Sei sulla pagina 1di 1

La battaglia di San Carlos fu un grande scontro aeronavale avvenuto durante la

guerra delle Falkland (aprile-giugno 1982) tra la forza di spedizione britannica e


le forze aeree argentine della Fuerza Aérea Argentina e della Aviación Naval; la
battaglia fu conseguenza della cosiddetta operazione Sutton, lo sbarco iniziato
dalle forze anfibie britanniche il 21 maggio 1982 nella baia di San Carlos,
sull'isola Falkland Orientale.

Le forze anfibie britanniche erano comandate dal commodoro Michael Clapp, mentre le
unità navali della Royal Navy di protezione allo sbarco erano sotto il controllo
dell'ammiraglio John Foster Woodward, comandante in capo della task force da
battaglia britannica. Il comandante delle forze argentine sulle isole, generale
Mario Benjamín Menéndez, fu sorpreso dallo sbarco britannico e non riuscì a
contrastare le forze terrestri nemiche, che poterono facilmente consolidare
un'ampia testa di ponte da cui nelle settimane seguenti sarebbero avanzate in
direzione della capitale, Port Stanley.

Le forze aeree congiunte della Fuerza Aérea Argentina e dell'Armada invece, guidate
dal comando della Fuerza Aerea Sur del generale Ernesto Horacio Crespo,
intervennero dal 21 al 25 maggio 1982 con grande determinazione e tenacia sull'area
della baia di San Carlos, infliggendo continue e pesanti perdite alle forze navali
di protezione britanniche, che ebbero notevole difficoltà a respingere i ripetuti
attacchi e mantenere la protezione della forza da sbarco.

Nonostante il valore e il coraggio dimostrato, i piloti argentini subirono dure


perdite causate dalla reazione navale e aerea britannica e non riuscirono quindi a
costringere alla ritirata la squadra navale nemica. Lo scontro aeronavale di San
Carlos è considerato da alcuni come la prima battaglia della Royal Navy nell'era
dei missili guidati.