbury 2004a p. 135, Lib., Or . XVIII, 187 ,
657 Lib., Ep. 968

167
Gruppi di persone

Sono presenti in Libanio alcuni riferimenti a gruppi religiosi minoritari. Nelle raccomandazioni

solitamente egli evita riferimenti a culti religiosi pagani, che invece esalta nell'orazione 30 sui

templi . La religiosità del retore antiocheno è un paganesimo tradizionale , legato al culto delle

poleis greche e diffidente verso eccessi come quello di Giuliano, e i suoi sacrifici di massa.

Con gli Ebrei Libanio mostra rapporti contraddittori. Una lettera è del 364 658 , indirizzata a

Prisciano, sostiene la loro causa quando essi rifiutano come loro capo un funzionario a loro

non gradito e che aveva dato cattiva prova di sé in precedenza. Essi convincono il retore a

scrivere al magistrato , e a esercitare una funzione di mediazione tra la comunità e l'impero.

Il patriarca ebreo Gamaliele VI, manda i propri figli a scuola dall'oratore , dimostrando

apertura nei suoi confronti. A lui è indirizzata una missiva 659, in cui Libanio esprime dispiacere per

i tumulti che coinvolgono la loro comunità e nega che tra i suoi corrispondenti vi siano coloro che

hanno oppresso gli Ebrei. Tuttavia sono ebrei anche i fittavoli che lavorano la terra di Zezes,
660
ereditata da suo zio Fasganio e che cercano la protezione dei militari , e il passaggio alla

proprietà imperiale , che avrebbe l'effetto di privare l'oratore dei proventi di questa tenuta.

Interessante dal punto di vista storico religioso è la lettera 661 in cui Libanio difende i Manichei ,

una setta gnostica e sincretista, sviluppatasi dal III secolo , prima in Persia e poi nell'impero

romano . Essi sono da lui definiti adoratori del sole , con specifico riferimento al carattere non

cruento dei loro riti. Il testo è degli anni 60 del IV secolo e precede le persecuzioni anti-manichee

cominciate negli anni 80 da Teodosio .

Due lettere di Libanio sono per un gruppo di schiavi 662, la cui proprietà è contesa. Ad

Andronico 2 nel 360 racconta di alcuni schiavi fuggitivi , accolti dal cretese Sebone, che li

658 Lib., Ep. 1261


659 Lib. Ep. 914
660 Lib., Or XLVII, 13 , Harmand 1957 , p. 458 e segg. I fittavoli ebrei ottengono l'appoggio dello strategos
con alcuni regali in natura ( orzo, grano)
661 Lib., Ep 1253
662 Lib., Ep 192

168
sottrae al legittimo proprietario, il fratello del retore Eusebio. Elpidio e Andronico , chiamati a

valutare la vicenda si comportano con grande equità come i personaggi storici ateniesi

Aristide e Focione . La decisione sul patrimonio si estende a tutta una famiglia ed il

testamento viene contestato. Sullo stesso argomento anche un'altra lettera 663 a Geronzio 2, che

deve assegnare gli schiavi al legittimo proprietario e non a chi rivendica diritti inesistenti.

Per due volte alcune famiglie sono ritenute da Libanio meritevoli di aiuto generico , non

precisato, mentre più volte esso riguarda degli individui (come avviene in molti dossier del

secondo capitolo). Libanio chiede a Massimo 4 664 nel 358 l'accoglienza per tutti i familiari di

Uranio, che assiste il retore nell'insegnamento , costoro andranno informati sulla città ed

aiutati. A Beleo665 nel 362 , quando è governatore della Arabia, chiede un aiuto per i familiari

del retore Gaudenzio, che è segno dell'onore tributato alla sua persona. Tali benefici da parte

dei funzionari sono definiti doverosi .

Distribuzione geografica delle città destinatarie di favori pubblici nelle lettere di Libanio

Antiochia, i suoi giochi ( 114, 448, 449, 850, 852, 853, 866, 868, 1186
pubblici e le sue ambascerie di Antiochia)
ambascerie ( 391, 544, 586, 587, 598, 599, 624, 663, 843, 1119, 1180, 1182,
1184,1185, 1231, 1232 giochi pubblici , il loro allestimento)
( 748, 964 , 1106, 1186, 1259, 1269, 1410, per Antiochia in generale )
Altre città della Siria ( 846 Emesa) ( 1351 Apamea)
Cilicia ( 1368 Tarso)
Fenicia ( 968 Tiro)
Galazia ( 607 Ancira)
Diocesi d'Asia (611 Laodicea)
Eufratense ( 1071, 1074 Cirro)
Egitto ( 205 Alessandria )
Grecia ( 659 Atene)

663 Lib., Ep. 306


664 Lib., Ep 357 , Massimo 4 è governatore di Arabia nel 357- 358 , secondo Petit 1992 , p. 159
665 Lib., Ep 747

169
Bibliografia
Alvarez Suarez 1993 = M.P. Alvarez Suarez Las cartas de recommandacion en Ciceron ,
Myrtia VIII , 1993 pp. 99-130

Amherst 2008 = D. Amherst Le quatrième livre de Sidonius Apollinaire 2008

Andrejezki 1975 = R. Andrzejewski Listi polejace Eos 1975 pp

Azema 1955 = Y. Azema Lettres Teodoret , Introduction Paris 1955

Beranger 2000 = A Beranger Le critère de competence dans les lettres de recommandations


de Fronton e de Plin le Jeune , Revue des Etudes Latines, 78 2000 pp.164-179

Bettini 1996 = M. Bettini La letteratura latina Profilo e testi, Roma 1996 pp 704-705

Bowersock 1978 = G.W. Bowersock Julian the Apostate London 1978

Bowersock ( et alii) 2006 = G. W. Bowersock Late antiquity a guide to the post classical
world . 2006

Bradbury 2000 = S. Bradbury The family of Argyrius Classical Philology 2000

Bradbury 2004 a = S. Bradbury Selected letters in Libanius Liverpool 2004

Bradbury 2004 b = S. Bradbury Libanius' Letters as evidence of travel and epistolary


networks among greek elites in the Fourth Century in Travel, communication and
geography in Late Antiquity, pp 73-
ed. by Ellis , Kindner 2004

Brauch 2001 = T. Brauch Patristic and Byzantine witness to an urban prefectship of


Themistius Byzantion 71 , (2001) pp. 325-382

Brauch 2002 = T. Brauch Notes on the prefects of Costantinople in 366-369


Byzantion 72, ( 2002 )

Brown 1995 = P Brown Potere e cristianesimo nella Tarda Antichità . Bari 1995

Bruggisser 1993 = P Bruggisser Symmaque ou le rituel epistulaire de l'amitie litteraire .


Recherches sur le premier livre de la correspondance Fribourg 1993

Cabouret 2002 = B Cabouret Le gouverneur au temps de Libanios, image et realitè ,


Pallas 2002 pp. 191-204

Cameron 1965 = Al. Cameron Wandering poets Historia 1965

Cameron, Long 1993 = Al. Cameron, J. Long Barbarians and politics of Arcadius
Berkeley 1993

Carcopino 1960 = J. Carcopino The secrets of the letters of Cicero 1960

170
Carriè = J.M. Carriè Patronage et proprieté militaires au IVième siècle . Obet
rhetorique et objet rèel du discours sur le patronage de Libanios , Bulletin de
Correspondance Hellenique 100 ( 1976 ) pp. 159-179

Carriè 2007 = J.M. Carriè Libanios au peril de la semiotique Antiquité Tardive 2007 pp.

Cavarzere 2007 = Cavarzere, Introduzione al XIII libro delle Lettere ad familiares


Milano 2007

Cecconi 2002 = G.A. Cecconi Commento storico al Secondo libro delle lettere di Simmaco
Pisa 2002

Champlin 1974 = E.Champlin The chronology of Fronto , Journal of Roman Studies


Vol.64 (1974) pp. 136-159

Champlin 1981 = E. Champlin Fronto and Antonine Rome London 1981

Clemente 1969 = G. Clemente Le carriere dei governatori nella diocesi italiciana


dal III al IV secolo. Latomus (1969)

Collot 1965 = C. Collot La pratique et l'institution du Suffragium au Bas-Empire


Revue du droit français et etranger 43 (1965 ) pp 181-221

Cotton 1979 = H, Cotton Cicero Ad Familiares XIII, 26 and 28 ; evidence for revocatio
or reiectio Romae/ Romam , Journall of Roman Studies 1979 pp 40-50

Cotton 1981 = H. Cotton Documentary recommendations in Papyri 1981

Cotton 1984 = H. Cotton Greek and Latin epistolary formulae. Some light on Cicero's
letters Writing American Journal of Philology 1984

Cotton 1985 = H. Cotton Mirificum genus commendationis. Cicero and the latin letters
of recommendations , american journal of philology vol.106 , 1985 pp 328-334

Cotton 1986 = H.Cotton Iustitia versus gratia Hermes 1986 pp. 453-

Cotton 1987 = H Cotton Patronage and military tribunates 1987

Courtonne 1973 = Y. Courtonne Un temoin du IVième siecle orientale. Saint Basile et son
temps d'apres la correspondance Paris 1973

Cugusi 1983 = P Cugusi evoluzione e forma dell'epistolografia latina nella tarda


repubblica e nei primi due secoli dell'impero Roma 1983

Deniaux 1975 = E Deniaux Un dossier d'intervention politique. Ciceron et le dossier de


Butrote 1975 Cahiers de l'association Guillaume Budè pp. 283-296

Deniaux 1991 = E Deniaux Recommandations de Ciceron et la colonisation cesarienne:


les terres de Volterre, Cahiers du Centre Glotz 2 1991 , pp 115-141

171
Deniaux 1993 = E Deniaux Clienteles et pouvoir dans l'epoque de Ciceron Rome 1993

De Paola 2006 = L De Paola Vescovi , notabili e governatori nella corrispondenza di


Teodoreto di Cirro in Le trasformazioni delle elites tardo antiche , a cura di R Lizzi
Testa pp 155-176 , 2006

De Salvo 1995 = L De Salvo Sinesio e l'amministrazione della giustizia .


La cirenaica in età antica 1995

De Salvo 2002 = L De Salvo Il tempo del vescovo IV-VI secolo , in


Tempo Sacro e tempo profano , visione laica e visione cristiana del tempo , 2002

De Salvo 2004 = L.De Salvo Sinesio e i funzionari romani in Ad contemplandum


sapientiam. Studi di filologia , letteratura , storia in memoria di Sandro Leanza.
Soveria Mannelli 2004 pp 199- 212

De Salvo 2006 = L De Salvo Elites dirigenti in trasformazione. La testimonianza di Libanio in


Le trasformazioni delle elites in età tardo antica , Atti del convegno internazionale di Perugia
15-16 marzo 2004 , a cura di R.Lizzi Testa

De S.te Croix 1954 = G.E.M. De S.te Croix From vote to Patronage , British Journal of
Sociology vol.5 , (1954 ) pp. 33-48

Downey 1961 = G Downey A History of Antioch in Syria from Seleucus to the Arab
Conquest 1961

Dzielska 1993 = M. Dzielska Hypatia of Alexandria , Krakow 1993

Edwards 2006 = E Edwards The epistolography in A Companion to Latin Literature 2006

Festugiere 1959 = A.F. Festugiere Antioche Romaine Paienne et chretiènne: Libanius,


Chrysostome et les moines de Syrie. Paris 1959

Forlin Patrucco 1981 = M Forlin Patrucco , Commento alle lettere di Basilio 1981

Garzya 1985 = A Garzya , Il mandarino e il quotidiano Napoli 1985

Gillett 2003 = A, Gillett Envoys and communications in Late antique West 411-455 ,
Cambridge 2003

Glover 1901 = Glover , Life and letters in Fourth Century , Cambridge 1901

Harmand 1957 = L. Harmand Un aspect social et politique du monde romain :


le patronat sur le collectivitès publiques des origines au Bas Empire Paris 1957

Harris 1995 = W.V. Harris, The spread of Christianity in the four first centuries. Essays in
explanation p. 115 , 1995

Humfress 2007 = C. Humfress , Orthodoxy and courts in Late Antiquity Oxford 2007,

172
pp 102-103 .

Jones 1973 = A.M.H. Jones , Il tardo Impero Romano , (trad, ital.) Milano 1973

Hall 2004 = Hall L.J. , Roman Berytus London 2004

Kaster 1983 = R Kaster The Salaries of Libanius , Chiron (1983), pp 37- 57

Kaster 1988 = R. Kaster The guardians of Language . The grammarians and society in
late Antiquity , 1988

Kelly 2004 = C. Kelly Ruling the Later Roman Empire Cambridge Mass., London 2004

Kennell 2000 = S. A.H. Kennell Ennodius a gentleman of the Church Michigan 2000

Keyes 1935 = C.H. Keyes The greek letters of recommendations , American Journal
of Philology 56, 1935 pp 22-44

Kim 1972 = C H Kim, Greek letters of recommendation 1972

Kopecek 1974 = T. Kopecek Curial displacement in Later Fourth Century Cappadocia


Historia 1974

Kostant 1995 = D. Kostant , The friendship in ancient World. 1995

Krause 1987 = Krause , Das Spatantike Stadt-Patronat Chiron 1987 pp 1-80

Liebeschutz 1961 = J.H.W.G. Liebeschutz Money economy and taxation in kind in Syria in
the Fourth Century fur philologie , Rheinisches Museum 104 ( 1961) pp. 242- 256

Liebeschuetz 1963 = J.H.W.G. Liebeschuetz Did the Pelagian Movement have social
aims ? Historia 12 ( 1963) pp. 227-241

Liebeschutz 1972 = J.H.W.G. Liebeschutz , Antioch : city and Imperial Administration in


the Later Roman Empire Oxford 1972

Long 1992 = J Long , Dating an ill fated Journey . Synesius ep 5 Transactions of the
American Philological Association 122 ( 1992 ) pp. 351-380

Lopez Eire 1991 = A. Lopez Eire Sobre funçiones , y formulas en las epistulas de Libanio
Minerva 1991

Lupoi 2000 = M. Lupoi The origins of the European Order 2000

Marcone 1983 = A. Marcone Commento storico al libro IV dell'Epistolario di quinto


Aurelio Simmaco, Pisa 1983

Marcone 2007 = A. Marcone La Corruzione nella tarda antichità RSA 2007 pp. 115 e segg.

173
Matacotta 1992 = D Matacotta Simmaco . L'antagonista di Ambrogio . Firenze 1992

Mathisen 1981 = R. Mathisen Epistolography , litterary Circles and family ties in Late
Roman Gaul , Tapha 121 , 1991 pp. 95-109

Matthews 1974 = J. Matthews The letters of Symmachus in J.W.Binns ed.


Latin Literature of the Fourth Century Lonodn Boston 1974 pp. 55-99

Matthews 1975 = J.Matthews Western Aristocracies Oxford 1975

Mc Lynn 1994 = N. Mc Lynn Ambrose of Milan Berkeley 1994

Mc Lynn 2006 = N. Mc Lynn Curiales into churchmen : The case of Gregory Nazianzen
in Le trasformazioni delle elites tardo antiche atti del convegno di Perugia , a cura di R.Lizzi
Testa, 2006 pp 277-290

Migliorini 1998 = M Migliorini Le raccomandazioni di Cicerone pp 297-313 , Labeo 1998

Moorhead 1992 = J. Moorhead Theoderic in Italy Oxford 1992

Morello, Morrison 2007 = R. Morello, Morrison Ancient lettters : Classic and Late antique
epistolography Oxford 2007

Moreschini 2007 = C. Moreschini La letteratura cristiana dalle origini, latina e greca


2007 p. 221

Munoz Martin = N Munoz Martin , M Frontone en la tradicion epistolar pp 227 -253

Murphy 2008 = C Murphy Are we Rome? : The fall of an Empire 2008

Neri 1981 = V Neri L'elogio della cultura e l'elogio delle virtù pubbliche nell'epigrafia
latina del IV secolo dC. pp 175 – 200 Epigraphica 1981

Nicols 1988 = Nicols Prefect Patronage , and Administration of Justice


Zeitschrift fur Papyrologie und Epigraphik ( 1988 )

Norena 2007 = C. Norena , The Social Economy of Pliny's Correspondence with Trajan
American Journal of Philology vol 128 ( 2007) pp. 239-277

Norman 1954 = A.F. Norman The Family of Argirius Journal of Hellenic Studies vol. 74
(1954)

Norman 1958 = A.F. Norman Gradations in Later Municipal Society


Journal of Roman Studies (1958) , pp.

Pack 1951 = R Pack Curiales in the Correspondance of Libanius , Transactions of American


Philological Association 82 (1951) pp 176-192

Pani 1992 = M.. Pani Potere e valori tra Augusto e Traiano Bari 1992

174
Pavis d'Escurac 1992 = H. Pavis d'Escurac Pline le Jeune et le recommandations , in La
mobilitè social dans le monde romain. Actes du colloque organisè a Strasbourg 1988-
Edmond Frezouls ed. 1992 pp 55-62

Pellizzari 1998 = A. Pellizzari Commento storico al libro III delle Epistulae di Simmaco
Pisa 1998

L Petit 1866 = L. Petit Essai sur la vie et la correspondance du sophiste Libanius Paris 1866

P. Petit 1955 = P Petit Les Etudiants de Libanius Paris 1957

P. Petit 1955 = P.. Petit Libanios et la Vie Municipale d'Antioche dans le Ivième siecle
1955 Paris

P. Petit 1994 = P.Petit Les fonctionnaires dans l'oeuvre de Libanios Paris 1994

Pietri C. , L. 1999 = Pietri , Charles e Luce Prosopographie Chretiènne du Bas Empire


Rome , 1999

Pieraccini 2008 = G Pieraccini Gratia e Gratiosus , www.loescher.it

Plantera 1974 = A. Plantera Osservazioni sulle commendatizie da Cicerone a Frontone .


AFMG II , 1974 p. 5-36

PLRE, vol. I = A.M.H. Jones, Martindale, Morris Prosopography of the Late roman
Empire , Vol I , 265-295 d,C, Cambridge 1971

Poma 2002 = G. Poma Le istituzioni politiche romane Bologna 2002

Rees 2007 = R Rees Letters of Recommendation and the rhetoric of Praise


in Morello , Morrison Ancient Letters. Classical and Late Antiquity 2007

Roda 1993 = S Roda Nobiltà burocratica e aristocrazia senatoria in


Storia di Roma Einaudi Torino 1993

Roda 1981 = S.Roda Commento al Nono libro delle lettere di Simmaco Pisa 1981

Roda 1996 = S.Roda Polifunzionalità della commendaticia in La parte migliore del


genere umano Aristocrazia , potere e ideologia nell'oCcidente tardo antico Torino 1996

Roques 1989 = D. Roques Etudes sur la correspondance de Synesios de Cyrène 1989

Rosenmeyer 2001 = Rosenmeyer Ancient Epistolary fictions Cambridge 2001

Runia 1979 = D. Runia Another wandering poet ? Historia 1979

Russo 2008 = R Russo Gregorio magno e la Sicilia 2008

Saller 1980 = R Saller Promotions and patronage in equestrian career Journal of Romam
Studies vol. 70 ( 1980 ) pp.44-63

175
Sandwell 2003 = I Sandwell Libanius' Social Network. Understanding the social Structure
of the Roman Later Empire , Mediterranean Historical Review 2003 pp 133-147

Schouler 1985 = B, Schouler Libanios et les femmes de son temps Pallas 1985

Seeck 1906 = O.Seeck Die briefe des Libanius Leipzig 1906

Sherwin White = A.N. Sherwin White A historical commentary of Plinius Younger letters

Skinner 2002 = A. Skinner The birth of a Byzantine senatorial perspective Arethusa 2002
pp 363-377

Sievers 1963 = G.R.Sievers Das Leben des Libanius Berlin 1868 , repr. Amsterdam 1963

Sivan 1993 = H . Sivan Ausonius of Bordeaux London 1993

Sivan 2008 = H Sivan Palestine in Late Antiquity 2008

Sogno 2006 = C.Sogno Symmmachus a political biography 2006

Sogno 2009 = C. Sogno rec. a Bildung und briefe im VI Jahrhundert. Studien zum
Mailander Diakon Magnus Felix Ennodius di B.J. Schroder Classical Review 2009
pp. 167-168

Sogno 2010 = C Sogno Roman Match making in AA.VV From Tetrarchs to


Teodosius , Later Roman history and culture 2010 , pp. 55- 71

Stowers 1985 = S.K.Stowers Letters Writing in Graeco Roman Antiquity , 1985

Trapp 2003 = M. Trapp Greek and Latin letters. An anthology with translation, Cambridge 2003

Trisoglio 1974 = F. Trisoglio La Lettera di Raccomandazione nell'epistolario ciceroniano


Latomus XLIII ( 1974 ) pp 751-770

Van Dam 2003 = R Van Dam Families and Friends in the later Roman Cappadocia ,
Pennsylvania 2003

Van den Hout 1999 = Van den Hout A Commentary to Fronto's epistles Leiden 1999

Vecchio 1991 = A Vecchio Le raccomandazioni nel costume sociale del Tardo Impero
in Atti del convegno Culture e Lingue Classiche , a cura di Biagio Amata , e Antonio
Traglia 1991

Vera 2006 = D Vera Conclusioni del convegno Le trasformazioni delle elites della
Tarda Antichità , a cura di R. Lizzi Testa Perugia 2004, Roma 2006

Veyne 1981 = P.Veyne Clientèle et corruption au service imperial , Annales 1981

Vilella 2003 = Vilella 2003 Las cartas de comunion Actes du colloque de Lille, novèmbre 2003

176
Walsh 2006 = P.W. Walsh Pliny the yonuger complete letters . 2006

Wolf 1952 = P. Wolf Vom schulwesen in Spatantike: Studien Zu Libanius , Baden- Baden
1952

www.wikipedia.org.category.correspondentsofLibanius

www.wikipedia.org.category correspondentsofSymmachus

www.wikipedia..org.categorycorrespondentsofTheodoretus

www.papyri.info

www.livius.org

www.remacle.org/eglise/ennodius/letters 666

Zappalà 1993 = O.Zappalà Le raccomandazioni di Basilio di Cesarea Koinonia 1993

Zelzer 1995 = M Zelzer Der brief in Spatantike. Uberlegungen zu einem literarischen


Genos am beispiel der briefsammlung des Sidonius Apollinaris 1995

666 Contiene una traduzione francese delle lettere di Ennodio

177