Sei sulla pagina 1di 1

PAESE :Italia AUTORE :N.D.

PAGINE :19
SUPERFICIE :26 %

13 novembre 2019 - Edizione Pesaro

L’Archivio storico di Miss Italia


donato all’Università di Urbino
L’archivio di Dino Villani, inven- sella Villani ha manifestato la vo-
tore insieme all’amico Cesare Za- lontà di depositare presso l’Uni-
versità le carte del nonno ed è
vattini del concorso «Cinquemila
lire per un sorriso», divenuto poi stata rassicurata dal rettore Stoc-
chi, presente il dottor Sebastia-
«Miss Italia», ma anche pubblici-
no Miccoli, referente della Biblio-
tario di grande talento e creativi-
teca e Archivi dell’Ateneo, dell’in-
tà, è stato donato all’Università
teresse dell’Università urbinate a
di Urbino. Sono tantissimi i docu-
valorizzare e rendere fruibile me-
menti curiosi, le foto con le con-
correnti del concorso ma anche i diante la rete digitale le carte di
bandi, le lettere con scrittori, re- Villani, favorendo l’interesse dei
gisti, pittori; conservati anche in- ricercatori e degli studiosi. Il ret-
terviste, manifesti, rassegne tore ha sottolineato la possibilità
stampa, ritagli di giornali, testi- di un ottimo inserimento di que-
monianza di quella che fu la sto- sto fondo, accanto a quello di al-
ria del costume italiano dagli an- tri, da Volponi a Ossola, e la mol-
ni ‘40 ai ‘60. teplicità di approcci alle carte Vil-
Il rettore Vilberto Stocchi ha in- lani, che può venire dai nostri di-
contrato i giorni scorsi Rossella partimenti, dal lato storico, in pri-
Villani, nipote ed erede dell’Archi- mo luogo, per la storia del corpo,
vio di Dino Villani, che fu un ge- poi per la comunicazione e il lin-
guaggio pubblicitario, per la gra-
niale pubblicitario milanese, ma
fica, ma anche per la cucina e
anche pittore e critico d’arte e di
l’alimentazione».
cucina. «L’Archivio Villani è estre-
© RIPRODUZIONE RISERVATA
mamente ricco di materiale –
spiega il professor Dino Mengoz-
zi, presente all’incontro assieme
alla sua assistente dottoressa
Marzia Leprini, che proprio gra-
zie alle carte d’archivio di Miss
Italia ne ha scritto la storia in un
libro in corso di pubblicazione –.
Numerosi faldoni con fotografie
delle concorrenti, bandi, lettere
con scrittori, registi, pittori; inter-
viste, manifesti, rassegne stam-
pa, ritagli di giornali, dal 1946 al
1958, quando il Concorso sarà ce-

duto ad altri organizzatori. Ma


l’Archivio è ancora più vasto:
comprende anche l’attività pub-
blicitaria di Dino Villani, sia per la
cartellonistica, sia per la cucina,
cui si è dedicato nell’ultima parte
della sua vita professionale. Ros- Rossella Villani, nipote di Dino Villani, con il rettore Vilberto Stocchi

Tutti i diritti riservati